Sei sulla pagina 1di 23

Collettore solare piano SCF-25N

Collettore solare piano SCF-25N

collettore solare piano per circolazione forzata


elevato rendimento assicurato dallassorbitore in alluminio con
finitura selettiva
tubazioni in rame saldate ad ultrasuoni
temperatura di stagnazione 201C
superficie complessiva 2,43 m2
isolamento in lana di roccia 40 mm
possibilit di collegare fino a 6 collettori in serie
ampia gamma di accessori per agevolare linstallazione
ridotti tempi di montaggio grazie ai sistemi di fissaggio semplici ed
affidabili
collettori solari conformi alle norme UNI-EN 12975 ed alla
certificazione Solar Keymark
garanzia 5 anni

16

Il collettore solare piano SCF-25N ha due attacchi ed costituito da una


struttura in alluminio sulla quale fissata una piastra captante in alluminio, in un unico pezzo, con finitura altamente selettiva effettuata tramite un
trattamento sottovuoto denominato TiNOX, che permette altissime prestazioni al collettore.
La piastra captante saldata ad ultrasuoni su 12 tubi di rame per la conduzione del liquido termovettore.
I due collettori principali, per il collegamento dei tubi, sono in rame: il collettore superiore strozzato al centro per permettere lalimentazione in
parallelo dei primi 6 tubi.
Dopo il passaggio al collettore inferiore il fluido termovettore risale attraverso il secondo gruppo di 6 tubi al collettore superiore, da cui deriva una
doppia lunghezza termica.
Ogni pannello protetto da un vetro solare temperato a basso contenuto
di ossido di ferro e con alto coefficiente di trasmissione di energia. Lisolamento, in lana di roccia e dello spessore di 4cm, collocato sul fondo.
La sonda di temperatura viene posizionata in un apposito pozzetto in rame.
Il sistema di montaggio semplice e, se eseguito correttamente, garantisce
un esercizio efficace e durevole nel tempo.

Solare Termico

Tabella dati tecnici


Descrizione
Superficie complessiva
Superficie di apertura
Superficie effettiva assorbitore
Collegamenti M-F
Peso a vuoto
Contenuto liquido
Portata consigliata per m2 di pannello (*)
Tipo di vetro - Spessore
Assorbimento ()
Emissioni ()
Pressione massima ammessa
Temperatura di stagnazione
Massimo numero di pannelli collegabili in serie

Unit

SCF-25N

m2

2,43
2,20
2,15
1"
36,5
1,60
30
vetro di sicurezza con superficie antiriflesso - 3,2 mm
~ 95
~5
10
201
6

m2
m2

kg
litri
litri/ora
%
%
bar
C
n

* Portata per m2 min-max: 12-70 l/h.

Influsso del vento e della neve sui collettori


Altezza da terra del
posizionamento

Velocit del vento

0-8 m
8-20 m
20-100 m

100 km/h
130 km/h
150 km/h

Massa in kg per assicurare un collettore


dal sollevamento del vento
inclinazione a 45
inclinazione a 20
80 kg
40 kg
180 kg
90 kg
280 kg
150 kg

Carico della copertura del tetto per


vento, neve, peso di un collettore
inclinazione a 45
inclinazione a 20
320 kg
345 kg
470 kg
430 kg
624 kg
525 kg

Massimo carico ammissibile sulla superficie del collettore per vento e neve: 1500 Pa.

Diametro tubi di collegamento con portata specifica di 30 litri/m2h


Superficie totale (m2)
Diametro rame (mm)
Diametro acciaio

2-4
10 - 12
3/8" - 1/2 "

6 - 12
14
1/2

14 - 20
18
3/4"

Curve efficienza
0,80
0,75

Rendimento ottico
allassorbitore (0)

0,70
0,65

0,783

0,60

Coefficiente di dispersione
termica dellassorbitore
a2
a1
W/(m2K2)
W/(m2K)
3,88
0,0108

0,55
0,50
0,45
0,40
0,35

0,01

0,02

0,03

0,04

0,05

0,06

0,07

0,08

T*m [m2K/W]

Test secondo EN 12975 riferito a miscela acqua-glicole al 33,3%, portata di 75 litri/ora e irraggiamento G=800W/m2.
Tm = (Tcollettore ingresso + Tcollettore uscita) / 2
T*m = (Tm - Tambiente) / G
17

Collettore solare piano SCF-25N

Dimensioni di ingombro e elementi strutturali


1221
1186
Ritorno
collettore

68

Mandata
collettore

2046

Pozzetto
per sonda
collettore

Flusso
del liquido
termovettore

90

Vetro 3,2 mm

Fissaggio 1"

Collettore 22 mm

18

Solare Termico

Circuito idraulico
15

Lo schema idraulico seguente illustra il collegamento tra collettori solari e


bollitore solare. Collegare al massimo 6 collettori in serie. In caso di utilizzo
di tubazioni in rame eseguire una saldatura a brasatura forte. Si consiglia di
utilizzare tubazioni in acciaio INOX predisposte per il solare (mandata, ritorno e tubo per la sonda). consigliato un cavo della sonda di tipo schermato.
Non utilizzare tubi in plastica o multistrato: la temperatura di esercizio pu
superare i 180C. La coibentazione dei tubi deve resistere ad alte temperature (180C).

16
1

8
9

10
17

4
6

11

5
12
2

4
13
14

Gruppo idraulico

1. Collettore solare
2. Bollitore
3. Sonda collettore
4. Valvole di sezionamento
5. Valvola non ritorno
6. Termometro
7. Valvola di sfiato
8. Valvola di sicurezza
9. Manometro
10. Scarico
11. Vaso despansione
12. Circolatore
13. Regolatore di portata
14. Misuratore di portata
15. Rubinetto di sfiato
16. Degasatore manuale (accessorio)
17. Recupero fluido termovettore
M Mandata collettore
R Ritorno collettore

Perdita di carico del collettore solare


Miscela di antigelo / acqua 33,3% / 66,7% e temperatura del liquido termovettore = 20C.

