Sei sulla pagina 1di 220

SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO

SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO

LATTIVITA DEL DIPARTIMENTO


PER LINFORMAZIONE E LEDITORIA
(2005-2014)

Deliberazione 20 luglio 2016, n. 7/2016/G

SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO


SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO

LATTIVITA DEL DIPARTIMENTO


PER LINFORMAZIONE E LEDITORIA
(2005-2014)

Hanno collaborato per listruttoria e lelaborazione dei dati: M. Antonietta Agostini, Sonia Caterini,
Francesco Abbondanza

SOMMARIO
Pag.
Deliberazione

..............................................................................................................

***
Relazione
Sintesi

....................................................................................................................

11

.........................................................................................................................

13

CAPITOLO I - Oggetto, modalit e svolgimento dellindagine

.....................................

15

CAPITOLO II - Il Dipartimento per linformazione e leditoria presso la Presidenza del


Consiglio dei ministri ...................................................................................................
1. Premessa .........................................................................................................
2. Informazione e comunicazione istituzionale .....................................................
3. Sostegno alleditoria ........................................................................................

21
21
22
25

CAPITOLO III - Il quadro normativo di riferimento dei contributi alleditoria ............


1. Il quadro normativo prima del d.l. n. 63/2012, convertito dalla l. n. 103/2012 ......
2. Il d.l. 18 maggio 2012, n. 63 ...............................................................................

27
27
31

CAPITOLO IV - I contributi diretti ............................................................................


1. Premessa .........................................................................................................
2. I requisiti per laccesso ai contributi diretti ......................................................
3. La procedura per laccesso ai contributi ...........................................................
4. I contributi diretti. Dati contabili ....................................................................
4.1. I contributi diretti alle imprese editrici ......................................................
4.2. I contributi diretti per i non vedenti ..........................................................
4.3. I contributi alla stampa estera ...................................................................
4.4. I contributi diretti a favore delle imprese radiofoniche e televisive .............

43
43
45
47
48
48
53
55
56

CAPITOLO V - I contributi indiretti ...........................................................................


1. Premessa .........................................................................................................
2. I contributi sui mutui ......................................................................................
3. I contributi in conto interessi ...........................................................................
4. Fondo agevolazione di credito ..........................................................................
5. Le agevolazioni per la spedizione in abbonamento postale di
prodotti editoriali ............................................................................................
6. Il rimborso per riduzioni tariffarie sui consumi .................................................

65
65
66
67
72
73
77

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
3

CAPITOLO VI - La comunicazione istituzionale .........................................................


1. La comunicazione a carattere pubblicitario ......................................................
2. Le campagne di comunicazione istituzionale ....................................................
2.1. La pianificazione delle campagne di comunicazione
..................................
2.2. I limiti di spesa .........................................................................................

79
79
79
80
81

CAPITOLO VII - Le convenzioni ................................................................................


1. Premessa .........................................................................................................
2. La diffusione di notizie italiane allestero .........................................................
3. Le spese di servizi di stampa e di informazione .................................................
4. Le convenzioni con la Rai ................................................................................
4.1. Le convenzioni con Rai-Italia ...................................................................
4.2. Le convenzioni per le minoranze linguistiche .............................................
4.3. Le convenzioni Presidenza del Consiglio dei ministri-Rai in attuazione
dellaccordo di collaborazione in materia radiotelevisiva tra la Repubblica
italiana e la Repubblica di San Marino, Rai servizi speciali aggiuntivi
e Tunisia ...................................................................................................
4.4. La convenzione Afghanistan .....................................................................

87
87
90
92
97
98
99

CAPITOLO VIII - Conclusioni e raccomandazioni

111

.......................................................

100
109

***
INDICE DELLE TABELLE
Tabella
Tabella
Tabella
Tabella
Tabella

1 - Andamento degli stanziamenti definitivi di competenza ............................


2 - Totale generale degli stanziamenti definitivi di competenza (2005-2014) ........
3 - Nomenclatore ...............................................................................................
4 - Cap. 466 - I contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici ..........
5 - Cap. 469 - Il contributo a favore delleditoria speciale periodica per
non vedenti ..............................................................................................
Tabella 6 - Cap. 473 - Il contributo allAssociazione stampa estera .............................
Tabella 7 - Cap. 465 - I contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese
televisive ..................................................................................................
Tabella 8 - Cap. 467, poi cap. 935 - I contributi sui mutui concessi dalle banche alle
imprese editoriali per lestinzione dei debiti emergenti dal bilancio
al 31 dicembre 1990 ..................................................................................
Tabella 9 - Cap. 936 - I contributi in conto interessi su finanziamenti per
sviluppo settore stampa quotidiana e periodica .........................................
Tabella 10 - Cap. 938 - Il Fondo agevolazioni di credito ...............................................
Tabella 11 - Cap. 472 - I rimborsi alle Poste italiane s.p.a. ............................................
Tabella 12 - Cap. 468 - Il rimborso riduzioni tariffarie su consumi di energia
elettrica e canoni servizi telecomunicazione ...............................................
Tabella 13 - Cap. 563 - I progetti di comunicazione a carattere pubblicitario
ritenuti di particolare utilit sociale o interesse pubblico
.........................
Tabella 14 - Cap. 479 - Le spese per la diffusione di notizie italiane attraverso agenzie
italiane di informazione con rete di servizi esteri su piano mondiale ..........
Tabella 15 - Cap. 560 - Le spese di servizi di stampa e di informazione
.........................
Tabella 16 - Cap. 560 - Gli importi convenzione con le agenzie di stampa
dal 2005 al 2014 .........................................................................................

17
18
19
49
54
55
59
66
69
72
76
77
82
90
92
96

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
4

Tabella 17 - Cap. 475 - Le somme da corrispondere alla Rai per i servizi speciali
aggiuntivi a quelli in concessione nonch a titolo di rimborso delle spese
per lestensione al territorio di Trieste della convenzione 26 gennaio 1952
concernente la concessione dei servizi circolari di radioaudizione
e di televisione ..........................................................................................
Tabella 18 - Cap. 476 - La somma da corrispondere alla Rai in attuazione degli
accordi di collaborazione in materia radiotelevisiva tra la Repubblica italiana
e la Repubblica di San Marino firmata a Roma il 23 ottobre 1987 .............
Tabella 19 - Cap. 487 - La somma da corrispondere alla Rai-Radiotelevisione italiana
s.p.a. in attuazione degli accordi in materia radiotelevisiva tra il Governo
della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica tunisina ...............

102
106
108

INDICE DEI GRAFICI


Grafico 1 - Stanziamento definitivo di competenza 2005-2014 ....................................
Grafico 2 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 466) ..................
Grafico 3 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 466) ................................................................
Grafico 4 - Andamento dei residui iniziali (cap. 466) ...................................................
Grafico 5 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 466) ...........................................................................
Grafico 6 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 465) ..................
Grafico 7 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 465) ................................................................
Grafico 8 - Andamento dei residui iniziali (cap. 465) ...................................................
Grafico 9 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 465) ..........................................................................
Grafico 10 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 936) ..................
Grafico 11 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 936) ................................................................
Grafico 12 - Andamento dei residui iniziali (cap. 936) ...................................................
Grafico 13 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 936) ...........................................................................
Grafico 14 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 563) ..................
Grafico 15 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 563) ................................................................
Grafico 16 - Andamento dei residui iniziali (cap. 563) ...................................................
Grafico 17 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 563) ..........................................................................
Grafico 18 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 560) ..................
Grafico 19 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 560) ................................................................
Grafico 20 - Andamento dei residui iniziali (cap. 560) ...................................................
Grafico 21 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 560) ..........................................................................
Grafico 22 - Andamento degli stanziamenti totali di competenza (cap. 475) ..................
Grafico 23 - Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti
totali di competenza (cap. 475) ................................................................
Grafico 24 - Andamento dei residui iniziali (cap. 475) ...................................................
Grafico 25 - Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e
residui iniziali (cap. 475) ..........................................................................

17
50
51
51
52
61
61
62
62
70
71
71
72
84
84
85
85
93
94
94
95
103
104
104
105

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
5

***
APPENDICE
Appendice 1: Tabella 4 - Contributi per quotidiani editi da cooperative di giornalisti
(art. 3, c. 2, l. n. 250/1990) .......................................................................
Appendice 1-bis: Tabella 4 - Contributi per quotidiani editi da imprese editrici
la cui maggioranza del capitale sia detenuta da cooperative, fondazioni o
enti morali (art. 3, c. 2-bis, l. n. 250/1990) ................................................
Appendice 1-ter: Tabella 4 - Contributi per quotidiani italiani editi e diffusi allestero
(art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990) ..................................................................
Appendice 1-quater: Tabella 4 - Contributi per quotidiani italiani editi in lingua francese,
ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle dAosta, Friuli-Venezia
Giulia e Trentino-Alto Adige (art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990) .....................
Appendice 1-quinquies: Tabella 4 - Contributi per periodici editi da cooperative
di giornalisti (art. 3, c. 2-quater, l. n. 250/1990) ........................................
Appendice 1-sexies: Tabella 4 - Contributi ex art. 3, c. 3, d.p.r. 25 novembre 2010,
n. 223 .....................................................................................................
Appendice 1-septies: Tabella 4 - Contributi per imprese editrici di quotidiani
o periodici organi di movimenti politici, trasformatesi in cooperativa
entro e non oltre il 1 dicembre 2001 (art. 153, l. n. 388/2000) ...................
Appendice 1-octies: Tabella 4 - Contributi alle imprese editrici di periodici che
risultino esercitate da cooperative, fondazioni o enti morali ovvero da societ
la cui maggioranza del capitale sociale delle quali sia detenuta da cooperative,
fondazioni o enti morali, che non abbiano scopo di lucro
(art. 3, c. 3, l. n. 250/1990) .......................................................................
Appendice 1-nonies: Tabella 4 - Contributi ai giornali italiani pubblicati e diffusi
allestero (art. 26, l. n. 416/1981) .............................................................
Appendice 1-decies: Tabella 4 - Contributi alle pubblicazioni edite in Italia e
diffuse prevalentemente allestero (art. 26, l. n. 416/1981) ........................
Appendice 2: Tabella 5 - Contributi alleditoria speciale periodica per non vedenti
(art. 8, d.l. n. 442/1996, convertito dalla l. n. 469/1996) ...........................
Appendice 3: Tabella 7 - Contributi alle emittenti radiofoniche organi di partiti
politici (art. 4, l. n. 250/1990) ..................................................................
Appendice 3-bis: Tabella 7 - Contributi alle imprese televisive organi di partiti
politici (art. 7, c. 13, l. n. 112/2004) .........................................................
Appendice 3-ter: Tabella 7 - Contributi per canali satellitari tematici
(art. 7, c. 13, l. n. 112/2004) .....................................................................
Appendice 3-quater: Tabella 7 - Contributi erogati alle emittenti radiofoniche che
trasmettono in lingua tedesca liquidati (art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990) ........
Appendice 4 - Risultati degli accertamenti derivanti da indagini giudiziarie e dai
controlli svolti dalla Guardia di finanza ....................................................
Quadro sinottico normativo

.........................................................................................

117
123
127
131
135
141
145

149
163
173
177
183
187
191
195
199
203

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
6

DELIBERAZIONE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
7

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
8

Deliberazione n. 7/2016/G
REPUBBLICA ITALIANA
la Corte dei conti
Sezione centrale di controllo
sulla gestione delle amministrazioni dello Stato
Adunanza dei collegi I e II e del collegio per il controllo sulle entrate del 14 giugno 2016
e Camera di consiglio del 5 luglio 2016
***
Vista la l. 14 gennaio 1994, n. 20 e, in particolare, lart. 3, c. 4, ai sensi del quale la Corte dei
conti svolge il controllo sulle gestioni delle amministrazioni pubbliche, verificandone la legittimit e
la regolarit, il funzionamento degli organi interni, nonch la corrispondenza dei risultati
dellattivit amministrativa agli obiettivi stabiliti dalla legge, valutando comparativamente costi,
modi e tempi dello svolgimento dellazione amministrativa;
vista la deliberazione della Sezione n. 25/2009/G, con la quale stato approvato il
programma di controllo sulla gestione per lesercizio 2010;
vista la relazione, presentata dal consigliere Roberto Milaneschi, che illustra gli esiti
dellindagine condotta in merito a Lattivit del Dipartimento per linformazione e leditoria (20052014);
vista lordinanza in data 31 maggio 2016, con la quale il presidente della Sezione ha
convocato il I e il II collegio e il collegio per il controllo sulle entrate per ladunanza del 14 giugno
2016, al fine della pronuncia sulla gestione in argomento;
vista la nota n. 2506 del 31 maggio 2016, con la quale il Servizio di segreteria per le adunanze
ha trasmesso la relazione ai seguenti uffici:
- Presidenza del Consiglio dei ministri - Segretariato generale;
- Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per linformazione e leditoria;
- Presidenza del Consiglio dei ministri - Ufficio per il controllo interno, la trasparenza e
lintegrit;
- Ufficio centrale di bilancio presso la Presidenza del Consiglio dei ministri;
preso atto della nota informativa, trasmessa dalla Presidenza del Consiglio dei ministri Dipartimento per linformazione e leditoria, prot. n. 2750 del 17 giugno 2016,
udito il relatore, cons. Roberto Milaneschi;

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
9

uditi, in rappresentanza dellamministrazione convocata:


- per la Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per linformazione e leditoria,
il cons. Roberto Marino e la dott.ssa Rosalba Intelisano;
- per la Presidenza del Consiglio dei ministri - Ufficio per il controllo interno, la trasparenza
e lintegrit, la dott.ssa Marisa Algeri,
DELIBERA
di approvare, con le modifiche apportate dal collegio in camera di consiglio, la relazione
concernente Lattivit del Dipartimento per linformazione e leditoria (2005-2014).
La presente deliberazione e lunita relazione sono inviate, ai sensi e per gli effetti dellart. 3,
c. 6, l. n. 20/1994, come modificato dallart. 1, c. 172, l. 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria
2006) e dallart. 3, c. 64, l. 24 dicembre 2007, n. 244, a cura della Segreteria della Sezione:
- alla Presidenza del Senato della Repubblica e alla Presidenza della Camera dei deputati;
- alla Presidenza del Consiglio dei ministri;
- al Ministero delleconomia e delle finanze;
- alle Sezioni riunite in sede di controllo.
Lamministrazione interessata:
adotter, entro trenta giorni dalla ricezione della presente relazione, leventuale
provvedimento motivato previsto dallart. 3, c. 64, l. n. 244/2007, ove ritenga di non ottemperare ai
rilievi formulati;
comunicher alla Corte e al Parlamento, entro sei mesi dalla data di ricevimento della
presente relazione, le misure consequenziali adottate ai sensi dellart. 3, c. 6, l. n. 20/1994, come
modificato dallart. 1, c. 172, l. n. 266/2005.
La presente deliberazione soggetta a obbligo di pubblicazione, ai sensi dellart. 31 d.lgs. 14
marzo 2013, n. 33 (concernente il Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicit,
trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni).
Il consigliere relatore

Il presidente

f.to Milaneschi

f.to DAuria

Depositata in segreteria il 20 luglio 2016

La dirigente
f.to Troccoli

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
10

RELAZIONE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
11

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
12

Sintesi
1. - Lindagine sulla gestione del Dipartimento per linformazione e leditoria (Die) per
gli interventi a sostegno delleditoria abbraccia un arco di tempo che va dal 2005 al 2014.
Dallistruttoria sono emersi tre profili salienti che riguardano: 1) lentit delle risorse e la
loro progressiva riduzione; 2) la pluralit dei beneficiari di contributi e provvidenze e la sua
articolazione; 3) i criteri di calcolo dei benefici e la vicenda della loro modificazione.
Ciascuno di questi temi stato interessato, dagli anni Ottanta dello scorso secolo ad oggi,
da continui e rilevanti mutamenti normativi, che hanno determinato sovrapposizioni e
intrecci fra disposizioni non coordinate, sovente assai minuziose e particolareggiate, tanto
da dare luogo talvolta quasi a norme-provvedimento, a beneficio di circoscritte categorie.
Si cos sviluppato un tessuto normativo di speciale complessit, se non addirittura di
estrema farraginosit, tale da offuscarne la leggibilit e renderne problematica la stessa
applicazione.
Proprio per dare conto di tale asserzione si scelto di offrire una ricostruzione puntuale
e analitica del quadro normativo, anche a costo di una lettura non sempre del tutto agevole
del testo.
2. - Lestrema complessit normativa ha reso possibili, specie nel passato, taluni abusi e
irregolarit nel settore dei contributi alle imprese, che peraltro gli ultimi interventi
normativi orientati alla semplificazione (si veda, in particolare, il cap. III) sembrano voler
contrastare con una certa efficacia.
Occorrerebbe, altres, evitare che sia ostacolato e di fatto impedito lingresso di nuovi
soggetti, a causa di norme specifiche che appaiono formulate per salvaguardare lesistente,
come avvenuto per le testate organi di partiti politici.
In ogni caso, al di l di tali interventi, si ritiene che siano indispensabili misure di reale
semplificazione e razionalizzazione dei criteri di ammissione ai benefici e dei relativi criteri
di calcolo.
Inoltre, suscita perplessit lassetto della Commissione tecnico-consultiva, poich
nellesercizio delle sue funzioni di organo sostanzialmente decisionale con esplicite funzioni
deliberative nella materia dei contributi per i periodici italiani allestero non garantisce
sufficientemente lassenza di ogni possibile interferenza o commistione con gli interessi dei

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
13

potenziali beneficiari delle provvidenze; sarebbe, pertanto, auspicabile il suo superamento,


con lintroduzione di un nuovo modello organizzativo.
3. - La relazione d conto, oltre che dei mutamenti normativi cui s accennato, della
distinzione fra contributi diretti e indiretti, dei rispettivi criteri di calcolo cos come si
sono evoluti nel tempo, dei requisiti di accesso dei possibili beneficiari, del quadro contabilefinanziario relativo alle diverse provvidenze.
Un capitolo stato anche dedicato al tema della comunicazione istituzionale, la quale,
sebbene non sia ricompresa in senso stretto nella materia delle provvidenze alleditoria,
incide indirettamente, attraverso convenzioni con soggetti vari, sul profilo economico di
attivit editoriali rilevanti, quali per esempio quelle delle agenzie di stampa.
4. - La dimensione delle risorse pubbliche riservate al Dipartimento per leditoria ha
subito dal 2005 al 2014, una incisiva decrescita, tale da raggiungere nellultimo anno del
periodo considerato poco pi di un terzo di quella iniziale.
Rispetto al continuo ridimensionamento delle risorse assegnato al Die, stato evidenziato
che se da un lato hanno subito decurtazioni quasi lineari i trasferimenti per i contributi
diretti e indiretti alle imprese editrici, dallaltro rimasta pressoch invariata la parte
riservata alle convenzioni stipulate con le agenzie di stampa. Si tratta di una scelta di alta
amministrazione che non sindacabile in questa sede, ma che merita in ogni caso di essere
segnalata.
Lesame degli elenchi dei soggetti ammessi ai benefici, in particolare per quanto riguarda
quelli concessi a quotidiani e periodici, pone in evidenza lestrema frammentazione che
caratterizza la distribuzione di tali provvidenze, cui accede un numero assai considerevole
di piccole testate a diffusione spesso prettamente locale.
5. - Il rispetto delle prerogative spettanti al legislatore nella definizione dei requisiti per
laccesso alle provvidenze finalizzate alla promozione del pluralismo informativo non esime
la Corte dal rilevare come la polverizzazione dei contributi (cfr. in particolare Appendice 1quinquies, tabella 4), unita al cospicuo ridimensionamento delle risorse disponibili,
costituisca motivo di riflessione circa la eventualit di assicurare il pluralismo anche
attraverso strumenti diversi dalla erogazione di contributi finanziari.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
14

CAPITOLO I
OGGETTO, MODALIT E SVOLGIMENTO DELLINDAGINE

Lindagine stata intesa ad analizzare lattivit svolta dal Dipartimento per


linformazione e leditoria nella gestione delle risorse destinate alle provvidenze per
leditoria, con riferimento al periodo 2005-2013, e proiezioni al 2014.
Durante tale periodo, il settore delle provvidenze pubbliche alleditoria stato
caratterizzato dai continui mutamenti del quadro normativo, orientato in direzione della
razionalizzazione e del contenimento delle risorse, anche al fine pi evidente negli anni
recenti di stimolare la modernizzazione delle imprese, di tutelare quelle economicamente
pi deboli (societ cooperative) o privilegiare le minoranze linguistiche, oppure ancora le
testate di partito, secondo una linea interpretativa del dettato costituzionale che ritiene la
stampa, anche e in primo luogo quella espressione delle formazioni politiche, uno strumento
fondamentale a garanzia del pluralismo informativo.
Tali obiettivi sono tutti riassumibili nella volont del legislatore di attuare la pi ampia
e concreta libert di stampa, a prescindere dai condizionamenti economici che possono
incidere sulle attivit editoriali.
Gli strumenti adottati si sono nel tempo evoluti e articolati, ma rimangono pur sempre
riconducibili a due grandi categorie: quella dei contributi diretti (cfr. cap. IV) e quella dei
contributi indiretti (cfr. cap. V).
Nella categoria dei contributi diretti rientrano numerose tipologie di provvidenze quali:
-

i contributi in favore di imprese editrici di quotidiani e periodici editi da cooperative


di giornalisti, nonch da societ la cui maggioranza sia detenuta da cooperative;

i contributi per quotidiani di minoranze linguistiche;

i contributi per quotidiani italiani editi e/o diffusi allestero;

i contributi per periodici editi da associazioni di consumatori ed utenti;

i contributi in favore delleditoria periodica per i non vedenti;

i contributi per quotidiani e periodici organi di forze politiche ed equivalenti;

i contributi a emittenti radiofoniche nazionali e locali e emittenti televisive locali.

I contributi indiretti sono costituiti da:


-

agevolazioni di credito in conto interessi per progetti di ristrutturazione tecnicoproduttiva;

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
15

riduzioni tariffarie, telefoniche ed elettriche, in favore di emittenti radiofoniche e


televisive locali;

tariffe postali agevolate in favore di imprese editrici di quotidiani e periodici e


imprese editrici di libri.

Nel riassumere i temi salienti che caratterizzano lintero settore dei sostegni alleditoria
in senso lato, si possono individuare tre profili: il primo riguarda la dimensione delle risorse
pubbliche erogate; il secondo concerne la platea dei beneficiari; il terzo attiene ai criteri di
calcolo dei contributi.
Per il primo punto, va detto che le risorse pubbliche riservate alleditoria dal 2005 al 2014
hanno subito un deciso ridimensionamento, tanto da raggiungere nellultimo anno del
periodo considerato poco pi di un terzo del dato di partenza (cfr. tabella 1 e grafico 1). Al
riguardo, la relazione di indagine sottolinea, anche alla luce dei mutamenti normativi, le
variazioni finanziarie che le singole categorie di contributi hanno subito nel tempo.
Anche per il secondo aspetto, si assiste, nel corso del tempo, ad un restringimento
quantitativo, ma anche della platea dei beneficiari, come viene illustrato nei capitoli
successivi.
Per lultimo punto, infine, il susseguirsi degli interventi normativi ha mutato molteplici
parametri che riguardano, per leditoria a stampa, il conteggio delle copie (tiratura o
distribuzione oppure infine vendita), il calcolo dei costi fissi delle imprese e dei relativi tetti.
Lanalisi di tali aspetti viene condotta sia nellillustrazione del quadro normativo e dei
suoi mutamenti (cfr. cap. III), sia nellapprofondimento delle singole fattispecie di
provvidenza (cfr. capp. IV, V, VI, VII), con lanalisi delle rispettive risultanze contabili.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
16

Tabella 1 - Andamento degli stanziamenti definitivi di competenza


importi in milioni

C.D.R. 9 - Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento informazione e editoria

Stanziamento definitivo di
competenza

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

633

530

564

506

346

411

381

280

271

232

Fonte: Conti finanziari


approvati con:
2005

d.p.c.m. 11 maggio 2006

2006

d.p.c.m. 30 maggio 2007

2007

d.p.c.m. 24 aprile 2008

2008

d.p.c.m. 28 maggio 2009

2009

d.p.c.m. 9 giugno 2010

2010

d.p.c.m. 24 maggio 2011

2011

d.p.c.m. 30 maggio 2012

2012

d.p.c.m. 29 marzo 2013

2013

d.p.c.m. 10 giugno 2014

2014

d.p.c.m. 27 maggio 2015

Grafico 1
Stanziamento definitivo
di competenza 2005-2014

700
600
500
400
300
200
100
0

2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014

Importo 633

530

564

506

346

411

381

280

271

232

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
17

Tabella 2 - Totale generale degli stanziamenti definitivi di competenza (2005-2014)


Capitolo

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

466

173.558.706,00

246.958.000,00

194.831.448,27

209.368.132,76

185.158.863,00

185.295.945,42

169.067.907,13

106.721.533,25

89.739.972,97

49.063.642,00

469

470.000,00

980.000,00

1.000.000,00

2.000.000,00

1.000.000,00

1.000.000,00

1.000.000,00

1.000.000,00

1.000.085,59

1.000.000,00

473

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

465

30.341.978,39

32.523.000,00

26.313.518,82

32.192.860,38

30.039.253,92

18.541.944,02

13.982.286,48

14.748.576,33

8.058.838,29

7.126.613,33

467-935

6.300.000,00

6.300.000,00

8.548.625,31

12.671.297,56

0,00

0,00

0,00

0,00

941.824,59

11.238,48

936

13.076.000,00

15.000.000,00

425.792,43

425.792,43

0,00

219.216,31

60.000,00

0,00

4.280.217,95

50.567,01

938

12.000.000,00

0,00

15.500.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

472

0,00

0,00

0,00

44.500.000,00

0,00

50.800.000,00

50.800.000,00

50.800.000,00

50.800.000,00

50.800.000,00

468

18.988.460,56

8.276.189,00

9.204.566,00

4.363.148,54

0,00

0,00

1.857.868,63

96.145,50

2.030.000,00

0,00

563

12.200.000,00

11.864.000,00

20.864.000,00

10.000.000,00

14.989.348,00

2.294.668,80

8.950.000,00

6.437.704,26

3.302.079,75

2.433.148,80

479

9.506.000,00

8.662.000,00

8.500.000,00

7.850.000,00

7.850.000,00

7.700.460,00

10.023.796,00

7.484.914,20

7.600.000,00

9.118.597,00

560

41.693.000,00

41.543.000,00

39.650.000,00

40.650.000,00

40.051.928,00

40.075.595,45

39.846.645,00

36.336.322,56

36.120.000,00

36.075.000,00

475

49.133.000,00

44.287.000,00

54.500.000,00

59.211.759,00

60.157.760,00

49.705.000,32

52.092.876,72

22.410.000,00

21.000.000,00

14.000.000,00

476

3.099.000,00

3.099.000,00

3.281.500,00

3.099.000,00

3.099.000,00

3.099.000,00

3.098.741,00

3.098.741,00

0,00

6.000.000,00

487

1.549.000,00

1.549.000,00

1.549.000,00

1.549.000,00

1.549.000,00

626.100,94

0,00

0,00

1.549.000,00

0,00

371.924.144,95

421.050.189,00

384.177.450,83

427.889.990,67

343.904.152,92

359.366.931,26

350.789.120,96

249.142.937,10

226.431.019,14

175.687.806,62

Totale

2013

2014

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.


N.B. Si segnala che sono considerati i capitoli di spesa pi significativi ai fini della presente indagine.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
18

Tabella 3 - Nomenclatore
465

Contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese televisive

466

Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici

468

Rimborso riduzioni tariffarie sui consumi di energia elettrica e canoni servizi telecomunicazioni

469

Contributo a favore dell'editoria speciale periodica per non vedenti

472

Rimborso alla societ italiana Poste s.p.a. del rateo dovuto ai sensi del d.l. n. 262/2006

473

Contributo allassociazione stampa estera

475

Somme da corrispondere alla Rai servizi speciali aggiuntivi a quelli in concessione, nonch a titolo di
rimborso delle spese per lestensione al territorio di Trieste della Convenzione 26 gennaio 1952, concernente
la concessione dei servizi circolari di radioaudizione e di televisione

476

Somme da corrispondere alla Rai in attuazione degli accordi di collaborazione in materia radiotelevisiva tra
la Repubblica italiana e la Repubblica di San Marino firmata a Roma il 23 ottobre 1987

479

Spese per la diffusione di notizie italiane attraverso agenzie italiane di informazione con rete di servizi esteri
su piano mondiale

487

Somme da corrispondere alla Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a. in attuazione degli accordi in materia
radiotelevisiva tra il governo della Repubblica italiana e il governo della Repubblica tunisina

560

Spese di servizi di stampa e di informazione

563

Progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare utilit sociale o interesse pubblico

935

Contributi sui mutui concessi dalle banche alle imprese editoriali per lestinzione dei debiti emergenti dal
bilancio al 31 dicembre 1990

936

Contributi su conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa quotidiana e periodica

938

Fondo agevolazioni di credito

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
19

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
20

CAPITOLO II
IL DIPARTIMENTO PER LINFORMAZIONE E LEDITORIA
PRESSO LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Sommario: 1. Premessa. - 2. Informazione e comunicazione istituzionale. - 3. Sostegno alleditoria.

1. Premessa
Il d.lgs. 30 luglio 1999, n. 303, allart. 2, c. 2, lett. l), ha previsto che il Presidente del
Consiglio dei ministri si avvalga del Dipartimento per linformazione e leditoria per
lesercizio, in forma organica ed integrata, delle funzioni di coordinamento delle attivit di
comunicazione istituzionale, di informazione, nonch relative alleditoria e ai prodotti
editoriali.
Il Dipartimento per linformazione e leditoria (dora in avanti Die) rappresenta la
struttura di supporto del Presidente del Consiglio per operare nellarea funzionale relativa
al coordinamento delle attivit di comunicazione istituzionale, di informazione, di
pubblicit, di attuazione della legislazione riguardante le provvidenze alleditoria e ai
prodotti editoriali e di documentazione istituzionale.
Esso cura, altres, gli affari relativi alleditoria e alla stampa, nonch le attivit inerenti
i compiti che lart. 2 del d.l. 26 aprile 2005, n. 631, convertito con modificazioni dalla l. 25
giugno 2005, n. 109, attribuisce al Presidente e alla Presidenza del Consiglio dei ministri.
Lorganizzazione del dipartimento regolata dal d.p.c.m. 15 novembre 2012.
Nellambito del dipartimento si distinguono tre aree di intervento, corrispondenti ai tre
uffici in cui lo stesso organizzato:
1) Ufficio per lattivit di informazione e comunicazione istituzionale;
2) Ufficio sostegno alleditoria;
3) Ufficio per la tutela del diritto dautore e vigilanza sulla Siae e lImaie.
Una parte importante dellattivit gestionale svolta dal dipartimento riguarda le forme
di intervento rivolte ad assicurare linformazione e comunicazione, tramite i mass media, in
ordine alloperato del Governo.

Lart. 2 del d.l. n. 63/2005 reca: Coordinamento delle politiche in materia di diritto dautore.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
21

Tale competenza intestata allUfficio per linformazione e la comunicazione


istituzionale2, articolato in due servizi: servizio I, comunicazione istituzionale; servizio II,
informazione, rapporti con la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo e
pubblicazioni istituzionali (art. 30 d.p.c.m. 1 ottobre 2012, decreto sottosegretario per
linformazione e la comunicazione 15 novembre 2012).

2. Informazione e comunicazione istituzionale


Lart. 11, c. 4, d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, ha stabilito che le amministrazioni dello Stato
ricorrano, per lattuazione di iniziative di comunicazione di pubblica utilit volte ad
assicurare la conoscenza di normative, servizi e strutture, al Die, quale struttura centrale di
servizio.
Il caposaldo normativo dellattivit di informazione e comunicazione della pubblica
amministrazione costituito dalla l. n. 150/2000, recante la disciplina delle attivit di
informazione e comunicazione delle pubbliche amministrazioni; con essa la comunicazione
pubblica diviene obbligo e ne vengono definiti strumenti e soggetti.
E, quindi, la legge a determinare la competenza in materia del dipartimento,
chiarendone le funzioni; lart. 11, c. 2, l. n. 150/2000 stabilisce che il Die provvede in
particolare a:
- svolgere funzioni di centro di orientamento e consulenza per le amministrazioni statali ai
fini della messa a punto dei programmi e delle procedure3. Il dipartimento pu anche
fornire i supporti organizzativi alle amministrazioni che ne facciano richiesta;

Il d.p.c.m. 15 novembre 2012, art. 4, c. 1, recita: LUfficio svolge i compiti affidati al dipartimento in
materia di informazione e comunicazione istituzionale. In particolare, ai sensi dellart. 3 della l. 7 giugno 2000,
n. 150, determina i messaggi di utilit sociale ovvero di pubblico interesse che la concessionaria del servizio
pubblico radiotelevisivo pu trasmettere a titolo gratuito.
Cura, altres, la produzione editoriale della Presidenza del Consiglio dei ministri ed il sito ufficiale dei sondaggi
politici ed elettorali (art. 8, c. 3, l. 22 febbraio 2000, n. 28), nonch il sito del dipartimento.
Provvede, con apposite convenzioni, alla fornitura dei servizi di agenzia generali e specialistici per la
Presidenza del Consiglio dei ministri e per tutte le altre amministrazioni dello Stato, Organi costituzionali ed
autorit indipendenti.
3 Le amministrazioni si avvalgono del dipartimento quale centro di orientamento e di consulenza sulla materia
della comunicazione istituzionale e, se necessario, possono chiedere al dipartimento stesso la realizzazione delle
campagne o il supporto per la medesima pianificazione sui mezzi di comunicazione. A norma dellart. 11, c. 1,
della l. n. 150/2000, le amministrazioni statali elaborano annualmente il programma delle iniziative di
comunicazione che intendono realizzare nellanno successivo, comprensivo dei progetti di comunicazione a
carattere pubblicitario (art. 13), sulla base delle indicazioni metodologiche del dipartimento. Il programma
trasmesso entro il mese di novembre di ogni anno allo stesso dipartimento.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
22

- sviluppare adeguate attivit di conoscenza dei problemi della comunicazione pubblica


presso le amministrazioni;
- stipulare, con i concessionari di spazi pubblicitari, accordi quadro nei quali sono definiti
criteri di massima delle inserzioni radiofoniche, televisive o sulla stampa, nonch le
relative tariffe;
- promuovere conoscenze allargate ed approfondite su temi di rilevante interesse pubblico
e sociale.
In particolare, lart. 124 della citata l. n. 150/2000 stabilisce che tutte le campagne di
comunicazione istituzionale del Governo sono coordinate dal dipartimento e che le
amministrazioni dello Stato devono inviare al Die i progetti di comunicazione che prevedono
la diffusione dei messaggi sui mezzi di comunicazione di massa5.
Inoltre, le amministrazioni dello Stato, nel predisporre tali progetti, sono tenute a
rispettare il principio della non discriminazione, al fine di garantire la pluralit delle fonti
di informazione, cos come espressamente stabilito dalla direttiva 27 settembre 20006.
Interessante appare, in questambito, lattivit che si sostanzia nella realizzazione di
campagne pubblicitarie di particolare utilit sociale o di interesse pubblico, attuate
attraverso lacquisto di spazi pubblicitari sui giornali o attraverso messaggi teletrasmessi7.
Ai fini dellacquisto di tali spazi pubblicitari vanno applicate le norme dellart. 41 d.lgs.
31 luglio 2005, n. 1778 e della direttiva della Presidenza del Consiglio dei ministri del 28
4

Lart. 12, c. 1, l. n. 150/2000, reca: Sulla base dei programmi presentati dalle amministrazioni statali, il
dipartimento predispone annualmente il piano di comunicazione, che approvato dal Presidente del Consiglio
dei ministri. Lart. 12, c. 2, reca: Una copia del piano approvato trasmessa alle amministrazioni. Ciascuna
amministrazione realizza il piano per le parti di specifica competenza anche avvalendosi della collaborazione
del Dipartimento per linformazione e leditoria. Entro il 31 gennaio dellanno successivo a quello di
riferimento, i ministri trasmettono al Presidente del Consiglio una relazione su quanto previsto da tale
comma.
5 Secondo il disposto dellart. 13, della l. n. 150/2000, le amministrazioni dello Stato sono tenute ad inviare al
dipartimento, ai fini della formulazione di un preventivo parere, i progetti di comunicazione a carattere
pubblicitario che prevedono la diffusione dei messaggi sui mezzi di comunicazione di massa. Ai sensi del
successivo art. 14 della medesima l. n. 150/2000, al finanziamento e alla realizzazione dei progetti di
comunicazione a carattere pubblicitario delle amministrazioni dello Stato ritenuti di particolare utilit sociale
o di interesse pubblico, provvede il dipartimento.
6 Lart. 4 della direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri 27 settembre 2000 detta il riparto tra mezzi
di comunicazione di massa: 50 per cento stampa nazionale e/o locale e radio equiparate; 15 per cento emittenti
radio ed emittenti televisive locali con effettivo utilizzo di entrambi i mezzi; 35 per cento libero.
7 Lart. 3, c. 1, della l. n. 150/2000, prevede che la Presidenza del Consiglio dei ministri determina i messaggi
di utilit sociale ovvero di pubblico interesse, che la concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo pu
trasmettere a titolo gratuito.
8 D.lgs. n. 177/2005 Testo unico della radiotelevisione. Art. 41 Destinazione della pubblicit di
amministrazioni ed enti pubblici: 1. Le somme che le amministrazioni pubbliche o gli enti pubblici anche
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
23

settembre 20099, che, in ragione del fatto che le amministrazioni pubbliche non possono
essere considerate al pari di qualsiasi altro inserzionista privato, stabiliscono le percentuali
e le modalit che le stesse devono rispettare nellacquisto di spazi per pubblicit
istituzionale.
Per la realizzazione dei programmi di informazione e comunicazione istituzionali
vengono utilizzati fondi allocati sul cap. 2183 del Ministero delleconomia, intestato agli
interventi del Dipartimento delleditoria.
Ai sensi dellart. 14 l. n. 150/2000, lesecuzione dei progetti di comunicazione a carattere
pubblicitario delle amministrazioni dello Stato, ritenuti di particolare utilit sociale o di
interesse pubblico, finanziata nei limiti delle risorse disponibili in bilancio dello stato di
previsione della Presidenza del Consiglio dei ministri.
Le disponibilit per lattivit in parola si trovano allinterno del suddetto bilancio tra le
risorse previste per la generalit delle spese per interventi; e, in particolare, tra quelle
allocate sul cap. 563 finanziamento di progetti di comunicazione a carattere pubblicitario
delle amministrazioni dello Stato, ritenuti di particolare utilit sociale o di interesse
pubblico10 (cfr., per i dati finanziari, tabella 13, e cfr. cap. VI - La comunicazione

economici destinano, per fini di comunicazione istituzionale, allacquisto di spazi sui mezzi di comunicazione
di massa, devono risultare complessivamente impegnate, sulla competenza di ciascun esercizio finanziario, per
almeno il 15 per cento a favore dellemittenza privata televisiva locale e radiofonica locale operante nei
territori dei paesi membri dellUnione europea e per almeno il 50 per cento a favore dei giornali quotidiani e
periodici. 2. Le somme di cui al c. 1 sono quelle destinate alle spese per acquisto di spazi pubblicitari, esclusi
gli oneri relativi alla loro realizzazione. 3. Le amministrazioni pubbliche e gli enti pubblici anche economici
sono tenuti a dare comunicazione allAutorit per le garanzie nelle comunicazioni delle somme impegnate per
lacquisto, ai fini di pubblicit istituzionale, di spazi sui mezzi di comunicazione di massa. LAutorit, anche
attraverso i Comitati regionali per le comunicazioni, vigila sulla diffusione della comunicazione pubblica a
carattere pubblicitario sui diversi mezzi di comunicazione di massa. Ai fini dellattuazione delle disposizioni di
cui ai cc. 1 e 2 nonch al presente comma, le amministrazioni pubbliche o gli enti pubblici anche economici
nominano un responsabile del procedimento che, in caso di mancata osservanza delle disposizioni stesse e salvo
il caso di non attuazione per motivi a lui non imputabili, soggetto alla sanzione amministrativa del
pagamento di una somma da un minimo di 1.040 euro a un massimo di 5.200 euro. Competente
allaccertamento, alla contestazione e allapplicazione della sanzione lAutorit. Si applicano le disposizioni
contenute nel Capo I, sezioni I e II, della l. 24 novembre 1981, n. 689. 4. Nella fase di transizione alla
trasmissione in tecnica digitale devono inoltre risultare complessivamente impegnate, sulla competenza di
ciascun esercizio finanziario, per almeno il 60 per cento a favore dei giornali quotidiani e periodici, le somme
che le amministrazioni pubbliche o gli enti pubblici anche economici destinano singolarmente, per fini di
comunicazione istituzionale, allacquisto di spazi sui mezzi di comunicazione di massa. 5. Le regioni,
nellambito della propria autonomia finanziaria, possono prevedere quote diverse da quelle indicate ai cc. 1 e
4.
9 La direttiva del 28 settembre 2009 reca: Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione
delle spese per lacquisto di spazi pubblicitari da parte delle amministrazioni dello Stato, ai sensi dellart. 41
del d.lgs. n. 177/2005.
10 Il dipartimento ha realizzato negli ultimi anni, con spese a carico del bilancio autonomo della Presidenza
del Consiglio, campagne promosse direttamente dalla Presidenza del Consiglio su temi ritenuti di rilevanza
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
24

istituzionale, par. 2.2 - I limiti di spesa).

3. Sostegno alleditoria
Ai sensi dellart. 5 d.p.c.m. 15 novembre 2012, la seconda area di intervento, denominata
sostegno alleditoria, intestata alla competenza di apposito ufficio, definito come
Struttura di supporto al coordinamento delle politiche per il sostegno alleditoria, ai prodotti
editoriali ed alle emittenti radiotelevisive, il quale si articola in due servizi: 1) per il sostegno
diretto alla stampa; 2) per il sostegno alle emittenti radiotelevisive e agli investimenti.
Il primo servizio provvede allistruttoria delle domande di ammissione al contributo
pubblico presentate dalle imprese editrici di giornali quotidiani e periodici editi in Italia e
di giornali italiani editi e diffusi allestero, nonch dei giornali per non vedenti e di quelli
editi dalle associazioni dei consumatori. Cura, poi, i rapporti con lAutorit per le garanzie
nelle comunicazioni, particolarmente ai fini dello sviluppo di sinergie per il pi efficace
espletamento delle rispettive funzioni istituzionali, e con gli organi statali deputati
allesecuzione dei controlli successivi sulle erogazioni di fondi pubblici, anche attraverso la
stipula di appositi protocolli di collaborazione. Cura, altres, il contenzioso nelle materie di
competenza ed attende ai compiti di studio, di ricerca, consulenza giuridico-normativa e di
documentazione giuridica e parlamentare.
Il servizio per il sostegno alle emittenti radiotelevisive e agli investimenti provvede, a sua
volta, allistruttoria delle domande di ammissione al contributo pubblico presentate dalle
emittenti radiofoniche organo di movimento politico, ovvero che abbiano svolto attivit di
informazione di interesse generale11, cos come definita dallart. 1 l. 7 agosto 1990, n. 23012,
strategica o richieste da altre amministrazioni centrali su tematiche di loro competenza, ritenute di interesse
rilevante per lazione di Governo. Ai sensi del punto 2.1 Capitoli di bilancio della direttiva del 28 settembre
2009, le amministrazioni statali, ivi compresa la Presidenza del Consiglio dei ministri, e gli enti pubblici, inclusi
gli enti territoriali e gli enti pubblici economici, hanno lobbligo di individuare distinti capitoli di bilancio su
cui far gravare le spese di comunicazione istituzionale di cui allart. 41 del d.lgs. n. 177/2005. In ogni caso,
successivamente allapprovazione del bilancio preventivo dello Stato, le amministrazioni centrali
provvederanno a comunicare, secondo le modalit stabilite dallAutorit per le garanzie nelle comunicazioni,
la denominazione dei capitoli su cui gravano le spese di comunicazione istituzionale e il relativo stanziamento.
11 Cfr. deliberazione Corte conti n. 13/2015/G, Le misure di sostegno alle emittenti radiofoniche e televisive
in ambito locale (F.G. Galeffi).
12 I destinatari dei contributi sono le imprese radiofoniche private che abbiano svolto negli anni 1990, 1991 e
1992 attivit di informazione di interesse generale, in particolare: a) abbiano trasmesso quotidianamente
propri programmi informativi su avvenimenti politici, religiosi, economici, sociali, sindacali o letterari per non
meno di nove ore comprese tra le ore 7,00 e le ore 20,00; b) abbiano utilizzato esclusivamente per la diffusione
dei propri programmi, in ciascuno dei tre anni, almeno 60 impianti di trasmissione ubicati in almeno 35
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
25

nonch allistruttoria necessaria al riconoscimento, in capo alle emittenti radiofoniche e


televisive locali che ne fanno domanda, dei requisiti di emittente di informazione, ai fini
della percezione delle provvidenze erogate dal Ministero dello sviluppo economico.
Il servizio provvede, inoltre, sia per il riconoscimento delle forme di sostegno indiretto in
favore delle emittenti radiofoniche e televisive locali previste per legge, sia per lammissione
delle imprese editrici dei giornali e delle emittenti radiotelevisive, alla fruizione delle diverse
tipologie di sostegno indiretto, quali le agevolazioni di credito e le riduzioni tariffarie.

province e in almeno 14 regioni italiane e che, quantomeno nel terzo dellanno, abbiano esteso il numero di
impianti al 50 per cento delle province e all85 per cento delle regioni; c) abbiano usufruito delle agevolazioni
e del rimborso di cui al c. 1 o dei contributi di cui al c. 2, art. 11, l. 25 febbraio 1987, n. 67.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
26

CAPITOLO III
IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO
DEI CONTRIBUTI ALLEDITORIA

Sommario: 1. Il quadro normativo prima del d.l. n. 63/2012, convertito dalla l. n. 103/2012. - 2. Il d.l. 18 maggio
2012, n. 63.

Prima dellentrata in vigore del regolamento di semplificazione e riordino delle procedure


di erogazione dei contributi sulleditoria di cui al d.p.r. 25 novembre 2010, n. 223, in parte
modificato dal d.l. n. 63/2012, il sistema normativo che disciplinava il sostegno pubblico al
settore delleditoria e dei prodotti editoriali era il risultato di una serie complessa di
provvedimenti legislativi stratificatisi nel tempo, non sempre del tutto omogenei tra loro.
Per una pi agevole lettura del quadro normativo si rinvia ad apposito allegato sinottico
che viene esposto in Appendice (cfr. Appendice).

1. Il quadro normativo prima del d.l. n. 63/2012, convertito dalla l. n. 103/2012


Prima dellentrata in vigore del d.l. n. 63/2012, la disciplina delle provvidenze per
leditoria era contenuta, pressoch interamente, nelle seguenti leggi:
-

l. 5 agosto 1981, n. 416;

l. 25 febbraio 1987, n. 67;

l. 7 agosto 1990, n. 250;

l. 7 marzo 2001, n. 62;

d.l. 30 dicembre 2009, n. 194 (art. 10-sexies), convertito dalla l. n. 25/2010;

d.p.r. 25 novembre 2010, n. 223.

In linea generale, le forme di intervento statale a favore delleditoria, sino allentrata in


vigore dellart. 10-sexies del d.l. n. 194/2009, prevedevano molteplici tipologie di aiuti, che
possono sintetizzarsi in contributi diretti alla stampa13, contributi diretti a favore delle

13

Rientrano in tale categoria:


a) contributi diretti in favore di imprese editrici di quotidiani e periodici editi da cooperative di giornalisti
nonch da societ la cui maggioranza sia detenuta da cooperative, fondazioni ed enti morali;
b) contributi diretti per quotidiani di minoranze linguistiche;
c) contributi diretti per quotidiani italiani editi e diffusi allestero;
d) contributi per quotidiani teletrasmessi allestero;
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
27

imprese radiofoniche e televisive14, agevolazioni di credito15, agevolazioni per la spedizione


in abbonamento postale di prodotti editoriali16.
Il Regolamento per la semplificazione e il riordino della disciplina dei contributi
alleditoria, emanato, in attuazione dellart. 44 del d.l. 25 giugno 2008, n. 112, con d.p.r. n.
223/2010, ha disposto la semplificazione della documentazione per accedere ai contributi e
definito il procedimento di erogazione degli stessi, includendo fra i requisiti per laccesso alle
provvidenze una percentuale minima di copie vendute (su quelle distribuite) e prevedendo
nuove modalit di calcolo per i contributi diretti, riferite alleffettiva distribuzione della
testata piuttosto che alla tiratura. Ha, anche, stabilito che le somme stanziate nel bilancio
dello Stato per leditoria (iscritte nel bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei
ministri: cap. 465 - contributi alle imprese radiofoniche e alle imprese televisive, e cap. 466
- contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici) costituiscono il limite massimo di
spesa da destinare prioritariamente ai contributi diretti. In caso di insufficienza delle risorse,
i contributi sono erogati mediante riparto in quote proporzionali tra gli aventi diritto, ai
sensi di quanto gi disposto dallart. 2, c. 62, della l. 23 dicembre 2009, n. 191 (legge
finanziaria 2010)17. La vigenza del regolamento n. 223/2010 stata fissata con decorrenza
dal bilancio di esercizio 2011 delle imprese beneficiarie. Per ulteriori approfondimenti si
rinvia al cap. IV.
Il citato art. 44 del d.l. n. 112/2008, doveva, tra laltro, compendiare in un unico testo la
disciplina di erogazione dei contributi alleditoria, stratificatasi nel corso degli anni, a

e) contributi per periodici editi dalle associazioni dei consumatori e degli utenti;
f) contributi in favore delleditoria periodica per i non vedenti;
g) contributi per quotidiani e periodici organi di forze politiche ed equivalenti.
14 Rientrano in tale categoria:
a) contributi alle emittenti radiofoniche nazionali e locali ed alle emittenti televisive locali nonch per canali
tematici satellitari come rimborsi del 60 per cento delle spese sostenute per le agenzie di informazione;
b) contributi alle emittenti radiofoniche ed ai canali tematici satellitari organi di partiti politici ed equivalenti;
c) riduzioni tariffarie telefoniche ed elettriche in favore delle emittenti radiofoniche e televisive locali.
15 Si tratta, principalmente, di agevolazioni di credito in conto interessi per progetti di ristrutturazione
tecnico-produttiva a seguito di bando di gara.
16 Rientrano in tale categoria:
a) tariffe postali agevolate in favore di imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro operatori
di comunicazione (Roc) ed imprese editrici di libri;
b) tariffe postali agevolate in favore di pubblicazioni di organismi no-profit.
17 Lart. 2, c. 62, l. n. 191/2009, reca: In attuazione dellart. 44 del d.l. n. 112/2008, convertito dalla l. n.
133/2008, e successive modificazioni, i contributi e le provvidenze spettano nel limite dello stanziamento
iscritto sul pertinente capitolo del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri procedendo,
ove necessario, al riparto proporzionale dei contributi tra gli aventi diritto, fatte salve le risorse da destinare
alle convenzioni e agli oneri inderogabili afferenti allo stesso capitolo.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
28

partire dalla l. n. 416/1981, passando per la l. n. 250/1990 e, da ultimo, per la l. n. 62/2001 e


successive modificazioni ed integrazioni, nonch per ogni altra disposizione legislativa o
regolamentare ad esse connesse, spesso arricchendosi di disposizioni recate dalle leggi
finanziarie.
Il c. 1 dello stesso art. 44 rimanda ad un regolamento di delegificazione la semplificazione
e il riordino della disciplina di erogazione dei contributi alleditoria; tale regolamento stato
adottato con d.p.r. n. 223/2010 con lobiettivo di dare sistematicit ed organicit alla
normativa di settore.
Il regolamento articolato in quattro Capi, dei quali i primi tre recano norme di
semplificazione e riordino, rispettivamente, dei contributi diretti alla stampa, di cui allart.
3, l. n. 250/1990, dei contributi alle imprese radiofoniche e televisive e del credito agevolato
alle imprese editoriali; il IV Capo si occupa delle disposizioni finali e dellabrogazione di
norme precedenti non pi compatibili.
Le principali novit introdotte dal regolamento riguardano linvio telematico delle
domande e le nuove modalit di calcolo per i contributi diretti, riferite, in particolare,
alleffettiva distribuzione e messa in vendita della testata. Si stabiliscono, altres, nuovi tetti
allammontare dei contributi.
Il regolamento ispirato ai tre principi direttivi di cui allart. 44, c. 1, d.l. n. 112/2008:
1) semplificazione della documentazione necessaria per accedere ai contributi e dei
criteri di calcolo dei contributi stessi. In ogni caso, per accedere ai contributi era
richiesta la prova delleffettiva distribuzione e messa in vendita della testata (al
posto della precedente dichiarazione relativa alla tiratura), nonch ladeguata
valorizzazione delloccupazione professionale;
2) semplificazione delle fasi del procedimento di erogazione. In particolare, la nuova
disciplina doveva garantire, anche attraverso il ricorso a procedure informatizzate,
che il contributo fosse effettivamente erogato entro e non oltre lanno successivo a
quello di riferimento;
3) diritto delle imprese radiofoniche private che avessero svolto attivit di interesse
generale ai sensi della l. n. 250/1990, a percepire lintero contributo, anche nellipotesi
di riparto percentuale tra gli aventi diritto.
Secondo la relazione illustrativa del regolamento, la sostituzione del rapporto tra tiratura
e vendita al precedente rapporto tra tiratura e diffusione, consente di ottenere che i giornali
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
29

destinatari di contributi siano effettivamente distribuiti presso i punti vendita o tramite


abbonamenti a titolo oneroso18.
In particolare, per il calcolo del contributo variabile, viene presa come base la
distribuzione al posto della tiratura, allo scopo di scoraggiare la stampa eccessiva di copie,
finalizzata ad aumentare solo apparentemente il numero delle tirature. Un criterio pi
rigoroso dovrebbe, inoltre, scoraggiare le c.d. cooperative di comodo19.
Allart. 3 (abrogato dal d.l. n. 63/2012), il regolamento rideterminava i meccanismi di
calcolo dei contributi di cui allart. 3 della l. n. 250/1990; esso prevedeva ununica
percentuale dei costi ammissibili per il calcolo del contributo fisso e, per il contributo
variabile, disponeva che fosse commisurato alle copie effettivamente distribuite; in linea
generale, lammontare complessivo dei contributi non poteva superare il 60 per cento dei
costi. Ulteriore novit era rappresentata dallintroduzione di un limite massimo di 50 milioni
di copie annue distribuite (art. 3, c. 1, d.p.r. n. 223/2010); la norma definiva inoltre il limite
dei costi ai quali venivano commisurati i contributi, stabilendo, nel contempo, che, in caso
di insufficienza delle risorse stanziate, i contributi sarebbero stati ridotti mediante riparto
proporzionale tra gli aventi diritto (art. 3, c. 7, d.p.r. n. 223/2010).
Il Capo II del regolamento riguardava i contributi alle imprese radiofoniche e televisive,
con previsione di tetti di spesa per le imprese radiofoniche nazionali e per le imprese
radiofoniche e televisive locali; inoltre, introduceva una nuova condizione per laccesso ai
contributi, costituita dalla previsione di un numero minimo di giornalisti iscritti allInpgi
con contratto di lavoro a tempo pieno.
Nel Capo III si individuavano nuovi e pi snelli percorsi procedurali per la liquidazione

18

La relazione tecnica illustrativa degli effetti finanziari delle disposizioni contenute nello schema del
regolamento precisava che lart. 2, c. 1, del d.p.r. n. 223/2010 sostituiva, come requisito per laccesso ai
contributi, il previgente rapporto percentuale tra tiratura e diffusione con il nuovo rapporto tra numero di
copie vendute e numero di copie distribuite (abrogato dallart. 6, d.l. n. 63/2012).
19 Ai fini del calcolo della quota variabile del contributo, sono escluse dal totale delle copie distribuite quelle
vendute in blocco, nonch quelle vendute con il metodo dello strillonaggio e quelle inviate in connessione
con il versamento di quote associative, qualora non espressamente destinate alla sottoscrizione di abbonamenti
a prodotti editoriali.
Questa norma consentirebbe, sempre secondo la relazione tecnica, un risparmio complessivo di circa 2.400.000
euro, di cui 1.850.000 euro per i quotidiani e 550.000 per i periodici. Tale risparmio calcolato sulla base di
una stima del numero delle copie vendute in blocco dagli editori nellultimo anno di riferimento dei contributi
erogati, moltiplicato per il nuovo contributo variabile calcolato in 0,09 euro per i quotidiani e 0,20 euro per i
periodici.
La sostituzione, come base per il calcolo del contributo variabile, della distribuzione alla tiratura, ha lo scopo
di scoraggiare la stampa eccessiva di copie, finalizzata allacquisizione di maggiori importi di contributo
variabile.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
30

delle agevolazioni di credito delle imprese che operavano nel settore. I contributi sarebbero
stati erogati, in unica soluzione, entro un anno dalleffettiva realizzazione del progetto.
Nel regolamento non veniva pi prevista unaltra forma di intervento a favore
delleditoria, rappresentata dalle agevolazioni delle tariffe postali, la cui applicazione, che
aveva creato una forte esposizione debitoria dello Stato nei confronti di Poste s.p.a., stata
sospesa sin dal 1 aprile 2010, ai sensi dellart. 10-sexies, c. 2, del d.l. n. 194/2009.
Infine, si giunti ad un accordo fra editori e Poste italiane s.p.a., che, sulla base del d.m.
21 ottobre 2010, ha determinato le tariffe massime applicabili alle spedizioni di prodotti
editoriali, senza pi oneri a carico dello Stato.

