Sei sulla pagina 1di 78

1

Indice
1.
2.
3.
4.
5.
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.
13.
14.
15.
16.
17.
18.
19.
20.
21.
22.
23.
24.
25.
26.
27.
28.
29.
30.
31.

I sacrifici antichi ....................................................................................................... 4


Il sacrificio di Abramo ............................................................................................... 6
I sacrifici umani........................................................................................................ 8
Il grande tempio di Salomone.................................................................................. 10
I sacrifici nella legge ebraica ................................................................................... 12
Offerta dei pani...................................................................................................... 14
Il sacerdozio ebraico............................................................................................... 15
Il Sacrificio del Calvario........................................................................................... 17
Confronto fra i sacrifici antichi ed il Sacrificio del Calvario .......................................... 19
LUltima Cena......................................................................................................... 21
Confronto fra il Sacrificio del Calvario e il Sacrificio dellAltare..................................... 23
Quali fini si raggiungono col Sacrificio della Messa..................................................... 25
Il miracolo di Bolsena ............................................................................................. 26
La partecipazione dei fedeli alla Santa Messa ............................................................ 28
Meravigliosi effetti del Sacrificio della Messa ............................................................. 29
Dignit del Sacerdote.............................................................................................. 31
Quante Messe si celebrano in tutto il mondo............................................................. 32
La Messa sul mare.................................................................................................. 34
Una Messa sul campo di battaglia ............................................................................ 36
La consacrazione di un Altare .................................................................................. 38
Gli arredi dellaltare (fig. 21).................................................................................... 40
Arredi per la Messa (prima parte) (fig. 22)................................................................ 42
Arredi per la Messa (seconda parte) (fig. 23) ............................................................ 44
Paramenti Sacerdotali (prima parte) (fig. 24) ............................................................ 46
Paramenti Sacerdotali (seconda parte) (fig. 25) ........................................................ 48
Colori dei paramenti sacri........................................................................................ 50
Preparazione delle ostie per la Messa ....................................................................... 52
Preparazione del vino per la Messa .......................................................................... 54
La Messa solenne del Vescovo (Pontificale)............................................................... 57
La Messa cantata del Papa (Pontificale).................................................................... 59
Che cosa dice e che cosa fa il Sacerdote quando celebra la Messa .............................. 61

Mio caro bambino,


Gi da qualche anno tu vai a Messa tutte le domeniche e forse anche, qualche volta,
nei giorni feriali.
Ma dimmi, mio caro, sai tu che cosa la Santa Messa? Sai che cosa fa il Sacerdote
all'altare, con tutte le sue preghiere, genuflessioni, inchini, ecc? Sai a che cosa servono l'ostia ed il vino che il Sacerdote adopera sull'altare?
E se io ti domandassi come si chiama ciascuno degli oggetti che il Sacerdote adopera
per celebrare la Messa, mi sapresti rispondere? E delle diverse vesti che il Sacerdote indossa per celebrare la Messa, sapresti dirmi il nome ed il significato? E sapresti dirmi perch le vesti, che il Sacerdote indossa per celebrare la Messa, sono talvolta di un colore e
talvolta di un altro?
Quante cose non sai ancora, mio caro! Eppure un dovere per ogni fanciullo cristiano conoscere bene tutte queste cose, perch, assistendo alla Santa Messa, non debba star
l come una seggiola o come una panca, senza capir nulla di quel che fa il sacerdote.
In questo volume, dunque, ti spiegher non soltanto che cosa la Santa Messa, ma
anche il significato di tutte le cerimonie e di tutto ci che adopera il Sacerdote per celebrare la Messa.
Dopo tali spiegazioni io son sicuro che tu assisterai alla Santa Messa con viva soddisfazione, con profonda devozione, e con grandissimo profitto per l'anima tua. Questa grazia io chiedo al Signore, di gran cuore, per te!

Un amico dei bambini

1. I sacrifici antichi
Per comprendere bene che cosa sia il Sacrificio della Santa Messa, necessario prima
ricordare in qual modo gli uomini hanno onorato Iddio, per mezzo dei Sacrifici, fin dai primissimi tempi, fin dal tempo di Adamo.
Leggiamo nella Santa Scrittura che i figli di Adamo, Caino ed Abele, offrivano al Signore i loro sacrifici. E che cosa offrivano? Abele offriva i migliori agnelli del suo gregge e
Caino offriva i frutti della terra. I sacrifici di Abele erano molto graditi al Signore, perch
Abele era buono e faceva di cuore le sue offerte; invece i sacrifici di Caino non erano graditi al Signore, perch Caino era cattivo ed invidioso, e faceva le sue offerte di mala voglia
e quasi per forza.
Ma in che modo offrivano essi i loro sacrifici? Facevano un bel mucchio di pietre, sopra quelle pietre mettevano un fascetto di legna, e sulla legna ponevano la loro offerta;
poi davano fuoco alla legna e lasciavano bruciare quello che vi era sopra: gli agnelli (che,
prima di esser bruciati, venivano uccisi) o le frutta (fig. 1).

Figura 1: Caino ed Abele mettevano le loro offerte sopra un mucchio di pietre e le bruciavano in
onore di Dio.

E perch facevano cos? Chi aveva loro insegnato ad offrire in questo modo i sacrifici
al Signore? Adamo aveva insegnato ai suoi figli; ma Adamo era stato istruito da Dio stesso, il quale voleva in tal modo essere onorato dagli uomini sulla terra.
E la ragione, per cui Iddio veniva onorato coi sacrifici, era questa: siccome Iddio il
creatore ed il padrone di tutte le cose, perci si doveva a Lui offrire una parte delle cose
da lui create, appunto per riconoscerlo padrone di tutto.
Caino ed Abele insegnarono la stessa cosa ai loro figli, e questi ancora la insegnarono
ai loro figli; e cos, di generazione in generazione, tutti gli uomini impararono ad offrire a
Dio i sacrifici, per onorarlo e per riconoscerlo come padrone assoluto di tutte le cose.
4

Nei primi tempi qualunque uomo poteva offrire a Dio sacrifici; ma poi Iddio stesso
stabil che ci fossero degli uomini prescelti a questo ufficio; e tali uomini si chiamarono Sacerdoti. Essi soli potevano offrire sacrifici al Signore.
Sacerdote significa uomo sacro, e si chiamava cos appunto perch era incaricato di
fare una cosa sacra. Infatti la parola sacrificio significa: faccio una cosa sacra (sacrumfacio).

2. Il sacrificio di Abramo
Un giorno il Signore disse ad Abramo: Prendi il tuo figlio Isacco, che tu ami tanto, e
sali sopra un monte che io t'insegner, Sopra quel monte mi offrirai in sacrificio il tuo figlio
Isacco, uccidendolo e bruciandolo in mio onore.
Abramo, che amava teneramente il suo figlio Isacco, si sent stringere il cuore al pensiero di dover uccidere il figlio suo. Ma era tanta l'abitudine che avevano gli uomini, a quel
tempo, di offrire sacrifici al Signore, che Abramo non dubit neppure un momento di dover
ubbidire al comando di Dio. Egli pens: il Signore padrone di tutte le sue creature, dunque padrone anche del figlio mio; se egli vuole che io gliel'offra in sacrificio, debbo certamente ubbidire.
E non ci pens pi oltre; mise il basto al suo asino, prese con s due servi e il suo figlio Isacco, e part alla volta del monte, che gli era stato indicato da Dio.
Arrivato sulla cima del monte, Abramo fece un altare con un mucchio di pietre, vi mise sopra alcuni pezzi di legna, e, sulla legna leg il suo figlio Isacco.... E alz il coltello per
ucciderlo (fig. 2).

Figura 2: Abramo alz il coltello per immolare il figlio suo al Signore.

Ma, in quel momento venne un angelo dal cielo, e grid: Abramo, Abramo! Non uccidere il tuo figlio Isacco!
E Abramo non uccise pi il figlio suo; ma, avendo visto l vicino un ariete, lo prese e
l'offr in sacrificio al Signore.
Il Signore dunque volle far comprendere il grande dovere che avevano gli uomini di
offrire a lui sacrifici; ma nello stesso tempo volle far comprendere che egli non voleva sacrifici di creature umane. Voleva che gli si offrissero soltanto gli animali, le frutta, l'incenso,
ed anche il pane ed il vino, come spiegheremo nei capitoli seguenti.
6

Intanto, per comprendere bene quanto diremo nei capitoli seguenti, bisogna tener
presente l'idea precisa del sacrificio, che si pu riassumere in queste poche parole: il sacri-

ficio consiste nel fare a Dio, per mezzo di un ministro legittimo, l'offerta di una cosa sensibile, distruggendola o mutandola, allo scopo di riconoscere il supremo dominio di Dio sopra tutte le creature.

3. I sacrifici umani
Quando gli uomini incominciarono a moltiplicarsi sulla terra, un solo popolo rimase
fedele al Signore. Tutti gli altri dimenticarono la legge di Dio e caddero in mille errori.
Invece di adorare il vero Dio creatore del cielo e della terra, incominciarono ad adorare tante false divinit. Alcuni adoravano un bue, come se quel bue fosse stato un dio; altri adoravano un coccodrillo, altri adoravano il sole, e altri certe brutte statue di pietra o di
metallo, che mettevano paura a guardarle!
E davanti a queste false divinit offrivano i loro sacrifici. Ma essi non si contentavano
di offrire in sacrificio a queste false divinit gli animali, le frutta, l'incenso, il pane ed il vino; ma offrivano anche creature umane! E ne uccidevano e ne bruciavano a centinaia e a
migliaia!
Disgraziatamente questo barbaro costume non ancora cessato sulla terra; ed anche
ai tempi nostri nell'India, nell'Africa, nell'Oceania, in quelle regioni dove non ancora conosciuta la vera religione, migliaia di vittime umane sono continuamente immolate in onore di tante false divinit! (fig. 3).

Figura 3: Dove non conosciuta la vera religione sono immolate vittime umane!

Questo certamente un orribile delitto e un gravissimo peccato, perch Iddio non


vuole sacrifici umani. Ma un s barbaro costume ci fa comprendere come sia profondamente radicato nel cuore umano il sentimento del supremo dominio di Dio sopra tutte le sue
creature, e il dovere che hanno gli uomini di riconoscere questo supremo dominio, offrendo a lui sacrifici.
Il popolo del Signore, nei tempi antichi, offriva a Dio i sacrifici di animali, di frutta,
d'incenso, di pane e vino, non solo per riconoscere Iddio come padrone assoluto di tutte le
creature, ma anche per chiedere grazie, per implorare perdono dei peccati, e per ringraziare Iddio dei favori ricevuti. E, con questi stessi sentimenti, anche i popoli barbari offro8

no alle loro false divinit i sacrifici. Ma l'offrono commettendo due gravissimi peccati; prima perch offrono sacrifici a divinit false, e poi perch offrono sacrifici umani.

4. Il grande tempio di Salomone


Durante i quarant'anni in cui il popolo Ebreo dovette viaggiare attraverso al deserto,
prima di giungere alla Terra Promessa, volle il Signore che i sacrifici gli fossero offerti con
grande solennit, ed in un luogo a ci consacrato.
Mos ebbe ordine da Dio di costruire un grande tabernacolo, formato di legno di setim (preziosissimo) rivestito di lamine d'oro.
Questo tabernacolo era lungo circa 15 metri, largo 5 metri, alto 5 metri. E intorno al
tabernacolo vi era un grandissimo cortile, lungo 50 metri; e tutt'intorno al cortile vi erano
colonne di legno prezioso, con basi di rame e capitelli d'argento. Dentro al tabernacolo vi
era l'Arca Santa, che stava dietro ad una grande tenda preziosa, tutta ricamata.
Davanti al tabernacolo vi era un grande altare, per offrire al Signore buoi, pecore ed
altri animali, che i Sacerdoti uccidevano e bruciavano in onore di Dio. E vi era anche una
grande mensa tutta d'oro, sulla quale si offrivano al Signore i pani benedetti.
Un altro altare, tutto d'oro, si chiamava l'altare dei profumi, perch sopra di esso il
Sacerdote offriva al Signore l'incenso tutti i giorni, mattina e sera.
Or tutto questo fu ordinato da Dio a Mos, perch il popolo, durante il suo lungo peregrinare attraverso al deserto, sentisse sempre pi profondamente il dovere di offrire a
Dio sacrifici in ogni tempo e in ogni luogo. Ma quando il popolo del Signore si fu stabilito
nella Terra Promessa, ed ebbe finito le sue guerre di conquista, il Signore comand che
fosse costruito in suo onore un tempio grandioso, perch fossero offerti i sacrifici alla sua
Maest infinita, in una forma pi conveniente e pi solenne. Ed il grande re Salomone ebbe l'altissimo onore di costruire a Dio il magnifico tempio di Gerusalemme, che fu una delle
pi grandi meraviglie del mondo. Per la costruzione del grandioso tempio fu una profusione di oro, di argento, di marmi e di pietre preziose da non potersi ridire. Si computa che vi
sia stata spesa una somma, che oggi equivarrebbe a circa due miliardi delle nostre lire!....
Vi lavorarono pi di centocinquantamila operai, ed i lavori durarono sette anni e mezzo.
Davanti al Santuario, nel mezzo del cortile, che era circondato da un grandioso colonnato
(lungo 258 metri), era costruito un grande altare, sul quale i Sacerdoti uccidevano e bruciavano gli animali in sacrificio al Signore (fig. 4).

Figura 4: Davanti al Santuario era costruito un grande altare, sul quale i Sacerdoti uccidevano e
bruciavano gli animali in sacrificio al Signore!

10

Nel giorno della dedicazione del tempio il re Salomone ordin che su quell'altare fossero offerti a Dio migliaia di buoi!
Nel vasto cortile volle Salomone che fossero poste dieci grandi conche di rame, ed
una pi grande assai delle altre che fu detta mare di bronzo. In tutte queste conche si teneva l'acqua, che doveva servire ai Sacerdoti per lavarsi le mani ed i piedi, prima di avvicinarsi all'altare per offrire a Dio i sacrifici. Cos aveva comandato il Signore fin dai tempi di
Mos.
Queste lavande ricordavano ai Sacerdoti la purezza che essi dovevano avere nell'anima e nel corpo per offrire sacrifici al Signore.
Or dunque, se il Signore volle che i Sacrifici gli fossero offerti in un tempio a lui consacrato, sfarzosamente ricco di oro di argento e di pietre preziose, e se volle che i Sacerdoti si appressassero all'altare mondi nell'anima e nel corpo, ci significa che egli dava una
grandissima importanza ai sacrifici; e voleva far comprendere il grave dovere, che hanno
gli uomini, di offrirne a lui in ogni tempo ed in ogni luogo.

11

5. I sacrifici nella legge ebraica


Quando il Signore diede a Mos, sul monte Sinai, i dieci Comandamenti, gli spieg
anche il modo con cui i Sacerdoti dovevano offrirgli le varie specie di sacrifici. E Mos sceso dal monte, mise subito in esecuzione quello che il Signore gli aveva comandato: costru
il tabernacolo e l'altare; e, sull'altare, i Sacerdoti incominciarono ad offrire i sacrifici, con
tutte le regole e le cerimonie ordinate da Dio. Si distinguevano due specie di sacrifici:
cruenti ed incruenti. Sacrifici cruenti erano quelli nei quali si spargeva il sangue della vittima. Incruenti erano quelli nei quali non si spargeva il sangue; questi consistevano in offerte di animali, che si uccidevano, se ne spargeva il sangue sull'altare, e poi si bruciavano in
onore di Dio. I sacrifici cruenti erano di tre specie:
1) Olocausto. In questo sacrificio la vittima, dopo averla uccisa, si lasciava bruciare
tutta sul fuoco, per riconoscere il supremo ed assoluto dominio di Dio sopra tutte le
creature.
2) Propiziatorio. In questo sacrificio la vittima si divideva in due parti; una parte si
bruciava in onore di Dio e un'altra parte la prendeva il sacerdote. Si chiamava anche sacrificio espiatorio, perch serviva ad implorare da Dio il perdono dei peccati.
3) Ostia pacifica. Questo sacrificio serviva a ringraziare il Signore per i benefici ricevuti
e ad implorare nuove grazie. La vittima si divideva in tre parti: una parte si bruciava, un'altra parte la prendeva il sacerdote, e un'altra parte la prendeva la persona
stessa che aveva fatto l'offerta, per mangiarla insieme agli amici, davanti all'altare.
I sacerdoti, secondo l'ordine dato da Dio a Mos, offrivano tutti i giorni, sull'altare
degli olocausti, due agnelli, uno la mattina ed uno la sera. E, in alcune solennit principali
dell'anno, i Sacerdoti offrivano altri sacrifici di buoi, vacche, capri, pecore, agnelli, ecc.
Il Sommo Sacerdote, una volta l'anno, nel giorno della grande espiazione, offriva in
sacrificio un toro, una vacca rossa e un capro, oltre gli agnelli di ogni giorno (fig. 5); e poi,
tenendo in mano il turibolo fumicante d'incenso, entrava nella parte pi segreta del tempio
(che si chiamava Sancta Sanctorum) per offrire l'incenso e per pronunziare il santo Nome
di Dio, che a lui solo era permesso di pronunziare una volta all'anno.