40
Perdita di carico (mbar)

35
30
25
20
15
10
5
0
0

50

100

150

200

250

300

350

400

Portata (l/h)

19

Collettore solare piano SCF-25N

Posizionamento sonde
15

Il sensore di temperatura deve essere montato nel pozzetto pi vicino al


tubo di mandata del collettore. Assicurare il contatto ottimale tra sonda e
pozzetto. Per il montaggio del sensore possono essere impiegati solo materiali con unadeguata resistenza alle alte temperature (fino a 250C per
elemento sensore, cavi, materiali della guarnizione, isolamento).

16
M

REGOLATORE
SOLARE
7

8
9

10

17
6

18

11

12
2

4
13
19

14

1. Collettore solare
2. Bollitore
3. Sonda collettore
4. Valvole di sezionamento
5. Valvola non ritorno
6. Termometro
7. Valvola di sfiato
8. Valvola di sicurezza
9. Manometro
10. Scarico
11. Vaso despansione
12. Circolatore
13. Regolatore di portata
14. Misuratore di portata
15. Rubinetto di sfiato
16. Degasatore manuale (accessorio)
17. Recupero fluido termovettore
18. Sonda bollitore superiore
19. Sonda bollitore inferiore
M Mandata collettore
R Ritorno collettore

Gruppo idraulico

Installazione
Indicazioni per il montaggio

Il montaggio deve essere eseguito soltanto da personale specializzato. Occorre impiegare esclusivamente il materiale incluso nella fornitura. Lintelaiatura e i suoi collegamenti alle parti in muratura devono essere controllati
da un esperto di statica a seconda delle circostanze presenti sul posto.

Statica

Il montaggio deve avvenire soltanto su superfici di tetti o telai sufficientemente robusti. La robustezza del tetto o dellintelaiatura deve essere controllata sul posto da un esperto di statica prima del montaggio dei collettori.
In questa operazione occorre soprattutto verificare lidoneit dellintelaiatura riguardo alla tenuta di collegamenti a vite per il fissaggio dei collettori.
La verifica dellintera intelaiatura secondo le norme vigenti da parte di un
esperto di statica necessaria soprattutto in zone con notevoli precipitazioni nevose o in aree esposte a forti venti. Occorre quindi prendere in
considerazione tutte le caratteristiche del luogo di montaggio (raffiche di
vento, formazione di vortici, ecc.) che possono portare ad un aumento dei
carichi sulle strutture.
20

Protezione antifulmine

Le condotte metalliche del circuito solare devono essere collegate mediante un conduttore (giallo-verde) di almeno 16 mm2 Cu (H07 V-U o R) con la
barra principale di compensazione del potenziale. Se gi installato un
parafulmine, i collettori possono essere integrati nellimpianto gi esistente.
Altrimenti possibile eseguire la messa a terra con un cavo di massa interrato. La conduttura di terra deve essere posata fuori dalla casa. Il cavo di
terra deve essere inoltre collegato con la barra di compensazione mediante
una conduttura dello stesso diametro.

Collegamenti

I collettori devono essere collegati in serie mediante raccordi e le guarnizioni. Se non sono previsti tubi flessibili come elementi di collegamento,
occorre prevedere nelle condutture di collegamento adeguati dispositivi di
compensazione delle deformazioni provocate dagli sbalzi di temperatura
(archi di dilatazione, tubature flessibili). Nel serraggio del raccordo con una
pinza o una chiave necessario tenere fermo laltro raccordo con una seconda chiave per non danneggiare lassorbitore.

Solare Termico

Tutte le tubazioni della rete idraulica devono essere coibentate in modo rispondente alle norme vigenti. Gli isolanti devono essere protetti dagli agenti
atmosferici e da attacchi di animali.

Inclinazione collettori / Generale

Il collettore idoneo ad uninclinazione di minimo 15, fino ad un massimo


di 75. Tutti i collegamenti dei collettori, nonch i fori di ventilazione e di
sfiato devono essere protetti da impurit come depositi di polvere, ecc. Negli impianti in cui il carico sia prevalentemente estivo (produzione di acqua
calda sanitaria) orientare il collettore da est a ovest e con una inclinazione
variabile da 20 a 60. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla
latitudine del luogo -10. Nel caso il carico sia prevalentemente invernale
(impianti che integrino produzione di acqua calda sanitaria e riscaldamento
di ambienti), orientare il collettore solare verso sud (sud-est, sud-ovest) con
una inclinazione maggiore di 35. Ideale lorientamento a sud e inclinazione pari alla latitudine del luogo +10.

Risciacquo e riempimento

Per motivi di sicurezza il riempimento deve essere eseguito solo in assenza


di raggi solari. In zone soggette a gelo si rende necessario limpiego di una
soluzione al 40% di glicole, per collettori piani.
Lantigelo deve essere mescolato con acqua prima del riempimento.
In caso di lavaggio dellimpianto prima di procedere con il riempimento
dellantigelo prestare attenzione a eventuali depositi di acqua nel collettore
che possono gelare.

Sfiato

Occorre eseguire uno sfiato:


Al momento della messa in funzione (dopo il riempimento).
Se necessario, ad es. in caso di guasti.
Verificare con attenzione lo sfiato completo dellimpianto.
Pericolo di ustione con il liquido contenuto nei collettori.
Azionare la valvola di sfiato soltanto se la temperatura del liquido conduttore minore di 60C.

