Sei sulla pagina 1di 1

Lega Pro R Girone C: 14a giornata

CLASSIFICA
SQUADRE

PT

JUVE STABIA
LECCE
FOGGIA
MATERA
COSENZA
FRANCAVILLA
FONDI (-1)
CASERTANA
MONOPOLI
FIDELIS ANDRIA
CATANIA (-7)
PAGANESE
MESSINA
SIRACUSA
AKRAGAS
VIBONESE
TARANTO
REGGINA
MELFI (-1)
CATANZARO

29
29
29
26
23
21
20
20
19
18
15
14
14
14
14
14
12
12
11
9

PARTITE

RETI

14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14
14

9
8
8
7
7
6
5
5
5
4
5
4
3
3
2
3
2
2
2
2

2
5
5
5
2
3
6
5
4
6
7
2
5
5
8
5
6
6
6
3

3
1
1
2
5
5
3
4
5
4
2
8
6
6
4
6
6
6
6
9

28
26
20
26
19
17
21
14
15
10
16
16
13
14
13
9
12
14
14
11

13
12
10
12
14
17
14
14
16
12
9
18
18
20
20
17
19
24
24
25

PROMOSSE PLAYOFF PLAYOUT RETROCESSA

RISULTATI
0-0
2-0
2-1
1-0
1-0
3-1
1-0
2-3
2-2
1-1

AKRAGAS-MESSINA
CASERTANA-SIRACUSA
COSENZA-MONOPOLI
FIDELIS ANDRIA-MATERA
FOGGIA-CATANZARO
FONDI-PAGANESE
FRANCAVILLA-CATANIA
JUVE STABIA-LECCE
REGGINA-TARANTO
VIBONESE-MELFI

PROSSIMO TURNO
DOMENICA 27 NOVEMBRE
MELFI-MONOPOLI
SIRACUSA-COSENZA
CATANIA-VIBONESE
MESSINA-FONDI
PAGANESE-AKRAGAS
CATANZARO-REGGINA
FIDELIS ANDRIA-FRANCAVILLA
FOGGIA-CASERTANA
MATERA-JUVE STABIA
TARANTO-LECCE

(ore 14.30)
(ore 14.30)
(ore 16.30)
(ore 16.30)
(ore 16.30)
(ore 20.30)
(ore 20.30)
(ore 20.30)
(ore 20.30)
(ore 20.30)

MARCATORI
9 RETI Caturano (1, Lecce).
8 RETI Torromino (1, Lecce);
Negro (2, Matera).
7 RETI Ripa (2, Juve Stabia); Pozzebon
(2, Messina); Montini (Monopoli).
6 RETI Albadoro (2) e Tiscione (Fondi);
De Vena (1, Melfi); Catania (1, Siracusa).
5 RETI Di Grazia (Catania); Mazzeo (1)
e Sarno (1, Foggia); Nzola (Francavilla);
Saraniti (2, Vibonese).
4 RETI Gomez e Zanini (Akragas); Carlini
(1, Casertana); Gambino (Cosenza);
Izzillo (Juve Stabia); Pacilli (Lecce);
Armellino e Iannini (Matera); Gatto
(Monopoli); Reginaldo (Paganese);
Coralli (1, Reggina).
3 RETI Marino (Akragas); Corado
(Casertana); Caccetta, Mungo e Statella
(Cosenza); Onescu (Fidelis Andria);
Padovan (Foggia); Bombagi (Fondi); Lisi
e Sandomenico (Juve Stabia); Mancosu
(Lecce); Strambelli (Matera); Foggia
(Melfi); Madonia (Messina); Deli
(Paganese); Porcino (Reggina); Valente
(Siracusa); Bollino (1) e Viola (2, Taranto).
2 RETI Giannone (1, Casertana); Biagianti
e Paolucci (Catania); Carcione (1), Di
Bari, Giovinco e Tavares (Catanzaro);
Baclet (Cosenza); Cruz (Fidelis Andria);
De Angelis (1), Idda e Pastore
(Francavilla); Del Sante e Kanoute
(Juve Stabia); Infantino (1, Matera);
Defendi (Melfi); Camilleri e Cicerelli
(Paganese); Bangu (Reggina);
Dezai e Turati (Siracusa).

