Sei sulla pagina 1di 4

L'ORCHESTRA DELLE PAROLE

FINALITA
Da sempre il suono stato considerato come unespressione naturale prodotto prima dallambiente
che ci circonda e poi dalluomo stesso, questo ci porta ad una conclusione e cio che il mondo e
luomo sono in costante relazione con la MUSICA.
Attraverso questo progetto, rivolto ai bambini di et compresa tra i tre e i dieci anni, si vuole
avvicinare ed educare il bambino al linguaggio musicale. un ascolto guidato e motivato di tutto
quello che lo circonda, partendo prima da se stesso, per poi passare ai mille suoni della natura ,degli
oggetti, per arrivare infine agli strumenti musicali, all'esecuzione di un brano musicale,
individuarne le caratteristiche della struttura del brano stesso, e riuscire a relazionarlo ad uno stato
danimo, a delle immagini a dei colori a delle forme a dei movimenti ecc. al fine di stimolare ed
attivare nel bambino non solo una precisa percezione musicale, ma anche la sfera cognitiva,
emotiva, affettiva e sociale poich la musica per il bambino pu essere un nuovo compagno che gli
consente di scoprire, manipolare, muoversi, creare.
La particolarit di questo progetto consiste nel compiere il percorso inverso e cio imparare la
musica partendo non dal linguaggio musicale stesso ma da se stessi, utilizzando il linguaggio
verbale, il proprio corpo attraverso i movimenti ecc. per poi arrivare in fine al linguaggio musicale e
quindi alla notazione e tutte le sue caratteristiche dopo aver acquisito in modo non passivo ma
altres stimolante la concezione di quello che conoscenza, interpretazione e creativit musicale.

OBIETTIVI
- RIPRODURRE ED INTERPRETARE IL SUONO CON MOVIMENTI, RITMI, DANZE
ECC..
- INVENTARE PICCOLE FILASTROCCHE ATTRAVERSO SEMPLICI PAROLE ED ARGOMENTI COME LA
SCUOLA, LA NATURA, I NOMI PROPRI ECC. PER POI TRASFORMARLE IN RITMI, OSTINATI, E BRANI
MUSICALI.
- CREARE DELLE FAVOLE SONORE: ATTRAVERSO SEMPLICI OGGETTI PRESENTI IN AULA CREARE
DEI PAESAGGI SONORI.
-RIPRODURRE E INTERPRETARE CON LA VOCE UN TEMA O UN PASSAGGIO MUSICALE
-STIMOLARE UNA CREATIVITA PRODUTTIVA
-MANIPOLARE E COSTRUIRE OGGETT I MUSICALI
- CREARE UNA PICCOLA ORCHESTRA FATTA DA PICCOLI INTERPRETI E NON MUSICISTI
- RELAZIONARSI ED INTERAGIRE TRA I BAMBINI STESSI

IL PROGETTO PUO ESSERE SUDDIVISO IN QUATTRO MOMENTI


FONDAMENTALI:
CONOSCENZA, ASCOLTO, INTERPRETAZIONE-RIPRODUZIONE, FASE SPERIMENTALE

CONOSCENZA
La prima fase di questa conoscenza la raccolta che pu essere scandita nella registrazione dei
suoni prodotti da:elementi naturali (vento,pioggia, alberi ecc.) che variano di intensit, timbro,
durata a seconda dei momenti della giornata; animali (uccelli, cani, gatti, cavallo ecc.) che
producono diversi linguaggi; macchine ed oggetti prodotti dalluomo (automobili, bus, moto,
camion, orologi ecc.) che possono essere registrati dentro e fuori la scuola; strumenti musicali,
dischi,radio, televisore ecc. che emettono suoni oltre ai brani musicali veri e propri.

ASCOLTO
La seconda fase lascolto che richiede partecipazione e concentrazione. Perch questo avvenga
consigliabile progettare le seguenti attivit: (1) Prima di tutto imparare ad ascoltare se stessi e cio i
suoni che produce il nostro corpo (2) Semplice ascolto e riconoscimento dei suoni secondo le
categorie (animali oggetti ecc.) che li producono (3) Conversazione guidata sui suoni con il
commento, le ipotesi dei bambini (4) Confronto dei suoni per coglierne uguaglianze, differenze ecc.

INTERPRETAZIONE- RIPRODUZIONE
La fase della riproduzione non unimitazione pedissequa, ma una composizione sonora realizzata
con interpretazioni e apporti personali. Ogni bambino si appropria dei suoni dellambiente e li
riproduce o interpreta, utilizzando tutte le parti del corpo, gli oggetti a portata di mano o semplici
strumenti musicali, ecc. Linsegnate pu intervenire per aiutarlo. Lo guida cos a realizzare
composizioni sonore, ritmiche, musicali inconsuete ed originali.

FASE SPERIMENTALE
Fase del progetto dedicato alla conoscenza delle tecniche pi sofisticate per la creazione e modifica
del suono sia esso naturale (voce ecc.) o artificiale (strumenti elettronici ecc.).
Questo momento ha lo scopo di far conoscere al bambino levoluzione storica delle tecniche di
registrazione e riproduzione audio grazie allutilizzo del computer.

STRUMENTI E MEZZI
Avvalersi principalmente di tutto quello che ci circonda.
Strumenti acustici es. tamburelli, triangoli, piatti, tamburi ecc.
Lettore cd, registratore, casse, microfono.
Computer gi in possesso di tutte le scuole.

TEMPI
10 incontri totali del progetto da suddividere in un incontro settimanale
SPESE
Costo complessivo del progetto .300 (da concordare all'accettazione del progetto in base alla
disponibilit scolastica).

PRESENTAZIONE PROGETTO MUSICALE


L'ORCHESTRA DELLE PAROLE

Alla cortese attenzione


del Dirigente Scolastico

La musica stata , e sar sempre un elemento fondamentale che accompagner sempre la vita
delluomo sia volontariamente che involontariamente.
Partendo da questo presupposto ho pensato di articolare questo progetto per avvicinare i bambini ad
un ascolto guidato e corretto dei suoni e della musica e, per quanto possibile far nascere in loro
una creativit musicale che a volte non viene coltivata a causa dei molteplici impegni e distrazioni.
Di seguito esporr in breve il mio curriculum vitae.
SCIACCO GIOVANNI
NATO A RAGUSA IL 24/4/1971
RESIDENTE A CHIARAMONTE GULFI
VIA INFANTI 23
CELL. 3382277458
PROFESSIONE: MUSICISTA
TITOLO DI STUDIO: DIPLOMA SOCIOPSICOPEDAGOGICO, LAUREA MUSICA
ELETTRONICA E COMPOSIZIONE
DIDATTICA E PEDAGOGIA MUSICALE
SPECIALIZZAZIONE: 8 ANNO DI PIANOFORTE
ESPERTO IN AUDIO DIGITALE
ESPERIENZE LAVORATIVE: DAL 1998 FINO AL 2005 RESPONSABILE REGIONALE
SELEZIONI ZECCHINO DORO
ORGANIZZATORE DI DIVERSE MANIFESTAZIONI PER BAMBINI
INSEGNANTE PRIVATO DI PIANOFORTE
ATTIVITA VARIE SEMPRE IN AMBITO MUSICALE

Il Sottoscritto

Distinti saluti

Potrebbero piacerti anche