Sei sulla pagina 1di 130

STEFANO RICCI

METODO PER BASSO ELETTRICO

CONTENUTI
PRIMA PARTE
introduzione al basso elettrico
arpeggi
scale
esercizi di lettura sulle scale maggiori e minori
studi ritmici
SECONDA PARTE
il blues
grooves
fraseggio
walking bass
TERZA PARTE
armonizzazione della scala
i modi e altri tipi di scale
accordi
esercizi tecnici

PRIMA PARTE

STEVE SWALLOW

INTRODUZIONE AL BASSO
ELETTRICO
UNA CORRETTA IMPOSTAZIONE CI AIUTA SICURAMENTE A SUPERARE MOLTE DIFFICOLTA'.
PER OTTENERE BUONI RISULTATI E' NECESSARIO PRIMA DI TUTTO TENERE LO SRTRUMENTO
NON TROPPO IN BASSO PER EVITARE CHE L'APERTURA DELLA MANO SINISTRA VENGA LIMITATA.
IL POLLICE DELLA MANO SINISTRA DEVE STARE DIETRO IL MANICO E NON DEVE USCIRE DA
ESSO SE NON PER POSIZIONI PARTICOLARI (es. accordi). IL POLLICE DELLA MANO DESTRA
POGGIA SUL PICKUP O SULLA IV CORDA PER FERMARNE LA RISONANZA. NEGLI STRUMENTI CON
DUE PICK UP LA MANO DESTRA PUO' POGGIARE SU ENTRAMBI : VICINO AL PONTE SI AVRA' UN
SUONO PIU' SECCO MA MOLTO BEN DEFINITO VERSO IL MANICO INVECE IL SUONO E' PIU'
MORBIDO MA OCCORRE FARE ATTENZIONE A SUONARE PIU' LEGGERMENTE PER EVITARE CHE
LE CORDE SBATTANO SUI TASTI.

I
II
III
IV

0
1
2
3
4

PRIMA CORDA

SOL

SECONDA CORDA

RE

TERZA CORDA LA
QUARTA CORDA

MI

CORDA VUOTA
INDICE MANO SINISTRA
MEDIO MANO SINISTRA
ANULARE MANO SINISTRA
MIGNOLO MANO SINISTA

IV CORDA

III CORDA II CORDA

I CORDA

1
1

FONDAMENTALE (nota di partenza)


ALTRE NOTE DELLA SCALA

FIGURE MUSICALI
CHIAVE DI VIOLINO

DO RE MI FA

SOL LA SI DO

RE MI FA SOL LA SI DO

CHIAVE DI BASSO

MI

FA

SOL

LA

SI

DO RE MI

FIGURE

SEMIBREVE = 4/4

MINIMA= 2/4

SEMIMINIMA=1/4

CROMA=1/8

SEMICROMA =1/16

BISCROMA=1/32

SEMIBISCROMA=1/64

FA SOL LA

PAUSE

SI

DO

I PUNTI DI VALORE POSTI DOPO LA NOTA AGGIUNGONO AD ESSA LA META' DEL PROPRIO VALORE

2/4 + 1/4

1/4 + 1/8

1/8 + 1/16

LE LEGATURE DI VALORE SOMMANO I VALORI DELLE NOTE LEGATE TRA LORO

2/4 + 1/8

4/4 + 1/4

LE ALTERAZIONI SONO SEGNI GRAFICI CHE MESSI DAVANTI ALLE NOTE NE MODIFICANO L'ALTEZZA:
IL DIESIS ALZA LA NOTA DI UN SEMITONO , IL BEMOLLE ABBASSA LA NOTA DI UN SEMITONO , IL BEQUADRO
ELIMINA LE ALTERAZIONI PRECEDENTI O IN CHIAVE.

