Sei sulla pagina 1di 52

2}

PCB ART2

Larte dello sbroglio


dei circuiti stampati
(tutorial avanzato)

PCB ART 2: come progettare


unantenna Bluetooth su circuito
stampato

a progettazione elettronica si compone di

ne di segnali ad una determinata frequenza.

tanti aspetti e cos come tutti noi sappiamo

Supponiamo, per il momento, che la frequenza

bene, un progetto fatto sostanzialmente

non sia effettivamente determinata. Andiamo

partendo da unesigenza di base: vogliamo ri-

con ordine, infatti, prima di addentrarci nello

solvere un problema. In questo caso il nostro

studio della materia, e vediamo che cosa serve

problema effettuare trasmissione e ricezio-

per progettare unantenna, com fatta e quali

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
tipi ne esistono. Una volta che avremo una idea

nello spettro elettromagnetico.

pi chiara di tutto questo potremmo certamente

Supponiamo di voler lavorare per creare

scegliere con pi competenza e pi attenzione

unantenna trasmittente a 136 kHz. Questa

quale sia lantenna migliore per la nostra parti-

una frequenza che i radioamatori conoscono

colare applicazione.

molto bene e quindi non si tratta di una frequenza casuale. Lo scopo delle antenne trasmittenti

Le antenne

quello di irradiare la potenza che viene dal tra-

I progettisti lo sanno: per fare un progetto ci vo-

smettitore in maniera da coprire una certa area

gliono diverse nozioni e a seconda della materia

di interesse.

la cosa pu essere anche abbastanza compli-

Il concetto di copertura ci permette di intro-

cata. Per progettare unantenna serve fonda-

durre una nota importante: lantenna irradia,

mentalmente conoscere come si propagano

come stiamo dicendo, ma non certamente

i campi, di che tipo possono essere, quali

sempre in tutte le direzioni.

polarizzazioni esistono, come funzionano i

A seconda dellapplicazione questa potrebbe

mezzi trasmissivi, come cambia la propaga-

non essere esattamente unidea intelligente

zione quando si attraversano mezzi differen-

e proprio per questo motivo esistono antenne

ti e diversi altri parametri che riguardano lelet-

direzionali ed antenne omnidirezionali, che ver-

tronica: parliamo di filtri, modelli equivalenti,

ranno impiegate a seconda che si voglia illumi-

amplificazioni ed incidenza dei disturbi sui

nare una determinata zona oppure una qualun-

segnali, soprattutto perch non sono canoni-

que zona intorno allantenna stessa.

ci.

La potenza irradiata dallantenna viene determi-

Quando parliamo poi di trasmissioni digitali beh,

nata dalla valutazione di tre fattori:

tutto un altro paio di maniche: dobbiamo ne-

la resistenza;

cessariamente tener presente la codifica, il bi-

la corrente dantenna;

trate, lefficienza spettrale e cos via dicendo.

il guadagno dellantenna.

Fortunatamente, almeno per il momento, fare-

Questultimo, in realt, fortemente influen-

mo finta di poter ignorare buona parte di queste

zato dal fatto che lantenna potrebbe essere di-

nozioni e ci concentreremo soltanto su com

rezionale e quindi potrebbe essere zero lungo

fatta unantenna, nella sua pi semplice confor-

alcune direzioni e diverso da zero lungo altre.

mazione.

Per caratterizzare questo dellantenna, viene

Tanto per iniziare, la prima cosa che bisogna

utilizzato uno strumento che si chiama dia-

fare fissare la frequenza operativa. Abbiamo

gramma polare.

accennato che parleremo del Bluetooth in que-

Dal momento che questo non vuole essere un

sta puntata ma davvero troppo presto adesso

corso approfondito sulle basi ma istruire lo stu-

per parlare di questo genere di applicazione;

dio di base del lettore, si rimanda alla sua buona

prendiamone una pi semplice, una pi ele-

volont per lapprofondimento.

mentare, se volete. Lavoriamo con frequenze

Come tutti i nostri corsi, per, se questo do-

molto pi basse e dal momento che il Blueto-

vesse essere di vostro interesse e se doveste

oth lavora a 2,45 GHz, spostiamoci pi in basso

essere tanti a voler vedere approfonditi questi

{3

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
argomenti e quindi tutti i criteri di base pi spe-

una perdita considerevole della potenza di

cificatamente descritti, ricordate di utilizzare i

segnale in uscita. Sfortunatamente, la resi-

commenti per segnalarcelo. Dedicheremo, se

stenza non lunica componente di resistenza

necessario, una puntata intera a questi appro-

o meglio non ce n solo di un tipo. Quella di

fondimenti.

cui abbiamo parlato fino a questo momento

Un esempio, tornando alla discussione sulla no-

la cosiddetta radiation resistance, ovvero re-

stra antenna, potrebbe essere fatto assumendo

sistenza di irradiazione. Esistono componenti di

di avere unantenna la cui resistenza fosse di 10

resistenza che si manifestano come perdite.

Ohm, con una corrente da 2 A ed un guadagno

Esse fanno sentire il loro contributo allinterno

pari a 4 (che in dB pari a 6).

dellantenna, anche per effetto di interferenze

Osservazione: se non avete familiarit con i lo-

con ci che c vicino allantenna.

garitmi, con i decibel e quindi con le conversioni

Quando le frequenze diventano pi elevate

dei numeri naturali, vi consigliamo ancora una

queste resistenze, che generano perdite, sono,

volta anche qui di approfondire.

tipicamente, trascurabili perch diventano con-

Con questi dati, ad ogni modo, otteniamo una

tributi pi piccoli rispetto a quelli offerti dalla re-

potenza irradiata pari a:

sistenza di irradiazione.

10 x 2^2 x 4 = 160 W

A seconda dellantenna, e di ci che c intorno,

Naturalmente quello che vi starete chiedendo :

possibile che buona parte della potenza al

come siete arrivati a questo calcolo?

trasmettitore non venga irradiata ma assor-

Il guadagno dantenna viene sempre deter-

bita dalle perdite. Un dispendio di energia no-

minato in funzione del riferimento ed

tevole.

molto semplice che lantenna di riferimento, la

Dal momento che abbiamo parlato di direziona-

pi semplice, in realt, che possiamo prende-

lit e ci siamo anche trovati ad annunciare e al-

re in considerazione, sia lantenna a mezzon-

cuni concetti di base, rimandiamo al lettore an-

da, un dipolo isotropo. Probabilmente se ve lo

che lapprofondimento su figure di merito quali

descrivo come un dipolo voi penserete di non

ERP ed EIRP, sigle che possono confondere.

averlo mai visto ma in realt davvero la forma


dantenna pi semplice che possiate immagi-

Progetto e caratterizzazione

nare. La avete in casa pi o meno dappertutto

Sempre rimanendo in tema con i radioamatori (i

quando guardate una radio, per esempio.

soggetti che prima sperimentano le problema-

Si tratta di unantenna virtuale che non ha alcu-

tiche della trasmissione ed il dimensionamento

na forma di direzionalit, ovvero risulta essere

delle antenne) limpiego di antenne verticali a

omnidirezionale.

quarto donda, note con il nome di Marconi ,

Ad una prima, superficiale, occhiata la resisten-

in realt, il pi comune.

za dellantenna non ha alcuna influenza sulla

Si dice a quarto donda perch semplicemen-

potenza irradiata, a meno che non ci sia il co-

te la sua lunghezza pari a questa quota della

siddetto disadattamento di impedenza col tra-

lunghezza donda.

smettitore. In quel caso, infatti, linefficacia del

Daltronde nessuno utilizza antenne che sono

trasferimento di potenza potrebbe generare

pi lunghe di 40 m, non trovate? Allora c un

{4

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
controsenso? Quello che abbiamo detto non

La distribuzione della corrente allinterno di que-

vero? Invece vero, solo che esistono i cosid-

sto singolo conduttore pu essere spiegata in

detti modelli equivalenti.

maniera molto semplice: la capacit dantenna

Quando unantenna verticale a monopolo (ov-

non collocata in un singolo punto dellanten-

vero la sua naturale condizione di risonanza)

na, non un condensatore fisico ma si tratta

inferiore a un quarto donda, cambiano alcune

di una grandezza equivalente distribuita egual-

cose rispetto ai parametri che abbiamo visto in

mente su tutta la lunghezza dellantenna stessa

precedenza e che sarebbero caratteristici:

e man mano che la corrente scorre allinterno

la resistenza di irradiazione diminuisce

dellantenna essa sostanzialmente si trover a

man mano che lantenna diventa pi corta;


il guadagno dantenna scende, anche se in
maniera (talvolta) trascurabile;
limpedenza dantenna comincia ad avere
una componente capacitiva;
le perdite aumentano man mano che lantenna si accorcia.

diminuire gradualmente seguendo una legge


decrescente.
Tale legge pu variare a seconda della configurazione dantenna ed proprio per questo motivo che vengono definite diverse proporzioni:
esistono, infatti le antenne a quarto donda ma
anche pi piccole.

Quanto questi cambiamenti siano influenti

Per dare una dimensione di quanto valga la re-

dipende dallimpiego. In linea generale, pos-

sistenza dellantenna, utilizziamo la seguente

siamo vedere, per esempio, considerato un sin-

formula:

golo pezzo di conduttore di altezza h, il modello

R=(40 pi^2 h^2)lambda^2

equivalente:

La componente capacitiva, invece, pu subire considerevoli modificazioni a seconda della


conformazione dellantenna stessa.
Supponiamo che invece di essere un semplice
filo sia in realt una L, ovvero un conduttore
con una curvatura a 90. possibile che configurazioni di questo tipo, mantenendo la stessa
dimensione, dimostrino componenti capacitive
molto pi basse.
Sfruttando questo principio di base, che per
non approfondiremo (salvo che non lo richie-

Credits: strobbe.eu

diate), si possono ottenere capacit dantenna


molto pi basse.

Tra lantenna e massa troveremo due compo-

Un esempio proprio lantenna verticale con

nenti circuitali equivalenti uno in serie allaltro:

il cosiddetto capacitive toploading, proprio

una capacit ed una resistenza (di irradiazione).

quella con la curvatura di cui abbiamo parlato.

Ci sar poi una nuova componente, anchessa

Ovvero unantenna alla quale si aggiunge una

resistiva, che rappresenter le perdite e sar in

componente capacitiva che viene equivalente-

parallelo al piano di massa.

mente modellata.

{5

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Altrettanto possono esserci antenne conformate a T, ad Ombrello oppure con toploading
multipli.
In questi casi, naturalmente, il guadagno dantenna dovr essere calcolato in maniera leggermente pi complessa perch queste conformazioni imporranno percorsi conduttivi per la
corrente molto diversi tra loro.
Lo stesso concetto del toploading viene applicato molto spesso in antenne trasmittenti anche
a frequenze pi elevate e anche per impianti
professionali perch il modello equivalente
dellantenna impone lutilizzo di questo genere di contributi. ovvio, per, che tutto questo deve per essere studiato con grande atten-

Credits: Radio.aalto.fi
La caratterizzazione di questo genere di antenne per onde corte viene descritta in una pubblicazione dellIEEE del 1998. Lo scopo stato
quello di dimostrare che la resistenza di irradiazione di antenne elettriche di piccole di-

zione, lo ripetiamo, in funzione della specifica

mensioni, come questo genere di monopoli,

applicazione.

pu essere aumentata in maniera considerevole grazie allincremento del numero di


elementi ripiegati. Sostanzialmente la geometria a serpentina si dimostrata molto
utile. Delle evidenze sperimentali hanno fatto
vedere quanto unantenna lunga 44 cm con 21
elementi sia risultata utile per lavorare a 20 MHz
con un impedenza di poco meno di 22 Ohm.
Un risultato davvero notevole dal momento che
senza elementi ripiegati, cio utilizzando un
semplice monopolo verticale della stessa lunghezza, ci si sarebbe aspettati una resistenza
pari a 0.34 Ohm.

Meander antenna

Fondamentale in questa geometria anche lo

Perch dedicare un intero paragrafo a questo

spazio tra i conduttori, che garantisce la miglio-

genere di antenna? Semplice: quella che ci

re resa dellantenna.

interessa!
Siamo arrivati a trattare largomento di oggi.
O meglio un pezzo dellargomento di oggi, almeno per adesso. Ma andiamo con ordine.

