Sei sulla pagina 1di 3

Interpretazione sigle dei Semiconduttori

Interpretazione sigle dei Semiconduttori


Codifica europea

La prima lettera indica il tipo di materiale che costituisce principalmente il


Semiconduttore (materia monocristallina, non il drogaggio):
A = Ge (Germanio)
B = Si (Silicio)
C = GaAs (Arseniuro di Gallio)
R = miscela di materia
La seconda lettera indica la tipologia del dispositivo Semiconduttore:
A: Diodo RF
B: Variac
C: transistor, AF, per piccoli segnali
D: transistor, AF, di potenza
E: Diodo Tunnel
F: transistor, HF, per piccoli segnali
K: dispositivo ad effetto Hall
L: Transistor, HF, di potenza
N: Fotoaccoppiatore
P: dispositivo sensibile alle Radiazioni
Q: dispositivo che produce Radiazioni
R: Thyristor, per basse potenze
T: Thyristor, di potenza
U: Transistor, di potenza, switching
Y: Rettificatore
Z: Zener, o diodo regolatore di tensione
La terza lettera, facoltativa, indica l'utilizzo del componente sia esso
commerciale oppure industriale (lettera X,Y,W oppure Z)

Il numero nel codice indica un valore puramente seriale (da 100 a 9999)

L'ultima lettera, anch'essa facoltativa, identifica il gruppo di guadagno

Esempio: BC140A

Codifica americana

Il primo numero identifica la tipologia del componente (ad esempio: 1 equivale


ai diodi, 2 equivale ai transistor, 4 ai fotoaccoppiatori)

Interpretazione sigle dei Semiconduttori

La seconda lettera, N, solo un separatore convenzionale

Il numero nel codice indica un valore puramente seriale (da 100 a 9999)

L'ultima lettera, facoltativa, indica il gruppo di guadagno (A equivalente a


guadagno basso, B equivalente a guadagno medio, C equivalente a guadagno
alto e senza lettera equivale a guadagno non specificato)

Esempio: 2N2222A

Codifica giapponese

Il primo numero identifica la tipologia del componente (ad esempio: 1 equivale


ai diodi, 2 equivale ai transistor)
La seconda e la terza lettera corrispondono al tipo di componente:
SA: PNP HF transistor
SB: PNP AF transistor
SC: NPN HF transistor
SD: NPN AF transistor
SE: Diodes
SF: Thyristors
SG: Gunn devices
SH: UJT
SJ: P-channel FET/MOSFET
SK: N-channel FET/MOSFET
SM: Triac
SQ: LED
SR: Rectifier
SS: Signal diodes
ST: Avalanche diodes
SV: Varicaps
SZ: Zener diodes
Nei transistor il 2S pu essere omesso dalla sigla

Il numero nel codice indica un valore puramente seriale (da 10 a 9999)

L'ultima lettera, facoltativa, l'approvazione da parte dei vari organi giapponesi

Esempio: 2SC733

file:///C|/Documents and Settings/TalentoG/Documenti/per sito/sigle_semiconduttori.htm (2 di 3)16/10/2006 18.49.19

Interpretazione sigle dei Semiconduttori

Codifica proprietaria
Alcuni costruttori utilizzano il proprio standard e quindi su alcuni componenti pu
possono risultare i seguenti suffissi:

J: Motorola, di potenza, involucro metallico


MJE: Motorola, di potenza, involucro plastico
MPS: Motorola, bassa potenza, involucro plastico
MRF: Motorola, transistor per HF, VHF e microonde
RCA: RCA
RCS: RCS
TIP: Texas Instruments, transistor di potenza (involucro plastico)
TIPL: TI, transistor di potenza, planare
TIS: TI, transistor per piccoli segnali (involucro plastico)
ZT: Ferranti
ZTX: Ferranti

Esempio: TIP120A, MJE2955

Potrebbero piacerti anche