Sei sulla pagina 1di 285

Sommario

INTRODUZIONE........................................................................................................................ 5
CAPITOLO I: SER MI EN TUDU KUZA: PRECARIET DEL GENERE MASCHILE E
PERFORMATIVIT CONTINUA ............................................................................................... 17
1.1.

Percorsi di riflessione su sesso e genere ................................................................ 18

1.2.Fare lincompleto: la teoria antropo-poietica .............................................................. 21


1.3. Male trouble? .............................................................................................................. 24
1.3.1. Andro-poiesi e performance continua ................................................................. 28
1.3.2. Mascolinit egemonica ........................................................................................ 31
CAPITOLO II: MASCOLINITA EGEMONICA PRAIENSE .......................................................... 35
2.1. mi ka ta bisti saia: la dominazione maschile a Capo Verde ..................................... 35
2.1.1. Una disuguaglianza di genere di fatto.................................................................. 35
2.1.2. Un arcipelago meticcio......................................................................................... 37
2.1.3. Il sistema di genere come sistema gerarchico ..................................................... 40
2.1.4. Uneredit coloniale: formazione del dominio maschile a Capo Verde............... 44
2.2. Aggregati familiari a Capo Verde ................................................................................ 46
2.2.1. La poligamia informale ......................................................................................... 46
2.2.2. Lo scarso investimento sulla paternit ................................................................ 49
2.2.3. Donne chefe de famlia ........................................................................................ 52
2.2.4. Matrifocalit e Pais de Criao............................................................................. 54
2.2.5. Quale riproduzione di genere nella plasticit parentale? .................................... 56
2.3.

mi cachorro de rua ............................................................................................ 61

2.3.1.

Minina di dentre kaza, mi di rua ............................................................. 61

2.3.2.

Male bonding ................................................................................................. 66

2.3.3.

Luomo colui che recita al centro del palcoscenico .................................... 67

2.3.4.

Autocontrollo .............................................................................................. 69

2.3.5.
2.4.

e forza .......................................................................................................... 74

mi dadu ti si mai: pressioni per una sessualit predatoria ............................... 75

2.4.1.

Una compulsiva eterosessualit .................................................................... 75

2.4.2.

mi dadu ti si mai: un insaziabile desiderio sessuale ................................. 78

2.4.4.

Complicit femminile ..................................................................................... 83

2.4.5.

Nha bodi ka ta maradu: il gioco della conquista............................................ 86

2.4.6.

Il prezzo della mascolinit: il tab dellimpotenza ......................................... 89

2.5.

mi cabea di mudjer.......................................................................................... 90

2.5.1.

Dos boi ka ta pila nu mesmu trapichi ............................................................. 91

2.5.2.

Violncia baseada no gnero ......................................................................... 94

2.5.3.

Mudjer ta poi mantcha, ta pega .................................................................. 102

2.5.4.

Un regime di insicurezza di genere .............................................................. 104

2.6.

mi ka ta leba disaforo pa kaza: negoziazione competitiva della mascolinit ... 106

2.6.1. Rispetto di genere .............................................................................................. 107


2.6.2.

nra, disaforo e vinganza ............................................................................ 111

2.6.3.

La teatralizzazione della mascolinit............................................................ 116

2.7.

La divisione sessuale del lavoro ........................................................................... 119

2.7.1. La gestione del lavoro domestico ...................................................................... 119


2.7.2.

Segregazione sessuale del lavoro ................................................................. 123

2.7.3.

La logica del doppio standard ...................................................................... 128

2.8.

Mascolinit egemonica, tra ideale e reale ........................................................... 129

CAPITOLO III: UNA MASCOLINITA INSOSTENIBILE ............................................................ 131


3.1. Cambiamenti nel contesto storico ............................................................................ 131
3.2. Nuova performativit di genere femminile .............................................................. 136
3.2.1. Creativit economica ......................................................................................... 136
3.2.2. Investimento nellistruzione .............................................................................. 139

3.2.3. Violazione delle aspettative sociali e controllo strategico della propria sessualit
...................................................................................................................................... 141
3.2.5. Un caso emblematico: la pixinguaria ................................................................. 148
3.2.6.

Aggressivit femminile ................................................................................. 149

3.2.7.

Mudjer-matchu?........................................................................................... 151

3.3. Crisi della mascolinit................................................................................................ 153


CAPITOLO IV: THUG LIFE E INFLUNCIA JUVENIL ........................................................... 160
4.1. Eternamente giovani ................................................................................................. 161
4.2. Nascita dei gruppi thugs............................................................................................ 167
4.3. N ta d expiedienti: thug life in risposta alla fragilit economica ............................ 168
4.4.

Thug life ................................................................................................................ 175

4.4.1. Culture migranti (La cultura hip-hop) ................................................................ 177


4.4.2. Nuovi modelli identitari: Shakur Tupac.............................................................. 181
4.4.3. Roupon, bon e andar jingando: la dimensione estetica dellidentit thug ...... 183
4.5.

Sentimento di appartenenza................................................................................ 186

4.6 Gangs e violenza......................................................................................................... 193


4.6.1. Segregazione territoriale .................................................................................... 199
4.6.2. Nka tem medu ................................................................................................... 202
4.6.3 Armi e droga ........................................................................................................ 204
4.6.4. Un continuum di violenza .................................................................................. 207
4.6.

Pekenas o medaglie.............................................................................................. 210

4.7.

Gangs tra resistenza e marginalit ....................................................................... 215

CAPITOLO V: UNIDADI E LUTA ............................................................................................ 224


5.1. Partenza ore 9.00. Continuit e mutamento tra thugs e ativiztas. ........................... 225
5.2. Siamo tutti presidenti: ativiztas e leadership............................................................ 236
5.3. Sessione di parlamento: riappropriarsi della parola ................................................. 239
5.4. Nu ta na luta: trasformazione discorsiva della violenza ........................................... 245

5.5. Occupazioni: pratiche di resistenza infrapolitica ...................................................... 247


5.6. Rivendicare una legittimazione ................................................................................. 253
5.7. Quali attiviste? .......................................................................................................... 256
5.8. Trasformazioni maschili e prospettive future ........................................................... 259
BIBLIOGRAFIA ...................................................................................................................... 264
APPENDICE ........................................................................................................................... 274

INTRODUZIONE
Il tema in analisi nella seguente tesi di laurea costituito dai modelli di mascolinit nella
realt urbana di Praia. Il mio obiettivo iniziale era indagare se e come lideale di mascolinit
capoverdiano fosse attualmente oggetto di trasformazioni, considerato lattuale processo di
rielaborazione delle relazioni di genere in corso a livello globale. Linteresse relativo a questo
tema di ricerca nasce da una mia precedente esperienza lavorativa in una comunit madrebambino. Allinterno di tale realt, in cui ho lavorato per pi di un anno, ho conosciuto le
storie di numerosissime donne vittime di compagni violenti, i quali le avevano picchiate e
umiliate per anni prima che queste si decidessero a denunciarli. Il lavoro in campo educativo
costituisce sempre unesperienza decisamente stimolante a livello personale, infatti, il
confronto che gli stessi utenti cercano costantemente costringe a una continua
rielaborazione delle proprie idee e opinioni. La comunit mamma-bambino ha rappresentato
per me lesperienza che mi ha messo in contatto per la prima volta con il fenomeno delle
donne maltrattate e mi ha spinto a cominciare a interrogarmi a proposito. Mi domandavo
come sorgessero e si riproducessero per anni le dinamiche carnefice-vittima allinterno di
una coppia, perch le donne impiegassero cos tanto tempo a decidere di uscire da relazioni
di questo tipo, come mai spesso perdonassero il compagno, rientrando intenzionalmente nel
meccanismo di riproduzione della violenza. La psicologia offre risposte preziose a tali
interrogativi, tanto in termini di riproduzione delle modalit di relazione apprese come
bambini cresciuti in contesti familiari problematici, quanto di dinamiche di reciproca
dipendenza che si instaurano tra laggressore e la vittima. Tuttavia, la diffusione ampia e
trasversale tra le varie classi socio-economiche del fenomeno non mi sembrava poter essere
riducibile ai risultati della psicologia, ma doveva essere fondata anche su istanze culturali.
La possibilit di indagare questi interrogativi e formarmi rispetto a tale tematica mi stata
offerta dal progetto Uni.Coo dellUniversit di Torino. In virt di questinteresse mi sono
infatti candidata per un progetto di cooperazione decentrata relativo alla violenza di genere
promosso dal Servizio di Cooperazione e Pace della Citt di Torino, co-finanziato dalla
Commissione Europea. Tale progetto denominato Jovens Contra a Violncia de Gnero e
comprende come partners vari enti locali a livello europeo e extra-europeo1, tra i quali la

I partner del progetto JCVG sono: la Citt di Torino (responsabili di progetto), Citt di Collegno, Citt
di Genova, ISCOS Piemonte (Italia), Cmara Municipal da Praia (Capo Verde), Asociatia Caritas
Bucaresti, Municipul Bucaresti, Municipul Baia Mare (Romania), Prefeitura Municipal de Fortaleza

Cmara Municipal di Praia (Capo Verde). La durata prevista dal progetto di tre anni, nel
corso dei quali saranno trattate tre diverse tematiche: i modelli di mascolinit, la violenza
contro le donne e le discriminazioni contro persone LGBT. Tali questioni saranno affrontate
utilizzando la metodologia della peer education2, ossia delleducazione tra pari. Il progetto
prevede che ogni ente partecipante selezioni un gruppo di giovani impegnati in realt
associative a livello locale e offra loro la possibilit di partecipare a un corso di formazione
sui temi di progetto e sulla metodologia della peer education. Nella seconda fase di ogni
anno, grazie alle informazioni e competenze apprese, i giovani andranno ad organizzare
sessioni di educazione non formale con ragazzi adolescenti, nelle strutture scolastiche e
associative del territorio. previsto che gli stessi peer educators si confrontino anche con un
gruppo di decisori politici e persone che lavorano nel settore. Infine, lultima azione di
progetto annuale consiste nella creazione di un concorso per video di sensibilizzazione sul
tema trattato a cui potranno partecipare tanto le classi coinvolte nel progetto, quanto gruppi
o singoli individui esterni ad esso. Nel momento in cui ho vinto la borsa Uni.Coo, il progetto
JCVG si trovava in una fase iniziale. Grazie ai contributi dellUniversit, avrei dunque passato
cinque mesi a Praia3, capitale di Capo Verde, entrando a far parte dellequipe locale partner
della Citt di Torino, che avrebbe sviluppato in quellarco di tempo la maggior parte delle
azioni del primo anno di progetto, dedicato alla tematica dei modelli di mascolinit. Mi sono
trovata dunque a collaborare con entrambe le equipe, italiana e capoverdiana, formate da
funzionari comunali e, per quanto riguarda Torino, da membri di ONG. Il dottor Stefano
Chicco, funzionario del Servizio Cooperazione e Pace della Citt di Torino, nonch mio
referente, ha richiesto allUniversit che uno dei sei mesi di borsa di studio previsti fosse
dedicato a uno stage allinterno del Servizio cittadino, in preparazione al soggiorno a Capo
Verde. Lesperienza di stage stata particolarmente arricchente e interessante, tanto a livello
di apprendimento rispetto al tema della cooperazione, quanto di formazione sulla questione

(Brasile), PRODES (Mozambico), Xunta de Galicia, Fondo Andaluz de Municipios para la Solidaridad
Internacional (Spagna).
2
Per peer education (Educazione tra pari) si intende una strategia educativa in cui gli educatori
hanno delle caratteristiche in comune con lutenza del progetto o del servizio, in questo caso
lappartenenza alla medesima generazione (ma in altri casi pu essere invece il genere, la provenienza
nazionale, la presenza di un deficit motorio, etc.). Queste caratteristiche permettono agli utenti di
identificarsi negli educatori, fattore che elimina numerose resistenze al cambiamento e stimola
meccanismi di emulazione positiva. Al tempo stesso i peer educators sono portatori di una conoscenza
profonda sullutenza proprio in virt dei caratteri condivisi, fondamentale per lelaborazione di
progetti educativi efficaci.
3
Una volta sul campo ho prolungato di un mese la mia permanenza a Capo Verde, in particolare per
completare la ricerca etnografica da cui nasce questa tesi.

della violenza di genere. Durante questo mese ho avuto loccasione di conoscere diverse
realt legate alla questione della violenza di genere e alla difesa dei diritti delle persone LGBT.
stato particolarmente interessante il confronto con il tavolo provinciale che si interessa al
tema dei maltrattanti, confronto che mi ha permesso di partecipare a un Convegno Nazionale
organizzato da questo tavolo sulla tematica4. A tale convegno hanno partecipato persone che
lavorano nel settore provenienti da tutta Italia, le quali riconoscevano una attuale crisi del
modello maschile nel contesto italiano, che spesso allorigine della diffusione di episodi di
violenza sulle donne, e condividevano i risultati raggiunti allinterno delle organizzazioni di
appartenenza nel fronteggiare tale problema.
In base a queste esperienze e alla mia partecipazione nel contesto italiano alla prima fase di
progetto, ho focalizzato il mio interesse sulla questione dei modelli di mascolinit.
Riconoscevo infatti la radice della violenza di genere nei modelli di femminilit e mascolinit
culturalmente costruiti e nella loro relazione reciproca. Lobiettivo di ricerca che mi sono data
inizialmente era dunque di indagare la formazione del modello maschile egemonico a Capo
Verde e le sue possibili trasformazioni attuali. Mi interessava scoprire se anche
nellarcipelago africano fosse possibile parlare di crisi di mascolinit e quali fossero i discorsi
locali relativi allargomento. Nel corso della ricerca questi miei interrogativi iniziali si sono
ampliati e sono arrivata a interessarmi a fenomeni che non avevo previsto, come esporr in
seguito.
Prima della partecipazione al bando Uni.Coo non ero mai stata a Capo Verde. Capo Verde
un arcipelago costituito da dieci isole al largo del promontorio di Capo Verde, da cui il paese
prende il nome, nello stato senegalese. Larcipelago si trova dunque in pieno Oceano
Atlantico, posizione che lo rende isolato e al tempo stesso punto di connessione strategico
tra Africa, America e Europa. Questa caratteristica si riflette tanto nel passato delle isole,
nodo cruciale del commercio di schiavi, quanto nellattuale fenomeno delle migrazioni di
capoverdiani, che si distribuiscono appunto sui tre continenti limitrofi. Larcipelago conta
dieci isole, di cui una disabitata (Santa Lucia). Queste sono divise in isole di Sotavento (Brava,
Fogo, Santiago, Maio) e Barlavento (Boa Vista, Sal, So Nicolau, Santa Lucia, So Vincente,
Santo Anto) e si trovano tra di loro a distanze significative, che rendono i collegamenti

Convegno Nazionale sulla prevenzione della violenza contro le donne organizzato dal tavolo
provinciale per progetti a tutela delle donne vittime di violenza tramite programmi di cambiamento
dei maltrattanti in data 22 Novembre 2013.

reciproci uno dei problemi ancora attuali nellarcipelago. La borsa di studio Uni.Coo
prevedeva la mia permanenza nella capitale, Praia, citt sita nella punta meridionale di
Santiago, lisola con la maggior estensione territoriale dellarcipelago. Linteresse personale
per il contesto capoverdiano, che mi ha spinto a candidarmi per il bando Uni.Coo, era legato
a precedenti esperienze in Brasile e Portogallo, realt in cui ho svolto rispettivamente il
Servizio Civile Nazionale allestero e il programma LLP-Erasmus. La conoscenza di questi
contesti ha suscitato in me un interesse per il mondo lusofono, che comprende appunto
realt appartenenti a diversi continenti, tra cui Europa, America del Sud, Africa e Asia. Tali
realt, in virt del comune passato di dominazione coloniale portoghese, condividono ad oggi
una serie di riferimenti culturali, che costituiscono quella che definita cultura lusofona.
Lattuale crisi economica portoghese ha permesso, inoltre, la rielaborazione delle relazioni
allinterno di questarea di influenza multisituata, che ad oggi vede emergere in misura
sempre maggiore istanze culturali provenienti dai diversi contesti delle ex-colonie. Rispetto
a Capo Verde, inoltre, un elemento di interesse particolare dato proprio dalla conquista
recente dellindipendenza, avvenuta solo nel 1975. Il processo per lottenimento
dellindipendenza capoverdiana presenta inoltre numerose peculiarit, infatti la lotta armata
contro lesercito coloniale stata combattuta in maniera congiunta da capoverdiani e
guineensi nel territorio della Guinea-Bissau, senza che questa arrivasse a toccare le isole. Ad
oggi Capo Verde rappresenta a livello internazionale un esempio di good governance in
contesto africano, essendo il paese costituito da uno stabile regime democratico. Rispetto a
tale contesto mi interessava dunque indagare come le eredit post-coloniali in un paese cos
giovane influissero sulla formulazione del sistema di genere locale, analizzando le diverse
influenze provenienti dalle aree africane, brasiliane e europee.
Dal punto di vista metodologico avevo intenzione di cogliere lopportunit offerta dal bando
Uni.Coo per svolgere una ricerca etnografica prolungata sul campo. Tale ricerca si
concretizzata in sei mesi di permanenza nella citt di Praia. La mia intenzione era di indagare
i modelli di mascolinit basandomi principalmente sugli strumenti dellosservazione
partecipante e delle interviste qualitative. Per fare questo dovevo per selezionare e
inserirmi in un campo di ricerca pi circoscritto che rappresentasse un osservatorio
privilegiato, da cui muovermi per analizzare anche altre zone appartenenti alla citt. Nel
contesto cittadino la mia collaborazione con lequipe dellAo Social per il progetto JCVG mi
consentiva di accedere a un settore della popolazione capoverdiana benestante, formata,
spesso portatrice di prolungate esperienze allestero per studio e lavoro. Tuttavia questa lite

rappresentava soltanto una percentuale molto bassa rispetto alla popolazione praiense, fatto
che alimentava il mio desiderio di conoscere anche gli appartenenti alle fasce socioeconomiche pi basse della citt, per poter avere un quadro pi completo e complesso della
realt locale. Rispetto a questo obiettivo Stefania Bortolotti e Uv hanno rappresentato per
me dei gate-keeper fondamentali, nonch amici preziosi nel contesto capoverdiano. Stefania,
una ragazza trentenne che da alcuni anni vive con il marito capoverdiano e la figlia nellIsola
di Santiago, mi stata presentata prima della partenza da unaltra amica italiana. Ho
conosciuto Stefania su Skype in un pomeriggio di novembre e, a pochi giorni dalla mia
partenza, lei si offerta di ospitarmi nel primo periodo sullisola e di aiutarmi a trovare una
sistemazione autonoma. Stefania, laureata come educatrice interculturale a Verona, ha
fondato il Projeto Simenti5, progetto socio-educativo rivolto ai giovani residenti nel
quartiere popolare di Achada Grande Frente, insieme a Uv. Uv, il cui vero nome Joo Jos
Monteiro, un ragazzo capoverdiano di trentacinque anni, residente nel suddetto quartiere
e laureato nellUniversit di Capo Verde in sociologia. Da sempre attivo nella promozione di
uno sviluppo territoriale proveniente dal basso, Uv si interessato in particolare al fenomeno
delle bande urbane che ha interessato in maniera significativa la citt di Praia a partire dagli
anni 2000. Al momento del mio arrivo il Projeto Simenti stava passando una fase di grande
difficolt economica, che aveva per rappresentato per Uv un incentivo per la creazione di
una realt associativa indipendente da fondazioni o organizzazioni maggiori, denominata
Movimento Korrenti di Ativiztas. Grazie a questi contatti, gi nel mio primo giorno sullisola
ho conosciuto il quartiere di Achada Grande Frente e la sede operativa della Korrenti, il
Pilorinhu, una struttura occupata, inizialmente ideata come mercato locale. Per questo
motivo ho scelto tale quartiere come contesto di ricerca circoscritto. La Korrenti di Ativiztas
ha da subito attirato la mia attenzione per le proposte di sviluppo bottom-up di cui si faceva
portatrice, motivo per cui ho cominciato a prendere parte a una serie di riunioni e attivit del
movimento, che hanno rappresentato per me anche strumenti di inserimento nel contesto
del quartiere. In pochi giorni mi sono resa conto che per poter essere davvero partecipe della
vita del bairro6 avrei dovuto vivere al suo interno. Tuttavia, Praia si rivelata fin da subito
una citt molto pericolosa, in cui le rapine a mano armata sono allordine del giorno, fatto
che in parte frenava il mio desiderio di trasferirmi nel bairro. Tutte le persone estranee al

Il Progetto Simenti non si costituisce come associazione a s stante, ma fa riferimento alla


Fundao Esperana, una fondazione locale per lo sviluppo sociale dellarcipelago.
6
Quartiere.

quartiere, infatti, disapprovavano decisamente il mio progetto, mettendomi in guardia dagli


innumerevoli pericoli che avrei incontrato. La decisione di trasferirmi ad Achada Grande
stata forse la scelta pi difficile nel corso del mio periodo sul campo. solo grazie al sostegno
di Stefania e Uv che, finalmente, io e Christian, il mio ragazzo, che rimasto a Capo Verde nel
primo periodo della mia ricerca e ha collaborato attivamente con la Korrenti di Ativiztas e il
Projeto Simenti, siamo riusciti ad affittare una stanza allinterno del quartiere, diventando i
primi stranieri residenti ad Achada Grande Frente. Dopo i primi giorni di adattamento, la
nostra decisione stata premiata: gli abitanti del bairro si sono dimostrati ospiti accoglienti
e curiosi, grazie ai quali ho iniziato a imparare la lingua locale7 e a comprendere il contesto
di Praia. Tra i residenti di Achada Grande Frente ho anche conosciuto alcuni dei miei pi
grandi amici capoverdiani, tra cui Jandira, Zuleika e Man8, che saranno menzionati varie
volte nel corso di questa tesi. Purtroppo, una volta che Christian tornato in Italia, non ho
trovato una seconda sistemazione che mi permettesse di vivere nel quartiere, in quanto
nessuno dei miei conoscenti aveva una stanza libera allinterno della casa da affittarmi e io
non volevo continuare a vivere da sola nel locale che avevo trovato con Christian. Nel
secondo periodo di ricerca mi sono dunque trasferita a casa di una famiglia che avevo
conosciuto nel frattempo, residente in un quartiere benestante della citt. Il contrasto tra le
due case in cui ho vissuto durante il mio soggiorno sul campo indicativo della profonda
disuguaglianza economica che colpisce Praia. Nel bairro risiedevamo in una stanzetta dotata
solo di un letto, un frigorifero malmesso e un televisore (che noi avremmo volentieri
scambiato con qualsiasi altra cosa, tipo un fornello, un armadio, un tavolo), da cui si accedeva
al bagno privo di porta, rifornito di acqua da una cisterna posta sul tetto. La stanza era parte
di una casa in costruzione, uscendo dalla camera ci si trovava dunque in una specie di
cantiere, che un giorno diventer la dimora del figlio della nostra allora padrona di casa,
residente al piano inferiore della struttura. Nel quartiere benestante vivevo, invece, in una
villa a quattro piani con acqua corrente, stanza degli ospiti, ufficio e una sala enorme, il tutto
pulito ogni giorno dallempregada domestica assunta dalla famiglia. Leyda, la donna intorno
7

La lingua ufficiale a Capo Verde il portoghese, tuttavia in tutte le interazioni quotidiane, anche sul
posto di lavoro, si parla il kriolo, che nasce dalla mescolanza del portoghese con lingue africane e altre
influenze inglesi o francesi, legate alle esperienze migratorie dei capoverdani. Ad ogni isola
corrisponde una declinazione idiosincratica di kriolo, in particolare quello parlato a Santiago viene
definito badiu, in opposizione al sanpadjudu proprio delle isole di Barlavento, ma anche di Fogo, Brava
e Maio (anche allinterno di queste isole si incontrano tuttavie differenze notevoli).
8
Nomi fittizi. Nel corso della tesi user sempre nomi fittizi per rispettare la privacy dei miei
interlocutori. Riporter invece i nomi reali di membri di associazioni, enti locali o universit, fatto che
stata comunque concordato con gli interlocutori.

10

a cui ruotava lanimato gruppo familiare residente nella villa, composto dal marito, una zia
anziana, un figlio biologico e due di criao, una delle persone che pi mi sono state vicine
a Capo Verde. La sua accoglienza schietta e semplice, il suo buonumore contagioso e la
generosa disponibilit lhanno resa per me un altro punto di riferimento, fondamentale tanto
per la mia vita sullisola, quanto ai fini della mia ricerca. Confrontarmi con lei mi ha aiutato
infatti a comprendere un diverso punto di vista sui fenomeni che studiavo. Inoltre, il figlio
adottivo maggiore, Jojo, stato un supporto prezioso nel lavoro di sbobinatura delle
interviste, aiutandomi a decifrare i discorsi per me pi ostici dei miei interlocutori. Achada
Grande Frente rimasto tuttavia il mio contesto di ricerca, in cui ho continuato a trascorrere
tutti i pomeriggi, essendo ormai ben inserita nel quartiere, anche se non pi residente sul
posto. In questo modo ho potuto sviluppare unetnografia che si basata ampiamente
sullosservazione partecipante e sui dati raccolti giornalmente nel mio diario di campo.
Allosservazione partecipante ho accompagnato lo svolgimento di interviste qualitative sul
tema della mascolinit. Il mio progetto di ricerca andato delineandosi progressivamente
nel corso della permanenza sul campo. Inizialmente il mio intento era quello di raccogliere
storie di vita di residenti del quartiere appartenenti a entrambi i sessi e a diverse fasce di et.
Ritenevo infatti che la raccolta delle storie di vita fosse una tecnica ideale per indagare una
questione trasversale come i modelli di genere, che interessano tutte le sfere e gli ambiti di
vita, come mi stato suggerito anche da Martina Giuffr, antropologa italiana che ha fatto
ricerca nellisola di santAnto (Capo Verde). Tuttavia, fin dallinizio ho incontrato notevoli
difficolt nellattuare i miei propositi. I miei interlocutori si mostravano diffidenti rispetto alle
mie richieste e io temevo che le domande che ponevo nel corso dellintervista fossero
percepite come giudicanti. A mio parere, infatti, non semplice indagare la questione della
mascolinit evitando di cadere in una condanna semplicistica e poco significativa dei caratteri
di maschilismo ad essa correlati. Viste tali difficolt, ho deciso di sperimentare una tecnica
differente, ossia la foto-elicitazione9, elaborata dallantropologia visiva. Ho cominciato a
lasciare la mia macchina fotografica agli intervistati per alcuni giorni, chiedendo loro di
scattare tre fotografie relative alla vita degli uomini e tre alla vita delle donne, per poi
9

Si tratta di una tecnica elaborata e discussa allinterno dellantropologia visiva, una branca
dellantropologia che si concentra sul materiale visivo tanto come oggetto di studio, quanto come
strumento metodologico. La photo-elicitation stata per la prima volta analizzata da John Collier
(1957) in un articolo titolato Photography in Anthropology: a Report on Two Experiments. Collier
sottolinea come la foto-elicitazione sia una tecnica di intervista non direttiva che nasce dalla
tradizionale intervista libera a cui viene aggiunto lutilizzo di materiale fotografico, che pu anche
essere prodotto dagli stessi soggetti intervistati.

11

discuterne insieme. Questa scelta metodologica ha avuto il primo effetto di rafforzare la


fiducia reciproca tra me e i miei interlocutori, grazie allaffidamento e alla restituzione di un
oggetto di valore come la macchina fotografica. Inoltre, la foto-elicitazione ha permesso che
fossero i miei interlocutori a condurre lintervista, evidenziando le tematiche inerenti
allargomento in questione pi significative dal loro punto di vista. Infine, le fotografie
offrivano loro una sorta di barriera protettiva, in quanto davano lopportunit di parlare del
fenomeno in termini generali. Tale barriera veniva tuttavia immancabilmente superata nel
corso dellintervista, quando, una volta acquisita maggior fiducia e padronanza
dellargomento, erano gli stessi intervistati a voler fare riferimento alle proprie esperienze
personali di vita. Nel corso della ricerca, avendo acquisito anche io una maggior padronanza
della lingua e del tema in analisi, ho di nuovo utilizzato anche la tecnica delle storie di vita,
adeguando la scelta in base allintervistato, in quanto non tutti i miei interlocutori si
sentivano a proprio agio di fronte al compito di scattare delle fotografie rispetto
allargomento in questione. Il merito maggiore della scelta metodologica di utilizzare la fotoelicitazione stato tuttavia quello di indirizzare la mia attenzione verso fenomeni che
personalmente non avevo correlato alla questione di genere, come le gangs urbane e i
movimenti di attivisti sociali presenti nei quartieri popolari della citt di Praia. Fin dallinizio
ero entrata in contatto con questi fenomeni, poich da un lato le gangs sono un tema
inaggirabile nella realt urbana di Praia, dallaltro lingresso in un movimento di attivisti
stato il primo passo che ho compiuto per inserirmi nel contesto in studio, come esposto
precedentemente. Tuttavia non avevo collegato tali realt alloggetto della mia ricerca, senza
arrivare neppure a considerare ladesione quasi esclusivamente maschile a entrambi i tipi di
gruppi sociali. Sono stati i miei interlocutori, proponendomi scatti e inquadrature
imprevedibili, a focalizzare la mia attenzione su questi fenomeni, allanalisi dei quali ho
dedicato la mia ultima fase di ricerca.
In questa fase sono dunque entrata in contatto con diversi giovani che facevano o avevano
fatto parte di bande di strada, residenti nei quartieri di Achada Grande Frente, Paiol, Lem
Ferreira e Achada SantAntonio. Di nuovo a unosservazione partecipante, questa volta pi
limitata in quanto ero esclusa da numerose dinamiche per ovvi motivi, ho accompagnato lo
svolgimento di interviste qualitative mirate sullargomento dellaffiliazione alle gangs.
Rispetto a tale tematica un personaggio fondamentale stato un mio coetaneo residente ad
Achada Grande Frente, che chiamer Devil, il quale ha rappresentato tanto un prezioso
informatore, quanto un gate-keeper che mi ha permesso di conoscere e intervistare

12

numerosi altri giovani appartenenti anche a quartieri diversi. Devil si rivelato inoltre un
grande amico, sul quale ho sempre potuto contare. Infine Uv diventato il mio interlocutore
privilegiato rispetto allattivismo sociale. In relazione a tale argomento la mia posizione era
in qualche modo ambigua, poich ho partecipato alle attivit della Korrenti fin dal principio
della mia permanenza a Praia, ma solo in un secondo momento ho deciso di considerare il
Movimento anche con un interesse scientifico, fatto che mi ha messo nella condizione di
compiere quella che dalla sociologia qualitativa viene definita come partecipazione
osservante (Wacquant, 2009).
Infine, unultima considerazione a livello metodologico deve essere fatta rispetto al mio
genere di appartenenza. Gli attributi discriminanti di ruolo del ricercatore, quali genere,
sesso, et, influenzano sempre il campo di studio, spesso funzionando come un fattore di
accesso o interdizione a determinate situazioni, tematiche o parti della popolazione
(Hannerz, 1980). A questo proposito ero inizialmente preoccupata dal fatto che essere una
donna mi avrebbe ostacolato nel fare ricerca sulla mascolinit. Il mio relatore al contrario mi
ha fatto notare come le riflessioni sorte in ambito accademico riportino invece che sia molto
pi complesso per un uomo fare ricerca con interlocutrici femminili, piuttosto che il
contrario. In effetti, la mia appartenenza di genere mi ha permesso di evitare dinamiche di
competizione e diffidenza che si sviluppano a livello inter-genere e al tempo stesso ha
favorito ladozione di un atteggiamento bendisposto da parte dei miei interlocutori,
questultimo dovuto anche alla mia diversa nazionalit, che stimolava la loro curiosit. Credo
che lessere donna veicolasse unimmagine di minor pericolosit che mi ha permesso di avere
accesso a determinate situazioni e contesti, tanto a livello di gangs, che di attivisti. Al tempo
stesso il mio genere ha certamente influenzato i miei interlocutori, che adeguavano ad esso
il loro atteggiamento e le loro posizioni. Particolarmente interessante per me stato il
periodo in cui il mio ragazzo ha convissuto con me a Praia, confrontandomi con lui mi sono
resa conto, infatti, che determinati discorsi e dinamiche a cui lui presenziava erano a me
interdetti. Ho cercato, nel corso della ricerca, di essere sempre cosciente delle implicazioni
legate alla mia appartenenza di genere, tanto a livello di accesso ai contesti, quanto di
articolazione dei contenuti delle interviste. La ricerca sempre espressione del particolare
punto di vista del ricercatore, in virt anche delle caratteristiche ascritte, che nel mio caso,
in particolare, erano lessere donna e bianca.

13

La tesi derivante da tale ricerca etnografica si struttura in due parti principali, composte
rispettivamente da tre e due capitoli. La prima parte dedicata allanalisi del modello di
mascolinit egemonica vigente nel contesto di Praia e alla crisi che sta attualmente
attraversando. Il primo capitolo costituisce unintroduzione teorica allargomento, che
ripercorre brevemente alcuni sviluppi fondamentali degli studi di genere, quali la teoria della
performativit di genere elaborata da Butler (1990), e si sofferma sui Mens Studies che si
interrogano rispetto alle caratteristiche del genere maschile. Presentando una prospettiva di
analisi che riconosce lesistenza di una precariet costitutiva del genere maschile (Ciccone,
2009), verr discussa la conseguente caratteristica di enfatizzazione performativa degli
attributi virili che si ritrova nei sistemi di sesso/genere di diverse societ (Cornwall e
Lindisfarne, 1994). Infine sar adottata la prospettiva di Connell (1995), condivisa da diversi
autori, che evidenzia il carattere pluralistico del modello maschile proprio di una singola
societ: in ogni contesto, infatti, non esiste un concetto unitario di mascolinit, ma piuttosto
questo si differenzia in varie forme tanto in gruppi tra loro eterogenei per classe sociale o
et, quanto allinterno di gruppi omogenei. In ogni contesto per rintracciabile un modello
di mascolinit egemonico, che rappresenti lideale a cui i singoli soggetti dovrebbero aspirare
per costituire esempi di veri uomini agli occhi della collettivit.
Il secondo capitolo, muovendosi dalla tesi di Connell, analizza dunque le caratteristiche della
mascolinit egemonica a Praia, nel contesto storico attuale. Facendo ricorso ai dati raccolti
nelle interviste e nel diario di campo, nonch riportando numerose espressioni folkloriche
locali, quali proverbi e detti popolari, relative ai generi, vengono analizzate le diverse
caratteristiche che costituiscono il modello virile egemonico della citt di Praia, il quale, come
sar presentato, affonda le sue radici nel sistema coloniale portoghese.
Il terzo capitolo sottolinea, tuttavia, come tale modello egemonico non si riveli essere altro
che un ideale. Questo avviene non solo perch si presenta gi di per s come limite a cui
tendere, ma perch nellosservare la realt sociale di Praia si nota un divario esistente tra i
discorsi riprodotti dai suoi membri (soprattutto uomini, ma a volte anche donne) sulla
mascolinit e la realt delle condizioni esistenti. Per vari cambiamenti storici che saranno
analizzati nel capitolo in questione, infatti, le possibilit di adempiere al modello maschile
ideale si riducono ad oggi in maniera esponenziale. Questo in parte dovuto anche a una
riflessione che le donne stanno sviluppando sul proprio genere di appartenenza, che ha
prodotto negli ultimi anni a Capo Verde importanti risultati a livello istituzionale, tra cui la

14

formulazione di una legge contro la violenza di genere decisamente avanzata a livello


internazionale e la formazione di uno dei governi pi paritari del mondo in termini di genere
(47% dei ministri sono donne: lo squilibrio tra i due generi dato da un solo ministro uomo
in pi). Questi cambiamenti si traducono a livello quotidiano in nuove performativit di
genere messe in atto dalle donne capoverdiane. Butler (1990), formulando il concetto di
genere performativo, riconosce la possibilit di alterazione del genere, modificando la catena
delle azioni ripetuto che lo producono. Ritengo che sia esattamente ci che sta avvenendo
nella realt di Praia: tante piccole ribellioni, incongruenze, sottili modifiche del
comportamento, che stanno provocando una ri-modellazione dellintero genere femminile.
Di fronte a questa innovativit, tuttavia, la controparte maschile spesso si dimostra incapace
di cogliere il cambiamento, irrigidendosi ulteriormente in atteggiamenti ormai superati,
avvertendo un senso di minaccia nelle nuove posizioni assunte dalle donne e non riuscendo
a sviluppare una riflessione autonoma sul proprio modello di genere. Questa esperienza, che
non propria solo degli uomini capoverdiani, ma condivisa da una serie di societ nel
mondo attuale, stata definita spesso come crisi della mascolinit, mentre, come vedremo
in seguito alcuni autori preferiscono parlare di crisi della relazione tra i generi (Ciccone,
2009). Il terzo capitolo si prefigge dunque di analizzare quali cambiamenti storici hanno
accompagnato la nuova performativit di genere delle donne capoverdiane, e quale risposta
dagli appartenenti del genere maschile ci permetta di parlare di crisi della mascolinit.
Partendo dalle riflessioni sviluppate nel terzo capitolo, nella seconda parte della tesi, andr
ad analizzare come i maschi capoverdiani miei coetanei (ovvero la generazione nata tra la
met degli anni 80 e la met degli anni 90) residenti nei quartieri popolari di Praia, a fronte
delle difficili condizioni di vita che ostacolano costantemente la realizzazione della
mascolinit egemonica, sviluppino modelli di maschilit che definirei mascolinit di
protesta (Connell, 1995). Il vissuto di impotenza e la condizione di subordinazione sociale,
determinati da fattori economici, culturali e di cambiamento storico, provoca come reazione
in questi giovani il reclamo della posizione di potere data dal genere, attraverso
unesagerazione compulsiva delle convenzioni maschili (Connell, 1995). Cogliendo le
suggestioni dei miei interlocutori, nel quarto e nel quinto capitolo analizzo rispettivamente il
fenomeno delle gangs urbane e dei movimenti di attivisti sociali. I dati raccolti durante la
ricerca mi permettono di ipotizzare una continuit cronologica tra i due gruppi sociali, che
rappresentano per i giovani maschi dei quartieri popolari di Praia forum alternativi di
affermazione personale e costruzione di unimmagine di s positiva. Pur riconoscendo il

15

potenziale di denuncia sociale e resistenza veicolato dalla bande, si sottolineer tuttavia


anche il carattere paradossale di queste organizzazioni, che diventano a loro volta produttrici
di marginalizzazione e anomia per i giovani praiensi. I movimenti di attivisti sembrano dunque
nascere proprio dalle ceneri delle gangs, raccogliendo tanto le istanze di rivendicazione,
quanto la popolazione appartenente alle stesse, ma distanziandosi allo stesso tempo dalle
dinamiche di produzione di ulteriore violenza a livello sociale. Gli attivisti, infatti, continuano
a proporsi come una realt in opposizione al sistema sociale dominante produttore di
disuguaglianza sociale, ma al tempo stesso pretendono da questo una legittimazione e un
riconoscimento e si dedicano ad azioni volte a promuovere uno sviluppo dal basso dei
contesti locali degradati in cui risiedono i membri di tali gruppi. Allinterno di entrambi questi
fenomeni ho voluto indagare con questa ricerca la dimensione di genere. Muovendomi dalla
constatazione delladesione quasi esclusivamente maschile a entrambi questi gruppi sociali
ho infatti analizzato come questi si fondino su unenfatizzazione dei caratteri della
mascolinit egemonica, essenzializzata in relazione ad alcuni elementi, quali la sessualit, la
violenza inter-genere, la leadership. Al tempo stesso, laffiliazione a queste organizzazioni di
strada permette ai giovani maschi praiensi di accedere ai mezzi per performare il modello
dominante di virilit, altrimenti interdetto a causa della situazione di plurima
marginalizzazione di tali soggetti. Mentre queste dinamiche sono palesi e dichiarate nelle
gangs urbane, nei gruppi di attivisti sociali rimangono ad un livello inferiore di
consapevolezza: spesso la mancanza di partecipazione femminile tra gli attivisti un
fenomeno che semplicemente passa inosservato e dunque non viene tematizzato e
analizzato. Per questi motivi, considero che anche gli attivisti, cos come le gangs, non
diventino produttori di mascolinit realmente innovative e alternative rispetto a quella
egemonica, non riuscendo a cogliere la sfida della riformulazione delle relazioni di genere
che il contesto capoverdiano propone attualmente. Tuttavia ritengo che proprio la sensibilit
sociale e limpegno per un cambiamento prodotto dal basso che caratterizzano gli attivisti
potrebbero rappresentare la base da cui sviluppare nuove performativit di relazione e di
genere maschile, fatto che deve essere tuttavia sostenuto da un reale interesse e
coinvolgimento nelle questioni di genere da parte dei membri di tali organizzazioni.

16

CAPITOLO I: SER MI EN TUDU KUZA: PRECARIET DEL GENERE


MASCHILE E PERFORMATIVIT CONTINUA

Ser matcho um kuza, ser mi muito mas txeu


(Essere maschio una cosa, essere uomo molto di pi)

Vado a salutare Elio al Pilorinhu. So che domani parte, torna a So Vincente, dove
cresciuto, dove forse ha famiglia, o almeno gli amici di infanzia. Si imbarca sul Pentalima,
una nave enorme e lentissima, 24 ore di traversata come minimo prima di arrivare al
porto di Mindelo. Elio ha venduto il suo note-book per pagarsi il biglietto, al mercato di
Sucupira. Con i soldi ricavati ha comprato, oltre al biglietto, una latta di maconha
(marijuana), da vendere a Mindelo, dove si vende pi cara che a Praia, per pagarsi il
biglietto di ritorno. Dovrebbe tornare tra due settimane, ma io non mi fido molto dei
tempi capo-verdiani: non c nulla di certo, neanche i giorni in cui viaggiano le navi che
collegano le isole. Credo che quando Elio torner io sar gi in Italia. Quando glielo dico
Elio si fa serio e scuote la testa: Chiaro che torno tra due settimane! Per chi mi hai
preso? Am sujeitu mi! (Diario di Campo, 13 Maggio 2014)

Durante la mia permanenza a Capo Verde mi capitato pi volte di ascoltare questa frase.
Am sujeitu mi. Soggetto uomo, ossia un uomo vero, un uomo di fiducia, un uomo su cui
si pu contare, certamente uomo. Lintuizione iniziale che ho avuto rispetto agli uomini
conosciuti a Praia, che si andata confermando durante i mesi in cui ho vissuto l, era infatti
relativa a uno sforzo continuo per raggiungere e ostentare una mascolinit, che sembrava
rappresentare per loro qualcosa di molto prezioso. Ho riportato questo pezzo di diario perch
penso trasmetta quella preoccupazione nellesibire e nel riaffermare il proprio essere
maschio, che i miei amici, conoscenti e interlocutori sembravano sperimentare in ogni
circostanza: dai momenti di convivialit a tavola, alle partite di calcio, dalle feste notturne
alle chiacchiere informali. Muovendomi da questa percezione ho indagato dunque i motivi di
tale preoccupazione e quali processi e percorsi mettano in atto i capoverdiani per
rispondervi.
Nel corso di questa tesi riporter spesso frasi e modi di dire popolari riferiti alla mascolinit
e alla relazione tra uomini e donne, che ho raccolto nel corso della ricerca sul campo.
Condivido, infatti, la prospettiva di Stanley Brandes, secondo il quale le espressioni

17

folcloriche sul genere riflettono assunzioni condivise riguardo alla mascolinit e allo stesso
tempo danno a queste assunzioni una concretezza reale, diventando parte della performance
di genere stessa (Brandes, 1980).

1.1. Percorsi di riflessione su sesso e genere


Prima di entrare direttamente nel merito della ricerca etnografica, vorrei ripercorrere in
maniera sintetica alcuni dei passaggi chiave che hanno modellato e costituito il campo di
studi oggi definito come Gender Studies, a cui ho fatto riferimento nel corso della mia ricerca
come base teorica.
Le premesse imprescindibili di questo percorso sono rappresentate dallopera di Margaret
Mead, progenitrice dei Gender Studies, in unepoca in cui ancora non era stato formulato
nemmeno il concetto di genere. Mead infatti stata la prima a inaugurare un campo di
studi che si concentrasse sulle differenze tra i sessi. In Sesso e temperamento in tre societ
primitive (Mead, 1935) lantropologa pone a confronto le societ degli Arapesh, dei
Mundugumor e dei Ciambuli, analizzando i soggetti studiati a partire dal loro essere
socialmente uomini o donne. I casi considerati smentiscono la credenza occidentale che
laggressivit sia una caratteristica virile, propria della natura delluomo, e la passivit sia
femminile, permettendo allantropologa di dimostrare che non esiste alcuna base naturale
delle differenze tra i sessi. Margaret Mead intraprende dunque la costruzione di un nuovo
paradigma esplicativo, che vede i sessi come costrutti sociali, e dunque passibili di essere
modificati. Lepoca in cui ha lavorato Margaret Mead, tuttavia, non era abbastanza matura
per riconoscere il potenziale rivoluzionario di una tale affermazione, motivo per cui la sua
opera ha incontrato spesso, pi da parte degli accademici che dal vasto pubblico, un feedback
negativo, quasi di denigrazione (Busoni, 2000).
Tale potenziale non passato tuttavia inosservato a diverse generazioni di studiose, spesso
impegnate anche a livello politico nel movimento femminista, che hanno esplorato e
sistematizzato lintuizione della Mead, creando un campo di studi definito Womens Studies.
Negli anni 70, in opere come Sex, Gender and Society di Ann Oakley (1972), viene formulata
infatti una nuova categoria epistemologica, il genere: ovvero linsieme dei rapporti
materiali e simbolici tra uomini e donne socialmente costruiti in un dato momento e societ,
concetto che viene dunque distinto dal sesso biologico maschile e femminile. Il sesso

18

riconosciuto come condizione biologica che precede il genere, in un rapporto di omologia,


per quanto imposto e socialmente costruito, tra il sesso di appartenenza e il genere che viene
appreso.
Il concetto di genere ha inoltre incorporato lidea di asimmetria e gerarchia di status tra
uomini e donne, andando cos a indicare non solo le differenze, ma anche le disuguaglianze
tra i due gruppi di attori sociali (Busoni, 2000). Dallanalisi delle disuguaglianze di genere
stata sviluppata dunque una profonda critica al patriarcato, ossia al sistema di dominazione
del genere maschile sul femminile che si andato strutturando in diverse forme a livello
globale.
Nel volume Toward an Anthropology of Women (1975) a cura di Rayna Rapp Reiter, Gayle
Rubin, nel famoso saggio The Traffic in Women elabora il concetto di sex/gender system:
ovvero un insieme di norme e pratiche mediante le quali il materiale biologico grezzo della
sessualit e della procreazione modellato dallintervento umano e sociale (Rubin, 1975,
pag. 165). Sviluppando unanalisi che si rif alla teoria marxista, alla psicoanalisi e
allantropologia di Lvi-Strauss, Rubin propone di sostituire la nozione di sex/gender system
al patriarcato a causa della maggior neutralit del primo termine, con la finalit di mantenere
la distinzione tra la capacit e la necessit umane di creare un mondo sessuale e i modi
empiricamente oppressivi in cui i mondi sessuali sono stati organizzati (Rubin, 1975, pag.
168). In questo modo possibile riconoscere come loppressione insita nei sistemi
sesso/genere non sia inevitabile, ma rappresenti piuttosto il prodotto delle relazioni sociali
specifiche che la organizzano. La suddivisione dei compiti e dei ruoli associati a uomini e
donne frutto di processi sociali ed funzionale alla creazione e al mantenimento delle
differenze tra i sessi e alla negazione di ogni loro somiglianza (Rubin, 1975). Rubin inoltre,
anticipando la direzione che negli anni a venire avrebbero adottato gli studi di genere (la
definizione di Womens Studies viene modificata in Gender Studies, in conseguenza al
riconoscimento della necessit di cogliere come focus di studio la relazioni tra i generi),
sottolinea come il sesso intendendo identit di genere, desiderio e fantasie sessuali- sia esso
stesso un prodotto sociale.
Partendo dalla premessa epistemologica che il sesso non determina il genere, ovvero che il
complesso delle caratteristiche biologiche separato dalle disposizioni e i comportamenti
manifestati da uomini e donne, studi successivi hanno elaborato una completa disgiunzione
di un costrutto dallaltro, aprendo la strada a una serie di possibilit inedite analizzate dai

19

Gender Studies. Essendo le disposizioni e i comportamenti che gli uomini e le donne


esprimono completamente indipendenti dal complesso delle caratteristiche biologiche,
diventa infatti possibile supporre che ognuno dei due generi, in quanto caratteristica
appresa, possa essere modellato a partire indifferentemente da un sesso o dallaltro, che
esista la possibilit nel corso della vita di mutare di identit di genere, che il numero stesso
dei generi possa essere moltiplicato, superando la divisione dicotomica (Busoni, 2000; Butler,
1990).
Lo sviluppo pi interessante di questa nuova e pi recente fase nel campo di studi
considerato riguarda lerosione della stabilit che ancora conservava il versante biologico
della questione: il sesso. Judith Butler, accademica che diventer un punto di riferimento per
i Queer Studies, sottolinea come il sesso stesso sia un costrutto di genere, una categoria non
invariante o naturale, bens culturalmente e socialmente costruita: il genere il mezzo
discorsivo, culturalmente costruito, attraverso cui un sesso naturale viene postulato come
pre-discorsivo, come antecedente alla cultura (Butler, 1990). Il sesso, come gi aveva
sostenuto Foucault in Storia della sessualit (1976), dunque un effetto piuttosto che una
causa. Stefano Cucchiari (2000), Mila Busoni (2000) e numerosi altri studiosi, a questo
proposito evidenziano nelle loro opere come il dimorfismo biologico non sia altro che una
costruzione fittizia, in quanto ci che si ritrova in natura piuttosto un continuum di caratteri
sessuali femminili e maschili espressi con differenti intensit, che si manifestano non solo a
livello fisiologico, ma anche cromosomico e genetico. Busoni cita numerosi esempi di uomini
con corredo cromosomico XX, donne XY, ermafroditismo e altri casi che, in maniera troppo
semplicistica, ma non priva di implicazioni spesso drammatiche per il soggetto, sono tuttora
etichettati come anomalie, devianze. Butler procede inoltre nello sviscerare la categoria del
sesso, andando a evidenziare come alla base della dicotomia maschile/femminile vi sia
unulteriore dicotomia tra eterosessualit e omosessualit. Non vi motivo per dividere i
corpi in un sesso maschile e uno femminile se non per il fatto che una simile divisione
risponde alle esigenze economiche delleterosessualit (Butler, 2004, pag. 160) e della
sessualit riproduttiva. Butler mette dunque in discussione alla radice la distinzione
sesso/genere, sostenendo che fin dallinizio il genere incorporato nel sesso e il sesso si
rivela essere stato genere (Butler, 2004, pag. 161).
Potremmo tornare a questo punto a una citazione di Gayle Rubin, Uomini e donne sono
certamente diversi. Ma non cos diversi come il giorno e la notte, la terra e il cielo, yin e yang,

20

la vita e la morte. Di fatto, dal punto di vista della natura, uomini e donne sono pi vicini luno
allaltro di qualunque altra cosa ad esempio montagne, canguri o palme. Lidea che uomini
e donne siano differenti luno dallaltra pi che da qualunque altra cosa deve arrivare da una
qualche parte diversa dalla natura [] lungi dallessere unespressione delle differenze
naturali, lidentit esclusiva di genere la soppressione delle somiglianza naturali (Rubin,
1975, pag. 179-180). Come sottolinea con ironia Rubin dunque, il maggior tab relativo alla
costruzione dei sistemi di genere proprio la possibilit di una somiglianza tra uomini e
donne.

1.2.Fare lincompleto: la teoria antropo-poietica


A questo punto mi sembra interessante collegarmi alle riflessioni sorte allinterno della teoria
antropo-poietica. Tale teoria viene sviluppata dal gruppo di ricerca dellUniversit di Torino,
coordinato da Francesco Remotti, a partire dalla constatazione della convergenza di interesse
di diversi campi di studi su alcuni aspetti caratterizzanti la condizione umana. Il primo tra
questi elementi il paradigma costruttivistico ampiamente adottato dalle scienze sociali,
allinterno delle quali vengono, infatti, frequentemente utilizzati concetti riferiti al creare, al
fare, al plasmare. A questo paradigma scientifico corrisponde, a livello etnografico, una
diffusione dellidea di fare lumanit tra le diverse culture interrogate dallantropologia,
concretizzata in alcune societ in rituali di iniziazione. Infine, a tali variabili si aggiunge la
teoria dellincompletezza biologica delluomo, che vede luomo come caratterizzato da una
serie di lacune e carenze biologiche, e per questo bisognoso di un intervento culturale per
poterle colmare. Lumanit non data, naturalmente, ma deve essere costruita e modellata.
Fare umanit risulta essere un compito a cui difficile sottrarsi (Remotti, 2002, pag. 2).
Applicando ai contesti di ricerca etnografica questa cornice epistemologica, Remotti e i suoi
collaboratori hanno riconosciuto diverse modalit adottate dalle societ nelladempiere al
compito antropo-poietico, le quali corrispondono a diversi livelli di consapevolezza.
Esistono societ che semplicemente affidano questa incombenza alla socializzazione e
allacculturazione, due processi che accompagnano la nascita e lintero sviluppo di un
individuo allinterno di un determinato contesto e momento storico. Il modello di umanit
che viene introiettato in questo caso considerato come dato, naturale, mentre le forme
che eludono da tale modello sono spesso proibite attraverso tab sociali o denigrate e

21

marginalizzate, trasformate simbolicamente in forme di umanit inferiori. Questa tipologia


di antropo-poiesi corrisponde a un scarso livello di consapevolezza, in quanto non prevede
che lindividuo si interroghi (e a volte neanche si accorga) rispetto al processo in corso.
Un secondo tipo di societ prende invece in considerazione i modelli di umanit che vigono
altrove, spesso in societ limitrofe. Lantropo-poiesi, in tali contesti, scandita da
determinati rituali che interrompono la normalit e la quotidianit della vita: sono i riti di
iniziazione, anche definibili come rituali antropo-poietici, che si propongono di modellare una
determinata umanit, ma a partire dal confronto, e spesso dalla sperimentazione, di altre
possibilit, altre forme. Tali rituali sovente rappresentano uninterruzione del corso della vita
anche a livello spaziale: gli iniziandi vengono infatti portati in luoghi esterni alla societ di
appartenenza, come la foresta o zone abitate da altre comunit, in cui vivranno una fase di
marginalit, passando per prove difficili e spesso dolorose. Tali societ corrono il grande
rischio di perdere i propri futuri membri nel corso del processo antropo-poietico, sia a causa
di prove che spesso mettono realmente in pericolo la loro vita, sia per il fatto che il confronto
con lalterit, con possibilit differenti da quella selezionata dal proprio gruppo sociale,
veicola in s leventualit che il soggetto faccia una scelta alternativa, che decida di non
conformarsi al modello proposto, ma di esplorare in maniera permanente lalterit che gli
viene presentata. Sorge spontaneo domandarsi come mai una collettivit scelga
volontariamente di esporsi a un tale rischio. Se tanto grande linvestimento sui futuri
membri della societ, perch correre il pericolo di perderli? I teorici dellantropo-poiesi
rispondono che tale scelta mossa dalla volont di plasmare degli individui pi consapevoli,
che avendo preso le distanze dalla propria forma di umanit e conosciuto possibilit altre,
diventino a tutti gli effetti uomini e donne di un determinato modello conoscendolo,
coscienti delle sue prerogative.
Infine esiste un terzo tipo di antropo-poiesi pi impegnativa, che non si limita a produrre la
consapevolezza delle possibilit alternative, ma propone la consapevolezza di come si
costruiscono le forme di umanit (Remotti, 2002, pag. 9). Questultimo modello, a
differenza dei due precedenti, riconosce infatti che le possibilit di umanit non sono date,
bens costruite o inventate. Con rituali che spesso ripercorrono la genesi della societ stessa,
lintera comunit interrompe il quotidiano e prende parte alloperazione antropo-poietica,
mettendo in discussione la sua stessa costituzione. Questa tipologia considera la possibilit
di inventare nuove forme di identit, di sviluppare una radicale creativit culturale.

22

Laspetto pi interessante ai fini della mia riflessione, tuttavia, riguarda levoluzione avvenuta
allinterno della stessa teoria antropo-poietica. Come ho esposto precedentemente, una
delle fonti di ispirazione di questa teoria il paradigma dellincompletezza biologica
delluomo, per cui la natura andrebbe a colmare una serie di lacune e carenze della natura
umana. Remotti sottolinea come questa teoria venga sviluppata da diversi autori, a partire
da Herder nel 700, passando da Gehlen, fino a Clifford Geertz. Cultura come riempimento
fondamentale del sostrato biologico, come punto di snodo che ha permesso levoluzione
dellominide allo stadio di umanit, una differenza non quantitativa dellevoluzione, ma
piuttosto qualitativa. Di nuovo non questo il luogo per ripercorrere largomentazione
relativa a tale concezione, quello che mi interessa invece sottolineare come dal dialogo con
le neuroscienze questa prospettiva venga quasi invertita. In un saggio di Stefano Allovio e
Adriano Favole (2002), infatti, si pone la teoria antropo-poietica a confronto con le recenti
scoperte delle neuroscienze, in particolare con i concetti di plasticit del cervello umano e di
stabilizzazione selettiva. Allovio e Favole analizzano lo sviluppo cerebrale nel periodo postnatale, che si divide in una prima fase di espansione della rete neuronale, seguita da una fase
di selezione, determinata dalla morte di met dei neuroni, che continua fino alla tarda
adolescenza (Allovio e Favole, 2002). Allimmagine della natura umana come carente,
completata dal riempimento della cultura, viene sostituita una natura biologica inziale che
comprende potenzialit illimitate, le quali, tuttavia, non corrispondono a umanit, in quanto
lumanit per essere deve essere parziale, avere una forma. Lintervento culturale rimane
dunque necessario, ma opera, piuttosto che con un riempimento, attraverso unazione di
selezione e sfrondamento delle iniziali potenzialit, azione che si articola in relazione al
contatto con lambiente naturale e sociale in cui inserito il soggetto. Natura biologica e
cultura si sviluppano dunque in un processo di modellazione reciproca, tanto a livello
ontogenetico, quanto filogenetico.
interessante a questo punto notare come proprio Marylin Strathern (1989), le cui opere
sono tra i fondamenti dei Gender Studies, sottolinei che i rituali con cui sono fatti gli uomini
e le donne siano operazioni in cui si fa lincompleto, sfrondando delle possibilit originarie.
Secondo la studiosa, proprio questa incompletezza di genere rappresenta la condizione
necessaria per la creazione di scambi e alleanze tra uomini e donne. Seguendo le intuizioni di
Strathern e di Butler (1990), ritengo che fare lincompleto sia lobbiettivo non solo dei rituali
di iniziazione di uomini e donne, ma anche del sistema di genere stesso. Postulando e
naturalizzando la dicotomia dei sessi, il sistema di genere tende infatti a creare due modelli

23

di umanit, luomo e la donna, incompleti, nel senso di reciprocamente escludentesi.


Sottraendo alluomo la possibilit di performare quanto viene categorizzato come
femminile, e alla donna di quanto viene definito maschile, il sistema di genere cerca di
costruire due universi opposti e complementari con unoperazione di differenziazione, che
mira a naturalizzare tale diversit dicotomica. Non difficile intendere dunque perch le
definizioni di un genere si fondino spesso sul distanziamento e sulla negazione dellaltro.

1.3. Male trouble?


La preoccupazione che i ragazzi non diventino uomini molto pi comune della
preoccupazione che le ragazze non diventino donne.
Margaret Mead
Gli studi di genere hanno a lungo riguardato in particolare il genere femminile, tanto che
inizialmente la loro denominazione era, come esposto precedentemente, Womens Studies
o Anthropology of Women. In seguito gli stessi studiosi, in genere studiose, che se ne
occupavano hanno constatato limpossibilit di studiare le donne senza considerare la
controparte maschile e soprattutto la relazione tra i due gruppi di attori sociali. Alcuni
studiosi considerano il genere come una categoria relazionale, che si basa cio sulla
definizione dialettica e reciproca di chi rappresenta lAltro per eccellenza. Ho gi sottolineato
che spesso la definizione di un genere si fonda sulla negazione dei caratteri che vengono
ascritti allaltro. Tuttavia, allinterno di questarea di ricerca, sono poco numerose le opere
che si propongono di affrontare il tema della relazione tra i generi focalizzandosi sulla
mascolinit. Gi durante le prime fasi della critica allandrocentrismo radicato
nellepistemologia, cos come nella produzione scientifica occidentale, era emerso leffetto
di invisibilizzazione del genere femminile allinterno delle strutture linguistiche. La stessa
lingua riconosce la subordinazione del femminile che scompare di fronte a un maschile
inglobante. Monique Witting, tuttavia, partendo dalle medesime considerazioni, sostiene
che [] in realt non esistono due generi. Ne esiste soltanto uno, quello femminile, giacch
il maschile non un genere. Il maschile non infatti il maschile, bens il generale (Witting,
1983, pag. 64). Mi sembra di riconoscere le stesse parole nel testo di Stefano Ciccone,
presidente dellAssociazione e rete nazionale Maschile Plurale, quando sostiene che il
maschile una parzialit che si fatto norma, misura dellumano (Ciccone, 2009, pag. 16).

24

Una parzialit che dunque fatica a esprimersi, a diventare oggetto di analisi, rimanendo
unesperienza non detta. Proprio a livello linguistico si riscontrano le prime difficolt:
sfogliando i testi appartenenti alla corrente dei Mens Studies manca una riflessione condivisa
anche a livello di definizioni: alcuni autori definiscono come tematica in studio la maschilit,
altri la maggior parte- la mascolinit, termini che nei testi anglofoni corrispondono a
maleness e masculinity.
A questo riguardo trovo interessanti le riflessioni sviluppate nel testo di La Cecla (2010) e
nella raccolta a cura di Andrea Cornwall e Nancy Lindisfarne (1994). La Cecla sottolinea come,
in lingua italiana la maschilit indichi qualcosa che partecipi a caratteri fisiologicamente e
tradizionalmente propri del maschio, mentre la mascolinit la qualit definita dalla
presenza di caratteri accentuatamente maschili. La Cecla sostiene, dunque, che la prima
definizione riferita a dei modi, la seconda a unintensit. Tuttavia la mascolinit sembra
essere lunica maniera in cui possa esprimersi la maschilit. Analogamente Cornwall e
Lindisfarne evidenziano come masculine corrisponda al possesso di determinate eccellenze
del sesso maschile: come lessere virile, vigoroso e potente, mentre male indichi
lappartenenza al sesso che opera la funzione di fecondazione. La nozione di mascolinit pu
dunque essere usata per celebrare e rafforzare una maschilit normativa, ma al tempo stesso
lo stesso concetto pu scardinare il legame imprescindibile tra mascolinit e uomo, in quanto
anche una donna pu essere definita mascolina (Cornwall e Lindisfarne, 1994). Sembra
dunque che maschilit sia un termine pi neutro, mentre mascolinit, in entrambe le
situazioni presentate, appare connotato da unintensit, espressa dai termini
accentuatamente e eccellenze. Nonostante la tentazione iniziale di utilizzare il termine che
mi sembra pi libero e meno connotato, ovvero maschilit, ho invece deciso, seguendo in
realt la scelta della maggior parte degli autori che ho letto, di utilizzare mascolinit,
proprio perch strettamente legato al modello maschile normativo, che nella nostra societ
si inserisce in un sistema maschilista, ma al tempo stesso mi pare riveli la fragilit sottostante
a questa costruzione di un genere eccessivo e dominante, dato dalla possibilit di slegarlo
dallo stesso sesso maschile per riferirlo a quello che dovrebbe essere la sua antitesi, ovvero
una donna.
Inoltre il carattere di eccesso sottolineato da entrambe le definizioni corrisponde a quello
che ho osservato nel mio campo di ricerca a Capo Verde: una continua tendenza alleccesso,
allesibizione, attuata da parte di numerosi appartenenti al genere maschile. La mia

25

percezione grezza sul campo, intuitiva, era che le donne capoverdiane non dovessero
sforzarsi per dimostrare di essere donne. Dovevano decisamente limitare il loro campo di
azione, caricarsi di una serie di compiti e obbligazioni gravose, rispettare certi confini anche
spaziali imposti dal contesto sociale. Ma non doveva dimostrare di essere donne, lo erano e
basta. Al contrario, la mia sensazione era che tra gli uomini capoverdiani fosse sempre in atto
una sorta di gara, una teatralizzazione della loro virilit, un continuo tentativo di affermare e
provare la propria appartenenza al genere maschile.
Esplorando la bibliografia dei Mens Studies -e non solo, vista la citazione a inizio paragrafo
di Margaret Mead- ho incontrato la conferma della mia percezione. Numerosi autori
sottolineano infatti la preoccupazioni di diverse culture e societ di provare la mascolinit
(Bourdieu, 1998; Ciccone, 2009; Glimore, 1990; Pennacini, 2006). Come se la femminilit
fosse qualcosa di dato, da preservare, mentre al contrario la mascolinit dovesse essere
costruita e riconfermata durante lintero corso della vita. Uomini di diverse culture sono
oggetto di una continua richiesta sociale di dimostrare di essere uomini, fatto che, secondo
Stefano Ciccone, segno di una precariet costitutiva della virilit (Ciccone, 2009). Numerosi
autori, da diverse prospettive, analizzano questa precariet che sembra caratteristica del
genere maschile. Avendo trattato nei paragrafi precedenti del carattere ugualmente
costruito dei due generi, e anche della dicotomia dei sessi, sorge spontaneo chiedersi come
mai il genere maschile dovrebbe essere caratterizzato da una minor stabilit rispetto al
femminile, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare dal riconoscimento del
vantaggio che lo stesso genere maschile incontra in numerosi ambiti dellesistenza.
A questo proposito trovo interessante un saggio scritto da Salvatore Cucchiari, parte della
raccolta curata da Sherry Ortner e Harriet Whitehead (1981). Cucchiari, in quello che
apparentemente sembra un bizzarro gioco di fantasia, ipotizza la nascita del sistema di
genere, a partire da una societ pre-genere, da lui chiamata orda bisessuale, in cui gli
individui non sono divisi in due gruppi sociali a seconda dei caratteri sessuali di appartenenza.
La divisione tra Foraggeri e Custodi dellInfanzia, infatti, non prescritta, n fissa, possibile
passare da un gruppo allaltro nel corso della vita. Non esiste inoltre un sistema di parentela,
lintera societ pre-genere si fonda su un principio di uguaglianza. Tuttavia il sistema viene
incrinato da unasimmetria, che rappresentata dalla capacit generatrice delle protodonne, uniche a poter procreare e allattare i figli. Da questa anomalia nel sistema
indifferenziato pre-genere, si viene a formare un gruppo sociale, una categoria, quella delle

26

donne. La categoria degli uomini rimane latente, emerge successivamente in opposizione. Il


concetto di una categoria latente implica un processo attivo di non riconoscimento
(Cucchiari, 2000, pag. 149). Interessante notare che anche Franco La Cecla (2010) parla del
maschile come una categoria latente. Cucchiari fa risalire alla biologia, in particolare alla
capacit procreatrice la differenza di riconoscimento tra i due generi. La biologia del corpo
femminile sembra fornire punti di riferimento, certezze, nel corso della vita delle donne: il
menarca, il ciclo mestruale ogni mese, la possibilit di generare e allattare, la menopausa,
sono tutti fenomeni elaborati culturalmente, ma con una decisa base nel substrato biologico,
che sembrano esentare le donne dal compito di provare la propria appartenenza al genere
femminile. Le tappe biologiche che segnano la vita femminile ricordano costantemente
lasimmetria riproduttiva, la potenzialit di generare del loro corpo. In assenza di
analoghe funzioni biologiche, i maschi vengono spesso sottoposti a prove intese ad
accrescere culturalmente e socialmente una virilit che ha bisogno di essere costantemente
ribadita e confermata (Pennacini, 2006, pag. 15).
La gerarchia di genere che vede, nel sistema occidentale, il predominio del genere maschile
a favore del femminile, sembra essere costruita proprio per controbilanciare e controllare il
potere del ventre, come Godelier (1980) definisce il potere delle donne di controllare la
riproduzione. Ciccone sottolinea a riguardo come il corpo della donna sia un corpo che non
si nasconde, mentre il corpo maschile silenzioso, non attraversato da cicli mensili evidenti,
non ha segni biologici del raggiungimento di determinate fasi di maturit. Gli uomini hanno
sfruttato questo silenzio del corpo per farne la condizione per una soggettivit libera, che
cerca esternamente a s le proprie conferme: il potere, il lavoro, la rivendicata capacit di
astrazione (Ciccone, 2009). Ciccone con unefficace metafora definisce il potere come la
protesi del maschile: un centro di conferma della maschilit esterno a s che viene per
inglobato e connotato come area naturalmente maschile. La gerarchia di genere si concentra
primariamente, come analizzer in seguito, sul controllo della sessualit femminile e del suo
potere generatore. Ma lelemento che vorrei sottolineare che attraverso la costruzione di
un sistema gerarchico (che come ci ricorda Rubin (1975) con la nozione di sex/gender system
gerarchico non per una sua caratteristica imprescindibile, ma in virt di precise scelte e
costruzioni sociali), luomo ha posto il proprio genere in posizione dominante, operando
uninversione causa-effetto. Infatti, per poter giustificare il dominio maschile sul genere
femminile, luomo ha costruito come causa un biologico pre-discorsivo, il quale rappresenta
in realt un effetto, una costruzione culturale. Tuttavia la posizione di dominio maschile si

27

rivela una posizione fragile, perch giustificata da una biologia che in realt mostra di essere
un discorso occulto del potere. Ritengo dunque che la precariet insita nel genere maschile
possa essere riferita tanto a una biologia silenziosa, quanto a una posizione di dominio
giustificata in maniera fittizia che deve essere salvaguardata, con consistenti investimenti
nella performance maschile. A questo punto non sembra pi essere una questione bizzarra il
fatto che molte culture, come sottolinea Mead, si preoccupino insistentemente di
dimostrare, concettualizzare e performare la mascolinit.
1.3.1. Andro-poiesi e performance continua
Alcune societ risolvono lannosa questione della formazione della mascolinit con rituali
antropo-poietici, che in questo caso, essendo finalizzati a plasmare uomini nel senso di
appartenenti al genere maschile, possono essere definiti andro-poietici. Paradigmatico di
questi rituali quello svolto tra i Sambia della Nuova Guinea. I Sambia, abitanti delle Higlands,
ritengono che la maturazione maschile, contrariamente a quella femminile, non avvenga
attraverso un naturale sviluppo biologico (Gilmore, 1990). La mascolinit deve essere
acquisita, conquistata, costruita, non essendo una diretta conseguenza dellappartenenza al
sesso maschile. La virilit viene dunque letteralmente introiettata nei giovani iniziandi
attraverso pratiche di fellatio eseguite nei confronti di uomini pi anziani del gruppo.
Erroneamente questa pratica stata a volte interpretata come una fase di omosessualit
prescritta, ma tale spiegazione connessa alla coerenza postulata dal pensiero occidentale
tra identit di genere, orientamento sessuale e pratiche sessuali. In molte culture, tuttavia,
praticare rapporti che noi definiremmo omosessuali non comporta alcun mutamento
rispetto a un orientamento eterosessuale. Piuttosto il rituale sambia pu essere definito
come inseminazione rituale, durante la quale i ragazzi introiettano il liquido seminale e con
esso la mascolinit di cui sono naturalmente privi. Anche il gruppo di ricerca coordinato da
Francesco Remotti ha rilevato e analizzato numerosi rituali andro-poietici allinterno della pi
vasta categoria dei riti di passaggio. La maggior parte dei rituali antropo-poietici sono in
realt profondamente connessi con i sistemi di genere delle comunit in questione. Infatti,
spesso tali rituali si differenziano per gli appartenenti ai due generi, in quanto sono volti a
formare uomini e donne adulti membri della societ, che divergono tra loro in quanto a ruoli,
caratteristiche e prescrizioni assegnati culturalmente. Tali rituali inoltre rappresentano uno
strumento epistemologico che consente di rappresentare e rendere intellegibili agli occhi
della comunit le caratteristiche degli esseri umani e dei due generi elaborate dalla tradizione

28

culturale locale. A questo riguardo interessante il caso dei Bijag presentato da Lorenzo
Bordonaro e Chiara Pussetti nella raccolta Forme di Umanit (Bordonaro e Pussetti, 2002).
Tra gli uomini Bijag in vigore un complesso sistema di classi di et, il passaggio tra le quali
scandito da determinati rituali definiti globalmente nubir kusina. Tra questi particolare
importanza riveste il manras, ossia liniziazione, che prevede un soggiorno della durata di
circa un anno nella foresta e segna la trasformazione del karo in kabido. Di particolare
interesse rispetto allargomento di ricerca trattato in questa tesi il cosiddetto teatro dei
naro10, attivit performativa in cui i giovani appartenenti a questa classe di et mettono in
scena una danza che li identifica simbolicamente con la figura del toro selvaggio. I vistosi
ornamenti dei danzatori, le movenze e gli atteggiamenti messi in atto durante la performance
producono unidentificazione tra il karo e il toro selvaggio, che condividono selvatichezza,
forza, aggressivit e potenza sessuale. I naro mettono in scena un sovvertimento dellordine
sociale, dimostrandosi ribelli e arroganti. Tuttavia tale sovversione non una minaccia alla
stabilit dellorganizzazione sociale, in quanto questo latteggiamento che la comunit si
aspetta dai naro. Questa ribellione simbolica viene domata attraverso la permanenza in
foresta e ladesione al manras, parola che si riferisce sia alliniziazione sia al patto
contrattuale alla base dellistituzione della societ. Accettando le limitazioni della societ i
naro diventano uomini ed escono dalla condizione pre-sociale performata nel teatro
descritto. Tuttavia, i naro, attraverso tale performance, rappresentano anche caratteristiche
che sono proprie dellideale virile di uomo, quali appunto la potenza sessuale, la forza,
laggressivit. Nel rito andro-poietico dei naro la comunit rappresenta i caratteri ambivalenti
che sono considerati propri della mascolinit egemonica locale: da una parte i caratteri
incarnati dallimmagine del toro selvatico, dallaltra ladesione al patto sociale e il
conseguente adoperarsi per il bene collettivo della societ propri di un uomo adulto.
Non tutte le societ, tuttavia, prevedono azioni rituali per costruire e rafforzare la virilit dei
suoi membri. Nellarea Mediterranea, per esempio, cos come a Capo Verde, non esistono
rituali andro-poietici. Stanley Brandes (1980), che con i suoi studi sulla mascolinit andalusa
diventato uno dei capisaldi dei Mens Studies, sostiene che in tali societ agli uomini venga
richiesta una performance continua, lungo lintero ciclo di vita, per confermare,
rappresentare e di conseguenza costruire la propria mascolinit. La Cecla (2010), con una
riflessione analoga, definisce la mascolinit come uno sforzo performativo continuo. I miei

10

Plurale di karo.

29

interlocutori a Capo Verde sostenevano che un uomo tem ke ser mi en tudu kuza, deve
dimostrare di essere un uomo in ogni cosa, in ogni aspetto della vita. In ogni momento luomo
rischia di venire meno al livello di aspettative in relazione alla sua virilit espresse dalla
societ, e per questo motivo di perdere la sua identit di genere. Riprender questo discorso
in seguito, ma interessante notare come le categorie di giudizio negativo siano spesso
costruite a partire dal femminile o dallomosessualit, che vista come il fallimento della
mascolinit. Se un uomo, in qualche situazione, contraddice le aspettative della societ, viene
marchiato con epiteti che variano a seconda della societ in oggetto e che, per esempio, a
Capo Verde passano da mudjerzinha, a mufinu, a Catota, ossia donnicciola, finocchio e
vagina, evidenziando una femminilizzazione della svalutazione della virilit.
Questo sforzo performativo analizzato mi porta a riprendere il concetto dellidentit di
genere elaborato da Judith Butler (1990) che si rivelato fondamentale per le mie riflessioni
sul materiale etnografico raccolto a Capo Verde. Partendo dalle formulazioni di Simone de
Beauvoir per cui donna si diventa, Judith Butler considera come il genere, essendo qualcosa
che si diventa, non una cosa sostanziale, statica, ma piuttosto unazione incessante e
ripetuta, una sorta di azione culturale/corporea (Butler, 1990), che richiama il concetto di
habitus di Bourdieu, come disposizioni culturali introiettate dallindividuo. Butler definisce il
genere come performance, in cui la performance plasma il performante stesso. Il soggetto, e
con lui lidentit di genere, viene costruito attraverso lapprendimento dagli altri, che rende
possibile una specifica forma di dire Io. Inoltre, la performance di genere modella i desideri
dellindividuo e legittima le sue aspirazioni (Butler, 1990). In questo modo Butler definisce
anche il carattere di effetto del desiderio, prodotto dalle stesse pratiche di genere messe
in atto dallindividuo, e non il contrario. Diventa evidente dunque come il controllo sulla
performativit di genere, abbia come effetto il controllo sul desiderio eterosessuale, in
quanto un genere normativo rinforza una sessualit normativa (Rubin, 1975).
Per quanto riguarda la mascolinit sembra dunque che la performance attuata sia una
performance portata alleccesso, quasi teatralizzata, che di conseguenza rinforza
uneterosessualit compulsiva, base imprescindibile delluomo virile tanto in Italia, quanto
nellisola di Santiago, o nel villaggio andaluso di Brandes. Per questo motivo, come riportato,
i termini svalutativi utilizzati per un uomo che viene meno alla performance richiesta sono
spesso riferiti a un orientamento omosessuale.

30

1.3.2. Mascolinit egemonica


Cornwall e Lindisfarne (1994) al principio della loro raccolta mettono in guardia il lettore dal
considerare la mascolinit come un fatto unitario e monolitico. Gi le femministe avevano
costruito un Noi donne unico e indifferenziato a livello globale, compiendo unazione il cui
profondo etnocentrismo stato in seguito evidenziato da numerose studiose femministe
afro-americane, africane, lesbiche, che hanno sottolineato come la loro esperienza di
femminilit fosse completamente diversa da quelle delle femministe borghesi, americane,
bianche, eterosessuali (Amadiume, 1987).
Ugualmente la mascolinit si intreccia con altre strutture gerarchiche, appartenenze etniche,
la classe sociale e lorientamento sessuale, elementi che veicolano diversi vissuti e percezioni
di mascolinit. Nel saggio The White Negro revisited, Les Back (1994) analizza la costruzione
della mascolinit nella classe lavorativa dei sobborghi londinesi. In un continuo confronto
etnico tra londinesi bianchi, di origini africane e di origini orientali, i maschi bianchi si
appropriano di alcuni tratti della mascolinit nera, esaltandone un supposto carattere
machista, mentre al contrario femminilizzano e denigrano aspetti della mascolinit
orientale. Back sottolinea come non esista una nozione unitaria di mascolinit, ma piuttosto
una costellazione di rituali maschili, pratiche e identit, che sono connesse allappartenenza
razziale in diversi modi (Back, 1994). I discorsi che producono le varie gerarchie e
differenziazioni sociali si intrecciano e si riproducono con esiti inaspettati, gli stessi soggetti
se ne appropriano manipolandoli creativamente a seconda dei contesti.
Cos possiamo constatare che, per esempio, a Capo Verde laggressivit e la forza fisica sono
indici di una performance efficace di mascolinit, ma nel confronto etnico che avviene tra
badiu, ovvero abitanti dellIsola di Santiago, e sanpadjudu, abitanti delle altre isole, questa
nozione viene rimodellata. I badiu sono da sempre discriminati allinterno dellarcipelago,
probabilmente anche per un indice di africanizzazione pi intenso delle altre isole: dalla
pigmentazione della pelle fino alle tradizioni popolari, quali la Tabanka, gli abitanti dellisola
di Santiago sembrano esprimere un legame pi intenso con il continente africano. Anche le
rivoluzioni, tanto quella degli schiavi, quando la lotta armata contro il Portogallo guidata da
Amlcar Cabral, sono sorte entrambe a Santiago. Nonostante ci, lisola, che anche la
maggior per estensione territoriale, rappresenta il fulcro della vita dellarcipelago, sede del
governo, della burocrazia e dei mezzi di comunicazione capoverdiani. Abitanti da tutte le altre
isole si sono trasferiti per lavoro a Praia, la capitale. In particolare, la classe di funzionari

31

capoverdiani residenti a Praia formata in buona parte da sanpadjudu, spesso provenienti


da So Vincente, SantAnto e Sal, i quali sottolineano con orgoglio le proprie radici esterne
allisola. La violenza urbana, problema sostanziale della capitale, sperimentato
quotidianamente dai suoi abitanti, viene dunque attribuita alla natura degli uomini badiu, in
particolare alla loro aggressivit eccessiva, causa di numerosi disordini, che tratter nel corso
del presente lavoro. La diffusione di tale credenza funzionale alloccultamento delle cause
strutturali della violenza, legate alla povert e alla marginalizzazione sociale che colpisce in
maggior misura i badiu. Inoltre laggressivit costituisce una caratteristica correlata al
modello maschile egemonico a livello nazionale, la quale, tuttavia, nel confronto tra i gruppi
etnici locali, viene strumentalmente veicolata alla natura del gruppo discriminato, attraverso
unoperazione essenzializzante.
Milena scuote la testa: Sono cos i badiu, cosa ci vuoi fare? Mio marito! A volte cos
chiuso, cos duro, testone, per quello, perch badiu. unisola diversa questa, te ne
accorgerai. (Diario di Campo, 5 Marzo 2014)

Robert Connell (1995) in un interessante opera che ripercorre la formazione della mascolinit
moderna occidentale, sottolinea come non solo vi siano intersezioni tra le gerarchie di genere
e quelle di classe, o di etnia, ma anche internamente a gruppi di individui tra loro omogenei.
Connell spezza il concetto di mascolinit in una pluralit di masculinities, che si relazionano
tra loro attraverso rapporti di alleanza, dominazione e di subordinazione (Connell, 1995).
Riprendendo il concetto gramsciano di egemonia, ovvero una dinamica culturale per la
quale un gruppo reclama e mantiene una posizione dominante nella vita sociale (Connell,
1995, pag. 68), lautore considera come tale processo venga attuato anche tra le varie
mascolinit che condividono un medesimo contesto storico e sociale. Cogliendo la
suggestione di Connell, ipotizzo dunque che ogni societ produca un modello egemonico di
mascolinit, che si impone sopra gli altri tipi di mascolinit, presentandosi come modello
ideale di uomo a cui gli individui dovrebbero cercare di conformarsi. La performance
positiva di tale mascolinit produce dei benefici per gli uomini che la raggiungono, in termini
di auto-stima e riconoscimento sociale (Massart, 2013). Connell analizza come allinterno
della societ siano presenti altri tipi di mascolinit: mascolinit complici, che sono differenti
da quella egemonica poich non corrispondono ai suoi standard, ma sono comunque
costruite in modo da realizzare e sostenere il vantaggio di quella, e mascolinit subordinate,
che divergendo dal modello egemonico, vengono invece relegate in una posizione marginale.

32

La mascolinit egemonica proposta da Connell sembra trovare riscontro nelle opere di


numerosi altri autori, che sottolineano per il carattere ideale della stessa. Tale modello
rappresenta infatti il limite ideale a cui aspirare, a cui tendere, ma che non viene raggiunto
da nessuno degli uomini di una societ. Proprio perch modello normativo a cui aspirare,
piuttosto che effettiva caratteristica di un determinato gruppo sociale, la mascolinit
egemonica svolge cos una funzione di controllo sociale, proponendo allo stesso tempo
lideale da seguire e il pericolo sempre presente di venire meno a tale ideale, e dunque, alla
propria identit di genere. A questo riguardo mi sembra interessante riportare le osservazioni
di Paulo, un mio interlocutore, segretario dellAssociazione Lasu Branku Kabu Verde11.
la societ che distrugge gli individui. quello che noi chiamiamo di 8 o 80. Se un
uomo, per la sua indole 30, no, la societ dice: tu devi essere 80! Come uomo! e cos
costretto a stikar12 fino a 80. [] Nelle formazioni che faccio uso una figura dei
quadrati di genere, che ho preso da una canzone brasiliana che dice cada um no seu
quadrado13. E dunque il quadrato delluomo e il quadrato della donna. C una linea
che separa i due quadrati. Se luomo esce dal suo quadrato, automaticamente smette di
essere un uomo e passa al quadrato della donna. Se la donna esce dal suo quadrato,
passa a essere un uomo! C questo controllo, questa linea invisibile, torna al tuo
quadrato! Questa la fonte di tutti i problemi che abbiamo! [] una cosa che ha
toccato anche me. Quando ho cominciato a impegnarmi nelle campagne di Lasu Branku
ho cominciato a riflettere sulla mia stessa vita. Allepoca avevo tre fidanzate, a quel
punto ho capito che non volevo continuare cos, sono rimasto solo con mia moglie. Sono
cambiato, mi sono messo a studiare questioni di genere, ho cominciato a interrogarmi
molto e anche a fare dibattiti, seminari. Sono stato accusato, denigrato. I miei amici,
ridendo, mi dicevano: Ah allora hai gi cambiato lato? Ora sei gay?. Incontravo donne
che si dimostravano disponibili ad avere dei rapporti sessuali con me e quando io dicevo

11

Lasu Branku Kabu Verde unassociazione creata nel 2011, a partire da una iniziativa dellICIEG
(Istituto Capoverdiano per luguaglianza e lequit di genere). Lasu Branku una diramazione
dellassociazione internazionale White Ribbon che sorge in Canada nel 1991 in seguito al massacro
compiuto da un individuo armato, che uccide 14 ragazze iscritte a un corso universitario del cole
Polytechnique di Montreal. Lassassino spieg in una lettera che odiava le donne che stavano
occupando il posto delluomo, in quel caso iscrivendosi a corsi di studio tecnici. Questa tragedia
provoc una forte indignazione nella popolazione canadese, che port alla nascita della campagna del
Fiocco Bianco, in cui gli uomini indossavano un laccio bianco sopra i vestiti come segno di rifiuto
personale della violenza contro le donne. Da questa campagna nacque un movimento, che si diffuse
poi a livello globale, di uomini che svolgono iniziative destinate a contrastare la violenza di genere.
12
Ho deciso di mantenere questa espressione creola perch molto rappresentativa: stikar significa
tirare forzando i limiti di qualcosa, come tirare un elastico fino alla sua possibilit estrema di essere
allungato prima di rompersi o ritirarsi nuovamente alla dimensione normale.
13
Ognuno nel suo quadrato.

33

che no, che sono fedele a mia moglie Cosa? Non stai bene di testa? Sei gay? Non
funzioni gi pi???. Molte cose perfino i miei fratelli mi dicono a volte che se nostro
padre fosse vivo toglierebbe il mio nome dalla famiglia, perch mi considererebbe una
vergogna. (Intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku)

Partendo da questa considerazione intendo quindi analizzare il modello egemonico di


mascolinit presente nella citt di Praia. Non intendo generalizzare tale modello allintera
societ capoverdiana, nonostante certamente ci siano alcuni elementi comuni allintero
arcipelago, perch il mio campo di ricerca stato localizzato esclusivamente nella capitale,
che, essendo lunica citt su terra capoverdiana, costituisce un contesto con peculiarit
proprie (fatta eccezione per Mindelo, la seconda citt a Capo Verde, che per presenta
dimensioni decisamente ridotte e caratteristiche diverse). La conformazione dellarcipelago,
con isole lontane tra loro, che tuttora sono scarsamente collegate, se non con collegamenti
aerei con prezzi proibitivi per la stragrande maggioranza della popolazione, ha favorito lo
sviluppo di particolarit idiosincrasiche, a partire dalla stessa lingua creola, che oggetto di
notevoli variazioni a seconda dellisola di riferimento. Mi sono resa conto di queste profonde
differenze in alcuni viaggi, sempre in nave, che ho avuto la fortuna di effettuare tra le isole,
viaggi che per non sono stati sufficienti a permettermi di stabilire dei confronti tra le stesse.
Inoltre Praia si differenzia in maniera significativa anche dalla realt dellinterno dellIsola di
Santiago, costituita prevalentemente da comunit rurali o di pescatori. Nel capitolo seguente
mi propongo quindi di analizzare il modello di mascolinit egemonica della citt di Praia, nel
momento storico attuale.

34

CAPITOLO II: MASCOLINITA EGEMONICA PRAIENSE

2.1. mi ka ta bisti saia14: la dominazione maschile a Capo Verde


2.1.1. Una disuguaglianza di genere di fatto
Secondo i dati INE15 2012, pubblicati nel report Mulheres e homens em Cabo Verde 2012,
le donne vivono tuttora in una condizione di forte svantaggio sociale rispetto agli uomini in
numerosa aree analizzate. Per esempio, i dati dimostrano come nel 2010 le condizioni di vita
materiali degli aggregati famigliari siano correlate al genere del capofamiglia: nella maggior
parte dei casi in cui il capofamiglia una donna, il livello di comfort, ossia laccesso a acqua
corrente, luce elettrica e la presenza dei servizi sanitari allinterno dellabitazione,
decisamente inferiore16. La disoccupazione colpisce in particolare la popolazione femminile
e il divario con la controparte maschile cresce significativamente nella fascia della
popolazione lavorativa pi giovane (15-24 anni)17. Il lavoro familiare non remunerato, cos
come il lavoro domestico in casa di altre famiglie, che, nei rari casi di regolarizzazione,
equivale al percepimento del salario minimo capoverdiano18, rimane sostanzialmente
relazionato al genere femminile19. Il settore del lavoro informale monopolizzato dalle
donne20, che compiono numerose attivit come venditrici, producendo torte, yogurt,
ghiaccioli, salatini che vendono per strada, comprando da altre venditrici diversi tipi di
prodotti e rivendendoli in luoghi differenti, oppure svolgendo linteressante mestiere di
rabidantes, di cui parler in seguito. Unulteriore tabella INE mostra invece come sia rimasto
un compito essenzialmente femminile, tanto tra la popolazione adulta, quanto tra i ragazzi
di 12-16 anni, andare a prendere lacqua allo chafariz della zona21, una sorta di distributore
dacqua a prezzi economici costruito dalla Cmara Municipal da Praia nei quartieri con

14

Un uomo non indossa la gonna.