In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare


acqua distillata per la miscela.
Antigelo
50%
40%
30%

Temperatura
-32C
-21C
-13C

Densit
1,045 kg/dm3
1,037 kg/dm3
1,029 kg/dm3

Riempimento impianto
1. Aprire la valvola di non ritorno (A).
2. Aprire lo sfiato aria nel punto pi alto (vedere figura) e mantenerlo
aperto durante tutta loperazione di caricamento.
3. Aprire la valvola di sfiato (7).
4. Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino
ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere il rubinetto del degasatore
manuale.
5. Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar.
6. Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti.
7. Ripetere loperazione di sfiato aria dal punto 2 fino alla completa disaerazione dellimpianto.
8. Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar.
9. Chiudere la valvola di non ritorno (A) e gli sfiati aria precedentemente
aperti per evitare eventuali evaporazioni del fluido termovettore.
Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione
e con i collettori ad elevate temperature.
Assicurarsi di aver eliminato completamente le bolle daria utilizzando anche lo sfiato posto sul gruppo idraulico.
Degasatore manuale
(accessorio)
Collettore solare
M

Controllo del liquido termovettore

Il liquido termovettore deve essere controllato ogni 2 anni per la sua capacit antigelo e il suo valore di pH.
Controllare lantigelo con lapposito strumento, rifrattometro o densimetro,
(valore nominale ca. -30C): se il valore limite di -26C viene superato,
sostituire o aggiungere lantigelo.
Controllare il valore di pH con una cartina di tornasole (valore nominale ca.
7,5): se il valore misurato al di sotto del valore limite 7, si consiglia di
sostituire la miscela.

7
M

C
A

Premiscelazione acqua+glicole

Il glicole viene fornito separatamente in confezioni standard e va miscelato


con acqua in un recipiente prima di eseguire il riempimento dellimpianto
(ad esempio 40% di glicole e 60% di acqua permettono una resistenza al
gelo fino alla temperatura di -21C).
Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C.
Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile.
Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua.
Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici.

Pompa
di carico
fluido
termovettore

Scambiatore
di calore del
bollitore solare

Gruppo idraulico

Miscela
antigelo

21

Collettore solare piano SCF-25N

Kit di fissaggio collettori su tetto piano


Componenti del sistema di fissaggio

D3

5
1
1
6
1

6
2
7
1

D6

D2

B2

D5
D7
22

C2

D2

A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore


B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori
C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori
D - Cod. 20008317 - Kit componenti fissaggio tetto piano
E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento

Numero collettori
3
4
2
1
3
5
1

2
1
2
-

1
1
2
-

Cod. 20050321 - Collettore piano SCF-25N

Solare Termico

Kit di fissaggio collettori su tetto inclinato


Componenti del sistema di fissaggio

D3

6
2
7
1

5
1
1
6
1

D6

D2

B2

D5
D7

C2

D2

A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore


B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori
C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori
D - Cod. 20008292 - Kit componenti fissaggio tetto inclinato
E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento

Numero collettori
3
4
2
1
3
5
1

2
1
2
-

1
1
2
-

Cod. 20050321 - Collettore piano SCF-25N

23

Collettore solare piano SCF-25N

Opzione di fissaggio sottotegola


Se si preferisce non forare le tegole, esiste la possibilit di utilizzare un kit di fissaggio sottotegola.
Componenti del sistema di fissaggio sottotegola (tetto inclinato)
Numero collettori
Cod. 20050321 - Collettore piano SCF-25N
1
2
3
4
A - Cod. 20008315 - Kit barre di supporto 1 collettore
1
B - Cod. 20008322 - Kit barre di supporto 2 collettori
1
2
C - Cod. 20008759 - Kit barre di supporto 3 collettori
1
D - Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola
2
2
3
5
E - Cod. 20008757 - Kit giunti di accoppiamento
1

2
2

4
M8 20

4
M12

M8
M12

Cod. 20013464 - Kit componenti fissaggio sottotegola

24

5
1
1
6
1

6
2
7
1

Solare Termico

Distanza dei punti di fissaggio


Forare sempre sul colmo della tegola o del coppo.
In presenza del giunto di accoppiamento tra barre, assicurare almeno un punto di fissaggio in prossimit del giunto stesso.

Tetto piano
Numero collettori verticali
Lunghezza complessiva L

2
253 cm

Distribuire uniformemente gli altri punti di


fissaggio D lungo tutta la lunghezza

201

...

...
D

5
633 cm

6
760 cm

3050 cm
D

6
D

4
507 cm

201

3050 cm

3
380 cm

201

Tetto inclinato
Numero collettori verticali
Lunghezza complessiva L

Distribuire uniformemente gli altri punti di


fissaggio D lungo tutta la lunghezza

1
D

3
380 cm

4
507 cm

5
633 cm

6
760 cm

3050 cm

...

...

208

3050 cm

208

2
253 cm

208

25

Collettore solare piano SCF-25N

Esempi di installazione
Installazione con caldaia murale solo riscaldamento e bollitore a doppio serpentino
1

F1

MI

MB RB RI

6
11

8
9

F3

F4
10

dalla rete

26

1. Collettore solare SCF-25N


2. Vaso di espansione per circuito
solare
3. Kit idraulico di ritorno per solare
4. Valvola miscelatrice termostatica
5. Bollitore doppia serpentina
6. Centralina solare SUN B

7. Caldaia murale solo riscaldamento


con valvola a tre vie
8. Circolatore per ricircolo sanitario
9. Utenze
10. Valvola di sicurezza
11. Valvola di non ritorno
MI Mandata impianto

MB
RB
RI
F1
F3
F4

Mandata bollitore
Ritorno bollitore
Ritorno impianto
Sonda collettore
Sonda richiesta caldaia
Sonda bollitore

Solare Termico

Installazione con caldaia combinata e bollitore monoserpentino


1

F1
7

MI
UACS

IAB

RI

6
12
8

2
5

F4

dalla rete

11

1. Collettore solare SCF-25N


2. Vaso di espansione per circuito
solare
3. Kit idraulico di ritorno per solare
4. Miscelatore termostatico
5. Bollitore mono serpentina
6. Centralina solare SUN B

10
9

7. Caldaia murale combinata


8. Utenze
9. Valvola di sicurezza
10. Manometro
11. Valvola di non ritorno
12. Valvola deviatrice 3 vie motorizzata
MI Mandata impianto

IAB
UACS
RI
F1
F4

Ingresso acqua da bollitore


Uscita acqua calda sanitaria
Ritorno impianto
Sonda collettore
Sonda bollitore

27

Collettore solare piano SCF-25N

Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con


collettori piani verticali SCF-25N e bollitori IDRA
Qualora non si intenda utilizzare uno dei pacchetti solari FKP-SOL (disponibili fino a 4 collettori SCF-25N), la tabella seguente indica i componenti idraulici
necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare con collettori SCF-25N in batteria.
La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze.
Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra
collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.

