Sei sulla pagina 1di 9

INTRODUZIONE ALLECONOMIA DEI MEDIA

CAPITOLO 1 Capire leconomia dei media


A. Le domande mezionate:
D1.1 Identificare che tipo di problemi affronta leconomia dei media;

-
Da 1.1 a 1.3
D1.2 Descrivere le diverse strutture di mercato concorrenziale;
-1.4
D1.3 Comprendere i caratteri distintivi delleconomia dei media;
-1.6
D1.4 Identificare ed esplorare alcune delle principali carattertistiche
economiche dei mezzi
di comunicazione.-1.7
B. Le sezioni:
S1.1 Di che cosa si occupa leconomia dei media;
S1.2 Macroeconomia e microeconomia;
S1.3 Limpresa nella teoria economica;
S1.4 Strutture concorrenziali del mercato;
S1.5 Strutture e comportamenti di mercato;
S1.6 Quali sono i caratteri distintivi delleconomia dei media?

S1.7 Le caratteristiche economiche essenziali dei media;

i caratteri distintivi delle industrie culturali secondo la proposta di


Doyle.

S1.8 Economie di scala;


S1.9 Economie di scopo.
le differenze fra economie di scala e scopo

Differenza fra industria culturale ed industrie culturali


Strategie competitive funzionale ed aziendali
Come si induce la scarsit
Competizione perfetta, monopolio ed oligopolio

CAPITOLO 2 Strategie dimpresa


A. Le domande mezionate:

D2.1 Comprendere il significato delespressione vertical supply chain;

-2.1
D2.2 Distinguere le strategie di crescita verticale, orizzontale, diagonale;

-2.2 ,2.5-2.7
D2.3 Approfondire concetti come convergenza e globalizzazione e le
loro implicazioni
per le impresse della comunicazione;( convergenza

)-2.2-2.4
D2.4 Spiegare le principali motivazioni dellespansione orizzontale e
diagonale dei media;

-2.5 2.7
D2.5 Analizzare i vantaggi economici associati a queste strategie;


2.5-2.7
B. Le sezioni:
S2.1 La vertical supply chain per i media
S2.2 Il cambiamento delle caratteristiche strutturali e dei confini dei
mercati

S2.3 Le risposte strategiche delle imprese mediali


S2.4 Teorie manageriali
S2.5 I vantaggi dellespansione orizzontale
S2.6 I vantaggi dellespansione diagonale
S2.7 I vantaggi dellespansione verticale
Espansione e integrazione delle imprese mediali
le possibilit di espansione e integrazione per le imprese mediali.
i processi di globalizzazione e convergenza,
fondamentali nel cambiamento in corso nei media contemporanei.
(In riferimento a questi cambiamenti, si fatto ripetutamente cenno al
panorama mediale italiano, e soprattutto al modello di Mediaset nel privato.
)
CAPITOLO 3 Economia della pubblicit
A. Le domande mezionate:
D3.1 Comprendere perch esiste la pubblicit-3.2
D3.2 Identificare e spiegare i fattori che influenzano la quantit di attivit
pubblicitaria
presente in una data economia e capire perch si
tratta di un dato ciclico

-3.3
D3.3 Valutare se la pubblicit sia una forza economica benefica o
dannosa

3.4-3.6
1)

il modo in cui la pubblicit pu produrre esternalit negative,

D3.4 Spiegare i problemiche le aziende si trovano davanti quando devono


decidere quante
risorse investire in pubblicit
-3.7
B. Le sezioni:
S3.1 Lindustria della pubblicit
S3.2 Perch c la pubblicit?
S3.3 Ma le imprese controllano davvero i loro mercati?

S3.4 Pubblicit informativa contro pubblicit persuasiva

un approccio informativo che come strumento di controllo e persuasione.