Nella pratica la distanza deve essere pari ad


almeno 20 volte il diametro del filo ma esperimenti successivi alladozione di questa geometria hanno dimostrato che possibile stabilire
un rapporto per cui aumentando il numero di

{6

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
linee si pu ridurre il cosiddetto fattore di
riduzione della dimensione ovvero il Size
Reduction Factor (SRF).
Si passa, infatti, da tre linee con SRF pari a 0.6
a valori sperimentali di 730 linee circa con un
fattore di riduzione che pari al 2%.
Naturalmente, come per tutte le antenne, i valori
di riferimento per le impedenze restano 50 e 75;
a tal proposito, se si utilizzano interconnessioni
in rame, sempre fissata che sia la frequenza di
136 kHz, la versione da 20 m ad avere un
impedenza pari a 50 Ohm, mentre quella da
10 risulta utile per ottenere i 75 Ohm.

Conclusioni
E, per oggi, abbiamo finito. In questa puntata
abbiamo ufficialmente inaugurato PCB ART 2
cercando di darvi una visione complessiva e
dinsieme rispetto alle caratteristiche che ha la
progettazione di unantenna Bluetooth, iniziando a mettere mani alle grandezze di nostro interesse, ai criteri ed alle varie soluzioni ma c
davvero molto altro da vedere, oltre la struttura base, e lo faremo gi a partire dal prossimo
appuntamento. Presto, infatti, avremo modo di
vedere cosa fanno tante aziende e tanti gruppi e
come gestiscono le comunicazioni tramite Bluetooth. Quali antenne impiegano, quali integrati
propongono, quali circuiti realizzano e tanto altro ancora. Alla prossima.

Image credits: TI

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-come-progettare-unantenna-bluetooth-su-circuito-stampato

{7

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

PCB ART 2: le antenne PCB Bluetooth, teoria e pratica

ellambito della progettazione, non soltanto

biamo accennato che non tutte le anten-

delle antenne, sono importanti i parametri

ne sono omnidirezionali e pertanto esisto-

fisici e le grandezze in gioco, le equazioni

no strumenti adatti alla caratterizzazione

ma soprattutto le definizioni ed i concetti fonda-

dellantenna e alla descrizione di come essa

mentali.

in grado di sollecitare lambiente circo-

Dal momento che dobbiamo rispondere a do-

stante. Tali grafici possono essere realizzati

mande del tipo a quale frequenza deve

in 2D oppure 3D. La propagazione pu es-

funzionare? Qual il guadagno? Quale la

sere isotropa oppure no e tramite questi dia-

larghezza di banda? e altre di questo tipo

grammi possibile valutare proprio questo

sullimpedenza piuttosto che sulla polarizzazio-

aspetto.

ne, importante fare un rapido riassunto di que-

Regioni del campo: lo studio e la caratteriz-

ste entit.

zazione vanno fatti in funzione della distan-

anche possibile che alcuni di questi parame-

za dallantenna. Esistono ipotesi di campo

tri non li abbiate sentiti mai nominare. Vediamo

lontano e campo vicino. Questa distinzio-

allora di fare chiarezza partendo da queste de-

ne viene fatta perch si approssima il com-

finizioni:

portamento a grande distanza dallantenna

Frequenza: numero di oscillazioni di unon-

come un comportamento pressoch costan-

da sinusoidale (seno oppure coseno); le-

te mentre man mano che ci avviciniamo

gata alla lunghezza donda dallequazione

dobbiamo studiare pi nel dettaglio tutto ci

c= f.

che succede.

possibile fare delle considerazioni al ri-

Directivity: deriva da quanto detto in pre-

guardo di come fatta una forma donda e

cedenza, ovvero dal fatto che lantenna non

questo semplicemente perch pi le gran-

proponga lo stesso valore di guadagno in

dezze sono immediatamente disponibili,

tutte le direzioni.

cio calcolate, pi facile invertire le varie

Efficiency and Antenna Gain: se c dire-

equazioni per ottenere tutti gli altri parametri.

zionalit, c differenza di guadagno rispet-

Larghezza di banda: intervallo di frequenze

to a ciascuna direzione e, dal momento che

utile al funzionamento. La larghezza di ban-

non tutte le direzioni angolari sono ugual-

da va valutata sia rispetto alla singola ap-

mente interessate dalla sollecitazione elet-

plicazione sia rispetto alle altre applicazioni

tromagnetica, per ciascuna di esse andr

che utilizzano lo spettro elettromagnetico

definita unefficienza.

contemporaneamente.

Impedenza: limpedenza dantenna rap-

Radiation Pattern: si tratta del metodo che

presentata da un rapporto tra una tensio-

descrive il funzionamento dellantenna. Ab-

ne ed una corrente localizzate ai terminali

{8

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
dellantenna. I modelli ad alta e bassa fre-

Questa premessa ci spiega per quale motivo

quenza sono studiati in funzione delle linee

i tipi di antenne che possono essere impiega-

di trasmissione. La nozione fondamentale

ti sono tra i pi diversi ed anche caratteristici

della progettazione delle antenne e della va-

dellapplicazione.

lutazione e validazione dei sistemi ladat-

Abbiamo gi trattato, nella scorsa puntata, una

tamento di impedenza ovvero la condizione

struttura di tipo wire monopole, che sostanzial-

per la quale la resistenza proposta dal mez-

mente non altro che un solo filo conduttore

zo trasmissivo sia perfettamente identica a

saldato al terminale dellalimentazione riferita al

quella del carico. La legge di Kirchooff delle

piano di massa.

tensioni dimostra che questa rappresenta la

Altre soluzioni possono essere la PIFA, Printed

condizione di miglior trasferimento dellener-

Inverted F Antenna, simile alla precedente ma

gia.

realizzata su PCB, Helix, che assomiglia anco-

Polarizzazione delle onde: tutte le onde

ra alla prima ma non altro che unelica, per

elettromagnetiche risultano polarizzate in

lappunto, a core centrale (generalmente daria),

qualche modo, linearmente, circolarmente,

che serve per diminuire le dimensioni fisiche.

ellitticamente e cos via dicendo. Dalla dire-

Laltra soluzione sono le antenne ceramiche

zionalit delloscillazione del campo deriva il

che sono i tipi pi piccoli possibili, al momen-

risultato della propagazione.

to, perch sono letteralmente stampate come

Polarizzazione delle antenne: le antenne

slab, il che rende il campo elettrico concentrato

sono classificate anche in base alla loro po-

permettendo allantenna di essere realizzata in

larizzazione.

dimensioni davvero contenute.

Temperatura dantenna: una delle propriet delle antenne e dellambiente allin-

Equazioni e parametri

terno del quale esse operano. Rappresenta

Non ha importanza quale geometria stiamo

una misura del rumore ricevuto dal antenna,

scegliendo, ognuna di esse avr le sue carat-

come il rumore termico.

teristiche e i suoi requisiti. Se consideriamo


una struttura abbastanza semplice, unanten-

Torniamo a noi

na patch, avremmo certamente una larghezza,

Lo scopo di questa puntata andare nel det-

unaltezza, uno spessore ed una permettivit,

taglio, pi in profondit, nella progettazione

tutti parametri di controllo e propriet dellanten-

cercando di capire ulteriormente tutti gli aspetti

na. Dobbiamo necessariamente capire come li

della progettazione sia dal punto di vista geo-

dobbiamo utilizzare allinterno del processo di

metrico sia dal punto di vista delle caratteristi-

progetto.

che e delle prestazioni.

La lunghezza, per esempio, in questa geome-

Per farlo, prima di tutto fondamentale spiega-

tria una grandezza che compare allinterno

re che qualsiasi struttura che abbia come fre-

dellequazione che lega la velocit della luce e

quenza di risonanza 2,45 GHz con una banda

la frequenza; infatti possiamo scrivere:

da 100 MHz ed efficienza al 50% pu essere


considerata unantenna Bluetooth.

{9

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

Ora che abbiamo capito come far variare L,


possiamo anche utilizzarla come una variabile
dipendente dal momento che sappiamo qual
la frequenza di lavoro, quindi invertire la formula
particolarmente semplice.

mentre la seconda sempre Meander ma logperiodica:


Resta da definire il materiale.
Tuttavia possiamo fare una valutazione di massima per cui possiamo dire che se la permettivit aumenta di un fattore quattro la lunghezza
richiesta diminuisce di un fattore due e cos via
dicendo.
Se vogliamo anche caratterizzare la banda in
funzione dei parametri geometrici possiamo utilizzare unequazione qualitativa ben nota:

Continuiamo ad andare sempre pi nel dettaglio


dando uno sguardo ad unantenna PCB. Ne vogliamo, nello specifico, analizzare il perch ed il
come del suo utilizzo.
Se lantenna viene progettata a dovere, le sue

Vedremo tra poco come pu lo spessore del


substrato influenzare la larghezza di banda.

performance sono molto simili, se non del tutto equivalenti, alle soluzioni SMD (surface
mounting device), sebbene queste siano pi

Schemi, dimensioni e criteri


Iniziamo mostrando due schemi per poi scendere pi nel dettaglio: la prima una struttura
Meander

piccole dimensionalmente.

{10

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Le dimensioni sono micrometriche e naturalmente c anche il contrasto di indice a giocare
la sua parte.
Qualunque geometria possiamo analizzare,
per, deve tener conto di un fattore fondamentale: ladattamento di impedenza.
Antenne simili possono essere accordate con
limpedenza da 50 Ohm grazie a particolari configurazioni circuitali, schematizzate in una delle
figure che abbiamo visto in precedenza.
Per verificare quale sia leffettivo diagramma di
irradiazione dellantenna si cerca di individuare
il guadagno in funzione di una specifica posizione, come vedremo tra un attimo. Qui, in particolare, si vuole caratterizzare lantenna in due
Abbiamo gi visto com fatta unantenna Meander, ora ne valutiamo il layout. La figura precedente evidenzia tutte le dimensioni caratteristiche di ogni singola ansa della geometria
a serpentina che stiamo vedendo. I parametri
elettrici ma anche le performance dellantenna
vengono determinate anche in base al substrato che viene utilizzato, in particolare al suo
spessore ma soprattutto rispetto alla costante
dielettrica caratteristica relativa. Vediamo questi

dimensioni. Lentit del campo elettrico nello


spazio viene normalizzata e mostrata su scala logaritmica in maniera tale da indicare con il
massimo modulo un valore di 0 dB. Tale studio,
e caratterizzazione, viene effettuato grazie a
grafici polari di questo tipo:

dettagli grazie alla figura che segue

della quale riportiamo i parametri qui di seguito


ma non solo perch si valuta in tutte le direzioni la
distribuzione del campo,
anche nel piano X-Y

{11

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Come abbiamo visto, al di l dellapproccio e di
chi lo propone, le propriet delle antenne sono
comuni. Ad esempio, le aree che circondano lelemento radiante devono essere prive di materiale conduttivo, in particolare di rame.
Il piano di massa deve essere posizionato soltanto su un lato dellelemento radiante.
Per poter andare pienamente incontro alle specifiche sul Bluetooth, inoltre, la banda deve essere superiore ai 100 MHz con unefficienza che
supera il 60%.
Adesso vediamo di dare uno sguardo ad una
e nellipotesi di campo lontano c da riportare

struttura che lavora alla giusta frequenza e che

anche i valori notevoli

si basa sulla considerazione che lelemento radiante sia di lunghezza pari ad un quarto della
lunghezza donda.

nonch quelli delle prestazioni rilevate, come la


direzionalit (2,21 dB), il guadagno (1,95 dBi) e
la massima intensit (0,125 W/steradiante).
Ma questo solo un caso in analisi, e non ci
basta.

Il campo attorno alla struttura evidenziata, dovuta al piano di massa posto direttamente al di

Vediamone ancora.

sotto del substrato, sar confinato in una piccola

Quanto detto fino a questo momento trova con-

regione. Se proviamo ad utilizzare un analizza-

ferma anche nella visione proposta dalla Texas

tore al punto di alimentazione troveremo sicura-

Instruments che, grazie a questa application

mente un piccola larghezza di banda, il che vuol

note, ci propone una soluzione progettuale.

dire che abbiamo ben poca radiazione emessa.


Per aumentare lemissione ed ottenere una pi

{12

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
ampia larghezza di banda, il piano di massa

PCB dal momento che lelemento attivo si trova

deve essere allontanato dal punto di alimenta-

intorno ad una slab ceramica.

zione, che significa che il campo riuscir a co-

Il piano di massa utilizzato pu essere pi pic-

prire una distanza maggiore.

colo a scapito della larghezza di banda e dellef-

Vale la pena di notare, di contro, che se il piano

ficienza, che subiscono delle variazioni comun-

di massa viene spostato ad una distanza ecces-

que da quantificare e valutare.

siva, non ci sar comunque alcuna radiazione e

Un esempio pu essere quello che segue:

pertanto la posizione e la dimensione del piano


di massa sono vitali per il progetto di un buon
elemento radiante.
La pratica, oltre il rigore della teoria, aiuta di certo nella realizzazione di elementi perfettamente
funzionanti.

