Sei sulla pagina 1di 18

CRONACHE ERCOLANESI

CRONACHE
ERCOLANESI
bollettino
del centro internazionale per
lo studio dei papiri ercolanesi
fondato da Marcello Gigante

38/2008

direzione

Graziano Arrighetti
Knut Kleve
Francesca Longo Auricchio
redazione

Giovanni Indelli
Giuliana Leone

38/2008

MACCHIAROLI EDITORE

CRONACHE
ERCOLANESI
bollettino
del centro internazionale per
lo studio dei papiri ercolanesi
fondato da Marcello Gigante

38/2008

direzione

Graziano Arrighetti
Knut Kleve
Francesca Longo Auricchio
redazione

Giovanni Indelli
Giuliana Leone

MACCHIAROLI EDITORE

CRONACHE ERCOLANESI - NUOVA SERIE


QUESTA PUBBLICAZIONE
REALIZZATA CON IL PATROCINIO
DELLA PROVINCIA DI NAPOLI
E DEL COMUNE DI ERCOLANO
SI AVVALE DI UN CONTRIBUTO
DEL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI
E DELLA REGIONE CAMPANIA

Questo Bollettino pubblica in volumi annuali


articoli di papirologia e archeologia ercolanesi.

Bando di concorso per tre borse di studio di ricerca sui Papiri Ercolanesi emanato
dall'Istituto Banco di Napoli - Fondazione e dal CISPE

Gli articoli vanno inviati in forma definitiva per


la stampa.
Al testo va allegato un dischetto (sistema Macintosh, Word). Font: Times New Roman e SuperGreek.
Si raccomanda di indicare l'indirizzo al quale
l'autore desidera ricevere bozze ed estratti. I
testi, anche se non pubblicati, non si restituiscono. Per garantire l'uniformita della stampa
l'editore si riserva, d'accordo con la redazione,
la determinazione dei caratteri e dei corpi tipografici che pertanto, ad evitare confusioni,
non vanno indicati sui testi. I collaboratori
riceveranno una sola volta le bozze ed e opportuno che conservino una copia del testo per il
riscontro. La rivista infatti non restituira il
testo originale, per eventuali collazioni all'atto
della stampa. Non si stampano estratti a pagamento.

Art. 1. E indetto un concorso per titoli a tre


borse di studio per l'anno 2008/2009. Possono
partecipare tutti coloro che siano in possesso di
un diploma di laurea in discipline classiche pre
D. M. 509/99 ovvero di laurea specialistica/magistrale in discipline classiche (D. M. 509/99 e D.
M. 270/2004). La partecipazione al concorso e
aperta anche a candidati in possesso di titolo di
studio straniero equipollente.
Le prime due borse sono intitolate `Istituto
Banco di Napoli', la terza `Ministero per i Beni
e le Attivita Culturali'.
Art. 2. Ciascuna borsa, dell'importo di A 10.000
(diecimila) lordi, ha la durata dal 1 novembre
2008 al 31 ottobre 2009 ed e incompatibile col
godimento di altre borse di studio o altra attivita
retribuita.
Art. 3. Le borse di studio saranno assegnate, con
insindacabile giudizio, dal Centro Internazionale

per lo Studio dei Papiri Ercolanesi `Marcello Gigante'. Il tema di ricerca sara stabilito in accordo
con l'Assemblea del Centro. I risultati della ricerca
saranno pubblicati nelle Cronache Ercolanesi.
Art. 4. La domanda di ammissione al concorso,
redatta in carta semplice, dovra pervenire entro
il 13 settembre 2008 alla Segreteria del Centro
Internazionale per lo Studio dei Papiri Ercolanesi `Marcello Gigante', presso il Dipartimento
di Filologia Classica `F. Arnaldi', Via Porta di
Massa, 1 - 80133 Napoli.
Art. 5. La domanda dovra essere corredata dal
curriculum vitae ed eventualmente dalla dissertazione di laurea e da pubblicazioni. Essa dovra essere accompagnata dalla referenza di un professore
dell'Universita di provenienza del richiedente.
Art. 6. Il vincitore della borsa ha l'obbligo della
residenza a Napoli.

Direttore responsabile: Francesca Longo Auricchio


Redazione: Dipartimento di Filologia Classica `F. Arnaldi', via Porta di Massa 1, 80133 Napoli.
Amministrazione: Gaetano Macchiaroli Editore, via Michetti 11, 80127 Napoli; c.c.p. 20955803, telefono (081) 5783129, fax (081) 5780568;
e-mail macchiaroli.editore@virgilio.it
# Gaetano Macchiaroli Editore

Registrazione del Tribunale di Napoli n. 228 del 27.5.1971.

Richard Janko
New fragments of Epicurus, Metrodorus, Demetrius Laco, Philodemus,
the Carmen de bello Actiaco and other
texts in Oxonian disegni of 1788-1792

Alberto Bernabe
Are the Orphic verses quoted in PSI XV
1476 and in Diogenes of Babylon SVF 33
references to a same work?

97

Adele Tepedino Guerra


Un frammento di Metrodoro di Lampsaco in Filodemo (PHerc. 57, col. 3)

103

Maria Grazia Assante


Per un riesame del PHerc. 1006 (Demetrio Lacone, Alcune ricerche comuni sul
modo di vita)

109

Wolfgang Luppe
Zum Verkauf Platons als Sklaven in
PHerc. 1021 (aus Philodems Geschichte
der Akademie)

161

Dino De Sanctis
Il buon re di Filodemo tra Epicuro e
Omero

165

Giovanni Indelli
Osservazioni sul lessico artistico nei testi
ercolanesi

179

Margherita Erb
Demostene nella Retorica di Filodemo:
l'immagine del q<g*sxq e>lpqajsoc

193

Gianluca Del Mastro


Il PHerc. 1589 e una nuova testimonianza su Temista e Leonteo

221

Maria Chiara Scappaticcio


Il PHerc. 817: spunti paleografici

229

David L. Blank
Matching Tops and Bottoms (PHerc.
1015/832)

247

Holger Essler
Rekonstruktion von Papyrusrollen auf
mathematischer Grundlage

273

Martin Ferguson Smith


Diogenes of Oinoanda: News and Notes
II (2007)

309

Francesca Longo Auricchio


Sullo scavo della Villa dei Papiri

319

Girolamo F. De Simone
Il territorio nord-vesuviano e un sito dimenticato di Pollena Trocchia

329

Notiziario

351

1. Two references to the same text


Bastianini has partially edited a Florentine papyrus that contains references
to Euripides, and two fragments of what seems to be a hitherto unknown
version of the Hymn to Zeus 1 attributed to Orpheus.
Three versions of this hymn were previously known: a) the oldest version,
also very short, attributed to Orpheus in the Derveni Papyrus, generally
dated between late VI and early V centuries B.C.; 2 b) the second, quoted
in the Pseudo-Aristotelian De Mundo, which seems to derive from the Eudemian Theogony prior to Aristotle; 3 and last c) the longest of versions,
included in the already Late Hellenistic Rhapsodies. 4
The text of the fragments of the hymn's new version, as presented by
Bastianini, is as follows, apart from a brief correction of my own. The text
is accompanied by a critical apparatus: 5
[e\n \Oquijx&m"]
[Fet+|] pa*msxm a\qvg*, Fet+| [le*rra, Fet+| de+ se]ketsg*"
Fet+| t%paso|, [Fet+| jai+ vho*mi]o.| jai+ po*msio| e\rsim,
[Fet+| a>qrgm,] Fet+| hg&kt|
pa*kim
Fet+| de+ [sa+ pa*msa,]
[pa*]msa jt*jkxi uai* mxm, [Fet+| a\qvg*, le*rra,] s[e]ketsg*"
jai+ dt*masai [Fet+| pa&m, Fet+| p]a.& [m] e>v<e>i at\so+| e\m at<sx&i.

ARE THE ORPHIC VERSES


QUOTED IN PSI XV 1476 AND
IN DIOGENES OF BABYLON
SVF 33 REFERENCES TO A
SAME WORK?

