Sei sulla pagina 1di 5

Testo di

MARTA
CALCAGNO
BALDINI

LOMBARDIA

La spettacolare installazione dellartista sulle acque del lago


unoccasione unica anche per riscoprire questo territorio del Bresciano
ricco di storia, arte, archeologia e... bollicine docg della Franciacorta

CHRISTO
S I F E R M ATO
A I S EO

CANTIERE HI-TECH
La squadra dei tecnici sta lavorando allinstallazione
ideata da Christo larga 16 metri e lunga 3 km.
La passerella sar percorribile dal 18 giugno al 3
luglio e si prevede un afflusso record di visitatori.
GIUGNO 2016

GIUGNO 2016

32

33

EDIFICI AL SOLE
Peschiera Maraglio, sulla punta pi meridionale di
Monte Isola. Nella pagina a fronte, in alto come sar
il Floating Piers, disegno di Wolfgang Volz da una
foto di Andr Grossman; sotto, lartista Christo.

M I R ACCO M A N D O : M E T T E T E L A C R E M A P E R N O N SCOT TA R-

Tutto il sentiero si bagner dice lartista con un tono di


reale apprensione e affettuosa cura verso i suoi ospiti sulla
riva del lago dIseo quindi il riflesso dellacqua sar forte.
qui che Christo ha pensato di fermarsi e di camminare sulle
acque. Cio di realizzare il suo nuovo lavoro, Floating Piers:
una passerella galleggiante larga 16 metri e lunga oltre tre
chilometri (da Sulzano fino a Monte Isola, lisola lacustre pi
alta dEuropa con la vetta a 600 m, passando per lisoletta di
S. Paolo, ex monastero cluniacense ora di propriet della famiglia Gussalli Beretta). Ricoperta di un brillante tessuto
arancione, la passerella sar aperta e percorribile gratuitamente
dal 18 giugno fino al 3 luglio, 24 ore al giorno (la notte illuminata da lampade a led, ricaricate dal sole) da tutti coloro
(si prevede una presenza contemporanea di 15mila persone
e un afflusso di 50mila al giorno) che vorranno provare lesperienza di attraversare letteralmente a piedi (meglio ancora
se scalzi, consiglia lartista) il lago sul pelo dellacqua.
Christo nome darte di Vladimirov Yavachev, artista di origine
bulgara da anni residente a New York famoso in tutto il
mondo per le opere di land art che realizzava con la moglie
VI.

Marta Calcagno Baldini

Si attraverser il Sebino da Sulzano a Monte Isola su


300mila cubi galleggianti di mezzo metro di lato

Andr Grossmann

Andr Grossmann

CAMMINARE SULLE ACQUE

quella che avrebbe visto il salone dellhotel testimone del ventilato incontro tra Benito Mussolini e Winston Churchill ai
tempi della Repubblica sociale di Sal.

Jeanne-Claude (scomparsa nel 2009) e noto in particolare


per i suoi impacchettamenti di monumenti celebri o di interi
paesaggi, dalle Montagne Rocciose in Colorado al Pont Neuf
a Parigi, da Porta Pinciana a Roma al Parlamento di Berlino.
Per la prima volta senza Jeanne-Claude, qui, sul lago dIseo,
piccola perla lacustre ignorata anche dagli stessi bresciani
che le preferiscono il Garda come destinazione vacanziera
che Christo ha scelto di realizzare una nuova opera. Ha lavorato in segreto per mesi sulle sponde del lago tra Iseo e Sulzano. qui che insieme alla sua squadra di assistenti e di subacquei, in gran parte bulgari, ma anche francesi e americani,
Christo ha costruito oltre 300mila cubi da mezzo metro di
lato che uniti formano la passerella.
Il quartier generale dellartista, protetto dalla riservatezza,
il vicino storico hotel lAraba Fenice. Qui coccolato, a base
di pasta aglio e olio (ottantunenne, adora i cibi semplici e in
particolare laglio che mangia in continuazione) e di sinfonie
di pesci di lago, dalla giovane chef Debora, una cuoca di
origine calabrese. Lalbergo sorto a met Ottocento, un quattro stelle anchesso affacciato sullacqua, palcoscenico di numerosi episodi storici garibaldini e avvolto da leggende come

