Sei sulla pagina 1di 300

Miti e leggende

degli indiani dAmerica

scelte e curate da
Richard Erdoes e Alfonso Ortiz

Versione, introduzione e glossario di


Mario Marchiori

Titolo originale:
American Indian myths and legends
Traduzione di: Mario Marchiori

Le illustrazioni appartengono allarte originale degli indiani dAmerica e sono state rielaborate da Richard Erdoes
Grafico designer: A. Spanu

Richard Erdoes e Alfonso Ortiz


EDIZIONI PAOLINE s.r.l., 1989
Edizione CDE spa Milano
su licenza della EDIZIONI PAOLINE

INDICE
INTRODUZIONE ............................................................................................................................ 10
PREFAZIONE ................................................................................................................................. 16
PARTE PRIMA Ragazzo Coniglio prende a calci un grumo di sangue Leggende della
creazione umana ............................................................................................................................... 19
RAGAZZO CONIGLIO (Sioux White River) ..................................................................................................... 20
GRUMO DI SANGUE (Ute Meridionali) ........................................................................................................... 23
MADRE GRANO (Penobscot) ........................................................................................................................... 24
LA CREAZIONE DEL MONDO ANIMALE (Okanogan) ................................................................................. 26
RAGAZZO PIETRA (Sioux Brul) .................................................................................................................... 27
IL BAMBINO POTENTE (Seneca) .................................................................................................................... 30
GLOOSCAP E IL BIMBO (Algonchini) ............................................................................................................ 33
LA VECCHIA DELLA SORGENTE (Cheyenne) .............................................................................................. 34
RAGAZZO FRECCIA (Cheyenne) .................................................................................................................... 35
LA GRANDE DANZA DELLA MAGIA (Cheyenne) ........................................................................................ 37
LORIGINE DELLE CERIMONIE DI GUARIGIONE (Apache White Mountain) ............................................ 40
LA CREAZIONE DEL PRIMO UOMO E DELLA PRIMA DONNA (Navaho) ................................................ 40
COME GLI UOMINI E LE DONNE SI UNIRONO (Blood-Piegan) ..................................................................41
LUOMO COTTO AL PUNTO GIUSTO (Pima) ............................................................................................... 44
LA DONNA BUFFALO BIANCO (Sioux Brul) ............................................................................................... 45
LORFANELLO ED IL CANE ALCE (Blackfoot)............................................................................................. 48
LA DONNA SALE A CUI VENNE RIFIUTATO IL CIBO (Cochiti) ................................................................ 53
IL SACRO TABACCO (Blackfoot) ................................................................................................................... 53
COME LANTENATO PEYOTE ARRIV AL POPOLO DEGLI INDIANI (Sioux Brul) .............................. 55
LA RICERCA DUNA VISIONE (Sioux Brul) ................................................................................................ 57

PARTE SECONDA Il luogo dellapparizione Racconti della creazione del mondo ................ 60
IL GEMELLO BUONO E IL GEMELLO MALVAGIO (Yuma) ....................................................................... 61
LA GENESI DEI JICARILLA (Apache Jicarilla) ............................................................................................... 65
QUANDO I GRIZZLY CAMMINAVANO ERETTI (Modoc) ........................................................................... 66
VECCHIO UOMO COYOTE CREA IL MONDO (Crow) ................................................................................. 67
COME FURONO CREATI I SIOUX (Sioux Brul) ........................................................................................... 71
IL SOLLEVAMENTO DEL CIELO (Snohomish) .............................................................................................. 72
SALITA NEL MONDO SUPERIORE (Acoma) .................................................................................................73
LA CREAZIONE DELLA TERRA (Cherokee) ..................................................................................................78
IL DRAGONE DELLA TERRA (Costa settentrionale della California) ............................................................. 79
LA GENTE FATTA ENTRARE IN UN CESTO (Modoc) ................................................................................. 80
LA GRANDE MAGIA CREA UNA BELLA REGIONE (Cheyenne) ................................................................ 81
LALBA BIANCA DEGLI HOPI (Hopi) ........................................................................................................... 83
LA CREAZIONE DEL MONDO YAKIMA (Yakima) ....................................................................................... 85

I FIGLI DEL SOLE (Osage) ............................................................................................................................... 86


LA VOCE, IL DILUVIO E LA TARTARUGA (Caddo) .................................................................................... 86
UNA LEGGENDA DI FRATELLO MAGGIORE (Pima) .................................................................................. 88

PARTE TERZA Locchio del Grande Spirito Leggende del sole, della luna e delle stelle
............................................................................................................................................................ 90
LA CREAZIONE DEL SOLE (Sioux Brul) ...................................................................................................... 92
CAMMINA-PER-TUTTO-IL-CIELO (Tsimshian) ............................................................................................. 96
CONIGLIO CON TRE ZAMPE COMBATTE IL SOLE ................................................................................... 98
COYOTE RUBA IL SOLE E LA LUNA (Zuni) .................................................................................................99
IL CALORE CONSERVATO IN UNA BORSA (Slavey) ................................................................................ 100
IL RAGAZZO HOPI E IL SOLE (Hopi) .......................................................................................................... 101
UN COLPO DI VENTO (Ojibway) .................................................................................................................. 104
LA FIGLIA DEL SOLE (Cherokee) ................................................................................................................. 105
NONNA RAGNO RUBA IL SOLE (Cherokee) ............................................................................................... 106
IL RACCONTO DELLA CREAZIONE (Diegueno) ........................................................................................ 107
SOLE D UNA LEZIONE A VEEHO (Cheyenne) .......................................................................................... 108
IL FRATELLINO PRENDE AL LACCIO IL SOLE (Winnebago) ................................................................... 109
IL ROGNOSO ILLUMINA IL CIELO (Toltechi)............................................................................................. 110
UN TIRO GIOCATO ALLA LUNA (Snoqualmie) .......................................................................................... 111
IL FURTO DELLA LUCE (Tsimshian) ............................................................................................................ 111
COYOTE DISPONE LE STELLE (Wasco) ...................................................................................................... 112
CACCIATORE DI CERVI E FANCIULLA GRANO BIANCO (Tewa) .......................................................... 113

PARTE QUARTA Le ordalie degli eroi Mostri e mostri assassini ........................................ 115
GLOOSCAP COMBATTE IL MOSTRO DELLACQUA (Passamaquoddy, Nicmac e Maliseet) .................... 116
PICCOLINO-TUTTO-COPERTO-DI-PELI (Mtis) ......................................................................................... 119
COME FURONO CREATE LE ZANZARE (Tlingit) ....................................................................................... 123
HIAWATHA LUNIFICATORE (Irochesi) ...................................................................................................... 124
LA VITA E LA MORTE DI DOLCE FARMACO (Cheyenne settentrionali) ................................................... 127
LA RAGAZZA CHE RICAMAVA ACULEI E I SUOI SETTE FRATELLI STELLE (Cheyenne) .................. 130
LA TESTA CHE ROTOLA (Wintu)................................................................................................................. 133
FIGLIO DI LUCE UCCIDE IL MOSTRO (Hopi) ............................................................................................ 134
LARRIVO DEL TUONO (Miwok) ................................................................................................................. 136
WAKINYAN TANKA,IL GRANDE UCCELLO DEL TUONO (Sioux Brul) ................................................ 138
COYOTE UCCIDE IL GIGANTE (Flathead) ................................................................................................... 140
UNA LEGGENDA DELLA TORRE DEL DIAVOLO (Sioux) ........................................................................ 142
LA TESTA VOLANTE (Irochesi) .................................................................................................................... 143
LA PRIMA NAVE (Chinook) .......................................................................................................................... 144
LINSEGUIMENTO DELLA TESTA STACCATA (Cheyenne)...................................................................... 145
LA SETTIMA MACCHIA DI UNCEGILA (Sioux Brul) ............................................................................... 149

PARTE QUINTA Il conto dei colpi La guerra e il codice del guerriero ................................. 153

TOPOLINO CONTA I COLPI (Sioux Brul) ................................................................................................... 155


DUE PALLOTTOLE E DUE FRECCE (Sioux Brul) ...................................................................................... 155
UNA COPERTA CHEYENNE (Pawnee) ......................................................................................................... 157
LA FANCIULLA GUERRIERA (Oneida) ....................................................................................................... 157
LASSEDIO DI COURTHOUSE ROCK (Sioux White River) ......................................................................... 158
CAPO NASO ROMANO PERDE LAMULETO (Sioux White River) ............................................................ 160
UNA DONNA CORAGGIOSA CONTA I COLPI (Sioux White River) ........................................................... 161
AQUILA CHIAZZATA E CORVO NERO (Sioux White River) ...................................................................... 162
DOVE LA RAGAZZA SALV SUO FRATELLO (Cheyenne) ....................................................................... 164
IL CAVALLO DANZANTE DI TATANKA IYOTAKE (Sioux Brul) ........................................................... 166

PARTE SESTA Il suono dei flauti Racconti di amore ................................................................. 169


LA LEGGENDA DEL FLAUTO (Sioux Brul) ............................................................................................... 170
LA MOGLIE RAPITA (Tewa) ......................................................................................................................... 173
LA DONNA TOLOWA E LUOMO FARFALLA (Maidu) ............................................................................. 175
UN CAPO APACHE PUNISCE LA MOGLIE (Tiwa) ..................................................................................... 176
LA PROMESSA DEL MARITO (Tewa) .......................................................................................................... 178
LUOMO CHE SPOS LA LUNA (Pueblo Isleta) ........................................................................................... 179
PERCH LA TALPA VIVE SOTTOTERRA (Cherokee) ................................................................................ 183
LEGGENDA DELLE CASCATE MULTNOMAH (Multnomah)..................................................................... 184
LA FIGLIA LABORIOSA CHE NON VOLEVA SPOSARSI (Cochiti) ........................................................... 185
LA DONNA CHE SPOS UN TRITONE (Coos) ............................................................................................ 187
LA MOGLIE FEDELE E LA DONNA GUERRIERA (Tiwa) .......................................................................... 188
IL PADRE INGORDO (Karok) ........................................................................................................................ 190
KULSHAN E LE SUE DUE MOGLI (Lumni) ................................................................................................. 191
GLI UOMINI E LE DONNE CERCANO DI VIVERE SEPARATI (Sia) ......................................................... 192
IL SERPENTE DEL MARE (Zuni) .................................................................................................................. 193

PARTE SETTIMA Coyote ride e piange Leggende del briccone ............................................. 197
COYOTE, IKTOME E LA ROCCIA (Sioux White River) ............................................................................... 199
COYOTE ED IL WASICHU (Sioux Brul) ...................................................................................................... 200
COME CASTORO RUB IL FUOCO AI PINI (Nez Perc) ............................................................................ 201
IL CORVO (Athapaska) ................................................................................................................................... 201
LA CUTRETTOLA E COYOTE (Pima) .......................................................................................................... 203
LE AVVENTURE DI CONIGLIO GRANDE (Algonchini) ............................................................................. 203
TACCHINO CREA IL GRANTURCO E COYOTE LO PIANTA (Apache White Mountain) .......................... 206
COYOTE SOTTRAE LACQUA AL POPOLO DELLE RANE (Kalapuya) .................................................... 208
COME LA GENTE OTTENNE LE PUNTE DI FRECCIA (Shasta) ................................................................. 208
COYOTE COMBATTE UN FANTOCCIO DI PECE (Apache White Mountain) ............................................. 209
COYOTE DIVENTA RICCO A SPESE DEGLI UOMINI BIANCHI (Apache White Mountain) .................... 210
COME FAR SCAPPARE UN ORSO (Tewa) ................................................................................................... 212
COYOTE RUBA IL TABACCO AL SOLE (Apache White Mountain)............................................................ 214

UN GIOCO DI PRESTIGIO CON LE PALLE' DEGLI OCCHI (Cheyenne settentrionali) ............................... 214
COME COYOTE OTTENNE LASTUZIA (Karok) ........................................................................................ 216
COYOTE DANZA CON UNA STELLA (Cheyenne) ...................................................................................... 216

PARTE OTTAVA Quattro gambe, due gambe e niente gambe Storie di animali e altra
gente ................................................................................................................................................ 218
LA GRANDE CORSA (Cheyenne) .................................................................................................................. 219
ORIGINE DEL CASTORO RODITORE (Haida) ............................................................................................. 220
COME IL CORVO DIVENNE NERO (Sioux Brul) ....................................................................................... 222
LA RAGAZZA CHE SPOS IL SERPENTE A SONAGLI (Pomo) ................................................................ 223
PERCH IL GUFO HA GLI OCCHI GRANDI (Irochesi)................................................................................ 224
IL MARITO GUFO (Passamaquoddy) ............................................................................................................. 224
I CANI HANNO UNA ELEZIONE (Sioux Brul) ............................................................................................ 226
I FRATELLI SERPENTI (Sioux Brule) ............................................................................................................ 227
FARFALLE (Papago)....................................................................................................................................... 229
LA VENDETTA DI FANCIULLA SPIGA DI GRANO BLU (Uopi) ............................................................... 229
IL RADUNO DEGLI ANIMALI SELVAGGI (Tsimshian) .............................................................................. 232
UNA STORIA DI PESCI (Tewa) ..................................................................................................................... 233
LA MADRE NEGLIGENTE (Cochiti) ............................................................................................................. 234
LORSO E LA MOGLIE INDIANA (Haida) .................................................................................................... 235
WAKIASH E IL PRIMO PALO TOTEMICO (Kwakiutl) ................................................................................ 238

PARTE NONA Qualcosa fischia nella notte II mondo degli spiriti e dei fantasmi .................. 240
GLI AMANTI SPETTRALI (Sioux Brul) ....................................................................................................... 242
LUOMO CHE NON AVEVA PAURA DI NULLA (Sioux Brul) .................................................................. 244
LA TERRA DEI MORTI (Serrano) .................................................................................................................. 245
IL FANTASMA DOPPIA-FACCIA (Cheyenne) .............................................................................................. 246
UN VIAGGIO NELLA DIMORA DEGLI SCHELETRI (Hopi) ...................................................................... 247
LO SCHELETRO CHE CADDE PEZZO PER PEZZO (Pueblo Isleta) ............................................................ 250
LA MOGLIE SPIRITO (Zuni) .......................................................................................................................... 250
LA NONNA TRASFORMATA IN FANTASMA (Pima-Papago) .................................................................... 253
LORIGINE DELLA DANZA HOPI DEL SERPENTE (Tewa) ....................................................................... 254
GHIANDAIA BLU VISITA LA CITT DEGLI SPIRITI (Chinook) ............................................................... 255
LA MOGLIE FANTASMA (Sioux Brul) ........................................................................................................ 258

PARTE DECIMA Solo le rocce e le montagne sono eterne Visioni della fine del mondo . 260
LA DONNA SCEGLIE LA MORTE (Blackfoot) ............................................................................................. 262
COYOTE E LORIGINE DELLA MORTE (Caddo) ........................................................................................ 263
IL DILUVIO (Haida) ........................................................................................................................................ 263
IL VEGGENTE CHE NON VOLLE VEDERE (Pima) ..................................................................................... 264
LALCE SPIRITO DEL LAGO PERDUTO (Wasco) ....................................................................................... 265
LA MORTE DI GRANDE CAPO E GIOVANE MULO (Cheyenne settentrionali) .......................................... 266
LA DANZA DEGLI SPIRITI A WOUNDED KNEE (Sioux Brule) ................................................................. 269

IL RODITORE (Cheyenne) .............................................................................................................................. 271


LA FINE DEL MONDO (Sioux White River) .................................................................................................. 271
MONTEZUMA E IL DILUVIO UNIVERSALE (Papago) ............................................................................... 272
LA SCOMPARSA DEI BUFFALI (Kiowa) ..................................................................................................... 274
LA VENUTA DEL WASICHU (Sioux Brul) .................................................................................................. 275
LA NUOVA CREAZIONE DEL MONDO (Sioux Brul) ................................................................................ 278

Appendici ........................................................................................................................................ 280


POPOLAZIONI INDIANE............................................................................................................................... 281
Acoma .............................................................................................................................................................................................................281
Aleutini ...........................................................................................................................................................................................................281
Algonchini ......................................................................................................................................................................................................281
Alsea ...............................................................................................................................................................................................................281
Apache ............................................................................................................................................................................................................281
Apache Jicarilla (Vedi Apache). ....................................................................................................................................................................282
Apache Lipan (Vedi Apache)..........................................................................................................................................................................282
Apache-Mohave (Vedi Yavapai).....................................................................................................................................................................282
Apache White Mountain (Vedi Apache). ........................................................................................................................................................282
Athapasca .......................................................................................................................................................................................................282
Blackfoot.........................................................................................................................................................................................................282
Blood (Vedi Blackfoot). ..................................................................................................................................................................................283
Caddo .............................................................................................................................................................................................................283
Calapooya ......................................................................................................................................................................................................283
Cherokee.........................................................................................................................................................................................................283
Cheyenne ........................................................................................................................................................................................................283
Chinook ..........................................................................................................................................................................................................283
Cochiti ............................................................................................................................................................................................................284
Coos................................................................................................................................................................................................................284
Cree ................................................................................................................................................................................................................284
Crow ...............................................................................................................................................................................................................284
Diegueno (Vedi Yuma). ..................................................................................................................................................................................284
Flatheads ........................................................................................................................................................................................................284
Haida ..............................................................................................................................................................................................................285
Hopi ................................................................................................................................................................................................................285
Inuit ................................................................................................................................................................................................................285
Irochesi...........................................................................................................................................................................................................286
Isleta ...............................................................................................................................................................................................................286
Karok ..............................................................................................................................................................................................................286
Kwakiutl .........................................................................................................................................................................................................286
Lumni..............................................................................................................................................................................................................286
Maidu .............................................................................................................................................................................................................287
Maliseet ..........................................................................................................................................................................................................287
Mtis ...............................................................................................................................................................................................................287
Micmac ...........................................................................................................................................................................................................287
Miwok .............................................................................................................................................................................................................287
Modoc .............................................................................................................................................................................................................288
Mohave ...........................................................................................................................................................................................................288
Multnomah .....................................................................................................................................................................................................288

Navaho ...........................................................................................................................................................................................................288
Nez Percs ......................................................................................................................................................................................................289
Ojibway ..........................................................................................................................................................................................................289
Okanagon .......................................................................................................................................................................................................289
Oneida ............................................................................................................................................................................................................289
Osage..............................................................................................................................................................................................................289
Oto ..................................................................................................................................................................................................................290
Papago ...........................................................................................................................................................................................................290
Passamaquoddy ..............................................................................................................................................................................................290
Pawnee ...........................................................................................................................................................................................................290
Penobscot .......................................................................................................................................................................................................291
Pequod ............................................................................................................................................................................................................291
Piegan (Vedi Blackfoot). ................................................................................................................................................................................291
Pima ...............................................................................................................................................................................................................291
Pomo...............................................................................................................................................................................................................291
Ponca ..............................................................................................................................................................................................................292
Salina..............................................................................................................................................................................................................292
San Juan .........................................................................................................................................................................................................292
Seneca.............................................................................................................................................................................................................292
Serrano ...........................................................................................................................................................................................................293
Shasta .............................................................................................................................................................................................................293
Sia ...................................................................................................................................................................................................................293
Sioux ...............................................................................................................................................................................................................293
Sioux Brul .....................................................................................................................................................................................................293
Slave ...............................................................................................................................................................................................................293
Snoqualmie .....................................................................................................................................................................................................294
Tewa ...............................................................................................................................................................................................................294
Tiwa ................................................................................................................................................................................................................294
Tlingit .............................................................................................................................................................................................................294
Toltechi ...........................................................................................................................................................................................................295
Tsimshian .......................................................................................................................................................................................................295
Ute ..................................................................................................................................................................................................................295
Wasco .............................................................................................................................................................................................................295
Winnebago ......................................................................................................................................................................................................296
Wintu ..............................................................................................................................................................................................................296
Yakima ............................................................................................................................................................................................................296
Yavapai ...........................................................................................................................................................................................................296
Yuma ...............................................................................................................................................................................................................296
Zuni.................................................................................................................................................................................................................296

GLOSSARIO ................................................................................................................................................... 298

INTRODUZIONE
Il lettore, ne sono convinto, rimarr piacevolmente sorpreso nello scorrere le pagine di questo libro. Dico
sorpreso perch, in genere, le raccolte monumentali di miti e leggende dei popoli sono aride e noiose, e le
loro introduzioni non fanno un gran che per invogliarne la lettura.
Miti e leggende degli Indiani dAmerica, al contrario, un libro sorprendente vuoi per lo stile del tutto
particolare con il quale scritto, vuoi per la ricchezza del contenuto e vuoi infine per le considerazioni che
suggerisce.
Leggendolo non difficile rendersi conto della rara abilit dimostrata dai due autori, in particolare da
Erdoes, giustamente definito da un critico master storyteller. I personaggi, bench usciti il pi delle volte
da un mondo senza storia, sia che compiano eroiche gesta ancestrali, sia che siano immersi nella routine
quotidiana, sia che siano intenti a compiere furbesche bricconate immorali, si muovono con la spontaneit e
la naturalezza di consumati attori di teatro. Si sarebbe tentati di dire che sembra quasi di toccarli tanto sono
vivi.
Indubbiamente non un mero caso che Ortiz ed Erdoes siano dei profondi conoscitori della cultura degli
Indiani dAmerica. Ortiz, oltre che antropologo, uno di loro, Erdoes un loro grande amico da sempre. La
padronanza del mestiere, infatti, da sola non sufficiente a rappresentare lanima di un popolo. Per poter far
ci occorre conoscerla dal di dentro; ed il miglior pregio di questo libro appunto quello di far penetrare il
lettore occidentale nel cuore stesso dellindianit, troppe volte descritta impiegando stereotipi che hanno
avuto lunico (e talvolta ricercato) risultato di evidenziare un distacco culturale puntualmente dipinto in
chiave eurocentrica ed evoluzionista.
Bench le leggende parlino da sole, non sar tuttavia inutile ricordare allo studioso che in esse, e nei brevi
commenti che le accompagnano, potr trovare, oltre al piacere della lettura, anche una infinit di dati su usi e
costumi oggi in gran parte abbandonati, ed al non esperto di problemi indiani che nello scorrerle non potr
fare a meno di provare un vero e proprio godimento spirituale. Infatti, le immagini che quei racconti
evocano, a dispetto del loro scontato inizio: Molto tempo fa... , sono fresche come se si riferissero a fatti
accaduti ieri e non allalba del genere umano. Non solo: ma che per quanto distaccati possano essere
entrambi, sar pure difficile per loro non percepire il senso di quella peculiare relazione esistenziale che lega
lindiano alla natura e che sta alla base della sua profonda religiosit, della sua accettazione
dellineluttabilit di un ciclo vitale che, dalla nascita alla morte ed alla successiva rinascita, si rinnova
iterativamente con monotona insistenza al sorgere di ogni generazione.
Ma soprattutto il contenuto morale di queste leggende che non sfuggir tanto allocchio dellesperto
quanto a quello del profano. Lesperto riconoscer facilmente levocazione di meccanismi culturali che gli
antropologi chiamano di intensificazione , in quanto tesi a rafforzare la solidariet sociale; il non esperto
avvertir, pi genericamente, la costante affermazione del bene sul male.
Non possibile, ovviamente, in una breve prefazione, dar conto di tutte le innumerevoli informazioni che
il libro offre sulla storia e sulla cultura indiane; soprattutto se si tiene presente che quando si parla di
pellerossa si fa riferimento ad una realt estremamente complessa e varia. Basti pensare che, stando a quanto
affermano alcune autorit in materia, quando Colombo raggiunse il Nuovo Mondo la sola parte
settentrionale di questo continente era abitata da qualche decina di milioni dindividui che parlavano circa
550 linguaggi differenti!
Per cui un discorso su questa realt non pu che essere necessariamente generico ed alieno da ogni
spiegazione onnicomprensiva.
Ci non significa, per, che non si possano fare alcune considerazioni generali di un certo interesse.
Uno degli argomenti di grande attualit intellettuale oggi dibattuti quello della ricerca, da parte delle
societ umane tecnologicamente pi avanzate, dun modello di solidariet sociale che consenta di conciliare
le moderne esigenze collettive con i valori universali dellumanit: il capitalismo puro ed il socialismo reale
infatti hanno mostrato tutti i loro limiti quanto al consentire uno sviluppo della personalit che sia in
armonia con i valori fondamentali delluomo. Ebbene, la visione indiana del mondo pu portare un certo
contributo a questa moderna ricerca. Se vero che non esiste metro di confronto altrettanto significativo per
distinguere noi esseri umani dagli altri esseri viventi di quello che definisce luomo un essere religioso,
allora la weltanschauung indiana pu essere di grande aiuto per la riscoperta della nostra umanit.
S, perch lindiano un popolo profondamente religioso. Se si vuole cogliere infatti lessenza del

pensiero indiano assai pi significativo fare riferimento, pi che ai singoli elementi della sua cultura, a
quella visione generale del mondo che lo fa cos diverso da quello occidentale e che ben descritto in questo
libro.
Nella societ indiana le credenze religiose giocano un ruolo importante nella vita quotidiana. In questa
societ non vige una netta distinzione temporale tra momento sacro e momento profano, tra domenica e
gli altri giorni , ma sacro e profano sono indissolubilmente legati luno allaltro in ogni istante della vita.
Sia che si tratti duna azione di guerra o duna partita di caccia o di pesca, od ancora di una festa, per
lindiano eseguire i prescritti riti propiziatori o rivolgere preghiere allo spirito guardiano sono parti
importanti della fase preparatoria quanto il verificare che tutto loccorrente sia in ordine.
Ma se v un tratto della cultura indiana che da un lato la rende cos diversa dai modelli capitalista e
socialista e che al tempo stesso pu proporsi come forma alternativa di visione del mondo, questo senza
dubbio lidea che in quella societ si ha del potere. Il potere non cercato come fine a se stesso o come
mezzo per acquisire ricchezze, ma solo come riflesso del prestigio personale che ne alla base. Si ben
consci del fatto che un fardello, una responsabilit e non uno strumento di prevaricazione. Per questo
motivo appena si pu se ne fa a meno perch per mantenerlo come narra con felice espressione la
leggenda de La settima macchia di Uncegila occorre nutrire il cuore del mostro perch chi d il
potere ha un cuore freddo di cristallo rosso .
Alla base della diversa concezione del potere e della sua responsabilit nel gestirlo, sta ovviamente la
diversa idea, rispetto a quella occidentale, che lindiano ha del capo. Il fatto che in quella societ non esista
una gerarchia istituzionalizzata non la causa di un certo modo di organizzare il vivere quotidiano, bens
leffetto. Mi rendo conto di parlare di un caso limite, ma sino a non molto tempo fa se aveste chiesto ad un
gruppo di Indiani dellAlaska chi fosse il loro capo, essi non avrebbero saputo cosa rispondere, perch la
loro lingua non possedeva una parola che avesse il significato cui noi occidentali siamo soliti attribuire a
quel termine. Il solo vocabolo della loro lingua che aveva il significato di dominare , quandera riferito ad
una persona, era piuttosto sinonimo di essere insopportabile . Agli occhi di quegli Indiani, infatti, non
poteva esserci azione pi degradante per un individuo di quella del mettersi a tutti i costi in vista.
Non che a loro fosse sconosciuta lidea di capo. A loro era solo sconosciuta lidea che noi abbiamo dei
capi. Il vote for me del mondo occidentale unidea semplicemente assente nella mentalit indiana. Un
individuo veniva eletto capo; non si proponeva come tale. E capi si era eletti sulla base delle qualit
carismatiche che si possedeva e che solo una lunga serie di prove esistenziali, sia esteriori che interiori,
faceva acquisire; la non meno importante delle quali era la ricerca duna visione , la ricerca cio dello
spirito guardiano che accompagner lindividuo per tutta la vita.
Abilit s, dunque, ma unita a saggezza ed elevazione spirituale: queste le condizioni necessarie per essere
fatti capi. Ed appunto per questo motivo che quando ci si trova in una comunit indiana superfluo andare
in cerca di chi porti le insegne, se si vuol sapere chi il capo; sufficiente guardare un individuo negli occhi
per sapere se egli il capo di quella comunit. Il suo sguardo, assai pi che le sue parole, vi diranno che siete
al cospetto di un capo!
Lelevazione spirituale era la preoccupazione pi assillante e meno facile da soddisfare, e la ricerca duna
visione ne costituiva la prova obbligata da superare. Questo peculiare tratto della cultura indiana
abbondantemente descritto nel testo persino in chiave umoristica e sarebbe pertanto del tutto superfluo
soffermarvisi ancora su. Ma se la ricerca duna visione era un rito individuale che si affrontava una sola
volta nella vita, la meditazione era routine quotidiana. Un individuo scritto non si sarebbe mai
avvicinato ad un altro individuo appartato, per non disturbarlo nelle sue contemplazioni. E questo fatto ci
richiama alla mente una diversit importante che rende il misticismo occidentale cos diverso da quello
indiano. Mentre il primo tende ad isolare lindividuo dalla societ, al contrario il secondo tende ad
integrarlo, a calarlo nel quotidiano, a considerarlo parte integrante del gruppo.
Lelevazione spirituale, poi, non perseguita in vista di una eventuale ricompensa dellal di l. La vita
nella Terra dei Morti, infatti, n pi e n meno che una proiezione della vita terrena. Nellal di l non v
premio o punizione per ci che si fatto nellal di qua, ma solo proseguimento dello stesso tipo di esistenza,
con gli stessi pregi e gli stessi difetti. Di conseguenza, la morte non considerata un fatto definitivo, ma n
pi e n meno che uno dei tanti momenti della esistenzialit dellanima. Infatti, non v forse credenza pi
condivisa tra le popolazioni indiane del Nord America di quella che considera luomo abitato da due anime:
una che muore con il corpo e laltra che gli sopravvive.
Quanto poi alla simbologia, al lettore non sfuggir di certo che mentre nella tradizione occidentale a
partire dallantica Grecia il numero sacro per eccellenza il tre, nella cultura indiana tale numero il

quattro. Un simbolo che ricorre sovente non soltanto come riferimento ai punti cardinali ma anche in molte
altre circostanze, quale ad esempio quella della creazione dellumanit. Tanto nella leggenda de Luomo
cotto al punto giusto quanto in quella de La donna che scelse la morte , Iddio cre lumanit (si badi
bene, foggiandola con la creta) solo al quarto tentativo.
Il fatto poi che la materia prima sia la creta non del resto il solo elemento di meraviglia, quanto a trovare
in questi miti le stesse simbologie contenute nella tradizione ebraicocristiana. Il mito della inesistenza della
morte agli inizi dei tempi e della sua successiva ineluttabilit, come punizione per colpe commesse
dallumanit, un altro di questi elementi. Il mito del marito che dopo innumerevoli prove riesce quasi a
riportare sulla terra la sposa amata, che fa per morire di nuovo per averla toccata prima del momento
prescritto, contiene in s tanto lidea dellineluttabilit della morte quanto quella che questultima sia una
conseguenza di infrazioni umane del volere divino.
E che dire poi nellincontrare miti che parlano di due gemelli, luno buono e laltro malvagio, che in
maniera sin troppo evidente richiamano alla mente Caino e Abele o Romolo e Remo; o del concepimento da
parte della divinit degli esseri umani destinati a compiere gesta eccezionali; od ancora del Dio che dona se
stesso per il bene dellumanit; e via dicendo?
Che poi quasi ogni trib abbia un mito della propria creazione in chiave di popolo prediletto, un dato
tanto noto quanto scontato. Sicch una sola risposta possibile a questi quesiti: e cio che gli archetipi
dellumanit per usare una formula junghiana sono ovunque gli stessi.
Ma una emozione ancora pi grande verr certamente suscitata nel lettore che abbia una certa
dimestichezza con la preistoria del continente americano. Non tanto per il ritrovare ad ogni pi sospinto il
ricordo del diluvio universale, fatto questo sin troppo noto, quanto piuttosto per i ricorrenti riferimenti ad
eventi che si perdono nella nebbia delle origini dell'Homo sapiens.
Sarebbe interessante chiedersi quali siano i meccanismi che hanno consentito a questi ricordi di
mantenersi vivi, perch, che di ricordi si tratti, a noi sembra impossibile negarlo. A parte il gi citato diluvio
universale, come poter definire semplici coincidenze gli accenni ad unacqua primordiale, al sollevamento
del suolo, alle glaciazioni, nonch a migrazioni verso oriente dopo che le terre furono emerse, tutti elementi
che la scienza ha puntualmente accertato essersi realmente verificati e che sono legati al dibattuto quesito del
popolamento del continente americano?
Come noto, sin da quando gli Europei entrarono in contatto con il Nuovo Mondo, molte ipotesi furono
fatte sullorigine e sulla provenienza dei nativi dAmerica. Si parl di una via marittima transpacifica, di una
via nord-atlantica e pure, in concomitanza con il diffondersi delle teorie evoluzionistiche del XIX secolo,
persino duna autonoma genesi americana. Ma la rivelazione al mondo occidentale dellesistenza di uno
stretto separante lAsia dall'America, avvenuta nel XVIII secolo ad opera di Vitus Bering, e le spedizioni
geografiche che seguirono, contribuirono ad avvalorare la tesi del ruolo preminente che avrebbe svolto il
Nord Pacifico come via di transito per il popolamento del continente americano. E tale tesi acquist tanto
credito con il passar del tempo che lo studio dellorigine delle popolazioni indiane fini alla lunga con il
confondersi con quello geografico e geologico dello Stretto di Bering.
Ma il lato interessante di questa convergente ricerca non risiede tanto nel fatto daver intuito che degli
uomini del paleolitico poterono in qualche modo andare dallAsia allAmerica e viceversa, quanto piuttosto
nellaver dimostrato in seguito che quegli stessi uomini fecero ci, come si suol dire, a piedi asciutti .
Secondo i geologi in tempi lontani molte terre emersero per davvero dalle acque. Anzi, per quanto riguarda il
Pacifico settentrionale, ve ne fu una alla quale essi diedero persino un nome: Beringia, la quale giace oggi,
nuovamente sommersa dalle acque, a sole poche decine di metri sotto il livello del mare, l ove gli oceani
Artico e Pacifico sincontrano per separare il continente asiatico da quello americano.
Quegli stessi geologi sostengono, inoltre, che se il livello del mare si abbassasse di soli 50 metri, quella
terra tornerebbe ad emergere per creare tra lAsia e lAmerica un ponte di terra della larghezza di circa 500
chilometri. Ed aggiungono poi che, se quellabbassamento fosse ancora pi consistente, quellistmo si
trasformerebbe in unarea continentale che per 1500 chilometri si estenderebbe dallArcipelago Aleutino
allOceano Artico.
Non si pu certo dire che sia un fatto di tutti i giorni vedere dei miti confermati dalla scienza. Eppure
questo appunto il caso. Oggi sappiamo infatti, grazie allapporto concomitante di diverse discipline, che
quellevento non solo si verific ma si ripet numerose volte nel corso del Quaternario, lera geologica che
ebbe inizio circa un milione di anni fa e che assistette alla nascita delluomo. La paleoclimatologia ci ha
spiegato che ogni qualvolta un cambiamento del clima si traduceva in un persistente abbassamento della

temperatura, le ingenti quantit dacqua che il processo di evaporazione sottraeva al mare venivano
convertite, con landar del tempo, in immense montagne di ghiaccio sulla terraferma. In conseguenza gli
oceani si abbassavano, vaste terre emergevano e lAsia e lAmerica divenivano un unico immenso
continente. Per quanto riguarda poi gli ultimi 50.000 anni, le recenti ricerche geologiche, paleoclimatiche ed
oceanografiche hanno dimostrato che Beringia fu libera dalle acque sino a circa 37.000 anni fa e che
riapparve successivamente tra i 26.000 e gli 11.000 anni fa.
Ovviamente questa alterna presenza del mare e della terra non pot non avere conseguenze tanto nelle
condizioni climatiche quanto nella distribuzione della flora e della fauna. Come la scienza ha rivelato, le
conifere avanzarono e si ritirarono pi volte nel senso della latitudine, i cavalli ed i cammelli americani
raggiunsero lAsia mentre, dal canto loro, i mammut, i bisonti dalle grandi corna e diverse specie di cervidi
trasmigrarono verso il suolo americano.
Sulla base dei dati sin qui raccolti si pu sostenere con una certa sicurezza che fu appunto in coincidenza
con lapparire e lo scomparire di Beringia che luomo del paleolitico pot emigrare dallAsia all'America.
Una prima migrazione, sulla quale si hanno poche informazioni, si sarebbe verificata in unepoca anteriore
ai 35.000 anni fa. difficile dire se questa migrazione possa essere considerata come originariamente
indiana, ma si pu con certezza usare il termine indiano ,
o pi precisamente paleo-indiano quando ci si riferisce a quella successiva infiltrazione le cui origini
culturali sarebbero da ricercare nelle pianure dellEurasia e che da un punto di vista razziale sarebbero da
attribuire al ceppo protomongoloide.
Non pu essere datato con certezza il periodo in cui avvennero le ultime espansioni delle popolazioni
siberiane verso lAlaska, i cui esponenti sono ormai unanimemente considerati come gli antichi progenitori
degli attuali Aleutini ed Eschimesi. tuttavia assai probabile che queste migrazioni, che appartengono al
ceppo razziale artico-mongoloide, siano avvenute intorno ai 13-10.000 anni fa, prima cio che lAsia e
lAmerica tornassero ad essere divise dalle acque.
Come si vede, quindi, lunica incertezza non riguarda tanto se ci che i miti raccontano si sia realmente
verificato o meno, quanto piuttosto quale fu il meccanismo che consent di mantenere vivo il ricordo di
questi eventi. Fu sociale, cio una tradizione orale, o piuttosto si tratt di ricordi sepolti nellinconscio
collettivo che solo pochi individui ispirati sarebbero stati in grado di evocare?
Lasciamo ad altri la soluzione di questo mistero. Ci che qui interessa sottolineare , da un lato, che quei
racconti contengono elementi di verit e, dallaltro, che il termine indiano sovente usato per indicare
tutti gli aborigeni del nord America, ma ci improprio. Come si visto, gli Eschimesi ed i loro lontani
parenti, gli Aleutini, sono degli aborigeni non Indiani; dai loro vicini Indiani, infatti, differiscono sia
nellaspetto, sia nella lingua e sia nella cultura e stile di vita.
Tra gli elementi che ho ricordato in precedenza e che si riferiscono a concrete situazioni verificatesi nel
corso della lunga storia dellumanit ve n uno che ricorre con tale frequenza da non poter non attirare
lattenzione del lettore. Mi riferisco allacqua primordiale. Unacqua dalla quale, vuoi per lintraprendenza
del corvo (per gli Eschimesi), vuoi per la curiosit del coyote (per gli Indiani), una terra fu fatta emergere: la
terra che Dio destin agli uomini.
Persino una leggenda Maori riprende lo stesso motivo. Secondo quella leggenda, un giorno un Dio,
mentre stava pescando, sent di aver preso qualcosa di solido. Incuriosito, cominci a tirare e tanto tir che
alla fine la Nuova Zelanda emerse.
Bench, dunque, il ricordo di unacqua primordiale, come gi detto, possa riferirsi a concrete situazioni
orografiche, non si pu tuttavia escludere che quellelemento abbia pure un significato simbolico. In molti
miti, tra i quali vorremmo ricordare La vecchia della sorgente , Ragazzo Freccia , La grande danza
della magia e La genesi dei Jicarilla, il simbolo dellacqua primordiale compare associato a quelli
delloscurit, della caverna, del passaggio stretto e, talvolta, anche a quello del paradiso perduto.
Ebbene, come decenni di ricerche psicanalitiche sui sogni hanno dimostrato, questa associazione di
simboli non casuale, ma ha un significato ben preciso: di rimandare a quel paradiso il grembo
materno che ogni essere umano costretto ad abbandonare venendo al mondo. E che questo paradiso
perduto continui ad esercitare una forte influenza tanto a livello collettivo che individuale lo conferma non
soltanto il recente spostamento dattenzione da parte della psicanalisi dalla situazione edipica al trauma della
nascita, ma anche il particolare interesse mostrato dallantropologia per simboli il cui significato non pu
certo dirsi oscuro.
Il fatto poi che la psicanalisi, nei sogni, e lantropologia, nei miti, abbiano ritrovato gli stessi elementi ha

portato allovvia conclusione che allorigine della mitopoiesi e del lavoro onirico dovessero agitarsi forze
inconsce, se non uguali, almeno analoghe. Per cui studiare il sogno equivalso per molti a comprendere il
meccanismo generatore e le funzioni del mito.
V innanzitutto un fatto che colpisce: sogno e favola (e quindi anche mito) condividono una certa
particolarit: e cio che cos come nelle favole numerosi personaggi si avvicendano per esprimere poche
funzioni, altrettanto nel sogno una ricca variet di simboli impiegata per rappresentare un numero limitato
di argomenti.
Ma v poi unaltra ed ancora pi inquietante analogia tra favole e sogni (anche se in questo caso si tratta
di sogni ad occhi aperti): tanto le favole quanto i sogni ad occhi aperti raccontano bugie . Molti sapranno
certamente che questa scoperta caus un grande imbarazzo alla nascente psicanalisi, la quale, per un certo
tempo, aveva creduto ciecamente alla verit delle rievocazioni di ricordi infantili penosi fatte dai pazienti
adulti. Ma perch mai una favola racconta che un cavallo alato vola sino ad un castello lontano per
consentire al principe di salvare la fanciulla che ama? e che motivo ha un adulto di raccontare al suo
terapeuta che in fanciullezza sub violenza sessuale da parte dun genitore, quando questo fatto in realt non
si verific mai?
Rispondere a queste domande rispondere al perch mai luomo abbia bisogno della fantasia creatrice, e
quindi di creare simboli. Il che non poco. E non certo questa la sede adatta per affrontare tale argomento.
Tuttavia poche righe si possono spendere per gettare un po di luce sulla similarit della funzione del mito e
del sogno. C chi ha visto la nascita del simbolo nel tentativo che lindividuo fa di esorcizzare il lutto per la
perdita del paradiso perduto (per la perdita, cio, della pace del grembo materno) il cui spettro gli si
ripresenta ad ogni pi sospinto ogni qualvolta deve passare, nel suo cammino verso la completa maturit, da
una fase cognitiva ad unaltra pi complessa. La paura di non farcela sarebbe sempre associata allidea
(sempre presente dietro langolo) della ricerca del paradiso perduto. E c invece chi ha voluto spiegare
lorigine della simbolizzazione come effetto della repressione degli impulsi asociali connessa con il processo
educativo cui ogni individuo deve essere sottoposto per potersi inserire nella societ.
Probabilmente vera tanto luna quanto laltra teoria, nel senso che luna integra laltra. Qui per preme
soltanto sottolineare che parlare di processo di maturazione dellindividuo equivale a parlare della ricerca da
parte di questultimo del significato della sua esistenza. E questo appunto lo scopo delle favole: contribuire
a far s che il bimbo, al di l delle immagini reali (anzi, forse in virt di quelle) introietti le verit morali
contenute in quelle storie in modo da metter ordine nel suo caos interiore. Perch il bimbo come ha scritto
Bettelheim ha bisogno di una educazione morale che sottilmente gli mostri i vantaggi del comportamento
morale, non attraverso astratti concetti etici ma attraverso ci che gli sembri tangibilmente giusto e perci
avente un significato per lui.
Qui ci riallacciamo, per quanto riguarda il sogno, tanto alla teoria di Adler che lo spiega, prendendo in
considerazione la personalit totale del sognatore, come ausilio a formulare scelte future e, per quanto
riguarda il mito, alle conclusioni di Lvi-Strauss secondo il quale il mito sarebbe uno schema logico che
luomo crea per risolvere problemi che si collocano su piani differenti, integrandoli allinterno duna
costruzione sistematica.
Favola, mito e sogno sarebbero dunque radicati nel passato ma solo per aiutare a squarciare i veli dun
ignoto futuro.
Come ho gi detto, il libro di piacevole lettura. Una lettura, per, che non pu scorrere dalla prima
pagina allultima, ma che deve essere realizzata mediante la scelta della leggenda o del mito che in quel
particolare momento il nostro interesse o la nostra disposizione danimo suggeriscono. E tutto ci al fine di
trascorrere unora di piacevole relax in compagnia di un mondo che ha ancora molte cose da insegnarci.
MARIO MARCHIORI

Miti e leggende degli indiani dAmerica

PREFAZIONE
Le centocinquanta leggende qui registrate provengono dal cuore e dallanima dei popoli nativi del Nord
America. Alcune sono state raccontate per migliaia di anni e sono ancora dette e ridette, altre adattate e
completate per aderire alle mutate necessit delluditorio, altre ancora persino create da capo prendendo
spunto dalla visione di un uomo o di una donna contemporanei. Esse sorgono dalla terra, come le piante, le
erbe e gli animali che sono parti integranti del regno umano. Sono incarnate nelle antiche lingue e scorrono
secondo i ritmi del mondo naturale, un passo invero diverso da quello dellambiente tecnologico fatto
dalluomo. Molti popoli industrializzati, gli occhi fissi sullorologio, a pezzi a causa del pressante problema
di dover spaccare il secondo, appartenenti alle societ dei microprocessori, hanno poco tempo od
inclinazione, sembra, per speculare sulla comune natura delluniverso. Le leggende mutualmente condivise e
di sostegno morale intorno allorigine ed alla fine del mondo (e su ci che accade nel frattempo) sembrano
irrimediabilmente al di l della loro visione del mondo.
I nativi dAmerica, seguendo il ritmo del tempo indiano , vivono ancora collegati al nutriente grembo
della mitologia. Un misterioso ma reale potere alberga in natura, sulle montagne, nei fiumi, nelle rocce,
persino nelle pietre. Gli uomini bianchi possono considerarli oggetti inanimati, ma per lindiano sono
inviluppati nella rete dell'universo, pulsanti di vita e pieni di magico potere. Come ha scritto Ernst Cassirer,
il mondo mitico in uno stadio molto pi fluido e fluttuante del mondo teoretico... Il mondo del mito un
mondo drammatico, un mondo di azioni, di forze, di potenze in conflitto. In ogni fenomeno della natura vede
la collisione di queste potenze. La percezione mitica sempre impregnata di queste qualit emozionali 1.
Il mondo degli Indiani Pueblo confinato miticamente e geograficamente entro quattro montagne sacre,
dove uomini santi vanno ancora in pellegrinaggio per invocare la pioggia e raccogliere farmaci. Le
associazioni tra gli eventi mitici e la geografia sono forti; i nativi del Nordovest, ad esempio, credevano che
le loro montagne fossero state un tempo della gente che combatteva, complottava, amava ed alla quale alla
lunga lOnnipotente diede per punizione, principalmente per i guai che aveva causato, la forma che esse oggi
hanno.
Il firmamento pieno di stelle e pianeti che un tempo erano sulla terra, amanti umani destinati ad inseguirsi
lun laltro nel cielo della sera per leternit. Tali regole non sono neppure fisse; il sole, la luna e la stella del
mattino sembrano libere di assumere forme umane e di vagare sulla terra in cerca di amore ed altre
avventure.
Attraverso il mito, i legami tra il passato storico ed il presente sono forti. I reperti archeologici mostrano
che gli Irochesi del Nordest hanno posseduto ininterrottamente per alcune migliaia di anni una vitale cultura
materiale, una catena riflessa in un corpo di folclore ancora esistente che sopravvissuto a dispetto degli
innumerevoli tentativi di molte generazioni della societ bianca di sradicare (o stereotipare in senso
negativo) la storia e la cultura indiana. Su molte regioni, con la sola eccezione del rimarchevole Sudovest e
delle pianure, e sino ad un certo punto del Nordovest, gli effetti della cultura bianca sono stati devastanti,
essendo stato cancellato o deformato nelle sue attuali raffigurazioni, al di l di ogni possibile identificazione,
lintero corpo della letteratura indiana.
Dove le leggende sono conservate, ci avviene con fierezza. Tunka, il dio della pietra, il dio pi antico
dei Sioux, e gli uomini portano ancora in appositi sacchetti pietre magiche stranamente foggiate, pezzi di
selce o mucchi di agata fossile. Essi pregano ancora particolari rocce sacre e raccontano leggende che
parlano di loro. Fiumi, laghi, cascate e montagne sono la dimora degli spiriti e sovente appaiono nelle storie
come personaggi viventi. Persino oggi un Sioux od un Cheyenne potrebbe dire: Ho sentito la mia pipa
sacra palpitare nelle mie mani. Era viva. Un potere proveniva da essa . Oppure: Quando toccavo il palo
sacro della danza del sole, sentivo che era carne, calda carne . Gli antichi simboli ed insegne esistono
ancora e sono conservati con cura. Lequipaggiamento moderno non pu competere. Quando lo sciamano
Sioux Cervo Zoppo viaggi per la prima volta su un jet moderno colleg immediatamente il Boeing 707 a
Wakinyan, lUccello del Tuono, il cui terrificante potere infiamma il fulmine. Laeroplano non ne usc bene
dal confronto.
Le leggende indiane appaiono sovente, a coloro che sono abituati ai modelli delle favole e delle fiabe
1

An Essay on Man: An Introduction to a Philosophy of Human Culture, Yale University Press, New Haven 1962.

europee, caotiche, inconsistenti od incomplete. Le trame sembrano viaggiare a una loro velocit, sfidando
convenzioni e talvolta togliendo completamente di mezzo ogni riconoscibile inizio e fine. Qua il Coyote un
potente creatore, l un piagnucolante codardo. I bimbi mostrano talenti o poteri allarmanti; nascite e morti si
alternano altrettanto rapide che il giorno e la notte. Cercare di applicare una logica convenzionale
(occidentale) non solo impossibile ma anche non necessario; tirare in lungo una singola immagine od un
episodio pu essere il tratto saliente in verit lintera ragione di raccontare una favola. Le storie infatti
sono sovente raccontate a catena; una parola, un personaggio, od unidea ne richiamano alla mente unaltra
ad essi collegata, spingendo in tal modo un nuovo narratore a dare il suo contributo. Il vento urlante, il
gorgoglo del ruscello, lo stridore della gazza suggeriscono tutti, nella loro vitale immediatezza, le storie
dalle quali sono poi create le leggende: storie raccontate al tempo stesso per adulti e bambini, sia come
elementi di solenni cerimonie sia come spontanee creazioni. Piuttosto che unit autonome, esse sono sovente
episodi in progressione che risalgono alle sorgenti delle tradizioni tribali.
Molto tempo fa Hubert Howe Bancroft scrisse: Il linguaggio pensiero incarnato; la mitologia
lanima incarnata. Luno lo strumento del pensiero, laltra ne lessenza. In mitologia, il linguaggio
assume personalit ed indipendenza. Sovente il significato delle parole diviene lidea essenziale 2. Cos la
parola sole diviene il nome del dio sole, la parola luna il nome della dea luna. Sono le parole stesse
ad acquistare autorit; come spiega lo sciamano Sioux Lonard Cane Corvo: La nostra moderna lingua
Sioux utilizza molte parole dei bianchi, ma non c potere in essa. La conoscenza dei vecchi racconti del mio
popolo la ricevo da un tamburo, o dal suono di un flauto, o dalle mie visioni e dalla nostra sacra erba pejuta,
ma soprattutto dalle antiche parole del tempo andato, le parole degli antenati, la lingua che esisteva agli inizi
dei tempi, la lingua data a We-Ota-Wichasha, Ragazzo Grumo di Sangue. Se quella lingua, queste parole,
dovessero morire, allora anche le nostre leggende morirebbero.
In questo libro noi offriamo titoli e categorie per differenti racconti, ma in ultima analisi queste
suddivisioni non sono altro che arbitrarie appendici per la comodit del lettore. Nessun fanciullo chiederebbe
a suo nonno di raccontare la storia del primo arrivo dellinverno; chiederebbe invece a gran voce:
Raccontami ancora come Iktome fu catturato mentre rubava il cibo , o: Raccontaci di quella fanciulla che
salv suo fratello . Le favole possono essere divise in infiniti modi e noi speriamo che i capitoli che
abbiamo scelto mostrino tanto gli elementi comuni che ricorrono nelle storie raccontate agli estremi opposti
del continente quanto la ricca diversit dei dettagli.
Le leggende, naturalmente, variano secondo il modo di vita di un popolo, la geografia ed il clima nel
quale vive, il cibo che mangia ed il modo in cui se lo procura. I nomadi cacciatori di buffali delle praterie
raccontano storie assai diverse da quelle degli abitanti delle foreste orientali. Per un piantatore e mietitore
sudoccidentale le principali fonti di ansiet sono la crescita del grano ed il mutare delle stagioni, mentre
I popoli del Nordovest, che traggono la loro sopravvivenza dal mare, affollano le loro favole di mostri
oceanici, rapidi fiocinieri e potenti costruttori dimbarcazioni. Tutte le trib possiedono altres narrazioni che
spiegano le caratteristiche dei loro paesaggi: come si origin questo fiume, quando queste montagne furono
formate, come le coste furono modellate.
Le leggende, al pari delle culture, si sovrappongono e si influenzano le une con le altre, non soltanto
quando la gente di differenti trib vive in territori adiacenti, ma anche quando gli individui provenienti da
lunghe distanze sincontrano nel corso di migrazioni o di scambi commerciali. Gli scavi di un sito Hohokan
precolombiano in Arizona hanno portato alla luce un campo da gioco di stile maya, una dura palla di
caucci, cinture di rame e piume esotiche di pappagallo, la cui provenienza dovette essere il Messico
centrale, distante un migliaio di miglia. Unimmagine di derivazione azteca del viso maschile del sole,
circondata da raggi, fu trovata dipinta e scolpita nei muri rocciosi degli Stati Uniti sudoccidentali e pure
nellarte contemporanea Pueblo. Naotsiti, la Sorella Bianca perduta, e Bahana, il Fratello Bianco delle
profezie Hopi, possono incorporare ricordi del maya Kukulcan
o dellazteco Quetzalcoatl, il dio bianco Serpente Piumato che arriva dallest attraversando la Grande Acqua.
Immagini e simboli arrivarono a popoli lontani unitamente alle merci che venivano barattate; conchiglie
bianche e scaglie di madreperla sono talvolta menzionate come oggetti rituali negli antichi miti di aree
distanti dalla costa del Pacifico da cinquecento ad un migliaio di miglia.
Tuttavia, pur presentando immagini e varianti regionali, queste leggende sono tenute unite da un tema
comune, un interesse universale per argomenti fondamentali che riguardano il mondo nel quale gli esseri
2

The Native Races , Myths and Languages, voi. 3, A. L. Bancroft & Co, San Francisco, 1883, p. 305.

umani vivono. Noi li incontriamo a pi riprese in un fantastico spettro di forme, a nord ed a sud, ad est e ad
ovest, la storia dei figli del sole, dei due gemelli che portano la cultura, delle quattro sacre direzioni, dei
mondi sovrapposti luno allaltro, delle acque primordiali, della perpetua distruzione e ricreazione, di potenti
eroi e di bricconi: Veeho, Coniglio, Coyote e lUomo Ragno.
La storia entra nel mondo mitico indirettamente, ma lascia il suo chiaro segno su fatti e personaggi. Molte
leggende e cicli incarnano lesperienza collettiva di una particolare trib, forse consolidando in un solo
drammatico mito migrazioni, disastri naturali ed altri pi importanti eventi che si verificarono nel corso di
generazioni e di secoli, con riferimenti ad episodi storici miticamente rielaborati: la creazione e la perdita
di potere della Lega degli Irochesi; i primi avvistamenti ed i successivi incontri con gli europei ed altri
bianchi, allinizio con i missionari, poi con i mercanti, pi tardi con i soldati armati; la soppressione della
religione da parte degli Spagnoli e linsurrezione dei Pueblo del 1680; larrivo in nuove madrepatrie, le
migrazioni e le conseguenti morti e devastazioni; il drammatico spartiacque degli scontri di Fort Stanwix e
di Rosebud, di Little Bighorn e di Wounded Knee. Spostandosi sovente da eventi di cataclisma nel regno del
mito e del folclore, il narratore pu al tempo stesso celebrare, piangere ed onorare il passato e guardare
avanti ad un tempo in cui i grandi eroi potranno ritornare al loro popolo, portando potenti magie per
restituirgli lantica gloria.
Ma queste leggende non si confrontano solamente con questioni cosmiche intorno al mondo come un
tutto. Sono pure magiche lenti attraverso le quali possiamo gettare unocchiata agli ordinamenti sociali ed
alla vita quotidiana: come erano organizzate le famiglie, come operavano le strutture politiche, come gli
uomini catturavano i pesci, comerano sentite le cerimonie religiose dalla gente che vi prendeva parte,
comera diviso il potere tra luomo e la donna, comera preparato il cibo, comera celebrato lonore in
guerra. Le immagini che ci trasmettono certe ansie sono ridondanti: in un racconto del conflitto tra i sessi,
gli uomini e le donne decidono di vivere in accampamenti separati, divisi non soltanto dalla rabbia e da un
rimuginante senso dingiustizia, ma pure da un possente fiume. I racconti antropologici sembrano sbiaditi al
confronto.
Queste leggende, per, non sono in ultima analisi raccontate per puro diletto, o per istruire, o per divertire:
esse sono credute. Sono emblemi di una religione vivente, che danno forma concreta ad un corpo di
credenze e tradizioni che legano la gente di oggi agli antenati che lhanno preceduta da secoli e da millenni.
Come disse Bronislaw Malinowski, il mito nella sua forma vivente e primitiva non soltanto una storia
raccontata ma una realt vissuta .
Nota su come sono state selezionate queste storie
Molte di queste storie sono state raccolte dagli stessi autori in un arco di tempo di venticinque anni.
Alcune di queste non sono mai state pubblicate prima dora; altre, pur in circolazione da anni, appaiono qui
nella nuova forma in cui sono oggi raccontate dai narratori e tradotte di recente, quando necessario, in
inglese. Alcune favole degli Indiani delle Pianure sono nate durante le cerimonie, intorno ai fuochi, persino
allinterno duna automobile in movimento. La maggior parte stata dattiloscritta, e solo poche curate per
renderle in una forma comprensibile.
Un secondo gruppo di leggende comprende racconti classici che appaiono qui nella loro forma originale.
Un terzo gruppo proviene da fonti del diciannovesimo secolo. Poich queste leggende, pur conservando il
valore dei racconti originali, furono scritte in uno stile alquanto artificioso, tipico di quel periodo, gli autori
le hanno ritrascritte per riportarle ad una forma pi autentica e meno ampollosa.

PARTE PRIMA
Ragazzo Coniglio prende a calci un grumo di sangue
Leggende della creazione umana

I miti della creazione trattano sia della formazione del mondo fisico, come noi lo conosciamo, sia
dellorigine dei numerosi tratti delle specifiche culture. Mentre le leggende della seconda e terza parte
tratterranno il primo tema, le storie qui riunite hanno a che fare invece con gli interrogativi sulla condizione
umana che ci tormentano da sempre. Come e quando gli di si separarono dagli uomini? Dove ottennero gli
Indiani certi importanti elementi della loro vita quotidiana, alimenti come il sale od il granturco, animali
come il buffalo ed il cavallo, manufatti religiosi e cerimonie? Perch gli uomini e le donne sono differenti, e
quando avvenne la separazione? Da dove provennero le diverse razze? Come entr nel mondo il male? Che
cosa la morte e come appare e scompare la vita?
Queste leggende della creazione umana e del sorgere della cultura riflettono in miriadi di modi la comune
credenza che lumanit parte integrante di un mondo naturale, fratello e sorella dei cereali e degli alberi,
del buffalo e dellorso. Alcune trib dei Grandi Laghi raccontano dettagliatamente come furono create in
origine dal Grande Sole o (tra gli Ojibway) dal Grande Mistero. Secondo numerose altre, la prima donna fu
fecondata da un raggio di sole (nel Sudovest), da un salmone (nel Nordovest), o, come dicono gli Irochesi,
dal vento dellovest, che fece nascere due eroi gemelli i quali compirono famose gesta. Il mito della
creazione degli Algonchini dei Grandi Laghi si focalizza sullerrante dio Glooscap, che placa i venti, ottiene
cibo ed acqua per la gente, e modella molti tratti del paesaggio. Egli alla fine se ne va allovest, a vivere in
un altro mondo dove fabbrica frecce per la battaglia dellultimo giorno.
Il primo figlio delluomo sovente dotato di poteri sovrannaturali; eclissa e mette nel sacco gli adulti,
cresce in una notte, od esegue una grande magia come un autorevole sciamano. La sua birichinata fa del
bene, troppo; senza badare ai suoi genitori, vaga lontano dal campo, talvolta incontra ed uccide un mostro o
due, riceve un segno di magia o potere e sovente incontra una vecchia (forse la sua nutrice) che gli fa trovare
un orco sulla strada per sbarazzarsi della sua potente presenza. Gli esiti di queste avventure sono indici
significativi del livello raggiunto da una cultura nella creazione; prima che Ragazzo Pietra fosse nato, i
Sioux non avevano cerimonie sacre o preghiere per guidarli. Il loro sviluppo spirituale cominci quando un
mucchio di pietre insegn a Ragazzo Pietra a costruire la capanna del vapore per la purificazione, per la vita,
per wichosani, la salute.
Daltra parte, i Sioux Brul dicono che fu una vecchia ad essere stata scelta per mostrare al suo popolo la
via allAntenato Peyote, il sacro farmaco che dona salute e potere. Unaltra eroina, la Donna Buffalo Bianco,
fu uno spirito che prese la forma di una bella fanciulla vestita di una splendente pelle di daino bianca. Essa
diede alle trib grandi mandrie di buffali ed insegn loro come adorare, come sposare e come cucinare.
Terminato il suo compito, and via, si ferm e si rotol e si mut in un buffalo nero, in uno marrone, in uno
rosso, ed infine in un vitello del sacro buffalo bianco.
Altre eroine culturali includono la Donna Cangiante dei Navaho, la Donna Turchese, la Donna Conchiglia
Bianca e la Piccola Sorella dei Cheyenne, che chiama i buffali e nutre la gente. Gli attributi di queste eroine
sono sovente associati con la fertilit, il concepimento, la gravidanza e la nascita. Le fanciulle granoturco
portano lonninutriente mais ed insegnano il modo di coltivarlo. Inventano pure larte di fare i vasi ed i
canestri, in quanto la loro associazione con i semi ed i granelli si estende pure ai contenitori ed
all'immagazzinamento. Sovente le donne sono incaricate di accudire alla selce che accese il primo focolare.
Le origini della grande tenda della magia unimportante parte del mito della creazione della regione dei
Grandi Laghi e si caratterizza (come molti altri) per il tema centrale dei gemelli, figli del vento dellovest.
Quando Fratello Lupo annegato dagli spiriti del male mentre attraversa un lago gelato, riportato in vita
dalle lamentazioni di Manabozho, Coniglio Bianco, il quale diviene le fondamenta della tenda. Questo
particolare mito ha una importante caratteristica in comune con le storie della creazione del lontano ovest:
leroe culturale (o gli eroi) al tempo stesso un briccone ed uno sciocco. Pu alitare la vita negli esseri
umani ed essere responsabile di dar importanti tratti della loro vita quotidiana. Ma pu anche possedere la
libidine o gli impulsi a rubare che segnano la sua vita. Tutte le cose viventi , dice un anziano Sioux,
sono legate insieme con un unico cordone ombelicale , le alte montagne ed i ruscelli, il granturco ed il
buffalo che pascola, leroe pi coraggioso ed il falso Coyote.

RAGAZZO CONIGLIO (Sioux White River)


Questa la storia del Ragazzo Coniglio; in alcune trib nota come la storia dellUomo Sanguinolento. Come

sapete , disse Jenny Nuvola Alta, noi Indiani concepiamo la terra e lintero universo come un circolo chiuso ed in
questo cerchio luomo un animale come gli altri. Il buffalo ed il coyote sono nostri fratelli; gli uccelli, nostri
cugini. Persino la pi minuscola formica, persino un pidocchio, persino il pi piccolo fiore che puoi trovare, sono
tutti nostri parenti. Noi terminiamo le nostre preghiere con le parole mitakuye oyasin tutti i miei parenti e
ci include ogni cosa che cresce, brulica, corre, striscia, saltella e vola su questo continente. Il bianco vede luomo
come il conquistatore ed il padrone della natura, ma gli Indiani, che sono vicini alla natura, hanno una conoscenza
migliore .

Nei vecchi, vecchi tempi, prima che Colombo ci scoprisse , come voi dite, noi eravamo molto pi
vicini agli animali di quanto lo siamo oggi. Molte persone erano in grado di comprendere i linguaggi degli
animali; sapevano parlare con un uccello, chiacchierare con una farfalla. Gli animali erano capaci di
trasformarsi in persone e le persone in animali. Ci fu un tempo in cui la terra non era ancora del tutto
terminata, quando le montagne ed i fiumi, e molte specie di animali e piante, venivano formandosi secondo il
piano della natura.
In quei giorni lontani, nascosti a noi come in una bruma, viveva un coniglio, un coniglio molto vivace,
giocoso e di buon cuore. Un giorno, mentre stava passeggiando per ricrearsi, inciamp allimprovviso su un
grumo di sangue. Perch fosse l, nessuno lo sa. Assomigliava ad una pustola, ad una piccola vescica piena
di liquido rosso. Bene, il giocoso coniglio cominci a giocare con quel grumo di sangue, scalciandolo
allintorno come se fosse un palloncino.
Ora, dovete sapere che noi Indiani crediamo in Takuskanskan, la potenza misteriosa del movimento. Il
suo spirito in ogni cosa che si muove. Anima le cose e le fa vivere. Bene, il coniglio, senza nemmeno
accorgersene, venne a trovarsi posseduto da questa strana potenza misteriosa ed il moto dello scalciare
all'intorno, o piuttosto il suo spirito ed io spero che possiate cogliere il senso di ci che intendo dire
cominci ad operare su quel piccolo grumo di sangue sino a fargli assumere una forma, quella di un piccolo
intestino. Il coniglio lo scalci ancora un po, ed in quel grumo cominciarono a spuntare braccia e gambe
sottili. Il coniglio continu a colpirlo, ed improvvisamente comparvero gli occhi ed un cuore che batteva.
Cos facendo il coniglio, con laiuto della potenza misteriosa del moto, aveva creato un essere umano, un
bambino. Il coniglio lo chiam We-Ota-Wichasha, Ragazzo Sanguinolento, ma meglio conosciuto come
Ragazzo Coniglio.
Il coniglio lo port a sua moglie ed entrambi amarono quello strano bambino come se fosse il loro unico
figlio. Gli fecero indossare un bel vestito di pelle di daino, che avevano dipinto con il sacro colore rosso e
decorato con ornamenti fatti con aculei di porcospino. Il ragazzo crebbe felicemente tra i conigli. Quando fu
quasi uomo, il vecchio coniglio gli disse: Figlio, devo dirti che tu non sei quello che pensi di essere, cio
un coniglio come me. Tu sei un essere umano. Noi ti amiamo e ci dispiace immensamente lasciarti andare,
ma tu devi partire a raggiungere la tua gente.
Ragazzo Coniglio si mise in cammino e raggiunse un villaggio di esseri umani, e l vide ragazzi che gli
assomigliavano. Entr nel villaggio. La gente non poteva fare a meno di fissare quello strano ragazzo che
indossava un cos bel vestito di pelle di daino. Da dove vieni? gli domandarono. Vengo da un altro
villaggio , rispose Ragazzo Coniglio, bench ci non fosse vero. Non cera un altro villaggio in tutto il
mondo, perch, come ho detto, la terra era ancora al suo inizio.
Nel villaggio vera una bella ragazza che si innamor di Ragazzo Coniglio, non soltanto per i suoi bei
vestiti, ma anche per il suo bellaspetto e la sua gentilezza. Anche la gente del villaggio desiderava che lui si
sposasse, perch voleva che un uomo con un cos grande potere misterioso restasse tra di loro. E Ragazzo
Coniglio ebbe una visione. In essa lottava con il sole, gareggiava con il sole, giocava partite a carte con il
sole e sempre vinceva.
Ma Iktome, il malvagio Uomo Ragno, lo spregevole imbroglione, burlone e stregone, che desiderava
quella bella ragazza per s, cominci a dire cose cattive sul conto di Ragazzo Coniglio. Guardalo , diceva
Iktome, come ostenta il suo completo di pelle di daino a noi che siamo troppo poveri per possedere tali
belle cose . Ed agli uomini aggiungeva: Come potete permettergli di sposare una ragazza del vostro
villaggio? . E disse pure loro: Nel caso lo voleste, io possiedo un collare magico che posso lanciare su
quel Ragazzo Coniglio e renderlo impotente.
Alcuni ragazzi che erano gelosi di Ragazzo Coniglio per via del suo strano potere, della sua saggezza e
generosit, dissero allora: Iktome ha ragione . Ci detto, cominciarono ad aggredirlo; e lUomo Ragno
lanci il suo magico cerchio su di lui. Bench non avesse effetto alcuno su Ragazzo Coniglio, questi finse di
essere indifeso per divertirsi un po.
I ragazzi ed i giovanotti del villaggio legarono Ragazzo Coniglio ad un albero con rozze cinghie di pelle;

e per tutto il tempo, il malvagio Uomo Ragno li incoraggi dicendo: Prendiamo le asce e facciamolo a
pezzi! .
Amici, kola-pila , disse Ragazzo Coniglio, se intendete uccidermi, lasciate che prima io canti il mio
canto di morte. E cominci a cantare:
Amici, amici,
ho combattuto con il sole.
Egli ha cercato di bruciarmi,
ma non ha potuto farlo.
Persino contro il sole
ho resistito.

Come il canto di morte fu terminato, gli abitanti del villaggio uccisero Ragazzo Coniglio e lo fecero a
pezzi; quindi gettarono quei grossi pezzi di carne in una pentola. Ma non era facile sopraffare Ragazzo
Coniglio. Una tempesta si sollev, grandi nubi oscurarono il sole ed ogni cosa allintorno fu avvolta dal buio
di una notte oscura.
Quando alfine le nubi si dissolsero, dei grossi pezzi di carne non si trov alcuna traccia. Ma coloro che si
trovavano pi vicini alla pentola affermavano di averli veduti riunirsi e dar vita ad un nuovo corpo, che era
poi salito al cielo su un raggio di sole. Allora, un vecchio e saggio sciamano disse: Questo Ragazzo
Coniglio possiede realmente un potere magico: salito per vedere il sole. Presto ritorner pi forte di prima,
perch lass gli sar dato il potere del sole. Lasciate che sposi quella nostra ragazza.

Ma il geloso ragno, Iktome, disse: Perch preoccuparsi di lui? Guardatemi: io sono molto pi potente di
Ragazzo Coniglio! Ors, legate anche me; fatemi a pezzi! Siate svelti! Iktome credeva di ricordare il canto
di Ragazzo Coniglio. Pensava che in esso ci fosse un potere, una forza magica. Ma Iktome non ricordava le
parole giuste. E cant:
Amici, amici,
ho combattuto contro la luna,
essa ha cercato di lottare,
ma io ho vinto.
Persino combattendo contro la luna,
ho avuto successo.

Come aveva detto loro, lo fecero a pezzi, ma Iktome non torn mai pi a rivivere. Il ragno aveva
finalmente fatto male a se stesso. Questo il destino di ogni malvagio briccone.

Raccontata da Jenny Nuvola Alta a White River, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, nel 1967 e registrata da Richard Erdoes.

GRUMO DI SANGUE (Ute Meridionali)


Diversamente dalla precedente leggenda, qui il bimbo nato da un grumo di sangue di buffalo e riceve i suoi
poteri dalla potente trib dei buffali.

Molto tempo fa un uomo molto vecchio e sua moglie vivevano soli e cacciavano la selvaggina, ma questa
era scarsa ed essi erano affamati. Un giorno luomo scopr alcune tracce di buffalo e le segu sino al luogo
dove gli animali serano fermati. L trov soltanto un grosso grumo di sangue, che avvolse nella sua camicia
e port a casa.
Il vecchio disse alla moglie di far bollire quel sangue ed essa lo mise in una marmitta con dellacqua che
aveva preso nel ruscello. Ma prima che lacqua cominciasse a bollire, udirono delle grida provenire dalla
pentola. Luomo si precipit su di essa e ne trasse fuori un bimbo, un piccolo bimbo, che si era formato in
qualche modo da quel grumo di sangue. Lanziana coppia lav il bimbo e lo copr. Il mattino seguente il
bimbo era molto pi grande e durante il giorno continu a crescere sino a che pot trascinarsi da solo. Il
secondo giorno fu in grado di camminare un poco; ed entro il terzo giorno camminava gi con facilit. La
coppia lo chiam Grumo di Sangue e fin col trattarlo come fosse un loro figlio.
Il vecchio costru delle piccole frecce affinch il bimbo potesse imparare a lanciarle. Subito Grumo di
Sangue ebbe bisogno di frecce pi grandi, e con quelle cominci a cacciare uccelli ed altra piccola
selvaggina. Non portava mai la selvaggina a casa, ma mandava il vecchio a prenderla. Un giorno Grumo di
Sangue ritorn dalla caccia e disse: Ho ucciso qualcosa che ha il dorso a strisce nere . Luomo usc e
raccolse un animale un po pi grande di un topo, che cucin per loro tre. Il giorno dopo il ragazzo
annunci: Ho ucciso un animale che ha una corta coda bianca . Si trattava di un coniglio e luomo cucin
anche quello.
Il giorno successivo, Grumo di Sangue and pi lontano ed uccise un tasso. Ho ucciso un animale che
era in una buca del terreno , disse, e luomo port quella creatura a casa e la cucin. Il giorno seguente, al
suo ritorno, il ragazzo disse: Ho ucciso un animale con le orecchie e la coda nere . Con grande gioia del
vecchio si trattava di una cerva.
I tre la mangiarono e furono felici.
La volta successiva Grumo di Sangue disse: Ho ucciso un grosso esemplare che ha grandi corna
ramificate . Era un alce e di nuovo la famiglia fece festa con quella carne.
Il vecchio diede al ragazzo un vero arco e delle frecce, e Grumo di Sangue and sulle montagne ed uccise
una capra di monte. Ho ucciso un animale dalle grandi corna sulle montagne , disse quando ritorn gi.
Ogni giorno , esclam il vecchio con orgoglio, uccide un animale di un genere sempre diverso.
Ora i loro tormenti erano passati ed avevano una vita pi facile. Grumo di Sangue uccise un leone di
montagna. Quindi insegu ed uccise una lontra: Ho ucciso un animale con una bella pelliccia, che vive
nellacqua . Il vecchio conci la pelle e ne fece stringhe per legare le trecce del ragazzo. Il giorno seguente
Grumo di Sangue trov un castoro: Ho ucciso un animale acquatico che ha una coda grossa cos .
Alla fine venne il giorno in cui Grumo di Sangue disse: Voglio visitare il villaggio dove vive molta
gente. Ma prima andr a cacciare per voi per lultima volta, per tutto il giorno e la notte. Voglio per che voi
fissiate bene la tenda, mettiate delle pietre sui bordi, affinch il vento della notte non la porti via, e
blocchiate lentrata. Anche se il vento sar forte, non uscite e non abbiate paura. Vi chiamer quando potrete
uscire.
Lanziana coppia obbed e, mentre stava dormendo, egli cacci tutta la notte. Circa allo spuntar del
giorno, udirono un gran frastuono, messaggero dun vento che minacciava di rovesciare la tenda. Luomo
era impaurito e voleva uscire, ma la moglie lo trattenne, ricordandogli di quello che il loro figlio aveva detto.
Quando si fece giorno, udirono la voce del loro figlio: Venite fuori; vi mostrer qualcosa . Aprirono la
porta e videro molti buffali morti che giacevano tuttintorno.
Ho fatto questo per voi , disse Grumo di Sangue. Seccate la carne e nascondetela; conservatela e vi
durer a lungo . Il giovane chiese alla madre di preparargli un pranzo ed essa gli diede del pemmican.
Ora, cari genitori, avete cibo in abbondanza , disse, e part. Essi piansero e lo pregarono di ritornare.
Indossando gambali di pelle di daino e munito di una faretra di pelle di leone di montagna, Grumo di

Sangue cominci a viaggiare e dopo pochi giorni raggiunse il villaggio. Nei pressi, chiese della casa del
capo ed un uomo gli disse: nel centro . L trov il capo con la moglie ed una figlia. Essi lo invitarono a
sedersi, ed il capo gli chiese da dove venisse e qual era la sua trib.
Non so a quale trib appartengo. Sono venuto a visitarvi , rispose Grumo di Sangue. Il capo usc fuori
della porta e grid alla gente di venire a conoscere il loro ospite. Gli abitanti, bench affamati per mancanza
di selvaggina, si radunarono tutti nella casa del capo e si sedettero.
Il capo disse: Qualcuno di voi sa quale sia la trib di questo giovane? . La gente nomin le trib: Daini,
Alci, Lontre, Castori ed altre; e gli chiese se apparteneva a qualcuna di queste, ma egli rispose di no. Alla
fine un vecchio disse: Forse posso anche sbagliarmi, ma credo di intuirlo dal potere che in lui. Penso che
appartenga ai Buffali . Grumo di Sangue ci pens su, e finalmente annu.
La gente del villaggio chiese a Grumo di Sangue di restare e di sposare la figlia del capo. E poich
anchegli fu daccordo su quella proposta, le nozze furono tenute.
Quella sera egli chiese al suocero di andare nella tenda e di portargli una freccia. Quando il capo fu di
ritorno,

Grumo di Sangue gli disse di far fissare tutte le tende e di avvertire la gente di stare allinterno, in quanto vi
sarebbe stata una grande tempesta. Il capo lo rifer agli abitanti ed al calar della notte, quando questi udirono
un gran frastuono, gridarono per la paura ma non lasciarono le tende.
Allora Grumo di Sangue chiam il capo e questi, uscito fuori, trov un buffalo morto davanti ad ogni
tenda. Su invito del genero, chiam allora a raccolta lintero villaggio, e tutti insieme fecero festa e furono
felici.
Grumo di Sangue rimase l sino al giorno in cui un gruppo di abitanti usc per cacciare il buffalo. Molto
tempo prima che questo accadesse, aveva detto alla moglie: Conosci il Piccolo Buffalo? Io sono una sua
parte, esso parte di me, per questo non devi mai pronunciare la parola piccolo . Il gruppo aveva ucciso
alcuni buffali e stava macellandoli quando unaltra mandria arriv di corsa e pass via. Sua moglie,
indicandone uno, grid: Uccidi quel piccolo! . Immediatamente Grumo di Sangue salt sul suo cavallo e
galopp via, mutandosi, come sapeva fare, in un buffalo. Invano la moglie gridando cerc di afferrarlo; da
allora, Grumo di Sangue corre con i buffali.
Basata su una storia riportata da Robert Lowie negli anni 20.

MADRE GRANO (Penobscot)


Quello che il buffalo rappresentava per le trib nomadi delle pianure, il grano era per le popolazioni agricole
dellEst e del Sudovest il sacro cibo che tutto nutre, il soggetto di innumerevoli leggende ed il tema centrale di molti
rituali. Derivato da unerba selvatica chiamata teosintl, il grano fu piantato nella valle Tehuacan del Messico
almeno 8.000 anni fa. Il grano pi antico trovato a nord del confine fu scoperto a Bat Cave, ne! Nuovo Messico.
Risale a circa 5.500 anni fa. Gli Hopi dicono: Moingiima fa il grano. Ogni cosa cresce sul suo corpo. Egli
basso, circa laltezza di un ragazzo, ha un partner femmina, ed ogni estate diviene pesante, perch il suo corpo

pieno di vegetali: angurie, grano, melopoponi. Essi crescono sul suo corpo. Quando gli Hopi seminano,
invariabilmente gli chiedono che il raccolto sia abbondante; allora ogni cosa, sia vegetale che frutta, spunta.
Quando rade il suo corpo, i semi escono, e dopo il suo corpo snello. Egli usa vivere su questa terra e si
accompagna con gli Hopi. Quando ogni cosa matura, egli diviene magro e infelice. Egli risiede in Occidente .
Come possiamo vedere nella leggenda che segue, che tratta da una trib del New England, anche le trib dellEst
attribuiscono al grano la stessa importanza.

Quando Kloskurbeh, lOnnipotente, viveva sulla terra, quaggi non vera ancora la gente. Ma un giorno,
quando il sole era alto sullorizzonte, un giovane apparve e lo chiam: Zio, fratello di mia madre . Questo
giovane era nato dalla schiuma delle onde, una schiuma agitata dal vento e riscaldata dal sole. Erano stati il
moto del vento, lumidit dellacqua ed il calore del sole a dargli la vita, il calore soprattutto, perch calore
vita. Ed il giovane visse con Kloskurbeh e divenne il suo principale aiutante.
Orbene, dopo che questi due esseri potenti ebbero creato ogni cosa, un giorno, mentre il sole splendeva
nel pieno pomeriggio, arriv una bella ragazza. Era nata da una meravigliosa pianta del suolo, dalla rugiada
e dal calore. Una goccia di rugiada era caduta sopra una foglia che il calore del sole aveva poi riscaldato; e
poich il calore del sole vita, cos nacque quella ragazza: dalle verdi piante viventi, dallumidit e dal
calore.
Io sono amore , disse la fanciulla. Io sono colei che d energia, che nutre, che provvede per gli
uomini e gli animali. Tutti mi amano.
Allora Kloskurbeh ringrazi il Grande Mistero che nel Cielo per aver mandato loro quella fanciulla. Il
giovane, il Grande Nipote, la spos, e la ragazza partor e divenne cos la Prima Madre. E Kloskurbeh, il
Grande Zio, che insegna agli uomini quello che occorre sapere, insegn ai loro figli come dovevano vivere.
Quindi part per andare a risiedere nel Nord, da dove talvolta ritornava quando avevano bisogno di lui.
La gente intanto cresceva ed aumentava di numero. E poich viveva di caccia, tanto pi cresceva di
numero e tanto meno selvaggina poteva trovare. Cercava di scovarla, ma poich questa diveniva sempre pi
scarsa, la fame si diffuse tra la gente. E la Prima Madre ebbe piet di loro.
I bambini andarono dalla Prima Madre e le dissero: Abbiamo fame. Nutrici . Ma lei non aveva niente
da dar loro e pianse. Disse loro: Abbiate pazienza. Vi procurer del cibo e le vostre pancine saranno
riempite . Ma continu a piangere.
Il marito le domand: Come posso farti sorridere? Come posso farti felice? .
C una sola cosa che pu fermare le mie lacrime .
Che cos? chiese il marito.
Devi uccidermi .
Non potrei mai farlo .
Devi, se no pianger e sar triste per sempre .
Allora il marito and lontano, ai confini del mondo, sino al Nord per chiedere al Grande Maestro, suo zio
Kloskurbeh, quello che doveva fare.
Devi fare quello che lei vuole. Devi ucciderla , disse Kloskurbeh. Allora il giovane torn a casa e
questa volta fu il suo turno di piangere. Ma la Prima Madre disse: Domani nel pieno pomeriggio dovrai
farlo. E dopo avermi ucciso, lascia che due dei nostri figli mi afferrino per i capelli e trascinino il mio corpo
sino a quel pezzo di terra deserto. Lascia che mi trascinino avanti e indietro, avanti e indietro, su ciascuna
parte dellappezzamento, sino a che ogni lembo della mia carne non si sia staccato dal corpo. Dopo di ci,
prendi le mie ossa, raccoglile e sotterrale nel bel mezzo di quel terreno dissodato. Quindi allontanati da quel
posto .
Essa sorrise e disse: Attendi sette lune e poi ritorna, e l troverai le mie carni, carni donate per amore, le
quali ti nutriranno e ti daranno forza per leternit .
Cos fu fatto. Il marito uccise la moglie, ed i suoi figli, pregando, ne trascinarono il corpo avanti e indietro
come aveva ordinato di fare, sino a che le sue carni non ebbero coperto il suolo. Quindi raccolsero le sue
ossa e le seppellirono nel centro. Poi, piangendo forte, se ne andarono via.
Quando il marito ed i figli ed i figli dei figli, dopo che furono trascorse sette lune, ritornarono in quel
luogo, trovarono il terreno coperto di alte e verdi piante fiorite. Il frutto delle piante il grano era la
carne della Prima Madre, data agli uomini affinch potessero vivere e prosperare. Ed essi condivisero la
carne della Prima Madre e la trovarono dolce oltre ogni dire. Seguendo le sue istruzioni, non la mangiarono
tutta, ma misero molti di quei chicchi nella terra. In questo modo la sua carne ed il suo spirito ogni sette mesi
si rinnovarono, di generazione in generazione.
E nel luogo dove avevano seppellito le ossa della Prima Madre, era cresciuta unaltra pianta, fragrante e

dalle foglie larghe. Era il respiro della Prima Madre ed essi udirono il suo spirito parlare: Bruciala tutta e
fumala. sacra. Schiarir le vostre menti, aiuter le vostre preghiere e rallegrer i vostri cuori .
Ed il marito della Prima Madre chiam la prima pianta Skarmunal, grano, e la seconda Utarmur-wayeh,
tabacco.
Non dimenticate , disse alla gente, ed abbiate cura della carne della Prima Madre, perch la sua
bont che divenne sostanza. Abbiate cura del suo respiro, perch il suo amore convertito in fumo.
Ricordatela e pensatela ogni volta che mangiate, ogni volta che fumate questa sacra pianta, perch essa ha
donato la sua vita affinch voi possiate vivere. Tuttavia essa non morta, ma vive: essa si rinnova ancora ed
ancora in un immortale amore.
Ritrascritta da tre fonti del diciannovesimo secolo, incluso Joseph Nicolar.

LA CREAZIONE DEL MONDO ANIMALE (Okanogan)


Una volta la terra era un essere umano: il Vecchio le aveva dato le sembianze di una donna. Tu sarai la
madre di tutta la gente , le disse.
La terra ancora viva, ma molto cambiata. Il suolo la sua carne, le rocce sono le sue ossa, il vento il
suo respiro, gli alberi ed i prati sono i suoi capelli. Essa si estende ovunque, e noi viviamo su di lei. Quando
si muove, noi abbiamo un terremoto.
Dopo aver preso la donna ed averla mutata nella terra, il Vecchio raccolse alcune delle sue carni, le
arrotol e ne fece delle palle, proprio come la gente fa con il fango e la creta. Egli trasform il primo gruppo
di queste palle negli antichi antenati, gli esseri del mondo primordiale.
Gli antichi erano persone, ma anche animali. Alcuni avevano laspetto di esseri umani mentre altri
camminavano sulle quattro zampe come gli animali. Alcuni volavano come gli uccelli, altri nuotavano come
i pesci, ma tutti avevano il dono del parlare e poteri e capacit pi grandi che gli animali
o la gente. Ma i cervi non furono mai degli esseri antichi; essi sono sempre stati animali, proprio come lo
sono oggi.
Oltre agli antichi, anche la vera gente ed i veri animali vivevano sulla terra in quei tempi. Il Vecchio
aveva creato la gente trasformando le ultime palle di fango che aveva raccolto sulla terra. Le aveva
arrotolate pi e pi volte, aveva dato loro la forma di Indiani e soffiato su di essi per dar loro la vita. Essi
erano cos ignoranti che erano i pi indifesi di tutte le creature create dal Vecchio.
Il Vecchio divise la gente e gli animali in maschi e femmine affinch potessero procreare e moltiplicarsi.
Tutte le cose viventi vennero dalla terra. Quando noi volgiamo lo sguardo intorno, possiamo vedere ovunque
una parte della nostra madre.
La maggiore difficolt del mondo antico consisteva nel fatto che cera molto pi conflitto tra gli esseri
viventi, perch molti erano egoisti ed alcuni persino dei mostri. In un certo senso erano anche molto stupidi.
Bench sapessero di dover cacciare

per vivere, non sapevano distinguere i cervi dalle persone e talvolta mangiavano la gente per errore.
Alla fine il Vecchio disse: Presto non ci sar pi gente, se lascio andare le cose in questo modo . Cos
invi il Coyote ad uccidere tutti i mostri e gli altri esseri cattivi che vivevano tra gli antichi e ad insegnare
agli Indiani come fare le cose nel modo giusto.
Ed il Coyote cominci a viaggiare sulla terra, insegnando agli Indiani, rendendo loro la vita pi facile e
migliore, e ad eseguire molte azioni meravigliose.
Riferita da Ella Clark negli anni 50.

RAGAZZO PIETRA (Sioux Brul)


La leggenda Sioux di Ragazzo Pietra assume forme differenti a seconda del singolo narratore. La seguente
versione, che proviene dalla Riserva del Fiume Cheyenne, fu udita da Henry Cane Corvo intorno al 1910,
quandera solo un bimbo che ascoltava i narratori riuniti allaperto intorno al fuoco.

Negli epici lontani giorni degli Indiani, una fanciulla ed i suoi cinque fratelli vivevano insieme. La gente
in quei tempi doveva procurarsi il cibo; era questa la loro principale occupazione. Cos mentre la sorella
cucinava e cuciva abiti, i fratelli trascorrevano il tempo cacciando.
Accadde una volta che questa famiglia trasferisse la sua tenda in fondo ad un canyon. Era uno strano e
silenzioso posto, ma vera acqua nel fiume e la selvaggina abbondava. Il canyon era fresco destate e
riparato dal freddo in inverno. Quando i fratelli erano fuori a cacciare, la fanciulla era sempre in ansia per
loro. Attendendo ed ascoltando, le pareva di udire dei rumori. Sovente pensava che fossero i loro passi, ma
quando guardava fuori, non cera nessuno.
Accadde che una sera soltanto quattro dei cinque fratelli tornassero a casa dalla caccia. Essi e la sorella
rimasero svegli tutta la notte, cercando di immaginare quello che poteva essere accaduto allaltro fratello. Il
giorno seguente i giovani andarono a caccia, ma solo tre tornarono a casa. Di nuovo loro e la sorella
rimasero svegli tutta la notte a fantasticare. La sera successiva soltanto due vennero a casa, ed essi e la
sorella ebbero paura.
In quei lontani giorni gli Indiani non avevano cerimonie sacre o preghiere che potessero guidarli, per
questo non era facile per la sorella ed i suoi due fratelli osservare nella notte in quel posto spettrale. Il
mattino i fratelli uscirono ancora, ma solo uno ritorn durante la notte. Subito la fanciulla si mise a gridare
ed a pregarlo di restare a casa. Ma dovevano mangiare, sicch al mattino il suo ultimo e pi giovane fratello,
quello che lei amava pi di tutti, usc a cacciare. Come gli altri, non ritorn. Ora non vera pi nessuno che

potesse portare cibo od acqua alla fanciulla, o proteggerla.


In lacrime, la fanciulla lasci il canyon e si arrampic sulla cima di una collina. Avrebbe voluto morire,
ma non sapeva come farlo. A un tratto vide una pietra rotonda che giaceva sul terreno. Credendo che
lavrebbe uccisa, la raccolse e la ingoi.
Rasserenata la fanciulla torn alla tenda. Bevve dellacqua e sent un rimescolio dentro di s, come se la
pietra le stesse dicendo di non preoccuparsi. E bench non potesse dormire per lassenza dei fratelli,
nondimeno si sent confortata.
Il giorno dopo scopr che non le era rimasto nulla da mangiare, tranne del pemmican e delle bacche. Si
propose di mangiarli e di bere dellacqua del fiume, ma si accorse di non aver fame. Si sentiva come se fosse
stata ad una festa e camminava intorno cantando da sola. Il giorno seguente, poi, si svegli cos felice come
non le era mai accaduto prima.
Il quarto giorno da quando era rimasta sola, avvert un dolore. la fine , pens. Ora morir . Non
gliene importava; ma invece di morire diede alla luce un bimbo.
Che cosa ne faccio di questo bimbo? , fantasticava. Come arrivato? Deve essere stata quella pietra
che ho ingoiato .
Il bimbo era forte ed aveva degli occhi che brillavano. Bench la fanciulla si sentisse per un momento
debole, tuttavia dovette prendersi cura di quella nuova vita, di suo figlio. Lo chiam Iyan Hokshi, Ragazzo
Pietra, e lo avvolse negli abiti dei suoi fratelli. Giorno dopo giorno cresceva, dieci volte pi in fretta che gli
altri bimbi, e con un corpo assai pi ben fatto.
La madre sapeva che il suo bimbo aveva grandi poteri. Un giorno, giocando fuori della tenda, il bimbo
costru, tutto da solo, un arco e delle frecce. La madre fu sorpresa nel vedere le punte in pietra delle sue
frecce e si domandava come avesse potuto farle. E pensava: Forse sa di essere una pietra che ho ingoiato .
Deve essere certamente fatto di pietra .

Il bimbo crebbe cos in fretta che ben presto fu in grado di camminare. I suoi capelli divennero lunghi, ed
a mano a mano che cresceva la madre temeva ogni giorno di pi di perderlo come aveva fatto con i suoi
fratelli. Sovente ella piangeva, e bench egli non ne domandasse il perch, sembrava che lo sapesse.
Ben presto egli fu grande abbastanza per andare a caccia, e quando la madre lo cap, pianse pi di prima.
Ragazzo Pietra entr nella tenda e le disse: Madre, non piangere.
Tu avevi cinque zii , gli disse, ma andarono a caccia ed uno dopo laltro non ritornarono pi . E gli
raccont come era nato, come era andata sulla cima della collina e laveva ingoiato, e come aveva sentito
qualcosa muoversi nel suo grembo.
Lo so , le disse, e vado a cercare i tuoi fratelli, i miei zii .
Ma se non ritorni , singhiozz, che cosa far? .
Torner , le disse. Torner con i miei zii. Resta nella tenda sino al mio ritorno .

Cos il mattino seguente Iyan Hokshi cominci a camminare ed a cercare. E fece cos sino allimbrunire,
quando alfine trov un buon posto per dormire. Vag per quattro giorni, ed alla sera del quarto giorno
annus del fumo. Iyan Hokshi, Ragazzo Pietra, ne segu il profumo ed arriv ad una tenda dalla quale, dal
foro centrale che lasciato aperto a tale scopo, usciva del fumo.
La tenda era brutta e cadente. Allinterno Iyan Hokshi pot vedere una vecchia anchessa brutta. Essa lo
vide passare e, chiamandolo per nome, lo invit a mangiare ed a restare per la notte.
Bench fosse agitato nei suoi pensieri ed un po timido, Ragazzo Pietra entr nella tenda. Si guard
intorno e vide cinque fagotti che erano ritti contro la parete della tenda. E cominci a pensare che cosa mai
contenessero.
La vecchia stava cucinando della carne e quando fu pronta egli la mangi, malgrado il gusto non fosse un
gran che.
Pi tardi essa distese un vecchio e sporco mantello di buffalo affinch egli potesse dormirci su, ma egli,
intuendo un pericolo, rimase completamente sveglio.
Ho male alla schiena , disse la donna. Prima che tu vada a dormire, desidererei che me la frizionassi
camminandoci su e gi. Sono vecchia e sola, e non ho nessuno che mi aiuti ad alleviare il dolore .
Si mise distesa e Ragazzo Pietra cominci a camminarle sulla schiena. Mentre camminava sent che sotto
il vestito di pelle di daino della donna vera qualcosa di appuntito, qualcosa aguzzo come un coltello od un
ago o la punta dun giavellotto. Forse ha usato questo attrezzo tagliente per uccidere i miei zii , pens.
Forse ne ha intinto la punta con del veleno di serpente. S, deve essere proprio cos .
Iyan Hokshi, dopo aver riflettuto, fece un salto in aria, tanto alto quanto gli fu possibile, e cadde gi sulla
schiena della vecchia con gran fracasso. E salt e salt sino a che non fu esausto e la megera non giaceva
morta con la schiena rotta.
Quindi Iyan Hokshi and dove i cinque fagotti giacevano legati insieme con delle rozze cinghie ed avvolti
in pelli di animali. Li svoltol e vi trov cinque cadaveri, secchi come carne essiccata al sole, e che non
parevano nemmeno esseri umani. Questi devono essere i miei zii , pens, ma non sapeva come farli
risuscitare.
Fuori della brutta tenda vera un cumulo di pietre, pietre rotonde e grigie. Si accorse che stavano parlando
e gli parve di poter comprendere ci che dicevano. Iyan Hokshi, Ragazzo Pietra, tu sei uno di noi, sei della
nostra specie, tu vieni da Tunka, tu vieni da Iyan. Ascolta; fa attenzione .
Seguendo le loro istruzioni, costru una piccola capanna a forma di cupola, con dei bastoncini di salice
ricurvi. La ricopr con le pelli di buffalo della vecchia e vi mise i cinque cadaveri rinsecchiti. Fuori allaperto
accese un fuoco, vi mise delle pietre a scaldare e vi gett pure la vecchia a bruciare.
Quando le pietre furono incandescenti, Ragazzo Pietra, con laiuto di un ramo di corna di cervo che aveva
trovato nei dintorni, le tir fuori dal fuoco e ad una ad una le port dentro la piccola capanna che aveva
costruito. Raccolse la sacca dellacqua della vecchia, una vescica di buffalo decorata con aculei lavorati, e la
riemp di acqua. La tir per le grezze cinghie che la tenevano insieme e port anche quella dentro la
capanna. Quindi mise i cinque corpi rinsecchiti in circolo intorno a lui.
Iyan Hokshi chiuse lingresso della sua piccola casetta con un lembo di pelle di buffalo, affinch laria
non potesse n entrare n uscire. Quindi, versando dellacqua dalla sacca sulle pietre, le ringrazi dicendo:
Voi mi avete condotto qui . Per quattro volte vers lacqua e per quattro volte apr e richiuse lapertura
della capanna. Ogni volta parlava alle pietre e loro rispondevano. A mano a mano che versava, il piccolo
riparo si riempiva di vapore cos denso da non lasciargli vedere nientaltro che una bianca foschia
nelloscurit. Quando vers lacqua per la seconda volta, avvert qualcosa che si agitava. Quando la vers
per la terza volta, cominci a cantare. E quando la vers per la quarta volta, quelle cose morte e secche
cominciarono anchesse a cantare e a parlare.
Credo che siano tornati a vivere , pens Iyan Hokshi, Ragazzo Pietra. Ora voglio vedere i miei zii .
Apr il lembo di pelle per lultima volta, ed osserv il vapore uscir fuori e salire al cielo come soffice
nube. Le luci del fal e della luna rischiaravano la piccola dolce capanna e per mezzo di quelle riusc a
vedere cinque bei giovani che sedevano allinterno di essa. Gli disse: Hou, lekshi, voi dovete essere i miei
zii . Essi sorridevano e ridevano, felici di essere tornati a vivere.
Iyan Hokshi disse: Questo ci che mia madre vostra sorella voleva. Questo ci che
desiderava.
Ed aggiunse: Le pietre mi hanno salvato ed ora hanno salvato voi. Iyan, Tunka pietra Tunka,
Iyan. Tunkashila, lo Spirito Antenato, impareremo a venerarlo. Questa piccola capanna, queste pietre,
lacqua, il fuoco, tutto ci sar sacro; dora in poi useremo tutte queste cose che abbiamo fatto qui per la

prima volta: per purificarci, per vivere, per wichosani, per la nostra salute. Tutto questo ci stato dato
affinch noi possiamo vivere. Noi saremo una trib .
Raccontata da Henry Cane Corvo a Rosebud, Sud Dakota, il 26 febbraio 1968 e registrata da Richard Erdoes.

Henry Cane Corvo un puro Sioux anziano con un viso maestoso, roccioso come le Black Hills. il nipote del
famoso Cane Corvo, un capo, un guerriero, un leader dei danzatori della Danza degli Spiriti. Il primo Cane Corvo,
il quale una volta per 150 miglia condusse volontariamente allimpiccagione il suo rivale, Capo Coda Chiazzata, al
solo scopo di non sottostare alle disposizioni della Corte Suprema, la quale aveva stabilito che la legge federale non
aveva giurisdizione su una riserva indiana.

IL BAMBINO POTENTE (Seneca)


I Seneca, una delle nazioni irochesi del Nordest, hanno una loro versione del piccolo invincibile.