ALBERTO BERNABE

fragmentum Stoicam doctrinam redolet | de pa*kim inter v. 3 et 4 cf. Bastianini 236 et


Pernigotti ap. Bastianini ibid. adn. 23 || 1 Fet+| [le*rra, Fet+| de+ se]ketsg* Diggle ap.
Bastianini: Fet+| [pa*msxm le*rra, se]ketsg* conieceram; alia tamen conicere possis, ex.
gr. Fet+| [pa*msxm e\rsi+ se]ketsg* Bastianini || 2-3 omnia suppl. Bastianini || 2 t%paso|
pro t%rsaso| in OF 243 I leg. Tzetz. a || 4 Fet+| de+ [sa+ pa*msa] Diggle ap. Bastianini:
Fet+| de+ [dtma*rsg| tempt. Bastianini || 5 suppl. Bastianini: alia conicere possis, ex. gr.
[Fet+| a\qvg*, Fet+| de+] || 6 [Fet+| pa&m, Fet+| p]a.& [m] e>v<e>i Diggle ap. Bastianini: [pa*msa,
Fet+| pa*ms\{a.} [ ] e>v<e>i coniecerat Bastianini at<sx&i scripsi: at\sx&i Bastianini

This article is one of the results of a Consolider C Research Project, financed by the
Spanish Ministry of Education and Science
(HUM2006-09403).
PSI XV 1476, fr. 2, col. I 511, cf. G. Bastianini, Euripide e Orfeo in un papiro fiorentino (PSI XV 1476), in G. Bastianini-A. Casanova (eds.), Euripide e i papiri (Firenze
2005), pp. 227-242: 235 ff.

2
OF 14.2 (from this point onwards, abbreviation used in references to A. Bernabe's edition, Poetae Epici Graeci, Testimonia et Fragmenta, Pars II, Orphicorum et Orphicis similium
testimonia et fragmenta, 1-2 Monachii et Lipsiae
2004-2005, 3; Berolini-Novi Eboraci 2007),
reconstructed from quotations of full or partial
verses found in P.Derveni, cols. XVII-XIX. On
the P.Derveni, cf. F. Casadesus, Revisio de les

97

alberto bernabe

principals fonts per a l'estudi de l'orfisme a l'epoca


classica (Plato i el Papir de Derveni), Tesis Doctoral, Universitat Autonoma de Barcelona
(Bellaterra 1995); A. Laks-G. W. Most (eds.),
Studies on the Derveni Papyrus (Oxford 1997);
R. Janko, The Derveni papyrus: an Interim Text,
ZPE 141/2002, pp. 1-62; F. Jourdan, Le
Papyrus de Derveni (Paris 2003); G. Betegh,
The Derveni Papyrus. Cosmology. Theology and
Interpretation (Cambridge 2004); A. Bernabe,
Textos orficos y filosofa presocratica. Materiales
para una comparacion (Madrid 2004), pp. 149186; Id., Appendix. Papyrus Derveni, OF II 3,
2007, pp. 171-269, 315-328; T. KouremenosG. M. Parassoglou-K. Tsantsanoglou, The
Derveni Papyrus (Firenze 2006); F. Casadesus
cap. 22 El Papiro de Derveni, en A. Bernabe-F.
Casadesus, Orfeo y la tradicion orfica. Un reencuentro (Madrid 2008, forthcoming).

Ps.-Aristot., De mundo 401a 25, among


other sources (cf. OF 31).

4 Euseb., PE 3.8.2 (= Porphyr., Peqi+ a


\ cakl.,
fr. 354 F Smith), among other sources (cf. OF
243). On the three versions of the hymn, cf. L.
Brisson, Orphee et l'Orphisme a l'epoque imperiale. Temoignages et interpretations philosophiques, de Plutarque a Jamblique, ANRW 36.4
(Berlin-New York 1990), 2867-2931 (= Orphee
et l'Orphisme dans l'Antiquite greco-romaine, Aldershot, Variorum, 1995 IV): 2877-2881;
2889-2892; A. Bernabe, `Orfeo' Himno a Zeus,
en J. J. Garca Norro-R. Rodrguez (eds.),
Como se comenta un texto filosofico (Madrid
2007), pp. 43-65, as well as bibliography cited
on the fragments OF 14, 31 and 243.

As it appears in OF II 3 addenda et corrigenda, as fr. 688a.

From the Orphics:


Zeus is the beginning of all things, Zeus centre and Zeus final, Zeus magnificent,
Zeus is subterranean and marine. Zeus male, Zeus female,
and then,
Zeus is all things, he who makes appear all things in circle, Zeus beginning, centre
and end, and Zeus is all almighty, Zeus has everything within himself.

Bastianini, who points out the Stoic tone of the hymn, also raises the question 6 of whether the Orphic hymn in the Florentine papyrus is the source of
the following passage in Diogenes of Babylon: 7
D[i]oce*mg| d\ o< Babtkx*mio| e\m sx&i peqi+ sg&| \Ahgma&| s[o+]m jo*r.lom cqa*uei sx&i
D[ii+ s]o+m at\so+m t<pa*q[vei]m g/ peqie*vei.m s.[o+]m Di* a jah.a.* p.[e]q a>mhqxp[om w]tvg*[m]"
ja.[i+ ] so+m g%k.[i]om l[e+m] \Apo*kkx., [s]g+m d[e+ re]kg*mgm [ >Aq]s.e.lim." [jai+ ] pai.da.[qi]x.& de.|
ei#m.[ai] heot+| a\[m]h.qx.poe[i]dei& | k[e*cei]m jai+ a\dt*mas.om. e.[i#]m[ai* ] se sot& Dio+| so+ le+m
ei\| sg+m ha*k.[a]ssa.m diasesa[j]o+| Pore[i]dx&ma, so+ d\ ei\| sg+m cg&m Dg*lgsqa, so+ d\ ei\|
so+m a\e*qa % Gqam, jaha*peq j.[ai+ s]o.+ [m] P
. k.a.* sxma ke*ceim, x%| [e\]a+m pokk.a*ji| a\g+[q
k]e*cgi si| e\q[e]i&. m % Gq. a., s.[o+] d\ ei\| so+[m] a<i\h>e*qa \Ahgma&m" sot&so ca+q ke*[ce]rhai so+ e\j sg&| j.e.ua.kg&| jai+. Fet+|. a>qqgm Fet+| hg&kt|.

Diogenes of Babylon, in his book On Athena says that the cosmos is the same
thing as Zeus, or it contains him as a man does a soul; and that the sun is Apollo,
the moon Artemis; and that anthropomorphic gods are a childish and impossible
story; and that the part of Zeus which extends into the sea is Poseidon, that
which extends into the earth Demeter, that which extends into the air Hera, as
(he says) Plato (Crat. 404c) also says, so that if one says aer repeatedly he will say
Hera; and that which extends into the aether is Athena; this is what is meant
``from the head'' and ``Zeus is male, Zeus is female''.

The aim of this paper is to examine this parallelism in detail in order to


determine, on the one hand, whether this version of the Orphic hymn could
be the one referred to by Diogenes of Babylon; on the other hand, to achieve
a better understanding of the Stoic author's quote; and, finally, to improve
our knowledge of the Stoic interest in establishing links between their doctrines and the old poets, in particular to Orpheus.
2. The quote of Diogenes of Babylon

Art. cit., pp. 238-240.

Philodem., De Piet., PHerc. 1428, cols.


VIII 14 - X 8 (= Diogen. Babyl., fr. 33, SVF
III 217, 17 Arnim). The text herein presented is the one edited by D. Obbink, Philodemus. On Piety. Part 1 (Oxford 1996), pp.
19 s. Before the Florentine papyrus came to
be known, the obvious explanation was to
think that Diogenes of Apollonia was
wrongly quoting a verse from the version of
De Mundo: Fet+| a>qrgm ce*meso, Fet+| a>lbqo-

so| e>pkeso mt*lug.

