Sei sulla pagina 1di 624

Ing.

Michele Spallini

PROGETTAZIONE DELLO
SFRUTTAMENTO ENERGETICO
DELLE GEORISORSE

ESPLORAZIONE

z+

p
v2
+
= cos t
* g 2g

PERFORAZIONE
n = I n I 2 + II n II 2 + III n III 2
2
2
2
2
2
2
2
2
n = I n I + II n II + III nIII n

PRODUZIONE
2 1 + pi
Re

1 pi
E a2 1

u =
*
r
+

2
E
r
a 1

x xy xz

ij = yx y yz
zx zy z

DEPOSITO

Gsed =

H
i

i =1
n

i =1

ENERGIA

CHIMICA

PROGETTAZIONE DELLO SFRUTTAMENTO


ENERGETICO DELLE GEORISORSE

Finito di stampare nel novembre 2003

A mia madre

Diritti dautore

Questo testo messo a disposizione dei colleghi ad integrazione della bibliografia gi esistente
sullargomento e nello spirito proprio dellENI proteso alla diffusione della cultura.
Esso liberamente distribuibile soltanto alle seguenti condizioni:

senza alterarne in nessun modo il contenuto;


senza scopo di lucro.

Il fatto che sia liberamente distribuibile non altera in alcun modo il diritto dautore
(copyright), che rimane del sottoscritto.
Michele Spallini

IV

Indice
PRESENTAZIONE .................................................................................................................................. IX
INTRODUZIONE.......................................................................................................................................X
CAPITOLO 1 IL PETROLIO E IL GAS NATURALE ....................................................................... 1
1.1 ENERGETICA DEGLI IDROCARBURI.............................................................................................. 1
1.2 FORMAZIONE DEL PETROLIO E DEL GAS NATURALE ............................................................. 2
1.3 RICERCA E SFRUTTAMENTO DEGLI IDROCARBURI ................................................................. 6
1.4 CONDIZIONI DEGLI IDROCARBURI IN GIACIMENTO.............................................................. 12
CAPITOLO 2 MECCANICA DEI TERRENI .................................................................................... 14
2.1 GENERALIT SUI TERRENI............................................................................................................ 14
2.2 STATO TENSIONALE NEI TERRENI .............................................................................................. 17
2.3 RESISTENZA ALLA ROTTURA....................................................................................................... 29
2.4 CARICHI AGENTI SUI TERRENI..................................................................................................... 32
2.5 INSTABILIT DI FORO .................................................................................................................... 33
CAPITOLO 3 PERFORAZIONE A ROTAZIONE............................................................................ 37
3.1 GENERALIT SULLIMPIANTO ..................................................................................................... 37
3.2 IMPIANTO DI SOLLEVAMENTO .................................................................................................... 39
3.3 AZIONAMENTO E COSTITUZIONE DELLA BATTERIA DI PERFORAZIONE......................... 43
3.4 CIRCUITO DEI FLUIDI DI PERFORAZIONE.................................................................................. 51
3.5 FLUIDI DI PERFORAZIONE ............................................................................................................. 57
3.6 SCALPELLI ......................................................................................................................................... 69
3.7 CAROTAGGIO.................................................................................................................................... 76
3.8 MOTORI DI FONDO .......................................................................................................................... 77
3.9 RIVESTIMENTO DEL POZZO .......................................................................................................... 78
3.9.1 CEMENTI ......................................................................................................................................... 83
3.9.2 CEMENTAZIONE............................................................................................................................ 86
3.10 PROBLEMI DI PERFORAZIONE.................................................................................................... 91
3.11 APPARECCHIATURE DI SICUREZZA .......................................................................................... 98
3.12 TESTA POZZO................................................................................................................................ 103
3.13 CONTROLLO DEL POZZO ........................................................................................................... 111
3.14 PERSONALE DI PERFORAZIONE ............................................................................................... 122
CAPITOLO 4 ALTRE TECNICHE DI PERFORAZIONE............................................................. 124
4.1 PERFORAZIONE A PERCUSSIONE............................................................................................... 124
4.2 PERFORAZIONE AD ARIA............................................................................................................. 126
4.3 COILED TUBING ............................................................................................................................. 129
4.4 PERFORAZIONE UNDERBALANCED.......................................................................................... 139
CAPITOLO 5 COMPLETAMENTO DEI POZZI ........................................................................... 141
5.1 TIPI DI COMPLETAMENTO ........................................................................................................... 141
5.2 ATTREZZATURE PER I COMPLETAMENTI ............................................................................... 143
5.3 FLUIDI DI COMPLETAMENTO ..................................................................................................... 152
5.4 PERFORAZIONE DELLA COLONNA DI RIVESTIMENTO ........................................................ 155
5.5 ACIDIFICAZIONE ............................................................................................................................ 159
V

5.6 CONTROLLO SABBIA..................................................................................................................... 162


5.7 SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE .................................................................................................. 169
5.8 COMPLETAMENTI INTELLIGENTI .............................................................................................. 180
CAPITOLO 6 PERFORAZIONE A MARE ...................................................................................... 189
6.1 IMPIANTI DI PERFORAZIONE ...................................................................................................... 189
6.2 ATTREZZATURE PARTICOLARI DELLIMPIANTO .................................................................. 193
6.3 TESTE POZZO SOTTOMARINE ..................................................................................................... 194
6.4 APPARECCHIATURE DI SICUREZZA .......................................................................................... 198
6.5 IL MARINE RISER............................................................................................................................ 199
6.7 COMPLETAMENTI SOTTOMARINI.............................................................................................. 203
6.8 ALTI FONDALI................................................................................................................................. 208
CAPITOLO 7 MANUTENZIONE DEI POZZI ................................................................................ 211
7.1 INTERVENTI PER MIGLIORARE LEROGAZIONE DEL POZZO ............................................. 211
7.2 INTERVENTI DI RIPRISTINO DELLE ATTREZZATURE ........................................................... 212
7.3 INTERVENTI EFFETTUATI CON CAVO (WIRELINE) ............................................................... 214
7.4 EARLY PRODUCTION .................................................................................................................... 224
CAPITOLO 8 MISURAZIONI ED ANALISI ................................................................................... 226
8.1 MISURE DI DIREZIONE E DI PARAMETRI DI PERFORAZIONE ............................................. 227
8.2 CARATTERIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE ......................................................................... 228
8.3 SISMICA IN POZZO ......................................................................................................................... 244
8.4 ANALISI GEOLOGICA .................................................................................................................... 245
8.5 ANALISI DELLE CAROTE.............................................................................................................. 250
8.6 PROVA DI PRESSURIZZAZIONE DEL POZZO............................................................................ 251
8.7 CONTROLLO DELLE CEMENTAZIONI........................................................................................ 252
8.8 PROVE DI STRATO.......................................................................................................................... 254
8.9 PLT ..................................................................................................................................................... 260
CAPITOLO 9 PERFORAZIONE DIREZIONATA.......................................................................... 266
9.1 DEVIAZIONE SPONTANEA DEL POZZO..................................................................................... 267
9.2 ATTREZZATURE E TECNICHE DI DEVIAZIONE....................................................................... 269
9.3 CRITERI DI PROGETTAZIONE DI UN POZZO DIREZIONATO ................................................ 273
9.4 PERFORAZIONE ORIZZONTALE.................................................................................................. 283
9.5 INTERFERENZA TRA POZZI ......................................................................................................... 283
CAPITOLO 10 PROGETTAZIONE DEI POZZI............................................................................. 287
10.1 GRADIENTI DI PRESSIONE NEI POZZI ..................................................................................... 287
10.1.1 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI ................................................ 289
10.1.2 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DEI PORI............................................................. 296
10.1.3 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DI FRATTURAZIONE ....................................... 305
10.1.4 VALUTAZIONE DELLE SOVRAPPRESSIONI CON I PARAMETRI DI PERFORAZIONE. 309
10.2 DIMENSIONAMENTO DELLA COLONNA DI RIVESTIMENTO............................................. 311
10.3 MECCANICA DELLA BATTERIA DI PERFORAZIONE............................................................ 355
10.4 PROGRAMMAZIONE DEL FLUIDO DI PERFORAZIONE ........................................................ 372
10.5 PROGRAMMAZIONE DELLE CEMENTAZIONI........................................................................ 376
10.6 PROGRAMMAZIONE IDRAULICA ............................................................................................. 389

VI

CAPITOLO 11 PROGETTAZIONE DEI COMPLETAMENTI .................................................... 409


11.1 PROCESSO DI FILTRAZIONE...................................................................................................... 409
11.2 DIMENSIONAMENTO DEI TUBING DI PRODUZIONE ........................................................... 414
11.3 SCELTA E POSIZIONAMENTO DELLE ATTREZZATURE...................................................... 428
11.4 SCELTA E DIMENSIONAMENTO DI UN SISTEMA DI SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE . 449
11.5 TECNICHE DI STIMOLAZIONE................................................................................................... 469
CAPITOLO 12 STESURA DEL PROGRAMMA............................................................................. 473
12.1 INFORMAZIONI GENERALI ........................................................................................................ 473
12.2 PROGRAMMA GEOLOGICO........................................................................................................ 475
12.3 PROGRAMMA DI GEOLOGIA OPERATIVA.............................................................................. 475
12.4 PROGRAMMA DI PERFORAZIONE............................................................................................ 476
12.5 PROGRAMMA DI COMPLETAMENTO ...................................................................................... 478
CAPITOLO 13 COSTO DEI POZZI.................................................................................................. 480
13.1 FASE DECISIONALE ..................................................................................................................... 480
13.2 PROGETTO DI MASSIMA ............................................................................................................ 482
13.3 STUDIO DI FATTIBILIT ECONOMICA E FINANZIARIA...................................................... 483
13.4 PROGETTO ESECUTIVO .............................................................................................................. 489
CAPITOLO 14 TRASPORTO E TRATTAMENTO DEGLI IDROCARBURI ............................ 498
14.1 TRATTAMENTO IN LOCO ........................................................................................................... 498
14.2 TRASPORTO DEGLI IDROCARBURI ......................................................................................... 501
14.3 IMPIANTI DI TRATTAMENTO GAS ........................................................................................... 507
14.4 IMPIANTI DI TRATTAMENTO OLIO.......................................................................................... 511
14.5 TECNICHE PER MIGLIORARE IL FATTORE DI RECUPERO DEL PETROLIO .................... 514
CAPITOLO 15 PERMESSI DI LAVORO E NORME DI SICUREZZA ....................................... 518
15.1 DENUNCE DESERCIZIO ED AUTORIZZAZIONI A PROCEDERE ........................................ 518
15.2 DISPOSIZIONI GENERALI ........................................................................................................... 522
15.3 OBBLIGHI E RESPONSABILIT SULLA SICUREZZA ............................................................ 526
15.4 AMBIENTI, POSTI DI LAVORO E DI PASSAGGIO................................................................... 529
15.5 SICUREZZA DELLE MACCHINE E DELLE APPARECCHIATURE ........................................ 531
15.6 SICUREZZA ANTINCENDIO........................................................................................................ 534
15.7 SICUREZZA NELLUTILIZZO DEGLI ESPLOSIVI.................................................................... 536
15.8 SICUREZZA NELLUTILIZZO DELLE SORGENTI RADIOATTIVE ....................................... 537
15.9 SEGNALETICA DI SICUREZZA................................................................................................... 539
15.10 SISTEMA GESTIONE AMBIENTALE........................................................................................ 544
APPENDICE A UNIT DI MISURA................................................................................................. 546
APPENDICE B DISTRIBUZIONE GAUSSIANA............................................................................ 554
APPENDICE C MATERIALI NORMALIZZATI............................................................................ 556
APPENDICE D MATERIALI SPECIALI......................................................................................... 589
BIBLIOGRAFIA .................................................................................................................................... 598

VII

VIII

Presentazione
Negli ultimi anni, lindustria petrolifera mondiale stata interessata da rapidi e consistenti
mutamenti, sorti sotto linfluenza di fattori di natura prevalentemente economica.
Sono, probabilmente, pochi i giacimenti di grandi dimensioni ancora da scoprire nel mondo,
specialmente nelle aree mature, dove in atto un lento, ma naturale processo dimpoverimento delle
riserve.
La ricerca, di conseguenza, si orientata verso aree di frontiera, come quelle del deep ed ultra deep
offshore, per esempio, e verso lo sviluppo di campi con dimensioni e valore commerciale ridotti.
Lalto grado di rischio a livello geopolitico in talune aree, ed il sussistere di un regime dinstabilit
nel prezzo del petrolio, complicano ulteriormente la situazione, rendendo problematica la valutazione
economica di nuovi progetti esplorativi e di sviluppo.
Il processo evolutivo in atto appare, quindi, caratterizzato dalla coesistenza di due esigenze
contrastanti. Da un lato si manifesta la necessit di operare con costi e tempi ridotti rispetto al
passato, dallaltro si assiste ad una crescita di complessit nel lavoro, sia per tipologie di pozzi sia
per caratteristiche dei contesti in cui si opera.
Per fronteggiare la situazione, molti operatori del settore hanno attuato strategie mirate al
contenimento dei costi e si sono orientati allo studio di nuovi modelli organizzativi, alla ricerca di
sinergie ed alleanze ed alla esplorazione di nuove forme contrattuali.
Alcune di queste strategie hanno fornito risultati incoraggianti, ma lo strumento che riteniamo pi
idoneo per operare al meglio, anche in relazione alle problematiche di sicurezza del lavoro e
salvaguardia ambientale, quello del miglioramento tecnologico.
In campo tecnologico, sono state recentemente introdotte numerose e significative innovazioni ed
stato avviato un momento di revisione di tutti i processi di lavoro con lobiettivo di realizzare il
massimo grado di efficienza ed economicit.
I tecnici del settore sono, quindi, chiamati oggi a rinnovare continuamente il proprio impegno per il
miglioramento della conoscenza, lo sviluppo di nuove tecnologie e lidentificazione di nuove
procedure operative.
In tal senso, data lincidenza elevata delle attivit di perforazione e completamento sugli investimenti
necessari alla produzione di idrocarburi, il ruolo dei drilling e completion enginner oggi ancora pi
importante che nel passato.
La capacit di sostenere la crescita e la diffusione della conoscenza in un settore cos complesso e
specifico, costituir nei prossimi anni una qualit di valore inestimabile per le Oil and Service
Company.
Consapevoli di ci, accogliamo con entusiasmo la pubblicazione di questo nuovo volume che tratta in
modo rigoroso e sistematico tutte le tematiche di Well engineering, sintetizzando le pi recenti
acquisizioni della tecnica.
Un particolare apprezzamento va rivolto allautore: un giovane, che facendo tesoro dellesperienza di
tutti i giorni, ha saputo andare oltre con la ricerca e lapprofondimento, fino a realizzare unopera di
valore per tutti coloro che operano nellindustria dellUpstream petrolifero.
Angelo Calderoni

IX

Introduzione
Questo testo nato con la raccolta ed elaborazione di materiale bibliografico sullo sfruttamento
energetico delle georisorse, per rispondere ad unesigenza particolare dellautore di avere a
disposizione una sintesi organica delle conoscenze necessarie al suo lavoro.
Partendo dagli appunti personali e pensando alla scarsissima bibliografia presente in Italia
sullargomento, nata lidea di fare un vero e proprio libro.
Per iniziare, qualche parola sul titolo che doveva contenere, in pochi termini, lessenza del testo. A tal
proposito, si scelto dintrodurre la parola georisorse per richiamare alla mente quei beni che la
natura ci mette a disposizione e la capacit delluomo di sfruttarle a scopo energetico e
progettazione per indicare lelaborazione tecnica ed economica, presente nel libro, atta a
raggiungere tale scopo.
Lopera ha carattere essenzialmente pratico, assumendo la forma di una guida che spiega passo passo,
mostrando con esempi, come procedere nella progettazione dello sfruttamento delle risorse presenti
nel sottosuolo, quali fattori prendere in considerazione, come trovare le informazioni, quali formule
utilizzare.
Si cercato, almeno nelle intenzioni e nel giudizio dellautore, di mantenere un certo rigore scientifico
nella trattazione, pur perseguendo continuamente la semplicit e la chiarezza.
La vastit degli argomenti tecnici connessi in un tale lavoro ha richiesto il dare per scontate alcune
conoscenze di tipo ingegneristico. Pur tuttavia, le parti pi descrittive del testo sono utili e
comprensibili a chiunque operi nel settore o a chi animato da puro spirito di conoscenza.
Una difficolt non indifferente nella stesura del testo stata rappresentata dalla preponderanza, nel
gergo petrolifero, di termini linguistici inglesi.
Il problema non era legato tanto ad una difficolt di traduzione di termini tecnici, quanto piuttosto
allutilizzo di corrispondenti lessicali che non trovassero una diffusione reale.
Nel testo si sono utilizzati i termini inglesi soprattutto per quelle attrezzature per le quali appariva
poco sensata la traduzione; in ogni caso, per ogni espressione lessicale straniera, si fornita la
spiegazione del concetto attinente.
Le parole non appartenenti alla lingua italiana sono state messe tra virgolette. La regola non
assoluta, infatti, per non appesantire la lettura, le parole che si ripetono molte volte sono state scritte
normalmente (per esempio: tubing).
Altra difficolt simile alla precedente stata la consuetudine dutilizzare nel campo petrolifero unit di
misure americane. La diffusione del libro in un Paese dove vige il Sistema Internazionale ha
indirizzato immediatamente allutilizzo delle relative unit di misura.
Sono, in ogni modo, spesso riportate entrambe le unit di misura e si sono forniti, in appendice, i
fattori di conversione per passare facilmente dalle une alle altre.
Nel Sistema Internazionale si razionalizzata la denominazione di alcune grandezze fisiche,
sostituendo il generico termine specifico con lineico, areico, volumico, massico, secondo
che si riferiscono alla lunghezza, alla superficie, al volume, alla massa (per esempio, il calore specifico
diventato capacit termica massica).
A tale proposito, ci si scusa con il lettore per luso, nel testo, della tradizionale parola densit, in
luogo del corretto termine massa volumica, per indicare il rapporto tra la massa ed il volume di una
sostanza.
Non stata seguita una regola precisa nella scrittura delle sigle, che possono essere con o senza
punteggiatura, maiuscole o minuscole (per esempio: S. C. R., MAASP).
Analogamente, non si seguita ununica regola per le parole doppie inglesi (wire line, wire-line,
wireline), ma si scelta la forma pi diffusa.

Nella parte iniziale, si fa una panoramica sullenergetica degli idrocarburi. Se ne riassume il processo
di formazione, si spiega come sono ricercati, sindicano gli accordi da prendere con i Paesi detentori
per poterli sfruttare, e in quali condizioni si trovano in giacimento.
Nel secondo capitolo, si riportano alcuni principi di meccanica dei terreni per analizzare le
caratteristiche del mezzo su cui si opera. La trattazione matematica di questargomento pu risultare
noiosa e pesante e presuppone la conoscenza di alcuni concetti della meccanica del continuo, ma si
resa necessaria per non propinare una serie di relazioni di dubbia provenienza.
Nel terzo capitolo, si fa una panoramica sulla perforazione a rotazione, la pi diffusa nel campo
petrolifero, mostrandone il principio di funzionamento, le attrezzature utilizzate e i parametri
progettuali di scelta, la sequenza delle operazioni e la loro descrizione.
Sono descritti i problemi che si possono presentare durante la perforazione di un pozzo e le misure da
adottare per fronteggiarli e risolverli.
Negli ultimi due paragrafi, sono riportate alcune nozioni di idraulica per comprendere le tecniche di
controllo pozzo atte ad evitare il pericolo di eruzioni, e sillustra la composizione del personale,
generalmente, presente in cantiere.
Nel quarto capitolo, si fa una panoramica sugli altri sistemi di perforazione, con particolare attenzione
alla tecnica del coiled tubing, per la sua duttilit ed applicabilit in molte operazioni di pozzo.
Segue la descrizione dei vari schemi di completamento, delle attrezzature utilizzate e della loro
funzione. Sillustrano i pregi ed i difetti dei fluidi di completamento, le tecniche utilizzate per la
perforazione delle colonne di rivestimento, i trattamenti adottati per ridurre il danneggiamento della
formazione o migliorarne le capacit erogative.
Si mostrano i vari sistemi di sollevamento artificiale, spiegandone le caratteristiche salienti e i limiti
applicativi.
Infine, sillustrano le sofisticazioni che hanno subito le tradizionali attrezzature, fino ad arrivare ai
completamenti intelligenti.
Nel sesto capitolo, si parla della perforazione a mare, descrivendone le varie tipologie dimpianto
impiegate, le differenze rispetto ai pozzi a terra, le attrezzature particolari adottate e i sistemi di
completamento possibili.
Segue lesposizione delle operazioni di workover, delle tecniche e delle attrezzature utilizzate per
sopperire ai problemi che si presentano nel pozzo nel corso del tempo, con particolare riguardo alla
wireline.
Nellultimo paragrafo, si accenna allutilizzo dellearly production per evitare larresto totale
dellerogazione, durante le operazioni di workover.
Nellottavo capitolo, si descrivono le tecniche ed il principio di funzionamento dei sensori atti a
registrare le caratteristiche petrofisiche della formazione. Sillustrano i pregi ed i difetti delle varie
tecniche, si riportano le caratteristiche metrologiche dei vari dispositivi di misura e la forma delle
registrazioni, generalmente, fornite dalle rilevazioni.
Si spiegano le possibili configurazioni della sismica in pozzo, si delineano le informazioni ottenibili
dallanalisi dei detriti e delle carote della formazione, quelle desumibili dalle prove di pressurizzazione
del pozzo e quelle conseguibili dalle misure di produzione.
Si fa un confronto tra le varie registrazioni per controllare le cementazioni delle colonne di
rivestimento.
Nel nono capitolo, si parla della perforazione direzionata, delle ragioni che hanno portato alla sua
diffusione e dei tipici campi applicativi. Si descrivono le attrezzature utilizzate per realizzare un pozzo
deviato e quali sono i criteri da adottare per la sua progettazione.
Segue il capitolo sulla progettazione dei pozzi petroliferi. In esso, si spiega come realizzare, passo
passo, il progetto di un pozzo, partendo dalle rilevazioni della sismica o dalle registrazioni limitrofe
per ricavare gli andamenti del gradiente dei fluidi nei pori, di fratturazione e dei sedimenti.
Si descrivono le sollecitazioni applicate ad una colonna di rivestimento, sillustrano i calcoli da fare
per valutarne le tensioni derivanti e come procedere al dimensionamento dei tubi. La progettazione

XI

non solo indirizzata alla soluzione tecnica di un problema, ma anche allottimizzazione economica
del dimensionamento adottato, al fine di minimizzare i costi.
Dallanalisi della meccanica della batteria di perforazione, sesaminano i fenomeni fisici che
coinvolgono le aste e le attrezzature utilizzate in pozzo e sindicano dei criteri per un loro corretto
posizionamento.
Segue lo sviluppo dei calcoli relativi alla programmazione del fluido di perforazione e delle
cementazioni, nonch quelli idraulici per valutare le perdite di carico ed ottimizzare la potenza
disponibile alle pompe.
Nellundicesimo capitolo si parla della progettazione dei completamenti. Partendo dalle caratteristiche
erogative del pozzo e dalle dimensioni della colonna di produzione, si mostra come scegliere il
diametro dei tubing di completamento e come calcolare gli spessori, al fine devitare rotture
meccaniche con il modificarsi delle condizioni desercizio nel corso dello sfruttamento.
Si mostrano degli schemi di completamento e si descrivono i criteri per un corretto posizionamento
delle attrezzature.
Infine, sillustra come scegliere un sistema di sollevamento artificiale, come effettuarne il
dimensionamento e come programmare le tecniche di stimolazione.
Il dodicesimo capitolo mostra come compilare il progetto del pozzo, quali informazioni fornire e come
organizzarli per una facile comprensione.
Segue il capitolo sui costi dei pozzi nel quale si descrivono le varie fasi che portano alla realizzazione
effettiva del progetto. Sillustra il processo decisionale da seguire per la scelta ottimale della soluzione
progettuale, si mostrano quali elementi considerare nello studio di fattibilit, si spiega come effettuare
una valutazione economica dellinvestimento e si descrivono le metodiche atte alla programmazione e
controllo dei lavori.
Nel quattordicesimo capitolo, si fa una rapida panoramica di come gli idrocarburi sono trasportati dai
pozzi alle utenze e quali trattamenti subiscono per essere utilizzati.
Nellultimo paragrafo, si descrivono, brevemente, le tecniche per migliorare il fattore di recupero del
petrolio.
Il quindicesimo capitolo parla delle leggi esistenti in Italia sullo sfruttamento delle georisorse. Si
descrivono le procedure da attuare per ricevere le autorizzazioni a procedere, da parte dellautorit
mineraria competente, e le modalit di compilazione del documento di sicurezza e salute.
Si definiscono le disposizioni generali da rispettare nello sfruttamento energetico delle georisorse e
quelle particolari da adottare sulle macchine e sulle apparecchiature.
Sillustrano gli obblighi e le responsabilit sulla sicurezza e le norme da perseguire per limitare i rischi
derivanti da incendi, esplosivi, sorgenti radioattive nei confronti delle persone, delle cose e
dellambiente.
Per concludere, sinvitano i progettisti a corredare il presente libro del maggior numero possibile di
cataloghi sui materiali e sulle attrezzature utilizzate nel settore, ausilio indispensabile per una buona
progettazione.

XII

CAPITOLO 1

IL PETROLIO E IL GAS NATURALE


Lo sviluppo tecnologico della nostra civilt stato profondamente influenzato dal petrolio e dal gas
naturale; difficile pensare ad una societ senza queste due fonti energetiche, perch, senza dubbio, si
dovrebbe, con la mente, ritornare indietro di molti anni.
Per il possesso di questi due beni si sono avute molte guerre e, tuttoggi, li si ricerca in condizioni
sempre pi difficili perch restano le fonti energetiche pi economicamente sfruttabili.

1.1 ENERGETICA DEGLI IDROCARBURI


A ragione, il petrolio , attualmente, lelemento pi importante del sistema energetico, essendo:
di buone caratteristiche calorifiche;
sfruttabile con i pi comuni materiali strutturali;
non molto inquinabile;
facilmente trasportabile;
versatile per la maggior parte delle applicazioni.
A fronte di questi vantaggi, il petrolio ha il grave inconveniente dessere scarso.
Anche il gas ha caratteristiche simili a quelle del petrolio. Data la sua natura, ha il vantaggio di poter
essere trasportato economicamente in gasdotti, pu raggiungere capillarmente lutenza, non inquina.
Il petrolio un liquido denso e oleoso, che emana un odore caratteristico, il cui colore va da tinte
giallo-verdastre a quelle quasi nere.
Consiste in un miscuglio assai complesso didrocarburi (composti didrogeno e carbonio), che
differiscono per composizione o struttura molecolare: serie delle paraffine (CnH2n+2), serie etilenica
(CnH2n), serie naftenica (CnH2n), serie aromatica (CnH2n-6), serie diolefine (CnH2n-2).
La viscosit e la densit del petrolio sono legate tra loro e dipendono dalla composizione e temperatura
del greggio; gli idrocarburi con numero maggiore datomi di carbonio sono i pi densi e i pi viscosi.
Se contiene idrocarburi solidi, il petrolio denso e scuro; la presenza didrocarburi gassosi, lo rende,
invece, molto pi chiaro, scorrevole e facilmente infiammabile.
Generalmente, nel campo petrolifero, lunit di misura della densit non il kg/dm3, ma il
grado API (American Petroleum Institute) o il grado Baum:
API =

141.5

131.5 (1.1)

Baum =

140

130 (1.2)

= densit in kg/dm3 a 15.4 C.


Generalmente, la densit del petrolio proveniente da un giacimento diminuisce con laumentare della
profondit. Per convenzione, si definiscono:
oli leggeri, quelli con valori maggiori di 31.1 API (< 0.87 kg/dm3);
oli medi, quelli con valori compresi tra 22.3 31.1 API (0.87 0.92 kg/dm3);
oli pesanti, quelli con valori inferiori a 22 API (> 0.92 kg/dm3).
Salve poche eccezioni, il petrolio pi leggero dellacqua e insolubile con essa, mentre solubile nel
cloroformio, nel tetracloruro di carbonio e nel solfuro di carbonio.
I greggi sono analizzati e confrontati distillandoli in pi frazioni.
Si ha una classificazione secondo diverse caratteristiche quali: densit, viscosit, punto
dinfiammabilit (temperatura alla quale il combustibile liquido produce una quantit di vapore

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


sufficiente a formare con laria una miscela infiammabile), punto daccensione (temperatura alla quale
il vapore prodotto in quantit tale da generare una combustione continua).
Il gas naturale associato al petrolio composto essenzialmente da metano (CH4), etano (C2H6),
propano (C3H8), butano (C4H10), pentano (C5H10), esano (C6H12), ottano (C8H18), nonch anidride
carbonica (CO2), solfuro didrogeno (H2S) ed azoto (N2).
Di questi ultimi, assume molta importanza il solfuro didrogeno (H2S), solubile in acqua e nel petrolio
e con forte azione corrosiva e tossica. Se presente in gran quantit nel greggio, si devono adottare
precauzioni e trattamenti per limitare i suoi effetti nocivi.
Generalmente, il gas naturale oltre i 2000 m di profondit liquido e non distinguibile dal petrolio.
Un parametro per confrontare dei combustibili gassosi lindice di Wobbe:
W=

HS
r

(1.3)

dove HS il potere calorifico superiore (quantit di calore generato dalla combustione completa
dellunit di massa del combustibile) e r il rapporto tra la densit del gas e quella dellaria in
condizioni normali.