I L S E N T I E R O G A L L E G G I A N T E stato realizzato con cubi di


polietilene da una squadra di 500 persone tra volontari e assunti (tutti a spese dellartista, che per lintero progetto ha investito dieci milioni di euro e non ha accettato le numerose
proposte di sponsorizzazione). Durante le settimane di presenza nel lago del Floating Piers, la stessa squadra di persone
si occupa anche di sorvegliare la sicurezza. Dopo aver escluso
il porto di Tokyo e Rio de la Plata, la scelta dellartista caduta
sul lago dIseo, segnalatogli dallamica Umberta Gnutti Gussalli
Beretta e anche grazie al buon lavoro di Paola Pezzotti, la giovane sindaco di Sulzano che ha colto al volo le potenzialit
turistiche dellevento e che ha garantito laccoglienza totale
su questo territorio fin dal primo incontro con Christo nellagosto 2014. Che loccasione fosse ghiotta per il lago dIseo
lo hanno capito subito in molti, tanto che hanno steso ponti
doro allartista che li ha ripagati incontrando spesso le diverse
comunit del lago, spiegando con semplicit il senso del- >>

GIUGNO 2016

35

Giovanni Mereghetti/Marka

Stefano Bombardieri

ARTE CONTEMPORANEA

Non c da vedere solo linstallazione di Christo. Altri


tesori sono sparsi in giro. Anche nelle case vinicole.

loperazione artistica. Tutta la vicina Franciacorta e la citt di


Brescia si sono mossi allunisono e con poche contrariet per
andare incontro alla complessa organizzazione e agli inevitabili
disagi provocati dalla costruzione e realizzazione della ingombrante installazione. Quello che gi viene definito levento artistico dellestate richiama nella zona un turismo internazionale
fatto di critici darte da tutto il mondo, collezionisti, giornalisti
e televisioni. Unoccasione unica per mostrare e far ammirare
il fascino e le bellezze nascoste di questarea lombarda ingiustamente poco conosciuta e poco frequentata dal turismo.
Oltre allaumento di prenotazioni negli hotel, nei b&b e nei
ristoranti di tutta la zona compresa tra Brescia, la Franciacorta,
il lago dIseo e fino alla val Camonica, al Tonale e a Ponte di
Legno, si persino registrato un boom di cerimonie nuziali:
molte coppie vogliano unirsi in matrimonio nella chiesa di
Monte Isola proprio in quei magici 15 giorni.
Vediamo allora di capire come lintera zona si preparata e
che cosa offre al visitatore curioso che si avventuri in questarea
nellestate del 2016.

Sandro Michahelles

LA BRIXIA DEI ROMANI


Loriginale installazione
Il Peso del tempo
sospeso, di Stefano
Bombardieri nella sede
della casa vinicola
Ca del Bosco; sotto il
Capitolium a Brescia.
Nella pagina a fronte,
vigneti in Franciacorta.

B R E S C I A C A P I TA L E R O M A N A E LO N G O B A R DA . La citt, nota
per le sue imprese nellindustria siderurgica, si gi da tempo
votata anche alla missione di attrarre turisti in nome dellarte,
della storia e dellarcheologia. Prima con le grandi mostre
sugli impressionisti organizzate dal mago dellart-turismo
Marco Goldin, poi risistemando il suo centro storico, il quartiere off del Carmine, costruendo una delle metropolitane pi
moderne dItalia. Infine il complesso di S. Giulia, lenorme
costruzione, ex convento longobardo, costruita sopra le antiche
rovine romane, oggi museo, che ospita la mostra dedicata allartista bulgaro, Christo and Jeanne-Claude. Water Projects
(aperta fino al 18 settembre). A cura del noto critico Germano
Celant, riunisce i progetti legati allacqua della coppia di artisti:
oltre 150 documenti, tra studi, disegni e collage originali, modelli in scala, fotografie e video, che permettono di capire meglio il loro lavoro. Una volta in citt, e in particolare lungo la
via dei musei, merita una visita il parco archeologico della
citt romana, che, dopo un lavoro di due anni, stato completamente restaurato: dal Capitolium (arricchito da una suggestiva installazione interattiva realizzata da Studio Azzurro)
fino al Teatro romano e al Santuario repubblicano dedicato
a Zeus. Oltre ai restauri, tutti questi luoghi archeologici sono
oggi visitabili anche in realt aumentata, con speciali occhiali
in 3d che permettono di percorrerli come se il viaggiatore
fosse nellet imperiale. Da non perdere anche il Percorso archeologico di palazzo Martinengo, reso accessibile dai volontari
per il patrimonio culturale del Tci nellambito delliniziativa
Aperti per Voi (vedi pagina 40).
>>