Per il montaggio, il pattern il seguente:

Lantenna pu essere vista come un trasformatore di impedenza che effettua una sorta di
raccordo tra quella dellantenna (50) e quella
dello spazio libero (377), il che permette alla
potenza di passare da una modalit guidata
allinterno della struttura alla propagazione in
campo libero.
Una soluzione, come dicevamo, rappresentata da antenne con elemento dielettrico, ce-

Parliamo di impedenza

ramic dielectric antenna, una soluzione pi

Una volta che sia stata fatta una buona carat-

piccola di PIFA o di qualunque altra antenna

terizzazione dellimpedenza in ingresso, pos-

{13

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
sibile realizzare il matching degli elementi pre-

Naturalmente la precisione di questo metodo,

senti tramite una configurazione topologica che

peraltro attendibile e maturo, certamente figlia

prende il nome di pi-greco. La vediamo in que-

della variet di componenti (e dei valori degli

sta figura, lo schema a blocchi

stessi) disponibile sul mercato. Questo , naturalmente, soltanto un modello matematico; in


realt, come sappiamo, gli induttori hanno componenti resistive parassite ma anche capacitive
tali per cui limpedenza non sar un valore preciso, pulito. E questo, naturalmente, si ripercuote e si riflette sulla carta.
Ecco, ancora una volta, che lesperienza e la

Cosa significa effettuare ladattamento di impe-

pratica giocheranno un ruolo fondamentale.

denza lo abbiamo gi visto e la sua importanza ci , quindi, chiara. Naturalmente, per farlo,
importante studiare un modello equivalente
ovvero ciascun componente circuitale deve essere modellato equivalentemente come unimpedenza oppure come una reattanza capacitiva
e/o induttiva.
Dal punto di vista dellimpedenza che deve es-

Conclusioni
Per oggi tutto. Con questa puntata abbiamo
visto che le antenne su PCB sono non soltanto

sere adattata, se, per esempio, nella topologia

una possibilit teorica ma una realt pratica. Le

vista in precedenza, aggiungiamo un indutto-

antenne per il Bluetooth possono essere pro-

re da 1.8 nH, gi otteniamo dei buoni risultati.


Linduttore trasformer limpedenza alterando la
posizione sulla Carta di Smith, cos come vediamo nella figura che segue

gettate seguendo criteri geometrici e analitici


precisi e scrupolosi. Ma tutto ci non vale solo
per il Bluetooth: esistono tanti protocolli di comunicazione, tante esigenze, come la distanza
massima, la potenza in trasmissione e cos via
dicendo. Non ultimo possibile che unantenna
debba solo ricevere e non trasmettere. E tutte
queste esigenze possono e devono essere studiate in maniera differenziata. Nelle prossime
puntate faremo proprio questo.
Nel frattempo, come sempre, ricordate che i
commenti a questo articolo sono anche il luogo
giusto in cui potrete richiedere eventuali approfondimenti su dubbi e domande.
Alla prossima.

{14

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Image credit: Colinkarpfinger
Riferimenti:
A. Jahanbakhshi, Gh. Moradi, and R. Sarraf Shirazi - Design and Simulation of Different Types of Meander Line
Antennas with Improved Efficiency - PIERS Proceedings
- August 2012
Per approfondire, consigliamo la lettura di questi riferimenti:
Wong, K. L., Planar Antennas for Wireless Communication, John Wiley & Sons, Inc, 2003.
Balanis, C. A., Antenna Theory, John Wiley & Sons, Inc,
1997.
Kraus, J. D. and R. J. Marhefka, Antennas for All Applications, McGraw-Hill, 2002.
Constantine A. Balanis - Antenna Theory: Analysis and
Design, 3rd Edition.

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-le-antenne-pcb-bluetooth-teoria-pratica

{15

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

PCB ART 2: lover-stress elettrico

i sono diversi casi, diverse occasioni, quan-

guono

do si progetta, in cui viene chiesto a un fornitore di effettuare unanalisi sulla fallibilit

dei suoi componenti in risposta al cosiddetto


Electrical Over-Stress (EOS). Per nostra sfortuna, anche unanalisi ben fatta non restituisce
una spiegazione del perch il pezzo fallisce lasciando, sostanzialmente, levento parzialmente non caratterizzato.
Uno stress elettrico pu essere causato da un
eccesso di tensione, di corrente o magari anche
di potenza.
Per avere risultati migliori, questa conclusione
deve essere seguita da unanalisi particolareggiata e mirata, volta a determinare se la causa
sia stata luna, laltra, laltra ancora oppure, magari, una combinazione di questi fattori. C da
fare una vera propria diagnosi che non d comunque al progettista alcuna informazione che
possa portare ad una modifica del progetto per
prevenire questi fenomeni.
Soltanto delle analisi successive possono portare alla effettiva correzione del problema.
Questo tipo di analisi, cos come lo studio di
fenomeni quali la fallibilit ed i problemi della
catena di montaggio piuttosto che dellassemblaggio oppure della realizzazione delle piste e

si tratta di visualizzazioni ottenute mediante

cos via dicendo, pu essere effettuata tramite il

scansione a raggi X di aree di circuiti stampati.

metodo Montecarlo che, dal momento che non

Nella prima figura vediamo un buon assemblag-

altro che un metodo statistico di analisi, ha

gio mentre nella seconda evidente una forma

diverse applicazioni in tantissimi campi della

di danneggiamento.

pratica.

Qui, infatti, il conduttore di rame stato va-

Il fenomeno delloverstress elettrico si pu ma-

porizzato. In entrambe le figure c una con-

nifestare in tantissime forme diverse; per farne

nessione diretta al mondo esterno.

una caratterizzazione importante dare unoc-

Ed proprio in casi come questo che neces-

chiata ad alcune immagini come quelle che se-

sario e richiesto effettuare unanalisi specifica e

{16

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
precisa per determinare per quale motivo las-

Nella prossima figura vediamo qualcosa di di-

semblaggio ha avuto questo problema.

verso.

Per vaporizzare il rame, in qualunque punto del


circuito stampato questo sia avvenuto, necessario che si sia
verificato un lightning strike oppure un power-line cross verso
un cavo di rete non protetto.
Questi non sono affatto fenomeni
cos rari come si potrebbe pensare ed proprio per questo che
ancora pi importante caratterizzarli in maniera precisa.
Sebbene sia intuibile, bisogna specificare che

quello che viene mostrato un polymer fuse (in-

la causa stata certamente esterna allassem-

dicato con F4) che ha resistito accanto ad uno

blaggio.

che invece non ce lha fatta. Questo fusibile, in

Se le cause sono proprio quelle che abbiamo vi-

condizioni normali, in uno stato a bassa resi-

sto, la soluzione abbastanza semplice: suf-

stenza, che permette il transito della corrente

ficiente aggiungere una protezione da sovra-

verso il dispositivo via Power-over-Ethernet

tensioni (over-voltage protection) alla rete.

(PoE).

Si tratta di una soluzione a bassissimo costo

Quando capita che la corrente supera un certo

che pu risolvere problemi molto diversi anche

limite, prefissato, il polimero cambia e diventa

da questo.

ad alta resistenza, il che spegne il dispositivo

Se, invece, la causa stata del primo tipo,

perch blocca la corrente.

difficile che la potenza potesse essere comple-

In questo caso lanalisi che pu essere fatta

tamente dissipata prima che raggiungesse il

pu suggerire al progettista che alcuni disposi-

circuito integrato. Quando ci sono questi feno-

tivi PoE hanno continuato a funzionare quando

meni, infatti, piuttosto difficile pensare ad una

il fusibile si trovava nella condizione di alta resi-

protezione efficace. Lunica soluzione, infatti,

stenza. E questo perch la funzione dei dispo-

rinchiudere tutti i sistemi allinterno di gab-

sitivi chiara.

bie metalliche e anche se si facesse questo

Non c, in realt, alcuna indicazione che il

ci sarebbe la possibilit di un accoppiamento

fusibile fosse effettivamente nel suo stato

di potenza dovuta al campo magnetico svilup-

di alta resistenza ma di fatto unipotesi ve-

pato dal fulmine per cui qualunque cavo sareb-

rosimile che questo sia accaduto e che abbia

be un ottimo conduttore, la tensione potrebbe

causato loverstress.

comunque essere superiore ai livelli garantiti

Il danno al fusibile ha, anche, degli aspetti termi-

dallisolamento e, quindi, non necessariamente

ci non sottovalutarli dal momento che il danneg-

riusciremmo a mettere in salvo i nostri circuiti

giamento potrebbe anche aver coinvolto il piano

stampati.

di massa del circuito stampato.

{17

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Questo , indubitabilmente, il caso peggio-

zione migliore quella di cambiare i componenti

re perch il danneggiamento non pu essere

in maniera tale da inserirne alcuni che siano in

seguito da una semplice sostituzione del pez-

grado di gestire questi picchi.

zo ma si rischia di dover utilizzare una nuova

Anche la sostituzione, in questo caso, potrebbe

scheda.

essere molto pi semplice ed abbattere i costi di

Ci tanto pi vero quanto maggiore stata

rilavorazione.

la durata del fenomeno. Dal momento che


possibile che un overstress sia durato poco ma

Conclusioni

che sia stato preceduto da un periodo di intenso

Da quanto vi abbiamo raccontato questog-

riscaldamento, anche con durata considerevo-

gi, si capisce una cosa: risolvere problemi di

le, tali danni potrebbero essere ingenti, se non

over-stress molto difficile. Allinizio, quando

irreparabili.

cominciate a studiarli, sembrano pressoch im-

Leffetto pu essere stato raggiunto da una

prevedibili. Ma con il metodo, la pazienza e la

combinazione di un eccesso di tensione e di

conoscenza profonda di come stato pensato e

corrente che ha causato la dissipazione di po-

dimensionato il sistema, riuscirete certamente a

tenza, per effetto dellaumento della resistenza

tirar fuori unipotesi verosimile che potr essere

del dispositivo che, per, non ha retto.

verificata, comunque, soltanto da ulteriori prove

Supponiamo di avere a che fare con un re-

e dal tempo. , quindi, consigliabile considera-

sistore danneggiato; tipicamente, questo par-

re di continuare a fare test su un sistema che

ticolare danneggiamento isolato allo strato

abbia dimostrato questo genere di problemi in

conduttivo ed a quello di rivestimento. Il dan-

maniera tale da mettere in campo una strategia

neggiamento allo strato vetroso di copertura si

di correzione pi adatta.

pu certamente notare dal fatto che ci sono se-

In ogni caso, il tipo di danno deve essere valu-

gni di cracking, di frattura, soprattutto nella zona

tato anche e soprattutto in funzione del coinvol-

centrale. Questo dovuto al fatto che, durante

gimento complessivo di ci che c attorno al

loverstress, lelemento resistivo si espan-

componente perch anche questo pu essere

so ed ha prodotto gas.

un elemento utile alla migliore comprensione,

Dal momento che si trattato di un danneg-

oltre che alla valutazione, della necessaria ripa-

giamento isolato ad un singolo elemento, e lo

razione da effettuare.

stress causato dallenergia termica non si diffuso verso altri componenti, si pu supporre che
levento sia stato pressoch istantaneo, al mas-

Main image credits

simo sar durato pochi secondi.


Un tipo di danneggiamento come questo si ve-

Riferimenti:

rifica per un aumento di corrente, un picco, tipi-

PCB failure: Electrical overstress assessment

camente allaccensione. Probabilmente la soluLautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-lover-stress-elettrico

{18

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCB ART 2] Le piste come


resistori

resistore certamente lelemento pi sempli-

evidente, quindi, che un semplice conduttore,

ce con quale tutti noi abbiamo a che fare: non

che di per s ha una sua lunghezza e una sua

un elemento polare, quindi bidirezionale,

sezione ed costituito da un particolare mate-

non ha bisogno di essere polarizzato, non esi-

riale, pu essere considerato un resistore. La

stono particolari nozioni da possedere per po-

domanda, allora, diventa: possibile creare del-

terlo far funzionare. un elemento semplice. Ed

le piste conduttive che realizzino un resistore?

proprio la sua semplicit a renderlo assoluta-

La risposta s!

mente indispensabile.
Un resistore serve in una rete di polarizzazio-

La resistivit

ne, come carico, per simulare un sistema, per

Questo parametro tipico e peculiare di cia-

adattare un segnale, per trasformare un segna-

scun elemento. Corrisponde alle sue propriet

le di corrente in uno di tensione e per tante al-

fisiche e ne esprime una misura anche di ido-

tre cose. Ma se da un lato cos necessario,

neit allimpiego. Di materiali, per, in natura ne

dallaltro nessuno ha mai detto che debba ne-

esistono tanti. I migliori conduttori, come sap-

cessariamente essere un componente fisico.

piamo, sono i metalli. anche possibile utiliz-

Anzi, esistono modi per realizzare dei resistori

zare dei semiconduttori opportunamente droga-

in maniera integrata, il che pu essere anche un

ti ma naturalmente questo implica un numero

vantaggio dal punto di vista dei costi.

maggiore di passaggi tecnologici per la produ-

Il presupposto teorico sul quale si basano que-

zione, un numero maggiore di macchinari im-

ste considerazioni che qualunque conduttore

piegati nella realizzazione ed una sofisticazione

ha una sua resistenza, per quanto bassa, per

del processo che non aiuta ad abbattere i costi.

quanto il materiale di cui costituito sia un otti-

Conviene, quindi, orientarsi verso materiali che

mo conduttore, per quanto si mantenga bassa

dimostrano una migliore conduzione senza

la temperatura di esercizio dellintero sistema.

grandi interventi.