1.2 FORMAZIONE DEL PETROLIO E DEL GAS NATURALE


La Terra un pianeta a forma di geoide, avente un raggio medio di circa 6370 km. costituita da
10-50 km D I R O C C E SILIC EE
D EN SITA' [ kg/dm ]
quattro strati principali di densit, materia e stato diversi
C R O STA
2.9
{FIG. 1.1}. Alla temperatura di 1250 C, le rocce del
D ISC O N T IN U ITA'
D I MO H O R O VIC IC
3.3
mantello passano dallo stato solido a quello plastico (la
ROCCE
U LT R ABASIC H E
porzione solida chiamata litosfera e quella plastica
astenosfera).
Mentre il nucleo e il mantello hanno una composizione
MAN T ELLO
O SSID I D EN SI
omogenea, la crosta pu essere di due tipi:
continentale, ricca di granito e quarzo e dello spessore di
30 70 km;
5.5
D ISC O N T IN U ITA'
D I G U T EMBER G
10.0
oceanica, ricca di basalti e dello spessore di 5 10 km.
La crosta continentale e quella oceanica sono costituite da
METALLI LIQ U ID I
rocce cristalline, formate dal raffreddamento di masse di
N U C LEO
EST ER N O
magma fuso (rocce magmatiche o ignee).
Le rocce magmatiche sono caratterizzate da grani di varie
12.3
D ISC O N T IN U ITA'
dimensioni e composizione. Si dicono intrusive se si sono
D I LEH MANN
13.3
consolidate in profondit, effusive se consolidate nelle
N U C LEO
vicinanze della superficie.
METALLI SO LID I
IN T ER N O
Si dicono basiche se ricche di calcio, ferro, magnesio e con
poca silice, acide se ricche di silice, sodio, potassio.
6400 km

5200 km

2900 km

FIG. 1.1 STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

Generalmente, le rocce intrusive hanno un aspetto compatto, privo di stratificazioni. Le principali


sono: graniti, granodioriti, tonaliti, sieniti, monzoniti, dioriti, gabbri, anortositi, pirosseniti,
orneblenditi, peridotiti, porfidi, porfiriti, diabasi, pegmatiti, aspliti, lamprofiri.
Tra quelle effusive, si hanno: daciti, trachiti, fonoliti, latiti, andesiti, basalti, trefriti, basaniti, nefeliniti.
Le rocce sedimentarie si formano da terreni preesistenti, esposti alla disgregazione meccanica e
chimica degli agenti atmosferici. I prodotti di questa disgregazione sono trasportati dai fiumi, dal moto
ondoso, dalle correnti marine, dai venti, dai ghiacciai e si depositano in vari ambienti:
continentale (montano, piana alluvionale, desertico);
2

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


di transizione (litorale, deltizio);
marino (scarpata, piattaforma, piana abissale, barriere coralline o reef, bacini euxinici).

FIG. 1.2 POSSIBILI AMBIENTI DI DEPOSIZIONE

I sedimenti prodotti dallalterazione superficiale e, come tali trasportati via, danno origine alle rocce
clastiche, ma si possono generare anche da sostanze in soluzione che precipitano, solidificando (rocce
chimiche).
Le rocce clastiche si distinguono essenzialmente per le dimensioni dei clasti (ovvero delle singole
particelle che compongono la roccia); per esempio, larenaria una roccia composta da granuli delle
dimensioni della sabbia.
La loro caratteristica pi appariscente la conformazione a strati, dovuta allaccumulo progressivo ed
alla compattazione.
Le principali rocce sedimentarie sono: conglomerati (conglomerate), arenarie (sandstone), argilliti
(claystone), travertini (travertine), gessi (gypsum), anidriti (anhydrite), calcari (limestone), dolomie
(dolostone), diatomiti (diatomite), fosforiti (phosphorite).
Le rocce magmatiche e le rocce sedimentarie possono subire trasformazioni, se sottoposte a
temperatura o pressioni elevate, dando luogo alle cosiddette rocce metamorfiche.
Le principali rocce metamorfiche sono: scisti, hornfels, calcefiri, marmi, quarziti, filladi, calcescisti,
serpentiniti, gneiss, migmatiti.
Tra le varie teorie sullorigine del petrolio (naftogenesi), la pi accreditata quella organica secondo
la quale esso sarebbe stato elaborato da batteri, soprattutto anaerobi, a partire da composti organici
superiori (organismi vegetali e animali di provenienza terrestre e marina) e conservati dai sedimenti.
I sedimenti e la materia organica si accumulano in bacini, costituiti da rocce vulcaniche.
Le trasformazioni chimiche subite dalla sostanza organica sono determinate, essenzialmente,
dallazione del calore e dalla durata di questazione. Fonte di questo calore il nucleo della Terra,
dove le rocce si trovano a temperatura superiore ai 3000 C. Man mano che il calore si disperde
attraverso la parte pi esterna del pianeta, la temperatura diminuisce; alla profondit di 100 km
dellordine di 1000 C e diventa circa 100 C verso i 3 km.
La non uniformit dellinvolucro pi esterno della Terra e la presenza di correnti convettive nel
magma fluido, al di sotto della crosta, determinano un gradiente geotermico variabile da zona a zona,
con valori di 25 35 C/km, ma con massimi che possono raggiungere i 50 C/km.
3

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


La temperatura dei sedimenti, deposti sul fondo del bacino, aumenta man mano che essi sono coperti
da altri detriti e raggiungono profondit sempre maggiori. Lo sprofondamento delle successioni
sedimentarie (subsidenza) dovuto alle correnti convettive dei livelli fluidi, sottostanti la crosta, e al
peso stesso dei detriti accumulati.
Le profondit, cui si raggiungono le condizioni di temperatura e pressione adeguate (65 200 C) per
le trasformazioni del carbonio in petrolio, delimitano un intervallo denominato finestra ad olio (oil
window); generalmente, non inferiore a 2000 m e non superiore a 7000 m.
Superata la combinazione di temperatura e tempo di cottura, corrispondenti alla finestra ad olio, si
ottiene un residuo grafitico per il petrolio non ancora generato, e gas da quello gi formato e rimasto
intrappolato nella roccia madre, seguendone le vicende (cracking).
Il petrolio si genera in rocce argillose, calcaree, silicee, carboniose poco permeabili e ricche di
sostanza organica. Il petrolio, che si trova accumulato nei giacimenti, impregna, invece, rocce porose e
permeabili, la cui matrice praticamente priva di sostanza organica. evidente, quindi, che il petrolio
deve muoversi dal luogo dorigine a quello daccumulo, talvolta anche per distanze considerevoli
(200 km); a questo movimento si assegna il nome di migrazione.

A R G IL L A

GAS
P E T R O L IO

S A B B IA

FIG. 1.3 ESEMPIO DACCUMULO SELETTIVO

Le rocce madri, pressate dagli strati superiori, si comportano come una spugna sprizzando il petrolio
appena formato. A questa migrazione primaria segue quella secondaria, durante la quale il petrolio si
sposta allinterno di rocce permeabili e porose, eventualmente integrate da fratture, o lungo faglie
(fratture del terreno con movimento relativo delle due parti), ad opera di forze di schiacciamento e di
galleggiamento, e per fenomeni di capillarit ed espansione di gas.
In natura, si hanno esempi di migrazione secondaria apparentemente strani, in cui gli idrocarburi meno
densi occupano le trappole pi profonde {FIG. 1.3}.
Gli idrocarburi, provenienti da rocce madri situate ad una certa profondit, migrano lungo una
formazione permeabile per azione del galleggiamento. Raggiunta una trappola, iniziano ad
accumularsi disponendosi secondo la densit. Il gas, per, continuando ad affluire, spinge il sottostante
petrolio verso il basso, finch esso non oltrepassa il punto defflusso (spilling point) e migra in una
trappola successiva pi in alto dove si pu verificare lo stesso fenomeno.
Il petrolio, raggiungendo trappole pi superficiali, pu liberare eventuali gas in esso disciolti per
diminuzione della pressione e, quindi, riformare un accumulo bifase.
I terreni, nei quali si accumula il petrolio, sono detti rocce serbatoio (sabbie, ghiaie, arenarie, calcari,
dolomie) e sono circondati da strati impermeabili detti rocce di copertura (sale, anidrite, argille); esse
rappresentano i giacimenti.
Su scala mondiale, circa il 60 % del petrolio presente nelle riserve proviene da rocce datate da 2 a 65
milioni di anni fa, il 25 % da 65 a 245 milioni di anni fa e la restante parte da 245 a 570 milioni di anni
fa.
4

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


I giacimenti si distinguono in:
super giganti con almeno 800 milioni di m3;
giganti con almeno 80 milioni di m3;
major con almeno 16 milioni di m3;
A con almeno 8 milioni di m3;
B con almeno 500 mila m3;
C con almeno 200 mila m3;
D con almeno 20 mila m3;
E con meno di 20 mila m3.
Il pi grande giacimento scoperto quello di Ghawar in Arabia Saudita che conteneva circa 11.4
miliardi di tonnellate di petrolio.
In alcuni casi, il petrolio riesce a raggiungere la superficie (dismigrazione). Le manifestazioni dovute
ad affioramenti sono, normalmente, localizzate ai margini del bacino e dimostrano la presenza di
naftogenesi. Tutta la fase pionieristica della ricerca didrocarburi si basata proprio sulle
manifestazioni superficiali.
Vi sono giacimenti in cui il petrolio contenuto in un unico serbatoio; in altri casi, invece, un unico
fenomeno geologico origina diversi accumuli (pools). Le trappole possono essere di vario tipo:
trappole strutturali

piega

monoclinale
anticlinale
sinclinale
intrusione salina
intrusione ignea
diretta
inversa
Graben
Horst

faglia

trappole stratigrafiche

frattura
in sedimenti terrigeni

in sedimenti carbonatici

dune
linee costiere
delta
scogliere
reef
talus

trappole strutturali-stratigrafiche
trappole morfologiche
trappole idrodinamiche
TAB. 1.1 CLASSIFICAZIONE DELLE TRAPPOLE

Le trappole strutturali (dette dai geologi semplicemente strutture) hanno origine da una dislocazione di
strati per cause tettoniche.
Le trappole stratigrafiche hanno origine da trasformazioni della stessa roccia serbatoio, durante e dopo
la formazione del petrolio.
Le trappole morfologiche si generano dalla sedimentazione di detriti ottenuti dallerosione di rocce
preesistenti.
Le trappole idrodinamiche sono quelle sottoposte ad un gradiente idrodinamico tale da far loro
assumere una forma inclinata.

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale

PETROLIO

GAS

A) Anticlinale
D) Intrusione ignea
G) Faglia
L) Shoestring

DUOMO SALINO

ROCCIA INTRUSIVA

INTRUSIONE IGNEA

B) Duomo salino
E) Graben
H) Chiusura con tappo di bitume
M) Sinclinale

CALCARE

ARGILLA

SABBIA

C) Roccia intrusiva
F) Horst
I) Chiusura per variazioni di facies
N) Discordanza

FIG. 1.4 VARIE TIPOLOGIE DI TRAPPOLE

Come si pu osservare {FIG. 1.4}, spesso il petrolio si accumula in pieghe, cio strati sottoposti a
sforzi tali da risultare deformati. Le pieghe si definiscono anticlinali, se hanno la concavit verso il
basso, e sinclinali, se hanno la concavit verso lalto.

1.3 RICERCA E SFRUTTAMENTO DEGLI IDROCARBURI


Visto in pianta, un campo petrolifero ha, generalmente, una forma ovale la cui lunghezza, che pu
arrivare a decine di chilometri, prevale nettamente sulla larghezza.
Proprietario dei diritti minerari di un giacimento lo Stato entro il quale esso si trova. Questa
giurisdizione copre le terre emerse e il mare territoriale. Di l dalle acque territoriali, lo Stato pu
ancora esercitare diritti sovrani desplorazione e sfruttamento delle risorse naturali.
Chi intende ricercare e produrre idrocarburi in una determinata area deve, quindi, ottenerne dallo Stato
proprietario il permesso. necessario stipulare un contratto, nel quale stabilire larea di ricerca o
sfruttamento, gli impegni di lavoro e spesa, la divisione delleventuale petrolio prodotto, la fiscalit.
Partendo dagli affioramenti superficiali e formulando ipotesi sulle migrazioni delle masse terrestri, si
cerca didentificare le aree del mondo pi promettenti (esplorazione regionale).
Lesplorazione regionale investe vaste superfici e pu coprire un intero bacino sedimentario.
Per poterla effettuare, occorre ottenere un permesso di prospezione.
6

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


La sua finalit quella di avere una visione generale della regione, individuare aree pi limitate su cui
operare e richiedere, per esse, un permesso di ricerca.
I primi documenti, che lesploratore deve cercare di reperire, sono quelli relativi alle conoscenze
geologiche esistenti dellarea.
Successivamente, si analizzano fotografie aeree o satellitari, per completare la conoscenza geologica e
per avere un quadro dellaccessibilit e viabilit del luogo.
Importantissima la ricognizione del terreno per individuare ed analizzare in laboratorio le
manifestazioni e strutture esistenti. Questo rilevamento finalizzato a determinare la stratigrafia
dellarea, ad individuare eventuali rocce madri, serbatoio, di copertura e il loro spessore.
Dalle informazioni raccolte, si ricostruisce la storia geologica della regione e si realizza un modello
stratigrafico del sottosuolo.
Affinch si possa avere un giacimento, occorre che la roccia madre generi idrocarburi, che essi
migrino e che ci sia la trappola per accoglierli. Questa temporizzazione dei diversi fattori, che portano
alla formazione di un giacimento, sindica con il termine inglese timing.
Per datare le rocce, si ricorre al loro contenuto in fossili o al tempo di dimezzamento degli elementi
radioattivi in esse contenute.
Per il fenomeno della deposizione, ogni strato pi vecchio di quello superiore e pi giovane di
quellinferiore (colonna stratigrafica). Un insieme di strati con caratteristiche di continuit,
uniformit e cartograficabilit, costituisce una formazione litologica.
Una formazione indicata con un nome litologico seguito da un termine geografico, che indica dove si
trova laffioramento (ad esempio: sabbie del fiume Volga).
Se si in presenza di un alternarsi di litologie, il nome litologico sostituito col termine generico
formazione.
La colonna stratigrafica mondiale formata da pezzi di crosta deposti in punti diversi della Terra. Si
possono immaginare piani sovrapposti, ognuno dei quali rappresenta tutte le rocce che si sono deposte
in un certo intervallo di tempo.
Il limite tra due piani , in genere, posto in corrispondenza deventi geologici che hanno avuto influssi
su scala mondiale.
Pi piani costituiscono una serie, pi serie un sistema e pi sistemi un eratema {TAB. 1.2}.
Per individuare in quale parte dellarea, che si sta analizzando, occorre richiedere un permesso, si
traccia una prima mappa (trapping domain map), in cui sono indicate le zone caratterizzate da
trappole e genesi di stessa tipologia.
Per ciascuna zona, si valuta il potenziale minerario col metodo numero-dimensione, cio si moltiplica
la sua estensione, per la densit delle trappole sul territorio e per il tasso di successo (rapporto tra il
numero di pozzi produttivi sul numero totale di quelli fatti). Il metodo si basa sui dati estrapolati da un
bacino campione, in analogia geologica con quello vero.
Tuttavia, la scelta dellarea dove operare non dipende solo dal suo potenziale produttivo, ma anche da
altre considerazioni di tipo economico e decisionale.
Le considerazioni di tipo economico sono legate ai costi operativi (difficolt di perforazione, costo
delle strutture di sfruttamento) ed alle attese devoluzione del mercato degli idrocarburi.
Le considerazioni di carattere decisionale sono legate, soprattutto, al Paese in cui si va ad operare
(continuare a lavorare in certi Stati o entrare in altri).
Individuate le aree pi promettenti, segue il progetto esplorativo, vale a dire lanalisi, entro un
permesso, dei prospects migliori (strutture in cui si sono identificate forma, dimensione e stratigrafia)
su cui perforare i primi pozzi. Questattivit supportata da vari mezzi dindagine.
Il primo, in ordine di tempo, dei metodi di prospezione geofisica, usati per la ricerca di trappole
petrolifere, stato il rilevamento gravimetrico, che misura le anomalie del campo gravitazionale
terrestre. Nel sottosuolo, infatti, le rocce hanno diversa densit ed esercitano differenti forze
dattrazione. Dove le formazioni pi dense sono pi vicine alla superficie, maggiore la forza di
gravit. Ad esempio, nel caso di una roccia di copertura che sovrasta unanticlinale, lattrazione
maggiore alla sommit della struttura rispetto a quella che si ha ai bordi.
7

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


DATA
DINIZIO
[M anni]
0.01

ERATEMA

SISTEMI

SERIE

PIANI

SOTTOPIANI

EVENTI
OROGENICI

Cenozoico

Quaternario

Olocene
Pleistocene superiore

Versiliano
Tirreniano
Milaniano
Siciliano
Emiliano
Calabriano
Astiano
Plaisanciano
Zancleano
Tabianiano
Messiniano
Tortoniano
Serravaliano
Langhiano
Burdigaliano
Aquitaniano
Cattiano
Rupeliano
Stampiano
Bartoniano
Priaboniano

Flandriano

Pasadeniano

Pleistocene inferiore
1.62

Neogene

5.3

Miocene superiore
Miocene medio

25

Paleogene

38

Miocene inferiore
Oligocene

Eocene superiore

55

67

Pliocene

Mesozoico

Cretaceo

100

Eocene medio
Eocene inferiore

Luteziano
Ipresiano

Paleocene

Thanetiano
Montiano
Daniano
Maastrichtiano
Campaniano
Santoniano
Coniaciano
Turoniano

Cretaceo superiore

Cretaceo inferiore

Cenomaniano
Albiano
Aptiano

140

Jurassico

Jurassico superiore

160

Jurassico medio

180

Jurassico inferiore

200

Trias

Barremiano
Hauteriviano
Valanginiano
Berriasiano
Portlandiano
Kimmeridgiano
Oxfordiano
Calloviano
Bathoniano
Bajociano
Aaleniano
Toarciano
Pliensbachiano
Sinemuriano
Hettangiano
Rhetiano
Noriano
Carniano
Ladiniano
Anisiano
Scithiano

Wallachiano
Rhodoniano
Attico

Elveziano
Vindoboniano

Sannoiniano
Ludiano
Marinesiano
Auversiano
Lediano
Cuisiano
Sparnaciano

Pireneano

Laramiano
Landeniano
Aturiano
Emscheriano
Provenciano
Ligeriano

Austriano

Vraconiano
Clansaiesano
Gargasiano
Bedouliano
Neocomiano

Thitonico

Late
Cimmeriano

Charmouthiano
Lotharingiano

Earli
Cimmeriano
Wirgloriano
Werfeniano

Palatiniano

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


DATA
DINIZIO
[M anni]
250

ERATEMA

SISTEMI

SERIE

PIANI

SOTTOPIANI

EVENTI
OROGENICI

Paleozoico

Permiano

Permiano superiore

Tatariano
Kazaniano
Kunguriano
Artinskiano
Sakmariano
Stefaniano
Westfaliano
Namuriano
Dinantiano

Thuringiano

Saaliano

Permiano inferiore

290
330

Carbonifero

Carbonifero superiore

Carbonifero inferiore
365

Devoniano

Devoniano superiore
Devoniano medio
Devoniano inferiore

405

Siluriano

Siluriano superiore
Siluriano inferiore

425

Ordoviciano

Ordoviciano superiore
Ordoviciano medio
Ordoviciano inferiore

500

Cambriano

570
2500

Precambriano

Proterozoico

Famenniano
Frasniano
Givetiano
Couviniano
Emsiano
Siegeniano
Gedinniano
Ludlow
Wenlock
Taranono
Llandoveriano
Ashgill
Caradoco
Llandeiliano
Llanvirniano
Arenigo
Tramadoco
Potsdamiano
Acadiano
Georgiano
Brioveriano
Pentevriano
Archeano

Saxoniano
Autuniano
Ouraliano
Moscoviano
Bashkiriano
Viseano
Tournaisiano
Struniano

Asturiano
Sudeteno
Bretono

Eifeliano
Coblenciano

Ardenneso
Taconico

Sardiniano

Cadomiano

TAB. 1.2 ERE GEOLOGICHE

I metodi magnetici si basano sulla misura e sullo studio delle anomalie magnetiche, generate dal
diverso grado di magnetizzazione delle rocce. La maggior parte di queste anomalie dovuta al
basamento cristallino del bacino sedimentario (normalmente non magnetico), per cui i profili registrati
consentono di risalire, con una certa approssimazione, alla profondit del basamento e, quindi, alla
presenza e allo spessore dei depositi sedimentari. Generalmente, le rilevazioni sono registrate in quota,
per mezzo di un aereo, al fine di ridurre leffetto magnetico superficiale.
I metodi elettrici si basano sulla diversa conduttivit delle rocce che compongono il sottosuolo.
Queste metodologie hanno perso lustro nel corso del tempo per lavvento sempre pi massiccio della
sismica, ma esse restano importantissime l dove non si riesce a capire la composizione stratigrafica
con questultima. I metodi sismici si basano sulla propagazione delle onde elastiche nel sottosuolo, e
messa a profitto con la misurazione dei tempi dattraversamento nelle formazioni da indagare.
Le onde possono essere prodotte da vibratori a massa
battente (thumper, hydrapulse), elettromagnetici (vibroseis),
da esplosivi (maxipulse), dallespansione daria compressa
(air gun) o gas (dinoseis) e sono rilevate da geofoni posti
lungo una linea {FIG. 1.5}. Lo spettro di frequenza e la
potenza energetica della sorgente, devono essere tali da
raggiungere le profondit dinteresse e avere la massima
risoluzione possibile (queste due esigenze sono contrastanti
e, quindi, si deve giungere ad un compromesso).
FIG. 1.5 SISMICA A RIFLESSIONE
9

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


La registrazione dei dati viene fatta in forma digitale e poi elaborata nei centri di calcolo. Il punto di
scoppio e lo stendimento vengono spostati in modo da registrare pi volte le riflessioni provenienti da
uno stesso punto. Le varie registrazioni in uno stesso punto vengono sommate per potenziare i segnali
in fase ed affievolire quelli in controfase; in tal modo si ottengono tracce migliori.
Le linee sismiche sono curve ad andamento ondulatorio, rappresentanti i segnali ricevuti dai geofoni
in successivi istanti di tempo, a seguito dello scoppio. I massimi e minimi della traccia rappresentano
le massime oscillazioni verticali del terreno soggetto alla vibrazione sismica.
Il numero delle tracce pari a quello dei geofoni stesi (generalmente 24, 48 o 96) {FIG. 1.6}.
Perpendicolarmente alla direzione delle tracce sono riportate sul sismogramma le linee del tempo.
Il primo picco su una traccia rappresenta lo scoppio iniziale e permette di definire listante iniziale a
partire dal quale registrare i tempi darrivo delle onde riflesse.
Dalle linee sismiche in tempi, si passa a quelle in profondit, attraverso le velocit di propagazione
delle onde sismiche negli strati che sipotizzano presenti {FIG. 1.7}.
Le sezioni sismiche sono riferite ad un orizzonte temporale fantasma, scelto perch molto riflettente
o perch ha una particolare importanza geologica. possibile identificare gli orizzonti nello spazio
con la sismica 3D, acquisita con una disposizione matriciale dei geofoni.
Oggi, linterpretazione di un rilievo sismico, sia 2D sia 3D, fatta con software che permettono di
variare a piacere le scale delle sezioni, di fare intersezioni tra le linee, memorizzare i valori degli
orizzonti mappati, avere le mappe stesse.
Dallanalisi di una mappa sismica, sidentificano tutte le strutture, in cui possibile che vi siano
idrocarburi. Da questo studio, possono derivare altre informazioni.
Per esempio, si pu individuare uno strato poroso contenente gas; questi strati sono caratterizzati da
una velocit di trasmissione delle onde pi bassa rispetto al caso che contenessero liquido.
Nella sismica, questo fatto si visualizza con la presenza di una zona chiara (bright spot), caratterizzata
da un sensibile aumento della lunghezza e dellampiezza donda delle linee.

FIG. 1.6 SEZIONE SISMICA

10

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale

FIG. 1.7 DIAGRAMMA SISMICO

Si pu capire che le rocce di copertura non sono perfettamente impermeabili ai gas con il fenomeno
ciminiera (chimney), cio con linee sismiche disorganizzate sopra la zona mineralizzata.
Non tutti i prospect generati saranno esplorati meccanicamente; occorre sceglierne alcuni valutando le
riserve, il rischio e leconomicit dellinvestimento.
La valutazione delle riserve viene fatta con la seguente formula:
Petrolio in posto =

Volume della roccia impregnata * Porosit * ( 1 - Saturazione acqua )


Fattore di volume

(1.4)

Il numeratore rappresenta il volume della porosit riempita di petrolio, mentre il fattore di volume la
variazione del volume del petrolio, quando esso passa dalla pressione alla quale si trova nel
giacimento a quellatmosferica. Il valore del petrolio in posto deve essere corretto con un fattore di
recupero (~ 90 % per il gas e 20 35 % per lolio), per avere il petrolio effettivamente estraibile.
Ogni termine della formula stimato con un valore pi probabile, pessimistico, ottimistico, ognuno
con relativa probabilit; con tecniche statistiche (metodo di Monte Carlo) si valuta la potenzialit e il
rischio connesso allo sfruttamento.
Partendo da questi dati, si valuta leconomicit dellinvestimento. Viene studiata la disposizione dei
pozzi di coltivazione, la centrale di trattamento, il trasporto degli idrocarburi, le opere da realizzare, gli
esborsi e i ricavi previsti nella vita utile dellimpianto (economics).
11

Capitolo 1__________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


Deciso quale prospect esplorare meccanicamente, si redige un programma geologico del pozzo
esplorativo (wildcat).
Nel programma si ha un inquadramento geologico generale dellarea, citando lubicazione del pozzo,
la concessione in cui si trova, gli obiettivi del sondaggio, le conoscenze sulle rocce madri e sulle
coperture, nonch le informazioni sulle mineralizzazioni e le manifestazioni presenti.
In base alla stratigrafia esistente, si traccia il profilo del pozzo, indicando le formazioni previste e lo
spessore dei livelli.
Si precisano quali operazioni ed analisi si ritengono necessarie:
intervallo di campionamento dei detriti di perforazione (cuttings);
il numero e le profondit dei campioni solidi (carote);
misure da fare nei pozzi;
analisi di laboratorio.
Dalle informazioni che si ricavano da queste misure ed analisi, si corregge, migliora, approfondisce la
conoscenza dellarea, per poter meglio valutare le potenzialit del giacimento e facilitare la
perforazione dei pozzi successivi.

1.4 CONDIZIONI DEGLI IDROCARBURI IN GIACIMENTO


Generalmente, in un giacimento, si hanno tre fluidi: acqua, olio e gas, disposti dal basso verso lalto in
base alla propria densit.
Considerato che essi sono contenuti in una matrice solida porosa, la separazione dei singoli fluidi non
netta, ma avviene attraverso zone di transizione, che possono essere anche non orizzontali.
Il gas si pu trovare libero nella parte alta del giacimento o pu essere in
soluzione nellolio e nellacqua. La quantit di gas disciolta nellolio
(G. O. R. Solution Gas Oil Ratio) pu andare da 10 a 200 m3 di gas per
1 m3 dolio.
Lacqua pu essere libera di muoversi nel giacimento, in funzione della
pressione cui sottoposta, o interstiziale cio trovarsi insieme agli
idrocarburi nei pori.
FIG. 1.8 ACQUA E OLIO IN Parte dellacqua interstiziale non eliminabile dai pori perch aderisce ai
MATRICE POROSA
granuli per fenomeni di capillarit, formando una pellicola {FIG. 1.8}.
Il diagramma di stato degli idrocarburi di giacimento ha il seguente aspetto qualitativo {FIG. 1.9}.
Nel diagramma di stato, la curva AC (curva dei punti
di bolla) rappresenta il luogo dei punti (P, T) per cui,
diminuendo la pressione, inizia la separazione di gas
dallolio saturo.
Alla temperatura corrispondente al punto C (critica) e
per pressioni maggiori o uguali a quella del medesimo
punto, le propriet termodinamiche intensive della fase
liquida e di quella gassosa sono le stesse, cio si ha un
sistema in cui non possibile distinguere le due fasi.
Dal diagramma di stato, possibile capire quali
saranno i cambiamenti di fase degli idrocarburi in
giacimento durante lestrazione.
Se la temperatura di giacimento inferiore a quella
critica e la pressione minore di quella della curva
AC, si ha un giacimento ad olio e gas libero.
FIG. 1.9 DIAGRAMMA DI STATO DUNA MISCELA
DIDROCARBURI

12

Capitolo 1 _________________________________________________ Il petrolio e il gas naturale


Se la temperatura di giacimento inferiore a quella critica e la pressione maggiore o uguale di quella
della curva AC, si ha un giacimento ad olio sottosaturo.
In tali casi, con lestrazione, diminuisce la pressione e si ha un progressivo sviluppo di gas dallolio di
giacimento (i cambiamenti di fase sono individuati percorrendo unisoterma dallalto verso il basso).
Questo fenomeno fa s che, ad unerogazione iniziale di solo olio, segua unerogazione dolio e gas
con quantit crescenti di questultimo.
Se la temperatura maggiore di quella corrispondente al punto D, si ha un giacimento a gas secco che
rimane tale anche durante lestrazione.
Se la temperatura di giacimento intermedia tra quella corrispondente al punto C e quella
corrispondente al punto D e la pressione maggiore o uguale di quella della curva CD, si ha gas
condensato.
Con lestrazione, diminuendo la pressione, si scende lungo lisoterma fino ad incontrare la curva CD;
in tali condizioni, si separano dal gas goccioline dolio (condensazione retrograda).
Questo fenomeno determina, con lestrazione, la formazione dolio, ma spesso difficilissimo estrarlo,
perch questultimo aderisce alle pareti dei pori della matrice solida.
Nel diagramma, si sono analizzate le trasformazioni di fase derivanti da un calo di pressione dovuta
allestrazione, ma le condizioni iniziali del giacimento possono essere anche interne alla curva ACB.
Le condizioni del giacimento non sono solo importanti per capire le trasformazioni di fase degli
idrocarburi, ma anche per determinare il loro grado denergizzazione.
Mettendo in comunicazione il giacimento con la superficie attraverso il pozzo, gli idrocarburi sono
sollecitati a fuoriuscire.
Lenergia necessaria per risalire il dislivello esistente, pu derivare dallespansione del gas disciolto,
dallespansione del gas libero, dalla spinta dellacqua di fondo o laterale o da una combinazione di
questi fattori.
Si pu avere unidea del tipo denergizzazione prevalente, osservando le caratteristiche principali del
giacimento durante lo sfruttamento.
Nei giacimenti ad espansione del gas disciolto nellolio, la pressione diminuisce molto rapidamente e
non si ha produzione dacqua; si hanno fattori di recupero di 0.1 0.3.
Nei giacimenti a gas libero, la pressione diminuisce lentamente e si produce pochissima acqua; si
hanno fattori di recupero di 0.2 0.4.
Nei giacimenti a spinta dacqua, la pressione si mantiene sempre alta e la quantit dacqua prodotta
aumenta progressivamente; si hanno fattori di recupero di 0.4 0.6.

