Sei sulla pagina 1di 33

L'URBANISTICA ROMANA

ORIGINI E PRINCIPI TECNICI

Lurbanistica romana, secondo gli stessi Romani, trov le sue basi nella storia greca. La
razionalit dei Greci sarebbe stata applicata, in periodo ellenistico, anche alla
progettazione urbana.

Nel V sec. a.C. visse, infatti, Ippodamo da Mileto(1) che, per primo, teorizz la necessit di
costruire le citt secondo schemi planimetrici regolari. Se difatti fino ad allora nascevano
prima le case e nello spazio tra esse venivano costruite le strade, con la pianificazione
urbana teorizzata da Ippodamo da Mileto, venivano prima disegnate le strade e poi, tra
esse, trovavano posto gli edifici. Con ci si potevano ottenere citt con tracciati viari tra
loro perpendicolari.

La scacchiera tipica ipotizzata da Ippodamo da Mileto si basava su tre assi longitudinali,


detti decumani, che procedevano in direzione est-ovest, intersecati da assi perpendicolari,
detti cardi, secondo lorientamento nord-sud. Lintersezione di questi assi viari
determinava isolati rettangolari dalla forma allungata.

Questo schema ippodameo fu applicato alla pianificazione di numerose citt antiche.

Pianta di Mileto(2), sistemata nel V sec. a.C. da


Ippodamo da Mileto dopo le guerre persiane;
gli isolati misurano 100 x 175 piedi (30 x 52 m.).
(BENEVOLO, Larte e la citt antica, Laterza,
1981)

Pianta

di

Olinto

dopo

lampliamento

ippodameo (432 a.C.).


Larea a puntini in basso, quella del nucleo
pi antico.
(BENEVOLO, Larte e la citt antica, Laterza,
1981)

Pi dei Greci, i Romani furono dei grandi ingegneri, ed applicarono le loro capacit
tecniche alla realizzazione di numerose costruzioni dalle molteplici tipologie. Ma non si
limitarono solo allarchitettura. Essi crearono le prime grandi infrastrutture del territorio:
le strade e gli acquedotti.

Costruirono numerose citt, applicando il sistema ortogonale gi sperimentato da


Ippodamo da Mileto, creando un sistema urbano di piccoli e grandi centri, che ebbe
notevole estensione. Rilevante fu anche la ripartizione del territorio in propriet agrarie
dalla forma regolare, che presero il nome di centuriazioni.

Bisogna dire (si confronti anche quanto detto altrove) che lattitudine a costruire citt di
pianta pi o meno rigidamente ortogonale era propria di varie culture greche preromane
ed apparteneva al modus operandi urbanistico italico anche prima che esso entrasse in
contatto collelemento greco.

Tuttavia certo che i Romani ebbero una visione molto precisa e schematica del territorio,
che essi utilizzarono quasi totalmente, modificandolo e rendendolo funzionale alle
esigenze di un grande impero, quale essi crearono.

I TRATTATISTI

Vitruvio Pollione(4) fu nel 27 a.C. autore del De Architectura, l'unico trattato di architettura
pervenutoci dagli antichi. Il De Architectura, che ha costituito un supporto teorico
indispensabile per le generazioni successive, tratta della costruzione, della gnomonica,
della meccanica enunciando originali stili architettonici, fondati sulla simmetria e sulla

proporzionalit delle parti al tutto. Inoltre, Vitruvio nella sua opera non si limita a trattare
dellatteggiamento che deve seguire larchitetto rispetto al suo lavoro ma motiva anche le
scelte di questo in campo architettonico. necessario parlare di questo grande scrittore
poich nella sua opera descrive quindi la tecnica costruttiva, la scelta dei materiali e dei
luoghi adatti alla costruzione: "Questi saranno i criteri da seguire per le mura delle citt.
Dapprima la scelta di un luogo particolarmente salubre, non nebbioso n brinoso, rivolto a zone del
cielo

calde,

fredde,

ma

temperate,

quindi

lontano

da

luoghi

paludosi(5)."

La citt romana a scacchiera nel trattato di Vitruvio


da una illustrazione del 1536.
(BENEVOLO, Larte e la citt antica, Laterza,
1981)

Una volta trovato un luogo adatto, normalmente un terreno pianeggiante, lesercito


romano si accampava. Prima venivano tracciate due strade a croce, chiamate Cardo e
Decumano poi si scavava un fossato tutto intorno al luogo scelto e si costruiva una
palizzata di difesa o un muro di pietra.

Nella foto, i resti dellaccampamento romano a Masada (Israele).