Cod. 20050321
Cod. 20050323
Cod. 20050324
Cod. 20001399
Cod. 20072888
Cod. 20001224
Cod. 20026189
Cod. 20001225
Cod. 20026192
Cod. 20001226
Cod. 20026194
Cod. 20001227
Cod. 20026196
Cod. 20009144
Cod. 20009145
Cod. 20052790
Cod. 20052791
Cod. 20026145
Cod. 20026215
Cod. 20009196
Cod. 20075392
Cod. 1150489
Cod. 1150509
Cod. 1150519
Cod. 20001448
Cod. 1150499
Cod. 20009190
Cod. 1150549
Cod. 1150559
Cod. 1150529
Cod. 20026577

Collettore piano verticale SCF-25N


Collettore piano verticale SCF-25N
(confezione 2 pz.)
Collettore piano verticale SCF-25N
(confezione 5 pz.)
Bollitore mono serpentina IDRA MS 150
Bollitore mono serpentina IDRA MS 150 FI
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 200
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 200 FI
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 300
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 300 FI
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 430
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 430 FI
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 550
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 550 FI
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 750
Bollitore doppia serpentina IDRA DS 1000
Bollitore doppia serpentina IDRA N DS 1500
Bollitore doppia serpentina IDRA N DS 2000
Gruppo idraulico ritorno H 4,5 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 14,5 mca
Vaso di espansione 18 litri
Vaso di espansione 24 litri
Vaso di espansione 35 litri
Vaso di espansione 50 litri (e)
Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (f)
Glicole 2,5 kg
Glicole 5 kg
Glicole 10 kg
Valvola miscelatrice termostatica 3/4"
Degasatore manuale (h)

Staffe di fissaggio per tetti piani


Cod. 20008315
Cod. 20008322
Cod. 20008759
Cod. 20008317
Cod. 20008757

Kit barre di supporto 1 collettore


Kit barre di supporto 2 collettori
Kit barre di supporto 3 collettori
Kit componenti fissaggio tetto piano
Kit giunti di accoppiamento

Staffe di fissaggio per tetti inclinati


Cod. 20008315
Cod. 20008322
Cod. 20008759
Cod. 20008292
Cod. 20008757

28

Kit barre di supporto 1 collettore


Kit barre di supporto 2 collettori
Kit barre di supporto 3 collettori
Kit componenti fissaggio tetto inclinato
Kit giunti di accoppiamento

Numero collettori
4
6
-

1
1

2
-

3
1

7
-

8
-

11
1

1
1
1 (a)
1 (b)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
1 (g)
1 (g)
1
1

1
1 (b)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
1
1
1

1
1 (b)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
1
1
1
1

1
1 (b)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
2
1
1

1
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
2
1

1
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
2
2

1 (c)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
2
2

1 (c)
1 (d)
1 (d)
1 (d)
1
1
1
3
2

1
1
2
-

2
1
2
-

3
1
3
-

Numero collettori
4
6
7 (i)
2
2
2
1
5
7
8
1
1
1

8 (j)
4
10
2

11 (k)
1
3
13
2

1
1
2
-

2
1
2
-

3
1
3
-

Numero collettori
4
6
7 (i)
2
2
2
1
5
7
8
1
1
1

8 (j)
4
10
2

11 (k)
1
3
13
2

(a) Il bollitore IDRA DS 200 pu essere scelto


in alternativa al modello IDRA MS 150 nel
caso lesposizione del collettore SCF-25N
sia particolarmente favorevole. La caldaia
a supporto non sar combinata ma solo
riscaldamento.
(b) I bollitori IDRA DS FI vanno scelti in alternativa ai modelli IDRA DS di pari capacit.
(c) Il numero di collettori SCF-25N da applicare
ai bollitori IDRA N DS 1500/2000 va calcolato con cura in ogni singola situazione.
(d) Non necessario con i bollitori IDRA DS FI. I
gruppi idraulici cod. 20026215, 20009196
e 20075392 vanno scelti in alternativa al
cod. 20026145 nel caso in cui la prevalenza di questultimo non sia sufficiente.
(e) Il numero di collettori SCF-25N da applicare
con i vasi di espansione da 50 litri va calcolato con cura in ogni singola situazione.
(f) Accessorio opzionale.
(g) Per bollitori IDRA MS 150/150 FI: 5 kg, per
IDRA DS 200/200 FI: 10 kg.
(h) Uno per batteria. Non necessario se il
riempimento impianto viene effettuato
con una pompa di carico centrifuga (cod.
20001454).

(i) Si considerano 2 batterie da 4+3 collettori.


(j) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori.
(k) Si considerano 2 batterie da 6+5 collettori.

Solare Termico

Scelta dei componenti per linstallazione di sistemi solari con


collettori piani verticali SCF-25N e accumuli inerziali STOR
Tabella indicante i componenti idraulici necessari ed opzionali per realizzare un impianto solare con collettori SCF-25N in batteria.
La centralina e la caldaia a supporto dovranno essere selezionate a parte secondo le esigenze.
Le configurazioni sotto riportate si riferiscono ad impianti solari standard: esposizioni ed inclinazioni particolari dei collettori, nonch distanze notevoli tra
collettori e bollitore, possono modificare la scelta del componente pi idoneo.