LORIGINE DEL NOME

Perch Franciacorta
Era un territorio franco, ossia libero dalle
tasse, o somigliava alla campagna francese?
Perch questa piccola e fertile
area della Lombardia si chiami cos tuttora incerto: sembra
derivi da unarea (una corte) libera dalle tasse (franca)
in quanto ricca di monasteri molto potenti, cluniacensi e
cistercensi, che nel 1100 erano arrivati qui dalla Borgogna.
Gli storiografi concordano nel far risalire la prima apparizione
del nome Franzacurta al 1277, nello statuto municipale
di Brescia, come riferimento allarea a sud del lago dIseo,
tra i fiumi Oglio e Mella. Esiste, per, anche una spiegazione
pi leggendaria: nel 774, trovandosi in questarea per
conquistare Brescia limperatore Carlo Magno disse
pare di essere in una piccola Francia.
Elia Capriolo, storico medievale,, racconta che Carlo si trov a
dover celebrare la festa di San Dionigi (primo vescovo della
citt di Lutezia, lodierna Parigi) fuori dalla Patria: sostando
con le truppe vicino a Rodengo Saiano e, realizzato che non
sarebbe mai riuscito a tornare in tempo a Parigi, not le
somiglianze di questo piccolo tratto dItalia con la Francia,
e si consol: In fondo questa una piccola Francia, una
Francia corta appunto.
Info: bresciatourism.it, thefloatingpiers.com
CO M E M A I S I C H I A M A CO S .

GIUGNO 2016

GIUGNO 2016

36

37

Da qui , sulla strada verso


Iseo, lantica Roma torna a mostrare i suoi resti. Basta percorrere via Quattrovie, antica strada romana, per trovarsi alla
chiesa di S. Pietro in Lamosa, che nel 1083 i proprietari originari donarono allordine monastico allora pi influente,
quello cluniacense, sorto a Cluny, in Francia, in seguito alla
riforma dellordine benedettino. La chiesetta apparteneva a
uno dei 1.300 monasteri sparsi per lEuropa, e tale rimase per
quattro secoli. Attorno al 1550 la navata centrale della chiesa
fu ampliata e oggi visitabile e sede di mostre e convegni. Il
monastero si erge in vista delle Torbiere del Sebino, oggi riserva
naturale, formatesi con i detriti portati dai ghiacciai. Tutta la
Franciacorta per la verit caratterizzata da terreni morenici,
ma in questarea quando, 10mila anni fa, lultimo ghiacciaio
si ritir, si form una prateria acquitrinosa diventata poi area
torbosa. Ancora nel 1700 si pensava che quella sorta di palude
fosse del tutto inutile: Cristoforo Pilati, studioso bresciano
del tempo, scriveva che le erbe miserabili che si trovano l
sono buone a rendere gli animali magri anzich grassi. Solo
a partire dallOttocento ci si rese conto che quella palude era
un magazzino di energia proprio sotto il sole e si cominci
infatti a estrarre la torba come combustibile. Fino al 1940 infatti, la torba fu usata per alimentare i forni delle industrie
siderurgiche della zona. Oggi invece le Torbiere del Sebino
sono una splendida area naturale protetta in cui si possono
compiere passeggiate su apposite passerelle, e visite guidate
alla scoperta delle innumerevoli specie animali e vegetali che
qui proliferano in libert.

Marta Calcagno Baldini

ALTRE TRACCE DELLANTICA ROMA .

L A F R A N C I ACO R TA E I S U O I V I N I . Resti degli antichi fasti di


Roma fanno capolino anche in Franciacorta, territorio collinare coltivato in gran parte a vite diventato, da una trentina
danni, patria del cosiddetto champagne italiano il Franciacorta, vino con le bollicine al top della qualit nelle classifiche enologiche e sempre pi diffuso sulle tavole nazionali
e di tutto il mondo.
Il territorio racchiude tra le vigne innumerevoli tesori darte,
conserva tradizioni gastronomiche e propone ricche testimonianze di storia, laiche e religiose. Delimitata dai fiumi Mella
e Oglio, la Franciacorta chiusa tra le colline di Brione, Polaveno, Monticelli Brusati e il lago dIseo, e la pianura padana.
estesa sul territorio di 19 Comuni (da Adrio a Corte Franca,
da Erbusco a Passirano e Rovato), e vanta oggi oltre 80 chilometri di percorsi tra itinerari pedonali, piste ciclabili e passeggiate a cavallo. Sparse qua e l testimonianze di antichi
conventi e di chiese rupestri, ma anche di insediamenti romani,
sorti in seguito allassegnazione di appezzamenti di terra a
centurioni distintisi in guerra.
Quando abbiamo posto qui la nostra sede nel 2014, abbiamo
scoperto la base di una torre che serviva come fornace ci
dice il norcino Silvano Palazzi, che con il fratello Ivan ha
aperto a Corte Franca, in via Quattrovie, Polastri Maceler
(dalla canzone di Francesco De Gregori Bandito e Campione,
dedicata a Sante Pollastri, anarchico che pass 32 anni in carcere e usc solo nel 1959 graziato dal Presidente della Repub-

