Sei sulla pagina 1di 14

Dinastia degli Altavilla-Hohenstaufen re di Sicilia

Tancredi di Hauteville (ha 12 figli)

Guglielmo
Braccio di Ferro
1042 conte di Melfi

Drogone
1046 conte di
Puglia e Calabria

da prime nozze con normanna Alberada


Boemondo conte di Taranto
dal 1098 principe di Antiochia

Ruggero

Roberto il Guiscardo
1059-1085 duca di Puglia
e Calabria

da seconde nozze con longobarda


Sichelgaita
Ruggero Borsa
duca di Puglia e Calabria 1085-1111
Ruggero II
conte di Sicilia dal 1101
re di Sicilia 1130-1154
Guglielmo 1111-1127

Guglielmo I il Malo 1154-1166

Tancredi (illegittimo)

Ruggero
conte di Sicilia

Costanza (m. 1198)


sposa (1186) Enrico VI di
Svevia (1189-1197)

Guglielmo II il Buono 1166-1189

Federico Ruggero
=Federico II di Svevia
1220 imperatore
m. 1250

Corrado IV 1250-1254
Enrico VII
+ 1242

Enzo re di Sardegna
1238-1272
Corradino m. 1268

Manfredi (illegittimo)
re di Sicilia 1258-1266

TAVOLA GENEALOGICA DEI RE DI FRANCIA

Ugo Capeto 987-996


Roberto II 996-1031
Enrico I 1031-1060
Filippo I 1060-1108
Luigi VI 1108-1137
Luigi VII 1137-1180
Filippo II Augusto 1180-1223 Luigi VIII il Leone
1223-1226 Luigi IX il Santo 1226-1270 Filippo III
lArdito 1270-1285

Filippo IV il Bello 1285 1314

Luigi X
1314-1316

Filippo V il Lungo
1316-1322

Carlo IV
1322-1328

Carlo di Valois

Isabella sposa Edoardo II Ingh.


madre di Edoardo III

Filippo VI 1328-1350 Giovanni II il


Buono Carlo V 1364-1380
Luigi dOrlans (ramo Orlans)

Carlo VI 1380-1422 Carlo VII 14221461


Luigi XI 1461-1483

Carlo VIII 1483-1498 ultimo Valois

LA RINASCITA IMPERIALE IN OCCIDENTE


Dopo il 590 i papi sono alla ricerca di un forte e fedele alleato temporale che li difenda dagli
attacchi dell'imperatore d'Oriente e dei Longobardi ariani.
I RE FRANCHI svolgeranno questo ruolo decisivo per l'Europa medievale.
I. LA DINASTIA MEROVINGIA
CL0D0VE0 unifica la Francia, con la guerra e col matrimonio (Clotilde). Si converte nel 496. I
Franchi baluardo del papato per oltre un millennio.
II. I PRINCIPI CAROLINGI
Alla sua morte PIPINO di Heristal, primo dei CAROLINGI, suo (di Clodoveo) MAGGIORDOMO
DI PALAZZO esercita il governo effettivo e lo rende ereditario trasferendolo ai figli.
CARLO MARTELLO suo figlio illegittimo, gli succede.
Doti di guerriero: contro i musulmani a POITIERS 732
Sostegno a Bonifacio in Germania
PIPINO IL BREVE, primo dei Carolingii a prendere il titolo di re nel 751 col consenso
del Papa.
Spedizione contro i Longobardi (754 - 756)
Donazione di Pipino al papa. Riguarda tutti i territori da Roma a
Ravenna (754) . Segna l'inizio degli stati pontifici. Dello stesso
periodo la falsa Donazione di Costantino. (Lorenzo Valla ne
dimostrer la falsit: De falso credita et ementita Constantini

donatione).
CARL0MAGN0

(742 - 814), figlio di Pipino il Breve, sale al trono nel 768.


Ama le attivit fisiche, la cultura, la religione. Ma ha
una vita privata disordinata.

2
8

Doti di condottiero - 50 campagne di


normalizzazione dei suoi domini
Espande i suoi confini in Italia (sconfitta dei
Longobardi) e in Germania (sottomissione dei
Sassoni).
Suo Impero: Italia fino a Roma - Francia - Germania
Abile amministrazione dell'impero: divisione in
zone e contee sotto un duca. I missi dominici con
funzioni ispettive.
Conferma della donazione di Pipino.
INCORONAZIONE A IMPERATORE DEL SACRO
ROMANO
IMPERO - Leone III - Messa di
Natale dell'800. Unit politica e
religiosa.
Braccio secolare e spirituale.
Conflitti successivi: tre teorie: a. primato dell'Imperatore
b. primato del papa c. coordinamento dei poteri.
I FIGLI DI CARLOMAGNO
Spartizione dellimpero tra gli eredi Dopo un lungo periodo di
TRATTATO DI VERDUN 843

guerre:

OTTONE 962 far rivivere


l'idea dell'impero 962 - 1806
SACRO ROMANO IMPERO
Carlo Magno molto interessato al progresso culturale:
La Scuola di Palazzo
Carlo Magno invita Alcuino di York a dirigere la Scuola di Palazzo di
Aquisgrana (Aachen).
Assimilazione di cultura classica e cristiana da parte dei popoli
germanici. Trasferimento della struttura del programma di studi
classico (trivio e quadrivio) alla universit medievale.
Amore per "La Citt di Dio" di Agostino.
Insisteva nella fondazione di monasteri per preparare un ceto
colto di interpreti delle Scritture
CONSEGUENZE DEL REGNO DI CARLOMAGNO
1.

La sua incoronazione: segno della riconciliazione tra vecchie (romane) e


nuove (teutoni) popolazioni dell'Impero.

2.

Mette fine al sogno dell'imperatore d'Oriente di riconquistare


la parte occidentale dell'Impero.

2
9

3.
4.

Aumento del prestigio del papa per l'incoronazione dell'imperatore.


Culmine del potere dei Franchi con l'incoronazione da parte del papa.

I. IL DECLINO DELL'IMPERO CAROLINGIO


A.

I deboli successori di Carlo Magno

La morte di Carlo Magno avvi la dissoluzione dell'impero per la


inadeguatezza del figlio e del nipote.
L'Impero dei Franchi si spezzetta.
B.

Il principio ereditario teutonico


Questo principio prescriveva la divisione della terra ereditata tra tutti i
figli maschi.
Ludovico il Pio, figlio di Carlo Magno, divide l'impero tra i suoi figli.
Muore nell'840.
Ludovico il Germanico: la maggior parte dell'attuale GERMANIA.
Carlo il Calvo: la maggior parte dell'attuale FRANCIA.
Lotario : titolo di Imperatore e una lunga striscia tra i due fratelli, che
andava dal Mare del Nord fino all'Adriatico. Lotario cerca di imporre
la sua autorit agli altri fratelli.

II. IL DECLINO DELL'IMPERO CAROLINGIO


C.

I deboli successori di Carlo Magno

La morte di Carlo Magno avvi la dissoluzione dell'impero per la


inadeguatezza del figlio e del nipote.
L'Impero dei Franchi si spezzetta.
D.

Il principio ereditario teutonico


Questo principio prescriveva la divisione della terra ereditata tra tutti i
figli maschi.
Ludovico il Pio, figlio di Carlo Magno, divide l'impero tra i suoi figli.
Muore nell'840.
Ludovico il Germanico: la maggior parte dell'attuale GERMANIA.
Carlo il Calvo: la maggior parte dell'attuale FRANCIA.
Lotario : titolo di Imperatore e una lunga striscia tra i due fratelli, che
andava dal Mare del Nord fino all'Adriatico. Lotario cerca di imporre
la sua autorit agli altri fratelli.

Strasburgo 842 - I due fanno lega contro di lui. Giurano nella

3
0

lingua popolare dei rispettivi popoli, riconoscendole cos come


lingue ufficiali.
Verdun 843 - I tre fratelli si riconciliano.
Il territorio dell'attuale Francia a Carlo il Calvo.
Il territorio dell'attuale Germania a Ludovico il
Germanico. La striscia centrale a Lotario.
Questa data segna la nascita degli stati moderni
di FRANCIA e GERMANIA.
Mersen 870 - Si spartiscono la striscia centrale tra i due regni, che
rimarr sempre motivo di rivalit tra le due nazioni. Ai discendenti di
Lotario solo i possedimenti in Italia.
E.

Il sorgere del Feudalesimo

La caduta dell'impero Romano causa :

declino della vita cittadina

declino commercio internazionale

caotiche condizioni di vita in generale


Risultato:

Ritorno alla terra


Una diversa struttura sociale:
1.
2.
3.

I CAVALIERI, sono proprietari della terra in cambio della protezione


e degli altri servizi che danno agli altri.
I SERVI DELLA GLEBA, sono i produttori - fondamento economico
del feudalesimo.
IL CLERO, ovvero gli oranti, la classe sacerdotale della Chiesa universale.