Istituto Nazionale di Statistica.
16
Vedi Tab. 1 in Appendice.
17
Tab. 2 in Appendice.
18
Il salario minimo a Capo Verde, stabilito nellanno in corso, corrisponde a 10.000 CVE, meno di 100
euro, in realt molto basso, visto che laffitto di una casa, senza impianti sanitari n acqua corrente,
nei quartieri pi periferici e degradati della citt corrisponde almeno a 5.000 CVE, se con i servizi
sanitari non scende sotto i 7.000.
19
Tab. 3 in Appendice.
20
Fig. 1 e Tab. 4 in Appendice.
21
Tab.5 in Appendice.
15

35

carenza di infrastrutture. Un altro dato interessante riguarda la partecipazione delle donne a


livello delle diverse sfere del potere: mentre nel Governo e nel Tribunale Supremo di Giustizia
godono di unottima rappresentazione, a livello di istituzioni detentrici del potere locale,
associazioni comunitarie e potere legislativo, le donne sono invece decisamente meno
presenti. In particolare nelle associazioni comunitarie, la percentuale di partecipazione
femminile si riduce al 11,1%, mentre quella maschile supera l 80%22.
Ho riportato alcuni dati statistici per trasmettere unidea immediata della situazione di
disuguaglianza di genere esistente a Capo Verde. La popolazione femminile caratterizzata
da un accesso limitato alle possibilit di vari settori, a partire da quello lavorativo, e da un
sovraccarico di compiti relativi alla gestione della casa e della famiglia. Gli uomini, al
contrario, sembrano essere sostanzialmente liberi da questi vincoli e favoriti in numerose
attivit rispetto alla controparte femminile, in virt di un tipo di pressione sociale esercitata
su di loro qualitativamente diversa, come andr a dimostrare in seguito. Non dunque
unoperazione etnocentrica definire che il sistema di genere presente a Capo Verde
funzionale a un dominio maschile.
Una sostanziale critica che stata diretta, infatti, contro gli studi femministi e di genere
legata alloperazione etnocentrica e epistemologicamente colonizzatrice che mettono in
atto. Come ho esposto precedentemente, Ifi Amadiume (1987), cos come molte altre
accademiche che faticano a auto-definirsi femministe, pur essendosi interessate agli studi di
genere e alla condizione della donna (Oyewami, 2001; hooks, 1995; Sanday e Goodenough;
1990), sottolinea il carattere fittizio del noi donne delle femministe. Tale categoria,
ipotizzata come universale e internamente omogenea, in realt rappresentativa di una
classe di donne bianche, eterosessuali, borghesi e americane. Amadiume invita a considerare
al suo interno lincidenza di altri sistemi gerarchici, come quello di classe o etnico, che
frammentano questo noi unitario, ed il fatto che la dominazione maschile sviluppatasi in
Occidente non possa corrispondere ai modelli presenti in Africa, Oceania, o altri contesti, in
quanto depositari di una storia, una cultura e unepistemologia differenti. Le femministe,
infatti, hanno spesso analizzato contesti esotici di dominazione maschile utilizzando
categorie e modelli coniati in Occidente, con la finalit di produrre prove a favore della
propria lotta (Amadiume, 1987). Critiche successive sono state mosse, inoltre, al concetto di
patriarcato, in quanto termine universalizzante, il cui utilizzo tende a offuscare le sfumature
22

Tab. 6 in Appendice.

36

esistenti tra diverse tipologie di dominio maschile, che possono essere comprese solo se
analizzate in relazione alle caratteristiche socio-economiche, culturali e storiche del contesto
locale (Moanthy, 1988). Infine, anche la definizione di omosessualit dipende da una
costruzione occidentale: in molte societ non esiste una coerenza diretta tra orientamento
omosessuale e pratiche sessuali omosessuali. Infatti, la coerenza tra identit di genere,
orientamento sessuale e pratiche sessuali fondamentalmente parte del nostro bagaglio
culturale, non per forza di quello altrui, come abbiamo visto nel caso dei Sambia. Le pratiche
di fellatio iniziatiche sono state infatti erroneamente interpretate come espressione di una
fase transitoria di omosessualit. Tali pratiche sessuali, in realt, non modificano
lorientamento sessuale dellindividuo, che rimane eterosessuale. Allo stesso modo, in
numerose societ africane e oceaniane il ruolo che si adotta nella penetrazione tra uomini
a essere indicativo dellomosessualit o meno dellindividuo: il soggetto penetrante infatti
considerato eterosessuale, a differenza del partner passivo (Gilmore, 1990).
Cosciente di queste implicazioni non intendo compiere unoperazione etnocentrica
nellanalisi della realt capoverdiana, a tale fine cercher di sottolineare in questo elaborato
le caratteristiche peculiari della societ in analisi, cercando di intendere il pi possibile il
punto di vista locale. Tuttavia, necessario considerare brevemente le condizioni storiche
della nascita dello stato capoverdiano per poter comprendere perch applicare allanalisi
della realt dellarcipelago alcune definizioni elaborate dalla tradizione occidentale non
rappresenti unoperazione etnocentrica.
2.1.2. Un arcipelago meticcio
Nelle scuole capoverdiane, cos come in quelle portoghesi, viene tuttora adottata la
narrazione storica ufficiale, quella che potremmo chiamare il verbale pubblico del discorso
del potere (Scott, 1990), che racconta che le isole di Capo Verde fossero disabitate prima
della loro scoperta da parte degli esploratori portoghesi. Tuttavia, cominciano a sorgere dallo
stesso mondo accademico voci di dissenso rispetto alla scoperta dellarcipelago. Elisa
Andrade (2013), rifacendosi ad altri autori che condividono questa prospettiva tuttora
minoritaria, ritiene che non possa essere esclusa lipotesi di un parziale popolamento delle
isole al momento della loro scoperta coloniale. Esistono infatti indizi che suggeriscono che
a Santiago si fosse stanziato un piccolo gruppo di naufraghi Jalofos, Serere o Lebu,
provenienti dal promontorio di Capo Verde che d il nome allarcipelago, localizzato in

37

Senegal (Andrade, 2013). Questi gruppi, inoltre, frequentavano sporadicamente le isole,


attratti dallabbondanza di pesce e dalle saline presenti nellisola di Sal. La recente scoperta
di un sito archeologico nella regione piscatoria di Salamansa, nellIsola di So Vincente,
potrebbe dare un prezioso contributo al chiarimento della questione, provando una presenza
del continente africano precedente allarrivo dei portoghesi. In ogni caso, se anche lIsola di
Santiago o altre parti dellarcipelago fossero state abitate al momento della colonizzazione
portoghese, lentit della popolazione era scarsa e non sufficientemente radicata nel
territorio, motivo per cui fu possibile costruire il discorso retorico del popolamento di Capo
Verde successivo al 1460, data di scoperta dellIsola di Santiago, Fogo, Boavista, Maio e Sal,
per opera di Antonio de Noli e Diogo Gomes. Le restanti cinque isole, So Nicolau, So
Vincente, SantAnto, Brava e Santa Luzia (tuttora disabitata), furono raggiunte da Diogo
Alfonso nellanno 1462. Inizialmente le autorit portoghesi tentarono di promuovere un
popolamento europeo, progetto che and incontro a un rapido fallimento, a causa delle
difficili condizioni climatiche, dellisolamento geografico e della scarsit di risorse del
territorio, che si presentava piuttosto arido e poco rigoglioso. La corona portoghese,
constatando linsuccesso dellopera colonizzatrice, decise strategicamente di trasformare
larcipelago in un avamposto per il commercio di schiavi. La posizione geografica intermedia
tra i tre continenti si rivel favorevole alla proposta regia: Santiago, trovandosi di fronte alle
coste della Guinea, allora definita la costa degli schiavi, divenne rapidamente un nodo di
scalo e approvvigionamento delle navi schiaviste, nonch punto di penetrazione portoghese
nel continente Africano e porto mercantile di schiavi nel commercio che intercorreva tra
Europa, Africa e America. La popolazione capoverdiana, in brevissimo tempo, si costitu a
partire da una minoranza di coloni bianchi, per lo pi uomini e portoghesi, e un folto numero
di schiavi africani, che a volte ottenevano lo status di nero libero (definiti banhuns,
cassangas o brmes), che cominciarono a loro a volta a inserirsi nel commercio, in veste di
accompagnatori e intermediari dei commercianti schiavisti. Gli stessi capoverdiani furono
usati dai colonizzatori portoghesi come intermediari nelle colonie e investiti dellambigua
rappresentazione di portoghesi di secondo livello o africani di primo livello (Andrade,
2013).
Questa appartenenza identitaria incerta, in una relazione complessa tanto con il continente
africano, quanto con la potenza coloniale europea, si ritrova oggi nei complessi discorsi
identitari prodotti dai cittadini capoverdiani. La storia e la posizione insulare rendono
possibile una manipolazione maggiore della propria identit, tanto che spesso ho avuto

38

occasione di sentire persone capoverdiane sottolineare il fatto di non essere africani. La


prima volta mi capitato dopo pochi giorni che ero arrivata a Praia, stavo mangiando un
cuzcuz doci con un amico, quando lui mi ha detto che fino agli anni 90 a Capo Verde
praticamente non cerano africani. Inizialmente non ho compreso cosa intendesse dire, come
non cerano africani? Solo portoghesi? Poi ho capito che per africani, il mio amico
intendeva i gruppi di immigrati senegalesi e guineensi che negli ultimi anni si stanno
trasferendo a Capo Verde. Incuriosita ho cercato di approfondire se e perch lui non si
reputasse africano.
Io mi sento pi vicino allEuropa che allAfrica. Sento che con lAfrica ci sono pi
differenze: il modo di mangiare, i vestiti, tutto. Noi ci sediamo a tavola come in Europa,
andiamo in chiesa come in Europa, usiamo le posate come in Europa. Importiamo tutto
dallEuropa perch pi simile a quello che usiamo noi. Perfino il creolo un portoghese
mal falado. Capo Verde ha le spalle rivolte verso lafrica! Siamo parte del continente
africano? Io ti dico di no. Siamo un arcipelago. E le Canarie allora? Sono ancora pi vicini
di noi allAfrica! (Diario di campo, 10 Dicembre 2014)

Il mio interlocutore compie a sua volta delle inversioni causa-effetto, se consideriamo che
Capo Verde ha usanze pi simili a quelle Europee perch dipende da un sistema di
importazioni dallEuropa che una persistenza della dominazione coloniale, e non il
contrario.
Il dato fondamentale allinterno di questa breve rassegna degli inizi della colonizzazione
capoverdiana, risiede nel forte processo di meticciamento che interessa le isole fin dalla loro
presa di possesso portoghese. La scarsit di donne bianche sullisola e il regime schiavista
facilitarono questo processo, daltronde spesso gli stessi proprietari di schiavi avevano
interessi economici nellingravidare o far prostituire le schiave nere, per poter aumentare la
quantit degli schiavi sotto il loro dominio.
Parallelamente a questo processo di dominazione dei corpi, la colonia portoghese,
supportata dalla missione redentrice della Chiesa Cattolica Portoghese, attu una strategia
colonizzatrice radicale, mirata a eliminare completamente le influenze della cultura
tradizionale africana. Il relativo successo di questo obiettivo si pu constatare oggi nella quasi
totale assenza di pratiche religiose che esulino dalle grandi religioni monoteistiche, e
soprattutto, a mio parere, dai tentativi compiuti dallo stesso popolo capoverdiano di
differenziarsi rispetto al continente, ricercando conferme identitarie in una supposta

39

similarit con gli stati europei. molto interessante analizzare come questa percezione si stia
modificando negli ultimi anni, a partire dalla crisi economica che ha colpito il mondo
Occidentale, e che sta invece portando alla ribalta nuovi attori, quali Brasile, Cina, e
soprattutto Angola, il cui sviluppo economico non sconosciuto ai capoverdiani. In
particolare credo sia interessante il caso dellattuale migrazione di parte dellintellighenzia
capoverdiana verso lo stato angolano, da sempre simbolicamente rappresentato come
arretrato, ma ad oggi protagonista di uninteressante crescita economica. Non questo
tuttavia il tema della presente ricerca. Con tali considerazioni intendevo piuttosto dimostrare
come non sia del tutto errato adottare categorie esplicative prodotte dalla riflessione
occidentale nello studio della relazione di genere a Capo Verde, in quanto lo stesso sistema
di genere si andato strutturando secondo canoni e influenze fortemente legati alla potenza
coloniale e alla sua tradizione culturale.
2.1.3. Il sistema di genere come sistema gerarchico
Ho gi anticipato nel primo capitolo come il concetto di genere implichi non solo le differenze
tra gli appartenenti ai due gruppi di attori sociali, ma anche le disuguaglianze. Una delle prima
osservazioni sviluppate dalle femministe proprio relativa al fatto che il sistema di genere si
sia storicamente costituito come un sistema gerarchico. Numerosi testi accademici si
interrogano riguardo alle dinamiche soggiacenti a questo sistema gerarchico che svaluta la
donna e pone luomo in una posizione di predominio e superiorit. Sherry Ortner sottolinea
la presenza in diverse culture di unassociazione sul piano simbolico tra la natura e la donna
da una parte, e luomo e la cultura dallaltro, relazionate alla capacit generatrice della donna
e alla conseguente costruzione di una maschilit pi incline allastrazione (Ortner, 1981). Tale
dicotomia, che incorpora un carattere di evoluzione dalla natura alla cultura, produce dunque
una svalutazione della donna, che allo stesso percepita come una potenza pericolosa
proprio per questo grado di maggior naturalit. Le credenze relative alla pericolosit della
donna sono espresse in numerosissime societ a diversi livelli di consapevolezza; Brandes ne
d un chiaro esempio rispetto al timore provato dagli abitanti di Monteros23, i quali sono
convinti che le loro mogli desiderino ardentemente di diventare vedove e che la voracit
sessuale femminile possa sottrarre alluomo forza e prestanza (Brandes, 1980). Tale credenza

23

Monteros il nome fittizio della citt andalusa che ha costituito il campo di ricerca di Stanley
Brandes.

40

non circoscritta al contesto andaluso, ma ricorre in diverse culture mediterranee, come,


per esempio, in quella marocchina analizzata da Mernissi (1987).
La dicotomia natura/cultura sembra rispecchiare un altro binomio che viene evidenziato da
Michelle Rosaldo (1974): sfera pubblica/ sfera privata. Le donne sembrano essere relegate
alla sfera privata perch associate a una propensione egoistica per il soddisfacimento
dellinteresse personale, o del piccolo nucleo famigliare, contrariamente agli uomini disposti
a caricarsi dellonere di lavorare per il bene comune. La sfera associativa della comunit
include al suo interno quella dei nuclei familiari, e si dimostra cos superiore ad essa. A
proposito interessante notare come in molte societ il valore degli uomini venga misurato
proprio dalle azioni compiute in sfere pubbliche, come per esempio i Big Man della Nuova
Guinea, il cui prestigio dipende dalle capacit di accumulare e di redistribuire pubblicamente
ricchezze (Gilmore, 1990). I termini con cui sono connotati gli uomini sono in questi casi
riferiti allo status o al ruolo, mentre le categorie femminili sono relazionali: moglie di, figlia
di, madre di, come se il prestigio femminile potesse derivare solo dal suo legame con un
individuo maschile. Di nuovo queste osservazioni mi portano a riflettere sulla possibilit di
unulteriore inversione causa-effetto: il meccanismo del riconoscimento di valore,
differenziato per genere, a creare le disposizioni sottolineate da Rosaldo e non il contrario.
Capo Verde non esente da questo meccanismo, come analizzer successivamente, perch
il valore di una donna dipende tradizionalmente dalla sua capacit di diventare la mudjer
di un uomo e di generare con lui un figlio, in una dinamica in cui il corpo diventa uno
strumento utilizzato strategicamente ai fini di una promozione sociale. Questo sistema
presenta nella realt aspetti profondamente controversi e lutilizzo strategico del corpo
espone le donne a una serie di vulnerabilit, quali la prostituzione, la violenza sessuale e le
gravidanze premature o indesiderate. Judith Brown (2006), riferendosi alla divisione tra sfera
pubblica e privata, sottolinea che le donne siano state relegate allambito domestico come
conseguenza dellaffidamento del compito di gestire la cura dei figli. Reiter (1975), nel
famoso saggio di cui ho gi parlato nel primo capitolo, dimostra invece come sia lo scambio
delle donne, ovvero la creazione dei meccanismi di parentela a istituzionalizzare la gerarchia
di genere.
Per questo motivi Ortner e Whitehead (2000) propongono come contesti sociali prncipi
della cultura di genere la parentela, il matrimonio e le strutture di prestigio. Le autrici
sostengono infatti che la parentela, ma soprattutto lassegnazione del prestigio, assegnato in

41

maniera sostanzialmente differente a seconda del genere, forniscano uno sguardo


privilegiato sulla strutturazione del sistema di genere in una determinata societ. Rispetto
alle strutture di prestigio le studiose arrivano ad affermare che esse non rappresentano
semplicemente unaltra voce della lista, ma forniscono il catalizzatore analitico che introduce
lorganizzazione nel restante assortimento delle possibilit proposte (Ortner e Whitehead,
2000, pag. 89). Cogliendo il suggerimento, ho cercato nel corso della seguente esposizione
tanto di analizzare le forme e le radici degli attuali aggregati capoverdiani, quanto di
sottolineare trasversalmente allintera ricerca in che modo il prestigio assegnato, espresso
e regolato dalla societ.
Un autore che ha trattato sistematicamente il sistema gerarchico di genere Pierre Bourdieu
(1998), in Il dominio maschile, testo ampiamente criticato per la visione pessimistica e
ineluttabile che trasmette del sistema di dominazione tra i generi e lassenza di accenni alla
possibilit di un suo superamento. A mio parere, tale opera fornisce, invece, una serie di
riflessioni interessanti, che non possono essere liquidate come eccessivamente
pessimistiche. Bourdieu sottolinea come il dominio maschile si basi su una strategica
inversione causa-effetto, in cui la costruzione arbitraria del biologico maschile offre un
fondamento naturale alla visione androcentrica della divisione del lavoro sessuale e alla
divisione sessuale del lavoro (Bourdieu, 1998). Questa visione del dominio maschile si sposa
con la concezione del potere espressa da Foucault, che considera il potere come
fondamentalmente relazionale e pervasivo, presente in ogni ambito dellesistenza (Foucault,
1970). Non esiste potere al di fuori di una relazione: il potere maschile sul femminile non ha
un fondamento esterno alla relazione tra i generi stessa. Bourdieu analizza i vari ambiti di
azione del dominio maschile, che vanno dalla parentela, alla divisione del lavoro, alla
sessualit e dunque al controllo della sessualit femminile. Tali meccanismi sono mantenuti
attraverso un costante lavoro di riproduzione dei singoli attori e di istituzioni quali lo Stato,
la Chiesa, la Scuola e la Famiglia.
Limportanza fondamentale dello scritto di Bourdieu risiede nel concetto di violenza
simbolica. Analizzando la riproduzione della relazione di dominazione da parte dei singoli
attori, il sociologo evidenzia la complicit nel processo degli stessi dominati, fatto che lo ha
esposto allaccusa di colpevolizzare ulteriormente le vittime. In realt, nonostante questo
pericolo non possa essere ignorato, non possibile nemmeno ignorare la compartecipazione
dei dominati, in questo caso delle donne, alla riproduzione del modello dominante. Il

42

sociologo francese, con il concetto di violenza simbolica, intende indicare il fatto che i
dominati applicano categorie costruite dal punto di vista dei dominanti ai rapporti di dominio,
facendoli apparire come naturali (Bourdieu, 2009, pag. 45). Paradossalmente, il dominio
simbolico non potrebbe esercitarsi senza il contributo di coloro che lo subiscono. Al tempo
stesso Bourdieu sottolinea come gli stessi uomini siano vittime delle medesime
rappresentazioni dominanti, discorso che ricorda il punto di vista di Paulo, mio interlocutore
a Capo Verde, nel momento in cui mi spiega la logica dei due quadrati di genere.
Rispetto al contesto capoverdiano ho gi evidenziato come le categorie di svalutazione siano
costituite utilizzando termini femminilizzanti, alcuni dei quali si riferiscono allorgano
sessuale femminile stesso: catota, la vagina. Lutilizzo di questa terminologia denigratoria,
nel momento in cui svolge una funzione di controllo del maschile affinch metta in atto una
performance di genere normalizzata, opera allo stesso tempo una svalutazione del
femminile. Non ho rilevato al contrario termini dispregiativi per marchiare le donne che si
discostano dal modello di genere femminile che fossero legati a identit maschili, n
tantomeno allapparato sessuale delluomo. La ragione di tale assenza potrebbe essere
lintenzionale rimozione delleffetto collaterale di svalutazione del maschile che ne
deriverebbe.
Infine, non solo il sistema di genere si fonda sulla costruzione di categorie naturalizzanti che
svalutano la donna, come esposto da Bourdieu, ma lintero sistema pu rappresentare in s
un meccanismo di classificazione gerarchica. Marylin Strathern, in un interessante saggio
basato sullo studio di una comunit Hagen, in Papua Nuova Guinea, mostra come non sia
tanto il genere femminile, ma quello che esso rappresenta a essere oggetto di denigrazione
(Strathern, 1981). In questo modo la femminilizzazione della svalutazione viene utilizzata
come strumento valutativo dalle stesse donne per indicare altro. Gli stessi meccanismi
valutativi utilizzati tra donne e uomini, che appunto utilizzano termini legati al femminile
come denigratori, e al maschile come valorizzanti, sono utilizzati in altre gerarchie dellordine
sociale, e anche allinterno dello stesso genere. Cos lutilizzo di epiteti quali mudjerzinha
segna una relazione gerarchica interna al genere maschile, che non considera in s il
femminile.

43

2.1.4. Uneredit coloniale: formazione del dominio maschile a Capo Verde


A questo punto necessario tornare alla considerazione della questione coloniale, in quanto
a partire dal colonialismo e dalla sua particolare strutturazione che si modella un sistema
di dominazione maschile a Capo Verde. Martina Giuffr, ispirandosi alle considerazioni di
Stephanie Urdang (1979), osservatrice del movimento nazionale di liberazione delle donne
capoverdiane e della Guinea Bissau, sottolinea come le donne a Capo Verde abbiano subito
durante il regime coloniale una triplice oppressione: del colonialismo, del machismo e del
razzismo, a cui lantropologa italiana aggiunge lesperienza del cattolicesimo e il classismo
(Giuffr, 2007). Le relazioni tra genere/classe/razza/etnia si sono andate a fondere in un
unico sistema di dominazione maschile. Giuffr sottolinea innanzitutto la correlazione tra la
classe e la razza, in cui la forte ideologia razziale giustificava la gerarchia sociale. Nel dominio
la relazione gerarchica razzista tra bianchi appartenenti alla classe sociale dei ricchi dominanti
e neri schiavi si realizzata storicamente come relazione uomo/donna, in un contesto intimo.
Infatti la maggior parte dei contatti tra dominanti e dominati coloniali avveniva allinterno
della relazione tra un signore coloniale bianco e le schiave africane, spesso destinate alla
gestione della casa del padrone. In un contesto in cui gli uomini africani erano di passaggio,
perch venduti, affittati, commerciati, le schiave rimanevano invece pi stabilmente sotto la
propriet di un unico padrone per il potere di moltiplicazione del capitale che veicolavano
attraverso la capacit procreatrice. Normalmente i coloni a un matrimonio rispettabile e
consacrato dalla chiesa cattolica con una donna bianca, affiancavano una serie di unioni
sessuali pi o meno stabili o sporadiche con le proprie schiave, in un sistema che viene
definito come poligamia informale, ovvero una poligamia non riconosciuta a livello
giuridico, ma di fatto esistente (Giuffr, 2007).
Alcuni autori hanno dimostrato come le stesse schiave avessero iniziato a utilizzare questo
meccanismo come strumento di promozione sociale, in quanto esistono alcuni casi
documentati di donne che ottennero la libert in virt della nascita di un figlio, o acquisirono
numerosi benefici grazie a tali unioni di fatto. Questo meccanismo si protrae fino ai giorni
nostri in cui ancora il corpo della donna capoverdiana in diverse occasioni rappresenta il suo
principale strumento di promozione sociale: infatti il corpo che le permette di sedurre e
ranjar maridu24 e di procreare un figlio, per lungo tempo uniche aspettative sociali concesse
alla donna dal dominio maschile capoverdiano. Lo stesso sistema che crea queste
24

Trovare un marito.

44

aspettative, le frustra tuttavia nel momento in cui induce il compagno ad abbandonare la


donna, specialmente nel momento dellarrivo di un figlio, senza assumersi responsabilit
(Giuffr, 2007). Questa strumentalizzazione del corpo espone le donne a maggiori rischi
sociali, come gravidanze precoci o indesiderate, abuso sessuale o ingresso nel mercato della
prostituzione.
La Chiesa Cattolica, cosciente di tale promiscuit tra coloni e schiave (non tra donne bianche
e schiavi, sarebbe stato uno scandalo), nella concretezza della quotidianit dimostrava di
accettarla come fatto inevitabile, pur condannandola a livello formale. Tuttavia tale
condanna colpevolizzava la donna per i larghi costumi adottati dalla popolazione
capoverdiana, assolvendo i padroni bianchi: questo modello di colpevolizzazione della donna
e di de-responsabilizzazione delluomo tuttoggi si ripropone nelle relazioni di genere
nellarcipelago (Carvalho Semedo, 2009).
La poligamia di fatto era inizialmente un prodotto del regime schiavista, prerogativa della
classe sociale bianca, mentre le unioni tra schiavi, oltre a non essere formalmente
riconosciute, erano intrinsecamente effimere, in quanto gli uomini spesso venivano venduti
o trasferiti altrove (Giuffr, 2007).
Con la fine del regime schiavista e, a maggior ragione, con il raggiungimento
dellindipendenza dalla potenza coloniale nel 1975, fatto che provoc la fuga degli abitanti
portoghesi dallarcipelago, la relazione gerarchica bianco/nero si traspone nella nuova
relazione tra creolo ricco/creolo povero (Giuffr, 2007). Rimane una connotazione razziale
collegata a questa gerarchia di classe, in quanto la nuova categoria razziale creola, essendo
una categoria meticcia, permette di manipolare simbolicamente la pigmentazione della pelle
di un individuo. Categorie estetiche fortemente connotate a livello razziale sono tuttora
presenti a Capo Verde, come la valorizzazione del cabello fino in contrapposizione al cabello
crespo, indice di maggior africanizzazione, o la tendenza di individui dalla pelle pi chiara di
essere denominati nha branka, nho branku25, con unaccezione qualitativa positiva. Inoltre
spesso una pigmentazione pi scura, tipica prevalentemente della popolazione originaria di
Santiago, spesso correlata a unappartenenza a un basso ceto sociale.
Le relazioni gerarchiche originate dal regime schiavista non vengono dunque superate, ma
piuttosto mantenute durante sviluppo dello stato capoverdiano. Laspetto fondamentale ai

25

Mia bianca, mio bianco.

45

fini della mia analisi che queste relazioni gerarchiche si sono strutturate in un contesto
intimo tra un uomo dominante e una donna sottomessa, motivo per cui la stessa
dominazione gerarchica si ripropone oggi come dominazione di genere. Gilroy (1995)
sottolinea che la mascolinit, la misoginia, i rapporti negativi di genere, sono il prodotto di
una violenza che colorava lintera vita coloniale ed era riprodotta nelle relazioni pi intime.
Loppressione coloniale si strutturata storicamente come oppressione culturale,
economica, sociale e simbolica, in modo profondo e intricato allinterno di una relazione di
genere (Giuffr, 2007).
Chiarita la genesi del rapporto gerarchico di genere esistente a Capo Verde, necessario
interrogarsi rispetto alla riproduzione attuale di tale modello. Come viene tramandato alle
nuove generazioni questo sistema, in particolare nella realt di Praia, sede del mio campo
etnografico? Bourdieu (1998) oltre alla riproduzione perpetuata dai singoli attori sottolinea
lazione di grandi istituzioni, quali la Chiesa, lo Stato, la Scuola e la Famiglia. Nel seguente
paragrafo vorrei concentrarmi su questultima istituzione, che assume a Capo Verde una
conformazione particolare, con conseguenze significative a livello di riproduzione dei ruoli di
genere.

2.2. Aggregati familiari a Capo Verde


2.2.1. La poligamia informale
Come anticipato, il concetto di patriarcato rappresenta una tipologia di dominazione
maschile basata sulla stabilit della dominazione eterosessuale maschile allinterno del
matrimonio. In tale prospettiva, la coppia eterosessuale marito-moglie rappresenta la
relazione principale in cui si manifesta e riproduce il rapporto gerarchico di genere. Tuttavia,
come stato esposto precedentemente, lutilizzo del termine patriarcato rischia di occultare
sfumature e caratteristiche proprie dei vari sistemi di genere, anche di quelli in cui a tutti gli
effetti si pu parlare di dominazione maschile. Rispetto alla realt capoverdiana, per
esempio, necessario tenere in considerazione il fatto che la famiglia tipica capoverdiana
non possa essere considerata, n paragonata a una classica famiglia patriarcale. Prima di
analizzare quali sono le conseguenze di questimplicazione sui processi di riproduzione del

46

dominio maschile, andr a descrivere in maniera pi approfondita le caratteristiche degli


aggregati familiari capoverdiani e le reciproche influenze con i modelli di genere.
La prima caratteristica, che gi stata anticipata, corrisponde al fenomeno della poligamia
informale. Questo genere di poligamia non ha alcun riconoscimento a livello formale, ma di
fatto molto diffusa in tutte le isole di Capo Verde. Spesso gli uomini intrattengono al
medesimo tempo pi relazioni sentimentali, dalle quali frequentemente nascono dei figli. Ho
gi evidenziato come tale poligamia sia frutto del regime schiavista e di come lo stesso regime
de-responsabilizzasse luomo nel rapporto di coppia, sollevandolo in genere da grandi
responsabilit. Tuttora le unioni di questo tipo non prevedono solitamente che i due partner
convivano, anche perch spesso luomo ha in realt una moglie ufficiale. La dicotomia tra
mudjer e mai dfidju ha rappresentato a lungo un meccanismo categoriale tra i pi importanti
nel definire il prestigio femminile (Giuffr, 2007). Infatti, fino a un passato recente,
laspirazione normativa femminile era quella di sposarsi, di diventare la mudjer di qualcuno,
unica promozione di status concessa per lungo tempo alle donne. Una volta cominciata una
relazione poteva essere la donna stessa a cercare di rimanere incinta, per legare a s il
compagno, dinamica che ancora oggi ricorre nella citt di Praia, come mi racconta durante
unintervista un abitante di Achada Grande Frente.
Perch devi sapere una cosa delle donne capoverdiane: loro cercano di fare un figlio
solo per tenersi amarradu26 il pai dfidju. Se vedono che il fidanzato comincia ad avere
un caso con qualcunaltra, allora la donna vuole un figlio per legarlo a s! Ma poi laltra
donna lo vuole anche lei per la stessa ragione e diventa una confusione! Le donne fanno
i figli cos, a caso, per tenersi stretti gli uomini, per poi si creano queste confusioni e
finisce che ti trovi una donna che ha cinque figli e nessun marito! E io la vedo e dico:
Non ci credo! Hai cinque figli e neanche un marito? Perch? Ma il perch quello che
ti ho spiegato io. E gli uomini poi soffrono perch hanno una marea di figli, ma non sanno
come garantire a tutti una vita dignitosa. (Intervista a Jony)

A volte al contrario, erano gli uomini stessi che, in passato, cercavano di ingravidare la donna,
per poter ottenere in questo modo una sorta di controllo su di lei: una donna con figli,
automaticamente veniva iscritta nella categoria mai dfidju e dunque era esclusa
definitivamente dal mercato matrimoniale. Anche questa dinamica di controllo del femminile
attraverso lingravidamento si ripropone attualmente, per esempio nel fenomeno della

26

Legato.

47

pixinguaria, di cui tratter successivamente. In passato, il prestigio dato dallo status di


mudjer era tale che spesso non vi erano dimostrazioni di rivalit tra questa e le relative
kumbossas27, ovvero mai dfidju con cui il marito continuava a intrattenere relazioni, ma tra
queste intercorrevano addirittura rapporti di amicizia e collaborazione:
Una volta non era come adesso mia nonna e una sua kumbossa andavano cos
daccordo che lei ha dato a sua figlia il nome di mia nonna. Mia nonna poi mandava
sempre ceste di cibo alle kumbossas, o a volte anche denaro, se sapeva che ne avevano
bisogno. (Intervista a Jairsa)

Attualmente non pi cos, specialmente nella citt di Praia, le donne non accettano pi di
condividere il partner con altre donne. Anche lo status di mudjer sposata ha perso in parte il
suo valore, non basta essere la donna ufficiale di un uomo che intrattiene numerose relazioni
per poter avere accesso a unimmagine di s positiva, che sia riconosciuta a livello
comunitario. Le giovani donne, come spiega Maritza Rosabal, di Onu Mulheres, aspirano al
modello di relazione monogamica nucleare proposto dallOccidente. In questo modello le
capoverdiane vedono una possibilit di unione in cui laccento sia posto sullamore romantico
e sulla fedelt tra i partners, piuttosto che sullo status di donna sposata.
Adesso le donne iniziano a reclamare con molta forza, hanno ambizioni di altri modelli,
altre forme, soprattutto le persone che studiano, che viaggiano. Vogliono lamore
romantico, che non abbia a che vedere con questioni economiche, ma con lamore
romantico sono questioni nuove, il matrimonio solo per amore, la questione
dellinfedelt questa questione molto forte nelle donne giovani, perch se invece vai
nellinterno dellisola di Santiago e chiedi, sono le stesse donne che ti dicono: Un uomo
con una sola donna non un uomo! Vuol dire che non funziona bene!. (Intervista a
Maritza Rosabal, Onu Mulheres)

Questo brano di intervista evidenzia come le donne stesse possano in realt rivelarsi complici
della riproduzione del modello di dominazione maschile, come emerso dallanalisi
dellopera di Bourdieu (1998), in questo caso nel rafforzare le dinamiche sottostanti il
fenomeno della poligamia informale. La tipologia di donna, descritta da Maritza, che giudica
luomo in base al numero delle pekenas, utilizza le stesse categorie epistemologiche che
creano e giustificano il modello che la relega in una posizione subordinata.

27

Kumbossas il termine utilizzato nellIsola di Santiago per indicare la relazione tra due o pi donne
che condividono lo stesso partner, tra di loro sono kumbossas.

48

2.2.2. Lo scarso investimento sulla paternit


La de-responsabilizzazione dei padri, che come ho analizzato ha radici profonde nel modello
coloniale, direttamente collegata alla poligamia informale. Tuttavia, alcune fonti riportano
come inizialmente la poligamia informale fosse prerogativa dei ricchi e dei potenti, che
avevano i mezzi per poter fornire supporto economico alle proprie mai dfidju (Giuffr, 2007).
Tuttavia, con la fine del sistema schiavista e del colonialismo, la poligamia informale stata
adottata come modello famigliare da uomini di tutti gli strati sociali, con unaccentuata
tendenza alla de-responsabilizzazione. In questo scenario molto frequente labbandono
delle madri al momento del concepimento o della nascita del figlio, o comunque la mancanza
di un qualsiasi contributo paterno tanto economico, quanto affettivo, nella crescita dei figli
nati da queste unioni. Durante il mio periodo sul campo molte delle donne che ho conosciuto,
specialmente nel quartiere popolare in cui ho focalizzato la mia ricerca, avevano figli da
diversi uomini, che, nella maggior parte dei casi, erano completamente assenti nella vita dei
loro figli, come nel caso di T.
T una donna di quarantanni, con un figlio di dieci anni e una figlia di sette, nata con
un rene solo. Ha avuto i bambini con due uomini diversi, entrambi assenti dalla sua vita
attuale. T vive con i due figli in una stanza arredata con un letto, un divano, una
televisione, un fornello e una bacinella per lavarsi. Non hanno il bagno in casa e dormono
tutti e tre nello stesso letto. Le chiedo se i genitori dei suoi figli laiutano in qualche
modo. T scuote la testa e mi risponde con un tono di voce acceso: I padri? Assenti!
Tutti e due! Non chiamano neanche per chiedere come sta il proprio figlio! Non
chiamano neppure nelle feste per dire Felice Natale e Felice Anno Nuovo! Il padre di
quella indica la figlia- ora sta in Francia, con la sua nuova moglie. Passa tutto il tempo
a mettere le foto delle loro vacanze su facebook, ora qui, ora l! E a sua figlia a Capo
Verde, a cui manca un rene, non ci pensa? (Diario di campo, 19 Gennaio 2014)
Vado a trovare Bab a casa sua, pochi giorni dopo la nascita della neonata. Bab sdraiata
sul letto con la figlia piccola attaccata al seno. Il figlio maggiore, Luis, che ha dieci anni,
mi gira intorno vivace, incuriosito dalla mia macchina fotografica. Bab ora vive con Djeji,
da cui ha avuto la seconda figlia. Quando Luis scende in strada, le chiedo se Djeji il
padre anche del primo. Mi dice di no, che il padre del primo ora sta a Santa Cruz. Per
ti aiuta in qualche modo con Luis? Lo vede, ti manda dei soldi? Bab ride: Quello?
Figurati! Non voleva neanche separarsi, da quando sono riuscita a mandarlo via non si
pi fatto vedere, non sa niente di suo figlio da quattro anni!. (Diario di campo, 24
Gennaio 2014)

49

Questassenza paterna giustificata e rinforzata da una serie di assunti relativi al modello di


mascolinit egemonica. Per esempio difficilmente gli uomini accettano di passare del denaro
alle ex-compagne per crescere i propri figli, perch sostengono che queste lo userebbero per
i propri interessi. Gli uomini dichiarano di non essere disposti a engordar a cadeira da
mudjer, ingrassare il sedere della donna: ossia devolverle denaro che lei spenderebbe per
s. interessante notare come questa espressione sia sessualmente connotata, prevedendo
il modello di bellezza femminile a Capo Verde che la donna abbia un sedere pronunciato.
Passando denaro alla ex-fidanzata, questa lo userebbe per accrescere le proprie potenzialit
seduttive e sensuali, a favore del nuovo compagno, o comunque di altri uomini, umiliazione
a cui non pu sottoporsi un mi ke mi28. Unaltra espressione interessante a proposito
mette in guardia luomo dal non diventare Djon di Merka. John di America rappresenta la
figura dellemigrante ingenuo e ridicolo, che andando a lavorare allestero manda soldi alla
donna rimasta a Capo Verde, senza sospettare che questa li utilizzi per spassarsela con altri
uomini.
La posizione adottata dalla maggior parte delle mie conoscenti che vivono queste situazioni
mi ha stupito. Nonostante la presenza di una legge che permetterebbe di obbligare i mariti a
passar loro una quota fissa mensile, quasi nessuna delle mie interlocutrici ricorsa alla
giustizia. La ragione prioritaria di questa scelta sembra dettata da un orgoglio femminile, ma
non escludo la possibilit della presenza di una certa pressione sociale che induca ad evitare
di ricorrere al tribunale per non generare confusioni maggiori. A proposito riporto un brano
dellintervista con T:
Potrei andare nella Casa do Direito a fare denuncia. Basta comunicarlo l, che loro
mandano il messaggio alla Casa do Direito in Francia, dove emigrato il mio pai dfidju,
e poi viene la mesada29 tutti i mesi! Per non lo faccio, perch cos se lui vuole farlo
di sua volont, cos giusto, non sulla base della giustizia, che lo obbliga a mandarmela.
Se lui nella sua coscienza non pensa che deve mandare dei soldi perch sua figlia ne ha
bisogno, per comprare un minimo di vestiti, di cibo, di certo non me li darebbe
comunque anche se facessi denuncia! Non sono certo io che vado a fare denuncia per
obbligarlo! Quello non lo faccio la giustizia potr anche obbligare, ma io non vado
attraverso quello. (Intervista a T)

28

Uomo che un uomo.


Trasferimento mensile di denaro, non si riferisce a uno stipendio, ma piuttosto agli invii di denaro
ad opera degli emigranti verso la famiglia rimasta nellisola.
29

50

Di nuovo questo tipo di performativit di genere messa in atto dalle donne non fa che
rafforzare e giustificare lassenteismo maschile, ragione per cui ritengo plausibile che la
resistenza a rivolgersi al tribunale sia legata a una concezione del comportamento corretto
della donna che si inserisce nel sistema del dominio maschile. A proposito Bourdieu afferma
che leffetto del dominio simbolico si esercita [] attraverso schemi di percezione, di
valutazione e di azione che sono costitutivi degli habitus (Bourdieu, 2009, pag. 48). Per
habitus il sociologo intende le disposizioni introiettate, che assumono la forma di emozioni
corporee, passioni, sentimenti, atteggiamenti, e in questo caso di precise scelte
comportamentali.
Per un altro verso anche considerato umiliante per un uomo crescere figli provenienti dalle
precedenti unioni della compagna. Nella mia ricerca sul campo questa credenza stata in
parte smentita dalla conoscenza con numerosi uomini che accolgono le compagne con i figli
precedenti senza troppi problemi. vero tuttavia che mi sono anche imbattuta in alcuni casi
in cui i figli di unioni precedenti, specialmente se maschi, intorno allet delladolescenza
venivano allontanati da casa per contrasti con il nuovo patrigno, in una sorta di competizione
tra uomini per il ruolo di capo-famiglia.
La legittimit della partecipazione della figura paterno, infine, viene negata in una serie di
sfere parte del processo di vita dei figli, in ragione di altri tab sociali, spesso riferiti alla
sessualit, come nei casi seguenti.
Paulo un membro dellAssociazione Lasu Branku Kabu Verde, impegnato attivamente
per la costituzione di unequit di genere a Capo Verde. Mentre torniamo a casa dal
seminario che ha gestito a Piko contro la violenza di genere, gli chiedo se a Capo Verde
gli uomini accompagnano le donne in sala parto. No. So che da voi si fa, ma qui non c
ancora questa usanza. Di solito il padre, quando la madre va a partorire, esce a
festeggiare la notizia con gli amici in un bar. Mio figlio, per esempio, nato alle 2 di
notte. Io ero a casa, sono andato allospedale solo il mattino dopo alle 11. Si dice che gli
uomini che vedono la propria donna partorire perdano poi ogni interesse sessuale per
lei. (Diario di campo, 12 Febbraio 2014).
Mentre pranzo a casa di Jandira arriva suo fratello maggiore, Adilson. Adilson il padre
di Alicia, la bimba che Jandira sta allevando da quando la neonata aveva sei mesi. Adilson
appena stato due giorni nellinterno dellisola, con la bimba, che ora ha 4 anni. Ci
racconta che doveva sempre chiedere a una delle donne della zona di accompagnare la
bambina in bagno. Perch? Tu non potevi farlo? gli chiedo. Eh no, una femmina!

51

Se avessi avuto un figlio maschio sarei stato pi a vontade30. Ma costutte le volte la


stessa storia, devo sempre chiedere a qualche donna di accompagnarla a lavarsi o ad
andare in bagno. (Diario di campo, 5 Aprile 2014)

Dalle osservazioni che ho effettuato a Praia, ritengo possibile che stia iniziando, almeno a
Praia, un processo di ripensamento del ruolo paterno. Lo scorso anno Capo Verde stato
scenario di una campagna di sensibilizzazione dal titolo Am pai31, che prevedeva la
diffusione di pubblicit progresso e lorganizzazione di forum dislocati nelle varie isole
relativamente alla promozione di una paternit responsabile e presente. Inoltre, mi
capitato, a pochi mesi dal mio arrivo sullisola, di ritrovarmi invitata a uno ch de beb, ossia
una festa organizzata in onore di una futura coppia di genitori da un gruppo di coppie giovani
con figli, usanza che si sta diffondendo tra gli appartenenti alla classe alta praiense. Durante
questa festa, mi sono trovata alla presenza di numerosi padri modello, che giocavano con
i figli piccoli, li prendevano in braccio e addirittura conoscevano le filastrocche da bambini
che questi ultimi apprendono alla scuola materna. Sebbene non abbia raccolto dati a
sufficienza per poter provare questo fatto, ritengo che non sia da escludere la possibilit di
un rimodellamento del ruolo paterno che si stia diffondendo soprattutto tra gli uomini di
classe sociale medio-alta.
2.2.3. Donne chefe de famlia
Nei numerosi casi in cui il pai dfidju abbandona la compagna, spesso la donna si ritrova sola.
Infatti, anche la costruzione di un nuovo legame amoroso non implica la co-residenzialit,
per cui la donna si ritrova a gestire da sola laggregato familiare composto in genere da figli
che non condividono lo stesso padre e a volte altri adulti della famiglia di origine della donna.
Le donne si definiscono in questo caso chefe de famlia, capofamiglia. I dati statistici
evidenziano che le famiglie in cui il rappresentante una donna vivono in genere in condizioni
pi disagiate, con un maggior tasso di povert32. Questo anche perch nei casi in cui la donna
chefe de famlia, luomo assente, cosa che, chiaramente non avviene nella situazione
contraria. Nelle famiglia in cui sono presenti entrambi i coniugi, e in cui spesso comunque
la donna a provvedere alla sopravvivenza economica del nucleo, difficile tuttavia che queste
si auto-definiscano capi-famiglia.

30

A mio agio.
Io sono padre.
32
Tab. 1 in Appendice.
31

52

interessante notare le implicazioni simboliche legate a questo termine. Tra gli Indiani
Piegan appartenenti al gruppo Blackfoot canadese, descritti da Harriet Whitehead, esisteva
una curiosa figura denominata donna dal cuore duomo (Whitehead, 1981). Tale figura era
costituita di solito da donne che avevano superato let fertile, accumulato una notevole
ricchezza economica, raggiunto promozioni cerimoniali e dimostrato la capacit di dominare
il marito e le co-spose. La considerazione interessante dellautrice riguarda la tendenza della
cultura a vedere le donne di successo come virili, ossia la riluttanza, e lincapacit, a
distinguere le fonti del prestigio la ricchezza, abilit, efficacia personale- dalla maschilit
(Whitehead, 2000, pag. 213). Il caso capoverdiano sostanzialmente differente, ma ci che
losservazione di Whitehead mi ha riportato alla mente lorgoglio con cui le donne si
appropriano di questa denominazione. Pi volte durante le interviste, le mie interlocutrici
hanno cominciato a descrivere la propria famiglia utilizzando lespressione am que chefe
de famidja!, piuttosto che am que mai e pai de nhas fidju: io sono il capofamiglia, io
sono la madre e il padre dei miei figli. sorto spontaneo per me il confronto con le madri con
cui ho lavorato in Italia nelle comunit mamma-bambino, che spesso trovandosi in situazioni
analoghe vengono invece definite ragazze madri, o madri single, a seconda dellet. La
denominazione che le donne capoverdiane utilizzano per autodefinirsi sembra essere uno
strumento che permette alle donne di riappropriarsi di un orgoglio e una fierezza sottratto
loro dai compagni, al momento dellabbandono. Le donne, dichiarando di essere capifamiglia
e padri dei propri figli, adottano categorie di prestigio proprie del sistema simbolico maschile,
e arrivano cos a mascolinizzare il proprio status. possibile a tale proposito istituire
lanalogia con gli indiani Piegan: in entrambi i casi, infatti, il prestigio deriva dalla mascolinit.
Per riscattarsi le donne capoverdiane utilizzano termini che fanno emergere la virilit di
aspetti del proprio carattere. La potenzialit di promozione del s insita in questi termini
viene tuttavia in parte smorzata dallazione degli stessi Servizi Sociali che connotano
esplicitamente le mulheres chefe de famlia come categoria vulnerabile. Dichiarare di essere
donna capofamiglia nelle pratiche dei Servizi significa poter avere accesso a determinati aiuti
pubblici. Associando questa denominazione a un carattere di fragilit sociale, i Servizi
depotenziano la funzione di ribaltamento simbolico di tale definizione, che le donne usano
per fare del proprio abbandono la base della propria forza. Si potrebbe sostenere che i Servizi
tendano a riportare le donne nella loro posizione subordinata, connotata da una debolezza
che sembra essere intrinseca, naturale. Al tempo stesso non si pu evitare di riconoscere che
effettivamente la maggior parte delle donne chefe de famlia si trovano in una condizione di

53

necessit e carenza. Il mio obiettivo piuttosto quello di problematizzare le strategie di


etichettamento utilizzate dai Servizi e le loro ricadute simboliche sulla popolazione
considerata.
2.2.4. Matrifocalit e Pais de Criao
Nel contesto descritto, gli aggregati familiari si organizzano dunque secondo un modello che
viene definito matrifocale. Riportando una definizione di Nancy Tammer, Martina Giuffr
evidenzia come la matrifocalit sia unorganizzazione sociale in cui la madre detiene il ruolo
centrale della famiglia da un punto di vista, strutturale, affettivo e culturale, e in cui la diade
madre-figlio costituisce la relazione primaria, al posto della coppia di coniugi, in altre parole
un sistema familiare centrato sulla donna (Giuffr, 2012, pag. 3). Sul campo ho ritrovato
numerosi esempi che potrebbero essere considerati aggregati familiari matrifocali, come il
caso di Dona Dika, la mia vicina di casa cinquantenne.
Casa di Dika il teatro di un costante viavai di parenti, affiliati, amici. Mi ricordo quando
siamo entrati nella sala da pranzo (unica stanza insieme a una camera in cui dormono
lei, il marito, il figlio di 19 anni, la figlia di 16, e la nipotina) la prima volta: nel giro di
mezzora saranno entrate almeno 15 persone e tutte erano in qualche modo parenti,
sorridenti e pieni di bambini al seguito. A volte passo a salutarla, e uno dei nipoti sta
facendo colazione, un afilhado sta guardando la tv, una nipote la aiuta a lavare i piatti.
Casa di Dika non mai vuota e tutti sembrano fare riferimento a lei, che, supportata in
particolare dalla figlia, invita, cucina, e accoglie, fiera di essere il punto di riferimento di
una famiglia grande e variegata. (Diario di Campo, 28 Marzo 2014)

Studi relativi a differenti societ matrifocali dimostrano, inoltre, come tale modello possa
inserirsi in sistemi caratterizzati tanto da una forte indipendenza femminile, quanto da un
potere maschile dominante. Martina Giuffr sottolinea come la realt di Capo Verde
rappresenti un modello matrifocale imbrigliato in un sistema gerarchico maschile.
Alle caratteristiche fin qui trattate si aggiunge un altro elemento: spesso bambini
capoverdiani sono cresciuti da persone che non sono i loro genitori biologici, definiti pai de
criao33. Non si tratta in genere di orfani, ma di bambini che vengono affidati dai propri
genitori naturali ad altri familiari o conoscenti, per motivi diversi, quali un progetto
migratorio che non consente di portare con s i propri figli, o la scarsit di mezzi economici

33

Letteralmente genitori di allevamento.

54

per allevare i bambini in questione in maniera dignitosa. Anche listituzione dei pai de criao
sembra discendere dal contesto coloniale, in particolare dalle figure degli escravinhos, figli
delle schiave domestiche, che venivano liberati in virt dei servizi resi alla famiglia e della
buona condotta, e che costituivano dunque una classe intermedia tra la schiavit e la classe
dominante (Carreira, 1977). La migrazione, soprattutto femminile, stata agevolata dalla
presenza di questo sistema di affidamento informale, a sua volta rafforzato grazie ai processi
migratori. Spesso i bambini che vengono allevati in questa condizione si caricano di una serie
di responsabilit, soprattutto relative alla gestione della casa o alla cura dei bambini pi
piccoli, come contribuzione in cambio dellaffidamento genitoriale. La famiglia benestante
con cui ho convissuto durante parte del mio periodo sul campo paradigmatica a riguardo.
Riporto un pezzo di diario di campo in cui ho trascritto una conversazione nel corso della
quale Leyda, la madre (che nei mesi passati insieme arrivata a presentare anche me agli
amici come la sua figlia italiana), descrive la sua strutturazione della sua famiglia.
Quando ero piccola mia madre emigrata in Italia, faceva la donna di servizio a Roma.
Io avevo tre anni, sono rimasta da una zia a Sal fino ai cinque anni, mentre i miei fratelli
stavano dalla nonna, in unaltra isola. Poi mia madre ha preso con s mio fratello grande.
Io mi ricordo che mi arrabbiavo con lei perch non mi prendeva in Italia, ma lei voleva
che io studiassi, temeva che in Italia sarei finita a fare le pulizie come lei. A cinque anni
sono poi passata da unaltra zia materna, che mi ha cresciuto fino a che non sono andata
a studiare in Portogallo. Io ero fortunata, quella mia zia mi viziava perch ero figlia di
gente, gente emigrata, di solito non succede che i figli di criao vengano viziati anzi!
Poi una signora povera andata da mia madre, una volta che era tornata in ferie, le ha
portato la figlia, dicendole che voleva che lei la educasse come sua figlia. Mia madre
rimasta un po spiazzata, dato che lei aveva dovuto lasciare i suoi figli per andare a
trovare lavoro in Italia! Ma in ogni caso si presa a cuore la ragazza e lha portata a mio
fratello, Z, che allora era grande e viveva a Mindelo. In quel periodo io anche vivevo
con lui per studiare. Quando ho finito il corso mia madre mi ha detto: Ora il tuo turno
di prenderti cura di questa miuda34! e cos ho fatto, lho portata con me a Praia. Era
molto tranquilla, non mi ha dato mai grandi dor de cabea35, per poi a 18 anni rimasta
incinta! [] Pochi anni dopo ha deciso di emigrare in Portogallo per trovare lavoro e cos
io sono rimasta con il bambino. (Diario di campo, 2 Aprile 2014)

34
35

Ragazza.
Mal di testa, qui intese come preoccupazioni.

55

Leyda, insieme al marito, tuttora ospita e mantiene la responsabilit, oltre che sul figlio
biologico di 12 anni, del bambino descritto nel brano seguente, che ora ha raggiunto i 18 anni
e di una nipote di 26 anni, con lei da quando aveva 12 anni. La nipote era figlia di un
fratellastro di Leyda in cattive condizioni economiche, il quale aveva tolto la figlia da scuola
per diversi motivi. Leyda aveva accolto la ragazza nella sua famiglia, offrendole la possibilit
di studiare e al tempo stesso considerandola un aiuto nella gestione degli altri due bambini
pi piccoli di lei.
2.2.5. Quale riproduzione di genere nella plasticit parentale?
Il sistema familiare capoverdiano appare dunque complesso e variegato, non riducibile a
nessuna delle singole caratteristiche che lo compongono. Celeste Fortes, considerando le
caratteristiche degli aggregati familiari capoverdiani, parla di plasticit parentale: ossia di
un sistema in cui le famiglie sono aggregati fluidi, che si modificano costantemente, si
allargano e restringono per far posto a un nuovo membro (Fortes, 2013). Si potrebbe
obiettare che questa rappresenti una dinamica tipica di qualunque sistema familiare, perfino
delle famiglie nucleari occidentali. Tuttavia ritengo che il termine coniato da Fortes
rappresenti in maniera chiara una caratteristica che decisamente accentuata nella realt
capoverdiana e che forse rappresenta lunica possibile base descrittiva in cui poter inserire la
variet degli altri caratteri presenti in una data famiglia.
Fortes nel medesimo articolo si interroga dunque riguardo alla validit di usare la nozione di
patriarcato in riferimento a Capo Verde, come stato fatto da diversi autori36. Come si
deduce dalla precedente descrizione, nelle famiglie capoverdiane non possibile considerare
come relazione primaria la coppia coniugale eterosessuale che, teoricamente, dovrebbe
costituire il legame su cui si costruisce e riproduce la dominazione maschile. Piuttosto la
relazione primaria intercorre a Capo Verde tra la diade madre-figlio, come sottolinea Giuffr
(2007) nel descrivere la matrifocalit. Celeste Fortes (2013) si chiede dunque in che modo il
modello di dominazione maschile patriarcale possa riprodursi in una famiglia in cui,
sostanzialmente, assente la figura del padre patriarcale.
Prima di procedere nellanalisi, in questione vorrei fare una precisazione rispetto a quanto
espresso precedentemente. Considerando lassenteismo dei padri, potremmo dedurre che

36

Per esempio lo stesso Carvalho Semedo (2009) nel testo sullinfluenza della Chiesa Cattolica nella
costruzione del modello di mascolinit capoverdiana presente in bibliografia.

56

le madri, da parte loro, si dimostrino sempre pronte a caricarsi dellintera responsabilit


parentale. Gi listituzione dei pai de criao tuttavia ci fa sospettare che in questo modello
ci siano delle incrinature. Di fatto, nel corso della mia ricerca, sono venuta a conoscenza di
numerosi casi di bambini abbandonati dalle madri. In particolare ricordo tre situazioni che
riguardavano alcuni dei miei pi cari amici a Achada Grande. Nel primo caso la madre,
Zuleika, aveva avuto una prima figlia quando ancora viveva in una zona rurale dellIsola di
Santiago. Per motivi a me sconosciuti Zuleika si era poi trasferita a Praia con il figlio piccolo e
con il pai dfidju del bambino, mentre la figlia continuava a vivere nella zona rurale, affidata
alla nonna paterna. Ho scoperto lesistenza della figlia maggiore quando questa venuta a
passare le ferie scolastiche a casa della madre. Il secondo caso gi stato presentato nei
paragrafi precedenti e riguarda Jandira, una mia cara amica, che da quando aveva 17 anni
allevava la nipotina, figlia del fratello. La madre della bambina aveva litigato con il fratello di
Jandira poco dopo la nascita della piccola Alicia e aveva smesso di interessarsi della bambina,
al punto che, a soli 17 anni, era intervenuta Jandira, portandola con s a casa della madre. La
madre biologica di Alicia, nonostante viva nello stesso quartiere, raramente va a trovare la
figlia, che riconosce Jandira come figura di riferimento principale e chiama mamma la
mamma di Jandira, ovvero la nonna. Lultimo caso riguarda Dj, che a trentanni ha avuto la
sua prima figlia con una ragazza del quartiere (avere la prima figlia a trentanni un caso
quanto meno non comune a Capo Verde). Separatosi dalla compagna, ha deciso di assumersi
la responsabilit della bambina, perch, secondo il suo parere, la madre non se ne curava
abbastanza. La bambina viene tuttavia cresciuta dalla madre di Dj, che vive nello stesso
edificio al piano di sotto, e nonostante ufficialmente sia lui a occuparsi della figlia, a livello
concreto la nonna, Dunha, a provvedere alle sue necessit. Considerando queste tre storie,
che non differiscono da molte altre che ho ascoltato nei mesi a Capo Verde, possibile
sottolineare come non sempre il legame primario delle famiglie capoverdiane intercorra tra
madre e figlio. Queste storie non mettono in discussione la teoria della matrifocalit, ma
evidenziano piuttosto come il legame alla base degli aggregati famigliari si costruisca tra un
bambino e il suo caregiver di genere femminile. In nessuna delle storie che ho conosciuto in
cui la madre ha abdicato al proprio ruolo infatti subentrata una figura maschile. Nel caso di
Dj e della piccola Alicia, in cui i padri ufficialmente assumono la responsabilit dei figli, sono
comunque due figure femminili, membri della stessa famiglia, ad assumere concretamente il
ruolo di caregiver. Nel corso della seguente argomentazione continuer a utilizzare la parola

57

madre ai fini di agevolare la lettura, ma si deve intendere questo termine nella pi ampia
accezione di caregiver di genere femminile.
Il fatto che il legame madre-figlio rappresenti la base su cui si struttura il sistema di parentela
locale rintracciabile anche negli stessi nomi e indicatori di ruolo utilizzati dai capoverdiani
per riferirsi a s stessi o a terzi. Infatti, diffusa lusanza di riferirsi a una persona indicando
il legame con la madre, come nei seguenti esempi il cui il secondo nome riferito alla madre:
Uve di Dunda, Z di Antnia, Jo da Maria. Un altro elemento che ha richiamato la mia
attenzione lusanza di riferirsi ai propri partner come pai dfidju/ mai dfidju, piuttosto che
come fidanzati/e o compagni/e anche nei casi di co-residenzialit ufficiale. Il legame che
viene sottolineato non quello che unisce i due partners tra loro, ma quello che li unisce
entrambi al figlio. Di nuovo le radici dellimportanza di questo legame sono rintracciabili nel
sistema schiavista, in cui, essendo i padri spesso venduti, o trasferiti lontano per le logiche
del mercato, la coppia madre-bambino era considerata una diade a s stante (Giuffr, 2007).
Nellultima fase del regime schiavista, per esempio, con la promulgazione della legge del
ventre libero, si permetteva ai figli di schiave di ottenere la libert una volta raggiunta la
maggiore et, a condizione che le madri si occupassero della loro alimentazione fino allet
di sette anni, senza fare alcun accenno a obblighi paterni.
Fatte tali considerazioni, ora possibile riportare lopinione di Celeste Fortes in relazione alla
riproduzione del sistema di genere in una realt priva della struttura canonica di famiglia
patriarcale. Fortes (2013) sostiene che sia proprio nella relazione inter-genere madre-figlio
maschio che si riproduce lideologia di genere dominante. I maschi figli di madri sole, o
mulher chefe de famlia, infatti, una volta raggiunta la soglia adolescenziale, adottano a loro
volta il ruolo di capofamiglia, assumendo funzioni di protezione, ma anche di controllo
relativamente alle proprie madri e sorelle. Spesso per le madri diventa difficile esercitare
lautorit genitoriale sui figli maschi, che si sentono investiti del ruolo lasciato vacante dal
padre. A questo proposito vorrei riportare due casi che rappresentano tanto la difficolt delle
madri di domare i figli maschi, quanto il ruolo di protezione che questi assumono nei loro
confronti.
Jordy: Mio padre emigrato in Portogallo, cos la mia vecchia intende la madre-
rimasta cos lobiettivo era che mio padre mi togliesse di qua per aiutarlo a lavorare,
capisci? Per poi successo quel problema perch io gi, quando mio padre uscito

58

di casa, sono diventato un puto rebelde37! Mia madre gi non mi poteva pi controllare.
Io dormivo fuori di casa, uscivo, facevo quello che volevo. A questo punto lo interrompo
e gli chiedo se con il padre fosse meno ribelle. Si, chiaro, quando cera solo mia madre
io mi sentivo pi a vontade, la mia vecchia non riusciva a controllarmi! Mentre il mio
vecchio gi mi metteva un po pi di pressione! Mentre mia madre non mi metteva pi
pressione, perch se anche voleva prendermi, non ci riusciva pi. Quando parlava,
quando cercava di comandarmi, se io non ero daccordo, non lascoltavo! Quella cosa ha
cominciato a preoccuparla davvero, arrivata a contrattare un tizio per seguirmi! Finch
non arrivato mio padre e mi sono calmato. (Intervista a Jordy)
Sto intervistando Kriu, un ragazzo di 19 anni ma mentre mi parla del suo passato da
semi-delinquente, allimprovviso tira fuori Man, un suo coetaneo, tra i pi allegri e
simpatici del gruppo. Man non te lha detto perch venuto a vivere qui? Lui era tosto
sul serio quando stava nellaltro bairro []. Tre anni fa, ha trovato un tizio che dentro
casa stava abusando di sua madre. Man ha preso un coltello e lha accoltellato, cos, su
un fianco. Il tipo a momenti ci resta secco. Per quello che poi Man dovuto andarsene
dal quartiere. Comunque aveva ragione, claro! Se trovo un tizio che abusa di mia madre,
cosa credi? Lo lascio andare cos? Chiaro che no!. (Diario di campo, 26 Aprile 2014)

A partire da questi estratti di interviste, possiamo notare come due elementi tipici del
modello di dominazione maschile si riproducano in una relazione inter-genere e intergenerazionale. Il primo elemento corrisponde alla leadership maschile e al controllo sul
femminile. I ragazzi, come Jordy, non riconoscono il ruolo di superiorit della madre, non in
virt di una ribellione adolescenziale contro i genitori, ma dellimpossibilit, in quanto nuovi
adepti al genere maschile, di immaginarsi come parte subordinata in una relazione con il
genere femminile. Lintervento del padre di Jordy, ossia lintervento di un uomo, lunica
soluzione per fermare la ribellione del ragazzo. La gerarchia inter-genere si dimostra
prevalere su quella inter-generazionale.
Il secondo elemento invece riferito alla funzione protettiva esercita da Man, in questo
caso in uno scenario drammatico. Man, accoltellando laggressore della madre, ricopre il
ruolo maschile di protettore delle donne, di nuovo un elemento persistente nellideologia
della dominazione maschile. I figli si assumono inoltre la responsabilit di difendere tanto il
corpo, quanto lonore delle madri, anche in relazione ai successivi partner materni. Per
questo motivo spesso tra figli maschi e i nuovi patrigni sorgono rivalit e attriti consistenti

37

Ragazzo ribelle.

59

che arrivano al punto di incrinare il rapporto tra la madre e il figlio, risultando in una pi o
meno consenziente uscita di casa del figlio stesso.
Infine Celeste Fortes (2013) sottolinea come le madri stesse riconoscano che i figli
rappresentino per loro un investimento sul futuro: sar infatti responsabilit del figlio
maschio, una volta adulto, provvedere al mantenimento economico della madre anziana,
responsabilit che riconosciuta dai figli, come evidente nellintervista a seguire.
Mia madre beveva, sai eravamo molto poveri. E quindi per me era un popesante.
Non mi dava moral38. Sai, tipo. Stava solo a lamentarsi, non credeva in me, diceva
che non avevo voglia di fare nulla. Per quello me ne sono andato. Ma ora sto studiando
e poi voglio viaggiare e lavorare, e conoscere come vivono negli altri posti. Perch sai, io
voglio fare tutto questo per riuscire ad aiutare a mia madre. Vorrei aiutarla a costruire
un bel negozio di parrucchiera, per rimettersi a posto e vivere tranquilla. Voglio aiutare
mia madre, la mia missione. (Intervista a Man)

Il figlio maschio, assumendo questa responsabilit ricopre il ruolo di provedor, ossia la


funzione di mantenimento economico del gruppo familiare, anche se in un tempo differito
rispetto al tempo in cui viene accudito dalla madre. Personalmente non condivido
completamente questultima considerazione di Fortes, in quanto credo che non vi sia una
differenziazione di genere riguardo al capitale futuro che i figli costituiscono per le madri:
tanto le figlie, quanto i figli, si assumono la responsabilit di provvedere alle necessit della
madre anziana, come emerge da numerose interviste che ho svolto. Questa
indifferenziazione potrebbe tuttavia essere il frutto di una rivoluzione in corso nelle relazioni
di genere, specialmente relativamente al ruolo rivestito dalla donna nelleconomia familiare.
A una maggiore partecipazione femminile nel mercato del lavoro, e alla frequente assunzione
della donna, specialmente se chefe de familha, del ruolo di provedor economico, potrebbe
corrispondere anche una condivisione delle responsabilit filiali relative alle necessit
economiche39 dei genitori anziani.
Fortes si interroga su come i figli maschi possano accedere al privilegio maschile crescendo
in un contesto familiare in cui la figura maschile generalmente assente, e anche nei casi in
cui formalmente presente, si dimostra in realt assente a livello effettivo, perch poco

38

Incoraggiare, sostenere.
Parlo di necessit economiche perch invece le responsabilit di cura comprendono anche unazione
di supporto quotidiano nello svolgimento di determinate funzioni, che solitamente rimane un compito
femminile.
39

60

partecipativo nella vita domestica. Lipotesi sostenuta dalla studiosa considera dunque la
relazione madre-figlio maschio come relazione di genere in cui viene riprodotta lideologia
maschile dominante e la divisione egemonica dei ruoli di genere.
Riconosco la validit dellargomentazione di Fortes e soprattutto lappropriatezza della
domanda di ricerca da cui muove il suo studio. Tuttavia, partendo dal medesimo quesito, mi
trovo a dare una risposta sostanzialmente diversa. Considerando la frequente assenza dei
padri nel contesto familiare, ritengo infatti che la socializzazione al genere maschile non
avvenga tanto nel contesto domestico, ma piuttosto nello spazio pubblico. La tradizione
occidentale divide la socializzazione in primaria, che avviene fondamentalmente allinterno
del nucleo famigliare, e secondaria, in sfere di relazione esterne alla famiglia: la scuola, il
gruppo dei pari, il lavoro. Mi chiedo tuttavia se anche questo modello epistemologico, allo
stesso modo della nozione di patriarcato secondo Celeste Fortes, non si riveli
sostanzialmente non applicabile allanalisi del contesto capoverdiano. In una realt in cui,
come vedremo in seguito, lo spazio domestico/pubblico diviso a seconda dellappartenenza
di genere, piuttosto che generazionale, e in cui la responsabilit sui bambini non focalizzata
su un solo nucleo famigliare, ma, rispetto al modello occidentale, ampiamente condivisa
allinterno della comunit di residenza, quale rilevanza pu avere una divisione tra
socializzazione primaria e secondaria?

2.3. mi cachorro de rua40


2.3.1. Minina di dentre kaza, mi di rua
Arrivo alla placa41 di Lem Ferreira alle tre di pomeriggio, sotto un sole che spacca le
pietre. La placa quasi vuota, solo io e Lindo. [] Man mano che procediamo con
lintervista e il calore si fa pi sopportabile, la placa si anima, si riempie di giovani, tutti
che si conoscono, dai 12 ai 40 anni di et. Lindo mi presenta dei ragazzi che sono surfisti,
questanno uno di loro ha vinto un premio a livello nazionale. Il campo ora pieno: chi
gioca a basket, chi a calcio, chi va in skate, chi in bici, chi si fuma una padjinha42 sulle
tribune di cemento. Mi colpisce che in tutto il campo ci siano solo uomini, pure sulle

40

Luomo un randagio di strada.


Campo sportivo allaperto, che sostanzialmente funge sia da campo da basket che da calcio a 7.
42
Marijuana.
41

61

tribune. Sono lunica donna in tutta la placa, nessuna ragazza in campo, n sorelle,
amiche o fidanzate ad assistere dalle tribune. Chiedo a Lindo come mai. Lindo mi dice
che le ragazze della loro et hanno tutte figli e preferiscono stare in casa, o, al massimo,
guardare la televisione. Ah, e poi le ragazze vanno a scuola. O lavorano. I ragazzi in
genere sono pi liberi, hanno un sacco di tempo e quindi vengono a fare sport. (Diario
di campo, 21 Marzo 2014).

Precedentemente ho introdotto il fatto che lo spazio a Capo Verde sia diviso sostanzialmente
a seconda dellappartenenza di genere. Ho gi ricordato in precedenza che una delle
dicotomie classiche che riproducono il binomio di genere la divisione tra spazio
domestico e pubblico, il primo dei quali corrisponde a un dominio femminile, mentre il
secondo maschile. Tale dicotomia presente in diverse societ ed correlata ad altre
credenze relative al sistema di genere, per esempio la naturale predisposizione femminile a
perseguire linteresse privato o di una cerchia ristretta di persone, in opposizione allinnata
propensione maschile ad adoperarsi per il bene comune. Da queste differenti attitudini
deriverebbe una giustificata disuguaglianza nellaccesso al potere e a funzioni pubbliche, a
favore degli uomini.
La divisione domestico-femminile/pubblico-maschile rispecchia parzialmente la realt
capoverdiana. Esistono infatti spazi pubblici, quali il mercato o le strade in cui le rabidantes
vendono i loro prodotti, che sembrano essere fondamentalmente domini femminili. Tuttavia,
la tendenza generale rispecchia una segregazione spaziale di genere, ossia una sostanziale
non condivisione dello spazio tra uomini e donne, e le correlazioni tra donne e ambiente
domestico, uomini e spazi pubblici. Camminando per la strada di Achada Grande, incontravo
una schiacciante maggioranza di uomini seduti sui gradini di fronte a casa, piuttosto che sulle
sedie di plastica affacciate alla porta di un bar. Pi volte ho pensato che se qualcuno
sbarcasse a Praia e passasse solo unora sullisola passeggiando tra i vicoli di Achada Grande,
o Paiol, o Lem Ferreira, potrebbe immaginare di trovarsi in un mondo totalmente maschile.
Gli spazi di socializzazione delle donne sono infatti soprattutto spazi chiusi: la casa, la chiesa,
il salo de beleza43. Mentre luomo trascorre la maggior parte del tempo in spazi aperti,
generalmente pubblici: la rua, i campi sportivi, i bar, e il mare44. Seconda la tesi di Bourdieu

43

Salone di bellezza, dove possibile trattare i capelli e le unghie.


La relazione tra mare/genere maschile si oppone a terra/genere femminile, rispecchiando anche
una divisione sessuata del lavoro.
44

62

(1998), la strutturazione di genere dello spazio fa parte dei processi attuati dalla macchina
simbolica dellordine sociale per ratificare la dominazione maschile.
Nel capitolo precedente ho ipotizzato lerroneit della divisione tra socializzazione primaria
e secondaria in relazione alla realt capoverdiana. In tale contesto, in cui la figura maschile
nella grande maggioranza dei casi assente dallambiente domestico e in cui la frequentazione
dello spazio pubblico/domestico relazionata allappartenenza di genere pi che
generazionale, si pu considerare che la socializzazione al genere maschile avvenga
sostanzialmente al di fuori dellambito familiare. A causa dellassenza della figura paterna,
infatti, i bambini trovano esempi di mascolinit da cui prendere ispirazione nella strada e nei
luoghi pubblici che frequentano.
Vedi, centra tutto il processo di socializzazione i bambini non stanno solo dentro di
casa! I bambini sono dentro la societ. E vedono la riproduzione dei modelli di uomini
nella societ. Se anche un bambino non ha un padre dentro casa che esce a bere na
rua45, perch non ha un padre, comunque, quando esce in strada, vedr tutti gli uomini
a bere davanti a un bar e le donne da unaltra parte. E cos impareranno cosa vuole dire
essere un uomo. (Intervista a Paulo, segretario Lasu Branku Kabu Verde).

Di fatto la socializzazione al genere maschile opera attraverso la progressiva integrazione nel


gruppo di uomini della comunit, che non scandita da precisi riti di passaggio, come accade
invece nella societ Sambia precedentemente citata, ma per unacculturazione al ruolo
maschile graduale e costante, che comincia dallinfanzia.
Condivido, tuttavia, lopinione di Fortes nellattribuire un ruolo fondamentale alle donne in
questo stesso processo attraverso lattuazione di una attribuzione selettiva della libert ai
figli, a seconda del genere di appartenenza (Fortes, 2007). Le figlie femmine, infatti, sono
responsabilizzate fin da piccole ad assumersi il compito di svolgere numerosi lavori domestici
e di prendersi cura dei fratelli pi piccoli. Inoltre il controllo sulle figlie decisamente pi
serrato, sostanzialmente per evitare che abbiano rapporti sessuali precoci con i coetanei.
Durante la permanenza a Capo Verde ho collaborato alla realizzazione di un progetto per
promuovere lequit di genere46. Abbiamo selezionato un gruppo di giovani tra i venti e i
trentanni per partecipare a una formazione su nuovi modelli di mascolinit e contrasto alla
violenza di genere, gruppo di cui faceva parte anche una mia amica, abitante di Achada

45
46

In strada.
Progetto JCVG, vedi Introduzione.

63

Grande. La formazione prevedeva anche una parte residenziale, svolta in una localit a pochi
chilometri da Praia. Quando la madre della mia amica ha scoperto che la figlia, che aveva
ormai pi di 20 anni, avrebbe dovuto dormire una notte fuori casa, in una compagnia mista,
le ha proibito di venire. stato necessario che io e laltra responsabile del progetto andassimo
a negoziare la partecipazione della ragazza al workshop, perch la madre finalmente
cambiasse idea.
Al contrario i figli maschi godono fin da piccoli di una notevole libert di azione e movimento.
una credenza condivisa a livello sociale che i maschi necessitino di pi libert per incontrare
la propria strada di uomini (Fortes, 2007). Deixar que os rapazes se tornem homem47
implica permettere loro di sperimentarsi e di riconoscersi nel gruppo sociale maschile, il cui
ambiente di azione fondamentalmente esterno allo spazio domestico. Il detto popolare
capoverdiano riportato da Fortes, che recita il mondo insegna ai bambini quello che i genitori
non insegnano, sembra essere particolarmente adeguato rispetto allapprendimento del
ruolo maschile che i bambini non posso imparare allinterno dello spazio domestico, per
mancanza di figure di riferimento del proprio genere di appartenenza.
Questa differente attribuzione della libert sembra funzionale a una norma che si ritrova in
molteplici societ a dominazione maschile: la necessit della separazione fisica dei figli
maschi dalla madre. La madre rappresenta per il figlio maschio la prima figura di
attaccamento, ma anche un modello di socializzazione al genere da cui deve differenziarsi.
Riferendomi nuovamente alla letteratura etnografica relativa ai riti di iniziazione sono
numerosi gli esempi di rituali andro-poietici di accesso al gruppo sociale dei maschi adulti
della comunit che si caratterizzano per una reale o simbolica recisione del legame con la
madre. I Samburu dellAfrica Orientale, dedicano una periodo straordinariamente lungo della
vita delluomo alla realizzazione dei rituali antropo-poietici. I giovani Samburu trascorrono
vari anni nello status di Moran, che corrisponde alla fase liminale dei rituali di iniziazione
secondo la definizione di Van Gennep (1909). Allinterno di questo lungo periodo di
marginalit sociale, esiste un rituale paradigmatico a questo proposito, che Isabella
Nazionale interpreta come una sorta di svezzamento rituale (Nazionale, 2002). Durante
questo rituale il ragazzo si reca nella capanna della madre e le dona una parte della carne di
un montone sacrificato, facendo voto solenne di non mangiare pi cibo cucinato dalle donne,
n di essere visto mangiare carne in loro presenza. In questo modo il ragazzo sancisce un
47

Lasciare che i ragazzi diventino uomini.

64

definitivo distacco dal legame materno e dallunit domestica, requisito essenziale per
diventare uomo. Spesso a questi rituali si accompa gna un corpus di credenze relative alla
minaccia che le donne costituiscono per la costruzione e il mantenimento della virilit. Tali
credenze non si ritrovano solo tra i popoli che si dotano di espliciti rituali per separare gli
uomini dalle donne, ma sono ampiamente diffuse anche in societ come quelle
mediterranee, come argomenta Stanley Brandes (1980) in riferimento al contesto andaluso.
A Capo Verde la separazione dalla madre e dal nucleo domestico non viene elaborata in un
rituale preciso, ma si concretizza nella libert di cui dispongono i figli maschi, che passano la
maggior parte del tempo libero in strada, insieme al gruppo dei pari, entrando di
conseguenza in contatto con i modelli adulti di mascolinit presenti nello spazio pubblico.
Passo dal Pilorinhu, niente, non incontro nessuno dei ragazzi che stavo cercando.
Tuttavia mi ritrovo ad assistere incuriosita a una scena nuova: due folti gruppi di bambini
giocano nello spazio interno del Pilorinhu, rigorosamente divisi per genere. Le bambine,
da una parte del salone, giocano a fare la sfilata delle miss. Si arrotolano la maglietta per
mostrare la pancia, mettono le mani sulla vita e una alla volta sfilano in direzione di
Jessica, unanimatrice, con movenze da modelle, ancheggiando, mandando baci e
facendo piroette su s stesse. Zuleika, seduta di fianco a me, mi racconta che quando
era piccola lei giocava un sacco alle miss e aveva vinto diverse volte classificandosi come
miss di riba kaza, miss di zona e miss di trs di kaza48. I maschi, dallaltra parte, giocavano
invece ai banditi. Tre di loro sono usciti dal Pilorinhu e sono rientrati con le magliette
arrotolate sulla faccia, da cui sbucavano solo gli occhi, per non farsi riconoscere.
Catturavano gli altri, uno dei tre banditi faceva finta di avere una pistola, di sparare per
aria. A un certo punto ha preso un altro bambino per un braccio e gli ha dato un colpo
sulla nuca con la mano-pistola, come a colpirlo con il calcio della pistola. Un altro bandito
ha buttato un secondo bambino per terra, cominciando a rotolarsi sul pavimento
simulando una lotta feroce. I prigionieri venivano sbattuti dietro il muro della biblioteca
dei bambini. Si preparano al futuro. Ho pensato. Anche io ricordo di aver giocato a
guardie e ladri, ma la mimica, la gestualit dei banditi e delle miss, non la ritrovo nei miei
giochi dinfanzia. E soprattutto, ad Achada Grande davvero la vita da bandito pu
diventare il tuo futuro. (Diario di Campo, 23 Aprile 2014)

48

Miss di sopra-la-casa, di quartiere e di dietro-la-casa.

65

2.3.2. Male bonding


La concezione performativa del genere di Judith Butler (1990) mi porta a considerare come
una performance sia essenzialmente tale se eseguita di fronte a un pubblico. Il soggetto
sempre allo stesso tempo uno spettatore riflessivo della sua stessa performance, attraverso
losservazione delle reazioni che questa produce negli attori presenti. In base al feedback
ricevuto, il soggetto elabora una rappresentazione di s e modifica continuamente la propria
performance di genere. A questo proposito, ritengo che la performativit di genere maschile
a Capo Verde si realizzi principalmente di fronte a un pubblico composto da altri uomini, in
linea con la suggestione di Bourdieu, che definisce la virilit relazionale, ossia costruita di
fronte e per altri uomini (Bourdieu, 1998). Numerosi autori sottolineano limportanza dei
momenti di omosocialit maschile come fondamentali nella costruzione e riproduzione della
mascolinit. La Cecla, nel riflettere su questo modo particolare degli uomini di stare insieme
tra di loro, per evitare associazioni tanto a componenti omosessuali, quanto omofobe, sceglie
di utilizzare il termine male bonding, legame maschile. Nella vicinanza maschile lautore
riconosce una relazione di tipo mimetico: per definire la propria mascolinit, che i maschi
stanno insieme (La Cecla, 2010, pag. 123). Il male bonding svolge una funzione di riflesso e
rinforzo dei caratteri costitutivi della mascolinit egemonica. In questi momenti gli uomini
confermano la propria performativit, creando legami intra-gruppali di mutuo appoggio e
solidariet rispetto al loro agire come maschi, piuttosto che di critica sociale a chi si distanzia
dal modello.
Vedi il problema la societ, gli altri uomini, ma non solo, anche le donne. Ho
conosciuto una donna, ti racconto la sua storia! Ha conosciuto il marito quando tutti e
due stavano studiando fuori, il master, quindi livello economico alto. Si sono messi
insieme durante la formazione, hanno iniziato una convivenza, e poi sono tornati a
lavorare a Capo Verde. L era tutto. Avevano una divisione dei compiti, 7 e mezzo, 7 e
mezzo, ognuno faceva la sua parte in casa! Era un uomo ideale, in una famiglia felice.
Poi per la societ cosa ha detto? Non un uomo! CATOTA! E lui, per quella pressione
sociale, per gli amici che ridevano di lui, ha iniziato a uscire, a bere. E pensa che allinizio
non gli piaceva neanche bere! arrivato a diventare un alcolista e a picchiare la moglie!
Ora lei lo ha lasciato e lui vive praticamente per strada, alcolizzato e senza un soldo.
Tutto per essere luomo che gli altri dicevano (Intervista con Paulo, Associazione Lasu
Branku Capo Verde).

66

Questo estratto di intervista riporta alla funzione di controllo sociale esercitata dal modello
egemonico di mascolinit, operata attraverso lazione del gruppo dei pari, ossia degli uomini,
ma anche della controparte femminile.
2.3.3. Luomo colui che recita al centro del palcoscenico49
Raramente mi capita di vedere uomini e donne insieme. Quando passo ad Achada
Grande incontro di fronte a ogni baretto un capannello di uomini di varie et,
adolescenti, anziani, adulti, che bevono birra, ridono e parlano ad alta voce, giocano a
carte o a oril50. A volte c qualche ragazza presente, raramente, di solito giovani. I
barbieri anche sono zone di ritrovo maschile: allinterno della sala o in strada davanti
alla porta, i maschi del quartiere si ritrovano a trascorrere il pomeriggio. Non riesco a
smettere di stupirmi davanti alla situazione che ogni giorno mi aspetta davanti alla
strada del liceo: nellangolo destro il bar di Titina, pieno di uomini che bevono e giocano,
dallaltro lato, separati dalla strada, le donne: sedute per terre davanti alla loro
mercanzia: pesce, manghi, vestiti usati.

Come descrivo in questo brano tratto dal mio diario di campo, i luoghi di socializzazione
maschile sono rappresentati fondamentalmente da bar, negozi di barbieri, locali e campi
sportivi. Luomo colui che recita al centro del palcoscenico, ovvero che compie azioni
pubbliche, che diventano oggetto del giudizio collettivo. La strada diventa il palcoscenico di
unostentazione della mascolinit di fronte alla comunit, attraverso un utilizzo del corpo e
della voce che enfatizzano il carattere virile dei soggetti. Jos Manuel Veiga Miranda (2013)
nellopera che analizza la costruzione della mascolinit a Rincon, zona pescatoria dellIsola di
Santiago, racconta delle numerose discussioni tra uomini in cui si trovato coinvolto durante
il suo soggiorno sul campo. Lautore sottolinea come limportanza di queste stesse non tanto
nel contenuto, ma piuttosto nella performance che gli uomini mettevano in atto: alzare la
voce, mostrare unattitudine aggressiva, cercare di avere sempre lultima parole, non erano
altro che strumenti per dimostrare la propria virilit.
Sotto casa nostra (o meglio la stanza che abbiamo affittato nel mezzo di una sorta di
cantiere in costruzione) c un baretto, che funge anche da alimentari. Di solito ceniamo
l, con la zuppa di Tita, la proprietaria: bella bollente e con una buona dose di malagueta!
Il bar sempre pieno solo di uomini la sera. Tanti vengono a cenare l, come noi, altri

49
50

Frase di Herzfeld, citata da David Gilmore (Gilmore, 1993, pag. 41).


Gioco da tavolo capoverdiano che deriva dalla tradizione africana molto diffuso a Santiago.

67

solo a bere una birra. Urlano, ridono a voce molto alta. Tita e la sorella invece sembrano
quasi mute. Cucinano, spinano birra, scambiano denaro, ma sempre senza lasciarsi
uscire una parola di troppo, molto silenziose. Fuori sta sempre seduto il fratello, a bere
o chiacchierare, spesso un po brillo. Non lho mai visto fare nulla, mentre le sorelle
cucinano, servono e fanno cassa. Laltra sera io e Christian eravamo gi in casa, quando
ho cominciato a sentire delle grida da sotto, non capivo se dal bar o dalla strada. Ci siamo
guardati un po intorno, preoccupati, e poi abbiamo deciso di scendere almeno al piano
di sotto per vedere dalla finestra: il padre di Tita, lo stesso uomo serafico che avevo
intervistato il giorno prima, stava urlando per strada, tenendo fermo un altro uomo per
la camicia e muovendo le mani con agitazione davanti al suo visto. Oltre a lui cerano
altri uomini che gridavano per strada. Allinizio ho pensato a una rissa. Il padre di Tita
avr 70 anni ormai, come poteva infilarsi in una rissa? A poco a poco, ascoltando la
conversazione ho capito che in realt stavano solo commentando la partita di calcio
appena terminata: aveva vinto il Flamengo. (Diario di campo, 3 Febbraio 2014)

Seguendo il suggerimento di Ortner e Whitehead (2000) di porre attenzione alle strutture di


prestigio che la societ in analisi adotta, ritengo che la divisione dello spazio tra maschile e
femminile sia indissolubilmente connessa a una differente attribuzione del prestigio. Il
prestigio femminile, almeno tradizionalmente, assegnato a Capo Verde sulla base delle
relazioni familiari che la donna stabilisce: legami matrimoniali, unioni di fatto e procreazione.
Lo spazio di socializzazione della donna riflette i processi che le consentono di accedere al
prestigio assegnatole dalla societ. Al contrario il prestigio maschile acquisito nello spazio
pubblico, in base ad azioni socialmente riconosciute come prova di virilit. A questo punto
sorge spontaneo chiedersi quale mascolinit sia messa in scena nel palcoscenico della strada
di Praia per ottenere il prestigio maschile.
Stefano Ciccone (2009) sostiene che il modello egemonico occidentale di mascolinit si fondi
sulla compresenza di due tendenze opposte: il disciplinamento e la trasgressione. Ciccone
discute diversi fenomeni, tra cui la guerra, il servizio militare e le esplosioni di violenza degli
ultr, che rispecchiano la presenza di questa polarit nel genere maschile. La trasgressione
collettiva degli ultr negli stadi e lesperienza quasi fusionale dei limiti del proprio corpo nello
scontro con la massa avversaria sono al tempo stesso conformismo di gruppo e disubbidienza
alle regole sociali (Ciccone, 2009, pag. 102). Tale modello maschile composito e
apparentemente contradditorio, sembra trovare conferma nellanalisi della costruzione
storica della mascolinit egemonica ad opera di Robert Connell (1995). Considerando la storia
occidentale a partire dal 400 in avanti, lautore rintraccia appunto lo sviluppo di due

68

espressioni di virilit, che attualmente coesistono in un unico modello. Da una parte si trova
il maschio caratterizzato dalla forza bruta, dalla violenza, dallirrazionalit, presente
storicamente nellideologia di conquista dei colonizzatori spagnoli51 e nelle dottrine fasciste
e nazionaliste del Novecento. Dallaltra luomo padrone di una razionalit superiore, una
professionalit tecnica e una propensione allastrazione, sviluppatasi in diverse fasi storiche
di progresso tecnico e industriale.
Riferendo queste osservazioni alla realt praiense, ritengo che sia possibile evidenziare la
presenza di una polarit di tendenze interne al modello maschile, che tuttavia si discosta in
parte dai modelli di Ciccone e Connell. Il binomio su cui si struttura la virilit a Praia
costituito da un polo che definirei con il verbo aguentar, ossia una capacit di sopportazione
e di autocontrollo, e da un secondo polo caratterizzato da una espressione di forza
aggressiva. Prendendo in esame il polo che ho definito dellautocontrollo, evidente come
la capacit di sopportazione degli uomini venga costantemente messa alla prova. In
particolare mi concentrer su tre elementi che luomo deve dimostrare di aguentar a Praia:
lalcool, il dolore e le emozioni.
2.3.4. Autocontrollo
di nuovo Veiga Miranda (2013) a sottolineare il ruolo cruciale svolto dallalcool nella
costruzione e affermazione della virilit a Capo Verde. Nella sua ricerca sostiene infatti che
la parodia, ossia i momenti di festa, siano un momento strutturante dellidentit maschile.
La parodia maschile, tuttavia, non pu non essere accompagnata da un abbondante consumo
di alcool. Lautore descrive lelaborato codice sociale che regola le bevute tra compagni: la
rotazione a turno nel pagamento, loffesa derivante dal rifiutare lofferta di un bicchiere,
percepita come dimostrazione di superiorit, ed infine il sistema gerarchico che si viene a
formare tra gli stessi uomini in relazione al potere economico e alla capacit di reggere
lalcool. Una prova certa di mascolinit infatti bere tanto, senza tuttavia perdere
eccessivamente il controllo. Esiste una vera e propria gerarchizzazione e divisione di genere
tra le bevande, che ho potuto personalmente osservare.
Oggi siamo andati in una zona, nellinterno dellIsola. Mi ha accompagnato Ivan.
Abbiamo mangiato a casa di una famiglia, che ci ha prontamente ospitato, e poi siamo

51

interessante notare come alcuni autori indichino alle origini del moderno machismo messicano
una connessione con i modelli di comportamento dei conquistadores spagnoli.