(AA.VV., Societ e storia, Bruno Mondatori, 1994)

Al centro del campo, il castra, trovavano posto le tende dei generali e laltare per i sacrifici.
Le quattro porte si trovano sui quattro lati. Talvolta gli accampamenti, in particolare quelli
situati nei luoghi pi lontani dellimpero, restavano abitati per anni e andavano
trasformandosi in veri e propri centri urbani.

Nel disegno, lo schema di un accampamento, rispondente alla


organizzazione della legione.(AA.VV., Societ e storia 1, Bruno
Mondatori, 1994)

Un accampamento romano secondo lo storico Polibio. (GIARDINA, Le linee del tempo, Laterza,
1997)

Da una struttura provvisoria del castra si passa poi a quella definitiva del centro urbano
propriamente detto, composto non solo da piccole tende militari o da un ara sacrificale ma
anche da piccole case, terme, teatri, fognature e strade.

LA PIANIFICAZIONE DEL TERRITORIO


I Romani sapevano che difendere un territorio appena conquistato era una impresa
particolarmente difficile e impegnativa e perci, in genere, favorivano insediamenti di

popolazioni indigene amiche o di cittadini romani come per esempio gli ex-legionari. La
realizzazione di tali insediamenti richiedeva necessariamente la costruzione di nuove vie
di comunicazione, la fondazione di nuove colonie e soprattutto una radicale
ristrutturazione del territorio con enormi lavori di bonifica, disboscamento, opere
idrauliche, costruzioni di insediamenti rurali, riduzioni a coltura.

L'insieme di tutti questi lavori poteva portare alla realizzazione di una centuriazione che
era costituita da un reticolo di strade o corsi d'acqua perpendicolari fra loro che
delimitavano grandi quadrati di terreno solitamente di circa 720 metri di lato (20 actus),
chiamati centurie.

Il terreno all'interno delle centurie era suddiviso in appezzamenti che venivano poi
assegnati ai coloni. Il nome centuria deriva dal fatto che originariamente, come narra
Varrone(7) nel "De re rustica", una centuria veniva suddivisa in 100 parti uguali (heredia)
pari a circa 5046 mq e assegnata a 100 coloni.

Alcune aree invece erano adibite a pascolo o bosco e lasciate ad uso comunitario. Le strade
che delimitavano le centurie erano chiamate decumani e cardini massimi, che usualmente
avevano una larghezza maggiore delle altre strade.

Le centuriazioni si sono diffuse in vaste aree dell'impero romano ed il loro reticolo si


impresso nel paesaggio agrario di molte regioni costituendo una delle testimonianze

archeologiche pi imponenti della civilt romana. Infatti, in numerosi casi la continuit


abitativa

dei

territori

dall'epoca

romana

all'attuale

ha

favorito

il

persistere

dell'orientamento stradale e la distribuzione degli insediamenti odierni secondo lo schema


tracciato dagli agrimensores romani.

Gi nella fondazione delle prime colonie da parte delle citt greche nell'VIII secolo a.C.
furono applicati criteri geometrici con divisioni del terreno secondo schemi regolari che
permettevano chiarezza nella distribuzione della propriet e funzionalit nell'utilizzo del
suolo (drenaggio, viabilit). Nel VI secolo l'invenzione di nuovi strumenti come il
traguardo ottico e la livella hanno permesso impianti di citt e divisioni agrarie di territori
secondo direttrici perfettamente ortogonali. Ne sono validi esempi l'organizzazione di
citt come Selinunte, Locri e Metaponto.

Groma: strumento particolarmente usato dai geometri romani (perci detti gromatici) per la
misurazione e la determinazione del tracciato delle strade. Guardando tra le opposte coppie di filo a

piombo, appese alle estremit dei due bracci incrociatisi ad angolo retto, era possibile tracciare sul
terreno coppie di allineamenti perfettamente ortogonali fra loro.
(AA.VV.,Societ e storia, Bruno Mondatori, 1989)

Questi principi di pianificazione urbanistica furono quindi assorbiti dai Romani fin
dall'et arcaica.

Le norme per l'esecuzione delle centuriazioni sono pervenute fino a noi tramite trattati, a
volte frammentari ed interpolati, scritti dagli agrimensores . Prima dell'affermazione del
sistema delle centurie documentata una divisione agraria secondo il sistema detto della
strigatio e scamnatio, rappresentato da lunghe bande rettangolari di terreno disposte nel
senso della lunghezza o della larghezza.

