Sei sulla pagina 1di 77

Lin Comunicao

DRENAGGIO LINFATICO
MANUALE
Un Nuovo Approccio

Jos Maria Pereira de Godoy


Maria de Ftima Guerreiro Godoy

UN NUOVO APPROCCIO AL
DRENAGGIO LINFATICO MANUALE
Jos Maria Pereira de Godoy
Maria de Ftima Guerreiro Godoy

Translated from the original Brazil Drenagem Linftica Manual. Uma Nova Abordagem.
1 th. Edition
By
* Adolfo Max Rothschild
* David Andrew Hewitt

LIN COMUNICAAO

Printing history: 1 th. Brazil edition 1999


Copyright Brazil edition: 1999 by Lin Comunicao.
So Jos do Rio Preto - So Paulo - Brazil.
All rights reserved of Brazilian language are the Authors.
Regitred in:
Brazilian Camara of Book, So Paulo-Brazil
Bibliografic.
ISBN: 85-87.384-02-3
CDD-616.42062 NLM-WH 700

Dedichiamo questopera
ai nostri figli
Ana Carolina, Lvia Maria e Henrique Jos
e ai nostri genitori
Perceu e Olivia, Manoel (in memoria) e Aparecida
3

Ringraziamenti
Ai colleghi Dr. Mauro Figueiredo, professore di Linfologia della
Facolt di Medicina dellUSP di San Paolo, e Dr. Daniel Vogelfang,
linfologo in Madrid (Spagna), per lo stimolo allo studio dei vasi linfatici.
Al collega Dr. Fernando Batigaglia, per la collaborazione per la
conclusione di questo studio.
Ai Dr. Moacir Fernandes de Godoy e Domingo Marcolino Braile,
che ci stimolarono alla realizzazione delle ricerche.
Alla D.ssa Tnia Cristina Lrios, per lappoggio al fine della
realizzazione di questo lavoro.
Ai colleghi ed agli specializzandi che hanno contribuito con il proprio
lavoro.
Alla D.ssa Maria Regina Pereira de Godoy, che ha contribuito alla
realizzazione e presentazione di questo lavoro.
Alla D.ssa Dorotia Silva Souza, per i suggerimenti dati durante
lelaborazione di questo materiale.
Ringraziamo tutti i pazienti che hanno partecipato direttamente o
indirettamente a questa ricerca rendendo possibile lo sviluppo di questa
tecnica di drenaggio linfatico.
5

INDICE
1. Introduzione
2. Nozioni pratiche di anatomia del sistema linfatico
3. Fisiologia del sistema linfatico
4. Fisiopatologia del sistema linfatico
5. Drenaggio linfatico manuale
6. Nuova tecnica di drenaggio linfatico manuale
7. Auto-tecnica di drenaggio linfatico
8. Dimostrazione basica tecnica
9. Riferimenti bibliografici

PRESENTAZIONE
In Brasile il drenaggio linfatico manuale poco conosciuto dagli angiologi
e dai chirurghi vascolari e di conseguenza non viene quasi per niente utilizzato.
Sono pochi coloro che si interessano al trattamento del linfedema lasciando
cos i pazienti senza un trattamento adeguato.
Personalmente ho incontrato molte difficolt nel tentare di dominare la
tecnica. Nel frattempo, colleghi come il Dr. Mauro Figueireido ed il Dr. Daniel
Vogelfan mi hanno spinto allo studio dei vasi linfatici.
Questa motivazione mi port a seguire dei corsi fuori dal paese, dove
ho avuto lopportunit di conoscere il lavoro dei dottori Fldi , Casley Smith,
Blanc, Leduc ed altri che hanno contribuito alla mia formazione. Dopo aver
conosciuto i tipi di approccio di varie scuole di linfologia, li ho associati alle
idee di mia moglie Fatima, che terapeuta occupazionale, ed insieme abbiamo
sviluppato una nuova tecnica di drenaggio linfatico che stata riconosciuta
durante gli ultimi due anni.
Il drenaggio linfatico praticato da medici, fisioterapisti, terapeuti
occupazionali, infermiere ed estetiste sia in Brasile che in tutto il mondo.
Professionisti delle aree correlate menzionate, a volte, utilizzano questa modalit
di trattamento con la supervisione di un medico specialista. importante che
questi professionisti conoscano lanatomia umana e la fisiologa, studiate
alluniversit, perch possano apprendere meglio la tecnica. In ogni caso,
tutto lapproccio al trattamento, cos come la responsabilit, spetta al medico,
il quale deve seguirne lesecuzione passo dopo passo. risaputo che il
drenaggio linfatico realizzato in modo inadeguato pu provocare complicazioni
al paziente, diventando, in questo caso, pi nocivo che se non fosse per
niente effettuato.
Lo scopo di questo libro divulgare una nuova tecnica di drenaggio
linfatico di facile comprensione ed esecuzione, fornendo sicurezza di
applicazione e benefici ai pazienti portatori di linfedema.
La tecnica che descriviamo qui pu addirittura venire messa in pratica
dal paziente stesso, su consiglio del medico, in quanto si tratta di una tecnica
di auto-drenaggio linfatico.
9

10

ANATOMIA DEL
SISTEMA LINFATICO
Il sistema linfatico una parte del sistema circolatorio ed costituito
da una estesa rete di capillari, vasi, tronchi, dotti, oltre che da altre strutture
aggregate come i linfonodi, la milza ed il timo.
Si tratta di un sistema di drenaggio a bassa pressione, simile a quello
venoso, il quale svolge due importanti funzioni: la conduzione della linfa
come parte del sistema circolatorio ed una funzione immunologica.
Il sistema linfatico si estende per tutto lorganismo sotto forma di rete,
a partire dai capillari linfatici che confluiscono per formare i collettori prenodali. Molti di questi collettori (vasi afferenti) camminano per i linfonodi e
quando li abbandonano (post-nodali) vengono denominati collettori efferenti.
Normalmente sono in numero minore rispetto a quando giungono ai linfonodi.
Questi collettori efferenti formano i tronchi linfatici, i quali andranno a formare
i dotti linfatici. I dotti linfatici sono i vasi della parte finale del drenaggio
linfatico, i quali sfociano nel sistema venoso a livello della confluenza succlaviagiugulare.
Le anastomosi sono frequenti in prossimit delle origini di questi vasi,
formando vere e proprie reti. Diventano scarse a mano a mano che aumenta
la dimensione dei vasi.
Capillari linfatici
I capillari linfatici vengono anche chiamati linfatici iniziali. Si formano
in fondi ciechi, con 9una forma che ricorda le dita di un guanto, e si
uniscono per formare i collettori afferenti o pre-nodali. Presentano
diametri dai 15 ai 75 micron e lunghezza di 0,5 mm. Sono formati da un
unico strato di cellule endoteliali e presentano una membrana basale
discontinua. Le cellule rimangono unite al tessuto connettivo per mezzo
di piccole fibre, che sembrano prolungamenti delle proteine plasmatiche,
e permettono lapertura di questi vasi facilitando lo scambio di liquidi e
proteine.
11

Collettori linfatici
I capillari linfatici confluiscono formando vasi maggiori denominati
collettori, i quali inizialmente presentano pareti pi strutturate, membrana
basale pi sviluppata e valvole linfatiche bicuspidi. Le prime valvole sono
localizzate allinizio dei collettori. Le unioni intercellulari sono pi unite,
essendo impermeabili allacqua e alle molecole di piccole dimensioni, le
quali diventando impermeabili si trasformano in molecole di grandi
dimensioni. La direzione del flusso linfatico ascendente, passa attraverso
i sinusoidi corticali e midollari dei linfonodi e sale verso i collettori efferenti,
che costituiscono i linfatici postlinfonodali. Come regola generale, la linfa
attraversa uno o pi linfonodi prima di entrare nel flusso sanguigno, tendendo
a seguire il deflusso del drenaggio venoso.
Rispetto alle vene i vasi linfatici presentano numero maggiore, maggior
quantit di anastomosi, ma dimensioni molto minori. I vasi linfatici perforanti
comunicano con questi due sistemi a livello del derma. Le valvole del sistema
linfatico presentano forma semicircolare, con il bordo concavo libero diretto
verso il senso del flusso e sono pi numerose in prossimit dei linfonodi,
principalmente negli arti e nel collo, in modo da evitare riflussi di linfa.
Tronchi linfatici
I tronchi linfatici sono formati da vasi linfatici che escono da gruppi
specifici di linfonodi per formare i tronchi corrispondenti. Sono in numero
di undici ed ogni tronco drena una regione corrispondente dellorganismo.
Esistono i tronchi lombari, il tronco intestinale, tronchi broncomediastinali,
tronchi succlavi, tronchi giugulari e tronchi discendenti intercostali. Per
esempio, i tronchi lombari sono responsabili del drenaggio degli arti inferiori
e di altre regioni. Questi tronchi drenano per mezzo di vasi di maggior
diametro denominati dotto linfatico destro e dotto toracico.
Dotti linfatici
I dotti linfatici sono due: dotto linfatico destro che drena parte del
lato destro del corpo e dotto toracico che drena il lato sinistro ed il restante
del lato destro.
12