2. Il d.l. 18 maggio 2012, n. 63


Dopo un primo intervento di riordino delle modalit di accesso ai contributi, operato con
il d.p.r. n. 223/2010, di cui si detto, il d.l. 6 dicembre 2011, n. 201 (allart. 29, c. 3), allo
scopo di contribuire allobiettivo del pareggio di bilancio entro la fine del 2013, dispose la
cessazione del sistema di erogazione dei contributi diretti alleditoria dal 31 dicembre 2014,
con riferimento alla gestione 2013; esso affid al Governo la revisione dello stesso d.p.r. con
effetti a decorrere dal 1 gennaio 2012.
Le principali criticit della previgente normativa erano costituite dal succedersi nel
tempo di numerose norme modificative e integrative di quelle fondamentali nel settore
editoriale. Si rendeva, pertanto, necessario un processo di razionalizzazione, il cui percorso,
iniziato con ladozione del regolamento di cui al d.p.r. n. 223/2010, sarebbe dovuto
proseguire in modo organico, stante la necessit di riordinare lintero sistema del sostegno
pubblico alle imprese editoriali.
Le finalit che il d.l. n. 201/2011 intendeva realizzare consistevano nella riduzione della
contribuzione pubblica, in vista del superamento del sistema di contribuzione diretta, in una
pi rigorosa selezione nellaccesso alle risorse e nel conseguimento di risparmi di spesa.
Le risorse cos ridimensionate rimanevano destinate, compatibilmente con le esigenze di
pareggio di bilancio, a perseguire la ristrutturazione delle aziende gi beneficiarie della
contribuzione diretta, linnovazione tecnologica del settore, il contenimento del costo delle
materie prime, linformatizzazione della rete distributiva. In tale contesto, per le finalit di
cui al d.l. n. 201/2011, le modifiche al d.p.r. n. 223/2010 sono state poi apportate dal d.l. 18

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
31

maggio 2012, n. 63, recante: Disposizioni urgenti in materia di riordino dei contributi alle
imprese editrici, nonch di vendita della stampa quotidiana e periodica e di pubblicit
istituzionale.
Il d.l. n. 63/2012 ha introdotto una disciplina transitoria, nelle more di una pi compiuta
ridefinizione delle forme di sostegno al settore editoriale (finora non intervenuta). Al
momento della conclusione di questa relazione, allesame del Parlamento un disegno di
legge che istituisce un nuovo fondo per il pluralismo e linnovazione dellinformazione e
delega il Governo a ridefinire la disciplina del sostegno pubblico alleditoria.
Le disposizioni del decreto-legge sono volte a razionalizzare lutilizzo delle risorse,
attraverso meccanismi che correlano i contributi agli effettivi livelli di vendita e di
occupazione professionale, in conformit con le finalit di cui allart. 29, c. 3, d.l. n. 201/2011
(art. 1, c. 1, d.l. n. 63/2012). Le disposizioni decorrono a partire dai contributi relativi
allanno 2012 o, in alcuni casi, al 2013. Per conseguire lobiettivo della razionalizzazione
della spesa, il d.l. n. 63/2012 opera sui seguenti aspetti:
a) la rideterminazione dei requisiti di accesso ai contributi (art. 1). Viene innalzata la
percentuale di vendite necessaria per accedere ai contributi: infatti, lart. 1, c. 2, d.l. n.
63/2012, ha stabilito che, a decorrere dai contributi relativi al 2013, le cooperative
giornalistiche di cui allart. 3, l. 7 agosto 1990, n. 25020, nonch le imprese editrici di
quotidiani o periodici organi di movimenti politici (di cui allart. 153, c. 4, l. 23 dicembre
2000, n. 38821), fermi restando tutti gli altri requisiti di legge, possono richiedere i relativi
contributi a condizione che il giornale o il periodico sia venduto, per le testate nazionali,
nella misura di almeno il 25 per cento delle copie distribuite e, per le testate locali, nella
misura di almeno il 35 per cento delle copie distribuite22. Si considera testata nazionale
20 Art. 3, cc. 2 (imprese editrici di giornali quotidiani costituite come cooperative giornalistiche); 2-bis (imprese

editrici di giornali quotidiani la cui maggioranza del capitale detenuta da cooperative, fondazioni o enti
morali non aventi scopo di lucro); 2-ter (imprese editrici, comunque costituite, che editino giornali quotidiani
in lingua francese, ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle dAosta, Friuli-Venezia Giulia e
Trentino-Alto Adige, con esclusione di quelle editrici di quotidiani editi e diffusi allestero); 2-quater (periodici
editi da cooperative giornalistiche).
21Ai sensi dellart. 153, c. 4, della l. n. 388/2000, entro e non oltre il 1 dicembre 2001 le imprese editrici di
quotidiani o periodici organi di movimenti politici, in possesso dei requisiti di cui allart. 3, c. 10, della l. n.
250/1990, e successive modificazioni, possono costituirsi in societ cooperative, il cui oggetto sociale sia
costituito esclusivamente dalla edizione di quotidiani o periodici organi di movimenti politici. A tali
cooperative sono attribuiti i contributi di cui allart. 3, c. 2, della l. n. 250/1990 (imprese editrici costituite
come cooperative giornalistiche), e successive modificazioni.
22 Per copie distribuite si intendono quelle poste in vendita in edicola o presso punti vendita non esclusivi,
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
32

quella distribuita in almeno tre regioni e con una percentuale di distribuzione in ciascuna
regione non inferiore al 5 per cento della propria distribuzione totale.
Il c. 4 dellart. 1, inoltre, ha richiesto, per laccesso ai contributi, che:
-

le cooperative editrici, fermo quanto previsto dallart. 1, c. 460, l. 23 dicembre 2005, n.


26623, siano composte esclusivamente da giornalisti, poligrafici, grafici editoriali, con
prevalenza di giornalisti, e abbiano la maggioranza dei soci dipendenti della cooperativa
con contratto a tempo indeterminato, mantenendo il requisito della prevalenza dei
giornalisti;

le imprese editrici in forma di cooperative, quelle di quotidiani o periodici espressamente


indicati come organi di partito od espressione di minoranze linguistiche, abbiano
impiegato, se editrici di quotidiani, nellintero anno di riferimento del contributo,
almeno cinque dipendenti, con prevalenza di giornalisti, regolarmente assunti con
contratto di lavoro a tempo indeterminato; se editrici di periodici, abbiano impiegato,
nellintero anno di riferimento del contributo, almeno tre dipendenti, con prevalenza di
giornalisti, regolarmente assunti con contratto di lavoro a tempo indeterminato;

i dati relativi alla tiratura, alla distribuzione e alla vendita, nelle loro differenti
modalit, siano attestati da dichiarazioni sostitutive di atto notorio, rese dal legale
rappresentante dellimpresa, e siano comprovati da apposita certificazione analitica
rilasciata da una societ di revisione iscritta nellalbo tenuto dalla Consob24;

tramite contratti con societ di distribuzione esterne, non controllate n collegate allimpresa editrice
richiedente il contributo e quelle distribuite in abbonamento a titolo oneroso. Sono escluse le copie diffuse e
vendute tramite strillonaggio, quelle oggetto di vendita in blocco, da intendersi quale vendita di una pluralit
di copie ad un unico soggetto, nonch quelle per le quali non sia individuabile il prezzo di vendita. Sono
ammesse al calcolo le copie vendute mediante abbonamento sottoscritto da un unico soggetto per una pluralit
di copie, qualora tale abbonamento individui specificamente i singoli beneficiari e qualora il prezzo di vendita
della singola copia venduta in abbonamento non sia inferiore al 20 per cento del prezzo di copertina. Sono
altres ammesse le copie cedute in connessione con il versamento di quote associative destinate alla
sottoscrizione di abbonamenti a prodotti editoriali mediante espressa doppia opzione (art. 1, c. 3, d.l. n.
63/2012). Viene ridefinito in senso limitativo il concetto di copia venduta, escludendo dal computo le copie
vendute in blocco e tramite strillonaggio.
23 Lart. 1, c. 460, dispone che a decorrere dal 1 gennaio 2006, i contributi previsti dai cc. 2, 8, 10 e 11 dellart.
3 della l. n. 250/1990, e successive modificazioni, sono percepiti a condizione che:
a) limpresa editrice sia proprietaria della testata per la quale richiede i contributi;
b) limpresa editrice sia una societ cooperativa i cui soci non partecipino ad altre cooperative editrici che
abbiano chiesto di ottenere i medesimi contributi. In caso contrario tutte le imprese editrici interessate
decadono dalla possibilit di accedere ai contributi;
c) i requisiti di cui alle lett. a) e b) non si applicano alle imprese editrici che, alla data di entrata in vigore
della presente legge, abbiano gi maturato il diritto ai contributi. In tal caso, nel calcolo del contributo
non ammesso laffitto della testata.
24 Il c. 5, art. 1, del d.l. n. 63/2012, ha esteso lobbligo della relazione di certificazione dei bilanci per le imprese
che editano giornali quotidiani italiani diffusi allestero, relativamente ai dati relativi alle copie distribuite e
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
33

b) la rideterminazione dei criteri di calcolo dei contributi. Lart. 2, c. 1, d.l. n. 63/2012,


ha previsto che i contributi spettino nei limiti delle risorse stanziate sul bilancio autonomo
della Presidenza del Consiglio dei ministri. In caso di insufficienza delle risorse stanziate,
agli aventi titolo spettano contributi ridotti mediante riparto proporzionale, con il
superamento definitivo, secondo quanto gi previsto dalla legge 191 del 2009 e poi dal d.p.r.
n. 223/2010, del criterio del diritto soggettivo. Il c. 2 ha disposto che, a decorrere dai
contributi relativi allanno 2012, per le imprese gi richiamate nella lett. a), nonch per le
testate di giornali di partito o di movimenti politici25, il contributo, che non pu comunque
superare quello riferito allanno 2010, cos calcolato:
-

una quota fino al 50 per cento dei costi sostenuti per il personale dipendente, calcolati
in un importo massimo di 120.000 euro annui e di 50.000 euro annui, rispettivamente,
per ogni giornalista e per ogni poligrafico assunti con contratto di lavoro a tempo
indeterminato, per lacquisto della carta, per la stampa, per gli abbonamenti ai notiziari
delle agenzie di stampa e per la distribuzione26;

una quota fino a 0,25 euro per ogni copia venduta per i quotidiani nazionali, a 0,20
euro per i quotidiani locali e a 0,40 euro per i periodici. Tale quota non pu, comunque,
essere superiore alleffettivo prezzo di vendita di ciascuna copia. Limporto complessivo
di tale quota di contributo non pu, comunque essere superiore a 3.500.000 euro per i
quotidiani e a 200.000 euro per i periodici.

vendute, con specificazione delle diverse tipologie di vendita.


Il c. 6, art. 1, del d.l. n. 63/2012, ha stabilito che il divieto di distribuzione degli utili, di cui allart. 3, c. 2, lett.
d), l. n. 250/1990, si applica a tutte le imprese editrici che percepiscono i contributi diretti.
25 Art. 20, c. 3-ter, d.l. n. 223/2006 (decreto Bersani), cita: Il requisito della rappresentanza parlamentare non
richiesto per le imprese e per le testate di quotidiani o periodici che risultino essere giornali od organi di
partiti o movimenti politici, che alla data del 31 dicembre 2005 abbiano gi maturato il diritto ai contributi di
cui allart. 3, c. 10, l. n. 250/1990, e successive modificazioni (il c. 10, art. 3, l. n. 250/1990, stato abrogato
dallart. 21, d.p.r. n. 223/2010).
26 I predetti costi devono essere direttamente connessi allesercizio dellattivit editoriale per la produzione
della testata per la quale si richiedono i contributi ed i relativi pagamenti devono essere effettuati tramite
strumenti tracciabili. Essi devono risultare dal bilancio dellimpresa richiedente i contributi e dal relativo
prospetto analitico dei costi. Tale prospetto deve far parte della relazione di certificazione del bilancio,
corredata dellidonea documentazione dimostrativa, redatta ai sensi dellart. 3, c. 2, lett. g), l. n. 250/1990.
Non sono comunque ammissibili i costi sostenuti dalle imprese editrici per lacquisto di servizi editoriali
consistenti nella predisposizione, anche parziale, di pagine del giornale e per attivit di consulenza. Limporto
complessivo di tale quota non pu comunque essere superiore a 2.500.000 euro per i quotidiani nazionali, a
1.500.000 euro per i quotidiani locali e per le imprese editrici di giornali quotidiani di cui allart. 3, c. 2-ter,
della l. n. 250/1990, ed a 300.000 euro per i periodici. Con d.p.c.m., da adottare entro sessanta giorni dalla data
di entrata in vigore della legge di conversione del decreto medesimo, di concerto con il Ministro delleconomia
e delle finanze, sono stabiliti le condizioni, i termini e le modalit di applicazione della lett. g).
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
34

La norma relativa ai nuovi criteri di calcolo e liquidazione del contributo (art. 2) restringe
il novero dei costi ammissibili, che saranno limitati alla carta, alla stampa, alla distribuzione
e al personale dipendente.
Va, peraltro, evidenziato che, per le imprese di cui ai cc. 2-ter (imprese editrici di giornali
quotidiani in lingua francese, ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle dAosta,
Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, con esclusione di quelle editrici di quotidiani
editi e diffusi allestero) e 2-quater (periodici editi da cooperative giornalistiche) dellart. 3
della l. n. 250/1990, la norma eleva dal 30 al 50 per cento la percentuale del rimborso rispetto
ai costi risultanti dal bilancio.
Inoltre, era stato soppresso (d.p.r. n. 223/2010), sia per le imprese su menzionate che per
quelle di cui ai cc. 2 (imprese editrici costituite come cooperative giornalistiche) e 2-bis
(imprese editrici di giornali quotidiani la cui maggioranza del capitale detenuta da
cooperative, fondazioni o enti morali non aventi scopi di lucro) dellart. 3 della l. n. 250/1990,
il limite globale (pari rispettivamente al 50 e 60 per cento dei costi complessivi risultanti dal
bilancio) dei contributi erogabili, comprensivi della quota correlata al numero di copie
distribuite (ora vendute).
Misure di analoga portata erano state introdotte per le imprese editrici di cui allart. 153,
cc. 2 e 4, l. n. 388/200027, e allart. 20, c. 3-ter, d.l. n. 223/200628, visto che lammontare del
contributo fisso veniva elevato dal 40 al 50 per cento dei costi ammissibili (anche se detti
costi sono limitati ad alcune tipologie rispetto alla situazione previgente) e veniva eliminato
il tetto complessivo del 70 per cento dei costi come limite dei rimborsi. Fra laltro, si
modificava anche il sistema di calcolo del contributo variabile per tali tipologie di impresa,
che passa da un sistema fondato su scaglioni di tiratura ad uno basato sul numero di copie

27

Lart. 153, c. 2, l. n. 388/2000, reca: Imprese editrici di quotidiani e periodici, anche telematici, che, oltre
che attraverso esplicita menzione riportata in testata, risultino essere organi o giornali di forze politiche che
abbiano il proprio gruppo parlamentare in una delle Camere o rappresentanze nel Parlamento europeo o siano
espressione di minoranze linguistiche riconosciute, avendo almeno un rappresentante in un ramo del
Parlamento italiano nellanno di riferimento dei contributi. Il c. 4 reca: entro e non oltre il 1 dicembre 2001
le imprese editrici di quotidiani o periodici organi di movimenti politici, in possesso dei requisiti di cui allart.
3, c. 10, della l. n. 250/1990, e successive modificazioni, possono costituirsi in societ cooperative, il cui oggetto
sociale sia costituito esclusivamente dalla edizione di quotidiani o periodici organi di movimenti politici. A tali
cooperative sono attribuiti i contributi di cui allart. 3, c. 2, della l. n. 250/1990 (imprese editrici costituite
come cooperative giornalistiche), e successive modificazioni.
28 Art. 20, c. 3-ter del d.l. n. 223/2006 (decreto Bersani), cita: Il requisito della rappresentanza parlamentare
non richiesto per le imprese e per le testate di quotidiani o periodici che risultino essere giornali od organi di
partiti o movimenti politici, che alla data del 31 dicembre 2005 abbiano gi maturato il diritto ai contributi di
cui allart. 3, c. 10, l. n. 250/1990, e successive modificazioni.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
35

vendute.
Nella sostanza, effetti virtuosi dovrebbero derivare dallerogazione dei contributi
variabili non pi in rapporto al numero di copie distribuite, ma di quelle vendute (art. 2,
lett. b), d.l. n. 63/2012), pur considerando il cospicuo incremento dellimporto unitario del
contributo (per i quotidiani nazionali si passa da 0,09 euro a 0,25 per ogni copia venduta; a
0,20 euro per i quotidiani locali e a 0,40 euro per i periodici).
Lart. 2, d.l. n. 63/2012, ha previsto la riduzione dei contributi mediante riparto
proporzionale, in caso di insufficienza delle risorse stanziate.
Lart. 2, c. 4, d.l. n. 63/2012, esclude lapplicazione di detto articolo ai contributi di cui
allart. 3, c. 3, l. n. 250/1990 (imprese editrici di periodici a prevalente contenuto informativo
ed esercitate da cooperative, fondazioni o enti morali, ovvero da societ la cui maggioranza
del capitale sociale sia detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali che non abbiano
scopo di lucro). Le risorse complessivamente destinabili a tali contributi sono pari al 5 per
cento dellimporto stanziato, per i contributi diretti alla stampa, sul pertinente capitolo del
bilancio del Die.
Lart. 2, c. 5, d.l. n. 63/2012, consente alle agenzie dinformazione radiofonica di cui
allart. 53, c. 15, l. 27 dicembre 1997, n. 449, di accedere a un contributo annuo pari al 30
per cento dei costi sostenuti per il personale e per la diffusione, risultanti dal bilancio
certificato da una societ di revisione iscritta nellapposito albo tenuto dalla Consob, e
comunque non superiore a 800.000 euro.
Lart. 2, c. 6, d.l. n. 63/2012, riduce dal 70 al 40 per cento il livello del contributo annuo
rispetto alla media dei costi, sostenuti negli ultimi due esercizi in favore delle imprese
radiofoniche organi di partiti politici presenti in almeno un ramo del Parlamento e ha
ridotto, per i medesimi soggetti, dall80 al 50 per cento dei costi la somma di tutti i contributi
ad essi complessivamente destinati.
Lart. 2, c. 8, del d.l. n. 63/2012, dispone lapplicazione ai componenti della Commissione
tecnica consultiva di cui allart. 54 l. n. 416/198129, rappresentanti delle categorie operanti

29

Secondo il disposto dellart. 54 della l. n. 416/1981, con d.p.r., su proposta del Presidente del Consiglio dei
ministri, previa deliberazione del Consiglio stesso, sentito il parere espresso, nei termini stabiliti dai
regolamenti delle due Camere, dalle competenti Commissioni permanenti della Camera e del Senato, istituita
una Commissione tecnica consultiva, rappresentativa delle categorie operanti nel settore della stampa e
delleditoria. Detta Commissione esprime pareri sullaccertamento della diffusione e dei requisiti di ammissione
ai contributi previsti dallart. 3 della l. n. 250/1990, secondo quanto disposto dal primo comma dellart. 21
della l. n. 62/2001.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
36

nei settori della stampa e delleditoria, delle disposizioni, in quanto compatibili, in materia
di conflitto di interessi dettate dalla l. 20 luglio 2004, n. 215;
c) il sostegno alle imprese editrici che, avendo beneficiato per il 2011 delle provvidenze di
cui alla l. n. 250/1990, decidano di pubblicare la testata, anche se non esclusivamente, in
formato digitale30 (art. 3, c. 1, d.l. n. 63/2012).
Lart. 3, c. 3, fermo restando il rispetto dei tetti massimi previsti dallart. 2 del d.l.,
suddivide il contributo per la pubblicazione esclusivamente in formato digitale in una quota
pari, per i primi due anni, al 70 per cento dei costi sostenuti ed in una quota calcolata sulla
base di 0,10 euro per ogni copia digitale, ove venduta in abbonamento31.
Va aggiunto che il complesso delle disposizioni appena descritte, volte a favorire il
passaggio alla diffusione on line dei giornali, concorre a determinare risparmi di risorse,
principalmente in considerazione del fatto che i costi di produzione di una testata telematica
sono molto inferiori a quelli di una testata edita in formato cartaceo;
d) la modernizzazione del sistema di distribuzione e vendita della stampa quotidiana e
periodica, attraverso la tracciabilit di vendite e rese dei giornali e periodici mediante lettura
del codice a barre. Per consentire ladeguamento tecnologico degli operatori, previsto un
credito di imposta per il 2012. Inoltre, previsto che i rivenditori di quotidiani e periodici
possano svolgere attivit connesse allerogazione di servizi delle pubbliche amministrazioni

30 La testata deve comunque essere accessibile on line, anche a titolo oneroso, e deve garantire uninformazione

quotidiana composta da informazione autoprodotta per almeno dieci articoli al giorno con un aggiornamento
pari ad almeno 240 giorni per i quotidiani, 45 per i settimanali e plurisettimanali, 18 uscite per i quindicinali
e 9 per i mensili.
31 Tale quota non pu comunque essere superiore alleffettivo prezzo di vendita di ciascuna copia digitale. Nel
caso di pubblicazione non esclusivamente in formato digitale, i costi di produzione della edizione cartacea,
calcolati secondo le disposizioni dellart. 2, concorrono con quelli relativi alla edizione in formato digitale,
nellambito del tetto complessivo previsto di cui allart. 2, c. 2, lett. a). Per il disposto dellart. 3, c. 4, del d.l.
n. 63/2012, a decorrere dai contributi relativi allanno 2013, per testate in formato digitale si intendono quelle
migrate ad un sistema digitale di gestione di contenuti unico, dotate di un sistema di gestione di spazi
pubblicitari digitali, anche attraverso soggetti concessionari di spazi pubblicitari digitali, di un sistema che
consenta linserimento di commenti da parte del pubblico, con facolt di prevedere registrazione e
moderazione, di un sistema di distribuzione di contenuti attraverso dispositivi mobili. Nel caso in cui la
pubblicazione sia fruibile, in tutto o in parte, a titolo oneroso, le testate devono essere altres dotate di un
sistema di pubblicazione che consente la gestione di abbonamenti e di contenuti a pagamento, nonch di una
piattaforma che consenta lintegrazione con sistemi di pagamento digitali. Leffettiva dotazione dei sistemi e
la sussistenza dei requisiti di cui al presente comma sono oggetto per ciascuna annualit, di apposita
dichiarazione sostitutiva di atto notorio, sottoscritta dal legale rappresentante dellimpresa richiedente i
contributi.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
37

(art. 4)32 33.


La realizzazione di tale sistema informatizzato pu essere considerato un investimento
per lo sviluppo del settore, poich consente di modernizzare la rete di distribuzione della
stampa, permettendo inoltre agli editori di razionalizzare le politiche distributive sul
territorio, assicurando risparmi energetici e benefici ambientali, dovuti alla ottimizzazione
della produzione ed alla ridotta veicolazione e smaltimento delle copie invendute;
e) definizione di criteri per lottimizzazione della spesa delle pubbliche amministrazioni
relativa allacquisto di spazi sui media per le campagne di comunicazione istituzionale (art.
5).
Ai fini della tutela del pluralismo e dellottimizzazione della spesa pubblica per lacquisto
di spazi sui mezzi di comunicazione di massa relativi alle campagne di comunicazione
istituzionale promosse dalle amministrazioni centrali dello Stato, il Die fornisce, entro il 30
aprile di ogni anno, criteri ed indicazioni di riferimento per lefficientamento della suddetta
spesa, sulla base della rilevazione dei prezzi di acquisto effettuata dal dipartimento stesso,
tenuto conto delle informazioni e dei dati forniti dalle amministrazioni entro il 31 gennaio
di ogni anno (art. 5, c. 1, d.l. n. 63/2012).
Le amministrazioni centrali dello Stato procedono allacquisto degli spazi di cui al comma
1 nel rispetto dei criteri forniti dal dipartimento e alle condizioni economiche previste dagli
accordi quadro di cui allart. 11, l. n. 150/2000. A tal fine, tenuto conto dellinteresse
pubblico alla pi estesa veicolazione ai cittadini delle informazioni di carattere istituzionale,
le concessionarie di pubblicit sono tenute ad applicare alla Presidenza del Consiglio dei

32 Lart. 1, c. 185, della l. 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilit 2015), reca: Per favorire lattuazione del

piano di modernizzazione della rete di distribuzione e vendita della stampa quotidiana e periodica, il termine
previsto dallart. 4, c. 1, del d.l. n. 63/2012, a decorrere dal quale obbligatorio assicurare la tracciabilit delle
vendite e delle rese, prorogato al 31 dicembre 2015.
33 Per sostenere ladeguamento tecnologico degli operatori, attribuito, nel rispetto della regola de minimis di
cui al Regolamento (Ce) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, un credito di imposta, per
lanno 2012 di importo non superiore ai risparmi accertati con apposito d.p.c.m. e, comunque, fino ad un limite
massimo di 10 milioni di euro (c. 3). A tal fine, le somme rivenienti dai risparmi effettivamente conseguiti in
applicazione del c. 3, per un importo complessivo non superiore a 10 milioni di euro, sono versate allentrata
del bilancio dello Stato per essere riassegnate, nel medesimo anno, per le finalit di cui al presente comma, ad
apposito capitolo dello stato di previsione del Ministero delleconomia e delle finanze. Il credito di imposta
deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta per il quale stato concesso
ed utilizzabile esclusivamente in compensazione ai sensi dellart. 17 del d.lgs. 9 luglio 1997, n. 241. Esso non
concorre alla formazione del reddito e del valore della produzione ai fini dellIrap e non rileva ai fini del
rapporto di cui agli artt. 61 e 109, c. 5, del Testo unico delle imposte sui redditi, di cui al d.p.r. 22 dicembre
1986, n. 917.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
38

ministri la tariffa basata sul costo unitario pi basso applicato sul mercato al momento della
stipula dellaccordo quadro, che viene rinnovato annualmente (art. 5, c. 2, d.l. n. 63/2012).
Per la definizione della disciplina a regime, il Governo, durante la XVI Legislatura, aveva
presentato, quasi contestualmente allemanazione del d.l. n. 63/2012, un disegno di legge di
delega (A.C. 5270 recante: Delega al Governo in materia di sviluppo del mercato editoriale
e di ridefinizione delle forme di sostegno), il cui esame per non si concluse. Il disegno di
legge conferiva allo stesso Governo una delega per la definizione a regime di nuove forme
di sostegno alleditoria e per lo sviluppo del mercato editoriale34.
Un ulteriore intervento normativo stato disposto con la legge di stabilit 2014 (legge 27
dicembre 2013, n. 147); in particolare, lart. 1, c. 261, ha istituito presso la Presidenza del
Consiglio dei ministri il Fondo straordinario per gli interventi di sostegno alleditoria per
il triennio 2014-2016, assegnando una dotazione finanziaria di 50 milioni di euro per il 2014,
di 40 milioni per il 2015 e di 30 milioni per il 2016. Il fondo destinato ad incentivare gli
investimenti delle imprese editoriali, anche di nuova costituzione, orientati allinnovazione
tecnologica e digitale, a promuovere lingresso di giovani professionisti qualificati nel settore
dei nuovi media ed a sostenere le ristrutturazioni aziendali e gli ammortizzatori sociali.
Alla ripartizione annuale delle risorse del fondo si provvede con decreto del Presidente
del Consiglio dei ministri, ovvero del sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio
dei ministri con delega per linformazione, la comunicazione e leditoria, da adottare entro
il 31 marzo di ciascun anno del triennio, di concerto con altri ministri (lavoro e politiche
sociali, sviluppo economico, economia e finanze), sentite le organizzazioni sindacali dei
datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente pi rappresentative sul piano nazionale
nel settore delle imprese editrici e delle agenzie di stampa.
Allo scopo di finanziare gli strumenti previdenziali destinati ai trattamenti economici di
pensione di vecchiaia anticipata per i giornalisti, con d.p.c.m. 30 settembre 2014 (registrato
34

In particolare, si prevedevano: 1) il riordino della normativa vigente, al fine di contenere gli oneri e
consentire una maggiore selezione dei beneficiari; 2) incentivi per lavvio di nuove imprese editoriali, per
linnovazione tecnologica e per la multimedialit; 3) la promozione della lettura; 4) la ridefinizione del quadro
delle competenze, anche in materia di diritto dautore e comunicazione istituzionale. Durante lesame
parlamentare avviato dalla VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione) della Camera in data
12 luglio 2012, stato adottato il 7 dicembre 2012, un nuovo testo del disegno di legge, che prevedeva
listituzione di un Fondo per il pluralismo dellinformazione presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, da
utilizzare per i contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e periodici, per sostenere linnovazione
tecnologica delle imprese editrici, per incentivare lavvio di nuove imprese editrici e per sostenere i trattamenti
di pensione di vecchiaia anticipata per i giornalisti dipendenti da aziende in ristrutturazione. Lesame del
provvedimento non stato concluso entro la fine della legislatura.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
39

alla Corte dei conti in data 23 ottobre 2014), il Fondo straordinario per gli interventi di
sostegno alleditoria stato ridotto, per lanno 2014, dalliniziale stanziamento di euro
50.000.000 allammontare di euro 20.918.394. Il decreto disciplina i criteri e le modalit di
concessione ed erogazione, per lanno 2014, delle risorse del fondo, per gli interventi operanti
nei seguenti ambiti:
- incentivi agli investimenti in innovazione tecnologica e digitale;
- incentivi allassunzione di giornalisti;
- parziale finanziamento degli ammortizzatori sociali erogati in favore di giornalisti
disoccupati o interessati da processi di riduzione dellattivit lavorativa per collocamento
in cassa integrazione.
La legge di stabilit 2016 (n. 208/2015) ha previsto, al c. 160, primo periodo, con
riferimento agli anni dal 2016 al 2018, una riserva allerario di quote delle eventuali maggiori
entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione.
Attingendo a tali quote si prevede, altres, per il triennio 2016-2018, la formazione per
una provvista, fino ad un importo massimo di 50 milioni per anno, per il finanziamento di
un Fondo per il pluralismo e linnovazione dellinformazione, da istituirsi nello stato di
previsione del Ministero dello sviluppo economico.
Da ultimo, si ritiene utile dare brevemente conto delle innovazioni che intende introdurre
la proposta di legge di iniziativa parlamentare attualmente in discussione presso il
Parlamento.
Risulta di assoluto rilievo, allart. 1, il collegamento stabilito tra listituzione di un Fondo
per il pluralismo e linnovazione e la finalit di assicurare lattuazione dei principi
costituzionali in materia di libert e di pluralismo dellinformazione.
Si tratta di una acquisizione normativa di grande rilevanza: viene in maniera esplicita
definita, in un dettato normativo, la finalizzazione del sostegno allattivit editoriale alla
garanzia del pluralismo informativo, anche se gi in passato tale connessione era sottesa e
implicita al tessuto normativo positivo. Infatti, lesigenza di una informazione dai contenuti
plurali viene ricondotta al principio della pluralit delle fonti informative, considerate dal
giudice costituzionale valore centrale di ogni ordinamento democratico, poich
linformazione, nei suoi aspetti attivi e passivi, esprime una condizione preliminare per
lattuazione della forma propria dello stato democratico, rappresentando un generale diritto
di accesso alle fonti notiziali.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
40

In particolare, lart. 1 della proposta di legge disciplina listituzione di un Fondo per il


pluralismo e linnovazione dellinformazione collocandolo nello stato di previsione del
Ministero delleconomia, che ripropone il fondo gi istituito dalla legge di stabilit del 2016
che lo inseriva nello stato di previsione del Ministero dello sviluppo economico.
Nel fondo confluiscono:
-

le risorse statali destinate alle diverse forme di sostegno alleditoria quotidiana e


periodica, anche digitale, comprese le risorse disponibili del Fondo straordinario per gli
interventi di sostegno alleditoria di cui allart. 1, c. 261, l. n. 147/2013;

le risorse statali destinate allemittenza radiofonica e televisiva in ambito locale;

una quota, fino allimporto massimo di 100 milioni di euro per anno, per il periodo 20162018, delle eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone Rai;

altre somme derivanti dal gettito annuale di un contributo di solidariet sul reddito di
concessionari ed imprese operanti nella raccolta pubblicitaria.
Con lart. 3 (delega al Governo per la ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico

alleditoria), il Governo delegato ad adottare uno o pi decreti legislativi aventi ad oggetto


la ridefinizione della disciplina dei contributi diretti alle imprese editrici di quotidiani e
periodici, la previsione di misure per il sostegno agli investimenti alle imprese editoriali,
altre misure per linnovazione del sistema distributivo, il finanziamento di progetti
innovativi presentati da imprese di nuova costituzione, misure a sostegno di processi di
ristrutturazione e di riorganizzazione delle imprese gi costituite.
Nella definizione della delega vengono indicati, come principi e criteri direttivi, la
parziale ridefinizione della platea dei beneficiari, ammettendo a finanziamento le sole
imprese editrici di quotidiani e periodici che esercitano una attivit informativa autonoma
e indipendente di carattere generale e le sole imprese editrici costituite come cooperative
giornalistiche.
Si prevede, altres, il mantenimento del finanziamento per organi di stampa espressione
delle minoranze linguistiche e la esclusione dal finanziamento degli organi di informazione
dei partiti, dei movimenti politici e sindacali, dei periodici specialistici a carattere tecnico,
aziendale, professionale o scientifico e, comunque, delle pubblicazioni che non
contribuiscono in modo prevalente e significativo alla funzione informativa di carattere
generale in materia politica, economica e sociale.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
41

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
42

CAPITOLO IV
I CONTRIBUTI DIRETTI

Sommario: 1. Premessa. - 2. I requisiti per laccesso ai contributi diretti. - 3. La procedura per laccesso ai
contributi. - 4. I contributi diretti. Dati contabili. - 4.1. I contributi diretti alle imprese editrici. - 4.2. I
contributi diretti per i non vedenti. - 4.3. I contributi alla stampa estera. - 4.4. I contributi diretti a favore
delle imprese radiofoniche e televisive.

1. Premessa
Lintervento dello Stato nel settore delleditoria si esplica attraverso misure di sostegno
economico di tipo diretto o indiretto.
In particolare, gli aiuti economici diretti consistono nellerogazione alle imprese editrici,
che presentino i requisiti richiesti, di un contributo calcolato in ragione di parametri che si
sono succeduti nel tempo (tiratura, copie distribuite, copie vendute, costi ed altro), mentre
gli aiuti economici indiretti sono costituiti da riduzioni tariffarie, agevolazioni fiscali e
crediti agevolati.
Dopo un periodo di alcuni decenni, durante il quale lunico strumento di intervento
economico era rappresentato essenzialmente dal contributo sul prezzo della carta e che
andava a beneficio di tutta lattivit editoriale, fu la l. 5 agosto 1981, n. 416 (recante
Disciplina delle imprese editrici e delle provvidenze per leditoria) ad affrontare in modo
organico la materia, mantenendo per un quinquennio per i quotidiani (art. 22) il contributo
variabile sul prezzo della carta, secondo scaglioni di tiratura media giornaliera, e
introducendo per i quotidiani editi da cooperative di giornalisti una quota addizionale del
15 per cento.
Anche per i periodici (art. 24) era previsto un contributo in relazione ai quantitativi di
carta utilizzati per la stampa, con una maggiorazione, sempre del 15 per cento, per i periodici
editi da cooperative di giornalisti.
In nota si riportano altre categorie di imprese equiparate a quelle cooperative35.

35Analogamente ai quotidiani e ai periodici editi da cooperative di giornalisti, per i quotidiani delle minoranze

linguistiche (francese, ladina, slovena e tedesca) erano contemplati (art. 22, c. 4) contributi maggiorati del 15
per cento.
Lart. 27 prevedeva daltro canto un contributo complessivo di 4 miliardi/anno per le agenzie di stampa a
diffusione nazionale che fossero collegate per telescrivente con il Ministero delle poste, con almeno quindici
quotidiani in cinque regioni, con pi di dieci giornalisti professionisti dipendenti a tempo pieno, ed
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
43

La successiva l. 25 febbraio 1987, n. 67 (recante Rinnovo della l. 5 agosto 1981, n. 416,


in materia di disciplina delle imprese editrici e provvidenze per leditoria), prorogando alla
fine del 1987 il sistema dei contributi sul prezzo della carta, istitu un nuovo regime dei
contributi diretti36.
Con la l. 7 agosto 1990, n. 250 (recante Provvidenze per leditoria e riapertura dei
termini, a favore delle imprese radiofoniche, per la dichiarazione di rinuncia agli utili di cui
allart. 9, c. 2, della l. n. 67/1987, per laccesso ai benefici di cui allart. 11 della legge stessa),
alle imprese editrici di quotidiani costituite in forma di cooperative giornalistiche veniva
riconosciuto un contributo fisso pari al 50 per cento dei costi complessivi, comunque non
superiore a 2 miliardi, inclusi gli ammortamenti, risultanti dai bilanci degli ultimi due
esercizi, pi un contributo variabile per scaglioni di tiratura media giornaliera (art. 3, c. 2).
Parimenti, per i periodici editi da cooperative di giornalisti (art. 3, c. 2-quater e c. 8) era
concesso un contributo fisso nella misura del 30 per cento dei costi complessivi, inclusi gli
ammortamenti, risultanti dai bilanci degli ultimi due esercizi e un contributo variabile, per
scaglioni di copie distribuite. Inoltre, lart. 3, c. 3, prevedeva la corresponsione di lire 200
per copia stampata fino a 40.000 copie di tiratura media.
La successiva l. 7 marzo 2001, n. 62 (recante Nuove norme sulleditoria e sui prodotti
editoriali e modifiche alla l. 5 agosto 1981, n. 416), dispose allart. 3, c. 1, che limporto

effettuassero almeno dodici ore di trasmissione al giorno.


Alle agenzie di stampa sprovviste dei requisiti su richiamati, veniva corrisposto un contributo complessivo di
500 milioni, in ragione danno (art. 27, c. 5).
Erano inoltre previsti contributi di tipo indiretto; in particolare, lart. 28 della l. n. 416/1981, per le imprese
iscritte nel Registro nazionale della stampa, prevedeva riduzioni tariffarie pari al 50 per cento dei servizi
telefonici, telegrafici, postali e dei trasporti.
36 Si stabilisce infatti che alle imprese cooperative di giornalisti (art. 9, c. 5) vengano concessi un contributo
fisso annuo pari al 30 per cento della media dei costi risultanti dai bilanci degli ultimi due esercizi, inclusi gli
ammortamenti, per un tetto fino a 1 miliardo e 500 milioni e un contributo variabile per scaglioni di tiratura
media giornaliera.
Per le imprese editrici di quotidiani o periodici organi di partiti politici rappresentati in almeno un ramo del
Parlamento, andava un contributo fisso annuo pari al 30 per cento della media dei costi risultanti dai bilanci
degli ultimi due esercizi, inclusi gli ammortamenti, con un tetto di 1 miliardo e 500 milioni per i quotidiani e
300 milioni per i periodici (art. 9, c. 6, lett. a) della l. n. 67/1987) e un contributo variabile, secondo scaglioni
di tiratura media (art. 9, cc. 5 e 6, lett. b).
Lart. 8, c. 7, stabiliva poi un aumento del contributo del 15 per cento per quotidiani editi in francese, ladino,
sloveno e tedesco.
Lart. 11, c. 2, per le imprese radiofoniche organi di partiti politici, attribuiva un contributo annuo fisso pari
al 70 per cento della media dei costi da bilanci degli ultimi due esercizi, inclusi gli ammortamenti e, comunque,
non superiore a 2 miliardi.
Per le agenzie di stampa a diffusione nazionale lart. 16 prorogava poi i contributi gi previsti dallart. 27 della
l. n. 416/1981 per il biennio 1986-1987, portando limporto complessivo a 4.800 milioni, in ragione di anno, di
cui 500 per le agenzie minori.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
44

massimo di 2 miliardi di cui allart. 26 della l. n. 416/1981 (quotidiani italiani pubblicati


allestero), venisse innalzato a 4 miliardi; stabiliva, altres, per i quotidiani teletrasmessi
allestero in paesi diversi da quelli della Ue (art. 3, c. 2), un contributo pari al 50 per cento
dei costi documentati di acquisto carta, stampa e distribuzione relativi alla distribuzione
delle copie teletrasmesse (laumento complessivo di tali contributi non poteva comunque
superare i 4 miliardi annui).
Lart. 8, d.l. 23 ottobre 1996, n. 542, convertito con modificazioni dalla l. 23 dicembre
1996, n. 649, aveva previsto un contributo annuo di 1 miliardo per il 1994 e di 950 milioni
per il 1995, in favore delleditoria periodica per non vedenti. Con lart. 1, c. 462, l. 23
dicembre 2005, n. 266, lentit del contributo stato fissato in 1 milione di euro annui.

2. I requisiti per laccesso ai contributi diretti


A decorrere dai contributi relativi allanno 2013, le imprese editrici di giornali quotidiani
costituite come cooperative giornalistiche, le imprese editrici di giornali quotidiani la cui
maggioranza del capitale detenuta da cooperative, fondazioni o enti morali non aventi fine
di lucro, le imprese editrici comunque costituite che editino giornali quotidiani in lingua
francese, ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle dAosta, Friuli-Venezia
Giulia e Trentino-Alto Adige e i periodici editi da cooperative giornalistiche nonch le
imprese editrici di quotidiani o periodici organi di partiti politici costituiti in societ
cooperatrici, possono chiedere i contributi a condizione che la testata edita sia venduta alle
condizioni indicate nel cap. III (par. 2). Per testata nazionale si considera quella distribuita
in almeno tre regioni e con una percentuale di distribuzione in ciascuna regione non inferiore
al 5 per cento della propria distribuzione totale.
Per il disposto dellart. 2, c. 3, d.p.r. n. 223/2010, le cooperative editrici, costituite ai sensi
e per gli effetti della l. n. 388/2000, art. 153, c. 4, possono continuare ad accedere ai
contributi di cui allart. 3, c. 2 (quotidiani editi da cooperative giornalistiche) e c. 2-quater
(periodici editi da cooperative giornalistiche), della l. n. 250/1990, a condizione che si
costituiscano, entro il 31 dicembre dellanno di entrata in vigore del nuovo regolamento, in
cooperative giornalistiche che posseggano i requisiti di cui allart. 6, l. n. 416/198137, come
37

Secondo il disposto dellart. 6 (cooperative giornalistiche) della l. n. 416/1981, Disciplina delle imprese
editrici e provvidenze per leditoria, per cooperative giornalistiche si intendono le societ cooperative
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
45

modificati dallart. 1, l. n. 266/2005 (legge finanziaria 2006)38. Si rammenta che, da ultimo,


lart. 1, c. 4, lett. a), d.l. n. 63/2012, dispone che, per accedere ai contributi, altres
necessario ottemperare alle condizioni richiamate nel cap. III (par. 2).
Il Die provvede a richiedere allAutorit per le garanzie nelle comunicazioni,
relativamente alle imprese richiedenti i contributi, oltre alla regolarit delliscrizione al
Registro degli operatori di comunicazione (Roc), lattestazione di conformit degli assetti
societari alla normativa vigente, nonch lattestazione dellassenza di situazioni di controllo
e/o collegamento per gli effetti di cui allart. 3, cc. 11-ter e 13, l. n. 250/199039, e dellart. 1,
c. 574, l. n. 266/200540 (art. 5, c. 3, d.p.r. n. 223/2010).
Ai sensi dellart. 6 del d.p.r. n. 223/2010, il Die assicura, in relazione alle richieste di
contributi di cui allart. 3 della l. n. 250/1990, lo svolgimento degli opportuni accertamenti
ed approfondimenti, anche a campione, sulla documentazione presentata dai soggetti
richiedenti.
Annualmente, il Die trasmette alla Guardia di finanza lelenco dei soggetti ammessi al
contributo ed i relativi importi erogati ai fini di eventuali accertamenti e controlli, anche a

composte di giornalisti costituite ai sensi degli artt. 2511 c.c. e ss., iscritte nel registro prefettizio (art. 6, c. 1).
Si intendono altres per cooperative giornalistiche i consorzi costituiti tra una societ cooperativa composta
da giornalisti e una societ cooperativa composta da lavoratori del settore non giornalisti, che intendono
partecipare alla gestione dellimpresa (art. 6, c. 2).
Gli statuti debbono prevedere la partecipazione di altri lavoratori del settore, nonch limiti delle quote sociali
in misura maggiore di quella prevista dalle vigenti disposizioni (art. 6, c. 3).
Le cooperative di giornalisti devono associare almeno il 50 per cento dei giornalisti dipendenti aventi rapporto
di lavoro regolato dal contratto nazionale di lavoro giornalistico e clausola di esclusiva con le cooperative
medesime (art. 6, c. 4).
38 Lart. 1, c. 460, dispone che a decorrere dal 1 gennaio 2006, i contributi previsti dai cc. 2, 8, 10 e 11 dellart.
3, l. n. 250/1990, e successive modificazioni, sono percepiti a condizione che:
a) limpresa editrice sia proprietaria della testata per la quale richiede i contributi;
b) limpresa editrice sia una societ cooperativa i cui soci non partecipino ad altre cooperative editrici che
abbiano chiesto di ottenere i medesimi contributi. In caso contrario, tutte le imprese editrici interessate
decadono dalla possibilit di accedere ai contributi;
c) i requisiti di cui alle lett. a) e b) non si applicano alle imprese editrici che, alla data di entrata in vigore
della presente legge, abbiano gi maturato il diritto ai contributi. In tal caso, nel calcolo del contributo
non ammesso laffitto della testata.
39 Secondo il disposto dellart. 3, c. 11-ter, l. n. 250/1990, i contributi previsti dal c. 2 (quotidiani di imprese
cooperative di giornalisti) sono concessi a condizione che non fruiscano dei contributi previsti dal predetto
comma, imprese collegate con limpresa richiedente, o controllate da essa, o che la controllano, o che siano
controllate dalle stesse imprese, o dagli stessi soggetti che la controllano.
40 Lart. 1, c. 574, della l. n. 266/2005 (legge finanziaria 2006) stabilisce che, nei casi di cui allart. 3, c. 11-ter,
della l. n. 250/1990, qualora siano presentate pi domande, tutte le imprese editrici interessate decadono dal
diritto di accedere ai contributi. I costi ammissibili per il calcolo dei contributi di cui alla l. n. 250/1990, allart.
23, c. 3, della l. 6 agosto 1990, n. 223 (concessionari per la radiodiffusione televisiva in ambito locale), e
successive modificazioni, non possono essere superiori a quelli ammessi al calcolo dei contributi per lanno 2008
(comma cos modificato dalla lett. c), c. 1, art. 10-sexies, d.l. 30 dicembre 2009, n. 194).
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
46

campione. Attualmente in atto un protocollo di intesa tra il Die e la Guardia di finanza


per migliorare le sinergie tra le due amministrazioni41.

3. La procedura per laccesso ai contributi


Lerogazione dei contributi diretti alle imprese editrici di giornali quotidiani e periodici,
rientranti nelle previsioni della l. n. 250/1990, e successive modificazioni, subordinata alla
presentazione per via telematica e con firma digitale della relativa domanda sottoscritta dal
legale rappresentante, per la quale fissato come termine il 31 gennaio dellanno successivo
a quello per il quale sono richiesti i contributi. La liquidazione dei contributi, secondo i
termini di legge, avviene entro la fine dellesercizio finanziario, dopo lacquisizione del parere
obbligatorio da parte della Commissione tecnica consultiva per leditoria (art. 54, l. n.
416/1981)42. Lart. 54 stato parzialmente abrogato dallart. 21 della l. n. 62/2001, nel senso
che la Commissione continua ad esprimere pareri sullaccertamento della diffusione e dei
requisiti di ammissione ai contributi previsti dallart. 3 della l. n. 250/1990, non esprimendo
pi pareri sulla tiratura dei giornali quotidiani. Ai sensi dellart. 29, d.p.r. 27 aprile 1982, n.
268, recante Disposizioni di attuazione della l. 5 agosto 1981, n. 416, concernente la
disciplina delle imprese editrici e provvidenze per leditoria, la Commissione tecnica
consultiva, presieduta da un sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri,
composta dai rappresentanti di enti e soggetti interessati43. Al riguardo, non pu non essere
41

In data 21 febbraio 2013 stato firmato un Protocollo dintesa tra la Guardia di finanza ed il Die, con il
quale si accentua il raccordo tra il dipartimento che eroga i contributi ed il Nucleo speciale spesa pubblica e
repressione frodi comunitarie della Guardia di finanza, per la definizione dei criteri di rischio annuali alla base
della selezione dei soggetti da sottoporre al controllo successivo. In attuazione di tale protocollo ogni anno
viene stabilito un piano dei controlli sulle aziende editoriali che hanno percepito i contributi diretti per
leditoria. Tali controlli vengono programmati tenendo conto di un insieme di indici di rischio tratti dallesame
della documentazione contabile prodotta a corredo della domanda di contributo.
Altra forma di controllo quella esercitata per il tramite dellAutorit per le garanzie nelle comunicazioni
(Agicom), la quale provvede ad attestare la conformit degli assetti societari delle imprese alla normativa
vigente, nonch a verificare lassenza di situazioni di controllo e/o di collegamenti delle imprese richiedenti.
42 Secondo il disposto dellart. 54 della l. n. 416/1981, con d.p.r., su proposta del Presidente del Consiglio dei
ministri, previa deliberazione del Consiglio stesso, sentito il parere espresso, nei termini stabiliti dai
regolamenti delle due Camere, dalle competenti Commissioni permanenti della Camera e del Senato, istituita
una Commissione tecnica consultiva, rappresentativa delle categorie operanti nel settore della stampa e
delleditoria. Detta Commissione esprime pareri sullaccertamento della diffusione e dei requisiti di ammissione
ai contributi previsti dallart. 3, l. n. 250/1990, secondo quanto disposto dal primo comma dellart. 21 della l.
n. 62/2001.
43 a) Due rappresentanti degli editori di giornali quotidiani; b) due rappresentanti degli editori di periodici; c)
un rappresentante delle agenzie nazionali di stampa; d) un rappresentante delle riviste di elevato valore
culturale; e) due rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei giornalisti; f) un rappresentante dellordine
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
47

rilevata la circostanza che quasi due terzi dei componenti provengano dalle categorie
direttamente interessate alla acquisizione dei contributi e poco pi di un terzo da funzionari
e da soggetti designati dalla Presidenza del Consiglio dei ministri.
A tale riguardo, appare auspicabile il superamento della Commissione tecnico-consultiva
poich il suo disegno organizzativo che attribuisce peraltro esplicite funzioni deliberative
nella materia dei contributi per i periodici italiani allestero non garantisce
sufficientemente lassenza di ogni possibile interferenza o commistione con gli interessi dei
possibili beneficiari delle provvidenze.