Two interesting connections were found between Diogenes of Babylon and


the hymn quoted in the Florentine papyrus. The most evident link is the
quote we now know to be literal, Fet+|. a>qqgm Fet+| hg&kt|, though I also think
the following prose passage could be considered to be so e.[i#]m[ai* ] se sot& Dio+|
so+ le+m ei\| sg+m ha*k.[a]ssa.m diasesa[j]o+| Pore[i]dx&ma, so+ d\ ei\| sg+m cg&m
Dg*lgsqa, so+ d\ ei\| so+m a\e*qa % Gqam, as it matches perfectly with the verse
in the Orphic hymn Fet+| t%paso|, [Fet+| jai+ vho*mi]o.| jai+ po*msio| e\rsim. It
seems clear that, from the Stoic exegetical outlook, Fet+| t%paso| could be
interpreted as the part of Zeus stretching across the air, [Fet+| jai+ vho*mi]o.|
as that one stretching on earth, and po*msio| as that one stretching in the sea.
However, before Fet+|. a>qqgm Fet+| hg&kt|, yet another quote can be found in
Diogenes, which, within its context, clearly seems to come from the same

cronache ercolanesi

98

source: e\j sg&| jeuakg&|. Since Philodemus points out that his summary of
Diogenes' arguments comes from the treatise On Athena, the passage clearly
suggests that in the Orphic work quoted by Diogenes, there was a reference
to the goddess' birth from the head of Zeus. Additionally, e\j (sg&|) jeuakg&|
is compatible with a hexametric context, and, thus, it could have appeared in
the same poetic text commented by the Stoic philosopher.
We have further evidence to support that the Orphics focused on the goddess' birth. Accordingly, Proclus quotes a verse of the Rhapsodies 8 thus:
dio+ jai+ o< \Oquet+| peqi+ at\sg&| (sc. \Ahgma&|) sijsole*mg| ugri* m, o%si a>qa at\sg+m o<
Fet+| a\pece*mmgrem e\j sg&| jeuakg&|"
o%pkoi| kalpole*mgm vakjg*iom a>mho| i\de*rhai (OF 263 I).

That is why Orpheus also says, about her birth, that Zeus made her emerge
from his head
``shining in her armour, a bronze flower to the sight''.

In my edition, I consider e\j sg&| jeuakg&| as words by Proclus, and not by


Orpheus, but, in the light of the passage by Diogenes of Apollonia under
study, it seems likely that e\j (sg&|) jeuakg&| was part of the original quotation. 9
We could, therefore, wonder why Diogenes stated that the sentences from
the head and male Zeus, female Zeus meant that Athena is actually the
aether, since the brachylogy in which Philodemus presents the sentences
makes it very difficult, prima facie, to establish the relationship between one
thing and the next.
Regarding the statement from the head, we know that in another version
of the Orphic Hymn to Zeus, which appears in the Rhapsodies, it is stated that
`aether' is the mot&| of Zeus and it is located in his head. The following are
the most representative verses: 10
pa*msa ca+q e\m leca*kot Fgmo+| sa*de rx*lasi jei& sai.
sot& dg* soi jeuakg+ le+m i\dei& m jai+ jaka+ pqo*rxpa
ot\qamo+| ai\ckg*ei|.
...
mot&| de* oi< a\wetdg+| barikg*io| a>uhiso| ai\hg*q,

10

17

For every single thing is located in Zeus' great body


his head, of confident and beautiful profile to the sight,
is the shining sky.
...
His intelligence is the regal aether, without tricks, perpetual.

In the light of this statement, we can understand why Diogenes, basing


himself on the Orphics, was able to postulate the idea that Athena is in fact
the part of Zeus stretching in aether. Since the poem states that Athena, the
intelligent goddess, is born from the head of Zeus, and, additionally, it is
said in the Rhapsodies that the intelligent `aether', the aether -Mot&|, resides
in Zeus's head, hence the philosopher deduces that Athena is the aether
located in the head of Zeus.
Interestingly enough, it is in the version of the Orphic theogony included in
the Pseudo-Clementine Writings, that, as Burkert stated, and I fully agree

99

alberto bernabe

Procl., in Plat. Tim. I 166.21 Diehl. The


fragments of the Rhapsodies mentioning the
birth of Athena appear collectively as OF
263-268.
8

Cf. Hes., Th. 924 at\so+| d\ e\j jeuakg&|


ckatjx*pida cei* mas\ \Ahg*mgm. Exactly the

same verse, or a very similar one, could perfectly be inserted in the passage known to
Diogenes.
10

OF 354.10-12.

11
Apio ap. Ps. Clem. Rom., Homil. 6.8.1
(109.20 Rehm-Irmscher-Paschke=OF 263
III). These fragments were traditionally considered to come from the Theogony of Hieronymus and Hellanicus (and therefore O.
Kern, Orphicorum Fragmenta, Berlin 1922,
sets them within the framework of this theogony, like Brisson, Orphee et l'Orphisme, op.
cit., 2902-2911). However, W. Burkert, Orpheus und die Vorsokratiker. Bemerkungen zum
Derveni-Papyrus und zur pythagoreischen Zahlenlehre, A&A 14/1968, pp. 93-114: 109 n.
45 argues favourably to consider them as belonging to the Rhapsodies, with the agreement
of West, op. cit. and myself, since I have
edited these fragments among those of the
Rhapsodies, cf. also A. Bernabe, La teogona
orfica citada en las Pseudoclementina, Adamantius 14/2008, pp. 79-98.

Philodem., De Piet. (PHerc. 1428) VI, 16


ff., pp. 80 f. Gomperz, cf. A. Henrichs, Die
Kritik der Stoischen Theologie im PHerc. 1428,
CErc 4/1974, pp. 5-31: 17; A. Schober,
Philodemi De Pietate pars prior, CErc 18/
1988, pp. 67-125: 119; D. Obbink, A quotation of the Derveni Papyrus in Philodemus' On
Piety, CErc 24/1994, pp. 111-135: 113;
Chrysipp., fr. 1078 (SVF II 316, 16 Arnim).

12

13 Cic., ND 1.41 (Chrysipp., fr. 1077, SVF II


316, 12 Arnim).
14 A wide collection of testimonies appears
in OF 1133, cf. on Stoics and Orphics, A.
Dieterich, Abraxas (Leipzig 1891), pp. 83
ff.; W. K. C. Guthrie, Orpheus and Greek
Religion (London 19522), pp. 75 ff.; 235, 255
ff.; K. Ziegler, Orpheus, RE XVIII 1 (1939),
1201; A. Boulanger, Le salut selon l'orphisme, in Memorial Lagrange (Paris 1940),
pp. 69-79: 71; P. Boyance, Remarques sur le
Papyrus de Derveni, REG 82/1974, pp. 91110: 93 ff.; 108; West, op. cit., pp. 36, 53,
58 ff., 89 f., 113, 183, 193 ff., 205, 218 f.,
222 ff., 238 f., 243, 261; L. Brisson, Les
theogonies Orphiques et le papyrus de Derveni:
notes critiques, RHR 202/1985, pp. 389420: 409 f.; Obbink, op. cit., p. 113 n. 10;
P. Kingsley, Ancient Philosophy, Mystery and
Magic (Oxford 1995), p. 124; A. Bernabe,
Plutarco e l'orfismo, in I. Gallo (ed.), Plutarco e la Religione, Atti del VI Convegno plutarcheo (Napoli 1996), pp. 68 f., 72, 79, 84;
A. Long, Stoic Studies (Cambridge 1996), p.
65 and, especially, F. Casadesus, Adaptaciones e interpretaciones estoicas de los poemas
de Orfeo, in A. Alvar Ezquerra-J. F. Gonzalez Castro (eds.), Actas del XI Congreso
Espanol de Estudios Clasicos, vol. I (Madrid

with, it is nothing more than the Rhapsodies, we find a reference to Athena


as uqo*mgri| of Zeus and to him as o< ai\he*qio| sevmi* sg| 11 in the words of
Apion.
The idea of Zeus being male or female fits into the Stoic exegesis, not so
much because Zeus gives birth to Athena without the involvement of any
woman (that would be a mythical explanation, poetic rather than philosophical), but because Zeus is physically identified both with gods, such as
Poseidon, and goddesses, such as Athena, Demeter and Hera, who are,
under the Stoic point of view, only parts of himself.
3. Orphics and Stoics
Diogenes shares with other Stoics a tendency to try to adapt their doctrines
to those of ancient authors. This tendency is well known to us through
various sources, and, quoting a particularly relevant statement, Philodemus
informs us that:
e\.m. de+ sx&[i] detse*q[xi] (sc. Peqi+ hex&m) sa* s[e] ei\| \Oque*a [jai+ ] L
. otrai& om (fr. 52
Bernabe) a\maue.q. [o*l]e.ma jai+ sa+ paq\ [ < O]l.g*qxi jai+ < Grio*dx.[i] jai+ Et\qipi* dg.<i>
ja.i+. poi.gsa[i& ]|. a>kkoi|, [x<]| j.a.i+. Jkea*mhg| (fr. 539, SVF I 123, 11 Arnim)
[pei]q. a.& sai. r.[t]moijeiot.& [m] sai& | do*n[ai]| a.t\sx&[m] a%pamsa* [s\] e\rsim [ai\h]g*q, jsk. 12

Chrysippus, in the second book (sc. On the gods), as Kleanthes as well, tries to
accommodate to his doctrines what is traditionally attributed to Orpheus and
Musaeus, and that can be also found in Homer, Hesiod, Euripides and other
poets, namely, that everything is aether, etc.