69

andati a fare il giro della zona, famosa per la sua bellezza. Ivan ha comprato con me un
succo allemporio vicino a casa dei nostri ospiti, quando siamo arrivati alla piazza in cui
erano radunati tutti i ragazzi del circondario lo abbiamo offerto. Nessuno lo ha accettato.
Finch un bambino lo ha bevuto, quasi per farci un favore. Non capendo, ho chiesto a
Ivan come mai avessero tutti rifiutato il nostro succo. Ivan mi ha risposto con unaria
infastidita: Ah! Manie degli uomini i machos non bevono succo! (Diario di campo,
12 Marzo 2014)
Siamo di nuovo scesi a cenare al bar di Tita. Cerano alcuni pescatori, gi belli allegri per
il grogue in corpo, nonostante lorario. Un tizio si presentato a me e Christian, ci ha
chiesto chi eravamo, perch eravamo l, e, forse perch soddisfatto dalle nostre risposte,
ci ha pagato un cartone di succo Compal di benvenuto. Ho chiesto a Tita tre bicchieri e
ne ho versato uno anche per il nostro ospite. Il pescatore per ha scosso la testa: No
grazie, io non bevo succo, solo alcool. (Diario di campo, 7 Gennaio 2014)

Un uomo, dunque, solitamente non accetta di bere un succo, considerato bevanda


femminile, che viene infatti offerta alle donne che accompagnano i momenti di parodia
delluomo. Allinterno delle bevande alcoliche esiste poi unulteriore differenziazione: la birra
considerata leve, leggera, dunque socialmente accettabile, anche se di certo non
incoraggiato, che una donna beva birra. A livello di super alcolici le isole di Capo Verde
offrono due specialit locali, frutto di una lunga tradizione e tuttora prodotte
artigianalmente: il grogue e il pontche. Il grogue una sorta di grappa ricavata dalla
fermentazione della canna da zucchero, mentre il pontche un liquore molto dolce, ricavato
dallunione di grogue e sciroppi di vari sapori (cocco, fragola, azedinha) o miele ricavato dalla
canna da zucchero. Il pontche dunque considerato un consumo femminile, essendo molto
dolce e associato a gusti di frutta, mentre il grogue adatto a un pubblico maschile. Poche
donne bevono il grogue, bevanda privilegiata dagli uomini, specialmente nelle occasioni tra
soli maschi.
Un esito paradossale della retorica dellaguentar a bebida la diffusione dellalcolismo, che
ad oggi costituisce una delle questioni sociali pi problematiche a Praia. Le ripercussioni
dellabuso di alcolici sono notevoli tanto in termini di aumento dei tassi di violenza,
soprattutto di genere, quanto per lincidenza sempre maggiore di malattie dellapparato

70

cardiocircolatorio, ad oggi una delle principali cause di morte52 della popolazione maschile,
secondo i dati INE53.
Oggi pranzo da Zuleika. Abbiamo cucinato insieme e sistemato un po la casa. Mi ha
parlato della sua famiglia. Non mi ricordo come ci siamo arrivate, ma mi ha detto che
suo padre ha dei grossi problemi di alcool. Beve un sacco, da sempre, e anche se il
dottore gli ha detto che cos finir per ammazzarsi, lui continua. Ha gi perso due fratelli,
pure giovani, a 33 anni, per lalcool, eppure non si spaventa. E lui si gi compromesso
abbastanza. Perch quando beve poi va con altre donne, non si protegge, e ora sta
pagando le conseguenze della sua condotta. Non ho voluto chiederle se avesse lHIV o
lepatite. Zuleika ha continuato dicendo che queste cose, a Capo Verde, capitano pi agli
uomini, le donne bevono meno. (Diario di campo, 8 Febbraio 2014)

Gli effetti nocivi che la retorica di genere sul consumo di alcool produce nei corpi degli
appartenenti al genere maschile, dimostra, come sostenuto da Bourdieu (1998), che gli
uomini stessi si rivelano essere vittime della rappresentazione egemonica imposta dalla
gerarchia di genere. Riprendendo il discorso di Paulo, dellAssociazione Lasu Branku, gli
uomini sono costretti a sforzarsi per arrivare al livello considerato adeguato dalla societ,
spesso anche con ripercussioni negative a livello personale. Secondo il discorso della virilit
8 o 80, infatti, venir meno anche in minima parte al modello virile ideale significa
direttamente negare la propria mascolinit: non si pu essere uomini a livello 67, 52 o 79, o
80 o niente.
Come gi anticipato, a Capo Verde luomo, oltre allalcool, deve sopportare il dolore e le
emozioni. mi ka ata txora, non piange, n per il dolore fisico, n emotivo. Gli uomini
tendono a ricorrere allassistenza sanitaria in misura significativamente minore rispetto alle
donne, con gravi conseguenze sulla propria salute. Il corpo visto come uno strumento da
domare, su cui esibire la propria superiorit, la capacit di autocontrollo. Dimostrare la
necessit di un aiuto medico sarebbe indice di debolezza. La medesima retorica della
sopportazione del dolore fisico presentata da David Gilmore (1990) in relazione alla societ
cinese, in cui gli anziani maschi rifiutano di sottoporsi a cure mediche come prova della
propria virilit. Durante unintervista, un ragazzo appartenente alla gang di un quartiere

52

Le cause di morte della popolazione maschile principali restano tuttavia i traumi e le cause
esterne, ossia episodi di violenza e aggressione, in buona parte riconducibili al costrutto culturale
nra, disaforo e vinganza.
53
Tab. 6 in Appendice.

71

limitrofo al mio, mi ha raccontato di essere stato colpito alla testa da una pallottola il mese
precedente. Quando gli ho chiesto se si fosse recato allospedale, il ragazzo mi ha risposto di
no, che il proiettile non era entrato, lo aveva colpito solo di striscio, non ne valeva la pena.
Nel corso di unaltra intervista ho riconosciuto nelle parole del mio interlocutore la medesima
logica:
Mi hanno gi sparato. Non fa male. Accoltellato. Non fa male. Colpito con una mazza
da baseball, non fa male. Ho preso bottigliate, pietrate, pugni in faccia. Non fa male. Qua
mi hanno tirato un bicchiere di vetro, vedi? mi mostra una grossa cicatrice che va dalla
bocca al collo Io per questa cosa sono quasi morto, mi hanno dato 35 punti. Poi sono
tornato a casa dallospedale e mi erano rimasti due pezzi di vetro nel collo, ma io non lo
sapevo. Quando dormivo, dormivo dal lato della ferita e cos spingevo i pezzi di vetro
ancora pi in dentro, p! Alla fine mi hanno costretto ad andare dal medico. Il dottore
mi ha detto che se avessi aspettato ancora un paio di giorni quel vetro mi avrebbe
tagliato la giugulare, p! Si! Gi quasi la stava tagliando! E io sentivo il male, ma pensavo
fosse normale, lo sopportavo, non pensavo di dover andare dal medico. (Intervista a
Devil)

Oltre al dolore luomo deve sopportare le emozioni. Con la progressiva costruzione del
sistema di genere moderno, lespressione delle emozioni stata veicolata in maniera sempre
pi stringente al genere femminile, associata alla mancanza di autocontrollo per debolezza
di carattere. Al contrario luomo ha strutturato il proprio modello dominante su una
crescente capacit di astrazione e razionalizzazione. Tale processo richiama lassociazione
donne-natura rispetto a uomini-cultura, trattata da Ortner (1981). Dunque, luomo
capoverdiano non piange, neanche per la morte di una persona cara.
Oggi era il mio secondo giorno ad Achada Grande. Sono andata l con Lisa, in taxi.
Quando siamo arrivate di fronte al liceo per ci siamo rese conto che qualcosa non
andava: cera una macchina della polizia, unambulanza e una folla di gente agitata. Ho
visto un ragazzo, di 15 anni pi o meno che gridava a squarciagola: Oi nha mai! Oi, oi!
Nha mai54! mentre altri due ragazzi lo trattenevano per i vestiti. Lisa mi ha detto di
andarcene in fretta, cos ci siamo dirette verso il Pilorinhu, io completamente stordita.
Nei pochi metri che ci separavano dal centro abbiamo incontrato Zuleika e altre donne
buttate a terra che piangevano con un lamento triste e melodioso, ripetendo le stesse
parole del ragazzo. Abbiamo scoperto che morto un bambino, di dieci anni, fulminato.

54

Oh, madre mia.

72

Gli impianti elettrici qui sono quasi tutti irregolari, pericolosissimi. Nel Pilorinhu ci
aspettavano Sara, Dj e Kevin. Sara piangeva, disperata. Dj e Kevin invece, neanche una
lacrima: dalla loro bocca solo parole di rabbia contro un sistema che ha permesso questa
morte. (Diario di campo, 4 Dicembre 2013)

Rispetto allautocontrollo sulle emozioni vorrei riportare una riflessione di Veiga Miranda,
ipotesi che io non avevo considerato e che potrebbe aprire nuove prospettive di lettura del
fenomeno in questione. Veiga Miranda riconosce il tab sociale per gli uomini ad esprimere
le emozioni, ma, avendo condiviso personalmente molto tempo e parodia con i maschi di
Rincon protagonisti della sua ricerca, sostiene che questo non sempre rispettato. Secondo
lo studioso infatti proprio nelle situazioni di male bonding, di parodia notturna nei bar
locali, che gli uomini esprimono un carattere emotivo e si dimostrano affettivi uno con laltro:
il bar di Pedrinho un luogo in cui gli uomini bevono, ma anche ascoltano musica, ballano
da soli, si abbracciano, cantano, si confidano, ridono luno dellaltro e arrivano perfino a
piangere (Veiga Miranda, 2013, pag. 65). Questo estratto mi ha fatto rivalutare una
situazione che ho vissuto. Non mi capitato spesso di frequentare i bar in cui di sera si
ritrovano solo uomini a bere e divertirsi, perch per una donna possono rappresentare
situazioni faticose da gestire. Limbarazzo e il disagio che una donna sperimenta in tali
situazioni a causa del comportamento maschile invadente e spesso prepotente (la maggior
parte degli uomini in queste occasioni ubriaca), possono essere letti come una strategia
maschile per mantenere il genere femminile lontano da un proprio spazio di azione.
Nelloccasione che riporto nel seguente brano di diario di campo, tuttavia, mi trovavo proprio
in uno di questi bar, insieme a unamica e al fratello di lei che aveva voluto a tutti i costi
portarci l per farci conoscere lambiente.
Stasera sono stata da Carmelita con Alina e suo fratello. Carmelit uno di quei baretti
sempre pieni di uomini ubriachi di cui Achada Grande pieno. Chiaramente io e Alina
eravamo le uniche donne. Ci saranno stati almeno altri dieci uomini, tutti un po brilli,
che parlavano animatamente con il fratello di Alina e hanno cercato ripetutamente di
convincerci a ballare. Io cominciavo a scocciarmi poi per successa una cosa strana:
due uomini hanno cominciato a ballare il funan stretti tra di loro! Sono rimasta stupita,
qui a Capo Verde che mi sembrano tutti omofobi! Ho riso tra me e me a voler sempre
uscire senza donne! Poi si costretti a ballare il funan con chi capita! (Diario di Campo,
2 Aprile 2014)

73

Avendo avuto prova pi volte della forte omofobia che caratterizza la citt di Praia, ero
decisamente sorpresa davanti alla scena a cui mi trovavo ad assistere. Tuttavia la mia
interpretazione immediata era legata alla mancanza di donne, che costringeva gli uomini a
ballare tra di loro. In realt tali ambiti di omosocialit esclusiva potrebbero rappresentare,
come suggerisce Veiga Miranda, uno spazio protetto di espressione di emozioni e di maggior
libert a livello di contatto fisico tra uomini, in cui viene momentaneamente accantonato il
costante timore di venire meno alla mascolinit egemonica sancita dalla comunit.
2.3.5. e forza
Il secondo aspetto messo in scena negli spazi pubblici dai membri del genere maschile
riferito allespressione di vitalit aggressiva, forza e potenza, che diventano misura della
virilit del soggetto. Questa esuberanza aggressiva maschile si declina in diversi aspetti, tra i
quali il primo la dimostrazione di una sessualit attiva e predatoria, che si manifesta tanto
attraverso un corteggiamento quasi aggressivo della donna, attuato di fronte a un pubblico
maschile, quanto attraverso il racconto delle proprie conquiste e delle proprie performance
sessuali con il gruppo di amici. Questo elemento si collega al secondo aspetto costituito dalla
dominazione del genere femminile, in particolare delle varie partner. Specialmente nelle
situazioni pubbliche, luomo deve dimostrare di avere il totale controllo sulla compagna, e
soprattutto di godere di una libert illimitata che gli permette di passare quanto tempo
desidera nella parodia, senza doversi caricare di preoccupazioni relative al contesto
domestico. Paradigmatico il racconto che mi stato fatto da Paulo a proposito:
A volte gli uomini esagerano una signora che conosco una volta andata a chiamare
il marito a tavola, per il pranzo, mentre lui era fuori con gli amici nella parodia. Non so
cosa i suoi amici abbiano commentato, perch lui poi arrivato a casa furioso e ha
cominciato a urlarle che non doveva pi azzardarsi ad umiliarlo di fronte ai suoi amici! E
poi ha cominciato a picchiarla! E ti dico, una volta quelluomo non era cos! (Intervista
a Paulo, Associazione Lasu Branku Cabo Verde).

Gli uomini costruiscono e affermano la propria virilit disputando in contese esclusivamente


maschili. A Praia regna un complesso sistema incentrato sui temi dellonore, della sfida e
della vendetta (Massart, 2013), che regola la gerarchia interna al genere maschile, in una
continua negoziazione reciproca della virilit. Queste tre caratteristiche sono tuttavia
elementi decisamente complessi, che meritano una trattazione pi sistematica, che sar
svolta pi avanti.

74

Lultimo aspetto legato alla dimostrazione di forza maschile nello spazio pubblico
rappresentato dal corpo. La corporeit simbolizzata a partire da elementi sociali e culturali
che danno intellegibilit al corpo. La mascolinit, secondo Bourdieu, innanzitutto un carico,
una missione da portare a termine, rispetto alla quale bisogna produrre segni visibili sul
corpo, come prove della raggiunta virilit (Bourdieu, 1998). La corporeit maschile
egemonica si modella dunque su unestetica dei muscoli. La costante attenzione
allapparenza, produce a Capo Verde la messa in atto di unopera di manipolazione e
allenamento del corpo per conformarlo a tale modello estetico, espressione di potenza
muscolare virile.

2.4. mi dadu ti si mai: pressioni per una sessualit predatoria


2.4.1. Una compulsiva eterosessualit
Ho passato il pomeriggio a casa di Devil55. Quando sono arrivata in casa cerano Lailson
e un altro tipo di Meio Achada, tutto esaltato dal fatto che io parlassi kriolo. Si trovano
da Devil per ascoltare musica rap, fumare ganza56 e rilassarsi. Mentre ero l, non ricordo
bene come, il discorso caduto su gay e lesbiche. Devil ci raccontava di un suo
compagno gay. Usava persino le mutandine da donna! Una volta mi ha chiesto di
metterglielo nel culo! Devil ride forte, tra le esclamazioni degli altri due E io allora gli
ha detto: ma come? Ma tu sei un uomo, guarda, hai il fanano57! E lui mi ha detto che
per gli tira per gli uomini! Ok amico, diskontra58, ma se ti azzardi a provare qualcosa
con me ti becchi un cazzotto in faccia! Chiaro? gli altri sono tutti a scoppiati a ridere.
Comunque a parlare di uomini gay erano tutti schifati e imbarazzati, si mettevano a
ridere nervosi, gridavano, ripetevano: Ma come? Hanno due fananos! Due donne va
ancora bene, ma due uomini!!. (Diario di campo, 6 Maggio 2014).

Durante la mia permanenza sul campo a Praia mi capitato di incontrare pi volte segni di
una forte componente omofobica presente in tutti gli strati socio-economici della
popolazione. Un giorno stavo parlando di omosessualit con una mia amica laureata,

55

Devil il soprannome di uno dei miei pi preziosi interlocutori e amici. La storia del suo soprannome
verr trattata in seguito.
56
Marijuana.
57
Pene.
58
Non ti preoccupare.

75

benestante e dalla mentalit aperta e tollerante. Quando per ho toccato la tematica


delladozione da parte di coppie omogenitoriali, la mia amica ha manifestato una fortissima
resistenza, che ha motivato sostenendo che i bambini in questo caso sarebbero esposti al
grave pericolo di subire un abuso sessuale da parte dei genitori adottivi. Da due anni sorta
a Capo Verde la prima associazione LGBT, fondata da Angela, un travestito che, a partire
dallesperienza di sofferenza vissuta per poter esprimere unidentit di genere altra rispetto
al modello dicotomico, ha scelto di dedicarsi alla lotta per la promozione dei diritti di chi
fuoriesce dalla norma straight. Tale associazione sorta tuttavia a Mindelo, citt che, come
ho gi anticipato, presenta caratteristiche sostanzialmente differenti rispetto a Praia.
Mariana, una mia collega, funzionaria dellAzione Sociale della Cmara di Praia, mi ha
raccontato del tentativo fallimentare di organizzare la prima parada gay nella capitale.
Nonostante i suoi ripetuti sforzi, il progetto della parata non mai stato approvato e messo
in atto.
Praia non pronta. Sembra una metropoli, una citt moderna, in realt su molte cose
chiusa, murata. Guardati intorno: quanti gay hai conosciuto? Sono pochi quelli che
hanno il coraggio di esprimere liberamente la propria omosessualit. Esiste un gruppo,
una specie di associazione, come quella di Mindelo, qui a Praia. La loro sede per
segreta, hanno paura della violenza della gente (Intervista a Mariana)

La differenza tra Praia e Mindelo nel grado di omofobia sociale diffusa riconducibile a una
diversa costruzione della mascolinit. Come segnalato in precedenza, i badiu, gli abitanti di
Santiago, sono spesso dipinti dai sanpadjudu come maschi violenti, aggressivi, caratterizzati
da una propensione istintiva alla brutalit che sembra quasi animale. Nella direzione opposta,
i badiu invece dicono che i sanpadjudu sono mofinu, non sono veri uomini, perch parlano
troppo e agiscono poco. Gayle Rubin, a proposito, sottolinea come la pratica di una sessualit
normativa abbia leffetto di rinforzare il genere normativo, mentre Judith Butler, invertendo
lordine degli addendi, evidenzia come la vigilanza sulla performance di genere sia un
meccanismo funzionale alla garanzia delleterosessualit (Butler, 1990). Leterosessualit del
desiderio, richiede infatti opposizioni discrete e simmetriche tra maschile e femminile: la
distinzione dicotomica di genere un effetto, non tanto la causa, del regime di
eterossessualit (Butler, 1990). A Praia, una pi stretta vigilanza della performance di genere
maschile produce dunque una compulsiva eterosessualit, che a sua volta rinforza la
mascolinit egemonica normativa. La diffusa omofobia rappresenta un meccanismo di
controllo su una performance di genere che sia inconfutabilmente virile, secondo la

76

suggestione di Rubin: sulluomo che viola i limiti della norma di genere, il sistema disciplinare
sociale agisce svalutandolo attraverso lutilizzo di termini legati al femminile o
allomosessualit, mettendo in dubbio lappartenenza del soggetto allidentit di genere. Allo
stesso tempo il vero maschio capoverdiano attua una performance di genere incentrata
sullespressione della forza fisica, la sottomissione della donna e una sessualit attiva e
predatoria nei suoi confronti, con leffetto di rinforzare a sua volta leterosessualit
normativa.
La correlazione tra virilit e imprescindibile eterosessualit propria del modello Occidentale,
come quello capoverdiano, rintracciabile nel percorso di costruzione storica della
sessualit. Foucault (1976) riconduce la nascita del concetto moderno di omosessualit come
sessualit deviante allOttocento. In precedenza, infatti, lomosessualit non era
concettualizzata come unidentit di genere a s stante. La pratica omosessuale, che allora
veniva definita sodomia, era connotata da un giudizio morale decisamente negativo, ma si
considerava potesse essere attuata da qualsiasi uomo, un peccato in cui chiunque poteva
cadere. A partire dallOttocento, tuttavia, con la nascita della biomedicina, lomosessuale
diventa un tipo sociale: il desiderio omosessuale rappresenta la discriminante che definisce
un tipo di uomo particolare, portatore di una natura deviante (Foucault, 1976). A partire da
questo momento la mascolinit egemonica sar strettamente associata a uneterosessualit
compulsiva.
Lattenzione accordata al desiderio eterosessuale nel contesto capoverdiano rintracciabile,
come gi anticipato, nella scelta dei termini dispregiativi utilizzati verso uomini che
fuoriescono dal quadrato di genere. Anche comportamenti che non implicano una diretta
correlazione con un orientamento omosessuale possono essere motivo per definire chi li
mette in atto mofinu o viadu.
I miei figli mi aiutano sempre nelle faccende di casa: spazzano per terra, lavando i piatti,
lavano vestiti, stirano, gli ho insegnato tutto! Una volta arrivata a casa nostra la
fidanzata di mio figlio grande, mentre lui stava spazzando la stanza. Subito ha nascosto
la scopa! (ride) Aveva paura che la fidanzata pensasse che fosse mofinu! (Intervista a
Gina)

Credo che la terminologia svalutativa in uso a Capo Verde sia indicativa dei centri di interesse
intorno a cui si struttura il sistema di genere locale. Gli insulti che ho sentito utilizzare a Praia,
generalmente insinuano lappartenenza al genere femminile, la sottomissione da parte del

77

genere femminile o lorientamento omosessuale. Questi sono specchio di un sistema di


genere che si fonda sulla dominazione della donna giustificata dalla sua svalutazione
simbolica e su una eterosessualit compulsiva. Questultima componente riconosciuta, da
autori come Foucault (1976) e Butler (1990), come base implicita del sistema della sessualit
che divide luniverso umano nella categorizzazione binaria del maschile e del femminile.
2.4.2. mi dadu ti si mai: un insaziabile desiderio sessuale
Luomo ha pi bisogno di sesso della donna, la natura per quello che una donna pu
anche stare tranquilla senza sesso, ma un uomo non pu resistere, ha bisogno di farlo.
(Intervista a Adilson)

La sessualit maschile capoverdiana costruita intorno alla rappresentazione di una ipersessualit biologica maschile, che veicola necessit e conseguenti comportamenti che
differiscono rispetto al genere femminile. Un detto popolare recita che mi dadu ti si mai:
luomo pronto (alla performance sessuale) perfino con sua madre. Questa espressione,
chiaramente iperbolica, dipinge i tratti di una mascolinit sempre pronta per il sesso, che non
pu rifiutarsi a una donna che gli si offre.
La colpa anche delle donne, Silvia, capisci? Io, per esempio, non che ci voglio finire
subito a letto con una donna, dipende se mi interessa magari aspetto un po di pi. E
per capita che dopo due volte che usciamo e non succede nulla, queste non rispondono
neanche pi al telefono, perch dicono che con me no rola nada59, che sono mofinu.
(Diario di campo, 12 Febbraio 2014)

Un altro detto popolare che sembra rifarsi esattamente al caso che ho appena riportato,
recita mofinu ken ke dadu ka ta toma: gay chi, di fronte a una proposta sessuale, a una
donna disponibile, non la coglie.
Mi capitato di assistere a una scena, nellinterno dellIsola una volta Cera una
signora con il figlio piccolo, avr avuto sette anni. Una ragazza sui venticinque anni stava
scherzando con il bambino, come se fosse il suo namorado60. Quel bambino le ha detto:
No, io non sono il tuo namorado! La madre del bambino si arrabbiata per quella
risposta e gli ha dato uno schiaffo! Si messa a dirgli: Burro! Palerma61! solo perch il
bimbo ha detto a quella ragazza che non era il suo fidanzato. Perch vedi, se una donna
59

Non succede niente.


Fidanzato.
61
Letteralmente: Asino, imbecille.
60

78

o una ragazza, che non siano tua madre o tua sorella, ti facilitano la situazione tu, in
quanto uomo, devi scopare! (Intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku Cabo Verde)

Michel Foucault sostiene che il corpo umano non sia in alcun modo sessuato prima della
sua determinazione nel discorso. Il corpo viene rappresentato come portatore di un sesso
naturale solamente nel contesto delle relazioni di potere che producono il discorso (Foucault,
1976). Dunque, adottanto la prospettiva di Foucault, possibile sostenere che la natura
biologica delliper-sessualit maschile a Capo Verde non sia la causa dellesperienza, del
comportamento e del desiderio sessuale degli uomini, ma piuttosto un suo prodotto.
Operando una funzione di legittimazione dellespressione attiva e ostentata della sessualit
maschile, tale concezione occulta le relazioni di potere in cui costruita. Foucault sottolinea
la duplice funzione del potere, entit contemporaneamente giuridica e produttiva. Il discorso
del potere, contemporaneamente prescrive lespressione attiva della sessualit maschile e
produce la stessa sessualit come naturalmente eccessiva. La sessualit stessa non altro
che un grande meccanismo disciplinare, che produce e organizza la societ praiense,
accordando propriet innate, organizzando ruoli specifici e strutturando le relazioni (anche
sessuali) tra i suoi membri.
La sessualit maschile dunque rappresentata come incontrollabile, uno stimolo a cui gli
uomini non possono fare a meno di rispondere. La capacit di addomesticare listinto
sessuale in realt interpretata come prova di una celata natura omosessuale.
Io penso che i ragazzi della mia et siano molto persi. Immagina, uno studente di tipo
14-16 anni che va al Liceo. Vanno, fanno e non sentono neanche piacere! Vedono una
menina e subito pensano solo al piacere del sesso, per loro, e quindi vanno l e
conquistano! Come se quella menina in realt non valesse niente! La mia visione cos:
i ragazzi vanno, conquistano as pekenas, scopano e poi le abbandonano. Perch un
ragazzo vede una pekena gostosa62, sente quel piacere della sessualit, e allora vuole
quella menina. Ma poi, appena riesce a scoparci gi non gli frega pi niente!
(Intervista a Luis)

A livello di rapporti sessuali laccento posto sulla performance, sul concetto di prestazione
sessuale. Stefano Ciccone (2009) riconosce il medesimo meccanismo nel modello maschile
occidentale, in cui il fulcro del rapporto sessuale si concentra sulla dimostrazione di virilit
piuttosto che sulla ricerca del piacere. Durante le interviste che ho svolto, spesso gli uomini

62

Ragazza sexy.

79

miei interlocutori hanno evitato di trattare direttamente il loro vissuto allinterno delle
relazioni sessuali e anche nei momenti di convivialit informale la mia appartenenza di
genere ostacolava il racconto e lostentazione delle proprie performance sessuali. Tuttavia
mi stato di fondamentale aiuto a questo proposito la collaborazione con Paulo, segretario
di Lasu Branku Kabu Verde. Paulo stato molto sincero con me rispetto al suo vissuto
personale, in particolare relativamente ai cambiamenti avvenuti in lui in virt del percorso di
riflessione sulla mascolinit che sta percorrendo. Inoltre, avendo accesso diretto alle
rappresentazioni del rapporto sessuale prodotte dai suoi coetanei, in quanto uomo
capoverdiano, mi ha permesso di venire a conoscenza di tale tematica e di confrontarmi con
lui a proposito.
Gli uomini capoverdiani hanno una visione del sesso devi farlo durare il pi a lungo
possibile, fino a che la donna non si stanca, finch non sopporta pi! Deve arrebentar a
mudjer, distruggerla di fatica Non so, tipo una gara, una prova fisica (Diario di
campo, 13 Febbraio 2014)

La performance sessuale delluomo che deve arrebentar a mudjer, diventa dunque uno dei
luoghi di riproduzione del dominio maschile. La relazione sessuale diventa relazione di
dominio, in cui luomo, arrogandosi la prerogativa esclusiva di esercitare il potere di far
godere, riafferma la sottomissione del genere femminile. Tale rappresentazione della
sessualit si accompagna tuttavia a una totale mancanza di conoscenza dellapparato
sessuale femminile, come si pu evincere dal brano di diario seguente.
Abbiamo fatto unattivit con Isa oggi, al centro di S Fende ci saranno stati pi di venti
ragazzi, la maggior parte uomini, tra i 17 e i 25 anni pi o meno. Isa consegnava dei
cartoncini con delle parole e i ragazzi dovevano andarle a posizionare in tre colonne:
uomini, donne e comune, a seconda della loro opinione. Sui cartoncini cerano o nomi
di cose legate alla vita quotidiana, o elementi legati agli apparati sessuali maschile e
femminile. (Lobiettivo era mostrare come in realt solamente i termini legati alla
sessualit biologica del corpo non possano fare parte della colonna comune.) La cosa
che pi mi ha stupito nelle risposte dei ragazzi stata la totale ignoranza degli organi
sessuali! Hanno messo la parola clitoride nella colonna maschile, pene nel femminile e
testicoli nella zona comune, riconoscendo al momento della spiegazione che non
avevano idea del significato di quelle parole (Diario di campo, 13 Dicembre 2013)

Sempre Ciccone (2009) lamenta una scarsa concettualizzazione della sessualit maschile,
ridotta a uno scarico fisiologico e passibile di una separazione completa dalla sfera emotiva

80

e relazionale. Riprendendo le parole di Luis, gli uomini possono avere relazioni sessuali in cui
i ragazzi vanno, conquistano as pekenas, scopano e poi le abbandonano. Luis sottolinea
che le ragazze non vengono considerate di alcun valore in questa operazione e che lobiettivo
dei suoi coetanei costituto solo dal piacere sessuale. Ritengo tuttavia che anche nei rapporti
sessuali come quello descritto da Luis non sia in gioco tanto la ricerca del piacere, quanto
piuttosto la conferma di una virilit che, come gi trattato in precedenze, costitutivamente
precaria, nonch il desiderio di accesso al prestigio sociale.
2.4.3. mi ka podi komi s katchupa: sessualit e strutture di prestigio.
Nel primo capitolo ho riportato lorientamento metodologico di Ortner e Whitehead (1981),
che riconoscono nelle strutture di prestigio uno dei contesti sociali in cui maggiormente
elaborato e espresso il sistema di genere proprio di ogni societ. A Praia, la sessualit uno
dei principali ambiti in cui possibile raggiungere il prestigio sociale e il corpo diviene lo
strumento al servizio di tale obiettivo. Tanto gli uomini quanto le donne, infatti, possono
ottenere promozioni a livello sociale, attraverso strategiche performance del corpo. Le
donne, tradizionalmente, manipolano la propria sessualit al fine di sposare un uomo,
preferibilmente ricco, e salire nella scala dello status sociale. Con il progredire del depotenziamento dello status di mudjer casada, specialmente in un contesto di povert come
Achada Grande, in cui limpossibilit di sostenere il costo di una cerimonia nuziale ha reso il
matrimonio unopzione limitata a pochi eletti, le donne continuano a utilizzare la sessualit
in funzione del prestigio sociale. A proposito trovo interessante la storia di T, madre di due
figli di cui ho gi parlato in precedenza.
Vedi, i padri dei miei due figli non mi passano nulla! Allora un giorno ho messo del saldo
nel telefono e ho chiamato il padre della femmina, quello che sta in Francia. Sapevo il
numero a memoria, solo che devo aver sbagliato qualcosa, il numero entra al contrario,
mi risponde qualcun altro. Ma io non me ne accorgo, gli dico: Ma non ti vergogni? Tu
in Francia e tua figlia qui a soffrire la fame, am ke mai, am ke pai, e tu non aiuti in
nulla! Il saldo termina. Due ore dopo mi richiama il tipo a cui io avevo telefonato, mi
dice che mi sono sbagliata, che lui non chi penso io. E mi ha chiesto di raccontargli del
mio problema allinizio non mi fidavo, ma poi, ho pensato: cosa ho da perdere? Cos
gli ho raccontato tutto. Poi mi ha richiamato un altro giorno, mi ha detto di avermi
mandato 7000 escudos! Ne ho presi 500 e lho chiamato per ringraziarlo e cos
abbiamo cominciato a sentirci, lui mi chiama quasi tutti i giorni, mi chiede dei bambini.
santomense, emigrato in Francia. Dopo un po di tempo mi ha chiesto di iniziare a

81

namorar cos, senza esserci mai visti! E io ci ho pensato un po e poi, ok, vediamo
come va. E tutti i mesi lui ora mi manda un denaro, non tanta cosa, ma mi basta per
pagare laffitto della casa, poi io mi arrangio per il cibo e i vestiti. Ma se non fosse per
lui, Silvia, te lo dico chiaro, io potrei stare na vida63. (Intervista a T)

T riesce a sostenere il costo dellaffitto grazie alla mesada che il fidanzato misterioso le
fornisce regolarmente. La seduzione rimane uno degli strumenti messi in atto dalle donne al
fine di legare a s uomini che le aiutino a sostenere i costi economici della quotidianit e dei
figli. Questa aspettativa, come abbiamo gi visto, rimane frustrata nella maggior parte dei
casi: lo stesso sistema che ha prodotto labbandono e la rottura con i precedenti pai dfidju,
influenza la nuova relazione che dovrebbe fornire maggior sicurezza economica e affettiva.
Nel caso di T, tuttavia, la strategia ha successo: il fidanzato misterioso le fornisce
regolarmente una mesada che le permette di pagare laffitto. T riconosce inoltre il rischio
che lei stessa ha corso di cadere nel mercato della prostituzione. Unaltra modalit con cui la
donna utilizza la sessualit per fini di promozione economica, infatti a vida. Gomes Dos
Anjos (2005) descrive una nuova forma di prostituzione che si sta diffondendo a Praia: a
pixinguarias. Le pixinguinhas, secondo Dos Anjos, mettono in atto una nuova performativit
di genere, che rappresenta un sistema di resistenza femminile, che utilizza la seduzione come
arma per negoziare il proprio status sociale. Tale negoziazione fuoriesce, tuttavia, dalle
possibili promozioni di status previste normativamente per la donna, trasformano le
pixinguinhas in una minaccia per la mascolinit dominante (Dos Anjos, 2005). Esporr tale
fenomeno nei dettagli in seguito.
Si dunque trattata la dinamica che le donne mettono in atto per guadagnare prestigio
attraverso la manipolazione del proprio corpo sessuato. In che modo invece gli uomini
perseguono il prestigio maschile nel campo della sessualit? fondamentale innanzitutto
sottolineare come, proprio la sessualit sia uno dei due ambiti64 pi tematizzati a livello di
prestigio maschile. Infatti, un uomo si guadagna il rispetto e il riconoscimento sociale,
sostanzialmente attraverso lespressione di una sessualit attiva e predatoria. Tale potenza
sessuale concretamente provata da un elevato numero di figli e pekenas. Legittimati dalla
concezione di ipers-sessualit biologica, che li investe di un desiderio sessuale eccedente a
cui non possono evitare di dare risposta, gli uomini capoverdiani conquistano diverse donne

63

Nella prostituzione.
Il secondo ambito rappresentato dalla dimostrazione di forza e virilit negoziata nelle sfide tra soli
uomini, di cui si parler nei prossimi paragrafi.
64

82

contemporaneamente. Essere capace di soddisfare sessualmente un elevato numero di


pekenas motivo di orgoglio e prova di grande virilit, tanto che nelle zone rurali dellisola di
Santiago ancora possibile incontrare donne che credono che un uomo con una sola donna
sia affetto da carenze biologiche a livello di apparato sessuale. mi ka podi komi s
katchupa, non pu mangiare solo catchupa, ma anche riso, fagioli, xerem. Ovvero luomo
non pu sperimentare una sola donna, ma tante diverse, per appagare il proprio desiderio
sessuale iperbolico ed evitare il pericolo di arrivare a non apprezzare pi la pratica sessuale,
per la noia subentrata nellintrattenere relazioni sempre con la stessa donna. A questo
proposito credo che sia esplicavo questo estratto del mio diario di campo.
L'altra sera eravamo da Dika a cena. Ci siamo guardati il dv con le foto di Natale un po'
di volte, in tv. Jacky, uno dei nipoti di zia Fica commentava le foto della sua fidanzata, a
sua branquinha, ovvero la sua bianchina (in realt mulatta). A un certo punto mi ha
detto che lui ha dieci morose. Ognuna in un posto diverso, una ad Assomada, una in
Angola, le altre sparse per Praia e dintorni, un paio ad Atchada Grande. Non stava
scherzando, ridendo, niente, era vero e punto. Nessuno che lo criticasse, n che lui
provasse vergogna verso di me, in quanto donna. Gli ho chiesto se loro lo sanno e lui ha
detto di no, claro! Gli ho chiesto se anche loro hanno dieci morosi e lui ha detto di no,
di nuovo, che hanno solo lui. E poi mi ha detto che loro piangono per niente, che ogni
minima cosa che lui fa un pianto! Mi chiedo quale sarebbe stata la reazione delle
persone nella stanza se a dirlo fosse stata una ragazza. (Diario di campo, 18 Gennaio
2014)

2.4.4. Complicit femminile


La cosa che pi mi aveva sorpreso della situazione non era tanto laffermazione di Jacky, ma
il pubblico di fronte a cui laveva fatta: Dika, la zia cinquantenne, figura di riferimento attorno
a cui si organizzava lintera famiglia allargata. Mi sono immaginata cosa sarebbe successo se
mio fratello, in Italia, si fosse vantato davanti a mia nonna (che rappresenta il corrispettivo
italiano di Dika, in quanto perno aggregativo della mia famiglia allargata) di avere relazioni
con dieci ragazze contemporaneamente. Semplicemente il problema non si presenterebbe,
in quanto mio fratello non oserebbe fare unaffermazione del genere di fronte a mia nonna.
Invece Dika rimasta impassibile, anzi continuava a sorridere e ringraziare tanto noi, quanto
il nipote di essere venuti a trovarla.

83

Questo evento mi ha fatto riflettere rispetto al ruolo femminile nella riproduzione della ipersessualit degli uomini. Come stato analizzato nei paragrafi precedenti, le donne svolgono
un ruolo di riproduzione del sistema gerarchico di genere attraverso la libert attribuita
selettivamente in maniera differenziata ai figli maschi e alle figlie femmine (Rodrigues, 2007).
Fa parte della libert in questione anche quella specificatamente sessuale. I figli, nipoti,
afilhados, che intessono relazioni con pi donne contemporaneamente non incorrono nella
riprovazione delle donne di famiglia, in quanto si crede che la tendenza alla poligamia e un
accentuato desiderio sessuale facciano parte della natura maschile. Jacky non stava dunque
facendo altro che adempiere adeguatamente alle aspettative di genere imposte dalla societ,
stava diventando un uomo. Queste aspettative si ritrovano anche nellusanza ampiamente
diffusa a Praia di chiedere ai bambini maschi, in maniera scherzosa, quante pekenas abbiano.
In altre occasioni, le donne assumono anche un ruolo pi attivo nella socializzazione dei
bambini a questo tipo di sessualit predatoria, come nel caso riportato a inizio paragrafo in
cui la madre schiaffeggia il figlio piccolo. Attraverso lo schiaffo la donna insegna al bambino
che non dovr mai rifiutare di cogliere le occasioni di conquistare una ragazza che gli
capiteranno nel corso della vita adulta. Lassegnazione del prestigio in base allesercizio di
una sessualit predatoria praiense, sembra essere ampiamente introiettata gi dalla fascia
infantile della popolazione di Praia, come dimostrano i seguenti estratti del mio diario di
campo.
Oggi, mentre andavo a comprare il biglietto della nave, ho incontrato Lucio. Era andato
al mercato a comprare qualcosa per lICCA65, mi ha chiesto se volevo andare a vedere
dove lavora. un centro a Platou, vicino allospedale. Lucio ha cominciato l come
volontario a 18 anni, dopo essere stato uno dei bambini stessi accolti dallICCA, poi ha
continuato come funzionario. l da 7 anni, ora ne ha 26... [] Una serie di bambiniragazzi e ragazze entrano, vanno e vengono. Un bimbetto di sei anni, il pi piccolo che
ho visto, venuto a conoscermi curioso. Luis mi ha detto che bom na badja66. Dopo
che labbiamo pregato un po il bimbo si messo a ballare... ballava facendo gesti che
richiamavano latto sessuale, facendo il triangolo della vagina con le mani... non credo
abbia chiaro cosa vogliano dire quei gesti, uno stile di ballare che ho visto qui nelle
zone ghetto. Mi ha detto che lui ha dja arranjado un mudjer67 e che hanno gi un figlio.
Sei anni. Evidentemente non era vero niente, ma mi ha stupito la chiarezza con cui a soli

65

Istituto capoverdiano del bambino e delladolescente.


Bravo a ballare.
67
Ha gi trovato una donna.
66

84

sei anni sia gi chiaro il fatto che arranjar mudjer e avere un figlio siano entrambi segni
di status maschile. (Diario di campo, 8 Maggio 2014)
Sono salita ad Achada a piedi, stanchissima oggi, forse il sole, forse non so, mi sento
quasi la febbre... ho beccato Linda che stava dentro un negozio al posto della sorella. La
sorella di pomeriggio lavora, quindi questa settimana resta lei in negozio. [] A un certo
punto sono entrati due putos68 di 10 anni, 13 al massimo. Uno con un coltello
arrugginito. Si sono messi a fare i bulletti con Linda, a dirle che lei era bonita dimas,
troppo bella. Di casar ku el, di sposarlo. A un certo punto Linda, senza fare troppo caso
a quello che dicevano, ha preso un palo di quelli che vende in negozio e gli ha detto che
se non sparivano glielo avrebbe dato in testa! I ragazzetti hanno cominciato a dire che
suo padre, suo zio hanno una pistola, Linda ha detto che anche suo padre ha una pistola.
Alla fine se ne liberata. Mi pesa questa arroganza degli uomini, gi a 13 anni si sentono
in diritto di commentarti in modo cos palese e sfrontato. Laltro giorno, mentre salivo
ad Achada, un ragazzino di dieci anni al massimo continuava a fischiarmi e a gridarmi
qualcosa tipo di arranjar ku el. A dieci anni. (Diario di campo, 8 Maggio 2014)

Le donne adulte, al tempo stesso, nei confronti dei partner infedeli, ripropongono di nuovo
dinamiche che non fanno che rafforzare il dominio maschile. Una donna che scopre
lesistenza di unaltra pekena con cui sta condividendo il compagno, non se la prende tanto
con il partner in questione, ma con la donna rivale. Cos, pochi giorni dopo il mio arrivo a
Praia mi capitato, involontariamente, di trovarmi ad essere loggetto della rabbia della
compagna di un mio conoscente.
Stasera mi ha chiamato Tchiou, il nostro futuro spero- padrone di casa. Io ho risposto
tranquilla, ma allaltro capo ha risposto una donna. Mi ha chiesto chi ero. All'inizio non
capivo, era lei che chiamava! Poi ho collegato...doveva essere la mudjer de Tchiou, che
trovando tutte le chiamate che gli ho fatto oggi per accordarci per laffitto deve aver
pensato che io fossi l'amante. Le ho detto che ero Silvia, l'italiana a cui lui stava
affittando casa, allora mi ha detto: ah no, nada e ha messo gi. Stefi mi ha detto che
le fidanzate dei ragazzi del bairro con cui lavora a volte lhanno addirittura minacciata,
prima di capire che lei non stava cercando in nessun modo di far loro concorrenza! (Dario
di campo, 14 Dicembre 2014)

68

Ragazzini.

85

Questa dinamica canalizza la rabbia generata nella donna dalla situazione di tradimento
subito verso unaltra donna ed evita di rimette sostanzialmente in discussione il sistema
stesso della relazione tra i generi.
2.4.5. Nha bodi ka ta maradu69: il gioco della conquista
Sono andata a correre con Jandira verso le 17. Mentre correvamo Ja mi metteva in
guardia dagli uomini capoverdiani. Il tipo di Achada che suona la concha70, l'altro giorno
mi ha abbastanza insistentemente invitato a ballare in discoteca. Ha fatto il finto tonto
quando gli ho detto che Christian, il mio fidanzato, era tornato in Italia, sono certa che
lo sapesse benissimo. L'ho incontrato un sacco di volte quando c'era Chri, anche da sola,
e non mi ha mai detto nulla del genere, mentre questa volta era molto insistente, anche
se io continuavo a dirgli di no. Per fortuna cera Uv, che gli ha detto che sono fidanzata
e ha chiuso la questione. Comunque Ja mi ha messo in guardia, dice che quel tipo ha un
sacco di donne, beve, etc, etc (che beve mi era gi chiaro, sul sacco di donne mi sembra
difficile, visto il livello del suo tasso etilico giornaliero). Ne abbiamo un po' parlato, Ja
mi ha detto che qua i ragazzi ci provano con tutte, non importa se sei fidanzata. E poi mi
ha detto: Io, se un tipo ha la ragazza, mica vado a provarci con lui, immagina! (Diario
di campo, 24 Gennaio 2014)

Abbiamo visto come il desiderio sessuale maschile a Capo Verde sia costantemente
enfatizzato. Specularmente, quello femminile represso e negato. Una donna non pu
prendere liniziativa nel corteggiamento, n dimostrarsi troppo disponibile o incorrer nel
giudizio sociale, e sar tacciata dallepiteto di piriketi, ossia prostituta, donna facile. Mentre
luomo al contrario, ka ta maradu: non legato, ossia sempre in caccia di donne.
Le ragazze del quartiere non la sopportano, Wanda. Allinizio non capivo perch.
Dicevano sempre cose vaghe mi sa che ho capito. che Wanda va un po con tutti
molto bella e quindi appena arriva qualcuno di nuovo o minimamente interessante nel
bairro lei ci si appiccica e alla fine qualcosa combinano. Piriketi, come dice Zuleika. Forse
sono gelose. O forse semplicemente hanno rabbia di Wanda perch se ne frega delle
regole di buona condotta e fa quel che le pare. (Diario di campo, 13 Marzo 2014)

69

Il mio ariete non legato. interessante osservare come luomo sia paragonato al maschio della
capra, come avviene anche nel contesto andaluso descritto da Stanley Brandes. Questo fatto pu
essere prova ulteriore delle analogie esistenti tra il sistema di genere capoverdiano e quello
mediterraneo.
70
Una conchiglia molto grossa, che viene suonata soffiandovi dentro. Si usa durante la manifestazione
della Tabanka, a Giugno.

86

La polarit dellespressione del desiderio sessuale produce una dinamica di corteggiamento


in cui luomo tenuto a dimostrarsi sempre in caccia, mentre la donna deve negare ogni
interesse relativo alle avances ricevute. Il rifiuto femminile non viene dunque percepito come
reale mancanza di interesse, gli uomini affermano che le donne praiensi amano farsi
desiderare, per questo dicono di no. Questa dinamica era sicuramente messa in atto dalle
mie amiche capoverdiane, che fingevano il minor interesse possibile per poter amarrar pi a
lungo il pretendente. Gli uomini accolgono come una sfida tale rifiuto, una prova per poter
dimostrare il proprio valore maschile.
Stasera ero al Palkus, con Teo e Andr. successa una cosa strana, forse per via della
presenza di Andr, Teo per la prima volta ha cominciato a raccontare della sua vita
sentimentale. Finora ho pensato che Teo fuoriuscisse completamente dal modello di
conquistador capoverdiano: ha una fidanzata fissa, che vive pure allestero, e sembra
esserle fedele. Stasera per a un certo punto ha tirato fuori il fatto che a lui piace
conquistare le donne, dir loro che sono bonitas, e cos via. Ma che quello che davvero
gli piace e quando una donna gli dice di NO, lo rifiuta. A quel punto sente il sapore della
sfida e si interessa di piu. (Diario di Campo, 14 Marzo 2014)
Sara mi ha raccontato che laltra sera uscita con delle sue amiche a Kebracabana, uscita
solo donne. Per tutta la sera un tizio misterioso ha pagato giri da bere al loro tavolo.
Loro pensavano fosse un tipo che avevano adocchiato, dal lato del mare invece dopo
un po un tizio che era seduto al tavolo con una ragazza, quando lei andata in bagno,
si alzato ed andato al loro tavolo. Capito come sono? Eri l con una tipa e intanto
offriva da bere a noi! Che schifo (Diario di campo, 20 Maggio 2014)

Secondo la mia opinione, uno degli elementi in cui tale dinamica pi evidente, quello dei
commenti per la strada. Gli uomini, al passaggio di una donna per strada, si sentono
autorizzati, e addirittura tenuti a fare apprezzamenti a voce sufficientemente alta per essere
sentiti dalla diretta interessata. Fischiano, cercano di richiamare lattenzione della donna con
inviti o dichiarazioni damore. Pi volte mi capitato che sconosciuti, che non mi avevano
mai vista prima, si dichiarassero dodu na mi71, piuttosto che nha f, vedendomi passare
nel loro quartiere. Questa dinamica si accentua in particolare quando gli uomini sono in
gruppo, per esempio seduti davanti a un bar, una casa, allangolo di una strada. Camminando
per strada sentivo il peso degli sguardi e dei commenti, che provocavano in me rabbia e
insofferenza, anche perch mi trovavo priva di strumenti per controbattere. Ignorandoli
71

Pazzo di me, Mio fan.

87

stavo in realt giocando al loro stesso gioco, dal momento che la reazione che ci si aspetta
dalla donna capoverdiana esattamente quella di dimostrare una superiorit costruita per
simulare il reale interesse. Mi sono confrontata con diversi uomini a tale proposito, essendo
questa una caratteristica della vita a Capo Verde che trovavo particolarmente fastidiosa. La
maggior parte degli uomini hanno confermato di agire cos appunto perch alle donne
capoverdiane piace, si sentono pi belle. La maggior parte delle donne capoverdiane con cui
ho convissuto invece mi rimandavano lo stesso senso di insofferenza che ho sperimentato
direttamente sulla mia pelle. Bourdieu coglie la peculiarit di questa dinamica sottolineando
come lo sguardo diventi uno strumento di potere, un potere simbolico la cui efficacia
dipende dalla posizione relativa di colui che percepisce e colui che percepito [], che finisce
per porre le donne in uno stato di permanente alienazione simbolica (Bourdieu, 2009, pag.
79). Le donne esistono per e attraverso lo sguardo degli uomini, che attraverso la loro
oggettivazione produce il proprio dominio.
Tuttavia, al riguardo a volte avevo la percezione che gli uomini fossero in un certo senso
costretti a fare continue avance al maggior numero di donne possibili.
Laltro giorno ho incontrato Seroy, in spiaggia. un tipo divertente, molto autoironico.
Quando c stato lintercambio con i giovani dallEuropa aveva arranjadu
contemporaneamente con tre ragazze, per cui gli italiani lo avevano rinominato
mandrillone. Abbiamo parlato per mezzora del suo progetto di educazione giovanile
attraverso la capoeira, mi chiedeva se conosco qualcuno alla Cmara che possa
interessarsene e aiutarlo a trovare un finanziamento. Dopo tutto questo discorso ci
siamo salutati e giusto prima che me ne andassi Seroy mi fa: Allora sicura che non
gliela dai unoccasione al Mandrillone? Incorreggibile. Mi sembra quasi che ci debba
provare, tipo di prassi, di routine, come va va, non che gliene freghi troppo. (Diario di
campo, 13 Maggio 2014)

A questo punto mi sembra interessante riportare alcune considerazioni sorte relativamente


alla sessualit maschile nel contesto italiano. Il gruppo di riflessione Maschile Plurale
sorto inizialmente intorno a un interrogarsi tra uomini rispetto allorrore del fenomeno dello
stupro. Riconoscendo lesistenza di un universo simbolico condiviso tra lo stupratore e
ognuno di loro, in quanto appartenenti al genere maschile, i membri del gruppo si sono
chiesti quali elementi del modello di genere maschile veicolassero con s tale violenza.
Stefano Ciccone (2009), ad oggi presidente del gruppo, identifica come luoghi di questa
connessione la povert di concettualizzazione della sessualit maschile e la dinamica di

88

polarizzazione dellespressione del desiderio sessuale di uomini e donne. Il modello di


sessualit maschile occidentale, analogamente a quello praiense, si basa sulla prestazione
fisica e prevede la possibilit di disgiungere il coinvolgimento emotivo dalla pratica sessuale.
Tale sessualit sta allorigine del fenomeno dello stupro, a cui si aggiunge lincapacit
maschile di interpretare un rifiuto femminile come espressione di una volont effettiva. La
maggior parte degli stupri, infatti, non avviene in contesti esterni al nucleo domestico, ma
piuttosto allinterno della stessa coppia di partner. In questo senso il desiderio della donna
viene doppiamente negato: impossibilit di esprimersi, ma al tempo stesso impossibilit di
rifiutarsi, in un sistema che de-legittima liniziativa femminile nella relazione sessuale.
Durante i mesi a Praia ho imparato a vivere in un contesto in cui i due elementi descritti da
Ciccone sono decisamente accentuati. Le donne imparano presto a proteggersi: evitano di
girare da sole in luoghi pericolosi o a orari serali, non danno eccessiva confidenza a
sconosciuti. E nonostante ci lincidenza della violenza sessuale molto alta.
Oggi mentre ero in giro ho visto una notizia alla Tv. Hanno aggredito e violentato una
donna, ieri sera. Lo stupratore aveva un cappuccio in testa, aveva gi violentato due
donne ad Assomada nei giorni passati, non lo hanno ancora trovato. Quando sono
arrivata a casa ho cercato pi notizie possibili su internet. Ho scoperto che era successo
proprio nella strada dietro la casa in cui mi sono appena trasferita. Alle otto di sera.
Queste notizie mi fanno venire i brividi (Diario di campo, 16 Febbraio 2014)

La cosa che pi mi ha colpito di questo evento quanto sia stato scarso linteresse al riguardo
dimostrato tanto dalla comunicazione sociale, quanto dai miei conoscenti. Nonostante il
fatto fosse avvenuto nella via dietro la casa della famiglia presso cui abitavo, alle otto di sera,
non ho colto un aumento della preoccupazione allinterno del nucleo familiare. La violenza
sessuale ancora in parte normalizzata a Praia, tanto che lICIEG72 ha assunto come obiettivo
dellanno la lotta a questo tipo di violenza, con la speranza di portarla al centro del dibattito
pubblico attraverso lorganizzazione di una marcia di sensibilizzazione.
2.4.6. Il prezzo della mascolinit: il tab dellimpotenza
Per concludere questo paragrafo relativo alla sessualit, vorrei introdurre un elemento di
discontinuit allinterno di quanto analizzato. La prospettiva che ho deciso di adottare fin
dallinizio della mia ricerca stata quella di indagare le implicazioni del modello di mascolinit
72

Istituto capoverdiano per luguaglianza e lequit di genere.

89

egemonico, relative tanto alle donne, quanto agli uomini. In accordo con il punto di vista di
Bourdieu (1998) quando afferma che anche gli uomini sono vittima delle rappresentazione
di genere dominanti, vorrei riportare un brano di diario che racconta di uno di questi effetti
collaterali del modello di mascolinit egemonico sulla vita degli uomini. Una volta,
confrontandomi con un amico, gli ho chiesto cosa succede agli uomini che sono impotenti.
Al ritorno ho chiesto a Nenu come vissuta qui l'impotenza. Cio, in realt non solo
l'impotenza, ma quando un ragazzo ha delle difficolt... visto che qui il maschio si vede
dalle sue prestazioni sessuali mi chiedevo che tab ci fosse al riguardo. Prima Nenu mi
ha detto che gli uomini che soffrono di impotenza stringono ancora di pi il controllo
sulle mogli, le chiudono in case, non le lasciano uscire, per evitare che gli mettano le
corna. Poi per mi ha raccontato che lui ha avuto quel problema. Quando ha avuto la
prima fidanzata era molto innamorato, ma quando capitata loccasione di avere il
primo rapporto sessuale non riuscito a farlo.... da l blocco. Con la ragazza seguente
uguale e cos per due anni: lui cercava le ragazze, ma al tempo stesso fuggiva, una crisi!
Mi ha detto che ha pensato di tutto, di essere gay, malato, era disperato! Finalmente,
dopo due anni, riuscito a parlarne con il fratello e qualche amico. Il fratello pi grande,
che aveva fama di grande mulherengo, gli ha detto che era normale, era successo anche
a lui. Il fratello addirittura era andato in Portogallo a fare tutti gli esami, per scoprire che
in realt si trattava di un problema psicologico, di autostima, di fiducia in s stesso....
probabilmente legato a questa storia dell'uomo 8 o 80... comunque alla fine Nenu
andato dalla psicologa e ha risolto il problema. (Diario di campo, 13 Febbraio 2014)

La sessualit normativa produce dunque un modello di uomo e dei tab ad esso veicolati,
come la questione dellimpotenza. Limpossibilit di condividere e anche solo accettare una
disfunzione dellapparato sessuale, che spesso si rivela transitoria, produce una notevole
dose di sofferenza negli uomini capoverdiani che ne sono affetti, a livello psicologico e di
rappresentazione del s. Limpotenza diventa una minaccia non solo per linstaurare relazioni
amorose, ma anche per laffermazione della propria identit di genere.
2.5. mi cabea di mudjer
Come anticipato, il prestigio maschile a capo Verde assegnato anche in base alla capacit
delluomo di esercitare una relazione di dominio sulla controparte femminile. Tale dominio
si struttura su alcuni assi portanti, in particolare il controllo della sessualit femminile,
lesercizio di una violenza di genere ad ampio spettro e la riproduzione di un sistema di
denigrazione sociale e di violenza simbolica.

90

2.5.1. Dos boi ka ta pila nu mesmu trapichi73


Sto andando in nave verso So Vincente, il viaggio della speranza, 26 ore di traversata!
La nave piena di gente sdraiata a terra o sulle file di seggiolini, io, fortunata, ho vinto
lultimo posto sui sedili. Alcuni ragazzi hanno messo una radio con elettro-funan74, i
miei vicini di posto invece si stanno dividendo dei piatti di canja. Dopo un po ho
conosciuto un ragazzo, vestito da militare, di Mindelo, ma trasferito a Praia. Mi
sembrava simpatico. Mi ha fatto vedere le foto del figlio piccolo e della moglie, mi ha
raccontato che vivono a Villanova poi per ha cominciato a raccontarmi che quando
va in trasferta si trova sempre una qualche pekena con cui farsi la storia. Mi ha detto che
salva i loro nomi sul cellulare cambiandoli in nomi maschili, se no la moglie glieli cancella.
Gli ho chiesto cosa farebbe se scoprisse che sua moglie ha un altro Credo! Non riesco
neanche a pensarla una cosa del genere, la mia donna con qualcun altro! mi ha spiegato
che per diverso, che le donne non hanno lo stesso desiderio sessuale degli uomini, gli
uomini ne hanno pi bisogno. Se vedessi mia moglie con un altro. Ah credo che
impazzirei! (Diario di campo, 20 Febbraio 2014)
Lex compagno di Suelma sembra impazzito... non lo riconosco pi. Non ha mai accettato
la fine della loro relazione, ma da quando ha saputo del nuovo compagno di Suelma
completamente uscito di testa. Le intasa il telefono e la casella di posta di messaggi per
intimidirla, la sta diffamando con tutta la cerchia di amici in comune, sembra aver perso
ogni controllo di s (Diario di campo, 12 Marzo 2013)

Gli uomini di Praia sembrano vivere secondo una logica schizofrenica: da un lato
perennemente alla conquista delle donne che incontrano, indipendentemente dal loro stato
civile, dallaltro estremamente gelosi e possessivi rispetto alle proprie compagne. Come
anticipato, una fonte di prestigio maschile infatti veicolata dalla capacit delluomo di
esercitare un ferreo controllo sulla sessualit femminile. Luomo tradito dalla partner subisce
una doppia umiliazione: ad opera di un altro uomo, lamante, il quale si dimostra a lui
superiore nella gerarchia intra-genere, e della moglie stessa, che mette in luce
pubblicamente lincapacit delluomo di esercitare un controllo su di lei. Abbiamo visto che

73

Due buoi non possono lavorare contemporaneamente al medesimo trapichi, ossia una macchina
per la spremitura della canna da zucchero e la preparazione del grogue.
74
Il funan un genere musicale tipico dellIsola di Santiago, molto ritmato, che tradizionalmente
prevede lutilizzo esclusivo dellorganetto e di un ferro allungato con varie scanalature colpito con un
secondo pezzo di ferro che produce un suono molto particolare (gaita e ferro in kriolo). I recenti
musicisti capoverdiani stanno mescolando questo genere musicali con altre tipologie diffuse a livello
transnazionale producendo creazioni ibride interessanti.

91

unaltra fonte di prestigio risiede nella capacit delluomo di soddisfare sessualmente diverse
compagne. Il fatto che la mudjer di qualcuno intrattenga a sua volta relazioni amorose con
un terzo, potrebbe essere imputato socialmente alla scarsit di potenziale erotico delluomo
tradito. In unintervista che ho gi riportato precedentemente, Nenu mi raccontava di come
gli uomini che soffrono di impotenza diventino estremamente gelosi con le compagne,
temendo che queste sopperiscano alla loro mancanza avendo rapporti con altri uomini.
Carvalho Semedo, riferendosi al contesto capoverdiano, sottolinea come la donna apporti un
contributo assolutamente trascurabile alla costruzione dellonore maschile, ma sia
detentrice della terribile potenzialit di distruggerlo (Carvalho Semedo, 2009). Stanley
Brandes, nel periodo di ricerca sulla mascolinit egemonica nel villaggio andaluso di
Monteros, rileva come le donne locali siano considerate dai loro uomini una minaccia. La
peggior umiliazione che un uomo pu sperimentare infatti quella di scoprirsi cabron, di
portare los hornos che gli sono posti dalla compagna infedele (Brandes, 1980). Per
ripristinare, almeno in parte, lorgoglio ferito, luomo deve abbandonare definitivamente la
compagna oppure far s che la relazione adulterina venga interrotta: il cabron che, fingendo
di non sapere, continua a convivere con la situazione costituisce il modello paradigmatico
della perdita di ogni attributo di virilit. Sostanzialmente, lonore di un uomo in Andalusia,
come a Capo Verde, determinato in larga misura dalla condotta sessuale delle donne da lui
dipendenti, ossia partner, sorelle e figlie.
Lorigine di questa correlazione potrebbe essere rintracciata nel sistema di costruzione dello
stesso dominio maschile. Allinizio del secondo capitolo stata affrontata lipotesi sostenuta
da Gayle Rubin che riconduce la costruzione del dominio maschile allo scambio delle donne,
base della struttura di parentela (Rubin, 1975). Lo scambio delle donne, infatti,
istituzionalizza la gerarchia di genere. Riconoscere alla donna una sessualit attiva significa
attribuirle uguale capacit e possibilit di scegliere il proprio partner, destabilizzando cos la
dominazione maschile (Carvalho Semedo, 2009).
A Capo Verde, il controllo sulla sessualit femminile si da sempre basato sullinvestimento
simbolico della verginit. La sessualit femminile valutata in base a una logica binaria,
infatti, lutilizzo che le donne fanno del proprio corpo sessuato le divide in categorie nette e
dicotomiche: mudjer e mai dfidju, donne ke presta, ossia rispettabili, e pixinguinhas.
Lesercizio di una corretta sessualit femminile dunque imperniato su una repressione delle
pulsioni sessuali, il mantenimento dello status virginale il pi a lungo possibile e la fedelt al

92

partner. Specularmente, la sessualit maschile adeguata deve essere attivamente espressa e


si misura con una logica graduale, che si basa sulla possibilit di contare le prove concrete
della virilit. Il prestigio maschile, infatti, cresce in base al numero di pekenas, al numero di
figli, alla dimensione temporale della prestazione sessuale. Questa disuguaglianza riflette la
differente possibilit di espressione del desiderio accordata a uomini e donne, di cui si
discusso nei paragrafi antecedenti. A Praia, la valutazione della donna in base allesercizio
della sua sessualit non pone pi laccento sulla verginit, ma piuttosto sulla fedelt al
compagno. Il testo sulla pixinguaria di Gomes Dos Anjos (2009) sottolinea come i giovani che
frequentano il contesto in studio vivano secondo una costante ermeneutica del sospetto.
Limmoralit delle giovani pixinguinhas, che offrono prestazioni sessuali in virt di un ritorno
materiale, che non deve per forza essere in denaro, viene estesa a tutta la popolazione
femminile. Ogni donna rappresenta per questi ragazzi una possibile pixinguinha, fatto che li
costringe a una situazione di continua diffidenza, per evitare di essere manipolati e umiliati
allinterno della relazione di coppia (Gomes Dos Anjos,2009). La stessa logica sembra animare
il discorso di uno dei ragazzi del bairro che ho intervistato.
Le donne le donne so noia75! Yo per esempio le donne non vogliono prendere le
cose sul serio! Vogliono solo divertirsi, cos per questo che ora non voglio mettermi
nessuno in testa, le donne portano solo rogne, scusami, lo so che tu sei una donna ma
che io ho gi sofferto molto per la mia fidanzata io sono geloso, ero molto geloso di
lei. Per esempio, cera un mio compagno di classe, che dava solo stile ci provava con la
mia pekena e lei tutta disponibile! No, basta non mi fido pi di nessuna ormai
(intervista a Kriu)

Il tradimento femminile, in conclusione, rappresenta un attentato alla mascolinit stessa


delluomo, attaccandola su pi fronti, tra cui le capacit di controllare e di soddisfare
sessualmente la donna.
Il controllo sulla sessualit della donna attivamente operato da partner come da familiari,
spesso dissimulato e legittimato da elementi fittizi.
Oggi ho incontrato Linda in un negozio, ad Achada Grande. Stava sostituendo la sorella,
che lavora e la sera studia come infermiera, nonostante i due figli. Mentre Linda, che ha
trentanni, sta parada76. Credo che a parte qualche animazione con i bambini, non abbia

75
76

In questo caso si intende: Le donne sono solo una perdita di tempo, fonti di problemi inutili.
Ferma.

93

mai lavorato. Ha anche molta meno libert della sorella, perch vive ancora con la
madre, ma essendo una donna sposata con un emigrante che sta negli Stati Uniti, non
pu uscire di sera, non pu fare un sacco di cose. La madre esercita un controllo ferreo
su di lei. Credo che essere la moglie di un emigrante non sia per niente semplice. Linda
vive una vita in attesa. Si, il marito le manda i soldi tutti i mesi, per cui non ha difficolt
economiche Per questo lei non cerca lavoro, non studia, non esce, non si innamora,
continua ad aspettare e lasciare che in realt sia il marito a decidere della sua vita, e la
madre a controllarla. (Dario di campo, 8 Maggio 2014)
Stamattina, mentre facevo colazione ho chiacchierato un po con Kuka, lempregada
domestica della famiglia che mi sta ospitando. Mi ha detto che in questi giorni le sue
cugine stanno gestendo il chiosco della Policia Judiciaria, che a loro piace fare tante kuza
sabi 77(credo intendesse comida, cibo). Mi ha detto che ieri andata ad aiutarle, ma oggi
non pu, suo marito fa storie... Mi ha detto che se tornasse indietro non si prenderebbe
la responsabilit di un marito. Ha proprio detto cos, responsabilit. Che se ora non
avesse marito, al pomeriggio, mentre la figlia a scuola, potrebbe benissimo andarsene
in giro, tipo ad aiutare le sue cugine. Invece deve tornare a pulire la casa, stirare e
cucinare per il marito. E il marito non approva che lei esca di casa. Le ho chiesto se
perch ciumento78. Lei dice che non sa se per quello o perch pi tranquillo a
saperla in casa, visto che Praia pericolosa. In compenso lui ama molto uscire con gli
amici, nella parodia, cos lei sempre chiusa in casa da sola. Mi ha ripetuto: se tornassi
indietro non mi prenderei questa responsabilit! (Diario di campo, 6 Maggio 2014)

Nel caso di Linda, i genitori svolgono la funzione di controllori della virt della figlia sposata,
adducendo a motivo della sua semi-segregazione in casa, il fatto che non vi sia per lei alcuna
necessit di lavorare, essendo moglie di un emigrante in carriera. Il marito di Kuka esercita
su di lei e sulle sue frequentazioni un controllo serrato, dissimulato da apparenti
preoccupazioni di protezione della moglie in un contesto pericoloso come Praia.
2.5.2. Violncia baseada no gnero
Sono andata a trovare Kal, che ha partorito il giorno dedicato ad Amlcar Cabral79, data
di buon auspicio per la piccola neonata. Hanno una bella casa, ben rifinita, con una sala,
una camera da letto e una cucina con uno spazio dove mangiare, molto carina. La bimba

77

Cose buone.
Geloso.
79
Il 20 Gennaio la ricorrenza dellassassinio di Amlcar Cabral, avvenuto nel 1973. Questa data oggi
una festivit nazionale, denominata: Il giorno delleroe nazionale.
78

94

minuscola e ha gi il nasone di Kal, ma molto carina! L'altro figlio di Kal ha 7 anni,


uguale sputato alla madre! Mentre eravamo l a chiacchierare, suo marito venuto da
noi e mi ha cominciato a dire che lui un buon marito, perch pulisce la casa, fa da
mangiare, lava i piatti. Kal si messa a ridere e mi ha detto che vero, che lui fa tutto
in casa, soprattutto ora che lei sta male per i punti ed ancora molto stanca. Dice che
lui torna dal lavoro e si mette a cucinare. Era orgoglioso di dirmelo. Sembrano anche
affettuosi tra di loro, una bella famiglia... Lui non lo avevo mai visto prima. Parlando Kal
ha cominciato a raccontare come il pai dfidju del bimbo maggiore, Luizinho, la
maltrattava. Lei l'ha lasciato che Luizinho era ancora piccolo, pochi mesi, perch la
picchiava, una volta le ha dato un pugno in testa cos forte che si presa due punti. Cos
l'ha denunciato, ma non servito a niente, la polizia non ha fatto nulla, il tribunale,
niente. Lui era di Achadinha, dopo, non so bene come, andato ad abitare nellinterno
dellisola di Santiago. Chiaramente non passa un soldo per il figlio. [] Quando arrivato
il momento di salutarli, ho detto che andavo a casa di Julia a pranzo, e cos saltato fuori
che il marito di Kal pai d'fidju di Julia, dei due figli maschi grandi. Me lo ha detto Kal
ridendo e anche lui non sembrava imbarazzato, niente, me lo dicevano come se fosse
una cosa assolutamente naturale. (Diario di campo, 24 Gennaio 2014)

La violenza fisica sicuramente la componente pi visibile della violenza di genere. Capo


Verde registra tassi decisamente alti di aggressioni fisiche compiute da uomini ai danni di
compagne, ex-fidanzate, pekenas e mai dfidju. Le statistiche INE80 hanno registrato
laumento di tale violenza negli ultimi anni, per motivi che saranno analizzati nel prossimo
capitolo. Non mi mai capitato che una donna mi raccontasse davanti al registratore le
aggressioni fisiche subite da parte del compagno, tuttavia durante momenti informali
emersa pi volte questa tematica.
Quando siamo tornate ad Achada Grande Julia mi ha invitato a tomar un kopu81. Mi ha
raccontato un po della sua vita, ha avuto il primo figlio a 13 anni, il secondo a 14. Ha
lasciato la scuola e si messa a lavorare: vendeva birra, panini, torte, ha sempre fatto
un po di tutto per arrangiarsi, ora pexeira da quando aveva 26 anni. I primi due figli
sono quelli che ha avuto dallattuale marito di Kal non le ho detto che lho conosciuto.
Mi ha raccontato che lo ha lasciato perch batia txeu na el, la picchiava molto. Era
molto geloso, non gli piaceva che Julia si mettesse vestiti stretti, shorts, cos la picchiava,
lei lo ha lasciato per quello. Mi ha completamente spiazzato questa rivelazione: il marito
perfetto di Kal, il nuovo marito di Kal dopo lesperienza di maltrattamento, in realt
80
81

Tab. 10 in Appendice.
Prendere qualcosa da bere.

95

ha lui stesso un passato da aguzzino. Julia scuote la testa: Gli uomini di Capo Verde
sono machistas Silvia!. (Diario di campo, 25 Gennaio 2014)
Sono andata al porto con Julia. Cerano sono un sacco di donne che vendevano di tutto:
caffelatte, comida, grogue e pontche, catchupa, zuppa, di tutto. Julia sembrava
conoscere tutti, tutti che la chiamavano, la salutavano e scherzavano. Cera un tizio, che
a mio parere sembrava anche un po brillo Julia me lo ha presentato, dicendomi che le
sta facendo la corte. Hanno scherzato molto mentre Julia mangiava la zuppa sul
marciapiede. Julia lo stuzzicava, gli chiedeva di portarci la malagueta82. Lui per tre volte,
dicendo qualcosa in kriolo che non ho capito, lha presa per il collo, come per strozzarla,
e poi lha spinta via. Era uno scherzo, ma quasi violento, ai limiti non mi piaciuto
(Diario di campo, 28 Gennaio 2014)

Ho riportato questi due estratti del diario di campo perch luomo che nel primo brano
sembra il marito perfetto, in opposizione al mostro maltrattante, nel secondo, si rivela
essere stato a sua volta un compagno violento. La violenza sulle donne non infatti opera di
individui devianti, che si distaccano per caratteristiche personali dal resto della societ, ma
piuttosto il risultato della messa in atto di una performance di genere maschile normalizzata,
al punto che si ripropone persino nelle situazioni di gioco, come nel caso della mia amica
pexeira. La violenza fisica ristabilisce lordine gerarchico tra i generi, mentre il regime di
terrore in cui vive la donna di un uomo violento diventa un meccanismo di contenimento del
potere femminile. I motivi pi frequenti che scatenano le reazioni aggressive degli uomini
sono infatti la gelosia, legata al sistema di controllo della sessualit precedentemente
analizzato, e il mancato adempimento da parte della donna dei propri obblighi a livello di
cura dellambiente domestico e della famiglia. Inoltre, i compagni si dimostrano violenti
soprattutto nelle situazioni in cui la partner decide di terminare la relazione con loro.
Il mio pai dfidju, non ha accettato molto la separazione. Mi ha perseguito molto,
molto prendeva tutto, i soldi, le mie cose, prendeva le mie cose per romperle. Mi ha
rotto la televisione e il lettore dvd. Non ha accettato la separazione. Ho sofferto txeu,
txeu83. Alla fine lho denunciato. Dicono che il tribunale lultimo posto in cui andare,
lultimo caso ma io mi ero stancata, sono andata a fare denuncia. Lui arrivato al punto
di picchiarmi quando mi incontrava, anche per strada. Siamo ancora in mezzo al
processo ma se ora lui prova a mettermi le mani addosso, va dritto in galera! Pensa
che entrava in casa non so come, ma quando tornavo dalla formazione arrivavo in
82
83

Olio piccante.
Molto.

96

camera e trovavo delle cose che mancavano, una volta cera lui ad aspettarmi. Ho
chiesto aiuto a mio fratello, che vive vicino a me, perch lui era diventato molto
aggressivo, txeu, txeu. Se lui prova a fermarmi per strada ora gli dico di no, che se vuole
dirmi qualcosa me lo pu dire in tribunale. Oppure di giorno, in mezzo alla gente, cos se
me le d tutti quanti lo vedono. (Intervista a Cindy)
Sono stata di nuovo a casa di Suelma, per sostenerla in questo momento difficile. Il
marito sembra completamente impazzito il problema probabilmente il nuovo
compagno di Suelma, ancor pi che la separazione in s. Mi chiama di continuo, credo
che il problema fosse il mio nuovo compagno. Diceva che stavo trascurando nostro figlio,
che me lavrebbe tolto. arrivato a dirmi che si procurato unarma, per difendere suo
figliocapisci? Mi sta minacciando. Mi ha detto che lonore si lava con il sangue. (Diario
di Campo, 10 Marzo 2014)

Ciccone definisce questo tipo di violenza come vendetta patriarcale. Nel momento in cui la
donna, nella scelta di separarsi, riafferma la propria libert e autonomia, luomo agisce in
maniera violenta, per evitare di riconoscere lindipendenza femminile (Ciccone, 2009). Gli
esempi che ho riportato trattano di individui appartenenti a diverse classi sociali, alcuni dei
quali diplomati, laureati, impegnati nellambito politico, con anni di esperienza allestero per
studio e lavoro. Questi uomini nella separazione perdono uno dei centri di definizione
identitaria consolidato e, di fronte alla mutata performativit di genere della compagna, non
sono in grado di attuare una rielaborazione della propria mascolinit. I soggetti che ho
descritto in questi brani sono dunque uomini in crisi, la cui identit di genere stessa stata
posta in questione, insieme alla relazione gerarchica nei confronti della compagna.
La violenza di genere, tuttavia, non si riduce alla violenza fisica, ma comprende aspetti legati
alle componenti psicologiche, economiche e sessuali.
Io penso che la violenza contro le donne sia un frutto della relazione di potere. Io ho
potere, io voglio, io posso. Tu non ha potere, quindi ti devi adattare a me. Quindi c un
tipo di violenza per cui tu, donna, devi accettare tutto quello che decido io. Per esempio
ti controllo FB, il telefono mi ricordo di una coppia, molto povera, in cui il marito era
poliziotto, ma poi aveva perso il lavoro per via dellalcool. La moglie aveva avuto diverse
opportunit di lavoro, ma le aveva tutte perse, perch il marito sempre diceva NO! Tu
non puoi lavorare! In quel locale? Con tutti quegli uomini? No, tu resti in casa, ci penso
io a lavorare! (Intervista a Paulo, associazione Lasu Branku Cabo Verde)

97

Il controllo sulle donne passa dunque anche attraverso la gestione delleconomia familiare. I
mariti pi possessivi impediscono alle compagne di lavorare, sia per evitare che frequentino
luoghi in cui potrebbero intraprendere nuove relazioni, sia per mantenerle in situazione di
dipendenza economica e dunque di sottomissione al proprio dominio. Ricordiamo a
proposito il marito di Kuka, di cui si parlato in precedenza, che non voleva che lei facesse il
lavoro di domestica, perch stancante, o forse perch rappresentava uno strumento di
emancipazione per la moglie. Kuka tuttavia manda tutti i soldi guadagnati alla figlia,
rimanendo cos in uno stato di dipendenza dal marito, che in virt di questo fatto, si arroga il
diritto di controllare diversi aspetti della vita della consorte.
Kuka si lamenta in continuazione del marito quando parliamo alla mattina. Oggi mi ha
detto: Mio marito quando gli parlo dei problemi che ho sul lavoro, mi dice sempre di
lasciarlo dice che non stato lui a mandarmi a lavorare, che stata una mia scelta non
ce nera bisogno! Ma io volevo che Laury studiasse, non mi fidavo di lui, pensavo che
non le avrebbe mandato i soldi. (Diario di campo, 2 Aprile 2014)

Si definisce violenza economica anche il controllo che i mariti esercitano sulle spese ad opera
della compagna: le donne che non hanno una propria fonte di reddito, indipendentemente
dalla quantit di guadagno del marito, sono relegate in una posizione di subordinazione,
dovuta a una totale dipendenza economica.
Generalmente luomo non sta l a dire: quanto hai speso? Che cosa hai comprato?
per esiste un controllo invisibile per esempio, se la compagna va dalla parrucchiera,
pu mettere un capello da 500 scudi. Tutto ok. Ma se lei mette un capello da 2.000 o
3.000 scudi gi dovr fornire delle spiegazioni al marito, chieder il permesso. Mentre
luomo spende 1000, 2000, 3000 scudi nella parodia e se la donna gli chiede qualcosa,
luomo scatta: non centra con te! il mio denaro! Chiudi la bocca! di solito luomo d
met del suo salario, o spesso anche meno, per la famiglia e il resto lo tiene per s, per
la bebida84. Una volta, in un gruppo riflessivo di uomini maltrattanti, un signora ha
raccontato un fatto. La moglie aveva trovato lavoro e dal primo salario ricevuto ha preso
30.000 scudi per un telefono. Guadagnava bene, 40 o 50 mila scudi, ne ha presi 30 mila
per un telefono. Il marito ha preso quel telefono ed andato a venderlo. Ma come?
Beh, io come uomo ho il diritto! (Intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku Cabo
Verde)

84

Bere.

98

Raul, un ragazzo di 30 anni, ha partecipato alla parte di ricerca che ho svolto con la tecnica
della foto-elicitazione. Raul ha 30 anni ed cresciuto in una famiglia in cui il padre esercitava
una continua violenza ai danni della moglie, tanto di tipo fisico, quanto di controllo e
limitazione della compagna. Di fronte alla richiesta di scattare delle foto che
rappresentassero la vita degli uomini, Raul ha fatto le seguenti riflessioni:
Questa foto forte un poliziotto. Limmagine che la societ definisce di un uomo
quella di un poliziotto. Ha potere, ha diritti. Ha i suoi doveri, ha le sue armi. Ha il
manganello. Simbolizza la forza, tipo il guardiano della societ, che difende tutto ci
che ha valore, tutte le regole della societ. Se qualcosa non va, usa la forza per
risistemarla. Luomo simbolizza tutto questo lui che pone ordine nella societ e nella
famiglia si dice: casa senza un uomo una casa senza rispetto, cos come la societ
senza poliziotti una societ senza rispetto, senza stabilit. Luomo finisce per
rappresentare la sua propria regola tutto quello che presente in societ, facci caso,
favorisce gli uomini. La donna sempre pi precaria, pi fragile, anche nel lavoro il
lavoro pi precario, la donna che ci sta in mezzo (Intervista a Raul)

Il dominio maschile si struttura, dunque, anche attraverso una limitazione dellagency


femminile: sono gli uomini che decidono anche relativamente alla vita della propria
compagna.
Linda sta con il padre di Julio da 12 anni. Si sono sposati due anni fa, per procura ho
visto le foto, lei bellissima nel vestito bianco e il marito assente. Triste. andato negli
Stati Uniti un mese dopo la nascita di Julio. Linda il 30 ha il colloquio in ambasciata, per
vedere se le danno il visto per andare. Il marito vuole che quando arrivano i documenti
Linda vada subito l. Julio li raggiunger a Settembre, dopo la fine della scuola, al primo
anno di elementari. Julio vorrebbe che la madre aspettasse, per andare con lui, ma il
marito non vuole. Linda non riesco proprio a capire cosa pensa, n cosa vuole del suo
futuro. (Diario di campo, 15 Gennaio 2014)

Pi volte durante le mie frequentazioni ad Achada Grande, ho sentito Linda ripetere che il
padre di Julio (ossia suo marito) ha deciso questo, che il padre di Julio non vuole questaltro.
Quando le chiedo quale sia il suo desiderio, non in quanto moglie del padre di Julio, ma come
persona, Linda non riesce a rispondermi. Laccettazione della leadership del marito, ha fatto
s che Linda gradualmente accantonasse i propri legittimi desideri, per conformarsi a quelli
del marito.

99

Luomo pu esercitare infine una violenza psicologica perch la donna non si ribelli alla
posizione di sottomissione. Con denigrazioni continue, accuse e svalutazioni, il soggetto pu
arrivare a minare lautostima della donna stessa. Durante il mio soggiorno a Praia ho
sostenuto una amica capoverdiana nel processo di separazione dalla relazione con il
compagno.
Questa storia mi fa salire un sacco di rabbia. Djeji non si mai curato di suo figlio fino ad
ora, delegando ogni sua necessit a Suelma, fino ad oggi. In questi giorni, in cui Suelma
e il bambino sono finalmente usciti di casa, Djedi sta sfoderando unaccusa serrata e
continua verso lex-compagna, screditandola principalmente come madre. Credo che
abbia capito di non avere pi una grande influenza nel ferire Suelma rispetto alla loro
coppia e quindi ha scelto questa nuova strategia e Suelma, la vedo, comincia a dubitare
di s come madre, a chiedersi quale sia la cosa giusta da fare, se non stia esponendo il
bambino a un pericolo effettivo. La sta distruggendo, a livello psicologico e di
autostima quando paradossalmente per cinque anni lui che si dimostrato un
genitore assente. (Diario di campo, 27 Marzo 2014).

LICIEG negli ultimi anni ha attuato unazione fondamentale per il contrasto della violenza di
genere. Il risultato principale stato il concretizzarsi degli sforzi intrapresi nella formulazione
di una nuova legge contro la violenza sulle donne. Elsa Fortes, funzionaria dellICIEG, mi
illustra le principali innovazioni introdotte dalla legge, ossia la definizione della violenza di
genere come crimine pubblico, e la previsione della creazione di una rete integrata di servizi
rivolti al trattamento di tale questione sociale, in particolare la creazione di case di
accoglienza per le donne maltrattate e listituzione di percorsi di riflessione per il trattamento
degli uomini autori di violenza.
Dunque, i grandi cambiamenti ottenuti con questa nuova legge riguardano la propria
legge, che piuttosto che uno strumento legale di punizione, uno strumento di
promozione di equit di genere. La normativa, infatti, tratta della prevenzione,
leducazione, il reinserimento in societ, il recupero e in ultima istanza la punizione,
ossia il giudizio in tribunale. Prevede tutto un insieme di misure per migliorare la
situazione. [] Innanzitutto, la violenza di genere diventa un crimine pubblico, chiunque
pu denunciarlo e la denuncia non pu essere pi tolta. Mentre prima era solo la vittima
a poter denunciare, cosa che ostacolava molto il processo, perch le vittime spesso
hanno paura, vergogna, o dipendono economicamente dal marito. Molte non credono
nella giustizia, pensano che denunciare non serva a nulla [] Il secondo risultato della
legge la presenza di un procuratore e un giudice dedicatoentro 48 ore dal momento

100

in cui la polizia riceve la denuncia, deve essere inviato il caso al ministero pubblico. E il
ministero non pu ritardare pi di tre mesi per fissare il giudizio. In questi tre mesi il
ministero deve svolgere tutto il lavoro per poter stabilire, capisci? Il problema che
ancora non abbiamo risorse sufficienti per soddisfare le richieste previste dalla legge in
questi termini. (Intervista a Elsa, ICIEG)
Lultima novit introdotta dalla legge contro la VBG legata alla previsione di un
percorso di riabilitazione con gli uomini autori di violenza, preferiamo chiamarli cos
quando questi uomini sono condannati a una pena inferiore a due anni di prigione,
invece di andare in prigione sono costretti a frequentare questo programma di
riabilitazione, che consiste in gruppi riflessivi di uomini autori di violenza. un modello
che abbiamo mutuato dallesperienza brasiliana di un istituto di Rio de Janeiro.
Lobiettivo dei gruppi facilitare la comunicazione tra uomini, la condivisione di
sentimenti, cosa che non hanno mai opportunit di fare nel corso della loro vita, perch
gli uomini non condividono i sentimenti. Cos, guidato da due facilitatori formati, il
gruppo fa un percorso su s stesso, sugli stereotipi machistas che orientano le loro
scelte un modo per far s che gli uomini possano mutare le proprie rappresentazioni,
rispetto alla relazione tra uomini e donne. (Intervista a Catarina, ICIEG)

Tuttavia rimane una resistenza a livello sociale di fronte alla possibilit di denunciare
maltrattamenti e violenze, soprattutto quando esulano dallaggressivit fisica, come per
esempio nei casi di violenza economica o psicologica. La credenza diffusa che la denuncia
sia fondamentalmente priva di alcuna conseguenza positiva, ma produca leffetto di
aumentare il livello di aggressivit del compagno per linsubordinazione femminile.
Nonostante il crimine sia ora pubblico, e di conseguenza qualunque persona abbia la
facolt di denunciare laggressore, anche senza essere direttamente coinvolta, permane una
generale reticenza a intromettersi nelle questioni di coppia. Pa ka meti colher entre mi e
mudjer85 una frase spesso assunta come giustificazione per de-responsabilizzarsi. Jandira
mi racconta di questa tendenza, dimostrando al tempo stesso di essere capace di
fuoriuscirne.
Sono andata a mangiare xerem da J. Mi ha raccontato una serie di cose interessanti.
Parlavamo di Adilson, lei diceva che la prossima volta lui di certo non si metter a
dividere due che litigano, che non si meritano questo interessamento. Dice che lei una
volta ha chiamato la polizia, perch una sua amica veniva sempre spancadiada86 dal
85
86

Non si mette il cucchiaio tra marito e moglie.


Picchiata, presa a botte.

101

fidanzato. La gente qui non si vuole mettere in mezzo tra moglie e marito, le persone
fanno finta di non sapere, di non vedere! Io no, figurati, mica ho paura! Quando
arrivata la polizia il tipo si era nascosto, ma io ho indicato alla polizia dove lui stava! Le
ho chiesto se non aveva paura, Jandira mi ha detto di no, che ha chiamato la polizia
davanti alluomo. Ma poi, dopo quella volta, la ragazza tornata con lo stesso tipo, dopo
soli quattro giorni. Allora ho capito lei che gosta di apanhar! 87Lei che lo vuole.
(Diario di campo, 2 Marzo 2014)

2.5.3. Mudjer ta poi mantcha, ta pega


Lintero sistema di controllo sul genere femminile sostenuto da un corpus di
rappresentazioni simboliche che svalorizzano la figura della donna. Numerosi detti come
mudjer ta mancha faxi88, mudjer ta poi mancha ta pega89, mudjer sima panu branku e
mi calsa kastanha90, associano la donna a unimmagine di facile corruttibilit. La natura
della donna caratterizzata da una purezza, rappresentata dal panno bianco, che veicola
tuttavia unintrinseca esposizione al rischio di essere macchiata. I proverbi riportati indicano
tanto la facilit con cui una donna pu essere diffamata, tanto il carattere permanente di tale
svalutazione negativa.
Cerano due miei conoscenti, luomo laureato con il master, la donna con la triennale,
classe medio-alta, hanno studiato in Portogallo. Una coppia di qui, di riba Praia91.
Stavano gi con il matrimonio marcato, quando tornato un amico del marito, che era
stato a studiare in Portogallo. Loro erano in Portogallo nello stesso periodo, ma a
quellepoca ancora non stavano insieme. Allora quellamico racconta al futuro sposo che
la ragazza, mentre stava studiando, aveva avuto un caso con una persona, etc, etc. In
passato, quando ancora non si conoscevano Quella cosa stata insopportabile per lo
sposo. Non riusciva ad accettarla ha lasciato la ragazza. E pensa che lui credeva alla
fidanzata, credeva che lei effettivamente non avesse fatto nulla del genere. Ma per lui
era difficile accettare il fatto che tutta la societ invece pensasse a quella storia
(intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku Cabo Verde)

87

Le piace prenderle.
La donna si macchia veloce.
89
Se metti una macchia sulla donna, resta.
90
La donna come un panno bianco, luomo con un pantalone marrone.
91
Riba Praia indica il quartiere di Platou, zona amministrativa della citt e tradizionalmente uno dei
quartieri pi ricchi e benestanti di Praia.
88

102

Nella metafora utilizzata dai membri dellAssociazione Lasu Branku, daltra parte, luomo
rappresentato da pantaloni marroni, che pi sono sporchi, pi si avvicinano al colore
originario.
Io uso molto questa espressioneTutte queste espressioni per me si riducono in
questa: Luomo un paio di pantaloni marroni. Per quanto sbagli, nessuno lo vede,
nessuno lo nota. Per quanto sia sporco, nessuno se ne accorge. Ma la donna no, la donna
pura. un panno bianco. La minima cosa e gi non serve come donna, come moglie.
In kriolo noi diciamo Mudjer ta poi mancha, ta pega, perch se anche lei non ha fatto
nulla, ma le persone laccusano laccusa rimane. (Intervista a Paulo, Associazione Lasu
Branku Cabo Verde)

Le donne che sfidano tali rappresentazioni egemoniche non conformandosi al modello di


donna proposto dalla societ, vengono stigmatizzate e marginalizzate. Un altro detto
popolare recita mudjer moku mudjer mokadu: una donna ubriaca una donna scopata.
Viene legittimata la svalutazione a livello sessuale della donna che accede alla prerogativa
maschile di bere alcool: il comportamento deviante viene associata a una degradazione
morale a livello di espressione della sessualit. In sostanza, la donna che beve una donna
di facili costumi e che vale poco, di cui tutti si possono approfittare.
Oggi sono stata con Paulo a una formazione che teneva con ragazzi giovani a Picos, una
zona nellinterno di Santiago. Mi ha colpito che a un certo punto uscita la questione
del bere. Paulo ha chiesto se bevono pi le donne o gli uomini. Molti dei ragazzi hanno
risposto con sicurezza: Le donne! Io sono rimasta completamente interdetta. Ma
come? Io quando cammino per Achada Grande vedo solo uomini seduti nei bar a bere,
tutte le volte che ceno al bar di Tita sono circondata da uomini ubriachi di donne che
bevono io ne ho viste davvero poche (Diario di campo, 5 Marzo 2014)

La percezione distorta espressa dal ragazzo che afferma risoluto che le donne bevono molto
pi degli uomini legata a un meccanismo di iper-visibilizzazione della donna. La condotta
femminile costantemente tenuta sotto controllo, ogni devianza dalla norma emerge
dunque con forte evidenza, provocando effetti di percezione distorta, come nel caso in
questione. Lutilizzo maschile di alcool, bench statisticamente pi consistente, sembra avere
un carattere di maggior invisibilit, perch naturalizzato dalla consuetudine.
Il dominio simbolico maschile attua un ulteriore meccanismo di fondamentale importanza:
veicola laccesso della donna al prestigio sociale a una imprescindibile presenza maschile. La

103

donna per potere accedere al rispetto e al riconoscimento da parte della comunit, deve
avere al suo fianco un uomo.
Oggi alla formazione che abbiamo svolto a Kastelon sorto un dibattito interessante
intorno alla questione Casa sem mi casa sem respeito. Josiene, una ragazza di
trentanni che vive da sola con il proprio figlio, continuava a sostenere la veridicit di
questo proverbio. Unaltra ragazza ribatteva di no, che dipende da che tipo la donna e
che a volte sono gli uomini stessi a procurare la mancanza di rispetto! Josiene continuava
a dire che c bisogno di un uomo, che se non il marito, perch assente o emigrato,
allora c un fratello, un cugino, un cognato che si assume il ruolo di sostegno e di
leadership, per cui la casa ganha respeito92. Se succede qualcosa di grave, vai da un
uomo. Sono gli uomini che risolvono la situazione. (Diario di campo, 1 Maggio 2014)

Nella situazione che ho presentato, evidente il carattere paradossale dellaffermazione


fatta da Josiene. Spesso, a Praia, sono proprio gli uomini che portano disordine allinterno del
nucleo famigliare. Sono gli uomini membri della famiglia che bevono, fanno uso di droghe,
adottano comportamenti aggressivi con le proprie compagne. Eppure nonostante ci, anche
gli uomini pi violenti o pi provati dalla dipendenza, non perdono la prerogativa di garantire
un carattere di rispettabilit alla casa, in quanto capacit legata alla loro appartenenza di
genere ascritta. Inoltre, trovo questo brano interessante, perch una donna a esprimere
un punto di vista funzionale alla riproduzione dellegemonia maschile. Il meccanismo in atto
quello della violenza simbolica descritto da Bourdieu (1998), in quanto la ragazza per
interpretare la situazione adotta le stesse categorie epistemologiche che producono il
sistema di dominazione maschile. Nellutilizzare tali categorie Josiene conferma la sua
adesione a una posizione subordinata in quanto donna e riproduce a sua volta la gerarchia di
potere tra i generi.
2.5.4. Un regime di insicurezza di genere
Sabato sera e noi siamo chiusi qui in casa. Mi chiedo, a volte, se ha avuto un senso venire
a vivere qui ad Achada Grande. Christian molto preoccupato, non vuole mettere un
passo fuori dal portone se buio (ovvero dopo le 6), gli sembrano tutti dei tizi sospetti,
ubriachi, etc... effettivamente stasera siamo scesi a mangiare un po' pi tardi ed erano
tutti ubriachi, ma niente di che in realt.... per con Chri ho avuto una discussione per
questo... io sono nervosa perch mi sento in gabbia, in generale qui a Capo Verde mi

92

Conquista il rispetto.