Qualunque elemento fisico propone una resi-

I materiali sui quali conviene puntare sono,

stenza al passaggio di corrente. La legge ma-

quindi, quelli che di solito vengono utilizzati per

tematica che stigmatizza questo concetto la

realizzare anche i contatti. Molto spesso si rea-

seguente:

lizzano delle leghe di materiali per migliorarne le


caratteristiche oppure esaltarne alcune.
Di seguito vi riportiamo le resistivit caratteristiche di alcuni materiali di comune utilizzo nella

in cui la resistivit e si misura in m, L la

pratica. Tali valori sono misurati in condizioni di

lunghezza, e naturalmente si misura in m, men-

esercizio normali, cio sostanzialmente a tem-

tre A la sezione ed misurata in m2.

peratura ambiente:

{19

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Argento: 1,62 10-8 m;

progetta e come si dimensiona la resistenza?

Rame: 1,69 10-8 m;

Tutto quello di cui abbiamo parlato fino a questo

Oro: 2,35 10-8 m;

momento dipende dal fatto che i circuiti stam-

Alluminio: 2,75 10-8 m;

pati e la loro progettazione sono diventati molto

Tungsteno: 5,25 10-8 m;

complessi e ci sono diversi aspetti da tenere in

Ferro: 9,68 10-8 m;

conto, alcuni ormai altamente specificati e che

Platino: 10,6 10-8 m.

richiedono una preparazione di alto livello.

Guardando questi valori si capisce chiaramen-

Utilizzare delle tracce, delle piste conduttive,

te perch la scelta ricada tipicamente sul rame,

come elementi resistivi rappresenta una strate-

per esempio. C da tener presente che anche

gia efficace per la gestione della trasmissione

i processi, il costo e la disponibilit sul mercato

dei segnali ma soprattutto per quanto riguarda

fanno la differenza.

la sua integrit.
possibile, infatti, ridurre il rumore termico,

La serpentina

anche grazie ad opportuni filtraggi. possibile

Limmagine principale di questo articolo si rife-

minimizzare il crosstalk tra linee adiacenti, seb-

risce ad una possibilit implementativa in cui

bene questo espediente non elimini alla base la

sono stati analizzati praticamente dei casi di

possibilit che un fenomeno simile si verifichi.

successo di realizzazione di resistenze.

anche possibile utilizzare questa tecnica per ri-

Lutilizzo della geometria cosiddetta a ser-

durre gli effetti del disadattamento di impedenza

pentina garantisce laumento della lunghezza

ai terminali della linea di segnale o delle linee di

della traccia senza che lingombro sul circuito

segnale. E questo migliora di sicuro lefficienza

stampato sia eccessivamente grande: si ripiega

dellintero sistema soprattutto dal punto di vista

la traccia su se stessa in maniera tale da non

energetico.

avere il problema di dover ingrandire il circui-

Ciascun substrato, per, propone una differen-

to stampato. Un espediente pratico intelligente,

za rispetto agli altri e cio la sua propria costan-

semplice ed efficace.

te dielettrica , che pu essere calcolata come

Ecco alcuni valori ottenuti per le tracce, a partire

nella formula che segue

dallalto verso il basso:

nella quale troviamo il prodotto tra la costante

larghezza 20 mil, lunghezza 1221 mil: ~30

del vuoto e quella relativa.

m;
larghezza 6 mil, lunghezza 611 mil:
~50m;
larghezza 12 mil, lunghezza 1221 mil: 50
m;
larghezza 6 mil, lunghezza 1221 mil: 100
m.

La costante dielettrica ci permette di confrontare gli effetti dellisolamento sulla capacit del
conduttore e per questo ha effetti diretti sullimpedenza.
Non possiamo trascurare che qualunque realizzazione, qualunque geometria pensiamo di cre-

Come la ottengo una resistenza?

are, dovremo per forza lavorare su un substrato

E siamo arrivati alla vera domanda: come si

e sar anche molto frequente che noi avremo

{20

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
bisogno di uno strato di passivazione per migliorare il funzionamento.
Senza entrare in dettagli che non ci interessa
approfondire adesso (ma che possiamo approfondire volendo su richiesta, magari anche nei
commenti), una linea di trasmissione composta anche da una componente resistivit, oltre
che da uninduttanza e da una capacit. Avremo modo di tornare su questi aspetti non appena riprenderemo in mano le antenne.
Questi sono tipici esempi di componenti resistivi da dimensionare e possono essere dimensionate nello stesso modo rispetto ai resistori
semplici.
Una struttura tipo Microstrip prevede un piano di massa, uno strato di materiale dielettrico

Image credits: imgur.com

sovrapposto alto H e la semplice traccia, di un


determinato spessore (T) e di una determinata
larghezza (W), molto probabilmente analoghe a
quelle gi nominate in precedenza.
Limpedenza di una struttura simile pu essere
calcolata tramite la seguente equazione:

N.B.: occhio alle dimensioni! Le unit di misura


qui sono ancora i mil! Ricordate, quindi, che 1
mil = 0,001 in = 25,4 m = 2,54 10-5 m.
anche possibile, completando la caratterizzazione gi iniziata, fornire una misura del ritardo
di propagazione, ovvero dellintervallo temporale richiesto al segnale per attraversare lintero
conduttore.
In questa particolare realizzazione sar:

Ecco, qui di seguito, alcune immagini che vi mostrano delle realizzazioni simili:

Image credits: infoscience

{21

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

Image credits: Tommy Wu

Conclusioni

partendo da un presupposto: si pu fare.


Come al solito, adesso, la parola a voi: che ne
pensate?

Bene, ci siamo. Per oggi abbiamo finito. Quello


che abbiamo visto che possibile realizzare,
su circuito stampato, senza utilizzare componenti aggiuntivi, delle vere e proprie resistenze
che entreranno a far parte a pieno titolo del vostro progetto. Ponendo particolare attenzione
allo spessore della pista, alla scelta del materiale, alle dimensioni ma soprattutto al posizionamento, potrete ottenere degli ottimi componenti
altamente personalizzabili. Restano aperte una
serie di questioni relative alla caratterizzazione finale, alla possibilit delle interferenze, alla
necessit dello stato di passivazione ma tutte
queste questioni possono essere approfondite
Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-le-piste-come-resistori

{22

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCB ART 2] Le antenne Wi-Fi:


geometrie e soluzioni

e antenne Wi-Fi sono, oggigiorno, presenti

tener presente che il piano di massa deve esse-

su qualunque dispositivo mobile.

re ben dimensionato; se si realizzano antenne

Le frequenze di interesse e di riferimento

a quarto donda le geometrie che ci possono

sono tra le pi alte in uso per questi dispositi-

interessare maggiormente sono IFA e PIFA. Le

vi, se vengono confrontate con sistemi quali

vedremo meglio nel dettaglio pi avanti.

GPS, NFC e cos via dicendo. Esse, infatti, restano divise in due bande: 2400-2484 MHz, un

Le basi

range che include anche il Bluetooth, e 5150-

Le antenne Wi-Fi sono utilizzate sia per la rice-

5850 MHz.

zione sia per la trasmissione. Per questo moti-

Tutte le antenne Wi-Fi sopportano la prima delle

vo devono essere studiate, caratterizzate e va-

due bande e tipicamente lantenna viene con-

lidate da tutti gli organi competenti in maniera

nessa al chip che implementa sia per il Wi-Fi sia

tale da garantire il loro funzionamento non sia

per il Bluetooth. Ci vuol dire che il progetto di

dannoso per la salute. Abbiamo approfondito il

unantenna Wi-Fi , sostanzialmente, lo stesso.

tema diverso tempo fa parlando delle certifica-

(Inserisci il link alla scorsa puntata)

zioni, dei valori di riferimento ed analizzato alcu-

I telefoni cellulari che lavorano nella seconda

ni risultati interessanti.

banda di solito sono dual-band, cio le suppor-

Al di l di questi numeri, per, importante ra-

tano entrambe.

gionare sul fatto che esistono picchi nel guada-

Dal momento che le frequenze in gioco in que-

gno dantenna che vanno specificati e caratte-

sto protocollo di comunicazione sono le pi alte

rizzati. Come per tutte le altre antenne, infatti,

nel campo dei dispositivi mobile, lantenna la

necessario studiare il diagramma polare e valu-

pi piccola che si possa trovare. Iniziamo dando

tare il guadagno in tutte le direzioni.

delle dimensioni e cominciamo dallantenna a

Tipicamente il guadagno di antenna viene indi-

/2, ovvero a mezzonda, che nel caso dei 2.4

cato in dB ed il picco pari a 2.

GHz ha una dimensione pari a 6,25 cm (ovvero

I parametri della FCC specificano valori in dBm.

2,5 pollici). La stessa, nella seconda banda,

Non c una grande differenza concettuale

grande solo 3 cm e poco pi di un pollice. Que-

ma questo vuol dire che il guadagno di antenna

sto significa che lutilizzo di antenne a quarto

deve essere inferiore ai 10 dBm.

donda pu rendere ancora pi piccole queste

A questo proposito abbiamo parlato anche

strutture, e naturalmente consentire una minia-

dellEIRP; si tratta di una funzione della poten-

turizzazione pi spinta dellintero sistema.

za condotta (cio di quella guidata alluscita ai

Ci per deve essere confrontato con la ge-

terminali, di solito nellordine dei 15 dBm per il

ometria dellantenna perch ne esistono di di-

Wi-Fi), dellefficienza di antenna ma anche della

verse forme e dimensioni. In particolare bisogna

direttiva.

{23

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
A proposito di efficienza, il valore nelle applica-

Ecco, di seguito, una tabella di valori di riferi-

zioni Wi-Fi per dispositivi mobile nellordine

mento:

di -6 dB (fino a -2). Tale valore diminuisce in funzione dellaccoppiamento


tra antenne e dei valori di impedenza
dei componenti che si trovano intorno
allantenna, quali per esempio la fotocamera, il PCB stesso, il vetro dello
schermo e altri. Ecco per quale motivo
indispensabile dimensionare gli isolamenti in maniera opportuna.
Tutti i dispositivi wireless lavorano inviando segnali radio convenzionali sia
per lunghezza sia per struttura sia per
frequenza. Tutto ci che serve per effettuare una trasmissione, ricevitore,
decoder e cos via dicendo, e tutto
integrato allinterno dei dispositivi che
conosciamo.
Le antenne sono un elemento indispensabile

Antenna Wi-Fi omnidirezionale

che fa parte del sistema; sono componenti chia-

Alcune antenne sono disegnate specificamen-

ve che servono a captare i segnali e ad emetter-

te allo scopo di illuminare in maniera identica

ne in maniera tale da raggiungere i destinatari.

tutto lo spazio circostante, ovvero con lo stesso

Per caratterizzare unantenna assolutamente

guadagno. Queste antenne sono dette omni-

imprescindibile comprendere alcuni concetti.

direzionali e vengono comunemente utilizzate


allinterno di dispositivi Wi-Fi come router e mo-

Antenna Power Gain

dem ma anche access point e adattatori.

La connettivit di un dispositivo Wi-Fi dipende


in larga parte da queste figure di merito. Misura-

Antenne Wi-Fi direzionali

ta in decibel, rappresenta la massima efficacia

In un certo senso, lesatto contrario delle prece-

di antenna comparata con quella di riferimen-

denti: non tutto lo spazio circostante verr in-

to. I produttori utilizzano due differenti standard

vestito della stessa potenza ma tutto dipender

quando vogliono caratterizzarne le prestazioni:

dal diagramma di irradiazione che dimostrer di

dBi - decibels relativi ad unantenna di rife-

concentrare lenergia in una o pi direzioni pre-

rimento;
dBd - decibels relativi ad unantenna di riferimento a dipolo.
Pi alto il valore, maggiori distanze pu raggiungere lantenna.

ferenziali. Questa tipologia viene tipicamente


utilizzata per estendere lintervallo di copertura
della rete.