Un uomo e sua moglie vivevano con il loro figlio di cinque anni in una povera capanna nel bosco. Un
giorno la donna mor nel dare alla luce un altro bimbo, che era vivace ed amorevole ma non pi grande della
mano di una persona. Pensando che il bimbo non sarebbe sopravvissuto, il padre lo avvilupp con cura e lo
mise nel cavo di un albero che era nei pressi della capanna. Dopo di ci, crem il corpo della madre.
Quindi and a caccia, come aveva fatto ogni giorno nel passato. Il suo figlio cinquenne, intanto, giocava
fuori della capanna e si sentiva solo. A un tratto, per, ud delle grida provenire dal cavo dellalbero. Anche
quel bimbo che si trovava l si sentiva solo e pure affamato. Come si accorse del suo fratellino, il fanciullo
gli prepar del brodo con intestini di cervo, che il bimbo bevve con grande sollievo. Rinforzatosi, il neonato
strisci fuori dellalbero ed i due giocarono insieme. Il fratello pi grande gli fece pure un mantello di pelle
di cerbiatto e quando glielo mise indosso il bimbo assomigliava ad una tamia orientale scorrazzante
allintorno.
Al suo ritorno il padre si accorse che gli intestini di cervo non cerano pi e chiese al figlio che cosa ne
avesse fatto. Oh , disse il fanciullo, avevo fame .
Vedendo intorno al fuoco delle piccole tracce di passi molto brevi, il padre disse: Ci sono delle tracce di
bimbo. Chi ? . Allora il figlio confess di aver trovato il fratellino nel cavo dellalbero e di avergli dato del
brodo e di avergli fatto un manto di pelle di cerbiatto.
Vai e portamelo , gli disse il padre.
timido e non vorr venire per nessuna ragione, rispose il fanciullo.
Bene, lo prenderemo. Chiedigli di venire a caccia di topi con te nel vecchio tronco che dietro il cavo
dellalbero e lo acchiapper .
Presi un gran numero di topi, luomo li nascose nei suoi vestiti. Quindi and dietro lalbero e si
inginocchi in modo da sembrare un vecchio tronco.
Il fanciullo and verso lalbero e grid: Vieni, andiamo a prendere dei topi . Il bimbo scese gi, ed
insieme si precipitarono intorno al tronco per acchiappare topi. Fuori di s per leccitazione, quella
minuscola cosa rideva e gridava; non sera mai divertita tanto.
Allimprovviso il tronco si trasform in un uomo che, preso il piccolo tra le braccia, and di corsa alla
capanna. Il bimbo strillava e si dibatteva, ma non cera nulla da fare; non poteva liberarsi e non si
tranquillizz se non quando il padre gli mise un bastoncino in mano e gli disse: Ora picchia quellalbero .
Il bimbo colp un grande hickory, che cadde. Quindi si mise presso di lui con il bastone ed ogni cosa che
colpiva veniva uccisa o fracassata. Era contento e smise di piangere.
Ormai, quando il padre usciva per cacciare, il bimbo restava con il fratello pi grande. Un giorno il padre
disse loro: Mentre sono via, non dovete andare a nord. Lass vive gente cattiva e pericolosa .
Ma quando il padre fu partito, il piccolo disse al fratello: Oh, andiamo a nord; voglio vedere che cosa
c .
I due fanciulli partirono e camminarono sino a che non arrivarono ad un terreno boscoso e paludoso. A un
tratto udirono dei suoni, come di gente che chiamava: Padre! Padre! . In realt si trattava di rane che
stavano cantando la loro canzone Nohawa! Nohawa!.
Oh, questa gente vuole offendere mio padre! grid il fanciullo. Si prepar da solo una serie di pietre
incandescenti e le scagli sulle rane, uccidendole tutte.

Quando i due bambini tornarono a casa, il padre era molto arrabbiato. Non dovete ritornarci pi , disse.
E non dovete nemmeno andare ad ovest; anche laggi pericoloso .
Ma quando il giorno successivo il padre fu partito, il bimbo disse: Voglio vedere che cosa c allovest;
andiamoci . E cos viaggiarono verso ovest sino ad arrivare dove cera un pino molto alto, sulla punta del
quale vera un letto di pelli. Che strano posto per un letto , disse il bimbo al fratello. Mi arrampicher
sin lass e vedr di che si tratta .
And su. Trov che nel letto verano due bambini nudi ed impauriti, un bimbo ed una bimba. Allora
pizzic il bimbo nudo, il quale si mise a chiamare: Padre! Padre! arrivato uno strano bimbo che mi ha
spaventato a morte! .
All'improvviso si ud in lontananza, verso occidente, la voce del Tuono. Stava rombando verso di loro
sempre pi veloce, sino a che raggiunse il letto sulla cima dellalbero. Sollevando il bastone, il fanciullo, il
potente, colp il Tuono e gli fracass la testa, e quello cadde morto sul terreno.
Quindi il fanciullo pizzic la bimba nuda, che a sua volta grid: Madre! Madre! Uno strano bimbo mi sta
tormentando! . Allistante la voce della Madre Tuono risuon ad ovest e crebbe di intensit sino a che non
arriv presso lalbero. Il potente bimbo la colp sul capo come aveva fatto con suo marito ed essa cadde
morta.
Il potente pens: Questo figlio del Tuono servir per fare una bella sacca da tabacco per mio padre. Lo
porter con me a casa . Colp il bambino con il bastone e quindi gett i due bimbi gi dallalbero.
I due fratelli andarono a casa, ed il piccino disse: Oh, padre! Ti ho portato una splendida sacca da
tabacco! .
Che cosa avete fatto! disse il padre quando vide il figlio del Tuono morto. Questi tuoni non ci hanno
mai fatto del male. Essi portano la pioggia e ci fanno del bene, ma ora ci distruggeranno per vendicare i loro
figli .
Oh, non ci faranno del male, ho ucciso lintera famiglia , rispose il potente ragazzo. E cos il padre
prese la pelle per la sacca da tabacco, ma disse: Non dovete mai andare a nord, nel paese dove vive
Mantello Pietra.
Il giorno seguente il fratello maggiore non volle disobbedire al padre, e cos il potente bimbo si diresse
verso nord da solo. Verso mezzogiorno ud il forte abbaiare del cane di Mantello Pietra, che era grande come
un cervo. Pensando che il padrone dovesse essere vicino, il fanciullo salt dentro un castagno e vi si nascose.
Il cane continuava ad abbaiare e Mantello Pietra comparve e guard intorno. Non c niente , disse, ma il
cane continuava ad abbaiare ed a fissare lalbero. Finalmente Mantello Pietra colp lalbero con il bastone e
spaccandolo lo apr.
Quale strano piccolo soggetto sei , disse Mantello Pietra osservando il bimbo come questi usc fuori.
Non sei nemmeno grande abbastanza per riempirmi un buco di un dente .
Oh, non sono venuto per riempirti i buchi dei denti. Sono venuto per andare nella tua casa e vedere
come vivi , disse il bimbo.
Va bene, vieni , disse Mantello Pietra, e cominci a camminare con enormi passi. Nella cintola portava
due grandi

orsi, che al suo confronto sembravano piccoli come scoiattoli. Ogni tanto squadrava allingi il bimbo, che
gli correva accanto e gli diceva: Sei proprio una piccola creatura divertente! .
La sua tenda era enorme e molto lunga; il bimbo non aveva mai visto niente di simile. Mantello Pietra
spell i due orsi, ne mise uno davanti allospite e tenne laltro per s. Mangia questorso , disse, se no
manger te e lui insieme .
Se tu non mangi il tuo prima che io abbia mangiato il mio, posso ucciderti? domand il bimbo.
Oh, certamente , disse Mantello Pietra.
Il fanciullo tagli dei pezzi di carne, li pul pi in fretta che pot, e se li mise in bocca. Quindi corse fuori
dalla tenda per nascondere la carne. Egli continu a correre fuori e dentro, fuori e dentro, sino a che tutta la
carne del suo orso fu scomparsa. Non hai ancora finito il tuo , disse a Mantello Pietra. Adesso ti uccido
.
Aspetta fino a che non ti abbia mostrato come si scivola gi da una collina , disse Mantello Pietra; e lo
condusse a un lungo e scivoloso pendio che terminava in una caverna.
Quindi Mantello Pietra mise il bimbo in una ciotola di legno e lo mand gi a grande velocit. Ma ben
presto il potente bimbo corse di nuovo su per la china.
Dove hai lasciato la ciotola? , domand lattonito Mantello Pietra.
Oh, non so; laggi, suppongo , rispose il fanciullo.
Bene, vediamo chi pu calciare pi in alto questo pezzo di legno , disse Mantello Pietra.
Prova tu per primo , disse il piccino.
Il legno era spesso due piedi e lungo sei. Mantello Pietra vi mise il piede sotto e calci il palo in alto, due
volte la sua altezza. Quindi il bimbo, facendo scivolare il suo piede sotto il legno, lo sped a fischiare per
laria. Rimase via a lungo. Poi cadde gi sulla testa di Mantello Pietra e la fracass a morte.
Vieni qua , disse il bimbo al cane di Mantello Pietra. Il cane and, ed il bimbo vi sal in groppa e
galopp a casa. Ora, padre mio, avremo un buon cane da caccia , disse.
Quando il padre vide il cane, grid: Che cosa hai fatto? Mantello Pietra ci uccider tutti! .
Non ci dar mai pi fastidio. Ho ucciso Mantello Pietra , replic il bimbo, il potente.
Ora, ragazzi , disse il padre, non dovete mai andare verso sudovest, nel luogo ove si gioca dazzardo
. Ma il giorno dopo, verso mezzogiorno, il fratellino pi giovane sincammin verso sudovest. Arriv in
una bella radura in mezzo al bosco, al fondo della quale vera una tettoia. Seduto sotto la tettoia, un uomo
con una grande testa, molto pi grande di quella di un buffalo, giocava a dadi scommettendo sulla testa di
coloro che arrivavano. Come dadi usava dei wildplumpits con su dei disegni.
Una moltitudine di gente scommetteva in gruppi di tre. Quando perdevano, come capitava a tutti, luomo
dalla testa grossa metteva le tre persone da un lato. Quindi giocava con altri tre, e quando perdevano li
metteva con i primi tre, e cos via, sino a quando non decideva che il numero era grande abbastanza. Quindi
li prendeva e tagliava loro la testa.
Quando il bimbo si avvicin, un certo numero di persone che avevano perduto le scommesse erano in
attesa di essere uccise. Ma quando videro il bimbo tutti cominciarono a sperare perch avevano intuito che
quel bambino aveva grande orenda, cio potere, o magia.
Il bimbo prese posto ed il gioco cominci immediatamente. Quando luomo dalla testa grossa gett i dadi,
il bimbo fece s che alcuni restassero nel piatto e che altri andassero cos alti che quando caddero gi
ciascuno mostrava un diverso disegno. Ma quando tocc al bimbo, i dadi si trasformarono in galli di bosco,
volarono alti, e caddero gi esponendo lo stesso disegno.
I due giocarono sino a che il bimbo, vincendo, non ebbe riscattato tutta la gente ed il giocatore non ebbe
persa la sua grossa testa, perch il fanciullo gliela tagli allistante. Lintera folla applaud: Ora tu devi
essere il nostro capo! .
Il bimbo disse: Come potrebbe una piccola cosa come me essere un capo? Forse mio padre
desidererebbe farlo; glielo chieder . Il fanciullo ritorn a casa con quella storia, ma il padre non volle
saperne di trasferirsi nella terra dei giochi dazzardo.
Ora , disse il padre, tu non devi mai andare ad est, dove giocano a palla.
Ma il giorno successivo il fanciullo viaggi verso est ed arriv in una regione ove si distendevano belle ed
uniformi pianure. L i clan del Lupo e dellOrso stavano giocando contro i clan dellAquila, della Tartaruga
e del Castoro.
Il bimbo si mise dalla parte del Lupo e dellOrso. Se vinci , gli dissero, tutta questa regione ti
apparterr . Giocarono, ed il bimbo vinse. Ora sei il proprietario , gli dissero.

Il potente bambino and a casa e disse al padre: Ho vinto tutta la bella regione dellest; vieni e sarai il
suo capo .
Il padre acconsent e si trasfer con i suoi due ragazzi nella regione dellest e l vissero. Questa la storia.
Basata su una leggenda riportata da Jeremiah Curtin e J.N.B. Hewitt intorno al 1910.

Bench i dati archeologici confermino che gli Irochesi hanno abitato la regione dello Stato di New York e la
Pennsylvania per migliaia di anni, tuttavia il loro patrimonio culturale comprende leggende che parlano di una
grande migrazione che sarebbe arrivata in quelle belle regioni dellest da una precedente madrepatria. Ci pu
riferirsi allarrivo dal sud e dallovest di trib con loro apparentate e che andarono a pi riprese ad ingrossare il
nucleo principale.

GLOOSCAP E IL BIMBO (Algonchini)


Per molte trib algonchine, come i Passamaquoddy del Maine, il grande Glooscap era il Primo Uomo, un eroe
culturale, un demiurgo, un briccone e un dio.

Glooscap, dopo aver conquistato i Kewawkqu, una razza di giganti e maghi, e i Medecolin, che erano
degli astuti stregoni, e Pamola, uno spirito malvagio della notte, oltre ad una folla di demoni, folletti,
cannibali e fattucchieri, si sent davvero grande e si vant con una donna che non vi fosse pi nulla per lui da
soggiogare.
Ma la donna rise e disse: Sei proprio sicuro, Signore? Ve n uno che non stato ancora vinto e niente
pu sopraffarlo .
Un po sorpreso, Glooscap volle sapere il nome di quellindividuo cos potente.
Si chiama Wasis , replic la donna, ma ti avverto vivamente di non aver nulla a che fare con lui .
Wasis era soltanto un bimbo, il quale, seduto sul pavimento, stava succhiando un pezzo di zucchero
dacero e canticchiando una canzoncina tutto da solo. Bisogna sapere che Glooscap non sera mai sposato e
che perci era del tutto alloscuro di come si dovevano trattare i bambini, ma sicuro di s sorrise al bimbo e
gli domand di venire da lui. Il bimbo sorrise anchesso ma non si mosse, sicch Glooscap imit il canto
dun uccello. Wasis, tuttavia, non prest attenzione e continu a succhiare il pezzo di zucchero. Non abituato
ad un simile trattamento, Glooscap and su tutte le furie e con accento terribile e minaccioso ordin a Wasis
di venire subito da lui. Ma Wasis scoppi in un terribile grido, che quasi soffoc il tuono degli di, e nessuna
minaccia lo avrebbe smosso.
Glooscap si risvegli di colpo e chiam a raccolta tutte le sue magiche risorse.
Recit le pi terribili formule, i pi spaventevoli incantesimi. Cant le canzoni che risuscitano i morti, e
quelle che mandano i diavoletti nei pi profondi abissi. Ma Wasis sorrise appena e sembrava annoiato da
quelle bagatelle.
Alla fine Glooscap, per la disperazione, si precipit fuori dalla capanna, mentre Wasis, seduto sul
pavimento, gridava: Vaa! Vaa! . E si dice che da quel giorno, ogni qualvolta un bimbo dice Vaa , gli
Indiani ricordino il tempo in cui vinse il potente Glooscap.
Da una leggenda raccontata da Lewis Spence verso la fine de! secolo scorso.

LA VECCHIA DELLA SORGENTE (Cheyenne)


Questa leggenda, che parla dei doni del grano e del buffalo che ricevettero i Cheyenne, collegata alla
successiva leggenda di Ragazzo Freccia. Nello stile dei Cheyenne un narratore direbbe: Unite un altra storia alla
fine di questa, e proseguite da l . Il Nord, del quale si parla allinizio di entrambe le leggende, un nostalgico
riferimento ai terreni di caccia dei Cheyenne dellAmerica centrosettentrionale, dalla quale essi furono scacciati da
invasori, probabilmente gli Ojibway.

Quando i Cheyenne abitavano ancora al nord, erano usi accamparsi in un ampio circolo ai piedi di una
collina dalla quale zampillava unabbondante sorgente. La sorgente forniva lacqua allaccampamento, ma il
cibo era pi difficile da trovare. Il buffalo era scomparso e molta gente era affamata.
In un limpido giorno alcuni uomini stavano giocando nel centro dellaccampamento allanello e
giavellotto. Essi usavano un cerchio rosso e nero, e quattro lunghi bastoni, due rossi e due neri, che
lanciavano nel cerchio mentre questi rotolava. Un giocatore vinceva quando riusciva a far passare lasta
attraverso il cerchio mentre questo stava ancora rotolando.
Una gran folla sera gi radunata quando un giovane arriv dalla parte sud dellaccampamento e si un ai
giocatori. Indossava un abito di buffalo con il pelo rivolto verso lesterno. Il suo corpo era dipinto di giallo, e
portava legata alla testa una penna spezzata daquila, anchessa dipinta di giallo. Ben presto un altro
giovane, abbigliato esattamente come il primo, arriv dal lato nord del circolo e si mise ad osservare il
gioco. I due non si conoscevano, ma quando si videro si mossero incontro attraverso la folla per parlarsi.
Amico , disse luomo che veniva dal lato sud, stai imitando il mio abbigliamento. Perch? .
Spiegandosi, entrambi raccontarono la stessa storia. Essi erano entrati nella sorgente che scorreva gi dal
pendio e l erano stati istruiti su come abbigliarsi. Intanto la folla aveva smesso di osservare il gioco e si era
radunata intorno per ascoltare, ed ai presenti i due giovani dissero che sarebbero andati di nuovo alla
sorgente e ritornati presto. Mentre la folla osservava, i due si avvicinarono alla sorgente. Luomo del sud si
copr il capo con il suo mantello di buffalo ed entr. Laltro fece lo stesso.
I due giovani, diguazzando nellacqua, si trovarono ben presto in unampia caverna. Presso lingresso
sedeva una vecchia che stava cucinando della carne di buffalo e del grano in due diverse pentole di
terracotta. Diede loro il benvenuto dicendo: Nipotini, siete venuti. Qui, sedete accanto a me . Essi
sedettero, uno su ciascun lato, e le dissero che la gente era affamata e che essi erano venuti da lei in cerca di
cibo. Essa prese allora del grano da una pentola e della carne dallaltra e li diede loro. Ed essi mangiarono
sino a che furono sazi; ma quando ebbero finito, le pentole erano ancora piene. Allora la donna disse loro di
guardare verso sud ed essi videro che la terra in quella direzione era coperta di buffali. Poi disse loro di
guardare ad ovest, ed essi videro ogni genere di animali, grandi e piccoli, inclusi i pony, bench a quei tempi
non li conoscessero ancora. Essa disse loro di guardare verso nord ed essi videro grano che cresceva
ovunque.
Infine la vecchia disse: Tutto quello che avete visto, in futuro sar vostro. Questa notte far in modo che
il buffalo vi ristori. Quando lascerete questo luogo i buffali vi seguiranno ed il vostro popolo li vedr
arrivare prima del tramonto. Portate con voi questo grano crudo ed ogni primavera seminatelo in un terreno
basso ed umido. Quando sar maturo, potrete nutrirvi con quello.
Ed aggiunse: Prendete anche questa carne e questo grano che ho cucinato, e quando sarete tornati presso
la vostra gente, dite loro di sedere e di mangiare nel seguente ordine: prima tutti i maschi, dal pi giovane al
pi vecchio, ad eccezione di un ragazzo orfano; poi tutte le femmine, dalla pi vecchia alla pi giovane, ad
eccezione di una ragazza orfana. Quando tutti avranno terminato di mangiare, il cibo avanzato nelle pentole
dovr essere dato al ragazzo ed alla ragazza orfani .
I due uomini obbedirono alla vecchia. Quando uscirono dalla sorgente, si accorsero che tutto il loro corpo
era dipinto di rosso, e che le piume spezzate, che avevano sulla testa, erano anchesse divenute rosse.
Raggiunsero il loro popolo, il quale si cib del grano e della carne secondo le istruzioni ricevute. Ce nera
abbastanza per tutti e le due pentole erano ancora piene quando furono passate ai due bimbi orfani, i quali
mangiarono tutto il cibo che era rimasto.
Verso il tramonto la gente si ritir nelle tende e cominci ad osservare attentamente la sorgente, e presto
videro un buffalo saltar fuori. Quella creatura salt, gioc e si rotol, e poi ritorn alla sorgente. Dopo un po
un altro buffalo salt fuori, quindi un altro ed un altro ancora, e ad un bel momento arrivarono cos veloci
che i Cheyenne non erano pi capaci di contarli. Per tutta la notte i buffali continuarono ad uscire ed il
giorno seguente lintera regione era coperta a vista docchio da buffali. Bench i buffali fiutassero il grande

accampamento, il giorno successivo i Cheyenne riuscirono a circondarli; essi infatti correvano troppo veloci
per uomini che cacciavano a piedi.
Per un certo tempo la gente ebbe carne di buffalo in abbondanza. Ma in primavera gli Indiani trasferirono
laccampamento in una terra pi bassa e paludosa, dove seminarono il grano che avevano ricevuto dal
ruscello incantato. Questi crebbe rapidamente, ed ogni granello che era stato seminato fece germogliare
degli steli cos robusti che portavano da due a quattro spighe. E da allora ogni anno la gente continu a
seminare il grano.
Una primavera, dopo aver seminato il grano, i Cheyenne andarono a caccia di buffali. Quando ebbero
carne a sufficienza da durare per molto tempo, tornarono ai loro campi.
Con grande sorpresa trovarono che il grano era stato rubato da qualche trib vicina. Non ne era rimasta
nemmeno una spiga, neppure un granello per seminare. Bench il furto fosse avvenuto all'incirca una luna
prima, i Cheyenne riuscirono a seguire le tracce dei loro nemici per molti giorni. Essi combatterono persino
con due o tre trib, ma non arrivarono mai a scoprire i ladri ed a ricuperare il raccolto rubato. Tutto ci
accadde molto tempo prima che i Cheyenne abbandonassero luso di seminare il grano.
Basata su una storia raccontata da George A. Dorsey allinizio del secolo.

La perdita del grano, qui descritta, pu simbolizzare labbandono da parte dei Cheyenne dellagricoltura a favore
della caccia al buffalo che avvenne nella seconda met del diciannovesimo secolo. In quel periodo infatti larrivo di
fucili e cavalli mise per cos dire le ali alle culture delle trib delle Praterie, in quanto non soltanto le trasform
da raccoglitrici a cacciataci (il contrario cio del normale corso evolutivo culturale) ma offr pure loro la
possibilit di dar vita ad una cultura materiale pi elaborata e facile da trasportare; un periodo, questo, che fu
definito let delloro degli Indiani delle Praterie.

RAGAZZO FRECCIA (Cheyenne)


Ragazzo Freccia, il ragazzo prodigioso, compie una seduta magica che ancora eseguita durante le cerimonie
Yuwipi dei Sioux, nelle quali lo sciamano legato con cinghie grezze e nascosto sotto una coperta a forma di stella
(un tempo un mantello di buffalo) mentre misteriose luci tremolano e si odono invisibili sonagli e strane voci. I
Pueblo, fabbricanti di vasi in terracotta, hanno un altra versione di questa leggenda, che chiamano la leggenda del
Ragazzo Olla-per-Acqua.

Dopo che i Cheyenne ebbero avuto in dono il grano, e mentre vivevano ancora nel nord, un giovane uomo
ed una giovane donna si sposarono. La donna rest incinta e port il suo bimbo nel grembo per quattro anni.
La gente osservava con grande interesse per vedere quello che sarebbe accaduto, e quando la donna nel
quarto anno diede alla luce un bel bambino, lo consider un essere soprannaturale.
Non molto tempo dopo la donna e il marito morirono, ed il bimbo fu allevato dalla nonna che viveva sola.
Impar molto in fretta a camminare ed a parlare. Gli fu dato un vestito di vitello di buffalo ed egli
immediatamente lo rivolt in modo che il pelo fosse allesterno, allo stesso modo cio con il quale gli
sciamani usavano indossare gli abiti.
Tra i Cheyenne verano sciamani di straordinaria saggezza e dai poteri sovrumani. Talvolta si radunavano
e costruivano una capanna. Seduti in un ampio circolo, cantavano e compivano curiosi rituali, dopo i quali
ciascuno di loro si alzava ed eseguiva davanti alla folla ogni sorta di prodigi.
Una di queste magiche danze fu eseguita quando il ragazzo aveva circa dieci anni. Egli fece chiedere da
sua nonna se poteva prendervi parte, e gli sciamani gli consentirono di entrare nella capanna. Dove vuoi
vivere? chiese il capo degli sciamani, volendo con ci dire: Dove desideri sedere? .
Senza cerimonie il bimbo si sedette accanto al capo, ed alluomo che lo aveva introdotto diede poi
istruzioni su come dipingere il suo corpo di rosso e disegnare sul viso, sui polsi e sulle caviglie dei cerchi
neri.
La performance inizi dalla fine del circolo e quando arriv il turno del ragazzo, egli disse alla gente
quello che stava per fare. Us erba profumata per bruciare incenso, e fece poi passare attraverso il fumo la
corda del suo arco di nervo di buffalo; prima verso est, poi verso sud, ovest e nord. Chiese quindi a due
uomini di assisterlo e disse loro di legargli la corda dellarco intorno al collo, di coprirgli il corpo con il
mantello e di tirare i due capi della corda. Quelli tirarono con tutte le forze, ma non riuscirono a spostarlo.
Allora disse loro di tirare pi forte, e come quelli diedero un secondo strattone alla corda, la testa si stacc,

rotol da sotto il mantello e gli uomini la respinsero indietro.


Dopo di ci gli sciamani alzarono il mantello ed al posto del ragazzo trovarono seduto un uomo molto
vecchio. Allora coprirono il vecchio con il mantello e tirarono di nuovo: questa volta si present ai loro
occhi un mucchio dossa umane ed un teschio. Per una terza volta posero il mantello sopra le ossa e lo
alzarono. Non vera niente del tutto. Ma quando gettarono per la quarta volta il mantello su quello spazio
vuoto e lo rimossero, il ragazzo prodigioso sedeva al suo posto come se nulla fosse accaduto.
Dopo quella danza magica, i Cheyenne tolsero il campo per andare a cacciare il buffalo. Quando un buon
bottino fu fatto, il ragazzo prodigioso guid una folla di ragazzi a caccia di quei piccoli che di solito
ritornano nel posto dove avevano visto le loro madri per lultima volta. I ragazzi trovarono cinque o sei
vitelli, li circondarono, e con le loro frecce ne uccisero uno di due anni. Quindi, con molta cura,
cominciarono a scuoiarlo con i loro coltelli dosso, cercando di mantenere intatta la pelle della testa e di
lasciare gli zoccoli attaccati, perch il ragazzo prodigioso voleva usare la pelle per farne un vestito.
Mentre stavano lavorando, si avvicin un uomo che conduceva una muta di cani. Era Lupo Giovane, il
capo di tutta la trib, il quale era venuto nel posto dove aveva avuto luogo la caccia per raccogliere le ossa
che erano state abbandonate sul terreno. Egli disse: Bambini, finalmente avete pensato a me! Mi
incaricher io di questo buffalo; voi, ragazzi, andate via.
I bambini obbedirono, ad eccezione del ragazzo prodigioso, il quale continu a scuoiare spiegando che
voleva soltanto la pelle per farne un mantello. Il capo spinse via il ragazzo prodigioso, ma quello torn al
suo posto e riprese a scuoiare. Allora il capo gli diede uno strattone e lo gett a terra.
Il ragazzo si rialz e continu il suo lavoro. Fingendo di scuoiare le zampe posteriori, ne tagli una
allaltezza del ginocchio e vi lasci lo zoccolo. Quando il capo spinse via il ragazzo con una spallata per
prenderne il posto, il ragazzo prodigioso lo colp alla nuca con la zampa del buffalo. Il capo cadde morto.
I ragazzi corsero al campo e raccontarono la storia, la quale provoc una grande eccitazione. I guerrieri si
riunirono in assemblea e decisero di uccidere il ragazzo prodigioso. Uscirono e andarono a cercarlo vicino al
luogo dove giaceva il corpo del loro capo, ma il ragazzo era ritornato al villaggio. Mentre se ne stava seduto
nella tenda della nonna, che gli stava cucinando del cibo in una pentola di terracotta, allimprovviso lintera
tenda fu sollevata dai guerrieri. Prontamente il ragazzo prodigioso diede un calcio alla pentola,
rovesciandone il contenuto sul fuoco. Come il fumo, ondeggiando, si lev verso lalto, il ragazzo sal con
esso, mentre la vecchia rimase sola a sedere.
I guerrieri si guardarono intorno e videro il ragazzo, ormai lontano circa un quarto di miglio, che stava
andando verso est. Essi lo inseguirono ma non riuscirono ad avvicinarlo. Per quattro volte gli diedero la
caccia ma senza successo e quindi abbandonarono limpresa.
La gente cominci ad aver paura del ragazzo prodigioso; ogni giorno continu a cercarlo ed alla fine lo
vide sulla cima di una collina vicina. E poich era comparso su quella sommit per ben cinque volte con un
diverso abbigliamento, lintero accampamento accorse per osservarlo. La prima volta arriv nelle sembianze
di un guerriero Scudo Rosso, con una acconciatura di pelle di buffalo. Aveva le corna, un giavellotto, uno
scudo rosso e due code di buffalo legate a ciascun braccio. La seconda volta era un guerriero Coyote, con il
corpo dipinto di giallo e di nero e con due piume daquila fissate sul capo. La terza volta apparve come un
guerriero degli Uomini Cani, con unacconciatura di piume sulla testa, con indosso un fischietto di osso
daquila ed un sonaglio di zoccoli di buffalo, e con arco e frecce. La quarta volta era il guerriero Sonaglio di
Zoccoli. Il suo corpo era tutto dipinto, un sonaglio accompagnava il suo canto ed egli impugnava un
giavellotto, piegato a semicerchio e lungo allincirca quattro piedi, ad una estremit del quale aveva un
uncino ed allaltra un dardo. La quinta volta il suo corpo era dipinto di bianco e sulla fronte portava una
pelle di gufo. Dopo queste apparizioni il ragazzo prodigioso scomparve. Nessuno seppe dire dove fosse
andato, sicch la gente pens che fosse morto e ben presto si dimentic di lui in quanto i buffali erano
scomparsi e la carestia si era diffusa tra i Cheyenne.
Nel frattempo il ragazzo prodigioso viaggi da solo tra le pi alte catene montuose. Come arriv vicino ad
una certa cima, un varco si aperse nel pendio della montagna. Entr nella roccia, ma lapertura si chiuse
dietro di lui.
L, dentro la montagna, trov degli uomini disposti in un ampio circolo. Ciascuno rappresentava una trib
ed era seduto sotto le insegne del suo popolo. Essi diedero il benvenuto al ragazzo prodigioso e gli
indicarono un posto libero che si trovava sotto uninsegna avvolta in una pelle di volpe. Se occupi quel
posto , disse il capo, linsegna sar tua e la potrai portare ai Cheyenne . Ma prima dovrai rimanere qui
per quattro anni, affinch tu possa imparare come divenire il profeta ed il consigliere della tua trib . Il
ragazzo prodigioso accett le insegne e tutti gli uomini lo ringraziarono. Ma quando venne il suo turno di

eseguire la cerimonia delle insegne, essi vollero renderlo umile mostrandogli, di quelle insegne, le cerimonie
sacre, i canti e quattro frecce magiche, che rappresentavano ciascuna un determinato potere. Poi, per quattro
anni, sotto la cima della montagna, gli insegnarono le profezie, le magie e le cerimonie di guerra e di caccia.
Nel frattempo i Cheyenne erano deboli ed affamati e su di loro incombeva la minaccia della carestia. Gli
animali erano tutti morti e la gente mangiava solo erbe. Un giorno, mentre la trib era in marcia in cerca di
cibo, cinque bambini si attardarono a cercare erbe e funghi.
Allimprovviso di fronte a loro apparve il ragazzo prodigioso, ormai divenuto un giovane che portava il
nome di Ragazzo Freccia. Miei poveri bambini, gettate via quei funghi , disse loro. Sono io che ho
portato la carestia tra di voi, perch ero adirato con il vostro popolo per avermi scacciato dal suo
accampamento. Ora sono ritornato per provvedere a voi; per il futuro non avrete pi fame. Andate a
prendere delle ossa di buffalo secche ed io vi nutrir .
I bambini corsero via e raccolsero delle ossa di buffalo, ed il ragazzo prodigioso, Ragazzo Freccia, fatti
alcuni gesti le mut in carne fresca. Diede ai bimbi del grasso, del midollo, del fegato ed altre parti nutrienti
del buffalo, e quando essi ebbero mangiato a saziet, porse loro grasso e carne dicendo: Portate tutto
questo alla vostra gente e dite loro che io, Motzeyouf, Ragazzo Freccia, sono ritornato.
Bench i ragazzi corressero velocemente, Motzeyouf usando i suoi magici poteri arriv al campo prima di
loro. Entr nella tenda di suo zio e si mise a giacere per riposarsi, perch era stanco; e bench lo zio e sua
moglie fossero seduti proprio fuori della tenda, non videro passare Ragazzo Freccia.
I ragazzi arrivarono allaccampamento e raccontarono la loro storia, la quale cre una grande eccitazione.
La moglie dello zio intanto entr nella tenda per prendere una pipa e fu allora che vide Ragazzo Freccia che
stava riposando sotto una pelle di buffalo. Il suo mantello, la casacca, i gambali ed i mocassini erano tutti
dipinti di rosso. Supponendo che si trattasse di Motzeyouf, gli uomini entrarono nella tenda, gli chiesero di
sedersi e piansero su di lui. Essi videro le sue insegne, e comprendendo che aveva un grande potere, gli
domandarono che cosa dovevano fare.
Motzeyouf disse ai Cheyenne di accamparsi in circolo e di piantare una grande tenda nel centro. Quando
tutto questo fu fatto, disse agli sciamani di venire con le loro pipe ed i loro sonagli. Quindi entr nella tenda
e cant i canti sacri che aveva imparato ed era ormai notte quando fu il turno dei canti delle quattro frecce.
Nelloscurit i buffali cominciarono ad arrivare, emettendo muggiti simili al tuono. Gli spaventati Cheyenne
entrarono nella tenda e chiesero a Ragazzo Freccia che cosa dovevano fare. Andate a dormire , disse,
perch i buffali, il vostro cibo, sono ritornati a voi . Infatti per tutta la notte, mentre egli cantava, i buffali
continuarono ad arrivare.
Il mattino seguente la terra era coperta di buffali; la gente usc ed uccise tutti quelli che voleva. Da allora,
per merito delle magiche frecce, i Cheyenne ebbero cibo in abbondanza e grandi poteri.
Riscritta da una leggenda raccolta da George A. Dorsey nel 1905.

Le frecce magiche portate gi dalle montagne da Motzeyouf esistono ancora e la loro cura affidata ai
Custodi delle Frecce dei Cheyenne Meridionali in Oklahoma.

LA GRANDE DANZA DELLA MAGIA (Cheyenne)


La danza del sole fu il pi importante, solenne rituale, quello che ispirava il massimo rispetto, delle
trib delle praterie che vivevano ad ovest del Missouri. Danza del sole un nome Sioux; i Cheyenne la
chiamavano la tenda della nuova vita, mentre per i Ponca era la danza del mistero. Assai simile alla
danza del sole era la cerimonia Okapi del mandans.
La danza si teneva una volta allanno, al culmine dellestate. Durava quattro giorni; ma se si tien conto
degli elaborati preparativi, lintera festa era assai pi lunga. In alcune trib, come presso i Sioux, il
rituale comprendeva la perforazione dei danzatori: cio, linserimento di aghi aguzzi attraverso le
carni del torace e lesecuzione di altri tipi di autotortura. Queste prove sono eseguite ancor oggi durante
la danza del sole dei Sioux. Presso altre trib il rituale comprende il digiuno ed il guardare il sole
durante tutti i quattro lunghi giorni. Le pi estreme forme di autotortura avvenivano nel corso della
cerimonia del mandons degli Okapi, che furono descritte da Catlin negli anni 30 del secolo scorso. I
danzatori soffrivano: donavano le loro carni affinch il popolo potesse vivere . Si sottoponevano alla

perforazione per obbedire ad un voto, o per aiutare un parente malato a guarire, o per far tornare un
figlio amato sano e salvo dal sentiero di guerra.
La danza era la celebrazione del rinnovamento di tutta la vita, per far crescere lerba ed i buffali e
per far prosperare ed aumentare la gente . Era loccasione in cui tutte le piccole bande di cacciatori
della trib si radunavano insieme, il tempo in cui i vecchi amici sincontravano per parlare ed i giovani
per trovare una sposa.
Il popolo dei Tsis-tsistas aveva danzato la grande danza magica per un lungo, lungo tempo, pi lungo di
quello che chiunque possa ricordare o persino immaginare. La danza rappresenta lorigine delluniverso e fu
concepita ed insegnata al nostro popolo dal Creatore, Maheo, e dal suo aiutante, il Grande Tuono Muggente.
Ritrae la creazione del sole, della luna e delle stelle; della pioggia, del vento e della neve; della Grande
Madre Terra e del cielo blu che sta sopra di essa; delle montagne e dei fiumi; di tutte le cose viventi, grandi e
piccole. La danza viene eseguita specialmente in tempi di carestia, angoscia e morti diffuse. Questa, che la
nostra pi sacra cerimonia, ci fu data dallo sciamano Sutai Corna Erette, sotto la guida dello stesso Creatore.
Molto tempo fa, quando la terra e la gente che vi abitava erano giovani, la nostra trib pativa la fame. La
terra stessa era affamata, perch non cadeva pi la pioggia. Piante ed alberi appassivano. Molti fiumi erano
asciutti. Gli animali morivano di fame e di sete.
I Cheyenne non avevano nulla di cui cibarsi ad eccezione di un po di vecchio e secco grano e dei loro
cani, che impiegavano come animali da soma prima che noi avessimo i cavalli. Pochi cani erano rimasti ed
assai poco grano. Cos la gente abbandon gli antichi territori di caccia, abbandon la terra che li aveva
nutriti per generazioni e part alla ricerca di cibo. And a nord, dove la siccit era meno severa, ma trov
poca selvaggina e nessun buffalo.
Una sera arriv ad un rivo nel quale scorreva ancora un po dacqua. I condottieri ed i vecchi capi
sedettero accanto al ruscello ed osservarono tristemente la loro gente che stanca ed affaticata stava piantando
le tende. A un tratto i capi, come in una visione, compresero ci che si doveva fare. Ordinarono a tutti gli
uomini di andare dalle loro donne, ciascun uomo dalla donna che sentiva pi vicina, e pregarla di dargli
qualcosa da mangiare. Gli uomini fecero come era stato loro ordinato e ciascuno scelse la donna che avrebbe
dovuto nutrirlo.
Tra i guerrieri vera un giovane sciamano. Egli and da una bella donna, che il caso volle fosse la moglie
del capo di tutta la trib. Essa gli porse una coppa di zuppa di cane ed attese che terminasse di mangiarla.
Quando ebbe finito luomo disse: Ti ho scelto tra tutte le donne per aiutarmi a salvare il nostro popolo.
Voglio che tu venga a nord con me, come hanno ordinato gli spiriti magici. Prendi la tua muta di cani e porta
con te viveri per un lungo viaggio: ora, subito! .
Bench fosse la moglie del capo, la donna fece quello che lo sciamano le aveva chiesto. In men che non si
dica fu pronta per il viaggio ed i due partirono inosservati nel buio della notte. Camminarono per due giorni
ed una notte senza fermarsi, sempre aizzando i cani che portavano i basti, con i pali e le pelli per la tenda e
tutte le cose necessarie per sopravvivere.
Finalmente si riposarono. Luomo disse alla donna di piantare la tenda e di preparare due letti soffici e
fragranti di salvia per dormirci su. Egli disse: Disponi la tenda con lentrata nella direzione dalla quale
sorge il sole . Le disse pure che Maheo, il Creatore, gli aveva rivelato in una visione che due di loro
dovevano andare a nord e portare indietro al popolo la grande tenda della magia, il simbolo delluniverso di
Maheo, e con essa una cerimonia sacra che essi avrebbero insegnato ai Cheyenne. In quella mia visione ,
aggiunse, Maheo mi promise che se il popolo accetter ed eseguir questo santo rituale, la pioggia cadr
ancora, la terra rifiorir, le piante metteranno verdi foglie e frutta, ed i buffali ritorneranno .
E cos viaggiarono. Ogni sera la donna alzava la tenda nella direzione dellest e preparava i letti di salvia
sui lati opposti della tenda: luomo dormiva su un letto, la donna sullaltro. Una notte essa disse: Cosa
significa ci? Mi hai fatto correre via con te, ma tu non ti avvicini mai a me come fanno gli uomini con le
donne. Perch, allora, mi hai fatto venire con te? .
Egli rispose: Noi dobbiamo astenerci dallabbracciarci sino a che non entreremo nella grande montagna
del nord e riceveremo la sacra danza della magia. Quando saremo usciti dalla montagna, allora ti abbraccer
in una cerimonia del rinnovamento di tutta la vita per mezzo della quale la gente continuer a nascere,
generazione dopo generazione, mediante il femmineo potere della perpetuazione.
Finalmente arrivarono ad una vasta ed oscura foresta dal centro della quale si ergeva, alta nel cielo, una
montagna contornata di nuvole. Al di l della montagna videro un lago immenso. Giunsero ad una grande
pietra che era ai piedi della montagna, la fecero rotolare di lato, e scoprirono unentrata. Entrarono nella

montagna e, chiusa lapertura dietro di loro, si ritrovarono nella grande caverna della magia, che era
meravigliosa a raccontarsi. Oggi la tenda della magia che i Cheyenne preparano per le loro danze del sole
sulla Torre dellOrso unimitazione di quella sacra caverna della montagna.
Il giovane e la donna udirono delle voci arrivare dalla cima della montagna, le voci di Maheo il Creatore e
del suo aiutante Grande Tuono Muggente. Per quattro giorni Maheo parl ed insegn loro il santo modo in
cui eseguire la sacra cerimonia. Quando essi ebbero appreso tutto quello che dovevano conoscere sulla
danza, il Creatore disse:
Ora partite ed insegnate alla vostra gente quello che avete appreso da me. Se eseguiranno le cerimonie nel giusto modo,
saranno favoriti per le generazioni a venire. Il sole, la luna, le stelle si muoveranno ancora in armonia. Tuono Muggente porter
piogge e venti placidi. Il grano e le ciliegie selvatiche matureranno ancora. Le rape selvatiche e le erbe curative cresceranno di
nuovo. Ogni genere di animale apparir da dietro questa montagna, e tra essi mandrie di buffali ed antilopi che vi seguiranno
quando tornerete al vostro villaggio ed alla vostra gente.
Prendete questo sacro copricapo, issiwun, ed indossatelo ogni volta che eseguirete la danza del sole. Con Yissiwun avrete
potere sugli animali i buffali, le antilopi, le alci ed i cervi i quali si offriranno come cibo alla gente. Il Tsis-tsistas non sar
mai pi affamato, ma vivr nellabbondanza. Come partite, indossate questo sacro copricapo di buffalo, e la Grande Madre Terra
vi sorrider per sempre.

E cos il giovane sciamano del Sutai e lavvenente donna uscirono dalla montagna per il passaggio
segreto. Come ebbero spostato la pietra e furono allaperto, si accorsero che un numero infinito di buffali
stava fluendo dietro di loro dalla montagna e che la terra era tutta un verde germoglio. Erbe e piante
crescevano sotto una pioggia gentile, e la terra, scintillante di freschezza, era come nuova. Cos luomo e la
donna savviarono sul sacro cammino; lo sciamano portava il copricapo cornuto ed entrambi indossavano
vesti di buffalo dipinte di rosso. I loro cani camminavano davanti ad essi, trascinando i basti di pali, mentre
dietro di loro seguiva una tonante mandria di buffali, seguiti a loro volta da ogni sorta di animali, maschi e
femmine, grandi e piccoli.
Ad ogni calar del giorno luomo e la donna preparavano la tenda e si mettevano a riposare sui loro letti di
salvia, mentre tutti gli animali si disponevano tuttintorno anchessi per riposare. E durante questo viaggio di
ritorno al loro villaggio, in un momento che non ci noto, luomo e la donna fecero amorevolmente quello
che era necessario affinch, per mezzo del femmineo potere, fossero assicurati il rinnovamento e la
continuazione della vita. Ed ogni mattina, durante quel viaggio, luomo cant le sacre canzoni che la voce di
Maheo gli aveva insegnato.
Finalmente una sera arrivarono vicino al ruscello dove la gente era ancora accampata, in attesa del loro
ritorno. Lo sciamano e la donna non entrarono subito nel villaggio, ma trascorsero la notte in disparte. Il
mattino lo sciamano indoss l'issiwun ed entr nellaccampamento accompagnato dalla donna. Raccont alla
gente tutto quello che era capitato, disse loro che aveva portato con s la conoscenza di una grande tenda
magica e la grande danza sacra, nonch le canzoni e le cerimonie che laccompagnavano, ma soprattutto
l'issiwun, il copricapo sacro di buffalo che aveva il potere di controllare il vagabondare degli animali. Disse
alla gente che se avesse eseguito la sacra danza del sole, avrebbe avuto da mangiare carne di buffalo in
abbondanza e non avrebbe mai pi sofferto la fame.
La gente costru la tenda magica secondo le istruzioni del giovane, e tutti si dipinsero il corpo nel modo
sacro e cantarono le giuste canzoni. I bambini fecero delle figure di buffalo, antilope ed alce in argilla e le
portarono nella tenda come simbolo del rinnovamento della vita. Da allora, ogni volta che le piccole figure
sono poste allinterno della tenda durante la danza, alcuni di quegli animali si avvicinano per osservare la
tenda sacra ed alcuni dei loro poteri animali rimangono. Allo stesso modo, i nostri vecchi amici, il popolo
dei Sioux, legano al palo sacro della danza del sole le figure di un uomo e di un bisonte, entrambi fatti con
pelle di buffalo. Poi unaquila arriva e ruota sopra i danzatori per benedirli. in questo modo che il popolo
dei Tsis-tsistas esegu per la prima volta la grande cerimonia magica ed in seguito tutto and per il meglio.
La gente chiam il giovane sciamano Corna Erette, perch il copricapo sacro aveva due corna su ogni lato.
Raccontata da Josie Limpy e Toro Incantato, con laiuto di un interprete, a Birney, Montana, nel 1972. Registrata da Richard Erdoes.

Alcuni dicono che Corna Erette non si avvicin alla bella donna se non dopo che la danza del sole fu
terminata. E da questa credenza deriva la consuetudine degli uomini di astenersi dallavere relazioni
sessuali con le donne dal momento in cui fanno il voto di danzare sino al termine della cerimonia.
Josie Limpy era una vecchia signora accanita fumatrice che apparteneva alla sezione Sutai della trib
Cheyenne. Essa fu, a quel tempo, la custode dell issiwun, il sacro copricapo di buffalo, nella riserva
settentrionale dei Cheyenne. Questa storia fu effettivamente raccontata allinterno della tenda nella quale

/issiwun era conservato.

LORIGINE DELLE CERIMONIE DI GUARIGIONE (Apache White Mountain)


Questo il modo in cui ebbero inizio tra di noi le cerimonie intese a curare la gente malata. Molto, molto
tempo fa fu formata la terra. Allora Colui Che Fece II Mondo programm di dare a ciascuna persona un
pezzo di terra sulla quale continuare a vivere e che potesse chiamare sua. La nostra gente viveva in uno di
quei posti, ma ad essi non piaceva quel particolare luogo. Cos Colui Che Fece II Mondo disse loro di
spostarsi in una nuova localit, e quando essi lo fecero, dormirono bene, piacque loro e vissero bene.
Un giorno due loro uomini si ammalarono e con il passar del tempo divennero sempre pi deboli.
La gente non faceva nulla per loro perch non conosceva le malattie e nemmeno come curarle. Colui Che
Fece II Mondo disse: Perch non fate qualcosa per quei due uomini? Perch non pronunciate alcune parole
su di loro? . Ma la gente non aveva alcuna conoscenza delle cerimonie di guarigione.
Allora accadde che dalla moltitudine si alzarono in piedi quattro uomini: uno ad est, uno a sud, uno ad
ovest ed uno a nord. Colui Che Fece II Mondo parl allora ad uno di quegli uomini dicendo: Ogni cosa
sulla terra ha il potere di causare il suo genere di malattia, di creare la sua propria pena. Ma c un modo per
curare tutte queste cose . Poich quelluomo aveva compreso che era disponibile una conoscenza, insieme
agli altri tre decise di rimanere in quella posizione. Durante la prima notte, quello che era sul lato est
cominci a cantare per conto suo una serie di preghiere. La seconda notte, colui che era a sud cominci a
battere il tamburo ed a cantare piacevoli canti. La terza notte, quello che era ad ovest cant una serie di
preghiere. La quarta notte, quello che era a nord cominci a battere il tamburo ed a cantare piacevoli canti.
Questo schema non era stato creato dalle loro menti; ma era stato donato ad essi da Colui Che Fece II
Mondo. Era come se la conoscenza di ci che dovevano salmodiare o cantare fosse stata trasmessa loro
allimprovviso dallesterno.
Allora Colui Che Fece II Mondo disse a quei quattro: Perch non andate da quei due uomini ammalati,
non pronunciate su di loro alcune parole e non li guarite? . Cos i quattro andarono dove si trovavano i due
ammalati, agirono su di loro, ed i due furono guariti. Da quel tempo noi possediamo le cerimonie di
guarigione e la conoscenza di ogni diverso genere di malattia che pu essere originata dalle pi disparate
cause. Questo il modo in cui cominciarono le cerimonie di guarigione.
Basata su una leggenda riportata da Grenville Goodwin nel 1939

LA CREAZIONE DEL PRIMO UOMO E DELLA PRIMA DONNA (Navaho)


La prima gente si origin in tre successivi mondi e si stabil in un quarto. Quegli individui infatti erano
stati scacciati da ciascuno di quei mondi perch avevano attaccato briga tra di loro e perch avevano
commesso adulterio. Nei mondi precedenti non avevano trovato nessunaltra gente simile a loro, ma nel
quarto trovarono i Kisani, ovvero il popolo dei Pueblo.
La superficie del quarto mondo era un miscuglio di bianco e di nero, ed il cielo era prevalentemente blu
e nero. Non vera sole, n luna, n stelle, ma verano allorizzonte, nella direzione di ciascun punto
cardinale, quattro grandi cime coperte di neve.
Nel tardo autunno essi udirono verso est, in lontananza, il rumore di una grande voce che chiamava.
Ascoltarono ed attesero, e presto udirono la voce pi vicina e pi forte di prima. Ascoltarono di nuovo e la
udirono ancora pi forte, molto vicina. Poco dopo apparvero quattro esseri misteriosi. Erano Corpo Bianco,
dio di questo mondo; Corpo Blu, colui che innaffia; Corpo Giallo; e Corpo Nero, il dio del fuoco.
Facendo segni, ma senza parlare, gli di cercarono di istruire la gente, ma non riuscirono a farsi
comprendere. Quando gli di se ne furono andati, la gente discusse su quella misteriosa visita e cerc, ma
senza successo, di interpretare quei segni. Gli di apparvero per quattro giorni di seguito e cercarono di
comunicare attraverso i segni, ma i loro sforzi furono vani.
Il quarto giorno, quando gli altri di erano gi partiti, Corpo Nero si attard e parl alla gente nella loro
lingua: Sembra che non comprendiate i nostri segni, cos devo dirvi quello che significano. Noi vogliamo

generare degli individui che assomiglino di pi a noi. Voi avete dei corpi come i nostri, ma voi avete denti,
piedi ed unghie da bestie e da insetti. I nuovi esseri umani dovranno avere mani e piedi come i nostri.
Inoltre, voi siete sporchi; e puzzate. Noi ritorneremo tra dodici giorni. Siate puliti quando ritorneremo .
Il mattino del dodicesimo giorno la gente si lav per bene. Poi, le donne si asciugarono il corpo con la
farina gialla, gli uomini con la farina bianca. Ben presto udirono in distanza il richiamo degli di che si
stavano avvicinando, ripetuto quattro volte. Quando gli di apparvero, Corpo Blu e Corpo Nero portavano
una pelle sacra di daino. Corpo Bianco portava due spighe di grano completamente ricoperte di chicchi: una
gialla ed una bianca.
Gli di adagiarono una delle pelli di daino sul terreno, con la testa rivolta ad ovest, e su quella posarono le
due spighe di grano con le punte rivolte ad est. Quindi distesero sopra il grano laltra pelle di daino, con la
testa rivolta verso est. Sotto la spiga bianca misero la piuma di unaquila bianca; sotto la spiga gialla la
piuma di unaquila gialla. Quindi dissero alla gente di stare indietro in modo da consentire al vento di
entrare. Il vento bianco soffi tra le due pelli da est, il vento giallo da ovest. Mentre il vento stava soffiando,
otto di quegli di, il Popolo del Miraggio, arrivarono e per quattro volte fecero il giro delle cose che erano
sul terreno. Mentre essi camminavano, si videro le piume daquila, le cui punte spuntavano dalle pelli di
daino, muoversi. Quando il Popolo del Miraggio ebbe finito di camminare, fu sollevata la pelle di daino che
stava sopra. Le spighe di grano erano scomparse; al loro posto cerano un uomo ed una donna.
La spiga bianca di grano era diventata luomo, la spiga gialla la donna, il Primo Uomo e la Prima Donna.
Fu il vento a dar loro la vita, lo stesso vento che esce dalla nostra bocca quando veniamo al mondo. Quando
questi cessa di soffiare, noi moriamo. Gli di fecero costruire dalla gente un recinto di cespugli, e quando fu
terminato il Primo Uomo e la Prima Donna vi entrarono. Gli di dissero loro: Ora vivete insieme come
marito e moglie.
Dopo quattro giorni, la Prima Donna gener due gemelli ermafroditi. Passati altri quattro giorni diede poi
alla luce un bimbo ed una bimba, i quali raggiunsero la maturit in quattro giorni ed insieme vissero in
seguito come marito e moglie. Il Primo Uomo e la Prima Donna ebbero cinque coppie di gemelli, le quali, ad
eccezione della prima, ebbero tutte dei figli.
Quattro giorni dopo la nascita dell'ultima coppia di gemelli, gli di ritornarono ancora e portarono via il
Primo Uomo e la Prima Donna verso le montagne dellest, residenza degli di. La coppia rimase l per
quattro giorni, e quando ritorn tutti i loro bimbi furono portati sulle montagne dellest per quattro giorni.
Gli di devono aver insegnato loro i terribili segreti della stregoneria. Gli stregoni indossano sempre le
maschere, e quando essi tornarono, indossarono di tanto in tanto le maschere e pregarono al fine di ottenere
tutte le cose buone di cui avevano bisogno: piogge e messi abbondanti.
Gli stregoni sposano pure tra di loro persone che sono troppo strettamente imparentate, come fecero i figli
del Primo Uomo e della Prima Donna. Tuttavia, dopo che furono andati sulle montagne dellest, i fratelli e le
sorelle non si unirono pi. Tenendo segreti i loro primi matrimoni, da allora i fratelli sposarono donne del
Popolo del Miraggio e le sorelle sposarono uomini del Popolo del Miraggio. Ma non svelarono mai a
nessuno, nemmeno alle loro nuove famiglie, i misteri che avevano appreso dagli di. Ogni quattro giorni le
donne generarono dei bambini, che raggiunsero la maturit in quattro giorni, che poi si sposarono e che a
loro volta ebbero bimbi ogni quattro giorni. in questo modo che i numerosi figli del Primo Uomo e della
Prima Donna popolarono la terra.
Basata su una leggenda riportata da Washington Matthews nel 1897.

assai comune nelle storie sullorigine del mondo parlare della prima gente come esseri ermafroditi o
bisessuali. Gli studiosi delle religioni hanno cercato per anni, ma ancora senza successo, di trovare una
spiegazione a questo fatto.
COME GLI UOMINI E LE DONNE SI UNIRONO (Blood-Piegan)
Il Vecchio aveva fatto il mondo ed ogni cosa su di esso. Aveva fatto ogni cosa per bene, ad eccezione del
fatto che aveva messo gli uomini in un posto e le donne in un altro, alquanto distanti tra di loro. E cos essi
vissero per un certo tempo separati. Gli uomini e le donne facevano ogni cosa esattamente allo stesso modo.
Entrambi avevano salti di buffalo cio ripidi dirupi verso i quali spingevano le mandrie di buffali
affinch gli animali morissero nel cadere in fondo alla valle e sia gli uomini che le donne squartavano gli
animali morti. Questa carne era il loro solo cibo, perch non avevano ancora scoperto altre cose che fossero

buone da mangiare.
Dopo un certo tempo gli uomini impararono il modo di fare archi e frecce, e le donne il modo di conciare
le pelli di buffalo, fare le tende e bei vestiti decorati con aculei di porcospino.
Un giorno il Vecchio disse tra s e s: Penso di aver fatto ogni cosa per bene, ma ho commesso un grave
errore nel mettere gli uomini e le donne in posti diversi. In questo, non v gioia n piacere. Gli uomini e le
donne sono assai diversi tra loro, e queste diversit devono servire per unirli affinch possa esserci pi gente.
Devo fare in modo che gli uomini si uniscano con le donne. Vi metter del piacere, del buon sentimento;
altrimenti gli uomini si lamenterebbero nel fare quello che necessario. Devo dare un esempio io stesso .
Il Vecchio sincammin verso il luogo dove vivevano le donne, ma dovette viaggiare quattro giorni e
quattro notti prima di poter vedere il loro accampamento. Si nascose dietro alcuni alberi e si mise ad
osservare. Poi disse tra s e s: Oh, che bella vita che fanno! Hanno delle eleganti tende fatte di pelli di
buffalo conciate, mentre noi uomini abbiamo soltanto ripari di arbusti o rozzi e fetidi nascondigli derba per
ripararci. E guarda che vestiti eleganti indossano, mentre noi dobbiamo andare in giro con poche pelli
intorno ai fianchi! Ho fatto veramente un errore a mettere le donne cos lontane da noi. Esse devono vivere
con noi e fare anche per noi delle eleganti tende e dei bei vestiti. Torner indietro e chieder agli altri uomini
cosa ne pensano di tutto questo .
Cos il Vecchio ritorn al suo accampamento e raccont agli uomini quello che aveva visto. Quando
ebbero udito quante cose utili avevano le donne, gli uomini dissero: Andiamo laggi ed uniamoci a questi
esseri umani diversi .
Non sono soltanto quelle cose che importante avere , disse il Vecchio. C dellaltro; ho in
programma di creare una cosa molto piacevole .
Ebbene, mentre tutto questo accadeva nellaccampamento degli uomini, la donna capo del villaggio
femminile aveva nel frattempo scoperto le tracce che il Vecchio aveva lasciato sul terreno mentre
gironzolava allintorno. Incaric una giovane donna di seguirle e di riferire in merito. La giovane arriv
presso laccampamento degli uomini, si nascose ed osserv per un certo tempo. Quindi si affrett a ritornare
dalle donne il pi velocemente possibile e disse a tutte quante: C un accampamento laggi con degli
esseri umani che vi abitano. Sembrano diversi da noi, pi alti e pi forti. Oh, sorelle, quegli esseri vivono
molto bene, meglio di noi. Usano per cacciare dei bastoni sottili ed appuntiti e con quelli uccidono ogni
genere di selvaggina, cibo che noi non abbiamo. Essi non hanno mai fame .
Quando ebbero udito ci, tutte le donne dissero: Come desideriamo che quegli strani esseri umani
vengano qua e ci procurino ogni genere di cibo! . Mentre le donne stavano terminando la loro riunione, gli
uomini avevano gi superato la collina che era di fronte allaccampamento. Le donne li osservarono e videro
come fossero vestiti miseramente, con appena una piccola striscia di pelle intorno alla vita. Esse osservarono
gli arruffati capelli degli uomini e sentirono il forte odore che quei corpi non lavati emanavano. Guardarono
le loro sporche pelli. Poi si dissero lun laltra: Questi esseri chiamati uomini non sanno vivere come si
deve. Non hanno vesti adatte. Sono sporchi e puzzano. Non vogliamo gente come quella . La donna capo
tir una pietra al Vecchio gridando: Vai via! . Poi tutte le donne cominciarono a tirar pietre e a gridare:
Andate via! .
Il Vecchio disse: Non stato un errore mettere queste creature lontano da noi. Le donne sono pericolose.
Non avrei dovuto crearle , e il Vecchio e tutti gli altri uomini ritornarono alle loro dimore.
Dopo che gli uomini furono partiti, la donna capo ebbe un ripensamento: Quei poveri uomini , disse,
non conoscono nientaltro di meglio, ma potremmo insegnar loro. Noi potremmo fare abiti per loro. Invece
di farli arrossire, forse potremmo ottenere che ritornino se ci abbigliamo nella stessa loro povera maniera,
ossia con un pezzo di pelle o pelliccia intorno alla vita.
E nellaccampamento degli uomini il Vecchio disse: Forse dovremmo tentare ancora una volta di
incontrare quelle donne. S, dovremmo dar loro unaltra opportunit. Guardate cosho fatto furtivamente .
Aperse la sua sacca da viaggio, nella quale teneva la carne essiccata ed altre provviste, e da quella trasse
fuori uno splendente corredo bianco di pelle di daino. Sono riuscito a rubarlo in un momento in cui quelle
donne non guardavano. troppo piccolo per me, ma vi aggiunger una piccola pelle di buffalo qui ed una
piccola pelliccia dorso l, e metter una protezione dove non arrivano ad unirsi sopra il mio stomaco.
Acconcer i miei capelli e mi dipinger la faccia. Allora forse quella donna capo mi guarder con occhi
nuovi. Lasciate che vada prima da solo a parlare con quelle creature femminili. Restate un poco indietro e
nascondetevi sino a che non abbia sistemato le cose .
Cos il Vecchio si abbigli come meglio pot. Si purific persino con un bagno di vapore che aveva
escogitato per quello scopo. Si specchi nelle acque del lago ed esclam: Oh, quanto sono bello! Non ho

mai pensato di essere cos attraente! Ora piacer di sicuro a quella donna capo.
Quindi il Vecchio ritorn all'accampamento delle donne. Di guardia vera una donna, e bench gli uomini
stessero un po nascosti, essa li vide arrivare. Poi scopr il Vecchio che, solo, stava ritto sulla cima della
collina ad osservare il campo. Essa corse ad avvertire la donna capo, la quale insieme a molte altre stava
scuoiando dei quarti di buffalo. Per questo lavoro, serano messe addosso le vesti pi misere: ossia dei pezzi
di rozze pelli, con appena un buco per far passare la testa, o anche soltanto una striscia di pelle intorno alla
vita. Inoltre, quel poco che indossavano era macchiato di sangue e puzzava di carcasse macellate di fresco.
Persino dal loro viso e dalle loro mani colava del sangue.
Andremo incontro a quegli uomini proprio come ci troviamo , disse la donna capo. Sono sicura che
apprezzeranno il fatto che siamo abbigliate come loro .
Cos la donna capo and sulla collina sulla quale stava ritto il Vecchio, e le altre donne la seguirono.
Quando il Vecchio vide il capo delle donne di fronte a lui in quegli abiti da macellaio, con il raschiatoio di
pietra ancora in mano, i capelli sporchi e disciolti, esclam: Ah! Ohib! Questa donna capo sporca.
vestita di cenci coperti di sangue. Puzza. Non voglio aver niente a che fare con una creatura del genere. E le
altre donne le assomigliano. No, non ho commesso un errore nel mettere questi esseri lontano da noi
uomini! . E ci detto si volt e ritorn per la strada dalla quale era venuto, seguito da tutti gli uomini.
Sembra che non ne facciamo una giusta , disse la donna capo. Comunque sia, questi esseri maschili
hanno frainteso. Ma sono ancora convinta che dovremmo unirci a loro. Forse hanno qualcosa che noi non
abbiamo e forse noi abbiamo qualcosa che loro non hanno, e queste cose devono unirsi. Cercheremo ancora
una volta di farci capire. Facciamoci belle .
Le donne andarono a fare il bagno nel fiume. Si lavarono e pettinarono i capelli, si fecero le trecce e le
fermarono con spille dosso e fili di conchiglie. Indossarono le pi belle e meglio conciate vesti bianco
splendenti di pelle di daino, ornate di meravigliosi disegni di aculei di porcospino e con pi colori dello
stesso arcobaleno. Si misero poi al collo delle collane dosso e conchiglie, e dei braccialetti pure di
conchiglie intorno ai polsi. Calzarono dei mocassini piumati ed alla fine si dipinsero le guance con la sacra
pittura rossa. Messesi cos tutte in ghingheri, intrapresero il cammino verso laccampamento degli uomini.
Nel villaggio delle creature maschili il Vecchio era imbronciato e di cattivo umore. Non vera niente che
lo rendesse soddisfatto. Nessun cibo gli andava. Dormiva a tratti. Sarrabbiava per nulla. E lo stesso
accadeva a tutti gli uomini. Non so cosa mi prende , disse il Vecchio. Desidero che le donne siano belle
e non brutte, profumate e non puzzolenti, di indole buona e che non si presentino a noi con dei coltelli o
delle pietre sanguinanti in mano.
Lo vogliamo anche noi , dissero tutti gli altri uomini.
In quel mentre una vedetta arriv di corsa e disse al Vecchio: Gli esseri femminili stanno marciando in
questa direzione, verso il nostro campo. Probabilmente arrivano per ucciderci. Presto, ognuno prenda arco e
frecce! .
No, un momento! disse il Vecchio. Svelti! Andate al fiume. Lavatevi. Ungetevi e cospargetevi il
corpo di grasso. Acconciatevi i capelli in modo piacevole. Profumatevi con del fumo di cedro. Indossate i
migliori indumenti. Dipingetevi il viso con il sacro colore rosso. Mettetevi delle brillanti penne sulla testa .
Il Vecchio fece altrettanto. Si abbigli con le vesti ornate di aculei, che aveva sottratto allaccampamento
delle donne e che aveva trasformato in una camicia da guerra, e indoss il suo grande copricapo di capo ed
un collare di artigli dorso. Cos abbigliati, gli uomini si radunarono allingresso dellaccampamento, in
attesa dellarrivo delle donne.
Le donne arrivarono cantando. Le loro bianche vesti ornate di aculei fecero luccicare gli occhi degli
uomini. I loro fragranti corpi emanavano il buon profumo dei freschi prati. Le loro guance brillavano della
sacra pittura rossa.
Il Vecchio esclam: Diamine, sono belli questi esseri femminili! Mi deliziano gli occhi! Il loro canto
meravigliosamente piacevole per le mie orecchie. I loro corpi sono fragranti e seducenti! .
Fanno sobbalzare il nostro cuore, dissero gli altri uomini.
Andr a parlare con il loro capo , disse il Vecchio. Sistemer le cose con lei .
Nello stesso tempo la donna capo commentava con le altre: Diamine, questi esseri maschili non sono
poi cos rozzi come pensavamo. La loro turbolenza un segno di forza.
I muscoli delle loro braccia sono piacevoli a vedersi. Il profondo suono delle loro voci fa vibrare le mie
orecchie. Non sono affatto male questi uomini .
Il Vecchio and incontro alla donna capo e disse: Andiamo, tu ed io, in un qualche posto e parliamo .
S, facciamo cos , rispose la donna capo. E si appartarono. La donna capo osserv il Vecchio e trov il

suo aspetto piacevole. Il Vecchio guard la donna capo ed il suo cuore batt di gioia. Quindi disse alla donna
capo: Vorrei cercare di fare una cosa che non mai stata tentata prima .
A me piace sempre tentare di far cose nuove ed utili , rispose lei.
Forse nel cercare di farlo bisognerebbe mettersi distesi , disse il Vecchio.
Forse s , convenne la donna capo. E si coricarono.
Dopo un po il Vecchio disse: Questa sicuramente la cosa pi meravigliosa che mi sia mai capitata.
Una cosa cos meravigliosa non potevo nemmeno immaginarla .
Ed io , disse la donna capo, non ho mai sognato di potermi sentire cos bene. Questo persin meglio
che mangiar lingue di buffalo. troppo bello per essere appropriala mente descritto.
Andiamo e raccontiamolo agli altri, disse il Vecchio.
Quando il Vecchio e la donna capo tornarono al campo, non trovarono nessuno. Tutte le creature maschili
e gli esseri femminili serano gi appaiati ed erano andati qua e l, ciascuna coppia in un differente luogo.
Non avevano bisogno di essere istruiti su questa nuova cosa; lavevano gi scoperta da soli.
Quando gli uomini e le donne tornarono da dove erano andati, erano tutti sorridenti; i loro interi corpi
sembravano sorridere, cos almeno sembrava.
In seguito le donne si trasferirono nellaccampamento degli uomini, portando tutte le loro cose e tutte le
loro abilit. Da allora le donne ricamarono e conciarono per gli uomini; gli uomini cacciarono per le donne.
Da allora ci fu amore. Da allora ci fu felicit. Da allora ci furono matrimoni. Da allora ci furono bambini.
Basata su quattro frammenti datati tra il 1883 e il 1910.

LUOMO COTTO AL PUNTO GIUSTO (Pima)


Qui, come del resto in molte altre leggende, la creazione delluomo bianco rappresentata come uno
dei banali errori del Creatore.
Il Mago aveva fatto il mondo ma sentiva di aver dimenticato qualcosa. Che cosa potr mai essere? ,
pens. Che cosa ho potuto dimenticare? . Allora si ricord che voleva che vi fossero su questa terra degli
esseri simili a lui e non gi animali. Come far a farli? , pens. Per prima cosa costru egli stesso un
homo, un forno. Quindi prese dellargilla e la lavor sino a darle le sue sembianze.
Ora accadde che il Coyote, nel momento in cui il Mago, che era il Creatore dellUomo, si trovava fuori a
raccogliere legna da ardere, stesse gironzolando per la strada che era solito percorrere. Approfittando di
quellassenza, cambi velocemente la forma di quellimmagine. Il Creatore dellUomo accese un fuoco
dentro l'horno, quindi senza prestarvi troppa attenzione vi mise limmagine.
Dopo un po il Mago disse: Ora devessere pronto . Prese limmagine e vi soffi su, e quella cominci
a vivere. Perch non stai in piedi? disse il Creatore dellUomo. Che cosa c di sbagliato in te? . La
creatura abbai e mosse la coda. Ah, accipicchia, il Coyote mi ha ingannato , disse. Il Coyote ha
cambiato la mia creatura in un animale simile a lui .
Il Coyote disse: Ebbene, che cosa c di sbagliato? Perch non posso avere una bella creatura che mi
piaccia? .
Accipicchia, va bene, benissimo, ma non timpicciare unaltra volta . Ed ecco perch noi abbiamo il
cane; fu opera del Coyote.
Cos il Creatore dellUomo tent di nuovo. Dovranno l'arsi compagnia lun laltro , pens. Non
dovrei farne uno solo . E plasm alcuni esseri umani che erano assai simili a lui ed identici lun laltro in
ogni parte.
Che cosa ho sbagliato ora? andava pensando il Creatore dellUomo. Poi se ne accorse. Acciderba,
non funzioner. Come potranno proliferare? . Cos tir un poco tra le gambe di una immagine dicendo:
Ah, va molto meglio . Con lunghia del dito fece poi un taglio nellaltra immagine e mise un po di
piacevole sentimento in un certo posto. Ah, ora va bene. Ora saranno in grado di fare tutto ci che
necessario . E li mise nell'horno a cuocere.
Ora sono pronti , gli disse il Coyote. E cos il Creatore dell'Uomo li tir fuori e diede loro la vita.
Oh, accipicchia, che c di sbagliato? disse. Non sono abbastanza cotti; non sono abbastanza scuri.
Non appartengono a questo luogo; appartengono a qualche luogo al di l del mare . E lanci una torva

occhiata al Coyote. Perch mi hai detto che erano pronti? Non posso utilizzarli qui .
E cos il Mago tent ancora, facendone altri due come i precedenti e mettendoli nel forno. Dopo un po
disse: Penso che siano pronti ora .
No, non sono ancora pronti , disse il Coyote. Non vorrai mica tirarli fuori troppo chiari ancora una
volta; lasciali un po pi a lungo .
Bene, giusto , replic il Creatore dellUomo. Attese un po, e quindi li tir fuori. Oh, accipicchia.
Dov che ho sbagliato? Sono troppo cotti. Sono bruciati e divenuti troppo scuri . Li mise da parte. Forse
li potr utilizzare in qualche altro posto al di l del mare. Non appartengono a questo luogo .
Per la quarta volta il Creatore dellUomo mise le sue immagini nel forno. Ora non interferire, disse al
Coyote, mi hai dato dei cattivi consigli. Lasciami solo.
Questa volta il Mago non ascolt il Coyote, ma li tir fuori quando pens che fossero fatti. Diede loro la
vita, ed i due esseri camminarono, parlarono, risero e si comportarono decorosamente. Non erano n scotti
n troppo cotti.
Questi sono esattamente al punto giusto , disse il Creatore dellUomo. Questi appartengono a questo
luogo; li utilizzer. Sono belli . Ed in questo modo che furono creati gli Indiani Pueblo.
Basata su frammenti registrati negli anni 80 del secolo scorso.

LA DONNA BUFFALO BIANCO (Sioux Brul)


I Sioux sono una trib di guerrieri, ed uno dei loro proverbi, dice: La donna non camminer davanti
alluomo . Tuttavia la Donna Buffalo Bianco la figura dominante delle loro pi importanti leggende.
Lo sciamano Cane Corvo spiega: Questa santa donna port ai Sioux la pipa sacra di vitello di buffalo.
Non ci sarebbero Indiani senza di essa. Prima che lei venisse, la gente non sapeva come vivere. Non
conoscevano niente. La Donna Buffalo mise la sua sacra mente nelle loro menti . Durante il rituale della
danza del sole viene concesso ad una donna, di norma un membro anziano e rispettato della trib, lonore
di rappresentare la Donna Buffalo.
Bench sia apparsa per la prima volta ai Sioux in sembianze umane, la Donna Buffalo Bianco fu anche un
buffalo, il fratello degli Indiani, che don loro le sue carni affinch la gente potesse vivere. Il buffalo
albino era sacro tra le trib delle Praterie; una pelle di buffalo bianco era un talismano sacro, un bene
personale che non aveva prezzo.
Accadde unestate tanto tempo fa, cos indietro nel tempo che nessuno sa dire quando, che gli OcetiShakowin, i sette fuochi sacri del consiglio della nazione Lakota Oyate, si radunassero e si accampassero nel
corso di unestate. Il sole brill per tutto il tempo, ma non vera cacciagione e la gente pativa la fame. Ogni
giorno inviavano degli esploratori alla ricerca di selvaggina, ma senza successo.
Tra quelle bande che serano radunate verano gli Itazipcho, i Senza Archi, che avevano posto il campo in
circolo sotto le insegne del loro capo Corno Vuoto Eretto. Un mattino, allalba, il capo invi due giovani a
caccia di selvaggina. Essi sincamminarono a piedi, perch a quei tempi i Sioux non avevano ancora i
cavalli, cercarono ovunque ma non trovarono niente. Vedendo una collina, decisero di risalirla allo scopo di
osservare da lass lintera regione. A met pendio, si accorsero che qualcosa stava venendo verso di loro da
lontano; una figura che invece di camminare ondeggiava. E da ci compresero che quella persona era
wakan, santa.
Sulle prime scorsero soltanto un piccolo punto che si muoveva, e per accorgersi che aveva una forma
umana dovettero diventar strabici. Ma come si avvicin, videro che si trattava di una donna giovane e bella,
pi bella di qualunque altra donna avessero mai visto, che aveva due punti rossi rotondi dipinti sulle guance.
Indossava un meraviglioso completo bianco di pelle di daino, cos ben conciato da farlo brillare in
lontananza al sole. Era decorato con meravigliosi e sacri disegni di aculei di porcospino, e con colori cos
sgargianti che raramente le donne riescono ad ottenere. Questa wakan straniera era Ptesan-Wi, la Donna
Buffalo Bianco. Nelle mani teneva un grande involto ed un ventaglio di foglie di salvia.
I suoi capelli nerobluastri, poi, erano disciolti, ad eccezione di una treccia che portava sul lato sinistro e
che era fermata da una pelliccia di buffalo. I suoi occhi, dai quali emanava un grande potere, brillavano
tenebrosi e scintillanti.

I due giovani la osservarono a bocca aperta. Uno era intimidito, ma laltro, desiderando il suo corpo,
allung le mani per toccarla. La donna era lila wakan, molto sacra, e non poteva essere trattata
irreverentemente. Illuminandosi allistante, colp il fragile giovane e lo bruci, e di lui non rimase che un
piccolo mucchio di ossa annerite. Qualcuno sostiene che in realt sia stato avvolto all'improvviso da una
nuvola e che allinterno di questa, proprio allo stesso modo in cui un uomo pu essere divorato dalla
lussuria, sia stato divorato da serpenti che lasciarono soltanto il suo scheletro.
Allaltro esploratore che sera comportato bene la Donna Buffalo Bianco disse: Sto portando cose
buone alla vostra nazione, qualcosa di santo. Sono latrice dun messaggio per la vostra gente da parte della
nazione dei buffali. Ritorna allaccampamento e di alla gente di prepararsi per il mio arrivo. Di al tuo capo
di alzare una tenda della magia di ventiquattro pali. Fate che sia santa per il mio arrivo .
Il giovane cacciatore ritorn allaccampamento e rifer al capo ed alla gente quello che la donna sacra
aveva ordinato di fare. Il capo chiam l'eyapaha, il banditore, e gli ordin di andare in giro per
laccampamento a gridare: Qualcuno che sacro sta venendo. Una donna santa si avvicina. Fate che ogni
cosa sia pronta per il suo arrivo . E la gente alz la grande tenda della magia ed aspett. Dopo quattro giorni
videro la Donna Buffalo Bianco che si avvicinava, portando sul davanti il suo involto. Il suo meraviglioso
vestito bianco di pelle di daino brillava in lontananza. Il capo Corno Vuoto Eretto la invit ad entrare nella
tenda della magia. Essa entr e ne fece il giro nel senso del sole. Il capo si rivolse a lei rispettosamente,
dicendole: Sorella, siamo contenti che tu sia venuta ad istruirci.
Essa gli disse quello che voleva fosse fatto. Nel centro della tenda dovevano porre un awanka wakan, un
sacro altare, latto di terra rossa, e preparare un teschio di buffalo ed un tripode per porvi le cose sante che
stava recando. Fecero secondo le sue istruzioni ed essa tracci con un dito un disegno sulla terra che era
sparsa sullaltare. Mostr loro come lare tutto questo, quindi fece ancora il giro della tenda nel senso del
sole. Fermatasi poi davanti al capo, apr linvolto.
La cosa santa che conteneva era il chanunpa, la sacra pipa. La sollev in alto di fronte a tutti e lasci che la
osservassero. Con la mano destra impugnava il cannello e con la sinistra il fornello; ed cos che da allora la
pipa tenuta.
Il capo parl ancora dicendo: Sorella, siamo contenti. Ma poich da un po di tempo che non abbiamo
carne, tutto quello che possiamo offrirti dellacqua . Misero un po dii wacanga, una pianta profumata, in
una sacca di pelle piena dacqua che poi le porsero; ed ancor oggi, quando si vuole purificare una persona, la
si spruzza con dellacqua nella quale si immersa dellerba profumata od unala daquila.
La Donna Buffalo Bianco mostr alla gente come usare la pipa. La riemp con del chan-shasha, il tabacco
di corteccia di salice rosso, e cammin intorno alla tenda per quattro volte, secondo lusanza di Anpetu-Wi,
il grande sole. Questo rito simbolizza il circolo senza fine, il sacro anello, la stralli! della vita. Poi la donna
mise un po di sterco secco di I m i II alo nel fuoco e con quello accese la pipa. Questo era petaowihankeshni,
il fuoco senza fine, la fiamma che doveva passai e di generazione in generazione. Disse loro che il fumo che
si levava dal fornello era il respiro di Tunkashila, il respiro vivente del grande Antenato Misterioso.
La Donna Buffalo Bianco insegn alla gente come pregare in modo corretto, e le parole ed i gesti
appropriati. Insegn loro come cantare la canzone del caricamento della pipa e come alzare la pipa al cielo,
verso il Grande Padre, e gi verso la Grande Madre Terra, verso Unci, e quindi verso le quattro direzioni
delluniverso.
Con questa santa pipa , disse, voi camminerete come fedeli viventi. Con i vostri piedi appoggiati sul
terreno e con il cannello della pipa rivolto al cielo, il vostro corpo former un ponte vivente tra il Sacro
Laggi ed il Sacro Lass. Wakan Tanka vi sorride perch ora noi siamo una cosa sola: la terra, il cielo, tutte
le cose viventi, i bipedi ed i quadrupedi, gli alati, gli alberi, i prati. Essi e la gente sono tutti parenti, una
famiglia. La pipa li tiene tutti uniti .
Guarda questo fornello , disse la Donna Buffalo Bianco. La sua pietra rappresenta il buffalo, ma
anche la carne ed il sangue dei pellerossa. Il buffalo rappresenta luniverso e le quattro direzioni, perch sta
su quattro zampe, in quanto furono quattro le et della creazione. Quando il mondo fu creato, Wakan Tanka
mise il buffalo ad ovest, a trattenere le acque. Ogni anno egli perde un pelo ed in ognuna delle quattro et
egli perde una zampa. Il sacro cerchio finir quando il grande buffalo avr perduto tutti i peli e le zampe, e le
acque ritorneranno a coprire la Terra.
Il gambo legnoso di questa chanunpa sta a significare tutto ci che cresce sulla terra. Le dodici piume che
pendono da dove il cannello la spina dorsale si unisce al fornello il teschio provengono da
Wanblee Galeshka, laquila picchiettata, luccello molto sacro che il messaggero del Grande Spirito ed il
pi saggio di tutti gli esseri che volano. Tu vai ad unirti a tutte queste cose delluniverso, in quanto tutte

gridano a Tunkashila. Guarda il fornello: in esso vi sono scolpiti sette circoli di diversa ampiezza.
Simbolizzano le sette cerimonie sacre che tu eseguirai con questa pipa, e significano pure le Ocheti
Shakowin, i sette sacri fuochi degli accampamenti della nostra nazione Lakota.
La Donna Buffalo Bianco parl quindi alle donne, per dire loro che erano il lavoro delle loro mani ed il
frutto del loro corpo quelli che mantenevano la gente in vita. Voi venite dalla madre terra , disse loro.
Quello che state facendo altrettanto grande di ci che fanno i guerrieri .
E perci la sacra pipa pure qualcosa che tiene uniti uomini e donne insieme in un circolo damore.
loggetto sacro che richiede per essere fatto la collaborazione di entrambi, uomini e donne. Gli uomini
scavano il fornello e fanno lo stelo; le donne lo decorano con bande di aculei di porcospino decorati.
Quando un uomo prende moglie, nello stesso momento entrambi tengono la pipa, ed una stoffa rossa, di
quelle che si comprano, viene avvolta intorno alle loro mani, legandoli in tal modo insieme per tutta la vita.
La Donna Buffalo Bianco aveva molte cose per le sue sorelle Lakota nella sacca del suo sacro grembo:
grano, wasna (pemmican), rape selvatiche. Essa insegn loro come accendere il fuoco nel focolare. Riemp
un ventre di buffalo con dellacqua fredda e vi lasci cadere dentro una pietra incandescente. Questo il
modo con il quale cucinerete il grano e la carne , disse loro.
La Donna Buffalo Bianco parl anche ai bambini, perch essi comprendevano come i grandi. Disse loro
che quello che i loro padri e le loro madri facevano era per il loro bene, che i loro genitori si ricordavano di
essere stati piccoli un tempo, e che anche loro sarebbero cresciuti ed avrebbero avuto a loro volta dei figli.
Disse loro: Voi siete le generazioni future, per questo siete i pi importanti ed i pi preziosi. Un giorno
impugnerete questa pipa e la fumerete. Con questa pipa un giorno pregherete.
Poi parl ancora una volta a tutti quanti: La pipa viva; una rossa creatura che vi addita una rossa vita
ed una rossa strada. E questa la prima cerimonia in cui la userete.

La userete per intrattenere le anime delle persone defunte, perch per mezzo di essa potete parlare a Wakan
Tanka, il Grande Spirito Misterioso. Il giorno in cui un essere umano muore sempre un giorno sacro, cos
come lo il giorno in cui lanima si libra verso il Grande Spirito. In quel giorno quattro donne diverranno
sacre. Saranno quelle che taglieranno lalbero sacro il can-wakan per la danza del sole .
Essa disse poi ai Lakota che tra tutte le trib era la pi pura, e che questa era la ragione per la quale
Tunkashila aveva donato loro la santa chanunpa. Essi erano stati scelti perch ne avessero cura in nome di
tutta la gente indiana che su questo continente a forma di tartaruga.
Parl per unultima volta a Corno Vuoto Eretto, il capo, per dirgli: Ricorda: questa pipa molto sacra.
Rispettala e ti condurr al termine della via. Le quattro et della creazione sono in me; io sono la quarta et.
Verr a vedervi in ogni ciclo di generazione. Ritorner a voi .
Quindi la sacra donna prese congedo dalla gente dicendo:
Toksha ake wacinyanktin ktelo: ci rivedremo ancora .
La gente la vide andarsene nella stessa direzione dalla quale era venuta, stagliata contro la rossa palla del
sole calante. Come se ne fu andata, si ferm e si rotol per quattro volte. La prima volta si tramut in un

buffalo nero; la seconda in uno marrone; la terza in uno rosso; ed infine, la quarta volta si tramut in una
bianca vitella di buffalo. Un buffalo bianco lessere vivente pi sacro che voi possiate incontrare.
La Donna Buffalo Bianco scomparve allorizzonte. Un giorno potrebbe tornare. Appena svan, apparvero
grandi mandrie di buffali, che si lasciarono uccidere affinch la gente potesse sopravvivere. E da quel
giorno, i nostri parenti, i buffali, forniscono alla gente tutto quello di cui hanno bisogno: carne per cibo, pelli
per gli abiti e per le tende, ossa per farne molti utensili.
Raccontata da Cervo Zoppo a Winner, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, 1967.

Due pipe tribali molto antiche sono custodite dalla famiglia Cavallo Che Guarda in Torre dellAquila
nel Sud Dakota. Si dice che una di esse, ricavata dallosso di una zampa di vitello di buffalo, e troppo
fragile e friabile a causa dellet per essere usata per fumare, sia la pipa sacra che la Vergine Buffalo
port alla gente. Ne sono certo , disse Cervo Zoppo. Molto tempo fa ho pregato una volta con essa .
Il continente a forma di tartaruga il Nord America, che concepito da molti Indiani come un isola
appoggiata sul dorso di una tartaruga.
John Fire Cervo Zoppo fu un famoso santuomo Sioux, nipote del primo Capo Cervo Zoppo, un
grande guerriero che combatt contro Custer e che mor nel corso duna scaramuccia combattuta contro
le truppe del generale Miles. Il figlio di Cervo Zoppo, Archie, prosegue lopera del padre come sciamano
e direttore spirituale della danza del sole.

LORFANELLO ED IL CANE ALCE (Blackfoot)


Il cavallo fu introdotto in questo continente dagli Spagnoli, quando arrivarono verso la met del
sedicesimo secolo. Nel giro di due secoli per quasi tutte le trib indiane lo possedevano e grazie ad esso
avevano trasformato il loro modo di vita. Allora non esisteva una parola indiana per indicare il cavallo,
che era usato al pari dei cani come animale da soma, e perci questo animale era chiamato di volta in
volta Cane Cervo, Cane Spirito, Cane Sacro o Cane Alce.
Nei tempi in cui la gente possedeva soltanto i cani per trasportare i loro fardelli, vivevano due bimbi
orfani, un ragazzo e sua sorella, che conducevano una vita dura. Il bimbo era sordo, e poich non riusciva a
comprendere quello che gli veniva detto, la gente pensava che fosse stupido ed ottuso. Persino i suoi parenti
non volevano avere a che fare con lui. Il nome che gli fu dato alla nascita, quando i suoi genitori erano
ancora in vita, era Lunga Freccia. Ebbene, egli era come un cane rognoso e percosso, come quel genere di
cane che si aggira ringhiando per la fame fuori dellaccampamento, aggirandolo da lontano, fiutando il buon
cibo che bolle nelle pentole ma che non si avvicina per paura di essere preso a calci. Soltanto sua sorella, che
era bella ed intelligente, gli voleva bene.
In seguito per la sorella fu adottata da una famiglia che viveva in un altro accampamento, attratta dal suo
bellaspetto e dal suo bel modo di fare. Quelle persone volevano lei come figlia, ma non volevano
certamente quello stupido e goffo ragazzo. E cos portarono via la sola persona che sino ad allora sera presa
cura di lui, lasciandolo solo a badare a se stesso. Egli viveva degli avanzi che erano gettati ai cani e delle
cose che trovava nei mucchi dei rifiuti. Si vestiva con ritagli di pelli e con queglabiti che erano cos logori
da essere disdegnati persino dalla gente pi povera. Di notte si coricava in un riparo di frasche, proprio come
un animale nella tana.
Alla lunga la selvaggina fu scacciata dai pressi di quellaccampamento che il ragazzo considerava come
sua dimora, sicch la gente decise di trasferirsi. Smontate le tende, impacchettati gli effetti personali nelle
sacche di ruvide pelli, caricati i basti dei cani, il villaggio part. Stai qui , dissero gli abitanti al ragazzo,
non vogliamo che gente della tua specie venga con noi .
Per due o tre giorni il ragazzo si nutr degli avanzi che erano stati lasciati sul posto, ma ben presto cap
che se fosse rimasto in quel luogo avrebbe patito la fame. Doveva raggiungere la sua gente, che a loro
piacesse o no. Ne segu le tracce, al tempo stesso agitato per la paura di perderla e piangendo. Ben presto il
sudore cominci a colare gi sul suo magro corpo. Allimprovviso, mentre stava inciampando, correndo ed
ansimando, avvert uno schiocco nel suo orecchio sinistro, come un piccolo schianto ed una sostanza simile
ad un verme gli usc fuori dallorecchio. Ed ecco che, come per incanto, dalla parte sinistra pot udire per la

prima volta il canto degli uccelli. Raccolse con la mano sinistra quella sostanza che pareva un verme e si
affrett. Dopo un po ci fu uno schiocco nel suo orecchio destro, ed anche questa volta ne usc fuori qualcosa
che assomigliava ad un verme e pot udire dalla parte destra il mormorio delle acque di un ruscello. Il suo
udito era guarito! Ed era affilato come un rasoio: poteva avvertire da molto lontano il fruscio di un topolino
tra le foglie secche. Lorfanello rise, e per la prima volta in vita sua fu felice. Con rinnovato coraggio segu
le tracce che la sua gente aveva lasciato sul terreno.
Nel frattempo il villaggio sera accampato in un nuovo posto. Poich gli uomini erano gi andati a caccia,
il ragazzo pot avvicinarsi a Buon Corridore, un vecchio e gentile capo, il quale stava macellando una grassa
buffala che aveva appena ucciso. Quando il capo vide il ragazzo disse fra s: Sta arrivando qui quel povero
ragazzo buono a niente. Fu un errore abbandonarlo . Buon Corridore disse al ragazzo:

Riposati qui, nipote, stai sudando e sei coperto di polvere. Qui, prendi un po di trippa.
Il ragazzo divor la carne con avidit. Non era ancora abituato ad udire ed a parlare, ma i suoi occhi erano
attenti e Buon Corridore not un certo cambiamento nei suoi modi. Questo ragazzo , disse tra s il capo,
non n stupido n pazzo . Diede allorfano un pezzo di gobba, poi un pezzo di fegato, quindi un pezzo
di rognone crudo, ed alla fine il boccone pi prelibato di tutti, una fetta di lingua. Pi il vecchio osservava il
ragazzo e pi questi gli piaceva. Sullimpulso del momento disse: Nipote, ti voglio adottare; c un posto
per te nella mia tenda. E far di te un buon cacciatore ed un buon guerriero . Il ragazzo pianse, questa volta
dalla gioia. Buon Corridore disse: Hanno detto che eri un ragazzo pazzo e stupido, ma ora che ci penso il
nome che ti diedero quando sei nato Lunga Freccia. Far in modo che la gente ti chiami con il tuo vero
nome. Vieni con me .
La moglie del capo non era contenta. Perch mi carichi di questo fardello , disse, portando nella
nostra tenda questo buono a nulla, questo ragazzo pazzo e ritardato? Forse anche tu devi essere un po pazzo
e ritardato! .
Donna, smettila di parlare in questo modo, o ti picchier! Questo ragazzo non n lento n pazzo; un
bravo ragazzo e sar per me come un nipote. Guarda, scalzo. Datti da fare e fagli un paio di mocassini, e se
non li farai bene, ti prender a bastonate .
La moglie di Buon Corridore brontol, ma fece quello che le era stato ordinato. Suo marito era un uomo
gentile, ma quando andava in collera si faceva minaccioso.
Cosi una nuova vita cominci per Lunga Freccia. Dovette imparare a parlare, a comprendere bene e ad
apprendere tutte quelle cose che un ragazzo deve saper fare. Era uno di quelli che apprendono in fretta e ben
presto super in conoscenza e capacit gli altri ragazzi della sua et. Alla fine persino la moglie di Buon
Corridore fin per accettarlo.
Divenne un giovane ed esperto cacciatore, alto e bello a vedersi nel suo completo di pelle di daino
decorato di aculei che la moglie del capo gli aveva fatto. Aiutava suo nonno in ogni faccenda e divenne il
consigliere fidato di Buon Corridore. Ma si sentiva solo, perch molta gente nellaccampamento non poteva
dimenticare che Lunga Freccia era stato un espulso. Nonno , disse un giorno, voglio fare qualcosa che ti
renda orgoglioso e mostrare alla gente che sei stato saggio ad adottarmi. Cosa posso fare? .
Buon Corridore rispose: Un giorno sarai un capo e farai grandi cose . Ma quale grande cosa posso
fare ora, nonno? .
Il capo pens a lungo. Forse non dovrei dirtelo , disse. Ti voglio bene e non voglio perderti. Ma nelle
notti dinverno gli uomini parlano di un popolo di spiriti potenti che vivono allestremit di un lago molto
lontano. Dentro il lago quegli spiriti hanno animali misteriosi che lavorano per loro. Quegli animali sono pi

grandi di una grande alce, ma portano i fardelli degli spiriti come i cani. Per questo sono chiamati PonoKamita Cani Alce. Si dice che siano agili, forti, delicati e belli al di l dogni immaginazione. Ogni quattro
generazioni, uno dei nostri giovani guerrieri partito per cercare quel popolo di spiriti e per portarci un Cane
Alce. Ma nessuno dei nostri coraggiosi giovani mai ritornato .
Nonno, non ho paura. Andr e trover il Cane Alce .
Nipote, prima impara ad essere un uomo. Impara le preghiere e le cerimonie appropriate. Sii
coraggioso. Sii generoso e munifico. Abbi piet dei vecchi e degli orfani, e lascia che gli uomini santi della
trib trovino per te un amuleto che ti protegga durante il tuo pericoloso viaggio. Noi cominceremo a
purificarti con un bagno di sudore .
Cos Lunga Freccia fu purificato con il bianco vapore di una sauna. Gli fu insegnato come usare la pipa e
come pregare il Grande Potere Misterioso. Gli uomini santi della trib gli diedero un amuleto e dipinsero per
lui uno scudo per proteggerlo dai pericoli.
Poi una mattina Buon Corridore, senza far parola con alcuno, caric sul suo miglior basto per cane tutte le
cose che sarebbero occorse a Lunga Freccia per il viaggio. Il capo gli diede il suo amuleto, il suo scudo ed il
suo pi bellarco e, allo spuntar del sole, and con il nipote ai bordi dellaccampamento per purificarlo con
del fumo di cedro profumato. Quindi, senza far rumore e senza essere visto da nessun altro, Lunga Freccia
part. Dopo un po alcuni notarono la sua assenza, ma nessuno, ad eccezione di suo nonno, sapeva dove era
andato e quale fosse il motivo del suo viaggio.
Seguendo il consiglio di Buon Corridore, Lunga Freccia sincammin verso sud. Al quarto giorno del
viaggio arriv ad un piccolo stagno, dove uno strano uomo era ritto in piedi, come se lo stesse aspettando.
Perch sei venuto qui? domand lo straniero.
Sono venuto per cercare il misterioso Cane Alce .
Ah, in questo non posso aiutarti , disse luomo, che era
lo spirito dello stagno. Ma se tu prosegui verso sud, quattro volte quattro giorni, con un po di fortuna
potrai arrivare ad un lago pi grande e l incontrare uno dei miei zii. possibile che ti parli; ma pu anche
non farlo. tutto quello che ti posso dire .
Lunga Freccia ringrazi luomo, e quegli se ne and nel fondo dello stagno dove viveva.
Lunga Freccia prosegu, camminando per lunghe ore e fermandosi solo un poco per riposare. And per
profondi canyon e su alte montagne, logorando i suoi mocassini e soffrendo il freddo, il caldo, la fame e la
sete.
Finalmente Lunga Freccia si avvicin ad un grande lago contornato da ripide colline coperte di pini. L si
trov faccia a faccia con un uomo fiero ed accigliato, ed alto almeno due volte la maggior parte degli esseri
umani. Quello straniero portava una lunga lancia la cui pesante punta era ricavata da una pietra lucente.
Ehi, quel giovane , grugn, perch sei venuto qui? .
Sono venuto per trovare il misterioso Cane Alce .
Lo straniero, che era lo spirito del lago, incoll il suo sguardo dritto in quello di Lunga Freccia ed agit la
sua potente lancia. Piccolo, non hai paura di me? , ringhi.
No, non ho paura , rispose Lunga Freccia sorridendo.
Luomo spirito alto emise un orrendo sogghigno; era quello il suo modo di mostrarsi amichevole. Mi
piacciono i piccoli esseri umani che non hanno paura , disse, ma non posso aiutarti. Forse il nostro nonno
si prender il disturbo di ascoltarti. Assai pi verosimilmente non lo far. Cammina a sud per quattro volte
quattro giorni e forse lo troverai. Ma pi probabile che no . Detto ci, quello spirito alto volt le spalle a
Lunga Freccia ed and nel fondo del lago dove viveva.
Lunga Freccia and avanti ancora per quattro volte quattro giorni, dormendo e riposando poco. Ormai
barcollava ed inciampava per la debolezza, ed il suo cane non stava molto meglio di lui. Alla fine arriv al
pi grande lago che avesse mai visto, circondato da picchi turriti ricoperti di neve e di cascate di ghiaccio.
Questa volta non cera nessuno a riceverlo. Sembrava proprio che non vi fosse anima viva allintorno.
Questo deve essere il Grande Lago Misterioso, pens Lunga Freccia. Esausto, cadde gi sullerba bassa
chera vicina al lago, tra i fiori selvatici, e si addorment con lo stanco cane raggomitolato ai suoi piedi.
Quando Lunga Freccia si svegli, il sole era gi alto. Apr gli occhi e vide in piedi davanti a lui un bel
bimbo che indossava un abbagliante vestito bianco di pelle di daino decorato di aculei di porcospino di
diversi colori. da molto tempo che ti stiamo aspettando , gli disse il fanciullo. Mio nonno ti invita alla
sua tenda. Seguimi .
Lunga Freccia prese il suo scudo magico e larco del nonno, disse al cane di attenderlo e sincammin con
quel meraviglioso bambino. Arrivarono alla sponda del lago. Il bimbo spirito indic lacqua e disse: La

tenda di mio nonno laggi. Vieni! . Il bimbo si mut in un martin pescatore, quindi simmerse dritto verso
il fondo.
Spaventato, Lunga Freccia pens: Come posso seguirlo senza annegare? . Ma poi disse fra s: Lho
sempre saputo che non sarebbe stato facile. Nel partire alla ricerca del Cane Alce avevo gi deciso di gettare
via la mia vita . E coraggiosamente salt nellacqua. Con sua sorpresa si accorse che lacqua non lo
bagnava, ma che dividendosi davanti a lui gli consentiva di vedere e respirare. Quando tocc il fondo
sabbioso del lago si avvide che sinclinava sempre di pi, verso un punto centrale.
Lunga Freccia discese quella china sino a che non arriv ad una piccola valle. Nel mezzo di essa stava
ritta una grande tenda di pelle di buffalo conciata. Su di essa erano dipinte con la sacra pittura vermiglia le
immagini di due strani animali. Un martin pescatore che stava appollaiato sulla punta della tenda vol gi e
si trasform di nuovo nel bel ragazzo, il quale disse: Benvenuto. Entra nella tenda di mio nonno .
Lunga Freccia segu il bimbo spirito all'interno. Sul fondo, sul seggio donore, sedeva un vecchio dai
bianchi capelli fluenti vestito di nero, il quale emanava una tale autorit da tutta la persona che Lunga
Freccia credette trovarsi in presenza dellEterno stesso. Luomo santo diede il benvenuto a Lunga Freccia e
gli offerse del cibo. La moglie delluomo entr portando dei piatti contenenti gobba di buffalo, fegato,
lingue, deliziosi pezzi di carne di daino, carni arrostite di strani, saporiti uccelli dacqua, e carne pestata
insieme a bacche, ciliegie selvatiche e grasso di rognone. Affamato per quel lungo viaggio, Lunga Freccia
mangi con gusto. Ma ci non gli imped di osservare intorno e di ammirare l'arredamento della tenda, le
pareti dipinte, i molti scudi magici, le armi splendidamente lavorate, le casacche e le vesti decorate con
aculei di porcospino multicolori, i contenitori di pelle grezza dipinti in modo mirabile e colmi di cose
meravigliose e molti altri oggetti che lo abbagliavano.
Dopo che Lunga Freccia ebbe calmato la fame, il vecchio capo spirito riemp la pipa e la pass al suo
ospite. Ed essi fumarono pregando in silenzio. Dopo un po il vecchio disse: Alcuni vennero prima di te a
pi riprese, ma ebbero sempre paura dellacqua profonda, e cos se ne andarono via a mani vuote. Ma tu,
nipote, sei stato abbastanza coraggioso da immergerti, e perci sei stato prescelto per ricevere un
meraviglioso dono da portare al tuo popolo. Ebbene, esci fuori con mio nipote .
Il bel bimbo port Lunga Freccia in una prateria nella quale alcuni strani animali, diversi da qualsiasi altro
che il giovane avesse mai visto, stavano galoppando e saltando, nitrendo e scalciando. Erano veramente
meravigliosi a guardarsi, con i lucidi mantelli belli come i capelli duna fanciulla, le code e le criniere
ondeggianti al vento. Ora impennando, ora annusando, guardavano Lunga Freccia con occhi cos miti che
smentivano il loro fiero aspetto.
Finalmente , pens Lunga Freccia, eccoli davanti ai miei occhi i Pono-Kamita, i Cani Alce! .
Guardami , disse il misterioso bambino, affinch tu possa imparare a fare quello che sto facendo .
Con grazia e senza sforzo il ragazzo rote sul dorso di un Cane Alce nerolucente dal collo lungo ed arcuato,
pi grande di qualsiasi alce che Lunga Freccia avesse mai incontrato. A cavallo di quellanimale il ragazzo
corse per tutta la prateria, veloce come il vento; poi ritorn, salt gi dalla cavalcatura e disse: Ora provalo
tu . Un po timidamente Lunga Freccia si arrampic su quel bel Cane Alce nero, il quale vol via come una
freccia, come se si fosse trattato di portare una piuma. Il giovane si sent librato nellaria come un uccello e
prov una felicit persino pi grande della gioia che aveva provato quando Buon Corridore lo aveva adottato
come nipote.
Quando ebbero finito di cavalcare i Cani Alce, il bambino spirito disse a Lunga Freccia: Giovane
cacciatore delle terre che sono sopra le acque, voglio che tu abbia ci per cui sei venuto. Ascoltami. Forse
avrai notato che mio nonno indossa un magico vestito nero, lungo come quello che portano le donne e che si
nasconde sempre i piedi. Cerca di dare unocchiata sui suoi piedi perch, se ci riesci, non potr rifiutarti
nulla. Allora ti dir di chiedergli un dono e tu devi chiedere queste tre cose: la sua cintura ornata di aculei
dai colori dellarcobaleno, il suo magico vestito nero ed una mandria di questi animali che sembrano piacerti
.
Lunga Freccia lo ringrazi e fece il voto di seguire i suoi consigli. Per quattro giorni il giovane rimase
nella tenda del capo spirito, dove mangi bene e dove gli fu concesso di andar sovente fuori a cavalcare i
Cani Alce. Ma per quanto facesse, non riusc mai a lanciare unocchiata ai piedi del vecchio. Quel capo
spirito aveva cura di tenerli sempre coperti. Ma la mattina del quarto giorno, mentre il vecchio stava uscendo
dalla tenda, il suo magico vestito rimase impigliato nella tenda che copriva lentrata. E poich quello si apr,
Lunga Freccia pot gettare uno sguardo ad una gamba e ad un piede, e fu sorpreso nel vedere che non si
trattava affatto di un arto umano, ma di una zampa lucente e di un duro zoccolo di Cane Alce! Non pot
trattenere un grido di sorpresa, ed il vecchio, guardando al di sopra della spalla, si accorse che la sua zampa

e lo zoccolo erano scoperti. L per l sembr un po imbarazzato, ma poi scroll le spalle e disse: Ho
cercato di nasconderli, ma era destino che tu li vedessi. Guarda, entrambi i miei piedi sono quelli di un Cane
Alce. Ora mi puoi chiedere un dono. Non essere timido; dimmi ci che vuoi .
Lunga Freccia parl francamente: Voglio tre cose: la tua cintura iridata, il tuo magico vestito nero e la
tua mandria di Cani Alce.
Ebbene, vedo che non sei affatto timido! disse il vecchio. Chiedi molto e te lo dar, solo che non
avrai tutti i miei Cani Alce; te ne dar la met. Prima per devo dirti che il mio vestito di crine nero e la mia
cintura multicolore posseggono la magia del Cane Alce. Se indosserai sempre il vestito quando vorrai
catturare i Cani Alce, non ti potranno sfuggire. Nelle notti quiete, se tu ascolterai da vicino la cintura, udrai il
canto di danza e le preghiere del Cane Alce. Devi impararli. Inoltre ti dar un altro magico dono: questo
lungo laccio di crini intrecciati di buffalo bianco. Con questo non fallirai mai di catturare qualunque Cane
Alce tu voglia.
Il capo spirito gli porse i doni e disse: Ora devi partire. Sulle prime i Cani Alce non ti seguiranno.
Cammina per quattro giorni verso nord e per tutto il tempo indossa il magico vestito e la magica cintura.
Non voltarti mai indietro, guarda sempre a nord. Al quarto giorno i Cani Alce ti si affiancheranno dal lato
sinistro. Non guardare ancora indietro. Non appena ti avranno superato, catturane uno con il laccio di setole
di buffalo bianco e cavalcalo sino a casa. Non perdere il vestito nero, o tu perderai i Cani Alce e non li
catturerai mai pi .
Lunga Freccia ascolt attentamente per poter ricordare.
Il vecchio capo spirito chiese poi a sua moglie di preparare un grosso involto pieno di cibo, il quale era cos
pesante che Lunga Freccia, nel congedarsi dai suoi generosi ospiti spiriti, lo portava a fatica. Il misterioso
bambino si mut ancora una volta in un martin pescatore e condusse Lunga Freccia alla superficie del lago,
dove il suo fedele cane lo accolse con gioia. Lunga Freccia diede da mangiare al cane, mise il fagotto sul
basto e sincammin verso nord.
Come il capo spirito aveva predetto, al quarto giorno i Cani Alce arrivarono sul suo lato sinistro. Lunga
Freccia ne prese al laccio uno nero dal collo arcuato per cavalcarlo e ne cattur poi un altro per portare il
sacco con il cibo. Quindi galopparono via velocemente, mentre il cane abbaiava agli zoccoli dei grossi Cani
Alce.
Quando Lunga Freccia arriv finalmente al suo villaggio, la gente ebbe paura e si nascose. Non lo aveva
riconosciuto in groppa al suo bel Cane Alce ma lo aveva scambiato per un mostro, met uomo e met
animale. Lunga Freccia cominci a chiamare: Nonno Buon Corridore, sono tuo nipote. Sono tornato con i
Cani Alce! .
Riconoscendo la voce, Buon Corridore usc fuori dal nascondiglio e pianse dalla gioia, perch aveva dato
Lunga Freccia per perso. Allora tutti gli altri spuntarono dai nascondigli per ammirare i nuovi meravigliosi
animali.
Lunga Freccia disse: Oh nonno e nonna che mi adottaste, non potr mai ripagarvi per la vostra
gentilezza. Accettate questi meravigliosi Cani Alce come mio dono. Ora non siamo pi semplici viandanti,
perch questi animali ci porteranno velocemente ovunque noi si voglia andare. Ora cacciare il buffalo sar
facile. Ora le nostre tende saranno pi grandi, i nostri possedimenti pi vasti, perch il basto di un Cane Alce
pu portare un carico dieci volte pi grande di quello di un cane. Prendeteli, o miei nonni. Terr per me
soltanto questo maschio e questa femmina neri, che si moltiplicheranno sino a divenire una bella mandria .
Hai veramente fatto qualcosa di grande, nipote , disse Buon Corridore, e disse il vero. Quegli Indiani si
trasformarono in audaci cavalieri delle Praterie e ben presto poterono appena immaginare come fossero
riusciti a vivere senza quei meravigliosi animali.
Dopo un certo tempo, Buon Corridore, ricco ed onorato da tutti, disse a Lunga Freccia: Nipote, guidaci
al Grande Lago Misterioso affinch noi ci si possa accampare vicino alle sue rive. Andiamo a far visita al
capo spirito ed al meraviglioso fanciullo; forse ci daranno altri potenti e magici doni .
Lunga Freccia condusse il popolo verso sud e ritrov il Grande Lago Misterioso. Ma le acque non si
separarono pi davanti a lui, e nessuno dei martin pescatori che videro si mut in un bimbo. E nemmeno,
scrutando nellacqua cristallina, poterono vedere della gente, o Cani Alce, o una tenda. Non vera niente nel
lago, se non qualche pesce.
Riportata da George Bird Grinnell ed altre fonti intorno al 1910.

