Sei sulla pagina 1di 1

Caleidoscopio

Formazione&Lavoro

Il concetto di dispositivo e il suo uso in ambito pedagogico


Il concetto di dispositivo, elaborato da Michel Foucault1 soprattutto ne La volont di sapere2, oggetto recentemente di
una rinnovata attenzione e di una serie di rielaborazioni teoriche costruttive.
Ripreso e teorizzato in pedagogia, per primo in Italia, da Riccardo Massa3 oggi viene usato genericamente per indicare
qualsiasi elemento normativo e istituzionale.
In Massa riferito al sistema incorporeo delle procedure
in atto nellistituzione scolastica e in qualunque situazione
educativa: il dispositivo che determina la forma-scuola e
il suo funzionamento.
Il dispositivo pedagogico stato anche definito come un insieme strutturato e solo parzialmente visibile di norme, oggetti, rituali, fantasmi, proiezioni, tecniche, metodologie, prescrizioni, soggetti; il dispositivo si sostanzia dunque sia nella
rete che si stabilisce tra elementi eterogenei, sia nella natura del legame tra gli elementi, sia nella funzione strategica cui
tale insieme risponde, sia infine nella reciproca interazione
funzionale tra gli elementi stessi..
Per chiarire concretamente il significato e limpatto del concetto di dispositivo si presta bene una riflessione su quanto ha
prodotto lirruzione nella nostra vita quotidiana del web e del
cellulare: lavere irretito in breve tempo la popolazione del pianeta con i telefoni cellulari prima, e con le reti e i social network
poi, una manifestazione visibile di ci che si debba intendere
con il termine dispositivo e sulle relative potenzialit di modellamento del soggetto in nuovi meccanismi di potere.
Naturalmente gli oggetti (telefoni, computer, server, ipad,
ecc.) sono solo strumenti, parti tangibili di un sistema ma
a livello mentale, o meglio antropologico, che il dispositivo
agisce e dispiega tutta la sua potenza. In larghezza e profondit, fino a coprire tutti i corpi e le menti, e a produrne e riprodurne le rappresentazioni, i desideri, limmaginario.
Non si tratta nemmeno di controllo sociale o di potere diffuso
(certo, ci sono anche questi aspetti), ma di automatica adesione al dato. Il dispositivo agisce cio come il linguaggio: delinea il modo di essere profondo, ontologico e sociale di ciascun individuo.
Secondo Agamben4, che riprende Foucault, il dispositivo
la rete che si costruisce fra gli elementi, ha una funzione
strategica, lincrocio fra relazioni di potere e di sapere dei
vari soggetti che lo popolano. Lautore approfondisce la sua
disamina presentando anche la funzione pi direttiva che
pu assumere il dispositivo.
Comune a tutti questi termini il rimando a una oikonomia,
cio a un insieme di prassi, di saperi, di misure, di istituzioni il

24

1/2013 monografico

cui scopo di gestire, governare, controllare e orientare, in un


senso che si pretende utile, i comportamenti, i gesti e i pensieri degli uomini5.
Ampliando ulteriormente la gi ampia classe dei dispositivi
foucaltiani, Agamben definisce dispositivo qualunque cosa
abbia in qualche modo la capacit di catturare, orientare, determinare, intercettare, modellare, controllare e assicurare i gesti, le condotte, le opinioni e i discorsi degli esseri viventi6, rimarcandone la funzione orientativa verso le attivit e i processi.
Considerando leducazione in quanto dispositivo complesso in cui elementi cognitivi, affettivi e procedurali interagiscono a livello esistenziale, pragmatico e progettuale
possibile procedere a una riprogettazione efficace della materialit del servizio, condizione essenziale perch la riflessione riesca davvero a incidere sulla qualit dellesperienza
formativa garantendone al contempo autonomia e legami
con la vita di tutti i giorni.
Leducazione un dispositivo. Essa consiste cio in un insieme strutturato di componenti dimensionali che svolge una propria azione rispetto a molteplici livelli di riferimento. Leducazione richiede pertanto di essere considerata
come un dispositivo complesso la cui efficacia risulta presente nellambito di ciascuno di tali livelli e delle loro dimensioni fondamentali, nellambito dinterdipendenza di essi, e
nellambito della propria struttura specifica e peculiare7.
Per sintetizzare, si sottolineano alcuni passaggi che aiutano a ricostruire la trama che costituisce il dispositivo: uno
spazio-tempo intenzionalmente predisposto per supportare un cambiamento soggettivo e dipende dalle prospettive
con cui, chi progetta, guarda a un problema. Al suo interno vi
sono strumenti e attivit che danno vita a una partecipazione determinata da come il soggetto in formazione interpreta il dispositivo. Le azioni che attiva provocano la creazione di
nuove routine e di pratiche non tutte previste dal progettista,
sempre e comunque frutto di uninterazione attiva del soggetto con la tecnologia utilizzata. Il focus del dispositivo nella gestione della mediazione fra uno prospettato dal progettista e uno realizzato dal soggetto che lo interpreta.
1 Paul Michel Foucault (Poitiers, 15 ottobre 1926 Parigi, 26 giugno 1984)
stato un sociologo, filosofo, psicologo e storico francese.
2 Foucault M., La volont di sapere, tr. it. Feltrinelli, 1996.
3 Massa R., Educare o istruire? La fine della pedagogia nella cultura contemporanea, Unicopli, 1987; Idem, Cambiare la scuola, Laterza, 1998.
4 Agamben G., Che cos' un dispositivo, Nottetempo, 2006.
5 Ibidem, p. 20.
6 Ibidem, p. 21.
7 Massa R., Educare o istruire?, cit., p. 17.