Sei sulla pagina 1di 86
* nrc oma BASIN POR Yigensa, foe ta cause di tutto, in conformita del pid sapiente et disega. RUD | Alase non si ten conto df questa restssone dltiden a ‘un to semplicementeeeglativo, Ia ragioneincappa in diverse specie di cron, abbundonando i terreno dellsprienza, in Ca St trovano le pete milla del suo emino;e sl avventara ne regno dellincomprensbile © dlTimpenctrabie, salle cul vette # ineitabilmente preda delle vertign,gacché vn smile punto i inte e impedise ogni rear alleeperinzs 1 primo danno che deri dalfsennsione deiidea dan cssere supremo, abzché come semplicemente negtiva, come costtativa (i contasto con ba natura delfidea), & Tignavia ela ragione (pesia rat), St pab dase questo nome og ‘rincipio che cf fa conserare la nostra indagine sulla nature REE come | ssolvtamente complata in ogi direzione, sicché le ragione si di pace, come se avese plenamente assolt i so compito, Cost Hides psicolgies, se & ipiegata come principio Costtutivo per a piegazione dei fenoment ells nostra anima, ‘quindi per Tamplismento della nostra concscensa di questo soageto oltre lit dt quali espesinga suo stato dopo Iaorte), & certo comoda por In rgino, aa nel contempo compromeitee ditrugge Taso natorale dia agin sotto Ia ‘guide delfesperenza. In tal modo lo spirtalisa,dogmatico 42 detTunith personate ~ che testa insmtatanonostante egal rmotamento di stato ~ una spegasone fondata sunita dela sostanza pensante, che crede i perepire immediatamente sei, spiega Titers im noi sustto dale one che ct accadranno dopo la morte per mezzo della cosines dela natura immaterial del nostro soggetto pensante cot, esimendos cot da qualia indagin crea la causa del nostri fenoment Intent 8 patie dx spegasont fiche, « ponendo in non cal, pr deceto asouto d'un regione trasendente, Ie songenti conor . Neantchieh 4 dais davano questo nome alla flaca scolastin che segue: seta net to destino che tu dab gare ila presente alata, gual tanto se tcormsal un fpedicy ‘quanto in eas contrite Cicerone afema he. gusta ipod Inferenasprende nome dl fats eh los act non sp slean uso dala ragione nella ita Bor questo motivo ho atibats Jo sso nome alargemento ofatca das ragon Pats, Dortina TRMCENDENALE DROLET 557 seitve immanenti dellesprienza; con vantagio dla propria comoditi, ma con svantaggio di ogni autentica comprensione ‘Questeconseguenze dannose appaiono in modo anor pil chiaro sel dogmatisme delVidea di uninteligensa.suprema © net sistema teologico della natura (Gsioteologia) | che ha in ess ‘Hsu flso fondamento. Accade qui che tut | fini che appaiono nella natura, sovente escogitatisemplicemente da noi cl rene dono assai pit agewole Ia ricera delle came, in quanto, anzché fandarle a cercare nelle 1eggh universal det meceanismo della ‘materia, facciamo direttamente appello al disposto impersera- fabile dela supreme sapienza, sitenendo eos assolto il eompito dela ragione mentre faciamo semplicemente a meno del suo ‘0, che, i vert, non ha alta guid fort di quella foritaglt dalfordine dell natura e dalla serie dei mtamenti secondo Ie loro lege interne universal. Per non eadere in questo erore, Disogna evitae di prendere in esame, dal punto di vista deli seopi,aleane part sltanto della natura, come, ad esempi, Ia Fipatisone della terra ferms, Iason sutra, Ia compagine © | posizione delle montagne, 0 la semplice organizeazione del regno vegetale o di quell animate, ¢ render invece comple= tamente universale Punta sistematin della nator i Fls- lone alfdea di un'intligensa suprema. Alloa, inst, ruo- Viamo da una fnalith che poggia sulle egg universal della afar, senza escluderne alcun asstto patticolae, ma sempli- ‘emente earaterzzandol in base alfeserel pit © meno not blame cos un prinipo regolative delfunit sistematica della ‘onnessioe tlelogrs, semen tattavn ese in grado di deter. minarla antiipatamente,« restando antorizat, in attesa db [ess ad andar distro alla connesione fiscormeceanica, ondat ‘ar leggiwmiversal, Sltanto in questo modo il principio dsl unit finale pu sempre pit ampliare uso dela ragionerspetto lfesperienra, senza recargltpregiudiio alcuno. I secondo inconveniente che misoe dalla errata interpreta- hone dl suddetio principio dent sistematics, & quella del rovesclamento della raglone (ferese rato, Congo npltepor ‘ationals). Lidea delfunita sistemstica dovrebbe, come pri ‘pio regoativo, service solo cerare Tunita nella connesione ae cose in base a leg! universal della natura, siché, quanto pitt tale unith si riscontra per Via empisiza, tanto pil St ere- a 38 cnca oatea maton roma kerk i essersiaveicinat ala complutezsa del s30 9, anche ‘Se non Sark mai possibile ragpiungerla. La cosa viene invece rovesciata; prima Si pone a fondamento Ia real ipastatizesta el principio del unit finale, pois antropomerfea il consetto 4i questa inteigenza suprema ~ che & in se stesso del tutto limporerutabile =, per impor, tafine, alla natura, in modo Violonto e dittaoral, seopi determina, anskché seguire la busta ia della Toro vcerea nel corso dellindagine fia: con Lt onseguenza cho la teleologa, cut spetts semplicemente il com pito di integrare Tanith della natura sulla bated Teg oniver- RUS} sali, ne favorisce invece il | dssolvimento;« la stessa ragione iene meno al suo scopo, di dimostace, « patie dalla nara in base ale sue ley, Yesistenea cuna suprema caust intel Vigete. Tati, se non & possibile presupporre a prio nella fafara’ una suprema fnalt, quast fore propris. della sua fssenza, come potremo volgerc alla sua reeea, avvicinande, er past gradual alla somma perfesione dl un ereatore, asanta come parfesone assolutamente necesara, pred conosible a priori? 11 principio reolativo chide che Tunita sistematica ome unit della natura (aniti non conosciuta semplice| ‘mente per via empleiea, ma presupposta prior, anche se indeterminatamente)costitusea un preupposto da ammeter in modo sssoluto, come risultante dalfesenza delle cose, Se invee io munvo dat presupposta di un supreino esere ord ator, ne Segue la soppressone dell anit della natura, giaehé esa fnsce per essere del tuto estranea alletenza dele cos, ontingente © non conoscbile sila bace dele Ieggtwniversl Gala natura. E col la dimosrasione cade in un eitalo visoe, Presupponendo cid cho invece dev'esere dimostrato. seyua_ ender Hl principio deunita sitematia della natora 225} come un principio costitutivo, © presuppore | jpostaicamente ome causa eid che sotanto nelfidea & assunto a fondamento Aelfaso coerente della regione, significa solo sconvelgere la ragione, La ricerca naturale va dita porn sa stad, seguendo ‘sclusivamente la eatena dele entse natura, in base alle legs ‘universal della natura; essa procede, dt certo, secondo idea i un ereatore, non perd per desumerne quella fnalith che va ‘cereando ovanque, bens per glungee alla canoacenza del erea- tore attraverso questa fina, rivereata nelfesensa delle ove Derren TASSRHOENTALE BECKI HAEMEIM 599, natural ¢, ne limit dol possibile, anche nelTessenza tutte Te cose in generale: ciod per conoscerla come assofutamente secessaria. Cosa questa che ptra rinse 0 no, ma Videaresta Ingittima legitimo quid! Taso i ess, putché nom vada oltre Ie condision! d'un peincipio semplicemente reglatvo ‘Lunith compiuta ¢ finale Ia perfesone (presa in senso sssfuto) Se non Ia troviamo relfesenza delle cose, che east twiscono Tintero oggelto delfesperiensa, essa gat nostra conoscenca valida oggettivamente, quindi nelle lpg univers fe necesare della natura, come petremo inferirme dirttamente idea della suprema perfezione © della assluta necesita d'un ‘essere oignario, che costitnieen Ia songente dt ogni caualta? Ta comma tnith sitematien,quinds anche Vita Haale, ost tuiscono la Scuola, ed anche il principio fondamentale, delle possiblth delfuso massimo della ragione umana. Lidea di ‘testa onth & pereidinsindbimenteIegataalfessensa | dela Hosta ragione, Di conseguensa, questa tea 8 per ot legisla tice e nealla del tuto naturale Tammissone una ragione legiatice (welts arcaipus) ad essa corspondente, dalla quale in quanto oggetto della nostra ragione, deve esse desunta nth sistematin della natura, Trattando