LA DONNA SALE A CUI VENNE RIFIUTATO IL CIBO (Cochiti)


La Vecchia Donna Sale aveva un nipote, ed entrambi erano molto poveri. Essi vennero dai Cochiti ed
andarono di casa in casa, ma la gente li scacci via. Era troppo indaffarata a cucinare per una festa. A quel
tempo la gente non usava il sale.
Dopo aver fatto il giro di tutte le case, la Donna Sale e suo nipote arrivarono ad un luogo, fuori dei
pueblo, dove molti bimbi stavano giocando. Subito tutti i bimbi accorsero per vedere il magico cristallo che
la Donna Sale teneva in una mano. Lei li condusse presso un pino e disse a ciascuno di loro di aggrapparsi
ad un ramo dellalbero e di dondolarsi. Quindi, usando la magia del suo cristallo, li trasform in ghiandaie di
bosco che vivono appunto sui pini. Quando eravamo nei pueblo , disse poi la Donna Sale, nessuno ci
invit a rimanere . Dora in poi sarete delle ghiandaie .
Poi la Donna Sale e suo nipote andarono a sud ed arrivarono a Santo Domingo, dove furono ben trattati e
nutriti. Dopo aver mangiato, e mentre stavano partendo, la Donna Sale disse: Vi sono molto riconoscente
per il cibo che mi avete offerto , e lasci loro un po della sua carne. Gli abitanti la mangiarono insieme con
del pane e dellaltra carne.
Era buona, saporita.
In Cochiti , disse loro la Donna Sale, la gente mi tratt malamente, e quando partii, portai tutti i bimbi
fuori dei pueblo e li mutai in ghiandaie appollaiate su un pino. Ma a voi io sono grata. Ricordate quindi che
se io sar nel vostro cibo, questo avr sempre un gusto migliore.
Andr a sudest e rimarr l, e se qualcuno di voi vuole ancora della mia carne la trover laggi. E quando
verrete per raccoglierla, fate che non vi siano risa, n canti, e nessuna cosa del genere. Siate calmi e puliti .
Cos lasci Santo Domingo ed and a Salt Lake; dove oggi noi raccogliamo il sale.
Da una leggenda registrata da Ruth Benedict nel 1924.

Nel Sudovest latto di procurarsi il sale era ed tuttora associato con una serie di solenni cerimonie. Il
viaggio alla fonte considerato una grande odissea o pellegrinaggio, e coloro che intraprendono quel
viaggio devono sottoporsi ad elaborati rituali ed osservare scrupolosamente rigorosi tab. Quando
ritornano, lintera esperienza descritta in dettaglio, analizzata e protetta dalla curiosit della restante
parte della trib. La mitica figura associata con il sale quasi sempre una vecchia, come si visto in
questa leggenda, che sovente lo dispensa attraverso il suo muco, che poi diviso tra la gente.

IL SACRO TABACCO (Blackfoot)


Da tempo immemorabile, gli Indiani di tutte le Americhe fumano tabacco ed altre piante sia per diletto
sia per pregare. Il fumo era il respiro del Grande Spirito che faceva salire le preghiere a Colui Che Sta
Lass. Con una pipa in mano un uomo non poteva dire se non la verit. dagli Indiani che Sir Walter
Raleigh apprese luso del tabacco. Quando lo fum per la prima volta in una locanda di Londra, il
barista, pensando che stesse prendendo fuoco, gli rovesci addosso un boccale di birra. Per luomo
bianco fumare divenne un di pi; ma per il nativo americano, pipa e tabacco erano sacri e fumare era un
rito santo. Un uomo che avesse ucciso un membro della sua trib non poteva fumare in modo rituale con
gli altri. Doveva fumare una misera pipatina tutto da solo: dura punizione.
Cerano una volta quattro fratelli, tutti uomini spirituali che avevano potere. In una visione il pi anziano
di loro ud una voce che diceva: Fuori c una sacra erba selvatica; raccoglila e bruciala . Luomo si
guard intorno, vide la strana erbaccia e la mise nel fuoco. Emanava un aroma assai piacevole.
In seguito il secondo fratello fece un sogno nel quale una voce diceva: Prendi quellerba. Tritala bene.
Mettila in una sacca di pelle . Luomo fece quello che gli era stato detto, e lerba secca era
meravigliosamente fragrante nella sua sacca di pelle. Il terzo fratello ebbe una visione nella quale vide un

uomo che scavava un osso e vi metteva dentro quella strana erba selvatica. Una voce disse: Fai quattro
pipe come questa , ed il terzo fratello ricav quattro pipe dallosso di una zampa danimale.
Quindi il pi giovane dei quattro fratelli ebbe una visione. Una voce gli disse: Voi quattro accendete le
vostre pipe e fumate. Inalate il fumo; espiratelo. Lasciate che il fumo salga verso le nuvole . La voce gli
insegn pure i canti e le preghiere che dovevano accompagnare il fumare.
E cos i quattro sciamani, nati dalla stessa madre, fumarono insieme.
Era la prima volta che quegli uomini avessero mai fumalo, e mentre lo facevano, cantarono e pregarono
insieme.
I fratelli, che chiamarono la sacra erba selvatica nawakosis, avrebbero dovuto insegnarne luso alla
gente. Ma nawak 'osis li rese potenti e saggi e limpidi di mente, e non vollero condividerla con altri.
Piantarono la sacra erba selvatica in un posto segreto che solo loro conoscevano. Custodirono i canti, le
preghiere ed i rituali che dovevano accompagnare il fumare. E formarono, solo loro quattro, una Societ del
Tabacco.
Cos ci fu rabbia, ci fu guerra, ci fu irrequietezza di spirito, ci fu malvagit. Nawakosis avrebbe dovuto
placare la rabbia, rendere gli uomini virtuosi, portare la pace, calmare le menti. Ma senza la sacra erba non
cera n pace n unione.
Un giovane chiamato Discorre Da Solo disse a sua moglie: A questi quattro potenti stato dato qualcosa
di buono da spartire con la gente, ma lo tengono per se stessi. E cos le cose vanno male. Devo trovare il
modo di piantare e raccogliere la sacra erba selvatica che essi chiamano nawakosis .
Discorre Da Solo e la moglie andarono ad un lago sacro e piantarono la tenda nei pressi della riva. Ogni
giorno luomo andava a caccia ed a cercare la pianta nawakosis. La donna restava nella tenda a ricamare,
conciare e cucinare. Un giorno, mentre era sola, ud qualcuno che stava cantando molto bene. Cerc
tuttintorno, per trovare lorigine di quella musica, e scopr che proveniva da una tana di castori, che si
trovava vicino alla riva. Devono essere i castori che cantano , pens. Le loro canzoni sono amorevoli.
Spero che non la smettano .
Quando il marito torn a casa, con molta carne ma senza essere riuscito a trovare il nawakosis, la donna
richiam la sua attenzione sulla musica; ma egli disse: Non odo nulla. la tua immaginazione .
No , disse la donna, la sento chiaramente. Metti lorecchio sulla tana dei castori . Egli lo fece, ma
ancora non ud nulla.
Allora la moglie prese il suo coltello e fece un buco nel rifugio dei castori. Attraverso quel buco i due non
soltanto udirono i castori cantare, ma li osservarono anche eseguire una strana e bella danza.
Miei giovani fratelli , grid loro la moglie, siate spiriti generosi. Insegnatemi il vostro meraviglioso
canto e la vostra magia! .
I castori risposero: Chiudi il buco che hai fatto, perch lascia entrare il freddo. Poi verremo fuori a farti
visita . Essa ripar la parete, e quella notte quattro castori vennero nella tenda di Discorre Da Solo. Non
appena furono entrati si mutarono in esseri umani, in quattro attraenti giovani. Uno di loro chiese: Che cosa
siete venuti a fare qui? .
Sono venuto , disse Discorre Da Solo, per trovare la sacra erba selvatica chiamata nawakosis.
Allora questo il posto giusto dissero gli uomini castoro. Noi siamo gente che vive nellacqua e
nawakosis una magia dellacqua. Noi vi daremo questa sacra erba, ma prima dovete imparare i canti, le
preghiere, le danze e le cerimonie che laccompagnano .
Nella nostra trib ci sono quattro uomini potenti , disse Discorre Da Solo, che hanno la magia e la
conoscenza, ina le tengono per loro .
Ah , dissero gli uomini-castoro, ci male. Tutti devono possedere quella sacra erba selvatica. Ecco
che cosa dovete fare. Uscite di giorno ed andate a prendere la pelle di ogni creatura che abbia quattro o due
zampe e che vive dentro o vicino allacqua, ad eccezione dei castori, naturalmente. Dovete procurarvi la
pelle del topo muschiato e della lontra, dellanatra e del martin pescatore, di tutte le creature di quel genere,
perch esse simbolizzano lacqua. Sole ed acqua significano vita. Il sole fa nascere la vita e lacqua la fa
prosperare .
Cos ogni giorno, mentre Discorre Da Solo andava in cerca di pelli, sua moglie le raschiava, le conciava e
le affumicava. Ed ogni notte i quattro uomini-castoro venivano ad insegnar loro le preghiere, i canti e le
danze che accompagnano nawakosis. Trascorso un certo tempo, i castori dissero: Ora tutto pronto. Ora
avete tutte le pelli ed ora avete la conoscenza. Fate con le pelli, che rappresentano il potere nellacqua, una
sacca, un fagotto magico. Domani notte verremo ancora per lultima volta per dirvi quello che dovete fare .
Come avevano promesso, la notte seguente i castori arrivarono. Portavano con loro la sacra erba selvatica

nawakosis. La punta degli steli era ricoperta di piccoli semi rotondi, e gli uomini castoro misero i semi nella
sacca magica che la donna aveva preparato.
Ora il momento di seminarli , dissero i castori. Non toccate nawakosis prima dessere pronti per
seminarla. Scegliete un posto che non sia n troppo ombroso n troppo soleggiato. Mescolate molta terra
marrone con molta terra nera e mantenete il suolo sgombro. Dite le preghiere che vi abbiamo insegnato.
Quindi tu, Discorre Da Solo, prendi un corno di daino e con la sua punta fai dei buchi nel terreno, un buco
per ogni seme. E tu, sua moglie, usa un cucchiaio di corno di buffalo per far cadere un seme in ciascun buco.
Per tutto quel tempo continuate a cantare le canzoni che vi abbiamo insegnato. Poi danzate entrambi
leggermente su quella terra, pressando gi i semi. Dopo di ci non avete che da attendere che nawakosis
cresca. Ora vi abbiamo insegnato ogni cosa. Ora ce ne andiamo . Quei giovani avvenenti partirono e
mentre se ne stavano andando si mutarono nuovamente in castori.
Discorre Da Solo e sua moglie seminarono la sacra erba selvatica come era stato loro insegnato ed i
quattro fratelli sciamani si dissero lun laltro: Che cosa staranno seminando Discorre Da Solo e sua
moglie? Le loro canzoni hanno un suono familiare . Cos inviarono qualcuno ad indagare e quella persona
torn indietro dicendo: Stanno seminando nawakosis e lo fanno in modo sacro .
I quattro potenti uomini si misero a ridere. No, non pu essere. una qualche pianta di nessuna utilit
che stanno seminando. Oltre a noi nessuno pu seminare nawakosis. Oltre a noi nessuno la pu usare. Oltre
a noi nessuno possiede il suo potere. Ma quando venne il tempo di raccogliere il nawakosis, una grande
grandinata distrusse lappezzamento segreto di tabacco dei quattro fratelli stregoni. Niente fu lasciato,
nemmeno un solo seme fu salvato. Essi si dissero lun laltro: Forse quelluomo e sua moglie hanno
seminato per davvero del nawakosis. Forse la grandine non ha distrutto il loro appezzamento di tabacco .
Ancora una volta i quattro fratelli inviarono qualcuno ad indagare e quella persona torn indietro dicendo:
Quelluomo e sua moglie non hanno grandine sul loro campo. Ecco che cosa stanno coltivando ; e mostr
ai fratelli alcune foglie. proprio nawakosis , dissero, scuotendo la testa per la meraviglia.
Cos con laiuto del popolo dei castori, Discorre Da Solo e sua moglie portarono il sacro tabacco alle trib
che da allora lo hanno sempre fumato in modo sacro.
Ripresa da alcune fonti del diciannovesimo secolo.

COME LANTENATO PEYOTE ARRIV AL POPOLO DEGLI INDIANI (Sioux


Brul)
Una pratica diffusa in molte trib indiane la ricerca di una visione, mediante la quale un individuo
aspira ad ottenere un potere spirituale. La pianta del peyote sovente usata dai Sioux e dai Cheyenne in
rituali come il bagno di vapore, una veglia solitaria, lofferta della carne associati con una tale
ricerca. La pianta sovente considerata uno spirito umano ed un sacramento nella Chiesa Nativa
Americana, fondata da un capo Comanche nel secolo scorso. Henry Cane Corvo, il padre delluomo che
raccont questa storia, fu tra coloro che introdussero la religione peyote tra i Sioux negli anni 20.
Questo il modo in cui lAntenato Peyote arriv al popolo degli Indiani. Molto tempo fa, prima dell'arrivo
delluomo bianco, cera una trib che viveva lontano, a sud dei Sioux, in una terra di deserti ed altipiani
rocciosi. Questa gente soffriva di una certa malattia e molte persone ne morivano. Una vecchia sogn che
avrebbe trovato unerba, una radice, la quale avrebbe salvato il suo popolo.
La donna era vecchia e debole ma, portando con s la nipotina, and alla ricerca duna visione per
apprendere come trovare quella sacra erba. Le due donne si allontanarono dal campo sino a che non si
persero. Arrivate sulla cima di una collina solitaria, la nonna costru un riparo di frasche per s e per la
bimba. Senza acqua n cibo erano deboli; e come la notte cadde, non sapendo cosa fare, si raggomitolarono
luna accanto allaltra.
Allimprovviso sentirono il batter dali dun enorme uccello, unaquila che volava da est verso ovest. La
vecchia alz le braccia ed indirizz una preghiera allaquila affinch le donasse saggezza e potenza. Verso il
mattino esse videro la figura di un uomo ondeggiare nellaria circa quattro passi sopra la loro testa. La donna
ud una voce: Tu vuoi acqua e cibo e non sai dove trovarli. Ho una magia da darti. Ti aiuter .
Il braccio delluomo indicava un punto sul terreno che distava circa cinque passi da dove la vecchia era

seduta. Lei guard e vide una pianta di peyote, una grande Pianta Peyote Antenato che aveva sedici
segmenti. Non sapeva cosa fosse, ma prese il coltello dosso e tagli via la parte verde e ne usc un umore, il
succo del peyote, lacqua della vita. La vecchia e la nipote lo bevvero e si sentirono rinvigorite.
Il sole tramont ancora ed arriv la seconda notte. La vecchia pregava lo spirito: Sto sacrificando me
stessa per la gente. Abbi piet di me. Aiutami! .
E la figura delluomo apparve ancora, librandosi sopra di lei come prima ed ella ud una voce che diceva:
Tu sei persa ora, ma troverai ancora la tua gente e la salverai. Dopo che il sole sar sorto per altre due
volte, la troverai .
La nonna mangi ancora un po di quel sacro farmaco e ne diede un po alla bimba. E per mezzo di
quellerba un potere entr in loro, donando conoscenza, comprensione ed una sacra visione. Sperimentando
questo nuovo potere, la vecchia e la nipote rimasero sveglie tutta la notte. Tuttavia, il mattino, quando il sole
sorse e brill sopra la sacca di pelle con il peyote, la vecchia si sent forte e disse: Nipote, prega con questa
nuova erba. Non ha bocca, ma mi sta dicendo molte cose .
Durante la terza notte lo spirito torn ancora ed insegn alla vecchia come mostrare al suo popolo il modo
appropriato di usare il farmaco. Ma il mattino quando si alz, lei pens tra s e s: Questa sola pianta non
pu salvare il mio popolo. Sar la sola erba del genere esistente al mondo? Come posso trovarne altre? .
Poi ud molte piccole voci che gridavano: Quass, vieni quass. Io sono una da raccogliere . Erano le
piante di peyote che la guidavano ai loro luoghi nascosti tra cespugli spinosi e screpolature. E cos la vecchia
e la fanciulla raccolsero le erbe e ne riempirono la sacca di pelle che avevano con loro.
Al cader della notte videro ancora una volta luomo spirito che si stagliava contro il sole calante. Egli
indicava la via che le avrebbe riportate rapidamente al campo. E bench non avessero toccato cibo n acqua
per quattro giorni e quattro notti, il sacro farmaco aveva dato loro coraggio e risolutezza.
Quando arrivarono al villaggio i loro parenti furono felici di riaverle, ma tutti quanti erano ancora malati e
molti stavano morendo. La vecchia disse alla gente: Vi ho portato un nuovo sacro farmaco che vi aiuter.
Poi mostr agli uomini come usare quel pejuta, quellerba santa. Lo spirito le aveva insegnato il rituale ed
il farmaco le aveva dato la conoscenza di tutto il potere della mente che contenuta in esso. Seguendo i suoi
ordini, gli uomini alzarono una tenda ed accesero un fuoco. A quel tempo non cera un capo, uno che fosse
capace dindicare la via, che li guidasse, e la gente doveva imparare dal nulla, passo dopo passo, come
eseguire le cerimonie.
Tutti, uomini e donne, vecchi e giovani, mangiarono quattro punte del nuovo farmaco. Un lattante
ricevette il potere del peyote attraverso il latte della madre. Stava succhiandosi la mano e cominci a
scuoterla come un sonaglio di zucca.
Un uomo che era seduto allingresso della tenda, al solo guardare il braccio del bimbo, ricevette lispirazione
per creare una canzone.
Uno sciamano prese un sonaglio di ruvida pelle e cominci a scuoterlo. Le piccole pietre che erano
allinterno del sonaglio erano la voce dellAntenato Peyote ed ognuno comprese quello che stava dicendo.
Un altro uomo afferr un tamburo e cominci a batterlo, seguendo il tempo del canto e della voce che
provenivano dal sonaglio. Il suono del tamburo era buono, ma non aveva ancora il suono giusto perch in
quella prima cerimonia non vera ancora dellacqua dentro il tamburo.
Una donna sent lo spirito dirle di cercare il legno della pianta del cotone. Dopo che il sole si fu levato,
tutta la gente la segu mentre sincamminava verso ovest, guidata dallAntenato Peyote. Essi videro uno
scoiattolo saltar fuori da un buco che era in un albero completamente secco e compresero che quello era il
sacro legno dellalbero del cotone.
Abbatterono lalbero e svuotarono il tronco, come per farne un tamburo, proprio nel punto dove si trovava
la tana dello scoiattolo. Su invito della donna, lo riempirono poi di fresca acqua di sorgente, lacqua della
vita.
Sulla via del ritorno, un uomo sent una forza dirgli di raccogliere cinque pietre rotonde levigate e di
coprire il tamburo con un pezzo di pelle di alce conciata. Us le pietre per creare delle sporgenze intorno
allorlo del tamburo, in modo da poter fissare la pelle al tamburo stesso con delle rozze cinghie di pelle. E
quando batt il tamburo, il suono era buono, come se uno spirito se ne fosse impossessato.
Quando venne la notte, la gente accese un fuoco allinterno delle tende e prese ancora il farmaco. Guidata
dal potere del peyote, la vecchia osserv le fiamme e vide un cuore, simile alla foglia dalla forma di cuore
dellalbero del cotone. E cos apprese che il Grande Spirito, che era anche lAntenato Peyote, voleva dare il
suo cuore ai pellerossa di questo continente. Disse poi alluomo che badava al fuoco di disporre i tizzoni
ardenti a forma di cuore e tutta la gente vide quel cuore battere con lo stesso ritmo del tamburo. Un po pi

tardi, un aiutante che era posseduto dallo spirito vide la fune di pelle formare una stella alla base del
tamburo. Egli dispose i carboni ardenti del fuoco a forma di stella e poi di luna, perch il potere delle stelle e
lo spirito della luna erano venuti nella tenda.
Un uomo che era seduto dallaltro lato della porta ebbe una visione nella quale gli fu detto di chiedere
dellacqua. La vecchia port una sacca di pelle con dellacqua fredda e fresca; tutti bevvero e facendo ci
furono posseduti. Sentendo lo spirito dellacqua, luomo che era incaricato di accudire al fuoco form con i
tizzoni il profilo di un uccello acquatico e da allora luccello acquatico divenne il simbolo principale del
santo farmaco.
Intorno al fuoco quelluomo fece una mezza luna con della terra e con un dito tracci un solco lungo tutto
il bordo, form cos una strada, la strada della vita. Disse che chiunque possieda il dono wacankiyapi, che
significa provare amore ed affetto per la gente, dovrebbe sedere proprio l. E da quel giorno in poi, luomo
che dirige unassemblea chiamato colui che indica la via .
in questo modo che la gente fece il primo altare del peyote; e dopo che essi ebbero bevuto lacqua,
ringraziarono il peyote. Osservando il fuoco nella forma del sacro uccello acquatico, essi pregarono nelle
quattro direzioni e qualcuno sparse dei rami di cedro sul fuoco. Il fragrante, aromatico fumo era il respiro
dellAntenato Peyote, lo spirito di tutti i vegetali e di ogni cosa che cresce.
Ora il popolo aveva tutto ci di cui aveva bisogno: la sacra erba, il tamburo, la zucca, il fuoco, lacqua, il
cedro. Da allora essi impararono a conoscere se stessi. Le loro malattie furono curate, e ringraziarono la
vecchia e la sua nipotina per aver portato loro quella benedizione. Essi erano la nazione Comanche e da essa
il culto dellerba sacra si diffuse a tutte le trib della terraferma.
Raccontata da Leonard Cane Corvo a Winner, Riserva Indiana di Rosebud,
Sud Dakota, nel 1970.

LA RICERCA DUNA VISIONE (Sioux Brul)


La ricerca duna visione una tradizione dei popoli delle Praterie. Un uomo od una donna che
desiderino dare un senso alle scelte della loro vita, o cercare di ottenere una risposta ai loro problemi
esistenziali, possono decidere di andare alla ricerca duna visione per essere illuminati o per acquisire
una migliore conoscenza di se stessi. Questo pu significare dover stare sulla cima di una collina o
dentro un apposita fossa, soli, senza cibo n acqua, per un periodo di tempo che pu durare anche
quattro giorni e quattro notti. duro, ma se le voci degli spiriti rivelano o concedono una visione che
plasmi la vita di una persona, allora certamente valsa la pena di sopportare tutte quelle sofferenze per
la ricerca.
La leggenda che segue, tuttavia, parla della ricerca duna visione con minore solennit, con la
caratteristica arguzia dello sciamano Sioux Cervo Zoppo.
Un giovane volle andare a una hanbleceya, o ricerca duna visione, nella speranza di avere un sogno che gli
donasse il potere di un grande sciamano. Avendo unalta opinione di se stesso, egli si sentiva sicuro di essere
destinato a divenire grande tra il suo popolo e che la sola cosa che gli mancasse era una visione.
Il giovane era audace e coraggioso, desideroso di andare sulla cima di una montagna. Era stato educato da
genitori buoni ed onesti, saggi secondo gli antichi costumi e che pregavano per lui. Durante tutto linverno
essi sindaffararono a prepararlo, nutrirlo con wasna, grano, e molta buona carne per renderlo forte. Ad ogni
pasto mettevano da parte qualcosa per gli spiriti affinch lo aiutassero ad avere una grande visione. I suoi
genitori pensavano che avesse gi il potere, persino prima di andare lass, ma che stesse mettendo il carro
davanti al cavallo, o piuttosto il basto davanti al cavallo, secondo una favola indiana.
Alla fine, una bella mattina della tarda primavera, part per la sua ricerca. Lerba era alta, le foglie erano
spuntate, la natura nel pieno rigoglio. Due sciamani lo accompagnarono. Essi alzarono una capanna per il
bagno di vapore affinch si purificasse nel bollente, bianco respiro del sacro vapore. Lo santificarono con
lincenso di erbe profumate, soffregando il suo corpo con della salvia, facendogli vento con unala di aquila.
Lo accompagnarono sulla cima della collina per preparare la fossa della visione e fare unofferta di un fascio
di foglie di tabacco. Quindi dissero al giovane di piangere, di umiliarsi, di chiedere la santit, di implorare
dottenere la forza, un segno del Grande Spirito, il dono di divenire sciamano. E dopo che essi ebbero fatto
tutto quello che potevano, lo lasciarono l, solo.

Pass la prima notte nella buca che gli sciamani avevano scavato per lui, tremando e gridando ad alta
voce. La paura
lo tenne sveglio e tuttavia era vanitoso, pronto a lottare con gli spiriti per la visione, per il potere che voleva.
Ma nessun sogno venne a liberare la sua mente. Verso il mattino, prima che il sole si alzasse, nel turbinio
della bianca bruma dellalba ud una voce. Parlando da nessuna particolare direzione, come se provenisse da
diversi luoghi, disse: Guarda qui, giovane uomo, ci sono altri luoghi che avresti potuto scegliere; ci sono
altre colline nei dintorni. Perch non vai l ad implorare un sogno? Ci hai disturbato tutta la notte, tutte noi
creami e, animali ed uccelli; tieni svegli persino gli alberi. Non abbiamo potuto dormire. Perch dovevi
piangere proprio qui? Tu sei un fragile giovane uomo, non ancora pronto o meritevole di ricevere una
visione.
Ma il giovane strinse i denti, deciso a persistere, risoluto a forzare la visione ad apparire. Trascorse un
altro giorno nella fossa, supplicando unilluminazione che non voleva venire, e quindi unaltra notte di
paura, freddo e fame.
Il giovane url per il terrore. Era paralizzato dalla paura, incapace a muoversi. Un macigno stava cadendo
frantumando ogni cosa che era in vista. Torreggi sulla fossa della visione, ma proprio quando era alla
distanza di un braccio e sul punto di schiacciarlo, si ferm. Poi, mentre il giovane lo fissava con la bocca
spalancata, i capelli dritti e gli occhi fuori dalle orbite, il macigno rotol su verso la montagna, ripercorrendo
il cammino sino alla cima. Non poteva credere a quello che vedeva. Stava ancora codardamente immobile
quando ud di nuovo il boato ed il vagare di quellimmenso macigno e lo vide venir gi su di lui ancora una
volta. Questa volta per riusc allultimo momento a saltar fuori dalla fossa della visione. Il macigno la
fracass, la cancell, mandando in polvere la pipa della pace ed il sonaglio di zucca del giovane.
Di nuovo il macigno rotol su per la montagna e di nuovo venne gi. Me ne sto andando, me ne sto
andando! url
il giovane. Riprendendo la capacit di movimento, pi presto che pot, and gi a tentoni dalla collina.
Questa volta il macigno rotol a grandi balzi proprio su di lui, rimbalzando gi per il pendio, fracassando e
polverizzando ogni cosa sulla sua strada. Egli corse gi nascondendosi, incespicando, cadendo e rialzandosi
di nuovo. Non si accorse nemmeno che il macigno era rotolato su ancora una volta e che per la quarta volta
stava cadendo gi. In questultima e pi terribile discesa vol in aria con un balzo gigantesco, toccando il
suolo proprio di fronte a lui e sprofondando talmente nel terreno che se ne poteva vedere solo la punta. La
terra si scosse come un cane bagnato che esca da un fiume e scagli il giovane di qua e di l.
Sparuto, contuso e scosso, incespic gi sino al villaggio. Agli sciamani disse: Non ho avuto nessuna
visione e non ho ottenuto nessuna conoscenza . Ritorn alla fossa e quando vi arriv allalba ud ancora la
voce: Smettila di disturbarci; vai via! . La stessa cosa accadde la terza mattina. Ma questa volta era
debole per la fame, la sete e lansia. Persino laria sembrava opprimerlo, combatterlo. Ansimava. Sentiva lo
stomaco accartocciarsi, contrarsi ed aderire alla spina dorsale. Ma era deciso a sopportare per unaltra notte,
la

quarta e lultima. Certamente la visione sarebbe venuta. E di nuovo la invoc nel buio e nella solitudine
sino a che fu rauco; ma non fece alcun sogno.
Proprio prima dello spuntar del giorno ud di nuovo la stessa voce, molto arrabbiata: Perch sei ancora
qui? . Comprese allora di aver sofferto invano; ora avrebbe dovuto ritornare alla sua gente e confessare di
non aver ricevuto n potere n conoscenza. La cosa che poteva dir loro era che tu t t o quello che aveva
ottenuto erano degli schiamazzi ogni mattina. Triste e di cattivo umore, replic: Non posso aiut a r m i ;
questo il mio ultimo giorno e mi sto struggendo in lacrime. Lo so che mi hai detto di andare a casa, ma
chi sei tu per darmi ordini? Non ti conosco. Rester sino a che i miei zii non mi verranno a cercare, che ti
piaccia o n o .
S u b i t o si ud un sordo rumore provenire da unaltra pi grande montagna che si ergeva dietro la
collina. Divenne un potente boato e tutta la collina trem. Il vento cominci a soffiare. Il giovane guard su
e vide un macigno posato sulla sommit della montagna. Vide un fulmine colpirlo, lo vide oscillare.
Lentamente il macigno si mosse. Sulle prime lentamente, poi sempre pi veloce, venne gi precipitando
lungo il fianco della montagna, scuotendo la terra, spezzando enormi alberi come se fossero ramoscelli. E il
macigno stava venendo dritto su di lui! Ho fatto arrabbiare gli spiriti. stato tutto per nulla.
Bene, hai scoperto una cosa , disse il pi anziano dei due sciamani, che era suo zio. Hai rincorso la
tua visione come un cacciatore dietro un buffalo, od un guerriero dietro uno scalpo. Stavi combattendo gli
spiriti. Hai pensato che essi ti dovessero una visione. Soffrire da soli non porta alcuna visione, n la ottiene il
coraggio e neppure la d la mera volont di potere. Una visione viene come un dono che nasce dallumilt,
dalla saggezza e dalla pazienza. Se dalla tua ricerca di una visione non hai imparato altro che questo, allora
tu hai gi imparato molto. Pensaci! .
Raccontata da Cervo Zoppo a Winner, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, nel 1967, e registrata da Richard Erdoes.

PARTE SECONDA

Il luogo dellapparizione
Racconti della creazione del mondo

Il mondo non sempre stato come noi oggi lo conosciamo, ed i miti che ne descrivono la creazione sono
associati con quelli del sorgere della cultura (ed altrettanto vari). Per quasi tutte le trib, lambiente
primordiale era pieno dacqua, dalla quale vari esseri viventi trassero su del fango per creare la terra. Nelle
leggende sudoccidentali, quattro o cinque mondi di diversi colori od elementi sono collegati uno alla cima
dellaltro e la gente, scalando una canna o passando attraverso un buco praticato nel soffitto di un mondo che
muore, entra in quello successivo appena sorto. I popoli del Nordovest raccontano che discesero dal cielo nel
mondo attuale passando attraverso un buco (che richiama quello della tenda per lo sfogo del fumo).
Innumerevoli personaggi entrano nellazione: veri di e spiriti; mostri e draghi; alci, orsi, aquile ed altri
uccelli. Persino il Coyote briccone tenta di fare qualcosa per la creazione.
Il mito della creazione degli Irochesi, simile a quelli di molte altre culture, combina alcuni di questi
elementi. La figlia del Capo del Cielo spinta gi, attraverso un buco aperto nel cielo, in un mondo coperto
dalle acque, ma salvata dallannegamento dalla gallinella dacqua, la quale convince la tartaruga gigante,
che al di sotto, di darle asilo. Il rospo simmerge in cerca di fango e crea la terra sul dorso di una tartaruga
gigante. questa figlia che, fecondata dal vento dellovest, d alla luce il mite, creativo Tsentsa ed il suo
crudele fratello, Taweskare, che uccide la madre al momento del parto aprendosi a calci un varco nel suo
fianco.
I gemelli nei quali sono riuniti sia il bene che il male ricorrono in tutto il continente. Tra gli Yuma,
Kokomaht, il padre di tutti, che buono, mentre suo fratello cieco, il sotterraneo Bakothal, personifica il
male. I gemelli possono anche essere due fanciulle, o un fratello ed una sorella. Manabozho, Coniglio
Bianco, leroe della creazione della regione dei Grandi Laghi; egli pure uno dei due in una coppia di
gemelli che sono sia animali che esseri umani e suo fratello il Lupo.
Nella regione della California, leroe culturale pu ritrovarsi a galleggiare con un battello nel caos delle
acque primordiali. Invia animali ad immergersi sul fondo per raccogliere un pugno di fango e crea con
quello il mondo attuale. Egli crea anche un altro personaggio, quasi sempre il Coyote, che modella luomo
alternativamente dal legno o dallargilla e gli d la vita. Poi crea gli animali, ed allora il mondo in ordine.
Un tema dominante pure il furto della luce o del fuoco, cos come lo la creazione della topografia della
terra.
Nel Nord Pacifico e negli altipiani ad est delle Montagne Rocciose sino alle Cascate, numerosi eroi
agiscono attraverso un analogo ciclo di eventi. Dal limite meridionale dellIsola di Vancouver in su, verso
nord, leroe il Corvo; nellarea del Golfo di Georgia il Visone; e nellOregon e nello Stato di Washington
la Ghiandaia blu. Il ciclo si apre con la nascita di un bimbo concepito spiritualmente che poi adottato da
un capo. I miti seguono le sue avventure mentre ruba il fuoco, la luce, lacqua e gli animali per il suo popolo,
e d agli animali ed agli oggetti la forma che oggi hanno.
Nel Sudovest i miti della creazione sono strettamente collegati ad un complesso cerimoniale che distingue
queste trib da quelle del resto del Nord America. Abbiamo gi visto leggende che descrivono lorigine di
cerimonie, come ad esempio quella della danza del granoturco. Nei racconti della creazione del Sudovest la
vita emerge da mondi inferiori, con la gente che modellata dalla pelle del creatore. Anche qui vi sono eroi
gemelli e combattimenti contro mostri primordiali.
Temi ed immagini della creazione ricorrenti sono diffusi in tutto il Nord America, poich i miti
emigravano altrettanto liberamente che la gente. Il tema di unacqua primordiale che ricopriva una terra non
ancora creata forse quello predominante; lo si ritrova in ogni area, mentre soltanto il Sudovest privo
dellepisodio di una creatura che simmerge e che crea la terra con del fango. Le regioni della California e
del Sudovest condividono leggende che parlano degli originari genitori del mondo, la Terra e il Cielo, e della
creazione degli uomini dallo strofinamento di una pelle. Tra le trib ad ovest del Mississippi un tema
importante la determinazione delle stagioni, ed in tutto il continente vi sono molti racconti che descrivono
come furono creati i quattro venti. Mentre i racconti di un creatore e della formazione delluniverso (che
seguono nella Parte Terza) tendono ad essere pi frammentari, c al contrario un chiaro ed universale
interesse per linizio dellumanit e per la fondazione del mondo nel quale vivono gli esseri umani.

IL GEMELLO BUONO E IL GEMELLO MALVAGIO (Yuma)


Ecco come il tutto ebbe inizio. Cera soltanto acqua: non cera cielo, non cera terra, solo il nulla. Quindi
una bruma sorse dalle acque e divenne il cielo. Ma non cera ancora il sole, n la luna, n le stelle: solo

oscurit. Ma gi nel fondo del mare viveva Kokomaht, il Creatore. Non aveva corpo, nome, respiro, moto,
ed era composto di due esseri, due gemelli.
Poi le acque si agitarono e cominciarono a scorrere impetuosamente e rumoreggiarono e dagli spruzzi e
dalla schiuma usci fuori il primo gemello, il gemello buono. Con gli occhi chiusi si afferr alle onde e venne
in superfice. Rimase sopra le acque, aperse gli occhi e vide. Allora chiam se stesso Kokomaht, il Padre di
Tutto.
E da sotto le acque una seconda voce grid a Kokomaht: Fratello, come hai fatto a salire? Con gli occhi
aperti o con gli occhi chiusi? .
Bakotahl era il gemello malvagio e Kokomaht voleva fare in modo che fosse pi difficile per lui fare del
danno. Cos Kokomaht gli ment dicendo: Mentre ero sotto le acque, ho aperto gli occhi . Il secondo
gemello, mentre stava salendo, aperse gli occhi e quando arriv in superfice divenne cieco. Kokomaht disse:
Ti chiamer Bakotahl, il Cieco .
Poi Kokomaht disse: Ora far le quattro direzioni . Indic con il dito e fece quattro passi, camminando
sullacqua. Quindi si ferm un momento e disse: Oh, questo il nord . Quindi torn al suo punto di
partenza ed allo stesso modo fece lovest, il sud e lest, facendo sempre quattro passi in ciascuna direzione e
ritornando sempre al centro.
Ora , disse Kokomaht, far la terra .
Il cieco Bakotahl rispose: Non penso che tu abbia il potere di farlo .
Certo che lho, disse Kokomaht.
Lascia che provi io per primo , chiese Bakotahl.
No di certo , replic Kokomaht.
Kokomaht rimescol le acque con la mano sino a farne uno schiumoso vortice. Esse spumeggiarono,
singrossarono e gorgogliarono, e quando si calmarono cera una terra. E Kokomaht si sedette su di essa.
Bakotahl era arrabbiato perch gli sarebbe piaciuto creare la terra, ma non disse niente e si mise gi
accanto a Kokomath. Il Malvagio Cieco disse fra s: Far qualcosa che abbia testa, braccia e gambe. Posso
farla con la terra . Bakotahl plasm qualcosa che sembrava un essere umano, ma era imperfetto. Invece di
mani e piedi aveva delle protuberanze; non aveva n dita della mano n dita del piede. Bakotahl lo nascose a
Kokomaht.
Quindi Kokomaht disse: Sento di dover fare qualcosa . Prese del fango e gli diede la forma di un essere
che era perfetto. Aveva mani e piedi e dita, e persino le unghie. Kokomaht ondeggi questo essere per
quattro volte verso il nord e quindi lo mise in piedi. Si muoveva, camminava, era vivo: era un uomo. Nello
stesso modo Kokomaht fece un altro essere ed era vivo: era una donna.
Bakotahl continu a tentare di fare esseri umani, rabberciando insieme sette esseri fatti con la terra. Tutti
erano imperfetti. Che cosa stai facendo? domand Kokomaht.
Gente , rispose Bakotahl.
Tocca qui , disse Kokomaht, questa gente che ho fatto. I tuoi esseri non hanno n mani n piedi.
Tocca qui; i miei hanno dita, pollici per lavorare, per modellare cose, per tirare con gli archi, per raccogliere
frutta . Kokomaht esamin gli esseri che Bakotahl aveva fatto. Questi non sono buoni , disse e li
frantum in mille pezzi. Bakotahl fu cos arrabbiato che simmerse gi nelle profondit marine tra brontoli e
rumoreggiamenti. Dagli abissi mand su il turbine, portatore di tutti i mali. Kokomaht and incontro al
turbine e lo uccise, ad eccezione di un piccolo soffio che scivol fuori da sotto i suoi piedi. In esso erano
racchiuse tutte le malattie che al giorno doggi affliggono lumanit.
E cos Kokomaht rimase solo, se si eccettuano i due esseri che aveva fatto. Questi erano gli Yuma, ed allo
stesso modo con il quale li aveva creati, Kokomaht fece ora i Cocopa, i Diegueno ed i Mohave. Egli li cre a
coppie. Poi si ripos. Aveva creato quattro trib. Dopo essersi riposato, fece altre quattro trib: gli Apache, i
Maricopa, i Pima ed i Coahuiltechi. In tutto, aveva creato ventiquattro generi di popoli.
I bianchi li lasci per ultimi.
Quello che era stato fatto per primo, luomo Yuma, disse a Kokomaht: Insegnaci a vivere .
Dovete imparare come proliferare , disse Kokomaht. E per insegnar loro come fare, gener un figlio.
Lo gener dal nulla, senza laiuto di una donna, e lo chiam Komashtamho. Disse agli uomini ed alle donne
di non vivere separati, ma di unirsi insieme e di allevare bambini.
Ma mancava ancora qualcosa. troppo buio , disse Kokomaht. Dovrebbe esserci della luce . Cos
fece la luna, la stella del mattino e tutte le altre stelle. Quindi disse: Il mio compito terminato. Quello che
non ho fatto, lo porter a termine mio figlio Komashtamho .
Ebbene, tra gli esseri viventi che Kokomaht aveva fatto cera Hanyi, la Rana. Era potente; il fuoco non

riusciva a distruggerla. Essa invidiava il potere di Kokomaht e pens di distruggerlo. Kokomaht lo sapeva,
perch conosceva i pensieri di tutti gli esseri viventi che aveva creato, ma disse fra s: Ho insegnato alla
gente come vivere. Ora devo insegnar loro come morire, perch senza la morte presto ci sar troppa gente su
questa terra. Perci lascer che la Rana mi uccida .
Hanyi scav al di sotto del punto dove si trovava Kokomaht ed attraverso un buco che aveva fatto nella
terra ne succhi il respiro dal corpo. Allora Kokomaht si ammal e si distese per morire. Quindi chiam
intorno a s tutta la gente e tutti arrivarono, ad eccezione delluomo bianco che rimase per conto suo
nellOvest.
Luomo bianco si lamentava perch aveva i capelli sbiaditi ed arricciati, e la pelle pallida e slavata.
Luomo bianco era sempre imbronciato ed egoista. Ogni cosa che vedeva, doveva averla subito per s. Era
stato creato infantile ed avido. Komashtamho, stanco di udire luomo bianco lamentarsi, and da lui e leg
insieme due bastoni a forma di croce. Qua, smetti di lamentarti , disse. Qui c qualcosa per te da
cavalcare . Luomo bianco si mise a cavalcioni di quei due bastoni ed essi si mutarono in un cavallo, e cos
lavido fu soddisfatto... per un po.
Ora, per lultima volta, Kokomaht insegn alla gente. Imparate a morire, disse loro e spir.
Devo fare quello che mio padre non ha potuto finire , disse Komashtamho. Si sput sulla mano e con
la saliva fece un disco. Lo prese e lo lanci su nel cielo, verso est. Cominci a brillare. Questo il sole ,
disse Komashtamho alla gente. Osservatelo muovere; osservatelo illuminare il mondo .
Poi Komashtamho si prepar a cremare il corpo di suo padre, ma poich non verano ancora alberi, non
aveva legna. Komashtamho grid: Legno, sorgi! Legno, vivi! Legno, vieni qui dove mi trovo . Il legno
arriv da ogni parte e si dispose in una grande pira funeraria.
Prima di morire, Kokomaht aveva detto al Coyote: Amico, prendi il mio cuore. Sii fedele. Fai
quello che ti dico . Il Coyote fraintese Kokomaht e pens di dover mangiare il cuore. Komashtamho
lo sapeva perch sapeva leggere nella mente del Coyote. Cos disse al Coyote: Vai a prendere una
scintilla del sole per accendere un fuoco .
Non appena il Coyote fu partito, Komashtamho prese un bastone appuntito e lo fece girare in un po
di legna tenera sino a che non sfavill una fiamma. Guardate, mia gente , disse, questo il modo
per fare il fuoco. Svelti ora, prima che il Coyote ritorni . E, dette queste parole, accese la pira
funeraria. La gente non alzava lamenti per la morte di Kokomaht perch non conosceva ancora che cosa
fosse la morte. Ma prima che le fiamme avessero consumato il corpo, il Coyote ritorn e svelto come il
lampo salt sulla pira ed afferr il cuore di Kokomaht. Poi corse via con quello, e bench tutti gli altri
animali e tutta la gente corressero ad inseguirlo, egli era troppo veloce per loro.
Komashtamho grid dietro al Coyote: Hai fatto qualcosa

di cattivo. Non combinerai mai niente. Sarai un essere selvaggio senza una casa per viverci. Vivrai rubando,
e per il tuo furto la gente ti uccider.
Dopo che il corpo di Kokomaht fu bruciato, la gente domand a Komashtamho: Quando ritorner
Kokomaht? .
Non torner pi , rispose loro. morto. Ha lasciato che lo si uccidesse perch se avesse continuato a
vivere anche voi avreste voluto vivere per sempre e presto non ci sarebbe stato pi posto per tutti su questa
terra. Cos dora in avanti un giorno tutti dovranno morire .
Allora tutta la gente cominci ad elevare lamenti. Essi piangevano per Kokomaht e per se stessi. Non

volevano credere che non sarebbe mai pi tornato. Mentre sedevano affliggendosi, videro un piccolo turbine
simile ad un demonio di cenere sollevarsi dal luogo dove Kokomaht era stato bruciato. Che cos? Che
cosa pu essere? gridarono.
Komashtamho disse loro: lo spirito di Kokomaht. Il suo corpo morto, ma la sua anima viva.
Andr in qualche luogo nord o sud, est od ovest il suo spirito abiter in qualche parte della terra. Non
sar mai stanco, non avr mai fame o sete; e bench noi si pianga perch morto, lo spirito di Kokomaht
sar per sempre felice .
E Komashtamho istru la gente sulla natura della morte. Quando morirete, raggiungerete quelli tra
coloro che amate che sono andati prima di voi. Voi sarete di nuovo giovani e forti, malgrado che nel giorno
della morte siate stati vecchi e deboli. Nella terra delle anime il grano crescer e tutti saranno felici, sia che
fossero buoni o cattivi quando erano vivi. La morte quindi non qualcosa di cui si debba aver paura . E
quando essi udirono ci, smisero di piangere e sorrisero di nuovo.
Poi Komashtamho scelse un uomo, Marhokuvek, perch lo aiutasse a mettere il mondo in ordine. La
prima cosa che Marhokuvek fece fu di dire: Oh, gente, come primo segno di lutto per la morte di vostro
padre Kokomaht, vi dovrete tagliare i capelli . Allora tutta la gente, gli animali e gli uccelli fecero come era
stato detto loro di fare. In quel tempo anche gli animali erano persone: sembravano esseri umani. Ma quando
Komashtamho li vide disse: Questi animali e questi uccelli non hanno un bellaspetto con i capelli corti ,
e li mut in coyote e cervi, in tacchini selvatici e corridori di strade, negli animali ed uccelli che abbiamo
oggi.
Dopo un certo tempo, Komashtamho fece cadere una grande pioggia, una di quelle che non smettono
mai. Ci fu uninondazione e molti animali annegarono. Marhokuvek si allarm. Komashtamho, cosa stai
facendo? grid.
Alcuni di quegli animali sono troppo selvaggi. Alcuni hanno denti ed unghie enormi e sono pericolosi.
Inoltre, ce ne sono troppi. Cos li sto uccidendo con questo diluvio .
No, Komashtamho, arresta il diluvio , implor Marhokuvek. La gente ha bisogno per procurarsi il
cibo che ci siano molti di questi animali. A loro piace ascoltare il canto degli uccelli. Pioggia e diluvio
rendono il mondo troppo freddo e la gente non lo sopporta .
E cos Komashtamho accese un grande fuoco per far evaporare le acque. Il fuoco fu cos ardente ed
eccessivo che persino Komashtamho si bruci leggermente. Da allora i deserti qui intorno sono caldi e la
gente si abituata al calore.
Dopo di che, radun la gente e disse loro: Laggi c la casa di vostro padre Kokomaht. Dobbiamo
abbatterla, per fare in modo che quando un uomo muore, gli spiriti della sua casa e di tutto ci che gli
apparteneva lo possano seguire alla terra dei morti. Per questo gli uomini devono distruggere tutte le cose
che il defunto possedeva in questa vita, perch i loro spiriti possano servirlo nellaltro mondo. Per lo stesso
motivo, dopo che un uomo morto, non bene desiderare le cose che usava per s. Uno vede la sua casa,
ma colui che vi abitava andato. Uno vede la sua olla dellacqua, ma colui che la possedeva non pi qui
per portarla alle labbra. Ci rende tristi, e ci si ammala di dolore e di bramosia. Perci voi gente Yuma
dovete sempre bruciare la casa ed i beni di colui che muore, e dovete trasferirvi in unaltra dimora dove non
v niente che vi ricordi il morto. E non menzionate mai il nome di colui che andato. Egli appartiene ad
unaltra vita, mentre voi dovete iniziarne una nuova . E da quel tempo in poi gli Yuma hanno seguito questi
precetti.
Komashtamho prese un enorme palo, sfasci la casa di Kokomaht e sradic il terreno sulla quale si
posava. Lacqua che zampill dal solco tracciato con il palo divenne il Fiume Colorado. Ed in esso
nuotarono gli esseri viventi che Bakotahl il Malvagio Cieco aveva plasmato, le creature senza mani n
piedi n dita. Questi erano i pesci e gli altri animali acquatici.
Ebbene Kahk, il Corvo, era un buon piantatore e mietitore. Egli port del grano ed ogni altro genere di
utile semenza dai quattro angoli del mondo. Vol verso sud alla grande acqua, fermandosi quattro volte
lungo il percorso e gridando: Kahk, kahk! . Ed ogni volta che lo fece, spunt una grande montagna.
Quando poi linondazione del fiume che Komashtamho aveva causato fu passata, il Corvo port dal sud
molti semi affinch la gente li piantasse.
Le trib erano sparse su tutto il mondo, ma Komashtamho tenne gli Yuma presso di s perch erano il
popolo preferito, quello che amava. Ascoltate attentamente , disse loro. Non posso stare con voi per
sempre. Ora sono uno solo, ma presto diverr quattro. Il mio nome non sar pi Komashtamho. Mi
trasformer in quattro aquile: laquila nera dellovest, laquila marrone del sud, laquila bianca dellest e la
quarta aquila, il cui nome non vista , perch nessun uomo mai riuscito a vederla, neppure di sfuggita .

Quando Komashtamho si fu mutato in quattro aquile, non abit pi tra gli Yuma sotto le sembianze di
uomo. Tuttavia continu a vigilare su di essi e per mezzo dei sogni diede loro il potere che derivava da
Kokomaht. cos che Kokomaht', attraverso Komashtamho, consiglia il popolo e dice loro mentre
dormono: Pensate a me, pensate a quello che vi ho insegnato. Specialmente la gente ammalata dovrebbe
seguire i miei insegnamenti .
Ora Bakotahl, il Malvagio Cieco, sotto la terra e fa cose cattive. Di norma giace laggi quietamente, ma
di tanto in tanto si rivolta. Allora c un gran rumore di tuono, la terra trema e spaccandosi si apre, e crollano
le pareti delle montagne, mentre fiamme e fumo escono dalla loro cima. Allora la gente ha paura e dice: Il
Malvagio Cieco si sta agitando qua sotto .
Ogni cosa che buona viene da Kokomaht, ed ogni cosa malvagia viene da Bakotahl. Questa la storia,
di come fu, di come e di come sar.
Riportata da alcune fonti, tra cui la relazione di Natalie Curtis del 1909.

LA GENESI DEI JICARILLA (Apache Jicarilla)


Allinizio la terra era coperta dacqua, e tutte le cose viventi erano in un mondo sotterraneo. Allora la
gente parlava, gli animali parlavano, gli alberi parlavano e le rocce parlavano.
Cera il buio nellal di l e le penne delle aquile venivano usate come torce. La gente e gli animali diurni
volevano pi luce, ma gli animali notturni lorso, la pantera ed il gufo volevano loscurit. Dopo una
lunga discussione si accordarono per giocare al bottone ed al ditale, e se avessero vinto gli animali diurni vi
sarebbe stata luce, ma se vincevano quelli notturni ci sarebbe stato per sempre il buio.
Il gioco cominci. La gazza e la quaglia, che amavano la luce e che avevano occhi acuti, osservarono sino
a che poterono vedere il bottone attraverso la sottile parete del legnetto cavo che serviva da ditale. In tal
modo la gente seppe dove si trovava il bottone e vinse. La stella del mattino brill e lorso nero corse a
nascondersi nelloscurit. Giocarono ancora e la gente vinse. Cominci a schiarirsi verso est e lorso bruno
corse a nascondersi in un luogo oscuro. Giocarono una terza volta e la gente vinse. Loriente sillumin di
pi ed il leone di montagna se la svign nelloscurit. Giocarono una quarta volta e la gente vinse ancora. Il
sole sorse allest e fu giorno, ed il gufo vol via a nascondersi.
Anche se adesso cera luce, la gente continuava a vedere poco perch viveva nel mondo sommerso. Ma il
sole era abbastanza alto da poter guardare attraverso un buco e scoprire che cera un altro mondo, questa
terra. Lo disse alla gente e tutti volevano salire quass. Essi costruirono quattro tumuli per aiutarsi a
raggiungere il mondo che stava sopra. Ad est fecero un tumulo di terra e vi piantarono ogni genere di frutta e
di bacche dal colore nero. A sud ammassarono un altro tumulo e piantarono ogni genere di frutta blu.
Allovest costruirono un tumulo sul quale piantarono la frutta gialla. A nord piantarono nel tumulo frutta di
vari colori.
I tumuli singrossarono sino a divenire montagne e su di esse fiorirono cespugli e frutta, e maturarono le
bacche. Un giorno due fanciulle si arrampicarono per prendere delle bacche e raccogliere dei fiori da infilarsi
nei capelli. Allimprovviso le montagne smisero di crescere. La gente si stup ed invi il Tornado a scoprirne
la causa. Il Tornado and ovunque e cerc in ogni angolo; alla fine trov le due fanciulle e le riport indietro
al loro popolo. Ma le montagne non crebbero pi e questo il motivo per cui un ragazzo cessa di crescere
quando va con una donna per la prima volta. Se non lo facesse mai, continuerebbe a diventare sempre pi
alto.
Le montagne avevano cessato di crescere quando la loro cima era ancora lontana dal mondo superiore.
Allora la gente cerc di fare una scala con degli strati di piume intrecciate, ma le piume si ruppero sotto il
peso. La gente fece una seconda scala con piume pi grandi, ma queste risultarono ancora troppo deboli.
Fecero una terza scala di piume daquila, ma persino queste non erano in grado di sopportare molto peso.
Allora arriv un buffalo ed offerse il suo corno destro, ed altri tre contribuirono anchessi con i loro corni
destri. Le corna erano robuste e dritte, e con quelle la gente pot arrampicarsi attraverso il buco e
raggiungere la superfice della terra. Ma il peso di tutta quella gente pieg le corna del buffalo, che da allora
rimasero ricurve.
Subito la gente avvolse il sole e la luna in una tela di ragno affinch non potessero pi fuggire, e le
spedirono su nel cielo a far luce. E poich lacqua ricopriva tutta la terra, arrivarono quattro uragani a

spinger via le acque. Luragano nero soffi verso est e spinse le acque nelloceano orientale. Luragano blu
soffi verso sud ed accumul le acque in quella direzione. Luragano giallo accumul le acque ad ovest, e
luragano multicolore and a nord e le accumul l. Cos le tempeste formarono i quattro oceani nellest, nel
sud, nellovest e nel nord. Dopo aver sospinto le acque, gli uragani ritornarono dove la gente li stava
aspettando, raggruppata intorno al buco.
Per prima usc la puzzola, quando ancora il terreno era soffice, e le sue zampe affondarono nel nero fango
e da allora rimasero per sempre nere. Essi mandarono il Tornado a riprenderla perch non era ancora venuto
il momento. Usc il tasso, ma anche lui affond nel fango e si anner le zampe, ed il Tornado lo chiam
indietro. Quindi usc il castoro, camminando nel fango e nuotando nellacqua, e subito cominci a costruire
una diga per salvare lacqua che era rimasta negli stagni. Poich non ritornava, il Tornado and a cercarlo e
gli domand perch non era tornato indietro.
Perch volevo salvare lacqua, affinch la gente potesse bere , disse il castoro.
Bene , disse il Tornado, e tornarono indietro insieme. La gente aspettava ancora, sino a che alla fine
non mand il corvo grigio a vedere se era giunto il momento. Il corvo trov la terra asciutta, e molte rane,
pesci e rettili morti che giacevano sul terreno. Allora cominci a beccare i loro occhi e non torn sino a che
il Tornado non fu mandato a cercarlo. Quando la gente venne a sapere che aveva mangiato carne putrefatta,
si arrabbi molto e cambi il suo colore in nero.
Ma ora la terra era asciutta, ad eccezione dei quattro oceani e del lago nel centro, dove il castoro aveva
alzato le dighe per bloccare le acque. Tutta la gente usc fuori. Essi viaggiarono verso est sino a che non
arrivarono alloceano; poi andarono ad ovest sino alloceano e poi si volsero verso nord. E mentre andavano,
ogni trib si fermava dove voleva. Ma i Jicarilla continuarono a girare intorno al buco da dove erano usciti
per venir fuori dal mondo sotterraneo. Ne avevano gi fatto tre volte il giro, quando il Signore cominci a
dispiacersi e domand loro dove desideravano fermarsi. Essi dissero: Nel centro della terra . Cos li
condusse ad un posto molto vicino a Taos e li lasci, e l presso gli Indiani Toas, i Jicarilla stabilirono la loro
dimora.
Basata su un racconto riportato da James Mooney negli anni 1890.

QUANDO I GRIZZLY CAMMINAVANO ERETTI (Modoc)


Prima che ci fosse la gente sulla terra, il Capo degli Spiriti del Cielo cominci a stancarsi della sua dimora
nel Mondo Celeste, perch laria era sempre sferzata da un vento gelido. Cos scav con una pietra un buco
nel cielo e spinse gi di sotto tutta la neve ed il ghiaccio sino a che non fece un grande tumulo che dalla terra
raggiunse quasi il cielo. Oggi conosciuto come Monte Shasta.
Quindi lo Spirito del Cielo prese il suo bastone da passeggio, scese da una nuvola sulla sommit e
sincammin gi per la montagna. Quando era a met strada del percorso per arrivare alla valle sottostante,
cominci a mettere il dito nel terreno qui e l, qui e l. Ovunque il suo dito toccava, un albero cresceva. La
neve si scioglieva sotto i suoi passi e lacqua cominci a scorrere gi a fiumi.
Lo Spirito del Cielo cominci a spezzare la parte terminale pi sottile del suo bastone gigante e gett i
pezzi nei fiumi.
I pezzi pi lunghi si mutarono in castori e lontre; i pezzi pi piccoli divennero pesci. Quando le foglie
caddero dagli alberi, le raccolse, soffi su di loro, ed in tal modo fece gli uccelli. Quindi prese la parte finale
pi grande del suo bastone gigante e fece tutti gli animali che camminavano sulla terra, dei quali i pi grandi
di tutti erano i grizzly.
Allora, quando furono fatti per la prima volta, gli orsi erano coperti di peli ed avevano artigli aguzzi,
proprio come hanno oggi, ma camminavano su due zampe e parlavano come la gente. Essi sembravano cos
feroci che lo Spirito del Cielo li allontan da s e li mand a vivere nella foresta alla base della montagna.
Soddisfatto di quello che aveva fatto, il Capo degli Spiriti del Cielo decise di portare gi la sua famiglia e
di vivere egli stesso sulla terra. Le montagne di neve e di ghiaccio divennero la sua dimora. Accese un
grosso fuoco nel centro della montagna e fece un buco sulla cima affinch il fumo e le scintille potessero
volar via. Ogni volta che metteva un grosso tronco sul fuoco, le scintille volavano su e la terra tremava.
Una primavera inoltrata, mentre lo Spirito del Cielo e la sua famiglia erano seduti intorno al fuoco, lo

Spirito del Vento invi un gran uragano che scosse la cima della montagna. Soffiava e soffiava, e mugghiava
e mugghiava. Il fumo spinto gi nella dimora irrit i loro occhi e alla fine lo Spirito del Cielo disse alla sua
figlia minore: Arrampicati su sino allorlo del buco del fumo e invita lo Spirito del Vento a soffiare pi
delicatamente. Digli che ho paura che porti via la montagna .
E mentre la figlia partiva per andar su, il padre le disse: Ma fai attenzione quando sei in cima di non
sporgerti con la testa. Se no il vento ti pu prendere per i capelli e portarti via .
La fanciulla sal in fretta in cima alla montagna e fece ben attenzione di restar dentro il buco del fumo
mentre parlava allo Spirito del Vento. Allorch stava per ridiscendere, si ricord che una volta suo padre
aveva detto che dalla punta della loro dimora si poteva vedere loceano. Lei si domandava come fosse fatto
loceano e la sua curiosit ebbe il sopravvento sulla sua saggezza. Sporse il capo fuori del buco e si volt
verso occidente, ma prima che potesse vedere qualcosa lo Spirito del Vento le afferr i suoi lunghi capelli, la
tir fuori dalla montagna, e la soffi gi sulla neve e sul ghiaccio. Essa cadde in una boscaglia di abeti, ai
margini della foresta e vicino al limite della neve, con i suoi lunghi capelli rossi sciolti sulla neve.
L, un grizzly, mentre stava cacciando cibo per la famiglia, trov la fanciulla. La port a casa con s e la
moglie lallev insieme ai suoi orsacchiotti. La fanciulla dai capelli rossi ed i cuccioli mangiavano insieme,
giocavano insieme e crebbero insieme.
Quando divenne una giovane donna, lei ed il maggiore dei figli del grizzly si sposarono. Negli anni a
seguire essi ebbero molti bambini, i quali non erano cos pelosi come i grizzly, e tuttavia nemmeno
esattamente simili alla loro madre spirito.
Tutti i grizzly delle foreste erano cos orgogliosi di queste nuove creature che prepararono una capanna
per la mamma dai capelli rossi e per i suoi bambini. Essi misero la capanna presso il Monte Shasta, oggi
chiamato Piccolo Monte Shasta.
Dopo che furono trascorsi molti anni, mamma grizzly sent che stava per morire. Temendo di dover
chiedere al Capo degli Spiriti del Cielo di doverla perdonare per aver trattenuto sua figlia, raccolse tutti i
grizzly nella capanna che avevano costruito. Quindi invi il maggiore dei suoi nipoti in una nuvola sulla
cima del Monte Shasta a dire allo Spirito Capo dove poteva trovare la figlia che era scomparsa da molto
tempo.
Quando il padre ricevette quella notizia fu cos contento che venne gi sulla parete della montagna a passi
da gigante, sciogliendo la neve e portando via la terra con i suoi piedi. Ancor oggi si possono vedere le sue
tracce nel sentiero roccioso sul lato sud del Monte Shasta.
Come si avvicin alla capanna, grid: qui il luogo dove vive la mia piccola figlia? .
Si aspettava che la sua bimba fosse esattamente come era quando la vide per lultima volta. Ma quando
invece trov una donna matura ed apprese che le strane creature di cui ella aveva cura erano i suoi nipotini,
si arrabbi molto. Era stata creata una nuova razza che non era stata fatta da lui! Accigliato guard la
vecchia nonna in modo cos severo che essa cadde morta allistante. Quindi maled tutti i grizzly:
Mettetevi gi sulle mani e sulle ginocchia. Mi avete ingannato, e da questo momento tutti voi
camminerete sulle quattro zampe e non parlerete pi.
Condusse i nipotini fuori della capanna, prese la figlia in spalla, e torn su, scalando di nuovo la
montagna. Non torn mai pi nella foresta. Alcuni dicono che spense il fuoco che era nel centro della sua
dimora e che port la figlia a vivere nuovamente su nel cielo.
Quelle strane creature, i suoi nipotini, si sparpagliarono e vagabondarono sulla terra. Essi furono i primi
Indiani, gli antenati di tutte le trib indiane.
E questo il motivo per cui gli Indiani che vivono intorno al Monte Shasta non uccidono mai un grizzly.
Ogni qualvolta un grizzly uccide un indiano, il suo corpo cremato sul posto. E da molti anni tutti coloro
che si trovano a passare su quella strada gettano l una pietra sino a che un grande mucchio di pietre non
segni il luogo della sua morte.
Riportata da Ella Clark nel 1953.

VECCHIO UOMO COYOTE CREA IL MONDO (Crow)


Qui il briccone, mettendo da parte per un momento il suo modo di vivere da buffone, si sostituisce al
Creatore assumendone
i misteriosi poteri.

Nessuno sa da dove venne lacqua. Nessuno sa da dove venne il Vecchio Uomo Coyote. Ma esisteva,
viveva. Il Vecchio Uomo Coyote parl: male che io sia solo. Dovrei avere qualcuno con cui parlare.
male che ci sia soltanto acqua e nientaltro . Il Vecchio Uomo Coyote cammin in giro. Allora vide
qualcuno che viveva: due anatre dagli occhi rossi.
Miei pi giovani fratelli , disse, non c nientaltro che acqua in questo mondo e ancor pi acqua. Che
ne pensate? .
Diamine , dissero le anatre, noi pensiamo che potrebbe esserci qualcosa sotto lacqua, gi nel fondo.
Noi lo crediamo di tutto cuore .
Ebbene, miei pi giovani fratelli, andate ed immergetevi. Cercate di scoprire se c qualcosa. Andate!
.
Unanatra si tuff gi. Rimase sottacqua per un lungo, lungo tempo.
Che tristezza! disse il Vecchio Uomo Coyote. Il nostro pi giovane fratello deve essere annegato .
Non annegato affatto , disse laltra anatra. Noi possiamo vivere sottacqua per molto tempo. Devi
soltanto attendere .
Finalmente la prima anatra arriv in superficie. Quello che ci dicevano i nostri cuori era vero , disse.
C qualcosa laggi, perch vi ho battuto la testa .
Bene, miei pi giovani fratelli, qualunque cosa possa essere, portatela su .
Lanatra si tuff di nuovo. Rimase laggi per molto tempo. Quando torn su, aveva qualcosa nel becco.
Diamine, che cosa pu essere questo? . Il Vecchio Uomo Coyote lo

prese. Diamine, una radice , disse. Dove ci sono radici, deve esserci della terra. Miei pi giovani
fratelli, immergetevi ancora. Se trovate qualcosa di soffice, portatelo su .
Lanatra and gi una terza volta. Questa volta venne su con una piccola zolla di soffice terra nel becco.
Il Vecchio Uomo Coyote lesamin. Ah, miei pi giovani fratelli, questo ci che volevo. Lo far
diventare grosso. Lo sparger tuttattorno. Questo pugnetto di fango sar la nostra dimora .
Il Vecchio Uomo Coyote soffi sulla zolletta, la quale cominci ad ingrossarsi e a diffondersi
dappertutto. Che sorpresa, fratello maggiore! dissero le anatre. meraviglioso! Siamo liete .
Il Vecchio Uomo Coyote prese la piccola radice e la piant nel soffice fango. Quindi le cose
cominciarono a crescere. Erbe, piante, alberi, ogni genere di cibo che il Vecchio Uomo Coyote fece in
questo modo. Non grazioso? domand. Che cosa ne pensate? .
Fratello maggiore , risposero le anatre, ci davvero molto carino. Ma troppo piatto. Perch non
tiri su degli argini in qualche posto e non crei qua e l delle colline e delle montagne? Non sarebbe una bella
cosa? .
S, miei pi giovani fratelli. Far come dite. E gi che ci sono, far pure dei fiumi, degli stagni e delle

sorgenti affinch ovunque noi si vada si possa trovare dellacqua pura e fresca da bere .
Ah, ci bello, fratello maggiore , dissero le anatre dopo che il Vecchio Uomo Coyote ebbe fatto tutte
quelle cose. Sei proprio bravo .
Ebbene, giovani fratelli, c ancora qualcosa che ho dimenticato? Che cosa dicono i vostri cuori? .
Fratello maggiore, ogni cosa cos bella! Che cosa potrebbe mancare? .
Mancano dei compagni , disse il Vecchio Uomo Coyote. Siamo soli. noioso .
Prese su un pugno di fango, e da quello fece la gente. Come fece ci, nessuno lo pu nemmeno
immaginare. La gente cammin intorno. Osservandoli, il Vecchio Uomo Coyote era soddisfatto, ma le
anatre non erano altrettanto felici. Fratello maggiore , dissero, hai creato dei compagni per te ma
nessuno per noi .
Diamine, vero. Lho dimenticato . Senza indugio, fece ogni genere di anatre. Ecco i miei pi
giovani fratelli, ora potete essere contenti .
Dopo un po il Vecchio Uomo Coyote osserv: C qualcosa di sbagliato . Ma ogni cosa buona.
Non siamo pi annoiati. Cosa potrebbe esserci di sbagliato? .
Diamine, non vedete? Ho fatto tutta questa gente solo uomini, e tutte le anatre che ho fatto sono maschi.
Come possono essere felici? Come possono proliferare? .
Immediatamente fece le donne. Immediatamente fece le anatre femmine. Allora ci fu gioia. Allora furono
paghi. Allora ci fu proliferazione. Questo il modo in cui accadde.
Il Vecchio Uomo Coyote gironzol sulla terra che aveva

fatto. Dun tratto incontr Cirape, il coyote. Diamine, pi giovane fratello, che meravigliosa sorpresa! Da
dove arrivi? .
Ebbene, mio fratello maggiore, non lo so. Io esisto. tutto. Eccomi qua. Mi chiamo Cirape. Come ti
chiami? .
Mi chiamano Vecchio Uomo Coyote . Gli strinse la mano: Tutto quello che vedi qui intorno, lho fatto
io.
Lhai fatto bene. Ma dovrebbero esserci altri animali oltre alle anatre .
S, hai ragione, fammici pensare. Ebbene, pronuncer dei nomi di animali. E non appena ne dir uno,
quellanimale sar fatto . Il Vecchio Uomo Coyote nomin il buffalo, il cervo, lalce, lantilope e lorso. E

tutti furono creati.


Dopo un certo tempo lorso disse al Vecchio Uomo Coyote: Perch mi hai fatto? Non c niente da fare.
Siamo tutti annoiati .
Ho fatto le femmine per te. Ci dovrebbe tenere occupati .
Ebbene, fratello maggiore, non si pu fare quello ogni momento .
S, hai ragione; vero. Bene, penser a qualcosa. Creer un uccello eccezionale.
Con un artiglio dorso fece le ali. Con un pelo di bruco fece le zampe. Con un pezzo di tendine di buffalo
fece un becco. Con delle foglie fece una coda. Mise tutte quelle cose insieme e form una gallinella della
prateria. Il Vecchio Uomo Coyote la istru: Ci sono molti begli uccelli. Io non ti ho fatta bella, ma ti ho
dato un potere straordinario. Ogni alba, quando il sole sorge, danzerai. Saltellerai e camminerai impettita con
la testa bassa. Alzerai la coda e la scuoterai. Spiegando le ali, danzerai, cos! .
Subito la gallinella della prateria danz. Tutti gli animali osservarono e subito cominciarono a danzare
anchessi. Ora cera qualcosa che li faceva divertire. Ma lorso non era ancora soddisfatto. Ti ho dato
ununghia per fare un pezzo di questa gallinella di prateria , disse al Vecchio Uomo Coyote. Perch non
hai creato una danza che fosse proprio mia? Non voglio danzare come una gallina .
Bene, giusto, cugino. Creer una danza tutta per te. Tu danzerai cos e cos, in questo e quel modo .
Vecchio Uomo Coyote , continu a lamentarsi lorso, come posso danzare? Manca qualcosa.
Come pu mancare qualcosa? Ho fatto ogni cosa .
Dovrebbe esserci un qualche suono per danzare .
Diamine, hai ragione. Dovrebbe esserci . Immediatamente il Vecchio Uomo Coyote fece un piccolo
gallo cedrone e gli diede una canzone. Quindi fece un tamburo: come, nessuno pu immaginarlo. Il piccolo
gallo cedrone cant e suon il tamburo e tutti danzarono.
Perch questa gallina della prateria di nessun conto dovrebbe danzare? domand lorso. Perch tutti
questi piccoli insignificanti animali dovrebbero danzare? Soltanto io dovrei avere questo potere di danzare
.
Diamine, sono felici. Le ciliegie spinose sono mature, il sole sta brillando. Tutti loro si sentono di
danzare. Perch dovresti essere il solo? .
Io sono grosso e importante. Per questo dovrei danzare soltanto io .
Diamine, ascoltatelo come parla! Sii educato con me che ti ho fatto .
Oh! Non sei tu che mi hai fatto. Mi sono fatto da solo .
Che maleducato! disse il Vecchio Uomo Coyote. Sta minacciando quegli animaletti con i suoi grossi
artigli . Disse allorso: Non sei adatto per vivere tra di noi. Te ne starai da solo in una tana e mangerai
cose putride e marce. In inverno dormirai, perch meno ti vediamo e meglio .
Un giorno il Vecchio Uomo Coyote e Cirape stavano passeggiando e parlando. Hai dimenticato qualcosa
, disse Cirape al Vecchio Uomo Coyote.
Come ho potuto dimenticare qualcosa? .
Diamine, quegli esseri umani che hai fatto vivono miseramente. Dovrebbero avere attrezzi, tende per
viverci, un fuoco per cucinare e per scaldarsi .
Hai ragione. Perch non ci ho pensato? . Immediatamente fece un fuoco con un fulmine e la gente si
rallegr.
Ora ho finito ogni cosa. Cosa ne pensi? .
Oh, fratello maggiore, la gente dovrebbe avere archi e frecce e giavellotti per cacciare meglio. Sovente
patisce la fame .
cos. Distribuir delle armi .
Fratello maggiore, consegna armi, ma solo alla gente, non agli animali .
Perch gli animali non dovrebbero avere anchessi archi e frecce? .
Non vedi? Gli animali sono veloci; hanno gi artigli e grandi denti, e corna potenti. La gente lenta. I
loro denti e le loro unghie non sono molto robusti. Se gli animali avessero delle armi, come potrebbe la
gente sopravvivere? .
Diamine, mio pi giovane fratello, pensi a tutto . Immediatamente diede alla gente archi e giavellotti.
Giovane fratello, sei soddisfatto ora? .
No, affatto. C un solo linguaggio e tu non puoi combattere qualcuno che parla la tua lingua. Dovrebbe
esserci inimicizia; dovrebbe esserci guerra.
Che cosa c di buono nella guerra? .
Oh, mio stimato fratello maggiore, talvolta non stai proprio pensando. La guerra una buona cosa. Ad

esempio, tu sei un giovane guerriero. Ti dipingi di rosso vermiglio. Indossi un bel completo da guerra. Parti.
Canti canzoni di guerra. In guerra acquisti onori. Guardi le belle avvenenti ragazze. Lanci occhiate alle
giovani donne i cui mariti non hanno acquisito onori in guerra. Esse ti ricordano. Vai sul sentiero di guerra.
Rubi i cavalli al nemico. Gli rubi le donne e le fanciulle. Fai impressione, compi azioni coraggiose. Sei ricco.
Hai doni da distribuire. Canteranno canzoni in tuo onore. Hai molte amanti. E di e di divieni un capo .
Ah, Cirape, mio pi giovane fratello, hai colpito nel segno . Il Vecchio Uomo Coyote divise la gente in
trib, dando loro differenti linguaggi. Allora ci fu guerra; allora ci furono ruberie di cavalli, allora ci furono
numerosi colpi di mano, allora furono intonati canti di gloria.
Dopo molto tempo, il Vecchio Uomo Coyote stava passeggiando di nuovo con Cirape. Sei molto bravo,
mio pi giovane fratello, ma ci sono alcune cose che non conosci. Lascia che te le dica. Quando sposiamo
una giovane, quando la prendiamo in moglie in segreto, che soddisfazione! Che piacere ci d! .
S, mio fratello maggiore, proprio cos. come accade a me .
Ah, ma dopo alcuni anni, dopo che hai vissuto con una donna per un po, perdi interesse. Ne brami
qualcuna nuova. Cos rubi la moglie di qualcun altro. In questo avanti indietro di mogli rubate che continua
nella nostra trib, qualche individuo se l mai svignata con tua moglie? Forse un giovane orgoglioso
guerriero? .
Ebbene s, mio fratello maggiore. stato un tipo del genere a portarmi via una paffuta, piacevole e
giovane moglie. Sarebbe stato meglio se lavesse fatto un nemico di unaltra trib. Sarebbe stato pi facile
da sopportare, se lei fosse stata lontana dove io non potevo vederli insieme .
Bene, fratello minore, se ritornasse la riprenderesti? .
Che cosa? prenderla indietro? Mai! Ho un onore, io rispetto me stesso. Come potrei fare una cosa
simile? .
Ah, Cirape, come sei stolto. Non conosci niente. Tre volte mia moglie stata rapita e tre volte lho
ripresa indietro. Adesso quando dico vieni , lei viene. Quando dico vai , lei va. Ogni qualvolta le dico di
fare qualcosa, lei rammenta di esser stata rubata. Non devo mai ricordarglielo. desiderosa di piacere.
Asseconda ogni mio desiderio. Questa la miglior moglie, il miglior genere damore.
Questo quello che pensi tu. Ma la gente ti deride. Ti
guarda di sghembo e ride alle tue spalle. Dice: Ha preso
quello che un altro ha gettato via .
Ah, mio pi giovane fratello, che cosa mimporta se ride dietro le mie spalle quando, sotto il nostro
mantello di buffalo, sto ridendo per le mie personali ragioni? Lascia che te lo dica, non c niente che
soddisfi di pi che avere una moglie che stata rubata una o due volte. Dimmi: rubano forse le mogli brutte
e vecchie, o le giovani e carine? .
Cos, a causa degli assennati consigli del Vecchio Uomo Coyote, nei vecchi tempi i Corvi si rapivano
reciprocamente le mogli. E questo il motivo per cui gli uomini dei Corvi da sempre hanno ripreso le mogli
da cui avevano gi divorziato. In un modo o nellaltro, ogni cosa che esiste o che sta accadendo proviene dal
Vecchio Uomo Coyote.
Tratta da diversi rapporti antropologici, incluso Gli Indiani Crow di Robert Lowie.

COME FURONO CREATI I SIOUX (Sioux Brul)


Questa storia mi fu raccontata da una nonna Santi. Molto, veramente molto tempo fa, quando il mondo era
appena stato creato, Unktehi, il mostro dellacqua, combatt la gente e caus una grande inondazione. Forse
il Grande Spirito, Wakan Tanka, era arrabbiato con noi per qualche ragione. Forse lasci che Unktehi ci
annientasse perch voleva creare una specie migliore di esseri umani.
Bene, le acque salirono sempre pi alte. Alla fine ogni cosa fu inondata ad eccezione della collina che
vicina al luogo dove oggi si trova la cava della sacra pietra rossa, con la quale facciamo le pipe. La gente si
arrampic lass per salvarsi, ma fu inutile. Anche la cima della collina fu spazzata dallacqua. Le onde
facevano ruzzolare le pietre e i pinnacoli rocciosi, sbattendoli gi sulla gente. Tutti furono uccisi, il sangue si
coagul formando un grande stagno. Il sangue si mut nella pietra nella quale scaviamo le pipe, nella tomba
di quegli antenati. Questa la ragione per cui la pipa fatta con quella pietra rossa cos sacra per noi. Il suo
rosso vaso la carne ed il sangue dei nostri antenati, il suo cannello sono le ossa annerite di quella gente
morta da lungo tempo, il fumo che sale il loro respiro. Te lo dico io, quella pipa, il chanunpa, torna a

vivere quando usata in una cerimonia; tu puoi sentirne la potenza che emana.
Anche Unktehi, il grande mostro dellacqua, fu mutata in pietra. Forse Tunkashila, il Grande Padre
Spirito, la pun per aver fatto venire il diluvio. Adesso le sue ossa sono in Badlands. La sua schiena forma
una lunga ed alta cresta, e puoi vedere le sue vertebre sporgere in una grande linea di rocce rosse e gialle. Io
le ho viste. Trovarmi su quella cresta mi sgoment, perch avvertivo la presenza di Unktehi. Ella si muoveva
sotto di me, cercando di farmi cadere.
Bene, quando tanto tempo fa tutta la gente fu uccisa, una fanciulla sopravvisse, una bella fanciulla. Accadde
in questo modo: quando lacqua spazz via la collina dove la gente aveva cercato rifugio, una grossa aquila
macchiata, Wanblee Galeshka, si abbatt su di lei e le permise di aggrapparsi alle sue zampe. Con lei appesa,
vol sulla cima di un alto albero che stava ritto sul pi alto pinnacolo roccioso delle Black Hills. Era quella
la dimora dellaquila. Fu il solo punto a non essere coperto dalle acque. Se la gente fosse arrivata lass si
sarebbe salvata, ma era una roccia aguzza, liscia e ripida come i grattacieli che voi oggi avete nelle grandi
citt. Mio nonno mi disse che forse la roccia non si trovava nelle Black Hills; forse era la Torre del Diavolo,
come la chiamano gli uomini bianchi, una localit del Wyoming. Entrambi i luoghi sono sacri.
Wanblee tenne con s quella bella fanciulla e ne fece sua moglie. Allora cera una pi stretta
relazione tra gli uomini e gli animali, per questo pot farlo. La moglie dellaquila rimase

incinta e gli gener due gemelli, un bimbo ed una bimba. Ella era felice e disse: Ora avremo di nuovo
della gente. Washtay, bello . I bimbi nacquero proprio l, sulla cima di quella rupe.
Come finalmente le acque si abbassarono, Wanblee aiut i bambini e la loro mamma a discendere dalla
roccia e li pos sulla terra, dicendo loro: Siate una nazione, divenite una grande nazione, la Lakota Oyate
. Il ragazzo e la ragazza crebbero. Egli era il solo uomo sulla terra, lei la sola donna in et di procreare. Si
sposarono; ebbero dei bambini. Una nazione era nata.
Cos noi discendiamo dallaquila. Noi siamo la nazione dellaquila. Ci bene, qualcosa di cui essere
orgogliosi, perch laquila il pi saggio degli uccelli. il messaggero del Grande Spirito; un grande
guerriero. E questo il motivo per cui noi abbiamo sempre indossato, e tuttora indossiamo, le piume
dellaquila. Noi siamo una grande nazione. Sono io, Cervo Zoppo, che ho detto questo.
Raccontata da Cervo Zoppo a Winner, Sud Dakota, nel 1969, e registrata da Richard Erdoes.

IL SOLLEVAMENTO DEL CIELO (Snohomish)


Il capo William Shelton, che riferisce questa storia, dice che gli fu raccontata dagli anziani della sua
famiglia quando era bambino, per insegnargli ci che si poteva realizzare quando gli individui si univano
insieme per lavorare.

Il Creatore e Modificatore prima fece il mondo nellEst. Poi venne lentamente verso occidente, creando a
mano a mano che avanzava. Port con s molte lingue e ne diede una diversa a ciascun gruppo di popoli che
creava.
Quando raggiunse Puget Sound, gli piacque cos tanto che decise di non andare oltre. Ma gli erano rimaste
molte lingue, e cos le sparse tuttintorno a Puget Sound e verso nord. E questo il motivo per cui cos tanti
dialetti indiani sono parlati l.
Quella gente non riusciva a comprendersi a vicenda, ma accadde che nessuno di loro fosse soddisfatto del
modo in cui il Creatore aveva fatto il mondo. Il cielo era cos basso che la gente alta vi batteva la testa
contro. Talvolta alla gente piaceva fare quello che era proibito, e si arrampicava in alto sugli alberi per
apprendere da sola le parole ed entrare nel Mondo Celeste.
Alla fine i saggi di tutte le varie trib si riunirono per vedere quello che si poteva fare per alzare il cielo.
Convennero che la gente avrebbe dovuto unire gli sforzi e cercare di spingere il cielo pi in alto.
Possiamo farcela , disse un saggio del consiglio, se spingiamo tutti allo stesso tempo. Abbiamo
bisogno che quando spingiamo vi sia tutta la gente e tutti gli animali e tutti gli uccelli .
Come facciamo a sapere quando dobbiamo spingere? , domand un altro dei saggi. Alcuni di noi
vivono in questa parte del mondo, altri in unaltra. Non parliamo tutti la stessa lingua. Come possiamo
radunare tutti e spingere allo stesso tempo? .
Gli uomini del consiglio erano imbarazzati, ma alla fine uno di essi sugger di usare un segnale. Quando
giunto il momento in cui dobbiamo spingere, quando tutti sono pronti, qualcuno gridi Ja-hoh . Ci
significa in tutte le nostre lingue Alzate insieme .
E cos i saggi del consiglio inviarono quel messaggio a tutti i popoli, animali ed uccelli per comunicare
loro il giorno in cui dovevano alzare il cielo. Ognuno fece dei pali con gli abeti giganti da usarli per spingere
contro il cielo.
Il giorno del sollevamento del cielo arriv. Tutta la gente alz i pali in modo che toccassero il cielo.
Quindi i saggi gridarono: Ja-hoh! . Ognuno spinse ed il cielo si alz un poco.
I saggi gridarono una seconda volta: Ja-hoh , ed ognuno spinse con tutte le forze. Il cielo si spost di
altri pochi pollici. Ja-hoh , gridarono tutti e spinsero quanto pi forte potevano. Continuarono a gridare
Ja-hoh ed a spingere sino a che il cielo non fu nella posizione dove si trova oggi. Da allora nessuno vi ha
pi battuto la testa contro e nessuno stato pi capace di arrampicarsi sino al Mondo Celeste.
Orbene, mentre il consiglio era riunito, tre cacciatori davano la caccia a quattro alci e non erano al
corrente del piano. Proprio mentre la gente, gli animali e gli uccelli erano pronti a spingere in su il cielo, i tre
cacciatori ed i quattro alci arrivarono al luogo dove la terra toccava quasi il cielo. Gli alci saltarono dentro il
Mondo Celeste ed i cacciatori li inseguirono. Quando il cielo fu sollevato, anche gli alci ed i cacciatori
furono sollevati.
Nel Mondo Celeste furono mutati in stelle ed ancor oggi si possono vedere di notte. I tre cacciatori sono la
stanga dellOrsa Maggiore. Il cacciatore di mezzo ha il suo cane con s, ora una minuscola stella. I quattro
alci formano il carro dellOrsa Maggiore.
Alcune altre persone furono imprigionate su nel cielo in due canoe, tre uomini per ciascuna di esse. Ed
anche un pesciolino stava andando su nel Mondo Celeste quando la gente spinse. E cos tutti quanti
dovettero stare lass per sempre. I cacciatori ed il piccolo cane, gli alci, il pesciolino e gli uomini nelle due
canoe sono stelle, anche se un tempo vivevano sulla terra.
Noi gridiamo ancora Ja-hoh! quando facciamo insieme dei duri lavori od alziamo qualcosa di pesante
come una canoa. Quando diciamo Hoh! tutti ci mettiamo tutta la forza che possediamo. Le nostre voci
hanno una intonazione pi alta su quella parte della parola, e pronunciamo un o molto lungo: Jahooooh! .
Riportata da Ella Clark nel 1953.

