Sei sulla pagina 1di 4

n po come un asino cominci a dep

Che possibilit ci sono che l'Uomo

metta piede su Marte?


orre uovaL'uomo potrebbe posar piede su Marte nel 2069. Basterebbe realizzare una costruzione in grado di
trasportare una squadra con relativo supporto vitale. Il sistema per simulare la gravit non sarebbe altro che
un ambiente rotante. Il problema che la squadra dovrebbe essere costituita da persone votate alla morte
perch poi da Marte NON si ritorna. Se invece vogliamo anche tornare sulla Terra, occorre che su Marte sia
gi atterrato TUTTO il materiale da assemblare per il lancio di ritorno e si tratterebbe di un'impresa che, in
questo secolo, definire "epica" sarebbe un eufemismo.

Migliore risposta: Rispondere con merito e completezza a questa domanda facilissimo e non sono
necessarie competenze da guru.
L'importante evitare i dati tarocchi dei web NASA e del CICAP.
Sono sufficienti ricerche oggettive in rete e riportare contenuti scientifici da web estranei alla diatriba, Luna
non Luna colonizzata dalla NASA:
Al posto di scrivere come la penso (cose che solitamente fa @sesquiossidodip e i suoi cloni, di certo non in
forma gratuita e mentendo), mi limito ad allegare i testi delle fonti tecniche disponibili in rete, fonti che non
fanno riferimento ai siti di detrattori delle missioni (???) americane di 50 anni fa.
http://www.ice.csic.es/personal/ferri/LA...
< Fu allora che lo statunitense James Van Allen inizi a dirigere
lavori che avrebbero portato al suo pi grande apporto nel settore aerospaziale dei satelliti artificiali. Egli fu il creatore
dellExplorer I, il primo satellite statunitense messo in orbita 30
n. 287 lASTRONOMIA luglio 2007
attorno alla Terra il 31 gennaio del 1958. Insieme al suo gruppo di
collaboratori install a bordo del satellite un contatore Geiger e
un altimetro con cui ottenne i livelli di radiazione dellatmosfera
a diverse altitudini. Grazie a questo e a successivi esperimenti si
scopr lesistenza di due regioni responsabili di due distinti tipi di
radiazione, situate dentro la magnetosfera..
In realt, lo scopo principale dellExplorer I era quello di misurare il flusso di raggi cosmici nello spazio e verificare se questo era
simile a quello misurato sulla superficie terrestre. Tuttavia il flusso rilevato superava enormemente il valore che Van Allen e i suoi
colleghi si aspettavano. Infatti, durante il volo, i livelli di radiazione iniziarono ad aumentare, poi, improvvisamente, discesero
fino a zero; ma sorprendentemente tornarono a crescere, per poi
ridiscendere ancora una volta a zero.
Immediatamente il gruppo di scienziati si rese conto che le
regioni che davano un valore nullo si trovavano in realt fuori
scala del contatore. Fu proprio in quellistante che lo stesso Van

Allen, rivolgendosi a uno dei suoi collaboratori, esclam: My


God, space is radioactive!. Ci nonostante, gli stessi scienziati
impiegarono poco tempo a realizzare che questo flusso era in
realt dovuto a particelle energetiche trattenute dal campo
magnetico terrestre, piuttosto che ai raggi cosmici nello spazio.
Solo grazie a successivi rilevamenti fu possibile definire la struttura delle fasce di radiazione: un oceano di particelle diviso in due
regioni distinte e separate che avvolgono il nostro pianeta arrivando, a volte, a incontrarsi. >
(sintesi: Le radiazioni, nelle Fasce di Val Allen non sono quelli di una radiografia (tra 0,1 e 0,005 mSv). I
valori sono talmente intensi da andare oltre le peggiori contaminazioni terrestri, tipo quelle di Chernobyl, e tali
da superare la portata degli strumenti di misura)
<n. 287 lASTRONOMIA luglio 2007
I pericoli delle fasce di
Van Allen
Un altro aspetto interessante
delle particelle contenute nelle
fasce di Van Allen riguarda il fatto
che sono considerate il pi dannoso tra i pericoli esistenti nello spazio. Producono alti livelli di
radiazione sia sugli astronauti che effettuano passeggiate spaziali,
sia sui satelliti che le attraversano per raggiungere lorbita prestabilita (ad esempio i geostazionari).
Dato che questa radiazione pu essere assimilata a quella emessa da sostanze radioattive, il suo effetto su un veicolo spaziale pu
pregiudicarne il corretto funzionamento. Il danno pu manifestarsi in diversi modi: un esempio rappresentato dalla carica
elettrostatica che un veicolo pu acquisire passando attraverso le
fasce, cosa che pu portare a una violenta scarica elettrica. Le correnti l generate possono anche superare il milione di ampere arrivando a produrre degenerazioni nei pannelli solari e perdita di
potenza. Un altro caso tipico si ha quando le particelle, al penetrare nellinterno del veicolo, modificano i
comandi dei programmi e causano malfunzionamenti nei computer del satellite.
In definitiva, lintensit della radiazione presente nelle Fasce di
Van Allen produce un alto deterioramento dei circuiti elettronici. Per questo motivo, le missioni spaziali richiedono il compimento di due requisiti fondamentali: (1) una protezione efficace
contro il potere penetrante rappresentato dal bombardamento di
particelle; (2) una pianificazione perfetta di lancio, calcolando la
rotta in cui venga ridotta al minimo lesposizione alle radiazioni.
Per quanto riguarda i danni sugli essere umani, le particelle
cariche possono produrre dosi di radiazione centinaia di volte
superiori a quelle ottenute normalmente sulla Terra.>
https://it.wikipedia.org/wiki/Fasce_di_v...
<Le fasce di van Allen e il volo spaziale
I pannelli fotovoltaici, i circuiti integrati e i sensori possono rimanere danneggiati da intensi livelli di
radiazione. Nel 1962 un'esplosione nucleare ad alta quota (la cosiddetta prova Starfish Prime) provoc un

