Sei sulla pagina 1di 3

Le componenti classiche, preromantiche e illuministiche

Nella formazione di Foscolo convergono le componenti tipiche della cultura del suo tempo: la cultura classica, le pi moderne
sollecitazioni preromantiche, l'Illuminismo settecentesco.
La formazione letteraria del giovane poeta avviene nel solco del gusto arcadico; per poi, a questa letteratura frivola ed evasiva,
dalla perfezione solo formale e retorica, si aggiunge il modello dei grandi classici latini e greci, oltre a quelli italiani, in particolare
Dante e Petrarca. Fra i moderni, Foscolo guarda con ammirazione al rigore morale e civile di Parini e alla fiera indipendenza, all'ansia
di libert di Alfieri. Al tempo stesso subisce le suggestioni del sentimentalismo di Rousseau e del Werther di Goethe, della grandiosa
cupezza barbarica di Ossian, in Italia mediata dalla fortunatissima traduzione di Melchiorre Cesarotti (che il giovane conobbe
personalmente a Padova). I poeti "cimiteriali" inglesi sono da lui interpretati in chiave laica, civile e patriottica.
Per quanto riguarda le idee, tra gli illuministi sub in un primo tempo l'influenza di Rousseau, che gli sugger concezioni democratiche
ed egualitarie e lo spinse negli anni giovanili ad abbracciare posizioni giacobine. Sempre da Rousseau deriv al giovane Foscolo il
culto della natura come di tutto ci che autentico e positivo, nonch il culto della passionalit intensa. La visione rousseauiana della
societ si fondava sul presupposto dell'originaria, naturale bont dell'uomo, che era stata poi corrotta dallo sviluppo della civilt. Pi
tardi Foscolo si stacc da questi principi, abbracciando le concezioni pi aspramente pessimistiche di Machiavelli e del filosofo inglese
Thomas Hobbes (1588-1679), che lo inducevano, al contrario, a credere nell'originaria malvagit dell'uomo, in perenne, feroce
conflitto con gli altri uomini per sopraffarli e imporre il suo dominio. La societ gli apparve allora come una guerra di tutti contro
tutti, in cui trionfa solo la legge del pi forte.
A questo pessimismo contribuisce un'altra componente filosofica, il materialismo, che gli proviene sempre dalla cultura
materialistica del Settecento, con l'apporto per anche di pensatori e poeti classici, come i greci Democrito ed Epicuro e il latino
Lucrezio, autore di un poema sulla natura in cui espone le teorie epicuree. Il materialismo la posizione di chi ritiene che tutta la
realt sia materia, ed esclude quindi lo spirito, se non come prodotto della materia stessa. Ne deriva la negazione del trascendente e
della sopravvivenza dell'anima dopo la morte. Tutto il reale non che un perpetuo moto di aggregazione di elementi materiali, che
poi si disgregano per andare a formare altri corpi. Il mondo quindi non retto da una superiore intelligenza, ma da una cieca forza
meccanica. La morte segna l'annullamento totale dell'individuo.
A Foscolo ben presente il rischio insito in simili posizioni, vale a dire la negazione di ogni valore superiore, ideale; non solo, ma il
pessimismo che ne scaturisce pu facilmente generare indifferenza, fatalismo, passivit. La visione generosamente attiva ed eroica
della vita che propria di Foscolo induce in lui insoddisfazione per queste posizioni e lo spinge a cercare alternative, a ricuperare la
dimensione ideale dell'esistenza, anche se egli non arriva mai a superare teoreticamente le concezioni materialistiche e
meccanicistiche.
Un fondamentale valore alternativo che Foscolo propone la bellezza, di cui sono depositarie la letteratura e le arti. Ad esse
assegnato da Foscolo il compito di depurare l'animo dell'uomo dalle passioni che nascono dai conflitti della vita associata, di
consolarlo dalle sofferenze e dalle angosce del vivere. Ma, accanto a questo compito, alla letteratura e alle arti assegnato un fine
pi alto: rasserenando e purificando l'animo dell'uomo lo rendono pi umano, lo allontanano dalla condizione feroce che continua a
permanere in lui dai tempi primitivi e che spinge alla violenza e alla guerra fratricida, gli insegnano il rispetto per gli altri uomini e la
compassione per i deboli e i sofferenti. La letteratura e le arti hanno quindi per Foscolo un'innegabile funzione civilizzatrice. Ad essa
contribuisce anche il compito di tramandare le memorie in cui consiste l'anima di un popolo, ci che ne garantisce la coesione e fa di
esso non un'accozzaglia casuale di individui ma una nazione. Nel caso dell'Italia, ci si collega con la funzione patriottica, necessaria
per trasformare un popolo diviso e arretrato a causa di secoli di decadenza e servit in una nazione civile e moderna.
