Sei sulla pagina 1di 7

VERIFICA STATICA DENTE (LEWIS)

Nel calcolo a flessione secondo il metodo di Lewis il dente considerato come


una mensola incastrata nella corona, sollecitata dalla forza complessiva F che
le ruote si trasmettono, pensata applicata in punta al dente stesso.

Le ipotesi che stanno alla base di questa teoria sono:


il dente sollecitato dalla forza F complessiva agente sulla punta del
dente stesso;
consideriamo la situazione pi sfavorevole, cio quella nel quale, nel
segmento dei contatti, vi una sola coppia di denti in presa;
la componente F cos della forza F che determina la flessione del dente
l'unica considerata (azione tangenziale sulla primitiva);
la componente della forza F che determina uno sforzo di compressione
sul dente trascurata.

Partiamo da una ipotetica potenza trasmessa da un motore elettrico che gira a 1000 giri/min, P=1
kW. Il rendimento dell'utilizzatore lo poniamo 1 per semplicit (in realt comunque molto alto).
La coppia trasmessa dal motore sar:
P
C=
considerando che 1000 giri/min sono 104.7 rad/s (1 giro/min = 0.1047 rad/s), la coppia trasmessa
pari a 9.55 Nm.
Di conseguenza possiamo calcolarci la forza che, secondo Lewis, genera flessione:
F t=

2C
d

dove d il diametro della circonferenza primitiva della ruota accoppiata. La forza determinata :
136.43 N.
Con Solidworks, possiamo condurre l'analisi aggiungendo la sezione Solidworks Simulation.
Quindi, avviamo un nuovo studio denominato Analisi statica.
Per prima cosa, da Applica Materiale, impostiamo il materiale su Acciaio al Carbonio Semplice
(materiale che abbiamo considerato nel nostro studio fin dall'inizio).
Per quanto riguarda il vincolo, avendo l'obiettivo di simulare l'azione di una forza su una trave
incastrata, poniamo una geometria fissa sulla base del dente.

Figura 2: Geometria fissa dente

Figura 3: geometria fissa interfaccia simulation


Dopo aver impostato la geometria, definiamo la forza come si vede in figura seguente ed
impostiamola ad un valore pari a 136.43 N.

Figura 4: azione della forza tangenziale

Possiamo quindi eseguire lo studio, e l'analisi statica fornisce in uscita i seguenti risultati:

Figura 5: simulazione terminata


Lo sforzo (in Mpa) sulla sezione pi sollecitata (base del dente), come si vede dalla legenda circa
5 Mpa, mentre lo snervamento avviene a 220 Mpa. Siamo in sicurezza.
Per quanto riguarda lo spostamento, la zona in cui viene applicata la forza subisce una
deformazione trascurabile pari a 0.389 micron.

Figura 6: spostamento dente

Figura 7: dettagli
legenda spostamento
La deformazione grafica ovviamente accentuata dal software. Per vedere come effettivamente il
dente non subisca una deformazione percettibile, occorre posizionarsi sul grafico di deformazione e
selezionare scala vera, come mostrato in figura seguente

Figura 8: deformazione effettiva

Figura 9: particolare deformazione reale


Infine, rendendo pi fitta la mesh, possiamo eseguire una analisi statica simile sul dente, per vedere
se la mesh iniziale, impostata di default, analizza in maniera precisa la situazione. Creo una mesh ad
elevata densit, come mostrato di seguito

Figura 10: Mesh densit maggiore


I risultati non cambiano in maniera significativa: il primo studio effettuato descrive in maniera
precisa la prova.