While Cicero goes somewhat further in advising us, ironically: 13


in secundo autem (sc. libro de natura deorum) volt (sc. Chrysippus) Orphei, Musaei,
Hesiodi Homerique fabellas accommodare ad ea quae ipse primo libro de deis
inmortalibus dixerit, ut etiam veterrimi poetae, qui haec ne suspicati quidem sint,
Stoici fuisse videantur. 14
In the second book (sc. On the nature of the gods) he wants (sc. Chrysippus) to
accommodate the myths of Orpheus, Musaeus, Hesiod and Homer to what he
himself had said about the immortal gods, to make it look like as if even the
oldest poets, who had never themselves suspected they were, had been, in fact,
Stoics.

This circumstance must have caused different effects in the case of Orphic
texts than those exerted over other ancient literary works. Orphic poetry was
not, as Homeric poems, a yesteryear reality, prestigious and closed, but rather
something always in fieri that was constantly being created and recreated. It
was not easy to alter the Iliad, a standard and well known text, aside from the
commentaries, i.e., the indications of what another author thought Homer
had intended to say. On the contrary, in the case of Orphic literature, there
2005), pp. 309-318 and in chapter 54 of A.
Bernabe-F. Casadesus (eds.), Orfeo y la tra-

dicion orfica. Un reencuentro (Madrid 2008,


forthcoming).

cronache ercolanesi

100

was no control, neither literary nor religious, over Orpheus' writings, since
there wasn't an established church to keep watch over the texts as religious
dogma, nor existed schools of Orphic rhapsodists who might have passed on a
more or less reliable text. Orphic verses were some sort of no man's land,
materials that were circulated allowing the possibility for anyone to reinterpret or redevelop them, always under the shield of the ancient Thracian
poet's prestige. It has been established that, since very early times, different
kinds of people with different orientations struggled to make appropriation
of the Orphic texts, not only by interpreting them in a certain sense, but even
by rewriting them. 15 Suffice is to mention the clearest example of such
practices, the so-called Orpheus Testament, a Jewish Hellenistic reworking of
an Orphic Hieros logos. 16 It could hardly be surprising, then, that the Hymn to
Zeus, being one of the Stoics' favourites, would have been finally rewritten in
order to provide it with a clearer Stoic content.
Therefore, it cannot be completely unexpected that Plutarch, after mentioning one of the Hymn's verses, adds: as they say (x<| at\soi+ ke*cotri),
wherein they refers precisely to the Stoics. 17
To summarize, everything seems to point out that the Stoics showed predilection for Orphic texts, upon which they commented in order to adapt
them to their own ideas, and which they even went on to rewriting, deepening the Stoic imprint in them. Doing this was relatively easy: firstly, due to
the great affinity between the Orphic and Stoic doctrines (some authors
have underlined the deep Stoic influence on works of late Orphism) 18 and,
secondly, due to the previously discussed openness of such texts. The aim of
Stoic authors was to show that their ideas were already subscribed by ancient theologians, the latter being haloed with the prestige of being considered to have been directly inspired by the divinity.
Within this general tendency, Diogenes of Babylon could have had access to
one, or several versions, of an Orphic literary work in which Zeus' characteristics were described as coincident with the cosmos, as well as referring to
the birth of Athena. This work, or works, would have been very likely
already influenced in their redaction by the Stoics themselves (the case of
the hymn fragments quoted in the Florentine papyrus is specially relevant),
using them as a base to reinterpret more Stoico the birth of the goddess from
Zeus' head, merely to refer to the intelligent aether located in the head of
the supreme god.

101

alberto bernabe

Cf. F. Casadesus, Orfismo: usos y abusos,


in E. Calderon-A. Morales-M. Valverde
(eds.), Koinos Logos. Homenaje al profesor
Jose Garca Lopez (Murcia 2006), pp. 155163.
15

16 Cf. Ch. Riedweg, Judisch-hellenische Imi


tation eines orphischen Hieros Logos (Tubingen 1993).

Plut., De communibus notitiis adversus Stoicos 1074D. On this passage, cf. A. Bernabe,
Plutarco y el Himno orfico a Zeus, presented
to the Reseau Plutarque (Paris 2007, forthcoming).
17

18

Cf. nn. 14 and 15.

Dal 21 al 23 giugno 2007, a Barcellona, nel


Dipartimento di Filologia Greca dell'Universitat de Barcelona, si e svolta la riunione annuale del gruppo di ricerca TELEPHE, organizzata dai proff. M. Jufresa e X. Riu.
Il 21 giugno le sedute di studio hanno avuto
per oggetto il testo del IV libro dell'opera De
morte di Filodemo, presentato da B. Henry.
Il 22 giugno e stato dedicato al PHerc. 1380,
di autore e titolo incerti, forse da riferire ad
ambito stoico. In assenza di A. Antoni, che
attende all'edizione del testo e che non ha
potuto partecipare al seminario per motivi di
famiglia, la presentazione e stata svolta da D.
Delattre. Il 23 giugno i lavori hanno avuto
come oggetto il III libro De dis di Filodemo
(PHerc. 152/157); il testo e stato presentato
da H. Essler.
Il 17 luglio 2007 Maria Chiara Scappaticcio
ha conseguito la Laurea Specialistica in Filologia, Letterature e Civilta del Mondo Antico
con la tesi Il forte epos del PHerc. 817 (Relatore, G. Indelli).
Il 20 luglio 2007 Maria Cristina Fimiani ha
conseguito la laurea triennale in Lettere Classiche con la tesi I segni nel PHerc. 1423 (Filodemo, Retorica, libro IV) (Relatrice, G. Leone).
Dal 29 luglio al 4 agosto 2007 si e svolto
presso la University of Michigan in Ann Arbor, Michigan, U.S.A., il XXV Congresso Internazionale di Papirologia. Ai papiri ercolanesi sono state dedicate ben cinque sessioni di
lavoro.
Luned 30 luglio, sotto la presidenza di Richard Janko, hanno presentato comunicazioni: M. Capasso, Per una ricostruzione dell'opera De vitiis di Filodemo; D. Delattre, Du
nouveau concernant le P.Herc.Paris. 2; a seguire, hanno preso la parola J. Hammerstaedt,
Christian Jensen's and Wolfgang Schmid's Unpublished Herculanean Papers; R.T. Macfarlane, P.Herc. 817 from Facsimiles to MSI: a
Case for Practical Illustration of Progress; A.K.
Olsen, P.Herc. 394: A Test Case for Further
Editions of Latin Papyri from Herculaneum.
Nel pomeriggio, sotto la presidenza di David
Armstrong, hanno parlato: M.C. Cavalieri,
Per una nuova edizione dell'Index Stoicorum
di Filodemo (P.Herc. 1018); R.N. Gaines,
P.Herc. 1423: The Case of the Missing Column; W.B. Henry, A New Edition of P.Herc.
1050 (Philodemus, On Death IV); J. Fish, Philodemus' On the Good King: Political Protreptic or Homeric Scholarship?
Marted 31 luglio, nella mattinata, sotto le

