Sei sulla pagina 1di 43

Tecnico per la progettazione ed elaborazione

di sistemi di risparmio energetico

GESIONE DEI CONSUMI NELLEDILIZIA


CIVILE E PRIVATA
Gennaio Febbraio 2014
SERRAMANNA (VS)
Dott . Ing. Mattia Beltramini

Elementi di un impianto fotovoltaico


Elementi di un impianto
fotovoltaico:
- Modulo fotovoltaico
- Struttura di fissaggio
- Inverter
- Contatori
- Componenti elettrici (Quadri,
cavi, interruttori, ecc.)
Fonte: Roma energia

Schema di connessione alla rete di un impianto fotovoltaico


(scambio sul posto SP o cessione parziale RID)

Schema di connessione alla rete di un impianto fotovoltaico


(scambio sul posto SP o cessione parziale RID)

Utenze

Generatore
fotovoltaico

Inverter
Contatore
GSE

Schema di connessione alla rete di un impianto fotovoltaico


(cessione totale)

e
M1
u

Utenze

Generatore
fotovoltaico

Inverter

Rete

Definizione delle Performance (1)

Per analizzare le performance degli impianti fotovoltaici, vengono definiti degli indici di
prestazioni che sono riferiti allenergia incidente sul piano dei moduli. Tali indici sono
normalizzati alla potenza nominale dellimpianto fotovoltaico e sono indipendenti dalla
localit di installazione e dallorientamento del generatore fotovoltaico. In particolare si
definisce:
Yr, lenergia prodotta di riferimento rappresenta lenergia incidente sullarray fotovoltaico;
coincide con lenergia giornaliera prodotta da un ipotetico generatore fotovoltaico di 1 kWp
in condizioni standard e con un efficienza del 100%; si misura in [kWh / KWp / giorno];
Ya, lenergia prodotta giornaliera in uscita dal generatore fotovoltaico rapportata alla
potenza nominale dellimpianto; si misura in [kWh / KWp / giorno];
Yf, lenergia prodotta giornaliera in uscita dal gruppo di conversione rapportata alla
potenza nominale dellimpianto; si misura in [kWh / KWp / giorno];
Lc, le perdite per cattura del generatore fotovoltaico: Lc = Yr - Ya; include le perdite per
temperatura, per le connessioni dei moduli, per mismatch, per sporcizia dei moduli etc;
Ls, le perdite del sistema: Ls = Ya Yf; include le perdite del gruppo di conversione;

PR = Yf/Yr
Performance Ratio, ossia lefficienza globale del sistema fotovoltaico (valori compresi fra 0,70,8)

Definizione delle Performance (2)

PR = 0,75

Valutazione dellenergia producibile su base annua dellimpianto


fotovoltaico in base alle considerazioni sul PR, Ep,y:

Ep,y = Pnom x Irr x PR

Dove:
Irr (i)
lirraggiamento annuale medio sul piano dei moduli in
kWh/kWp (o altrimenti detto: Ore Equivalenti allanno);
Pnom
la potenza nominale dellimpianto fotovoltaico, in kW;

Costi
I sistemi fotovoltaici hanno un costo di impianto che pu
essere schematicamente considerato come composto
da alcune voci principali:
il modulo fotovoltaico
linverter
la struttura di fissaggio
i componenti elettrici
linstallazione meccanica ed elettrica
i costi tecnici (progettazione, pratica autorizzativa,
pratica Enel, pratica GSE, pratica regionale, ecc.)
Eventuali lavori di natura edile (scavi, rinforzi strutturali,
opere murarie contatore, ecc.)

Costi
I sistemi fotovoltaici hanno un costo di impianto che varia in
funzione della taglia di impianto.
I costi nel dettaglio incidono in maniera diversa in funzione
delleconomia di scala che si pu ricavare, come nelle
seguente tabella:

Costi
La maturazione della tecnologia ha portato a:
una diminuzione dei costi dei moduli di circa 10 volte
negli ultimi 8 anni
un raddoppio del rendimento di sistema in 20 anni (da 67% a quasi il 15% negli impianti migliori)
Tuttavia:
il prezzo attuale dei moduli inferiore a 1,0 /Wp
il prezzo attuale degli inverter inferiore a 0,2 /Wp
il costo del kilowattora prodotto circa a 0,25-0,30
rimangono troppo elevati per consentire la competitivit
commerciale, se non in particolari nicchie di mercato o in
presenza di meccanismi di incentivazione (Conto
Energia)

Costi Moduli FV (2011)

Costo indicativo in /W di un impianto


fotovoltaico in funzione della potenza
elettrica installata P (espressa in kW, 2007)

Costi Moduli FV
(Novembre 2011)

Fonte: Photon 1/2012

Costi Inverter
(Novembre 2011)