Cod. 20050321
Cod. 20050323
Cod. 20050324
Cod. 20055207
Cod. 20055208
Cod. 20001406
Cod. 20001407
Cod. 20001408
Cod. 20001409
Cod. 20026145
Cod. 20026215
Cod. 20009196
Cod. 20075392
Cod. 20048701
Cod. 20048702
Cod. 20048705
Cod. 20048707
Cod. 1150489
Cod. 1150509
Cod. 1150519
Cod. 20001448
Cod. 20001449
Cod. 1150499
Cod. 20009190
Cod. 1150549
Cod. 1150559
Cod. 20026577

Collettore piano verticale SCF-25N


Collettore piano verticale SCF-25N
(confezione 2 pz.)
Collettore piano verticale SCF-25N
(confezione 5 pz.)
Accumulo inerziale con serpentina STOR 300 M
Accumulo inerziale con serpentina STOR 500 M
Accumulo inerziale con serpentina STOR 1000 M
Accumulo inerziale con serpentina STOR 1500 M
Accumulo inerziale STOR 2000
Accumulo inerziale STOR 3000
Gruppo idraulico ritorno H 4,5 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 6,5 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 11 mca
Gruppo idraulico mandata e ritorno H 14,5 mca
Gruppo di scambio termico solare STS 50 (g)
Gruppo di scambio termico solare STS 120 (g)
Gruppo di scambio termico sanitario ACS 30 (g)
Gruppo di scambio termico sanitario ACS 150 (g)
Vaso di espansione 18 litri
Vaso di espansione 24 litri
Vaso di espansione 35 litri
Vaso di espansione 50 litri (d)
Vaso di espansione 100 litri (d)
Staffa fissaggio a muro vasi 18 e 24 litri (e)
Glicole 2,5 kg
Glicole 5 kg
Glicole 10 kg
Degasatore manuale (f)

Staffe di fissaggio per tetti piani


Cod. 20008315
Cod. 20008322
Cod. 20008759
Cod. 20008317
Cod. 20008757

Kit barre di supporto 1 collettore


Kit barre di supporto 2 collettori
Kit barre di supporto 3 collettori
Kit componenti fissaggio tetto piano
Kit giunti di accoppiamento

Staffe di fissaggio per tetti inclinati


Cod. 20008315
Cod. 20008322
Cod. 20008759
Cod. 20008292
Cod. 20008757

Kit barre di supporto 1 collettore


Kit barre di supporto 2 collettori
Kit barre di supporto 3 collettori
Kit componenti fissaggio tetto inclinato
Kit giunti di accoppiamento

Numero collettori
6
8
-

2
-

4
-

12
-

17
-

1
1
(c)
1
1
1
1

1
1
(c)
1
2
1

1
1
1 (b)
1 (b)
(c)
1
1
1
1

1
1
1 (b)
1 (b)
(c)
(c)
1
2
2

1 (a)
1
(c)
(c)
1
1
1
1
2

1 (a)
1
(c)
(c)
1
1
1
1
2
3

2
1
2
-

4
2
5
1

Numero collettori
6
8 (h)
4
2
7
10
1
2

12 (i)
4
14
2

17 (j)
1
5
20
3

2
1
2
-

4
2
5
1

Numero collettori
6
8 (h)
4
2
7
10
1
2

12 (i)
4
14
2

17 (j)
1
5
20
3

(a) Il numero di collettori SCF-25N da applicare


con gli accumuli STOR 2000/3000 va calcolato con cura in ogni singola situazione.
(b) I gruppi idraulici cod. 20009196 e
20075392 vanno scelti in alternativa ai
cod. 20026145 e 20026215 nel caso in cui
la prevalenza di questi ultimi non sia sufficiente.
(c) I gruppi di scambio ACS, vanno scelti in
funzione del fabbisogno di acqua calda sanitaria calcolato dal progettista.
(d) Il numero di collettori SCF-25N da applicare
con i vasi di espansione da 50/100 litri va
calcolato con cura in ogni singola situazione.
(e) Accessorio opzionale.
(f) Uno per batteria. Non necessario se il
riempimento impianto viene effettuato
con una pompa di carico centrifuga (cod.
20001454).
(g) Disponibili anche nelle versioni con circolatori low-energy.

(h) Si considerano 2 batterie da 4+4 collettori.


(i) Si considerano 2 batterie da 6+6 collettori.
(j) Si considerano 3 batterie da 6+6+5 collettori.

29

Solare Termico

Bollitori a doppio serpentino


IDRA DS FI 200 - 300 - 430 - 550

bollitore ad accumulo verticale in acciaio vetrificato (doppia


vetrificazione)
scambiatore di calore a doppio serpentino
ideale per impianti solari
gruppo idraulico M/R preinstallato
centralina solare SUN B preinstallata
durata ed igienicit garantita dalla vetrificazione
protezione anodica contro le correnti vaganti
elevate prestazioni in produzione di acqua calda e ridotti tempi di
ripristino
efficace coibentazione termica e basse perdite di carico
elevata superficie di scambio del serpentino inferiore
accesso agevole al serpentino inferiore
garanzia 5 anni

I bollitori solari a doppio serpentino della serie FI da 200 - 300 - 430 - 550
litri Beretta sono integrabili in impianti solari per la produzione di acqua
calda sanitaria. Gli elementi tecnici principali della progettazione del bollitore solare sono:
Lo studio accurato delle geometrie del serbatoio e dei serpentini che
consentono di ottenere le migliori prestazioni in termini di stratificazione,
scambio termico e tempi di ripristino.
La doppia vetrificazione interna, batteriologicamente inerte, per assicurare la massima igienicit dellacqua trattata, ridurre la possibilit di
deposito di calcare e facilitare la pulizia.
La disposizione su diverse altezze degli attacchi per impiegare generatori di calore di diverso tipo, senza influenzare la stratificazione.
Il gruppo idraulico e la centralina solare gi montati in fabbrica, consentono una notevole riduzione dei tempi di installazione.
La coibentazione in poliuretano privo di CFC e lelegante rivestimento
esterno per limitare le dispersioni ed aumentare, di conseguenza, il rendimento.
Limpiego della flangia per facilitare la pulizia e la manutenzione e dellanodo di magnesio con funzione anticorrosione dovuta alle correnti vaganti.
Predisposizione agli accessori:
Vaso despansione solare da 18-24-35-50 litri.
111

