Sei sulla pagina 1di 14

CEMENTO ARMATO

Acciaio e calcestruzzo collaborano in maniera solida e sicura


Continuit Monolitismo Iperstaticit

Le costruzioni in c.a. sono tutte quelle in cui due materiali, ferro e conglomerato di cemento,
risultano uniti in modo da poter opporre insieme una resistenza statica contro le forze esterne
Emile Mrsch 1902

CONCETTI FONDAMENTALI
1. La scarsa resistenza a trazione del calcestruzzo (che nei calcoli si ipotizza nulla) sopperita
dallacciaio, che offre unadeguata resistenza a trazione. Invece il calcestruzzo offre una
buona resistenza a compressione.
2. Laderenza tra lacciaio ed il calcestruzzo molto buona (ipoteticamente perfetta) e non
insidiata dalle dilatazioni termiche in quanto i due materiali presentano allincirca lo stesso
coefficiente di dilatazione termica.
3. Conservazione delle sezioni piane, cio le sezioni deformate si mantengono piane (ipotesi di
Navier).
4. Le sollecitazioni esterne e le deformazioni si calcolano come per i solidi omogenei. Cio si
ritengono validi i risultati della teoria dellelasticit e, in genere, della scienza delle
costruzioni.

METODI DI VERIFICA

Metodo Classico

Metodi a Rottura

Metodo Tensioni Ammissibili

Metodo agli stati limite

Metodo delle Tensioni Ammissibili


(Inizialmente proposto da Mrsch)
Oltre alle 4 ipotesi fondamentali aggiunge
5.a Si ammette che la legge di Hooke sia valida: per il calcestruzzo compresso (ossia che Ec sia
costante), e per lacciaio sia teso che compresso (ritenuto in campo elastico).
La teoria statica consiste essenzialmente nel calcolo delle tensioni interne nei due materiali e nel
verificare che tali tensioni non siano superiori alle tensioni ammissibili fissate dalla norma.
Il calcolo delle deformazioni necessario, oltre che per il calcolo delle incognite iperstatiche, anche
per un opportuno confronto tra i risultati teorici e la realt (collaudo) essendo le deformazioni
lindice di riferimento pi facilmente verificabile e pi rappresentativo dello stato tensionale.

amm =

1.7

acciaio

calcestruzzo

= Coefficiente globale. Tiene conto di vari fattori: aumento delle tensioni e riduzione della
resistenza, incertezze nella valutazione dei carichi, sulla distribuzione effettiva delle tensioni
interne, sulla resistenza dei materiali, incertezze di calcolo, esecuzione difettosa, ecc.).
2

Metodo agli Stati Limite


Evoluzione del metodo elastico, cerca di indagare condizioni non considerate in modo diretto nella
procedura classica: rottura, fessurazione, duttilit (probabilmente considerate nel metodo classico in
modo indiretto con alcuni parametri appropriati)
- Normativa Russa 1955

Rottura

- Normativa Brasiliana 1960

Rottura

- Normativa Argentina 1964

Rottura (PRAEH/64)

In Italia introdotto nel 1985 (DM 27/7/1985)


Criteri semi-probabilistici applicati sia alle azioni che alle resistenze. Prende in conto valori
caratteristici sia per le propriet meccaniche dei materiali che per lentit delle azioni.
Alle 4 ipotesi fondamentali si aggiungono:
5.b Nel calcestruzzo la legge tensione-deformazione di tipo non-lineare (non segue la legge di
Hooke) e deriva prevalentemente da risultati sperimentali
6.b I valori caratteristici delle resistenze dei materiali si trasformano in valori di calcolo
mediante limpiego di opportuni coefficienti di sicurezza m.
Le azioni caratteristiche sulle costruzioni sono combinate tra loro applicando opportuni
coefficienti parziali (per es. g, q) e coefficienti di combinazione, che tengono conto
della probabilit di coincidenza di sollecitazioni esterne di diversa origine. I coefficienti
sono applicati in modo da determinare le condizioni di carico pi sfavorevoli per ciascuna
verifica, tenendo conto della bassa probabilit di intervento simultaneo di tutte le azioni con
i rispettivi valori pi sfavorevoli.
7.b Si verifica che le azioni di calcolo non provochino sollecitazioni Sd superiori a quelle di
calcolo Rd sopportabili dalla struttura nello stato limite considerato.