SALITA NEL MONDO SUPERIORE (Acoma)


Questa leggenda riflette la societ matrilineare dei Pueblo occidentali; latik, la Madre Di Tutti, cre
lei stessa gli di nei quali desiderava credere.
Al principio nacquero due esseri umani femmine. Cera gi la terra, ma nessuno sapeva da quanto tempo
esisteva. Le due fanciulle erano nate in un posto sotterraneo chiamato Cipapu. Non cera luce, ma come

crebbero divennero consapevoli luna dellaltra toccandosi. Essendo al buio, crescevano lentamente.
Quando divennero adulte, uno spirito, Tsitctinako, parl loro e diede loro del nutrimento. Lentamente esse
cominciarono a riflettere su se stesse. Un giorno domandarono allo spirito di apparire e di dir loro se fosse un
maschio od una femmina. Ma Tsitctinako replic soltanto che non gli era permesso di incontrarle.
Le donne chiesero allo spirito perch dovessero vivere nelloscurit, senza conoscersi lun laltra per
nome. Fu detto loro che erano sottoterra (nuktimi) e che dovevano pazientare sino a quando non fosse
pronta ogni cosa per la loro salita alla luce. Durante il lungo periodo di attesa, Tsitctinako insegn loro il
linguaggio.
Un giorno le sorelle trovarono due ceste piene di regali: semi di tutti i generi e piccole immagini di molti
animali. Tsitctinako disse loro che i canestri erano stati inviati dal loro padre, il cui nome era Utctsiti, il
quale desiderava che esse portassero i suoi doni su alla luce.
Tsitctinako disse: Avete i semi di quattro tipi di piante. Piantateli; vedrete gli alberi crescere . Poich le
sorelle non vedevano, potevano soltanto sentire gli oggetti che erano nelle ceste, sicch domandavano:
questo? e Tsitctinako rispondeva s o no. In quel modo esse identificarono i quattro semi e li interrarono
nel loro mondo sotterraneo. Germogliarono tutti, ma nelloscurit gli alberi crescevano molto lentamente. Le
donne stesse dormivano a lungo, ed ogni volta che si svegliavano tastavano gli alberi per accertarsi di quanto
erano cresciuti. Un certo pino crebbe pi in fretta degli altri ed alla lunga fece nella terra un buco che lasci
entrare un po di luce.
Tuttavia il buco non era abbastanza largo per consentire alle due donne di passarvi. Allora, con laiuto di
Tsitctinako trovarono nelle loro ceste limmagine di un animale chiamato dyup (tasso). Dopo aver ordinato
al tasso di venire in vita, le sorelle gli chiesero di arrampicarsi sullalbero e di scavare intorno allorlo del
buco. Poich era stato ammonito a non uscire alla luce, esso si arrampic su, allarg il buco e ritorn
immediatamente. Ringraziandolo esse dissero: Come ricompensa, tu verrai su alla luce con noi e vivrai
felice .
Poi Tsitctinako le aiut a frugare dentro le ceste sino a che non trovarono tawainu (la locusta). Le
diedero la vita, le domandarono di rendere liscio il buco tuttintorno e lammonirono a non andare dove
cera la luce. Ma la locusta era curiosa; e dopo aver lisciato il buco, prima di ritornare sgusci fuori per dare
unocchiata intorno. Tre volte le donne le domandarono se era andata fuori e per tre volte la locusta disse di
no. Quando glielo chiesero per la quarta volta, essa ammise di esserci stata.
Com? le chiesero. proprio tsiiti, stesa piatta , rispose. Dora in poi , le dissero, sarai
conosciuta come Tsi.ka. Tu puoi venire su con noi, ma per la tua disobbedienza ti sar permesso di vedere
la luce solo per un tempo molto breve. La tua dimora sar nella terra. Morirai presto, ma rinascerai ad ogni
stagione.
Un raggio di luce arrivava ora sino al luogo dove vivevano le due sorelle. giunto per voi il momento
di uscir fuori , disse Tsitctinako. Quando arrivate in cima, attendete che il sole si alzi. Quella la
direzione chiamata hanami, est. Pregate verso il sole con del polline e della sacra farina

che troverete nelle vostre ceste. Ringraziatelo per avervi portato alla luce. Chiedetegli lunga vita e
felicit, e successo nello scopo per il quale siete state create .
Tsitctinako insegn loro le preghiere che dovevano dire e il canto della creazione da intonare.
Quindi quegli esseri umani, seguiti dal tasso e dalla locusta, si arrampicarono sul pino.
Camminando fuori alla luce, le sorelle misero gi le loro ceste e per la prima volta videro ci che
contenevano. Gradualmente il cielo diveniva pi chiaro, ed alla fine il sole si alz. Come lebbero
in fronte provarono dolore agli occhi, perch non erano abituate ad una luce cos forte.
Prima che cominciassero a pregare, Tsitctinako disse loro che il lato destro, il lato dove si
trovava il braccio migliore, sarebbe conosciuto come sud, ed il sinistro, nord. Alle loro spalle cera
lovest, la direzione nella quale il sole si sarebbe abbassato. Sottoterra esse avevano gi imparato la
direzione nukum, gi. (Pi tardi domandarono dove fosse il loro padre, e Tsitctinako disse:
Tyunami, quattro cieli in su ).
Mentre erano in attesa di pregare il sole, la ragazza sulla destra mosse la mano migliore e fu chiamata
Iatik, che significa Portare in vita . Ora di un nome a tua sorella , le disse Tsitctinako. Sulle prime
Iatik era perplessa, ma poi not che la cesta della sorella era pi colma della sua. Cos chiam la sorella
Naotsiti, Che ha di pi nella cesta .
Esse pregarono e intonarono il canto della creazione e per la prima volta chiesero a Tsitctinako perch
erano state create. Lo spirito replic: Non sono stato io ma vostro padre, Utctsiti, a farvi. Egli ha fatto il
mondo, il sole, il cielo e molte altre cose, ma non ancora soddisfatto. Per questo motivo vi ha fatto a sua
immagine. Voi governerete il mondo e creerete le cose che vi ha dato nelle ceste .
E chi sei tu? esse chiesero a Tsitctinako. E perch non diventi visibile affinch noi ti si possa vedere
e vivere insieme a te? .
Io sono femmina come voi , replic lo spirito. Inoltre non so vivere come un essere umano. Vostro
padre mi ha inviato per insegnarvi ed avr sempre cura di voi .
Quando al termine del primo giorno divenne buio, le sorelle furono terrorizzate. Pensavano che
Tsitctinako le avesse tradite, ma lei spieg: Sar sempre cos. Il sole andr gi e domani un nuovo sole
sorger ad est. Mentre buio riposate e dormite . E cos le sorelle dormirono ed il giorno seguente il sole
sorse. Felici di sentire il suo calore, lo pregarono come era stato loro insegnato.
Tsitctinako chiese a Naotsiti a quale clan desiderasse appartenere. Naotsiti rispose: Vedo il sole; il mio
clan sar il clan del Sole . Lo spirito domand a Iatik quale clan volesse. Iatik aveva notato che la sua
cesta conteneva i semi dai quali si ricavava la sacra farina e disse: Il mio clan sar Yaka-Hano, il clan del
Granturco Rosso .
Il sole brillava troppo per Jatik; le irritava gli occhi. Inclin il suo cappello da un lato in modo che i suoi
capelli formassero come uno schermo contro il sole, proiettando sul suo viso unombra rossastra. Il sole
non apparso per te , osserv Tsitctinako. Guarda come brilla su Naotsiti e come lei sembra bianca .
Frettolosamente anche Iatik espose il suo viso al sole. Ma quello non la fece cos bianca come Naotsiti, e la
mente di Iatik rimase ritardata, mentre quella di Naotsiti divenne pronta. Ciononostante entrambe
ricordarono di fare ogni cosa che Tsitctinako aveva loro insegnato.
Dora in poi , disse Tsitctinako alle sorelle, voi governerete in ogni direzione, nord, ovest, sud ed est.
Riportate in vita ogni cosa che nelle vostre ceste perch Utctsiti vi ha creato affinch laiutiate a
completare il mondo. Ora tempo di seminare .
Sino a quel momento le sorelle non avevano toccato cibo e non comprendevano a che cosa servissero i
semi che erano nelle loro ceste. Prima piantate il granoturco, e quando sar cresciuto ne potrete mangiare
una parte , disse Tsitctinako. Con grande interesse, ogni giorno le due donne osservavano il granoturco
crescere. Lo spirito mostr loro dove si formava il polline affinch potessero continuare ad offrire al sole
ogni mattina polline e farina. E lo fecero sempre, bench talvolta Naotsiti fosse un po pigra.
Dopo un certo tempo il granoturco divenne duro e maturo. Con cura Iatik raccolse due pannocchie senza
danneggiare la pianta; Naotsiti ne strapp due e Iatik le disse di prenderle pi gentilmente. Tsitctinako
aveva detto che il granoturco doveva essere cotto, ma le sorelle non compresero cosa volesse dire cotto
sino a che una luce rosa non scese dal cielo quella sera. Spiegando che si trattava del fuoco, lo spirito
insegn loro a raccogliere alcune fiamme, a porle su una pietra piatta e ad unirvi dei rami di pino.
Seguendo le istruzioni di Tsitctinako, esse abbrustolirono il granoturco e lo condirono con il sale che era

nelle loro ceste. Naotsiti ne prese un po e lo mangi, esclamando quanto fosse buono. Quindi ne diede
anche a latik e cos fu che le due donne ebbero il loro primo pasto. Siete state a digiuno per un lungo
tempo e vostro padre vi ha nutrito , disse loro lo spirito. Ora mangerete per poter vivere.
Pregando la terra, le sorelle impararono a portare in vita il sale, dopo di che il sale apparve in ciascuna
delle quattro direzioni. Quindi Tsitctinako insegn loro la prima canzone per creare un animale, un topo.
Quando lebbero cantata, esse dissero: Vivi, topo e limmagine del loro topo respir. Vai e prolifera
le dissero, e corse via e presto partor molti piccoli. Tsitctinako mostr loro come catturarne uno, ucciderlo
ed arrostirlo con granoturco e sale. Esse pregarono il loro padre e prima di mangiare gli offrirono un po di
cibo. Il topo non offriva molto cibo, ma pensavano che fosse buono.
Guardando nelle loro ceste, alla ricerca di animali che offrissero una maggior quantit di cibo, le donne
trovarono le immagini di un ratto, di una talpa e di un cane della prateria. Prima di dar loro la vita , disse
Tsitctinako, dovete piantare lerba per il loro cibo . Le sorelle presero dei semi derba e li sparsero a nord,
ovest, sud ed est; ed il terreno si ricopr immediatamente derba. Quindi diedero la vita agli animali, dando
loro un nome come questi cominciavano a respirare. Prima di ordinar loro di correr via e di proliferare,
dissero alle tre creature di vivere nel terreno perch non cerano ripari sulla terra.
Ora faremo le montagne , disse Tsitctinako e mostr loro come prendere una pietra nella loro cesta e
gettarla verso nord, pronunciando certe parole. L una grande montagna emerse. Esse fecero lo stesso nelle
altre direzioni e tutto intorno a loro apparvero delle montagne. Ora che avete le montagne , disse lo
spirito, dovete ricoprirle con delle cose che crescono . Le sorelle presero i semi delle piante che avevano
piantato nel sottosuolo e li sparsero in tutte le direzioni. Questi saranno tutti gli alberi , disse Tsitctinako,
e grandi abbastanza da formare dei pali con i quali costruirete le vostre case .
Nelle loro ceste cerano ancora molti semi. Le donne piantarono gli alberi che procuravano cibo pino,
cedro, quercia e noce con la preghiera: Crescete su questa montagna e producete frutta per cibo. I vostri
luoghi sono le montagne. Crescerete e sarete utili . Esse piantarono altri semi, come zucche, melopoponi e
fagioli, che Tsitctinako disse sarebbero stati importanti per loro. Come questi raccolti maturarono, essa
mostr poi loro quali parti mangiare.
Anche le sorelle crescevano e perci avevano bisogno di una maggiore quantit di cibo. Cominciarono a
portare in vita animali pi prolifici: prima i conigli, le antilopi ed i cervi dacqua; quindi i cervi, gli alci, le
pecore di montagna ed i buffali. Esse dissero poi al buffalo di vivere nelle pianure, allalce ed al cervo nelle
regioni montuose, ed alle pecore sui declivi delle montagne pi alte. Esse mangiarono la loro carne ed
apprezzarono i nuovi gusti, e pregarono sempre il loro padre prima di iniziare un pasto.
Le sorelle fecero i leoni di montagna, i lupi, i gatti selvatici e gli orsi, bestie robuste che cacciano le stesse
prede che gli esseri umani sono usi cacciare. Fecero uccelli: aquile e gufi, che cacciano piccola selvaggina, e
piccoli uccelli che abbelliscono la regione con i loro sgargianti colori. Fecero il tacchino selvatico e gli
dissero di non volare, e dissero agli uccellini di mangiare ogni sorta di semi sulle montagne e nelle pianure.
Tsitctinako sottoline che cerano ancora da creare i pesci, i rettili e le tartarughe, e le sorelle diedero la
vita a tutti questi esseri che cercarono come cibo. Trovarono che alcuni erano buoni da mangiare ed altri no,
ma pregavano sempre il loro padre prima di mangiare. E fu in questo modo che molti animali vennero in vita
nel mondo.
Iatik era sempre pronta ad usare i suoi semi e le sue immagini, ma Naotsiti era egoista delle cose che
teneva nella cesta. Per questo gliene erano rimaste molte, perci disse che cercava unoccasione per dare vita
ad altre sue immagini. Sono la pi anziana, replic Iatik. Tu sei pi giovane di me. Non vero? . Ma
Naotsiti disse: Pensavo che noi fossimo state create allo stesso tempo. Mettiamolo alla prova: vediamo
per quale di noi il sole sorger prima domani .
Iatik accett la prova, ma temeva che sua sorella potesse in qualche modo avere la meglio. And da un
uccello bianco che conosceva come co eka (la gazza) e gli chiese di volare velocemente ad est e di usare le
ali per impedire al sole di colpire Naotsiti. La gazza vol veloce e lontano, perch Iatik le aveva detto di
non fermarsi. Ma cominci ad aver fame, e quando pass sopra ad un animale che un leone aveva ucciso,
non pot trattenersi dal posarsi a terra. La carcassa, un daino, aveva un buco nel fianco. Luccello infil la
testa nella ferita per mangiare gli intestini, e poi vol via senza accorgersi che le sue ali bianche erano
sporche ed insanguinate.
La gazza raggiunse lest prima che il sole fosse sorto. Allarg le ali sul lato sinistro del sole e fece ombra
su Naotsiti. Accadde cos che i raggi del sole colpissero prima Iatik, e Naotsiti ne fu molto arrabbiata.
Iatik sussurr alla gazza di non dir niente, ma nel far ci vide le sue sudice piume e allora disse: Poich ti
sei fermata a mangiare, da oggi ti ciberai di carogne e le tue penne anzich bianche saranno macchiate .

Ognuna delle due sorelle pensava ormai a se stessa. Naotsiti era piena di piani per sopraffare Iatik, ma
Iatik la osservava ed anticipava ogni mossa. Naotsiti vedeva che Iatik non era felice; Iatik notava che
Naotsiti vagava da sola.
Tra le altre cose, Tsitctinako aveva detto che il loro padre non voleva che pensassero ad aver bimbi. Essa
promise che altri esseri umani sarebbero nati da loro, ma al momento giusto. Naotsiti per incontr un
serpente che le disse: Perch sei triste? Poich non vai daccordo con tua sorella, se di alla luce un bimbo
che ti assomigli, non dovrai pi esser sola .
Cosa posso fare? disse Naotsiti.
Vai dallarcobaleno; te lo mostrer.
Subito dopo, mentre Naotsiti stava seduta tutta sola su una roccia, cominci a piovere.
Faceva cos caldo che la pioggia, toccando il terreno, evaporava, sicch Naotsiti si coric per ricevere
quelle gocce sul suo corpo. Come la pioggia gocciol su di lei, larcobaleno esegu il suo compito ed essa
concep senza saperlo. Iatik not che sua sorella stava diventando molto grassa, ed infatti, dopo un certo
tempo, Naotsiti diede alla luce due bimbi, entrambi maschi.
Molto arrabbiata, Tsitctinako venne da loro. Perch avete disobbedito a vostro padre? disse. Per il
vostro peccato, mi ha tolto di mezzo. Ora siete sole .
Tsitctinako le lasci, ma invece di sentirsi tristi, le due sorelle trovarono che erano pi felici. Accadde che
Naotsiti prese in antipatia uno dei suoi bimbi e cos Iatik lo prese con s e lo allev. Le due donne non
andavano ancora daccordo, ma erano cos indaffarate con i bimbi che la faccenda importava poco.
Quando i bimbi furono quasi adulti, Naotsiti disse alla sorella: Insieme non siamo davvero felici.
Dividiamo ci che rimane nelle nostre ceste e separiamoci. Io ho ancora molte cose, bench richiedano
molto lavoro . Naotsiti tir fuori pecore e mucche, semi per frumento e vegetali e molti metal
li. Ma Iatik li rifiut dicendo che sarebbe stato troppo difficile

tener dietro a loro. Naotsiti guard ancora nella cesta e trov qualcosa di scritto. Gliela offerse, ma Iatik
non volle neppure il regalo della scrittura. Avresti dovuto accettare alcune delle cose che ti ho offerto ,
disse Naotsiti. Tra molto tempo ci incontreremo ancora ed allora desidererai quello che possiedo. Noi
saremo ancora sorelle, ma io avr ancora la meglio su di te .
Prendendo il ragazzo che aveva allevato, Naotsiti spar verso est. Iatik disse allaltro ragazzo: Noi
continueremo a vivere qui con tutte le cose che nostro padre ci ha dato . Gli anni passarono e Tiamuni,
come lo chiam, crebbe e divenne suo marito. Iatik gli diede una figlia che appartenne al clan della sorella
della madre, il clan del Sole. Il quarto giorno dalla nascita della bimba, Iatik mise del polline e della sacra
farina nelle sue mani e la port a pregare il sole. E con i molti bimbi che gener in seguito Iatik segu quello
stesso rituale che le era stato insegnato quando sal alla luce.
I figli di Iatik vivevano insieme e cominciarono ad aumentare. Essi erano sotto la tutela della madre,
perch ora che Tsitctinako se nera andata, essa aveva il suo potere. Ma Iatik desiderava creare altre regole,
e cos fece gli spiriti delle stagioni, prendendo la terra dalla sua cesta e dandole la vita. Prima fece lo spirito
dellinverno, al quale disse: Vivrai sulla montagna del nord e darai vita ad ogni cosa durante linverno .
Poi cre lo spirito della primavera e lo mand sulla montagna dellovest. Mand lo spirito dellestate sulla
montagna del sud e lo spirito dellautunno sulla montagna dellest. Questi quattro spiriti erano brutti, per
nulla simili ai bimbi che aveva generato. Essa insegn a ciascuno che cosa doveva fare: linverno doveva
portare la neve, la primavera avrebbe portato tepore nel mondo, lestate avrebbe reso il mondo caldo, e
lautunno avrebbe disprezzato i profumi delle piante e della frutta ed avrebbe lavorato per distruggerli. E

Iatik insegn ai suoi figli come pregare questi spiriti dellumidit, del calore, della maturazione e del gelo.
Prendendo del terriccio dalla sua cesta, Iatik diede poi vita agli di. Il primo che cre lo chiam
Tsitsenuts. Sei molto affascinante , disse, ma ti dar una maschera che ti renda diverso da noi esseri
umani . Lo modell con una pelle di buffalo, lo color con diverse qualit di terra e lo decor con delle
piume. Intorno al collo di Tsitsenuts appese una pelle di gatto selvatico e dipinse il suo corpo. Gli diede una
gonna, una cintura e dei mocassini, mise delle corde ad ogni polso e delle pelli di buffalo colorate intorno
alle sue braccia. Intorno ai polpacci leg dei rami di abete.
Tu sai che ho creato molti altri di , gli disse. Ti affido le loro regole; tu li inizierai . Gli diede delle
erbe selvatiche di saponaria per liniziazione e quindi parl a tutti loro: Dora in avanti indossate i vestiti
che vi ho fatto. Voi siete gli di della pioggia, creati per chiamarla quando danzate davanti al mio popolo.
Egli vi adorer per tutto il tempo . E dopo aver istruito ciascun dio e datogli il suo vestito ed una preghiera,
disse loro che avrebbero avuto una camera sacra in ciascuna delle quattro montagne. E cos ogni cosa fu fatta
come doveva essere.
Basata su una leggenda riportata da C. Daryll Forde nel 1930 e su diversi resoconti orali.

Gli Hopi dicono che questa la leggenda di Bahana, il Fratello Bianco perduto, sostituendo in tutto il
racconto le sorelle con i fratelli. Questa versione degli Acoma denuncia una influenza spagnola l dove
accenna al peccato , un concetto sconosciuto su questo continente sino al periodo postcolombiano; il
ruolo del serpente, nel tentare Naotsiti, pu anche essere stato colorito dalla conoscenza della Bibbia.

LA CREAZIONE DELLA TERRA (Cherokee)


I Cherokee sono una delle pochissime trib indiane che considerano il sole un entit femminile.
Questa una versione inusuale dei Cherokee perch si riferisce al Sole come a lui .
La terra galleggia sulle acque come una grossa isola, appesa con quattro funi di pelle grezza legate alle
sommit delle quattro sacre direzioni. Le funi sono legate alla volta celeste, la quale fatta di duro cristallo
di rocca. Quando le funi si spezzeranno, questo mondo andr in rovina e tutte le cose viventi cadranno con
lui e moriranno. Allora ogni cosa sar come se la terra non fosse mai esistita, perch lacqua la coprir.
Forse luomo bianco causer tutto ci.
Bene, anche agli inizi lacqua copriva ogni cosa. Bench esistessero creature viventi, la loro dimora era
lass, sopra larcobaleno ed era affollata. Siamo tutti pigiati insieme , dicevano gli animali. Abbiamo
bisogno di pi spazio . Fantasticando su ci che cera sotto lacqua, inviarono lo Scarabeo Acquatico a dare
unocchiata.
Lo Scarabeo Acquatico vag sulla superfice ma non pot trovare niente di solido su cui appoggiarsi,
perci si tuff gi sul fondo e port su un piccolo grumo di soffice fango. Come per magia il fango si sparse
nelle quattro direzioni e divenne questisola sulla quale stiamo vivendo, la terra. Allora Il Potente lallacci
con delle corde alla volta celeste.
Allinizio la terra era piatta, soffice ed umida. Tutti gli animali erano impazienti di viverci, e continuavano
ad inviar gi degli uccelli per vedere se il fango sera seccato e se era abbastanza solido da sopportare il loro
peso. Ma tutti gli uccelli tornavano indietro e dicevano che non verano ancora punti sui quali potersi posare.
Allora gli animali inviarono gi la Grande Madre Poiana. Essa vol molto radente e vide che la terra era
ancora soffice, ma quando pass bassa sopra quella che sarebbe divenuta la terra dei Cherokee trov che il
fango stava indurendosi. Intanto la Poiana sera stancata e volava con difficolt. Quando batteva le ali
all'ingi, dove queste toccavano la terra si apriva una valle; quando le tirava su, una montagna sorgeva. Gli

animali che guardavano da sopra larcobaleno dissero: Se continua, ci saranno soltanto montagne , e la
fecero tornare indietro. E questo il motivo per il quale abbiamo cos tante montagne nel territorio dei
Cherokee.
Alla fine la terra divenne abbastanza dura e secca, e gli animali scesero. Essi non potevano vedere molto
bene perch non cera n sole n luna, e qualcuno disse: Afferriamo il Sole che lass, dietro
larcobaleno! Tiriamolo pure gi! . Tirando il Sole gi gli dissero: C una strada per te , e gli
mostrarono la via che doveva percorrere, da est ad ovest.
Ora avevano la luce, ma faceva troppo caldo perch il Sole era troppo vicino alla terra. Il gambero sporse
il dorso fuori da un ruscello ed il Sole glielo bruci arrossendolo. La sua carne fu contaminata per sempre, e
la gente ancor oggi non vuole mangiar gamberi.
Tutti chiesero agli stregoni, gli sciamani, di sistemare il Sole pi in alto. Essi lo spinsero in su sino
allaltezza di un uomo, ma era ancora troppo caldo. E cos lo spinsero ancora pi in su, ma non era lontano
abbastanza. Tentarono tre volte e quando riuscirono a collocare il Sole allaltezza di quattro uomini, si trov
che era proprio caldo a sufficienza. Ognuno era soddisfatto, e cos lo lasciarono l.
Prima di creare gli esseri umani, Il Potente aveva creato le piante e gli animali ed aveva detto loro di stare
svegli e vigilare per sette giorni e sette notti. (E questo proprio ci che fanno oggi i giovani quando
digiunano e si preparano per una cerimonia). Ma molte piante e molti animali non ce la facevano; alcuni
cadevano addormentati dopo un giorno, altri dopo due giorni, altri ancora dopo tre. Tra gli animali solo il
gufo ed il leone di montagna erano ancora svegli dopo sette giorni e sette notti. E questo il motivo per cui
fu concesso loro il dono di vedere nel buio e poter quindi cacciare di notte.
Tra gli alberi e le altre piante solo il cedro, il pino, lagrifoglio e lalloro erano ancora svegli lottavo
mattino. Il Potente disse loro: Poich avete vigilato e siete svegli come vi era stato ordinato, non perderete
il pelo in inverno . Cos queste piante rimangono verdi tutto lanno.
Dopo aver creato le piante e gli animali, Il Potente fece un uomo e sua sorella. Luomo la eccit con un
pesce e le disse di partorire. Dopo sette giorni lei ebbe un bimbo e, dopo altri sette giorni ne ebbe un altro, ed
ogni sette giorni ne veniva un altro. Gli esseri umani aumentarono cos rapidamente che II Potente, pensando
che presto non ci sarebbe pi stato spazio su questa terra, sistem le cose in modo che una donna non
potesse avere che un solo bimbo allanno. E questo ci che avvenne.
Ebbene, c ancora un altro mondo sotto quello nel quale viviamo. Lo puoi raggiungere immergendoti in
una sorgente, in una pozza dacqua; ma hai bisogno che gli abitanti del mondo sotterraneo ti facciano da
scorta e ti guidino. Il mondo che sta sotto la nostra terra esattamente simile al nostro, ad eccezione del fatto
che laggi inverno quando quass estate. Lo possiamo vedere facilmente perch in inverno lacqua di
sorgente pi calda dellaria ed in estate pi fredda.
Raccontata durante un raduno dei consigli per la convenzione Cherokee a New York, ne! 1975.

IL DRAGONE DELLA TERRA (Costa settentrionale della California)


Prima che questo mondo fosse formato cera un altro mondo che aveva il cielo fatto di pietre arenarie.
Due di, Tuono e Nagaicho, videro che il vecchio cielo era scosso dal tuono.
La pietra vecchia , dissero. Lo sistemeremo estendendolo in alto, lontano ad est.
Tirarono larenaria, camminando sul cielo per far ci, e sotto ognuno dei quattro angoli del cielo misero
una grande roccia per sostenerlo. Quindi aggiunsero le diverse cose che avrebbero reso il mondo piacevole
per la gente che era destinata a viverci. Nel sud crearono fiori. Nellest misero nuvole affinch la gente non
avesse il mal di testa a causa del riverbero del sole. Per formare le nuvole accesero un fuoco, quindi aprirono
un grande buco nel cielo per lasciar passare le nuvole. Nellovest fecero unaltra apertura per la nebbia che
era sospinta dalloceano.
Ora i due di erano pronti a creare la gente. Con la terra fecero un uomo e gli misero allinterno dellerba per
formargli
lo stomaco. Usarono un altro pugno di erba per il cuore, dei pezzi di creta rotondi per il fegato ed i reni, ed
una canna per la trachea. Polverizzarono della terra rossa e la mescolarono con acqua per formare il sangue.
Dopo aver messo insieme tutte le parti delluomo, gli presero una gamba, la spaccarono e la mutarono in una
donna. Quindi crearono un sole perch viaggiasse di giorno ed una luna perch viaggiasse di notte.

Ma le creazioni degli di non durarono perch pioveva giorno e notte. Tutta la gente dormiva. Venne il
diluvio e grandi distese di terra scomparvero. Le acque degli oceani si mescolarono; animali di tutti le specie
annegarono. Poi le acque si unirono del tutto e non ci furono pi campi o montagne
o rocce, ma soltanto acqua. Non cerano alberi o prati, n pesci od animali terrestri od uccelli. Gli esseri
umani e gli animali erano stati tutti trascinati via.
Il vento non soffiava pi attraverso lentrata del mondo e non cera neve, n gelo, n pioggia. Non tuonava
n fulminava, perch non verano alberi da colpire. Non cerano nubi n nebbia, e non brillava il sole. Era
molto scuro.
Allora il dragone della terra, con le sue grandi e lunghe corna, si alz e venne gi dal nord. Viaggi
sottoterra e il dio Nagaicho cavalc sulla sua testa. Mentre camminava nelle profondit degli oceani, lacqua
che era su sali sino allaltezza delle sue spalle. Quando arriv ad un punto in cui lacqua era meno alta, volt
la testa in su ed affior una linea di scogli presso la costa nel nord, sulla quale si andarono ad infrangere le
onde. Quando arriv nel mezzo del mondo, allest, dove il sole sorgeva, guard ancora in su e una grande
isola fu creata presso la costa. Lontano a sud continu a guardare in su e fece una grande catena di
montagne.
A sud il dragone si coric, e Nagaicho mise la testa nella giusta posizione e spruzz della creta grigia tra i
suoi occhi e su ciascun corno. Copr la creta con uno strato di giunchi, quindi spruzz un altro strato di creta.
Su questo mise alcune piccole pietre, quindi pos sulla creta dellerba blu, dei cespugli e degli alberi.
Ho finito , disse. Ci siano ora picchi di montagne sulla parte emergente della terra. E contro di essi
sinfrangano le onde del mare .
Le montagne apparvero e le boscaglie crebbero su di loro. Le piccole pietre che aveva messo sulla parte
emergente della terra divennero grandi, e la superficie stessa scomparve dalla vista.
Ora apparve la gente, individui che avevano nomi di animali. (Pi tardi quando gli Indiani vennero a
vivere sulla terra, questa prima gente fu mutata negli omonimi animali). Foche, Leoni di Mare ed Orsi
Grizzly costruirono una casa per la danza. Una donna dal nome di Balena era grassa, e questo il motivo per
cui vi sono oggi cos tante donne indiane corpulente.
Il dio Nagaicho fece s che nellacqua crescesse molto cibo marino affinch la gente avesse qualcosa da
mangiare. Cre le alghe marine, le ostriche, i mitili e molte altre cose. Poi cre il sale dalla schiuma
delloceano. Poi ingross lacqua delloceano e provoc le onde e disse che loceano avrebbe dovuto
comportarsi cos per sempre. Fece in modo che le vecchie balene andassero ad arenarsi sulle spiagge,
affinch la gente potesse cibarsene.
Fece crescere sulla coda del grande dragone le sequoie ed altri alberi, che si trovano a nord. Scav piccole
valli trascinando il piede sulla terra, affinch la gente avesse buona acqua fresca da bere. Cre molte querce
che fornivano ghiande da mangiare. Viaggi per tutta la terra cos da farne un posto confortevole per gli
uomini.
Dopo che ebbe finito, egli ed il suo cane andarono a gironzolare intorno per vedere come si presentavano
le nuove cose. Quando ritornarono al punto del nord dal quale erano partiti, egli disse al suo cane: Siamo
vicini a casa. Ora resteremo qui .
Cos lasci questo mondo dove la gente vive ed ora abita nel nord.
Basata su un racconto di E. W. Gifford del 1930.

Poich molte trib della California furono ben presto distrutte dal contatto con gli europei, decimate
dalle malattie e scacciate dalle loro terre tradizionali, molte delle loro storie sono state registrate soltanto
a frammenti, ed alcune sono sovente difficili da attribuire ad una specifica trib. Noi possiamo soltanto
annotare la generica regione dorigine.

LA GENTE FATTA ENTRARE IN UN CESTO (Modoc)


Kumush, il Vecchio Uomo degli Antichi, scese gi con sua figlia nel mondo sotterraneo degli spiriti. Era
un bel mondo, che si raggiungeva per mezzo di una lunga e ripida strada. In esso cerano molti spiriti: cos
tanti quante tutte le stelle del cielo e tutti i peli di tutti gli animali del mondo.
Quando venne la notte, gli spiriti si radunarono in una grande pianura per cantare e danzare. Quando
venne il giorno, ritornarono alle loro case, si coricarono e divennero ossa secche.

Dopo sei giorni e sei notti trascorsi nella terra degli spiriti, Kumush aveva un gran desiderio di sole.
Decise di ritornare nel mondo superiore e di portare con s alcuni spiriti per creare la gente di questo mondo.
Con un grande cesto in mano, pass per le case degli spiriti e scelse le ossa che desiderava prendere.
Pensava che alcune sarebbero state buone per una trib, altre per unaltra.
Quando ebbe riempito il suo cesto, Kumush se lo assicur sulla schiena ed insieme con la figlia risal la
ripida strada che portava al mondo superiore. Quandera quasi in cima inciamp e scivol, ed il cesto cadde
a terra. Subito le ossa divennero di nuovo spiriti. Gridando e cantando, essi tornarono correndo alle loro case
nel mondo degli spiriti, si coricarono e divennero ossa secche.
Una seconda volta Kumush riemp il cesto con le ossa e part verso il mondo superiore. Una seconda volta
scivol e gli spiriti, gridando e cantando, ritornarono al loro mondo sotterraneo. Una terza volta riemp il
cesto con le ossa. Questa volta parl loro con ira. Voi proprio pensate di voler star qui. Quando vedrete la
mia terra, una terra dove brilla il sole, non vorrete pi ritornare indietro in questo posto. Non c gente lass
e so che sarebbe ancora solitario .
Per la terza volta Kumush e la figlia ripartirono per la ripida e scivolosa strada con il cesto. Quando arriv
vicino allorlo del mondo superiore, gett il cesto davanti a s sulla superfice del suolo. Ossa indiane!
esclam.
Quindi scopr il cesto e selezion le ossa a seconda dei tipi di Indiani che voleva per determinati luoghi.
Come le gettava, dava loro un nome. Voi sarete i Shasta , disse alle ossa che gettava verso ovest. Sarete
dei guerrieri coraggiosi .
Voi pure sarete dei guerrieri coraggiosi , disse agli Indiani del fiume Pit ed agli Indiani delle Sorgenti
Calde.
Alle ossa che gett a breve distanza verso nord, disse: Voi sarete gli Indiani Klamath. Sarete paurosi
come le donne. Non sarete dei buoni guerrieri .
Per ultime gett le ossa che divennero gli Indiani Modoc. Ad essi disse: Sarete i pi coraggiosi di tutti.
Sarete il mio popolo eletto. Bench siate una piccola trib e bench i vostri nemici siano molti, ucciderete
tutti quelli che verranno contro di voi. Prenderete il mio posto quando me ne sar andato. Io, Kumush, ho
parlato .
A tutta la gente creata dalle ossa degli spiriti Kumush disse: Dovete mandare uomini sicuri alle
montagne. L essi devono chiedere di essere fatti coraggiosi o saggi. L, se lo chiederanno, riceveranno il
potere di aiutare se stessi e di aiutare tutti voi .
Poi Kumush nomin i diversi generi di pesci e di animali che la gente doveva mangiare. Come
pronunciava i loro nomi, essi apparivano nei fiumi e nei laghi, nelle pianure e nelle foreste. Nomin le radici
e le bacche e le piante che la gente doveva mangiare. Pensava ed esse apparivano.
Divise il lavoro della gente ponendo questa legge: Gli uomini dovranno pescare, cacciare e combattere.
Le donne dovranno procurare legna ed acqua, raccogliere bacche e scavare radici, e cucinare per le loro
famiglie. Questa la mia legge .
Cos Kumush fin il mondo superiore ed il suo lavoro su di esso. Poi and con la figlia nel luogo dove
sorge il sole, nel bordo orientale del mondo. Viaggi lungo la strada del sole sino a che raggiunse il centro
del cielo. L costru una casa per s e sua figlia. L essi vivono ancor oggi.
Riportata da Ella Clark nel 1953.

LA GRANDE MAGIA CREA UNA BELLA REGIONE (Cheyenne)


Nei racconti epici, un certo numero di differenti episodi della storia dei Cheyenne degli ultimi
quattrocento anni sono tutti confusi in un singolo racconto intorno allevoluzione di una trib, spiegata in
termini di grandi migrazioni, tragiche perdite e disastri naturali.
Agli inizi la Grande Magia cre la terra, e le acque sopra la terra, ed il sole, la luna e le stelle. Quindi fece
spuntare una bella regione nel lontano nord. L non cerano inverni, con il ghiaccio, la neve ed il freddo
pungente. Era sempre primavera; frutta selvatiche e bacche crescevano ovunque, e grandi alberi
ombreggiavano i ruscelli di chiare acque che scorrevano sulla terra.
In quella bella contrada la Grande Magia mise animali, uccelli, insetti e pesci di tutti i generi. Quindi cre
gli esseri umani affinch vivessero con le altre creature. Ogni animale, grande e piccolo, ogni uccello, grande

e piccolo, ogni pesce ed ogni insetto sapeva parlare con la gente e comprenderla. Gli individui si
comprendevano gli uni con gli altri, perch parlavano la stessa lingua e vivevano in amicizia. Andavano nudi
e si nutrivano di miele e frutta selvatica; non erano mai affamati. Vagavano ovunque tra gli animali selvaggi,
e quando veniva la notte ed erano affaticati, si coricavano sulla fresca erba e dormivano. Nel corso delle
giornate parlavano con gli altri animali, perch erano tutti amici.
Il Grande Spirito cre tre specie di esseri umani: prima quelli che avevano tutto il corpo cosparso di peli;
poi gli uomini bianchi, che avevano peli su tutta la testa, sul viso e sulle gambe; infine i pellerossa, che
avevano soltanto peli molto lunghi sulla testa. I popoli pelosi erano forti ed attivi. Gli uomini bianchi dalle
lunghe barbe appartenevano alla categoria dei lupi, perch entrambi erano le creature pi imbroglione e pi
astute di quel bel mondo. I pellerossa erano buoni corridori, agili e veloci, ai quali la Grande Magia aveva
insegnato a catturare ed a mangiare i pesci quando nessuno degli altri popoli sapeva ancora mangiare la
carne.
Dopo un po il popolo peloso lasci la regione del nord ed and a sud, dove tutta la terra era arida. Allora
i pellerossa si prepararono a seguire il popolo peloso nel sud. Tuttavia, prima che abbandonassero la bella
terra, la Grande Magia li chiam a raccolta. In quelloccasione, la prima in cui i pellerossa fossero radunati
tutti in un posto, la Grande Magia li bened e diede loro alcuni spiriti magici per tenere sveglie le loro menti
assopite. Da allora essi mostrarono di possedere intelligenza e di sapere che cosa fare. La Grande Magia
scelse uno degli uomini e gli disse di insegnare al suo popolo come restare unito, affinch tutti potessero
lavorare e coprire i corpi ignudi con pelli di puma, di orso e di daino. La Grande Magia diede loro il potere
di spaccare e modellare la selce ed altre pietre in tutte le forme che desideravano: in punte di frecce e di
giavellotti ed in coppe, pentole ed asce. In seguito i pellerossa rimasero sempre uniti. Lasciarono la bella
regione ed andarono verso sud, nella stessa direzione che aveva intrapreso il popolo peloso. Il popolo peloso
rimase nudo, ma i pellerossa si coprirono con abiti perch la Grande Magia aveva detto loro di fare cos.
Quando i pellerossa arrivarono nel sud, trovarono che gli uomini pelosi si erano dispersi e che avevano
stabilito le dimore allinterno delle colline e nelle caverne in alto sulle montagne. Raramente riuscirono a
vedere gli uomini pelosi, perch avevano paura e si ritiravano nelle caverne ogni volta che i pellerossa
arrivavano. Il popolo peloso aveva vasellame ed utensili di selce simili a quelli dei pellerossa, e nelle
caverne dormivano su letti fatti di foglie e di pelli. Per una qualche ragione diminuirono di numero, sino a
che un giorno scomparvero definitivamente, ed oggi i pellerossa non sanno dire che cosa avvenne di loro.
Dopo che i pellerossa ebbero vissuto nel sud per un certo tempo, la Grande Magia disse loro di ritornare a
nord perch larida regione del sud stava per essere inondata. Quando ritornarono in quella bella terra
settentrionale, trovarono che gli uomini dalla pelle bianca e dalla lunga barba ed alcuni degli animali
selvaggi se nerano andati. Essi non erano pi capaci di parlare agli animali, ma questa volta avevano il
dominio su tutte le altre creature, ed insegnarono al puma, allorso ed a simili bestie come catturare
selvaggina per loro. Essi aumentarono di numero e divennero alti, forti ed attivi.
Poi per una seconda volta i pellerossa lasciarono la bella contrada per andare a sud. Le acque se nerano
andate, erba ed alberi erano cresciuti e la regione era divenuta altrettanto bella che il nord. Tuttavia, mentre
stavano vivendo l, unaltra inondazione si verific sulla terra e disperse i pellerossa. Quando alla fine le
grandi acque si abbassarono ed il terreno fu asciutto, i pellerossa non si riunirono pi; si spostarono in
piccole bande, proprio come avevano fatto agli inizi prima che la Grande Magia dicesse loro di unirsi. Il
diluvio aveva distrutto quasi ogni cosa, ed essi erano sul punto di morire di fame. Cos ripartirono verso la
loro patria dorigine nel nord, come avevano fatto in precedenza. Ma quando questa volta raggiunsero la
regione del nord, trovarono la terra tutta arida. Non cerano alberi, n animali viventi, non un pesce
nellacqua. Quando i pellerossa videro comera stata ridotta la loro patria un tempo cos bella, gli uomini
gridarono ad alta voce e tutte le donne e tutti i bambini piansero. Questo accadde allinizio, quando la
Grande Magia ci cre.
Il popolo ritorn a sud e visse come pot, alcuni anni meglio, altri peggio. Dopo molte centinaia di anni,
proprio prima che arrivasse la stagione dellinverno, la terra si scosse, e le alte colline emisero fuoco e fumo.
Durante quellinverno ci furono grandi inondazioni. La gente dovette coprirsi di pellicce e vivere in caverne,
perch linverno fu lungo e freddo. Distrusse tutti gli alberi, anche se allarrivo della primavera ci fu una
nuova crescita. I pellerossa soffrivano molto

e stavano quasi per morire di fame quando la Grande Magia ebbe piet di loro. Diede loro granturco da
piantare ed i buffali come carne, e da quel tempo non ci furono pi n inondazioni n carestie. La gente
continu a vivere nel sud, ed essi crebbero e si moltiplicarono. Ci furono molti differenti gruppi con
linguaggi diversi, perch i pellerossa dopo la seconda inondazione non furono mai pi uniti.
I discendenti degli originali Cheyenne avevano tra di loro uomini che erano stregoni, i quali
possedevano una straordinaria sapienza. Essi incantavano non soltanto il loro popolo, ma pure gli animali
dei quali si nutrivano. Non importa quanto feroce o selvaggia fosse la bestia, essa diveniva cos
addomesticata che la gente poteva montarla e usarla. Questa magica conoscenza fu trasmessa per
tradizione dalloriginario Cheyenne che venne dal lontano nord. Oggi Testa Folta il solo che comprenda
quella antica cerimonia, ed i Cheyenne lo considerano di rango eguale a quello del custode della freccia
magica e dei suoi assistenti.
Basata su un racconto di George A. Dorsey del 1905.

In questa straordinaria leggenda racchiuso il ricordo di gran parte di ci che accadde ai Cheyenne
nel corso di molte centinaia di anni. Simbolicamente riferisce come fossero un tempo scacciati dai loro
antichi territori di caccia nel centro nord America alla fine del 1600, probabilmente dagli Ojibway i quali
possedevano armi da fuoco ottenute dai loro alleati francesi. Descrive anche la divisione dei Cheyenne,
avvenuta nel diciottesimo e diciannovesimo secolo, in due bande separate (una delle quali, la Sutai,
conserva ancora certi ruoli cerimoniali). Lacquisto e la perdita del granturco pu simbolizzare il loro
abbandono delle piantagioni per dedicarsi alla caccia del buffalo nellultima parte del diciottesimo
secolo. La leggenda riflette altrettanto bene il tuttora ardente e vivo desiderio dei Cheyenne di ritornare
alla bella e fresca regione del nord, dalla quale furono deportati, per essere trasferiti in una calda ed
insalubre riserva nel sud, dalle autorit bianche in seguito alla battaglia di Little Big Horn. Fu appunto a
causa di questa triste esistenza che negli anni 1880 Coltello Spuntato guid un gruppo di gente malata ed
affamata sulla via del ritorno al Montana del Nord, dove a quelli che sopravvissero fu finalmente
consentito di rimanere.

LALBA BIANCA DEGLI HOPI (Hopi)


Molto, molto tempo fa, sulla terra non cera nientaltro che acqua. Ad est, nelloceano, viveva una

Huruing Wuhti, una dea delle rocce, della creta, dei minerali e di altre sostanze. La sua casa era una kiva,
simile alle kiva degli Hopi di oggi. Due pelli di volpe, una grigia ed una gialla, erano di norma legate alla
scala a pioli che conduceva a quella casa interrata. Ad ovest viveva unaltra Huruing Wuhti in unanaloga
kiva, la quale aveva un sonaglio di guscio di tartaruga appeso alla sua scala a pioli.
Il sole sorse ed avanz su questo mondo di acqua. Poco prima di apparire allest, si era abbigliato con una
pelle di volpe grigia, creando cos lalba bianca degli Hopi. Dopo breve tempo si tolse la pelle grigia ed
indoss la pelle gialla, la quale illumin il cielo con lalba gialla degli Hopi. Poi sorse, emergendo
dallapertura posta allestremit settentrionale della kiva nella quale viveva Huruing Wuhti. Quando ebbe
attraversato il cielo e fu arrivato allovest, annunci il suo arrivo alla kiva della Huruing Wuhti occidentale
attaccando il sonaglio alla cima della trave della scala a pioli. Quindi entr nella kiva, pass attraverso
unapertura dellestremit settentrionale, e continu il suo corso verso est al di sotto delle acque.
Alla lunga, le due dee riuscirono a far recedere le acque verso est e verso ovest sino a che non apparve un
po di terraferma. Il sole, passando sopra la terra, not che non si vedevano esseri viventi. Quando accenn
di questo fatto alle due dee, quella dellovest invit quella dellest a venire da lei per parlare di
quellargomento. LHuruing Wuhti dellest viaggi verso ovest sopra un arcobaleno e col le due divinit,
dopo aver riflettuto, decisero di creare un piccolo uccello. LHuruing Wuhti dellest fece con della creta uno
scricciolo e lo copr con un pezzo di mchpu, labito nativo. Entrambe le dee cantarono su di esso una
canzone e dopo poco ne usc fuori un uccello vivo. Poich il sole continuava a passare sopra il centro della
terra, le divinit pensarono che non avesse potuto vedere creature viventi nel nord o nel sud. Esse inviarono
il piccolo scricciolo a volare su tutta la terra, ma ritorn e disse che ovunque non esistevano esseri viventi.
(In realt la Donna Ragno, Khkang Wuhti, viveva in qualche parte del sudovest, al bordo delle acque, in
una kiva, ma luccellino non pot vederla).
La divinit dellovest continu a fare molti uccelli di ogni specie, coprendoli con lo stesso abito sotto il
quale lo scricciolo era stato portato in vita. Di nuovo entrambe le Huruing Wuhti cantarono una canzone su
di loro e ben presto gli uccelli cominciarono a muoversi sotto la coperta. Le dee li fecero uscire, insegnarono
a ciascun uccello il suono che doveva fare e li dispersero in tutte le direzioni.
Poi la Huruing Wuhti dellovest fece nello stesso modo diverse specie di animali, insegnando loro i propri
suoni o linguaggi e mandandoli fuori a popolare la terra. Ora le dee decisero che avrebbero creato gli esseri
umani. LHuruing Wuhti dellest modell con la creta prima una donna bianca e poi un uomo bianco e li
port in vita. Fece poi due tavolette di una sostanza dura (la tradizione non dice se era pietra od argilla),
disegn su di esse con un bastone di legno i caratteri, e li diede alluomo ed alla donna. Gli esseri umani non
conoscevano quello che le tavolette contenevano, cos la divinit strofin i palmi delle sue mani prima
contro i palmi della donna e poi contro i palmi delluomo. Di colpo la coppia comprese il significato delle
tavolette. Quindi le divinit insegnarono loro il linguaggio, dopo di che la dea dellest li port fuori della
kiva e li condusse sopra un arcobaleno alla sua dimora nellest. Essi vi rimasero quattro giorni e poi
lHuruing Wuhti disse loro di andare a scegliere un luogo dove vivere. Essi viaggiarono per un po e, trovato
un buon terreno, vi costruirono una piccola e semplice casa, simile a quelle degli Hopi.
Ben presto lHuruing Wuhti dellovest disse alla dea orientale: Tutto ci non ancora terminato . Nel
frattempo la Donna Ragno era venuta a sapere ci che esse stavano facendo, ed anche lei cre un uomo ed
una donna con dellargilla. Ma insegn loro lo spagnolo e modell per loro due asinelli, e la coppia si stabil
vicino a lei.
La Donna Ragno continu a creare gente nello stesso modo, donando a ciascuna coppia un differente
linguaggio. Ma si dimentic di fare una donna per un certo uomo e questa la ragione per la quale oggi ci
sono sempre degli uomini celibi. Poi, mentre continuava a fabbricare gente, si accorse di aver dimenticato di
fare un uomo per una certa donna. Oh, accipicchia! esclam e disse alla donna: Da qualche parte c un
uomo celibe che andato via. Trovalo, e se ti accetta, vivi con lui. Se non vuole, entrambi dovrete stare soli.
Fate del vostro meglio.
I due alla fine sincontrarono, e la donna disse: Dove vivremo? .
Luomo rispose: Diamine, in qualsiasi posto . Si mise al lavoro e costru una casa per loro, ma dopo
breve tempo cominciarono a litigare.
Voglio vivere sola , disse la donna. So cucinare per me stessa .
S, ma chi ti procurer la legna e lavorer i campi per te? disse luomo. Sarebbe bene rimanere
insieme . Si rappacificarono, ma non dur. Litigarono, si separarono, tornarono di nuovo insieme, si
separarono ancora. Se fossero riusciti ad andare daccordo, tutti gli Hopi oggi vivrebbero in pace. Ma altre
coppie impararono a litigare tra loro; e questa la ragione per la quale vi sono cos tante discussioni tra

mariti e mogli.
Questo era il genere dindividui che la Donna Ragno aveva creato: di modi sgarbati. LHuruing Wuhti
dellovest lo venne a sapere e subito invit la dea dellest a venire da lei. Non voglio vivere qui sola ,
disse la divinit dellovest. Voglio della brava gente intorno a me . E cos cre un certo numero
dindividui, sempre in coppia. Ma ogni qualvolta la gente della Donna Ragno veniva in contatto con quelli,
cerano guai. A quel tempo gli esseri umani conducevano una vita nomade, nutrendosi principalmente di
selvaggina. Ogni qualvolta trovavano conigli o antilopi o daini, li uccidevano e li mangiavano. Ci portava a
molte controversie.
Alla fine la dea dellovest disse alla gente: Voi restate qui;
io me ne vado a vivere allovest, in mezzo alloceano. Quando avete bisogno di qualcosa, rivolgetemi
preghiere in quella direzione . La sua gente era afflitta, ma lei li lasci. LHuruing Wuhti dellest fece lo
stesso e questa la ragione per la quale le loro kiva oggi non si vedono mai. Gli Hopi che desiderano
qualcosa da loro devono depositare le offerte di preghiera nel villaggio. E quando dicono le preghiere,
pensano alle due dee che vivono lontane, ma che, gli Hopi credono, li ricordano ancora.
Basata su una storia riportata da H. R. Voth nel 1905.

LA CREAZIONE DEL MONDO YAKIMA (Yakima)


Agli inizi del mondo vera solo acqua. Whee-me-me-owah, il Grande Capo Lass, viveva su nel cielo
tutto solo. Quando decise di fare il mondo, venne gi in luoghi dove lacqua era poco profonda e cominci a
tirar su grandi manciate di fango che divennero terraferma.
Fece un mucchio di fango cos alto che per il gelo divenne duro e si trasform in montagne. Quando
cadde la pioggia, questa si trasform in ghiaccio e neve sulle cime delle alte montagne. Un po di quel fango
indur e divent roccia. Da quel tempo le rocce non sono mutate, sono diventate soltanto pi dure.
Il Grande Capo Lass fece crescere gli alberi sulla terra, ed anche radici e bacche. Con una palla di fango
fece un uomo e gli disse di prendere i pesci nellacqua, i daini e laltra selvaggina nelle foreste. Quando
luomo divenne malinconico, il Grande Capo Lass fece una donna affinch fosse la sua compagna e le
insegn come preparare le pelli, come trovare cortecce e radici, e come fare dei cesti con quelle. Le insegn
quali bacche usare per cibo e come raccoglierle e seccarle. Le mostr come cucinare il salmone e la
cacciagione che luomo portava.
Una volta, mentre era addormentata, la donna fece un sogno. In esso fantasticava su che cosa potesse fare
di pi per piacere alluomo. Pregava il Grande Capo Lass di aiutarla. Egli rispose alla sua preghiera
soffiando il suo respiro su di lei e dandole qualcosa che lei non poteva vedere o udire, fiutare o toccare.
Questo qualcosa di invisibile fu conservato in un cesto. Con quello, la prima donna insegn alle sue figlie ed
ai nipoti i propositi e le abilit che le erano stati insegnati.
Ma a dispetto di tutte le cose che il Grande Capo Lass fece per lei, la nuova gente litig. Si azzuffarono
talmente tanto che la Madre Terra si arrabbi, e nella sua ira scosse le montagne cos forte che quelle
sospese sopra la parte pi stretta del Fiume Grande caddero gi. Le rocce, cadendo nellacqua, sbarrarono il
fiume e causarono anche rapide e cascate. Molte persone e molti animali furono uccisi, sepolti sotto le rocce
e le montagne.
Un qualche giorno il Grande Capo Lass rovescer quelle montagne e quelle rocce. Allora gli spiriti che
un tempo vivevano in quelle ossa sepolte ritorneranno in esse. Attualmente quegli spiriti vivono sulle cime
delle montagne, osservando i loro figli sulla terra ed aspettando il grande cambio che deve venire. Le voci di
quegli spiriti possono essere udite in ogni momento sulle montagne. Coloro che, in lutto, elevano
lamentazioni per i loro morti, odono le voci degli spiriti rispondere e cos sanno che i loro cari scomparsi
sono sempre vicini.
Noi non abbiamo appreso tutto questo da soli; ci fu detto dai nostri padri e dai nostri nonni, i quali lo
impararono dai loro padri e dai loro nonni. Nessuno sa quando il Grande Capo Lass rovescer le montagne.
Ma noi sappiamo questo: gli spiriti appariranno soltanto alla gente sopravvissuta che in vita ha conservato le
credenze degli antenati. Soltanto le loro ossa saranno conservate sotto le montagne.
Riportata da Ella Clark nel 1953.

I FIGLI DEL SOLE (Osage)


Molto lontano sopra la terra, viveva in cielo una parte degli Osage. Volevano sapere da dove erano
venuti, e cos andarono dal sole, il quale disse loro che erano suoi figli. Allora vagarono ancora pi lontano
ed arrivarono alla luna, la quale disse loro desser stata lei a farli nascere e che il sole era il loro padre.
Disse che dovevano lasciare il cielo ed andar gi a vivere sulla terra. Obbedirono, ma trovarono la terra
coperta di acqua. Poich non potevano ritornare alla loro dimora nel cielo, piansero e levarono alte grida,
ma nessuna risposta arriv dogni dove. Essi fluttuavano all'intorno nellaria, cercando in ogni direzione
un qualche dio che venisse in loro aiuto; ma non ne trovarono nessuno.
Gli animali erano con loro, e di questi lalce era quello che ispirava maggior fiducia a tutte le creature
perch era il pi bello ed il pi maestoso. Gli Osage chiesero aiuto allalce, ed egli entr nellacqua e
cominci ad immergersi. Poi chiam i venti, ed essi arrivarono da tutte le direzioni e soffiarono sino a che
le acque non si convertirono in foschia.
Sulle prime, solo le rocce furono esposte e la gente viaggi sui luoghi rocciosi che non producevano
piante da mangiare. Poi le acque cominciarono ad abbassarsi sino a che non emerse una soffice terra.
Quando ci accadde, lalce si rotol pi e pi volte dalla gioia, e tutti i peli che perse aderirono

al suolo. I peli crebbero e da essi spuntarono fagioli, granturco, patate, rape selvatiche, e poi tutte le erbe e
tutti gli alberi.
Riportata da Alice Fletcher e Francis La Flche, che registrarono questo mito nel 1911.

LA VOCE, IL DILUVIO E LA TARTARUGA (Caddo)


Cera una volta un capo la cui moglie, con grande paura e meraviglia della gente, diede alla luce quattro
piccoli mostri. Gli anziani dissero: Questi strani bambini porteranno una grande sventura. Per il bene della
trib, sarebbe meglio ucciderli subito .
Per nessuna ragione li uccideremo , disse la loro madre. Questi bambini miglioreranno entro breve
tempo .
Ma essi non cambiarono in meglio. I piccoli mostri crescevano in fretta, molto pi in fretta che gli
ordinari bambini, e divennero molto grossi. Avevano quattro gambe e quattro braccia ciascuno; facevano del
male agli altri bambini; rovesciavano le tende; strappavano le vesti di buffalo; insudiciavano il cibo della
gente.
Un uomo saggio, che nella mente poteva vedere cose non ancora accadute, disse: Uccidete queste strane
cose cattive prima che esse uccidano voi .
Ma la loro madre disse: Mai. Un giorno saranno dei giovani uomini raffinati .
Ma quelli non divenivano dei buoni giovani; al contrario, cominciarono ad uccidere ed a mangiare la
gente. A quel punto tutti gli uomini del villaggio si avventarono su di loro per toglierli di mezzo, ma ormai
era troppo tardi. I mostri erano divenuti troppo grossi e troppo potenti per essere uccisi.
Essi divennero sempre pi alti. Un giorno andarono nel centro dellaccampamento e si misero ritti, schiena
contro schiena, uno di fronte allest, uno di fronte al sud, uno di fronte allovest ed uno di fronte al nord. I

loro dorsi crescevano insieme ed essi divennero un solo individuo.


Poich diventavano sempre pi alti, gran parte della gente cerc rifugio vicino ai piedi dei mostri, dove
quelle enormi creature, non potendo piegarsi gi, non riuscivano a prenderli; ma coloro che erano pi
distanti venivano presi da quelle braccia lunghe un miglio, uccisi e mangiati. I quattro mostri, ora cresciuti
insieme, si elevarono sino alle nuvole e le loro teste toccarono il cielo.
Allora luomo che vedeva nel futuro ud una voce dirgli di provvedersi di una canna vuota allinterno e di
piantarla nel terreno. Luomo lo fece e la canna rapidamente divenne sempre pi grande. In un batter
docchio sal a toccare il cielo. Luomo ud ancora la voce che diceva: Far una grande inondazione.
Quando appariranno i segni di eventi tristi, tu e tua moglie arrampicatevi dentro quella canna vuota. Siate
nudi come quando veniste al mondo, ed allo scopo di salvarli prendete con voi un paio di tutti gli animali
utili .
Luomo domand: Quale segno ci invierai? .
Quando tutti gli uccelli del mondo gli uccelli dei boschi, del mare, dei deserti e delle alte montagne
si uniranno a formare una nuvola che voler da nord a sud, quello sar il segno. Fate attenzione alla
nuvola di uccelli .
Un giorno luomo guard in su e vide una grossa nuvola di uccelli che viaggiava da nord a sud. Subito
egli e sua moglie salirono allinterno della canna vuota, portando con loro tutti gli animali che desideravano
salvare.
Poi cominci a piovere senza sosta. Le acque ricoprirono la terra e continuarono a salire sino a che
soltanto la cima della canna vuota e le teste dei mostri emergevano sulla superficie. Allinterno della canna
vuota luomo e sua moglie udirono di nuovo la voce: Ora invier la Tartaruga ad uccidere i mostri .
Le teste dei mostri stavano dicendosi lun laltra: Fratelli, mi sto stancando. Le mie gambe si stanno
indebolendo. Non potr continuare a star ritto molto a lungo .
La piena turbinava intorno a loro con forti correnti che quasi li spazzavano via. Allora la Grande
Tartaruga cominci a scavare sotto i piedi dei mostri sradicandoli. E poich questi persero il loro punto
dappoggio, vacillarono e si spezzarono. Caddero gi nelle acque, uno immergendosi verso nord, uno verso
est, uno verso sud ed uno verso ovest. E cos furono create le quattro direzioni.
Dopo che i mostri furono annegati, le acque calarono. Prima riapparvero le cime delle montagne, poi il
resto della terraferma, quindi si alzarono forti venti che asciugarono il terreno. Luomo scese gi alla base
della canna vuota e ne apr il buco inferiore. Guard fuori, sporse una mano e tast tuttattorno. Disse a sua
moglie: Vieni fuori. tutto asciutto .
Cos uscirono, seguiti da tutti gli animali, abbandonando

la canna che croll e scomparve. Ma come camminarono intorno sulla terra, la trovarono spoglia; non vera
niente che stesse crescendo.
La moglie disse: Andiamo a dormire . Si coricarono e dormirono, e quando il mattino seguente si
svegliarono, ogni genere derba era spuntata intorno a loro.

La seconda notte, mentre dormivano, crebbero alberi e cespugli. Ora cera legna da ardere con cui
riscaldarsi, ed ogni tipo di legno con cui costruire archi e frecce.
Durante la terza notte la terra fu coperta da verdi prati e su di essi apparvero gli animali a pascolare.
Luomo e sua moglie andarono a dormire una quarta volta e si svegliarono allinterno duna capanna
derba. Uscirono fuori e trovarono uno stelo di grano. Allora udirono la voce che diceva: Questo sar il
vostro cibo sacro . Disse alla donna come piantare e mietere il grano e termin con: Ora avete ogni cosa
che vi abbisogna. Ora potete vivere. Ora avrete figli e formerete una nuova generazione. Se tu, donna,
dovessi piantare grano e qualcosaltro che non fosse grano dovesse venir su, allora sappi che il mondo finir
.
Dopo questi avvenimenti, non udirono mai pi la voce.
Ricavata da varie fonti.

UNA LEGGENDA DI FRATELLO MAGGIORE (Pima)


Voi gente desideravate catturare Fratello Maggiore per poterlo distruggere, cos andaste da Vulture. Egli
fece una terra in miniatura, modellando montagne, tracciando corsi dacqua, mettendovi alberi e termin il
suo compito in quattro giorni. Salendo la scala a pioli a zigzag della sua casa, vol fuori e volteggi intorno
sino a che vide Fratello Maggiore. Vulture vide le fiamme blu che uscivano dal cuore del Fratello e
comprese che era invulnerabile. A sua volta Fratello Maggiore comprese chi aveva fatto la terra, e desider
di ucciderlo.
Fratello Maggiore, come riprese conoscenza, si alz su mani e piedi ed oscill instabilmente. Guard la
terra intorno a lui, e sulle prime gli sembr un inutile spreco, ma come si riprese dal suo smarrimento vide il
meraviglioso mondo che Vulture aveva costruito.
Guardandosi intorno, verso ovest, vide un fiume lungo il quale crescevano cespugli di sagittarie. Da quelle
tagli quattro bastoncini magici; poi, mettendovi sopra la mano, vi soffi su del fumo, ed un potere magico
brill tra le sue dita. Molto soddisfatto di ci, rise sommessamente tra s. Sfreg quattro volte ciascun
bastoncino sulla sua magica sacca di pelle di daino e poi ve li mise tutti e quattro dentro e la leg. Quindi,
recuperate interamente le forze, Fratello Maggiore cominci a muoversi. Si alz ed annient tutti i maghi
mortali; loratore, il guerriero, lindustrioso e la donna provvida, e pose persino le fondamenta della sua casa
dentro la terra. Poi penetr al di sotto della superficie della terra e riapparve allest, tracciando un sentiero
trasparente che andava indietro sino al luogo dovera sprofondato. Dalla base delle sue montagne lacqua
cominci a sgorgare; entratovi, ne usc fuori con lo spirito rinfrescato. Prendendo tutte le acque, persino
quelle coperte da piante acquatiche, vi immerse le mani e fece delle gole inclinate allingi. Poi, toccando i
grandi alberi, fece con le mani dei pendii.
Andando al luogo dove aveva ucciso Aquila, si sedette come un fantasma. Una voce chiese dalloscurit:
Perch sei qui? . Tristemente rispose che, a dispetto di tutto quello che aveva fatto per la gente, essa lo
odiava. Prosegu ad est, rinnovando quattro volte il suo potere nel luogo dove sorge il sole. Soffi sulla gente
il suo caldo respiro che, come un peso, la trattenne dovera. Segu il sole nel suo cammino viaggiando lungo
il bordo meridionale della pista, che era contornata da una frangia di perline, di piume, di filamenti e di fiori.
Diede uno strattone alla cordicella, trattenendo tutte quelle cose, sicch quelle caddero e fecero balzar fuori i
maghi. Pi tardi fece la stessa cosa nel nord.
Nel suo viaggio lungo lorbita del sole, Fratello Maggiore arriv ad Albero Parlante. Perch vieni come
un fantasma? domand Albero. Egli replic: A dispetto di tutto quello che ho fatto per la gente, essa mi
odia . Albero ruppe uno dei suoi rami di mezzo e fece un incavo intorno ad esso, s da farne una clava da
guerra e gliela diede. Poi Albero ruppe un ramo dal lato sud e con quello fece per lui un fascio di bastoncini
da cerimonia. Vide un sentiero verso sud ed un altro verso nord bordati di conchiglie, piume, piumino e fiori
e li rovesci tutti.
Arrivando al luogo dove il sole si disseta, singinocchi e vide una pietra blu scura. Lasci l i bastoncini
tagliati dal cespuglio di sagittaria che, come sapeva, contenevano tutti i poteri dei suoi nemici, ma continu
ad impugnare i bastoni tagliati da Albero Parlante. Verso il sud erano sparse collane, orecchini, piume,
filamenti di piumino e fiori, ed egli diede uno strattone a tutti quanti e li gett faccia in gi. Verso il nord
gett gi gli stessi oggetti, e come quelli colpivano il terreno i maghi saltavano di nuovo fuori. Raggiunto il

luogo dove il sole tramonta, scivol gi quattro volte prima di raggiungere il posto dove viveva Dottore
Terra.
Perch vieni simile ad un fantasma? domand il dio. A dispetto di tutto quello che ho fatto per la
gente, essa mi odia, rispose. Su comando del Dottore Terra il vento dellovest lo prese su e lo port lontano
ad est, quindi lo riport indietro e violentemente lo gett gi di nuovo sulla terra. Il vento del sud lo port al
nord; il vento dellest lo port allovest; il vento dello zenith lo port in cielo; tutti senza riguardo lo
lasciarono di nuovo cader gi. Dottore Terra, con la sua sigaretta contenente due specie di radici, soffi
fumo sul petto di Fratello Maggiore, dopo di che verdi foglie spuntarono fuori ed egli prese coscienza.
Dottore Terra prepar il terreno per un consiglio e poi raccolse Fratello Maggiore, come se avesse dovuto
prender su un bimbo, e lo mise nella sua casa.
Dottore Terra invi Ferro Grigio su, attraverso la terra, ad emergere allest, presso lacqua bianca dovera
posata la coda dellaquila. Egli usc fuori presso lacqua nera, doverano posate le piume del corvo. Egli usc
fuori presso lacqua blu, doverano posate le piume della cutrettola. Egli usc fuori presso lacqua gialla,
doverano posate le piume del gufo. Trov talmente tanti individui che temette di non poterli vincere. Ma
consum il magico potere del loro capo sino a che non linfiacch. Quindi ritorn al consiglio nel mondo
inferiore, dove il suo potere di mago gli fu riconosciuto, e fu posto su una stuoia con Fratello Maggiore.
Ora la gente era pronta a fare tutto ci che Fratello Maggiore desiderava e come animali feroci od uccelli
da preda si rivers fuori dal mondo sotterraneo e piomb sulla gente del mondo superiore che sottomise
senza difficolt. I vincitori spazzarono via dalla faccia della terra le propriet ed ogni cosa appartenente ai
vinti.
Considerate il magico potere che alberga in me e che al vostro servizio.
Basata su un racconto sui Pima di Frank Russell del 1908.

Questo fantastico racconto sulla creazione e sulla violenza configura alcuni episodi che sono stati
raccontati sulla vita del grande eroe culturale Pima, Fratello Maggiore, il cui compito di affermare
lordine nel caos primordiale. Fratello Maggiore stabilisce i caratteri del paesaggio, porta elementi della
cultura Pima e lotta contro i portatori di rovina ed i rappresentanti del male, vincendoli o, a sua volta,
rimanendo ucciso egli stesso e risorgendo a vivere in un altro giorno. I Pima raccontano tali storie non
come leggende autonome ma in una catena narrativa, dove un avvenimento suggerisce il successivo,
dando cos origine ad una progressione episodica senza inizio n fine.

PARTE TERZA

Locchio del Grande Spirito


Leggende del sole, della luna e delle stelle

Nella mitologia indiana, cos come gli alberi, gli stagni, le nubi e le rocce sono ritenuti esseri viventi,
similmente il sole, la luna e le stelle sono rappresentati come vivi e dotati di passioni e di brame umane.
Il sole, il padre della luce che fa nascere tutte le cose viventi sulla madre terra, lilluminatore della
primordiale oscurit, tanto il dispensatore di vita quanto il distruttore. Il sole normalmente maschio,
bench sia femmina tra gli Juchi, i Cherokee e gli Eschimesi (che tutti quanti considerano la luna come
un maschio). Nelle leggende di molte trib, il sole fa allamore con donne mortali, talvolta le sposa ed
ha dei figli da esse.
La grande sfera lucente lagente ultimo che rende fertile luniverso, di norma lincarnazione del
principio maschile, bench non necessariamente il dio centrale della religione. Possono esserci altre divinit
principali o fenomeni e spiriti sovrannaturali i quali simboleggiano differenti poteri. Le leggende raffigurano
gli uomini e le donne mortali mentre si mutano nelle stelle del mattino e della sera, od anche nella luna, e
sotto quelle forme prendono amanti e spose. Nei tempi storici, il solo esempio di sacrificio umano tra le trib
delle pianure ricorreva tra i Skidi-Pawnee i quali, una volta allanno, sacrificavano una giovane prigioniera
alla stella del mattino. Dovendo raffigurare la stella della sera, protettrice di tutte le cose che crescevano, la
fanciulla era dipinta met di rosso e met di nero (i quali simbolizzavano il giorno e la notte) e veniva messa
a morte in modo rituale per mezzo di frecce per inviarla al suo marito celeste. Tra i Sioux, la gente molto
anziana parla ancora di antenati i quali, mentre partecipavano alla danza degli spiriti del 1890, caddero in
trance ed in quello stato dincoscienza viaggiarono sino alla stella del mattino o della sera, svegliandosi con
le carni della stella o della luna strette nelle loro mani.
Il mito della creazione dei Bella Coola racconta come il feroce Orso del Cielo proteggesse il luogo dove il
sole sorgeva. Nel luogo del tramonto un immenso pilastro sorreggeva il cielo. Lorbita del sole era un ponte
tanto largo quanto la distanza che intercorreva tra linverno, il luogo dove il sole si mette a sedere , e
lestate, il luogo dove il sole si alza in piedi . Il sole accompagnato nella sua orbita da due schiavi che
danzano, ed ogni volta che lascia cadere la sua torcia uneclisse fa piombare la terra nelloscurit.
I miti indiani, come quelli di ogni altra cultura, sono coinvolti con i fondamentali paradossi che sono al
centro del mondo umano, e sollevano certi temi primari che noi Occidentali siamo venuti sovente ad
associare con i prototipi greci, anche se sul continente americano la loro evoluzione stata del tutto
indipendente. Cos, un mito della Costa del Nord Ovest rassomiglia da vicino alla leggenda di Elio e di
Fetonte dellantica Grecia. Una donna concepisce sedendo sui raggi del sole, e suo figlio diviene adulto in un
anno. Scocca frecce nel cielo e si arrampica sulla scala a pioli, che quelle formano, per andare a visitare suo
padre. Dopo aver tormentato suo padre, finalmente autorizzato a portare lardente disco lungo lorbita
stabilita ma, vacillando sotto il pesante fardello, si avvicina troppo alla terra. Gli oceani bollono, le foreste
prendono fuoco, ed ogni cosa scoppia in fiamme. Il padre interviene rapidamente per afferrare il carico ed il
presuntuoso ragazzo mutato in un visone.
Altri temi includono il furto di Prometeo e un viaggio nel mondo sotterraneo, simile a quello di Orfeo, in
un tentativo di sfidare lineluttabilit della morte, visto nel contesto della storia di una trib Cherokee che
cerca di aiutare un sole femmina afflitto a ricuperare la figlia morta.
Il sole pu anche essere ridotto ad un piccolo oggetto rubato dallaltro lato del mondo da un briccone o da
un animale amico per portare la luce ad una trib che vive nelloscurit.
Sia che si tratti di cacciatori o di piantatori, i popoli che vivono a contatto con la natura sono acuti
osservatori delle stelle e dei pianeti. Studiano il cielo per determinare il momento giusto per piantare o
mietere, o per scoprire dove trovare selvaggina in certi momenti dellanno. I costruttori di tumuli preistorici
di Kahokia, in quello che ora il Missouri orientale, avevano il loro Stonehenge, un osservatorio
astronomico consistente in un circolo di pali verticali. Tra le rovine preistoriche di Chaco Canyon nel New
Mexico, una kiva una grande camera cerimoniale circolare parzialmente interrata costruita in modo
tale che nel giorno del solstizio destate, e soltanto in quello, un raggio di luce brilla attraverso una fessura
del suo muro in pietra.
Dallimmagine a spirale del sole degli Stati Uniti sudoccidentali, scolpita su una parete rocciosa, a
Tunkashila, lAntenato delle Pianure, i cui raggi solari fecondano la Dea Madre s da farle dare alla luce di,
esseri umani e pure animali, il sole gioca un ruolo gioioso nella mitologia indiana. Egli Shakuru dei
Pawnee, che dona salute e forza ai guerrieri. Egli Paiyatemu dei Kere, che regola le stagioni e determina il
tempo per piantare e mietere. Egli Ataksak del Nord, la personificazione della gioia, abbigliato in un
vestito di corde lucenti, il cui corpo brilla persino nella morte. Egli Tahn dei Tewa, il cui viso contornato
di raggi di piume. Egli la brillante e penetrante incarnazione del Sioux Wakan Tanka, il Grande Spirito, di
ogni cosa ed in ogni cosa.

LA CREAZIONE DEL SOLE (Sioux Brul)


Lungi dall'essere delle reliquie, i miti indiani sono ancora raccontati nelle notti dinverno, e come alcune
vecchie leggende muoiono, ne sono create delle nuove secondo le visioni od i sogni di uno sciamano. un
raro privilegio essere presente quando una leggenda nasce, come accaduto con questa, raccontata per
la prima volta da Leonard Cane Corvo nel 1981.
Questa storia non mai stata raccontata. Non in nessun libro o computer. Mi arriv in sogno durante la
ricerca di una visione. una storia vecchia quanto linizio della vita, ma contiene, oltre a quello che gli
antenati mi dissero, una nuova comprensione che proviene da ci che vidi nella mia visione: cose ricordate,
cose dimenticate e cose ricordate di nuovo. Viene fuori dal Mondo degli Spiriti.
Alcuni dicono che noi discendiamo da Adamo ed Eva, ma non ci fu nessun Adamo ed Eva nella nostra
creazione. Alcuni cercano di dirci che noi nascemmo con il fardello del peccato originale, ma quello un
concetto delluomo bianco a noi estraneo. Il peccato non era nella mente delluniverso dei nostri creatori o
dei creati.
Quando questo mondo venne in essere sette milioni di ere cosmiche fa, era composto dinnumerevoli
cerchi, scheletri senza sostanza. La terraferma, lintera terra, non era stata ancora fatta. Tutto era orbite
allinterno di orbite allinterno di orbite. Il mondo sul quale oggi noi siamo seduti, la nostra terra, fu fatta
con sedici cerchi sacri. Non cera la terra, n terraferma, ma cerano pianeti e stelle. Soprattutto cera il
grande sole. Egli aveva il controllo di tutte le potenze dellorbita. Egli aveva lesclusivo potere di
comunicare, di parlare ai pianeti che parlavano con gli universi, le stelle e le orbite.
Il sole aveva sette immagini ed in esse ricreava se stesso. La settima ombra era quella importante. Il sole
la guard e vide che il suo destino era diverso. Questombra era il creatore della terra del pellerossa.
Allora il grande sole chiam tutte le orbite, tutti i pianeti e tutte le stelle: Venite al sedicesimo cerchio!
Venite al sedicesimo cerchio! e tutti andarono nel luogo che il sole aveva designato e parlarono del
progetto terra. Il sole non voleva permettere loro di partire sino a quando non lo avessero fatto. E quella
grande palla chiamata terra, il pianeta terra stesso, disse al sole: Istruiscici sulla linea di condotta
delluniverso . Per questo scopo e per quella ragione i globi e le orbite parlarono lun laltro. Si
scambiarono opinioni lun laltro e quella fu la prima festa creatrice di racconti, la prima alonwanpi
delluniverso.
Ed una delle orbite, lorientale, domand al sole: Perch ci hai chiesto di venir qui? Per quale motivo mi
hai chiamato? .
Vi ho chiamato perch prenderete parte a questa creazione. Voi soffierete in questi sedici cerchi.
Soffierete in essi con il vostro Takuskanskan, la potenza del movimento, la potenza vivificante che parte
del Wakan Wichohan, il sacro importante lavoro che noi dobbiamo fare .
E lorbita che denominata sud domand al sole: Perch mi hai chiamata? Sono venuta con i miei
pianeti e le mie orbite e tu devi dirmi che cosa fare . Le orbite parlarono in questo modo.
Quindi lovest domand: Sole, perch hai convocato qui tutte le orbite e tutti i pianeti? Qual lo scopo?
.
Vi ho chiamati qui in atteggiamento sacro, per un sacro scopo: aiutarmi a fare questa terra, questa
terraferma. A soffiare dentro questi sedici cerchi .
Il nord disse: Che cos quella cosa che tu chiami terraferma, che cos questa cosa che chiami terra?
Che ho a che fare con essa? .
Il grande sole rispose: Tu sei il vapore che vive; tu sei latmosfera; tu sei il nord. Tu sarai il custode di
questa terra. Farai le stagioni per tutta leternit.
E la potenza rispose dal nord: Hou, hou! . Questo fu leco di tutti gli echi delluniverso, e riecheggi
da un capo allaltro dei cerchi e delle orbite.
E cos le sacre potenze delle quattro direzioni soffiarono il respiro che d la vita su questa terra sulla quale
siamo seduti. I sedici cerchi erano ancora scheletri di cerchi; si poteva vedere, camminare, fluttuare
attraverso di essi; non avevano ancora sostanza.
Il sole ordin di nuovo a tutte le potenze ed a tutti i pianeti di radunarsi intorno alla terra e soffiare su di
essa, e questo fu linizio della vita del pellerossa. Tutte le potenze delluniverso parteciparono alla sua
creazione, ma proprio dal centro degli universi arriv in un turbine, l in mezzo ad essi, un potere
sconosciuto. Il suo nome era Inconsapevolmente, ed anche lui soffi dentro i sedici cerchi. Tutte le potenze
soffiarono fuoco ed altri elementi dentro questa terraferma, e quando essi ebbero finito, un milione e mezzo
di ere cosmiche era trascorso.

Il sole guard la terra. Ovunque vedeva bellezza e luce. Vide gli artistici disegni delluniverso, lartistica
creazione dei pianeti ed il dipinto della terraferma. Il sole radun le doti naturali di tutte le ricchezze di tutti
gli universi e le mise dentro questo suo mondo che aveva appena creato; niente era sprecato.
Ma la terra era spoglia. Era un mondo nudo. Non vera ancora nessuna vita; era roccia, un cristallo che
luccicava da lontano.
La Grande Potenza Sconosciuta, lAntenato Potere, lInconsapevolmente, era parte del sole ed il sole era
parte di esso. LInconsapevolmente era visto e non visto ed aveva molte forme. E parl: Oh! Aho! Ora
fatta. Questa la Grande Maniera di parlare del Grande Spirito . E della terra disse: Questa sar il mio
trono. Qui riposer le mie spalle . Nella terra piant il seme della vita, un compito che richiese mezzo
milione di ere cosmiche del tempo della creazione.
LInconsapevolmente prima piant alberi, del tipo che non cambiano mai, che sono sempre verdi: il pino
ed il cedro. Essi sono i parenti verdi delluniverso, ed ancor oggi usiamo il cedro come incenso nelle nostre
cerimonie. Nella sua intenzione questo piantar alberi doveva esser fatto in un batter docchio, ma dur un
milione e mezzo di ere cosmiche del tempo della creazione. A quel tempo il sole non si muoveva ancora,
non si alzava e non andava gi, restava appunto fermo in un posto. Il sole guard la terra coperta di verde e
disse: bella. Sono soddisfatto . Quindi il grande sole fece le quattro stagioni affinch il nord le
custodisse, e quando ebbe finito, un altro mezzo milione di ere cosmiche del tempo della creazione era
trascorso. E nessun uccello era stato ancora creato; appena i nostri verdi parenti.
Gli alberi parlarono lun laltro. Ogni giorno ed ogni momento stavano parlando, ed essi parlano tuttora in
un linguaggio sconosciuto che gli esseri umani non comprendono. Quando un bimbo esce dal grembo, la
prima cosa che fa di gridare e gridare. Anche lui sta parlando in una lingua sconosciuta: il linguaggio
dellalbero, il linguaggio delluniverso, il linguaggio della sopravvivenza. Bench in seguito il neonato lo
dimentichi, quando nasce sa che dobbiamo sopravvivere per aver cura di questo mondo, per vivere in modo
sacro secondo loriginario insegnamento.
Quando furono trascorsi tre milioni di ere cosmiche del tempo della creazione, il grande sole guard gi
dalla sua orbita e pens: Ci unico. Ogni cosa si muove nel Grande Modo. I Custodi, le quattro sacre
direzioni, sono stati designati, e stanno facendo bene quello che si presume debbano fare . E guard un
albero e vide che un grosso ramo era rotto. Disse: Ton, Ton, Tonpi. Che fai nascere. tempo di creare la
gente, di modellarli a coppie.
Non chiamarci Indiani; chiamaci Stirpe, perch questo ci che noi siamo.
Il sole pens: Ogni cosa sembra bella, e la nascita sta per aver luogo, ma qualcuno dovrebbe essere il
custode della terra di questa Stirpe. Le potenze delle quattro direzioni hanno gi la cura dei pianeti, ma io
voglio un custode speciale per lemisfero sul quale metter i pellerossa . A quel tempo egli non pensava ad
esso come Madre Terra ma come al Pianeta degli Universi, allOrbita della Pianificazione. Perch nessuna
madre, nessun uomo o nessuna donna esistevano ancora; appena

i colori delle quattro direzioni, e le piante, e lintelligenza delle potenze, lintelligenza di Tunkashila.
Il grande sole chiam ad alta voce: Ignaro, tu arrivi sempre inconsapevolmente. Vieni
inconsapevolmente dal tuo seggio . E lInconsapevolmente arriv con fulmini e con potenze che nessun
essere umano poteva scientificamente analizzare, che non potevano essere valutate, potenze sacre e
segrete, le pi antiche, le pi innate. Sconosciuto era unombra che parlava con il fulmine, con il tuono. Il
grande sole, anpetu-wi, stava ancora oziando, fisso nel suo posto dal momento della creazione. Poi,
improvvisamente, a miliardi di miglia allora, il sole cominci a muoversi. Muovendosi, liber gas
incandescenti, lenergia del fuoco senza fine, il calore che d la vita. LInconsapevolmente era proprio al
suo fianco in quel momento del tempo della creazione. (Erano lui ed il sole uno solo? Erano due? Era la
settima ombra del sole?).
Inconsapevolmente disse: Ora da tutti questi elementi trarremo un essere umano. Noi prenderemo la
nervatura del cedro per creare un uomo che sar il custode di questa terra. Il suo nome sar Ikche Wichasha,
il Naturale Bipede Selvaggio, lessere umano libero e selvaggio . LInconsapevolmente era la settima
ombra del sole, e per comunicare i suoi desideri parl il linguaggio del fulmine. Se lombra camminasse qui
per questa stanza, voi non potreste vederla, ma ne avvertireste in qualche modo la presenza e avreste una
nuova visione.
Inconsapevolmente chiam il turbine: Umni-Omni, Tate Yumni, arriva! .
Il turbine arriv con un lamento di tuono, il rimbombo della terra che nasceva. Il sole fece scorrere
lacrime dal suo occhio infinito, dal suo occhio delluniverso. Quando una lacrima colpiva la terra, si mutava
in un grumo di sangue, un we-ota. Tuttavia era soltanto come unombra, ma per quattro generazioni
questombra si svilupp. Il turbine lavvolgeva, la colpiva, aiutandola a divenire un corpo. Egli era We-OtaWichasha, Ragazzo Grumo di Sangue, ed era alto quasi sette piedi. Quando il turbine lo colp, una
conoscenza sovrannaturale entr in lui, cos come il potere di parlare e la conoscenza del linguaggio. E
quando Grumo di Sangue ricevette questi poteri, divenne un uomo. Il sole, soddisfatto, disse: Ora stato
creato un custode per questa terra .
We-Ota-Wichasha si svilupp non soltanto in un uomo, ma nelle sette nazioni dei sette colori dei metalli.
Oggi noi abbiamo soltanto quattro colori: il pellerossa, luomo bianco, luomo nero e luomo giallo. Che
cosa accadde alle altre tre specie di uomini? Dove andarono?
Una era Kosankiya: un grande pianeta, con piante, con animali, con esseri umani. Kosankiya loscurit
di ogni blu. Egli disse: Io sar il prossimo costruttore. Io sar il sostegno della volta. Io sar il cielo blu .
Egli ancora l, di giorno e di notte. Quella volta sopra di noi si fa scura di notte, blu durante il giorno.

E dov la seconda? Il suo nome Edam, Hota Edam, Hotanka, la Grande Voce che indica avanti. Da
dove viene? Fluttua nel vuoto. rossa, un disegno artistico. Puoi vederla talvolta tra le nubi tuonanti. Ed
Wakinyan, il grande uccello del tuono, la parte alata delle sedici entit sacre. ancora qui.
Ed ancora una ne manca; dov? Guarda attentamente, in quanto lo spirito della terra, la gialla punta di
lancia delle potenze della terra. Wo-Wakan, il sovrannaturale.
Il Lass, il Sotto e lo Spirito Alato formano, con le quattro razze dellumanit, le sette generazioni. Non
ne manca nessuna. E noi siamo parte di esse. Esse ci includono, esse includono ogni cosa; persino una pietra
od un minuscolo insetto raccolto nel sacro cerchio.
Ebbene, il sole ha dato a Uomo Grumo di Sangue lintelligenza del perfetto essere umano. Egli era un
incantesimo, in quanto il sole aveva versato lacrime e trasudato come durante una purificazione nella
capanna del vapore. Grumo di Sangue fu fatto dai venti, dal turbine, dal sacro soffio delluniverso. Egli non
fu creato in nove mesi, come il bimbo che tu e tua moglie generate, ma nellarco di milioni di anni. Tuttavia
persino nel tuo bimbo sta circolando un po di quella potenza del fulmine e del respiro della stella.
A quel tempo la terra era un cristallo abitato da una grande intelligenza e ricoperta dal sole e dalle ombre
che aveva creato. Il centro suo lucente era cristallo, vetro e mica, ma ora solidificato. Non potevi
penetrarlo o camminare attraverso di esso, in quanto lo scheletro stato ricoperto di polpa, verde polpa. Poi
Wakan Tanka, Tunkashila, form gli animali a coppie, per donare la loro carne affinch luomo potesse
vivere. E quindi venne il momento di creare la donna. Allora non cera luna; era ancora il periodo delle sacre
novit. Il sole convoc ancora tutti i pianeti ed i sovrannaturali, e quando furono riuniti, il sole, con uno dei
suoi vividi lampi, si cav un occhio. Lo gett sul vento della sua visione in un certo luogo e divenne la luna.
E su questo nuovo globo, quel pianeta occhio cre la donna. Tu sei un pianeta vergine, una fanciulla luna
, le disse. Ti ho toccata e ti ho fatta con la mia ombra. Voglio che cammini sulla terra . Questo accadde
nelloscurit al tempo della nuova luna.
Come potr andare su quella terra? domand la donna. Cos il sole cre il potere e la ragione della
donna. Impieg il fulmine per costruire un ponte tra la luna e la terra, e la donna cammin sul fulmine. Il suo
attraversamento richiese un lungo tempo.
Ora lartefice delluniverso aveva creato luomo e la donna, e dato loro un potere ed un modo di vita che
non sono mai stati cambiati. Nel far ci, il sole aveva impiegato un altro milione di ere cosmiche del tempo
della creazione. Istru la donna sui suoi compiti, che essa realizz attraverso i suoi sogni, le sue visioni ed i
suoi speciali poteri.
Il Grande Spirito aveva creato la donna per stare con luomo, con We-Ota-Wichasha, ma non subito. Essi
dovevano prendere contatto lentamente, abituarsi luno allaltro, comprendersi lun laltro per la
sopravvivenza di quelli dei quali dovevano prendersi cura. Tunkashila lasci che il sangue scorresse in lei.
Essa cammin sul lampo, ma essa cammin pure su una vena di sangue che andava dalla terra alla luna.
Questa vena era una corda, un cordone ombelicale che andava dentro il suo corpo, e per mezzo di esso lei
per sempre collegata con la luna. Ed a lei furono dati nove mesi della creazione. Sulle prime lei era senza
sentimento, in quanto lamore fu creato in lei e nelluomo molto tempo dopo che i loro corpi erano stati
formati. Essi non vivevano come facciamo noi oggi, ma erano una parte della terra, prendendosi cura di essa
persino mentre essa si prendeva cura di loro.
Luomo e la donna cominciarono a comunicare lun laltro e parlarono per molti anni. Poi al loro interno
emerse un sentimento. Persino prima che si toccassero lun laltro sentirono una vibrazione, una conoscenza
del grembo. Cos, per mezzo dei poteri del grande sole, per mezzo dei poteri di Tunkashila, fu dato loro di
conoscere che erano uomo e donna, creatori essi stessi. Quella conoscenza venne alluomo attraverso il
lampo, attraverso il sangue del sole che era in lui, e venne alla donna attraverso quel cordone ombelicale che
la collega alla luna ed il cui potere lei sente ancora nel momento della sua luna.
Tu sei la custode delle generazioni, colei che fa nascere , disse il sole alla donna. Sarai la portatrice
di questo universo .
Luomo e la donna fecero ci a cui erano destinati secondo il sacro modo della natura ed ebbero due
gemelli, due fanciulli. Essi non erano nati in un ospedale n in una tenda ma nel modo naturale, la donna
accovacciata, aggrappata al bastone del parto, con una soffice pelle di daino che attendeva di ricevere
lofferta del suo grembo. La cupola del sole era il loro riparo, non una tenda od una casa. Il loro tetto era la
volta del cielo. E questo il motivo per cui noi, i pellerossa, gli Ikche Wichasa, siamo il pi antico popolo di
questo emisfero, viventi qui dallinizio dei tempi con il potere e la conoscenza che ci sono stati dati.
Nel momento in cui nacquero possedevano gi quella conoscenza e quel potere. Quando furono cresciuti
abbastanza (ed essi crebbero pi in fretta di quanto fanno gli esseri umani oggi) andarono sulla cima di

unalta collina alla ricerca della loro visione, la quale dur sedici giorni e sedici notti. Essi non serano
purificati in una capanna di vapore prima e dopo aver invocato un sogno, perch ogni cosa era ancora pura.
Sulla montagna uno dei gemelli ud la voce di Tunkashila e rispose: Hou! . E Tunkashila gli mostr il
modo per fare e mantenere una fiamma, peta owihankeshni, il fuoco senza fine. Ed alla fine dalla visione
venne la prima capanna del vapore. Un gemello ricevette questa grande visione, laltro gemello una meno
importante. E ciascuno di loro segu il proprio sogno.
We-Ota-Wichasha e la Prima Donna procrearono altri figli, bambini e bambine, dai quali discesero molte
nazioni. Anche il gemello che aveva ricevuto la grande visione ebbe un figlio, procreato con laiuto di un
raggio di sole. Quando quel figlio fu grande abbastanza, anchegli and su unalta collina per la ricerca
duna visione e la collina si mut in un nido. Ikcheha, Ikchewi, Ikche Wichasha, quello sar il tuo nome ,
ud una voce dirgli. Ikche Wichasha, ecco chi sei , e questa la ragione per la quale noi Sioux ci siamo
chiamati cos da sempre. Fai attenzione a ci che v in questo nome: che, lorgano maschile; wi, il sole; e
sha, il rosso.
Insieme essi significano uomo comune selvaggio , un uomo libero per natura, un uomo della terra. Ma
tutte quelle sillabe e significati sono inseriti per mostrare che noi siamo loriginario popolo rosso del sole.
Ho He!
Ed il figlio del gemello fece il primo fuoco e costru la prima capanna per il bagno di vapore. Poi and dai
suoi genitori e disse: Devo lasciarvi. Il mio compito di prendermi cura dei venti delluniverso .
Cominci a risalire la collina sulla quale aveva ricercato la visione e davanti agli occhi del padre e della
madre, di We-Ota-Wichasha e Prima Donna, si mut in unaquila. Il figlio-aquila vol via con un dono del
Grande Spirito, le quattro stagioni. Esse lo accompagnarono nelle sembianze di unaquila macchiata, di
unaquila picchiettata, di unaquila dorata e di unaquila nordica.
We-Ota-Wichasha e Prima Donna videro il loro nipote volar via, roteando sempre pi in alto. Ed essi
salirono sulla punta della montagna, che era divenuta un nido, e trovarono che aveva lasciato loro dei doni.
Un arco ed una freccia si trovavano l, ed una pietra, una tela di ragno ed un sonaglio di zucca. Trovarono
un bastoncino per accendere il fuoco ed un piccolo fuoco acceso che brillava. Laquila aveva graffiato la
roccia con il suo artiglio, facendo scaturire una scintilla dalla pietra focaia.
Queste cose furono solo immagini durante una visione, ma lintelletto del figlio aquila le port in vita,
facendole divenire reali. Tutte le cose sacre per la sopravvivenza si adattarono luna allaltra nelle mani di
We-Ota-Wichasha e Prima Donna, e per loro tramite furono date al pellerossa, unitamente alla conoscenza
del loro uso. E quando questi Primi Genitori ritornarono con quelle cose al loro piccolo accampamento, lo
trovarono brulicante di gente di molte trib, ciascuna con il suo accampamento in circolo. Ed a tutti loro
We-Ota-Wichasha e Prima Donna rivelarono la visione ed il sogno e le sacre cose e la conoscenza. Ed in
quel momento i sette milioni di ere cosmiche della creazione erano finiti.
Raccontata da Leonard Cane Corvo sulla Montagna Grass nella Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, il 18 marzo 1981 e registrata da
Richard Erdoes.

Leonard Cane Corvo, figlio di Henry Cane Corvo, un ben noto sciamano Sioux e un road man
della Chiesa Nativa Americana.

CAMMINA-PER-TUTTO-IL-CIELO (Tsimshian)
Questa una leggenda sul sole e sulla luna che pi antica e pi tradizionale della precedente, la
quale, al contrario, era caratterizzata da un modo pi moderno di vedere il mondo.
Agli inizi, prima che fossero create tutte le cose che vivono sul nostro mondo, in cielo cera soltanto il
capo. Aveva due figli ed una figlia, ed il suo popolo era numeroso. Ma in cielo non cera luce, soltanto il
vuoto e loscurit.
Il figlio maggiore del capo si chiamava Che-Cammina-Di-BuonOra, il secondo figlio si chiamava
Quello-Che-Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo e la figlia Sostegno-del-Sole. Erano tutti molto forti, ma il ragazzo
pi giovane era pi saggio e pi abile del maggiore.
Vedere il cielo sempre cos scuro rendeva il figlio pi giovane triste, ed un giorno prese con s il fratello
ed and a tagliare della buona legna resinosa. Curvarono un sottile ramoscello di cedro, sino a farne un

anello della larghezza del viso di una persona e quindi legarono intorno a quello il legno resinoso affinch
sembrasse una maschera. Diedero fuoco al legno resinoso, e Quello-Che-Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo si
mise la maschera ed and allest.
Dun tratto tutti videro sorgere una grande luce. La gente meravigliata osservava il figlio pi giovane del
capo che correva da est ad ovest, spostandosi velocemente per non essere bruciato dalla maschera
fiammeggiante.
Ogni giorno il secondogenito ripeteva il suo corso ed illuminava il cielo. Allora lintera trib si radun e
sedette in consiglio. Siamo contenti che tuo figlio ci abbia dato la luce , dissero al capo. Ma troppo
veloce; dovrebbe rallentare un po affinch noi si possa godere pi a lungo di quella luce .
Il capo rifer al figlio quello che il popolo aveva detto, ma Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo fece osservare che
se fosse andato pi piano la maschera si sarebbe bruciata interamente prima che egli avesse raggiunto
lovest. Perci continu a correre velocemente e la gente continuava a desiderare che egli andasse pi piano,
sino a che la sorella disse: Cercher di trattenerlo un po .
La volta successiva Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo sorse allest ed inizi il suo viaggio, ed anche Sostegno
del Sole part da sud. Aspettami! gridava, correndo pi forte che poteva. Intercett il fratello nel bel
mezzo del suo corso e lo trattenne per un attimo sino a che quello non riusc a liberarsi. E questa la ragione
per cui oggi il sole si ferma sempre un po quando nel centro del cielo. La gente url di gioia ed il padre
bened Sostegno del Sole.
Ma il capo era dispiaciuto perch Cammina-Di-BuonOra non era altrettanto intelligente e capace del suo
pi giovane fratello. Il padre manifest il suo disappunto, e Cammina-Di-BuonOra ne fu cos mortificato
che si accasci e pianse. Nel frattempo suo fratello, il sole, ritorn stanco dal suo viaggio giornaliero e si
coric per riposare. Pi tardi, quando tutti erano addormentati, Cammina-Di-BuonOra si cosparse il viso di
grasso e carbone, svegli il suo piccolo schiavo e gli disse: Quando mi vedi sorgere allest salta su e grida:
Uurr! sorto! . Poi, mentre Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo dormiva profondamente, Cammina-DiBuonOra part con il viso che diffondeva appena la luce che traspirava dallapertura del fumo.
All'improvviso Cammina-Di-BuonOra sorse allest, ed il suo viso annerito riflett la luminosit del foro del
fumo. Il piccolo schiavo salt su e grid: Hurrah! sorto! .
Alcune persone gli chiesero: Perch fai tutto quel chiasso, brutto schiavo? . Lo schiavo continuava a
saltare, indicando lest. La gente guard e vide la luna che sorgeva, ed anchessi gridarono: Urr! .
Pass il tempo, e furono creati gli animali affinch vivessero nel nostro mondo. Alla fine tutti gli animali
si radunarono per tenere un consiglio. Furono daccordo che il sole dovesse correre da est ad ovest, vi fosse
la luce del giorno e che questa facesse crescere ogni cosa. La luna, decisero, doveva camminare di notte.
Quindi fu necessario stabilire il numero dei giorni che dovevano esserci in un mese. I cani erano pi saggi
degli altri animali e parlarono per primi: La luna dovr sorgere per quaranta giorni , dissero.
Tutti gli animali erano silenziosi. I cani sedettero insieme a parlare segretamente tra loro ed a meditare su
quello che avevano detto. Il cane pi saggio, il loro portavoce, era ancora ritto. Egli stava contando sino a
quaranta con le sue dita quando il porcospino lo colp allimprovviso sul pollice. Chi pu vivere se ci sono
quaranta giorni in ogni mese? disse il porcospino. Lanno sarebbe esageratamente lungo. In un mese
dovrebbero esserci solo trenta giorni .
Gli altri animali furono daccordo con il porcospino. Ed a causa di questo consiglio che ogni mese ha
trenta giorni e che ci sono dodici mesi in un anno. Ormai gli animali erano disgustati dei cani e li riunirono
insieme per scacciarli. Per questa ragione i cani odiano tutte le creature dei boschi, e pi di tutti il
porcospino, che colp con la coda piena di spine il pollice del cane saggio e lo umili davanti al consiglio.
Ed a causa del colpo del porcospino, ora il pollice del cane rivolto in direzione opposta a quella delle altre
dita.
Prima che quel consiglio di molto tempo fa terminasse, gli animali diedero pure il nome ai seguenti mesi:
Tra ottobre e novembre, Mese in cui Cadono le Foglie.
Tra novembre e dicembre, Mese del Tab.
Tra dicembre e gennaio, Il Mese Intermedio.
Tra gennaio e febbraio, Il Mese del Salmone di Primavera.
Tra febbraio e marzo, Il Mese in cui si mangia lOlachen.
Tra marzo ed aprile, Quando lOlachen cotto.
Tra maggio e giugno, Mese dellUovo.
Tra giugno e luglio, Mese del Salmone.
Tra luglio ed agosto, Mese del Salmone Gobbo.
Tra settembre ed ottobre, Mese del Giro della Trottola.

Inoltre, gli animali divisero lanno in quattro stagioni: primavera, estate, autunno e inverno.
Nuovi avvenimenti stavano intanto accadendo in cielo. Quando Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo era
addormentato, le scintille che volavano via dalla sua bocca diventarono le stelle. E talvolta, quando era
contento, si dipingeva il viso con locra rossa di sua sorella e cos la gente sapeva che genere di tempo
avrebbe fatto. Se la pittura rossa colorava il cielo della sera, il giorno dopo ci sarebbe stato tempo buono,
ma un cielo rosso al mattino significava che i temporali erano in arrivo. E la gente dice che ancora vero.
Dopo che il cielo fu dotato di sole, luna e stelle, la figlia del capo, Sostegno-del-Sole, si sent depressa per
la piccola parte che aveva avuto nella creazione. Tristemente vag verso ovest nellacqua ed i suoi vestiti si
bagnarono. Quando ritorn, stette in piedi presso il grande fuoco di suo padre per riscaldarsi. Strizz gli
abiti e lasci che lacqua gocciolasse sulle fiamme, sviluppando una grande nuvola di vapore che fluttu
fuori della casa, si depose sulla terra e moder il tempo caldo con una umida nebbia. Il padre la bened,
perch lintera trib era felice. Ed a tuttoggi tutta la nebbia viene dallovest.
Il capo era contento nel vedere che tutti i suoi tre figli erano saggi. Ora era compito della luna, Camminadi-BuonOra, sorgere e tramontare ogni trenta giorni affinch la gente potesse riconoscere lanno. Il sole,
Cammina-Per-Tutto-Il-Cielo, fu incaricato di creare tutte le cose buone, come la frutta e far crescere ogni
cosa abbondante. E la figlia del capo, Sostegno-del-Sole, serv per rinfrescare la calda terra con della fresca
nebbia.
Basata su una versione registrata da Franz Boas nel 1916.

Alcune trib del Nordovest avevano in verit degli schiavi, come la storia racconta. Lo status poteva
essere ereditato da una generazione allaltra; essi erano considerati come beni personali dei loro
padroni e potevano essere uccisi se il padrone lo voleva. Poich i Tsimshian vivevano nel Nordovest, la
nebbia che veniva dallovest naturalmente quella che proviene dallOceano Pacifico.

CONIGLIO CON TRE ZAMPE COMBATTE IL SOLE


Lorigine di questa leggenda non precisa. Ella Clark nota soltanto che viene da una trib delle
Montagne Rocciose occidentali.
Una volta cera un coniglio che aveva solo tre zampe, ma che sera fatto da solo una gamba di legno in
modo da potersi muovere velocemente.
A quel tempo il sole era molto caldo e Coniglio disse a se stesso: Andr e vedr qual il motivo .
Come sincammin saltellando verso il sole, trov che questi diveniva ogni giorno sempre pi caldo.
La sola cosa su questa terra che non brucia , disse Coniglio, il cactus . Cos si fece una casa di
cactus per starvi dentro durante il giorno e viaggi soltanto di notte.
Quando arriv allest, si lev presto al mattino e corse verso il posto dove il Sole doveva apparire. Vide il
terreno bollire e comprese che il Sole stava per sorgere. Coniglio si ferm, si sedette e prese il suo arco e le
frecce.
Quando il Sole fu a met percorso circa dalla terra, Coniglio scagli la sua prima freccia che colp il Sole al
cuore e lo uccise. Coniglio si mise ritto sul corpo e grid: La parte bianca del tuo occhio saranno le
nuvole . E cos fu.
La parte nera del tuo occhio sar il cielo .
E cos fu.
Il tuo rene sar una stella, il tuo fegato la luna, ed il tuo cuore loscurit .
Ed esse lo furono.
Quindi Coniglio disse al Sole: Non sarai mai pi troppo caldo, perch ora tu sei soltanto una grossa stella
.
Da allora il sole non mai pi stato troppo caldo e da quel giorno i conigli hanno avuto macchie marrone
dietro le orecchie e sulle zampe. La loro pelliccia di conigli rimase bruciacchiata durante quel viaggio che
molto, molto tempo fa avevano intrapreso per sapere perch il sole era cos caldo.
Raccontata da Ella dark net 1966.

