Sei sulla pagina 1di 7

MICHELE A.

REA

IL CONTROLLO
MICHELE A. REA
DELLA GESTIONE

LANALISI DI BILANCIO
PER IL CONTROLLO
DELLA GESTIONE
RECENTI SVILUPPI NORMATIVI
ED ULTERIORI EVOLUZIONI
PREVEDIBILI

DISPENSA INTEGRATIVA N. 4 (CAPITOLO I)


A

CURA DI

DIEGO VALENTINETTI

Ragioneria II
A.A. 2014/2015
Prof. Michele A. Rea

Modulo 1
Il Bilancio di esercizio
Unit didattica 4

Recenti sviluppi normativi ed ulteriori evoluzioni


prevedibili

Sommario
Recenti sviluppi normativi
La proposta OIC di modifica del modello di bilancio
civilistico
La bozza di principio contabile OIC Passaggio ai
principi contabili nazionali
Aggiornamento dei principi contabili nazionali
Il riordino della disciplina contabile europea

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Il Bilancio desercizio civilistico.


Recenti sviluppi normativi
La Direttiva 65/2001 intendeva aprire la strada
alladozione del metodo del fair value anche per voci
di bilancio diverse dagli strumenti finanziari
Lintento della Direttiva 51/2003 era quello di rendere i
bilanci molto simili per forma e contenuto ai bilanci
IAS/IFRS
LOrganismo Italiano di Contabilit ha proposto nel 2008

IPOTESI DI ATTUAZIONE DELLE DIRETTIVE UE

N.RI 2001/65, 2003/51 e 2006/46 CON


MODIFICHE AL CODICE CIVILE
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Il Bilancio desercizio civilistico.


Recenti sviluppi normativi
Legge Comunitaria 2007 (L. n. 34/2008)
allart. 25 comma 1 conteneva una delega al Governo per
lemanazione di un decreto legislativo con il quale attuare i principi

generali contenuti nella Proposta OIC

Il Dipartimento del Tesoro ha avviato una consultazione


sull'esercizio della delega contenuta nell'articolo 25 comma 1
al fine di valutare le posizioni dei diversi soggetti interessati

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Il Bilancio di esercizio secondo la proposta OIC.


Considerazioni generali
La proposta dellOIC intendeva rinnovare radicalmente la forma e la
composizione del bilancio:
introducendo nuovi schemi

Stato Patrimoniale

Conto Economico

introducendo nuovi prospetti obbligatori

Prospetto delle variazioni delle voci di PN

Rendiconto finanziario

Intervenendo sui criteri di valutazione delle singole voci di bilancio

Fair value obbligatorio per talune poste (contratti derivati)


Fair value facoltativo come criterio alternativo al costo
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Situazione attuale e ulteriori evoluzioni


prevedibili
Situazione attuale:
delega al Governo scaduta
frequenti interventi modificativi dellUE sulle direttive esistenti
ruolo assunto dai principi contabili internazionali
crescente interesse verso i principi contabili internazionali per le
Piccole e Medie Imprese (progetto IFRS for SMEs)

La proposta OIC, dunque, ha di fatto perso la sua importanza

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Situazione attuale e ulteriori evoluzioni


prevedibili
mentre si pensa a possibili ritorni al passato!
Bozza di Principio Contabile OIC

Passaggio ai principi contabili nazionali


La bozza (pubblicata il 30/10/2012) si propone di:
disciplinare le modalit di redazione del primo bilancio redatto secondo le disposizioni
del codice civile e dei principi contabili nazionali da parte di una societ che in
precedenza redigeva il bilancio in conformit ad altre regole (principi contabili
internazionali, normative di settore, ecc.)
fornire al lettore del bilancio la chiara e trasparente evidenza degli effetti prodotti
dalladozione dei principi contabili nazionali

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Aggiornamento dei principi contabili nazionali


LOIC ha avviato, nel 2005, un progetto di revisione ed aggiornamento
dei principi contabili nazionali

Fattori determinanti
evoluzione della normativa e della prassi contabile nazionale
evoluzione della regolamentazione contabile internazionale
esigenze degli utilizzatori (prevalentemente PMI) e relativi stakeholder

Ambito di applicazione
societ di capitale italiane che redigono i bilanci in base alle disposizioni del
Codice civile
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Aggiornamento dei principi contabili nazionali