I S E O, S U L Z A N O E D I N TO R N I . Dalle torbiere la strada per il


lago dIseo breve: dopo aver visitato Iseo, con i suoi negozietti
alla moda e i ristoranti di tradizione, da raccomandare una
sosta allhotel Araba Fenice, lalbergo di Sulzano in cui Christo
ha soggiornato per tutti i mesi necessari alla realizzazione
della sua opera. Il suo cantiere, infatti, proprio affacciato sul
lago a poche decine di metri dallhotel, negli spazi dellex stabilimento Caproni: Era abbandonato da 30 anni ci dice
Alessandro Ropelato, general manager dellhotel. Grazie a
Christo tutta larea sta beneficiando di questa improvvisa notoriet. Per la prima volta, per esempio, stiamo unendo e >>

brut italiano ottenuto con il metodo classico ad avere il riconoscimento docg. Nei 2.800 ettari di vite Franciacorta docg
si contano 109 cantine, molte delle quali sono visitabili. Una
delle pi interessanti e spettacolari sicuramente la Ca del
Bosco di Erbusco: una grande cancellata firmata da Arnaldo
Pomodoro (il Cancello solare), introduce a un percorso artistico
punteggiato di viti e di sculture di arte contemporanea firmate
dal polacco Igor Mitoraj e dal bresciano Bruno Romeda, gatti
colorati della craking art e molti altri. Lazienda organizza
visite guidate, mette in vendita sul posto i propri vini, e si propone come location per feste e matrimoni.

facendo dialogare tutti gli hotel quattro stelle che si affacciano


sul lago. Per il futuro vorremmo organizzare altre occasioni
di incontro e trasformare il lago dIseo nel lago dellarte.
Arte che andrebbe ad affiancare la lunga tradizione di alto artigianato della zona. Monte Isola nota in tutto il mondo per
la produzione sia di reti da pesca sia di quelle che si trovano
negli stadi, nelle porte dei campi di calcio. Nella vicina Sarnico,
sulla riva bergamasca del lago, c il cantiere navale Riva, la
Rolls Royce delle imbarcazioni, forse il cantiere italiano che
ha prodotto i motoscafi di lusso pi famosi al mondo.
Anche i segnali del risveglio turistico della zona sono evidenti,
grazie soprattutto agli arrivi dal Nordeuropa. Al momento
vengono molti norvegesi spinti fin quaggi da una serie tv
ambientata lungo il lago. Ma speriamo anche nelleffetto del cineturismo continua
Ropelato. Sta per
uscire nelle sale il film
My father Jack, pellicola italiana di azione
con tanto di inseguimenti alla 007.