delfantinomia della ragion pura, abbiamo aller. ‘mato che qualisi problema la rayion para facia nascote deve tsseterslubile che i fare appello ai limit della nostra cono- fcenza ~ cosa questa tanto inevitable quanto giustifesta in ‘hon pocte question’ natura ~ & un procedimento in questo caso inammisiile, prché qui le dificlta non son i stato ‘ella natura delle cos, ma solo della natura della ragione © = fonaettono pertanto con la sua interna costtuzine. Slamo ora Jn grado di confermare questa asserzine, a prima vista audace, inriferimento a due question di estreme interese per fa ragion ‘ra, portando coal a termine la nostra trattasone della dia Ieetica della ragion para. ‘Allorhé, in primo luogo, si chide (in relazone & una teologiatrascendentale)* se existe aleunché i diverso dal 2. Quanto ho gi atlermato sopra a proposit dtTides pisos «dla om destnasione particle, in quant pancins | per Pas Semplicemente roastve dels ragione, mi cents de wnlterre so cnmce Betta Raton Funa RUf mondo, | che racchinda il fondamento delVordine cosmico © dela sua artcolazione in base a lggi universal a rispsta & senza dubbio. Infatt i! mondo ¢ una sommi di fenomeai; ron pub quindi aon essert un fondamento trascendentale sso, cod fale da poter eer pensato soltanto. dallinteletto puro. In secondo Iuogo, a chi domandi se questo esere sia Sostanza, posegea la massa real, sa necesati, ee, 1 Te spondo che questa domanda non he aleun signiticate. Infatt, tute Te eategrie a cu facso rieoso er fri un con cxtto di tale oggetio, non hanno altro so che empirico e non hanno senso se on sono applicate a oggeti di espevienea por: sible, ossia al mondo sensible, Estenamente 2 questo campo, sono pari titoll di concett,certamente ammissbil, ma non pet ‘questo in grado di fare eonoscere quileoa. Se si domanda, fn terzo luogo, st sia almeno possibile pnsare questo esere, diverso dal mondo, attraverso tna analogia con gi oggett ssyay Ul esperienca, la isposta & allor: certamente, purché sol RUG tanto come oggetto | ellide, e non nella realty clo’ slo in ‘quanto si inteso come un sostrato, @ noi igoto, deunita sistematis, defordine © dela faith della costtazione del ‘mondo, sostrato che la ragione deve aecogliere come principio fegolativo dellindagine naturale. Poaiamo inolte auterzzare in questa idea, francamente e senza tema, faluni antopolo: ism, vantaggiost al suddetto principio regelatvo. Si tratta infati esclasivamente di n'idea, non mai diettamente riferita 2 un essere diviso dal mondo, benal al principio regulative ‘elanita sistomatin del mondo, eselusvasnente mediante uno sehiema di questa, cot Io schema dana suprema inteligenca, ereatrce in eonformith di scop sapient, Com cid non i inte ‘enoseere che casa sia in se tesa tale fondasento orginrio™ ‘atiunita cosmic, Beas stabiire in qual modo debbiamo ser- Spiogsione particlaregita dallsione trasendentle in vit fla quale &rappreenate iportaticamente Vunith estematicn dt ‘gn milteplith del seen inten, Teative provedineato ®t Sta quo saltante das enticn dell eae tela, i Doreen AASCENDENTAGE DpstsSEEMENTE SE viel di eis, © meglio della sua idea, nelso sistematico della Tagione per quanto fa attinenrs alle cove del mondo, Ma (i continuera a domandare), possiamo in questo caso smumettere un creaore del mondo, unico, sageioe onnipotente? Senza alean dubbio; e on st tratta di untammissone sem- plicemente posible, ma necessaria, Verremo allor ad esten- Gere La nostra conoseenzn al di Ih del campo dellesperenza posse? Astolutamente no, Cl siamo tnfat Tmitati a Dresupporre qualeoa della | quale non abbiamo il concetto di {i che poss esere in se stesso (un semplice oggetto trascen- ‘Senile. E solo in eelasione alfordine sistematicn © finalisticn ‘elfuniverso, quale presupposto necessrio dllindagine natu ‘ae, nol abbismo conepito quellessere a nol scanoscisto, per finalogia con ina inteligensa con un conctto empiric: co, in int dei fini e della perfesione, che rovano in eso fonda mento, gi abbiamo attribalto quelle propret che, in base alle Condisiont della nostra ragione, sono tai da contenere i fon ‘lamento di una tale una sitematiea. Quell'dea & pienamente fondsta anche rispetto all'wro mondano dell posta ra- lone, Ma nel caso che pretendessimo conlerele una validita fsolutamente oggettiva, obieremmo che si trata esclsiva- mente d'un exere nelfidea; e peendendo cos le mosse da un fondamento indetermizabile in sede di conosenaa del mondo, i troveremmo welVimpossiblta ai impiegare questo fonda: ‘mento in eonformith alfuso empitico della ragione, ‘Ma alors chioderd uteriormente) mi leit implgare i conoetto il presapposto dun essere supremo nella invest tition rasinale del mondo? Si; & prope a questo scopo che fale idea venne posta a fondamento dalla ragione. Ma sono ntorizanto a comsderare dalberatamente drei ad un fine ‘que ovdioamenti che rivelano una. conformita allo sopo, fleendalt derivate dalla | volonth diving, pur attraverso ptticlariaccorgiment, intodotti& tal ine nel mondo? Si, lo set, ma patto che per wot non visi dierenaa fra it dire che Ia sapienea divina ha dsposto tutto secondo i suoi sopi supreme il dire che la suprema Sapienza & i principio rego Iativo della ricerca naturale, principio dlfunit sistemstica fnalistica di esa in base a leggi natural universal, anche 12 dove non ne siamo consapevol. Ossia: dove la riscontrate, oe crea BEELA moto FORA devsere lo stesso pr voi dive ce Dio a pst sapien sete cove cout la natura oben penton Coa La supresa sit cteatcav nlc, he la etre Talons vil pte lndnento enters dle nate hale princi sega, cottlre appunto ci che ste ‘sted ad aoe fdamente Tide una sopema it Higens gue schon del rnciporepatior¢ quanto mag. fore & inna che voi contrat nel mond sla scart {St prin, « tanto mage iver confers dela Ie del wont dea Puc, ala pate ncn in qetone non mia eh ala eres Suni neers dl stor, a mage ps stale n eae ropes sna Chm Gove tle anita linn ut I pttons ag. 27 hg so son veglame cadre n one] oe ‘shamo pore innoh eal og nivel dele nate a ‘st dae qual sltante quid Ye untae fondue, Consderandh ft la mara sleaneh i steal, © ipso. quant alla. sun ange, abba ft 4 dict ‘non a smmetee un esr fori. debuts ‘pt td sopra dls maura tao aoamere 2 fonda tnt ica dun te ere per pote ont enomene inom comme seat, ang al ema opi per quit che smo inte in dito nom tb i paar taro el ood en sll serte a pitti atop fn enema pote Yen erent di aos come un esse chem ligt, che frown pte ¢ olor” quid dees ¢ ols eco zm anche i cea sia peteroe inthe sper fran mia qo ce le concen epic dlr del ‘ond stor od ammeter. Ta epg esas anita Ssteratica eget che nt stun Innate come se ine, oven a mansion motel ponies acer nse unt seman Amftiea spt alate, Por ammttendo che non sui disap esate se ‘on ta nina pte questa perineal etaine su la toa rogone spells Tatas I compo dl ees © 222 prepping dove; ana tle impstrone dl Hree Total capers vantage In opt cow © vantage In ressuno, Ma devessore ben chiara che nella rappresentasione Galea d'un supremo creator, pres come fondamento, non Strata dllesstensa o della conoscenza d'un tale eee, bens foltanto dellidea di eso; ¢ che pertato io nom destin in ‘yerith mala da questo essere, bens esclusivamente dlfidea di iso, ona dalla natura delle cove del mondo, conformemente 4 questa iden, Pare tultavia che una certs comiene, se Par non sviluppata, deluso aulentico d questo nostro conceto ravionae sia ala base del lnguagyo coatcllato e ragionewole fenuto dal flosof dl ogni tempo, alloché discortono della splenza e della pevidenss della natura e della sapenea diving come se si trattasse di expression) equivalent anzi, fin che restano nel campo nella semplice ragione speculation, prferi- feonn Ia prima espresione, glacehé questa elude Ia presi: one ai aMlermare pit dt quanto siamo in disto di fae, © ‘Heonduce nel contempo a ragione al campo che le & propo, 1 nature In tal modo, la ragione pura, che jn un primo tempo sem- ‘brave prometterhaddinttra un'estensione delle conneeenze al i hi tut | limit dellesperienta, nom contien, rettamente Intese, che princlpt segolaivi, 1 qual certamenterichedono ‘unit sempre maggior dl