Fonte: Photon 1/2012

Costi in fase di esercizio


I sistemi fotovoltaici richiedono dei costi di esercizio che
possono essere opzionali ma che, talvolta, possono
anche diventare obbligatori (a seconda delle condizioni
di installazione e investimento) quali:
Pulizia e lavaggio (da intensificare vicino al mare, cave
e per impianti poco inclinati)
Manutenzione ordinaria (obbligatoria nel caso di
leasing)
Manutenzione straordinaria
Assicurazione (danni diretti e/o indiretti, furto, all risk)
(obbligatoria in caso di prestito bancario)
Contratto SIM telegestione
Contratto Videosorveglianza attiva

IL RITORNO ECONOMICO DI
UN INVESTIMENTO
Fondamenti teorici

Introduzione
Gli impianti fotovoltaici e solari in genere sono
caratterizzati da alti costi di investimento ma bassi costi
di esercizio.
Per il corretto dimensionamento di un impianto
necessario ricorrere a metodi di valutazione e di
ottimizzazione economica.
Va fatta unanalisi dei costi e dei ricavi dellimpianto
in tutta la sua vita prevista.
Infatti bisogna attualizzare le uscite per la gestione
dellimpianto e le entrate nei vari anni.
Di conseguenza la potenza dellimpianto, ed il relativo
costo di investimento, viene determinato in maniera da
massimizzare o minimizzare la variabile economica
scelta.

Alcune definizioni
Cos un investimento ?
 Gli investimenti sono uscite di cassa, in una o pi
soluzioni anche anticipate (fase di impianto), che
genereranno nuovi flussi di cassa positivi (fase di
esercizio);
 La definizione di investimento per la contabilit
non la stessa in Finanza di impresa:
Si parla di entrate ed uscite, non di costi e di ricavi!
Lobiettivo: individuare la convenienza economica
di un progetto.
Pu essere un utile aiuto nella scelta:
di un progetto socialmente importante;
fra pi progetti concorrenti.

Rappresentazione grafica
Flussi (F)

Tempo (t)

Fase di impianto

Fase di esercizio

Il Flusso di cassa (Cash Flow)


Il flusso di cassa per lanno k-esimo Fk pari alla
differenza fra la disponibilit Dk e leventuale
investimento Ik nellanno considerato:

Fk = Dk Ik
Nel caso in cui si abbia il solo investimento iniziale I0 i
flussi di cassa coincidono con le disponibilit.
Nel caso del fotovoltaico dovr tenere presente le
entrate al netto di eventuali costi di gestione
(assicurazione, manutenzione ordinaria e
straordinaria, ecc.).

Il tempo di recupero (Pay Back


Period o Time)
Il concetto del payback period (PBP o PBT) risponde
alla domanda: fra quanto tempo recuperer
linvestimento iniziale ?
Il PBT non altro che il numero di periodi necessari
affinch i flussi di cassa cumulati eguaglino
linvestimento iniziale.
Si ritiene che maggiore sia il PBT, maggiore sia il
rischio insito nel progetto.
Minore il PBT, nel confronto fra due investimenti, e
migliore il mio progetto in quanto mi permette di
recuperare prima linvestimento fatto (per a
prescindere dal rendimento).

Il tempo di recupero (Pay Back


Period o Time)
DIFETTI:
non considera i flussi conseguiti nei periodi
successivi al PBT;
non considera il valore finanziario del tempo;
non considera lammontare di capitale investito;
un indicatore di rischio (esposizione temporale),
non di rendimento.
PREGI:
considera i flussi di cassa;
facilit di calcolo, uso e comunicazione.

Il tasso di sconto k
Lattualizzazione delle somme future viene effettuata
per mezzo del tasso di sconto k del committente.
E un tasso di sconto soggettivo che manifesta la
propensione dellinvestitore a rinunciare ad una
somma oggi in cambio di una somma pi elevata nel
futuro.
Se il committente ha la disponibilit finanziaria per
realizzare limpianto, k coincide con il tasso di
interesse attivo relativo al migliore investimento
alternativo che il committente pu effettuare.
Esso coincide con il tasso di interesse passivo
bancario se il committente prende in prestito
(totalmente o in parte), la somma necessaria per
acquistare limpianto.