4. I contributi diretti. Dati contabili

4.1. I contributi diretti alle imprese editrici


Il capitolo 466 (dello stato di previsione del bilancio della Presidenza del Consiglio dei
ministri) reca la parte pi rilevante dellinsieme degli stanziamenti a disposizione del Die
per il sostegno alleditoria. Per il periodo 2005-2014, la competenza varia da 173,5 milioni
nel 2005 a 246 milioni nel 2006, e scende a 40 milioni nel 2014, con un andamento (cfr. grafico
2) costantemente declinante a partire dal 2009, con una drastica riduzione dal 2011. Ci
imputabile allentrata in vigore del d.l. n. 194/2009 (art. 10-sexies), gi pi volte richiamato,
recante riduzioni e/o abolizioni di diverse forme di contribuzione. Tra il 2005 e il 2013,
quindi, la competenza si ridotta di oltre il 60 per cento.
Tale progressiva diminuzione inoltre ascrivibile ai nuovi criteri di calcolo dei contributi
gi richiamati introdotti dal d.p.r. n. 223/2010 (semplificazione e riordino dei contributi
alleditoria) e poi ancora dal d.l. n. 63/2012.
nazionale dei giornalisti; g) tre rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei lavoratori poligrafici; h) un
rappresentante dei rivenditori di quotidiani e periodici; i) un rappresentante delle aziende di distribuzione di
quotidiani e periodici; l) un rappresentante degli editori di libri; m) un rappresentante delle industrie grafiche,
cartotecniche e trasformatrici, la cui attivit prevalente od esclusiva consista nella stampa di giornali
quotidiani, pubblicazioni periodiche o libri; n) quattro funzionari designati rispettivamente dai ministri del
tesoro, per i beni culturali e ambientali, del commercio e dellartigianato e delle poste e delle telecomunicazioni;
o) tre esperti in materie giuridiche ed economiche connesse con leditoria giornalistica, designati dal Presidente
del Consiglio dei ministri; p) il direttore generale delle informazioni, delleditoria e della propriet letteraria,
artistica e scientifica presso la Presidenza del Consiglio, e il capo del Servizio editoria, il quale assicura altres
i servizi di segreteria della Commissione. La Commissione nominata con decreto del Presidente del Consiglio
dei ministri. In caso di vacanza o sostituzione, si procede nella medesima forma. Per la validit delle
deliberazioni si richiede, in prima convocazione, la presenza di almeno la met pi uno dei componenti e, in
seconda convocazione, da indire a non meno di ventiquattrore dalla precedente, di almeno un terzo di essi.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
48

Assume rilievo anche landamento del rapporto tra pagamenti di competenza e


stanziamenti totali di competenza (cfr. grafico 3); infatti, se nei primi anni del periodo
esaminato il rapporto si mantiene pressoch costante intorno al 90 per cento, dal 2011 tale
rapporto presenta un profilo altalenante, attestandosi nel 2014 ad un livello di circa tre
quarti rispetto ai primi anni del periodo considerato, con tendenza alla creazione di residui.
Tabella 4 - Cap. 466 - I contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.

2005

2006

2007

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Competenza

Competenza

Competenza

VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati

75.431.706,00

0,00

148.831.000,00

0,00

84.831.448,27

0,00

173.558.706,00

1.725.699,49

246.958.000,00

291.207,07

194.831.448,27

18.646.235,02

175.284.405,49

291.207,07

Residui

98.127.000,00

247.249.207,07

110.000.000,00

18.646.235,02

213.477.683,29

3.430.196,11

1.389.168,73

34.808,17

30.498,96

1.434.253,17

2.033.311,54

169.875.801,78

298.031,80

228.486.203,86

51.461,06

178.022.941,81

8.025.138,92

170.173.833,58

228.537.664,92

186.048.080,73

170.128.509,89

0,00

246.923.191,83

0,00

193.397.195,10

0,00

252.708,11

38.498,96

18.436.987,97

209.247,05

15.374.253,29

10.058.450,46

291.207,07

18.646.235,02

97,88%

17,27%

92,52%

0,17%

25.432.703,75
17,67%

91,37%

7,54%

43,04%

11,91%

2008

2009

2010

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Capitolo 466
CONTRIBUTI ALLE IMPRESE
EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Competenza

Competenza

Competenza

Residui

140.000.000,00

Residui

50.000.000,00

69.368.132,76

0,00

135.158.863,00

0,00

15.295.945,42

0,00

209.368.132,76

25.432.703,75

185.158.863,00

36.846.056,48

185.295.945,42

44.676.362,24

234.800.836,51

36.846.056,48

Residui

25.432.703,75

222.004.919,48

170.000.000,00

44.676.362,24

229.972.307,66

1.258.157,26

377.845,74

690.865,42

12.972.100,10

15.749.447,44

51.887,18

183.978.520,86

12.340.256,17

147.756.698,06

15.908.893,66

148.341.382,74

33.793.397,80

196.318.777,03

163.665.591,72

182.134.780,54

208.109.975,50

0,00

184.467.997,58

0,00

169.546.497,98

0,00

24.131.454,64

12.714.601,84

36.711.299,52

7.965.062,72

21.205.115,24

10.831.077,26

Residui totali

36.846.056,48

% Pagam./Stanz.

87,87%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

Residui

1.725.699,49

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

Residui

98.127.000,00

15,69%

44.676.362,24
48,52%

79,80%
20,12%

32.036.192,50
43,18%

80,06%

75,64%

13,93%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
49

segue tabella 4
2011

2012

2013

2014

Capitolo 466

Capitolo 466

Capitolo 466

Capitolo 466

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


EDITRICI DI QUOTIDIANI E
PERIODICI

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

54.517.030,54

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

85.883.100,00

32.036.192,50

38.208.108,00

108.521.212,92

50.703.000,00

41.778.437,67

55.980.024,00

VARIAZIONI

83.184.807,13

0,00

68.513.425,25

0,00

39.036.972,97

0,00

-6.916.382,00

0,00

169.067.907,13

32.036.192,50

106.721.533,25

108.521.212,92

89.739.972,97

41.778.437,67

49.063.642,00

54.517.030,54

Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

201.104.099,63

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

215.242.746,17

131.518.410,64

103.580.672,54

2.274.090,06

10.705.595,74

1,81

26.091.593,12

485.576,62

8.160.175,78

0,00

64.917.092,50

14.686.108,41

74.532.960,86

72.839.752,71

52.093.627,87

16.261.999,83

34.972.699,10

79.603.200,91

147.372.713,57

68.355.627,70

Impegni

166.793.817,07

0,00

106.721.531,44

0,00

89.254.396,35

0,00

49.063.642,00

Residui accertati

101.876.724,57

6.644.488,35

32.188.570,58

9.589.867,09

37.160.768,48

17.356.262,06

14.090.942,90

Residui totali

108.521.212,92

% Pagam./Stanz.

38,40%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

41.778.437,67
45,84%

69,84%

53,96%

DATI NON
PERVENUTI

54.517.030,54
67,12%

58,05%

19,41%

38,92%

71,28%

41,45%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Grafico 2
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 466 - Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici
300,000
250,000
200,000
150,000
100,000
50,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 173,558 246,958 194,831 209,368 185,158 185,295 169,067 106,721 89,739 49,063

N.B. Importi in milioni di euro.

Dal 2005 al 2014 gli stanziamenti di competenza relativi al cap. 466 si sono ridotti di circa
il 60 per cento.
Si rammenta che lart 10-sexies, d.l. n. 194/2009, dispone, tra laltro, la riduzione del 50
per cento dei contributi per i giornali quotidiani (finanziati sul cap. 466) e parimenti del 50

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
50

per cento per le pubblicazioni periodiche; inoltre, lo stesso articolo prevede labolizione dei
contributi per i quotidiani teletrasmessi allestero dalle emittenti radio nazionali e locali
(cap. 465), e per le emittenti tv, il rimborso dei consumi elettrici (cap. 468).

Grafico 3
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di
competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 466 - Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici
120,00%
100,00%
80,00%
60,00%
40,00%
20,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Percentuale 97,88% 92,52% 91,37% 87,87% 79,80% 80,06% 38,40% 69,84% 58,05% 71,28%

Grafico 4
Andamento dei residui iniziali
Cap. 466 - Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici
120,000
100,000
80,000
60,000
40,000
20,000
0,000

2005

2006

Importo 1,725

0,291

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

18,646 25,432 36,846 44,676 32,036 108,521 41,778 54,517

N.B. Importi in milioni di euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
51

La forte crescita dei residui che si registra tra il 2011 e il 2012 ascrivibile agli interventi
normativi degli anni 2010 e 2011, che hanno ridimensionato in maniera rilevante il volume
delle risorse e le stesse procedure di assegnazione (cfr. grafico 4).
A questo riguardo, lamministrazione ha osservato che risulta inevitabile la formazione
di residui sul cap. 466 destinato ai contributi diretti a favore delle imprese editrici di
quotidiani e periodici. La legge assegna, infatti, al dipartimento 180 giorni per la conclusione
del relativo procedimento: poich il termine per la presentazione della documentazione a
corredo delle domande di contributo scade il 30 settembre di ogni anno, il termine per la
conclusione del procedimento fissato al 31 marzo dellanno successivo; donde appunto, la
formazione di residui nellesercizio precedente. Negli ultimi anni per si stati in grado di
rendere pi spedite le attivit istruttorie in modo tale da consentire la decisione sui
contributi e la loro erogazione nella met dei tempi previsti, prima della fine dellanno, per
la maggior parte delle imprese richiedenti. Nellanno 2015, con riferimento ai contributi per
lanno 2014, la percentuale di imprese che ha ricevuto il contributo entro il 31 dicembre 2015
stata pari all85 per cento di quelle richiedenti. Le somme residue sono state interamente
erogate nel corso del 2016.

Grafico 5
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 466 - Contributi alle imprese editrici di quotidiani e periodici

80,00%
70,00%
60,00%
50,00%
40,00%
30,00%
20,00%
10,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 17,27% 17,67% 43,04% 48,52% 43,18% 75,64% 45,84% 67,12% 38,92%

Lesame degli elenchi dei soggetti ammessi ai benefici, in particolare per quanto riguarda
quelli concessi a quotidiani e periodici, pone in evidenza lestrema frammentazione della
distribuzione di tali provvidenze cui accede un numero davvero considerevole di piccole
testate a diffusione spesso prettamente locale. E lecito domandarsi quale sia il concreto ed
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
52

effettivo contributo al pluralismo informativo (si confrontino a tale riguardo Appendice 1,


tabella 4; Appendice 1-quinquies, tabella 4; Appendice 1-octies, tabella 4) di testate
specializzate in sport equestri, sistemi audio, strumenti musicali, sport nautici,
motociclismo.
Una considerazione distinta meritano, poi, le pubblicazioni diocesane e di enti religiosi di
cui si presume una diffusione estremamente circoscritta che si riverbera, infatti, sullimporto
dei contributi che risultano significativamente modesti.
Nellambito di unauspicabile revisione delle attribuzioni e della composizione della
Commissione tecnico-consultiva, potrebbe essere utile attribuire alla commissione stessa
non solo la valutazione dei requisiti formali che le testate debbono possedere per accedere ai
contributi, ma anche una verifica dellidoneit e capacit di ogni singola testata a conferire
un reale, concreto contributo alla promozione del pluralismo informativo.
Va, infine, segnalato che gli stessi controlli posti in essere dallamministrazione, pi di
recente anche con la collaborazione della Guardia di finanza e dellAgcom, hanno consentito
di far emergere fenomeni di irregolarit commesse da alcune testate nella presentazione della
documentazione e riguardanti, soprattutto, la natura giuridica del soggetto titolare della
testata o le dichiarazioni relative a tiratura, distribuzione, vendita, ovvero rappresentazioni
di bilancio non veritiere. Al di l degli esiti dei procedimenti penali che ne sono spesso seguiti,
lamministrazione, nei casi richiamati, ha provveduto allannullamento dei contributi
erogati e ad avviare le procedure per il recupero delle somme indebitamente corrisposte (cfr.
Appendice 4).

4.2. I contributi diretti per i non vedenti


Le competenze del capitolo 469 dal 2007 si assestano a 1 milione di euro. Vista la
tempistica, imposta dalle procedure, fisiologico che i pagamenti avvengano in conto
residui.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
53

Tabella 5 - Cap. 469 - Il contributo a favore delleditoria speciale periodica per non vedenti
2005
Capitolo 469

2006
Capitolo 469

2007
Capitolo 469

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.

Residui

470.000,00
0,00
470.000,00
471.465,50

Competenza

2.239,52
0,00
2.239,52

982.239,52

Residui

470.000,00
530.000,00
1.000.000,00
1.015.836,00

0,00

0,00

0,00

1.000.000,00

0,00

1.465,50

964.164,00

2.239,52

0,00

0,00

469.225,96

966.403,52

0,00

469.999,98

0,00

980.000,00

0,00

2.239,52

0,00

15.836,00

0,00

2.239,52
99,52%

15.836,00
100,00%

0,00

0,00

0,00

15.836,00

15.836,00

98,38%

100,00%

0,00%

1,61%

1,56%

2008
Capitolo 469

2009
Capitolo 469

2010
Capitolo 469

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON VEDENTI

1.000.000,00
1.000.000,00
2.000.000,00

Residui

Competenza

15.836,00
0,00
15.836,00

2.015.836,00

Residui

1.000.000,00
0,00
1.000.000,00

Competenza

2.000.000,00
0,00
2.000.000,00

3.000.000,00

1.000.000,00
0,00
1.000.000,00

0,00

0,00

2,86

0,20

4.569,66

0,00

15.836,00

993.093,28

1.999.978,08

993.093,28

Pagamenti totali

15.836,00

6.925,58
0,00
6.925,58

2.993.071,36

6.907,48

1.000.000,76

980.000,00

0,00

999.997,14

0,00

999.998,89

0,00

2.000.000,00

0,00

6.903,86

21,72

2.337,06

18,10

100,00%

99,31%

100,00%

99,31%

Residui totali

2.000.000,00

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

Residui

1.006.925,58

Pagamenti totali Banca dItalia

Residui accertati

0,00%

0,48%

Economie e/o Residui perenti

Impegni

15.836,00
0,00
15.836,00

0,02

Competenza

Massa spendibile (Comp. + Res.)

Residui

470.000,00
510.000,00
980.000,00

467.760,46

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali

Competenza

1.465,50
0,00
1.465,50

99,21%

6.925,58

0,23%

2.355,16
99,74%

0,23%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
54

segue tabella 5
2011

2012

2013

2014

Capitolo 469
CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON
VEDENTI

Capitolo 469
CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON
VEDENTI

Capitolo 469
CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON
VEDENTI

Capitolo 469
CONTRIBUTO A FAVORE
DELL'EDITORIA SPECIALE
PERIODICA PER NON
VEDENTI

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

1.000.000,00

VARIAZIONI
Stanziamenti totali

Residui
2.355,16

Competenza

Residui

Competenza

1.000.000,00

1.000.010,86

1.000.000,00

Residui

Competenza

999.993,77

Residui

1.000.000,00

1.000.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

85,59

0,00

0,00

0,00

1.000.000,00

2.355,16

1.000.000,00

1.000.010,86

1.000.085,59

999.993,77

1.000.000,00

1.000.000,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

1.002.355,16

2.000.010,86

2.000.079,36

2.000.000,00

Economie e/o Residui perenti

0,00

7,24

0,00

0,00

0,00

1,01

0,01

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

2.337,06

7,24

1.000.009,85

85,59

999.992,76

979.952,12

Pagamenti totali

2.337,06

1.000.017,09

1.000.078,35

Impegni

1.000.000,00

0,00

1.000.000,00

0,00

0,00

0,00

999.999,99

Residui accertati

1.000.000,00

10,86

999.992,76

1,01

1.000.000,00

0,00

20.047,87

100,00%

98,00%

Residui totali

1.000.010,86

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

99,77%

999.993,77
99,23%

0,00%

DATI NON
PERVENUTI

1.000.000,00
100,00%

0,01%

50,00%

50,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

4.3. I contributi alla stampa estera


Assolutamente regolare landamento del capitolo 473, ove la competenza viene
puntualmente impegnata e pagata.

Tabella 6 - Cap. 473 - Il contributo allAssociazione stampa estera

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza + Residui)

2005
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui
9.000,00
0,00
0,00
0,00
9.000,00
0,00

2006
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui
9.000,00
0,00
0,00
0,00
9.000,00
0,00

2007
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui
9.000,00
0,00
0,00
0,00
9.000,00
0,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00
100,00%
0,00%

0,00
0,00%

100,00%
0,00%

0,00
0,00%

100,00%

0,00%

0,00%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
55

segue tabella 6
2008
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali

9.000,00
0,00
9.000,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Residui accertati
Residui totali

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

9.000,00
0,00
9.000,00

9.000,00

0,00
0,00
0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00
0,00%

0,00

100,00%

0,00%

0,00%

100,00%

0,00%

0,00%

0,00%

2011

2012

2013

2014

Capitolo 473

Capitolo 473

Capitolo 473

Capitolo 473

CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE
STAMPA ESTERA

CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA

CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA

CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE
STAMPA ESTERA

Competenza

Massa spendibile (Comp. + Res.)

0,00
0,00
0,00

0,00

100,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza + Residui)

2010
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui

0,00

0,00

% Pagam./Stanz.

Stanziamenti totali

9.000,00
0,00
9.000,00

9.000,00

Impegni

VARIAZIONI

0,00
0,00
0,00

9.000,00

Economie e/o Residui perenti

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

2009
Capitolo 473
CONTRIBUTO
ALL'ASSOCIAZIONE STAMPA
ESTERA
Competenza
Residui

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

9.000,00

0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

9.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00
100,00%
0,00%

0,00
0,00%

100,00%

0,00
0,00%

100,00%

0,00%

0,00%

0,00
0,00%

100,00%
0,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

4.4. I contributi diretti a favore delle imprese radiofoniche e televisive


Le provvidenze alle imprese di radiodiffusione sonora e televisiva sono previste dalla l. n.
67/1987 (art. 11) e dalla l. n. 250/1990 (artt. 4 e 8). I contributi in oggetto sono riconosciuti
a quelle imprese che svolgono attivit dinformazione ed hanno registrato la testata
giornalistica presso il tribunale competente per territorio.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
56

Residui

0,00%

Tali contributi si suddividono in:


-

provvidenze in favore di emittenti radiofoniche, organi di partiti politici;

provvidenze in favore di emittenti radiofoniche e televisive44.


Le emittenti radiofoniche che risultino essere organi di partiti politici rappresentati in

almeno un ramo del Parlamento devono essere in possesso di specifici requisiti45; ad esse
viene corrisposto, a cura del Die, un contributo annuo pari al 70 per cento della media dei
costi risultanti dai bilanci degli ultimi due esercizi, inclusi gli ammortamenti, e comunque
non superiore a 2 miliardi (art. 11, c. 2, l. n. 67/1987), in seguito innalzato a 4 miliardi
dallart. 4, c. 1, l. n. 250/1990. Con lart. 2, c. 6, d.l. n. 63/2012, il 70 per cento della media
dei costi di cui allart. 4, c. 1, l. n. 250/1990, stato ridotto al 40 per cento (cfr. Appendice
3, tab. 7).
Secondo lart. 4, c. 2, l. n. 250/1990, ove le entrate pubblicitarie fossero state inferiori al
25 per cento dei costi di esercizio annuali, compresi gli ammortamenti, era concesso un
ulteriore contributo integrativo pari al 50 per cento del contributo di cui allart. 4, c. 1, l. n.
250/1990. Contributo questultimo raddoppiato ai sensi dellart. 2, l. 14 agosto 1991, n. 278,
recante Modifiche ed integrazioni alle leggi n. 67/1987 e n. 250/1990. La somma di tutti i
contributi non poteva superare l80 per cento dei costi, e comunque non essere superiore ai
4 miliardi di lire. Il limite dell80 per cento per le somme di tutti i contributi stato poi
ridotto al 50 per cento, ai sensi dellart. 2, c. 6, d.l. n. 63/2012.
Alle imprese radiofoniche organi di partiti politici di cui agli artt. 11, c. 3, l. n. 67/1987 e
4, c. 3, l. n. 250/1990, sono riconosciute le riduzioni tariffarie di cui allart. 28 l. n. 416/1981,
e successive modificazioni, applicate anche ai consumi di energia elettrica, ai canoni di
noleggio e di abbonamento ai servizi di telecomunicazione di qualsiasi tipo, ivi compresi i

44

Lart. 7, c. 13, l. 3 maggio 2004, n. 112, recante: Norme di principio in materia di assetto del sistema
radiotelevisivo e della Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a., nonch delega al Governo per lemanazione del
Testo unico della radiotelevisione, poi abrogato dallart. 21 d.p.r. n. 223/2010, riconosceva laccesso alle
provvidenze di cui agli artt. 11, l. n. 67/1987, e 4, l. n. 250/1990, anche ai canali tematici autorizzati alla
diffusione via satellite, con esclusione di quelli ad accesso condizionato. Il contributo alle imprese televisive
satellitari rimasto in vigore fino allannualit 2009 (cfr. art. 10-sexies, lett c) d.l. 30 dicembre 2009, n. 194,
convertito con modificazioni dalla l. 26 febbraio 2010, n. 25.
45 I requisiti che le emittenti devono possedere sono:
a) registrazione della testata giornalistica presso il competente tribunale;
b) trasmissione quotidiana di propri programmi informativi su avvenimenti politici, religiosi, economici,
sociali, sindacali, o culturali per non meno del 30 per cento (art. 11, c. 2, l. n. 67/1987) poi portato al 50 per
cento dallart. 4, c. 1, l. n. 250/1990), delle ore di trasmissione comprese tra le ore 7,00 e le ore 20,00;
c) non editare n controllare, direttamente o indirettamente, organi di informazione di cui al c. 6 dellart. 9 l.
n. 67/1987, che percepiscano contributi diretti ai sensi delle leggi sulleditoria.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
57

sistemi via satellite, nonch alle agevolazioni di credito di cui allart. 20, l. n. 67/1987 ed al
rimborso previsto dalla lett. b) del c. 1, dellart. 11 della medesima legge (rimborso dell80
per cento delle spese per labbonamento ai servizi di tre agenzie di informazione a diffusione
nazionale o regionale successivamente ridotto al 60 per cento).
Successivamente, la legge finanziaria 2007 (l. 27 dicembre 2006, n. 296), nel riordinare la
materia riguardante le provvidenze in favore delleditoria, allart. 1, c. 1247, ha disposto che
i contributi di cui allart. 4, l. n. 250/1990, venissero corrisposti esclusivamente alle imprese
che presentassero specifici requisiti46.
Le altre emittenti radiofoniche e televisive erano ammesse ai rimborsi del 60 per cento
per le spese sostenute per gli abbonamenti alle agenzie di stampa e di informazione
radiotelevisiva, del 50 per cento sulle tariffe telefoniche e del 40 per cento sulle tariffe
elettriche e sui canoni di noleggio ed abbonamento ai servizi di telecomunicazione di
qualsiasi tipo, ivi compresi i sistemi via satellite.
Ai sensi degli artt. 11, c. 1, l. n. 67/1987 e 8, l. n. 250/1990, le imprese di radiodiffusione
sonora (la l. n. 250/1990 aggiunse quelle a carattere locale) che avessero registrato presso il
competente tribunale la testata radiofonica giornalistica e che avessero trasmesso
quotidianamente propri programmi informativi su avvenimenti politici, religiosi,
economici, sociali, sindacali o letterari, per non meno del 25 per cento delle ore di
trasmissione (ridotto al 15 per cento dallart. 8 l. n. 250/1990) avevano diritto, a decorrere
dal 1 gennaio 2007 (d.l. n. 262/2006) alle riduzioni tariffarie di cui allart. 28, l. n. 416/1981,
e successive modificazioni, applicate anche ai consumi di energia elettrica (art. 8, c. 1, lett.
a), l. n. 250/1990) e al rimborso del 60 per cento delle spese per labbonamento ai servizi di
tre agenzie di informazione a diffusione nazionale o regionale (art. 8, c. 1, lett. b).
Con la l. 26 febbraio 2010, n. 25, di conversione del d.l. 30 dicembre 2009, n. 194, allart.
10-sexies sono state introdotte rilevanti modifiche alla disciplina del sostegno alle imprese
radiofoniche nazionali e locali e televisive locali (cfr. circolare del Die del 25 giugno 2010,

46 I contributi previsti dallart. 4 della l. n. 250/1990, sono corrisposti esclusivamente alle imprese radiofoniche

che, oltre che attraverso esplicita menzione riportata in testata, risultino essere organi di partiti politici con
un proprio gruppo parlamentare in una delle Camere o due rappresentanti nel Parlamento europeo, eletti nelle
liste di movimento, nonch alle imprese radiofoniche private che abbiano svolto attivit di informazione di
interesse generale ai sensi della l. 7 agosto 1990, n. 230 (Centro di produzione s.p.a. - Radio Radicale).
Continuano a percepire in via transitoria i contributi medesimi, fino alla ridefinizione dei requisiti di accesso,
le altre imprese radiofoniche ed i canali tematici satellitari di cui allart. 7, c. 13, della l. n. 112/2004 (comma
abrogato dallart. 21, d.p.r. n. 223/2012), che alla data del 31 dicembre 2005 abbiano maturato il diritto ai
contributi di cui allart. 4 della l. n. 250/1990.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
58

esplicativa della nuova disciplina in materia di rimborsi delle spese sostenute per i consumi
telefonici e per il riconoscimento del requisito di emittente di informazione)47.
Si sottolinea che allart. 10-sexies lett. e) d.l. n. 194/2009, stato, poi, disposto che, a
decorrere dal 2009, non si applicano le riduzioni tariffarie per lenergia elettrica, nonch per
i canoni di noleggio e abbonamento ai servizi di telecomunicazione di qualsiasi tipo, ivi
compresi i sistemi via satellite, previste in favore delle imprese di radiodiffusione sonora
nazionale e locale e televisione locale. Alle medesime imprese non si applicano, sempre a
decorrere dal 2009, i rimborsi del 60 per cento delle spese per labbonamento ai servizi delle
agenzie di informazioni a diffusione nazionale o regionale che svolgano quotidianamente
attivit di informazione. Sono fatti salvi, invece, i rimborsi per le spese telefoniche e i
contributi erogati dal Ministero dello sviluppo economico.
Tabella 7 - Cap. 465 - I contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese televisive
2005

2006

2007

Capitolo 465

Capitolo 465

Capitolo 465

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

9.813.000,00

Residui

Competenza

83.837,58

9.813.000,00

Competenza

Residui

22.375.195,29

Residui

15.000.000,00

18.793.378,79

VARIAZIONI

20.528.978,39

0,00

22.710.000,00

0,00

11.313.518,82

0,00

Stanziamenti totali

30.341.978,39

83.837,58

32.523.000,00

22.375.195,29

26.313.518,82

18.793.378,79

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

30.425.815,97

54.898.195,29

45.106.897,61

173,49

0,00

113.518,82

0,00

6.248,38

2.712.229,52

7.966.609,61

83.837,58

18.368.448,44

17.622.849,24

981.795,62

9.941.326,83

8.050.447,19

35.991.297,68

10.923.122,45

Impegni

30.341.804,90

0,00

32.409.481,18

0,00

26.307.270,44

0,00

Residui accertati

22.375.195,29

0,00

14.041.032,74

4.752.346,05

25.325.474,82

6.139.822,44

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

22.375.195,29
26,26%
73,54%

18.793.378,79
100,00%

56,48%
34,23%

31.465.297,26
78,76%

3,73%

52,90%

69,76%

47

In particolare, allart. 10-sexies, lett. a), stato stabilito che le imprese radiofoniche ed i canali tematici
satellitari, che risultino essere organi di partiti politici che abbiano il proprio gruppo parlamentare in una delle
Camere o due rappresentanti nel Parlamento europeo eletti nelle liste di movimento, nonch le imprese
radiofoniche private che abbiano svolto attivit di informazione di interesse generale ai sensi della l. 7 agosto
1990, n. 230, e le altre imprese radiofoniche ed i canali tematici satellitari che alla data del 31 dicembre 2005
abbiano maturato il diritto ai contributi di cui allart. 4 della l. n. 250/1990, possono continuare a percepire,
per lanno 2009, un contributo non superiore a quello relativo allanno 2008.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
59

segue tabella 7
2008

2009

2010

Capitolo 465

Capitolo 465

Capitolo 465

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE IMPRESE
TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui
31.543.996,37

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

20.000.000,00

31.465.297,26

14.067.780,00

34.801.386,92

25.000.000,00

VARIAZIONI

12.192.860,38

0,00

15.971.473,92

0,00

-6.458.055,98

0,00

Stanziamenti totali

32.192.860,38

31.465.297,26

30.039.253,92

34.801.386,92

18.541.944,02

31.543.996,37

Massa spendibile (Comp.+ Res)

63.658.157,64

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia

64.840.640,84

50.085.940,39

22.746,32

1.786.700,49

1.890,63

1.966.221,85

19.418,06

2.886.574,49

1.240.596,50

25.806.727,41

4.123.317,90

27.205.214,09

16.333.773,78

24.060.169,34

Pagamenti totali

27.047.323,91

31.328.531,99

40.393.943,12

Impegni

32.170.114,06

0,00

30.037.363,29

0,00

18.522.525,96

0,00

Residui accertati

30.929.517,56

3.871.869,36

25.914.045,39

5.629.950,98

2.188.752,18

4.597.252,54

Residui totali

34.801.386,92

% Pagam./Stanz.

3,85%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

31.543.996,37
82,02%

13,73%

54,67%

6.786.004,72
78,17%

88,09%

48,65%

76,27%

13,55%

2011

2012

2013

2014

Capitolo 465

Capitolo 465

Capitolo 465

Capitolo 465

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE


RADIOFONICHE ED ALLE
IMPRESE TELEVISIVE

Competenza

Residui

Competenza

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

Competenza
8.284.000,00

6.786.004,72

6.525.822,00

10.088.548,54

4.530.000,00

8.568.123,97

5.600.000,00

VARIAZIONI

5.698.286,48

0,00

8.222.754,33

0,00

3.528.838,29

0,00

1.526.613,33

0,00

13.982.286,48

6.786.004,72

14.748.576,33

10.088.548,54

8.058.838,29

8.568.123,97

7.126.613,33

187.688,30

Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

20.768.291,20

Competenza

Residui

24.837.124,87

16.626.962,26

3.177.033,22

4.339,91

186.134,72

1.231,85

51.257,25

1.560,81

3.893.739,75

3.608.969,69

6.209.356,34

9.869.169,93

7.953.930,13

8.432.854,73

5.485.576,42

16.078.526,27

16.386.784,86

Impegni

13.982.286,48

0,00

14.744.236,42

0,00

8.057.606,44

0,00

7.125.052,52

Residui accertati

10.088.546,73

1,81

8.534.880,08

33.243,89

103.676,31

84.011,99

1.639.476,10

98,42%

76,97%

Residui totali

10.088.548,54

% Pagam./Stanz.

27,85%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

48,58%

8.568.123,97
53,18%

42,10%
34,50%

187.688,30

7.314.301,63

0,00

7.502.709,44

Residui

DATI NON
PERVENUTI

187.688,30
97,83%

98,70%
1,13%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
60

Grafico 6
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 465 - Contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese televisive

35,000
30,000
25,000
20,000
15,000
10,000
5,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Importo 30,341 32,523 26,313 32,192 30,039 18,541 13,982 14,748

2013

2014

8,058

7,126

N.B. Importi in milioni di euro.

Grafico 7
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di competenza
(stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 465 - Contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese televisive

120,00%
100,00%
80,00%
60,00%
40,00%
20,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Percentuale 26,62% 56,48% 3,73% 3,85% 13,73% 88,09% 27,85% 42,10% 98,70% 76,97%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
61

Grafico 8
Andamento dei residui iniziali
Cap. 465 - Contributi alle imprese radiofoniche ed alle imprese televisive
40,000
35,000
30,000
25,000
20,000
15,000
10,000
5,000
0,000

2013

2014

Importo 0,083 22,375 18,793 31,465 34,801 31,543 6,786 10,088 8,568

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

0,187

N.B. Importi in milioni di euro.

Grafico 9
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 465 - Contributi alle imprese radofoniche ed alle imprese televisive

120,00%
100,00%
80,00%
60,00%
40,00%
20,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 100,00% 78,76% 52,90% 82,02% 78,17% 76,27% 53,18% 97,83% 98,42%

Dal 2005 al 2014 gli stanziamenti di competenza relativi al cap. 465 si sono ridotti di oltre
il 75 per cento.
In particolare, con le restrizioni introdotte dallart. 10-sexies, lett. c), (abolizione rimborsi
emittenti tv locali, spese acquisto servizi agenzie di stampa), d.l. n. 194/2009, e dallart. 2,

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
62

c. 6, d.l. n. 63/2012 (gi richiamato), dal 2009 si rileva un abbattimento degli stanziamenti
che supera il 50 per cento (2011) e continua fino al 2014.
Nel cap. 465 significativo landamento, nel periodo 2005-2014, degli stanziamenti totali
di competenza che, negli anni tra il 2005 e il 2009 oscillano intorno ai 30 milioni, per iniziare
a declinare dal 2010, fino a scendere nel 2014 a 7 milioni, con una riduzione complessiva di
circa il 75 per cento (cfr. grafico 6).
Estremamente discontinuo , invece, landamento del rapporto tra pagamenti sulla
competenza e stanziamenti totali di competenza (cfr. grafico 7).
Va, peraltro, osservato che risulta quasi sempre piuttosto elevato (e mai inferiore al 50
per cento) il rapporto indicativo della capacit di smaltimento dei residui (cfr. grafico 9).

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
63

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
64

CAPITOLO V
I CONTRIBUTI INDIRETTI

Sommario: 1. Premessa. - 2. I contributi sui mutui. - 3. I contributi in conto interessi. - 4. Fondo agevolazione
di credito. - 5. Le agevolazioni per la spedizione in abbonamento postale di prodotti editoriali. - 6. Il rimborso
per riduzioni tariffarie sui consumi.

1. Premessa
Laltro ambito in cui si articolano le provvidenze per leditoria costituito dai c.d.
contributi indiretti. Essi riguardano agevolazioni di credito in conto interessi per progetti di
ristrutturazione tecnico-produttiva; rimborsi delle spese sostenute per le agenzie di
informazione; agevolazioni tariffarie postali, contributi sui mutui, riduzioni tariffarie
telefoniche, telegrafiche, elettriche e di spedizione48.
48

Giova rammentare che gi la l. n. 416/1981, allart. 30, prevedeva un contributo in conto interessi per
interventi di ristrutturazione economico-produttiva. Il limite massimo di finanziamento del contributo in
conto interessi era stabilito in 10 miliardi di lire per ciascuna operazione e la durata massima dei finanziamenti
era di dieci anni. Tali finanziamenti erano riservati alle imprese editrici di quotidiani, di periodici e alle agenzie
nazionali di stampa. Potevano anche essere concessi alle imprese editrici e/o stampatrici di libri e alle imprese
di distribuzione della stampa quotidiana e periodica, con precedenza per questultima, a quelle costituite in
forma cooperativa o consortile.
Altro genere di contributi indiretti rappresentato dalle riduzioni delle tariffe telefoniche, telegrafiche, postali
e dei trasporti (art. 28, c. 1), che vengono ridotte del 50 per cento in favore delle imprese editrici di quotidiani,
di periodici e delle agenzie di stampa, iscritte nel Registro nazionale della stampa.
La successiva l. n. 67/1987 ha esteso tali provvidenze alle imprese radiofoniche di informazione per le quali
viene previsto anche il rimborso del 60 per cento delle spese per abbonamento ai servizi di tre agenzie di
informazione, a diffusione nazionale o regionale (art. 11, c. 1, lett. b). Alle imprese radiofoniche organi di partiti
politici rappresentati in almeno un ramo del Parlamento vanno applicate le riduzioni tariffarie telefoniche,
telegrafiche, postali e dei trasporti, di cui allart. 28 della l. n. 416/1981 (art. 11, c. 3).
Sempre la l. n. 67/1987, allart. 12 ha previsto che gli istituti di credito di cui allart. 30 della l. n. 416/1981,
possono accordare mutui di durata massima ventennale, per lestinzione di debiti emergenti dal bilancio al 31
dicembre 1986, cos come approvato e depositato. Lart. 20 proroga per il quinquennio 1986/1990 i meccanismi
di erogazione dei finanziamenti agevolati previsti dalla l. n. 416/1981, con un limite massimo di finanziamento
assistibile, portato a 15 miliardi di lire.
La l. n. 250/1990 ha ulteriormente prorogato per il quinquennio 1991/1995, le disposizioni relative ai
finanziamenti agevolati previsti dalla l. n. 416/1981 (art. 5); ha esteso alle imprese di radiodiffusione a carattere
locale, che trasmettono propri programmi informativi, le riduzioni tariffarie di cui allart. 28 della l. n.
416/1981 e il rimborso dell80 per cento delle spese di abbonamento ai servizi di due agenzie di informazione a
diffusione nazionale o regionale (art. 8); inoltre equipara alle imprese editrici di quotidiani e periodici, ai fini
dellammissione ai finanziamenti agevolati ai sensi della l. n. 416/1981, le emittenti di radiodiffusione (art. 10).
Lart. 4, c. 3, della l. n. 250/1990, prevede per le emittenti radiofoniche organi di partiti politici lammissione
alle riduzioni tariffarie di cui allart. 28 della l. n. 416/1981, applicate ai consumi di energia elettrica e ai canoni
di noleggio e di abbonamento ai servizi di telecomunicazione, nonch alle agevolazioni di credito di cui allart.
20 della l. n. 67/1987.
La successiva l. n. 62/2001 recava una significativa innovazione perch nella concessione delle agevolazioni
creditizie veniva prevista la c.d. procedura automatica di concessione (art. 6), che prevedeva laccoglimento
delle domande sulla base della mera verifica della completezza e regolarit delle medesime. Tale procedura,
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
65

2. I contributi sui mutui

Tabella 8 - Cap. 467, poi cap. 935 - I contributi sui mutui concessi dalle banche alle imprese editoriali per lestinzione
dei debiti emergenti dal bilancio al 31 dicembre 1990
2005
Capitolo 467 (succ. 935)

2006
Capitolo 935

2007
Capitolo 935

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO
AL 31 DICEMBRE 1990

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO
AL 31 DICEMBRE 1990

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO AL
31 DICEMBRE 1990

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

6.300.000,00
0,00
6.300.000,00

Competenza

14.328.111,23
0,00
14.328.111,23

20.628.111,23

Residui

6.300.000,00
0,00
6.300.000,00

Competenza

15.472.521,72
0,00
15.472.521,72

21.772.521,72

Residui

6.300.000,00
2.248.625,31
8.548.625,31

13.514.897,59
0,00
13.514.897,59

22.063.522,90

2.003.883,50

19.607,87

2.248.625,31

0,00

6.371.297,56

0,00

0,00

3.132.098,14

0,00

6.008.998,82

0,00

3.448.586,52

3.132.098,14

6.008.998,82

3.448.586,52

Impegni

4.296.116,50

0,00

4.051.374,69

0,00

2.177.327,75

0,00

Residui accertati

4.296.116,50

11.176.405,22

4.051.374,69

9.463.522,90

2.177.327,75

10.066.311,07

21,86%

0,00%

Residui totali

15.472.521,72

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

13.514.897,59

12.243.638,82
38,84%

0,00%

25,52%

75,01%

62,07%

55,49%

2008
Capitolo 935

2009
Capitolo 935

2010
Capitolo 935

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO
AL 31 DICEMBRE 1990

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO
AL 31 DICEMBRE 1990

CONTRIBUTI SUI MUTUI CONCESSI


DALLE BANCHE ALLE IMPRESE
EDITORIALI PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL BILANCIO AL
31 DICEMBRE 1990

Competenza
6.300.000,00
6.371.297,56
12.671.297,56

Residui
12.243.638,82
0,00
12.243.638,82

24.914.936,38

Competenza
6.300.000,00
-6.300.000,00
0,00

Residui
7.205.596,59
0,00
7.205.596,59

7.205.596,59

Competenza
0,00
0,00
0,00

Residui
6.454.998,88
0,00
6.454.998,88

6.454.998,88

12.671.297,56

0,00

0,00

0,00

0,00

3.509.594,30

0,00

5.038.042,23

0,00

750.597,71

0,00

14,48

5.038.042,23

750.597,71

14,48

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Residui accertati

0,00

7.205.596,59

0,00

6.454.998,88

0,00

2.945.390,10

41,15%

0,00%

10,42%

0,00%

Residui totali
% Pagam./Stanz.

7.205.596,59
0,00%

6.454.998,88

2.945.390,10

insieme a quella valutativa (art. 7), stata soppressa dallart. 21 del d.p.r. n. 223/2010.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
66

0,00%

segue tabella 8
2011

2012

2013

2014

Capitolo 935
CONTRIBUTI SUI MUTUI
CONCESSI DALLE BANCHE
ALLE IMPRESE EDITORIALI
PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL
BILANCIO AL 31 DICEMBRE
1990

Capitolo 935
CONTRIBUTI SUI MUTUI
CONCESSI DALLE BANCHE
ALLE IMPRESE EDITORIALI
PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL
BILANCIO AL 31 DICEMBRE
1990

Capitolo 935
CONTRIBUTI SUI MUTUI
CONCESSI DALLE BANCHE
ALLE IMPRESE EDITORIALI
PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL
BILANCIO AL 31 DICEMBRE
1990

Capitolo 935
CONTRIBUTI SUI MUTUI
CONCESSI DALLE BANCHE
ALLE IMPRESE EDITORIALI
PER L'ESTINZIONE DEI
DEBITI EMERGENTI DAL
BILANCIO AL 31 DICEMBRE
1990

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

0,00

2.945.390,10

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

2,00

VARIAZIONI

0,00

0,00

0,00

0,00

941.824,59

0,00

11.238,48

0,00

Stanziamenti totali

0,00

2.945.390,10

0,00

0,00

941.824,59

0,00

11.238,48

2,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

2.945.390,10

0,00

941.824,59

11.240,48

Economie e/o Residui perenti

0,00

2.945.352,09

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

38,01

0,00

0,00

941.822,59

0,00

11.238,48

Pagamenti totali

38,01

0,00

941.822,59

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

941.824,59

0,00

11.238,48

Residui accertati

0,00

0,00

0,00

0,00

2,00

0,00

0,00

0,00%

100,00%

Residui totali

0,00

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

0,00%

0,00
0,00%

0,00%
0,00%

DATI NON
PERVENUTI

2,00
0,00%

100,00%
0,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

La competenza si riduce a zero dal 2009, poich lo stanziamento totale va tutto in


economia. Dal 2009 la competenza viene azzerata e riappare nel 2013; analogo fenomeno si
registra nel 2014.

3. I contributi in conto interessi


La l. n. 62/2001 aveva previsto la concessione di un contributo in conto interessi alle
imprese partecipanti al ciclo di produzione, distribuzione e commercializzazione del
prodotto editoriale49. Tali imprese dovevano avere effettuato o avuto in programma di
effettuare progetti di ristrutturazione tecnico-produttiva50 attraverso il ricorso ad un

49

Ai sensi dellart. 1, l. n. 62/2001, per prodotto editoriale si intende il prodotto realizzato su supporto
cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla
diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione
sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici.
50 L. n. 62/2001, art. 5, c. 4: Sono ammessi a finanziamento i progetti di ristrutturazione tecnico-produttiva;
di realizzazione, ampliamento e modifica degli impianti, con particolare riferimento allinstallazione e
potenziamento della rete informatica, anche in connessione allutilizzo dei circuiti telematici internazionali e
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
67

finanziamento bancario, ovvero, alla locazione finanziaria.


Presso la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die era stato istituito, ai sensi dellart. 5,
c. 1, della l. n. 62/2001, il Fondo per le agevolazioni di credito alle imprese del settore
editoriale, finalizzato alla concessione di contributi in conto interessi sui finanziamenti della
durata massima di dieci anni, deliberati da soggetti autorizzati allattivit bancaria.
Ai sensi dellart. 8, l. n. 62/2001, alle imprese produttrici di prodotti editoriali che
avessero effettuato entro il 31 dicembre 2004 gli investimenti tecnologici di cui al c. 251,
relativi a strutture situate nel territorio dello Stato, era riconosciuto, a richiesta, un credito
di imposta di importo pari al 3 per cento del costo sostenuto, con riferimento al periodo di
imposta in cui linvestimento fosse stato effettuato in ciascuno dei quattro periodi di
imposta successivi.
Con riferimento alle agevolazioni di credito alle imprese editoriali, loperativit della l. n.
416/1981 continuava a permanere per quelle imprese che, ammesse al contributo statale
durante la sua vigenza, non avevano completamente percepito, nonostante la sua validit
pluriennale, lintero importo del contributo concesso.

dei satelliti; di miglioramento della distribuzione; di formazione professionale. I progetti sono presentati dalle
imprese partecipanti al ciclo di produzione, distribuzione e commercializzazione del prodotto editoriale.
51 Gli investimenti per i quali previsto il credito di imposta hanno ad oggetto:
a) beni strumentali nuovi, ad esclusione degli immobili, destinati esclusivamente alla produzione in lingua
italiana di giornali, riviste e periodici, libri e simili, nonch prodotti editoriali multimediali;
b) programmi di ristrutturazione economico-produttiva riguardanti, congiuntamente o disgiuntamente:
1) lacquisto, linstallazione, il potenziamento, lampliamento e lammodernamento delle attrezzature
tecniche, degli impianti di composizione, redazione, impaginazione, stampa, confezione,
magazzinaggio, teletrasmissione verso le proprie strutture periferiche e degli impianti ad alta e bassa
frequenza delle imprese di radiodiffusione nonch il processo di trasformazione delle strutture
produttive verso tecnologie di trasmissione e ricezione digitale;
2) la realizzazione o lacquisizione di sistemi composti da una o pi unit di lavoro gestite da
apparecchiature elettroniche che governino, a mezzo di programmi, la progressione logica delle fasi del
ciclo tecnologico, destinate a svolgere una o pi delle seguenti funzioni legate al ciclo produttivo:
lavorazione, montaggio, manipolazione, controllo, misura e trasporto;
3) la realizzazione o lacquisizione di sistemi di integrazione di una o pi unit di lavoro composti da robot
industriali, o mezzi robotizzati, gestiti da apparecchiature elettroniche, che governino, a mezzo di
programmi, la progressione logica delle fasi del ciclo tecnologico;
4) la realizzazione o lacquisizione di unit elettroniche o di sistemi elettronici per lelaborazione dei dati
destinati al disegno automatico, alla progettazione, alla produzione della documentazione tecnica, alla
gestione delle operazioni legate al ciclo produttivo, al controllo e al collaudo dei prodotti lavorati,
nonch al sistema gestionale, organizzativo e commerciale;
5) la realizzazione o lacquisizione di programmi per lutilizzazione delle apparecchiature e dei sistemi di
cui ai nn. 2), 3) e 4);
6) lacquisizione di brevetti e licenze funzionali allesercizio delle attivit produttive, dei sistemi e dei
programmi di cui ai nn. 2), 3), 4) e 5).
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
68

Tabella 9 - Cap. 936 - I contributi in conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa
quotidiana e periodica
2005

2006

2007

Capitolo 936
CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

Capitolo 936
CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

Capitolo 936
CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

Residui

13.076.000,00

Residui

15.000.000,00

Competenza

Residui

33.647.511,13

0,00

34.104.015,49

0,00

0,00

0,00

0,00

425.792,43

0,00

13.076.000,00

32.997.228,30

15.000.000,00

33.647.511,13

425.792,43

34.104.015,49

46.073.228,30

48.647.511,13

34.529.807,92

2.746.978,84

1.120.281,63

5.854.543,06

692.070,27

670.107,24

7.888.349,46

326.922,38

7.669.959,93

8.558.456,70

7.996.882,31
0,00

9.145.456,94

0,00

9.658.913,92

23.988.597,21

8.818.534,56

25.285.480,93

33.647.511,13
5,12%

34.104.015,49
23,91%

73,03%

2,18%

425.792,43

246.373,49

0,00

4.799.575,77

4.799.575,77

10.329.021,16

0,00

0,00

0,00

29.058.066,23

29.058.066,23
22,80%

0,00%

70,10%

14,07%

84,15%

2008

2009

2010

Capitolo 936

Capitolo 936

Capitolo 936

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU FINANZIAMENTI
PER SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

Competenza

32.997.228,30

0,00

Residui

Competenza

29.058.066,23

0,00

Residui

Competenza

Residui

23.252.921,40

0,00

11.686.044,45

VARIAZIONI

425.792,43

0,00

0,00

0,00

219.216,31

0,00

Stanziamenti totali

425.792,43

29.058.066,23

0,00

23.252.921,40

219.216,31

11.686.044,45

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

29.483.858,66

23.252.921,40

11.905.260,76

425.792,43

535.377,97

0,00

8.129.376,48

0,00

942.986,47

0,00

5.269.766,86

0,00

3.437.500,47

219.216,31

2.260.438,91

5.269.766,86

3.437.500,47

2.479.655,22

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

219.216,31

0,00

Residui accertati

0,00

23.252.921,40

0,00

11.686.044,45

0,00

8.482.619,07

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

23.252.921,40
0,00%
78,87%

11.686.044,45
18,14%

0,00%
50,26%

8.482.619,07
14,78%

100,00%

19,34%

71,25%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
69

segue tabella 9
2011

2012

2013

2014

Capitolo 936

Capitolo 936

Capitolo 936

Capitolo 936

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU
FINANZIAMENTI PER
SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU
FINANZIAMENTI PER
SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU
FINANZIAMENTI PER
SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

CONTRIBUTI IN CONTO
INTERESSI SU
FINANZIAMENTI PER
SVILUPPO SETTORE
STAMPA QUOTIDIANA E
PERIODICA

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

Residui

Competenza

Pagamenti totali Banca dItalia

Competenza

Residui

Competenza

0,00

6.098.059,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.280.217,95

0,00

50.567,01

0,00

60.000,00

8.482.619,07

0,00

6.098.059,00

4.280.217,95

0,00

50.567,01

56,00

6.098.059,00

4.280.217,95

7.200,47

677.562,40

0,00

6.098.059,00

0,00

0,00

0,00

52.799,53

1.706.997,67

0,00

0,00

4.280.161,95

0,00

50.567,01

1.759.797,20

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

4.280.217,95

0,00

50.567,01

Residui accertati

0,00

6.098.059,00

0,00

0,00

56,00

0,00

0,00

Residui totali

6.098.059,00

0,00%

100,00%

88,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

0,00

4.280.161,95

0,00
20,12%

0,00%

71,38%

56,00

50.623,01

Pagamenti totali

% Pagam./Stanz.

Residui

8.482.619,07

8.542.619,07

Economie e/o Residui perenti

Residui

60.000,00

DATI NON
PERVENUTI

56,00
0,00%

100,00%

0,00%

0,00%

0,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Grafico 10
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 936 - Contributi in conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa
quotidiana e periodica

16,000
14,000
12,000
10,000
8,000
6,000
4,000
2,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 13,076 15,000 0,425

0,425

0,000

0,219

0,600

0,000

4,280

0,050

N.B. Importi in milioni di euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
70

Grafico 11
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di competenza (stanz.
iniziali + variazioni)
Cap. 936 - Contributi in conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa quotidiana e
periodica

120,00%
100,00%
80,00%
60,00%
40,00%
20,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Percentuale 5,12% 2,18% 0,00% 0,00% 0,00% 100,00% 88,00% 0,00% 100,00%100,00%

Grafico 12
Andamento dei residui iniziali
Cap. 936 - Contributi in conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa quotidiana
e periodica

40,000
35,000
30,000
25,000
20,000
15,000
10,000
5,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

Importo 32,997 33,647 34,104 29,058 23,252 11,686

2011

2012

2013

2014

8,482

6,098

0,000

0,000

N.B. Importi in milioni di euro. Limporto del 2014 di 56 euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
71

Grafico 13
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 936 - Contributi in conto interessi su finanziamenti per sviluppo settore stampa quotidiana e
periodica

30,00%
25,00%
20,00%
15,00%
10,00%
5,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 23,91% 22,80% 14,07% 18,14% 14,78% 19,34% 20,12% 0,00%

0,00%

4. Fondo agevolazione di credito

Tabella 10 - Cap. 938 - Il Fondo agevolazioni di credito


2005
Capitolo 938

2006
Capitolo 938

2007
Capitolo 938

FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO

FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO

FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

12.000.000,00
0,00
12.000.000,00

Residui
59.000.000,00
0,00
59.000.000,00

71.000.000,00

Competenza

Residui

0,00
0,00
0,00

58.359.715,69
0,00
58.359.715,69

58.359.715,69

Residui
54.521.433,72
0,00
54.521.433,72

70.021.433,72

12.000.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

640.284,31

0,00

3.838.281,97

640.284,31

Competenza
10.000.000,00
5.500.000,00
15.500.000,00

3.838.281,97

15.500.000,00

0,00

0,00

4.216.345,96

4.216.345,96

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Residui accertati

0,00

58.359.715,69

0,00

54.521.433,72

0,00

50.305.087,76

Residui totali

58.359.715,69

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

82,20%

54.521.433,72
1,09%

0,00%
93,42%

50.305.087,76
6,58%

0,00%

7,73%

71,84%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
72

segue tabella 10
2008
Capitolo 938
FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

Competenza
5.000.000,00
-5.000.000,00
0,00

Residui
50.305.087,76
0,00
50.305.087,76

50.305.087,76

2009
Capitolo 938
FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO
Competenza
17.101.000,00
-17.101.000,00
0,00

Residui
43.450.478,34
0,00
43.450.478,34

43.450.478,34

2010
Capitolo 938
FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO

2011
Capitolo 938
FONDO AGEVOLAZIONI DI
CREDITO

Competenza
0,00
0,00
0,00

Competenza
0,00
0,00
0,00

Residui
34.690.725,45
0,00
34.690.725,45

34.690.725,45

Residui
34.318.178,89
0,00
34.318.178,89

34.318.178,89

Economie e/o Residui perenti

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

34.317.970,74

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

6.854.609,42

0,00

8.759.752,89

0,00

372.546,56

0,00

208,15

Pagamenti totali

6.854.609,42

8.759.752,89

372.546,56

208,15

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Residui accertati

0,00

43.450.478,34

0,00

34.690.725,45

0,00

34.318.178,89

0,00

0,00

Residui totali

43.450.478,34

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

0,00%
86,37%

34.690.725,45
13,63%

0,00%
79,84%

34.318.178,89
20,16%

0,00%

0,00
1,07%

0,00%

98,93%

0,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Il fondo era finalizzato alla concessione di contributi in conto interessi per finanziamenti
della durata massima di dieci anni (per progetti di ristrutturazione tecnico-produttive con
particolare riguardo al potenziamento della rete informatica; art. 5, c. 1, l. n. 62/2001).