qudllaragelungiiledalfuso emp reo delVintelletto, ma che, proprio col Toro proittare cos Tontano it fine a cui st mir, spingono al ivll pit sto, me- iante Tunith sistematica, | Tacordo di tale uso con se stesso. Ma nel caso jn eu quest prncpi sino frantesi come prinipt ‘contittiv i omoscenze trascendenti, cade che esi, mediante tana parvensa Tanto seducente quanto ingannevole, suscitino tana convinzione e un sapere immaginar, a cui si accompa feano eteme contraddision! e dss Coc, ogni conoscena mana cominci con intuition, passa s concetie si coneiade eon idee. Benehe per ogmuno di quests fre elementi si diano font conoscitive = prior che, & prima vista, hanno Taria ai aver in dispregio I limit! dl ogni con Senza, na critica Integrale easier che ogni ragione, nel ‘so uso speculative, non potra ma sulla base di quest element, Splngersi al di Ih del campo delfesperienza possibile, e che Yautentica destinazione di questa suprema facolta conoscitiva 4 HII DUKA RAGIN FoR 2 quello di implegare ttt metodi e tutti princi in una ricer che penetri negli estremi rooces dellt natura, sulla scorta di tutti i possibl princpt delfunita (pit importante Aci quali & quello de fin), senza perd varare conn della natura oltre quali non susiste per nol che lo spacio vast, Di certo, Ia rica eritien che nelAnalitea, tascendentale abbiamo condoto intorno a tutti princpt capac di estendere 1s nostra conoscenza | olte Tesperienza real, ef ha forito la prova sulieiente della impossibit, da parte di questi princi, Ai conduret a qualeos di pit che uv esperienea posible © a ron si provasse difdenza anche vers le forrmlasoni pi ehare, astratte © universal, se prospettive seducenti ingannevell hoa ei tentasero a respingerne Tefficaci, avreimo. potato smerl dal faticoso interrogatorio di tat testmoal diet che una ragione trasendente adduce in favore delle propeie pretest. Sin dalfnisio tapevamo inftti, con cererea picts, ron tattarsi che dl pectese, esogitate forse senea malefede, ima assolutamente prive di consistenga, miranti a una. cono. seenza iragaiungiile per qulsias!vomo, Ma pole ls datiba ron fnira mal, inché non sara posta in eiaeo a vera caus della parvensa capace di trae in ingaano anche Yom pit avveduto ¢ poiché Ia risoluzione di ogni mostra conoscenea ‘rascendente ne suoielementi (quale studio della nostra atura interna) & in se stessa cosa tutValtro che priva di valor, ed & anzi un dovere peril Slasofo, oe nom saltanto era necesario ‘saminare difwssmente, fino alle soe esteme sorgenti, tutta ‘questa, sia par van, costusone dela ragione specativa, ma Inolte, poiché qui Tillusione diaetien non sotanto trae in Inganno in modo naturale quanto al gsdirio, ma anche quanto | lVintresse che si pone nel giudi, rimanendo | tale anche peril futuro ~ per tutto questo mi parve epportano, per cos) lire, redigere con ogni teruplo gl ati dl questo provcso, Aepositandeli nefarchivio della regione umana, aliché nel faturo sano evitathertoc del gener 418 At pe te emote 9 atte wena " DOTTRINA TRASCENDENTALE DEL METODO Se prendo in esame Finsieme delle conoscenze dela ragions 738 pura ¢ speculativa, come foste tm eifio di ci abbiamo in fol almeno Tides, poso dire: nella Dottrina. trascendentale legit clement, abbiamo fatto Vinventario del materiale © abbiamo stablito per quale edifiio sla suffciente ¢ qual iano raltoorae la eolidita delfedifcio stesso. Certo, bench wspras- simo a costo una torre clevantest fino al cielo, now st pote fac a meno di constatare che i matetali a disposisone ‘non ‘erano suficient che per una casa abitazione,spaziosa quanto Insta per i nosti bitogn snl piano dellesperienes, abbastanen alta per dominare dallalto con lo guard, Limpresa audace Gata torte daveva falize per mancansa di materiale, oltreché perl confosione delle linguc, inevitabimente destinata a erate 4 esseeordo fra i nvorators crea sl progetto delfepera, © a Aisperdesi in ogni parte del mondo, ditt a costeuite iaseuno in base a un proprio progetto, Per noi qi si trata, pil che del ‘material, del progetto; al qual proposto siamo ammoniti di non afidatel lecamente a un diegno campato in aria, che potrebe forse andar ete ogal nostra eapaitse poiché, alta parte, non possiamo far a meno di eostruie una solids abit lone, dovremo elaborae il progetto del nostra edfiio tenendo onto dei materia disponbili © asseme dei nostri bisog. ‘La Dottina trasendentale del metodo consiste nella deter- rinanione delle condisiont formal di | un sistema completo 222 della ragion pura. Ta vista di cid dovremo oceuparel di una Aiseipina, di un canone, di wnarehitettura e infine dt ‘una storia dela rogion pura; vealizcremo eas, dal panto 36 ‘oma otek nActon 9ORA vista teascendentale, cd che nelle scwole, sotto il nome di Togica pratica, si & tontato di fare In sferimento all'uso eintlleto in generale in verith con sears risultati, perch, ton restringendos Ia ogi generale a un modo partcelare onoscenzatntlletale (ad esempio, 2 quello po) © neppte 2 particolarioggett,accade ch, st eas rinuncia a fas prestare Conoscenze da alte seinze, non pub far altro che eibire ttl, 44i metodi possibili ed espression! tecnico, utilizabil per Yaspetto istematico delle varie scone, che incomincand a fue al novisio ana eerta familarita con nomi il et signif ato e il cul uso sard In grado di conoscee sltanto pit tard cantata 1 LA DISCIPLINA DELLA RAGION PURA, 1 ata negative sano tall no oo pe a forma logs, soa abche pe il contento, non sono tenull in gram conto, © Causa de desde mano ot conser, Es sono adr PY consderattnemictgelos og slancio camasctve, | eostane temente voto alfempliamenta dl nose eraont, e e' qua bisogno di ueploga perch sano tlt ancor i, prehé Sano aco con benevlensa spt. Dal punto i vista logico ® exrtamente pose esr: mere ogat proposition in forma negative; ma per quanto com. Cerne il contnuto della nostra conincenan In generale, cod i Su esee estes oristretta per meto d un gdiio, a gid egtivispetta sol il eompito dl impedice Trerrore. Pec Je\proposision! negative che s)propongono a impede una fats conocenea propia ik dove Terore non & posi, et vere che san, somo Fae, oa om rspndent loro scope, © appatono di conseguenatsovente sl; val pr ee ft dcto at quel retore, che Alesando Magno non see pot conguistae nes pcse st aon avese avut in er Ma dove i confni dlls nosta conoscnsa posse sono asa ita, impo 8 giaicare & grande, Ia parvema che Gist oft 8 molto seduent i anno ehe Teroe pb areca 8 grandisino, i negative, dtetto preserva dale, DorrniaTaAscewDeNtALe Det wero00 » ‘assume unimportanza anche maggiore i molti ammaestrament posi, capact di aceesere Ia nostra conoscenza, Per disci plina si intende la costristone che frena e,infine, dissolve Jn persistent tendenza a deviare da certe rgole. Esa si die stingae dalla cultura, che dove semglicemente procarare na bilita, senza eliminasme un‘ttra esistente Pe la formasione, ‘un talent, | che porta gd con af In tendenza a manifests Ja disciptina sark dengue wn eontrbto negative al cotraco ela cultura dela dottina he ne apporteranno no positive, (Che il temperamento, non meno dei talent ehe amano ws ‘movimento ibero svincolato (come limmaginasone © lo spi- rit) ichioda per molt aspeti una dsepina, & coma di comune onsenso. la pd iavece parce strano che Ia ragione richieda fa stesa una discplia, quando il suo cSmpito & qucilo dt presriverla a ogni altraatiith, Essa 8 infatt sfogeta fora 2 un‘uilasone del genee, in quanto il comportamento slenne on cul eta st presenta, bn fogato il dubbio che ess, con 1m frivolo gluoco, possa seambiaee mmaginasioni per conceth © parce per eos Nelf'aso empiric non 8 vichista una exten della ragione, visto che in questo caso i suoi princi sono sottopaati a com tinuo contrllo eon la petra di paragone del! |esperienza. Lo stesso dicast per la matematics, im out {cones easionall deb- ‘bono esser presenta concrete nellintsiione pt, sect ci che & privo di fondamento e trata di abitio &sibito rveato. Ma nelf'uso trascendentale della ragione secondo meri conett, in eui nf Vntuizione empitica né Vintisione pura mantengono Ja ragion su una caceggata visible, questa ha bisogno a tal pponto di