13

CAPITOLO 2

MECCANICA DEI TERRENI


Poich per realizzare un pozzo, occorre perforare il terreno, si dovr conoscere il suo comportamento
meccanico, per poter poi utilizzare la metodologia di perforazione pi adatta.

2.1 GENERALIT SUI TERRENI


I terreni sono sistemi particellari, cio ammassi di granelli, pi o meno legati tra loro, delimitanti dei
vuoti pieni di fluido.
In natura, esiste una gran variet di tipologie di terreni, ognuna essendo il risultato di una serie di
trasformazioni. Le differenze fisiche, chimiche, meccaniche tra i vari tipi sono cos molteplici da
rendere impossibile una classificazione univoca. Una prima gran differenza pu essere posta tra:
rocce compatte, che restano tali anche se bagnate o sottoposte a sollecitazioni non elevate;
terre, cio dotate di una coesione cos bassa da sgretolarsi.
Le propriet meccaniche e idrauliche di una roccia sono fortemente influenzate dalla presenza di pori e
di fratture. Queste possono essere valutate attraverso la porosit () o lindice dei vuoti (e):
=

Volume dei vuoti


Volume dei vuoti
(2.1) ; e =
(2.2)
Volume totale del campione
Volume della matrice solida

Quando un terreno sottoposto a compressione, diminuisce il volume dei pori e il volume totale del
campione, ma resta invariato quello della matrice solida. Ne consegue che lindice dei vuoti fornisce
unidea pi immediata del comportamento meccanico del campione nello studio delle deformazioni.
e
(2.3)
Tra porosit e indice dei vuoti esiste la relazione: =
1+ e
Ai fini meccanici e idraulici, sono molto importanti, anche, la grandezza, lorientazione, la forma dei
pori e delle fratture.
TIPOLOGIA

STRUTTURA INTERNA

Rocce continue
e compatte

Mezzo monofase con struttura spesso


omogenea, a volte isotropa, a volte
anisotropa; bassissima porosit.

Rocce continue
e porose

Mezzo bifase o trifase con struttura


omogenea, isotropa o leggermente
anisotropa; discreta o elevata porosit.
Mezzo bifase o trifase con presenza di
piccole fratture che possono essere
riempite con sostanze daltra natura.
Mezzo bifase o trifase con presenza di
fratture che dividono il campione in
blocchi, scaglie e lamine di piccole
dimensioni.

Rocce
discontinue
Rocce
fratturate

CARATTERISTICHE
MECCANICHE
Elevata resistenza meccanica.

ESEMPI

Graniti, sieniti, porfidi,


trachiti , calcari di notevole
spessore, micascisti,
gneiss.
Buona resistenza meccanica.
Calcareniti, tufi, arenarie,
conglomerati fortemente
cementati.
Calcari in banchi di
Discreta resistenza meccanica
spessore ridotto, dolomie
influenzata dalle fratture e dal
fratturate.
materiale di riempimento.
Formazioni argillose
Il comportamento meccanico
fortemente
fortemente influenzato dalla
sovraconsolidate, argille
struttura e dalla tessitura.
del flysch.

TAB. 2.1 CLASSIFICAZIONE DELLE ROCCE

Lorigine dei pori e delle fratture nella roccia dovuta:


al processo di sedimentazione;

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


alle azioni tettoniche;
alle tensioni termiche della crosta terrestre;
alle azioni meccaniche provocate dalluomo.
Le propriet meccaniche e idrauliche delle terre sono fortemente influenzate dalla granulometria e
dalla plasticit. La granulometria valutata per setacciatura nel caso di particelle piuttosto grossolane
(d > 0.06 mm), o per sedimentazione nel caso di quelle pi piccole.
Nella setacciatura, si lascia passare il materiale
attraverso una serie di setacci a maglia
progressivamente pi sottili. Si calcolano le
percentuali in peso delle frazioni di materiale che
passano attraverso una determinata dimensione
della maglia e si costruisce il diagramma
granulometrico corrispondente {FIG. 2.1}.
La frazione granulometrica di maggior diametro
da il nome allaggregato (per esempio: sabbia).
FIG. 2.1 DIAGRAMMA DI SETACCIATURA

Se il materiale ha una percentuale in peso tra 25 50 % suniscono i nomi (per esempio: limo con
argilla).
Si ricorre allaggettivo se la percentuale in peso della frazione successiva tra 10 25 % (per
esempio: argilla sabbiosa o limo con argilla sabbiosa).
Si ricorre allaggettivo debolmente se la percentuale della frazione successiva tra 5 10 % (per
esempio: sabbia con ghiaia debolmente limosa).
Quindi, si considera come diametro medio delle particelle, la minima lunghezza del lato delle maglie
di un setaccio che lascia passare il 50 % di un materiale sufficientemente uniforme (si ritiene uniforme
un terreno con rapporto fra il diametro che ha una percentuale di setacciatura del 60 % e il diametro
che ha percentuale del 10 % minore di due).

FIG. 2.2 UNIFORMIT GRANULOMETRICA

Nella sedimentazione, si considera come diametro medio delle particelle, il diametro dipotetiche
sfere, che sedimentano in acqua alla temperatura ambiente alla stessa velocit dei grani in esame
(seguendo la legge di Stokes). In base a queste caratteristiche, le terre possono essere classificate in:
ghiaia, con grani di dimensioni maggiori di 5 mm;
sabbia, con grani di dimensioni comprese tra 0.074 5 mm (0.074 mm il valore convenzionale
del potere risolutivo dellocchio umano);
limo, con grani di dimensioni minori di 0.074 mm e plasticit molto basse;
argille, con grani di dimensioni minori di 0.074 mm e plasticit elevata se umidi, bassa se secchi;
torba, con gran quantit di materiale organico.
Una classificazione pi completa delle terre quella U. S. C. S. (Unified Soil Classification System):
15

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


PRINCIPALI SUDDIVISIONI SIMBOLO
Ghiaie e terre
GW
ghiaiose
GP
(d > 4.74 mm;
GM
p > 50 %)
Terre a grana
GC
grossa
Sabbie e terre
SW
sabbiose
SP
(d > 4.74 mm;
SM
p < 50 %)
SC
ML

CARATTERISTICHE
Ghiaie o miscele di ghiaia e sabbia, con frazione fine scarsa o assente.
Ghiaie o miscele di ghiaia e sabbia, con frazione fine scarsa o assente.
Ghiaie limose, miscele di ghiaia, sabbia e limo.
Ghiaie argillose, miscele di ghiaia, sabbia e argilla.
Sabbie o sabbie ghiaiose con frazione fine scarsa o assente.
Sabbie o sabbie ghiaiose con frazione fine scarsa o assente.
Sabbie limose, miscele di sabbia e limo.
Sabbie argillose, miscele di sabbia e argilla.
Limi inorganici e sabbie molto fini, farina fossile, sabbie fini limose o
argillose o limi argillose leggermente plastici.
Limi e argille
CL
Argille inorganiche con plasticit da bassa a media, argille ghiaiose, argille
(LL < 0.5)
Terre a grana
sabbiose, argille limose, argille magre.
fine
OL
Limi organici e argille limose organiche a bassa plasticit.
MH
Limi organici, terreni limosi o finemente sabbiosi, micacei o diatomiti,
limi.
Limi e argille
(LL > 0.5)
CH
Argille inorganiche dalta plasticit, argille grasse.
OH
Argille organiche di media o alta plasticit, limi organici.
Terre organiche
Pt
Torba ed altre terre altamente organiche.
d = diametro equivalente delle particelle; p = percentuale passante al setaccio; LL = limite di liquidit
TAB. 2.2 CLASSIFICAZIONE DELLE TERRE

La quantit dacqua o liquido presente nel terreno pu essere valutata attraverso il grado di
saturazione S, cio la percentuale del volume dei pori realmente occupata dalla fase liquida.
La consistenza e la plasticit del terreno dipendono dal contenuto dacqua. Riducendo lacqua
presente nel terreno, esso passa da uno stato fluido, a plastico, a solido.
Il contenuto percentuale dacqua in peso, che caratterizza il punto di passaggio da uno stato allaltro,
chiamato limite di consistenza o di Atterberg ( determinata tramite una procedura standardizzata):
limite di liquidit (LL);
limite di plasticit (LP);
limite di ritiro (LR).
La differenza numerica tra il limite di liquidit e quello di plasticit costituisce lindice di plasticit:
IP = LL - LP. Si definisce indice di consistenza (IC), il rapporto:
IC =
TIPO DI TERRENO
Sabbia
Limo
Argilla sabbiosa
Limo argilloso
Argilla

LL
20
25
40
40
70

LL contenuto di acqua
IP
LP
20
20
25
25
40

(2.4)
GRADO DI PLASTICIT
Non plastico
Poco plastico
Mediamente plastico
Mediamente plastico
Altamente plastico

TAB. 2.3 PROPRIET DI CONSISTENZA DI ALCUNI TERRENI

La propriet pi importante dei terreni per quanto riguarda le caratteristiche idrauliche la


permeabilit, cio la facilit con la quale un fluido li pu attraversare.
Il flusso dacqua Q [cm3/s], che attraversa un terreno di sezione A [cm2], segue la legge di Darcy:
Q = k * A*i

(2.5)

dove i il gradiente idraulico [cm/cm] e k il coefficiente di permeabilit del terreno [cm/s], cio la
quantit dacqua che fluisce nellunit di tempo attraverso una sezione unitaria di terreno per un
gradiente unitario. Spesso, come unit di misura del coefficiente k sutilizza il darcy, che corrisponde
16

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


alla permeabilit di un terreno che si lascia attraversare, per un cm2 di superficie, da un cm3/s di fluido
con la viscosit di un centipoise e con un gradiente di pressione di 105 Pa/cm.
TIPO DI TERRENO
Ghiaie pulite
Sabbie pulite
Aggregato di ghiaia e sabbia
Sabbie finemente triturate
Limi sabbiosi e argillosi
Argille compatte
Bentonite

POROSIT
0.60
0.45
0.40
0.46
0.47
0.37
0.84

INDICE DEI VUOTI


0.90
0.50
0.67
0.85
0.90
0.60
5.20

k [cm/s]
10 102
1
10-4 10-1
10-5
10-6
-9
10 10-7
10-11

TAB. 2.4 CARATTERISTICHE IDRAULICHE DI ALCUNI TERRENI

Taylor, utilizzando la legge di Poiseuille, svilupp unequazione che lega il coefficiente di


permeabilit con le caratteristiche del terreno e del fluido:
k = de

g
e3
C
1+ e

(2.6)

essendo de = diametro equivalente delle particelle del terreno;


g = accelerazione di gravit;
= viscosit cinematica del fluido;
C = fattore di forma;
e = indice dei vuoti.
Un terreno, in equilibrio sotto una tensione dintensit pari alla massima cui sia stato assoggettato in
passato, si definisce normalconsolidato (lindice dei vuoti e il contenuto dacqua diminuiscono con la
profondit e, di conseguenza, aumenta la sua resistenza meccanica).
Un terreno, in equilibrio sotto una tensione dintensit minore di quella alla quale sia stato
assoggettato nel passato, si definisce sovraconsolidato (caratterizzato da eventi geologici che hanno
alleggerito il peso degli strati superiori).

2.2 STATO TENSIONALE NEI TERRENI


La schematizzazione del comportamento meccanico dei terreni non facile, dipendendo esso da
molteplici fattori.
Per iniziare, si pu affermare che il terreno, pur essendo un sistema particellare, nel suo complesso,
pu essere considerato continuo. Senza richiamare tutta la meccanica del continuo, in generale, si pu
affermare che questa schematizzazione richiede la conoscenza di 15 incognite: le 3 componenti dello
spostamento ui, le 6 componenti della deformazione ij (per lequilibrio nel tensore di deformazione
xy = yx, xz = zx, yz = zy) , le 6 componenti della tensione ij (per lequilibrio nel tensore delle
tensioni xy = yx, xz = zx, yz = zy), riferite tutte ad un solo punto del continuo.

FIG. 2.3 TENSIONI IN UN PUNTO DEL CONTINUO

17

ij = yx
zx

xy
y
zy

xz

yz
z

(2.7)

ij = yx
zx

xy
y
zy

xz

yz
z

(2.8)

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


Il sistema di riferimento cartesiano rispetto al quale il tensore di tensione assume forma diagonale
(xy = xz = yz = 0) si definisce principale (lungo le direzioni principali XI, XII, XIII agiscono solo
tensioni di trazione o compressione).
Il numero delle equazioni disponibili sono anchesse 15: le 3 equazioni di equilibrio, le 6 equazioni di
congruenza e le 6 relazioni tra tensioni e deformazioni (legame costitutivo). Questo legame tra tensioni
e deformazioni determinato sperimentalmente.
Nellipotesi di legame costitutivo elastico, si possono valutare le relazioni intercorrenti attraverso
lindividuazione di una funzione di stato (energia elastica) o di una funzione di stato * (energia
complementare elastica), tali che:

ij =

ij

(2.9)

ij =

*
ij

(2.10)

Sviluppando e * con la serie di Taylor e arrestandosi al termine del secondo ordine, si trova che:
ij = Cijhk * hk

(2.11)

ij = Dijhk * hk

(2.12)

dove C e D sono tensori del quarto ordine, luno linverso dellaltro.


Considerando le condizioni di simmetria, in generale, le componenti indipendenti dei tensori sono
ventuno (materiale anisotropo). Se il materiale ortotropo, cio presenta simmetria elastica rispetto a
tre direzioni mutuamente ortogonali, le componenti indipendenti diventano nove. Se il materiale
isotropo, cio presenta caratteristiche elastiche uguali in tutte le direzioni, le componenti indipendenti
diventano due. Per un materiale isotropo, quindi, il legame elastico tra tensioni e deformazioni
rappresentato dalle seguenti equazioni:

*E
E

x = 1 + x + (1 2 * )(1 + ) x + y + z

*E
= E +
+ +
y
y

(1 2 * )(1 + ) x y z
1 +

*E
z = E z +
+ +

(1 2 * )(1 + ) x y z
1 +
xy = G * xy

xz = G * xz
= G *
yz
yz

(2.13)

Nelle relazioni precedenti, E il modulo di Young, il coefficiente di Poisson e G il modulo


delasticit tangenziale; come accennato in precedenza, le componenti indipendenti sono solo due tra
E
(2.14)
E, e G, essendo esse legate dalla relazione: G =
2(1 + )
Nel caso in cui x = y = z = p e xy = xz = yz = 0 (compressione idrostatica), la deformazione
volumetrica v = x + y + z sar:
v = 3
Il valore K =

p
v

p
E

(1 2 )

E
(2.16) si definisce modulo di comprimibilit cubica.
3(1 2 )
18

(2.15)

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


Per un materiale non elastico, il legame tra tensioni e deformazioni ha una forma pi complicata.
Per materiali con fratture interne, il modulo elastico non costante, ma assume una forma del tipo:

E = E (1 - * W)

FIG. 2.4 MODULO ELASTICO

(2.17)

dove E il modulo elastico del materiale senza


fratture, la densit delle fratture (funzione delle
loro dimensioni e del loro numero) e W un
coefficiente dipendente dalla forma e orientazione
delle cricche.

Essendo E < E, a parit di tensione, la deformazione maggiore.


In compressione, E tende a E perch le fratture si richiudono {FIG. 2.4}.
Le rocce reali contengono cricche di molte dimensioni e diverse orientazioni; ne risulta una curva di
isteresi {FIG. 2.4}.
La schematizzazione del comportamento meccanico di un terreno complicata dal fatto che esso un
materiale composito, costituito da una matrice solida con un fluido nei pori.
Si pu pensare ad un modello idromeccanico {FIG. 2.5} costituito da un recipiente con fluido, una
molla e un coperchio con valvola. La molla rappresenta la resistenza alla compressione della matrice
solida, mentre lapertura della valvola rappresenta la resistenza alla fuoriuscita del fluido dai pori.

FIG. 2.5 SCHEMA IDROMECCANICO DEL COMPORTAMENTO DI UN TERRENO

Applicando un carico ad un tale sistema iperstatico, con valvola del coperchio chiusa, esso si ripartisce
tra fluido e molla in rapporto diretto alle rispettive rigidezze.
Infatti, la deformazione totale deve essere uguale alla somma della deformazione della parte solida (s)
e di quella della parte fluida (f):

v =

Sapendo che la porosit =

v =

Vf
Vtot

V s * vs V f * vf
+
Vtot
Vtot

(2.18)

, si ha:

1
p +
p (2.19)
Ks
Kf

19

1 1
=
+
K
Ks
Kf

(2.20)

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


In realt, questa schematizzazione semplicistica perch gli effetti della matrice solida e quelli del
fluido sinfluenzano vicendevolmente, e non possono essere trattati separatamente con la
sovrapposizione degli effetti.
&
&
Partendo da questa considerazione, indicando con u s il vettore spostamento del solido e con u f il
vettore spostamento del fluido; si ha:

&
vs = div. us

(2.21)

Introducendo un parametro , si pu descrivere la deformazione volumetrica del fluido relativamente a


quella del solido:
& &
= * div (u s u f

(2.22)

Per un materiale s fatto, nellipotesi delasticit, il legame tra tensione e deformazione,


rappresentato dalle seguenti relazioni:

*E
E

x = 1 + x + (1 2 * )(1 + ) v N

*E
= E +
N
y 1 + y (1 2 * )(1 + ) v

*E
z = E z +
N

(1 2 * )(1 + ) v
1 +
= G *
xy
xy
xz = G * xz

yz = G * yz
p f = N v M

(2.23)

dove pf la pressione del fluido nei pori, N e M sono coefficienti funzione della porosit, della
comprimibilit del fluido e di quella della matrice solida.
Come si pu osservare dalle equazioni precedenti, la presenza del fluido nei pori non influenza la
sollecitazione a taglio (la resistenza a taglio del fluido trascurabile), ma varia le tensioni normali.
Nel caso in cui x = y = z = p e xy = xz = yz = 0 (compressione idrostatica), si ha:
E

v N = K v N
p =
3(1 2 )

p f = N v M

(2.24)

Nel caso in cui il fluido non possa fluire, = 0 perch lo spostamento relativo tra fluido e solido
nullo e, quindi:
pf = N*v

(2.25)

Nel caso in cui il fluido possa fluire liberamente, sottoponendo il provino a compressione, la pressione
dei pori sar nulla (Nv = M) e, quindi, tutto il carico esterno sar sopportato dalla matrice:

20

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni

p
v
Sostituendo N =

pf

=K

N2
= Ks
M

(2.26)

(2.25) alla relazione precedente (2.26), si ha, nel caso generale, che

pf
p
N pf
M

Ks = K
=
e quindi:
M v
v
s = p - * pf
dove s la tensione effettivamente agente sulla matrice solida ed =

(2.27)
N
la costante di Biot.
M

< 1 essendo 0 Ks < (1 - ) K.


Per terreni non consolidati e rocce fragili, circa 1.
Lo stato tensionale di un generico punto P del continuo pu essere rappresentato graficamente nel
piano di Mohr.
Assunto nel punto P il sistema di riferimento principale
PXIXIIXIII (lungo le direzioni principali XI, XII, XIII agiscono
&
solo tensioni di trazione o compressione) e indicato con n la
generica direzione, la componente normale e tangenziale del

vettore tensione sono {FIG. 2.6}:


n = I n I 2 + II n II 2 + III n III 2
2
2
2
2
2
2
2
2
n = I n I + II n II + III n III n

(2.28)

&

dove nI, nII, nIII, sono i coseni direttori di n rispetto alla terna
principale (nI2 + nII2 + nIII2 = 1).
FIG. 2.6 TETRAEDRO DI CAUCHY

Le relazioni precedenti stabiliscono una corrispondenza biunivoca tra la terna (nI, nII, nIII) e la coppia
(n, n) ed, in termini geometrici, una corrispondenza biunivoca tra i punti Qn (nI, nII, nIII) di distanza
&
unitaria dal centro P e i punti N del piano di Mohr (n, n ). Al variare di n i punti rappresentativi
dello stato di tensione descrivono sul piano di Mohr tre circonferenze.
Infatti, dalle (2.28) si ricavano:
2 ( n II )( n III ) + n 2
n I =
( I II )( I III )

2
2 ( n III )( n I ) + n
n II =
( II III )( II I )

2 ( n I )( n II ) + n 2
n III =
( III I )( III II )

(2.29)

Le tensioni relative ai piani principali si determinano imponendo alle (2.29) rispettivamente nI = 0,


nII = 0, nIII = 0. Da cui:
21

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


2

1
1

2
2
n ( II + III ) + n = ( II III )
2
4

2

1
1

2
2
n ( III + I ) + n = ( III I )
2
4

1
1

2
2
n ( I + II ) + n = ( I III )
2
4

(2.30)

Tali espressioni rappresentano, nel piano di Mohr, tre circonferenze di raggi:


RI =

1
( II III ) ; RII = 1 ( III I ) ; RIII = 1 ( I II )
2
2
2

e centri
+ III
+ I
+ II
OI = II
,0 ; OII = III
,0 ; OIII = I
,0
2
2
2

FIG. 2.8 TERNA PRINCIPALE RISPETTO


A QUELLA DI RIFERIMENTO

FIG. 2.7 RAPPRESENTAZIONE DELLO STATO


TENSIONALE DI UN PUNTO NEL PIANO DI MOHR

Un punto di un cerchio di Mohr fornisce la n e la n agenti in una certa direzione giacente sul piano
principale individuato dal cerchio medesimo. Lo stato di tensione relativo alla generica direzione dello
spazio rappresentato da un punto interno al cerchio grande ed esterno ai cerchi piccoli {FIG. 2.7}.
Quindi, noto lo stato tensionale in un punto del continuo rispetto ad una certa terna di riferimento
PXYZ, si calcola lequivalente stato tensionale rispetto ad una terna di riferimento principale
PXIXIIXIII, cercando gli autovalori del tensore di tensione {FIG. 2.8}:
x xy

ij = yx y
zx zy

xz
x
xy
xz
I

yz yx
y
yz = o ij = o
o
z
zx
zy
z

o
II
o

o
o
III

(2.31)

Note le tensioni principali, si possono tracciare facilmente i tre cerchi di Mohr.


Si parla di stato di tensione piano quando, in un qualsiasi punto del continuo, il vettore tensione
sempre parallelo ad uno stesso piano. In questo caso, il tensore degli sforzi assume la seguente forma:
x xy
ij = yx y
0
0
22

0
0
0

(2.32)

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


Se z 0 possibile decomporre il generico stato di tensione triassiale in uno piano e uno
monoassiale.
Noto il generico stato tensionale piano, si calcolano le tensioni principali rispetto ad una terna
2 xy
1
{FIG. 2.9}:
principale, inclinata rispetto alla precedente di un angolo pari a = arc tan
x y
2

1
1
2
I = x + y + xy + x y
2
4

1
= + 2 xy + 1
II
x
y
x
y
2
4

(2.33)

FIG. 2.9 PIANO PRINCIPALE

Esempi di rappresentazione di stati tensionali {FIG. 2.10 2.11}:

FIG. 2.11 TAGLIO PURO

FIG. 2.10 TRAZIONE O COMPRESSIONE PURA

Fino ad ora, si assunto che le deformazioni fossero istantanee allapplicazione del carico. In realt, i
terreni continuano a deformarsi, dopo lapplicazione del carico, per un periodo pi o meno lungo ad
opera di due fenomeni: il consolidamento e lo scorrimento viscoso (creep).
Il consolidamento quel fenomeno per cui il terreno subisce nel tempo una compressione per
espulsione del liquido dai pori.
La compressione causata dallespulsione di un gas dai vuoti definita compattazione.
Il cedimento per consolidamento, caratteristico delle argille, dipende dalle condizioni di drenaggio e
dal tipo di fluido di strato e pu durare anche per mesi. Con lespulsione del fluido dai pori, si ha una
diminuzione dei vuoti, con conseguente avvicinamento dei grani solidi.
Alla fine della compattazione, tutto il carico esterno sar trasmesso alla matrice solida.
Per valutare nel tempo lo stato tensionale della matrice solida, occorre conoscere come varia nel tempo
la pressione dei fluidi nei pori pf (teoria del consolidamento o del rigonfiamento).
La pressione dei pori diversa da punto a punto del sistema che si sta analizzando, ed tanto
maggiore quanto maggiori sono le distanze dei punti dalluscita dellacqua. Essa tende, in ogni punto,
asintoticamente a zero, tanto pi rapidamente quanto minore la viscosit dellacqua e quanto
maggiore la permeabilit del mezzo.
Lo studio sperimentale del consolidamento viene eseguito su un campione di terreno, posto in un
recipiente metallico con un coperchio rigido e permeabile. Il provino viene compresso da una forza
costante e si misura nel tempo la progressiva deformazione assiale a {FIG. 2.12}:

23

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni

logt

t
FIG. 2.12 PROVA EDOMETRICA

I risultati sperimentali, pur essendo diversi da provino a provino, indicano che la deformazione cresce
dapprima rapidamente e poi lentamente, fino a stabilizzarsi ad un valore costante.
La prova edometrica pu essere usata, anche, per vedere le variazioni dellindice dei vuoti del
campione in funzione del carico verticale v applicato {FIG. 2.13}.

log v

logv

FIG. 2.13 DIAGRAMMA e-log v

FIG. 2.14 DIAGRAMMA e-log v IN FASE DI CARICO E SCARICO

I risultati sperimentali mostrano, generalmente, un tratto a pendenza decrescente, un tratto a pendenza


costante e un tratto finale a pendenza crescente.
Si definisce coefficiente di compressibilit av, lopposto della derivata di e rispetto a v e indice di
compressibilit Cc lopposto della derivata di e rispetto a logv:
av =

de
(2.34)
d v

; Cc =

de
(2.35)
d (log v )

Per la descrizione delle curve tensione-deformazione ottenute da prove di compressione edometrica, si


utilizza il coefficiente di compressibilit volumetrica mv che linverso del modulo edometrico:
mv =

d a
d v

(2.36)

Nella teoria del consolidamento, poich alla fine del processo, il carico verticale supportato
solamente dalla matrice solida, si fa lassunzione:
de = - av ds

24

(2.37)

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


Se alla fase di carico, ne segue una di scarico ed presente del fluido sulle superfici drenanti, in modo
che possa essere riassorbito, si ha un recupero dello schiacciamento (rigonfiamento), tanto pi
evidente quanto maggiore la facilit con cui il fluido penetra nel terreno {FIG. 2.14}.
Si consideri un campione cubico di terreno di dimensioni
infinitesime {FIG. 2.15}, caratterizzato da moto laminare e sede di
un flusso q. Considerando la componente qz del flusso lungo
lasse verticale, si avr, per la legge di Darcy (2.5), un flusso
k p f
dxdy e un
entrante nella faccia inferiore pari a: q z = z
ac z
flusso uscente dalla faccia superiore pari a:
2
k
1
p f p f
q z + dz =
dz dxdy .

k z + z dz *

ac
z z
z 2

Ne risulta un bilancio netto pari a:


FIG. 2.15 PROCESSO DI FILTRAZIONE

2
2
1 p f k z p f k z p f
dxdydz
q z =
+
+
kx
(2.38)
ac
z z
z z 2
z 2
2
k pf
dxdydz e, analogamente per le altre direzioni:
Se la permeabilit costante, si ha q z = z
ac z 2
2
ky 2 pf
kx p f
dxdydz
q
dxdydz .