5. Le agevolazioni per la spedizione in abbonamento postale di prodotti editoriali


Il d.l. 24 dicembre 2003, n. 353, convertito con modificazioni dalla l. 27 febbraio 2004, n.
4652 (recante Disposizioni urgenti in materia di tariffe postali agevolate per i prodotti
editoriali), disciplina le agevolazioni postali per la spedizione di prodotti editoriali,
prevedendo il rimborso a posteriori da parte dello Stato, alla societ Poste italiane s.p.a.,
sulla differenza tra costo unitario della spedizione e tariffa praticata. Il rimborso effettuato
nei limiti dei fondi appositamente stanziati (cfr. tabella 11, cap. V par. 4).
Va ricordato che, con riferimento al rimborso delle agevolazioni tariffarie praticate
anteriormente al 2007, il d.l. 3 ottobre 2006, n. 262 (art. 2, c. 135) prevedeva che le somme
ancora dovute alle Poste, ai sensi dellart. 3, c. 1, del d.l. n. 353/2003, fossero rimborsate,
52

Ai sensi dellart. 1 del d.l. n. 353/2003, a decorrere dal 1 gennaio 2004, le imprese editrici di quotidiani e
periodici iscritte al Registro degli operatori di comunicazione (Roc) e le imprese editrici di libri possono
usufruire di tariffe agevolate postali per la spedizione di prodotti editoriali. Le tariffe agevolate sono
determinate con decreto del Ministro delle comunicazioni ora Ministero dello sviluppo economico, di concerto
con il Ministero delleconomia, sentita la Presidenza del Consiglio dei ministri, applicando la tariffa pi bassa
per le spedizioni di stampe periodiche, la cui tiratura per singolo numero non superi le 20.000 copie. Accedono
altres alle tariffe agevolate le associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro (art. 1, c. 2).
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
73

0,00%

previa determinazione della Presidenza del Consiglio dei ministri-Die, di concerto con il
Ministero delle comunicazioni e con il Ministero delleconomia e delle finanze, entro sei mesi
dalla data di entrata in vigore di tale decreto, con una rateizzazione di dieci anni.
Ai sensi del d.l. n. 353/2003, il Die effettua il rimborso a Poste italiane s.p.a., nei limiti
degli stanziamenti presenti sui competenti capitoli del bilancio della Presidenza del
Consiglio dei ministri; il Ministero dello sviluppo economico ha competenza in materia di
monitoraggio e determinazione delle tariffe agevolate; la societ Poste italiane ha
competenza sui controlli in ordine alleffettiva legittimazione dei soggetti richiedenti. La
normativa vigente non consentiva al Die alcuna possibilit di realizzare interventi
correttivi, in caso di insufficienza delle risorse.
Lapplicazione delle tariffe agevolate stata sospesa dal 1 aprile 2010 in applicazione
del gi richiamato d.l. n. 194/2009, art. 10-sexies53, c. 2, che ha destinato al rimborso delle
suddette agevolazioni uno specifico accantonamento non inferiore a 50 milioni per il 2010.
Essendo stato gi maturato tale importo nel primo trimestre 2010, il d.m. 30 marzo 2010
del Ministro dello sviluppo economico (recante tariffe postali agevolate per leditoria) ha
stabilito che le tariffe agevolate per le spedizioni di prodotti editoriali di cui ai decreti
ministeriali del 13 novembre 2002 e del 1 febbraio 2005 continuassero ad applicarsi fino al
31 marzo 2010 (art. 1). Con successivo decreto si sarebbero determinate le tariffe agevolate
per i residui periodi dellanno 2010, in caso di sopravvenuto accertamento di disponibilit
finanziarie nellambito del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri
(art. 2).
Il d.l. 25 marzo 2010, n. 40, convertito con modificazioni dalla l. 22 maggio 2010, n. 73,
allart. 2, c. 2-undecies, ha disposto che, con decreto del Ministro dello sviluppo economico,
di concerto con il Ministro delleconomia, sentita la Presidenza del Consiglio dei ministri, si
provvedesse alla concessione delle agevolazioni tariffarie postali per il solo anno 2010 ed
esclusivamente per le sole associazioni ed organizzazioni senza fine di lucro, nel limite di
spesa di euro 30 milioni.

53

Lart. 10-sexies del d.l. n. 194/2009, convertito dalla l. n. 25/2010, recante Differimento dellapplicazione
di disposizioni in materia di contributi alleditoria, al c. 2 ha previsto, nelle more della riforma organica del
settore delleditoria e in attuazione dellart. 44 del d.l. n. 112/2008, un importo non inferiore a 50 milioni per
lanno 2010, da destinarsi al rimborso delle agevolazioni tariffarie postali. Tale somma stata immediatamente
accantonata e resa indisponibile.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
74

Con d.l. 5 agosto 2010, n. 125, convertito con modificazioni dalla l. 1 ottobre 2010, n.
163, allart. 2, c. 1-bis, si previsto che, in considerazione della specificit del settore, a
decorrere dal 1 settembre 2010 e fino al 31 dicembre 2012, per le spedizioni dei prodotti
editoriali effettuate dalle imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro degli
operatori di comunicazione (Roc) e dalle imprese editrici di libri, non si applica lart. 3, c. 1,
d.l. n. 353/200354 e che le tariffe massime applicabili sono determinate, senza oneri a carico
del bilancio dello Stato, con decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con
il Ministro delleconomia e delle finanze, sentita la Presidenza del Consiglio dei ministri.
Pertanto, non pi previsto il rimborso in favore di Poste italiane s.p.a. da parte del Die
della differenza tra la tariffa agevolata e la tariffa piena. Le nuove tariffe agevolate sono
state determinate con decreto 21 ottobre 2010 del Ministro dello sviluppo economico di
concerto con il Ministro delleconomia.
In relazione allomesso pagamento dellannualit 2009, determinato dal mancato
trasferimento delle risorse stanziate ai sensi dellart. 56, l. n. 99/2009, la l. n. 191/2009 (art.
2, c. 6355) ha previsto la possibilit di rimodulare le rate annuali di rimborso ovvero di
procedere al rinvio agli anni successivi dellannualit 2009 della rata di ammortamento del
debito pregresso con Poste italiane s.p.a.
Tra i prodotti editoriali in regime agevolato rientrano le seguenti tipologie:
- stampe periodiche edite da soggetti iscritti al Roc;
- pieghi di libri a tariffa ridotta per le case editrici e le librerie autorizzate;
- stampe periodiche per lItalia e lestero edite da onlus ed altri soggetti no profit;
- stampe promozionali e propagandistiche per lItalia e lestero delle onlus e degli altri
soggetti no profit;
- pacchi Tre (Tariffa ridotta editoriale).

54 Lart. 3, c. 1, del d.l. n. 353/2003, dispone che il Dipartimento per linformazione e leditoria della Presidenza

del Consiglio dei ministri provvede al rimborso in favore della societ Poste italiane s.p.a. della somma
corrispondente allammontare delle riduzioni complessivamente applicate, nei limiti dei fondi stanziati sugli
appositi capitoli del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio dei ministri. I rimborsi sono effettuati
sulla base di una dichiarazione sostitutiva dellatto di notoriet rilasciata dalla societ Poste italiane s.p.a.,
attestante lavvenuta puntuale applicazione delle riduzioni praticate e corredata da un dettagliato elenco delle
riduzioni a favore di ogni soggetto avente titolo. Al Ministero dello sviluppo economico compete la
determinazione con decreto delle procedure per il monitoraggio dellandamento degli oneri nel rispetto del
limite di spesa (art. 3, c. 1-bis).
55 Lart. 2, c. 63, della l. n. 191/2009, reca: Limporto di ciascuna annualit di cui allart. 2, c. 135, del d.l. n.
262/2006, pu essere rimodulato per lo stesso periodo di rimborso, in relazione al mancato pagamento
dellannualit 2009.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
75

Tabella 11 - cap. 472 - I rimborsi alle Poste italiane s.p.a.


2008

2009

2010

Capitolo 472

Capitolo 472

Capitolo 472

RIMBORSO ALLA SOCIETA'


ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI DEL
DECRETO LEGGE N. 262/2006

RIMBORSO ALLA SOCIETA'


ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI DEL
DECRETO LEGGE N. 262/2006

RIMBORSO ALLA SOCIETA'


ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI DEL
DECRETO LEGGE N. 262/2006

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

1,81

0,00

0,00

-44.450.000,00

44.450.000,00

0,00

0,00

44.450.000,00

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia

Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

1,81

1,81

50.800.001,81

44.449.153,60

0,00

0,00

0,00

50.799.034,75

1,81

44.449.153,60

0,00

50.799.036,56

44.449.155,41

0,00

0,00

0,00

50.799.034,75

0,00

1,81

0,00

0,00

0,00

0,00

1,81

1,81
100,00%

1,81
0,00%

1,81

0,00%

0,00%

0,00%

100,00%

100,00%

0,00%

0,00%

2011

2012

2013

2014

Capitolo 472
RIMBORSO ALLA SOCIETA'
ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI
DEL DECRETO LEGGE N.
262/2006

Capitolo 472
RIMBORSO ALLA SOCIETA'
ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI
DEL DECRETO LEGGE N.
262/2006

Capitolo 472
RIMBORSO ALLA SOCIETA'
ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI
DEL DECRETO LEGGE N.
262/2006

Capitolo 472
RIMBORSO ALLA SOCIETA'
ITALIANA POSTE SPA DEL
RATEO DOVUTO AI SENSI
DEL DECRETO LEGGE N.
262/2006

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

1,81

50.800.000,00

3,62

50.800.000,00

3,62

50.800.000,00

3,81

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

50.800.000,00

1,81

50.800.000,00

3,62

50.800.000,00

3,62

50.800.000,00

3,81

50.800.001,81

50.800.003,62

50.800.003,62

50.800.003,81

967,06

0,00

965,25

1,81

965,25

1,81

965,25

50.799.034,75

0,00

50.799.032,94

0,00

50.799.032,75

0,00

50.799.032,75

50.799.034,75

50.799.032,94

50.799.032,75

50.799.034,75

0,00

50.799.034,75

0,00

50.799.034,75

0,00

50.799.034,75

1,81

1,81

1,81

1,81

2,00

1,81

2,00

0,00%

100,00%

100,00%
0,00%

3,62
0,00%

100,00%
0,00%

3,81
0,00%

100,00%
0,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
76

Residui

50.800.000,00

3,62

% Pagam./Stanz.

0,00

50.800.000,00

0,00

Competenza

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

1,81

965,25

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

Economie e/o Residui perenti

0,00

0,00

% Pagam./Stanz.

Massa spendibile (Comp. + Res.)

1,81

0,00

Residui totali

Stanziamenti totali

Residui

50.800.000,00

0,00

Residui accertati

VARIAZIONI

Competenza

844,59

Pagamenti totali
Impegni

Residui

44.450.000,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

Competenza

0,00

VARIAZIONI
Stanziamenti totali

Residui

44.450.000,00

DATI NON
PERVENUTI

6. Il rimborso per riduzioni tariffarie sui consumi

Tabella 12 - Cap. 468 - Il rimborso riduzioni tariffarie su consumi di energia elettrica e canoni servizi
telecomunicazione

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

2005

2006

2007

Capitolo 468

Capitolo 468

Capitolo 468

RIMBORSO RIDUZIONI TARIFFARIE


SUI CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI CONSUMI DI
ENERGIA ELETTRICA E CANONI
SERVIZI TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI CONSUMI DI
ENERGIA ELETTRICA E CANONI
SERVIZI TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

8.780.000,00

224,46

8.780.000,00

85,07

8.780.000,00

VARIAZIONI

10.208.460,56

0,00

-503.811,00

0,00

424.566,00

0,00

Stanziamenti totali

18.988.460,56

224,46

8.276.189,00

85,07

9.204.566,00

4.226.173,20

11.196.189,52

0,00

424.566,00

0,00

57.148,54

0,00

7.792.185,97

224,46

3.625.449,80

85,07

9.147.223,79

3.876.343,49

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

18.988.685,02

8.276.274,07

7.792.410,43

13.430.739,20

3.625.534,87

13.023.567,28

7.792.271,04

0,00

7.851.623,00

0,00

85,07

0,00

4.226.173,20

0,00

85,07
41,04%

4.226.173,20
100,00%

0,00%

43,81%

4.226.173,20

193.397.195,10

0,00

193,67

349.829,71

350.023,38
100,00%

51,06%

99,38%

91,72%

2,61%

2008

2009

2010

Capitolo 468
RIMBORSO RIDUZIONI TARIFFARIE
SUI CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

Capitolo 468
RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI CONSUMI DI
ENERGIA ELETTRICA E CANONI
SERVIZI TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

Capitolo 468
RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI CONSUMI DI
ENERGIA ELETTRICA E CANONI
SERVIZI TELECOMUNICAZIONE
Competenza
Residui

4.306.000,00

350.023,38

4.063.460,00

365,62

4.000.000,00

57.148,54

0,00

-4.063.460,00

0,00

-4.000.000,00

0,00

4.363.148,54

350.023,38

0,00

365,62

0,00

171,95

4.713.171,92

365,62

171,95

144,75

349.039,64

0,00

193,67

4.362.831,84

790,07

0,00

0,00

4.363.621,91

0,00

4.363.003,79

0,00

171,95

193,67

365,62
99,99%
0,01%

0,00

0,00

0,00

171,95

171,95

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

171,95

0,00

0,00

171,95
0,23%

171,95

0,00%
47,03%

0,00
0,00%

0,00%

100,00%

0,00%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
77

segue tabella 12
2011

2012

2013

2014

Capitolo 468

Capitolo 468

Capitolo 468

Capitolo 468

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI
CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI
SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI
CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI
SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI
CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI
SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE

RIMBORSO RIDUZIONI
TARIFFARIE SUI
CONSUMI DI ENERGIA
ELETTRICA E CANONI
SERVIZI
TELECOMUNICAZIONE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

0,00

0,00

1.262.911,00

549,88

2.030.000,00

10,86

0,00

0,00

VARIAZIONI

1.857.868,63

0,00

-1.166.765,50

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Stanziamenti totali

1.857.868,63

0,00

96.145,50

549,88

2.030.000,00

10,86

0,00

0,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

1.857.868,63

Economie e/o Residui perenti

617,59

0,00

0,00

0,00

584,75

0,00

0,00

0,00

1.856.701,16

0,00

96.134,65

549,87

2.029.415,25

10,86

0,00

0,00

Pagamenti totali Banca dItalia


Pagamenti totali
Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

96.695,38

1.856.701,16

2.030.010,86

96.684,52

0,00

2.029.426,11

0,00

1.857.251,04

0,00

96.145,50

0,00

2.029.415,25

0,00

0,00

0,00

549,88

0,00

10,85

0,01

0,00

0,00

0,00

0,00

549,88
99,94%
0,03%

10,86
0,00%

99,99%

0,00
100,00%

0,01%

99,97%

0,00
100,00%

0,00%

0,00%

0,00%

100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Va rammentato che, ai sensi della l. 23 dicembre 1998, n. 448, per le emittenti televisive,
e della l. 28 dicembre 2001, n. 448, per le emittenti radiofoniche, viene stabilita lammissione
ai bandi annuali gestiti dal Ministero dello sviluppo economico ai fini del godimento di
agevolazioni tariffarie telefoniche, erogate dal Ministero delleconomia e delle finanze.
Le imprese radiofoniche che hanno beneficiato delle riduzioni tariffarie telefoniche per
lanno 2012 sono state 643 e, per lanno 2013, 647; le emittenti televisive ammesse alle
riduzioni tariffarie telefoniche sono state 365 nel 2012 e 328 per il 2013.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
78

CAPITOLO VI
LA COMUNICAZIONE ISTITUZIONALE

Sommario: 1. La comunicazione a carattere pubblicitario. - 2. Le campagne di comunicazione istituzionale. 2.1. La pianificazione delle campagne di comunicazione. - 2.2. I limiti di spesa.

1. La comunicazione a carattere pubblicitario


Per i presupposti normativi e la descrizione delle attivit di comunicazione si fa rinvio al
cap. I di questa relazione.

2. Le campagne di comunicazione istituzionale


Le campagne da realizzare a cura del Die sono individuate dal sottosegretario di Stato
alla Presidenza del Consiglio con delega alla comunicazione, allinformazione e alleditoria,
sia nelle materie di propria competenza, sia su temi di rilevanza strategica o di interesse
generale, sulla base delle richieste di altri dipartimenti della Presidenza del Consiglio dei
ministri o provenienti da altri ministeri.
La campagna di comunicazione attuata, di norma, attraverso la produzione di uno spot
televisivo o radiofonico e, ove le disponibilit finanziarie lo consentano, mediante lacquisto
di spazi sui differenti media (stampa quotidiana nazionale e locale e stampa periodica,
televisioni e radio nazionali e locali, affissioni presso stazioni e aeroporti, secondo lobiettivo
connesso alla campagna).
Lindividuazione del soggetto cui affidare la realizzazione dello spot televisivo e
radiofonico strettamente correlata allentit del budget da destinare alla campagna,
allurgenza dei tempi di esecuzione non sempre compatibili con la tempistica delle procedure
di gara, alla complessit del tema da affrontare e delle modalit con cui comunicarlo.
Lamministrazione ha riferito (cfr. nota Die, prot. Corte conti n. 13589 del 15 dicembre
2010) che, qualora il budget risulti contenuto o sussistano motivi di urgenza, il dipartimento
ricorre allaffidamento diretto, nellambito delle procedure previste dal codice dei contratti,
ai sensi dellart. 125, c. 11, d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, avendo sempre cura di non superare
i 20.000 euro (importo elevato a 40.000 dallart. 4, c. 2, lett. m-bis) d.l. 13 maggio 2011, n.
70, convertito con modificazioni dalla l. 12 luglio 2011, n. 106) e di effettuare una costante
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
79

rotazione tra le commissionarie.


Nel caso in cui, oltre ai tempi, vi siano adeguate disponibilit di risorse, si ricorre
allaffidamento mediante cottimo fiduciario per servizi e forniture di importo pari o
superiore ai 20.000 euro (dal 2011, ai 40.000), ai sensi del c. 9 dellart. 125 d.lgs. n. 163/2006.
Lamministrazione ha comunicato che, in tal caso, sono invitate a concorrere, in media, otto
o dieci societ, subordinando laggiudicazione della gara alla presentazione di almeno due
offerte valide.

2.1. La pianificazione delle campagne di comunicazione


Il Die provvede, oltre che alla realizzazione, anche alla pianificazione delle campagne di
comunicazione sui mezzi di comunicazione di massa.
La procedura seguita per la selezione e lacquisto della pubblicit istituzionale sui vari
media, pu cos sintetizzarsi:
1. ciascuna campagna preceduta, ai sensi dellart. 11, c. 2, d.lgs. n. 163/2006, da una
determina a contrarre del capo dipartimento, con la quale vengono indicati i criteri di
massima per la selezione dei mezzi di comunicazione, da inserire nella pianificazione della
campagna, e il budget massimo da rispettare;
2. sulla base delle indicazioni della determina, il responsabile del servizio elabora il c.d.
piano media, ovvero la pianificazione sui diversi mezzi di comunicazione di massa.
Tale pianificazione effettuata tenendo conto dellobiettivo di riferimento della
campagna, al fine di un efficace ed efficiente raggiungimento delle finalit di
comunicazione istituzionale. Il piano media tiene altres conto delle quote di
destinazione, previste dallart. 41 d.lgs. 31 luglio 2005, n. 177 (T.u. dei servizi di media
audiovisivi e radiofonici), relative allacquisto degli spazi pubblicitari, per ogni esercizio
finanziario, a favore della stampa e della radio nazionale equiparata alla stampa (almeno
il 60 per cento del budget per acquisto spazi pubblicitari) e dellemittenza radiofonica e
televisiva locale (almeno il 15 per cento del budget per acquisto spazi pubblicitari)56.
Il responsabile del servizio procede, quindi, alla richiesta dei preventivi alle
concessionarie di pubblicit. Segue la verifica della congruit dei prezzi attraverso

56

Nellambito di ciascun mezzo di comunicazione di massa, il criterio generale per lindividuazione delle
singole testate o emittenti rappresentato dal loro grado di diffusione o ascolto.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
80

lanalisi e il confronto del costo proposto dalla concessionaria per la testata/emittente, il


dato di lettura Audipress (rapporto costo/contatto) e il dato di vendita Ads
(Accertamenti diffusione stampa) (rapporto costo/copia). Si elabora, infine, un costo
medio di riferimento, che rappresenta la base per la verifica della congruit dei prezzi
offerti dalle concessionarie di pubblicit;
3. il piano sottoposto al capo dellufficio che ne verifica la congruit con gli obiettivi, il
rispetto dei criteri della determina, la finalit e le risorse;
4. le testate e le emittenti selezionate in base ai criteri sopra descritti sono, poi, raggruppate
con riferimento alle societ concessionarie che gestiscono, in esclusiva, la vendita degli
spazi pubblicitari nazionali dei suddetti mezzi. Il Die procede allacquisto di spazi
pubblicitari uguali su tutte le testate o emittenti, attraverso la procedura negoziata
senza previa pubblicazione del bando di gara, di cui allart. 57, c. 2, lett. b) d.lgs. n.
163/2006 (gli editori affidano la gestione della vendita della pubblicit alle societ
concessionarie che risultano essere prestatori in esclusiva);
5. il piano media cos elaborato viene sottoposto al capo del dipartimento per
lapprovazione.

2.2. I limiti di spesa


Per il disposto dellart. 6, c. 8, del d.l. 31 maggio 2010, n. 78, a decorrere dallanno 2011,
le amministrazioni pubbliche incluse nel conto economico consolidato della pubblica
amministrazione, comprese le autorit indipendenti, non possono effettuare spese per
pubblicit per un ammontare superiore al 20 per cento della spesa sostenuta nel 2009, per le
medesime finalit. Il Ministero delleconomia, con nota del 23 maggio 2011, ha fornito i
chiarimenti richiesti dal Die precisando che:
1. le disposizioni di cui allart. 6, c. 8, d.l. n. 78/2010, non si applicano alle spese di
pubblicit sostenute per veicolare messaggi di comunicazione istituzionale, attraverso
campagne realizzate dal Die; per mezzo di tali spese sono svolti i compiti istituzionali del
dipartimento stesso;
2. non sono soggette ai limiti di cui allart. 6, c. 8, tutte quelle spese relative a iniziative di
comunicazione istituzionale di ministeri e dai dipartimenti inserite nel Piano annuale di
comunicazione integrativo, approvato dal Presidente del Consiglio dei ministri ai sensi

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
81

dellart. 12, l. n. 150/2000, e finanziate con le modalit previste dallart. 14 della


medesima legge, attraverso il pertinente capitolo di bilancio del Die;
3. sono, invece, soggette ai limiti di spesa di cui allart. 6, c. 8, tutte quelle spese sostenute
dai ministeri e dai dipartimenti per campagne non comprese nel Piano annuale di
comunicazione (art. 12, l. n. 150/2000).

Tabella 13 - Cap. 563 - I progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare utilit sociale o
interesse pubblico
2005

2006

2007

Capitolo 563

Capitolo 563

Capitolo 563

PROGETTI DI COMUNICAZIONE
A CARATTERE PUBBLICITARIO
RITENUTI DI PARTICOLARE
UTILITA' SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE A
CARATTERE PUBBLICITARIO RITENUTI
DI PARTICOLARE UTILITA' SOCIALE O
INTERESSE PUBBLICO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE A
CARATTERE PUBBLICITARIO RITENUTI DI
PARTICOLARE UTILITA' SOCIALE O
INTERESSE PUBBLICO

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

10.700.000,00

Competenza

965.480,16

Residui accertati
Residui totali

Residui

9.000.000,00

0,00

1.164.000,00

0,00

11.864.000,00

0,00

11.864.000,00

4.301.965,38

20.864.000,00

7.468.301,52

13.165.480,16

16.165.965,38

28.332.301,52

938.179,57

1,47

225.292,36

4,68

206.110,11

203.386,59

6.959.855,05

965.478,69

4.356.466,79

4.115.900,03

14.373.948,07

7.261.816,19

8.472.366,82

21.635.764,26

11.261.820,43

0,00

11.638.707,64

0,00

20.657.889,89

0,00

4.301.965,38

0,00

7.282.240,85

186.060,67

6.283.941,82

3.098,74

32,68%

7.468.301,52
100,00%

36,72%

46,20%

6.287.040,56
95,67%

68,89%

22,19%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
82

7.468.301,52

965.480,16

57,05%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

Competenza

1.500.000,00

4.301.965,38

% Pagam./Stanz.

Residui
4.301.965,38

12.200.000,00

7.925.333,74

Impegni

10.700.000,00

97,24%

segue tabella 13

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

2008

2009

2010

Capitolo 563
PROGETTI DI COMUNICAZIONE
A CARATTERE
PUBBLICITARIO RITENUTI DI
PARTICOLARE UTILITA'
SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

Capitolo 563

Capitolo 563

PROGETTI DI COMUNICAZIONE A
CARATTERE PUBBLICITARIO RITENUTI
DI PARTICOLARE UTILITA' SOCIALE O
INTERESSE PUBBLICO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE A
CARATTERE PUBBLICITARIO RITENUTI DI
PARTICOLARE UTILITA' SOCIALE O
INTERESSE PUBBLICO

Competenza

Residui

Competenza

10.000.000,00

6.287.040,56

10.000.000,00

4.621.929,55

15.000.000,00

5.506.599,88

0,00

0,00

4.989.348,00

0,00

-12.705.331,20

0,00

10.000.000,00

6.287.040,56

14.989.348,00

4.621.929,55

2.294.668,80

5.506.599,88

16.287.040,56

Residui

Competenza

19.611.277,55

Residui

7.801.268,68

Economie e/o Residui perenti

2.327.367,98

1.575,96

2.234.419,04

187.532,46

329,25

267.185,43

Pagamenti totali Banca dItalia

3.238.211,42

6.097.955,65

7.398.395,08

4.284.331,09

1.140.139,04

5.208.673,71

Pagamenti totali

9.336.167,07

11.682.726,17

6.348.812,75

Impegni

7.672.632,02

0,00

12.754.928,96

0,00

2.294.339,55

0,00

Residui accertati

4.434.420,60

187.508,95

5.356.533,88

150.066,00

1.154.200,51

30.740,74

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

4.621.929,55
32,38%

5.506.599,88
96,99%

28,38%

92,70%

49,69%

28,08%

15,19%

2011

2012

2013

2014

Capitolo 563
PROGETTI DI
COMUNICAZIONE A
CARATTERE
PUBBLICITARIO
RITENUTI DI
PARTICOLARE UTILITA'
SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

Capitolo 563

Capitolo 563

PROGETTI DI
COMUNICAZIONE A
CARATTERE
PUBBLICITARIO RITENUTI
DI PARTICOLARE UTILITA'
SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

PROGETTI DI COMUNICAZIONE
A CARATTERE
PUBBLICITARIO RITENUTI DI
PARTICOLARE UTILITA'
SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

Competenza

Competenza

Residui

1.184.941,25

3.157.278,00

939.714,88

5.950.000,00

0,00

3.280.426,26

0,00

8.950.000,00

1.184.941,25

6.437.704,26

939.714,88

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

3.000.000,00

VARIAZIONI
Stanziamenti totali

Residui

10.134.941,25

7.377.419,14

Competenza
3.609.948,00

Residui

Competenza
3.630.000,00

-307.868,25

0,00

-1.196.851,20

0,00

3.302.079,75

2.799.946,30

2.433.148,80

1.011.269,02

6.102.026,05

35.889,61

1.644.665,59

10.751,24

1.519.689,36

1.245,23

1.182.775,90

Pagamenti totali Banca dItalia

3.406.433,07

1.092.245,77

2.011.660,34

910.395,67

774.864,80

2.794.957,64

811.582,89

Impegni
Residui accertati
Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

2.922.056,01
0,00

4.793.038,67

0,00

1.782.390,39

0,00

1.250.372,90

882.909,01

56.805,87

2.781.378,33

18.567,97

1.007.525,59

3.743,43

438.790,01

99,82%

33,36%

38,06%
9,27%

2.799.946,30
92,18%

31,25%

DATI NON
PERVENUTI

3.569.822,44

4.289.342,08

939.714,88

1.011.269,02

3.444.417,82

4.660.657,92

4.498.678,84

Residui

2.799.946,30

Economie e/o Residui perenti

Pagamenti totali

94,59%

Capitolo 563
PROGETTI DI
COMUNICAZIONE A
CARATTERE
PUBBLICITARIO RITENUTI
DI PARTICOLARE UTILITA'
SOCIALE O INTERESSE
PUBBLICO

Massa spendibile (Comp. + Res.)

49,36%

1.184.941,25

1.011.269,02
96,88%

37,95%

23,47%
16,57%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
83

Grafico 14
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 563 - Progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare utilit
sociale o interesse pubblico

25,000
20,000
15,000
10,000
5,000
0,000

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 12,200 11,864 20,864 10,000 14,989 2,294

2005

2006

2007

2008

2009

8,950

6,437

3,302

2,433

N.B. Importi in milioni di euro.

Grafico 15
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di competenza
(stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 563 - Progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare utilit
sociale o interesse pubblico

80,00%
70,00%
60,00%
50,00%
40,00%
30,00%
20,00%
10,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 57,05% 36,72% 68,89% 32,38% 49,36% 49,69% 38,06% 31,25% 23,47% 33,36%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
84

Grafico 16
Andamento dei residui iniziali
Cap. 563 - Progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare
utilit sociale o interesse pubblico
8,000
7,000
6,000
5,000
4,000
3,000
2,000
1,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Serie1 0,965

4,301

7,468

6,287

4,621

5,506

1,184

0,939

2,799

1,011

N.B. Importi in milioni di euro.

Grafico 17
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 563 - Progetti di comunicazione a carattere pubblicitario ritenuti di particolare utilit
sociale o interesse pubblico

102,00%
100,00%
98,00%
96,00%
94,00%
92,00%
90,00%
88,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 100,00% 95,67% 97,24% 96,99% 92,70% 94,59% 92,18% 96,88% 99,82%

Nel periodo di riferimento, gli stanziamenti di competenza si sono ridotti di circa, con
una brusca riduzione a partire dal 2010. Non lineare landamento del rapporto tra
stanziamenti totali di competenza e pagamenti sulla competenza.
Va peraltro osservato che il rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali sempre
elevato e prossimo al 100 per cento.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
85

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
86

CAPITOLO VII
LE CONVENZIONI

Sommario: 1. Premessa. - 2. La diffusione di notizie italiane allestero. - 3. Le spese di servizi di stampa e di


informazione. - 4. Le convenzioni con la Rai. - 4.1. Le convenzioni con Rai-Italia. - 4.2. Le convenzioni per le
minoranze linguistiche. - 4.3. Le convenzioni Presidenza del Consiglio dei ministri-Rai in attuazione
dellaccordo di collaborazione in materia radiotelevisiva tra la Repubblica italiana e la Repubblica di San
Marino, Rai servizi speciali aggiuntivi e Tunisia. - 4.4. La convenzione Afghanistan.

1. Premessa
Accanto alla su descritta attivit di comunicazione, hanno rilievo anche le convenzioni
con le agenzie di stampa e con la Rai.
Le forme di convenzione hanno finalit diverse e derivano da fonti normative differenti;
pertanto, vanno trattate distintamente.
Per quanto riguarda la stipula di convenzioni con le agenzie di stampa, rivolte al fine di
garantire unadeguata informazione da e per le istituzioni pubbliche, la fonte normativa
primaria , tuttora, la l. 15 maggio 1954, n. 23757, integrata dalla l. n. 449/199758.
Le norme richiamate, nellautorizzare la Presidenza del Consiglio ad acquistare servizi
dalle agenzie di stampa, non indicavano le caratteristiche che dette agenzie di stampa
dovessero possedere per poter contrarre con la Presidenza.
La scelta del Die per lacquisto di notiziari di informazione si sempre indirizzata verso
le agenzie di stampa a diffusione nazionale, sulla base dei parametri indicati dallart. 122 l.
n. 286/200659. Tale scelta assicura, secondo lamministrazione, il contemperamento dei due
57

Cfr. l. n. 237/1954, recante: Autorizzazione della spesa relativa ai servizi di diramazione di comunicati e
notizie degli organi centrali e periferici del Governo, di trasmissione ai medesimi di notiziari nazionali ed esteri
e di trasmissione di notiziari da e per lestero da parte dellAgenzia nazionale stampa associata (Ansa). In
particolare, lart. 2 recita: La Presidenza del Consiglio dei ministri autorizzata ad avvalersi dellAgenzia
nazionale stampa associata o di altre agenzie di informazione, per leffettuazione dei servizi di cui allart. 1, in
concorso col Ministero degli affari esteri per quanto riguarda il servizio estero. Le convenzioni relative ai servizi
saranno approvate nei modi stabiliti dalle vigenti disposizioni.
58 Cfr. l. n. 449 del 27 dicembre 1997, recante: Misure per la stabilizzazione della finanza pubblica. Lart. 55,
c. 24, dispone: Al fine di un pi razionale utilizzo delle risorse e per garantire alle amministrazioni dello Stato
una completa informazione attraverso la pi ampia pluralit delle fonti, la Presidenza del Consiglio dei ministri
autorizzata ad acquistare dalle agenzie di stampa, mediante appositi contratti, notiziari ordinari e speciali,
servizi giornalistici ed informativi, anche su supporto informatico, nonch il servizio di diramazione di notizie
e comunicati degli organi centrali e periferici delle amministrazioni dello Stato.
59 La l. n. 286/2006, di conversione del d.l. n. 262/2006, recante: Disposizioni urgenti in materia tributaria e
finanziaria, allart. 122 dispone: Sono considerate a diffusione nazionale le agenzie di stampa i cui notiziari
siano distribuiti in abbonamento a titolo oneroso, qualunque sia il mezzo di trasmissione utilizzato, ad almeno
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
87

interessi primari: la garanzia del pluralismo delle fonti dinformazione, da un lato, il


razionale uso delle risorse economiche dallaltro.
In tale ambito hanno trovato applicazione le regole per la scelta del contraente, cos come
disciplinate dal d.lgs. n. 163/2006 (codice dei contratti pubblici). In particolare,
lamministrazione ha rappresentato (cfr. nota Die, prot. Corte conti n. 13589 del 15
dicembre 2010) che anche per lacquisizione dei servizi giornalistici di specie sia possibile
fare ricorso allart. 57, il quale prevede che, per ragioni di natura tecnica o artistica, ovvero
attinenti alla tutela di diritti esclusivi, lesecuzione di servizi possa essere affidata ad un
operatore economico individuato con le modalit della procedura negoziata senza previa
pubblicazione del bando di gara60.
Con decreto del sottosegretario di Stato con delega allinformazione e alleditoria, in data
20 luglio 2009 stata istituita una apposita Commissione tecnica, con il compito di definire
una base unitaria per la stipula di convenzioni con le agenzie di stampa.
Il documento prodotto da tale commissione, ricorda lamministrazione, il frutto di
unattivit di approfondimento, cui hanno contribuito le stesse agenzie di stampa tramite
audizioni dei loro rappresentanti. Su tale base, la Presidenza del Consiglio dei ministri, in
qualit di stazione appaltante del servizio, adotta, nella stipula delle singole convenzioni
con le agenzie di stampa, i principi e le linee guida predisposte dalla menzionata
quindici testate quotidiane in cinque regioni, che abbiano alle loro dipendenze, a norma del contratto nazionale
di lavoro, pi di dieci giornalisti professionisti con rapporto a tempo pieno, indeterminato ed esclusivo, ed
effettuino un minimo di dodici ore di trasmissione al giorno per almeno cinque giorni settimanali.
60 Cfr. d.lgs. n. 163/2006, codice dei contratti pubblici, art. 57: Procedura negoziata senza previa
pubblicazione di un bando di gara. 1. Le stazioni appaltanti possono aggiudicare contratti pubblici mediante
procedura negoziata senza previa pubblicazione di un bando di gara nelle ipotesi seguenti, dandone conto con
adeguata motivazione nella delibera o determina a contrarre. 2. Nei contratti pubblici relativi a lavori,
forniture, servizi, la procedura consentita: a) qualora, in esito allesperimento di una procedura aperta o
ristretta, non sia stata presentata nessuna offerta, o nessuna offerta appropriata, o nessuna candidatura. Nella
procedura negoziata non possono essere modificate in modo sostanziale le condizioni iniziali del contratto. Alla
Commissione, su sua richiesta, va trasmessa una relazione sulle ragioni della mancata aggiudicazione a seguito
di procedura aperta o ristretta e sulla opportunit della procedura negoziata. Le disposizioni contenute nella
presente lettera si applicano ai lavori di importo inferiore a 1 milione di euro; b) qualora, per ragioni di natura
tecnica o artistica ovvero attinenti alla tutela di diritti esclusivi, il contratto possa essere affidato unicamente
ad un operatore economico determinato; omissis Ove possibile, la stazione appaltante individua gli
operatori economici da consultare sulla base di informazioni riguardanti le caratteristiche di qualificazione
economico-finanziaria e tecnico-organizzativa desunte dal mercato, nel rispetto dei principi di trasparenza,
concorrenza, rotazione, e seleziona almeno tre operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei.
Gli operatori economici selezionati vengono contemporaneamente invitati a presentare le offerte oggetto della
negoziazione, con lettera contenente gli elementi essenziali della prestazione richiesta. La stazione appaltante
sceglie loperatore economico che ha offerto le condizioni pi vantaggiose, secondo il criterio del prezzo pi
basso o dellofferta economicamente pi vantaggiosa, previa verifica del possesso dei requisiti di qualificazione
previsti per laffidamento di contratti di uguale importo mediante procedura aperta, ristretta, o negoziata
previo bando.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
88

commissione61; ogni singola convenzione poi assoggettata al controllo di legittimit della


Corte dei conti.
Da ultimo, il 19 giugno 2015 stata emanata dalla Presidenza del Consiglio una direttiva
a firma del sottosegretario di Stato con delega allinformazione e alleditoria, con la quale
sono stati riformulati i requisiti minimi che le agenzie di stampa devono possedere per cedere
servizi alla Die. In particolare, le agenzie debbono avere almeno tre sedi nel territorio
nazionale, disporre di almeno cinquanta giornalisti a tempo indeterminato (lart. 122, l. n.
286/2006, ne indicava almeno dieci), produrre almeno quindici ore di trasmissione al giorno
per sette giorni a settimana, effettuare almeno cinquecento lanci giornalieri e disporre di
abbonamenti almeno a trenta testate. Tali requisiti dovranno essere posseduti in proprio da
ciascuna agenzia a partire dallanno 2017.
Le disponibilit finanziarie per lattivit di cui sopra sono anchesse allocate al cap. 2183
del Ministero delleconomia, e si ritrovano nel bilancio autonomo della Presidenza del
Consiglio dei ministri, al cap. 479, Spese per la diffusione di notizie italiane attraverso
agenzie italiane di informazione con rete di servizi esteri su piano mondiale, e al cap. 560,
Spese per servizi di stampa e di informazione ivi comprese spese derivanti dallattuazione
di accordi e programmi di cooperazione nel campo dellinformazione.

61

Nelladeguarsi ai criteri suggeriti dalla commissione, il dipartimento ha previsto, nelle convenzioni, che
lacquisto dei notiziari generali dalle diverse agenzie di stampa avvenga:
- per un numero limitato di prime postazioni, intese come postazioni che hanno un costo pieno rispetto a quello
delle postazioni derivate o aggiuntive, da destinare alle amministrazioni centrali dello Stato, ad un prezzo
che rifletta le caratteristiche peculiari di ciascuna agenzia di stampa, tenendo conto della dimensione e della
diffusione sul territorio, del fatturato, della possibilit di servizi aggiuntivi quali la presenza di giornalisti in
manifestazioni, eventi, interviste, etc.;
- per blocchi di postazioni aggiuntive con prezzi decrescenti, sia con riferimento a pacchetti di seconde
postazioni che a pacchetti per amministrazioni con una spiccata connotazione territoriale (prefetture,
universit, ambasciate, etc.), prevedendo altres una clausola che renda evidente lo sconto praticato alle altre
pubbliche amministrazioni in ragione delle prime postazioni acquisite dal Die;
- prevedendo un pacchetto illimitato di postazioni a favore della Presidenza del Consiglio dei ministri senza
portafoglio e dei ministeri centrali;
- inserendo espressamente limpegno da parte delle agenzie di stampa a svolgere il ruolo di intermediario
attivo, attraverso la tempestiva ed adeguata diffusione delle notizie e dei comunicati provenienti dal
Governo e dalle pubbliche amministrazioni.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
89

2. La diffusione di notizie italiane allestero


Tabella 14 - Cap. 479 - Le spese per la diffusione di notizie italiane attraverso agenzie italiane di informazione
con rete di servizi esteri su piano mondiale
2005
Capitolo 479

2006
Capitolo 479

2007
Capitolo 479

SPESE PER LA DIFFUSIONE DI


NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE

SPESE PER LA DIFFUSIONE DI


NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE

SPESE PER LA DIFFUSIONE DI


NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

Residui

9.506.000,00
0,00
9.506.000,00

Competenza

2.698.667,60
0,00
2.698.667,60

12.204.667,60

Residui

9.506.000,00
-844.000,00
8.662.000,00

Competenza

1.594.116,81
0,00
1.594.116,81

10.256.116,81

Residui

8.500.000,00
0,00
8.500.000,00

1.532.406,47
0,00
1.532.406,47

10.032.406,47

Economie e/o Residui perenti

1.567.538,06

445.020,67

834,83

78.725,22

60.415,17

0,43

Pagamenti totali Banca dItalia

6.344.345,13

2.253.646,93

7.128.758,70

1.515.391,59

6.920.087,90

1.360.081,24

Pagamenti totali

8.597.992,06

8.644.150,29

8.280.169,14

Impegni

7.938.461,94

0,00

8.661.165,17

0,00

8.439.584,83

0,00

Residui accertati

1.594.116,81

0,00

1.532.406,47

0,00

1.519.496,93

172.324,80

83,51%

82,30%

95,06%

81,41%

Residui totali

1.594.116,81

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

66,74%

1.532.406,47

13,06%

1.691.821,73

14,94%

2008
Capitolo 479
SPESE PER LA DIFFUSIONE DI
NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE
Competenza
Residui
7.500.000,00
1.691.821,73
350.000,00
0,00
7.850.000,00
1.691.821,73
9.541.821,73

88,75%

16,86%

2009
Capitolo 479
SPESE PER LA DIFFUSIONE DI
NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE
Competenza
Residui
7.850.000,00
1.283.174,10
0,00
0,00
7.850.000,00
1.283.174,10
9.133.174,10

2010
Capitolo 479
SPESE PER LA DIFFUSIONE DI
NOTIZIE ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE DI
SERVIZI ESTERI SU PIANO
MONDIALE
Competenza
Residui
7.850.000,00
1.300.115,00
-149.540,00
0,00
7.700.460,00
1.300.115,00
9.000.575,00

349.540,00

344.650,04

349.540,00

0,02

0,00

0,01

6.217.285,90

1.347.171,69

6.200.345,00

1.283.174,08

6.333.483,35

1.300.114,99

7.564.457,59

7.483.519,08

7.633.598,34

Impegni

7.500.460,00

0,00

7.500.460,00

0,00

7.700.460,00

0,00

Residui accertati

1.283.174,10

0,00

1.300.115,00

0,00

1.366.976,65

0,00

Residui totali

1.283.174,10

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

79,20%
13,45%

1.300.115,00
79,63%

78,99%
14,24%

1.366.976,65
100,00%

82,25%
15,19%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
90

100,00%

segue tabella 14

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

2011

2012

2013

2014

Capitolo 479

Capitolo 479

Capitolo 479

Capitolo 479

SPESE PER LA
DIFFUSIONE DI NOTIZIE
ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON
RETE DI SERVIZI ESTERI
SU PIANO MONDIALE

SPESE PER LA
DIFFUSIONE DI NOTIZIE
ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON
RETE DI SERVIZI ESTERI
SU PIANO MONDIALE

SPESE PER LA
DIFFUSIONE DI NOTIZIE
ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON
RETE DI SERVIZI ESTERI
SU PIANO MONDIALE

SPESE PER LA
DIFFUSIONE DI NOTIZIE
ITALIANE ATTRAVERSO
AGENZIE ITALIANE DI
INFORMAZIONE CON RETE
DI SERVIZI ESTERI SU
PIANO MONDIALE

Competenza

Competenza

7.850.000,00

Residui
1.366.976,65

8.335.212,00

Residui

Competenza

Residui

Competenza

1.298.027,40

7.400.000,00

1.380.573,28

7.700.000,00

2.173.796,00

0,00

-850.297,80

0,00

200.000,00

0,00

1.418.597,00

0,00

10.023.796,00

1.366.976,65

7.484.914,20

1.298.027,40

7.600.000,00

1.380.573,28

9.118.597,00

1.396.158,87

11.390.772,65

8.782.941,60

8.980.573,28

10.514.755,87

Economie e/o Residui perenti

3.343.001,00

723,33

0,00

2,02

4.302,46

0,04

50.518,22

Pagamenti totali Banca dItalia

5.382.767,60

1.366.253,32

6.104.340,92

1.298.025,38

6.199.538,67

1.380.573,24

7.112.523,74

Pagamenti totali

6.749.020,92

7.402.366,30

7.580.111,91

Impegni

6.680.795,00

0,00

7.484.914,20

0,00

7.595.697,54

0,00

9.068.078,78

Residui accertati

1.298.027,40

0,00

1.380.573,28

0,00

1.396.158,87

0,00

1.955.555,04

99,95%

81,56%

100,00%

81,57%

100,00%

78,00%

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

Residui
1.396.158,87

1.298.027,40
53,70%
11,40%

1.380.573,28

15,72%

DATI NON
PERVENUTI

1.396.158,87

15,55%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Rispetto alla cospicua diminuzione delle risorse riservate nel complesso alla Die spese
che dal 2005 al 2014 si riducono a poco pi di un terzo assai pi modesto il
ridimensionamento del cap. 479 i cui stanziamenti di competenza sono passati da circa 9
milioni e mezzo nel 2005 a poco pi di 9 milioni nel 2014.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
91

3. Le spese di servizi di stampa e di informazione

Tabella 15 - Cap. 560 - Le spese di servizi di stampa e di informazione


2005

2006

2007

Capitolo 560

Capitolo 560

Capitolo 560

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E


DI INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E DI


INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E DI


INFORMAZIONE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

41.193.000,00

Competenza

13.045.636,44

Residui

41.193.000,00

Competenza

13.965.547,41

Residui

38.000.000,00

11.347.321,23

500.000,00

0,00

350.000,00

0,00

1.650.000,00

0,00

41.693.000,00

13.045.636,44

41.543.000,00

13.965.547,41

39.650.000,00

11.347.321,23

54.738.636,44

55.508.547,41

50.997.321,23

179.618,40

160.104,92

2.075,76

424.311,47

249.253,06

517.068,89

27.547.834,19

12.885.531,52

30.193.603,01

13.541.235,94

27.257.892,88

10.830.252,34

40.433.365,71

43.734.838,95

38.088.145,22

Impegni

41.513.381,60

0,00

41.540.924,24

0,00

39.400.746,94

0,00

Residui accertati

13.965.547,41

0,00

11.347.321,23

0,00

12.142.854,06

0,00

Residui totali

13.965.547,41

% Pagam./Stanz.

66,07%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

98,77%

VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

72,68%

25,51%

12.142.854,06
96,96%

68,75%

20,44%

95,44%

23,81%

2008

2009

2010

Capitolo 560

Capitolo 560

Capitolo 560

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E


DI INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E DI


INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI STAMPA E DI


INFORMAZIONE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

11.347.321,23

34.500.000,00

Residui

Competenza

12.142.854,06

Residui

41.000.000,00

Competenza

11.515.896,76

Residui

40.000.000,00

13.638.890,26

6.150.000,00

0,00

-948.072,00

0,00

75.595,45

0,00

40.650.000,00

12.142.854,06

40.051.928,00

11.515.896,76

40.075.595,45

13.638.890,26

52.792.854,06

51.567.824,76

53.714.485,71

2.141.626,75

15.534,85

260.595,45

201.105,41

1.073,49

67.438,79

27.192.990,56

11.926.805,14

26.242.007,52

11.225.226,12

28.227.960,47

13.318.683,71

39.119.795,70

37.467.233,64

41.546.644,18

Impegni

38.508.373,25

0,00

39.791.332,55

0,00

40.074.521,96

0,00

Residui accertati

11.315.382,69

200.514,07

13.549.325,03

89.565,23

11.846.561,49

252.767,76

Residui totali

11.515.896,76

% Pagam./Stanz.

66,90%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

21,81%

13.638.890,26
98,22%

65,52%

26,45%

12.099.329,25
97,48%

70,44%

22,53%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
92

97,65%

segue tabella 15

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

2011

2012

2013

2014

Capitolo 560

Capitolo 560

Capitolo 560

Capitolo 560

SPESE DI SERVIZI DI
STAMPA E DI
INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI
STAMPA E DI
INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI
STAMPA E DI
INFORMAZIONE

SPESE DI SERVIZI DI
STAMPA E DI
INFORMAZIONE

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

40.000.000,00

12.099.329,25

36.000.000,00

21.854.693,16

36.000.000,00

11.148.089,17

36.000.000,00

-153.355,00

0,00

336.322,56

0,00

120.000,00

0,00

75.000,00

0,00

39.846.645,00

12.099.329,25

36.336.322,56

21.854.693,16

36.120.000,00

11.148.089,17

36.075.000,00

9.033.556,09

51.945.974,25

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia

58.191.015,72

47.268.089,17

45.108.556,09

148,66

253.554,34

0,00

168.971,31

20.056,80

250.840,48

2.394,30

18.640.683,88

11.196.894,21

26.126.734,39

20.747.220,85

27.066.387,11

10.897.248,69

27.032.061,00

Pagamenti totali

0,00

46.873.955,24

37.963.635,80

Impegni

39.846.496,34

0,00

36.336.322,56

0,00

36.099.943,20

0,00

36.072.605,70

Residui accertati

21.205.812,46

648.880,70

10.209.588,17

938.501,00

9.033.556,09

0,00

9.040.544,70

97,75%

74,93%

Residui totali

21.854.693,16

% Pagam./Stanz.

Residui
9.033.556,09

46,78%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

11.148.089,17
92,54%

71,90%

42,07%

DATI NON
PERVENUTI

9.033.556,09
94,93%

74,93%

19,16%

19,11%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Grafico 18
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 560 - Spese di servizi di stampa e di informazione
43,000
42,000
41,000
40,000
39,000
38,000
37,000
36,000
35,000
34,000
33,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 41,693 41,543 39,650 40,650 40,051 40,075 39,846 36,336 36,120 36,075
N.B. Importi in milioni di euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
93

In analogia a quanto gi evidenziato per il cap. 479, merita di essere segnalato che dal
2005 al 2014 gli stanziamenti di competenza relativi al cap. 560 si sono ridotti di circa il 13
per cento, al cospetto di una diminuzione complessiva delle risorse per leditoria che, come
gi accennato, si riducono dal 2005 al 2014 a poco pi di un terzo.

Grafico 19
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di competenza
(stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 560 - Spese di servizi di stampa e di informazione

80,00%
70,00%
60,00%
50,00%
40,00%
30,00%
20,00%
10,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Percentuale 66,07% 72,68% 68,75% 66,90% 65,52% 70,44% 46,78% 71,90% 74,93% 74,93%

Grafico 20
Andamento dei residui iniziali
Cap. 560 - Spese di servizi di stampa e di informazione
25,000
20,000
15,000
10,000
5,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 13,045 13,965 11,347 12,142 11,515 13,638 12,099 21,854 11,148 9,033
N.B. Importi in milioni di euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
94

Grafico 21
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 560 - Spese di servizi di stampa e di informazione

100,00%
99,00%
98,00%
97,00%
96,00%
95,00%
94,00%
93,00%
92,00%
91,00%
90,00%
89,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 98,77% 96,96% 95,44% 98,22% 97,48% 97,65% 92,54% 94,93% 97,75%

Nel periodo 2005-2014 gli stanziamenti di competenza hanno subito soltanto una lieve
flessione, passando da circa 41,7 milioni a 36,1, con una diminuzione pari al 13 per cento.
Va sottolineato che soltanto il capitolo in questione, insieme con il cap. 479, presenta
riduzioni modeste rispetto a quelle degli altri capitoli (cfr. grafico 18).
Anche landamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali
di competenza mostra un profilo piuttosto stabile, con leccezione del 2011 (cfr. grafico 19).
I contratti di servizio con le agenzie di stampa, riguardanti undici imprese (cfr. tabella
16), prevedono la fornitura di notiziari generali e, per le pi grandi, di notiziari regionali
oppure specializzati. I singoli contratti disciplinano, in particolare, larticolazione delle
postazioni fornite alle amministrazioni: lAnsa per esempio fornisce quaranta prime
postazioni e circa novanta postazioni aggiuntive e settecento postazioni territoriali, pi un
pacchetto di 310 postazioni per la Presidenza del Consiglio dei ministri e 234 postazioni
gratuite. La Adnkronos e Agi presentano numeri diversi ma simili.
Ai fini del contenimento della spesa, potrebbe essere auspicabile, anche alla luce
dellevolversi delle tecnologie informatiche, un misurato sfoltimento del numero delle
postazioni.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
95

Tabella 16 - Cap. 560 - Gli importi convenzione con le agenzie di stampa dal 2005 al 2014
Agenzie di Stampa
AGI
ADN KRONOS
ANSA
ASCA
TM NEWS
IL SOLE 24 ORE
IL VELINO
DIRE (ora Com.e)
AKI (Adn Kronos
International)
9 COLONNE*****
ITALPRESS*
LA PRESSE**

Importo liquidato
2010
2009
11.219.580,49
10.431.650,00
10.082.600,00
10.089.700,00
7.765.051,44
7.404.784,00
3.754.427,00
3.400.095,00
2.010.808,80
2.405.500,00

2005
12.443.873,62
10.687.727,55
8.328.866,77
4.020.516,56
2.093.520,00

2006
12.443.873,62
10.687.727,55
8.328.866,77
4.020.516,56
2.162.160,00

2007
11.572.308,00
9.939.586,62
7.740.268,74
3.739.080,39
2.113.768,80

2008
11.219.580,49
9.785.900,00
7.607.704,57
3.738.927,00
2.010.808,80

1.564.699,38
817.510,73
706.562,19

1.564.699,38
817.510,73
717.048,84

1.455.170,42
760.284,97
666.855,42

1.406.454,77
780.466,56
740.509,68

1.406.454,77
1.305.263,04
740.509,68

263.577,60
0,00
12.012,00
0,00

345.945,60
0,00
36.036,00
0,00

366.812,20
124.800,00
36.036,00
0,00

367.690,80
271.814,40
108.108,00
0,00

863.166,00
271.814,40
108.108,00
0,00

J NEWS***

99.694,40

263.952,00

131.976,00

99.694,40
Contratto non
stipulato

58.155,06
Contratto non
stipulato

99.694,40
Contratto non
stipulato

2013
9.200.300,00
8.986.820,00
7.256.840,00
2.998.800,00
2.548.450,00

2014
9.200.300,00
8.986.820,00
7.256.840,00
2.998.800,00
2.548.450,00

Media
10.755.171,62
9.841.708,17
7.649.879,03
3.513.125,75
2.309.386,64

107.551.716,22
98.417.081,72
76.498.790,29
35.131.257,51
23.093.866,40

30,60%
28,01%
21,77%
10,00%
6,57%

1.407.153,84
1.860.118,40
745.000,00

1.407.153,84
2.060.200,00
745.000,00

1.241.988,00
1.817.130,00
751.100,00
Il Contratto
confluito sul
capitolo 479
252.046,40
333.100,00
680.000,00

13.962.850,40
13.889.844,43
7.140.585,81

3,97%
3,95%
2,03%

938.238,00
271.814,40
357.200,00
0,00

1.241.988,00
1.817.130,00
657.500,00
Il Contratto
confluito sul
capitolo 479
252.046,40
333.100,00
680.000,00
Il Contratto
confluito nel
Contratto ADN
KRONOS
Contratto non
stipulato

1.396.285,04
1.388.984,44
714.058,58

938.238,00
271.814,40
294.965,50
0,00

1.267.088,00
1.854.230,00
670.500,00
Il Contratto
confluito sul
capitolo 479
258.224,00
339.300,00
268.666,66

408.366,82
197.437,44
195.796,55
162.866,67

4.083.668,20
1.974.374,40
1.957.965,50
1.628.666,66

Il Contratto
confluito nel
Contratto ADN
KRONOS

74.604,65

746.046,46

Contratto non
stipulato

39.592,80

395.928,00

Contratto
stipulato sul
capitolo 479
Contratto non
stipulato
Contratto non
stipulato
Contratto non
stipulato
35.972.974,40

Contratto
stipulato sul
capitolo 479
Contratto non
stipulato
Contratto non
stipulato
Contratto non
stipulato
36.066.574,40

96.720,00
Contratto non
stipulato

106.795,00
Contratto non
stipulato

99.694,40
Contratto non
stipulato
Il Contratto
stato stipulato
dall'Unit per
la
Comunicazione
Contratto non
stipulato

44.781,12
Contratto non
stipulato
38.237.621,25

46.332,00
Contratto non
stipulato
39.780.605,02

46.332,00
Contratto non
stipulato
39.395.045,54

SERVIZI
ITALIANI.NET (ora
Agenzia Nova)****
AGA
REUTERS
AFP

78.000,00

52.000,00

48.360,00

106.348,80

106.348,80

98.904,00

19.968,00

19.968,00

37.440,00

6.552,00
6.552,00
6.552,00
Totale 41.513.381,60 41.540.924,25
38.805.921,96
* Per lagenzia Italpress nel 2005 il contratto decorre dal 1 settembre.
** Per lagenzia La Presse nel 2012 il contratto decorre dal 1 maggio.
*** Per lagenzia J news nel 2006 il contratto stato sottoscritto per il periodo 1 gennaio-30 giugno.
**** Per lagenzia Servizi italiani.net nel 2006 e nel 2007 il contratto decorre dal 1 luglio.
***** Per lagenzia 9 Colonne nel 2007 il contratto decorre dal 1 agosto.

