Sei sulla pagina 1di 4

Les accents : cest facile !

Non difficile capire il sistema degli accenti in francese

BISOGNA RICORDARSI CHE :


1) In Francese non VA MAI SEGNATO laccento tonico o dintensit, che cade
automaticamente sullultima sillaba sonora di una parola o di un gruppo di parole .
Il nome della premire dame Carla Bruni veniva infatti pronunciato (Carl Brun )SENZA
SEGNARE ALCUN ACCENTO!!!
a - Lisez ces groupes de mots :
a va? Comment tappelles-tu ? Tu tappelles comment ? Auberge de jeunesse du Sabl, bonjour !
Jadore les spaghettis la sauce tomate Je te prsente Maria Rossi, elle vient de Castelfranco
Veneto.
b- Com la situazione in italiano ? Dove cade di solito laccento tonico? Cosa succede negli altri
casi? Fate qualche esempio :
______________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________
______________________________________________________________________________
2) Laccento ( \ ) che trovate sulle vocali A / O / U- / I - non ha nessuna funzione
fonetica ma serve solo a DISTINGUERE degli omografi ( parole scritte allo stesso modo)
O habites-tu?
Elle va Paris

Tu es n en France ou en Italie
o = dove ou = oppure
Elle a 20 ans
= a (preposizione) a = verbo avere

Anche laccento circonflesso ( ^ ) ha spesso questa funzione :


Je suis sr
Le livre est sur la table
sr = sicuro sur = sopra ( preposizione)
3 ) Laccento invece FONDAMENTALE per la pronuncia della vocale E quando non muta!
4) Laccento acuto ( / ) si trova solo sulla vocale E : serve a indicare la pronuncia chiusa ( con
le labbra avvicinate , chiuse) e si segna quando :
- la vocale (e) chiusa seguita da 1 sola consonante (1 solo suono consonantico) o da una
vocale con la quale non forma una combinazione di lettere
dpit mission prvenir mathmatiques gographie
lgant agrable mchant quilibr

tudes frquent

- la vocale (e) chiusa in fine di parola (quindi anche al femminile e al plurale!)


form ( forme / forms/ formes) fidlit pr bb /(les bbs )
ECCEZIONE : la pronuncia di e chiusa va indicata con un accento nei casi di

CONSONANTE + L o CONSONANTE + R
glise crire Dcrire mpriser clatant
5) Laccento grave ( \ ) sulla vocale E : serve a indicare la pronuncia aperta ( con le labbra
allargate , aperte ) e si segna quando :
la vocale (e) aperta seguita da 1 sola consonante/ 1 solo suono consonantico e nella sillaba
successiva c una e muta
fidle, fidlement, pre, mre , crmerie
alcuni casi particolari : () in sillaba finale + S ( da non confondere con le s dei plurali!)
prs, exprs, aprs, progrs
6) La vocale E seguita da 2 consonanti , anche doppie ( e anche doppia R e doppia L e R/L +
consonante ) o da X (cs) automaticamente pronunciata e NON PRENDE ACCENTO
Estimer - dEstin pErte bElle ExErcice Examen - intrEssant - Errer Messe -servir
espace b guerre
7) In fine di parola la vocale E automaticamente pronunciata IN ALCUNE
COMBINAZIONI e NON PRENDE ACCENTO
- in queste combinazioni la E (CHE NON PRENDE ACCENTO pronunciata ma la
CONSONANTE muta
- ER : come in tutti gli infiniti dei verbi dl primo gruppo parlER AllER mangER racontER
oppure in : boucher , charcutier , crmier , mer
-EZ : come in tutte le seconde persone plurali dei verbi vous allEZ, vous dormEZ, vous finissEZ
vous devEZ, vous voulEZ
oppure in : nez, chez, rez-de-chausse, assez, rendez-vous
-ET : come nella congiunzione ET , oppure in tabourET, discrET, brevET, alphabET
-ED come in pied
in queste combinazioni il suono E (CHE NON PRENDE ACCENTO )
e la consonante sono entrambi PRONUNCIATI
avEc brEf chef - cruEl bEL indEx
8) La E muta (" e muet " ) o E atona (" e atone " ) [] NON HA MAI ACCENTO
ellE parlE - il parlEra le parlEment
seguita da 1 sola consonante o da consonante/ RL ed pronunciata atona ( con un suono
simile allo schwa indicato dal simbolo [] )

petit

se lever refaire la reprise regardez !

in fine di parola , anche al plurale, MUTA


lE- dE - quE mE la portE les portEs - amie /amies sympathique /sympathiques
nelle desinenze dei verbi del primo gruppo MUTA
je formE, tu formES, elle formE , ils formEnt, 9) ATTENZIONE : la vocale E non sempre autonoma ma serve ad indicare graficamente
altri suoni. In questi casi gli ACCENTI non hanno nessuna funzione e NON VANNO MESSI
a) - EN - EM = // a nasale
rendre prendre remplacer insolent attention
enfin, pense, gens, cent, vent, parents, comment , emploi
b) combinazioni di lettere
EAU (o) = beau , bureau, eau, beaut, peau
EU // = peu, feu, je veux, eux , vaniteux
EU // = seul, coeur, neuf , chaleur
EI
// = neige, veine, seigneur
EA // = break , steak , sweat-shirt
10) Laccento cinconflesso (^) sulle vocali ndica la soppressione di una S che nel
17 o 18 secolo aveva smesso di essere pronunciata (e che in italiano spesso esiste ancora )
pte (paste- it. pasta) - fort (forest it foresta ) le (isle- it. isola ) cte (coste it costa )
brler (brusler it .. bruciare ???)
ma compare anche in parole senza S :
me, extrme, suprme, gte, rle, sr.
e in certe parole indica la scomparsa di una E prima di una vocale :
EX. : mr (me/ur - it. maturo ) sr (se/ur it. sicuro ) ge (e/age it et ).
La presenza del circonflesso una questione di LESSICO e non di PRONUNCIA !

11 ) Il trma o dieresi indica che due vocali vicine, che di solito formano una
combinazione di lettere, vanno pronunciate individualmente

mas
goste
nol

( a ne pas confondre avec : mais )