Le Ultime lettere di Jacopo Ortis
La prima opera importante di Foscolo fu un romanzo, le Ultime lettere di Jacopo Ortis. Una prima redazione dell'Ortis fu parzialmente
stampata dal giovane Foscolo a Bologna, nel 1798, ma rest interrotta a causa delle vicende belliche, che spinsero lo scrittore a
combattere contro gli Austro-Russi. Lo stampatore, per poter vendere il libro, lo fece concludere da un certo Angelo Sassoli (che
tenne per presenti materiali di Foscolo stesso). Il romanzo fu ripreso da Foscolo e pubblicato, con profondi mutamenti, nel 1802. Su
di esso lo scrittore ritorn ancora, durante l'esilio, ristampandolo nel 1816 a Zurigo e nel 1817 a Londra, con ritocchi ed aggiunte.
Esso un romanzo epistolare, dove il racconto si costruisce attraverso una serie di lettere che il protagonista scrive all'amico Lorenzo
Alderani . Il modello a cui Foscolo si rif I dolori del giovane Werther di Goethe, anche se non da trascurare linflusso della Nuova
Eloisa di Rousseau.
ispirato al Werther l'intreccio, un giovane che si suicida per amore di una donna gi destinata come sposa ad un altro. Ma vicino a
Goethe anche il nucleo tematico profondo: la figura di un giovane intellettuale in conflitto con un contesto sociale in cui non pu
inserirsi. Goethe aveva colto questa situazione di conflitto tra intellettuale e societ; ed aveva rappresentato il conflitto attraverso
una vicenda privata e psicologica, sul terreno dei rapporti amorosi, nell'impossibilit, da parte del giovane protagonista, di avere una
relazione con la donna amata e di concluderla con il matrimonio). Foscolo riprende questo nucleo tematico, sviluppandolo in
relazione alle particolari caratteristiche del contesto italiano dei suoi anni.
il conflitto sociale, che nel Werther si incentrava sui rapporti personali, qui si trasferisce su un piano politico. Ma sono i caratteri
stessi del conflitto che si trasformano. Il dramma di Werther quello di non potersi identificare con la sua classe di provenienza: la
superiore sensibilit del giovane artista sono respinti dal mondo borghese, che si fonda sulla razionalit, sul calcolo, ; dall'altro lato,
l'artista borghese respinto anche dall'aristocrazia, che ancora la classe dominante, chiusa ottusamente a difesa dei suoi privilegi
di casta.
Diverso il dramma di Jacopo che non sente soltanto l'urto contro assetto sociale che lo respinge,ma il senso angoscioso di una
mancanza, il non avere una patria entro cui inserirsi. Il nucleo fondamentale che il Werther fu scritto prima della Rivoluzione,
l'Ortis dopo; dietro il giovane Werther c' la Germania dell'assolutismo principesco, caratterizzata dal dominio dell'aristocrazia e da
una borghesia vile; dietro il giovane Ortis c' invece l'Italia dell'et napoleonica, con il delinearsi del nuovo regime oppressivo del
"tiranno" straniero. In Werther c' la disperazione che nasce dal sentire il bisogno di un mondo diverso, senza per intravedere
alcuna possibilit concreta di una trasformazione profonda; in Jacopo c' invece la disperazione che nasce dalla delusione
rivoluzionaria, dal vedere tradite tutte le speranze patriottiche e democratiche, dal vedere la libert finire in tirannide, dal rendersi
conto che lo strumento rivoluzionario ormai impraticabile. Non essendovi alternative possibili sul piano della storia, l'unica via che
si offre ad Ortis per uscire da una situazione negativa, al tempo stesso insostenibile e immodificabile, la morte.
Sebbene quest'opera da una situazione cos disperata e pur approdando ad una conclusione cos negativa (il suicidio dell'eroe),
l'Ortis non solo un'opera nichilistica. In principio si trova gi una ricerca di valori positivi, che possano permettere di superare il
vicolo cieco della storia: la famiglia, gli affetti, la tradizione culturale italiana, l'eredit classica, la poesia. Questi motivi saranno
sviluppati nelle opere successive, soprattutto nella grande sintesi dei Sepolcri. Il nichilismo dunque solo uno dei poli di una
dialettica, presente e attiva in questo momento dell'esperienza foscoliana, e destinata ad avere in futuro diverse soluzioni.