DIESIS

BEMOLLE

BEQUADRO

LE ALTERAZIONI IN UNO SPARTITO VENGONO MESSE ANCHE DOPO LA CHIAVE; IN QUESTO MODO
INDICANO LA TONALITA' DEL BRANO E VALGONO FINO ALLA FINE DI ESSO

TONALITA' DI RE MAGGIORE O SI MINORE

TONALITA' DI MIBEMMOLLE MAGGIORE O DO MINORE

ACCORDATURA DEL BASSO

I CORDA

SOL

II CORDA

RE

III CORDA

LA

ESERCIZI A CORDE VUOTE


A
I CORDA

II CORDA

IV CORDA

MI

III CORDA

IV CORDA

B
I CORDA

II CORDA

III CORDA

IV CORDA

C
ESERCIZI SULLE QUATTRO CORDE
1

ESERCIZI A MANO FERMA


1

III CORDA

10

9
2

12

11
3

14

13

15

16

17

18

20

19

21

22

ESERCIZI A MANO FERMA SU DUE CORDE

III

II

II

III

III

II

II

III

III

II

III

II

II

II

III

III

III

II

II

III

III

II

III

II

II

III

II

III

III

II

II

III

III II

III II

II

III

II III

III II

II

III

III

II

III II

II

III

II III

III II

II

III

III

II

III II

II

III

II

III

III

II

II

III

III II

III II

II

III

II

III

III II

II III

ESERCIZI SU TUTTO IL MANICO


A
1

IV

III

II

II

III

IV

IV

II

II

II

III

IV

II

III

III

IV

III

IV

B
ESEGUI QUESTO ESERCIZIO CON LE TRE DIVERSE DITEGGIATURE

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

IV

III

II

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

1
2

2
3

IV

III

II

II

2
3

1
2

2
3

1
2

II

III

IV

2
3

1
2

III

2
3

1
2

IV

2
3
4

1
2
3

2
3
4

1
2
3

2
3
4

2
3
4

1
2
3

1
2
3

2
3
4

1
2
3

2
3
4

1
2
3

2
3
4

1
2
3

1
2
3

2
3
4

1
2
3

2
3
4

ESEGUI L'ESERCIZIO CON LE DUE DITEGGIATURE

IV

III

II

II

III

IV

III

IV

III

II

II

III

IV

IV

III

ARPEGGI
L'ARPEGGIO E' L'ESECUZIONE NON SIMULTANEA DELLE NOTE DI UN ACCORDO ; IL BASSO UTILIZZA SPESSO
L'ARPEGGIO COME MODELLO DI ACCOMPAGNAMENTO ,IN OGNI CASO CONOSCERE BENE GLI ARPEGGI
SIGNIFICA CONOSCERE BENE LE NOTE CHE FORMANO GLI ACCORDI COSA INDISPENSABILE PER OGNI MUSICISTA.

tonica

3maggiore

5giusta

tonica

3minore

5giusta

tonica

3maggiore

5maggiore

7maggiore

tonica

3maggiore

5giusta

7minore

tonica

3minore

5giusta
mi

7maggiore

tonica

3minore

5giusta

7minore

tonica

3minore

5diminuita

7minore

tonica

3minore

5diminuita

7diminuita

tonica

4giusta

tonica

3maggiore

5giusta

5eccedente

7minore

7minore

LE POSIZIONI CHE SEGUONO POSSONO ESSERE TRASPORTATE PER TUTTO IL MANICO OTTENENDO TUTTI GLI
ALTRI ARPEGGI, POSSONO ANCHE ESSERE UNITE IN MODO DA OTTENERE ALTRE POSIZIONI .

ARPEGGI MAGGIORI
C ( do maggiore)
4
1

4
2

G (sol maggiore)
4
1

4
2

A (la maggiore)
1
1

3
4

D (re maggiore)
1

4
3
4

F (fa maggiore)
2
2
1

F (fa maggiore 2 ottave)


1

4
1

G (posizione estesa)
1
1

4
2

ARPEGGI MINORI
Cm ( do minore)
3
3
1

Gm (sol minore)
3
3
1

Am (la minore)
1
1

2
4

Dm (re minore)
1

4
2
4

Cm (do minore)
4
1

Fm (fa minore 2 ottave)


1

1
1

4
2

4
1
1

Gm(posizione estesa)
1

4
3

ARPEGGI DI SETTIMA
MAGGIORE
Cmaj 7
3
1

4
4

Gmaj7
3
1

4
4

Amaj7
1

2
1

3
4

D maj7
1

3
3
4

Fmaj7
1

2
2

Fmaj 7 ( 2 ottave)
1

4
4

3
1

Gmaj7 (posizione estesa)