S d Rd
Ovvero Rd S d 0

Note:
Stato limite la condizione superata la quale la struttura non soddisfa pi le esigenze per le quali
stata progettata.
Resistenze caratteristiche gi definite nel metodo n

Il metodo semiprobabilistico degli Stati limite basato sulla probabilit di messa fuori servizio
della struttura per cause diverse. Stato limite ogni stato di insufficienza della struttura.
Le strutture vengono verificate in relazione ad una, o pi, situazioni limite per le quali la struttura
diventa inservibile.
Tra queste situazioni possibili c quella di COLLASSO.
Una struttura risulta inadatta alluso cui destinata quando raggiunge uno stato limite per il quale
non soddisfa pi le esigenze per le quali stata concepita.
1) Stati Limite Ultimi (SLU): corrispondono alla massima capacit portante o al
raggiungimento di condizioni estreme.
2) Stati Limite di Esercizio (SLE): dipendono dai criteri di normale utilizzazione e di durata.

Nota: La sicurezza e le prestazioni di una struttura o di una sua parte vanno valutate in relazione
allinsieme degli stati limite verosimili che si possono verificare durante la vita utile di progetto.

SLU:
crolli, perdite di equilibrio o dissesti gravi, totali o parziali, che possono compromettere
lincolumit delle persone ovvero comportare la perdita di beni, ovvero provocare danni gravi
ambientali o sociali, ovvero mettere fuori servizio lopera.
Il superamento di uno SLU ha carattere irreversibile e si definisce collasso strutturale.

SLE:
Sicurezza nei confronti di SLE: tutti i requisiti atti a garantire le prestazioni previste per le
condizioni di esercizio.
Il superamento di uno stato limite di esercizio pu avere carattere reversibile o irreversibile.
Nel primo caso il danno o la deformazione, reversibili, cessano non appena cessa la causa che ha
portato al superamento dello stato limite.
Nel secondo caso si manifestano danneggiamenti irreversibili, nella struttura e nella stessa
costruzione, o deformazioni permanenti inaccettabili e si identifica tale stato limite come Stato
Limite di Danno (SLD).

VALORI DI CALCOLO
Sono i valori da assumersi nella progettazione o verifica delle opere per coprire la probabilit di
errori di esecuzione e di valutazione, nonch le imperfezioni di calcolo. Va osservato che tali valori
non coprono errori gravi di calcolo o di concezione strutturale e tanto meno da quelli di esecuzione,
che, peraltro, per la loro natura escono da una concezione probabilistica della sicurezza.
Pu dirsi che il metodo semiprobabilistico sufficientemente corretto se sono rispettate le BUONE
REGOLE DI PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE.

Resistenza di calcolo di un materiale

fd =

fk

fk :

valore caratteristico.

m :

coefficiente di sicurezza che tiene conto della probabilit di difetti di esecuzione che

possono ridurre la resistenza del materiale.

Resistenza di calcolo del calcestruzzo

f cd =

f ck

0.83Rck

Resistenza di calcolo
Acciaio

Calcestruzzo

fyd (N/mm2)

fcd (N/mm2)

Fe B 38k

Fe B 44k

Rck 20

Rck 25

Rck 30

Rck 35

Rck 40

Ultimi

326

374

10

12

16

18

21

Esercizio

375

430

16

20

25

29

33

Stati Limite

Rck 15 N/mm2
Rck 50 N/mm2 (nei calcoli statici non si pu superare 50 N/mm2)

Coefficiente di sicurezza del materiale m.


Acciaio
Stati Limite

Calcestruzzo
c

Controllato in

Non controllato in

stabilimento

stabilimento

Ultimi

1.15

1.30

1.6

Esercizio

1.00

1.00

1.0

AZIONI DI CALCOLO
Ai carichi vengono applicati coefficienti parziali di sicurezza e coefficienti ci combinazione
che tengono conto:
a

Di una sfavorevole deviazione dal suo valore nominale caratteristico

Della ridotta probabilit che tutti i carichi agenti raggiungano il loro valore massimo
simultaneamente

Essi tengono conto anche dellincertezza del comportamento delle strutture rispetto a quanto
assunto nei calcoli

SLU
Carichi gravitazionali due aliquote: Permanenti e Accidentali
Sd sollecitazioni indotte da:

g Gk + q Qk

Gk: Carichi permanenti al loro valore caratteristico


g: Coefficiente parziale di sicurezza carichi permanenti
Qk: Carico accidentale caratteristico
q: Coefficiente parziale di sicurezza carico accidentale

g = 1.4 (1.0 se il suo contributo aumenta la sicurezza)

q = 1.5 (1.0 se il suo contributo aumenta la sicurezza)