COYOTE RUBA IL SOLE E LA LUNA (Zuni)


Coyote un cattivo cacciatore che non uccide mai nulla. Un giorno osserv Aquila che cacciava conigli,
prendendone uno dopo laltro: pi conigli di quanti potesse mangiarne. Coyote pens: Mi unir ad
Aquila, cos potr avere carne a sufficienza . Coyote sta sempre tramando qualcosa.
Amica , disse Coyote ad Aquila, dovremmo cacciare insieme. Due possono prendere pi di una.
Perch no? disse Aquila e cos cominciarono a cacciare in societ. Aquila cattur molti conigli, ma tutto
ci che Coyote prese furono solo alcuni piccoli insetti.
A quel tempo il mondo era ancora buio; il sole e la luna non erano ancora stati sistemati in cielo. Amico
, disse Coyote ad Aquila, non c da stupirsi se non prendo niente; non ci vedo. Sai dove possiamo
prendere un po di luce? .
Hai ragione, amico, dovrebbe esserci della luce , disse Aquila. Penso che ce ne sia un po verso
ovest. Proviamo a cercarla .
E cos andarono a cercare il soie e la luna. Arrivarono ad un grosso fiume, che Aquila sorvol. Coyote
nuot, ma ingoi tanta acqua che per poco non annegava. Si trascin fuori con la pelliccia piena di fango, ed
Aquila domand: Perch non voli come me? .
Tu hai le ali, io ho solo peli , disse Coyote. Non posso volare senza piume .
Alla fine arrivarono ad un pueblo, proprio mentre i Kachina stavano danzando. La gente invit Aquila e
Coyote a sedere ed a mangiare qualcosa mentre stavano osservando le sacre danze. Vedendo la potenza dei
Kachina, Aquila disse: Credo che questa sia la gente che possiede la luce .
Coyote, che aveva osservato tuttintorno, le fece notare due casse, una grande ed una piccola, che la gente
apriva ogni volta che voleva la luce. Per produrre molta luce, sollevavano il coperchio della cassa grossa, che
conteneva il sole. Se volevano meno luce, aprivano la cassa pi piccola nella quale era contenuta la luna.
Coyote diede una gomitata ad Aquila: Amica, vedi quella? Nella cassa grossa hanno tutta la luce che ci
abbisogna. Rubiamola .
Tu vuoi sempre rubare e saccheggiare. Dico che dovremmo solo chiederla in prestito .
Non ce la impresteranno .
Forse hai ragione , disse Aquila. Attendiamo sino a che abbiano finito di danzare e poi rubiamola.
Dopo un po i Kachina andarono a casa a dormire, e Aquila raccolse la cassa grossa e vol via. Coyote
corse avanti cercando di tenersi su, ansimando, la sua lingua penzoloni. Ben presto url ad Aquila: Oh,
amica, lasciami portare la cassa per un po di percorso .
No, no , disse Aquila, non ne fai mai una giusta .
Essa si slanci in avanti, e Coyote le corse dietro. Dopo un po Coyote grid di nuovo: Amica, tu sei il
mio capo, e non giusto che tu porti la cassa; la gente dir che sono pigro. Lasciamela prendere .
No, no, tu perdi sempre qualcosa . E Aquila si slanci e Coyote continu a correre.
Per un certo tempo quella storia and avanti e poi Coyote cominci di nuovo. Oh, amica, non giusto
che tu faccia cos. Che cosa penser la gente di te e di me? .
Non mimporta di quello che pensa la gente. Sto portando questa cassa.
Di nuovo Aquila si slanci in avanti e di nuovo Coyote le corse dietro. Alla fine Coyote la supplic per la
quarta volta: Lasciamela portare. Tu sei il capo ed io sono soltanto Coyote. Lasciamela portare .
Aquila non poteva pi sopportare quel tormento. Inoltre Coyote laveva chiesto quattro volte; e se
qualcuno chiede per quattro volte, meglio dargli ci che vuole. Aquila disse: Poich non la smetterai mai,
vai avanti e porta la cassa per un po. Ma prometti di non aprirla.
Oh, sicuro, oh s, prometto . Proseguirono come prima, ma ora Coyote aveva la cassa. Presto Aquila fu
molto avanti e Coyote rest indietro coperto da una collina dove Aquila non poteva vederlo. Disse fra s:
Sono curioso di sapere com la luce che dentro. Perch non dovrei dargli una sbirciata? Probabilmente v
qualcosa di speciale nella cassa, qualcosa di buono che Aquila vuole tenere per s.
E Coyote sollev il coperchio. Ebbene, dentro non cera solo il sole ma anche la luna. Aquila li aveva
messi entrambi insieme, pensando che sarebbe stato pi facile portare una cassa piuttosto che due.
Non appena Coyote sollev il coperchio la luna fugg, volando alto nel cielo. Subito tutte le piante si
raggrinzirono e divennero gialle. Altrettanto rapidamente tutte le foglie caddero dagli alberi e fu inverno.
Cercando di afferrare la luna e di rimetterla nella cassa, Coyote corse al suo inseguimento in quanto quella se
la svignava via da lui. Intanto il sole era volato via su nel cielo. Fu trascinato lontano e le pesche, i
melopoponi ed i meloni si raggrinzirono per il freddo.
Aquila gir e vol indietro a vedere che cosa faceva ritardare Coyote. Sei stupido! Guarda coshai fatto!

disse. Hai lasciato fuggire il sole e la luna, ed ora freddo . In verit, cominciava a nevicare e Coyote
tremava. Ora stai battendo i denti , disse Aquila, ed colpa tua se il freddo venuto nel mondo .
vero. Se non era per la curiosit e la linguaccia di Coyote, noi non avremmo avuto inverni; ma
potevamo godere dellestate per sempre.
Basata su una storia riportata da Ruth Benedict nel 1935.

Il giorno e la notte (in quanto rappresentati dal sole e dalla luna) sono metaforicamente associati con
lestate e linverno; per cui la liberazione della luna porta morte e desolazione nel mondo. Coyote
naturalmente spezza completamente il ciclo stagionale interferendo nella progressione celeste. I Kachina
qui ricordati erano, al tempo cui la storia si riferisce, semidi, intermediari sovrannaturali, per lo pi
benigni, che visitavano regolarmente i pueblo ed istituivano elaborati rituali che includevano feste
danzanti per la gente.

IL CALORE CONSERVATO IN UNA BORSA (Slavey)


Allinizio, prima che ci fosse la gente, cera un lungo inverno. Il sole era nascosto da basse nuvole nere.
Non smetteva mai di nevicare. Il cielo era scuro e la terra era bianca di ghiaccio e neve. Dopo che tutto ci si
fu protratto per tre anni, tutti gli animali si radunarono per un grande consiglio su ci che dovevano fare.
Stavano gelando e morendo di fame. Erano presenti tutti i quadrupedi, gli alati e le squamose creature del
mare.
Gli animali convennero che era la mancanza di caldo, lassenza di calore, che faceva perdurare linverno.
Si accorsero che nessun orso era venuto al consiglio e notarono che in effetti nessun orso era stato visto da
tre anni. Un saggio animale disse: Forse gli orsi hanno qualcosa a che fare con le nostre sofferenze. Forse
stanno tenendo il calore per se stessi. Andiamo ad accertarcene . Cos formarono un gruppo di ricerca
composto dal lupo, dalla volpe, dal ghiottone, dalla lince, dallalce, dal luccio e dal pescecane.
A quel tempo gli orsi vivevano in un mondo superiore, su in alto sopra la terra. La comitiva fu abbastanza
fortunata di trovare un buco nel cielo attraverso il quale gli animali potevano passare. Vagando nel cielo
superiore, arrivarono ad un lago. Sulla sua sponda si ergeva una capanna con un fuoco acceso davanti ed
allinterno trovarono due orsacchiotti accoccolati uno accanto allaltro.
Dov vostra madre? chiesero gli animali.
andata a caccia , risposero i piccoli orsi.
I visitatori si guardarono intorno e videro delle sacche che erano appese a dei pali. La lince indic la
prima e chiese: Che cosa c in questa sacca? .
In quella nostra madre tiene la pioggia, risposero i cuccioli.
Ed in questa? domand lalce.
piena di venti .
Ah, ed in quella laggi? disse la volpe.
Oh, lei tiene la nebbia in quella.
E questa qui , disse il ghiottone. Che cosa tiene in questa sacca? .
Oh, non possiamo dirlo , risposero i cuccioli. un segreto. La mamma ci ha detto di non far sapere a
nessuno che cosa c in quella sacca.
Oh, andiamo, siamo amici , disse il lupo. Potete dircelo .
No, no! Mamma ci picchierebbe se lo dicessimo.
Ma lei non deve venirlo a sapere , disse la lince. Non faremo la spia.
Ebbene, in questo caso , dissero i cuccioli, questa la sacca dove tiene il caldo .
Grazie, piccoli orsi gentili , disse lalce. Ci avete detto tutto ci che volevamo sapere .
La comitiva di animali and fuori e tenne un consiglio. Decisero di nascondersi in modo che la vecchia
orsa nel tornare a casa non li vedesse. Ma prima lalce salt dentro la canoa dellorsa e rosicchi quasi del
tutto il manico della pagaia. Alla fine videro la madre sulla riva lontana del lago. La lince corse velocemente
intorno al lago e, mutandosi in un piccolo di carib grassottello, comparve di fronte alla madre.
Sventi, svelti, bambini! grid la madre orsa. Aiutatemi a catturare questo carib per la nostra cena! .
I cuccioli uscirono fuori disordinatamente e si affrettarono verso la loro madre correndo pi in fretta che
potevano. La lince li attir nel cuore della foresta. Nel frattempo gli altri animali entrarono nella capanna,
fecero cadere la sacca dal palo e se la svignarono con quella, trascinandola e tirandola.

La lince-carib ritorn di corsa verso il lago, salt dentro lacqua e nuot verso la capanna che era
sullopposta sponda. La madre orsa balz nella sua canoa e pagai furiosamente dietro di lei, ma a met del
lago, la pagaia si spezz in due nel punto dove lalce laveva rosicchiata. Lorsa perse lequilibrio e rovesci
la canoa. Intanto la lince aveva raggiunto la sponda ed assunto il suo usuale aspetto. Affrettatevi! disse
agli altri. Lorsa ci cercher.
Gli animali fecero a turno nel trascinare la pesante sacca piena di caldo verso lapertura che conduceva al
loro mondo di sotto. Quando uno di loro era stanco, passava il fardello ad un altro. In quel momento la
vecchia orsa correva accaldata dietro di loro e tutti gli animali pi grossi erano esausti. Ma il luccio ed il
pescecane erano ancora freschi e proprio allultimo momento, con i denti dellorsa pronti ad azzannare alle
loro calcagna, riuscirono a tirare la sacca attraverso il buco nel cielo. Lintera comitiva scivol attraverso
lapertura e si mise in salvo.
Non appena furono gi nel loro mondo, aprirono la sacca con uno strattone. Subito il calore irruppe fuori,
spandendosi in ogni direzione, sciogliendo la neve ed il ghiaccio, disperdendo le nere nuvole e facendo
brillare di nuovo il sole. Tuttavia, le acque disciolte causarono una grande inondazione che copri il mondo,
minacciando di annegare tutte le creature viventi. A quel tempo la terra aveva un albero gigante che si
ergeva alto nel cielo, quasi sino al mondo lass. Per salvarsi gli animali si arrampicarono sino ai rami pi alti
e gridarono: Qualcuno ci salvi! .
Misteriosamente apparve un pesce gigante che bevve tutta lacqua dellinondazione e che, col passare del
tempo, si trasform in una grande montagna. Dopo di ci, con grande gioia di tutte le creature, il sole
asciug il terreno, gli alberi si ricoprirono di foglie, i fiori rifiorirono e fu di nuovo estate.
Basata su un racconto riportato da Robert Bell alta fine del secolo scorso.

IL RAGAZZO HOPI E IL SOLE (Hopi)


Dove le culture si sovrappongono come nellarea del Sudovest, con la sua mistura di ispanico,
pueblo e tradizioni nomadi le leggende sono sovente modificate e riplasmate a mano a mano che sono
ripetute. Questa storia, raccontata nel 1920 da un anziano Zuni che pu aver fatto parte integrante
dellambiente ispanico, fornisce una curiosa versione delle leggende Hopi del sole. Al di l degli elementi
tradizionali Hopi, come quello del sentiero della sacra farina di granturco e quello della pelle di volpe del
sole, descrive la paura e lantagonismo che i contadini pueblo provavano verso le nomadi trib predoni.
Ma al tempo stesso, piena di cose sconosciute ai Pueblo prima dellarrivo degli Spagnoli, come le
pesche, i braccialetti dargento e lo stesso oceano.
Un povero ragazzo Hopi viveva con la nonna materna. La gente lo trattava con disprezzo e gettava cenere
e rifiuti dentro la casa di costei ed i due erano molto infelici. Un giorno egli domand a sua nonna chi fosse
suo padre.
Mio povero ragazzo, non lo so , rispose.
Devo trovarlo , disse il ragazzo. Non possiamo rimanere in questo posto; la gente mi tratta troppo
malamente .
Nipote, tu dovresti andare a far visita al sole. Egli sa chi tuo padre .
Il mattino seguente il ragazzo fece un bastoncino di preghiera ed usc. Molti giovani stavano seduti sul
tetto della kiva, la camera cerimoniale sotterranea. Quando lo videro passare, sorrisero beffardamente
bench uno di loro osservasse: Meglio non prenderlo in giro! Credo che quel povero ragazzino abbia un
potere sovrannaturale.
Il ragazzo prese un po di cibo sacro fatto di turchese polverizzato, corallo, conchiglia e farina di
granturco, e lo gett in aria. Quello form un sentiero che conduceva al cielo ed egli lo scal sino a che il
sentiero non fin. Gett ancora un po del sacro cibo in aria e si form un nuovo sentiero. Dopo che ebbe
fatto ci per dodici volte, arriv al sole. Ma il sole era troppo caldo per avvicinarlo, cos il ragazzo mise
nuovi bastoncini di preghiera nei capelli, dietro alla testa e lombra delle loro piume lo protesse dal calore.
Chi mio padre? domand al sole.
Tutti i bimbi concepiti di giorno sono miei , rispose il sole. Ma quanto a te, chi lo sa? Tu sei giovane
ed hai molto da imparare.
Il ragazzo diede al sole un bastoncino di preghiera e, cadendo gi dal cielo, atterr nel suo villaggio.
In uno dei giorni successivi part da casa ed and verso ovest, nella speranza di cominciare ad imparare.

Quando arriv al luogo dove oggi si trova Holbrook, in Arizona, vide un albero del cotone e lo abbatt.
Tagli un pezzo del tronco, lungo quanto la sua altezza, lo scav e fece un coperchio per ciascuna estremit.
Quindi vi mise dentro un po di fresca

farina di granturco ed alcuni bastoncini di preghiera e decise che era pronto per viaggiare. Infilatosi nella
cassa, chiuse la porta e si rotol nel fiume.
La cassa fu trasportata per quattro giorni e quattro notti, sino a che alla fine sent che aveva urtato la sponda
in un luogo dove due fiumi si univano. Lev il tassello di uno spiraglio che aveva fatto e vide la luce del
mattino. Ma quando cerc di uscir fuori, non pot aprire la porta, bench spingesse molto forte. Pens che
sarebbe morto allinterno.
A met pomeriggio una fanciulla-crotalo venne gi al fiume. Quando scopr la cassa, si lev la maschera e
guard attraverso lo spiraglio. Cosa stai facendo qui? domand al ragazzo.
Apri la porta! Non posso uscire, rispose.
La ragazza domand: Come faccio ad aprirla? .
Prendi una pietra e rompila.
E cos la fanciulla ruppe la porta, e quando il ragazzo Hopi venne fuori lei lo port a casa sua. All'interno
egli vide molta gente giovani e vecchi, uomini e donne ed erano tutti crotali.
Dove stai andando? gli chiesero.
Voglio trovare mio padre , rispose il ragazzo.
La ragazza disse: Non puoi andare solo; verr con te .
Fece una piccola tenda di pelle di crotalo e la port al fiume. Entrarono carponi nella tenda e fluttuarono per
quattro giorni e quattro notti. Alla fine raggiunsero loceano e l videro un meteorite cadere nel mare, sulla
strada che porta alla casa del sole. Essi chiesero al meteorite di prenderli con s.
In questo modo raggiunsero la casa del sole, dove trovarono una vecchia donna che lavorava il turchese, il
corallo e delle bianche conchiglie. Era la luna, la madre del sole.
Dov mio padre? chiese il ragazzo.
uscito , replic la luna, ma torner presto .
Il sole arriv di sera, e la vecchia gli diede carne di cervo e cialde. Dopo che ebbe mangiato, chiese al
ragazzo: Cosa cerchi qui? .
Il ragazzo replic: Voglio conoscere mio padre .
Credo che tu sia mio figlio. E quando andr nellaltro mondo, tu mi accompagnerai , disse questa volta
il sole. Ed il mattino successivo di buonora disse: Andiamo! . Apr una porta nel suolo ed uscirono.
Sedendosi su di uno scanno di cristallo, il sole prese una pelle di volpe e la alz. Apparve la luce del
giorno. Dopo un po mise gi la pelle di volpe ed alz le piume della coda di un macao, ed i raggi dorati del
sorgere del sole si diffusero. Quando finalmente le abbass, disse al ragazzo: Ora andiamo! .
Il sole fece sedere il ragazzo dietro di lui sul suo scanno, ed essi entrarono in un altro mondo. Dopo aver
viaggiato per un certo tempo, videro della gente con le orecchie lunghe, Lacokti ianenakwe. Usavano le loro

lunghe orecchie come coperte per coprirsi quando dormivano. Il sole not: Se gli escrementi delle
cutrettole cadono su di loro, essi muoiono .
Com possibile? disse il ragazzo. Com possibile che la gente muoia in quel modo? Lasciami
uccidere gli uccelli! .
Il sole disse: Vai avanti! Aspetter.
Il ragazzo salt gi, prese un bastoncino di cedro ed uccise le cutrettole. Poi le arrost su un fuoco e le
mangi. La gente grid: Guardate quel ragazzo! Sta mangiando i Navaho! .
No , disse il ragazzo, questi non sono Navaho, sono uccelli . Poi ritorn dal sole e continuarono a
viaggiare.
Verso mezzogiorno arrivarono ad unaltra citt. Il sole disse: Guarda! Gli Apache stanno venendo per
far guerra a quella gente .
Il ragazzo vide un turbine che veniva avanti. Quando della paglia di grano veniva soffiata contro le gambe
della gente, questa cadeva morta. Come pu della gente essere uccisa con della paglia di grano? disse.
Lasciami andar gi a sradicarla .
Il sole disse: Aspetter .
Il ragazzo salt gi, prese la paglia di grano e la sradic. La gente disse: Guarda quel ragazzo, come
uccide gli Apache! .
Questi non sono Apache , replic il ragazzo, questa paglia di grano . Quindi ritorn dal sole.
Arrivarono ad unaltra citt, dove il ragazzo Hopi vide gente con capelli lunghissimi che arrivavano sino
alle caviglie. Aveva una grande pentola con delle cipolle legate ai manici. Dentro stava cuocendo e
continuava a bollire una soffice polenta, che quando urtava una persona questa moriva. Il sole disse:
Guarda, sono Apache Jicarilla, che uccidono la gente.
No , disse il ragazzo, quelli non sono Apache Jicarilla; quella polenta. Andr gi e la manger .
Il sole disse: Aspetter .
Allora il ragazzo salt gi, cav fuori la polenta dalla pentola, prese le cipolle dai manici e mangi la
polenta con le cipolle. La gente disse: Guarda come quel ragazzo mangia i cervelli, le mani ed i piedi di
Apache Jicarilla! .
Il ragazzo disse: Questi non sono Apache Jicarilla! polenta di granturco. Venite a mangiare con me!
.
No! dissero. Noi non siamo cannibali; noi non mangiamo guerrieri Apache! . Allora il ragazzo
ritorn dal sole e continuarono a viaggiare.
Alla fine arrivarono allest, alla casa del sole. L la sorella del sole diede loro per cena dello stufato di
carne di cervo. Dopo che ebbero mangiato, il sole disse alla sorella: Lava la testa di mio figlio! .
La sorella del sole prese una grande bacinella, vi mise dellacqua e della saponata di iucca, e lav la testa
ed il corpo del ragazzo. Poi gli diede degli abiti nuovi, dello stesso tipo di quelli che il sole indossava:
pantaloni di pelle di daino, mocassini blu, una banda blu in filo di cotone da legare sotto le ginocchia, una
sciarpa ed una cintura di pelle di volpe bianca, orecchini di turchese e di conchiglia, una blusa bianca,
bracciali dargento, braccialetti di perline, ed un collare di perline. Gli infil delle piume di macao nei
capelli, gli mise una miha, la coperta sacra, sopra le spalle e gli diede una faretra di pelle di leone di
montagna.
Quindi il sole gli disse: Vai avanti! Io ti seguir . Il ragazzo apr la porta nel terreno ed usc. Si sedette
sullo scanno di cristallo, prese la pelle di volpe e la sollev per creare lalba. Poi labbass e sollev le
piume di macao, e le tenne sollevate con le palme delle mani allungate in avanti sino a che apparvero i gialli
raggi del sorgere del sole. Abbass quindi le mani e procedette nel mondo superiore. Come procedeva,
il popolo di Laguna, l'Isleta, e gli altri pueblo orientali guardarono ad est e sparsero del cibo sacro. Il sole
dietro di lui disse: Guarda i sentieri, la vita della gente! Alcuni sono brevi, altri sono lunghi. Guarda
questo! Sta per finire il suo sentiero; presto morir . Il ragazzo vide un Apache che stava arrivando e che in
un attimo uccise quelluomo il cui sentiero era cos breve. Il ragazzo Hopi disse al sole: Lasciami andare
ad aiutare la gente! .
Aspetter , rispose il sole.
Il ragazzo salt gi nel territorio dove il popolo Laguna stava combattendo contro gli Apache. Disse alla
gente di bagnare la punta delle frecce con la saliva e di tenerle alzate verso il sole perch questo li avrebbe
aiutati nella battaglia.
Il ragazzo stesso uccise dieci Apache, poi ritorn da suo padre.
Continuarono a viaggiare e quando videro un gruppo di Navaho che si apprestavano a far guerra agli

Zuni, il ragazzo li uccise. Lui e il padre attraversarono la terra del suo popolo, gli Hopi, e quindi arrivarono
al territorio messicano.
Un messicano stava giocando con sua moglie. Quando il sole li vide, tir da parte il messicano e coabit
con la donna. Non ho bisogno di una moglie , disse al figlio, perch tutte le donne della terra mi
appartengono. Se una coppia coabita durante il giorno, io mintrometto come ho appena fatto. Per questo
sono il padre di tutti i bimbi che sono stati concepiti durante il giorno .
Alla sera il sole entr nella sua casa dellovest. Allora il ragazzo volle ritornare al suo popolo e perci la
madre del sole fece un sentiero con la sacra farina, e su di esso il ragazzo e la donna-crotalo ritornarono
verso est. A mezzogiorno arrivarono alla dimora dei crotali. La donna-crotalo disse: Voglio vedere mio
padre e mia madre. Dopo di che proseguiamo . Entrarono nella casa ed essa disse ai genitori che il ragazzo
Hopi era suo marito. Quindi ripresero il viaggio.
Quella sera arrivarono al villaggio Hopi. Il ragazzo si diresse direttamente verso la casa della nonna, ma
un anziano capo disse: Guarda quel belluomo che va in quella povera casa! . Invit il ragazzo nella sua
casa, ma il ragazzo replic: No, sto andando qui . Il capo della guerra disse: Non vogliamo che tu vada
in quella lurida casa .
Quella casa mia , replic il ragazzo, perci di al tuo popolo di pulirla e rassettarla. Quando tutti voi
mi trattaste male, andai dal sole ed egli mi aiut! .
La sera seguente il ragazzo comparve davanti ad un consiglio del villaggio e raccont loro quello che gli
era accaduto. Dovete insegnare alla gente come comportarsi correttamente. Il sole dice che dovreste
proibire tutte le azioni malvagie . Il popolo accett le sue parole ed ognuno lavor duro per pulire la sua
casa. In cambio il ragazzo diede pesche, meloni e cialde ai poveri. Ogni sera, dopo il tramonto, le donne
vennero con i loro piatti ed egli offr loro stufato di cervo e pesche. Egli disse al capo: Insegno al popolo
come vivere nel modo giusto. Anche se tu sei mio nemico, devo mostrarti come comportarti bene.
Due gemelli, un bimbo ed una bimba, nacquero a sua moglie. Avevano laspetto di crotali, ma erano
anche esseri umani.
Basata su una leggenda riportata da Franz Boas nel 1922.

UN COLPO DI VENTO (Ojibway)


Questa storia ha molte varianti. La versione seguente degna di nota in quanto Ragazzo Pietra,
talvolta concepito da sua madre per aver ingoiato un ciottolo, appare nelle leggende della creazione di
alcune trib delle Pianure.
Prima che ci fosse luomo, i soli esseri umani sulla terra erano due donne, una vecchia e sua figlia. La
vecchia non aveva bisogno di un uomo per concepire. Ahki, la terra, era anchessa simile ad una donna
una femmina ma non com ora, perch gli alberi e molti animali non erano stati ancora creati.
Ebbene, la giovane, la figlia, un giorno prese su il suo cesto per andare a raccogliere bacche. Ne aveva gi
raccolte abbastanza e stava ritornando a casa quando un improvviso colpo di vento le sollev il vestito di
pelle di daino, mettendo a nudo il suo corpo. Geesis, il sole, brill per un attimo su quel luogo ed entr nel
corpo della giovane donna, anche se lei lo not appena. Era conscia della raffica di vento ma non vi prest
attenzione.
Pass il tempo. La giovane disse alla vecchia: Non so che cosa c che non va in me, ma qualcosa c .
Altro tempo pass. Il ventre della giovane singross e lei disse: Qualcosa si sta muovendo dentro di me.
Che cosa pu essere? .
Quando andasti a raccoglier bacche incontrasti qualcuno? domand la vecchia.
Non incontrai nessuno. La sola cosa che mi capit fu una grossa raffica di vento che mi alz il vestito di
pelle di daino. Il sole stava brillando .
La vecchia disse: Penso che tu stia per fare un figlio. Geesis, il sole, il solo che pu averlo fatto, cos
tu sarai la madre di un figlio del sole.
La giovane diede alla luce due bimbi, entrambi monito, sovrannaturali. Essi furono i primi maschi umani
sulla terra, tigli di Geesis, figli del sole.
La giovane madre fece una culla di assi e su questi mise i due gemelli, appendendoli o portandoli sul
dorso, ma mai lasciando che i due bimbi toccassero il suolo. Perch faceva cos? Fu la Vecchia a dirle di
farlo? Nessuno lo sa. Se lei avesse appoggiato le assi della culla sul terreno, i bimbi avrebbero camminato

eretti sin dal momento della nascita, come i piccoli dei cervi. Ma poich la madre non permise loro di
toccare il suolo per alcuni mesi, oggi ai bimbi degli esseri umani occorre un anno o gi di l per imparare a
camminare. Fu colpa di quella giovane donna.
Uno dei gemelli era Ragazzo Pietra, un sasso. Egli disse: Mettetemi nel fuoco e scaldatemi sino a che
non sar divenuto incandescente . Esse lo fecero ed egli disse: Ora versate dellacqua fredda su di me .
Esse fecero anche questo. Quello fu il primo bagno di vapore. Laltro bimbo, chiamato Wene-boozhoo,
assomigliava a tutti i ragazzi. Divenne potente e sapeva fare ogni cosa; parlava persino agli animali e diede
loro i nomi.
Raccontata da David Uccello Rosso a New York nel 1974 e registrata da Richard Erdoes.

David Baker Uccello Rosso un giovane indiano di Green Bay che ha un grande senso dellumorismo.
un cantante e un musicista molto conosciuto.

LA FIGLIA DEL SOLE (Cherokee)


Molte leggende indiane, come quelle delle due parti precedenti, descrivono il sole come un essere
maschile che rende feconde le donne mortali. I Cherokee sono una delle tre trib che considerano il sole
come femmina. In questa classica leggenda, che ha un tema simile a quello di Orfeo, il sole una vecchia
che ha una figlia adulta ed emozioni umane.
Sole viveva sullaltro lato della volta celeste, ma sua figlia viveva in mezzo al cielo, direttamente sopra la
terra. Ogni giorno, quando si arrampicava verso ovest lungo larco celeste, Sole era solita fermarsi a cena a
casa di sua figlia.
Ebbene, Sole detestava i popoli di questa terra perch non guardavano mai dritto a lei senza chiudere
rapidamente gli occhi. Diceva a suo fratello Luna: I miei nipotini sono brutti; ogni volta che mi vedono
torcono il viso .
Ma Luna disse: Mi piacciono i miei fratelli pi giovani; penso siano belli . E questa la ragione per cui
gli uomini sorrisero sempre piacevolmente a quel dolce splendore del cielo notturno.
Sole era gelosa della popolarit di Luna e decise di uccidere la gente. Ogni giorno, quando arrivava presso
la casa di sua figlia, inviava gi un tale soffocante calore che la febbre scoppi e le persone morirono a
centinaia. Quando ognuno ebbe perduto almeno un amico e sembrava che nessuno sarebbe stato risparmiato,
gli esseri umani andarono a chiedere aiuto agli Uomini Piccoli. Questi uomini, che erano spiriti amici,
dissero che il solo mezzo che la gente aveva di salvarsi era di uccidere Sole.
Gli Uomini Piccoli fecero una magia per mutare due esseri umani in serpenti la vipera che spruzza ed il
trigonocefalo in modo che potessero nascondersi vicino alla porta della figlia e morsicare la vecchia Sole.
I serpenti andarono su nel cielo e rimasero in attesa che Sole arrivasse per la cena. Ma quando la vipera che
spruzza stava per scattare, la brillante luce di lei laccec e pot soltanto sputar fuori una bava gialla, come
fa ancor oggi quando cerca di morsicare. Sole la chiam cosa disgustosa ed entr in casa, ed il trigonocefalo
fu cos scoraggiato che strisci via senza cercare di fare qualcosa.
La gente, morendo ancora per il terribile caldo, and a chiedere aiuto una seconda volta agli Uomini
Piccoli. Di nuovo gli Uomini Piccoli fecero una magia e mutarono un uomo in un grande Uktena, il mostro
dellacqua, ed un altro in un crotalo. Come prima, i serpenti ricevettero istruzioni su come uccidere la
vecchia Sole quando si fermava nella casa della figlia. Uktena era grande e feroce, ed aveva corna sulla
testa, ed ognuno pensava che sicuramente sarebbe riuscito nellintento. Ma il crotalo era cos impaziente che
corse avanti e si attorcigli proprio fuori della casa. Quando la figlia di Sole apr la porta per cercare la
madre, egli la colp ed essa cadde morta sulla soglia di casa. Poi, dimenticando di aspettare la vecchia Sole,
ritorn dalla gente e Uktena era cos arrabbiato per la stupidit del serpente a sonagli che torn anchesso
indietro.
Da allora noi preghiamo il serpente a sonagli e non lo uccidiamo, perch desidera il bene della gente e non
cerca mai di morsicare se non lo disturbiamo. Ma Uktena diveniva sempre pi irritato e pi pericoloso.
Divenne cos velenoso che gli era sufficiente guardare un uomo perch lintera famiglia di quelluomo
morisse. Alla lunga la gente tenne un consiglio e decise che Uktena era proprio troppo pericoloso, cos

lo inviarono a Galunlati, la fine del mondo, dov tuttora.


Quando Sole trov la figlia morta, afflitta si rinchiuse in casa. Ora la gente non stava pi morendo di
calore, ma viveva nelloscurit. Ancora una volta cerc aiuto dagli Uomini Piccoli, i quali dissero che allo
scopo di persuadere Sole, dovevano portare indietro sua figlia da Tsusginai. Questa la terra degli spiriti,
che si trova in Usunhiyi, la Terra delle Tenebre che nellovest.
Per quel viaggio la gente scelse sette uomini. Ai sette gli Uomini Piccoli dissero di prendere una cassa e di
portare ciascuno un bastone di legno verde lungo come un palmo della mano. Raggiunta Tsusginai,
spiegarono gli Uomini Piccoli, avrebbero trovato tutti gli spiriti intenti a danzare. Sarebbero allora rimasti
fuori del cerchio dei danzatori e quando la figlia di Sole fosse passata vicino a loro danzando, avrebbero
dovuto colpirla con i bastoni ed essa sarebbe caduta a terra. Allora avrebbero potuto metterla nella cassa e
riportarla indietro a sua madre. Ma non dovevano aprire la cassa, nemmeno una piccola fessura, sino a che
non fossero arrivati a casa.
I sette uomini presero i bastoni e la cassa e viaggiarono ad ovest per sette giorni sino a che arrivarono alla
Terra delle Tenebre. L trovarono una grande moltitudine di spiriti che stavano danzando, proprio come se
fossero vivi. La figlia di Sole era nel circolo esterno. Come danz vicino a loro, uno dei sette uomini la colp
con il bastone. Come ella gir intorno una seconda volta, un altro la tocc con il bastone, ed allora un altro
ed un altro ancora sino a che al settimo giro cadde fuori del cerchio. Gli uomini la misero nella cassa e
chiusero il coperchio, mentre gli altri spiriti non sembravano nemmeno notare laccaduto.
I sette presero la cassa e si diressero ad est verso casa. Dopo un po la fanciulla torn di nuovo in vita e
preg di lasciarla uscire, ma la comitiva prosegu senza rispondere. Ben presto ella chiam di nuovo e disse
che aveva fame, ma essi non risposero. Quando alla fine il gruppo era molto vicino a casa, la figlia di Sole
grid che stava soffocando e li preg di alzare il coperchio, giusto un poco. Adesso i sette avevano paura che
lei stesse veramente per morire, cos aprirono appena un po il coperchio per darle un po daria. Ci fu un
palpitante rimbombo e qualcosa vol vicino a loro nei cespugli. Quindi udirono luccello rosso gridare:
Kwish! Kwish! Kwish! . Sbatterono gi il coperchio e proseguirono ancora. Ma quando arrivarono
allaccampamento ed aprirono la cassa, la trovarono vuota.
Cos noi sappiamo che luccello rosso la figlia di Sole. E se la comitiva avesse tenuta la cassa chiusa,
come gli Uomini Piccoli avevano detto di fare, avrebbero potuto portarla a casa in salvo ed oggi noi
potremmo riprendere i nostri amici dalla Terra degli Spiriti. Ma poich i sette aprirono la cassa, non
possiamo pi riportare in vita la gente che muore.
Sole era stata piena di speranza quando la comitiva era partita per la Terra delle Tenebre, ma quando
ritorn indietro senza sua figlia, pianse cos tanto che le sue lacrime provocarono una grande inondazione.
Temendo che il mondo sarebbe stato sommerso, la gente tenne un altro consiglio e decise di inviare gli
uomini e le donne pi belli a divertire Sole ed a placare i suoi lamenti. Quel gruppo danz davanti a lei e
cant le sue migliori canzoni, ma per molto tempo essa tenne il suo viso chino e non prest attenzione.
Finalmente, quando quegli insistenti cambiarono all'improvviso canzone, lei guard in su e fu cos lieta alla
vista di quei bei giovani che dimentic il suo dolore e sorrise.
Basata su un racconto di Mooney degli anni 1890.

NONNA RAGNO RUBA IL SOLE (Cherokee)


In principio cera soltanto oscurit, e nessuno riusciva a veder qualcosa. Gli uomini continuavano ad
urtarsi lun laltro ed a brancolare alla cieca. Essi dissero: Ci che occorre a questo mondo la luce .
La Volpe disse che conosceva certa gente dallaltro lato del mondo che aveva una grande quantit di luce,
ma che era troppo avida per dividerla con gli altri. LOpossum disse che sarebbe stato felice di rubarne un
po. Io ho una coda folta , disse. Posso nascondere la luce dentro tutta quella pelliccia . Quindi si
avvi verso laltro lato del mondo. L trov il sole appeso ad un albero che illuminava ogni cosa. Strisci su
sino al sole, prese un pochino di luce e la stiv nella sua coda. Ma la luce era calda e bruci tutta la pelliccia.
La gente scopr il suo furto e si riprese la luce, e per sempre da allora la coda dellOpossum fu pelata.
Lasciatemi tentare , disse la Poiana. Io conosco qualcosa di meglio che nascondere un po di luce
rubata nella coda. La metter sulla testa . Vol allaltro lato del mondo e, tuffandosi dritta sul sole, afferr
un suo raggio. Se lo mise sulla testa, ma quello le bruci le piume. La gente le acchiapp il sole e per sempre

da quel momento la testa della Poiana rimase pelata.


Allora Nonna Ragno disse: Lasciatemi tentare! . Con la creta fece innanzitutto una pentola ben spessa.
Poi fil una ragnatela sino a raggiungere per tutto il tragitto laltro lato del mondo. Era cos piccola che
nessun individuo tra quella gente not il suo arrivo. Velocemente Nonna Ragno raccolse il sole, lo mise nel
vaso di creta e si arrampic indietro verso casa lungo un filo della sua ragnatela. Ora il suo lato del mondo
aveva la luce ed ognuno si rallegrava.
Nonna Ragno port ai Cherokee non solo il sole, ma con esso anche il fuoco. Ed oltre a ci insegn al
popolo dei Cherokee larte di fare i vasi.
Da una leggenda riportata da James Mooney negli anni 1890.

IL RACCONTO DELLA CREAZIONE (Diegueno)


Quando Tu-chai-pai fece il mondo, la terra era la donna, il cielo era luomo. Il cielo venne gi sulla terra.
Il mondo agli inizi era un semplice lago ricoperto di giunchi. Tu-chai pai e Yo-ko-mat-is, suo fratello,
sedevano luno contro laltro, curvi lontano lass, piegati sotto il peso del cielo. Il Creatore disse al fratello:
Cosa far? .
Non lo so, disse Yo-ko-mat-is.
Andiamo un po pi in l , disse il Creatore.
Allora andarono un po pi lontano e sedettero di nuovo. Ebbene, cosa far? disse Tu-chai-pai.
Non lo so .
Durante tutto quel tempo Tu-chai-pai sapeva cosa avrebbe fatto, ma lo chiedeva al fratello.
Quindi disse: We-hicht, we-hicht, we-hicht , tre volte; poi si mise del tabacco nella mano, lo sminuzz
bene e vi soffi su tre volte, ed ogni volta che soffiava i cieli si alzavano pi in alto sopra le loro teste.
Quindi il Creatore disse al fratello di fare la stessa cosa e quegli la fece. I cieli si sollevarono e ci fu il
firmamento. Allora entrambi lo fecero insieme: We-hicht, we-hicht, we-hicht ; ed entrambi presero del
tabacco, lo sminuzzarono, vi soffiarono su e fecero salire il cielo.
Quindi sistemarono il nord, il sud, lest e lovest. Tu-chai pai tracci una linea sul terreno.
Perch fai quella linea? .
Sto facendo la linea da est ad ovest e cos li chiamo Ynak, est; A-uk, ovest. Ora tu la puoi fare da nord a
sud .
Ma Yo-ko-mat-is era pensieroso.
Perch stai pensando? .
Oh, devo pensare; ma ora lho preparata. Traccio una linea cos (una linea incrociata), e li chiamo Yawak, sud; Katulk, nord .
Perch abbiamo fatto tutto questo? .
Non lo so .
Allora te lo dir io. Tre o quattro uomini stanno venendo da est e dallovest stanno venendo tre o quattro
Indiani .
Il ragazzo domand: E vengono quattro uomini dal nord, e due o tre uomini vengono pure dal sud? .
Allora Tu-chai-pai disse: Ora far colline e valli, e piccole pozze dacqua.
Perch fai tutte queste cose? .
Il Creatore disse: Tra un po, quando gli uomini saranno venuti e cammineranno avanti e indietro nel
mondo, avranno bisogno di bere acqua, o moriranno . Aveva gi deposto loceano nel suo letto, ma fece
queste piccole acque per la gente.
Poi fece le foreste e disse: Dopo un po gli uomini moriranno, se non faccio della legna che essi possano
usare. Che cos faremo ora? .
Non lo so .
Prenderemo del fango e faremo i primi Indiani . E form gli uomini e li fece bene, ma non fece un
lavoro altrettanto buono con le donne perch erano difficili da fare ed occorse molto tempo. Diede barba agli
uomini ed ai ragazzi, ma non alle donne. Dopo gli Indiani fece i Messicani e termin tutto il suo creato.
Quindi esclam molto forte: Voi non morirete mai e voi non sarete mai stanchi, ma camminerete sempre .
Dopo di ci li fece in modo che potessero dormire di notte e non avessero bisogno di camminare per tutto il
tempo in giro nelloscurit. Alla fine disse loro che dovevano viaggiare verso est, verso la luce.

La gente cammin nelloscurit sino a che egli non fece la luce. Poi uscirono a cercare la luce, e quando la
trovarono furono contenti. Quindi chiam Yo-ko-mat-is: Tu puoi fare la luna, come io ho fatto il sole. A
volte dovr morire. Quando diventer molto piccola, gli uomini sapranno che sta per morire e che in quel
momento tutti gli uomini, giovani e vecchi, devono giungere alla fine dei loro giorni .
Tutta la gente comment la faccenda, ed essi compresero di doversi assoggettare a questa legge, e che Tuchai-pai li stava osservando per vedere se lo facessero. Dopo che il Creatore ebbe fatto tutto ci, non fece
nientaltro, ma per molti giorni continu a pensare.
Basata su una leggenda riportata da Constance Goddard du Bois nel 1901.

SOLE D UNA LEZIONE A VEEHO (Cheyenne)


Sole aveva dei bei gambali miracolosi che potevano appiccare il fuoco alla prateria e condurre la
selvaggina verso larco del cacciatore. Veeho, lamabile briccone, li ammirava grandemente ed un giorno
chera venuto a far visita a Sole, mentre questi non guardava, se la fil via con quelli.
Ridendo sommessamente, Veeho disse fra s: Ora posso fare molti miracoli e sono il pi grande
cacciatore del mondo .
Verso sera era stanco di correre cos veloce e cos a lungo. Ora Sole non pu riuscire a raggiungermi ,
decise. Arrotol i magici gambali, se li mise sotto la testa a mo di cuscino e si coric a dormire. Dorm
bene, ma al mattino si ritrov dentro la tenda di Sole. Veeho era cos stupido che non sapeva che tutto il
mondo contenuto all'interno della tenda di Sole. Ma quantunque fosse sorpreso di svegliarsi l dopo aver
corso cos velocemente e cos a lungo, non era tipo da imbarazzarsi facilmente.
Sole sorrise e disse: Che cosa stai facendo con i miei gambali? .
Veeho pu essere stupido, ma non gli manca mai una risposta. Disse: Vi ho soltanto messo la testa
sopra per dormire meglio. Sapevo che non te ne sarebbe importato .
Non me ne importa , disse Sole. Se vuoi, puoi usarli come cuscino . Sole sapeva benissimo che
Veeho mentiva, come al solito, e che intendeva rubare di nuovo i miracolosi gambali. Ma disse soltanto:
Bene, devo andare a percorrere la mia orbita giornaliera .
Non affrettarti a tornare , disse Veeho. Terr docchio la tua tenda.
Appena Sole scomparve alla sua vista, Veeho fugg di nuovo via con i gambali, questa volta doppiamente
veloce e doppiamente lontano. Di nuovo si mise a dormire e di nuovo si svegli ritrovandosi dentro la tenda
di Sole.
Sole rise e disse a Veeho: Se sei cos infatuato dei miei gambali, puoi tenerli. Facciamo finta che io stia
dando una di quelle feste nelle quali si distribuiscono doni e che tu li abbia ricevuti in regalo .
Veeho era pazzo di gioia. Non ho mai avuto lintenzione di rubare questi bei gambali, amico Sole. Mi
conosci, sono sempre capace di qualche imbroglio; ero soltanto stupido. Ma ora che tu me li hai dati di tua
spontanea volont, li accetto con piacere.
Veeho non attese desser fuori dalla tenda di Sole e si mise i gambali. Indossatili, corse alla prateria ed
incendi lerba per sospingere i buffali verso di lui. Ma Veeho non aveva il potere di Sole; non sapeva
padroneggiare un cos grande fuoco; perci si bruciacchi la pianta dei piedi e si produsse delle vesciche.
Amico Sole, vieni ad aiutarmi! grid. Aiuta il tuo povero amico! Dove sei, Sole? Vieni a spegnere il
fuoco! .
Ma Sole fece finta di non sentire e presto i gambali di Veeho presero fuoco. Piangendo dal dolore, si tuff
dentro il pi vicino ruscello. Ma ormai era troppo tardi; i gambali erano rovinati e le zampe di Veeho piene
di vesciche.
Quando Veeho preg Sole di fargli un nuovo paio di gambali, Sole disse: Anchio posso fare una sola
volta un paio di gambali magici. Sono spiacente, amico. Sii pi cauto in futuro .
Naturalmente Sole avrebbe potuto farne facilmente un altro paio, ma allora Veeho non avrebbe imparato
la lezione.
Raccontata da Gufo Bizzarro a Birney, Montana, e registrata da Richard Erdoes.

Veeho il prototipo del briccone, ed il termine oggi usato per significare luomo bianco. In una variante
dei Blackfoot di questa leggenda, Sole punisce con lo stesso castigo Vecchio Uomo, che gli ha rubato i
gambali di aculei di porcospino.

I componenti della famiglia di Gufo Bizzarro sono Cheyenne per tradizione che vivono a Birney, Montana,
nella Riserva Cheyenne Cervo Zoppo ed in altri Stati occidentali. Molti membri di questa famiglia sono noti
per i bei lavori in perline e per la conoscenza delle arti indiane.

IL FRATELLINO PRENDE AL LACCIO IL SOLE (Winnebago)


Allinizio, quando la terra era nuova, gli animali erano i capi. Erano pi potenti degli esseri umani, che
cacciavano, uccidevano e mangiavano. Alla fine uccisero tutta la gente ad eccezione di una fanciulla e del
suo fratellino, che vivevano in un nascondiglio. Il fratello era molto piccolo, non pi grosso dun bimbo
appena nato, ma la ragazza era di taglia normale. Poich lei era molto pi grande, si prendeva cura di lui e
faceva tutti i lavori.
In un giorno dinverno la fanciulla dovette andar fuori a raccoglier cibo nei boschi. Per tener occupato
Fratello Minore, gli diede il suo arco e le frecce. Nasconditi sino a che non arriva un fringuello bianco ,
gli disse. Aspetta sino a che non si metta a cercare larve in quellenorme albero morto. Quindi uccidilo con
una freccia .
Lei part ed il fringuello bianco arriv, ma le frecce di Fratello Minore lo mancarono. Non importa ,
disse la sorella quando arriv a casa. Provaci ancora domani . Il giorno dopo lei and di nuovo nella
foresta. Ancora una volta luccello arriv, e questa volta la freccia del bimbo lo colp e lo uccise. Con
orgoglio mostr luccello alla sorella quando ritorn di notte.
Sorella, voglio che tu speli il fringuello bianco e stendi la pelle , disse. Uccider altri uccelli e
quando avremo pelli a sufficienza mi potrai fare un vestito di piume .
Ma che cosa ne faremo della carne? domand la fanciulla. A quel tempo gli esseri umani mangiavano
soltanto bacche ed altri vegetali, perch non cacciavano; erano gli animali che cacciavano loro.
Fanne un brodo , disse Fratello Minore, che malgrado let era intelligente. Ogni giorno per dieci
giorni uccise un fringuello bianco e con le pelli la sorella gli fece un bel vestito di piume.
Sorella, non c altra gente in questo mondo? domand un giorno. Siamo i soli? .
Potrebbe essercene dellaltra , disse lei, ma non possiamo arrischiarci ad andare a cercarla. Animali
terribili ci inseguirebbero furtivamente e ci ucciderebbero .
Ma Fratello Minore era roso dalla curiosit. Cos, quando la sorella usc di nuovo a raccoglier cibo, si
avvi alla ricerca di altri esseri umani. Cammin a lungo ma non incontr n gente n animali. Divenne cos
stanco che si ferm per riposare in un posto dove il sole aveva sciolto la neve. Mentre stava dormendo, il
sole sorse e colp Fratello Minore con i suoi raggi ardenti. Svegliatosi, il fanciullo si accorse che il suo
vestito di piume sera bruciacchiato e gli si era cos attaccato al corpo chegli non poteva muoversi. Per
liberarsi dovette strapparlo da ogni lato, rovinandolo.
Agit il pugno e grid: Sole, lo riavr! Non pensare dessere cos alto che non possa prenderti! Mi ascolti
lass? .
Arrabbiato e triste, Fratello Minore ritorn a casa. Piangeva mentre raccontava alla sorella come il sole gli
aveva rovinato il vestito di piume. Si coric sul lato destro per dieci giorni e si rifiut di mangiare o bere.
Sempre digiunando, si coric sul lato sinistro per altri dieci giorni. Dopo venti giorni si alz e disse alla
sorella di fargli un laccio per prendere il sole. Lei aveva soltanto del nervo secco di daino non molto lungo, e
con quello fece un cappio. Non posso prendere il sole con questa piccola cosa, disse lui.
Cos la fanciulla gli fece una corda con i suoi capelli, ma lui disse: Questa non lunga o forte
abbastanza .
Allora dovr fare un laccio con qualcosa di segreto , disse lei. Usc e raccolse molte cose segrete e le
attorcigli sino a farne una robusta fune. Nel momento in cui la vide, Fratello Minore disse: Perfetta! .
Poi per far divenire la fune sempre pi lunga, la inumid passandola pi e pi volte tra le labbra.
Allora Fratello Minore attese sino a met della notte, quando pi buio. Usc e trov il buco attraverso il
quale il sole sarebbe sorto, ed allentrata sistem il suo laccio. Quando alla solita ora il sole spunt, lui
lafferr e lo tenne saldamente e quel giorno non ci fu il giorno. Non ci fu n luce n calore.
Anche se gli animali avevano ucciso e mangiato la gente, ora essi avevano paura. Tennero un consiglio di
tutti i loro anziani e parlarono a lungo. Alla fine decisero che il pi grosso ed il pi terrificante di tutti gli
animali dovesse andare a rosicchiare la fune che teneva il sole per tagliarla. Questo animale era Ghiro, che
non era piccolo com oggi, ma grosso come una montagna. Ciononostante, Ghiro aveva paura del sole.
Quello che volete chio faccia pericoloso , disse, ma tenter .

Ghiro si rec nel luogo dove il sole sorge e lo trov nel laccio. Divincolandosi per liberarsi, il sole era
divenuto pi caldo. Come Ghiro si avvicin, i peli sul suo dorso cominciarono a fumare e furono strinati, ma
lui si rannicchi e cominci a rodere la fune. Mastic e mastic e dopo molto tempo riusc a tagliarla in due.
Finalmente liberato, il sole sorse allistante e fece di nuovo brillare ogni cosa. Ma il calore aveva fatto
divenire Ghiro piccolo com attualmente, ed i raggi del sole lavevano mezzo accecato. Cos gli fu dato il
nome di Kug-e-been-gwa-kwa, Donna Cieca.
Bench il coraggioso Ghiro avesse liberato il sole, ognuno comprese che Fratello Minore, che aveva
preso al laccio il sole, era lessere pi saggio di questo mondo, e quello con il pi grande potere. Da quel
tempo gli esseri umani sono stati i capi degli animali, i cacciatori invece che i cacciati.
Raccontata da David Uccello Rosso a New York.

In una variante dei meticci canadesi di questa leggenda, i raggi del sole sono troppo vicini alla terra e
la bruciano, cos Primo Vero Ragazzo lo prende al laccio in un fosso e fa piombare il mondo
nelloscurit. Quando Primo Ragazzo va per imprigionare anche la luna, egli stesso ingannato e preso
in trappola ed ora pende per sempre da un albero, avendo preso lesatto posto del sole.

IL ROGNOSO ILLUMINA IL CIELO (Toltechi)


Questo mito vecchio di migliaia di anni proviene dallAmerica centrale e non da quella settentrionale,
ma qui incluso in quanto toccante contrappunto alle leggende del culto del sole a nord del Rio Grande.
Nanautzin, un Prometeo tolteco, offre la propria vita per portare la luce nel mondo, sottolineando la
tradizione di sacrificio, specialmente autosacrificio ed autotortura, che presente anche nel Nord
America nel culto del sole di alcune culture indiane.
Cinque mondi e cinque soli furono creati uno dopo laltro. Cerano i soli della terra, del fuoco, dell'aria e
delle rocce. Il primo mondo fu distrutto perch la gente agiva ingiustamente: fu divorata dagli ocelot ed
anche il suo sole mor. Il secondo sole, la pura orbita, vide gli esseri umani mutarsi in scimmie a causa della
loro mancanza di saggezza. In seguito venne il sole del fuoco, il cui mondo fu distrutto dalle fiamme, dai
terremoti e dalle eruzioni vulcaniche perch la gente che vi viveva era empia e non faceva sacrifici agli di.
Il quarto mondo per in un grande diluvio che anneg anche il sole. Prima dellalba del quinto, il nostro
mondo attuale, tutti gli di si radunarono nelloscurit per decidere chi dovesse avere lonore e risult un
onore pericoloso di illuminare il quinto mondo e con esso il quinto sole. Un dio denominato Tecciztecatl
si offr volontariamente, pensando di ricevere molta lode dagli altri di. Dopo giorni di purificazione, gli di
accesero un enorme fuoco sulla cima di una piramide e dissero a Tecciztecatl: Illumina il mondo! .
Come? domand Tecciztecatl, abbigliato con piume iridescenti di colibr e gioielli doro e turchese.
Saltando nel fuoco, o Tecciztecatl, dissero gli di. Ma Tecciztecatl aveva paura; non voleva morire
bruciato.
Quattro volte cerc di immolarsi e quattro volte il calore, le fiamme e la sua paura lo fecero retrocedere.
Allora il pi umile di tutti gli di, Nanautzin, abbigliato con povere vesti di giunchi intrecciati, deforme,
brutto e coperto di croste, si offr di rinnovare il mondo e dilluminare il sole saltando nel fuoco. Prima di
allora nessuno degli di gli aveva prestato la ben che minima attenzione, ma ora tutti loro gridarono ad una
sola voce:
O Rognoso, sii tu colui che ci riporta il sole!'.
Senza un attimo di esitazione Nanautzin si lanci nelle fiamme, bruciando tutto con un grande rimbombo
scoppiettante, mentre i suoi abiti di giunchi fiammeggianti illuminavano il cielo. Colmo di vergogna per la
sua codardia, Tecciztecatl segu il suo esempio e fu anchegli cremato. Allistante il sole sorse ad illuminare
il nuovo quinto mondo, e furono il disprezzato Rognoso, il coraggioso Nanautzin, che con la sua morte
diedero la vita al sole.
Basata su una versione Nahua di una leggenda tolteca perduta.

UN TIRO GIOCATO ALLA LUNA (Snoqualmie)


Molto tempo fa, Snoqualm, o Luna, era il capo dei cieli. Un giorno disse a Ragno: Fai una fune di
corteccia di cedro e tendila tra la terra e il cielo .
Ben presto Volpe e Ghiandaia Blu trovarono la fune e vi si arrampicarono. A notte inoltrata arrivarono
alla parte inferiore del cielo nel luogo dovera legata. Ghiandaia Blu vol su un albero e Volpe si ritrov in
un lago. L si mut in Castoro. Luna aveva messo nel lago una trappola, e Castoro rimase preso nella
trappola. Il mattino seguente Luna tir Castoro fuori dalla trappola, lo spell, stese la sua pelle fuori a
seccare e gett il corpo in un angolo della casa ove si affumicavano le carni.
La notte seguente Castoro attese sino a quando Luna non fosse addormentata e russasse profondamente.
Quindi si alz, prese la sua pelle dal posto dovera stesa e se la rimise. Mentre Luna stava ancora russando,
ispezion la casa ed il cielo del mondo.
Allesterno trov una grande foresta di abeti, pini e cedri. Ne sradic alcuni e poi, usando i suoi poteri di
folletto, li rimpicciol abbastanza da portarli sotto un braccio. Sotto laltro braccio mise gli utensili che Luna
usava per fare la luce del giorno. Prese del fuoco da sotto il buco del fumo, mise intorno ad esso delle ceneri,
delle foglie e della corteccia e lo port in una mano. Nascosto nella casa di Luna trov il sole e lo port via
nellaltra mano.
Quindi Castoro trov il buco che Ghiandaia Blu aveva fatto, si mut di nuovo in Volpe e scese gi sulla
terra lungo la fune. L diede il fuoco alla gente. Dispose gli alberi. Fece la luce del giorno. Mise il sole al
suo posto in modo che potesse dare luce e calore a tutti. La gente era felice per tutte le cose che Volpe aveva
portato dal cielo.
Nel frattempo Luna si era svegliata. Quando si accorse che la pelle di castoro era sparita e che il sole era
stato rubato, si arrabbi molto. Comprese che qualcuno del popolo della terra le aveva giocato un tiro.
Notando delle impronte intorno alla casa, le segu sino alla cima della fune che Ragno aveva fatto.
Lo seguir nel mondo terreno , pens Luna.
Ma come fece per scendere gi, la fune si ruppe. La fune e Luna caddero entrambe gi su un cumulo e
furono trasformate in una montagna.
Oggi il picco chiamato Monte Si. La faccia di Snoqualm, Luna, si pu ancora vedere su una delle sue
pareti rocciose. Gli alberi che Volpe port gi dal cielo e che piant sono divenute le grandi foreste delle
montagne delle Cascate.
Registrata da Ella Clark nel 1953.

Il Monte Si un picco solitario ed aguzzo in quella che oggi la Foresta Nazionale Snoqualmie, ad est
di Seattle, nello Stato di Washington.

IL FURTO DELLA LUCE (Tsimshian)


Questa leggenda del furto del sole parla di Corvo il Gigante, uno degli eroi preferiti di molte trib
della Costa del Nordovest.
Un tempo cera sempre oscurit, mai giorno. Gigante indoss la sua pelle di corvo e lasci i cieli, volando
a lungo sulle acque. Quando fu molto stanco, lasci cadere una piccola pietra che suo padre il capo gli aveva
dato. Quella cadde nel mare e si mut in una grande roccia, dove egli scese per riposarsi. Quindi vol ancora
verso est sino a che raggiunse la terra ferma alla foce del fiume Skeena, e l dissemin uova di salmone e di
trota, dicendo: Abbia ogni fiume ed ogni ruscello ogni genere di pesci! . Aprendo una vescica seccata di
leone di mare che aveva riempito di frutta, sparpagli questultima sulla terra e disse: Sia ogni montagna,
ogni collina, ogni valle e pianura piena di questa! .
Quando in questo mondo di oscurit il cielo era sereno, un po di luce veniva dalle stelle, ma quando era
nuvolo cera soltanto buio pesto. La gente era afflitta da quel buio e pure Gigante lo fu quando comprese
quanto sarebbe stato duro procacciarsi il cibo nelloscurit. Cera luce da dove proveniva e decise di portarla
gi. Indossando la sua pelle di corvo, vol allins sino a trovare il buco nel cielo e lo attravers. Si tolse la
pelle di corvo e la pos vicino al buco, quindi viaggi sino ad arrivare ad una fonte che era presso la casa del
capo del cielo. L si sedette ed attese.

Ben presto comparve la figlia del capo con un piccolo secchio per andare a prendere acqua. Quando
Gigante la vide venire alla fonte, si trasform in una foglia di cedro e galleggi sullacqua. Senza notare la
foglia, ella lattinse con dellacqua e linghiott.
Dopo breve tempo lei rimase incinta, e presto diede alla luce un bimbo. Il capo e sua moglie ne furono
felicissimi, si presero cura del bimbo e quello crebbe forte. Gi camminava carponi tuttintorno, quando un
giorno cominci a gridare in continuazione: Hama, hama! . Per quanto facessero non cera verso di
calmarlo, sino a che alla fine il capo radun i suoi saggi e chiese loro se sapessero perch il bimbo gridava.
Uno degli uomini ascolt le grida e le comprese. Disse al capo: Sta chiedendo la m . Questa era la
scatola nella quale era rinchiusa la luce del giorno e che era appesa in un angolo della casa del capo. Era ci
di cui Gigante sera ricordato quando era disceso nel nostro mondo. Il capo immediatamente ordin che
fosse messa gi e posta vicino al fuoco. Subito il bimbo smise di gridare e cominci a far rotolare
tuttattorno la m allinterno della casa. Gioc con quella per quattro giorni, sino a che il capo si abitu
talmente ai giochi del bimbo che non bad pi ad essi. Allora il bimbo (che, naturalmente, era Gigante)
afferr la ma, se la mise sulle spalle e corse fuori della casa. Vedendolo, qualcuno disse: Gigante sta
fuggendo con la m! e tutte le moltitudini celesti lo inseguirono. Ma egli raggiunse il buco nel cielo,
indoss la pelle di corvo e vol gi portando la m, ed i suoi inseguitori ritornarono a casa.
Questa volta Gigante part per la foce del fiume Nass e lo risal nelloscurit. Dopo un po ud il rumore di
alcune persone, che stavano pescando olachen dalle loro canoe con reti a forma di sacca. Tenendo la m,
Gigante sedette sulla sponda e chiese di gettargli uno dei loro pesci. Ma quelle rifiutarono, chiamandolo
bugiardo, perch sapevano che si trattava di Gigante, malgrado indossasse la sua pelle di corvo.
Gettatemene uno, o romper la m! disse Gigante. E ancora lo rimproverarono e lo ingiuriarono.
Gigante ripet la richiesta quattro volte e poi ruppe la ma. Allistante ci fu la luce del giorno. Il vento del
nord cominci a soffiare forte e tutti i pescatori, che in realt erano rane, furono trascinati a valle sino a che
arrivarono ad una grande isola montagnosa. Qui le rane cercarono di arrampicarsi su, ma furono congelate
dal vento gelido e mutate in pietre che si incastrarono nella roccia. In questo momento sono ancora l, ed
oggi tutto il mondo ha la luce del giorno.
Basata su una leggenda riportata da Franz Boas nel 1916.

COYOTE DISPONE LE STELLE (Wasco)


Cerano una volta cinque lupi, tutti fratelli, che viaggiavano insieme. Non vera carne che si procurassero
cacciando che non dividessero con Coyote. Una sera Coyote vide i lupi guardare su nel cielo.
Che cosa state guardando lass, miei fratelli? domand Coyote.
Oh, niente, disse il lupo pi anziano.
La sera successiva Coyote vide che tutti stavano osservando qualcosa su nel cielo. Chiese al lupo pi
anziano, chera vicino, che cosa stessero guardando, ma questi non lo volle dire. Per tre o quattro notti
continu in questo modo. Nessuno voleva dire a Coyote che cosa stesse guardando perch pensava che si
sarebbe intromesso. Una notte Coyote chiese al pi giovane dei fratelli lupi di dirglielo, ed il lupo pi
giovane bisbigli agli altri lupi: Diciamolo a Coyote che cosa vediamo lass. Non far niente.
Cos glielo spiegarono: Vediamo due animali lass. Lass, dove non possiamo prenderli .
Saliamo a vederli , disse Coyote.
Come possibile? .
Oh, facile , disse Coyote. Posso mostrarvi come arrivare lass senza nessuna difficolt.
Coyote raccolse un gran numero di frecce e poi cominci a lanciarle in cielo. La prima freccia si conficc
nel cielo e la seconda freccia si conficc nella prima. Ciascuna freccia si conficcava nella parte posteriore di
quella precedente sino a che ci fu una scala a piuoli che arrivava sino alla terra.
Ora possiamo arrampicarci , disse Coyote. Il lupo pi anziano prese con s il suo cane, quindi vennero
gli altri quattro fratelli lupi, e poi Coyote. Si arrampicarono per tutto il giorno e la notte. Si arrampicarono
tutto il giorno successivo. Per molti giorni e molte notti si arrampicarono, sino a che alla fine non
raggiunsero il cielo. Si misero in piedi sul cielo e diedero unocchiata ai due animali che i lupi avevano visto
da laggi. Erano due orsi grizzly.
Non avviciniamoli , disse Coyote. Vi dilanieranno uno alla volta . Ma i due lupi pi giovani si erano

gi mossi. E gli altri due lupi giovani li seguirono. Soltanto il lupo pi vecchio si trattenne. Quando i lupi
arrivarono vicino ai grizzly, non accadde nulla. I lupi si accovacciarono e guardarono gli orsi, e gli orsi si
sedettero a guardare i lupi. Il lupo pi anziano, quando vide che non cera pericolo, and avanti con il cane e
si accovacci vicino a loro.
Coyote non voleva andare. Non si fidava degli orsi. Per, questo proprio un bel quadro , pens
Coyote. Hanno tutti laria di stare piuttosto bene seduti l in quel modo. Penso che lo lascer cos, affinch
ognuno lo possa vedere. Allora, quando la gente li guarder su nel cielo, dir: C una storia intorno a quel
quadro , e racconteranno la mia storia .
Cos Coyote li lasci disposti in quel modo. Mentre scendeva ritir le frecce in modo che nessuno potesse
ritornare. Dalla terra laggi Coyote ammir lordinamento che aveva lasciato lass. Ancor oggi la gente
guarda le stesse figure. Ora quelle stelle sono chiamate Orsa Maggiore. Se guardi lass vedrai che tre lupi
formano il manico e che il lupo pi vecchio, quello nel mezzo, ha ancora il cane con s. I due lupi pi
giovani formano la parte della tazza che vicina al manico ed i due grizzly formano laltro lato, quello nella
direzione della Stella Polare.
Quando Coyote vide come apparivano, volle sistemare una grande quantit di stelle. Dispose le stelle in
tanti disegni per tutto il cielo e poi, con quelle che aveva avanzato, fece una Grande Via che lo attraversava.
Quando Coyote ebbe finito chiam Allodola Mattolina. Fratello , disse, quando me ne sar andato,
di a tutti quanti che quando guarderanno su nel cielo e vedranno le stelle disposte in quel modo, sono stato
io a farlo. Quella opera mia .
Ora Allodola Mattolina racconta quella storia del Coyote.
Narrata da Barry Lopez nel 1977.

CACCIATORE DI CERVI E FANCIULLA GRANO BIANCO (Tewa)


Molto tempo fa nellantica dimora della gente di San Juan, in un villaggio le cui rovine si possono vedere
al di l del fiume dallattuale San Juan, vivevano due giovani dotati di magia. Il ragazzo si chiamava
Cacciatore di Cervi perch, anche se solo ragazzo, era lunico che non ritornava mai dalla caccia a mani
vuote. La ragazza, il cui nome era Fanciulla Grano Bianco, faceva il vasellame pi raffinato e ricamava i
vestiti con i pi bei disegni, meglio di qualsiasi donna del villaggio. Questi due giovani erano la coppia pi
bella del villaggio e non era una sorpresa per i loro genitori che cercassero sempre la compagnia luno
dellaltro. Vedendo che erano favoriti dagli di, gli abitanti del villaggio supposero che erano destinati a
sposarsi.
Col tempo lo fecero e, contrariamente alle aspettative degli anziani, passarono ancor pi tempo nello stare
luno con laltro. Fanciulla Grano Bianco cominci a trascurare il lavoro del vasellame e del ricamo, mentre
Cacciatore di Cervi abbandon la caccia, in un momento in cui avrebbe potuto risparmiare a molta gente di
patire la fame. Cominciarono persino a dimenticare i loro obblighi religiosi. Su richiesta dei genitori
preoccupati della coppia, gli anziani della trib convocarono un consiglio. Quella giovane coppia stava
ignorando tutte le tradizioni che avevano consentito alla trib di vivere e prosperare, e la gente temeva che
gli di adirati potessero arrecare carestie, inondazioni, malattie o qualche altro disastro al villaggio.
Ma Cacciatore di Cervi e Fanciulla Grano Bianco ignorarono le argomentazioni del consiglio e divennero
ancora pi uniti, giurando che niente li avrebbe mai divisi. Una sensazione di rovina pervase il villaggio,
anche se era primavera avanzata e tutta la natura sera dischiusa in una nuova vita.
Poi all'improvviso Fanciulla Grano Bianco si ammal ed entro tre giorni mor. Il dolore di Cacciatore di
Cervi non ebbe limiti. Si rifiutava di parlare o mangiare, preferendo vegliare accanto al corpo della moglie
sino a che non fu seppellito di buonora il giorno successivo.
Per quattro giorni dopo la morte, ogni anima vaga nel e intorno al suo villaggio e cerca il perdono di
coloro i quali pu aver offeso quandera in vita. un momento di ansia per i viventi, poich lanima pu
apparire nella forma di un vento, di una voce disincarnata, di un sogno, o persino in sembianze umane. Per
prevenire una tale visita, gli abitanti del villaggio vanno dalla persona morta prima della sepoltura e
pronunciano una dolce preghiera di perdono. Ed al quarto giorno dopo la morte, i parenti si riuniscono per
eseguire una cerimonia daddio allanima che si appresta ad andare nel mondo degli spiriti, dal quale non
ritorner mai pi.
Ma Cacciatore di Cervi non si rassegnava ad accettare la morte della moglie. Sapendo che poteva vederla

durante lintervallo dei quattro giorni, cominci a vagare tuttattorno al villaggio. Ben presto fu sospinto pi
lontano fuori nei campi e fu qui, al tramonto del quarto giorno, proprio mentre i suoi parenti stavano
radunandosi per la cerimonia delladdio, che rinvenne un piccolo fuoco vicino ad un gruppo di cespugli.
Cacciatore di Cervi si port pi vicino e trov la moglie, bella comera in vita ed abbigliata in tutta la sua
eleganza, che si preparava per lultimo viaggio pettinandosi i lunghi capelli con una spazzola di cactus. Egli
cadde piangendo ai suoi piedi, implorandola di non partire ma di ritornare con lui al villaggio prima che il
rito delladdio fosse consumato. Fanciulla Grano Bianco preg il marito di lasciarla andare, perch lei non
apparteneva pi al mondo dei vivi. Il suo ritorno irriterebbe gli spiriti, disse, ed, in ogni caso, ben presto lei
non sarebbe pi bella e Cacciatore di Cervi leviterebbe.
Egli ignor le argomentazioni garantendo il suo imperituro amore e promettendo che non permetterebbe a
nessuno di dividerli. Alla lunga lei sintener, dicendogli che lavrebbe obbligato a mantenere la promessa.
Entrarono nel villaggio proprio quando i loro parenti erano in marcia per la tomba con lofferta del cibo che
avrebbe lasciato partire lanima di Fanciulla Grano Bianco. Quando la videro, ne furono atterriti, e di nuovo
loro e gli anziani del villaggio pregarono Cacciatore di Cervi di lasciarla andare. Egli ignor la richiesta ed
unatmosfera di sinistra attesa cal sul villaggio.
La coppia ritorn alla propria casa, ma non erano passati molti giorni che Cacciatore di Cervi not che la
moglie cominciava ad avere uno sgradevole odore. Poi vide che il suo bel viso era divenuto color cenerino e
la sua pelle secca. Allinizio le volt soltanto la schiena mentre dormivano. In seguito cominci a rimanere
alzato tutta la notte sul tetto, ma Fanciulla Grano Bianco lo raggiungeva sempre. Col tempo gli abitanti del
villaggio si abituarono alla vista di Cacciatore di Cervi correre tra le case ed attraverso i campi mentre
veniva inseguito da Fanciulla Grano Bianco, ora ridotta a solo pelle ed ossa.
Le cose continuarono in questo modo sino a che un nebbioso mattino una figura alta ed imponente
apparve nel piccolo cortile di danza nel centro del villaggio. Era abbigliata con un vestito di pelle di daino
bianco immacolato e portava il pi grosso arco che nessuno avesse mai visto. Sulla sua schiena era gettata
una grande faretra con le due pi grandi frecce che nessuno avesse mai visto. Rimase ritta al centro del
villaggio e domand, con una voce che penetr all'interno di ogni cosa, di Cacciatore di Cervi e di Fanciulla
Grano Bianco. Tale era la sua autorit che la coppia avanz docilmente e stette ritta di fronte a lei.
Limponente figura disse alla coppia che era stata inviata dal mondo degli spiriti perch loro, Cacciatore
di Cervi e Fanciulla Grano Bianco, avevano violato le tradizioni del loro popolo ed irritato gli spiriti; ed
essendo stati cos egoisti, avevano arrecato dolore e quasi una calamit al villaggio. Poich insistete a voler
stare insieme , disse, il vostro desiderio sar appagato. Vi rincorrerete lun laltro per sempre attraverso il
cielo, come ricordi visibili per il vostro popolo che deve vivere secondo la tradizione se vuole sopravvivere
. Detto ci mise Cacciatore di Cervi su una freccia e lo lanci in basso nel cielo occidentale. Ponendo
quindi Fanciulla Grano Bianco sullaltra freccia, la colloc proprio dietro suo marito.
Quella sera gli abitanti del villaggio videro due nuove stelle ad ovest. La prima, grande e molto brillante,
iniziava a muoversi verso est attraverso i cieli. La seconda, una tremolante stella pi piccola, seguiva dietro
da presso. E cos ancor oggi, secondo i Tewa; la brillante Cacciatore di Cervi, posto l nel fiore degli
anni. La stella pi pallida Fanciulla Grano Bianco, messa l dopo morta; tuttavia lei inseguir suo marito
per sempre attraverso i cieli.
Tradotta dal Tewa da Alfonso Ortiz.

PARTE QUARTA

Le ordalie degli eroi


Mostri e mostri assassini

Abbiamo gi incontrato una variet di eroi culturali ed udito come essi crearono razze e portarono il
granturco od il fuoco al loro popolo. Qui diventano gli attori principali come draghi assassini e
giganti che uccidono, invocando una ricchezza di favolosi poteri per andare incontro a prove che sono
cosparse sui loro passi in guisa di mostri, orchi, streghe e demoni. Le particolari prove alle quali
leroe soggetto variano molto attraverso tutto il continente, bench molte culture parlino di un orco
su un dirupo; di un feroce animale guardiano che deve essere eluso; di un mostro ingordo (sovente
sotto le spoglie di un toro e di un orso) che inghiotte la gente nello stomaco mai sazio; e di certe specie
di prove del fuoco o calore. Varianti regionali riflettono specifiche culture, sicch uno trova la prova
dellarpionare nelle leggende del Nord Pacifico, mentre nelle foreste centrali o nella regione dei
Grandi Laghi appaiono, con grande frequenza, i toboga. Le storie sovente si fondono con i miti della
creazione, usando gli episodi delle avventure delleroe per spiegare i tratti del paesaggio naturale,
vestigia di un combattimento di un lontano passato.
Leroe indiano mostra talenti che incutono timore; pu mutare se stesso a volont in qualsiasi forma
voglia. I suoi poteri sovrannaturali sovente gli vengono in sogno dagli spiriti della terra o del cielo, o gli
sono dati dai maghi. Pu impadronirsi del potere vincendo un altro essere sovrannaturale, forse il primo in
una serie di prove che affronta; talvolta semplicemente lo deruba, mostrando altrettanta astuzia che forza. I
segni o gli amuleti che riceve sono pure associati con le cerimonie attuali, particolarmente nel Sudovest.
La nascita delleroe avvolta nel mistero. Sua madre pu essere visitata in un sogno e fecondata in
qualche altro inusuale modo; leroe sovente il figlio del sole o della stella del mattino, e mostrer desideri e
debolezze umane cos come tratti del suo divino retaggio. Leroe-bimbo cresce rapidamente, e persino
allet di sei o sette anni pu essere un avversario per qualsiasi mostro o gigante. Temerario e indagatore,
egli mostra presto di non voler essere dominato dai genitori. In un caso, un fratello od una sorella devono
scacciare un attacco da parte di un genitore.
Leroe indiano a suo agio nelle relazioni con il mondo naturale; parla agli animali ed essi gli parlano,
sovente rivelandogli conoscenza od aiutandolo in altri modi. Assume la loro forma ed essi lo portano o lo
nascondono. Sovente leroe stesso un animale, o piuttosto un essere umano che al tempo stesso un
animale, come Vecchio Uomo Coyote, Uomo-Orso, Donna Ragno od il feroce Uomo-Aquila.
Gli europei entrano indirettamente in alcune di queste leggende, come esseri (alcuni malvagi, alcuni
benigni) di un altro mondo che possono avere poteri speciali o certi doni come utensili di metallo ed armi.
Alcune epiche leggende della Costa nordorientale riflettono pure la lenta ma continua intrusiva influenza
delle saghe europee sui narratori indiani.
Bench leroe possa essere vittorioso, il suo terrificante avversario che d vitalit a queste leggende.
Mostri e draghi arrivano in tutte le forme e possono, naturalmente, cambiare forme a volont. Comune a
molte trib il grande mostro dellacqua, Unktchi o Uncegila dei Sioux, le cui enormi ossa fossili sono
sparse attraverso le Badlands del Nebraska e del Dakota. Molte trib dellEst e dellOvest raccontano di
Nessun Corpo, la Grande Testa Rotolante, una creatura che rotola sulle praterie e sulle montagne,
fracassando tutto sul suo cammino, afferrando e divorando gli uomini con i suoi enormi denti. Altri eroi
hanno dovuto contendere con i simili di Yeitso, il terribile gigante dellEst; con Delgeth, una mostruosa
antilope mangiatrice di carne; o con gli enormi uccelli mangiatori di uomini. Leroe Tlingit Costole di
Pietra, protetto dalla sua magica pelle di passera, combatte il Signore delle Orche Marine, e ci sono sempre
maghe e fantasmi malvagi pronti a depredare un non sospettoso essere umano. Il male pu entrare nel
mondo sotto laspetto di una semplice creatura, ma la sua famiglia si moltiplica rapidamente, e non v mai
una fine alle prove di un vero eroe.

GLOOSCAP COMBATTE IL MOSTRO DELLACQUA (Passamaquoddy, Nicmac


e Maliseet)
Glooscap vive ancora, in una qualche parte dellestremit meridionale del mondo. Non diventa mai
vecchio e durer cos a lungo quanto durer questo mondo. Talvolta Glooscap si stanca di correre il mondo,
governando gli animali, regolando la natura, istruendo il popolo sul modo di vivere. Allora ci dice: Sono
stanco di tutto questo, addio; ora vado a darmi la morte. Egli pagaia nella sua magica canoa bianca e
scompare in nuvole nebbiose. Ma ritorna sempre. Non pu abbandonare il popolo per sempre, e questi non

pu vivere senza di lui.


Glooscap uno spirito, uno sciamano, uno stregone. Pu fare sorridere gli uomini e le donne. Pu fare ogni
cosa.
Glooscap fece tutti gli animali, creandoli per essere pacifici ed utili agli esseri umani. Quando form il
primo scoiattolo, era grande quanto una balena. Che cosa faresti se ti lasciassi libero nel mondo?
domand Glooscap e lo scoiattolo attacc un grosso albero, lo rosicchi riducendolo in pezzi in un attimo.
Sei troppo distruttivo per la tua costituzione , disse Glooscap e lo rimpicciol. Anche il primo castoro era
grosso come una balena e costru una diga che inond la regione da orizzonte ad orizzonte. Glooscap disse:
Annegherai tutta la gente, se ti lascio libero come sei . Colp leggermente il castoro sul dorso e lo ridusse
alla grandezza attuale. Il primo alce era cos alto che raggiungeva il cielo e sembrava del tutto diverso da
come oggi. Calpestava ogni cosa sul suo cammino: foreste, montagne, ogni cosa. Rovinerai ogni cosa ,
disse Glooscap. Camminerai sulla gente e la ucciderai . Glooscap colp leggermente lalce sul dorso per
farlo piccolo, ma lalce rifiut di diventare pi piccolo. Cos Glooscap lo uccise e lo ricre in una grandezza
differente e con un differente aspetto. In questo modo Glooscap fece ogni cosa come doveva esser fatta.
Glooscap aveva creato pure un villaggio ed insegn a quella gente tutto ci che doveva conoscere. Essi
erano felici di cacciare e pescare. Gli uomini e le donne erano felici di fare allamore. I bambini erano felici
di giocare. I genitori coccolavano i bambini ed i bambini rispettavano i genitori. Tutto era bello come
Glooscap laveva fatto.
Il villaggio aveva una sorgente, la sola sorgente dacqua in lungo e in largo dalla quale sgorgasse sempre
acqua fresca, chiara e pura. Ma un giorno la sorgente si prosciug; soltanto un po di melma limacciosa
usciva da essa. Rest asciutta persino in autunno quando vennero le piogge ed in primavera quando le nevi si
sciolgono. La gente si domandava: Che cosa faremo? Non possiamo vivere senzacqua . Gli uomini saggi
e gli anziani tennero un consiglio e decisero di inviare un uomo a nord, alla fonte della sorgente, per vedere
perch sera prosciugata.
Luomo cammin per molto tempo sino a che alla fine arriv ad un villaggio. La gente laggi non era
come gli esseri umani; avevano mani e piedi palmati. Qui il ruscello si estendeva. Aveva dellacqua, non
molta, ma poca, limacciosa, giallastra e fetida. Luomo aveva sete a causa del viaggio e chiese che gli fosse
dato un po dacqua, anche se era cattiva.
Non possiamo darti dellacqua , disse la gente con le mani ed i piedi palmati, a meno che il nostro
grande capo lo permetta. Egli vuole tutta lacqua per s .
Dov il vostro capo? domand luomo.
Devi seguire il ruscello a monte, risposero.
Luomo prosegu ed alla fine incontr il grande capo. Quando lo vide trem dalla paura, perch il capo era
un mostro cos enorme che se uno si metteva ai suoi piedi non riusciva a vedergli la testa. Il mostro
occupava lintera valle da cima a fondo. Aveva scavato lui stesso unernome buca e laveva sbarrata, s che
tutta lacqua vera dentro e niente poteva fluirne nel letto del ruscello. Ed aveva sporcato lacqua e resa
inquinata, cosicch una fetida bruma copriva la sua limacciosa superficie.
Il mostro aveva una sogghignante bocca larga un miglio che andava da orecchio ad orecchio. I suoi occhi
gialli e spenti gli uscivano dalle orbite come enormi nodi di pino. Il suo corpo era gonfio e coperto di
bitorzoli grandi come montagne. Il mostro fiss debolmente luomo con i suoi occhi sporgenti e alla fine
disse con un terrificante gracchiamento: Piccolo uomo, che cosa vuoi? .
Luomo era atterrito, ma disse: Vengo da un lontano villaggio a valle. La nostra sola sorgente asciutta
perch stai tenendo tutta lacqua per te. Ci piacerebbe che tu ci lasciassi un po di questacqua. Inoltre, per
favore non infangarla cos tanto .
Il mostro sbatt alcune volte le palpebre. Alla fine gracchi:
Fai come ti piace,
Fai come ti piace,
Non me ne importa,
Non me ne importa,
Se tu vuoi acqua,
Se tu vuoi acqua,
Vai altrove!

Luomo disse: Ci abbisogna lacqua. La gente sta morendo di sete . Il mostro replic:

Non me ne importa,
Non me ne importa,
Non mi seccare,
Non mi seccare,
Vai via,
Vai via,
O ti divorer!

Il mostro apr la larga bocca da orecchio a orecchio, e luomo pot vedere dentro di essa le molte creature
che quellessere vivente aveva ucciso. Il mostro inghiott alcune volte e fece schioccare le labbra con un
rumore simile al tuono. A questo punto il coraggio delluomo venne meno, ed egli si volt e corse via tanto
veloce quanto pot.
Di ritorno al suo villaggio luomo disse alla gente: Non c nulla da fare. Se ci lamentiamo, questo
mostro ci divorer. Ci uccider tutti.
La gente era disperata. Che cosa faremo? gridavano. Ebbene, Glooscap conosce ogni cosa che accade
nel mondo, persino prima che si verifichi. Vede ogni cosa nel suo intimo. Egli disse: Devo sistemare le
cose per bene. Dovr procurare lacqua per la gente! .
Allora Glooscap si prepar alla guerra. Si dipinse il corpo con della pittura rossa come il sangue. Si fece
alto dodici piedi. Us due enormi conchiglie come orecchini. Inser nel ciuffo sulla testa un centinaio di
piume di aquila nera ed un centinaio

di piume di aquila bianca. Dipinse dei cerchi gialli intorno agli occhi. Torse la bocca in un ghigno ed assunse
un aspetto feroce. Batt i piedi e la terra trem. Lanci il terribile grido di guerra, che echeggi e riecheggi
da tutte le montagne. Prese in mano unernome montagna, una montagna composta di selce e con essa si fece
un coltello affilato come un dente di donnola. Ora vado disse, incamminandosi avanti a grandi passi tra
tuoni e fulmini, mentre potenti aquile roteavano sopra di lui. Cos Glooscap arriv al villaggio della gente
con mani e piedi palmati.
Voglio acqua disse loro. Guardandolo, essi ebbero paura. Gli portarono un po di acqua melmosa.
Penso che otterr pi acqua e pi pulita , disse. Glooscap and a monte e affront il mostro. Voglio acqua
pulita, disse, u n a grande quantit, per la gente a valle .
Oh! Oh!
Oh! Oh!
Tutte le acque sono mie!
Tutte le acque sono mie!
Vai via!
Vai via!
O ti uccider!

Viscido mucchio di fango! grid Glooscap. Vedremo chi sar ucciso! . Essi combatterono. Le
montagne tremarono. La terra si spacc. La palude cominci a fumare e scoppi in fiamme. Possenti alberi
furono mandati in frantumi.
Il mostro apr la sua enorme bocca larga per divorare Glooscap. Glooscap si fece pi alto del pi alto

albero e persino la bocca larga un miglio del mostro era troppo piccola per lui. Glooscap afferr il suo
grande coltello di selce e fece un taglio nel ventre gonfio del mostro. Dalla ferita sgorg un possente rivo, un
fiume tumultuoso, precipitante, rotolante, spumeggiante che scavandosi gi, gi, gi, un vasto e profondo
letto, scorreva dal villaggio verso il grande mare dellest.
Quellacqua dovrebbe bastare per la gente , disse Glooscap. Afferr il mostro e lo strinse nel suo
potente palmo, strinse e strinse e lo gett via, scagliandolo nella palude. Glooscap aveva stretto quella
grande creatura sino a ridurla ad una piccola rana gigante e per sempre da allora la pelle della rana gigante
raggrinzita perch Glooscap la strinse cos forte.
Ripresa da alcune fonti del diciannovesimo secolo.

PICCOLINO-TUTTO-COPERTO-DI-PELI (Mtis)
Piccolino aveva pi peli di una moffetta. Il pelo gli cresceva sul naso e nelle narici. Tra le natiche aveva
un pelo fitto e arruffato. Non era particolarmente di bellaspetto e puzzava come se non si lavasse sovente,
ma era una persona felice che rideva molto non aveva mai difficolt nel trovare delle graziose ragazze che
dividessero con lui la coperta. Era sempre in movimento, pronto a scoprire cose nuove.
Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli era piccolo, ma aveva successo in ogni cosa che faceva. In
combattimento era forte, cos la gente lo chiamava ogni volta che cera qualcosa di pericoloso da fare.
Quando un orso gigantesco continu a prendersela con tutti, strappando tende con gli enormi artigli e
mangiando la gente chera dentro, Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli non ebbe difficolt ad ucciderlo. Per
questo il suo riconoscente popolo gli diede un coltello magico.
Una volta, mentre Piccolino stava viaggiando, incontr due fratelli e chiese loro cosa stessero facendo.
Siamo in cerca di avventure , risposero.
Ci esattamente quello che sto facendo anchio. Uniamoci e viaggiamo insieme disse Piccolino.
Come vi chiamate? .
Il mio nome Montagna Fumante , disse uno. Sono il maggiore. Questo qui Clava da Guerra
Rotta.
I tre vagabondarono insieme e dopo un po arrivarono ad una bella e grande tenda con moltissime vesti di
buffalo che giacevano tuttattorno. Fuori verano delle rastrelliere con appesa carne essiccata e qualcuno
aveva lasciato una grande pentola per cucinare. Ma la tenda era deserta; non cera traccia di alcun essere
umano.
Mi piace questo posto , disse Piccolino. Restiamoci un po .
Deve essere di qualcuno , disse Montagna Fumante.
Ebbene , disse Piccolino, se qualcuno viene e la reclama, non me ne importer; e se nessuno appare
non me ne importer egualmente. Cos restarono.
Piccolino disse a Montagna Fumante: Andiamo a caccia

Clava da Guerra Rotta pu restare a cucinare un po di quella carne secca per cena . Cos i due presero gli
archi e le frecce ed andarono.
Ma quando i cacciatori ritornarono al campo, non cera cena. Clava da Guerra Rotta giaceva sotto una
veste di buffalo gemendo e lamentandosi.
Che hai? domand Piccolino. Sembri come se ti fossi battuto .
Sono troppo imbarazzato per parlare , rispose Clava da Guerra Rotta.
Fa come ti pare , disse Piccolino, e mangiarono un po di carne secca fredda.
Il giorno seguente Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli disse a Clava da Guerra Rotta: Andiamo a caccia.
Montagna Fumante pu restare qui a cucinare . Ma quando i due ritornarono trovarono Montagna Fumante
che giaceva sotto una veste di buffalo gemendo e lamentandosi. Che cosa ti capitato, amico? domand
Piccolino. Sembri come se ti fossi battuto .
Mi vergogno troppo per parlare , rispose Montagna Fumante.
Anche tu sei un bel cuoco! rimarc Piccolino. Di nuovo mangiarono la carne secca fredda.
Il mattino seguente Piccolino disse ai fratelli: Andate fuori a caccia; rimarr io a cucinare . E quando i
fratelli arrivarono a casa per il pranzo, trovarono una bella cena che li attendeva.
stato qui nessuno? domand Montagna Fumante.
Sotto quella veste laggi , disse Piccolino indicando una veste di buffalo sul pavimento, c una
grande pietra piatta, e sotto la pietra c un buco. Qualcuno alz la pietra, usc dal buco, e strisci
furtivamente da sotto la veste .
E che cosa accadde allora? domandarono i fratelli.
La stessa cosa che capit a voi. Un brutto nano, soltanto piccolo come la mia mano ma mostruosamente
forte, cerc di percuotermi con la frusta. Questo il motivo per cui voi stavate gemendo e lamentandovi. E
vi vergognavate a dirlo perch egli era cos piccolo .
Ah, dissero i fratelli, ha frustato anche te.
No , disse Piccolino. Non gliene ho dato il tempo. Lho ucciso e lho gettato nel buco .
Montagna Fumante spinse da parte la veste, alz la pietra e sbirci gi. Questo un buco molto
profondo , disse. Deve condurre alla casa di quel nano. Vorrei andare gi per scoprirla .
Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli disse: facile . Afferr il grosso bricco da cucina e leg una lunga
fune di pelle grezza al suo manico. Mettiti dentro questo bricco , disse a Montagna Fumante, e noi ti
caleremo gi. Poi ti tireremo su e potrai raccontarci tutto . Calarono Montagna Fumante nel buco e dopo un
po lo tirarono su.
Montagna Fumante rifer: Ho toccato terra proprio sopra quel nano; lo hai veramente sistemato bene.
Era scuro ed umido laggi, e potevo udire uno strano rumore simile a quello dun animale che sbuffi. Non
mi sentivo a mio agio in quel posto .
Fatemi scendere , disse Clava da Guerra Rotta. Io non ho paura .
Cos lo fecero andar gi e dopo un po lo tirarono su. Egli disse: Sono andato un po pi avanti. C una

porta laggi, una specie di buco nel muro duna spelonca, chiuso da un macigno. Anchio ho udito il
rumore: assomiglia a un profondo grugnito pi che a uno sbuffo. Non ho voluto entrarci .
Fatemi scendere , disse Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli.
Dopo che lo ebbero calato gi, Piccolino trov la porta daccesso ed ascolt lo sbuffo grugnente, o
grugnito sbuffante. Fece rotolar via il macigno dallingresso e si ritrov in una stanza simile ad una
spelonca, faccia a faccia con un mostro a due teste. Il mostro grugn: Dov mio figlio? Lhai visto?
soltanto grosso cos... .
Devessere il nano che ho ucciso , disse Piccolino-Tutto Coperto-Di-Peli. Ho lasciato fuori il suo
corpo .
A quelle parole il mostro url ed attacc. Piccolino riusc a tagliare una delle sue teste con il coltello
magico, ma il mostro continuava a combattere altrettanto ferocemente. Lottarono sino a che Piccolino riusc
a tagliar laltra testa.
Guardando oltre il corpo del mostro, Piccolino vide unaltra porta dirimpetto alla prima. Anchessa era
chiusa con un grosso macigno. Da dietro veniva un ringhio, sbuffo e soffio realmente terrificante come
quello di unorda di strane bestie.
Sono curioso di sapere chi pu essere , pens, rotolando via il macigno dallapertura. Nella stanza
successiva trov uno squamoso mostro-uomo con tre teste, che stavano sbuffando e grugnendo e soffiando
tutte e tre allo stesso tempo. Dov mio figlio, quello con due teste? domand il mostro.
Nonno o nonni? morto. Ho dovuto ucciderlo, perch altrimenti penso avrebbe ucciso me. Era furente
perch ho ucciso suo figlio tuo nipote, probabilmente il piccolo nano cattivo con la frusta.
A quelle parole il mostro tricipite si lanci su Piccolino. Le tre teste schiumavano alle labbra, ringhiavano
e addentavano. Una alla volta, una alla volta , disse Piccolino come tagliava via le tre teste una dopo
laltra.
Mi hanno fatto veramente sudare disse Piccolino, guardandosi intorno. Scopr ancora unaltra porta,
dietro la quale udiva urlare, trascinarsi, ringhiare e grugnire. Ora comincia a seccarmi , disse mentre
spostava da un lato il macigno e simbatt in un uomo-mostro con quattro teste e dalla pelle callosa. Questo
non fece domande ma salt immediatamente su Piccolino con quattro serie complete di denti azzannanti,
ghermenti e laceranti. La pelle del mostro era cos dura, specialmente ai colli, che resisteva al coltello
magico. Persino quando alla fine Piccolino ebbe tagliato tre delle quattro teste, luomo-mostro lottava
altrettanto ferocemente che mai.
La quarta testa era la pi resistente; morsic un bel pezzo di spalla a Piccolino prima che questi riuscisse a
tagliarla. Ansimante, esausto, Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli diede un calcio al corpo gigantesco del
mostro e disse: Via, piccola cosa malvagia! .
Guard ancora intorno e vide una porta. Basta! , disse. Ma ascolt ed al di l ud il dolce canto di
giovani fanciulle. Questo molto meglio , disse Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli mentre faceva rotolare
lultimo macigno da un lato. Entr nellultima camera e trov tre giovani donne molto avvenenti.
Sono vostri parenti i mostri l fuori? domand Piccolino.
No, no, affatto! risposero le fanciulle. Questi orribili mostri ci hanno tenute prigioniere per il loro
piacere. Abbiamo avuto una vita dura.
Lo credo , comment.
Bel giovane guerriero , disse una delle fanciulle, certamente sei venuto a liberarci .
Non so circa il bello , disse Piccolino, ma liberarvi lo voglio .
E tu sei di bellaspetto , disse la ragazza sfacciata. Mi piace un individuo piccolo, peloso e gagliardo
.
Allora hai incontrato luomo giusto , rispose. Si guard intorno e vide cose meravigliose che i mostri
avevano sottratto alle loro vittime: vesti di pelle di daino decorate con aculei multicolori di porcospino, armi
ben fatte, copricapi da guerra di piume daquila e molti capi dabbigliamento.
Qui ce n abbastanza da dividere per tre amici , disse Piccolino, e non una fortunata coincidenza
che ci siano tre di voi e tre di noi? Perch io ho due amici che mi attendono nella tenda lass .
Di bene in meglio dissero le tre avvenenti ragazze.
Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli raccolse le molte belle cose in un fagotto ed and al buco al di sotto della
tenda. Oh, amici , url, ci sono delle buone cose da dividere tra noi! .
Mise il fagotto nel bricco ed i due fratelli nella tenda lo tirarono su. Poi chiesero: Ora vieni su? .
Non ancora , rispose. Prima tirate su tre giovani graziose che valeva bene la pena dincontrare . I
fratelli fecero scendere il bricco e, ad una ad una, tirarono su le donne. Poi Piccolino grid: Ora vengo su

. Sal dentro il bricco. Quando lo avevano tirato sino a met percorso, Clava da Guerra Rotta disse a
Montagna Fumante: Lasciamolo cader gi. Cos possiamo tenere queste graziose ragazze e tutte le belle
cose per noi .
No , disse Montagna Fumante, Piccolino stato un buon amico per noi . Ma Clava da Guerra Rotta
aveva gi tagliato la fune di pelle grezza, e Piccolino cadde sino in fondo con un grande fracasso. Era
tramortito, ma si riebbe in fretta e disse: Begli amici che mi son scelto! .
Senza fune e bricco, Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli pass un brutto quarto dora nellarrampicarsi sin
dentro la tenda. Tent quattro volte prima di farcela. Li trover questi gentili fratelli buoni a niente!
mormor tra s.
Viaggiando lungo quella che credeva la traccia di Montagna Fumante e Clava da Guerra Rotta, Piccolino
ud della gente che stava litigando. Segu il rumore ed arriv dove giaceva il corpo di un grosso alce sul
quale una vespa, un verme ed un picchio si accapigliavano. Amici , disse loro Piccolino-Tutto-CopertoDi-Peli, qui ce n a sufficienza per tutti. Lasciatemi sistemare per voi questa faccenda e far cessare tutto il
chiasso . Diede le ossa al picchio, il grasso alla vespa e la carne al verme, ed ognuno fu soddisfatto.
Grazie, zio, per aver sistemato questa faccenda e messo la pace tra di noi , dissero. In cambio, se mai
ti trovassi nei pasticci, puoi assumere una qualsiasi delle nostre sembianze: ti puoi mutare in un verme, in
una vespa o in un picchio .
Grazie, lo apprezzo molto , disse Piccolino.
Seguendo sempre la traccia, alla fine arriv ad una tenda che era ritta in una parte disboscata della foresta.
Subito si mut in un picchio, vol su un palo sopra lapertura del fumo e guard gi. Ah, disse fra s.
Ecco i due fratelli buoni a niente che parlano con le tre ragazze . Quindi si mut in una vespa, vol gi
allinterno della tenda, e si pos su una spalla della ragazza sfacciata. Nessuno lo not. La ragazza sfacciata
disse: Sono ancora arrabbiata con voi uomini. stata unazione spregevole laver lasciato cadere quel
simpatico piccolo compagno. Era coraggioso ed ero pazza di lui. Spero che stia bene, ovunque sia .
Montagna Fumante aggiunse: S, non stato giusto. Ho cercato di fermarlo, ma questo qui aveva gi
tagliato la fune .
Clava di Guerra Rotta rideva soltanto. Fratello, non parlare come uno stupido. stato cos divertente
lasciar cadere laggi quel peloso, inutile uomo e sentirlo strillare. Guarda tutte le ricchezze che ho procurato
per noi e guarda queste graziose ragazze che, grazie a me, rendono le nostre notti piacevoli. S, mi viene
ancora da ridere quando penso a quel peloso che va gi con fracasso, strillando .
Io non ricordo di aver strillato disse Piccolino-Tutto Coperto-Di-Peli, rapidamente mutandosi di
nuovo in un uomo. Vediamo chi striller ora.
Clava di Guerra Rotta cerc di fuggir via, ma Piccolino
lo afferr per i capelli e gli tagli la gola con il suo magico coltello. Poi prese Montagna Fumante a calci nel
deretano. Codardo! Tu avresti potuto sfidare il tuo pi giovane fratello e farmi uscire da quel buco. Se mai
ti incontrer ancora sulla mia strada, ti uccider nel modo in cui ho ucciso questo qui . Montagna Fumante
fugg via.
Allora Piccolino si volt verso le donne. Belle ragazze, mi prendete per marito? Sono abbastanza uomo
per tre. Sono piccolo, ma dappertutto .
Bello , disse la ragazza sfrontata, poich noi tre siamo sorelle, ci si addice avere un unico marito .
Cos Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli spos le ragazze ed insieme furono molto felici.
Dopo che Piccolino ebbe vissuto con loro per un po, disse: Mie care, non sono fatto per stare sempre in
un posto.
Ogni tanto devo proprio vagabondare e scoprire cose nuove. Vi ho lasciato carne a sufficienza, pemmican,
lingue e grasso di rognone, da durarvi in buon numero di giorni. Non star via a lungo, perci non abbiate
paura .
Cos Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli si mise di nuovo in viaggio. Arriv ad una tenda, allinterno della
quale una giovane donna avvenente stava piangendo. Entr e chiese: Ehi tu di bellaspetto, che hai? .
Un viscido mostro dacqua mi sta tenendo prigioniera e mi fanno ribrezzo i suoi abbracci. Io ho tentato
e ritentato di scappar via, ma lui mi acchiappa sempre e mi trascina indietro .
Asciuga le lacrime , le disse Piccolino. Uccider quel mostro e ti sposer. Ho gi tre mogli, ma
posso facilmente aver cura di una in pi .
Mi piacerebbe , disse la donna, ma nessuno riesce ad ucciderlo .
Con il mio magico coltello posso uccidere qualsiasi mostro. Ho liberato per sempre delle graziose
fanciulle imprigionate da mostri malvagi; sono piuttosto abituato a farlo .