wna disciplina che freni lk sua tendenza a oltepassare Fristrettilimiti dafesperienes possibile, trattenendola dalla fantastcheria dalferrre, che, di fato, Vintera flosofia della 44 Non mi sfapge che ne lnguagglo dels scala i termine disciplina & comansmente fatto eguvslee a guelo i strasone Stdhnao tattavia ‘mal alti ea in ota pris epson, infos el senso di educasione ‘goross, & istnta con curt dull Stcondn, posal slnieato dr inregaamento, e la stom nara dhe oie exge che per quests dsinstone sano conervate le le ‘spresion approptst; is spero che non yw mai uote Hl ee ‘nine dieiplina st non el alge nepaiv, Ps crea pata maton vor ragion para non & drcta che a questa utd negative. Quando fi tratt di errrisinglt =! pad rimediae con la censtra, € alla loro causa con la erica, Se per, com’? i caso della agian ps, si ha a ehe fare con tutto un sistema di illusion! © di “fm, orgunicamente connessieracclti soto pincpi coment, ‘sembra render necessaria un'apponita legisaalne, di earattere negativo, la quale, sotto il nome di diseiplina e fondandosi Sulla natura della ragione e deg oggeti del sue uso puro, ‘xiga in certo modo sn sistema precausionle e di autoesame, fl quale nessun dlasorla parvensa sofia sia in grado di ‘Teggere, ma sl sascher sito, nonostante ogo espedente pet ‘Occore tuttavia notare che, in questa seconda parte della critica trawendental, io non applico la diseiplina della raion Dora al content, ma eschaivamente al metodo dell, cono- Senza seavata dala sagion pur. Tl primo compito gi stato assolto nella Dottrina degli element. Ma Tso della ragione, ‘qualunqae sa Voggetto a exk si applica, & eosl omagenco e nel ontempo & cos diverso da ogni altro per Ia sun natura trax fcendentale, che, in mancinza d'una dottina negstiva che smetta in guardia, cod una dotrioa eaborata speticamente 4 questo seopo, non sarh pose evitae gt ero, necessaria- mente connes allimpiego inidoneo di tai metod che, pur fssendo vantaggiost per In raglone in alte cltcostanze, non Io Sono qui. Senowe mins a discipline dalle raion para nll uaa dogmatic, La matematiese offe Vevemplo pit Iminoso 4 una ragion pra che st estende feicemente da 34, senza Taiato delfespe- tenes. Gil esempi sono contagios,specialmente per Ia stessa facolt, che & portata naturalmente a Iusingars i iscootere in altrecireostanze quello stesso suecesso che ha avuto ael primo. Coat ta ragion pura spera di potee etenderst nell uso | tascen- entale con una feliith e una fondaeasa pari a quslle con cui Si estese nelluso matematico, partcelamente se impiegherd anche in questo caso metodo impegato con tanto successo orreit TEASCINDESTALE DEE METOD0 st nelfatto, B danque per noi di grande importansa sapere sei retedo per olteere a certezza apodittiea, che nell scienzt Suuettaprende il nome di matematia, fa tutt'sno con quello on cu ela losofia si crea Ia medesima crteza, che in questo ‘ato dovrebbe prendere il nome di dogmatica, a conoscenza Tilosofiea & conoscenss razionale per concetti. La conoseenza matematics & conoecena rasionale per costrusione ai concet. Ma costeaire wn conceto lene rappresentare prior la comispondente intone, La costrurone d'un conccto implica percid unvintuisone non tempiriea, la quale dunque, in quanto inuiione, eostituisee fan oggetts singolo, ma, nel contempo, in quanto costrusone Tun concetto (Cod Tuna rappresentazione niversal), deve ‘sprimere nella vappresentariane qualosa ai valido universal mente rispetto a tute le intuizion!possibill che rentrano sotto Tp sess concetto, Cos, costco tin tiangolorappresentando Voggetto che corsponde a questo concstto 0 per mezzo della sample Immaginasione nellintuisone pura, 0, basandont st ‘questa, anche slla cata, nellntizione empiriea: ma, in ogniano dei duo eas, interamente a priori, senza che ne abba tratto il rodello da una espeienza quasi. La singola ura treet | empirca,tutavia serve a esprimere il conetto senza reeat anno alla sua universalita, perché in questa intulzone empi- ea si pon mente oltanto alfeperasione della costrusione del Concett,rsplto a eu sono inferent e varie deteminazion, ome In grandezza del lati © deg angol, © perc si astae dalle dtterenze che non alterno il eoncetto del rianglo. La conoscenaa flosaen non consdera il paricolare che nelfniversale, mentre quella matematica non considera Yun versale che net particolte, o meglio nel singolo, ma tuttavia sempre a priori ¢attraverso la ragione, sce, allo stesso modo che questo singolo & determinato secondo talune condivioni ‘univetsll dell costrzione, cost Yoggetto del eoneetto 2 eu ‘questo singolo conisponde sola in quanto ne & Io schema, eveser pensato come universalmente determinato, La ciferensa essensiale fra queste due specie di tonoseensa rraionale stain questa forma e non poggia sulla diversita della loro materi, o dei loro oggeti. Quanti hanno creduto di distin- sguere la ilosoa dalla matematica dicendo che la prima ha ss crea outta nactow rons come oggetto Ia semplie qualita e la seconda In quantita, hanno eanfato Vefett con In eatsa, E la forma della cone seenza matematica a far i che esa possa tft excloiva- mente a quanta, Di costubile, coe di rappresentabile priori nellntazione, c solo il concetto della quantiti: | Ie quali, Jnvece, non sono rappresentabill in alcuna intisione che non sia empirca. Ne conse che ana conoscensa easioale delle ‘qualiti & possibile solo in base a concetth, Nessuno quid ptr ‘mai avere unintuisone corspondente al concetto della eal ltrimenti che dalfesperiensa, ma non ne enrerd mat in post Sesso priori, traendola dase stesso, precedentemente ella coscienza empitea i essa, La forma’ conics pad eset rest inuibile senza aloun susidio empiric, eslusivamente fn base al eoncetto, mentre i olor del con in questions david estere ato prima, ia qualche esperiensa, I) conectto duna causa in generale non &rappresentabilenellntizione che attraverso un fsempio datomi dallepericnza,e csi via, Datta pate anche Ja flosoa, non meno della matematia, trata dele quanti aud esempio, dela ttalit8, dellininita, ce, La matematica tratta anche della dierensa fra lincee superfei, prese come spazi di qualita diversa,e della eontinata dellestensione, prea come una sua quit. Ma anche se in questi casi esse anno lun oggetto comune, il metodo con exi Ia ragione trata tale foggetto nella ovofa e nella matematic ® del tutto diverso. 1a prima si limita ai concetth universal Ia seconds, invece, ‘pon pu conclude nulla con il semplie conectto si valge Stbito allintizions per eonsiderarvi i concetto in cincre, ron perb empiricamente, ma in unintwixione | che essa Tappee= ‘senta a prior, osia he ha eostraito in esi 8 che deriva ‘alle condizioni universal della costrusione deve averevalidita tmiversale anche per Toggetta del concett costa Diamo a un Hlowofo il concetto di un tung alinché ‘copra, in wrth del sao metodo, qual rapport susista feu la Soma det subi angel! e un angola retto, Tutto eb i cul eg Aispone& it concetto di una figura delimitta da te linserette fi altrettant angl in ess facia, Ber quanto epi rides ‘st questo coneett, non patil mat Game qualeora di nov, ortnina aasceNDENAALS DAL wETODO ws Petri analizzare © chiorve fin che vuole i conetti di linea retta di anglo o del numero tre, ma non potré mai gingere 4 qualith diverse da quelle che sono content git in ca Sh pong inveee In questone al geometra. Imnanzitutto eg eo Struh un telangolo. Essendo a conosenca che due angall rt, Sermmati, corrspondono alla soma di ttt ll angol eontigu strut a parire da un punto su une linea, prelangherd un Jato del suo! trangolo, ottenendo dae angot contigs, In eat somma & equal a due ret. Procederh poi ala divione dt quello estemo, tracciando una lina parallda al lato opposto Get triangoo, e vedei seguime un angoo contigo estermo, che ® eguale allintero, cos via, Cos, per mezzo una | eatena Ai fnfecenze, eg srrvers sempre sila scorta delintinione, tuna solueiooe del problena inne evidente ¢ universe ‘La matematica,cuttavia, non si limita a cstrulre quant (quanta), come avviene nella geometria, ma ancho la semplice quantita (gutta), come avviene nelfalgebra, in cul si pre- Scinde completamente