1
1

1
2

4
2
2

4
4

ARPEGGI DI SETTIMA
C7
2

4
2

G7
2

4
2

A7
1
1

4
3
4

D7
1

2
3
4

F7
1
1

F 7 ( 2 ottave)
1

4
4

2
1

1
1

4
2

G7 (posizione estesa)

ARPEGGI MINORI SETTIMA


Cm7
1

3
3

Gm 7
1

3
3

Am7
1
1

4
2
4

Dm 7
1

2
2
4

Cm7

Fm7 ( 2 ottave)

1
1

2
2

1
1

1
2

Gm7(posizione estesa)
1

ARPEGGI MINORI SETTIMA


MAGGIORE
Cm(maj7)
2

3
3

Gm (maj7)
2

3
3

Am(maj7)
1

2
1

2
4

Dm(ma7)
1

3
2
4

Cm(maj7)
3
1

Fm(maj7) ( 2 ottave)
1

2
1

2
3

1
1

1
2

4
2

Gm(maj7)(posizione estesa)
1

4
2

3
3

ARPEGGI SEMIDIMINUITI
Cm7b5
1

3
2

Gm7b5
1

3
2

Am7b5
1

3
1

4
3

Dm7b5
2
1

4
4

Fm7b5 ( 2 ottave)
1

Gm7b5(posizione estesa)
1
1
1

4
2

3
4

ARPEGGI DIMINUITI
Cdim
1

4
2
1

Gdim
1

4
2
1

Adim
1

2
1

4
3

Dm7b5
1

4
3

Fdim ( 2 ottave)
1

1
4

Gdim(posizione estesa)
2
1

2
1

4
4

ARPEGGI DI SETTIMA SUS 4


C7sus4
1

G7sus4
1

A7sus4
1

4
4

D7sus4
1

2
4
4

F7sus4
1
1

F7 sus4 ( 2 ottave)
1
1

G7sus 4(posizione estesa)


1

ARPEGGI DI SETTIMA
QUINTA ECCEDENTE
C+ 7
1

4
2

G+7
1

1
2

A+7
1

4
2

3
4

D +7
1

2
2
3

F+7
1
2
1

4
3

F+ 7 ( 2 ottave)
1

2
2

4
3

G+7 (posizione estesa)


1
1

2
2

SCALE
LA MUSICA TONALE SI BASA SOSTANZIALMENTE SU DUE MODI: MAGGIORE E MINORE.
LA SCALA MAGGIORE E' FORMETA DA 7 SUONI O GRADI (piu' uno ripetuto all'ottava) POSTI TRA LORO A DISTANZA
DI TONO E SEMITONO: TRA IL TERZO E IL QUARTO SUONO E TRA IL SETTIMO E L'OTTAVO SUONO VI E' UN
SEMITONO LE ALTRE NOTE DISTANO TRA LORO UN TONO.
LA SCALA MAGGIORE RISULTA QUINDI COSI' FORMATA:

tono

GRADI

tono

II

semitono

III

tono

IV

semitono

tono

tono

VII

VI

VIII

NEL MODO MINORE TROVIAMO TRE SCALE : NATURALE ARMONICA E MELODICA.


LA SCALA MINORE NATURALE HA I SEMITONI POSTI TRA IL SECONDO E IL TERZO GRADO E TRA IL QUINTO ED IL
SESTO GRADO

tono

GRADI

tono

semitono

II

III

tono

IV

tono

tono

semitono

VI

VII

VIII

LA SCALA MINORE ARMONICA HA TRE SEMITONI: TRA IL SECONDO ED IL TERZO GRADO TRA IL QUINTO E IL
SESTO GRADO E TRA IL SETTIMO (sensibile) E L'OTTAVO GRADO SI VIENE QUINDI A FORMARE UN INTERVALLO DI
UN TONO E MEZZO TRA IL SESTO E IL SETTIMO GRADO.