104

sento in gabbia, per questa storia della sicurezza.... mi soffoca... non si gira per strada di
sera, non si passa per certe zone, devi sempre sospettare di tutto e tutti. Non si pu
vivere in un paese dove qualunque cosa fai (e giuro, non sto facendo nulla di troppo
azzardato, se non camminare per strada!) ti dicono che rischioso, che devi stare
attenta, che sei in pericolo. Non sono abituata ad avere paura, mi corrode, mi logora.
come un cancro, la paura, entra e si mangia tutto. Mi chiedo se a un certo punto non ci
dar a mucchio e decider di uscire e fregarmene, dove pare a me! Non fosse che essere
donna significa sempre anche avere paura di essere violentata... sto sperimentando su
di me, sulla mia stessa pelle, il potere del terrore... una minaccia che fortemente
connotata per genere e per razza, in quanto io, come donna e come bianca, mi trovo qui
a essere pi vulnerabile... sto scoprendo quanto la paura limiti le potenzialit di una
persona, le potenzialit di una donna. e sono stanca. (Diario di campo, 21 Dicembre
2013)

Per concludere il presente paragrafo, intendo proporre una riflessione dettata dalla mia
personale esperienza relativa alla realt di Praia. La costante situazione di violenza urbana
della capitale infatti ha unincidenza notevole sulle vite dei suoi abitanti. Nessuno cammina
per strada quando scende il buio, se non per imprescindibili necessit, i taxi notturni rifiutano
di portare i clienti in determinati quartieri per timore di subire una rapina, i genitori iscrivono
i propri figli a corsi di arte marziale, perch imparino fin da piccoli a difendersi. Quasi tutti
hanno subito nel corso della loro vita almeno una rapina a mano armata, chi non lha ancora
subita vive aspettando il momento in cui toccher a lui, chiedendosi come reagir. Avevo
amiche che non usavano pi la borsa, altre che invece non giravano senza, per poterla
lasciare alleventuale rapinatore, ma nascondevano i soldi nel reggiseno. Lintera citt vive
costantemente con il fiato sospeso. Nel momento in cui tale regime di criminalit ha
cominciato a includere casi di stupro si in parte trasformato in un regime di violenza di
genere strutturale. Non intendo dire che per gli uomini Praia non sia pericolosa, al contrario.
Ma la possibilit di diventare vittime di stupro rende la posizione femminile ulteriormente
vulnerabile. Di conseguenza le possibilit di movimento e azione della donna sono limitate e
luomo reinvestito del ruolo di protettore, in una dinamica che non fa che rinforzare il
controllo maschile sulla donna.
Kuka oggi si lamentava di nuovo con me del fatto che il marito non la lasci uscire
volentieri, mentre lui al contrario sta spesso fuori con gli amici. Le chiedo come mai.

105

Perch si preoccupa. Praia pericolosa, sai con quello che si sente in giro Tutti quei
kasubodi, quegli stupri. Praia non una citt da girare da sola. Se sono fuori si preoccupa,
preferisce sapere che sto in casa.
(Diario di campo, 20 Aprile 2014)
Jandira andata via dalla festa al Pilorinhu prestissimo, solo perch suo fratello, che
pure pi piccolo di lei, non si stava divertendo e voleva andarsene. Le ho detto che
lavremmo accompagnata noi a casa, J vive a due passi dal Pilorinhu, e sicuramente
Man o qualcun altro mi avrebbero accompagnato. Non me lo ha detto chiaramente,
ma mi ha fatto capire che doveva tornare con il fratello. Perch Achada Grande di notte
pericolosa.
(Diario di campo, 15 Febbraio 2014)

Il regime di insicurezza di genere fornisce a Praia una giustificazione efficace per lesercizio
del controllo maschile sulla donna. Pratiche di limitazione delle possibilit di azione e
movimento femminili vengono interpretate come forme di protezione e per questo
considerate necessarie. Al tempo stesso lindice di pericolo urbano per la popolazione
femminile una realt effettiva a Praia. Io stessa mi trovavo in una situazione analoga
rispetto alle mie interlocutrici: il mio fidanzato non cercava intenzionalmente di limitare i
miei movimenti, ma non voleva che uscissi da sola per strada una volta calato il sole, ovvero
nel periodo invernale dopo le 18.30. A causa della pericolosit urbana di Praia mi sono trovata
io stessa in pi situazioni a dover dipendere dalla presenza di figure maschili. Nella condizione
analizzata la differenza tra controllo e protezione estremamente sottile, ragione per cui
possibile sostenere che la stessa pericolosit urbana della citt contribuisce a rinforzare il
sistema di dominazione maschile egemonico.

2.6. mi ka ta leba disaforo pa kaza: negoziazione competitiva della mascolinit


Eliseo mi ha raccontato di come ha imparato a nuotare. Dice che i genitori non volevano
che lui e gli amici andassero al mare perch era pericoloso, successo che dei bambini
morissero annegati. Mi ha descritto una specie di rituale proprio dei ragazzini del suo
paese: si arrivava a una roccia molto grande e poi i ragazzi pi grandi prendevano i pi
piccoli e li buttavano di sotto, in acqua. O imparavi a nuotare o annegai. Eliseo dice Io
ho imparato a nuotare per salvarmi la vita!. Finch uno restava l ad annaspare questi
se la ridevano da sopra. Se capitava che uno rischiasse proprio di rimanerci secco, allora

106

si tuffavano a salvarlo. Anche io l'ho fatto a quelli pi piccoli di me, non potevo fare
altrimenti!. Gli ho chiesto se erano solo maschi, o se c'erano anche le bambine. Eliseo
non si ricorda che ci fossero femmine, per forse anche loro facevano qualcosa del
genere tra di loro. (Diario di campo, 8 Dicembre 2013)
Laltro giorno stavo parlando con Stefi, una ragazza italiana che sposata con un
capoverdiano, hanno una figlia di sette anni. Mi ha detto che qua la violenza ancora
considerata educativa. Una volta era a Cidade Velha con la figlia, che si stava succhiando
il pollice. Un signore anziano, ritenendo che la bimba fosse troppo grande per succhiare
il dito, le ha dato uno schiaffo! Cos! La figlia di Laura ha pianto un sacco! Qui capita
ancora che quando gli insegnanti picchiano un bambino per punirlo, i genitori vanno a
portare un regalo allinsegnante, per ringraziarlo! (Diario di campo, 10 Dicembre 2013)

La violenza a Praia non sembra essere una dimensione qualitativamente altra o esterna alla
vita quotidiana, ma piuttosto una dimensione dellesistenza delle persone (Bordonaro,
2012, pag. 122). rintracciabile nelle pratiche educative attuate da insegnanti e genitori, nei
giochi tra bambini, negli scherzi tra adulti, nelle frequenti tensioni tra pari, nei litigi di coppia
e nellampia diffusione della criminalit urbana. La violenza rappresenta, dunque, uno
strumento che viene manipolato e utilizzato in diversi ambiti della vita quotidiana.
Pur essendo una dimensione che interessa la vita di entrambi i generi, ritengo che il modello
maschile sia caratterizzato da una intrinseca connessione con la violenza. In primo luogo,
infatti, la stessa costruzione discorsiva del sesso biologico maschile lo associa a uninnata
propensione allesercizio della forza e allaggressivit. Il sistema di dominazione maschile si
basa sullassegnazione delle funzioni di protettore e procacciatore di cibo alluomo, in virt
della predisposizione naturale allesercizio della forza. Da questa premessa deriva di
conseguenza la maggior accettazione dimostrata dalla societ nei confronti della violenza
esercitata da individui di sesso maschile. Di nuovo, come nel caso presentato riguardo al
consumo di alcool, la donna aggressiva oggetto di un effetto di iper-visibilizzazione, mentre
la violenza delluomo gode di una maggior invisibilit sociale.
2.6.1. Rispetto di genere
Io non amo la violenza, anzi! Figurati, una volta un poliziotto venuto da me, per un
caso non-so-che, si tolto la pistola, voleva risolvere le cose da uomo a uomo. Io ho
lasciato perdere era un poliziotto, lo so cosa succede dopo che le dai a un poliziotto
unaltra volta invece cera un mio vicino di quartiere, lui stato nove anni in prigione

107

per aver accoltellato un tizio a morte. Ma a me non interessano queste cose, lo


accoglievo a casa mia, veniva a mangiare, bere, diskontra. Poi un giorno, da ubriaco, mi
ha dato un pugno! Capisci? Io gli apro le porte di casa mia e quello mi d un pugno,
davanti a tutti gli altri? Beh, l ho dovuto rispondere. Mica sono tolu93! (Intervista a
Dav)

Fin dai primi giorni a Praia ho percepito come lnra94 fosse uno degli elementi maggiormente
investiti di importanza e interesse dai miei interlocutori. Nel contesto di Praia, lonore, e il
suo analogo concetto di rispetto, si declinano in maniera differente a seconda del genere.
Per quanto riguarda la popolazione femminile, nelle relazioni che ho intessuto con donne
capoverdiane ho percepito la pervasivit del concetto di respetu95. Le donne infatti,
canalizzano la propria attenzione sul desrespeito, la mancanza di rispetto, che solitamente
correlata al mancato adempimento alla fitta routine di obrigaes96, ossia di azioni di cortesia
o supporto reciproco inter-genere, che sono tenute a compiere.
Oggi sono stata a pranzo da Zuleika, cera anche Jandira. Lisette, la nostra amica
francese, fidanzata con il cognato di Zuleika, ha organizzato una grande festa di
compleanno che sar questo weekend. Lisette mi ha mandato un messaggio
chiedendomi di invitare anche Jandira e Zuleika. Quando arrivo le invito tutta tranquilla,
ma la loro reazione mi spiazza. Sia Zuleika che Jandira mettono su unaria sostenuta e
mi dicono che non possono venire. Cerco di indagare un po pi a fondo, non capisco
Alla fine mi rendo conto che sono entrambe molto offese dal fatto che Lisette non le ha
invitate personalmente. Ma perch sapeva che io sarei venuta qui! Mi ha mandato un
messaggio apposta dicendo di invitarvi! Beh, qui a Capo Verde, se ci tieni che una
persona venga la inviti direttamente, non mandi un messaggero! Poi lei che quasi sua
parente! Jandira indica Zuleika che annuisce. Cerco per mezzora di difendere le buone
intenzioni di Lisette e di convincerle a venire alla festa, ma le due mettono su un muro,
mi sembra di parlare al vento! Mi cascano veramente le braccia quando tirano fuori
queste storie e fanno le offese per un nonnulla (Diario di campo, 25 Febbraio 2014)

Nel corso della mia permanenza sul campo, ho tentato con grande difficolt di evitare di
mancare di rispetto alle donne che costituivano la mia rete di conoscenze. Tale network si
fonda sostanzialmente su un incrocio di relazioni basate su reciproche aspettative sociali,

93

Stupido.
Onore.
95
Rispetto.
96
Compiti, doveri.
94

108

ladempimento delle quali rinsalda i legami che costituiscono la rete stessa. Il complesso di
aspettative in cui mi sono trovata imbrigliata comprendeva frequenti telefonate, visite di
cortesia, scambi di piccoli doni, le ricorrenze festive trascorse insieme e visite rituali in
occasioni particolari, come il verificarsi di un lutto. stato per me molto faticoso tentare di
rispettare questo complesso sistema di obrigaes, soprattutto perch le tematiche della mia
ricerca mi portavano a inserirmi in contesti che esulavano completamente da questo sistema,
come quelli legati alle gang urbane o ai gruppi di attivisti sociali. Sono venuta a sapere di un
lutto importante di una amica solo una volta finito il periodo rituale di bizita97 in casa del
defunto, ho dimenticato il compleanno della mia vicina di casa, ho mantenuto una frequenza
troppo bassa di visite di cortesie e telefonate, in sostanza, ho probabilmente deluso le
aspettative di un gran numero di donne della comunit. In compenso il mio status di outsider
rispetto al contesto locale mi ha preservato dal divenire oggetto della rabbia orgogliosa delle
mie conoscenti, che dopo un momento iniziale di resistenza, cedevano immancabilmente
davanti al mio disorientamento, perdonandomi le varie mancanze perch a b di fora98.
Tra di loro invece le mie conoscenti non si perdonavano nulla, una semplice occasione di
mancanza di rispetto poteva segnare la fine di una relazione.
Sono andata a fare lintervista a Dika un po un fallimento. Credo di non aver gestito
bene la situazione la casa di Dika era piena, come sempre, quindi ho cercato di
proporle un posto pi appartato per evitare influenze varie su di lei e pure su di me le
ho chiesto se voleva venire su in camera da me, dato che si trova solo dalla parte opposta
della strada. Dika ha rifiutato categoricamente. Non capivo bene il perch, ho provato a
invitarla ancora un paio di volte. Alla fine la figlia, che chiaramente era parte del
numeroso pubblico dellevento, mi ha spiegato: Silvia, che noi abbiamo litigato con
la famiglia di Quinha la mia padrona di casa- quindi non possiamo mettere piede l.
Non ci rivolgiamo la parola da almeno cinque anni. (Diario di campo, 6 Gennaio 2014)
Jandira e Zuleika hanno litigato. Non ho capito bene il motivo, deve essere stato
qualcosa che Zuleika non ha detto a Jandira e poi le due si sono sfogate, mi ha detto Uv
che hanno anche pianto mentre litigavano fatto st che, da migliori amiche che erano,
ora non si parlano. Vivono una di fianco allaltra, ma fanno finta di non conoscersi. Io
sono molto in difficolt. Voglio evitare di schierarmi in questa storia, ma ora tutte le
97

Visita. Il periodo di visita alla famiglia in casa del defunto o dei famigliari dura solitamente una
settimana. La famiglia rimane riunita a piangere il morto e accogliere gli amici che vengono a porgere
le loro condoglianze. La famiglia colpita dal lutto ha il dovere di offrire da mangiare agli amici che
vengono per la bizita tutta la settimana.
98
Tu sei di fuori.

109

volte che vado ad Achada Grande devo passare a trovare prima una e poi laltra. Ogni
volta che tento di tirare fuori largomento tutte e due mi dicono che non c niente da
fare, che va bene cos, non sono arrabbiate, ma neanche vogliono pi essere amiche
come prima, che ormai qualcosa si rovinato. (Diario di campo, 30 Aprile 2014)

Questo complesso di relazioni costituito esclusivamente da legami femminili, che diventano


una risorsa strumentale, dal momento che su questi le donne costruiscono un sistema di
solidariet e mutuo aiuto. Jandira, per esempio, fino al momento della rottura, prendeva a
casa propria Rem, il figlio dellamica, mentre questa andava al lavoro. Quando venuta
meno la risorsa materiale fornita dal legame di amicizia, Zuleika ha iscritto il figlio a un asilo
nido a pagamento nel quartiere. T, che, come gi illustrato, ha un reddito mensile quasi
nullo, manda i figli alle lezioni di sostegno scolastico tenute dalla figlia di Dika, senza dover
pagare la retta. In compenso T spesso aiuta la famiglia di Dika rendendosi disponibile per
compiere lavoretti domestici o commissioni.
Gli uomini, de-responsabilizzati dalla gestione della vita familiare, non si inseriscono in queste
reti di solidariet femminile. Le dinamiche operanti tra il gruppo di attori sociali uomini sono
sostanzialmente differenti. Non ho riscontrato lesistenza di una rete di reciproci obblighi
sociali, fatto che conferma la differenza nellassegnazione della libert tra i generi fin dalla
nascita. indicativo di questo fatto come la prima frase che mi rivolgevano le donne quando
le andavo a trovare era sempre: Silvia, a bo ta sumida!99, cosa che non mi capitava andando
a casa di amici uomini. Mentre la mancanza di rispetto tra donne costituita
dallinadempienza di unaspettativa sociale (motivo per cu io spesso non sospettavo neanche
di aver fatto un torto a unamica, mentre lei invece era decisamente offesa per il mio
comportamento), gli uomini per macchiare lonore altrui devono lanciare attivamente una
sfida, compiere unazione che assuma il significato di disaforo100.
Guy Massart (2013) ipotizza, alla base della mascolinit egemonica praiense, lesistenza di un
complesso strutturato in tre poli di significato: engana, abusu e vergonha101. Un uomo
costruisce unimmagine rispettabile di s, evitando che qualcuno, attraverso linganno, possa
approfittarsi di lui e ridicolizzarlo pubblicamente, provocando in lui un senso di forte
vergogna. Stanley Brandes (1980) scopr a proprie spese che gli andalusi si servono di
divertenti scherzi tra uomini per mettere in scena la propria mascolinit. Brandes si ritrov
99

Sei sparita!
Oltraggio.
101
Ingannare, approfittare di qualcuno e vergogna.
100

110

un giorno alla porta di casa una fila di ciganos locali venuti a vendere al nuovo arrivato i propri
cavalli, opportunit di affare riferita loro da un uomo di Monteros, amico di Brandes.
Attraverso questo tipo di scherzi gli uomini si mettono in ridicolo reciprocamente e
dimostrano la propria astuzia e superiorit. Il tipo di inganno di cui parla Massart, tuttavia,
non riconducibile a una dimensione di gioco o di scherzo, ma indica piuttosto la situazione
in cui qualcuno si approfitta dellaltro per il proprio vantaggio personale.
Riconoscendo la pertinenza degli elementi considerati da Massart, vorrei tuttavia focalizzare
la mia analisi su altri costrutti culturali, che, in base ai dati che ho raccolto sul campo, mi
sembrano pi significativi rispetto ai conflitti tra uomini. Dalle interviste e dalle osservazioni
che ho effettuato nei quartieri di Praia, emerso come siano le nozioni di nra, disaforo e
vinganza102 a essere fondamentali nello strutturare lesperienza di contesa maschile.
2.6.2. nra, disaforo e vinganza
Lespressione che d il titolo a questa dissertazione, am sujeitu mi, utilizzata a Praia per
definirsi uomini donore, capaci di guadagnarsi il rispetto altrui e di difenderlo nel corso della
propria vita dai possibili disaforo. A volte gli uomini sfidano apertamente i propri pari, per
ottenere cos lopportunit di dimostrarsi soggetti virili e di sottomettere nella gerarchia
interna al genere laltro soggetto, esibendo la propria superiorit.
Il festival di Gamboa qualcosa di assurdo, una marea di gente, non pensavo neanche
ci fossero cos tante persone a Praia! un momento... animalesco, una folla assurda,
aggressivit, gli istinti escono allo scoperto. Sono andata l con Laura, poi per caso
abbiamo beccato tre ragazzi di Calabaeira, di quelli che vengono a volte ad Achada
Grande. Uno di loro, mi dimentico sempre che si chiama Gleison, sanpadjudu, parla
come la gente di Socent, mi fa troppo ridere sentirlo! Normalmente un tipo tranquillo,
pure simpatico! Ieri sera per era bello ubriaco, attaccava briga con tutti! Ballava, poi
sbatteva contro una persona vicino a lui, di proposito, e si metteva a litigare e gli altri
due amici che dovevano andare l a calmare i bollenti spiriti dei due. Lo avr fatto almeno
4 o 5 volte... vedevo proprio che ballava, poi come se si risvegliasse, andava a dare uno
spintone a qualcuno... e mai che uno di questi benedetti bersagli lasciasse perdere! Era
una scesa quasi comica per certi versi! Alla fine il fratello del sanpadjudu se ne andato
prima degli altri (alle 6 invece che alle 8) perch si era stancato di dover star dietro al

102

Onore, oltraggio e vendetta.

111

fratello ubriaco. Lo ha lasciato l con noi a brontolare sul suo ritorno a casa in quel modo.
(Diario di campo, 18 Maggio 2014)

Gleison, durante il concerto era sicuramente anche sotto leffetto di una buona dose di
alcool, ma ritengo che sia riduttivo individuare il grogue come movente del suo
comportamento. In un teatrino quasi comico, in cui i due amici cercano continuamente di
fermarlo e contenerlo, Gleison ripetutamente si lancia contro uomini che stanno assistendo
al concerto, senza che questi gli abbiano fatto il bench minino torto. Il ragazzo ricerca
attivamente lo scontro, per poter avere loccasione di dimostrare la sua forza, di prenderne,
ma soprattutto di darne, e poter tornare a casa da Gamboa avendo prodotto i segni visibili
della propria mascolinit (Bourdieu, 1998, pag. 63). Esistono diverse modalit per sfidare la
virilit altrui, non tutte includono aggressivit fisica, come possibile constatare dai brani
seguenti.
Laltro giorno stavamo parlando con Uv e Chri ha raccontato di un suo amico, che in
Italia stato derubato pi volte, a Torino. Chri ha detto che una volta Fro, lamico in
questione, ha preso uno schiaffo da uno che lo stava derubando. Uv si subito fatto
serio e ha commentato: Questo umiliante! Sono rimasta perplessa, perch
istintivamente io non avevo pensato al fatto che fosse umiliante... pensavo fosse
spaventoso, non umiliante. Non penso che un uomo venga umiliato se un altro gli d
uno schiaffo in faccia, penso sia uguale a ricevere un pugno, ma a quanto pare per Uv,
no. (Diario di campo, 13 Gennaio 2014)
Oggi sono stata da Devil. Da alcuni giorni in rotta con Uv, non ho ben capito cosa
successo Mi ha detto Devil che Uv si prende delle libert che a lui non piacciono, lo
comanda, gli parla con un tono tipo da capo. Gli ha detto di mollare il lavoro
allarmazem103 perch una schiavit. Si ma almeno una schiavit dove mi pagano,
po! Poi una volta Uv gli ha detto che voleva comprare dei porcos e ha detto a Devil di
d comida pa porku104. Non ho subito colto il problema. Qua na Kabu Verdi se dici a
qualcuno di dar komida pa porku un segno di disprezzo, di desrespeito! Io non sono
pastore de porku, nem pensar! Se vuole degli animali per il Pilorinhu che se li allevi lui!
(Diario di campo, 8 Maggio 2014)

In entrambi i casi presentati lazione descritta interpretata dai miei interlocutori come un
tentativo di umiliare laltro soggetto, di subordinare la sua posizione nella gerarchia interna

103
104

Magazzino.
Portare il cibo ai maiali.

112

alla mascolinit. Un oltraggio pu avere la conseguenza di macchiare lnra, lonore del


soggetto. La connessione tra onore e virilit potrebbe essere ricondotta al sistema di
attribuzione di prestigio, il quale strettamente veicolato al genere maschile (Ortner e
Whitehead, 1981). Di conseguenza, un attentato allonore di qualcuno, ossia un tentativo di
rimettere in discussione il prestigio sociale accordatogli, si traduce in una minaccia alla stessa
identit maschile del soggetto in questione. Per non perdere la faccia, gli uomini devono
mantenere un atteggiamento virile, non lasciar trapelare le emozioni che potrebbero essere
interpretate come segno di debolezza e, sostanzialmente, reagire.
Pi tardi stavamo parlando, come a volte capita qui a Praia, di assalti, rapine a mano
armata, aggressioni, etc. E Uv continuava a ripetere che questo non gli mai successo,
che le persone lo rispettano... continuava a ripeterlo e poi ci ha raccontato di una volta
in cui un tipo lo ha minacciato di morte e gli ha puntato contro una pistola. Gli ho chiesto
come ha reagito Io? Sono rimasto calmo, non mi importava di morire, glielho detto.
Gli ho detto: rapaz105 puoi pure spararmi, non mi importa. E quello ha visto la mia moral
e ha abbassato il ferro. Uv un po' succube di questo ruolo da leader che si preso....
non pu mostrare mai un cedimento. (Diario di campo, 10 Gennaio 2014)

Gi i bambini a Capo Verde, come emerge dallintervista di Jordy, imparano fin da piccoli a
farsi rispettare con la violenza.
Io ero un bambino di guerra, di strada. Tutti i giorni mia madre doveva passare acqua
o disinfettante per curare qualcuno che aveva preso botte da me che aveva avuto
qualche problema con me. Ma erano quei bambini che attaccavano sempre briga per
primi, sempre loro che mi minacciavano per primi. Non ero io! Prendevano una pietra,
e quindi io ero obbligato a prendere una pietra! Solo che poi io gliele davo sul serio! Una
volta un bimbo arrivato a prendere una bottiglia rotta e venire verso di me con quel
vetro, cos! Ma se lavessi fatto io non minacciavo solo, io tagliavo proprio! Io non
comincio per primo, ma se tu cominci io parto subito! Io ero un ragazzino ribelle, non
so perch, ma ero cos. (Intervista a Jordy)

Esiste unetica stessa della violenza, condivisa dai miei interlocutori: la violenza giustificata
quando reattiva, ossia quando sorge in risposta allazione aggressiva mossa da un altro
soggetto (Connell, 1995). Jordy, cos come molti altri nel corso delle interviste o di
conversazioni informali, raccontando del suo carattere violento sottolinea il fatto che non
era lui il primo a provocare i compagni con comportamenti aggressivi. Dunque, la risposta
105

Ragazzo.

113

violenta a un oltraggio non rappresenta a Praia una scelta opzionale per un appartenente al
genere maschile.
Mi ricordo la prima volta che le ho prese per strada sono tornato a casa, piangevo
quasi. Quando ho detto a mia madre che le avevo prese, lei mi ha buttato di nuovo in
strada, perch pareggiassi i conti. Mi ha detto che dovevo imparare a farmi rispettare,
che non si torna a casa con la coda tra le gambe cos (intervista a Djon)

La donna che manda il bambino fuori di casa, per pareggiare i conti, legittima e riproduce
questo modello di mascolinit egemonica violenta. Lobbligo di rispondere a unoffesa
sintetizzato da uno dei detti popolari che mi capitato di ascoltare pi volte circolando nei
quartieri di Praia: omi ka ta leba disaforo pa kaza106. Luomo non si porta a casa un oltraggio.
Non pu tornare metaforicamente alla propria abitazione, ossia alla sua vita quotidiana
regolare, lasciando in sospeso unoffesa ricevuta. Lonore va lavato, e nra ta lavada ku
sangre107, con il sangue. Bourdieu, analizzando il complesso della virilit cabila, sottolinea
come la morale dellonore maschile possa riassumersi nella parola qabel, far fronte,
guardare in faccia, e nella postura perfettamente eretta (quella dellattenti militare)
(Bourdieu, 2009, pag. 37). A Capo Verde ugualmente la postura delluomo virile quella
eretta, di chi encara a vida, chi guarda in faccia la difficolt e lasprezza della vita. Allo stesso
tempo luomo donore non volta la spalle, non torna a casa, senza aver dimostrato
pubblicamente il proprio valore.
La questione che qui a Capo Verde oggi c tantissimo questa questione di mi ka ta
leba disaforo pa kaza. Tu dimostri di essere macho se non lasci cadere gli oltraggi, se
rispondi. un modello molto presente tra i nostri ragazzi e poi deve sempre essere
una violenza a salire: se tu hai un coltello, io prender un boka bedju108, e allora tu una
pistola e cos via, in unescalation di violenza, questo che terribile, capisce? (Intervista
a Maritza Rosabal Onu Mulheres)
Vedi questa cicatrice? Devil mi indica una grande cicatrice che va dalla bocca al collo,
rotonda stato un bicchiere. Ora ti racconto questa storia. stata una guerra, con un
tizio, per colpa di una donna, vedi? Quel tizio ha provato a conquistare la mia fidanzata,
in un boate109! Non ricordo bene come andata, mi ricordo solo che ho sentito la mia
ragazza dire lasciami!, questo lho sentito, questo lho sentito! Allora dico al tizio:
106

Luomo non porta oltraggio a casa.


Lonore si lava con il sangue
108
Arma da fuoco artigianale costruita nei quartieri popolari di Praia.
109
Discoteca.
107

114

Lasciala! e lui: Che vuoi? Che voglio? Sono il suo ragazzo! Il tizio allora risponde:
Bene, allora le dar a te e alla tua ragazza pure! dico, ok, vediamo! Mi stai
estranhando110 perch? Perch sono bassino? E cos, subito non mi sono piaciute le sue
parole allora comincia cos: il tipo viene verso di me, lo prendo per un braccio, cadiamo
per terra, i miei amici vengono l a tirargli delle pietre. Ma io dico: No, non lo fate!
Lasciate che ce la risolviamo noi due! Lui pensa che io non ho polso? Lasciate che gli
faccia vedere! Risolviamo pugno a pugno, p! Solo che il tipo si alza e scappa scappa
proprio, e quindi fudeu111!
Qualche mese dopo io sono andato in un negozio qui della zona, stavo un pochino
embriagado112, lui era l, stava bevendo. Stava bevendo, ma era pi cosciente di me. Io
sono andato a comprare un cigarrinho, e il tipo mi ha visto. Cos esce, mi ha aspetta
fuori quando esco mi blocca e dice: Quella volta eri insieme ai tuoi amici! Ma ora
voglio proprio vedere come va! E io: Non mi frega un cazzo del gruppo, am sujeitu
mi, risolviamo sta storia qui e adesso! Cominciamo a picchiarci, BOMBOMBOMBOM!
Lottiamo, lottiamo, cadiamo per terra e un bicchiere cade e si rompe poi arriva il
proprietario del negozio a separarci, Jony, io lo conosco, lo ascolto sempre Jony. Mi ha
detto di lasciar perdere che io sono un bom rapazinho113, di finirla con queste cose. Ok,
io la pianto, ma fai attenzione a lui! e quello, semplicemente, in quel momento, mi
lancia il bicchiere rotto. Mi ha preso, mi ha preso qui mi mostra di nuovo la cicatrice
guarda che segno! In quel momento volo! Volo su di lui! Lottiamo, lottiamo, lottiamo,
poi lui vede un sacco di sangue su di lui e comincia a gridare, pensava fossi io ad averlo
riempito di pankada114, invece ero io, per il bicchiere, che sanguinavo. Ma io ero un
pochino embriagado, non ci ho fatto manco caso. Passo una mano, mi tolgo la maglia,
la metto per bloccare il sangue e salgo su un taxi per andare allospedale. Mi hanno dato
32 punti. [] La polizia arrivata, mi ha detto di far queixa115. Ho detto di no, che non
volevo farla. Non vado alla esquadra

116

da due anni, non ci vado neanche per fare

queixa! No, non ho fatto denuncia sai cosa ho fatto? Lho preso. Lho preso e glielho
date alle 15 in punto. Ero con un mio amico, lho visto che arrivava da lontano lho
visto da lontano, lho tenuto docchio il mio amico pi alto di me, pi largo di me,
cos gli ho detto: Vai davanti che io ti seguo, cos non mi vede! Quando arriviamo
davanti a lui vattene in fretta! Ho caricato due parallelas, due mattoni, quelle pietre

110

Trovando strano.
Fottuto.
112
Sotto leffetto di marijuana.
113
Bravo ragazzo.
114
Botte.
115
Denuncia.
116
Commissariato.
111

115

cos per costruire, caletas, caletas! Le ho prese e ho seguito il mio amico lho seguito,
seguito, quando siamo arrivati l, il mio amico si spostato di lato e io ho detto: E IO?
il tipo ha voltato la testa! POW! Estraguei-lhe a cara117! Po! Guarda lui cosa mi ha fatto!
Gli ho distrutto la faccia!

Spesso queste operazioni per ristabilire lonore macchiato generano una drammatica
escalation di violenza, come quelle descritte in queste situazioni. Vedremo successivamente
come queste dinamiche siano amplificate, per esempio, nel fenomeno della thug life.
La mascolinit capoverdiana dunque caratterizzata da una dimensione competitiva,
negoziata in scontri che intercorrono allinterno del gruppo di soli uomini. Nella prospettiva
teorica su cui si basa questa ricerca, che considera la mascolinit come intrinsecamente
carente, come un ideale da ricercare, raggiungere e ostentare, una strategia che gli uomini
capoverdiani mettono in atto quella di accrescere simbolicamente il grado della propria
virilit sottraendola ad altri uomini. La negoziazione violenta di tale mascolinit costruisce e
modella costantemente la gerarchia interna al genere, utilizzando per sancirla categorie di
giudizio che sono riprese dalla relazione di dominio inter-genere. Infatti, gli uomini che non
hanno il coraggio di rispondere a unoffesa subita, vengono femminilizzati, definiti
mudjerzinha, mofinu, catota, mi ke ta bisti saia, secondo una variegata gamma di
termini che mettono in discussione leterosessualit delluomo e la sua appartenenza al
genere maschile.
2.6.3. La teatralizzazione della mascolinit
Devil mi ha tirato fuori ancora la storia del Grito Rock, quando ci siamo incontrati al
concerto a Platou, che lui era con quelli Achada e io con miei amici. Sono arrivati anche
i ragazzi di Lenfer, con cui Devil in conflitto. Dice che lui li ha visti arrivare da lontano,
lui stava sakedo118 contro la parete, per coprirsi le spalle, con le mani dietro la schiena,
cos che pensassero che avesse un ferro con s. Dice che sono andati a cercarlo, gli hanno
detto: Vieni a Lenfer se hai il coraggio! e lui gli ha detto: Claro! Prendo un po dei
miei e veniamo, vedete! Gli ho detto subito di non andare, di lasciar perdere e Devil si
messo a ridere. Chiaro che non vado, cosa credi?! Mica sono scemo! Ma quelli sono
tutti mas putu de mi119, devo sapere come parlare con loro! Quando siamo tornati a
casa, di sera, Uv voleva fermare il taxi per andare a fumare un po di ganza a Lenfer! Mi
117

Gli ho distrutto la faccia.


In piedi.
119
Pi piccoli di me.
118

116

sono attaccato ai suoi rasta e ho gridato che se fermava il taxi lo ammazzavo! Scherzi, io
non ci metto piede a Lenfer! Nem pensar!. (Diario di campo, 6 Maggio 2014)

Come descritto nei paragrafi precedenti, questi scontri sono fondamentalmente interni al
genere maschile. Bourdieu (1998) definisce giochi sociali le contese tra uomini in cui viene
negoziato lonore virile. Le donne, secondo Bourdieu, sono fondamentalmente estranee a
tali dinamiche, in parte perch escluse dai luoghi in cui viene disputata la mascolinit, in parte
perch capaci di distanziarsi da tali dinamiche e intuirne il carattere di vanit. Connell (1995),
invece arriva a sottolineare come tale esercizio della violenza sia un metodo per segnare un
confine con il genere femminile e i devianti del genere maschile, ossia gli omosessuali,
categorie a cui interdetto lesercizio della violenza.
Unosservazione, che sembra contraddire in parte quanto presentato fino ad ora, viene
formulata da Veiga Miranda (2013), relativamente alle contese tra gli uomini di Rincn,
localit dellIsola di Santiago, campo della sua ricerca etnografica. Lautore sottolinea il
carattere di pura ostentazione che spesso caratterizzano questi scontri. La maggior parte dei
litigi non sono altro che simulazioni, ingaggiate soprattutto per impressionare il pubblico. Il
modello di mascolinit virile che i detti e la morale dellonore presentata ritraggono non
rappresenta che un ideale, difficilmente incarnato in un soggetto. Le discussioni e i litigi,
elementi fondamentali dei quali sono la postura del corpo, la mimica, il tono della voce,
rappresentano una sorta di azioni teatralizzate ai fini di costruire la propria virilit sul
palcoscenico della strada.
Ritengo che lintuizione di Veiga Miranda sia pertinente, come emerge dalla situazione
raccontata nellestratto di campo a inizio paragrafo. Gli scontri a cui ho presenziato a Praia
non si riducevano, tuttavia, a teatralizzazioni della virilit, ma erano impregnati di reale
violenza e tensione. A proposito vorrei riportare uno scontro avvenuto tra due miei amici,
esplicativo di questa dinamica.
Oggi eravamo sul pulmino per andare ad Assomada, alla prima sessione di Parlamento
di Guetto. Iaci 120dellesercito io ero in terza fila di fianco a Elio e Man. A lato di Man
cera Devil. A un certo punto Devil e Elio hanno cominciato a litigare. Devil lo sfotteva
perch era venuto a sapere che Elio aveva preso un kassubodi121 nella zona di Ponta

120

Piccoli pulmini in genere da 15 posti.


Termine che indica le rapine a mano armata, cos come i rapinatori stessi. Deriva dalla creolizzazione
dellinglese Cash or body.
121

117

dAgua. Elio non proprio il tipo a cui io darei un kasubodi: muscoloso, pieno di tatuaggi,
perenne espressione da duro, tipo Clint Eastwood. In realt poi molto simpatico, ma
laspetto non promette bene e comunque Elio si accende con niente, tipo dinamite. Devil
se la rideva alla grande, mentre Elio era sempre pi incavolato e ripeteva che pure Devil
se fosse andato a Mindelo si sarebbe preso un kasubodi (Elio di Mindelo, arrivato a
Praia da un paio di mesi). Ho cercato di fare di tutto per fargli dare una calmata, ci
mancava solo che si mettessero a darsele sul pulmino, con tutti l, e soprattutto me
seduta in mezzo! Si sono evitati tutto il giorno a Assomada, pensavo fosse finita e
invece appena siamo tornati al Pilorinhu, subito i due cominciano di nuovo ad attaccarsi.
Questa volta ha cominciato Elio, ha cominciato a urlare contro Devil, dicendo che era un
filho da puta, e cose del genere, Devil rispondeva a tono, gli altri ragazzi cercavano di
separarli, per evitare il peggio. Alla fine Uv riuscito a convincere Devil ad andarsene a
casa. Mentre mi accompagnava a casa Uv ha sospirato, stanco Ah dura lavorare
con questi ragazzi si accendono per un nonnulla a volte non li capisco proprio.
(Diario di campo, 12 Aprile 2014)

Sono certa che il conflitto tra Elio e Devil sia stato a un passo dallesplodere in unaperta
aggressione violenta. La tensione tra i due era palpabile, loffesa subita da Elio
sufficientemente grave e entrambi condividevano un passato di violenza gratuita quotidiana,
tra la vita di strada e le gangs urbane. Tuttavia, entrambi erano spinti da una duplice
tendenza: la spinta aggressiva contro lavversario e contemporaneamente la tendenza a
cercare di evitarlo. Ambedue, infatti, avevano interesse nellevitare di ricorrere alla violenza
fisica, perch consapevoli delle conseguenze. Gli uomini di Praia cercano lo scontro, ma al
tempo stesso lo evitano, perch sanno che quando avviene estremamente serio e non si
riduce a una scazzotata, ma pu diventare linizio di una spirale di crescente violenza. Devil
e Elio condividevano un ambiente comune, il Pilorinhu, e una serie di legami: iniziare un
conflitto avrebbe significato limpossibilit perenne di convivere in futuro nello stesso
ambiente. Lo scontro avvenuto tra i due, sebbene arginato, aveva ad ogni modo svolto
limportante funzione di ripristinare lorgoglio di Elio, che non aveva lasciato cadere
nellindifferenza le insinuazioni mosse contro di lui dal coetaneo. In questo senso possibile
parlare di teatralizzazione degli scontri tra uomini a Praia, in quanto spesso sono messi in
atto davanti a un pubblico che conferisce significato e funzionalit allo scontro stesso. Solo
davanti a altri membri della comunit Elio avrebbe potuto ripristinare lorgoglio ferito. Al
tempo stesso presente questa forte tendenza allevitamento.

118

Oggi ho visto Agostino, cos lho invitato alla mia festa di despedida122. Subito mi ha detto
che sarebbe venuto molto volentieri. Poi quando ha scoperto che lavrei fatta a Achada
Baixo, nel Pilorinhu, ha scosso la testa dispiaciuto, sorridendo. Mi ha detto che non va a
Achada Baixo da cinque anni, per evitare guai. Aveva dei conflitti aperti con quella zona.
Arriva a un raggio di venti metri da casa sua e non va oltre in quella direzione. (Diario di
campo, 27 Maggio 2014)
Gli uomini molte volte cercano di evitare di scontrarsi se c una situazione, per
esempio, tra bairros vicini, le donne possono uscire, gli uomini gi no. Gli uomini si
evitano, perch sanno che, se si affrontano, una delle due parti deve morire, o
comunque deve finire male. Sanno che uno dei due deve distruggere laltro, e questo di
una forma molto grave quindi evitano. (Intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku
Cabo Verde)

2.7. La divisione sessuale del lavoro


2.7.1. La gestione del lavoro domestico
Ieri cena di Natale a casa di Dika...noi non avevamo quasi pranzato per tenerci lo spazio
per il doppio cenone e alle 21 stavamo gi morendo di fame! Alle 22, come stabilito,
siamo andati a casa di Dika. Quando siamo arrivati l... erano ancora in alto mare! La
casa era un casino, mille persone dentro casa a cucinare, tutte ancora spettinate e in
abiti da lavoro... ed erano gi le 22! Dika ci ha chiesto scusa, ha detto che erano in ritardo
e ci ha fatto sedere. Io subito ho chiesto se potevo aiutare e Dika ha accettato volentieri:
mi ha messo un grembiule e mi ha dato delle verdure da sminuzzare. Christian, che
molto pi capace di me in cucina, ha chiesto anche lui di dare una mano, ma Dika ha
detto no, no, no!!! ha spedito Christian fuori con Billy, suo figlio. Ruoli di genere chiari:
le donne in casa a lavorare, gli uomini fuori a bere! Io sono rimasta tre ore a cucinare in
salotto con Dika, sua figlia e altre varie parenti, afilhadas, ecc... continuavano a entrare
e venire persone, fratelli, nipoti, vicini, parenti, Dika era molto accogliente con tutti,
facevano un giro e se ne andavano. Intorno al tavolo nellunica stanza: solo donne a
cucinare, e bambini seduti intorno in silenzio a osservare con lacquolina in bocca tutto
quel cibo. Cabea, il marito di Dika, era tornato dal lavoro e si era messo a dormire,
uscito solo quando la comida era gi pronta, cio all'una di notte! Io non ne potevo pi,

122

Partenza, saluto.

119

tre ore a spostare salatini e stuzzichini vari da un piatto all'altro, non capivo quanto
ancora dovessimo aspettare prima di mangiare!
Mentre tutte noi cucinavamo, non ho visto un solo uomo muovere un dito in casa.
L'unica cosa che ha fatto Billy, il figlio di Dika, stato andare a comprare da bere per
tutti. D'altra parte lui, come tutti gli altri uomini, erano molto attenti a far s che tutti gli
ospiti fossero a loro agio... secondo Chri cos: le donne lavorano e gli uomini
intrattengono gli ospiti. Effettivamente anche l'altro giorno che eravamo da Dika a fare
colazione lei ci ha preparato da mangiare e il suo afilhado ha chiacchierato con noi tutto
il tempo, senza fare niente per aiutarla, e lei alla fine lo ha molto ringraziato per l'aiuto
che lui le ha dato con noi. Credo che se fosse stata una afilhada avrebbe aiutato Dika a
sparecchiare. Credo che Dika se lo sarebbe anche aspettato da lei.
Comunque, il fatto che mentre io stavo a cucinare e chiacchierare dentro casa, Chri
era fuori con i ragazzi, solo uomini, pi o meno tutti sui 20-25. Chri mi ha poi raccontato
che sono andati a bere, ha bevuto qualcosa tipo 4 birre di fila a stomaco vuoto. Erano
nel pub dietro casa di Dika, cerano solo uomini praticamente a parte due donne.
Appena sono tornati in casa Chri mi venuto a supplicare di dargli una mano, non
parlando bene la lingua, non sapeva come spiegare che non avevamo mangiato niente
e quindi lui era gi completamente sbronzo, non ne poteva pi di bere! (Diario di campo,
26 Dicembre 2013)

La cena di Natale che ho descritto nel diario di campo stata la prima esperienza in cui mi
apparsa evidente la netta separazione dei compiti tra uomini e donne nella gestione del
lavoro domestico. Nei mesi successivi, ogni volta che mi presentavo a casa della vicina Dika,
si riproponeva la medesima situazione: Dika, la figlia o una delle nipoti intente a cucinare,
lavare i piatti, pulire la casa, mentre un afilhado, un nipote, un genero seduti al tavolo a
mangiare e guardare la televisione. A Capo Verde, la gestione del lavoro domestico e della
cura dei figli sono considerate responsabilit femminili, in tutti gli strati socio-economici della
popolazione. Il lavoro domestico nelle case dei membri della classe benestante di Praia
infatti affidato alle empregadas domesticas, le donne di servizio. Apparentemente questo
fatto potrebbe sembrare un fattore di equit nella cura della casa tra le coppie delle famiglie
di classe alta. Tuttavia, il lavoro domestico da cui le donne benestanti vengono sollevate
assunto da altre figure quasi esclusivamente femminili, in una dinamica che riproduce
lordine generale di disuguaglianza di genere, classe ed etnia, come avviene analogamente
nel contesto brasiliano analizzato da Brites (2007). Inoltre, il lavoro residuale, non compiuto
dalle empregadas, come la gestione della casa nei weekend o nellorario serale, rimane un
compito femminile, anche tra le famiglie pi ricche. Vivendo per un periodo di tempo in casa
120

di una famiglia che aveva alle proprie dipendenze una domestica, ho notato come fosse la
madre, coadiuvata dai due afilhados, a occuparsi della gestione dei pasti e delle pulizie nei
fine settimana, a fare la spesa e a interessarsi alla gestione della quotidianit di figli e
afilhados. Il lavoro domestico infine ampiamente svalutato a livello di riconoscimento
sociale, fatto che si riflette nelle condizioni di lavoro delle empregadas domesticas.
Kuka mi ha raccontato che, come empregada domestica non ha nessuna protezione a
livello di assicurazione, pensione, mutua lavora in nero, quando sta male deve venire
al lavoro lo stesso, o perde un giorno di paga. La paga base di una domestica 10.000
scudi al mese, una miseria Una volta faceva doppio lavoro: al mattino in una casa, al
pomeriggio in unaltra. Poi ha litigato con la famiglia del pomeriggio, perch un giorno
stata male e dopo il mattino se ne andata a casa. Kuka mi dice sempre che non sa
quanto riuscir a reggere questo lavoro, perch pesante. (Diario di campo, 7 Aprile
2014)

Le empregadas, inoltre, provengono normalmente dagli strati socio-economici pi bassi della


popolazione, in cui lassegnazione della responsabilit domestica alla donna netta e
indiscutibile. Nella societ capoverdiana, come in molte altre, le donne sono investite di un
duplice ruolo, pubblico e privato, riproduttivo nella famiglia e produttivo a livello della
societ. Laura Balbo (1978) ha coniato a questo proposito il concetto di doppia presenza
che indica appunto la doppia responsabilit della donna, da una parte verso il nucleo
familiare, dallaltra verso la propria indipendenza attraverso il lavoro. Le empregadas
capoverdiane, dunque, una volta tornate a casa, riprendono a svolgere le stesse attivit
eseguite sul posto di lavoro, o vengono sostituite durante la loro assenza da altre donne della
famiglia. Il complesso di lavori quotidiani che strutturano la routine femminile costituito
essenzialmente da attivit che riguardano la preparazione dei pasti, la cura dei bambini, la
pulizia della casa e il lavaggio dei vestiti, compito che, in mancanza dellausilio di
elettrodomestici, arriva a occupare interi pomeriggi. A questo proposito credo che sia
paradigmatica la situazione di una mia grande amica di Achada Grande, che unica figlia
femmina in una famiglia molto numerosa, da anni si assunta la gestione del nucleo
domestico, in conseguenza dellassenza durante il giorno della madre, empregada domestica
in un altro quartiere.
Jandira vive in una famiglia piena di fratelli maschi, non ho ancora capito se sono cinque
o sei, si assomigliano tutti. Lei ha cominciato a occuparsi della casa quando aveva 8 anni,
cio quando suo padre se ne andato, e la madre andata a lavorare come domestica.

121

Tutti i giorni cucina in una batteria di pentole giganti comida per un reggimento: tutti i
fratelli, la madre, le nipotine, un paio di zii a cui porta i piatti di cibo a casa
personalmente. E poi pulisce, lava i vestiti, si occupa della casa. I suoi fratelli non
muovono un dito, quando entro in casa stanno sempre davanti alla televisione o a
mangiare. Jandira mi ha detto pi volte che le sarebbe molto piaciuto avere una sorella
femmina oltre a tutto ci J si occupa a tempo pieno di Alicia, una nipotina di quattro
anni, e di Neuza, altra nipotina, solo al pomeriggio. Alicia la figlia di Adilson, il secondo
fratello di maggiore di J J fa da madre a Alicia da quando la piccola aveva sei mesi.
Per con Adilson Jandira ha un bel rapporto, il fratello con cui parla di pi e forse
lunico con cui si confida. (Diario di campo, 25 Marzo 2014)

Questa diseguale distribuzione dei compiti limita notevolmente le opportunit accessibili alle
donne, che non possono prescindere da tale responsabilit nelle loro scelte.
Mia madre mi ha tolto da scuola perch la potessi aiutare perch mio padre si
separato da lei e lei ha cominciato a lavorare a casa di qualcuno, cos lei mi ha tolto da
scuola e mi ha messo a tenere dietro alla casa. Dopo che mio padre lha lasciata, mia
madre ha iniziato a bere. E io ho lasciato la scuola, sono arrivata al 10 anno 123.
(Intervista a T)
Oggi siamo andate a fare la raccolta alimentare al supermercato, io e Jandira, per il
Pilorinhu. Io non ho sentito la sveglia, sono arrivata un quarto dora in ritardo. J invece
era gi l, puntuale come un orologio J proprio non capoverdiana, almeno rispetto
alla puntualit! Quando glielho detto si messa a ridere. Figurati Silvia, io sono in piedi
dalle sei! Prima di venire qui dovevo preparare da mangiare e pulire la casa, se no mica
potevo venire! (Diario di campo, 15 Marzo 2014)

Come analizzato in precedenza, il modello di virilit egemonico non considera che luomo
possa svolgere compiti domestici. In unintervista riportata precedentemente, una madre ha
raccontato la vergogna del figlio di fronte alla fidanzata che lo incontra intento a spazzare la
sala, perch dimostrazione di un carattere poco virile. Spesso sono le stesse donne, come nel
caso di Dika, che in virt di questa ideologia dominante, non permettono agli uomini di
famiglia di svolgere compiti domestici. Ritengo che questo atteggiamento sia in parte dettato
anche dal desiderio di mantenere un ambito di pertinenza esclusiva, in cui poter esercitare
una dimensione di controllo e potere. In realt, tale ambito continuamente svalutato a
livello sociale e al tempo stesso, relegandole in casa, esclude le donne dalle arene pubbliche

123

Lultimo anno di Liceo corrisponde al 12.

122

in cui viene assegnato il prestigio sociale, che comprendono la strada, le realt associative
locali e settori di lavoro meglio remunerati. Lassegnazione alle donne del lavoro domestico
si inserisce allinterno dellideologia del dominio maschile, al punto che stata definita da
autori come Michelle Rosaldo (1974) lorigine dellintero sistema gerarchico di genere.
2.7.2. Segregazione sessuale del lavoro
Nel corso delle interviste che ho realizzato con la tecnica della foto-elicitazione, uno degli
argomenti che emerso con maggior frequenza riguardava la divisione tra lavori femminili e
lavori maschili. A Capo Verde esiste unampia gamma di lavori che sono considerati
appannaggio di uno solo dei due generi, con conseguente stigmatizzazione di chi fuoriesce
dal modello normativo, inserendosi in unarea lavorativa opposta al proprio genere di
appartenenza. Le foto scattate dai ragazzi e dalle ragazze inseriti nella mia ricerca hanno
ampiamente documentato questo fatto, ritenendolo una delle principali questioni che
strutturano la differenza tra le esperienze di vita maschile e femminile.
Solitamente sono sempre le donne che vendono, soprattutto in quella parte di verdure,
legumi, ortaggi, sempre le donne. Perch le donne si adattano meglio a quello. Perch
gli uomini riescano a sostentare la famiglia ci sono altri tipi di lavoro tipo questuomo
nella foto, che prepara reti da pesca. Solo lui che fa quel lavoro, solo gli uomini. Prepara
la corda e poi la stende, devi vederla, quando la stende occupa tutta la strada.
(Intervista a Jandira)
Ho fotografato un taxi... una professione, essere conduttore, motorista, prima era
visto come unattivit da uomini. Ora differente, le donne guidano ma essere
conduttore di un autobus, taxista, quello no, ancora un compito maschile. Io credo
dipenda dalla mentalit delle persone se l80% dei taxisti fosse donna, allora tutti
sarebbero costretti a salire su un taxi guidato da donne quando sono stato in Brasile e
ho visto per la prima volta una donna a guidare quegli autobus enormi sono rimasto
mezzo spaventato! Per ho pensato: allora possibile! [] credo che guidare sia
pericoloso, e quindi luomo pi protettore, quella cosa di genere ha pi capacit per
controllare il veicolo, mentre la donna no. Se si presenta qualche pericolo la donna non
riesce a risolverlo, mentre luomo gi ha pi predisposizione. (Intervista a Antnio)
Quel lavoro di pedreiro solo gli uomini lo fanno, perch pesante. Non mi piace vedere
le donne a fare lavori pesanti. [] Le donne invece, come in questa foto, preparano
alimenti e poi li vanno a vendere. Oppure cucinano per strada, sopra il fuoco tipico
della donna capoverdiana cucinare per vendere (Intervista a Carlos)

123

Ho fatto questa fotografia124 nella piazza del Caf Sofia, di Platou questa donna sta
sempre l, dal mattino presto alla sera a vendere caramelle, sigarette, cioccolatini e altri
dolcetti insieme ai suoi bambini. Con la pioggia o sotto il sole. l che pranza e che d
da mangiare ai suoi figli. Bendi125 un lavoro tipico delle donne. Solo le donne che lo
fanno se si mette a farlo un uomo, tutta la gente comincia a dire: ah, guarda quello
che vende! Quello un lavoro da donna, rabidante mudjer126!. (Intervista a Raul)

I lavori esclusivamente maschili sono quelli di pescatore, taxista, pedreiro127, poliziotto,


barbiere, sarto, mentre quelli tipicamente femminili sono di pexeira, venditrice e empregada
domestica. Queste divisioni sono ricondotte a differenze innate nelle predisposizioni naturali
dei due generi. Le donne sono considerati abili nel fare negocio, ossia nel produrre,
vendere, inventare nuove maniere di guadagnare qualche soldo. La maggior parte delle
donne appartenenti allo strato sociale pi basso preparano prodotti alimentari, come dolci,
torte, yogurt naturali, ghiaccioli, pontche, salatini, e vanno a vendere tale mercanzia per
strada, caricandola in cesti che portano in equilibrio sulla testa.
I lavori realizzati dagli uomini solitamente permettono di accedere a un maggior prestigio
sociale o perch meglio remunerati, o perch investiti di significati simbolici relativi alla
dimostrazione di caratteri virili. Veiga Miranda (2013), analizzando il lavoro dei pescatori di
Rincn, ha scoperto lesistenza di una complessa narrativa rispetto a tale impiego lavorativo.
La pesca viene rappresentata come unimpresa gloriosa delluomo che sfida la natura e la
forza del mare e che esce vittorioso dalla contesa, grazie alla propria potenza fisica e
coraggio, portando con s i segni della propria vittoria, rappresentati dai pesci. Lo studioso
descrive la gerarchia simbolica esistente tra i vari tipi di pesci, che diventano misura della
virilit del pescatore che riuscito a catturarli. In virt di tale gerarchia, spesso succede che
i pescatori preferiscano tornare a mani vuote, piuttosto che con prede umilianti: i pesci
voador, svalutati allinterno di tale scala simbolica, sebbene siano invece apprezzati a livello
culinario e nellambito del mercato del pesce, vengono spesso ributtati in acqua prima di
tornare a riva. Tornare a riva con un grosso tonno o uno squalo rappresenta il desiderio di
ogni pescatore, per poter provare cos la propria prestanza virile (Veiga Miranda, 2013). Altri
tipi di lavoro che sono mal remunerati e svalutati a livello comunitario, come per esempio
nei cantieri edili, permettono comunque agli uomini di accedere al prestigio maschile, in
124

Fig. 3 in Appendice.
Vendere.
126
La rabidante donna.
127
Costruttore di strade.
125

124

quanto professioni che richiedono una dimostrazione di forza. I miei intervistati sottolineano
appunto come numerose professioni siano escluse dalla sfera femminile, perch le donne
non avrebbero la forza fisica per sostenerle.
Esistono in realt una serie di lavori che smentiscono questo assunto, in quanto decisamente
faticosi a livello fisico, ma svolti solo da donne. Lesempio pi eclatante di tale situazione
loccupazione femminile nellapanha da areia128. Attualmente il settore della pesca sta
attraverso un grave periodo di crisi a Capo Verde, a causa di una crescente scarsit di pesce.
Questa diminuzione della popolazione ittica vicino alle coste capoverdiane dipende in larga
misura dagli accordi del Pesce che intercorrono tra Capo Verde e lUnione Europa e
concedono ad alcuni stati europei di praticare la pesca industriale nei mari capoverdiani,
senza considerare le conseguenze a livello di pesca artigianale e locale129. Costrette a
riconvertirsi per la mancanza di pesce, numerose pexeiras si sono inserite nel settore delle
costruzioni praticando lattivit illegale di apanha da areia. Queste donne, entrano ogni
giorno nel mare vicino alle proprie residenze e si caricano secchi di sabbia che pesano fino a
30 chili sulla testa, formando mucchi di sabbia ai bordi della strada, che saranno raccolti dai
camion dei committenti. Lapanha da areia formalmente illegale, ma spesso le guardie
addette al controllo assumono una postura morbida al riguardo. Tale attivit lavorativa
informale/illegale sta distruggendo sia il corpo delle donne che la praticano, che a
quarantanni anni hanno la schiena a pezzi e gravi problemi reumatici, sia lambiente naturale
di Capo Verde. Le spiagge, una volta bianche e sabbiose, sono ad oggi delle scogliere di pietre
che scendono a picco sul mare. Inoltre la sabbia svolgeva una preziosa funzione di filtraggio
dellacqua marina salata, che ora, in assenza di tale protezione naturale, sta penetrando nelle
falde acquifere e nei campi coltivati adiacenti al mare, compromettendo irreparabilmente la
loro produttivit. Tornando allargomento del nostro discorso, le donne che praticano
lapanha de areia sono la dimostrazione di quanto la divisione sessuale del lavoro non possa
essere considerata semplicemente come la conseguenza diretta di una squilibrata prestanza
fisica tra uomini e donne. Isa, una mia interlocutrice che da anni lavora sulle questioni di
genere a Capo Verde, ha commentato come la raccolta della sabbia sia considerata
femminile, poich i secchi di sabbia vengono caricati sulla testa delle lavoratrici, secondo una
tecnica del corpo tradizionalmente femminile.

128

Raccolta della sabbia.


A proposito esiste un bellissimo documentario, recentemente prodotto dal titolo Sandgrains che
possibile acquistare in http://sandgrains.org/.
129

125

Le donne che svolgono questi lavori femminili, inoltre, come espresso nel paragrafo
precedente, devono anche tenere in considerazione la gestione della casa e delle
responsabilit familiari. Per questo motivo, la maggior parte dei lavori tradizionalmente svolti
da donne, sono solitamente occupazioni in cui possibile portare con s i propri figli. Kuka,
la domestica della famiglia preso cui ho abitato, arrivava sempre accompagnata dalla figlia di
dieci anni, che frequentava la scuola in orario pomeridiano. Mentre Kuka svolgeva le
faccende domestiche, la bambina studiava, guardava la televisione, o aiutava la madre in
alcuni compiti. Le donne che vendono, come emerge dallintervista di Carlos, allo stesso
modo hanno labitudine di portare con s i propri figli sul posto di lavoro, al mercato, per
strada, nelle piazze dove commerciano i propri prodotti. Nelle situazioni in cui non possibile
portare con s il proprio figlio, le donne si basano sulla rete di solidariet femminile di cui ho
precedentemente parlato. Un giorno ho accompagnato dal mattino alla sera la giornata
lavorativa di Julia, pexeira di Achada Grande. Riporto un breve estratto della giornata che
abbiamo condiviso.
Vado a casa di Julia alle 7, come concordato ieri. Achada Grande comincia a svegliarsi,
vedo il fratello di Jandira che esce di casa, i primi bambini che vanno verso la scuola, la
lezione comincia alle 7.30. Julia si svegliata gi da mezzora, ha fatto il bagno alla figlia
piccola di due anni e le ha preparato la colazione. Mentre lavora al mattino lascia la figlia
piccola con Celia, altra figlia di 11 anni, che frequenta la scuola al pomeriggio, a partire
dalle 13. Alle 11.30 Silvia dobbiamo poi risalire ad Achada Grande. Il porto
esattamente sotto il quartiere, ma bisogna percorrere una strada molto ripida sotto il
sole impietoso per tornare ad Achada Devo preparare il pranzo, che poi Celia ha la
scuola! Le chiedo con chi lascer la figlia piccola al pomeriggio. A volte resto a vendere
qui nel quartiere e allora la prendo con me, se no la lascia a una vicina, che mi d una
mano. Poi alla sera torno, preparo la cena, faccio il bagno alla bimba e aspettiamo mio
marito che torna dal mare. molto faticoso, a volte rientro solo alle 8 di sera che c
ancora tutto da fare! (Diario di campo, 25 Gennaio 2014).

Julia, come evidenziato, deve dunque conciliare il lavoro di pexeira con la gestione della
famiglia. Le caratteristiche del lavoro di pescatore del marito contribuiscono a sollevarlo da
queste responsabilit. I pescatori infatti passano lunghi periodi in mare, senza far ritorno a
terra anche per settimane. Queste assenza prolungate legittimano in parte la deresponsabilizzazione maschile dalla gestione della quotidianit familiare.

126

Le reti amicali segregate per genere che strutturano la gestione del tempo libero di uomini e
donne capoverdiane, sono in realt interessanti anche rispetto allambito lavorativo. infatti
spesso allinterno di queste reti che uomini e donne costruiscono relazioni di lavoro o
comunque di sostegno alloccupazione lavorativa. Le donne, come gi ampiamente discusso,
ritrovano in queste reti i supporti necessari per poter svolgere la propria professione, nel
caso in cui sia impossibile portare con s i propri figli. Cos Zuleika e Julia, lasciano i figli piccoli
a parenti o a vicine di casa, grazie ai legami di amicizia e reciprocit intessuti. Le pexeiras e le
venditrici, inoltre, si sostengono reciprocamente condividendo informazioni utili, relative per
esempio allarrivo di navi contenti prodotti importati o pesce, e evitando di mettere in atto
una dinamica competitiva, almeno allinterno della rete amicale pi stretta.
Gli uomini di Achada Grande sono per la maggior parte pescatori. La pesca non mai
unattivit solitaria, si svolge in squadre composte da almeno 5 pescatori o pi, con
leccezione della pesca subacquea, in cui possono uscire a pescare anche solo una coppia di
uomini. Nel porto di Praia, dove esiste un sistema di regolazione per cui necessario avere
alcuni documenti, una sorta di patente nautica e documento di riconoscimento, per poter
lavorare come pescatore, sono i mestre de navio130 che scelgono lequipaggio con cui uscire
in mare. Le relazioni tra uomini costruite nei momenti di omosocialit, come nella parodia,
nel bar, nei pomeriggi per strada, strutturano legami di fiducia reciproca e amicizia, in base
ai quali un mestre potr selezionare un equipaggio affidabile, e un pescatore accetter la
proposta di lavoro del mestre di cui conosce la seriet. La segregazione di genere nei momenti
di convivio in parte funzionale allefficacia dello svolgimento della professione lavorativa,
che a sua volta connotata per genere.
da notare infine come sia proprio nei momenti di gioco divisi per genere che i bambini
intraprendono una socializzazione ai futuri mestieri che svolgeranno nella vita adulta. Uno
dei giochi pi diffusi tra i bambini di una zona di pescatori in cui nato e cresciuto Eliseo era
il gioco della pesca.
Siamo rimasti un bel po' nella sua cucina a chiacchierare e a preparare il pesce per la
cena. Eliseo molto abile nel pulirlo, si vede che da una vita che pulisce il pesce. Infatti
mi ha raccontato che da piccoli al suo paese i bambini giocavano a pescare, solo i maschi,
le bambine no. Uscivano di casa di nascosto, perch i genitori non volevano che
andassero al mare, uscivano e andavano a pescare i pesci piccoli. A volte si tuffavano nel

130

Maestri di nave.

127

mare e arrivavano lontano, agli scogli e pescavano da l. Poi portavano il pesce sulla
spiaggia, facevano un fuoco e se lo mangiavano. Eliseo dice che non si ricorda che
nessuna bambina giocasse con loro a pescare. (Diario di campo, 8 Dicembre 2013)

2.7.3. La logica del doppio standard


Carlos: Vedi questa foto: una donna sta vendendo il cibo che ha fatto sul fuoco131. un
tipico modo di vivere delle donne capoverdiane. Ma sono soprattutto donne a farlo.
Silvia: E non ci sono uomini che fanno la stessa cosa?
Carlos: Qualcuno. Pochi. E lo fanno in modo pi professionale.
Silvia: In che senso?
Carlos: Luomo lo fa sempre di una maniera pi professionale tipo nei bar, nei
ristoranti, negli hotel. E sono pochi. Chi sta l, tutto bazofo nella televisione o nei locali
chic, sono uomini. Ma se tu vai nel terreno scopri che questarea delle donne. Solo che
gli uomini fanno i cuochi professionali, le donne vendono comida per strada. (Intervista
a Carlos)

Carlos, nella presente intervista, inconsapevolmente esprime un concetto che stato


trattato a livello teorico da Bourdieu (1998), ossia la logica del doppio standard, che instaura
una disimmetria radicale nella valutazione delle attivit femminili e maschili (Bourdieu,
2009, pag. 73). Secondo il sociologo, infatti, qualsiasi professione femminile investita di una
miglior qualificazione quando compiuta da un uomo. Santiago, un ragazzo capoverdiano che
ho conosciuto, lavora nel campo della ristorazione: in diverse occasioni di convivio informale
si reso disponibile a cucinare per tutti e una volta lho anche visto indossare un grembiule
femminile. Tuttavia la sua abilit in cucina certificata da un diploma formativo che ha
ottenuto ed riconosciuta a livello comunitario come competenza professionale, cosa che
non avviene per le donne che fanno della stessa competenza il proprio lavoro. Sempre
Bourdieu (1998) parla di permanenza nel cambiamento, riconoscendo come questi segnali di
cambiamento, che vedono gli uomini cimentarsi in ambiti femminili, in realt non mettano
in discussione la gerarchia di genere esistente. Santiago un cuoco professionale, e anche
nei momenti in cui disoccupato, la sua competenza professionale riconosciuta
socialmente, in una posizione di supremazia rispetto alle colleghe donne.

131

Fig. 4 in Appendice.

128

2.8. Mascolinit egemonica, tra ideale e reale


Nel presente capitolo sono stati analizzati i vari elementi costitutivi del modello di mascolinit
egemonica in vigore a Praia. Il quadro dipinto nel corso di questi paragrafi potrebbe sembrare
eccessivamente negativo, rappresentando una visione della relazione tra i generi
estremamente ingiusta e immune da ogni tipo di cambiamento. In realt, in primo luogo,
vorrei sottolineare come il modello descritto non rappresenti che la mascolinit egemonica,
ovvero un ideale, che non corrisponde a nessun individuo concreto (Connell, 1995). La
mascolinit egemonica rappresenta un limite verso cui i singoli individui tendono, ma che
raramente viene raggiunto. Inoltre non mia intenzione ridurre lincidenza dellagency del
soggetto: ogni individuo si rapporta al modello in maniera differente, investendo in
determinati elementi piuttosto che altri e manipolandolo in maniera creativa. Con questo
capitolo ho voluto tracciare la descrizione di tendenze generali e macroscopiche, piuttosto
che le scelte individuali dei singoli. Molti dei miei amici di Praia contraddicono apertamente
questa rappresentazione. Carlos, sfidando il pericolo di stigmatizzazione, ha per vari anni
venduto i prodotti del suo orto al mercato, in compagnia di un pubblico quasi solo femminile.
Uv per diversi mesi non ha avuto alcuna storia amorosa, neppure transitoria, prima di
incontrare la sua attuale fidanzata, con cui ora convive felicemente. Yannick
completamente astemio, anche in virt della religione rastafariana a cui aderisce. Come
Carlos, Uv e Yannick, numerosi sono i casi che contraddicono il modello presentato.
In secondo luogo, come vedremo nel prossimo capitolo, il modello di mascolinit egemonica
ideale capoverdiano ad oggi corrisponde in misura sempre minore alle relazioni di genere
concretamente in atto nella societ. Esiste un divario sempre pi profondo tra ideale e reale,
dovuto a vari cambiamenti storici, alcuni dei quali hanno influenzato lemergere di una nuova
performativit di genere femminile (Massart, 2013), che spesso si contrappone alla
realizzazione del modello egemonico virile. Inoltre, negli ultimi anni larcipelago stato
scenario di significativi cambiamenti politici, culturali e socio-economici, che hanno
incrementato il livello di disuguaglianza sociale tra la popolazione, come sar approfondito
nel capitolo seguente, rendendo inaccessibili alla maggioranza degli uomini le risorse
necessarie alla performance della mascolinit egemonica. Trovandosi sempre pi spesso in
condizioni di grave povert e disoccupazione, gli uomini difficilmente possono confermarsi
nel ruolo di provedor della famiglia, cos come in quello di mulherengo132, dato che anche
132

Donnaiolo.

129

conquistare altre pekenas unattivit che richiede una certa disponibilit finanziaria.
possibile dunque concordare con Veiga Miranda (2013) quando sostiene che ad oggi il
modello di virilit egemonica a Capo Verde corrisponde a una mascolinit che pi
opportuno definire insostenibile per gli stessi uomini dellarcipelago.

130

CAPITOLO III: UNA MASCOLINITA INSOSTENIBILE

3.1. Cambiamenti nel contesto storico


Il modello di mascolinit egemonica presentato, sorto in un contesto di dominazione
coloniale e schiavista, si riprodotto fino ad oggi, rimodellandosi in base ai cambiamenti
storici attraversati dal paese. In particolare, lentit di tali cambiamenti dagli anni Novanta ai
nostri giorni ha avuto unincidenza significativa rispetto al sistema di genere tradizionale. Una
serie di fattori che saranno analizzati in seguito hanno influenzato lequilibrio tra i generi,
soprattutto attraverso la promozione di una nuova performativit di genere messa in atto
dalle donne, che ostacola la realizzazione maschile delle aspettative di genere egemoniche.
Capo Verde ottiene lindipendenza dalla potenza coloniale portoghese nel 1975, dopo oltre
dieci anni di lotta armata, combattuta nel territorio della Guinea-Bissau, da guineani e
capoverdiani, uniti nel partito comune P.A.I.G.C., Partito Africano per lIndipendenza della
Guinea e di Capo Verde (Andrade, 2009). Dopo la costituzione iniziale di un governo di
transizione, composto da capoverdiani e portoghesi, il popolo capoverdiano elegge nel
Giugno del 1975 la prima Assemblea Costituente. Per quindici anni Capo Verde vive sotto la
guida di un partito unico, il PAICV, evoluzione del partito protagonista della lotta di
liberazione dopo la scissione dalla Guinea. Ad oggi si parla degli anni del partito unico come
una sorta di regime inserito nella sfera dinfluenza dellarea comunista, la maggior parte dei
funzionari e dei leader politici si sono formati, infatti, in quegli anni studiando a Cuba, in
Russia o in Ucraina. Gli anni Novanta vedono invece lapertura politica del paese, che nel
1991 inaugura la seconda repubblica con le prime elezioni bipartitiche, che premiano il
partito dopposizione MPD (Movimento para a Democracia) recentemente creato, sotto la
guida di Carlos Veiga. Le elezioni del 91 segnano la transizione del paese al regime
democratico, transizione che si stabilita senza alcun segnale di reversione, facendo cos di
Capo Verde un modello di democrazia consolidata nel contesto africano (vora, 2011).
Il 1991 rappresenta per Capo Verde non solo lapertura a un regime democratico, ma
lingresso sul panorama politico globale, con significative conseguenze sulla vita concreta dei
suoi abitanti. Linserimento di Capo Verde sul palcoscenico globale veicola novit che
destabilizzano il sistema di genere tradizionale, incentivando una riflessione e una ricerca di

131

emancipazione allinterno della popolazione femminile. Andiamo dunque ad analizzare quali


fattori contribuiscono nel modificare lequilibrio della relazione tra i generi.
In primo luogo, la democrazia capoverdiana si inserisce nel discorso internazionale in
costruzione relativo al riconoscimento dei Diritti Umani. In particolare la volont politica di
intraprendere un percorso volto a raggiungere un regime di equit e uguaglianza di genere
porta alla creazione nel 1994 dellICF, Instituto da Condio Feminina. Nel 1980, Capo
Verde stato uno dei primi paesi lusofoni a ratificare la convenzione per leliminazione di
tutte le forme di discriminazione della donna (CEDAW) proposta dalle Nazioni Uniti nel 1979.
Nel 2006 il nome dellistituto capoverdiano stato mutato in quello attuale di ICIEG,
Instituto Cabo-verdeano para a Igualdade e Equidade de Gnero. NellAgosto del 2009
lICIEG ha presentato un documento contente le proposte dellIstituto alla Commissione per
la Revisione Costituzionale. Queste proposte erano fondamentalmente orientate alla
modifica del quadro giuridico relativo alla violenza contro le donne e a misure rivolte a
garantire lequit tra i generi in termini giuridici, sociali, economici e culturali. In particolare
lICIEG auspicava ladozione di programmi volti al superamento dello stereotipo sessista nella
divisione ineguale del lavoro domestico e al raggiungimento delluguaglianza di
partecipazione tra uomini e donne, nei contesti di rappresentanza politica. Nei capitoli
precedenti si gi trattato di alcune delle conquiste raggiunte dalla democrazia capoverdiana
in termini di uguaglianza di genere e tutela dei diritti delle donne, in particolare la nuova
legge sulla violenza basata sul genere, decisamente allavanguardia nel panorama mondiale.
Inoltre, come gi anticipato, lattuale governo capoverdiano, di nuovo retto dal partito PAICV,
tra i pi paritari del mondo in termini di genere, in quanto comprende un solo ministro
uomo in pi rispetto alla componente femminile. Il percorso per lequit per ancora lungo:
per esempio, a fronte di questa sorprendente equit di genere nelle sfere pi alte del potere
politico, la rappresentanza femminile negli organi minori e nelle associazioni comunitarie
rimane bassissima. Inoltre, anche le scelte politiche volte ad aumentare la rappresentanza
femminile allinterno dei partiti sono spesso scelte strategiche orientate alla costruzione di
unimmagine pubblica di evoluzione e giustizia sociale. La mancanza di radicamento della
prospettiva di uguaglianza tra i generi, si rivela nelle gaffes o nelle contraddizioni espresse
dai rappresentanti dei partiti: Jos Maria Neves, attuale capo del governo formato per il 49%
da ministre, rispetto alle attuali elezioni interne al partito, che vedono un contendente uomo
e due donne, ha commentato che le elezioni di partito non sono una campagna di miss,
riproponendo uno stereotipo sessista. In ogni caso traguardi come la legge contro la VBG e

132

lattuale rappresentanza politica sono segni evidenti del percorso politico in favore del
riconoscimento dei diritti delle donne che Capo Verde sta percorrendo e della crescente
attenzione sociale alla tematica.
Questo clima di apertura politica e di attenzione allequit sociale, ha incentivato lo sviluppo
del sistema educativo del paese. Lo stato ha fatto un forte investimento nel miglioramento
dei servizi scolastici, scelta che stata interiorizzata dalla popolazione in tutti gli strati sociali,
i quali condividono la considerazione dellistruzione come primo strumento di promozione
sociale. Lincremento dellaccesso allistruzione da parte della popolazione femminile
sicuramente uno dei successi pi importanti che Capo Verde sta costruendo negli ultimi anni.
Secondo i dati INE il tasso di alfabetizzazione femminile cresciuto costantemente dal 2000
ad oggi133, riducendo notevolmente il divario rispetto alla popolazione maschile. Inoltre il
tasso di abbandono scolastico delle ragazze nelle fascia di et tra i 15 e i 19 anni addirittura
inferiore a quella dei coetanei134 e il numero di anni di studio medio maggiore tra le donne
che hanno tra i 15 e i 35 anni, rispetto agli uomini della medesima et135.
Lapertura politica ha veicolato unapertura parallela dei canali di comunicazione
capoverdiani: la rete televisiva locale che trasmetteva solamente poche ore al giorno, stata
affiancata da un vasto assortimento di canali internazionali, principalmente europei,
brasiliani e americani. Lesplosione dellofferta televisiva e della diffusione di altrettanti
canali radio ha avuto un fortissimo impatto sulla quotidianit dei cittadini capoverdiani,
attraverso la diffusione di nuovi modelli culturali di famiglia, di partecipazione sociale, di
donne e uomini. Un abitante di Lem Ferreira mi racconta il cambiamento avvenuto nel 91
secondo la sua percezione personale.
I capoverdiani erano un popolo che era totalmente obbligato a essere educato, era
oppresso, funzionava come un regime sovietico, comunista. Il partito era comunista, il
regime sovietico. [] e quindi noi siamo passati da quel mondo a un altro
completamente diverso! Allimprovviso dal 91 al 92, spuntano un tot di televisioni, di
canali che erano RTP, TF, quella tv francese quella Merkana CNN solo che quella cosa
succede troppo in fretta, senza preparazione. La societ esce dalloppressione, si sente
pi a suo agio, diventa pi aggressiva. Le ragazzine giovani non erano pi limitate nel
vestirsi, cominciano a copiare la moda brasileira tutte con la pancia di fuori tutto il

133

Tab. 7 in Appendice.
Tab. 8 in Appendice.
135
Tab. 9 in Appendice.
134

133

mondo cambia, mi ricordo che prima cera solo un canale tv, e poi il mondo entra a Capo
Verde! (Intervista a Watna).

Il format televisivo sicuramente pi apprezzato a Capo Verde quello delle telenovela,


specialmente quelle brasiliane. Martina Giuffr (2007), racconta di come la trasmissione di
una telenovela sullemigrazione italiana in Brasile nel dopoguerra, Terra Nostra Esperana,
abbia agevolato notevolmente il suo inserimento nel contesto di Ponta Do Sol. Grazie a un
forte coinvolgimento empatico e a una tecnica narrativa che si basa sulla ripetizione e sulla
costruzione di un legame di fiducia e familiarit con lo spettatore, le telenovela hanno infatti
il potere di indurre mutamenti profondi sulle credenze e le predisposizioni del pubblico
(Cody, Rogers, Singhal e Sabido, 2003). Attraverso queste telenovela, le donne capoverdiane
hanno conosciuto e si sono immedesimate in nuovi modelli di femminilit. anche attraverso
tali programmi che si diffusa, per esempio, laspirazione femminile a ununione
monogamica e basata sullamore romantico, che viene identificata da queste donne come
prerogativa del mondo occidentale. Anche i rappresentanti del generale maschile hanno
utilizzato i simboli e i significati globali diffusi attraverso i canali di comunicazione per ispirare
la propria mascolinit a nuovi modelli, come nel caso dei gruppi thug, che saranno analizzati
nel capitolo successivo. Per comprendere le peculiarit di questo fenomeno utile
considerare il concetto di mediorami, coniato da Arjun Appadurai (1996). Con il termine
mediorami Appadurai intende fare riferimento sia alla distribuzione delle capacit
elettroniche di produrre e diffondere informazioni [], sia alle immagini del mondo create
da questi media (Appadurai, 2001, pag. 55). La diffusione translocale dei simboli e dei
significati prodotti dai media fa parte del processo di deterritorializzazione della modernit
analizzato dallo studioso, che ha come effetto laffrancamento dellimmaginazione dalla
localit. Gli immaginari prodotti dai giovani abitanti dei ghetti di Praia e dalle donne
capoverdiane, dunque, si compongono di narrazioni provenienti da altri contesti ma diffuse
a livello globale, le quali subiscono un processo di appropriazione e indigenizzazione nei vari
ambiti locali, come appunto nel contesto in cui ho sviluppato la mia ricerca.
Lultima fondamentale novit introdotta nel 91 stato il passaggio a uneconomia di stampo
capitalista. Con la liberalizzazione delleconomia nazionale e lintervento del FMI nella
gestione del paese, Capo Verde ha affrontato profonde trasformazioni sociali e economiche
(Bordonaro, 2012, pag. 128). A fronte di una crescita economica notevole, tanto che le
Nazioni Unite hanno promosso Capo Verde alla categoria di Paese con Indice di Sviluppo
Medio, aumentato tuttavia notevolmente il tasso di povert della popolazione.
134

Leconomia liberale ha prodotto un incremento della disuguaglianza economica sociale che


si riflette nella geografia della capitale stessa. A pochi giorni dal mio arrivo, nella nostra prima
conversazione informale, Redy Lima, dottorando di sociologia che si rivelato una figura
molto preziosa nello svolgimento della mia ricerca, ha definito Praia una citt schizofrenica.
Oggi ero a Praa Sofia con Redy. Guarda la citt da qui, Silvia. Un mio amico una volta
mi ha detto che una citt schizofrenica. Da Achada Grande vedi Platou, da Platou
Achada Grande. Schizofrenica perch sono mondi paralleli, ma in perenne contatto.
(Diario di campo, 5 Dicembre 2014)

La citt cresciuta vertiginosamente a fronte di flussi migratori provenienti dallinterno


dellisola di Santiago, dal resto dellarcipelago e dalle coste africane. Sono sorti nuovi
quartieri, senza la creazione di un adeguato piano strategico cittadino. La geografia cittadina
ha cominciato a distinguere i quartieri tra zone ricche e sobborghi poveri e pericolosi,
creando una citt divisa in due, in cui individui separati da una disparit economica
agghiacciante convivono fianco a fianco. A livello lavorativo, invece, numerose imprese statali
sono state privatizzate, a danno dei lavoratori stipendiati. La pesca artigianale, una delle
principali risorse economiche della popolazione, ha perso importanza a causa della durissima
concorrenza ad opera della pesca industriale e internazionale. Molti uomini si sono ritrovati
dunque nellimpossibilit di svolgere la funzione sociale di mantenimento economico del
nucleo familiare, perdendo cos uno dei centri di potere del genere maschile.
I cambiamenti avvenuti nel contesto che ho descritto, hanno dunque contribuito alla
crescente impossibilit per gli uomini di adempiere al modello egemonico di genere proposto
dalla societ. In un contesto come quello dellattuale Praia, dove i cambiamenti economici
hanno indebolito la posizione maschile, e lapertura politica e culturale al mondo globalizzato
ha promosso un ripensamento del ruolo femminile, la mascolinit egemonica tradizionale si
presenta sempre di pi come mascolinit insostenibile, causa di grandi frustrazioni tra gli
uomini capoverdiani.

135

3.2. Nuova performativit di genere femminile


Il concetto performativo di genere proposto da Butler (1990) definisce il genere come un
tratto atteso e prodotto mediante la ripetizione di una serie di atti, che vengono introiettati.
Il genere diventa un habitus (Bourdieu, 1998), una serie di disposizioni introiettate che danno
forma al soggetto. Laspetto da sottolineare della definizione performativa di Butler sta
nellintrinseca capacit del genere di mutare: essendo una ripetizioni di atti, la manipolazione
e la modifica allinterno della serie rendono possibile il costante rimodellamento del genere.
Butler riconosce alla nozione di genere unintrinseca libert, poich una performance non
pu mai essere identica a s stessa, ma si ripete in un mutamento continuo. Numerosi autori
che si sono interessati al contesto capoverdiano hanno colto nelle donne di Praia una
crescente tensione al mutamento, riconoscendo la loro capacit di mettere in atto una
performativit femminile che contraddice le aspettative tradizionali (Giuffr, 2007; Gomes
Dos Anjos, 2005; Massart, 2013). I cambiamenti in atto nel contesto di Praia stanno infatti
ampliando la capacit di accesso femminile a campi prima interdetti e favorendo la diffusione
di un discorso favorevole allemancipazione femminile e alla riformulazione delle relazioni
tra i generi. Le donne diventano gli agenti produttori della nuova societ kriola, come
capifamiglia o come resistenti, trasformandosi in potenziali minacce per lordine costituito
(Massart Guy, 2013, pag. 296). La nuova performance di genere messa in atto dalle donne
capoverdiane non permette pi agli uomini di realizzarsi nel modello ideale della mascolinit
egemonica. Prima di analizzare le conseguenze sul comportamento maschile e sulle relazioni
di genere, necessario soffermarsi a considerare quali novit vengano introdotte dal
comportamento femminile.
3.2.1. Creativit economica
Rispetto ai cambiamenti economici in corso a Praia, le donne stanno dimostrando di essere
capaci di riconvertirsi e adattarsi in maniera pi creativa e flessibile rispetto alla popolazione
maschile. Nel saggio Constituio de masculinidade num contexto de crise do pescado: uma
abordagem etnogrfica em Rinco, Veiga Miranda (2013) considera la differenza della
reazione maschile, rispetto a quella femminile, nel contesto di crisi economica in cui si trova
il villaggio di pescatori di Rincn, a causa di un crescente calo della fauna ittica. Gli uomini di
Rincn sono descritti come imprigionati nei modelli che sorreggono lidea della propria virilit
dominante. Sono incapaci di rassegnarsi di fronte alla grave crisi del proprio settore di lavoro,

136

la pesca, in cui trovavano conferme relative alla propria identit di genere, rispetto alla forza
e al coraggio che simbolicamente connotano la professione di pescatore. Inoltre, disprezzano
altre tipologie di lavoro, come quello agricolo, poich non adatte a un vero uomo, che non
pu piegarsi a lavorare nel campo di altri, dovendo inserirsi in un rapporto di subordinazione
gerarchica. Le donne di Rincn, invece, consapevoli di non poter pi lavorare come pexeiras,
riconvertono le proprie capacit inventando nuovi impieghi remunerati: alcune si inseriscono
nel settore della apanha de areia di cui si gi parlato, mentre altre sfruttano le reti costruite
negli anni precedenti per introdursi in nuovi circuiti di vendita.
Un altro caso interessante di economia creativa rappresentato dalle rabidantes, descritte
in diverse opere dalleconomista Marzia Grassi (2007). Le rabidantes sono commercianti che
si muovono su reti transnazionali: viaggiano tra Africa, Europa e America per comprare
prodotti, che vengono poi trasferiti in bidoni di latta nella propria isola, dove li rivendono nel
mercato pi grande di Praia, Sucupira, o per la strada. Le rabidantes rivendicano la
propensione naturale femminile nellarea della vendita, escludendo cos la popolazione
maschile da una tipologia di impiego remunerata, che in alcuni casi pu rivelarsi una ottima
fonte di reddito. A fronte di una dominazione maschile del mercato del lavoro formale e di
una limitazione e profonda disuguaglianza nelle possibilit di accesso femminile ad esso, le
rabidantes rappresentano una risposta creativa che capovolge la logica del discorso.
Nellarea informale del commercio di Sucupira sono le donne a detenere il controllo e a
legittimare lesclusione degli uomini perch es ka tem jeitu136 (Grassi, 2007).
necessario ammettere che entrambi gli impieghi qui considerati sono socialmente non
qualificati e si mantengono ai limiti della legalit, rinforzando dunque il privilegio maschile
nellaccesso al mercato del lavoro formale. Tuttavia, specialmente nel caso delle rabidantes,
questi lavori possono rappresentare una forma di emancipazione femminile. Le rabidantes,
viaggiando tra vari continenti, entrano in contatto con diversi modelli di essere donna,
modelli che mettono in circolo insieme alla propria mercanzia, diventando agenti culturali
transnazionali (Giuffr, 2007). Il lavoro nel mercato di Sucupira permette a queste donne di
uscire dallambito domestico e creare una rete di relazioni pi ampia. Inoltre, tanto le
rabidantes, quanto le donne dellapanha de areia, producono un reddito che spesso le
investe del ruolo di provedor della famiglia. Non sempre questa crescente
responsabilizzazione economica delle donne nel sostentamento dei familiari produce un
136

Non sono capaci, non hanno la predisposizione.