S3.5 La pubblicit come barriera allingresso sul mercato

il modo in cui innalza barriere di mercato


S3.6 La pubblicit e landamento delleconomia
S3.7 Le decisioni di spesa dellimpresa in campo pubblicitario

S3.8 La pubblicit e i nuovi media


2) i modi in cui la pubblicit interviene sui costi di transazione e
3) le imperfezioni di mercato,

Coda lunga
Link

CAPITOLO 4 La televisione
A. Le domande mezionate:
D4.1 Spiegare le caratteristiche economiche associate allattivit di
difusione televisiva
-4.1
D4.2 Analizzare i punti-chiave del dibattito sul finanziamento pubblico
della televisione(

)-4.3
come interviene nella sfera pubblica

D4.3 Analizzare i vantaggi che offrono le strategie di rete


-4.5
D4.4 Spiegare le tendenze a duplicare le strategie di programmazione
come fattore
competitivo4.6
D4.5 Analizzare limportanza del pagamento diretto da parte degli
spettatori come modalit
di finanziamento della televisione
-4.7

B. Le sezioni:
S4.1 La caratteristiche economiche della diffusione radiotelevisiva

S4.2 I fallimenti del mercato nellattivit televisiva


S4.3 La televisione finanziata dai fondi pubblici
S4.4 La vertical supply chain televisiva
S4.5 I network
S4.6 Strategie di programmazione competiva
S4.7 Limpatto delle nuove tecnologie di distribuzione

CAPITOLO 5 La produzione televisiva


A. Le domande mezionate:
D5.1 Comprendere il significato che hanno per i produttori di programmi le
strategie di
finanziamento in deficit e di gestione per finestre

D5.2 Spiegare il predominio dei fornitori americani nel mercato


internazionale del prodotto
audiovisivo

D5.3 Analizzare la risposta di chi mette a punto le politiche


dellEuropa

D5.4 Valutare argomenti economici pro e contro il protezionismo

B. Le sezioni:
S5.1 Leconomia della produzione dei programmi televisivi

S5.2 Le strategie di distribuzione attraverso lefinestre


S5.3 Il mercato internazionale dei contenuti audiovisivi

S5.4 Il dominio dei produttori statunitensi


S5.5 Fortezza Europa: le quote
4) S5.6 Protezionismo contro libero mercato internazionale
come monitorata dalle autorit
5) lo spazio pubblico
(https://it.wikipedia.org/wiki/Spazio_pubblico) oppure alla ben pi articolata
voce inglese, dedicata anche allo sviluppo dellidea in relazione ai media
contemporanei (https://en.wikipedia.org/wiki/Public_sphere).

CAPITOLO 6 Lindustria cinematografica internazionale


A. Le domande mezionate:
D6.1 Comprendere quali sono le principali fonti di ricavo del cinema

D6.2 Spiegare il successo economico delle major di Hollywood

D6.3 Valutare limportanza della fase della distribuzione nella vertical


supply chain del
cinema
D6.4 Analizzare i principali ostacoli allinvestimento di capitali privati nella
produzione
cinematografica indipendente

B. Le sezioni:
S6.1 I ricavi dellindustria cinematografica
S6.2 Il modello americano
S6.3 Strattura verticale e riduzione del rischio
S6.4 Il settore della produzione in Gran Bretagna
S6.5 Gli ostacoli agli investimenti nella produzione independente

S6.7 Limpatto delle nuove tecnologie


Predomio dellAmerica nellindustria culturale
CAPITOLO 7 I mezzi di comunicazione a stampa
A. Le domande mezionate:

D7.1 Comprendere le caratteristiche economiche associate ai mezzi di


comunicazione a
stampa
D7.2 Spiegare i diversi tipi di strumenti competitivi disponibili per le
imprese del settore

D7.3 Analizzare i fattori che determinano una strategia ottimale di


fissazione del prezzo

D7.4 Valutare quali fattori hanno sostenuto il successo delleditoria


periodica transnazionale
in Europa
D7.5 Spiegare perch la segmentazione della domanda una strategia
importante
nelleditoria periodica.