tono

GRADI I

semitono

II

III

tono

tono

IV

semitono

VI

tono e mezzo

VII

semitono

VIII

LA SCALA MINORE MELODICA HA I SEMITONI TRA IL SECONDO ED IL TERZO GRADO E TRA IL SETTIMO
E L'OTTAVO GRADOO
tono

GRADI

semitono

II

tono

III

tono

tono

IV

semitono

tono

VI

VII

LA SCALA MINORE MELODICA VIENE CONCEPITA ANCHE CON IL RITORNO NATURALE

VIII

SCALE MAGGIORI
DO MAGGIORE
1
1

SOL MAGGIORE
1

4
2
2

4
4

LA MAGGIORE
1

2
1

4
4

RE MAGGIORE
1

3
4
4

FA MAGGIORE
1
1

2
1

FA MAGGIORE (due ottave)

1
1

1
3

4
4

SOL MAGGIORE (posizione estesa)

1
1

2
2

4
4

DO MAGGIORE (con allargamento)


1

SCALE MINORI NATURALI


DO MINORE
1

SOL MINORE

LA MINORE

RE MINORE
1

4
4

FA MINORE (due ottave)


1
1

4
4

FA MINORE (con allargamento)


1

SOL MINORE (posizione estesa)


1

1
1

3
3

4
4

SCALE MINORI ARMONICHE


DO MINORE
2

SOL MINORE
2

LA MINORE
1

RE MINORE
3
4
4

FA MINORE (due ottave)

4
3

FA MINORE (con allargamento)


1
1

SOL MINORE (posizione estesa)

1
1
1

3
3

4
4

SCALE MINORI MELODICHE


DO MINORE
1

SOL MINORE
1

LA MINORE
1

2
1
1

3
2

4
4

RE MINORE
1
1

1
2

3
4
4

FA MINORE (due ottave)


1
1
1
1

1
2

1
2

4
3

FA MINORE (con allargamento)


1
1

SOL MINORE (posizione estesa)


1

4
3

1
1

4
3
3

TONALITA' MAGGIORI E RELATIVE MINORI


LA TONALITA' DI DO MAGGIORE NON HA ALTERAZIONI LE ALTRE TONALITA' SONO DIVISE IN DUE GRUPPI :
TONALITA' CON I DIESIS E TONALITA' CON I BEMOLLE .
OGNI TONALITA' MAGGIORE HA UNA SUA RELATIVA MINORE CON LE STESSE ALTERAZIONI

TONALITA' SENZA ALTERAZIONI

DO MAGGIORE

LA MINORE

TONALITA' CON I DIESIS


SOL MAGGIORE

MI MINORE

RE MAGGIORE

SI MINORE

LA MAGGIORE

FA DIESIS MINORE

MI MAGGIORE

DO DIESIS MINORE

SI MAGGIORE

SOL DIESIS MINORE

FA DIESIS MAGGIORE

RE DIESIS MINORE

DO DIESIS MAGGIORE

LA DIESIS MINORE

TONALITA' CON I BEMOLLE

FA MAGGIORE

SI BEMOLLE MAGGIORE

MI BEMOLLE MAGGIORE

LA BEMOLLE MAGGIORE

RE BEMOLLE MAGGIORE

RE MINORE

SOL MINORE

DO MINORE

FA MINORE

SI BEMOLLE MINORE

SOL BEMOLLE MAGGIORE

MI BEMOLLE MINORE

DO BEMOLLE MAGGIORE

LA BEMOLLE MINORE

ESERCIZI DI LETTURA SULLE TONALITA'


MAGGIORI E MINORI
1

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

ESERCIZI SULLE PENTATONICHE

STUDI RITMICI
PER IMPARARE BENE QUESTE DIVISIONI RITMICHE E' NECESSARIO STUDIARLE CON IL METRONOMO PRIMA
LENTAMENTE POI AUMENTANDO GRADUALMENTE LA VELOCITA' ; UNA VOLTA ACQUISTATA LA SICUREZZA
NECESSARIA POSSIAMO APPLICARE QUESTI RITMI SULLE SCALE E SUGLI ARPEGGI.
1

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

SECONDA PARTE

JACO PASTORIUS

IL BLUES

IL BLUES E' UN GENERE MUSICALE CHE TRAE LE SUE ORIGINI DALLA MUSICA AFROAMERICANA DI FINE '800
IN SEGUITO HA INFLUENZATO I NUOVI GENERI DI MUSICA NASCENTI ( tra gli altri il jazz e il rock'n'roll)
DIVENTANDO QUINDI PARTE INTEGRANTE DELLA MUSICA MODERNA.
CARATTERISTICHE DI QUESTO LINGUAGGIO SONO LE "BLUE NOTE" : LA SECONDA ECCEDENTE CHE RENDE
AMBIGUO L'ACCORDO MAGGIORE ,LA QUINTA DIMINUITA E LA SETTIMA MINORE.