Bollitori a doppio serpentino IDRA DS FI 200 - 300 - 430 - 550

Tabella dati tecnici


Descrizione
Tipo bollitore
Disposizione bollitore
Disposizione scambiatori
Capacit bollitore
Diametro bollitore con isolamento
Profondit bollitore con gruppo idraulico
Altezza con isolamento
Spessore isolamento
Diametro / lunghezza anodo di magnesio
Diametro flangia
Diametro / lunghezza pozzetti porta sonde
Manicotto per resistenza elettrica (non fornita)
Contenuto acqua serpentino inferiore
Contenuto acqua serpentino superiore
Superficie di scambio serpentino inferiore
Superficie di scambio serpentino superiore
Dispersioni termiche
Pressione massima di esercizio bollitore
Pressione massima di esercizio serpentini
Temperatura massima di esercizio
Peso netto con isolamento
Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 60C (T = 35K) *
Potenza assorbita serpentino inferiore
Potenza assorbita serpentino superiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore
Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 70C (T = 35K) *
Potenza assorbita serpentino inferiore
Potenza assorbita serpentino superiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore
Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 80C (T = 35K) *
Potenza assorbita serpentino inferiore
Potenza assorbita serpentino superiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore
Prestazioni ottenute con Temperatura Primario 90C (T = 35K) *
Potenza assorbita serpentino inferiore
Potenza assorbita serpentino superiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino inferiore
Produzione di acqua calda sanitaria - serpentino superiore

litri
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm

litri
litri
m2
m2
W/K
bar
bar
C
kg

IDRA DS
FI 200
vetrificato
verticale
verticali
203
605
825
1330
50
33 / 450
118
16 / 175
1" 1/2 F
5,7
4,1
0,94
0,68
2,6
10
10
99
105

IDRA DS
FI 300
vetrificato
verticale
verticali
298
605
825
1840
50
33 / 450
118
16 / 175
1" 1/2 F
9,3
5,5
1,53
0,91
2,1
10
10
99
130

IDRA DS
FI 430
vetrificato
verticale
verticali
433
755
975
1630
50
33 / 520
118
16 / 175
1" 1/2 F
11,0
7,1
1,80
1,17
2,0
10
10
99
162

IDRA DS
FI 550
vetrificato
verticale
verticali
546
755
975
1980
50
33 / 520
118
16 / 175
1" 1/2 F
12,8
8,0
2,10
1,31
2,5
10
10
99
175

kW
kW
litri/ora
litri/ora

16,0
11,0
393
270

24,4
15,8
600
388

27,0
19,5
663
480

32,0
23,4
786
575

kW
kW
litri/ora
litri/ora

22,2
15,7
543
386

34,3
21,7
842
532

38,0
27,5
934
676

44,9
31,8
1100
781

kW
kW
litri/ora
litri/ora

29,5
20,7
725
508

46,6
30,6
1145
753

52,0
36,5
1278
897

62,0
43,0
1523
1056

kW
kW
litri/ora
litri/ora

36,8
26,3
904
646

57,0
38,0
1400
934

65,0
45,0
1597
1105

73,0
53,0
1793
1300

Unit

* Prestazioni ottenute con circolatore di carico regolato a 3000 litri/ora ed utilizzando generatori di adeguata potenzialit.

112

Solare Termico

Perdite di carico serpentino superiore


600

Perdita
carico (mbar)
Perdita di
caricodi(mbar)

600

500

Mod. 550
Mod. 430
Mod. 300

400
500

Mod. 550

300

Mod. 200

Mod. 430
Mod. 300
Mod. 200

400

200

300

100

200
0
0

1000

2000

3000

4000

5000

6000

Portata (l/h)

100
0
0

1000

2000

3000
Portata (l/h)

4000

5000

6000

Prevalenza residua gruppo idraulico


500
450

Prevalenza residua (mbar)

400
350
300
250
200
150
100
50
0

200

III

II

400

600
Portata (l/h)

800

1000

1200

113

Bollitori a doppio serpentino IDRA DS FI 200 - 300 - 430 - 550

Struttura
1

Dal
Al
collettore collettore
14
2

13
In sicurezza
al vaso despansione

3
12
11
10
9
8

4
5
6















114

1. Bollitore solare Beretta IDRA DS FI


2. Termometro di mandata
3. Valvola M
4. Termometro di ritorno
5. Regolatore solare
6. Regolatore di portata
7. Derivazione cavi sonde/alimentazione
8. Misuratore di portata (l/min)
9. Rubinetto B
10. Circolatore
11. Manometro
12. Rubinetto A
13. Valvola di sicurezza (6 bar)
14. Valvola R

Solare Termico

Collegamenti idraulici
I bollitori Beretta IDRA DS FI possono essere collegati a generatori di calore, anche esistenti, purch di potenza termica adeguata e nel rispetto della direzione dei flussi idraulici. Le caratteristiche degli attacchi idraulici sono le seguenti.
IDRA DS 200 FI - IDRA DS 430 FI

IDRA DS 300 FI - IDRA DS 550 FI

AD

AD
ICP

ICP

UAC
M

TR

Tubi
flessibili

MC

Psc

Psc

RC

RE

RC

RE

Pau

RL

UAC - Uscita acqua calda sanitaria


MC - Mandata caldaia
RC - Ritorno caldaia
M - Mandata solare
R - Ritorno solare
RL - Ricircolo sanitario
EAF (SB) - Entrata acqua fredda sanitaria (Scarico bollitore)
Psc - Diametro/lunghezza pozzetto sonda caldaia
Psr - Diametro/lunghezza pozzetto sonda regolatore solare
Pau - Diametro/lunghezza pozzetto ausiliario
RE - Manicotto per resistenza elettrica (non fornita)
AD - Diametro/lunghezza anodo di magnesio
TR - Termometro
DSA - Derivazione cavi sonde/alimentazione
ICP - Ingresso posteriore cavi
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
N
O