=
,
y
ac x 2
ac y 2
Per il principio di sovrapposizione degli effetti, il bilancio totale sar:

q x =

2
2pf
2pf
1 p f
kx
q = q x + q y + q z =
+ ky
+ kz
ac
x 2
y 2
z 2

dxdydz

(2.39)

S *e
dxdydz (2.40) e la sua variazione nel
1+ e
tempo deve essere uguale, per lequazione di continuit, al flusso totale:
Il volume di liquido contenuto nel sistema pari a Vl =

q =

Vl S * e

=
dxdydz
t
t 1 + e

(2.41)

dxdydz
il volume delle particelle solide, esso non varia nel tempo e, quindi, si pu portare
1+ e
fuori della derivata:
Poich

2
2pf
2 pf
1 p f
dxdydz = dxdydz (S * e ) ;
kx
k
k
+
+
y
z
2
2
2

ac
t
1+ e
x
y
z
2
2 pf
2pf
1 p f
= 1 e S + S e
+
+
k
k
kx
y
z
2
2
2

ac
t
x
y
z 1 + e t

25

(2.42)

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


Nellipotesi che la formazione abbia un coefficiente di saturazione S costante e di valore unitario, e
che il coefficiente di permeabilit sia costante in tutte le direzioni (in caso contrario si pu utilizzare
un valore medio), lequazione (2.42) si semplifica nella forma:
2
2
2
k p f p f p f
+
+
ac x 2
y 2
z 2

= 1 e
1 + e t

(2.42)

Tenendo conto della costanza del carico esterno dp = 0, si ha: ds = - dpf (2.27).
p f
de p f
e
de p f
=
=
= av
e quindi:
Segue che:
d s t
t
t dp f t
2
2
2
k (1 + e ) p f p f p f
+
+
ac av x 2
y 2
z 2

e
=
t

(2.43)

k (1 + e )
(2.44) coefficiente di consolidamento.
ac a v
La (2.43) pu scriversi nella forma:

Si definisce la quantit Cv =

Cv

2pf 2pf 2pf

+
+
x 2
y 2
z 2

e
=
t

(2.43)

Si tratta di unequazione differenziale di non facile soluzione con il coefficiente Cv ritenuto costante,
ma in realt variabile. Esso dipende dallindice dei vuoti, che diminuisce con il consolidamento, da k,
funzione dellindice dei vuoti, cos come solo approssimativamente si pu ritenere av costante.
Il coefficiente Cv si ricava dai risultati sperimentali della prova edometrica, calcolando un valore
medio rappresentativo del campione (per una v corrispondente al 50 % del consolidamento).
Quando si realizza un pozzo, si modifica lo stato preesistente nel terreno e si permette un moto di
filtrazione radiale. Ricorrendo a coordinate cilindriche, lequazione della filtrazione (2.43) diventa:
Cv

2 p f 1 p f

+
r 2
r r

p f
=

(2.45)

La pressione dei fluidi nei pori funzione della distanza radiale dal pozzo e del tempo: pf (r, t). Per
risolvere lequazione differenziale, si cerca una soluzione a variabili separate del tipo:
pf (r, t) = R (r) * T (t)

(2.46)

Sostituendo e separando le variabili, si ottiene:

T
1 2 R 1 R
2 +
=
r r C v T (t ) t
R ( r ) r

(2.47)

Essendo ogni membro dellequazione precedente funzione di una sola variabile, i due membri possono
essere uguali soltanto se entrambi sono uguali ad una stessa costante (- 2):
26

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni

T
1 2 R 1 R
= 2
=
2 +
R ( r ) r
r r C v T (t ) t
Si hanno le seguenti equazioni differenziali:
2 R 1 R
+ 2 R = 0
2 +
r r
r
T

+
2T = 0
t C v

(2.48)

La prima equazione della (2.48) la funzione di Bessel di ordine zero, la cui soluzione :

R(r ) = C1 J 0 (r ) + C 2Y0 (r )
J 0 (r ) =

dove

Y0 (r ) =

( 1)n r 2n

2
n = 0 (n!) 2

2 r
2
ln + J 0 (r )
2

(n ) = 1 +

1 1
1
+ + .... + ,
n
2 3

(2.49)
(2.50)

( 1)n (n ) r 2 n

2
2
n = 0 (n!)

(0 ) = 0

(2.51)

(2.52)

C1 e C2 due costanti e = 0.5772156 (costante di Eulero).


La seconda equazione della (2.48) ha soluzione:
T (t ) = C 3 e

2
t
Cv

(2.53)

dove C3 una costante; si noti che la scelta di un valore negativo per la costante di separazione (- 2)
garantisce un andamento della pressione dei fluidi nei pori in diminuzione nel tempo.
La soluzione generale dellequazione (2.47) :
p f (r , t ) = e

2
t
Cv

[AJ 0 (r ) + BY0 (r )]

(2.54)

dove A = C1C3 e B = C 2 C3 .
Le costanti A e B dipendono dalle condizioni iniziali e da quelle al contorno.
Per riferire le pressioni a quella esistente allinterno del pozzo (pfan), si definisce una nuova funzione:
p ' f (r , t ) = p f (r , t ) p fan
Si supponga che per ogni t 0, la pressione per 0 r R sia pari alla pressione del fango pfan:

p ' f
r

(0,0) = 0

(2.56)

;
27

p ' f (R, t ) = 0 (2.57)

(2.55)

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


Applicando la condizione (2.56), si ha:

p ' f
r '

(0,0) = [AJ '0 (0) + BY '0 (0)] = 0

Poich J '0 (0 ) = 0 e Y ' 0 (0 ) = , deve essere necessariamente B = 0.


Applicando la condizione (2.57), si ha:
p ' f (R, t ) = e

2
t
Cv

[AJ 0 (R )] = 0

Poich la precedente deve essere verificata per qualsiasi valore di t, deve essere J 0 (R ) = 0 . Si tratta
di unequazione trascendente, che ammette infinite soluzioni essendo J 0 (R ) una funzione armonica
smorzata {FIG. 2.16}:

FIG. 2.16 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DI J0(r) E J1(r)

FIG. 2.17 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DI Y0(r) E Y1(r)

Indicando con n = nR gli infiniti valori che annullano J 0 (R ) , la soluzione generale si pu scrivere
nella forma:
p ' f (r , t ) =

n
t
Cv R

n =1

An J 0 n
R

(2.58)

Indicando con p f la pressione dei fluidi nei pori allistante iniziale (t = 0), si ha:
p f p fan =

A J
n

0 n

n =1

(2.59)

Mediante le serie ortogonali delle funzioni di Bessel, si ha:


An =

2( p p )
rJ ( r )dr =

J ( )
( r )

2 p f p fan
2

R J

n 1

dove J 1 (r ) la funzione di Bessel del primo ordine ( J 0 ' (r ) = J 1 (r ) ).


Sostituendo la (2.60) nella (2.58), si ricava:

28

fan

(2.60)

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni

p f (r , t ) p fan
p f p fan

=2

e
n =1

n
t
Cv R

J 0 n
R
n J 1 ( n )

(2.61)

Fissata una distanza radiale dallasse del pozzo, la relazione precedente (2.61) permette di valutare
landamento della pressione dei fluidi nei pori in funzione del tempo e, quindi, attraverso la formula di
Biot (2.27), la tensione effettivamente agente sulla matrice solida in funzione del tempo.
Il creep quel fenomeno legato allo scorrimento viscoso della matrice solida, per cui un terreno
continua a deformarsi nel tempo sotto lazione di un carico costante.

TENSIONE
ALTA

SCORRIMENTO
PRIMARIO
SCORRIMENTO
SECONDARIO
DEFORMAZIONE
ISTANTANEA

TENSIONE
MEDIA

SCORRIMENTO
TERZIARIO

TENSIONE BASSA

FIG. 2.18 SCORRIMENTO VISCOSO

Una curva di scorrimento {FIG. 2.18} rappresenta la deformazione di un campione in funzione del
tempo, sotto tensione costante. In una tipica curva di scorrimento si distinguono quattro fasi:
deformazione iniziale conseguente allapplicazione del carico;
scorrimento primario;
scorrimento secondario;
scorrimento terziario.
Questo comportamento si pu attribuire alla combinazione dei fenomeni di riassetto dei grani
(chiusura delle microcricche) e di fratturazione.
Durante la prima fase, prevale il riassetto, onde la velocit di scorrimento diminuisce con continuit.
Durante la seconda fase, i due fenomeni si equivalgono e la velocit di scorrimento risulta costante.
Durante la terza fase, prevale la fratturazione con un incremento della velocit di deformazione.
Il creep dipende dallentit del carico applicato; laumento della tensione sposta verso lalto la curva.

2.3 RESISTENZA ALLA ROTTURA


La resistenza meccanica di un terreno viene valutata con delle prove standardizzate.
Con la prova di rottura in condizioni triassiali {FIG. 2.20}, si sottopone un campione cilindrico,
rivestito di gomma, ad una pressione laterale III e si fa aumentare il carico verticale I mediante un
pistone, fino alla rottura.
Poich lungo la superficie del provino non vengono applicati sforzi laterali, la tensione assiale I e
quella laterale III sono tensioni principali. La differenza I - III si definisce tensione deviatoria.
I risultati sperimentali della prova di compressione triassiale {FIG. 2.19} mostrano un tratto iniziale,
pressoch lineare, caratterizzato da piccole deformazioni. Successivamente, il terreno comincia a
plasticizzarsi raggiungendo il picco di resistenza; in questa fase si ha un incremento di volume iniziale
per dilatazione laterale (dilatanza). Nellultimo tratto, le interconnesioni dei grani sono diminuite a tal
punto, che le deformazioni possono continuare senza ulteriori variazioni di volume.
29

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni

FIG. 2.19 RISULTATI DELLA PROVA DI COMPRESSIONE


TRIASSIALE

FIG. 2.20 PROVA DI COMPRESSIONE TRIASSIALE

Nella prova di taglio diretto {FIG. 2.21}, il campione di terreno contenuto in una scatola prismatica
o cilindrica, divisa in due parti pressate tra di loro. Fissando la parte inferiore, si fa scorrere quella
superiore e si rilevano gli spostamenti in funzione della forza di taglio applicata.

FIG. 2.21 PROVA DI TAGLIO DIRETTO CON DIAGRAMMA TAGLIO-SCORRIMENTO E TAGLIO-PRESSIONE

La curva ha una parte iniziale lineare e tende ad un asintoto orizzontale. Convenzionalmente, viene
assunto il valore di tale asintoto come tensione tangenziale di rottura.
Lesperienza insegna che un materiale si rompe quando una particolare funzione delle tensioni
principali raggiunge un valore, caratteristico del materiale: f (I, II, III) = cost.
Una verifica di resistenza presuppone la conoscenza delle tensioni agenti nel punto o nei punti pi
sollecitati, per confrontarli con i valori limite di rottura del materiale trovati sperimentalmente.
Il tipo di funzione f (I, II, III) varia a seconda del criterio di resistenza adottato; per i terreni il
criterio migliore quello di Mohr. Il criterio ipotizza che la rottura si ha quando il generico cerchio
di Mohr, rappresentante il generico stato di tensione, tocca una curva limite {FIG. 2.22}.

FIG. 2.22 CRITERIO DI RESISTENZA DI MOHR

30

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


Queste curve limite sono ottenute con sei prove triassiali, ciascuna eseguita con differente pressione di
confinamento. Linviluppo dei sei cerchi di Mohr, corrispondenti alle sei prove, una curva, ma, per
comodit, viene interpolata da una retta dequazione: = c + tg (2.62). I termini c e sono due
parametri caratteristici del materiale, chiamati rispettivamente coesione e angolo dattrito e dipendono
dalla composizione, granulometria, porosit, saturazione del terreno.
Per una verifica di resistenza del terreno, conoscendo i valori di c e , caratteristici del materiale, si
traccia sul piano di Mohr la retta limite di resistenza.
Noto lo stato tensionale, si traccia il corrispondente cerchio di Mohr rappresentativo e si vede se
questultimo tocca o interseca la retta.
In alternativa, poich

1
( I III )cos
2

(2.63)

1
( I + III ) 1 ( I III )sin
2
2

(2.64)

si vede se c + tg . Sostituendo si ha:


1
( I III )cos c + tg 1 ( I + III ) 1 ( I III )sin
2
2

2
1 + sin
cos
I A + B III dove A = 2c
eB=
1 sin
1 sin

(2.65)

Ricordando gli effetti della porosit, il precedente criterio di resistenza si pu scrivere nella forma:

I p f A + B ( III p f
TIPO DI
TERRENO
Arenarie
Argille
Argille laminate
Basalto
Calcare
Calcite
Granito
Sabbie
inconsolidate

DENSIT
[kg/dm3]
2 2.7
1.9 2.1
2.3 2.8
2.7 2.9
1.6 2.1
1.5 2
2.6 2.8
1.5 1.7

MODULO DI YOUNG
E [MPa]
100 30000
60 150
400 70000
50000 100000
87000 108000
500 30000
73000 86000
10 100

RAPPORTO DI POISSON

0 0.45
~ 0.4
0 0.3
0.2 0.3
0.27 0.3
0.1 0.3
0.23 0.27
~ 0.45

(2.66)
A
[MPa]
1 250
0.2 0.5
2 250
200 350
10 30
10 40
50 350
-

B
~ 3.6
~ 2.8
~3
~ 4.5
~3
~3
~4
-

TAB. 2.5 CARATTERISTICHE MECCANICHE DI ALCUNI TERRENI

INCREMENTO DI
PRESSIONE DEI PORI

La tensione agente sulla matrice solida dipende dalla pressione dei


pori.
Se questultima aumenta, non si ha variazione dello sforzo di taglio
del materiale (il raggio del cerchio di Mohr resta invariato), mentre
diminuisce lo sforzo normale (i cerchi si spostano verso sinistra
avvicinandosi alla curva) {FIG. 2.23}.

FIG. 2.23 EFFETTO DELLA


PRESSIONE DEI PORI

Unaltra prova sperimentale molto importante quella della punzonatura, che consiste nel caricare la
superficie di un provino con un penetratore di carburo di tungsteno, fino ad arrivare alla rottura.
Mettendo in relazione il carico sulla roccia con lo spostamento del punzone, si ottiene il seguente
diagramma {FIG. 2.24}:
31

CARICO SULLA ROCCIA

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni

Fr carico di rottura
Fe limite elastico
Lavoro elastico

he

hr

SPOSTAMENTO PUNZONE

Questa prova permette di determinare:


la durezza, definita come il rapporto tra il carico di
rottura Fr e larea del punzone Ap;
il volume di roccia distrutta per unit di lavoro
applicato;
il coefficiente di plasticit (Cp) dato dal rapporto tra il
lavoro totale richiesto per rompere la roccia e il lavoro
di deformazione elastica.
Questi dati sulla penetrazione sono molto importanti per
la perforazione, al fine di determinare il peso da applicare
sullo scalpello per aumentare lavanzamento.

FIG. 2.24 DIAGRAMMA CARICO-SPOSTAMENTO

2.4 CARICHI AGENTI SUI TERRENI


In generale, i carichi agenti sul terreno possono essere qualsiasi, ma poich nella perforazione
interessano le formazioni, che si trovano ad una certa profondit, il problema si semplifica.
Ad una certa profondit, il piano superficiale, pur essendo irregolare, pu considerarsi orizzontale e,
quindi, le tensioni agenti sono solo quelle geostatiche.
Considerando una roccia sotterranea, per ragioni di simmetria, le direzioni principali sono quella
orizzontale e quella verticale. Indicando con v = * H (2.67) la tensione verticale, si pu esprimere
quella orizzontale come h = K0 * v (2.68) dove K0 il coefficiente di spinta laterale.
Durante la sedimentazione dei detriti, che avviene in genere su grandi aree, il carico verticale aumenta
progressivamente, mentre quella orizzontale non ha ragione di aumentare con la stessa rapidit. Per
tale motivo, generalmente, K0 assume valori tra 0.4 e
0.5. Il valore di K0 {FIG. 2.25} pu essere ricavato con
la teoria poroelastica ponendo x = y = 0 e nellipotesi
semplificativa di = 1.
Ne deriva che:

x = y =h =

FIG. 2.25 TENSIONI GEOSTATICHE

z =
v = K 0 v
1
1

(2.69)

In altri casi, la spinta orizzontale pu superare quella


verticale (K0 pu arrivare anche a 3) per pressioni
tettoniche o per fenomeni di sovraconsolidamento.

Infatti, aumentando il peso degli strati sovrastanti aumenta la spinta verticale e quella orizzontale, ma
se, per ragioni geologiche, tale peso diminuisce, la spinta verticale decresce, mentre quella orizzontale
resta la medesima.
In realt, la valutazione di K0 tramite il coefficiente di Poisson non consigliabile, data la difficolt di
risalire allo stato tensionale in sito con prove di laboratorio.
Pi attendibili sono i dati ottenuti con una prova diretta di pressurizzazione (leak-off test), cio
creando una sovrappressione nel pozzo e valutando h (vedi MISURAZIONI ED ANALISI).
In mancanza di questi dati, si possono usare relazioni empiriche fornite da Breckels e van Eekelen:
h [MPa] = 0.0053 * H1.145 + 0.46 * (pf - pfn)
h [MPa] = 0.0264 * H - 31.7 + 0.46 * (pf - pfn)
32

per H < 3500 m


(2.70)
per H > 3500 m

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


dove H la profondit in m, pf la pressione dei fluidi nei pori in MPa e pfn la pressione normale dei
MPa
.
fluidi nei pori corrispondente ad un gradiente di 1.05
100m
In realt la situazione reale pi complessa perch spesso x y. Le azioni tettoniche determinano
delle direzioni preferenziali lungo le quali la tensione maggiore rispetto a quelle ad esse normali.
Per esempio, vicino ad una faglia, la direzione del massimo sforzo principale perpendicolare alla
faglia stessa e non verticale, mentre in presenza di un duomo salino, perpendicolare alla superficie di
delimitazione, perch esso si comporta come un fluido {FIG. 2.26}:

FAGLIA

DUOMO
SALINO

FIG. 2.26 DIREZIONI DEL MASSIMO SFORZO PRINCIPALE

2.5 INSTABILIT DI FORO


Durante la perforazione, specialmente in prossimit di formazioni poco compatte, si possono avere
franamenti delle pareti del foro.
I problemi dinstabilit causano difficolt e ritardi, quali necessit di riperforazioni, prese di batteria,
difficolt di fare misurazioni in pozzo, difficolt nelle cementazioni delle colonne di rivestimento.
Un ammasso di terreno, che si trovi ad una certa profondit, caratterizzato da un certo stato
tensionale, derivante dal peso degli strati sovrastanti e dalle azioni tettoniche.
Realizzando un pozzo, lo stato tensionale preesistente viene modificato; orientativamente, intorno ad
esso per un diametro 10 volte superiore a quello del foro.
Per descrivere lo stato tensionale intorno al foro, data la sua geometria, meglio ricorrere a coordinate
cilindriche.
Il legame elastico tra tensioni e deformazioni diventa:

FIG. 2.27 TENSIONI INTORNO AL FORO

*E
E

r = 1 + r + (1 2 * )(1 + ) ( r + + z )

*E
= E +
( + + )

(1 2 * )(1 + ) r z
1 +

*E
z = E z +
( + + )

(1 2 * )(1 + ) r z
1 +
r = G * r

rz = G * rz
= G *
z
z

Poich ogni diametro del cilindro un asse di simmetria, gli sforzi di taglio sono nulli:
r = rz = z = 0.
33

(2.71)

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


Considerato che allinterno del foro agisce la pressione geostatica del fango pfan, e nellipotesi di pozzo
verticale con tensioni orizzontali uguali in tutte le direzioni, imponendo lequilibrio e risolvendo
lequazioni in funzione della distanza radiale r, si ha:

r = h h p fan

= h + h p fan

z = v

)R

r2
R2
r2

(2.72)

FIG. 2.28 VARIAZIONI DELLE TENSIONI INTORNO AL FORO

Ne deriva che la tensione verticale z non varia con laumentare della distanza r dallasse del foro,
quella radiale r aumenta e quella tangenziale diminuisce (al variare della pressione esercitata dal
fango pfan e della tensione orizzontale h, lordine delle curve rappresentate sulla parete > z > r
per r = R pu variare) {FIG. 2.28}.
Se il pozzo inclinato, si ottengono soluzioni pi complicate con tensioni di taglio non nulle; r, ,
z non sono tensioni principali e lo stato tensionale orizzontale anisotropo.
Il peso del fango ha la funzione di bilanciare la pressione dei fluidi di strato e di sorreggere la parete; a
seconda della formazione pu essere pi limitante il primo o il secondo fenomeno.
Il peso del fango non pu, comunque, essere aumentato eccessivamente per non causare la
fratturazione idraulica della formazione o rallentare la perforazione.
A seconda del peso del fango si pu avere rottura per compressione o per trazione {FIG. 2.29}:

FIG. 2.29 ROTTURA DEL FORO PER COMPRESSIONE E PER TRAZIONE

Per analizzare la stabilit del foro, occorrerebbe un modello teorico (elasto-plastico-viscoso), che
considerasse le caratteristiche della formazione, la temperatura, il tempo, la chimica del fango, ecc..
Un tale modello schematizza molto bene la realt, ma necessit di molte variabili; il calcolo di queste
variabili non facile e gli errori compiuti fanno s, che il risultato finale sia meno attendibile
dellutilizzo di un modello pi semplice, ma che richieda poche incognite. Utilizzando un modello
elastico, per un foro verticale in formazioni con tensioni orizzontali isotrope, si ha (r = R):
r = p fan

= 2 h p fan
=
v
z

(2.73)

34

Capitolo 2 _____________________________________________________ Meccanica dei terreni


Conoscendo h con una prova di pressurizzazione, v con le densit dei vari strati e i valori di
resistenza del materiale, si calcola il massimo valore del fango per non avere fratturazione e il minimo
valore per non avere rotture per compressione.
Il modello elastico fornisce, per di pi, una stima conservativa della realt, in quanto la reale non
costanza del modulo di Young comporta la diminuzione di vicino al foro {FIG. 2.30}.

FIG. 2.30 EFFETTI DELLA PLASTICIT DEL TERRENO


SULLE TENSIONI INTORNO AL FORO

FIG. 2.31 DEFORMAZIONI DEL FORO

La rottura della parete del foro avviene sempre nella direzione di minima tensione orizzontale.
La conservazione della teoria elastica sta, anche, nel fatto che lovalizzazione del foro determina una
ridistribuzione delle tensioni minori di quelle del caso di geometria simmetrica {FIG. 2.31}.
Misurando con un diametrometro (caliper) a quattro bracci i diametri del foro, si pu capire, se la
parete non stata erosa dalla batteria, la direzione delle tensioni orizzontali.
Le condizioni limite, derivanti dallequazioni del modello elastico per foro verticale, dipendono
dallampiezza relativa tra le tensioni principali, funzione di h e pfan.
Nel caso in cui z > > r alla parete del foro (r = R), non si avr rottura per taglio, secondo il
criterio di Mohr, quando: z p f A + B r p f .

Sostituendo in questa espressione le relazioni trovate in precedenza (2.73), si trova:

v p f A + B ( p fan p f

p fan

v p f A + Bp f
B

(2.74)

Procedendo in modo analogo, le condizioni per non avere rottura per taglio negli altri casi, sono
{TAB. 2.6}.
I II III
z r
z r

CONDIZIONI PER NON AVERE ROTTURE PER TAGLIO


p fan

p fan 2 h

z r
r z

v p f A + Bp f

p fan

v p f A Bp f
B

2 h + p f (B 1) A
B +1

p fan 2 h B v + p f (B 1) A

r z

p fan

2 B h p f (B 1) + A
B +1

p fan B v p f (B 1) + A

r z

TAB. 2.6 CONDIZIONI DI RESISTENZA DELLA PARETE DEL FORO A TAGLIO

35

Capitolo 2______________________________________________________ Meccanica dei terreni


Se la pressione del fango tale da avere < 0 (sforzi tangenziali di trazione), si ha fratturazione.
Ammettendo, con unipotesi conservativa, che la resistenza a trazione del terreno sia nulla, dalle
equazioni di equilibrio, si ricava che, per non avere fratturazione, deve essere: pfan 2 h - pf.
Esempio
Si calcoli la minima e massima densit del fango per non avere, rispettivamente, collasso e
fratturazione di un foro ad una certa profondit con argille in sovrappressione. Dati:
Profondit
Gradiente dei sedimenti
Gradiente dei pori
Tensione orizzontale isotropa a tale profondit
Caratteristiche delle argille dinteresse

3600 m
2.3 MPa/100 m
1.3 MPa/100 m
60 MPa
A = 10 MPa;
B=3

La pressione verticale a 3600 m : v = 2.3*3600/100 = 82.8 MPa.


La pressione dei pori a 3600 m : pf = 1.3*3600/100 = 46.8 MPa.
Ipotizzando che z > > r e = 1, si ha:
p fan

82.8 46.8 10 + 3 * 46.8


= 55.5MPa
3

a cui corrisponde una densit del fango di 55.5*100/3600 = 1.54 kg/dm3.


Non resta che verificare lipotesi iniziale: = 2 * 60 - 55.5 = 64.5 MPa z > > r.
Per non avere fratturazione deve essere pfan 2 * 60 - 46.8 = 73.2 MPa, cui corrisponde una densit
massima del fango di 73.2*100/3600 = 2.03 kg/cm3.
Utilizzando le relazioni precedenti {TAB. 2.6} e ricordando la dipendenza della pressione dei fluidi
nei pori pf dal tempo (2.61), possibile fare una stima del periodo entro il quale sono verificate le
condizioni di stabilit della parete.
Come accennato in precedenza, i margini operativi diminuiscono con laumentare dellinclinazione del
pozzo {FIG. 2.32}:

Fattori percentuali

densit del fango per


Riduzione %
EFFETTO DELL'INCLINAZIONE DEL POZZO SULLA
Inclinazione non avere collasso del della resistenza
STABILITA' DELLA PARETE
15,00
del
foro
foro
a fratturazione
Increm enti%
0
0,00
0,00
10,00
della densit del
15
1,61
-0,90
fango pernon
5,
00
30
4,19
-2,36
avere collasso
delforo
45
6,45
-5,00
0,00
60
8,06
-6,90
Riduzione %
-5,
00
della resistenza
75
9,03
-8,40
a fratturazione
90
9,67
-9,09
-10,00
-15,00
0

15

30

45
60
Inclinazione [ ]

75

90

FIG. 2.32 ESEMPIO DI RIDUZIONE DEI MARGINI OPERATIVI PER LA STABILIT DI PARETE

36

CAPITOLO 3

PERFORAZIONE A ROTAZIONE
Nel campo petrolifero, con il termine perforazione sintende linsieme delle operazioni finalizzate a
realizzare un foro nel terreno per produrre idrocarburi.
Le tecniche di perforazione sono diverse e si possono suddividere secondo il modo di operare
dellutensile di scavo (percussione, rotazione, rotopercussione) o secondo il metodo destrazione dei
detriti di terreno scavati nel pozzo (circolazione diretta, inversa o ad aria).
Orientativamente, si pu affermare che:
il sistema a percussione economicamente utilizzabile per profondit di un centinaio di metri;
con il sistema a percussione si possono perforare terreni teneri;
con il sistema a rotazione con circolazione inversa si possono raggiungere profondit di un
migliaio di metri;
con il sistema a rotazione a circolazione diretta si possono raggiungere profondit di alcuni
kilometri;
i sistemi a rotazione possono essere utilizzati per ogni tipo di terreno;
il sistema a rotopercussione ad aria pi idoneo per perforare terreni compatti e rocciosi.
Considerate le rilevanti profondit che si raggiungono nel campo petrolifero, la perforazione a
rotazione con circolazione diretta di fluidi sicuramente la tecnica pi sviluppata ed utilizzata.
Con tale tecnica, lavanzamento nel terreno avviene ad opera di uno scalpello in rotazione, avvitato
allestremit inferiore di una batteria di aste.
Il moto rotatorio dello scalpello dovuto ad un motore idraulico di fondo (rotazione in sliding) o alla
rotazione di tutta la batteria, impressa da una tavola rotante (rotary table) o, negli impianti pi
moderni, da una testa motrice (top drive).
Lo scalpello, avanzando nella perforazione, frantuma il terreno e d luogo alla formazione di detriti
(cuttings), che sono sollevati dal fondo del pozzo e portati a giorno dal fluido di perforazione. Questo
immesso alla sommit delle aste e fatto circolare allinterno della batteria di perforazione (bottom
hole assembly), per poi uscire, attraverso dei fori che si trovano nello scalpello, e risalire lungo
lintercapedine (annulus) tra la batteria e la parete del pozzo.
In superficie, il fluido di perforazione segue un circuito costituito da vasche e altre attrezzature,
attraverso le quali sono eliminati i detriti ed aggiunti eventuali additivi, ed pompato nuovamente nel
pozzo.

3.1 GENERALIT SULLIMPIANTO


La potenza motrice che serve ad alimentare limpianto , quasi sempre, prodotta in loco, generalmente,
tramite turbine a gas o motori a combustione interna; lutilizzo dellenergia elettrica della rete pubblica
non economica, se non impossibile data la localizzazione dei pozzi petroliferi.
Generalmente, si ha un gruppo motore (costituito da pi unit per ragioni di sicurezza di
funzionamento), che serve a generare corrente elettrica.
Lenergia elettrica pu essere generata in due forme:
corrente alternata (AC);
corrente continua (DC).
Mentre in passato si produceva corrente continua con una dinamo, successivamente, si passati alla
produzione di corrente alternata con un alternatore, al fine di avere una maggiore affidabilit
meccanica, per poi trasformarla in continua con ununit chiamata S. C. R. (Silicon Controlled
Rectifier).

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


La corrente , generalmente, prodotta a 600 V e 60 Hz, alzata a 750 V per alimentare i motori
dellargano, delle pompe, del top drive o della tavola rotary ed abbassata a 440 V per alimentare le
altre utenze.
Generalmente, le utenze dispongono di motori a corrente continua per la facilit di controllo della
velocit di rotazione, ma sempre pi spesso sono sostituiti da motori asincroni comandati da inverter.
Si pu, cos, controllare la velocit di rotazione e avere una maggiore affidabilit meccanica.
LS. C. R. dispone anche di barre daccumulo che permettono una produzione regolare denergia e un
dimensionamento inferiore alla somma delle richieste delle singole utenze.
La trasmissione della potenza motrice dal motore elettrico allutilizzatore pu essere fatta con ruote
dentate, catene, cinghie, trasmissioni idrauliche, secondo la distanza da coprire e il rapporto di
trasmissione.
Prima diniziare la descrizione dei vari elementi di un impianto di perforazione opportuno inquadrare
il piazzale destinato al cantiere {FIG. 3.1}.
Esso deve contenere la sonda, le vasche del fango e dei rifiuti, il parco tubi, le pompe e i generatori
denergia, i moduli alloggio e danalisi, lofficina, i magazzini ed i depositi; inoltre, deve essere
sufficientemente ampio da permettere la circolazione e le manovre di mezzi pesanti di trasporto.
La superficie usualmente richiesta da un impianto di medie dimensioni saggira sui 10000 20000 m2.