NOTE BLUES
accordo maggiore

NOTE BLUES
accordo minore

CARATTERISTICO E' IL "GIRO BLUES" UNA STRUTTURA DI DODICI BATTUTE CHE VIENE USATA PER COSTRUIRE
BRANI O COME STRUTTURA SU CUI IMPROVVISARE.
IN QUESTO CAPITOLO VENGONO TRATTATI GLI ELEMENTI BASE DEL BLUES: LE SCALE LE STRUTTURE PIU'
USATE E ALCUNI RIFF TIPICI DEL BASSO BLUES.

PENTATONICHE MAGGIORI
DO MAGGIORE
1

4
2

DO MAGGIORE

SOL MAGGIORE

1
1

1
1

3
3

LA MAGGIORE
1

1
1

RE MAGGIORE
1

4
4

FA MAGGIORE (due ottave)

1
1

3
3

PENTATONICHE MINORI
DO MINORE
1

1
1

4
4

SOL MINORE
1

1
1

3
4

LA MINORE
1
1

4
2
2

4
4

RE MINORE
1

1
1

3
3

FA MINORE
1

4
4

FA MINORE (due ottave)

1
1

1
4

SCALE BLUES
DO BLUES
1
1

3
2

1
1

4
4

SOL BLUES
1

1
1

3
4

LA BLUES
1

4
1
1

3
3

RE BLUES
1
1

1
1

3
2

3
2
3

FA BLUES
1
1
1
1

1
2

3
4

1
4

FA BLUES (due ottave)


1
1
1

3
4

3
2

STRUTTURA DEL BLUES


A

SUONATE QUESTE STRUTTURE USANDO I SEGUENTI MODELLI DI ACCOMPAGNAMENTO TIPICI DEL BLUES
1

DOPO AVERE IMPARATO A MEMORIA LA STRUTTURA DI BASE SPOSTATELA IN TUTTE LE TONALITA' CERCANDO
DI VARIARE ANCHE IL RIFF DI ACCOMPAGNAMENTO

ESEMPI DI BLUES RIFF IN C

10

ALTRI TIPI DI STRUTTURA BLUES

STRUTTURA USATA NELLA MUSICA JAZZ

BLUES MINORE

STRUTTURA USATA NEL BE-BOP DA CHARLIE PARKER

ALTRO ESEMPIO DI STRUTTURA

NELLA MUSICA ROCK BLUES O JAZZ ESISTONO COMUNQUE ANCHE ALTRI TIPI DI STRUTTURE ANCHE CON
PIU' O MENO BATTUTE A SECONDA DELLE ESIGENZE COMPOSITIVE DELL'AUTORE DEL BRANO.

GROOVES

IN QUESTO PARAGRAFO VENGONO ESAMINATI ALCUNI TIPI DI ACCOMPAGNAMENTO BASATI SU UNA


STRUTTURAMOLTO SEMPLICE DI QUATTRO ACCORDI IN SOL MAGGIORE:

SONO ESEMPI PRATICI CHE SERVONO PER COMPRENDERE COME SI POSSONO CREARE DELLE LINEE DI BASSO
NEIVARI STILI.
PER SVILUPPARE UN PROPRIO LINGUAGGIO CONSIGLIO A TUTTI DI ASCOLTARE MUSICA DI TUTTI I GENERI
PERCHE'VEDERE LA MUSICA DA TANTI PUNTI DI VISTA AIUTA A MIGLIORARE LA CREATIVITA'.

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24
=

25

26

27

28

29

30

31

32

33

34

35

armonici

FRASEGGIO
PER MIGLIORARE IL PROPRIO FRASEGGIO OCCORRE AVERE PADRONANZA DELLE VARIE TECNICHE DI
ESPRESSIONE: ACCENTI ,STACCATO , NOTE MUTE E LEGATO.