137

riconoscimento sociale di maggior potere. La maggior parte delle donne comincia tuttavia a
negoziare questa divisione del potere, specialmente allinterno del nucleo domestico,
rivendicando la propria accresciuta funzione economica.
Al mattino presto sull'autobus da Achada solo donne, unico uomo: Christian. Una donna
ha gridato dal finestrino am Nfazi kel ke Nkre ku nha dinheiro!137 verso un uomo,
probabilmente il suo compagno. Dopo si messa a raccontare i fatti suoi a un'altra
signora sul bus, dicendo, a quanto ho capito io, che lui non trovava lavoro, stava solo per
strada a lavare le macchine e era lei che pensava a tutto. Era lei che aveva riempito la
cisterna di acqua, per esempio. E che quindi lei decideva quello che voleva con il suo
denaro! (Diario di campo, 21 Dicembre 2014)

La manipolazione della performance di genere a volte pu essere veicolata dal rifiuto di un


lavoro proposto. Jandira, una mia cara amica di Achada Grande, stava da tempo cercando
disperatamente un lavoro. Aveva terminato il liceo e voleva iscriversi alluniversit, ma la
madre non poteva pagarle la retta. Nel suo desiderio di trovare un impiego riconoscevo
anche un desiderio di liberarsi dallambiente domestico oppressivo in cui si occupava da sola
della numerosa famiglia, composta da cinque fratelli maschi e dalle loro figlie piccole.
Jandira oggi si lamentata della situazione a casa con me. Non ce la faccio pi, Diego
non muove un dito, gli altri fratelli neanche, faccio tutto io. Ah, ma aspetta solo che io
trovi un lavoro! Allora s che li voglio vedere! A quel punto voglio essere io a tornare a
casa la sera e trovare tutto pronto e pulito! (Diario di campo, 10 Marzo 2014)

Un giorno ho saputo che una delle mie colleghe al lavoro nellAzione Sociale della Cmara di
Praia cercava con disperata urgenza unempregada domestica. Ho pensato che sarebbe stato
lideale: di giorno Jandira avrebbe lavorato come empregada e la sera si sarebbe potuta
fermare nello stesso quartiere a seguire le lezioni universitarie. Jandira tuttavia, ha subito
rifiutato la proposta.
Ho scoperto che la vereadora cerca con unurgenza unempregada. Le serve una tipa
sveglia, che abbia esperienza con i neonati. La ragazza che ha ora molto giovane e
laltro giorno ha lasciato cadere il beb, facendogli battere la testa per terra. La
vereadora molto preoccupata, vuole trovare qualcunaltra al pi presto. Ho pensato di
proporlo a Jandira, sarebbe perfetto, cos potrebbe pagare le tasse universitarie!
Quando vado ad Achada Grande a proporglielo per J esita Silvia grazie ma vedi io

137

Io faccio quello che voglio con il mio denaro!

138

quelle cose che fa unempregada le faccio da una vita in casa mia. Questa indica Alicia,
la nipotina- la sto crescendo da quando avevo 17 anni, non neanche mia e gi faccio la
madre! No, scusami, ma io vorrei trovare un lavoro per staccare da questa vita, non per
farlo in casa di qualcun altro. (Diario di campo, 28 Marzo 2014)

Inizialmente ho interpretato la sua risposta come indice della mancanza di una reale
motivazione, considerato che in questo modo Jandira stava mandando allaria una possibilit
concreta di pagarsi gli studi. Tuttavia, ripensando allaccaduto, ho percepito la reticenza di
Jandira a introdursi in un ambiente di lavoro che in buona parte ha caratterizzato tutta la sua
vita precedente. La ricerca di lavoro di Jandira era una ricerca di cambiamento, di promozione
sociale, che dunque non poteva passare per lassunzione come empregada domestica, lavoro
che al contrario rinforza le gerarchie di genere e lassociazione della donna allambito
domestico.
3.2.2. Investimento nellistruzione
Una seconda strategia con cui le donne modificano la propria performance di genere
linvestimento in progetti di formazione e istruzione, considerati il principale strumento di
promozione ed emancipazione del s. Le donne giovani, specialmente di classe sociale
benestante, scelgono di compiere allestero gli studi universitari strutturando intorno a
questa decisione un progetto di vita di differenziazione rispetto ai percorsi compiuti dalle
proprie madri. Tali giovani donne, attraverso una dialettica di rispecchiamento e opposizione
rispetto ai modelli materni, affermano di non volersi realizzare come madri e spose e
soprattutto di non voler annullare la propria vita per adempiere alle necessit di un gruppo
familiare ampio e matrifocale (Fortes, 2007).
Le stesse madri spesso si presentano alle proprie figlie come modelli da non seguire,
incentivandole a sognare per loro un futuro differente e a utilizzare lo studio come strumento
per realizzarlo. Tali donne investono energie, tempo e denaro per sostenere gli studi delle
figlie, in un processo che veicola nellemancipazione di queste ultime la loro personale
realizzazione.
Kuka oggi mi raccontava della sua famiglia: ha una bimba piccola e una figlia a Mindelo,
che fa l'universit. Lei lavora solo per passare i soldi a sua figlia, che molto brava
all'universit, ha vinto la borsa di studio, ma ha bisogno dei soldi per l'affitto e il cibo. Il
marito contribuisce sostenendo la famiglia qui a Praia e lei invece manda tutto alla figlia.
Dice che per questo motivo discute sempre con il marito, lui non voleva che la figlia

139

andasse fuori da Praia a studiare. Hanno litigato, la figlia voleva andare all'estero, ma lui
non l'ha lasciata andare, e ha ostacolato la partenza per Mindelo, cos lei ha perso un
lavoro che aveva trovato. Kuka mi ha detto che lei lotta solo per sua figlia, che cos poi
quando avr un lavoro potr aiutare la sorella minore, dato che Kuka forse non riuscir
pi a lavorare. Ho 41 anni ora, non so se quando la piccola andr all'universit io
riuscir a sostentarla.... (Diario di campo, 24 Gennaio 2014)

I nuovi modelli di femminilit legati allistruzione sono dunque costruiti a partire da un


dialogo intra-genere e inter-generazionale. da sottolineare il fatto che, sebbene la
possibilit di studiare allestero sia spesso appannaggio solo della classe benestante, la scelta
di investire sulla formazione con finalit di promozione sociale trasversale a tutti gli strati
della societ. Kuka, infatti, una empregada domestica e vive in un quartiere popolare della
citt, ciononostante il suo progetto di vita focalizzato a permettere alle figlie di studiare
alluniversit. interessante sottolineare anche come la donna compia questa scelta in
disaccordo con il marito. Il compagno di Kuka si dichiara infatti contrario alla possibilit di
mandare la figlia di Kuka, Laury, a studiare fuori. Non potendo contare sul sostegno
economico del marito per pagarle gli studi in Cina, come desiderava Laury, Kuka trova un
lavoro che le permetta di sostenere autonomamente i costi delluniversit a Mindelo,
nellIsola di So Vincente. A volte Kuka manifestava il desiderio di abbandonare il lavoro,
tuttavia si sempre trattenuta dal farlo per timore che il marito, una volta che lei avesse
perso ogni fonte di guadagno e dunque ogni margine decisionale, smettesse di inviare il
denaro per il mantenimento di Laury.
Per concludere, mi sembra infine interessante considerare il caso di Cindy, una ragazza molto
giovane, di nuovo appartenente alla fascia pi povera della popolazione.
Io sto nellarea della vendita, sono rabidante formata! Ho fatto una formazione in
gestione di piccoli affari. Guarda, ho anche un cartellino da venditrice me lo mostraecco! Ho il mio grembiule vendo nel mercato e nella strada dellospedale. Facevo
zuppa, la vendevo anche dentro lospedale! Ho preso un diploma in quella formazione
di rabidantes, su tre aree: autostima e auto-conoscimento, gestione di piccoli affari,
salute e benessere ora ho il certificato, sono venditrice formata! Io sono sempre in
movimento, tutte le formazioni che ci sono, io sono l! (Intervista a Cindy)

Cindy sembra utilizzare strategicamente entrambi gli elementi considerati fino ad ora: la
capacit creativa di inventare fonti di guadagno e linvestimento nella formazione.

140

Identificandosi come rabidante formata Cindy mette in atto unopera di empowerment e


di promozione simbolica di s stessa.
3.2.3. Violazione delle aspettative sociali e controllo strategico della propria sessualit
La crescente tensione nella relazione tra i generi relazionata al rifiuto delle donne di
conformarsi alle aspettative di genere tradizionali e di sopportare ingiustizie che una volta
venivano semplicemente assunte come naturali.
Rispetto al consumo di alcool, per esempio, le ragazze giovani benestanti si oppongono al
tradizionale divieto e fanno uso, anche abbondante, di bevande alcoliche. Questa dinamica,
sebbene in misura minore, attiva anche tra le classi sociali popolari. A questo proposito
interessante notare come anche T, donna appartenente allo strato socio-economico
inferiore della societ, rivendichi il diritto personale di bere quanto vuole.
Ho incontrato T oggi, mi ha detto che disponibile a fare lintervista. Mi ha detto che
dopo lintervista possiamo anche andarci a bere un bicchiere insieme. Am que mai,
am que pai de nhas fidju! Am que chefe de nha cabeza 138! Se mi piace bere una
cervejinha, prendere un bicchiere con i miei amici, lo faccio, io faccio quello che voglio.
(Diario di campo, 15 Febbraio 2014)

Le sorelle, cugine e zie di T, pi volte, ridendo, hanno sottolineato come il peso corporeo
eccessivo di T fosse dovuto allabuso di alcool, manifestando una riprovazione implicita del
suo comportamento.
Inoltre, uno degli ambiti sicuramente pi toccati dalla ridefinizione del genere femminile in
atto quella delle relazioni tra partner. Innanzitutto, grazie alla diffusione dei nuovi metodi
contraccettivi139 e di modelli di donna che non si riducono al ruolo di sposa e madre, le donne
cominciano a esercitare oggi un controllo strategico sul proprio corpo sessuato. Grassi
sottolinea come la generazione pi giovane delle rabidantes, proprio in virt del rifiuto di
questo modello normativo di donna, ritardi let della prima gravidanza e preferisca rimanere
sola che accompagnarsi a uomini tratteggiati come inaffidabili (Grassi, 2007). Anche tra le
mie conoscenti ho spesso avuto modo di riconoscere i medesimi atteggiamenti.

138
139

Io sono la madre e il padre dei miei figli! Io sono il capo della mia testa!
A Praia si sta diffondendo anche il preservativo femminile.

141

Passo il pomeriggio a casa di Jandira. venuta a trovarla la sua comadre, Leyda, che ha
una figlia piccola di due anni, di cui, appunto, J madrina. Quando Leyda torna a casa
parliamo un po dellavere figli cos presto. Leyda ha solo 21 anni, per fortuna la sua
famiglia lappoggia, vive ancora con i genitori, che le tengono la bambina mentre lei va
a studiare di sera come infermiera. Ja commenta: Io un figlio ora proprio no Io, con
Alicia, praticamente faccio la madre da 4 anni, senza neanche essere mai stata incinta!
No, no, per me un figlio deve essere tutto programmato, e tra parecchi anni, ora voglio
fare altro. (Diario di campo, 2 Aprile 2014)

In secondo luogo, le donne di Praia oggi si dimostrano molto meno disposte a subire i soprusi
dei compagni allinterno della relazione. Rafforzate nellesercizio dei propri diritti
dallesistenza di una legislazione che mira a ridurre le violenze di genere, le donne cominciano
a rifiutarsi di rimanere in relazioni violente e umilianti.
Mi sono separata dal padre di mia figlia quando lei aveva due anni, se ne tornato a
casa sua, io sono rimasta con la bimba. [] Allinizio andava bene, eravamo innamorati,
poi lui entrato in quellinfluncia140 di sniffare sono gli amici che lhanno tolto dalla
buona strada... Non pagava pi l'affitto, rubava tutti i miei soldi per sniffare. Non riuscivo
pi a sopportarlo, allora ho preso la mia decisione! Mi derubava, era aggressivo sono
andata da mia madre e le ho detto: mamma, non voglio pi avere niente a che fare con
Lito. Mia madre: perch? Perch sta nella droga, sniffa, beve. Si prende tutto, i miei
soldi, le mie cose, per pagare la droga. Ho gi sopportato abbastanza Ok. Una volta che
ho ricevuto un pagamento, 15 mila scudi, ho comprato una valigia. Lito dopo quel giorno
mi ha chiesto mille scudi. Glielho dati. Lui va e torna, senza i mille scudi. Me ne chiede
altri mille. Gli ho detto che non li avevo e lui ha distrutto la mia valigia, mi ha spinto
contro la parete. Gli ho detto: Prendi tutto quello che c e vattene. Ha preso 8 contos,
8 mila scudi, che avevo risparmiato nel tempo. Prendi la tua roba e vattene per
sempre. (Intervista a Cindy)

Le donne come Cindy, affermano in questo modo il proprio diritto allautonomia e


allindipendenza, minando cos alla base lidentit di genere maschile, di cui viene messa in
discussione la capacit di controllo e di esercitare la leadership sulla compagna.
Anche in situazioni meno drammatiche di quella di Cindy, risulta comunque evidente che oggi
a Praia le donne non sono disposte a sottomettersi alle aspettative di genere di cui le investe

140

Influenza.

142

la societ relativamente alle relazioni con i partners, ne sono un esempio T e la sua relazione
a distanza con un santomense che ha conosciuto per telefono.
Mi ha detto che un giorno o laltro verr a Capo Verde. Per io gli ho detto che non
voglio sapere quando, non voglio che me lo dica prima. Perch se me lo dice, poi magari,
se voglio uscire a bere una birra, lavare i vestiti, o altre cose, non le faccio, perch so che
lui sta arrivando. No. Lui mi deve conoscere nella mia realt, cos come sono. Non che io
mi preparo, vado dalla parrucchiera, mi faccio le unghie no, no! Le mie amiche mi
dicono che devo preparare questo e quello, ma io voglio che lui mi accetti come sono.
meglio cos, senza finzioni. Silvia, io scherzo con tutti gli uomini, esco, mi piace bere.
Voglio che mi conosca cos come sono, la mia realt. In un giorno normale! Come se
fosse la visita di un amico. Io tutte le sere lascio un piatto di zuppa, che so che laereo
arriva solo di notte a Capo Verde, ma non voglio sapere la data, quando arriva io sono
qui! (Intervista a T)

La volont di T di farsi conoscere nella sua reale natura, motivata dal rifiuto a cambiare la
propria immagine e il proprio comportamento per conformarsi ai ruoli che la societ le
assegna in quanto donna.
In parte anche influenzate dal modello di amore romantico e di fedelt importato attraverso
i mezzi di comunicazione, le migrazioni e la circolazione globale di simboli e significati, le
donne sembrano in particolare rifiutare le situazioni di poligamia informale. Appadurai
(1996) ha analizzato a proposito le influenze reciproche tra i mediorami e quelli che lui
definisce ideorami, costituiti da serie di idee, termini e immagini che formano le ideologie
degli stati e le controideologie dei movimenti interni ad essi. Gli ideorami riprendono in
particolare le idee della versione mondiale dellIlluminismo, quali libert, benessere, diritti,
autodeterminazione (Appadurai, 1996). A questi elementi si aggiungono altri elementi, tra
cui gli etnorami, ossia le comunit identitarie che non possono essere pi considerate
localizzate a uno spazio determinato, ma, grazie alla significativa mobilit moderna di gruppi
e individui, si costituiscono come comunit transnazionali e delocalizzate, considerazione
particolarmente appropriata nel caso capoverdiano, in quanto contesto caratterizzato da una
comunit diasporica decisamente pi numerosa di quella residente sul territorio nazionale.
Nellarcipelago, dunque, lintreccio tra etnorami e mediorami apporta nuovi modelli,
narrazioni e simboli che influenzano gli stessi ideorami, modificando appunto le idee di
famiglia e relazione amorosa e di quanto allinterno di queste sfere possa essere considerato
legittimo o, al contrario, inacettabile. Se una volta, come descritto nel paragrafo due del

143

secondo capitolo, le kumbossas stabilivano persino legami di amicizia tra loro, ad oggi le
donne non sono pi disposte a condividere il proprio partner, coerentemente con i nuovi
ideorami creati.
Ja ha una specie di fidanzato lei di solito non si confida molto e invece ieri mi ha detto
che mi deve presentare una persona. Mi ha accompagnata mentre scendevo a Lem
Ferreira, ci siamo fermate a mangiare i pasteis. Ja mi ha presentato l un ragazzo, carino,
con gli occhiali, lo avevo gi visto al Telecentro, tutto sorridente. Jandira mi fa
locchiolino, capisco che il suo ragazzo. Oggi sono tornata a casa sua e le dico: Ehi J,
niente male Lailson, eh Jandira arriccia il naso, come fa quando scocciata: Ci credi?
Ieri mi venuto un dubbio gli avevo chiesto se veniva gi con me ad accompagnarti e
poi ci facevamo un giro insieme, lui mi ha detto di no, ma era vago, era strano cos ho
capito. Quando sono tornata su, che ti ho lasciata alla fermata, lho chiamato fuori casa
sua e gli ho chiesto: Ehi Lailson, dimmi una cosa. Sei fidanzato? lui ha esitato un attimo
e poi mi ha detto: Si Ok! CIAOOO! e me ne sono andata e lho lasciato l come un
baccal. Mi ha mandato mille messaggi dopo, ma io non gli rispondo pi
mulherengo141 (Diario di campo, 26 Aprile 2014)
Incontro Julia per strada, si e messa a raccontarmi di suo marito. Dice che una sua amica
ci sta provando con suo marito e sta dicendo in giro un sacco di cose pesanti sul suo
conto, tipo che beve, che fa la galinha con altri uomini e che parla male della madre del
marito. Julia ha parlato subito con il marito, gli ha detto che si deve allontanare da
questa donna, che deve valorizzare di pi lei, che lei bella e simpatica, tutti gli uomini
al porto gostam dela. Dice che lei cucina, pulisce casa, deve stare attento a non
perderla, perch poi una volta che la perder se ne pentir. Il marito nega, dice che
solo unamica. Ma lei non si fida, perch quando passano davanti a lei insieme lui non la
considera, mentre quando Julia non c le parla. Per Julia non vuole andare a dire
niente a questa donna, perch dice che sarebbe un segno di debolezza, di una donna
che ha paura, mentre lei vuole che sia suo marito stesso a dire alla tipa che lui ha gi la
sua mudjer ed soddisfatto cos. (Diario di campo, 21 Marzo 2014)

Julia, in una situazione di sospetta infedelt del marito, non agisce secondo la modalit
tradizionale, aggredendo direttamente la possibile amante. Julia sostiene che tale
comportamento sinonimo di debolezza. Al contrario Julia indirizza la propria rabbia verso il
compagno, in quanto da lui che si aspetta un comportamento di rispetto e fedelt.

141

Donnaiolo.

144

Zelia mi stava parlando di Ivan e Lisette, non mi ricordo neanche bene perch. Mi ha
detto che Ivan molto certo con le donne, non per niente galinha, come invece suo
fratello, ossia suo marito, Ivandro. Dice che laltro giorno erano a casa della sorella del
marito, a Paiol. Ivandro salito per fare una telefonata. Suo figlio, Maliki, che ha tre
anni, andato da lei a dirle: Mamma, vieni che pap sta solo al telefono, vieni a
vedere. Zelia andata con Maliki, di nascosto, ha ascoltato tutta la telefonata. S a
namorar com mulher142!!!! Allora Zelia gli si seduta di fianco e lui di colpo si zittito,
ha cambiato argomento. La tipa al telefono gli ha chiesto perch si era zittito e lui ha
detto: No, solo mia moglie con Maliki! Ha cercato di dissimulare. Ma Zelia aveva
sentito tutto. Cos, alla sera, ho sciolto i capelli, mi sono vestiti di piriketi143, e sono
uscita! Sono tornata solo a notte fonda! Son rimasta tutta la sera con un mio spasimante
che mi ha supplicato tutto il tempo per avere una storia con lui, ma io niente! Dice che
quando tornata in casa Ivandro era tutto sottomesso, non le ha detto niente. Ma
mentre mi raccontava tutto questo Zelia rideva, non sembrava particolarmente ferita o
altro, solo soddisfatta di averlo colto sul fatto e avergliela fatta pagare. (Diario di campo,
27 Aprile 2014)

Zelia, come Julia, nello scoprire il marito in situazioni di intimit con unaltra donna, come
Julia, mette in atto un tipo di reazione nuova. Zelia scioglie i capelli e esce la sera stessa.
Lazione che lei sottolinea di scogliere la lunga chioma, che di solito tiene legata per poter
compiere le faccende domestiche con maggior comodit, simboleggia lassunzione di Zelia
del controllo della propria sessualit e capacit di seduzione. La ragazza, con questa reazione,
dimostra al marito di avere lo stesso diritto di disporre indipendentemente della propria
sessualit. Se il marito disposto a impegnarsi in un rapporto di fedelt e rispetto reciproco,
bene, altrimenti Zelia ha il diritto e le capacit per modellare il proprio comportamento su
quello del marito e intrattenersi con altri uomini.
Se Zelia compie solo unazione dimostrativa per spaventare il marito e dimostrargli la propria
indipendenza, altre donne che ho conosciuto, profondamente deluse dalla constatazione
dellimpossibilit di confidare nella fedelt degli uomini capoverdiani, mettono in atto
comportamenti che potrebbero essere indicati come una sorta di poliandria.
Oggi ho incontrato Tito per strada, insieme a una sua amica. una emigrante, sta in
Portogallo, ma tra qualche mese torner a Capo Verde. Ha cominciato a dire che lei ha
due namorados, che deve scegliere, che uno capoverdiano e uno santomense, ci ha
142
143

Solo intento a corteggiare una donna.


Prostituta.

145

fatto vedere le foto. Il capoverdiano a quanto pare un fratello di Tito. I due


scherzavano, ridevano, lei era molto disinibita: Bisogna fare lamore, queridos, la vita
pra curtir144, se puoi muori ora? Io ho gi fatto cos tanto l'amore! Lo faccio tutti i giorni!
Mio marito non ho capito quale dei due- ora in Francia e ora devo scegliere, non
posso continuare sia con il marito che con l'amante! Dopo tutto questo ha per detto
che il marito l'ha tradita e che quindi ora il suo turno. (Diario di campo, 6 Gennaio
2014)
Oggi Lucia ho parlato tanto con Lucia, una mia amica. Lucia ha passato da poco i
trentanni e ha una figlia di 6, ma vive ancora con i genitori, cosa che trova pesantissima,
soprattutto visto che ha studiato fuori dallarcipelago, vivendo da sola. I suoi sono tra le
famiglie pi ricche di Praia, ma nonostante questo Lucia non riesce a trovare lavoro.
Parlavamo di uomini, mi ha chiesto se io ero fidanzata, come facevo ora a stare lontana
dal mio ragazzo. Mi ha detto che lei non ha il fidanzato, perch dice che gli uomini
capoverdiani sono molto machistas. Amano avere pi di una fidanzata e dice che lei
questo non lo sopporta: pensare che qualcuno stia con lei e due ore dopo con un'altra,
no! E quindi piuttosto preferisce stare da sola. Gli uomini machistas e mulherengos non
li sopporta. Possono avere altri difetti, ma non questi. Dice che per anche colpa delle
donne, che accettano. E che in parte stanno diventando come gli uomini, hanno anche
loro pi di un compagno. Lei ora, per esempio, ha un amico speciale con cui ha
rapporti, ma senza nessun compromesso. (Diario di campo, 29 Gennaio 2014)
Lucia al momento sta frequentando tre ragazzi diversi: il solito amico speciale, un exfidanzato che laveva mollata e che si sta ripresentando in questi giorni e un poliziotto
affascinante, ma, dai suoi racconti, abbastanza machista, che ha conosciuto a una festa.
Il poliziotto sposato in realt, lex fidanzato non lo so e lamico speciale ha anche
unaltra amica speciale, gelosissima di Lucia. Anche lamico speciale molto geloso di
Lucia, ma lei si irrita solo quando lui si azzarda a dirle qualcosa: Ma cosa vuole? Lui si
fa quellaltra tipa! Io vado con chi mi pare, se siamo senza compromessi lo siamo tutti e
due! E glielo dico pure che vado con il poliziotto, ci mancherebbe solo! (Diario di
campo, 18 Marzo 2014)

Questo nuovo atteggiamento femminile accolto dalla popolazione maschile con rabbia e
delusione.
Stiamo facendo unattivit sul genere a Sa Fende, con tutti i giovani del quartiere. Isa
prende un argomento alla volta e lo discutiamo, vediamo se un tema femminile o

144

Da godere.

146

maschile, lo scopo dimostrare che in realt non c niente che sia naturalmente
maschile o femminile. La cosa che pi mi colpisce che quando Isa dice: Infedelt
Molti ragazzi urlano: MUDJER! MUDJER! In realt, sia le storie che ho sentito finora,
sia i libri che ho letto, parlano di unincredibile infedelt maschile a Capo Verde,
piuttosto che femminile. Mi chiedo come mai allora i ragazzi abbiano dato questa
risposta rabbiosa purtroppo non abbiamo il tempo di problematizzare largomento.
(Diario di campo, 13 Dicembre 2013)

La rabbia rivendicativa dei ragazzi potrebbe essere legata di nuovo al fenomeno di ipervisibilizzazione del comportamento deviante delle donne, mentre quello maschile
normalizzato e dunque invisibile. Tuttavia, ritengo che tale reazione sia piuttosto dovuta alla
sfida implicita contro la relazione di potere maschile che linfedelt femminile rappresenta,
minaccia alla virilit dei propri coetanei. Per questo, il fatto che le ragazze giovani siano pi
infedeli, provoca rabbia e paura nei ragazzi della mia generazione.
Molti uomini, nel corso di interviste e conversazioni informali, hanno pi volte sottolineato
come labbigliamento pi sensuale e libertino e latteggiamento provocante assunto dalle
donne capoverdiane rappresentasse una sorta di aggressione nei loro confronti. Inizialmente
rimanevo nauseata da questi discorsi, ma in seguito ho colto la profondit della questione.
Effettivamente la scelta della donna di modificare gli habitus di genere interiorizzati e
disporre a piacimento del proprio corpo di donna, in questo caso anche decidendo di
mostrarlo, invece che coprirlo con gonne lunghe, come tra le donne delle generazioni
passate, unaggressione al modello di controllo della sessualit femminile. Rappresenta una
strategia, pi o meno cosciente, delle donne per affermare la propria libert e indipendenza.
Jandira alla fine ha deciso di accompagnarmi fino alla fermata del pullman, a Fazenda,
per farmi vedere dov'era e fare due passi a piedi, sta cercando di dimagrire, fare sport,
camminare. Mentre scendevamo non so bene come siamo finite a parlare di vestiti. Mi
ha raccontato che lei una volta non usava shorts, n vestiti, n leggins. Si vergognava,
portava solo gonne lunghe, anche perch sua madre era molto rigida. Mia madre aveva
molti tab. Le ho chiesto cosa fosse successo che labbia fatta cambiare, dato che lei
ancora vive con la madre. A 19 anni sono diventata ribelle, ho cominciato a fare quello
che volevo io. stato quando ho terminato la relazione con il mio fidanzato. Ero molto
depressa, mi piaceva molto, facevo un sacco di cose per lui, gli lavavo anche i vestiti. Ma
poi ho cominciato a pensare di pi a me. Ad andare a correre, a fare il bagno in mare, a
vestirmi come volevo io, a decidere per me. Ora mi sento bene anche da sola. (Diario
di campo, 18 Gennaio 2014)

147

3.2.5. Un caso emblematico: la pixinguaria


Gomes Dos Anjos (2005) analizza un recente fenomeno relativo alla gestione della sessualit
da parte dei giovani abitanti di Praia. Le pixinguinhas sono giovani donne che intraprendono
contemporaneamente diverse relazioni sessuali, ricavando da queste un tornaconto
materiale. Questo fenomeno si articola principalmente in ambienti come le discoteche della
capitale e Sucupira, il grande mercato di Praia. Le pixinguinhas rappresentano per lautore
un nuovo sistema di resistenza femminile. Utilizzando la seduzione come unarma, le
pixinguinhas provocano nei coetanei un senso di profondo smarrimento. In primo luogo
perch in questo modo le ragazze invertono la logica tradizionale delluomo mulherengo e
della donna tradita, costringendo i ragazzi della propria et a vivere in una continua
ermeneutica del sospetto, in cui tutte le donne sono viste come possibili pixinguinhas di cui
non possibile fidarsi. In secondo luogo, costruendo relazioni con uomini stranieri facoltosi,
queste ragazze arrivano a ricoprire il ruolo di provedor145, mettendo in crisi un altro centro di
definizione dellidentit di genere maschile. Per questo motivo le pixinguinhas sono
fortemente stigmatizzate, escluse dal mercato matrimoniale e ritenute moralmente peggiori
delle prostitute. In una sorta di rielaborazione di significato, la prostituzione diventa
unazione moralmente condivisibile, compiuta da donne che vendono il proprio corpo per
poter sfamare la famiglia a carico, mentre delle pixinguinhas si evidenzia una componente di
vizio, di eccesso di desiderio sessuale, espresso anche dallabitudine di queste ragazze di
prendere liniziativa nel rituale del corteggiamento. Allinterno di un sistema ideologico che
reprime il desiderio sessuale femminile, evidente che la manifestazione e la gestione attiva
della propria sessualit da parte delle donne rappresenti un elemento di forte crisi per il
sistema dominante.
Gomes Dos Anjos, analizza anche laltro lato del fenomeno, ossia le strategie di controllo sulle
pixinguinhas messe in atto dai partner uomini. La violenza fisica e lingravidamento sono due
strumenti con cui i partner, chiamati caranganhada, invertono la logica del controllo e
dellinterazione nelle notti di pixinguaria. Una volta incinte, infatti, le ragazze dipendono dal
partner, che comincia a disprezzarle, in una progressiva ratificazione della mascolinit come
corpo del potere (Gomes Dos Anjos, 2005, pag. 174). Inoltre, spesso i ragazzi riescono a
sfruttare a proprio vantaggio le logiche di questo fenomeno, costringendo le ragazze a
prostituirsi e sostenerli con le risorse materiali ottenute frequentando uomini pi ricchi,
145

Colui che responsabile del sostentamento economico.

148

unica condizione possibile perch i caranganhada rimangano al loro fianco. Il potere


delluomo rimane tuttavia piuttosto effimero, dal momento che la pixinguinha pu decidere
in qualsiasi momento di non voler rimanere allinterno della relazione di sfruttamento, o pu
impegnarsi in un rapporto con altri uomini che frequenta nel giro di semi-prostituzione.
3.2.6. Aggressivit femminile
Oggi stavo passando dal ponte di Paiol quando incontro. Man! Man mi ferma e mi
dice: Hai saputo? O mundo ta kabadu146. Luis nato di nuovo si mette a raccontarmi
di Luis ha litigato com una compagna di classesono andati a Sucupira, non so bene
perch e a lei sparito il telefono, cos ha accusato Luis, subito. Voleva perquisirgli lo
zaino, Luis si arrabbiato (me lo riesco a immaginare, Luis si accende con niente) e le ha
lanciato lo zaino addosso, ferendola a un occhio. Il giorno dopo la ragazza arrivata a
scuola, ha versato della gasolina adosso a Luis e ha provato a dargli fuoco, lanciandogli
addosso un fiammifero. Ha provato a dargli fuoco! Sono scioccata un atto di violenza
cos forte Luis, dopo, non voleva dopo neanche fare queixa147, Man andato con lui
dalla polizia, dove lo hanno convinto a sporgere denuncia perch se no la ragazza
avrebbe potuto trovare un altra maniera per vendicarsi Man era sconvolto, mi
continuava a ripetere che Luis ieri nato di nuovo ha postato su FB la foto della
ragazza, scrivendo quello che successo. Una bella ragazza, stile capoverdiano, della
loro et pi o meno. Questa storia mi colpisce perch la ragazza ha reagito come
reagirebbe un uomo. Luis la ferisce con lo zaino, lei il giorno dopo si vendica. Non
lazione compiuta a caldo, la vendetta per loffesa, il disaforo ricevuto. Una cosa tipica
dei maschi per esempio della storia di Devil. Mi colpisce sentire una ragazza che si
comporta allo stesso modo. Maggiore contaminazione tra i generi? Ma una
contaminazione che per un verso sta portando le donne ad assumere ruoli che sono
maschili in senso negativo. (Diario di campo, 20 Marzo 2014)

Man inizia il suo discorso con la frase o mundo ta kabadu, il mondo finito. Laggressione
subita dallamico di Man un fatto drammatico, che sconvolge entrambi. Luis, solitamente
un ragazzo impulsivo e a volte violento nelle reazioni, rimane completamente disorientato di
fronte al comportamento della compagna di classe. Quando ne parlo con Luis rimango colpita
dal fatto che lui non parli neanche della possibilit di vendicarsi. Probabilmente questa

146
147

Il mondo finito.
Denuncia.

149

immobilit di azione dovuta al genere dellaggressore: la violenza agita dalla ragazza


qualcosa che Man e Luis non si aspettavano e davanti a cui non sanno come reagire.
Durante la mia permanenza a Praia sono venuta a conoscenza di alcuni casi simili, in cui un
soggetto femminile agisce unaggressione ai danni di un uomo. La reazione di fronte a questa
aggressivit femminile inaspettata spesso simile a quella di Man e Luis: completo
disorientamento. La sorella di Julia accoltella il fratello, mandandolo allospedale. Julia,
troppo sconvolta dallaccaduto, non ha voluto parlare dei motivi che hanno scatenato la lite,
ma tanto lei, quanto la vittima, si dimostrano sconvolti e impreparati di fronte a tale
manifestazione aggressiva.
Salom mi ha raccontato la sua storia oggi... dice che quando tornata a Capo Verde,
dopo aver studiato alle Canarie, ha cominciato a gostar del suo migliore amico, Len.
Erano sempre stati molto, molto amici, ma lui era fidanzato con una ragazza che viveva
in Olanda, da 7 anni. Non si erano mai piaciuti, ma all'improvviso avevano cominciato a
gostar um do outro e sembrava la storia perfetta da telenovela... solo che poi tornata
l'altra. E quando ha scoperto il tradimento diventata una furia. Dice che Len, il ragazzo,
ha voluto passare l'ultimo dell'anno con Salom, lasciando l'ex-ragazza da sola in casa
con la figlia. Quando tornato, al mattino del 2 Gennaio, per andare al lavoro, lei gli
aveva tagliato con le forbici tutti i suoi vestiti, scarpe, mutande, tutto. Non aveva nulla
con cui andare al lavoro. Dice che lui andato su tutte le furie, e Salom aveva paura, la
tipa la chiamava, le urlava contro, aveva paura di quello che avrebbe potuto fare. Ma
alla fine lei se ne tornata in Olanda, lasciando una sorpresa. Hanno avuto un sacco
paura, rispetto a questa minaccia, in realt era solo una queixa nella polizia in cui diceva
che lui non le passava niente per la figlia. Solo che Len, dopo tutto questo, rimasto
traumatizzato e quindi non vuole pi niente di serio neanche con Salom... vuole una
pausa dalle donne (Diario si campo, 1 Febbraio 2014)

La fidanzata di Len non riesce ad accettare linfedelt del compagno. La sua reazione violenta
coglie di sorpresa Len e lo getta in una crisi profonda, che lo porter a interrompere anche
la relazione con lamante, in quanto talmente sconvolto da non sentirsi pi in grado di avere
a che fare con le donne. La reazione di Len temporanea, ma sottolinea il grado di
sovversione che tali comportamenti provocano nelle relazioni di genere.
Mentre tornavo a casa da Achada Grande, oggi ho incontrato un gruppo di bambini che
se le davano seriamente. Piccoli, dai 5 ai 7 anni. Un bimbo e una bimba che si strozzavano
rotolandosi per terra. Li ho separati a fatica, ma poi altri due si sono messi a picchiarsi,

150

uno ha preso una pietra, la bambina ha tirato una pietra addosso a un bimbo, un altro
ha dato dei pugni in faccia a una bambina. Una violenza assurda. E la cosa che pi mi
colpiva era che erano bambini, ma nessuno di loro piangeva. Neanche le femmine. Al
contrario, erano furiosi, erano tutti uno contro laltro, furiosi. Cara fechada148, sguardo
fiero. Assurdo... (Diario di campo, 8 Maggio 2014)

Anche le bambine dimostrano dunque di mettere in atto una nuova capacit aggressiva e
violenta, fronteggiando i propri coetanei maschi, in una dinamica che, fino a pochi anni fa,
era proibita. Jandira infatti mi ha raccontato di come lei non potesse assolutamente picchiare
nessuno per strada da bambina, o la madre lavrebbe poi severamente castigata a sua volta
in casa.
La violenza femminile espressa in questi casi forse una delle manifestazioni pi evidenti e
problematiche del processo di cambiamento in atto nella relazione tra i generi. In entrambi i
casi queste violenze sono reattive, indotte cio da un comportamento maschile che non
pi considerato accettabile dalle donne che lo subiscono. Laggressivit femminile pu
dunque essere espressione della crescente tensione tra una femminilit che sta producendo
nuovi tipi di performance di genere e una mascolinit incapace di rimettersi in discussione di
fronte a tali cambiamenti.
3.2.7.

Mudjer-macho?

Guy Massart (2013) ha svolto uninteressante ricerca etnografica basandosi su dati


longitudinali raccolti tra il 1989 e il 2009 a Praia, allinterno del medesimo gruppo di individui,
analizzando i cambiamenti che sono avvenuti nella costruzione della loro mascolinit durante
larco di tempo considerato. I soggetti della ricerca di Massart sono uomini nati negli anni 70,
ventenni al momento dellapertura politica del 91, la generazione dei genitori dei soggetti
che sono stati parte della mia ricerca a Praia. Al di l questa considerazione, che torner utile
in seguito, trovo interessante unipotesi avanzata da Massart, che lautore rielabora a partire
da una percezione dei suoi interlocutori. Gli amici di Massart, infatti, si lamentano
ripetutamente del fatto che le donne, ad oggi, punch in the face (Massart, 2013). Gli
interlocutori di Massart si riferiscono al cambiamento operato dalle loro coetanee nelle
pratiche e nelle scelte relative alla propria sessualit. Alterare le proprie pratiche sessuali,
comporta unalterazione del genere stesso (Butler, 1990). Rielaborando questo concetto

148

Espressione dura, chiusa.

151

Massart arriva a sostenere dunque che le donne a Praia stiano adottando un genere maschile
(Massart, 2013). Ladozione di comportamenti maschili da parte delle donne sembra mettere
in questione la mascolinit degli uomini (Perry, 2005), rappresentando per questi una
minaccia.
Da un lato riconosco come losservazione di Massart sia molto interessante, soprattutto in
virt di alcuni dei comportamenti femminili analizzati, quali le manifestazioni violente e le
nuove pratiche sessuali e relazionali operate da soggetti come Lucia e le pixinguinhas.
Tuttavia ritengo che tale considerazione non sia esente da alcune criticit. In primo luogo la
dinamica attuata dalle donne capoverdiane non pu essere ridotta allesercizio della
sessualit, ma comprende anche altre aree in cui le donne, sfidando gli stereotipi di genere,
si comportano come uomini, per esempio le manifestazioni di violenza o la pratica di bere
alcolici. Inoltre mi chiedo quanto questa stessa definizione, di donne mascolinizzate, non sia
uno strumento funzionale alla riproduzione della gerarchia di genere. Ricondurre al genere
maschile i comportamenti di donne che fuoriescono dallideologia di genere dominante, mi
sembra avere leffetto di negare la loro specificit, la possibilit delle donne di dirsi
altrimenti. Negare lappartenenza al genere femminile di queste donne, le quali, con
modalit spesso controverse, mettono in atto una nuova performativit di genere, potrebbe
essere una strategia per esorcizzare la minaccia che rappresentano. O rimani dentro al
quadrato di genere che ti appartiene per ascrizione dalla nascita, o passi allaltro quadrato,
nella riprovazione generale: in entrambe le opzioni lordine viene mantenuto. Preferisco
dunque definire il processo operato dalle capoverdiane come lattuazione di una nuova
performativit di genere femminile, per salvaguardare la sua intrinseca potenzialit
trasformativa. Di fronte a una nuova performance femminile necessario infatti un
ripensamento della mascolinit, che potrebbe produrre esiti sorprendenti. Al tempo stesso
riconosco il carattere ambivalente di queste performativit di genere femminili, in quanto si
appropriano di caratteristiche tradizionalmente virili, quali laggressivit o la sessualit
predatoria, piuttosto che basarsi sulla riaffermazione della specificit e positivit di valori
considerati femminili.

152

3.3. Crisi della mascolinit


Dai dati statistici INE emerso che i casi di violenza di genere sono esponenzialmente
aumentati negli ultimi anni149. Tra il 2010 e il 2011 le denunce di VBG150 sono raddoppiate in
11 zone amministrative del paese, tra il 2011 e il 2012 in altre tre zone. Il comune di Praia, in
particolare, scenario di un aumento iperbolico dei tassi di violenza: da 191 denunce nel
2011 si passa a 732 denunce registrate nellanno successivo. Laumento del numero di casi di
VBG sicuramente relazionato alle azioni di sensibilizzazione e informazione attuate negli
ultimi anni, che hanno portato a una maggior riconoscimento del proprio stato di vittima da
parte delle donne soggette a maltrattamento. Tuttavia, lentit del numero dei casi registrati
non pu essere ricondotta semplicemente a unemersione di un fenomeno che in precedenza
era naturalizzato e invisibilizzato. Laumento considerevole di casi di maltrattamento
rispecchia inevitabilmente anche un reale aumento dellaggressivit esercitata contro le
donne, espressione di una forte crisi nella relazione tra i generi, ad oggi in corso a Capo Verde.
Robert Connell (1995) parla di crisi dellordinamento tra i generi riferendosi in particolare a
tre sfere di influenza: i rapporti di potere, di produzione e di cathexis, ossia desiderio. Ritengo
che la categorizzazione operata da Connell sia un utile strumento per leggere la situazione
attuale riguardo alle relazioni tra uomini e donne capoverdiane, in base ai vari elementi
considerati fino a questo punto.
Nei rapporti di produzione infatti evidente come il ruolo maschile di provedor sia ad oggi
ampiamente messo in discussione. In un contesto di forte disoccupazione, crisi economica e,
soprattutto, crisi nellarea di lavoro di una grande fetta della popolazione maschile, la pesca,
gli uomini si trovano spesso senza un impiego vero e proprio, dipendendo da occasioni di
lavoro irregolari e incostanti. Questa situazione amplificata per quanto riguarda la
popolazione giovanile. Nel prossimo capitolo sar analizzata in maniera pi sistematica la
situazione dei giovani, per il momento sufficiente anticipare che molti ragazzi capoverdiani
dei quartieri popolari incontrano solo lavori di biskait o chapu, forme di prestazione
lavorativa senza alcun obbligo da parte del datore di lavoro, irregolari, sporadiche e
decisamente sottopagate. Le donne, al contrario, dimostrano una maggior capacit sia di
riconvertirsi di fronte a difficolt nel settore di impiego, sia di inventare creativamente nuove
forme di guadagno, per quanto irregolari e ai limiti della legalit. In questo scenario non
149
150

Tab. 10 in Appendice.
Violncia Baseada no Gnero.

153

raro incontrare aggregati familiari in cui la donna ad assumere il ruolo di provedor, anche
nei confronti di un compagno disoccupato. Veiga Miranda (2013), in riferimento al contesto
di Rincn, presenta una figura interessante, il croxa. I croxa sono uomini che non hanno mai
avuto una donna. Passano il giorno seduti in strada, sempre ubriachi e non lavorano. [] non
si lavano nemmeno e indossano vestiti sporchi e strappati (Veiga Miranda, 2013, pag. 100).
Analizzando questa figura emblematica, lautore afferma che, oggi, la maggior parte degli
uomini di Rincn sono croxados. Veiga Miranda non intende dire che siano considerati e
categorizzati da s stessi e dalla comunit come croxa, ma che la situazione di crisi economica
e la perdita del lavoro hanno posto la popolazione maschile di Rincn in una situazione di
impossibilit di ostentare la propria virilit attraverso il potere economico, di avere accesso
a numerose donne e di mantenere unapparenza bazofa151. Lautore, definendo gli uomini
croxados, intende sottolineare la condivisione di queste caratteristiche tra la figura
degradata del croxa e quello che era luomo dominante a Rincn. Il dominio maschile si basa
sulla dipendenza economica delle donne dagli uomini, che legittima il controllo maschile sulla
la sessualit femminile (Rodrigues, 2007). In un contesto in cui, sempre pi spesso, sono gli
uomini a dipendere dalle donne, il divario tra la mascolinit ideale e la realt vissuta dagli
uomini capoverdiani si amplia, con conseguenze influenti anche in relazione ai rapporti di
potere inter-genere.
Dika vive in casa insieme alla figlia Andreia ventiseienne, la nipotina di due anni, il marito
e il figlio Billy di 19 anni. Cabea, il marito, tutte le volte che lo vedo mi sembra un po
brillo mi dice sempre che sta andando a fumare il suo cigarrinho o a bere un
groguinho. Laltro giorno mentre chiacchieravo con Dika e la figlia Andreia, mi sono
tolta un po di curiosit rispetto alla gestione economica della famiglia.
Dika: Cabea prima aveva un contratto di lavoro, ma poi terminato. Ora sta nella
compagnia Fernando Lopes, ma non un lavoro fisso, diverso dal mio lavoro. Io, nel
mio lavoro, ricevo un salario tutti i mesi, vedi?
Silvia: E come fate a mantenervi? Il tuo salario basta per tutti e cinque?
Dika: Il mio, quello che prende Cabea quando riesce a lavorare... Billy non lavora.
Andreia. Andreia non lavora.
Andreia (arrabbiata): S che lavoro! Do explicaes152!
Una volta sono entrata al pomeriggio in casa di Dika, la sala in effetti era piena di bambini
a cui Andreia d explicaes.

151
152

Figo.
Ripetizioni. La maggior parte dei bambini vanno a ripetizione al pomeriggio.

154

Dika: ok ma explicaes
Andreia (risoluta): un lavoro! Guadagno alla fine del mese!
Silvia: Si, un lavoro.
Dika: Si, ma non prendi
Andreia: Ma un lavoro si.
Silvia: Si, se pagato un lavoro
Dika: Ok, ok. Billy non ha un lavoro fisso invece. Fa biskait, quando capita.
Silvia: E come fate a gestire il denaro?
Andreia: Quando manca io d.
Silvia: Anche Billy?
Andreia (ride sarcastica): Billy? Billy non d niente! Si compra i vestiti al massimo! Il
denaro di Billy 500 scudi al massimo, buono solo per dare da mangiare ai piccioni!
Nessuno conta con il denaro di Billy, quello che guadagna se lo tiene per s.
(Diario di campo, 13 Febbraio 2014)

La famiglia di Dika credo sia un caso emblematico di questa crisi nei rapporti di produzione e
potere. Il ruolo di provedor completamente invertito, in entrambe le generazioni presenti
in casa: sono Dika e la figlia infatti ad avere un impiego con fim de mes153, ossia un
guadagno fisso. Il marito di Dika soprannominato Cabea, in una sorta di inversione
simbolica che richiama un ruolo che non gli corrisponde pi: lungi dallessere la cabea della
famiglia, infatti, il marito quando dentro casa spesso addormentato o ubriaco. In passato
Jos aveva infatti svolto lavori stipendiati, emigrando anche nelle Canarie e in Portogallo, ma
era poi stato costretto a tornare in patria dopo un lungo periodo di disoccupazione in Europa.
Dika, grazie al lavoro fisso di empregada domestica, ha assunto evidentemente il ruolo di
chefe de familha, mentre il marito, avendo simbolicamente perso la faccia, si mantiene ai
margini del contesto familiare. Anche in occasioni ufficiali, come le ricorrenze festive, Jos
lascia che sia la moglie a gestire le relazioni e ad assumere il ruolo di padrona di casa. La figlia
ride con una punta di rabbia, quando le chiedo se il fratello contribuisce economicamente al
mantenimento della famiglia. Il denaro che guadagna Billy buono solo per dare da
mangiare ai piccioni!.
Questa crisi della capacit di performance maschile si estende anche ai rapporti di cathexis,
come in parte gi stato analizzato. Le nuove pratiche di sessualit femminile vanno dai
comportamenti che rivendicano una sorta di diritto alla poliandria, fino al controllo

153

Fine del mese.

155

dellaccesso al proprio corpo e alla riproduzione, attraverso nuove forme di impostazione


della relazione di coppia e lutilizzo dei metodi contraccettivi. Inoltre, la mancanza di mezzi
economici da parte degli uomini penalizza ulteriormente il loro potere attrattivo in una realt
in cui le donne si dimostrano sempre pi attente alle implicazioni materiali della relazione
amorosa. Le nuove attitudini femminili rispetto alla sessualit, riducono le occasioni e il
numero di partner a cui gli uomini possono avere accesso, intaccando unaltra sfera di
costruzione della mascolinit egemonica.
La nuova performativit di genere messa in atto dalle donne capoverdiane non permette agli
uomini di performare il proprio genere secondo i canoni della mascolinit egemonica
(Massart, 2013). Per questo motivo e per le mutate condizioni del contesto, il modello di
mascolinit egemonica diventato oggi un ideale insostenibile per gli uomini di Capo Verde.
Il saggio di Massart (2013) descrive le traiettorie biografiche di alcuni soggetti, le cui scelte di
vita sono state largamente orientate dallideale di mascolinit egemonica, che ha avuto
ripercussioni negative sulla loro agency e sullaccesso a determinate possibilit di vita.
Avendo speso in giovent buona parte dei propri risparmi e della propria energia nel
conquistare pi donne possibili, gli interlocutori di Massart, ormai ultraquarantenni e alle
prese con un corpo che comincia a invecchiare, rimpiangono la propria condotta, che non ha
permesso loro di raggiungere una stabilit economica e familiare che ora sembra loro
desiderabile. Lo stesso concetto mi stato riportato da Paulo, uno dei miei interlocutori pi
preziosi, durante unintervista.
Come persona io posso avere il mio progetto di vita ma, come uomo, in qualsiasi
momento il mio progetto pu saltare per aria, se succede qualcosa. Io devo dimostrare
di essere uomo! Magari io vorrei una famiglia, un lavoro, un matrimonio ma no, se
quella menina ci prova con me, io devo tradire la mia fidanzata! Se quel tizio mi manca
di rispetto, io devo fargliela pagare! Se i miei amici mi offrono da bere, io devo
dimostrare che reggo lalcool e magari perdo il lavoro, perdo la compagna, magari
finisco pure in prigione o allospedale, tutto questo perch devo dimostrare di essere un
uomo. (Intervista a Paulo, Associazione Lasu Branku Cabo Verde)

Il modello egemonico maschile orienta dunque, in maniera molto influente, le scelte degli
uomini capoverdiani. Tuttavia tali scelte, in virt dei cambiamenti nel contesto e nella
performativit femminile, non producono pi performance maschili efficaci, ma
contraddittorie e in opposizione alla controparte femminile. A Praia possibile riconoscere
lincrinarsi effettivo di un sistema simbolico, di un linguaggio, di una socialit maschile e di

156

un quadro di significati in cui sono state inscritte le prospettive esistenziali degli uomini
(Ciccone, 2009, pag. 185). Il disorientamento e la frustrazione originate dallimpossibilit di
adempiere al modello di uomo proposto dalla societ originano una forte tensione interna
alle relazioni di genere. Di fronte alle nuove rivendicazioni femminili, gli uomini si dimostrano
impreparati a riformulare e modellare il proprio modello egemonico di genere. Linsofferenza
che ne deriva si manifesta attraverso laumento dei casi di violenza di genere, lincremento
dei tassi di alcolismo tra la popolazione maschile e la diffusione di argomenti misogini nei
discorsi degli uomini capoverdiani. In varie interviste e conversazioni informali, ho infatti
potuto raccogliere espressioni di stigmatizzazione della donna capoverdiana. Tale dinamica
rappresenta, secondo la mia opinione, un tentativo di attribuzione di significato a un contesto
che disorienta e minaccia legemonia maschile, in una narrazione che intende confermare la
subordinazione delle donne, screditandole dal punto di vista morale.
Le donne le donne so noia! Yo per esempio le donne non vogliono prendere le
cose sul serio! Vogliono solo divertirsi, cos per questo io ora non voglio una relazione
seria! Per questo che ora non voglio mettermi nessuno in testa, le donne portano solo
rogne, scusami, lo so che tu sei una donna (Intervista a Kriu)
Le donne oggi? Sono solo interessate a bandidez tutte nella prostituzione, nella vida
boa! Loro non vogliono lottare. Le donne vogliono solo festa! Se facciamo una festa qui,
tutti i giorni, vedi come si riempie di donne! Le donne sono cos, vogliono solo sabura154!
Fare grigliata, musica, danza, sesso. Non vogliono cose di evoluzione, solo di distruzione.
Conoscono un monte di donne, vengono sempre a chiedermi di pagar loro da bere! Tutte
con la pancia piena! Loro devi intervistare tutte nella festina, tutte con la pancia piena!
[] Hanno marito, si, solo che i loro mariti sono vari! Il marito del momento quello con
cui pi o meno convivono. Alcune magari sono anche incinte ma se solo tu gli parli
dieci minuti, escono con te! Vai, si beve una cervejinha, si fa sesso tutto quanto! Le
conosco quelle donne, le conosco le donne di qua! Solo nel ballo, nel drink, nella festa,
non vogliono niente di serio, niente di vero. (Intervista a Jordy)

A questo punto, interessante riportare le considerazioni di Massart (2013) rispetto alle


modificazioni nella performativit di genere che riconosce nei suoi interlocutori, tornato
nuovamente sul campo a distanza di alcuni anni. Massart sottolinea come le dinamiche che
sono gi state ampiamente discusse, unite alla situazione di segregazione territoriale che
affligge la citt a causa della nascita di gangs urbane, producano una notevole restrizione del
154

Solo cose buone, piacevoli.

157

campo di azione dei soggetti in questione. Gli interlocutori di Massart vivono in un contesto
pi domestico, ossia in un raggio territoriale ristretto, in cui sono ancora capaci di
performare la propria mascolinit senza rischiare di perdere la faccia. Lavanzare dellet, la
mancanza di risorse economiche, il pericolo rappresentato dalla violenza urbana e
lemancipazione femminile, impediscono a questi uomini di costruire efficacemente la
propria virilit al di fuori del contesto limitato in cui questa non messa in discussione.
Come ho gi anticipato, la mia ricerca si concentrata in particolare sulla fascia di giovani
che va dai 17 ai 30 anni, i miei coetanei, figli della generazione analizzata nel saggio The
Aspirations and Constrains of Masculinity (Massart, 2013). Sofia Aboim, indagando la
costruzione della mascolinit nella realt di Maputo, in Mozambico, sottolinea come la
sessualit sia un elemento cruciale per lautoaffermazione maschile. La novit riscontrata da
Aboim nel contesto di Maputo relativa al fatto che gran parte dei giovani appartenenti alla
realt urbana utilizzano la loro sessualit come unico polo di significato su cui costruire
unidentit virile, piuttosto che combinarla con altre forme di controllo maschile (Aboim,
2009). Pur riconoscendo come la sessualit rimanga un nodo cruciale di affermazione e
costruzione del proprio genere per la popolazione giovanile di Praia, ho incontrato tuttavia,
nel corso della mia ricerca, una maggior complessit di elementi presenti in questa dinamica.
Muovendomi a partire dallattuale insostenibilit e impossibilit di rispecchiare il modello
egemonico di mascolinit capoverdiano, mi sono chiesta in che modo i giovani praiensi
costruiscano le rappresentazioni della propria virilit. Concentrandomi in particolare nei
contesti popolari dei quartieri degradati della citt, sono andata a indagare le forme di
mascolinit performate dai miei coetanei, che in parte fuoriescono dal modello egemonico
analizzato per mancanza di condizioni materiali e per le mutate caratteristiche del contesto
storico. I giovani maschi dei quartieri di Achada Grande Frente, Paiol, Lem Ferreira, Castelo,
riconoscendo limpossibilit di realizzarsi attraverso strumenti come il lavoro o listruzione,
producono nuove narrative sulla propria appartenenza al genere maschile, che andr ad
analizzare nei prossimi capitoli.
Prima di addentrarmi in questo nuovo argomento, vorrei sottolineare come esistano a Praia
anche percorsi di individui che fuoriescono da quanto detto fino ad ora. La mancanza di
rielaborazione maschile di fronte a unaccresciuta emancipazione femminile non pu essere
considerata come un fenomeno totalizzante nel contesto di Praia. Ho conosciuto vari uomini
che stanno svolgendo un percorso di rielaborazione e riflessione sul proprio modello di

158

genere, sollecitati dallincalzante dialogo con la controparte femminile. La loro scelta non pu
essere ignorata allinterno della presente analisi, dato che rappresenta unopzione
percorribile nella risoluzione dellattuale tensione tra i generi, sebbene ad oggi ancora
minoritaria.

159

CAPITOLO IV: THUG LIFE E INFLUNCIA JUVENIL


Come gi emerso nei precedenti capitoli da alcuni estratti del mio diario di campo, la
percezione del pericolo latente a Praia stata una delle prime sensazioni che ho imparato a
sentire e a controllare durante il mio soggiorno sul campo. Ho imparato a stare in guardia, a
non camminare per strada dopo il tramonto, a farmi accompagnare nei quartieri che non
conoscevo e a diffidare di chi aveva caratteristiche che sono catalogate dalla societ come
indizi di devianza. Peter Zoettl, un antropologo tedesco che ho conosciuto sul campo, scrive
che morabeza probabilmente una delle prime parole creole con cui uno straniero si
confronta, una volta arrivato sullarcipelago. La seconda, per lo meno nella citt di Praia,
probabilmente kasubodi (Zoettl, 2014, p.12). Morabeza un termine creolo per indicare la
disposizione di gentilezza e accoglienza propria dei capoverdiani. Kasubodi una
creolizzazione dell'espressione inglese Cash or body, utilizzata per indicare le rapine.
Evitare di tomar um kasubodi155 una delle preoccupazioni quotidiane preponderanti dei
cittadini di Praia appartenenti a tutte le classi sociali, infatti, tanto i miei conoscenti che
vivevano nel ghetto, quanto i funzionari della Cmara Municipal mi hanno raccontato di
essere stati vittima, almeno una volta, di una rapina. I kasubodi sono generalmente attribuiti
a giovani maschi provenienti dai quartieri popolari della citt, definiti, in maniera spesso
eccessivamente semplicistica, thugs, ovvero membri di gangs responsabili della violenza
urbana, legata anche al narcotraffico, ai conflitti tra le diverse fazioni e, appunto, ai kasubodi.
Fin dallinizio della mia ricerca la questione thug ha attratto il mio interesse, sia perch
uno degli argomenti principali di discussione nella vita quotidiana a Praia, sia perch avevo
scelto di alloggiare in uno dei quartieri considerati territorio thug. Tuttavia, non avevo
collegato in alcun modo tale fenomeno alla mia ricerca sui modelli di mascolinit,
semplicemente il mio interesse si era mescolato e confuso nellatteggiamento di curiosit
costante stimolato dalle infinite novit e alterit che mi offriva ogni giorno la realt di Capo
Verde. stato soltanto quando ho iniziato a svolgere interviste sul tema della mascolinit con
la tecnica della foto-elicitazione che i miei interlocutori mi hanno fatto notare la rilevanza
della tematica. Alcuni dei ragazzi che ho intervistato, quando si sono trovati a scattare
fotografie relative alla vita degli uomini a Capo Verde, hanno immortalato ragazzi che
posavano per lobiettivo con vestiti larghi e posture gangsta, davanti a muri coperti da graffiti,

155

Essere vittima di una rapina.

160

fumando padjinha156. Partendo da queste immagini157 hanno iniziato a raccontarmi la propria


storia di affiliazione con le bande del quartiere, gli scontri con gli altri gruppi, lesperienza del
carcere, la violenza esercitata e subita. Questa tematica non mai emersa nelle interviste
svolte con ragazze, n in quelle svolte con ragazzi rispetto alla vita delle donne. Ho percepito
cos quanto la dimensione delle gangs urbane fosse estremamente influente allinterno dei
percorsi biografici dei miei coetanei maschi residenti nei quartieri popolari. Grazie alle
percezioni dei miei coetanei, ho dunque iniziato a interessarmi alla realt delle bande urbane,
indagando in quali termini si intersecasse con il sistema di genere capoverdiano.
4.1. Eternamente giovani
Dal buco nel muro della nostra casa che un giorno diventer una finestra vedo il quartier
di Achada Grande158. Un bosco di antenne televisive che ondeggiano al vento, i tetti di
cemento su cui laltro giorno abbiamo visto un maiale che tentava di scappare, il sole
giallo di Praia che illumina le strade e dietro tutto Platou. Con le sue strade dritte, gli
edifici colorati in stile coloniale, le banche e gli uffici governativi. Ricca. Un mondo
parallelo a poche centinaia di metri di distanza in linea daria. Ha ragione Redy, a volte
Praia mi sembra una citt schizofrenica. (Diario di Campo, 22 Dicembre 2014)

Riprendendo il commento di Redy, Praia pu essere definita una citt schizofrenica. Pochi
quartieri estremamente ricchi convivono a fianco di sobborghi popolari senza corrente
elettrica, rete fognaria, accesso allacqua potabile, strade asfaltate. Nella stessa giornata mi
capitava di entrare in una villa con piscina nel cortile interno e, poche ore dopo, in una
baracca di mattoni grezzi, senza intonaco, ne pavimento, n tantomeno accesso a servizi
igienici. La disuguaglianza a livello urbanistico di Praia si rafforzata a partire dagli anni 90:
ingenti flussi di migrazioni interne e provenienti dai paesi della costa occidentale africana
hanno aumentato esponenzialmente la popolazione urbana e incrementato la nascita dei
quartieri spontanei, sorti senza alcuna pianificazione urbanistica intorno al nucleo cittadino
originario. Saskia Sassen (2010) analizza in relazione alle citt globali la formazione di nuove
geografie di centralit e marginalit, in cui la aree centrali della citt ricevono considerevoli
investimenti, mentre le aree cittadine a basso reddito vengono private di risorse. Praia
rispecchia in parte questa realt, essendo costituita da alcuni quartieri ad alto reddito che

156

Marijuana.
Fig. 5 e 6 in Appendice.
158
Fig. 7 in Appendice.
157

161

fungono da centro, anche se geograficamente distanti tra loro. Tali centri sono a loro volta
circondati da una serie di quartieri spontanei popolari, che vivono sostanzialmente
delleconomia informale, sostenuta appunto dagli abitanti dei centri. Una mattina di
Gennaio, io e Christian siamo stati invitati dal fratello di Uv ad andare a conoscere il quartiere
dove abitava, dallemblematico nome Jamaica.
Siamo andati con i fratelli di Uv a conoscere casa di Julio e un posto dove lui vuole
costruire una serie di appartamenti. Dato che Chri un architetto e qui chiunque si
improvvisa muratore, tutti gli chiedono dei consigli. Jamaica un quartiere spontaneo,
informale, come si voglia chiamare. Julio, dieci anni fa era uno dei primi a costruire casa
in una zona deserta. Ora la zona piena di case. Tutte le volte mi stupisco di questa
povert estrema e di come forse loro non la vedano. Julio vuole costruire degli
appartamenti per turisti... senza considerare che un turista credo non andrebbe mai ad
affittare una casa in quartiere del genere! Julio sta costruendo queste case da solo, ha
spianato un terreno in salita con la zappa, un lavoro incredibile. La terra non di nessuno
e lui continua a ripetere che bisogna farci qualcosa, non si pu abbandonarla cos! Credo
che in parte l'idea di Julio sia anche di non lasciare che qualcuno si prenda quella terra.
Uno la prende, ci costruisce o ci vive, e diventa sua, in qualche modo. incredibile
come ogni volta che mi sembra di aver visto il peggio, mi imbatta poi in qualcosa che
ancora pi povero, ancora pi al limite. Jamaica non ha nulla. Solo le case di cemento
grezzo e delle baracche. Strade di polvere, nessun sistema fognario, idrico, elettrico.
Julio, nellillustrarci il progetto della casa, ci ha fatto vedere come il bagno avrebbe
dovuto scaricare in strada. Oggi, quando sono tornata ad Achada Grande mi sono
sorpresa a notare mille cose che prima davo per scontate: i marciapiedi e i cartelli
stradali nella strada principale, lautobus, i negozi e i baretti improvvisati dai locali, la
piazzetta con tre panchine di fronte alla padaria. Quasi un quartiere di lusso, direi.
(Diario di campo, 14 Gennaio 2014)

La schizofrenia urbanistica in realt un riflesso della profonda disuguaglianza socioeconomica che colpisce la popolazione capoverdiana. Lapertura alleconomia capitalistica
degli anni 90 ha provocato cambiamenti consistenti allinterno delleconomia locale, che si
sono tradotti in un aumento notevole del PIL nazionale, accompagnato, tuttavia, da una
crescita altrettanto consistente dellindice Gini, che misura la disuguaglianza economica159.
Tale disuguaglianza si sviluppa in una condizione di prossimit spaziale, creando una

159

Indice Gini del 2009 Capo Verde: 50,5; Gambia: 47,3; Repubblica della Guinea: 43,3; Senegal: 39,2;
Guinea Bissau: 35,5 (PNUD, 2009).

162

situazione in cui ancora pi insostenibile non avere accesso a nulla, in un arcipelago in cui,
relativamente, cos tante persone sono qualcuno (Zoettl, 2014). La crescita economica e
linserimento nelleconomia globale hanno immesso sul mercato capoverdiano prodotti
materiali e simbolici divenuti oggetto del desiderio condiviso di individui appartenenti a tutti
gli strati della societ. Le condizioni per soddisfare tali desideri si presentano tuttavia sempre
pi limitate a una frangia ristretta della popolazione (Cardoso, 2012). I giovani, destinatari
principali della maggior parte di questi nuovi prodotti di consumo, se appartenenti agli strati
pi poveri della societ, si trovano a sperimentare una situazione di forte tensione tra le
aspettative coltivate e limpossibilit di soddisfarle. A una struttura culturale, che definisce
le mete verso cui tendere e i mezzi per raggiungerle, corrisponde una contrastante struttura
sociale, che esclude questi giovani nella distribuzione effettiva di tali mezzi, relegandoli in
condizioni di anomia (Merton, 1949). Il vissuto di frustrazione dei giovani accentuato dal
crescente livello di istruzione a cui hanno accesso. Lo stato capoverdiano, fin dalla propria
indipendenza, ha investito nel settore educativo come centro di promozione del paese. Come
vedremo in seguito in realt labbandono scolastico ha unincidenza significativa, soprattutto
nelle strati socio-economici pi bassi della popolazione. Nonostante questo, sempre
maggiore la percentuale di giovani che completano il percorso scolastico secondario,
coltivando aspettative di vita pi ambiziose rispetto alle condizioni in cui sono cresciuti. A un
livello relativamente alto di istruzione non corrispondono per adeguate opportunit
lavorative. La disoccupazione aumentata a livelli vertiginosi, colpendo in particolare i
giovani. I dati INE del 2008 sottolineano come il 57% dei maschi tra i 15 e i 24 anni siano
disoccupati160. La crescita di tale percentuale legata in parte alla crisi di settori
fondamentali, come la pesca, che in passato occupavano unampia fetta della fascia giovane
maschile, in parte allapertura economica degli anni 90, che ha privatizzato una serie di
servizi, e in parte alla crisi economica attraversata dal Portogallo e da altri stati Europei, da
cui Capo Verde dipende tanto per le importazioni, quanto per aiuti e accordi economici. Le
nuove politiche globali per controllare e regolamentare le migrazioni rappresentano un
ulteriore fattore di crisi per larcipelago, per il quale le rimesse dei migranti hanno
rappresentato per numerosi anni una della entrate economiche pi consistenti a livello
nazionale. Lopzione migratoria, che costituiva per i giovani una reale possibilit di
miglioramento del proprio livello socio-economico di vita, ad oggi spesso interdetta dalle
difficolt per ottenere i documenti necessari. I giovani capoverdiani vivono quello che
160

Dati riportati da Lorenzo Bordonaro (2012).

163

Balandier (1985) ha definito il paradosso della modernit, ossia il contrasto tra laumento
delle aspirazioni e dei desideri, legati appunto alla diffusione dellistruzione e dei panorami
immaginari dei media (Appadurai, 1996), e il contemporaneo restringimento delle possibilit
reali di affermazione, con conseguenti vissuti di frustrazione.
Oggi lezione di italiano al Pilorinhu. Sono i soliti sei pi qualche nuovo elemento, ad ogni
lezione si inserisce qualche ragazzo curioso, di solito non durano pi di due volte. Pi o
meno tutti sui venti-venticinque anni, tranne Salomon che ne avr una trentina. Insegno
le frasi necessarie per una conversazione di presentazione, le solite cose tipo come ti
chiami?, dove abiti?, che lavoro fai?. Decidiamo insieme quali domande chiedere e
poi cominciamo a ripetercele a vicenda in cerchio. Cerco di fare ripetere una domandarisposta alla volta, a rotazione, per aiutarli a memorizzare senza bisogno di scrivere, viste
le difficolt di alcuni. Quando arriviamo alla domanda Che lavoro fai? Kendrik
risponde Faccio lo studente. Dopo di lui tocca a Fredrik. No fao nada. Come si
dice?. Tutti ridono. Non faccio niente. E uno dopo laltro, a giro cominciano a
rispondere con queste due uniche opzioni: faccio lo studente, non faccio niente, con un
tono sarcastico, un po amaro. Effettivamente sono le due possibilit che gli si aprono:
la scuola e, dopo, nulla. (Diario di Campo, 10 Febbraio 2014)

In realt la maggior parte dei ragazzi a cui insegnavo italiano, lungi dal non fare niente,
ingrossa le fila dei lavoratori inseriti nelleconomia informale, ad oggi unica prospettiva per i
giovani di estrazione popolare. La crescente disuguaglianza economica e laumento della
percentuale di disoccupati, hanno infatti incentivato lemersione di un vasto mercato di
economia informale, composto principalmente da lavori a bassissima retribuzione e
possibilit di mobilit nulle. Sempre Sassen (2010) sottolinea come questa dinamica abbia
reintrodotto la nozione di classe servile, ovvero la divisione tra occupazioni lavorative
dominanti e subalterne, che a Capo Verde rimane fortemente correlata allestrazione
economica e alla pigmentazione della pelle. Le donne impiegate nelleconomia informale,
come gi anticipato, sono principalmente rabidantes, venditrici, pexeiras, professoresse di
explicaes e empregadas domestica. Nonostante le disposizioni legislative, infatti, anche
questultima professione raramente regolarizzata da un contratto di lavoro. Le occupazioni
informali femminili, in generale, sembrano comunque offrire una maggior stabilit rispetto a
quelle proprie della popolazione maschile. Impieghi ampiamenti diffusi tra i giovani maschi
sono infatti i biskait o chapu, ossia lavori in nero, solitamente fisicamente pesanti e quasi
sempre estemporanei. Chi si trova al posto giusto al momento giusto o chi ha i contatti con

164

il datore di lavoro, viene chiamato, scarica il camion, pulisce il magazzino, trasferisce un


carico, riceve la paga e torna alla sua vita.
Sono andata a chiamare Devil. Devil vive di fianco alle baracche, di fronte alla sua porta
stanno sempre un gruppo di donne e bambini a cucinare, seduti tra una schiera di maiali,
cani e galline. Una delle vicine mi ha detto che Devil non cera, era allarmazem161 dietro
langolo, a lavorare. Vado a cercarlo l, accompagnata come sempre dal figlio piccolo di
Zuleika. Dentro alle porte dellarmazem vedo un gruppo di ragazzi giovani che scarica da
un camion sacchi di cemento, o forse sabbia, caricandoli sulla testa. Sono ricoperti di
sudore, i sacchi devono essere pesanti. Devil mi vede, si mette a ridere e mi viene
incontro. Silvia! E cos sei venuta a trovarmi al biskait? Andiamo, tanto ormai abbiamo
finito! Saluta i compagni urlando qualcosa. Ma domani lavori di nuovo? Devil alza le
spalle. Dipende. Se c un camion. Domani si vedr. (Diario di campo, 6 Febbraio 2014)

Adilson: Questa foto, un biskait162. (Mi mostra una foto con dei ragazzi che scaricano
un camion)
Silvia: Ma Adilson, mi spieghi la differenza tra un biskait e un chapu?
Adilson: Biskait per esempio: Biskait ti posso anche contrattare per quel giorno. Ma
chapu in quellora, vieni, lavori, ti pago e te ne vai. Se al pomeriggio non ti presenti,
niente. [] un lavoro pesante, che solo gli uomini dovrebbero fare. pesante, non mi
piace vedere le donne fare questi lavori di solito sono solo uomini, ma una volta a Sal,
ho visto anche una donna. Le donne non dovrebbero farlo, troppo pesante.
(Intervista a Adilson)

Solitamente i biskait sono molto mal pagati, per scaricare un camion un ragazzo pu
guadagnare 500 escudos. Unaltra occupazione tipica maschile il lavaggio delle macchine.
Una mattina sono andata a Sucupira, il mercato della citt, sede della maggior parte delle
attivit informali di Praia, e ho incontrato Diego, un amico. Diego ha 27 anni, in passato
emigrato in Olanda, un mestre di capoeira, con grande talento artistico e musicale. Gi
alcuni giorni fa mi ha detto che stava cercando lavoro, che aveva bisogno di soldi per ieri.
Quella mattina lho incontrato e Diego mi ha detto di essersi messo a lavare le macchine, di
fronte al mercato, insieme a una schiera di giovani capoverdiani e senegalesi, poich non
riusciva a trovare altro. Gli ho chiesto quante macchine avesse lavato durante quella mattina.
Nessuna. I lavori delleconomia informale accessibili alla popolazione maschile sono dunque
161
162

Magazzino.
Fig. 8 in Appendice.

165

occupazioni mal pagate, senza alcuna prospettiva di mobilit, stabilit, n di valorizzazione


simbolica della propria immagine. I biskait e i chapu semplicemente sottolineano e
riproducono una condizione di subalternit ed esclusione dalla societ dominante.
Analizzando una situazione analoga in Guinea Bissau, Henrik Vigh sottolinea che i giovani
sono costretti a rimanere giovani, ossia dipendenti e celibi, senza opportunit di accesso a
un lavoro dignitoso e a unabitazione autonoma, elementi che simboleggiano il passaggio alla
vita adulta, in un processo che definisce moratoria sociale (Vigh, 2006). Il dossier Giovani
in Africa curato da Carlo Capello e Cristiano Lanzano (2012), raccoglie una serie di studi
effettuati tra popolazioni giovanili appartenenti a diversi stati africani, nelle quali si
riconoscono le medesime situazioni dei coetanei capoverdiani e guinensi. La modernit,
attraverso la diffusione della scolarizzazione e del mercato consumistico, veicola a livello
globale la diffusione di risorse simboliche e strutturali che accentuano e prolungano let
della giovinezza (Capello e Lanzano, 2012). Questo fenomeno nei contesti africani si declina
in situazioni di forte difficolt economica e mobilit sociale bloccata, che ostacolano appunto
laccesso allo status di adulto. Let della giovent si trasforma, dunque, in una fase di
waithood (Singerman, 2011), di liminalit e attesa frustrante, in cui i giovani non sono ancora
adulti e non sono pi adolescenti.
Questa condizione condivisa, come anticipato, da ragazzi e ragazze capoverdiani, ma
produce differenti ripercussioni a livello di identit di genere. Infatti, come stato esposto
nel secondo capitolo, il modello egemonico di mascolinit si fonda sia sulla figura delluomo
provedor163 della famiglia, sia sullostentazione di potere attraverso il possesso di denaro,
utilizzato nei momenti di parodia inter-genere e nelle conquiste amorose. La
rappresentazione

della forza del maschio dominante capoverdiano

dunque

completamente depotenziata dalle dinamiche socio-economiche, a causa delle quali i giovani


si ritrovano a svolgere biskait in condizioni di sfruttamento, che non offrono nessuno
strumento di promozione a livello simbolico n materiale. A fronte di questa situazione, i
giovani si orientano verso le culture dei pari, piuttosto che verso il mondo del lavoro, per
rispondere a esigenze di promozione del s e costruzione identitaria (Sassen, 2010). In questa
prospettiva, la sottocultura delle gangs urbane rappresenta per i giovani in questione uno
spazio alternativo in cui costruire identit performative non subalterne. Il concetto di
sottoculture giovanili stato coniato dai cultural studies britannici, allinterno dei quali per

163

Fornitore, colui che sostiene economicamente la famiglia.

166

la prima volta viene riconosciuta la capacit di produzione culturale dei giovani (Capello e
Lanzano, 2012). Le sottoculture sono state interpretate come tentativi di elaborazione
simbolica antiegemonica, in aperto opposizione rispetto alla cultura dominante, la quale,
come sottolinea la prospettiva marxista, corrisponde alla cultura della classe dominante
(Hebdige, 1979). Facendo riferimento alla condizione di waithood vissuta dai giovani africani,
ladesione a una sottocultura pu rappresentare un tentativo di riempire lattesa e darle un
senso, al fine di evitare lalienazione e il vissuto di frustrazione derivanti dallinterdizione allo
status di adulto (Capello e Lanzano, 2012). A fronte della mancanza di prospettive di
promozione materiale e simbolica, dunque, non sorprende che i giovani praiensi scelgano di
aderire alle gangs urbane e, come vedremo in seguito, ai movimenti di attivisti sociali,
considerandoli forum alternativi di affermazione personale.

4.2. Nascita dei gruppi thugs


in questo scenario che il fenomeno delle gangs urbane emerge allattenzione dellopinione
pubblica. Le bande, che inizialmente si auto-denominano thugs, sorgono a Praia a partire
dalla seconda met degli anni 90, spesso organizzate dai cosiddetti deportati o merkanus164.
I deportati sono capoverdiani rimpatriati dai paesi di emigrazione a causa di condotte
devianti, che spesso tuttavia non vengono menzionate nelle pratiche legate alla deportazione
e che in alcuni casi si riducono alla mancanza dei documenti. La maggior parte dei deportati
proviene dagli Stati Uniti, motivo che sostiene la rappresentazione simbolica del rimpatriato
merkanu, assimilando e occultando la percentuale di persone provenienti invece da realt
europee, quali Portogallo, Francia e Olanda. I primi gruppi thug si rifacevano al discorso della
thug life165, cantato da Amaru Shakur Tupac, rapper dei ghetti neri americani, in unottica di
opposizione e rivendicazione rispetto al sistema che li marginalizzava e opprimeva. I thugs in
seguito sono diventati il braccio armato dei narcotrafficanti, reclutati come sicari (Lima,
2012). A partire dagli anni 2000, inoltre, sono cominciati a sorgere numerosi conflitti tra i
gruppi appartenenti a diversi quartieri, se non a diverse zone allinterno dello stesso
quartiere, cause di numerose morti violente di giovani capoverdiani e della crescente
percezione di pericolosit nella citt di Praia. Altra attivit praticata dalle gangs sono i furti,
164

Americani.
T.H.U.G. L.I.F.E. in realt un acronimo inventato da Tupac: The hate you give little infants, fucks
everyone.
165

167

che si dividono in furti nei magazzini, nelle imprese, o nelle abitazioni di privati e la vastissima
diffusione della pratica dei kasubodi, le rapine a mano armata che colpiscono persone di tutti
gli strati sociali, per esempio anche le vendedeiras che devono separarsi del poco denaro
guadagnato nel corso di una giornata di vendita.
Il discorso ufficiale dei mezzi di comunicazione e del potere politico capoverdiano ha
costruito unimmagine dei thugs come qualcosa di estraneo alla societ, importato
attraverso i merkanus e linfluenza della cultura hip-hop transnazionale. Redy Wilson Lima
(2012) smentisce tale costruzione, sviluppando unanalisi diacronica del fenomeno, che
evidenzia come tali gruppi fossero in realt la prosecuzione di bande precedenti, se pur con
caratteristiche diverse, denominate piratas e Netinhos da vov. Anche Lorenzo Bordonaro
(2012), altro autore che ha studiato la questione thug a Praia, svela il carattere mistificatorio
di tale costruzione, riconoscendo come la violenza messa in atto dai thugs sia parte di un
continuum di violenza che attraversa lintera societ capoverdiana.
I thugs costituiscono un fenomeno complesso, composto da numerose dimensioni che
interagiscono tra loro, di non semplice trattazione. Inoltre, una questione che stata
fortemente politicizzata a Capo Verde negli ultimi anni, diventando spesso il focus delle
campagne politiche da parte di entrambi i partiti. Lanalisi che intendo presentare del
fenomeno in questo capitolo sar improntata prevalentemente alla dimensione di genere e
alle sue implicazioni. Cercher comunque di delineare una descrizione che comprenda i vari
aspetti del fenomeno, riconoscendone la complessit e problematicit.

4.3. N ta d expiedienti166: thug life in risposta alla fragilit economica


In un contesto di crescente disoccupazione, in cui lunica prospettiva rappresentata dalla
sopravvivenza attraverso biskait e altri espedienti provvisori, lingresso nella delinquenza
urbana per molti giovani rappresenta unopzione, forse lunica, per migliorare le proprie
condizioni economiche. Molti dei giovani che ho intervistato, hanno presentato come causa
del loro ingresso nelle gangs una condizione di povert estrema vissuta nel nucleo domestico.
Abitavo con mio padre, ma poi morto. Mi ha allevato mia nonna. Mio padre gi prima
mi aveva lasciato con mia nonna, poi mia madre venuta a vivere con noi per un po,

166

Trovo un espediente.

168

ma ha trovato un altro marito, si trasferita a Sa Fende. Mia nonna era troppo caricata,
noi eravamo un tot di bambini, mia madre lha lasciata da sola, non riusciva noi siamo
cinque fratelli, mia madre ci ha lasciato con mia nonna, che aveva altri due figli suoi! Lei
non riusciva vendeva dolci per strada, ma non bastava, avevamo molte necessit,
fame, ci mancava tutto. Cos ho deciso. Vado a dar expedienti, entro nella thug life.
(Intervista a Meru)
Avevo 18 anni, pi o meno. Il mio amico mi ha dato una pistola perch sai kau ta
mariadu, questo posto comincia a essere fottuto quindi dovevi fare cose mariadu 167
per sopravvivere e pagare le cose ho fatto molte cose, ho dato coltellate, ne ho prese,
ho rubato borse, collane noi prendiamo tutte quelle cose. E poi vai avanti cos, ta bai,
ta bai. 168 cos che cominciata la storia. (Intervista di gruppo nel quartiere di Paiol)
Io sono andato una volta a lavorare con Devil, allarmazem. Sono andato tre, quattro
giorni forse. Poi basta. Silvia, quello schiavit! Scaricavamo quei pesi tutto il giorno per
quattro soldi e alla sera mi sentivo la schiena rotta. No, basta. (Intervista a Man)
Non cos facile avere unarma, costa Io avevo unarma. Ma non lavevo nemmeno
comprata, me lha data un amico, perch io avevo proprio moral169. Io nel mio bairro
vivevo in una situazione terribile. A volte non avevo niente da mangiare a pranzo, cose
cos al punto che sono dovuto entrare nella violenza, perch non avevo nulla da fare
un cittadino capoverdiano, ma ho molti amici nella stessa situazione. Io dovevo entrare
in questo mondo. (Intervista a Luis)

Il denaro ricavato dai furti e dalla vendita di droga diventa per questi giovani un salario con
cui a volte aiutano la famiglia di origine, che ignora, o pi probabilmente finge di ignorare, la
provenienza di queste risorse.
Io sono sempre stato fuori dalla thug life, ma sono di Vilanova, il mio quartiere uno
dei pi violenti di Praia. Ma capisci se usano la violenza o non la usano, in ogni caso i
giovani ne soffrono le conseguenze. C un gruppo di giovani thugs con cui cerco di fare
tipo un lavoro sociale, come psicologo e come residente del bairro. Solo che non voglio
dire che non ci sia soluzione, ma loro sono proprio cresciuti nella violenza. Non sono
disposti a rinunciare alla violenza, perch diventata una forma di sopravvivenza. La
thug life diventa una maniera per sopravvivere per quei giovani. interessante che
spesso i thugs finanziano tutta la famiglia con quel movimento rubano, portano cose

167

Negative, sbagliate.
Vai, vai, nel senso di vai avanti cos.
169
Carattere.
168

169

a casa e i genitori le accettano. Spesso fanno grandi furti, sono abituati a farli. La
delinquenza finisce per garantire la sopravvivenza del gruppo. (Intervista a Raul)
Quando stavo in quella scena portavo i soldi a casa, a volte anche cose che rubavo. Mia
nonna non aveva quasi niente, noi eravamo tre putos170. Mia nonna prendeva, mi
chiedeva da dove venivano quelle cose, io dicevo le ho trovate, me le hanno date.
Mentivo, inventavo. Lei non ci credeva, insisteva. E io dicevo che me le avevano date,
me le avevano regalate. Non so se ci credesse, per alla fine stava zitta, non chiedeva
pi nulla. (Intervista a Kriu)

I furti nei magazzini e nei negozi sono spesso effettuati da gruppi che si dividono i compiti,
mentre i kasubodi possono essere opera di singoli individui, spesso armati.
Io rubavo, yo! Quando ero piccolo rubavo, ero molto violento, ho rubato tutti gli
armazens qui dietro, geral! Avevo quattordici anni. Entravo, distruggevo le porte mi
gi capitato che mi puntassero contro una pistola, stavo per morire, sono arrivato a casa,
stavo per morire ma il giorno dopo, andavo di nuovo, yo! Aprivo i lucchetti, tutti i
lucchetti che sono nelle porte di queste imprese posso scassinarli! Apro, do expediente.
Andavamo a rubare nei magazzini qui dietro. A volte cercavamo anche di lavorare l, tipo
biskait. Noi entravamo, pulivamo tutto, mettevamo a posto. Ma la nostra missione era
limmondizia. Prendevamo dagli scaffali tutti i whiskey pi cari, li mettevano
nellimmondizia, li coprivamo con altra spazzatura e li buttavamo fuori, nel contenitore
in strada. E l altri dei nostri li prendevano, e poi li vendevamo nel bairro. Ogni whiskey
7 contos! (Intervista a Kriu)
Sai come facciamo? Ci mettiamo un cappuccio in faccia, entriamo in un posto in cui
sappiamo che c molto denaro. Siamo cinque, siamo diplomati. Cos ci chiamiamo tra
di noi: diplomati, perch siamo diplomati a rubare! Entriamo in un posto, arriviamo,
prendiamo tutto quello che c di valore, viviamo di quello. Lo vendiamo. Se succede
qualcosa di male con uno di noi, se uno va in prigione, deve stare zitto. Poi si prende la
fetta pi grossa, ma deve tacere. (Intervista a Devil)
Lucia ha preso un kasubodi. Dopo il festival di Gamboa, dopo che ci siamo viste al
concerto reggae nel garage. Dopo le 4 andata verso casa con le sue amiche, a piedi,
come me e Lisa, dato che la sera di Gamboa, per la prima volta le strade erano piene di
persone. Era quasi a casa a Prainha, quando un ragazzo le andato incontro. Le sue
amiche da dietro le hanno urlato: ka nhos bai, um kasubodi!171, ma lei lo ha visto

170
171

Ragazzini.
Non andate! un kasubodi!

170

ben vestito, ha pensato che non era possibile. E invece lui le andato incontro per
prenderle la borsa... ma Lucia era arrabbiata, ha cominciato a stringere la borsa, non
mollava, lui lha spinta per terra, hanno lottato finch lui non ha tirato fuori una pistola
e glielha puntata alla testa. O bo deixal ou un ta dau tiro gosi li O la lasci o ti sparo,
ora. E cos Lucia ha lasciato. E sono tre giorni che piange per la paura, la rabbia e
limpotenza, chiusa in casa. Ho sentito tutta la sua rabbia contro tutti quei bandidos
di Praia, che dovrebbero portarli tutti a Santa Luzia 172 e lasciarli l! Mi ha fatto quasi
paura, Lucia sempre stata molto tollerante rispetto a questo tema, ha lavorato in
carcere... ma capisco che subire una cosa del genere ti cambia un po la percezione....
era proprio furiosa. A volte mi sento scissa, divisa in due. Perch questa violenza mi fa
paura, e poi penso che una serie di miei amici sono proprio quelli che fanno questo
genere di cose, tipo Jailson e sento solo tristezza, per entrambe le parti. Siamo tutti
coinvolti a Praia, i confini sono labili non basta essere poveri per essere salvi dai
kasubodi, tutti sono costretti a uno stato perenne di allerta. (Diario di campo, 20 Maggio
2014)

Tra i giovani che ho intervistato ho riconosciuto la diffusione di un discorso di legittimazione


dellattivit di estorsione, a seconda di come praticata. Esiste una giustificazione condivisa
dei furti verso persone benestanti a cui il valore sottratto no faz falta173. Devil racconta
addirittura del gruppo di Netinho de Vov, attivi ad Achada Grande Frente durante gli anni
della sua infanzia, rappresentandoli come una sorta di Robin Hood locali.
Cera un gruppo qui, prima di quella storia di thug life, si chiamavano Netinhos da Vov.
Io li ho visti, li ho visti e ho fatto delle cose con loro. Per esempio, io ero piccolo, mi
mettevano di guardia, mentre andavano a rubare nellarmazen, quello l! mi indica un
magazzino al di l della strada- io rimanevo qui, nascosto, mentre loro rubavano.
Quando rubavano, poi, regalavano le cose alle persone del bairro, le regalavano! Prendi
questa cassa qua e dividila con gli altri! Eh, lasciavano le cose, le distribuivano, si
tenevano qualcosa giusto per avere due soldi. E quando arrivava la notte, potevano
entrare in qualunque casa, nella tua, nella mia, e sempre trovavano un piatto di
comida174. (Intervista a Devil)
Lavoro fisso, per esempio, qui ad Achada Grande non ce n. Perch a fine mese non
hai il contratto n niente, fine e arrivederci. Prendi il tuo denaro e vai a casa. E ancora
dicono che Capo Verde un paese sviluppato! Se guardassero dalla nostra parte, nel
172

Santa Luzia lunica isola disabitata di Capo Verde.


