Sei sulla pagina 1di 23

Tecnologie a Stampo Aperto

Hand Lay-Up
(Formatura a mano)

e
Spray-Up
(Formatura per contatto e spruzzo)

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
Schematizzazione
Il lay-up manuale il pi vecchio e semplice metodo artigianale per
costruire pezzi in materiale composito. Questa tecnologia la pi
diffusa nel campo nautico per realizzare imbarcazioni in vetro-resina
e svariate tipologie di componentistica.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
Fasi del processo

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
Materiali

1) Allestimento dello stampo


Stampo maschio o femmina: dipende dalla
superficie che va rifinita maggiormente
Stampo maschio, se la superficie che
deve essere sottoposta a finitura migliore
quella interna
Stampo femmina, se la superficie che
deve essere sottoposta a finitura migliore
quella esterna.
Operazione preliminare della formatura a
mano la pulitura della superficie dello
stampo, che risulta essere essenziale per
lottenimento di buoni manufatti.

Legno
Plastica
Compositi
Metalli
La scelta dipende
da:
1. Velocit di
produzione
2. Temperature di
polimerizzazione

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
2) Applicazione distaccante: facilita lestrazione finale del particolare.
3) Applicazione gel-coat
Particolare miscela di resina e altri
componenti. Le resine utilizzate sono a base di
acido isoftalico, resistenti allacqua e con
eccellente allungamento a rottura.
Applicato con rullo, pennello o pistola a
spruzzo.
Spessore non maggiore di 0.5 mm, onde
evitare la formazione e la propagazione di
cricche superficiali e una conseguente rottura
allimpatto.
Per evitare una cattiva unione tra il gel-coat e
lo stratificato da realizzare, occorre attendere
le gelificazione, prima di procedere alla
stratificazione..

Funzioni:
Conferisce la colorazione
desiderata e finitura al particolare.
Protegge il particolare
dallambiente esterno,
preservandone la vita.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up

I materiali di nuova generazione


prevedono invece la presenza di additivi
(migliorano la resistenza ai raggi
ultravioletti) e accorgimenti per la
diminuzione delle emissioni di stirene.
Ultimamente si fa uso di prodotti a base
di poliuretani.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
4) Posizionamento rinforzo
Posizionato manualmente sullo stampo.
Se le fibre sono continue vengono solitamente orientate secondo diverse angolazioni.
Il contenuto di fibre nella matrice solitamente 60%.

Oggi ci sono sistemi automatizzati che mediante un software posizionano il rinforzo.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
Kevlar

Fibre di
vetro

Il rinforzo pi utilizzato
sicuramente il vetro o le fibre di
carbonio.
I formati commerciali sono:
tessuti
mat
prepreg (rapporti volumetrici
resina-rinforzo maggiormente
controllati manufatto con
propriet fisiche migliori)

Carbonio
Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
5) Applicazione resina
Applicazione e compattazione
resina mediante rullo.
La pressione del rullo importante
per:
compattare e far penetrare la
resina
rimuovere le bolle daria;
distribuire uniformemente la
matrice.

Il limite di vuoti presenti nel pezzo deve risultare inferiore al 5% del suo volume
totale, in quanto l1% di vuoto determina una riduzione della resistenza meccanica
del 7%.
Il processo di stesura rinforzo-resina procede fino al raggiungimento dello spessore
di progetto fissato per il particolare.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

Hand Lay-Up
Resine
utilizzate

Poliesteri
Facilmente distaccabili dallo stampo
ma presentano elevata deformabilit

Scelta basata su:


Costi;
Disponibilit;
Caratteristiche meccaniche;
Capacit di manipolazione.

Epossidiche
Bassa deformabilit
Entrambe sono resine
termoindurenti caratterizzate da:
1. Alta resistenza;
2. Basso peso specifico;
3. Semplicit di utilizzo.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

10

Hand Lay-Up
6) Polimerizzazione

Generalmente avviene a
temperatura ambiente (16-24
ore) o utilizzando tecniche
che velocizzino il processo
quali luso di lampade ad
infrarossi o getti dacqua
calda (40-80 C, tempi di
polimerizzazione ridotti a 1-3
ore).
Utilizzo di agenti catalizzatori
nella resina, per ridurre i
tempi di reticolazione.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

11

Hand Lay-Up
6) Estrazione del pezzo
Lestrazione pu essere manuale o effettuata utilizzando adatte strutture di
sollevamento o mediante aria compressa.
Preliminarmente i bordi del pezzo possono essere sottoposti a levigatura, in quanto
nelle zone esterne dello stampo non possibile controllare uniformemente le
dimensioni del manufatto.
In seguito allestrazione, il pezzo pu essere sottoposto a fasi di:
Stuccatura e verniciatura
Lavorazioni meccaniche

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

12

Hand Lay-Up

VANTAGGI
costi dimpianto limitati;
semplicit;
manodopera non
specializzata.