A
1

ACCENTI
GLI ACCENTI SI OTTENGONO SUONANDO LA NOTA CON PIU' FORZA RISPETTO ALLE ALTRE
STANDO ATTENTI PERO' A NON ESAGERARE PER EVITARE DI OTTENERE SUONI SGRADEVOLI.

STACCATO
PER OTTENERE LO STACCATO BISOGNA ALZARE IL DITO DELLA MANO SINISTRA SUBITO DOPO
AVER SUONATO LA NOTA, ACCORCIANDO COSI LA DURATA DEL SUONO.
SE SI SUONA UNA CORDA VUOTA BISOGNA FERMARE LA VIBRAZIONE CON IL PALMO DELLA MANO
SINISTRA.

NOTE MUTE
LE NOTE MUTE SONO INDISPENSABILI PER LE NOSTRE RITMICHE.
SONO SUONI NON INTONATI CHE SI OTTENGONO STOPPANDO LA CORDA CON ALMENO DUE
DITA DELLA MANO SINISTRA PER EVITARE I SUONI ARMONICI.

LEGATO

LEGATO

IL LEGATO E' UNA TECNICA CHE PERMETTE DI SUONARE PIU' NOTE PERCUOTENDONE UNA SOLA;
LE DITA CHE SUONANO LE NOTE LEGATE DEVONO PERCIO' FUNZIONARE COME DEI PICCOLI
MARTELLETTI (hammer on) O PIZZICARE LA CORDA SE SI SUONA UNA NOTA DISCENDENTE (pull off).

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

WALKING BASS
IL WALKING BASS E' UNO STILE DI ACCOMPAGNAMENTO TIPICO DELLA MUSICA JAZZ DOVE IL BASSO
SUONA UNA NOTA PER OGNI QUARTO, E' RICCO DI NOTE DI PASSAGGIO E CROMATISMI CHE LEGANO
TRA LORO GLI ACCORDI CHE FORMANO LA STRUTTURA DEL BRANO.
PER OTTENERE UN BUON WALKING E' NECESSARIO ACCENTARE IL SECONDO ED IL QUARTO MOVIMENTO
DI OGNI BATTUTA CERCANDO DI LEGARE BENE LE NOTE TRA LORO, CONSIGLIO PER QUESTO DI ESERCITARSI
USANDO IL METRONOMO CHE ACCENTA QUESTI MOVIMENTI.
METRONOMO
ES.

BLUES

STANDARD

RITHM CHANGES

D
PER COSTRUIRE DEI WALKING BASS SI POSSONO SEGUIRE ALCUNE SEMPLICI REGOLE:

1) LA PRIMA NOTA DI OGNI BATTUTA E' SEMPRE UNA NOTA DELL'ACCORDO ,PRINCIPALMENTE LA
FONDAMENTALE O LA QUINTA (a volte si possono usare comunque anche la terza o settima)

2) QUANDO UN ACCORDO SI RIPETE PER PIU' BATTUTE E BENE ALTERNARE LA PRIMA NOTA ( fondamentale o
quinta o anche terza)

3) LA SECONDA E LA TERZA NOTA SONO NOTE DELL'ARPEGGIO O DELLA TONALITA' DEL BRANO I SALTI SI
FANNO ATTRAVERSO LE NOTE DELL'ACCORDO ( i salti fatti su note di passaggio rendono ambiguo l'accordo)

4) L'ULTIMA NOTA DI OGNI BATTUTA SERVE A COLLEGARE GLI ACCORDI TRA DI LORO;SI USANO
SOLITAMENTE SEMITONI ASCENDENTI (anche con note non appartenenti alla tonalita') TONI O SEMITONI
DISCENDENTI

ESERCITATI ORA A COSTRUIRE DEI WALKING DI DUE O QUATTRO BATTUTE PASSA POI AD UN BLUES O AD
UNO STANDARD SEMPLICE POI A BRANI PIU' COMPLESSI.

TERZA PARTE

DAVE HOLLAND

ARMONIZZAZIONE DELLA SCALA


SE COSTRUIAMO UNA TRIADE ( tonica terza e quinta) SOPRA OGNI GRADO DELLA SCALA MAGGIORE RISPETTANDO
LE NOTE DELLA SCALA STESSA OTTENIAMO UN GRUPPO DI SETTE ACCORDI TRE MAGGIORI ( I IV e V ) TRE
MINORI ( II III e VI ) E UNA TRIADE DIMINUITA.