Principali interventi
riordino e standardizzazione delle sezioni di ciascun principio
Finalit
Ambito di applicazione
Definizione termini pi rilevanti
Classificazione e contenuto delle voci
Rilevazione iniziale
Valutazione e rilevazioni successive
Informazioni da fornire in NI

eliminazione dei riferimenti a norme tributarie


documenti pi brevi e schematici
struttura formale simile a quella degli IAS/IFRS
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Aggiornamento dei principi contabili nazionali


Ad oggi sono stati pubblicati i seguenti principi aggiornati
(da applicare ai bilanci chiusi a partire dal 31 dicembre 2014):
OIC 9 Svalutazioni per perdite durevoli di valore delle immobilizzazioni

materiali e immateriali
OIC 10 Rendiconto finanziario
OIC 12 Composizione e schemi del bilancio desercizio
OIC 13 Rimanenze
OIC 14 Disponibilit liquide
OIC 16 Immobilizzazioni materiali
OIC 17 Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Aggiornamento dei principi contabili nazionali

Ratei e risconti
Debiti
Conti dordine
Lavori in corso su ordinazione
Imposte sul reddito
Operazioni, attivit e passivit in valuta estera
Patrimonio netto
Cambiamenti di principi contabili, cambiamenti di stime
contabili, correzione di errori, eventi e operazioni straordinarie, fatti
intervenuti dopo la chiusura dellesercizio
OIC 31 Fondi per rischi e oneri e Trattamento di Fine Rapporto
OIC 18
OIC 19
OIC 22
OIC 23
OIC 25
OIC 26
OIC 28
OIC 29

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Il riordino della disciplina contabile europea


Direttiva CE 2013/34
relativa ai bilanci d'esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative
relazioni di alcune tipologie di imprese, apporta alcune modifiche alla
direttiva 2006/43/CE e abroga le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE

Si tratta di un vero e proprio riordino della disciplina contabile


europea da recepire, per ciascuno stato UE, entro il 20 luglio 2015
(art. 53, comma 1)

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Il riordino della disciplina contabile europea


Caratteristiche principali della direttiva:
Definizione di categorie di imprese e gruppi
microimprese; piccole/medie/grandi imprese
piccoli gruppi e grandi gruppi
enti di interesse pubblico
In particolare, per le imprese:
Microimprese

Piccole imprese

Medie imprese

Grandi imprese

Totale SP

350.000

4.000.000

20.000.000

> 20.000.000

Ricavi netti vendite


e prestazioni

700.000

8.000.000

40.000.000

> 40.000.000

Numero medio
dipendenti nellanno

10

50

250

> 250

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA

Il riordino della disciplina contabile europea


Disposizioni e principi generali sulla redazione del bilancio

rappresentazione veritiera e corretta

continuit aziendale dell'impresa;

costanza dei principi contabili e dei criteri di valutazione;

principio della prudenza;

principio della competenza;

corrispondenza tra lo stato patrimoniale di apertura di un esercizio e lo stato


patrimoniale di chiusura dell'esercizio precedente;

valutazione separata degli elementi delle voci dell'attivo e del passivo;

divieto di compensazione fra voci dell'attivo e del passivo, nonch fra quelle dei costi e
dei ricavi;

prevalenza della sostanza sulla forma;

valutazione al prezzo di acquisto o al costo di produzione delle voci rilevate nel


bilancio;

esenzione dagli obblighi di rilevazione, valutazione, presentazione, informativa e


consolidamento previsti dalla direttiva quando la loro osservanza abbia effetti irrilevanti
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Il riordino della disciplina contabile europea


Disposizioni sulla presentazione del bilancio di esercizio (e del bilancio
consolidato)

SP, CE e NI formano un insieme inscindibile


Nuovi schemi di Stato Patrimoniale
struttura orizzontale
struttura verticale
Nuovi schemi di Conto Economico
per natura della spesa
per funzione della spesa
Nuovi contenuti per la Nota Integrativa
Documenti aggiuntivi
Relazione sulla gestione
Relazione sul governo societario
Ragioneria II A.A. 2014/2015
Prof. M.A. REA

Il riordino della disciplina contabile europea


Semplificazioni per piccole imprese
SP in forma abbreviata
Possibilit di omettere CE e Relazione sulla gestione

Informazioni aggiuntive per medie e grandi imprese


Esenzioni a favore delle microimprese
Disposizioni sulla revisione dei conti
Relazione sui pagamenti a favore dei governi

Ragioneria II A.A. 2014/2015


Prof. M.A. REA