Dal II secolo a.C. si sono abbandonate queste divisioni e si arrivati ad una diffusione
generalizzata della centuriazione che offriva maggiori vantaggi per l'organizzazione del
territorio e le comunicazioni.

La centuriazione di un territorio e la sua assegnazione veniva decisa dal potere centrale


tramite l'emanazione di una legge che stabiliva l'ubicazione e l'estensione del territorio da
centuriare, il numero dei coloni e le modalit della distribuzione dei lotti.

Per sovrintendere alla fase esecutiva veniva composta una commissione di magistrati
straordinari. Il terreno veniva suddiviso con fossati e strade rettilinei che, incrociandosi
perpendicolarmente tra loro, formavano i quadrati delle centurie.

Questi allineamenti, detti limites, prendevano il nome di decumani e cardi a seconda del
loro orientamento: i decumani da E ad O, i cardi da N a S. Essi venivano tracciati per primi
quando veniva impostata la centuriazione, determinandone cos l'orientamento. Questo
spesso si discostava dalle regole teoriche e veniva scelto in base all'inclinazione del
terreno, orientando strade e fossati secondo il corso dei fiumi per facilitare il drenaggio
delle acque dai campi coltivati. Altre volte invece si seguiva l'orientamento di strade di
collegamento preesistenti come nel caso delle numerose centuriazioni emiliane in cui il
decumano massimo rappresentato dalla via Aemilia. In genere i limites erano in terra
battuta e solo le strade pi importanti erano pavimentate. Una volta delimitate le centurie
si procedeva alla loro suddivisione interna per separare una propriet dall'altra.

I confini interni erano chiamati limites intercisivi ed erano quasi sempre costituiti da fossati
e sentieri paralleli o perpendicolari ai decumani.

Dove i limites si incrociavano venivano posti dei cippi chiamati termini che potevano
essere in legno o in pietra di forma cilindrica o prismatica e in genere recavano incisi sulla
faccia superiore il decussis (due linee in croce indicanti le direzioni dei limites) e le
coordinate della centuriazione in riferimento al decumano ed al cardine massimo. Agli

incroci usualmente venivano erette edicole o are sacrificali o piccoli templi per il culto
degli dei.

Ancora oggi notiamo la presenza di edifici sacri come chiese o capitelli nei pressi dei punti
in cui i limites della centuriazione si incrociavano, per la persistenza dei luoghi di culto nel
passaggio dal rito pagano a quello cristiano e sembra che l'ubicazione dei luoghi sacri sia
l'unica caratteristica dell'antico territorio trasmessa e arrivata fino a noi. I confini tra le
propriet erano sacri e spostare una pietra di confine era considerato sacrilegio ed era
punito con gravi pene.

LE STRADE

Basilare parlare delle prime strade romane, che nacquero per necessit militari e di
collegamento con le colonie. Ad esempio, il tracciato della via Appia, la prima strada
romana, si svilupp per consentire il controllo militare del territorio e facilitare gli
spostamenti dell'esercito durante la conquista dell'Italia meridionale. In epoca
repubblicana la costruzione della rete viaria romana fu affidata ai consoli e ai pretori,
mentre la cura delle strade provinciali rientrava nei compiti dei governatori.

Piantina che indica le pi importanti strade


italiane.
(GUARRACINO, nuova Societ e storia, Bruno
Mondatori, 1994)

Intorno al IV sec. a.C. a Roma esistevano solo tre strade: la Salaria (via del sale) che
arrivava ad Asculum (Ascoli), la via Ostiensis e la via Latina.

Salaria e Ostiense costituivano unasse che collegava il mare alle montagne del Reatino,
utilizzati soprattutto per la transumanza; la via Latina era un tracciato naturale che partiva
dall'isola Tiberina, usciva dalla citt e, aggirando i Colli Albani, arrivava a Capua. Anche
le future Nomentana e Tiburtina erano sentieri usati per le pecore.

Pianta

di

Roma

in

et

repubblicana

con

lindicazione delle grandi strade consolari in


partenza dalla citt.
(BRANCATI, Civilt a confronto 1, La Nuova
Italia, 1997)

La via Appia fu la prima vera strada romana (e quindi d'Italia), fatta costruire da Appio
Claudio Cieco attorno al 312 a.C. contemporaneamente al primo acquedotto di Roma
(l'aqua Appia, come riportano Livio e Diodoro Siculo). La nuova strada permetteva ai
romani di viaggiare ad una media di 200 miglia al giorno, grazie al sistema del lastricato.
Una mappa in marmo posta nel Foro Romano mostrava il sistema viario con le tappe, le
fontane e i ristori. Il primo troncone della via Appia conduceva da Roma a Capua
passando per Tarracina, Formia, Minturno, Casilinum (Capua), dove si univa con la via
Latina. Poco dopo la costruzione della via Appia fu lastricata anche la via Latina, che ne
divenne l'alternativa. La via Appia fu prolungata per la prima volta nel 268 a.C. fino a
Beneventum (Benevento).