SE COSTRUIAMO DELLE QUADRIADI OTTENIAMO DUE ACCORDI DI SETTIMA MAGGIORE ( I e IV) UNO DI
SETTIMA ( V ) TRE MINORI SETTIMA ( II III e VI ) E UNO SEMIDIMINUITO ( VII ).

PER COMPRENDERE LA RELAZIONE TRA LE TONALITA' E GLI ACCORDI DOBBIAMO QUINDI IMPARARE A
CONOSCERE GLI ACCORDI CHE SI FORMANO SU OGNI GRADO DELLA SCALA .

I grado
IV grado

V grado

II grado
III grado
VI grado

VII grado

SE PER ESEMPIO CI TROVIAMO DAVANTI A UNA STRUTTURA DI QUESTO TIPO:

SIAMO IN UNA STRUTTURA IN DO MAGGIORE DOVE Cmaj E' IL PRIMO GRADO Em7 E' IL TERZO GRADO Fmaj7
IL QUARTO E G7 IL QUINTO.

ARMONIZZANDO GLI ALTRI TIPI DI SCALE OTTENIEMO QUESTI ACCORDI:

scala minore naturale

scala minore armonica

scala minore melodica

ESERCIZIO: SUONA DI SEGUITO I SETTE ACCORDI (triadi e qadriadi) CHE SI FORMANO SULLA SCALA DI DO
MAGGIORE CON VARIE DITEGGIATURE ; POI FAI LA STESSA COSA SULLE ALTRE TONALITA'
MAGGIORI E MINORI.

I MODI
I MODI SONO UN' INSIEME DI SCALE SVILUPPATOSI TRA IL MEDIOEVO E IL RINASCIMENTO IN SEGUITO SONO
STATI RIPRESI NEL JAZZ DA MILES DAVIS, JOHN COLTRANE (e tanti altri) COME BASE DELLA MUSICA MODALE.
I MODI DELLA SCALA MAGGIORE SONE SETTE : IONICO, DORICO, FRIGIO, LIDIO, MISOLIDIO, EOLICO , LOCRIO.

MODO IONICO

MODO DORICO

MODO FRIGIO

MODO LIDIO

MODO MISOLIDIO

MODO EOLICO

MODO LOCRIO

OGNI MODO VIENE POI USATO PER SUONARE SOPRA UN DETERMINATO ACCORDO:

MODO IONICO

MODO DORICO

MODO FRIGIO

MODO LIDIO

MODO MISOLIDIO

MODO EOLICO

MODO LOCRIO

ALTRI TIPI DI SCALE


SCALA SUPER LOCRIA

SCALA ESATONALE

SCALA DIMINUITA tono/semitono

SCALA DIMINUITA semitono/tono

SCALA LIDIA settima minore

SCALA MISOLIDIA sesta minore

SCALA IONICA quinta aumentata

SCALA MISOLIDIA sesta minore nona minore

SCALA FLAMENCO

SCALA CROMATICA

modo IONICO
DO
1
1

RE
1

4
4

FA (due ottave)
1

1
1

1
3

4
4

modo DORICO
DO
1

RE
1
1

FA (due ottave)
1

1
1

2
4

modo FRIGIO
DO
1

RE
1

FA (due ottave)

1
1

2
4

modo LIDIO
DO
1

DO
1

FA (due ottave)

1
1

2
2

1
4

modo MISOLIDIO
DO
1

RE
1

FA (due ottave)

1
1

1
1

1
3

2
4

modo EOLICO
DO
1

RE

4
4

FA (due ottave)

1
1

1
1

2
2

4
4

modo LOCRIO
DO
1

RE
1

FA (due ottave)

