Sei sulla pagina 1di 27

Reti di Telecomunicazione

Esempio di esame

Marco Benini
Corso di Laurea in Informatica
marco.benini@uninsubria.it

Testo
Domanda 1: [5 punti]
Si assegnino opportunamente gli indirizzi IP ai nodi della rete illustrata in
figura, assumendo di avere a disposizione gli indirizzi della rete
10.0.0.0/8, specificando anche indirizzo di rete, di broadcast e maschera
di rete per ogni sottorete che compare
60 host

10.1.0.0/16
10.2.0.1
Internet

Soluzione
Risposta:
Le sottoreti che compaiono in figura sono tre: A, B e C:
la rete A contiene 61 host (60 host + il router ) quindi deve avere una
netmask di al pi 26 bit
la rete B data
la rete C una rete punto-punto con netmask di 30 bit
60 host

10.1.0.0/16

10.2.0.1
Internet

Soluzione
Risposta (continua):
Considerazioni preliminari:
Nellassegnazione degli indirizzi della rete A dovr scegliere una subnet di

10.0.0.0/8 che sia sufficientemente grande per contenere tutti gli host
e anche che non si sovrapponga con gli indirizzi gi usati per B e C.
Nella pratica dovr scegliere un indirizzo net con i primi 8 bit uguali alla net
/8 assegnata, cosi da essere totalmente contenuta in essa,
di maschera al pi /26, ad esempio /16 o /24 per comodita di calcolo
degli indirizzi..
non sovrapposto alle altre due, ad es. prendendo il 2 byte diverso da 1
o 2 visto che il 2 byte totalmente nella maschera di B e C.
Tradizionalmente, si usa assegnare il primo indirizzo disponibile al router.
Nel caso delle reti punto-punto che interconnettono due router, non esiste
una convenzione precisa.

Soluzione
Risposta (continua):
Pertanto un modo di suddividere la rete data (10.0.0.0/8) per formare
sottoreti adeguate per il caso proposto
rete A: 10.3.0.0/16
indirizzo di rete: 10.3.0.0
netmask di 16 bit: 255.255.0.0
indirizzo di broadcast: 10.3.255.255

rete B: 10.1.0.0/16
indirizzo di rete: 10.1.0.0
netmask di 16 bit: 255.255.0.0
indirizzo di broadcast: 10.1.255.255

rete C: 10.2.0.0/30
indirizzo di rete: 10.2.0.0
netmask di 30 bit: 255.255.255.252
indirizzo di broadcast: 10.2.0.3

Soluzione
Risposta (continua):
la rete A formata dagli host H1, , H60 e dal router R
assegno gli indirizzi 10.3.1.x agli host Hx
assegno lindirizzo 10.3.0.1 allinterfaccia del router R sulla rete A
A: 10.3.0.0/16
60 host

B: 10.1.0.0/16
R

C: 10.2.0.0/30
10.2.0.1
Internet

10.1.0.0/16

Soluzione
Risposta (continua):
la rete B formata dal router R e da una rete non meglio specificata
la rete ha indirizzi nella classe 10.1.0.0/16
assegno lindirizzo 10.1.0.1 allinterfaccia del router R sulla rete B
A: 10.3.0.0/16
60 host

B: 10.1.0.0/16
R

C: 10.2.0.0/30
10.2.0.1
Internet

10.1.0.0/16

Soluzione
Risposta (continua):
la rete C formata dal router R e da un router I che lo collega ad Internet
il router I ha indirizzo assegnato pari a 10.2.0.1
assegno lindirizzo 10.2.0.2 allinterfaccia del router R sulla rete C
A: 10.3.0.0/16
60 host

B: 10.1.0.0/16
R

C: 10.2.0.0/30
10.2.0.1
Internet

10.1.0.0/16

Soluzione
Risposta (continua):
la rete A non minimale, per permetterne la crescita
gli indirizzi degli host e del router R sono stati scelti in modo da poter
eventualmente effettuare un ulteriore subnetting in futuro

la rete B una rete di fatto gi assegnata, e ci si limitati a decidere


secondo convenzione lindirizzo del router
la rete C una rete punto-punto, e come tale stata configurata
essendo fissato lindirizzo di I, di fatto non esiste scelta per lindirizzo di R

Questo un esercizio:
viene richiesto di costruire assegnare degli indirizzi ai nodi in un modo
adeguato a garantire che la rete possa operare correttamente

ci che viene misurato


la correttezza della risposta,
la capacit di fornire una traccia del procedimento di risposta,
la capacit progettuale che si desume dalle scelte effettuate.

