Sei sulla pagina 1di 1

9 Psicologia del profondo

Riff. Adler A., Prassi e teoria della psicologia individuale. Freud S., Linterpretazione dei sogni; Al
di l del principio di piacere; Il disagio della civilt. Jung C.G., Trasformazioni e simboli della libido.
Presupponendo che non tutto ci che nella mente lo a livello cosciente, Freud ha sostenuto che
la psiche ha una struttura tripartita: lEs il dominio delle tendenze istintuali e inconsce, riferito al
principio del piacere; lEgo il dominio della coscienza; il Super Ego lambito dei divieti e dei
precetti (modelli di valore trasmessi dalla famiglia, dalla scuola, dalla societ, dalle autorit,
interiorizzati nel periodo infantile) e funge da censura morale. Ordinariamente, il soggetto risolve in
modo autonomo i disturbi del comportamento controllando le volizioni, le emozioni e la libido (questa
sublimata col trasferimento della carica sessuale su obiettivi impropri quali, ad esempio, lattivit
artistica). Le fasi dello sviluppo, ognuna caratterizzata dallemergere di un bisogno legato a unarea
del corpo, sono la: fase orale (0-1 anno); fase anale (1-3 anni); fase fallica (3-5 anni); fase di latenza
(5-12 anni); fase genitale (12-18 anni). Qualora linibizione delle energie psichiche originarie induca
emboli emozionali, pu aversi che questi emergano dalla sfera subliminale, nei contenuti simbolici
dei sogni, nelle libere associazioni mentali e nei lapsus. I ricordi emotivamente pi impegnativi
possono generare complessi; cos, ad es., nel complesso edipico, lenergia libidica orientata
sul genitore e pu generare nevrosi (cio, conflitti tra Io ed Es.). In Linterpretazione dei sogni
(1899), Freud ha sostenuto che nel sonno la persona sospende lattivit cosciente, quasi tornando
nel grembo materno buio e silenzioso, e che i sogni si riferiscono ad avvenimenti conservati nella
memoria; lattivit del sognare risulta non programmata, a volte non gradita e comunque sottratta
alla vigilanza-rimozione dellIo, sicch i contenuti psichici subliminali, le pulsioni dellinconscio e i
desideri inappagati e rimossi emergono rappresentati in immagini allucinatorie (cio, irreali). Le
immagini oniriche possono essere de-criptate e rivelare i contenuti latenti dei sogni celati in base
a un codice di simboli (condensazione di pi elementi latenti, in una sola immagine; spostamento
della carica affettiva da un oggetto a un sostituto) estraneo alle comuni logiche. Lo psicanalista
decripta il significato simbolico segmentando i sogni in sequenze che hanno una sintassi e una
semantica specifiche; con questa attivit di decriptazione dei sogni, lanalista diventa polo del
transfert, figura della quale il paziente vuole guadagnare lapprovazione. Altre tecniche terapeutiche
freudiane sono la decifrazione dei lapsus verbali (sono lespressione criptica ed involontaria di
contenuti inconsci che premono sulla coscienza), e la libera associazione mentale, che sia
occasionata in modo contingente dallambiente esterno, o che sia guidata dallanalista in modo da
risalire la catena delle associazioni mentali fino allinconscio. In Al di l del principio di piacere (1920),
Freud ha posto le linee generali di riferimento filosofico delle sue teorie mediche, prendendo le
distanze dalla tradizione filosofica (con eccezione per Cartesio, F. Nietzsche e pochi altri). In Il
disagio della civilt (1929), egli ha contrapposto lros (la disposizione creativa, vigorosa nellet
giovanile delle illusioni, al thnatos (listinto autodistruttivo e la cruda aggressivit) con il quale
configgono i valori che, ma al prezzo di rinunzie nella sfera dellEs, consentono la pacifica
convivenza sociale. Della Associazione Psicanalitica Internazionale, fondata (1910) da Freud, hanno
fatto parte, tra altri, C.G Jung, A. Adler e di W. Reich, Anna Freud, K. Abraham, S. Ferenczi, In
Trasformazioni e simboli della libido (1912), lo svizzero Jung ha esteso il concetto di libido a
comprendere ogni forma di energia psichica vitale, e ha esteso il concetto di inconscio, oltre lambito
dei trascorsi psichici individuali, allinconscio collettivo (linsieme degli impulsi originari del genere
umano). In Prassi e teoria della psicologia individuale (1924), il viennese Adler ha ampliato la ricerca
delle cause della nevrosi oltre la sfera freudiana della sessualit, anche alla pulsione aggressiva
egocentrica (una forma naturale di sovra-compensazione ai complessi di inferiorit); accantonando
linterpretazione freudiana del simbolismo dei sogni, ha ridimensionato il ruolo dellanalista, sicch
ha fatto del lettino dello psicoterapeuta poco pi che loccasione dintervento di un amico esperto.