351

notiziario

presidenze di Mario Capasso e di Jurgen


Hammerstaedt, sono state presentate le comunicazioni dell'equipe napoletana del CISPE: F. Longo Auricchio, Su alcuni desiderata
della Papirologia Ercolanese; G. Leone, Il
P.Herc. 1010 (Epicuro, Sulla natura, libro II):
anatomia del rotolo; G.M. Rispoli-G. Del Mastro, Nuove letture nei papiri del cosiddetto secondo libro della Poetica di Filodemo; G. Indelli, Le colonne I-X di P.Herc. 1008 (Filodemo, I vizi, libro X); E. Scognamiglio, Il
P.Herc. 163 (Filodemo, Sulla ricchezza, libro
I): anatomia del rotolo; G. Del Mastro, Il De
conversatione di Filodemo nei papiri ercolanesi; L. Giuliano, Una citazione del IV libro
Sulla natura di Epicuro nel P.Herc. 807.
Nel pomeriggio, nell'ambito di una sessione
dedicata alla tecnologia applicata ai papiri,
presieduta da Robert Kraft, R. Stepp e G.
Ware hanno parlato su The Application of
Astronomical Image Processing Techniques to
P.Herc. 118.
Durante l'Assemblea dell'Association Internationale de Papyrologues e stato annunziato
che F. Longo Auricchio e stata cooptata nel
Comite International de Papyrologie quale
rappresentante del Centro Internazionale per
lo Studio dei Papiri Ercolanesi `Marcello Gigante'. [Giuliana Leone]
Il 15 settembre 2007 l'Assemblea dei soci del
CISPE ha assegnato le due borse di studio
Fondazione Banco di Napoli al dr. Dino De
Sanctis, per continuare la ricerca sui testi biografici ercolanesi dedicati alla Scuola Epicurea,
e alla dr. Margherita Erb, per lo studio della
polemica di Filodemo con Diogene di Babilonia sull'utilita della retorica nella citta (PHerc.
1004, Filodemo, Retorica, libro incerto).
La borsa di studio Ministero per i Beni e le
Attivita Culturali e stata assegnata alla dr.
Laura Giuliano per completare lo studio del
PHerc. 807 (Opus incertum).
Il 19 settembre 2007 e morto Massimo Fittipaldi che fu tra i primi studiosi che fondarono
il Centro Internazionale per lo Studio dei Papiri Ercolanesi. Era nato a Napoli nel febbraio del 1910 e dopo la laurea entro nelle
biblioteche governative; lavoro soprattutto a
Napoli, dove, nell'ottobre 1967, a seguito del
pensionamento di Guerriera Guerrieri, venne
nominato Direttore della Biblioteca Nazionale, carica che tenne fino al 1971, quando
divenne Ispettore centrale al Ministero della
Pubblica Istruzione. Ha curato i cataloghi di
diverse mostre, ha pubblicato un contributo
su I codici purpurei (Napoli 1970) e ha trac-

NOTIZIARIO

ciato il profilo di G. Guerrieri (in un volume a


lei dedicato, 1976, e su Napoli Nobilissima,
Una direttrice di spicco, 2004). Nell'ambito dei
papiri ercolanesi e autore del contributo I papiri ercolanesi (Napoli 1960), per la Scuola di
Paleografia dell'Archivio di Stato di Napoli.
Durante il periodo della sua Direzione della
Biblioteca Nazionale di Napoli il dr. Fittipaldi ha sempre sostenuto con intelligenza e
lungimiranza l'attivita del nostro Centro al
quale non ha fatto mancare il suo interessamento anche dopo la nomina a Ispettore centrale del Ministero.
Dal 22 al 23 settembre 2007, a Oxford (Ioannou Centre for Classical and Byzantine Studies) si e svolto il Convegno Villa of the Papyri: archaeology, reception and digital reconstruction organizzato da The Friends of Herculaneum Society. Sono state presentate
relazioni sull'importanza dell'architettura
della Villa e di quanto vi e stato ritrovato,
soprattutto papiri (R. Janko, D. Sider), sculture (C. Mattusch) e affreschi (E. Moormann), sul proprietario (M. Capasso), sulla
recezione del monumento sin dalla scoperta
(D. Arnold, K. Lapatin), sugli scavi moderni
(A. De Simone). Inoltre, e stato presentato un
modello digitale della Villa che incorpora i
dati dei nuovi scavi (M. Zarmakoupi), anche
in confronto con le ville di Plinio (R. Fortsch).
Bilanci sul ruolo della ricostruzione digitale
negli studi dell'archeologia della villa e della
biblioteca sono stati tracciati rispettivamente
da D. Favro e D. Obbink. Al Convegno il
CISPE e stato rappresentato da F. Longo Auricchio, G. Leone, G. Del Mastro.
Il 29 e il 30 settembre 2007, a Buccino, nell'ambito delle Feriae Volceianae, si e svolta la
prima edizione del Premio Marcello Gigante.
Sabato 29, nella mattinata, Giuliana Tocco
Sciarelli, Soprintendente archeologo di Salerno, ha presentato il parco archeologico urbano di Buccino e ne ha guidato la visita. Alle
ore 17, presso il Municipio, nella Chiesa di S.
Antonio, dopo un filmato girato in occasione
del conferimento della cittadinanza onoraria
a Marcello Gigante, Graziano Arrighetti,
Professore Emerito dell'Universita di Pisa, ha
tenuto la lezione L'aneddoto come strumento
di conoscenza. Domenica 30 settembre, dopo
il saluto delle autorita, Filippo D'Oria, coordinatore della commissione giudicatrice del
Premio, ha tracciato un profilo di Graziano
Arrighetti, a cui e stato consegnato il Premio
Marcello Gigante 2007. Arrighetti ha generosamente rinunciato alla somma in denaro che

accompagnava il Premio, destinandola ai giovani ricercatori sui papiri ercolanesi Dino De


Sanctis e Margherita Erb.
Da ottobre 2007 il dr. Aaron Olsen, della
Brigham Young University (Provo, Utah) lavora a Napoli per realizzare uno strumento
multimediale che serva come punto di partenza per la classificazione e lo studio dei papiri ercolanesi latini.
Il 24 Ottobre 2007 su The Times di Londra e
apparso un articolo di R. Owen in cui, dopo le
notizie preliminari sull'esplorazione settecentesca della Villa dei Papiri e lo scavo condotto
nella seconda meta degli anni Novanta del
'900, si descrive la ripresa dell'intervento sull'edificio, sostenuto da fondi europei e dalla
regione Campania, positivamente commentata da A. Wallace-Hadrill, Direttore della
British School di Roma e responsabile dell'Herculaneum Conservation Project finanziato dal Packard Humanities Institute. Anche M.P. Guidobaldi, Direttore degli Scavi di
Ercolano, ha sottolineato l'importanza e le
prospettive favorevoli dell'evento.
L'annuncio della ripresa dei lavori nella Villa
dei Papiri e apparso anche nel Report from the
Society of Antiquaries.
Al XII Congreso Espanol de Estudios Clasicos (Valencia, 22-26 ottobre 2007) G. Indelli
ha presentato la comunicazione Le opere morali di Filodemo conservate nei Papiri Ercolanesi: un bilancio degli studi piu recenti.
L'11 novembre 2007 sul canale ZDF della
SPIEGEL-TV e stato trasmesso il documentario Auferstehung am Vesuv diretto dal regista
Jens Nicolai. E stata ricostruita la vicenda
della scoperta della Villa e dei papiri e del loro
svolgimento. Alcune scene sono state girate
nella Officina dei Papiri `Marcello Gigante'.
Al Colloque International L'art en debat philosophique: le probleme du reel de l'epoque hellenistique a la Renaissance (Paris, 22-24 novembre 2007) G. Indelli ha presentato la comunicazione Osservazioni sul lessico artistico
nei testi ercolanesi.
Domenica 16 dicembre 2007 i soci della Delegazione napoletana dell'Associazione Italiana di Cultura Classica, guidati dal Presidente Salvatore Cerasuolo e da Massimo Lo
Iacono, hanno visitato la mostra Alma Tadema e la nostalgia dell'antico, allestita presso
il Museo Archeologico Nazionale di Napoli.
Vi erano esposti, accanto ai dipinti dell'artista

olandese, oggetti e statue provenienti dalla


Villa dei Papiri, a cui probabilmente il celebre
pittore si ispiro per i suoi quadri. Nell'occasione, G. Leone ha guidato i soci dell'AICC
nella visita delle Sale ercolanesi del Museo.
Gioved 20 dicembre 2007 G. Leone ha guidato nella visita dell'Officina tre classi del
Liceo Classico Statale `J. Sannazzaro' di Napoli, accompagnate dai docenti A. Vittoria, S.
Sosti e D. Di Rienzo.
Il 15 gennaio 2008, presso la sede del Goethe
Institut di Napoli, nella riunione della Giuria
del Premio Theodor Mommsen 2007, per la
Sezione `Marcello Gigante' (giuria: F. Longo
Auricchio, G. Indelli, G. Leone), il XVI Premio di Papirologia Ercolanese e stato assegnato a David Blank per il lavoro Aristotle's
Academic Course on Rhetoric and the End of
Philodemus, On Rhetoric VIII, CErc 37/
2007, pp. 5-47. La consegna del Premio e
avvenuta il 5 marzo 2008 presso il Goethe
Institut di Napoli e Blank ha pronunziato le
seguenti parole di ringraziamento:
Sebbene io insegni a Los Angeles, mi sento
volentieri cittadino di elezione di Napoli e
dei Campi Flegrei. Noi americani del Progetto Filodemo siamo stati accolti nel mondo
degli studi ercolanesi e nella bella Napoli dal
grande promotore di questi studi, il Professor
Marcello Gigante. Nella mia prima visita a
Napoli Francesca Longo Auricchio mi ha accolto con la sua abituale gentilezza e mi ha
trovato un alloggio a Posillipo dunque nei
Campi Flegrei, o quasi. Da allora mi ha dato
molti consigli e abbiamo lavorato benissimo
insieme. Infine, a Napoli, per l'esattezza nell'Officina dei Papiri Ercolanesi, ho anche incontrato mia moglie, Catherine Atherton,
anche lei studiosa dei papiri ercolanesi.
Quindi per me Napoli e i Campi Flegrei
hanno un valore del tutto speciale. Poi del
mio amore per i grandi Goethe e Mommsen
non potrei mai dire abbastanza; dunque non
diro niente in questa sede.
Una volta nel 79 d. C. Plinio il Vecchio
vide la nube che si diffondeva sopra il Vesuvio come un pino romano e part da Capo
Miseno per tentare di salvare la popolazione
della costiera Vesuviana. Allora hanno forse
anche tentato di salvare i papiri - non i libri di
Filodemo, beninteso, ma altri che sono stati
trovati in casse pronti per il trasporto. Mi fa
piacere che ci siano ancora oggi persone colte,
come voi qui presenti, che dai Campi Flegrei
e dal Goethe Institut guardano agli studi ercolanesi con occhio benevolo, ed io vi ringra-

