Sei sulla pagina 1di 6

1.

Determinare con il teorema di Castigliano la rotazione nellestremo A


F

B
A
L

Per calcolare la rotazione in A dobbiamo applicare un momento fittizio M*. Consideriamo per
semplicit M* come antiorario. Ci aspettiamo che il segno della rotazione in A sia negativo poich
le due forze F tendono a far inflettere la trave verso il basso e quindi produrre una rotazione oraria.
M*
A
F

F
D

M* / 3L

M* / 3L

Denotiamo in nero le reazioni dovute alla sola presenza delle forze F e in rosso le reazioni che
equilibrano il momento fittizio M* (denotato anche in rosso). Si noti la simmetria delle reazioni
vincolari in presenza delle sole forze verticali F.
Le reazioni vincolari complessive sono:

VA F M * / 3L
VD F M * / 3L
Scriviamo le espressioni del momento flettente per i vari tratti.
TRATTO A-B (forze a sinistra)
M AB (M * / 3L F) z M *

M AB
M

z / 3L 1

TRATTO B-C (forze a destra)


M BC FL (3L z)(M * / 3L)

M BC
M

(3L z) / 3L

Il termine FL rappresenta il contributo delle sole forze verticali. costante poich il taglio nel
tratto B nullo. Invece, il momento M* introduce un termine variabile linearmente da M* a 0.
Lespressione completa infatti:
M BC (3L z )(F M * / 3L) ( 2L z ) F
da cui si ricava lespressione precedentemente scritta.
TRATTO C-D (forze a destra)
M CD (3L z )(F M * / 3L)

M CD
M

(3L z) / 3L

Per il teorema di Castigliano, scriviamo che:


B
C
D
M BC
M CD
M AB
1
1
1
M
dz

lim
M
dz

lim
M CD
dz
AB
BC

M * 0 EI
M * 0 EI
M * 0 EI
M
M
M *
A
B
C

A lim

Sostituendo tutti i vari contributi, si ha:

1 *M
A lim zF *M z/3 1L dz
M 0* EI 3L
0

2L

1 *M 3Lz
lim FL(3Lz) dz
M 0* EI 3L 3L
L

3L

1 M* 3 zL
lim (3L z F) dz
M 0* EI 3L 3L
2L
Eseguendo loperazione di limite, si ha:
L

1
Fz z / 3L 1dz
EI 0

3L

(3L z) F

2L

1
EI

2L

FL
L

3L z
1
dz

EI
3L

3L z
dz
3L

Risolvendo la somma di semplici integrali in z, si ottiene infine:

FL2
EI
Come ci aspettavamo, il segno della rotazione A discorde da quello assunto per M*. Ci significa che
il verso effettivo della A orario.
Lesercizio poteva anche essere risolto in modo molto pi semplice sfruttando la simmetria della
struttura. Lo schema di carico il seguente:
A

M*
A

M*

FL

Tale schema giustificato dal fatto che in una struttura simmetrica le rotazioni sono nulle in
corrispondenza dellasse di simmetria.

Scriviamo le espressioni del momento flettente per i vari tratti.


TRATTO A-B (forze a sinistra)
M AB Fz M *

M AB
M

TRATTO B-M (forze a destra)


M BM FL M *

M BM
M

Per il teorema di Castigliano, scriviamo che:


B
M
M AB
M BM
1
1
M
dz

lim
M BM
dz
AB
*

M * 0 EI
M
*

0
EI B
M
M *
A

A lim

Sostituendo tutti i vari contributi, si ha:

3L / 2

1
1
A lim Fz M* 1dz lim FL M * 1dz
M*0 EI
M*0 EI
0
L
Eseguendo loperazione di limite, si ha:
L

1
Fz dz
EI 0

1
EI

3L / 2

FL dz
L

Risolvendo la somma di semplici integrali in z, si ottiene ancora una volta:

FL2
EI

2. Determinare con il teorema di Castigliano la rotazione nellestremo A

q
A

B
L

Per calcolare la rotazione in A dobbiamo applicare un momento fittizio M*. Consideriamo per
semplicit M* come antiorario. Ci aspettiamo che il segno della rotazione in A sia questa
volta positivo poich il carico ripartito applicato sul tratto BC tende a far inflettere la trave
verso lalto nel tratto AB e quindi produrre una rotazione antioraria in A.
M*

qL/2
M*/L

3qL/2

M*/L

Denotiamo in nero le reazioni dovute alla sola presenza del carico distribuito e in rosso le
reazioni che equilibrano il momento fittizio M* (denotato anche in rosso).
Le reazioni vincolari complessive sono:

VA qL / 2 M * / L
VB 3qL / 2 M * / L
TRATTO A-B (Forze a sinistra)
M AB M * (M * / L qL / 2) z

M AB
(1 z / L) ( L z ) / L
M *

TRATTO B-C (forze a destra)

( 2L z ) 2
M BC q
2

M BC
M

=0

Per il teorema di Castigliano, scriviamo che:


B
C
M BC
M AB
1
1
M
dz

lim
M BC
dz
AB

M *0 EI
M * 0 EI
M
M *
A
B

A lim

Osserviamo che il secondo termine va a zero perch la derivata parziale MBC/M* nulla. Si ha
quindi:
B
M AB
1
M AB
dz
M * 0 EI
M *
A

A lim

Sostituendo i vari contributi, si ha:


L

1
(L z)
M * (M * / L qL / 2) z *
dz
M *0 EI
L

A lim

Eseguendo loperazione di limite, si ha:


L

1 1
(L z )
qLz *
dz

EI 0 2
L

Risolvendo questo semplice integrale in z, si ottiene:

qL3
12EI

Il segno della rotazione A concorde col verso di M*. Quindi la A antioraria come ci si aspettava.