SERIE D
Caso Castrovillari:
segata una porta
ma la gara salva
(r.c.) Sconcerto a Castrovillari

(I): nella notte ignoti hanno segato


i pali di una porta, ma la partita
stata giocata lo stesso e la Cavese
ha vinto 2-1 in rimonta (pari all82
e sorpasso al 90) rimanendo a -1
dalla capolista Igea, che ringrazia
largentino Facundo Lescano (ex
Torino) autore di una tripletta.
SORPASSI Il Varese (A) dilaga a
Legnano, tiene a -1 la Caronnese e
manda a -2 il Chieri battuto in casa
sabato dal Cuneo. Gran colpo del
Lentigione (D) a Scandicci, con
unautorete al 90 e sorpasso a +2.
Anche il Rieti (G) vola al comando
superando lAlbalonga fermata sul
pari fuori casa. LAgnonese (F) fa 3
gol nei primi 22 al Matelica ed
prima con la Vastese, ma lo stesso
Matelica (a -1 con il San Nicol)
recupera mercoled a Fermo.
ALTRI GIRONI Il Gavorrano (E) fa
pari e viene raggiunto in vetta da
Lavagnese e Massese. Nel girone B
era doppia sfida tra le prime 4 e
Pergolettese e Monza sono caduti
in casa con Ciliverghe (all86) e
Virtus Bergamo (al 95). Nel C il
Mestre (11 vittorie) sempre a +3
sulla Triestina. NellH Trastevere a
+1 sul Gravina: pari per entrambe.
RECORD Imbattuti Borgosesia (A),
Triestina (C) e Sanremo (E). La
Nuorese (G) ha preso solo 4 gol.
Laltro triplettista Alessio Frezza
della Pievigina (C).

Lecce, un ribaltone da primo posto


La Juve Stabia fa due gol poi crolla
1Grande impresa

di Padalino dopo
un primo tempo
negativo e una
ripresa da applausi
JUVE STABIA-LECCE
2-3
MARCATORI Kanoute (JS) al 5,
Izzillo (JS) al 38 p.t.; Pacilli (L) al 14,
Tzonev (L) al 24, Caturano (L) al 45
s.t.
JUVE STABIA (4-3-3) Russo 6; Cancellotti 5,5, Atanasov 5, Morero 5,5,
Liotti 5; Izzillo 6,5, Capodaglio 5,
Mastalli 5; Kanoute 6,5 (dal 38 s.t.
Marotta s.v.), Ripa 5,5 (dal 17 s.t. Del
Sante 5,5), Sandomenico 6,5 (dal 26
s.t. Lisi 5). (Bacci, Amenta, Zibert,
Camigliano, Salvi, Petricciuolo, Esposito, Rosafio, Montalto). All. Fontana 5.

LECCE (4-3-3) Gomis 6; Vitofrancesco 6, Cosenza 6, Giosa 6,5, Contessa


6; Lepore 6,5, Fiordilino 5,5, Mancosu
6 (dal 17 s.t. Tsonev 7,5); Pacilli 7 (dal
30 s.t. Arrigoni s.v.), Caturano 7,
Torromino 6,5 (dal 23 s.t. Doumbia
6,5). (Bleve, Chironi, Arrigoni, Vutov,
Freddi, Drudi, Vinetot, Maimone,
Ciancio, Persano). All. Padalino 7.
ARBITRO Balice di Termoli 6,5.
NOTE paganti 4.574, pagavano anche
gli abbonati, incasso di 59.441 euro.
Amm. Cosenza e Lepore. Angoli 7-2.

Gaetano Imparato
INVIATO A
CASTELLAMMARE DI STABIA (NA)

ibaltone al Menti e gran


bagarre in vetta. Il Lecce
ci arriva capovolgendo
un 2-0 in 2-3 con una ripresa
da applausi. La Juve Stabia
parte bene, poi barcolla, si siede, interrompe la serie di cin-

Sarno piega il Catanzaro


Anche il Foggia va in vetta
FOGGIA

CATANZARO

MARCATORE Sarno al 3 s.t.