Ma non lunica formula


adottata in Franciacorta. Loro rappresentano la modernit,
noi la tradizione, ci
dice Pia Donata Berlucchi, presidente della Fratelli Berlucchi,
azienda che da pi di
30 anni tiene alto il
nome del Franciacorta. Siamo a Corte
Franca, in mezzo alle
L E B O L L I C I N E P I FAcolline: La scoperta
M O S E D I TA L I A .
del vino ha preservato
La cultura del vino in
questa zona dalla roFranciacorta inizia a
vina dellambiente,
svilupparsi solo dal
che rimasto naturale
1967, grazie a un picfino a oggi proprio
colo gruppo dimprengrazie ai vigneti. In
ditori, anche se fin dal
contemporanea con
medioevo qui si ottelinstallazione di Chrineva un vino mordaANTICHE RESIDENZE
sto anche la Berlucchi
ce solo per il consuPia Donata Berlucchi, Presidente della Fratelli Berlucchi, azienda leader del
Franciacorta nella sua residenza. Nella pagina a fronte, interno del Museo
sar aperta per visite
mo locale. Come testidi Santa Giulia in occasione della mostra Marc Chagall. Anni russi 1907-1924.
guidate (in azienda
monia il catasto napovengono anche conleonico del 1809 gi
servati interessanti affreschi medievali e rinascimentali) con
allora si contavano circa mille ettari di vigneti, promiscui con
degustazione finale, previa prenotazione (info@fratelliberaltre colture: dalla fine dellOttocento in poi nascono diversi
lucchi.it, o tel. 030.984451). Tra la Fratelli Berlucchi, La Moncenacoli mondano-culturali nelle ville sui colli.
tina di Monticelli Brusati (aperta tutti i giorni per visite guidate
Dopo il decisivo intervento negli anni Sessanta di Franco Zucon degustazione e sede del museo Remo Bianco, Museo darte
liani, allinizio degli anni Settanta imprenditori e manager
contemporanea con 180 opere esposte), la Cavalleri di Erbusco,
cominciano ad acquistare terreni in Franciacorta, arricchendo
la Barone Pizzini di Provaglio dIseo (prima azienda agricola
le terre con vigneti trasformati in laboratori enologici. Le
di vini Franciacorta a produrre solo vino biologico), le cantine
bollicine della Franciacorta presto raggiungono i maggiori lidella Franciacorta sono davvero un variopinto bouquet di ofvelli di qualit dello spumante italiano.
ferta di enoturismo.
Finalmente nel 1995 il nome Franciacorta designa il primo
T R A M O D E R N I T E T R A D I Z I O N E .

Marta Calcagno Baldini

blica Giovanni Gronchi) uno spaccio di prodotti doc del territorio, dai formaggi ai salumi (tra cui la ret o la magiola ,
salame molto particolare impastato con erbe aromatiche) e
vini di Franciacorta. Sul retro del negozio, infatti, ben visibile
la base circolare di una torre antica, con intatta una parte di
muro dellantica fornace: E se si dovesse scavare qui certamente si troverebbe un insediamento vero e proprio.

GIUGNO 2016

GIUGNO 2016

38

39

IL RIFUGIO DELLARTISTA
Lhotel Araba Fenice affacciato sul lago dIseo
ha ospitato Christo durante la preparazione e la
realizzazione dellinstallazione Floating Piers.
In primo piano gli eleganti motoscafi Riva in rada.

INFO UTILI

Ospitalit spumeggiante
Il territorio offre tante occasioni per visite e soggiorni
TRATTORIA PORTERI

BRESCIATOURISM

Via Trento 52, Brescia,


tel. 030.301833;
trattoriaporteri.com.

______
Piazza della Loggia 13/b,
tel. 030.2400357;
bresciatourism.it.

LOCANDA AL
DOSSELLO

DORMIRE E
MANGIARE

Via per Monterotondo


24, Provaglio dIseo (Bs).
tel. 030.9839183;
locandadossello.it.

ALBERGO
OROLOGIO*** y

HOTEL ARABA
FENICE****

Via C. Beccaria 17,


Brescia, tel. 030.3755411;
albergoorologio.it.

Via Caproni 246, loc.


Pilzone, Iseo (Bs), tel.
030.9822004,

______

arabafenicehotel.it. Con
ristorante Bella Iseo.
RISTORANTE DUE
COLOMBE

Via Foresti 13, Borgonato


di Corte Franca (Bs),
tel. 030.9828227,
duecolombe.com.
TRATTORIA FONTAN

Nella riserva naturale


Torbiere del Sebino, via
Sebina 115, Provaglio
dIseo (Bs), tel.
030.9823620;
trattoriafontani.com,
LOCANDA BURRO E
ALICI y

Via Camillo Benso conte


di Cavour 7, Erbusco
(Bs), tel. 030.7760569;
locandaburroealici.com.
Un cascinale del Seicento
con imponenti archi a
volta e un grande
porticato. Riprende la
cucina amalfitana.

GIUGNO 2016

40

Visav Sas

INFO

TCI A BRESCIA

______
Punto Touring, corso
Cavour 35,
tel. 030.3756400.
Club di territorio:
brescia@
volontaritouring.it.
Aperti per Voi:
chiesa di S. Giorgio,
chiesa di S. Maria della
Carit e Percorso

archeologico di Palazzo
Martinengo.
GUIDE TCI

______
Guida Verde Brescia e il
suo territorio, 144 pagine,
prezzo 18 ; 14,40 soci.
Itinerari Touring-Slow
Food, Franciacorta,
prezzo 14 ;
11,20 soci Tci.