cronache ercolanesi

352

zio tutti, specialmente il Professor Uliano e la


Giuria, di quest'onore, di avermi assegnato il
Premio Mommsen.

Cultura e Religione, accompagnati dalla prof.


Giuliana Boccadamo, hanno visitato l'Officina con la guida di G. Leone.

Il 22 gennaio 2008, nell'ambito della Saison


culturelle 2007/08, G. Indelli ha tenuto ad
Aosta la conferenza I Papiri Ercolanesi come
fonti di autori antichi.

Luned 21 aprile 2008 hanno visitato l'Officina, guidati da G. Leone, alcuni membri dei
Rotaract Club Napoli Ovest e Nocera Inferiore-Sarno.

Il 29 gennaio 2008, con una tesi su PHerc.


807: aspetti bibliologici, testo, traduzione e
note, Laura Giuliano ha conseguito il Dottorato di ricerca in Filologia Classica, Cristiana
e Medioevale-Umanistica, Greca e Latina.
Tutor e stato G. Indelli.

Gioved 24 aprile 2008 G. Leone ha guidato


nella visita dell'Officina gli studenti del corso
di Latinistica 2 (prof. Marisa Squillante) del
CdL in Lettere Moderne, dell'Universita di
Napoli Federico II.

Gioved 7 febbraio 2008, a Ercolano, e stato


inaugurato il nuovo ingresso agli Scavi. Nella
Sala didattica si e svolta una conferenza a cui
hanno partecipato il Soprintendente Pier Giovanni Guzzo, il Sindaco Nino Daniele, l'Ispettore Ministeriale Stefano De Caro, che
hanno illustrato il volume Ercolano e Villa dei
Papiri. Archeologia, citta e paesaggio (Firenze
2007), alla presenza degli autori , Vieri Quilici
e Giovanni Longobardi, che sono intervenuti.
Venerd 22 febbraio 2008, nell'Aula Storica
V. Mazzini della Biblioteca Civica, su invito
della Delegazione dell'Associazione Italiana
di Cultura Classica di La Spezia, D. De Sanctis ha tenuto la conferenza: Per il profilo del
buon sovrano in Filodemo: considerazioni tra
etica ed epica di un epicureo a Roma.
Luned 25 febbraio 2008 G. Indelli ha guidato nella visita dell'Officina una classe del
Liceo `F. Sbordone' di Napoli, accompagnata
dalla prof. M.E. Vacca Torelli.
Luned 31 marzo 2008 G. Indelli ha guidato
nella visita all'Officina gli studenti del Corso
di Perfezionamento in Forme letterarie tra antico e moderno, coordinato dalla prof. A. Borgo.
Nell'aprile 2008, con fondi assegnati al CISPE dal MiUR, e stato sistemato nella Officina dei Papiri uno Stereomicroscopio ZEISS
V8.
Il 2 aprile 2008, su invito di A. Tordesillas
(Centre d'Etudes sur la Pensee Antique `Jaiqo+c jai+ ko*coc\, Universite de Provence, AixMarseille 1), D. De Sanctis ha tenuto la conferenza La phronesis d'Epicure et sa fortune dans
les oeuvres ethiques de Philodeme de Gadara.
Venerd 4 aprile 2008 gli studenti del Corso
di perfezionamento in Storia dell'Occidente:

353

notiziario

Luned 28 aprile 2008 alcuni studenti universitari finlandesi impegnati in un corso di storia e filologia classica presso l'Institutum Romanum Finlandiae, accompagnati dal Direttore, prof. Kaj Sandberg, hanno visitato la
Officina dei Papiri con la guida di F. Longo
Auricchio e G. Del Mastro.
Sabato 10 maggio 2008, a Lecce, nella Sala
Conferenze del Castello Carlo V, in occasione
del I Congresso Nazionale dell'Associazione
Italiana di Cultura Classica, Leggere Greco e
Latino fuori dai confini nel Mondo Antico, M.
Capasso, Presidente Nazionale dell'Associazione, ha parlato di Una biblioteca greca in
Italia. I rotoli di Ercolano: vicende di uomini,
vicende di libri, M. C. Cavalieri ha esposto I
contenuti della biblioteca di Filodemo.
Dal 13 al 16 maggio 2008 G. Leone ha frequentato la British Library di Londra per leggere le quattro cornici del PHerc. l149 (Epicuro, Peqi+ ut*cexc II) l conservate.
Venerd 30 maggio 2008, per iniziativa della
Friends of Herculaneum Society insieme con
il CISPE e il Dipartimento di Filologia Classica `Francesco Arnaldi', presso l'Aula Magna
`Pietro Piovani' della Facolta di Lettere e Filosofia dell'Universita degli Studi di Napoli
Federico II si e svolto il Secondo Congresso
Napoletano. Dopo un saluto del prof. Arturo
De Vivo, Preside della Facolta di Lettere, del
dr. Mauro Giancaspro, Direttore della Biblioteca Nazionale di Napoli e del prof. Robert L.
Fowler dell'Universita di Bristol, Giovanni
Indelli (Universita degli Studi di Napoli Federico II) ha parlato su Le opere morali di
Filodemo conservate nei papiri ercolanesi;
Daniel Delattre (Institut de recherche et d'histoire des textes, Centre National de la Recherche Scientifique, Paris) su Philodeme
sur la musique; Maria Paola Guidobaldi (Direttrice degli Scavi di Ercolano) su I recenti

lavori di sistemazione e restauro nella Villa


dei Papiri di Ercolano.
Nel pomeriggio, presso la Officina dei Papiri
Ercolanesi `Marcello Gigante', Giuliana
Leone ha tenuto il Seminario Dal libro II
Sulla natura di Epicuro (PHerc. 1149 e
1010): un aggiornamento. Erano presenti:
D. Obbink, D. e J. Delattre, R. Gaines, W.
Poole, P. Pollard, I. C. Mc Ilwaine, M. Capasso, A. Travaglione, G. Del Mastro, L.
Giuliano, E. Scognamiglio, D. De Sanctis,
M. Erb, M. G. Assante, M. C. Cavalieri,
G. Indelli, F. Longo Auricchio. Domenica 1
giugno, presso l'Hotel Oriente, si e svolto un
Seminario sul III libro Sugli dei di Filodemo
(PHerc. 152/157), tenuto da H. Essler e sul
PHerc. 243, forse appartenente alla Retorica,
tenuto da G. Del Mastro, alla presenza di D.
Obbink, W. Poole, P. Pollard, M. C. Cavalieri.
Il 4 giugno 2008, presso la Casina dei Mosaici, Parco inferiore della Villa Favorita a
Ercolano, per iniziativa del Centro Internazionale per gli Studi di Herculaneum, e stato
proiettato il documentario di Marcellino de
Baggis, Herculaneum. Diari del buio e della
luce. Hanno introdotto M. P. Guidobaldi,
Direttrice degli Scavi di Ercolano, G. Daniele, Sindaco di Ercolano, A. Wallace-Hadrill, Direttore del Centro Internazionale per
gli Studi di Herculaneum e M. de Baggis. Al
termine della proiezione ha chiesto la parola il
prof. G. Maggi, che, in un lungo e articolato
intervento, ha ricordato che, a partire dal
1980, nel corso della sua direzione degli Scavi
di Ercolano, furono rinvenuti un gran numero di scheletri e la celebre barca (1982), a
testimonianza del fatto che, in seguito all'eruzione del 79 d. C., gli abitanti della citta
non avevano trovato scampo nella fuga, come
generalmente si riteneva, ma erano andati incontro alla stessa sorte delle altre popolazioni
vesuviane.
Il Premio Marcello Gigante 2008 destinato
a uno studioso di rilievo nazionale e/o internazionale e stato assegnato al prof. Guglielmo Cavallo, Ordinario di Paleografia
nell'Universita di Roma `La Sapienza'; il
Premio Marcello Gigante 2008 riservato a
studiosi italiani e stranieri di eta non superiore a 40 anni e stato assegnato ex aequo a
Holger Essler, per la Dissertazione di Dottorato Die epikureische Theologie nach Cicero
und Philodem, e a Laura Giuliano, per la
Dissertazione di Dottorato PHerc. 807:
aspetti bibliologici, testo, traduzione e note;