SVANTAGGI

scarsa ripetibilit;
difetti;
alto costo di manodopera;
bassa produttivit;

problemi di salute per gli


operatori.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

13

Hand Lay-Up
Campi di Applicazione
Boating

Fiberglass
aircraft parts

Automotive

Sanitary ware

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

14

Hand Lay-Up
Campi di Applicazione
Heavy
truck parts

Transportation
and Rail Parts

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

15

Spray-Up
La tecnologia Spray-up molto simile a
quella della formatura a mano, differendo da
questultima principalmente per:
- Posizionamento del rinforzo;
- Applicazione della resina.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

16

Spray-Up
4) Applicazione fibre+resina
Il rinforzo generalmente rappresentato da fibre di vetro sotto forma di filo continuo (roving)
Le resine pi utilizzate sono quelle poliesteri insature. Tali resine sono miste ad agenti
catalizzatori, in particolare al perossido di MEKP (2% = dose presente a Tamb = 20 C, 2,5% in
inverno) ed preferibile che presentino basso grado di viscosit e alta velocit di gelificazione
Fibre e resine vengono mescolate e spruzzate sullo stampo, mediante luso di unopportuna
pistola.

Fibre corte (max 30 mm).

Una volta applicato questo strato, si procede alla compattazione manuale, servendosi di un
rullo, per rimuovere eventuali bolle daria.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

17

Spray-Up

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

18

Spray-Up
Sistema a spruzzo
Le pistole utilizzate per lo spray-up
richiedono un grande volume di flusso di
aria ad alta pressione, il che fornisce un
buon controllo sui tipi di getto. Tuttavia,
questo tipo di spruzzatura induce ad una
dispersione nellaria di materiale con
conseguente aumento delle emissioni e
perdita di materiale. Per ridurre le
emissioni di stirene, vengono utilizzate
pistole a spruzzo airless con aria assistita.
Il materiale viene pre-nebulizzato, in
modo tale che diminuiscano le emissioni
di stirene e la perdita di materiale. Il
profilo resina-fibre risulta essere cos pi
uniforme.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

19

Spray-Up
Polimerizzazione
Generalmente avviene a temperatura ambiente;
Talvolta, il processo viene accelerato mediante luso di un moderato flusso daria.

Estrazione dallo stampo


Mediante sforzi successivi applicati lungo il bordo dello stampo, il pezzo viene estratto
alla fine della polimerizzazione dellultimo strato.
Lestrazione pu essere manuale o
effettuata utilizzando adatte strutture di
sollevamento o mediante aria compressa.
In seguito allestrazione, il pezzo pu essere sottoposto a fasi di:
Stuccatura e verniciatura, su quelle superfici del pezzo dove il gel-coat non stato
predisposto, in quanto non era richiesta una buona finitura superficiale, o in quelle
aree dove ladesione non avvenuta correttamente.
Lavorazioni meccaniche, come foratura, posizionamento di perni o rivetti,
bullonatura o saldatura con parti supplementari

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

20

Spray-Up

VANTAGGI
costi dimpianto limitati;
semplicit;
produzione maggiore

SVANTAGGI
i laminati tendono ad essere molto
ricchi di resina e quindi troppo
pesanti;
scarse propriet meccaniche (fibre
corte);
la resina per la bassa viscosit
presenta propriet meccaniche e
termiche scadenti;

i limiti imposti dalla legge sulle


emissioni di stirene compromette
alquanto lutilizzo in futuro della
tecnologia.

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

21

Spray-Up
Campi di Applicazione

Tanks & vessels

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

22

Fine

Corso di Tecnologie dei Materiali non Convenzionali - Prof. Luigi Carrino

23