Non manca.
174
Cibo.
173

171

nostro contesto se i ricchi sono dieci, i poveri sono cento! E adesso cento in pi, 4, 5,
6 volte in pi, non so! Qui chi paga le colpe sono i poveri! (Intervista a Devil)
Uv tante volte dice che stato lui a farmi uscire da quella vita. Ma io non ero un
delinquente io sapevo quello che stavo facendo, quelle scene, io non pensavo di stare
facendo qualcosa di sbagliato. Non ho nulla da fare, non ho soldi, quindi rubo. Vado a
rubare e se mi devono ammazzare, che lo facciano, la vita. Se devo morire mentre
rubo, ok, proprio l che morir! (Intervista a Kriu)

Tali discorsi e pratiche si oppongono al discorso dominante che glorifica la crescita economica
del paese e rappresenta Capo Verde come un modello esemplare di stato democratico
africano. I furti e la loro giustificazione condivisa a livello dei gruppi di giovani maschi di bassa
estrazione socio-economica rappresentano quello che Scott (1990) definisce verbali segreti
dei discorsi dominanti e pratiche di resistenza attuate a livello infrapolitico. Scott, con il
costrutto di infrapolitica fa emergere allattenzione una dimensione soggiacente lazione
politica effettiva, che costituisce il cemento culturale che la rende possibile. a livello di
queste pratiche, meno evidenti, che lautore riconosce il contesto principale della resistenza
e dellopposizione mossa dai dominati contro il discorso dominante. Attraverso queste
pratiche e discorsi i giovani di Praia, dunque, muovono un attacco diretto allimmagine di
progresso equo e positivo che lo stato promuove di s. La diffusione della delinquenza
giovanile pone il problema della disuguaglianza sociale di fronte allopinione pubblica e al
tempo stesso produce una rappresentazione di Capo Verde come localit violenta e
pericolosa.
Un altro elemento ricorrente nelle biografie dei giovani appartenenti alle bande il precoce
abbandono scolastico. La maggior parte dei miei intervistati non ha superato la settima
classe, che corrisponde al nostro secondo anno di scuole medie inferiori. Spesso proprio
lingresso in una gang che segna la decisione di abbandonare la scuola, contesto in cui,
proprio in virt delladesione a condotte devianti, i ragazzi subiscono una ulteriore
stigmatizzazione.
I miei amici stanno ancora tutti nellinfluncia Se ci fosse una formazione, andremmo
tutti ma non c nulla, non fanno niente per noi. Loro non hanno istruzione, hanno
lasciato la scuola. Io lho lasciata al sesto anno, a 11, 12 anni, gi di l, perch ero entrato
nella thug life. Mia nonna aveva troppi bambini da crescere, non ha potuto starmi dietro,
ho lasciato la scuola, non poteva farci niente lei. Ero piccolo, mi sono lasciato
influenzare, sono entrato in questa scena poco a poco. (Intervista a Meru)

172

Io ho lasciato la scuola al settimo anno. Fino allinizio del liceo. Non mi interessava pi,
ormai stavo in altri giri. Mia madre ha provato a rimandarmici, ma il liceo ha detto di no.
No, perch ero cabea riju175. (Intervista di gruppo nel quartiere di Paiol)

In altri casi invece lesclusione dal sistema scolastico diventa il motivo che spinge i giovani a
entrare o a dedicarsi totalmente alla vita di strada.
Avevo lasciato la scuola. Yo, ho vissuto molte ingiustizie nella scuola! Studiavo, studiavo
in quel liceo l se non passi lanno, ripeti. Solo che io sono passato, ma non cera posto!
Non cera posto e quindi niente scuola per me! Mi sono incazzato ho pianto un sacco
di volte a casa, perch volevo andare a scuola, volevo studiare! Mi immaginavo di
mettere una bomba, tipo Bin Laden, per far esplodere la scuola! Volevo una bomba,
perch se io non potevo andare a scuola non ci doveva andare nessuno! Alla fine mi
sono detto: Non c posto a scuola meglio per me! Torno ai magazzini! Mi piaceva
ladrenalina dei furti io volevo andare a scuola, ma non cera posto, e allora sono
tornato ai magazzini, a rubare! (Intervista a Kriu)
La maggior parte dei miei amici non ha finito la scuola. Sesto anno, settimo, ottavo al
massimo, basta. Chi arriva al decimo si sforza. Chi ci arriva, gli hanno dovuto legare una
catena per farlo arrivare fino l, te lo dico io. Per esempio, se un ragazzo ribelle metti
caso, io sono ribelle, sto studiando in una scuola primaria qui, rubo le borse, le biro, le
matite, gli MP3, i quaderni sai cosa mi fanno? Non mi fanno pi studiare in nessuna
scuola! Mi mandano a casa, perch sono un ladro! E cos io ruber ancora di pi cos
mi date un buon motivo (Intervista a Devil)
Ho lasciato la scuola al quarto anno. Lho lasciata perch la mia prof si messa a dire
che fumavo padjinha! Neanche fumavo ancora! Non che mi ha sbattuto fuori da
scuola, ma comincia a tenermi docchio, a giudicarmi! Perch quando andavo a scuola
da piccolo io camminavo Nta springa176. Io ero il pi coitado della classe, quindi
aspettavo il pranzo che mi portavano i Servizi fuori da scuola. Ma a volte arrivava tardi
e io entravo in classe in ritardo. Ero il pi coitado, non avevo lo zaino, il quaderno lo
portavo in un sacchetto di plastica. Ma la prof pensava che io arrivassi in ritardo perch
fumavo padjinha. Un giorno mi ha detto: Devo parlare con i tuoi genitori! Perch
prof? Perch arrivi in ritardo e fumi padjinha prima di entrare a scuola! Mi ha fatto
male, mi venuto quasi da piangere. Davanti a tutti i miei compagni, cos mi ha fatto
un male! Le ho detto: No, prof, non quello Mi sono vergognato, di fronte a tutti
175

Una testa calda.


Springar un sinonimo di jingar, un modo di camminare molleggiato tipico dei giovani che
appartengono alle bande.
176

173

i miei compagni ha detto che andavo a scuola solo drogato cos ho smesso, ho smesso
di andare a scuola. A volte la incontro ancora per strada quella prof. La saluto, le dico:
Come va, prof? Lei non si ricorda, non si ricorda pi. A volte vorrei fermarla e dirle:
Non so se te ne sei accorta, ma sei stata tu. Sei stata tu che hai cominciato a giudicarmi,
che hai detto che fumavo padjina, quando ancora non fumavo! E poi ho cominciato a
fumare davvero, e non solo padjinha, ma crack, droga pesante. (Intervista a Jailson)

Questo processo si sviluppa in una dinamica circolare, in cui tanto labbandono scolastico
incide sulladozione di condotte devianti, quanto il contrario. I giovani inseriti in questa
processo vanno incontro a unulteriore limitazione delle opportunit lavorative a cui possono
aspirare. In una realt in cui perfino i laureati faticano a trovare unoccupazione lavorativa,
questi giovani si presentano come semi-analfabeti, con gravi difficolt nellutilizzo della
lingua portoghese scritta e orale. Fin dallinizio ho cercato di svolgere le interviste in kriolo,
proprio riconoscendo limbarazzo provato da tanti giovani nel cimentarsi a fatica con la lingua
coloniale che ad oggi ancora la lingua ufficiale del paese.
La maggior parte dei miei intervistati riporta nel proprio racconto le difficili condizioni
familiari del proprio nucleo di appartenenza, tanto dal punto di vista economico, quanto
relazionale.
Mi ha cresciuto mia nonna, nel bairro di Achadinha. Solo che poi lei andata in
America, a fare una visita, i suoi figli lhanno mandata a prendere, rimasta l a fare un
trattamento, direttamente. Io l ho lasciato la scuola anche perch era mia nonna che
mi allevava, ma poi lei se ne andata, io sono rimasto con mio padre. Con mio padre e
con mia zia, che mio padre di giorno lavorava. Lavorava e beveva, allo stesso tempo.
Lavorava e di giorno non passava in casa, cos io di giorno stavo dove mi pareva. Nessuno
mi dava quellappoggio per andare a scuola, cos ho lasciato, andavo in spiaggia, a
Sucupira, quei posti l. Andavo ogni volta pi lontano, ho smesso di tornare a casa a
dormire. Avevo 11 anni, gi di l. A volte dormivo per strada, su dei cartoni, a volte a casa
di amici. O in una macchina scassata, o nella veranda di qualcuno. Andavamo a dormire
l tardi e ce ne andavamo presto, prima di tutti. A volte i padroni di casa ci davano un po
dacqua per lavarci la faccia, una moneta vita di ragazzi di strada! Cercavo di stare
lontano dalla mia zona, perch se mi vedeva mio padre, mi prendeva, mi portava a casa
a forza. Non parlavano con me per darmi coraggio, per spiegarmi le cose No, mi
dicevano solo di non andare in giro con quella gente, di non dormire per strada e me le
davano, un sacco di botte. Non mi chiedevano perch me ne andavo di casa. A volte mi
picchiavano cos forte che finivano per farmi male davvero. Pensavano di farmi paura,

174

cos non sarei pi scappato. E invece proprio cos che scappavo di corsa e me ne andavo
pi lontano! (Intervista a Jailson)
Mia madre lavorava e lavora ancora adesso, ma il suo lavoro non serve a tanto
quando ero piccolo, per esempio, lei faceva la cuoca in un asilo per bambini. Prendeva
5.000 scudi, poca roba. Noi eravamo sette, perch una delle mie sorelle morta.
Quando andavo a scuola noi eravamo in quattro a studiare. 5.000 scudi non bastano per
pagare la scuola a quattro persone, per comprare il cibo, i vestiti, lacqua per bere e
lavarsi. poco. Per quello spesso andavo al porto a tagliare il pesce con degli altri ragazzi
della mia et, per avere due soldi. [] Mio padre mio padre mio padre. morto lanno
scorso. Ma a quel tempo era un alcolista, usciva molto e beveva, non andava al lavoro.
Lavorava, ma per causa dellalcool ha perso il posto. andato avanti cos, finch non
riuscito a smettere di bere e poi morto. Non ho avuto aiuti da lui, perch non aveva
modo di aiutarmi. (Intervista a Devil)

Spesso il discorso ufficiale a Capo Verde ha tentato di indicare la disgregazione familiare


come causa principale della diffusione della delinquenza tra la giovent di Praia. Questa
rappresentazione in realt fuorviante: come abbiamo visto in precedenza gli aggregati
familiari a Capo Verde sono da sempre caratterizzati da un grado elevato di fluidit, dalla
poligamia informale e dallistituto dei pais de criao. Additare la disgregazione familiare
come causa della nascita dei thugs, unoperazione che colpevolizza le vittime stesse e
riconduce la responsabilit a livello individuale, occultando la molteplice violenza strutturale
che opprime questi giovani e le loro famiglie.

4.4. Thug life


Limpossibilit di accesso a risorse economiche e a fattori di valorizzazione identitaria si
traduce nellesclusione di questi giovani dal riconoscimento sociale. Lunica possibilit di
integrazione offerta loro dalla societ dominante li relega in una posizione subalterna e
marginale, tanto a livello economico quanto simbolico. La strada diventa per questi giovani
un forum alternativo dove possibile affermare una dignit personale e autonoma (Lima,
2012, p. 65). Nelle gangs i giovani incontrano lopportunit di costruire unidentit non
subalterna, unimmagine di s positiva. Questa identit costruita in un processo di
opposizione e progressivo distanziamento dalla cultura dominante, che Lima (2012) definisce
come disaffiliazione, per sottolineare che i giovani in questione non sono completamente

175

esclusi dal sociale. Infatti, nonostante siano inseriti in un processo di de-collettivizzazione


con una parte del sociale, le gangs di strada appaiono come nuovi gruppi sociali, rendendo
possibile la loro ricollettivizzazione (Lima, 2014, p.2). Per questi motivi si deve riconoscere
un potenziale di resistenza ai gruppi thug, secondo la prospettiva di David Brotherton (2010),
in quanto offrono unalternativa concreta e oppositiva allintegrazione subalterna nella
cultura dominante. Brotherton, infatti, sottolinea come la prospettiva di studio
comunemente adottata nello studio delle bande giovanili a livello internazionale si basi sulla
riproduzione sociale del fenomeno, con riferimento a implicazioni patologiche. Lautore
propone invece di reintrodurre la tematica della resistenza, riconoscendo un potenziale
oppositivo e trasformativo rispetto alla cultura dominante a questi gruppi sociali.
A questo punto, interessante il motivo dellappartenenza esclusivamente maschile alle
bande urbane a Capo Verde. Le giovani praiensi dei quartieri a basso reddito condividono con
i propri coetanei la medesima situazione di povert, disoccupazione e mancanza di
prospettive future. Perch le gangs sono composte quasi esclusivamente da individui di sesso
maschile? Lopinione che mi sono costruita al riguardo nei mesi di ricerca sul campo in
risposta a questa domanda chiaramente profondamente legata al sistema di genere della
realt capoverdiana. La crisi della mascolinit di cui si parlato nel capitolo precedente
affetta in misura maggiore i giovani capoverdiani, che proprio nel momento in cui
dovrebbero compiere il passaggio allet adulta si ritrovano senza le condizioni materiali per
farlo e con un modello di genere in cui identificarsi sempre pi fragile e controverso. Non
potendo accedere al raggiungimento del modello proposto attraverso alcuni dei canali
convenzionali, per esempio il lavoro o laccesso al potere politico e economico, questi giovani
si organizzano in gangs urbane per reclamare la propria posizione di genere, attuando
unesagerazione compulsiva delle convenzioni maschili in un nuovo modello: il thug. Connell
(1995) parla a questo proposito di mascolinit di protesta, che rafforzano il modello
egemonico virile in reazione a un contesto di impotenza e subordinazione. Attraverso
lidentificazione con il modello thug, come vedremo nei prossimi paragrafi, i giovani
costruiscono e performano in maniera efficace la propria identit di genere, raggiungendo la
status di matchu. Lespressione iperbolica di un sistema di genere improntato al machismo
che espressa da questi gruppi spiega la relativa assenza di donne al loro interno. Le donne
svolgono tuttavia allinterno del fenomeno dei ruoli non trascurabili, che saranno trattati
successivamente.

176

Un altro elemento da sottolineare costituito dal fatto che lo stesso sistema di genere a sua
volta favorisce il maggior inserimento maschile nelle gangs. Come gi stato esposto in
precedenza, le ragazze infatti subiscono un controllo molto pi stretto da parte della famiglia
e della societ, controllo che si traduce in parte in una protezione sociale dal rischio di
adottare condotte deviante. Al contrario, i ragazzi sono incentivati a passare la maggior parte
del tempo libero in strada, ad esporsi a situazioni di rischio per dimostrare il proprio coraggio,
a fare uso della violenza per affermare la propria virilit. Per questi motivi pi frequente
che entrino in contatto con la realt delle gangs di strada e riconoscano in queste una
possibile risposta al compito di costruzione identitaria e di genere. I tughs non rappresentano
dunque una discontinuit con la realt capoverdiana, ma sono piuttosto uniper-espressione
della mascolinit egemonica dominante (Bordonaro, 2012).
4.4.1. Culture migranti (La cultura hip-hop)
Serata magica nella piantagione di Ch, nellinterno dellisola, vicino a Tarrafal.
Piantiamo le tende che ormai gi buio, credo sia una delle prime volte che i ragazzi
dormono in tenda, Uv riuscito miracolosamente ad arrangiarne un numero sufficiente
per tutti. Dopo cena facciamo un piccolo fal in una zona libera dagli alberi di frutta. Ci
sediamo l, di fronte al fuoco. I ragazzi di Assomada portano una chitarra, troppo
scordata per essere suonata. Si passano bicchieri di miele di canna e padjinha. A un certo
punto Luis propone di fare una sfida di rap e la serata ingrana! Sono incredibili: uno
propone un tema e a turno si lanciano in rap improvvisati accompagnati dal ritmo delle
mani dei compagni. Ognuno con il suo stile, ognuno con il suo accento creolo diverso.
Bravissimi. Andiamo avanti almeno tre ore, io e Isa che moriamo dal ridere a certe
trovate geniali. Un rap inventato da Luis riscuote grande successo: ci mettiamo tutti a
cantare in coro natureza177 muovendo le braccia tipo a un concerto, mi risuona in testa
tutta la notte. Al mattino, quando esco dalla tenda, vedo nel muro di fronte alla strada
un gigantesco murales fiorito durante la notte: NATUREZA.

In precedenza si accennato al ruolo dei deportati nella socializzazione dei gruppi thugs.
Senza voler escludere il know-how di cui si sono fatti portatori rispetto a determinate
modalit di confronto urbano violento, si vuole qui sottolineare limportanza dei rimpatriati
in quanto veicoli della trasmissione e diffusione del capitale simbolico della cultura hip-hop.
La nozione di capitale simbolico indica qualunque propriet (qualunque specie di capitale

177

Natura.

177

fisico, economico, culturale e sociale) quando percepita da agenti sociali le cui categorie di
percezione sono tali da metterli in grado di conoscerla, vederla, riconoscerla, di attribuirle un
valore (Bourdieu, 1998, pag. 104). La cultura hip-hop e le espressioni materiali e artistiche
che ne fanno parte, rappresentano per la popolazione giovanile considerata un elemento di
valore, capace di trasmettere a sua volta valore a chi se ne appropria. Nella cultura
transnazionale hip-hop, lappartenenza a gruppi sociali marginalizzati nelle realt urbane,
vittime di discriminazione razziale e economica, da stigma sociale viene tradotto in emblema
(Bugli e Conte, 2010). I deportati diventano cos agenti attivi nel processo di diffusione di stili
culturali, che viaggiano oltre le linee nazionali e diventano oggetto di risignificazione
allinterno dei contesti locali in cui si impiantano. La diffusione di questi stili, che assumono
una dimensione globale e transnazionale, si muove dunque attraverso i percorsi di
migrazione e la crescente possibilit di accesso alla rete, ossia nellintreccio
precedentemente citato di etnorami e mediorami (Appadurai, 1996). Le narrazioni diffuse
dai media, inoltre, assumono un ruolo particolare in virt dellalterit che le caratterizza. Gli
immaginari provenienti da contesti altri, infatti, grazie alla loro diversit intrinseca dalla
cultura locale, sono portatori di una potenzialit contrastiva rispetto al sistema dominante
(Capello e Lanzano, 2012). Film, musica e videoclip brasiliani e americani diventano, dunque,
parte del capitale simbolico adottato dai giovani capoverdiani. Il discorso ufficiale di nuovo
tende a sottolineare la provenienza esterna al paese di questa influenza, depotenziando il
processo di appropriazione e risignificazione della cultura hip-hop da parte dei giovani.
Espressioni artistiche quali la musica rap, la danza, la break-dance e i graffiti, parte della
tradizione hip-hop vengono adottati dai membri delle gangs, che a volte si costituiscono e
rappresentano inizialmente come gruppi artistici prima che gangs urbane.
Come iniziato? Allinizio era un gruppo di danza che avevamo, a scuola. Un gruppetto,
eravamo amici, ci trovavamo a ballare, a dar stilopoi abbiamo iniziato a entrare nei
problemi. Eravamo un gruppo di danza, ma poi incontravamo qualcuno per strada,
abbiamo iniziato con le risse, le guerre. (Intervista a Atoa)
Noi eravamo un gruppo di danza, ballavamo bedju, yo! Tutte le ragazze ci adoravano,
dicevano: Guarda, arrivano i T-Best! e cos gli altri hanno iniziato a invidiarci, a creare
quella competizione (Intervista a Devil)
Quando stavo a Casa Lata cantavo rap, ero molto bravo. Piacevo molto, la gente
cantava i miei rap. Solo che non me ne accorgevo, ma mi stavo creando dei nemici.

178

Perch tipo, cantavo che noi eravamo migliori, insultavo i gruppi di altri quartieri. Pi
ero ascoltato a Casa Lata, pi nemici mi stavo creando fuori. (Intervista a Luis)

La musica rap in particolare ha incontrato a Praia un fertile terreno su cui svilupparsi.


Oggi ho intervistato Yanrick. Mi ha portato in giro a conoscere il suo quartiere,
Achadinha. Peccato averlo scoperto solo ora siamo stati in giro per vicoletti simili ad
altre zone di Praia, un amico ci ha portato a casa sua, sul tetto hanno creato un
laboratorio di falegnameria, fanno mobili con i pallet, pure belli. Poi Yanrick mi ha fatto
vedere dove vive: siamo entrati in una casetta come tutte le altre e dentro cerauno
studio di registrazione! Con tutti i cartoni delle uova alle pareti, la saletta con microfono,
un portatile molto scassato per registrare. Dentro due ragazzi stavano ascoltando
musica. Yanrick al momento vive dentro lo studio, mi hanno fatto ascoltare un po delle
loro creazioni: principalmente reggae e tanto, tanto rap, come sempre. Incredibili le
sorprese che ti riservano questi bairros (Diario di campo, 10 Maggio 2014)
Ieri, dopo la lunghissima giornata ad Assomada, stavamo tornando tutti in pulmino,
pigiati uno sullaltro, met addormentati con la testa sui seggiolini o le spalle dei
compagni. Santiago e gli altri ragazzi di Calabaeira si sono messi a cantare forte una
canzone che usciva dallautoradio. Io pensavo fosse un cd di qualche rapper di qui,
invece era il loro cd! Hanno un gruppo, dal nome un po ridicolo: playboy. Sono
quindici, tutti con il tatoo del coniglietto! La musica era bella, era viva e le parole, non
so, parlavano proprio di vivere a Praia Praia come un albero di Natale, manca la luce,
un altro giorno, la luce non viene, un'altra settimana, la luce non viene, lacqua
neanche. Ho pensato a Praia quando salta la luce per giorni, quando non c acqua, al
buco di casa di Santiago, a come deve essere avere 25 anni a Pensamento, Paiol, Lem
Ferreira, Achada Grande e comunque continuano a cantare. (Diario di campo, 14 Aprile
2014)

La maggior parte dei ragazzi membri delle organizzazioni di strada che ho conosciuto hanno
ottime abilit nellimprovvisazione di testi rap, nella creazione a computer di beat su cui
cantare e nella registrazione delle proprie canzoni. Pi volte, come emerge dagli estratti del
diario di campo riportati, mi sono trovata ad ascoltare canzoni scoprendo solo in seguito che
erano state create e registrate dai ragazzi che le stavano ascoltando con me. Nella
maggioranza dei quartieri popolari che ho conosciuto ho scoperto, con grande sorpresa, un
piccolo studio di registrazione artigianale, organizzato dai ragazzi del quartiere, utilizzato per
registrare le proprie canzoni. Frequentavo contesti in cui mancava lacqua corrente,
lintonaco sui muri, la rete fognaria, con ragazzi che spesso non avevano il cellulare, cosa che

179

complicava moltissimo i nostri incontri, eppure mi ritrovavo catapultata in questi piccoli


studi, a volte con tanto di microfono professionale, appositamente inviato da parenti
emigrati in America.
Il gruppo di ricerca di sociologi genovesi coordinato da Luca Queirolo Palmas, analizzando la
realt delle gangs latine a Genova, sottolinea limportanza della musica reggaeton come
strumento di affermazione culturale, ma evidenzia lattitudine al disimpegno e alla vocazione
ludica di tale genere musicale, i cui testi raramente parlano di questioni di rivendicazione
politica e sociale (Benasso e Bonini, 2009). Al contrario la musica rap a Capo Verde sviluppa
fin dallinizio un preciso orientamento di critica politica e rivendicazione sociale, narrativa
alternativa [], strumento di espressione capace di rovesciare/contestare il discorso
dominante (Benasso e Bonini, 2009, p. 85). Il brano a seguire la traduzione di un testo rap
inventato da Devil, che lo ha trascritto per potermi spiegare il significato.
Sono entrato nelle cose che ho vissuto,
ho visto il mio tempo cambiare,
anche cos non riesco a vedere niente,
abito na rua178,
che i niggaz 179sono fottuti.
Qualcuno morto, qualcuno in prigione, qualcuno gi sta viaggiando.
Questa storia dolorosa, il brivido non paura,
la vibrazione del ghetto manipolata da tanti,
che tutto lascia un marchio, che non secca, da portare con s,
il governo non vuole aiutare.
In questa vita non entrarci, non cercare di conquistarla,
te lo dico io che ci sono in mezzo,
che potrei uscirne per i pensieri che ho,
ma sono gli altri a non lasciarmi andare.
(Canzone di Devil)

Il rap dunque diventa uno strumento per esprimere e rendere pubblici i verbali segreti del
discorso del potere (Scott, 1990), ovvero le rappresentazioni di s alternative a quelle
proposte dalla cultura dominante. Devil, Yannick, Ivandro e numerosi altri miei conoscenti a
Praia, raccontano attraverso i loro testi le difficolt della vita nel ghetto, le condizioni di

178
179

Per strada.
Termine usato da Tupac per dire nigger. Qui Devil intende i giovani membri delle gangs.

180

estrema povert economica, la marginalizzazione, la sofferenza veicolata dalla violenza tra le


bande. Rappresentandosi come una sorta di eroi urbani i giovani rappers muovono una
critica feroce al governo e al sistema egemone. Allinterno dei vari quartieri, sul modello
americano, sorgono vari MC, Master of Cerimony, giovani del quartiere, che si assumono il
compito di denunciare le condizioni di ingiustizia che caratterizza la vita nel ghetto e di
rendere coscienti i propri coetanei.
Noi eravamo rappers, MC. Noi eravamo quattro, cantavamo dei problemi del bairro,
dei giovani. Noi passavamo quel messaggio per sensibilizzare le persone, renderle
coscienti! Eravamo preoccupati con lo sviluppo della nostra zona Noi eravamo Mestre
de Cerimonia, degli attori che divertono la societ con i loro messaggi. Un MC rende la
societ allegra, ma passa anche quel messaggio, attraverso il rap, quella denuncia
sociale (Intervista a Mango)

I vari MC e altri giovani capoverdiani si inseriscono in un movimento che definito rap


cosciente, proprio per gli obiettivi dichiarati di denuncia sociale e riscatto. La musica rap
rappresenta unestetica che rende visibile il malessere urbano nella societ (Lima, 2012).
4.4.2. Nuovi modelli identitari: Shakur Tupac
Sempre Redy Lima, autore di una trattazione esaustiva sulla diffusione del rap a Praia,
sottolinea come nel periodo post-apertura politica i giovani capoverdiani abbiano incontrato
un vuoto di modelli con cui identificarsi, in quanto quelli precedenti, come Cabral, vengono
depotenziati dalla rappresentazioni degli anni successivi allindipendenza come anni di
dittatura del partito unico cabralista (Lima, 2012). La cultura hip-hop introdotta dai deportati
porta con s nuovi modelli che vengono prontamente adottati dai giovani capoverdiani.
In particolare la figura di Tupac merita unattenzione particolare. Il termine thug, infatti,
viene ripreso dallespressione thug life da lui coniata. Shakur Tupac nasce nel 1971 a New
Harlem, New York City, figlio di genitori che avevano fatto parte delle Pantere Nere. Dopo
una fulminante carriera nella musica rap e nel cinema, accompagnata da una biografia
costellata da episodi di violenza perpetuata e subita, viene assassinato a Los Angeles allet
di 25 anni, colpito dentro lauto da cinque proiettili. Luccisione di Tupac si dice fosse un
risultato del bife180 in corso con il rivale Big Notorius. La morte del rapper allapice della sua
carriera lo ha immortalato come una figura emblematica della cultura hip-hop a livello

180

Contesa tra gli MC.

181

globale. La figura di Tupac andata incontro a una diffusione transnazionale, caratterizzata


da appropriazioni idiosincrasiche a seconda del contesto di riferimento. Il successo del rapper
americano legato al fatto che numerosi giovani appartenenti a contesti violenti e di
subordinazione riconoscono nei suoi testi e nella sua persona una risorsa per la costruzione
identitaria. Tupac infatti muoveva una critica serrata al sistema americano da cui era
discriminato, denunciando la corruzione e lingiustizia delle condizioni di vita dei suoi
coetanei nel ghetto. Alla marginalizzazione promossa dal sistema il rapper ha risposto
elaborando unetica della violenza, giustificata quando violenza reattiva, come protezione
o restituzione della ingiustizie passate, retorica che in parte ritroviamo nei discorsi dei giovani
capoverdiani quando affermano leticit dei furti da loro commessi. Sopravvivendo a una
prima sparatoria avvenuta anni prima allinterno della stessa casa discografica, 2pac assurge
ad allegoria dellinvincibilit e del coraggio, sviluppando la tematica della resilienza, ovvero
la capacit di superare le difficolt della vita grazie alla propria tenacia e capacit di resistenza
(Presthold, 2009). Infine, le caratteristiche personali dellicona del rap americano sono
espressione dellideale di black masculinity promossa dalla cultura hip-hop: forza
personale, coraggio, prestanza fisica, sprezzo verso le convenzioni sociali. Jeremy Presthold
(2009) analizza lappropriazione della figura di Tupac ad opera dei giovani combattenti delle
milizie RUF durante la guerra in Sierra Leone, i quali indossavano magliette con la stampa del
rapper durante le operazioni di guerriglia. Non sorprende dunque che, anche in un contesto
di violenza strutturale e simbolica come Praia, i giovani capoverdiani marginalizzati dal
sistema adottino Tupac come modello su cui costruire unidentit non subalterna.
Numerosi autori (Lima, 2012; Cardoso, 2012) evidenziano come la filosofia di denuncia
sociale e resistenza insita nella filosofia thug life promossa da Tupac sia stata fraintesa dai
membri delle gangs capoverdiane. A una prima fase di centralit delle figure dei deportati,
che conoscevano e adottavano il discorso di Tupac, segue infatti un progressivo
indebolimento delle gangs di Praia rispetto alla conoscenza dei riferimenti teorici. Dato che,
al contrario dei deportati, i giovani cresciuti a Praia difficilmente comprendono linglese e i
testi di Tupac, spesso il messaggio del rapper americano viene frainteso e confuso anche per
limitazioni linguistiche.
Dicono che THUG viene da Tupac. Che nel tempo antico, ha creato questo nome, ma
io quella storia mi piace Tupac, quello che dice! Tupac fa dei discorsi fixe, parla del
governo, di quello che non faceva ma quella storia di thug life, non c nessuno per

182

confermare che lha inventato Tupac. solo quello che dicono, ma io non ci credo, non
so (Intervista a Devil)

A questi riferimenti americani si sovrappongono inoltre elementi provenienti dallarea


brasiliana, dalla situazione delle favelas. Lima (2012) parla di generazione Tupac e
generazione Z Pequeno, dal nome del protagonista del film brasiliano Cidade de Deus,
riferito allomonima favela. Tale influenza rinvenibile per esempio nel nome di una gang di
Achada SantAntonio Caixa Baixa ispirato al film citato. Il modello Z Pequeno, sebbene
decisamente meno diffuso e influente rispetto a Tupac, perde ogni connotazione di denuncia
sociale e politica, diventando emblema della valorizzazione della vita gangsta, caratterizzata
dallesercizio di violenza fisica, il possesso di armi da fuoco, lutilizzo di droga e laffermazione
della propria leadership allinterno dellambiente ostile della favela.
4.4.3. Roupon, bon e andar jingando: la dimensione estetica dellidentit thug
Lappartenenza alla cultura hip-hop si costruisce anche su una dimensione legata
allespressione e alla performance estetica del corpo, che diventa una modalit per mettere
in scena lappartenenza (Cannarella, Lagomarsino e Queirolo Palmas, 2007). I giovani di Praia
iniziano ad adottare uno stile che viene definito Merkanu, perch ispirato ai giovani dei ghetti
negli Stati Uniti.
Noi ci vestiamo in stile thug, uno stile di vestire, capisci? Di quellinfluenza della musica
rap, si, il rap Americano! A volte vediamo cose nella televisione, quei ragazzi l vestiti
bazofu, e vogliamo fare la stessa cosa! Se i ragazzi americani in Tv portano delle armi,
nei videoclip, le vogliamo anche noi. (Intervista a Ruan)
Devil bassino, muscoloso, una bandana legata sui rasta che gli arrivano alle spalle,
vestiti larghi, pantaloni bassi. Le braccia piene di tatuaggi: vari nomi, sigle si vede che
son fatti a mano, artigianali nella prima intervista parliamo anche del suo stile
C una cosa che io dico ai giovani: il nostro stile di vestire bom pa caralho! bazofu
pa caralho181! uno stile gangster, gangster. A me piace, io mi vesto cos perch mi piace
vestirmi largo. Quando ero pi piccolo io mi allenavo molto! Mi allenavo, mangiavo,
mangiavo molto! Ero bassino, ma muscoloso! (Intervista a Devil)
Improvviso unintervista di gruppo sui gradoni del campo sportivo di Lem Ferreira. Lindo
chiede ai ragazzi chi disponibile a partecipare, in tre si avvicinano e si siedono intorno

181

Molto figo.

183

a noi. Nel corso dellintervista si aggiungono altri due ragazzi. Il ragazzo alla mia destra
quello pi a suo agio. Bazofu e cosciente di esserlo: canottiera enorme di ONeill gialla
e viola, capellino da baseball, orecchini vistosi, una catena come collana, pantaloni da
basket portati bassi. Laltro alla mia sinistra pi timido e anonimo nellabbigliamento:
maglia bianca larga, pantaloni bassi. Prima di iniziare chiede di poter fumare ganza, per
sentirsi pi diskontra. Mentre fumano Lindo sfotte il primo ragazzo dicendo che ha visto
il giorno prima la sua stessa canottiera in un negozio di cinesi a Platou. Il ragazzo ridendo
orgoglioso dice che tutta roba che bem de Merka182. Nel corso dellintervista esce
largomento dello stile estetico thug.
P: Poi c quello stile l, quello stile di vestirsi pi bazofu quello l, tu crei il tuo
progetto, capisci?
M: No, no, quella scena viene dallAmerica!
P: Ya, quei film e poi un sacco di gente che ha famiglia l comincia a farsi mandare
cose da l, tipo vestiti larghi, bazofu

A un abbigliamento improntato ai modelli hip-hop definito roupo183 in portoghese - ossia


vestiti larghi, pantaloni bassi, cappellino, bandana o toca184, collane doro vistose, scarpe da
basket- si affianca unattenzione e una valorizzazione alla forma fisica, improntata a
unestetica che valorizza la muscolatura maschile.
Quando ero pi piccolo ero pi forte, mi allenavo, mi allenavo molto. Sono sempre
stato bassino, ma ero pieno di muscoli. Mi allenavo molto e mangiavo, tanto, mangiavo
sempre. Ora i miei amici che mi vedono mi dicono: Ehi Devil, che hai fatto? Sei
dimagrito! (Intervista a Devil)
Dopo il 2000, con i deportati arrivata un tipo di cultura diversa a Capo Verde, proprio
in termini giovanili vestiti larghi, un certo modo di parlare, la musica, abitudini per
esempio, yo. Dicevano la parola yo. E poi cerano dei tipi di musica, Tupac, big
Notorius, Eminem, Kriss Kross, in quel tempo si diceva Kriss Kross. Molti termini cos. []
In quel fenomeno thug i giovani cominciano a valorizzare il proprio corpo, capisci? quei
muscoli allenamento, sport i giovani usano vestiti larghi, cos, ma cominciano anche
a mostrare il loro fisico, un insieme di cose. (Intervista a Uv)

Labbigliamento thug diventa uno strumento di costruzione e affermazione identitaria, di


presentazione di un s bazofu nello spazio pubblico della strada. La dimensione estetica del

182

Viene dallAmerica.
Vestiti larghi.
184
Cappello di lana o cotone.
183

184

fenomeno thug rappresenta forse lelemento che pi chiaramente esprime la volont di


uscire dallinvisibilit in cui la societ relega i giovani dei quartieri popolari di Praia
(Cannarella, Lagomarsino e Queirolo Palmas, 2007). Vestirsi in stile thug rappresenta la
possibilit di segnare la propria differenza e di non passare inosservati. Al tempo stesso
proprio questa apparenza esteriore che diventa indizio di pericolosit sociale e motivo di
iper-visibilit, rappresentando a volte un motivo sufficiente per essere fermati e controllati
dalla polizia. La dialettica tra stigma e emblema dunque complessa e presenta diverse
sfaccettature. Se lappartenenza al ghetto, in origine considerata caratteristica
stigmatizzante, viene assunta dai giovani delle gangs come motivo di orgoglio e base su cui
costruire unidentit bazofa, daltra parte lespressione di questa identit diventa nuovo
motivo di stigmatizzazione da parte della societ in diversi ambiti. Lo stile thug arriva cos a
costituire unestetica della colpevolezza, sinonimo di potenziale pericolosit sociale
(Cannarella, Lagomarsino e Queirolo Palmas, 2007).
La performativit estetica dellidentit non si limita allabbigliamento e alla forma fisica:
lessere thug si compone anche di determinate gestualit e stili linguistici.
Faccio lintervista con Jailson, sul tetto del Pilorinhu sembrava un po diffidente e
invece rimane a parlarmi per pi di unora. Mi racconta molte cose, in particolare quello
che successo quando uscito di prigione. Mi fa vedere come cammina, in stile thug.
Dice che solo per il fatto di camminare cos, jingando, le persone gi pensano che sei un
thug. Non so bene come descrivere questa camminata thug nella capoeira la jinga il
passo di base e Jailson oggi in parte me la ricorda: oscilla con il corpo mentre cammina
verso un lato e verso laltro, basso sulle ginocchia, come pronto a colpire o scappare.
(Diario di campo, 23 Aprile 2014)
Oggi sono stata tutto il pomeriggio con il figlio piccolo di Zuleika, Rem, uno scricciolo di
tre anni furbo come se ne avesse dieci, che fa dannare la madre dalla mattina alla sera.
Gli facevo delle foto e Rem si metteva in posa per tutte: braccia incrociate e mani strette
sotto le ascelle, ginocchia basse e simboli che non capisce fatti con le dita davanti
allobiettivo. Mi fa morire dal ridere perch sono esattamente le pose dei ragazzi pi
grandi, che quando si incontrano si salutano con un pungo-contro-pugno. Rem ha gi
capito tutto! (Diario di campo, 12 Aprile 2014)

Per quanto riguarda la performance linguistica, i giovani delle gangs tendono ad adottare
numerosi vocaboli provenienti dalla lingua inglese, utilizzati appunto nella vita nei ghetti
nord-americani. Nei discorsi tra i giovani si ritrovano numerosi termini inglesi, sebbene

185

spesso creolizzati, quali niggaz, kasubodi, brother, yo, fight. Ci si riferisce ai compagni
allinterno della gangs chiamandoli soldjers o tropa: soldati o truppa. La maggior parte sono
appunto vocaboli che si rifanno a un lessico militare, violento, riflesso delle condizioni di
violenza nel contesto di vita. La stessa forma nel parlare diventa unespressione linguistica
della propria virilit.
Perch qui per noi le parole hanno un senso particolare... tipo se lui mi dice: B ainda
ta noia185, vuol dire che sono ancora nelle guerre, nei conflitti usiamo le parole come
vediamo la nostra vita: senza regole! C unaltra cosa per esempio, a me piace dire
parolacce, imprecazioni, giusto? La mia bocca fatta cos! Quando parlo con te a volte
mi viene da imprecare, ma non posso la strada, la strada cos (Intervista a Devil)

imprescindibile sottolineare come tanto la cultura hip-hop quanto le sue espressioni


artistiche ed estetiche affondino le proprie radici in una visione profondamente machista,
che promuove un modello di uomo caratterizzato dallenfatizzazione di caratteristiche segno
di virilit quali la forza, la prestanza fisica, il coraggio, la violenza, e lorgoglio. Adottando lo
stile thug i giovani dunque riescono ad affermare la propria virilit in una modalit nuova,
evitando le limitazioni imposte dalla precariet economica e lavorativa, ma rimanendo fedeli
al modello egemonico di mascolinit capoverdiana.

4.5. Sentimento di appartenenza


Lima (2012) evidenzia come sia scorretto utilizzare il termine di esclusione sociale per definire
la condizione dei giovani membri delle gangs urbane e suggerisce ladozione del termine
disaffiliazione. I giovani membri delle bande, infatti, non sono esclusi dallintera sfera
sociale, ma attuano un rifiuto reattivo del sistema dominante che li ha marginalizzati,
orientando la propria socializzazione ad ambiti ristretti della societ: il proprio quartiere e il
gruppo di appartenenza. Allinterno di questi ambienti outsider i giovani hanno la possibilit
di costruire la propria identit secondo un modello di affermazione positivo e non subalterno.
Lintegrazione, interdetta a livello di societ egemonica, ritrovata allinterno del gruppo
della gangs di appartenenza e del proprio quartiere.

185

Sei ancora nella noia.

186

In alcuni gruppi il senso di appartenenza molto forte. Dipende molto dalla solidariet
del quartiere. Conosci Lem Ferreira pi o meno? Beh, essere di Karakas, il gruppo di Lem
Ferreira, una marca, tipo Nike. Essere di Karakas un marchio questione di
affermazione. Io sono di Karakas, io sono di Lenfer! Una volta sono andato a fare un
video l, venuto un tipo, old school, incazzato: com che stavo facendo un film su
Karakas con i putos di Karakas? Se un clip su Karakas devono apparire alcune persone,
perch Lenfer non si presenta al mondo a caso. Essere di Lenfer vuol dire essere di
Karakas. Achada Trs, Wolfgang. Sono marchi, capisci? Poi ci sono altre zone che sono
pi divise, lappartenenza meno forte. (Intervista a Redy Lima, sociologo)
M: Tchada Grande ha quattro o cinque gruppi almeno!
P: Yo, noi qui abbiamo un unico gruppo! Poi ci sono i ragazzini, putos, ma stanno
insieme a noi!
M: Si, noi siamo un gruppo solo, anche per questo campo, che lo usiamo tutti, ci
troviamo qui (Intervista di gruppo nel bairro di Lem Ferreira)

Tra i membri del gruppo si produce un sentimento di identificazione con il gruppo stesso, che
culmina in situazioni quali quella descritta da Redy nel brano dellintervista precedente. Il
riconoscimento di una comune situazione di emarginazione e violenza strutturale186 secondo
la definizione fornita da Farmer (2006), rafforza i legami tra giovani membri della stessa
banda o di bande alleate. Il termine per indicare gli altri membri del gruppo brother,
espressione ripresa dal linguaggio hip-hop che si rif tuttavia a una simbologia di riferimento
legata allambito familiare. Effettivamente la gang diventa per molti di questi ragazzi, che
vengono da percorsi familiari difficili e controversi, una seconda famiglia, allinterno della
quale si sviluppano legami di mutuo-aiuto.
Scappavo di casa, andavo a Achada SantAntonio, Achada Grande Frente. Avevo molti
amici, stavo a casa loro Andavo ad abitare a casa dei miei amici, era pi bello che da
me poi mio padre mi trovava e mi riportava a casa. Allora scappavo di nuovo, mi facevo
altri amici, restavo fuori due, tre giorni. Avevo amici anche qui ad Achada Grande Frente,
quei due gemelli, Bala ku Pistola, li conosci? Erano miei colleghi ma erano solo ragazzi
che stavano in strada di giorno, ma poi di notte non dormivano in strada, tornavano a
casa loro. Le loro famiglie finivano per prendere anche me, non mi lasciavano dormire

186

Per violenza strutturale Paul Farmer intende un tipo di violenza esercitata in modo indiretto, in
quanto non ad opera di un attore concreto, ma un prodotto dellorganizzazione sociale stessa e
delle profonde disuguaglianze che la attraversano. La violenza strutturale corrisponde alla limitazione
di possibilit accessibili al singolo, che si traduce in patologie, miseria, mortalit infantile, abuso
sessuale, povert, etc.

187

per strada, dormivo insieme a loro. Sono cresciuti qui in Achada Frente, nella vita con i
miei amici (Intervista a Jailson)
Nei gruppi cos c amicizia, c amicizia, si. A volte qualcuno fa delle cazzate o sfotte
un compagno, ma noi siamo uniti, g. Se ho bisogno, gli altri mi aiutano per esempio
se devo fare un lavoro in casa, gli altri vengono a darmi una mano, quando sono loro ad
avere bisogno, io vado! (Intervista a Ruan)
Sono tornata al Pilorinhu, ma dopo due minuti Devil e il suo amico di Meio Achada sono
venuti a cercarmi. Io pensavo che saremmo andati a piedi, e invece scopro che andiamo
in taxi. Paga Devil, io cerco di pagare, ma lui non mi lascia. Oggi ne ho, lascia stare. Il
taxista si interessa a loro, gli chiede di dove sono, dice che anche lui una volta era nella
noia, ma poi ha deciso di uscirne, di lavorare, di chiudere con tutte quelle storie. Ci siamo
fatti un giro per Meio Txada. In realt mentre eravamo l ho scoperto che laltro ragazzo
ora sta vivendo a casa di Devil perch per lui pericoloso rimanere a Meio Achada.
Rimango stupita, casa di Devil un buco e Devil non mi aveva mai parlato di questo
amico di Meio Tchada, mentre di quelli di Paiol mi ha parlato diverse volte Mi ha detto
che qualcuno ha mancato di rispetto a suo fratello, e lui, in risposta, gli ha sparato in
pancia. Gli ho chiesto se laltro morto, mi ha detto di no, ma ora per lui troppo
pericoloso restare l. Non potuto neanche andare a salutare la madre che vive l. Mi
hanno spiegato che a Meio Achada sono tutti stanchi, vogliono paz, ma ci sono alcuni
ragazzi che invece continuano a seminare zizzania, sono gli unici che non vogliono la paz.
Siamo andati un po in giro, mi presentavano a tutti. Devil conosce tanta gente anche l,
mi ha detto che quando era puto, 15 anni, veniva sempre l, a passare i pomeriggi con il
suo amico e altra gente. (Diario di campo 8 Maggio 2014)

Questi legami di amicizia richiamano il concetto di male-bonding proposto da La Cecla (2010).


Di nuovo ladesione a un gruppo thug offre risposte efficaci alla necessit di investire in
momenti e legami di omosocialit, nellambito dei quali il singolo costruisce non solo la
propria identit, ma la propria identit virile. Al tempo stesso, di nuovo in una dinamica di
causalit circolare, sono gli stessi legami di amicizia ad essere individuati come vettori di
iniziazione alla thug life.
Sono entrato nella thug life perch i miei amici mi venivano a prendere, me ne
parlavano sempre mi chiedevano di andare con loro a fare guerra in unaltra zona,
contro unaltra zona. Quelle cose di conflitto, influenza. E cos sono entrato anche io nei
conflitti e poi avevo amici che erano male influenzati, che fumavano padjinha loro
mi hanno messo a fumare, noi ci siamo influenzati a vicenda. Altri miei amici stavano

188

nella droga, hanno provato a tirarmi anche in quella scena, ma li no, io fumo solo
padjinha. Per ho un sacco di colleghi che hanno iniziato a farsi di crack cos. (Intervista
a Meru)
Da noi si dice: Nsai di kaza, Nentra na rua, Npoi nha asa e Nprendi bua. Sono uscito
di casa, sono entrato nella strada, ho messo le ali e ho imparato a volare. Per me stato
cos ho cominciato a stare fuori di casa, in strada. Ho conosciuto i miei colleghi, ho
cominciato a seguirli cerano anche dei ragazzi da Merka, pi grande, li ho conosciuti
solo quando sono tornati qui, a Praia. Abbiamo cominciato a convivere e a fare le cose
che ti ho raccontato, nei magazzini cos che ho iniziato, quando ero puto (Intervista a
Devil)

Inoltre i legami sviluppati in queste relazioni si presentano solitamente come molto intensi,
ma anche fortemente precari. Intensi, perch comportano spesso una stretta condivisione di
tempo e spazio di vita, come negli esempi riportati. Al tempo stesso sono legami fragili,
perch le dinamiche di relazione maschile, basate sulla difesa dellorgoglio e del rispetto di
s, sono enfatizzate nei comportamenti dei giovani membri delle gangs, che, per motivi a
volte apparentemente futili, possono trasformare unamicizia in un conflitto violento. Per
esempio, nel caso di Devil, pochi giorni dopo che avevo fatto la conoscenza del suo nuovo
coinquilino di Meio Achada, ho scoperto che questo se nera andato. Sono rimasta stupita,
ho chiesto spiegazioni a Devil. Di certo non poteva essere tornato a casa, dato che correva
seri rischi anche solo a presentarsi nel suo quartiere, e la settimana passata i due sembravano
essere molto amici. Devil, infastidito dalla mia perplessit, mi ha liquidato dicendomi che
avevano avuto da dire, che il suo amico aveva fatto abusu di lui e quindi laveva cacciato.
Le ricerche sulle prime formazioni di gangs thugs (Lima, 2012) sottolineano come in ogni
gruppo esistesse una leader riconosciuto, solitamente rappresentato da un deportato.
Limportanza della leadership sembra essere sfumata negli anni seguenti, trasformandosi in
una sorta di gerarchia basata sullet, il possesso di armi e carisma personale.
Non esiste una leadership personalistica nelle gangs. In alcuni gruppi s, ma pochi, non
in tutti c una gerarchia, quella s. Ci sono i soldados e poi c la genti grandi, quelli
che contano davvero. Una volta sono andato in un bairro a fare un filmato, ho chiesto il
permesso a quelli che pensavo fossero i thugs della zona. Solo che a un certo punto,
mentre filmavo, mi sono accorto che dietro di me cerano 15 persone. Erano loro, la
genti grandi della gang. Mi hanno detto che per filmare l dovevo chiedere a loro, non ai
soldados di merda. (Intervista a Redy Lima, sociologo)

189

I giovani che ho intervistato al riguardo sottolineano piuttosto un sentimento di uguaglianza


e di rispetto reciproco tra i membri del gruppo di appartenenza, condizione che spesso
esprimono con laffermazione: Ns moku chefe187.
Chefe... si dice che c un chefe, ma in questo momento chefe tudu188! Tutti sono
chefe! Il pi vecchio del gruppo, uno di quelli per cui abbiamo pi rispetto, ma non
chefe per esempio, non so se conosci Dja di Tchada Grande. Ora sta in prigione,
merkanu. Si dice che l lui era chefe, ma poi la storia si evoluta, cambiata, finch ora
nessuno vuole pi un chefe. Tutti devono dare la loro opinione. Per esempio, se
qualcuno decide che vuole andare in un posto a fare questo e quello, noi ci riuniamo, se
un tot di gente decide di andare, andiamo. Se tutti decidono di andare, si va, capisci?
(Intervista a Raul)
Cabea189 quello l, vedi? Ma in realt siamo tutti uguali! Tutti uguali, s! Rispetto!
(Intervista di gruppo a Paiol)

Il riconoscimento reciproco delle potenzialit di leadership di ogni membro del gruppo nasce
in risposta al sentimento di esclusione e marginalizzazione dal sistema dominante. Costretti
in posizioni di subalternit nel pi ampio contesto sociale, i thugs costruiscono unimmagine
di s positiva affermandosi allinterno del gruppo dei pari.
Il sentimento di integrazione e appartenenza non si costruisce soltanto in relazione al gruppo,
ma al territorio. I membri delle gangs, infatti, acquisiscono fama e prestigio allinterno del
proprio spazio di vita. Il prestigio che ottengono tuttavia ambiguo, da una parte sono
considerati difensori del quartiere, come emerge dallestratto di intervista seguente, in parte
sono detestati e stigmatizzati dalla comunit provata dalla loro violenza esercitata allinterno
del quartiere.
Io ho brothers in tudu kau190. In tudu kau. Ho dei nemici, certo, ma ho anche tropa191
dappertutto. Una volta dei ragazzi di Meio Tchada qui a fare casino... stavano cercando
un tipo, un mio amico, che sta in guerra con loro. Una pekena che mia amica venuta
a chiamarmi, subito, sono andato l e gli ho detto: Ehi brothers, diskontra! Non venite
a fare casino qui che la mia zona! Abbiamo parlato, ma come sono mia tropa se ne

187

Noi tutti siamo capi.


Tutti siamo capi.
189
Testa nel senso figurato di capo.
190
Tutti i posti.
191
Truppa, ossia amici.
188

190

sono andati e hanno lasciato in pace il gaju che sta in guerra con loro. (Intervista a
Devil)
Jandira mi racconta che cera un thug una volta ad Achada, un merkanu. Era il pi
pericoloso di tutti, ora sta in prigione. Dice che non si poteva neanche fare il suo nome
nel bairro, che Tchada era diventata un posto terribile, alle otto di sera non incontravi
nessuno per strada, tutti avevano paura, le sparatorie tipo pop-corn in strada. Una volta
il suo ragazzo era venuto a trovarla a casa e alla fine era scoppiata unaltra sparatoria,
era dovuto rimanere l fino al mattino seguente, dormendo in cucina, visto che la madre
di Jandira super rigida Avevo una rabbia Silvia, contro quel merkanu che rivoltava il
quartiere... se avessi saputo dove stava lo avrei consegnato io stessa alla polizia! (Diario
di campo, 4 Aprile 2014)

Anche Bordonaro (2012), che ha vissuto in un quartiere popolare, Brasil, facendo ricerca sui
gruppi thug locali, riconosce lambiguit del rapporto tra thugs e la comunit di
appartenenza. Da una parte infatti, la comunit stessa richiede lintervento della polizia e di
misure securitarie per risolvere la questione della violenza nel quartiere, dallaltro presenta
un atteggiamento di benevolenza verso i singoli thug, arrivando anche a nasconderli dalla
polizia, soprattutto a causa dei legami di parentela e amicizia che inevitabilmente
intercorrono tra le due parti (Bordonaro, 2012). Dika, la mia vicina di casa, esprime il timore
che i ragazzi della sua numerosa famiglia si inseriscano allinterno della rete delinquenziale,
ma al tempo stesso riconosce lappartenenza alla comunit dei membri delle gangs urbane.
Io quando esco nei vicoli incontro sempre dei ragazzi che stanno l a fumare, sono
compromessi... io li saluto, dico buon giorno, buona notte, a seconda dellora. Per non
discriminarli dico: Potete stare tranquilli, se mi piacesse fumare sarei l con voi Non
li voglio discriminare dicendo: ah, voi state fumando! Andatevene o chiamo la polizia!
No, no! Io sono una madre, non posso dire cos, non posso disprezzarli, discriminarli,
perch Io non posso parlare male dei ragazzi di Tchada Grande. Se lo facessi, starei
condannando me stessa, perch sono ragazzi cresciuti nel bairro, capisci? Per chiaro,
mi preoccupo per mio figlio, ho paura che entri nella delinquenza non posso sapere
con certezza che non ci entrer! Perch i figli di fronte ai genitori sono una persona, ma
dietro unaltra! Guarda, mio figlio ora fuori in strada. Chi mi pu garantire cosa sta
facendo veramente? (Intervista a Dika)

Il sentimento di prestigio e potere che i ragazzi sviluppano identificandosi nel modello thug
in ogni caso fortemente legato al territorio di appartenenza. A questo proposito
interessante commentare lintervista seguente.
191

Avevo dei soldi e quindi sono andato allaeroporto e ho preso un aereo per Socent,
volevo conoscere Mindelo, vivere l per un po! Avr avuto, 15, 16 anni che la polizia
di Praia mi teneva docchio, aspettava solo che io arrivassi allet necessaria per
mettermi dentro! Alla fine poi mi hanno preso a Mindelo, vedi la vita comunque vado
e appena arrivo l arrivo, nella piazza, con il mio zaino in spalla, ero disorientato!
Disorientato! Con tutti i soldi in tasca, avevo paura che il primo bandito di Socent
passasse e mi desse un kasubodi! Mi guardo intorno, esco dai vicoli, che sono pi
pericolosi io sono un bandito di Praia, io conosco tutti i vicoli di Praia, i banditi di Socent
conoscono tutta Socent! Cos sto nella piazza, nella piazza non ci sono banditi! Vado solo
nelle strade, solo nei posti in cui i banditi non possono passare che c la polizia!
(Intervista a Jailson)

La storia di Jailson forse, tra quelle dei miei conoscenti, la pi ricca di episodi di violenza e
comportamenti devianti. Jailson dorme per strada da quando era piccolo, tuttora in
possesso di armi da fuoco, ha fatto, e probabilmente fa ancora, uso di droghe pesanti, crack
e cocaina. A soli 25 anni ha gi mangiato, secondo lespressione caratteristica utilizzata a
Praia, 8 anni di prigione. Eppure, fuoriuscito dal suo ambiente di riferimento si ritrova
improvvisamente dallaltro lato: lui ora a essere vulnerabile e a temere i bandidos di
Mindelo. E per evitarli mette in atto tutte le strategie che probabilmente la gente comune
utilizza a Praia per evitare lui.
Il sentimento di appartenenza al quartiere di riferimento diventa la modalit attraverso cui i
soggetti trovano affermazione in uno spazio pubblico, secondo le esigenze dettate dal
modello di mascolinit egemonica. Al tempo stesso le dinamiche di relazione tra i gruppi thug
sono condizionate da ulteriori aspetti della mascolinit egemonica, come il complesso nradesafio-vinganza, che, producono dinamiche di forte conflittualit tra le gangs, le quali si
traducono in una forte segregazione territoriale dei giovani stessi. In contrasto con il modello
di uomo capoverdiano, libero di muoversi a piacimento, i giovani thugs sono spesso
limitatissimi nella loro possibilit di movimento, a volte non potendo neppure attraversare
parti dello stesso quartiere di residenza.

192

4.6 Gangs e violenza


Tutte quelle morti, era una cosa terribile c stato un anno, che solo a Praia ci sono
stati 18 morti! Io ho tenuto questo conto, perch quasi tutti i giorni cerano spari nella
zona di Brasil. Io abito dallaltro lato di Brasil, di fronte al pub Cometa, hai presente? E
Silvia, era una cosa! Grida, spari! Quasi ogni mese cera un nuovo assassinato a Brasil!
Era terribile, avevamo tutti paura. (Intervista a Maritza Rosabal, Onu Mulheres)

Lelemento che sicuramente colpisce maggiormente lattenzione nel fenomeno thugs sono i
conflitti violenti esistenti tra i vari gruppi. A poche settimane dal mio arrivo gi avevo avuto
modo di entrare in contatto con questargomento, tanto attraverso i racconti dei vari scontri
riportatimi dai miei amici, quanto notando la loro limitazione nella possibilit di muoversi tra
vari quartieri, con cui erano in corso faide violente. In un primo momento ho ricondotto
queste dinamiche ai conflitti presenti nelle favelas brasiliane in cui ho vissuto nel 2009.
Tuttavia, in seguito, ho dovuto riconoscere un elemento che segnava una differenza
sostanziale: in Brasile la stragrande maggioranza dei conflitti sono esplicitamente legati al
narcotraffico, mentre a Praia mi sembrava di presenziare agli stessi processi, ma senza una
motivazione di fondo a sostenerli. Il narcotraffico, seppur legato alla questione thug,
sembrava svolgere un ruolo marginale: le gangs non sono che il braccio armato dei
narcotrafficanti e non tutte sembrano essere coinvolte nel commercio di droga. Molti dei
giovani delle bande vendono padjinha, che tuttavia fuoriesce dal circuito del narcotraffico,
perch prodotta localmente nellinterno dellIsola di Santiago.
Si, eravamo tutti dentro al narcotraffico in qualche modo. Noi vendevamo crack, no P
de Rotcha, vicino al porto. Per non erano per quello le guerre le guerre erano pi per
altre cose, pekenas, cosa di nigger con nigger, non tanto per la droga. Ora non vendo pi
droga, crack, basta. Vendo padjinha, quello s, ma padjinha non droga, unaltra
cosa!. (Intervista a Devil)

Ho cominciato dunque a cercare di capire, attraverso le interviste e le conversazioni


informali, quali fossero le ragioni che costituivano il substrato dei conflitti urbani.
Silvia: Ma come mai sono sorti i conflitti?
B: Cos, perch sono stupidi gli altri, vengono nella nostra zona e ci sparano, a caso!
Silvia: Ma la droga non centra? Il narcotraffico?
B: No... Il traffico non centra, no.
E: Ecco... pi questione di abusu, capisci?

193

C: Non una guerra per loro o i diamanti!


B: che noi non piacciamo a loro e loro non piacciono a noi!
Silvia: Ed sempre stato cos?
B: Da dieci anni... sempre ci sono state guerre tra bande.
C: Non guerra di petrolio, di diamanti, di oro, di riso, di cibo, niente. disaforo!
(Intervista di gruppo nel bairro di Paiol)
Le persone entrano in guerra per migliorare le proprie condizioni di vita come ti posso
dire? Per esempio, ci sono molti bairros dove chi abita l deve fare certe cose per
mostrare di essere uomo, capisci? Sentono questa pressione Tu devi lottare da solo,
dimostrare che vali! Perch anche quello potere. Un uomo deve mostrare che un
uomo! (Intervista a Santiago)

Il motivo principale delle faide tra gruppi pu essere ricondotto al costrutto nra, disaforo e
vinganza, che costituisce uno dei pilastri della costruzione della mascolinit capoverdiana
egemonica. La mancanza di rispetto, il disaforo, rappresenta spesso anche uno degli elementi
che concorrono allingresso o alladesione degli individui ad una gang urbana.
Io in quella scena non ci sono entrato sono loro che mi hanno disegnato l! Come ti
ho detto io studiavo, andavo a scuola, al Domingo Ramos, a Platou. Dal primo giorno di
scuola, fino allottavo anno studiavo, studiavo. Tutti i giorni passavo di fronte a quel
bairro con cui il mio quartiere aveva un conflitto. Passavo normalmente, non avevo
problemi con loro! Poi un giorno mi hanno fermato e mi hanno detto: fermati, tu che
sei di Achada Grande! Noi siamo della gang di qui! E cos via! Io gli ho detto: Brothers!
Se io fossi di quella gang di Tchada non vi sarei passato davanti varie volte! Sarei passato
nascosto, dove voi non mi avreste visto! Io ho altre cose da fare, io ho la mia scuola.
Passo di qua tutti i giorni sotto i vostri occhi. Non ho niente a che fare con le gang di l,
sto per conto mio. Lasciatemi in pace. Ma quelli, niente. Mi hanno rubato lo zaino! Non
sono riusciti a farmi altro, perch passata una signora di Tchada, mi ha visto e mi ha
caricato in macchina! Solo che da quel giorno io sono rimasto con quella cosa nella
testa Devo passare tutti i giorni di fronte a quei fidju da puta192 che mi hanno derubato!
Quei tizi mi fermano solo perch vado a lezione! Vou fuder com eles193! E cos ho
cominciato il mio patrigno aveva una pistola, perch era conduttore di autobus, per
difendersi dagli assalti. Io lo sapevo, perch lui si fidava di me. Cos un giorno glielho

192
193

Figli di puttana.
Li fotter.

194

presa e lho nascosta. Sono andato avanti due anni con quella pistola con me!
(Intervista a Devil)

La dinamica descritta nella storia di Devil non esclusiva dei conflitti tra thugs. Come stato
esposto in precedenza, la maggior parte delle dispute personali tra uomini capoverdiani
legata a un episodio di mancanza di rispetto e allinevitabile risoluzione attraverso lesercizio
della violenza, per poter ristabilire il proprio status di maschio dominante messo in
discussione. Manca dunque una motivazione materiale per lingresso nel conflitto, che
giustificato piuttosto dalla necessit di salvaguardare il proprio rispetto allinterno dello
spazio pubblico (Bordonaro, 2012). Latteggiamento di sfida e il tentativo di inferiorizzazione
subito riconosciuto come causa scatenante della faida.
Ero uscito da poco di prigione. Ero in casa che dormivo con la mia pekena. A un certo
punto, di mattina presto, una amica mia viene a chiamarmi, piangendo. Ya, venuta e
mi ha detto che avevano ucciso mio cugino nella festa di zona, allalba. Non ci credevo,
ya! La tipa mi ha detto di andare ad Achadinha, sono sceso dal bairro, sono andato a
vedere, era vero piangevano nella casa di famiglia, era morto, avevano davvero ucciso
mio cugino. Era in ospedale, ma era gi morto, il corpo era ancora in ospedale. Sono
andato a casa, per lavarmi e tornare nella casa per il lutto. Sono arrivato in stanza, mi
tolgo le scarpe da ginnastica, le lavo e le lascio ad asciugare mentre mi lavo. In quel
momento sono passati i ragazzi della zona, quelli che avevano ucciso mio cugino, sono
passati e mi hanno rubato le scarpe! La mia pekena mi ha chiamato, io sono uscito di
corsa, ma erano gi lontani! Uccidono mio cugino e ancora mi rubano le scarpe, una
cosa fottuta! Capisci? Volevano dare stile, mostrare carattere! Ma questo non passa!
Sono passati davanti alla casa della mia famiglia, noi tutti di lutto, e uno di loro con
indosso le mie scarpe! Mi ha anche fatto segno, cos, come a dire: Ti prendiamo! Poi
tocca a te! volevano farmi paura, a me, quei ragazzini! Se c da mangiarsi la prigione,
io ho pi carattere di loro per farlo! Mi sono alzato e ho urlato: Piantatela con queste
paranoie! Vi prender prima che prendiate me! Tieniti pure le mie scarpe, te la lascio
perch sei solo un coitado, non hai un cazzo da mettere, cachorro

194

di merda! Se

vogliono mettersi in mostra, bene! Allora o muoio io o loro, ya! Dove ci vediamo, cos. O
me o loro, dove ci incontriamo! (Intervista a Jailson)

interessante notare come nel raccontare la sua vicenda Jailson si concentri non tanto
sulluccisione del cugino, quanto sul furto delle scarpe e sullostentazione del bottino da

194

Cane.

195

parte dei suoi rivali. Questo atto interpretato da Jailson come unazione non necessaria,
una beffa - uccidono mio cugino e ancora mi rubano le scarpe! - indirizzata contro di lui. I
rivali lo mettono in ridicolo e lo umiliano di fronte ai suoi parenti, motivo che lo spinge ad
affermare che se si incontreranno di nuovo per strada o io o loro, qualcuno deve morire.
La credenza di avere potere di vita o di morte su altre persone, espressa nelle interviste come
quella di Jailson, rappresenta una fonte di prestigio ed elevazione in reazione a una
condizione di inferiorizzazione economica, simbolica e giuridica (Lagomarsino, 2009).
Lesercizio della violenza diventa una strategia per segnare la propria visibilit, per uscire da
una condizione di anonimato e alienazione, strumento che esprime significati simbolici di
affermazione del s. Queirolo Palmas (2009) sottolinea come la violenza diventi un mezzo
espressivo per i soggetti a cui la parola interdetta. Effettivamente i thugs conquistano la
ribalta della scena pubblica e dellinteresse sociale attraverso i conflitti violenti che
sconvolgono lordine pubblico. Al tempo stesso questa modalit di utilizzo della violenza
come pratica di costruzione identitaria si rif a un modello di mascolinit egemonico che
privilegia il conflitto, condiviso dallintera popolazione di Praia (Bordonaro, 2012).
Una caratteristica degli scontri, inoltre, legata ai luoghi in cui nasce la competizione e in cui
viene esercitata la violenza. Gli scenari dei conflitti, infatti, sono generalmente gli spazi
pubblici in cui la propria mascolinit dominante performata: il quartiere di appartenenza, i
campi sportivi, i boates195 e i festival cittadini. Questi spazi costituiscono dei palcoscenici che
offrono ai giovani membri delle bande la possibilit di affermare la propria mascolinit
attraverso linferiorizzazione dei rivali, di fronte a un pubblico.
P: Il conflitto con Tchada Grande nato perch, per esempio, loro hanno un boate, l
nella zona. Noi qui non ne abbiamo, allora saliamo e andiamo a divertirci. A quel tempo
non cera quella storia di thugs Ci vestiamo bazofu e andiamo. Le ragazze sono tutte
nostre! Noi abbiamo denaro in tasca, beviamo i nostri drink, ci divertiamo e torniamo.
Solo che i maltas196 di l non apprezzano. Tentano di attaccarci! Mentre scendiamo, ci
lanciano le pietre! E la volta dopo noi torniamo e di nuovo le ragazze di l vogliono noi!
E quelli si incazzano una volta invece stato proprio per una partita di basket. Siamo
saliti a giocare a Tchada, noi siamo forti, stavamo vincendo. Cos quelli hanno preso la
nostra palla, un ragazzino lha lanciata via. E da l nato un conflitto, hanno cominciato
a lanciarci le pietre! iniziata la guerra, cos!

195
196

Discoteche.
Ragazzi.

196

V: Nel festival di Gamboa uguale! Scoppia sempre una guerra quando andiamo! A
volte la polizia sta l e noi rimaniamo dal nostro lato, tranquilli. Ma quando la polizia se
ne va scoppia il conflitto! Per esempio, quelli di Paiol quelli di Paiol vanno, se vedono
che noi siamo tanti, sanno che dobbiamo batterci!
(Intervista di gruppo nel bairro di Lem Ferreira)
La rivalit nata un anno, nella festa di Carnevale c stata una rissa, grossa, tra i
nostri e gli altri, e d li siamo diventati davvero il gruppo del bairro. A Carnevale
stato (Intervista a Atoa)
Man: A Vilanova, la prima volta che sorto un conflitto, stato cos: siamo andati a
giocare a calcio in unaltra zona, le ragazze di l facevano tutte il tifo per noi! E ai maltas
di l la cosa non piaceva, hanno cominciato a tirarci le bottiglie e le pietre. Noi siamo
corsi via, siamo scappati. Ma la volta dopo abbiamo scontato laffronto! Chiaro!
Silvia: E come?
Man: La volta dopo siamo andati con le pistole, per sparare.
(Intervista a Man)

I motivi scatenanti il conflitto sono legati alla competitivit inter-genere e al tentativo di


incrementare il proprio prestigio personale sottraendolo allavversario. Facendo riferimento
al discorso prima affrontato della glocalizzazione della cultura hip-hop, interessante notare
come la stessa musica rap, oltre ad essere uno strumento di denuncia sociale, possa
rappresentare uno degli strumenti di conflitto, secondo il modello dei bifes nord-americani.
Per esempio, nellintervista di Luis, emerge come il ragazzo si fosse creato molti nemici grazie
al suo successo nel comporre testi rap che affermavano la superiorit del suo quartiere
rispetto ad altri. Luis non si riferiva a un solo individuo, ma attuava unoperazione di
denigrazione e umiliazione di un intero gruppo rivale. Un elemento peculiare dei conflitti tra
gangs, infatti, rappresentato dalla dimensione gruppale. Il costrutto nra, disaforo e
vinganza viene traslato in una dinamica collettiva, per cui loffesa subita da un singolo
individuo si estende allintero gruppo e conflitti tra due soggetti arrivano a concretizzarsi in
scontri armati tra quartieri.
A: Funziona cos: tu sei in guerra, perch sei di Lem Ferreira, perch sei amico di Fulanu,
che sta in guerra capito? Se sei amico di un loro nemico, beh, diventi un nemico pure
tu.
P: Se sei di una zona, non puoi uscire insieme a quellaltro tizio, perch tu sei di Lem
Ferreira! Capito? Non puoi uscire con qualcuno che nemico di Lenfer! E tu devi aiutarmi

197

a ucciderlo, perch noi siamo in guerra con lui, capito? (Intervista di gruppo nel bairro
di Lem Ferreira)
I miei amici pi grandi mi venivano a chiamare, mi chiedevano di aiutarli quando erano
in guerra con un altro gruppo. Noi ci univamo, quando eravamo un tot di gente
andavamo nellaltra zona per fare rissa. (Intervista a Meru)
Io non stavo in queste cose di thugs, io facevo i miei biskait. Ero amico dei maltas della
mia zona, ma cercavo di non sedermi con loro, per non avere problemi poi una volta
sono andato a Sa Fende per comprare una roba per lofficina. La mia zona era in guerra
con Sa Fende. Cos sono andato l e i maltas di l mi hanno preso! Due brothers sono
arrivati e mi hanno placcato. Ho pensato: Dio salvami! perch volevano portarmi al
campo sportivo, dove stava il gruppo intero per menarmi! Io ho provato a dire: Yo,
brothers, io non sono del gruppo di Vilanova, vivo l, ma sono fuori da queste storie!,
ma niente. Stavamo quasi arrivando nel campetto, non so neanche come ho fatto, ma
ho dato uno spintone a quello che mi teneva e sono scappato, un fulmine! Io corro, corro
alla grande, non sono riusciti pi a prendermi! Da allora non sono pi passato in Sa
Fende! (Intervista a Man)
Io ero thug, perch io sempre volevo difendere. Ero thug, ma solo per difendere, non
per creare confusione! Ma se qualcuno dei miei si infilava in una rissa, diventavo thug
anche io! Per aiutarlo! Tipo con mio fratello pi piccolo lui era fottuto, abusavano
molto di lui, si univano contro di lui! E allora noi ci uniamo pure, ci uniamo in un gruppo!
Io ho picchiato molto, yo, ho gi dato molte pankadas197! Perch mio fratello veniva da
me e mi diceva che quel tizio lo aveva menato, io allora andavo con lui e gliele davamo!
Uno di loro ha la cicatrice ancora oggi! Quando lo incontro, nella zona di riba

198

del

quartiere, mi ricordo sempre di quella scena. (Intervista a Kriu)

Come emerge dallintervista di Man, molti giovani si ritrovano coinvolti in questi conflitti in
virt della loro appartenenza al quartiere o dei legami di parentela con membri delle gangs,
indipendentemente dalla propria attitudine.
Adlio mi ha raccontato che non passa il confine tra Tchada Riba e Thcada Baixu. Lui dice
di essere fuori da queste storie di thugs, si fa i cazzi suoi, aggiusta le biciclette, suona la
batteria con Watna e gli altri, diskontra. Per suo cugino sta nel gruppo di Lenfer e quindi
per lui pericoloso scendere a Tchada Baixu, perch sono in guerra con Lenfer. Solo per
via del cugino. Mentre parlavamo passato per strada proprio il cugino in questione. Mi
197
198

Botte.
Sopra, superiore.

198

accorgo che uno dei ragazzi di Lenfer che ho intervistato nel campetto sportivo. Ci
saluta con un Yo e se ne va. (Diario di campo, 15 Maggio 2014)

4.6.1. Segregazione territoriale


La dimensione collettiva dei conflitti tra gangs e il sentimento di appartenenza costruito su
un territorio specifico hanno contribuito a produrre a Praia un fenomeno di zoning (Massart,
2013), di segregazione territoriale. La maggior parte dei miei conoscenti giovani e maschi era
estremamente limitata nelle possibilit di spostamento allinterno della citt. Laffermazione
dellidentit non subalterna e della virilit egemonica messa in atto dai giovani thugs
contestuale a un territorio e a un gruppo sociale ristretto di appartenenza. Attraverso la
disaffiliazione dal sistema dominante, i giovani costruiscono nicchie outsider allinterno delle
quali rappresentare unimmagine di s valorizzante. Per questi motivi il semplice
attraversamento del proprio territorio da parte di un membro di una banda rivale
interpretato come uninvasione, un affronto al riconoscimento del proprio potere e
superiorit.
Io avevo conflitti, la mia famiglia lo sapeva, non mi riempiva troppo la testa per questa
storia, dovevano accettarla. Finch un giorno mi sono preso uno sparo io ero gi
cosciente il giorno in cui mi hanno sparato, cominciavo gi a pensare che non ne volevo
pi sapere ero seduto con un mio amico e abbiamo visto arrivare un altro ragazzo che
era nostro rivale. Allora il mio amico mi fa: andiamolo ad attaccare! Ora! E io: No,
lascia stare E il mio amico allora: Cosa? Non lo attacchiamo?! Quello sta venendo
nella nostra zona e non lo attacchiamo?! e mi ha detto: ANDIAMO! E poi non so,
non so cosa mi passato per la testa, io mi sono alzato prima di lui, mi sono alzato e
sono andato verso il tizio yo, io non sapevo che il tipo aveva un ferro con s ero gi
vicino a lui, quando il tizio tira fuori la pistola e PAM! PAM! Mi spara due volte! Solo che
non mi ha preso, no! Allora, quando lho visto con larma in mano, ho cominciato a
sentirmi perseguitato, sono scappato, sono scappato via, ma lui mi ha colpito alla
schiena, mi ha sparato alla schiena e sono caduto. Mi sono svegliato allospedale. Da
quel giorno mi sono trasferito a Achada Grande Frente, direttamente dallospedale.
(Intervista a Luis)
Ieri sera siamo andati a Platou, per la mostra di graffiti di Preas, lartista brasiliano di
Afroreggae. Ho convinto anche i ragazzi a venire, pure Devil, che essendo anche lui un
writer, ha creato un bel rapporto con Preas. Stavo per scendere per la solita strada,
quando Devil mi ha fermato. No Silvia, io per Lenfer non ci posso passare. Io so com

199

la scena! Se passo di l o uccido o muoio. Meglio di no, pure per te! Se passo per Lenfer
devo passare armato, non ci vado cos! Cos siamo scesi in quattro da unaltra strada
che non conoscevo, un sentierino ripidissimo che scende fino al porto, sopra una marea
di rifiuti. Dal porto siamo poi saliti fino a Platou, in tutto ci abbiamo messo il doppio del
tempo che si usa passando per Lem Ferreira. (Diario di campo, 31 Gennaio 2014)
Di Kapi ci siamo presi cura noi quando era ferito. Si era preso una coltellata, l a Tchada
Riba. Una volta io e Luis eravamo andati l a ballare, cos lui venuto a vederci. I maltas
di l quando lo hanno visto lhanno bloccato, non abbiamo potuto fare niente! Dopo
Kapi rimasto qui nel Pilorinhu per due settimane, mentre noi lo aiutavamo a
riprendersi. (Intervista a Man)

I ragazzi con cui mi sono confrontata riconoscono lestremo pericolo che corrono
nellattraversare zone nemiche. Alcuni di loro mi raccontano le tecniche che mettono in atto
per attraversare zone a loro interdette, in cui si trovano tuttavia dei loro amici parenti, e
sottolineano limportanza dellessere armati per potersi sentire al sicuro.
Mio padre abitava a Riba, io non posso andare l per i conflitti. Ma ci viveva mio padre,
dovevo andare a trovarlo! Io li controllavo, andavo per i posti in cui loro non mi
vedevano, fino a casa di mio padre. Andavo e Nta spreita a destra e sinistra. Quando
loro arrivano, io sono gi nella veranda di mio padre. Mi dicono: Ti prenderemo! Ti
prenderemo! ma io sono gi in casa! Quando esco, nessuno mi vede, di nuovo! E
quando vado, vado armato. Se non ho una pistola, ho un coltello, infilato nei pantaloni.
(Intervista a Devil)
Silvia: Ma tu come fai? Sei con il gruppo di Lenfer, ma vivi ad Achada Grande! Non
pericoloso per te? Sono in conflitto Lenfer con Tchada!
A: S, pericoloso s!
Silvia: E come fai?
A: Vado lo stesso. Nta spreita. Sto allerta. A volte mi fermo a Lenfer, da mia nonna.
B: A volte anche noi andiamo, abbiamo alcuni amici a Tchada. Solo che quando vai,
resti chiuso in casa del tuo amico, non puoi stare in strada per farti un giro, passeggiare
l, vai diretto verso casa del tuo amico e ti ci chiudi dentro! (Intervista di gruppo nel
bairro di Lem Ferreira)

La maggior parte dei giovani tuttavia preferisce prevenire la possibilit di scontri diretti,
limitando le proprie possibilit di movimento secondo una strategia di evitamento.

200

Io non vado in certe zone, evito. Una volta, ero andato in un posto per un lavoro, mi
hanno bloccato, mi hanno sparato, cos! Si sono presi il cappello che avevo! Preferisco
non rischiare (Intervista a Meru)
Adesso gi, se tu hai problemi con Tchada Grande, non ci vai. Eviti. Non vai. E anche, tu
sai che se qualcuno ha problemi con te qui, non viene. una forma per evitare
problemi se non ci vediamo, non sorgono problemi. (Intervista di gruppo nel bairro
di Lem Ferreira)
Noi non andiamo in un sacco di posti se c una festa l, noi non andiamo, se c una
festa qui, non vengono loro. Se no, ci scontriamo. Rissa, spari. Cos, capito? Per queste
storie gi morta un sacco di gente. Io sono abituato agli spari, ai coltelli, tutto ma
cerchiamo di evitare. (Intervista di gruppo nel bairro di Paiol)
Adlio mi ha raccontato che quando andava al liceo ad Achada Grande, nella parte di
Baixu, era un abusu continuo. Gli rubavano la bici, le scarpe, i quaderni. E tu non potevi
fare niente, perch era la loro zona. Mi ha detto che per questa storia un sacco di ragazzi
si Achada Riba hanno cambiato scuola, sono andati a Platou, o hanno smesso del tutto
di frequentare. (Diario di campo, 15 Maggio 2014)

Questo meccanismo di prevenzione del conflitto attraverso lauto-limitazione riprende un


meccanismo adottato dai membri dellintera societ, come stato affrontato nel secondo
capitolo. La percezione dellineludibilit del conflitto e del conflitto violento, dove ou vou
morrer ou vou matar induce gli individui a cercare di prevenirlo. In questo modo il conflitto
rimane attivo e mantiene la funzione di significante del grado di mascolinit del singolo, ma
al tempo stesso non portato sino alle conseguenze estreme.
Naturalmente non sempre questo meccanismo viene evitato, i conflitti tra gangs non sono
solo virtuali, ma si giocano in una dimensione del tutto reale. Nei dati raccolti da Lima (2014),
nel 2013 Praia conta 92 gangs di strada, per un totale di pi di 1000 soggetti membri attivi. Il
2011 costituisce lanno con il maggior numero di omicidi dellultima decade: 33 di cui 28 legati
alle bande (INE 2013). Il mio intento non dunque quello di occultare la dimensione di reale
conflitto armato presente nelle relazioni tra gangs, ma piuttosto di rilevare la componente di
segregazione territoriale vissuta dai miei interlocutori, dimensione che rimane pi nascosta
rispetto alla violenza espressa.
Questa limitazione, che rappresenta unulteriore elemento di violenza strutturale per i
giovani delle periferie urbane, fortemente in contrasto con lideale egemonico di

201

mascolinit. Abbiamo analizzato come a Capo Verde luomo considerat virile debba avere
accesso a una notevole libert di comportamento e movimento. I membri delle bande,
dunque, nel tentativo di affermare la propria mascolinit attraverso il conflitto, producono
al tempo stesso le condizioni per negarla, nella necessit dellauto-imposizione della
segregazione territoriale. Questo fenomeno, inoltre, interessa solo la popolazione maschile,
in quanto le ragazze, esterne a queste dinamiche, possono circolare liberamente nei vari
quartieri, pur mantenendo le dovute precauzioni a causa della possibilit di divenire vittime
di stupri o rapine. Le dinamiche di conflitto tra bande possono essere riferite al concetto di
giochi sociali proposto da Bourdieu (1998) in cui ci che succede nel gioco e ci che viene
disputato sono importanti fondamentalmente a livello dei soli partecipanti. I conflitti tra
bande rappresentano le arene di rappresentazione e negoziazione della virilit propria e
altrui, da cui le donne hanno il privilegio di essere escluse. Questo privilegio negativo
(Bourdieu, 1998), nel contesto di Praia contribuisce a una parziale inversione dei ruoli di
genere, favorendo la libert di circolazione delle donne e segregando gli uomini ad ambienti
circoscritti, in direzione contraria rispetto al sistema di genere tradizionale. La frustrazione
prodotta da questa limitazione emersa pi volte nei dialoghi con i giovani dei quartieri
popolari di Praia, sia nellostentazione della possibilit di percorrere alcune zone come
motivo di vanto, sia nellespressione del desiderio del raggiungimento di una libert di
movimento.
Io vorrei che fosse diverso, chiaro. Vorrei che le cose cambiassero. Per poter andare
per la mia strada, cos, senza dovermi girare a destra e sinistra, senza guardarmi sempre
le spalle per poter andare senza paura, con il cuore libero. Capito? Senza pressione
della polizia, n dei nemici. Libero. (Intervista di gruppo nel bairro di Paiol)

4.6.2. N ka tem medu


Durante le interviste pi volte i miei interlocutori, riferendosi ai momenti di scontro effettivo,
hanno sottolineato il fatto di non provare paura. La violenza agita e subita descritta con un
tono di distacco o di orgoglio rispetto alla propria capacit di farvi fronte.
Io non avevo paura, ero molto coraggioso, proprio coraggioso! Non avevo paura di
niente! Ero veloce, esperto! Non pensavo al pericolo, non lo vedevo, ero terribile!
(Intervista a Kriu)
A me hanno gi sparato, sono pieno di cicatrici Ma anche cos nelle guerre io stavo di
fronte, non avevo paura! Tutti mi chiamavano con s perch ero coraggioso, mi

202

prendevano come un modello! Sono andato avanti con kel brincadera199, finch non mi
hanno sparato in faccia! Vedi questi segni? Sono cicatrici di boka bedju. Nella testa, nel
collo, nellocchio. Ora non faccio pi queste cose, g, non ho voglia di prendermi altre
pallottole. (Intervista a Meru)

Meru riconosce una componente di incoscienza in questostentazione del coraggio,


sottolineando come grazie a kel brincadera sia stato colpito in viso da una pallottola.
Lespressione utilizzata da Meru evidenzia la futilit dellatteggiamento adottato, in relazione
alle pesanti ripercussioni sulla vita del soggetto.
Durante lintervista con Ruan emerge un altro elemento parte del modello virile, gi
analizzato nei capitoli precedenti.
Ruan: La mia vecchia ha scoperto che stavo in questa scena di thug solo quando mi
sono preso una pallottola in testa, a gennaio, solo l.
Silvia: Ma questo gennaio?
Ruan: S.
Silvia: E non sei andato allospedale?
Ruan: No, non ci sono andato. La pallottola non entrata, mi ha preso di striscio. Non
era troppo grave.
Silvia: Ma non faceva male?
Ruan: Certo, ma sopportavo. Non volevo andare allospedale.
(Intervista a Ruan)

Il modello maschile dominante prevede la capacit di sopportare e sminuire il dolore e il


volontario mancato ricorso ai servizi medici, che rappresenterebbe un riconoscimento della
propria debolezza e una richiesta di aiuto.
Lespressione dei valori della mascolinit egemonica considerati, dunque, rappresenta un
altro elemento parte della causalit circolare tra lappartenenza alle gangs e il modello virile
dominante. Infatti la vita nelle bande offre lo scenario adeguato per lostentazione pubblica
di coraggio, impavidit e capacit di sopportazione, e al tempo stesso proprio ladozione di
questattitudine virile che cementa il coinvolgimento dei giovani nelle gangs. interessante
notare la reazione di Atoa allargomento, in quanto diverge in parte dai dati presentati. Atoa
un ragazzo di ventun anni, residente nel quartiere Brasil, negli anni passati considerato uno
dei luoghi pi pericolosi dellintera citt. Atoa mi stato presentato da una amica che lo ha

199

Quel gioco, quello scherzo.

203

conosciuto svolgendo un tirocinio formativo nel carcere di So Martim. Il ragazzo sostiene di


aver chiuso definitivamente il proprio capitolo dentro le bande dopo lesperienza della
prigione. Quando gli chiedo se non avesse paura quando era tra i protagonisti dei conflitti del
quartiere Atoa rimane in silenzio un minuto e poi risponde:
Non posso dire che non avevo paura tutti noi avevamo paura, perch eravamo tutti
armati! Avevo paura si, di andare in giro di notte, della polizia, degli altri. (Intervista a
Atoa)

4.6.3 Armi e droga


Vari autori (Lima 2012; Cardoso 2012) sottolineano come nella diffusione della violenza tra
gruppi thugs si inseriscano due fattori di rischio che rappresentano una novit nella scena
capoverdiana: il narcotraffico e la diffusione delle armi da fuoco. Lima (2012) evidenzia come
in una prima fase i gruppi thugs non fossero territorializzati e dunque non fosse presente la
dinamica di limitazione della circolazione evidenziata in precedenza. Gli scontri tra le bande
e il rafforzamento del legame e dellidentificazione con un territorio ristretto, come unico
spazio sicuro, nasce proprio dal coinvolgimento dei thugs nel narcotraffico, assoldati come
sicari professionali. Intorno alla fine degli anni 90 la citt di Praia assiste a numerose morti
che costituiscono degli aggiustamenti di conti tra individui legati al narcotraffico (Lima, 2012).
Tuttavia, tanto la letteratura sullargomento, quanto i miei intervistatori, sottolineano come
il traffico di droga abbia sempre rappresentato una dimensione marginale nelle rivalit tra
gangs, riconoscendo il primato di elementi quali lonore, laffermazione del proprio potere,
la mascolinit. Il narcotraffico invece un sistema gestito da elementi esterni alle dinamiche
tra bande, come emerso per esempio nel caso della Lancha Voadora200, che ha
rappresentato in diverse fasi una fonte di rendimento e impiego per i membri delle gangs
urbane.
Si, eravamo tutti dentro al narcotraffico in qualche modo. Noi vendevamo crack, no P
de Rotcha, vicino al porto. Per non erano per quello le guerre le guerre erano pi per
altre cose, pekenas, cosa di nigger con nigger, non tanto per la droga. (Intervista a Devil)

Un discorso a parte va fatto rispetto al commercio di padjinha. Diversamente dalle droghe


pesanti la marijuana infatti coltivata allinterno dellisola, nelle zone rurali, e, specialmente
200

Il caso Lancha Voadora rappresenta il pi grande caso di intercettazione del narcotraffico


nellarcipelago capoverdiano, in cui la Policia Judiciaria ha individuato 1500 kg di cocaina pura. Erano
coivolti nel caso anche importanti personaggi pubblici capoverdiani.

204

a Praia ha un prezzo di acquisto bassissimo, accessibile anche agli individui con reddito
minimo. Per questo motivo la vendita di padjinha rappresenta spesso una seconda
occupazione informale svolta da membri dei quartieri popolari. Devil, per esempio, viveva
del denaro ricavato dal biskait allarmazen dietro casa e dalla vendita di marijuana a livello
del quartiere. Questa fonte di reddito non prerogativa esclusiva dei membri delle gangs:
Cindy, la ragazza di cui si parlato in precedenza, oltre ad essere rabidante formata anche
una fornitrice di marijuana allinterno del suo quartiere, occupazione che le permette di
mantenere s e la figlia piccola.
Il ruolo cruciale svolto dalle droghe nel fenomeno delle gangs, piuttosto, legato al consumo.
Le bande diventano, infatti, luoghi di socializzazione al consumo di stupefacenti e i furti e le
rapine compiute con il sostegno del gruppo sono spesso finalizzate allacquisto della dose.
Ho conosciuto un sacco di colleghi, in strada, che fumavano. Io ho cominciato a fumare
cos. Prima ho iniziato a fumare droga, poi sono passato a droga pi pesante andavo a
Sa Fende a fumare, perch allepoca solo l vendevano il crack. Solo che padjinha 50
escudos, ma il crack gi viene 300! Ne fumi uno e non ti basta, due non ti basta, tre, non
ti basta, ne vuoi ancora! E allora ho iniziato a rubare, per comprare le pietre di crack.
(Intervista a Jailson)

Il consumo di alcool e droga, inoltre, rappresenta generalmente una componente ineludibile


nellesplosione dei conflitti. Molti giovani mi raccontano come spesso la violenza sorga tra
individui in stato alterato per lassunzione di sostanze, in quanto vengono a mancare una
serie di meccanismi inibitori. Altri riportano la pratica di consumare intenzionalmente droghe
o grogue per stordirsi, acquisendo cos la dose di coraggio e di noncuranza del dolore fisico
necessaria per prendere parte ai conflitti.
La droga un facilitatore. Non parlo di narcotraffico, ma di uso. Alcool, droga. Conosco
un sacco di maltas a Tchada Trs che mi dicono: Redy, noi usavamo ecstasy solo per
andare in missione! Perch solo con lecstasy riuscivamo a fare certe cose! Ti d
coraggio, ti d coraggio, come unanestesia! Una volta uno di Wolfgang andato in
missione e ha preso un certo tipo di ecstasy. tornato a casa pieno di sangue, ma non
sapeva neanche se era suo o di qualcun altro, non sapeva neanche se aveva ucciso
qualcuno, talmente era fatto. Senza nozione. (Intervista a Redy Lima, sociologo)
Perch io non bevo birra e cose cos, solo grogue! Prendevo grogue e aspirina, insieme!
Compro 5 o 6 aspirine e le prendo con il grogue, non senti pi niente! Passa, passa tutto!