Figura 5: Il Sommo Sacerdote, nel giorno della grande espiazione, offriva un toro, una vacca
rossa, un capro, due agnelli

12

Ma oltre a questi sacrifici comandati da Dio per tutti i giorni e per le varie solennit
dell'anno, moltissimi altri sacrifici offrivano al Signore i sacerdoti, con le vittime che erano
offerte dal popolo.
I Sacerdoti avevano lobbligo strettissimo di mantenere il fuoco sacro acceso
sullaltare continuamente, giorno e notte; e guai al Sacerdote che lavesse lasciato spegnere! Sarebbe stato inesorabilmente messo a morte.
Altro dovere dei Sacerdoti era quello di suonare le trombe per invitare il popolo intorno allaltare nellora del Sacrificio. E il suono delle trombe si continuava talvolta anche
per tutto il tempo che durava il Sacrificio.
Qui si deve osservare una cosa. Lanimale che veniva offerto a Dio in sacrificio si
chiamava vittima, e si chiamava anche ostia. Per noi adesso la parola ostia significa una
sottilissima sfoglia fatta con farina ed acqua, che serve per vari usi, ma specialmente per il
SS. Sacramento dellEucarestia.
Perch questa piccola sfoglia di pane senza lievito ha preso lo stesso nome che avevano anticamente le vittime, che si offrivano sullaltare in onore di Dio? Appunto perch
nel SS. Sacramento Ges si fa Vittima per la nostra salvezza. Questa cosa si comprender
meglio colle spiegazioni che faremo nei capitoli seguenti.

13

6. Offerta dei pani


Si legge nella Sacra Scrittura che una volta il re Melchisedech, che era Sacerdote
dellAltissimo, and incontro ad Abramo, dopo che questi aveva riportato una grande vittoria sopra i suoi nemici, ed offr al Signore, in ringraziamento, pane e vino.
Questo fatto ci fa conoscere come fin dai tempi antichissimi vi fu il costume di offrire
al Signore pane e vino, in riconoscimento del suo supremo dominio sopra tutte le creature.
Infatti nel tabernacolo costruito da Mos nel deserto, e poi anche nel tempio di Gerusalemme, i Sacerdoti offrivano a Dio, sulla mensa doro, dodici pani, che si chiamavano i
pani della proposizione (fig. 6). I pani erano fatti con fior di farina, senza lievito, e pesavano tredici libbre ciascuno.

Figura 6: I Sacerdoti offrivano a Dio, sulla mensa doro, dodici pani.

I pani rimanevano sulla mensa doro per una intera settimana e, ogni sabato, si toglievano i vecchi e si mettevano i nuovi. I pani che si toglievano dalla mensa del Signore,
essendo diventati cosa sacra, potevano essere mangiati soltanto dai sacerdoti.
La mensa dei pani era fatta di legno di setim, ricoperto di lamine doro; ed aveva intorno una cornice con fregi doro. Due bastoni doro, ai lati, servivano a trasportar la mensa durante il viaggio nel deserto, dopo luscita del popolo dIsraele dallEgitto,
Sulla stessa mensa si offriva al Signore anche il vino e lincenso.
Quei pani, che si tenevano continuamente sulla mensa del Signore, davanti al tabernacolo, come un perenne sacrificio, simboleggiavano assai bene lOstia Santa, che tutti i
giorni si consacra adesso sui nostri altari, nella quale Ges Cristo si offre perennemente al
Padre suo, come Vittima sacrificata per la nostra salvezza.

14

7. Il sacerdozio ebraico
Fin dal tempo delluscita del popolo dIsraele dallEgitto, il Signore aveva comandato
che tutti gli uomini della trib di Levi (cos si chiamava una delle trib del popolo dIsraele)
fossero a lui consacrati per offrire sacrifici e per compiere le altre Funzioni sacre. Perci gli
uomini addetti al servizio di Dio furono chiamati Leviti.
Il re David mise in ordine ed assegn i vari uffici a tutti i Leviti, suddividendoli in tre
classi.
Quelli della prima classe dovevano fare da giudici, per amministrare la giustizia; e
dovevano spiegare al popolo la legge del Signore.
Quelle della seconda classe dovevano ricevere tutte le offerte che faceva il popolo
per i sacrifici, come: buoi, pecore, agnelli, colombi, pane e vino. Essi dovevano preparare
anche tutto ci che poteva occorrere per i sacrifici.
Quelli della terza class poi erano i Sacerdoti propriamente detti, e facevano a turno il
servizio nel tempio. Essi si distinguevano in quattro ordini: - I Sacrificatori, che immolavano gli animali ed offrivano i sacrifici sullaltare. I Musici (erano quattromila) che cantavano
salmi e suonavano le trombe e gli altri instrumenti. Le Guardie donore (erano quattromila) che studiavano gli ingressi del tempio e lArca Santa. I Custodi del tesoro, che custodivano e lavavano i vasi sacri doro e di argento, che servivano per i sacrifici (fig. 7).

Figura 7: Il Sommo Sacerdote e i diversi Ordini di Leviti e di Sacerdoti.

Vi erano poi due Sommi Sacerdoti, i quali, un anno per ciascuno, tenevano la direzione di tutto lordinamento sacerdotale, e compivano le sacre Funzioni, offrendo i sacrifici,
nelle maggiori solennit.
I sacerdoti, secondo lordine dato da Dio a Mos, quando compivano le sacre Funzioni indossavano vesti speciali.
15

I Leviti ed i semplici Sacerdoti indossavano una tunica di lino stretta alla vita da una
cintura ricamata a vari colori. Questa cintura era lunghissima: dopo averla girata pi volte
intorno alla vita, la passavano sopra le spalle, incrociandola sul petto e sul dorso. Sulla testa poi tenevano una specie di turbante, detto migbaah.
Il Sommo Sacerdote invece indossava vesti pi preziose. Sopra la tunica di lino indossava unaltra tunica di colore violetto, con un ricamo sparso di melagrane; e al bordo
inferiore di questa tunica, tuttintorno, erano appesi tanti campanelli doro, che col loro
suono annunziavano la presenza del Sommo Sacerdote nel Santuario. Una terza tunica,
pi corta e senza maniche, era fatta di un ricco tessuto di porpora, di scarlatto e di oro.
Nella congiuntura, su ciascuna spalla, una pietra preziosissima era incastonata in un fermaglio doro. Appeso a due catenelle doro, scendeva sul petto il Razionale, che era un
quadrato di stoffa preziosa, sul quale erano fermate dodici pietre preziose, in memoria delle dodici trib dIsraele. E finalmente il Sommo Sacerdote portava sulla testa un turbante
di stoffa intessuta doro (detto tiara); e sulla fronte una lamina doro, sulla quale erano incise queste parole: Dottrina e Verit.
Tutto questo ci fa comprendere quale grande importanza volle dare Iddio ai sacrifici
nella legge antica. Essi dovevano servire a preparare la mente ed il cuore degli uomini ad
apprezzare il grande e vero Sacrificio, che di s stesso avrebbe fatto Ges Cristo, sul Calvario e sullaltare, per la salvezza di tutto il mondo.

16

8. Il Sacrificio del Calvario


Dal giorno in cui Caino ed Abele incominciarono ad offrire al Signore i sacrifici, passarono tanti e tanti secoli. Migliaia di vittime furono offerte a Dio, con un desiderio immenso
di placare la sua giustizia e di rendergli quel culto che a Lui si conveniva.
Nelloffrire i sacrifici gli uomini pensavano cos: Signore, noi vi offriamo e distruggiamo, in vostro onore, queste creature per riconoscere che voi siete il padrone assoluto di
tutte le cose. Signore, noi confessiamo che, per i nostri peccati, ci meritiamo la morte; vi
preghiamo di accettare questa vittima al posto nostro. Signore, non siamo capaci di ringraziarvi convenientemente, e non siamo meritevoli delle vostre grazie; per questa vittima,
che vi offriamo, concedeteci i vostri favori, ed accettatela in ringraziamento di quelli che ci
avete concesso.
Questi erano i sentimenti buoni con i quali si offrivano i sacrifici; ma quale valore poteva esserci in quegli animali ed in quei frutti della terra, per adorare Iddio, per ottenere il
perdono dei peccati, per ringraziarlo, per ottenere i suoi favori?
Erano ormai passati pi di quattromila anni, e, per il peccato di Adamo e per i peccati
di tutti gli uomini, il Paradiso era ancora chiuso! Nessuno mai vi pot entrare! La giustizia
di Dio non era ancora soddisfatta!... Migliaia e milioni di sacrifici non erano stati sufficienti!
Ma arriv finalmente il giorno della infinita misericordia di Dio! Ges prese la croce
sulle spalle, e, con immenso strazio e con infinito amore, sal il monte Calvario. Sulla vetta
di quel monte Egli si lascia configgere, con tre chiodi, sulla croce; e per tre ore agonizza,
in un mare di dolori Il Sangue sgorga a rivi dalle sue piaghe, e bagna la terra! Nellora
estrema Ges solleva lo sguardo al cielo ed esclama: Padre, nelle tue mani raccomando
lanima mia!... Inchina il capo e muore!...
Il Sacrificio compiuto. Ges si offerto allEterno Padre per la salvezza del mondo.
Sulla croce Egli ha fatto da Sacerdote e da Vittima (fig. 8). Questa una Vittima di valore
infinito, perch Ges Figlio di Dio.

Figura 8: Il Sacrificio compiuto: Ges sulla croce Sacerdote e Vittima.

17

La giustizia di Dio stata soddisfatta; il Paradiso stato riaperto; i peccati saranno


perdonati!...

18

9. Confronto fra i sacrifici antichi ed il Sacrificio del Calvario


Facciamo adesso un breve confronto fra i sacrifici antichi e il sacrificio di Ges sulla
croce.
I sacrifici antichi erano soltanto un simbolo ed una figura del sacrificio di Ges (fig.
9). Gli agnelli che offriva Abele e gli agnelli che offrivano, mattina e sera, i Sacerdoti di Israele, erano simboli di Ges, che, come agnello mansueto, stato sacrificato sul monte
Calvario. Isacco che, sullaltare fatto di pietre, stava per essere immolato in onore di Dio,
era simbolo di Ges, che, sullaltare della croce, simmola per la salvezza del mondo

Figura 9: I sacrifici antichi erano solo un simbolo ed una figura del sacrificio di Ges sulla croce.

E cos tutti i sacrifici della Legge antica: furono tutti simboli, tutte figure di grande
sacrificio di Ges. Furono come ombre, come disegni, come ritratti. Il Sacrificio vero fu soltanto quello di Ges.
Per oltre quattromila anni gli uomini cercarono, fra le cose create, una vittima per
poter onorare Iddio, in un modo degno della sua maest infinita; ma questa vittima non la
trovarono mai! Soltanto Ges, immolato sulla croce, fu Vittima degnissima, dinfinito valore, capace di onorare convenientemente Iddio.
Col sangue delle vittime, che anticamente si immolavano sullaltare del Signore, desideravano gli uomini di ottenere il perdono dei loro peccati; ma il perdono non si otteneva.
Soltanto il Sangue prezioso di Ges, che sgorg abbondantissimo dalle sue piaghe, fu capace di ottenere il perdono di tutti i peccati del mondo.
Quando gli uomini volevano domandare a Dio qualche grazia, o volevano ringraziarlo
dei benefici ricevuti, immolavano vittime sugli altari; ma quelle vittime, di nessun valore,
non potevano ottenere da Dio le grazie, n potevano essere un conveniente ringraziamento per i benefici gi ricevuti. Soltanto Ges, immolato sulla croce, fu una vittima di valore
19

infinito, colla quale si ringrazia degnamente Iddio per tutti i benefici compartiti agli uomini,
e si ottengono grazie a mille a mille.
Dal giorno, dunque, in cui Ges mor sulla croce, cessarono tutti i sacrifici antichi, si
abbandonarono tutte le vittime; perch lunico vero sacrificio si era compiuto sul Calvario;
la pi perfetta, la pi santa Vittima era stata offerta a Dio!

20

10. LUltima Cena


Mentre Ges si preparava a compiere il suo grande sacrificio sulla croce, aveva in
mente un disegno meraviglioso di amore. Voleva che il suo sacrificio non si compisse soltanto sul monte Calvario, colla sua morte di croce, ma che quello stesso sacrificio si continuasse, in un modo misterioso, tutti i giorni, sino alla fine del mondo. Tanto era lamore
che Egli portava agli uomini!
Ed ecco come linfinita sapienza di Ges mise in esecuzione questo meraviglioso disegno damore.
Alla vigilia del suo grande sacrificio, Ges chiam intorno a s tutti i suoi cari Apostoli; e sedette a mensa, insieme con essi, per la cena pasquale.
Ad un certo punto della cena, Ges prende in mano un pane (che era senza lievito,
come lostia che si adopera adesso per la S. Messa), lo benedice, lo spezza, lo distribuisce
agli Apostoli, dicendo: Questo il corpo mio (fig. 10). Poi prende il calice, vi mette il vino, lo benedice e lo distribuisce dicendo: Questo il Sangue mio, che sar sparso per
voi in remissione dei peccati.

Figura 10: Ges distribuisce il Pane consacrato agli Apostoli, dicendo: Questo il Corpo mio.

E conclude con un comando agli Apostoli: Fate questo in memoria di me.


Che cosa significavano quelle parole: Fate questo? Che cosa aveva fatto Ges in quel
momento? Quale era lazione che gli Apostoli dovevano ripetere, per ubbidire al comando
di Ges?

21

Ges aveva consacrato il pane ed il vino: il pane era diventato il Corpo suo, il vino
era diventato Sangue suo. In questo modo aveva compiuto misteriosamente una specie di
sacrificio, separando il sangue dal corpo.
Ma poi aveva distribuito il suo Corpo e il suo Sangue agli Apostoli, i quali se nerano
cibati. In tal modo la vita eucaristica, che Ges aveva in quel pane e in quel vino consacrato, era misteriosamente cessata, quando le specie si erano consumate nel petto degli Apostoli.
Ges, dunque, aveva compiuto, misteriosamente, un vero sacrificio di s stesso,
nellostia e nel vino consacrato. E poi aveva detto agli Apostoli: Fate questo in memoria di
me.
Gli Apostoli, per obbedire al comando di Ges, dovevano dunque consacrare il pane
ed il vino, e poi dovevano consumarlo per mezzo della Comunione. In tal modo cos avrebbero rinnovato il misterioso sacrificio di Ges. E tutti i Sacerdoti del mondo, continuando lopera degli Apostoli, avrebbero continuato per tutti i secoli, il misterioso sacrificio
di Ges.
Ecco che cosa la Santa Messa!

22

11. Confronto fra il Sacrificio del Calvario e il Sacrificio dellAltare


Verso la met della Messa il Sacerdote prende in mano lostia, sinchina sopra di essa, e pronunzia le parole della consacrazione, le parole stesse che disse Ges nellultima
cena. Istantaneamente la sostanza dellostia si cambia: lostia non pi ostia, ma il Corpo di Ges, sotto le apparenze dellostia. E quello stesso Ges, che nacque in terra da Maria Vergine, quello stesso Ges che mor sulla croce.
Poi il Sacerdote prende in mano il calice, che contiene una piccola quantit di vino;
pronunzia le parole della consacrazione, e quel vino non pi vino, il vero Sangue di Ges sotto le apparenze del vino; quello stesso Sangue che egli vers sulla croce.
Ecco che laltare diventato un vero Calvario. Sul Calvario vi fu un reale spargimento
di sangue; sullaltare una misteriosa separazione del Sangue dal Corpo ci d una somiglianza perfetta ed una rinnovazione del sacrificio del Calvario.
Dopo qualche istante il Sacerdote allaltare si ciba del Corpo SS. di Ges, e beve il
suo prezioso Sangue. E nel petto del Sacerdote finisce la vita eucaristica, che Ges aveva
in quellostia e in quel vino consacrato.
Cos si completa la somiglianza col sacrificio del Calvario. Sul Calvario Ges mor in
modo reale; sullaltare Ges si sacrifica in un modo misterioso, quando finisce la sua vita
eucaristica nellostia e nel vino di cui si ciba il sacerdote.
Sullaltare, dunque, si compie realmente, sebbene in un modo misterioso, lo stesso
sacrificio che Ges comp sulla croce (fig. 11).