Via Appia, asse fondamentale del sistema viario romano.


(MAGNANI-MARCACCINI, La storia e la vita, Sansoni,
2OOO)

La via Salaria portava da Roma a Castrum Truentinum (Porto d'Ascoli), sulla costa
adriatica. Seguiva il Tevere fino a Passo Corese, si addentrava nella Sabina passando per
Reate (Rieti), Cittaducale, Antrodoco, oltrepassava l'Appennino tra le gole del Terminillo e
discendeva verso l'Adriatico, raggiungendo Asculum (Ascoli Piceno) e Castrum
Truentinum.

La via Nomentana usciva dalla porta Collina, cavalcava


l'Aniene e risaliva fino a Nomentum (Mentana). Anche la via
Tiburtina era di antichissima origine; lasciava Roma alla porta
Esquilina e conduceva a Tibur (Tivoli) superando il fiume
Aniene. Fu ristrutturata nel 307 a.C. da Marco Valerio
Massimo e fu da lui prolungata fino a Corfinium (Corfinio). Questo nuovo tratto prese il
nome di via Tiburtina Valeria. La via Praenestina un tracciato di antica origine, che dalla
porta Esquilina conduceva a Gabii e a Praeneste (Preneste), attraverso delle placide
campagne. Fu sistemata quando Roma conquist Praeneste, nel 338 a.C.. La via Collatina

si distaccava dalla via Tiburtina poco dopo l'arco dell'Acqua Marcia (in seguito integrato
nelle mura Aureliane, ora ha il nome di porta S. Lorenzo) e conduceva alla vicina Collatia.
La via Aurelia fu aperta nel 241 a.C. dal censore Caio Aurelio Cotta. Usciva da Roma dal
ponte Emilio (l'odierno ponte Rotto), saliva sul Gianicolo e conduceva a Cosa (Ansedonia).

La via Sacra, che portava sul Campidoglio al tempio


di Giove Capitolino e sullo sfondo larco di Tito.
(CERCHIARI-DE VECCHI, Arte nel Tempo,
Bompiani, Milano, 1992)

La via Flaminia fu fatta costruire dal censore Caio Flaminio (223-219 a.C.), era finalizzata
alla colonizzazione dell'ager Gallicus. Fuoriusciva dalla porta Fontinalis della cinta
repubblicana (in seguito passer anche sotto la porta Flaminia delle mura Aureliane,
l'odierna porta del Popolo), raggiungeva, passando per l'Umbria, Fanum (Fano) e
terminava ad Ariminum (Rimini).

Particolare della via Flaminia.


Immagine tratta dal sito http://www.vieverdi.it

LA ROMA REPUBBLICANA

Pianta in scala 1:2.000.


(BENEVOLO,Larte e la citt antica,Laterza, 1981)

Roma costituisce sicuramente uneccezione per quanto riguarda la pianta originata dal
castrum. L 'origine della citt collegata, come sempre, alla natura dei luoghi; ma il luogo
prescelto, sul corso inferiore del Tevere, si distingue appena da molti altri luoghi vicini e le

sue caratteristiche originarie sembrano sproporzionate allimportanza degli sviluppi


successivi. Il corso del fiume, dopo una curva molto pronunciata rallenta e si divide in due
rami, lasciando in mezzo un isola (l'isola Tiberina); qui il fiume pu essere guadato,
traghettato pi facilmente, e sulla riva sinistra una serie di colline arrivano vicino alla
sponda con le loro pareti scoscese. Gli Etruschi che occupano la riva destra hanno interesse
a tener libero il passaggio, per raggiunge possedimenti in Campania. Cos in questo punto
si formano una fiera e un mercato (che resteranno nella citt col nome foro Boario e foro
Holitorium) mentre sulle colline pi prossime nascono i primi villaggi fortificati che
dominano il passaggio del fiume.

Pi tardi si forma una citt che include i sette colli tradizionali. Durante lincursione dei
Galli nel 378.a.C. tutta la citt stata occupata e incendiata, ad eccezione del Campidoglio.
Subito dopo Roma viene ricostruita senza correggere il suo tracciato irregolare, difesa da
una nuova cinta di mura che porta per tradizione il nome di Servio Tullio.