Con l'Ortis Foscolo, come riesce a cogliere acutamente i problemi che si pongono alle generazioni italiane post-rivoluzionarie, cos,
sul piano delle forme letterarie, ha l'intuizione geniale di trasferire in Italia un modello di romanzo moderno, largamente diffuso in
ambito europeo. E tuttavia, come si gi osservato, l'Ortis non inaugura propriamente il genere del romanzo in Italia. A differenza
che nella Nuova Eloisa e nel Werther, non vi in esso un autentico interesse narrativo a costruire un intreccio di eventi, ad evocare
ambienti sociali, a dipingere personaggi e psicologie autonome: prevale decisamente in Foscolo la spinta lirica, o saggistica, o

oratoria. Pi che un racconto l'opera appare come un lungo monologo, in cui l'eroe si confessa con veemente pathos e al tempo
stesso si abbandona ad una lunga serie di meditazioni filosofiche e politiche o ad appassionate orazioni.
Ci si riflette sullo stile: l'opera scritta in una prosa aulica, pervasa da una continua tensione al sublime; la sintassi complessa,
sul modello classico, la linea del pensiero caratterizzata da studiate antitesi o simmetrie, da trapassi improvvisi, da continue ellissi;
spesso, poi, lenfasi retorica ha il sopravvento, oppure si avverte il peso delle reminiscenze libresche.
Parallelo all'Ortis per un altro progetto narrativo di carattere molto diverso, che risale probabilmente al 1801: il Sesto tomo dell'io
(rimasto allo stato di semplice abbozzo frammentario). Avrebbe dovuto essere anch'esso un'opera autobiografica, in prima persona,
ma, a differenza dell'Ortis, l'atteggiamento di Foscolo umoristico, fatto di distacco ironico e di saggezza contemplativa. Vi si pu
cogliere gi la suggestione della lettura di Laurence Sterne, che frutter pi tardi la traduzione del Viaggio sentimentale e la
creazione della "maschera" di Didimo Chierico, l'antitesi di Jacopo Ortis.
Le Odi e i Sonetti
Foscolo cominci a scrivere sin da ragazzo odi, sonetti, canzoni e altre composizioni di vario metro: sono esercizi letterari,
testimonianze di un apprendistato poetico che rivelano l'influsso delle tendenze di gusto e delle tematiche correnti del tempo, dalla
galanteria arcadica alla severit neoclassica, dall'ossianismo alla poesia sepolcrale, all'impegno politico e civile. Il poeta fece una
scelta rigorosa di tutta questa produzione, pubblicando nel 1803 le Poesie, che comprendevano solo due odi e dodici sonetti.
Le Odi Le due odi, A Luigia Pallavicini caduta da cavallo e All'amica risanata, risalgono al periodo della scrittura dell'Ortis, ma
rappresentano tendenze opposte: se l'Ortis, con la sua passionalit ed il suo soggettivismo esasperati, con la figura dell'eroe
sventurato ed esule, con il ricorrere ossessivo del tema della morte e le tonalit cupe che questa evoca, rimanda a tematiche di tipo
preromantico, le Odi rappresentano le tendenze pi squisitamente neoclassiche della poesia foscoliana. Al centro di entrambe vi il
vagheggiamento della bellezza femminile, trasfigurata attraverso la sovrapposizione delle immagini di divinit greche; vi sono
rappresentazioni intensamente visive e plastiche, dalle linee ferme ed armoniose, in cui il poeta sembra voler riprodurre i canoni
della contemporanea pittura o scultura neoclassica; ricorrono continui richiami mitologici, evocati con raffinata erudizione; il lessico
quanto mai aulico e sublime e la struttura sintattica riproduce le architetture del periodare classico.
Ma mentre l'ode A Luigia Pallavicini conserva maggiormente un carattere di omaggio galante e settecentesco alla bella donna,
All'amica risanata ha pi alte ambizioni e vuole porsi come un discorso filosofico sulla bellezza ideale, sul suo effetto di purificare le
passioni, rasserenare l'animo inquieto degli uomini, ed anche sulla funzione eternatrice della poesia che canta la bellezza. Il
neoclassicismo di Foscolo si rivela dunque ben diverso da quello arcadico e montiano, esteriore e puramente esornativo: il culto
foscoliano della bellezza esprime un'esigenza autentica e profonda, che nasce da un rapporto problematico con un momento storico
tormentato e violento e dal bisogno di contrapporre ad esso valori superiori, sottratti al divenire, di cui la letteratura si deve fare
portatrice .