temporaneo aumento di energia nella regione, causando malfunzionamenti in numerosi satelliti. Per tale
motivo il posizionamento dell'orbita di un satellite artificiale tenta il pi possibile di evitare la presenza delle
fasce di Van Allen. Pu anche accadere che le componenti elettroniche delle sonde risultino danneggiate da
forti tempeste magnetiche. La miniaturizzazione e la digitalizzazione dei circuiti logici ed elettronici hanno
reso i satelliti pi vulnerabili all'influsso delle radiazioni, giacch la carica degli ioni impattanti pu essere
addirittura maggiore di quella contenuta nel circuito. Oggigiorno i sistemi elettronici dei satelliti vengono resi
pi resistenti alle radiazioni per durare pi a lungo. I sensori del telescopio spaziale Hubble, ad esempio,
vengono sovente spenti quando l'apparecchio attraversa regioni di radiazione intensa come l'Anomalia del
Sud Atlantico. Anche la stazione orbitale ISS, nel corso delle sue orbite passa talvolta attraverso la fascia
interna.>
Tutti i satelliti spia, militari, meteorologici, scientifici, televisivi, orbitano abbondantemente al di sotto della
fascia a massima collisione di particelle, tra i 300 e i 2.000 km di altitudine.
Ulteriori fonti
http://www.lescienze.it/news/2013/03/01/...
http://it.ibtimes.com/le-fasce-di-van-allen-che-circondano-la-terra-sono-molto-diverse-da-quanto-pensassimo1434832
Sintesi: Oltre al decadimento beta e gamma le particelle, gli elettroni in particolare, sottoposti alle
accelerazioni indotte dalle linee di forza magnetica delle Fasce di Van Allen, rilasciano energia di
sincrotrone.
Un cocktail di radiazioni che non permette la vita nemmeno per qualche ora e che negli anni '60, ai tempi
delle missioni (???) Petto di Apollo (i polli che ci cascarono furono qualche miliardo) non era noto. Lo studio
dettagliato delle Fasce di Van Allen e dei loro effetti risale agli ultimi 20-25 anni, molto dopo le missioni
Cotoletta di astronauta...

I dati pubblicati sul sito della NASA sono falsi, inventati, i valori di radioattivit, per mandare in saturazione i
contatori Geiger, erano abbondantamente superiori ai 0,350 mRem/h (considerati valori estremi, pericolosi
che provocano effetti patologici nell'arco di poche settimane e anche ustioni epidermiche immediate).
L'Amerika andata sulla Luna?.
Si, ma solo insieme all'URSS nel 1976 con le sonde robotiche.
Quanto pagano per scrivere che l'Amerika andata sulla Luna perch hanno adottato tecnologie
naziste ???? (veramente fu l'URSS ad adottarle per primo e la cosa declassa la storia dell'Amerika).
SIENZIATTO Mauro Maestripierini ripetenti, impari, prima, a calcolare e far di conto, poi disquisisca sulle
Missioni Pollo
https://it.answers.yahoo.com/question/index?qid=20161010055926AAsqGJf
che errori!
I dati pubblicati dal @Mauro Blazar sono tarocchi !
Fonte/i:https://it.answers.yahoo.com/question/in...
http://www.ice.csic.es/personal/ferri/LA...
http://www.lescienze.it/news/2013/03/01/...
https://it.wikipedia.org/wiki/Fasce_di_van_Allen

http://it.ibtimes.com/le-fasce-di-van-allen-che-circondano-la-terra-sono-molto-diverse-da-quanto-pensassimo1434832
Non credo. Non sono un fisico nucleare ma le radiazioni esterne alla sfera magnetica terrestre devono
essere letali. Conoscendo la tecnica di rivestimento degli abitacoli di allora non capisco come non si siano
fritti letteralmente all interno gli astronauti o nel migliore dei casi si sia fritta la strumentazione di bordo
facendoli perdere" la bussola" ed ogni chance di sbarcare in un punto prestabilito a priori sull altopiano di pra
mmauro( o come si scrive..), nel caso gli astronauti siano riusciti a non essere stati fatti flamb in nessun
caso non avrebbero potuto atterrare con precisione millimetrica...e quindi lasciati a loro nel buio gelido senza
atmosfera, quindi siderale...