AREA
COMBUSTIBILE

AREA ALLOGGI

CEMENTATRICE
SILOS

DISTANZA
DI SICUREZZA
DIREZIONE
LAVORI

POZZO
AREA
POMPE

PARCO TUBI

SORVEGLIANZA

AREA TRATTAMENTO
FANGO

VASCONE 1

RECINZIONE CON PALI IN


LEGNO E FILO SPINATO

AREA
GENERATORI

VASCONE 5

VASCONE 2

VASCONE 4

STRADA DI
ACCESO ALLA
POSTAZIONE

VASCONE 3

FIG. 3.1 PLANIMETRIA DEL CANTIERE

Il piazzale deve disporre di una recinzione e di una serie di canali di raccolta delle acque piovane, per
evitarne il deflusso nelle vasche del fango e per impedire che si contaminino con sostanze oleose,
inquinando le falde acquifere.
Deve essere provvisto di un adeguato impianto di messa a terra, con puntazze e piastre infisse nel
terreno in pi punti del piazzale e con conduttori di collegamento delle varie strutture metalliche.
Esistono diversi tipi dimpianti di perforazione; possono essere fissi o mobili, con tavola rotary o con
testa motrice, ma sono accomunati dalla presenza di certi componenti che si esaminano di seguito
{FIG. 3.2}.

38

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.2 SCHEMA DI UN IMPIANTO DI PERFORAZIONE A TERRA

3.2 IMPIANTO DI SOLLEVAMENTO


La parte strutturale dellimpianto di sollevamento costituita da una sottostruttura e da una torre.
La sottostruttura serve da base alla torre, allargano e alla tavola rotary; costituisce anche il piano di
lavoro (piano sonda) per le operazioni di perforazione.
costituita da pi parti montate poi insieme per facilitarne il trasporto.
Laltezza della sottostruttura deve essere tale da permettere il montaggio della testa pozzo e di tutte le
attrezzature richieste, tenendo conto anche del fatto che il pozzo non inizia in corrispondenza del piano
del piazzale, ma al fondo di un fossato cementato (cantina).
Le torri sono tralicci costituiti da profilati dacciaio con la funzione:
di sostenere gli organi di sollevamento, la batteria di perforazione e le colonne di rivestimento;
di contenere la batteria di perforazione durante le manovre.
Le torri si dividono in due grandi categorie: quelle convenzionali (derricks) e le antenne (masts).
Le torri convenzionali sono strutture reticolari a forma di piramide, poste con lasse, sul foro. Nella
parte superiore della torre ancorata la taglia fissa e a due terzi circa della sua altezza vi la
piattaforma per il pontista.
39

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Tra questultima e il piano sonda ci sono delle rastrelliere per contenere i gruppi di aste (lunghezze),
smontati durante le manovre.
Le norme API classificano le torri convenzionali in base alle dimensioni, al numero delle campate del
traliccio, alla capacit della rastrelliera (in metri di aste), alla portata nominale (senza aste
immagazzinate e senza lazione del vento), al tiro statico massimo al gancio (pu essere calcolato dalla
portata nominale della torre in funzione del numero di funi passanti per la taglia mobile e dalla
posizione dellargano e dellancoraggio del cavo morto).
Il massimo carico dinamico pu essere valutato, orientativamente, in circa due terzi del massimo
carico statico.
Il dimensionamento della torre fatto in base al massimo carico previsto, al peso proprio, al peso delle
aste immagazzinate, allazione del vento, allancoraggio della linea morta della taglia, alle
sollecitazioni dinamiche e alle vibrazioni nel corso delle perforazioni e delle manovre.
Nel progetto delle torri montate su piattaforme galleggianti, si tiene conto anche delle sollecitazioni
dovute allo spostamento, al beccheggio e al rollio del natante.
Le antenne sono anchesse tralicci dacciaio, ma sono progettate in modo da poter essere divise in
pochi elementi, di rapido montaggio (rig-up) e smontaggio (rig-down).
Possono essere montate su rimorchi e possono essere a telaio unico, telescopiche o piegabili; sono
sollevate da terra in verticale dallargano stesso.
Largano (draw work), negli impianti tradizionali, pu essere considerato il cuore dellimpianto di
perforazione, tant che gli assegna il nome. Nel caso pi generale, composto dal tamburo (reel)
principale, dal tamburo veloce, dai cabestani, dai freni, dal cambio di velocit, dalle trasmissioni e
organi accessori. Mentre nei piccoli impianti, largano in un unico pezzo, in quelli di potenza
maggiore lorgano motore, la trasmissione e i tamburi sono divisi, per facilitarne il trasporto.
Il tamburo principale costituito da un cilindro dacciaio fuso con una scanalatura elicoidale, per
facilitare lavvolgimento del cavo; collegato allalbero da una frizione {FIG. 3.3}.
In tutti gli impianti esiste un freno a nastro, raffreddato ad acqua, che agisce direttamente sul tamburo,
ed un freno ausiliario, che si collega allalbero del tamburo principale (generalmente idraulico od
elettromagnetico).
Il tamburo veloce pi piccolo del principale; collegato, anchesso, allalbero mediante una frizione
ed dotato di freno a nastro. usato per sollevare e discendere nel pozzo attrezzi leggeri con una certa
rapidit.
Alle estremit dellalbero del tamburo veloce sono montati i cabestani (cathead, capstan); si tratta di
due arganelli utilizzati per operazioni ausiliarie (avvitamento e svitamento delle aste, sollevamento
pesi, ecc.).
Il parametro di scelta pi importante dellargano la potenza in termini di carico sollevabile e velocit
di movimentazione (questi valori sono determinati anche dal rapporto di trasmissione indotto dal
sistema taglia-controtaglia); quasi sempre fornita da un motore elettrico.
Oltre allargano principale, ci sono altri due o tre arganelli (generalmente pneumatici) per operazioni
ausiliari, quali movimentazione chiavi.
Linsieme taglia fissa (crown block), taglia mobile (travelling o hoisting block), cavo (wire rope)
serve a fornire il tiro necessario al gancio (hook) con uno sforzo limitato allargano.
La taglia fissa costituita da un insieme di carrucole coassiali (usualmente da tre a sette) montate su
cuscinetti, ed ancorata, con unintelaiatura di profilati metallici, alla sommit della torre.
La taglia mobile costituita da un gruppo di pulegge coassiali (una in meno rispetto alla taglia fissa);
sospesa al cavo e scorre verticalmente.
Per le taglie mobili e fisse, le norme API indicano la capacit di tiro (working load strengh rating),
legata alla resistenza del materiale, e la capacit di carico dei cuscinetti (working load bearing rating),
che rappresenta la tensione limite continuata.

40

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

MOTORE ELETTRICO

CONTRALBERO
LUBRIFICAZIONE
CABESTANO DI
AVVITAMENTO

FRIZIONE
TORNELLO VELOCE

CABESTANO DI
SVITAMENTO

FRIZIONE
TORNELLO PRINCIPALE

FRIZIONE PER
MARCE LENTE

BARRA D'EQUILIBRIO PER FRENO


PRINCIPALE A NASTRO

FRENO AUSILIARIO

EVENTUALE TRASMISSIONE
ALLA TAVOLA ROTARY

FIG. 3.3 SCHEMA DEI COMPONENTI DELLARGANO

Il gancio formato da una parte superiore fissata alla taglia mobile ed uninferiore, che costituisce il
gancio vero e proprio. Le due parti non sono solidali, per permetterne la rotazione relativa e piccoli
movimenti assiali, al fine di smorzare gli strappi.
La caratteristica pi importante del gancio la portata nominale (carico sollevabile senza rottura), che
deve essere sempre maggiore di quella del cavo.
La parte inferiore del gancio presenta due attacchi laterali per linserimento degli staffoni (elevator
link), cio tiranti con due occhielli agli estremi. Agli staffoni collegato un elevatore costituito da
semianelli che si chiudono sulle aste e sui tubi, permettendone la movimentazione.
Il cavo di manovra formato da trefoli avvolti a spirale attorno ad unanima centrale; ogni trefolo
costituito da fili dacciaio. Possono essere zincati o coperti da una speciale vernice per resistere meglio
alla corrosione.
La scelta del tipo di cavo essenzialmente legata al peso sollevabile nelle condizioni pi gravose, ma
occorre considerare anche le condizioni desercizio, con particolare attenzione alla temperatura.

41

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

REAZIONE DELLA TORRE


TAGLIA FISSA

CAVO
TAGLIA MOBILE

MARTIN DECKER
TAMBURO
ARGANO

MISURATORE DELLA
TENSIONE DEL CAVO
TAMBURO
FUNE DI RISERVA
FIG. 3.4 SCHEMA DEL SISTEMA DI SOLLEVAMENTO

Le norme API stabiliscono che il diametro D del tamburo non deve essere mai inferiore a 20 volte il
diametro della fune.
Il cavo deve essere bene avvolto sul tamburo dellargano, in modo tale che le spire non sincastrino; a
tal scopo si pu utilizzare un tamburo sagomato o un divisore orizzontale mobile.
Le carrucole (sheave) poste sulla sommit del traliccio devono avere un diametro non inferiore a 25
volte il diametro del cavo dacciaio, mentre il diametro delle gole di tali carrucole deve essere uguale a
1.1 volte il diametro del cavo.
Per quanto riguarda le condizioni di lavoro, si raccomanda di non superare la velocit di
25 m/s per non aumentare eccessivamente lusura e facilitare un avvolgimento regolare.
Il cavo soggetto a:
usura tra filo e filo, trefolo e trefolo, cavo e cavo, cavo e guide;
a fenomeni di fatica;
ad infragilimento dei fili per la formazione sulla loro superficie di una struttura martensitica ad
opera dei cicli termici subiti.

42

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Questi fenomeni provocano la progressiva rottura dei fili. Essendo chiaro, quindi, che il cavo deve
essere sostituito quando, da un controllo visivo, risulti danneggiato, si pensato dassociarne lusura al
lavoro compiuto, espresso in peso sostenuto per lunghezza percorsa.
Questo lavoro si calcola con una formula data dalle norme API in funzione della profondit del pozzo,
della lunghezza darresto e del peso della batteria.
Il lavoro che il cavo pu fare prima del taglio dipende dal diametro della fune, dallaltezza della torre e
dalle difficolt di perforazione (vibrazioni); tali valori sono forniti dalle ditte costruttrici o dalle norme
API (un valore medio indicativo pu essere 15*106 N*km).
Quando il momento del taglio cavo, si aggancia la taglia mobile alla torre con degli staffoni e si fa
scorrere il tratto da tagliare sul tamburo dellargano, svolgendone un uguale tratto di riserva in
corrispondenza del capo morto.
La lunghezza di cavo da tagliare dipende dallaltezza della torre e dal diametro del tamburo (vedi
norme API).

3.3 AZIONAMENTO E COSTITUZIONE DELLA BATTERIA DI PERFORAZIONE


Alla tavola rotary {FIG. 3.5} sono affidate due funzioni: serve a trasmettere il moto rotatorio allo
scalpello e a sostenere la batteria di perforazione quando non appesa al gancio.
costituita da un basamento fisso che sostiene, per mezzo di un cuscinetto assiale, un elemento
rotante con un foro centrale. Questultimo, nella parte inferiore, presenta una dentatura conica, che
permette di metterlo in rotazione per mezzo di un pignone, alimentato da motore autonomo o
dallargano.

FIG. 3.5 TAVOLA ROTARY (DRECO)

Nel foro centrale vengono incastrati luno dentro laltro dei quadroni (master bushing), che servono
a variarne il diametro di passaggio e a contenere il portacunei di trascinamento (kelly drive
bushing). Questultimo permette la rotazione e lo scorrimento verticale dellasta motrice quadra o
esagonale (kelly), per mezzo di un sistema a quattro spine (pin) o di un incastro a sede quadrata
(square) {FIG. 3.6}.
La testa diniezione (rotary swivel) costituisce il collegamento tra la batteria di perforazione, che
ruota, e il gancio, che fisso {FIG. 3.7}. formata da una robusta carcassa dacciaio entro la quale
ruota un corpo a forma di fungo sostenuto da un cuscinetto a rulli conici.
Tutte le parti rotanti sono immerse in bagno dolio, mentre la tenuta idraulica assicurata da
premistoppa.
La testa diniezione appesa al gancio per mezzo di un robusto collo di cigno. Permette, inoltre,
limmissione del fluido di perforazione allinterno delle aste, attraverso un tubo flessibile (rotary
hole).

43

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

KELLY

KELLY DRIVE BUSHING

TAPERED BOWL
MASTER BUSHING
TAVOLA ROTARY

FIG. 3.6 ASTA MOTRICE, PORTACUNEI E QUADRONI

FIG. 3.7 TESTA DINIEZIONE (IDECO)

In quasi tutti gli impianti, attualmente, si fa uso, oltre della tavola rotary, di un dispositivo chiamato
testa motrice (top drive), che ingloba, in un unico insieme, lequipaggiamento per la connessione e
rotazione della batteria e per la circolazione del fluido di perforazione {FIG. 3.8}.
Il dispositivo comprende la testa diniezione, un motore elettrico (a corrente continua o asincrono
comandato da inverter) o idraulico e il sistema di connessione delle aste (pipe handler).
I principali vantaggi dellutilizzo della testa motrice sono:
la possibilit di perforare con tre aste (30 m);
la riduzione ad un terzo delle operazioni di giunzione tra aste;
maggiore spazio sul piano sonda;
possibilit di recuperare carote pi lunghe;
aumento della sicurezza nelle operazioni;
possibilit destrarre la batteria con rotazione e circolazione (back reaming);
minori probabilit di prese di batteria.
Il top drive si muove su un binario guida montato sulla torre, che fornisce la reazione necessaria ad
impedirne la rotazione. Esso dispone, tra le altre cose, di un freno (generalmente ad aria) che serve a
bloccare lalbero duscita in una determinata posizione o mantenere la batteria in torsione, evitando lo
stallo del motore per prolungati periodi.
Il parametro pi importante del top drive la potenza meccanica, in termini di coppia applicata
(50 80 kN*m) e di velocit di rotazione (180 200 giri/min).
La batteria di perforazione composta dallasta motrice (kelly), dalle aste di perforazione (drill
pipes), dalle aste pesanti (drill collars) e da attrezzature accessorie; la sua funzione quella di fornire
la rotazione e il peso allo scalpello e di far fluire il fango fino al fondo del pozzo.
Lasta motrice unasta a sezione quadra o esagonale e serve a trasmettere, tramite la tavola rotary, la
rotazione al resto della batteria. A parit di dimensione massima, lasta motrice esagonale ha migliori
caratteristiche meccaniche della quadra.
pi lunga delle aste di perforazione (12 16 m), in quanto lo spostamento verticale dentro la tavola
rotary deve permettere laggiunta di una nuova asta con lo scalpello ad una sufficiente distanza dal
fondo pozzo, riducendo, cos, la possibilit di prese di batteria.

44

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Lasta motrice pu essere ottenuta per forgiatura,
ma meglio se realizzata per fresatura e trattata
termicamente. La connessione superiore dellasta
motrice femmina sinistra, quella inferiore
maschio destra.
Alle estremit, ha dei giunti di materiale molto
resistente, per evitare il danneggiamento della
filettatura. Sono normalizzate in base al diametro
del cerchio inscritto nella sezione quadra o
esagonale.
Le aste di perforazione sono ottenute per
trafilatura (metodo Mannesmann); generalmente,
collegano le aste pesanti allasta motrice.
Sono normalizzate API in base al diametro esterno
ed interno, materiale, ricalcature e lunghezza:
5.48 6.70 m (12 22 ft);
8.23 9.15 m (27 30 ft);
11.58 13.72 m (38 45 ft).
Dato che sono soggette a frequenti avvitamenti e
svitamenti, le aste sono ricalcate (upset), per
rinforzarle nella parte indebolita della filettatura, e
vengono normalmente collegate per mezzo di
giunti dacciaio migliore, fissati permanentemente
sulle aste con saldatura o avvitamento a caldo.
I giunti (tool joints) permettono il collegamento
tra le aste per mezzo di un elemento femmina (box)
ed uno maschio (pin) {FIG. 3.9}. Hanno filettatura
conica a passo grosso con profilo triangolare e sono
costruiti in modo tale da avere le seguenti
caratteristiche:
elevata resistenza allusura;
rapidit e facilit di manovra;
tenuta idraulica;
basse perdite di carico nel circuito del fango.
I giunti usati nellindustria petrolifera sono di molti
tipi.
Quelli classificati dalle nome API sono:
a) il regular, per aste ricalcate internamente e con
diametro interno minore di quello della
ricalcatura;
b) il full hole, per aste ricalcate internamente e con
diametro interno uguale a quello della
ricalcatura;
c) linternal flush, per aste ricalcate esternamente e
con diametro interno uguale a quello interno
delle aste.
Il tipo internal flush il migliore dal punto di vista
idraulico, essendo caratterizzato dalle minori
perdite di carico, ma presenta minore resistenza
meccanica e maggiore ingombro.
FIG. 3.8 TOP DRIVE (TESCO)

45

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

NUO VA

PREM IUM

CLASSE 2

CLASSE 3

SCARTA

PER I GIUNTI:
BANDA VERDE = RIPA RABILE
REGULAR

FULL HOLE

BANDA ROSS A = NON RIPARABILE

INTERNAL FLUSH

FIG. 3.9 GIUNTI

FIG. 3.10 CLASSIFICAZIONE PER USURA

In base allusura, le norme API classificano le aste di perforazione e i giunti in varie classi, cui
corrispondono strisce di vario colore {FIG. 3.10}.
In base al loro stato, le norme danno la massima coppia applicabile.
Un problema importante la corrosione delle aste di perforazione, soprattutto in corrispondenza delle
superfici interne, ad opera dei fanghi aggressivi. Si pu intervenire con additivi anticorrosivi o
rivestimenti con vernici particolari.
Il tratto inferiore della batteria formato da aste di maggiori dimensioni dette aste pesanti; esse
servono a fornire il peso allo scalpello. Le aste pesanti sono normalizzate in base al diametro esterno
ed interno, che sono rispettivamente maggiore e minore di quelli delle aste normali. Sono ricavate da
barre piene tornite esternamente, forate internamente e filettate alle due estremit.
La loro maggiore rigidezza riduce la possibilit dinclinazione della batteria e la trasmissione delle
vibrazioni dello scalpello alle aste di perforazione. Generalmente, sono collegate direttamente le une
con le altre, mediante filettature coniche {FIG. 3.11}.

FIG. 3.11 ASTA PESANTE

Esistono anche aste pesanti con scanalature elicoidali esterne, che riducono la possibilit di prese di
batteria e facilitano la risalita del fluido di perforazione nellintercapedine.
Altre hanno recessi sotto le giunzioni per facilitarne la presa. Esistono aste pesanti dacciaio
amagnetico (monel), usate nella perforazione direzionata, per non influenzare sensori di misura che
fanno uso di bussole.
Lintera batteria di perforazione costituisce un elemento sottoposto a varie sollecitazioni e, quindi, si
possono avere rotture, soprattutto, nei punti di passaggio tra aste di diversa sezione, dove si
determinano forti concentrazioni di tensioni.
46

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Per evitare tale pericolo, sinterpongono tra aste normali e quelle pesanti delle aste di rigidezza
intermedia dette heavy wall drill pipes, unite da giunti particolarmente resistenti.
La loro forma simile a quella delle aste di perforazione, ma con maggiori spessori, giunti pi lunghi
e con una ricalcatura nella parte centrale del corpo asta, che funge da stabilizzatore {FIG. 3.12}.

FIG. 3.12 HEAVY WALL DRILL PIPE

Alcune hanno scanalature elicoidali come quelle delle aste pesanti.


Sia le aste di perforazione che quelle pesanti possono essere fornite di lunghezza inferiore a quelle
standard, per adeguare la lunghezza della batteria alle operazioni da eseguire (pup joint e short drill
collar).
Per laccoppiamento di aste di diverso diametro o differente filettatura, sutilizzano delle riduzioni
(cross-over).
Prima di scendere le aste in pozzo, si controlla il loro diametro interno facendovi scorrere un calibro
(drift) di dimensioni note.
Per migliorarne il funzionamento e permettere lesecuzione di particolari operazioni, la batteria di
perforazione viene corredata con altri attrezzi accessori.
I protettori sono manicotti di gomma o di materiale plastico (teflon), con o senza armatura metallica,
aventi un diametro leggermente maggiore di quello dei giunti; servono ad evitare lusura delle aste e
della colonna di rivestimento. Possono essere folli per ridurre gli attriti o presentare scanalature
esterne, diritte od elicoidali, per ridurre le perdite di carico nellintercapedine.
I protettori sono montati sulle aste di perforazione per mezzo di un apposito dispositivo despansione,
meccanico o idraulico, in modo da poter essere collocati nella posizione voluta e da rimanere
strettamente aderenti ad esse.
Gli stabilizzatori sono attrezzi con rigonfiamenti,
utilizzati per diminuire il gioco asta-foro e ridurre la
possibilit di deviazione del pozzo {FIG. 3.13}.
Possono essere integrali o con camicia intercambiabile
sul corpo asta, con lame dacciaio dritte o elicoidali. Il
senso destrorso delle lame facilita, con la rotazione, la
risalita del fluido di perforazione nellintercapedine.
FIG. 3.13 STABILIZZATORI

Vengono montati tra le aste pesanti e la loro disposizione dipende dalla durezza della formazione; in
taluni casi, possono essere folli per non strisciare sul foro.

FIG. 3.14 ALESATORE (DARRON OIL TOOLS)

Quando le pareti del pozzo non sono perfettamente lisce e presentano sporgenze che rendono difficile
la discesa delle colonne di rivestimento, le si ripassa interponendo tra lo scalpello e le aste pesanti un
alesatore, generalmente a rulli (roller reamer) {FIG. 3.14}.
Il percussore (jar) un attrezzo che fornisce dei colpi verso lalto, per liberare la batteria in caso di
presa (se i colpi sono diretti verso il basso si parla di bumper). Lazione di martellamento ottenuta
47

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


tirando o rilasciando la batteria tramite la taglia. Nel jar di tipo idraulico, lazione regolata da un
pistone che, sottoposto a trazione, comprime un fluido {FIG. 3.16}. Nel momento in cui il pistone
entra nella camera a maggior sezione, si ha un rapido deflusso dellolio nella camera inferiore.

FIG. 3.15 JAR (DAILEY)

Allespansione dellolio consegue un forte colpo verso lalto, generato dallarresto improvviso del
pistone contro un risalto ricavato nella camicia.
Nel jar di tipo meccanico, il tiro applicato alla batteria contrastato
da un elemento di frizione, il cui attrito pu essere regolato in
superficie tramite una ghiera. Superato il restringimento, attraverso
il quale si sviluppa la resistenza dellelemento di frizione,
lelasticit accumulata nelle aste si libera e determina un colpo
verso lalto, per improvviso arresto di un mandrino contro un risalto
ricavato nella camicia.
Il jar inserito tra le aste pesanti, sopra il pi alto stabilizzatore
presente in batteria. Il bumper montato sotto il jar.
Nella parte superiore dellattrezzo, si trova un profilo scanalato per
permettere la trasmissione della rotazione e lo scorrimento assiale.
Lo strumento dispone di un sistema di bloccaggio per evitare colpi
incontrollati durante le manovre o durante la perforazione.
FIG. 3.16 FUNZIONAMENTO DEL JAR Esercitando un fissato sovrattiro, il sistema si sblocca e il jar si apre.
I parametri progettuali pi importanti del jar sono il diametro esterno ed interno, la lunghezza, la forza
dinamica fornita e la corsa descursione.
Lintensificatore di percussione (jar intensifier) un attrezzo posto sopra il jar (con tre aste pesanti
interposte) ed impiegato per accentuarne lazione. Durante il sovrattiro per fare scattare il jar, un
mandrino interno allo strumento comprime un fluido in una camera. Lenergia elastica accumulata dal
fluido si libera in concomitanza dellazione di martellamento del jar, aumentando la velocit e la
battuta delle aste pesanti sottostanti.
Lassorbitore durti (shock absorber o shock eze) un utensile ammortizzatore, posto nel tratto di
batteria stabilizzata, ad una ventina di metri dallo scalpello {FIG. 3.17}. Permette piccoli movimenti
assiali del tratto inferiore della batteria, evitando il rapido danneggiamento dei denti e dei cuscinetti di
supporto degli scalpelli a rulli.

FIG. 3.17 ASSORBITORE DURTI

Lo stabilizzatore di peso allo scalpello (thruster) un attrezzo che permette di mantenere costante la
forza esercitata sul bit, aumentandone la vita e le prestazioni. costituito da un cilindro idraulico,
solidale con il resto della batteria, e da un pistone, libero di muoversi assialmente, al di sotto del quale
si montano il motore di fondo e lo scalpello. La costanza del peso scaricato sullo scalpello assicurata
dalla pressione di circolazione dal gioco relativo tra diametro interno ed esterno del pistone.
Lutensile allargatore (hole opener o underreamer) permette daumentare il diametro di un foro
fatto; usato, spesso, nelle fasi superficiali, per facilitare il lavoro delle apparecchiature di rimozioni
solidi o per utilizzare attrezzature disponibili solo con certi diametri {FIG. 3.18}.
48

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Ci sono allargatori apribili che permettono
dattraversare un foro con un certo diametro e di
allargarne la parte inferiore. Hanno dei bracci
incernierati e tramite la pressione di pompaggio
viene fatta scorrere una camicia, che provoca la
loro espansione fino al diametro voluto.

FIG. 3.18 ALLARGATORE

Una molla, che viene compressa in apertura dei bracci, a fine pompaggio, risolleva la camicia
permettendo loro di richiudersi sul corpo {FIG. 3.19}:

FIG. 3.19 ALLARGATORE APRIBILE (SMITH SERVCO)

In alcuni casi, la batteria pu disporre di un giunto di sicurezza (safety joint), composto da due pezzi
uniti con filettatura adatta ad un rapido svitamento. La sua funzione quella di permettere lo
svitamento ed il recupero della parte di batteria sovrastante il giunto, qualora fosse necessario.

FIG. 3.20 ELEVATORE A SEGGIOLA

FIG. 3.22 CHIAVE A CATENA

FIG. 3.21 CHIAVE DI MANOVRA

FIG. 3.23 CUNEI

FIG. 3.24 CRAVATTA

49

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.25 POSIZIONAMENTO ATTREZZATURE

50

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Durante le manovre sul piano sonda sono impiegati diversi attrezzi di corredo.
Gli elevatori sono impiegati per manovrare le aste, i tubi e le colonne di rivestimento. Possono essere:
manuali, con collare richiudibile intorno alle aste, sotto il giunto (elevator o side door)
{FIG. 3.20};
automatiche, con corpo cilindrico dotato di cunei azionati pneumaticamente (spider).
Le chiavi di manovra sono usate per avvitare e o serrare tra loro il materiale tubolare.
Quelle manuali sono azionate da una fune tirata dal cabestano {FIG. 3.21} o da un pistone idraulico
(hydraulic line pulling device), mentre quelle automatiche possono essere pneumatiche (spinner
wrench) o idrauliche (iron roughneck).
Sono classificate in base alla massima torsione applicabile e allintervallo dei diametri di presa.
I cunei sono utilizzati per bloccare, sul piano sonda, la batteria quando questa non collegata alla testa
diniezione {FIG. 3.23}.
Durante la discesa o estrazione di aste pesanti, tubi o altre attrezzature aventi la superficie esterna
molto liscia, il bloccaggio con i cunei pu non essere sufficiente. Per maggiore sicurezza, si blocca
intorno ad esse, sopra i cunei, una catena denominata cravatta (safety clamp) {FIG. 3.24}.

3.4 CIRCUITO DEI FLUIDI DI PERFORAZIONE


Il circuito dei fluidi di perforazione costituito dalle condotte di distribuzione, dalle pompe, dal
vibrovaglio, dai cicloni, dal degassatore, dalle vasche, dagli agitatori e altre attrezzature accessorie.
Le pompe servono a fornire lenergia necessaria per la circolazione del fluido. Generalmente, si
impiegano pompe alternative a tre pistoni per la maggiore prevalenza (energia fornita allunit di
massa di liquido sotto forma potenziale, pressoria, cinetica), che forniscono rispetto alle altre tipologie.
Possono essere a semplice effetto (generalmente possono raggiungere la velocit di 120 colpi/min) o a
doppio effetto (generalmente possono raggiungere la velocit di 80 colpi/min).
Queste pompe permettono di montare accoppiamenti pistone-camicia di diametro diverso, in modo da
poter adeguare la portata alle diverse necessit che si presentano durante la perforazione.
Poich le pompe alternative sono caratterizzate da portate e pressioni con andamento pulsante nel
tempo, per evitare danneggiamenti alle condotte di circolazione e alle pompe stesse, viene inserito
nella tubazione di mandata un compensatore di pulsazioni (pulsation dampener).
Leffetto dattenuazione delle pulsazioni ottenuto con un polmone dopportuno volume. In parte di
questo volume, passa il fluido di circolazione, mentre nella restante, separata da un diaframma, si ha
un gas in pressione (generalmente, azoto con 50 % della pressione minima di lavoro della pompa).
Per le pompe ci sono tabelle che forniscono la pressione, la portata, il rendimento, la potenza, in
funzione del volume delle camicie e del numero di colpi {TAB. 3.1}.
N colpi/min
VOLUME CAMICIE
[dm3]
24.35
22.70
21.11
19.58
18.10
16.68
15.32
14.02
Potenza assorbita [kW]
Potenza idraulica [kW]

40

50

60

70

80

90

100

110

120

PRESSIONI
[MPa]

974
908
844
783
724
667
613
561
392
353

1218
1135
1056
979
905
834
766
701
491
442

1461
1352
1267
1175
1086
1001
919
841
589
530

1705
1589
1478
1371
1267
1168
1072
981
686
617

1948
1816
1689
1566
1448
1334
1226
1122
785
706

2192
2043
1900
1762
1629
1501
1379
1262
883
795

2435
2270
2111
1958
1810
1668
1638
1402
980
882

2679
2497
2322
2154
1991
1835
1685
1542
1080
972

2922
2724
2533
2350
2172
2020
1838
1682
1176
1060

22.5
24.1
25.9
28.0
30.3
32.8
35.2
35.2
m = 0.9
v = 1

TAB. 3.1 PORTATE [dm3/min] DI UNA POMPA TRIPLEX

51

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.26 CIRCUITO DEL FLUIDO DI PERFORAZIONE

52

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


In un impianto vengono usate almeno due pompe, collegate in parallelo, per ragioni di sicurezza e
flessibilit di funzionamento. Quando le richieste di portata diventano gravose, le pompe vengono
fatte funzionare contemporaneamente.
Le pompe alternative sono sovralimentate da pompe centrifughe per aumentarne il rendimento.
Le pompe centrifughe sono utilizzate, anche, per il confezionamento e la miscelazione dei fluidi, per la
circolazione di superficie, per il rifornimento idrico.