Psr

EAF (SB)

EAF (SB)

(*)

Psr

(*)

Pau

RL

DSA

DSA

Tubi
flessibili

MC

TR

UAC

IDRA DS 200 FI

IDRA DS 300 FI

IDRA DS 430 FI

IDRA DS 550 FI

mm
mm
mm
mm
mm

1" F
1" F
1" F
1" M
1" M
3/4" F
1" F
16 / 175
16 / 175
16 / 175
1" 1/2 F
33 / 450

1" F
1" F
1" F
1" M
1" M
3/4" F
1" F
16 / 175
16 / 175
16 / 175
1" 1/2 F
33 / 450

1" F
1" F
1" F
1" M
1" M
3/4" F
1" F
16 / 175
16 / 175
16 / 175
1" 1/2 F
33 / 520

1" F
1" F
1" F
1" M
1" M
3/4" F
1" F
16 / 175
16 / 175
16 / 175
1" 1/2 F
33 / 520

mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm
mm

365
625
675
1000
170
425
140
645
725
840
1005
1170

365
875
955
1490
170
445
430
955
1035
1200
1410
1670

460
860
910
1330
205
480
300
870
960
1125
1330
1440

460
960
1080
1650
205
505
445
1030
1130
1290
1540
1785
115

Bollitori a doppio serpentino IDRA DS FI 200 - 300 - 430 - 550

Circuito idraulico
Dal collettore

Al collettore

AD
2

2
10

UAC
TR
MC

8
In sicurezza

RC

RE
1

RL

1. Bollitore solare Beretta


IDRADS FI
2. Termometro
3. Valvola R (funzione di valvola
di non ritorno)
4. Manometro
5. Circolatore
6. Misuratore di portata (l/min)
7. Valvola di sicurezza (6 bar)
8. Recupero fluido termovettore
9. Vaso despansione solare
(accessorio)
10. Valvola M
TR Termometro
RE Manicotto per resistenza
elettrica (non fornita)
AD Anodo di magnesio
UAC Uscita acqua calda sanitaria
MC Mandata caldaia
RC Ritorno caldaia
RL Ricircolo sanitario
EAF Entrata acqua fredda sanitaria
SB Scarico bollitore

EAF
(SB)

Locale di installazione del bollitore


I bollitori Beretta IDRA DS FI possono essere installati in tutti i locali in cui non richiesto un grado di protezione elettrica dellapparecchio superiore a IP
X0D. Il locale di installazione deve essere asciutto per prevenire la formazione di ruggine. Mantenere le distanze minime per la manutenzione e il montaggio.

Installazione su impianti vecchi o da rimodernare


Quando i bollitori solari IDRA DS FI vengono installati su impianti vecchi o
da rimodernare, verificare che:
Linstallazione sia corredata degli organi di sicurezza e di controllo nel
rispetto delle norme specifiche.
Limpianto sia lavato, pulito da fanghi, da incrostazioni, disaerato e siano
state verificate le tenute idrauliche.
Sia previsto un sistema di trattamento quando lacqua di alimentazione/
reintegro particolare (come valori di riferimento possono essere considerati quelli riportati in tabella).

116

Valori acqua di alimentazione


pH
Conduttivit elettrica
Ioni cloro
Ioni acido solforico
Ferro totale
Alcalinit M
Durezza totale
Ioni zolfo
Ioni ammoniaca
Ioni silicio

6-8
minore di 200 mV/cm (25C)
minore di 50 ppm
minore di 50 ppm
minore di 0,3 ppm
minore di 50 ppm
minore di 35F
nessuno
nessuno
minore di 30 ppm

Solare Termico

Posizionamento sonde
Ingresso posteriore cavi

I bollitori Beretta IDRA DS FI sono corredati di pozzetto portasonde allinterno del quale devono essere collocate le sonde del termostato e delleventuale termometro bollitore.
I collegamenti alla caldaia o al gruppo termico sono a cura dellinstallatore,
che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente.

Pozzetto sonda caldaia


(gi posizionata)

Pozzetto sonda regolatore


solare (gi posizionata)

Preparazione alla prima messa in servizio


Collegare lo scarico della valvola di sicurezza ad un tubo (T) per il recupero di eventuali fuoriuscite del liquido solare e per evitare scottature.
Collegare il vaso di espansione (E) adatto per applicazioni in impianti
solari.
Collegare il circolatore e le sonde al regolatore solare (se previsto) come
descritto nel libretto istruzioni fornito a corredo del regolatore.

Lavaggio dellimpianto

Ruotare in senso antiorario la maniglia della valvola (M) e (R).


Chiudere il regolatore di portata (V) (intaglio cacciavite in posizione orizzontale).
Aprire i rubinetti (A) e (B) presenti sul gruppo di ritorno.
Introdurre acqua dal rubinetto (B) ed attendere la sua fuoriuscita dal rubinetto (A). Lasciare fluireper il tempo necessario.
Chiudere i rubinetti (A) e (B) e riaprire il regolatore di portata (V) (intaglio
cacciavite in posizione verticale).

Gruppo di
mandata

Gruppo di
ritorno

In sicurezza

Circolatore

Se si sono utilizzate delle tubazioni in rame e si eseguita una brasatura forte necessario
lavare limpianto dai residui del fondente di brasatura. Successivamente eseguire la prova
di tenuta. Il collettore solare deve essere subito riempito con una miscela di acqua e glicole,
poich dopo il lavaggio potrebbe contenere ancora dellacqua (pericolo di gelo).