Percentuale

2012
9.388.600,00
9.080.500,00
7.404.784,00
3.060.000,00
2.600.400,00

ADN KRONOS
(Protezione Civile)
99.694,40

Totale

2011
10.431.650,00
10.089.700,00
7.404.784,00
3.400.095,00
2.600.000,00

99.694,40
Contratto non
stipulato

89.725,00
Contratto non
stipulato

Il Contratto
stato stipulato
dall'Unit per la
Comunicazione
Contratto non
stipulato

Contratto
stipulato sul
capitolo 479
Contratto non
stipulato

37.065,00
Contratto non
stipulato
39.842.594,64

48.391,20
Contratto non
stipulato
36.330.408,86

1,16%
0,56%
0,56%
0,46%
0,21%

0,11%

0,11%
38.187,50

381.875,00

31.160,16

311.601,60

30.027,73

300.277,32

1.965,60
38.748.605,19

19.656,00
351.419.477,52

0,09%
0,09%
0,01%
100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.


I dati relativi al 2014 sono riportati in Appendice, nella tabella dati anno 2014.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
96

4. Le convenzioni con la Rai


Discorso a parte va fatto per le convenzioni con la Rai: infatti, la l. 14 aprile 197562, n.
103, e successive modifiche ed integrazioni, prevede che la Rai, in qualit di concessionaria
del servizio pubblico radiotelevisivo, effettui, sulla base di apposite convenzioni aggiuntive
da stipularsi con le competenti amministrazioni dello Stato, trasmissioni radiofoniche e
televisive in lingua a tutela delle minoranze linguistiche presenti in Italia, nonch
programmi radiofonici e televisivi destinati a stazioni di telecomunicazioni straniere per la
diffusione e la conoscenza della lingua e della cultura italiana nel mondo (artt. 19 e 20).
Sulla base di tali disposizioni normative, la Presidenza del Consiglio, per il tramite del
Die, ha stipulato le seguenti convenzioni:
1. tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die, la Rai e Newco per lofferta televisiva,
radiofonica e multimediale per lestero (c.d. Rai international s.p.a., ora Rai Italia);
2. tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die e la Rai per la trasmissione di programmi
radiofonici e televisivi in lingua tedesca e ladina nella Provincia autonoma di Bolzano;
in lingua francese per la Regione autonoma Valle dAosta; in lingua slovena, nonch
radiofonici in lingua italiana per la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia.
La spesa per le suddette convenzioni con la Rai grava sul cap. 475 del bilancio della
Presidenza (vedi tabella 17).
Le convenzioni hanno durata triennale. Nei due mesi antecedenti la scadenza di ogni
esercizio finanziario, la Presidenza del Consiglio dei ministri comunica alla Rai le condizioni
economiche alle quali intende continuare a fruire delle prestazioni di cui alla convenzione,
per lanno successivo, conformemente alle disponibilit di bilancio, sullapposito capitolo di
62

Cfr. l. n. 103/1975, recante: Nuove norme in materia di diffusione radiofonica e televisiva; art. 19: La
societ concessionaria, oltre che alla gestione dei servizi in concessione, tenuta alle seguenti prestazioni: a) a
sistemare, secondo piani tecnici approvati dal Ministero delle poste e delle telecomunicazioni, le reti
trasmittenti televisive nelle zone di confine bilingui, per renderle idonee a ritrasmettere programmi di
organismi esteri confinanti; ad attuare la ristrutturazione ed assumere la gestione degli impianti di terzi
eventualmente ad essa affidati, esistenti in dette zone alla data di entrata in vigore della presente legge; b) a
predisporre annualmente, sulla base delle direttive della Presidenza del Consiglio dei ministri, sentita la
Commissione parlamentare per lindirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, programmi
televisivi e radiofonici destinati a stazioni radiofoniche e televisive di altri paesi per la diffusione e la
conoscenza della lingua e della cultura italiana nel mondo e ad effettuare, sentita la stessa Commissione
parlamentare, trasmissioni radiofoniche speciali; c) ad effettuare trasmissioni radiofoniche e televisive in
lingua tedesca e ladina per la Provincia di Bolzano, in lingua francese per la Regione autonoma Valle dAosta
ed in lingua slovena per la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
97

spesa.
La Presidenza stipula inoltre, per il tramite del Die, convenzioni con la Rai in attuazione
di accordi internazionali:
-

Convenzione Presidenza del Consiglio dei ministri-Rai in attuazione dellaccordo di


collaborazione in materia radiotelevisiva tra la Repubblica italiana e la Repubblica di
San Marino, sottoscritto in data 23 ottobre 1987, rinnovata con la legge dautorizzazione
alla ratifica n. 164 del 29 settembre 2015;

Convenzione Presidenza del Consiglio dei ministri-Rai in attuazione degli accordi di


collaborazione in materia radiotelevisiva tra il Governo della Repubblica italiana e il
Governo della Repubblica tunisina. Dal 2010 tale convenzione non stata pi rinnovata,
a causa dei tagli subiti dal bilancio della Presidenza.
Infine, la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die ha sottoscritto convenzioni con la Rai-

Radiotelevisione italiana s.p.a. e la Newco Rai international s.p.a., per la realizzazione di


progetti di collaborazione con le strutture Nato, al fine di rappresentare e sostenere le azioni
di peacekeeping in Afghanistan. Lultima convenzione risale al 28 dicembre 2009 e non
stata pi rinnovata.

4.1. Le convenzioni con Rai-Italia


In data 5 luglio 2010 stata stipulata tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die e la
Rai, la convenzione Rai international (ora Rai Italia), approvata con d.p.c.m. 4 ottobre
2010.
Rispetto alla precedente, riguardante il triennio 2007-2009, lamministrazione riferisce
(cfr. nota Die, prot. Corte conti n. 13589 del 15 dicembre 2010) che la nuova convenzione
presenta alcune modifiche quali: lintroduzione, accanto a parametri qualitativi dellofferta,
di parametri quantitativi (numero delle ore di programmazione), in modo tale da rendere
pi agevoli i controlli da effettuare sulla trasmissione dei programmi; maggiore attenzione
ai costi, prevedendo linserimento, tra gli allegati alla convenzione, di un prospetto sui costi
previsionali per il periodo di riferimento.
Inoltre, il corrispettivo stabilito per le prestazioni ha subito una riduzione rispetto al
triennio precedente, passando, a fronte di unaumentata programmazione, da 35 milioni di
euro nel 2009, a 25 milioni di euro, nel 2010.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
98

Ci stato possibile in quanto la determinazione del corrispettivo stata effettuata sulla


base dei costi di programmazione e dei palinsesti, con una riduzione dei costi del personale
e strutturali.
Per lanno 2011, a seguito degli ulteriori tagli subiti dal bilancio della Presidenza, stato
concordato con la Rai un corrispettivo di 21 milioni di euro, nel mantenimento della qualit
e quantit dei programmi, nonch della loro diffusione.
La liquidazione delle prestazioni subordinata al parere della Commissione permanente
di monitoraggio di cui allart. 5 della convenzione.

4.2. Le convenzioni per le minoranze linguistiche


In data 28 dicembre 2009 sono state stipulate le convenzioni a tutela delle minoranze
linguistiche per il triennio 2010-2012, approvati con decreti del 16 aprile 2010 e sono poi
state rinnovate per il triennio 2013-2015.
Le nuove convenzioni confermano sostanzialmente i contenuti di quelle relative al
triennio precedente, sia per quanto riguarda limporto dei corrispettivi da erogare alla Rai,
sia per quel che concerne le prestazioni contrattuali; ad eccezione della convenzione per la
Regione Friuli-Venezia Giulia nella quale, in accoglimento di una richiesta avanzata dalla
regione stessa, si convenuto di estendere la programmazione e la trasmissione in lingua alla
Provincia di Udine.
In particolare, si tratta delle seguenti convenzioni:
-

tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die e la Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a.


per le trasmissioni di programmi radiofonici e televisivi in lingua francese per la Regione
autonoma Valle dAosta. Corrispettivo annuo a partire dal 2010: euro 2.031.757,39 (Iva
compresa);

tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die e la Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a.


per le trasmissioni di programmi radiofonici e televisivi in lingua slovena, nonch
radiofonici in lingua italiana per la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia.
Corrispettivo annuo a partire dal 2010: euro 6.619.267,78 (Iva compresa);

tra la Presidenza del Consiglio dei ministri-Die e la Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a.


per le trasmissioni di programmi radiofonici e televisivi in lingua tedesca e ladina nella
Provincia autonoma di Bolzano. Corrispettivo annuo a partire dal 2010: euro

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
99

15.393.135,46 (Iva compresa).


In data 30 novembre 2009, lo Stato, le Province autonome di Trento e Bolzano e la
Regione Trentino-Alto Adige hanno sottoscritto, nellambito del processo di attuazione del
federalismo fiscale, un accordo che prevede lassunzione in capo alla Provincia di Bolzano,
tra laltro, degli oneri riferiti alle trasmissioni di lingua tedesca e ladina di competenza della
sede Rai di Bolzano.
I contenuti di tale accordo sono stati recepiti dallart. 2, cc. 106-125, legge finanziaria
2010. In particolare, il c. 125 prevedeva che fino allemanazione delle norme di attuazione
che disciplinano lesercizio delle funzioni delegate, lo Stato continua ad esercitare le predette
funzioni, ferma restando lassunzione degli oneri a carico delle Province autonome di Trento
e di Bolzano, a decorrere dal 1 gennaio 2010. Successivamente, nelle more della definizione
delle norme di attuazione, la Giunta provinciale di Bolzano deliber lo stanziamento di 15
milioni, per gli oneri riferiti alle trasmissioni di lingua tedesca e ladina di competenza della
sede Rai di Bolzano, relative allanno 2010.

4.3. Le convenzioni Presidenza del Consiglio dei ministri-Rai in attuazione dellaccordo di


collaborazione in materia radiotelevisiva tra la Repubblica italiana e la Repubblica di San
Marino, Rai servizi speciali aggiuntivi e Tunisia
In data 23 ottobre 1987, la Repubblica italiana e la Repubblica di San Marino
sottoscrissero un Accordo internazionale di collaborazione in materia radiotelevisiva,
successivamente ratificato con l. 9 aprile 1990, n. 99.
In attuazione di tale accordo, la Presidenza ha sottoscritto con la Rai, in data 30
dicembre 1991, una convenzione che prevede lerogazione alla Rai, per il tramite del Die, di
un contributo annuo pari a 6 miliardi delle vecchie lire (euro 3.098.741), da versare in due
liquidazioni semestrali; somma che la Rai versa alla San Marino Rtv, societ con capitale
sociale misto (50 per cento dellEras, Ente per la radiodiffusione sammarinese e 50 per cento
della Rai) costituita nel 1991, che svolge attivit concessionaria del servizio pubblico
radiotelevisivo nella Repubblica di San Marino.
Lerogazione del corrispettivo subordinata alla presentazione da parte della Rai di una
serie di documenti (piano annuale di previsione della spesa, relazioni semestrali, copia della
quietanza attestante il versamento alla San Marino Rtv del contributo precedente a quello
in corso di liquidazione), nonch agli esiti di una verifica effettuata congiuntamente dalla

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
100

Presidenza del Consiglio dei ministri e dal Dipartimento della ragioneria generale dello Stato
(artt. 2 e 4 della convenzione), al fine di monitorare le attivit svolte in ambito
radiotelevisivo dalla societ Rtv-Rsm concessionaria del servizio pubblico nella Repubblica
di San Marino.
LAccordo scaduto l11 giugno 2007. Il 5 marzo 2008 sono stati firmati i protocolli del
nuovo Accordo, avente durata quinquennale, in materia di collaborazione radiotelevisiva
tra le due Repubbliche. Esso risulta ratificato da parte sammarinese in data 4 agosto 2008,
e da parte italiana con legge di autorizzazione alla ratifica 29 settembre 2015, n. 164.
Nelle more della ratifica, la prosecuzione della fornitura dei servizi stata autorizzata da
specifiche disposizioni legislative inserite nei c.d. decreti mille proroghe, per effetto dei
quali restata vigente loriginaria convenzione del 30 dicembre 1991.
Le disponibilit finanziarie per le convenzioni Rai sono allocate sempre nel medesimo
capitolo di bilancio del Ministero delleconomia (cap. 2183) per poi essere versate in tre
capitoli del bilancio della Presidenza del Consiglio: cap. 475, Somme da corrispondere alla
Rai per i servizi speciali aggiuntivi a quelli di concessione; cap. 476, Somma da
corrispondere alla Rai in attuazione degli accordi di collaborazione in materia
radiotelevisiva tra Repubblica italiana e Repubblica di San Marino, firmata a Roma il 23
ottobre 1987; cap. 487, Somma da corrispondere alla Rai in attuazione di accordi in
materia radiotelevisiva tra Governo della Repubblica italiana e Governo della Repubblica
tunisina (convenzione non pi rinnovata dallanno 2010).

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
101

Tabella 17 - Cap. 475 - Le somme da corrispondere alla Rai per i servizi speciali aggiuntivi a quelli in concessione
nonch a titolo di rimborso delle spese per lestensione al territorio di Trieste della convenzione 26 gennaio 1952
concernente la concessione dei servizi circolari di radioaudizione e di televisione
2005

2006

2007

Capitolo 475

Capitolo 475

Capitolo 475

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

Competenza

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

53.143.000,00

44.286.170,80

53.143.000,00

44.286.170,80

42.000.000,00

44.286.170,79

VARIAZIONI

-4.010.000,00

0,00

-8.856.000,00

0,00

12.500.000,00

0,00

Stanziamenti totali

49.133.000,00

44.286.170,80

44.287.000,00

44.286.170,80

54.500.000,00

44.286.170,79

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

93.419.170,80

88.573.170,80

98.786.170,79

4.846.829,20

2.685,56

829,21

1.720.489,35

288.240,32

191.232,27

0,00

44.283.485,24

0,00

42.565.681,45

0,00

44.094.938,52

44.283.485,24

42.565.681,45

44.094.938,52

Impegni

44.286.170,80

0,00

44.286.170,79

0,00

54.211.759,68

0,00

Residui accertati

44.286.170,80

0,00

44.286.170,79

0,00

54.211.759,68

0,00

Residui totali

44.286.170,80

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

99,99%

VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

54.211.759,68

0,00%

47,41%

96,12%

0,00%

50,00%

99,57%

54,88%

2008

2009

2010

Capitolo 475

Capitolo 475

Capitolo 475

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA RAI


SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A QUELLI IN
CONCESSIONE, NONCHE' A TITOLO DI
RIMBORSO DELLE SPESE PER
L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI TRIESTE
DELLA CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE DEI
SERVIZI CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E
DI TELEVISIONE

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

44.286.170,79

Residui

Competenza

Residui

Competenza

Residui

50.000.000,00

54.211.759,68

59.641.760,00

89.379.358,06

50.712.000,00

9.211.759,00

0,00

516.000,00

0,00

-1.006.999,68

0,00

59.211.759,00

54.211.759,68

60.157.760,00

89.379.358,06

49.705.000,32

148.892.117,74

113.423.518,68

149.537.118,06

148.892.117,74

198.597.118,06

Economie e/o Residui Perenti

0,00

0,01

645.000,32

0,00

839,69

7.122.064,30

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

24.044.160,61

0,00

0,00

0,00

135.150.785,65

Pagamenti totali

24.044.160,61

0,00

135.150.785,65

Impegni

59.211.759,00

0,00

59.512.759,68

0,00

49.704.160,63

0,00

Residui accertati

59.211.759,00

30.167.599,06

59.512.759,68

89.379.358,06

49.704.160,63

6.619.267,79

Residui totali

89.379.358,06

% Pagam./Stanz.

0,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

78,80%

148.892.117,74
44,35%

0,00%

99,57%

56.323.428,42
0,00%

0,00%

90,77%

28,36%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
102

segue tabella 17
2011

2012

2013

2014

Capitolo 475

Capitolo 475

Capitolo 475

Capitolo 475

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA


RAI SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A
QUELLI IN CONCESSIONE, NONCHE' A
TITOLO DI RIMBORSO DELLE SPESE
PER L'ESTENSIONE AL TERRITORIO DI
TRIESTE DELLA CONVENZIONE
26/01/1952, CONCERNENTE LA
CONCESSIONE DEI SERVIZI CIRCOLARI
DI RADIOAUDIZIONE E DI
TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA


RAI SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI
A QUELLI IN CONCESSIONE,
NONCHE' A TITOLO DI RIMBORSO
DELLE SPESE PER L'ESTENSIONE
AL TERRITORIO DI TRIESTE DELLA
CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE
DEI SERVIZI CIRCOLARI DI
RADIOAUDIZIONE E DI
TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA


RAI SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI A
QUELLI IN CONCESSIONE, NONCHE' A
TITOLO DI RIMBORSO DELLE SPESE
PER L'ESTENSIONE AL TERRITORIO
DI TRIESTE DELLA CONVENZIONE
26/01/1952, CONCERNENTE LA
CONCESSIONE DEI SERVIZI
CIRCOLARI DI RADIOAUDIZIONE E DI
TELEVISIONE

SOMME DA CORRISPONDERE ALLA


RAI SERVIZI SPECIALI AGGIUNTIVI
A QUELLI IN CONCESSIONE,
NONCHE' A TITOLO DI RIMBORSO
DELLE SPESE PER L'ESTENSIONE
AL TERRITORIO DI TRIESTE DELLA
CONVENZIONE 26/01/1952,
CONCERNENTE LA CONCESSIONE
DEI SERVIZI CIRCOLARI DI
RADIOAUDIZIONE E DI
TELEVISIONE

Competenza

Residui

Competenza

56.323.428,42

28.415.496,00

Residui

Competenza

Competenza

Residui

14.000.000,00

27.300.000,00

VARIAZIONI

12.092.876,72

0,00

-6.005.496,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Stanziamenti totali

52.092.876,72

56.323.428,42

22.410.000,00

86.618.245,73

21.000.000,00

22.410.000,00

14.000.000,00

27.300.000,00

108.416.305,14

Economie e/o Residui perenti


Pagamenti totali Banca dItalia

109.028.245,73

21.000.000,00

Residui

40.000.000,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

86.618.245,73

22.410.000,00

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

43.410.000,00

41.300.000,00

0,87

65.925,37

0,00

24.868,55

0,00

0,00

0,00

6.548.715,22

15.183.417,95

0,00

86.593.377,18

0,00

16.110.000,00

0,00

Pagamenti totali

21.732.133,17

86.593.377,18

16.110.000,00

Impegni

52.092.875,85

0,00

22.410.000,00

0,00

21.000.000,00

0,00

14.000.000,00

Residui accertati

45.544.160,63

41.074.085,10

22.410.000,00

0,00

21.000.000,00

6.300.000,00

14.000.000,00

Residui totali

86.618.245,73

% Pagam./Stanz.

12,57%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

22.410.000,00
26,96%

0,00%

79,89%

27.300.000,00
99,97%

20,55%

0,00%

71,89%

0,00%

62,89%

Grafico 22
Andamento degli stanziamenti totali di competenza (stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 475

70,000
60,000
50,000
40,000
30,000
20,000
10,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 49,133 44,287 54,500 59,211 60,157 49,705 52,092 22,410 21,000 14,000
N.B. Importi in milioni di euro.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
103

DATI NON
PERVENUTI

Dal 2005 al 2014 gli stanziamenti di competenza relativi al cap. 475 si sono ridotti di circa
il 57 per cento; la diminuzione pi rilevante ha luogo a partire dal 2012.

Grafico 23
Andamento del rapporto tra pagamenti sulla competenza e stanziamenti totali di competenza
(stanz. iniziali + variazioni)
Cap. 475 - Somme da corrispondere alla Rai etc.

14,00%
12,00%
10,00%
8,00%
6,00%
4,00%
2,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Percentuale 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 12,57% 0,00% 0,00% 0,00%

Grafico 24
Andamento dei residui iniziali
Cap. 475 - Somme da corrispondere alla Rai etc.
160,000
140,000
120,000
100,000
80,000
60,000
40,000
20,000
0,000

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Importo 44,286 44,286 44,286 54,211 89,379 148,892 56,323 86,618 22,410 27,300
N.B. Importi in milioni di euro.

Il grafico pone in evidenza il sistematico accumulo dei residui, con una punta nel 2010,
che testimonia la difficolt costante di esaurire la competenza.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
104

Grafico 25
Andamento del rapporto tra pagamenti sui residui e residui iniziali
Cap. 475 - Somme da corrispondere alla Rai etc.

120,00%
100,00%
80,00%
60,00%
40,00%
20,00%
0,00%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Percentuale 99,99% 96,12% 99,57% 44,35% 0,00% 90,77% 26,96% 99,97% 71,89%

Circa le ragioni della formazione dei residui, lamministrazione ha precisato che per alcuni
capitoli di spesa (in particolare i capp. 475 e 476), essa fisiologica, perch legata a eventi o
adempimenti da porre in essere entro lanno di riferimento, con conseguente slittamento dei
pagamenti nellesercizio successivo. Ci vale segnatamente per i capitoli su cui vengono
pagati i corrispettivi previsti dalle convenzioni stipulate con la Rai per la produzione e
diffusione di trasmissioni radiotelevisive destinate alle minoranze linguistiche (cap. 475) e
per far fronte agli obblighi derivanti dallaccordo di collaborazione tra Italia e San Marino
in materia radiotelevisiva (cap. 476). In tutti questi casi, si prevede che il pagamento possa
essere effettuato solo sulla base di un consuntivo fornito dalla Rai lanno successivo e in
esito alla valutazione della Commissione permanente di monitoraggio. Il meccanismo
previsto dalle convenzioni impone, dunque, di impegnare le risorse nellanno di competenza,
ma non consente il pagamento se non nellanno successivo.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
105

Tabella 18 - Cap. 476 - La somma da corrispondere alla Rai in attuazione degli accordi di collaborazione in
materia radiotelevisiva tra la Repubblica italiana e la Repubblica di San Marino firmata a Roma il 23 ottobre
1987
2005
Capitolo 476

2006
Capitolo 476

2007
Capitolo 476

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

3.099.000,00
0,00
3.099.000,00

Competenza

1.549.100,50
0,00
1.549.100,50

4.648.100,50

Residui

0,00
3.099.000,00
3.099.000,00

Competenza

1.549.370,50
0,00
1.549.370,50

4.648.370,50

Residui

0,00
3.281.500,00
3.281.500,00

3.099.000,00
0,00
3.099.000,00

6.380.500,00

0,00

0,00

0,00

0,00

182.759,00

259,00

1.549.629,50

1.549.100,50

0,00

1.549.370,50

1.366.841,70

3.098.741,00

3.098.730,00

1.549.370,50

4.465.582,70

Impegni

3.099.000,00

0,00

3.099.000,00

0,00

3.098.741,00

0,00

Residui accertati

1.549.370,50

0,00

3.099.000,00

0,00

1.731.899,30

0,00

Residui totali
% Pagam./Stanz.

1.549.370,50
50,00%

% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +


Residui)

Massa spendibile (Comp. + Res.)


Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

100,00%

0,00%

1.731.899,30
100,00%

41,65%

99,99%

33,33%

66,67%

27,14%

2008
Capitolo 476

2009
Capitolo 476

2010
Capitolo 476

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI DI COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA TRA
LA REPUBBLICA ITALIANA E LA
REPUBBLICA DI SAN MARINO
FIRMATA A ROMA IL 23 OTTOBRE
1987

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali

3.099.000,00

Residui

3.099.000,00
0,00
3.099.000,00

Competenza

1.731.899,30
0,00
1.731.899,30

4.830.899,30

Residui

3.099.000,00
0,00
3.099.000,00

Competenza

3.099.000,00
0,00
3.099.000,00

6.198.000,00

0,00

0,00

0,00

1.731.899,30

1.731.899,30

Residui

0,00
3.099.000,00
3.099.000,00

4.648.370,89
0,00
4.648.370,89

7.747.370,89

258,61

0,00

0,00

1.549.370,50

1.549.370,50

258,61

259,39

0,00

4.648.111,50

4.648.111,50

Impegni

3.099.000,00

0,00

3.098.741,39

0,00

3.098.741,39

0,00

Residui accertati

3.099.000,00

0,00

3.098.741,39

1.549.629,50

3.098.741,39

0,00

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

3.099.000,00
0,00%
64,15%

4.648.370,89
100,00%

0,00%
75,00%

3.098.741,39
50,00%

0,00%

99,99%

40,00%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
106

segue tabella 18

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

2011

2006

2013

2014

Capitolo 476

Capitolo 476

Capitolo 476

Capitolo 476

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI DI
COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA
TRA LA REPUBBLICA
ITALIANA E LA REPUBBLICA
DI SAN MARINO FIRMATA A
ROMA IL 23 OTTOBRE 1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI DI
COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA
TRA LA REPUBBLICA
ITALIANA E LA REPUBBLICA
DI SAN MARINO FIRMATA A
ROMA IL 23 OTTOBRE 1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI DI
COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA
TRA LA REPUBBLICA
ITALIANA E LA REPUBBLICA
DI SAN MARINO FIRMATA A
ROMA IL 23 OTTOBRE 1987

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI DI
COLLABORAZIONE IN
MATERIA RADIOTELEVISIVA
TRA LA REPUBBLICA
ITALIANA E LA REPUBBLICA
DI SAN MARINO FIRMATA A
ROMA IL 23 OTTOBRE 1987

Competenza

Competenza

Competenza

Residui

Residui

Residui

Competenza

Residui

0,00

3.098.741,39

0,00

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

0,00

0,00

VARIAZIONI

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

0,00

0,00

0,00

6.000.000,00

0,00

Stanziamenti totali

3.098.741,00

3.098.741,39

3.098.741,00

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

6.000.000,00

0,00

Massa spendibile (Comp. + Res.)

6.197.482,39

6.197.482,00

3.098.741,00

Economie e/o Residui perenti

0,00

0,39

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

3.098.000,00

0,00

Pagamenti totali

3.098.741,00

3.098.741,00

3.098.741,00

Impegni

3.098.741,00

0,00

3.099.000,00

0,00

0,00

Residui accertati

3.098.741,00

0,00

3.098.741,00

0,00

0,00

Residui totali
% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

3.098.741,00
0,00%
50,00%

100,00%

3.098.741,00
0,00%

100,00%

50,00%

6.000.000,00

3.098.000,00
0,00

6.000.000,00

0,00

0,00

2.902.000,00

0,00

0,00
0,00%
0,00%

2.902.000,00
100,00%

0,00%
48,37%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
107

0,00%

Tabella 19 - Cap. 487 - La somma da corrispondere alla Rai-Radiotelevisione italiana s.p.a. in attuazione degli
accordi in materia radiotelevisiva tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica tunisina
2005
Capitolo 487

2006
Capitolo 487

2007
Capitolo 487

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI
VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)
Economie e/o Residui perenti
Pagamenti totali Banca dItalia
Pagamenti totali

Residui

0,00
1.549.000,00
1.549.000,00

Competenza

1.549.000,00
0,00
1.549.000,00

3.098.000,00

Residui

0,00
1.549.000,00
1.549.000,00

Competenza

1.549.000,00
0,00
1.549.000,00

3.098.000,00

0,00

0,00

0,00

1.549.000,00

1.549.000,00

Residui

0,00
1.549.000,00
1.549.000,00

1.624.870,09
0,00
1.624.870,09

3.173.870,09

0,00

0,00

0,00

1.473.129,91

1.473.129,91

0,00

39.872,09

0,00

1.185.998,00

1.185.998,00

Impegni

1.549.000,00

0,00

1.549.000,00

0,00

1.549.000,00

0,00

Residui accertati

1.549.000,00

0,00

1.549.000,00

75.870,09

1.549.000,00

399.000,00

Residui totali

1.549.000,00

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI


VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

0,00%

1.624.870,09
100,00%

0,00%

1.948.000,00
95,10%

0,00%

72,99%

50,00%

52,45%

61,38%

2008
Capitolo 487

2009
Capitolo 487

2010
Capitolo 487

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

Competenza
1.549.000,00
0,00
1.549.000,00

Residui
1.948.000,00
0,00
1.948.000,00

3.497.000,00

Competenza
1.549.000,00
0,00
1.549.000,00

Residui
2.175.100,94
0,00
2.175.100,94

3.724.100,94

Competenza
1.000.000,00
373.899,06
626.100,94

Residui
3.098.000,00
0,00
3.098.000,00

3.724.100,94

Economie e/o Residui perenti

0,00

47.500,00

0,00

626.100,94

0,00

0,00

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

1.274.399,06

0,00

0,00

619.033,92

2.549.000,00

Pagamenti totali

1.274.399,06

0,00

3.168.033,92

Impegni

1.549.000,00

0,00

1.549.000,00

0,00

626.100,94

0,00

Residui accertati

1.549.000,00

626.100,94

1.549.000,00

1.549.000,00

7.067,02

549.000,00

Residui totali

2.175.100,94

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

0,00%
62,20%

3.098.000,00
65,42%

0,00%
83,19%

556.067,02
0,00%

98,87%
14,93%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
108

82,28%

segue tabella 19
2011

2012

2013

2014

Capitolo 487

Capitolo 487

Capitolo 487

Capitolo 487

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI-RADIOTELEVISIONE
ITALIANA S.P.A. IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE
ALLA RAI-RADIOTELEVISIONE
ITALIANA S.P.A. IN ATTUAZIONE
DEGLI ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

SOMMA DA CORRISPONDERE ALLA


RAI-RADIOTELEVISIONE ITALIANA
S.P.A. IN ATTUAZIONE DEGLI
ACCORDI IN MATERIA
RADIOTELEVISIVA TRA IL
GOVERNO DELLA REPUBBLICA
ITALIANA E IL GOVERNO DELLA
REPUBBLICA TUNISINA

Competenza
COMPETENZA E RESIDUI INIZIALI

0,00

VARIAZIONI
Stanziamenti totali
Massa spendibile (Comp. + Res.)

Residui

Competenza

556.067,02

0,00

0,00

0,00

0,00

556.067,02

556.067,02

Residui

Competenza

Residui

Competenza

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.549.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

7.067,02

1.549.000,00

0,00

0,00

1.549.000,00

7.067,02

1.549.000,00

0,00

31.044,50

0,00

7.067,02

0,00

0,00

0,00

Pagamenti totali Banca dItalia

0,00

517.955,50

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

517.955,50

0,00

0,00

Impegni

0,00

0,00

0,00

0,00

1.549.000,00

0,00

0,00

Residui accertati

0,00

7.067,02

0,00

0,00

1.549.000,00

0,00

0,00

Residui totali

7.067,02

0,00%

0,00%

% Pagam./Stanz.
% Res. Tot/Stanz. Tot. (Competenza +
Residui)

0,00%

0,00
93,15%

1,27%

0,00%
0,00%

1.549.000,00

1.549.000,00

Economie e/o Residui perenti

Pagamenti totali

Residui

7.067,02

DATI NON
PERVENUTI

1.549.000,00
0,00%

0,00%
100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

4.4. La convenzione Afghanistan


La Presidenza del Consiglio dei ministri-Die ha sottoscritto convenzioni con la RaiRadiotelevisione italiana s.p.a. e la Newco Rai international s.p.a., per la realizzazione di
progetti di collaborazione con le strutture Nato, al fine di rappresentare e sostenere le azioni
di peacekeeping in Afghanistan, nonch di valorizzare il ruolo della missione italiana in
Afghanistan. Lultima convenzione risale al 28 dicembre 2009 e non stata pi rinnovata.
Le attivit oggetto della convenzione hanno riguardato ambiti diversi quali: produzioni
audiovisive (documentari e video); redazione e diffusione di newsletter e dossier; attivit
svolta da esperti della comunicazione messi a disposizione dalla Rai e da Newco Rai
international s.p.a.; fornitura di attrezzature tecniche; attivit di formazione; avvio e
implementazione di un sito web.
Tutte le attivit di collaborazione sono state concordate, oltre che con i soggetti firmatari
della convenzione (Presidenza del Consiglio dei ministri, Rai, Newco), anche con le
amministrazioni dello Stato direttamente interessate al progetto, quali il Ministero della
difesa ed il Ministero degli affari esteri.
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
109

Le azioni previste nella convenzione e realizzate nel corso del 2010 sono state
rendicontate dalla Rai attraverso relazioni tecniche periodiche e monitorate, oltre che dal
Die, dal rappresentante permanente dItalia presso il Consiglio atlantico, che ne ha attestato
lo stato di attuazione nelle diverse fasi o periodi di riferimento.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
110

CAPITOLO VIII
CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI

1. La complessit e la stratificazione della normativa che regola il settore degli interventi


a sostegno delleditoria hanno reso non facile e, a volte, poco trasparente la gestione delle
provvidenze, aprendo talvolta la via ad anomalie ed irregolarit (cfr. cap. IV e Appendice
4); ne discende la necessit di semplificare ulteriormente sia i requisiti di ammissione ai
benefici, sia i relativi criteri di calcolo.
2. Lesame degli elenchi dei soggetti ammessi ai benefici, in particolare per quanto
riguarda quelli concessi a quotidiani e periodici, pone in evidenza lestrema frammentazione
che caratterizza la distribuzione di tali provvidenze, cui accede un numero assai
considerevole di piccole testate a diffusione spesso prettamente locale.
Tale frammentazione, aggravata dalla consistente riduzione delle risorse finanziarie
disponibili, esige una riflessione circa la congruenza degli interventi realizzati rispetto
allobiettivo del pluralismo informativo. La ridotta consistenza dei contributi concessi alla
miriade di testate legittimate ad ottenerli pone, infatti, il problema della loro adeguatezza,
sotto il profilo strettamente quantitativo, a realizzare in concreto la finalit cui essi
sarebbero destinati.
3. Il rispetto delle prerogative spettanti al legislatore nella definizione dei requisiti per
laccesso alle provvidenze finalizzate alla promozione del pluralismo informativo non esime
la Corte dal rilevare come la polverizzazione dei contributi, unita al cospicuo
ridimensionamento delle risorse disponibili, costituisca motivo di riflessione circa le
condizioni necessarie a rendere effettivo il pluralismo, anche attraverso strumenti diversi
dalla erogazione di contributi finanziari, ed a evitare, altres, che sia ostacolato e di fatto
impedito lingresso di nuovi soggetti, a causa di norme specifiche che appaiono formulate
per salvaguardare lesistente, come avvenuto per le testate organi di partiti politici.
4. Le risorse messe a disposizione del Die per il sostegno alleditoria riguardano anche
ambiti estranei alla promozione in senso stretto del pluralismo informativo, attuata
attraverso il sostegno a settori della stampa. Tali risorse sono infatti destinate a finanziare
Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
111

attivit di informazione e comunicazione istituzionali, che attengono alla diffusione di dati


e notizie sullo svolgimento delle funzioni di Governo e, quindi, dovrebbero restare
concettualmente distinte.
Non si pu, poi, trascurare la necessit di riformare il sistema della contribuzione diretta,
oggi basato su una congerie di disposizioni sedimentate in oltre un trentennio, grazie ad
interventi spesso episodici e disorganici, che ora andrebbero sostituite con un quadro di
regole semplici e coerenti.
5. Nella generale progressiva contrazione delle risorse destinate al sostegno alleditoria,
si distingue la sostanziale continuit di quelle destinate alle agenzie di stampa (cfr. cap. VII,
par. 2): al riguardo potrebbe essere valutata lipotesi di una misurata razionalizzazione della
spesa, intervenendo soprattutto sul numero delle postazioni fornite, ovvero dei punti fisici
di distribuzione del servizio presso le diverse amministrazioni.
Del resto, in ordine alla dimensione delle risorse destinate ai contratti con le agenzie di
stampa nazionali, nella relazione sul Rendiconto generale dello Stato 2011 stato osservato
che anche in sede di revisione normativa sarebbe stata opportuna una riflessione in ordine
alle modalit attuative del principio del pluralismo dellinformazione, agendo soprattutto
sul ridimensionamento dei fabbisogni effettivi delle diverse amministrazioni.
6. Suscita inoltre perplessit lassetto della Commissione tecnico-consultiva, poich
nellesercizio delle sue funzioni di organo sostanzialmente decisionale con esplicite funzioni
deliberative nella materia dei contributi per i periodici italiani allestero non garantisce
sufficientemente lassenza di ogni possibile interferenza o commistione con gli interessi dei
potenziali beneficiari dei contributi; sarebbe, pertanto, auspicabile il suo superamento con
lintroduzione di un nuovo modello organizzativo.
Va, infine, segnalato che i controlli posti in essere dallamministrazione, pi di recente
anche con la collaborazione della Guardia di finanza e dellAgcom, hanno consentito di far
emergere fenomeni di irregolarit commesse da alcune testate nella presentazione della
documentazione e riguardanti, soprattutto, la natura giuridica del soggetto titolare della
testata o le dichiarazioni relative a tiratura, distribuzione e vendita, o ancora dati di bilancio
non veritieri. Al di l degli esiti dei procedimenti penali che ne sono spesso seguiti,
lamministrazione, nei casi richiamati, ha provveduto allannullamento dei contributi

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
112

erogati ed a promuovere il recupero delle somme indebitamente corrisposte (cfr. Appendice


4).
7. Si prende atto che gli elementi innovativi contenuti nella proposta di legge, innanzi
richiamata, di riordino della materia attraverso appositi strumenti di delega, inducono a
prevedere la correzione di almeno una parte delle criticit segnalate, soprattutto per quanto
riguarda la ridefinizione della platea dei beneficiari e la conseguente dispersione delle risorse
disponibili.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
113

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
114

APPENDICE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
115

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
116

APPENDICE 1
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI
EDITI DA COOPERATIVE DI GIORNALISTI
(ART. 3, C. 2, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
117

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
118

App. 1 - Tabella 4
CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI EDITI DA COOPERATIVE DI GIORNALISTI
Art. 3, c. 2, l. n. 250/1990
Impresa

Testata

Importo liquidato

Media

Totale

Percentuali

1.982.005,80

3.352.750,44

33.527.504,37

10,48%

997.588,80

837.528,13

1.986.767,78

19.867.677,83

6,21%

0,00

0,00

0,00

1.661.496,20

16.614.962,03

5,19%

1.308.128,22

907.158,06

83.584,24

0,00

1.557.391,08

15.573.910,84

4,87%

2.194.941,83

0,00

0,00

0,00

0,00

1.495.142,73

14.951.427,25

4,67%

2.489.261,37

2.187.560,14

0,00

0,00

0,00

0,00

1.453.256,56

14.532.565,61

4,54%

2.163.626,56

2.024.511,05

1.755.953,46

1.010.185,85

0,00

0,00

0,00

1.365.207,99

13.652.079,86

4,27%

1.697.736,76

1.726.598,29

1.726.598,29

1.497.559,74

944.986,16

842.637,16

395.664,69

399.181,00

1.272.852,85

12.728.528,45

3,98%

2.506.619,35

2.530.638,81

2.530.638,81

2.530.640,81

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.268.082,23

12.680.822,27

3,96%

1.562.365,92

1.941.862,43

1.941.085,69

1.974.084,15

1.974.084,15

1.584.615,59

0,00

668.823,17

67.179,60

0,00

1.171.410,07

11.714.100,70

3,66%

LA VOCE - DI
MANTOVA

1.480.606,69

1.749.915,60

1.416.605,48

1.440.687,78

1.440.687,78

1.249.576,13

801.143,65

790.148,83

533.742,47

544.326,66

1.144.744,11

11.447.441,07

3,58%

La Verit Ed.le
SCARL

LA VERITA' PER SPORT


(ex VERITA')

1.634.045,04

1.542.177,51

1.698.639,96

1.727.516,84

1.727.516,84

1.498.356,45

1.117.710,21

0,00

0,00

0,00

1.094.596,29

10.945.962,85

3,42%

Nuova
Informazione Soc.
Coop. a R.L.

LA CRONACA

0,00

2.920.671,23

2.455.920,31

2.497.670,96

2.497.670,96

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.037.193,35

10.371.933,46

3,24%

Edilazio 92 SCRL

IL CORRIERE
LAZIALE

0,00

1.873.417,31

1.872.667,94

1.904.503,29

1.904.503,29

1.651.865,10

1.047.868,56

0,00

0,00

0,00

1.025.482,55

10.254.825,49

3,21%

Stampa
Demnocratica 95
SCGRL

METROPOLIS

0,00

0,00

1.609.581,83

1.636.944,72

1.611.535,37

1.419.799,00

1.048.078,00

614.268,81

0,00

334.984,09

827.519,18

8.275.191,82

2,59%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

IL
MANIFESTO

4.441.529,33

4.441.529,00

4.352.698,75

4.049.022,10

3.745.345,44

3.248.513,90

2.598.362,85

2.712.406,23

1.956.090,97

IL CORRIERE
MERCANTILE

2.582.284,49

2.633.930,17

2.530.638,81

2.530.638,81

2.530.638,81

2.194.941,83

1.594.637,94

1.434.850,04

IL CORRIERE
- DI FORLI'

2.582.284,49

2.582.284,50

2.530.638,81

2.530.638,81

2.530.638,81

2.194.941,83

1.663.534,78

Grafic Editrice
Coop. Soc. per
Azioni di Giornalisti

IL
CITTADINO
OGGI CORRIERE
NAZIONALE

1.835.752,37

2.434.200,73

2.299.508,81

2.338.600,00

2.338.600,46

2.028.377,95

Coedip Coop. Ed.ni


Ippiche a R.L.

SPORTSMAN CAVALLI E
CORSE

2.582.284,49

2.582.284,50

2.530.638,81

2.530.638,81

2.530.638,81

Rinascita Soc. Coop.


A R.L.

RINASCITA

2.294.250,62

2.500.215,86

2.530.638,81

2.530.638,81

19 luglio Coop. a
R.L.

CORRIERE
DEL GIORNO
DI PUGLIA E
LUCANIA

2.225.125,49

2.309.643,19

2.163.034,26

Pagine Sannite Soc.


Coop. A R.L.

IL SANNIO
QUOTIDIANO

1.859.289,35

1.638.277,01

International Press
Societ Cooperativa
di Lavoro a R.L.

L'AVANTI

2.582.284,49

Coopress
Cooperativa
Giornalistica
Vidiemme Soc.
Coop.

VOCE NUOVA
(ex REGIONI E
RAGIONI)

Il Manifesto Coop.
Editrice a R.L.
Giornalisti e
poligrafici Coop. a
R.L.
Giornali Associati
Coop. Ed.le a R.L.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
119

Impresa

Testata

Libra Editrice
Soc. Coop.
AREA Agenzia
Coop a R.L.

CRONACHE DI
NAPOLI

2005

2006

2007

Importo liquidato
2009
2010

2008

2011

2012

2013

Media

2014

Totale

Percentuali

0,00

0,00

0,00

996.491,54

1.631.028,75

1.414.667,79

1.052.457,27

1.209.940,40

944.565,36

1.013.698,87

826.285,00

8.262.849,98

2,58%

A.R.E.A.

1.032.913,80

1.032.913,80

1.012.255,52

1.012.255,52

1.012.255,52

877.976,73

663.469,91

327.273,70

329.148,05

476.660,03

777.712,26

7.777.122,58

2,43%

Dossier Soc.
Coop
d'informazione e
pubbliche
relazioni a R.L.

BUONGIORNO
CAMPANIA

1.227.759,01

1.226.434,23

1.071.799,30

1.090.019,89

1.041.078,54

945.425,41

651.586,26

278.415,65

0,00

0,00

753.251,83

7.532.518,29

2,36%

Ed.le Giornalisti
Associati SCRL

NUOVO
CORRIERE
BARI SERA

1.718.300,04

1.399.667,57

914.588,68

1.302.299,32

1.215.208,34

968.004,55

0,00

0,00

0,00

0,00

751.806,85

7.518.068,50

2,35%

0,00

2.213.098,77

2.530.638,81

2.380.932,89

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

712.467,05

7.124.670,47

2,23%

2.065.827,60

0,00

2.530.638,81

0,00

0,00

0,00

0,00

1.290.248,53

530.755,21

285.413,30

670.288,35

6.702.883,45

2,10%

Linea Soc. Coop.


A R.L.
Effe Coop.
Editoriale
S.p.A.
Dire SCRL

LINEA
PROVINCIA
QUOTIDIANO
DIRE

979.531,41

1.091.946,98

1.012.255,52

1.012.255,52

1.012.255,52

871.176,90

0,00

0,00

0,00

0,00

597.942,19

5.979.421,85

1,87%

Giornalisti e
poligrafici
associati Coop. a
R.L.

ITALIA SERA

715.944,13

779.585,71

818.575,40

832.491,19

832.491,18

722.058,68

534.071,35

408.943,44

137.889,09

105.144,17

588.719,43

5.887.194,34

1,84%

Il Foglio Quotidiano
SCARL

IL FOGLIO*

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

2.251.696,55

1.523.106,65

1.201.463,7
5

401.111,83

537.737,88

5.377.378,78

1,68%

637.964,07

710.875,15

710.590,80

722.670,85

722.670,85

626.806,35

297.601,11

269.457,71

162.255,69

143.785,21

500.467,78

5.004.677,79

1,56%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.595.991,24

1.240.574,2
2

1.383.294,47

421.985,99

4.219.859,93

1,32%

394.698,84

537.201,31

470.259,41

478.253,83

478.253,83

414.811,99

331.087,92

327.496,83

0,00

83.692,81

351.575,68

3.515.756,77

1,10%

CONQUISTE
DEL LAVORO

0,00

0,00

3.346.922,70

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

334.692,27

3.346.922,70

1,05%

LA VOCE

0,00

189.517,93

474.583,71

482.651,64

482.651,64

418.626,42

392.089,97

351.280,34

277.043,87

103.885,49

317.233,10

3.172.331,01

0,99%

0,00

0,00

0,00

13.019,62

938.811,65

999.293,07

691.110,82

453.380,96

0,00

0,00

309.561,61

3.095.616,12

0,97%

435.572,88

411.930,92

377.613,61

413.587,66

413.587,66

347.002,67

0,00

0,00

0,00

0,00

239.929,54

2.399.295,40

0,75%

Edizioni giornali
Quotidiani Soc.
Coop.
Coop. Ed.le
Giornali
Associati Coop.
S.p.A.
Centro Stampa
Regionale
SCARL
Conquiste del
Lavoro S.r.L.
Impegno Sociale
Soc. Coop.
I Romanisti
Soc. Coop.
Editoriale 91
SCRL

NUOVA
GAZZETTA DI
CASERTA
CORRIERE

ORE 12

IL
ROMANISTA
IL GIORNALE
DI CALABRIA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
120

Impresa

Testata

2005

2006

2007

Importo liquidato
2009
2010

2008

2011

2012

2013

Media

2014

Totale

Percentuali

Edizioni del
Mediterraneo
Soc. Coop.
Giornalistica a
R.L.

IL DENARO*

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.261.583,66

659.481,87

0,00

0,00

192.106,55

1.921.065,53

0,60%

Soc. Coop.
Essepi a R.L.

PUGLIA QUOTIDIANO
DI VITA
REGIONALE

0,00

339.941,58

485.302,24

373.825,46

373.825,46

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

157.289,47

1.572.894,74

0,49%

Agenzia GRT
Soc. Coop.

GRTV PRESS

0,00

0,00

359.647,47

367.190,40

367.190,40

318.481,48

60.675,36

51.595,93

0,00

0,00

152.478,10

1.524.781,04

0,48%

Amici de
l'Opinione Scarl

L'OPINIONE
DELLE
LIBERTA'

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

952.580,10

121.181,81

433.412,47

150.717,44

1.507.174,38

0,47%

Progetto 3000
Comunicazioni
Soc. Coop a R.L.

PAESE
NUOVO

0,00

0,00

0,00

549.864,22

535.087,27

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

108.495,15

1.084.951,49

0,34%

Nuovo Giornale
Roma Soc.
Coop. A r.l.

ROMA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

452.205,94

623.691,28

107.589,72

1.075.897,22

0,34%

517.000,00

520.297,47

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

103.729,75

1.037.297,47

0,32%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

425.207,65

568.789,81

99.399,75

993.997,46

0,31%

L'UMANITA'

257.696,52

341.864,77

364.616,58

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

96.417,79

964.177,87

0,30%

LA
PROVINCIA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

355.458,90

287.760,30

331.748,98

97.496,82

974.968,18

0,30%

GIORNALE
DELL'UMBRI
A

755.909,96

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

75.591,00

755.909,96

0,24%

BUONASERA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

352.312,78

348.308,92

70.062,17

700.621,70

0,22%

CRONACHE
DEL
GARANTISTA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

630.267,05

63.026,71

630.267,05

0,20%

GENTE
D'ITALIA

392.806,91

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

39.280,69

392.806,91

0,12%

IL CORRIERE
DI COMO

361.965,31

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

36.196,53

361.965,31

0,11%

La Nuova
Ecologia Ed.le
Coop. a R.L.
Editoriale La
Voce Soc. Coop
Edizioni
Riformiste
SCARL
Editoriale La
Provincia Soc.
Coop.
Gruppo
Editoriale
Umbria 1819
S.r.L.
Dossier Soc.
Coop.
Giornalistica
Giornalisti
Indipendenti
Soc. Coop.
Porps
International
inc
Editoriale S.r.l.

LA NUOVA
ECOLOGIA
LA VOCE
NUOVA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
121

Impresa
Ditiesse Soc.
Coop a R.L.
Calliope Soc.
Coop. Editrice a
R.L.

Testata
LUCANIA
LA
PROVINCIA
QUOTIDIANO
TOTALE

2005

2006

2007

Importo liquidato
2009
2010

2008

2011

2012

2013

Media

2014

Totale

175.388,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

17.538,80

175.388,00

0,05%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

107.335,98

10.733,60

107.335,98

0,03%

39.331.381,25

44.452.304,58

50.640.962,40

46.140.258,29

44.659.268,85

33.631.334,99

21.322.066,40

18.024.944,55

10.496.214,49

11.138.266,35

31.983.700,22

319.837.002,15

* Dal 2005 al 2010 come quotidiano politico.


Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
122

Percentuali

100,00%

APPENDICE 1-BIS
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI
EDITI DA IMPRESE EDITRICI
LA CUI MAGGIORANZA DEL CAPITALE SIA DETENUTA DA
COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI
(ART. 3, C. 2-BIS, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
123

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
124

App. 1-bis - Tabella 4


CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI EDITI DA IMPRESE EDITRICI LA CUI MAGGIORANZA DEL CAPITALE SIA DETENUTA DA COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI
Art. 3, c. 2-bis, l. n. 250/1990
Impresa

Testata

Avvenire Nuova
Ed.le Italia s.p.a.

AVVENIRE

Italia Oggi Ed.


Erinne s.r.l.

ITALIA OGGI

Editoriale Libero
s.r.l.

OPINIONI NUOVE
- LIBERO
QUOTIDIANO

Editoriale Argo
s.p.a.

CRONACA QUI.IT
(ex CRONACA QUI,
CRONACA PIU' e
TORINO
CRONACA)

Conquiste del
Lavoro s.r.l.

CONQUISTE DEL
LAVORO

Laudense Ed.le
S.r.l.

IL CITTADINO

La Voce s.r.l.
Editrice

VOCE DI
ROMAGNA

Editoriale Europa
Oggi s.r.l.

LA DISCUSSIONE

2000 Editoriale
s.r.l.

NUOVO
CORRIERE - DI
FIRENZE

Gruppo Editoriale
Umbria 1819 s.r.l.