{24

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

Le geometrie
Veniamo ora le possibilit implementative: come
sono fatte le antenne? Eccone degli esempi

IFA, Inverted-F Antenna


Questa

particolare

geometria

rappresenta

una soluzione molto interessante. La vediamo


nellimmagine seguente:

Anche se questa particolare antenna sembra


essere wire, lanalisi dimostra che si tratta
di una aperture antenna.
Lalimentazione realizzata partendo dal piano
di massa fino allo arm superiore il quale ha
una lunghezza che pari a circa un quarto della

La slot dovrebbe essere unantenna a mezzonda per avere unirradiazione corretta. In particolare, pi precisamente, il perimetro dellantenna

lunghezza donda. A sinistra dellalimentazione

dovrebbe essere circa una lunghezza donda

vi un cortocircuito verso il piano di massa.

intera.

Il punto di alimentazione pi vicino al pin di

Lalimentazione di questa antenna, attraverso

cortocircuito rispetto al terminale aperto.

lapertura, ai bordi, deve essere nulla perch in

Il meccanismo di polarizzazione di questa par-

questo modo sar massima altrove (al centro).

ticolare antenna verticale ed il pattern di irra-

Dal momento che lantenna pu essere anche

diazione circa a forma di ciambella, con lasse


orientato nella direzione verticale. Non si tratta,
quindi, di unantenna omnidirezionale ma di una
struttura con una certa simmetria che permette

vista come una linea di trasmissione, il source


vede una linea di trasmissione cortocircuitata in
entrambe le direzioni.

comunque una comunicazione efficiente.

La teoria sulle linee di trasmissione insegna

Il piano di massa deve necessariamente essere

che quando la situazione di questo tipo, la

grande almeno quanto la lunghezza dellanten-

tensione e la corrente sono sfasate di 90. Il

na e dovrebbe essere almeno alto /4. Se que-

risultato sar, quindi, che la corrente sar zero

sta dimensione dovesse rivelarsi inferiore,

al centro dellantenna e sar massima proprio ai

la banda e lefficienza diminuirebbero sen-

bordi. Questa condizione permette lirradia-

sibilmente.
Lanalisi sulla struttura in oggetto pu partire dal
antenna slot

zione.
La distribuzione viene mostrata nella seguente
figura

{25

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
re nullo. Il risultato che essa dimostra la
stessa distribuzione corrente-tensione della patch a mezzonda. Il guadagno piuttosto ridotto lantenna mantiene le stesse
propriet di base. Ci nondimeno, le sue
dimensioni sono ridotte del 50%.

Lantenna slot irradia perch la tensione in

Patch antenna: shorting Pin al


Feed

fase attraverso lintera apertura e pertanto il

Questa soluzione pu essere utilizzata per ali-

campo magnetico orientato verticalmente lun-

mentare lantenna

go tutto il percorso. Questo d origine alla polarizzazione verticale.


Come fa questo ad essere in relazione
con il tipo di antenna?
Il concetto chiave il seguente: se la corrente al centro nulla, allora lantenna pu essere pensata come un circuito aperto. Pertanto, se dividiamo in due lo slot, limitandoci
a guardare soltanto il lato sinistro, ecco che
otteniamo lantenna.
Chi progetta antenne cerca sempre modi crea-

Anche se il pin di cortocircuito sembrerebbe

tivi per migliorare le prestazioni ed uno dei me-

portare a zero ogni contributo di potenza, que-

todi utilizzato nel progetto delle antenne patch

sto non succede ed il circuito equivalente spie-

la diminuzione dei pin. Ecco alcune soluzioni.

ga il perch.

Antenna Patch a quarto donda


Vediamo la patch a quarto donda nella figura
che segue

Leffetto che si ottiene sullinduttanza in parallelo quello di spostare la frequenza di


risonanza dellantenna ed in particolare le
due componenti in parallelo alterano lammettenza dellantenna stessa.
Dal momento che pi corta, la corrente alla

PIFA

fine dellantenna non pi forzata ad un valo-

PIFA , naturalmente, un acronimo che signifi-

{26

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
ca Planar Inverted-F Antenna ed identifica un

caso in cui si possa assumere che W<<L2.

modello che trova ormai sempre pi largo im-

Al di l dei casi teorici e delle dipendenze, cer-

piego nel mercato dei telefoni cellulari ma an-

chiamo di ottenere numeri e di fare degli esem-

che dei dispositivi portatili pi in generale.

pi. Andiamo sul pratico: supponiamo che L1=0.1

Lantenna a quarto donda, il che riduce lo

m (10 cm), L2=0.05 m (5 cm), W=0.02 m (2 cm)

spazio di cui ha bisogno per essere alloggiata

e che la permettivit relativa sia pari a 4. La

allinterno del dispositivo, ed ha anche buoni va-

frequenza di risonanza sar, dunque:

lori di SAR.
Il suo pattern di irradiazione uniforme ed omnidirezionale con un basso profilo ed per questo che risulta molto interessante.

nella quale abbiamo assunto

L1 ed L2 sono, rispettivamente, lunghezza e

Aggiorniamole

larghezza dellantenna. Lo shorting pin ha una

Una volta che la rete Wi-Fi viene messa in ope-

larghezza pari a W e si trova sul bordo dellan-

ra molto spesso ci si accorge di problemi dovuti

tenna stessa. Lalimentazione avviene sempre

alla potenza di segnale, troppo debole per rag-

dal medesimo lato ed a distanza D da esso.

giungere efficacemente alcuni punti. In questi

Questa antenna risulta avere unaltezza h dal

casi, e molto utile tracciare una mappa, verifica-

piano di massa ed in mezzo, ovviamente, po-

re la potenza di segnale per scoprire quali sono

sto il dielettrico.

gli ostacoli che rendono difficoltosa la copertura

Limpedenza dellantenna pu essere controlla-

e studiarne uneventuale disposizione alterna-

ta tramite la variazione della distanza D di cui

tiva. Questo succede prevalentemente quando

abbiamo parlato: pi corta , minore sar lim-

parliamo di business network, in studi oppure

pedenza.

aziende.

Anche la frequenza di risonanza dipende

Ecco, quindi, che vengono in aiuto alcune so-

dalle grandezze caratteristiche ed in partico-

luzioni come gli access-point, che possono

lare da parametro W: se W=L2, allora questo

anche essere daiuto anche in situazioni dome-

vorr dire che la lunghezza L1 sar pari ad un

stiche. Quando si decide di fare un intervento

quarto donda.

del genere necessario tenere a mente prima

Se supponiamo, invece, W=0, allora avremo

di tutto che alcuni dispositivi non supportano

L1+L2 pari a /4. Tale risultato vale anche nel

laggiornamento delle antenne.

{27

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Inoltre laggiornamento pu migliorare la con-

mo il perch. Non perdete la prossima puntata.

nettivit con tutti i dispositivi e risolvere alcune


delle problematiche riguardo lintegrit del segnale; questi miglioramenti sono sentiti da tutti i
device singolarmente.

Per approfondire: Texas Instruments

Quando si effettua un aggiornamento bisogna valutare sia la possibilit dellaumento


del guadagno sia il diagramma di irradiazione perch le propriet dellantenna saranno
quelle che determineranno la qualit del risultato finale. Esistono dei software che possono
permettere di effettuare la mappatura del segnale e di pianificare lintervento.
A questo proposito, linstallazione di unantenna
su un dispositivo preesistente non sufficiente, almeno non sempre. Il livello di segnale, per
esempio, pu rimanere lo stesso e a quel punto
serve un nuovo intervento, denominato signal
boosting. Questo tipo di risultato si pu ottenere
installando dei ripetitori, dispositivi che amplificano il segnale ponendosi come intermediari tra
le connessioni della rete.

Conclusioni
Siamo, quindi, giunti alla fine di questa puntata, la prima dedicata interamente al Wi-Fi. Ad
oggi abbiamo visto parte dei criteri di progetto e
delle possibilit implementative. Prossimamente vedremo quali sono le equazioni, i parametri
in gioco, le valutazioni qualitative e tutte le caratteristiche che completeranno il quadro delle
antenne Wi-Fi. Sebbene quelli enunciati finora
siano criteri generali, sappiate che ogni specifico progetto proporr le sue peculiari difficolt,
soprattutto per quanto riguarda le dimensioni.
Ogni caso sar una nuova sfida e presto capireLautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-le-antenne-wi-fi-geometrie-soluzioni

{28

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCB ART 2] Le antenne Wi-Fi:


criteri e progetto

ggi ci occupiamo, come detto in apertura,

lefficienza.

del Wi-Fi su PCB. Parliamo delle antenne,


delle loro grandezze caratteristiche, della

Antenne su PCB

progettazione ma soprattutto di come verificare

Il posizionamento dellantenna su PCB FR4 ri-

il tutto.

duce la lunghezza donda della stessa dal mo-

Le fasi concettuali per il progetto di unantenna

mento che la lunghezza donda di funzionamen-

sul circuito integrato devono essere chiare se si

to dipende dal mezzo e dallaria.

vuole raggiungere il risultato del mantenimen-

La lunghezza donda diminuisce quando londa

to della larghezza di banda, dellimpedenza e

elettromagnetica attraverso un mezzo e pertan-

dellefficienza mentre si insegue lobiettivo della

to impostare i parametri dantenna vuol dire de-

miniaturizzazione.

terminare i coefficienti correttivi alle equazioni di

Il progetto di piccole antenne su circuito integra-

progetto relativamente al nuovo mezzo.

to pu essere un procedimento costoso e che

Esistono, oggi, diversi tool e strumenti CAD che

dura tanto tempo. Questo diventa ancora pi

permettono di aiutare il progettista, rendendo

vero quando si vuole realizzare una nuova an-

tutto pi semplice.

tenna adattandone una preesistente.

Un elemento radiante in aria ha una lunghezza

Mantenere il progetto contenuto in termini di co-

la cui formulazion nota: =c/f.

sti, di ogni genere, sempre una sfida, soprat-

Per unantenna a dipolo in spazio libero, come

tutto se si vogliono mantenere le stesse presta-

si vede dalla figura che segue,

zioni.
Le antenne normali sono progettate per funzionare in aria e sono caratterizzate da equazioni molto ben
conosciute, che servono al progetto
ma anche alla caratterizzazione.
Basandoci sulla teorie delle antenne, dati per noti i concetti di microstrip e modelli equivalenti, ci poniamo il problema di come ridurre le
dimensioni dellantenna da 3D a 2D.
Tale miniaturizzazione fondamentale se si vuole garantire lintegrazione del sistema.

ci sono due dipoli opposti contrapposti. Se si in-

E vedremo che possibile farlo mantenendo

seriscono lFR4 ed il rame si pu effettuare un

{29

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
controllo preciso del secondo attraverso il piano

re correttivo in funzione dellindice di rifrazione

di massa. Di fatto, stiamo parlando di un mono-

effettivo.

polo.

Qui viene indicata la permettivit dielettrica re-

La riduzione delle dimensioni dellantenna viene

lativa dellFR4.

fatta per stadi successivi applicando i teoremi

h, invece, come si capisce, rappresenta lo

dellelettromagnetismo, per esempio la recipro-

spessore mentre w la larghezza dello strato.

cit.

Le equazioni di Wheeler o Chu possono esse-

Questo consente di ottenere un risultato, ov-

re utili per definire i pattern omni-direzionali. In

vero il ripiegamento dei piani per multipli della

particolare, possiamo scrivere a, con =2/.

lunghezza donda. Iterando questo processo si


ottengono soluzioni come quelle visibili in figura
Le medesime equazioni ci permettono di esprimere il fattore di qualit Q
e di selezionarne uno che consenta di ottene-

re la corretta larghezza di banda in ragione del


rapporto
Dal momento che il piano di massa determina

Da questa formula si vede chiaramente che non

la direttivit ed il guadagno dellantenna, ne-

possibile progettare unantenna che abbia

cessario verificare le prestazioni, esattamente

VSWR pari ad 1. Il valore tipico pari a 1,2.

come dicevamo in apertura.

Al tempo stesso si nota che il limite superiore

Lantenna pu essere ruotata in maniera tale

definito dal rapporto di a rispetto al piano di

che si trovi sullo stesso piano dove lelemento

massa.

radiante risulta a contatto con lFR4, appena al

Per pattern omni-direzionali, a ha valore unita-

di sopra del piano di massa.

rio.