La riedificazione della citt avvenne senza alcuna regola, n ordine. Le tegole furono fornite a spese
dello Stato, fu dato a chiunque il permesso di prendere le pietre e il legname da costruzione dove
ciascuno voleva, purch desse garanzia che gli edifici fossero condotti a termine dentro l'anno. La
fretta tolse la possibilit di tracciare vie diritte e, senza distinzione fra il proprio e l'altrui, ciascuno
edificava nel terreno trovato libero. Questo il motivo per cui le antiche cloache, che passavano
prima sotto il suolo pubblico, ora in qualche parte passano sotto le case private, sicch la forma della
citt assomiglia pi a terreno occupato che distribuito secondo un preciso piano regolatore.

Passando dalla repubblica allimpero, gli interventi edilizi diventano sempre pi grandiosi
ed entrano in conflitto con la precedente organizzazione della citt: ora per fare spazio alle
nuove sistemazioni bisogna distruggere quel che esisteva prima. Nerone dopo lincendio
del 64 d.C. ha loccasione di trasformare pi radicalmente la citt . Tacito, che descrive
questa ricostruzione, d un'idea delle condizioni della citt in questo periodo: La citt non
fu costruita in modo discontinuo e senza alcun ordine, ma fu misurata la struttura dei quartieri, si
dette larghezza alle strade, si limit l'altezza degli edifici, si aprirono le piazze, si aggiunsero portici
a protezione delle facciate delle insulae. Nerone promise di costruire questi portici a sue spese di
consegnare le aree ripulite ai padroni. Aggiunse premi secondo le categorie dei cittadini e i
patrimoni familiari, e fiss termini entro i quali, costruite le domus e le insulae, si avrebbe avuto
diritto al premio .

Con gli imperatori successivi si arriva allo sviluppo della citt, come si pu notare dalla
pianta della citt di Roma nella quale risaltano le due cinte murarie, quelle serviane e quelle
aureliane, costruite tra il 270 e il 275.

LE INFRASTRUTTURE URBANE: L'INSULA

Ricostruzione di uninsula
(CAMILLOCCI, Le rane e lo stagno, Sei, 1997)

Con il crescere della popolazione specialmente nel periodo imperiale, i costruttori romani
cominciarono a demolire le piccole case unifamiliari dellet repubblicana e al loro posto
innalzarono i grandi e alti caseggiati chiamati insulae. Linsula, termine con il quale i
romani indicavano la casa, in quanto libera dai contatti con gli edifici circostanti, era simile
ad unisola. Quando le case furono successivamente costruite le une addossate alle altre,
linsula venne ad assumere il significato di casa daffitto, mentre il termine domus
continu ad essere usato nel significato di casa di propriet. Il termine insula, che in
italiano significa raggruppamento di case, caseggiato erano infatti costruzioni divise
in pi appartamenti. Esse potevano svilupparsi fino a tre o quattro piani o anche di pi,
tanto vero che si ha notizia di limitazioni imposte alla loro altezza dagli imperatori
Augusto e Traiano. Il piano terreno era adibito a botteghe oppure a una domus riservata a

un inquilino un po' pi benestante. Nei casi pi numerosi infatti il pianterreno dell'insula,


era diviso in un infinit di botteghe piccoli laboratori di artigiani o magazzini, le tabernae,
che quasi sempre, oltre allo spazio per il lavoro, nascondevano in un angolo un po di
spazio per una rampa a quattro o cinque scalini di mattoni o pietra prolungata da una
scala di legno per la quale si accedeva a un soppalco illuminato direttamente da un'unica
finestra che serviva da abitazione privata ai padroni della bottega e i loro familiari. Ai
piani superiori vi erano gli appartamenti della plebe, tutti uguali gli uni agli altri. Erano
locali di poche stanze comunicanti fra loro che si affacciavano tutti su un grande ballatoio
comune con molte finestre sull'esterno, chiuse da battenti di legno. Questi appartamenti
spesso erano piccoli, poco luminosi e privi di servizi igienici l'acqua, difatti, doveva essere
attinta dai pozzi o dalle fontane. Gli appartamenti, i cenacula, venivano dati in affitto (15) a
prezzi piuttosto onerosi per la povera plebe, tanto che, le famiglie affittuarie erano
costrette a dare a loro volta in affitto le stanze a terzi in modo da poter pagare laffitto
dellintero appartamento. In questo modo il singolo appartamento andava a ospitare un
numero superiore di persone rispetto a quello per cui era stato costruito. Di frequente poi
si verificavano casi di speculazione: molti proprietari pretendevano prezzi altissimi per
locali malsani e angusti, approfittando della grande richiesta di alloggi.
Inoltre si utilizzavano tecniche come quella ad opus graticium, che impiegavano materiali
poveri e scadenti anche per costruire gli appartamenti dei piani superiori.
Infatti per quanto riguarda il materiale di costruzione venivano sollevate pareti a scheletro
ligneo o a graticciato di cane oppure in cemento rivestito da mattoni sicuramente poco
resistenti e spesso soggette a crolli e incendi, come riportato da Tacito (16). In et imperiale