dalla natara dlloggetto da pensars in base al coneeto di quanti, La matematia seglieallora una carta notasione di qulsiss cotresone delle quant in gene= ‘ale (ame), come addisions, soltrazione, catrasione di radice, ee; e dopo aver procedato a dsignare anche il concetto gen fale dele quantita sulla bese dei lor diferent rappoti, rap- presenta neintuizion, sulla scorta di certe regole general ‘uabsias operazione che venga determinata 0 modifcata dalla quantita, Allorehé una quantth deve exer divies da un'altra, fsa raccoglie | sega di ambedue nella forma che designs Ik divisions, ec, ativando cos, per meas dunt. costrusione simbotica, ad un rsutato inattngiile dalla conoscnza dicot fiva, mediante semplii conett;rsutato a cui Ia geometria fiange mediante una costrasione ostensiva © geometric (dee logget ates), ‘Qualesark mat I causa della diversi di situasione in cu vengono a trovare i cultori di quete due arti razional, di eut i primi procedono in base a contetti glial in base intl oni, | rappresentate a priori conformemente ai cancetl? Tale fansa si ft chiara ce si muove dalle fondamentalt dotrine fraccendentali sesposte, Non sono qui in giao eemplicipro- posaion! analtiche, rggivngibilattraverso In seomporsione ss cmey DELLA M010 FORA ‘ei concettt (nel qual caso it filosfo sarebe di certo avvan- taggiato rspetio al suo rivale), bens proposisontsinetche, talt du dover esse conoseute & prick, Non si tratta dungue Ai prendere in esame eid che eflettivamente penso nel mio fontetto di tango (che i idace alla semplice defnzion), bonsi di procedere oltre tale concetto, indiizzandoma verso propretd che non si siscontano in tale concrtto e tutta fl appartengno, Ma questo & impossible se fo nom determine I mio oggeto sala base delle condzioni delintasioneempiricn © dallitulsone para. Nel primo caso, pero, aon ne verrebbe che una proposisone empiriea (in vir dell misuraions deg Angol), priva di universal e sncor pit di necessithe del tutto fstranea alla nostra questions. Il seeondo modo ai procedere caratteiaza invece la eostruzione matematic, e in questo caso Jn geometrica, nella quale, in una intulsione pura, non divere samente che in quella empirca,aggiungo il moltepice che & proprio di uno schema del triangolo in generale, clot del suo foneeto; in tal modo non sara possibile non cosruire propose lanl sinttiche universal Se filosofast sul tlanglo, lo fare invano,poiché rifetteret Aiscorsvamente, senza eampiere i pit piccolo | paso al di 1 ella semplice defnizione, da cul doveel comunque prender Ie moss, Est, in vert tna sintesttrascendentale che pogaia Su semplict coneelti e che riese soltanto al flosofo; ma a, ron concerne che Ia cosa in generale, quanto alle condizion! Fichieste perehé Ia pescezone dela ‘com posta. appartencre alesperieza possibile. Ma nei problemi mtematct non & di ‘questo che i tratta, né in generale delfesisenzs, quanto invece dale propeit deg oggett in se stessi, net Kimi in en rise tano congiunte al conectto dt exsi Con Tesernpio addotto ei proponevama semplicemente di porre in chiar la grande difeenaa che c' fra Taso discorsiva ‘ela ragione in base a concette quello intuition mediante la costruzione di conecti E ora naturale domandarsi quale ea Ia causa della necesita i questo dupice uso della ragone e in viet di quall condisioni sia possible ricouoscere Ia presenea el primo o del second, gai nostra conoscensa si free, in ulkima analis a intisiont possibil, come le Sole per Ie quali pub ester dato ovens aascreonaate oes 7000 Pa un oggetto. Maun concetto a prior (an coneetto non empiric) fo ports gid con sf snvintuixione pura, nel qual caso &suseeti- bile eoxtrusione; 0 contine solo la sintest di intuisonposs- Dil, che non sono date a prior: e allora pub | certo essere Smpegato per giudicare sinteticamente 2 prior, ma soltanto discorsvamente, secondo concett, ein nessun e380 intutivar iment, atravera In eostrazione dl coacetto ‘Di tutle Te intuinions, & data 2 priori esclusivamente ta semplice forma dei fenomeni, ciot lo spar e il tempo, an fconcetto di questi presi come quanta, pub esser rappresentato 4 priori nefintuizione, ossia & costrubile, 0 congiuntamente fas loro quaith (a fa) semplicementeespetto alla quan ‘ith la semplice sintest del moltepize omogenco), mediante i remero. Al contasio, la materia del fenomeni, pec 1a quale Ye ‘cose ei sono date nella spazio © nel tempo, pub eser Tappre- Sentata coltnto nella percerione, indi a posterior. L'snico Concetta, che rappreeenti prior! questo content empitico {i fenomeni, i eonetto di cosa in generale; mala cono- scenzasintetica di tale cosa non et dA che la semplice regen fella sntesi di eid che la perealone pud offre a posteriod sai, quind,Vintisione del oggetto rele, Ia quale deve nees- ‘tlamente esere empire, [Le proposisiont sintetiche concementi cose in generale, ci intieione non pub exer data prior, sono tascendental 'Non & quid possitle che proposision traseendental sano date «prio pr costrusione di concet, ben eaclusivamente secondo ‘oncetti Esse contengono solo la'regolaseconda eu dewesere ‘curcata empircamente una cera unit sintetica di ib che non piu | eser rappresentato intitivamente priori (delle perce- oni Main nessun eas0 sono in grado di rappresenfare a Prior an qualsiasteoncett; Ia cosa & posi soltanto a poste- ori, por mezzo dal esperienaa, Ia cu tesa posit dipende 4a que prinlpt ntti, Sesi deve giudcare sinteticamente un conceto,& neessario uscire da questo conctto, por passare allintizione, in eui eso dato, Se el si fermasceinftt a id che & contemuto el con: ‘eto, il gudino riulterebbe meramenteanalitic, risalvenden in an chiarimento del penscro rsptto a eid che & efltivar ‘mente contemito nel gino steso, Dal coacetto i passiile ss ‘nck DeLLA atom rena pase o allintutione para o allintuicione empirca che gli corisponde, per consierarlo coneetamente in esa conoscete =a priori © @ posterior, secondo il caso ~ eid che appartiene alloggetto di quasto eancetto. Nel primo eat0 ne riulta In ‘onostenta rasinale matematica attraveso In costrsione del concetto; nl secondo, la semplice conoscenza empiric (mecea- nie), che non pot mai dar Iuogo a proposzion neeserie« poditiche, Cos, se analizeas il lo conestt empirio dell ro, non potre far altro che enumerare tutto ei che efetivamente penso nella parla ia questionc; con Vinnegabie risuato d'un miglioramento logco della mia eonoscenss, ma senza né au mento né aggiuata. Se mi volgo invece alla materia che si presenta sotto questo nome, potrd averne percerioni che mt Apporteranno diverse propossioni sinteich, sna sempre empi- Fiche, 1 eoneetto matematicn di un trangolo potre invece costal, cod darlo a peortnellintuigons, sugsiungendo in fal modo ‘una conoscenza | sinttin ma reaionale. Ma se mi dato il conetto teascendentale di reall, sostensa, forza, est, ron & designata nf unintuisone empisca néunintsione pars, ‘ma solo It sites! delle intuiiontempiiche (che, danque, non postono esser date a prion). Da un sifatto concetto non pd mai deivare una proposisionesintetea determinante ~ pet la lmpossibilia della sintesi di passare a peor alintuinione ee corrisponde al concetto ~ ma slo un principio dell sintesi i possi ntuizioni empiriche, Dungue, ans proposisionetea- scendentale & una conotcenaa ranionalesitetca secondo sem lel concet, © pereid discorsva, ia quanto per sup mezao & possible ogni with sintetiea della concscenea empirica, senza ce sa data a prior aleusaintuiione, EIB dl inet cao co efetivanent lc ett epic un ceeto (ea ha ang quay sara per Seeder aligns he rappresnta. tne cone us, bert alle candon df enpo in genus che ptredbers ser ticontrate nl epee, poor del cnet cas Tornon prado dungue che sesndo conte non medias It Gesrine dh oneth lace cnctto€ wha regola Gl stesk She ferceron fe qa non esd itn pe, non Pesos seer Bates pas orem HASCENDENTAGE Des HETE00 7 | Ci sono dungue doe us della raglone, che, nonstate 278 Vraniversalita delle conoscenzee I loco origine por, comin a due si, differs profondamente nel modo di procedete, facché nel fenomeno - mediante il quale ct son dati tutti ght fggcti~ sono compresnti due element: I forma delVintuizone (epario « tempo), conoscbile e determinable interamente a ‘rior, ela materia (66 che &fisico) oi eontencto, che significa {8 che sl sisconta mello spazio nel tempo, e per contiene Yesistens ecorisponde alla sensssione, Ta ordiae al content, che soltanto empircamente pub esser dato in modo determinato, fnon abbiano & prlos che eoncett indeterminati della sintes! 