FOGGIA (4-3-3) Guarna 6; Angelo 6,5,
Coletti 6,5, Empereur 6,5, Rubin 6;
Gerbo 6,5, Agazzi 6,5 (dal 39 s.t. Agnelli
s.v.), Vacca 6; Chiric 6 (dal 32 s.t.
Letizia 6), Sarno 7, Maza 6 (dal 19 s.t.
Padovan 6). (Sanchez, Tucci, Loiacono,
Quinto, Sicurella, Dinielli, Riverola,
Sansone). All. Stroppa 6,5.
CATANZARO (5-3-2) Grandi 6,5; Icardi
6, Esposito 5,5, Patti 6, Sabato 6 (dal 46
s.t. Strumbo s.v.), Imperiale 6; Maita 5,5,
Carcione 6, Van Ransbeeck 5,5 (dal 23
s.t. Bensaja 6); Basrak 5,5 (dal 20 s.t.
Campagna 6), Tavares 5,5.
(Leone, Moccia, De Lucia, Macagnone).
All. Zavettieri 6.
ARBITRO Valiante di Salerno 6.
NOTE spettatori 8.000 circa; abbonati
3.716, paganti e incasso non comunicati.
Ammonito Coletti. Angoli 7-3.

37

LUNED 21 NOVEMBRE 2016 LA GAZZETTA DELLO SPORT

un cross che ha superato Grandi ma


Maza in spaccata lha messa manda a
lato. Nel finale del tempo Patti ha
provato a sorprendere Guarna dai 20
metri ma il portiere ha bloccato.
CHE NEBBIA Tra il primo e secondo
arbitro e capitani hanno verificato la
possibilit di sospendere la gara per la
nebbia. Dagli spalti la visuale era
impossibile, per si deciso di far
ripartire lincontro. Al primo vero
affondo rossonero Gerbo ha saltato due
uomini e servito nel mezzo laccorrente
Sarno che con la porta spalancata non
ha sbagliato. La reazione del Catanzaro
stata ancora con Patti: bravo Guarna.
Dagli sviluppi di un altro calcio dangolo
lazione pi pericolosa dei giallorossi, ma
Sabato da ottima posizione ha fallito. Poi
basta. Soddisfatto per il risultato
Stroppa: Abbiamo sentito la pressione
dopo gli ultimi pareggi. La vetta? Siamo
tornati dove meritiamo di essere.
Emanuele Losapio

FOGGIA Chi lha visto il gol di Sarno?

que gare utili e cancella lo zero


delle sconfitte in casa. Il Lecce? Non vinceva dal 16 ottobre
(una sconfitta e tre pareggi),
nei primi 3 sfiora due volte il
gol (Atanasov spazza un tiro
di Lepore, Caturano manda
poco alto in area). Poi i salentini vanno in apnea e la Juve
Stabia ne approfitta.
LA CHIAVE Un tempo per uno:
il Lecce nel primo ricama, nel
secondo fa bottino. Sui lati ha
problemi, quando Sandomenico sinfila a sinistra e smista
in mezzo per il tocco di
Kanoute (1-0) il Lecce troppo morbidoso. Bissa Izzillo
con una sassata dal limite. Entrambe col 4-3-3, entrambe a
fare della velocit larma letale. Quando, per, al 43 del

Salvatore Caturano, 26 anni,


attaccante del Lecce LAPRESSE

Il Matera sinceppa Cosenza col cuore


Colpo di testa di Aya Baclet decisivo
e lAndria fa il colpo Monopoli beffato

primo tempo viene annullato


a Torromino il 2-1 per fuorigioco la Juve Stabia pensa di
averla svangata, e fa male.
LA SVOLTA Lo Stabia si ripresenta in campo con un Sandomenico egoista (dopo lo zampino sui due gol) e Contessa
gli sfila la palla del 3-0. Il resto
lo fa Padalino: non cambia il
4-3-3 ma i protagonisti. Inserisce Tsonev, aumenta tecnica e
velocit: la mossa da scacco
matto. Insieme ad un Pacilli
che confeziona la rete utile a
riaprire i giochi (due passi e
botta di collopiede letale) e
lavanzamento di Lepore. Lo
Stabia non pressa, la mediana
saltata: Doumbia fa sponda e
serve il tiro del 2-2 a Tsonev
(primo gol nel torneo). Beffa?
No, meritato per gioco e voglia, la stessa che spinge al
2-3. Tiro sporco di Lepore, Caturano devia in rete, sulla linea, di testa. Ribaltone spettacolare servito: gli stabiesi applaudono, sinceri.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Francavilla in 10
fa limpresa al 92
Catania deludente

FIDELIS ANDRIA

COSENZA

FRANCAVILLA

MATERA

MONOPOLI

CATANIA

MARCATORE Aya al 44 p.t.