I Sonetti I sonetti sono pi vicini alla materia autobiografica e alla passionalit dell'Ortis. La maggior parte infatti caratterizzata da
un forte impulso soggettivo, che rivela la matrice della lirica alfieriana; fitte per sono le reminiscenze di altri poeti, soprattutto di
Petrarca e dei poeti latini. Tra questi sonetti spiccano tre autentici vertici poetici, Alla sera, A Zacinto, In morte del fratello Giovanni.
In essi la classica forma del sonetto reinventata in modi fortemente originali, nella struttura sintattica e metrica, nella tessitura
delle immagini, nel gioco timbrico, ritmico e melodico del verso. Ma vi sono anche ripresi, in un discorso di estrema densit lirica, i
temi centrali delll'Ortis: la proiezione del poeta in una figura eroica sventurata e tormentata, il conflitto con il reo tempo presente,
il nulla eterno come unica alternativa, l'esilio come condizione politica ed esistenziale insieme, l'impossibilit di trovare un terreno
stabile su cui poggiare, che si traduce nell'impossibilit di trovare un rifugio consolante nella famiglia; l'illusione della sepoltura
lacrimata, il rapporto con la terra materna e con il mito antico, il valore eternatore della poesia. Ricompare dunque sia il motivo
nichilistico dell'Ortis, sia quella ricerca di valori positivi, al fine di un superamento dell'approdo nichilistico, che era gi in atto entro il
romanzo; si conferma e chiarisce, cio, quella linea di meditazione poetica che trover il suo culmine, pochi anni dopo, nei Sepolcri.
3)Carme Dei Sepocri
I Sepolcri sono un poemetto (carme) in endecasillabi sciolti, sotto forma di epistola poetica indirizzata all'amico Ippolito Pindemonte.
Loccasione fu appunto una discussione avvenuta con questi, con cui si imponevano le sepolture fuori dei confini delle citt e si
regolamentavano le iscrizioni sulle lapidi. Pindemonte da un punto di vista cristiano, sosteneva il valore della sepoltura individuale,
mentre Foscolo da un punto di vista materialistico, aveva negato l'importanza delle tombe, poich la morte produce la totale
dissoluzione dell'essere. Nel carme, Foscolo riprese appunto quella discussione, ribadendo inizialmente le tesi materialistiche sulla
morte, ma superandole poi con altre considerazioni che rivalutavano il significato delle tombe. Nei Sepolcri, infatti, si pu scorgere il
punto terminale della ricerca di un superamento del nichilismo a cui avevano portato la delusione storica e il crollo delle speranze
rivoluzionarie di fronte alla realt dell'Italia napoleonica. Anche il carme ha al centro il motivo della morte, ma superata l'idea,
derivante dal materialismo settecentesco, che essa sia semplicemente un nulla eterno. Anche se Foscolo, sul piano filosofico, non
vede alternative a quellidea, le contrappone l'illusione di una sopravvivenza dopo la morte. Questa sopravvivenza garantita dalla
tomba, che conserva il ricordo del defunto presso i vivi. La tomba assume quindi per Foscolo un valore fondamentale nella civilt
umana: il centro degli affetti familiari e la garanzia della loro durata dopo la morte, il centro dei valori civili, conservando le
tradizioni di un popolo e stimolandolo a mantenersi fedele ad esse, tramanda la memoria dei grandi uomini e delle azioni eroiche
spingendo alla loro imitazione.
S'inserisce cos, nel discorso filosofico sulla morte e la sopravvivenza, il motivo politico. LOrtis si chiudeva col suicidio del
protagonista, che escludeva ogni possibilit d'intervento in una situazione bloccata, senza vie d'uscita sul piano della storia. Ora
invece, attraverso l'illusione, Foscolo arriva a riproporre quella possibilit dell'azione politica nella storia che l'analisi razionale del
contesto portava ad escludere, ed introduce la prospettiva di un riscatto dell'Italia dalla miseria presente proprio grazie alla funzione
esercitata dalle memorie di un passato di grandezza, tenute vive dal culto delle tombe. L'esaltazione foscoliana della tradizione e dei
grandi del passato non dunque un trito motivo retorico, come in tanta letteratura classicheggiante dellepoca, ma il tentativo di
dare una risposta a problemi vivi nella coscienza collettiva in un momento cruciale e travagliato della societ e della cultura italiane.
Data la presenza di queste tematiche, i Sepolcri, pur avendo alle spalle il genere della poesia cimiteriale, che aveva goduto di vasta
fortuna sul finire del Settecento, non possono essere ridotti entro tale ambito: come Foscolo stesso si preoccupa di precisare, il suo
carme, a differenza della poesia sepolcrale inglese, essenzialmente poesia civile e vuole animare l'emulazione politica degli
Italiani. Il carme si presenta dunque come una densa meditazione filosofica e politica: essa per non esposta in forma
argomentativa, bens attraverso una serie di figurazioni e di miti. Foscolo stesso ci avverte, nelle note al carme, di voler offrire i suoi
contenuti non al ragionamento logico ma alla fantasia.
Inizialmente, l'illusione che sofferma il defunto al di qua della soglia della morte suggerisce l'immagine del corpo accolto nel grembo
materno della terra che lo raccolse infante e lo nutriva; la tesi che le tombe sono indizio di civilt si traduce nella rievocazione di
diversi tipi di civilt nel corso della storia: il mondo classico e il Medio Evo, l'Inghilterra e il bello italo regno di oggi; l'idea secondo
cui le tombe dei grandi spingono il forte animo a grandi imprese l'avvio all'inno a Firenze e alle tombe di Santa Croce;
l'affermazione che la poesia raccoglie l'eredit delle tombe nel conservare la memoria sino ai tempi pi lontani richiama il mito della
fondazione di Troia, della sua fine, del poeta Omero che si ispira alle tombe dei padri della citt per cantare gli eroi greci vincitori e
l'eroe sconfitto, Ettore.

Il discorso del carme ha una struttura rigorosa ed armonica; ma proprio perch il poeta non vuole parlare al sillogismo del lettore,
i trapassi da un concetto all'altro, da una figurazione all'altra, avvengono in forma fortemente ellittica, lasciando nell'implicito molti
passaggi intermedi. Ci d al carme un grande afflato lirico, ma ne rende ardua la lettura. Il poemetto anche costruito su una
sapiente orchestrazione di toni diversi, che vanno dall'inizio problematico, segnato da continue interrogazioni, alla polemica
veemente, alla pacata argomentazione, alla celebrazione appassionata dell'inno, alla grandiosit epica e tragica della rievocazione del
mondo mitico di Troia e della poesia di Omero.
Estremamente mossa parimenti la prospettiva spazio-temporale, che contribuisce a dare al breve carme una suggestione di
estrema vastit: si passa dallo spazio ristretto ed appartato della tomba alla prospettiva immensa della terra e del mare in cui la
morte semina le infinite ossa degli uomini, si succedono spazi aperti e spazi chiusi, il desolato cimitero comune di Parini, le chiese
ammorbate dal fetore dei cadaveri, l'interno di Santa Croce.
Il linguaggio estremamente elevato ed aulico; il lessico rimanda alla tradizione della poesia classicheggiante ed in particolare al
modello di Parini e di Alfieri, per la parola sempre densa di echi e di suggestioni, piegata a significazioni personalissime; la
sintassi pu variare dalla sentenza concisa e lapidaria al periodare ampio e complesso, ricco di subordinate e di inversioni.
L'endecasillabo sciolto, metro classico per eccellenza, trattato con estrema duttilit, piegato a tutti i toni, attraverso il ritmo degli
accenti, le pause interne, gli enjambements, il timbro delle vocali e delle consonanti.
Le Grazie
Foscolo lavora allopera a pi riprese senza mai finirla. Nel 1803 aveva inserito in un commento alla traduzione catulliana della
Chioma di Berenice di Callimaco alcuni frammenti del poema, che fingeva di aver tradotto da un inno alle Grazie di un antico poeta
greco. Scrisse una lettera al Monti dove annunciava il progetto di un inno alle Grazie nel quale dovevano essere idoleggiate tutte le
idee metafisiche del bello. Il progetto nella sua fase centrale a Firenze, nel 1812 1813, quando Foscolo aveva 34-35 anni ed
erano passati 6-7 anni dalla stesura dei Sepolcri. Il poeta lavor ancora alle Grazie, fino alla morte, rivedendone pi volte la stesura.
