Sei sulla pagina 1di 3

Al Presidente del Consiglio Regionale

Giuseppe Di Pangrazio
INTERPELLANZA di iniziativa del Consigliere Regionale del Gruppo Movimento 5
Stelle Pietro Smargiassi
OGGETTO: contratti di locazione dei locali adibiti alla nuova sede degli uffici ARAP
Premesso
- che con delibere n. 524 e 530/2016 del Commissario Straordinario di ARAP sono stati
recepiti i contratti di locazione per la nuova sede degli uffici ARAP in localit Cepagatti
(PE);
- che i contratti prevedono la concessione in locazione a favore di ARAP di uffici per
complessivi mq 1.430, al prezzo annuo di 81.000,00;
Dato Atto
- che a seguito di atto di fusione del 04.04.2014 in ARAP sono stati accorpati i Consorzi
per lo sviluppo industriale del Sangro, di Avezzano, di Sulmona, di LAquila, di Teramo e
del vastese;

- che, attraverso la suddetta fusione, nel patrimonio ARAP sono confluiti taluni immobili in
cui erano allocate le sedi degli ex Consorzi;

Rilevato preliminarmente:
- che dal corpo delle delibere non si evincono le motivazioni che hanno indotto il
Commissario di ARAP ad insediare la nuova sede centrale dellEnte presso la richiamata
localit, visto che nella suddette delibere:
1) non vi cenno sulle ragioni per le quali non possono essere utilizzate le sedi degli ex
consorzi confluiti in ARAP;
2) non si fa cenno sui vantaggi, in termini logistici e di economicit, che avrebbero indotto
ARAP a sottoscrivere i contratti di locazione recepiti nelle delibere;
Rilevato altres

- che nel nuovo assetto organizzativo vengono individuate due macrozone denominate
Zona Nord e Zona Sud che rappresentano la divisione degli agglomerati industriali
presenti nel territorio regionale;
-

che in particolare nella Zona Sud sono confluiti, tra laltro, numerosi impianti di
depurazione ovvero: Saletti Acquaviva di Atessa, Piane le Vacche di Casoli, Serravalle
di Altino, Montenero di Bisaccia, San Salvo (impianto trattamento acque), Punta Penna
di Vasto, Montedorisio; nella Zona Nord sono confluiti, tra laltro: limpianto di
depurazione di Teramo, limpianto di depurazione di Avezzano, limpianto di
depurazione di Sulmona, la Vasca Imhoff di LAquila; si noti che in entrambe le zone si
fa cenno agli edifici di propriet ARAP ricadenti nellunit territoriali gestiti;

- che laver individuato la nuova sede presso una area distante da entrambe le zone
comporta per il personale in servizio il doversi sobbarcare lunghi trasferimenti con
laggravio di straordinari a carico dellente;
- che tra le diverse sedi degli ex consorzi industriali, confluite in ARAP, vi ad esempio
anche limmobile sito in Casoli che risulta essere dotato di ogni struttura ed accessorio
necessario per svolgere al meglio le attivit lavorative proprie di ARAP;
- che pertanto parrebbe di stretta evidenza il contenimento dei costi qualora si fosse
optato per una struttura gi nella disponibilit di ARAP, quale ad esempio quella di
Casoli, anche in ragione del fatto che larea compresa tra il Sangro ed il Trigno produce
circa il 61% del PIL regionale.

Constatato
- che gli immobili oggetto di locazione in Cepagatti (PE) sono distanti dalle nuove zone
nord e sud individuate giusta delibera 311/2016 si ARAP;
- che ogni zona nella piena disponibilit di immobili, peraltro logisticamente pi strategici
rispetto a quelli oggetto delle locazioni, che avrebbero potuto ospitare la sede degli uffici
senza ulteriori oneri a carico di ARAP;
in ragione di tutto quanto sopra
INTERPELLA
Il Presidente della Giunta Regionale e/o il Componente la Giunta Regionale preposto, per
sapere:
1. Le ragioni che hanno indotto ARAP a concludere contratti onerosi volti alla
locazione di ulteriori immobili, rispetto a quelli che risultano gi in essere nella piena
disponibilit dellazienda;
2. Le ragioni, di natura strategica, economica e/o logistica, per le quali siano stati
preferiti locali nella zona di Cepagatti (PE)
disponibilit di ARAP in altri territori della regione

rispetto a quelli gi nella piena

LAquila, 02.11.2016

IL CONSIGLIERE REGIONALE FIRMATARIO


Pietro Smargiassi