Dal momento che londa elettromagnetica deve viaggiare per met in aria e per
met allinterno del mezzo, possibile
definire un fattore correttivo per la velocit dellonda stessa.
Lequazione che segue viene utilizzata
proprio a questo scopo: calcolare il fattoDal grafico appena mostrato si evince chiaramente che lantenna ha un range di fattori di
qualit e larghezza di banda consentiti che sono

{30

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
finiti in numero e che dipendono fortemente dal

qui circa pari a 36 .

pattern di irradiazione. E naturalmente queste

Il fattore di qualit pari al rapporto tra X ed R.

considerazioni valgono per qualunque tipo di

Naturalmente questo ci fa riflettere anche sulla

antenna.

Open Radiator

condizione unitaria. Che succede alla frequenza di risonanza?

Una struttura open radiator pu essere stu-

Il modello dipolare pu essere considerato simi-

diata attraverso il suo modello circuitale equiva-

le ad una traccia oppure ad una micro strip seb-

lente, ovvero una rete RLC come riportato nella

bene, nel nostro caso, massa non sia al di sotto

figura che segue:

dellelemento radiante ma sullo stesso lato. Lo


vediamo bene nella figura che segue

Lefficienza, in questa configurazione, dipende


fortemente dalla potenza cos come, anche in
questo caso, il fattore di qualit sar intrinsecamente legato al valore della larghezza di banda.
Si pu ottenere un alto valore di efficienza quando il prodotto vettoriale tra il campo elettrico E
il campo magnetico H restituisce modulo massimo, ovvero quando sono perpendicolari. E
questo deve succedere ad una data lunghezza
donda che proprio quella di nostro interesse.

La distanza molto pi grande rispetto ai vin-

Il dipolo ha una sua impedenza caratteristica

coli che abbiamo nel progetto di una micro strip,

che, come ben sappiamo, costituita da un

in cui il radiatore ha una larghezza maggiore ri-

contributo reale ed uno immaginario

spetto allo spessore del dielettrico che separa


il piano di massa dal radiatore stesso. Nel con-

Per ottenere alte efficienze, il valore di corrente


che scorre allinterno deve essere massimo o
deve essere definito, pi semplicemente, quando limpedenza consente il massimo trasferimento di potenza in ingresso. In pratica stiamo
parlando della condizione di adattamento che

fronto, per, si vede che la componente capacitiva bassa, a differenza di quella induttiva.

Lefficienza
E veniamo finalmente a definire questa grandezza.
Efficienza = Po/Pi 100%

{31

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
si tratta di una misura della potenza alluscita

bino le geometrie. Se, per esempio, si lavora

rapportata alla quantit di potenza posta in in-

con una micro strip open ed uno stub corto pos-

gresso. Inutile dire che questa quantit deve

siamo avere anche 50+j0 (il valore ottimale).

essere la pi grande possibile per poterci ga-

Tornando allefficienza, essa definita come:

rantire il migliore risultato.


Ridurre le dimensioni dellantenna ripiegando il radiatore riduce le dimensioni sul circuito
stampato. Al tempo stesso, per, aumentano
i potenziali contributi parassiti capacitivi ed in-

in cui si tiene conto del mismatch che si osserva

duttivi. Per questo motivo bisogna effettuare il

durante la riflessione, nonch delle perdite oh-

matching dellimpedenza, garantendo cos il mi-

miche del radiatore.

glior trasferimento di potenza.

Per valutare la direzionalit dellantenna possia-

La potenza associata allantenna semplice-

mo scrivere:

mente una funzione limpedenza dingresso che


deve essere resa pari ad un valore ottimale,
cio proprio pari a quella restituita dalla condizione di adattamento.

Per unantenna IFA, come questa

La larghezza del radiatore serve a fissare il valore del impedenza dingresso e la sua lunghezza, invece, contribuisce al calcolo della frequenza di risonanza.
Le formule in questione sono:

la frequenza di risonanza dellantenna pari a:

ma la componente capacitiva una funzione,


come detto, di

il massimo valore di directivity possibile pari


a:

in cui si tiene conto della distanza tra il radiatore


ed il piano di massa.
Limpedenza di ingresso, corretta in funzione dello spessore del PCB, sar circa pari a

Conclusioni

36+j200. Tali valori possono differenziarsi nel

E anche oggi siamo giunti alla fine. Quel-

caso in cui si utilizzino degli stub oppure si cam-

lo che abbiamo visto e che abbiamo capito

{32

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
che le dimensioni fisiche, nonch la geometria,
dellantenna incidono in maniera importante e
determinante sul suo funzionamento. Non c
parametro che possa essere trascurato in un
progetto, soprattutto quando si voglia raggiungere un risultato come la miniaturizzazione del
sistema.
Lo spessore degli strati su PCB, i valori di impedenza, il diagramma polare e tante altre grandezze possono essere controllate con precisione modificando il piano di massa ed incidendo
sulla frequenza di risonanza e sul guadagno.

Per approfondire: Texas Instruments

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-le-antenne-wi-fi-criteri-progetto

{33

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCBART2]RFID e comunicazione
contactless

tag RFID, come abbiamo avuto modo di ve-

dei teoremi di reciprocit, dualit e cos via di-

dere quando abbiamo discusso di quali possi-

cendo.

bilit esistono, utilizzano una tensione indotta

Tali teoremi conducono a soluzioni pratiche del-

per effettuare operazioni. La tensione indotta

la quali una rappresentata dalla creazione di

in AC; il fenomeno dellinduzione determina

antenne che sono nullaltro che piccoli circuiti

una caduta di potenziale ed un certo valore di

risonanti alla frequenza di interesse.

corrente al suo interno. La tensione viene poi

Al loro interno scorrer una corrente in grado

rettificata cos da trasformarla in un livello di ali-

di irradiare un campo magnetico, in condizioni

mentazione continuo (DC) sia sufficiente a fun-

di campo vicino, che decadr con dipendenza

gere da tensione operativa.

cubica dal raggio. Questo abbastanza eviden-

Se si fornisce un segnale a radiofrequenza, il

te perch, soprattutto unantenna omnidirezio-

lettore pu comunicare con un dispositivo remo-

nale crea attorno a s un campo di irradiazione

to che non ha alimentazione esterna, per esem-

che consente di approssimare la sorgente come

pio una batteria.

puntiforme e descrivere il campo come una sfe-

Si tratta quindi di energizzare e di instaurare

ra di raggio sempre crescente.

una comunicazione tra un lettore ed un tag at-

La dipendenza cubica si spiega analizzando il

traverso lantenna.

volume della sfera.

Questultima non pu essere qualsiasi ma

Questo tipo di antenna prende il nome di dipolo

dovr essere scelta accuratamente a seconda

magnetico.

dellapplicazione e la geometria ed i parametri

Nelle applicazioni che utilizzano tag passivi a

caratteristici saranno la chiave per rendere ope-

13,56 MHz bastano induttanze anche dellordi-

rativo lintero sistema.

ne dei uH e condensatori di qualche centinaia

Un segnale a radiofrequenza pu essere irra-

di pF.

diato in maniera efficace se la dimensione linea-

Il trasferimento di tensione tra lettore ed anten-

re dellantenna confrontabile con la lunghezza

na avviene grazie al principio di induzione.

donda operativa. La lunghezza donda alla

Lefficienza del trasferimento pu essere au-

frequenza di 13,56 MHz pari a 22 m (per la

mentata creando circuiti con fattori di qualit

precisione 22,12); questo significa che abba-

(Q) sempre migliori.

stanza difficile realizzare fisicamente unantenna adatta per questo tipo di applicazione. Ed

Le basi del fenomeno

per questo motivo che vengono sfruttati i ben

Non possibile pensare di concentrare tutta la

noti principi della fisica e della campistica per

teoria della fisica che serve per questo argo-

poterle comunque realizzare. Studiare i campi

mento in un unico grande articolo; per questo

elettromagnetici significa essere a conoscenza

motivo che analizzeremo soltanto le equazioni

{34

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
pi importanti. Vi ricordiamo, comunque, fin do-

significa riscrivere lequazione come segue

ra che per qualunque necessit o dubbio o bisogno di approfondimento, siamo a disposizione


dei commenti.
Analizzare landamento di corrente e tensione
allinterno di un sistema semplice come un conduttore percorso da corrente significa valutare
il suo comportamento analizzando la geometria
descritta nella figura che segue
Ed ecco comparire in questa formulazione esattamente la dipendenza che avevamo accennato. Questo decadimento viene ben rappresentato qui di seguito

e questo pu esser fatto grazie allequazione


A cosa serve analizzare geometrie cos semplici? Esse costituiscono la base di ogni sistema e per questo motivo indispensabile comin cui abbiamo indicato con I la corrente, r la
distanza dal centro del filo, 0 la permeabilit
di spazio libero, una costante che vale 410^-7
(H/m).

prenderle al meglio.

Linduzione
Lelettromagnetismo non altro che un insieme

Valutare il campo magnetico prodotto da unan-

di fenomeni fisici spiegabili attraverso leggi del-

tenna circolare come questa

le quali una delle pi importanti sicuramente


quella di Faraday, la legge sullinduzione elettromagnetica ad opera di un campo magnetico
variabile attraverso uninterfaccia.
Nella figura che segue viene mostrato esattamente lo schema di principio del fenomeno una
geometria circolare, base di unapplicazione
RFID.

{35

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
ed intuitivo che il suo valore debba essere
mantenuto il pi basso possibile per avere un
circuito dantenna con fattore di qualit maggiore. Meglio optare, dunque, per un diametro
maggiore.
In AC, invece, i portatori di carica sono equaQuesto perch quando il tag ed il lettore sono
vicini luno allaltro il campo magnetico variabile B prodotto dal lettore induce una differenza
di potenziale allinterno dellavvolgimento presente nellantenna e questo causa lo scorrere
di una corrente la cui entit legata proprio alla
tensione

mente distribuiti attraverso lintera sezione del


filo. Man mano che la frequenza aumenta, il
campo magnetico risulta di valore maggiore al
centro del filo; questo fenomeno noto come
effetto pelle.
La profondit alla quale, allinterno del conduttore, si ha un abbassamento della densit dei
portatori varia come 1/e, e questo dipende dal
fatto che permeabilit e conducibilit del mezzo
influiscono in maniera importante.

Come ben noto, il segno negativo rappresenta un fattore di correzione proposto da Lenz

Leffetto skin depth si pu ottenere calcolando

che sta a testimoniare il fatto che il flusso


concatenato di segno opposto a quello indotto.
Per identificare lentit del flusso magnetico si
calcola il prodotto scalare tra il campo magnetico e la superficie attraverso la quale
fluisce, cio il risultato sar proporzionale al
coseno dellangolo formato dai due vettori; da
questa considerazione discende che il miglior

Linduttanza delle antenne


Ci vuole, come abbiamo detto, un conduttore perch ci sia flusso e campo magnetico.
Questultimo, variabile nel tempo, induce una
corrente. Per calcolare linduttanza L si scrive

accoppiamento sar realizzato quando i due


avvolgimenti saranno paralleli tra loro.