Figura 11: Sullaltare si compie, in un modo misterioso, lo stesso sacrificio che Ges comp sulla
croce.

Infatti: sul Calvario la vittima era Ges; e sullaltare la vittima lo stesso Ges. Sul
Calvario il Sacerdote era Ges, che offriva s stesso allEterno Padre; e sullaltare il vero
Sacerdote Ges, che offre s stesso allEterno Padre per mezzo delluomo che compie le
23

funzioni di sacerdote. E finalmente sul Calvario Ges si sacrific per la salvezza degli uomini; e sullaltare Ges si sacrifica per la stessa ragione, ossia per la salvezza degli uomini.
Dunque tanto sul Calvario, quanto sullaltare, la vittima la stessa, il Sacerdote lo
stesso, la ragione per cui il sacrificio si offre la stessa. Perci si pu dire che il sacrificio
della Messa lo stesso sacrificio del Calvario.
Il sacrificio del Calvario si chiama cruento (sanguinoso), perch si comp con reale
spargimento di sangue. Il sacrificio della Messa si chiama incruento (non sanguinoso),
perch si compie, in un modo misterioso, senza reale spargimento di sangue.

24

12. Quali fini si raggiungono col Sacrificio della Messa


Il sacrificio della Messa la continuazione del sacrificio della croce; dunque colla Santa Messa si devono ottenere le stesse cose, che si ottennero col sacrificio della croce.
Abbiamo gi detto che col sacrificio, che Ges comp sulla croce, Iddio fu perfettamente adorato e ringraziato, si ottenne il perdono dei peccati e simpetrarono grazie.
Ora queste quattro cose si ottengono perfettamente per mezzo del sacrificio della
Messa. Ges , sullaltare, una Vittima perfetta dinfinito valore.
Le figurine del quadro in figura 12, coi loro diversi atteggiamenti, rappresentano i
quattro pensieri, che si dovrebbero avere ogni volta che si assiste alla Santa Messa, per
partecipare ai quattro santissimi fini, che si raggiungono con la celebrazione del divin Sacrificio. E quei pensieri si potrebbero esprimere con queste parole:
Adorazione Signore, io ho il dovere di adorarvi e di riconoscervi come padrone
assoluto di tutte le cose. Mi sento incapace di far questo, perch sono una misera creatura
e povero peccatore. Vi offro Ges, che si sacrifica sullaltare, come vittima di adorazione
perfetta.
Ringraziamento Signore, io ho il dovere di ringraziarvi per tanti benefici, che mi
avete compartiti per lanima e per il corpo. Non sono capace di ringraziarvi degnamente. Vi
offro Ges, che si sacrifica sullaltare, come vittima di ringraziamento perfetto.
Propiziazione Signore, io ho commesso tanti peccati e non posso meritarne il
perdono. Vi offro Ges, che si sacrifica sullaltare, come vittima di propiziazione, in isconto
dei miei peccati.
Impetrazione Signore, io sono misero e povero, ed ho continuamente bisogno
delle vostre grazie, senza le quali non posso vivere in questo mondo e non posso meritarmi la felicit eterna. Io per non ho alcun titolo per meritarmi le vostre grazie. Vi offro Ges, che si sacrifica sullaltare, come vittima di impetrazione, per chiedere tutte le grazie di
cui ho bisogno.
E il Sacerdote che sta allaltare, dice: Signore, la Vittima Santa, che io vi offro, serva
per adorarvi, per ringraziarvi, per domandar perdono, per chieder grazie, per tutto il mondo (fig. 12).

Figura 12: Signore, la Vittima Santa che vi offre il Sacerdote, serva per adorarvi, per rin-

graziarvi, per domandar perdono, per chiedere grazie.

25

13. Il miracolo di Bolsena


Poich sullaltare, quando il Sacerdote celebra la Santa Messa, si compie lo stesso sacrificio, che si comp sul monte Calvario, noi dovremmo assistere alla Santa Messa con gli
stessi sentimenti con cui avremmo assistito alla morte di Ges, se ci fossimo trovati vicino
alla Vergine Addolorata e a S. Giovanni.
Dovremmo immaginarci di vedere sullaltare Ges inchiodato sulla croce, grondante
sangue da mille ferite. N questo ci sarebbe difficile se pensassimo, con viva fede, che nel
calice, dopo la consacrazione, il vero Sangue di Ges, quello stesso Sangue che egli verso dalle sue ferite, quando stava agonizzando sulla croce.
Perch sempre pi viva si conservasse questa fede in mezzo ai fedeli cristiani, il Signore ha operato molti miracoli. Eccone uno dei pi belli.
Nellanno 1263, un certo sacerdote, Pietro da Praga, dalla Germania si recava in pellegrinaggio a Roma. Giunto nella piccola citt di Bolsena (presso Orvieto), volle celebrare
la S. Messa allaltare di S. Cristina. Ed ecco che, mentre egli spezzava, sopra al calice,
lOstia consacrata (come si fa sempre nella Messa), quellostia incominci a gocciar sangue
(fig. 13) in tanta abbondanza, che ne fu bagnato il calice ed il corporale (cos si chiama il
pannolino bianco, inamidato, che si pone sullaltare per poggiarvi lostia e il calice quando
si celebra la Messa).

Figura 13: lOstia incominci a gocciar sangue!

Il Sacerdote ripose tutto diligentemente, e si rec subito dal Papa Urbano IV, che in
quei giorni si trovava in Orvieto; e gli raccont laccaduto.
Il Papa, dopo aver esaminato accuratamente la cosa, diede ordine al Vescovo di Orvieto di recarsi a Bolsena e di trasportare, con solennissima processione, fino ad Orvieto, il
Sacro Corporale macchiato del Sangue di Ges. Questa reliquia preziosissima fu riposta in
un artistico tabernacolo tutto dargento, e fu conservata nella cattedrale di Orvieto. E dopo
26

alcuni anni, gli abitanti di quella citt, per conservare pi degnamente un tanto tesoro, costruirono la nuova cattedrale, che oggi si ammira, e che una delle pi belle chiese del
mondo.

27

14. La partecipazione dei fedeli alla Santa Messa


Il Sacerdote la persona eletta da Dio ed incaricata dal popolo per offrire al Signore
il Sacrificio della Messa. Per anche il popolo deve unirsi al sacerdote, in questa offerta
preziosa, onde partecipare abbondantemente ai frutti del Sacrificio.
Nei primi tempi della Chiesa i fedeli stessi portavano al sacerdote, al principio della
Messa, il pane ed il vino, che il Sacerdote poi consacrava. E cos essi partecipavano al Sacrificio anche colla loro offerta.
Ma il modo pi bello e pi perfetto di partecipare al Sacrificio della Messa quello di
accostarsi alla S. Comunione (fig. 14).

Figura 14: Il modo pi perfetto di partecipare al Sacrificio quello di accostarsi alla Santa Comunione.

Infatti, come abbiamo gi spiegato, il sacrificio di Ges si compie quando la sua vita
eucaristica si spegne nel petto del Sacerdote, allorch si consumano le specie. Perci i fedeli che si comunicano durante la Messa, insieme col Sacerdote, possono aver la gioia di
pensare che anche dentro al loro petto si compie misteriosamente il sacrificio di Ges.
Perci sarebbe ottima cosa comunicarsi tutte le volte che si assiste alla Santa Messa,
come facevano i primi cristiani.
Tuttavia, anche quando non si pu far la S. Comunione, bisogna unirsi al Sacerdote
nellofferta del Santo Sacrificio.
Per dimostrare questa partecipazione, che deve avere il popolo, al Sacrificio, il Sacerdote dice molte preghiere della Messa al plurale. Cos, per esempio, quando offre lostia e
il vino, non dice: Signore, io vi offro; ma dice: Signore, noi vi offriamo. E prima di incominciare alcune orazioni, dice: preghiamo.
E quando si volge al popolo per dire: Orate, fratres, continua la sua esortazione cos:
Pregate, o fratelli, affinch il mio e vostro sacrificio torni accetto a Dio Padre Onnipotente.
28

15. Meravigliosi effetti del Sacrificio della Messa


Contempliamo adesso il magnifico spettacolo, che si presenta agli occhi della fede,
ogni volta che un Sacerdote sale laltare per celebrare la Santa Messa.
Il valore di una Messa infinito, ed i preziosi effetti di questo grande Sacrificio di Ges estendono a tutte le creature ragionevoli, nel Cielo, sulla terra, nel Purgatorio (fig. 15).

Figura 15: I preziosi effetti del grande Sacrificio di Ges si estendono nel Cielo, sulla terra, nel
Purgatorio.

Intorno allaltare, sul quale Ges si sacrifica per le mani del Sacerdote, tutto una
inondazione di candida luce, una profusione di grazie ineffabili, un armonioso cantico di
mille voci umane ed angeliche.
Quando Ges simmola sullaltare, il suo sacrificio sale, come un profumo soave, fino
al trono di Dio; e rende alla S. Trinit un culto perfetto, unadorazione somma, una gioia
ineffabile. Per ogni Messa che si celebra sulla terra tutto il Paradiso tripudia: la luce della
gloria si fa pi fulgida intorno agli Angeli, ai Santi, a Maria SS.; uno scoppio di melodiosi
canti e di ineffabili armonie accresce leterna festa di quel regno beato!
Ogni volta che si celebra una Messa, scendono da quellaltare le grazie, a mille a mille, nelle anime di tutti gli uomini, che sulla terra stanno pellegrinando per giungere al Cielo. Dal Sacrificio dellaltare il perdono dei peccati; dal Sacrificio dellaltare il conforto per chi
soffre; dal Sacrificio dellaltare la forza per combattere contro le passioni; dal Sacrificio
dellaltare la purezza delle vergini; dal Sacrificio dellaltare la fortezza dei martiri; dal Sacrificio dellaltare la luce sicura per trovare la via del Cielo!
Ogni volta che si celebra una Messa, il Sangue prezioso di Ges scende dallaltare nel
carcere di fuoco del Purgatorio: come pioggia di acqua freschissima, spegne le fiamme,
purifica le anime, rivestendole di un candore ineffabile, e le rende degne di salire alla beata patria!
29

Tutte queste meraviglie si opererebbero anche se una sola Messa si celebrasse sulla
terra. Ma di Messe se ne celebrano a migliaia ogni giorno. Chi potr numerare lenorme
cumulo di meraviglie che si operano, ad ogni istante del giorno e della notte, nel Cielo, sulla terra e nel Purgatorio, mentre i Sacerdoti immolano su mille altari la Vittima Divina?

30

16. Dignit del Sacerdote


S. Francesco DAssisi diceva: Se io incontrassi un Sacerdote ed un Angelo, saluterei
prima il Sacerdote e poi lAngelo.
E diceva bene. Quale altra dignit sulla terra potr paragonarsi alla dignit del Sacerdote?
Quando il Sacerdote celebra la Santa Messa, noi possiamo immaginarlo come alla
sommit di una scala; e tutti i re, i principi, gli imperatori della terra, con tutte le loro corone doro, con tutta la loro potenza, con tutti i loro eserciti fossero anche padroni di tutta
la terra, non potrebbero salire neppure il primo gradino di quella scala, alla sommit della
quale si trova il Sacerdote per la sua altissima dignit.
Re, principi, imperatori, tutti i pi grandi monarchi della terra, devono riconoscere
che la loro dignit un nulla davanti alla altissima dignit del Sacerdote, e devono inchinarsi riverenti dinanzi a lui (fig. 16).

Figura 16: I pi grandi monarchi della terra devono riconoscere che la loro dignit un nulla davanti allaltissima dignit del Sacerdote.

Infatti quale monarca della terra, con tutti i suoi eserciti, con tutti i suoi sudditi, con
tutta la sua potenza, potrebbe far quello che fa il Sacerdote allaltare?
Un Sacerdote, quando celebra la Santa Messa, fa discendere Ges dal cielo, lo tiene
fra le sue mani, lo immola sullaltare, rinnovando il sacrificio del Calvario, e opera ineffabili
meraviglie nel Cielo, sulla terra e nel Purgatorio.
La dignit del Sacerdote cos grande, che lo rende superiore agli angeli del cielo;
anzi, sotto un certo aspetto, lo rende superiore perfino alla Vergine Santissima. Infatti n
gli angeli del cielo, n la Vergine Santissima ebbero da Dio il potere di consacrare il Corpo
e il Sangue di Ges, e di immolarlo sullaltare, rinnovando il Sacrificio del Calvario.
31

17. Quante Messe si celebrano in tutto il mondo


Qual il numero delle creature privilegiate da Dio e chiamate da lui allaltissima dignit di suoi Sacerdoti? Quanti sono oggi, su tutta la terra, i Sacerdoti del Signore?
Si conta che vi siano in tutto il mondo circa 300.000 Sacerdoti.
Sono dunque circa 300.000 le Messe che si celebrano sulla terra ogni ventiquattro
ore! Dunque per ben 300.000 volte ogni giorno, il benignissimo Ges si sacrifica misteriosamente sullaltare, immolandosi come Vittima damore per la salvezza di tutti gli uomini!
Quale meraviglioso spettacolo dinfinita misericordia!
Ma unaltra considerazione accrescer enormemente la nostra ammirazione per
linfinita misericordia di Ges. Il Sacrificio della Messa non si celebra soltanto in alcune ore
del mattino, come potremmo pensare, se tenessimo conto delle Messe che si celebrano
nei nostri paesi. La Santa Messa invece si celebra in tutte le ore del giorno e della notte; e
non vi un istante solo del giorno o della notte, in cui, in qualche parte del mondo, non si
celebri la Santa Messa!
E per comprender questa cosa basta riflettere alla rotondit della terra. Questa terra,
sulla quale abitiamo, ha la forma di una immensa palla, che, mossa dalla infinita potenza
di Dio, gira intorno a s stessa con grande velocit; e, per compiere un giro, impiega 24
ore.
In conseguenza di questo movimento avviene che il sole illumina le diverse regioni
della terra successivamente, e cio una regione dopo laltra. E cos, mentre nei nostri paesi
il sole tramonta, e si fa notte, in quello stesso momento il sole sorge in altri paesi, e l si
fa giorno; mentre in Italia, per esempio, sono le 6 di mattina, in Cina mezzanotte, in
America mezzogiorno, in altre regioni unaltra ora. Sicch, dividendo tutto limmenso
globo della terra in 24 parti uguali, come in 24 spicchi, noi avremo in ciascuna di quelle
parti unora diversa. Mentre nella prima parte sono le ore 6, nella seconda parte nello
stesso momento, sono le ore 7, nella terza parte sono le ore 8, nella quarta le ore 9, e cos
di seguito.
Ne viene di conseguenza che quando in Italia, verso le 9 o le 10 del mattino, si cessa
di celebrare la Messa, in altri paesi, dove in quel momento sono le ore 6, o le 7, o le 8,
sincomincia a celebrare la Messa. E cos di seguito, per tutte le altre ore; in modo che anche quando in Italia sono le ore 22, 23, 24 (mezzanotte), in quello stesso momento
sincominciano a celebrare le Messe in Australia, in Cina, in India; perch col, in quel
momento, sono le ore 6, 7, 8, del mattino.
Questo il significato del grande orologio disegnato nel quadro in figura 17. Il disco
rappresenta tutta la terra divisa in 24 parti uguali, che sono distinte come le 24 ore di un
orologio (12 ore del giorno e 12 ore della notte). Per ciascuna ora sono assegnate alcune
regioni della terra.
Le ore segnate tuttintorno rappresentano le ore dellorologio dItalia in relazione con
le ore 6 del mattino in tutte le regioni del mondo. Cos quando in Italia sono le ore 18, in
Alasca e nelle Isole Fenicie sono le ore 6 del mattino, e si celebra la Messa; quando in Italia sono le ore 24 (mezzanotte), in Cina in Australia nelle Filippine sono le ore 6 del mattino, e si celebra la Messa. E cos per tutte le altre ore.
Ora contempliamo il magnifico spettacolo. La Vittima Divina sullaltare continuamente, in tutte le ore del giorno e della notte, in tutte le parti del mondo; e il Sacrificio si
offre senza interruzione, per la salvezza di tutti! (fig. 17).