Alcuni brani comparvero in una Dissertazione di un antico inno alle Grazie, pubblicata a Londra nel 1822, ma lopera rimase
incompiuta. Lopera si articola in tre inni, dedicati a: Venere, dea della bella natura e che spinge la natura a riprodursi; Vesta,
custode del fuoco eterno che anima i cuor gentili (pi venerata a Roma che in Grecia); Pallade, dea delle arti consolatrici della vita e
maestra degli ingegni.
Le grazie sono dee intermedie tra cielo e terra, che hanno il compito di suscitare negli uomini i sentimenti pi puri ed elevati
attraverso il senso della bellezza, inducendoli a superare la feroce bestialit della loro natura originaria e portandoli alla civilt. Lidea
che bellezza e arte abbiano la funzione di purificare e ingentilire le passioni un tema caro alla cultura neoclassica.
Il primo inno narra la nascita di Venere e delle Grazie dal mar Ionio. Gli uomini subiscono il fascino della bellezza e percepiscono
larmonia dellUniverso disponendosi a coltivare le arti civili.
Nel secondo inno la scena sui colli di Bellosguardo, in cui vi un rito a favore delle Grazie fatto da tre donne gentili, Eleonora
Nencini, Cornelia Martinetti, Maddalena Bignami, che rappresentano la musica, la poesia e la danza. Il terzo inno collocato nellisola
di Atlantide, inaccessibile agli uomini, dove Pallade cerca rifugio quando le loro passioni ferine scatenano la guerra. Atlantide un
mondo ideale di suprema armonia, lontano dai conflitti della storia umana. Pallade fa tessere da una schiera di dee minori un VELO
che difenda le Grazie dalle passioni degli uomini. Sul velo sono effigiati i sentimenti pi miti ed elevati.
I mutamenti di scena rappresentano il passaggio delle Grazie dalla Grecia, dove nacque la prima forma di civilt, allItalia, che
raccoglie leredit della cultura classica. Il terzo paesaggio rappresenta il potere delle arti sulle umane passioni.
Il tema centrale lidea della bellezza serena e dellarmonia. Foscolo riprende la linea gi intrapresa nelle odi portandola alle estreme
conseguenze. Dal punto di vista stilistico gli inni si rifanno alle odi. C la ricerca di una estrema armoniosit musicale, ben diversa
dai Sepolcri, dove si passa da una oratoria passionata alla vibrante tensione dellinno fino alla solennit dellepica. Foscolo vuole
aggiungere anche una grande forza di suggestione visiva: la poesia tende ad evocare immagini vivide, plastiche e colorite. A tal
proposito significativo che l'opera sia dedicata allo scultore Canova, il massimo esponente dellarte neoclassica in Italia che proprio
in quei tempi stava scolpendo Le Grazie. In queste figurazioni devono prendere posto i concetti: il poeta mira intenzionalmente ad
una poesia allegorica. Rivaluta lallegoria che personificando in figure le idee astratte fa s che queste agiscano pi fortemente e pi
facilmente sui sensi e sullimmaginazione. Il vagheggiamento della bellezza, la ricerca di immagini squisite, non devono fare pensare
che le Grazie rappresentino la fuga in un mondo di bellezza e di armonia remoto dalla realt e dalla storia. Foscolo non abbandona il
suo ideale di poesia civile. Riaffiorano rimandi alla realt attuale, allo scatenarsi delle passioni feroci e degli istinti aggressivi
delluomo in concomitanza con le guerre imperialistiche di Napoleone. Lidoleggiamento della bellezza ha senso in riferimento a quel
periodo storico libero da tendenze feroci e aggressive, dominato da sentimenti pi miti, di piet, di compassione, di pace. Foscolo
convinto della funzione civilizzatrice della poesia e delle arti, della loro possibilit di agire sul mondo sociale e di renderlo veramente
pi umano.
Si pu affrontare il problema delle tendenze romantiche e delle tendenze neoclassiche, che non sono contraddittorie, ma nascono da
una stessa radice e sono complementari: la radice consiste nel rapporto traumatico con il reo tempo, nella situazione storica
convulsa e nei conflitti dellItalia nellet napoleonica.
Le tendenze romantiche sono espressione diretta della delusione storica, dei traumi, delle lacerazioni, dei conflitti tra il soggetto e la
realt esterna; le tendenze neoclassiche sono il tentativo di opporre ad essi un mondo alternativo di equilibrio, armonia e bellezza e
scaturiscono da una matrice romantica.