Il feudalesimo un sistema di organizzazione politica fondato sul possesso


della terra.
Il Signore del luogo, che anche colui che possiede la terra, garantisce il
governo locale (l'ordine e la giustizia).
Il castello (o il maniero) controlla il territorio che pu sostenere il cavaliere
armato.
Il cavaliere il gradino pi basso della piramide feudale. Egli protegge i servi
della gleba dai quali sostenuto.
Una struttura piramidale in cui ogni vassallo sottoposto al suo signore, fino
ad arrivare a Dio. Se il vassallo un cavaliere, ha l'obbligo di prestare ogni
anno 40 giorni di servizio militare al suo signore; se un ecclesiastico, la
preghiera.
Questa struttura si realizz in Inghilterra sotto Guglielmo il

3
1

Conquistatore. In Francia e Germania i rapporti, pure dello stesso


tipo, furono pi tenui.
Questa struttura consent alla societ di resistere nel caos seguito al
crollo dell'impero Carolingio, e alle invasioni dei Vichinghi in Europa
Occidentale e in Inghilterra.

FRANCHI
Franchi si fa derivare da wrang, errante, o frakkr, coraggioso; poi il nome
ricondotto a frank, libero.
- Salii sulla Mosa e sullIssel=Yssala, o da sal (latino), nel senso di
mare (acqua salata)
- Ripuari, lungo le ripae (rive) del baso Reno, pi a sud dei Salii.
486 re Clodoveo, de Franchi Salii (481-511), dinastia dei MEROVINGI
(ricondotta ad un mitico capostipite Meroveo), sconfigge Siagrio, generale
romano che si era costituito un regno nella Gallia di nord-est con capitale
Soissons.
496 battaglia di Tolbiac contro gli Alemanni. Gregorio di Tours narra che
Clodoveo promise la sua conversione al al Dio di Clotilde, la moglie
burgunda cristiana, in cambio della vittoria. Clodoveo vince e si converte
al cristianesimo cattolico,.
24 dicembre 496 battesimo di Clodoveo a Reims dal vescovo Remigio.
La conversione al cristianesimo cattolico permise a Clodoveo di avere il
sostegno dei vescovi.
Buoni rapporti e poi fusione con le aristocrazie gallo-romane e con la
Chiesa.
Gregorio vescovo di Tours (ca 538-594) scrive lHistoria Francorum,
ove Clodoveo presentato come un novello Costantino.
507 vittoria di Vouill contro Alarico II, ucciso in battaglia; i Visigoti lasciano ai Franchi lAquitania.

3
2

CONCEZIONE PATRIMONIALE DEL REGNO, diviso fra tutti i figli.


Dopo la morte di Clodoveo il regno diviso in 3, poi in 4 parti:
1)
Neustria a nord-ovest, tra Loira e Senna, capitale Parigi.
2) Austrasia, a nord-est, dalla Mosa fino ai territori ad est del Reno, capita- le
Reims, poi Metz.
3) Aquitania a sud-ovest, capitale Soissons.
4) Nel 534 i tre re franchi conquistarono la Borgogna, a sud-est, lungo il
bacino del Rodano, e se la spartirono. Pi tardi divenne una parte autonoma con capitale Orlans.

Si noti che le quattro capitali sono tutte nella zona centrosettentrionale della Gallia, attorno a Parigi, sottolineando cos l'unit franca anche nella ripartizione del regno.
MAGGIORDOMI DI PALAZZO (maiores domi), rappresentanti degli antrustioni, appartenenti alla trustis (guardia armata, compagni) del re. Esercitano il potere reale rispetto a quelli che saranno detti re fannulloni (o
impotenti, rois fainants).
Tra questi maggiordomi, si afferma la dinastia dei Pipinidi, da Pipino di
Landen (ca 560-640 o 647), maggiordomi di Austrasia.
687 Pipino II di Hristal (ca 640-714), sconfigge il maggiordomo di Neustria rimanendo unico padrone del regno.
714-741 Carlo Martello, figlio del precedente.
732 vittoria di Poitiers contro gli arabi, che nel 711 avevano iniziato la
conquista della Spagna e provano a spingersi oltre i Pirenei.
Organizzazione di vassalli che servono il sovrano in armi e ne ricevono un
beneficio o feodum. Per far ci Carlo Martello si serve delle terre appartenenti ai patrimoni ecclesiastici.
Si forma la cavalleria pesante franca.
Carlo Martello governa come un re e si fa chiamare re.

FRANCHI

cambio dinastico con appoggio papale


(Zaccaria, 741-752, Stefano II 752-757)
affermazione come potenza in Europa occidentale:
Carlo Martello maior domus (714-741)

732 vittoria Poitiers sugli Arabi;


Pipino (maior domus 741, re 751-768); d'accordo
col papa, 751 incoronato e unto re da Bonifacio (ucciso dai Frisni
754),
con cambio dinastico; Stefano II unge nuovamente lui ed i figli Carlo e Carlomanno
nel 754, ottenendo la promissio carisiaca.
Vittorie sul Longobardo Astolfo (755 e 756).
Carlo Magno, re dei Franchi 768 col fratello Carlomanno, 771 unico;
dopo un primo accordo anche matrimoniale, ripudia moglie ed alleanza con i
longobardi e sconfigge Desiderio (772 e 774) divenendo

rex Francorum et Langobardorum.