32

Figura 17: La Vittima Divina sullaltare continuamente in tutte le ore del giorno e della notte, in
tutte le parti del mondo.

Cos, mentre noi stiamo a pranzo o a cena, mentre noi passeggiamo o lavoriamo o ci
divertiamo o dormiamo, Ges sempre sullaltare, Vittima damore, immolata per la nostra
salvezza!
Aveva ben ragione il profeta Malachia di dire: Verr un giorno in cui dallOriente

allOccidente sar grande il mio Nome fra le genti, ed in ogni luogo si sacrificher e si offrir al mio Nome unoblazione monda (Malachia Cap I, 11).

33

18. La Messa sul mare


Sullonda tranquilla del mare immenso fila maestosa una nave da guerra. Pi di mille
marinai sono a bordo; il timoniere, i comandanti, gli uomini di servizio, sono tutti ai loro
posti, perch la piccola fortezza galleggiante proceda sicura nel suo lungo viaggio.
E un giorno di festa: tutto lequipaggio deve ascoltar la Messa. Il Cappellano ha gi
dato i suoi ordini, ed ecco che alcuni marinai improvvisano, sul ponte, un altare.
La campana di bordo d un segnale, e tutto lequipaggio, in brevora, radunato davanti allaltare. Le lunghe schiere di marinai, nella loro bianca divisa di festa, presentano
uno spettacolo magnifico sullo sfondo azzurro del mare immenso.
Un altro segno di campana. Il vociar confuso di mille marinai, lentamente, si va facendo pi sommesso e si spegne; e quando il Sacerdote, vestito dei sacri paramenti, comparisce sul ponte davanti allaltare, il silenzio si fa profondo. Si ode soltanto il rullio sordo
dei motori nascosti gi in fondo, nelle viscere della grande nave, e il lieve frangersi
dellonda sulla prua, che fende la superficie liscia del mare immenso.
Incomincia la Messa. Tutto lequipaggio, dal primo comandante fino al pi umile
mozzo, assiste riverente. Dopo pochi istanti, tutti inchinano il capo; il suono del campanello annunzia il grande mistero. Il Sacerdote ha pronunziato le parole della consacrazione:
leterno Figlio di Dio disceso dal Cielo, fra le mani del Sacerdote, sta per immolarsi su
quellaltare, per la salvezza degli uomini!
Nello sfondo azzurro del cielo, sulla distesa infinita delle acque, il Sacerdote solleva in
alto lOstia Divina, Ges, vittima damore! Quella nave diventata un altro Calvario, perch su di essa si rinnova il sacrificio della croce! (fig. 18).

Figura 18: Quella nave diventata un altro Calvario, perch su quella nave si rinnova il sacrificio
della croce!

34

E dallalto mare sale al Cielo un profumo di lode e di adorazione, si espande sulla terra un profluvio di grazie e di benedizioni, scende nel Purgatorio una pioggia refrigerante,
che spegne le fiamme!

35

19. Una Messa sul campo di battaglia


Nella legge antica Iddio aveva comandato che fosse eretto, in suo onore, un tempio
solo, nella citt di Gerusalemme, splendidamente ricco di marmi, di oro e di argento; e a
quel tempio tutti dovevano recarsi, coloro che volevano offrire sacrifici al Signore.
Nella legge nuova non pi cos. Il Signore vuole che il Sacrificio della Messa si offra
in tutte le parti del mondo, sui monti e sui mari, nei pi piccoli villaggi e nelle grandi citt,
nei templi sontuosi e nelle povere chiesette, nelle corsie di un ospedale e sotto le capanne
di paglia dei popoli selvaggi. E perfino sul campo di battaglia, l dove troppo spesso i pi
bassi sentimenti dira, di odio e di vendetta, fanno dimenticare un giusto e santo amore di
patria, lOstia Santa vuol essere immolata, come per ricordare agli uomini il grande precetto dellamore.
Eccoci sopra un campo di battaglia. Si scontrano due eserciti nemici: rombano prima
i cannoni lontani, poi le schiere avanzano; fischiano da ogni parte le palle dei fucili e delle
mitragliatrici; scoppiano le bombe; in alto volteggiano gli aeroplani carichi di micidiali istrumenti; si avanzano minacciose dense nubi di gas asfissiante.
A migliaia cadono sul campo, soldati e ufficiali, morti o feriti; in mezzo al frastuono
delle armi, si ode appena il coro pietoso dei lamenti di chi ferito e di chi sta morendoIl
sangue scorre a rivi per ogni parte; morti e feriti si ammucchiano gli uni sugli altri
Dopo qualche ora di combattimento, i vinti fuggono, i vincitori sono stanchi E tempo di tregua!
Su quel campo bagnato di sangue, e disseminato di feriti e di morti, ecco un Sacerdote. Col cuore stretto dal dolore per limmensa carneficina, egli si aggira frettoloso in quel
campo di dolore; e dove sente un lamento, si avvicina, singinocchia, dice una parola di
conforto, esortando al pentimento, impartisce lassoluzione, oppure amministra lEstrema
Unzione.
Intanto i morti vengono sepolti, i feriti sono trasportati al pi vicino ospedale, per il
pronto soccorso.
Ma la guerra non finita. A pochi chilometri di distanza, nelle retrovie, altre schiere
di soldati si preparano allassalto.
Chi dar a quei soldati la forza di compiere il loro dovere e di offrire la vita per la
grandezza della patria? Chi dar loro la rassegnazione di andare incontro alla morte perdonando al nemico?...
Alcuni soldati, sopra quattro assi di legno, hanno improvvisato un altare. E il Sacerdote, di ritorno dal suo giro pietoso in mezzo ai feriti, col cuore gonfio, cogli occhi bagnati di
pianto, si appresta a celebrare la Santa Messa.
Indossa i sacri paramenti, e incomincia: Introibo ad altare Dei
Dopo pochi istanti, solleva in alto lOstia consacrata! Quel campo diventa un altro
monte Calvario, perch su quellaltare Ges rinnova lo stesso Sacrificio della croce!
A quellOstia Santa volgono lo sguardo i soldati che si preparano alla battaglia (fig.
19).

36

Figura 19: La Vittima Divina infonde nel cuore dei soldati fortezza e rassegnazione amore e
perdono

E Ges, Vittima divina, da quellaltare sul quale simmola per la salvezza di tutti, infonde nei loro cuori fortezza e rassegnazione, e ricorda loro la sua grande legge dellamore
e del perdono.

37

20. La consacrazione di un Altare


Abbiamo spiegato quale sublimissima cosa sia il Sacrificio della Messa; abbiamo ammirato la infinita bont e condiscendenza di Ges, che vuol compiere questo prezioso Sacrificio in ogni angolo della terra e in ogni ora del giorno e della notte; abbiamo apprezzato
glineffabili vantaggi spirituali, che possiamo ricavarne per lanima nostra e per le anime
dei nostri fratelli vivi e defunti.
Ora giusto e doveroso conoscere esattamente tutti gli arredi sacri, che servono alla
celebrazione della Messa, studiare i riti coi quali si compie questo grande Sacrificio, e sapere il significato di quello che fa e dice il Sacerdote quando celebra la Messa. Perci in
questo e nei seguenti capitoli spiegheremo:
1)
2)
3)
4)
5)
6)

Come viene consacrato un altare.


Quali sono gli arredi che stanno sullaltare.
Quali sono gli arredi che i Sacerdote adopera per celebrare la Messa.
Quali sono le vesti che indossa il Sacerdote per celebrare la Messa
Come si preparano le ostie ed il vino per la Messa.
Che cosa dice e che cosa fa il Sacerdote quando celebra la Messa.

Ed incominciamo subito dalla consacrazione dellaltare.


Come si consacra un altare? Questa funzione spetta al Vescovo, il quale la compie,
ordinariamente, con grande solennit e con tante bellissime cerimonie simboliche, tutte
pervase da altissimi significati.
Dopo aver cantato le litanie dei Santi, fa sulla mensa cinque segni di croce collacqua
benedetta. E, girando intorno allaltare, per ben sette volte, asperge tutta la mensa con
acqua benedetta.
La parte pi sacra dellaltare la parte centrale, ove dovr poggiare il calice e lOstia
consacrata. Nel mezzo della mensa, dunque, preparata una buchetta quadrata (che si
chiama sepolcretto), entro la quale il Vescovo deve collocare le reliquie di Santi Martiri.
Dopo che il Vescovo ha benedetto ed incensato la mensa, impasta con acqua benedetta
un poco di calce o di cemento; poi in solenne processione con tutto il clero assistente, va a
prendere le Sacre Reliquie nel luogo ove erano state gi esposte il giorno innanzi.
Ritornato presso laltare, unge col Sacro Crisma il sepolcretto e la pietruzza preparata
per chiuderlo. Poi depone nel sepolcretto le Sacre Reliquie, gi prima sigillate entro una
scatolina di metallo; e sullapertura del sepolcretto aggiusta la pietruzza per chiuderlo
(questa pietruzza viene chiamata pietra sacra).
Poi prende la calce gi preparata, e, per mezzo di una cucchiaretta, incomincia a murare tuttintorno la pietruzza; e lascia poi al muratore, che si trova l pronto, di completare
esattamente la muratura (fig. 20).

38

Figura 20: Il Vescovo incomincia a murare tuttintorno la pietra sacra.

Da questo momento laltare viene incensato continuamente sino alla fine della funzione. Un Sacerdote gira intorno alla mensa incensando sempre; mentre il Vescovo continua le cerimonie della consacrazione.
Unge la mensa dellaltare due volte collOlio dei Catecumeni e una volta col Sacro Crisma; e, per ogni unzione, fa cinque croci sulla mensa; una nel mezzo, sul sepolcretto, e
quattro agli angoli della mensa. E infine sparge sopra tutta la mensa Olio dei Catecumeni e
Sacro Crisma.
Poi nei luoghi stessi, ove ha fatto le croci cogli Olii Santi, dispone dei granelli
dincenso, in modo da formare cinque croci sulla mensa; e, sopra quelle croci dincenso
poggia delle candelette sottili, foggiate in forma di croce.
Tutto cos disposto, si accendono le candelette; e, mentre quelle bruciano insieme
con lincenso, il Vescovo e tutto il Clero, inginocchiati, cantano il Veni Creator.
Tutte queste cerimonie sono sempre accompagnate e intramezzate da bellissime
preghiere, che esprimono il significato delle cerimonie stesse.

39

21. Gli arredi dellaltare (fig. 21)

Figura 21: Altare con paliotto, tre tovaglie, Crocifisso, candelieri, fiori, ciborio, conopeo, cartegloria e vaso della purificazione.

Laltare non pu essere poggiato sul piano del pavimento, ma deve essere alquanto
sollevato, almeno con un gradino. Ordinariamente i gradini su cui basato laltare sono
tre, ma talvolta sono anche pi.
Ci si fa perch laltare si assomigli ad un piccolo monte, e ricordi il monte Calvario,
dovendosi sulla mensa rinnovare il sacrificio che Ges comp sulla croce.
Sul davanti dellaltare sta il paliotto, che consiste in una cornice di legno o di metallo,
sulla quale stesa una stoffa ornata di trine. La stoffa devessere dello stesso colore dei
paramenti del Sacerdote, e quindi si deve cambiare in conformit del colore richiesto dalla
festa che si celebra in ciascun giorno dellanno.
Dei colori dei sacri paramenti parleremo poi in uno dei capitoli seguenti.
Quando il davanti dellaltare fatto di marmi, o di stucchi, ed dorato, o sufficientemente ornato, allora non necessario cambiare, a seconda dei colori, il paliotto di stoffa.
Cos avviene che molte volte il paliotto non si adopera affatto.
Sulla mensa dellaltare devono stare tre tovaglie: due corte, che coprano soltanto la
mensa, e una pi lunga, al disopra delle altre, che scenda ai fianchi dellaltare, fin presso
al pavimento. Le tovaglie devono essere di lino o di canapa; quelle di cotone non sono
permesse.
Nel mezzo dellaltare, in alto, ben visibile, si pone la croce con limmagine di Ges
Crocifisso; perch il Sacerdote ed il popolo abbiano sempre vivo il ricordo del Sacrificio della croce, che si rinnova sullaltare.
Ai lati del Crocifisso si pongono ordinariamente sei candelieri (per celebrare la Messa
sarebbero sufficienti anche due soli candelieri) con le candele. Se la Messa letta celebra40

ta da un semplice Sacerdote, non si devono accendere pi di due candele; fatta eccezione


per le solennit, o se le candele si accendono davanti a qualche immagine. In questi casi
si possono accendere pi candele, anche se celebra la Messa letta un semplice Sacerdote.
Quando poi celebra Messa un Vescovo, allora si devono accendere pi candele.
I lumi accesi sullaltare, durante la Messa, servono ad esprimere amore, onore e rispetto a Ges; e sono poi di Ges stesso il pi bel simbolo, perch Ges la luce del mondo.
Framezzo ai candelieri si pongono dei vasi con fiori, come ornamento, e come segno
di festa e di gioia, per la felicit che a tutti gli uomini deriva dallaltare, con il Sacrificio della Messa. Nei tempi di penitenza (Avvento e Quaresima) i fiori si devono togliere
dallaltare.
E ottima cosa porre sullaltare fiori freschi; per quando non possibile averne, la
Chiesa permette che si mettano anche fiori artificiali, di porcellana, di metallo o di stoffa,
purch siano lavorati con sufficiente arte, e riescano di decoro allaltare. I fiori di carta sono proibiti.
Allestremit posteriore della mensa stanno ordinariamente alcuni piccoli gradini, sui
quali si poggiano i candelieri ed i fiori; e nel mezzo di questi gradini collocato il Ciborio,
che una piccola costruzione di legno o di marmo o di metallo, con una porticina sul davanti. Nel Ciborio si conservano le Ostie consacrate. Il Ciborio non necessario per celebrare la Messa, ma necessario ogniqualvolta si vogliano conservare sullaltare le Ostie
consacrate.
Il Ciborio devessere ricoperto di una ricca stoffa fatta a modo di piccola tenda, che si
apre sul davanti. Questa tenda si chiama conopeo, e devessere o sempre bianca, ovvero
conforme al colore dei paramenti del Sacerdote, a seconda delle feste che si celebrano in
ciascun giorno dellanno. Per quando il ciborio fatto di marmi o di metalli preziosi, si
pu anche lasciare senza conopeo.
Sulla mensa dellaltare, poggiate sul davanti dei piccoli gradini, stanno tre tabelle,
sulle quali sono stampate alcune preghiere, che il Sacerdote dice nella Messa. Queste tabelle si chiamano cartagloria, perch in una di esse stampato linno: Gloria in excelsis
Deo.
Quando nellaltare si conserva il SS. Sacramento, si tiene sulla mensa, a fianco del
Ciborio, un vasettino coperto, con dentro un poco di acqua, che serve al Sacerdote per lavarsi le dita ogni volta che ha toccato le Ostie consacrate, fuori del tempo della Messa.
Che se, nel toccare lostia, qualche piccolo frammento rimanesse attaccato alle dita, lavandosi, il frammento rimane sciolto nellacqua, e cessa la presenza di Ges. Il vasettino si
chiama vaso della purificazione, e il pannolino, che serve per asciugarsi, si chiama purificatoio.

41

22. Arredi per la Messa (prima parte) (fig. 22)

Figura 22: Il calice, il purificatoio, la patena, la palla, il velo.