4 sensaziont posi, in quanto esi appartengono allunti ‘lPappercecione (in un'espeienza pose). In ordine all focmn, possiamo determinare © prior | most conceth ellin- tuisione, poiché ci ereiamo nello spasio nel tempo gl oggttt tess in wrth una sntes unforme, eoneependall semplice- rent come quanta Il primo prende il nome di uso della ragione ‘condo concen eto tutto cid che possisma fare &rportare ‘tenomeni, in base al loo contenuto real, sotto eoneeti 4 ‘quall non possono esser determinati che empiricament, oma 4 posteion (ma conformemente a quei coneett, nella Lovo ‘quali di egole di una sintesi empiri). Tl secondo & invece Taso dell rapione attraverso la eostrzione di | concetti in caso, i concett, poiché conducono gi a prior! a un'ntuizion, posrono esser dati e determinati a price! neintuzione pura, ‘Senza alcun dato empiric. Stabiire se ed in qual misura tutto «0 che esiste (una cosa nelospazio o nel tempo) ia un guantune ‘oppuce no sein essa debba exer rappresentata unesstenza 0 lune mancanza in qual miso il qualeoa che lemple lo spazio ‘hi tempo) costitnsea un primo sostato © una semplice deter rminazione; se st rapport ella sua esistenza a qualeosaltro come causa 0 come eleto;e finamente se nella sua esistenza Sa islatoo in dipendenzarecipreca con alte cose; stabiire di ‘questa esisonza la possbit ia realthe la necesito i loco Contrart tutto questo incombe alla conoscenza razionale procedente in base a conceti che & dettafilosoflea. Tnvece, Seterminare a prior un'intuiione mello spasio (Sgura), dividere Alempo (drat) osemplicemente concscere il fattore universale ‘ella sntest di una e medesima cota nel tempo e nell spszio Z ot crrick BeBtA KAION won el conseguente grandezz dl uintnisione in generale (numero) tutto eid equivale aun operare della ragione mediante costruione di coveetti,e prende il nome di matematies. T grandi risltati a cu le ragione glug attraverso la mate matics, rend naturale supporre ee, zenoa la matcmaticastessa, A suo metodo darebbe Duon!visultati anche in campi divers! da quel dell quantita; Ia matematicariporta ogni suo conectto intuiziont | che essa & in grado di fie a priori, dlvenendo in tal mode, per east dire, maestra della natura. La osofa para, nvece, eof suai concett discorsvi a prio, eee il nasa neg afar della nature, senza esere in grado di render itu tiva a priori Ia ealta dl quest conetti, cost accreditarla, Diattra parte non pare proprio che ai meesti dell'rte mate: matica facessedifetto la Aducia In se stesi, né-al pubblico la fiduciowa speranza nelle Toro capacity una volta che si fossero ‘mess altopera. Non avendo mai quest mete sottoposto la loro matematica a unindagine flosofen Gimpress. ssa ardua) Ja diferenza specifica fra un uso della ragione e Taro non passa loro per i espo, Prendone ello per astomi reget co. enti, empiriamente uste, ¢ pee a prestit dalla ragione fomune. Non ha per loro importanea chiedersi donde proven ino quei concett a spasio e di tempo di cui si oceupaso, sassumendoli come soll quanta origina; © nom meno inutile pare loro VindaginesulTerigine dei eonett puri dellntletto « sallbito della loro vaidit, intent, come sono, sermplice- mente a servirsne, Cosi facendo si comportano benssimo, purché non escano dat confini loro astegnat, cio dll ambit della natura. Ba, procedendo nel modo suddetto, ess abbane donano inconsapevolmente il campo della sensbit, incltean- ost sul tereno indo dei conett pur, e addirittara trascen dentali, dove il supporto & tale da non permettere né di stare cretttné. di muotare instal tls, innate anda), | dove ‘non é possibile compiere che qualche paseo avventuroo, di ui 81 tempo dissolverh presto ogni tracela, mente i eammine che ‘ssi compiono nella matematica apue tna strada macsta, che anche la pit tarda posteita pote segue fidcios, ‘Noi ci slamo sent in dovere di deterinare con estteza «on scureza i limit della ragion pura nell so trascendentele ‘ma poiché Ia lamentata inlinazione traceura lh avvertimenti Dorranes aseeeoasrise Det 83609 “0 pi impeltenti © pit press, cedendo sempre di nuovo alle ndasions della speranea, prima di desstere defitivamente dal ‘progetto di guadagnare, oltre eonfinideesperensa i fcinosi ‘aes del mondo intellctuale, si end allora necesario privae, pet coal dire, delfltima ancora ena speranea eampata in ala € pore in chiar come il metodo matematico non sain grado Aiarrecare il ben che minimo vantaggo,tramne quello di ren- dere manifest a se steso 1 prope limite cio’ che geometria f filosofia sono due cove interamente diverse, anche se sf inno Seambievolmente Ia mano nella seienza della natura, e che pertanto il procedimento deliana non pub essere imitato dal- Fale, Ta fondatezza della matematca pogia su definison, assem, imostacionl, Qui mi limiter a ehirie come nessa quest tlementi nel senso in eu vengono intesi dat tematic, pb tesete fornito 0 imitato dalla | fowfa; come il geometra, twsando il suo metodo nell Slosofs, non pub costruire che caste in aria, con Sloot, appicanda il proprio nella mate- Imatica, non dia Iuogo che a chicchiere: quando invece In Flosoa stn proprio nel consscere | nostri limit eo stesso ‘matematico, se il suo talento non & frenato dalla natura Coste nel proprio dominio, nom pub trscurae gli ammoni- nent dlls lesa ¢collocari al dt sopra des 1. Dette pevinizion. Definire, come 1a parola stsse ice, non pub propriamente signifiare altro che rappresentare crginariamente it concetto completo di una cosa entzo i suet limit Quest esigensa fa s che un coneetto empirico non pu ester definite, ma solo reso esplicito, Poché tale conceto hoa offre che alsune noted una determinata specie di oggett ensibl, non si mai sini che com la paola che designs un ‘medcsimo oggetto non si pensi ora un eerto numero di note fora tn alto, Ad cvmpio, el concetto dePore qualeuno pub . Completezeasignien qui chiareea esufcensn dalle note & limit siglacano Inver la pecsone, coe ee Te ote non sano ‘dh qulle che appartengono al coneeto completa origina Flamente signifies po che questa eterninssione. de Uma nox {uae onige da mlfalo,e non abisogna petanto dana dimostay on, che rendre In pete enone nada tare fn en ‘tut ods concerent om gata Be so nck DRtLA tion rox Pensite, oltre il pss, Hl color, la durezza, anche Ia inattacca- Dita dalla roggine,propeisth ques ultima che pub este de tutto ignota ad un altro. Determinate note sono impicgate fin ‘he rsutano idonee ala identicasione del ggeto; ma ulterior osservazionlpossono togieme tune © agiungemne alr, con 1a conseguenza che il eoneetto non & mai chiuso in confit sieurl, Daltra parte, quale utsti verebbe dalla definisone di ‘un concetto i questo genere, ad exempio dell'squ, visto che, allorché si pari delaequa e delle sue proprict, none nits 8 eid che & contenuto nel pensiero della parla eacquas, a i procede alla cera sperimentale, cosiché la paola, con le poche note che essa porta con ef costituisee sempliceente luna designazione © non wn conetto della cos, cla pretese defnizione si ridace una determinaione della parca? Tn secondo Iuogo, per essere esati, non sono sascettbil di defini. lone neppure i concetti dst a ‘prio, come quel di sstansa, fans, dri, equi. Talat, nom possiam esser sian ehe bt rappresetazione chiara di un eoneetto dato fin modo ancora ‘onfuso) sia stata siluppata fino in fondo, fin che nom sie cet che essa sia adeguata alfoggeto, Ma poiché il concetta i questo, eos com’® dato, pub racehiudere mlte rappesent. oni oscure, che nelfenalisi taseuiamo, pur impiegandle sempre nel'spliesione del conceto, eos i completes, del. Tanai del mio concettosimane eostantemente incerta, ¢ tle da esser tut pit probabil, in vst i | numero esempi calzanti, mai apoditticamente certa, Al posto del termine 4 definizione» jo impiegheret