Testo
Domanda 2: [6 punti]
Si scrivano le tabelle di instradamento per i router che compaiono in
figura
192.168.1.0/24

18 host

18 host

192.168.2.0/24

192.168.3.0/30
192.168.3.4/30

192.168.3.8/30
Internet

Soluzione
Risposta:
Esistono due router in figura: li indichiamo con A e B. Inoltre assumiamo
che le interfacce dei router abbiano gli indirizzi IP indicati in figura

192.168.1.0/24

18 host

18 host

192.168.2.1

192.168.3.2

192.168.1.1

A
192.168.3.9

192.168.2.0/24

B
192.168.3.1

192.168.3.5

192.168.3.0/30

192.168.3.4/30

192.168.3.8/30
Internet

192.168.3.6
192.168.3.10

Soluzione
Risposta (continua):
Una possibile tabella di routing per il router A :
destinazione
192.168.1.0/24
192.168.2.0/24
192.168.3.0/30
192.168.3.4/30
192.168.3.8/30
0.0.0.0/0

router
----------------192.168.3.2
----------------192.168.3.2
----------------192.168.3.10

interfaccia
192.168.1.1
192.168.3.1
192.168.3.1
192.168.3.1
192.168.3.9
192.168.3.9

Una possibile tabella di routing per il router B :


destinazione
192.168.1.0/24
192.168.2.0/24
192.168.3.0/30
192.168.3.4/30
192.168.3.8/30
0.0.0.0/0

router
192.168.3.1
------------------------------------------------192.168.3.1
192.168.3.6

interfaccia
192.168.3.2
192.168.2.1
192.168.3.2
192.168.3.5
192.168.3.2
192.168.3.5

Soluzione
Risposta (continua):
nellesercizio
abbiamo assegnato gli indirizzi IP alle interfacce dei router seguendo le
usuali convenzioni viste a lezione
per ogni sottorete direttamente connessa ad un router compare una linea con
campo router vuoto e con campo interfaccia pari allindirizzo dellinterfaccia
che connette il router alla sottorete
per ogni sottorete non direttamente connessa ad un router fornisce una linea
il cui campo router pari allindirizzo del router che funge da ponte ed il cui
campo interfaccia lindirizzo di interfaccia che connette al router ponte
la rotta di default quella che consente di connettere il router ad Internet

Questo un esercizio:
viene richiesto di costruire una struttura dati istanziata su un caso specifico

ci che viene misurato


la correttezza della risposta,
la capacit di fornire una traccia del procedimento di risoluzione.

Testo
Domanda 3: [4 punti]
I protocolli di instradamento come RIP, OSPF e BGP, pur operando
logicamente a livello di rete, utilizzano un protocollo di livello applicativo
per lo scambio di informazioni sulla topologia della rete. Motivate questa
scelta.

Risposta:
I protocolli di routing citati utilizzano algoritmi per il calcolo dei percorsi
ottimali (ad es. Dijkstra o distance vector): questi algoritmi richiedono lo
scambio di informazioni per svolgere la propria computazione.
Il corretto scambio di queste informazioni vitale per il funzionamento di
questi algoritmi e, di conseguenza, per il successo della strategia di
routing che i protocolli intendono instaurare. Questa considerazione
implica che le informazioni sulla topologia della rete debbano essere
inviate in modo affidabile.

Soluzione
Risposta (continua):
Inoltre, lazione degli algoritmi avviene logicamente prima
dellinstradamento dei datagram a livello di rete: questi algoritmi operano
quando occorre definire il contenuto della tabella di routing.
Infine, questi algoritmi sono computazionalmente onerosi rispetto alla
semplicit dellalgoritmo di rilancio basato sulle tabelle di routing.
Per tutti questi motivi, architetturalmente ragionevole porre il codice che
implementa questi algoritmi al di fuori del livello di rete.
Per la richiesta di affidabilit, e per il fatto che questi protocolli possono
non essere adottati da un particolare gateway, pi semplice considerare
la loro codifica come un servizio di livello applicativo, ove si possono
godere di tutti i vantaggi dei servizi offerti dal livello di trasporto.

Soluzione
Risposta (continua):
Questa una domanda di comprensione:
viene richiesto di fornire una spiegazione ad una scelta progettuale
quindi occorre avere la conoscenza per comprendere la domanda...
ma anche una capacit critica di analisi

ci che viene misurato

la correttezza della risposta,


la padronanza del linguaggio,
la capacit di focalizzare lattenzione su ci che pertinente,
la capacit di fornire una risposta chiara.

Testo
Domanda 4: [3 punti]
Si descriva brevemente la funzione del multiplexing nelle reti a
commutazione di circuito.

Risposta:
Il multiplexing nelle reti a commutazione di circuito indica la capacit di
utilizzare lo stesso collegamento allo stesso tempo in differenti circuiti.
Ci si ottiene dividendo un link in un certo numero di parti (slot), ed
assegnando ognuna di esse ad un circuito, fino ad esaurimento. Leffetto
che su uno stesso link sono compresenti differenti circuiti.
Le tecniche per dividere un link in slot sono molteplici, le principali delle
quali sono la divisione di frequenza (FDM) e la divisione di tempo (TDM).