si edificarono case troppo alte in rapporto allampiezza o alla solidit della base, senza
rispettare i limiti e le misure previste dalla legge, per cui capitava che crollassero,
provocando numerosi morti; gli imprenditori cos traevano nuovi profitti dai lavori di
ricostruzione.

Ricostruzione di un insula.
(DIOTTI, La civilt romana, DeAgostini, 2000)

A causa delle strutture in legno che le componevano le insulae erano facilmente


incendiabili: addossate le une alle altre alimentavano rapidamente le fiamme. Dato che i
pompieri di quellepoca, sebbene numerosissimi, non disponevano di mezzi adeguati,
molto spesso un piccolo incendio causava la distruzione di interi quartieri. Con laltezza
delle sue insulae limpero romano voleva incutere timore e sottomissione ai forestieri, che
per la prima volta giungevano a Roma, per renderli coscienti della forza romana grazie
allimponenza di questi edifici. Se per agli occhi degli stranieri queste erano simbolo di
forza e motivo di timore, allo stesso tempo erano un punto debole dellimpero e motivo di

pena, paure e preoccupazioni da parte dei romani stessi, che le abitavano e che rischiavano
la vita su di esse, tanto che fu necessario stabilire delle leggi che fissavano a 60 piedi
laltezza di questi edifici in modo da evitare gli incidenti. Non avevano questi problemi i
pochi cittadini privilegiati che abitavano nelle domus. Molto spesso queste domus
signorili si potevano trovare anche al pian terreno di una insula al posto delle piccole
tabernae. Cerano quindi delle differenze tra i due generi di stabili daffitto cui conviene il
nome di insula, ma queste derivano dalla disparit tra le domus e le tabernae del
pianterreno, ma non impedirono che le une e le altre sorgessero affiancate. In quel periodo
non vi erano infatti quartieri aristocratici o popolari ma vi era una tranquilla convivenza
tra ricchi romani e il popolino.

LE INFRASTRUTTURE ROMANE: LA DOMUS

La domus era dunque la casa cittadina di maggior prestigio e ricchezza. Questo tipo di
edificio presentava una pianta a forma rettangolare. Lingresso della domus romana, che
dallesterno conduceva allatrium, nella maggior parte dei casi non immetteva direttamente
sulla strada, ma era leggermente arretrato nel corridoio.
Latrium era il luogo pi importante della casa, a forma quadrangolare o rettangolare,
situato al centro dell edificio. Il corridoio si presentava diviso in due parti: il vestibulum e
le fauces. Le domus pi ricche presentavano nellatrio una vasca rettangolare, limpluvium,
che aveva la funzione di raccogliere lacqua piovana attraverso unapertura centrale

sovrastante detta compluvium. Le acque dei tetti fluivano entro il compluvium per mezzo di
un sapiente sistema di canali di scolo detto displuviatum. Lacqua raccolta veniva utilizzata
per irrigare lhortus, o per scopi domestici.

Linterno di una domus.


(AA.VV., Societ e storia, Bruno Mondatori,
1994)

Sullatrio si affacciavano alcune stanze molto importanti: i cubicula e il tablinum. Oltre


latrio era possibile trovare come variante allhortus il cosiddetto peristylium. Al centro del
peristylium era ubicata una seconda vasca, la piscina, che aveva, a differenza
dellimpluvium solo funzioni decorative (veniva usata come fontana o come vasca per
allevare pesci di piccole dimensioni). Sul peristilio si affacciavano gli ambienti pi intimi
della casa, come il tablinum e il triclinum, e vi si apriva il posticum. Tanto nella sua forma
primitiva (etrusco-romana), quanto in quella posteriore, nella quale limpiego del laterizio
nelle murature fu sostituito dallimpiego della pietra, lo schema planimetrico della domus
romana si presenta sempre uguale.
Nel complesso la pianta di una ricca domus romana si presentava nel seguente modo:

Immagine tratta dal sito http://www.provincia.brescia.it

Per quanto riguarda i materiali utilizzati per la costruzione della domus romana, i muri
esterni perimetrali erano costituiti da una giustapposizione regolare di pietre e mattoni,
accostati tra di loro sfruttando linvenzione della malta da presa (o cemento). Questo
impasto, scriveva lo scrittore ed ingegnere M. Pollione Vitruvio, contemporaneo di
Augusto, poteva essere ottenuto o con una parte di calce e due di
sabbia oppure con una di calce e due di pozzolana. Le mura
perimetrali risultavano cos sicure e solide.
Esistevano vari metodi di accostamento delle
pietre

dei

maggiormente

mattoni;
conosciute

le

modalit

erano

lopus

quadratum, lopus caementicium, lopus incertum, lopus reticulatum e


latericium.

Nelle domus romane era molto usato larco a tutto sesto perch permetteva di scaricare la
forza peso della struttura equamente sui due lati.In una prima parte della storia romana le
porte, le finestre e generalmente tutti i tipi di infissi, erano molto scarsi. In seguito si inizi
ad adoperare il legno che veniva ricavato da piante robuste quali il pioppo e labete.

LE INFRASTRUTTURE URBANE: LE TERME

La frequentazione quotidiana delle terme era uno dei pi tipici costumi dei Romani d'et
imperiale. , infatti, dalla fine del I sec. a.C. che la costruzione di edifici termali prese
impulso, diffondendosi poi in tutto l'impero e sviluppando complessi di proporzioni
monumentali.

La consuetudine del bagno, quando fu introdotta, divenne in breve abitudine quotidiana,


generale e di tale importanza che si rese necessaria la costruzione di stabilimenti balneari
pubblici, alcuni dei quali grandiosi. Oltre ai piccoli bagni privati, con clientela ristretta di
persone che volevano evitare il chiasso e la curiosit pettegola degli stabilimenti troppo
affollati, esistevano gli stabilimenti aperti a tutti, con il reparto per gli uomini e quello per
le signore, con ambienti separati e con piscine comuni, dove non mancavano ne i bagni
medicati ne quelli profumati. E chi, dopo il bagno, sentiva appetito, trovava da mangiare e
da bere nelle numerose popinae impiantate dentro le terme.

Fra questi edifici, alcuni erano pubblici (termae), altri costruiti e gestiti da imprese private a
scopo di lucro. Le terme appartenevano allo Stato, ma erano date in appalto, dietro
versamento di una determinata somma, a un impresario (conductor) che aveva il diritto di
esigere la tassa d'ingresso, di solito modesta. Gli edifici termali romani offrono come
costruzione una grandissima variet, ma di tutti sono elementi comuni lo spogliatoio, il
frigidarium, il tepidarium, il calidarium.

Il calidarium delle Terme del Foro e, al centro, il grande bacino che


conteneva acqua calda per lavarsi le mani e il viso.(DIOTTI, La
civilt romana,DeAgostini, 2000)

Le terme pubbliche erano, peraltro, dotate anche di un ambiente per il calore secco
(Iaconicum). Il frigidarium era la stanza per il bagno freddo, di solito piccola, sormontata da
una cupola con un'apertura nel mezzo. Il tepidarium non era, come il nome pu far credere,
un ambiente destinato al bagno tiepido, ma una stanza con panchine di marmo, che dava
modo ai bagnanti di abituarsi alla differenza di temperatura fra il calidarium e il
frigidarium. I calidarium, stanza dove si prendeva il bagno caldo, era spazioso e pieno di
luce, fornito di bacini e di tinozze e, nelle grandi terme, anche di una grande vasca per
nuotare.

Terme

di

Acquae

Sulis

in

Britannia.
(DIOTTI, La civilt romana,
DeAgostini, 2000)

Sistema di riscaldamento delle terme.


(DIOTTI, La civilt romana,DeAgostini, 2000)

Negli ambienti caldi il sistema di riscaldamento era oltremodo ingegnoso e precorreva, in


certo modo, il moderno riscaldamento ad aria calda. Un forno, sorvegliato e alimentato da
uno schiavo, serviva al doppio scopo di riscaldare l'acqua necessaria all'uso delle terme e
di immettere aria calda nelle cavit appositamente lasciate libere sotto il pavimento e nelle
pareti. Per tale scopo gi nel secolo I d.C. si costruivano i pavimenti in modo che, invece di
esser direttamente a contatto con il suolo, fossero sostenuti da colonnette di mattoni
lasciando cos sotto l'impiantito uno spazio vuoto nel quale l'aria calda potesse
liberamente circolare. Da questa cavit l'aria calda saliva e si diffondeva nelle cavit delle
pareti mediante tubi di coccio, o mattoni internamente vuoti.