Fin qui abbiamo parlato dellaltare e di tutto ci che si trova sullaltare; adesso dobbiamo parlare di tutti gli oggetti che adopera il Sacerdote quando celebra la Santa Messa.
Nelle singole figurine dei quadri in figura 22 e 23, si vedono non solo gli oggetti di cui parliamo, ma anche come essi sono disposti quando il Sacerdote va allaltare per celebrare la
Santa Messa.
1) Il Calice Devessere fatto doro o dargento, almeno la coppa; soltanto per
le chiese poverissime si permettono calici colla coppa di rame o di stagno. La
parte interna della coppa devessere sempre perfettamente dorata; e se un
Sacerdote celebra la Messa con un calice, che ha perduto la doratura
nellinterno della coppa, commette peccato grave.
Se si riflette che il calice deve contenere il Sangue preziosissimo di Ges, si
comprende facilmente come dovrebbe essere non solo dorato nellinterno della
coppa, ma dovrebbe essere fatto tutto di oro massiccio e tempestato delle pietre pi preziose, che si trovano al mondo. Infatti in tante chiese vi sono dei calici preziosissimi, che hanno un valore di molte migliaia di lire.
Il Purificatoio E un pannolino di tela, che serve per asciugare il calice e le
labbra e le dita del Sacerdote.
Quando si prepara il calice per la Messa, il purificatoio ripiegato e posto sopra al calice.
2) La Patena E un piattello fatto dello stesso metallo del calice, e perfettamente dorato. Serve per poggiarvi sopra lostia durante la Messa.
Quando si prepara il calice per la Messa, la patena viene posta sopra al calice,
che gi coperto da purificatoio.
42

Tanto il calice quanto la patena, prima di poterli usare, devono avere una speciale benedizione dal Vescovo. Questa benedizione si chiama consacrazione,
perch si fa col Sacro Crisma (uno degli Olii Santi).
3) La Palla E un quadretto di tela inamidata, che serve a coprire il calice durante la Messa. La parola palla ci d unidea di un oggetto sferico; ma in questo caso questa parola non ha nulla a che fare col significato, che noi le diamo
nella nostra lingua. Il nome di questo quadrettino di stoffa preso dalla parola
latina pallium, che significa: piccolo drappo o piccola coperta; appunto perch
questa palla, o pallium, serve a coprire il calice.
Quando si prepara il calice per la Messa, la palla si pone sopra alla patena, nella quale stata gi collocata lostia.
4) Il Velo che si chiama anche sopracalice, un piccolo drappo (del medesimo
colore e della medesima stoffa della pianeta), che serve a coprire tutto il calice
con patena e palla e purificatoio. E il calice si tiene cos coperto dal principio
della Messa fino allOffertorio, come diremo nei seguenti capitoli.
Poich quando il Sacerdote toglie di sopra al calice questo piccolo drappo, allora incomincia una delle parti essenziali della Messa, che lOffertorio, questo
scoprimento del calice pu servire, per le persone poco istruite, come di segnale per sapere a quale punto della Messa arrivato il Sacerdote.
Se, arrivando tardi in chiesa, si vede che di sopra al calice stato gi tolto
questo drappo colorato, allora segno che lOffertorio stato gi fatto, e
quindi quella Messa non pi sufficiente per soddisfare al precetto festivo.

43

23. Arredi per la Messa (seconda parte) (fig. 23)

Figura 23: Corporale, Borsa, Leggio, Messale, Ampolle, Campanello.

5) Il Corporale E una piccola tovaglia inamidata, che si stende nel mezzo


dellaltare, per poggiarvi sopra il calice, la patena e lostia, durante la Messa.
Si chiama cos perch vi si poggia sopra il Corpo di Ges. Ossia lOstia consacrata.
La Borsa E un doppio cartone quadrato, ricoperto della stessa stoffa della
pianeta, cucito da tre lati e aperto da un lato, in modo da formare una specie
di busta, che serve per custodire il corporale.
6) Calice con Corporale e Borsa Il corporale devessere custodito con ogni
diligenza, sia perch vi si poggia sopra lOstia consacrata, sia perch qualche
piccolissimo frammento, staccatosi dallOstia, potrebbe rimanervi sopra, senza che il Sacerdote se ne avvedesse. E perci il corporale viene sempre ripiegato, con due pieghe da un lato e due pieghe dallaltro lato, e poi vien custodito dentro la borsa.
Quando si prepara il calice per la Messa, la borsa che contiene il corporale si
colloca sopra al calice gi coperto col velo.
Il purificatoio, che serve ad asciugare il calice dopo che ha contenuto il Sangue di Ges, la palla che serve a coprire il calice mentre contiene il Sangue
di Ges, ed il corporale che serve a poggiarvi sopra il Corpo di Ges, sono
pannolini veramente sacri; e perci quando si devono lavare non si possono
mettere in mano ad una persona qualunque. Il Sacerdote deve bagnarli con
acqua abbondante per una prima lavatura; dopo di che pu darli alla lavandaia, perch li lavi pi perfettamente. Lacqua con cui il Sacerdote ha lavato i
44

pannolini sacri si getta nel sacrario, che un pozzettino situato nella chiesa,
presso laltare, oppure nella sacrestia.
7) Il Messale E il grosso libro, che adopera il Sacerdote per celebrare la
Messa. In esso sono contenute le preghiere assegnate per ciascun giorno
dellanno, a seconda delle varie feste che si celebrano, del Signore, della Madonna, degli angeli e dei Santi; vi sono disposti in ordine i vari tratti del Vangelo e delle Epistole, per ciascuna Messa. Questa si chiama la parte variabile
del messale, perch varia ogni giorno, a seconda delle feste che si celebrano.
Poi vi una parte invariabile (che si chiama il Canone), che incomincia dopo
il Sanctus, e contiene tutte le preghiere che accompagnano la Consacrazione
e la Comunione.
Il Leggio Serve a poggiarvi sopra il messale ed a trasportarlo da una parte allaltra dellaltare. Invece del leggio si potrebbe adoperare anche un piccolo cuscino.
8) Le Ampolle Servono a tenere il vino e lacqua per la celebrazione della
Messa. Le ampolle si collocano ordinariamente in un piattello, che serve a
raccogliere lacqua, quando il Sacerdote si lava le dita durante la Messa. Alle
ampolle si tiene sempre unito un piccolo tovagliolo, che serve al Sacerdote
per asciugarsi le dita.
Il Campanello Serve a dare lavviso dei momenti pi importanti della
Messa. Ordinariamente si suona soltanto al Sanctus e al momento della Elevazione; ma in alcune regioni si suona anche al momento dellOffertorio e al
momento della Comunione.

45

24. Paramenti Sacerdotali (prima parte) (fig. 24)

Figura 24: Amitto, Camice, Cingolo, Manipolo.

Il Sacerdote, prima di appressarsi allaltare per celebrare la Santa Messa, indossa degli abiti speciali, che significano come egli deve quasi trasformarsi in una nuova creatura,
per compiere quellazione cos sublime e divina.
Ogni parte di questo abbigliamento sacerdotale ha il suo bel significato, che viene
espresso con le parole delle preghiere, che il Sacerdote deve recitare mentre indossa i sacri paramenti.
1) LAmitto E un pezzo di tela, di forma rettangolare, con una piccola croce
ricamata nel centro, e con due legaccioli ai due angoli superiori.
Il Sacerdote prima bacia la croce, poi poggia per un istante lamitto sul capo,
e facendolo subito scendere dietro alle spalle, ne aggiusta il lembo superiore
intorno al collo; e infine lo ferma, per mezzo dei legaccioli, intorno alla vita.
Mentre indossa lamitto, il Sacerdote dice questa preghiera: Ponete sul mio

capo, o Signore, lelmo della salute, affinch io respinga gli assalti del demonio.
2) Il Camice E una lunga veste di tela bianca, che copre tutta la persona,
dal collo ai piedi. Lestremit inferiore e lestremit delle maniche sono ordinariamente ornate di pizzi o merletti. Il camice sindossa sopra lamitto.
Mentre indossa il camice, il Sacerdote dice questa preghiera: Rendetemi

candido, o Signore, e purificate il mio cuore, affinch io, fatto candido nel
Sangue dellAgnello (Ges), possa godere dei gaudii sempiterni.
3) Il Cingolo E un cordone, con due fiocchi allestremit, che serve a stringere il camice ai fianchi. Mentre il Sacerdote si mette il cingolo, dice questa
46

preghiera: Cingetemi, o Signore, col cingolo della purezza, e spegnete in me

la fiamma del vizio, affinch in me sia stabile la virt della continenza e della
castit.
4) Il Manipolo E una striscia di stoffa, che si allarga lievemente verso le due
estremit. Ordinariamente ornata o ricamata, e alle estremit finisce con
una frangia.
Il Sacerdote prima lo bacia, poi se lo poggia sul braccio sinistro; e, mentre
linserviente annoda i legaccioli, il Sacerdote dice questa preghiera: Possa io

meritare, o Signore, di portare il manipolo delle lacrime e del dolore, affinch


con gioia io riceva il premio delle mie fatiche.

47

25. Paramenti Sacerdotali (seconda parte) (fig. 25)

Figura 25: Stola, Pianeta, Tunicella, Piviale.

5) La Stola E una striscia di stoffa, nella qualit e nella forma somigliante al


manipolo, ma molto pi lunga.
Il Sacerdote bacia la croce che sta nel mezzo, poi si pone la stola intorno al
collo, facendola scendere un poco dietro le spalle; e infine incrocia i due
lembi sul petto, e ne ferma le estremit alla vita, passandovi sopra le due estremit del cingolo.
Mentre indossa la stola, il Sacerdote dice questa preghiera: Rendetemi, o Si-

gnore, la stola dellimmortalit, che ho perduto nella prevaricazione del primo


padre (Adamo), e, sebbene io sia indegno di avvicinarmi al vostro santo Mistero, possa tuttavia meritare il gaudio eterno.
6) La Pianeta E una ricca veste aperta ai fianchi, e con una apertura nel
mezzo, per introdurvi il capo; scende, in due parti uguali sul davanti e sul di
dietro della persona, fin presso al ginocchio. Sul davanti, allaltezza del petto,
lievemente incavata, per facilitare il movimento delle braccia. Un ornato di
trine, o di ricami, forma sul davanti una larga croce, che, passando sulle
spalle, percorre tutta la parte posteriore. In alcune regioni (come in Francia),
si adoperano pianete nelle quali la croce sta tutta nella parte posteriore.
Mentre il Sacerdote indossa la pianeta, dice questa preghiera: O Signore, che

diceste: il mio giogo soave e il mio peso leggero, fate che io possa portare questo, in modo da conseguire la vostra grazia.
Queste sono le vesti che il Sacerdote indossa per celebrare la Messa letta, o,
come suol dirsi, la Messa bassa. Per la Messa cantata, o solenne, il Sacerdote
che celebra indossa le stesse vesti; per i due ministri, che assistono il cele48

brante, ossia il diacono e il suddiacono, invece della pianeta indossano


unaltra veste, che detta Tunicella (piccola tunica).
7) La Tunicella E una veste somigliante alla pianeta. Per, a differenza di
quella, ha corte maniche, e, allestremit, tagliata in forma rettangolare e
non rotonda come la pianeta.
8) Il Piviale E un grande mantello di ricca stoffa, ornata di trine. Esso si adopera per le Funzioni eucaristiche; e la indossa anche il Sacerdote, che, insieme col diacono e suddiacono, assiste il Vescovo nella Messa solenne (o
pontificale) di cui parleremo appresso.

49

26. Colori dei paramenti sacri


Abbiamo avuto occasione pi volte di accennare ai diversi colori dei paramenti sacri.
Ora dobbiamo spiegare la cosa pi completamente. Quando il Sacerdote va allaltare per
celebrare la Santa Messa, un giorno indossa la pianeta bianca, un altro giorno rossa, o di
altri colori.
Perch questa variazione di colori? Sar forse lasciata la scelta al sacerdote, il quale,
a suo arbitrio, indossa le vesti di quel colore che pi gli piace?
No, no; la Chiesa ha fatto una legge grave e ben precisa, che determina esattamente
quale colore si deve adoperare nei paramenti sacri, in ciascun giorno dellanno.
Ma per comprendere bene il significato e limportanza dei vari colori, necessario fare prima una spiegazione.
La Chiesa distingue i Santi in varie categorie: Apostoli, Martiri, Pontefici, Confessori,
Vergini, non Vergini.
Apostoli, sono i dodici scelti da Ges, escluso Giuda, al cui posto fu messo Mattia (furono aggiunti poi S. Paolo e S. Barnaba).
Martiri, sono quelli che hanno versato il sangue, o sono stati in qualunque modo
tormentati ed uccisi, perch vollero rimanere fedeli a Ges Cristo.
Pontefici, sono quelli che furono Papi o Vescovi.
Confessori, sono tutti gli altri Santi che non furono n apostoli, n martiri, n pontefici, ma che confessarono, ossia professarono, la religione in un modo assai pi perfetto dei
comuni cristiani. Con questa parola confessori, non si vuole alludere al sacramento della
Confessione, perch i Santi Confessori non sono quei santi che confessarono la gente e
diedero lassoluzione dei peccati. Sono coloro che si fecero santi confessando, ossia professando, ossia praticando, la religione in un modo pi perfetto degli altri, che amarono il
Signore pi degli altri, e lo servirono con la pratica di eroiche virt. Perci a questa categoria appartengono tutti quegli uomini santi che non furono Apostoli, Pontefici, o Martiri.
Vergini, sono le donne che si consacrarono al Signore per tutta la loro vita, rinunziando al matrimonio, per amare e servire Dio solo.
Non Vergini, sono le donne che, pure essendosi sposate, praticarono la virt in modo
eroico, e si fecero sante.
Or la Chiesa assegna, per ogni giorno dellanno, la festa di qualche Santo, in cui onore si deve celebrare la Santa Messa. Ed a seconda della categoria a cui il Santo appartiene,
si cambia il colore dei paramenti sacri, adoperando quello che meglio si adatta a significare
le caratteristiche speciali di ciascuna categoria.
Con la stessa norma si regolano i colori dei paramenti sacri nelle feste del Signore,
della Vergine SS. e degli Angeli.
Dopo queste spiegazioni sar facile comprendere il significato di ciascun colore, e
lassegnazione che la Chiesa ne fa per ciascuna festa.
I colori dei paramenti sacri sono cinque: bianco, rosso, verde, violaceo, nero (fig.
26).
Il bianco esprime la gioia, linnocenza, la gloria angelica, la verginit, il trionfo dei
Santi, la vittoria del Redentore; e perci si usa nelle feste gloriose del Signore (Pasqua,
Ascensione, ecc.), nelle feste della Madonna, degli Angeli, dei Pontefici, dei Confessori,
delle Vergini e non Vergini.
Il rosso simboleggia lamore e il sangue; e perci si usa nelle feste dello Spirito Santo, nelle feste che ricordano lo spargimento del sangue del Signore (festa della Croce, del
50

Preziosissimo Sangue, dellOrazione allorto, ecc.), nelle feste dei Martiri, e nelle feste degli
Apostoli (che soffrirono tutti il martirio per amore di Ges).
Il verde il simbolo della speranza; e perci si adopera in quei giorni in cui non si
dice la Messa in onore di qualche Santo particolare, ma si solleva il pensiero alla patria celeste, ravvivando la speranza di giungervi un giorno per i meriti di Ges, che si sacrifica
per noi nella Santa Messa.
Il violaceo il simbolo di umiliazione e di penitenza; e perci si adopera nella Quaresima, nellAvvento, nei Quattro Tempi, nelle Vigilie, nelle Rogazioni.
Il nero il simbolo di dolore e di morte; e perci si adopera nelle Messe per i defunti
e nella Messa del Venerd Santo, nella quale si commemora la morte di Ges sulla croce.
I paramenti sacri, di cui si varia il colore con le dette regole, sono: il manipolo, la stola, la pianeta, il velo con cui si copre il calice; e nellaltare: il conopeo sopra al ciborio e il
paliotto sul davanti dellaltare.

Figura 26: I colori dei paramenti sacri sono cinque: bianco, rosso, verde, violaceo, nero.