Soluzione
Questa una domanda di studio e comprensione:
viene richiesto di fornire una descrizione sintetica di un argomento del corso
che stato trattato in forma pi estesa

ci che viene misurato


la precisione della risposta,
la padronanza del linguaggio,
la capacit di fornire una risposta chiara e sintetica.

Testo
Domanda 5: [1 punto]
Cosa si intende per ritardo di propagazione?

Risposta:
Quando un nodo trasmette un pacchetto ad un altro nodo, i bit del
pacchetto impiegano un certo tempo per giungere tutti a destinazione.
Questo tempo detto ritardo di propagazione.
Sia d la lunghezza del link e sia v la velocit fisica del link (solitamente
pari alla velocit della luce nel mezzo trasmissivo), allora dprop = d / v
Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato
la precisione e completezza della risposta,
la capacit di fornire una risposta chiara e sintetica.

Testo
Domanda 6: [2 punti]
Cosa si intende per meccanismo equo di controllo della congestione?

Risposta:
Consideriamo K connessioni TCP, tutte passanti per uno stesso link
intermedio X, con ritmo di trasmissione pari a R bit/s
Supponiamo che per X non passino altre connessione (ad es. UDP)
Il controllo di congestione equo (fair) se, per ogni link X, il ritmo di
trasmissione di ogni connessione passante per X, pari a R/K
ovvero, se ogni connessione ottiene una porzione uguale di banda

Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato


la precisione e completezza della risposta,
la conoscenza e competenza di uso del linguaggio.

Testo
Domanda 7: [3 punti]
Cosa si intende per riscontro selettivo in TCP?

Risposta:
Il riscontro selettivo una ottimizzazione di TCP:
consente di riscontrare (trasmettere ACK per) segmenti fuori sequenza
in contrasto con il riscontro cumulativo, che riscontra tutti i byte dallinizio
della trasmissione fino al un punto corrente
riduce il numero di segmenti da ritrasmettere, in quanto assume che il
ricevente non scarti i segmenti fuori sequenza

Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato


il livello di dettaglio dello studio,
la precisione della risposta,
la conoscenza e competenza di uso del linguaggio.

Testo
Domanda 8: [3 punti]
Si descriva la struttura di un frame PPP.

Risposta:
Un frame PPP ha la seguente struttura:
flag

indirizzo

controllo

protocollo

informazioni

checksum

flag

in particolare,
il campo flag (1 byte): presente allinizio ed alla fine del frame
ha il valore fisso 01111110 e delimita linizio e la fine del frame

il campo indirizzo (1 byte) e il campo controllo (1 byte):


hanno valori fissi, rispettivamente 11111111 e 00000011
sono stati previsti per eventuali estensioni future (mai realizzate)
il mittente pu, opzionalmente formare il frame omettendo questi due campi

Soluzione
Risposta (continua):
il campo protocollo (1 o 2 byte)
definisce quale protocollo di livello rete deve occuparsi dei dati contenuti nel
frame

checksum (2 o 4 byte):
il checksum del frame, calcolato usando un codice a ridondanza ciclica standard
(HDLC)

informazioni:
contiene i dati provenienti dal livello di rete, opportunamente codificati
il campo ha una lunghezza massima, che pu essere configurata allatto
dellinstaurazione del link, ed il cui default 1500 byte

Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato


il livello di dettaglio dello studio,
la precisione della risposta,
la completezza della risposta.

Testo
Domanda 9: [1 punto]
Cos lindirizzo di broadcast di una rete?

Risposta:
Lindirizzo di broadcast di una rete TCP/IP lindirizzo a cui inviare un
messaggio che deve essere recapitato a tutti i nodi della rete. Esso
formato dai primi N bit dellindirizzo di rete seguito da (32 - N) bit a 1,
dove N il numero di bit che formano la maschera di rete.
Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato
il livello di dettaglio dello studio,
la precisione della risposta,
la capacit di fornire una definizione chiara e sintetica.

Testo
Domanda 10: [1 punto]
Cosa si intende per protocollo di accesso multiplo?

Risposta:
Un protocollo di accesso multiplo un protocollo di livello collegamento
che consente di trasmettere frame lungo un canale fisico a cui possano
essere collegati pi di due adattatori.

Questa una domanda di puro studio: ci che viene misurato


il livello di dettaglio dello studio,
la precisione della risposta,
la conoscenza e competenza di uso del linguaggio.

Annotazioni
La correttezza e la completezza delle risposte indispensabile
Il fornire una traccia del procedimento seguito per rispondere
sempre un vantaggio
La capacit di non andare fuori tema importante
La capacit di fornire risposte sintetiche e chiare premiante
Luso adeguato dei termini del linguaggio proprio delle reti un
fatto che viene preso in considerazione (sia in positivo che in
negativo)

Conclusione