Spedizioni contro Avari (791, 795, 796), Sassoni (782-804),
Arabi in Penisola Iberica (778 Roncisvalle, 801 e 813 Marca Hispanica).
UNIONE PAPATO-FRANCHI A GUIDA DELLA CHRISTIANITAS:
800 (sacro romano) IMPERO papa Leone III (795-816) - Carlo Magno (+814)

FRANCHI

cambio dinastico con appoggio papale


(Zaccaria, 741-752, Stefano II 752-757)
affermazione come potenza in Europa occidentale:
Carlo Martello maior domus (714-741)
732 vittoria Poitiers sugli Arabi;
Pipino (maior domus 741, re 751-768); d'accordo
col papa, 751 incoronato e unto re da Bonifacio (ucciso dai Frisni
754),
con cambio dinastico; Stefano II unge nuovamente lui ed i figli Carlo e Carlomanno
nel 754, ottenendo la promissio carisiaca.
Vittorie sul Longobardo Astolfo (755 e 756).
Carlo Magno, re dei Franchi 768 col fratello Carlomanno, 771 unico;
dopo un primo accordo anche matrimoniale, ripudia moglie ed alleanza con i
longobardi e sconfigge Desiderio (772 e 774) divenendo

rex Francorum et Langobardorum.


Spedizioni contro Avari (791, 795, 796), Sassoni (782-804),
Arabi in Penisola Iberica (778 Roncisvalle, 801 e 813 Marca Hispanica).
UNIONE PAPATO-FRANCHI A GUIDA DELLA CHRISTIANITAS:
800 (sacro romano) IMPERO papa Leone III (795-816) - Carlo Magno (+814)

ANNALES REGNI FRANCORUM


ANNALES FULDENSES

DCCLI. Pippinus missa Romam legatione Zachariam papam interrogat de


regibus Francorum ex antiqua Meroingorum stirpe descendentibus, qui reges quidem dicebantur, sed potestas regni tota apud maiorem domus habebatur, excepto quod chartae et privilegia regis nomine scribebantur; et ad
Martis campum, qui rex dicebatur, plaustro bubus trahentibus vectus atque
in loco eminenti sedens semel in anno a populis visus publica dona sollemniter sibi oblata accipiebat, stante coram maiore domus et, quae
deinceps eo anno agenda essent, populis adnuntiante; sicque rege domum
redeunte cetera regni negotia maior domus administrabat. Orat ergo sibi
decerni, quis eorum iuste rex debeat dici et esse, is, qui securus domi sedeat, an ille, qui curam totius regni et omnium negotiorum molestias sufferat.
DCCLII. Zacharias papa ex auctoritate sancti Petri apostoli mandat populo
Francorum, ut Pippinus, qui potestate regia utebatur, nominis quoque dignitate frueretur. Ita Hildricus rex, qui ultimus Meroingorum Francis imperavit, depositus et in monasterium missus est, Pippinus vero in civitate
Suessionum a sancto Bonifatio archiepiscopo in regem unctus regni honore sublimatus est.
M.G.H. Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum,
ed. G. H. Pertz - F. Kurze, Hannover 1891

751. Pipino (il Breve), mandata a Roma una delegazione a papa Zaccaria,
gli chiede il suo parere sui re dei Franchi discendenti dall'antica stirpe dei
Merovingi, che erano chiamati re, ma tutto il potere del regno stava presso
il maior domus, a parte il fatto che i documenti e i privilegi venivano sottoscritti col nome del re. Ed al Campo di Marte quello che era chiamato re,
visto dai popoli una sola volta all'anno, portato su un carro tirato da buoi e
sedendo in luogo elevato, riceveva pubblici doni offertigli solennemente,
col maggiordomo che stava di fronte e che annunciava ai popoli le cose
che andavano fatte successivamente in quell'anno; e cos, tornando il re al
palazzo, il maggiordomo amministrava tutti gli altri affari del regno. Lo

prega quindi di decidere chi di loro debba a diritto essere chiamato ed


es- sere re, quello che sieda sicuro a casa o quello che sopporta la cura
di tutto il regno e le molestie di tutti gli affari.
752 [751]. Il papa Zaccaria comanda al popolo dei Franchi, per
l'autorit di san Pietro apostolo, che Pipino, che usava del potere regio,
fruisse anche della dignit del nome. Cos il re Childerico, ultimo re
dei Merovingi che comand sui Franchi, fu deposto e mandato in
monastero, mentre Pipino, unto re dal santo arcivescovo Bonifacio
nella citt di Suassons, fu innalza- to all'onore del regno.