Aree del drenaggio linfatico dei dotti linfatici, lato destro puntinato
in azzurro e toracico tratteggiato in verde.
Questi dotti rappresentano i vasi linfatici di maggior calibro e sfociano
nel sistema venoso portando la linfa di tutto il corpo attraverso i vasi
sanguigni, generalmente nella congiunzione della vena succlavia con la vena
giugulare di ogni lato. In questo modo, si completa tutto il sistema di
drenaggio (ritorno sanguigno e linfatico del cuore) di tutti i fluidi e sostanze

mobilitate dal sistema circolatorio. I dotti hanno un diametro di circa 2mm


e possiedono da tre a quattro valvole.
Linfangioma
Viene denominato linfangioma la parte di un vaso compresa tra
due valvole. Una caratteristica importante la sua contrattilit, ossia esso
capace di pompare linfa come se fosse un piccolo cuore. La propulsione
linfatica avviene a partire dalle contrazioni quasi ritmate, controllate dalle
terminazioni nervose dello strato avventizio dei linfangiomi e dalla distensione
delle sue pareti.
Linfonodi
I linfonodi sono strutture ovoidali o reniformi con circa 25mm di
13

lunghezza. Sono formati da un agglomerato di tessuto reticoloendoteliale avvolto da una capsula di tessuto connettivo.
Nel nostro corpo esistono circa 600/700 linfonodi. Il tessuto linfoide
rappresenta dal 2 al 3% del peso corporeo.
La linfa arriva ai linfonodi attraverso i collettori afferenti, passando
per i follicoli linfatici, dove viene filtrata e dove eventualmente vengo eliminate
delle particelle. Durante questo passaggio la linfa riceve cellule linfoidi prima
di raggiungere i vasi efferenti.
Come si pu osservare, i linfonodi svolgono due funzioni importanti:
filtrazione e produzione di cellule di difesa.
Quindi, per mezzo del sistema linfatico si eliminano i fluidi e le
sostanze che non riuscirebbero a tornare indietro attraverso il sistema
venoso per mezzo dei vasi linfatici; questo avviene grazie ai linfonodi, i
quali svolgono una funzione di filtrazione e produzione di cellule di difesa.
In entrambe le met del corpo esistono tre grandi gruppi di linfonodi
attraverso i quali avvengono i drenaggi di tre grandi territori: linfonodi
inguinali, ascellari e cervicali.
Ai linfonodi inguinali giungono i vasi linfatici degli arti inferiori, del
perineo, dei genitali esterni e della parte infraombelicale del tronco. Ai
linfonodi ascellari convergono i vasi linfatici dellarto superiore, della zona
addominale sopraombelicale e del tronco fino a met della nuca e dei
linfonodi cervicali, i quali ricevono i vasi linfatici della testa e del collo.

14

Topografia delle correnti linfatiche


Linfatici della testa
Tutti i vasi linfatici della testa e del collo drenano, in ultima analisi,
attraverso i linfonodi cervicali profondi, per mezzo di gruppi di nodi linfatici
che, a livello della giuntura della testa con il collo, costituiscono il cosiddetto
collare pericervicale, come mostra la figura.
Il drenaggio linfatico della testa (figura 02) avviene attraverso quattro
correnti principali: anteriore, parotidea, occipitale e retroauricolare o

A Linfonodo infra-orbitale o mascellare


B Linfonodi boccali
C- Linfonodi submentali o sopraioidei
D- Linfonodi parotidei
E Llinfonodi mandibolari
F Linfonodi retroauricolari o mastoidei
G Linfonodi occipitali
H Linfonodi submandibolari.

Linfonodi superficiali e profondi della regione della testa (le frecce


indicano la direzione delle correnti linfatiche). Notare la confluenza
del drenaggio della linfa a livello dei linfonodi submandibolari.
mastoidea. La via linfatica anteriore o dei vasi facciali comprende tre gruppi
di nodi linfatici: infra-orbitale o mascellare, localizzati nel naso, guance e
archi zigomatici, boccale superficialmente al muscolo bucinatore e
mandibolare a livello della parte esterna della mandibola anteriormente al
muscolo massetere. La corrente linfatica anteriore riceve le afferenze
linfatiche dalle aeree frontale e facciale anteriori, le quali drenano attraverso
i linfonodi submandibolari, eccetto le regioni del mento e del labbro inferiore,
che sfociano nei nodi linfatici submentali. La corrente linfatica parotidea
drena la porzione laterale della guancia includendo le palpebre, la radice
del naso e larea anteriore del meato acustico esterno, sfociando nei
linfonodi parotidei superficiali o pre-auricolari, i quali, a loro volta, drenano
15

attraverso i linfonodi parotidei profondi e proseguono verso i nodi cervicali


profondi. La corrente retroarticolare, a sua volta, contiene la linfa della
regione posteriore del meato acustico esterno e della regione tempoparietale, drenata attraverso due nodi linfatici mastoidei o retroarticolari
localizzati sopra lintersezione del muscolo esternocleidomastoideo ed a
livello profondo nel muscolo auricolare posteriore. La via linfatica occipitale
riceve il drenaggio dellarea occipitale e sfocia nei medesimi linfonodi,
presenti in numero da uno a tre in prossimit del bordo postero-superiore
del muscolo trapezio a livello dellintersezione del muscolo semi-spinale
della testa.
Lorecchio presenta un drenaggio linfatico misto attraverso i linfonodi
retroauricolari, cervicali profondi superiori e parotidei, mentre il cuoio
capelluto drena in direzione di vari nodi linfatici del collare pericervicale. I
linfonodi facciali profondi, situati in profondit rispetto al ramo della
mandibola, nella faccia esterna del muscolo pterigideo laterale ed in intima
relazione con larteria mascellare, drenano le fosse temporale ed
infratemporale e la porzione nasale anteriore della faringe. I linfatici del
labbro superiore (e le parti laterali del labbro inferiore) drenano verso i
linfonodi submandibolari, mentre la linfa del mento e dellarea centrale del
labbro inferiore sfocia nei nodi linfatici submentali, che derivano dai linfonodi
giugulo-omo-ioidei. Due o tre nodi linfatici linguali si trovano sopra il muscolo
ioglosso ed in profondit rispetto al muscolo genioglosso. Si tratta di
substazioni linfatiche in direzione dei linfonodi submandibolari e cervicali
profondi. I linfonodi retrofaringei (in numero da uno a tre), situati
anteriormente allarco dellatlante e posteriormente al muscolo lungo della
testa, sono responsabili del drenaggio linfatico delle cavit nasali, della
parte nasale posteriore della faringe e delle tube auditive. Sfociano nei
linfonodi cervicali profondi.
Linfatici del collo
I linfonodi cervicali superficiali, situati lungo la vena giugulare esterna
nel trigono posteriore del collo, superficialmente rispetto al muscolo
esternocleidomastoideo, e lungo il deflusso della vena giugulare anteriore
nel trigono cervicale anteriore, dirigono i propri efferenti linfatici verso i
nodi linfatici profondi. Didatticamente vengono divisi in un gruppo superiore,
16

Nodi linfatici superficiali e profondi del collo.


A Linfonodi submentali o sopra-ioidei.
B Linfonodi submandibolari.
C Linfonodo giugulo digastrico.
D Linfonodi cervicali profondi superiori.
E Linfonodi giugulo-omo-ioidei.
F Linfonodi cervicali profondi inferiori.

I tessuti superficiali del collo drenano attraverso i nodi linfatici


submandibolari, in numero da tre a sei, submentale ed occipitale, e attraverso
i linfonodi cervicali superficiali e profondi.
I linfonodi profondi del collo, situati in prossimit della vena giugulare
interna, in profondit rispetto al muscolo esternocleidomastoideo,
presentano una direzione posteriore al percorso del nervo accessorio ed
inferiore, e accompagnano i vasi succlavi. Il linfonodo giugulo-digastrico,
che si trova inferiormente al ventre posteriore del muscolo digastrico ed a
livello del corno maggiore dellosso ioide, riceve numerosi affluenti linfatici
dal terzo posteriore della lingua e della tonsilla palatina.
Il linfonodo giugulo-omo-ioideo, situato sopra la vena giugulare
interna e superiormente al tendine intermedio del muscolo omo-ioideo,
riceve afferenze linfatiche dalla lingua e dai linfonodi submandibolari,
submentali e cervicali profondi superiori. I nodi linfatici cervicali profondi,
localizzati superiormente alla vena giugulare interna, e soprattutto il nodo
linfatico giugulo-digastrico, rappresentano il punto di convergenza dei vasi
linfatici efferenti dei linfonodi parotidei, retromandibolari, occipitali,
submandibolari e submentali.
Un gruppo di linfonodi profondi, denominati sopraclavicolari e situati
nel trigono cervicale occipitale, accompagna il deflusso dellarteria trasversa
del collo. Altri nodi linfatici del collo includono i linfonodi pre-laringei e
pre-tracheali (entrambi ricevono i vasi linfatici che attraversano il cono
elastico della laringe, paratracheali e retrofaringei). I vasi linfatici della
porzione superiore della faringe vanno ai linfonodi retrofaringei, mentre
quelli della regione inferiore sfociano nei nodi linfatici cervicali profondi.
17

La ghiandola tiroide presenta un doppio drenaggio, attraverso i


linfonodi cervicali profondi superiori ed attraverso i linfonodi pretracheali e paratracheali. Il tronco collettore finale delle regioni della
testa e del collo viene denominato tronco linfatico giugulare e consiste
nellunione dei vasi linfatici provenienti dai nodi cervicali profondi che
sfociano, nel lato o antimero destro, a livello del dotto linfatico destro,
e nel lato sinistro, nel dotto toracico, nonostante variazioni dello sbocco
dei tronchi linfatici a livello del collo siano frequenti.
Linfatici degli arti superiori
Il drenaggio linfatico degli arti superiori (figura 04) avviene
principalmente attraverso il sistema superficiale, per mezzo di dieci
correnti linfatiche. Tali correnti possono essere divise in sei gruppi,
localizzati nella regione prossimale dellarto superiore (spalla e braccio),
ed in quattro gruppi che si trovano pi distalmente nellavambraccio
e nella mano. A loro volta, le sei correnti linfatiche della porzione
prossimale si suddividono in tre anteriori (basilica, cefalica e prebicipitale) e tre posteriori (posteriore, postero-laterale e posteromediale). Nella regione distale degli arti superiori, le quattro correnti
linfatiche si raggruppano in due versanti anteriori (correnti radiale
anteriore ed ulnare anteriore) e due posteriori (radiale posteriore ed
ulnare posteriore).
A Linfonodi ulnari
B Linfonodi radiali
C Linfonodi interossei (anteriori e posteriori)
D Linfonodi sopratracheali.
E Linfonodi brachiali.
F Linfonodi deltopettorali.
Vie linfatiche (superficiali e profonde) e linfonodi degli
arti superiori. Le frecce mostrano la direzione del
flusso della linfa verso la regione dellascella e della
spalla.
18

Il drenaggio linfatico profondo presenta sei correnti: due nella


porzione prossimale brachiale e brachiale profonda e quattro versanti nella
regione prossimale ulnare profonda, radiale profonda, interossea anteriore
ed interossea posteriore.
I linfonodi superficiali degli arti superiori possono essere riscontrati
a livello del braccio (uno o due linfonodi sopratracheali) lungo la vena
basilica e nella spalla (uno o due linfonodi deltopettorali, adiacenti alla
vena cefalica, nel solco deltopettorale). I linfonodi superficiali giungono
allascella, dove perforano la fascia profonda; lo stesso avviene con la
catena profonda.
I nodi linfatici profondi si trovano nel braccio, a stretto contatto con
i vasi brachiali, venendo cos denominati linfonodi brachiali e brachiali
profondi. Nellavambraccio, 18anteriormente linfonodi radiali, ulnari ed
interossei posteriori e posteriormente linfonodi interossei posteriori. I nodi
linfatici della regione ascellare, in numero da 20 a 30, si trovano
principalmente contro la faccia laterale della parete toracica e si dividono
in cinque gruppi di drenaggio, responsabili dellafferenza linfatica di tutto
larto superiore, della maggior parte della mammella, della pelle
dellemitorace ipsilaterale, della porzione sopra-ombelicale delladdome
e del dorso.

A Gruppo anteriore o toracico laterale e


apicale.
B Gruppo laterale
C Gruppo posteriore o subscapolare.
D Gruppo centrale o Intermedio.
E Gruppo mediale o apicale

Gruppi di nodi linfatici dellascella. Si noti limportanza


dellaffluenza linfatica terminale ai linfonodi ascellari centrali
ed apicali.
19

Il gruppo linfonodale anteriore o toracico laterale o pettorale situato


lungo il bordo laterale o inferiore del muscolo pettorale maggiore e delle
vene toraciche laterali. costituito da tre a cinque linfonodi e riceve il
drenaggio linfatico della regione addominale sopra-ombelicale e della
maggior parte della mammella. Il gruppo posteriore o subscapolare, con
sei o sette linfonodi, localizzato anteriormente al muscolo ed alla vena
subscapolari (a livello del bordo laterale della scapola) ed effettua il
drenaggio linfatico dei muscoli della nuca, della parte posteriore delle spalle
e del dorso.
Il gruppo linfonodale laterale, composto da quattro a sei linfonodi,
situato posteriormente alla vena ascellare ed responsabile del ricevimento
della linfa dellarto superiore. Il gruppo intermedio o centrale, situato
medialmente rispetto al gruppo laterale, stabilisce connessioni con i gruppi
anteriore, posteriore e laterale, formando il pi numeroso e pi palpabile
gruppo di linfonodi ascellari. Infine, il gruppo mediale o apicale,
comprendente da sei fino a 12 linfonodi, situato superiormente al bordo
superiore del muscolo pettorale minore, medialmente alla vena ascellare e
posteriormente alla fascia clavipettorale, riceve i vasi linfatici di tutti gli altri
gruppi ed, eventualmente, della mammella. I nodi linfatici apicali si uniscono
per formare due o tre tronchi succlavi che sboccano, a destra, nel dotto
linfatico destro, ed a sinistra, nel dotto toracico o, eventualmente, in
linfonodi inferiori profondi. Genericamente, i gruppi laterale e centrale
presentano 10-14 linfonodi ciascuno, mentre gli altri gruppi sono composti
da uno a sette nodi linfatici ciascuno.
A livello degli arti superiori ed inferiori, esistono delle correnti linfatiche
che non sfociano nei linfonodi ascellari e quindi vengono denominate vie
derivative. Nellarto superiore possono essere incontrate a livello della
vena cefalica, della corrente cefalica ed in direzione dei linfonodi
sopraclavicolari e scapolari posteriori o corrente posteriore. Unaltra via
derivativa consiste del gruppo linfonodale intraclavicolare, disposto sopra
la vena cefalica, ed occasionalmente pu essere responsabile del drenaggio
linfatico della spalla o comunicare con i nodi linfatici cervicali profondi
inferiori. Le vie linfatiche della mammella a livello della pelle o della fascia
pettorale possono raggiungere lascella opposta attraverso i linfatici
paraesterni o stabilire connessioni con i plessi subperitonale e subfrenico,
con i linfatici della guaina del muscolo retto addominale, con i linfonodi
20

apicali attraverso i muscoli pettorali e con i nodi linfatici toracici interni.


Linfatici degli arti inferiori
Essendoci quattro vene prossimali a livello della coscia (che si
suddividono in due anteriori, corrente della grande safena o antero-mediale
e corrente della safena accessoria anteriore o antero-laterale, questultima
di origine esclusiva nella coscia, e due posteriori, corrente postero-mediale
e postero-laterale della coscia), il drenaggio linfatico superficiale degli arti
inferiori si dispone nella tela sottocutanea sotto forma di sei correnti. Le
due vie linfatiche superficiali distali lungo il piede e la gamba costituiscono
le correnti della grande safena della gamba e della piccola safena della
gamba, questultima pu presentare uno o due tronchi. La corrente della
grande safena o antero-mediale della gamba ascende medialmente,
ricevendo da tre a sette affluenti linfatici, inclusa la corrente postero-laterale
della gamba nella regione del condilo mediale del femore, dove prosegue
come corrente antero-mediale della coscia. A loro volta, le correnti linfatiche
profonde ascendono lungo i vasi sanguigni (in numero di due o tre vasi
linfatici per ogni arteria) e presentano per mezzo di due versanti prossimali
nella coscia e tre distali, una corrente anteriore o tibiale anteriore e due
posteriori o tibiale posteriore e fibulare, localizzate nel piede e nella gamba.
I linfonodi superficiali degli arti inferiori sono pi numerosi rispetto
ai profondi, essendo composti da tre a 14 unit o addirittura fino a 20
nodi. Si situano a livello della tela sottocutanea, parallelamente e 1,00cm
distali al legamento inguinale e lungo la porzione prossimale della vena
grande safena, concatenandosi alle regioni inguinali e poplitee ed ai loro
rispettivi vasi.

21

B Linfonodo popliteo
C Linfonodo grande safena
D Linfonodo intersafenico
E Linfonodo safena
accessoria laterale
F Linfonodo circonflesso superficiale dellilio
G Linfonodo epigastrico superficiale
H Linfonodo pudendo esterno
I Linfonodo di Cloquet

Drenaggio linfatico (superficiale e profondo) degli arti inferiori, vista


anteriore: A linfonodo tibiale anteriore
Quindi, esistono i nodi linfatici intersafenico, della grande safena, della
safena accessoria laterale, della circonflessa superficiale dellilio, della
epigastrica superficiale e della pudenda esterna. Il drenaggio linfatico
superficiale si dirige, di preferenza, verso i linfonodi intersafenico e delle
safene grande ed accessoria laterale o linfonodi inferiori, normalmente unici.
I nodi linfatici superiori, di solito multipli, costituiti dalle stazioni circonflessa
superficiale dellilio, epigastrica superficiale e pudenda esterna, sono
responsabili del ricevimento del drenaggio linfatico della regione glutea, della
porzione infra-ombelicale della parete addominale, dellano e delle porzioni
anteriore e laterale dei genitali esterni. Nella fossa poplitea si trova il
linfonodo popliteo superficiale, frequentemente impari, il quale riceve
la linfa proveniente dalla corrente linfatica della piccola safena.
I nodi linfatici profondi degli arti inferiori (da uno a tre nodi) si
trovano nella gamba, nella fossa poplitea in profondit rispetto allo
sbocco della vena piccola safena e nella regione inguinale nella faccia
mediale della vena femorale, in profondit rispetto alla fascia ampia.
Larea inguinale profonda, dotata di pochi linfonodi, riceve la linfa
proveniente dai vasi linfatici efferenti adiacenti alle vene femorale e
poplitea e, lateralmente al legamento lacunare, nellanello femorale,
22

presenta un nodo linfatico profondo costante o linfonodo di Cloquet.


Nella gamba, i linfonodi sono localizzati giustapposti alle arterie. Quindi,
esistono i linfonodi tibiale anteriore piccolo ed incostante, tibiale
posteriore e fibulare, i quali ricevono la linfa profonda del piede e della
gamba. La regione poplitea presenta un numero di nodi linfatici profondi
che va da uno a cinque, o al massimo da sette a 10 unit, i quali sono
situati in profondit rispetto alla fascia poplitea e contengono la linfa
profonda proveniente dal piede, dalla gamba e dalla coscia.
Si distingue tra linfonodi retropoplitei posteriori alla vena
poplitea, presenti in numero di tre e localizzati inferiormente e
superiormente allo sbocco della vena piccola safena e un altro pi
prossimalmente in relazione con la zona anteriore. Gli altri sei linfonodi
della fossa poplitea (tre laterali e tre mediali) accompagnano le arterie
geniculari e vengono chiamati nodi linfatici poplitei mediali e poplitei
laterali. Il linfonodo rimanente (unico) si dispone anteriormente
allarteria poplitea, linfonodo popliteo anteriore o pre-arteriale. Tutti
gli efferenti linfatici poplitei accompagnano i vasi femorali e terminano
nei nodi linfatici inguinali profondi.
Vie comunicanti tra i drenaggi linfatici superficiale e profondo
degli arti inferiori si incontrano attraverso i rami linfatici perforanti,
nonostante lesistenza di rami comunicanti tra i linfonodi inguinali
superficiali per il drenaggio linfatico della vulva. Circa 24 vasi linfatici
efferenti lasciano i nodi linfatici inguinali superficiali e profondi. I vasi
linfatici degli arti inferiori sfociano, in ultima analisi, nei linfonodi iliacoesterni e comuni e raggiungono i nodi linfatici aortico-lombari, i quali a
loro volta formano i tronchi lombari che sfociano nel dotto toracico.
Fernando Batiglia
Jos Maria Pereira de Godoy

23

24

FISIOLOGIA DEL SISTEMA


LINFATICO
Considerazioni generali
Per una migliore comprensione del sistema linfatico, faremo delle
brevi considerazioni sul sistema circolatorio.
Il sistema circolatorio un circuito chiuso formato dal cuore, dalle
arterie, dalle vene e dai vasi linfatici che cambiano di dimensioni a seconda
della localizzazione e della funzione che svolgono.
Il sangue pu essere considerato come un grande organo circolante,
il quale garantisce il supplemento di nutrienti a tutte le cellule del nostro
organismo. Quindi rimuove e fa circolare tutto quello che stato prodotto
a livello locale, utilizzando il sistema circolatorio come condotto, e la sistole
ventricolare che permette il pompaggio del sangue.
Il cuore funziona come una pompa che ad ogni sistole
ventricolare crea una pressione di pulsione arteriosa, che spinge circa
70 ml di sangue dentro laorta ed unonda di pulsione arteriosa che si
propaga in direzione della microcircolazione. Il ritorno del sangue
attraverso il cuore reso possibile dal sistema venoso (vene) con
lausilio del sistema linfatico che, nonostante non trasporti sangue
ma linfa, attua un riassorbimento di liquidi e proteine, completando
cos questo circuito.
Si osservano qui un sistema di irrigazione (sistema arteriosa) e due
sistemi di drenaggio rappresentati dai sistemi venoso e linfatico e due tipi
di fluidi circolanti, che sono il sangue e la linfa. Esiste inoltre linterstizio
cellulare, il quale funziona come uninterfaccia per lo scambio di fluidi e
nutrienti tra le cellule e la corrente sanguigna. Tutto ci che esce ed entra
nel vaso passa attraverso linterstizio.
Il tessuto interstiziale costituito da una struttura fibrillare composta
da fibre elastiche, reticolari e collagene. Tra di esse esiste una matrice
formata da una sostanza chiamata fondamentale, composta da una fase in
forma di gel, ricca di colloidi, e da unaltra in forma di sole, ricca di
acqua e di piccole molecole diluite. La sostanza fondamentale costituita
25

principalmente da mucopolisaccaridi denominati glicosaminoglicani (acido


ialuronico, condroitin solfato, dermatan solfato e cheratosolfato). Il liquido
dellinterstizio proviene dai vasi sanguigni. Le molecole che escono dai
capillari sanguinei raggiungono il sistema linfatico dopo tre barriere: capillare
endoteliale, spazio interstiziale ed endotelio del capillare linfatico.
Nella sua porzione terminale la barriera endoteliale molto sottile
ed essendo semipermeabile permette luscita dellacqua e di piccole
molecole, principalmente di quelle liposolubili.
Nel 1978 Casley-Smith osserv la formazione di canali senza
endotelio nellinterstizio cellulare denominato pre-linfatico.
A componenti importanti presenti nellinterstizio sono i macrofagi, i
quali fagocitano leccedenza proteica. La pressione dellinterstizio dipende
dallo stato fisico-chimico, dal suo volume liquido e dal drenaggio linfatico
e venoso.
I vasi di maggior calibro svolgono principalmente una funzione di
trasporto in quanto la circolazione, il cui scopo il ricambio metabolico,
avviene solo a livello della microcircolazione e pi specificamente nei
capillari.
Il sistema circolatorio racchiude circa da cinque a sei litri di sangue:
l80% di esso si trova nelle vene, il 15% nelle arterie ed il 5% nei capillari.
La termo microcircolazione riguarda i vasi che sono visibili al microscopio
e la cui funzione la distribuzione del sangue ai tessuti secondo le necessit
metaboliche, cos come lautoregolazione del flusso locale. Rappresenta i
vasi terminali della parte arteriosa e quelli iniziali delle vene e dei linfatici.
La termo macrocircolazione riguarda i vasi di conduzione.
La principale funzione della microcircolazione lo scambio di gas
(per diffusione) e dei fluidi (per filtrazione) e di tutti i nutrienti e metaboliti
necessari al metabolismo cellulare locale.
Perch avvengano gli scambi il sistema deve essere in movimento e
questo si ottiene grazie alle differenze di pressione tra il sistema circolatorio
e linterstizio. Secondo Starling, nei capillari arteriosi esistono una pressione
positiva chiamata idrostatica, di circa 30 mm Hg, e due pressioni negative,
la pressione oncotica, data dalle proteine e pari a 20-25 mm Hg, e la
pressione dellinterstizio di 2-4 mm Hg.
Nei capillari arteriosi la pressione idrostatica di 30mm Hg maggiore
26