LE INFRASTRUTTURE URBANE: GLI ACQUEDOTTI


L'acqua necessaria per l'approvvigionamento idrico delle citt era fornita attraverso grandi
opere di ingegneria idraulica, gli acquedotti, che in tutto l'impero erano tra i pi concreti
segni dell'espansione della civilitas romana.

, peraltro, importante ricordare che, al di l delle grandi arcate e dei ponti, gli acquedotti
prevedevano spesso dighe, gallerie scavate nei rilievi, condotte sotterranee, sifoni.
in questa articolata serie e armonizzazione di soluzioni tecniche diverse che va
riconosciuto l'elevato grado di evoluzione della ingegneria idraulica romana e non solo
nelle pi spettacolari realizzazioni monumentali.

Un tratto dell'acquedotto Claudio nei pressi di


Roma.

Queste costruzioni coprivano distanze enormi e superando ostacoli naturali di ogni tipo,
valli, colline. Lo scorrere dell'acqua nel canale nella parte alta dell'acquedotto era
permesso dal fatto che le arcate erano progettate in modo da avere una lieve ma continua
pendenza lungo tutto il percorso.

Un tratto dell'acquedotto fatto costruire dall'imperatore Claudio.


(DIOTTI, La civilt romana, DeAgostini,2000)

LE

INFRASTRUTTURE

URBANE:

IL

SISTEMA

FOGNARIO

Sezione di una cloaca: un intrico di corridoi sotterranei costituiva la rete fognaria di


Roma.
(AA.VV., Societ e storia, Bruno Mondatori, 1994)

I Romani furono esperti nella costruzione di gallerie, anche se sono meno frequenti tunnel
posti su un tracciato stradale extraurbano. In effetti, i Romani realizzarono i cosiddetti
specus idraulici sotterranei per il trasporto d'acqua a grande distanza. Cavavano materiali
da costruzione da cunicoli scavati nel terreno e sui fianchi delle montagne e coltivavano in
profondo le miniere, in particolare quelle metallurgiche, disponendo di una tecnica
specifica per opere militari in galleria durante gli assedi gi sin dall'epoca delle guerre
contro gli etruschi, appena dopo la fondazione dell'Urbe.
Le strade romane, veri e propri manufatti ingegneristici, differivano da quelle delle civilt
precedenti, poich venivano realizzate con mura per sostenere il piano stradale, anzich
una pavimentazione incoerente appoggiata sul terreno. A differenza dei Greci, i Romani,
di fronte a un ostacolo naturale non l'aggirano, ma tirano diritto, sfruttando pendenze e
scavando nella roccia. Nascono cos gallerie e grotte per culti religiosi, come le catacombe
e i mitrei.

Per meglio illustrare le gallerie transitabili della penisola italiana nell'antichit,


necessario esaminarne i vari tipi. Esistevano, infatti, gallerie stradali, di servizio, quelle per
il passaggio nelle varie zone cittadine, spesso realizzate con portici coperti (criptoportici),
le gallerie idrauliche per il trasporto d'acqua e le fognarie (20). L'unica differenza tra tutti
questi tunnel e le gallerie stradali, la dimensione della sezione, che deve essere adatta al
passaggio di uomini e veicoli.
La Cloaca massima opera idraulica attribuita a i Tarquini.(AA.VV., Societ e storia, Bruno
Mondatori, 1994)

Non esistono riferimenti storici per comprendere bene quali fossero le tecniche costruttive
dei tunnel stradali romani. Si pu soltanto osservare che il posizionamento dell'entrata e il
collegamento tra tunnel lunghi e stretti, con molti canali di ventilazione, assumono
connotazioni progettate in modo da ottenere l'allineamento verticale e orizzontale fra
l'ingresso e l'uscita. Nelle gallerie romane adibite ad acquedotti e fognature, stato
utilizzato il sistema chiamato cultellandi ratio, un accurato metodo di picchettamento della
montagna. Le parti verticali e orizzontali di una poligonale sono misurate con i comuni

sistemi di agrimensura latini, come il corobate (una primitiva livella) e il groma (una specie
di gnomone), per ottenere l'allineamento verticale e orizzontale degli assi del tunnel.

Cloaca Massima del IV sec. a.C.


(CERCHIARI-DE VECCHI, Arte nel Tempo, Bompiani, 1992)