GIORNALE
DELL'UMBRIA

Importo liquidato

Media

Totale

3.803.622,44

5.127.010,79

51.270.107,92

15,24%

3.048.343,47

2.998.508,32

3.853.197,97

38.531.979,66

11,45%

0,00

3.405.240,00

3.555.070,01

2.912.535,87

29.125.358,66

8,66%

2.436.274,09

2.361.897,73

1.190.999,90

1.362.754,58

2.781.233,78

27.812.337,79

8,27%

2.671.580,27

2.181.144,63

2.284.955,46

1.314.267,10

1.395.116,81

2.303.889,54

23.038.895,37

6,85%

2.530.638,81

2.194.941,83

1.542.426,38

1.740.389,90

1.107.864,19

1.202.609,55

2.043.598,03

20.435.980,31

6,07%

2.530.638,81

2.530.638,81

2.194.941,83

1.587.723,78

1.299.274,99

0,00

0,00

1.751.373,63

17.513.736,30

5,21%

2.530.638,81

2.530.638,81

2.530.638,81

2.194.941,83

1.637.367,30

1.820.194,92

557.692,88

460.175,49

1.663.292,27

16.632.922,73

4,94%

2.769.967,78

2.024.511,05

2.530.638,81

2.530.638,81

2.194.941,83

0,00

274.105,89

0,00

0,00

1.490.708,87

14.907.088,66

4,43%

1.933.672,54

1.932.899,07

1.965.758,36

1.965.758,36

1.704.994,50

1.362.963,54

1.056.702,45

913.965,66

860.762,65

1.369.747,71

13.697.477,13

4,07%

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

6.300.774,17

6.300.774,18

6.174.758,70

6.174.758,70

5.871.082,04

5.092.265,03

3.796.672,83

4.355.324,42

3.400.075,41

5.061.277,60

0,00

5.263.728,72

5.263.728,72

5.263.728,72

4.565.479,00

3.162.411,49

3.904.773,62

6.417.244,86

7.953.436,26

7.794.367,53

0,00

0,00

0,00

0,00

3.334.823,72

2.731.663,13

3.732.669,02

3.745.345,44

3.667.396,28

3.248.513,90

3.369.364,69

3.242.763,21

0,00

3.289.851,60

3.289.851,60

2.582.284,49

2.473.547,54

2.530.638,81

2.530.638,81

2.582.284,49

2.257.594,78

2.530.638,81

0,00

2.370.633,88

2.582.284,49

0,00

Percentuali

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
125

Impresa

Ediservice s.r.l.

Testata

QUOTIDIANO DI
SICILIA

BM Italiana Ed.le
s.r.l.

SCUOLA SNALS

Toscana Soc. di
Edizioni s.p.a.

GIORNALE
NUOVO DELLA
TOSCANA

Editoriale s.r.l.

CORRIERE DI
COMO

L'approdo s.r.l.

T&P Editori ESL

Edizioni de
l'Indipendente
s.r.l.

Edoriale Bologna
s.r.l.

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Media

2014

Totale

Percentuali

1.477.237,31

1.629.700,41

1.638.723,37

1.666.581,67

1.666.581,67

1.445.504,51

1.420.055,25

899.878,13

734.461,24

804.206,92

1.338.293,05

13.382.930,48

3,98%

1.556.113,54

949.349,38

1.687.993,79

1.716.689,68

1.716.689,68

1.361.101,74

0,00

1.164.126,30

0,00

0,00

1.015.206,41

10.152.064,11

3,02%

2.582.284,49

2.411.154,00

2.530.638,81

2.530.638,81

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.005.471,61

10.054.716,11

2,99%

0,00

1.470.876,12

1.470.287,76

1.479.800,78

1.479.800,78

1.283.500,68

838.031,89

766.139,99

545.182,66

550.143,05

988.376,37

9.883.763,71

2,94%

1.171.722,21

1.296.387,06

1.176.899,75

1.158.993,91

1.158.993,90

1.005.249,82

604.108,05

637.462,80

610.904,58

0,00

882.072,21

8.820.722,08

2,62%

0,00

1.305.179,95

1.304.657,87

1.326.837,06

1.318.562,49

1.150.828,06

765.863,59

573.545,11

128.841,56

0,00

787.431,57

7.874.315,69

2,34%

2.479.471,21

2.728.498,50

2.406.579,59

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

761.454,93

7.614.549,30

2,26%

1.451.628,25

65.186,61

1.559.022,10

1.585.525,48

1.585.525,48

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

624.688,79

6.246.887,92

1,86%

2.582.284,50

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.756.570,57

0,00

0,00

0,00

433.885,51

4.338.855,07

1,29%

2.582.284,50

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

258.228,45

2.582.284,50

0,77%

OTTOPAGINE

IL DOMANI
DELLO SPORT
CRONACHE DE
L'INDIPENDENTE
(ex CRONACHE
DEL
MEZZOGIORNO)
L'INFORMAZIONE
- IL DOMANI (ex IL
DOMANI e IL
DOMANI DI
BOLOGNA)

Nuovo Ed.le Oggi


s.r.l.

EDITORIALE
OGGI

Ciociaria Oggi Soc.


Ed.le s.r.l.

NUOVO OGGI MOLISE

Edizioni Proposta
Sud s.r.l.

CORRIERE QUOTIDIANO
DELL'IRPINIA
TOTALE

0,00

0,00

287.298,88

292.182,96

292.182,96

253.424,00

0,00

216.749,07

169.209,71

968.330,90

247.937,85

2.479.378,48

0,74%

48.113.364,52

43.890.385,33

48.576.952,44

42.319.248,41

39.398.709,20

32.562.208,83

23.091.613,39

23.355.520,78

17.127.048,36

17.961.300,72

33.639.635,20

336.396.351,98

100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
126

APPENDICE 1-TER
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI ITALIANI
EDITI E DIFFUSI ALLESTERO
(ART. 3, C. 2-TER, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
127

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
128

App. 1-ter - Tabella 4


CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI ITALIANI EDITI E DIFFUSI ALL'ESTERO
Art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990
Impresa

Testata

Oggi Gruppo
Ed.le

AMERICA
OGGI

Italmedia s.r.l.

CORRIERE
CANADESE

S.E.I. Pty LTD.

Importo liquidato
2013

2014

Totale

Percentuali

2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2.582.284,49

2.582.284,50

2.530.638,81

2.530.638,81

1.291.142,25

2.194.941,83

1.948.145,56

1.636.651,80

701.817,67

955.308,35

1.895.385,41

18.953.854,07

31,95%

2.892.158,64

2.892.158,64

2.834.315,47

2.834.315,47

1.446.079,32

2.458.334,84

1.266.106,40

0,00

0,00

0,00

1.662.346,88

16.623.468,78

28,02%

2.582.284,49

2.582.284,50

2.530.638,81

2.111.131,14

1.291.142,25

1.831.083,13

1.501.047,52

0,00

0,00

0,00

1.442.961,18

14.429.611,84

24,32%

0,00

575.394,91

573.400,00

583.147,80

321.667,47

505.791,45

377.699,76

432.594,51

337.713,97

377.796,46

408.520,63

4.085.206,33

6,89%

0,00

254.944,28

0,00

0,00

0,00

803.169,96

697.562,94

668.054,27

490.288,40

0,00

291.401,99

2.914.019,85

4,91%

319.806,13

408.512,72

267.559,15

272.148,34

244.496,55

236.047,03

181.450,96

169.356,14

68.724,23

153.498,53

232.159,98

2.321.599,78

3,91%

5.794.249,26

9.295.579,55

8.736.552,24

8.331.381,56

4.594.527,84

8.029.368,24

5.972.013,14

2.906.656,72

1.598.544,27

1.486.603,34

5.932.776,07

59.327.760,65

100,00%

Media

IL GLOBO

Porps
International
INC

GENTE
D'ITALIA

Edit

LA VOCE DEL
POPOLO CROAZIA

La Voce d'Italia

LA VOCE
D'ITALIA

TOTALE

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
129

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
130

APPENDICE 1-QUATER
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI ITALIANI
EDITI IN LINGUA FRANCESE, LADINA, SLOVENA E TEDESCA
NELLE REGIONI AUTONOME VALLE DAOSTA, FRIULI-VENEZIA GIULIA
E TRENTINO-ALTO ADIGE
(ART. 3, C. 2-TER, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
131

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
132

App. 1-quater - Tabella 4

CONTRIBUTI PER QUOTIDIANI ITALIANI EDITI IN LINGUA FRANCESE, LADINA, SLOVENA E TEDESCA NELLE REGIONI AUTONOME VALLE D'AOSTA, FRIULI-VENEZIA GIULIA E TRENTINO-ALTO ADIGE
Art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990
Impresa

Testata

PR.A.E. Promozione
Attivit ed.le s.r.l.

PRIMORSKI
DNEVNIK

Athesiadruck s.r.l.

DOLOMITEN

PR.A.E. Promozione
Attivit ed.le s.r.l.

PRIMORSKI
DNEVNIK
(contributo ex
articolo 3, Legge
278/1991)

Die Neue Sudtiroler


Tageszeitung s.r.l.

DIE NEUE
SUDTIROLER
TAGESZEITUNG

Stiftung Sudtiroler
Volkspartei

ZUKUNFT IN
SUDTIROL

Totale

2005

2006

2007

2008

Importo liquidato
2009

2010

1.936.713,37

1.936.713,38

1.897.979,11

1.897.979,11

1.897.979,11

1.646.206,37

0,00

1.194.750,63

837.692,13

947.477,70

1.419.349,09

14.193.490,91

33,39%

1.601.016,39

0,00

1.568.996,06

1.568.996,06

1.568.996,06

1.360.863,93

1.641.066,11

1.163.922,91

908.640,84

1.016.485,31

1.239.898,37

12.398.983,67

29,17%

1.032.913,80

1.032.913,80

1.032.913,80

1.032.913,80

1.032.913,79

0,00

0,00

1.032.913,79

1.032.913,79

1.032.913,79

826.331,04

8.263.310,36

19,44%

836.420,03

960.574,29

856.316,34

866.571,63

866.571,73

751.618,25

619.528,26

642.845,83

501.851,09

561.414,62

746.371,21

7.463.712,07

17,56%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

183.006,16

0,00

0,00

18.300,62

183.006,16

0,43%

5.407.063,59

3.930.201,47

5.356.205,31

5.366.460,60

5.366.460,69

3.758.688,55

2.260.594,37

4.217.439,32

3.281.097,85

3.558.291,42

4.250.250,32

42.502.503,17

100,00%

2011

2012

2013

2014

Media

Totale

Percentuali

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
133

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
134

APPENDICE 1-QUINQUIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER PERIODICI
EDITI DA COOPERATIVE DI GIORNALISTI
(ART. 3, C. 2-QUATER, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
135

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
136

App. 1-quinquies - Tabella 4


CONTRIBUTI PER PERIODICI EDITI DA COOPERATIVE DI GIORNALISTI
Art. 3, c. 2-quater, l. n. 250/1990
Impresa
Luna Nuova
Ed.ce Soc. Coop.
s.p.a.
Edit. Coop. Di
Giornalisti a R.L.
Corso Bacchilega
Coop. Di Giorn.
Soc. Coop. a R.L.
Diamante Ed.ce
SCRL
Altritalia Soc.
Coop. a R.L.
Il Salvagente
Ed.le SCRL
Mandragola Ed.
Coop. Di Giorn. a
R.L.
La Nuova
Ecologia Ed.le
Coop. a R.L.
Trenta Giorni
SCARL
Riviera Coop.
Giornalistica a
R.L.
Carta Soc. Coop.
a R.L.
Media News
SCARL
Alta Brianza
Ed.ni Soc. Coop.
Giornalistica a
R.L.
Modus
Comunicazione
Soc. Coop.
Giornalistica
Editrice
Stemax SCARL

Testata

2006

2007

Importo liquidato
2008
2009

2010

2011

2012

2013

2014

Media

Totale

Percentuali

LUNA NUOVA

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

329.807,92

363.495,00

254.746,23

274.301,43

410.975,62

3.698.780,58

4,91%

RASSEGNA
SINDACALE

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

273.501,14

333.965,18

281.454,44

305.191,86

407.838,07

3.670.542,62

4,87%

SABATO SERA

519.973,34

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

273.379,14

349.255,88

267.951,98

287.179,30

406.352,18

3.657.169,64

4,85%

MOTOCROSS

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

263.033,35

272.775,66

206.668,56

224.455,69

382.595,92

3.443.363,26

4,57%

LEFT AVVENIMENTI

509.129,20

506.660,00

506.660,00

506.660,00

435.098,88

286.334,84

363.495,00

283.770,00

0,00

377.534,21

3.397.807,92

4,51%

IL SALVAGENTE

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

367.900,79

292.267,72

234.069,16

0,00

374.518,63

3.370.667,67

4,47%

ZAINET LAB

503.508,64

503.307,23

506.660,00

506.660,00

412.612,53

0,00

163.455,63

120.599,81

107.666,47

313.830,03

2.824.470,31

3,75%

0,00

506.660,00

506.660,00

500.135,53

439.450,00

215.117,15

240.590,66

174.314,65

181.966,83

307.210,54

2.764.894,82

3,67%

30 GIORNI
NELLA CHIESA
E NEL MONDO

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

222.325,17

0,00

0,00

0,00

299.861,69

2.698.755,17

3,58%

RID RIVISTA
ITALIANA
DIFESA

401.003,44

402.999,91

409.850,91

409.850,91

355.482,94

166.452,48

195.075,73

144.288,19

165.492,80

294.499,70

2.650.497,31

3,52%

CARTA

517.000,00

506.660,00

506.660,00

506.660,00

439.450,00

0,00

0,00

0,00

0,00

275.158,89

2.476.430,00

3,29%

51.633,92

483.629,24

491.850,94

487.247,74

426.605,40

202.518,94

138.329,73

133.697,24

0,00

268.390,35

2.415.513,15

3,21%

SOLE DELLE
ALPI - IL
CANAVESE

415.468,00

438.064,94

445.512,04

445.512,04

386.413,51

248.830,56

0,00

0,00

0,00

264.422,34

2.379.801,09

3,16%

MODUS
VIVENDI
SCIENZA
NATURA E STILI
DI VITA

538.923,12

506.660,00

475.578,77

464.105,67

386.036,48

0,00

0,00

0,00

0,00

263.478,23

2.371.304,04

3,15%

IL MUCCHIO
SELVAGGIO

451.360,50

451.179,96

423.160,82

422.221,73

364.552,76

145.412,69

0,00

0,00

0,00

250.876,50

2.257.888,46

3,00%

LA NUOVA
ECOLOGIA

QUI MAGAZINE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
137

Impresa

Testata

2006

2007

2008

2009

Importo liquidato
2010

2011

2012

2013

2014

Media

Totale

Percentuali

OEP NOTIZIARIO
AGRICOLO
SPAZIO RURALE

397.081,74

398.667,28

405.444,63

405.444,62

351.661,16

94.519,95

97.790,35

0,00

0,00

238.956,64

2.150.609,73

2,85%

NOVI MATAJUR

309.205,87

298.653,49

303.730,60

303.730,60

263.439,80

0,00

225.315,42

157.420,77

178.325,39

226.646,88

2.039.821,94

2,71%

SPRINT E SPORT

0,00

0,00

0,00

0,00

439.450,00

343.188,62

332.312,65

265.889,77

296.797,97

186.404,33

1.677.639,01

2,23%

Tempi Soc. Coop.

TEMPI

0,00

0,00

0,00

0,00

439.450,00

354.757,76

341.139,48

254.854,97

259.401,35

183.289,28

1.649.603,56

2,19%

Giornalisti Ed.ri
SCRL

CRITICA
SOCIALE

309.404,77

264.585,65

246.891,03

246.891,03

213.854,27

71.732,95

116.350,39

99.948,13

0,00

174.406,47

1.569.658,22

2,08%

Officina Coop.

OFFICINA

495.066,55

494.868,52

503.281,29

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

165.912,93

1.493.216,36

1,98%

JAM - VIAGGIO
NELLA MUSICA

260.583,00

255.201,28

221.749,45

221.749,45

192.333,71

127.030,17

101.855,73

74.355,98

0,00

161.650,97

1.454.858,77

1,93%

MINERVA

337.530,04

236.794,71

201.947,28

201.947,28

175.158,35

123.515,95

79.064,29

58.667,14

32.124,98

160.750,00

1.446.750,02

1,92%

0,00

0,00

319.637,69

436.335,40

367.540,96

163.174,47

108.162,59

0,00

0,00

154.983,46

1.394.851,11

1,85%

296.220,66

273.126,47

277.769,62

277.769,62

240.922,63

0,00

0,00

0,00

0,00

151.756,56

1.365.809,00

1,81%

1.234.201,15

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

137.133,46

1.234.201,15

1,64%

MERCOLEDI'

0,00

74.698,70

227.281,52

227.281,52

197.131,93

128.746,05

153.628,49

107.673,73

102.439,64

135.431,29

1.218.881,58

1,62%

SUONO STEREO
HI FI

0,00

91.353,94

221.640,41

221.640,41

192.239,14

109.329,96

108.313,03

81.178,41

87.267,46

123.662,53

1.112.962,76

1,48%

Nuova Stampa
Coop.

LA NOTIZIA - IL
GIORNALE (ex
PUGLIA D'OGGI)

0,00

0,00

0,00

0,00

434.293,56

0,00

359.283,11

236.627,18

0,00

114.467,09

1.030.203,85

1,37%

Informazione
Indipendente
Soc. Coop.

TEMPI

0,00

259.740,93

259.740,93

259.495,42

220.925,78

0,00

0,00

0,00

0,00

111.100,34

999.903,06

1,33%

FORUM ITALIA

0,00

0,00

325.984,59

325.984,59

282.741,74

0,00

0,00

0,00

0,00

103.856,77

934.710,92

1,24%

160.118,89

140.973,26

86.161,75

86.021,88

118.249,67

54.553,88

39.862,82

30.240,74

36.953,59

83.681,83

753.136,48

1,00%

Spazio Rurale
Ediz. SCARL
Novi Matajur
Soc. coop.
Lettera 22 Soc.
Coop. a R.L.

Seven Arts Coop.


Di Giornalisti a
R.L.
Minerva Soc.
Coop. a R.L.
Filadelfia Piccola
Cooperativa di
Giornalisti a R.L.
Il Musichiere
Soc. Coop. a R.L.
Stampa
Democratica 95
SCRL
La Presse Soc.
Coop.
Coop.
Giornalistica
Mondo Nuovo

Forumitalia
Edizioni Soc.
Coop.
Libert Stampa
Coop.

RISK
CHITARRE
METROPOLIS

NOI DONNE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
138

Impresa
Vita Altra Idea
Soc. Coop.
Next Exit Soc.
Coop.
Il Granchio Soc.
Coop.
Interlinea
SCARL
Area Editoriale
Soc. Coop. s.r.l.
Helpsos Soc.
Coop.
Servizi Editoriali
Padani Coop.
La Piazza News
Soc. Coop.
Prima Pagina Agenzia di
Stampa e
Comunicazione
Diffusione
Campania Soc.
Coop.
Eco di Basilicata
Coop.
Suffisso Soc.
Coop.

Testata
COMMUNITAS

2006

2007

2008

2009

Importo liquidato
2010

2011

2012

2013

2014

Media

Totale

Percentuali

0,00

182.399,56

0,00

185.500,35

160.893,17

61.460,88

81.063,60

44.921,42

0,00

79.582,11

716.238,98

0,95%

NEXT EXIT

71.879,85

132.016,93

122.933,43

86.913,50

95.110,27

26.310,40

0,00

0,00

0,00

59.462,71

535.164,38

0,71%

IL GRANCHIO

83.860,69

88.444,21

89.947,77

89.947,76

72.407,53

0,00

0,00

48.346,09

54.084,17

58.559,80

527.038,22

0,70%

506.719,20

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

56.302,13

506.719,20

0,67%

AREA-POLITICA
COMUNITA'
ECONOMIA

0,00

0,00

0,00

0,00

278.780,92

121.091,92

78.733,95

0,00

0,00

53.178,53

478.606,79

0,64%

WHAT'S UP

0,00

0,00

49.205,76

49.205,76

142.652,39

98.273,25

68.403,88

70.065,58

0,00

53.089,62

477.806,62

0,63%

IN COMUNE

0,00

220.813,60

224.567,43

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

49.486,78

445.381,03

0,59%

PIAZZA AVVENIMENTI

0,00

10.995,10

145.765,58

145.765,58

126.429,33

0,00

0,00

0,00

0,00

47.661,73

428.955,59

0,57%

MARI E MONTI

104.902,54

103.344,80

105.101,66

105.101,66

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

46.494,52

418.450,66

0,56%

0,00

97.220,41

98.873,15

98.873,15

81.554,55

0,00

0,00

0,00

0,00

41.835,70

376.521,26

0,50%

50.174,47

80.377,73

59.236,74

59.236,74

40.778,18

21.788,51

31.325,89

22.950,36

0,00

40.652,07

365.868,62

0,49%

0,00

0,00

0,00

0,00

325.352,45

0,00

0,00

0,00

0,00

36.150,27

325.352,45

0,43%

FARE VELA

LA PAGINA
L'ECO DI
BASILICATA
DERBY (ex
SPORTS)

Opinioni Soc.
Coop.
Giornalistica a
R.L.

SUPERPARTES
IN THE WORLD

0,00

153.082,04

153.082,04

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

34.018,23

306.164,08

0,41%

No Profit
Cooperativa

NP - L'AGO E IL
FILO

0,00

0,00

0,00

0,00

216.763,14

67.672,80

0,00

0,00

0,00

31.603,99

284.435,94

0,38%

Nuove Notizie
Soc. Coop.
Giornalistica a
R.L.

OPINIONI
NUOVE NOTIZIE

0,00

0,00

0,00

124.171,00

113.593,10

0,00

0,00

0,00

0,00

26.418,23

237.764,10

0,32%

Societ Cultura
Lavoro Coop.
Edit.

CONFSAL

46.824,41

46.805,68

47.601,38

47.601,38

41.286,91

0,00

0,00

0,00

0,00

25.568,86

230.119,76

0,31%

Corpo 10 Soc.
Coop.

CORRIERE
DELLE
COMUNICAZIONI

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

102.979,42

95.243,44

0,00

22.024,76

198.222,86

0,26%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
139

Impresa
Media Romagna
Soc. Coop.
Stampa Libera
Soc. Coop. A
R.L.
Milano Metropoli
Soc. coop.
Metropoli Oggi
Soc. Coop. In
liquidazione
Prove Aperte
Soc. Coop.
Giornalistica
Propedit Soc.
Coop.
Il Bianco e il
Rosso Soc. Coop.
a R.L.
Edizioni Alegre
Soc. Coop.
Giornalistica

Testata

2006

2007

2008

2009

Importo liquidato
2010

2011

2012

2013

2014

Media

Totale

Percentuali

SETTESEREQUI

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

191.268,75

21.252,08

191.268,75

0,25%

IL CROTONESE

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

179.097,77

19.899,75

179.097,77

0,24%

MILANO
METROPOLI

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

153.921,37

0,00

0,00

0,00

17.102,37

153.921,37

0,20%

METROPOLI
DAY

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

86.997,79

54.048,29

15.671,79

141.046,08

0,19%

63.466,34

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

7.051,82

63.466,34

0,08%

PANEACQUA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

61.442,42

0,00

0,00

0,00

6.826,94

61.442,42

0,08%

CRISTIANO
SOCIALI NEWS

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

37.484,78

0,00

0,00

0,00

4.164,98

37.484,78

0,05%

ERRE RESISTENZE,
RICERCHE,
RIVOLUZIONI

0,00

0,00

0,00

18.941,95

18.041,96

0,00

0,00

0,00

0,00

4.109,32

36.983,91

0,05%

11.220.240,33

11.249.945,57

12.010.129,21

11.514.564,27

12.125.439,10

5.214.610,26

5.138.291,28

3.836.941,76

3.018.063,74

8.369.802,84

75.328.225,52

100,00%

PROVE APERTE

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
140

APPENDICE 1-SEXIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI
EX ART. 3, C. 3, D.P.R. 25 NOVEMBRE 2010, N. 223

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
141

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
142

App. 1-sexies - Tabella 4


CONTRIBUTI EX ART. 3, C. 3, D.P.R. 25 NOVEMBRE 2010, N. 223 (prima del 2010: CONTRIBUTI PER TESTATE ORGANI DI PARTITI E MOVIMENTI POLITICI CHE ABBIANO IL PROPRIO GRUPPO PARLAMENTARE IN UNA DELLE CAMERE O
RAPPRESENTANZE NEL PARLAMENTO EUROPEO, O CHE SIANO ESPRESSIONE DI MINORANZE LINGUISTICHE RICONOSCIUTE, AVENDO ALMENO UN RAPPRESENTANTE IN UN RAMO DEL PARLAMENTO ITALIANO, OVVERO CHE, ESSENDO STATE
IN POSSESSO DI TALI REQUISITI, ABBIANO PERCEPITO I CONTRIBUTI ALLA DATA DEL 31.12.2005)

Impresa

Testata

Movimento
politico

Organi di Partiti e Movimenti Politici (Prima del 2010: art. 3, c. 10, l. n. 250/1990 e art. 20, c. 3-ter, d.l. n. 223/2006, convertito dalla l. n. 248/2006)
Importo liquidato
2005
2006
2007
2008
2009
2010
2011
2012
2013

Media
2014

Totale

Percentuale

Nuova
Iniziativa
Editoriale
s.p.a.

L'UNITA'

DEMOCRATICI
DI SINISTRA Gruppo
parlamentare

6.507.356,93

6.507.356,94

6.377.209,80

6.377.209,80

6.377.209,80

5.267.860,38

3.709.854,40

3.615.894,65

2.664.633,13

1.897.430,12

4.930.201,60

49.302.015,95

24,42%

Editoriale
Nord SCARL

LA PADANIA

LEGA NORD Gruppo


parlamentare

4.028.363,81

4.028.363,82

4.028.363,82

3.947.796,54

3.896.339,15

3.406.422,86

2.682.304,80

2.001.468,43

1.358.494,01

1.214.344,91

3.059.226,22

30.592.262,15

15,16%

DLM Europa
Ed. s.r.l.

EUROPA

DEMOCRAZIA E
LIBERTA' - LA
MARGHERITA

3.718.489,68

3.613.912,92

3.599.203,77

3.527.208,08

3.527.208,08

2.872.914,08

2.343.678,28

1.183.113,76

717.301,81

632.062,20

2.573.509,27

25.735.092,66

12,75%

M.R.C. s.r.l.

LIBERAZIONE GIORNALE
COMUNISTA

PARTITO DELLA
RIFONDAZIONE
COMUNISTA Gruppo
parlamentare

4.028.363,81

3.718.489,68

3.947.796,54

4.555.149,86

3.340.443,23

2.897.323,21

2.065.775,04

0,00

0,00

0,00

2.455.334,14

24.553.341,37

12,16%

Undicidue
s.r.l.

TERRA (ex
NOTIZIE VERDI)

FEDERAZIONE
DEI VERDI Gruppo
parlamentare

0,00

2.710.568,37

2.510.957,71

2.484.656,16

2.484.656,16

2.083.871,89

1.581.514,51

0,00

0,00

0,00

1.385.622,48

13.856.224,80

6,86%

Secolo d'Italia
s.r.l.

SECOLO
D'ITALIA

0,00

0,00

0,00

1.354.625,24

2.952.474,59

2.433.356,34

1.795.148,57

992.804,04

780.472,85

493.867,19

1.080.274,88

10.802.748,82

5,35%

Secolo d'Italia
di Gianfranco
Fini

SECOLO
D'ITALIA

ALLEANZA
NAZIONALE Gruppo
parlamentare

3.098.741,40

3.098.741,40

2.959.948,01

1.597.849,18

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.075.528,00

10.755.279,99

5,33%

Edizioni de
l'Indipendente
s.r.l.

CRONACHE DI
LIBERAL (ex
CRONACHE
DELL'INDIPEND
ENTE)

CRONACHE DI
LIBERAL (ex
CRONACHE
DELL'INDIPEND
ENTE)

0,00

0,00

0,00

2.798.767,84

2.798.767,84

2.427.502,73

1.650.094,84

409.452,41

83.219,64

0,00

1.016.780,53

10.167.805,30

5,04%

Stiftung
Sudtiroler
Volkspartei

ZUKUNFT IN
SUDTIROL

SUDTIROLER
VOLKPARTEI Minoranza
linguistica

798.142,45

765.831,90

650.081,04

661.132,42

603.675,88

467.617,05

335.254,22

0,00

185.007,90

0,00

446.674,29

4.466.742,86

2,21%

Laerre Societ
Cooperativa a
R.L.

LA RINASCITA
DELLA
SINISTRA

PARTITO DEI
COMUNISTI
ITALIANI - 2 dep.
Europei

908.821,22

415.150,59

934.621,50

918.561,04

888.615,25

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

406.576,96

4.065.769,60

2,01%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
143

Impresa

Testata

Movimento
politico

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2010

2009

2012

2011

2013

Media

2014

Totale

Percentuale

Fidalelfia Soc.
Coop. Di
Giornalisti

LIBERAL

FORZA ITALIA Gruppo


parlamentare

941.471,29

1.124.917,33

1.200.342,31

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

326.673,09

3.266.730,93

1,62%

Societ
Comunicazion
e ed
Informazione
s.r.l.

IL SOCIALISTA
LAB

PARTITO
SOCIALISTA
NUOVO PSI

250.177,81

472.225,86

472.036,97

480.061,60

480.061,60

416.379,96

261.845,56

0,00

0,00

0,00

283.278,94

2.832.789,36

1,40%

Editrice
Europea Offi
s.r.l.

LA
DISCUSSIONE

UDC - 2 dep.
Europei

2.582.284,49

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

258.228,45

2.582.284,49

1,28%

ITALIA DEI
VALORI

ITALIA DEI
VALORI

0,00

2.036.107,31

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

203.610,73

2.036.107,31

1,01%

DEMOCRAZIA
CRISTIANA

MAGNA GRECIA
SUD EUROPA

304.304,53

298.255,76

298.136,46

303.204,78

303.204,78

262.983,74

199.864,98

0,00

0,00

0,00

196.995,50

1.969.955,03

0,98%

IL CAMPANILE
NUOVO

IL CAMPANILE
NUOVO

0,00

0,00

1.150.919,75

713.982,34

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

186.490,21

1.864.902,09

0,92%

LE PEUPLE
VALDOTAIN

UNION
VALDOTAINE

332.358,91

0,00

301.325,06

306.447,59

306.447,59

265.796,38

0,00

0,00

0,00

0,00

151.237,55

1.512.375,53

0,75%

ITALIA
DEMOCRATICA

ITALIA
DEMOCRATICA

0,00

0,00

1.476.783,76

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

147.678,38

1.476.783,76

0,73%

18.943,75

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.894,38

18.943,75

0,01%

27.517.820,08

28.789.921,88

29.907.726,50

30.026.652,47

27.959.103,95

22.802.028,62

16.625.335,20

8.202.733,29

5.789.129,34

4.237.704,42

20.185.815,58

201.858.155,75

Edizioni
Mediterranea
s.r.l.
Balena Bianca
Piccola
Societ Coop.
Giornalistica a
R.L.
Il Campanile
Nuovo Soc.
Coop. a R.L.
Nouvelle
Ed.ce le
Peuple s.r.l.
Editrice
Mediterranea
Soc. Coop.
Il Gabbiano
Soc. Coop.
Sociale a R.L.

ORIZZONTI
NUOVI

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
144

100,00%

APPENDICE 1-SEPTIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI PER IMPRESE EDITRICI DI QUOTIDIANI O PERIODICI
ORGANI DI MOVIMENTI POLITICI, TRASFORMATESI IN COOPERATIVA
ENTRO E NON OLTRE IL 1 DICEMBRE 2001
(ART. 153, L. N. 388/2000)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
145

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
146

App. 1-septies - Tabella 4


CONTRIBUTI PER IMPRESE EDITRICI DI QUOTIDIANI O PERIODICI ORGANI DI MOVIMENTI POLITICI, TRASFORMATESI IN COOPERATIVA ENTRO E NON OLTRE IL 1 DICEMBRE 2001
Art. 153 l. n. 388/2000
Importo liquidato
Impresa

Testata

Media

Totale

Percentuale

2005

2006

2007

2008

2009

2010

3.821.781,05

3.821.781,06

3.745.345,44

3.745.345,44

3.441.668,78

2.985.120,88

3.593.507,11

21.561.042,65

22,19%

2.547.155,55

2.426.380,11

2.459.799,42

2.455.232,22

2.455.232,22

2.022.794,40

2.394.432,32

14.366.593,92

14,79%

Il Foglio Quotidiano SCARL

IL FOGLIO

Edizioni del Mediterraneo Soc. Coop.


Giornalistica a R.L.

IL DENARO

Edizioni del Roma Soc. Coop. a R.L.

ROMA

2.582.284,49

2.582.284,50

2.530.638,81

2.530.638,81

0,00

2.194.941,83

2.070.131,41

12.420.788,44

12,79%

Amici dell'Opinione SCARL

OPINIONE DELLE
LIBERTA'

2.065.827,60

1.927.448,91

1.976.359,70

2.009.957,81

2.009.957,81

1.743.330,76

1.955.480,43

11.732.882,59

12,08%

Settemari Piccola Societ Cooperativa


a R.L.

METROPOLI DAY (ex


METROPOLI)

2.036.120,70

2.272.067,32

2.024.511,05

2.024.511,05

2.024.511,05

0,00

1.730.286,86

10.381.721,17

10,69%

Ediz. Riformiste Soc. Coop.

IL NUOVO RIFORMISTA
(ex LE RAGIONI DEL
SOCIALISMO)

2.582.284,49

3.382.893,56

2.530.638,81

0,00

0,00

0,00

1.415.969,48

8.495.816,86

8,75%

524.125,81

624.361,50

624.111,76

634.721,66

634.721,66

550.523,89

598.761,05

3.592.566,28

3,70%

Nuove Politiche Editoriali Picc. Soc.


Coop. Giornalistica

VOCE REPUBBLICANA

Linea Piccola Soc. Coop. a R.L.

LINEA GIORNALE DEL


MOVIMENTO SOCIALE
FIAMMA TRICOLORE

2.582.284,49

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

430.380,75

2.582.284,49

2,66%

Il Campanile Nuovo Soc. Coop. a R.L.

IL CAMPANILE NUOVO

1.331.558,37

969.209,17

0,00

0,00

0,00

0,00

383.461,26

2.300.767,54

2,37%

Nuova Informazione Soc. Coop. a


R.L.

LA CRONACA

2.292.091,72

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

382.015,29

2.292.091,72

2,36%

Area Editoriale Soc. Coop. s.r.l.

AREA - POLITICA
COMUNITA' ECONOMICA

418.653,56

315.338,15

343.004,05

365.786,62

315.202,24

0,00

292.997,44

1.757.984,62

1,81%

Propedit Piccola Societ Coop. a R.L.

PANEACQUA (ex APRILE)

206.178,15

198.388,03

206.317,47

201.292,49

201.292,49

170.127,93

197.266,09

1.183.596,56

1,22%

Milano Metropoli Societ Coop.

MILANO METROPOLI

0,00

0,00

288.432,89

74.125,41

430.665,60

373.527,82

194.458,62

1.166.751,72

1,20%

Angeli Editrice Piccola SCARL

QS QUOTIDIANO SOCIALE
- IL CIRCOLO

1.062.958,48

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

177.159,75

1.062.958,48

1,09%

Cuneese Coc. Coop. Ed.ce a R.L.

IL DUEMILA

228.931,91

105.542,37

178.007,45

181.033,57

181.033,57

154.727,54

171.546,07

1.029.276,41

1,06%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
147

Importo liquidato
Impresa

Testata

Media
2005

2006

2007

2008

2009

Totale

Percentuale

2010

Altritalia Soc. Coop. a R.L.

AVVENIMENTI

517.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

86.166,67

517.000,00

0,53%

Edipress Piccola Societ Coop. a R.L.

GAZZETTA POLITICA

359.964,96

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

59.994,16

359.964,96

0,37%

Il Bianco e il rosso Soc. Coop. a R.L.

CRISTIANO SOCIALI
NEWS

74.956,59

43.178,00

57.717,93

58.699,14

58.699,14

50.912,52

57.360,55

344.163,32

0,35%

25.234.157,92

18.668.872,68

16.964.884,78

14.281.344,22

11.752.984,56

10.246.007,57

86.902.244,16

97.148.251,73

100,00%

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
148

APPENDICE 1-OCTIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI ALLE IMPRESE EDITRICI DI PERIODICI CHE RISULTINO
ESERCITATE DA COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI OVVERO DA
SOCIETA LA CUI MAGGIORANZA DEL CAPITALE SOCIALE DELLE QUALI SIA
DETENUTA DA COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI,
CHE NON ABBIANO SCOPO DI LUCRO
(ART. 3, C. 3, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
149

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
150

App. 1-octies - Tabella 4


CONTRIBUTI ALLE IMPRESE EDITRICI DI PERIODICI CHE RISULTINO ESERCITATE DA COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI OVVERO DA SOCIETA' LA MAGGIORANZA DEL CAPITALE SOCIALE DELLE
QUALI SIA DETENUTA DA COOPERATIVE, FONDAZIONI O ENTI MORALI, CHE NON ABBIANO SCOPO DI LUCRO
Art. 3, c. 3, l. n. 250/1990
Impresa

Testata

Adista Soc. Coop. a


R.L.

ADISTA

Ass. Arma
Aeronautica Ente
Morale
Aesse
Comunicazione s.r.l.
Fondazione
Culturale San
Fedele
Agire Coop. Ed.le a
R.L.
Centro Iniziative
Culturali a R.L.
Gruppo Abele
Associazione - Ente
Morale
Azione Coop. Edit.
a R.L.
Ist. Buddista
Italiano Soka
Gakkai

2007

Importo liquidato
2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

117.300,00

117.000,00

122.100,00

122.100,00

77.265,00

60.532,01

19.192,81

6.078,48

6.849,40

771.417,70

1,26%

AERONAUTICA

78.990,80

0,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

56.100,00

44.037,84

29.486,16

18.659,50

19.056,38

444.330,68

0,73%

AESSE - AZIONE
SOCIALE

78.800,00

60.000,00

60.000,00

60.000,00

60.000,00

51.000,00

0,00

3.717,04

0,00

0,00

373.517,04

0,61%

0,00

0,00

15.080,20

14.818,00

13.938,60

11.147,58

8.205,18

5.471,92

3.201,29

3.317,95

75.180,72

0,12%

27.000,00

27.060,00

28.239,00

27.090,00

27.090,00

23.970,00

18.015,48

0,00

7.649,10

0,00

186.113,58

0,30%

ANGRI 80

3.080,00

0,00

0,00

0,00

3.080,00

2.618,00

2.055,10

1.376,02

889,56

1.136,06

14.234,74

0,02%

ANIMAZIONE
SOCIALE

9.473,80

9.088,20

8.668,40

8.986,40

8.064,40

8.774,72

5.631,64

3.787,10

1.981,68

1.932,13

66.388,47

0,11%

AZIONE
BENEVENTO

0,00

270.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

270.000,00

0,44%

BUDDISMO E
SOCIETA'

14.890,00

19.057,00

26.068,00

28.138,00

28.138,00

26.103,50

21.141,50

14.953,06

10.164,80

11.436,84

200.090,70

0,33%

0,00

35.700,00

290.400,00

297.400,00

297.400,00

242.131,00

189.055,78

107.356,43

58.416,46

0,00

1.517.859,67

2,49%

7.682,60

7.264,00

6.234,00

5.707,00

5.256,88

3.655,00

2.466,12

1.398,36

876,59

834,89

41.375,44

0,07%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

7.737,49

6.789,25

14.526,74

0,02%

CITTA' NOSTRA

14.500,00

15.400,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

29.900,00

0,05%

CITTA' NUOVA

184.000,00

0,00

138.000,00

138.000,00

138.000,00

112.200,00

88.075,68

56.291,76

35.695,80

40.028,94

930.292,18

1,52%

AGGIORNAMENTI
SOCIALI
AGIRE

CAR AUDIO & FM

Centro Saveriano
Animazione
Missionaria SCARL

CEM MONDIALITA'

P.A.M.O.M. Pia
Associazione
Maschile Opera di
Maria

2006

123.000,00

Coop. Giorn.
Editoria
Specializzata

Il Musichiere Soc.
Coop. A R.L.
Resegnone Ed.ce
s.r.l.

2005

CHITARRE

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
151

Impresa

Grafica
Buonastampa s.r.l.
Pie Madri della
Nigrizia Ist. Delle
Suore Missionarie
Diocesi di Cesena Sarsina

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

CITTADINO
SETTIMANALE
CATTOLICO DI
GENOVA

0,00

0,00

30.200,00

50.600,00

30.190,00

27.370,00

23.420,12

16.382,69

8.804,96

9.149,47

196.117,24

0,32%

COMBONIFEM (ex
RAGGIO)

0,00

15.370,00

14.940,00

14.744,00

12.762,00

10.285,00

8.006,88

5.806,09

3.371,27

3.411,99

88.697,23

0,15%

54.330,00

58.650,00

71.570,00

80.372,00

80.372,00

81.829,50

50.390,50

33.189,80

19.797,34

22.826,41

553.327,55

0,91%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

10.929,39

11.451,35

7.261,55

8.387,02

38.029,31

0,06%

145.845,80

151.864,40

147.928,20

144.165,00

0,00

0,00

0,00

0,00

36.870,02

0,00

626.673,42

1,03%

37.704,40

35.979,20

36.426,80

37.281,00

37.281,00

32.785,01

26.111,64

16.577,83

10.323,79

11.350,94

281.821,61

0,46%

CORRIERE
CESENATE

Opera Pia delle


Missioni

CORRIERE DELLA
VALLE D'AOSTA

Sale e Luce Coop. a


R.L.
Il Giornale
l'Eusebiano Soc.

CORRIERE DI
SALUZZO
CORRIERE
EUSEBIANO

Euganea Ed.le
Comunicazioni s.r.l.

DALL'ALBA AL
TRAMONTO

62.299,80

0,00

65.120,00

63.585,00

56.972,00

44.982,17

36.297,72

22.391,61

13.129,82

13.559,07

378.337,19

0,62%

Edizioni Commercio
SCARL

DISTRIBUZIONE
CARBURANTI

29.378,00

39.056,00

22.600,00

21.200,00

19.400,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

131.634,00

0,22%

Opera Apostolato
Mariano

ECCE MATER TUA

0,00

0,00

7.910,00

9.580,00

2.700,00

4.590,00

3.202,75

0,00

0,00

0,00

27.982,75

0,05%

Eco Ed.le s.r.l.

ECO DI SAN
GABRIELE

88.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

56.100,00

44.037,00

29.486,16

18.697,80

0,00

500.320,96

0,82%

Emmaus Soc. Coop.


a R.L.

EMMAUS

23.000,00

0,00

23.900,00

48.726,00

48.726,00

0,00

34.589,72

22.668,60

8.493,33

5.584,99

215.688,64

0,35%

Coop. Editoriale
Azione a R.L.

ERRECOME ROMA
WEEKLY - PRESS

0,00

0,00

0,00

270.000,00

0,00

197.200,00

172.147,92

90.245,52

42.211,70

0,00

771.805,14

1,26%

Periodici San Paolo


s.r.l.
Periodici San Paolo
s.r.l.
Confraternita San
Rocco

FAMIGLIA
CRISTIANA

416.000,00

312.000,00

312.000,00

312.000,00

312.000,00

265.200,00

208.178,88

0,00

88.389,60

99.119,28

2.324.887,76

3,81%

9.815,80

9.844,00

7.933,40

5.054,40

4.357,80

3.321,46

2.786,93

0,00

944,58

1.001,68

45.060,05

0,07%

GAZZETTA D'ASTI

32.496,00

30.668,00

30.723,40

30.638,40

30.638,40

26.119,65

22.835,49

13.495,64

5.471,66

9.048,45

232.135,09

0,38%

Promospot s.r.l.

GAZZETTA DELLA
MARTESANA

0,00

139.025,40

145.451,60

167.271,00

150.466,80

125.919,34

87.872,31

60.416,87

35.514,77

38.004,75

949.942,84

1,56%

Diocesi di Foligno

GAZZETTA DI
FOLIGNO

0,00

0,00

11.960,00

11.960,00

0,00

11.475,00

9.007,74

5.468,34

2.572,36

2.427,15

54.870,59

0,09%

FAMIGLIA OGGI

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
152

Impresa

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

C.I.D. Centro
Informazioni e Doc.
Patriarcato di
Venezia s.r.l.

GENTE VENETA

75.610,00

73.500,00

73.192,00

67.036,00

67.036,00

62.497,95

46.848,92

24.480,66

14.856,54

16.978,24

522.036,31

0,86%

Esperienze Ed.ce
Soc. Coop. a R.L.

GIORNALE DELLA
COMUNITA'
PARROCCHIALE

56.231,00

0,00

54.473,60

54.189,40

53.931,60

43.748,14

0,00

0,00

0,00

0,00

262.573,74

0,43%

Valore Scuola Soc.


Coop. a R.L.

GIORNALE DELLA
EFFELLECI

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

24.445,67

12.096,12

7.391,86

3.802,75

47.736,40

0,08%

Editrice il Biellese
s.r.l.

IL BIELLESE

0,00

0,00

0,00

310.053,60

283.549,20

240.972,28

183.605,90

121.326,79

76.851,58

82.878,59

1.299.237,94

2,13%

Terzo Ordine
Francescano dei
Frati Minori in
Italia

IL CANTICO

32.500,00

31.780,00

31.560,00

31.500,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

127.340,00

0,21%

Stampa Diocesana
Novarese

IL CITTADINO
OLEGGESE

9.406,20

9.473,80

8.910,60

8.533,40

8.125,80

6.936,17

5.300,15

3.412,62

2.143,90

0,00

62.242,64

0,10%

IL CORRIERE
APUANO

28.030,00

28.480,00

25.920,00

0,00

21.600,00

22.027,92

17.294,86

11.580,02

7.343,14

8.444,20

170.720,14

0,28%

0,00

0,00

0,00

0,00

114.890,00

138.022,66

109.879,75

65.899,33

42.508,03

0,00

471.199,77

0,77%

IL GIORNALINO

408.000,00

312.000,00

306.000,00

306.000,00

306.000,00

260.100,00

204.175,44

0,00

85.060,15

77.133,23

2.264.468,82

3,71%

IL LAVORO - LE
TRAVAIL

12.740,00

19.108,00

12.040,00

16.240,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

60.128,00

0,10%

Segretariato
Nazionale
dell'Apostolato
della Preghiera
Ente Morale

IL MESSAGGIO
DEL CUORE DI
GESU'

23.480,00

0,00

20.240,00

19.340,00

18.330,00

14.754,30

10.969,43

7.405,49

4.416,65

4.638,27

123.574,14

0,20%

La Nuova Agape
Soc. coop.

IL MOMENTO

35.885,00

35.960,00

37.200,00

37.600,00

37.600,00

36.550,00

22.481,32

12.888,67

7.933,93

8.957,46

273.056,38

0,45%

Stampa Diocesana
Novarese

IL MONTE ROSA

8.491,40

8.178,00

8.216,40

9.295,60

8.971,80

7.734,15

5.624,30

3.689,79

2.357,40

0,00

62.558,84

0,10%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.770,97

7.862,83

16.633,80

0,03%

43.720,00

0,00

38.688,00

39.140,00

39.140,00

34.102,00

0,00

13.259,84

7.646,27

8.469,62

224.165,73

0,37%

64.340,00

63.700,00

63.280,00

63.860,00

63.400,00

53.686,00

41.929,36

24.263,54

15.456,85

17.320,46

471.236,21

0,77%

E.O.R.D.C. di
Montremoli Ente
Morale
Stampa Libera Soc.
Coop.
Periodici San Paolo
s.r.l.
Il Lavoro - Le
Travail Coop. a
R.L.

Stemax Scarl
Prelum
Comunicare Soc.
Coop. a R.L.

IL CROTONESE

IL MUCCHIO
SELVAGGIO
IL NOSTRO
TEMPO
IL NUOVO AMICO

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
153

Impresa
Il Nuovo Diario il
Messaggero Ed.ce
s.r.l.
Diocesi di Piacenza
Bobbio

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

IL NUOVO DIARIO
IL MESSAGGERO

59.730,00

0,00

43.996,00

47.970,00

47.970,00

47.265,95

39.559,33

25.071,28

16.091,44

0,00

327.654,00

0,54%

IL NUOVO
GIORNALE

48.646,00

45.110,00

50.080,00

45.810,00

45.810,00

43.469,00

33.261,91

19.219,61

7.892,74

13.492,29

352.791,55

0,58%

103.160,00

107.510,00

105.730,00

101.230,00

96.800,00

80.682,00

64.101,75

43.478,68

29.289,25

32.537,17

764.518,85

1,25%

Ist. Buddista
Italiano Soka
Gakkai

IL NUOVO
RINASCIMENTO

Opera Diocesana
San Pantaleone
ed.ce il Nuovo
Torrazzo

IL NUOVO
TORRAZZO

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

61.152,51

38.880,09

44.273,28

144.305,88

0,24%

IL PICCOLO

25.780,00

26.390,00

30.600,00

29.620,00

29.620,00

30.838,00

20.270,75

14.243,16

8.374,35

9.498,93

225.235,19

0,37%

IL PONTE FIRENZE

3.000,00

3.364,00

3.265,00

2.512,00

2.250,00

2.000,39

0,00

875,83

0,00

525,27

17.792,49

0,03%

Confraternita Maria
SS. Ausiliatrice in
Santa Croce di
Rimini

IL PONTE RIMINI

57.740,00

0,00

0,00

62.010,00

62.010,00

75.454,50

44.898,58

31.862,92

20.901,87

0,00

354.877,87

0,58%

Opera Odorico da
Pordenone

IL POPOLO PORDENONE

97.560,00

94.050,00

96.340,00

94.550,00

91.100,00

78.761,00

60.491,98

39.940,34

25.270,36

27.956,72

706.020,40

1,16%

Opera Diocesana
Preservazione Fede
ODPF (Tortona)

IL POPOLO TORTONA

23.030,00

23.760,00

23.060,00

23.960,00

23.960,00

20.128,00

15.840,28

10.619,49

6.654,72

8.113,48

179.125,97

0,29%

Parrocchia San
Martino e Santa
Maria Assunta

IL POPOLO
CATTOLICO

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

14.125,75

8.076,77

8.663,41

30.865,93

0,05%

Stampa Diocesana
Novarese

IL POPOLO
DELL'OSSOLA

5.338,80

5.173,00

5.511,60

5.385,80

5.293,60

4.510,10

3.493,54

2.547,87

1.407,77

0,00

38.662,08

0,06%

Resegnone Ed.ce
s.r.l.

IL RESEGONE

75.500,00

75.200,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

150.700,00

0,25%

Stampa Diocesana
Novarese

IL RICREO

8.410,20

8.659,00

8.505,80

7.896,40

7.511,80

6.325,70

4.589,01

3.012,68

1.850,97

0,00

56.761,56

0,09%

Opera Diocesana
per la Preservazione
della Fede di Ivrea

IL RISVEGLIO
POPOLARE

57.600,00

56.400,00

55.200,00

55.200,00

55.200,00

47.200,50

37.231,99

25.599,35

15.706,15

17.949,49

423.287,48

0,69%

Media di
Mitterhofer Michael
& C. s.a.s.

IL SEGNO BOLZANO

0,00

0,00

0,00

16.883,71

16.461,60

13.220,90

9.715,68

6.012,05

3.740,75

4.018,46

70.053,15

0,11%

Diocesi Faenza
Modigliana
Il Ponte Editore
Soc. Coop. a R.L.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
154

Impresa

Testata

Impresa
Tecnoeditoriale
Lombarda s.r.l.

IL SEGNO MILANO

Stampa Diocesana
Novarese

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

3.694,00

0,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

56.015,00

40.568,19

25.375,97

15.638,16

17.472,95

356.764,27

0,58%

IL SEMPIONE

10.080,20

10.348,80

10.453,00

10.122,80

9.910,40

8.449,85

6.393,09

4.066,95

2.460,01

0,00

72.285,10

0,12%

Settimanale (il)
della Diocesi di
Como Ed.ce SCARL

IL SETTIMANALE
DELLA DIOCESI
DI COMO

61.390,00

0,00

54.900,00

54.760,00

53.210,00

42.848,50

32.541,29

20.702,86

12.912,81

15.242,77

348.508,23

0,57%

Opera della Pia


Dottrina Cristiana

IL TICINO

30.608,60

0,00

34.573,00

33.429,00

31.945,80

25.538,25

17.984,52

11.012,72

6.640,21

7.196,38

198.928,48

0,33%

GESC Soc. Coop.

IL TIRACCIO

0,00

0,00

32.673,20

211.200,00

211.200,00

249.220,00

208.178,88

139.389,12

88.389,60

97.213,14

1.237.463,94

2,03%

Stampa Diocesana
Novarese

IL VERBANO

15.003,40

14.535,60

14.071,20

13.348,00

13.160,00

10.737,71

7.825,79

4.660,51

2.570,66

0,00

95.912,87

0,16%

Ufficio
Comunicazioni
Sociali

INSIEME

2.476,80

4.800,00

0,00

4.800,00

4.800,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

16.876,80

0,03%

39.900,00

40.000,00

40.000,00

40.240,00

40.240,00

36.720,00

27.783,87

18.049,10

11.445,32

12.834,68

307.212,97

0,50%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

2.606,36

2.795,67

5.402,03

0,01%

Federazione
Ornicoltori Italiani
Gruppo editoriale
informazione Soc.
Coop.
Periodici San Paolo
s.r.l.

ITALIA
ORNITOLOGICA
JESI E LA SUA
VALLE
JESUS

94.539,80

72.000,00

72.000,00

71.464,80

71.464,80

59.847,65

44.051,45

0,00

9.748,69

10.274,54

505.391,73

0,83%

Opera Diocesana
Sant'Anselmo
Vescovo

LA CITTADELLA

35.400,00

33.756,00

32.364,00

36.528,00

36.528,00

25.462,60

20.176,00

12.704,07

7.501,22

8.230,08

248.649,97

0,41%

Collegio degli
Scrittori della
Civilt Cattolica
della Compagnia di
Ges

LA CIVILTA'
CATTOLICA

66.700,00

66.700,00

64.400,00

63.080,00

55.200,00

47.702,00

33.495,45

21.553,76

13.938,36

15.440,62

448.210,19

0,73%

Euganea Ed.le
Comunicazioni s.r.l.

LA DIFESA DEL
POPOLO

121.190,00

0,00

97.000,00

98.040,00

98.040,00

88.255,50

70.620,68

43.335,72

26.222,25

25.459,68

668.163,83

1,09%

90.755,20

0,00

95.857,20

91.259,80

91.259,80

76.773,19

56.316,52

37.432,41

23.427,55

24.438,62

587.520,29

0,96%

0,00

0,00

35.500,00

34.980,00

33.130,00

29.503,50

20.337,48

12.321,64

6.702,88

7.383,12

179.858,62

0,29%

Esperienze Ed.ce
SCARL
Fondazione
Apostolicam
Actuositatem

LA FEDELTA'
LA GIOSTRA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
155

Impresa

Testata

Importo liquidato
2005

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

2006

2007

16.268,00

16.170,40

15.887,80

15.468,80

14.015,80

11.077,88

8.424,44

5.443,15

3.455,69

3.772,31

109.984,27

0,18%

Fondazione
Sant'Evasio Opera
Diocesana Ente
Morale

LA GRANDE
FAMIGLIA

Ente Opera
Diocesana per le
Chiese Povere e
Catechismi

LA GUIDA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

99.404,73

39.677,86

0,00

139.082,59

0,23%

Lgeditoriale srl soc.


unipersonale

LA GUIDA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

22.551,87

71.763,76

94.315,63

0,15%

Tito Brandsma s.r.l.