205

Gi non mi importa del dolore, con il grogue e laspirina! Il dolore non esiste, mi sento
volare, sto per aria! (Intervista a Devil)
Un sacco di volte quando scoppiano le risse perch i maltas hanno bevuto o hanno
preso droga, capiscono meno cosa fanno, cosa succede. (Intervista di gruppo nel bairro
di Lem Ferreira)

La notevole diffusioni di armi da fuoco a Capo Verde negli ultimi anni rappresenta un secondo
fattore di rischio relativamente nuovo. Alcuni dei rimpatriati intervistati da Katia Cardoso
(2012) sottolineano come procurarsi unarma da fuoco sia pi semplice a Praia piuttosto che
negli Stati Uniti, nonostante la legislazione capoverdiana ne proibisca il possesso.
No, non difficile comprare una pistola. Hai presente i tipi a Platou, quelli che stanno
l per cambiare i soldi in euro? Ok, loro vendono le armi anche. A volte le puoi comprare
anche da certi poliziotti. (Intervista a Atoa)

I miei interlocutori mi raccontano come spesso i conflitti spesso siano iniziati attraverso una
violenza fisica esercitata con le mani o con armi improvvisate.
Allinizio era diverso... era pi con le mani. Dar porrada, fare a botte. Con le mani!
Oppure con pietre e bottiglie, pedra ku garaffa, era anche il nome di una canzone rap
old school! Poi con il tempo sono arrivate i coltelli, le pistole (Intervista di gruppo
nel bairro di Lem Ferreira)

La diffusione delle armi tra alcuni componenti delle gangs rende per necessaria una rincorsa
allarmamento: i componenti delle bande cominciano a dotarsi di armi da fuoco, strumenti
di protezione, che diventano al tempo stesso indicatori del potere del singolo individuo. Il
possesso di armi da fuoco come espressione di virilit una tematica ampiamente diffusa
nella tradizione hip-hop a cui si ispirano i gruppi capoverdiani. Allinterno delle bande si
sviluppa, inoltre, una sorta di gerarchia legata alla tipologia delle armi.
Tra di loro la forza fisica importante, certo, ma deve essere completata con unarma.
Non la stessa cosa avere una pistola importata da fuori o un boka bedju. Oppure un
coltello e un boka bedju. Ci sono gradi diversi di potere, come se tu completassi la tua
forza con le armi. (Intervista a Maritza Rosabal)
Io avevo una pistola. Lho tenuta per un sacco di tempo, la prestavo anche ai miei
brother, quando ne avevano bisogno. Poi per uno di loro ci ha ucciso un ragazzino, qui
ad Achada Grande, vicino al liceo. Ma la pistola era mia. La polizia la cercava, io lho

206

nascosta qui nel Pilorinhu, che una volta era abbandonato, sono venuto di notte, lho
sotterrata. rimasta qui due settimane. (Intervista a Devil)
Perch se il tuo nemico ha un coltello, allora tu prendi un boka bedju! Ma se tu hai un
boka bedju lui cerca una pistola, e cos via, alla fine siamo tutti armati! (Intervista a
Man)
Io non lho neanche comprata la pistola. Me lha data un mio amico, perch avevo
carattere! (Intervista a Luis)

Chi non ha denaro a sufficienza per procurarsi un revolver, si indirizza solitamente verso le
armi artigianali, i boka bedju. Man mi racconta come a quindici anni, nellofficina dove
lavorava, la produzione di boka bedju rappresentasse la sua fonte di reddito principale.
Io sapevo fare le armi. Stavo in unofficina mi aveva insegnato uno pi grande, che
era l da pi tempo. Era unofficina dove si facevano cose di ferro, tipo cancelli, portoni.
Noi facevamo anche boka bedju. Lo fai con un ferro mi fa un disegno e una molla
poi ci metti dentro la cartuccia, tipo una pallottola con tanti piccoli proiettili dentro.
Quando tiri quel pezzo l, TA! Esplode! Non uccide il boka bedju, ma ferisce, le pallottole
restano nel corpo solo che pericoloso, se fatto male pu esplodere al contrario e
colpire chi spara. Li vendevo a 1000, 1500 escudos. Facevamo pi soldi con quelli che
con i cancelli (Intervista a Man)

I numerosi tentativi di disarmare le gangs attuati dallo stato e dal comune di Praia sono
risultati generalmente in un insuccesso. Dialogando con i miei interlocutori emersa la loro
decisa critica al riguardo.
Le campagne e i progetti che stanno facendo per la consegna delle armi sono solo
NOIA! Solo per disorientarci com che io ti devo consegnare la mia arma se gli altri
non consegnano? Lasciamelo dire! Se i miei nemici e se i poliziotti non consegnano,
perch dovrei consegnare io? Io non credo in queste campagne, sono fatte a caso!
(Intervista a Devil)

4.6.4. Un continuum di violenza


La retorica sostenuta dalle istituzioni e dallopinione pubblica, come stato gi accennato,
ha cercato di evidenziare il carattere di estraneit del fenomeno e della violenza ad esso
correlata. Vengono additati come responsabili i deportati merkanus, gli immigrati nigeriani
presumibilmente legati al narcotraffico e i film e videoclip provenienti dalla cultura hip-hop

207

di importazione estera. In questo discorso dominante attivo un processo di rimozione delle


cause interne del fenomeno, quanto della continuit della violenza nella societ
capoverdiana. Nellarcipelago, come anticipato in precedenza, la violenza infatti un
linguaggio riconosciuto e legittimato da numerose istituzioni, come la famiglia, il sistema
educativo e il sistema giudiziario. Lo stesso modello di genere maschile incentrato
sullespressione della violenza e del conflitto. Le azioni delle gangs si inseriscono dunque
allinterno di un continuum di violenza che attraversa lintera societ e comprende le pratiche
di controllo messe in atto dallo Stato (Scheper-Hughes, 2002). Esiste tuttavia una
gerarchizzazione delle forme di violenza presenti nel contesto urbano, che pone in primo
piano laggressivit delle bande, che viene considerata intollerabile. Al tempo stesso si
giustifica la violenza istituzionale, come quella esercitata dalla polizia o allinterno delle
carceri, e si nasconde la violenza strutturale di cui sono vittima gli stessi membri delle gangs,
che rappresenta invece uno dei fattori causali preponderanti. Riconosco dunque la legittimit
della posizione di Bordonaro (2012) che critica la considerazione della violenza delle gangs
come parte di una subcultura: le radici di questa aggressivit non sono esterne alla societ,
ma sono parte integrante di essa.
In particolare, la violenza esercitata dalla polizia nei confronti dei gruppi thugs merita
unattenzione particolare. La scelta politica effettuata dal governo, come sar analizzato in
seguito, ha seguito un orientamento securitario: sono stati rafforzati i corpi di polizia, creati
i piquete, ossia volanti che pattugliano i quartieri a rischio e in pi occasioni stato richiesto
lintervento della Polizia Militare. Nello svolgimento delle proprie funzioni, i membri della
polizia adottano le medesime dinamiche di riproduzione della violenza secondo il modello di
virilit egemonica. Tanto nei discorsi quanto nelle pratiche i poliziotti affermano la propria
forza e autorit attraverso meccanismi di disprezzo, umiliazione e inferiorizzazione dellaltro.
Laltro giorno ho pranzato con Daniel. Mi ha raccontato di quando ha fatto il servizio
militare. Dopo entrato nellesercito, ci rimasto almeno un paio di anni, poi ha
abbandonato, troppa corruzione, abusu, non lo reggeva. Mi ha detto che era
nellesercito quando il Ministero ha deciso di fare intervenire la Policia Militar nella
guerra ai thugs. Secondo Daniel la Policia Nacional aveva paura ad andare nei vicoli
dei bairros, mentre la PM non aveva paura di niente e nessuno. Dice di conoscere tutti
gli angoli di Achada Grande, Paiol, Lenfer, era la zona su cui lavorava il suo gruppo. Io
conosco tutti i thugs della zona. Li prendevamo e gliele davamo con i manganelli. Prima
ci parlavamo, per insegnare, per aiutarli a smettere. E poi gliene davamo un po oppure

208

a volte li portavamo lontano, fuori Praia, cos dovevano tornare a casa a piedi. Erano
abusados, era per insegnargli. Io lo so perch anche io sono di un quartiere cos, quindi
ci sono cresciuto in mezzo a queste cose. (Diario di campo, 4 Aprile 2013)
Alcuni ti dicono cos mentre ti picchiano con il manganello: Non ce lhai un padre a
casa che ti insegni come ci si comporta? Beh, per oggi siamo noi tuo padre! (Intervista
di gruppo nel bairro di Lem Ferreira)

Spesso i poliziotti per motivare una perquisizione o un fermo si basano sullaspetto esteriore
dei giovani, riconoscendo i caratteri parte dellestetica della colpevolezza (Queirolo Palmas,
2009).
Ho passato molte ingiustizie, per via della polizia! Loro ti prendono, ti portano in un
posto deserto e cominciano a dartele con dei sassi, ti mettono una pistola in faccia, ti
dicono che ti uccidono. La polizia, si! Oppure ci vedono seduti, cos, mentre non stiamo
facendo niente ragazzi, non avete nulla da fare? E noi: No. Loro: Bene, allora
venite pure in macchina, vi diamo noi qualcosa da fare! La polizia abituata a fare
cos! (Intervista di gruppo nel bairro di Paiol)
Basta che ti vedano con i vestiti larghi, che giri per i vicoli, cos, o magari stai in piedi
contro la parete, basta quello e ti fermano, anche se non hai fatto niente! (Intervista di
gruppo nel bairro di Lem Ferreira)
Vedi questi rasta? Tocca! Sono cuciti, vedi? Sono i miei rasta, si, solo che sono cuciti.
Sai perch? Sono stato io che li ho cuciti. Quando mi ha preso la PN, mi hanno portato
in centrale, mi hanno tagliato i capelli, quei fidju da puta. Io li ho raccolti, li ho cuciti di
nuovo. (Intervista a Devil)

Il taglio dei dreadlocks raccontato rappresenta unoperazione di violenza attiva su un livello


simbolico: i poliziotti privano Devil di uno dei caratteri estetici che rappresentano lidentit e
lappartenenza del ragazzo. I dreadlocks, segno dellorgogliosa posizione di outlaw
rivendicata contro il sistema, vengono eliminati, per indebolire simbolicamente il potenziale
di resistenza dellidentit performata da Devil. Queste operazioni sono accompagnare da
altrettanti numerosi esempi di violenza fisica esercitata ai danni dei giovani dei quartieri
popolari da membri della polizia.
Quando finivo in centrale i poliziotti mi dicevano cos: Sei un fidju da puta! Ora le
prendi sul serio! Io rispondevo, rispondevo a tono! E quelli mi picchiano, sembra un
film! Una volta sono stato in prigione, ma un giorno solo io ero in una rissa, sono

209

arrivati i poliziotti, da dietro, mi hanno picchiato, mi hanno picchiato! Sono caduto per
terra, non vedevo pi niente! Sono rimasto come bloccato, non sono svenuto, ma ero
bloccato sentivo solo le loro voci, dicevano: Oooh! Lo hai ucciso! E un altro: Se
morto solo uno in pi che se ne andato. Cos. Uno in pi. E cos ho cominciato a
svegliarmi, mi hanno buttato in una cella, una stanza, non so dicevano che sarei
rimasto l per sempre! Ho urlato: Se non mi fate uscire mi uccido! Io cercavo qualcosa
per ferirmi, per tagliarmi, pensavo che se mi fossi tagliato mi avrebbero dovuto portare
fuori, allospedale! Alla fine mi hanno lasciato andare, ma alle otto di sera del giorno
dopo. Tu sai dov il carcere di San Martino? Sono venuto da l a Praia a piedi!
(Intervista a Devil)

I poliziotti raccolgono come una sfida personale e un attentato al riconoscimento del proprio
status le azioni e latteggiamento dei membri delle gangs. Solamente negli ultimi tempi si
comincia a parlare a Praia della problematica della violenza allinterno delle centrali e delle
carceri, che diventato il tema di uninchiesta realizzata nellanno in corso dalla CNDHC201 di
Capo Verde. dunque necessario riconoscere che labuso di potere e la violenza esercitata
dalla polizia non sono che unespressione istituzionalizzata e spesso giustificata della stessa
violenza insita nel modello virile che anima le azioni delle gangs.

4.6. Pekenas o medaglie


La prima impressione sulle gangs urbane quella di trovarsi di fronte a una realt
esclusivamente maschile. La naturalizzazione dellassenza delle donne dallo scenario ha fatto
s che in un primo momento io stessa non interrogassi la peculiarit di questa assenza. In
realt le gangs non sono universi mono-genere come a volte vengono rappresentate, le
donne assumono diversi ruoli allinterno del fenomeno. In primo luogo, in varie interviste
emerso come le donne spesso rappresentino il motivo scatenante dei conflitti.
Ci sono delle guerre che cominciano per via delle donne. Per esempio, tu puoi essere
la mia ragazza o la ragazza del mio nemico, qualsiasi cosa, vieni, stai con me, e ascolti
quello che dico! Solo che poi vai dallaltra parte e racconti quello che ho detto ai miei
nemici e gi comincia la guerra! Per questo io a volte sembro anche un po stronzo, ma

201

Commisso Direitos Humanos e Cidadania.

210

non le voglio le donne quando si parla di cose importanti, non voglio donne ad ascoltarci,
che poi vanno a raccontare questo e quello! (Intervista a Devil)
Mudjer le donne fanno la loro parte! Vanno nelle altre zone, ascoltano cose di guerra
che si dicono l e poi ce le vengono a dire! E cos noi ci incazziamo! (Intervista a Ruan)
Quando vai in unaltra zona, vai l e cerchi di conquistare tutte le pekenas. Alle pekenas
di Tchada noi piacciamo, perch siamo pi bazofu e abbiamo denaro in tasca! E cos
quelli di Tchada cominciano ad avere invidia, a creare quel conflitto, tentano di
attaccarci! (Intervista di gruppo nel bairro di Lem Ferreira)
Mudjer sempre fa parte della scena thug, solo che dietro le quinte. tipo, una
medaglia. S, tipo una medaglia, un qualche pezzo fondamentale sempre ho visto in
mezzo delle donne, ma sono viste con un senso sessuale. Per esempio, i ragazzi nelle
gangs mi ripetono sempre che sono pieni di donne. Ogni momento che vogliono una
donna, se la prendono. Come un oggetto di soddisfazione, per sentirsi pi bazofu. Solo
che anche le pekenas accettavano questa cosa, perch perch a loro piaceva avere un
fidanzato thug. (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)

In entrambi i tipi di situazione proposti dunque le donne sono rappresentate come la causa
delle rivalit tra gangs. In particolare la conquista delle pekenas delle altre zone un
elemento fortemente correlato al modello di genere dominante machista. Lostentazione di
una sessualit predatoria indice di una mascolinit forte e prestigiosa secondo il modello
capoverdiano. La tematica della sessualit si intreccia con il costrutto dellonore: le ragazze
del quartiere vengono considerate parte dellarea di esercizio di potere della gang locale,
motivo per cui il tentativo di conquista da parte di membri di bande rivali viene considerato
un affronto alla propria immagine. Allo stesso tempo, i miei interlocutori sottolineano come
le ragazze siano affascinate dallo stile thug, motivo per cui chi vi aderisce va incontro a un
maggior successo dal punto di vista delle conquiste sessuali. Le ragazze, orientando la scelta
dei propri partner verso i membri delle gangs, svolgono una funzione di rinforzo nei
meccanismi di riproduzione del fenomeno stesso.
Oppure, per esempio, quando andiamo in discoteca noi ballavamo, ti ho detto. Le
ragazze erano tutte per noi, le chiamavamo Ns bitches! Siccome noi avevamo quella
fama, loro venivano, ci abbracciavano, baciavano in bocca, questo e quello solo che
poi quando noi andavamo via andavano da degli altri tizi, li abbracciavano, baciavano in
bocca, uguale! Bastava essere gangsta! (Intervista a Devil)

211

Luis: Mudjer ha molta influenza, s! Perch quando i ragazzi sono nella delinquenza, le
pekenas fanno vedere che a loro piace, e quindi se uno, non so spara, si veste da thug,
allora di sicuro avr un sacco di donne! (Ride)
Silvia: Anche tu Luis?
Luis: Certo! Io avevo un sacco di mudjer che mi stavano dietro! A volte uno sta in questa
cosa solo per via delle donne! Per a me non piace avere pi di una pekena alla volta, io
avevo la mia ragazza e basta. (Intervista a Luis)
che per via di quella fama le donne vogliono te. (Ride) Perch sei thug, perch dai
pankada, perch spari queste cose alle ragazze piacciono! Perch poi se qualcuno d
loro fastidio, possono dire: Ehi, guarda che io sto Fulanu! e nessuno poi rompe i
coglioni, capito? (Intervista a Ruan)
Poi le ragazze cominciano ad apprezzare, tutte volevano un fidanzato thug. Per sentirsi
protette cos se eri thug, sicuro avevi pi pekenas. (Intervista a Uv)

Da alcune interviste emerso come a volte le ragazze svolgano un ruolo relativamente attivo
allinterno delle azioni delle bande.
Non so se hai seguito in Tv quel caso di un uomo di Calabaeira, ucciso vicino a
Trinidade un gruppo di thug di l usava le ragazze per abbordare gli uomini e dare
kasubodi. La ragazza lo attira e si mette daccordo con i thugs di portarlo in tal posto,
cos poi loro arrivano l e lo attaccano. Sono usate per la loro sensualit, come armi di
seduzione. Anche per attirare ragazzi di altri gruppi. (Intervista a Raul)
A Paiol ci sono delle ragazze che stanno insieme ai maltas di l! C un gruppo thug che
ha un tot di ragazze che danno kasubodi insieme a loro! Mettono le ragazze in dei posti
strategici, magari vicino al ponte di Paiol. Ora che sono le sei, che tutta la gente torna a
casa dal lavoro, quando passa qualcuno le ragazze lo chiamano, namorano202 un po al
massimo e poi lo portano in un posto, a quel punto arrivano gli altri, lo bloccano e gli
fregano tutto! (Intervista di gruppo nel bairro di Lem Ferreira)

Anche in questo caso in realt il ruolo delle donne strumentale, non viene riconosciuta loro
alcuna potenzialit se non in termini di oggetto sessuale, che pu essere usato come esca per
tendere una trappola alle vittime dei kasubodi o ai propri rivali.
I ruoli rivestiti dalle donne sono dunque accessori, strumentali e generalmente sessualizzati,
privi di alcun protagonismo. Queirolo Palmas (2007; 2009; 2010) e il gruppo di ricerca da lui

202

Amoreggiano.

212

coordinato hanno analizzato la realt delle gangs latine presenti a Genova, indagando la loro
appartenenza a unorganizzazione di strada transnazionale, denominata dai suoi membri
come La Nacin Latin King. Allinterno di questa organizzazione, nonostante loriginaria
impronta machista, alle donne viene riconosciuto un ruolo che, almeno a livello ideologico,
paritario a quello degli uomini. A questo proposito emblematico il fatto che il nome di
una parte fondamentale della Nazione sia stato cambiato in ALKQN, ossia Almighty Latin King
and Queen Nation. Le donne che partecipano alla Nacin assurgono simbolicamente al rango
di regine e sono considerate hermanitas203, imprescindibili per il successo del gruppo. Nel
processo di legalizzazione e riconoscimento pubblico della Nacin a Barcellona, il portavoce
dellALKQN locale era Queen Melody, una donna. Questo non avviene invece allinterno delle
gangs capoverdiane. Il modello thug rappresenta quello che stato definito una
mascolinit di protesta, ossia una rivendicazione enfatizzata del modello virile egemonico,
come reazione a un contesto di generale subordinazione. Al tempo stesso, il percorso di
costruzione identitaria proposto dalle bande rappresenta uno strumento efficace per
rispondere alle esigenze dettate dallideale di mascolinit dellarcipelago. Per esempio, il
prestigio sociale offerto dallappartenenza a una gang e la disponibilit di denaro derivante
dalle attivit illecite compiute al suo interno permettono ai thugs di avere successo con
numerose pekenas, secondo una condivisa tradizione capoverdiana, fatto che altrimenti
potrebbe essere loro interdetto per i cambiamenti economici, sociali e politici che Praia sta
attraversando negli ultimi anni. Le donne sono dunque relegate allinterno delle gangs in una
posizione subordinata, considerate puramente come oggetti sessuali.
Un elemento di discontinuit con questa rappresentazione avrebbe potuto essere costituito
dalla presenza di gangs composte da sole donne. Nel corso delle mie ricerche ho pi volte
cercato di scoprire se esistessero bande femminili. Alcuni dei miei intervistato hanno
confermato lesistenza del fenomeno.
Devil: Si, a Brasil ci sono dei gruppi di pekenas. Ma mudjer fa guerra solo con mudjer!
Litigano per gli uomini, le cose si invertono!
Silvia: Ma le pekenas cos hanno delle armi?
Devil: Le pekenas sono ancora pi fudidas! SI mettono un kutter nel reggiseno, cos!
Quella lama fine! Se tagli i punti non tengono! Non le hai mai viste delle ragazze con
delle cicatrici sottili, cos, sul viso, sulle braccia? (Intervista a Devil)

203

Sorelline: termini che i Latin King e Queen utilizzano per riferirsi ai membri della Nazione.

213

Man: No, non cerano gruppi di pekenas anzi, aspetta! Si! A Vilanova ce nera uno!
Si chiamavano CV pekenas!
Silvia: E cosa facevano?
Man: Facevano guerra con altre ragazze, per storie di uomini! Ma non avevano armi,
solo knife, o kutter
Silvia: Ma anche loro si vestivano in stile rapper?
Man: No, shorts, top, cose da pekenas, come le altre del bairro. (Intervista a Man)

Nelle descrizioni fornite le ragazze appartenenti ai gruppi sono mascolinizzate: vengono loro
attribuiti atteggiamenti e stili propriamente maschili. Redy Lima, che ha indagato sul
medesimo fenomeno, mi ha raccontato di non essere mai riuscito a entrare veramente in
contatto con questi gruppi, probabilmente a causa della sua appartenenza di genere.
Io avevo provato a fare ricerca anche sui gruppi femminili, ma non ero riuscito ad avere
accesso. Avevo contato 7 gruppi, tutti tra Vilanova, Sa Fende, Ponta dAgua. Paiol,
Achadinha. Sono riuscito una volta ad avvicinarmi a quelle di Vilanova. Ero con un mio
informatore, stavamo andando a una festa. Mi hanno presentato questa ragazza, aveva
una postura maschile, le braccia incrociate, tipo gangsta, hai presente? Era del gruppo
CV Pekenas. Solo che non sono mai riuscito a fare ricerca, non mi davano fiducia, forse
perch sono un uomo, o perch mi vedevano sempre in giro con i gruppi dei ragazzi, con
i quali comunque avevano un po di rivalit. (Intervista a Redy Lima, sociologo)

Nonostante i miei tentativi, durante il periodo di ricerca non sono riuscita a conoscere
nessuna di queste gangs, arrivando persino a dubitare della loro esistenza. Infatti, ogni volta
che qualcuno confermava lesistenza di bande femminili, la circoscriveva in un altro
quartiere. Nel momento in cui io mi recavo nel quartiere in questione, i giovani del posto
negavano il fatto ed, eventualmente, mi rimandavano ad altre zone. Solo riguardo al
quartiere di Vilanova (zona Nord di Praia), Man, ex-residente della zona, ha riconosciuto
lesistenza di una gang locale di ragazze, notizia confermatami da altre interviste. Purtroppo
i contatti che avevo stabilito erano tutti localizzati nella zona Est della citt e non ho potuto
trovare il modo di accedere alla rete di conoscenze del quartiere di Vilanova. un elemento
interessante, tuttavia, il fatto che i miei interlocutori negassero sistematicamente lesistenza
di gangs femminili nel proprio territorio. Questo elemento pu essere imputato a tre ragioni,
la prima delle quali uneffettiva assenza di tali gruppi. Il secondo motivo potrebbe essere
un disconoscimento intenzionale, dovuto

al fatto che il gruppo

di ragazze

rappresenterebbero un rivale nella lotta per laffermazione sul territorio nonch una

214

discontinuit significativa nel modello di dominazione maschile. Infine, i miei interlocutori


potrebbero essere incapaci di vedere lesistenza delle gangs femminili avendo uno sguardo a
loro volta machista. Infatti, come insegna la riflessione antropologica, vediamo solo ci che
osserviamo, ossia ci che vogliamo e che siamo in condizione di vedere (Morales La Mura,
2009). Purtroppo le difficolt che ho incontrato nellindividuazione e nellaccesso a tale
elemento non mi hanno reso possibile analizzare questo argomento potenzialmente molto
interessante.

4.7. Gangs tra resistenza e marginalit


Gli accademici che hanno trattato la questione delle gangs urbane si sono spesso interrogati
rispetto alle potenzialit di resistenza o agli effetti di ulteriore marginalizzazione veicolati
nellagency delle bande urbane. Brotherton (2010) sottolinea come la prospettiva dominante
affermatisi ad oggi sia improntata a una visione patologizzante delle gangs, in cui si
sottolineano le implicazioni delinquenziali, tali da suscitare una costante reazione negativa
dei residenti nel vicinato e/o delle agenzie adibite allapplicazione della legge (Klein, 1971,
p. 13). Distanziandosi dalla definizione offerta da Klein, Brotherton propone invece lutilizzo
del termine organizzazioni di strada per indicare le gangs urbane. Questa prospettiva offre la
possibilit di rispecchiare la natura e la capacit di cambiamento politico e culturale di alcuni
gruppi (Brotherton, 2010, p.32), promuovendo il passaggio ad un orientamento teorico che
si basi sulla nozione di resistenza. Pur riconoscendo la validit dellargomentazione di
Brotherton, allinterno di questo elaborato ho scelto di utilizzare tanto termini quali bande e
gangs, quanto organizzazioni e gruppi sociali per riferirmi ai soggetti protagonisti della
ricerca. Ritengo infatti che i termini bande e gangs non siano di per s stigmatizzanti, ma lo
possano diventare a seconda dellutilizzo che ne viene fatto. Come sar analizzato nel corso
di questo paragrafo i processi che interessano i termini gangs e bande, come il loro
corrispettivo thugs, sono costituiti da unalternanza dialettica tra il carattere di stigma e di
emblema. Tale dialettica influenzata dalla manipolazione delle definizioni ad opera dei
mezzi di comunicazione, dei soggetti interessati, dei membri della societ, dei decisori politici
ed anche della produzione accademica. Ritengo dunque che sia possibile adottare una
prospettiva che si basi sulla resistenza continuando ad utilizzare termini quali gangs e bande,
contribuendo alla loro parziale liberazione dallo stigma. Al tempo stesso il termine

215

organizzazioni di strada mi sembra occultare in maniera eccessiva alcuni elementi che, per lo
meno a Praia, sono indissolubilmente associati al fenomeno in questione, come, per
esempio, lesercizio della violenza.
Confrontandomi con le gangs capoverdiane mi sono interrogata costantemente rispetto alla
presenza o meno di potenzialit di resistenza di fronte a un sistema dominante che si fonda
sullesclusione sociale di una grossa fetta della popolazione. Prima di rispondere a questa
domanda necessario spostare temporaneamente il focus di analisi in un altro stato africano
che condivide con Capo Verde numerose caratteristiche culturali, storiche e linguistiche: la
Guinea-Bissau. Operando un interessante capovolgimento di prospettiva, Silvia Roque (2012)
si interroga sul perch la maggior parte dei giovani di Bissau non si inserisca in fenomeni di
violenza urbana collettiva, a fronte di un insieme di condizioni di povert strutturale e
mancanza di prospettive future che sembrano indirizzarli ad essa. I motivi principali che
sostengono questa non-mobilizzazione degli individui protagonisti dello studio della Roque
sono legati alla stessa condizione di povert strutturale e al controllo sociale sui giovani che
caratterizzano la societ guineense. La Guinea-Bissau, infatti, uno dei paesi pi poveri al
mondo, ma al tempo stesso caratterizzata da un livello di disuguaglianza sociale
relativamente basso. La condivisione della situazione di povert rende inutile dal punto di
vista economico il ricorso ad attivit illecite: chi ruba, per esempio, difficilmente riesce a
ottenere un riscontro economico che sia tale da bilanciare i costi morali e psicologici di tale
attivit. Inoltre la violenza non offre una ricompensa nemmeno a livello sociale, in quanto il
forte controllo sociale della generazione degli adulti e degli anziani sui giovani fa s che le
persone si allontanino e rigettino chi commette violenza (Roque, 2012).
Lanalisi di Silvia Roque efficace nel chiarire la peculiarit della violenza giovanile di Praia.
Al contrario dei giovani di Bissau, infatti, i thugs e i membri delle gangs praiensi attingono a
ricompense tanto dal punto di vista economico, quanto da quello sociale. Abbiamo visto in
precedenza come laffiliazione a una banda rappresenti per molti giovani un mezzo di
sussistenza per s e, a volte, per la propria famiglia. Leconomia illecita e le rapine forniscono
ai giovani le opportunit lavorative che il nuovo sistema economico non offre. Dal punto di
vista sociale, inoltre, le gangs si presentano come forum alternativo di affermazione
personale, costruzione identitaria non subordinata e ottenimento del prestigio sociale. Nel
corso dellintero capitolo si discussa lefficacia del modello thug nel fornire unidentit

216

positiva, provata dal successo nelle conquiste sessuali, dal riconoscimento a livello pubblico,
dal sentimento di appartenenza e dallidentificazione con la cultura hip-hop.
C stato un momento a Praia in cui il sogno di ogni ragazzo era essere thugs. Per
esempio, mi ricordo che noi da bambini giocavamo a guardie e ladri. I bambini, in quel
tempo, hanno trasformato guardie e ladri in guerra thug. Guerra thug era diventato
un gioco molto diffuso nei quartieri popolari. Usavano il nome dei quartieri, dei gruppi,
dei leader dicevano: Vieni a giocare alla guerra thug! (Intervista a Redy Lima,
sociologo)
Nel 2000, 2005 siamo noi che abbiamo iniziato a diffondere la thug life a Paiol!
(Intervista di gruppo nel bairro di Paiol)

Le gangs urbane a Praia costituiscono effettivamente unalternativa efficace al sistema


dominante, alternativa complessa, costituita da un congiunto di reti, simboli e credenze in
opposizione al sistema, che costituisce una cultura di resistenza (Lima, 2010). Inoltre,
possibili riscontrare nella realt delle bande thugs dimensioni di opposizione e critica esplicita
verso la cultura egemonica. La quotidianit della thug life costellata da un insieme di
pratiche e discorsi di resistenza che si inseriscono nellambito infrapolitico, analizzato da
Scott (1990). I furti e la loro giustificazione morale ne sono un esempio. Un altro elemento
costituito dalla diffusione dei discorsi di denigrazione dei politici, in quanto corrotti e
nepotisti, che vengono individuati come i nemici principali.
Io non voto, non ho mai votato. Non mi piacciono. Non mi piace n la religione, n la
politica. Sai perch? Sono una mania! Ci sono vari modi di farsi i soldi! Rubando oppure
con la bocca, come fanno loro! Non hanno bisogno di sporcarsi le mani per fare soldi,
loro! Ma credi che siano tanto diversi da noi? I maggiori narcotrafficanti stanno tra i
politici! Io non voto, non voter mai! (Intervista a Devil)

Il rap costituisce lesempio pi evidente di queste istanze oppositive, in quanto strumento di


espressione che a Praia, fin dallinizio della sua diffusione, si caratterizzato per gli obiettivi
di denuncia sociale e provocazione. Di nuovo in questo Praia si distanzia da altri scenari
dellazione di gangs urbane, come per esempio i Latin King, i quali non utilizzano la musica
come mezzo di rivendicazione sociale. Lesistenza dei Master of Cerimony a Praia
emblematica del carattere di resistenza incorporato nella glocalizzazione della cultura hiphop nellarcipelago. Alcuni studiosi (Lima, 2010) hanno riconosciuto lesistenza di un filone di
continuit localizzato nellisola di Santiago tra le rivolte di schiavi morgadios in epoca

217

coloniale, la lotta di liberazione nazionale condotta dal PAICG e la diffusione dei gruppi thugs
nella capitale. Un fil rouge che si concretizza nella costruzione dellidentit dei badius, gli
abitanti dellIsola di Santiago, caratterizzati dalla ricerca di forme alternative rispetto
allinserimento in un sistema che li marginalizza.
Al tempo stesso necessario riconoscere una seconda faccia del fenomeno thug. Le gangs
urbane, infatti, diventano a loro volta produttrici di marginalizzazione e di nuove forme di
violenza strutturale per s stessi e per le comunit residenti nei loro quartieri, come nel caso
di Santiago, giovane praiense che vive in una condizione di estrema povert, svolgendo lavori
saltuari come cuoco.
Sono andata a trovare Santiago. molto scosso, lhanno derubato in casa, mentre
dormiva nellunica altra stanza con la moglie e la figlia piccola. Gli hanno rubato il
telefono, una pen-drive e le sue scarpe, quelle con cui si fa tutta Praia a piedi in tempi
record. strano vederlo cos Santiago, la persona pi ottimista e positiva che conosco
mi ha detto che pensa che sia stato qualcuno del suo quartiere, qualcuno che lo conosce.
Dice che non si sente pi al sicuro, mentre prima pensava che almeno nel suo bairro
poverissimo Santiago, non ha quasi nulla mi viene ancora pi rabbia quando
succedono queste cose (Diario di campo, 20 Maggio 2014)

Non solo gli abitanti del quartiere subiscono le conseguenze delle azioni delle bande, ma gli
stessi thugs diventano vittime dei processi che mettono in atto, come abbiamo analizzato
rispetto alla segregazione territoriale. Le biografie dei giovani membri delle gangs sono
cariche di episodi di violenza subita da parte di bande rivali o dalla polizia, di mesi e anni
passati in prigione e ferite da armi da fuoco con conseguenze anche permanenti.
Mi sono gi mangiato otto anni di galera. 2 a Socent tra laltro mi hanno beccato
proprio quando avevo smesso di farmi, avevo deciso di controllarmi un po, perch la
mia pekena era rimasta incinta. Poi, dopo qualche mese che sono uscito dalla prigione
di Mindelo sono tornato a Praia. Mi hanno rimesso dentro quasi subito, per sei anni.
Otto anni di prigione, in venticinque di vita. (Intervista a Jailson)
Mentre tornavo da casa di Meru mi ha fermato un gruppo di ragazzi a Paiol. Per fortuna
cera Meru con me, ma allinizio mi sono un po spaventata. Poi mi hanno spiegato che
erano amici di Devil, che prima tornando verso Tchada aveva spiegato loro cosa stavo
facendo e se avevano voglia di fare unintervista. Cos abbiamo improvvisato
unintervista di gruppo. Erano tutti maschi, dai venti ai trentanni. Tra di loro cera un
ragazzo sulla carrozzina. Mi ha raccontato che cos da quando ha preso un proiettile

218

da un poliziotto, lo ha colpito alla schiena e lo ha trapassato. Lesione alla colonna


vertebrale, danno permanente. Ho notato che ha anche le mani danneggiate, non riesce
pi a controllarle. Noi dobbiamo stare con lui, stato colpito nella guerra thug, stiamo
con lui perch nostro brother. (Diario di campo, 10 Marzo 2014)

Un fattore decisivo allinterno di questa dinamica stato la scelta del governo di attuare una
politica di tolleranza zero verso la devianza dei giovani thugs. Tale decisione politica di
investire nella creazione di uno Stato Penale piuttosto che di uno Stato Civile si
concretizzata nellutilizzo della Policia Militar per la lotta ai thugs, nellistituzione dei
piquetes, nella riduzione dellet di imputabilit penale a 16 anni e nel sovraffollamento delle
prigioni dellarcipelago (Bordonaro, 2012). A livello privato, inoltre, si sviluppato un fiorente
mercato della sicurezza, che offre allo strato di popolazione benestante di Praia una vasta
gamma di opzioni per proteggersi, che vanno dai moderni sistemi di allarme, allassunzione
di agenti di sicurezza privati sottopagati, generalmente immigrati senegalesi o guineensi, che
fanno la guardia di fronte alle abitazioni private durante la notte, spesso armati di una mazza
di baseball. Bordonaro (2012) sottolinea come la scelta politica dello stato capoverdiano sia
basata su interessi economici che hanno implicazioni internazionali. Capo Verde, infatti,
fonda la sua economia su risorse esterne, provenienti dal turismo, da investimenti esteri e
da aiuti internazionali. Un paese rappresentato come pericoloso smette di costituire
unattrazione tanto per i turisti, quanto per possibili imprenditori. Inoltre in corso un
processo globale di securitizzazione dello sviluppo, per cui i donatori internazionali sempre
pi spesso offrono risorse da destinare alla lotta al crimine e alla guerra204, influenzando le
scelte politiche degli stati riceventi gli aiuti internazionali (Bordonaro, 2012).
Alla politica repressiva adottata dallo stato, inoltre, si affiancata una campagna ad opera
della comunicazione sociale di denigrazione dei giovani thugs. Tale campagna ha avuto un
esito di stigmatizzazione e criminalizzazione che si esteso alla cultura hip-hop e allintero
gruppo sociale costituito da giovani maschi di estrazione popolare. Lefficacia delladesione
al modello thugs in termini di ricompensa sociale ed economica andata diminuendo e la
dialettica tra stigma-emblema ha subito un nuovo capovolgimento: lappartenenza alle gangs
diventa un chiaro elemento di marginalizzazione. I segni visibili dellappartenenza a una gang,
rintracciabili in quella che stata precedentemente definita estetica della colpevolezza,
diventano uno stigma, ossia un attributo che produce discredito (Goffman, 1963). Lo stesso
204

Vedi per esempio il gabinetto UN per la lotta alla droga e al crimine e Frontex, legato al controllo
delle frontiere internazionali.

219

termine thug cambia di segno e veicola una rappresentazione negativa e colpevolizzante


dellindividuo, motivo per cui difficile ad oggi che un giovane a Praia si auto-definisca thug,
pur essendo coinvolto nelle dinamiche di violenza urbana. Nel corso di numerose interviste
emersa da parte dei miei interlocutori la percezione del marchio che portano per essere
parte di una gang o esserlo stati in passato, tanto dal punto di vista sociale, quanto del loro
vissuto psicologico.
Sono stato in prigione, guarda, ho qui il segno. Mi mostra un tatuaggio fatto a mano
sul braccio, una data Mi sono tatuato la data di quando sono entrato in prigione. Per
non dimenticare. E per evitare che mi succeda di nuovo. (Intervista a Luis)
Questo nome, thug, non mai esistito! Sono loro che lo hanno inventato per noi! Per
questo ti dico: io odio le invenzioni! Dicono che stato Tupac, Tupac! Ma io ti dico,
stata la popolazione, la popolazione di qui a inventare questo nome per noi e siamo
stati anche noi stessi a inventare questo nome per noi. Solo per identificarci come
marginali, loro ci hanno dato questo nome: THUG. Per escluderci. Thug in Capo Verde
vuol dire assassino! Noi siamo tutti macchiati, marchiati! Ci hanno dato quellimmagine
e ora siamo tutti banditi! Dove lavoro mi chiamano Thug, perch mi vesto cos, e io
rispondo, rispondo. Non mi importa, me ne fotto, mi chiamino pure thug! Anche il mio
nome, Devil, viene dalla strada. Ho litigato molto per questo nome, me lo hanno messo,
dicono che sono terribile, sono un diavolo! Ma ora me ne fotto, chiamatemi come
volete, Devil, Thug, me ne sbatto. Io ora vado con la testa alta, non mi interessa, se anche
vedi che sono thug, che sono bandito! D quello che vuoi, solo non mi insultare, non mi
picchiare, o sei fottuto! D quello che vuoi, io sono come sono, dico quello che penso e
faccio quel che faccio! (Intervista a Devil)

Devil riconosce esplicitamente il potenziale di marginalizzazione che ad oggi veicolato dal


termine thug, divenuto uno strumento per rafforzare il sistema dominante di disuguaglianza
sociale, relegandoli nuovamente in una posizione subalterna. Altre interviste, oltre al valore
di inferiorizzazione simbolica, sottolineano la concreta limitazione delle opportunit
accessibili subita dai giovani segnati dallo stigma.
Io ora sono pi grande, mi rendo conto di tante cose mi rendo conto che ho perso un
sacco di opportunit per questa storia della thug life. La scuola, il lavoro. Nessuno d
lavoro a uno che thug. Ma me ne sono accorto tardi. (Intervista a Ruan)
Loro dicono che sono uscito dal carcere, ma non mi sono concentrato, sforzato. Invece
di aiutarmi, che ne so, a trovare un lavoro, dicono che non mi concentro. Dicono: Quel

220

ragazzo un bandito! Metti giudizio! E come faccio? Dovunque vai ormai hai un
marchio, il mio registro sporco, capisci? Dovunque sono stato mi sono fatto degli anni
dentro, ormai sono sporco. (Intervista a Jailson)

Molti dei miei interlocutori, a causa della violenza subita e del depotenziamento dellidentit
thug, hanno espresso il desiderio di uscire dal circuito della violenza delle bande. Arrivati a
un diverso stadio di vita, cominciano ad avere sogni diversi rispetto ai loro futuri percorsi
biografici. Troppo tardi, tuttavia, si rendono conto che tale decisione ostacolata dagli stessi
meccanismi che sorreggono il fenomeno thug e dalla mancanza di opportunit che il mondo
esterno riserva loro.
Ora basta, ho gi fatto troppa galera, vorrei uscirne, vorrei pensare a me, a un lavoro,
alla mia famiglia, cos solo che difficile io non ho nessuno che mi d i soldi per
mangiare, per vestirmi, devo dare expediente. Ma sono stanco, vorrei unaltra strada.
(Intervista a Jailson)
Ora ho ventidue anni, nato mio figlio. Tutta quella scena, prendersi delle pallottole,
brutta, non uno scherzo! Mi sto allontanando un po vorrei smettere, ma non mi
lasciano! Ho fatto del male a un sacco di gente e loro non mi lasciano in pace, vogliono
vendetta! E poi non c lavoro, formazioni, niente! Come faccio? Io ho fatto richiesta per
lavorare in un sacco di posti, per esempio nei magazzini di Achada Grande, ma finora
non mi ha mai chiamato nessuno. Scelgono dalla faccia, non vogliono thugs, pensano
che diamo kasubodi, facciamo cose sbagliate, nessuno d lavoro a un thug. E questo
anche spinge i giovani a tornare nella delinquenza. (Intervista a Meru)
Per esempio, se io voglio stare in pace, tu non mi lasci! Non mi lasci, perch non vuoi
che io passi nella tua zona, che parli con la tua amica, n con la tua ragazza, n con tua
madre, n con tuo padre, non mi vuoi vedere n altro, diventa difficile, mantenere la
pace, cos. Io ora me ne sto a casa mia, non voglio pi casini! Sono due anni che non
vado in centrale, una volta ho incontrato un poliziotto e mi ha detto: Ehi Devil molto
tempo che non ti vedo! Meglio cos! Sto nella mia casa! Per non crearmi problemi,
preferisco starmene in casa, farmi i fatti miei! (Intervista a Devil)

La mia ricerca situata dunque a livello cronologico in una fase di decadenza del fenomeno
thug. Tale processo rintracciabile nei termini dei discordi dei miei interlocutori: invece che
utilizzare il termine thugs o gangs, la maggior parte di loro si riferiva alla violenza delle bande
urbane parlando di influncia juvenil. Jovens hoje est tudos influenciados205. Il discorso
205

I giovani oggi sono tutti influenzati.

221

dellinfluenza caratterizzato da uno spiccato accento moralistico e tende a disconoscere


lagency dei giovani a cui si riferisce. Definire un ragazzo influenzato significa infatti
considerarlo un soggetto debole, vittima di contaminazioni moralmente condannabili. in
gioco un meccanismo di depotenziamento delle istanze di resistenza e della creativit
culturale che fanno parte delladesione al modello thug. Gli stessi giovani che sono membri
delle bande, o lo sono stati in passato, adottano per auto-definirsi la categoria utilizzata dal
sistema nella guerra ai thugs, diventando vittima di un processo di evidente violenza
simbolica.
Ad oggi dunque si assiste a una nuova fase allinterno delle organizzazioni di strada. Il
prestigio del modello thug vittima di una progressiva erosione e il livello di violenza urbana
sembra diminuito. Molti dei personaggi pi carismatici, e anche violenti, allinterno delle
bande sono morti negli scontri tra gangs sono morti, sono finiti in carcere in seguito allazione
di guerra al crimine ad opera dello stato o sono emigrati. Lemigrazione, infatti, rappresenta
uno dei canali per uscire dalla thug life a cui viene riconosciuto maggior successo. Molti thugs
tan viajadu206 in Senegal, Guinea-Bissau, Portogallo, Brasile e Stati Uniti. Alcuni dei miei
intervistati, non avendo i mezzi per emigrare, sono stati inviati dai familiari o da amici in
unaltra isola allinterno dellarcipelago, con lo scopo di cambiare vita. Questa strategia,
tuttavia, ha difficilmente prodotto dei risultati, i miei interlocutori hanno riproposto le stesse
modalit di azione nellisola di destinazione, inserendosi in fretta allinterno dei gruppi di
Mindelo207 o addirittura sono stati arrestati dalle forze armate locali. La situazione a Praia
sembra dunque essere meno violenta rispetto a pochi anni fa. In realt molto difficile avere
una percezione obiettiva della pericolosit urbana, in quanto questa fortemente
influenzata dalla trattazione mediatica. emblematico a proposito che alcuni dei miei
interlocutori, in particolare quelli ancora fortemente coinvolti nelle gangs, hanno espresso la
percezione di un aumento della violenza urbana, piuttosto che di una sua diminuzione.
Inoltre necessario considerare che le condizioni strutturali che sottostanno al fenomeno
thug non sono cambiate. Lintervento del governo stato puramente repressivo,
accompagnato da processi di mediazione e pace tra gruppi rivali che, tuttavia, erano privi di
basi solide, e dunque intrinsecamente fragili. I giovani praiensi continuano ad essere poveri,
disoccupati, senza prospettive e ostacolati nellaffermazione della propria virilit dominante.

206

Sono fuori, in viaggio.


Mindelo lunica altra citt capoverdiana in cui sono sorte gangs urbane, sebbene in misura
notevolmente minore rispetto a Praia.
207

222

A questo proposito in unintervista, Redy Lima mi ha fornito una descrizione della situazione
attuale di Praia che trovo estremamente rappresentativa della realt esistente.
Ora siamo in una fase simile al 2008/9. quello che io chiamo di PAZ CRIMINOSA.
Non una definizione mia, usata vuol dire che tu sai che c qualcosa in ballo, sei in
un momento di pace, ma una pace pericolosa, che pu esplodere in qualsiasi momento.
Perch le cause strutturali non sono venute meno (Intervista a Redy Lima, sociologo)

Per concludere questo capitolo, vorrei dunque riprendere la questione relativa al potenziale
di resistenza o agli effetti di marginalizzazione propri delle gangs urbane. Philippe Bourgois
ha svolto una ricerca nel contesto di El Barrio, ghetto portoricano di East Harlem, New York
City, che diventata una pietra miliare nella letteratura sulle bande urbane. In seguito a tre
anni di ricerca etnografica nel ghetto, dove ha vissuto insieme alla moglie e al figlio piccolo,
Bourgois riconosce le istanze di resistenza della street culture, rappresentate da un congiunto
di pratiche di ribellione che emergono in uno stile oppositivo rispetto alla cultura dominante.
Tuttavia, lautore arriva alla conclusione che althought street culture emerges out of a
personal search for dignity and a rejection of racism and subjugation, it ultimately becomes
an active agent in personal degradation and community ruin (Bourgois, 2003, p.9). Bourgois
arriva dunque a negare la capacit trasformativa della cultura di strada, che diventa a sua
volta unulteriore fonte di oppressione e violenza strutturale per i soggetti che vi sono
coinvolti. Rispetto alle gangs di Praia non possibile ignorare la parte che interpretano nel
processo di peggioramento delle condizioni di vita dei propri membri e delle comunit di cui
fanno parte. Come spero sia emerso in questa analisi la violenza delle bande rappresenta a
ragione un motivo di preoccupazione e sofferenza per le persone che ho conosciuto sul
campo, tra cui gli stessi giovani definiti thug. Al tempo stesso, ritengo che questo fatto non
possa esaurire il potenziale trasformativo insito nelle istanze di resistenza che fanno parte
della street culture. Lattuale decadenza del modello thug credo che in realt sia essa stessa
espressione di tale potenziale. Le istanze di resistenza e denuncia sociale e la volont di
affermazione di unidentit non subalterna si stanno ri-modellando in nuove forme di
organizzazioni di strada. Credo che sia proprio il potenziale trasformativo insito nella cultura
di strada ad aver incentivato il tramonto del fenomeno thugs, favorendo la formazione di
nuovi gruppi sociali, quali i movimenti di attivisti, che raccolgono buona parte dei componenti
delle ex-gangs e delle istanze da loro proposte, in una prospettiva maggiormente focalizzata
sul tema della resistenza. Nel prossimo capitolo analizzer nello specifico questa evoluzione
in atto oggi nei quartieri di Praia, costituita da dinamiche complesse e in continuo divenire.

223

CAPITOLO V: UNIDADI E LUTA

Fin dal primo giorno del mio arrivo a Praia, grazie al contatto con Stefania Bortolotti, ho fatto
la conoscenza di unorganizzazione locale chiamata Movimento Korrenti di Ativiztas. La
Korrenti costituita da un insieme di giovani appartenenti in genere ai quartieri popolari e
ha sede ad Achada Grande Frente nel Pilorinhu, una mercato pubblico inutilizzato che stato
occupato dal movimento. I membri della Korrenti sono state le prime persone con cui ho
stretto amicizia e che mi hanno aiutato a inserirmi allinterno del quartiere, che diventato
il campo della mia ricerca. In tale contesto, un personaggio estremamente prezioso per il
sostegno che mi ha dato, nonch per la sua rilevanza rispetto al mio tema di ricerca, stato
Joo Monteiros, detto Uv, leader fondatore del Movimento. Grazie a lui, per esempio, io e il
mio ragazzo abbiamo potuto affittare una stanza allinterno del quartiere, di propriet di un
pescatore affiliato al gruppo. Attraverso questa rete di conoscenze ho cominciato a inserirmi
nel contesto di Praia, a svolgere le prime interviste e a indagare sulle relazioni di genere. Al
tempo stesso ho scelto di accettare la proposta di partecipare alle azioni del Movimento
attivando un corso di italiano gratuito allinterno del Pilorinhu. Tuttavia, allinizio il mio
interesse per il movimento della Korrenti non aveva alcuna finalit scientifica, dal momento
che la mia ricerca era orientata piuttosto allanalisi delle relazioni familiari nella societ
capoverdiana. stato solo dopo un periodo in cui avevo gi iniziato a indagare sul fenomeno
delle gangs urbane che ho notato il legame dellattivismo tanto rispetto al sistema di genere,
quanto alle bande thugs. Lultima fase della mia permanenza sul campo stata quindi
dedicata allanalisi di queste realt, basandomi sulle relazioni costruite e sulle esperienze
vissute nei mesi precedenti. Sebbene Praia sia ad oggi teatro della nascita di diversi gruppi di
giovani che si definiscono attivisti, la mia analisi si concentrer prevalentemente sulla
Korrenti di Ativiztas, realt con cui ho condiviso i sei mesi sul campo. Ho conosciuto, spesso
proprio grazie alla Korrenti, altri movimenti, con i quali tuttavia ho sviluppato una relazione
non sufficientemente profonda per svolgere unanalisi degli stessi. In questo capitolo
cercher dunque di descrivere le dinamiche che interessano questo movimento,
premettendo che il compito non facile, essendo un fenomeno che, a mio parere, in una
fase ancora iniziale e di grande cambiamento. Per far questo ho scelto di utilizzare una
modalit che si discosta leggermente dallimpostazione dei capitoli precedenti. Presenter,
infatti, nel corso del capitolo uno studio di caso che ho svolto su ununica attivit organizzata
dalla Korrenti, sufficientemente densa di significati per rappresentare la base su cui discutere
224

le caratteristiche del fenomeno stesso. Nel mese di Aprile la Korrenti di Ativiztas ha firmato
un protocollo dintesa con il Ministero dellAmministrazione Interna, ricevendo un appoggio
per lo svolgimento di un progetto chiamato Parlamento di guetto. Tale iniziativa si inseriva
allinterno della Campanha di Entrega Voluntarias das Armas promossa dal Ministerio da
Administrao Interna nei mesi precedenti il 16 luglio, data in cui sarebbe entrato in vigore il
nuovo quadro legislativo che aggravava il reato di possesso illegale di armi da fuoco. Il
progetto ideato dalla Korrenti prevedeva lorganizzazione di dibattiti pubblici aperti nei
quartieri popolari di Praia e in altre zone dellIsola di Santiago, per promuovere un processo
di presa di coscienza politica e per incentivare la consegna volontaria delle armi da parte dei
giovani. Le sessioni di parlamento spesso prevedevano anche momenti di performance
musicali di rap concinti208 e la condivisione di una merenda o di un pasto completo.
Lobiettivo di Uv era quello di reperire risorse da offrire ai giovani in cambio della consegna
delle armi da fuoco, quali stage lavorativi, corsi di formazione, finanziamento delle tasse
scolastiche, ma al momento della mia partenza, purtroppo, tali risorse non erano ancora
state trovate.

5.1. Partenza ore 9.00. Continuit e mutamento tra thugs e ativiztas.


Cominciamo con una mia grandissima figuraccia: non mi sveglio, mi alzo di corsa alle
09.50, quando la partenza doveva essere alle 10! Mi vesto in un secondo e schizzo fuori
di casa. Raggiungo i maltas del Pilorinhu che sono gi a Calabaceira, dove mi aspettano
in un pulmino dellesercito. La prima cosa che mi stupisce chiaramente la
partecipazione del Ministero in questa iniziativa: hanno finanziato il progetto di
Parlamento di Ghetto e quello della campagna di consegna volontaria delle armi. Inoltre,
ha messo a disposizione anche questo pulmino! Spettacolo! Ci stiamo tutti, con anche i
tamburi. Ci sono tutti i soliti, i ragazzi di Achada Grande, di Calabaeira, Manel di
Kastelon, Santiago di Pensamento, io e Isabel di donne, il figlio di Isabel, la figlia e il
nipote di Uv. L ci aspettano Luis, Kapi e Dj, del Pilorinhu, che sono andati l tre giorni
prima per fare "mobilizzazione, ossia coinvolgere la popolazione locale. Noto che Devil,
per la prima volta da quando lo conosco, ha una giacca kamuflada. Carlos ha una t-shirt
kamuflada, novit anche per lui, e i soliti pantaloni da capoeira, con un cappello rosso,
giallo e verde. Oggi mi ha spiegato che sono i colori della prima bandiera dei Capo Verde,
208

Rap Cosciente: tipologia di rap caratterizzata per lattenzione alla denuncia sociale e la trattazione
di tematiche legate alla condizione di vita nel ghetto.

225

anzi della bandiera della lotta armata, su cui erano disegnate una zappa e una spingarda
incrociate. Molti a Capo Verde usano quei tre colori con questo significato, o perch
richiamano la bandiera dellEtiopia. Questi lievi cambiamenti di stile mi fanno pensare
che le mie idee sull'essere ativizta come strumento identitario funzionino... Pensavo che
Devil in particolare sarebbe rimasto per sempre un affezionato allo stile "thug", e
invece.... Stiamo stritolati uno sullaltro nel pulmino. abbastanza grande, ma noi siamo
in pi di venti, sicuro! I ragazzi seduti in fondo, in pi, si tengono in braccio tutti i tamburi
della batukada e la consolle da dj. Lidea quella di usare la musica, sia il rap che le
percussioni, nel corso della giornata. Quando salgo chiaramente mi sfottono tutti per il
ritardo! Uv, che sta leggendo un libro di Cabral, mi passa un volantino del Parlamento,
per farmelo vedere. tutto scritto in kriolo, in fondo alla pagina ci sono tre simboli: la
bandiera antica di Capo Verde e i simboli di entrambi i partiti. Mi stupisce un po la
presenza dei simboli di partito.

La prima considerazione inevitabile rispetto allorganizzazione dei gruppi di attivisti a Praia


il legame di continuit che intercorre tra questi e i thugs. Abbiamo visto come il modello
thug stia vivendo un momento di forte stigmatizzazione e depotenziamento, senza che le
condizioni strutturali che ne hanno motivato la nascita siano mutate. Laffiliazione a un
gruppo di attivisti rappresenta sempre di pi unalternativa interessante per i giovani dei
quartieri popolari che avevano fatto parte delle gangs. La maggior parte dei giovani membri
della Korrenti ha fatto parte dei gruppi thug, in passato. In un confronto rispetto a questa
continuit, Redy Lima mi ha fatto notare come questo possa essere vero, ma a livello di
soldados, ossia dei giovani che nei gruppi thugs ricoprivano posizioni di minor importanza,
mentre la gentes grandi rimane estranea a questo nuovo fenomeno. I gruppi di attivisti, come
la Korrenti, raccolgono i giovani che in passato avevano individuato nellidentit thug una
risposta per alcuni versi efficace alla propria condizione di marginalit.
Mentre sono al Pilorinhu, Uv mi dice che mi deve presentare un suo amico, Netu. Mi ha
detto che devo intervistarlo io ero un po imbarazzata, ma Netu mi sorrideva,
bendisposto. Uv mi ha detto che suo padre era il fondatore dei Netinhos da Vov,
quindi Netu una seconda generazione thug. Netu mi dice che appena uscito dal
carcere, suo fratello gemello ancora dentro. venuto al Pilorinhu perch vuole
cambiare vita. Netu molto famoso per il suo passato da thug! Se la gente sapesse che
vuoi cambiare vita Netu, credo che qualsiasi negoziante ti darebbe un lavoro!
Dovrebbero dartelo, molto meglio averti come dipendente, che aspettare che tu li
derubi, no? Netu annuisce sorridente, dice che si stancato, vuole una vita pi

226

diskontra, non vuole pi comer cadeia209 ed venuto a cercare Uv per questo. Io sono
molto meno ottimista di Uv, credo che sar molto dura trovargli un lavoro, visto il suo
passato. (Diario di campo, 20 Marzo 2014)

Lattivismo, raccogliendo lo stesso bacino di popolazione delle gangs, sostenuto dalle


medesime istanze che, tuttavia, assumono un significato pi inequivocabile di critica e
rivendicazione politica e sociale. A questo proposito interessante riportare una parte
dellintervista svolta con Uv, che racconta come sorta lidea della formazione della Korrenti.
Quando studiavo sociologia, passavo molto tempo sul campo, lavoravo direttamente
con i giovani sul campo, stavo studiando i gruppi thug. Mi chiedevo cosera possibile
fare, a partire dal 2010 ho cominciato a fare un lavoro di mediazione tra i gruppi. Io
vedevo le necessit dietro alla loro violenza, ma loro lottavano tra loro stessi, cos
perdevano solo! Non guadagnavano nulla con quei conflitti io volevo mettere in atto
tipo un programma di sensibilizzazione, volevo svegliarli, provocare un cambiamento in
senso positivo. Tipo fare un movimento sociale dentro un movimento antisociale!
Perch vedevo che i thug erano un movimento antisociale e io volevo trasformarli in
un movimento di rivendicazione, che la Korrenti di Ativizta. Il mio obiettivo era: invece
che lottare tra di voi, uniamoci contro lo stato, contro il Sistema che vi opprime! La mia
idea era di focalizzare tutta lattenzione dei thug verso il sistema, creare tipo un esercito.
Canalizzare le loro forze, la loro rabbia in un senso positivo, verso un fine! Volevo aprire
la loro mente, erano chiusi, erano tutti dentro linfluncia il mio intento di provocare
i giovani, risvegliare in loro la coscienza del modo in cui si vestono, di come agiscono, di
quali obiettivi hanno! (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)

Pi volte, nei discorsi con gli attivisti, emerso il termine influncia juvenil, di cui si in
parte trattato nel capitolo precedente. Questa categoria, prodotta dal discorso dominante
del governo, ha un valore stigmatizzante che tende a colpevolizzare lintera popolazione
giovanile di bassa estrazione sociale.
Perch i giovani sono tutti di odju fitchadu210! Il governo cos fa quello che vuole, non
c evoluzione per noi! E i giovani non stanno vedendo questa cosa, sono tutti nell
influncia, non hanno quella visione! (Intervista a Man)

Lutilizzo che fanno gli attivisti di questo termine sembra essere unappropriazione creativa,
in cui la valenza stigmatizzante viene in parte manipolata e modificata. Infatti, quando gli

209
210

Mangiare la prigione, ovvero passare degli anni in carcere.


Occhi chiusi.

227

attivisti parlano di influncia, la riferiscono ad altri gruppi di giovani appartenenti ai loro


contesti, identificandosi in una sorta di confronto negativo con loro, e rappresentandosi
come gli unici agenti capaci di contrapporsi alla diffusione dellinfluncia. Al contrario delle
istituzioni, infatti, gli attivisti condividono la condizione di giovani marginali con i presunti
soggetti vittima dellinfluenza, ma, a differenza di questi, hanno gli occhi aperti, sono
portatori della visione e dunque si definiscono gli unici soggetti capaci di produrre un reale
cambiamento nel bairro211. Inoltre, la manipolazione creativa del concetto di influncia, ne
ribalta il significato: mentre il discorso ufficiale diffonde tale termine per rinviare a una
dimensione puramente individuale le cause delladesione a gangs urbane, in una dinamica di
colpevolizzazione delle vittime, al contrario tale definizione utilizzata dagli attivisti
rappresenta una denuncia degli effetti dellegemonia ideologica, produttrice della
disuguaglianza sociale da cui nascono le gangs. Al tempo stesso, il distanziamento che
attuano rispetto ai giovani vittima dellinfluncia sottolinea gli effetti delle gangs di
produzione di ulteriore marginalit sociale.
Un altro elemento interessante, dato dal rigetto delletichetta di volontari. I miei
interlocutori mi hanno pi volte fatto notare limportanza di autodefinirsi attivisti e non
volontari, in quanto il volontariato ha il duplice effetto di indebolire tanto i soggetti che ne
ricevono i benefici, dipinti come coitados212, quanto i volontari stessi, il cui operato viene
letto in unottica paternalistica, motivato da uno spirito altruista e generoso. La motivazione
di fondo degli attivisti non tanto laltruismo, ma piuttosto lindignazione verso le condizioni
sociali in cui versa la citt di Praia e la profonda ingiustizia e disuguaglianza sociale.
Prima si usava molto la parola volontario qui a Capo Verde. Noi non accettiamo
questa parola. Noi non siamo volontari. Siamo attivisti. Persone che trasformano la
realt. Non centriamo con quella scena di aiutare i coitados, no, non nel nostro
vocabolario! Noi siamo attivisti! (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)
Io sono orgoglio di essere attivista, di essere in prima linea nella storia del quartiere,
per il nostro sviluppo, per la giustizia sociale e luguaglianza di opportunit. (Intervista
a Manel, leader comunitario di Kastelon)
Io sono otto anni che faccio volontariato. Solo che per me stato chiaro fin da subito
che mi aspettava un altro ruolo. Ho anche seguito una formazione su Cabral e i pensatori

211
212

Quartiere.
Poveracci.

228

africani, non potevo fare solo il volontario. Perch vedi, allinterno di unorganizzazione,
tu

puoi

essere

volontario

attivista.

Solo

che

se

sei

attivista

hai

quellautodeterminazione, non hai bisogno che ti vengano messe delle regole, perch
sai cosa devi fare, non lo fai solo per laltro, lo fai per te, perch credi davvero in quello
che fai. (Intervista a Santiago, leader comunitario di Pensamento)

Allinterno di questo processo di trasformazione, esistono elementi di continuit nel


cambiamento, come per esempio ladozione della cultura hip-hop da parte degli attivisti,
motivata dalle sue potenzialit di denuncia sociale e rivendicazione politica, cos come dal
suo diffuso apprezzamento tra i giovani dei quartieri popolari. Nella sessione di Parlamento
di Guetto svolta ad Assomada, per esempio, era previsto lutilizzo del rap e dei graffiti, pilastri
della cultura hip-hop.
Ho iniziato facendo parte di un gruppo rap. Noi eravamo quattro MC, facevamo rap
cosciente, denuncia sociale, cos solo che il gruppo poi si sciolto, alcuni sono fuori dal
paese ora, ma in me rimasta quella preoccupazione con la societ, con il mio bairro.
Volevo dare continuit al lavoro iniziato con il gruppo di MC. Mi sono reso conto che
necessario trasformare quel messaggio di sensibilizzazione in unazione pratica, reale. Il
ruolo di MC in realt non solo cantare e scrivere! Cos ho deciso di impegnarmi
concretamente, entrare nellAssociazione Comunitaria del quartiere, per cambiarla da
dentro, renderla attiva, rivolta verso i giovani! E cos mi sono candidato alla presidenza
dellAssociazione e sono stato eletto. (Intervista a Manel, leader comunitario di
Kastelon)
Scappo alle 19 da Safende, pensavo che al Pilorinhu il Parlamento di Guetto fosse gi
terminato, visto che doveva essere alle 16.00. E invece Uv mi dice che non hanno ancora
iniziato. Mentre salgo sullautobus sento lintervista di Uv passata alla radio in diretta,
dove parla della campagna di consegna delle armi da fuoco. Quando arrivo la prima cosa
che noto la bandiera di Capo Verde issata sul tetto del Pilorinhu. Al centro del Pilorinhu,
appoggiandosi al circolo formato dalle colonne portanti, hanno costruito un piccolo
palco. Vicino al palco uno dei ragazzi di Calabaeira che ha ottime competenze nel
sound-check gestisce la postazione dj insieme a un altro. Nel Pilorinhu ci sono un sacco
di bambini mediamente abbandonati a s stessi, come sempre, e per il resto giovani per
lo pi maschi. Qualche donna, con bimbi piccoli annessi. Quando arrivo Uv sul tetto
con la maggior parte dei giovani, tutti maschi. Sono sotto la bandiera in circolo. Uv
chiede ad ognuno di presentarsi, dicendo da quanto membro della Korrenti e cosa fa
nella vita. I soliti discorsi in cui ricorre un certo lessico che ormai conosco: luta, soldado,
ativizta, influncia, goberno inimigo... molti si riferiscono a Uv come un leader,

229

esprimono la loro fiducia in lui. Uv si prende tutti questi riconoscimenti come se... non
so, come se fossero giusti. Sotto, intanto, Isabel e unaltra ragazza stanno in cucina a
preparare po ku ovo213 e succo per tutti. Vado a dargli una mano. Come sempre in
cucina, solo donne. Finiti i discorsi sotto la bandiera Uv e gli altri ragazzi scendono e
comincia il contest di MC. Cominciano a cantare rap, uno alla volta, coinvolgendo il
pubblico che circonda il palco. I rap... mi stupisco sempre in realt, sono veramente
bravi. Moltissimi di questi ragazzi cantano, scrivono canzoni, improvvisano rap hanno
una creativit incredibile! Uv mi chiede come sempre di fargli delle foto con alcuni gaju
che sono l, personaggi importanti per la Korrenti. (Diario di campo, 27 Aprile 2014)

Gli attivisti propongono percorsi di costruzione identitaria alternativi a quelli della societ
dominante, attraverso unaffermazione di s non subalterna, esattamente come avveniva nei
gruppi thugs. Questa identit si costruisce su un complesso sistema di simboli, modelli e
riferimenti culturali, che in parte si rifanno al modello thug, come nelladozione della
cultura hip-hop, in parte introducono elementi innovativi.
Come emerge dal diario di campo riportato a inizio paragrafo, per quanto riguarda la
componente identitaria estetica gli attivisti hanno individuato una serie di elementi che
diventano simboli dellappartenenza al gruppo. Allabbigliamento hip-hop si sostituiscono i
dreadlocks e la kamuflada, tuta mimetica che nei mesi passati a Praia ho visto diffondersi a
macchia dolio tra i miei conoscenti affiliati alla Korrenti214.
Oggi riunione della Korrenti. Mentre discutevamo sullazione da fare a Assomada,
guardavo il look dei miei amici. La kamuflada sembra contagiosa, prima o poi la mettono
tutti! Oggi la indossano Uv e Luis, Kriu ha un cappellone rasta di Uv, Djon anche lui con
cappello, rasta e gilet color verde militare, sembrano fratelli lui e Uv. Lunico che esce
decisamente da questo stile Santiago. Si veste normale, con colori chiari, maglione.
Ma oggi novit! Cappello di Amilcar Cabral in testa215! Per segnalare anche lui ladesione
alla Korrenti! (Diario di campo, 3 Aprile 2014)
Uv: La kamuflada, per esempio io vedo che qui a Capo Verde molti rasta hanno
labitudine di mettere la kamuflada. Per dire che sono soldati, che lottano. Per

213

Pane con luovo.


Fig. 9 in Appendice.
215
Cabral era solito portare un cappello molto particolare: un berretto di cotone stretto con un piccolo
pon-pon sulla testa e dei motivi geometrici bianchi e neri. I cappelli di Cabral sono molto diffusi a Capo
Verde, a Praia si acquistano, per esempio, a Sucupira.
214

230

trasmettere lidea che sono sempre nella lotta, che stanno andando, stanno lottando.
Che sono soldjers.
Silvia: Ma che tipo di lotta? Contro chi?
Uv: Contro la disuguaglianza della vita, contro le difficolt. Contro nessuno, contro i
problemi! Lotta per migliorare le proprie condizioni di vita e quelle degli altri. Lotta
perch sono indignati. Questa la lotta. una lotta invisibile, non si fermano, non
incrociano le braccia, sono sempre in piedi. Come dice Bob Marley: Wake up, stand up!
Wake up for your rights! Bob Marley parla della nostra lotta. Ascoltiamo reggae e rap,
perch il rap, anche, rivendicazione! (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)

La kamuflada indica, come sottolinea Uv, la condizione dei giovani di soldados, lassunzione
del compromesso della luta. Queste rappresentazioni di s costituiscono per i giovani una
fonte di prestigio personale e rafforzamento dellautostima. Inoltre, gli attivisti, riscoprono
nuovi modelli culturali e identitari, che affiancano la musica reggae al rap, con lemblematica
figura di Bob Marley e riscoprono limmagine delleroe di liberazione nazionale Amlcar
Cabral. Limmagine di Cabral fiorisce sulle magliette, sui murales e i volantini utilizzati dagli
attivisti, parte integrante del logo simbolo della Korrenti216. Ugualmente frasi celebri
delleroe capoverdiano vengono ripetute e utilizzate come slogan, in cartelloni appesi alle
pareti dei luoghi di ritrovo, sulle pubblicazioni online relative alloperato del Movimento e
negli striscioni utilizzati durante le marce.
Abbiamo come punto di riferimento Amilcar Cabral! Sullo sfondo c sempre Cabral,
seguiamo principi cabralisti! Unidade e luta217. Uguaglianza, pace, sostenibilit. Lui
voleva la pace per i giovani e metteva in guardia dal neocolonialismo e tutte quelle
questioni che tappano gli occhi dei giovani. Per esempio, io penso che in parte i thug
erano una specie di neocolonialismo, perch faceva s che i giovani rimanessero tutti con
gli occhi tappati, capito? Penso che un modo per liberare i giovani sia proprio quello di
far conoscere loro la figura di Amlcar Cabral. (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di
Ativiztas)
Vado con Wilson a trovare Adlio, un suo amico che ha un computer in casa, cos
possiamo vedere il documentario che mi interessa. Sono passata varie volte davanti a
casa di Adlio, chiedendomi cosa fosse: ci sono un sacco di pezzi di biciclette appese
fuori da una specie di garage, sembrava uno di quei posti un po hipster che vanno di
moda ora a Torino, chiaramente molto pi sfasciato, tipo ciclofficina culturale o robe del

216
217

Fig. 2 in Appendice.
Unit e lotta, titolo di un testo di Amlcar Cabral.

231

genere. Entriamo nel garage ed effettivamente dentro c un cortiletto in cui alcuni


ragazzi smontano delle bici. Adlio, lamico di Wilson, ha dei dreadlocks lunghissimi, che
porta raccolti sotto una cuffia nera, elasticizzata. Entriamo nella sua stanza,
direttamente dal cortiletto. La camera di Adlio illuminata da una luce rossa. Un letto,
una scrivania con computer e casse enormi, due sedie. Allinizio non vedo quasi niente,
per via della luce poi mi abituo, poco a poco. La parte pi interessante della stanza
sono le pareti: completamente ricoperte di poster. C qualche foto di Adlio, tra cui una
prima che cominciasse a farsi crescere i dreadlocks. Gli altri poster rappresentano tutti
gli stessi tre personaggi, in pose diverse: Tupac, Bob Marley e Hail Selassi, il Ras Tafari.
Nella camera di Adlio sono raccolti tutti i miti dei giovani praiensi che ho conosciuto.
Manca solo Cabral mi giro e, no, giustamente c pure lui, che sorride da sopra la porta
dingresso. (Diario di campo, 16 Maggio 2014)

Nella camera di Adlio sono presenti, in un interessante sincretismo, i modelli propri di


entrambe le contro-culture thug e attivista: Tupac, Bob Marley, Amilcar Cabral e Hail
Selassi. Questultima figura merita unattenzione particolare, in quanto emblematica
dellinfluenza rastafariana allinterno dei gruppi di attivisti sociali. La religione rastafariana si
sviluppa in Giamaica e paradossalmente rappresenta uneterodossia che nasce dal
rovesciamento della religione cristiana colonialista (Hebdige, 1979). La Bibbia, infatti, ha
rappresentato uno degli elementi strategici dellassoggettamento nellimpresa coloniale. Il
messaggio cristiano era utilizzato da una parte per giustificare linvasione ad opera delle
potenze occidentali, dallaltra come strumento di civilizzazione dei dominati, i quali, insieme
alla buona novella introiettavano lideologia egemonica della classe coloniale dominante.
Tuttavia, proprio la Bibbia ha rappresentato nelle Indie Occidentale il cardine su cui fondare
un movimento di rivendicazione materiale e simbolica della classe dominata, che si
concretizzato appunto nel movimento rastafariano. Nella narrazione biblica i rastafariani
hanno incontrato metafore della condizione coloniale: Babilonia rappresenta la potenza
dominante bianca, mentre i neri soggiogati al dominio coloniale si riconoscono nei figli di
Israele sofferenti, in schiavit. Lascesa al trono di Etiopia nel 1930 di Hail Selassi, stata
interpretata dai rastafariani come il compimento delle profezie bibliche che annunciano la
fine di Babilonia e la liberazione delle razze nere (Hebdige, 1979). Hail Selassi, messia della
redenzione africana, nellimmaginario dei miei interlocutori costituisce lunico imperatore
che ha saputo difendere la propria nazione dallinvasione bianca, rendendo lEtiopia la terra
promessa dei popoli africani. Allinterno del rastafarianismo nasce, inoltre, limmaginario
estetico che d forma allo stile dei miei interlocutori: i dreadlocks e le pettinature afro, abiti

232

militari che simboleggiano la guerriglia contro Babilonia, i colori rosso, oro e verde, che
richiamano la bandiera dellEtiopia, elementi complessivamente volti a un recupero e a una
valorizzazione della negritudine. Dick Hebdige (1979) considera le sottoculture giovanili come
sfide lanciate allideologia egemonica in maniera indiretta, attraverso larma dello stile. La
sottocultura rastafariana si inserisce allinterno di questa prospettiva e rappresenta, anche a
Capo Verde, un elemento di contestazione e opposizione alla cultura egemonica. Tra i miei
interlocutori attivisti la diffusione della religione rastafariana ancora agli arbori: mentre tra
esponenti di altri gruppi, come Ra-Tecnologie, ladesione a tale fede esplicita e dichiarata,
i membri della Korrenti provavano un profondo rispetto e interesse per la figura di Selassi e
la cultura rastafariana, ma non arrivavano a definirsi rastafari. Tuttavia, lelemento
interessante di questi modelli identitari selezionati dagli attivisti, lorientamento verso il
continente e la storia africana. A una tradizione capoverdiana che da sempre ispira i propri
canoni ai modelli europei o americani, la Korrenti oppone una prospettiva afrocentrica.
Prendere come emblemi Cabral e Selassi, esprime il desiderio di proporre percorsi di
costruzione identitaria che si basino sullorgoglio dellappartenenza africana, in una
dichiarata tensione contro-egemonica. Questo processo comporta la rivalutazione della
storia africana, che stata negata dalla colonizzazione, in una prospettiva afrocentrica.
Non mi ricordo perch ma oggi stavo parlando con Uv della storia di Capo Verde. Io
parlavo del fatto che un paese relativamente giovane, visto che era disabitato fino a
quando non sono arrivati i portoghesi. Uv si zittito e si fatto pensieroso. Beh, che
era disabitato quello che ci raccontano. Non detto che sia vero. quello che serve a
loro, non per forza la realt. Sul momento ho pensato a una delle altre uscite un po
visionarie che a volte Uv si fa e invece poi sono andata a controllare. Ho trovato
effettivamente dei libri che dicono che probabilmente le isole non erano deserte come
invece si racconta nelle scuole capoverdiane e come io pensavo fino a due giorni fa
(Diario di campo, 18 Aprile 2014)
Resto tutto il pomeriggio nel Telecentro a parlare dei rastafariani con Wilson. Lui lo
diventato da poco, mi racconta un po di cose. Mi fa tutto un discorso legato al
colonialismo e ai suoi strascichi a Capo Verde. Vedi perch in realt le cose non stanno
come sono raccontate. Per esempio: la razza umana nata in Africa. lAfrica la culla
dellumanit, per tutto. La filosofia dicono che la filosofia viene dalla Grecia, ma non
vero! La filosofia nata in Egitto, i Greci lhanno presa da l. E anche la religione, in
Medio Oriente. Sempre Africa, vedi? Ges era nero, solo che non lo dicono, guarda come
sono le immagini della religione cattolica! Io voglio essere orgoglioso di essere africano,

233

ma loro, lOccidente, Babilonia, non vuole, per questo maschera le cose. (Diario di
campo, 20 Maggio 2014)

La riscoperta di un passato prestigioso accompagnata dalla rivalutazione di elementi


estetici, che contraddicono i canoni del discorso dominante, ereditato dallepoca coloniale.
Infatti, a una rappresentazione egemonica che individua la bellezza nella pigmentazione
chiara della pelle e nel cabello fino gli attivisti contrappongono, per esempio, la valorizzazione
del cabello duro, spesso fatto crescere in lunghi dreadlock. Come stato trattato rispetto alle
dinamiche insite nel fenomeno thug, i dreadlocks diventano strumenti della trasformazione
dello stigma in emblema: i caratteri corporei di una maggiore affiliazione con la razza africana
da vettori di marginalizzazione diventano elemento fonte di prestigio personale e orgoglio.
La ricerca di una prospettiva afrocentrica si ritrova anche nelle scelte linguistiche operate
dagli attivisti. Mentre i thugs privilegiavano lappropriazione e lutilizzo di termini inglesi, la
Korrenti promuove una diffusione e valorizzazione della lingua creola. Il kriolo la lingua che
gestisce tutte le transazioni quotidiane a Capo Verde, ma il portoghese rimane la lingua
ufficiale, soprattutto a livello scritto, non esistendo ancora in kriolo una regolamentazione
ufficiale della scrittura ampiamente utilizzata a livello nazionale. Esiste in realt un sistema
denominato ALUPEC (sistema Alfabeto Unificado para a Escrita do Crioulo Cabo-verdiano)
che propone una formulazione ufficiale del kriolo scritto, che tuttavia ha ricevuto pi
polemiche che apprezzamento. Infatti la lingua creola incontra in ogni isola forti differenze
idiosincrasiche, la creazione di un unico modello nazionale implicherebbe, dunque, la
selezione di una di queste varianti di creolo a discapito delle altre. La problematicit di questa
scelta complicata dal fatto che il sistema proposto si basa sul kriolo badiu, dellIsola di
Santiago, la cui popolazione, come stato esposto precedentemente, vittima di una
stigmatizzazione a livello nazionale. La scelta della lingua di utilizzo veicola dunque in s
numerosi significati simbolici.
Dopo cena siamo andati a sederci alla Ponta di Achada Grande, una sorta di promontorio
da cui si vede la citt, il porto, il mare bellissimo. La televisione di Achada Grande,
come dice Man. Ci siamo seduti l a chiacchierare, io e Chri, con Man, J e Jandira,
prima volta che siamo fuori casa di sera da quando viviamo ad Achada Grande! Io capivo
pi o meno quello che dicevano i ragazzi, parlavano solo in kriolo. abbastanza
complicato in realt, soprattutto da ascoltare Chri ha gi difficolt con il portoghese, il
kriolo per lui un muro. Jo ha cominciato proprio a parlare del fatto che il kriolo una
lingua mas sabi, pi bella, rispetto al portoghese. Che la loro lingua, di terra. Jandira

234

diceva che non sopporta quei capoverdiani che si atteggiano e per strada parlano
portoghese. Non avevo ancora colto questo investimento emotivo rispetto alla scelta
della lingua. Parlare portoghese per strada significa reputarsi superiori, parlare una
lingua colta. Jandira, inoltre, criticava il fatto che la scuola fosse in portoghese. E sono
dei capoverdiani come noi che vogliono farla in portoghese e non kriolo! (Diario di
campo, 22 Dicembre 2013)

Durante la ricerca sul campo ho sperimentato in prima persona la complessit di significati


su cui si fondano le performance linguistiche dei capoverdiani. Nei primi tempi a Praia ho
incontrato notevoli difficolt nellutilizzo della lingua creola, che, se pur somigliante al
portoghese, si presenta a un primo approccio come relativamente complicata, soprattutto a
livello di comprensione orale. stato interessante vedere come allinterno del bairro
popolare di Achada Grande la maggior parte dei miei conoscenti abbia cercato fin da subito
di iniziarmi alla lingua locale, parlandomi solo in kriolo, a volte motivati da difficolt
nellutilizzo del portoghese, ma pi spesso spinti da un intento educativo nei miei confronti.
significativo a questo proposito il rapido cambiamento avvenuto nei rapporti con Dika, la
nostra vicina di casa.
Dika il primo giorno che siamo capitati a casa sua ci parlava solo in portoghese, mi dava
del lei, mi chiamava a senhora mi sentivo molto in imbarazzo, comunque le davo del
lei anche io e poi le ho detto di darmi del tu che sono la sua vicina di casa e sono tutto
tranne che una senhora. Allinizio Dika sembrava anche molto fiera di sfoderare il suo
portoghese, sottolineava spesso che lei lo parlava molto bene, nonostante non avesse
completato la scuola, perch lavorava a casa di gente straniera. A un certo punto, non
ricordo neanche bene com successo, ma nel nostro rapporto cambiato qualcosa.
Credo che Dika e la sua famiglia abbiano colto i tentativi che facciamo io e Chri per
integrarci, per sentirci pi parte del quartiere e quindi si sono tutti messi in testa di
parlarci solo in kriolo, per insegnarcelo. Faticosissimo! Io in realt gli sono molto grata,
Dika la prima che ha cominciato a rivolgersi a me senza mai usare il portoghese. Chri
invece sempre pi in difficolt, stava iniziando a barcamenarsi con il portoghese, ora
ha una gran confusione in testa. Da quando Dika ha intrapreso la sua missione educativa,
una serie di altre persone ad Achada Grande, vedendo le brevi risposte creole che
riuscivo a dare, hanno cominciato a rivolgersi a me solo in kriolo. Praticamente, per
almeno un mese, ho quasi smesso di capire cosa stesse succedendo intorno a me. (Diario
di campo, 20 Gennaio 2014)

235

Grazie a Dika, Jandira e altri persone con cui ho stretto amicizia nel quartiere di Achada
Grande, sono riuscita a raggiungere in un tempo relativamente breve una padronanza
sufficiente del kriolo da riuscire a sostenere una conversazione con i miei interlocutori. I miei
costanti tentativi di esprimermi utilizzando la lingua locale hanno rappresentato per me un
prezioso lascia-passare allinterno dei quartieri popolari. I miei interlocutori, residenti,
membri delle gangs e attivisti, di fronte alle mie bizzarre acrobazie in kriolo reagivano sempre
con una predisposizione positiva al dialogo. Questa reazione legata al fatto che invece a
Praia vivono numerosi stranieri che, pur essendo residenti nellarcipelago anche da anni,
utilizzano esclusivamente la lingua portoghese, senza tentare neanche di imparare il kriolo.
Diversamente da quanto avveniva nei bairros, nellambiente di lavoro nella Cmara
Municipal, cos come nella famiglia benestante presso cui ho alloggiato durante la seconda
fase della mia ricerca, le persone tendevano a rivolgersi a me in portoghese, perch straniera,
sebbene utilizzassero tra di loro la lingua creola. Ho dovuto chiedere pi volte alla mia collega
di lavoro di parlarmi in kriolo prima che lei riuscisse a superare labitudine di utilizzare con
me il portoghese; la stessa cosa successa con alcuni membri della famiglia benestante, tra
cui il padre, con cui fino al termine del mio soggiorno a Praia non sono mai riuscita a
conversare in kriolo. Gli attivisti sono coscienti delle profonde implicazioni veicolate dalla
lingua e dunque scelgono espressamente di fare luso pi ampio possibile del kriolo,
utilizzandolo anche nella forma di scritte su magliette, volantini, striscioni, pubblicazioni
online.

5.2. Siamo tutti presidenti: ativiztas e leadership


Scendiamo nella piazza di Assomada. Il pulmino ci scarica e va a parcheggiare un
po fuori zona. Noi montiamo la consolle, mentre aspettiamo i tre che avrebbero
dovuto fare mobilizzazione. Per ora non compare nessuno. Dopo un po arriva Kapi.
Io e Uv lo seguiamo, per andare a cercare Luis e Dj. Sono a casa di un ragazzo di
Assomada, che canta in un gruppo rap. Ci scorta verso casa sua. V estiti larghi, ma
non troppo, cappellino da baseball. Ha una faccia pulita non come quelle di
Devil, Kapi, Elio, che hanno la strada scolpita in volto.... La sua ragazza si
chiama "Mana". Era vestita con una camicia da uomo, una bandana e dei
pantacollant neri. Ha un modo di fare stile rapper, come il fidanzato. Entriamo a
casa loro, sulla parete vedo una bacheca su cui son o appesi un quadro con una

236

citazione di Bob Marley, il poster del Parlamento di Ghetto e un attestato


consegnato dalla Cmara di Assomada al gruppo rap CCP per riconoscere il loro
lavoro di sensibilizzazione sociale. Luis e Dj stavano al tavolo ad ascoltare la
musica, Luis stava scrivendo un rap, aspettando la colazione. In realt ho
scoperto dopo che erano in attesa di qual cosaltro: la ganza. Padjinha e
biscotti per colazione. E un t di un'erba strana, che per non era marijuana. Luis ha
un cartellino di riconoscimento come membro della Korrenti di Ativizta: dietro c una
breve spiegazione su cos la Korrenti. Davanti la sua foto e la scritta Presidente dei
Soldados da Paz. Mi colpisce quella scritta. Fondamentalmente i Soldados da Paz non
esistono quasi pi. Erano un gruppo creato da Luis, Kriu e Man, per andare a pacificare
altre zone, fare tipo da mediatori. In realt ora si trovano per preparare delle coreografie
di ballo con una frequenza saltuaria. Limportante essere Presidenti essere qualcuno.
Mi vengono in mente mille altri momenti: le riunioni o le attivit in cui partecipa qualcuno
del Comune, lattivit che abbiamo svolto ad Assomada. Uv presenta sempre tutti come
Presidenti. Riesce a trovare un carico quasi per tutti! Alcuni, tipo Santiago, sono
effettivamente presidenti di unAssociazione, con gli onori, ma anche i carichi del caso.
Altri invece mi sembrano presidenti, un po fittizi, come se limportante fosse esserlo,
avere un ruolo con cui presentarsi al mondo.

In tutti gli scambi che ho avuto con attivisti il discorso della leadership era una sorta di tappa
obbligata. La Korrenti stessa nasce dal progetto di Uv di unire le varie leadership locali in
ununica rete.
Ho imparato la strategia della liderana218 con i thug. Per questo io credo pi nella
strategia della liderana che nella partecipazione, per lo sviluppo sociale di Capo Verde,
ora. Io dove vado mi pongo sempre con quellattitudine da leader. Quando ho creato la
Korrenti, la mia idea era di prendere tutte quelle lideranas informali dei thugs e quelle
di associazioni o realt comunitarie e unirle in un unico movimento, per lo sviluppo di
Capo Verde. Per quelle leadership che non stanno nella Cmara, nel governo, quelle
che non sono riconosciute, soprattutto quelle con principi cabralisti. (Intervista Uv,
Movimento Korrenti di Ativiztas)

In realt la questione della leadership era controversa tanto tra i thugs, quanto tra gli attivisti.
I membri delle bande che ho intervistato, piuttosto che riconoscere lesistenza di un capo mi
hanno sempre riportato il sentimento di uguaglianza e rispetto radicato allinterno della
gangs. Allo stesso modo gli attivisti piuttosto che riconoscere lesistenza di un leader al loro
218

Leadership.

237

interno dichiaravano di essere tutti leader. Al tempo stesso in realt le decisioni allinterno
del movimento vengono spesso prese in maniera verticistica da Uv e pochi altri membri,
solitamente appartenenti a gruppi esterni, ma affiliati alla Korrenti. Uv stesso, nelle nostre
interviste e nelle conversazioni informali, pi volte ha affermato di essere pi favorevole alla
promozione di una struttura gerarchica piuttosto che partecipativa. La retorica della
leadership condivisa sembra dunque essere uno strumento simbolico piuttosto che un
riflesso reale dellorganizzazione degli attivisti. I cartellini di riconoscimento dei vari membri
in cui ognuno riveste un ruolo di prestigio, come segretario, vice-presidente, responsabile
dellarea comunicazione, ruoli che, fatte rare eccezioni, non corrispondono ad effettivi ruoli
o incarichi concreti, rappresentano un meccanismo analogo a quello messo in atto dalla
Nacin Latin King, in cui i latinos vengono simbolicamente elevati al ruolo di Re e Regine.
Questi meccanismi operano una conversione permanente, per riprendere le opposizioni
binarie proposte da Bourdieu, di ci che basso/povero/piccolo in alto/ricco/grande
(Queirolo Palmas, 2009, p. 61). I membri della Korrenti, da giovani poveri, disoccupati, con
un basso livello di istruzione, residenti in quartieri marginalizzati, diventano attivisti e leader,
con unoperazione volta a costruire unimmagine di s positiva e non subordinata.
Al tempo stesso, come abbiamo visto nel secondo capitolo, la retorica della leadership
parte del modello egemonico maschile: il vero uomo portato a esercitare un ruolo di potere
su altre persone, a livello politico, territoriale e familiare. I giovani membri della Korrenti non
hanno opportunit di accesso alle gerarchie del sistema dominante, n attraverso la carriera
politica, n grazie al potere economico. Allo stesso tempo la nuova performativit di genere
femminile e le trasformazioni socio-economiche che producono la condizione di moratoria
sociale della giovent, interdicono la possibilit di esercitare il dominio allinterno del nucleo
familiare, su figli e partner. Il Movimento offre dunque ai giovani del quartiere la possibilit
di dare risposta a una necessit identitaria dettata dal modello di genere dominante,
affermando il proprio potere a livello dellorganizzazione e, di conseguenza, del territorio di
competenza, considerandosi leader comunitari.
Il discorso della leadership uno degli elementi a mio parere pi controversi allinterno della
Korrenti. Tanto lesercizio di unazione decisionale verticistica, quanto la retorica della
leadership, erano per me molto difficili da accettare. Avendo partecipato attivamente a
numerose attivit del Movimento, pi volte mi sono interrogata rispetto a quanto fosse
questo discorso ad impedirmi di riconoscermi come membro effettivo della Korrenti.