Per tener conto delle incertezze sui dati disponibili il metodo semiprobabilistico comporta
lassunzione di valori caratteristici sia per le resistenze dei materiali che per lentit delle azioni.
Materiali:
frattili di ordine 0.05 (5%)

fc

fck
n

fy

fyk

Azioni permanenti:
frattili 0.05 (a favore di sicurezza )
0.95 (a sfavore di sicurezza)

0.05

0.95

Gk a favore di
sicurezza

Gk a sfavore
di sicurezza
9

Nel caso di n carichi accidentali


n

Sd sollecitazioni indotte da: g Gk + q Qk 1 + 0i Qki


1

0i: coefficiente di combinazione, tiene conto della ridotta probabilit che tutti i carichi agiscano
contemporaneamente
0: da determinarsi sulal base di considerazioni probabilistiche. In assenza di queste si assume si
assume 0.7 per i carichi variabili di esercizio nei fabbricati per abitazione e uffici e per le azioni da
neve e vento.
Non si devono considerare concomitantemente le azioni di vento e sisma.
Sisma SLU e SLD: combinazione degli effetti con le altre azioni.
n

I E + +Gk + ji Qki
1

IE: azione sismica per lo stato limite in esame


Gk: valore caratteristico carichi permanenti
ji:

2i (SLU) coefficiente di combinazione, fornisce il valore quasi permanente dellazione


variabile Qi.
0i (SLD) coefficiente di combinazione, fornisce il valore raro dellazione variabile Qi

Qki: valore caratteristico dellazione variabile Qi

Abitazioni, uffici
Uffici aperti al pubblico, scuole,
negozi, autorimesse

0i = 0.70

2i = 0.30

0i = 0.70

2i = 0.60

10

VERIFICA DELLE SEZIONI


Verifica allo SLU per sollecitazioni che provocano tensioni normali (sforzo normale, flessione
semplice e composta)
Ipotesi
- Conservazione delle sezioni piane (ipotesi di Navier)
- Deformazione massima del calcestruzzo pari a -0.0035 nel caso di flessione semplice e
composta con asse neutro che taglia la sezione (asse neutro reale), e variabile dal valore
predetto a -0.002% quando lasse neutro, esterno alla sezione, tende allinfinito.
- Deformazione massima dellarmatura tesa +0.01 (1%)
Diagrammi di calcolo tensioni-deformazioni del calcestruzzo
Parabola-Rettangolo sostituisce convenzionalmente il diagramma effettivo di tipo parabolico con
ramo cadente dopo il raggiungimento della tensione massima
La tensione massima di progetto vale fc

c
0.85 f ck

f c = 0.85 f cd =

0.002

0.85 f ck
= 0.53 f ck (= 0.44 Rck )
1.6

0.0035

0.85 tiene conto della riduzione di resistenza a compressione conseguente alla modalit di
applicazione del carico (per es. in permanenza), non un coefficiente di sicurezza.

11

In alternativa, per le verifiche delle sezioni la distribuzione delel compressioni pu essere assunta
uniforme con valore :

0.85 f ck

= 0.53 f ck per una altezza a partire dal lembo compresso 0.8x e xh.

c=0.53fck

c=0.0035
-

As

+
s

1) sezione

Fc

c=0.53fck

Fs

Fs
fs

2) deformazioni

12

Fc

0,8x

fs
3) tensioni

4) tensioni equivalenti

Parabola rettangolo

rettangolo

Diagrammi di calcolo tensioni-deformazioni dellacciaio


Acciaio di durezza naturale.
Diagramma schematizzato con bilatera.

fyk
fyd=fyk/s
arctg Es

0.01

0.01

Acciaio incrudito. Il diagramma di calcolo si deduce


dal diagramma caratteristico effettuando unaffinit
parallelamente alla tangente allorigine nel rapporto 1/s

s
fyk(0.2)

0.01

0.002
0.002

0.01

fyk(0.2)

13

Pilastri: Carichi gravitazionali o altri non sismici


Compressione centrata od eccentrica.
Armatura longitudinale non minore di 0.8% della sezione di conglomerato strettamente necessaria
per il carico assiale, e compresa fra 0.3% e 6% della sezione effettiva (10% nei tratti di giunzione)

long 12 mm

Staffe separazione

min

15 minimo longitudinale
25 cm

Separazione
massima (cm)

12

18

14

21

16

24

18

27

20

30

24

36

Le staffe devono essere chiuse e conformate in modo da contrastare efficacemente,


lavorando a trazione, gli spostamenti delle barre longitudinali verso lesterno.

14