volentier quello di esposisione, che rimane pit eauto © permette Tnso linitato della noziome anche al criti che ha dubbi sulla completezes, Non essend Aunque suscetibil a defnxione né i concett dat empires, mente né quelli dati prior, non restano alors, quali posibis coggeti i questa operaione, che i concetti penstiaxbieai mente, Tn questo caso mi & sempre possibile deine il mio ‘concetto, peché non posso non sapere che cosa ho inteso pen. sare, visto ehe sone stato fo stesso a costruce a ragion veduta iW conectto che non mi viene né dalla natura delintllett ne dalesperienza; con Ia conseguensa, per, di non aver definito in questo caso un vero oggetto. Se, infatt, il eoncetto ha I ‘ua base in condizioniempiriche ~ tattandos, ad esempo, del orraies TAscremaAAse DEL NETO sie ronometzo navale ~ col concettoarhitrario non & ancora dato Toggetto ela sua possiilita. Now poteb danque sapere neppare sesso ha un oggettoe In mia splegazione & pil una diehinra- one (det mio progetto) che una defnizione delVoggetto. Non testano dung alts concetisusetibii dt definiione che quell che recchiudono na snteslarbtvara, che pod essere costratta 1 priori, di conseguenza, solo la matematica ha definision (Quando pensa un oggeto, la matematica lo rappeesenta apron relVntulsione, scehé Foggeto non pa contenere mala | di pit nulla di meno di quanto & contenato nel concetto, perché & {to originariamente dalla splegaione del comceto, senza che tale spiegaione traps orgie da altro. Per dre esposizione, espheasione, dichiarasione e definisione, la lingua te- ‘desea non a che il termine ErBlérang, cb fat che otal ‘aniamo un po’ dal rgore delfesigenra per Ja quale negavemo alle spiegaion filosofche i titolo di defnizioni ci imiteremo aunque a overvate che le defnision! losofche non sono che ‘sponsioni di concets dat, mente le matematiche sono costs ‘oni di concetterigiariament foggit. Le prime hanno logo Snalteamente, per seompisisione (cnsa cetezza apoditica ella lero compiutezza), le seconde, inveee, sinteticamente; {questo fanao dunque il concetto stesso, mentre le prime si Timitano a spiegarlo. Dal che segue: 2) Che nella filosoéa non @ lesito prendere « modelio a ratematica, miovendo dalle defnision,tranne che titolo di Sperimento, Fsendo infat le densi’ Alsace anal &i foneetti dai, questi concetti sono. antepostl, benché ancora confus, e Tésposisione incompleta precede quella completa Sieché, muovendo da aleune note, desunte da Uunanais ancora incomplete, siamo in grado di nferime alte, prima di giungere alfespasisone completa, ossia alla defniione, In breve, nella [ lot, In defnizione, nella sua qualita di chiarezza meditata, deve coronare Vopera, ansichéinziaris *, Nella matematia, al 4, La ona 2 tute pena A deinisiont dilettante paris sented qualche, pur inladende talus ment dia define, ‘on lt eoatengo ft. Seon lose aslatamente posible parts ‘dun conetto prima di averne dato la define, Ie eases met tercbbero male pera oso, Ma pole pose fae sempre un so cometto ¢ sero deg clement (Sella, eno # cont sia ‘nti Ruta AON moma contzaro, non poiediamo aleun concetto anteriormente alla ‘efnvione, glacehé 2 proprio questa a darci il conetto. La matematica, danque, pud'e deve muovere sempre dalla def 1) Che le defnsioni matematiche non possono mal sbaghiaee. Tnfatti,poiché i eonctto non & dato che atraverso lt defini: ion, ess contiene né pil né meno di quello che I deinen ‘sige che venga pensato con esso. Tultavia, anche se peril ceontenuto nulla di inesatto pub aver luog fa una definisione ‘matematica, pub accadere a vote, se parraramente, che Yesrore abbia Iuogo nella forma (nella vest), clot quanto alla prec- Sione. Cost Ia definaione abituale dalla ciconferenta come linea curva i eut punt! riultano equidistanti da un | mede- simo panto il canto), dfetosa perthéintoce senza neces: Sth determinazione eenrva s, Devessetelinftt un teorema partcolare, conseguente ala defniionee faiimente aimostra- bite, per eui ognt linea, i ext pant siano equidistant da un medesimo punto, & curva (aan ha parti retin), Le defini- oni analitiche possono invece essere erzate per molt aspetti causa delfintroduzione di note che in realta non sono nel ‘concetto 0 per difeto di quella completezza che & exsensise a luna defnstone, non potendsi mai eserceti della commplatezza danish. Ne viene che il metodo seguito dalla materatca ne definite non pub essere mitato dlls floss, 42. Dect assont. Est sono prinip sintete a prior, mme- diatamente cert, Ora, non & possibile che un concetto st con sgiunga sintetcamente, © nella steso tempo immediatamente, fon un alle, giscché, per possae da un concetto allio feccorre una terza conoicenzn che fuga da sedate, Poiché indie la flosoia & conoscensarazionale secondo const, non Spud incontare in esa alean principio ei comvenga il nome i assioma, Nella matematca ieee, gli asiomieono posi dats oro portata, pose use proicamente defision dift- {ost dot propoution! che non sono aacorapropessiente derision, Ja Sono tattava vere, © come tal approwsnano als defison Nelo matematien is debnsone apprtene af etal lsc fo mule eae, Clangere alls dentine, & belo, ta sovente di freA tattugg | lait etenno ancora una define del loro fonett a ait, oTrHiea THAECENDENALE DBL srO00 8 perché essa & in grado di conglungere @ priori « jmmcdiata- mente { predicatl delfoggeto, mediante In. costrasione del conceti nelfintuzione dell ggetto stesso, come sccade quando | afferma, ad esempio, che tre punt giaciono sempre su un Boe plano. Al contraro, | Vimmediata certezza non pub mai eser 83 propria ai un principio sinttio, desunto sempicemente da onceti; cost nella proposisone: «Tutto cid che aerade han sua causa, sono costretto a far silerimento a una terza cosa, ‘sia alla condizione della determinazione temperate in uespe rlenza, per Vimpossbilta che tale principio sin conosctto Aircttamente immedistamente, per mezzo di soll concetti. T Drinip dscorsivi non bsnno dune mila ache fate col prin ‘pi intitv, 0 assiomi, Quel abbiognano pur sempre dana ‘eduzone, mentre questi possono fare a meno; © poiché quest sono evident, mentee i prinepi fest, nonostante Ia loo ferter2a, non possona pretendere tanto, samo infnitamente Tontani dal per afermare che na qualche proposisione sin tetica e trascendentale della raion para abbia la stessa evidensa (come solitamente si dice, con baldanza) della proposizone ‘Due pit due fanno quattro», In verti, neAnalities, ho inciso- nella tavela del prindpi delfntlitto puro. alan assiomi delfintuiione; ma va notato che il principio alloca ‘ddotto non era un assoma, servendo esclusvamente 8 dare iprincipio della possibiith del assim in generale i tattava cio d'un principio desunto da conceti La filesofa trasen- ‘entale deve infatti, tra Taltro, mostrare anche la posit ‘ella matematica. Ma la flosofa nom ha ascomi, ©-non & in rao di importe in modo cos assolato sunt prin a prior, ‘ma @costretta a | render conto del proprio dirto attraverso| ‘una rigorosa deduzione 3. DELtx DvostRAZioNt, nome di dimostrasione spetta solo & una prova apodittca, in quanto sin intuitive, Lspe- enza ei insegna, senza dabbio, che una cosa cite, ma nom che ron pub eset divers. Pee le raion di prova empiiche nom, possono costitnre una prova apedittica, Da conctti a pio (relia conoscenza discorsva) non pub mal derivae Ia certezes ‘ntultiva, ossia Vevideza, per apoditicamente certo che il indzio passa estere,Soltanto In matematiea & dungue in pose fesso di dimastrasioni, perce rcava In conoscenea,anaiché da Bm She | cain ate nacon em conceti, dalla loro eostruione, ossia dalfintusione, che. pub fesser data a prio in corispondenza ai conceti. Lo stesso procedimento deilsgebr, co le se equation, dale ual, per ‘iducione, i icava adn tempo la verithe la sua prova, ee non ‘ana cottrasionegeomtria, ettavia una costrsions secondo crater in eu sgn servono a rappresentare i conetti, par ‘eolamente quell dell rlspioni dt quanti, nelintazione, © ‘pone le inference al riparo da ero (snza considera Taspeto arstioa) mettendole sotto gk occ una a una. fa In cono- Scenza flosoca deve fare a meno di questo pivilegi, essendo costeta a