B. Le sezioni:
S7.1 Le caratteristiche delleditoria quotidiana
S7.2 Luso di strategie competitive per far crescere la quota di
mercato

S7.3 La guerra dei prezzi nel segmento di qualit del mercato dei
quotidiani

S7.4 Il successo degli editori multinazionali di periodici in Europa

S7.5 La segmentazione della domanda

CAPITOLO 8 I nuovi media


A. Le domande mezionate:
D8.1 Capire come la digitalizzazione interviene nella creazione del
contenuto

D8.2 Analizzre le caratteristiche economiche della fornitura di media on


line


D8.3 Capire limportanza
distribuzione elettronica

della

protezione

del

copyright

per

la

B. Le sezioni:
S8.1 Quali novit ci sono nei nuovi media?
S8.2 Internet e il commercio elettronico
S8.3 La digitalizzazione dei contenuti di comunicazione

S8.4 Crescono le economie di scala e di scopo()


S8.5 Linterattivit
S8.6 La personalizzazione
S8.7 Gli effetti di Internet sulleconomia delle imprese di
comunicazione
S8 .8 Guadagnare da Internet
S8.9 La distribuzione elettronica e il copyright
S8.10 Cosa ha insegnato il caso Napster Napster
Digitalizzazione secondo Doyle
La pirateria
In relazione al modo in cui sono cambiati i consumi mediali con la diffusione di
internet si fatto riferimento alla teoria di Clay Shirky, pubblicata in Here
Comes Everybody: The Power of Organizing Without Organizations nel 2008
(https://en.wikipedia.org/wiki/Here_Comes_Everybody), di cui esiste una
traduzione italiana (http://www.codiceedizioni.it/libri/uno-per-uno-tutti-pertutti/)
CAPITOLO 9 Economia dei media e politiche pubbliche
A. Le domande mezionate:
D9.1 Identificare le aree in cui lintervento governativo potrebbe
migliorare le prestazioni economiche delle imprese e dei mercati delle
comunicazioni
D9.2 Valutare lutilizzo di specifiche misure a supporto di chi crea
contenuti per la comunicazione
D9.3 Analizzare il significativo delle funzioni di guardiano (gatekeeper)
soprattutto in rapporto al mantenimento di livelli elevati di concorrenza

D9.4 Valutare le principali ragioni di tipo economico a favore e contro


ladozione di specifiche politiche finalizzate a limitare la propriet delle
imprese della comunicazione

B. Le sezioni:
S9.1 Libero mercato e intervento pubblico
S9.2 Le misure di sostegno a favore di determinati contenuti di
communicazione
S9.3
La
concentrazione
della
propriet
nelle
imprese
della
comunicazione
S9.4 Promuovere la concorrenza
S9.5 I monopoli e il cambiamento tecnologico
S9.6 Massimizzare lefficienza
6)
7)
8)

come monitorata dalle autorit


come interviene nella sfera pubblica:
lo spazio pubblico (https://it.wikipedia.org/wiki/Spazio_pubblico) oppure
alla ben pi articolata voce inglese, dedicata anche allo sviluppo dellidea
in relazione ai media contemporanei
(https://en.wikipedia.org/wiki/Public_sphere).

CAPITOLO 10 Il mercato dei media in Italia


A. Le domande mezionate:

1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)

Sistema integrato delle comunicazioni-(SIC)


Stampa quotidiana e periodica
Editoria annuaristica ed elettronica anche via Internet
Radio e televisione(televisione gratuita, televisione a pagamento, radio)
Cinema(box office e pubblicit)
Pubblicit esterna
Iniziative di comunicazione di prodotti e servizi
Sponsorizzazioni

B. Le sezioni:
S10.1 Introduzione
S10.2 La stampa quotidiana
S10.3 La televisione
S10.4 Il cinema
S10.5 La pubblicit
l panorama mediale italiano, e soprattutto al modello di Mediaset nel privato.