Il tempo di recupero attualizzato


Il PBT attualizzato supera uno dei limiti della
versione pi semplice, in quanto tiene conto del
valore finanziario del tempo e il costo del capitale:
PBP

F
t =1

(t )

(1 + k )

F0 = 0

dove:
F: flusso di cassa
k: tasso di sconto

Esempio (tasso di sconto al 10%)


Anni
0
1
2
3
4
5
6

Flussi di cassa Flussi cumulati Flussi attualizzati


-10000
1000
2500
3500
4000
4000
3000

-10000
-9000
-6500
-3000
1000
5000
8000

-10000
909
2066
2630
2732
2484
1693

Flussi cumulativi
attualizzati
-10000
-9091
-7025
-4395
-1663
821
2514

I criteri finanziari di valutazione


degli investimenti
Caratteristiche comuni a tutti i criteri finanziari di analisi
degli investimenti sono:
La considerazione dei flussi di cassa incrementali del
progetto (al netto delle imposte, al lordo della gestione
finanziaria, periodicit coerente con il piano di rimborso
del debito e con lanalisi economica di riferimento).
Limpiego di un tasso di attualizzazione espressione
del profilo di rischio e rendimento del progetto.

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
Il valore attuale netto esprime la ricchezza creata o
distrutta dal progetto, in unit monetarie;
Se il VAN positivo, significa che il progetto libera flussi
di cassa sufficienti a ripagare tutti i finanziatori. Ci che
rimane ricchezza aggiuntiva disponibile per limpresa.
Il VAN la somma algebrica di TUTTI i flussi di cassa
attualizzati (positivi e negativi) generati dal progetto
considerato;
Rappresenta la ricchezza incrementale generata da un
progetto, espressa come se fosse immediatamente
disponibile;
Quindi: se il VAN positivo c creazione di valore!

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
In formule:

F3
F5
F6
F1
F2
F4
VAN=
+
+
+
+
+
F0
2
3
4
5
6
(1+ k) (1+ k) (1+ k) (1+ k) (1+ k) (1+ k)
n

Pi in generale:
n

Ft
VAN =
F0
t
t =1 (1 + k )
Dove:
F: flusso di cassa
k: tasso di sconto

Ossia:

Ft
VAN =
t
t =0 (1 + k )

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
Esempio:
Viene effettuato un investimento di 100 convinti che questo
comporter flussi di cassa di entrata per 7 anni secondo il seguente
andamento:
Anni

Flussi previsti

1
2
3
4
5
6
7

15
17
19
21
24
24
25

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
Esempio:
I flussi di cassa devono essere attualizzati per renderli confrontabili;
Per fare linvestimento si rinunciato ad un investimento di pari
rischio che offriva l8% di interesse, ovvero il tasso di sconto
k...
Anni

Flussi previsti

Flussi attualizzati

1
2
3
4
5
6
7

15
17
19
21
24
24
25

13,9
14,6
15,1
15,4
16,3
15,1
14,6

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
Esempio:
Si ha quindi modo di ricavare i flussi di cassa complessivi del
progetto
Anni
1
2
3
4
5
6
7

Flussi previsti

15
17
19
21
24
24
25

Flussi attualizzati

Flussi complessivi

13,9
14,6
15,1
15,4
16,3
15,1
14,6

-100,0
13,9
14,6
15,1
15,4
16,3
15,1
14,6

Il valore attuale netto - VAN (o NPV o


DCF o REA)
Esempio:
.il cui VAN positivo e pari a 5. Il progetto rende pi di
quanto vorrei (in quanto con un interesse dell8% avrei avuto
VAN=0 !)
Anni
1
2
3
4
5
6
7

Flussi previsti

15
17
19
21
24
24
25

Flussi attualizzati

Flussi complessivi

13,9
14,6
15,1
15,4
16,3
15,1
14,6

-100,0
13,9
14,6
15,1
15,4
16,3
15,1
14,6
VAN

5,0

Il tasso interno di rendimento TIR (o


IRR o TIM)
Il tasso interno di rendimento (IRR) quel particolare tasso di
attualizzazione che rende identici i valori dei flussi positivi e
negativi di un progetto (quello che rende il VAN uguale a zero);
Quindi:
LIRR rappresenta il costo massimo della raccolta che un
progetto pu sopportare, affinch permanga la sua convenienza
economica.
LIRR rappresenta il rendimento lordo di un progetto di
investimento. Il rendimento lordo poich non si considera il
costo delle risorse utilizzate.
La regola : si devono accettare gli investimenti il cui tasso interno
di rendimento (IRR) superiore al costo-opportunit del capitale

Limiti del tasso interno di rendimento


TIR (o IRR o TIM)

Non dice quale sia il valore creato dallinvestimento, quindi


non aiuta a decidere fra 2 investimenti alternativi (a parit di
IRR o con IRR diversi);
Lipotesi implicita che i flussi liberati dal progetto vengono
reinvestiti nell IRR e non generano altre entrate (con
possibili rendimenti migliori);
Non sempre fornisce un valore unico.
Non tiene conto del ritorno del capitale nel tempo (PBT).

Impianto n1

Impianto n2

Impianto n3

Impianto n4

Impianto n5

Impianto n6

Impianto n7

Impianto n8