LA LIBERTA'

42.532,00

43.788,00

44.564,60

46.389,00

46.340,00

38.760,85

29.932,39

18.971,48

12.030,16

13.011,82

336.320,30

0,55%

LA MADONNA
DELLA GUARDIA

88.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

60.000,00

51.000,00

40.034,40

26.805,60

16.998,00

18.095,62

498.933,62

0,82%

Santuario Nostra
Signora della
Guardia
Associazione Voce
Radio Kolbe

LA SETTIMANA

24.989,80

25.130,00

24.819,00

24.302,40

20.689,00

20.689,00

15.301,15

9.895,73

6.269,43

7.020,95

179.106,46

0,29%

Union Generela di
Ladins dla
Dolomites

LA USC DI LADINS

39.240,20

40.458,80

43.112,00

43.600,00

0,00

36.329,00

28.244,27

19.018,57

12.023,25

13.536,83

275.562,92

0,45%

Stampa Diocesana
Segusina

LA VALSUSA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

85.134,30

66.056,76

42.558,36

26.115,16

29.018,44

248.883,02

0,41%

Fondazione
Sant'Evasio Opera
Diocesana Ente
Morale

LA VITA
CASALESE

50.352,60

40.680,40

41.229,20

39.332,60

35.824,60

31.006,47

23.047,00

15.985,97

9.710,05

9.398,41

296.567,30

0,49%

Nuova Ed.ce
Cremonese N.E.C.
s.r.l.

LA VITA
CATTOLICA CREMONA

43.790,00

44.690,00

44.370,00

45.920,00

43.740,00

36.074,00

26.102,43

16.896,46

9.632,20

10.045,36

321.260,45

0,53%

Editrice la Vita
Cattolica s.r.l.

LA VITA
CATTOLICA UDINE

124.880,00

124.980,00

130.360,00

141.080,00

141.080,00

95.965,00

74.210,43

48.804,06

29.083,58

31.451,31

941.894,38

1,54%

Opera San Pio


Decimo

LA VITA DEL
POPOLO

149.186,00

0,00

147.223,40

195.393,00

195.393,00

155.368,10

84.844,90

58.253,04

40.537,96

42.087,57

1.068.286,97

1,75%

Chiesa di San
Severo a Porta Sole
Ente Ecclesiastico

LA VOCE

54.854,00

51.352,00

63.410,00

61.140,00

61.140,00

51.953,70

35.561,89

22.083,35

15.154,85

14.529,87

431.179,66

0,71%

Voce Alessandrina
SCRL

LA VOCE
ALESSANDRINA

48.000,00

47.000,00

47.000,00

48.000,00

48.000,00

41.650,00

32.160,97

0,00

10.368,78

10.229,62

332.409,37

0,54%

Dicoesi di Vicenza

LA VOCE DEI
BERICI

94.416,80

83.338,80

81.110,60

77.838,20

77.602,80

68.195,84

50.596,14

30.739,32

18.959,06

19.702,56

602.500,12

0,99%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
156

Impresa

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

Opera Diocesana
San Francesco di
Sales

LA VOCE DEL
POPOLO

103.950,00

103.840,00

99.727,20

105.772,60

94.797,80

75.455,38

56.937,59

36.213,38

25.599,89

23.209,61

725.503,45

1,19%

Prelum

LA VOCE DEL
POPOLO

55.640,00

0,00

53.660,00

64.210,00

64.210,00

82.152,50

0,00

32.184,59

18.199,19

19.649,13

389.905,41

0,64%

Casa Generalizia
della Pia societ
Torinese di San
Giuseppe E.M.

LA VOCE DI SAN
GIUSEPPE

0,00

0,00

23.980,00

15.040,00

15.040,00

13.770,00

10.809,28

7.237,51

4.238,17

0,00

90.114,96

0,15%

Diocesi di Senigallia

LA VOCE MISENA

27.200,00

36.000,00

36.000,00

36.000,00

36.000,00

15.640,00

0,00

0,00

0,00

0,00

186.840,00

0,31%

LA VOCE MISENA

Fondazione
Gabbiano
Nephentes a r.l.
Soc. Ed.le
L'Altrapagina Soc.
Coop. Ed.le a R.L.
L'Amico del Popolo
s.r.l.
Fondazione del
Culto e Religione
Piccolo Rifugio

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

14.960,00

24.020,64

15.725,95

10.198,80

11.436,84

76.342,23

0,13%

L'AGROTECNICO
OGGI

23.680,00

27.545,60

31.076,00

34.658,00

33.081,20

27.984,55

23.099,85

12.062,52

2.005,76

5.896,33

221.089,81

0,36%

L'ALTRAPAGINA

2.200,00

2.200,00

0,00

2.200,00

0,00

1.870,00

0,00

982,87

623,26

0,00

10.076,13

0,02%

203.100,00

211.300,00

207.880,00

260.840,00

260.840,00

181.543,00

122.878,92

67.710,95

40.585,56

43.955,59

1.600.634,02

2,62%

L'AMORE VINCE

5.900,00

6.320,00

6.600,00

3.840,00

3.782,00

3.673,36

0,00

0,00

0,00

0,00

30.115,36

0,05%

Segretariato
Nazionale
dell'Apostolato
della Preghiera
Ente Morale

LAMPADE
VIVENTI NELLA
CHIESA

7.260,00

0,00

6.280,00

6.210,00

6.000,00

4.700,50

3.302,84

0,00

0,00

0,00

33.753,34

0,06%

L'Ancora SCARL

L'ANCORA

83.073,00

83.643,80

84.044,20

83.393,60

82.976,80

0,00

53.557,61

35.046,62

0,00

24.545,36

530.280,99

0,87%

O.R.A.C.
Fondazione
dell'Arcidiocesi di
Camerino

L'APPENNINO
CAMERTE

40.000,00

40.780,00

41.820,00

42.500,00

42.500,00

36.550,00

30.626,32

19.702,12

11.303,67

13.819,52

319.601,63

0,52%

Ente per le Opere


Religiose e di Culto
della Diocesi di
Vigevano

L'ARALDO
LOMELLINO

32.014,00

31.907,00

35.540,00

31.544,40

31.430,00

24.752,00

19.296,58

13.164,23

8.309,19

8.746,01

236.703,41

0,39%

Arcidiocesi di
Oristano

L'ARBORENSE

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

6.722,43

7.180,30

13.902,73

0,02%

Ente per le Opere


Religiose e di Culto
della Diocesi di
Vigevano

L'AURORA DELLA
LOMELLINA

47.292,80

45.197,40

43.967,40

41.378,00

41.378,00

37.547,39

29.550,73

19.639,57

12.291,54

11.441,92

329.684,75

0,54%

L'AMICO DEL
POPOLO

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
157

Impresa

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

Diocesi di Vittorio
Veneto Ente
Ecclesiastico

L'AZIONE

120.320,00

120.090,00

123.972,00

120.578,00

120.578,90

100.755,60

80.155,54

49.545,68

32.273,54

35.508,21

903.777,47

1,48%

Diakonia Ecclesiale

L'AZIONE

61.740,00

55.640,00

235.600,00

53.790,00

53.760,00

47.547,30

34.365,13

22.072,45

13.232,04

14.132,06

591.878,98

0,97%

Stampa Diocesana
Novarese

L'AZIONE

21.532,00

21.364,60

22.034,80

21.107,00

20.643,00

17.217,60

12.748,15

8.410,97

4.992,99

0,00

150.051,11

0,25%

Cooperativa
Cultura e
Comunicazioni
Sociale a R.L.

L'ECO DEL
CHISONE

0,00

0,00

294.500,00

291.920,00

283.640,00

237.286,34

183.717,86

118.829,22

70.898,66

77.259,03

1.558.051,11

2,55%

Stampa Diocesana
Novarese

L'ECO DI
GALLIATE

9.791,40

9.612,20

9.615,20

9.452,80

9.252,20

7.773,59

5.964,19

3.919,87

2.341,81

0,00

67.723,26

0,11%

Editoriale Eco srl

L'ECO DI SAN
GABRIELE

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

20.967,54

20.967,54

0,03%

Giornale
dell'Etruria SCARL

L'ETRURIA

0,00

0,00

9.200,00

0,00

9.200,00

7.820,00

6.138,61

4.110,19

2.606,36

0,00

39.075,16

0,06%

Periodici San Paolo


s.r.l.

LETTURE

9.810,00

9.819,00

9.753,00

9.302,00

0,00

0,00

0,00

0,00

38.684,00

0,06%

Stampa Diocesana
Novarese

L'INFORMATORE

44.351,20

44.879,20

47.171,00

47.797,60

47.537,00

40.386,73

31.231,37

20.330,62

12.537,38

0,00

336.222,10

0,55%

Nuovo Mondo
Coop. Edit. a R.L.

LITTERAE
COMMUNIONIS
TRACCE

88.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

56.100,00

44.037,84

29.486,16

18.697,80

20.967,54

521.289,34

0,85%

Diocesi di Nuoro

L'ORTOBENE

78.680,00

77.588,00

78.082,00

80.440,00

78.690,00

66.912,00

53.005,55

34.128,00

20.380,60

21.539,58

589.445,73

0,97%

Ediluce s.r.l.

LUCE

78.910,20

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

78.910,20

0,13%

Luna Nuova Ed.ce


SCRL

LUNA NUOVA
TRIBU' (ex IL
CORRIERE
MAGAZINE A
OVEST DI
TORINO)

10.800,00

11.478,00

10.800,00

10.800,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

43.878,00

0,07%

Monregalese Coop.
Ed.ce s.r.l.

L'UNIONE
MONREGALESE

82.409,80

76.270,00

76.438,40

76.771,00

76.771,00

67.887,12

47.083,26

30.539,89

19.463,05

22.264,60

575.898,12

0,94%

Madre Ed.ni s.r.l.

MADRE

68.436,80

63.756,00

68.000,00

60.700,00

54.000,00

42.075,00

29.758,77

16.976,88

9.972,16

10.166,08

423.841,69

0,69%

Ente PPFMC

MESSAGGERO DEI
RAGAZZI

0,00

72.000,00

71.620,00

63.352,00

63.352,00

53.901,22

39.281,09

22.592,65

13.300,37

13.981,54

413.380,87

0,68%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
158

Impresa

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

0,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

61.200,00

88.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

2011

2014

Totale

Percentuale

2012

2013

44.037,84

29.486,16

18.697,80

20.967,54

438.389,34

0,72%

56.100,00

44.037,84

26.805,60

16.998,00

19.061,40

515.002,84

0,84%

Ente PPFMC

MESSAGGERO DI
SANT'ANTONIO

Centro Saveriano
Animazione
Missionaria SCARL

MISSIONARI
SAVERIANI

Centro Saveriano
Animazione
Missionaria SCARL

MISSIONE OGGI

7.203,00

7.125,00

6.856,00

6.876,00

6.158,00

4.454,00

3.161,38

2.005,95

1.110,54

1.111,92

46.061,79

0,08%

Provincia d'Italia
dei Missionari
Oblati di Maria
Immacolata Ente
Morale

MISSIONI OMI

9.836,20

8.136,00

8.252,00

8.188,00

8.162,00

7.021,85

5.368,61

2.720,14

1.657,64

1.852,13

61.194,57

0,10%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.473,16

0,00

1.473,16

0,00%

NIGRIZIA

44.400,00

45.500,00

50.020,00

50.260,00

45.140,00

39.950,00

15.079,62

0,00

0,00

0,00

290.349,62

0,48%

NIGRIZIA

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

12.277,22

17.691,70

8.668,98

9.530,70

48.168,60

0,08%

Diocesi di San
Marino Montefeltro
Collegio delle
Missioni Africane
Fondazione Nigrizia
Onlus

MONTEFELTRO

Notizie Soc. Coop.

NOTIZIE SETTIMANALE
DELLA DIOCESI
DI CARPI

26.816,80

0,00

24.384,40

24.883,20

24.883,20

20.347,81

15.394,29

10.025,29

6.305,24

7.097,64

160.137,87

0,26%

Zadruga Goriska
Mohorjeva Soc.
Coop.

NOVI GLAS

19.270,00

0,00

20.090,00

19.680,00

19.370,00

16.762,00

13.131,28

8.792,24

5.575,34

6.121,89

128.792,75

0,21%

Diocesi di Cchioggia

NUOVA
SCINTILLA

0,00

0,00

30.432,00

92.666,00

28.830,00

24.480,00

19.503,43

12.866,69

8.204,37

9.176,16

226.158,65

0,37%

P.A.M.O.M. Pia
Associazione
Maschile Opera di
Maria

NUOVA UMANITA'

5.370,60

0,00

4.975,60

5.912,60

5.160,80

4.006,90

2.722,43

1.608,34

906,22

936,55

31.600,04

0,05%

0,00

0,00

30.000,00

0,00

30.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

60.000,00

0,10%

40.980,00

41.624,00

37.966,00

36.700,00

34.450,00

28.033,00

10.635,81

0,00

0,00

0,00

230.388,81

0,38%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.594,91

11.186,87

6.940,85

7.910,48

35.633,11

0,06%

17.520,00

0,00

18.900,00

16.030,00

14.650,00

12.784,00

7.641,23

4.808,92

2.960,49

2.274,66

97.569,30

0,16%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

20.100,74

13.442,11

8.519,11

8.679,93

50.741,89

0,08%

Anmil
Collegio delle
Missioni Africane
Fondazione Nigrizia
Onlus
A.N.P.I.
Soc. Fondazione
Poesia Onlus

OBIETTIVO
TUTELA
P.M. - PICCOLO
MISSIONARIO
P.M. - PICCOLO
MISSIONARIO
PATRIA
INDIPENDENTE
POESIA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
159

Impresa
Fondazione
Culturale San Fedele
Provincia Serafica di
San Francesco
dell'Ordine dei Frati
Minori Ente Morale

Testata

Importo liquidato
2005

2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

0,00

0,00

14.806,00

13.968,00

10.925,00

8.888,45

6.967,32

4.550,70

2.807,50

2.612,05

65.525,02

0,11%

PORZIUNCOLA
ASSISI

12.800,00

8.995,00

6.714,00

7.481,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

35.990,00

0,06%

Arca s.r.l.

PROSPETTIVE

0,00

0,00

0,00

0,00

37.600,00

32.045,00

25.088,22

16.440,77

10.425,44

11.690,99

133.290,42

0,22%

Coop. Altotrentino

QT - QUESTO
TRENTINO

0,00

0,00

7.480,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

7.480,00

0,01%

Editing Italia CRL

QUADERNI DI
MILANO

0,00

312.000,00

312.000,00

312.000,00

312.000,00

265.200,00

208.178,88

0,00

88.389,60

99.119,28

1.908.887,76

3,13%

Paolo VI SCARL

RADAR GI 7

23.000,00

23.000,00

23.000,00

23.500,00

23.000,00

20.097,40

15.776,22

9.735,79

6.249,60

7.611,85

174.970,86

0,29%

Dionisio s.r.l.

RASSEGNA
DELL'AUTONOMIA
SCOLASTICA

0,00

0,00

0,00

26.500,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

26.500,00

0,04%

Fondazione Regnum
Christi

REGNUM CHRISTI

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.785,20

0,00

4.637,37

2.668,69

0,00

17.091,26

0,03%

Promospot s.r.l.

RHO SETTEGIORNI

110.928,00

210.266,60

238.454,60

233.087,20

229.718,40

232.099,81

186.243,90

127.551,95

75.420,69

81.292,55

1.725.063,70

2,83%

Edizioni Protestanti
s.r.l.

RIFORMA - L'ECO
DELLE VALLI
VALDESI

52.800,00

0,00

55.200,00

55.200,00

54.450,00

45.339,00

36.151,06

24.093,77

15.269,87

16.774,03

355.277,73

0,58%

RISVEGLIO 2000

0,00

0,00

15.580,00

15.540,00

15.360,00

13.107,00

0,00

6.540,57

3.779,22

4.021,96

73.928,75

0,12%

RIVISTA DEL
CINEMATOGRAFO

0,00

0,00

10.880,00

17.920,00

15.866,00

10.735,50

8.236,41

5.325,58

2.900,99

2.799,48

74.663,96

0,12%

3.694,00

0,00

3.542,00

3.546,80

3.382,00

2.854,30

2.215,24

1.451,70

889,56

997,55

22.573,15

0,04%

71.600,00

0,00

66.000,00

63.600,00

66.000,00

56.100,00

0,00

0,00

0,00

0,00

323.300,00

0,53%

Opera di Religione
della Diocesi di
Ravenna
Fondazione Ente
dello Spettacolo
Impresa
Tecnoeditoriale
Lombarda s.r.l.

POPOLI

RIVISTA DIOCESANA
MILANESE

Custodia Generale
del Sacro Voncento
di San Francesco
d'Assisi Ente Morale

SAN FRANCESCO
PATRONO D'ITALIA

F.A.G.R.I.

SEGNALI

0,00

0,00

0,00

0,00

72.000,00

61.200,00

48.041,28

64.333,44

40.795,20

45.747,36

332.117,28

0,54%

SEGNO NEL MONDO

0,00

0,00

0,00

66.000,00

66.000,00

45.900,00

4.034,40

26.805,60

16.998,00

19.061,40

244.799,40

0,40%

SEMPRE

0,00

0,00

9.322,20

8.491,20

12.006,40

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

29.819,80

0,05%

SHALOM

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00%

52.500,00

0,00

38.600,00

37.100,00

37.100,00

31.450,00

22.285,82

16.128,04

10.368,78

9.817,70

255.350,34

0,42%

Fondazione
Apostolicam
Actuositatem
Ass. Comunit Papa
Giovanni XXIII
Comunit Ebraica di
Roma
Giorgio La Pira
SCRL

SI' ALLA VITA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
160

Impresa

Testata

Lettera 22 Soc. Coop. a


R.L.

SPRINT E
SPORT

Unione Agricoltori e
Coltivatori Diretti
Sudtirolesi Soc. Coop. a
R.L.

2005

2006

2007

2008

Importo liquidato
2009
2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

104.250,60

104.580,00

194.462,40

222.148,40

506.660,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

1.132.101,40

1,85%

SUDTIROLER
LANDWIRT

81.600,00

65.040,00

84.640,00

90.640,00

90.640,00

77.044,00

59.768,02

40.992,46

25.348,27

27.249,86

642.962,61

1,05%

Coop. Giornalistica
Nuovo Mondo

SUONO
STEREO HI FI

8.600,00

47.010,00

25.700,00

0,00

0,00

192.239,14

0,00

0,00

0,00

0,00

273.549,14

0,45%

Opera San Pio Decimo

TI SALUTO
FRATELLO

0,00

0,00

56.100,00

58.750,00

53.440,00

58.191,00

27.917,32

16.083,36

8.668,98

9.721,31

288.871,97

0,47%

Firenze 2000 SCARL

TOSCANA OGGI

167.037,40

151.444,60

150.714,40

150.334,60

146.426,20

118.802,97

89.023,03

56.929,64

34.980,69

36.970,54

1.102.664,07

1,81%

Editoriale Tribuna
Economica Soc. Coop.

TRIBUNA
ECONOMICA

0,00

0,00

0,00

138.000,00

138.000,00

265.200,00

208.178,88

139.389,12

88.389,60

0,00

977.157,60

1,60%

Valore Scuola Soc.


Coop. a R.L.

VALORA
SCUOLA
VERONA
FEDELE

0,00

54.000,00

54.000,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

108.000,00

0,18%

137.200,00

138.150,00

133.120,00

133.580,00

132.530,00

110.313,00

84.138,96

54.111,57

34.211,31

35.206,41

992.561,25

1,63%

34.530,80

35.337,00

41.515,40

29.986,00

29.986,80

25.424,69

17.717,76

11.092,25

7.505,13

7.044,33

240.140,16

0,39%

Verona Fedele s.r.l.


Ente Patrimoniale
dell'Unione Italiana
delle Chiese Avventiste
del 7 giorno

VITA E
SALUTE

Casa Generalizia della


Pia societ Torinese di
San Giuseppe E.M.

VITA
GIUSEPPINA

0,00

0,00

27.900,00

28.800,00

28.800,00

19.074,00

13.211,35

8.890,52

5.716,99

6.538,06

138.930,92

0,23%

Diocesi di Trieste

VITA NUOVA

25.300,00

0,00

29.400,00

29.400,00

29.400,00

24.990,00

19.216,51

0,00

8.329,02

7.974,02

174.009,55

0,29%

Opera Diocesana San


Bernardo degli Uberti
Gestione Vita Nuova

VITA NUOVA

29.400,00

0,00

21.656,00

24.072,00

22.206,00

19.012,63

14.188,99

8.141,75

5.652,63

5.637,54

149.967,54

0,25%

66.242,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

66.000,00

56.100,00

44.037,84

0,00

17.101,23

15.902,54

463.383,61

0,76%

118.049,00

122.168,00

117.838,00

116.432,00

106.212,40

92.422,20

68.306,56

46.555,61

26.733,04

28.123,89

842.840,70

1,38%

0,00

0,00

0,00

33.160,00

33.160,00

28.174,10

22.351,21

0,00

0,00

0,00

116.845,31

0,19%

31.770,00

31.840,00

30.690,00

30.891,00

30.590,00

26.205,50

19.623,53

12.129,09

6.893,82

7.840,59

228.473,53

0,37%

6.849.252,60

6.094.297,80

8.243.792,40

9.259.869,51

9.001.132,38

7.842.803,06

5.700.984,66

3.398.103,75

2.418.137,59

2.247.556,95

61.055.930,70

100,00%

Periodici San Paolo


s.r.l.
Vita Trentina Ed.ce
SCRL
Comunica Soc. Coop.

Arcidiocesi di Gorizia

VITA
PASTORALE
VITA
TRENTINA
VOCE DELLA
CAMPANIA VOCI DELLE
VOCI
VOCE
ISONTINA
Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
161

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
162

APPENDICE 1-NONIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI AI GIORNALI ITALIANI
PUBBLICATI E DIFFUSI ALLESTERO
(ART. 26, L. N. 416/1981)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
163

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
164

App. 1-nonies - Tabella 4


CONTRIBUTI AI GIORNALI ITALIANI PUBBLICATI E DIFFUSI ALL'ESTERO
Art. 26 l. n. 416/1981
Impresa

Testata

Stato

Importo liquidato
2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

Totale

Percentuale

A.C.L.I. Freiburg

ACLIFOGLIO

Germania

4.362,02

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.362,02

0,04%

Munno Michele
Ass. Alpini in
Trasferta

ALBIDONESE
ALPINI IN
TRASFERTA

Argentina

5.227,13

7.289,53

7.394,63

0,00

9.748,77

9.877,64

9.645,36

11.872,34

61.055,40

0,53%

Canada

3.636,96

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.636,96

0,03%

Saverio Mirarchi
Catherine Ann
Farrell

ALTRA CALABRIA

Canada

4.742,21

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.742,21

0,04%

ALTRA CAMPANA

Canada

7.441,84

11.073,85

8.713,03

4.823,08

9.151,61

0,00

0,00

0,00

41.203,41

0,36%

Locatelli Roberto

AMICO

Svizzera

3.471,01

0,00

7.953,06

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

11.424,07

0,10%

Biseo Luciana

AMICO D'ITALIA

Costa Rica

4.584,49

6.461,30

6.602,99

3.589,05

7.601,00

7.938,01

7.978,52

0,00

44.755,36

0,39%

Alusio Emilio

APULIA REVIEW

Canada

0,00

4.770,14

4.774,17

2.689,18

0,00

0,00

0,00

0,00

12.233,49

0,11%

Cirpiani Renato

ARALDO

Belgio

7.651,86

8.992,32

8.793,40

4.887,71

10.122,75

10.255,41

8.264,36

6.429,15

65.396,96

0,57%

Edit
Trivilino Antonio
Domenico

ARCOBALENO

Croazia

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

22.822,75

22.822,75

0,20%

AURORA

Norvegia

4.872,37

6.405,69

6.615,55

3.594,63

0,00

0,00

6.015,41

5.791,52

33.295,17

0,29%

Riccardo Filosa
Camarchioli
Giovanni

AZZURRO CARIBE

Santo Domingo

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

10.500,00

10.500,00

0,09%

BEL PAESE

Usa

8.985,13

12.583,22

12.234,90

0,00

12.054,17

11.027,02

11.712,44

12.686,56

81.283,44

0,71%

Braini G.

Canada

4.055,59

5.502,73

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.558,32

0,08%

Australia

3.984,40

5.406,09

5.353,47

3.024,37

0,00

0,00

6.187,38

0,00

23.955,71

0,21%

Germania

5.002,70

7.256,60

6.831,53

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

19.090,83

0,17%

Agosta Giuseppe

BOLETIN
BOLLETTINO
GIULIANO
BUONGIORNO
EUROPA
CAMMINIAMO
INSIEME

Svizzera

4.105,21

0,00

7.797,83

4.389,59

0,00

0,00

0,00

9.215,40

25.508,03

0,22%

Missione Cattolica
Italiana di Annecy

CAMPANA NOSTRA

Francia

4.487,96

6.148,90

6.118,52

3.441,67

0,00

0,00

0,00

0,00

20.197,05

0,18%

Alessandro Cario

CAMPANIA

Argentina

8.062,38

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.062,38

0,07%

Barrasso Pasquale
Mormina
Antonina
Fondaz. Miss.
Catt. Ital. Olten
Schonen.

CIAO
CITTADINO
CANADESE

Canada

14.290,80

36.222,76

22.457,98

17.861,55

0,00

0,00

0,00

0,00

90.833,09

0,79%

Canada

78.931,02

115.884,25

98.464,68

0,00

48.809,37

44.516,59

47.345,15

98.484,45

532.435,51

4,65%

COLLEGAMENTO

Svizzera

4.867,67

6.842,65

7.016,87

3.795,87

8.388,23

7.866,39

0,00

0,00

38.777,68

0,34%

Tucci Jos

COMUNITA'

Argentina

5.904,09

20.793,53

21.013,40

8.190,95

18.104,82

21.769,83

21.421,63

0,00

117.198,25

1,02%

Bernardini Emilio
Petraglia Pietro
Domenico

COMUNITA'
COMUNITA'
ITALIANA

Svizzera

13.997,34

0,00

0,00

5.092,74

0,00

0,00

0,00

10.500,00

29.590,08

0,26%

Brasile

27.197,17

0,00

0,00

39.454,62

79.120,18

83.926,72

76.495,16

112.113,50

418.307,35

3,65%

Zafret Mario
Calabrese
Francesco

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
165

Importo liquidato
Impresa

Testata

Stato

Totale
2006

Cura Enterprises
Ltd
Glaser Franz
Contatto Verein E
V.
Paratore Natalia
Ines
Ass. Corriere degli
Italiani
Petra Hall
Alessandro Cario
Franco Brescia
Elia Finzi
Miss. Cattl Ital. In
Germania
Media
Transcontinental
Senc

Casasanta Sestino
Patrizia Floder
Reitter
Bencini Haydee
Isabel

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Percentuale

2013

CONGRESSO

Canada

6.616,51

9.195,03

9.310,26

4.757,75

0,00

0,00

0,00

0,00

29.879,55

0,26%

CONTATTI

Germania

9.405,83

12.235,92

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

21.641,75

0,19%

CONTATTO

Germania

5.439,53

7.551,86

7.533,27

4.178,54

0,00

7.869,42

0,00

0,00

32.572,62

0,28%

CORDIGO ITALIA
CORRIERE DEGLI
ITALIANI
CORRIERE DELLA
COSTA AZZURRA
CORRIERE DELLA
SICILIA
CORRIERE DI LOS
ANGELES
CORRIERE DI
TUNISI

Argentina

0,00

0,00

10.373,16

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

10.373,16

0,09%

Svizzera

26.775,91

37.772,55

42.311,93

22.126,14

43.888,91

42.457,24

40.404,14

104.676,57

360.413,39

3,15%

Francia

11.882,07

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

11.882,07

0,10%

Argentina

8.208,91

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.208,91

0,07%

Usa

6.292,79

8.179,10

7.902,68

4.351,39

9.051,70

9.706,77

9.164,36

7.376,74

62.025,53

0,54%

Tunisia

11.859,04

16.087,28

17.606,04

9.341,76

19.972,96

16.498,58

15.852,38

28.459,19

135.677,23

1,19%

CORRIERE D'ITALIA

Germania

13.393,69

25.131,23

31.200,76

19.400,69

45.301,77

47.833,51

42.795,64

110.978,07

336.035,36

2,94%

CORRIERE
ITALIANO

Canada

53.769,25

62.048,36

67.140,77

31.818,04

64.933,63

60.769,51

65.273,94

150.000,00

555.753,50

4,86%

CORRIERE PELIGNO
- GENTE ITALICA

Canada

3.424,29

4.713,79

4.708,17

2.649,10

5.865,07

5.904,83

5.837,85

6.849,21

39.952,31

0,35%

COSTA DEL SOL E

Spagna

3.776,03

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.776,03

0,03%

DALL'ITALIA 2000

Argentina

5.696,58

0,00

7.584,37

3.797,83

8.865,00

9.547,48

9.389,06

9.468,64

54.348,96

0,47%

Carint Ennio
EMI Editrice
GmbH

DIALOGO

Svizzera

5.552,69

8.083,09

7.672,52

4.585,08

9.382,37

9.897,20

9.192,74

9.519,66

63.885,35

0,56%

ECO

Svizzera

67.061,07

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

67.061,07

0,59%

Nocera Rosario

Belgio

5.935,32

8.879,65

7.840,12

4.722,54

11.362,38

9.656,54

10.312,46

10.480,78

69.189,79

0,60%

Guido Gianoli

ECO DEL BELGIO


ECO DELLE ISOLE
CANARIE

5.824,72

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

5.824,72

0,05%

Alessandro Cario

ECO D'ITALIA

Argentina

38.977,26

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

38.977,26

0,34%

Alessandro Cario
Laura Elisabet
Rotundo

ECO D'ITALIA

Uruguay

21.278,99

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

21.278,99

0,19%

ESTILO ITALIANO

Argentina

3.787,44

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.787,44

0,03%

De Rosa Maurizio

EUREKA

Grecia

5.500,69

7.575,00

7.579,25

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

20.654,94

0,18%

Dellarole Mariana

FANFULLA

Brasile

49.511,27

31.552,12

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

81.063,39

0,71%

Tucci Jos

FATTI E PENSIERI

Argentina

6.299,02

7.091,82

9.363,29

0,00

10.748,03

10.789,60

10.621,58

0,00

54.913,34

0,48%

Spagna

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
166

Impresa

Testata

Importo liquidato

Stato
2006

2007

2008

2009

2010

Totale
2011

2012

Percentuale

2013

Basile Domenico

FIAMMA

Svizzera

4.583,88

0,00

8.678,71

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

13.262,59

0,12%

Guy Estager

FOCUS IN

Francia

0,00

0,00

0,00

4.728,75

8.971,73

9.042,85

9.296,72

11.012,83

43.052,88

0,38%

Bechi Aldo

FOCUS MAGAZINE

Francia

5.909,00

8.007,51

7.375,34

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

21.291,85

0,19%

Milazzo Claudio

FOGLIETTO
FORUM
DEMOCRATICO

Venezuela

7.826,38

16.096,82

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

23.923,20

0,21%

Brasile

7.634,69

10.458,76

10.594,86

5.719,33

11.491,89

0,00

0,00

0,00

45.899,53

0,40%

FUORI PAESE

Venezuela

14.246,64

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

14.246,64

0,12%

GAZZETTA
GAZZETTA DEL
QUEBEC
GAZZETTA DI
ISTANBUL

Etiopia

3.821,32

5.335,13

5.087,15

2.974,17

0,00

6.889,21

6.744,66

7.110,06

37.961,70

0,33%

Canada

8.957,28

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.957,28

0,08%

Turchia

4.995,82

6.686,50

7.204,13

4.060,70

9.092,05

9.288,45

8.558,80

14.878,67

64.765,12

0,57%

GAZZETTA ITALIA
GAZZETTA ITALO BRASILIANA
GAZZETTINO
CALABRESE

Polonia

0,00

0,00

0,00

0,00

8.176,20

10.387,28

11.824,11

10.774,07

41.161,66

0,36%

Brasile

4.342,30

5.617,94

5.870,68

4.017,48

8.324,16

9.288,80

9.074,04

15.726,66

62.262,06

0,54%

11.069,42

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

11.069,42

0,10%

Usa

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

28.320,97

28.320,97

0,25%

Usa

6.978,51

9.852,57

9.961,52

0,00

0,00

0,00

10.717,18

6.325,85

43.835,63

0,38%

Svizzera

4.725,50

6.511,42

6.352,33

3.572,67

7.911,47

7.973,74

7.867,40

7.226,18

52.140,71

0,46%

0,00

0,00

29.686,81

17.967,15

39.706,57

46.631,96

57.182,02

150.000,00

341.174,51

2,98%

Lanzi Andrea
Yioachina Silvana
Barbera
Circolo Ital.
Juventus di Addis
Abeba
Giordano Basilio
Circolo Roma di
Giulio Maria
Vanzi Alessandro
Ass. Aibac
Alessandro Cario

James C. Lia
Mancini Domenico
Cocco Silvano

Rosi Giulio
Piraino Antonio
Cinzia Viscomi
Minniti
Vincenzo
Quaranta
Campanile
Leonardo
Angelo Saracini

G.I.A. GIORNALE
ITALO-AMERICANO
USA
GIORNALE
ITALIANO
GIORNALE
ITALIANO

Argentina

GIORNALE
ITALIANO DE
ESPANA
GIORNALE ITALO
AMERICANO

Spagna
Usa

8.185,37

11.667,01

0,00

0,00

0,00

0,00

74.810,58

0,00

94.662,96

0,83%

GIORNALINO

Svizzera

3.087,72

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.087,72

0,03%

GUIDA

Canada

4.060,22

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.060,22

0,04%

IDEA MAGAZINE

Usa

0,00

7.502,05

7.478,19

4.196,46

9.277,01

9.095,19

9.320,15

0,00

46.869,05

0,41%

IDENTITA'

Grecia

4.938,83

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.938,83

0,04%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
167

Importo liquidato
Impresa

Missionari San
Carlo Scalabriniani
Mazzitelli
Salvatore F.
Missione Cattolica
Italiana Vevey
Montreaux
Floder Reitter
Patrizia
Mastrogiacomo
Joe

Testata

Stato

Totale
2006

2007

2008

2009

2010

2011

2012

Percentuale

2013

INCONTRI

Venezuela

6.232,91

8.521,44

8.407,64

4.725,57

10.464,16

10.497,55

10.450,88

8.604,26

67.904,41

0,59%

INCONTRO

Uruguay

5.794,92

7.959,34

7.948,78

4.471,27

9.876,29

9.934,93

0,00

0,00

45.985,53

0,40%

INCONTRO

Svizzera

0,00

0,00

6.682,50

3.715,94

0,00

0,00

0,00

5.030,66

15.429,10

0,13%

INFOITALIASPAGNA

Spagna

5.142,53

8.175,98

8.439,91

4.256,86

9.785,21

0,00

0,00

0,00

35.800,49

0,31%

INSIEME

Canada

32.868,26

49.497,56

52.610,63

33.588,62

46.256,41

56.254,92

22.623,04

0,00

293.699,44

2,57%

Peron Desiderio

INSIEME

Brasile

8.608,73

12.124,88

12.167,26

6.990,37

15.113,02

15.370,82

14.847,55

17.514,36

102.736,99

0,90%

Moretto Enzo

INSIEME

Svizzera

0,00

12.264,48

12.372,63

6.843,56

0,00

0,00

0,00

20.483,62

51.964,29

0,45%

Comites Gr

INSIEME

Grecia

0,00

0,00

0,00

0,00

6.147,54

5.972,67

0,00

5.686,85

17.807,06

0,16%

Valerio Farronato

Svizzera

8.454,52

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.454,52

0,07%

Baggio Gildo

INSIEME - BERNA
INSIEME GEMEINSAM

Germania

6.536,68

9.208,83

9.104,16

4.972,34

10.819,85

11.050,36

0,00

9.593,94

61.286,16

0,54%

Minelli Gianni

INTERVENTI

Germania

4.673,37

6.479,19

6.421,80

3.599,51

7.912,11

0,00

0,00

0,00

29.085,98

0,25%

Ass. l'altra Sicilia

ISOLA

Belgio

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

6.525,65

7.096,77

13.622,42

0,12%

Alessandro Cario

ITALIA DEL POPOLO

Brasile

21.629,51

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

21.629,51

0,19%

Massimo Soncini

ITALIA E ITALIA

Grecia

4.511,94

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.511,94

0,04%

Casa d'Italia

ITALIA NOTIBREVE

Messico

3.889,56

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.889,56

0,03%

La Malfa Concetto

ITALIA STAMPA

Irlanda

5.138,30

7.018,23

6.704,88

0,00

0,00

6.894,02

6.902,39

6.432,71

39.090,53

0,34%

Arena Francesco

ITALIA TRICOLORE

Argentina

6.266,21

11.035,31

17.838,88

9.281,56

0,00

0,00

0,00

0,00

44.421,96

0,39%

Alessandro Cario

Argentina

16.572,98

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

16.572,98

0,14%

Paratore Giuseppe

ITALIA VIVA
ITALIANI
D'ARGENTINA

Argentina

6.444,48

8.952,49

11.288,63

6.974,13

13.211,57

17.080,81

16.267,59

0,00

80.219,70

0,70%

Sagida Syed

ITALIANO EUROPEO

Gran Bretagna

9.945,64

6.994,37

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

16.940,01

0,15%

Barbera Roberto
Ass. Hevrat
Yehudei Italia

ITALO-AMERICANO

Usa

19.543,08

27.584,26

18.405,68

15.514,74

0,00

33.664,24

32.573,84

60.642,42

207.928,26

1,82%

KOL HAITALKIM

Israele

4.296,19

5.575,10

5.264,21

2.975,85

6.895,79

6.975,20

7.008,76

0,00

38.991,10

0,34%

Fais - Ir

LAVORATORE

Svezia

5.444,32

7.395,43

6.822,63

4.136,47

9.120,84

9.226,24

9.234,42

6.709,48

58.089,83

0,51%

Velis Gustavo

LAZIO OGGI

Argentina

8.186,97

14.998,84

13.259,63

7.370,35

0,00

0,00

0,00

0,00

43.815,79

0,38%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
168

Importo liquidato
Impresa

Testata

Stato

Totale
2006

Bruccoleri
Tommaso

2009

2010

2011

2012

Percentuale

2013

32.968,27

43.501,51

21.656,76

65.952,21

66.518,12

62.075,12

0,00

315.795,47

2,76%

Belgio

3.976,60

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.976,60

0,03%

Canada

15.070,61

22.210,63

22.803,86

12.139,97

27.336,06

29.508,19

26.479,01

43.869,36

199.417,69

1,74%

MCL BELGIO FLASH


MERIDIANO
GIULIANO

Belgio

4.741,30

6.342,80

6.263,12

3.553,07

7.972,12

8.099,91

8.153,10

0,00

45.125,42

0,39%

Argentina

8.860,83

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.860,83

0,08%

MESSAGGERO

Svizzera

4.276,55

5.834,07

5.814,49

3.249,69

7.206,25

7.314,95

7.235,05

7.069,76

48.000,81

0,42%

MISSIONE
MULINO
LETTERARIO

Svizzera

4.151,84

5.635,51

5.592,46

3.156,71

0,00

0,00

0,00

0,00

18.536,52

0,16%

Germania

5.695,47

8.455,59

8.522,17

3.966,66

0,00

0,00

0,00

5.964,01

32.603,90

0,28%

NOTIDANTE
NOTIZIA DI
GINEVRA

Spagna

3.016,14

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.480,34

7.496,48

0,07%

Svizzera

0,00

0,00

6.942,96

4.304,83

9.588,61

9.868,22

9.889,03

9.937,12

50.530,77

0,44%

NOTIZIARIO ANCRI
NOTIZIARIO DI
MEMMINGEN

Uruguay

4.898,93

6.759,56

7.258,55

3.924,32

8.677,24

8.445,38

0,00

0,00

39.963,98

0,35%

Germania

0,00

0,00

0,00

0,00

5.436,27

7.270,87

5.986,00

13.561,13

32.254,27

0,28%

NUOVA LINEA

Germania

3.971,11

5.405,53

5.607,56

3.012,52

6.637,51

6.705,26

6.744,44

0,00

38.083,93

0,33%

Losi Lorenzo
Missione Cattolica
Italiana

NUOVA PRESENZA
NUOVI ORIZZONTI
EUROPA - BELGIO

Gran Bretagna

5.307,71

6.881,55

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

12.189,26

0,11%

Belgio

5.354,60

7.789,06

7.900,01

4.512,47

0,00

0,00

0,00

0,00

25.556,14

0,22%

C.I.E.M.I.

NUOVI ORIZZONTI
EUROPA - FRANCIA

Francia

5.843,90

8.068,23

7.874,43

4.785,88

11.517,93

11.646,96

10.565,49

17.114,12

77.416,94

0,68%

NUOVI ORIZZONTI
EUROPA LUSSEMBURGO

Lussemburgo

0,00

0,00

8.397,97

4.186,33

0,00

0,00

0,00

0,00

12.584,30

0,11%

6.888,75

9.414,31

9.396,46

5.288,93

11.482,54

11.632,14

0,00

9.633,92

63.737,05

0,56%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.700,22

12.412,66

22.112,88

0,19%

7.441,67

14.005,63

15.704,75

0,00

15.480,47

12.173,17

13.464,48

0,00

78.270,17

0,68%

14.544,24

20.549,78

20.592,73

11.241,64

24.589,58

24.506,43

23.135,02

46.606,21

185.765,63

1,62%

Vultaggio Rino
Mcl - Movimento
Cristiano
Lavoratori
Alessandro Cario
Miss. Catt. Ital. Di
Losanna
Miss. Catt. Ital. Di
Friburgo
Pesciaioli Antonio
Asociacion Dante
Alighieri - Malaga
S.A.I.G.
Costanzelli
Giovanni
Messana Francesco
Comitato Coord.
Ass. Genit. Baden

C.I.E.M.I.
Fidelf Coop. Del
Sud Australia

Gran Bretagna

2008

23.123,48

Sergio Scocci

LONDRA SERA
LUCCHESI NEL
MONDO - FLASH
MARCO POLO - ECO
D'ITALIA

2007

NUOVO PAESE

Australia

Antonio Piraino

OGGITALIA

Usa

Tucci Jos
L'Ora di Ottawa
1987 Ltd

OPINIONE

Argentina

ORA DI OTTAWA

Canada

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
169

Impresa

Testata

Importo liquidato

Stato
2006

2007

2008

2009

2010

Totale
2011

2012

Percentuale

2013

Artiva SPRL
Oriundi Editoria e
Culturali Ltda

ORA ITALIA

Belgio

6.023,06

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

6.023,06

0,05%

ORIUNDI

Brasile

4.877,30

6.610,97

6.665,09

3.923,17

6.786,53

6.165,34

0,00

0,00

35.028,40

0,31%

Cgm (K) Ltd


Publi Grafica
Presse Ag

OUT OF ITALY

Kenya

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

8.221,93

0,00

0,00

8.221,93

0,07%

PAGINA

Svizzera

33.462,89

54.283,39

52.243,67

26.974,36

58.575,11

64.824,05

41.497,17

150.000,00

481.860,64

4,21%

Antonio Pesciaioli

PAGINE ITALIANE

Germania

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

6.111,55

6.111,55

0,05%

Edit

PANORAMA

Croazia

8.863,35

12.119,31

12.250,89

6.834,76

14.817,95

14.445,56

12.308,95

34.837,99

116.478,76

1,02%

Canada

5.289,77

9.150,24

7.852,63

4.652,37

10.754,39

11.556,93

10.942,86

30.689,46

90.888,65

0,79%

17.321,94

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

17.321,94

0,15%

3.945,28

5.922,88

6.305,33

3.317,64

7.158,75

7.127,72

6.888,10

15.114,49

55.780,19

0,49%

10.818,32

15.624,64

15.976,01

8.922,83

19.275,36

0,00

16.933,81

26.815,02

114.365,99

1,00%

Di Mauro Enzo
Alessandro Cario
Cairo Paola Galati
Maria Grazia
Lombardo
Antonino
Bencini Haydee
Isabel
Mirabelli Grazia
Com. It. Es.

PANORAMA
ITALIANCANADIAN
PANORAMA
ITALIANO

Argentina

PASSAPAROLA

Lussemburgo

PENSIERO

Usa

PENSIERO ITALIANO

Argentina

5.506,88

0,00

8.066,18

4.082,44

9.504,04

10.161,48

9.071,82

9.474,05

55.866,89

0,49%

PONTE

Danimarca

5.125,32

6.922,91

6.793,17

3.862,45

8.500,35

8.549,69

8.645,26

9.111,71

57.510,86

0,50%

Cile

10.018,69

14.236,56

13.943,56

7.757,99

17.064,74

17.310,84

16.135,59

18.943,31

115.411,28

1,01%

5.087,22

6.506,18

6.461,66

3.647,62

8.045,24

8.139,71

8.140,19

6.993,00

53.020,82

0,46%

Cocco Luciano

PRESENZA
PRESENZA
COMUNITALIANA
PRESENZA
ITALIANA

5.845,30

7.780,27

7.837,68

4.335,94

9.516,81

9.634,86

9.333,06

7.161,65

61.445,57

0,54%

Velis Gustavo

PRIMA VOCE

Argentina

16.525,89

29.066,45

26.402,98

13.040,14

26.207,16

28.664,43

25.980,16

0,00

165.887,21

1,45%

Basile Vincenzo

PROGRESSO ITALO AUSTRALIANO

Australia

6.375,58

8.832,60

8.858,81

4.983,82

10.971,20

11.167,28

10.957,35

6.806,29

68.952,93

0,60%

E.B.S. Consulting
Spol Sro

PREOGETTO
REPUBBLICA CECA

Repubblica Ceca

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.139,21

9.139,21

0,08%

Pugliacan
Punto Network
AC
Patronato ACLI
Belgio

PUGLIA REVIEW

Canada

3.459,78

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

3.459,78

0,03%

PUNTO D'INCONTRO

Messico

5.434,61

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

5.434,61

0,05%

QUI ITALIA

Belgio

6.013,45

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

6.013,45

0,05%

Schiavone Michele

REALTA' NUOVA

Svizzera

6.816,71

6.859,32

0,00

0,00

0,00

8.515,31

8.551,48

0,00

30.742,82

0,27%

Tommasi Giuseppe
Piccoli Giuseppe

Belgio
Svizzera

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
170

Impresa

Testata

Importo liquidato

Stato
2006

Demasi Juan
Carlos

REVISTA PAESE

Argentina

Sacino Pasquale

RINASCITA

Svizzera

Cartacci Sandra

RINASCITA FLASH

Vellone Antonio

2007

2008

2009

2010

Totale
2011

2012

Percentuale

2013

6.155,37

0,00

6.562,13

3.559,09

7.858,75

7.960,58

7.644,60

11.296,94

51.037,46

0,45%

18.718,31

27.330,43

29.579,03

16.038,19

28.206,64

23.352,09

17.787,54

0,00

161.012,23

1,41%

Germania

4.511,61

6.143,38

6.099,58

3.441,07

7.602,03

7.676,21

7.666,26

6.716,16

49.856,30

0,44%

RINCONTRO

Canada

6.666,40

8.464,06

9.298,64

5.291,47

11.734,19

11.921,10

11.490,02

18.543,15

83.409,03

0,73%

Conte Mauro
Camera Comm.
Ital. Svizzera

RINTOCCHI

Australia

5.015,25

6.644,83

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

11.660,08

0,10%

RIVISTA

Svizzera

9.164,77

13.104,26

12.802,52

6.441,06

14.102,11

14.476,50

13.990,89

38.534,38

122.616,49

1,07%

Grassi Alfonso
Bogdan Radu
Adrian

SECOLO XXI

Argentina

0,00

7.852,48

0,00

0,00

0,00

0,00

6.222,85

0,00

14.075,33

0,12%

SETTE GIORNI
SM PHOTO NEWS LA
NOTIZIA

Romania

13.795,12

19.279,08

17.888,78

9.417,51

20.794,10

20.509,08

19.388,69

29.645,61

150.717,97

1,32%

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.100,31

8.818,51

13.415,15

31.333,97

0,27%

SOLE D'ITALIA

Messico

10.287,51

13.115,77

13.266,14

5.385,40

10.683,26

9.832,53

0,00

0,00

62.570,61

0,55%

Salvatore Mancuso
Il Sole d'Italia S.A.
de C.V.
Movim. Solitarit
Progresso

Gran Bretagna

SOLIDALI E INSIEME

Svizzera

4.574,71

5.592,04

4.885,48

2.792,99

9.648,11

9.383,31

9.284,49

14.614,10

60.775,23

0,53%

Laura Vera Righi


Sergio Tagliavini
Jellinek
Haidee Isabel
Bencini

SPAZIO ITALIA

Uruguay

5.975,98

7.339,22

8.402,62

4.542,76

8.479,05

10.133,61

8.381,74

9.205,78

62.460,76

0,55%

SPECCHIO

Canada

42.284,74

61.311,16

64.134,08

35.499,88

74.761,15

71.425,79

60.959,56

150.000,00

560.376,36

4,90%

TOSCANELLA

Argentina

4.770,23

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

4.770,23

0,04%

Italtribuna S.A.

Argentina

27.812,95

37.231,71

37.288,30

17.973,77

40.419,63

0,00

23.967,19

0,00

184.693,55

1,61%

L'Altraitalia

TRIBUNA ITALIANA
VISTO
DALL'ALTRAITALIA

0,00

0,00

7.798,17

0,00

10.381,76

10.434,69

10.572,34

0,00

39.186,96

0,34%

Messana Francesco

VITA E LAVORO

Germania

5.201,14

7.236,63

6.866,03

4.107,68

7.842,12

8.581,25

7.389,12

9.996,45

57.220,42

0,50%

Pier Luigi Prociani

VOCE

Sud Africa

15.674,96

22.723,84

23.417,22

13.030,86

29.106,26

29.302,51

27.414,29

94.694,21

255.364,15

2,23%

Arturo Tridico
Miss. Cattol. Ital.
Vallese Svizz.

VOCE

Canada

13.812,37

18.167,95

23.533,67

11.929,45

32.084,50

30.651,97

28.074,24

36.405,89

194.660,04

1,70%

Svizzera

3.706,46

5.162,71

5.199,32

2.904,59

6.419,13

6.477,90

0,00

9.785,07

39.655,18

0,35%

Zonta Bernardo

VOCE
VOCE DEGLI
ITALIANI

Gran Bretagna

6.459,43

8.195,15

7.477,49

0,00

8.247,70

0,00

0,00

0,00

30.379,77

0,27%

G.E.F.I.

VOCE DEGLI ITALIANI


IN FRANCIA

Francia

5.810,53

7.857,60

7.489,31

4.715,78

11.301,74

10.488,00

0,00

0,00

47.662,96

0,42%

Giordano Basilio
Congr. Miss. San
Carlo Scalabr.

VOCE DI MONTREAL

Canada

9.245,24

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

9.245,24

0,08%

VOCE D'ITALIA

Argentina

0,97%

Alessandro Cario

VOCE D'ITALIA

Brasile
Totale

Svizzera

9.438,47

13.382,65

13.968,90

7.435,06

16.326,05

16.569,61

16.395,55

17.905,85

111.422,14

21.348,40

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

21.348,40

0,19%

1.446.079,25

1.439.622,99

1.446.080,27

723.039,64

1.446.079,29

1.446.079,30

1.399.999,98

2.099.999,99

11.446.980,71

100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
171

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
172

APPENDICE 1-DECIES
TABELLA 4 - CONTRIBUTI ALLE PUBBLICAZIONI EDITE IN ITALIA
E DIFFUSE PREVALENTEMENTE ALLESTERO
(ART. 26, L. N. 416/1981)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
173

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
174

App. 1-decies - Tabella 4


CONTRIBUTI ALLE PUBBLICAZIONI EDITE IN ITALIA E DIFFUSE PREVALENTEMENTE ALL'ESTERO
Art. 26 l. n. 416/1981
Impresa

Testata

Coop. Edit. L'Italiano

ITALIANO

Prov. Padov. Frati Min.


Convent.

MESSAGGERO DI SANT'ANTONIO

Sogedi

Importo liquidato
2006

2007

2008

2009

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

0,00

0,00

157.287,69

98.454,01

220.334,15

219.367,53

150.000,00

100.000,00

945.443,38

19,54%

131.242,51

188.716,59

84.456,67

37.803,16

71.875,17

66.708,84

150.000,00

88.307,59

819.110,53

16,93%

AISE

80.619,38

64.078,72

47.069,79

23.548,01

54.880,48

53.597,92

150.000,00

98.882,27

572.676,57

11,83%

Sogedi

NOTIZIARIO FLASH

24.052,60

24.630,74

18.962,67

9.894,06

34.628,69

33.634,66

130.987,00

60.922,04

337.712,46

6,98%

Ass. Univ. Sant'Antonio Padova

SANTO DEI MIRACOLI

40.350,00

35.980,28

28.680,97

13.129,10

26.661,12

24.355,88

50.369,00

23.203,94

242.730,29

5,02%

Fondazione Migrantes

MIGRANTI - PRESS

23.728,47

24.922,45

19.870,85

9.991,02

18.663,83

18.298,94

32.369,00

15.829,96

163.674,52

3,38%

Ass. Trevisani nel Mondo

TREVISANI NEL MONDO

20.579,27

18.483,27

16.521,44

8.247,04

17.610,07

17.285,93

40.923,00

20.521,44

160.171,46

3,31%

Ass. Trentini nel Mondo

TRENTINI NEL MONDO

27.445,08

25.573,86

21.776,26

9.102,87

17.067,68

15.015,21

24.016,00

11.075,99

151.072,95

3,12%

Ass. Scalabriniana Onlus

SCALABRINIANI

15.005,13

16.901,87

17.090,05

8.712,46

19.718,17

19.103,01

33.739,00

18.160,51

148.430,20

3,07%

Erich Achmuller

HEIMAT UND WELT

28.739,96

29.159,20

21.335,73

10.270,19

19.968,94

18.448,87

0,00

18.285,47

146.208,36

3,02%

Fondazione Migrantes

SERVIZIO MIGRANTI

15.522,62

14.604,83

13.804,41

7.295,72

16.259,34

16.035,29

19.797,00

9.599,40

112.918,61

2,33%

Ass. Bellunesi nel Mondo

BELLUNESI NEL MONDO

30.142,04

0,00

22.132,01

0,00

0,00

15.419,69

24.618,00

11.615,82

103.927,56

2,15%

Centro Studi Emigrazione

STUDI EMIGRAZIONE

12.377,95

12.868,46

11.920,48

6.522,27

14.663,74

14.614,24

16.116,00

7.753,82

96.836,96

2,00%

Ass. Lucchesi nel Mondo

LUCCHESI NEL MONDO

11.835,19

12.771,56

10.795,48

5.799,94

14.185,04

13.910,28

13.258,00

9.489,65

92.045,14

1,90%

De Bartolomeis Francesco

VOCE DELL'EMIGRANTE

24.018,93

22.105,71

15.515,89

7.152,11

9.738,52

0,00

0,00

0,00

78.531,16

1,62%

Ass. Abruzzesi nel Mondo

ABRUZZO NEL MONDO

11.967,20

10.873,07

9.087,73

4.878,60

10.458,64

10.530,99

11.539,00

5.619,97

74.955,20

1,55%

Inform di Chiabrera G&C s.n.c.

