Sei sulla pagina 1di 46

ATOMO DI IDROGENO

Spettroscopia Atomica Figura 1

Spettroscopia Atomica Figura 1b

Spettroscopia Atomica Figura 1c

Spettroscopia Atomo H Figura 2

schematizzazione delle transizioni elettroniche


previste per l'idrogeno dal modello di Bohr e
delle righe spettrali ad esse associate.

Spettroscopia Atomo H Figura 2b

Spettroscopia Atomo H Figura 2b

Spettro in alta risoluzione del tripletto che forma la riga a della serie di Balmer.
La risoluzione non sufficiente a distinguere i due contributi (l=6564.5486 e l=6564.5624 )
della riga di lunghezza donda inferiore, mentre ben separata la riga con l=6564.6894

Spettroscopia Atomica Figura 3

13.7eV

Esperimento Franck Hertz Figura 4

Catodo
(filament)

Anodo (grid)
Collettore

Retarding
voltage

Struttura Fine Figura 5

Gli stati iniziali e finali sono descritti dallo stato dellelettrone prima e dopo la transizione e dalla
rappresentazione della configurazione elettronica complessiva dellatomo (termine) nella

notazione
Russell-Saunders,
(2S+1)
LJ , nella quale
S, L e Jdisono
rispettivamente
lo con
spinletotale, il
lunghezzedidonda
delle righe di
emissione
dellatomo
idrogeno,
confrontate
momento
orbitale
totale
ed il momento
angolare
totale. Ilsignificato
previsioniangolare
del modello
di Bohr.
Laccuratezza
dei dati
sperimentali
dellordinedidiquesta
0.001.
notazione sar discusso in dettaglio quando si tratteranno le configurazioni elettroniche degli
atomi a molti elettroni.

Struttura Fine Figura 5b


diagramma di Grotrian dei
livelli energetici dellatomo di
idrogeno e delle transizioni
permesse.
La scala delle energie
riportata in eV (a destra) e in
numero doda (cm-1) a sinistra.
Dalla relazione
E = hn = h c / l = h c n ,

dove
n = 1 / l il numero donda,

DE 10-4eV

si ricava che 1 cm-1 corrisponde


a 1.23984x10-4 eV (ovvero 1 eV
= 8065.55 cm-1)

Struttura Fine Figura 5c

Lo splitting di struttura fine di alcuni livelli energetici dellatomo di H. Lo splitting


non in scala .
Le transizioni che producono linee osservate sperimentalmente sono indicate con
frecce continue

Armoniche Sferiche Figura 6

Armoniche Sferiche Figura 6b

Orbitali atomici Figura 7

Orbitali atomici Figura 7c

Livelli atomo H Figura 8

Livelli atomo H Figura 8

Autofunzioni radiali Figura 9

Autofunzioni complete Figura 10

Autofunzioni complete Figura 10

Distribuzione radiale Figura 11


Rn,l (r)

r2 Rn,l (r)2

Distribuzione radiale Figura 11

Distribuzione radiale Figura 11


r2 Rn,l (r)2

Densit di probabilit Figura 11b


r2 Rn,l (r)2
Il raggio medio di ogni
shell principale (n=1,2,3)
coincide con il raggio
previsto dal modello di
Bohr

Densit di probabilit Figura 11C


n=1

Densit di probabilit Figura 11C


n=2

Densit di probabilit Figura 11C


n=2

Orbitali atomici H Figura 11c

Momento angolare orbitale Figura 12


Orientazione del momento
angolare per l=3 e per i 7
possibili valori che puo
assumere m

Momento orbitale e magnetico Figura 12

Precessione Figura 12

Stern e Gerlach Figura 13

Momento Angolare Totale Figura 14

Momento Angolare Totale Figura 14b

Momento Angolare Totale Figura 14c

Struttura fine Figura 15

Struttura fine Figura 15

Contributo dei termini di struttura fine alle energie dei primi livelli
elettronici dell atomo di idrogeno

Struttura fine Figura 15b

Valori dei termini di struttura per i


primi orbitali dellatomo di
idrogeno e confronto con i valori
sperimentali.

N.B. per il confronto con i dati


sperimentali si assunta zero
lenergia dello stato
fondamentale.

Struttura fine Figura 15b

Lamb Shift Figura 16

Lamb Shift Figura 16

Riassunto degenerazioni Figura 16