FIDELIS ANDRIA (3-5-2) Poluzzi 6;
Tartaglia 6,5, Aya 6,5, Rada 6,5; Annoni
6, Matera 6, Mar. Piccinni 6, Mancino 6
(dal 39 s.t. Minicucci s.v.), Curcio 6;
Cruz 7, Volpicelli 6 (dal 14 s.t. Cianci 6).
(Pop, Cilli, Valotti, Fall, Masiero, Starita,
Berardino, Tito, Klaric). All. Favarin 6,5.
MATERA (3-4-3) Alastra 6; Ingrosso 6,
Di Franco 6, Mattera 6; Di Lorenzo 6 (dal
1 s.t. De Rose 5), Armellino 5,5 (dal 26
s.t. Carretta 6), Iannini 6, Casoli 6,5;
Strambelli 5,5, Sartore s.v. (dal 13 p.t.
Louzada 5,5), Negro 6. (DEgidio,
Scognamillo, Mat. Piccinni, Meola, Gigli).
All. Auteri 5,5
ARBITRO Pontera di Bologna 5,5.
NOTE paganti 859, abbonati 1.402,
incasso di 19.201 euro. Espulso De Rose
al 48 s.t.; ammoniti Rada, Cruz, Aya,
Negro, Iannini, Armellino, Annoni,
Mattera e Matera. Angoli 6-6.

MARCATORE Mungo (C) al 38 p.t.;


Montini (M) al 10, Baclet (C) al 29 s.t.
COSENZA (4-4-2) Perina 6; DAnna 6,
Tedeschi 6,5, Blondett 6,5, Scalise 6,5;
Statella 6,5, Capece 6, Ranieri 7, Mungo
6,5; Filippini 6 (dal 15 s.t. Baclet 6,5),
Gambino 7. (Saracco, Abatematteo,
Corsi, Bilotta, Meroni, Madrigali, Appiah,
Cavallaro). All. Roselli 6,5.
MONOPOLI (4-3-3) Pellegrino 7; Ricucci
6, Esposito 5, Ferrara 6, Pinto 6,5;
Sounas 6, Nicolini 6,5, Franco 6 (dal 34
s.t. Balestrero s.v.); Montini 6,5, Gatto 5,5
(dal 22 s.t. Forbes 6), DAuria 6 (dal 34
s.t. Mavretic s.v.). (Mirarco, Cassano,
Mercadante, Bacchetti, Bei, De Vito,
Padalino, Viola, Mouzakitis). All. Zanin 6.
ARBITRO Capone di Palermo 6.
NOTE paganti 1.443, abbonati 539,
incasso di 15.464 euro. Ammonito
DAnna. Angoli 6-7.

ANDRIA Il Matera fallisce laggancio

dopo 3 sconfitte e un pari, contro un


Monopoli al secondo k.o. di fila. La
squadra di Roselli li cerca con forza i 3
punti, come conferma lepisodio decisivo:
Gambino strappa la palla dai piedi di
Esposito, la appoggia a Baclet che la
butta dentro; un gol per riscattare il
precedente rigore che si era fatto
parare. E dire che dopo il pari di Montini
(tiro in mezzo a una selva di gambe) il
Monopoli sembrava controllare la gara.
Ottimo Ranieri, 19 anni, scuola Atalanta:
prende per mano il Cosenza e serve un
assist da applausi per l1-0 di Mungo.
Valter Leone

COSENZA Ritrova la vittoria il Cosenza

MARCATORE Nzola al 47 s.t.


FRANCAVILLA (3-5-2) Casadei 5; Idda
6,5, Faisca 7, Abruzzese 7; Albertini 6,5
(dal 45 s.t. Biason s.v.), Prezioso 6,5,
Galdean 6,5, Alessandro 6,5 (dal 31 s.t.
Pino s.v.), Pastore 7; Nzola 7,5, De
Angelis 6 (40 p.t. Albertazzi 6,5). (Costa,
De Toma, Vetrugno, Gall, Tundo, Turi,
Salatino, Finazzi, Abate). All. Calabro 7.
CATANIA (4-3-3) Pisseri 7; Di Cecco 6,
Bastrini 6, De Santis 6, Parisi 5,5;
Biagianti 6, Bucolo 5,5 (dal 30 s.t. Di
Grazia s.v.), Fornito 5,5; Caetano 5,5,
Paolucci 5 (16 s.t. Barisic 5,5), Mazzarani
5 (37 s.t. Russotto s.v.). (Martinez, Nava,
Scoppa, Silva, Piscitella, Natale, De Rossi,
Djordjevic, Piermarteri). All. Rigoli 5.
ARBITRO Curti di Milano 6,5.
NOTE paganti 1.580, pagavano anche gli
abbonati, incasso di 16.100 euro. Espulso
Casadei al 39 p.t.; ammoniti Idda,
Bastrini, Albertini, Parisi e Prezioso.
Angoli 5-3.