FLOW LINE

BOP A SACCO

BOP A GANASCE

KILL LINE

CHOKE LINE

ROCCHETTO DISTANZIERE

CORPO BASE

COLONNA DI RIVESTIMENTO

CANTINA
FIG. 3.27 LINEE DINGRESSO E DUSCITA DEL FLUIDO DI PERFORAZIONE DALLA TESTA POZZO

53

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Dalle pompe, il fluido di perforazione pu essere inviato:
alla testa diniezione, attraverso il tubo di mandata (stand pipe) e il tubo flessibile (rotary
hose), per essere immesso allinterno delle aste;
alla testa pozzo, sotto le attrezzature di sicurezza, attraverso una linea (kill line), per essere
immesso nellintercapedine e fare una circolazione inversa;
ad un circuito di superficie che collega varie attrezzature e permette di non inviare il fluido in
pozzo.
Questo sistema di distribuzione, nel suo complesso, si chiama manifold ed controllato vicino alle
pompe o sul piano sonda.
Il fluido di perforazione scende a fondo pozzo allinterno delle aste e risale nellintercapedine; uscito
dal pozzo, viene inviato attraverso un tubo a pipa (flow line) al vibrovaglio, ove la maggior parte dei
detriti rimossa ed inviata al vascone dei rifiuti.
Il fluido di perforazione prosegue il suo percorso, tra le varie attrezzature di rimozione solidi, in un
canale, per giungere alla vasca daspirazione; osservando come scorre in esso, si pu avere unidea di
come scorre il fluido nellintercapedine.
Sotto le attrezzature di sicurezza collegata una linea chiamata choke line che viene utilizzata per
scaricare i fluidi dal pozzo, quando esse sono chiuse.
La choke line parte dalla testa pozzo ed arriva al choke manifold, cio ad un sistema di condotte ad
alta pressione, con interposte valvole e dusi regolabili, a comando idraulico e manuale. Serve a
regolare la pressione del fluido a testa pozzo e a scaricarlo, secondo lo stato di contaminazione o di
gassificazione in cui si presenta, nella condotta della fiaccola, nel degassificatore, nel vascone dei
rifiuti o nelle vasche del fango.
I vibrovagli (shale shakers) sono costituiti da una o due reti sovrapposte e leggermente inclinate, che
vengono fatte vibrare attraverso degli eccentrici o motori idraulici. Il fluido filtra verso il basso,
mentre i detriti vengono accelerati verso lalto, per aumentare la forza di separazione, e in avanti, per
permetterne la caduta nella vasca dei rifiuti.
Ad opera di queste azioni, i detriti seguono una traiettoria parabolica; i parametri della vibrazione
devono essere ottimizzati per avere il minimo tempo di permanenza sulla rete.
Alcuni vibrovagli permettono la regolazione dellinclinazione della rete e della velocit dei motori.
Altri hanno, tra le due reti, un piatto che riporta il fluido di perforazione allinizio della rete inferiore
per aumentare il tempo di setacciatura, altri ancora hanno reti di diversa meshiatura disposte in
sequenza.
Le dimensioni dei detriti eliminabili con i vibrovagli dipendono dalle reti utilizzate; si va dai 75 m di
una rete 200x200 mesh a 465 m di una 20x20 mesh. Questi valori sono forniti dai costruttori e sono
valori medi di una curva di separazione gaussiana. Ci possono essere differenze tra reti nominalmente
uguali, per non parlare del materiale dei fili che pu renderle pi o meno resistenti allusura.
Per aumentare la superficie della rete senza aumentare eccessivamente lo spazio occupato, alcuni
costruttori forniscono reti ondulate (piramidali).
Di seguito, per separare i detriti pi fini si usa una batteria di cicloni (desander), che utilizzano la
forza centrifuga per aumentare la velocit di sedimentazione dei solidi.
Si tratta di un cono rovesciato, nella cui parte superiore viene immesso tangenzialmente il fluido di
perforazione. Ad opera della forza centrifuga e della forza di gravit, i detriti compiono una traiettoria
a spirale lungo il cono e cadono al fondo, mentre il fango esce dallalto, per laumento di pressione
conseguente alla perdita denergia cinetica.
I cicloni riescono ad eliminare solidi di dimensioni superiori a 60 m; per aumentare la capacit di
separazione, occorre aumentare la forza centrifuga diminuendo il diametro del ciclone. Si arriva, cos,
a separare solidi di diametro superiore a 15 m (desilter).
I cicloni vengono impiegati, anche, per recuperare gli eventuali materiali dappesantimento contenuti
nel fluido di perforazione.

54

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.28 ALTRI PARTICOLARI DI UN IMPIANTO DI PERFORAZIONE A TERRA

55

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

VOLUME
TRATTATO
3
[m /h]

Per eliminare particelle solide ancora


pi piccole, si ricorre alle centrifughe.
Queste sono costituite da due parti,
rotanti nello stesso verso, ma a diversa
velocit. Il tamburo, nel quale viene
convogliato centralmente, tramite un
albero cavo, il fango da centrifugare, e
una coclea che estrae il particolato
accumulatosi sulle pareti.

CENTRIFUGHE

20-40
4-120
30-250

CICLONI
VIBROVAGLI
DIMENSIONI DEI SOLIDI RIMOVIBILI

FIG. 3.29 CAPACIT DI TRATTAMENTO DELLE ATTRAZZATURE

Di solito, se ne utilizzano due collegate in parallelo per trattare grandi portate o in serie per il recupero
di barite da fluidi ad alta densit. In alcuni casi, possono essere utilizzate per recuperare la fase liquida.
Il gas, contenuto negli strati attraversati durante la perforazione, pu entrare in pozzo e contaminare il
fango; questa presenza fastidiosa perch diminuisce il rendimento delle pompe, pu originare
problemi deruzione, pu avere effetti tossici e corrosivi. Per fanghi a bassa viscosit, la separazione
avviene in buona parte attraverso il vibrovaglio per semplice areazione; ove tale separazione non sia
sufficiente, il fluido viene fatto passare attraverso i degassatori (degasser), che possono sfruttare
diversi principi fisici.

FIG. 3.30 ATTREZZATURE PER IL TRATTAMENTO DEL FLUIDO DI PERFORAZIONE

56

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Si pu eliminare il gas aspirando il fluido di perforazione, con una pompa da vuoto, per aumentare la
differenza di pressione di separazione. Si pu iniettare, con una pompa centrifuga, il fluido in un tubo
Venturi; lincremento di velocit del fluido nella sezione ristretta, crea una depressione che favorisce
la separazione, insieme allagitazione meccanica e ad unazione centrifuga.
I gas liberati vengono bruciati con delle fiaccole per evitarne la dispersione incontrollata
nellatmosfera. Per evitare di causare danno alle persone e allimpianto, le fiaccole vengono installate
a distanza di sicurezza. Generalmente, una fiaccola si compone di uno spezzone finale (flare tip), un
separatore di condensa (flare drum), un sistema daccensione e darresto della fiamma a distanza.
La funzione di riserva del fluido di perforazione, per sopperire ad improvvise richieste, affidata alle
vasche. Sono, generalmente, dei container di forma rettangolare, con una capacit di 30 40 m3. Le
vasche contenenti i reflui possono essere in cemento, elementi prefabbricati o semplici fosse ricoperte
con teli impermeabili. La loro capacit totale deve essere superiore a met del volume del pozzo;
generalmente, alcune centinaia di metri cubi.
Il circuito dei fluidi di perforazione, corredato:
da silos, per lo stoccaggio delle sostanze da aggiungere al fluido;
da miscelatori (mud mixers), cio tramogge a vaso conico per il confezionamento del fluido;
dagli agitatori meccanici o a fucile (tubi immersi nelle vasche, dai quali esce fluido in pressione),
usati per contrastare leffetto della tixotropia1 e per mantenere omogeneo il fluido;
da eiettori, cio dispositivi, che sfruttando leffetto Venturi, sono utilizzati per svuotare le vasche
dal fango contaminato.
Sempre pi spesso, per ragioni economiche ed ambientali, questo schema classico di circuito fanghi
corredato da un modulo di trattamento reflui (close loop). Si tratta di un impianto con una filtropressa
che, con laiuto di alcuni additivi, permette di disidratare il fango refluo (cuttings), recuperandone
lacqua e determinando minori costi di smaltimento.
In fase di perforazione, il pozzo pu fornire o assorbire fluidi; occorre, quindi, controllare il volume
pompato e quello uscente con due misuratori di portata posti, luno sulla linea di mandata e laltro
sulla linea di ritorno. Durante le manovre, questa corrispondenza deve essere corretta con il volume
dingombro delle aste tolte o immesse; a tale scopo sutilizza un serbatoio cilindrico di riempimento
(trip tank o possum belly) posto poco prima del vibrovaglio. Togliendo una lunghezza (3 aste), il
livello del fluido in pozzo scende e viene reintegrato con il fluido contenuto nel serbatoio; con un
misuratore di livello si controlla che il volume sia quello giusto. Aggiungendo una lunghezza, il
fluido, uscente dal pozzo, viene inviato al serbatoio per il medesimo controllo. Quando il serbatoio
pieno, si travasa il fluido al vibrovaglio.

3.5 FLUIDI DI PERFORAZIONE


I fluidi di perforazione rappresentano uno dei fattori determinanti per la buona riuscita di un pozzo.
Essi possono avere unincidenza notevole sul costo realizzativo totale del pozzo; circa un 10 % per
lacquisto del prodotto e un altro 10 % per il suo smaltimento.
Il fluido di perforazione ha molteplici funzioni. Deve impedire lingresso in pozzo dei fluidi di strato
(olio, gas e acqua), esercitando una pressione idrostatica superiore a quella dei pori, onde evitare il
pericolo deruzione. Serve a formare un pannello (cake) sulle superfici del foro, cio una specie
dintonaco che le sorregga. Il pannello si forma con la parte colloidale del fluido, mentre la parte
liquida penetra, pi o meno profondamente, nella formazione (filtrato). Il pannello deve essere
sufficientemente tenace da sostenere il terreno, ma non deve essere troppo spesso, per non ostacolare
la risalita dei detriti ed aumentare il pericolo di prese di batteria.
Lo spessore del pannello determina ed determinato dal filtrato, che invade la formazione.
1

Propriet di alcune sostanze liquide di formare un ammasso pi o meno gelatinoso a riposo e di tornare allo
stato liquido se agitate.

57

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Un corretto valore della filtrazione contribuisce alla riduzione del danneggiamento di formazioni
mineralizzate.
Il fluido di perforazione deve rimuovere e trasportare in superficie i detriti. Questa funzione molto
importante, perch la rapidit con la quale i detriti di perforazione sono rimossi dal fondo del pozzo
influenza la velocit davanzamento e la durata dello scalpello.
Il fluido di perforazione deve evitare la sedimentazione dei detriti in sospensione nel pozzo, quando si
arresta la circolazione, per mezzo delle sue caratteristiche tixotropiche. Questa propriet molto
importante nei pozzi ad alta deviazione od orizzontali, a causa del breve tratto di ricaduta dei detriti
verso le pareti del foro.
Deve permettere deffettuare buone misure in pozzo e non dar luogo a perdite di carico eccessive.
Il fluido di perforazione serve a trasmettere la potenza meccanica e idraulica allo scalpello e, in alcuni
casi, a trasmettere in superficie i dati di strumenti di misura in pozzo.
Il fluido di perforazione raffredda e lubrifica gli utensili di perforazione e diminuisce gli attriti tra
batteria e foro.
Tutte queste funzioni sono conseguite attraverso determinate caratteristiche del fluido di perforazione.
Poich queste caratteristiche possono influenzare positivamente alcune funzioni e negativamente altre,
scopo del progettista quello di dimensionarle opportunamente, cercando un equilibrio tra loro, in
modo da raggiungere il fine prefissato con il minimo costo.
Poich medesime caratteristiche possono essere ottenute con varie formulazioni, compito del
progettista sar, anche, quello dindicare la tipologia del fluido. In questa scelta possono intervenire
anche altre variabili, quali le legislazioni esistenti in un Paese o interferenze con le misure in pozzo.
La densit la propriet pi importante di un fluido di perforazione. Un aumento di densit e, quindi,
della pressione in pozzo favorisce il sostentamento delle pareti del foro, evita lingresso dei fluidi di
strato, ostacola la ricaduta dei detriti, ma nello stesso tempo influenza negativamente la velocit
davanzamento dello scalpello, si pu avere fratturazione degli strati, aumenta la pressione
differenziale e, quindi, il rischio di prese di batteria, aumenta la potenza richiesta alle pompe, aumenta
lo spessore del pannello, ostacola la separazione dei detriti in superficie.
La densit viene misurata attraverso una bilancia a leva,
avente da una parte un recipiente di volume noto e dallaltra
un contrappeso scorrevole su un braccio {FIG. 3.31}. In
alcuni casi il fluido pu essere areato, quindi, pu dare una
densit apparente inferiore a quella reale. In questi casi,
occorre utilizzare una bilancia a pressione del tutto simile
alla precedente, ma con un coperchio a tenuta ermetica e
una valvola, in modo che, pressurizzando il volume del
recipiente, si possano comprimere eventuali bollicine di gas.
FIG. 3.31 BILANCIA A LEVA (BAROID)

La densit del fluido aumenta in circolazione per larricchimento dei detriti di perforazione, difficili da
eliminare.
Applicando uno sforzo di taglio (shear stress) tra due strati adiacenti di fluido, si determina un
regime di velocit delle particelle, crescente con la distanza dalla lamina {FIG. 3.32}. Ne risulta un
gradiente di velocit  (shear rate), definito come la differenza tra le velocit di due livelli diviso la
dv
distanza interposta; in termini differenziali:  = .
dy
La relazione tra sforzo di taglio e gradiente di velocit  definisce il comportamento reologico del

fluido. Il rapporto tra queste due grandezze si definisce viscosit dinamica: = .




58

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


DILATANTE

NEWTONIANO
PSEUDOPLASTICO


FIG. 3.32 LEGAME TRA SFORZO DI TAGLIO E GRADIENTE DI VELOCIT

Lunit di misura della viscosit nel Sistema Internazionale il Pa*s, ma spesso si usa il centipoise
(10-3 Pa*s). Spesso, si fa uso della viscosit cinematica definita come il rapporto tra la viscosit

dinamica e la densit del fluido: = . Lunit di misura della viscosit cinematica nel S. I. il m2/s,

-6
2
ma spesso si usa il centistoke (10 m /s).
Tutti i fluidi che presentano un legame lineare tra sforzo di taglio e gradiente di velocit, a pressione e
temperatura costanti, si definiscono newtoniani.
I fluidi reali hanno, generalmente, un comportamento non newtoniano; essi possono essere descritti
con modelli pi o meno complessi.
In particolare, i fluidi di perforazione hanno, generalmente, un comportamento pseudoplastico, cio
hanno una viscosit che diminuisce con laumentare del gradiente di velocit. A tale proposito, si nota
come tale comportamento sia favorevole alle funzioni del fluido di perforazione; infatti, esso ha, ad
opera della maggiore velocit, una bassa viscosit allinterno delle aste inducendo, cos, ridotte perdite
di carico e unalta viscosit nellintercapedine, contribuendo ad una migliore pulizia del foro.
In letteratura esistono numerose leggi matematiche che descrivono il comportamento reologico di un
fluido, e la loro scelta va fatta contemperando tra semplicit e precisione richiesta dallanalisi:
modello di Newton = *  ;
modello di Bingham = 0 + p *  {FIG. 3.33};

modello di Ostwald e De Waele = k *  n ;

modello di Herschel e Bulkley = 0 + k *  n {FIG. 3.33}.

BINGHAM

MODELLO DI HERSCHEL
n<1

n=1
CURVA REALE

n>1

FIG. 3.33 MODELLI REOLOGICI

Nel campo petrolifero, per le indicazioni di massima del fluido di perforazione, si fa riferimento al
semplice modello di Bingham, dove 0 lintercetta positiva sullasse dello sforzo di taglio (per valori
del gradiente di velocit nulli), ed indicata con terminologia inglese yield point, e p la viscosit
plastica cio la pendenza della curva.
59

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


La viscosit di un fluido di perforazione dipende:
dalla viscosit del fluido di base (fase continua);
dimensioni, forma e numero delle particelle solide contenute (viscosit plastica);
forze interparticellari (yield point).
Un aumento di viscosit ostacola la ricaduta dei detriti, favorisce il sostentamento delle pareti, ostacola
le perdite di circolazione, ma rende pi difficile il pompaggio, ostacola la separazione dei detriti in
superficie, facilita la formazione di zone di ristagno.
Generalmente, in un foro superficiale, dato il gran diametro, le basse velocit di risalita e la pezzatura
grossolana dei detriti, difficile ottenere una buona pulizia del pozzo senza intervenire sulla viscosit.
La capacit di pulizia del foro da parte del fluido di perforazione dipende dalla differenza tra la sua
velocit ascensionale e quella di ricaduta dei detriti. La prima funzione della portata e della sezione
dellintercapedine, la seconda regolata dalla legge di Stokes (valida per particelle sferiche):
2

v cad =

dp p f g
18

(3.1)

dove dp e p sono il diametro equivalente e la densit delle particelle, f e la densit e la viscosit


dinamica del fluido e g laccelerazione di gravit.
Per aumentare la velocit di risalita dei detriti, si dovr aumentare quella del fluido, incrementando la
portata e diminuendo lintercapedine aste-pozzo, e diminuire quella di ricaduta degli stessi,
incrementando la densit e/o la viscosit del fluido di perforazione.
Oltre a ci, si deve considerare anche il tipo di flusso che si ha lungo lintercapedine aste-pozzo, che
pu essere di tipo laminare o di tipo turbolento.
Nel primo caso, le particelle del fluido si muovono ordinatamente tutte nella stessa direzione, ma con
velocit diverse secondo la loro posizione; landamento delle velocit di tipo parabolico {FIG. 3.34}.
Nel secondo caso, le particelle del fluido sono caratterizzate da un moto disordinato, vorticoso, ma con
risultanti medie anchesse nella direzione di risalita; landamento delle risultanti delle velocit
istantanee , anchesso, di tipo parabolico e con un profilo pi piatto {FIG. 3.34}.
Il profilo parabolico delle velocit pu determinare zone di rideposizione a ridosso delle pareti.
Sulla velocit di risalita del fluido e, quindi, sulla capacit di rimozione dei detriti influisce anche la
rotazione delle aste. Infatti, durante la rotazione, aumenta la velocit di risalita del fluido, soprattutto
vicino alla batteria; i profili parabolici si appiattiscono verso le aste {FIG. 3.35}.

FIG. 3.34 DISTRIBUZIONE DELLE VELOCIT DEL


FLUIDO SENZA ROTAZIONE DELLE ASTE

FIG. 3.35 DISTRIBUZIONE DELLE VELOCIT DEL


FLUIDO CON ROTAZIONE DELLE ASTE

60

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Si capisce, quindi, come la velocit di risalita sia maggiore con il flusso turbolento e perci tale tipo di
flusso , teoricamente, quello ottimale.
Per la misura della viscosit si usano, generalmente, i viscosimetri capillari e rotazionali.
I primi sono rappresentati, generalmente, dallimbuto Marsh, un recipiente conico riempito di un
volume fisso di fluido, con il quale si misura il tempo duscita (in secondi) del contenuto (1 dm3) da un
tubino posto nella parte inferiore del cono {FIG. 3.36}.

FIG. 3.36 IMBUTO MARSH (BAROID)

FIG. 3.37 VISCOSIMETRO ROTAZIONALE (BAROID)

Una buona viscosit varia tra 35 a 40 s (quella dellacqua di 26 s); essa aumenta con la presenza dei
detriti di perforazione fino a 35 45 s con sabbia fine, 45 55 s con sabbia media, 55 65 s con
sabbia grossa.
Il viscosimetro rotazionale {FIG. 3.37} consta di due cilindri coassiali accoppiati meccanicamente
dal fluido. Quello esterno pu ruotare a varie velocit, mentre quello interno collegato ad una molla
tarata, che trasmette ad un quadrante graduato, i valori di torsione cui sottoposta; la torsione
proporzionale alla viscosit del fango.
Si rilevano due misure: luna a 600 giri/min (600), laltra a 300 giri/min (300). La viscosit plastica p
in centipoise pari alla differenza tra la lettura a 600 giri/min e quella a 300 giri/min: p = 600 - 300.
Lyield point (Pa) pari a: 0.48 * (2*300 - 600) (0.48 il fattore di conversione di lb/100 ft2 in Pa,
perch tali strumenti sono tarati in unit di misura inglesi).
La viscosit varia con la temperatura, quindi, diminuisce con la profondit per
laumento della medesima.
La tixotropia (gel) influisce sulla capacit di mantenere i solidi in sospensione,
ma aumenta la richiesta denergia delle pompe per la ripresa della circolazione.
Il valore di gel del fluido di perforazione si misura con il viscosimetro
rotazionale. Dopo aver messo in agitazione il cilindro esterno ad alta velocit,
si spegne il motore, lasciando riposare il fluido. Dopo un certo tempo (una
lettura a 10 s ed una a 10 min) si riaccende il motore a 3 giri/min.
Lindice risale per la resistenza offerta dal fluido, per poi ridiscendere dopo la
rottura del gel; il massimo valore raggiunto moltiplicato per il fattore di
conversione 0.48 rappresenta il valore del gel in Pa.
Il filtrato la propriet di un fluido di perforazione di rilasciare la fase liquida
in formazione. Un alto valore di filtrato pu interferire con le formazioni e
aumentare il rischio di prese di batteria.
Si misura con una filtropressa, cio un recipiente cilindrico con un filtro di
carta, supportato da una rete metallica al fondo. Applicando una certa
pressione per un certo tempo (30 min) ad un volume di fluido, si misura la
FIG. 3.38 FILTROPRESSA quantit di filtrato e lo spessore del pannello sul filtro {FIG. 3.38}.
(BAROID)

61

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Esistono anche filtropresse ad alta temperatura e alta pressione per ricreare il pi possibile le
condizioni a fondo pozzo.
Per non invadere eccessivamente la formazione, un fango non deve avere un filtrato superiore a 10
cm3 e formare un pannello di spessore superiore a 3 mm.
Il contenuto di sabbia del fluido di perforazione deve essere monitorata perch influisce sulla sua
viscosit, causa lusura delle camicie e dei pistoni delle pompe, influisce sullo spessore del pannello;
consigliabile non superare il valore del 2 % in volume.
Si misura con un elutriometro, costituito da un imbuto con un setaccio da 200 mesh.
La stabilit una propriet correlabile con la rigidezza elettrica del fluido. Si misura con due elettrodi
alimentati da corrente elettrica; la stabilit del fluido (emulsione) indicata dal voltaggio fornito agli
elettrodi al momento della rottura.
Oltre a queste propriet, un fluido di perforazione caratterizzato da altre grandezze, misurate con
analisi chimiche: alcalinit, contenuto di calce, contenuto di CaSO4, contenuto in solidi, contenuto in
olio, contenuto in argilla attiva.
I fluidi di perforazione possono essere classificati in base al tipo di fase continua:
fanghi a base dacqua (dolce, salmastra, di mare);
a base dolio (diesel);
in base allo stato e azione delle sostanze contenute:
non disperso e inibito (il termine non disperso si riferisce alla capacit dellargilla di trovare il
proprio equilibrio di dispersione nella soluzione acquosa);
disperso e inibito (il termine inibito si riferisce alla presenza di uno ione specifico, quale il calcio,
cloruro, potassio che inibirebbe la capacit della formazione dassorbire acqua);
disperso e non inibito;
non disperso e non inibito;
oppure, in base ai componenti che maggiormente lo caratterizzano.
I fluidi a base dacqua sono i pi utilizzati e i pi economici, ma offrono i maggiori limiti.
I fluidi a base dolio, grazie alla loro natura non polare, rendono il sistema non sensibile ai
contaminanti chimici (sale, anidrite, cemento, CO2, H2S). Il filtrato, che tutto olio, inibisce le argille
presenti in formazione, impedendo cos il loro rigonfiamento. Se ben formulato, un fango ad olio
stabile alle alte temperature dei pozzi profondi. Minimizza i problemi di presa di batteria per presa
differenziale, riduce i valori di torsione e di sovrattiro, riduce la corrosione delle aste.
Ha un pi alto costo iniziale di confezionamento, ma minori costi di mantenimento; il costo pu essere
ulteriormente ridotto dalla possibilit di riutilizzo. Ha il grave svantaggio dellimpatto ambientale e dei
limiti dutilizzo nelle formazioni in cui si verificano perdite di circolazione.
Bench la viscosit di un fango ad olio, sia pi elevata di un fango ad acqua, essa maggiormente
influenzata dalla temperatura.
Partendo da questi fluidi base, saggiungono altri componenti per modificarne le propriet e, quindi,
conferire certe caratteristiche.
Il materiale dappesantimento serve ad aumentare la densit del fluido di perforazione. Oltre ad avere
un alto valore specifico, deve essere chimicamente inerte, disponibile in grande quantit, facilmente
macinabile per portarlo alla giusta granulometria, poco abrasivo, non inquinante, n tossico.
Lappesantente pi diffuso la barite (BaSO4), con una densit intorno a 4.2 kg/dm3. Secondo la
presenza di piccole percentuali di altri componenti, pu essere di colore grigiastro o rossiccio. La
barite ha una solubilit praticamente nulla, quindi, si trova in sospensione sia in fluidi a base dacqua
che a base dolio; permette di raggiungere densit fino a 2.2 kg/dm3.
Il carbonato di calcio (CaCO3) utilizzato come materiale dappesantimento perch forma un pannello
rimovibile con un trattamento acido. Anchesso ha una bassa solubilit tale da essere presente come
fase dispersa. La sua densit (2.7 kg/dm3) limita la massima densit ottenibile (1.2 kg/dm3).
Lematite (Fe2O3) insolubile ed ha una densit di 5 kg/dm3.
La galena (PbS), con una densit intorno a 7.5 kg/dm3, usata solo per fluidi estremamente pesanti
(fino a 3.2 kg/dm3) per lalto costo e la sua tossicit.
62

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Lappesantimento pu essere ottenuto anche con sali solubili (KCl, NaCl, CaCl2, KBr, CaBr2, ZnBr2).
I materiali pi comunemente utilizzati come viscosizzanti sono le argille e i polimeri naturali o
sintetici. Sono utilizzati per migliorare la capacit di rimozione dei detriti dal pozzo.
Per lutilizzo di questi prodotti, i fluidi di perforazione sono denominati usualmente fanghi.
Sutilizza bentonite, contenente almeno l85 % di montmorillonite; essa classificata come bentonite
di sodio o calcio, secondo il principale catione di scambio.
Lattapulgite si usa come agente di sospensione in soluzioni saline. Quando posta nellacqua non si
gonfia come la bentonite, ma deve essere miscelata vigorosamente per separare i fasci di cristalli
aghiformi.
I materiali intasanti riducono le perdite di circolazione ad opera della porosit della formazione;
possono essere fibrosi (fibre di cotone, setole di suino, segatura), a scaglie (cellophane a strisce,
scaglie di mica, legno) o granulari (gusci di noci macinati).
Quando non si riesce a controllare la viscosit e le propriet tixotropiche del fango mediante la sola
concentrazione di viscosizzante, si usano prodotti fluidificanti, disperdenti o deflocculanti (tannini
vegetali, lignosulfonati, cromolignite, ligniti, polimeri sintetici, silicati e fosfati), che modificano le
interazioni chimico-fisiche tra solidi e sali disciolti.
I tensioattivi sono usati nei fluidi di perforazione come emulsionanti, agenti bagnanti e per diminuire
lidratazione delle particelle dargilla.
Gli antischiumogeni (olio di ricino, stereato dalluminio, composti al silicone) sono usati per ridurre la
schiuma che si forma nei fanghi salmastri o saturi di sale, o per diminuire lidratazione di un fango.
I lubrificanti (gasolio, oli sintetici, oli vegetali, oli animali, grafite, palline di vetro, composti asfaltici)
servono per ridurre gli attriti tra batteria e foro.
I polimeri sono sostanze a struttura macromolecolare, naturali (quebracho, lignosolfonati, tannini,
amidi) o sintetici (poliacrilati, poliacrilammidi) e, secondo le loro caratteristiche chimiche, possono
comportarsi da viscosizzanti, flocculanti, deflocculanti, riduttori di filtrato, stabilizzanti.
I materiali per stabilizzare le argille (polimeri, idrocarburi asfaltici, sali di calcio e di potassio)
ostacolano lidratazione e il rigonfiamento delle argille reattive (la reattivit si riferisce alla capacit di
fissare ioni positivi). Per la stabilizzazione delle argille che rigonfiano meglio utilizzare lo ione
ARGILLE
potassio (K+) che lo ione calcio (Ca++) perch, pur

FLOCCULATE
avendo minor valenza (minore inibenza), pi piccolo
ARGILLE
DISPERSE
ARGILLE
e, quindi, pu penetrare nelle argille pi facilmente. Gli
AGGREGATE
ioni positivi dei sali inibenti agiscono anche sullargilla
presente nel fango, in funzione della loro quantit e del
tempo di azione, variando la viscosit del fluido. Per
inibire la formazione e non variare le caratteristiche del
fango, si possono aggiungere dei polimeri per
proteggere la bentonite del fluido di perforazione
% DI IONE INIBENTE NEL FANGO
% DI POLIMERO NEL FANGO
{FIG. 3.39}.
FIG. 3.39 EFFETTI DEGLI STABILIZZANTI
SULLE ARGILLE

Gli additivi anticorrosivi proteggono la batteria dalla corrosione. Possono ridurre leventuale presenza
dossigeno nel fango (solfiti, cromati, alcuni materiali organici), rimuovere lH2S, facendo precipitare
solfuri di ferro e zinco, o proteggere le aste con un rivestimento protettivo (sostanze oleose).
I battericidi (composti clorurati, composti alogenati, sali, metalli pesanti) servono a contenere i
microrganismi, quali batteri, melme, muffe, funghi.
Risulta chiaro che i prodotti che possono essere usati in un fluido di perforazione sono molteplici e
ognuno a pi funzioni.
fondamentale ricorrere agli additivi solo quando necessario e ogni prodotto per la sua funzione
principale, al fine di usarne meno e avere un sistema con la massima percentuale di fluido base per una
facile gestione.

