Sei sulla pagina 1di 3

P.

Leone

Cardinalit degli insiemi numerici


Ha senso chiedersi se ci sono pi elementi in N o in Q dato che sono entrambi due
insiemi infiniti? Ha senso, pi in generale confrontare tra loro insiemi infiniti?
Def. Insieme infinito
Si definisce infinito un insieme che si possa mettere in corrispondenza biunivoca con
un suo sottoinsieme proprio.
Oss. Come si pu dimostrare sulla base di questa definizione che N e R sono infiniti?
Suggerimento
dimostra che N equipotente allinsieme dei numeri pari
suggerimento
Completa la seguente tabella. una corrispondenza biunivoca?

P
dimostra geometricamente che una retta in corrispondenza di un
segmento aperto.
suggerimento
Considera una retta e su di essa individua un segmento AB. Ad una distanza pari alla
met della lunghezza del segmento stesso disegna parallelamente alla retta un segmento
CD di pari lunghezza in modo che A e B siano le proiezioni sulla retta di C e D. Disegna
poi la semicirconferenza con centro nel punto medio di CD, raggio pari a CO e tangente al
segmento AB. Considera un punto qualsiasi sulla retta, congiungilo con O e proietta su
AB il punto dintersezione della congiungente tracciata con la semicirconferenza. Ti
sembra sia una corrispondenza biunivoca?

Def. Insiemi equipotenti, cardinalit


Due isniemi si dicono equipotenti se sono in corrispondenza biunivoca. Si dice che
due insiemi equipotenti hanno la stessa cardinalit o lo stesso numero cardinale o la
stessa potenza. La potenza di un insieme A si indica con il simbolo A .
G. Cantor (1845 1918) fu il primo a studiare gli insiemi infiniti. A lui si deve la definizione riportata,
la simbologia della potenza di un insieme infinito cos come diversi importanti risultati. Ne
ricordiamo qui uno:
Se A un insieme infinito e P(A) il suo insieme delle parti (cio l'insieme costituito da tutti i suoi
sottoinsiemi) allora

P( A) > A .

P. Leone

P. Leone

Def. Insieme numerabile


Un insieme si dice numerabile se equipotente a N.
La potenza di N si indica con il simbolo 0 e si legge aleph con zero (la lettera aleph la prima
dell'alfabeto ebraico).

Teorema: Z numerabile
dim
Definiamo una corrispondenza tra Z e N in questo modo:
n

sen N , n pari

.
an =
n +1
se n N , n
dispari
2
Questa funzione una corrispondenza biunivoca.
Una dimostrazione alternativa pu essere questa
Definiamo una corrispondenza cos:
+n 2n, -n 2n-1
essa risulta biunivoca.
Teorema: Q numerabile (Primo metodo diagonale di Cantor).
dim
Consideriamo linsieme di tutte le frazioni e rappresentiamolo attraverso questa
tabella.
Num
0
-1
1
-2
2

Denom

0/1
1
-1/1
1/1
-2/1
2/1

0/2

-1/2

1/2

-2/2

2/2

0/3

-1/3

1/3

-2/3

2/3

0/4

-1/4

1/4

-2/4

2/4

0/5

-1/5

1/5

-2/5

2/5

---

Questo insieme pu facilmente essere enumerato (quindi equipotente a N) secondo


lordine delle frecce.
0 1 0 1
, , , ,.......
1 1 2 1

P. Leone

P. Leone

Eliminando da questa successione le frazioni che non irriducibili e tutte quelle il cui
numeratore 0 (salvo la prima) otteniamo una enumerazione del sottoinsieme delle
frazioni irriducibili che equipotente a Q.
Teorema: R non numerabile (Secondo metodo diagonale di Cantor)
Innanzitutto possiamo considerare invece dell'intero insieme R dei numeri reali,
l'intervallo ]0,1[; se questo intervallo non numerabile a maggior ragione non potr
esserlo R.
La dimostrazione procede per assurdo nel modo seguente:
Se ]0,1[ fosse numerabile, esisterebbe una corrispondenza biunivoca tra ]0,1[ e N,
cio tutti gli elementi di ]0,1[ potrebbero essere contati:
x1 = 0, a11 a12 a13
x2 = 0,a21 a22 a23
x3 = 0,a31 a32 a33
..............................
dove aij la j-esima cifra decimale del i-esimo numero reale di A.
Per dimostrare che ]0,1[ non numerabile ci basta fornire un numero y compreso tra
0 e 1 che sia diverso da tutti gli xi. Sia
y = 0, b1 b2 b3
un numero reale cos costruito:
b1 a11;
b2 a22;
............
bk akk.
Il numero reale y appartiene ad ]0,1[ , ma diverso (perch almeno una cifra
diversa) da tutti gli elementi elencati.
Oss.5
La cardinalit di R maggiore di 0 , viene indicata con 1 ed chiamata la
cardinalit del continuo. Si dice anche, in modo equivalente, che R ha la potenza del
continuo.
Cantor costru una catena strettamente crescente ( rispetto ad una opportuna relazione di ordine ) di
cardinali transfiniti
0 < 1 < 2 < 3 < 4 < .
che forniscono una gerarchia per gli insiemi infiniti. Secondo questa impostazione un insieme infinito
non pu avere cardinalit inferiore al numerabile e inoltre R ha la cardinalit di P(N).

P. Leone