La nebbia nega ai tifosi del Foggia la


visuale del pallone che entra nella porta
e lesultanza del numero dieci. La rete
vale il ritorno in vetta (a pari punti con
Lecce e Juve Stabia) del Foggia e
consente alla squadra di Stroppa di
tornare a vincere dopo tre pareggi
consecutivi. Contro il Catanzaro, ultimo
e decimato da infortuni e 4 squalificati,
la vittoria stata pi ardua del previsto.
Il Foggia partito a mille, ma non mai
riuscito a sfondare nel primo tempo. I
giallorossi hanno vacillato ma non
hanno ceduto, Angelo stato tra i pi
attivi e dalla destra ha lasciato partire

Vincenzo Sarno, 28 anni LAPRESSE

alla vetta, punito da una Fidelis Andria


molto combattiva e pi efficace. Gara
dai toni agonistici elevati (un espulso,
nove ammoniti) che larbitro ha faticato
a gestire. Le occasioni migliori nel
primo tempo le ha create lAndria che
sul finire ha trovato il guizzo vincente:
punizione di Mancino per il colpo di
testa vincente di Aya. A inizio ripresa il
Matera ha alzato notevolmente il ritmo,
Negro e Armellino sono andati in gol ma
a gioco fermo per fuorigioco: la squadra
di Auteri non mai stata incisiva.
Giuseppe Ernesto

Il Fondi fa sul serio


Paganese ribaltata
con super Galasso

E gioia Casertana
con Rajcic-Corado
Siracusa battuto

Taranto preso al 92 Sicignano fa e disfa LAkragas a secco


La Reggina reclama Vibonese fermata sul pessimo campo
e Zeman espulso Melfi, buon punto Lucarelli, altro pari

FRANCAVILLA FONTANA (Br)

Prestazione eroica del Francavilla,


capace di resistere per quasi unora con
luomo in meno e di vincere nel finale
contro un Catania troppo timido e
deludente. A poco pi di 5 dal termine
del primo tempo i padroni di casa (gi
pericolosi con Nzola) sono rimasti in
dieci per il rosso a Casadei: entrata folle
al limite del portiere su Paolucci. Ma la
squadra di Calabro ha dominato lo
stesso e allo scadere ha trovato il gol
con Nzola, imbeccato da Biason.
Giuseppe Andriani

FONDI

CASERTANA

REGGINA

VIBONESE

AKRAGAS

PAGANESE

SIRACUSA

TARANTO

MELFI

MESSINA

MARCATORI Celiento (P) al 6, autorete


di Dicuonzo (P) all8, Albadoro (F) al 23
p.t.; Tiscione (F) al 17 s.t.
FONDI (4-3-3) Baiocco 6; Galasso 7,
Signorini 7, Fissore 6,5, Squillace 6;
Varone 6,5 (dal 47 s.t. Di Sabatino s.v.),
Bombagi 6,5, De Martino 6; Calderini 6,5,
Albadoro 7 (dal 36 s.t. DAngelo 6),
Tiscione 7 (44 s.t. Addessi s.v). (Coletta,
Iadaresta, DAgostino, Bertolo, Pompei,
Guadalupi, De Bonis). All. Pochesci 7.
PAGANESE (4-3-3) Marruocco 5,5;
Dicuonzo 5 (dal 14 s.t. Picone 5,5),
Alcibiade 5,5, Camilleri 5,5, Della Corte 5;
Maiorano 5,5, Pestrin 6, Deli 6 (dal 35
s.t. Zerbo 5,5); Cicerelli 6, Reginaldo 5,5,
Celiento 6 (dal 20 s.t. Iunco 5,5).
(Chiriac, Coppola, Silvestri, Longo,
Parlati, Caruso, Tagliavacche, Mauri). All.
Grassadonia 5,5.
ARBITRO Zufferli di Udine 5,5.
NOTE spettatori 500 circa; paganti,
abbonati e incasso non comunicati.
Ammoniti Camilleri, De Martino, Cicerelli
e Zerbo. Angoli 5-5.
FONDI (Lt) Il Fondi fa sul serio, stende

anche la Paganese e vola. Eppure linizio


era stato per gli ospiti, avanti con
Celiento al 6. Poco dopo lautogol di
Dicuonzo - che ha deviato in porta un
cross - cambia tutto. Dall1-1 in poi
quasi solo Fondi: Galasso imprendibile
e dal suo destro nasce il 2-1 di Albadoro.
I rossobl dominano pure nella ripresa
(a parte un palo di Reginaldo) fino al tris
di Tiscione su punizione.
Marco Macca