1
1
1

2
2

2
4

4
4

SCALA SUPERLOCRIA
DO
1
1
1

3
2

SCALA ESATONALE
DO
1
1

3
2

4
4

SCALA DIMINUITA
(tono/semitono)
DO
1

3
1
1

4
3

SCALA DIMINUITA
(semitono/tono)
DO
1

4
3

SCALA LIDIA
(settima minore)
DO
1

4
3

4
4

SCALA MISOLIDIA
(sesta minore)
DO

SCALA IONICA
(quinta aumentata)
DO
1
1

SCALA MISOLIDIA
(sesta minore nona minore)
DO

SCALA FLAMENCO
DO

4
4

SCALA CROMATICA
DO
1

ACCORDI
TAVOLA DEGLI ACCORDI PIU' COMUNI

IL BASSO ELETTRICO E UNO STRUMENTO CHE NON PERMETTE UN GRANDE SVILUPPO DELLA POLIFONIA PERCHE'
ANCHE GLI ACCORDI CONSONANTI NON HANNO UN SUONO MOLTO DEFINITO NELLE ZONE BASSE .
OCCORRE PERCIO' SUONARE GLI ACCORDI IN UN REGISTRO "ACUTO" QUASI SEMPRE UTILIZZANDO SOLO TRE
SUONI RIASSUMENDO UN PO' IL SENSO DELL'ACCORDO.
SEGUONO ALCUNE POSIZIONI DI BUON EFFETTO.

15 tasto

15 tasto

15 tasto

8tasto

C6

15 tasto

C6

15 tasto

C6

8 tasto

C7

15 tasto

C7

8tasto

C7

15 tasto

Cmaj7

15 tasto

Cmaj7

15 tasto

Cmaj7

8 tasto

C9

8tasto

C9

15 tasto

Cmaj9

8 tasto

Cm

15 tasto

Cm

15 tasto

Cm

8tasto

Cm

15 tasto

Cm6

15 tasto

Cm7

15 tasto

Cm7

8 tasto

Cm7b5

8tasto

Cm7b5

15 tasto

Cm7b5

15 tasto

Cm7b5

15 tasto

Cdim

15 tasto

Cdim

8tasto

Cdim

15 tasto

C7sus4

15 tasto

C7sus4

15 tasto

C7sus4

8 tasto

C+

15tasto

C+7

15 tasto

C7 9

8 tasto

C7b9

8 tasto

Cmaj7+5

15 tasto

C/G

15tasto

C/E

12 tasto

ESERCIZI SULLE TRIADI


1

ESEGUI QUESTI ESERCIZI ANCHE CON LE TRIADI MINORI E CON DIVERSE DITEGGIATURE

ESERCIZI SULLE QUADRIADI


1

2
1

1
4

4
2

3
1

2
1

1
4

4
2

3
1

ESEGUI QUESTI ESERCIZI ANCHE CON ALTRI TIPI DI QUADRIADE CON DIVERSE DITEGGIATURE.

ESERCIZI SULLE SCALE


= 60
1

(aumenta la velocita' di 10 tacche alla volta quando l'esercizio ti riesce perfettamente)

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

21

20

22

ESEGUI QUESTI ESERCIZI IN TUTTE LE TONALITA' MAGGIORI E MINORI ANCHE SU DUE OTTAVE CERCANDO
DI USARE DITEGGIATURE DIVERSE.

IL CIRCOLO DELLE QUINTE

DISCOGRAFIA CONSIGLIATA

JACO PASTORIUS
JACO PASTORIUS
JACO PASTORIUS
WEATHER REPORT
JONI MITCHELL
JOHN SCOFIELD BAND
VICTOR BAILEY
STEVE COLEMAN
STEVE COLEMAN
JEFF BERLIN
JOE ZAVINUL
HENRI TEXIER
TRIBAL TECH
MILES DAVIS
MILES DAVIS
JOHN PATITUCCI
MICHEL CAMILO
CARLA BLEY STEVE SWALLOW
PAT METHENY
MIKE STERN
BOB MINTZER
JELLOWJACKETS
ALAIN CARON
PAUL SIMON
SLY & THE FAMILY STONE
JAMES BROWN
THE WAILERS
LIVING COLOUR

Word of mouth
Invitation
Jaco pastorius
8:30
Mingus
Pick hits
Low blow
Curves of life
Def trance beat
In armony's way
Faces & places
Izlaz
Face first
We want Miles
The man with the horn
The heart of the bass
In trio
Duets
Bright size life
Upside downside
I rimember Jaco
Greenhouse
Call me all!
Graceland
Fresh
Gold collection
Burning
Stain

Potrebbero piacerti anche