Sei sulla pagina 1di 2

IL CARAVAGGIO

Michelangelo Merisi, detto il Caravaggio, era un pittore italiano nato a Bergamo nel
1573 e morto a Grosseto nel 1610. Allet di 11 anni si rec a Milano come allievo del
pittore Simone Peterzano.
La sua prima formazione si svolse nelle linee della maniera allora dominante, ma in
effetti leclettismo del Peterzano gli offr un repertorio di schemi e motivi che pi tardi
gli fu utile.
Intorno al 1593 si rec a Roma , fu ospite di pandolfo Pucci, da lui ironicamente
chiamato Monsignor insalata perch lo trattava a verdura mattina e sera; in seguito
salloggi presso il cavalier dArpino, allora pittore alla moda.
Nacquero i primi dipinti fra cui un Bacchino malato(forse un autoritratto), un Fanciullo
che monda la pera.
Nel 1592, con la protezione del Cardinale del Monte, cui era stato presentato da un
mercante di quadri, esegu in S.Luigi dei Francesi una serie di lavori che lo imposero
allammirazione ed allinvidia degli altri pittori: ne derivano intrighi, diffamazioni,
ferimenti, ai quali Caravaggio rispose con straordinaria violenza.
Geloso di una modella di nome Lena, nellestate del 1605 fer in piazza Navona un suo
rivale e venne arrestato, ma riusc a fuggire con laiuto di potenti signori che gi
ammiravano la sua arte.
Dopo essere stato per qualche tempo a Genova, gli fu concesso di tornare a Roma,
dove lavor per Paolo V e per Scipione Borghese. Mor a Port dErcole nel 1610 sulla
spiaggia, colto da febbri malariche.
Nelle sue opere i colori sono spesso mantenuti chiari. Nelle rappresentazioni sacre
come Riposo durante la fuga in Egitto, la Maddalena, lelemento umano prevale sul
formale rapporto tra uomo e Dio proclamato dalla Controriforma.
Nei dipinti caravaggeschi troviamo grande realismo nel produrre le figure,
rappresentate generalmente su uno sfondo monocromo e illuminate da una luce
violenta.
Tra le opere giovanili del Caravaggio , ci sono molti ragazzi seducenti intenti a
suonare uno strumento o a mangiare un frutto; sono giovani colti dalla strada, dai
luoghi che lui amava frequentare come osterie e luoghi di malaffare della citt.
Tra le sue Opere abbiamo: Sette opere di Misericordia la Decollazione di S. Giovanni
Battista San Girolamo scrivente il Seppellimento di S. Lucia, il Martirio di S. Orsola.
Nelle prime opere del Caravaggio si trovano spesso splendidi particolari di nature morte, ma una sola la
composizione completa che ci sia pervenuta, la Canestra di frutta della pinacoteca Ambrosiana. Ci
riferibile soprattutto al periodo di apprendistato nella bottega dal Cavalier d'Arpino. La frutta rappresentata
da Merisi in perfetta sintonia con i personaggi. Le foglie appassite, con il loro stato di maturazione
avanzata, danno l'idea di una particolare atmosfera di decadenza autunnale. Tradizionalmente, alle nature
morte venivano associati significati allegorici, e l'appassire di frutta e verdura in questo caso sembra parlare
del rapporto di convivenza tra vita e morte.

Il pittore non dipinse molti ritratti e di quei pochi restano soltanto quattro o cinque (l'unico ritratto femminile,
quello di una cortigiana, probabilmente Fillide Melandroni, modella per dipinti dell'artista, and distrutto a
Berlino, nel Kaiser Friedrich Museum durante la Seconda guerra mondiale). Sopravvivono inoltre il ritratto
del cardinale Maffeo Barberini (che poi sar papa col nome di Urbano VIII), quello del Gran Maestro dei
cavalieri di Malta Alof de Wignacourt con un paggio, il ritratto di un altro cavaliere di Malta, Antonio
Martelli, quello di un gentiluomo sconosciuto e quello del papa Paolo V (di incerta attribuzione).