un premio ulteriore e stato assegnato a


Diego Fusaro, per il libro La farmacia di Epicuro (Padova 2006). La cerimonia di premiazione si svolgera nei giorni 27 e 28 settembre 2008 a Buccino.
Dal 9 al 13 luglio G. Del Mastro ha visitato
l'Archivio di Stato di Palermo per studiare la
documentazione relativa al soggiorno di John
Hayter nella Capitale del Regno delle Due
Sicilie (1806-1809).
Il 25 luglio 2008 Ida Cirillo e Matilde Fiorillo hanno conseguito la Laurea Specialistica in Filologia, Letterature e Civilta del
Mondo Antico rispettivamente con le tesi
Lo iato nelle opere filodemee di storiografia e
biografia filosofica e L'area semantica ceka*x/
ce*kx| in Filodemo (Relatore, G. Indelli).
Su Mnemosyne 56/2003, pp. 703-727, e apparso l'articolo di M. Wifstrand Schiebe, Sind
die epikureischen Gotter `thought constructs'?
Sui Papers on Rhetoric VII, ed. by L. Calboli
Montefusco, Universita degli Studi di Bologna, Dipartimento di filologia classica e medioevale, 9 (Roma 2006), sono apparsi i contributi di G. M. Rispoli, Thema tra retorica e
filosofia (pp. 203-225) e di R. N. Gaines, New
Perspective on the Second Sophistic in Philodemus (pp. 81-94).
F. De Carolis ha pubblicato Pierre Gassendi,
Epistola per il libro De veritate del Barone Herbert di Cherbury (Napoli 2006).
G. Ranocchia ha pubblicato Aristone, Sul
modo di liberare dalla superbia nel decimo libro
De vitiis di Filodemo (Firenze 2007).
Nella Collana Temi metafisici e problemi del
pensiero antico. Studi e testi, fondata da G.
Reale e diretta da R. Radice, e stato pubblicato il volume Lucrezio e la psicologia epicurea,
di D. Konstan (Milano 2007), edizione riveduta, aggiornata e ampliata di Some Aspects of
Epicurean Psychology (Leiden 1973).
V. Tsouna ha pubblicato The Ethics of Philodemus (Oxford 2007).
Nel volume Pyrrhonists, Patricians, Platonizers.
Hellenistic Philosophy in the Period 155-86 BC,
a c. di A.M. Ioppolo e D.N. Sedley (Napoli
2007), V. Tsouna ha pubblicato Philodemus
and the Epicurean Tradition (pp. 339-397).
Nel volume di J. Harris, Pompeii awakened

(London-New York 2007), molta attenzione


e dedicata alla Villa dei Papiri e alla biblioteca.
Nella collana Les Belles Lettres e apparsa l'edizione Philodeme de Gadara, Sur la musique,
livre IV, Texte etabli, traduit et annote par D.
Delattre (Paris 2007).
Nel volume Die griechische Biographie in hellenistischer Zeit, Akten des internationalen Kongresses vom 26.-29. Juli 2006 in Wurzburg,
hrsg. von M. Erler und S. Schorn (BerlinNew York 2007), alle pp. 79-100, e lo studio
di G. Arrighetti, Anekdote und Biographie.
La*kicsa so+ lijqo+m utka*sseim, e, alle pp.
219-255, quello di F. Longo Auricchio, Gli
studi sui testi biografici ercolanesi negli ultimi
dieci anni.
Su ZPE 159/2007, pp. 81-85, I. Privitera
ha pubblicato Nuove proposte di lettura e di
integrazione nella seconda parte del PHerc.
1015/832 (Philod. Rhet. VIII), II, pp. 50-64
Sudhaus I.
Negli Studi di Egittologia e Papirologia 3/
2006 (Pisa-Roma 2007) sono apparsi articoli
di M. Capasso, Per l'itinerario della papirologia
ercolanese, pp. 61-75, e di E. Puglia, Platone
in vendita a Egina nella Storia dell'Academia
(PHerc.1021, coll. II 38-III 17), pp. 181-185.
Nei Proceedings of the 24th International Congress of Papyrology, Helsinki, 1-7 August, 2004,
ed. by J. Frosen, T. Purola, E. Salmenkivi
(Helsinki 2007) sono apparsi gli interventi di:
M. Capasso, L'intellettuale e il suo re (Filodemo, L'adulazione, PHerc. 1675 col. V 2132), pp. 129-139; D. Delattre-L. Capron, Maquettes et reconstruction virtuelle des rouleaux
carbonises d'Herculanum, pp. 221-231; G. Del
Mastro, Un'opera logica di Crisippo nel PHerc.
1380, pp. 249-257; T. Di Matteo, Segni di
riempimento nei papiri ercolanesi, pp. 259265; L. Giuliano, I segni nel De ira di Filodemo
(PHerc. 182), pp. 385-393; G. Indelli, Segni e
altre caratteristiche grafiche nel PHerc. 1008 (Filodemo, Sui vizi, libro X), pp. 463-468; G.
Leone, Per la ricostruzione del PHerc. 1149/
993 (Epicuro, Della natura, libro II), pp. 549558; F. Longo Auricchio, Nuove accessioni
alla Biblioteca Ercolanese negli ultimi trent'anni, pp. 569-577; R.T. Macfarlane-G. Del
Mastro-A. Antoni-S. Booras, Update Report
on the Use of the Multi-spectral Images of the
Herculaneum Papyri, pp. 579-586; A. Monet,
Citations et signes diacritiques dans le PHerc.
1507 (Philodeme, Le bon roi selon Homere),

pp. 757-767; G. M. Rispoli, He*la tra poetica


e retorica, pp. 935-952; A. Romano, I segni nel
PHerc. 1497 (Filodemo, De musica, libro IV),
pp. 953-964. Dispiace che per non aver potuto correggere le prove di stampa ci siano
diversi refusi in alcuni testi.
G. Cavallo ha pubblicato il volume La scrittura greca e latina dei papiri. Una introduzione
(Pisa-Roma 2008).
Il vol. 15/2006 di Papyrologica Lupiensia
contiene gli Atti del Convegno L'Accademia
Ercolanese: 250 anni dalla fondazione con contributi di M. Pagano, La scoperta di Ercolano,
la fondazione e la lunga storia dell'Accademia
Ercolanese; M. Capasso, L'Accademia Ercolanese e la Papirologia; A. Angeli, Luigi Caterino,
editore del decimo libro del trattato filodemeo
Sui vizi (VH III, Neapoli 1827); R. Ciardiello,
Le Antichita di Ercolano esposte: contributi per
la ricomposizione dei contesti pittorici antichi;
E. Puglia, I lavori degli Accademici fra Collectio Prior e Collectio Altera; L. A. Scatozza
Horicht, L'instrumentum ercolanese: stato degli
studi e prospettive della ricerca.
Nella Dissertazione Character Description
and Invective: Peripatetics between Ethics, Comedy and Rhetoric (Tartu 2007) I. Volt dedica le pp. 136-149 all'opera di Aristone La
liberazione dalla superbia, riassunta da Filodemo nel decimo libro De vitiis (PHerc.
1008), e le pp. 149-151 ai luoghi di PHerc.
222 e 1457 (De adulatione) nei quali Filodemo menziona Aristone; altri cenni ai Papiri ercolanesi (PHerc. 222, 1082, 1457) si
leggono alle pp. 55, 56 e 57.
A. Montano ha pubblicato il volumetto Incontri con Marcello Gigante (Napoli 2008), nel
quale ha raccolto gli elzeviri scritti in occasione delle conferenze che Gigante ha tenuto
ad Acerra nell'ambito delle attivita culturali
organizzate dalla locale Delegazione dell'Associazione Italiana di Cultura Classica; un'intervista rilasciatagli da Gigante in occasione
del XVII Congresso Internazionale di Papirologia, svoltosi a Napoli dal 19 al 26 maggio
1983; due segnalazioni, alla seconda e alla
terza edizione della traduzione delle Vite dei
filosofi di Diogene Laerzio. Il libro e chiuso
dalla ristampa dell'articolo di Gigante L'Atena pensosa.
Solo ora e pervenuta al Centro la Dissertazione di J. A. Ponczoch, P. Herc. 1570 pieces
4, 5, 6A, 6B: (Philodemi) (De divitiis), (Brigham Young University, December 2004).