della pressione oncotica, che negativa, e questo permette luscita di fluidi


e nutrienti attraverso lo spazio interstiziale. Per quanto riguarda le vene, la
pressione idrostatica positiva di 15mm Hg e la pressione oncotica negativa
di circa 20 mm Hg, permettono il riassorbimento dei fluidi e delle sostanze
dellinterstizio cellulare. Il riassorbimento realizzato dai capillari venosi
rappresenta circa il 90% di quello che viene filtrato, mentre il rimanente
10% viene realizzato dal sistema linfatico, che funziona come una valvola
di sicurezza, rimuovendo le macromolecole e leccesso di liquido. Il 5075% del sangue che passa per la microcircolazione non raggiunge i capillari,
i quali effettuano gli scambi metabolici, ma percorre le anastomosi
arteriovenose. Circa il 25% del sangue della microcircolazione rende
possibile lo scambio locale effettivo.
Riassumendo, il cuore ed i linfangiomi possono essere considerati
come strutture propulsive del sangue e della linfa; due tipi di fluidi circolanti
rappresentati dal sangue e dalla linfa; i circuiti conduttori formati dai vasi
arteriosi, venosi e linfatici; i vasi di maggior calibro con funzione di
conduzione (macrocircolazione) e quelli di minor calibro (microcircolazione)
con funzione nutritiva; linterstizio cellulare che funziona come uninterfaccia
per lo scambio di nutrienti e caboliti tra il sangue e le cellule; le pressioni
idrostatica e colloidosmotica che permettono il trasferimento dei liquidi.
Sistema linfatico
La principale funzione del sistema linfatico riassorbire le proteine
plasmatiche provenienti dalla filtrazione dei capillari arteriosi che non sono
riuscite a ritornare attraverso i capillari venosi. In questo modo, ripristina
la corrente sanguigna intorno ai 100 g al giorno delle proteine, denominate
carico proteico con funzione linfatica, che lasciano diariamente le arterie e
non ritornano attraverso le vene. Circa 2000 ml di linfa raggiungono
giornalmente il sistema venoso.
Unaltra funzione importante quella immunologica, con la filtrazione
della linfa nei linfonodi, prima che essa giunga al sistema venoso. La linfa
iniziale povera di cellule e durante i passaggi attraverso i linfonodi si
arricchisce di cellule con funzione immunologica (monociti, plasmociti).
Anche questo sistema funziona come una valvola di sicurezza,
evacuando leccesso di liquido che entra nellinterstizio.
27

La linfa formata, a partire dai prodotti che sono stati filtrati dai
capillari arteriosi, dai prodotti delle cellule e dellinterstizio. Questo fluido,
dopo essere penetrato nei vasi linfatici, viene chiamato linfa, mentre quando
si trova negli spazi interstiziali viene chiamato liquido interstiziale.
Il plasma linfatico pi diluito rispetto a quello del sangue. Anchesso
pu coagulare, nonostante sia pi difficile che non nel sangue. La sua
composizione varia a seconda del luogo nel quale si forma. Per esempio:
quello che drena lintestino tenue presenta alte concentrazioni di acidi grassi,
mentre la linfa degli arti inferiori povera.
fondamentale che ci sia equilibrio tra ci che esce (filtrazione) e
ci che entra nei vasi (riassorbimento). Leccesso di liquido o di proteine
pu comportare uno squilibrio e causare ledema dellarto.
I principali fattori che influenzano il flusso linfatico sono le contrazioni
ritmiche dei vasi e le variazioni di pressione nelle loro pareti associate ai
battiti dei vasi, alla compressione muscolare ed alla variazione della
pressione toracica e addominale.
Linfangioma
La porzione di vaso linfatico localizzata tra due valvole
denominata linfangioma, con capacit di contrazioni. costituita
da ununit funzionale dove le valvole, impedendo il riflusso,
permettono alla linfa di circolare in senso ascendente. I linfangiomi
funzionano come veri e propri microcuori, con da sei a 12 contrazioni
al minuto. Queste contrazioni sono indipendenti dagli altri
linfangiomi. Ogni linfangioma possiede un segna passo simile al cuore.
Lo stimolo pi importante per la sua contrazione laumento di
volume con distensione della sua parete. Anche altri stimoli, come gli
alfa-adrenergici, quelli delle prostaglandine, istamina e bradicinina
possono provocare delle contrazioni, le quali permettono di
raggiungere pressioni da 10 a 55 mmHg, che possono arrivare a 120
mmHg nelle estremit inferiori. Questa peculiarit importante perch
il sistema stesso in grado di dirigere il flusso e favorire lo spostamento
della linfa.
Riassumendo, il sistema linfatico un sistema di drenaggio che aiuta
il sistema venoso con il ritorno dei componenti del sangue. Riassorbe i
28

liquidi interstiziali ed i prodotti che lasciano la corrente sanguigna e che


interagiscono con il mezzo locale, principalmente le cellule che non riescono
a tornare attraverso i capillari venosi. Questo fluido che viene assorbito
denominato linfa. Passando per i linfonodi la linfa viene filtrata e riceve
cellule (monociti e plasmociti), comportandosi in questo modo come una
vera e propria spazzina dellorganismo. I prodotti che avanzano
nellinterstizio vengono rimossi, filtrati e restituiti al sangue, garantendo cos
protezione immunologica allindividuo.

29

FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA


LINFATICO
Il termo linfedema si riferisce al tipo di edema derivante da un
accumulo anomalo di liquidi nei tessuti, risultante da una falla nel sistema
linfatico di drenaggio associata ad insufficienza di protolisi extra-linfatica
delle proteine dellinterstizio cellulare.
Fldi paragon il sistema linfatico al cuore. Fui egli a stabilire i concetti
di sufficienza ed insufficienza linfatica. sufficiente quando la capacit di
trasporto maggiore di quella richiesta. Questa capacit pu essere definita
come la capacit che lorganismo ha di trasportare attivamente, che per
un individuo sano si aggira intorno ai 20 litri al giorno. Normalmente questo
volume va dai due ai quattro litri al giorno e la differenza tenuta come
riserva funzionale.
Nellinsufficienza linfatica, identificata dalla presenza di edema, si
oltrepassa la capacit di drenaggio del sistema linfatico.
Linsufficienza dinamica viene riscontrata quando il sistema linfatico
integro ed il volume che deve essere drenato eccede la sua capacit di
drenaggio. Daltra parte, nellinsufficienza meccanica del sistema linfatico
si verifica una riduzione della capacit dei vasi di attuare il drenaggio anche
se il volume da drenare normale. Un esempio di insufficienza dinamica
osservabile nellipoproteinemia, quando laumento del liquido interstiziale
dovuto al mancato riassorbimento da parte del sistema venoso a causa
della diminuzione della pressione oncotica intravascolare. In altri esempi,
come la trombosi venosa profonda e linsufficienza venosa cronica, ledema
causato dalla difficolt da parte del sistema venoso a riassorbire questi
liquidi, a causa di alterazioni in questi vasi. In tutti e tre i casi si ha la
formazione di edema. Frattanto, il sistema linfatico rimane integro, anche
se stata superata la sua capacit funzionale e nonostante stia lavorando
con ipermotilit del sistema. Questo edema povero di proteine, con
concentrazione intorno allo 0,1-0,5g/dL. In compenso, anche se
nellinsufficienza linfatica meccanica il volume da drenare normale, il sistema
linfatico non riesce a riassorbire il suddetto liquido e le macromolecole, i
quali rimangono, quindi, un fluido ad alta concentrazione proteica.
30

Forme di insufficienza dinamica e meccanica possono verificarsi in


uno stesso paziente.
Quando la capacit di drenaggio inadeguata e in caso di ridotta
capacit di trasporto, ledema pu essere grave, con insufficienza nel
funzionamento delle valvole di sicurezza e pu comportare necrosi del
tessuto.
In caso di ostruzione meccanica abbiamo le seguenti possibilit per
effettuare il drenaggio:
A attraverso le vie collaterali, similmente a quello che si verifica
nel sistema arterioso e venoso;
B attraverso le anastomosi linfovenose, che si formano nel tentativo
di facilitare lo scorrimento della linfa;
C attraverso le anastomosi linfolinfatiche;
D attraverso i canali perilinfatici, a livello dellinterstizio;
E unaltra trasformazione laumento del numero dei monociti
che si trasformano in macrofagi per assorbire le proteine.
Laccumulo di liquido nellinterstizio provoca un aumento della
pressione interstiziale sulle strutture adiacenti e nei capillari linfatici. Questo
causa lallontanamento dei suoi filamenti di fissazione, allargando le cellule
endoteliali e aprendo gli spazi intercellulari. Laumento della pressione sui
linfatici provoca un aumento della frequenza e del flusso linfatico. I collettori
finiscono per dilatarsi molto e le loro valvole perdono la capacit di impedire
il riflusso. Anche la funzione di pompaggio dei linfangiomi viene
compromessa, provocando la stasi ed il linfedema.
Parte del liquido pu essere drenato dalle vene. Nel frattempo, le
proteine, specialmente quelle con maggior peso molecolare, non riescono
a ritornare attraverso i vasi e si accumulano nellinterstizio, stimolando
lattivit dei macrofagi che cercano di eliminarle. Leccesso di proteine
nellinterstizio stimola anche i fibroblasti e pu determinare la formazione
di fibrosi. La persistenza del linfedema aiuta la degenerazione della parete
dei collettori linfatici, provocando una perdita di motilit ed aggravando
ancor pi la linfostasi.
Il linfangiosarcoma, infermit di Stewart Treves, pu verificarsi nei
linfedemi persistenti.
Secondo Casley-Smith, le principali cause strutturali osservate nei
31

linfedemi sono derivanti da:


a canali tessutali stretti o stranamente inadeguati;
b linfatici iniziali stranamente inadeguati;
c rigidezza del sistema valvolare iniziale;
d scioglimento delle bande di fissaggio dei linfatici;
e ipoplasia e ostruzione dei collettori.
Le cause funzionali sono in relazione alla mancanza di variazione
della pressione tessutale, poich diminuisce il flusso nei canali tessutali e si
riduce il meccanismo di pompaggio nei linfatici iniziali. Altre cause sono la
paralisi e lo spasmo dei vasi che rendono difficile la contrazione dei collettori.
Queste variazioni si verificano nel linfedema primario. Nel linfedema
secondario, il sistema linfatico precedentemente integro distrutto, come
per esempio in seguito a chirurgie (svuotamento linfonodale), filariasi e
traumi. In questi casi il linfedema di tipo meccanico.
Questi tessuti dolenti, ricchi di proteine, sono propizi allinsediamento
di infezioni, come gli streptococchi che danneggiano maggiormente i suddetti
vasi e ne diminuiscono la riserva funzionale.
Questi pazienti devono essere seguiti da uno specialista, il quale
identificher il tipo di lesione e lapproccio terapeutico pi indicato. Il
drenaggio linfatico uno dei mezzi terapeutici pi importanti ed compito
dello specialista orientare e seguire tutta levoluzione di questo trattamento.
Le avvertenze igieniche, la prevenzione ed il trattamento di infezioni, luso
di farmaci come le benzopirene e gli esercizi linfocinetici fanno parte
dellapproccio terapeutico di questi pazienti.
Trattamento del linfedema
Nel trattamento del linfedema le misure profilattiche come le
avvertenze igieniche, la prevenzione di infezioni e gli esercizi linfocinetici
contribuiscono ad un risultato migliore. Il drenaggio linfatico, i bendaggi le
calze elastiche ed i farmaci costituiscono i principali metodi di approccio
nel trattamento di questi pazienti. Oltre a questi tipi di approccio, i consigli
riguardanti le avvertenze quotidiane devono essere enfatizzati in caso i
pazienti manifestino molti dubbi. Alcuni di questi possono essere chiariti
32

comportando dei benefici nella vita quotidiana.


I rimedi farmacologici fanno parte del contesto generale del
trattamento del linfedema. La terapia antibiotica profilattica e terapeutica
indicata in caso di infezioni. Le benzopirene sono sostanze che possono
ridurre ledema ricco di proteine aumentando lattivit proteolitica tessutale.
I flavonoidi come la diosmina, la rutina, lesperidina sono esempi di questo
tipo di sostanze.
Il drenaggio linfatico indicato in quasi tutti i tipi di linfedema.
Riassumendo, la combinazione di questi rimedi favorisce un miglior risultato
nel trattamento di questi pazienti.

33

DRENAGGIO LINFATICO
MANUALE
Il drenaggio linfatico manuale costituisce uno dei pilastri della terapia
fisica complessa proposta da Fldi, conosciuta come metodo di Fldi. Si
tratta di un trattamento medico indicato per qualsiasi tipo e grado di
linfedema. Lobiettivo finale rimuovere leccesso di proteina plasmatica
dallinterstizio cellulare, ripristinando lequilibrio tra il carico proteico linfatico
e la capacit di trasporto del sistema linfatico.
La tecnica di drenaggio linfatico manuale stata pubblicata a Parigi
nel 1936 dal Dr. Vodder e durante le ultime sei decadi sono stati aggiunti
vari contributi.
Fu a partire dalla sua esperienza in massaggi che Vodder osserv il
miglioramento clinico dei linfonodi della regione cervicale in seguito alla
stimolazione manuale. Tali scoperte rappresentarono linizio di un lavoro
che port alla sistematizzazione di una tecnica che venne denominata
drenaggio linfatico manuale.
importante specificare che il termine massaggio deriva dal greco
(impastare) e significa pressare con le mani, impastare le diverse parti del
corpo per rilassare i muscoli. Drenaggio una parola di origine inglese ed
appartiene al lessico dellidrologia: consiste nellevacuare una palude
dalleccesso di acqua per mezzo di canaletti che sfociano in un collettore
maggiore, che a sua volta sfocia in un pozzo o in un corso dacqua.
Lanalogia chiara. Nel drenaggio linfatico manuale, non essendo
necessario comprimere i muscoli, le manovre sono dolci e superficiali al
fine di mobilitare una corrente di liquido che sta dentro un vaso linfatico a
livello superficiale e sopra laponeurosi. Riguardo alla pressione della mano
sul corpo, universalmente riconosciuto che essa debba essere lieve in
modo da non causare collasso linfatico. Il valore suggerito si aggira intorno
ai 30-40 mmHg.
Come possiamo osservare il drenaggio linfatico manuale ed i massaggi
sono due cose diverse. Quindi, per realizzare il drenaggio linfatico manuale
bisogna essere coscienti di cosa si sta drenando: per questo che non
sono necessari movimenti che producano una forte compressione.
34

Molti studi dimostrano che utilizzando una tecnica inadeguata si


possono arrecare danni al paziente. Casley-Smith sottolinea il fatto che un
drenaggio mal fatto peggiore di nessun drenaggio. Varie tecniche di
massaggio vengono denominate drenaggio linfatico ed utilizzate in modo
inadeguato, causando pregiudizi nel paziente. importante che il
professionista sia cosciente di questo fatto e che domini la tecnica in modo
da non provocare lesioni.
Il drenaggio linfatico manuale consiste in movimenti di scivolamento
lungo il percorso dei vasi linfatici e di compressione nelle regioni dei linfonodi.
Si tratta di una tecnica sistematica i cui movimenti devono seguire una
sequenza corretta, con direzione e strategia ben definite. universalmente
riconosciuto che bisogna sbloccare il sistema linfatico a livello centrale e,
in ultima istanza, nellarto interessato. Generalmente si inizia dalla regione
cervicale, ascella, regione toracica, addome, radice dellarto sano. Si
continua distalmente e solo in seguito si tratta larto colpito. Questo sistema
crea serbatoi vuoti attraverso i quali i linfatici periferici possono drenare.
In questo modo la linfa raggiunge i versanti linfatici attraverso i quali viene
drenata. Per questo motivo necessario conoscere tutta lanatomia delle
vie linfatiche.
I professionisti della salute svolgono una funzione estremamente
importante presso i pazienti affetti da problemi linfatici. Qualsiasi azione
indipendente del professionista deve essere considerata illegittima poich
il medico lunico responsabile di tutti e di ciascun passo terapeutico
compiuto.
Altri effetti secondari derivanti dal drenaggio sono:
a azione sul sistema nervoso vegetativo provocando stimoli
parasimpatici e causando rilassamento;
b azione sedativa dei riflessi algici;
c azione sui gangli con effetto immunologico.
Riassumendo, il drenaggio linfatico manuale rappresenta un
importante strumento terapeutico del linfedema. Deve, quindi, essere
eseguito in modo adeguato da professionisti capaci.

35

NUOVA TECNICA DI
DRENAGGIO LINFATICO
MANUALE
Tra i componenti del sistema linfatico troviamo i vasi linfatici, che
non sono altro che condotti che trasportano fluidi e presentano alcune
peculiarit. Il percorso di questi vasi ben definito e normalmente passa
attraverso i linfonodi di una determinata regione. Tenendo presente questo
sistema di condotti abbiamo sviluppato una nuova tecnica di drenaggio
linfatico.
Questa tecnica consiste nellutilizzo di bastoncini flessibili e delicati
che facciamo rotolare lungo il percorso dei vasi linfatici, ottenendo un
drenaggio efficiente. Lo scopo esercitare una pressione esterna continua,
sfruttando la compressione di questi bastoncini sulla regione di deflusso
dei vasi in direzione ascendente, al fine di stimolare la mobilit della linfa.
Le illustrazioni che seguono mostrano i meccanismi proposti e le avvertenze
alle quali attenersi.

Si osservi un modello idrostatico per lillustrazione della tecnica.


In nero, un modello di bastoncino che verr usato come strumento
di drenaggio e due tubicini, in bianco, pieni di liquido per simulare
un vaso linfatico.
36

Linfografia che mostra dei vasi linfatici negli arti inferiori, i quali
non sono altro che conduttori che trasportano la linfa.

37

Trattandosi di un vaso comprimente, lo scivolamento per rotolio del


bastoncino permetter di effettuare il drenaggio del suo contenuto.

Come si pu osservare in questa illustrazione, lo scivolamento del


bastoncino ha permesso lo svuotamento del condotto.

38

In questa illustrazione si possono osservare due condotti: uno pieno,


dilatato ed in una delle sue estremit si nota la presenza di una
dilatazione. Nellaltro vaso le pareti non sono dilatate e presentano
volume di pressione e liquido normali.
Queste illustrazioni ci danno unidea del funzionamento del nuovo
metodo di drenaggio e delle avvertenze alle quali attenersi sia con questo
che con qualsiasi altro tipo di drenaggio linfatico.
Nellesempio osserviamo un sistema occluso che simula un vaso
linfatico ostruito, come per esempio in seguito ad una mastectomia. Questo
dimostra che, quando utilizziamo manovre inadeguate durante il drenaggio
linfatico, possiamo ledere questo vaso. Unaltra conclusione riguarda il
fatto che un vaso in condizioni normali corre meno rischi di essere
danneggiato. Questa dimostrazione enfatizza limportanza della diagnosi
della lesione linfatica in modo da adottare un approccio corretto al drenaggio
linfatico.

39

Questa illustrazione dimostra come limpiego della stessa pressione


abbia provocato nei vasi reazioni differenti.
In entrambi si verificato un drenaggio, per per continuare a drenare
necessario esercitare una pressione maggiore sul vaso in posizione
inferiore. Inoltre, se mantenessimo la stessa pressione in questo vaso, anche
la possibilit di riflusso sarebbe maggiore. Conseguentemente, se
insistessimo a continuare il drenaggio finiremmo per ledere il vaso.

Un altro concetto importante riguarda il fatto che i vasi linfatici


presentano valvole ed un flusso direzionato come indicato dalle
freccette.

40

Lultima illustrazione suggerisce come la direzione del drenaggio


debba sempre essere in direzione del flusso. I movimenti circolari possono
andare contro la direzione del flusso forzando le valvole dei vasi linfatici.
Pertanto, questo tipo di movimento non giustificato.
La pressione esercitata deve essere intorno ai 30-40 mmHg in modo
da non danneggiare i vasi ed i tessuti adiacenti. La velocit di scivolamento
del bastoncino deve essere lenta per non provocare un aumento brusco
della pressione allinterno del vaso ed evitare cos possibili danni.
unanimemente riconosciuto che le vie linfatiche debbano essere
sbloccate centralmente ed in seguito procedere drenando le regioni pi
distali. Infine, procedere lungo larto dolente. Generalmente si inizia
drenando la regione cervicale, lascella, il torace, laddome, la radice
dellarto, per poi procedere con un drenaggio distale. Questo tipo di
approccio crea un serbatoio vuoto attraverso il quale possono drenare i
linfatici periferici. In questo modo la linfa raggiunge i versanti linfatici per
poi proseguire il proprio cammino. Questo uno dei motivi che richiedono
una profonda conoscenza delle vie linfatiche e di come usare le vie alternative
di drenaggio in caso di blocchi linfatici.
Una diagnosi corretta fondamentale perch si impieghi un approccio
adeguato.
La stimolazione del glomo carotideo pu provocare una

41

42

AVVERTENZE
IL DRENAGGIO DELLA REGIONE CERVICALE
PRESENTA UN RISCHIO MAGGIORE A CAUSA DELLA
PRESENZA DEL GLOMO CAROTIDEO
aritmia cardiaca. Questa stimolazione pu essere usata dal medico
per trattare alcuni tipi di aritmia cardiaca. Pertanto, il paziente deve essere
ricoverato in ospedale e monitorato.
Si sconsiglia di trattare questa regione con drenaggio linfatico e con
qualsiasi altro tipo di massaggio se non si a conoscenza delle manovre e
dei rischi.
Altre avvertenze:
*Pressione esercitata sulla pelle.
*Cominciare il drenaggio dal luogo corretto.
*Osservare se il paziente riporta infezioni o neoplasia che sono da
considerarsi come controindicazioni.

43

44

AUTO-TECNICA DI DRENAGGIO
LINFATICO
Lutilizzazione di piccolo rulli permette al paziente stesso di
esercitare questa tecnica, mettendo in pratica quella che possiamo chiamare
auto-tecnica di drenaggio linfatico.
Il medico o il professionista che realizzeranno il trattamento possono
evidenziare con una penna, sulla pelle del paziente, il percorso lungo il
quale i piccoli rulli devono essere fatti scorrere.
Si consiglia di allenare il paziente in clinica in modo da prepararlo
adeguatamente alla corretta applicazione dellauto-tecnica. La supervisione
del medico necessaria per avallare i risultati ed il corretto utilizzo della
tecnica.
I vantaggi stanno nelloffrire ai pazienti lopportunit di usufruire del
trattamento a costi ridotti.

45

46

DIMOSTRAZIONE DELLA
TECNICA PASSO DOPO PASSO
Osservare lorientamento dei disegni nella prima figura. Nella
seconda, terza e quarta si possono vedere le principali stazioni linfonodali
che normalmente vengono drenate: ascellare, cervicale ed inguinale.

In questa illustrazione si osservino la rappresentazione schematica


dei vasi linfatici e la direzione del flusso. In verde il percorso dei vasi
che confluiscono ai gangli. Le freccette rosse indicano la direzione
del flusso linfatico.

47

In questa illustrazione si osservino la direzione e la confluenza finale


dei vasi linfatici della testa e del collo verso la regione sopraclaveolare.
I vasi passano attraverso i linfonodi fino a raggiungere il tronco
cervicale e da l il dotto toracico (lato sinistro) ed il dotto linfatico
destro (lato destro) di ogni lato del collo. I dotti sfociano nel sistema
venoso allaltezza della congiunzione tra la vena succlavia e la
giugulare.

In questa illustrazione si osservino la stazione ascellare e la direzione


di drenaggio delle correnti linfatiche provenienti dellarto superiore;
toracica anteriore, laterale e posteriore ed addominale sopraombelicale.
48

In questa illustrazione si osservino la stazione linfonodale della regione


inguinale e la direzione di drenaggio. In azzurro rappresentato il
deflusso della vena safena. La stazione inguinale riceve i vasi linfatici
dellarto inferiore, della parete addominale infra-ombelicale, del
sistema genitale, del sistema urologico e della vena mesenterica
inferiore.
49

50

DRENAGGIO DELLA TESTA E


DEL COLLO
Il drenaggio linfatico della testa e del collo realizzato lungo quattro
vie: anteriore o dei vasi facciali, parotidea, retroauricolare ed occipitale. In
questa regione necessario fare molta attenzione durante il drenaggio
linfatico.
Essendo la fossa sopraclaveolare il punto pi in prossimit del dotto
toracico e del dotto linfatico destro, generalmente essa costituisce il luogo
dal quale si deve cominciare il drenaggio in modo da evitare
controindicazioni.
Tutti i tronchi linfatici camminano lungo i dotti linfatici, i quali sfociano
nel sistema venoso allaltezza della congiunzione tra la vena succlavia e la
giugulare.
Nella regione cervicale, i linfonodi cervicali superficiali seguono il
deflusso della vena giugulare esterna lungo il muscolo
esternocleidomastoideo. I linfonodi superficiali drenano attraverso i linfonodi
della stazione cervicale profonda.

Lillustrazione evidenzia la direzione finale del drenaggio della testa


e del collo
51

Lillustrazione mostra la regione cervicale e lutilizzo di un piccolo


rullo come strumento di drenaggio.
Vorrei richiamare lattenzione sul posizionamento del rullo, in
quanto poco sopra questa regione si trova il glomo carotideo. Questa la
regione nella quale si deve fare molta attenzione durante il drenaggio
linfatico.
Essendo la fossa sopraclaveolare il punto pi in prossimit del dotto
toracico e del dotto linfatico destro, generalmente essa costituisce il luogo
dal quale si deve cominciare il drenaggio in modo da evitare
controindicazioni.
Nella regione cervicale, i linfonodi cervicali superficiali seguono il
deflusso della vena giugulare esterna lungo il muscolo
esternocleidomastoideo. I linfonodi superficiali drenano attraverso i linfonodi
della catena cervicale profonda.