Non riuscirai ad uccidere questo, neppure con un coltello magico, perch molti mostri in uno. C una
maniera segreta per ucciderlo, e se non la trovi ti uccider.
E qual questa maniera segreta? .
Non lo so; non ho mai avuto loccasione di chiederlo. Ma questa notte il mostro ritorna, e cercher di
farmelo dire da lui. Nel frattempo nasconditi .
Questo facile disse Piccolino, mutandosi in un picchio e volando sulla punta del palo sopra
lapertura del fumo.
Al cader della notte il mostro dellacqua ritorn. Guardando gi dalla sua pertica, Piccolino pens:
davvero un brutto viscido mostro! .
Il mostro gett della carne alla ragazza, dicendo: Ho appena annegato e divorato degli esseri umani,
perci sono sazio, ma ecco della carne dantilope per te .
Proprio quella che mi piace , disse la ragazza. Sai, quel corno che ti esce dalla fronte sporco; lascia
che te lo pulisca. Ha veramente un bellaspetto .
Tanto per cambiare, oggi ti mostri amabile , disse il mostro, invece di lanciare occhiate torve e di
avere lo sguardo arcigno. Forse stai incominciando ad apprezzarmi .
Come possibile non apprezzarti? disse la ragazza. Dimmi, affinch in caso di difficolt possa
aiutarti: qual il solo modo per ucciderti? .
Il mostro sogghign orribilmente e disse: Ebbene, ecco qua, il grande mostro dellacqua. Se tu mi
uccidi, un enorme orso grizzly uscir da me, e fuori da esso un orso bruno pi piccolo, e fuori da esso una
puma, e fuori dal puma un lupo, e fuori dal lupo un ghiottone, e fuori da quello una volpe, e fuori da quella
un coniglio. Fuori dal coniglio verr una quaglia, e fuori dalla quaglia un uovo. Soltanto frantumando
questuovo contro il corno che ho nella fronte, posso essere ucciso .
Piccolino ud tutto. Subito vol gi nella tenda, riassunse le sue sembianze, ed attacc il grande mostro
dellacqua con il suo magico coltello. Uno dopo laltro uccise tutti gli animali che venivano fuori dal mostro
ed alla fine ruppe luovo contro il corno del mostro.
Sei coraggioso e potente , disse la ragazza. Sono tua . Cos Piccolino-Tutto-Coperto-Di-Peli la
prese come sua quarta moglie e la port a casa nella sua tenda, unitamente a tutti i tesori che il mostro aveva
accumulato con il furto e lassassinio. E Piccolino aveva avuto ragione: era sufficientemente uomo per avere
quattro mogli e ne avanzava ancora un po.
Raccontata da Jean Desjarlais a New York nel 1971 e registrata da Richard Herdoes.

Jean Desjarlais chiama se stesso anche Oohosis il gufo


perch il gufo un messaggero. Egli era uno dei molti Nativi Americani che occuparono lisola di
Alcatraz nel 1970-1971, ed ora vive nelle regioni artiche del Canada settentrionale.

COME FURONO CREATE LE ZANZARE (Tlingit)


Tempo fa cera un gigante che amava uccidere gli esseri umani, mangiarne le carni e berne il sangue.
Andava particolarmente pazzo per i cuori umani. Nessuno di noi sar risparmiato , disse la gente, a
meno che non ci si possa sbarazzare di questo gigante, e fu convocato un consiglio per discutere i modi ed i
mezzi.
Un uomo disse: Penso di sapere come uccidere il mostro , ed and nel luogo dove il gigante era stato
visto lultima volta. L si coric e finse di essere morto.
Ben presto venne il gigante. Vedendo luomo che era coricato, disse: Questi esseri umani me la stanno
facendo facile. Ora non ho neppure da acchiapparli ed ucciderli; muoiono proprio sulla mia strada,
probabilmente per paura di me! .
Il gigante tocc il corpo. Ah, bene , disse, questo ancora caldo e fresco. Che pranzo saporito sar;
non vedo lora di arrostirgli il cuore.
Il gigante si gett luomo sulla spalla, e luomo lasci penzolare gi la testa come se fosse morto. Portato
luomo a casa, il gigante lo lasci cadere nel mezzo del pavimento proprio presso il focolare. Allora si
accorse che non cera legna per il fuoco ed and a prenderne un po.
Non appena il mostro fu uscito, luomo si alz ed afferr lenorme coltello che serviva al gigante per
scuoiare. In quel mentre arriv il figlio del gigante e si chin per entrare. Egli era ancora piccolo rispetto alle
dimensioni dun gigante e luomo gli punt il grosso coltello alla gola. Svelto, dimmi, dov il cuore di tuo

padre? Dimmelo o ti taglio la gola! .


Il figlio del gigante era spaventato. Disse: Il cuore di mio padre nel suo tallone sinistro .
Proprio allora apparve sulla porta il piede sinistro del gigante, e luomo prontamente immerse il coltello
nel tallone. Il mostro url e cadde morto.

Tuttavia il gigante parl ancora. Bench sia morto, bench tu mi abbia ucciso, continuer per sempre a
mangiare te e tutti gli altri esseri umani del mondo! .
Lo pensi tu! disse luomo. Sono sicuro che non mangerai pi nessuno . Tagli il corpo del gigante
in pezzi che bruci sul fuoco. Poi prese le ceneri e le gett per aria affinch i venti le disperdessero.
Allistante ciascuna particella si mut in zanzara. La nube di ceneri divenne una nuvola di zanzare e dal
loro centro luomo ud la voce del gigante che ridendo diceva: S, manger voi gente sino alla fine dei
tempi .
E come il mostro parl, luomo sent un pungiglione ed una zanzara cominci a succhiargli il sangue, poi
molte zanzare lo punzecchiarono, ed egli cominci a grattarsi.
Ritrascritta da una fonte inglese del 1883.

HIAWATHA LUNIFICATORE (Irochesi)


Hiawatha (Haion-Hwa-Tha-Colui-Che-Fa-I-Fiumi) si ritiene sia stato uno statista, un legislatore, uno
sciamano, ed un unificatore che visse intorno al 1570. Secondo alcune fonti, era Mohawk di nascita e
cerc rifugio tra gli Onondaga, quando allinizio la sua trib rifiut i suoi insegnamenti. I suoi sforzi per
unire le trib Irochesi furono contrastati da un formidabile condottiero, Wathatotarho, che alla fine fu da
lui sconfitto e che uccise per vendetta la figlia di Hiawatha.
Lassopimento di Ta-ren-ya-wa-gon, Reggitore dei Cieli, fu disturbato da un grande grido dangoscia e di
dolore. Dalla sua dimora guard gi sulla terra e vide gli esseri umani gemere dal terrore, inseguiti da
impressionanti mostri e da crudeli giganti mangiatori di uomini. Mutandosi in un mortale, Ta-ren-ya-wa-gon
prontamente discese sulla terra e, presa una piccola fanciulla per la mano, disse ai terrorizzati esseri umani di
seguirlo. Per sentieri conosciuti soltanto da lui, condusse il gruppo dei profughi tremanti ad una caverna alla
foce di un grande fiume, dove li nutr e li invit a dormire.
Dopo che la gente si fu alquanto ripresa sotto la sua protezione, Ta-ren-ya-wa-gon prese di nuovo la
bimba per mano e li condusse verso il sole nascente. Il gruppo viaggi per molti giorni sino a che arriv alla
confluenza di due imponenti fiumi le cui acque, bianche di schiuma, scendevano in cascata sopra enormi

rocce. L Ta-ren-ya-wa-gon si ferm e costru una lunga casa per s e per la sua gente.
Per anni vissero l, contenti ed ingrassando, mentre i loro bambini divenivano uomini forti e donne ben
fatte. Poi Taren-ya-wa-gon, il Reggitore dei Cieli divenuto mortale, raccolse il popolo intorno a lui e parl:
Voi, miei figli, ora dovete diffondervi e divenire grandi nazioni. Vi far numerosi come le foglie di una
foresta in estate, come i ciottoli delle rive delle grandi distese dacqua . E di nuovo prese per mano una
bimba e cammin verso il sole calante, con tutta la gente che lo seguiva.
Dopo un lungo viaggio arrivarono alle rive di un bel fiume. Ta-ren-ya-wa-gon separ alcune famiglie dal
resto del gruppo e disse loro di costruire una lunga casa in quel luogo e fondare un villaggio. Voi sarete
conosciuti con il nome di Te-ha-wro-gah, Quelli-Del-Linguaggio-Separato , disse loro ed essi divennero la
trib Mohawk. E nellistante in cui ebbe dato loro un nome, il loro linguaggio cambi ed essi non
compresero pi il resto della gente.
Ai Mohawk Ta-ren-ya-wa-gon diede granturco, fagioli, melopoponi e tabacco, unitamente ai cani per
aiutarli a cacciare la selvaggina. Insegn loro come piantare e mietere il grano e farne farina per ricavarne un
pasto. Insegn loro i sentieri della foresta e della selvaggina, perch in quel tempo andato la gente non
conosceva ancora tutte queste cose. Quando li ebbe istruiti su tutto e dato loro il necessario alla vita, Tarenya-wa-gon prese di nuovo una bimba per mano e si mise in viaggio con il resto della gente verso occidente.
Dopo un lungo viaggio si fermarono in una valle bella e ricca dacqua contornata da foreste ed egli ordin
ad un altro gruppo di costruire un villaggio in quel luogo. Diede loro ci che era necessario per vivere,
insegn loro quello che era necessario conoscere e diede loro il nome di Ne-ha-wre-ta-go, il popolo AlberoGrande, a causa delle grandi foreste che li circondavano. E questa gente, che divenne la nazione Oneida,
parl pure una propria lingua non appena le ebbe dato il nome.
Quindi ancora una volta Ta-ren-ya-wa-gon prese la mano di una bimba e continu a vagabondare, sempre
verso il sole calante, ed il resto della gente lo segu. Arrivarono ad una grande montagna che egli chiam Onun-da-ga-o-no-ga. Ai suoi piedi ordin ad alcune altre famiglie di costruire una lunga casa, e diede loro gli
stessi doni ed insegn loro le stesse cose che aveva lasciato agli altri. Li chiam come la torreggiante
montagna che li sovrastava e diede loro pure un proprio linguaggio. E questo popolo divenne la nazione
Onondaga.
Di nuovo, con una piccola fanciulla al suo fianco, Ta-ren ya-wa-gon continu a vagare, conducendo la
gente alle rive di un lago che scintillava al sole. Il lago fu chiamato Go-yo gah, e qui ancora un altro gruppo
costru il suo villaggio e divenne i Cayuga.
Ora rimaneva soltanto un pugno dindividui e Ta-ren-ya wa-gon li condusse ad un lago nei pressi di una
montagna chiamata Ga-nun-da-gwa. Li sistem l, dando loro il nome di Te-ho-ne-noy-hent, Custodi della
Porta. Anchessi ricevettero un loro linguaggio e divennero la potente nazione Seneca.
Cerano alcuni tra la gente che non erano soddisfatti dei luoghi loro assegnati dal Reggitore dei Cieli.
Questi continuarono a vagare verso il sole calante sino a che arrivarono ad un fiume pi grande di tutti gli
altri, un fiume conosciuto come Mississippi. Lo attraversarono su una vite selvatica che formava un ponte
da riva a riva e dopo che lultimo di essi lebbe attraversato, la vite si fece a pezzi. Nessuno pot mai
ritornare, sicch questo fiume divise gli esseri umani occidentali da quelli orientali.
Il Reggitore dei Cieli diede a ciascuna nazione un dono particolare. Ai Seneca diede piedi cos veloci che
i loro cacciatori vincevano alla corsa i cervi. Ai Cayuga diede la canoa e labilit di condurla attraverso le
acque pi turbolente. Agli Onondaga diede la conoscenza delle leggi eterne ed il dono di penetrare i desideri
del Grande Creatore. Agli Oneida diede labilit nel fare armi e nellintrecciare canestri, mentre ai Mohawk
diede archi e frecce e labilit di dirigere i giavellotti nel cuore della selvaggina e dei nemici.
Ta-ren-ya-wa-gon decise di vivere tra la gente come un essere umano. Avendo il potere di assumere
qualsiasi forma, scelse di essere un uomo e prese il nome di Hiawatha. Scelse di vivere tra gli Onondaga e
prese in moglie una bella giovane di quella trib. Dalla loro unione nacque una figlia, Mnihaha, che
superava persino sua madre in bellezza ed abilit femminili. Hiawatha non cess mai di insegnare e
consigliare, e soprattutto predic la pace e larmonia.
Sotto Hiawatha gli Onondaga divennero la pi grande di tutte le trib, ma anche le altre nazioni fondate
dal Grande Reggitore crebbero e prosperarono. Viaggiando in una magica canoa di corteccia di betulla di
abbagliante bianchezza, che fluttuava sulle acque e sulle praterie come sulle ali dun invisibile uccello,
Hiawatha and da nazione a nazione, consigliandole e mantenendo lequilibrio tra uomo, animale e natura
secondo le eterne leggi dei manitou. Cos tutto andava bene e la gente viveva felicemente.
Ma la legge delluniverso anche quella di alternare felicit a tristezza, vita e morte, prosperit e
avversit, armonia e disarmonia. Da fuori del nord al di l dei Grandi Laghi arrivarono trib selvagge, feroci,

ignoranti nazioni che non conoscevano niente della legge eterna; gente che non coltivava od intrecciava
canestri o cuoceva largilla per farne recipienti per cucinare. Tutto quello che sapevano era come predare
coloro che piantavano e raccogliere i frutti del loro lavoro. Crudeli e spietati, questi stranieri mangiavano la
carne cruda, lacerandola con i denti. Guerreggiare ed uccidere erano le loro occupazioni. Piombarono
allimprovviso sul popolo di Hiawatha come uninondazione, portando devastazione ovunque andavano. Di
nuovo la gente si rivolse a Hiawatha per aiuto. Egli consigli a tutte le nazioni di radunarsi e di attendere la
sua venuta.
E cos le cinque trib si riunirono intorno al fuoco nel luogo del grande consiglio, presso le rive di un lago
grande e tranquillo dove gli uomini selvaggi del nord non erano ancora penetrati. La gente attese Hiawatha
uno, due, tre giorni. Al quarto giorno apparve la sua canoa magica biancolucente, che fluttuava, scivolava
sopra la bruma. Hiawatha sedeva a poppa conducendo la canoa del mistero, mentre a prua cera la sua sola
bambina sua figlia.
I capi, gli anziani ed i saggi delle trib erano sul bordo dellacqua in piedi per salutare il Grande
Reggitore. Hiawatha e sua figlia scesero a terra. Salut tutti quelli che incontrava come fratelli e parl a
ciascuno nella propria lingua.
Allimprovviso ci fu un terrificante fragore, un fragore simile allo scorrere impetuoso di centinaia di
fiumi, simile al battere di migliaia di ali giganti. Piena di paura, la gente guard su. Fuori dalle nuvole,
volteggiando sempre pi basso, vol luccello del grande mistero dei cieli, cento volte pi grande delle pi
grandi aquile, ed ogni volta che batteva le ali faceva il rumore di migliaia dimprovvisi scoppi di tuono.
Mentre la gente si ritraeva, Hiawatha e sua figlia rimasero impassibili. Allora il Grande Reggitore pose le
mani sopra il capo di sua figlia in segno di benedizione, dopo di che lei disse tranquillamente: Addio,
padre . Si sedette tra le ali delluccello del mistero, che sal a spirale sempre pi su nelle nuvole ed alla fine
scomparve nella grande volta del cielo.
La gente osservava con paura, ma Hiawatha, stordito dal dolore, cadde sul terreno e si copr con il manto
di un puma. Tre giorni sedette cos in silenzio, e nessuno osava avvicinarlo. La gente si chiedeva se avesse
dato la sua sola figlia ai manitou lass quale sacrificio per la liberazione del suo popolo. Ma il Grande
Reggitore mai lo avrebbe detto loro, mai avrebbe parlato di sua figlia o delluccello del mistero che laveva
portata via.
Dopo aver portato il lutto per tre giorni, il mattino del quarto Hiawatha si alz e si purific nelle fredde e
chiare acque del lago. Poi chiese che fosse riunito il grande consiglio. Quando i capi, gli anziani, ed i saggi
si furono seduti in circolo intorno al fuoco sacro, Hiawatha comparve davanti ad essi e disse:
Ci che passato passato; sono il presente ed il futuro che ci interessano. Figli miei, ascoltate bene,
perch queste sono le ultime parole che vi dico. La mia permanenza tra voi volge al termine.
Figli miei, guerra, paura e la disunione vi hanno portato dai vostri villaggi a questo fuoco sacro del
consiglio. Il fronteggiare un comune pericolo, ed il timore per la vita delle vostre famiglie, vi hanno
ancora separati, perch ogni trib pensa ed agisce soltanto per se stessa. Ricordate come vi feci divenire
da un piccolo gruppo a molte nazioni. Ora dovete riunirvi ed agire come un sol popolo. Nessuna trib da
sola pu resistere ai nostri selvaggi nemici, i quali non tengono in alcun conto leterna legge, e che si
abbattono su di noi come bufere invernali, diffondendo morte e distruzione ovunque.
Figli miei, ascoltate bene. Ricordate che siete fratelli, che la rovina di uno significa la rovina di tutti.
Voi dovete avere un solo fuoco, una sola pipa, una sola clava di guerra.
Hiawatha invit i cinque custodi tribali del fuoco ad unire i loro fuochi con il grande fuoco sacro del
consiglio, ed essi
lo fecero. Poi il Grande Reggitore sparse del sacro tabacco sulla brace ardente cosicch la sua dolce
fragranza avvolse gli uomini saggi seduti in circolo. Poi disse:
Onondaga, voi siete una trib di potenti guerrieri. La vostra forza come quella di un pino gigante le
cui radici si distendono lontano ed in profondit s da resistere ad ogni bufera. Siate i protettori. Voi sarete
la prima nazione.
Oneida, i vostri uomini sono famosi per la loro saggezza. Siate i consiglieri della trib. Voi sarete la
seconda nazione.
Seneca, voi siete rapidi di piede e persuasivi nel ragionamento. I vostri uomini sono i pi grandi oratori
di tutte le trib. Siate i portavoce. Voi sarete il terzo popolo.
Coyuga, voi siete i pi abili. Voi siete i pi bravi nel costruire e nel condurre le canoe. Siate i guardiani

dei nostri fiumi. Voi sarete la quarta nazione.


Mohawk, voi siete i primi nel piantare granturco e fagioli e nel costruire le lunghe case. Siate coloro che
nutrono.
Voi trib dovete essere come le cinque dita della mano di un guerriero, unite nellafferrare saldamente
la clava di guerra. Uniti come uno, ed allora i vostri nemici indietreggeranno davanti a voi fino alle distese
sterili del nord da dove sono venuti. Lasciate che le mie parole penetrino nel profondo del vostro cuore e
della vostra mente. Ora ritiratevi per consigliarvi tra di voi e venite da me domani per dirmi se seguirete i
miei consigli.
Il mattino seguente i capi e gli uomini saggi delle cinque nazioni vennero da Hiawatha con la promessa
che da quel giorno in poi sarebbero stati come una sola nazione. Hiawatha gio. Raccolse le abbaglianti
penne bianche che il grande misterioso uccello del cielo aveva lasciato cadere e diede le piume ai capi delle
trib raccolte in assemblea. Da queste penne , disse, sarete conosciuti come gli Ako-no-shu-ne, gli
Irochesi . Cos, con laiuto di Hiawatha, il Grande Unificatore, era nata la potente Lega delle Cinque
Nazioni e le sue trib furono le dominatrici indisturbate su tutta la terra tra il grande fiume dellovest e il
grande mare dellest.
Gli anziani pregarono Hiawatha di divenire il capo dei capi delle trib riunite, ma egli disse loro: Questo
non pu mai essere, perch io devo lasciarvi. Amici e fratelli, scegliete le pi sagge delle donne delle vostre
trib per essere le future madri dei clan e pacificatrici, lasciate che esse mutino ogni contesa che sorga tra
voi in amicizia. Siano i vostri capi abbastanza saggi da andare a chiedere consiglio a tali donne quando ci
sono dispute. Ora ho finito di parlare. Addio! .
In quel momento arriv a coloro che erano riuniti un dolce suono simile al flusso di frusciami foglie e al
canto dinnumerevoli uccelli. Hiawatha sal nella sua bianca misteriosa canoa ed invece di scivolar via sulle
acque del lago, sal lentamente nel cielo e scomparve nelle nubi. Hiawatha era andato via, ma il suo
insegnamento sopravvive nel cuore della gente.
Ripresa da fonti vittoriane.

Nel 1714, la trib Tuscarora si un alla Lega degli Irochesi, che esisteva sin dal sedicesimo secolo e
che era conosciuta come le Sei Nazioni. Sino alla Guerra dindipendenza, sino cio a quando si mise
dalla parte degli Inglesi, la Lega era una potenza che dominava la regione divenuta oggi la Pennsylvania
nordorientale e lo stato di New York. Dopo il trattato di Fort Stanwix del 1784, la Lega perse il suo
vigore, anche se formalmente non fu mai sciolta.

LA VITA E LA MORTE DI DOLCE FARMACO (Cheyenne settentrionali)


In questa versione della storia della freccia magica, Dolce Farmaco invece che Ragazzo Freccia porta
ai Cheyenne la loro religione, il loro codice sociale e la loro unit politica.
Molto tempo fa la gente non aveva leggi, n regole di comportamento: a malapena conoscevano quanto
bastava per sopravvivere. Per ignoranza facevano cose disonorevoli, perch non si rendevano conto di come
vivere.
Tra loro cera un uomo che aveva un senso naturale di ci che era giusto. Egli e sua moglie erano gente
buona e laboriosa, una famiglia di cui essere orgogliosi. Essi sapevano come provare vergogna, e questo
sentimento li asteneva dal fare cose sbagliate.
Avevano una sola figlia, bella e pudica, che aveva raggiunto let in cui le ragazze cominciano a pensare
al marito e a farsi una famiglia. Una notte una voce duomo le parl in sogno: Tu sei bella e forte, pudica e
giovane. Perci Radice Dolce ti visiter .
La ragazza pens che fosse solo un sogno e il giorno dopo si dedic di buon umore alle faccende
domestiche. La notte seguente, tuttavia, ud di nuovo la voce: Sta venendo Radice Dolce, lincantesimo che
fa scorrere il latte materno. Radice Dolce sta venendo come un uomo viene per corteggiare .
Quando si svegli la ragazza si arrovellava per capire quelle parole, ma alla fine scosse le spalle. La gente
non pu comprendere il significato dei sogni, pens, e lidea di una visita di una radice incantata non aveva
senso.
La terza notte il sogno si ripresent, e questa volta era cos reale che sembrava una figura in piedi accanto
al mantello di buffalo sul quale dormiva, che le parl dicendole: Radice Dolce sta venendo; molto vicino.
Presto sar con te .

La quarta notte lei ud la stessa voce e vide la stessa figura. Turbata, il mattino dopo lo raccont alla madre.
Ci devessere qualcosa in tutto questo , disse. cos reale e la voce molto simile alla voce di un uomo
.
No, solo un sogno , disse la madre. Non significa nulla .
Ma da quella volta la ragazza si sent diversa. Qualcosa si stava agitando, crescendo dentro di lei e dopo
pochi mesi la sua condizione divenne ovvia: stava per avere un bimbo. Lei disse ai genitori che nessun uomo
laveva toccata ed essi le credettero. Ma verosimilmente altri non lavrebbero creduto e la ragazza nascose la
sua condizione. Quando sent arrivare i forti dolori del parto, and fuori nella prateria lontano dal campo e si
costru un riparo di frasche. Facendo ogni cosa da sola, diede alla luce un bimbo. Asciug il bimbo, lo
avvolse in soffice muschio e lo lasci l nella piccola capanna improvvisata, in quanto nel suo villaggio un
bimbo senza un padre sarebbe stato disprezzato e trattato malamente. Pregando che qualcuno lo trovasse,
tristemente and a casa dai suoi genitori.
In quello stesso momento, una vecchia era fuori nella prateria in cerca di rape selvatiche, che lei estraeva
con una scapola di animale. Ud piangere e seguendo il rumore arriv alla capanna. Fu pazza di gioia nel
trovare il bimbo, perch non ne aveva mai avuto uno suo. Tutto intorno al riparo di frasche cresceva la
radice dolce che fa scorrere il latte di una madre, cos lo chiam Dolce Farmaco. Lo port a casa nella sua
squallida tenda anche se non aveva nientaltro da offrirgli se non amore.
Nella tenda accanto a quella della vecchia viveva una giovane madre che stava allattando un bimbo ed
acconsent di allattare anche Dolce Farmaco. Egli crebbe ed impar pi in fretta dei comuni bambini e presto
fu svezzato. Quando aveva soltanto dieci anni, possedeva gi la saggezza di un adulto e labilit nel cacciare
di gran lunga in anticipo per la sua et. Ma poich non aveva una famiglia e viveva ai bordi
dellaccampamento in una povera tenda, nessuno prestava attenzione agli eccezionali poteri di Dolce
Farmaco.
Quellanno ci fu una siccit, assai poca selvaggina e molta fame nel villaggio. Nonna , disse Dolce
Farmaco alla vecchia, trovami una vecchia pelle di buffalo: andr bene qualsiasi rimasuglio secco e
masticato, con dei buchi .
La donna cerc tra i mucchi di rifiuti e ne trov un pezzo raggrinzito e fragile che i cani affamati avevano
continuato a masticare. Quando lo port a Dolce Farmaco, egli le disse: Portala nel ruscello fuori
dellaccampamento, lavala nellacqua corrente, rendila morbida e raschiala sino a che sia pulita . Dopo che
lebbe fatto, Dolce Farmaco prese un giunco di salice e lo pieg in modo da farne un cerchio, che color con
la sacra pittura di terra rossa. Tagli la pelle di buffalo in una lunga striscia e la intrecci avanti e indietro
sopra il cerchio, facendo una specie di rete con unapertura al centro. Poi tagli quattro bastoni di ciliegio
selvatico, li aguzz in un punto e li indur sul fuoco del focolare.
Il mattino seguente disse: Nonna, vieni con me. Andiamo a fare il gioco del cerchio-e-bastone . Prese
il cerchio ed i bastoni di legno di ciliegio e cammin nel mezzo del circolo dellaccampamento. Nonna,
rotola questo cerchio per me , disse. Lei rotol il cerchio lungo il terreno e Dolce Farmaco lanci i suoi
bastoni appuntiti attraverso il suo centro, colpendo ogni volta il posto giusto. Ben presto una grande quantit
di gente, uomini e donne, ragazzi e ragazze, vennero ad osservare lo strano nuovo gioco.
Allora Dolce Farmaco grid: Nonna, fammelo colpire ancora una volta e fallo divenire un piccolo di
buffalo bello grasso! .
Di nuovo lanci il bastone come un dardo, di nuovo il bastone pass attraverso il centro del cerchio, e
nello stesso tempo il cerchio si mut in un piccolo di buffalo grasso e giallo. Il bastone gli aveva trafitto il
cuore ed il piccolo cadde morto. Ora voi gente avrete da mangiare in abbondanza , disse Dolce Farmaco.
Venite a scuoiare questo piccolo .
La gente si radun ed arrost dei grossi pezzi di tenera carne sui fuochi. E nonostante i pezzi di carne che
tagliavano dal corpo del piccolo, quello non era mai spolpato sino allosso. Per quanto mangiassero molto,
ce nera sempre. Cos la gente ne ebbe a saziet e quella fu la fine della carestia. Fu anche la prima volta che
il gioco del cerchio-e-bastone fu giocato tra i Cheyenne. Molto potere attribuito a questo gioco sacro che
tuttora praticato.
La prima volta che un ragazzo uccide un avvenimento importante della sua vita, qualcosa che sar
sempre ricordata. Dopo aver ucciso il suo primo buffalo, un ragazzo sar onorato dal padre, che pu dare
una festa in suo onore e dargli un nome da uomo. Non ci sarebbe stata nessuna festa per Dolce Farmaco;
non di meno fu molto felice quando uccise un piccolo di buffalo grasso e giallo, la prima volta che and a
caccia. Stava scuoiandolo e macellandolo quando fu avvicinato da un uomo anziano, un capo troppo vecchio
per cacciare molto, ma ancora severo e abituato a comandare. Questo proprio il genere di pelle che stavo

cercando , disse il capo. La prender.


Non puoi avere la prima pelle di un ragazzo , disse Dolce Farmaco. Certamente lo sai. Ma sei il
benvenuto per met della carne, perch io onoro la vecchiaia .
Il capo prese la carne ma afferr pure la pelle e savvi portandola via. Dolce Farmaco lafferr ad
unestremit e cominciarono il tiro alla fune. Il capo us il frustino su Dolce Farmaco, gridando: Come osa
un povero ragazzo da nulla sfidare un capo? . Mentre frustava ripetutamente sul viso Dolce Farmaco, lo
spirito combattivo del ragazzo cominci a crescere. Afferr un osso di zampa di un grosso buffalo e colp il
vecchio sul capo.
Alcuni dicono che Dolce Farmaco uccise quel capo, altri dicono che il vecchio cadde solo tramortito. Ma
nel villaggio la gente era arrabbiata perch un ragazzo aveva osato combattere contro un vecchio capo.
Qualcuno diceva: Frustiamolo ; altri dicevano: Uccidiamolo .
Dopo che fu ritornato alla tenda della vecchia, Dolce Farmaco cap ci che stava accadendo. Disse:
Nonna, dei giovani delle societ guerriere arriveranno qui per uccidermi perch mi sono difeso . La
ringrazi per la gentilezza usatagli e poi fugg dal villaggio. Pi tardi, quando arrivarono i giovani guerrieri,
furono cos arrabbiati nel vedere che il ragazzo se nera andato che tirarono gi la tenda e la bruciarono.
La mattina seguente qualcuno vide Dolce Farmaco, abbigliato come un guerriero Volpe, ritto su una
collina che dominava dallalto il villaggio. I suoi nemici partirono allinseguimento, ma era sempre fuori
della loro portata ed essi alla fine si ritirarono esausti. Il mattino dopo apparve come un guerriero Alce, con
un bastone ricurvo fasciato di pelle di lontra. Di nuovo cercarono di prenderlo ed ucciderlo, e di nuovo li
eluse. Essi ripresero il vano inseguimento la terza mattina, quando si present con il viso dipinto di rosso e
le penne di un guerriero Scudo Rosso, e la quarta, quando si abbigli come un soldato Cane ed agit
allindirizzo degli inseguitori un piccolo sonaglio rosso legato con peli di buffalo. Il quinto giorno apparve
con tutte le insegne di un capo Cheyenne. Ci irrit maggiormente i guerrieri del villaggio, ma non
riuscirono a prenderlo, e da allora non lo videro pi.
Vagando solo per la prateria, il ragazzo ud una voce che lo chiamava, per condurlo ad una bella terra
ricoperta di foreste e con molte colline. Separata dalle altre si ergeva una montagna solitaria che aveva la
forma di unenorme tenda: la sacra montagna incantata chiamata Monte Orso. Dolce Farmaco trov
unapertura segreta che da allora fu chiusa (o forse era visibile solo a lui) ed entr nella montagna.
Allinterno era vuota come una tenda, che formava una sacra dimora affollata di gente che sembravano
uomini e donne comuni ma che in realt erano spiriti potenti.
Nipote, entra, ti stavamo aspettando , disse la santa gente, e quando Dolce Farmaco occup il suo
posto, essi cominciarono ad insegnargli il modo di vivere dei Cheyenne cosicch potesse ritornare dal
popolo e dargli la conoscenza.
Prima di tutto, gli spiriti gli diedero le quattro sacre frecce, dicendo: Questo il pi grande dono che ti
porgiamo. Con queste frecce meravigliose, la trib prosperer. Due frecce sono per la guerra e due per la
caccia. Ma c molto, molto di pi nelle quattro frecce. Esse hanno grandi poteri. Esse contengono regole
secondo le quali gli uomini dovrebbero vivere .
Il popolo degli spiriti insegn a Dolce Farmaco come pregare le frecce, come custodirle, come rinnovarle;
inoltre gli insegn le sagge leggi dei quarantaquattro capi, come fissare le regole per le societ di guerrieri,
come le donne dovrebbero essere rispettate, le molte cose utili al popolo per vivere, sopravvivere e
prosperare; cose che la gente a quel tempo non aveva ancora imparato. Infine gli insegn come costruire una
tenda nella quale conservare le sacre frecce. Dolce Farmaco ascolt rispettosamente ed impar bene; alla
fine un vecchio uomo spirito bruci incenso di erba fragrante per purificare sia Dolce Farmaco che il fascio
delle sacre frecce. Poi il ragazzo Cheyenne mise il santo fascio sul suo dorso e cominci il lungo viaggio di
ritorno verso casa dal suo popolo.
Durante la sua assenza cera stata carestia nella contrada.
I buffali avevano cercato dei nascondigli, perch erano arrabbiati che la gente non sapeva come vivere e si
comportava male. Quando Dolce Farmaco arriv al villaggio, trov un gruppo di bambini stanchi e svogliati,
scheletriti, che stavano giocando con piccole figure di buffali fatte da loro con il fango. Dolce Farmaco mut
immediatamente le figure in grandi pezzi di grasso e di succosa carne di buffalo. Ora c abbastanza da
mangiare per voi , disse ai giovani, e ne avanzato in abbondanza per i vostri genitori e nonni. Portate la
carne, il grasso e le lingue al villaggio, e dite a due abili cacciatori giovani di uscire ad incontrarmi al
mattino .
Bench i bambini avessero portato il messaggio ed il giorno successivo i due giovani cacciatori fossero
usciti ed avessero cercato ovunque Dolce Farmaco, tutto quello che videro fu una grande aquila che

volteggiava sopra di loro. Essi provarono ancora il secondo ed il terzo giorno senza nessun successo, ma il
mattino del quarto giorno trovarono Dolce Farmaco ritto sulla cima di una collina che sovrastava dallalto il
villaggio. Egli disse ai due: Sono venuto a portare un dono meraviglioso del Creatore che gli spiriti
allinterno della montagna incantata vi hanno inviato. Dite alla gente di alzare una grande tenda nel centro
del cerchio del campo. Coprite il pavimento con salvia e purificatelo bruciando erba profumata. Dite ad
ognuno di andare nella tenda e di restare l; nessuno mi deve vedere mentre mi avvicino .
Quando alla fine tutto fu pronto, Dolce Farmaco si diresse lentamente verso il villaggio e quattro volte
esclam ad alta voce: Popolo dei Cheyenne, mi sto avvicinando con un grande potere. Siate felici. Sto
portando le frecce sacre . Entr nella tenda con il fascio di frecce sacre e disse: Voi non avete ancora
imparato a vivere nel modo giusto. Ecco perch lUno Lass era arrabbiato ed i buffali si sono ritirati nei
nascondigli . I due giovani cacciatori accesero il fuoco e Dolce Farmaco riemp una pipa dosso di cervo
con tabacco sacro. Per tutta la notte insegn alla gente quello che gli spiriti allinterno della montagna santa
gli avevano insegnato. Questi insegnamenti istituivano la via del Tsistsistas, la vera nazione Cheyenne.
Verso il mattino Dolce Farmaco cant quattro canzoni sacre. Dopo ciascuna canzone fum la pipa ed il suo
santo respiro saliva attraverso lapertura del fumo su nel cielo, su al grande mistero.
Allo spuntar del giorno, come il sole sorse e la gente appariva dalla tenda della freccia sacra, trovarono la
prateria intorno ad essi coperta di buffali. Gli spiriti non erano pi adirati. La carestia era finita.
Per molte notti a venire, Dolce Farmaco istru la gente sulle sacre leggi. Egli visse tra i Cheyenne per
molto tempo e li fece divenire una trib orgogliosa, rispettata ovunque nelle Praterie.
Cinque vite il Creatore gli aveva dato, ma persino Dolce Farmaco non era immortale. Soltanto le rocce e
le montagne sono eterne. Quando divenne vecchio e debole e sent che la fine del suo tempo stabilito era
vicina, ordin alla gente di portarlo ad un posto vicino al Sacro Monte Orso. L gli costruirono una piccola
capanna con rami dellalbero del cotone e pali in cedro, coperta con corteccia e foglie. Sparsero sul
pavimento salvia, foglie di cedro liscio ed erba profumata. Era un buon riparo per morirvi; e quando lo
misero davanti ad esso, egli si rivolse alla gente per lultima volta:
Ho visto nella mia mente che un giorno dopo che sar morto e potr passare molto tempo uomini
dalla pelle bianca e barbuti arriveranno con bastoni che sputano fuoco. Essi conquisteranno la terra e vi
spingeranno davanti a loro. Uccideranno gli animali che vi procurano la carne con la quale potete vivere,
ed avranno strani animali da cavalcare e da mangiare. Porteranno guerra e sciagure, strane malattie e
morte. Cercheranno di farvi dimenticare Macho, il Creatore, e le cose che vi ho insegnato, e vi imporranno
il loro modo di vivere straniero e perverso. Si impadroniranno della vostra terra a poco a poco, sino a che
non vi sar lasciato niente. Mi spiace dirvi ci, ma dovete saperlo. Dovete essere forti quando quel brutto
momento verr, voi uomini, e particolarmente voi donne, perch molto dipende da voi, perch voi siete le
perpetuatrici della vita e se voi vinfiacchite i Cheyenne cesseranno di esistere. Ora ho detto tutto quello
che cera da dire.
Quindi Dolce Farmaco entr nella sua capanna per morire.
Raccontata dai membri della famiglia di Gufo Bizzarro nella Riserva Indiana Cervo Zoppo, Montana, 1967, e registrata da Richard
Erdoes.

LA RAGAZZA CHE RICAMAVA ACULEI E I SUOI SETTE FRATELLI


STELLE (Cheyenne)
In un altra leggenda Cheyenne i buffali sono malvagi anzich quegli animali benevoli che offrono le
loro carni affinch la gente possa vivere.
Centinaia di anni fa cera un ragazza molto brava a ricamare con aculei, cos brava che era la migliore tra
tutte le trib esistenti. I suoi disegni erano splendenti di colori, e lei sapeva decorare qualsiasi cosa: abiti,
borse, faretre, persino tende.
Un giorno quella ragazza si sedette nella tenda dei genitori e cominci a fare un completo di pelle di daino
bianca per uomo: casacca da guerra, gambali, mocassini, guanti da guerra, ogni cosa. Le occorsero settimane
per ricamarli con squisiti lavori di aculei e frange di peli di buffalo meravigliosi a vedersi. Sua madre,
bench non dicesse niente, si stupiva. La ragazza non aveva fratelli, non aveva nemmeno un giovane uomo
che la corteggiasse; e allora perch stava facendo un completo per uomo?

Come se ci non fosse abbastanza strano, non appena ebbe terminato il primo completo, lei inizi a
lavorarne un secondo, poi un terzo. Lavor tutto lanno sino a che non ebbe fatto e decorato sette serie
complete di abiti per uomo, lultimo molto piccolo in verit. La madre si limitava ad osservare e continu a
meravigliarsi. Alla fine, dopo che ebbe terminato il settimo completo, la ragazza disse alla madre: In un
qualche luogo, a molti giorni di cammino da qui, vivono sette fratelli. Un giorno tutto il mondo li ammirer.
Poich io sono figlia unica, voglio prenderli come miei fratelli e questi abiti sono per loro .
bello, figlia mia , disse sua madre. Verr con te .
C troppo da camminare per te, disse la ragazza.
Allora far una parte del percorso , rispose la madre.
Caricarono i cani pi robusti con i sette fagotti e si avviarono verso nord. Sembra che tu conosca la
strada , disse la madre.
S, non so perch ma la conosco , rispose la figlia.
E sembra che tu conosca tutto di quei sette giovani e che cosa li fa distinguere da tutti gli altri esseri
umani .
Io so di loro , disse la ragazza, bench non sappia
come .
Cos camminarono e la ragazza sembrava sicura di s. Alla fine la madre disse: Non posso andare oltre
. Si divisero i cani, la ragazza ne tenne due per il viaggio e si congedarono luna dallaltra. Poi la madre
ritorn indietro, a sud, verso il suo villaggio e suo marito, mentre la figlia continu a camminare verso il
nord. Alla fine la ragazza arriv ad una tenda isolata, molto grande e dipinta, ritta vicino ad un largo
ruscello. Il ruscello era poco profondo e lei lo guad gridando: Sono io, la-giovane-ragazza-in-cerca-deifratelli, che porta i doni .
Al che un ragazzino di circa dieci anni usc fuori dalla tenda. Io sono il pi giovane dei sette fratelli ,
disse alla ragazza. Gli altri sono fuori a cacciare i buffali, ma ritorneranno tra non molto. Ti stavo
aspettando. Tu sarai una sorpresa per i miei fratelli, perch loro non posseggono le miei doti divinatorie e
soprasensibili .
Che cos il dono di soprasensibile? domand la ragazza.
Prima o poi lo scoprirai. Bene, entra nella tenda .
La fanciulla diede al ragazzo il completo pi piccolo, che gli andava perfettamente bene e che lo delizi
con il magnifico ornamento di aculei.
Vi considerer tutti come miei fratelli , gli disse la ragazza.
Ed io sono contento di averti come sorella , rispose il ragazzo.
La ragazza tir via dal dorso dei suoi due cani tutti gli altri fagotti e disse agli animali di ritornare indietro
dai suoi genitori, e subito i cani cominciarono a trotterellare verso sud.
Allinterno della tenda cerano sette letti di giunchi di salice e salvia. La ragazza svoltol i suoi fagotti e
mise una camicia da guerra, un paio di gambali, un paio di mocassini ed un paio di guanti da guerra su
ciascun letto dei fratelli pi grandi. Poi raccolse legna ed accese un fuoco. Dai suoi pacchi tir fuori della
carne seccata, delle bacche secche e del grasso di rognone e cucin un pasto per otto.
Verso sera, proprio quando il pranzo era pronto, i sei fratelli pi grandi comparvero carichi di carne di
buffalo. Il ragazzino corse fuori della tenda facendo capriole, scalciando e saltando, e mettendo in mostra il
suo completo di pelle di daino ricamato daculei.
Dove hai preso questi begli abiti? domandarono i fratelli.
Abbiamo una nuova sorella , disse il fanciullo. dentro che aspetta ed ha portato degli abiti anche
per voi. Esegue il pi stupendo ricamo di aculei del mondo. E anche lei bella! .
I fratelli accolsero la ragazza con gioia. Rimasero stupefatti nel vedere i bianchi completi di pelle di daino
che lei aveva portato in dono. Essi erano tanto contenti di avere una sorella di cui aver cura quanto lei di
avere dei fratelli per i quali cucinare e cucire abiti. Cos vissero felicemente.
Un giorno che i fratelli pi grandi erano andati fuori a caccia, un piccolo di buffalo di color chiaro
comparve presso la tenda e gratt e buss con lo zoccolo contro la stuoia dingresso. Il ragazzo usc e gli
domand cosa voleva.
Sono inviato dalla nazione dei buffali , disse il vitello. Abbiamo udito della tua bella sorella e la
vogliamo per noi .
Non potete averla, rispose il ragazzo. Vai via! .
Oh! allora verr qualcuno pi grande di me , disse il vitello e corse via saltando e scalciando.
Il giorno seguente, mentre il ragazzo e la sorella erano di nuovo soli, arriv una giovane giovenca la

quale, muggendo e sbuffando, scuot la stuoia dingresso della tenda.


Ancora una volta il fanciullo usc per chiedere cosa volesse.
Sono inviata dalla nazione dei buffali , disse la giovenca. Noi vogliamo la tua bella sorella per noi .
Non potete averla , disse il ragazzo. Vai via! .
Allora verr qualcuno pi grosso di me , disse la giovenca, galoppando via come aveva fatto il vitello
prima di lei.
Il terzo giorno apparve presso la tenda una grossa buffala, che grugniva rumorosament. Il ragazzo usc
fuori e domand: Grossa buffala, cosa vuoi? .
Sono inviata dalla nazione dei buffali , disse la mucca. Sono venuta a prendere la tua bella sorella.
Noi la vogliamo .
Non potete averla, disse il ragazzo. Vai via! .
Qualcuno molto grosso verr dopo di me , disse la buffala, non verr solo. Egli vi uccider se non gli
consegnerete vostra sorella . Detto ci la mucca trott via.
Il quarto giorno i fratelli pi grandi rimasero a casa per proteggere la ragazza. La terra cominci a tremare
un poco, poi a dondolare ed a sollevarsi. Alla fine comparve il buffa
lo maschio pi gigantesco del mondo, molto pi grande di qualsiasi altro che si possa vedere oggi. Dietro di
lui veniva lintera nazione dei buffali, che faceva tremare la terra. Scalciando il terreno, lenorme toro
sbuffava e muggiva come il tuono. I sei fratelli pi grandi, facendo capolino attraverso lentrata, avevano
molta paura, ma il ragazzino coraggiosamente and fuori. Grosso, smisurato buffalo, che cosa vuoi da noi?
domand.
Voglio tua sorella , disse il gigantesco buffalo. Se non vorrete darmela, vi uccider tutti .
Il ragazzo invit sua sorella ed i fratelli pi grandi ad uscir fuori. Atterriti, essi uscirono.
La prendo ora , grugn lenorme toro.
No , disse il ragazzo, lei non vuole essere presa. Non puoi averla. Vai via! .
In tal caso ti uccider adesso , mugg il gigantesco toto. Arrivo! .
Svelto, fratello, usa il tuo speciale incantesimo! gridarono i sei fratelli pi grandi al pi giovane.
Lo sto usando . rispose, Ora tutti voi afferratevi ai rami di questalbero. In fretta! . Indic un albero
che cresceva vicino alla tenda. La ragazza ed i sei fratelli saltarono su tra i suoi rami. Il ragazzo prese il suo
arco e prontamente scocc una freccia nel tronco dellalbero, poi anche lui abbracci fortemente il tronco.
Subito lalbero cominci a crescere, salendo molto in fretta su nel cielo.
I fratelli e la ragazza furono sollevati su nei rami dellalbero, fuori della portata del buffalo. Osservavano
lontano la mandria degli animali arrabbiati grugnenti e sbuffanti, assiepata laggi intorno ai piedi dellalbero.
Abbatter lalbero con le mie corna! mugg il buffalo gigante. Caric lalbero, che si scosse come un
salice e oscill avanti e indietro. Cercando di non cader gi, la ragazza ed i fratelli si aggrapparono ai rami.
Lenorme toro aveva fatto saltar via un grosso pezzo di legno dal tronco.
Il ragazzino disse: meglio che io usi unaltra freccia . Scocc una freccia in alto sulla cima
dellalbero e lalbero crebbe ancora, salendo di un altro migliaio di piedi o quasi, mentre i sette fratelli e la
ragazza salivano con esso.
Il gigantesco buffalo caric una seconda volta. Di nuovo le sue corna martellarono lalbero e
scheggiarono il legno in lungo e in largo. La ferita nel tronco era divenuta pi grande.
Il ragazzo disse: Devo lanciare unaltra freccia . Lo fece, colpendo ancora la cima dellalbero e svelto
come un lampo lalbero sal di altri mille piedi.
Il toro caric una terza volta, facendo dondolare lalbero e facendolo ondeggiare da un lato allaltro in
modo tale che i fratelli e la ragazza per poco non precipitavano gi dai rami. Essi gridarono al ragazzo di
salvarli. Il ragazzo scocc una quarta freccia nellalbero, che sal ancora s da far scomparire i sette giovani e
la ragazza nelle nuvole. La ferita nellalbero era divenuta pericolosamente grande.
Quando quel toro caricher di nuovo, fracasser questalbero , disse la ragazza. Fratellino, aiutaci! .
Proprio mentre il toro caricava per la quarta volta, il fanciullo lanci la sola freccia che gli era rimasta e
lalbero sal al di sopra delle nuvole.
Svelti, camminate sulle nuvole. Affrettatevi! grid il ragazzino. Non abbiate paura! .
La testa del toro colp il tronco dellalbero con un pauroso impatto. Le sue corna spezzarono lalbero in
due, ma proprio mentre lalbero cominciava lentamente a vacillare, i sette fratelli e la ragazza scendevano
dai rami ed entravano nel cielo.
L quegli otto rimasero ritti. Fratellino, ora cosa ne sar di noi? Non potremo mai ritornare sulla terra;
siamo troppo in alto. Che cosa faremo? .

Non rattristatevi , disse il bambino. Muter tutti noi in stelle .


Allistante i sette fratelli e la ragazza furono bagnati da una luce radiosa. Assunsero la forma di ci che gli
uomini bianchi chiamano lOrsa Maggiore. Ora si possono vedere l. La stella pi brillante la bella
ragazza, che sta riempiendo il cielo di tremolanti ricami di aculei e la stella che scintilla proprio alla fine del
manico dellorsa il ragazzino. Si vede?
Raccontata da un membro della famiglia di Gufo Bizzarro a Birney, Montana, 1972, e registrata da Richard Erdoes.

LA TESTA CHE ROTOLA (Wintu)


Tra i Wintu una donna durante le mestruazioni era considerata impura, ma nello stesso tempo si
pensava avesse straordinari poteri magici che poteva usare per nuocere agli altri, intenzionalmente o no.
Erano necessari speciali rituali per prevenire una calamit e reintegrarla nella societ.
Tempo fa cera un villaggio gremito di gente. Si trovava in terreni pianeggianti sui due lati, occidentale ed
orientale, del fiume. La pi giovane delle due figlie del capo aveva appena raggiunto la pubert ed i suoi
genitori stavano progettando di offrire una danza della pubert.
Alla sera il padre parl alle altre donne. Al mattino presto andate a raccogliere della corteccia per fare un
riparo di

corteccia dacero , disse. Ma non portate con voi la mia figlia pi giovane. Andate di nascosto .
Cos le donne si alzarono molto presto ed uscirono furtivamente. Andarono lontano a nord ed alcune si
arrampicarono persino sulla collina ed attraversarono la cresta verso nord.
Pi tardi la ragazza che aveva raggiunto la pubert si svegli e, bench fosse proibito, segu le altre.
Quando le raggiunse, esse stavano scortecciando. Sal vicino ad esse ed anche lei cominci a tagliare
corteccia dacero.
All'improvviso una scheggia penetr nel suo dito mignolo. Sua sorella maggiore le savvicin e le asciug
il sangue con foglie secche. Le altre donne dissero: Quando la smetter? Il sangue non smette di scorrere .
Spaventate da quel
lo che era accaduto, ritornarono di corsa al villaggio. Raggiunsero la casa e dissero al padre: Le si
conficcata una scheggia mentre scortecciava . Ed il vecchio disse: Lei non mi ha dato ascolto .
La ragazza e la sorella maggiore erano rimaste indietro sole. La pi giovane, che era a nord ai piedi del
declivio, ora succhiava il sangue e lo sputava. Allora usc pi sangue, e bench lei succhiasse e succhiasse,
non fermava il flusso. Intanto il sole cominciava a tramontare. Lei continu a succhiare sino a sera, incapace
di farlo smettere. Allimprovviso le ac cadde di ingoiare del sangue e sentire lodore del grasso. Aveva un
gusto dolce. Cos si mangi il dito mignolo, poi si mangi tutta la mano. Poi si divor entrambe le mani. Poi
si mangi la gamba, si mangi entrambe le gambe. Poi si mangi tutto il corpo. Rimase solo la testa, che
rotol sul terreno, con la sorella ancora al suo fianco.

Nel villaggio il capo disse: Lei arriver dal nord. Gente, indossate i vestiti. Prendete le armi. Dobbiamo
andare . E la gente si vest e prese le armi. E la videro venire dal nord, rotolando verso la casa di suo padre.
Lei arriv la sera presto e giacque l. Dopo che si fu riposata un po, rimbalz ad ovest al di l del fiume,
verso la pianura dellovest, dove ingoi tutta la gente. Senza fermarsi, mise sotto sopra il villaggio mentre
divorava tutti. Quindi cadde verso est al di l del fiume e si adagi l, e il mattino seguente si butt in bocca
la gente che viveva nella pianura orientale e la divor, divor tutti. Aveva risparmiato per un po solo sua
sorella maggiore. E lei and in giro per il mondo, e quando vedeva della gente, la buttava nella bocca e la
mangiava. Ogni sera arrivava a casa, ogni mattina andava in giro per il mondo cercando gente. Andava
sempre in cerca di qualcuno.
Un giorno si arrampic sino allorlo settentrionale del cielo e guard per tutto il mondo, ma non vide
nessuno. Cos alla sera and a casa, e il mattino seguente afferr e butt sua sorella in bocca. Poi prosegu la
sua strada sino a raggiungere la sponda di un grande affluente che non sapeva come attraversare. Un uomo
era seduto dallaltra parte. Lei lo chiam, ed egli vi gett sopra un ponte. Lei lo stava attraversando, e
quando aveva fatto met strada, lui gli diede una spinta e lo fece cader gi nel Taiat. Essa cadde nel fiume,
ed un luccio rigato salt su e la ingoi. Ed finita. Questo tutto.
Basata su un mito riportato da Cora Dubois e Dorothy Demetracopoulou nel 1931.

FIGLIO DI LUCE UCCIDE IL MOSTRO (Hopi)


Uomo-Aquila, un terribile mostro, aveva devastato lintera regione. Con i suoi artigli aguzzi afferrava
donne e ragazze, mogli e fanciulle. Volava via con loro alla sua dimora sopra le nuvole, dove abusava di
loro per quattro notti prima di divorarle.
Tra le rapite dallUomo-Aquila cera la giovane moglie di Figlio di Luce. Poche ore dopo questo eroe fu
sulle loro tracce, e lungo la via incontr le Vergini dei Pini, abbigliate derba e corteccia di pino. Con loro
cerano Donna Ragno e Talpa.
Dove stai andando? domandarono quegli spiriti a Figlio di Luce. Uomo-Aquila ha rapito mia moglie
, rispose. Sto andando a liberarla, ma devo raggiungerlo in fretta prima che luccida.
una brutta faccenda , disse Donna Ragno, ma non aver paura, ti aiuter . E rivolta alle Vergini dei
Pini: Voi, ragazze, raccogliete resina di pino e plasmatela in modo da riprodurre una copia della corazza di
Uomo-Aquila fatta di punte di freccia di selce, affinch nessuna arma possa penetrarla. Fate in fretta .
Le Vergini dei Pini raccolsero la resina e fecero la camicia esattamente come quella di Uomo-Aquila, e
quando esse lebbero finita Donna Ragno sparse su di essa del polline di grano sacro e cant uninvocazione.
Quindi si trasform in un minuscolo ragno non pi grande di un grano di sale e si trascin sullorecchio
destro di Figlio di Luce. Eccomi , disse, dove posso dirti che cosa fare se ti trovi in difficolt. Il
prossimo passo compito di Talpa.
Talpa scav un passaggio attraverso la montagna su fino alla cima, in modo che Figlio di Luce potesse
raggiungere la sommit senza essere visto. Quando uscirono fuori sulla cima della montagna, si accorsero
dessere ancora molto al di sotto della dimora di Uomo-Aquila nelle nuvole. Donna Ragno disse: Chieder
ad alcuni buoni uccelli di aiutarci.
Il primo a rispondere al suo richiamo fu laquila macchiata. Figlio di Luce, Talpa e Donna Ragno si
arrampicarono sul suo dorso, ed essa stese le ali e cominci a volteggiare verso lalto. Vol sempre pi alto,
sino a che alla fine fu esausta. Non posso pi andare oltre, disse.
Donna Ragno allora implor il falco, il quale arriv subito, volando a contatto dala con laquila
macchiata. Talpa e Figlio di Luce, con Donna Ragno ancora appollaiata sul suo orecchio destro,
camminarono sulle ali sino al dorso del falco. Il falco li port pi in alto, ma dopo un po anche le sue forze
lo abbandonarono. Non posso andare pi alto di cos , disse.
Allora Donna Ragno chiese al falco grigio di portarli. Di nuovo Figlio di Luce, Talpa e Donna Ragno
cambiarono uccello, ed il falco grigio vol pi alto degli altri. Non era ancora in alto abbastanza, ed i tre
amici si trasferirono sul dorso del falco rosso, il migliore di tutti i volatili.
Il falco rosso vol attraverso un buco nelle nuvole diritto alla casa bianca che era la dimora di UomoAquila. Ringraziando il falco rosso per averli portati cos lontano, Figlio di Luce, Donna Ragno e Talpa
scesero e coraggiosamente si avvicinarono alla casa.
Osserva la scala a pioli dellentrata , disse Donna Ragno a Figlio di Luce. I pioli sono coltelli di
ossidiana affilati. Ti taglieranno le dita se cerchi di salire lass .

Che cosa dobbiamo fare? domand Figlio di Luce.


Vai a raccogliere delle bacche di sommacco , disse Donna Ragno. Figlio di Luce raccolse le bacche e
ritorn da lei. Ora nutri con quelle Rospo Cornuto laggi , disse.
Figlio di Luce ficc le bacche nellampia bocca di Rospo Cornuto, il quale le mastic sino a farne un
impasto viscoso che sput nel palmo della mano di Figlio di Luce.
Ora imbratta quello che Rospo Cornuto ti ha dato sui bordi taglienti dei pioli , gli disse Donna Ragno.
Come Figlio di Luce imbratt i bordi, questi immediatamente divennero smussati sicch pot arrampicarsi
senza tagliarsi le dita. Donna Ragno era ancora dietro il suo orecchio destro, mentre piccola Talpa sera
immersa nei capelli di Figlio di Luce. Con i suoi compagni nascosti, Figlio di Luce entr dentro la dimora di
Uomo-Aquila.
La prima cosa che vide fu la magica camicia di punte di freccia di selce di Uomo-Aquila appesa ad un
travetto del tetto. Svelto come il lampo, Figlio di Luce appese la camicia contraffatta su quel travetto ed
indoss quella vera. Esse erano cos simili che neppure Figlio di Luce poteva distinguerle. Entr nella
seconda stanza e trov sua moglie con le mani legate dietro la schiena.
Sono venuto a liberarti , le disse.
Fuggi! grid la donna. Scappa senza indugio! Nessuno che entra qui esce mai vivo .
Non aver paura, rispose Figlio di Luce, slegandole le mani. Usciremo di qui vivi e felici .
Uomo-Aquila dormiva nella stanza accanto, ma Donna Ragno aveva un amuleto odi niente che
impediva al rumore di raggiungere le sue orecchie. Ignaro che degli stranieri fossero nella sua casa, si
svegli ed indoss la camicia di frecce di selce, poi entr nella stanza vicina. Ora mi godr la bella
ragazza, pens, ma invece si trov faccia a faccia con Figlio di Luce. Chi sei? domand Uomo-Aquila.
Come osi venir qui! .
Hai rapito mia moglie, ed ora la riporto indietro .
Forse lo vuoi, ma forse no , disse Uomo-Aquila. Stai dicendo parole grosse, ma prima faremo un
gara.
Che genere di gara? domand Figlio di Luce.
Una gara basata sul fumo , disse Uomo-Aquila. Il mostro tir fuori unenorme pipa, lunga quanto un
uomo di buona taglia e la riemp di tabacco. La fumeremo entrambi , disse a Figlio di Luce, e perde chi
diventa debole e sviene. Se perdi tu, io ho il diritto di ucciderti e di possedere tua moglie. Se vinci tu, puoi
riportarla indietro .
Ebbene, il tabacco magico di Uomo-Aquila era abbastanza velenoso da far perdere i sensi a chiunque non
vi fosse abituato, mentre non aveva un gran affetto su di lui. Ma mentre Uomo-Aquila spiegava le regole
della gara, Talpa scav rapidamente un buco nel pavimento, proprio sotto il punto dove stava seduto Figlio di
Luce. Il passaggio che Talpa aveva fatto attraverso il terreno correva sino allesterno della dimora, sicch,
come luomo ed il mostro sbuffavano, il fumo passava diritto attraverso Figlio di Luce ed attraverso il buco
ed usciva fuori allaria aperta. I due fumarono e fumarono, sino a che Uomo-Aquila si sent girare la testa a
causa del suo tabacco magico e dovette smettere. Figlio di Luce, daltra parte, era impassibile.
Sazio di fumo fino a scoppiare, Uomo-Aquila usc fuori della casa per schiarirsi la testa. Figlio di Luce lo
segu ed entrambi videro dense nuvole di fumo che coprivano tutto
il cielo. Mi domando come possa essere avvenuto , pens Uomo-Aquila. Ad alta voce disse: Bene, hai
vinto la gara, ma questa soltanto la prima. Ora viene la seconda.
Uomo-Aquila estrasse due enormi corna dalce. Prendi questa , disse a Figlio di Luce, ed io prender
laltra. Ciascuno di noi cercher di rompere la propria in due. Se non riesci a rompere la tua con le mani, ti
uccider e avr tua moglie .
Il corno che Uomo-Aquila aveva dato al rivale era in realt un pezzo magico di pietra, la pietra pi dura
del mondo.
Il corno che Uomo-Aquila aveva tenuto per s era un corno falso fatto di legno friabile.
Svelta come il lampo, proprio prima che cominciasse la gara, Donna Ragno scambi le due corna. Lo fece
con tale fulminea velocit che neppure locchio di Uomo-Aquila pot seguirla. I rivali presero ciascuno il
proprio e Figlio di Luce spezz il suo con facilit, ma Uomo-Aquila non riusc a rompere il suo per quanto
provasse e riprovasse. Vorrei sapere come ha fatto , pens il mostro. Ora non era pi cos sicuro di se
stesso.
Bene, questo stato solo un gioco da ragazzi, tanto per scaldarci, disse Uomo-Aquila. Veniamo ora
alla terza gara.
Che cos questa volta? domand Figlio di Luce.

Vieni fuori con me, disse Uomo-Aquila. Uscirono ed


il mostro indic due enormi pini vicino alla casa. Tu scegli uno di questi alberi ed io prender laltro, e
quello che non riesce a tirar su il suo albero con le radici perde la gara. Se vinco, ti uccider ed avr tua
moglie.
Cos sia , rispose Figlio di Luce.
Uomo-Aquila scelse lalbero che pensava avesse le radici meno profonde. Ricorda , disse a Figlio di
Luce, se non riesci a tirar su il tuo albero tronco, rami, radici e tutto tu perdi, non importa quello che
faccio io .
Durante i preparativi, Talpa aveva scavato sotto allalbero di Figlio di Luce e rosicchiato da cima a fondo
tutte le radici. Figlio di Luce lo tir su facilmente, mentre Uomo Aquila non riusc a sradicarlo. Ho voluto
lasciarti vincere ancora una volta , disse a Figlio di Luce, ma devi vincere la quarta ed ultima gara . E
disse fra s: Mi chiedo come ha fatto. Questo giovane veramente forte .
Che cosa proponi? domand Figlio di Luce.
Guarda , rispose Uomo-Aquila. Cominci a portare dentro la sua stanza pi grande cumuli di cibo
carne di tutti i generi, focacce di grano e di granturco di tutti i generi, farinata di granturco e davena di tutti i
generi, melopoponi e piatti di fagioli di tutti i generi ceste, pentole, tazze e mestoli pieni di cibo. Nel fare
due montagne di tutta quella roba, disse a Figlio di Luce: Questo il tuo mucchio e quello laggi il mio.
Tu devi mangiare il tuo mucchio tutto in una volta, senza lasciarne un solo pezzetto. Se non lo farai, ti
uccider ed avr tua moglie . Sono sicuro di vincere questa gara , mormor fra s Uomo-Aquila. Il
giovane piccolo al mio confronto; non pu assorbire tutto questo cibo .
Di nuovo Talpa aveva scavato un tunnel al di sotto di Figlio di Luce. Non appena Figlio di Luce svuotava
un piatto,
il cibo passava attraverso di lui e per mezzo del tunnel finiva in qualche luogo fuori della casa. In un niente
Figlio di Luce mangi lintera montagna di carne, granturco, melopoponi, fagioli, focacce e farinata. UomoAquila cercava di rivaleggiare con lui piatto dopo piatto, ma non ci riusc.
Bene , disse Figlio di Luce. Ora prendo mia moglie e vado a casa .
Non ancora tutto , disse Uomo-Aquila. In fin dei conti, tutto si riduce a questo: chi di noi
invulnerabile? Chi di noi resiste alle fiamme di un fuoco potente? Io s. E tu? Vedremo .
Uomo-Aquila fece due enormi cataste di legna secca. Tu siedi su questa, ed io mi metter a sedere su
quella , disse. Tua moglie pu appiccare loro il fuoco, una volta che siamo a posto. Se resisti al fuoco,
allora far qualunque cosa dirai .
Ora , pens Uomo-Aquila, posso sbarazzarmi di questo parvenu. La mia camicia magica di punte di
freccia di selce incombustibile, ma il giovane amico brucer tutto .
La moglie di Figlio di Luce appicc il fuoco alle due cataste di legna. Naturalmente, Figlio di Luce
indossava la vera camicia magica di punte di freccia di selce. Rivestita di ghiaccio, chiaro e freddo come
cristallo, lo protesse dalle fiamme. Col passar del tempo parte del ghiaccio si sciolse ed estinse
il fuoco. Ma la camicia di Uomo-Aquila, fatta con resina, sinfiamm in un lampo e consum cos
completamente Uomo-Aquila che di lui rimasero solo le ceneri.
Allora Donna Ragno bisbigli nellorecchio di Figlio di Luce: Metti questo mio meraviglioso sortilegio
nella tua bocca e sprizzalo su tutte le ceneri di Uomo-Aquila .
Figlio di Luce fece quello che Donna Ragno aveva detto, e come egli sput il sortilegio sopra le ceneri,
Uomo-Aquila si alz, trasformato in un uomo di bellaspetto.
Donna Ragno si rivolse a quellaquila mutata in uomo: Hai imparato la lezione? La smetterai di uccidere
e mangiare persone? La smetterai di rapire e di abusare di mogli e fanciulle? Lo prometti? .
Aquila-mutata-in-Uomo disse: Lo prometto. Mai pi far del male, mai .
Figlio di Luce riprese gioiosamente la moglie, mentre Donna Ragno riportava di nuovo in vita tutta la
gente Hopi che Uomo-Aquila aveva ucciso. Poi tutti salirono sul dorso dellaquila, del falco, del falco grigio
e del falco rosso, e quei buoni uccelli li riportarono in salvo alle loro case.
Ripresa da diverse versioni del diciannovesimo secolo.

LARRIVO DEL TUONO (Miwok)


Daina, la cognata di Orsa, aveva due belle cerbiatte sorelle. Orsa era una donna orrenda e malvagia, e

voleva le due cerbiatte per s. Cos questo ci che fece.


Un giorno invit Daina ad accompagnarla mentre andava a raccogliere trifoglio. Le due cerbiatte rimasero
a casa. Mentre durante il giorno stavano riposando dopo aver raccolto molto trifoglio, Orsa si offr di
spidocchiare Daina sulla testa. Mentre lo stava facendo, aspett il momento opportuno, afferr lignara
Daina, la colp al collo cos forte che la uccise. Poi la divor, tutta eccetto il fegato. Mise questo sul fondo di
un cesto riempito di trifoglio e lo port a casa. Diede da mangiare alle cerbiatte il cesto di trifoglio.
Quando queste domandarono dove fosse la loro madre, lei replic: Arriver presto. Sapete, lei sempre
lenta e le occorre il suo tempo per tornare a casa .
Cos le cerbiatte mangiarono il trifoglio, ma quando arrivarono al fondo del cesto, scoprirono il fegato.
Allora compresero che la zia aveva ucciso la madre.
Sar bene stare attente, o lei uccider anche noi , dissero luna allaltra.
Decisero quindi di fuggir via ed andare dal loro nonno.
Cos il giorno seguente, quando Orsa era fuori, riunirono tutti i cesti ed i punteruoli che appartenevano a
Daina e partirono. Tuttavia lasciarono un cesto nella casa.
Quando Orsa ritorn e trov che mancavano le cerbiatte, ne cerc affannosamente le tracce e part al loro
inseguimento. Dopo che ebbe seguito le loro tracce sino ad arrivare a breve distanza, il cesto che avevano
lasciato a casa fischi. Orsa corse indietro a casa, pensando che le cerbiatte fossero ritornate. Ma non le
trov e cos si mise di nuovo allinseguimento, seguendo le loro tracce.
Nel frattempo le cerbiatte avevano continuato il viaggio, gettando in diverse direzioni i cesti ed i
punteruoli. Questi punteruoli e questi cesti fischiavano. Ogni volta che li udiva, Orsa pensava che le cerbiatte
stessero fischiando ed abbandonava il sentiero per cercarle. Ed ogni volta che Orsa era ingannata in quel
modo, si arrabbiava sempre di pi.
Url dalla rabbia: Quelle ragazze si stanno prendendo gioco di me. Quando le catturo, le mangio .
Soltanto i punteruoli fischiarono in risposta ed Orsa corse verso il suono. Non cera nessuno l.
Alla fine le cerbiatte, molto avanti di Orsa, arrivarono ad un fiume. Sulla sponda opposta videro Pap
Gambalunga. Gli chiesero di stendere la gamba al di qua del fiume affinch potessero attraversarlo e mettersi
in salvo, in quanto Orsa aveva ucciso la loro madre e stavano fuggendo da lei. Costui lo fece e quando Orsa
alla fine arriv al fiume, Pap Gambalunga distese di nuovo la gamba su di esso.
Ma proprio mentre la malvagia zia delle due cerbiatte raggiunse il centro del fiume, Pap Gambalunga
diede un improvviso strattone e la gett nellacqua. Tuttavia Orsa non anneg. Riusc a nuotare fino a riva,
dove part di nuovo allinseguimento delle cerbiatte. Ma le cerbiatte erano molto pi avanti della zia e ben
presto raggiunsero la casa del nonno. Il loro nonno era Lucertolone. Esse gli raccontarono del terribile
destino che aveva colto la loro madre.
Dov Orsa? domand loro.
Ci sta seguendo e presto sar qui , replicarono.
Nell'udir ci, Lucertolone gett due grosse pietre bianche nel fuoco e le riscald. Quando Orsa arriv
fuori della casa di Lucertolone, non riusc a trovare lentrata. Domand quindi a Lucertolone come avrebbe
potuto entrare ed egli le disse che la sola entrata era lapertura del fumo. Lei doveva arrampicarsi sul tetto ed
entrare per quella via, spieg, e mentre lo faceva, doveva chiudere del tutto gli occhi e contemporaneamente
aprire la sua grande bocca.
Orsa segu queste istruzioni, perch Lucertolone le aveva detto che le due cerbiatte erano in casa. Come
Orsa entr, occhi chiusi e bocca spalancata, Lucertolone prese dal fuoco le pietre incandescenti e le spinse
gi nella sua gola. Orsa rotol dalla sommit della casa di Lucertolone e cadde a terra morta.
Lucertolone la spell e prepar la sua pelliccia, dopo di ci la tagli in due pezzi, uno grande ed uno
piccolo. Diede il pezzo pi grande alla cerbiatta pi grande, il pi piccolo alla pi giovane. Poi Lucertolone
insegn alle ragazze a correre qua e l ed a capire quale genere di rumore era emesso dalla pelle di Orsa. Le
ragazze continuarono a correre ed i pezzi di pelle crepitavano rumorosamente. Lucertolone, osservandole,
rideva e diceva tra s: Le ragazze vanno benissimo. Esse sono Tuoni. Penso che sarebbe bene inviarle su
nel cielo .
Quando le cerbiatte andarono da Lucertolone per dirgli che stavano per ritornare a casa, egli disse: Non
andate a casa. Ho un bel posto per voi in cielo.
Cos le ragazze andarono in cielo e Lucertolone le ud correre qua e l lass. La pelle della loro zia, che
esse avevano tenuto, fa i fragorosi rumori che noi chiamiamo tuono. Ovunque le ragazze cerbiatte (Tuoni,
come Lucertolone le chiam) corrono qua e l per il cielo, cadono pioggia e grandine.

Riportata da Edward W. Gifford nel 1930.

I Miwok erano maestri nel costruire cesti e possedevano recipienti di fine fattura che usavano per
raccogliere e setacciare ghiande, trasportare altro cibo e beni, e per molte altre necessit della vita
quotidiana. Quando le cerbiatte fuggirono dalla loro zia, perci, non mancarono naturalmente di portare
con loro non soltanto i loro preziosi cesti ma pure i punteruoli con i quali esse foggiavano le spirali con le
quali li intrecciavano e li decoravano.

WAKINYAN TANKA,IL GRANDE UCCELLO DEL TUONO (Sioux Brul)


John (Fuoco) Cervo Zoppo, uno sciamano Sioux, aveva circa settantanni quando raccont questa
leggenda che come Una Leggenda della Torre del Diavolo porta i sigilli della sua burbera, evocativa
personale visione.
Wakinyan Tanka, il grande uccello del tuono, vive nella sua tenda sulla cima di unalta montagna nelle
sacre Paha Sapa, le Colline Nere. I bianchi la chiamano Harney Peak, ma non penso che viva ancora laggi
poich il wasichu, i bianchi, hanno fatto di quelle colline un vasto Disneyland. No, penso che gli esseri tuoni
si siano ritirati nellangolo pi remoto della terra, dove il sole scende, dove non ci sono turisti e bancarelle di
hot-dog.
Il Wakinyan odia tutto ci che sporco. Ama ci che pulito e puro. La sua voce il grande rombo del
tuono, ed i pi piccoli tuoni rotolanti che seguono i suoi rimbombanti clamori sono le grida dei suoi bambini,
i piccoli uccelli del tuono. Quattro sentieri conducono alla montagna sulla quale dimora Wakinyan. Una
Farfalla ne sorveglia lentrata sul lato est. Un Orso sorveglia lovest, un Cervo il nord ed un Castoro il sud.
Ci sono quattro grandi e vecchi Uccelli del Tuono. Il Grande Wakinyan dellovest il primo ed il
principale tra di loro. Egli vestito di nuvole. Il suo corpo non ha forma, ma ha ali gigantesche e con quattro
articolazioni. Non ha zampe, ma enormi artigli. Non ha testa, ma un enorme becco affilato con file di grossi
denti aguzzi. Il suo colore nero.
Il secondo Wakinyan del nord rosso. Il terzo Uccello del Tuono dellest giallo. Il quarto Uccello del
Tuono del sud bianco, bench vi siano alcuni che dicono che il suo colore blu. Questi non ha occhi od
orecchie, tuttavia vede ed ode. Come pu accader ci un mistero. Di tanto in tanto un uomo santo vede
Wakinyan di sfuggita nei sogni, ma sempre una parte soltanto di esso. Nessuno vede mai tutto lUccello del
Tuono, nemmeno in una visione, sicch il modo in cui noi ci raffiguriamo lUccello del Tuono deriva da
frammenti di molti sogni e visioni riuniti insieme.
La tenda del Grande Wakinyan rizzata accanto al pi alto di tutti gli alberi di cedro. Ecco perch noi ne
usiamo il fogliame per il cedrare , l affumicare , nelle cerimonie che richiedono il fragrante profumo
dellincenso per purificare le nostre case e noi stessi. All'interno della tenda di Wakinyan c un nido fatto di
ossa secche. In esso giace il gigantesco uovo dal quale nascono i piccoli uccelli del tuono. Luovo pi
grande che lintero stato del Sud Dakota.
Non puoi vedere i Wakinyan perch sono avvolti in vesti di nuvole scure, ma puoi sentirne la presenza. Io
lho sentita sovente. Durante la ricerca duna visione, essi possono venire a cercare di terrorizzarvi, per
vedere se hai abbastanza coraggio per portare a termine il chiedere un sogno piangendo , quattro giorni e
notti di digiuno ed ascolto e stare sveglio sulla cima di una collina solitaria. Essi ti mettono alla prova in
questo modo, ma i Wakinyan sono spiriti buoni. Amano aiutare la gente, anche se talvolta ti sgomentano.
Ogni cosa in natura muove in un certo modo che i bianchi chiamano senso orario. Soltanto gli esseri
tuono muovono in maniera contraria, in senso antiorario. Questo il loro modo;

essi fanno ogni cosa in modo diverso. Ed ecco perch, se sogni un Wakinyan, diventi un heyoka: un
diverso, uno che si contraddice, uno che va avanti e indietro. Questo ti d potere, ma non desideri
rimanere heyoka per molto, cos noi abbiamo una cerimonia attraverso la quale puoi assumere di
nuovo la tua precedente personalit.
Il simbolo del Wakinyan la saetta a zig-zag, forcuta alle estremit, che io uso in alcuni dei miei
rituali. un disegno che mi piace ed al quale mi sento in un qualche modo imparentato, perch un
heyoka anche un sacro clown e c in me un po di quel clown.
Gli esseri tuono sono custodi della verit. Quando tieni in mano la sacra pipa e giuri su di essa, non
puoi dire che la verit. Se menti, il Wakinyan ti uccider con le sue saette lampeggianti.
Cos gli uccelli del tuono significano pioggia, fuoco e verit e, come ho detto prima, essi amano
aiutare la gente. In contrasto, Unktehi, il grande mostro dellacqua, non ama gli esseri umani da quando
sono stati messi su questa terra. Unktehi fu creata come un gigantesco serpente squamoso con zampe.
Ha un enorme corno che le esce fuori dalla cima della testa, ed occupa tutto il fiume Missouri da un
capo allaltro.
I piccoli mostri dellacqua, che vivono nei ruscelli pi piccoli e nei laghi, parimenti non erano abituati agli
esseri umani.
Che cosa sono queste piccole creature simili a pidocchi che brulicano dappertutto? si chiesero. Che
cosa sono questi individui grumo-sanguinolenti che strisciano fuori dalla rossa pietra con la quale si fanno le
pipe? Non li vogliamo intorno! .
Il Grande Unktehi potrebbe posare il suo corpo e gonfiar
lo in modo tale da far straripare il grande Missouri, ed i suoi figli, i piccoli mostri dellacqua, potrebbero fare
lo stesso con i loro ruscelli e laghi. Cos causarono un grande diluvio che si diffuse su tutta la regione,
uccidendo la maggior parte della gente. Solo pochi fuggirono sulle cime delle pi alte montagne, e persino l
le onde minacciarono di spazzarli via.
Allora il grande uccello del tuono parl: Che cosa si deve fare? Io amo questi esseri umani. Essi ci
rispettano; ci pregano. Se ci sognano, ottengono un po del nostro potere e ci li rende nostri parenti, in un
certo modo. Anche se sono piccoli, indifesi e compassionevoli, Antenato li mise su questa terra per qualche
scopo. Noi dobbiamo salvarli da Unktehi! .
Allora inizi la grande battaglia tra gli uccelli del tuono ed i malvagi mostri dellacqua. Dur molti anni,
durante i quali la terra trem, sgorgarono all'improvviso possenti torrenti, mentre la notte era come il giorno
a causa dei lampi dei fulmini. I Wakinyan non hanno corpo n membra n mani
o piedi, ma hanno enormi artigli. Non hanno bocche, ma grossi denti aguzzi. Non hanno occhi, ma saette

lampeggianti lanciate in qualche modo fuori dagli occhi che non ci sono. difficile spiegare queste cose ad
un wasichu.
I Wakinyan usano gli artigli, i denti, i lampi per combattere i mostri dellacqua. I Wakinyan Tanka
vennero alle prese con il Grande Unktehi ed i piccoli figli del tuono si opposero ai mostri dellacqua pi
piccoli. La battaglia non fu soltanto lunga ma disperata, in quanto gli Unktehi sulla punta delle loro potenti
code avevano aculei che, mentre mugghiavano e sferzavano, potevano scavare ferite spaventose.
Alla fine i Wakinyan Tanka gridarono ai piccoli uccelli del tuono: Figli miei, gli Unktehi stanno
vincendo. Questo combattimento corpo a corpo li favorisce! .
Tutti gli esseri tuono si ritirarono sulla cima della loro montagna sacra ed insieme tennero un consiglio. Il
Grande Wakinyan disse: La nostra patria laria. Il nostro potere viene dal cielo. stato un errore
combattere gli Unktehi sul loro terreno, sulla terra e nellacqua dove sono onnipotenti. Venite, figli miei,
seguitemi! .
Allora tutti gli uccelli del tuono volarono su nel cielo. Quando vi do il segnale , disse il Wakinyan
Tanka, useremo contemporaneamente le nostre saette lampeggianti e tuonanti! .
Cos gli esseri del tuono lanciarono tutte le loro saette allo stesso istante. Le foreste presero fuoco e le
fiamme distrussero ogni cosa eccetto la cima della roccia sulla quale gli esseri umani si erano rifugiati. Le
acque bollirono e quindi si asciugarono. La terra divenne incandescente, e gli Unktehi, grandi e piccoli,
bruciarono interamente e morirono, lasciando soltanto le loro ossa secche nel Mako Sicha, le Badlands, dove
le loro ossa si mutarono in roccia.
Sino ad allora gli Unktehi avevano rappresentato il potere dellacqua, ed ora questo potere era stato preso
dagli Uccelli del Tuono. Ed i pochi esseri umani che sopravvissero scesero gi dalla loro alta roccia, lodando
i Wakinyan per averli salvati. Questi pochi popolarono di nuovo la terra, e tutto fu bene. La battaglia e la
vittoria dei Wankinyan avvenne nella prima delle quattro grandi epoche, lepoca di Tunka, la Roccia.
Quando ero giovane, non pi che un ragazzo, corsi dietro ad alcuni cavalli che avevo in qualche modo
perso. Seguendone le tracce all'interno delle Badlands, cercai per molte ore. Persi del tutto il senso del tempo
e fui sorpreso dallimprovviso cader della notte, nera come la pece. Le nubi che stavano coprendo la luna e
le stelle si squarciarono in un temporale. Chicchi di grandine grandi come palline antitarma coprirono il
terreno con una sostanza soffice ghiacciata ed io pensai che potevo morire di gelo in estate.
Mi capit dessere in uno stretto burrone, dove correvo il pericolo dannegare per limpeto dellacqua.
Come meglio potei, cominciai ad arrampicarmi su verso unalta cresta. Non potevo vedere eccetto quando
cera un lampo di fulmine, e la terra stava sgretolandosi sotto di me. In qualche modo vi riuscii.
Il tuono non smetteva mai, ed i fulmini divennero quasi continui. Potevo sentire lodore di wakangeli,
lelettricit, tutto intorno; mi fece rizzare i capelli. Il tuono era assordante. Stavo a cavalcioni della cresta
come se stessi montando un cavallo. Potevo vedere abbastanza alla luce dei lampi per sapere che ero molto
in alto e che il canyon era gi molto lontano, e temevo di essere soffiato via dal crinale e scagliato in quella
nera nullit. Con i denti che battevano, le gambe e le mani strette a quella cresta affilata come un rasoio, mi
muovevo lentamente nel tentativo di tirarmi fuori da l.
Ma sentii la presenza dei Wakinyan, li udii parlarmi per mezzo del tuono: Non aver paura! Non cedere!
Andr tutto bene .
Finalmente il temporale cess ed alla fine arriv lalba. Allora vidi che ero a cavalcioni di una lunga fila
di ossa pietrificate, le pi grosse che avevo mai visto. Mi ero mosso lungo la spina dorsale del Grande
Unktehi. Irrigidito dal freddo, attesi che il sole mi scaldasse. Quindi discesi gi e corsi verso casa. Mi
dimenticai del tutto i cavalli; non li trovai mai. E molte volte andai all'interno delle Badlands per cercare la
cresta che formava la spina dorsale di Unktehi. Volevo mostrarla ai miei amici, ma non trovai nemmeno la
cresta.
Raccontata da Cervo Zoppo nel 1969 a Winner, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, e registrata da Richard Erdoes.

COYOTE UCCIDE IL GIGANTE (Flathead)


Un giorno Coyote stava passeggiando quando incontr Vecchia Donna, che lo salut e gli chiese dove fosse
diretto.
Stavo soltanto vagabondando a caso , disse Coyote.

Faresti bene a non andare in quella direzione, od incontrerai un gigante che uccide tutti quanti .
Oh, i giganti non mi fanno paura , disse Coyote (che non ne aveva mai incontrato uno). Io li uccido
sempre. Combatter anche questo e la far finita con lui .
pi grosso e pi vicino di quello che pensi , disse Vecchia Donna.
Non me ne importa , disse Coyote, pensando in cuor suo che un gigante poteva essere grosso
allincirca come un alce maschio e concludendo che avrebbe potuto ucciderne uno facilmente.
Cos Coyote disse addio a Vecchia Donna ed and avanti, fischiettando unaria. Sulla sua strada vide un
grosso ramo che era caduto e che somigliava a una clava. Raccogliendolo, disse tra s: Colpir il gigante
sulla testa con questo. abbastanza grosso ed abbastanza pesante per ucciderlo . Prosegu ed arriv ad
unenorme caverna che era proprio nel centro del sentiero. Fischiettando allegramente, entr.
Allimprovviso Coyote incontr una donna che andava carponi lungo il terreno. Che hai? domand.
Sto morendo di fame , rispose e sono troppo debole per camminare. Che cosa stai facendo con quel
bastone? .

Con questo sto andando ad uccidere il gigante , disse Coyote e le chiese se sapeva dove si stava
nascondendo.
Debole comera, la donna rise. Tu sei gi nel ventre del gigante .
Com possibile che io sia nel suo ventre? chiese Coyote. Non lho nemmeno incontrato.
Tu probabilmente pensavi che fosse una caverna quando gli sei entrato nella bocca , disse la donna, e
sospir. facile entrarci, ma nessuno ne esce mai. Questo gigante cos grosso che non puoi
abbracciarlo con i tuoi occhi. Il suo ventre occupa unintera valle .
Coyote gett via il bastone e continu a camminare. Che cosaltro poteva fare? Ben presto incontr
dellaltra gente che giaceva tuttattorno mezza morta. Siete ammalati? domand.
No , dissero quelli, stiamo soltanto morendo di fame. Siamo stati presi in trappola dentro il gigante.
Siete stupidi , disse Coyote. Se siamo realmente dentro questo gigante, allora le pareti della caverna
devono essere linterno del suo stomaco. Basta tagliare un po della sua carne e del suo grasso .
Non ci abbiamo mai pensato , ammisero quelli.
Non siete intelligenti come me , disse Coyote.
Coyote prese il suo coltello da caccia e cominci a tagliare dei pezzi dalle pareti della caverna. Come aveva
supposto, erano davvero grasso e carne del gigante, ed egli li us per nutrire la gente che moriva di fame.
Torn persino indietro per dare della carne alla donna che aveva incontrata in precedenza. Allora tutta la
gente imprigionata nel ventre del gigante cominci a sentirsi pi forte e pi felice, ma non completamente
felice. Tu ci hai nutrito , dissero quelli, e ti ringraziamo. Ma come faremo ad uscir fuori di qui? .
Non preoccupatevi , disse Coyote. Uccider il gigante trafiggendogli il cuore. Dove ha il cuore?
Devessere in qualche posto qui attorno .
Guarda quel vulcano che ansima e che batte laggi , disse qualcuno. Forse il cuore.
cos, amico , disse Coyote e cominci a tagliare in quella montagna.
Allora il gigante parl. Che sia tu, Coyote? Ho udito di te. Smettila di trafiggermi e tagliarmi e lasciami
in pace. Puoi uscire attraverso la bocca; laprir per te .
Me ne andr ma in verit non subito , disse Coyote, colpendo ripetutamente il cuore. Disse agli altri di
prepararsi. Non appena lo far entrare negli spasimi della morte, ci sar un terremoto. Egli aprir le
mandibole per esalare lultimo respiro, poi la sua bocca si chiuder per sempre. Cos siate pronti a correr via
in fretta! .

Coyote esegu un buco profondo nel cuore del gigante e la lava cominci a fluir fuori. Era il sangue del
gigante. Il gigante emise un gemito ed il terreno trem sotto i piedi della gente.
Svelti, adesso! url Coyote. La bocca del gigante si apr e tutti loro corsero fuori. Lultima fu la zecca
del legno. I denti del gigante si stavano chiudendo su di essa, ma Coyote riusc a tirarla fuori allultimo
momento.
Guardami, grid la zecca del legno, sono tutta piatta! .
accaduto quando ti ho tirata fuori , disse Coyote. Sarai sempre piatta dora in avanti. Sii contenta di
essere viva .
Immagino che mi ci abituer , disse la zecca del legno e fu cos.
Basata su una leggenda riportata da Louisa McDermott nel 1901.

UNA LEGGENDA DELLA TORRE DEL DIAVOLO (Sioux)


Questa un altra leggenda raccontata tipicamente in chiave ironica da Cervo Zoppo.
Dalle pianure del Wyoming si erge la Torre del Diavolo. veramente una rocca, visibile per un centinaio
di miglia allintorno, un immenso cono di basalto che sembra toccare le nuvole. Spunta dalla piatta prateria
come se qualcuno lavesse spinta su da sotto terra.
Naturalmente, Torre del Diavolo un nome delluomo bianco. Non c nessun diavolo nelle nostre
credenze e siamo andati avanti bene per tutte queste centinaia di secoli senza di lui. Voi gente avete
inventato il diavolo e, per quanto mi riguarda, potete tenervelo. Ma al giorno doggi ognuno conosce quella
rocca sublime con questo nome, cos la Torre del Diavolo. inutile dirvi il suo nome indiano. La maggior
parte delle trib la chiamano Rocca dellOrso. Il motivo questo: se la osservi, noterai sui suoi lati a picco
molte, molte striature ed incisioni che corrono su e gi in linea retta, come graffi fatti da artigli giganti.
Bene, molto, molto tempo fa, due giovani ragazzi indiani si ritrovarono perduti nella prateria. Sappiamo
come succede. Avevano giocato a palla percossa e la batterono qualche centinaia di metri fuori del
villaggio. E poi avevano lanciato con i loro piccoli archi ancora pi lontano nei cespugli di salvia. E poi
avevano udito un piccolo animale fare un rumore ed erano andati ad indagare. Erano giunti ad un ruscello
con molti ciottoli colorati e lo seguirono per un po. Arrivati ad una collina, volevano vedere che cosa cera
sullaltro lato. Videro un branco di antilopi e, naturalmente, dovettero seguirne le tracce per un certo tempo.
Quando incominciarono ad aver fame e pensarono che era tempo di tornare a casa, i due ragazzi si accorsero
che non sapevano dove si trovavano. Cominciarono a camminare nella direzione dove pensavano fosse il
loro villaggio, ma si allontanavano soltanto sempre pi da esso. Alla fine si raggomitolarono sotto un albero
e si addormentarono.
Si alzarono il mattino seguente e camminarono un po, sempre dirigendosi nella direzione sbagliata.
Mangiarono qualche bacca ed estrassero delle rape selvatiche, trovarono delle ciliegie selvatiche e bevettero
lacqua dei ruscelli. Per tre giorni camminarono verso ovest. Avevano i piedi indolenziti, ma sopravvissero.
Oh, come desideravano che i loro genitori, o le zie o gli zii, od i fratelli e le sorelle pi grandi li trovassero.
Ma nessuno vi riusc.
Il quarto giorno allimprovviso i ragazzi ebbero la sensazione di essere stati seguiti. Si guardarono intorno
ed in distanza videro Mato, lorso. Non era un orso comune, ma un grizzly gigante, cos grosso che i due
ragazzi sarebbero stati soltanto un piccolo boccone per lui, ma egli aveva fiutato i ragazzi e voleva quel
boccone. Continu ad avvicinarsi e la terra tremava come aumentava di velocit.
I ragazzi cominciarono a correre, cercando un posto dove nascondersi, ma non cera un posto adatto ed il
grizzly era molto, molto pi veloce di loro. Incespicarono e lorso fu quasi sopra di loro. Vedevano le sue
rosse mandibole spalancate piene di enormi denti malvagi. Sentivano lodore del suo caldo respiro cattivo.
I ragazzi erano grandi abbastanza per aver imparato a pregare ed invocarono Wakan Tanka, il Creatore:
Tunkashila, Antenato, abbi piet, salvaci.
Allistante la terra si scosse e cominci ad alzarsi. I ragazzi salirono con essa. Dalla terra usciva un cono
di rocce che andava su, su, su sino a che fu pi alto di mille piedi. Ed i ragazzi erano sulla sua cima.
Mato, lorso, era deluso nel vedere il suo pranzo scomparire nelle nuvole. Avevo detto che era un orso
gigante? Questo grizzly era cos enorme che quando era ritto sulle zampe posteriori poteva quasi

raggiungere la cima della rocca. Quasi, ma non del tutto. I suoi artigli erano grandi come i pali da tenda.
Freneticamente Mato scav il lato della rocca con gli artigli, cercando di salire, cercando di prendere quei
ragazzi. Cos fece dei grossi graffi nei lati della rocca torreggiante. Ma la pietra era troppo sdrucciolevole;
Mato non pot salir su. Cerc da ogni luogo, da ogni lato. Graffiava tuttattorno sulla roccia, ma inutilmente.
I ragazzi lo osservarono logorarsi, divenir stanco, abbandonare. Alla fine lo videro andar via come
unenorme, ringhiante, brontolante montagna di pelliccia che scompariva allorizzonte.
I ragazzi erano salvi. Ma lo erano? Come potevano scender gi? Essi erano esseri umani, non uccelli che
potevano volare. Circa dieci anni fa, degli scalatori cercarono di conquistare la Torre del Diavolo. Avevano
corde, e ganci di ferro che consentivano loro di rimanere attaccati alla parete della roccia e riuscirono a
salire. Ma non poterono scendere. Rimasero per qualche tempo su quel gigantesco cono di basalto e
dovettero essere ricuperati con un elicottero.
Nei tempi andati gli Indiani non avevano elicotteri. Cos come scesero i due ragazzi? La leggenda non ce
lo dice, ma noi possiamo essere sicuri che il Grande Spirito non salv quei due ragazzi soltanto per lasciarli
perire di fame e di sete sulla cima della rocca.
Ebbene, Wanblee, laquila, sempre stata amica del nostro popolo. Cos deve essere stata laquila che
permise ai ragazzi di afferrarla e di riportarli in salvo al loro villaggio.
O voi conoscete un altro modo?
Raccontata da Cervo Zoppo a Winner, Riserva Indiana Sioux di Rosebud, Sud Dakota, 1969, e registrata da Richard Erdoes.

LA TESTA VOLANTE (Irochesi)


In giorni lontani, mostri cattivi e spiriti predavano gli esseri umani. Per tutto il tempo che il sole brillava, i
mostri si celavano inosservati in profonde caverne, ma nelle notti tempestose uscivano dai loro antri ed
andavano in giro sulla terra in cerca di preda. Il pi terribile di tutti era la grande Testa Volante. Bench
fosse soltanto unaccigliata ed irosa testa senza corpo, era per quattro volte pi alta del pi alto degli
uomini. La sua pelle era cos spessa ed arruffata di peli che nessunarma poteva penetrarla. Due enormi ali
duccel
lo crescevano da ciascun lato delle sue guance e con quelle poteva librarsi in aria o lanciarsi in picchiata,
fluttuare, come una poiana. Invece di denti, la Testa Volante aveva una bocca piena di enormi zanne
pungenti con le quali afferrava e divorava la preda. Ed ogni cosa era una preda per quel mostro, ogni essere
vivente, inclusa la gente.
Una notte scura una giovane donna era seduta sola con il suo bimbo in una lunga casa. Erano scappati tutti
a nascondersi perch qualcuno aveva visto la grande Testa Volante volare tra le cime degli alberi della
foresta. La giovane madre non era corsa via perch, come disse a se stessa: Qualcuno deve opporre
resistenza contro questo mostro. Potrei anche essere io . Cos si sedette per terra ed accese un grosso fuoco.
Poi scald sulle fiamme un certo numero di grandi pietre sino a farle divenire ardenti ed incandescenti.
Stava seduta ad attendere e ad osservare, quando allimprovviso apparve la Testa Volante sulla porta.
Sogghignando orribilmente, guard dentro la lunga casa, ma lei fece finta di non vederla e si comport come
se stesse cucinando un pasto. Ella fece credere che stava mangiando alcune delle pietre incandescenti,
prendendole con un bastone forcuto ed avendo laria di mettersele in bocca. (In realt le passava dietro il suo
volto e le lasciava cadere sul terreno). Per tutto il tempo

lei schioccava le labbra, esclamando: Ah, quanto buono! Che cibo meraviglioso! Nessuno ha mai fatto
festa con carne come questa! .
Alludir ci, il mostro non pot trattenersi. Cacci la testa fin dentro la dimora, apr del tutto le mandibole,
afferr ed ingoi con un potente boccone lintero mucchio di sibilanti pietre incandescenti. Non appena lo
ebbe fatto, il mostro emise un terribile grido che risuon per tutta la terra. Battendo le ali, la grande Testa
Volante fugg urlando, urlando, urlando sopra montagne, ruscelli e foreste, urlando a tal punto che i pi
grossi alberi erano scossi, urlando sino a far tremare la terra, urlando sino a far cadere le foglie dai rami.
Finalmente gli urli diminuirono dintensit in distanza, svanendo, svanendo sino a che alla fine non poterono
pi essere uditi. Allora ovunque la gente pot tirar via le mani dalle orecchie e respirare di sollievo. Dopo ci
la Testa Volante non fu mai pi vista e nessuno sa che cosa avvenne di lei.
Ripresa da una leggenda del 1902.

LA PRIMA NAVE (Chinook)


In questa curiosa leggenda, basata su un vero incidente, gli
Indiani reputano il Wasichu, luomo bianco, altrettanto mostruoso di un qualsiasi orco o demone.
Una vecchia, in un villaggio Clatsop, vicino alla foce del Big River, piangeva la morte del figlio. Si
rattrist per un anno, poi un giorno smise di piangere ed and a passeggiare lungo la spiaggia dove vi si
recava sovente nei giorni felici.
Mentre stava ritornando al villaggio, vide non lontano dalla riva qualcosa di strano galleggiare sullacqua.
Sulle prime pens si trattasse duna balena, ma quando fu pi vicina scorse due alberi di abete ritti su quella
strana forma galleggiante.
Non una balena , disse tra s, un mostro .
Quando le arriv vicino, vide che la parte esterna era rivestita di rame e che delle funi erano legate agli
alberi di abete. Poi un orso usc fuori dalla strana cosa e si mise in piedi su di essa. Sembrava un orso, ma la
faccia era quella di un essere umano.
Oh, mio figlio morto , si lament, ed ora la cosa di cui avemmo notizia sulla nostra spiaggia .
Piangendo, la vecchia ritorn al suo villaggio. La gente che la ud chiam gli altri: Una vecchia sta
piangendo. Qualcuno deve averla percossa .
Gli uomini presero gli archi e le frecce e si precipitarono fuori per vedere di che si trattava.
Ascoltate! disse un vecchio.
Udirono la donna lamentarsi: Oh, mio figlio morto e la cosa di cui avemmo notizia sulla nostra
spiaggia'.
Tutta la gente le corse incontro. Che cos? Dov? domandarono.
Ah, la cosa di cui avemmo notizia nelle leggende posata laggi . Lei indic verso la spiaggia

meridionale del villaggio. Ci sono due orsi su di essa, o forse sono individui .
Allora gli Indiani corsero verso la cosa che era posata presso la sponda dellacqua. Le due creature su di
essa tenevano in mano due bricchi di rame. Quando i Clatsop arrivarono alla spiaggia, le creature si
portarono le mani alla bocca e chiesero dellacqua.
Due Indiani corsero nellinterno, si nascosero dietro un tronco per un istante e poi ritornarono alla
spiaggia. Uno di essi si arrampic sulla strana cosa, entr e guard dentro tuttattorno. Era piena di casse, e
trov lunghe file di bottoni dottone.
Quando usc fuori per chiamare i suoi parenti a vedere linterno della cosa, si accorse che le avevano gi
appiccato il fuoco. Salt gi e si un alle due creature ed agli Indiani che erano sulla spiaggia.
La strana cosa bruci proprio come del grasso. Ogni cosa bruci eccetto il ferro, il rame e lottone. Allora
i Clatsop portarono i due uomini dallo strano aspetto al loro capo.
Voglio tenere uno degli uomini con me , disse il capo.
Ben presto la gente che abitava a nord del fiume ud di quegli strani uomini e di quella strana cosa, e
venne al villaggio dei Clatsop. I Willapa arrivarono dalla sponda opposta del fiume, i Chehalis ed i Cowlitz
da pi lontano a nord e persino i Quinault fin dalla costa. E venne pure gente sin dal fiume, i Klikitat, ed altri
da ancor pi lontano.
I Clatsop vendettero il ferro, lottone ed il rame. Barattarono un chiodo per una bella pelle di daino. Per
una lunga collana di conchiglie diedero alcuni chiodi. Un uomo scambi un pezzo dottone largo due dita per
uno schiavo.
Nessun indiano aveva mai visto prima del ferro o dellottone. I Clatsop divennero ricchi vendendo il
metallo alle altre trib.
I due capi Clatsop tennero i due uomini che arrivarono con la nave. Uno rimase nel villaggio chiamato
Clatsop e laltro rimase nel villaggio sulla spiaggia.
Riportata da Franz Boas nel 1894.