tattar sompro Tuniversle in abiraco (mediante fonestti, a difeenza della matemntics che pd consderare Fruniversale 2m covert (nella singolsintusion), per mezzo di sana para rappresentazione | a pos, im cul quasash passo falvo & patente, Prefeieh quind! dae allo pime il nome di prove atroamatiche (dscorsive), peri fatto che non postono ‘ser condotte che per meszo dt semplci parole (Foggeto del ‘ensiero), in Iuogo di quello di dimostraztoni, perehé ques, ome lo stesso termine sta a signeare, proctdono nell inta one dell ogetto. Da quanto sopra rislta che non si adaice all natura della Slosfa, particolarmente nel campo della ragion pura, assumere J pompa dafandamento. dogmatio, feplandosi dei titel © dale dignth della matematica, dl eui ordi esa non fa parte, fnche ee vanta buone ragion por eperare in na parentela con tesa. Non strata che di vote preter, destinate al pleno neues, ef il ei solo isltato & quello di stornare la Hosta Gal suo antentico sop, che consste nel mettre in ebiaro Ie ‘fusion! dt una ragioneignara del prop Limit, ene rieonduee, con wafadoguata ehiarifcarione de nostri concett, Ja superbia| ‘ella speculaions una modeste ma consistente conoscenza 4i of, Nelle sue indaginitrasendentali, Ia ragione non pote fzuardare innansi a sé con tanta baldanza, come so la strada ‘St cti & ncamminata portase con certzaa alla mita, € non pote fare tanto conto sulle se premesse tascendentali da non Benere opportano di volgerst spesso inditro, per controllare 2, nelVandamento delle infrenze non si annidino eventalt ‘ercor,sfugiti nel prinlp,| che rendano indispensable loro Dorranta THASCENORNTAGE Des E7000 v5 Divido tutte le propossion) apoittiche (tanto te dimo- steabill che le aumedatamente cert) in dogmata © mathomats Una proposzione diettamentesnttica, fata coneti, bun dogma, mentre una proposizone dello stesso genere, ottenuta con fa eostruione di coneeti, é un mathema, Di un determinato logget, | ludii anaitct non & dieono in venta nella pb dt GB che & contenuto nel coneetto che ne abbiamo: ssi non fstendono Ia conescenza al di 1k del concetto del soggetto, limitandosi a chiar. Non possone donque dist propriamente dognata (parla, questa, che potrebbe forse venir tradetta con fenuncisti dotérinali). Delle due specie propossions sine {etiche& poe sopra esaminate, ossono porte questo nome, fn base alfabituale uso lingustic,soltante quelle che rientrand ella conoscengaflosoia difclmente le propesiions delVart- rmetica © della geometria prenderanno it nome di dogmata. In ‘questo uso si ha dungue le conferma del nostro chiarimento, per esi sotanto 4 giodai che isltano da concett meritano fi ‘ome di gudiel dogmatic, « in nessun easo quelli ehe ruta alla costrsione di coneetl Ma Vintera ragion pura, nel suo uso semplicemente speeula- tivo, non contene un solo giudiso dirttamente sintetico in base a coneeti. Come abbiamo dimostato, essa non & infati in grado di dar Iuogo, per mezzo di dee, aun qulsas giudizio| Sntetico forito ai valiita oggettiva, Atraverso 4 coneet [Pdetintleto, essa istitisce senza éubbio prineph sews, Aesumendoll perd da concetti non drettamente ma per via indivets, mediante i riferimento di tall conceti a qualeosa di contingete, cot allesperienza possibite. Infatti, se questa esperienza (qualeosa come oggetto di esperienze possibl) & ‘resupposta, quel prinepipossono essere crt in modo apodit- tico, mente ins steah (iettamente) non sono suicettibl rasa conoscenea a prior, Nest, pertant, pote conostre fedeguatamente la propossion: «Tutto cid che aceade ha una ‘causa, unieamente in base a conceti dati Non si tatta dune {que di un dogma, anche se soto un diverso riguardo, ci’ in ‘ferimento alfunico campo del suo possibile wso ~ Tesperienza| possa esere dimostrata benisime, © apoditiamente. Ma, onortante questa dimostrabiit, esa prende il nome di prin: ‘iplo.e non di teorema, per ls caratteristea che posiede di Pa cnrica DEAEA MAIO FORA portar seco la possiblits del suo stesio fondamentodimostra- tivo, Tesperinza, edi dover esser sempre presupposta in questa, ‘Ma se nelf'uso specuativo della vagion pia, anche por quanto eonceene il contennto, non hanno’ hiogo data, i metodo dogmatico rislta incompatible en la ragione, tanto elo si prende a prestito dalla matematia, quanto se lo si & ‘seogitato per Feccasione. Esso, in real, non fa che acetllare Fife e gl erro, traendo in inganno lwo, i ext scopo precipuo & di illuminare al massimo ognt paso dela ragione. Gi non impedisce ehe il metodo sia sistematica, La nostra ragione | (sogettivament) 8 Salat per se stesa un sistema: tuttavia, nel suo uso puro, che si serve di semplicl concett, essa non & che un sistema di icrea ia ase a prinepi di unit, 1 eat materia pd essere forita solo dallsperienza, Per quanto concerne il metodo pelle una filwoia tascendentae, rnon & qui possibile fornire precisarions, visto che stim ‘ecupando esclusvamente della eitien dello stato delle nostre facolt, per stable se siamo in grado di cortrure, ¢ fino quale ater, il nosto edie, wufeuendo del materiale che aDbiamo © dapossione @ conceti puri a prior Seno s#ooNDA a discipinn delta ragion pura in ordine ab sno uso polemic, Tn ogni sua imprsa la raglone ha Yobbligo di sotostare alla crtiea & nom pub opporre alcun divieto al libero eserciio Ai essa, senza recat danno a se stessa ed eapors a un sspetto ddannoso. Nala inftt vidi col importante risptto allt, Ai con sacro, che possasottrarsi a am esame di questo genere, che ispeziona e indaga senza riguardo per nestono, Su questa Ibert ha il suo fondamento Tesistense stesa della ragione, ‘che non ha potere ditatoiae, poiché 4 suo deliberath non prendono origin che dalf'scorda di liberi ittadini, cascuno Asi quali deve poter avancare senza impedimento + prope | dubbi e addvittura i sno veto Benché la zaglone nom posea mai esimersi dalle critica, ‘ss non ha tuttavia sempre motivo di preaceuparsene, Ma Dorma aascewbenrate ot 51000 sin 1a ragion pura, nel suo uso dogmatio (non matematico) non cost consapevole di aver esservato nel modo pil rigoona § prope supremi princi da poter fara mend di pesentarsl con timiderza ~ dopo aver rconoscnta Ia infondatersa di ogat pretesa dogmatia ~ al cospetto dello guard eriticn dina Faone giudizante a lei superire ‘Ben diversamente vanno le cose se la sagione si tuova a tu per tu, ansiché con la censors del giudie, con le pretest detsuoconcttadino, camele yiche eu deve far front, Infat poiché tli pretese sono, nel negare,altzettanto dogmatiche di ‘ele della ragione nellaffermare, ba lug tuna gastifearione vac'bpan, che garantisce Ja fagione da ogot danse, e le ‘sicura un postesto legittimo, che si tova al riparo da og Dretesa esata, anche se non 8 sufcientemente dimostraile as idew. TIntendo, dunque, per uso polemico della ragione ls difesa dle sve proposition! contro le negazion! dagmatiche di cut Sono oggett, Qui si trata non i stabilre se le su aflere tmaziontpossano eventualmente estee false, ma solo. che rnessuno pub sostenere il contrario con certezza apoaittica (e repute on | wna maggiore apparenea di veto) Infat nostro postesso non pub exer titemuto precario, se possamo ‘sbire tn titolo, sia pure Ineufiiente, al riguard ed ¢ certo ‘che nessun potri mai provare I egttimith di questo paseo, Che an‘antitetica della raion pura in generale ci sla @ cost triste deprimente, come Io & che Ia ragione, cot i teibunale supremo, competent per ogni conters, soggiesia aun conto con se stessa, Sopra abba avuto sltccrhi questa parvente antitetica, ma ssutd chiaro che casa siposava st un equivoc infati sla seorta del comune giudaio, i fenoment venivano ‘resi come cose in sé, avanzando pola vichlsta, in un modo © nelfaltro, di una ‘compintezza assluta nella Toro sites (impossiite,neluno e nelfalto modo): chiesta, quest, insen- sata rspetto ai fenomeni, Non vi ers dungue, alloa, leuna contraddistone reale dlls ragéone con se stesa nelle pro- posizioi: ea serie det fenoment dati in s@ ha un initio asso- Intamente primo, e: «Quista sere & in se stessa asoluta rente senza inzio. Le due proposizion! possono infatl eats stere benssimo, glacché i fenoment, quanto alla loro esi