Sei sulla pagina 1di 1

l e

v o s t r e

l e t t e r e

Gli OGM danneggiano...

10

Gli sforzi che i nostri Governanti (dellUE


o nazionali) dovrebbero produrre, in funzione principalmente della tutela della
salute del popolo, della salvaguardia
dellattivit degli operatori (imprenditori
agricoli in primis) e della preservazione
dellambiente, andrebbero indirizzati
verso soluzioni etiche. Purtroppo gli interessi economici della potente lobby mon-

diale dellagroalimentare stanno da


diverso tempo ostacolando tale crescita,
con giustificazioni ridicole ed incoerenti.
Dato per assunto il fatto che a livello
nazionale ed europeo la coesistenza di
coltivazioni convenzionali o biologiche
con quelle OGM non praticabile,
giusto pensare che nella peggiore delle
ipotesi possano essere offerti sul mer-

cato prodotti alimentari etichettati come


OGM ottenuti con materie prime prodotte laddove le condizioni di coltivazione e di preparazione consentano la
possibilit di ridurre il fenomeno dellinquinamento delle diverse specie vegetali. La proposta operativa per i nostri
Legislatori quindi quella di convincerli
a non demolire limpianto legislativo
vigente in materia, permettendo al consumatore di distinguere un prodotto con
qualit regolamentata (biologico, DOP,
IGP) da un alimento contenente OGM
indicando in pi una frase di avvertimento, tenuto conto della letteratura e
dei risultati scientifici (come nel caso gi
in uso sul consumo di tabacco): Gli
OGM danneggiano irreversibilmente
lambiente.
Pier Luigi Perissinotto
(referente regionale per lagricoltura
biologica per la Regione Veneto)

MENO ALLEVAMENTI, MENO OGM


Penso che lutilizzo di ogm in ogni
campo (allevamento e consumo da parte
delluomo) sia da evitare in quanto questi
prodotti, ingeriti direttamente o indirettamente, ad esempio nutrendosi di carni
di animali allevati con OGM, non vengono riconosciuti dal nostro organismo.
Lutilizzo recente per cui chi pu dire se
ci possono essere danni a lungo termine? Alla salute, allambiente, agli animali Inoltre, anzich finanziare ricerche su modifiche genetiche alle coltivazioni, perch non si indirizzano questi
fondi a studi sulle difese naturali delle
stesse? Ultima considerazione. Se tutti
mangiassimo meno proteine animali
(che causano danni allorganismo in
quanto spesso ingerite in quantit eccessiva) avremmo meno esigenze di allevare animali, di conseguenza meno
necessit di nutrire tali animali e quindi
di produrre grandi quantit di cereali
resistenti ai parassiti. Una adeguata for-

mazione alle famiglie su una sana alimentazione permetterebbe una vita pi


sana, maggiore rispetto per lambiente e
magari una migliore organizzazione
delleconomia legata al cibo.
Wilma Ramello

minacciando un altro assurdo presunto


progresso della nostra civilizzazione: gli
OGM. Visto lo stato di corruzione della
politica locale e globale, non possiamo
pi lasciare il nostro destinonelle mani
di guastatori del mondo: se non facciamo niente, con il nostro subire e il
silenzio confermiamo le loro azioni errate
e del tutto mirate contro la vita. Ritengo
la faccenda molto pericolosa, perch
oggi nessuno pu immaginare cosa
accadr - sta gi accadendo - per linterazione tra sistemi complessi. Ricordo
che gi parecchi anni fa ho letto un
comunicato del Istituto Pasteur di Lilla
(Francia) che affermava che lassunzione di alimenti OGM aveva influenzato
negativamente la flora intestinale umana.
Mila Misek

UN VICOLO CIECO
La convivenza di OGM e bio non possibile, ma nel senso pi ampio del termine Gli OGM non sono compatibili con
la vita. Grazie Gilles-Eric per il tuo studio.
Purtroppo lEuropa da tempo cerca di
minare la qualit dei prodotti italiani. LItalia
si dovrebbe opporre e basta. Il futuro della
nostra economia sta nella qualit e unicit
dei nostri prodotti. Gli OGM sono il vicolo
cieco, una strada senza ritorno che con
dovremmo imboccare.
Marina Chiavaccini
AZIONI MIRATE CONTRO LA VITA
Dopo i disastri della tecnologia nucleare evidenti anche per analfabeti ci sta

Se volete ricevere per posta elettronica


la nostra newsletter con lanticipazione
delleditoriale scrivete a:
cucina.naturale@tecnichenuove.com
indicando anche lindirizzo postale

novembre 2012