LINSEGUIMENTO DELLA TESTA STACCATA (Cheyenne)


Una volta, in una tenda solitaria, viveva un uomo, sua moglie ed i loro due figli, una ragazza ed un
ragazzo. Non lontano dalla tenda, cera un grande lago ed un sentiero conduceva dalla tenda gi alla riva
dove la famiglia era solita andare ad attingre acqua.
Ogni giorno luomo andava a caccia, ma prima di partire voleva dipingere la donna completamente di
rosso, spalmandole il viso, le mani e tutto il corpo con quel sacro farmaco per proteggerla da ogni pericolo.
Dopo che era partito, lei lasciava i bambini soli nella tenda ed andava a prender acqua; quando ritornava alla
tenda, la pittura rossa era sempre scomparsa ed i suoi capelli erano disciolti. Lei faceva sempre in modo di
ritornare con lacqua proprio prima che il marito arrivasse. Non essendo un buon cacciatore, egli non
portava mai della carne.
Bench non le facesse mai delle domande, il marito pensava che fosse strano che ogni notte il colore che
aveva sparso su sua moglie al mattino, fosse sparito. Un giorno egli chiese alla figlia: Che cosa fa la
mamma ogni giorno? Quando esco, la dipingo, e quando ritorno, non ha pi nessun colore .
La ragazza rispose: Ogni volta che tu parti per andare a caccia, lei va ad attingere acqua e normalmente
sta via per molto tempo .
Il giorno dopo, luomo dipinse la moglie come al solito e poi prese larco e le frecce e lasci la tenda. Ma
invece di andare a caccia, discese alla riva del lago, scav un buco nella sabbia, e vi si sistem coprendosi
completamente ma lasciando una piccola apertura dalla quale poter guardar fuori.
Luomo non era nascosto da molto quando vide arrivare la moglie con un secchio. Quando fu vicina
allorlo dellacqua, si tolse i vestiti, si sciolse i capelli e disse: Na shu eh , sono qui . Ben presto
luomo vide lacqua che incominciava a muoversi e un mihni, uno spirito dellacqua, sorgere da essa,
strisciar fuori sulla terra, salire furtivamente sulla donna, avvolgersi intorno ad essa, e leccar via tutta la
pittura rossa che era sul suo corpo.
Luomo usc dal posto dovera nascosto e si precipit verso la coppia. Con il suo coltello fece il mostro a
pezzi e tagli la testa alla moglie. I pezzi del mostro strisciarono e rotolarono indietro nellacqua e non
furono mai pi visti. Luomo tagli le braccia della donna allaltezza dei gomiti e le gambe allaltezza dei
ginocchi. Dicendo: Prendi tua moglie! gett quei pezzi e la testa nellacqua. Poi apr il corpo, estrasse un
lato delle costole e le spel.

Ritornato alla tenda, disse: Ah, miei piccoli bambini, ho avuto buona fortuna; ho ucciso unantilope e
portato un po di carne. Dov vostra madre? .
I bambini risposero: La mamma andata a prender acqua .
Bene , disse, poich mi sono procacciato il pasto pi presto che pensassi, lho portato indietro al
campo. Vostra madre sar qui tra non molto. Nel frattempo vi cuciner qualcosa da mangiare prima di andar
via di nuovo . Cucin un bricco di carne, la porse ai bambini ed entrambi la mangiarono. Il bambino pi
giovane, lultimo ad aver poppato, disse alla sorella: Questo cibo ha il sapore della mamma! .
Oh , disse sua sorella, sta zitto, carne di antilope . Dopo che i bambini ebbero finito, la bambina
mise da parte un po di carne per la mamma perch se ne cibasse al ritorno.
Il padre prese i mocassini unitamente ad altri oggetti e part, con lintenzione di mai pi ritornare. Egli
stava andando a cercare laccampamento della sua trib.
Dopo che fu partito, i bambini rimasero seduti nella tenda, e la ragazza confezionava mocassini e li
ricamava con aculei di porcospino. All'improvviso udirono una voce fuori della tenda che diceva: Io amo i
miei bambini, ma essi non mi amano; loro mi hanno mangiato! .
La ragazza disse al fratello: Guarda fuori della porta e vedi chi sta venendo! . Il ragazzo guard fuori e
quindi grid, spaventato al massimo: Sorella, sta venendo la testa della mamma! .
Chiudi la porta , grid la ragazza. Il bambino obbed. La ragazza prese i suoi mocassini ed i suoi aculei
rossi, bianchi e gialli, li arrotol ed afferr il suo arnese per scavare radici. Nel frattempo la testa era rotolata
contro la porta. Figlia, apri la porta, mormor. La testa colp la porta, rotol in parte sul lato della tenda e
poi cadde gi di nuovo.
La ragazza e suo fratello corsero alla porta, laprirono spingendola e stettero ritti da un lato. La testa rotol
dentro la tenda e lattravers sino al fondo. La ragazza ed il ragazzo saltarono fuori, la ragazza chiuse la
porta ed entrambi corsero via il pi velocemente possibile. Mentre correvano, udirono la madre chiamarli
dalla tenda.
Essi corsero e corsero, ed alla fine il ragazzo grid: Sorella, sono stanco; non posso pi correre. La
ragazza prese il suo vestito e lo port per lui, e continuarono a correre.
Alla fine, come raggiunsero la sommit di una collina, guardarono indietro e videro la testa che stava
venendo loro incontro rotolando sulla prateria. In qualche modo era uscita fuori dalla tenda. I bambini
continuarono a correre, ma alla fine la testa li stava per raggiungere. Il bambino era mezzo morto di paura ed
anche esausto.
La sorella disse: Questa corsa ha stremato mio fratello. Quando ero bambina che giocava, talvolta i fichi
dindia erano cos folti sul terreno che non riuscivo ad attraversarli . Mentre parlava, sparse dietro di s una
manciata di aculei gialli di porcospino. Subito apparve una grande aiuola di alti fichi dindia con grosse
spine gialle. Quella macchia di cactus era disposta su file intervallate tra loro e si distendeva per un lungo
tratto in entrambe le direzioni del sentiero che avevano percorso.
Quando la testa raggiunse quel luogo, rotol sui fichi dindia e cerc di rovesciarli, ma continuava ad
esser presa dalle spine. Per molto tempo continu a tentare e ritentare di aprirsi un cammino; alla fine riusc
a liberarsi dalle spine ed a passar oltre. Ma nel frattempo la ragazza ed il ragazzo erano andati lontano.
Dopo un po, tuttavia, guardarono indietro e videro la testa che stava per raggiungerli nuovamente. Il
bambino si sent quasi mancare. Continu ad esclamare: Sorella, sono stanco; non posso pi correre.
Quando la sorella lud, disse correndo: Quando ero bambina, trovavo sovente i cespugli di bullberry
molto folti . Mentre parlava, gett dietro di s una manciata di aculei bianchi e dove quelli toccavano il
terreno vi crescevano enormi boschetti di folti cespugli di bullberry pieni di spine. Essi bloccarono la strada,
e la testa si ferm l per molto tempo, incapace di passare attraverso i cespugli.
I bambini corsero e corsero, verso il posto dove la trib sera accampata lultima volta. Ma alla lunga
guardarono indietro e videro la testa che stava ancora venendo.
Il bambino esclam: Sorella, sono stanco; non posso pi correre . Di nuovo la ragazza gett dietro di
s degli aculei questa volta quelli rossi e spunt un grande roveto di spinosi cespugli di rose che ferm
la testa.
Di nuovo i bambini camminarono per un lungo tratto, ma alla fine videro la testa che stava arrivando, ed il
ragazzo esclam: Sorella, sono stanco . Allora la sorella disse: Quando ero bambina che giocava, arrivai
sovente a delle piccole gole che non potevo attraversare . Si ferm e con la punta del suo attrezzo per
scavare le radici tracci un solco sul terreno. Poi pos il suo attrezzo su quel solco per attraversarlo, e
quando lei ed il fratellino furono al di l, la scanalatura divenne sempre pi larga e sempre pi profonda. Ben
presto era un grande abisso con pareti a picco, sul cui fondo videro scorrere un po dacqua.

Bene , disse la ragazza, non correremo pi; staremo qui .


No, no , disse il ragazzo, corriamo .
No , disse la ragazza, uccider nostra madre qui .

Quanto prima la testa arriv rotolando allorlo del burrone e si ferm. Figlia , disse, dove hai
attraversato? Posa il tuo attrezzo sul terreno affinch anchio possa attraversare . La ragazza cerc di farlo,
ma il ragazzo ogni volta la tir indietro. Alla fine lei riusc a posare lattrezzo e la testa cominci a rotolarci
su. Ma quando era a met strada dellattraversamento, la ragazza capovolse il bastone, la testa cadde nel
burrone che si chiuse su di essa.
Dopo di ci i bambini partirono di nuovo alla ricerca della propria trib. Alla fine trovarono
laccampamento e con grande fatica si diressero verso di esso. Tuttavia, prima di arrivare udirono un uomo
che parlava ad alta voce. Come furono pi vicini, videro che era il loro padre che parlava. Stava
passeggiando per il campo e dicendo ad ognuno che mentre era fuori a caccia, i suoi due bambini avevano
ucciso e mangiato la loro madre. Ammoniva la gente a non far entrare i bambini nel campo, se fossero
arrivati.
Quando udirono ci i bambini ebbero paura. Tuttavia non sapevano che cosaltro fare se non entrare
nellaccampamento. La gente immediatamente li afferr e li leg mani e piedi. Ed il giorno dopo lintera
trib si trasfer e lasci i bambini l, ancora legati.
Nel campo cera una vecchia, vecchia cagna che sapeva che cosera capitato ed ebbe piet dei bambini.
La notte del loro arrivo, and in una tenda, sottrasse dei tendini, un coltello ed un punteruolo, e li port in un
buco dove aveva i suoi cuccioli.
Il giorno successivo, dopo che tutta la gente fu partita, i bambini udirono un cane ululare. Subito la
vecchia, vecchia cagna li avvicin. Nipotini , disse, provo piet per voi e sono venuta ad aiutarvi .
La ragazza disse: Slega prima me in modo chio possa slegare mio fratello . Cos la vecchia cagna
cominci a rosicchiare i lacci di pelle grezza intorno alle mani della ragazza. Lanimale non aveva denti e
non riusciva a tagliare le corde, ma queste si bagnarono e cominciarono a sciogliersi. La ragazza continu a
lavorare con le mani ed alla fine si liber. Si sleg le gambe e quindi liber il fratello. Quella sera essi
vagarono per il campo e raccolsero mocassini vecchi da indossare. Entrambi i bambini piangevano ed
altrettanto faceva il cane. Si sedettero tutti su una collina vicino allaccampamento e piangevano
amaramente, perch non avevano niente da mangiare, non un posto ove dormire e niente con cui coprirsi, e
si approssimava linverno. La ragazza ed il cane sedevano versando lacrime con la testa penzoloni, ma il
ragazzo stava osservando intorno. Quanto prima disse: Sorella, vedi quel lupo; sta venendo dritto verso di
noi! .
inutile chio guardi , disse la ragazza. Tanto non potrei ucciderlo con lo sguardo, perci non
possiamo mangiarlo .
Ma guarda, sorella , disse il ragazzo, sta venendo dritto su di noi .
La ragazza alz finalmente la testa e quando guard il lupo, quello cadde morto. Allora il cane and a
prendere gli utensili che aveva sottratto prima che la trib partisse. Con il coltello fecero a pezzi il lupo e
utilizzarono la pelle per farne un letto per il cane.
I bambini rimasero nel campo abbandonato e vivevano bene, mentre la gente nel nuovo campo stava
soffrendo la fame. I bambini tenevano acceso giorno e notte un grande fuoco usando grossi ceppi in modo
che non si spegnesse mai.
Ma dopo che ebbero mangiato il lupo, cominciarono a sentire di nuovo gli stimoli della fame. La ragazza
divenne molto infelice. Ma un giorno, mentre sedeva piangendo con il cane accovacciato accanto a lei, il
ragazzo, chera ritto a guardare intorno, disse: Sorella, guarda quellantilope che arriva! .
No , disse la ragazza, inutile chio guardi; guardare non servir a niente .
Ma guarda lo stesso , disse il ragazzo. Forse accadr come per il lupo . La ragazza volse lo sguardo
verso lantilope che, come gi il lupo, cadde morta. La fecero a pezzi ed usarono la sua pelle per farsi un
letto. Mangiarono la carne e nutrirono il vecchio cane con il fegato che la ragazza aveva masticato in pezzi
minuti per lo sdentato animale.
Alla fine lantilope fu tutta mangiata e di nuovo essi divennero affamati. Di nuovo il ragazzo vide un
animale dallapparenza strana si trattava dun alce che cadde morto prima che la ragazza guardasse.
Distese la pelle dellalce e lusarono come riparo. Con i tendini che il cane aveva rubato, cucirono i
mocassini e rammendarono gli abiti.
Quando la carne dellalce si esaur, il ragazzo vide un buffalo venire dritto verso il loro riparo e la ragazza
lo uccise con uno sguardo. Fecero a pezzi la carne ed usarono la pelle per fare un riparo pi grande e pi

bello, dove rimasero sino a quando arriv linverno e cominci a cadere la neve.
Una sera, mentre si coricava, la ragazza disse: Al mattino desidererei poter vedere una tenda laggi in
quel posto riparato. Potrei dormire l con mio fratello ed il cane, su un letto nel fondo della tenda. Potrei fare
un arco e delle frecce, cosicch mio fratello potrebbe uccidere i buffali vicino al campo quando si radunano
nel sottobosco durante il cattivo tempo . Desider pure che il fratello potesse divenire un giovane uomo, e
che essi potessero avere nel campo rastrelliere colme di carne.
Quando al mattino il ragazzo si alz e guard fuori, disse: Sorella, ora la nostra tenda laggi . Era
proprio nel posto che la ragazza aveva desiderato. Vi traslocarono i beni personali ed il fuoco, e quando il
ragazzo entr nella tenda, era un giovane uomo. Quellinverno uccise molti buffali ed essi ebbero carne in
abbondanza.
Una sera, mentre stava andando a letto, la ragazza espresse un altro desiderio. Fratello , disse, nostro
padre ci ha trattato molto male. Ci ha fatto mangiare nostra madre, poi ci ha fatto legare ed abbandonare
dalla gente. Desidero avere notizie dellaccampamento e desidero inoltre possedere due orsi ai quali poter
dire di mangiare nostro padre .
Il mattino seguente, quando la ragazza si alz, due orsi stavano

seduti su ciascun lato dellentrata della tenda. Hello, miei animali , disse la ragazza. Alzatevi e
mangiate . Dopo aver dato loro del cibo, and fuori e da una delle rastrelliere tir via un pezzo di
grasso sanguinolento. Chiam un corvo che era appollaiato su un albero non lontano: Vieni qua;
voglio mandarti a fare una commissione. Il corvo le vol vicino, e lei gli disse: Vai a cercare
laccampamento del mio popolo. Vola intorno tra le tende e chiamali. E quando la gente esce e si
domandano gli uni con gli altri: Che cosa sta facendo quel corvo? E che cosa sta portando? lascia
cadere questo pezzo di grasso in mezzo alla folla. Allora di loro che la gente dalla quale tu vieni ha
grandi steccati di carne .
Il corvo prese il pezzo di grasso nel becco e vol via. Trov il campo e vol in giro, chiamando e
chiamando, sino a che degli uomini seduti qua e l cominciarono a dirsi lun laltro: Che cosa sta
portando quel corvo? . Il corvo lasci cadere la carne e qualcuno che la raccolse disse: Accipicchia,
grasso fresco .
Allora il corvo disse: Quei ragazzi che avete abbandonato sono ancora nel vecchio accampamento ed
hanno grandi provviste di carne come questa messa a seccare . Poi il corvo vol indietro dalla ragazza.
Un vecchio cominci a gridare alla gente, mentre camminava per laccampamento: Quei bambini che
noi abbandonammo hanno una grande quantit di carne! Sono nel vecchio accampamento ed ora noi
dobbiamo tornare indietro il pi presto possibile . La gente smont le tende, le fece su e part. Alcuni

giovani andarono avanti a piccoli gruppi di tre o quattro; e quando raggiunsero il campo dei bambini, la
ragazza li nutr e diede loro carne da portare indietro agli altri. Tutti gli alberi intorno alla tenda erano
coperti di carne e pelli di buffalo erano ammucchiate in grandi pile.
Dopo un po arriv lintero villaggio e si accamp non lontano dalla tenda dei bambini ed ognuno
cominci a presentarsi alla tenda per chiedere del cibo. La ragazza mand ad informare suo padre di non
avvicinarsi sino a che tutti gli altri non fossero stati nutriti, in modo da venire a prendersela con calma
invece di mangiare in fretta.
Lei disse agli orsi: Sto per mandare a chiamare lultimo abitante del villaggio; sar il vostro cibo. Dopo
che quella persona sar giunta qua ed avr mangiato, dir: Ecco il vostro cibo , mentre egli uscir dalla
tenda. Allora voi potrete divorarlo tutto .
La sera, quando lultimo individuo stava lasciando la tenda, lei disse al fratello: Di ad ognuno di non
venire pi questa sera; ora il turno di nostro padre.
Quando il padre arriv e lo ebbero nutrito, egli esclam allegramente: Oh, miei bambini, state vivendo
bene qui; avete una grande quantit di carne, di lingue e di grasso del dorso . Ma non riusc a mangiare
tutto ci che la figlia gli aveva messo davanti. Porter a casa quello che avanzato per la colazione ,
disse.
Dopo che ebbe lasciata la tenda, la ragazza rivolta agli orsi disse: Ecco il vostro cibo; mangiatelo tutto!
. Gli orsi saltarono addosso al padre e lo gettarono a terra. Egli url alla figlia di portar via gli animali, ma
essi lo uccisero e cominciarono a trascinarlo verso la tenda. La ragazza disse: Portatelo via in qualche altro
posto e divoratelo, e quello che non mangiate gettatelo nel fiume.
Quello che gli orsi non mangiarono lo gettarono in un ruscello e poi se ne lavarono le mani, e nessuno
seppe pi che cosa ne era divenuto del padre. Da allora, gli orsi hanno mangiato carne umana quando hanno
potuto.
Il ragazzo e la ragazza ritornarono al campo ed in seguito vissero sempre bene l.
Basata su un racconto di George Bird Grinnell de! 1903.

LA SETTIMA MACCHIA DI UNCEGILA (Sioux Brul)


Le leggende di molte trib raccontano della terribile malvagit e della morte finale di Uncegila, il
grande mostro dellacqua, conosciuto pure come Unktehi. Ora sono rimaste soltanto le sue ossa, sparse
per tutte le Badlands del Nebraska e del Dakota, ma hanno ancora il potere di fare potenti sortilegi.
Quando la terra era stata creata da poco, una strega malvagia fu trasformata nellenorme anguiforme
mostro Uncegila. Era lunga come un centinaio di cavalli messi in colonna. Il suo corpo era pi spesso che il
tronco del pi grosso albero del mondo, e le sue squame erano di scintillante mica. Aveva un corno ricurvo
che le usciva dalla testa. Lungo il suo dorso correva una cresta che sfavillava come fiamme danzanti, mentre
il suo immenso fianco era adornato di una fila di rotonde macchie di molti colori. Il solo modo di uccidere
Uncegila era di colpire con una freccia incantata la settima macchia a partire dalla testa. Dietro quel piccolo
cerchio si trova il suo cuore fredd come il ghiaccio, fatto di un rosso cristallo lampeggiante.
Molti coraggiosi guerrieri volevano uccidere Uncegila, non soltanto per liberare la gente dalle sue azioni
malvagie ma pure per appropriarsi del suo cuore scintillante. Chi lo avesse posseduto avrebbe avuto pi
potere di chiunque altro nel mondo. Avrebbe potuto affascinare qualsiasi donna desiderasse portare nella sua
tenda e sotto la sua coperta. Avrebbe potuto vedere lontano nel futuro. Avrebbe trovato sempre buffali e non
sarebbe mai stato affamato.
Bench fossero in molti a voler uccidere Uncegila, cerano degli ostacoli. Al solo vederla un uomo
sarebbe rimasto accecato, il giorno dopo sarebbe impazzito, due giorni pi tardi avrebbe avuto la schiuma
alla bocca ed al quarto giorno sarebbe morto. Ma insieme a lui sarebbero morti anche tutti i membri della
sua famiglia. Cos non ve nerano molti che osavano andare in quel grande e impenetrabile stagno nero che
era la dimora di Uncegila.
Due coraggiosi ragazzi, che erano gemelli, discussero sulle loro probabilit di uccidere quel mostro. Il pi
giovane era stato accecato in un incidente, sicch aveva soltanto delle cavit al posto degli occhi. Egli disse:
Fratello maggiore, che vedesti la luce del mondo un secondo prima di me, penso di poter uccidere

Uncegila. Guardarla non mi pu nuocere e tu puoi condurmi alla sua dimora .


Ma, fratello , disse il suo gemello, come puoi mirare alla settima macchia dietro la testa di Uncegila?
.
In un qualche posto delle Paha Sapa, le Black Hills, vive Vecchia Donna Brutta, la quale possiede delle
frecce che non falliscono mai il bersaglio. Forse ce le dar .
Cos i due ragazzi partirono per trovare Vecchia Donna Brutta. Cercarono per molto tempo, il fratello pi
grande conducendo il gemello cieco. In alto sulle montagne arrivarono alla fine ad un wakan, un posto
misterioso. Era una caverna sotto un sovrastante dirupo dentro la quale erano stati eseguiti degli strani
disegni di misteriosi animali. Questa era la dimora di Vecchia Donna Brutta. Essa diede il benvenuto ai due
giovani: Entrate, fratelli gemelli che desiderate combattere Uncegila. Entrate prima di tutto per riposare,
mangiare, bere e fumare. Era disposta abbastanza amichevolmente e diede loro del fresco pemmican e della
carne seccata, del brodo di bacche e molte cose buone. Aveva una pipa e del tabacco sacro, ed essi
fumarono. Poi Vecchia Donna Brutta domand che cosa volevano, anche se lo sapeva gi.
Vecchia Donna Brutta , disse il gemello pi grande, siamo venuti per chiederti le tue magiche frecce
incantate. Senza di esse non possiamo uccidere Uncegila, e questo ci che pi desideriamo fare.
Che cosa mi darete, coraggiosi giovani, in cambio delle mie frecce che non falliscono mai il bersaglio?
.
Vecchia Donna Brutta , risposero, abbi piet di noi. Noi siamo poveri e non possediamo niente di
gran valore. Sappiamo che tu hai abbastanza potere senza le frecce e speriamo che vorrai avere un cuore
generoso.
Ebbene, giovani uomini, c qualcosa che potete darmi.
Io sono vecchia. da moltissimo tempo che non mi accompagno con un giovane e forte ragazzo di
bellaspetto. Dormite con me, procuratemi un po di piacere ancora una volta alla mia vecchia et, e voi
potrete ottenere le mie magiche frecce incantate .
Il gemello pi grande, quello che ci vedeva, bisbigli al pi giovane: Questa donna vecchia,
raggrinzita, calva e senza denti. proprio molto, molto brutta. Io non penso che potrei farlo, ma tu, tu sei
cieco; che cosa timporta il suo aspetto? .
Hai ragione; mi sacrificher , sussurr in risposta quello cieco.
Cos quello dei due che ci vedeva usc fuori, mentre il cieco si dispose a fare allamore con Vecchia
Donna Brutta. E come labbracci, Vecchia Donna Brutta si mut in una giovane, bella, calda ragazza. Lei
disse al giovane: Hokshila, mio ragazzo, una grande cosa che hai fatto per me, liberarmi da questo
involucro esterno raggrinzito che una strega malvagia mi forz ad indossare. Pilamaya, ti ringrazio
moltissimo .
Quando laltro gemello ritorn e vide la bella giovane donna, anchegli voleva giacere con lei. Ma questa
gli disse: Koshkalaka, giovane uomo, tu non hai voluto toccarmi quando ero vecchia e brutta; tu non mi
toccherai ora che sono giovane e graziosa.
Per quattro giorni e quattro notti Vecchia Donna Brutta, tornata Giovane Donna Graziosa, purific questi
ragazzi e purific pure le frecce, bruciando erba profumata e foglie di cedro in polvere e facendo loro vento.
Poi disse: Giovani uomini, prendete queste frecce e liberate il popolo dal mostro malvagio. Ma fate
attenzione quando ritagliate il cuore di Uncegila; cos freddo che vi brucer le mani allistante. Per
portarlo, fatevi dei guanti da guerriero di pelle molto spessa. Inoltre, il cuore parler, chiedendovi quattro
cose. Dovete rifiutare quattro volte; ma dopo, dovete fare come il cuore desidera. In pi, dovete condividere
il potere che vi dar . Ed al gemello pi giovane disse: Hokshila, un giorno ci vedrai di nuovo. Allora
ritorna da me.
I gemelli, con il maggiore che faceva strada, si avviarono alla ricerca di Uncegila. Camminarono per
molti giorni, quasi al limite del mondo. Poi quello che ci vedeva trov un limaccioso sentiero che
serpeggiava in grandi curve verso un enorme lago scuro.
Devessere la dimora di Uncegila , disse al fratello cieco. Il sentiero conduce dritto nellacqua. Ora ci
metteremo a sedere ed aspetteremo. Tieni pronto il tuo arco e le frecce incantate, e non appena vedo la punta
del corno di Uncegila uscire dallacqua, te lo dico e mi volto il pi velocemente possibile. Allora conta
lentamente sino a quattro volte quattro, per dar tempo al corno, alla testa ed al collo sino alla settima chiazza
di emergere sopra la superficie. Poi scocca .
Essi attesero. Dal lago senza fondo arriv un turbinare, un ribollire ed uno spumeggiare, e la
minuscolissima punta del corno di Uncegila spunt dallacqua.
Sta salendo; conta e scocca bene! disse il maggiore, distogliendo rapidamente lo sguardo. Il gemello

cieco cont per quattro volte quattro, poi lasci partire una magica freccia incantata, ed unaltra, ed unaltra.
Lanci tutte e quattro le frecce misteriose ed una dopo laltra forarono il fianco del mostro nella settima
macchia.
Ora Uncegila era presa dagli spasimi della morte. Lacqua del lago divent sangue e boll, straripando ed
inzuppando i gemelli mentre si acquattavano in alto su una piccola collina. Ci furono lunghe sferzate e
brontoli e rumori spaventosi e potenti gemiti, sino a che alla fine tutto fu calmo.
Uncegila devessere morta! disse il gemello pi grande. Andr a vedere. Vecchia Donna Brutta
mutata in Giovane Donna Graziosa spieg che guardare il mostro una volta che era morto non pu nuocere
alla gente . Guard, si stup, a stento poteva credere ai suoi occhi quando fu davanti allenorme,
scintillante, fiammeggiante corpo di Uncegila. Poi con il suo coltello scoperse il cuore rosso cristallo che
ancora batteva. Sentendo il soffio gelido che emanava da esso, infil i suoi spessi guanti di pelle e lo afferr.
Ebbe la sensazione che strani poteri fluissero dal cristallo nel suo corpo. Persino attraverso gli spessi guanti
poteva avvertirne la freddezza, cos lo avvolse nel suo vestito prima di portar
lo al fratello cieco.
Allora udirono un suono smorzato come se il cuore parlasse attraverso la coperta. Diceva severamente:
Non tagliatemi il corno della testa . Ricordando gli avvertimenti che Vecchia Donna Brutta aveva dato loro,
il fratello maggiore subito cominci a tagliare e con grande difficolt riusc a staccare il corno alla base. Se
non lavesse fatto, Uncegila sarebbe tornato a vivere di nuovo.
Cos hai tagliato il mio corno! disse il cuore del mostro. Almeno sii cos gentile da conficcarne la
punta nella mia ferita, quella che mi hanno prodotto le vostre frecce nel fianco, nella settima chiazza . I
gemelli si guardarono bene dal farlo perch, se lavessero fatto, Uncegila sarebbe ritornata in vita.
Andare e tagliare un pezzo del mio corpo. Arrostitelo e mangiatelo , disse il cuore. Se avessero
obbedito, naturalmente, il veleno li avrebbe uccisi allistante.
Prendete il sacro tabacco e tracciate un sottile sentiero intorno al lago. Potete almeno fare questo per
me, disse poi il cuore. Se essi fossero stati abbastanza sciocchi da farlo, tutti gli innumerevoli figli di
Uncegila, i pi piccoli mostri dellacqua, sarebbero usciti dai ruscelli e dagli stagni per uccidere i gemelli.
Abbiamo rifiutato quattro volte di fare quello che il cuore del mostro chiedeva. Da adesso in avanti
dobbiamo soddisfare le sue richieste , esclam il fratello pi giovane.
Ed il cuore parl ancora, dicendo: Cieco, metti un po del mio sangue sulle tue palpebre.
Il gemello pi grande si accost al corpo del mostro e raccolse con il suo cucchiaio di corno un po del
sangue di Uncegila. Spalm un po di sangue sulle palpebre di suo fratello, e subito si formarono nuovi
occhi ed il fratello pot vedere.
I gemelli portarono il cuore di cristallo indietro al loro campo. Seguendo le istruzioni del cuore,
scavarono un profondo pozzo per tenervelo e sopra il pozzo costruirono una tenda speciale di venti pelli
dipinta con una immagine di Uncegila. Ogni giorno il cuore era nutrito con sangue di cervo e di altri animali
ed ogni giorno era spostato in modo da cambiare sempre direzione. Il cuore continu ad ideare nuove
cerimonie che i fratelli dovevano eseguire. Se doveste rifiutare di fare quello che vi ordino , diceva il
cuore, non soltanto vi priver del mio potere, ma diverr una ardente palla di fuoco e vi brucer .
bello avere potere , disse il gemello pi giovane al fratello, ma troppo potere pu diventare
gravoso.
Tuttavia il cuore aveva reso i gemelli davvero potenti. Prevedevano il futuro. Le loro tende erano sempre
piene di carne. Nessuna donna resisteva loro. Erano generosi, nutrendo il popolo con la selvaggina che era
per loro facile preda. Essi furono eletti capi. Il pi vecchio si spos; prese quattro mogli, che gli diedero figli
robusti. Fratello pi giovane , domand al suo gemello, perch non hai portato una donna, o due o tre,
nella tua tenda, come dovrebbe fare un grande capo? Non bello essere soli, non avere una donna con la
quale dividere la propria coperta.
Il gemello pi giovane rispose: Non ho preso mogli perch, penso, sono sempre stato innamorato di
Vecchia Donna Brutta mutata in Giovane Donna Graziosa. In realt, non voglio nessunaltra se non lei.
Penso che ritorner alla caverna dove lei vive e le chieder di essere mia moglie. Quando lei ci diede le
frecce magiche, io ero cieco, ma tu che conosci la strada conducimi da lei .
I gemelli si recarono da soli a trovare la sciamana. Quando arrivarono al luogo wakan dove lei aveva
vissuto, avvertirono il suo potere, ma Vecchia Donna Brutta mutata in Giovane Donna Graziosa non era pi
l. Era scomparsa senza lasciare traccia. Dovera la caverna, cera ora soltanto la liscia parete del dirupo.
Tristemente i fratelli ritornarono a casa. C una grande quantit di altre donne che puoi avere, disse il
maggiore, ma ci non incoraggi suo fratello.

Di tanto in tanto, dopo che furono ritornati a casa, il gemello pi giovane diceva al maggiore: Sono
stanco di questi grandi poteri che il cuore del mostro ci sta dando. Sono annoiato di trovare sempre buffali.
Sono annoiato di colpir sempre il bersaglio con le mie frecce, di non mancare mai di uccidere tutta la
selvaggina che questo potere mette sulla mia strada. Il brivido della caccia dato dalla difficolt di riuscire a
prendere. Sono stanco di tutte le ragazze di bellaspetto, le donne, e persino le mogli degli altri uomini che
cercano di infilarsi dentro la mia tenda. Il piacere di corteggiare non c pi. Inoltre, la mia mente ancora
presa da quella sciamana, la brutta che si mut in bella. Sono stanco di avere il potere di vedere nel futuro.
Potrei conoscere il tempo ed il modo della mia morte, della nostra morte e non voglio rimugugnare su queste
cose. Io sono proprio stanco del potere; voglio essere come gli altri uomini .
Anchio sono stanco , disse il maggiore. Sono stanco di nutrire il cuore del mostro e di assecondare i
suoi infiniti desideri. Ma c un modo semplice per sbarazzarci di questo potere non desiderato. Ricordi, la
donna ci disse pure di non permettere mai a nessun altro di posare gli occhi sul cuore, od il potere ci sarebbe
stato tolto .
Subito i fratelli chiamarono tutta la gente intorno a loro: Non vi siete sempre domandati che cosa
custodivamo in questa speciale tenda, la tenda nella quale non vi era mai permesso di entrare? Venite, vi
mostreremo il grande segreto . Invitarono tutta la folla ad entrare e le permisero di guardare allinterno del
profondo pozzo il cuore freddo di cristallo rosso di Uncegila. E quando tutti gli occhi furono su di esso, quel
cuore url forte ed esplose trasformandosi in unaccecante palla di fuoco e consumandosi sino a che
rimasero solo le ceneri, mentre dal fondo del buco proveniva il rumore di qualche grosso animale ostacolato
nellacqua. E quella fu la sua fine.
Mi sento molto meglio ora , disse il gemello pi giovane a quello pi vecchio.

Ed io sento come se mi fosse stato tolto un gran peso , disse suo fratello.
Cos i due vissero felicemente, accettando la bella e la cattiva sorte, come fa la maggior parte degli uomini.
Raccontata da George Aquila Alce nel 196S a Parmelee, Sud Dakota, e registrata da Richard Erdoes.

George Aquila Alce era un vecchio, rispettato sciamano yuwipi . Visse nella carcassa duna
minuscola roulotte nella Riserva Sioux di Rosebud.

PARTE QUINTA

Il conto dei colpi


La guerra e il codice del guerriero

Per molti Indiani la guerra era uno sport eccitante ma pericoloso. In un certo modo assomigliava ad un
torneo medioevale, governato da strette regole di condotta. Il campo di battaglia diveniva unarena per una
veemente competizione personale donore nella quale un giovane poteva farsi un nome e guadagnare le
piume daquila che stavano a significare che era diventato adulto. In questo gioco si poteva essere uccisi,
ma uccidere nemici non era il motivo per il quale gli uomini andavano in guerra. La guerra totale che si
risolveva con lestinzione di una trib era quasi sconosciuta e generalmente aborrita.
Le spedizioni di guerra erano decise tanto per motivi personali quanto politici; qualche giovane poteva
essere attratto da un abile capo il cui amuleto fosse considerato buono. Ma un uomo che avesse rifiutato di
seguirlo perch aveva avuto un sogno scoraggiante od un altro segno di cattivo presagio, non era per
questo macchiato dinfamia. I capi non avevano nessun intrinseco potere di ordinare o di forzare alla

obbedienza, ma soltanto la forza del loro prestigio o carisma. In battaglia, ogni uomo si comportava pi o
meno come il suo personale codice di guerriero gli dettava. Le vite non erano sprecate per piccoli guadagni,
se possibile, giacch ogni vita era preziosa per gente che viveva in piccole bande di cacciatori e di un solo
uomo ucciso se ne sarebbe sentita dolorosamente la mancanza. Un capo perdeva in reputazione se perdeva
un uomo, anche se la sua scorreria aveva avuto successo sotto altri aspetti.
La condotta di guerra era un affare cerimoniale, pieno di magia e rituale. Gli uomini cavalcavano in
guerra con fagotti damuleti protettivi, ciottoli che facevano miracoli, o scudi incantati, i loro cavalli erano
coperti con la sacra polvere di legno giallo o dipinti con disegni di saette: il tutto allo scopo di rendere chi li
portava invulnerabile alle frecce o alle pallottole, e per dare al suo cavallo velocit sovrannaturale.
Il principale scopo di qualsiasi battaglia ed il solo modo di acquisire onori era di contare il colpo
, riconoscere le azioni coraggiose di ciascuno. Uccidere un uomo in una imboscata con un fucile non era un
colpo perch era facile, anche un codardo poteva farlo. Ma cavalcare dritto su un nemico non ferito e
completamente armato e toccarlo con la mano o con un bastone da colpo, era una grande impresa. Anche
rubare cavalli proprio sotto il naso del nemico era un buon colpo. I colpi dovevano essere testimoniati per
essere riconosciuti, bench in alcune trib un uomo potesse giurare sulla pipa o su altri oggetti sacri che
quello che diceva era vero. Le piume daquila di un guerriero erano intaccate, spezzate, o punteggiate con il
colore per indicare quali generi di colpi aveva contato, quanti nemici aveva trucidato, o quante volte ed in
qual modo era stato ferito. Dei colpi ci si vantava orgogliosamente intorno ai fuochi degli accampamenti, le
loro storie ed i dettagli detti e ridetti. In alcune trib un giovane non poteva aspirare a sposarsi se non avesse
contato un colpo.
Tre di queste leggende descrivono il coraggio di donne, inclusa la grande Donna-Strada-Piccolo-Buffalo,
eroina della battaglia del Rosebud, che fu combattuta proprio prima di Little Bighorn nel 1876, nel Montana.
Molti giovani appartenevano ad una delle numerose societ di guerrieri della loro trib, ciascuna con la
propria leggenda di origine, il suo modo di abbigliarsi, il suo speciale armamentario, i suoi canti e le sue
cerimonie. Uno ne diveniva membro su invito o perch un guerriero pi vecchio, sovente un parente, si
faceva garante per lui. In alcune trib uno poteva comprare per entrare in una societ con un dono di
cavalli od altri oggetti di valore, ma di solito i capi erano interessati soltanto a giovani coraggiosi che
avrebbero fatto onore al gruppo come un tutto.
In alcune societ come la Sioux Kit Foxes (Tokala) o la Cheyenne Soldati Cane, cerano uomini
sfidanti-a-morte i quali, durante una battaglia, fissavano le loro sciarpe al terreno come segno che
avrebbero combattuto sul posto sino a vincere od a morire. Un prigioniero ferito, se si era dimostrato
particolarmente coraggioso, poteva essere risparmiato ed adottato dalla trib dei suoi catturatori.
Tutte queste dieci leggende, tranne una, provengono dagli Indiani delle Pianure, i quali hanno tuttora la

tradizione pi altamente ritualizzata di storie di guerra del Nord America.


Il popolo Lakota/Dakota offr dagli anni 1850 sino agli anni 1890 la pi lunga eroica resistenza alle
incursioni degli eserciti dei bianchi, e nessunaltra trib ha registrato cos accuratamente le eroiche azioni
dei guerrieri: sulle tende, sugli scudi di guerra, sugli ornamenti e, naturalmente, nei testi delle leggende che
oggi sono narrate. Quando le popolazioni sono ridotte a vivere nelle riserve, le antiche gesta di valore sono
ancora pi cruciali per la conservazione di unidentit positiva. NellEst, il processo di raccogliere leggende
fu cos inquinato dai pregiudizi di chi le registrava che molte importanti storie di guerra e di altro genere
sono andate perdute, con leccezione di alcune leggende irochesi. La gente del deserto del Sudovest per
tradizione stata troppo pacifica per dare origine ad un grande corpo di miti di guerra, bench esistano
tuttora alcune leggende delle scorrerie degli Apache e dei Navaho.

TOPOLINO CONTA I COLPI (Sioux Brul)


Questa una canzone per bambini che Cervo Zoppo compose e miglior di tanto in tanto. Fu composta
nel vecchio stile dei canti guerrieri, con parole arcaiche, e tradotta dallo stesso Cervo Zoppo e che
Richard Erdoes pot adattare.
Oh, kola pila, amici! venuto ad accadere.
Desidero ardentemente faccia dipinta di nero; i cavalli desidero ardentemente.
Amici, io, Itunkala il Topo, vado sul sentiero di guerra. Osservate il mio destriero, Rana Gigante Lavata, osservatemi, Itunkala,
sulla rana che salta lontano!
Io, Topo, cavalcando io stesso; io, Itunkala, primo in guerra! Amici, un filo derba; come bastone per contare io sostengo, un
rigido filo derba per contare i colpi; su Igmu il Gatto, Igmu, sto venendo; come un guerriero io cavalco.
Igmu, i tuoi cavalli, il tuo scalpo, desidero ardentemente.
Amici, Igmu, il grande Gatto; lo combatto.
Amici, kola pila; non ebbi paura di Igmu.
La mia lunga coda, amici, lho fissata al terreno, portatore di sciarpa io, guerriero Volpe io; io Itunkala, Topo. Un primo colpo
contai; primo colpo fortunato su Igmu. Come uno scalpo, amici, uno dei suoi baffi presi; osservate! i baffi di Igmu io porto;
lunghi baffi io sto portando. Ragazze di bellaspetto: preparate una festa!
Amici, Hoka-hey\ Igmu ho vinto, ma amici, dov la mia coda?
(Nello stomaco di Igmu. Amici, abbiate piet di me!)

DUE PALLOTTOLE E DUE FRECCE (Sioux Brul)


Questo Henry Cane Corvo che parla. Ecco come mio nonno, il primo Cane Corvo, acquis il suo nome.
Egli era un capo che stava per condurre un gruppo in una scorreria nel Hante Paha Wakan, ora chiamato
Valle dei Cedri nel Sud Dakota. Prima di uscir fuori a cavalcare, ebbe una visione; vide un cavallo bianco
sulle nuvole che gli diede la sacra polvere del cavallo. Come risultato, il suo pony divenne shunkakaluzahan, il cavallo pi veloce della banda.
Ma ci non fu tutto della visione. Il capo ud la voce di shunk-manit, il coyote, che diceva: Io sono
lUno! . Allora il suo cavallo allimprovviso rizz gli orecchi ed il vento fischi attraverso le due penne
daquila che il capo stava portando. Le penne parlarono, dicendogli: C un uomo ritto su quella collina
laggi, tra i due alberi . Il capo ed i suoi compagni videro luomo distintamente che alz le mani e poi
spar. Il capo invi due esploratori, uno a nord ed uno a sud, ma quelli ritornarono dicendo di non aver visto
nessuno.
Quelluomo sulla collina deve essere stato un wanagi, uno spirito , disse il capo. Cerc di avvertirci,
ma di che cosa voleva avvertirci? Non lo so. Io sono un guerriero che sta per effettuare una scorreria, e non
posso preoccuparmi molto per gli spiriti . Cos partirono a cavallo ed arrivarono ad un fiume. Il capo decise
di accamparsi l perch, se i nemici arrivavano, la sponda del fiume avrebbe impedito loro di circondare il
suo gruppo.
Durante la notte il capo ud il coyote ululare quattro volte. Shunk-manit gli stava dicendo: Qualcosa di
brutto vi sta per accadere! . Il capo comprese e riun gli uomini della sua banda. Cerano l alcuni Tokala,
alcuni guerrieri Kit Fox. Essi cantarono un canto rincorante:
Io sono un Volpe.
Si presume chio debba morire.

Ho gi gettato via la mia vita.


Qualcosa di temerario,
qualcosa di pericoloso,
desidero fare.

Essi si dipinsero la faccia di nero. Si fecero sacri. Si prepararono a combattere ed a morire. Dissero che
per un uomo quello era un bel giorno per offrire la vita.
Allalba il nemico attacc. Cerano alcuni wasichu, alcuni coloni bianchi, guidati da un soldato con la
casacca blu e molti esploratori Crow e guerrieri Absaroke che davano loro una mano. Indiani che aiutavano i
bianchi a combattere gli Indiani! Quella era proprio una brutta cosa.
Nel gruppo del capo, tuttavia, cerano molti famosi guerrieri. Cera Due Colpi Numpa Kachpa che
acquis il suo nome quando colp con una sola pallottola due soldati bianchi che cavalcavano sullo stesso
cavallo. Uccide-in-Acqua era l, ed il figlio di Orso Corno Vuoto, e Uccide-a-Vista. Due esploratori Crow
ferirono Uccide-a-Vista sul suo veloce cavallo. Uccide-a-Vista frust il cavallo, che lo condusse via
penzolante su di esso. Il cavallo era cos veloce che nessun nemico pot arrivare vicino, e port Uccide-aVista a casa in salvo.
Ora appiedato, il capo stava cercando attorno nella speranza di afferrarsi ad uno dei cavalli dei Crow senza
cavaliere, quando fu colpito da due frecce nemiche, una alta sul torace proprio sotto la clavicola, laltra nel
fianco. La seconda freccia era profonda, proprio dentro il fegato. Egli spezz le frecce con la mano, ed il
figlio di Orso Corno Vuoto e due altri della banda andarono in suo aiuto, bench anchessi fossero stati feriti.
Tutti i loro cavalli erano stati colpiti da almeno una freccia.
Il capo disse loro: inutile che vi preoccupiate di me; ho una brutta ferita. Non posso sopravvivere, cos
mettetevi in salvo! . Nondimeno, essi afferrarono il cavallo dun caduto e vi misero su il capo, dicendo:'
Sii forte. Afferrati! . Poi gli Absaroke ed alcuni wasichu piombarono su di loro, che ebbero il loro daffare
per aprirsi un varco. Combattendo per la vita contro molti, persero di vista il loro capo. Pensarono che fosse
stato ucciso e ritornarono a casa raccontando le brutte cose che erano capitate.
Il capo aveva cavalcato, ma presto divenne cos debole per il sangue perso che cadde gi dal pony.
Giacendo sulla neve con grande dolore, aveva a malapena la forza di cantare il suo canto di morte. Era
tutto solo, con nessun amico n nemico in vista.
Allimprovviso due coyote arrivarono, ringhiando ma dolcemente. Essi dissero: Ti conosciamo! e
lo tennero caldo durante la notte coricandosi accanto a lui su ciascun lato. Leccarono il sangue dal suo
viso. Gli portarono della carne di daino per rinforzarlo ed un sacro farmaco per le ferite che gli dissero
di applicare dove le frecce lo avevano colpito. Il farmaco rese la carne pi tenera e la fece aprire,
cosicch pot tirar via la punta delle frecce e quello che rimaneva delle aste. Il farmaco portato dai
coyote guar il capo e la carne che gli diedero lo rese forte. Quando fu in grado di camminare, un corvo
arriv volando e lo guid verso casa. Tutta la gente fu stupita nel vederlo e nelludire la sua storia.
Un po di tempo dopo che il capo si fu ristabilito, and fuori a caccia da solo e cadde in una
imboscata tesagli da

una banda di Pahanis. Questi nemici avevano fucili ed il capo fu colpito da due pallottole, una nel braccio ed
una nelle costole. La seconda gli tocc i polmoni e ci fece s che nella sua tarda et egli fosse sempre un
poco gracile di torace.
Riusc ad allontanarsi sul suo veloce cavallo abbastanza da essere in salvo dai Pahanis, ma poi non pot

pi cavalcare oltre. Scese dal cavallo e si distese sul terreno. Questa volta muoio per davvero , si disse.
Ma di nuovo arrivarono i due coyote, portando carne e farmaco per le pallottole, curandolo e scaldandolo
per quattro giorni sino a che gli ritornarono le forze e le sue ferite furono un po migliorate. E di nuovo
volando arriv il corvo, osservando da sopra luomo, ammonendolo quando i nemici erano vicini,
guidandolo al luogo dove il suo cavallo aveva vagato. Cos ancora una volta il capo risuscit dalla morte.
Allora con la pelle del collo di un buffalo si fece uno scudo e, seguendo sacre procedure, vi dipinse su due
punte di freccia e due circoli che rappresentavano le pallottole. Questo era il suo wotawe, il suo emblema
araldico e la sua protezione, perch dopo che fu sopravvissuto a queste quattro ferite, e dopo che ebbe fatto
lo scudo, per il futuro niente poteva pi recargli dolore.
Ed allora acquis anche il suo cognome Kangi Shunka, Corvo Coyote, che gli addetti al censimento dei
bianchi fraintesero e fecero diventare Corvo Cane. Si pu andare lontano con un nome come questo.
Raccontata da Henry Corvo Cane nella Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, nel 1969 e registrata da Richard Erdoes.

UNA COPERTA CHEYENNE (Pawnee)


I Cheyenne, come gli altri Indiani, non parlano fra loro quando sono fuori dell'accampamento. Se un
uomo lascia il villaggio e siede o sta ritto per conto suo sulla cima di una collina, segno che vuole stare
solo, forse per meditare, forse per pregare. Nessuno gli parla o gli va vicino.
Cera una volta un ragazzo Pawnee che part sul sentiero di guerra verso il campo dei Cheyenne. In
qualche modo si era procurato una coperta cheyenne. Arriv vicino allaccampamento, si nascose ed attese.
Verso la met del pomeriggio abbandon il posto overa nascosto e cammin in direzione della cima di una
collina che dominava il villaggio dallalto. Si era avvolto la coperta cheyenne intorno al corpo e sopra la
testa, lasciando solo un piccolo buco per gli occhi. Rimase ritto tranquillamente ad osservare
laccampamento per unora o due.
Gli uomini stavano rientrando dalla caccia al buffalo, alcuni di loro conducendo i cavalli da soma carichi
di carne. Un cacciatore cavalcava un cavallo carico di carne mentre conduceva un altro cavallo da soma ed
un cavallo nero chiazzato che era il suo cavallo da corsa. I cavalli da corsa sono cavalcati soltanto durante la
caccia o nelle spedizioni di guerra, e dopo essere stati usati sono condotti al fiume per essere accuratamente
lavati e strigliati. Quando il ragazzo Pawnee vide il cavallo chiazzato, comprese che quello era ci che
voleva. Il cacciatore condusse lanimale alla sua tenda, smont, porse le briglie alla moglie ed entr.
Allora il Pawnee decise quello che avrebbe fatto. Scese dalla collina, entr nel villaggio ed and dritto alla
tenda dove le donne stavano scaricando la carne. Avvicinatosi a loro, raggiunse ed afferr le funi del cavallo
chiazzato e di uno dei cavalli da soma. Le donne si ritrassero, pensando che fosse uno dei parenti del
proprietario venuto per portare il cavallo da corsa al fiume. Il Pawnee non sapeva parlare cheyenne, ma
nellandar via borbott qualcosa: M-m-m-m , a bassa voce, e poi cammin verso il fiume. Non appena fu
arrivato alla riva e fuori dalla vista, salt sul cavallo chiazzato, lo cavalc dentro i cespugli e ben presto fu
lontano con i due animali rubati in pieno giorno nellaccampamento dei Cheyenne.
Basata su una storia raccolta da George Bird Grinnell negli anni 1880.

LA FANCIULLA GUERRIERA (Oneida)


Molto tempo fa, prima dell'arrivo delluomo bianco su questo continente, gli Oneida furono assaliti dai
loro vecchi nemici, i Mingoe. Gli invasori attaccarono i villaggi Oneida, presero dassalto le loro palizzate,
appiccarono il fuoco alle loro lunghe case, resero la terra un deserto, distrussero i campi di grano, uccisero
uomini e ragazzi, e rapirono le donne e le ragazze. Non si poteva opporre resistenza ai Mingoe, perch erano
numerosi come i granelli di sabbia, come i ciottoli della riva di un lago.
I villaggi degli Oneida erano deserti, i loro campi trascurati, le rovine delle loro case annerite. Gli uomini
avevano portato le donne, i vecchi, i ragazzi e le ragazze giovani nellinterno delle foreste, nascondendoli in
luoghi segreti tra le rocce, in caverne e su montagne desolate. I Mingoe erano alla ricerca di vittime, ma non
le trovavano. Il Grande Spirito stesso aiut il popolo a nascondersi ed a proteggere i loro luoghi di rifugio
dagli occhi dei nemici.

Cos il popolo Oneida fu in salvo in inaccessibili luoghi appartati, ma stava pure soffrendo la fame. Tutto
il cibo clic erano stati capaci di salvare termin ben presto. Potevano rimanere nei loro nascondigli e soffrire
la fame, o abbandonarli per andare in cerca di cibo ed essere scoperti dai nemici. I capi guerrieri e gli altri
capi si riunirono in consiglio ma non riuscirono a trovare una soluzione.
Allora una ragazza si fece avanti nel consiglio e disse che i buoni spiriti le avevano inviato un sogno che
le mostrava come salvare gli Oneida. Il suo nome era Aliquipiso e lei non aveva paura di offrire la vita per il
suo popolo.
Aliquipiso disse al consiglio: Noi siamo nascosti sulla cima di un alto dirupo a picco. Sopra di noi la
montagna coperta di macigni e pesanti rocce aguzze. Voi guerrieri aspettate qui e state allerta. Io andr
dai Mingoe e li guider al luogo che alla base del dirupo dove tutti loro possono essere schiacciati e
distrutti .
I capi, i membri importanti ed i guerrieri ascoltarono la ragazza con stupore. Il pi anziano dei capi le
rese onore, mettendole intorno al collo fili di conchiglie bianche e purpuree. Il Grande Spirito ti ha
benedetta, Aliquipiso, con coraggio e saggezza disse. Noi, tuo popolo, ti ricorderemo sempre .
Durante la notte la ragazza scese dalle sommit nella foresta sottostante per un sentiero segreto. Al
mattino, gli esploratori Mingoe la trovarono che vagava per i boschi come se si fosse perduta. La portarono
al villaggio bruciato ed abbandonato dove un tempo lei viveva, perch quello ora era il loro accampamento.
La portarono davanti al capo dei guerrieri. Mostraci la strada per il luogo dove il tuo popolo nascosto ,
ordin. Se lo farai, ti adotteremo nella nostra trib. Quindi apparterrai ai vincitori. Se rifiuti, sarai torturata
al palo .
Non vi mostrer la strada , rispose Aliquipiso. I Mingoe la legarono ad un tronco dalbero annerito e la
torturarono con il fuoco, come era loro costume. Persino i selvaggi Mingoe rimasero stupiti nel vedere con
quale coraggio la ragazza lo sopportava. Alla fine Aliquipiso fece finta di sentirsi mancare dal dolore. Non
fatemi del male , grid, vi mostrer la strada! .
Come venne di nuovo la notte, i Mingoe legarono le mani di Aliquipiso dietro la schiena e la spinsero
davanti a loro. Non cercare di tradirci , lammonirono. Al primo segno, ti uccideremo . Fiancheggiata
da due guerrieri con armi bilanciate, Aliquipiso fece strada. Silenziosamente un gran numero di guerrieri
Mingoe avanz furtivamente dietro di lei attraverso il folto degli alberi, su terreni accidentati, su passaggi
ventosi e sentieri di cervi, sino a che alla fine arrivarono sotto il torreggiarne dirupo di puro granito.
Avvicinatevi, guerrieri Mingoe, disse a bassa voce, raccoglietevi intorno a me. Gli Oneida lass stanno
dormendo, pensando di essere in salvo. Vi mostrer il passaggio segreto che conduce in alto . I Mingoe si
radunarono tutti insieme formando una densa massa con la ragazza al centro. Allora Aliquipiso emise un
grido lacerante: Oneida! I nemici sono qui! Distruggeteli! .
I Mingoe ebbero appena il tempo di abbatterla prima che enormi macigni e rocce rovinassero su di loro.
Non cera possibilit di fuga; sembrava che la montagna arrabbiata stesse cadendo su di loro, schiacciandoli,
seppellendoli. Cos morirono l tanti guerrieri Mingoe che le altre bande dinvasori Mingoe smisero di
saccheggiare la regione degli Oneida e si ritirarono nei loro territori di caccia. Mai pi fecero guerra al
popolo di Aliquipiso.
La storia del coraggio della ragazza e del suo sacrificio fu narrata e rinarrata ovunque gli Oneida
sedevano intorno ai fuochi degli accampamenti e verr raccontata dai nonni ai nipoti sino a che vi saranno
Oneida su questa terra.
Il Grande Mistero mut i capelli di Aliquipiso nella vite del Canada, che gli Oneida chiamano capelli
che corrono e che un buon farmaco. Dal suo corpo nasce il caprifoglio, che ancor oggi conosciuto tra la
sua gente come il sangue delle donne coraggiose.
Basata sulla versione narrata da W. W. Canfield nel 1902.

LASSEDIO DI COURTHOUSE ROCK (Sioux White River)


Il Nebraska verde e piatto, fa parte della regione ove cresce il grano. Ci sono fattorie ovunque e silos, e
la terra non assomiglia affatto allOvest. Ma se viaggiate nella direzione dove tramonta il sole, trovate grandi
alberi e rocce selvagge che emergono dalle pianure. Prima incontrate la Chimney Rock, torreggiarne come
un ago gigante sulla prateria. Era un famoso punto di riferimento per i coloni che andavano nei loro carri
coperti allOvest sulla pista dellOregon o che percorrevano la strada pi meridionale che portava ai terreni

auriferi del Colorado.


Poi arrivate ai due gemelli, Courthouse Rock e Jailhouse Rock. Formati di pietra gialla, sono coperti con
piante di iucca e cespugli di salvia. Le rondini del fango nidificano nelle loro pareti rocciose. Se vi
arrampicate su uno dei gemelli, avete una meravigliosa vista delle pianure tutto attorno. E verso ovest, oltre
le pianure, sorgono i dirupi calcarei e le colline di sabbia del Nebraska, patria di molti Sioux occidentali.
Molto tempo fa un gruppo di Sioux sul sentiero di guerra sorprese un altro gruppo di Pahani presso
Courthouse Rock. Noi Sioux abbiamo combattuto molte battaglie contro i Pahani. I bianchi avevano spinto
nazioni come le nostre, la cui patria era pi lontano ad est presso i Grandi Laghi, verso ovest nella prateria e
nei terreni di caccia di altre trib. Forse i Pahani erano l prima di noi; chi lo sa? In ogni caso, ora noi
stavamo cacciando gli stessi branchi nello stesso posto e naturalmente ci combattevamo.
Suppongo che i nostri fossero pi numerosi dei Pahani, e questi si ritirarono sulla cima di Courthouse
Rock per salvarsi. Tre lati di Courthouse Rock vanno dritti su e gi come le pareti di un grattacielo. Nessuno
poteva scalarli. Solo il quarto lato aveva un sentiero che arrivava in cima e che poteva essere facilmente
difeso da pochi uomini coraggiosi.
Cos i Pahani erano sulla cima di Courthouse Rock ed i Sioux alla base. Il capo Sioux disse ai suoi
guerrieri: inutile prenderla dassalto. Solo tre o quattro uomini affiancati possono andar su per quel
sentiero, sicch persino delle donne e dei bambini potrebbero difenderla. Ma i Pahani non hanno acqua e
presto rimarranno senza cibo. Essi possono stare lass e morire di fame o di sete, o possono venire a
combatterci nella pianura. Quando scendono, noi possiamo ucciderli e contare molti colpi su di loro . I
Sioux si prepararono ad attenderli ai piedi della rocca.
Sulla sommit, come il capo dei Sioux aveva previsto, i Pahani soffrivano la fame e la sete.
Sindebolivano. Bench ci fosse poca speranza per loro, avevano un capo coraggioso che era capace di
adoperare la testa.
Sapeva che tre lati della rocca non erano sorvegliati e che uno avrebbe dovuto essere un uccello per
discenderli. Tuttavia, in uno dei tre ripidi lati cera una rotonda protuberanza che sporgeva dalla parete della
roccia. Se noi potessimo legare

gare ad essa una fune, noi potremmo calarci gi , pens. Ma la sporgenza era troppo levigata, rotonda e
grande per tenere un laccio.
Allora il capo Pahani prov il suo coltello sulla protuberanza della roccia. Trov che la pietra era tenera
abbastanza per essere scalfita con facilit dal coltello, e pazientemente cominci a scavare un incavo intorno
alla sporgenza. Egli ed i suoi uomini lavoravano soltanto di notte in modo che i Sioux non potessero vedere
quello che stavano facendo. Dopo due notti avevano scavato un incavo sufficientemente profondo. Quando
legarono insieme tutte le loro funi di pelle grezza, si resero conto che la corda avrebbe raggiunto il terreno.
La terza notte il capo Pahani fiss una estremit della fune intorno alla protuberanza della roccia. Egli
stesso la prov calandosi per tutto il percorso per poi risalir su nuovamente, il che occup gran parte della

notte.
La seguente e quarta notte, egli disse ai suoi uomini: venuto il momento. Lasciamo andare prima il pi
giovane .
I Pahani si calarono gi ad uno ad uno, il pi giovane ed il meno capace per primi, in modo che un grande
gruppo potesse assicurarli, ed i guerrieri pi anziani ed esperti dopo.
Il capo discese per ultimo. I Sioux non li notarono affatto, e lintera banda se la svign quatta quatta.
I Sioux rimasero ai piedi della rocca per molti giorni. Loro stessi cominciavano a soffrire la fame, perch
avevano cacciato tutta la selvaggina. Alla fine un giovane guerriero coraggioso disse: Devono essere tutti
morti lass. Sono stufo di aspettare; andr su a vedere . Si arrampic su per il sentiero sino alla cima e
grid gi che lass non cera nessuno.
Quella volta la burla fu giocata ai Sioux. sempre bello raccontare una storia che fa onore ad un nemico
coraggioso, specialmente quando la storia vera. Ci sono dei Pahani che stanno ascoltando?
Raccontata da Jenni Nuvola Alta a White River, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, nel 1967, e registrata da Richard Erdoes.

CAPO NASO ROMANO PERDE LAMULETO (Sioux White River)


I Lakota ed i Shahiyela i Sioux ed i Cheyenne sono stati buoni amici per un lungo tempo. Sovente
hanno combattuto spalla a spalla. Combatterono i soldati bianchi sulla strada di Bozeman, che gli Indiani
chiamano la strada dei Furti perch fu costruita per rubare la nostra terra. Combatterono insieme al fiume
Rosebud e le due trib unite sbaragliarono Custer nella grande battaglia di Little Bighorn. Anche ora in una
rissa da osteria, un Sioux verr sempre in aiuto ad un Cheyenne e viceversa. Noi Sioux non dimenticheremo
mai che coraggiosi combattenti solevano essere i Cheyenne.
Oltre un centinaio danni fa i Cheyenne ebbero un condottiero famoso che i bianchi chiamavano Naso
Romano. Egli aveva la fiera ed orgogliosa faccia di uno sparviero e le sue gesta furono leggendarie.
Cavalcava sempre in battaglia con un copricapo da guerra che si trascinava dietro di lui. Era fitto di piume
daquila e ciascuna stava a significare un atto di coraggio, un colpo contato sul nemico.
Naso Romano aveva un potente amuleto di guerra, una magica pietra che portava legata ai suoi capelli
dietro la testa. Prima di un combattimento spargeva la sacra polvere gialla sulla sua camicia di guerra e
dipingeva il suo cavallo con disegni di chicchi di grandine. Tutte queste cose, specialmente la pietra magica,
lo rendevano invulnerabile alle pallottole. Naturalmente poteva essere ammazzato da una lancia, da un
coltello, o da unascia, ma non da un fucile. E nessuno ebbe mai la meglio su Naso Romano in un
combattimento a corpo a corpo.
Cera un aspetto che riguardava lamuleto di Naso Romano: mentre mangiava non gli era permesso di
toccare niente che fosse di metallo. Doveva usare cucchiai di corno o di legno e mangiare in ciotole di legno
o di terraglia. La sua carne doveva essere cotta in una sacca di buffalo o in una pentola di argilla, non in un
bricco di ferro dell'uomo bianco.
Un giorno Naso Romano ricevette la notizia di una battaglia in corso tra soldati bianchi e guerrieri
Cheyenne. Per un giorno intero il combattimento aveva oscillato tra alterne vicende. Vieni ad aiutarci;
abbiamo bisogno di te , diceva il messaggio. Naso Romano radun i suoi guerrieri. Consumarono un pasto
in fretta e Naso Romano dimentic le leggi del suo amuleto. Usando un cucchiaio di metallo ed un coltello
di acciaio delluomo bianco, mangi carne di buffalo cotta in un bricco di ferro.
I soldati bianchi avevano costruito un forte su una lingua di terra sabbiosa che formava unisola in mezzo
al fiume. Sparavano al coperto ed avevano un nuovo tipo di fucile che era migliore e che poteva sparare pi
in fretta e colpire pi lontano delle frecce e dei fucili ad avancarica degli Indiani.
I Cheyenne si lanciavano contro i soldati in un attacco dopo laltro, ma lacqua in alcuni punti arrivava
alla sella dei loro cavalli ed il fondo del fiume era scivoloso. Essi non potevano arrivare velocemente sul
nemico ed erano esposti ad un fuoco micidiale. I loro attacchi erano respinti, le loro perdite pesanti.
Naso Romano si prepar per il combattimento indossando gli abiti pi belli, la casacca da guerra ed i
gambali. Dipinse il suo miglior cavallo con disegni di chicchi di grandine e leg nei suoi capelli dietro alla
testa il ciottolo che lo rendeva invulnerabile alle pallottole. Ma un vecchio guerriero gli si avvicin e disse:
Hai mangiato da un bricco di ferro con un cucchiaio di metallo ed un coltello dacciaio. Il tuo amuleto non
ha potere; non devi combattere oggi. Purificati per quattro giorni in modo che il tuo amuleto sia di nuovo
valido.
Ma il combattimento oggi, non tra quattro giorni , disse Naso Romano. Devo condurre i miei

guerrieri. Morir, solo le montagne e le rocce sono eterne . Indoss il suo grande copricapo da battaglia,
cant il suo canto di morte e poi caric. Mentre cavalcava verso i parapetti di legno dei bianchi, una
pallottola lo colp al torace. Egli cadde dal cavallo; il suo corpo fu immediatamente sollevato dai suoi
guerrieri, ed i Cheyenne si ritirarono con il loro capo morto. Onorare la sua morte, dargli una confacente
sepoltura, era pi importante che continuare la battaglia.
Per tutta la notte i soldati nel forte poterono udire i canti di dolore dei Cheyenne, i lamenti funebri delle
donne. Anche loro seppero che il grande capo Naso Romano era morto. Era morto come era vissuto. Aveva
mostrato che talvolta pi importante agire come capo che vivere sino ad una et molto avanzata.
Raccontata da Jenni Nuvola Alta White River, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, 1967. Registrata da Richard Erdoes.

UNA DONNA CORAGGIOSA CONTA I COLPI (Sioux White River)


Oltre un centinaio danni fa, quando molti Sioux vivevano ancora in quello che ora il Minnesota, cera
una banda di Sioux Hunkpapa presso il Lago degli Spiriti comandati da un capo chiamato Tawa Makoce,
che significa Sua Regione. Era anche la sua regione, terra indiana, sino a che i soldati bianchi alla fine con i
loro cannoni scacciarono le trib Lakota al di l del Mni Shoshay: Il Grande Melmoso, il Missouri.
In giovent il capo era stato uno dei pi grandi guerrieri. Pi tardi, quando i suoi giorni dei combattimenti
erano finiti, era conosciuto come un capo saggio, inestimabile in consiglio, e come grande donatore di feste,
uno che provvedeva per i poveri. Il capo aveva tre figli ed una figlia. I figli cercarono di essere guerrieri
altrettanto potenti come il loro padre, ma era difficile riuscirci. Ripetutamente essi combatterono gli Indiani
Crow con spavaldo coraggio, esponendosi in prima fila, lottando corpo a corpo, sino a che tutti furono
uccisi, ad uno ad uno. Ora al triste vecchio capo era rimasta soltanto la figlia. Alcuni dicono che il suo nome
era Makhta. Altri la chiamano Winyan Ohitika, Donna Coraggiosa.
La ragazza era bella ed orgogliosa. Molti giovani mandavano i loro padri dal vecchio capo con bei cavalli
in dono che erano proposte preliminari di matrimonio. Tra coloro che la desideravano in moglie cera un
giovane guerriero chiamato Corno Rosso, egli stesso figlio di un capo, il quale invi ripetutamente il padre a
chiedere la sua mano. Ma Donna Coraggiosa non voleva sposarsi. Non prender un marito , disse, sino
a che non avr contato un colpo sui Crow per vendicare i miei fratelli morti . Un altro giovane che amava
Donna Coraggiosa era Wanblee Cikala, o Piccola Aquila. Egli era troppo timido per dichiarare il suo amore,
perch era un povero ragazzo che non era mai stato capace di rendersi famoso.
A quel tempo i Kangi Oyate, la nazione dei Crow, facevano un grande sforzo per stabilirsi lungo le
sponde del Missouri superiore in una regione che i Sioux consideravano loro. I Sioux decisero dinviare un
numeroso corpo di spedizione per ricacciarli indietro, e tra i giovani che uscirono a cavallo cera Corno
Rosso e Piccola Aquila. Cavalcher con voi , disse Donna Coraggiosa. Indoss il suo pi bel vestito di
pelle di daino riccamente decorato con perline ed aculei di porcospino, ed intorno al collo si mise una
collana di conchiglie di dentalio. And dal vecchio capo. Padre , disse, devo andare nel luogo dove i
miei fratelli sono morti. Devo contare un colpo per loro. Dimmi che posso andare .
Il vecchio capo pianse di orgoglio e di tristezza. Sei la mia ultima figlia, disse, e temo per te e per la
solitaria vecchiaia senza figli che mi confortino. Ma da molto che hai preso la decisione. Vedo che devi
andare; fallo in fretta. In battaglia porta il mio copricapo di guerra. Vai e non voltarti .
E cos sua figlia, presi le armi dei fratelli ed il copricapo di guerra del padre ed il pi bel cavallo da
guerra, cavalc con i guerrieri. Trovarono un villaggio nemico cos enorme che sembrava contenere lintera
nazione dei Crow: centinaia di uomini e migliaia di cavalli. Cerano molti pi Crow che Sioux, ma
nondimeno i Sioux attaccarono. Donna Coraggiosa era una visione che eccitava i guerrieri a grandi gesta. A
Corno Rosso diede la lancia e lo scudo di suo fratello maggiore. Conta il colpo per mio fratello che
morto , disse. A Piccola Aquila diede larco e le frecce del secondo fratello. Conta il colpo per colui che
li possedette , gli disse. Ad un altro giovane guerriero diede la clava di guerra del fratello pi giovane. Per
s, per contare il colpo, tenne soltanto il vecchio e curvo bastone di suo padre, avvolto di pelliccia di lontra.
Sulle prime Donna Coraggiosa si trattenne dal partecipare al combattimento. Incoraggiava i Sioux
rincuorandoli, cantando e lanciando acute e vibranti grida di guerra con le quali le donne indiane
incoraggiano i loro uomini. Ma quando i Sioux, inclusi i guerrieri della banda Hunkpapa, furono respinti
dallo schiacciante numero del nemico, lei cavalc nel mezzo della battaglia. Non cercava di uccidere i

nemici, ma contava colpi a destra ed a sinistra, toccandoli con il bastone. Con una donna che combatteva
cos coraggiosamente tra loro, quale guerriero Sioux poteva pensare di ritirarsi?
Nondimeno la pressione dei Crow e dei loro cavalli respinse i Sioux una seconda volta. Il cavallo di
Donna Coraggiosa fu colpito da una pallottola di moschetto e cadde. Lei era a piedi, indifesa, quando Corno
Rosso la sorpass sul suo pony screziato. Lei era troppo orgogliosa per invocare aiuto ed egli finse di non
vederla. Allora Piccola Aquila venne fuori dalla polvere della battaglia cavalcando verso di lei. Smont e le
disse di salire sul suo cavallo. Lei acconsent, aspettandosi che lui saltasse dietro di lei, ma lui non lo fece.
Questo cavallo ferito ed troppo debole per portarci entrambi , disse.

Non lascer che tu sia ucciso , le disse. Egli prese larco di suo fratello e sferz il cavallo sul
posteriore. Il cavallo scapp via, come lui si prefiggeva e Piccola Aquila continu a combattere a piedi.
Donna Coraggiosa chiam a raccolta i guerrieri per unultima carica, che fecero con tale furore che i Crow
alla fine dovettero ritirarsi.
Questa fu la battaglia nella quale la nazione dei Crow fu scacciata per sempre dal Missouri. Fu una grande
vittoria, ma molti giovani coraggiosi morirono. Tra questi Piccola Aquila, abbattuto con la faccia rivolta al
nemico. I guerrieri Sioux spezzarono larco di Corno Rosso, gli presero le piume daquila e lo mandarono a
casa. Ma posarono il corpo di Piccola Aquila su unalta impalcatura sul luogo dovera laccampamento
nemico. Uccisero il suo cavallo affinch lo servisse nella terra delle molte tende. Vai di buon grado ,
dissero al cavallo. Il tuo padrone ha bisogno di te nel mondo degli spiriti .
Donna Coraggiosa si sfregi alle braccia ed alle gambe con un coltello affilato. Tagli corti i suoi capelli e
strapp il suo bianco abito di pelle di daino. In questo modo port il lutto per Piccola Aquila. Loro non erano
stati marito e moglie; infatti aveva osato a malapena parlarle o guardarla, ma ora lei chiedeva a tutti di
trattarla come se fosse la vedova del giovane guerriero. Donna Coraggiosa non prese mai marito e non cess
mai di portare il lutto per Piccola Aquila. Sono la sua vedova , diceva a tutti. Mor di vecchiaia, Aveva
fatto una grande cosa e la sua fama continua.
Raccontata da Jenny Nuvola Alta a White River, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, nel 1967. Registrata da Richard Erdoes.

AQUILA CHIAZZATA E CORVO NERO (Sioux White River)


Questa storia, di gelosia e di aquile, di due guerrieri fu raccontata per la prima volta dal grande
Mapiya Luta, il Capo Nuvola Rossa degli Oglala.
Molte generazioni fa vivevano due guerrieri coraggiosi. Uno era chiamato Wanblee Gleshka, Aquila
Chiazzata. Laltro era Kangi Sapa, Corvo Nero. Essi erano amici ma, come accadeva, erano pure innamorati

della stessa ragazza, Zintkala Luta Win, Uccello Rosso. Lei era tanto bella quanto abile nel conciare le pelli
e nel ricamare con aculei e le piaceva di pi Aquila Chiazzata, il che rendeva Corvo Nero infelice e geloso.
Corvo Nero and dal suo amico e gli disse: Facciamo una spedizione di guerra contro i Pahani. Ci
procureremo dei bei cavalli e ci guadagneremo penne daquila .
Buona idea , disse Aquila Chiazzata, ed i due giovani si purificarono con il bagno di vapore. Tirarono
fuori i loro amuleti di guerra ed i loro scudi, si dipinsero la faccia, e fecero tutto quello che i guerrieri
dovrebbero fare prima di una scorreria. Poi partirono a cavallo contro i Pahani.
La scorreria non and bene. I Pahani stavano vigilando ed i giovani guerrieri non poterono avvicinarsi alla
mandria di cavalli. Non soltanto non riuscirono a catturare dei pony, ma persero anche le loro cavalcature
mentre cercavano di avvicinarsi furtivamente alla mandria nemica. Aquila Chiazzata e Corvo Nero
passarono un momento difficile nel fuggire a piedi perch i Pahani li cercavano ovunque. I due dovettero
anche nascondersi sottacqua in un lago e respirare attraverso lunghe canne bucate che affioravano in
superficie. Ma furono bravi a nascondersi ed alla fine i Pahani abbandonarono la caccia.
Camminare a piedi rese lungo il viaggio verso casa. Avevano i mocassini a brandelli, i piedi sanguinanti.
Alla fine arrivarono ad un alto dirupo. Andiamo lass , disse Corvo Nero, e cerchiamo di scoprire se il
nemico ci sta seguendo . Si arrampicarono lass, guardarono su tutta la campagna intorno e videro che
nessuno era sulle loro tracce. Ma su una sporgenza molto al di sotto di loro notarono un nido con dentro due
giovani aquile. Prendiamo almeno quelle aquile , disse Corvo Nero. Non cera modo di scendere gi
lungo la liscia parete rocciosa, ma Corvo Nero prese la sua fune di pelle grezza, fece un cappio, la mise
intorno al torace di Aquila Chiazzata e lo cal gi.
Quando il suo amico raggiunse la sporgenza con il nido, Corvo Nero disse tra s: Posso lasciarlo l a
morire. Quando arriver a casa solo, Uccello Rosso mi sposer. Gett gi il capo della fune e se ne and
senza voltarsi indietro od ascoltare le grida di Aquila Chiazzata.
Alla fine fu chiaro ad Aquila Chiazzata che il suo amico laveva tradito e che era stato lasciato l a morire.
Il laccio era troppo corto per calarsi sino alla base; sotto di lui cera un abisso di trecento piedi. Egli era solo
con due giovani aquile, che strillavano sdegnosamente contro quella strana creatura bipede che aveva invaso
la loro casa.
Corvo Nero ritorn al villaggio. Aquila Chiazzata ha fatto una morte da guerriero , disse alla gente. I
Pahani lhanno ucciso . Per tutto il villaggio si levarono alti lamenti, perch tutti avevano amato Aquila
Chiazzata. Uccello Rosso con un coltello affilato si sfregi le braccia e si tagli i capelli per rendere evidente
a tutti il suo dolore. Ma alla fine, poich la vita deve continuare, divenne la moglie di Corvo Nero.
Tuttavia, Aquila Chiazzata non mor sulla sua solitaria sporgenza. Le aquile cominciarono ad abituarsi a
lui e le vecchie aquile portavano grandi quantit di cibo conigli, cani della prateria e galline americane
che egli divideva con i due uccellini. Fu forse lamuleto daquila che aveva portato con s sul torace,
racchiuso in un involto, che convinse le aquile ad accettarlo. Tuttavia, se la passava male su quella
sporgenza. Era cos stretta che dovette legarsi ad una piccola roccia che emergeva dalla sporgenza per
evitare di cadere gi mentre dormiva. Trascorse in quel modo alcune spiacevoli settimane; dopo tutto, era un
essere umano e non un uccello al quale fa da casa una screpolatura nella parete rocciosa.
Alla fine le giovani aquile furono grandi abbastanza da esercitarsi nel volo. Che cosa sar di me ora?
pens il giovane. Una volta che gli uccellini saranno volati via dal nido, i vecchi uccelli non porteranno pi
cibo . Allora ebbe unispirazione, e disse fra s: Forse morir. Molto probabilmente sar cos. Ma non mi
do ancora per vinto .
Aquila Chiazzata tir fuori la piccola pipa dal suo fagotto degli amuleti, la alz al cielo, e preg: Wakan
Tanka, onshimala ye: Grande Spirito, abbi piet di me. Tu hai creato luomo e suo fratello, laquila. Mi hai
dato il nome dellaquila. Ora cercher di farmi portare a terra dalle aquile. Fai che le aquile mi aiutino; fai
chio riesca.
Fum e prov un impeto di fiducia. Poi afferr strette le zampe delle due giovani aquile. Fratelli , disse
loro, mi avete accettato come uno dei vostri. Ora vivremo insieme, o moriremo insieme; Hoka-hey! e
salt fuori dalla sporgenza.
Si aspettava di fracassarsi sul terreno di sotto, ma con un potente battere di ali, le due giovani aquile
fermarono la sua caduta ed i tre atterrarono senza incidenti. Aquila Chiazzata disse una preghiera di
ringraziamento a quelli lass. Poi ringrazi le aquile e disse loro che un giorno sarebbe ritornato con dei doni
e che avrebbe pure distribuito doni in una festa in loro onore.
Aquila Chiazzata ritorn al suo villaggio. Leccitamento fu grande. Era morto ed era ritornato in vita.
Ognuno gli chiedeva comera accaduto che non era morto, ma non volle dirlo. Lho scampata , disse,

questo tutto . Vide il suo amore sposata con lamico sleale e lo sopport in silenzio. Non era il tipo da
portare rancore ed inimicizia al suo popolo, da mettere una famiglia contro laltra. Inoltre, quello che era
accaduto non si poteva mutare. Cos accett il suo destino.
Circa un anno dopo, un gruppo numeroso di Pahani sul sentiero di guerra attacc il suo villaggio. Il
nemico era dieci volte pi numeroso dei Sioux, e la banda di Aquila Chiazzata non aveva possibilit di
vittoria. Tutto quello che i guerrieri potevano fare era di arretrare lentamente combattendo per dare il tempo
agli anziani, alle donne ed ai bambini di fuggire attraversando il fiume. Proteggendo cos il popolo, quel
pugno di Sioux combatteva coraggiosamente, caricando il nemico ripetutamente, costringendo i Pahani a
fermarsi ed a raggrupparsi di nuovo. Ogni volta, i Sioux si ritiravano un po, occupando una nuova posizione
su una collina
o al di l di una gola. In questo modo poterono salvare le loro famiglie. Aquila Chiazzata e Corvo Nero
mostravano il pi grande coraggio ed esponevano i loro corpi senza paura. Alla fine soltanto loro facevano
fronte al nemico. Poi, allimprovviso, il cavallo di Corvo Nero fu colpito da alcune frecce e si accasci sotto
di lui. Fratello, perdonami per quel
lo che ho fatto , grid ad Aquila Chiazzata, lasciami saltare sul tuo cavallo dietro di te .
Aquila Chiazzata rispose: Sei un membro delle Piccole Volpi, uno che porta la cintura. Fissa la tua
cintura come segno che combatterai sino alla fine. Se sopravviverai, ti perdoner; e se morirai, anche in
questo caso ti perdoner .
Corvo Nero rispose: Io sono una Volpe. Fisser la mia cintura. Qui vincer o morir . Cant il suo
canto di morte. Combatt strenuamente. Non cera nessuno che potesse liberarlo togliendo la cintura dal
terreno e farlo salire su un cavallo. Egli fu colpito da lance e frecce e mor come muore un guerriero. Molti
Pahani morirono con lui.
Aquila Chiazzata era stato il solo ad osservare lultimo combattimento di Corvo Nero. Alla fine raggiunse
il suo popolo, in salvo al di l del fiume, dove i Pahani non lo seguirono. Tuo marito morto bene , disse
Aquila Chiazzata ad Uccello Rosso.
Dopo che fu passato un certo tempo, Aquila Chiazzata spos Uccello Rosso. E molto pi tardi raccont ai
suoi genitori, ed a nessun altro, in che modo Corvo Nero lo avesse tradito. Ora lo perdono , disse,
perch una volta, molto tempo fa, era mio amico, e perch morto come dovrebbe morire un guerriero,
combattendo per il suo popolo, ed anche perch Uccello Rosso ed io ora siamo felici .
Quando dopo un lungo inverno ritorn la primavera, Aquila Chiazzata disse alla moglie: Devo andar via
per pochi giorni per mantenere una promessa. E devo andar solo . Cavalc da solo fino a quel dirupo ed
arriv di nuovo ai suoi piedi, sotto la sporgenza dove cera stato il nido delle aquile. Espose la sacra pipa
nelle quattro direzioni, poi gi alla Grande Madre Terra e su al Grande Padre, lasciando salire il fumo al
cielo, gridando: Wanblee, Mishunkala, Fratelli Aquilotti, ascoltatemi.
In alto, lass nelle nuvole, apparvero due puntini neri che roteavano. Erano le aquile che gli avevano
salvato la vita. Arrivarono al suo richiamo, le loro immerse ali regalmente spiegate. Piombando gi, si
posarono ai suoi piedi con uno stridulo grido di gioia e di riconoscimento. Le accarezz con il suo ventaglio
di piume, le ringrazi molte volte e le nutr con pezzetti di carne di buffalo di prima qualit. Leg intorno
alle loro zampe in segno di amicizia dei piccoli involti di amuleti e sparse offerte di sacro tabacco attorno ai
piedi del dirupo. In tal modo fece un patto di amicizia e fratellanza tra Wanblee Oyate la nazione delle
aquile ed il suo popolo. Poi i maestosi uccelli si librarono in aria di nuovo su nel cielo, roteando
immobili, portati dal vento, scomparendo tra le nuvole. Aquila Chiazzata volt la testa del suo cavallo verso
casa, ritornando da Uccello Rosso con profonda soddisfazione.
Raccontata da Jenny Nuvola Alta a White River, Riserva Indiana di Rosebud, Sud Dakota, 1967. Registrata da Richard Erdoes.

DOVE LA RAGAZZA SALV SUO FRATELLO (Cheyenne)


Nellestate del 1876, nelle pianure del Montana furono combattute tra soldati ed Indiani le due pi grandi
battaglie. Il primo combattimento fu chiamato la battaglia del Rosebud.
Il secondo, che fu combattuto una settimana pi tardi, fu chiamato la battaglia di Little Bighorn, dove il
generale Custer fu sbaragliato ed ucciso. I Cheyenne chiamano la battaglia del Rosebud il Combattimento
Dove la Ragazza Salv Suo Fratello. Lasciate che vi dica il perch.
Ebbene, un centinaio danni fa, gli uomini bianchi volevano che gli Indiani andassero nelle prigioni

chiamate riserve , per rinunciare alla loro libert di errare e di cacciare il buffalo, per rinunciare ad essere
Indiani. Alcuni si sottomisero senza opporre resistenza e si stabilirono dietro i fili spinati di quelle istituzioni,
ma altri non lo fecero.
Quelli che andarono nelle riserve per vivere come gli uomini bianchi furono chiamati amici . Quelli che
non vollero andare furono chiamati nemici . In realt, quelli non erano nemici. Loro non volevano
combattere; tutto ci che volevano era di essere lasciati in pace a vivere secondo il costume indiano, che era
un buon costume. Ma i soldati non li lasciarono in pace. Decisero di effettuare una grande battuta a cavallo e
di catturare tutti i nemici , di uccidere quelli che opponevano resistenza e portare indietro gli altri nelle
riserve come prigionieri.
Tre colonne di soldati entrarono nellultima distesa di terra lasciata ai pellerossa. Erano comandate dai
generali Crook, Terry e Custer. Crook aveva con s la maggior parte degli uomini, circa duemila. Aveva
pure cannoni ed esploratori indiani per fargli da guida. Al Rosebud venne in contatto con i guerrieri Sioux e
Cheyenne.
Gli Indiani avevano danzato la sacra danza del sole. Il grande capo Sioux e uomo santo, Toro Seduto,
aveva avuto una visione che gli diceva che i soldati sarebbero stati sconfitti.
I guerrieri avevano il morale alto. Alcuni uomini appartenenti a famose societ guerriere avevano fatto il
voto di combattere sino alla morte, cantando i canti di morte, gettando via la vita, come si era usi dire. Si
dipinsero la faccia per la guerra. Indossarono i loro completi migliori in modo che, se fossero stati uccisi, i
nemici avrebbero detto: Questo deve essere stato un grande capo. Guarda come giace l nobilmente .
I vecchi capi istruirono i giovani su come agire. Gli sciamani prepararono amuleti protettivi per i
combattenti, mettendo la polvere gialla sui capelli e dipingendo i cavalli con disegni di chicchi di grandine.
Ci era fatto per renderli invisibili agli avversari, o per renderli a prova di pallottola. Lupo Coraggioso
possedeva lamuleto pi ammirato: uno sparviero imbalsamato che allacci dietro la testa. Egli cavalcava
sempre in battaglia soffiando nel suo zufolo di osso daquila, ed una volta che il combattimento
incominciava, lo sparviero diveniva vivo e fischiava anchesso.
A fianco dei Cheyenne cerano molte fiere trib: gli Hunkpapa, i Minniconjou, gli Oglala, i Burned
Thighs, i Two Kettles. Arrivarono molti coraggiosi capi e guerrieri, incluso Due Lune, Toro Bianco,
Mocassini Sporchi, Piccolo Sparviero, Aquila Gialla e Uomo Bianco Zoppo. Tra i Sioux cera il grande
Cavallo Pazzo e Toro Seduto il loro uomo santo, ancora debole per lofferta della carne fatta nella danza
del sole ed il feroce Piove-in-Faccia. Chi pu contarli tutti? Che spettacolo meraviglioso!
Quelli che si erano guadagnati il diritto di portare i copricapi da guerra stavano cantando, alzandoli su. Tre
volte cessarono i loro canti e la quarta volta misero il copricapo sulla testa, lasciando che i nastri volassero e
strisciassero dietro di loro. Come devessere stato bello vedere tutto questo!
Cavallo Pazzo degli Oglala lanci il suo famoso grido di guerra: Un bel giorno per morire, ed un bel
giorno per combattere! I codardi nelle retrovie, i cuori coraggiosi mi seguano! .
Il combattimento inizi. Furono fatte molte azioni coraggiose, molti colpi furono contati. La battaglia
oscill avanti e indietro. Pi di qualunque altro, questo era il combattimento dei Cheyenne. Questo era il loro
giorno. Tra di loro cera una giovane coraggiosa, Donna-Segue-Piccolo-Buffalo, che cavalcava fieramente a
fianco di suo marito, Coyote Nero. Suo fratello, Capo Viene-in-Vista, partecipava anchegli alla battaglia.
Lei lo cerc ed alla fine lo vide circondato, il suo cavallo ucciso sotto di lui. I soldati stavano puntando i
fucili su di lui, mentre i loro esploratori Crow giravano attorno a lui attendendo una opportunit per contare
dei colpi. Ma egli li scacci con coraggio e bravura.
Donna-Segue-Piccolo-Buffalo emise uno stridulo ed acuto grido di guerra. Spron il suo pony in mezzo
alla mischia, in mezzo ai nemici. Emise il suono agghiacciante, fremente, vibrante della donna indiana
quando incoraggia il suo uomo durante un combattimento. Capo Viene-in-Vista salt sul suo cavallo dietro
di lei. Donna-Segue-Piccolo-Buffalo rise per la gioia e per leccitazione della battaglia e per tutto il tempo
cant. I soldati fecero fuoco su di lei ed i loro esploratori Crow lanciarono frecce sul suo cavallo, ma era
troppo veloce perch lei e suo fratello potessero essere colpiti. Poi volt il cavallo e corse sulla collina dalla
quale i vecchi capi e gli sciamani stavano osservando la battaglia.
I Sioux ed i Cheyenne videro quello che lei stava facendo e poi anche i soldati bianchi lo videro. Tutti
smisero di combattere ed osservarono la ragazza coraggiosa salvare la vita di suo fratello. I guerrieri
alzarono le braccia ed innalzarono un potente clamore: un lungo ondeggiante grido di guerra che fece rizzare
i capelli. E persino alcuni soldati gettarono i berretti in aria e gridarono Urr! in onore di Donna-SeguePiccolo-Buffalo.
La battaglia era ancora agli inizi. Non molti uomini erano stati uccisi su entrambi i fronti, ma il generale

bianco stava pensando: Se le loro donne combattono come questa, cosa faranno i loro guerrieri? Anche se
vinco, perder met dei miei uomini . E cos il generale Crook si ritir di circa un centinaio di miglia.
Avrebbe dovuto unirsi a Custer, Vecchi Capelli Gialli; ma quando Custer dovette combattere gli stessi
Cheyenne e Sioux una settimana pi tardi, Crook era lontano ed il reggimento di Custer fu spazzato via.
Cos, in un certo senso, Donna-Segue-Piccolo-Buffalo contribu pure al successo di quella battaglia.
Molti di quelli che videro che cosa aveva fatto pensarono che avesse contato il pi grande di tutti i colpi,
non sottraendo la vita, ma dandola. E questo il motivo per cui gli Indiani chiamano la battaglia del
Rosebud il Combattimento Dove la Ragazza Salv Suo Fratello.
Il posto dove Donna-Segue-Piccolo-Buffalo stato da molto tempo arato. Ora vi una fattoria. Ma il
ricordo delle sue gesta durer sino a quando ci saranno Indiani. Questa non una favola, ma senza dubbio
una leggenda.
Raccontata da Rachel Gufo Bizzarro a Birney, Montana, con lassistenza di due o tre altri. Registrata da Richard Erdoes.

IL CAVALLO DANZANTE DI TATANKA IYOTAKE (Sioux Brul)


Come il narratore di questa leggenda sostiene, danzando e cantando le appropriate canzoni, il popolo
Lakota pensava di poter far ritornare i bei vecchi giorni della caccia al buffalo, i giorni che precedettero
larrivo dei bianchi, che precedettero il vaiolo e le riserve e quelli della scarsit di cibo. Per questo essi
danzavano .
La danza degli spiriti era pacifica, ma i bianchi la interpretavano come il segnale di una grande
insurrezione indiana. Chiesero aiuto allesercito, ed alla fine molti disarmati danzatori, nella maggior parte
donne e bambini, furono uccisi a Wounded Knee. Noi Indiani pensiamo che il popolo bianco avesse paura
della danza degli spiriti perch aveva la coscienza sporca, avendo sottratto proprio pochi anni prima met
della restante terra indiana. La gente che ha la coscienza sporca vive nella paura e teme pi di tutti coloro
che ha offeso. Cos fu con la danza degli spiriti.
A quel tempo, Toro Seduto viveva con il suo popolo Hunkpapa nella Riserva di Standing Rock nel Nord
Dakota. Egli non era, come alcuni pensano, il condottiero che aveva sconfitto Custer a Little Bighorn. Egli
era un uomo santo, il capo spirituale della nazione Sioux. Andava di buon accordo con alcuni bianchi, aveva
persino alcuni amici bianchi, ma diceva sempre: Io voglio luomo bianco accanto a me, non sopra di me.
Toro Seduto, o Tatanka Iyotake, come chiamato in Sioux, era un uomo fiero e dignitoso, e schiavo di
nessuno.
Ebbene, in un certo tempo prima del 1890, Toro Seduto sera unito allo spettacolo del Selvaggio West di
Buffalo Bill. Aveva viaggiato per tutto il Paese. Sovente, a New York, lo si poteva vedere seduto sul gradino
di una porta di Broadway, dare qualche monetina ai poveri monelli della strada e dire che la gente bianca
non sa come aver cura dei suoi bambini. Diceva pure che tutti i bambini rossi, bianchi, neri, gialli
erano simili nella loro innocenza, e che se crescendo fossero rimasti bambini nei loro cuori, tutto sarebbe
andato bene. Toro Seduto e Buffalo Bill divennero amici. Quando lo spettacolo del circo era terminato,
Buffalo Bill presentava il suo amico Tatanka Iyotake con in testa un bel sombrero, lo stesso che da allora gli
uomini santi indiani avrebbero portato. Buffalo Bill Cody diede pure a Toro Seduto il suo cavallo da circo
preferito. Era bianco e sapeva fare molti esercizi.
A quel tempo il Grande Padre Bianco in Washington, e gli agenti bianchi che controllavano le riserve,
pensarono che la soluzione di quello che essi chiamavano il problema indiano era di far in modo che gli
Indiani si comportassero come i Bianchi: parlassero e vestissero come i Bianchi, divenissero cristiani e
adorassero come i Bianchi, possedessero propriet e lavorassero come i Bianchi, sposassero i Bianchi, e
fossero assorbiti dalla societ bianca. Il problema si sarebbe risolto semplicemente con il non aver pi
Indiani, con il farli scomparire dentro il grande crogiuolo americano.
Toro Seduto si oppose a questo progetto. Non voleva che gli Indiani scomparissero. Voleva che
rimanessero fedeli ai loro antichi modi di vita, che continuassero ad adorare il Grande Spirito, che
continuassero a parlare le loro lingue e

cantare i loro vecchi canti Sioux. E poich Toro Seduto era un Wichasha Wakan, uno sciamano, il pi
rispettato tra il popolo Lakota, molti Indiani si raccolsero intorno a lui. Cos egli divenne il centro della
resistenza contro lessere assorbiti dalla cultura dei Bianchi. E cos divenne il nemico di coloro che volevano
trasformare gli Indiani in uomini bianchi.
Dicevano che sbarrava la strada al progresso e la danza degli spiriti sembr una buona occasione per
sbarazzarsi del vecchio capo. Fu accusato di parteggiare per i danzatori e di proteggerli. Il capo bianco della
riserva indiana fece uscire la polizia indiana, quarantatr di loro, per arrestare Toro Seduto. Se opponeva
resistenza ed era ucciso, tanto meglio. La forza di polizia era composta da individui che noi oggi chiamiamo
mele , uomini che sono rossi fuori e bianchi dentro. Erano comandati dai tenenti Testa Rasata e Testa di
Toro.
I poliziotti vennero ad arrestare il grande capo prima dellalba di un gelido mattino dinverno. Il terreno
era coperto di neve. Irruppero nella sola stanza della sua capanna in tronchi dalbero con le loro sei colpi
estratte. Lo tirarono nudo da sotto la coperta di buffalo e lo spinsero fuori; non volevano nemmeno lasciarlo
vestire completamente. Continuarono a spingerlo mentre gli mettevano le manette. Lo scompiglio risvegli
gli amici ed i parenti di Toro Seduto nelle capanne attorno. Guidati dallamico e fratello adottivo del vecchio
capo Caccia-lOrso, quelli uscirono ribollenti di rabbia dalle loro capanne e tende. La voce di una donna si
alz in un canto:
Toro Seduto,
una volta eri un guerriero,
che cosa farai ora?

Improvvisamente il vecchio capo si ferm. Spinse via i poliziotti dicendo: Non andr! .
Immediatamente uno dei capi della polizia gli spar addosso e inizi un furioso combattimento allultimo
sangue. Si sempre detto che un combattimento tra Indiani e Bianchi una cosa, ma quando un Sioux
combatte un Sioux, stai attento! I poliziotti cercarono di comportarsi come i Bianchi, ma una volta iniziato il
combattimento, divennero di nuovo guerrieri indiani. E tra gli amici di Toro Seduto cerano alcuni dei pi
coraggiosi guerrieri che avevano combattuto in molte famose battaglie. Quando fin, quindici persone
giacevano morte nella neve, tra essi Toro Seduto, Caccia-lOrso ed i due capi della polizia.
Quando il bianco cavallo ud gli spari, pens di essere tornato nel circo durante lo spettacolo del Selvaggio
West. Cominci a danzare e ad impennarsi, a sedersi sulle sue cosce e ad alzare le zampe anteriori, a saltare
intorno, a piegarsi, ad inchinarsi, a fare tutti gli esercizi che gli erano stati insegnati. In questo modo onorava
il suo padrone morto, nel solo modo che conosceva. Tutti quelli che lo videro dissero che il cavallo era
posseduto, wakan, nel modo degli spiriti, perch non era ferito malgrado avesse danzato attraverso una
grandine di proiettili. Il bianco cavallo continu a danzare per un po dopo che il combattimento era
terminato e la scena insanguinata era silenziosa. Cos Tatanka Iyotake, il grande Toro Seduto ed il suo
cavallo bianco preferito entrarono nella leggenda del nostro popolo.
Raccontata da George Alce Aquila a Parmelee, Riserva Indiana del Rosebud. Sud Dakota, 1969. Registrata da Richard Erdoes.

Nel 1890 la religione messianica della danza degli spiriti si estese alle trib delle Pianure. Originata
da una visione del profeta paiute Wovoka, ed annunciata da segni come una terrificante eclisse di sole, la
danza degli spiriti fu una religione di disperazione. Diede la speranza ad un popolo al quale erano stati
sottratti i suoi antichi territori di caccia e che stava morendo nelle riserve.

I danzatori degli spiriti eseguivano una speciale danza in tondo, tenendosi per mano e cantando i canti
della danza degli spiriti. Credevano che le loro casacche, dipinte con le immagini delle stelle, della luna e
del sole, e delle gazze, li rendessero invulnerabili alle pallottole. I danzatori svenivano e cadevano in
trance. Quando rinvenivano, dichiaravano di esser stati in una terra meravigliosa brulicante di buffali e di
avervi incontrato i loro parenti morti da tempo. La danza degli spiriti, cos diceva Wovoka, avrebbe
cambiato il mondo, riportandolo com era prima dellarrivo delluomo bianco.

PARTE SESTA

Il suono dei flauti


Racconti di amore

Come i rituali di guerra, anche i rituali di amore esigono una seria attenzione. Il corteggiamento
nelle diverse trib indiane pu comportare ordalie o prove per lamato, responsabilit sgradevoli od
onerose, sacrifici dimpegno personale o persino la morte nel nome dellamore. Le leggende sono
alternativamente tragiche, facete, terrene e poetiche. Esse raccontano di contesti eccitanti e allegri:
grandi battaglie nellacqua nel Nordovest, stramberie di Coyote e Iktome nel deserto. Prove di
resistenza da rizzar i capelli saggiano limpegno di un voto e le ricompense non sono sempre come
gli amanti si attendevano.
Come nelle leggende con altri temi, le consuete divisioni del mondo naturale sono indistinte. Gli amanti
umani diventano montagne, stelle ed alberi. Una fanciulla sposa un tritone, mentre un uomo si accoppia con
la luna. Alleanze tra animali ed esseri umani sono comuni nei miti di molte trib; ma sembrano pi frequenti
tra le trib della Costa del Nord Pacifico, dove una balena prende una moglie umana, e tra gli Indiani delle
Pianure, le cui leggende sovente assegnano una parte importante ad un buffalo o a un orso. Sovente gli sposi
animali si comportano verso i loro compagni meglio che la controparte umana, ed in una garbata versione
della fiaba europea La bella e la bestia , un serpente terrificante del mare insegna ad una donna
capricciosa lamore e la sopportazione.
Parlando di amore e di sesso, lo sciamano Sioux Cervo Zoppo un giorno disse: Lamore sacro ed il
sesso pure. Le due cose non sono separate, ma appartengono luna allaltra. Gli atteggiamenti austeri dei
missionari verso il sesso sovente confondono gli Indiani, i quali persino da bambini danno generalmente per
scontata lespressione sessuale nei suoi molti aspetti. Nei dialetti indiani non ci sono parole sporche , e
perci non ci sono categorie distinte di concetti osceni . I membri delle trib delle Pianure avevano
sovente nomi come Testicoli o Pene, accordati come un qualsiasi altro titolo di onore dopo una visione od un
particolare evento.
Nelle Pianure, sedurre una bella ragazza era quasi come contare un colpo. Un uomo poteva disegnare delle
figure sul vestito di corteggiamento per indicare le sue conquiste, pi o meno come avrebbe tracciato scene
delle sue gesta di guerra sulla tenda. Si noti che gli abitanti delle Pianure non erano pi promiscui dei
Bianchi: in loro era semplicemente assente lipocrisia nelle questioni sessuali. Se una ragazza Sioux non
desiderava fare allamore (e molte non lo volevano), si legava semplicemente una treccia di capelli in un
certo modo tra le gambe, e nessun uomo avrebbe osato toccarla.
In molte trib, il flauto era uno strumento usato soltanto per il corteggiamento. Si diceva che il suo suono
assomigliasse al richiamo dellalce, il cui potente incantesimo rendeva un uomo irresistibile. Se un uomo
disegnava su uno specchietto le tracce di alce e poi rifletteva con quello i raggi del sole sul viso o sul cuore
di una ragazza, quella era immediatamente sua. Ci sono pure leggende di uomini i cui flauti e melodie
avevano un potere tale che qualsiasi donna che li avesse uditi avrebbe seguito il suono e avrebbe ceduto al
suonatore, i Sioux raccontano persino di donne cos eccitate dalla musica dei loro amanti che cominciavano
a sanguinare dal naso.
La slealt non un tema trattato alla leggera; alla fedelt di una sposa, anche se ottenuta con la
costrizione, era dato un grande valore. Tipico il caso della donna apache ingiustamente accusata dinfedelt
e cacciata, la quale rimane ancora cos risoluta nel suo impegno verso il marito che ritorna vestita da
guerriero a liberare lui e lintera trib.
Naturalmente non tutto il corteggiamento ed il fare allamore solenne. I sacri clown del Sudovest, i
Koyemshi e Koshare, sovente rallegravano feste e danze con buffonate che mimavano atti sessuali o scherzi
erotici. Queste pantomime avevano delle sfumature religiose, legate con rituali associati al rinnovamento
della vita. E naturalmente, in quasi tutte le trib, le buffonate dellimbroglione si prestano perfettamente a
temi licenziosi od erotici.