51

27. Preparazione delle ostie per la Messa


Le ostie per la Messa devono essere confezionate con farina di frumento. La farina di
orzo, di granoturco, o di altri cereali, non sarebbe buona per fare le ostie; o se anche il
Sacerdote vi dicesse sopra le parole della consacrazione, le ostie non rimarrebbero consacrate.
Lostia si dice anche pane azzimo, che significa: fatto senza lievito. E per celebrare la
Messa si deve adoperare sempre pane senza lievito, perch quando Ges, nellultima Cena, consacr, per la prima volta, il pane, adoper pane senza lievito. Soltanto ai Sacerdoti
della Grecia la Chiesa permette, per giuste ragioni, di celebrare la Messa col pane lievitato,
il quale certamente si pu consacrare, perch quando fatto con acqua e farina di frumento, sempre vero pane.
Come si confezionano le ostie? In un modo semplicissimo. Si mescola del fior di farina con acqua, e se ne fa una poltiglia non troppo densa. Poi si scalda, ad un punto giusto
di calore, un ferro apposito, fatto a forma di tenaglia, alla cui estremit sono fissate due
piastre di acciaio. Su queste piastre inciso il nome di Ges (IHS) e limmagine di Ges
Crocifisso.
Si apre la tenaglia, gi calda, si versa sulla piastra dacciaio una piccola quantit di
poltiglia di farina, e poi subito si richiude la tenaglia. La poltiglia si schiaccia in una sfoglia
sottilissima, e rimane lievemente abbrustolita per il calore della tenaglia.
Lostia fatta: non rimane che ritagliarla tuttintorno, perch sia ben rotonda. E questo taglio si fa molto facilmente per mezzo di un ferro apposito.
Ordinariamente sulla piastra di acciaio sono incise due ostie grandi per la Messa e
unostia piccola per la Comunione dei fedeli.
Il lavoro semplice e facile; per, considerato laltissimo scopo a cui devono servire
le ostie, questo lavoro non si affida ad una persona qualunque, ma ordinariamente viene
affidato alle Suore, affinch sia eseguito con grande pulizia e con somma riverenza.
Ma dove si prender la farina di vero frumento, e non vi siano mescolate altre farine?
E questa una cosa molto importante, di cui le Suore si devono interessare con ogni premura, perch se la farina con cui si fanno le ostie non fosse di vero frumento, le ostie non
rimarrebbero consacrate; e il Sacrificio della Messa non si compirebbe, ei fedeli non riceverebbero Ges quando fanno la Comunione.
Certamente non difficile assicurarsi sulla qualit della farina, e le Suore vi attendono con ogni scrupolo.
A Viterbo e in altre localit, gi da alcuni anni, invalsa una graziosa consuetudine,
che mentre d alle suore la perfetta sicurezza sulla qualit della farina, nello stesso tempo
abitua i fedeli a fare essi stessi lofferta del grano, che serve per confezionare le ostie.
Quando si avvicina il tempo della mietitura, lUnione Giovanile Cattolica dirama una
Circolare, che dice cos:

In questi giorni si raccolgono le belle spighe di grano, che Iddio ha fatto crescere per
nostro vantaggio. Ma alcune di queste servono a Lui, al Creatore di tutte le cose, per compiere il grande Sacrificio della Messa e per donarsi ai Fedeli nella S. Comunione.
Noi, dunque, ci permettiamo di chiedere alla S. V. Ill.ma una piccola quantit di grano per fare le ostie che dovranno poi servire al S. Sacrificio della Messa ed alla Comunione
dei Fedeli, in tutte le Chiese della nostra Citt.
Se la S. V. Ill.ma vorr fare questo piccolo regalo al buon Ges, potr ritornarci,
riempito di grano, il sacchetto qui unito, mandandolo alla residenza della nostra Associazione (Piazza S. Leonardo, 2).
52

Da parte di Ges anticipiamo i pi vivi ringraziamenti, e non mancheremo di pregare


il nostro Re celeste che faccia scendere sopra la S. V. Ill.ma e su tutta la sua famiglia le
divine Benedizioni.
Questa Circolare viene inviata a circa 300 persone della citt, gi note per particolare
piet e sentimenti religiosi. Unitamente alla Circolare si manda anche una sacchettina di
tela (che pu contenere circa due chilogrammi di grano) sulla quale scritto: Grano per

la SS. Eucarestia.
Dopo qualche giorno, le sacchettine riempite incominciano a ritornare; e, prima che
finisca la stagione del raccolto, con quelle sacchettine si riempiono dei grandi sacchi, e si
raccolgono da quattro a cinque quintali di grano, che sono sufficienti per preparare non
solo le ostie per la Messa, ma anche le ostie che servono per la Comunione dei fedeli in
tutte le parrocchie della citt (40.000 abitanti) per tutto lanno.
Per confezionare quelle ostie, che dovranno diventare Corpo di Ges, per essere immolato sullaltare o per essere distribuito ai fedeli in Comunione uomini, donne, fanciulli,
offrono alle Suore i loro pacchettini di grano, o i mazzetti di spighe (fig. 27).

Figura 27: Uomini, donne, fanciulli, offrono il grano per confezionare le ostie.

Tutto questo presenta uno spettacolo cos pieno di teneri sentimenti di fede, che ricordano i primi tempi del Cristianesimo.
E perch questo esempio non potrebbe essere imitato in tanti altri paesi e citt? Servirebbe ad educare spiritualmente il popolo e ad assicurare il perfetto confezionamento
delle ostie.

53

28. Preparazione del vino per la Messa


Le stesse premure e le stesse attenzioni che si adoperano nella preparazione delle
ostie, si devono adoperare nella preparazione del vino per la Messa. Quel vino deve diventare il Sangue prezioso di Ges! Con quale riverenza, dunque, e con quale pulizia deve essere preparato!
E soprattutto si deve usare ogni diligenza per essere ben sicuri che quel vino sia fatto
di una e sia senzacqua. Perch ci sono adesso tanti vini artificiali, che non sono fatti di
uva, ed intanto sembrano vini veri.
Se si celebrasse la Messa con tale vino, quella Messa non avrebbe alcun valore, perch quel vino, non essendo vero vino di uva, alle parole della consacrazione non si cambierebbe nel Sangue di Ges; e perci non si rinnoverebbe sullaltare il Sacrificio della croce.
Ges, nellultima Cena, consacr il vino fatto di uva, e perci soltanto del vino fatto di
uva noi siamo sicuri, parola di Ges, che si cambia nel suo Sangue prezioso.
Per questa ragione proibito ai Sacerdoti di celebrare la Messa con vino acquistato
da un vinaio qualsiasi; ma devono procurarselo da persona di coscienza, la quale possa
assicurare che il vino da essa fornito fatto veramente di uva. Ottima cosa poi se il Sacerdote provvede da s a fare, in casa sua, il vino per la Messa.
A Viterbo lUnione Giovanile Cattolica sinteressa di preparare il vino per le Messe,
con un sistema somigliante a quello che adopera per la preparazione delle ostie.
Quando si avvicina il tempo della vendemmia, alle stesse persone, a cui fu inviata la
circolare per lofferta del grano, viene inviata unaltra circolare, che dice cos:

In questi giorni si raccolgono i bei grappoli duva, che Iddio ha fatto crescere per nostro vantaggio. Ma alcuni di questi grappoli servono a Lui, al Creatore di tutte le cose, per
formare quel vino, che, nel Santo Sacrificio della Messa, si deve trasformare nel Sangue
prezioso di Ges.
Ci permettiamo di chiedere alla S. V. Ill.ma alcuni grappoli duva a questo scopo.
Se la S. V. Ill.ma vorr fare questo piccolo regalo al buon Ges, potr inviare la sua
offerta alla residenza della nostra associazione (Piazza S. Leonardo, 2).
Noi, dopo aver lasciato passire luva per qualche giorno, la rimonderemo accuratamente dagli acini guasti; poi inviteremo alcuni Sacerdoti a spremere questuva con le loro
mani consacrate; e il vino, che ne avremo, lo distribuiremo, a suo tempo, a tutti i parroci
della citt, perch se ne servano per celebrare la S. Messa.
Questa offerta sar certamente assai gradita al cuore di Ges, che vedr in essa
unespressione della gratitudine e dellamore dei suoi figli, per il dono prezioso che Egli ha
fatto agli uomini, quando ha istituito il SS. Sacramento dellAltare e il Sacrificio della Messa.
Siamo dunque sicuri che Ella vorr fare questa offerta al buon Ges con profondo
sentimento di fede, di gratitudine e di amore.
E noi pregheremo il Cuore SS. di Ges che ricolmi di celesti benedizioni la S. V. e tutta la sua famiglia.
Ed ecco che, dopo qualche giorno, incominciano ad arrivare da ogni parte cestelli di
uva: chi porta due grappoli, chi ne porta cinque, chi dieci e chi cento.
Allora la sala maggiore della Unione Giovanile Cattolica diventa una piccola vigna sacra; perch tuttintorno alla grande sala si dispongono degli appositi attaccagli (alcuni in
forma di alberetti, altri in forma di grandi quadri), ai quali vengono appesi, a cento a cento, i grappoli di uva offerti dai fedeli. Sicch la sala prende veramente laspetto di una piccola vigna, carica di grappoli.
54

Passano cos alcuni giorni, durante i quali luva si passisce un poco, ed intanto i fedeli
completano le loro offerte. Poi, con un rito tutto speciale e con grande solennit, si fa la.
vendemmia sacra per preparare il vino delle Messe (figura 28).

Figura 28: Con un rito tutto speciale si fa la vendemmia sacra, per preparare il vino per le Messe.

Nella chiesetta di S. Leonardo, attigua alla sede dellUnione Giovanile Cattolica, si radunano dieci o dodici sacerdoti, e quasi sempre interviene anche il Vescovo. E intervengono anche tutti i giovani della tipografia della U. G. C. ed alcuni fedeli.
Si recita una Coroncina di preghiere, espressamente composta per la circostanza; e si
chiude con la Benedizione Eucaristica. Dopo che tutti si recano nella sala per la vendemmia sacra.
La sala addobbata a festa; nella parete di fondo troneggia una grande statua del
Sacro Cuore di Ges, con lumi e fiori; lungo le pareti di fianco sono disposti dei piccoli tinozzi, sopra ciascuno dei quali posta una cassettina di legno col fondo perforato, la quale serve per schiacciare luva.
I Sacerdoti si dispongono ciascuno presso uno dei tinozzetti; e il Vescovo prende posto nella poltrona per lui preparata. Si canta un inno eucaristico, e poi il Vescovo benedice
le uve, recitando lOremus apposito e aspergendole con acqua benedetta.
Dopo di che il Vescovo schiaccia, con le mani, i primi grappoli di uva e ne spreme il
succo in un vassoio. E subito tutti i Sacerdoti incominciano la stessa operazione, schiacciando luva con le mani ciascuno sul suo tinozzetto.
Il Vescovo poi lascia la sala, ed i Sacerdoti rimangono al loro lavoro per quattro o
cinque ore.
Durante questo tempo i giovani della tipografia fanno da inservienti ai sacerdoti: alcuni rimondano i grappoli dagli acini guasti, altri portano ai sacerdoti, per mezzo di cestelli,
i grappoli da schiacciare.
55

Intanto, perch la funzione conservi tutto il suo carattere sacro, un Sacerdote legge,
a voce alta, un libro di fatti eucaristici; e la lettura viene intramezzata con canti eucaristici.
E cos si prosegue fino a che gli attaccagli sono stati spogliati completamente dei loro
grappoli, e tutta luva stata schiacciata dentro ai tinozzetti.
Luva schiacciata si riunisce poi in un tino grande e si lascia fermentare. A suo tempo,
quando il vino pronto e depurato, viene messo in apposite bottigliette piombate, e viene
distribuito a tutti i parroci della citt (che sono 14).
Con tale preparazione non solo si ottiene un vino eccellente e perfettamente puro,
quale si richiede per la Santa Messa; ma si ottiene altres una delicata educazione spirituale dei fedeli, i quali sentono una santa gioia nel pensare che quei pochi grappoli di uva, da
essi offerti, servono a formare il vino, che deve esser cambiato nel Sangue di Ges.
Anche questo, come quello della preparazione delle ostie, un esempio che potrebbe
esser facilmente imitato in tanti paesi e in tante citt.
Qual quella famiglia cristiana, che si rifiuter di offrire al proprio parroco, durante la
vendemmia, due o tre grappoli di uva per s nobile scopo? E quale Sacerdote non si terr
onoratissimo di preparare, con le proprie mani, come faceva il Santo re Wenceslao, quel
vino che egli deve consacrare per compiere il grande Sacrificio della Messa?

56

29. La Messa solenne del Vescovo (Pontificale)


Il Sacrificio di Ges sullaltare potrebbe compiersi in pochi istanti; basterebbe che un
Sacerdote consacrasse lostia e il vino, e facesse subito la Comunione: il Sacrificio sarebbe
completo.
Per, essendo questo latto pi importante della religione, la Chiesa ha voluto circondarlo di cerimonie, di istruzioni e di preghiere.
Lo svolgimento completo del rito si trova nella Messa cantata, o solenne. La Messa
letta (o Messa bassa) quasi una semplificazione del rito solenne della Messa cantata.
Per, anche nella Messa cantata, il rito tanto pi solenne e maestoso, quanto pi
alto il grado che occupa nella gerarchia della Chiesa il Sacerdote che celebra la Messa.
Cos la Messa cantata che celebra un Vescovo pi ricca, per maest di cerimonie e
di riti, che non la Messa cantata che celebra un semplice prete; e la Messa cantata che celebra il Papa ancora pi ricca e pi maestosa di quella di un Vescovo.
La Messa cantata di un Vescovo o del Papa si chiama Messa Pontificale.
Parleremo qui brevemente del rito della Messa pontificale del Vescovo; e nel capitolo
seguente parleremo della Messa pontificale del Papa.
A fianco dellaltare dove il Vescovo celebra la Messa pontificale, eretto un trono, sul
quale egli siede in alcuni momenti della Messa.
Sullaltare si accendono sette candele, che significano i doni dello Spirito Santo, dei
quali il Vescovo ha la pienezza, per comunicarli agli altri.
Allaltare, mentre celebra, il Vescovo assistito da cinque sacerdoti: il diacono e il
suddiacono, ministri della Messa, vestiti di tunicella; il prete assistente, vestito di piviale;
altri due diaconi (chiamati assistenti), vestiti di tunicella.
Quattro giovani chierici (o anche Sacerdoti), vestiti di piviale, fanno servizio al Vescovo.
Uno di questi inservienti tiene il pastorale, ossia un ricco bastone di metallo dorato,
che il Vescovo porta in mano soltanto in alcuni momenti. Si chiama pastorale, perch il
simbolo del bastone del buon pastore, che guida le anime al Cielo.
Un altro inserviente tiene due mitre, una ricca, ornata di oro e di gemme; o unaltra
semplice. La mitra una specie di cappello schiacciato, che ha la forma di un arco gotico.
Il diacono e il suddiacono pensano a mettere in testa al Vescovo, o a togliere, la mitra
gemmata o la mitra semplice, nei diversi momenti della Messa, secondo la prescrizione del
rito.
Un altro inserviente tiene il libro, che in certi momenti deve aprire davanti al Vescovo, perch vi possa leggere alcune parti della Messa.
E un altro inserviente tiene la bugia per far lume al Vescovo, quando deve leggere
sul libro.
Il cameriere poi e il segretario del Vescovo sono presso laltare per versare lacqua e
porgere lasciugatoio al Vescovo, quando si deve lavare le mani nei momenti prescritti.
Un chierichetto (detto; caudatario) sostiene lo strascico della veste del Vescovo, che
simbolo della autorit e della nobilt episcopale.
Alcuni chierici portano i candelabri accesi, un altro lincensiere, ecc. E finalmente un
cerimoniere dirige le cerimonie, perch tutto si eseguisca con lordine prescritto dalle leggi
della Chiesa.
Con questo ricco apparato di ministri e dinservienti, con cerimonie maestose, ricche
di simbolici significati, si svolge il rito solenne della Messa Pontificale del Vescovo (fig. 29).

57

Figura 29: Con ricco apparato di ministri e dinservienti, si svolge il rito solenne della Messa Pontificale del Vescovo.

58

30. La Messa cantata del Papa (Pontificale)


Quando il Papa canta la Messa nella basilica di S. Pietro, il rito assume la pi grandiosa solennit; e lo svolgimento delle cerimonie (alcune delle quali sono del tutto singolari) imponente.
Descrivere tutti i particolari del rito della Messa papale sarebbe cosa assai lunga; noi
diremo soltanto alcune cose principali.
Il Papa, entrando dalla cappella del SS. Sacramento, attraversa tutta la basilica, portato sulla sedia gestatoria, che come un trono riccamente addobbato, portato sulle spalle
da uomini addetti, che si chiamano palafrenieri.
Dietro alla sedia gestatoria due camerieri segreti portano i flabelli, ossia due grandissimi ventagli di piume candide, che sono simbolo di grandezza e di maest.
Il Papa, oltre i soliti paramenti sacri della Messa, ne indossa alcuni suoi propri, fra i
quali un ampio manto ricchissimo. E sul capo, in certi momenti, porta il triregno.
Il triregno una specie di cappello in forma di piccola cupola, con tre cerchi doro
tempestati di pietre preziose, che sono come tre corone da re. Esse simboleggiano i tre
regni sui quali si estende lautorit del Papa: il Paradiso, per aprirne le porte; la terra, per
guidare i fedeli sulla via del Cielo; il Purgatorio, per liberarne le anime.
La sedia gestatoria sulla quale portato il Papa preceduta e seguita da un lungo
corteo di nobili personali: Cappellani segreti, Camerieri donore, Canonici, Prelati, Abati,
Vescovi, Arcivescovi, patriarchi, Cardinali, Principi, Guardie nobili, Guardie svizzere, ecc.
Il Papa, arrivato presso laltare detto della Confessione, scende dalla sedia gestatoria
e sale sul trono papale; depone il grande manto e indossa altri paramenti sacri.
Intanto i Cardinali prendono posto presso laltare, al luogo assegnato; le Guardie no
bili si schierano, in due lunghe file, davanti allaltare; i Vescovi a fianco dellaltare; e tutti
gli altri personaggi del corteo si dispongono ai loro posti.
Il Papa scende dal trono e va allaltare, accompagnato dai sacri ministri ed assistenti,
tutti in ricchissimi paramenti.
E da notarsi che laltare ove dice Messa il Papa fatto in modo che egli ha il popolo
davanti a s e non alle spalle, come avviene quando dicono Messa i Sacerdoti semplici ed i
Vescovi.
La Messa incomincia e il rito si svolge, in tutte le sue parti, con la pi maestosa
grandiosit. Ma due momenti sono pi solenni e presentano qualche cosa di singolare: il
momento della Elevazione ed il momento della Comunione.
Il Papa allaltare; alla sua sinistra sta il Cardinale assistente, alla sua destra il Cardinale diacono, al secondo gradino dellaltare altri due Cardinali diaconi assistenti; e, pi in
basso, il Cardinale suddiacono in mezzo a due ministri di rito Greco. Davanti allaltare sette
Prelati con le torce accese.
Al momento della consacrazione tutti genuflettono; e intanto le trombe dargento,
dallalto della cupola, fanno risuonare la tradizionale devotissima melodia.
Il Papa, appena ha pronunziato le parole della consacrazione, anzich innalzare
lOstia (come fanno i Sacerdoti semplici), per farla adorare dal popolo si rivolge verso gli
astanti, tenendo lOstia in mano, e fa un giro in semicerchio, per mostrarla a tutti e per
farla adorare (fig. 30).