238

Nonostante i numerosi confronti che ho avuto con Uv e altri membri del gruppo non sono
riuscita a sciogliere questo nodo problematico, come emerge dallosservazione sotto
riportata relativa a una di tali questioni.
Uv: Perch noi Silvia abbiamo un modello positivo di liderana. Non so, tu quando pensi
a liderana a chi pensi?
Silvia: Mussolini. Hitler. Franco. Berlusconi. No, direi che non mi piace il discorso della
liderana.
Uv: Vedi, per te diverso! Io quando penso a un leader penso a Cabral!
(Diario di campo, 19 Aprile 2014)

Grazie allosservazione di Uv mi sono resa conto che la mia prospettiva di lettura del
fenomeno era affetta da una dose di etnocentrismo. Il differente vissuto storico che mi
separava dai miei coetanei capoverdiani influiva in maniera significativa sulla mia percezione
dellargomento. Lepoca passata di dittatura nazionale, cos come la recente politica italiana
di stampo personalistico, generano in me una decisa resistenza di fronte al costrutto della
leadership, in quanto caricato di significati negativi. Al contrario, il modello di leader per gli
attivisti era Amlcar Cabral, eroe nazionale di liberazione, assassinato allapice della sua
militanza politica. Cabral una figura che difficilmente pu essere connotata negativamente,
sia per la sua morte durante la luta che lo ha immortalato nel pantheon dei liberatori
africani, sia per la reale profondit della prospettiva politica da lui proposta. Cabral
rappresenta il percorso di Capo Verde da colonia a stato indipendente, la leadership associata
alla sua figura dunque letta in ottica positiva, come un meccanismo di empowerment
personale e collettivo per liberarsi dalle nuove forme di oppressione. Questa considerazione
non ha risolto i miei dubbi al riguardo, ma mi ha aiutato a comprendere in maniera pi
obiettiva tanto la prospettiva dei miei interlocutori, quanto la mia istintiva resistenza.

5.3. Sessione di parlamento: riappropriarsi della parola


Finalmente ci raduniamo tutti nella piazza. Le donne della famiglia di Kapi stanno
preparando il pranzo per tutti, sul fuoco, nella strada davanti alla loro casa, vicino alla
piazza. Kapi e qualcun altro poi andranno a prendere il pentolone e lo porteranno in
piazza. Intanto si comincia con la sessione vera e propria di Parlamento. Per richiamare
lattenzione, un momento di batukada. I percussionisti si mettono in posizione davanti
a Elio, che li guida con i gesti delle braccia, soffiando dentro un piccolo fischietto. Elio

239

veramente bravo a gestire il gruppo, in poco pi di tre mesi ha trasformato sette soggetti
in un vero e proprio corpo di percussioni. Quando ci sono tutti arrivano a suonare anche
in venti! Dopo le percussioni Uv fa un discorso al microfono, che abbiamo messo in
mezzo alla piazza, dietro alla consolle. Cos la Korrenti, perch siamo venuti fino qui,
cos la campagna di consegna delle armi, quali sono gli obiettivi di denuncia e
raggiungimento di una maggior giustizia sociale a livello del Movimento. Alla fine del
discorso Uv invita tutti a venire a parlare al microfono, liberamente, che ognuno libero
di esprimere quello che pensa219. I primi a parlare sono chiaramente i nostri. Si
presentano, a volte parlano un po della loro storia, oppure cominciano direttamente ad
accusare il sistema, a sottolineare lingiustizia in cui stanno vivendo, il desiderio di
cambiare. Carlos non lavevo mai visto parlare in pubblico, ma oggi si anima, riprende il
microfono almeno tre volte! Un gruppo di ragazzi si raduna l vicino, si mettono ad
ascoltare. Luis tra una persona e laltra spara un po di rap a tutto volume. Kapi, che di
Assomada, invita i giovani a parlare direttamente. Lunico dei nostri che non parla
Nen, fa il misterioso come sempre. I ragazzi di Assomada si mettono a parlare anche
loro i discorsi si richiamano un po tutti. Kriu, laddetto alla comunicazione, gira per la
piazza scattando foto e riprendendo, io gli d un mano. In un secondo momento si mette
in un angolo in disparte: con il computer di Uv e la chiavetta per laccesso a Internet
posta alcune foto sulla pagina di FB della Korrenti.

Spesso trovavo ripetitivi e poco incisivi i discorsi fatti davanti al microfono condiviso nelle
sessioni di parlamento di ghetto. I toni sovente erano moralistici e retorici, il contenuto vago
e incerto. Ci nonostante, a tutti veniva lasciata la possibilit di parlare, anche diverse volte
nella stessa sessione, motivo per cui queste attivit arrivavano a durare ore e ore, come nel
caso richiamato sopra di Tarrafal. In quelloccasione in particolare, ho dovuto spegnere la
videocamera per far s che anche gli ultimi oratori si decidessero ad abbandonare il microfono
e unirsi al pranzo comunitario. Sebbene la maggior parte dei partecipanti si fosse diretta gi
da tempo verso il cibo, alcuni uomini erano rimasti sul luogo del dibattito, riversando il
proprio discorso dentro lobiettivo di ripresa, privi ormai di ogni ascoltatore se non la
videocamera stessa. In pi occasioni, anche al di fuori del contesto della Korrenti, ho notato
la predisposizione dei praiensi a parlare in situazioni pubbliche.
Sono stata con i ragazzi del Pilorinhu a un workshop del progetto The Dreamers,
sullarte e il cambiamento sociale, creato da Stefania. Molto interessante Il workshop
fondamentalmente stato un dibattito libero... Ho limpressione che i capoverdiani

219

Fig. 10 in Appendice.

240

amino parlare, queste occasioni di dibattito libero durano ore e ore. Credo che oltre ai
contenuti, presenti, ma fondamentalmente spesso ripetuti, ci sia anche un bisogno di
apparire, di fare sentire la propria presenza. I discorsi sono violenti, spesso usano
espressioni che vengono dallambito militare, tipo arma, attaccare, bala, pistola. Per
esempio dicevano che gli artisti hanno ricevuto, da parte del governo, unarma senza
proiettili. Che larte unarma e devono imparare a costruirsi da soli i proiettili per
colpire per primi. Molto protagonismo, molto bisogno di riconoscimento, come se
limportante fosse parlare. Le ragazze parlano meno credo che abbiano lo stesso
bisogno di riconoscimento, ma pi difficolt a prendersi il proprio spazio. Duka ha
aspettato che la moderatrice (amica di Stefania emigrata in Portogallo da anni) le desse
la parola quattro volte prima di decidersi effettivamente a parlare, perch Kevin
continuava a intervenire, interrompendola. (Diario di campo, 15 Aprile 2014)

Lepisodio della videocamera mi ha fatto intuire che potesse essere data molta pi
importanza al parlare in s che al contenuto delle parole dette. Ho cominciato a riflettere,
dunque, sul potere della parola e di ri-appropriazione della stessa. Capo Verde un paese
con un recente passato coloniale, in cui ancora forte la dominazione simbolica
dellOccidente, basti pensare ai canoni estetici vigenti, piuttosto che alla diversa valutazione
di tutto ci che provenga dallesterno. A Capo Verde vige la regola del doppio criterio,
traslando la nozione di Bourdieu (1998) dalle differenze di genere a quelle di provenienza. I
prodotti, i vestiti, i percorsi formativi provenienti da fora sono considerati in maniera
indiscriminata migliori rispetto a quelli locali, caratteristica che ricorre in diversi contesti excoloniali, come, per esempio, nella realt marocchina analizzata da Capello (2008).
importante sottolineare che fora a Capo Verde non significa in realt qualsiasi origine
esterna allarcipelago, ma soltanto il mondo occidentale, in particolare Stati Uniti e alcuni
stati europei, con laggiunta del Brasile. Oltre a questa dominazione simbolica attiva a livello
nazionale, i miei interlocutori vivevano unulteriore condizione di stigmatizzazione in virt
della loro condizione di maschi giovani e poveri, fascia della popolazione che, come abbiamo
visto, negli ultimi anni ha subito un forte processo di criminalizzazione e marginalizzazione.
La videocamera puntata sul viso, il microfono tra le mani, diventano dunque strumenti di
riappropriazione della propria soggettivit e della parola, del potere di dirsi. In queste
sessioni di parlamento di ghetto i giovani che ho incontrato avevano lopportunit e lo spazio
per essere loro stessi a parlare di s, a dipingere la propria rappresentazione. In questo modo
i giovani capoverdiani passano dalla condizione di oggetti del discorso, confezionato dai
media, dal governo e dalle potenze internazionali, a protagonisti, produttori attivi del

241

discorso su di s. I frutti di questa riappropriazione si possono cogliere, per esempio, nella


scelta dellutilizzo esclusivo della lingua creola e nellindirizzarsi verso modelli alternativi
rispetto a quelli proposti dalla neocolonizzazione.
Alla questione della passata dominazione coloniale e delle sue eredit simboliche e culturali,
si accompagna la realt della povert e dellemarginazione sociale vissuta dai giovani
partecipanti alle sessioni di Parlamento di Guetto. In questa prospettiva, la strategia della
Korrenti mira al rafforzamento della capacit della popolazione pi povera di esercitare la
propria voce (Hirschman, 1970), ossia di dibattere, contestare, proporre la propria visione
della loro attuale condizione e del futuro desiderato, senza doversi allineare a definizioni precostituite di inclusione e partecipazione democratica fornite dal sistema egemonico
(Appadurai, 2013). Lesperienza di esprimere la propria voce, tuttavia, non si limita a
questo, ma innesca ulteriori dinamiche significative. Appadurai (2013) sottolinea come esista
una distribuzione ineguale allinterno della societ della capacit di aspirare a: la classe
sociale pi povera infatti ha un accesso decisamente minore a opportunit di sperimentare
nella pratica questa capacit culturale, in quanto detentrice di minor potere, conoscenza e
risorse materiale necessari per tale competenza. Lespressione della propria voce
rappresenta in questo scenario una modalit di empowerment della classe sociale pi povera
che permette lacquisizione di una maggior capacit di aspirazione (Appadurai, 2013),
condizione di partenza per lemergere di uno sviluppo di tipo bottom-up, come quello
desiderato dalla Korrenti.
Infine, le sessioni di parlamento di ghetto veicolano un ulteriore obiettivo, ossia
laffermazione di s in un luogo pubblico. Il progetto di Uv prevedeva di selezionare spazi
pubblici nei quartieri di destinazione del parlamento di ghetto, per poter raggiungere il
maggior numero possibile di persone, ma anche per dimostrare la propria presenza
pubblicamente. A questo proposito, nuovamente rintracciabile il legame tra questesigenza
e il modello dominante di mascolinit, che prevede lostentazione della virilit in ambito
pubblico. La Korrenti cerca continui spazi di visibilit, animata dal desiderio di essere sempre
alla ribalta del palcoscenico.
Oggi riunione al Caff Palkus indetta da Uv. Mi ha stupito questa storia di fare riunione
a Platou, al Palkus. Poi ho visto sulla pagina FB del Pilorinhu che anche ieri stata fatta
una riunione qui. Quando ho chiesto spiegazioni, Uv mi ha detto che perch stiamo
adottando una politica di decentralizzazione. Loro decentralizzano, noi anche

242

decentralizziamo! Gli ho fatto notare che tutto sta centralizzato Riba Praia, a Platou,
quindi stare al Pilorinhu, non al Palkus decentralizzare. La mia idea invece che Uv
voglia farsi vedere, apparire... uscire da Achada Grande. Fino a due mesi fa quasi non
usciva dal bairro, ora quasi non si vede pi al Pilorinhu. Credo che la strategia sia cercare
appoggio in altri posti, come Tarrafal, o Assomada (dove vuole andare a fare il
parlamento di ghetto) e farsi vedere dove passano i ministri, ovvero Platou, al Palkus.
(Diario di campo, 3 Aprile 2014)

La riunione svolta nella piazza di Platou, paradossalmente definita da Uv una strategia di


decentramento, rappresenta un altro tentativo di affermazione pubblica. Alle riunioni e al
parlamento di ghetto si uniscono attivit come marce di sensibilizzazione e denuncia sociale.
Nel giorno della commemorazione della morte di Amilcar Cabral la Korrenti ha organizzato
una grande marcia, partita dal Pilorinhu e arrivata alla piazza centrale della citt.
Al mattino prepariamo un gigantesco striscione, con la scritta Marxa Cabral 2014. Uv
ha fatto stampare anche alcune magliette, Jandira me ne ha tenuta una. Questa volta
partecipa davvero un sacco di gente del bairro, anche non frequentatori del Pilorinhu.
Ci muoviamo sotto un sole caldo per linverno capoverdiano, un cordone di uomini,
donne, bambini, ragazzini, guidati dallo striscione e da alcuni della Korrenti dotati di
megafono. Davanti a tutti unequipe dellUniversit con cui Uv si messo daccordo ci
riprende: faranno poi un montaggio del video. Scendiamo passando vicino a Lenfer e
saliamo fino a Platou. Lentissime, spinti dalla musica della batukada che chiude le fila.
Io scatto foto da una parte allaltra del corteo, muovendomi come una meteora
impazzita. Nella piazza ci aspetta un palco, circondato dalle bancarelle degli artigiani
dellinterno dellIsola che vendono i loro prodotti: sandali, collane, vestiti afro. C una
tenda enorme, dentro cui sta Stefi con gli animatori, per intrattenere i bambini e le
donne di Achada Grande, che hanno preparato comida per un reggimento. Passiamo
tutto il pomeriggio nella piazza: sul palco salgano alcuni rapper conosciuti in tutti la citt
e poi i ragazzi del bairro, che improvvisano anche loro qualche rap. Alcuni ragazzi salgono
e fanno discorsi di denuncia sociale, raccontando la loro storia di ingiustizia e
emarginazione. La giornata chiusa da una dimostrazione di capoeira del gruppo di
Carlos, Abad Capoeira. Lentamente, la folla si disperde, ognuno torna verso casa. Uv
contento, ma si aspettava molta pi gente dagli altri bairros, eravamo praticamente tutti
di Achada Grande220. (Diario di campo, 20 Gennaio 2014)

220

Fig. 11 in Appendice.

243

Ci che rende ancora pi interessante la marcia organizzata in onore di Amlcar Cabral


lassenza di una tradizione di manifestazione popolare a Capo Verde. Durante i sei mesi in cui
ho vissuto a Praia, in cui sono stata fortemente coinvolta nella realt delle varie
organizzazioni di strada, stata effettuata soltanto unaltra marcia oltre a quella Cabral,
organizzata dallICIEG, organo statale, contro la violenza sessuale. La partecipazione
numerosa alla marcia Cabral assume in questo scenario un valore ancora maggiore in un
paese che non abituato ad assistere a questo genere di manifestazioni.
Un'altra strategia interessante di affermazione adottata dalla Korrenti lutilizzo dello spazio
virtuale come area di visibilit e risonanza del movimento. Il Movimento ha una pagina su
facebook che viene aggiornata ogni giorno: qualsiasi avvenimento che accade nel Pilorinhu
viene documentato in rete quasi in tempo reale. Kriu spesso stato laddetto alla
divulgazione virtuale delloperato della Korrenti, come nel caso della sessione ad Assomada.
In questa prospettiva si inserisce lattenzione degli attivisti a far s che siano sempre presenti
delle videocamere o delle macchine fotografiche: se il loro operato non fosse documentato
e pubblicato online perderebbe una parte fondamentale della sua incisivit. Pi volte, in
quanto dotata di una buona macchina fotografica, mi sono trovata a svolgere la funzione di
reporter della Korrenti. I social network, come facebook, fuoriescono dai canali tradizionali
di azione politica, ma proprio in questo fatto risiede la loro peculiarit, in quanto spazi di
azione informale che attingono a un numero straordinariamente grande di persone,
soprattutto giovani. Al tempo stesso Internet permette alla Korrenti di cercare appoggio da
enti e realt localizzate in altri stati, tra cui Portogallo, Brasile, Francia e Italia.
La rete rende, dunque, possibile pensare alla costruzione di un nuovo tipo di politica
transnazionale. Come riconosce Sassen (2010), anche le piccole organizzazioni con poche
risorse possono partecipare alle reti globali, in una prospettiva futura che vede la possibilit
di intervento di attori diversi dagli stati nelle politiche transnazionali. A questo proposito
interessante

soffermarsi

brevemente

sullanalisi

di

Appadurai

(2013)

rispetto

allorganizzazione dellAlliance, una federazione tra tre diverse associazioni di Mumbay:


SPARC (Society for Poor Areas Resources), ONG formata da professioniste del lavoro sociale
interessate alla questione della povert urbana; NSDF ( National Slum Dwellers Federation),
organizzazione grass-roots e community-based nata negli slum di Mumbai; e infine Mahila
Milan, associazione di donne di bassa estrazione sociale, che si dedica alla questione
femminile in relazione alla povert urbana, sviluppando circuiti di auto-mutuo aiuto

244

(Appadurai, 2013). La creazione dellAlliance si inserisce allinterno di una crescita


significativa del numero di organizzazioni non-governative a livello globale, che si collega alle
nuove geografie di marginalit e centralit prodotte dalla globalizzazione. Come sottolinea
anche Sassen (2010), lemergere di queste inedite geografie ha avuto leffetto paradossale di
fornire ai poveri nuove strategie per reclamare spazio e riconoscimento. Lampia diffusione
dei media e di Internet ha rappresentato uno strumento fondamentale per linserimento
dellAlliance allinterno di una rete transnazionale di realt con obiettivi analoghi, che nel
1996 si ufficialmente strutturata nella Shack/Slum Dweller International, o SDI, ente
transnazionale che comprende organizzazioni community-based appartenenti a diverse zone
asiatiche, africane e latinoamericane. Questa esperienza rappresenta quello che Appadurai
(2013) definisce cross border activism, basato appunto su una rete che oltrepassa i confini
nazionali e fornisce un nuovo orizzonte in cui articolare politiche di deep democracy
(Appadurai, 2013) dotate di un respiro internazionale, ma al tempo stesso, radicate nella
localit. Internet pu rendere possibile, dunque, una politica del locale in cui le localit sono
connesse fra loro, attraversando regioni, Stati, continenti (Sassen, 2010, p. 25). Grazie alla
rete internazionale, SDI ha raggiunto una visibilit prima inaccessibile e ad oggi rappresenta
un nuovo tipo di attore politico influente sulla scena internazionale, che costituisce un
interessante interlocutore per le agenzie mondiali tradizionalmente legate alla questione
della povert, quali grandi ONG o World Bank. La Korrenti, pur lontana da prospettive come
quelle di SDI, utilizza la rete proprio in questo senso, con lobiettivo di affermare la propria
presenza e attivit locale, ma cercando una risonanza a livello transnazionale con altre entit
simili.

5.4. Nu ta na luta: trasformazione discorsiva della violenza


Quando prendono il microfono hanno tutti uno stile di discorso simile, parlano in modo
accattivante, in parte aggressivo, ritornano le parole luta, soldados, rivoluson, mudana
social. Parlano stando in piedi, slanciandosi verso il pubblico, gesti forti, decisi, la rabbia
e la determinazione nella voce e nel viso.

La violenza insita nelle bande urbane viene in qualche modo riassorbita e trasformata dalle
organizzazioni di attivisti. Laggressivit fisica dei thugs subisce una trasformazione
discorsiva, una sublimazione: invece che provocare scontri concreti si esprime attraverso i

245

discorsi di denuncia e rivendicazione politica degli attivisti. Lo stile retorico che adottano
improntato a unideale di forza e violenza: la postura del corpo sakedu221, retta e vigorosa,
il tono di voce alto e incalzante, i termini utilizzati richiamano un immaginario militare. I
giovani si considerano soldados, impegnati nella luta, definiscono marce le loro
manifestazioni. Inoltre la violenza viene incanalata verso un nemico unico e ben definito: i
politici, tanto la Cmara quanto il Governo e la classe dominante. Le faide intestine che
animavano i gruppi thugs vengono superate, nel tentativo di convogliare la rabbia e la
frustrazione verso il sistema. Diouf (1996), a questo proposito, analizza lambivalente ruolo
dei giovani nei processi postcoloniali di costruzione nazionale di numerosi stati africani. In
diversi contesti, infatti, nella prima fase immediatamente successiva allindipendenza i
giovani sono stati valorizzati come forza su cui fondare la futura nazione. A seguito
dellaffermarsi dei sistemi nazionali, spesso basati sul dominio di unlite locale a volte poco
differente dagli antichi dominatori bianchi, i giovani sono diventati una forza considerata
sovversiva e destabilizzante. A causa di tale dinamica, ad oggi i giovani sono effettivamente
la categoria che mette pi in discussione i progetti nazionalisti e le costruzione di memorie
storiche ufficiali funzionali al consolidamento delllite in carica (Diouf, 1996). Questa
dinamica sembra riproporsi nella capitale capoverdiana attraverso la serrata critica mossa
dagli attivisti sociali, in reazione alla propria marginalizzazione ed esclusione sociale.
Io cerco di indirizzarli tutti in ununica direzione, per diventare un movimento capace
di porre pressione sulle politiche pubbliche. Cerco di fargli notare i problemi che
viviamo: la disoccupazione, la povert, labbandono scolastico, la mancanza di progetti
sociali. necessario sensibilizzarli, per diventare un gruppo forte! Se tutti i giovani che
stanno nei bairros, si unissero, trasformassero la loro visione, per riuscire a esprimersi,
per intervenire sulla societ! Senza luso della violenza, non quella violenza dei thug.
No! Ma come canalizzare quella violenza contro chi davvero li opprime. (Intervista a
Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)

Quanto questobiettivo sia effettivamente raggiunto e quanto piuttosto sorgano nuove


forme di rivalit, competizione e violenza allinterno dei diversi gruppi che si definiscono
attivisti sulla scena di Praia, non oggetto di questa ricerca. interessante per notare come
la divulgazione della retorica degli attivisti possa essere letta attraverso la teoria della
resistenza dei dominati elaborata da Scott (1990). I verbali segreti dei discorsi dominanti
descritti dallautore sono rappresentazioni alternative che si oppongono alla retorica ad
221

In piedi.

246

opera del sistema egemonico, la quale solitamente giustifica la necessit della dominazione.
Tali verbali segreti si costruiscono e diffondono tra i dominati, allinterno di gruppi protetti e
luoghi sicuri. Le sessioni di parlamento di ghetto, cos come le altre strategie di diffusione e
visibilizzazione pubblica presentate, contribuiscono alla costruzione di una coscienza
collettiva degli appartenenti alle fasce pi povere della societ rispetto alla comune
situazione di oppressione dovuta alla violenza strutturale e simbolica. Al tempo stesso,
proprio il carattere di visibilit ricercato dagli attivisti indice del desiderio di operare un
coming out di questi discorsi di resistenza, quello che Scott definisce la dichiarazione
pubblica del discorso. La finalit dei membri della Korrenti , infatti, proprio quella di
sostenere laffermarsi della prospettiva di denuncia a rivendicazione sociale che adottano, in
un dialogo con il potere formale fatto di scontri e momenti di reciproco riconoscimento,
come analizzeremo in seguito.

5.5. Occupazioni: pratiche di resistenza infrapolitica


Nel primo pomeriggio arriva un tipo con dei dreadlocks lunghissimi, amico di Uv. Zal.
il leader di unassociazione di Assomada, nonch cantante di un gruppo musicale reggae
abbastanza conosciuto a Praia, gli Africa Rainbow. Anche lui rigorosamente in stile
"ativizta": pantaloni kamuflada, maglia nera, dreadlocks. Uv ha cominciato a dirgli che
dovrebbero occupare uno spazio pubblico che sta nella loro comunit. Zal dice che
hanno cominciato a inviare i documenti per avere l'autorizzazione, visto che un'ex casa di
un colono, abbandonata da tempo, ma che fino ad ora non hanno ricevuto risposta. Mi
stupisce sempre questa cosa di chiedere lautorizzazione per occupare, sembra un
paradosso anche a Lem Ferreira stato cos. Uv questa volta per gli ha detto di lasciare
perdere le carte, che neanche i politici sanno chi siano i proprietari precisi di certi spazi,
bisogna occupare e basta.

Loperato degli attivisti non si riduce a un piano di produzione discorsiva, ma comprende un


numero significativo di pratiche concrete. Queste pratiche non si inseriscono in quello che
tradizionalmente considerato il settore politico, ma fanno parte del livello infrapolitico
individuato da Scott, definito cemento culturale e strutturale delle azioni politiche visibili
(Scott, 2000, p.218). Le pratiche di resistenza e i discorsi di rivendicazione sociale si rinforzano
reciprocamente. Scott critica le teorie della valvola di sfogo, che vedono in queste pratiche
e discorsi elementi che assorbono la frustrazione e dunque il potenziale di rivolta dei

247

dominati, rafforzando lo status quo del sistema. Al contrario lanalisi dellautore evidenzia
come tali elementi siano fattori imprescindibili per la preparazione a uneffettiva
insubordinazione dichiarata alle relazioni di potere. Nel caso degli attivisti la questione pi
complessa, in quanto in un paese democratico come Capo Verde la stessa retorica di
riconoscimento dei diritti umani occulta la negazione pratica degli stessi in virt di una
dominazione economica e simbolica delllite. Le attivit degli attivisti possono dunque
essere considerate pratiche di resistenza operanti a livello infrapolitico, che si oppongono
tanto alle condizioni sociali prodotte dalla forte disuguaglianza economica, quanto al discorso
dominante che criminalizza e stigmatizza la popolazione povera vittima di questa stessa
disuguaglianza. Tra le pratiche attuate dai membri della Korrenti ritroviamo principalmente
momenti di formazione, campanhas de limpeza, organizzazione di eventi e servizi informali
e occupazioni di luoghi abbandonati.
I momenti di formazione si basano sulla mobilizzazione dei vari attori coinvolti nel circuito
della Korrenti, in un processo di condivisione delle risorse personali secondo una prospettiva
che a Capo Verde viene popolarmente definita di junta mo, che letteralmente significa
unire le mani, nel senso di unire le forze, aiutarsi reciprocamente condividendo le capacit
di ognuno. Allinterno del Pilorinhu si svolgevano corsi di circo e animazione, tai chi, capoeira
per bambini, danza, francese, italiano, percussioni e falegnameria. Ogni corso era tenuto da
un soggetto membro della Korrenti, che sceglieva autonomamente verso che target
indirizzare la propria formazione, con che cadenza settimanale e in quali orari. Le lezioni di
francese erano seguite da un gruppo di bambini del quartiere, il corso di italiano, gestito da
me, da giovani intorno ai ventanni, le lezioni di Tai Chi, che avvenivano allalba nel campo da
calcio vicino al Pilorinhu, erano frequentate principalmente dalle donne del quartiere. A
queste formazioni si accompagnava la creazione di alcuni servizi, tra cui lunica biblioteca
presente nel bairro. A partire dal mese di Giugno una giovanissima psicologa capoverdiana si
offerta di organizzare un servizio di ascolto e accompagnamento psicologico allinterno
della struttura. Inoltre il Pilorinhu offriva a un artigiano guineense la possibilit di fruire dello
spazio come ambiente di lavoro in cui realizzare le sue sculture su legno. I membri della
Korrenti pi inseriti nella cultura hip-hop hanno creato, allinterno di una stanza del Pilorinhu,
un piccolo studio di registrazione, con tanto di cabina insonorizzata e graffiti alle pareti222. Lo
spazio inoltre ha ospitato una serie di eventi, tra cui una fiera dellartigianato locale, un

222

Fig. 12 e 13 in Appendice.

248

contest di musica rap e varie feste per bambini nelle ricorrenze di Natale e di altre date
importanti a livello nazionale. La sensibilit di carattere sociale della Korrenti viene dalla sua
origine. Il Movimento nasce infatti in seguito a unesperienza di lavoro sociale allinterno del
quartiere di Achada Grande Frente concretizzata nel Projeto Simenti, promosso dalla
Fundao Esperana. Lequipe di progetto, coordinata da Stefania Bortolotti, ha ideato e
realizzato diverse azioni orientate allempowerment e alla promozione sociale degli abitanti
del quartiere. La Korrenti nasce proprio da questa esperienza, in seguito allazzeramento dei
fondi che ha impedito il proseguimento del progetto Simenti. Incorporando i frutti
dellesperienza di intervento sociale, la Korrenti intende trasformare il Pilorinhu in un centro
dinamico allinterno del quartiere, culturalmente e socialmente attivo. Tale obiettivo si
oppone concretamente alla gerarchizzazione territoriale esistente nella capitale, che prevede
la localizzazione degli eventi e dei luoghi di interesse culturale nei pochi quartieri benestanti,
in quanto i quartieri popolari sono considerati off limits dalla maggior parte degli
appartenenti alllite praiense. La proposta di decentramento degli attivisti intende dunque
riqualificare le zone stigmatizzate della citt, attraverso un intervento che coinvolge
attivamente lintera comunit. Uv e i membri della Korrenti infatti ribadiscono pi volte che
il Pilorinhu di tutti, geral, tornato ad essere uno spazio effettivamente pubblico grazie
alloccupazione effettuata.
Oggi chiedo a Uv se posso fare una festa al Pilorinhu prima di partire. Silvia, il Pilorinhu
non mio! di tutti, di tutti quelli che vengono e di tutti noi. Il Pilorinhu anche tuo,
puoi fare quello che vuoi! (Diario di campo, 20 Maggio 2014)

Loccupazione del Pilorinhu ha segnato la fondazione del Movimento di Ativitzas e ha


inaugurato una serie di altre occupazioni che sono sorte o si stanno organizzando sul
territorio di Praia. Durante la mia permanenza ho avuto occasione di partecipare
alloccupazione di una struttura da tempo inutilizzata nel quartiere di Lem Ferreira.
Oggi dovevo fare lintervista con Kriu, che chiaramente non si presenta al Pilorinhu.
Secondo pacco che mi tira. Man mi dice che a Lenfer a dipingere, non capiscono bene
cosa. Mi chiede se voglio andare l con lui. Accetto, partiamo in cinque dal Pilorinhu,
scendiamo a Lenfer per un sentiero che non conosco, che serpeggia tra le case, molto
ripido. A un certo punto comincio a sentire della musica reggae a tutto volume.
Arriviamo in una specie di struttura molto grande, che comprende una grande terrazza,
posta vicino al campo sportivo di Lenfer. La musica viene da l. La struttura piena di
gente, soprattutto giovani, ma anche molti bambini, che giocano nel cortile. Alcuni

249

ragazzi segano i rami degli alberi nel cortile di fronte alla struttura. Nel cortile c anche
un enorme fusto di birra, ogni tanto qualcuno va a rifornirsi. Saliamo e Uv l che ci
aspetta. Ehi Silvia, visto che roba? Senti che aria si respira qui oggi! Mi abbraccia e mi
presenta a un certo Nelson, un leader comunitario di Lem Ferreira, altissimo e molto
sorridente. Mi dicono che stanno occupando lo spazio. Nelson raggiante, mi fa fare il
giro del posto. Erano i vecchi spogliatoi e bagni del campo sportivo, da tempo inutilizzati.
Trovo Kriu, Jordi e alcuni altri ragazzi di Achada Grande. Jordi sta coordinando un gruppo
di ragazzi che dipinge tutte le pareti di un rosa antico, una scelta di colore un po
infelice Uv riuscito a farsi dare queste latte di colore da unimpresa l di Achada
Grande mi spiega Nelson. Una signora sta cucinando arroz picado e lo distribuisce a
tutti. lunica donna che vedo. Mi faccio dare un pennello da Jordi e mi metto a
dipingere anche io, sulle note reggae sparate dalle casse in mezzo alla stanza. Ha ragione
Uv, si respira energia. (Diario di campo 18 Marzo 2014)

Come nel caso di Lem Ferreira, anche loccupazione del Pilorinhu iniziata con unazione di
pulizia e riqualificazione dello spazio. Il Pilorinhu stato costruito dalla Cmara Municipal per
diventare un mercato di quartiere, come emerge dal suo stesso nome. Tuttavia la struttura
non ha mai svolto la funzione per cui era stata progettata e in pochi anni andata incontro a
un crescente degrado, essendo utilizzata dai residenti locali come latrina pubblica. La prima
azione compiuta dagli attivisti stata una risolutiva Campanha de Limpeza223 per
riqualificare lo spazio e poterne cos prendere possesso. interessante notare come anche
questa operazione sia definita attraverso lutilizzo di un termine proveniente dallambito
militare, nellintento di sottolineare il carattere di resistenza di tale azione. Le campanhas de
limpeza sono diventate uno degli interventi ricorrenti effettuati dai gruppi di attivisti
capoverdiani. I quartieri popolari, infatti, sono caratterizzata da una costante situazione di
degrado urbano, legato sostanzialmente a una grande difficolt nella gestione e nello
smaltimento dei rifiuti.
Scendo al porto con Devil, mi vuole presentare dei suoi amici che lavorano l. Adesso ti
faccio vedere un altro cammino per Achada Devil ride, mi chiedo perch. Lo capisco
solo dopo, quando ormai tardi: il nuovo cammino che mi vuole insegnare una
discarica. Superiamo una zona camminando letteralmente sui rifiuti, avvolti da un odore
terribile, un misto di cibo marcio e escrementi umani. Credo che oltre a essere la
discarica informale di Achada, sia anche la sua latrina. Maledico un paio di volte Devil
che se la ghigna scheggiandomi davanti come un razzo. Io, invece, vado lentissima,
223

Campagna di pulizia.

250

attenta a non scivolare, cercando di evitare di mettere i sandali su qualcosa di


indesiderato. Quando finalmente arriviamo al porto continuo a sentirmi lodore della
discarica addosso per una buona mezzora. Devil se la ride alla grande della mia
espressione schifata. (Diario di campo, 13 Maggio 2014)

Le campagne organizzate dagli attivisti consistono nella mobilizzazione di un consistente


gruppo di persone appartenenti al quartiere durante unintera giornata nellarco della quale
si ripulisce dai rifiuti una zona selezionata del bairro. Di nuovo questa strategia mira a
raggiungere un coinvolgimento attivo e una responsabilizzazione dei residenti verso il proprio
quartiere. Le campanhas de limpeza rappresentano un veicolo per la promozione di
unimmagine positiva del quartiere marginalizzato e dei suoi residenti e costituiscono uno
strumento di sviluppo sociale promosso dal basso, in unottica bottom-up. Gli attivisti e i
residenti locali, relegati dalle dinamiche politiche al ruolo di puro bacino elettorale, tornano
ad appropriarsi del proprio spazio di vita, riscoprendosi portatori di unagency che loro
negata dal discorso dominante.
Una volta ripulito, il Pilorinhu diventato la sede effettiva delle azioni del Movimento. Alcuni
membri della Korrenti sono andati a vivere materialmente dentro la struttura, con lobiettivo
di ottimizzarne la gestione e prevenire eventuali problemi. In realt, fatta eccezione per uno
dei residenti nel Pilorinhu, fratello maggiore di Uv, gli altri ragazzi che vivono nella struttura
hanno effettivi problemi a livello abitativo. Sono per lo pi giovani che per diversi motivi
hanno lasciato la famiglia dorigine, stanziata in quartieri, citt o isole diverse, ma al tempo
stesso, in mancanza di un lavoro, non hanno la possibilit di affittare una stanza. La Korrenti
offre a questi giovani la possibilit di vivere allinterno della struttura e di dedicarsi alla lotta
in cambio di vitto e alloggio. Il coinvolgimento nella lotta pu variare a seconda degli
individui: due dei residenti, per esempio, erano i responsabili rispettivamente del corso di
Capoeira e del gruppo di Batukada224 della Korrenti. Questo aspetto particolarmente
importante rispetto allefficacia delladesione allattivismo dal punto di vista economico.
Come stato trattato nel capitolo precedente, molti giovani incontravano nelle bande
urbane una risposta efficace rispetto alle proprie difficili condizioni economiche: i furti, lo
spaccio e altre attivit illecite compiute con il sostegno delle gangs costituivano un reddito
sufficiente per mantenere condizioni di vita minimamente dignitose. La maggior parte degli
attivisti non sono altro che i giovani che fino a poco tempo erano coinvolti nel fenomeno

224

Percussioni.

251

delle gangs, o che comunque condividono con i thugs problemi di ristrettezza economica e
mancanza di prospettive. Per i residenti nel Pilorinhu, dunque, lattivismo rappresenta
nuovamente una soluzione efficace dal punto di vista materiale. La struttura tuttavia accoglie
un numero limitato di giovani, intorno ai cinque ragazzi per volta. Pi volte mi capitato, a
questo proposito, di cogliere le critiche e il sentimento di insoddisfazione di buona parte dei
giovani membri della Korrenti, poich si aspettavano di ritrovare una risposta alle proprie
necessit non soltanto a livello di costruzione identitaria e sentimento di appartenenza, ma
anche di sostentamento materiale.
Oggi tira una brutta aria al Pilorinhu, la dispensa deve essere agli sgoccioli. Luis e Man
si sfogano, arrabbiati. Dicono che cos non si pu andare avanti, che la Cmara, il
Governo e persino Uv devono capire che loro non possono lavorare cos gratis. Che cos
sono sfruttati dallo stato. Kriu stanco, dice che lui deve portare qualcosa a casa, che
sua sorella ha un figlio piccolo, l cos sta solo perdendo tempo (Diario di campo, 15
Maggio 2014)

Unultima osservazione che necessario fare rispetto alla pratica delle occupazioni relativa
al rapporto con il potere formale, che si sviluppa secondo una dinamica sostanzialmente
diversa rispetto a quanto avviene, per esempio, in Italia. Gli attivisti, infatti, prima di occupare
ottengono in genere un permesso da parte degli enti locali. Tanto per il Pilorinhu, quanto per
il balneario di Lem Ferreira la Cmara aveva concesso ai giovani la possibilit di prendere
possesso delle strutture. Il discorso prodotto dagli attivisti riguarda infatti il carattere
originario di tali strutture che dovevano essere destinate a un utilizzo pubblico. A fronte
dellabbandono e del processo di degradazione a cui questi edifici sono andati incontro, gli
attivisti rivendicano il diritto di prenderne possesso e riqualificarli rendendoli nuovamente
spazi al servizio della collettivit.
Si certo che abbiamo chiesto il permesso alla Cmara e al Governo. Avevamo anche
chiesto lappoggio, per esempio per i materiali di limpeza. Non ci hanno dato niente, era
un sabato, quindi non stavano lavorando, per ci hanno dato lautorizzazione. Un po
erano costretti a darcela, il Pilorinhu era abbandonato e loro lo sapevano che se
avessero detto di no avremmo occupato ugualmente. (Intervista a Uv, Movimento
Korrenti di Ativiztas)
Nelson: Lo spazio che abbiamo occupato quel giorno in cui ceri anche tu, allinizio era
collegato al campo sportivo. Lha costruito la Cmara cio, ha messo i materiali, perch
la mano dopera lha messa la comunit di Lenfer. Per questo pensiamo che debba

252

essere uno spazio pubblico. Allinizio cerano gli spogliatoi e i bagni e, dato che molti
abitanti di Lener non hanno il bagno in casa, venivano qui a lavarsi o a fare le proprie
necessit. Poi stato abbandonato, ha cominciato a degradarsi
Lindo: Una signora del posto ne ha preso possesso, vendeva pontche l dentro, ma per
s stessa, per il suo rendimento. Cos quando abbiamo ricreato la squadra di basket
abbiamo cominciato a pensare che sarebbe stato bello riprendere possesso di questo
spazio abbiamo chiesto allattuale presidente dellAssociazione Comunitaria di
Lenfer.
Nelson: Abbiamo dovuto aspettare un po, finch dalla Cmara non venuto lok. Il
presidente ci ha detto che gi potevamo prendere possesso dello spazio, ma noi
volevamo aspettare loccasione giusta.
Lindo: Poi anche grazie a Uv, che ha trovato le vernici, abbiamo deciso di passare
allazione!
Nelson: Vorremmo farci un centro multiuso. Uno spazio al servizio della comunit, che
torni ad essere qualcosa veramente proprio degli abitanti di Lenfer!
(Intervista a Lindo e Nelson, leaders comunitari di Lem Ferreira)

Questo elemento indicativo di una relazione particolare che si sviluppa tra attivisti e enti
locali, che sar analizzata nel paragrafo seguente.

5.6. Rivendicare una legittimazione


I funzionari della Cmara vengono richiamati dal rumore della Batukada. Il piano di Uv,
oltre alla sessione di parlamento, consisteva nel fare un murales nella piazza, altra strategia
per aumentare la visibilit della Korrenti. Per parlare con i funzionari del Comune Uv si fa
accompagnare da pi persone possibili, e in genere tutti "presidenti", in particolare
Santiago, presidente dellAssociazione di Pensamento, Luis, dei soldados da paz... io e
Isabel facciamo comodo, in quanto bianche e straniere, amaro da dire, ma cos. Uv
discute con i funzionari su dove fare il graffito. Loro non vogliono lasciargli
l'autorizzazione, il muro dove Uv vorrebbe farlo di un privato, la Cmara non pu dare
lautorizzare e non vogliono mettere a disposizione altri spazi nella piazza. Isabel, che
francese, mi fa notare che solitamente in Francia (e Italia), non si chiede il permesso per
fare graffiti, anzi i graffiti si fanno proprio dove non si pu. Qui a Capo Verde c uno
scambio tra attivisti e politici, una sorta di doppia manipolazione, ma in realt Uv in parte
mi sembra consapevole. Una volta mi ha detto: Visto che qui sono aperti al dialogo,

253

perch non approfittarne? Mi rendo conto che anche i politici vogliono qualcosa in cambio,
ci sto attento... Alla fine della trattativa Uv cede, niente murales. Lo scambio per non
si risolto in una totale sconfitta: no autorizzazione per fare il murales, ma possibilit di
continuare con lazione di mobilizzazione.

Nei paragrafi precedenti stato analizzato come nella trasformazione da gangs urbane ad
attivismo sociale emerga un maggior investimento e chiarificazione dellistanza di critica
sociale e rivendicazione politica. La violenza e laggressivit veicolate dai modelli identitari
proposti da queste organizzazioni di strada si rivolgono contro un nemico ben definito,
eliminando le faide interne: la classe politica e lelite economica. Le condizioni stesse della
realt urbana favoriscono questo processo, infatti, una citt attraversata da profonde
disuguaglianze sociali come Praia concentra in s notevoli diversit in un ambiente ristretto.
La cultura dominante, tuttavia, comprende solo una parte limitata della realt, ma le aree
marginalizzate, sebbene svalutate dallideologia egemonica, sono una realt concreta nella
citt (Sassen, 2010). Lo stesso processo che marginalizza crea le condizioni per
lorganizzazione e lemersione della voce dei subalterni. Le citt moderne diventano dunque
luoghi di nuove rivendicazioni e di forme di attivit politica che fuoriescono dalla sua
definizione ufficiale. Sassen a proposito sostiene che gran parte della politica urbana
concreta, portata avanti dalle persone piuttosto che legata alle tecnologie mediatiche di
massa. In questo senso, dunque lattivit a livello di strada rende possibile la formazione di
nuovi soggetti politici estranei al sistema ufficiale (Sassen, 2010, pag. 23). La ghettizzazione
delle aree urbane, secondo lautrice, diventa un fattore di produzione di nuove pratiche di
politica urbana, che fuoriescono dal sistema tradizionale. Dialogando con i due attivisti che
hanno guidato loccupazione di Lem Ferreira emerso, ad esempio, come questi attori urbani
siano capaci di creare nuovi circuiti, anche a livello di risorse economiche, che prescindono
dal sistema politico ed economico tradizionale.
Nelson: Adesso stanno comparendo delle persone che ci vogliono aiutare. Sono
emigranti di Lem Ferreira, che sono nati e cresciuti qui e poi emigrati allestero. A loro
dispiace la cattiva fama che si creata ultimamente Lenfer, cos vogliono aiutarci,
sostenerci per riqualificare il quartiere. (Intervista a Lindo e Nelson, leaders comunitari
di Lem Ferreira)

Tuttavia, a differenza di quanto espresso dalla filosofia thug life, gli attivisti non mirano ad
essere considerati completamente outlaw. Come emerge nel caso delle occupazioni, gli

254

attivisti tendono a cercare un dialogo con gli enti politici, richiedendo di essere sostenuti con
autorizzazioni, permessi, supporti economici e a livello di infrastrutture.
La mia idea era di non lavorare solo con la societ civile, ma con le politiche pubbliche
anche. Volevo coinvolgere le istituzioni, le imprese private nei progetti della Korrenti.
Per esempio la campagna di consegna delle armi sto ancora cercando di coinvolgere
altri Ministeri e le imprese private. Per esempio se mettessero a disposizione delle
risorse per i ragazzi che consegnano le armi, tipo uno stage lavorativo, o una formazione,
o la possibilit di fare un intervento chirurgico per togliere le pallottole che hanno in
corpo o anche solo una cesta basica o del materiale da costruzione da parte di
unimpresa. Perch devono assumersi questa responsabilit, sono anche loro parte della
societ. (Intervista a Uv, Movimento Korrenti di Ativiztas)

A questo proposito di nuovo interessante larticolazione del progetto di Parlamento di


Guetto, in cui il Ministero dellAmministrazione Interna ha contribuito finanziando il
progetto e mettendo a disposizione risorse materiali, come il furgoncino dellesercito che ci
ha portato ad Assomada. Nello svilupparsi di questo rapporto dialettico sono rintracciabili
concessioni reciproche tra le due parti, per esempio nel caso di Assomada sono gli attivisti a
rinunciare alla scelta di dipingere un murales su una parete della piazza, strumento che, tra
laltro, era parte della strategia di assunzione di visibilit promossa dalla Korrenti. Questo
dialogo tra le due parti in causa si basa su un desiderio degli attivisti di legittimazione, di
essere riconosciuti nelle loro istanze critiche e nel loro agire a livello sociale. Al tempo stesso,
il mantenimento di una serrata critica nei confronti degli enti governativi segno del rifiuto
di accettare unintegrazione subalterna nel sistema dominante. La richiesta degli attivisti
quella di essere riconosciuti, senza dover per questo venire meno ai propri principi.
Capo Verde un paese piccolo e fortemente politicizzato, in cui aderire o simpatizzare per
uno dei due partiti225 unopzione inevitabile che veicola laccesso a determinate possibilit
e linterdizione ad altre. Durante il mio periodo di ricerca, inoltre, Praia viveva la particolare
condizione di ospitare contemporaneamente la Cmara Municipal retta dal partito MPD e il
Governo PAICV. Questa divisione crea numerosi attriti e fratture. Per esempio, le mie

225

I due partiti sono PAICV e MPD. Il PAICV lerede del PAICG, il primo partito indipendentista locale
che faceva capo sia allarcipelago, sia alla Guinea-Bissau (compresa nella lettera G) e ha guidato la lotta
di liberazione delle colonie. Con una tradizione di stampo socialista, il PAICV ha retto il governo dal
1975 fino al 1991, in un regime monopartitico. LMPD, orientato verso una prospettiva liberista, nasce
nel 1991 come primo, e tuttora unico, partito alternativo al PAICV. Dopo la vittoria MPD, ad oggi il
governo nuovamente retto dal PAICV.

255

colleghe di lavoro della Cmara imputavano il mancato interessamento dei mezzi di


comunicazione per il progetto contro la violenza di genere a cui stavamo lavorando al diverso
orientamento politico di televisione e Cmara, in quanto la prima sotto linfluenza del
governo, PAICV, mentre lattuale giunta comunale MPD. Le associazioni comunitarie
presenti in vari quartieri di Praia sono da sempre uno degli ambiti di competizione tra i due
partiti locali. Attraverso campagne populistiche e assegnazioni di concessioni e favori, i due
partiti cercano di guadagnare lappoggio di tali organizzazioni, in quanto strumenti per
raggiungere un pi ampio bacino di elettori. La Korrenti e i nuovi gruppi di attivisti rischiano
costantemente di cadere in questi giochi di influenza, soprattutto in virt della ricerca che
mettono in atto di un dialogo con i decisori politici. Non compito di questa ricerca giudicare
in che misura la Korrenti sia riuscita a destreggiarsi nelle rivalit tra i partiti. Rimane per un
elemento importante da sottolineare la rivendicazione di una posizione non subalterna
allinterno del sistema che sia legittimata e riconosciuta, a differenza di quanto stato
analizzato rispetto alle gangs urbane.

5.7. Quali attiviste?


In tutta la giornata di ragazze solo io e Isabel, tutte e due bianche e straniere. Non sono
state chiamate altre donne da Achada Grande, Calabaeira, niente. Forse solo Cindy, la
sorella di Manel, unica ragazza che si dichiara attivista che ho conosciuto. Per aveva un
impegno: uno zio era malato e lei doveva andare a curarlo. Chiaramente Manel invece
era venuto. Anche al momento del Parlamento vero e proprio, nessuna donna prende il
microfono, io inclusa. Ci sono alcune ragazze di Assomada che si erano incuriosite e sono
venute l insieme al gruppo di maschi, ma non si sono proposte neanche una volta per
parlare al microfono. Isabel mi dice che lei avrebbe un sacco di cose da dire, ma si sente
sempre in difficolt, perch bianca e perch non sa parlare bene in kriolo. Io mi dico
che il mio ruolo di osservazione partecipante e quindi voglio darmi certi limiti rispetto
al mio livello di partecipazione a volte mi chiedo se invece non sia una scusa, se non
sia anche io semplicemente in difficolt a prendere un microfono che alle donne non
viene mai offerto.

Una dimensione fondamentale dellorganizzazione degli attivisti, che io stessa ho tardato a


rilevare, proprio relativa allassenza di donne. La Korrenti conta alcune donne impegnate,
la maggior parte delle quali straniere. Le capoverdiane affiliate partecipano con cadenza pi

256

che saltuaria e spesso in ruoli marginali. Anche allinterno delle attivit proposte dalla
Korrenti, sovente le ragazze vengono destinate a compiti considerati tradizionalmente
femminili: cucinare, intrattenere i bambini, pulire.
Vado a trovare Cindy, a Kastelon. Lei molto fiera di essere della Korrenti, Isabel e Uv
mi dicono sempre che lei davvero una capoverdiana attivista. Mi dice che le piaciuto
molto partecipare al Parlamento di Guetto al Pilorinhu. Cero anche io, ma ancora non
conoscevo Cindy, eppure non me la ricordo in quelloccasione! Si, Santiago non era
potuto andare e allora mi aveva chiesto di occuparmi io della merenda! A quel punto
mi ricordo! Cindy era la ragazza in cucina insieme a Isabel, che preparava succo e panini
per tutto il Pilorinhu. Si, effettivamente aveva partecipato al Parlamento, ma sempre in
una posizione secondaria e femminile. Nessuno dei ragazzi andato ad aiutarle in
cucina (Diario di campo, 23 maggio 2014)
Si, pensandoci, tutte le associazioni di attivisti sono di uomini, soli uomini. Una volta
sola ho viso arrivare il leader di uno di questi movimenti con una ragazza, ma guarda
caso era venuta per tenere docchio sua figlia mentre lui teneva un seminario A volte
magari ci sono anche delle ragazze, ma sono le fidanzate di qualcuno ragazze cos, da
sole, difficile. (Intervista a Redy Lima, Sociologo)

Pi volte mi sono interrogata sullassenza della popolazione femminile nel fenomeno e mi


sono confrontata con i miei interlocutori sullargomento.
Io credo che le donne siano meno presenti perch amano le cose tutte organizzate.
Quando tutto ben organizzato, allora vedrai che vengono anche le donne. Perch a
Capo Verde le donne hanno molto carico molte cose da fare! Studiano, tengono dietro
alla casa, ai bambini, cucinano. Non vengono qui per perdere tempo, se tutto
incasinato, poco organizzato! Vogliono arrivare e sapere qual il loro ruolo, il loro
compito. Per questo, secondo me, ci sono poche donne tra noi. (Intervista a Nelson e
Lindo, leaders comunitarios di Lem Ferreira)
Mudjer partecipa meno, perch mudjer pi occupata, in generale. Ci sono molte
famiglie monoparentali, nellora delle riunioni le donne sono occupate, stanno dietro ai
figli, o lavorano per sostenerli. Non possono venire, per quello partecipano meno.
(Intervista a Santiago, leader comunitario di Pensamento)
C un numero bassissimo di donne dirigente di associazioni a Capo Verde che le
donne lavorano! Gli uomini restano disoccupati, rimangono tutto il tempo a girare nel
quartiere le donne per devono mantenersi i figli, quindi devono andare a lavorare, si

257

arrangiano, piuttosto vendono dolci per strada. Hanno delle limitazioni oggettive,
capito? (Maritza Rosabal, ONU Mulheres)

Questassenza delle donne dai gruppi di attivisti corrisponde a una generale scarsa
partecipazione femminile nellintera isola a realt associative e alla quasi nulla percentuale
di donne in carichi di leadership allinterno di queste226. Riconosco come uno dei fattori di
base determinanti questa mancanza sia quello individuato dai miei interlocutori: le donne
capoverdiane sono gravate da un numero esorbitante di responsabilit, a livello della
gestione domestica, come del mantenimento economico dei nuclei familiari. Non sorprende
dunque che allinterno di queste routine estenuanti le donne non trovino il tempo per
partecipare alle attivit proposte da associazioni e attivisti. Le stesse attivit non sono, daltra
parte, organizzate in maniera da permettere la partecipazione femminile: le riunioni vengono
spesse fissate con poco preavviso e la comunicazione interna al gruppo deficitaria, spesso
per motivi di ordine economico e organizzativo. A questo si aggiunge la credenza radicata
che le riunioni e i settori di intervento e decisione pubblica siano uno spazio maschile,
motivo che porta le donne a ritirarsene preventivamente.
E poi oltre alle limitazioni di tempo, le donne pensano che queste cose, tipo riunioni,
decisioni, cossiano cose da uomini! Io lo vedo nel mio condominio! E guarda che io sto
pure in una zona ricca! Nelle riunioni di condominio io sono lunica donna! Tutte le altre
mandano sempre i mariti! (Maritza Rosabal, ONU Mulheres)

Lalta percentuale di rappresentanza femminile nel Governo, citata precedentemente, non


trova dunque corrispondenza nelle restanti sfere di potere. Questo fatto indice da una
parte della forte differenza che intercorre tra donne appartenenti a diverse classi sociali,
dallaltra del fatto che la volont politica del paese di incentivare la partecipazione femminile
alla sfera decisionale non sembra essersi diffusa allinterno della popolazione. Lanalisi
sviluppata, tuttavia, mi porta a considerare un altro elemento. Pur riconoscendo il carattere
di effettiva resistenza e la capacit trasformativa degli attivisti sociali, necessario ricordare
lorigine di questo movimento. Lattivismo nasce dalle ceneri della gangs urbane e condivide
con queste le motivazioni che spingono i giovani ad affiliarsi a queste organizzazioni di strada.
Entrambe, infatti, offrono ai giovani maschi dei quartieri popolari la possibilit di costruire
unidentit non subalterna e resistente alla marginalizzazione operata dal discorso
dominante. Perch, dunque, si rivolgono ai giovani maschi e non ai giovani indistintamente

226

Tab. 5 in Appendice

258

dal genere di appartenenza? Chiaramente importante sottolineare che questa selezione


non dichiarata e spesso non emerge a un livello cosciente nellorganizzazione, soprattutto
tra gli attivisti. Il netto orientamento di genere dei fenomeni , tuttavia, espresso
chiaramente dai tassi di partecipazione dei membri dellorganizzazione. Rispondendo al
quesito precedente, lanalisi che ho svolto sembra individuare come causa la differente
condizione di alienazione e marginalit vissuta dai giovani a seconda dellappartenenza di
genere. Come stato esposto in precedenza, infatti, la crisi economica e la mancanza di
opportunit di lavoro dignitose, affettano a livello simbolico principalmente i ragazzi, che si
trovano a dover affrontare linterdizione ad alcuni elementi strutturanti il modello di
mascolinit egemonico: il lavoro e il possesso di risorse economiche, condizioni base per
laccesso al ruolo di provedor. Queste organizzazioni di strada si presentano dunque come
una risposta alla problematica costruzione dellidentit di genere maschile. Nel quarto e nel
quinto capitolo stato mostrato, infatti, che le caratteristiche del modello thug e ativizta
rispondono ai compiti veicolati dal sistema di genere dominante per i giovani maschi. Al
tempo stesso, secondo la mia opinione, queste organizzazioni di strada sorgono come
espressioni di mascolinit di protesta, ovvero modelli che enfatizzano la mascolinit
egemonica come compensazione in risposta a una situazione di diffusa umiliazione. Tanto le
gangs, quanto gli attivisti affondano dunque le proprie radici nel sistema di genere machista
dominante, fatto che impedisce una partecipazione egualitaria delle donne nel fenomeno.

5.8. Trasformazioni maschili e prospettive future


Considerando quanto esposto fino ad ora, ritengo dunque sia possibile parlare, rispetto alla
realt capoverdiana, di una crisi nel modello maschile egemonico. Tale modello, come
esposto, largamente influenzato dal passato coloniale dellarcipelago, in particolare dal
regime schiavista, e si andato costituendo come parte di un sistema di genere fortemente
machista. Per esempio, listituzione della poligamia informale, che si rivela strettamente
connessa alla rappresentazione dominante della sessualit maschile, deriva dal modello di
relazione sessuale e familiare adottato dai bianchi schiavisti negli anni successivi alla presa di
possesso portoghese delle isole. Lideale di virilit attuale si fonda, in particolare, su alcuni
elementi quali il dominio sulla controparte femminile, lesercizio della leadership,
lespressione di una sessualit predatoria e il costrutto nra, disaforo e vinganza. Tuttavia,

259

abbiamo visto come tale modello di mascolinit abbia effetti ambivalenti sui percorsi
biografici degli uomini capoverdiani, in quanto, il tentativo di conformarvisi in diverse
occasioni si rivela essere una delle cause primarie dei loro vissuti di violenza, alcoolismo,
disoccupazione e difficolt a livello familiare. A questo si aggiunge ad oggi la presenza di una
forte tensione nelle relazioni tra i generi nellarcipelago. Tale tensione deriva sia dai
cambiamenti socio-economici, politici e culturali che il paese sta attraversando, che privano
gli uomini delle risorse per accedere alla virilit egemonica, sia dalla nuova performativit
femminile, che si sviluppa a partire dallinserimento dellarcipelago in dibattiti internazionali
a favore del riconoscimento dei diritti delle donne. Il movimento capoverdiano per
lemancipazione della donna ha raggiunto traguardi notevoli, quali la legge contro la violenza
di genere, allavanguardia nel panorama internazionale, e una forte rappresentanza politica
a livello governativo. Purtroppo a questi risultati si accompagnano ancora situazioni di forte
discriminazione femminile, soprattutto a livello degli strati socio-economici pi bassi della
popolazione, e un incremento della violenza di genere stessa, questa volta trasversale
allintera popolazione. Laumento degli episodi di violenza, che non riducibile alla semplice
emersione del fenomeno grazie alla diffusione di campagne di sensibilizzazione e della legge
stessa, sembra costituire esattamente un effetto e unespressione della crisi attuale della
mascolinit. Di fronte a tali cambiamenti, infatti, gli uomini non incontrano pi le condizioni
necessarie per poter attuare una performance di genere coerente con lideale di virilit, con
un crescente aumento della distanza tra il modello egemonico e la realt concreta dei maschi
capoverdiani. Allinterno del contesto di ricerca, questa situazione si presentata enfatizzata
in relazione ai giovani residenti nei quartieri poveri della citt di Praia. Il sistema economico
capitalista che si diffuso nellarcipelago, infatti, ha incrementato la disuguaglianza
economica allinterno della popolazione urbana e ha ridotto drasticamente le opportunit
lavorative accessibili ai giovani maschi di bassa estrazione sociale. Tali soggetti si trovano cos
costretti a rimanere indeterminatamente nella condizione di giovani, non avendo accesso
alle risorse che segnano il passaggio allo status di adulti, quali un impiego lavorativo, la
possibilit di una residenza autonoma e leventuale formazione di una famiglia. Le poche
opportunit di lavoro presenti sono malpagate, pesanti e non offrono alcuna risorsa
simbolica n materiale per la promozione sociale della propria immagine, rafforzando il
processo di marginalizzazione che colpisce questi soggetti.
Dai dati etnografici raccolti relativi a questa popolazione emerso, tuttavia, come negli ultimi
anni siano nate due tipologie di organizzazioni di strada che costituiscono forum alternativi

260

di affermazione personale per i giovani maschi praiensi. A fronte della condizione di


subordinazione o esclusione dal sistema dominante, i giovani si riuniscono, infatti, nei
quartieri popolari in gangs o in movimenti di attivisti. In particolare, in questa tesi si
ipotizzata lesistenza di una continuit cronologica tra i due fenomeni. Da un lato, infatti, le
bande hanno cominciato ad avere una significativa diffusione dagli anni 2000 fino ai giorni
recenti. Tuttavia, il prestigio sociale che inizialmente derivava dallaffiliazione a una gang
drasticamente diminuito, a causa della forte politica di repressione attuata dallo Stato e dallo
stesso vissuto di insofferenza dei residenti nei quartieri popolari, continuamente esposti alla
violenza delle bande. Al tempo stesso, ad oggi stanno nascendo numerosi movimenti di
attivisti sociali, negli stessi quartieri che avevano generato le bande e spesso raccogliendo la
medesima popolazione che le costituiva. Entrambe le tipologie di organizzazione veicolano
in s, sebbene in maniera profondamente differente, strumenti di resistenza e rivendicazione
rispetto al sistema dominante, in quanto entrambe offrono possibilit di affermazione e
costruzione identitaria positiva che fuoriescono dal sistema dominante. Tali organizzazioni si
appropriano di elementi appartenenti a subculture giovanili globali, come quella hip-hop o
rastafariana, che costituiscono un capitale culturale e simbolico contro-egemonico.
Attraverso larma dello stile tali organizzazioni muovono, dunque, una critica profonda al
discorso dominante della societ. Al tempo stesso, la ricerca etnografica condotta ha
evidenziato il carattere ambivalente delle bande urbane, in quanto se da una parte diventano
strumento di costruzione di identit non subalterne, dallaltra sono a loro volta produttrici di
ulteriori forme di marginalizzazione e violenza strutturale, come nellesempio evidente della
segregazione territoriale dei giovani appartenenti alle gangs. Il movimento di attivisti
analizzato nellultimo capitolo sembra invece riconoscere lambiguit insita nellazione delle
bande e si costituisce dunque come unalternativa che alla denuncia sociale vuole affiancare
una concreta azione di promozione dello sviluppo bottom-up dei quartieri degradati della
capitale. Inoltre, gli attivisti presentano istanze che si oppongono, soprattutto a livello
culturale e identitario, al neocolonialismo che interessa larcipelago. A un sistema egemonico
che prende come modelli di riferimento lOccidente, in particolare Europa e Stati Uniti, con
la recente aggiunta del Brasile, gli attivisti reagiscono proponendo orizzonti culturali
afrocentrici, volti a riscoprire e valorizzare gli elementi di influenza africana propri
dellarcipelago, e scelgono come modelli identitari personaggi come Amlcar Cabral, Hail
Selassi e Bob Marley. I gruppi di attivisti sociali sono portatori, dunque, di un potenziale
trasformativo e possono diventare (e in parte gi lo sono) fautori di un concreto

261

cambiamento delle condizioni di vita dei quartieri marginali e della nascita di nuove forme
politiche che fuoriescano dal sistema ufficiale, che potrebbero inserirsi nella prospettiva della
deep democracy e della politica della speranza proposte da Appadurai (2013).
Dallosservazione partecipante condotta emersa, tuttavia, una criticit costituita dalla
composizione quasi esclusivamente maschile tanto delle gangs quanto dei movimenti di
attivisti. Nel corso dellanalisi stato presentato come i percorsi di costruzione identitaria
proposti da queste realt si fondino su unenfatizzazione degli attributi virili del soggetto,
secondo il modello egemonico di mascolinit, quali la leadership, laffermazione violenta
sugli altri, liper-sessualit. Entrambe le organizzazioni, dunque, si fondano su tale modello e
al tempo stesso rappresentano la possibilit per i giovani maschi dei quartieri popolari di
realizzarsi secondo la virilit egemonica, fornendo loro risorse necessarie a questo scopo,
altrimenti non accessibili. Per questi motivi tali organizzazioni possono essere considerate
forme di mascolinit di protesta secondo la definizione di Connell, ossia forme di reclamo
della posizione di potere data dal genere attraverso unesagerazione compulsiva delle
convenzioni maschili, in reazione a una condizione di plurima subordinazione e
marginalizzazione. Se il carattere machista delle gangs noto e fa parte della stessa cultura
hip-hop transnazionale a cui queste fanno riferimento, per quanto riguarda gli attivisti tale
considerazione rimane latente: come anticipato, la mancata partecipazione femminile non
viene vista e di conseguenza non tematizzata e interrogata. Tuttavia, questo fatto
costituisce un grosso limite al potenziale trasformativo di tali movimenti, sia perch
involontariamente esclude met della popolazione appartenente ai quartieri marginali, sia in
quanto non raccoglie la sfida di riformulazione delle relazioni di genere che i mutamenti
attuali pongono al contesto capoverdiano. Tuttavia, lesplicito orientamento degli attivisti
verso la promozione del progresso sociale potrebbe per rappresentare un elemento di
discontinuit allinterno di questo fenomeno. auspicabile che la sensibilit sociale delle
Korrenti diventi uno strumento per il riconoscimento delle istanze machiste insite nel
movimento stesso e per la rielaborazione di un modello di relazione tra i generi volto a
uninclusione realmente egualitaria della popolazione femminile. Per far questo sar
necessario per ladozione da parte dei membri del gruppo di un reale interesse e
coinvolgimento nella questione di genere, senza i quali non sembra possibile ipotizzare un
cambiamento in questi termini.Successivi indirizzi di ricerca potrebbero dunque focalizzarsi
proprio su questa tematica, andando a indagare come la questione di genere andr a
sviluppandosi allinterno dei gruppi di attivisti sociali nei prossimi anni nel contesto urbano

262

di Praia. Sarebbe inoltre interessante valutare, in una prospettiva longitudinale, come si


articoleranno le azioni di sviluppo dal basso e la politica urbana promosse dagli attivisti,
soprattutto in vista delle prossime elezioni governative nellarcipelago, che avranno luogo
nel 2016.

263

BIBLIOGRAFIA

Aboim Sofia (2009), Men Between Worlds: Changing Masculinities in Urban Maputo, in Men
and Masculinities, n.12 (2), pag. 201-224.
Allovio Stefano e Favole Adriano (2002), Plasticit e incompletezza tra etnografia e
neuroscienze, in Remotti Francesco (a cura di), Forme di umanit, Bruno Mondadori,
Milano, pag. 167-206.
Amadiume Ifi (1987), Male Daughters, Female Husbands. Gender and Sex in African Society,
Zed Books, London.
Andrade Elisa (2009), Cabo Verde: do seu achamento independncia nacional. Breve
resenha histrica, in Carvalho Semedo Adilson Filomeno, A influncia da religio
catlica na reproduo da dominao masculina em Cabo Verde, Centro Estudos
Africanos da Universidade de Porto, Porto, , http://www.africanos.eu.
Appadurai Arjun (2013), The Future as a Cultural Fact: Essays on the Global Condition, Verso,
London and New York.
Appadurai Arjun (2001), Modernit in polvere, Meltemi, Roma [ed. or. 1996, Modernity at
large, Minnesota University Press, Minneapolis/London].
Arndt Susan (2011), Perspective on African Feminism: Defining and Classifying AfricanFeminist Literatures, in Agenda: Empowering Women for Gender Equity, pp. 3144, http://dx.doi.org/10.1080/10130950.2002.9676176.
Back Les (1994), The White Negro Revisited. Race and Masculinities in South London, in
Cornwall Andrea e Lindisfarne Nancy (eds.), Dislocating Masculinity. Comparative
Ethnographies, Routledge, London.
Balandier Georges (1985), Le dtour. Pouvoir et modernit, Fayard, Paris.
Balbo Laura (1978), La doppia presenza, in Inchiesta, n.32, pag. 311.
Bordonaro Lorenzo (2012), Masculinidade, violncia e espao pblico: notas etnogrficas
sobre o bairro Brasil da Praia (Cabo Verde), in Tomo, n.21, pag. 101-136, in
http://www.seer.ufs.br/index.php/tomo/article/view/898.

264

Bordonaro Lorenzo e Pussetti Chiara (2002), Tori e piroghe. Genero e antropo-poiesi tra i
Bijag della Guinea Bissau, in Remotti Francesco (a cura di), Forme di umanit, Bruno
Mondadori, Milano, pag. 95-128.
Bourdieu Pierre (2009), Il dominio maschile, Feltrinelli, Milano [ed. or. 1998, La domination
masculine, Edition du Seuil, Seuil].
Bourgois Philiphe (1996), In Search of Respect: Selling Crack in El Barrio, Cambridge University
Press, Cambridge [trad. it. 2005, Cercando rispetto. Drug economy e cultura di strada,
Derive e Approdi, Roma].
Brandes Stanley (1980), Metaphors of Masculinity: Sex and Status in Andalusian Folklore,
University of Pennsylvania Press, Philadelphia.
Brites Jurema (2007), Afeto e desigualdade: gnero, gerao e classe entre empregadas
domsticas e seus empregadores, in Caderno Pagu, n.29, pag. 91-109.
Brotherton David C. (2010), Oltre la riproduzione sociale. Reintrodurre la resistenza nella
teoria sulle bande, in Queirolo Palmas Luca (a cura di), Atlantico latino: gang giovanili
e culture transnazionali, Carocci, Roma.
Brown K. Judith (2006), Note on the Division of Labor by Sex, in Lewin Ellen (ed.), Feminist
Anthropology. A reader, Blackwell Publishing, Oxford.
Busoni Mila (2000), Genere, sesso e cultura. Uno sguardo antropologico, Carocci, Roma.
Butler Judith (1990), Gender Trouble: Feminism and the Subversion of Identity, Routledge,
London and New York [trad. it: 2004, Scambi di genere, Sansoni, Milano].
Cannarella Massimo, Lagomarsino Francesca e Queirolo Palmas Luca (a cura di) (2007),
Hermanitos. Vita e politica della strada tra i giovani latinos in Italia, Ombre Corte.
Capello Carlo e Lanzano Cristiano (a cura di) (2012), Giovani in Africa. Prospettive
antropologiche. Unintroduzione, in Afriche e Orienti, AIEP Editore, vol. 3-4, pag. 514.
Capello Carlo (2008), Le prigioni invisibili. Etnografia multisituata della migrazione
marocchina, F. Angeli, Milano.

265

Cardoso Katia, Pureza Jos Manuel e Roque Silvia (orgs.) (2012), Jovens e trajctorias de
violncias. Os casos de Bissau e da Praia, edies Almedina, Coimbra.
Cardoso Katia, Thugs e violncias: mitos, riscos e omisses, in Cardoso Katia, Pureza Jos
Manuel e Roque Silvia (orgs.) (2012), Jovens e trajctorias de violncias. Os casos de
Bissau e da Praia, edies Almedina, Coimbra, pag. 19-56.
Carreira Antnio (1977), Cabo Verde: classes sociais, estructura familiar, migraes, Ulmeiro,
Lisboa.
Carvalho Semedo Adilson Filomeno (2009), A influncia da religio catlica na reproduo da
dominao masculina em Cabo Verde, Centro Estudos Africanos da Universidade de
Porto, Porto, http://www.africanos.eu,.
Ciccone Stefano (2009), Essere maschi. Tra potere e libert, Rosenberg & Sellier, Torino.
CMP (2009), Plano de Igualdade e Equidade de Gnero - Municpio da Praia 2009-2012,
Grfica da Praia, Praia.
Cody J. Michael, Rogers M. Everett, Singhal Arvind e Sabido Miguel (eds.) (2003),
Entertainment-Education and Social Change, Routledge, London and New York.
Collier John (1957), Photography in Anthropology: A Report on Two Experiments, in
American Anthropologist n. 59, pag. 843-859.
Connell Robert W. (1995), Masculinities, Polity Press, Cambridge [trad. it. 1996, Maschilit.
Identit e trasformazioni del maschio occidentale, Feltrinelli, Milano].
Cornwall Andrea e Lindisfarne Nancy (eds.) (1994), Dislocating Masculinity. Comparative
Ethnographies, Routledge, London.
Cucchiari Salvatore (2000), Le origini della gerarchia di genere, in Ortner B. Sherry e
Whitehead Harriet (a cura di), Sesso e genere. Lidentit maschile e femminile,
Sellerio Editore, Palermo, pp. 149.
Degelder Mieke (2012), Its not right!: death as gendered experience in contemporary South
Africa,

in

African

Studies,

http://dx.doi.org/10.1080/00020184.2012.702968.

266

n.2,

vol.71,

Diouf Mamadou (1985), Urban Youth and Senegales Politics: Dakar 1988-1994, in Public
Culture, n.8, pag. 225-249.
vora Roselma (2011), Un pas de mulheres governado por homens. Democracia e processo
decisrio em Cabo Verde, in Fortes Celeste e Carmelita Silva (orgs.), As mulheres em
Cabo Verde. Experincias e perspectivas, Edies Unicv, Praia.
Farmer Paul (2006), Sofferenza e violenza strutturale. Diritti sociali ed economici nellera
globale, in Quaranta Ivo (a cura di), Antropologia medica. I testi fondamentali,
Raffaello Cortina Editore, Milano, pp. 265- 302.
Foote White William (1993), Street Corner Society. The Social Structure of an Italian Slum,
University of Chicago Press, Chicago [trad. it. 1968, Little Italy. Uno slum italoamericano, Laterza, Bari].
Forni Silvia, Pennacini Cecilia e Pussetti Chiara (a cura di) (2006), Antropologia, genere e
riproduzione. La costruzione culturale della femminilit, Carocci, Roma.
Fortes Celeste (2007), M tstuda pm k ter vida k nha me tem. Gnero e Educao em Cabo
Verde, in Cincias Sociai Unisinos, 1, pp. 80-89.
Fortes Celeste e Silva Carmelita (orgs.) (2011), As mulheres em Cabo Verde. Experincias e
perspectivas, Edies Unicv, Praia.
Foucault Michel (1976), Leons sur la volont de savoir: Cours au College de France (19701971), ditions Gallimard, Paris [trad. it. 1985, La volont di sapere, Feltrinelli,
Milano].
Foucault (1970), Surveiller et punir: Naissance de la prison, Gallimard, Paris [trad. it. 1976,
Sorvegliare e punier: nascita della prigione, Einaudi, Torino].
Gilmore D. David (1990), Manhood in the Making. Cultural Concepts of Masculinity, Yale
University Press, London [trad. it. 1993, La genesi del maschile. Modelli culturali della
virilit, La Nuova Italia Editrice, Scandicci].
Gilroy Paul (2003), The Black Atlantic. Lidentit nera tra modernit e doppia coscienza,
Roma, Meltemi [ed. or. 1995, The Black Atlantic. Modernity and DoubleConsciousness, Harvard University Press, Cambridge].

267

Giuffr Martina (2012), Cape Verdean Female Migration and the New Transnational
Matrifocal

Families,

in

TL

Network

e-Working

Paper

Series,

3,

http://www.tlnetwork.ics.ul.pt.
Giuffr Martina (2007), Donne di Cabo Verde. Esperienze di antropologia dialogica a Ponta
do Sol, CISU, Roma.
Godelier Maurice (1980), La production des Grands Hommes. Pouvoir et Domination
Masculine chez les Baruya de Nouvelle Guine, Ed. Fayard.
Goffman Ervin (2003), Stigma. Lidentit negata, ombre corte, Verona [ed. or. 1963, Stigma.
Notes on the Management of Spoiled Identity, Prentice-Hall, Englewood Cliffs (N.J)].
Gomes dos Anjos Jos Carlos (2005), Sexualidade juvenile de classes populares em Cabo
Verde: os caminhos para a prostituio de jovens urbanas probres, in Estudos
Feministas, 13, pp. 163-177.
Graeber David (2009), Direct Action. An Ethnography, AK Press, Edinburgh.
Grassi Marzia e vora Iolanda (orgs) (2007), Gnero e Migraes Cabo-Verdianas, Imprensas
de Cincias Sociais, Lisboa.
Grassi Marzia (2003), Rabidantes. Comrcio espontneo transnacional em Cabo Verde,
Imprensa de Cincias Sociais, Lisboa.
Hannerz Ulfc (1980), Exploring the City, Columbia University Press, New York [trad. it. 1992,
Esplorare la citt. Antropologia della vita urbana, il Mulino, Bologna].
Hebdige Dick (1983), Sottocultura. Il fascino di uno stile innaturale, Costa&Nolan, Genova [ed.
or. 1979, Subculture. The meaning of style, Methuen, London].
hooks bell (1995), Sisterhood: Political Solidarity between Women, in Friedman Marilyn e
Weiss Penny A. (eds.), Feminism and Community, Temple University Press,
Philadelphia.
INE (2014), Estatstica de condies de vida 2013. Inquerito multi-objectivo contnuo,
presentazione effettuata a Praia il 17 Aprile 2014.
INE (2013), Estatstica da Administrao Interna, Imprensa Nacional de Cabo Verde, Praia,
consultabile in http://www.ine.cv/index.aspx.

268

INE, ICIEG e Onu Mulheres (2012), Mulheres e Homens e Cabo Verde. Factos e numeros 2012,
Imprensa

Nacional

de

Cabo

Verde,

Praia,

consultabile

in

http://www.ine.cv/index.aspx.
La Cecla Franco (2010), Modi Bruschi. Antropologia del maschio, Eluthera, Milano.
Lagomarsino Francesca (2007), Sugli usi simbolici della violenza, in Cannarella Massimo,
Lagomarsino Francesca e Queirolo Palmas Luca (a cura di), Hermanitos. Vita e politica
della strada tra i giovani latinos in Italia, Ombre Corte.
Lewin Ellen (eds.), Feminist Anthropology. A reader, Blackwell Publishing, Oxford, 2006.
Lima Redy Wilson (2014), Violncia urbanas, gangues e jovens, apresentao no III forum
Internacional sobre Segurana Urbana: a Preveno da Violncia e da Criminalidade
nas Cidades, CMP.
Lima Redy Wilson (2012), Delinquncia juvenil colectiva na cidade da Praia: uma abordagem
diacrnica, in Cardoso Katia, Pureza Jos Manuel e Roque Silvia (a cura di), Jovens e
trajctorias de violncias. Os casos de Bissau e da Praia, edies Almedina, Coimbra,
pag. 57-82.
Lima Redy Wilson (2012), Rappers Cabo-Verdianos e Participao Poltica Juvenil, in Tomo,
n.21, pag. 263-294.
Lima Redy Wilson (2010), Thugs: vitimas e/ou agententes de Violncia?, presentato in 7
Congresso Ibrico de Estudos Africanos, Lisboa.
Klein Malcom W. (1971), Street Gangs and Street Workers, Prentice Hall, Englewood Cilffs
(NJ).
Massart Guy (2013), The Aspiration and Constrains of Masculinity in the Family Trajectories
of Cape Verdean Men from Praia (1989-2009), Etnogrfica [online], vol. 17 (2),
http://etnografica.revues.org/3131.
Mead Margaret (1983), Sesso e temperamento in tre societ primitive, Il saggiatore, Milano
[ed. or. 1935, Sex and Temperament in Three Primitive Societies, W. Morrow &
Company, New York].
Mernissi Fatima (1992), Donne del profeta. La condizione femminile nellIslam, ECIG, Genova
[ed. or. 1987, Le harem politique: le prophte et les femmes, A. Michel, Paris].

269

Merton Robert K. (1959), Teoria e struttura sociale, Il Mulino, Bologna [ed. or. 1949, Social
Theory and Social Structure, Free Press, New York].
Mohanty Chandra (1988), Under Western Eyes: Feminist Scholarship and Colonial Discourses,
in Feminist Review, N. 30, pp. 61-88.
Morales La Mura Ral (2009), Per una sociologia riflessiva, in Queirolo Palmas Lucas (a cura
di), Dentro le gang. Giovani, migranti e nuovi spazi pubblici, Ombre Corte, Verona,
pp. 142-154.
Msibi Thabo (2011), The Lies We Have Been Told: on (Homo) Sexuality in Africa, in Africa
Today, n.1, pag. 56-77.
Nazionale Isabella (2002), Andro-poiesi Samburu. Marginalit del moranato e sospensione
dellumanit, in Remotti Francesco (a cura di), Forme di umanit, Bruno Mondadori
Editori, Milano, pag. 72- 94.
Oakley Ann (1972), Sex, Gender and Society, Temple Smith, London, 1972.
Ortner Sherry e Whitehead Harriet (1981), Sexual Meanings. The Cultural Construction of
Gender and Sexuality, Cambridge University Press, Cambridge [trad. it. 2000, Sesso e
genere. Lidentit maschile e femminile, Sellerio Editore, Palermo].
Ortner Sherry e Whitehead Harriet (2000), Una spiegazione dei significati sessuali, in Ortner
Sherry e Whithehead Harriet (a cura di), Sesso e genere. Lidentit maschile e
femminile, Sellerio Editore, Palermo.
Oyewumi Oyrnk (2001), Ties that (un)bind: Feminism, Sisterhood and Other Foreign
Relations, in Jenda: a Journal of Culture and African Women Studies.
Pennacini Cecilia (2006), Introduzione, in Forni Silvia, Pennacini Cecilia e Pussetti Chiara (a
cura di), Antropologia, genere, riproduzione. La costruzione culturale della
femminilit, Carocci Editore, Roma.
Perry Donna (2005), Wolof Women, Economic Liberalization and the Crisis of Masculinity in
Rural Senegal, Ethnology, 44 (3), pag. 207-226.
PNUD (2009), Relatrio do Desenvolvimento Humano 2009, Almedina, Coimbra, disponibile
in http://hdr.undp.org/en/media/HDR_2009_PT_Complete.pdf.

270

Presthold Jeremy (2009), The Afterlives of 2Pac: Imagery and Alienation in Sierra Leone and
Beyond,

in

Journal

of

African

Cultural

Studies,

n.1,

in

http://dx.doi.org/10.1080/13696810903259418.
Queirolo Palmas Luca (a cura di) (2010), Atlantico latino: gang giovanili e culture
transnazionali, Carocci, Roma.
Queirolo Palmas Luca (a cura di) (2009), Dentro le gangs. Giovani, migranti e nuovi spazi
sociali, Ombre Corte, Verona.
Queirolo Palmas Luca (2009), Estetiche R-Esistenze. Capitale simbolico e organizzazioni della
strada, in Queirolo Palmas Luca (a cura di), Dentro le gangs. Giovani, migranti e nuovi
spazi sociali, Ombre Corte, Verona, pp. 53-67.
Queirolo Palmas Luca (2005), Il fantasma delle bande. Genova e i latinos, Fratelli Frilli Editori,
Genova.
Reiter R. Rayna (ed.) (1975), Toward an Anthropology of Women, Monthly Review Press, New
York and London.
Remotti Francesco (a cura di) (2002), Forme di umanit, Bruno Mondadori Editori, Milano.
Robins Steven e Scheper-Hughes Nancy (1996), On the Call for Militant Anthropology: the
Complexity of Doing the Right Thing, in Current Anthropology, n.2, vol. 37, pag.
341-346, http://www.jstor.org/stable/2744354.
Rodrigues Feo Isabel (2007), As mes e os seus filhos dentro da plasticidade parental:
reconsiderando o patriarcado na teoria e na prtica, in Grassi Marzia e vora Iolanda
(orgs), Gnero e Migraes Cabo-Verdianas, Imprensas de Cincias Sociais, Lisboa,
pag. 123-146.
Roque Silvia (2012), Por que razes no se mobilizam os jovens: gerindo possibilidades
mnimas em Bissau, in Pureza Jos Manuel, Roque Silvia e Cardoso Katia (a cura di),
Jovens e trajctorias de violncias. Os casos de Bissau e da Praia, edies Almedina,
Coimbra, pp. 149-207.
Rosaldo Michelle e Lamphere Louise (eds.) (1974), Women, Culture and Society, Stanford,
Stanford University Press.

271

Rubin Gayle (1975), The Traffic in Women: Notes on the Political Economy of Sex, in Reiter
R. Rayna (org.), Toward an Anthropology of Women, Monthly Review Press, New York
and London.
Sanday Peggy Reeves and Goodenough Ruth Gallagher (eds.) (1998), Beyond the Second Sex:
New Directions in the Anthropology of Gender, University of Pennsylvania Press,
Philadelphia.
Sassen Saskia (2010), Le citt globali e le gang, in Queirolo Palmas Luca (a cura di), Atlantico
latino: gang giovanili e culture transnazionali, Carocci, Roma, pp. 11-28.
Scheper-Hughes Nancy (2005), Questioni di coscienza. Antropologia e genocidio, in Dei Fabio
(a cura di) Antropologia della violenza, Meltemi, Roma, pp. 247-302 [ed. or. 2002,
Coming to our senses: anthropology and genocide, in Hinton Alexander Laban (ed.)
Annihilating difference. The anthropology of genocide, University of California Press,
Berkeley].
Scheper-Hughes Nancy (1995), The Primacy of the Ethical: Proposition for a Militant
Anthropology, in Current Anthropology, vol. 36, n.3, pp. 409-440.
Scott James (2000), Los dominados y el Arte de la Resistencia, Ediciones Era, D.F. Mexico [ed.
or. 1990, Domination and the Arts of Resistance. Hidden Transcripts, Yale University,
New Haven and London].
Shore Bradd (2000), Sessualit e genere nelle Samoa, in Ortner Shelly e Whithehead Harriet
(a cura di), Sesso e genere. Lidentit maschile e femminile, Sellerio Editore, Palermo,
pag 318-348.
Silva Carmelita e Fortes Celeste (orgs.) (2011), As mulheres em Cabo Verde. Experincias e
Perspectivas, edies UNICV, Praia.
Singerman Diane (2011), The Negoziation of Waithood. The political Economy of Delayed
Marriage in Egypt, in Khalef Samir e Khalaf Saad Roseanne, Arab Youth. Social
Mobilization in Time of Risk, Saqi Books, London.
Toms Antnio (2008), O fazedor de utopias. Uma biografia de Amlcar Cabral, Spleen
edies, Praia.

272

Urdang Stephanie (1979), Fighting Two Colonialism: Women in Guinea-Bissau, Monthly


Review Press, New York.
Van Gennep Arnold (1909), Les rites de passage, Noury, Paris [trad. It. 1981, I riti di
passaggio, Boringhieri, Torino].
Veiga Miranda Jos Manuel (2013), Constituio de masculinidade num contexto de crise do
pescado: uma abordagem etnogrfica em Rinco, Santiago, Cabo Verde, edies
UNICV, Praia.
Vigh Henrik (2006), Navigating Terrains of War: Youth and Soldiering in Guinea-Bissau,
Bergham, New York.
Wacquant Loc (2009), Lhabitus come oggetto e come strumento. Riflessioni su come si
diventa pugile, in Etnografia e Ricerca Qualitativa, n.1, pag. 5-20.
Whitehead Harriet (2000), Larco e la cinghia del fardello. Uno sguardo sullomosessualit
istituzionalizzata nel Nord America indigeno, in Ortner Sherry e Whitehead Harriet,
Sesso e genere. Lidentit maschile e femminile, Sellerio Editore, Palermo.
Witting Monique (1983), The Point of View: Universal or Particular?, in Feminist Issue, vol.
3, n. 2, pag. 64.
Zoettl Anton Peter (2014), Morabeza, Cash or Body: Prison Violence and the State in Praia,
Cape

Verde,

in

International

Journal

of

Cultural

http://ics.sagepub.com/content/early/2014/04/25/1367877914528530.
Siti internet consultati:
http://www.expressodasilhas.sapo.cv/
http://www.anacao.cv/online/
http://www.asemana.publ.cv/
http://www.mai.gov.cv/
http://www.ine.cv/
http://www.portaldoconhecimento.gov.cv/

273

Studies,

APPENDICE

Tab. 1, Nvel de conforto por tipologia de agregado, 2010, INE, ICIEG e Onu Mulheres (2012).

Tab.2, Taxa de desemprego por sexo e idade, 2000-2011, (INE, ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

274

Tab.3, Situao perante a profisso por sexo, 2011 (INE, ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

Fig. 1, Percentagem de mulheres e homens no sector informal, 2009, (INE, ICIEG e Onu
Mulheres, 2012).

275

Tab. 4, Percentagem de activos informais por sector de actividade, 2009, (INE, ICIEG e Onu
Mulheres, 2012).

Tab. 5, Pessoa que vai a buscar a agua segundo o representante do agregado, 2011, (INE,
ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

276

Tab. 5, Participao nas diferentes esferas de poder, 2011, (INE, ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

Tab. 6, Causas de mortalidade geral (taxas por 100.000), 2010, (INE, ICIEG e Onu Mulheres,
2012).

277

Tab. 7, Taxa de alfabetizao, 2000-2010, (INE, ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

Tab.8, Taxa de abandono escolar por grupo tario e meio de residncia, 2010, (INE, ICIEG e
Onu Mulheres, 2012).

Tab. 9, Nmero mdio de anos de estudos da populao, 2013 (INE, 2014).

278

Tab. 10, Violncia Baseada no Gnero. Nmero de casos de mau tratos contra a mulher/
companheira por concelho, (INE, ICIEG e Onu Mulheres, 2012).

Fig. 2, Logo Korrenti di Ativiztas.

279

Fig. 3, Vida di Mudjer: Donne che vendono per strada, (foto di Raul).

Fig. 4, Vida di Mudjer: donna che prepara comida sul fuoco (foto di Carlos).

280

Fig. 5, Vida di mi: ragazzi thugs, (foto di Luis).

Fig. 6, Vida di mi: padjinha, (foto di Luis).

281

Fig. 7, Achada Grande Frente dalla finestra della nostra casa.

Fig. 8, Vida di mi: biskait, (foto di Carlos).

282

Fig. 9, Kamuflada e dreadlocks: stile attivista.

Fig. 10, Parlamento di guetto.

283

Fig. 11, Marcia nel giorno di Amilcar Cabral.

Fig. 12, studio di registrazione nel Pilorinhu.

284

Fig. 13, Studio di registrazione del Pilorinhu.

Fig. 14, Pilorinhu, Achada Grande Frente.

285

Potrebbero piacerti anche