MARCATORI Rajcic al 45 p.t.; Corado al


4 s.t.
CASERTANA (4-3-3) Ginestra 7; Finizio
6,5, DAlterio 6, Rainone 6,5, Pezzella 6,5;
De Marco 6 (dal 24 s.t. Giorno 6),
Rajcic 7, Matute 6; Carlini 6,5 (dal 16 s.t.
Giannone 6), Corado 6,5, Orlando 6 (31
s.t. Lorenzini 6). (Fontanelli, Ramos, De
Filippo, Taurino, Ciotola). All. Tedesco 6.
SIRACUSA (3-4-3) Santurro 6;
Giordano 6, Turati 5,5, Pirrello 6;
Palermo 5,5 (17 s.t. Dezai 5,5), Spinelli
5,5, Baiocco 6, Dentice 5,5; Catania 5,5,
Talamo 5 (dal 9 s.t. Scardina 6), Longoni
6 (dal 42 p.t. Valente 5,5). (Gagliardini,
De Respinis, Di Dio, Brumat, De Grassi,
Toscano). All. Sottil 5,5.
ARBITRO Natilla di Molfetta 5,5.
NOTE spettatori 1.000 circa; paganti,
abbonati e incasso non comunicati.
Ammoniti Turati, Pezzella, Talamo e
Giordano. Angoli 3-3.
CASERTA La Casertana, dopo

lennesimo rimpasto societario, torna a


vincere in casa dopo oltre due mesi
grazie a due reti a cavallo dellintervallo.
In apertura di gara subito due emozioni
con Ginestra che ha salvato su Talamo
al 4 e per il Siracusa con Orlando che di
testa ha mandato alto. Al 45 arrivato il
vantaggio della Casertana con un colpo
di testa di Rajcic su assist di Pezzella. In
apertura di ripresa il gol del raddoppio
con Corado che ha rubato palla a
Spinelli sulla tre quarti e con un preciso
desto ha battuto Santurro.
Lucio Bernardo

MARCATORI De Giorgi (T) al 17,


Tripicchio (R) al 47 p.t.; Paolucci (T) al
21, Coralli (R) al 47 s.t.
REGGINA (4-3-3) Sala 5,5; Cane 6,
Gianola 5,5, Kosnic 5, Possenti 5,5; Botta
6, Knudsen 5,5 (dal 25 s.t. Bangu 6), De
Francesco 6 (dal 39 s.t. Bianchimano
s.v.); Tripicchio 6,5 (dal 42 s.t. Oggiano
s.v.), Coralli 6,5, Porcino 6,5. (Licastro,
Maesano, Lo, Cucinotti, Roman,
Carpentieri, Mazzone, Silenzi, Lancia,
Tommasone). All. Zeman 6.
TARANTO (5-3-2) Maurantonio 6; De
Giorgi 6,5, Altobello 5, Pambianchi 5,
Albanese 6 (dal 12 s.t. Potenza 6), Garcia
5; Pirrone 5 (dal 9 s.t. Bobb 6), Nigro
5,5, Paolucci 6 (dal 36 s.t. Sampietro
s.v.); Bollino 5, Balistreri 5. (Pizzaleo, De
Salve, Balzano, Langelotti, Russo, Lo
Sicco, Viola, Magnaghi). All. Prosperi 5,5.
ARBITRO Pasciuta di Agrigento 5.
NOTE paganti 970, abbonati 2.757,
incasso di 23.489 euro. Espulso Zeman
al 49 s.t.; ammoniti Altobello, Gianola,
Pambianchi, Bobb e Botta. Angoli 10-0.
REGGIO CALABRIA Rocambolesca
gara tra due squadre in difficolt. E un
pareggio che sta stretto al Taranto, due
volte in vantaggio fino al 92, ma
soprattutto alla Reggina, salva nel
recupero con Coralli e che poi si vista
negare un rigore per atterramento dello
stesso attaccante da parte di Altobello:
furibondo Karel Zeman, espulso per le
proteste con un dirigente. Molto bella la
rete dellesordiente Tripicchio.
Lorenzo Vitto