52

Nellillustrazione si osserva la stimolazione dei gangli della regione


submandibolare.

Osservare il drenaggio della parte anteriore della guancia attraverso


i linfonodi submandibolari. Da questi linfonodi escono i vasi che
raggiungono i linfonodi cervicali profondi.

53

La regione del mento e del labbro inferiore drenata dai linfonodi


submentali. Da questi linfonodi escono vasi efferenti verso i linfonodi
cervicali profondi.

Nellillustrazione si osservi il drenaggio della stazione cervicale in


direzione della fossa sopraclaveolare.

54

Nellillustrazione si pu osservare la stimolazione dei linfonodi della


regione parotidea. Da essi partono vasi efferenti verso la stazione
linfonodale cervicale profonda.

Nellillustrazione, allaltezza della parte inferiore del bastoncino, si


osservi la linea di demarcazione di questa regione, la quale drena
verso i linfonodi della regione parotidea.

55

Nellillustrazione, i linfonodi della regione retroauricolare ed occipitale


danno origine ai vasi referenti dei linfonodi della stazione cervicale

Con questa illustrazione si vuole sottolineare limportanza dei


movimenti respiratori durante il drenaggio linfatico.

56

La stazione dei linfonodi ascellari drena circa 10 correnti linfatiche


appartenenti agli arti superiori, alla porzione sopraombelicale fino alla
clavicola ed alla regione del dorso.

Si osservi che la regione ascellare riceve i vasi dellarto superiore e


della parete toracica anteriore. Fare attenzione al drenaggio delle
mammelle attraverso le ascelle.

Il drenaggio dellarto superiore inizia nella regione prossimale del


braccio.
57

Nella regione anteriore possono essere drenate le correnti basilica,


pre-bicipitale e cefalica.

La transizione delle correnti dellavambraccio e del braccio avviene


allaltezza della piega del gomito.

58

Proseguire il drenaggio dellarto superiore drenando le correnti radiale


anteriore ed ulnare anteriore dellavambraccio.

In questa illustrazione viene enfatizzato il drenaggio della corrente


cefalica, la quale pu essere preservata durante la mastectomia. Con
questa manovra si possono drenare le correnti posteriore e posterolaterale.

59

Il drenaggio della mano e della parte dorsale dellavambraccio


(correnti radiale ed ulnare posteriore) deve essere eseguito in senso
ascendente e nella parte anteriore.

Anche il drenaggio della regione dorsale deve essere eseguito


attraverso i linfonodi ascellari.

60

La parete laterale del torace deve essere trattata attraverso i linfonodi


ascellari.

Allaltezza della regione ombelicale il drenaggio deve avvenire in


direzione dei linfonodi ascellari.

61

Allaltezza dellombelico si inverta la direzione del drenaggio, poich


verso lalto deve avvenire verso i linfonodi ascellari e verso il basso
in direzione di quelli inguinali.

Nella regione delladdome abbiamo lunione e la formazione dei


tronchi lombari, mesenterico e bronco mediastinale, i quali formano
linizio del dotto linfatico e si trovano a livello profondo.

62

Il drenaggio della parete addominale viene eseguito dai linfonodi


ascellari. Come possiamo osservare, il drenaggio superficiale e quello
profondo avvengono in direzioni diverse ma non opposte. In questo caso,
per quanto riguarda il drenaggio della regione addominale profonda
proponiamo di utilizzare in senso ascendente un piccolo rullo nella regione
dei muscoli retto-addominali, come mostrato dallillustrazione. Questo tipo
di approccio permette di rispettare la direzione dei vasi della parete
addominale.

La parete addominale viene trattata in direzione dellascella.


Il drenaggio linfatico degli arti inferiori presenta sei correnti linfatiche,
delle quali due distali, chiamate corrente della grande safena e corrente
della piccola safena. Quattro correnti sono prossimali, due anteriori e due
posteriori.

63

Si osservi che la stazione inguinale riceve i vasi linfatici dellarto


inferiore, della parete addominale infra-ombelicale, del sistema
genitale, del sistema urologico e della mesenterica inferiore.

64

In questa foto si osserva il drenaggio della parete addominale inferiore


verso la stazione linfonodale inguinale corrispondente.

Iniziare il drenaggio dellarto inferiore dalla parte prossimale dellarto.


In azzurro si nota il deflusso della vena safena, che lo stesso di
quello dei vasi linfatici.

65

La foto mostra il drenaggio delle correnti postero-mediali e della


corrente antero-mediale della coscia (grande safena).

Nella foto si osserva il drenaggio della parte iniziale delle correnti


postero-mediali e della corrente antero-mediale della coscia (grande
safena).
66

Le correnti antero-mediali della coscia ricevono i vasi delle correnti


postero-laterali della coscia. Le correnti antero-laterali della coscia o
della safena laterale hanno origine nella coscia stessa.

Si osservi la direzione di drenaggio delle natiche verso la regione


inguinale.

67

La corrente postero-laterale della coscia anastomizzando con quelle


della corrente antero-mediale.

68

La regione mediale delle natiche drena in direzione antero-mediale


verso la regione inguinale.

Le correnti postero-mediali camminano in direzione della regione


inguinale.

69

La corrente antero-mediale della gamba (grande safena) o della


grande safena si muove in direzione craniale e raggiunge la regione
mediale della coscia dove prosegue come corrente antero-mediale della
coscia. Nella gamba, la corrente della grande safena riceve i vasi
anastomotici della corrente postero-laterale della gamba (piccola
safena). Altri vasi della piccola safena si dirigono verso i linfonodi
della regione poplitea.

Si osservi linizio della corrente della grande safena.


70

I piedi drenano verso la corrente della grande safena.

Le correnti postero-laterali della gamba (piccola safena)


anastomizzano con la corrente della grande safena.

71

Il drenaggio della piccola safena si dirige verso i linfonodi poplitei e


verso la corrente della grande safena.

Drenaggio della corrente della piccola safena.

72

RIFERIMENTI
BIBLIOGRAFICI
Riferimenti bibliografici:

73

Gli autori
Il Dr. Jos Maria Pereira de Godoy Professore Assistente nel
Dipartimento di Cardiologia e Chirurgia Cardiovascolare della Facolt di
Medicina di So Jos do Rio Preto, FAMERP.

La Dott.ssa Maria Ftima Guerreiro Godoy Terapeuta


Occupazionale, maestra dellUniversit Cattolica Pontificia di Campinas.
Ha collaborato allo sviluppo di questa tecnica di drenaggio linfatico.
Attualmente esegue il trattamento nella clinica che possiede a Rio Preto.

74

La Dott.ssa Maria Ftima Guerreiro Godoy Terapeuta


Occupazionale, maestra dellUniversit Cattolica Pontificia di Campinas.
Ha collaborato allo sviluppo di questa tecnica di drenaggio linfatico.
Attualmente esegue il trattamento nella sua clinica a S. J. do Rio Preto.

Il Dr. Jos Maria Pereira de Godoy Professore Assistente nel


Dipartimento di Cardiologia e Chirurgia Cardiovascolare della Facolt di
Medicina di So Jos do Rio Preto, FAMERP.

75

Il drenaggio linfatico praticato da medici, fisioterapisti,

terapeuti occupazionali, infermiere ed estetiste sia in Brasile che


in tutto il mondo.
Professionisti delle aree correlate menzionate, a volte, utilizzano
questa modalit di trattamento con la supervisione di un medico specialista.
importante che questi professionisti conoscano lanatomia umana e la
fisiologa, studiate alluniversit, perch possano apprendere meglio la
tecnica. In ogni caso, tutto lapproccio al trattamento, cos come la
responsabilit, spetta al medico, il quale deve seguirne lesecuzione passo
dopo passo. risaputo che il drenaggio linfatico realizzato in modo
inadeguato pu provocare complicazioni al paziente, diventando, in questo
caso, pi nocivo che se non fosse per niente effettuato.
Lo scopo di questo libro divulgare una nuova tecnica di drenaggio
linfatico di facile comprensione ed esecuzione, fornendo sicurezza
nellapplicazione e benefici ai pazienti portatori di linfedema.
La tecnica che descriviamo qui pu addirittura venire messa in pratica
dal paziente stesso, su consiglio del medico, in quanto si tratta di una tecnica
di auto-drenaggio linfatico.

Jos Maria Pereira de Godoy


Angiologo e Chirurgo Vascolare

76