63

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Dal bilancio di massa, indicando con Vi, Vf, i e f il volume e la densit iniziale e finale del fango da
ottenere, con Vm e m quelli del materiale da aggiungere, si ha:

f i
Vm
=
Vi
m f

(3.2)

volume di materiale pesante o leggero (acqua) da aggiungere, per unit di volume di fango in
circolazione, per appesantirlo o alleggerirlo.
Esempio
Calcolare la quantit di barite ( = 4.2 kg/dm3) necessaria per portare la densit del fango da 1.4 a
1.6 kg/dm3 sapendo che il volume in circolazione di 60 m3.
Vm =

1.6 1.4
4 .2 1 .6

60 = 4.615 m3

Formulazione
Acqua dolce
Bentonite
Soda caustica

50 80 kg/m3

Densit
Viscosit plastica

1.03 1.15 kg/dm3


6 10 cP

Non disperso e non inibente


Adatto per inizio perforazione

1 2 kg/m3

Yield Point

5 10 Pa

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

40 60 s
1 3 Pa
5 15 Pa
10 20 cm3/30 min
8.5 9.5

Facilmente convertibile in altri


sistemi
Adatto per cuscini viscosi
Basso costo

Portata confezionabile
25 m3/ora

Formulazione
Acqua dolce
Bentonite
Bentonite
Extender
Soda caustica
CMC LV

FANGO BENTONITICO
Caratteristiche
Propriet

FANGO CON BENTONITE EXTENDER


Caratteristiche
Propriet

30 kg/m3

Densit
Viscosit plastica

1.03 1.15 kg/dm3


5 7 cP

Non disperso e non inibente


Adatto per inizio perforazione

0.12 kg/m3

Yield Point

7 9 Pa

1 1.3 kg/m3
2 10 kg/m3

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

40 50 s
2 3 Pa
5 7 Pa
12 16 cm3/30 min
9 9.5

Facilmente convertibile in altri


sistemi
Basso costo
Elevate portate confezionabili

Portata confezionabile
50 m3/ora

Formulazione

FANGO BENTONITICO POLIMERICO (CMC)


Caratteristiche
Propriet

25 65 kg/m3

Densit
Viscosit plastica

1.03 1.15 kg/dm3


6 15 cP

Non disperso e non inibente


Adatto per inizio perforazione

Soda caustica

1 3 kg/m3

Yield Point

5 15 Pa

CMC HV
CMC LV

0 6 kg/m3
2 10 kg/m3

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

40 80 s
2 4 Pa
7 15 Pa
2 10 cm3/30 min
8.5 9.5

Facilmente convertibile in altri


sistemi
Basso costo

Acqua
Bentonite

Portata confezionabile
25 m3/ora

64

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi
Forte sensibilit ai
contaminanti
Scarsa resistenza alla
temperatura

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi
Forte sensibilit ai
contaminanti
Scarsa resistenza alla
temperatura
Sensibile ai cloruri

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi
Forte sensibilit ai
contaminanti
Scarsa resistenza alla
temperatura

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

Formulazione
Acqua
Bentonite
Soda caustica
PAC
PAC LV

20 40 kg/m3

Densit
Viscosit plastica

1.05 1.5 kg/dm3


10 20 cP

Non disperso e non inibente


Adatto per inizio perforazione

1 1.5 kg/m3
2 5 kg/m3
0 5 kg/m3

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s

6 10 Pa
45 60 s
3 5 Pa

Sistema incapsulante
Costo medio
Forte tolleranza ai sali
monovalenti

Gel a 10 min
Filtrato
pH

10 15 Pa
2 8 cm3/30 min
8.5 9.5

Portata confezionabile
24 m3/ora

Formulazione
Acqua
Bentonite
Soda caustica
pHPA
CMC LV

FANGO BENTONITICO POLIMERICO (PAC)


Caratteristiche
Propriet

30 kg/m3
0.1 0.5
kg/m3
5 kg/m3
0 8 kg/m3

Portata confezionabile
24 m3/ora

Formulazione

FANGO BENTONITICO POLIMERICO (PHPA)


Caratteristiche
Propriet
Densit
Viscosit plastica

1.03 1.8 kg/dm3


10 30 cP

Non disperso e non inibente


Facilmente gestibile

Yield Point

5 15 Pa

Sistema incapsulante

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

45 60 s
2 5 Pa
15 20 Pa
2 8 cm3/30 min
8.5 10.5

Costo medio
Forte tolleranza ai solidi
Buona stabilit alla temperatura

FANGO AL LIGNOSOLFONATO
Caratteristiche
Propriet

20 70 kg/m3
10 30 kg/m3

Densit
Viscosit plastica
Yield Point

1.1 2.1 kg/dm3


5 45 cP
2 12 Pa

Soda caustica
1 4 kg/m3
CMC LV
2 10 kg/m3
Lignine
10 20 kg/m3
Portata confezionabile
18 m3/ora

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

40 60 s
1 2 Pa
5 15 Pa
2 10 cm3/30 min
9.5 10.5

Acqua
Bentonite
FCL

Formulazione
Acqua
Bentonite

20 70 kg/m3 Viscosit plastica

Formulazione
Acqua di mare
Guar Gum

FANGO ALLE CROMOLIGNINE


Caratteristiche
Propriet
Densit

FCL
10 30 kg/m3
Soda caustica
1 5 kg/m3
CMC
0 10 kg/m3
CL
10 30 kg/m3
Lignine
10 20 kg/m3
Portata confezionabile
18 m3/ora

10 kg/m3

Battericida

Portata confezionabile
30 m3/ora

Disperso e non inibente


Adatto per pozzi esplorativi
Facilmente convertibile in
sistemi alla calce o al gesso
Basso costo
Forte tolleranza ai solidi
Forte tolleranza ai contaminanti

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

1.1 2.1 kg/dm3

Disperso e non inibente

8 40 cP

Adatto per alte temperature

5 8 Pa
40 60 s
1 2 Pa
4 10 Pa
2 10 cm3/30 min
9.5 11

Ottimo controllo del filtrato


Basso costo
Forte tolleranza ai solidi

FANGO CON GUAR GUM


Caratteristiche
Propriet
Densit
Viscosit plastica

1.03 1.15 kg/dm3


18 22 cP

Non disperso e non inibente


Adatto per inizio perforazione

Yield Point

30 32 Pa

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
pH

90 110 s
14 16 Pa
14 16 Pa
7

Facilmente convertibile in altri


sistemi
Adatto per cuscini viscosi
Basso costo

65

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi
Forte sensibilit alle
contaminazioni di sali
polivalenti

Limiti
Scarsa tolleranza ai sali
Forte sensibilit alle
contaminazioni di sali
polivalenti

Limiti
Limitazioni ambientali
Forte sensibilit ai sali
Riduce lefficacia degli
incapsulanti

Limiti
Forti limitazioni
ambientali
Sensibile alle presenze
carbonatiche

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi
Forte sensibilit ai
contaminanti
Scarsa resistenza alla
temperatura

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

Formulazione
Acqua

FANGO SATURO DI SALE


Caratteristiche
Propriet
Densit

Bentonite
40 60 kg/m3 Viscosit plastica
preidratata
Soda caustica
Yield Point
3 6 kg/m3
Polimeri
Viscosit Marsh
3 6 kg/m3
Amido
Gel a 10 s
10 20 kg/m3
Sale
350 kg/m3
Gel a 10 min
Portata confezionabile
Filtrato
15 m3/ora
pH

Formulazione
Acqua
Bentonite
preidratata
Soda caustica
Biopolimeri
KCl

40 60 kg/m3 Viscosit plastica

Portata confezionabile
24 m3/ora

Formulazione
Acqua dolce
Bentonite
Carbonato di
potassio
Polimeri

10 50 cP

Adatto per perforare formazioni


saline
Costo medio
Buona stabilit alla temperatura

5 10 Pa
38 80 s
1 2 Pa
10 15 Pa
1 5 cm3/30 min
8.5 9.5

1.05 1.8 kg/dm3

Non disperso e inibente

10 50 cP

Adatto per perforare formazioni


argillose reattive
Alto costo

5 10 Pa
38 80 s
1 2 Pa
10 15 Pa
1 5 cm3/30 min
8.5 9.5

FANGO AL CARBONATO DI POTASSIO


Caratteristiche
Propriet

40 50 kg/m3 Viscosit plastica

1.1 1.8 kg/dm3

Non disperso e inibente

10 35 cP

Adatto per perforare formazioni


argillose reattive
Alto costo

20 30 kg/m3

Yield Point

4 8 Pa

5 10 kg/m3

Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

40 50 s
1 2 Pa
4 12 Pa
5 6 cm3/30 min
10.5 11.5

Formulazione
50 kg/m3

Alcale
4 kg/m3
Gesso
10 20 kg/m3
CMC LV
3 7 kg/m3
Lignosolfonato 6 12 kg/m3
Portata confezionabile
18 m3/ora

Formulazione
Acqua
Bentonite

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

Densit

Portata confezionabile
18 m3/ora

Acqua
Bentonite

Non disperso e inibente

FANGO AL CLORURO DI POTASSIO


Caratteristiche
Propriet
Densit

3 6 kg/m3
3 6 kg/m3
A richiesta

1.2 2.1 kg/dm3

70 120
kg/m3
Alcale
3 8 kg/m3
Calce
8 30 kg/m3
CMC LV
5 10 kg/m3
Lignosolfonato 6 12 kg/m3
Portata confezionabile
18 m3/ora

FANGO AL GESSO
Caratteristiche
Densit
Viscosit plastica

1.1 2.1 kg/dm3


10 45 cP

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

3 8 Pa
40 60 s
1 2 Pa
5 15 Pa
2 8 cm3/30 min
9.5 10.5

1.1 2.1 kg/dm3


10 55 cP

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

4 10 Pa
40 65 s
1 2 Pa
5 15 Pa
2 10 cm3/30 min
12 12.5

66

Limiti
Non adatto per
formazioni con caolinite

Limiti
Non adatto per
formazioni con caolinite
Accelera la presa del
cemento

Propriet

Limiti

Disperso e inibente
Adatto per perforare formazioni
argillose reattive
Elevata tolleranza ai solidi
Basso costo
Forte resistenza alla temperatura

Problemi di gelificazione

FANGO ALLA CALCE


Caratteristiche
Propriet
Densit
Viscosit plastica

Limiti
Elevato costo di
smaltimento

Disperso e inibente
Adatto per perforare formazioni
argillose reattive
Elevata tolleranza ai solidi
Basso costo
Media resistenza alla temperatura

Limiti
Problemi di gelificazione

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

Formulazione
Acqua dolce
Bentonite

20 60 kg/m3

KOH
KCMC HV
KCMC LV

2 4 kg/m3
2 6 kg/m3
2 10 kg/m3

Portata confezionabile
25 m3/ora

Formulazione

FANGO AL KCMC
Caratteristiche

Propriet

Limiti

Densit
Viscosit plastica

1.03 1.15 kg/dm3


5 15 cP

Non disperso e inibente


Debolmente incapsulante

Scarsa tolleranza ai solidi


Scarsa tolleranza alle
contaminazioni chimiche

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

5 15 Pa
38 80 s
2 3 Pa
8 15 Pa
2 10 cm3/30 min
8.5 9.5

Basso costo

FANGO AL KLM
Caratteristiche

Acqua
Densit
Bentonite
40 kg/m3
Viscosit plastica
preidratata
KOH
Yield Point
3 4 kg/m3
KLM
6 12 kg/m3 Viscosit Marsh
Amidi
Gel a 10 s
10 15 kg/m3
LIME
Gel a 10 min
12 16 kg/m3
Portata confezionabile
Filtrato
15 m3/ora
pH

Formulazione
Acqua
Bentonite

30 35 kg/m3 Viscosit plastica

Formulazione

Inibente

10 55 cP

Adatto per perforare in


condizioni di elevate temperature
Facilmente convertibile
Alto costo

4 8 Pa
40 50 s
1 2 Pa
5 12 Pa
2 10 cm3/30 min
9.5 10.5

FANGO CATIONICO
Caratteristiche
Propriet
Non disperso e inibente

Viscosit plastica

10 40 cP

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

2 10 Pa
45 60 s
1 2 Pa
2 10 Pa
3 7 cm3/30 min
9 13

Adatto per perforare argille


reattive
Costo alto

Formulazione
10 30 kg/m3

3 kg/m3
10 400
kg/m3
Amidi
2 6 kg/m3
Polimeri
4 10 kg/m3
Portata confezionabile
15 m3/ora

Soda caustica
Glicole

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

1.1 1.8 kg/dm3

1.1 1.8 kg/dm3

Portata confezionabile
15 m3/ora

Acqua
Bentonite

Limiti
Difficile gestione
Scarsa resistenza alla
temperatura

Densit

Acqua
Polimero
cationico
Alcalinizzante
Viscosizzante
Sale inibente

4 8 Pa
40 55 s
1 3 Pa
2 15 Pa
6 10 cm3/30 min
12.5

Propriet

Non disperso e inibente


Adatto per perforare argille
reattive
Alto costo
Elevata tolleranza ai solidi

FANGO PER ALTE TEMPERATURE


Caratteristiche
Propriet
Densit

Soda caustica
3 4 kg/m3
SSMA
1 2 kg/m3
Polimeri
1 5 kg/m3
Lignite
10 30 kg/m3
Portata confezionabile
18 m3/ora

1.1 2.1 kg/dm3


15 50 cP

FANGO GLICOLICO
Caratteristiche
Propriet
Densit
Viscosit plastica

1.1 1.8 kg/dm3


10 50 cP

Yield Point
Viscosit Marsh

3 15 Pa
40 60 s

Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato
pH

1 2 Pa
2 10 Pa
3 7 cm3/30 min
9 11

67

Non disperso e inibente


Adatto per perforare argille
reattive
Costo altissimo

Limiti
Difficile
approvigionamento dei
prodotti

Limiti
Tossicit dei polimeri
cationici
Difficile gestione

Limiti
Scarsa tolleranza ai solidi

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

Formulazione

FANGO AL GASOLIO
Caratteristiche
Propriet
Densit

1.2 2.2 kg/dm3

Disperso e inibente

Emulsivi

55 65
% in Vol
-

Viscosit plastica

15 45 cP

Calce
Viscosizzante

Yield Point
Viscosit Marsh

4 8 Pa
40 55 s

Adatto per perforare argille


reattive
Costo medio
Elevata resistenza alla
temperatura

Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato

1 2 Pa
5 6 Pa
0 cm3/30 min

Gasolio

Portata confezionabile
15 m3/ora

Formulazione
Estere

50 65
% in Vol
Emulsivi
25 kg/m3
Cloruro di calce
65 kg/m3
Viscosizzante
6 kg/m3
Fluidificante
6 kg/m3
LIME
6 kg/m3
Portata confezionabile
15 m3/ora

Formulazione
Poliolefine
Emulsivi

50 60
% in Vol
15 kg/m3

Cloruro di calce
275 kg/m3
Viscosizzante
6 kg/m3
Agente
6 kg/m3
bagnante
Calce
17 kg/m3
Portata confezionabile
15 m3/ora

Formulazione
Paraffina

55 65
% in Vol
40 kg/m3
16 kg/m3
20 kg/m3
6 kg/m3

Emulsivi
Cloruro di calce
Viscosizzante
Agente
bagnante
Calce
18 kg/m3
Portata confezionabile
15 m3/ora

FANGO A BASE DI ESTERI


Caratteristiche
Propriet
Densit

1.3 1.4 kg/dm3

Inibente

Viscosit plastica
Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s
Gel a 10 min
Filtrato

30 35 cP
5 6 Pa
70 80 s
2 3 Pa
8 10 Pa
0 cm3/30 min

Costo altissimo

FANGO A BASE DI POLIOLEFINE


Caratteristiche
Propriet
Densit

1.4 1.6 kg/dm3

Inibente

Viscosit plastica

30 40 cP

Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s

10 15 Pa
70 80 s
1 2 Pa

possibile scaricare i detriti a


mare
Costo altissimo

Gel a 10 min
Filtrato

8 10 Pa
0 cm3/30 min

FANGO A BASE PARAFFINICA (LAMIX 30)


Caratteristiche
Propriet
Densit

1.6 1.9 kg/dm3

Inibente

Viscosit plastica
Yield Point
Viscosit Marsh
Gel a 10 s

25 35 cP
5 10 Pa
55 65 s
3 4 Pa

Limitato impatto ambientale


Costo altissimo

Gel a 10 min
Filtrato

6 8 Pa
0 cm3/30 min

Limiti
Forti limitazioni
ambientali
Difficile gestione delle
infiltrazioni di gas

Limiti
Limitazioni ambientali

Limiti
Limitazioni ambientali

Limiti
Sensibilit ai
contaminanti

TAB. 3.2 FANGHI DI PERFORAZIONE

Nel corso della circolazione, il fango pu essere contaminato da sostanze quali acqua salata, sabbia,
cemento, anidrite, CO2, H2S in quantit tali da variarne in modo considerevole le caratteristiche. Per
correggere una contaminazione, si pu:
rimuovere o isolare il contaminante con un additivo chimico;
neutralizzare lazione del contaminante con laggiunta di correttivi.
In alcuni casi, pu essere conveniente non aggiungere nessun additivo e sostituire integramente il
fluido di perforazione alla fine di una fase di lavoro.

68

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

3.6 SCALPELLI
Lo scalpello lutensile situato allestremit inferiore della batteria di perforazione, cui affidato il
compito di frantumare il terreno. Esistono tre grandi tipologie di scalpelli:
gli scalpelli a lame (drag bits);
gli scalpelli a rulli conici (rolling cutter bits);
gli scalpelli diamantati (diamond bits).
Lazione perforante dello scalpello dipende dalla sua tipologia e dal comportamento del terreno.
Se la roccia ha un comportamento elastico e fragile, in un primo momento, il dente sinfigge nel
terreno ad opera della sua deformazione elastica. Successivamente, il dente penetra nel mezzo pi in
profondit; si ha una tensione normale di compressione z, che diminuisce al di sotto della superficie
di contatto, e tensioni orizzontali x e y, che dipendono dal rapporto di Poisson del terreno, in quanto
questultimo, compresso, tende ad espandere in tutte le direzioni.
Le tensioni x, y e z sono tensioni principali e la loro rappresentazione nel cerchio di Mohr mostra
che esiste una tensione tangenziale, ad opera della quale il mezzo si frattura quando si supera la sua
resistenza a taglio.
Lasportazione del detrito, da sotto il dente, favorita da un fluido di perforazione a basso peso
specifico e a bassa viscosit e da un mezzo ad elevata permeabilit.
Se il fluido dotato di sufficiente energia cinetica, saggiunger unazione meccanica di scalzamento,
che favorir la rapida asportazione dei detriti.
Nel caso in cui il terreno abbia comportamento plastico, il dente,
penetrandovi, provoca un rigonfiamento intorno ad esso che
tagliato al passaggio di un altro dente.
Gli scalpelli a lame sono costituiti da uno o pi taglienti
(generalmente formati da una fila dinserti di carburo di
tungsteno) e lavorano come un utensile da tornio. Si tratta di
scalpelli usati prevalentemente per terreni teneri, ove esercitano
unazione di taglio con asportazione di truciolo {FIG. 3.40}.
FIG. 3.40 SCALPELLO A LAME

Gli scalpelli a rulli conici, generalmente triconi, perforano il terreno attraverso unazione di
compressione e di taglio con una dinamica assimilabile
ad una macinazione, triturazione, piuttosto che
semplice asportazione di truciolo {FIG. 3.41}.
Questi utensili sono caratterizzati:
dal numero e forma dei denti;
dalleccentricit degli assi dei rulli;
dal tipo di conicit dei rulli;
dallinclinazione degli assi dei rulli;
dal tipo di supporto dei coni;
dal tipo di protezione contro lusura.
FIG. 3.41 SCALPELLO A RULLI

Pi i denti sono grandi e radi, pi riescono a penetrare nel terreno e pi sono soggetti alla probabilit
di rottura; viceversa per denti piccoli e numerosi.
In mezzi duri, la pressione da applicare allo scalpello, per ottenere la penetrazione del dente, assai
alta; per resistere alle forti sollecitazioni opportuno avere denti numerosi e piccoli. Generalmente, in
questi casi, la vita dello scalpello determinata dai supporti dei rulli.
Nei mezzi teneri, la pressione da applicare allo scalpello per ottenere la penetrazione del dente non
molto elevata e, quindi, sutilizzano rulli con denti radi, snelli e lunghi.
Generalmente, in questi casi, la vita utile dello scalpello determinata dallusura dei denti.

69

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Per diminuire leffetto dellabrasione, sui denti viene applicato un riporto di materiale resistente
allusura o sostituiti con inserti di carburo di tungsteno o di diamante inseriti a pressione in appositi
fori predisposti sui rulli.
Se gli assi dei rulli non convergono sullasse dello scalpello, essi ruotano e strisciano sul terreno in
modo che i denti hanno anche unazione di taglio; in caso contrario, si ha solo unazione di
compressione.
Lo strisciamento si ha anche senza eccentricit degli assi dei rulli, se essi sono caratterizzati da doppia
o triplice conicit.
Linclinazione dellasse del rullo rispetto allasse della batteria influenza lo spazio disponibile e,
quindi, il diametro del rullo stesso.
La rotazione dei coni affidata a cuscinetti (a rulli, a
sfere o a strisciamento), e isolati dallesterno con
guarnizioni, per evitare lintrusione delementi abrasivi.
Un serbatoio di lubrificante ricavato su ciascun ramo
dello scalpello ed separato dallesterno da un
diaframma di gomma. Permette deguagliare la
pressione allinterno del cuscinetto con quella
idrostatica del pozzo; nel caso in cui la pressione
dovesse essere eccessiva, una valvola permette la
fuoriuscita di parte del lubrificante, al fine di riportarla
ai valori ottimali.
Il passaggio del fluido di perforazione, attraverso lo
scalpello, pu avvenire in un unico foro centrale,
direttamente sul fondo del foro, oppure distribuito ai lati
dello stesso da due o pi dusi.
Si tratta dugelli che possono avere diametri diversi, in
modo, da scegliere, tenendo conto dei limiti delle
pompe, i valori ottimali della velocit duscita del fluido
di perforazione, per una maggiore pulizia dei detriti.
Sempre per una maggiore pulizia, le dusi possono essere
allungate per giungere pi vicino alla formazione,
possono essere di diametro diverso o averne una cieca
FIG. 3.42 SEZIONE DI UNO SCALPELLO
per creare turbolenze.
Questultima soluzione pu risultare spiacevole in caso di semplice circolazione a fondo pozzo per la
possibilit di scavernamenti asimmetrici; in questo caso, per creare la turbolenza, si pu ricorrere a
dusi uguali, ma inclinate simmetricamente rispetto allasse del foro.
La protezione del diametro dello scalpello di fondamentale importanza per mantenere la funzionalit
dei cuscinetti; a tal fine sinseriscono inserti alle sue spalle.
Gli scalpelli diamantati sono costituiti da un corpo
fisso, cosparso di diamanti naturali o sintetici; questi
ultimi sono cementati in una matrice di carburo di
tungsteno. Questi scalpelli hanno profili pi o meno
arrotondati e pi o meno sporgenti a seconda della
formazione e del tipo di lavoro richiesto. Non sono
forniti di dusi; il fluido esce da un foro centrale e viene
distribuito allesterno attraverso dei canali {FIG. 3.43}.
Essi sono molto adatti a perforare rocce dure e abrasive,
ma meno per terreni teneri, perch tendono ad
impastarsi e non riuscire ad avanzare.
FIG. 3.43 SCALPELLO DIAMANTATO

70

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


buona norma non utilizzare la fase finale della vita utile dello scalpello diamantato perch alla
perdita dei primi diamanti, si ha un rapido deterioramento dellutensile, mentre lo si potrebbe
rimandare alla ditta costruttrice per recuperarne gran parte.
Gli scalpelli, che utilizzano inserti di diamanti sintetici in matrice di carburo di tungsteno, sono
denominati con terminologia inglese PDC Polycrystalline Diamond Compact o TSP Thermally
Stable Polycrystalline, se particolarmente resistenti alle alte temperature.
Le norme API classificano gli scalpelli con tre numeri (codice I. A. D. C. International Association of
Drilling Contractors) ed eventuali lettere aggiuntive.
Il primo numero tiene conto del tipo di dentatura e del tipo di terreno cui sono adatti:
1) denti fresati per rocce tenere;
2) denti fresati per rocce medie;
3) denti fresati per rocce dure;
4) inserti per formazioni soffici e facilmente perforabili;
5) inserti per rocce tenere;
6) inserti per rocce medie;
7) inserti per rocce dure;
8) inserti per rocce molto dure.
Il secondo numero (da 1 a 4) suddivide le otto classi viste prima, in quattro sottogruppi secondo la
durezza della formazione.
Il terzo numero (da 1 a 7, 8 e 9 sono riservati per sviluppi futuri) si riferisce al tipo di cuscinetto
adottato ed alleventuale presenza di protezioni alle spalle dello scalpello:
1) con cuscinetto a rulli;
2) con cuscinetto a rulli raffreddato ad aria;
3) con cuscinetto a rulli protetto;
4) con cuscinetto a rulli a tenuta stagna;
5) con cuscinetto a rulli a tenuta stagna e protetto;
6) con cuscinetto a strisciamento a tenuta stagna;
7) con cuscinetto a strisciamento a tenuta stagna e protetto.
Le lettere aggiuntive indicano la posizione dellugello, il tipo di protezione, forme particolari, ecc.:
A) per perforazione ad aria;
C) con ugello centrale;
D) con controllo deviazione;
E) con ugelli estesi;
G) con protezione del corpo;
J) con getto deviato;
R) per perforazione a percussione;
S) con denti;
X) ad inserti;
Y) ad inserti conici;
Z) ad inserti con altre forme.
Oltre a questa, la I. A. D. C. prevede, per gli scalpelli a taglienti fissi, una classificazione specifica
formata da quattro caratteri.
Il primo carattere (D, M, S, T, O) definisce il tipo di tagliente e il materiale del corpo scalpello.
Il secondo carattere un numero (da 1 a 9) che definisce il profilo dello scalpello.
Il terzo carattere un numero (da 1 a 9) che definisce la posizione degli ugelli.
Il quarto carattere un numero (da 1 a 9) che definisce dimensioni e densit dei taglienti.
Esiste anche una classificazione ad otto riquadri per indicare, con codici di lettere e numeri, lo stato
dusura degli elementi di taglio, il tipo di danneggiamento predominante e la sua localizzazione, le
condizioni dei cuscinetti e leventuale diminuzione del diametro dellutensile.
Nel riquadro I si riportano le condizioni degli elementi di taglio inclusi nellarea interna dello scalpello
(2/3 del raggio), attraverso una scala che va da 0 (ottimo stato) ad 8 (perdita totale).
71

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.44 ESEMPI DI DANNEGGIAMENTI DEGLI SCALPELLI

72

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Nel riquadro O si riportano le condizioni degli elementi di taglio inclusi nellarea esterna dello
scalpello, attraverso una scala che va da 0 (ottimo stato) ad 8 (perdita totale).
Nel riquadro D si riporta il tipo dusura predominante:
BC) rottura cono;
BT) rottura degli elementi di taglio;
BU) imballamento;
CC) incrinatura cono;
CD) cono bloccato;
CI) interferenza tra i coni;
CR) distruzione della parte centrale;
CT) elementi di taglio scheggiati;
ER) abrasione;
FC) appiattimento apice del dente;
HC) surriscaldamento;
JD) usura da ferro;
LC) perdita cono;
LN) perdita duse;
LT) perdita elementi di taglio;
OC) usura laterale localizzata;
PB) restringimento della parte inferiore dello scalpello;
PN) dusi intasate;
RG) arrotondamento delle spalle;
RO) formazione danello;
SD) danneggiamento spalle;
SS) autoaffilamento denti;
TR) consumo cono;
WO) difetti di costruzione;
WT) normale usura degli elementi di taglio;
NO) nessun consumo prevalente o altre caratteristiche dusura.
Nel riquadro L si riporta larea dello scalpello sulla quale si verificata lusura predominante:
C) cono;
N) fila interna dei taglienti;
T) rastrematura;
S) spalla;
G) circonferenza;
A) tutte le file di taglienti;
M) fila centrale dei taglienti;
H) fila esterna dei taglienti;
1) cono n 1;
2) cono n 2;
3) cono n 3.
Nel riquadro B si riporta lo stato dei cuscinetti, attraverso una scala che va da 0 (ottimo) ad 8
(distruzione); con E e F sindicano rispettivamente il funzionamento o il danneggiamento delle tenute.
Nel riquadro G si riporta, in sedicesimi di pollice, la riduzione di diametro dello scalpello o la lettera I
se non vi sono state modifiche.
Nel riquadro O si riportano eventuali caratteristiche dusura secondaria con gli stessi codici di D.
Nel riquadro R sindicano i motivi che hanno determinato lestrazione dello scalpello.
La scelta degli scalpelli dovrebbe essere fatta in base a considerazioni economiche finalizzate a
minimizzare i costi totali. Purtroppo, i parametri dinfluenza sono cos numerosi ed cos difficile
esprimerli in forma analitica, che ogni tentativo vano in partenza. Si procede per gradi, cercando
dottimizzare i parametri di perforazione, limitatamente alla vita dello scalpello.
73

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Precisamente, si dovranno scegliere, in base ai terreni dattraversare, gli scalpelli pi adatti, il peso e la
velocit di rotazione, il tipo di fango e i parametri idraulici.
In linea di massima, dato il tipo di terreno, si conoscono i tipi di scalpelli adatti; si tratta di scegliere
quelli pi economici tra tipologie non molto dissimili e tra quelli di stessa tipologia, ma forniti da
costruttori diversi.
Fase
N scalpello
Costo scalpello [$] Ore di manovra Costo d'impianto [$/h]
8 1/2"
3
50.000
24
5.000
Intervalli di Intervallo Intervallo cumulativo Intervallo cumulativo
Sezione foro
Costo per unit di volume
lavoro [h] perforato [m]
di lavoro [h]
perforato [m]
[m2]
perforato [$/m3]
2
30
2
30
0,0366
63752
2
32
4
62
0,0366
35255
2
29
6
91
0,0366
27022
2
33
8
124
0,0366
22034
2
28
10
152
0,0366
19773
2
26
12
178
0,0366
18420
2
28
14
206
0,0366
17242
2
27
16
233
0,0366
16417
2
26
18
259
0,0366
15824
2
20
20
279
0,0366
15669
2
15
22
294
0,0366
15799
2
10
24
304
0,0366
16178
2
8
26
312
0,0366
16639

CURVA DI ECONOMICITA'

70000
60000

[$/m3]

50000
40000
30000
20000
10000
0
0

10

15

20

25

30

Tempo di perforazione [h]


DIAG. 3.1 ECONOMICIT DI SOSTITUZIONE DEGLI SCALPELLI

Indicando con Lp la lunghezza perforata con uno scalpello, Tr il tempo di perforazione di Lp, Tm il
tempo di manovra necessario per lestrazione, smontaggio, montaggio e discesa dello scalpello, Cs il
costo unitario dello scalpello, Ci il costo orario dellimpianto e S la sezione del foro, si sceglie
lutensile che determina il minimo costo unitario medio per volume di terreno perforato (se si valuta la
singola fase, si pu considerare il costo per metro perforato):
CT =

C i (Tr + Tm ) + C s
Lp * S

I valori di Tr e Lp possono essere ottenuti in base a dati di pozzi limitrofi.