INFORM

36.461,34

37.523,61

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

73.984,95

1,53%

Amici Casa Cult. "L. Repaci"

ITACA

0,00

0,00

0,00

5.544,11

12.243,10

12.616,45

21.020,00

9.647,96

61.071,62

1,26%

Ass. Polesani nel Mondo

POLESANI NEL MONDO

12.815,26

0,00

11.707,46

5.937,48

12.965,67

12.534,39

0,00

0,00

55.960,26

1,16%

Ass. Sicilia nel Mondo

SICILIA MONDO

14.452,05

14.681,19

12.865,45

6.943,52

0,00

0,00

0,00

0,00

48.942,21

1,01%

Inform Idf

INFORM - INFORMAZ. DEL


GIORNO

0,00

0,00

31.239,29

15.505,07

0,00

0,00

0,00

0,00

46.744,36

0,97%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
175

Impresa

Importo liquidato

Testata

2006

2007

2008

2009

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

Unione Emigrati Sloveni del


Friuli Venezia Giulia

EMIGRANT

9.754,40

0,00

0,00

0,00

8.829,73

8.856,43

11.020,00

5.407,39

43.867,95

0,91%

De Bartolomeis Francesco

ITALIAMONDO

8.515,07

9.194,19

7.803,75

4.180,35

9.372,02

0,00

0,00

0,00

39.065,38

0,81%

Imbrenda Angelo Maria

VOCE DI BUCCINO

7.375,62

7.938,14

7.160,05

3.874,55

0,00

0,00

10.248,00

0,00

36.596,36

0,76%

Istituto Italiano "F. Santi"

OLTREOCEANO

0,00

0,00

0,00

0,00

9.624,17

9.665,44

9.979,00

7.108,42

36.377,03

0,75%

Nove Colonne Soc. Coop. a R.L.

NOVE COLONNE A.T.G.

0,00

0,00

0,00

7.088,49

0,00

0,00

0,00

28.568,36

35.656,85

0,74%

Ass. Naz. Famiglie Emigrati

NOTIZIE FATTI PROBLEMI


DELL'EMIGRAZIONE

10.879,88

11.620,85

10.328,03

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

32.828,76

0,68%

Aic Inpal

UNIVERSO SICILIA

11.094,14

11.683,61

9.957,67

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

32.735,42

0,68%

Prov. Sacro Cuore Miss. Scalabr.

EMIGRATO

0,00

14.004,04

12.378,45

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

26.382,49

0,55%

U.S.E.F.

EMIGRAZIONE SICILIANA

10.774,17

11.432,03

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

0,00

22.206,20

0,46%

619.748,26

619.748,27

619.748,27

309.874,13

619.748,27

599.999,99

899.998,00

550.000,00

4.838.865,19

100,00%

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
176

APPENDICE 2
TABELLA 5 - CONTRIBUTI ALLEDITORIA SPECIALE PERIODICA
PER NON VEDENTI
(ART. 8, D.L. N. 442/1996, CONVERTITO DALLA L. N. 469/1996)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
177

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
178

App. 2 - Tabella 5
CONTRIBUTI ALL'EDITORIA SPECIALE PERIODICA PER NON VEDENTI

Impresa

Testata

Handy Sistems Cooperativa Sociale Onlus

VARI

Blu Societ Cooperativa Sociale

Art. 8 d.l. n. 442/1996, convertito dalla l. n. 469/1996


Importo liquidato
2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

246.338,81

242.285,55

244.083,50

257.988,41

268.938,54

1.259.634,81

25,19%

LA VOCE - BLU NOTIZIE

95.779,09

93.712,06

99.650,97

125.310,81

192.750,77

607.203,70

12,14%

Associazione Disabili Visivi Onlus

VARI

96.155,09

96.377,48

95.167,90

106.573,12

106.324,86

500.598,45

10,01%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Presidenza
Nazionale

VARI

96.439,53

93.936,02

88.233,11

96.009,81

89.372,11

463.990,58

9,28%

Lega Filo d'Oro - Onlus

TRILLI NELL'AZZURRO

69.035,84

79.191,90

77.552,13

81.604,38

75.637,25

383.021,50

7,66%

Collaborazione oer l'Integrazione e la


Produzione di Sussidi Alternativi - Soc.
Coop. Sociale - C.I.S.P.A. - Onlus

VARI

106.324,25

104.652,89

104.962,50

48.771,31

0,00

364.710,95

7,29%

Cooperativa Sociale senza Barriere Onlus

VARI

59.385,46

56.898,84

57.300,06

60.126,50

64.367,16

298.078,02

5,96%

Unione Nazionale Italiana Volontari


pro Ciechi U.N.I.NVO.C. - Onlus - Sez.
Prov.le Reggio Emilia

VARI

11.521,24

24.954,66

30.367,67

35.385,20

33.559,07

135.787,84

2,72%

Cooperativa Sociale Servizi Integrati Onlus

TIFLOAUTONOMIA TIFLOMEDIA

29.332,57

28.138,79

27.060,06

16.234,40

0,00

100.765,82

2,02%

Biblioteca Italiana per i Ciechi Regina


Margehrita - Onlus

VARI

15.059,13

14.752,61

14.617,31

14.067,66

14.813,20

73.309,91

1,47%

Associazione ciechi Ipovedenti


Retinopatici R.P. Sardegna

L'AURORA FENICOTTERI

8.698,26

9.539,71

9.554,99

19.026,23

20.871,61

67.690,80

1,35%

Associazione Italiana Ciechi di Guerra


Onlus

VARI

12.521,20

11.900,73

11.980,35

11.931,64

13.216,26

61.550,18

1,23%

Movimento Apostolico Ciechi - Onlus

LUCE E AMORE - CITTA'


CRISTIANA

11.445,54

11.811,68

11.600,32

12.108,44

12.766,29

59.732,27

1,19%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
179

Impresa

Testata

Importo liquidato
2010

2011

2012

2013

Totale

2014

Percentuale

Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza

VEDERE OLTRE PHONO MAGAZINE

11.735,27

11.897,35

11.779,69

9.550,68

10.383,41

55.346,40

1,11%

Agenzia Internazionale per la


Prevenzione della Cecit - Sez. Italiana
Onlus

OFTALMOLOGIA
SOCIALE

10.586,02

10.155,61

10.663,39

10.921,44

11.264,75

53.591,21

1,07%

Associazione Nazionale Privi della Vista


IL PONTE
e Ipovedenti - Onlus

9.898,64

10.292,73

10.245,39

11.486,81

11.011,59

52.935,16

1,06%

Associazione Culturale Homerus per


non Vedenti e Ipovedenti Onlus

PASSO PER PASSA PER


ROMA E PROVINCIA

9.433,54

10.765,50

11.142,14

9.728,75

10.570,79

51.640,72

1,03%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le Roma

AUTOGAZZETTINO - IL
PONENTINO

10.683,25

8.600,01

7.306,89

14.153,09

7.804,35

48.547,59

0,97%

Associazione Nazionale Subvedenti Onlus

IL SUBVEDENTE

9.090,49

9.339,27

9.359,50

9.782,55

10.652,99

48.224,80

0,96%

Retina Italia - Onlus

LUMEN

9.004,62

9.230,01

9.311,29

9.701,53

10.666,07

47.913,52

0,96%

Associazione Pro Retina e Ipovisione


APRI - Onlus

OCCHI APERTI

8.910,60

9.159,36

9.057,70

9.476,38

10.371,83

46.975,87

0,94%

Associazione dei Retinopatici ed


Ipovedenti Siciliani - A.R.I.S.

IPOVISIONE

9.015,63

9.016,59

8.938,87

9.348,69

10.207,99

46.527,77

0,93%

Associazione Italiana Ciechi


Esperantisti - I.A.B.E.

ITALIA LIGILO SUPPLEMENTO

0,00

9.180,69

9.345,15

10.327,04

10.723,61

39.576,49

0,79%

Istituto per la Ricerca, la Formazione e


la Riabilitazione - I.RI.FO.R. - Onlus

OLTRE IL CONFINE

9.791,21

9.261,67

9.366,62

0,00

0,00

28.419,50

0,57%

Unione Nazionale Italiana Volontari


pro Ciechi U.N.I.NVO.C. - Onlus Presidenza Nazionale

RECIPROCAMENTE
INSIEME

8.806,48

9.143,35

9.149,40

0,00

0,00

27.099,23

0,54%

Stamperia Regionale Braille - Onlus

VARI

0,00

6.396,87

6.248,59

4.671,90

1.640,82

18.958,18

0,38%

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
180

Impresa

Importo liquidato

Testata

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le Chieti

AUDIOPRESS

Editoriale Blu s.r.l.


Istituto Serafico per Sordomuti e Ciechi
di Assisi

2010

2011

2012

2013

Totale

2014

Percentuale

3.673,57

3.564,42

3.553,89

3.460,06

0,00

14.251,94

0,29%

VARI

12.081,00

0,00

0,00

0,00

0,00

12.081,00

0,24%

VARI

12.012,46

0,00

0,00

0,00

0,00

12.012,46

0,24%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


LA NOSTRA VOCE Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le Reggio
SUPPLEMENTO
Emilia

2.276,46

1.980,94

1.844,88

2.253,16

2.084,68

10.440,12

0,21%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le Pavia

CAMMINANDO INSIEME

2.235,48

2.197,10

555,74

0,00

0,00

4.988,32

0,10%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le
Padova

ONDE CORTE SUPPLEMENTO

1.750,34

1.664,72

0,00

0,00

0,00

3.415,06

0,07%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le
Agrigento

VARI

638,07

0,00

0,00

0,00

0,00

638,07

0,01%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le
Novara

VARI

210,50

0,00

0,00

0,00

0,00

210,50

0,00%

Unione Italiana dei Ciechi e degli


Ipovedenti - Onlus - Sez. Prov.le
Frosinone

VARI

129,35

0,00

0,00

0,00

0,00

129,35

0,00%

999.998,99

999.999,11

1.000.000,00

999.999,99

1.000.000,00

4.999.998,09

100,00%

Totale
Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
181

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
182

APPENDICE 3
TABELLA 7 - CONTRIBUTI ALLE EMITTENTI RADIOFONICHE
ORGANI DI PARTITI POLITICI
(ART. 4, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
183

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
184

App. 3 - Tabella 7
CONTRIBUTI ALLE EMITTENTI RADIOFONICHE ORGANI DI PARTITI POLITICI
Art. 4 l. n. 250/1990
Impresa

Importo liquidato

Testata

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

Totale

Percentuale

Centro di
riproduzione
s.p.a.

RADIO
RADICALE

4.153.452,00

4.153.629,44

4.131.655,20

4.131.655,20

4.000.000,00

4.000.000,00

0,00

0,00

24.570.391,84

40,15%

Ecomedia s.p.a.

ECORADIO

3.871.980,43

3.943.449,49

3.871.499,59

3.001.133,29

1.825.830,13

828.190,70

597.372,39

0,00

17.939.456,02

29,31%

Roma Citt
Futura SCPA

RADIO CITTA'
FUTURA

2.635.807,67

2.602.799,22

2.521.982,28

2.085.345,74

1.404.958,22

856.700,52

339.331,09

530.965,78

12.446.924,74

20,34%

TR.AD. s.a.s. di
Ghizzo Roberto

VENETO UNO

593.662,54

587.226,96

496.617,84

503.349,87

395.024,41

268.998,78

0,00

218.959,68

2.844.880,40

4,65%

Galileo SCRL

RADIO GALILEO

459.600,61

527.025,02

499.566,02

412.456,82

319.030,93

222.075,09

77.083,03

175.356,57

2.516.837,52

4,11%

Radio Onda
Verde s.r.l.

RADIO ONDA
VERDE

235.693,96

240.004,81

208.513,81

166.473,11

0,00

0,00

32.173,67

32.173,67

882.859,36

1,44%

11.950.197,21

12.054.134,94

11.729.834,74

10.300.414,03

7.944.843,69

6.175.965,09

1.045.960,18

957.455,70

61.201.349,88

100,00%

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
185

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
186

APPENDICE 3-BIS
TABELLA 7 - CONTRIBUTI ALLE IMPRESE TELEVISIVE
ORGANI DI PARTITI POLITICI
(ART. 7, C. 13, L. N. 112/2004)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
187

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
188

App. 3-bis - Tabella 7


CONTRIBUTI ALLE IMPRESE TELEVISIVE ORGANI DI PARTITI POLITICI
Art. 7, c. 13, l. n. 112/2004
Importo liquidato
Impresa

Testata

Totale
2005

Nessuno TV s.p.a.

NESSUNO TV

Informazione Libera
s.r.l.

LIBERA
Totale

2007

2008

Percentuale

2009

3.836.865,00 4.149.655,19 4.149.655,20 4.126.331,58

12.425.641,97

63,66%

702.990,12 2.463.205,42 2.508.738,14 2.121.639,85

7.093.583,41

36,34%

4.539.855,12 6.612.860,61 6.658.393,34 6.247.971,43

19.519.225,38

100,00%

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
189

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
190

APPENDICE 3-TER
TABELLA 7 - CONTRIBUTI PER CANALI SATELLITARI TEMATICI
(ART. 7, C. 13, L. N. 112/2004)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
191

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
192

App. 3-ter - Tabella 7


CONTRIBUTI PER CANALI SATELLITARI TEMATICI
Art. 7, c. 13, l. n. 112/2004
Importo liquidato
Impresa

Testata

Percentuale
2007

Ulisse s.r.l.

NESSUNO TV

3.594.846,30

62,75%

Informazione Libera s.r.l.

LIBERA

2.133.874,86

37,25%

5.728.721,16

100,00%

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
193

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
194

APPENDICE 3-QUATER
TABELLA 7 - CONTRIBUTI EROGATI ALLE EMITTENTI RADIOFONICHE
CHE TRASMETTONO IN LINGUA TEDESCA LIQUIDATI
(ART. 3, C. 2-TER, L. N. 250/1990)

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
195

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
196

App. 3-quater - Tabella 7

Contributi erogati alle emittenti radiofoniche che trasmettono in lingua tedesca liquidati
Art. 3, c. 2-ter, l. n. 250/1990

Impresa

Testata

Associazione Sudtiroler Glaubensmissionswerk

ERF SUDTIROL

Associazione Radio Mario Sudtirol

RADIO MARIA

On Air s.r.l.

SUDTIROL 1

R.T.T. Radio Television Tirol s.r.l.

R.T.T. RADIO TELEVISION TIROL

Radio C/104 s.r.l.

DIE ANTENNE

Tele Radio Val Venosta s.r.l.

Importo liquidato
2008

2007

Totale

2009

Percentuale

312.450,27

241.776,45

241.776,45

796.003,17

16,37%

237.295,19

263.888,70

263.888,70

765.072,59

15,74%

239.228,19

216.120,27

216.120,27

671.468,73

13,81%

155.722,55

167.526,96

147.872,17

471.121,68

9,69%

147.371,99

143.230,30

143.230,30

433.832,59

8,92%

TELE RADIO VAL VENOSTA

140.525,53

131.056,82

90.784,79

362.367,14

7,45%

Radio Holiday s.r.l.

RADIO HOLIDAY

143.836,34

121.480,28

90.784,79

356.101,41

7,32%

Sudtiroler Rundfunk s.r.l.

HEIBER DRAHT ZUM WELTGESCHEHEN MIT


DIREKTEM DRAHT ZU SUDTIROL

119.536,78

91.937,35

81.270,23

292.744,36

6,02%

Radio Sonnenschein s.a.s.

RADIO SONNENSCHEIN

94.485,09

77.763,79

77.763,79

250.012,67

5,14%

Radio Sudtirol s.r.l.

SUDTIROL AKTUELL

72.216,92

85.724,73

83.648,87

241.590,52

4,97%

Radio Nord snc

RADIO NORD

77.783,96

70.340,32

62.241,10

210.365,38

4,33%

Radio 2000 s.r.l.

RADIO 2000

0,00

0,00

5.197,17

5.197,17

0,11%

Stadtradio s.r.l.

RADIO 2000 SENDER BOZEN

0,00

0,00

3.144,37

3.144,37

0,06%

Mediacenter Sudtirol MCS s.r.l.

RADIO 2000 EDELWEISS

0,00

0,00

3.144,37

3.144,37

0,06%

1.740.452,81

1.610.845,97

1.510.867,37

4.862.166,15

100,00%

Totale

Fonte: elaborazione Corte conti su dati forniti dal Dipartimento delleditoria.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
197

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
198

APPENDICE 4
RISULTATI DEGLI ACCERTAMENTI DERIVANTI DA INDAGINI GIUDIZIARIE
E DAI CONTROLLI SVOLTI DALLA GUARDIA DI FINANZA

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
199

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
200

App. 4
RISULTATI DEGLI ACCERTAMENTI DERIVANTI DA INDAGINI GIUDIZIARIE E DAI CONTROLLI SVOLTI DALLA GUARDIA DI FINANZA

TESTATA

IMPRESA

ANNUALITA DI
CONTRIBUTO OGGETTO
DEGLI ACCERTAMENTI

ANNULLAMENTO DEI
CONTRIBUTI EROGATI
NELLE ANNUALITA
OGGETTO DI
ACCERTAMENTO

IMPORTI REVOCATI PER I


QUALI E STATO DATO
MANDATO ALLAVVOCATURA
GENERALE DELLO STATO PER
IL RECUPERO DELLE SOMME

AVANTI

International Press Scarl

Dal 1998
al 2009

Decreto in data
11/05/2012

22.605.391,25

FORUM ITALIA

Forum Italia
Edizioni s.c.a.r.l.

Dal 2008
al 2010

Decreto in data
06/09/2013

897.322,48

LINEA

Linea Soc.Coop.A.R.L.

Dal 2006
al 2008

Decreto in data
27/07/2012

6.839.678,22

NUOVO
RIFORMISTA
(IL)

Edizioni Riformiste
Soc. Coop.

Dal 2006
al 2007

Decreti in data
28/06/2011
e 27/07/2012

4.908.406,18

OFFICINA

Officina Coop.

Dal 2006
al 2008

Decreto in data
27/07/2012

1.433.487,70

OPINIONI
NUOVE LIBERO
QUOTIDIANO

Editoriale Libero
S.r.l.

Dal 2006
al 2007

Decreti in data
28/06/2011
e 27/07/2012

15.117.891,64

PAGINA (LA)

Diffusione
Campania Scarl

Dal 2007
al 2010

Decreto in data
28/06/2013

361.460,41

PROVINCIA
QUOTIDIANO
(LA)

Effe Cooperativa
Editoriale S.p.a.

Dal 2008
al 2012

Decreto in data
06/08/2013

5.491.495,31

PUGLIA

Soc,Coop Editrice A.r.l.

Dal 2006
al 2009

Decreto in data
28/06/2013

1.509.978,93

RINASCITA

Rinascita
Soc. Coop. Editrice
a.r.l.

2009

Decreto in data
06/08/2013

807.046,43

RISK

Filadelfia Piccola Coop. Di


giornalisti

Dal 2008
al 2011

Decreto in data
16/07/2013

1.235.220,98

Decreto revocato
per archiviazione
del procedimento
penale

ROMA

Edizioni del Roma


Soc.Coop. A.r.l.

2008

Decreto in data
24/10/2011

2.429.413,26

Pendente

TEMPI

Informazione indipendente
Soc. Coop.

Dal 2008
al 2012

Decreto in data
28/06/2013

710.555,74

STATO DEI
CONTENZIOSI

Pendente

Pendente

Pendente

Pendente

TOTALE CONTRIBUTI REVOCATI* 63.112.127,55


* Il totale non comprende limporto relativo alla testata Risk.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
201

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
202

Data la complessit del quadro ora descritto, si ritiene utile aggiungere una sorta di
descrizione sinottica delle materie come illustrate nella seguente tabella.

QUADRO SINOTTICO NORMATIVO

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
203

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
204

CONTRIBUTI DIRETTI ALLA STAMPA (S.C)


Soggetti e criteri di calcolo (2006/2010)
Soggetti

legge 05.08.1981, n. 416

Art. 22
Imprese editrici di contributo variabile
quotidiani
sul prezzo della carta per
scaglioni tiratura media
giornaliera

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

D.L. 30.12.2009 n. 194


Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223

Art. 8 (i contributi di cui Art. 3, co. 2 (contribuiti di


allart. 22 legge n. 416/1981
cui ai co. 8 e 11 non
sono prorogati fino al possono superare il 50%
31.12.1987)
dei costi complessivi
variabile per scaglioni
inclusi ammortamenti
tiratura media giornaliera
risultanti dal bilancio
imprese che si sono
costituite come
cooperative
giornalistiche)

Art. 22
Art. 9, co 5
contributo variabile + 15% fisso annuo: 30% media dei
per la definizione vedi costi da bilanci ultimi due
anche art. 52*
esercizi, inclusi gli
ammortamenti per un tetto
non superiore a 1,500 mld.
variabile: per
tiratura media

Periodici

legge 07.08.1990 n. 250

Art. 3, co 2 e co 8
fisso: 30% costi
complessivi inclusi
ammortamenti, risultanti
dai bilanci degli ultimi
due esercizi

scaglioni variabile per scaglioni di


tiratura media giornaliera

Art. 3, co. 1: fisso annuo 50% costi da bilancio


inclusi ammortamento con tetto a 2 milioni di euro
+ variabile per copie distribuite con tetto a 50
milioni di copie annue e con limite al 60% dei costi
Art. 21 abrogazione del comma 2 dellart. 3 legge n.
250/1990, limitatamente alle parole: il cui
ammontare non pu comunque superare il 50% dei
costi complessivi, compresi gli ammortamenti,
risultanti dal bilancio dellimpresa stessa.
art. 21 abrogazione della lettera e) del comma 2,
dellart. 3 legge n. 250/1990
la testata edita abbia diffusione formalmente
certificata pari ad almeno il 25% della tiratura
complessiva per le testate nazionali e ad almeno il
40% per quelle locali. Per diffusione si intende
linsieme delle vendite e degli abbonamenti e per
testata locale quella cui almeno l80% della
diffusione complessiva concentrata in una sola
regione. Abrogazione del comma 8 dellart. 3 della
legge n. 250/1990.

Art. 24
imprese editrici
contributo sul prezzo della
carta variabile per
quantitativi di carta
utilizzati

* Cooperative nel settore giornalistico: Ai fini della presente legge si intendono per cooperative giornalistiche anche quelle che entro il 31.12.1980 risultano gi costituite tra giornalisti e poligrafici nonch le
cooperative femminili aderenti alle associazioni nazionali di rappresentanza del movimento cooperativo anche se costituite da non giornalisti professionisti, editrici di giornali regolarmente registrati presso la Cancelleria
del tribunale entro la stessa data.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
205

Soggetti
Periodici editi da
cooperative di
giornalisti

Quotidiani imprese
con
maggioranza
capitale detenuta da
cooperative,
fondazioni o enti
morali

legge 05.08.1981, n. 416


Art. 24
cooperative giornalistiche;
variabile + 15%

legge 25.02.1987, n. 67
Art. 9, co 8
fisso annuo: 30% della
media dei costi risultanti
dai bilanci ultimi due
esercizi,
inclusi
ammortamenti, tetto a 300
milioni
variabile come i quotidiani
ma
proporzionalmente
ridotto
+ altro contributo fisso di
200 milioni per tiratura
media superiore a 10.000
copie

legge 07.08.1990 n. 250


Art. 3, co 2 quater e co 8
fisso: 30% costi
complessivi inclusi
ammortamenti, risultanti
dai bilanci degli ultimi
due esercizi
variabile: per copie
distribuite

art. 3, co 3
corresponsione di L. 200
per copia stampata fino a
40 mila copie di tiratura
media,
indipendentemente
dal
numero delle testate
Art. 3, co 2-bis e 8
fisso: 30% costi
complessivi inclusi
ammortamenti, risultanti
dai bilanci degli ultimi
due esercizi
variabile
distribuite

Periodici
imprese
con
maggioranza
capitale detenuta da
cooperative,
fondazioni o enti
morali

per

copie

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

D.L. 30.12.2009 n. 194


Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 3, co. 1: fisso annuo 50% costi da
bilancio inclusi ammortamento con tetto a 2
milioni di euro + variabile per copie
distribuite con tetto a 50 milioni di copie
annue e con limite al 60% dei costi
Art. 21 abrogazione del comma 2-quater
dellart. 3 della legge n. 250/1990,
limitatamente alle parole da: ivi comprese
fino alle seguenti: dal comma 11.
Abrogazione del comma 8 dellart. 3 della
legge n. 250/1990.

Art. 3, co. 1: fisso annuo 50% costi da


bilancio inclusi ammortamento con tetto a 2
milioni di euro + variabile per copie
distribuite con tetto a 50 milioni di copie
annue e con limite al 60% dei costi
Art. 21 abrogazione del comma 2-bis ,
dellart. 3, della legge n. 250/1990,
limitatamente alle parole e in misura
comunque non superiore al 50% dei costi
complessivi, compresi gli ammortamenti,
risultanti dal bilancio dellimpresa stessa.
Abrogazione del comma 8 dellart. 3 della
legge n. 250/1990.

Art. 3, co 3
corresponsione di L. 200
per copia stampata fino a
40 mila copie di tiratura
media,
indipendentemente
dal
numero delle testate

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
206

Soggetti

Quotidiani
minoranze
linguistiche

legge 05.08.1981, n.
416
**Art. 22
variabile + 15% sul
prezzo della carta, per
scaglioni
copie
distribuite
media
giornaliera

legge 25.02.1987, n. 67

Art. 8 co 7
variabile + 15%

legge 07.08.1990 n.
250

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

Art. 3, co 2-ter
fisso: 50% costi
complessivi inclusi
ammortamenti,
risultanti dai bilanci
degli ultimi due
esercizi
variabile per
distribuite

copie

Periodici
minoranze
linguistiche

D.L. 30.12.2009 n. 194


Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 3, co. 2: importo fisso annuo al 30% dal
bilancio, inclusi gli ammortamenti, non
superiore a 1 milione di euro + variabile nella
misura di 0,09 per ogni copia distribuita
fino ad un massimo di 50 milioni di copie
annue
Art. 21 abrogazione del primo periodo del
comma 2-ter dellart. 3 della legge n.
250/1990, limitatamente alle parole con
esclusione di quelli previsti dal comma 11, e
in misura, comunque, non superiore, al 50%
dei costi complessivi, compresi gli
ammortamenti, risultanti dal bilancio
dellimpresa stessa.
Abrogazione del secondo periodo del comma
2-ter, limitatamente alle parole e 11 e in
misura, comunque, non superiore al 50% dei
costi
complessivi,
compresi
gli
ammortamenti, risultanti dal bilancio
dellimpresa stessa.
Abrogazione del comma 8 dellart. 3 della
legge n. 250/1990.
Art. 3, co. 2: importo fisso annuo al 30% dal
bilancio, inclusi gli ammortamenti, non
superiore a 300.000 euro + variabile nella
misura di 0,20 per ogni copia distribuita
fino ad un massimo di 50 milioni di copie
annue

** Per i giornali di lingua italiana editi parzialmente in lingua francese, ladina, slovena e tedesca nelle regioni autonome Valle dAosta, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, laumento del contributo limitato
alla parte del giornale pubblicata nella lingua non italiana.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
207

Soggetti

legge 05.08.1981, n. 416

Art. 26
giornali riviste
Quotidiani italiani (criteri e modalit per la
pubblicati allestero concessione sono definiti nel
D.P.R. n. 48/1983)
2 mld annui

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

leggi varie

per

copie

Art. 3, co 2
Contributo pari al 50%
costi annui (Paesi diversi
da quelli membri della
UE)

D.P.R. 25.11.2010 n. 223

Abolizione dei
contributi (per il
2010)

Periodici editi dalle


associazioni
consumatori e
utenti
Editoria periodica
per
non vedenti

D.L. 30.12.2009 n.
194
Art. 10-sexies

Art. 3, co. 1: fisso annuo 50% costi da


bilancio inclusi ammortamento con tetto a 2
Riduzione del 50% dei milioni di euro + variabile per copie
contributi (per il distribuite con tetto a 50 milioni di copie
2010)
annue e con limite al 60% dei costi
Art. 21 abrogazione del primo periodo del
comma 2-ter dellart. 3 della legge n.
250/1990, limitatamente alle parole con
esclusione di quelli previsti dal comma 11, e
in misura, comunque, non superiore, al 50%
dei costi complessivi, compresi gli
ammortamenti, risultanti dal bilancio
dellimpresa stessa.
Abrogazione del secondo periodo del comma
2-ter, limitatamente alle parole e 11 e in
misura, comunque, non superiore al 50% dei
costi
complessivi,
compresi
gli
ammortamenti, risultanti dal bilancio
dellimpresa stessa.
Abrogazione del comma 8 dellart. 3 della
legge n. 250/1990.

Art. 3, co 2 ter
fisso:
50%
costi
Art. 3, co 1
complessivi
inclusi Limporto di 2 mld di cui
ammortamenti, risultanti allart. 26, l. n. 416/1981
dal bilancio dellimpresa aumentato a 4 mld
stessa
variabile
distribuite

Quotidiani
teletrasmessi
allestero

legge 07.03.2001 n. 62

Riduzione del 50% dei


contributi (per il
2010)
Art. 8 D.L. n.
542/1996
Contributo annuo di
L 1.000 milioni per il
1994 e di L. 950
milioni per il 1995

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
208

Soggetti

legge 05.08.1981, n. 416


.

***Quotidiani o
periodici organi
partiti politici

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

Art. 9, co 6
fisso annuo: 30% della
media dei costi risultanti
dai bilanci ultimi due
esercizi,
inclusi
ammortamenti,
non
superiore a 1.500 mld, per i
quotidiani e 300 milioni per
i periodici

Art. 3, co 10
Fisso annuo: 40% della
media dei costi risultanti
dai bilanci degli ultimi due
esercizi,
inclusi
gli
ammortamenti, e non
superiore a 2.500 mld per i
quotidiani e 600 milioni
per i periodici

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

D.L. 30.12.2009 n.
194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 3, co. 3
Contributo fisso annuo 40% dei costi dal
bilancio inclusi gli ammortamenti non
superiore a 1.290.000 euro + variabile
secondo scaglioni copie di tiratura media
giornaliera (quotidiani)
Art. 3, co. 3
Contributo fisso annuo 40% dei costi dal
bilancio inclusi gli ammortamenti non
superiore a 310.000 euro + variabile secondo
scaglioni copie di tiratura media (periodici)

variabile: per scaglioni di variabile per scaglioni di


tiratura media secondo art. tiratura media giornaliera
9, co. 5

Art. 21 abrogazione del comma 10 dellart. 3


della legge n. 250/1990.
art. 3, co 11
contributi
integrativi
annui con decorrenza
1991, pari al 50% di quelli
previsti al comma 10, ove
le entrate pubblicitarie
risultino inferiori al 30%
dei
costi
annuali
desercizio, compresi gli
ammortamenti;
contributo raddoppiato ai
sensi dellart. 2, legge n.
278/1991
Emittenti
televisive
locali

Art. 21 abrogazione del comma 11 della legge


n. 250/1990.

Art. 21 abrogazione del comma 1 dellart. 2


della legge n. 278/1991, limitatamente alle
parole: dallart. 3, comma 11, e.
Abolizione dei rimborsi
per spese sostenute per
lacquisto dei servizi di
agenzie di stampa e
informazione + consumi
elettrici e abbonamenti a
servizi satellitari

*** Ai sensi dellart. 153, c. 2, l. 23 dicembre 2000, n. 388 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello stato (legge finanziaria 2001) la normativa di cui allart. 3, c. 10, l. n. 250/1990 si
applica esclusivamente alle imprese editrici di quotidiani e periodici, anche telematici, che, risultino essere organi o giornali di forze politiche che abbiano il proprio gruppo parlamentare in una delle Camere o
rappresentanze nel Parlamento europeo o siano espressione di minoranze linguistiche riconosciute, avendo almeno un rappresentante in un ramo del Parlamento italiano nellanno di riferimento dei contributi.
Il requisito della rappresentanza parlamentare di cui al sopra citato art. 153, non richiesto per le imprese e per le testate di quotidiani o periodici che risultano essere giornali od organi di partiti politici, che alla data
del 31 dicembre 2005 abbiano gi maturato il diritto ai contributi di cui allart. 3, c. 10, l. n. 250/1990.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
209

Soggetti

Emittenti
radiofoniche e
canali tematici
satellitari organi di
partiti politici

legge 05.08.1981, n. 416

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

Art. 11, co 2
Contributo annuo fisso pari
al 70% della media dei costi
da bilanci degli ultimi due
esercizi,
inclusi
gli
ammortamenti
e
non
superiore a due miliardi

Art. 4, co 1
Fisso annuo: 70% della media
dei costi risultanti dai bilanci
degli ultimi due esercizi,
inclusi gli ammortamenti, e
non superiore a 4 mld
Art. 4, co 2
Ove entrate pubblicitarie
siano inferiori al 25% dei
costi annuali, dallanno 1991,
concessione di
ulteriore
contributo integrativo pari al
50% di quello di cui al
comma 1;
contributo raddoppiato ai
sensi dellart. 2, legge n.
278/1991. La somma di tutti i
contributi non pu superare
l80% dei costi come
determinati al comma 1.

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie
Art. 7 co 13 legge
3 maggio 2004, n. 112
laccesso
alle
provvidenze di cui agli
articoli 11 legge n.
67/1987 e 4 e 8 legge n.
250/1990, previsto
anche per i canali
tematici
autorizzati
alla diffusione via
satellite, con esclusione
di quelli ad accesso
condizionato.
Art. 1247 legge 27
dicembre 2006 n. 296 ha
prescritto
che
destinatari
di
tali
contributi
siano
esclusivamente
le
imprese radiofoniche
organi di forze politiche
con
gruppo
parlamentare in una
delle
camere
o
rappresentanze
nel
Parlamento Europeo o
che abbiano percepito
contributi come radio
di interesse generale ai
sensi della legge 7
agosto 1990 n. 230. In
via
transitoria,
il
contributo concesso
anche alle imprese che
lo abbiano maturato al
31 dicembre 2005.

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 21 abrogazione del comma 13 dellart. 7
della legge n. 112/2004

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
210

Soggetti

Agenzie di stampa
nazionali

legge 05.08.1981, n. 416

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223

****Art. 27
Art. 16
Art. 11
4 mld annui
Per il biennio decorrente Definizione delle agenzie di
se in possesso dei requisiti dal 1 gennaio 1986 stampa e di informazione
da almeno 3 anni
prevista la corresponsione radiofonica nazionale
dellimporto complessivo di
500 milioni
4.800mld annui. In tale
se prive dei requisiti
somma una quota pari a
500 milioni annui
riservata per il biennio
considerato, alle agenzie di
stampa sprovviste dei
requisiti di cui allart. 27
legge n. 416/1981.
Contributi indiretti
Tipologie e criteri di calcolo (2006/2010)

Tipologie

legge 05.08.1981, n. 416

Fondo
Art. 29
contributi
in Programmi
ammessi
conto interessi
finanziamento agevolato

legge 25.02.1987, n. 67
al

Art. 30 (agevolazioni non superiori


al 70% (o 80% per le cooperative),
Agevolazioni di del complesso delle spese previste
credito in conto per la realizzazione delle opere a
interessi per
imprese editrici di quotidiani, di
progetti di
periodici, di libri, alle agenzie
ristrutturazione nazionali di stampa di cui allart.
tecnico27, con precedenza a quelle
produttiva, a
costituite in forma cooperativa)
seguito di bando Limite massimo 10 mld per
di gara
ciascuna operazione; durata
massima dei finanziamenti 10
anni.*
Vedi anche art. 34 mutui agevolati
alleditoria libraria per opere di
elevato valore culturale

legge 07.08.1990 n.
250

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223

Quotidiani e periodici in forma


cooperativa emittenti radiofoniche
organi di partiti politici
art. 12
concessione mutui agevolati della
durata ventennale, per estinzione
debiti da bilancio al 31.12.1986

Art. 5
Le disposizioni di cui
agli artt. 29, 30, 31,
32 e 33 legge n.
416/1981,
sono
Art. 20
Le disposizioni di cui agli artt. 29, prorogate per il
30, 31, 32 e 33 legge n. 416/1981, quinquennio
sono prorogate per il quinquennio 1991/1995
1986/1990 e si applicano alle imprese
editrici di quotidiani, periodici e alle
agenzie nazionali di stampa, anche
in relazione alle spese per
lutilizzazione dei servizi dei satelliti
per telecomunicazioni.

Art. 5
Istituzione presso la Presidenza del
Consiglio -Die del fondo per le
agevolazioni di credito alle imprese
del settore editoriale, finalizzato
alla concessione di contributi in
conto interessi su finanziamenti
della durata massima di dieci anni
Art. 6 (procedura automatica)
Art. 7 (procedura valutativa)
Art. 8 (credito di imposta)
3% del costo sostenuto

Art. 21 abrogazione dei commi


3, 8, 10, 14, e 15 dellart. 5 e gli
artt. 6 e 7 della legge n. 62/2001.

* Art. 33 Fondo Centrale Garanzia presso Presidenza del Consiglio dei ministri - DG editoria fino a 1,5 miliardi di lire.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
211

Tipologie

legge 05.08.1981, n. 416

*Provvidenze per
emittenti
radiofoniche
nazionali e locali

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

Art. 11
Riduzioni tariffarie vedi
contributi indiretti
Art. 12
concessione
mutui
agevolati della durata
ventennale, per estinzione
debiti da bilancio al
31.12.1986

Art. 8
Riduzioni tariffarie con
decorrenza 1 gennaio 1991 di
cui allart. 28 della legge n.
416/1981, applicate anche ai
consumi di energia, nonch
rimborso dell80% delle spese
per abbonamento ai servizi di
due agenzie di informazione a
diffusione
nazionale
o
regionale, in favore delle
imprese di radiodiffusione
sonora a carattere locale
Art. 10 r
Per lapplicazione degli artt.
29, 30, 31, 32, e 33 della legge
n. 416/1981, in materia di
agevolazioni di credito, le
emittenti di radiodiffusione
sonora, sono equiparate alle
imprese di quotidiani

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie
Art. 7 co 13 legge
3 maggio 2004, n. 112
laccesso
alle
provvidenze di cui agli
articoli 11 legge n.
67/1987 e 4 e 8 legge n.
250/1990, previsto
anche per i canali
tematici autorizzati alla
diffusione via satellite,
con esclusione di quelli
ad accesso condizionato.

D.L. 30.12.2009
n. 194
D.P.R. 25.11.2010 n. 223
Art. 10-sexies
Abolizione dei Art. 21 abrogazione del comma 13 dellart. 7
rimborsi
per della legge n. 112/2004
spese sostenute
per lacquisto dei
servizi di agenzie
di stampa e
informazione

Art. 28, co 1 (riduzioni


tariffe telefoniche,
Riduzioni tariffarie telegrafiche, postali e dei
telefoniche,
trasporti pari al 50% in
telegrafiche, postali favore delle imprese editrici
e dei trasporti
di quotidiani, di periodici e
agenzie di stampa iscritte
nel registro nazionale della
stampa di cui allart. 11
Art. 28, co 3
Riduzioni tariffe estese al
servizio spedizione rese
* Per imprese radiofoniche di informazione si intendono ai sensi dellart. 11, c. 1, l. n. 67/1987, le imprese che abbiano registrato la testata radiofonica giornalistica presso il competente tribunale e che trasmettano
quotidianamente propri programmi informativi su avvenimenti politici, religiosi, economici, sociali, sindacali o letterali, per non meno del 25 per cento delle ore di trasmissione comprese tra le ore 7.00 e le ore 20.00.
Relativamente alle emittenti radiofoniche organi di partiti politici alle quali, come da prospetto, viene corrisposto un contributo non superiore all80 per cento della media dei costi risultanti dai bilanci degli ultimi
due esercizi, e comunque non superiore ai 4 milioni di euro, si precisa che tale contributo, fino al 2009 stato esteso anche ai canali televisivi satellitari monotematici non criptati, organi di un partito politico
rappresentato in almeno un ramo del Parlamento.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
212

Tipologie

legge 05.08.1981, n. 416

**Tariffe postali
agevolate per la
spedizione di
prodotti editoriali
Imprese editrici di
quotidiani
e
periodici iscritte al
RNS

Art. 28, co 2
Riduzione della tariffa
ordinaria delle stampe
periodiche spedite in
abbonamento postale,
praticata dal Ministro delle
poste e delle
telecomunicazioni

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie
La disciplina delle
tariffe postali agevolate
per i prodotti editoriali
ora contenuta nel D.L.
24 dicembre 2003, n. 353
Art. 1, co 2 e co. 3 D.L.
n. 353/2003
(determinazione delle
tariffe con decreto del
Ministrio delle
comunicazioni di
concerto con il MEF).
Art. 3 D.L. n. 353/2003
Art. 56, co 4 l. n.
99/2009
Art 2, co 63 l. n.
191/2009
Art. 2, co 135 D.L. n.
262/2006
Dec MISE-MEF
30.03.2010
Art. 2-undecies D.L. n.
40/2010
Art. 2, co 1-bis D.L. n.
125/2010
Dec MISE-MEF
21.10.2010

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 21 abrogazione dellart. 1, comma 3-bis
del D.L n. 353/2003
(termini domande)

** Lart. 3 del d.l. 24 dicembre 2003, n. 353 recante: Disposizioni urgenti in materia di tariffe postali agevolate per i prodotti editoriali prevede che il rimborso delle compensazioni in favore della societ Poste italiane s.p.a.,
sia effettuato dal Dipartimento per linformazione e leditoria, nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi capitoli del bilancio autonomo della Presidenza. Al Ministro delle comunicazioni ora Mise, compete la determinazione
con decreto delle procedure per lo svolgimento del monitoraggio sullandamento degli oneri, ai fini del rispetto del limite di spesa. Dalla relazione del Dipartimento allegata alla documentazione, emerso che oltre al
monitoraggio il Mise tenuto altres a stabilire lammontare delle tariffe agevolate, mentre il controllo sulla legittimazione dei soggetti richiedenti ricade su Poste s.p.a.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
213

Tipologie

legge 05.08.1981, n. 416

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

leggi varie

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223

La disciplina delle tariffe


postali agevolate per i
prodotti editoriali ora
contenuta nel D.L. 24
dicembre 2003, n. 353 Art.
1, co. 2 e co. 3
(determinazione delle
tariffe co decreto del
Ministrio delle
comunicazioni di concerto
con il MEF). Art. 3 D.L. n.
353/2003
Art. 56, co 4 l. n. 99/2009
Art 2, co 63 l. n. 191/2009
Art. 2, co 135 D.L. n.
262/2006
Dec MISE-MEF 30.03.2010
Art. 2-undecies D.L. n.
40/2010
Art. 2, co 1-bis D.L. n.
125/2010
Dec MISE-MEF 21.10.2010

**Tariffe postali
agevolate no profit

Riduzioni tariffarie
per emittenti
radiofoniche

legge 07.03.2001 n. 62

Art. 28
[(riduzioni tariffe
telefoniche, telegrafiche,
postali e dei trasporti pari
al 50% in favore delle
imprese editrici di
quotidiani, di periodici e
agenzie di stampa iscritte
nel registro nazionale della
stampa di cui allart. 11) ]
Cfr. art. 11 l. 67/1987

Art. 11
Riduzioni di cui allart. 28,
legge n. 416/1981 +
elettricit, canoni noleggio
e abbonamento ai servizi di
telecomunicazione,
compresi i sistemi via
satellite.
Rimborsi dell80% per
spese di abbonamento ai
servizi di tre agenzie di
informazione a diffusione
nazionale o regionale

Art. 8
Per imprese radiofoniche a
carattere locale riduzioni
tariffarie art. 28 l. 67/1987 +
rimborso dell80%
abbonamento servizi due
agenzie nazionali e regionali

Abolizione dei Art. 21 abrogazione del comma 13 dellart. 7


Art. 7 co 13 legge
rimborsi per i
3 maggio 2004, n. 112
della legge n. 112/2004
laccesso
alle consumi elettrici
provvidenze di cui agli
e gli
articoli 11 legge n. abbonamenti a
67/1987 e 4 e 8 legge n. servizi satellitari
250/1990, previsto
anche per i canali
tematici autorizzati alla
diffusione via satellite,
con esclusione di quelli
ad accesso condizionato

** Lart. 3 del d.l. 24 dicembre 2003, n. 353 recante: Disposizioni urgenti in materia di tariffe postali agevolate per i prodotti editoriali prevede che il rimborso delle compensazioni in favore della societ Poste italiane s.p.a.,
sia effettuato dal Dipartimento per linformazione e leditoria, nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi capitoli del bilancio autonomo della Presidenza. Al Ministro delle comunicazioni ora Mise, compete la determinazione
con decreto delle procedure per lo svolgimento del monitoraggio sullandamento degli oneri, ai fini del rispetto del limite di spesa. Dalla relazione del Dipartimento allegata alla documentazione, emerso che oltre al
monitoraggio il Mise tenuto altres a stabilire lammontare delle tariffe agevolate, mentre il controllo sulla legittimazione dei soggetti richiedenti ricade su Poste s.p.a.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
214

Tipologie

Riduzioni tariffarie
per emittenti
radiofoniche
organi di partiti
politici

legge 05.08.1981, n. 416

legge 25.02.1987, n. 67

legge 07.08.1990 n. 250

Art. 11
Contributio annuo fisso
pari al 70% media costi
risultanti dai bilanci ultimi
due esercizi, inclusi gli
ammortamenti e non
superiore a due mld.

Art. 4, co 3
Riduzion tariffarie di cui
allart. 28 legge n. 416/1981,
applicate anche ai consumi di
energia, ai canoni di noleggio
e di abbonamento ai servizi di
telecomunicazione, compresi
i sistemi via satellite, alle
agevolazioni di credito ed al
rimborso dell80% di cui agli
articoli 20 e 11, co 1 della
legge n. 67/1987

Medesime
riduzioni
tariffarie previste per le
emittenti
radiofoniche
applicate anche ai consumi
di
energia
e
alle
agevolazioni di credito di
cui allart. 20 + rimborso
dell80% + delle spese per
abbonamento ai servizi di
tre agenzie di informazione
a diffusione nazionale o
regionale.

legge 07.03.2001 n. 62

leggi varie
Art. 7 co 13 legge
3 maggio 2004, n. 112
laccesso
alle
provvidenze di cui agli
articoli 11 legge n.
67/1987 e 4 e 8 legge n.
250/1990, previsto
anche per i canali
tematici autorizzati alla
diffusione via satellite,
con esclusione di quelli
ad accesso condizionato

D.L. 30.12.2009
n. 194
Art. 10-sexies

D.P.R. 25.11.2010 n. 223


Art. 21 abrogazione del comma 13 dellart. 7
della legge n. 112/2004

N.B. Le emittenti radiofoniche e televisive che non siano organi di partiti politici, hanno diritto al rimborso del 60 per cento per le spese sostenute per gli abbonamenti alle agenzie di stampa e dinformazione
radiotelevisiva, nonch del 50 per cento sulle tariffe telefoniche e del 40 per cento sulle tariffe elettriche e sui canoni di noleggio ed abbonamento ai servizi di telecomunicazione di qualsiasi tipo, compresi i sistemi via
satellite.
La sussistenza di un diritto soggettivo nel settore dei contributi diretti per tutta lannualit 2009 (contributi erogati nel 2010), ha comportato che le risorse annuali disponibili fossero destinate prioritariamente alla
coperture dei diritti soggettivi e residualmente ai rimborsi delle agevolazioni tariffarie. A causa del mancato trasferimento dei finanziamenti di cui allart. 56, c. 4, della l. 23 luglio 2009 n. 99 Editoria recante: Nelle
more della liberalizzazione dei servizi postali, e fino alla rideterminazione delle tariffe agevolate per la spedizione di prodotti editoriali di cui ai decreti del ministro delle comunicazioni in data 13 novembre 2002, a
decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, il costo unitario cui si rapporta il rimborso in favore della societ Poste italiane s.p.a. nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi capitoli di bilancio autonomo
della Presidenza, di cui allart. 3 del d.l. 24 dicembre 2003, n. 353, convertito, con modificazioni, dalla l. 27 febbraio 2004, n. 46, pari a quello riveniente dalla convenzione in essere in analoga materia pi favorevole
al prenditore, si proceduto nel 2009, ai sensi dellart. 2, c. 63 della l. 23 dicembre 2009, n. 191, al rinvio agli anni successivi della rata di ammortamento del debito pregresso con Poste italiane. Larticolo menzionato
recita: Limporto di ciascuna annualit di cui allart. 2, c. 135, del d.l. 3 ottobre 2006, n. 262, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2006, n. 286, pu essere rimodulato per lo stesso periodo di rimborso,
in relazione al mancato pagamento dellannualit 2009. La presente disposizione entra in vigore il giorno stesso della data di pubblicazione della presente legge nella G.U. Conseguentemente, le somme versate allentrata
del bilancio dello stato e rassegnabili nel 2009 ai sensi degli artt. 1, c. 358, della l. 24 dicembre 2007, n. 244, e 148, c. 1, della l. 23 dicembre 2000, n. 388, che, alla data di entrata in vigore della presente legge, non sono
state rassegnate alle pertinenti unit revisionali di base del bilancio dello Stato, per limporto di 45 milioni di euro, sono acquisite allentrata del bilancio dello Stato a compensazione degli effetti derivanti dallattuazione
del primo periodo.
Lart. 2, c. 135, del d.l. n. 262/2006 (collegato alla finanziaria 2007), reca : Le somme ancora dovute alla societ Poste italiane ai sensi dellart. 3, c. 1 del d.l. n. 353/2003, convertito, con modificazioni, dalla l. 27
febbraio 2004, n. 46, sono rimborsate, previa determinazione effettuata dalla Presidenza del Consiglio-Dipartimento per linformazione e leditoria, di concerto con il Ministero delle comunicazioni e con il Mef, entro
sei mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto, con una rateizzazione di dieci anni.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
215

Con lart. 2, c. 62, della l. n. 191/2009 recante Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2010), stato previsto quanto segue: In attuazione dellart. 44 del d.l. 25
giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla l. 6 agosto 2008, n. 133, e successive modificazioni, i contributi e le provvidenze spettano nei limiti dello stanziamento iscritto sul pertinente capitolo del bilancio
autonomo della Presidenza del Consiglio procedendo, ove necessario, al riparto proporzionale dei contributi tra gli aventi diritto, fatte salve le risorse da destinare alle convenzioni e agli oneri inderogabili afferenti allo
stesso capitolo. Ne conseguito lintroduzione del meccanismo di ripartizione pro-quota, definito a torta dei contributi e il venir meno del principio del diritto soggettivo.
Pur tuttavia, tale principio stato ripristinato con riferimento ai contributi riferibili allanno 2009 (pagabili nel 2010) e per alcuni soggetti beneficiari, dallart. 10-sexies del d.l. 30 dicembre 2009, n. 194, convertito,
con modificazioni, con l. 26 febbraio 2010, n. 25 recante: Differimento dellapplicazione di disposizioni in materia di contributi alleditoria; ed anche in questi casi, la provvidenza non pu comunque essere superiore a
quella spettante per il 2008, senza pi alcuna possibilit di adeguamento sulla base del tasso programmato di inflazione. Il c. 2 dellart. 10-sexies ha previsto inoltre per lanno 2010, un accantonamento di euro 50
milioni finalizzato al rimborso delle agevolazioni tariffarie postali applicate ai sensi del d.l. n. 353/2003, per la spedizione di prodotti editoriali editi da imprese iscritte al Roc (Registro degli operatori di comunicazione)
nonch da imprese editrici di libri. Accedono altres, ai sensi del comma 2, dellart. 1 del d.l. n. 353/2003, le associazioni ed organizzazioni senza fine di lucro, le associazioni, le cui pubblicazioni periodiche abbiano avuto
riconosciuto il carattere politico da gruppi parlamentari, nonch gli ordini professionali, i sindacati, le associazioni professionali di categoria e le associazioni darma e combattentistiche (parole soppresse dallart. 2undecies del d.l. 25 marzo 2010, n. 40).
Con decreto Mise di concerto con il Mef del 30 marzo 2010 stato disposto che le tariffe agevolate per le spedizioni postali continuino ad applicarsi fino al 31 marzo 2010; con successivo decreto potranno essere
determinate tariffe agevolate per i residui periodi dellanno 2010, in caso di sopravvenuto accertamento di disponibilit finanziarie nellambito del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio.
Con lart. 2-undecies del d.l. 25 marzo 2010, n. 40, convertito, con modificazioni, con l. 22 maggio 2010, n. 73, stato previsto un ulteriore finanziamento pari a 30 milioni di euro per il ripristino delle agevolazioni
tariffarie postali, per la sola annualit 2010 ed esclusivamente in favore delle associazioni ed organizzazioni senza fini di lucro di cui allart. 1, comma 2, del d.l. n. 353/2003.
Infine, lart. 2, c. 1-bis del d.l. 5 agosto 2010, n. 125, convertito, con modificazioni, con l. 1 ottobre 2010, n. 163, ha stabilito che a decorrere dal 1 settembre 2010 e fino al 31 dicembre 2012, per le spedizioni dei
prodotti editoriali effettuate dalle imprese editrici di quotidiani e periodici iscritte al Registro degli operatori di comunicazione (Roc) e dalle imprese editrici di libri, non si applica lart. 3, c. 1, del d.l. n. 353/2003, e le
tariffe massime applicabili sono determinate, senza oneri a carico del bilancio dello Stato, con decreto Mise di concerto con il Mef, sentita la Presidenza del Consiglio dei ministri, da adottare entro 15 giorni dalla data
di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Con la disapplicazione del disposto dellart. 3, c. 1, del d.l. n. 353/2003 il Dipartimento per linformazione e leditoria non provvede pi al rimborso
in favore di Poste Italiane s.p.a. della somma corrispondente alla differenza tra la tariffa agevolata e la tariffa piena (ammontare delle riduzioni complessivamente applicate, nei limiti dei fondi stanziati sugli appositi
capitoli del bilancio autonomo della Presidenza del Consiglio). Le nuove tariffe agevolate sono state determinate con decreto Mise di concerto con il Mef del 21 ottobre 2010.

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
216

Corte dei conti | Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato | Delib. n. 7/2016/G
217

SEZIONE CENTRALE DI CONTROLLO SULLA GESTIONE DELLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO