Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.

it

CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 08 GENNAIO 2010, N. 308

Fatto e diritto
Con ordinanza del XX.4.09 il Tribunale di (....), quale giudice dell'esecuzione, ha respinto la
richiesta presentata da (ABC) intesa ad ottenere la cancellazione dal casellario giudiziale
dell'iscrizione della sentenza di fallimento n. 7X3/1988, emessa nei suoi confronti dal Tribunale di
Modena. Il Tribunale ha ritenuto che, a seguito dell'abolizione dell'istituto della riabilitazione dei
falliti, disposta dal decreto legislativo 5/06, il fallito poteva essere assimilato in ogni caso al fallito
riabilitato, si che era da escludere ormai l'annotazione della sentenza di fallimento nel certificato
civile del casellario giudiziale, di cui all'art. 26 del d.p.r. 14.11.02 n. 313, recante il testo unico delle
disposizioni in materia di casellario giudiziale.
L'abolizione dell'istituto della riabilitazione non comportava tuttavia la mancata iscrizione delle
sentenze di fallimento, come si evinceva dal disposto dell'art. 3 lettera q) del citato d.p.r. 313/02; ed
invero ai sensi dell'art. 5 lettera i) del ripetuto d.p.r., l'eliminazione dell'iscrizione della sentenza di
fallimento era prevista solo in caso di revoca del fallimento; pertanto, in forza delle norme
contenute nei citati artt. 3 e 5 del d.p.r. 313/02, nel casellario del solo fallito non riabilitato né
riabilitabile non era possibile eliminare l'annotazione della sentenza di fallimento.
Avverso detta ordinanza propone ricorso per cassazione (ABC) per il tramite del suo difensore, che
ha dedotto il seguente unico motivo di ricorso: - inosservanza od erronea applicazione dell'art. 128
del decreto legislativo 9.1.06 n.5:
il Tribunale di (....) aveva erroneamente interpretato la norma di cui all'art. 128 del decreto
legislativo 9.1.06 n. 5, il quale aveva introdotto l'istituto della esdebitazione del fallito, espungendo
dall'ordinamento giuridico sia l'istituto della riabilitazione civile, sia il registro dei falliti.
Secondo la disciplina previgente le sentenze dichiarative di fallimento venivano iscritte nel
casellario giudiziale e tali iscrizioni venivano eliminate solo quando il fallimento veniva revocato
con provvedimento definitivo (artt. 3 lettera q) e 5 lettera i) del d.p.r. 14.11.02 n. 313, recante il
testo unico delle norme sul casellario giudiziale). (………….)

°°°°°°°°°°°°
LA VERSIONE INTEGRALE DELLA SENTENZA E’ DISPONIBILE SU

www.fiscoediritto.it

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.
FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente.
FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando
i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo
sito contattaci a info@fiscoediritto.it

Potrebbero piacerti anche