LA LEGGENDA DEL FLAUTO (Sioux Brul)


Ebbene, voi conoscete i nostri flauti; avete udito il loro suono e visto in quale mirabile modo sono fatti.
Questo nostro flauto, il siyotanka, serve per un solo genere di musica: la musica dellamore. Nei vecchi
tempi gli uomini si sedevano appartati, non di rado nascosti, non visti, appoggiati ad un albero nelloscurit
della notte, per creare i loro motivi personali, i loro canti di corteggiamento.
Noi Indiani siamo timidi. Anche se fosse stato un guerriero che avesse gi contato un colpo su un nemico,
un giovane difficilmente avrebbe potuto farsi sufficiente coraggio da parlare ad una winchinchala di

bellaspetto: una ragazza di cui era innamorato. Inoltre, non cera un posto nel villaggio dove un giovanotto
ed una ragazza potessero stare da soli. La tenda di famiglia era sempre affollata di gente. E naturalmente,
non potevi andare a passeggio fuori del villaggio tenendoti per mano con la tua ragazza, anche se tenersi per
mano fosse stata una delle nostre abitudini, il che non era. L fuori tra lerba alta ed i cespugli di salvia
potevi essere incornato da un buffalo, dilaniato da un grizzly, o colpito con lascia da un Pawnee, o potevi
imbatterti nella Mila Hanska, i Lunghi Coltelli, cio la Cavalleria degli Stati Uniti.
La sola occasione che avevi dincontrare la tua winchinchala era di attenderla al calar del giorno quando le
donne andavano al fiume od al ruscello con le loro sacche di pelle a prender acqua. Quando quella ragazza
sulla quale avevi posato gli occhi finalmente veniva gi per il sentiero che porta allacqua, tu ti alzavi
all'improvviso da dietro qualche cespuglio e restavi in piedi in modo che lei ti potesse vedere. E questo era
pi o meno tutto quello che potevi fare per mostrarle
il tuo interessamento: probabilmente restando ritto l ridacchiando scioccamente, guardandoti i mocassini, o
grattandoti lorecchio.
Neppure la winchinchala faceva molto di pi, eccetto che diventar rossa in volto, fare una risatina
soffocata o tirarti probabilmente una rapa selvatica. Se tu le piacevi, il solo modo che aveva di fartelo sapere
era di prendersela con calma nel riempire la sacca dellacqua e darti qualche sbirciata furtiva da sopra le
spalle.
Cos i flauti sostituivano il parlare. Di notte, sdraiata sulla coperta di buffalo nella tenda dei genitori, la
ragazza avrebbe ascoltato il lamentevole e piangente suono del siyotanka. A mano a mano che era suonato,
lei avrebbe riconosciuto che cera il suo amato l fuori in qualche posto. E se lincantesimo dellalce era
molto efficace su entrambi, probabilmente lei sarebbe uscita fuori di soppiatto per seguire quel suono ed
incontrare lui senza che nessuno se ne accorgesse.
Il flauto sempre fatto di legno di cedro. Nella forma rappresenta il lungo collo e la testa di un uccello
con il becco aperto. Il suono esce dal becco ed ecco dove entra in ballo la leggenda, la leggenda di come il
popolo Lakota acquis il flauto.
Molte generazioni fa, la gente aveva tamburi, sonagli di zucca, e cicale, ma non flauti. In quel tempo
lontano un giovanotto usc a cacciare. La carne era scarsa e la gente nel suo accampamento aveva fame.
Trov le tracce di un alce e le segu per molto tempo. Lalce, prudente e svelto, quello che possiede
lincantesimo dellamore. Se un uomo possiede lincantesimo dellalce, la ragazza che gli piace non pu fare
a meno di dormire con lui. Lui sar anche un cacciatore fortunato. Questo giovanotto di cui sto parlando non
aveva lincantesimo dellalce.
Dopo molte ore alla fine avvist la sua preda. Era abile con arco e frecce, ed aveva un bellarco nuovo ed
una faretra piena di frecce dritte, ben piumate e con punte di selce. Tuttavia lalce riusciva sempre a stare
fuori dal tiro, conducendolo sempre pi distante. Il giovanotto era cos intento a seguire la preda che notava
a malapena dove andava.
Quando arriv la notte, si ritrov nel cuore duna fitta foresta. Le tracce erano scomparse e cos pure
lalce, e non cera la luna. Si accorse dessersi perso e che era troppo scuro per trovare la strada per uscire
fuori. Fortunatamente arriv ad un ruscello dove cera dellacqua fresca e chiara. Ed era stato abbastanza
previdente da portare una sacca di pelle con della wasna carne secca in polvere mista a bacche e grasso di
rognone cibo nutriente che consente ad un uomo di camminare per qualche giorno. Dopo che ebbe bevuto
e mangiato, si arrotol nel suo mantello di pelliccia, appoggi la schiena ad un albero e cerc di riposare. Ma
non poteva dormire; la foresta era piena di strani rumori: le grida di animali notturni, lurlare dei gufi, il
gemere degli alberi nel vento. Era come se udisse questi suoni per la prima volta.
All'improvviso ci fu un suono del tutto nuovo, di un genere che n lui n alcun altro aveva mai udito
prima. Era lugubre e spettrale. Lo impaur, sicch savvolse stretto nel mantello e prese larco per assicurarsi
che fosse ben teso. Daltra parte, il suono era come un canto, triste ma bello, pieno di amore, speranza e
desiderio. Quindi, prima di accorgersene, saddorment. Sogn che luccello chiamato wagnuka, il picchio
dalla testa rossa, apparve cantando quel canto stranamente bello e gli diceva: Seguimi e te lo insegner .
Quando il cacciatore si svegli, il sole era gi alto. Su un ramo dellalbero contro il quale era appoggiato,
vide un picchio dalla testa rossa. Luccello vol via su un altro albero, ed un altro, ma mai molto lontano,
guardando per tutto il tempo indietro verso il giovanotto come per dire: Vieni! . Poi ancora una volta ud
quel meraviglioso canto ed il suo cuore desider di trovare il cantante. Volando verso il suono, guidando il
cacciatore, luccello svolazz tra le foglie ed era facile seguire il suo ciuffo rosso vivo. Alla fine si pos su
un cedro e cominci a martellare su un ramo, facendo un rumore simile al rapido battere dun piccolo
tamburo. Subito ci fu una raffica di vento e di nuovo il cacciatore ud quel meraviglioso suono dritto sopra di

lui.
Allora scopr che il suono veniva dal ramo secco che il picchio stava martellando con il becco. Si accorse
pure che era il vento che creava il suono mentre fischiava attraverso i fori che luccello aveva scavato.
Kola, amico , disse il cacciatore, lasciami portare questo ramo a casa. Tu puoi fartene un altro .
Prese il ramo, un pezzo di legno cavo pieno di buchi fatti dal picchio e che era lungo circa come il suo
avambraccio. Ritorn a piedi al villaggio senza portare carne, tuttavia felice.
Nella sua tenda il giovanotto cerc di far cantare il ramo per lui. Vi soffi dentro, lo brand attorno; non
usc nessun suono. Si rattrist, desiderava tanto udire quel meraviglioso nuovo suono. Si purific nella
capanna del vapore e sal sulla cima duna collina solitaria. L, riposando con la schiena contro una grande
roccia, digiun, rimanendo senza cibo n acqua per quattro giorni e quattro notti, implorando una visione che
gli dicesse come far cantare il ramo. A met della quarta notte, wagnuka, luccello con il ciuffo rosso vivo,
apparve, dicendo: Osservami , e si mut in un uomo, e mostr al cacciatore come far cantare il ramo,
dicendo a pi riprese: Ora osserva questo . E nel suo sogno il giovanotto guard ed osserv molto
attentamente.
Quando si svegli, rintracci un cedro. Spezz un ramo e, lavorando molte ore, lo scav con un trapano ad
arco, proprio come aveva visto farlo dal picchio in sogno. Tagliuzz il ramo sino a dargli la forma di un
uccello con un lungo col
lo ed un becco aperto. Dipinse la punta della testa dell'uccello

con washasha, il sacro colore rosso. Preg. Affumic il ramo con incenso bruciando salvia, cedro ed erbe
aromatiche. Soffiando dolcemente nel bocchino mise le dita sui buchi, come aveva visto fare dall'uomouccello nella sua visione. Allistante ci fu il canto, spirituale e meraviglioso oltre ogni dire, che lo
accompagn per tutto il percorso sino al villaggio dove la gente rimase attonita e felice nelludirlo. Con
laiuto del vento e del picchio, il giovane aveva portato loro il primo flauto.
Nel villaggio viveva un itanchan, un grande capo. Questo itanchan aveva una figlia che era bella ma
anche molto fiera, e convinta che non esistesse un giovane bello abbastanza per lei. Molti le avevano fatto la
corte, ma lei li aveva tutti respinti. Ebbene, il cacciatore che aveva fatto il flauto decise che era proprio la
donna per s. Pensando a lei, compose una speciale canzone, ed una notte, ritto dietro un grande albero, la
suon sul suo siyotanka con la speranza che avesse un incantesimo capace di farla innamorare di lui.
Subito la winchinchala lud. Era seduta nella tenda del padre, mangiando gobba e lingua di bisonte,
sentendosi bene. Voleva restare l, nella tenda vicino al fuoco, ma i suoi piedi volevano andar fuori. Lei si
tratteneva ma i piedi la tiravano fuori ed i piedi vinsero. La sua testa diceva: Vai piano, vai piano! ma i
piedi dicevano: Pi veloce, pi veloce! . Vide il giovane ritto al chiaro di luna; ud il flauto. La sua testa
diceva: Non andare da lui; povero . I suoi piedi dicevano: Vai; corri! e di nuovo prevalsero i piedi.
Cos si trovarono faccia a faccia. La testa della ragazza le disse di restare in silenzio, ma i piedi le dissero
di parlare e lei parl dicendo: Koshkalaka, giovane uomo, io sono interamente tua. Cos si coricarono
insieme, il giovane e la winchinchala, sotto una coperta.
Pi tardi lei gli disse: Koshkalaka, guerriero, mi piaci. Di ai tuoi genitori di inviare un dono a mio
padre, il capo. Non importa quanto piccolo, sar accettato. Di a tuo padre di parlare in tuo nome a mio
padre. Fallo presto! Fallo ora! .
E cos i due padri furono rapidamente daccordo sui desideri dei loro figli. La fiera winchinchala divenne
la moglie del cacciatore ed egli stesso divenne un grande capo. Tutti gli altri giovani avevano udito e visto.
Ben presto anche loro cominciarono a tagliuzzare rami di cedro nella forma di teste duccello con lunghi
colli e becchi aperti. La meravigliosa musica dellamore si propag da trib a trib e fece andare i piedi delle
giovani dove non avrebbero dovuto. E questo il modo in cui il flauto fu portato alla gente, grazie al cedro,
al picchio ed al giovane che non colp nessun alce, ma che seppe come ascoltare.
Narrata da Henry Cane Corvo a New York, 1967, e registrata da Richard Erdoes.

LA MOGLIE RAPITA (Tewa)


Una volta nel villaggio di Cu-oh-chi-tae viveva un vecchio trasandato ed una vecchia sciatta. Con loro
vivevano anche il nipote Piccolo Fiore, sua moglie Grano Bianco ed una loro bimba.
Il freddo stava arrivando. Per prepararsi allinverno Piccolo Fiore andava ogni giorno sulle montagne a
caccia di cervi. Una mattina, poco dopo che il marito ebbe lasciato la casa, Grano Bianco prese la brocca
dellacqua ed and al lago Salice Verde. Come si sporse per riempire la brocca, scopr un bastoncino magico
sotto la superficie dellacqua e lo strapp.
Il bastoncino apparteneva al governatore del popolo dei Kachina Gialli. Questi era un personaggio con
grandi poteri, il cui compito era di far piovere, tuonare e rannuvolare ogni giorno nelle quattro direzioni.
Bench il governatore vivesse lontano dal lago, era tale il suo potere che aveva potuto osservare Grano
Bianco dalla sua dimora. Vedendo quanto fosse bella, aveva usato il suo magico bastoncino per volare da
lei.
Subito salt fuori da dietro un cespuglio e grid: Non puoi prendere quel bastoncino! Mi appartiene.
Ridendo, Grano Bianco fugg come il vento ed il governatore la rincorse tutto attorno al lago. A lei
piaceva essere inseguita da quel bello straniero ed il governatore, dal canto suo, voleva avere quella bella
donna per moglie. Senza fiato, Grano Bianco alla fine si ferm e gli porse il bastoncino.
Signora Grano Bianco, posso avere un po della tua acqua? .
Grano Bianco gli porse la brocca ricolma: egli ne bevve un po e gliela restitu. Se una persona beve
dalla brocca e non la finisce tutta , disse Grano Bianco, usanza che gli si versi lacqua addosso .
Ora era il governatore a fuggir via come il vento e Grano Bianco ad inseguirlo. Ma lui non correva molto
veloce e lei si divert a spruzzarlo con lacqua.
Signora Grano Bianco, ti piacerebbe andare alla mia dimora? .
Dove vivi? .
Non lontano. Vivo sulla cima della Montagna Coperta-di-Selce .
Daccordo! Verr con te . Grano Bianco vuot la brocca e la lasci capovolta sulla sponda del lago.
Il governatore e Grano Bianco sedettero entrambi sul bastoncino magico, ed in pochi attimi raggiunsero la
cima della Montagna Coperta-di-Selce. In cima al tetto della casa del governatore cera una scala a pioli di
legno di cedro. I due scesero per la scala ed entrarono in casa.
Subito il governatore disse: Signora Grano Bianco, questa la mia dimora ed ora anche la tua! .
Grano Bianco comprese dessere stata ingannata. Che le piacesse o no, doveva restare con il governatore.
Quando Piccolo Fiore ritorn a casa e si accorse che la moglie non cera, lasci cadere tutto quello che
stava portando e si precipit dai suoi nonni. Figlio mio , disse il nonno, abbiamo trovato la sua brocca
capovolta vicino al lago. Abbiamo guardato e chiesto dappertutto, ma nessuno lha vista .
Piccolo Fiore cerc ancora la moglie e visit quasi tutte le case del villaggio, ma non venne a capo di
nulla. La bambina piangeva senza posa. I nonni per nutrirla lavevano portata dalle mamme del villaggio che
allattavano, ma lei continuava a piangere notte e giorno. Tutto quello che di meglio la vecchia coppia e
Piccolo Fiore potevano fare era di portarla avanti e indietro, avanti e indietro, cercando di calmarla.
I giorni passavano, e Piccolo Fiore diveniva sempre pi triste. Afflitto, si coric sulla cima del tetto.
Anche la sua faretra di pelle di leone di montagna rimaneva vuota sul pavimento dove laveva lasciata
cadere la notte in cui era ritornato.
Devi andare da Nonna Ragno , disse alla fine il nonno. Lei sapr dov Grano Bianco, perch pu
filare la sua ragnatela in ogni parte della terra .
Portando doni, tra cui una piccola sacca di farina di grano blu, Piccolo Fiore part per andare a far visita a
Nonna Ragno. Dopo molti giorni di cammino, raggiunse la sua casa. Nonna, questa una casa di rispetto,
una casa di riguardo, ed io vi sono entrato umilmente , disse dopo che lei lebbe invitato ad entrare. Il mio
cuore afflitto, tristi pensieri mi agitano la mente, e con il tuo permesso vorrei parlarti delle mie pene . E le
raccont della moglie scomparsa e della bimba che piangeva.
Figlio mio , disse Nonna Ragno, tua moglie sulla cima della Montagna Coperta-di-Selce, dove lha
portata il governatore del popolo dei Kachina Gialli .
Devo riprenderla , disse.
Prima vai a casa, purificati con acqua santa e riempi la tua faretra di frecce , gli rispose. Poi ritorna da
me e ti dar le istruzioni ed alcuni amuleti .
Piccolo Fiore viaggi velocemente e raggiunse la sua casa in quattro giorni. Si purific con cura e il
mattino seguente si alz prima che il sole fosse sorto. Dopo aver offerto della farina di grano blu al Grande

Spirito, part di nuovo. In tre giorni arriv da Nonna Ragno.


Figlio mio, prendi questa pipa, questa sacca di tabacco, e questo bastoncino incantato , gli disse. Poco
prima di raggiungere la casa del governatore, rompi con i denti il bastoncino incantato e mescola il pezzetto
con la tua saliva, poi spalmatelo sul corpo. Usa la pipa ed il tabacco quando il governatore ti sfider a
misurarti con i suoi poteri. Se vinci, puoi portar via tua moglie, ma se perdi, egli terr Grano Bianco .
Piccolo Fiore ringrazi Nonna Ragno, che lo bened e gli disse di non aver paura. Poi, dopo aver messo la
pipa, la sacca del tabacco ed il bastoncino incantato nella faretra, sincammin per la sua strada. Il viaggio
dur alcuni giorni, poich prima dovette attraversare le montagne Shoo-fan-ne e Dee-Oaa Cwe-ye e poi
seguire il Sentiero degli Orsi, che conduceva alla cima della Montagna Coperta-di-Selce.
Piccolo Fiore trov subito la casa del governatore, da cui usciva del fumo. Cos si arrampic sul tetto e vi
batt sopra i piedi con violenza.
Grano Bianco usc fuori. Oh, marito mio! disse. Perch sei qui? Il governatore del popolo dei
Kachina Gialli cos crudele e cos potente che ti accadr qualcosa di terribile! .
Non temere , disse Piccolo Fiore. Sono venuto per portarti a casa.
Prima devi attendere il governatore , replic Grano Bianco. Ora appartengo a lui, e si arrabbierebbe a
tal punto nello scoprire la mia assenza che ci darebbe la caccia e ci ucciderebbe di sicuro. andato al sud a
far tuonare e piovere, ma a mezzogiorno viene a casa per il pranzo .
Mentre aspettavano, Grano Bianco diede a Piccolo Fiore delle focacce di granturco. A mezzod il
governatore arriv.
Sento odor di cenere, sento odor di cenere! disse ad alta voce. Grano Bianco, qui hai dato da mangiare
a qualcuno! .
No, no, non c nessuno qui! Chi oserebbe venire? .
So che c qualcuno. Dov? .
Ebbene, qualcuno c , confess Grano Bianco. mio marito; venuto per portarmi a casa.
Furioso il governatore domand: Dov? .
Nella stanza accanto , dissella con voce velata.
Perch non viene fuori? Chiamalo .
In quel momento usc fuori Piccolo Fiore.
Ah! Guarda chi c: Piccolo Fiore il cacciatore di cervi. Vedremo chi di noi il migliore e chi avr la
forza di tenere per s Grano Bianco .
Povero me; io non possiedo nessun potere magico e non conosco nessun trucco , replic Piccolo Fiore,
ma devo fare quello che dici tu .
Il governatore indic il centro della stanza. Siedi su quella pietra piatta , disse, e Piccolo Fiore fece ci
che gli era stato detto.
Grano Bianco, vieni accanto a me . E Grano Bianco si mise a fianco del governatore.
Il governatore prepar una pipa, laccese e la diede a Piccolo Fiore. Qua; fumala.
Puff, puff, puff, puff, come Piccolo Fiore tirava nella pipa, il fumo saliva e presto cominci a sentirsi girare
la testa. Oscill avanti e indietro, da una parte e dallaltra; oscill a destra, poi a sinistra. Ma non croll.
Tu devi saper qualcosa! Tu devi saper qualcosa! grid il governatore.
Io non so niente. Io non vivo di notte; povero me, le cose che faccio sono fatte di giorno. Perci come
potrei conoscere le cose degli spiriti? .
Visto che il tabacco non aveva funzionato, il governatore cominci a cantare. Grano Bianco si un a lui, ed
insieme cantarono:
Aaa, aaa, ya ma; a-ya-ma, a-ya-ma
aaa, aaa, ya ma; a-ya-ma.
Uomo? Piccolo Fiore, se sei un uomo,
tu puoi portare la tua amata moglie
con te, con te.
Se non sei un uomo, qui, questa
saetta puoi portare con te.

Ed il governatore dei Kachina Gialli lanci a Piccolo Fiore una saetta. Ma lo manc per un soffio. Quattro

volte il governatore e Grano Bianco cantarono, e quattro volte la saetta manc Piccolo Fiore. Il governatore
aveva fallito. Toccava ora a Piccolo Fiore di provare i poteri che Nonna Ragno gli aveva dato.
Piccolo Fiore disse: il tuo turno di sedere sulla pietra . Mentre il governatore si sedeva, Piccolo Fiore
disse a Grano Bianco di stringere la cintura ed i lacci dei mocassini. Poi prepar la piccola pipa che aveva
avuto da Nonna Ragno e disse al governatore di fumarla.
Oh, oh, oh! Che cosa pu farmi questa piccola cosa? cos piccola che potrei ingoiarla tutta . Tir un
puff e rimase stordito. Il governatore ne tir altri tre: puff, puff, puff, e rotol gi sul pavimento.
Piccolo Fiore e Grano Bianco cantarono:
Aaa, aaa, ya ma; a-ya-ma, a-ya-ma, aaa, aaa, ya ma; a-ya-ma,
uomo governatore dei Kachina Gialli, se sei un uomo, la mia amata moglie puoi avere, puoi
avere.
Se non sei un uomo, qui, questa saetta puoi portare con te.

E piccolo Fiore lanci al governatore una saetta, che non


lo manc e lo spacc in due. Quattro volte Piccolo Fiore e Grano Bianco cantarono, e quattro volte il
governatore fu colpito dalla saetta.
Piccolo Fiore fece in quattro pezzi il corpo del governatore, poi prese Grano Bianco per mano e lasci la
casa.
Sii coraggiosa e forte, moglie mia. Ti sto portando a casa .
Mano nella mano, Grano Bianco e Piccolo Fiore corsero lungo la cima della Montagna Coperta-di-Selce.
Ben presto arrivarono al Sentiero degli Orsi, lo seguirono ed arrivarono gi nella valle, sino alla casa di
Nonna Ragno. L si fermarono soltanto il tempo per ringraziarla e restituirle gli amuleti. E lei disse loro di
affrettarsi, perch sapeva che il governatore stava ritornando in vita.
Abbastanza al sicuro, Piccolo Fiore e Grano Bianco videro in distanza una piccola nuvola bianca. Era il
governatore che riprendeva a respirare. Poco dopo il cielo si oscur e tuoni e fulmini cominciarono a cadere
tuttattorno a Grano Bianco e Piccolo Fiore mentre correvano.
Quando attraversarono il fiume con lacqua rossa, la pioggia li aveva raggiunti, ma nel momento in cui
arrivarono al
lo Yunque, cadeva sempre pi forte. Piccolo Fiore esortava Grano Bianco a continuare a correre, perch
ormai erano ad appena un miglio da casa.
Il Rio Grande era lultimo fiume che dovevano attraversare, ma cominciava a cadere la grandine.
Continuarono a correre, ed intanto ogni specie duccelli stava volando in circolo sopra di loro. Avevano
soltanto poche centinaia di iarde da percorrere quando la grandine divenne cos violenta che non poterono
pi proseguire.
Piccolo Fiore e Grano Bianco si coricarono sul terreno, e tutti gli uccelli che li avevano seguiti: corvi,
aquile, falchi, gufi, passeri ed altri, piombarono gi e protessero luomo e la donna con le loro ali spiegate.
Gli uccelli che erano sulla cima di quel grande baldacchino furono colpiti dalla grandine e divennero
chiazzati, mentre quelli al di sotto, come i corvi, mantennero i loro colori omogenei. Quando la pioggia e la
grandine cessarono, Piccolo Fiore promise agli uccelli che nei prossimi quattro giorni avrebbe portato loro
quattro cervi da mangiare.
Poi finalmente la coppia arriv a casa. I nonni e la bimba gioirono, e Grano Bianco fu cos felice che
pianse. Come narra la leggenda, a causa del suo ritorno che nel villaggio di San Juan cresce ancora il grano
bianco.
Raccontata nel pueblo di San Juan, New Messico, agli inizi degli anni 60 e tradotta da! Tewa da Alfonso Ortiz.

LA DONNA TOLOWA E LUOMO FARFALLA (Maidu)


Una donna tolowa un giorno usc a raccogliere cibo, portando con s anche il suo bimbo. Per poter
lavorare, aveva fissato la punta dellasse della culla al terreno e lasciato il bimbo solo. Una grande farfalla le
vol vicino e lei cominci ad inseguirla ed a cacciarla per molto tempo. Ma ogni volta che stava quasi per
prenderla, la mancava dun soffio. Pens: Forse non corro abbastanza veloce a causa di questa cosa
pesante , e gett via il vestito di pelle di daino. Ma ciononostante non riusciva mai a raggiungere

quellinsetto. Alla fine gett via anche il grembiale e si precipit allinseguimento della farfalla sino a che fu
notte. Allora, dimenticando il suo bimbo, si coric sotto un albero e si addorment.
Quando al mattino si svegli, trov coricato accanto a lei un uomo. Mi hai seguito sin qui , le disse,
forse ti piacerebbe seguirmi per sempre. Se cos, sappi che dovrai passare attraverso un gran numero
dindividui del mio popolo . Senza pensare affatto al suo bimbo, la donna si alz e segu luomo farfalla. In
breve arrivarono ad unampia valle, il cui lato meridionale era pieno di farfalle. Quando i due raggiunsero
lorlo della valle, luomo disse: Nessun essere umano mai riuscito ad attraversare questa valle. Ma tu
sarai salva se non mi perderai di vista. Seguimi da presso .
Viaggiarono per molto tempo. Continua a tenerti stretta a me; non lasciarti andare, diceva di continuo
luomo farfalla. Quando arrivarono a met della valle, altre farfalle sciamarono in gran numero intorno a
loro. Volavano in ogni direzione, tutto attorno alla testa della coppia e sui loro visi, perch volevano avere
per loro la donna tolowa. Lei le osserv a lungo, tenendosi stretta al suo nuovo marito. Ma alla fine,
incapace di resistere, lo lasci andare e si allung per afferrare unaltra farfalla. La manc, ed allora cerc di
afferrarne unaltra ed unaltra ancora, ma sempre senza riuscirvi, e cos vag per sempre nella valle,
intontita e perduta.
Mor l, e luomo farfalla che lei aveva perduto prosegu attraverso la valle sino alla sua dimora. Ed oggi,
quando la gente parla dei tempi antichi, dice che quella donna perse il suo amante, e cerc di prenderne altri
ma li perse tutti, ed alla fine divent pazza e mor.
Basata su una leggenda riportata da Roland Dixon nel 1904.

UN CAPO APACHE PUNISCE LA MOGLIE (Tiwa)


Il popolo Yellow House stava viaggiando. Si ferm vicino ad un lago, e per raggiungere lacqua profonda
pos vicino alla riva una testa di buffalo. La moglie del capo, che era bella, raccolse il suo canestro ed and
ad attingere dellacqua. Quando arriv al lago guard la testa e disse: Padre mio, che belluomo eri! Mi
sarebbe piaciuto vederti vivo. Che peccato che tu sia calpestato in questo fango! .
Come fin di parlare, un grosso buffalo bianco spunt su dal lago. Sono luomo di cui parli , disse. Io
sono Capo Buffalo Bianco. Voglio portarti con me. Siediti sulla mia testa tra le mie corna! . Lei lasci l il
canestro e sal sul buffalo.
Il sole stava calando e la moglie del capo non andava a casa. Qualcosa devessere accaduto di certo ,
pens il capo. Dovrei andare a vedere . Quando raggiunse il lago, trov il canestro e, guardando attorno,
vide le impronte della moglie e quelle di un grosso buffalo che si dirigevano verso est. Pens: La testa del
buffalo ha preso mia moglie! . Torn allaccampamento e per molti giorni costru delle frecce. Quando ne
ebbe a sufficienza, part per rintracciare la moglie.
Mentre camminava, per poco non calpest la casa di Vecchia Donna Ragno. Sho! sho! sho! , dissella.
Nipotino mio, non camminarmi sopra! Nipotino, tu sei Capo-Apache-Vive-Felice; che cosa stai facendo
qui attorno? .
Nonna, sto cercando mia moglie. Capo Buffalo lha portata via. Puoi aiutarmi? .
una persona potente, ma ti dar un incantesimo. Ora vai da Vecchia Donna Tamia .
Lui prosegu, e nella pianura arriv alla casa di Tamia. Che cosa stai facendo qui attorno? disse
Vecchia Donna Tamia. Tu sei Capo-Apache-Vive-Felice. Perch sei qui? .
S, nonna, vivevo felice, ma mia moglie and a prender acqua e Buffalo la rap. Le sto correndo dietro, e
vorrei chiederti di aiutarmi .
Nipote mio , disse Vecchia Donna Tamia, ora tua moglie ha per marito un uomo molto potente.
Capo Buffalo Bianco. Lei la femmina adottiva della trib, e quando loro vanno a dormire, lei nel mezzo,
ed essi le si coricano vicino tuttattorno. Il suo vestito ornato con denti di alce, e fa un tale rumore che sar
difficile farla uscire. Vai al margine del luogo dove sono coricati ed io far il resto .
Capo Apache arriv al territorio dei buffali e si nascose per osservarli. La moglie rubata di Capo Buffalo
Bianco stava danzando, ed il buffalo cantava:
Ya he a he Ya he iya he Ya he e ya He ya hina he Hina ye ne
He mah ne!

LApache strisci vicino al luogo della danza e pronunci lincantesimo che Vecchia Donna Ragno gli

aveva dato, e tutti i buffali si addormentarono. Vecchia Donna Tamia scav un tunnel, ed arrivata
allorecchio della giovane donna disse: Sono venuta per te. Capo-Apache-Vive-Felice ti sta aspettando
fuori della mandria .
Il mio attuale marito un uomo potente , disse la giovane. Il mio vestito fatto di denti di alce e fa
un tale rumore che sveglier mio marito . Tamia le disse di raccogliere labito sotto le braccia, poi fece
strada, ed entrambe scivolarono attraverso la mandria dei buffali addormentati.
Suo marito la stava aspettando. Sono venuto per te, disse. Sei mia moglie e voglio riportarti indietro .
E lei rispose che dovevano subito correre in un luogo sicuro.
La pianura era vasta. Come arrivarono presso tre alberi del cotone, sentirono la terra tremare. Buffalo
Bianco si era svegliato e stava gridando al suo clan: Qualcuno ha preso mia moglie! . La mandria segu le
tracce nella direzione degli alberi.
Capo Apache disse al primo albero del cotone: Fratello, i buffali stanno arrivando. Voglio che ci
nascondi . Vai dallaltro tuo fratello! disse lalbero. Io sono vecchio e debole . And dallalbero
vicino. Fratello, i buffali stanno arrivando. Voglio che tu ci nasconda! . Lalbero disse: Vai dallaltro
tuo fratello . And dal terzo albero, un giovane albero con un ramo. Capo Apache , disse, sali tra i miei
rami e ti aiuter .
Dopo che si furono messi in salvo sullalbero, la moglie disse che doveva urinare. Capo Apache ripieg la
sua pelle di buffalo e le disse di urinare su quella, ma lacqua trapel gi. 1 buffali stavano passando, la
polvere si stava sollevando e la terra tremava. Nella retroguardia del gruppo cera un vecchio buffalo
malconcio ed un piccolo. Come arrivarono sotto lalbero, il piccolo buffalo disse: Nonno, sento lodore
dellacqua di nostra nuora . Guardarono in su e videro luomo e la donna sullalbero.
Il vecchio buffalo disse: Nipotino, tu sei veloce. Corri e dillo al primo che raggiungi ed ognuno lo dir
al pi vicino . Ben presto lintera mandria torn indietro. Ogni animale a turno si appoggiava allalbero e
Capo Apache cercava di colpirli.
Allora Capo Buffalo Bianco prese la rincorsa e si abbatt con fracasso contro il giovane albero del cotone
che quasi si spezz; e Capo Apache non riusciva ad uccidere Capo Buffalo Bianco.
Intanto sopra di loro Corvo li stava chiamando: Kaw, kaw, kaw! .
Con rabbia Capo Apache disse a Corvo: Perch stai gridando mentre sono in una cos brutta situazione?
.
Sono venuto per dirti di colpirlo nellano. Ecco dov la sua vita . Cos lApache colp Capo Buffalo
Bianco nellano e lo uccise.
Poi lui e sua moglie scesero dallalbero ed egli cominci a macellare il buffalo accanto ad un piccolo
fuoco. Le lacrime scorrevano sulle guance di lei.
Stai piangendo perch sto macellando Buffalo Bianco? .
No, sto piangendo per il fumo .
Capo Apache continu a macellare, ma di tanto in tanto losservava: Stai piangendo! .
No, solo il fumo .
La fiss. Stai piangendo! Dopo tutti i nostri guai, vuoi ancora questuomo! Ebbene muori con lui! . E
prese arco e freccia e la uccise.
Io sono Capo Apache, capo di una trib errante , disse. Percorrer queste pianure vigilando su questa
terra e se qualche donna abbandona suo marito, quello che ho fatto a mia moglie possa esser fatto a lei .
Basata su una leggenda registrata da Elsie Clews Parsons nel 1940.

Come altre leggende raccontate nei pueblo presso Taos, New Mexico, questa storia Tiwa rivela lindole
degli Apache. Taos, a causa della sua vicinanza con larea delle Pianure, aveva strette relazioni con le
trib di quella regione, con le quali condivideva molti elementi culturali, uno dei quali contenuto in
questa storia. Il popolo Yellow House quello che abitava verso est, pi vicino al sorgere del sole.

LA PROMESSA DEL MARITO (Tewa)


Questa leggenda, che proviene dal pueblo San Juan nel New Mexico, una graziosa variante dello
stesso tema di Cacciatore di Cervi e Fanciulla Grano .
Nel villaggio di San Juan viveva un giovane, Ca-peen, ed una fanciulla, Fiore-di-Salice. Questi due erano
profondamente innamorati, ed il giorno del loro matrimonio promisero lun laltro che sino a quando fossero
in vita non si sarebbero mai separati.
La coppia costru una casa ai margini del villaggio e per tre lune visse felice, sino a che un giorno la
graziosa fanciulla si ammal. Il giovane marito fece di tutto per aiutarla a guarire, ma invano, lei peggior ed
in poco tempo mor.
Il giovane marito era depresso. Non riusciva a capire perch lei se ne fosse andata cos presto, malgrado
gli avesse promesso che non lavrebbe mai abbandonato. Tuttavia, dopo che molte lune furono trascorse, egli
impar a convivere con il suo dolore. Di notte non aveva molto da fare e di solito andava a far visita ai suoi
genitori. Una notte, mentre stava attraversando il villaggio per far ritorno a casa, not una fiamma che ardeva
in distanza, al di l del villaggio. Per alcuni giorni, verso mezzanotte, rivide la luce brillare nello stesso posto
e cominci ad incuriosirsi. Persino durante il giorno, mentre lavorava, pensava a quella luce.
Una notte disse tra s: Devo andare a vedere quella luce e scoprire che cos . Gli occorse circa unora
per raggiungere il posto e con sua grande sorpresa trov l una casa. Spaventato, ma curioso di sapere chi vi
vivesse, decise di guardare furtivamente attraverso la finestra e fu sgomento nel vedere la sua graziosa
moglie. Era ritta presso il fuoco, pettinando i suoi bei capelli neri che le scendevano gi sino ai ginocchi.
Ca-peen disse: Finalmente lho trovata! La fiamma continuava a bruciare perch la vedessi. Perch non
sono venuto prima? E mi domando dove stia andando, tutta abbigliata in quel modo! .
Sua moglie intanto, terminato di pettinarsi i capelli, stava calzando dei mocassini bianchi come la neve.
Devo parlarle prima che esca , pens Ca-peen. Sal gli scalini e rimanendo ritto nellentrata della casa, la
vide salire, volteggiando, la scala a pioli che conduceva in cima al tetto.
Che cosa stai facendo qui? disse lei immediatamente. E prima che egli replicasse, aggiunse: Potresti
anche entrare .
Ca-peen discese lentamente gli scalini. Le raccont di aver visto la luce per molte notti e di aver deciso
dindagare. Se avessi saputo che vivevi qui , disse, sarei venuto prima .
Ebbene , disse Fiore-di-Salice, non puoi restare pi a lungo. Devi andare.
Non comprendo. Che cosa intendi dire? Ricordi la promessa che ci facemmo quando ci sposammo, che
non ci saremmo mai separati? Ed ora che ti ho trovato, rester .
Arrabbiata, Fiore-di-Salice replic: Non puoi restare qui. Non sei legato a me; e sino a che non venga il

tuo momento, non puoi stare con me. Vai, prima che sia troppo tardi .
Ca-peen insistette nel rimanere e ci port ad una lunga disputa. Alla fine Fiore-di-Salice disse: Va
bene; puoi restare per la notte, purch tu sia un uomo .
Io sono un uomo , ribatt Ca-peen.
In questo caso, starai con me sino al mattino. E se allora sarai ancora qui, torner al villaggio con te. Sei
daccordo? .
S, sono daccordo , disse Ca-peen.
Fiore-di-Salice prepar un letto sul pavimento, ed entrambi si addormentarono.
Alle tre del mattino circa, Ca-peen fu svegliato da un odore pungente che gli colpiva le narici. Veniva dal
corpo della moglie. Ben presto Ca-peen non pot sopportare pi a lungo lodore di carne putrida.
Lentamente usc dal letto e indoss gli abiti.
Disse tra s: Se esco prima che si svegli, sar libero .
Con molta calma sal gli scalini, ma proprio mentre stava per raggiungere lultimo, Fiore-di-Salice si
svegli e grid: Torna indietro, codardo! Non sei riuscito a mantenere il patto ed ora devi pagare la
punizione .
Ca-peen non era ancora preparato a raggiungere il popolo dei morti, cos con un salto usc dalla cima del
tetto e con tutte le forze corse verso casa.
Ma Fiore-di-Salice fu lesta come il vento e in un batter docchio fu anchessa fuori della casa per
inseguirlo.
Come Ca-peen arriv al Rio Grande, incontr il vecchio sciamano del villaggio, che stava andando verso
le montagne in cerca di selvaggina. Che cos che non va, figlio mio? disse il vecchio. Stai fuggendo
da qualcuno? Sembri uno cui sia capitato qualcosa di spaventevole.
Ca-peen poteva a malapena parlare, ma alla fine riusc a sussurrare con affanno: Sto fuggendo da Fioredi-Salice .
Cos stai scappando , disse il vecchio sciamano. Non hai mai imparato a badare ai fatti tuoi, ed ora ti
capitato questo .
Vecchio sciamano, devi aiutarmi. Sei uno che ha potere; mandami dove Fiore-di-Salice non possa
prendermi .
Il vecchio disse: Non c posto sulla terra dove potrai nasconderti da Fiore-di-Salice. Ti lancer nel
cielo, dove troverai spazio in abbondanza per correre. Vieni, salta sullasta di questa freccia speciale .
Ca-peen fece come gli fu detto. Ca-peen, ti sei messo comodo? .
S, vecchio .
Tieni pronto. Ora ti lancer nel cielo, dove Fiore-di-Salice non ti acchiapper mai .
Twang! la corda dellarco del vecchio sciamano part, e Ca-peen vol via nel cielo.
Mentre Ca-peen era sulla via del cielo, il vecchio sciamano ritorn sul suo sentiero. Pochi minuti pi tardi
incontr Fiore-di-Salice.
Buon giorno, figlia mia , disse lo sciamano. Dove stai andando? .
Sto inseguendo Ca-peen. Lhai visto? .
S, gli ho parlato presso il fiume pochi minuti fa .
Tu sei uno che ha potere; dimmi dove diretto.
Ora Ca-peen in cielo. Se vuoi prenderlo, l che dovrai andare .
Per favore lanciami nel cielo con il tuo potente arco , disse Fiore-di-Salice. Cos il vecchio sciamano la
mise su una delle sue frecce speciali e la lanci nel cielo.
Fiore-di-Salice sta ancora dando la caccia a Ca-peen. Questa notte, se ci saranno le stelle, guarda verso
ovest e vedrai due luccichii poco distanti luno dallaltro. Il primo Ca-peen e quello dietro Fiore-diSalice, che sta dando la caccia al marito.
Raccontata nel pueblo di San Juan, New Mexico, agli inizi degli anni 60 e tradotta dal Tewa da Alfonso Ortiz.

LUOMO CHE SPOS LA LUNA (Pueblo Isleta)


Questa storia, preparata per un periodico popolare alla fine del secolo scorso, fonde il folklore Pueblo
con il linguaggio e la sensibilit tardo vittoriani. Le fanciulle grano sono spiriti sia malevoli (come in
questa leggenda) sia generosi che si offrono come cibo affinch la gente possa vivere.

Molto prima che i primi Spagnoli arrivassero nel New Mexico, Isleta sorgeva dove si trova tuttoggi: su
un crinale di lava che sfida la corrodente corrente del Rio Grande. In quei giorni lontani, Nah-chu-r-chu,
La Bluastra Luce dellAlba , dimorava ad Isleta, ed era un capo del suo popolo. Tessitore di mestiere,
teneva il suo rudimentale telaio appeso allo scuro travetto della sua stanza, e con esso tesseva robuste manta
nere o lunghi abiti come quelli che sono a tuttoggi indossati dalle donne Pueblo.
Oltre ad essere molto sapiente in incantesimi, Nah-chu-r-chu era giovane, alto, robusto e di bellaspetto.
Tutte le ragazze del villaggio pensavano che fosse un peccato che non si curasse di prender moglie. Per lui
tremavano le fossette delle guance pi timide, per lui splendevano i denti pi bianchi, mentre le loro
proprietarie gli passavano accanto nella piazza; ma lui non vi prestava attenzione. Ma ciononostante,
secondo le abitudini dei Tiwa, timide dita lavorarono stupende casacche di pelle di daino frangiate, o vistose
guaine per punteruoli, che arrivavano poi sino alla sua casa per il tramite di sconosciuti messaggeri.
Ma Nah-chu-r-chu non prestava ai doni pi attenzione che ai sorrisi, e continuava soltanto a tessere ed a
tessere tali manta come non si erano viste mai nella regione dei Tee-wahn.
Tra le sue ammiratrici verano due sorelle chiamate, in linguaggio Tiwa, Ee-eh-ch-cho-ri-chhm-nin, le
Fanciulle Grano Giallo. Entrambe erano giovani e graziose, ma possedevano la via del male , ossia erano
streghe, possedute da un potere magico che usavano solo per nuocere. Mentre tutte le altre ragazze,
scoraggiate dallindifferenza di Nah-chu-r-chu, la smisero, le Fanciulle Grano Giallo continuarono a
passeggiare davanti alla sua casa, cercando di attirarne lattenzione. Alla fine la faccenda divenne cos
seccante per Nah-chu-r-chu che diede incarico alla possente voce del banditore municipale di annunciare in
tutte le strade che entro quattro giorni Nah-chu-r-chu avrebbe scelto una moglie.
Come mestoloni per prender acqua dalle grosse giare di terra, i Tiwa usavano allora, come usano ancor
oggi, strani piccoli ornate fatti di zucca. Ma Nah-chu-r-chu, essendo un grande sciamano e molto ricco,
aveva un mestolone di pura perla, foggiato come le zucche, ma stupendamente prezioso.
Il quarto giorno , proclam il banditore, Nah-chu-r-chu appender il suo omate di perla alla porta,
ed allora ogni ragazza che lo vorr potr gettare una manciata di grano su di esso. E la ragazza la cui farina
sar cos ben macinata da rimanere appiccicata all' omate, quella sar la moglie di Nah-chu-r-chu! .
Quando la strana notizia si diffuse nellaria della sera, ci fu un grande sgambettare di piedini mocassinati.
Le ragazze, per non lasciarsi sfuggire una sola parola, si esaurirono a forza di correre per le centinaia di case
di mattoni grigi; e come il banditore si allontan, corsero ai magazzini e cominciarono a saccheggiare i
recipienti di grano alla ricerca delle spighe pi grandi, pi regolari e pi integre. Sgranando le scelte di
prima qualit, ciascuna port le sue poche manciate di chicchi allinclinato metate, e con il mano, ossia la
pietra a mano, fregarono il frumento blu su e gi, e su e gi sino a che il duro grano divenne una soffice
farina blu. Per tutto il giorno seguente, ed il seguente, ed il seguente ancora, esse lo macinarono pi e pi
volte, sino a farlo divenire cos minuto come mai farina lo fu prima; ed ogni ragazza si sentiva sicura che la
sua farina si sarebbe appiccicata all'omate del bel giovane tessitore. Le Fanciulle Grano Giallo lavorarono
pi duro di tutte; giorno e notte per quattro giorni continuarono a macinare, accompagnando il lavoro con
tutte le formule magiche che conoscevano.
Ebbene, in quei giorni lontani la luna non era andata a vivere nel cielo, ma era una fanciulla di Isleta. Ed
era una ragazza molto bella, ma cieca da un occhio. Da molto tempo aveva ammirato Nah-chu-r-chu, ma
era stata sempre troppo pudica per cercare di attirare la sua attenzione, come avevano fatto le altre ragazze.
Ebbene, accadde che nel momento in cui il banditore fece il proclama, lei si trovasse nel ranch di suo padre.
Sicch, quando al quarto giorno ritorn in citt, era il momento in cui le ragazze dovevano andare a provare
la loro farina sul magico mestolone. Mentre lei passava, le due Fanciulle Grano Giallo stavano giusto
arrivando da casa, e la informarono su ci che si doveva fare. Esse confidavano di aver successo, e lo dissero
soltanto nella speranza di farla soffrire. Perci risero con sarcasmo vedendola correre a casa.
Nel frattempo una lunga fila di ragazze stava arrivando alla casa di Nah-chu-r-chu, sulla cui porta era
appeso l'omate di perla. Ciascuna ragazza portava in mano una piccola giara di farina e nel passare davanti
alla porta prendeva dalla giara una manciata di farina e la gettava contro il magico mestolone. Ma ogni volta
la farina cadeva gi sul terreno lasciando la perla brillante e splendente come mai.
Alla fine arrivarono le Fanciulle Grano Giallo, che avevano atteso per osservare il fallimento delle altre.
Come giunsero dove potevano vedere Nah-chu-r-chu seduto al telaio, gridarono: Ah! abbiamo qui la
farina che si appiccicher! e ciascuna ne gett una manciata sullomate. Ma non si appiccic affatto; e
seduto sul suo sgabello Nah-chu-r-chu pot vedere, nella superficie speculare duna conchiglia, tutto ci
che stava accadendo fuori.
Le Fanciulle Grano Giallo erano molto arrabbiate; ed invece di proseguire come avevano fatto le altre,

rimasero l e continuarono a gettare ripetutamente manciate sullomate, che sorrideva loro con una minor
lucentezza.
Proprio allora, ultima di tutte, arriv la luna, con una sola manciata di farina che aveva macinato
frettolosamente. Le due sorelle, che a malapena nascondevano la loro collera, la derisero dicendo:
Oh! Ph-hlee-oh, luna, povera creatura, ci spiace molto per te! Ecco noi abbiamo macinato la farina per
quattro giorni e non si appiccicata, e sino ad ora non te lo avevamo detto. Come puoi sperare di vincere
Nah-chu-r-chu? Puh, sciocca creatura! .
Ma la luna non prest attenzione ai loro sarcasmi. Alzando la piccola mano curvata, gett con delicatezza
la farina contro l'omate di perla. Il suo macinato era cos minuto che ogni pi piccolo granellino rimase
attaccato alla lucida conchiglia, e nessuna particella cadde sul terreno!
Quando Nah-chu-r-chu lo vide, si alz rapidamente dal telaio e prese la luna per mano, dicendo: Tu sei
quella che sar mia moglie. Non ti mancher mai niente, poich io possiedo molto . E le diede molte belle
manta, sciarpe di cotone e ricche calzature di pelle di daino che la fasciavano tuttintorno, s chella pot
abbigliarsi come la moglie di un ricco capo. Ma le Fanciulle Grano Giallo, che avevano visto tutto quello, se
ne andarono giurando di vendicarsi della luna.
Nah-chu-r-chu e la sua dolce moglie-luna erano molto felici insieme. In tutto il pueblo non cera unaltra
donna di casa come lei e nessun altro cacciatore portava a casa tanta carne di buffalo dalle vaste pianure
dellest, n cos tanti antilopi, cervi dalla coda nera e conigli dai Manzano, come faceva Nah-chu-r-chu. Ma
egli le ripeteva di continuo:
Moglie-luna, guardati dalle Fanciulle Grano Giallo, perch possiedono la via del male e cercheranno di
danneggiarti; devi sempre rifiutare di fare qualunque cosa ti propongano .
E la giovane moglie prometteva sempre.
Un giorno le Fanciulle Grano Giallo vennero alla casa e dissero: Amico Nah-chu-r-chu, stiamo
andando al llano, la pianura, a raccogliere amole . (Amole una radice saponosa che i Pueblo usano per
lavarsi). Non lasceresti venire tua moglie con noi? .
Oh, s, pu venire , disse Nah-chu-r-chu. Ma prendendola da parte, le sussurr: Ricordati, mentre
sei con loro, di rifiutare qualunque cosa ti possano proporre .
La luna promise, e part con le Fanciulle Grano Giallo.
In quei giorni, dove ora sono sparsi i vigneti, i giardini ed i frutteti ridenti di Isleta, cera soltanto una fitta
foresta di alberi del cotone, che le tre donne dovevano attraversare per raggiungere il llano. Proprio nel
mezzo di essa arrivarono ad un profondo pozo, un pozzo quadrato, con da un lato degli scalini che
conducevano al bordo dellacqua.
Oh! dissero le Fanciulle Grano Giallo, com calda, come mette sete la strada! Vieni, facciamoci una
bevuta dacqua .
Ma la luna, ricordando le parole del marito, educatamente disse che non desiderava bere. Esse insistettero
invano, ma alla fine, guardando gi nel pozo, gridarono:
Oh, amica-luna, amica-luna! Vieni e guarda in questacqua immobile, ed osserva quanto sei bella! .
Dovete sapere che la luna sempre andata pazza di guardarsi nellacqua, proprio come lo ancor oggi;
sicch, dimenticando gli ammonimenti di Nah-chu-r-chu, si avvicin allorlo ed osserv la sua nitida
immagine riflessa. Ma in quel preciso momento le due sorelle streghe le spinsero la testa in avanti dentro il
pozo e lannegarono; poi riempirono
il pozzo di terra ed andarono via felici, come solo possono esserlo i cuori malvagi.
Quanto pi il sole avanzava lungo il pavimento di mattoni, sempre pi vicino al suo sgabello, tanto pi
sovente Nah-chu-r-chu volgeva lo sguardo dal telaio alla porta. Quando infine le ombre furono molto
lunghe, salt in piedi di colpo e sincammin a lunghi, lunghi passi verso la casa delle Fanciulle Grano
Giallo.
Fanciulle Grano Giallo , domand loro molto severamente, dov la mia mogliettina? .
Perch, non in casa? risposero le sorelle streghe, fingendo dessere molto sorprese. Ha raccolto
amole a sufficienza molto prima di noi .
Ah , brontol tra s Nah-chu-r-chu, come avevo previsto: le hanno fatto del male .
Ma senza dir loro una parola, si volt ed and via.
Da quel momento, ad Isleta tutto and male; perch la prosperit di tutto il popolo dipendeva da Nah-chur-chu, persino la vita e la morte. Senza prestare attenzione a quello che stava accadendo intorno a lui, Nahchu-r-chu sedette immobile sulla pi alta traversa dell'estufa (la kiva, o scala dingresso della sacra camera
del consiglio, il punto pi alto di tutta la citt) con la testa china tra le mani. L sedette per giorni, in

silenzio, senza mai muoversi. I bimbi che giocavano per le strade guardavano con timore quella figura
immobile e smettevano i loro chiassosi giochi. I vecchi scuotevano gravemente la testa e mormoravano:
Viviamo in brutti tempi, perch Nah-chu-r-chu addolorato, e non sar confortato; e non c pi pioggia,
sicch le nostre messi stanno morendo nei campi. Che cosa faremo? .
Alla fine tutti i consiglieri si radunarono e decisero che si sarebbe dovuto fare un altro sforzo per trovare
la moglie scomparsa. Era vero che il grande Nah-chu-r-chu laveva cercata invano, e la gente laveva
aiutato; ma forse qualcun altro avrebbe potuto essere pi fortunato. Cos presero un po della sacra erba da
fumare avvolta in un involucro di grano e andarono dallaquila, la quale ha gli occhi pi aguzzi di tutto il
mondo. Porgendole il sacro dono, dissero:
Amica-aquila, vediamo Nah-chu-r-chu in grande pena, perch ha perduto sua moglie-luna. Vieni,
cercala, ti preghiamo, per scoprire se viva o morta.
Laquila accett lofferta, esegu la preghiera del fumo e poi si alz volando nel cielo. Mentre saliva
sempre pi in alto, con grandi cerchi ascendenti, i suoi occhi penetranti scrutavano ogni bastoncino, pietra e
animale che esiste sulla faccia della terra. Ma malgrado i suoi occhi, non vide traccia della moglie
scomparsa; ed alla fine, tristemente, ritorn gi e disse:
Amica-gente, sono salita dove potevo vedere tutto il mondo intero, ma non sono stata capace di
trovarla.
Allora la gente and con una offerta dal coyote, il cui naso il pi fino di tutto il mondo, e lo
supplicarono di tentare di trovare la luna. Il coyote fum la preghiera del fumo, e part con il naso per terra,
cercando di trovarne le tracce. Trott per tutta la terra; ma alla fine anchegli ritorn senza aver trovato
quello che cercava.
Allora quella gente in difficolt si rivolse al tasso, in quanto era la migliore di tutte le bestie nello scavare
(fu lui che i Veri impiegarono per scavare le caverne nelle quali abitarono quando vennero in questo
mondo). Il tasso trott, batt con la zampa e scav ovunque, ma non pot trovare la luna; e torn a casa
molto triste.
Allora chiesero alla procellaria, che pu vedere in profondit sottacqua, la quale vol alta sopra i laghi ed
i fiumi del mondo, sino a che pot contare i ciottoli ed i pesci che vi erano, ma neppure lei riusc a scoprire
la luna scomparsa.
Nel frattempo le messi erano morte ed appassite nei campi, e gli animali assetati andavano gridando lungo
il fiume. La gente stessa riusciva appena a scavare abbastanza in profondit da trovare acqua per tenersi in
vita. Non sapeva che fare, ma alla fine pens: Ora andremo da Pah-ku-ee-teh-ay-deh (lantenata ocadacqua, che significa poiana tacchino), che sa trovare i morti: doveva infatti essere morta, se no gli altri
lavrebbero trovata .
Cos andarono da lei e la supplicarono. La poiana tacchino pianse quando vide Nah-chu-r-chu ancora
seduto sopra la scala, e disse: veramente triste per il nostro grande amico; ma ho paura di andare, poich
quelli che sono pi potenti di me hanno gi fallito. Tuttavia tenter . E, stendendo le sue larghe ali, and
arrampicandosi su per la scala a spirale del cielo. Rote sempre pi alto, sino a che alla fine persino laquila
non pot pi vederla. Su e su, sino a che il sole cominci a bruciacchiarle la testa; persino laquila non era
mai stata cos in alto. Pianse dal dolore, ma nondimeno continu a salire, sino a che fu cos vicina al sole che
tutte le penne della testa e del collo si bruciarono. Ma non pot veder nulla, ed alla fine, frenetica per le
bruciature, venne roteando allin gi. Quando fu di ritorno alla estufa, la gente che la stava aspettando vide
che aveva la testa ed il collo nudi perch le piume erano state bruciate; e da allora quelle piume non
sarebbero mai pi ricresciute.
Hai visto niente? le domandarono, quando le ebbero bagnato le bruciature.
Niente , rispose, eccetto che, quando ero a met discesa, ho visto nel centro della lontana foresta di
alberi di cotone un piccolo tumulo coperto con tutti i pi bei fiori del mondo .
Oh! grid Nah-chu-r-chu, parlando per la prima volta. Vai, amica, e portami un fiore proprio dal
centro del tumulo .
La poiana vol via e ritorn in pochi minuti con un fiorellino bianco. Nah-chu-r-chu lo prese e,
scendendo in silenzio dalla scala, cammin solennemente verso casa, mentre tutta la gente lo seguiva stupita.
Quando Nah-chu-r-chu ritorn di nuovo nella sua casa, prese una manta nuova e la stese nel centro della
stanza. Posandovi sopra teneramente il minuscolo fiore bianco nel centro, mise unaltra manta su di esso.
Poi, abbigliandosi con uno splendido completo di pelle di daino che la moglie scomparsa gli aveva fatto, e
preso nella mano destra il sacro guaje, il sonaglio, rivolgendosi alla manta cant:
Sh-nah, sh-nah! Ai-ay, ai-ay, ai-ay-ay. Cercarla, cercarla! L-lontano, l-lontano .

Quando ebbe terminato il canto, tutti videro che il fiore stava crescendo, sollevando un po la manta
superiore. Cant di nuovo, scuotendo la sua zucca; ed il fiore continu ancora a crescere. Cant a pi riprese;
e quando ebbe terminato per la quarta volta, fu chiaro a tutti che una forma umana giaceva tra le due manta.
E quando inton il suo canto per la quinta volta, la forma si mise a sedere e si mosse. Affettuosamente
sollev il tessuto chera sopra: l sedeva la sua dolce moglie-luna, pi bella che mai e viva come prima!
Per quattro giorni la gente danz e cant sulla pubblica piazza. Nah-chu-r-chu era di nuovo felice; ed ora
la pioggia cominciava a cadere. La terra arsa bevve e fu contenta e verde, e le morte messi ritornarono a
vivere.
Quando la moglie gli disse quello che avevano fatto le sorelle streghe, si arrabbi molto; e quel giorno
fece un bel cerchio con cui giocare. Lo dipinse, vi tese di traverso molte cordicelle e lo decor con pelle di
daino ornata di perline.
Ora , disse, le malvagie Fanciulle Orano Giallo verranno per congratularsi con te e fingeranno di non
sapere doveri. Non devi parlare di ci, ma invitale ad uscire ed a giocare una partita con te .
Dopo qualche giorno le sorelle streghe arrivarono, rivolgendole parole ingannevoli; e la luna le invit ad
uscire per giocare una partita. Andarono al bordo della pianura e l lasci che gettassero unocchiata al bel
cerchio.
Oh, daccelo, luna-amica , la supplicarono. Ma lei rifiut. Alla fine, tuttavia, disse: Faremo una partita
al cerchio. Io star qui e voi l; far rotolare il cerchio verso di voi; se lo afferrate prima che cada, potete
averlo .
Allora le sorelle streghe si misero un po lontano, ai piedi della collina, e lei fece rotolare il lucente
cerchio. Come arriv rotolando verso di loro, entrambe lo afferrarono nello stesso istante; ed ecco! invece
delle Fanciulle Grano Giallo, comparvero due grandi serpenti, con le lacrime che scendevano dalle brutte
facce. La luna arriv e mise sulla loro testa un po del polline del grano in fiore (ancora usato dagli
incantatori di serpenti Pueblo) per ammansirli, ed un pizzico di farina sacra per loro cibo.
Ebbene , disse, questa la ricompensa che ricevono gli amici sleali. La vostra dimora sar qui tra
queste rocce e questi dirupi per sempre, e nessuno dovr mai trovarvi sulla prateria; e nemmeno dovrete mai
mordere una persona. Ricordatevi che siete donne e dovete essere miti .
Poi la luna and a casa dal marito, ed insieme furono molto felici. Quanto ai serpenti sorelle, dimorano
ancora dove lei aveva loro ordinato di rimanere e non si avventurarono mai fuori da quelle rocce; anche se
talvolta la gente li porta a casa per catturare i topi, perch quei serpenti non fanno mai del male ad una
persona.
Pubblicata da Charles F. Lummis sul St. Nicholas Magazine nel 1897.

Dal punto di vista dellopinione che i Pueblo hanno dei serpenti, la punizione che subirono le sorelle fu
blanda. Alcune trib Pueblo considerano i serpenti come portatori di pioggia e gli eroi dei miti Pueblo
talvolta sposano fanciulle serpenti, come nel Ragazzo Hopi ed il Sole . Secondo un rapporto
governativo del 1900: Il superstizioso rispetto che questi Indiani hanno per i serpenti, considerando che
essi giocano un ruolo preminente nei riti religiosi, li protegge e li rende abbondanti nei villaggi. Un
serpente che sia trovato in un pueblo semplicemente portato via su dei bastoncini e posato fuori
dellimmediata sfera delluomo . Notare che quando le malvagie fanciulle grano furono mutate in
serpenti, divennero esseri pi cortesi e gentili.

PERCH LA TALPA VIVE SOTTOTERRA (Cherokee)


Un uomo era innamorato di una donna che non contraccambiava il suo amore e che non voleva aver
niente a che fare con lui. Cerc in ogni modo di conquistarne il favore, ma senza successo, ed alla fine si
scoraggi e si ammal.
Talpa arriv e trovando luomo con la mente cos depressa, gli chiese di che fastidio si trattasse. Luomo
le raccont lintera storia, e quando ebbe finito Talpa disse: Io posso aiutarti. Non soltanto tu le piacerai,
ma lei verr da te di sua spontanea volont .
Quella notte, scavando sottoterra sino al posto dove la ragazza era a letto addormentata, Talpa le prese il
cuore. Ritorn per la stessa strada e diede il cuore allo scoraggialo amante, il quale non lo vedeva malgrado
lavesse in mano. Ecco , disse Talpa, ingoialo e lei sar cos attratta da lo che non potr resisterti .

Luomo ingoi il cuore e quando la ragazza si svegli, in un modo o nellaltro pens subito a lui. Sentiva
uno strano desiderio di essere con lui, di andare da lui allistante. Non sapeva spiegarselo, perch non le era
mai piaciuto, ma il sentimento cresceva cos forte che fu costretta a trovare luomo e dirgli che lo amava e
che voleva essere sua moglie. E cosi si sposarono.
Tutti i maghi che li conoscevano entrambi furono sorpresi e si chiedevano come poteva essere accaduto.
Quando scoprirono che era stato il lavoro di Talpa, che avevano sempre considerato troppo insignificante
per occuparsi di lei, ne furono gelosi e minacciarono di ucciderla. Ecco perch Talpa si nascose sotto il
terreno e non osa ancora venir su.
Basata su una leggenda riportata da James Mooney negli anni 1890.

LEGGENDA DELLE CASCATE MULTNOMAH (Multnomah)


Molti anni fa il capo supremo del popolo Multnomah aveva una bella e giovane figlia. Era particolarmente
cara a suo padre, perch aveva perso tutti i figli in combattimento ed ora era un uomo vecchio. Perci le
scelse il marito con grande cura: un giovane capo dei suoi vicini, il popolo Clatsop. Alla festa di nozze
arriv molta gente dalle trib del basso Columbia ed a sud di esso.
La festa dur alcuni giorni. Ci furono gare di nuoto e regate di canoe sul fiume. Ci furono giochi di tiro
allarco, corse di cavalli, danze e festeggiamenti. Tutta la folla era felice, in quanto sia la fanciulla sia il
giovane guerriero erano amati dal popolo.
Ma senza alcun segno ammonitore la felicit si mut in dolore. Una malattia piomb sul villaggio. I bimbi
ed i giovani furono le prime vittime; poi si ammalarono gli uomini forti che nel giro dun giorno morirono. Il
lamento delle donne si levava da tutto il villaggio di Multnomah e dagli accampamenti degli ospiti.
Il Grande Spirito arrabbiato con noi , si diceva la gente.
Il capo trib convoc a consiglio gli anziani ed i guerrieri e domand gravemente: Che cosa possiamo fare
per placare la collera del Grande Spirito? .
Solo il silenzio segu alla sua domanda. Alla fine un vecchio sciamano si alz. Non c niente che
possiamo fare. Se la volont del Grande Spirito che dobbiamo morire, allora dobbiamo andare incontro alla
morte come uomini coraggiosi. Il popolo Multnomah sempre stato coraggioso .
Gli altri membri del consiglio annuirono in segno di assenso: tutti eccetto uno, il pi vecchio degli
sciamani. Non aveva partecipato alla festa di nozze ed ai giuochi, perch era arrivato dalle montagne nel
momento in cui era stato convocato dal capo. Si alz e, appoggiandosi al bastone, parl al consiglio. La sua
voce era fioca e debole.
Amici miei, io sono un uomo molto vecchio; ho vissuto per molto, molto tempo. Ora saprete perch. Vi
sveler un segreto che mi raccont mio padre. In passato, molte estati e molte nevi or sono, egli fu un grande
sciamano dei Multnomah .
Quando ormai era anziano, mi disse che quando fossi divenuto vecchio, il Grande Spirito avrebbe
inviato una malattia sul nostro popolo. Tutti sarebbero morti, disse, a meno che non fosse fatto un sacrificio
al Grande Spirito. Una pura ed innocente fanciulla della trib, la figlia di un capo, doveva offrire
spontaneamente la sua vita per il popolo. Sola, avrebbe dovuto andare su un alto dirupo sopra il Grande
Fiume e gettarsi gi sulle rocce. Se avesse fatto ci, la malattia sarebbe scomparsa allistante .
Poi il vecchio disse: Ho finito; il segreto di mio padre stato rivelato. Ora posso morire in pace.
Come lo sciamano sedette, non una parola fu pronunciata. Alla fine il capo alz la testa e disse: Fate
venire tutte le fanciulle i cui padri o nonni siano stati capi trib .
Ben presto una dozzina di ragazze furono in piedi davanti a lui; tra di esse la sua amata figlia. Il capo rifer
loro quello che il vecchio sciamano aveva detto. Penso che le sue parole siano le parole della verit ,
aggiunse.
Poi si volt verso gli sciamani ed i guerrieri: Dite al nostro popolo di andare incontro alla morte con
coraggio. A nessuna fanciulla sar chiesto di sacrificarsi. La riunione terminata .
La malattia rimase nel villaggio e molta altra gente mor. La figlia del capo trib si chiedeva se fosse lei
quella che avrebbe dovuto offrire la vita al Grande Spirito. Ma amava il giovane guerriero e voleva vivere.
Tuttavia, pochi giorni pi tardi, vide la malattia sul volto del suo amato. Ora sapeva quello che doveva
fare. Gli rinfresc il caldo viso, lo cur teneramente e gli lasci accanto una ciotola dacqua. Poi usc
furtivamente da sola senza far parola con alcuno.

Per tutta la notte e per tutto il giorno successivo segu il sentiero che porta al grande fiume. Al tramonto
raggiunse lorlo di un dirupo che dominava lacqua dallalto. Rimase ritta l in silenzio per alcuni istanti, ad
osservare le dentellate rocce sottostanti. Poi volt il viso verso il cielo ed alz le braccia. Parl al Grande
Spirito ad alta voce.
Sei in collera con il mio popolo. Farai sparire la malattia se ti offro la vita? Solo amore, pace e purezza
sono nel mio cuore. Se accetti il mio sacrificio in nome del mio popolo, fai apparire un qualche segno nel
cielo. Fammi sapere che la mia morte non sar in vano e che la malattia cesser immediatamente .
Proprio allora vide la luna che stava salendo sopra gli alberi al di l del fiume. Era il segno. Chiuse gli
occhi e salt dal dirupo.
Il mattino seguente, tutta la gente che si attendeva di morire in quello stesso giorno si alz dal letto
sentendosi bene ed in forze. Tutti erano pieni di gioia. Nel villaggio e negli accampamenti degli ospiti era
tornato il sorriso.
Allimprovviso qualcuno domand: Che cosa stato a far scomparire la malattia? a causa duna delle
fanciulle? .
Ancora una volta il capo invit le figlie e le nipoti dei capi trib a venire davanti a lui, ma questa volta ne
mancava una.
Il giovane guerriero Clatsop si precipit lungo il sentiero che conduceva al Grande Fiume. Altra gente lo
segu. Sulle rocce sotto lalto dirupo trovarono la fanciulla che tutti avevano amato e l la seppellirono.
Allora suo padre preg il Grande Spirito: Mostrami un segno che lanima di mia figlia stata accolta
nella terra degli spiriti .
Quasi allistante si ud un mormorio dacqua. Tutta la gente guard su verso il dirupo. Un ruscello bianco
argentino stava scendendo verso lorlo della roccia. Sollevando unaerea foschia, irruppe gi ai loro piedi.
Poi continu a scorrere e divenne unalta e bella cascata.
Per molte estati la bianca acqua caduta dal dirupo nella pozza sottostante. Talvolta in inverno lo spirito
della coraggiosa e bella fanciulla ritorna per vedere la cascata. Vestita di bianco, sta ritta tra gli alberi su un
lato della Cascata Multnomah. L osserva il luogo dove fece il grande sacrificio che salv il suo amato ed il
suo popolo dalla morte.
Riferita da Ella Clark nel 1953.

LA FIGLIA LABORIOSA CHE NON VOLEVA SPOSARSI (Cochiti)


In un villaggio vivevano una vecchia ed un vecchio che avevano soltanto una figlia. Erano molto poveri.
Quando la ragazza crebbe e cominci a chiedersi come avrebbe potuto aver cura del padre e della madre,
disse fra s: Raccoglier il cotone che stato gettato via. Raccolse scarti di cotone, li pettin, li fil e
avvolse il filato in un gomitolo. Quando ne ebbe a sufficienza, sferruzz un paio di calze senza il piede. Le
mostr al padre ed alla madre e disse: Ho lavorato duro per farle, penso ci aiuteranno .
Poi cerc di sferruzzare un paio di calze traforate: quella sorta di gambali, oggi fatti di corda, che le donne
indossano per la danza del cervo. Le appese al palo degli abiti e chiam i genitori a vedere quello che aveva
imparato a fare.
Ora cercher di fare una grande manta , disse. Raccolse altri scarti, li pettin, li fil ed avvolse il filato
in gomitoli. Poi linfil nel telaio e cominci a tessere. Quando lebbe terminata, decise di ricamarla con
diversi colori. Tinse il filato e si sedette a ricamare la bianca manta vicino alla finestra. Nel frattempo la
figlia era cresciuta ed era diventata una grande e bella ragazza. Mentre stava ricamando, i giovanotti
venivano intorno a parlarle di matrimonio, ma lei non prestava loro attenzione. Diceva: Devo badare a mio
padre ed a mia madre ed a me stessa . Quando la manta fu terminata, la don ai genitori, e la madre
lappese al palo degli abiti.
Ora far una bianca sciarpa frangiata per la danza , disse. Mise i fili orizzontalmente e cominci a
tessere. Mentre lavorava, i ragazzi venivano alla finestra per osservare, ma lei non vi prestava attenzione.
Quando termin, la port ai genitori, e la madre lappese al palo.
Ora far una piccola manta bianca come cintura da danzatore , disse. Infil il suo telaio, la tess e la
ricam su entrambe le parti terminali. I genitori erano molto felici di avere una figlia con una tale iniziativa.
Far una cintura , disse la ragazza. Ammass altri scarti di cotone ed usc a raccogliere le piante che
sono usate per colorare di giallo il filato. Conserv lorina in una giara molto grande, e quando questa fu

piena, ne mise un po in una ciotola. Pest una pietra blu, la bagn con lorina e la vers nella grande giara.
Poi butt il filato dentro la grande giara, e quando dopo tre giorni lo tir su, non poteva essere pi blu.
In seguito, dopo aver fatto bollire le piante per la tintura gialla, la ragazza immerse il filato nel liquido e
chiese al padre: Dovr toglierle tutte? Forse potrei fare la cintura soltanto gialla e blu . Suo padre
espresse allora la sua opinione: S, quando togli il filato, appendilo alla punta dun travetto e nei giri pi
bassi metti la pietra per asciugare in modo che il filato si asciughi bene. Vedrai che quando tingi non ti si
allungher . Poi lei tinse del filato di rosso, tess la cintura e la termin. Quando termini la cintura,
tendila bene, in modo che quelli che la compreranno non tireranno te quando muori , le disse il padre.
questo il consiglio che si d a tutte le ragazze indiane quando tessono.
Poi la ragazza mand il padre e la madre a vendere quello che aveva fatto, e quando tornarono a casa, lei
stava ancora filando. Avete avuto fortuna? domand, ed essi le dissero che avevano venduto tutto.
Presto la gente del villaggio cominci ad andare alla casa della ragazza per comprare quello che
desideravano. I giovanotti comprarono tante sciarpe frangiate per la danza e piccole manta ricamate che alla
fine ognuno aveva un abito completo per danzare. Allora dissero: Organizziamo una grande danza davanti
alla sua casa e vediamo chi di noi sceglier per danzare . Cos si vestirono per la danza e si radunarono di
fronte alla sua casa. Quando cominciarono a danzare, lei era seduta sulla soglia e ricamava una manta
bianca. Ma lei disse: Perch pensate che io sia la sola ragazza del villaggio? Mi state esortando a fare una
scelta, ma non desidero farla . Come la danza termin ed essi si allontanarono, lei non alz nemmeno la
testa. Termin di ricamare la manta e la diede alla madre, che lappese al palo.
Riposati, figlia mia , le disse il padre mentre la famiglia era seduta vicino al focolare. Non posso fare
a meno di lavorare , rispose lei. Mi piace . E persino in quel momento separava il cotone. Ad un tratto
ud un rumore di sonagli che si stava avvicinando e disse: Stanno ritornando di nuovo! Fanno un gran
baccano! . Era la danza dellarcobaleno, ma lei non guard. Alcuni danzatori vennero alla casa e dissero:
Siamo sorpresi che non ti curi nemmeno di alzare gli occhi quando danziamo. Andarono a casa, ma lei
continu a lavorare.
Il giorno dopo i giovanotti cominciarono ad arrivare per domandarle di sposarli. Ciascuno portava una
grande manta ed una piccola manta ed una cintura, ma lei li rifiut tutti. Grazie, ma posso farmele , disse.
So come fare qualunque cosa voglia.
Che cosa possiamo fare per persuaderla a sposarci? si chiesero. Andiamo tutti a disegnare delle belle
cose sulle nostre case . Ben presto tutti i giovanotti furono occupati a dipingere arcobaleni sulle loro case,
sui muri e sulle scale. Alcuni fecero dei piccoli uccelli di pietra e li collocarono su entrambi i lati dei pioli
della scala, e li dipinsero con molti colori. Il giorno dopo lei attravers il villaggio, ma non bad agli
arcobaleni, agli uccelli e ai girasoli. Devo badare a me ed ai miei genitori , disse. Non ho bisogno di
altro, voglio stare dove sono .
In seguito i giovanotti pensarono che avrebbero potuto tentarla con del grano. Sulla cima dei loro tetti
fecero pile di spighe di tutti i diversi colori: blu, bianche, rosse, rosso scure, gialle, e molti altri. Come lei
cammin per il villaggio, guard le pile, ed i giovanotti tremarono tutti di speranza. Ma lei non si cur di
nessuno. Ve lo dico, ragazzi, non ho intenzione di sposarmi. Faccio i miei abiti e vivo molto bene .
Cos alla fine i ragazzi si dissero: Non la corteggeremo pi; a lei non interessano i giovanotti .
Coyote venne a sapere di lei e disse tra s: Dovr venire con me. Non le offrir un bel niente, ma sar
mia lo stesso. Andr sulle montagne a prendere un ramo di ribes nero .
And a casa, prese i suoi bianchi mocassini di pelle di daino, la pelle di moffetta da allacciare intorno alle
caviglie, le calze traforate, la piccola manta bianca per il gonnellino, del filo bianco e rosso da legare intorno
alle braccia, il collare di conchiglie bianche, la conchiglia di abalon, lelmo dipinto, le piume di coda di
pappagallo lunghe e le piume di coda di pappagallo corte, le piume vellutate ed il sonaglio di zucca. Mise
tutte quelle cose in un involto e part. Cammin ed arriv ad un posto dove crescevano i ribes neri. Ne prese
un po e disse: Vieni, Payatamu .
Arrivato al villaggio della ragazza, non and dritto alla casa di lei, ma in unaltra. Hello , disse, ma
nessuno rispose, perch non cera nessuno. Entr nella stanza interna e pos il suo fagotto. Ora vieni,
Payatamu! . Batt rapidamente quattro volte i piedi e infil i suoi bianchi mocassini di pelle di daino. Si
guard i piedi. Sono bello? S, sono bello , disse. Batt quattro volte i piedi e indoss le calze a laccio, e
disse: Sono bello? S, sono bello . Batt quattro volte i piedi, e mise la pelle di moffetta intorno alle
caviglie, e disse: Sono bello? S, sono bello . E procedette cos mentre indossava ciascuna delle cose che
aveva nel fagotto. Quando fu completamente abbigliato, disse: Vieni, Payatamu, guarda se sono capace di
conquistare quella ragazza. Non danzer davanti alla sua casa, ma nel centro della Piccola Plaza . E prima

di uscire prese con la mano sinistra il mazzo di ribes nero.


And nel centro della Piccola Plaza e cominci a danzare. Quando udirono il suono del sonaglio, tutti
quanti guardarono fuori e videro un ragazzo che danzava. Udendo che qualcuno stava cantando, la ragazza
lasci cadere la bianca manta che stava ricamando ed usc. Che ragazzo elegante! disse. Non lho mai
visto prima; mi domando chi sia . Cammin verso il centro della Piccola Plaza e not il suo mazzo di ribes
neri, dei quali andava pazza. Poi disse a Coyote: Dammi il ramo di ribes nero e ti porter a casa mia.
I ragazzi del villaggio le dissero: Che sporca, miserabile ragazza sei! Perch per cos pochi ribes neri lo
lascerai dormire con te? Noi ti abbiamo offerto molto di pi, ma non hai nemmeno voluto guardarlo .
Ma la ragazza tir diritto e condusse il danzatore a casa sua. Chiam il padre e la madre: Viene qui,
Payatamu .
Oh, mia cara figliola! esclam sua madre, che guaio hai combinato! .
Mia cara madre, lui ha un ramo di grosso ribes nero. Tu sai quanto mi piaccia il ribes nero, ed da
molto tempo che non ne mangio .
Payatamu rimase la notte ed ebbe una relazione con lei e lei diede alla luce due piccoli coyote. Era ancora
una ragazza elegante, ma da allora nessuno nel villaggio fece pi caso al suo aspetto.
Coyote disse al padre ed alla madre della ragazza: Porter mia moglie ed i figli a casa mia . La coppia
part e lungo il viaggio arriv ad High Bank. Cera un grosso buco nel terreno, e Coyote disse: Entro per
primo . Come puoi entrare? domand la ragazza. cos piccolo . Ma egli vi riusc e poi entrarono i
due piccoli coyote, ed allora la madre guard attraverso il buco. Dentro cera una casa esattamente grande
quanto quella dei suoi genitori. Coyote aveva tante manta e manta ricamate, e calze traforate e cinture
quante ne aveva lei. Cos entr ed essi vissero l per sempre.
Raccolta da Ruth Benedict nel 1924.

LA DONNA CHE SPOS UN TRITONE (Coos)


In un villaggio chiamato Takimiya vivevano cinque fratelli ed una sorella. Molti uomini desideravano
sposare la ragazza, ma lei non voleva sposarsi. Era sua abitudine andare ogni giorno a nuotare in un piccolo
ruscello. Un giorno, mentre ritornava dalla sua nuotata, si accorse dessere incinta.
I suoi fratelli vollero sapere comera capitato, ma lei non riusc a dar loro una risposta, perch lei stessa non
lo sapeva.
Diede alla luce un bambino, un bimbo irritabile che piangeva in continuazione. La ragazza ed i fratelli
fecero ogni cosa per cercare di calmarlo, ma niente funzionava. Non sapendo pi cosa fare, alla fine i fratelli
le dissero di mettere il bimbo fuori di casa. Immediatamente egli smise di piangere. Dopo un po la madre
usc ad osservarlo e not, con sua sorpresa, che stava mangiando un pezzo di carne di foca che qualcuno
aveva infilato in un bastoncino per lui. Lei guard attorno per vedere chi poteva averlo fatto, ma non cera
nessuno.
Quando port il bimbo in casa, cominci a gridare di nuovo e certamente non avrebbe lasciato dormire
nessuno. Cos i suoi fratelli le dissero di portarlo di nuovo fuori e le suggerirono di nascondersi e di
osservare quello che capitava.
La madre rimase fuori nascosta per un giorno intero senza vedere nessuno. Verso sera per apparve
all'improvviso un uomo che le disse di seguirlo, perch era suo marito. Sulle prime lei rifiut, temendo che i
suoi parenti non sapessero dove lei sarebbe andata. Ma dopo che egli le ebbe promesso che sarebbe stata al
sicuro, prese il bimbo in braccio e and con lui. Si avvicinarono ad una insenatura, e il marito le disse di
afferrarsi alla sua cintura e di tenere gli occhi chiusi. Insieme si immersero nellacqua. Presto arrivarono al
fondo del mare: ad un villaggio abitato da molti Indiani. Il marito era uno dei cinque figli del capo del
villaggio e la coppia visse l felice e soddisfatta.
Il bimbo crebbe, e come molti ragazzi che abitano sulla terra, gli piaceva giocare con le frecce. La madre
gliele faceva, dicendogli intanto che i suoi zii, che vivevano al di sopra dellacqua, avevano molte frecce. Un
giorno il bimbo le chiese di portarlo dagli zii sulla terra per prendere delle frecce. Il padre si oppose, ma alla
fine acconsent alla moglie di salire sola. Indossate cinque pelli di lontra marina, part di buon mattino. Non
appena i fratelli la videro, pensarono che fosse una vera lontra, e cominciarono a lanciarle delle frecce dalla
riva. Essendo stata colpita ripetutamente, la lontra simmerse, ma poi ritorn in superficie senza le frecce. La
lontra nuotava su e gi per il fiume, e molta gente che era nelle canoe continu a lanciarle delle frecce, ma

nessuno riusc ad ucciderla.


Alla lunga tutti rinunciarono a darle la caccia eccetto il fratello maggiore, che segu la lontra sino a
quando raggiunse la spiaggia. Avvicinandola, avvert sotto le pelli la presenza duna forma femminile ed
allistante riconobbe in quella la sorella scomparsa. Lei gli disse dessere stata una lontra marina e gli mostr
le frecce che la gente le aveva lanciato. Sono venuta a prenderle per il mio bambino , disse. Mio marito
il figlio di un capo. Quando la marea bassa, puoi vedere la nostra casa proprio nel centro delloceano .
Poi gli diede le cinque pelli di lontra marina ed egli le diede tante frecce quante ne poteva portare.
Prima dimmergersi nellacqua, gli disse: Domani mattina troverai una balena sulla spiaggia, proprio di
fronte al vostro approdo . Ed accadde proprio come aveva detto. La balena si aren sulla spiaggia e gli
uomini divisero la carne tra la gente.
Pochi mesi pi tardi la donna torn di nuovo dai suoi parenti, ed i fratelli notarono che le spalle le stavano
divenendo scagliose e scure come quelle di un serpente di mare. Rimase un po e poi torn alla sua casa
nellacqua, ma non venne mai pi a terra e non fu pi rivista. Molto tempo dopo, molti serpenti di mare
arrivarono nella baia. Pensando che anchessi fossero venuti in cerca di frecce, la gente continu a lanciarle
su di essi. Non ritornarono mai pi, ma ogni estate ed ogni inverno mettevano sulla riva una balena come
dono per i loro parenti sopra il mare.
Basata su un mito riportato da Harry St. Clair nel 1909.

LA MOGLIE FEDELE E LA DONNA GUERRIERA (Tiwa)


un altra leggenda Pueblo che rivela il carattere degli Apache.
Molto tempo fa una banda di Apache viveva in un posto chiamato Namtsuleta, o Terra Gialla. Nella banda
cerano due giovani: Falco Blu, figlio adottivo della trib, che era sposato alla figlia del capo trib, e Falco
Rosso, suo amico.
La loro trib era in guerra con una pericolosa e terribile trib che viveva lontano ed i due giovani
intendevano andare l a prendere degli scalpi. Un giorno caricarono i loro cavalli e partirono. Quando quella
notte si accamparono, parlarono di quello che li aspettava e di quello che avevano lasciato indietro.
Falco Rosso, il ragazzo non sposato, disse allamico: Come fanno tutte le donne, anche la tua
probabilmente questa notte star dormendo con un altro uomo .
Tu puoi pensarlo, ma io non lo farei mai , disse Falco Blu. Mia moglie mi fedele .
Scommetterei che se potessi andare indietro, dormirei questa notte con tua moglie! .
Amico mio, potresti andare indietro, ma lei non ti accetterebbe .
Scommetto che lo far .
Ebbene, vai e provaci! . E scommisero le some dei loro cavalli, il loro cibo, ogni cosa che avevano con
loro, ed ogni cosa che avevano a casa.
Cos Falco Rosso ritorn al villaggio ed ozi attorno alla tenda di Falco Blu. Vide la moglie del suo amico
chera seduta fuori, ma lei non lo degn duno sguardo. Bench egli continuasse a sorriderle, lei lo ignor a
tal punto che egli ebbe persino paura di rivolgerle la parola.
Devessere fedele come ha detto il mio amico , pens il ragazzo. Quando comprese che stava per
perdere la scommessa, and da una vecchia del villaggio. Le raccont ogni cosa: del viaggio dei due amici e
della loro scommessa, poi della freddezza della bella moglie e della sua vergogna.
Non c un qualche modo che mi permetta di vedere la ragazza svestita? domand. O se no, puoi
scoprire come fatto il suo corpo? Pagher bene .
S, nipote mio, lo scoprir per te.
Camminando zoppicante con un bastone, le dita dei piedi che le spuntavano dalle scarpe, pass
trascinandosi davanti alla tenda della moglie. Povera vecchia nonna! sospir la moglie di Falco Blu,
guardando fuori. Chiese a qualcuno di portare la donna dentro e le prepar un letto di pelli in un angolo. Fu
da l che, a notte inoltrata, la vecchia, guardando attraverso un buco della sua coperta, riusc a vedere la
ragazza svestita.
La moglie di Falco Blu aveva una lunga treccia dorata al centro delladdome che lei sciolse, spazzol ed
intrecci di nuovo, e che avvolse intorno al suo corpo cinque volte. Come la ragazza si chin e si volt, la
vecchia vide che aveva una specie di segno nero particolare sulla spina dorsale.

Allo spuntar del giorno la vecchia si alz. Nipote, sto andando a casa a dar da mangiare ai miei tacchini
, disse. E ritorn a casa sua, dove Falco Rosso aveva passato la notte, e rifer tutto quello che aveva visto.
Falco Rosso cavalc indietro al campo del suo amico. Ho dormito con tua moglie! disse, ma Falco Blu
non voleva crederlo. Ebbene, lei ha dei lunghi capelli dorati nel centro delladdome e un segno particolare
nero sulla spina dorsale .
Silenzioso Falco Blu abbass il capo.
Amico mio, hai dato la tua parola, e le parole di un uomo valgono moltissimo , disse Falco Rosso.
Allora Falco Blu parl: L ci sono i miei cavalli carichi ed il mio denaro ed ogni cosa che stavo
portando. Prendi tutto. Torneremo indietro e ti dar ogni cosa, denaro, cavalli, bestiame e casa.
Cos tornarono al villaggio e Falco Blu fece dono allamico di tutto ci che possedeva, come farebbe uno
quando offre doni nel corso duna festa dei morti. Sua moglie continuava a chiedergli: Che cosa stai
facendo? Perch stai dando ogni cosa a quel ragazzo? . Ma lui, senza rispondere, si mise tranquillamente al
lavoro per fare unenorme cassa di pelle grezza. Poi, quando lebbe terminata, vi mise dentro denaro, cibo ed
utensili da cucina.
Finalmente Falco Blu parl alla moglie. Stava per fare un viaggio verso le pianure, disse, un lungo
viaggio di piacere verso lacqua. Le chiese di mettersi gli abiti pi belli, e poi mise anche lei dentro la cassa.
Ho fatto questa cassa per ripararti dal calore del sole, cos non ti brucerai , disse.
Attacc i cavalli ad un carro, part per il viaggio, gett la grande cassa nel primo grande fiume al quale
arrivarono e ritorn alla trib. Tutti gli domandarono dove avesse portato la moglie e perch avesse dato tutti
gli averi a Falco Rosso, ma lui non volle dirlo.
Il suo silenzio non piacque al padre della ragazza, il capo della trib. Lavor per fare una buca nel terreno
e fece in modo che suo genero vi cadesse dentro.
Lungo il grande fiume nel quale Falco Blu aveva gettato la cassa cera un pescatore che ad un tratto si
accorse di aver preso qualcosa di molto pesante. Un grosso pesce , pens mentre lo tirava lentamente
verso la riva, ma fattolo uscire, scopr che si trattava di una cassa di pelle grezza. Con sua meraviglia vi
trov dentro, coricata, una ragazza molto bella. Voleva accompagnarla al suo accampamento, ma la ragazza
insistette nel voler scambiare prima gli abiti con lui.
La banda Apache del pescatore si stava preparando per andare in guerra, e quando il mattino seguente
part di buonora la ragazza, che indossava abiti da uomo, si un ai guerrieri. In viaggio i giovani parlavano
tra loro di quellelegante e bello straniero. I suoi occhi assomigliano a quelli di una ragazza , disse uno.
Si muove come una ragazza , disse un altro. Quella notte, quando si accamparono, alla fine un ragazzo
disse: Ci faremo amici e vedr se un ragazzo od una ragazza.
Per poter piantare la tenda in un luogo appartato la donna aveva detto loro dessere uno sciamano, che il
suo incantesimo era il sole e che questo era il motivo per cui portava una bianca piuma daquila. Il ragazzo
che voleva divenire amico and alla sua tenda e chiese se poteva dormire l. Dopo che furono coricati, il
ragazzo rimase sveglio aspettando che lo straniero si addormentasse, ma invano. Ogni qualvolta si spostava
lentamente verso di lei e la toccava con un braccio, lei diceva: Smettila! . Ma dopo un po lui provava di
nuovo e lei ripeteva: Perch non ti addormenti? . Ed in quel modo passarono la notte. Il mattino il ragazzo
confess il suo fallimento agli altri guerrieri e la notte seguente un altro giovane fece lo stesso infruttuoso
tentativo.
Ogni notte del viaggio, un ragazzo diverso cercava inutilmente di scoprire il vero sesso dello straniero.
Alla fine la banda dei guerrieri raggiunse la terra del nemico. Lo sciamano ordin che la sua tenda fosse
piantata lontana dalle altre ed ammon gli Indiani a rimanere in silenzio dentro le tende. Una volta che fu
sola, la ragazza mand lincantesimo nella direzione della trib ostile e cos facendo, senza nessun altro
aiuto, li liber di tutti i loro nemici.
Poi lanci un grido di guerra e tutti i giovani uscirono dalle tende. Ho combattuto una grande battaglia
ed ucciso tutti questi nemici , annunci. Ora andr dai morti e taglier loro le orecchie e prender gli
scudi, gli archi e le frecce e le clave di guerra . Lo fece e prese anche gli scalpi. Quando la spedizione di
guerra ritorn a casa con gli scalpi, il capo, riconoscente, scelse un giovane guerriero per scortarla nel
viaggio di ritorno verso casa, ma lei rifiut la scorta e chiese soltanto un buon cavallo.
Quando arriv al suo villaggio, si tolse gli abiti da uomo ed apparve lei, la moglie fedele il cui marito
laveva gettata nel fiume. Bench io sia una ragazza , disse, ho combattuto al posto dei vostri giovani
guerrieri. Ho ucciso i vostri nemici; eccovi i loro scalpi e le orecchie e le armi. Una volta mio marito era
Falco Blu, ma voi lo avete rinchiuso al buio a motivo del tiro che gli ha giocato Falco Rosso. Ora
riportatemelo! .

Quando le portarono Falco Blu, nel vederlo cos magro e triste, labbracci e pianse. Tu sei stato
defraudato , disse, per esserti lasciato convincere da Falco Rosso che conosceva il mio corpo. Ti ha
ingannato. Tu sai che ti amo sinceramente, fedelmente. Ora vai e prendi Falco Rosso e la vecchia! .
I peccatori furono portati davanti alla coppia ed al capo trib. La ragazza disse a suo padre: Di ai tuoi
ragazzi di prendere i due pony pi selvaggi dellaccampamento! . Come

i cavalli arrivarono, ordin di legare Falco Rosso alla coda di uno e la vecchia alla coda dellaltro. Poi
liberarono i cavalli che partirono via scalciando, saltando e correndo allimpazzata lontano dal campo,
facendo a pezzi Falco Rosso e la vecchia.
Basata su una leggenda riportata da Elsie Clews Parsons nel 1940.

IL PADRE INGORDO (Karok)


La carestia perdurava e la gente era affamata. Un uomo decise che sarebbe andato a pescare per procurarsi
del cibo per la famiglia. Lasci la casa allalba. Come il sole sorse, brill sullacqua. Allimprovviso le
cordicelle attaccate alla rete da pesca si agitarono. Luomo tir su la rete e scopr un enorme salmone, che
mise gi nel vivaio.
Poi pens: Sono cos affamato, penso che lo cuciner proprio ora. Cos lo pul e tagli la coda,
mettendola da un lato. Poi cucin il salmone e lo divor tutto, rendendosi conto soltanto in seguito di ci che
aveva fatto.
Poi and a casa, portando solo la coda. Quando fu ad una certa distanza da casa, cominci a gridare: Qui
bambini, questa la coda! Cerano moltissimi mendicanti per la strada che hanno preso il resto .
Allora i bambini corsero fuori, gridando: Urr, stiamo per mangiare! Urr, stiamo per mangiare! .
Il giorno dopo and di nuovo a pescare. Di nuovo cattur un grosso salmone e lo mangi
immediatamente. Di nuovo and a casa e grid: Qui, bambini, questa la coda! Cerano moltissimi
mendicanti .
La moglie cominci a dubitare che stesse facendo offerte a loro spese. Quando lui and di nuovo a
pescare, lei disse ai bambini: Voi restate qui. Io lo seguo . Quando arriv al luogo dove si era soliti
pescare, il marito aveva appena tirato fuori un grosso salmone. Lo vide tagliar la coda e posarla a poca
distanza, accendere un fuoco, cucinare il resto del salmone e mangiarlo.
La donna corse subito a casa, chiam i bambini e disse loro che dovevano partire. Si arrampicarono per
una scarpata e quando il padre ritorn, lo udirono gridare sotto di loro: Qui, bambini, questa la coda!
Cerano moltissimi mendicanti . Ma nessuno rispose. Grid di nuovo. Corse allinterno e trov soltanto topi
che squittivano. Allora salt fuori, gridando di nuovo a proposito della coda e dei mendicanti. Guard
allins e alla fine scopr dove la moglie ed i figli si erano arrampicati.

La moglie gli grid: Mangia da solo, proprio come hai fatto sino ad ora! . Egli li insegu, avvicinandosi
sempre di pi e continuando a gridare. Quando riusc a raggiungerli, la moglie gli disse: Mangerai soltanto
fango nei ruscelli. Ma noi staremo seduti di fronte alla gente ricca .
Lui si allung ed afferr il pi piccolo, ma il bimbo si mut in un giglio. Lui ne afferr un altro e quello si
mut in un cespuglio di nocciuoli. Afferr la moglie, che si mut in un pino. Alla fine cadde allindietro sul
bordo dellacqua, e lo si pu vedere cos ora, mangiare fango sulla riva dei ruscelli. diventato un merlo
dacqua, un piccolo uccello grigio che noi chiamiamo mangiatore di muschio . Ma sua moglie ed i suoi
figli sono allineati di fronte alla gente ricca, canestri per la danza della pelle di daino.
Basata su una leggenda riportata da William Bright nel 1957.

KULSHAN E LE SUE DUE MOGLI (Lumni)


Komo Kulshan, un giovane molto alto e bello, aveva due mogli, comera costume della sua trib. Una si
chiamava Cielo Chiaro; laltra, Fanciulla Gentile.
Per alcuni anni Cielo Chiaro fu la moglie preferita di Kulshan. Era la pi bella delle due e gli aveva dato
tre figli. Fanciulla Gentile era meno bella, ma era sempre stata cortese e gentile. Con la sua gentilezza alla
fine conquist lamore di Kulshan, bench ottenesse come risultato lantipatia di Cielo Chiaro. Cielo Chiaro
era per natura gelosa e pungente, e presto nella tenda ci furono liti.
Un giorno Cielo Chiaro parl a lungo in modo adirato a Komo Kulshan e concluse: Dovresti amarmi
pi di Fanciulla Gentile. Io sono la madre dei tuoi bambini .
Kulshan sorrise e non disse niente.
Cielo Chiaro si arrabbi ancora di pi. Me ne vado via , disse. Lascio te ed i bambini e vado via.
Lei si attendeva che rispondesse: Non andar via. Sei la madre dei miei figli e ti amo molto. Non
andare.
Ma Kulshan non la preg di restare. Bench lamasse e non volesse che partisse, era troppo orgoglioso
per dirlo.
Invece le disse: Se vuoi, puoi andartene subito e tanto lontano quanto desideri .
Lentamente, con calma, Cielo Chiaro impacchett le sue cose. Impacchett tutta la sua semenza ed i suoi
bulbi, impacchett le sue radici e le bacche, impacchett tutte le sue piante da fiore. Quando finalmente ebbe
finito, i bambini piansero nel vederla partire. Ci fece piacere a Cielo Chiaro, che era sicura che Kulshan
lavrebbe richiamata indietro quando fosse stata un po distante.
Savvi lentamente gi per la valle montuosa, sola. Quando ebbe percorso un po di strada, si ferm e
guard indietro. Ma Kulshan non le disse: Torna a casa.
And un po pi avanti e sost su una collina per guardare indietro verso Kulshan ed i bambini. Quando
stava ritta sulla punta dei piedi, poteva vederli. Ma tuttavia Kulshan non diceva: Torna indietro, Cielo
Chiaro .
Prosegu verso sud, ancora tra colline e montagne, che per non erano alte come Komo Kulshan. Lui non
la chiamava ancora, bench lei fosse ritta proprio sulla punta dei piedi. Pi a sud si arrampic sulla cima di
unalta collina, si alz sulla punta dei piedi e si alz pi che pot. In quel modo pot vedere Kulshan ed i
bambini, e loro potevano vederla.
Nel frattempo sera allungata tante volte chera divenuta molto pi alta. Sicura ormai che il marito non
voleva che tornasse, decise di accamparsi dovera. Almeno nei giorni sereni avrebbe potuto vedere la sua
famiglia. Cos mise gi i suoi pacchi e tir fuori tutti i semi, i bulbi e le radici. Li piant tuttintorno e l
rest a coltivarli.
Fanciulla Gentile visse con il marito per molto tempo. Un giorno gli disse: Voglio far visita a mia
madre. Sto per avere un bimbo e voglio vedere mia madre.
Come fai ad andare da tua madre? domand Kulshan. Non c sentiero, tra noi e Whulge ci sono
solo rocce ed alberi e montagne .
Io non so come arrivar l, ma tu dovrai aprirmi un varco. Voglio vedere mia madre.
Cos Komo Kulshan chiam a raccolta tutti gli animali che avevano unghie i castori, le marmotte, i
coguari, gli orsi, persino i ratti ed i topi e le talpe e disse loro di scavare un grosso fossato. Gli animali ne
scavarono uno grande abbastanza da farvi passare due canoe. Poi Kulshan convogli tutta lacqua delle

montagne vicine nel fossato sino a che ce ne fu abbastanza per farvi galleggiare una canoa grande nella
misura giusta. Oggi il ruscello chiamato Fiume Nooksack.
Prima di partire, Fanciulla Gentile prese ogni genere di cibo da portare con s. Poi scese lungo il fiume ed
usc nellacqua salata di Whulge.
Mangi mitili in una delle isole e ne lasci un po l. Ecco perch oggi sulla stessa isola si possono
trovare i mit