MARCATORI Foggia (M) all11,


Sicignano (V) al 32 s.t.
VIBONESE (4-3-1-2) Russo 6; Franchino
6,5 (dal 31 s.t. Paparusso 6), Manzo 6,5,
Sicignano 6,5, Sabato 6; Legras 5 (dal
20 s.t. Chiavazzo 6), Giuffrida 5, Yabre
5,5; Favasuli 5,5; Di Curzio 5 (dal 22 s.t.
Surace 6), Saraniti 7. (Cetrangolo,
Mengoni, Tindo, Usai). All. Costantino 6.
MELFI (4-3-1-2) Gragnaniello 7; Libutti
6, Laezza 6,5, De Giosa 6,5, Bruno 6;
Obeng 7, Vicente 6,5, Esposito 6 (dal 48
s.t. Nicolao s.v.); Cittadino 7 (dal 43 s.t.
Paterni s.v.); De Vena 5,5, Foggia 6,5 (dal
37 s.t. Grea s.v.). (Viola, Lanzaro,
Lodesani, Ferraro, Mangiacasale).
All. Bitetto 6,5.
ARBITRO Carella di Bari 5.
NOTE paganti 635, abbonati 163,
incasso di 4.110 euro. Espulso Sicignano
al 44 s.t.; ammoniti Favasuli, Obeng e
Cittadino. Angoli 5-3.

AKRAGAS (3-5-2) Pane 6; Riggio 5,5,


Caz 6,5, Carillo 6; Longo 5,5, Coppola
5,5 (dal 20 s.t. Palmiero 5), Pezzella 7,
Salandria 5,5, Sepe 5,5 (dal 34 s.t.
Russo s.v.); Cochis 5 (dal 23 s.t. Cocuzza
6), Gomez 5,5. (Addario, Leveque,
Garcia, Assisi, Carrotta, Privitera,
Rotulo). All. Di Napoli 6.
MESSINA (4-3-3) Berardi 6; Palumbo 6,
Rea 6, Bruno 5,5, De Vito 6,5; Foresta 6,
Musacci 5,5, Grifoni 6 (dal 27 s.t. Capua
5,5); Milinkovic 5,5 (dal 23 s.t. Madonia
6), Pozzebon 5, Ferri 6,5 (dal 46 s.t.
Saitta s.v.). (Russo, Mileto, Marseglia,
Ricozzi, Benfatta, Bramati, Akrapovic,
Gaetano, Fusca). All. Lucarelli 6.
ARBITRO De Angeli di Abbiategrasso
6,5.
NOTE spettatori 1.500 circa; paganti,
abbonati e incasso n.c. Ammoniti Rea,
Pezzella e Milinkovic. Angoli 65.

VIBO VALENTIA Quarto risultato utile

ancora la vittoria (non arriva da 2 mesi)


e continua a lasciare per strada punti in
casa. Cristiano Lucarelli porta a 7
partite, coppa Italia compresa, la sua
imbattibilit incamerando in campionato
il quarto pari di fila. Il derby non fa
palpitare i cuori dei tifosi che assistono
ad un confronto condizionato anche
dalle pessime condizioni del terreno.
Poche le conclusioni in una partita
bloccata a centrocampo. Gli unici
sussulti nel primo tempo con Milinkovic,
fuori di testa al 36 e di Gomez al 40 che
impegna Berardi. Nella ripresa nulla.
Salvatore Mandracchia

consecutivo per la Vibonese che non d


per seguito alla vittoria di Monopoli.
Nel primo tempo Gragnaniello ha
deviato con le unghie un velenoso colpo
di testa di Saraniti, mentre il palo
esterno ha salvato Russo su Laezza. Il
match si sbloccato nella ripresa:
Foggia ha sorpreso la difesa di casa
sugli sviluppi di un calcio piazzato, ma
Sicignano ha pareggiato poco dopo la
mezzora correggendo in rete un colpo
di testa del solito Saraniti. Lo stesso
Sicignano si fatto espellere nel finale.
Mimmo Famularo

AGRIGENTO LAkragas rimanda