59

Figura 30: Dopo la Consacrazione il Papa, tenendo lOstia in mano, si volge agli astanti per farla
adorare.

La stessa cerimonia compie, tenendo in mano il calice, per far adorare il prezioso
Sangue, dopo la consacrazione.
Unaltra cerimonia singolare si fa al momento della Comunione. Il Papa non si comunica allaltare, ma sul trono.
Dopo lAgnus Dei il Papa sale sul grande trono di fronte allaltare. Il Cardinale diacono
prende sullaltare lOstia consacrata e la consegna al Cardinale suddiacono, che sta devotamente inginocchiato. Poi il Cardinale diacono prende il calice col vino consacrato. E Ostia
e calice vengono portati davanti al Papa, che sta sul trono.
Il Papa legge sul messale le orazioni di preparazione alla Comunione, e poi fa la Comunione collOstia e sorbisce il vino consacrato per mezzo di una cannuccia doro (chiamata: fistula). Per egli lascia una met dellOstia e una parte del vino consacrato, perci il
Cardinale diacono e il Cardinale suddiacono devono partecipare alla sua Comunione.
Perci i due Cardinali singinocchiano davanti al Papa, e dalle sue mani ricevono
dellOstia consacrata una parte per ciascuno. Poi ritornano allaltare e sorbiscono (con la
cannuccia doro) un poco per ciascuno del vino consacrato lasciato dal Papa.
Cos la consumazione del Sacrificio, invece di esser fatta da un solo Sacerdote, fatta da tre Sacerdoti, come segno della solenne grandiosit del rito con cui si offre a Dio il
Sacrificio, quando celebra la Messa il Papa.

60

31. Che cosa dice e che cosa fa il Sacerdote quando celebra la Messa
Sebbene la maest del rito sia diversa a seconda della dignit della persona che celebra la Messa, pure lessenza del Sacrificio sempre la stessa. La Messa, o sia celebrata
dal Papa, o da un Vescovo, o da un semplice Sacerdote, sempre la stessa cosa: sempre il rinnovamento del Sacrificio che Ges comp sul monte Calvario.
E, nello svolgimento del rito con cui la Chiesa ha voluto che si celebrasse questo Sacrificio, si possono distinguere quattro parti principali:
1) Istruzione Lettura dellEpistola, del Vangelo, recita del Credo.
2) Offertorio Offerta del pane e del vino, che dovranno consacrarsi.
3) Consacrazione Del pane e del vino nel Corpo e Sangue di Ges.
4) Consumazione Comunione del Sacerdote per consumare il Pane e il Vino
consacrato.
Ora, sebbene nella Messa Cantata, sia da un semplice Sacerdote, sia da un Vescovo
o dal Papa, il rito si svolga con cerimonie pi solenni, tuttavia nelle sue parti essenziali, il
rito sempre quello stesso della Messa letta (o Messa bassa).
Perci, nelle pagine seguenti, faremo una breve ma completa esposizione delle singole parti del rito, con cui il semplice Sacerdote celebra la Messa letta.

61

1 - IL SACERDOTE VA
ALLALTARE

2 - IL SACERDOTE STENDE
IL CORPORALE

3 - INCOMINCIA LA MESSA

Il Sacerdote indossa, in sacrestia,


i sacri paramenti, prende il calice
con la mano sinistra e vi poggia
sopra la destra, per tener ferma
la patena, la borsa ed il velo. Poi
si avvia all'altare.
Il Sacerdote, in questo momento,
rappresenta Ges, che si avvia al
Calvario portando la croce.
L'altare sta per diventare un monte Calvario, sul quale, per le mani
del Sacerdote, Ges vuol rinnovare, in modo misterioso, il Sacrificio della croce.

Saliti i gradini dell'altare, il


Sacerdote estrae dalla borsa
il corporale, lo stende sulla
mensa e vi poggia sopra il
calice.
Quel corporale ci ricorda la
sacra sindone, nella quale fu
avvolto il Sacro Corpo di Ges, quando fu deposto dalla
croce, perch sopra quel
corporale, fra pochi istanti,
sar poggiato il Corpo di Ges.
E quel Corpo santissimo sar
offerto sull'altare, per rinnovare il Sacrificio della croce.

Il Sacerdote recita un bel salmo di David, che incomincia


cos: Mi appresser all'altare di
Dio; a Dio il quale d letizia alla
mia giovinezza.
Quale altissimo onore per il Sacerdote, e quale onore anche
per i fedeli, potersi accostare a
quell'altare, dove sta per compiersi il Sacrificio di Ges!
Questo pensiero deve produrre
sentimenti di gioia e di gratitudine nel cuore del Sacerdote e
nel cuore dei fedeli, che presso
l'altare del Signore trovano il
fonte di letizia vera.

62

4 - IL "CONFITEOR"

5- IL SACERDOTE BACIA
L'ALTARE

6 - L'INTROITO

Il Sacerdote s'inchina profondamente e recita il Confiteor. Confessa al cospetto di Dio, di Maria


Vergine e dei Santi, di essere
peccatore, e di non meritarsi perci di appressarsi all'altare del Signore, per compiere il grande Sacrificio.
Anche i fedeli, che assistono alla
Messa, devono umiliarsi profondamente. Insieme col Sacerdote,
reputandosi indegni di stare davanti all'altare.
Per esprimere questi sentimenti
di umilt si pu recitare il Confiteor, o l'Atto di dolore.

Il Sacerdote, appena saliti i


gradini dell'altare, bacia la
mensa, dicendo: Vi preghiamo, o Signore, per i meriti dei vostri Santi, dei quali
qui stanno le reliquie, e dei
Santi tutti, affinch vi degnate di perdonare tutti i peccati
miei.
Questa preghiera ricorda la
riverenza e la purezza con
cui si deve stare davanti all'altare, dove sono custodite
le reliquie dei Santi.
Il bacio poi significa l'amore
che si deve alla Vittima divina, che sta per immolarsi
sull'altare.

La parola introito significa introduzione. Il Sacerdote, come


introduzione alla Messa, legge
alcuni versetti, presi ordinariamente dalla Sacra Scrittura, coi
quali si esprimono sentimenti,
che hanno relazione colla festa
che la Chiesa celebra in quel
giorno.
Per ricavare gran frutto dall'assistenza alla S. Messa, necessario seguire il ciclo liturgico, e
cio il succedersi delle feste e
solennit in ciascun giorno dell'anno, secondo l'ordine stabilito, con grande sapienza, dalla
Chiesa.

63

7 - IL "KIRIE" E IL "GLORIA IN
EXCELSIS"

8 - IL "DOMINUS VOBISCUM"

9 - L'EPISTOLA

Il Sacerdote ripete per nove


volte: Signore, misericordia! rivolgendo questa invocazione
tre volte a Dio Padre, tre volte
al Figliolo, tre volte allo Spirito
Santo. Poi loda il Signore con
un inno bellissimo, che incomincia colle parole che cantarono gli angeli sulla grotta di
Betlemme: Gloria a Dio nel pi
alto dei cieli
Umiliarsi davanti a Dio, e lodarlo per la sua infinita misericordia, la pi bella preparazione
ai misteri che si stanno per
compiere sull'altare.

Il Sacerdote, stando nel mezzo dell'altare, si rivolge verso


il popolo; e, aprendo le braccia come per salutare, dice:
Dominus vobiscum, che significa: Il Signore sia con voi!
I fedeli devono ricevere questo saluto come un augurio e
come un invito.
Augurio che la grazia del Signore riempia, in quell'ora solenne, l'anima di tutti coloro
che assistono alla S. Messa;
invito a rimanere uniti con Dio
nel raccoglimento della preghiera.

Il Sacerdote, ritornato al lato


destro dell'altare, legge sul messale alcune preghiere (Oremus);
e poi legge l'Epistola (lettera),
che ordinariamente consiste in
un piccolo tratto di qualche lettera degli Apostoli.
Qui la Chiesa mostra il desiderio
che tutti i fedeli conoscano bene
gli insegnamenti di Ges, rileggendo spesso le lettere degli
Apostoli.
Senza una completa conoscenza
degli insegnamenti di Ges e
della Chiesa non si pu assistere
con frutto alla Santa Messa.

64

10 - IL "MUNDA COR MEUM"

11 - IL VANGELO

12 - IL CREDO

Il Sacerdote, stando in mezzo all'altare, s'inchina profondamente


e dice: O Dio onnipotente, purificate il mio cuore e le mie labbra... affinch io possa degnamente annunziare il vostro Santo
Evangelo.
Con questa preghiera egli si prepara a leggere il Vangelo.
Anche i fedeli, che assistono alla
Messa, devono pregare il Signore
che illumini la loro mente e purifichi il loro cuore, per essere degni
di comprendere e di gustare gl'insegnamenti di Ges.

Il Vangelo la narrazione
della vita e degl'insegnamenti di Ges. Il Sacerdote, prima di leggerne un tratto sul
messale, si fa un piccolo segno di croce sulla fronte, un
altro sulle labbra e un altro
sul petto. Con ci esprime il
suo desiderio e il suo proposito che tutti i suoi pensieri,
tutte le sue parole, tutti i
suoi affetti siano conformi
agl'insegnamenti di Ges.
Con lo stesso desiderio e con
lo stesso proposito, i fedeli
devono farsi il piccolo segno
di croce sulla fronte, sulle
labbra e sul petto.

Stando in mezzo all'altare, il


Sacerdote recita il Credo, che
il compendio della Dottrina cristiana. Alle parole "s'incarn di
Spirito santo, nacque da Maria
Vergine" s'inginocchia un istante, come per adorare Ges,
che si incarnato per noi.
I fedeli devono recitare il Credo, mentre lo recita il Sacerdote, per fare la loro professione
di fede; e devono inginocchiarsi insieme con lui, mentre ricordano l'incarnazione di Ges.
E tutti devono ringraziare il Signore pel dono della Fede da
lui ricevuto.

65

13 - IL SACERDOTE SCOPRE IL
CALICE

14 - OFFERTA DELL'OSTIA

15 - PREPARAZIONE DEL VINO

Il Sacerdote toglie il velo di sopra


al calice e lo ripone da un lato;
poi pone il calice fuori del corporale, dal lato destro.
Qui finisce la prima parte della
Messa, ossia l'istruzione; ed incomincia la seconda, ossia l'offertorio.
Questa una parte essenziale del
Santo Sacrificio, e perci, nei
giorni di festa, non soddisfa al
precetto della Chiesa chi perde
questa parte della Messa, arrivando tardi.

Il Sacerdote prende di sopra


al calice la patena, che contiene l'ostia; e sollevandola
con ambedue le mani, dice:
Ricevete, o Padre Santo, onnipotente eterno Iddio, questa ostia immacolata, che io
vi offro... per tutti i fedeli
cristiani vivi e defunti, affinch a me e ad essi sia profittevole alla salute nella vita
eterna.
I fedeli devono unirsi ai sentimenti del Sacerdote, offrendo all'Eterno Padre la
Vittima Immacolata, che sta
per immolarsi sull'altare.

Il Sacerdote mette nel calice


una piccola quantit di vino, e
vi aggiunge due o tre gocce di
acqua. Queste gocce di acqua
ricordano l'acqua che usc dal
costato di Ges, quando, essendo egli gi morto sulla croce, il centurione gli fer il cuore
con una lanciata.
Cos si rappresenta pi vivamente la morte di Ges sulla
croce, poich fra pochi istanti
sar contenuto nel calice il vero
Sangue di Ges: quello stesso
Sangue, che egli vers dal suo
sacro costato, trafitto dalla lancia.

66

16 - OFFERTA DEL VINO

17 - IL SEGNO DI CROCE
SULL'OSTIA E SUL CALICE

18 - IL "LAVABO"

Il Sacerdote solleva in alto il calice, con ambedue le mani, e dice:


Vi offriamo, o Signore, il calice
della salvezza, supplicando la vostra clemenza, affinch esso salga, con profumo di soavit, al cospetto della vostra divina Maest,
per la salvezza nostra e di tutto il
mondo.
I fedeli devono unirsi ai sentimenti del Sacerdote, offrendo a Dio
quel vino che, fra pochi istanti,
sar trasformato nel Sangue di
Ges, perch si rinnovi sull'altare
il Sacrificio del Calvario.

Dopo aver fatto l'offerta, il


Sacerdote depone il calice
sul corporale, e recita una
bella preghiera, verso la fine
della quale fa un segno di
croce sul calice e sull'ostia,
dicendo: Venite, o Santificatore onnipotente eterno Iddio,e benedite questo Sacrificio al vostro santo Nome
preparato.
I segni di croce, che il Sacerdote ripete spesso sull'ostia e sul calice, ricordano
che il Sacrificio, che si offre
sull'altare, il rinnovamento
di quello della croce.

Il Sacerdote, mentre si lava le


dita, con le quali fra poco dovr toccare l'ostia consacrata,
dice cos: Laver fra gl'innocenti le mie mani, e star intorno al vostro altare, o Signore....
Questa cerimonia significa, ancora una volta, quanto grande
dev'essere la purezza del Sacerdote, che deve tenere fra le
mani il Corpo SS. di Ges; e ricorda anche ai fedeli il dovere
di assistere alla Messa coll'anima pura, specialmente se devono accostarsi alla S. Comunione.

67

19 - L'ORATE FRATRES

20 - Il PRAEFATIO

21 - IL SANCTUS

Il Sacerdote bacia l'altare, poi si


volge al popolo e dice: Orate, fratres, che significa: Pregate, o fratelli.
E, rivolgendosi di nuovo all'altare,
continua la sua esortazione sottovoce, dicendo cos: .... affinch il
mio e vostro Sacrificio torni gradito a Dio Padre onnipotente.
L'inserviente, a nome di tutti i fedeli, risponde cos: Il Signore accetti il Sacrificio dalle tue mani a
lode e gloria del suo nome, a
vantaggio anche nostro e di tutta
la sua santa Chiesa.

La parola praefatio significa


preludio. Come preludio alla
parte pi importante della
Messa, che sta per incominciare, il Sacerdote dice il
praefatio, che un invito ad
elevare il cuore a Dio e a ringraziarlo per il Sacrificio, che
sta per compiere sull'altare.
Il praefatio incomincia cos:
Veramente cosa degna,
giusta e salutare che noi
sempre e dappertutto ringraziamo voi, o Signore...
Tutti i fedeli devono unirsi al
Sacerdote in questo inno di
lode e di ringraziamento al
Signore.

Il praefatio finisce ordinariamente con queste parole:...


con gli Angeli e gli Arcangeli,
con i Troni e le Dominazioni, e
con tutta la milizia del celeste
esercito, cantiamo (o Signore)
l'inno della vostra gloria, dicendo senza fine...
A questo punto il Sacerdote
s'inchina profondamente, e
prosegue: Santo, Santo, Santo
il Signore Dio degli eserciti...
Con questi sentimenti i fedeli
devono andare incontro a Ges, che sta per discendere dal
Cielo sull'altare.