Regolatore
di portata V

posizione
CHIUSO

Scala
graduata in
l/min.
posizione
APERTO

117

Bollitori a doppio serpentino IDRA DS FI 200 - 300 - 430 - 550

Premiscelazione acqua + glicole

Prima del riempimento dellimpianto il glicole, fornito separatamente, va


premiscelato con acqua in un recipiente. Ad esempio 40% di glicole e 60%
di acqua permettono una resistenza al gelo fino alla temperatura di -21C.
Antigelo
50%
40%
30%

Temperatura
-32 C
-21 C
-13 C

Densit
1,045 kg/dm3
1,037 kg/dm3
1,029 kg/dm3

Riempimento dellimpianto

Posizione della maniglia


delle valvole R - M

Passo 1 - Ruotare in senso antiorario la maniglia della valvola (R) e (M).


Chiudere il regolatore di portata (V) (intaglio cacciavite in posizione orizzontale).
Passo 2 - Aprire eventualmente il rubinetto del degasatore manuale posto
nel punto pi alto dellimpianto e mantenerlo aperto durante tutta loperazione di caricamento.
Passo 3 - Far circolare il fluido termovettore con una pompa di carico esterna fino ad eliminare tutte le bolle daria. Chiudere eventualmente il rubinetto del degasatore manuale posto nel punto pi alto dellimpianto.
Passo 4 - Innalzare brevemente la pressione dellimpianto fino a 4 bar.
Passo 5 - Mettere in funzione limpianto per circa 20 minuti.
Passo 6 - Ripetere loperazione di sfiato aria dal passo 2 fino alla completa
disareazione dellimpianto.
Passo 7 - Impostare la pressione dellimpianto a 3 bar.
Passo 8 - Chiudere i rubinetti (A) e (B) ed aprire il regolatore di portata (V).

Flusso bloccato
90

90

Flusso
unidirezionale
(funzione di
valvola di
non ritorno)
Gruppo di
mandata

Il glicole propilenico fornito studiato appositamente per applicazioni solari


in quanto conserva le sue caratteristiche nellintervallo -32180C.
Inoltre atossico, biodegradabile e biocompatibile.
Non immettere glicole puro nellimpianto e poi aggiungere acqua.
Non utilizzare sistemi di riempimento manuali o automatici.
In presenza di un tenore di cloro molto elevato necessario utilizzare acqua
distillata per la miscela.

Gruppo di
ritorno

Non eseguire il riempimento dellimpianto in condizioni di forte insolazione


e con i collettori ad elevate temperature.

Circolatore
Pompa
di carico
fluido
termovettore

A
V

Miscela antigelo

Controlli durante e dopo la prima messa in servizio


Ad avviamento effettuato verificare che:
La portata del circuito solare sia pari a 30 litri/
ora per m2 di superficie di collettore.
Il circuito solare sia completamente sfiatato.
3
2

La pressione a freddo dellimpianto


sia circa 3 bar.
La valvola di sicurezza intervenga a
6 bar.
Le tubazioni della rete idraulica siano coibentate in modo rispondente
alle norme vigenti.

Se tutte le condizioni sono soddisfatte, riavviare caldaia e bollitore e controllare la temperatura regolata e la quantit di ACS prelevabile.
118

Solare Termico

Configurazione idraulica di impianto


Per la limitazione della temperatura di uscita dellacqua calda sanitaria utilizzare una valvola miscelatrice termostatica (14).
In caso di diminuzione della pressione dellimpianto solare non rabboccare
con acqua ma con miscela acqua-glicole: pericolo di gelo.
Tutte le tubazioni installate compresi i collettori,gli scambiatori e i dispositivi idraulici, devono essere sottoposti a prove di tenuta.
La scelta e linstallazione dei componenti dellimpianto sono demandati per
competenza allinstallatore, che dovr operare secondo le regole della buona tecnica e della Legislazione vigente.
Il vaso di espansione del circuito solare deve avere caratteristiche conformi
alle temperature e alle pressioni che si possono formare in tale circuito.

In presenza di acqua non addolcita, consigliabile impostare la temperatura


massima del bollitore a 60C, in quanto a temperature maggiori si hanno
formazioni di calcare con conseguente peggioramento dello scambio termico.
In caso di alimentazione da acquedotto con pressioni di rete superiori a 6
bar, prevedere limpiego di un riduttore di pressione.
Il vaso di espansione deve resistere alle alte temperature e la membrana
non deve essere intaccabile dalla miscela acqua-glicole.
Limpianto sanitario deve obbligatoriamente prevedere il vaso di espansione, la valvola di sicurezza, la valvola di sfiato automatico e il rubinetto
scarico bollitore.
Lo scarico della valvola di sicurezza deve essere collegato ad un adeguato
sistema di raccolta e di evacuazione. Il costruttore del bollitore non responsabile di eventuali allagamenti causati dallintervento della valvola di
sicurezza.
RC

10

11
1

MC

3
Uscita

14

PRIMARIO

9
4

16

15

5
4

UAC

5
RL

9
Ingresso

4
4
SB
6
8

1. Collettore solare
2. Bollitore solare Beretta IDRA DS FI
3. Sonda collettore
4. Valvole di sezionamento
5. Valvola non ritorno
6. Valvola di sicurezza
7. Scarico
8. Vaso despansione (non fornito)
9. Circolatore
10. Rubinetto di sfiato
11. Degasatore manuale (accessorio)
12. Filtro addolcitore
13. Riduttore di pressione
14. Valvola miscelatrice
15. Regolatore solare
16. Vaso despansione solare (accessorio)

4 12

13

EAF

UAC
MC
RC
M
R
RL
EAF
SB

Uscita acqua calda sanitaria


Mandata caldaia
Ritorno caldaia
Mandata collettore
Ritorno collettore
Ricircolo sanitario
Entrata acqua fredda sanitaria
Scarico bollitore

119