Caratteristiche Ohmiche
Parliamo di avvolgimenti, e di fili quindi non possiamo non parlare di conduttori e dei materiali
di cui sono costituiti. nota la formula della
resistenza in DC

che tiene conto del numero di avvolgimenti,


quindi di spire, della corrente e del flusso magnetico. La dipendenza , dunque, proporzionale al numero di avvolgimenti ed inversamente
proporzionale allintensit la corrente.
Se del filo fissiamo la lunghezza ed il raggio (rispettivamente l ed a), abbiamo

{36

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

Se lavvolgimento circolare avremo

Per geometria sempre circolare ma avvolgimenti multipli, avremmo

Ma la geometria a spirale probabilmente quella pi frequente

Pi spire diverse aggiunte alla geometria di prima danno

{37

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
E gli esempi di certo non finiscono qui.

tissimo esempio di antenna. Probabilmente an-

Linduttanza di una struttura planare, per esem-

che quella che avete visto pi spesso perch si

pio, caratterizzata soltanto, da una larghezza da


una altezza e da uno spessore, pu complicare
la valutazione dellimpedenza se utilizziamo av-

tratta di un esempio applicativo davvero completo.

volgimenti planari a spirale. Se consideriamo un

Ciascuno degli avvolgimenti singolarmente crea

induttore realizzato con segmenti sottili

una mutua induttanza con gli altri, enumerando i


segmenti come in figura

linduttanza risulter dalla somma delle induttanze

ove evidente che bisogna sommare tutti i contributi di mutua induttanza positivi nonch quelli
negativi.
La mutua induttanza non altro che quel contributo risultato dal campo magnetico prodotto
dai conduttori adiacenti ed positiva quando
la direzione della corrente concorde, negativa in caso contrario. La mutua induttanza tra
due conduttori paralleli una funzione della lunghezza (l) del conduttore e del fattore di mutua
induttanza (F):
M=2lF

Antenna rettangolare planare a spirale


Questo probabilmente il primo vero importan-

ritroviamo valori di corrente, spessori, fattori di


skin depth caratteristici.
Linduttanza totale pari alla somma di tutte le autoinduttanze di ciascun segmento
(L0=L1+L2+.....+L16).
A ci vanno aggiunte le mutue induttanze positive, M+, che si compongono di due contributi dovuti alla mutua interazione di ciascun segmento
sugli altri come per esempio su l1:
M+(l1)= 2(M1,5 + M1,9+M1,13)
E naturalmente analogo discorso va fatto su M-.
Ed ora una domanda per voi: sapreste scri-

{38

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
vere le espressioni complete?

la banda definita a +/- 7 kHz;


la potenza della frequenza fondamentale

Configurazione di unantenna

pari a 10 mV/m alla distanza di 30 m dal tra-

Linduttanza di un circuito di lettura alla frequen-

smettitore;

za di 13,56 MHz tipicamente pari a qualche


uH. Essa pu essere costituita da avvolgimento

la potenza delle armoniche pari a -50.45


dB rispetto alla fondamentale.

unico o doppio

Il tag
Cominciamo con alcuni esempi di possibili tag:

Naturalmente il circuito risonante LC dovr essere accordato in frequenza. Il fattore di qualit del circuito dipender sia dalla frequenza sia
dalla banda di lettura.
Come avrete capito, non possibile ottenere la
qualit nella lettura e nel circuito di risonanza
senza che ci sia una netta dipendenza dalle dimensioni geometriche. Ecco per quale motivo
indispensabile stabilire la geometria con precisione soprattutto in funzione dei limiti. La FCC,
ad esempio, ne detta di suoi:
la precisione sul valore di frequenza pari
allo 0,01%, cio +/- 1.356 kHz;

{39

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

ve li mostriamo per darvi unidea di come vadano condizionati, grazie allutilizzo di condensatori ed induttori interni ed esterni.
Lespressione del fattore di qualit pari al
rapporto tra la frequenza fondamentale e la
larghezza di banda. Maggiore sar dunque la
banda, pi piccolo in modulo risulter il fattore
di qualit.
Facciamo un test: si tratta di un fatto positivo o negativo?

Accordiamolo
Per realizzare La condizione di accordo, il circuito pu essere studiato secondo due metodologie diverse:
1. metodo della misurazione di tensione;
2. studio dei parametri S e dellimpedenza.
Nel primo caso si tratta di impostare il segnale di
tensione alla frequenza di risonanza, connettere il generatore al circuito, utilizzare loscilloscopio per controllare cosa viene visualizzato, verificare delle alterazioni nei valori al variare della

{40

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
capacit ed interrompere la procedura quando

la sensibilit del ricevitore, la codifica e la

si ottiene il massimo valore di tensione in uscita.

decodifica dellinformazione attraverso lalgoritmo. Anche il numero di dati codificati


ha la sua importanza.
Tale valore di distanza alla frequenza operativa specificata relativamente pi lungo rispet-

Il secondo metodo prevede anche lutilizzo di un


analizzatore di rete. In questo caso il parametro
da misurare prima di tutti S11, effettuando una
calibrazione per poi effettuare il tuning del condensatore.

to allaltra possibilit, ovvero la frequenza operativa di 125 kHz, e ci dipende dal fatto che
lefficienza dantenna aumenta man mano che
aumenta la frequenza.
Evidentemente ci sar una
variabilit anche rispetto
alle applicazioni che opereranno in prossimit piuttosto che su lunga distanza.
Ecco alcuni esempi:

Le 3 immagini mostrano (da sx a


dx): la caratterizzazione del parametro S11, lo studio dellimpedenza in con circuito risonante in parallelo e lo studio dellimpedenza
in con circuito risonante in serie.

Range di lettura
Il range di lettura definito come
la massima distanza tra il lettore
e il tag. Alcuni dei parametri incidono in maniera importante su
questa grandezza, per esempio
la frequenza operativa, il fattore dantenna, lorientazione della stessa. Ma

La parola a voi

anche il valore della corrente di eccitazione,

Alla luce di quanto visto fino a questo momento,


vi mostriamo adesso un paio di immagini. Sa-

{41

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
preste caratterizzare le antenne?

E con ci possiamo dire conclusa questa puntata di PCB ART 2, nella quale abbiamo analizzato il principio di funzionamento, il dimensionamento, le varie possibilit realizzative ma anche
le caratteristiche funzionali dei tag RFID. Tutti
gli aspetti salienti sono stati affrontati ma, come
sempre, per qualunque dubbio o domanda siamo a vostra disposizione nei commenti.
Alla prossima.

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-rfid-comunicazione-contactless

{42

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCB ART 2] il GSM

l flusso di progetto, come modus operandi, non

anche in questo caso va considerata la strut-

cambia a seconda di che cosa si stia proget-

tura dipolare perch la pi semplice e quella

tando: bisogna sempre avere ben chiare le

che, nel corso del tempo, stata pi largamente

specifiche di partenza, immaginare lo stru-

impiegata ed oggi la troviamo al lavoro in una

mento pi adatto, mettere insieme tutte le in-

grandissima variet di applicazioni e dispositivi.

formazioni che si hanno, sintetizzare il pro-

La struttura dipolare costituita, come abbiamo

getto e poi verificare ci che si fatto.

visto, da due linee conduttive della stessa lunghezza che si trovano sullo stesso asse e che
siano separate da un piccolo gap; tale struttura
viene alimentata da un singolo punto e la distribuzione di corrente di tipo sinusoidale:

e dal momento che la lunghezza un parametro, si possono anche utilizzare diverse lunghezQuella che vi abbiamo appena mostrato una

ze per trasmettere la stessa frequenza. Appro-

immagine di un prototipo. Ma come si arriva ad

fittiamo della prossima figura per visualizzarlo in

ottenere un risultato di questo tipo?

maniera pi immediata

fondamentale fare un primo passo verso il


progetto, lavoreremo su una semplice antenna
dipolare, la quale va successivamente simulata per poi poter diventare un prodotto commerciale. Esistono software dedicati che possono
essere utilizzati per la progettazione ad alta fre-

La lunghezza dellantenna , dunque, il fattore

quenza e questi consentono di effettuare simu-

principale che influenza la frequenza di trasmis-

lazioni anche di alto livello.

sione (ovvero quella di ricezione) e questo vale

Ma come dicevamo prima di arrivare a tutto

per multipli di met della lunghezza donda; bi-

questo bisogna capire esattamente che tipo di

sogna considerare che la propagazione dellon-

strumenti stiamo utilizzando e quali sono i fon-

da elettromagnetica differisce tra il caso di pro-

damenti teorici su cui ci basiamo.

pagazione in spazio libero e quello allinterno di


un conduttore.

In principio matematica

C un legame tra le due affermazioni ed il

Quando abbiamo parlato delle antenne Wi-Fi

fattore (A) per il quale bisogna moltiplicare la

vi abbiamo mostrato una serie di geometrie ed

lunghezza donda nel caso di propagazione in


spazio libero per ottenere lequivalente lunghez-

{43

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
za donda elettrica

na collegata tramite un cavo non ideale, cio


un cavo qualunque, che avr un suo assorbimento, proprio perch abbiamo visto che anche
una pista conduttiva di fatto un resistore che
pu dissipare potenza.
Questo studio pu essere effettuato utilizzando
i parametri di scattering, ed in particolare S11,
un numero complesso che utilizziamo nellespressione

Cos, la lunghezza per un dipolo a mezzonda


viene calcolata come:
l= cA /2f => l=0.44 c/f

VSWR ha valore unitario quando lintero segna-

La geometria dellantenna di cui stiamo trattan-

le assorbito dal sistema e per poterlo caratte-

do, si intuisce, prevede un pattern di irradiazio-

rizzare al meglio necessario visualizzare gra-

ne omnidirezionale e questo dipende proprio

ficamente VSWR in funzione della frequenza,

dalla sua struttura; ci aspettiamo due lobi di irra-

tramite la carta di Smith.

diazione (pattern rappresentato su scala lineare

Chiariti i presupposti del funzionamento elettrico

a sinistra e logaritmica a destra)

e della caratterizzazione della struttura, resta da


comprendere al meglio la rete GSM, i meccanismi di accesso e funzionamento, le frequenze
specifiche, la larghezza di banda disponibile,
la velocit del canale e tanto altro ancora, soprattutto perch queste caratteristiche non sono
identiche tra loro in tutto il mondo.
La rete GSM considerata una rete sicura sia
per la trasmissione dei dati sia per la voce. Fun-

Ed ecco una domanda per voi: perch lan-

ziona con accreditamento univoco, grazie ad

tenna deve essere omnidirezionale?

un Subscriber Idenity Module (se la chiamia-

Ma veniamo al valore di tensione: vogliamo

mo SIM vi sicuramente pi familiare, vero?) e

essere in grado di effettuare una misurazione

tramite accesso contemporaneo alla rete, Time

dellantenna e possiamo pensare di caratteriz-

Division Multiple Access, per il quale il segnale

zare la riflessione: se questo fenomeno bas-

viene trasmesso in slot temporali, il che consen-

so, la quantit di energia che viene fornita al

te a pi utenti di dividersi il mezzo trasmissivo.

sistema alta e quando il sistema unantenna

I canali sono da 220 kHz e sono composti da 8

questo vuol dire che il segnale viene emesso.

slot da 25 kHz, che supporta un trasferimento di

Ma bisogna considerare anche che parte di que-

dati di 9.6 kbps.

sta energia viene persa, per esempio se lanten-

La pi grande distanza che il GSM pu coprire

{44

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
di soli 35 km, ecco perch il
sistema diviso in celle e costituito da tantissime stazioni
trasmittenti.

Il progetto
Definita la frequenza di interesse, supponiamo 2.1 GHz,
ricaviamo, grazie allequazione riportata in precedenza, la
lunghezza dellantenna, pari
a 63 mm. Non resta che simularla, ottenendo grafici di questo tipo

le lunghezze che corrispondono alle frequenze


centrali possono essere calcolate come segue

Quando succede che i calcoli


teorici non corrispondono ai ridalla quale si desume chiaramente che lanten-

sultati ottenuti nelle simulazioni

na sembra avere un matching perfetto ed un minimo a 1.88 GHz. La larghezza di banda pari
a 0.22 GHz, cio 220 MHz.
importante far notare che tra il risultato teorico, quello simulato ed un primo prototipo, possibile ci siano delle differenze anche sostanziali,
addirittura con risultati che differiscono del 10%
tra ciascuna fase.
Esistono esempi differenti di soluzioni gi
implementate.
Per esempio SmartWing, che lavora a 824-960
MHz, 1710-1900 MHz, ben evidenti nelle figure
che seguono. Si tratta di una soluzione in cui
le differenze tra i risultati sperimentali e quelli

necessario porre rimedio, alterando la strut-

simulati non sono sensibili

sime fino a giungere a qualcosa di anche molto

tura, per esempio cambiando leggermente la


forma, o lo spessore

o magari aggiungendo degli angoli e, perch


no, aumentare ancora gli spessori, cambiare
i feeder in dimensione, tipo e posizionamento oppure anche aggiungere nuovi elementi.
Insomma, le modifiche possono essere tantisdifferente rispetto ai precedenti e vanno
fatte una per volta.

{45

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

Conclusioni
Questo esperimento di studio, caratterizzazione, realizzazione e test finale dimostra come
sia semplice ma nel contempo laborioso perfezionare le prestazioni di unantenna ma soprattutto quale sia il profondo connubio esistente
tra la realizzazione fisica e le caratteristiche
geometriche rispetto alle prestazioni e al
comportamento frequenza. Nella progettazioI risultati finali sono evidenti: la larghezza di banda molto migliore ed in entrambi i casi VSWR
molto vicino allunit, il valore migliore che si
possa ottenere. Anche la direttivity dellantenna cambiata, ed ora pari a 3,42 dB, mentre
il guadagno 2,51 dB.
Ecco, quindi, i risultati dei test

ne e, dunque, fondamentale partire con unidea


chiara di quello che si intende realizzare ma
essere pronti a rivedere il proprio lavoro in un
meccanismo virtuoso di continua correzione.
Con questo speriamo di avervi dato una buona serie di risposte ma naturalmente siamo a
disposizione nei commenti per analizzare ulteriormente insieme i temi ed eventualmente approfondirli ancora.
Alla prossima.