68

22 - IL MEMENTO DEI VIVI

23 - IL SACERDOTE STENDE
LE MANI SUL CALICE E SULL'OSTIA

24 - IL SACERDOTE FA SEGNI
DI CROCE SUL CALICE E SULL'OSTIA

La parola memento significa: ricordati. In questo momento il Sacerdote congiunge le mani, si


raccoglie in segreta preghiera e
ricorda al Signore le persone per
le quali vuol pregare in modo particolare. Questo si chiama il memento dei vivi, perch si prega
soltanto per le persone vive: per i
defunti si prega dopo l'elevazione.
Anche i fedeli, insieme col Sacerdote, devono raccomandare al
Signore le persone (vive) per le
quali vogliono pregare in particolare.

Negli antichi sacrifici il Sacerdote stendeva le mani


sulla vittima per significare
che sopra quella intendeva
trasferire tutti i peccati del
popolo, per ottenerne, coll'immolazione, il perdono.
Ora il Sacerdote stende le
sue mani sul vino e sull'ostia, che stanno per diventare Sangue e Corpo di Ges,
per significare che Ges, sull'altare, sta per immolarsi
come Vittima per i peccati di
tutto il mondo.

Il Sacerdote fa tre segni di croce sul calice ed ostia insieme,


poi altri due segni di croce, uno
sull'ostia ed uno sul calice.
E intanto dice queste parole:
Degnatevi, o Signore, di rendere questa offerta benedetta ascritta grata ragionevole ed accettevole; affinch diventi per
noi il Corpo e il Sangue del vostro dilettissimo Figlio e Signor
nostro Ges Cristo.

69

25 - CONSACRAZIONE DELL'OSTIA

26 - ELEVAZIONE DELL'OSTIA

27 - CONSACRAZIONE DEL VINO

Il Sacerdote prende in mano l'ostia, s'inchina sopra di essa, e


pronuncia le parole della consacrazione: "Questo il corpo mio".
Sono queste le parole che Ges
disse nell'ultima Cena, quando
consacr il pane. Con queste parole, la sostanza dell'ostia si cambia nel Corpo SS. di Ges.
In questo momento solenne tutti i
fedeli devono inchinarsi profondamente, per adorare Ges, che
dal Cielo discende sull'altare.

Il Sacerdote, appena consacrata l'ostia, s'inginocchia


per adorarla; poi solleva l'ostia molto in alto, al disopra
della sua testa, perch tutto
il popolo possa vederla e adorarla.
In questo momento chi assiste alla Messa deve ravvivare la sua fede, credendo
fermamente che in quell'ostia presente Ges Cristo,
vivo e vero come sta in Cielo.
E, per esprimere questa fede, pu ripetere le belle parole dell'Apostolo S. Tommaso: Signore mio, e Dio mio!

Il Sacerdote prende in mano il


calice, s'inchina sopra di esso e
pronuncia le parole con le quali
Ges consacr il vino nell'ultima Cena: "Questo il calice
del Sangue mio, del nuovo ed
eterno testamento, mistero di
fede; il quale sar sparso per
voi e per molti, in remissione
dei peccati".
Con queste parole la sostanza
del vino si cambia nel Sangue
di Ges.
In quel calice il vero Sangue
di Ges! Tutti i fedeli devono
inchinarsi in atto di profonda
adorazione.

70

28 - ELEVAZIONE DEL CALICE

29 - IL SACERDOTE FA SEGNI DI CROCE SUL CALICE


E SULL'OSTIA

30 - OFFERTA DELLA VITTIMA


DIVINA

Il Sacerdote, appena consacrato il


vino, posa il calice sul corporale e
s'inginocchia per adorare il Sangue di Ges. Poi riprende il calice
e lo solleva molto in alto, al disopra della sua testa, perch tutto il
popolo possa vederlo e adorarlo.
Chi assiste alla Messa deve credere fermamente che in quel calice
si contiene veramente il prezioso
Sangue di Ges. E, guardando il
calice, pu ripetere le parole dell'Apostolo San Tommaso: Signore
mio, e Dio mio!

Il Sacerdote fa tre segni di


croce sull'ostia e sul calice
insieme; poi altri due segni
di croce, uno sull'ostia e uno
sul calice.
E mentre fa i segni di croce,
dice queste parole: ... Offriamo, o Signore, all'eccelsa
vostra Maest, delle cose
che ci avete donato e dato:
l'Ostia pura, l'Ostia santa,
l'Ostia immacolata.
Il Pane santo della vita eterna, e il calice della perpetua
salute.

Ora che la Vittima divina sull'altare, il Sacerdote ne fa l'offerta a Dio, dicendo: Degnatevi, o Signore, di riguardare
(questi doni) con volto propizio
e sereno, e di averli accetti,
come vi siete degnato di accettare i doni del vostro servo Abele, e il sacrificio di Abramo, e
quello che vi offr il vostro
sommo Sacerdote Melchisedech... Comandate, o Signore,
che questi doni vengano portati
al vostro sublime altare, per le
mani dell'angelo vostro santo.

71

31 - IL "MEMENTO" DEI DEFUNTI

32 - NOBIS QUOQUE PECCATORIBUS

33 - LE CROCI CON L'OSTIA


SUL CALICE

Il Sacerdote dice: Ricordatevi, o


Signore, anche dei vostri servi e
delle vostre serve, che ci hanno
preceduto col segno della fede e
dormono il sonno della pace.
Poi congiunge le mani e ricorda
quei defunti per i quali intende
pregare in particolare: quindi
conclude la preghiera cos: Ad essi, o Signore, e a tutti quelli che
riposano in Cristo, noi vi supplichiamo di voler concedere il luogo
del refrigerio, della luce e della
pace.

Il Sacerdote, alzando un poco la voce, e percuotendosi il


petto, dice: Nobis quoque
peccatoribus. Sono le prime
parole di una preghiera, che
poi continua a voce bassa, e
che dice cos: Anche a voi
peccatori, vostri servi, che
speriamo nella moltitudine
delle vostre misericordie,
degnatevi (o Signore) di dare qualche parte e societ
coi vostri Santi... nel consorzio dei quali vi preghiamo di
ammetterci, non riguardando al nostro merito, ma alla
vostra misericordia.

Il Sacerdote prende in mano


l'Ostia e fa con essa tre croci
sul calice, dicendo: Per lui (ossia: per Ges) e con lui ed in
lui.
E poi, facendo altre due croci
fra il calice ed il suo petto, continua: Viene a voi, Dio Padre
onnipotente, nell'unit dello
Spirito Santo ogni onore e gloria: per tutti i secoli dei secoli.
Qui finisce l'offerta della Vittima Divina; ora incomincia la
preparazione alla Comunione.

72

34 - IL PATER NOSTER

35 - SPEZZAMENTO DELL'OSTIA

36 - AGNUS DEI

Per prepararsi alla Comunione


non vi potrebbe essere preghiera
pi bella di quella insegnata da
Ges.
Perci il Sacerdote invita tutti i
fedeli a recitare, insieme con lui,
il Pater noster. E dice cos: Preghiamo. Esortati da un comando
salutare ed ammaestrati da un'istruzione divina, osiamo dire: Padre nostro che sei nei cieli...
E recita tutto il Pater noster, tenendo lo sguardo rivolto all'Ostia
Santa.

Alle ultime parole del Pater


noster, il Sacerdote prende
di sotto al corporale la patena, e messavi sopra l'Ostia,
la colloca in mezzo, davanti
al calice. Poi scopre il calice,
prende l'Ostia, e, tenendola
sul calice, la spezza in due
parti.
Allo spezzar dell'Ostia non si
rompe il Corpo di Ges, ma
si rompono soltanto le specie: tuttavia quello spezzamento ricorda lo squarciarsi
delle carni di Ges nella flagellazione e nella crocefissione.

Il Sacerdote, inchinandosi profondamente verso l'Ostia Santa, e percuotendosi tre volte il


petto, dice: Agnello di Dio, che
togliete i peccati del mondo,
abbiate piet di noi. Agnello di
Dio, che togliete i peccati del
mondo, abbiate piet di noi.
Agnello di Dio, che togliete i
peccati del mondo, donateci la
pace.
Ges viene chiamato "agnello"
perch, fra pochi istanti, egli
sar immolato sull'altare per la
salvezza degli uomini.

73

37- PREPARAZIONE ALLA COMUNIONE

38 - COMUNIONE CON L'OSTIA

39 - I FRAMMENTI

Il Sacerdote, poggiando le mani


congiunte sull'altare e, inchinandosi profondamente, recita tre
belle preghiere per prepararsi alla
Comunione.
Le espressioni principali delle
preghiere sono queste: Signore,
non riguardate ai miei peccati,
ma alla fede della vostra Chiesa...
Voi, che avete ravvivato il mondo
con la vostra morte, liberatemi,
per questo vostro Sacrosanto
Corpo e Sangue, da tutte le mie
iniquit e da tutti i mali... e non
permettete ch'io mi separi mai da
voi...

Il Sacerdote prende in mano


la patena e l'Ostia, e, percuotendosi tre volte il petto,
ripete per tre volte: Signore,
non son degno che voi entriate sotto il mio tetto, ma
dite solamente una parola, e
l'anima mia sar salva.
Poi, facendo un segno di
croce con l'Ostia, dice: il
Corpo di nostro Signore Ges Cristo custodisca l'anima
mia per la vita eterna.
E, inchinatosi riverentemente, mette in bocca l'Ostia,
per comunicarsi.
In questo momento si compie il Sacrificio.

Sulla patena e sul corporale


potrebbero esser rimasti alcuni
piccoli frammenti di ostia; e
poich in ciascun frammento
Ges tutto intero, vivo e vero, perci il Sacerdote raccoglie
con diligenza i piccoli frammenti, se mai ve ne fossero, strisciando lievemente la patena
sul corporale. Poi ripulisce la
patena sul calice, per farvi cadere dentro i frammenti raccolti.
E, mentre raccoglie i frammenti, dice cos: Che cosa render
io al Signore per tutte le cose
che egli ha dato a me?

74

40 - COMUNIONE COL SANGUE


DI GESU'

41- PURIFICAZIONE DEL


CALICE

42 - PURIFICAZIONE DELLE
DITA

Prima di prendere in mano il calice, mentre ancora raccoglie i


frammenti, il Sacerdote dice:
Prender il calice della salute e
invocher il nome del Signore...
Poi prende in mano il calice, e,
mentre fa con esso un segno di
croce, dice: il Sangue di nostro
Signore Ges Cristo custodisca
l'anima mia per la vita eterna.
E beve con riverenza il Sangue di
Ges.

Nel fondo e sulle pareti del


calice rimangono sempre alcune stille del Sangue di Ges; perci il Sacerdote mette
nel calice un poco di vino,
che, scosso lievemente in giro, serve a purificare il calice.
E intanto dice: Ci che abbiamo ricevuto con la bocca,
o Signore, accogliamo con
animo puro, e di temporaneo dono divenga per noi
rimedio sempiterno.
E poi beve il vino della purificazione.

Sulle dita, che hanno toccato


l'ostia, potrebbe essere rimasto
attaccato qualche frammento;
perci il Sacerdote si lava le dita sopra il calice, con un poco
di vino e di acqua.
E intanto dice: il vostro Corpo,
o Signore, e il vostro Sangue
aderiscano all'intimo dell'anima
mia; e fate che non rimanga
macchia alcuna di peccato in
me, cui questi puri e santi Sacramenti hanno rinnovato.
E poi beve il vino e l'acqua della purificazione.

75

43 - IL SACERDOTE COPRE IL
CALICE

44 - IL POSTCOMMUNIO

45 - ITE, MISSA EST

Il Sacerdote asciuga il calice col


purificatoio; poi pone il calice fuori dal corporale, alla sua sinistra,
e vi ricompone sopra i piccoli arredi, come stavano al principio
della Messa. Colloca il purificatoio
immediatamente sopra al calice,
e sopra al purificatoio poggia la
patena coperta con la palla.
Poi ripiega il corporale e lo pone
dentro alla borsa; copre il calice
col velo e vi pone sopra la borsa.
E colloca il calice, cos aggiustato
e coperto, nel mezzo della mensa.

La parola postcommunio significa: dopo la Comunione.


Si chiamano cos le preghiere che il Sacerdote dice dopo
la Comunione. Queste preghiere non sono sempre uguali, ma variano ogni giorno; sono indirizzate a quei
Santi di cui si celebra la festa, e contengono sentimenti
conformi alla solennit del
giorno.
Chi assiste alla Messa, in
questo momento deve esprimere al Signore i suoi
sentimenti di gratitudine, per
avergli concesso la grazia di
assistere al grande Sacrificio.

Il Sacerdote si rivolge verso il


popolo, e lo saluta, dicendo:
Dominus vobiscum, che significa: Il Signore sia con voi. E poi
aggiunge: Ite, Missa est, che
significa: Andate, la Messa
finita.
Veramente il Sacrificio compiuto; e chi uscisse di chiesa in
questo momento, anche nei
giorni festivi, avrebbe soddisfatto al precetto d'ascoltare la
Messa.
Per bene rimanere ancora
pochi minuti, per ricevere la
benedizione del Sacerdote e
per recitare, insieme con lui, le
ultime preci.

76

46 - LA BENEDIZIONE

47 - L'ULTIMO VANGELO E
LE ULTIME PRECI

48 - IL SACERDOTE RITORNA
IN SACRESTIA

Il Sacerdote s'inchina profondamente davanti all'altare e prega


cos: O Santa Trinit, vi piaccia
l'omaggio della mia servit; e
concedete che questo Sacrificio
offerto, da me indegno, agli occhi
della vostra Maest, sia a voi accetto, e, per la vostra misericordia, sia giovevole a me ed a quelli
per i quali l'ho offerto.
Poi, rivolgendosi al popolo, e, facendo sopra di esso un segno di
croce, lo benedice, dicendo: Vi
benedica l'onnipotente Iddio, Padre, e Figliolo e Spirito Santo.

Dopo aver dato la benedizione, il Sacerdote, stando al


lato sinistro dell'altare, legge
un piccolo tratto del Vangelo, che quasi sempre il
principio del Vangelo di S.
Giovanni. Alle parole: Verbum caro factum est, che
significano: il Verbo (ossia il
Figlio di Dio) si incarnato,
Sacerdote e popolo s'inginocchiano, in atto di adorazione.
Il Sacerdote poi scende i
gradini dell'altare, e, inginocchiato, recita, insieme col
popolo, le ultime preci.

Il Sacerdote prende il calice


con la mano sinistra, vi poggia
sopra la destra, e ritorna in sacrestia, pregando.
Si spoglia dei sacri paramenti e
poi continua la sua preghiera di
ringraziamento.
In questo momento si deve
avere riguardo di non disturbare il Sacerdote, a meno che
non si tratti di cose importanti
ed urgenti; perch egli tiene
ancora Ges nel suo petto, e
deve stare per qualche tempo
raccolto in preghiera e ringraziare il Signore.

77

Caro bambino,
Dopo aver letto questo volume, quali propositi buoni dovrai fare?
Se fino ad ora, assistendo alla Messa, sei stato svogliato o distratto, o forse ti sei lasciato vincere dalla noia, dora innanzi non devessere pi cos.
Sei qualche volta, durante la Messa, ti sei permesso di chiacchierare o di ridere coi
compagni, dora in avanti ci non deve pi accadere.
Ora sai bene che cosa la Messa; sai che cosa fa il Sacerdote allaltare; conosci il significato di tutte le cerimonie.
Dimmi, se tu ti fossi trovato sul monte Calvario nel giorno in cui Ges mor sulla croce, se tu avessi visto Ges agonizzare sulla croce per te: con quanta riverenza, con quanta
gratitudine, con quanto amore, avresti assistito al Sacrificio di un Padre cos buono?
Ebbene, con la stessa riverenza, con la stessa gratitudine, con lo stesso amore, devi
assistere al Sacrificio della Messa; perch questo non altro che il rinnovamento e la continuazione del Sacrificio della croce.
E, prima di lasciarti, mio caro, permetti che io ti dica unaltra parola.
Essere Sacerdote dellAltissimo iddio, poter tenere fra le proprie mani il Figlio stesso
di Dio e poterlo offrire ogni giorno sullaltare, come Vittima sacrificata per la salute del
mondo: questa una nobilt, una gioia cos grande, che non se ne trova luguale sulla terra.
Perci, se tu sentissi nel tuo cuore la voce di Dio, che ti chiama ad essere suo Sacerdote, rispondi subito a s bella chiamata. Grazia pi grande di questa il Signore non potrebbe concederti! Io te lauguro di tutto cuore.

Un amico dei bambini

78