cronache ercolanesi

354

Edizioni e studi di testi attualmente in corso:

libro II (PHerc. 1674, 1672)


D. Blank,
F. Longo Auricchio
libro III (PHerc. 1506, 1426)
J. Hammerstaedt, D. Obbink

Epicuro, De natura

libro XXVIII (PHerc. 1479/1417) G. Leone

libro IV (PHerc. 1423, 1007/1673)


R. Gaines
libro VIII (PHerc. 832/1015)
D. Blank,
F. Longo Auricchio
libro incerto (PHerc. 1669)
M. Ferrario,
T. Di Matteo

libro incerto (PHerc. 1413)

Sui vizi e sulle virtu contrapposte

libro II (PHerc. 993/1149, 1010) G. Leone


libro XI (PHerc. 154, 1042)

G. Leone

libro XXV (PHerc. 1420, 1056, 697, 1191)


J. Hammerstaedt
L. Giuliano

Metrodoro, Raccolta dei frammenti


A. Tepedino Guerra
Colote

libro I (PHerc. 222)

M. Capasso

libro II (PHerc. 1457)

M. Capasso

libro incerto (PHerc. 1675)

M. Capasso

Sulla religiosita, Parte II

D. Obbink

Sui metodi inferenziali (PHerc. 1065)


R. Wittwer, G. Manetti, D. Fausti
Sulla morte
libro IV (PHerc. 1050)

D. Armstrong,
B. Henry

Vita di Filonide (PHerc. 1044) M. G. Assante


Crisippo
Ricerche logiche (PHerc. 307)

C. Atherton

Sulla provvidenza (PHerc. 1038)


G. Karamanolis
Opus incertum (PHerc. 1384)

A. Antoni

Contro il Liside di Platone (PHerc. 208)

libro incerto (PHerc. 223, 237, 1082, 1089,


1643)
M. Capasso

Opus incertum (PHerc.1020)

Contro l'Eutidemo di Platone (PHerc. 1032)


M. Erler

libro incerto (PHerc. Paris. 2)


D. Delattre et alii

Cecilio Stazio

Auctor Epicureus incertus (PHerc. 176)


M. P. Lopez Martinez

libro IX, Sull'economia (PHerc. 1424)


A. Tepedino Guerra,
V. Tsouna McKirahan

L'usuraio (PHerc. 78)

libro X, Sulla superbia (PHerc. 1008)


G. Indelli

Tito Lucrezio Caro

Demetrio Lacone

De rerum natura II (PHerc. 395)

Opus incertum (PHerc. 831)

K. Sanders

Filodemo
Sul buon re secondo Omero (PHerc. 1507)
J. Fish

Platone e l'Accademia (PHerc. 1021)


E. Puglia
Storia della Scuola Stoica (PHerc. 1018)
M.C. Cavalieri
libro incerto (PHerc. 327, 1508)
M.C. Cavalieri
Sulla conversazione (PHerc. 873)
M. Capasso, M.C. Cavalieri
Sulla poesia
PHerc. 1087, 1403, 1113a [?]

R. Janko

PHerc. 994, 1676, 1677, 1081b, 1074b


R. Janko
libro V (PHerc. 1425, 1538, 1581, 407, 403,
228)
D. Armstrong, J. Fish, J. Porter
Sulla Retorica

355

notiziario

Lucio Vario Rufo

libro incerto (PHerc. 253, 415, 465, 896,


1090, 1613, 1077, frr. 8-10, 12)
X. Riu, M. Jufresa

Studi letterari

Sui modi di vita

Storia dei filosofi

libro I (PHerc. 1427)

libro incerto (PHerc.1017) G. Karamanolis

libro incerto Sulla liberta di parola (PHerc.


1471)
D. Obbink, J. Giovacchini,
V. Laurand
Sulla gratitudine (PHerc. 1414)
G. Del Mastro
Sulle passioni
libro incerto (PHerc. 57)

K. Kleve,
R. Macfarlane
K. Kleve

R. Macfarlane

Le citazioni di Ibico e Stesicoro in Filodemo


E. Scarpanti
Opere biografiche sulla Scuola Epicurea
D. De Sanctis
L'utilita della retorica nella citta (PHerc. 1004)
M. Erb
Studi paleografici
Paleografia dei papiri latini

Sulla ricchezza

K. Kleve

libro I (PHerc. 163)


E. Scognamiglio
libro incerto (PHerc. 1570)
J. Ponczoch

I segni nei papiri Sulla poesia di Filodemo


G. Del Mastro

Opus incertum (PHerc. 312)

Elaborazione di un database delle scritture


ercolanesi
CISPE

A. Antoni

Sulla provvidenza (PHerc. 1670)


M. Ferrario, G. Karamanolis
Sugli dei
libro I (PHerc. 26)

D. Blank,
F. Longo Auricchio

G. Del Mastro

PHerc. 817

F. Alesse,
G. Del Mastro

D. Obbink,
F. Longo Auricchio

libro III (PHerc. 152/157)

H. Essler

Linguistica
Preparazione di un Thesaurus Herculanensium Voluminum
CISPE
in collaborazione con
l'Universita di Wurzburg

ARIANNA ROMANO

I SEGNI NEL PAPIRO ERCOLANESE 1497


(Philodemi De musica, liber IV)

GAETANO MACCHIAROLI EDITORE

357

notiziario

CRONACHE ERCOLANESI

Sono disponibili in pochi esemplari tutti i volumi finora usciti


in vendita ai prezzi sotto indicati
1/1971
2/1972
3/1973
4/1974
5/1975
6/1976
7/1977
8/1978
9/1979
10/1980
11/1981
12/1982
13/1983
14/1984
15/1985
16/1986
17/1987
18/1988
19/1989
20/1990
21/1991
22/1992
23/1993
24/1994
25/1995
26/1996
27/1997
28/1998
29/1999
30/2000
31/2001
32/2002
33/2003
34/2004
35/2005
36/2006
37/2007
38/2008

Italia A

31
28
31
28
28
26
34
41
38
52
46
38
49
44
49
46
52
64
72
57
70
70
77
77
103
118
93
103
62
129
77
180
180
120
120
120
120
220

Estero A 36
33
36
33
33
31
38
46
44
57
51
44
54
49
54
51
57
72
80
62
77
77
88
88
113
129
103
113
72
139
88
200
200
150
150
150
150
2.893
250

36,15
36,15
80,00

41,32
41,32
100,00

3.298

Supplementi:
Libri scritture e scribi a Ercolano
La Villa dei Papiri
I segni nel papiro ercolanese 1497

GAETANO MACCHIAROLI EDITORE - NAPOLI

359

notiziario

Printed in Italy - Arte Tipografica


Via San Biagio dei Librai 39 - 80138 Napoli

cronache ercolanesi

360

Sara scritta un giorno sulle pagine di questo `Bollettino'


la cronaca della ripresa degli scavi della `Villa dei Papiri'
in Ercolano?
La pianta* del Weber cessera di essere un documento di
archivio o un mero incentivo a ipotesi marginali?
Sara descritto un giorno lo scavo di altre ville ercolanesi?
La speranza non e incerta, ma e soprattutto in tale voto,
la cui realizzazione esige tuttavia tempi non troppo
brevi, che rinviene giustificazione il titolo di Cronache
Ercolanesi, organo del Centro Internazionale per lo
Studio dei Papiri Ercolanesi.
Marcello Gigante
Dalla `Premessa' al volume 1/1971

* [Riprodotta in copertina]

ISSN 0391-1535