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-gsm

{46

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

[PCB ART 2] Progettazione ad


Alta Frequenza

anto per iniziare, se vogliamo davvero parlare di che cosa sia la progettazione ad alta
frequenza abbiamo intanto bisogno di ca-

pire cosa vuol dire laggettivo alta. Ecco,


un valore ad alta frequenza sicuramente
13.56 MHz che, come abbiamo gi visto, una
delle due frequenze operative quando si vogliono progettare tag RFID.
Queste antenne possono essere accordate ai
requisiti richiesti dalla specifica applicazione,
per cui non si tratta semplicemente di progettare in ambito RFID ma di comprendere meglio
e pi approfonditamente le caratteristiche e le
specifiche di ciascuna applicazione.
Come per tutte le applicazioni, vanno tenuti in
conto alcuni fattori, principalmente dovuti alleffetto che ha la distanza tra chi trasmette e chi
riceve; questa, infatti, specie quando si parla
di comunicazioni contactless, una variabile
cruciale che, al di l delle dimensioni, influenza
lSNR, la schermatura ma anche il flusso magnetico.

LA STRUMENTAZIONE
(n.d.r.:Approfondiamo questo aspetto perch
uno dei nostri utenti lo ha richiesto e, come sapete, EOS-Book OnDemand!)
Che tipo di strumenti servono, allora, per effettuare una caratterizzazione completa delle comunicazioni e quindi dei sistemi in uso? Prima
di tutto ci occorre un Voltage Standing Wave
Ratio meter (indicato in uno degli articoli gi
pubblicati con lacronimo VSWR). A che cosa
serve?

Per esempio, restando in tema con lRFID, pu


essere frapposto tra il lettore e lantenna in maniera tale da indicare lefficienza del matching.
Questo risultato viene ottenuto perch si misura
il rapporto tra il segnale diretto e quello riflesso
e se c perfetto matching il rapporto sar 1:1;
in questa ipotesi non ci sono perdite. Per poterlo
studiare al meglio il sistema deve essere caratterizzato misurando tra i 5 ed i 20 W, indicando
la potenza duscita.
Non lunico strumento che serve perch lanalizzatore dantenna fondamentale. Questo
strumento pu rilevare le caratteristiche dellantenna senza che il lettore sia connesso. Si tratta
di un generatore di segnale a frequenza variabile che misura il matching in funzione di frequenza, impedenza e VSWR.
uno strumento utile anche per misurare il fattore di qualit, del quale comunque approfondiremo tra poco.
Sembra inutile dirlo ma lo diciamo spesso: non
potete fare a meno delloscilloscopio! Ricordate che fondamentale che ci sia una larghezza
di banda di almeno 20 MHz e che lo strumento abbia due canali. Inutile specificare, ovviamente, che pi lo strumento veloce, pi sono i
campioni che riesce ad elaborare al secondo e,
in definitiva, migliori sono le sue specifiche, pi
accurati e pertinenti saranno i risultati finali.
Vi serve, inoltre, un indicatore del livello di carica

{47

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
ed insieme a questi strumenti potrebbe essere

funzionino nello stesso identico modo per tutte

utile unapplicazione software che elabori tutti

le antenne e per tutti i sistemi. Questo va carat-

questi dati.

terizzato e, in particolare, garantito.

CONSIDERAZIONI PROGETTUALI
Fermo restando tutto quello che abbiamo gi
detto su RFID, sono fondamentali le risposte ad
alcune domande:

Per rispondere alla terza domanda, il baud rate


pu avere diversi valori ed uno tipico 115.2
kbps. In questo caso il lettore pu leggere un
singolo elemento circa 60 volte al secondo. La

qual la distanza operativa?

lettura multipla, e quindi lidentificazione multi-

qual lorientazione?

pla, ha tempi differenti e va gestita e garantita

a che velocit lavora il sistema?

la simultaneit.

qual il traffico previsto?

Il traffico previsto pu aumentare in funzione

Tante di queste domande richiedono una rispo-

dellinlay: maggiore il tempo di prossimit,

sta prima ancora di cominciare.

pi dati bisogna trasferire, pi alta deve es-

Cominciamo col dire che possiamo immaginare


che le dimensioni dellantenna siano 500 500
mm e che possono funzionare a circa 600 mm
a 4W. Questi primi numeri gi restituiscono uno

sere la velocit di trasferimento.

LEGGI E REGOLAMENTI

scenario operativo funzionale. Con antenne pi

Chi ci conosce da pi tempo sa bene che noi

grandi, e maggiori potenze in gioco, le distanze

siamo molto preoccupati della compatibilit

aumentano e si pu coprire non pi 1 mm, 2, 3

elettromagnetica e dei possibili danni dovuti alle

ma anche a 10 o 15.

interazioni con il materiale biologico da parte

Per quanto riguarda lorientazione, invece, una

delle onde elettromagnetiche.

figura pu spiegarci limportanza del cosiddetto

Fortunatamente esistono organi istituzionali,

Inlay

associazioni e persone competenti che lavorano alla creazione di leggi e regolamenti sempre
aggiornati. Va tenuta docchio, sia per lEuropa
sia per gli Stati Uniti dAmerica, tutta la letteratura prodotta dalla FCC, dallOrganizzazione
Mondiale della Sanit, dalla comunit europea
e dei vari ministeri.
Vi suggeriamo di leggere EN 300 330 e FCC
CFR47 Part 15 e tutto ci che riguarda la tra-

Le linee di forza del campo magnetico associa-

smissione a radiofrequenza e la dosimetria.

te allantenna sono perpendicolari alla stessa e

C cos tanto da studiare e cos tanto da ap-

questo risulta un modo efficace per avere ac-

profondire che questo campo di ricerca avr, ne

coppiamento. Non detto che altre direzioni

siamo sicuri, nel futuro un ruolo fondamentale.

{48

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
Ma torniamo a parlare specificatamente dei pro-

problematiche. In questo caso, soprattutto per

blemi ambientali con particolare attenzione alle

quanto riguarda le grandi antenne dove lindut-

componenti di disturbo. Tra le cause c sicu-

tanza pu diventare molto alta, possibile che

ramente il problema legato alla rumorosit introdotto dallelettronica, il quale va comunque


caratterizzato prima di realizzare lantenna
con opportune simulazioni. Questo risolve il
problema di dover correre ai ripari in un secon-

vengano utilizzate delle strip di grande dimensione (compresa fra 30 e 50 mm).


Questo genere di considerazioni non vale soltanto per gli elementi resistivi ma anche per le
capacit: i condensatori possono essere ceramici o meno ma si differenziano anche per

do momento. In generale le sorgenti di rumore

le tensioni operative cui possono lavorare. Un

elettriche tendono ad influire sulle prestazioni

condensatore in uso in queste antenne dovreb-

del ricevitore accorciando il range operativo.

be essere in grado di lavorare ad alti valori di

possibile utilizzare soluzioni quali i Balun, dei

tensione.

quali, come richiesto da alcuni utenti, parleremo


molto presto.
Anche la presenza di contenitori oppure boxe
oppure semplici dei singoli elementi metallici
pu creare interferenze, come vi abbiamo rac-

Non c soltanto un fattore tecnologico a dettare la scelta del materiale ma anche una nuova
pratica cio la scelta del componente pu far
variare in maniera anche considerevole il fattore di qualit dellantenna, dal momento che
questultimo dipende dalla potenza in uscita.

contato al tempo di PCB ART, la presenza di

Per misurare questa grandezza, che descrive le

altre antenne vicine pu causare interferenze,

prestazioni dellantenna, possiamo studiare la

fungendo da fonte di disturbo ed abbassamento

larghezza di banda

della qualit del segnale. Laccoppiamento, in


alcuni casi, soprattutto quando ci siano antenne passive, pu anche essere opportunamente
sfruttato.

MATERIALI E PROBLEMATICHE PRATICHE


La vera base della progettazione lo studio
delle caratteristiche dei materiali; labbiamo gi
visto per i resistori e le antenne non fanno differenza perch se da un lato vero che prevalentemente sono costituiti da materiale conduttore,
in realt esistono delle alternative, per esempio
lalluminio. Alcune di queste soluzioni, per, risultano di costo pi elevato oppure pi difficili
da saldare oppure possono proporre specifiche

come abbiamo detto, in linea generale, pi alto


il fattore di qualit, maggiore sar luscita di
potenza sempre rispetto alla particolare dimensione. Come spesso accade, per, non si pu
alzare a dismisura un parametro senza aspet-

{49

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
tarsi che questo abbia degli effetti collaterali:
un fattore di qualit troppo elevato pu entrare
in conflitto con la banda passante caratteristica del lettore e questo pu creare dei problemi
in particolare nei tempi di trasmissione legati al
protocollo. Proprio per questo motivo il fattore di
qualit dellantenna connesso ad un carico pari
a 50 Ohm dovrebbe essere 20 o anche di meno.
La resistenza totale in alternata non semplice
da calcolare e misurare e pertanto si considera
lo schema in figura

Se utilizziamo loscilloscopio invece dellanalizzatore di spettro per effettuare questa stessa analisi, il metodo leggermente differente
perch il massimo valore di tensione viene registrato in corrispondenza del valore di frequenza
moltiplicato per 0.707, ovvero (2)/2. Il valore
che si ottiene quello equivalente a -3 dB.

IL MATCHING
Ladattatmento, o matching, dellimpedenza
certamente il passaggio fondamentale per garantire il corretto funzionamento di trasferimento ottimale della tensione. Per esempio vale se
parliamo dellantenna e del suo alimentatore coottenendo

assiale. Ladattamento cambia lindipendenza


dellanello risonante e laccuratezza delladattamento pu essere controllata tramite VSWR,
(<1:1.2).

dalla quale si ricava facilmente la resistenza parallelo perch il fattore di qualit posto pari a
20, la frequenza labbiamo gi pari a 13.56 MHz
e linduttanza propria della geometria in analisi. Il fattore di qualit dellantenna pu essere
misurato in maniera semplice se si ha a disposizione uno strumento capace di generare frequenze comprese tra 13 e 14 MHz. Questi due
valori dipendono proprio dalla frequenza operativa di riferimento del caso specifico (e pertanto
dovranno essere viste in funzione della specifica applicazione volta per volta).
Stiamo utilizzando queste due frequenze per
valutare il grado di separazione dei picchi. Rispetto alla frequenza centrale f0, il fattore di
qualit viene definito come

Ci sono sostanzialmente 3 modi per effettuare


ladattamento:
gamma/T matching;
transformer matching;
capacitance matching.
Prima di fare qualsiasi operazione fondamentale ricordare un concetto: bisogna sempre
operare senza alimentazione!
Nel primo caso, il pi semplice ed economico, il
circuito equivalente riportato in figura

{50

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)
si tratta di un sistema non bilanciato e se si uti-

Nella terza situazione, invece, quando si usa

lizza un balun si pu ovviare a questo problema.

un trasformatore, il circuito equivalente quello

Una volta che linduttanza dellantenna stata

mostrato qui di seguito:

determinata, il cavo, nonch la sua schermatura, vengono connessi al centro dellantenna, sul
lato opposto al condensatore.

in cui viene utilizzato un balun, un trasformatore


e poi lantenna il che vuol dire che sono richiesti
due elementi distinti cio il trasformatore vero
e proprio e poi anche il balun. In questo caso,
per determinare se ladattamento sia riuscito bisogna misurare o calcolare linduttanza dellantenna, il valore della componente capacit e poi
Il secondo caso prevede un circuito equivalente

quella della resistenza necessari per la determi-

fatto cos

nazione del valore del fattori di qualit.


Ma che vuol dire avere un trasformatore? Bisogna calcolare il rapporto di trasformazione e per
farlo si utilizza la seguente

In questo caso di adattamento si ha una situazione bilanciata perch entrambi i lati del campo sono collegati mentre nel caso precedente il
collegamento era unico.
Limmagine di seguito mostra unantenna Tmatched Tape

{51

PCB ART2 Lar te dello sbroglio dei circuiti stampati


(tutorial avanzato)

CONCLUSIONI
Quello che abbiamo visto questoggi rappresenta un compendio della tecnica realizzativa
delle antenne ad alta frequenza. Come avrete
certamente notato, la progettazione risulta del
tutto analoga e sovrapponibile a quella degli
altri casi gi visti in precedenza. Ci non un
caso ma dipende dal fatto che la progettazione
resta nullaltro che una serie di richieste da soddisfare partendo dalle specifiche fino ad arrivare
alla completa caratterizzazione del dispositivo.
Siamo a disposizione nei commenti.

Lautore e a disposizione nei commenti per eventuali approfondimenti sul tema dellArticolo.
Di seguito il link per accedere direttamente allarticolo sul Blog e partecipare alla discussione:
http://it.emcelettronica.com/pcb-art-2-progettazione-ad-alta-frequenza

{52