74

(3.3)

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Una volta individuato il tipo di scalpello, si deve scegliere:
il peso da applicare (WOB Weight On Bit);
P
E
la velocit di rotazione (RPM Round Per Minute).
S
O
Aumentando il peso e la velocit di rotazione, aumenta anche la
S
velocit davanzamento (ROP Rate Of Penetration), ma diminuisce la
U
L
durata dello scalpello.
L
O
I costruttori, in base ad unottimizzazione economica dei parametri di
S
C
taglio, forniscono dei diagrammi o tabelle, per ogni tipo e diametro di
A
L
scalpello, con carico e velocit di rotazione ottimali {FIG. 3.45}.
P
E
Affinch lo scalpello lavori con valori ottimali di peso, invece che
L
L
VELOCIT DI ROTAZIONE
ricorrere alla sensibilit del perforatore, si pu utilizzare un dispositivo
O
a controllo automatico che agisce sul freno e frizione dellargano.
FIG. 3.45 UTILIZZAZIONE
OTTIMALE DI UNO SCALPELLO

Facendo riferimento ai parametri consigliati, si pu fare unottimizzazione economica di sostituzione


dello scalpello utilizzando lequazione (3.3) {DIAG. 3.1}.
Le caratteristiche del fango influenzano le prestazioni degli scalpelli, ma unottimizzazione di questi
parametri non possibile sia perch esse devono rispondere ad esigenze ben pi importanti, sia perch
difficile una schematizzazione numerica. Si possono dare solo indicazioni generali {FIG. 3.46}.
La velocit davanzamento dello scalpello diminuisce con laumentare della densit del fango perch,
esercitando una maggiore pressione al fondo del pozzo, sostacola il distacco dei detriti. Se possibile,
consigliabile perforare con fanghi leggeri (perforazione sottopressione o underbalanced).
Laumento della viscosit del fango, fino ad un certo valore, diminuisce la velocit davanzamento
perch fa s che il fluido di perforazione tenda ad impastare, piuttosto che rimuovere i detriti.
Il contenuto di solidi nel fango diminuisce la velocit davanzamento ed aumenta lusura dei denti.
Al di sotto di un certo valore del peso sullo scalpello, la velocit negli ugelli non ha nessuna influenza.
Se la velocit duscita dagli ugelli inferiore a 55 m/s si vede che un aumento del peso sullo scalpello
non fa variare la velocit davanzamento e ci perch lo scalpello simpasta di detriti.
Si pu dedurre che non conveniente aumentare oltre un certo valore la velocit duscita del fango
dagli ugelli, perch il lieve aumento della velocit davanzamento non bilancia la maggiore potenza
richiesta alle pompe del fango.

FIG. 3.46 INFLENZA DI VARI PARAMETRI SULLAVANZAMENTO DELLO SCALPELLO

75

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

3.7 CAROTAGGIO
Durante la perforazione, i detriti riportati a giorno dal fango danno informazioni sulla litologia delle
formazioni attraversate.
Per avere, per, informazioni pi precise sulla permeabilit, porosit, consistenza dei vari strati,
occorre prelevare, direttamente dal fondo pozzo, una porzione vergine di roccia. Tale operazione
effettuata con un utensile perforatore cavo detto carotiere (core barrel), che ingloba al suo interno
un campione integro di terreno detto carota (core).

FIG. 3.47 CAROTIERE

Il carotiere {FIG. 3.47} formato da un tubo esterno, collegato superiormente alle aste pesanti e
messo in rotazione con esse, alla cui estremit inferiore viene montata la corona tagliente (core bit). Al
suo interno, si ha un altro tubo (inner barrel), della lunghezza di una decina di metri (ma anche fino a
30 m), ove penetra il campione di terreno. Per mezzo di cuscinetti, il tubo interno libero di ruotare
rispetto a quello esterno per non sollecitare la carota a torsione.
Il tubo interno dispone di lame, che strappano la carota quando il carotiere viene sollevato, e di
linguette, per impedire che il campione si sfili dallattrezzo.
Il fluido di circolazione fluisce nellintercapedine tra i due tubi e viene a contatto con la carota solo in
corrispondenza del tagliente; in tal modo si limita il danneggiamento del campione stesso.
Per impedire lingresso di detriti nel portacarota durante la discesa, il carotiere viene protetto con un
apposito tappo, fissato con viti di fermo. Scaricando il peso della batteria a fondo pozzo, si tranciano le
viti e si libera il tappo che, durante il carotaggio, penetra nel contenitore insieme alla carota.
Allo scopo di consentire la fuoriuscita del fango dal tubo interno, man mano che si forma la carota, il
carotiere dispone di una valvola a sfera che si apre dal basso verso lalto.
Nei casi in cui linstabilit delle pareti del foro richiedano unenergica circolazione per la pulizia del
pozzo, la valvola a sfera pu mancare per permettere il passaggio del fango dentro il tubo interno.
Dopo aver rimosso i detriti, si lancia nelle aste una biglia che, raggiungendo la propria sede (evento
caratterizzato da un aumento di pressione), non permetter pi il passaggio del fango nel foro centrale
del carotiere. A questo punto sesegue il carotaggio con peso e velocit di rotazione ottimali consigliati
dal costruttore.
La corona tagliente pu essere a lame, a rulli o diamantata; la scelta fatta in funzione del tipo di
terreno cercando di ottenere carote il pi possibile integre.
L dove si debbano recuperare campioni di terreno inconsolidato (sabbie, rocce frantumate), si hanno
carotieri che rivestono la carota con un involucro di gomma o fibre di vetro man mano che savanza,
per proteggerla da contaminazioni e mantenerla compatta.
In altri, i campioni sono mantenuti alla pressione esistente a fondo pozzo, per evitare lespansione dei
gas e la fuoriuscita dei fluidi contenuti. In superficie, la carota pu essere congelata ed esaminata tal
quale.
In complesse aree geologiche che presentano anomalie strutturali, si prelevano carote orientate per
ricostruire le pendenze degli strati.
La carota, entrando nel tubo interno, incisa da tre taglienti longitudinali e disassati, per avere
unindicazione della direzione.
In superficie, le carote sono recuperate e imballate a spezzoni, ordinati in cassette di legno che portano
indicazione del nome del pozzo, del numero di spezzone, dellintervallo carotato.
76

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

3.8 MOTORI DI FONDO


La rotazione dello scalpello pu avvenire, oltre che con la batteria, ad opera di un motore idraulico,
posto poco sopra di esso, ed azionato dallenergia idraulica del fluido di perforazione. Questo tipo
dazionamento permette di non ruotare tutta la batteria e, quindi, di non avere ingenti perdite per
attrito.
I motori di fondo sono di due tipi: a turbina o a lobi.
Le turbine sono caratterizzate da un rotore e da uno statore palettati. Nello statore il fluido
distribuito e convogliato sulle pale del rotore, con un angolo dincidenza tale da ottenere il massimo
rendimento nel trasformare lenergia idraulica in energia meccanica di rotazione {FIG. 3.48}.

FIG. 3.48 TURBINA (EASTMAN WHIPSTOCK)

I motori a lobi (PDM Positive Displacement Motor) sono caratterizzati da uno statore di gomma con
delle cave a spirale e da un rotore dacciaio avente un lobo in meno {FIG. 3.50}.
Il fango circola negli spazi vuoti e nel suo avanzamento li trascina con s facendo girare il rotore.
Poich la rotazione del rotore eccentrica, la trasmissione del movimento allo scalpello avviene per
mezzo di un giunto flessibile o cardanico {FIG. 3.49}.

FIG. 3.49 MOTORE A LOBI

Le turbine forniscono elevate potenze e alte velocit di rotazione (sono proporzionali alla portata) e,
quindi, risultano ideali per formazioni dure accoppiate con gli scalpelli diamantati.
La coppia sviluppata funzione della densit del fango ed abbastanza costante con laumentare della
velocit di rotazione; pu essere aumentata, nei limiti delle lunghezze raggiungibili, incrementando il
numero di stadi rotore-statore o accoppiando pi turbine in serie. Il rendimento delle turbine basso
per piccole e grandi velocit di rotazione, mentre massimo per valori intermedi. Le velocit di
rotazione nominali consigliati dai cataloghi sono quelle che danno il massimo rendimento.
Hanno una maggiore resistenza meccanica rispetto ai motori a lobi, in quanto gli elastomeri, che
rappresentano gli elementi pi delicati del sistema, risentendo degli effetti della temperatura e della
presenza di H2S, sono utilizzati solo per le tenute dei cuscinetti. Le turbine necessitano di un fango con
poche impurit tali da richiedere il montaggio di filtri.

FIG. 3.50 VARIE CONFIGURAZIONI DEI LOBI DI UN MOTORE

77

FIG. 3.51 DUMP VALVE

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Un motore a lobi caratterizzato da minori velocit di rotazione (sono proporzionali alla portata),
maggiori coppie (sono proporzionali alle perdite di carico).
La curva del rendimento pi piatta rispetto a quelle delle turbine; lefficienza elevata in un pi
ampio intervallo di portate pompate.
Le caratteristiche di un PDM dipendono dalle dimensioni, dal numero di lobi e dalla portata del fango.
Un PDM monolobo (1:2) caratterizzato da basse coppie motrici e medie velocit di rotazione, uno
multilobo (3:4; 4:5;) da basse velocit di rotazione e alte coppie {FIG. 3.50}.
I parametri progettuali pi importanti dei motori di fondo sono le caratteristiche dimensionali, la
potenza sviluppata, in termini di coppia e velocit di rotazione, il rendimento, laffidabilit e le
condizioni operative pi gravose per non incorrere nello stallo, cio nellarresto della rotazione con
circolazione del fango.
Questa condizione si verifica quando la coppia resistente sviluppata dalla formazione superiore a
quella motrice; lenergia idraulica del fango deforma lelastomero o le pale dello statore permettendo
la circolazione senza rotazione del rotore.
La maggiore coppia motrice fornita dai motori a lobi rispetto alle turbine permette dincorrere pi
difficilmente e pi gradualmente alle condizioni di stallo.
Per permettere la circolazione del fango ed impedire la rotazione dello scalpello durante le fasi di
discesa ed estrazione della batteria, di monta sopra il motore di fondo una valvola di circolazione
(by-pass valve o dump valve).
Si tratta di una valvola con fori laterali per mettere in comunicazione linterno della batteria con
lintercapedine aste-pozzo. I fori possono essere chiusi da un manicotto interno scorrevole, il cui
abbassamento contrastato dallazione di una molla {FIG. 3.51}.
Circolando a basse portate durante le manovre della batteria, la spinta esercitata dal fango ed agente
sul manicotto non sufficiente a provocarne labbassamento e, quindi, il fluido passa nei fori senza
interessare il motore. Aumentando la portata di pompaggio, si ha labbassamento del manicotto e
locclusione dei fori; il fango circola nel motore e fuoriesce dallo scalpello.

3.9 RIVESTIMENTO DEL POZZO


Dopo aver perforato un pozzo, lo si riveste con una colonna di tubi (casings) e si procede alla
cementazione dellintercapedine rivestimento-foro. Poich tra la fine della perforazione e la discesa
della colonna di rivestimento passa del tempo per effettuare in pozzo delle registrazioni litologiche,
prima del tubaggio, per verificare le condizioni del foro, sesegue una discesa di prova (dummy run)
con lo scalpello.
La colonna di rivestimento permette:
di sostenere le pareti del pozzo;
di ripristinare lo stato tensionale originario;
di evitare la contaminazione delle falde acquifere con il fluido di perforazione;
di evitare la migrazione di fluidi dagli strati a maggior pressione a quelli a pressione minore;
di evitare perdite di circolazione.
La scelta del diametro delle colonne di rivestimento, che si ripercuote direttamente sul diametro dei
fori da perforare, fatta in funzione:
del costo di perforazione, tubaggio e cementazione;
delle profondit da raggiungere;
delle colonne disponibili;
del tipo di completamento previsto (semplice o doppio);
deventuali pompe sommerse da scendere in pozzo;
del costo di manutenzione (workover);
del tipo di pozzo (esplorativo o di coltivazione);
degli impianti disponibili.
78

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Le colonne di rivestimento si distinguono in:
tubo guida (conductor pipe);
colonna di superficie;
colonne intermedie;
colonna di produzione.
Esse sono scese in pozzo luna dentro laltra, raggiungendo profondit sempre maggiori.
Il tubo guida formato da elementi tubolari, generalmente, saldati per i pozzi a terra e accoppiati da
giunti per pozzi a mare. Pu essere infisso con un battipalo, fino ad una profondit di 40 60 m o
sceso dopo aver perforato il foro come qualsiasi altra colonna. Il tubo guida serve a sostenere le
formazioni superficiali, generalmente poco consolidate, e a permettere la circolazione del fango.
Segue la colonna superficiale per proteggere le falde acquifere, per sostenere le apparecchiature di
sicurezza e per ancorare le colonne successive.
Seguono le colonne intermedie, cui affidato il compito di permettere la perforazione di tratti a
diversa densit del fango, secondo la pressione dei fluidi nei pori.
La colonna di produzione giunge fino alla formazione mineralizzata o lattraversa completamente.
Ove possibile, per diminuire i costi e avere pi spazio disponibile, lultima colonna ancorata
allestremit della colonna precedente {FIG. 3.56}; in questo caso, essa viene denominata con
terminologia inglese liner casing. Se la scarpa del liner non raggiunge il foro scoperto (, cio,
completamente allinterno di unaltra colonna), si definisce scab liner.
Le colonne di rivestimento dei pozzi petroliferi sono formate da tubi dacciaio con o senza saldatura.
Le norme API prevedono pi categorie di resistenza, ognuna con vari diametri, spessori e lunghezze:
4.88 7.62 m (16 25 ft);
7.62 10.36 m (25 34 ft);
10.36 14.63 m (34 48 ft).
Le connessioni dei casings usati sono molteplici. Le norme API classificano le seguenti tipologie:
short round thread (giunto corto con filettatura conica triangolare);
long round thread (giunto lungo con filettatura conica triangolare);
buttress thread (giunto con filettatura conica a sezione quadrata);
extreme line (filettatura a sezione quadrata ricavata direttamente sul tubo).
Dopo aver circolato per pulire il foro, i tubi di rivestimento sono uniti sul piano sonda e
progressivamente scesi in pozzo, montandovi esternamente dei centralizzatori {FIG. 3.52} e dei
raschiatori {FIG. 3.53}. I primi hanno la funzione di centrare la colonna rispetto al foro, per facilitare
luniforme distribuzione della malta. I secondi hanno la funzione di raschiare il pannello dalle pareti
del pozzo quando si discende la colonna, per far aderire meglio la malta alle formazioni.
I raschiatori possono essere a baffi di gatto o a corda. I primi hanno lo svantaggio che, essendo fragili,
si rompono e lasciano fili metallici nel pozzo. I secondi aumentano eccessivamente le perdite di carico.
La distanza assiale tra i centralizzatori e il loro posizionamento dipende dal profilo del pozzo; deve
essere stabilita in modo tale da avere una buona centratura con il minor numero di elementi possibile.

FIG. 3.52 CENTRALIZZATORI

FIG. 3.53 RASCHIATORE ESTERNO A CORDA

79

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Al fondo delle colonne di rivestimento viene montata una scarpa di cementazione, cio uno spezzone
di tubo dacciaio terminante con una parte arrotondata in cemento.
Generalmente, due tubi sopra la scarpa, si monta un collare
con una valvola di non ritorno (float collar), a sportello o a
sfera, per permettere alla malta contaminata di rimanere
allinterno del casing. Per una maggiore sicurezza, anche la
scarpa pu essere dotata di valvola {FIG. 3.54}.
Questi due elementi servono a facilitare la discesa della
colonna di rivestimento, permettendone il parziale
riempimento con il fango, ad impedire il riflusso dei fluidi, a
fermare i tappi di cementazione o a fare da tenuta per i tubini
(stinger) con i quali si pompa la malta a fondo pozzo.
Ci sono scarpe di cementazione differenziali per il
riempimento automatico delle colonne. Sono dotate di un
manicotto scorrevole, che permette lapertura della valvola di
contro quando la differenza di pressione tra interno ed esterno
della colonna supera un certo valore.
FIG. 3.54 SCARPA DI CEMENTAZIONE

Il riempimento delle colonne o la circolazione attraverso di esse avviene pompandovi il fango con la
testina diniezione, attraverso un attrezzo che fa tenuta nella parte interna del tubo (casing circulating
packer) {FIG. 3.55}.
Lenergizzazione della gomma avviene, generalmente, pompando un fluido attraverso un piccolo
flessibile, con unapposit unit posta sul piano sonda.

FIG. 3.55 CASING CIRCULATING PACKER

Dopo aver sistemato la colonna, si circola per un tempo necessario a pulire completamente
lintercapedine. Raggiunta la profondit prevista, la colonna viene cementata per essere fissata alla
parete del pozzo e poter assolvere alle funzioni per cui stata progettata.
Nei pozzi molto profondi, per limitare i pesi sostenuti dallimpianto o per ottenere cementazioni
migliori, si pu ricorrere ad un liner casing e, successivamente, procedere al suo reintegro a giorno.
Le attrezzature complementari di un liner casing sono:
il sistema di sospensione (liner hanger);
TIEBACK
il sistema di tenuta (packer);
TIEBACK
lutensile di discesa (setting tool);
PACKER
la riduzione di raccordo (setting sleeve);
linvito (extension sleeve);
LINER PACKER
la colonna di congiunzione per il reintegro (tieback);
LINER HANGER
la scarpa (shoe);
le valvole (valves);
i tappi (plugs);
LINER
le riduzioni (cross-overs);
gli alloggiamenti (landing collar e ball catcher sub).
FIG. 3.56 ANCORAGGIO DEL LINER ALLA
COLONNA PRECEDENTE

80

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.57 ATTREZZATURE PER LINER CASING (BAKER)

Il liner hanger lelemento montato sopra il liner che ne sostiene il peso; dotato di una serie di
cunei, spinti contro la colonna di rivestimento precedente, tramite lo scorrimento di una camicia
conica {FIG. 3.57}. Lattivazione dei cunei pu avvenire ruotando la batteria (tipo meccanico) o
pressurizzando linterno delle aste dopo aver lanciato una biglia (tipo idraulico), che chiude il foro
81

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


centrale di un manicotto, posto nellhanger stesso o in un alloggiamento sottostante (landing collar).
La pressurizzazione delle aste, trasmessa alla camicia esterna tramite un foro, permette il tranciamento
delle spine di fermo e lattivazione dei cunei. Alcuni hangers permettono la rotazione del liner.

FIG. 3.58 ALCUNI ACCESSORI PER LA MESSA IN OPERA DEL LINER CASING (BAKER)

82

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Il packer posto sopra lhanger ed ha lo scopo di assicurare lisolamento idraulico tra il liner e la
colonna precedente dopo aver pompato la malta e prima della presa del cemento.
dotato di un manicotto interno che fatto scorrere mette in espansione una gomma. Una serie di cunei,
posti superiormente, ne assicurano lenergizzazione {FIG. 3.57}.
I cataloghi dei costruttori forniscono, per ogni colonna di rivestimento, le dimensioni esterne dei liner
hangers e dei packers da utilizzare.
Il setting tool lattrezzo necessario per discendere e cementare il liner con relativo hanger e per
mettere in presa il packer di tenuta {FIG. 3.57}. dotato di una filettatura sinistra (floating nut) o di
un sistema daggancio idraulico, per fissare la colonna e avere la possibilit di svincolare le aste di
discesa, e di un cuscinetto assiale, per evitare la rotazione del liner durante lo svitamento. Pu disporre
di una valvola di non ritorno a ciabatta (flapper valve) e, nella parte bassa, di uno spezzone di tubino
(stinger) che arriva poco sopra al liner wiper plug. La tenuta idraulica tra stinger e liner affidata ad
un sistema di guarnizioni (packoff).
Il setting sleeve una riduzione usata insieme al setting tool per discendere il liner casing alla
profondit voluta {FIG. 3.58}.
In funzione della disposizione voluta, si pu discendere un hanger semplice o uno con invito, per
essere reintegrato a giorno {FIG. 3.56}.
Il tieback una colonna di rivestimento che reintegra il liner {FIG. 3.56}. Alla sua base, c un
attrezzo (liner tieback packer) che serve a collegarsi con il liner, infilandosi allinterno dellinvito, e
ad assicurare la tenuta idraulica tra le colonne. dotato di tre serie di guarnizioni nella parte inferiore,
che sinfilano allinterno del liner, fino al raggiungimento di una battuta, assicurando la tenuta
idraulica per semplice compressione delle gomme {FIG. 3.57}. Continuando a scaricare peso, si fa
espandere un packer posto nella parte superiore, che assicura la tenuta tra tieback e colonna precedente
{FIG. 3.56}. Una serie di cunei, posti sopra il packer, assicurano lenergizzazione della gomma.
Il liner swivel un elemento dacciaio posto sotto lhanger e serve ad evitare che uneventuale
rotazione del liner casing, in fase di discesa, si trasmetta allhanger meccanico, provocandone una
prematura messa in presa {FIG. 3.58}.
Anche nella colonna di reintegro si monta, sopra il tieback packer, un float collar, al fine dimpedire il
ritorno della malta dal basso verso lalto e facilitarne la discesa, consentendone il parziale riempimento
{FIG. 3.58}. Per creare, durante linserimento del tieback packer nel liner, una via di fuga al fango dal
basso verso lalto, il collare dispone di forellini passanti ai lati della valvola centrale.
Altri elementi vengono montati in batteria per eseguire la cementazione del liner.
Il liner wiper plug il primo tappo di cementazione fissato con spine di tranciamento al fondo del
setting tool. dotato di un foro centrale per il passaggio della biglia di fissaggio dellhanger idraulico.
Il pump down plug il secondo tappo che viene liberato dalla superficie prima dello spiazzamento
del cemento; sincastra nel wiper plug trasformandolo in tappo cieco {FIG. 3.58}.
Il landing collar un alloggiamento con la funzione di trattenere il liner wiper plug con il pump down
plug allinterno. Ha un manicotto interno fissato con spine di fermo che riceve la biglia di fissaggio
dellhanger idraulico {FIG. 3.58}. posto ad una decina di metri dal fondo per creare uno spazio
sufficiente a contenere, allinterno del liner, il fango contaminato.
Dopo il fissaggio del liner hanger, incrementando ulteriormente la pressione, si liberano la biglia e la
sua sede dal landing collar. Esse vanno a depositarsi in un alloggiamento sottostante a piastra forata
(ball catcher sub), che permette di trattenerle senza impedire la circolazione, necessaria nelle
successive fasi di cementazione {FIG. 3.58}. In alcuni casi, il manicotto interno del landing collar, che
riceve la biglia, posto a livello del liner hanger.
3.9.1 CEMENTI
Il fluido utilizzato nella cementazione della colonna di rivestimento viene preparato con polvere di
cemento Portland e acqua, in modo da ottenere una miscela pompabile, denominata malta.

83

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Il cemento costituito, principalmente, da un miscuglio di ossidi, silicati, alluminati (3CaO.SiO2,
2CaO.SiO2, 3CaO.Al2O3, 4CaO.Al2O3.Fe2O3). I rapporti percentuali tra questi elementi determinano
le caratteristiche di resistenza meccanica, di resistenza ai solfati, didratazione e di ritiro della malta.
Le malte utilizzate nelle operazioni di cementazione sono quelle classificate dalle norme API, in base
alle caratteristiche fisiche e dimpiego {TAB. 3.3}. Bench i cementi siano di vari tipi, generalmente,
sutilizza il tipo G, modificandone le caratteristiche con laggiunta di opportuni additivi.
CLASSE PROFONDIT MIN. TEMPO DI RAPPORTO DENSIT TENSIONE DI ROTTURA RESISTENZA
IN PESO OTTENIBILE
AI SOLFATI
A COMPRESSIONE
DUTILIZZO POMPABILIT
ALLA MASSIMA ACQUA
[kg/dm3]
[MPa]
[m]
PROFONDIT CEMENTO
DOPO
DOPO
OTTIMALE
[min]
8 ORE
24 ORE
A
B
C
D
E
F
G
H
J

0 1830
0 1830
0 1830
1830 3050
3050 4270
3050 4880
0 2440
0 2440
3660 4880

90
90
90
100
154
190
90
90
180

0.46
0.46
0.56
0.38
0.38
0.38
0.44
0.38
-

1.88 1.89
1.88 1.89
1.78 1.87
1.98 2.10
1.98 2.10
1.98 2.10
1.90 1.97
1.90 2.00
1.90 2.00

1.7
1.4
2.1
3.5
3.5
3.5
10.3
10.3
-

12.4
10.3
13.8
13.8
13.8
6.9
6.9

Bassa
Media, alta
Media, alta
Media, alta
Media, alta
Media, alta
Media, alta
Media, alta
Alta

TAB. 3.3 TIPOLOGIE DI CEMENTI

Queste sostanze possono essere aggiunte volontariamente oppure trovarsi come impurit nellacqua.
Per questo motivo, lacqua dimpasto deve essere il pi
possibile limpida, non contenere sali in percentuali elevate
o
T[ C]
(soprattutto cloruri e solfati) e non deve essere aggressiva.
La presa e il successivo indurimento della malta sono dovute
alla progressiva formazione di cristalli aghiformi di silicati e
alluminati di calcio idrato e didrato di calcio.
Essi consolidano con altre formazioni cristalline con il
diminuire del contenuto dacqua e con il progredire delle
reazioni chimiche, fino a completa solidificazione.
Questo passaggio dallo stato liquido a quello solido facilitato
da un aumento di temperatura {FIG. 3.59}.
Anche la finezza di macinazione favorevole alla presa (a
parit di volume aumenta la superficie reagente); essa
rappresenta, anzi, una delle pi importanti caratteristiche per la
bont del cemento.
La malta, durante la presa, genera calore (reazione esotermica)
con conseguente aumento della temperatura fino ad un valore
massimo ( 10 C ogni 5 cm di spessore del cemento), per poi
TEMPO DI PRESA [ h ]
diminuire uniformandosi al valore dellambiente circostante.
FIG. 3.59 EFFETTO DELLA TEMPERATURA
SUL TEMPO DI PRESA DELLA MALTA

I parametri pi importanti di una malta sono: la densit, il tempo di pompabilit, la resistenza


meccanica, il filtrato.
La densit della malta importantissima per il controllo delle pressioni idrostatiche in pozzo; bisogna
tenere presente che, in fase di presa, questo valore tende a uno, perdendo le sue caratteristiche di
fluidit e non essendo ancora completamente solido.
Il tempo di pompabilit il tempo necessario affinch la malta raggiunga una viscosit di 100 poise e,
quindi, sia ancora sufficientemente fluida da poter essere pompata. Questo tempo non deve essere
84

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


troppo breve, affinch la presa non avvenga nei tubi, ne deve essere troppo lungo, per non creare
ritardi nella perforazione ed ottenere una cattiva cementazione per la sedimentazione dei materiali
sospesi nella malta e per linclusione di gas di strato. Il tempo di pompabilit fornito dai laboratori ,
generalmente, misurata alla temperatura e pressione di fondo pozzo; per valutare la presa a diverse
profondit, occorre richiedere valori alle temperature e pressioni dinteresse.
Un buon filtrato della malta impedisce la destabilizzazione della colonna di rivestimento per pressione
differenziale, impedisce il danneggiamento delle formazioni e lentrata dei fluidi nellintercapedine.
La resistenza meccanica della malta permette il fissaggio della colonna di rivestimento e lisolamento
idraulico degli strati; generalmente, sufficiente una

resistenza a compressione di almeno 3.5 N/mm2.


Un fattore importantissimo per la resistenza delle malte
la quantit dacqua dellimpasto.
La resistenza aumenta progressivamente con il diminuire
del rapporto acqua/cemento ad un valore massimo, per
poi diminuire dato che la deficienza dacqua impedisce
alle reazioni di svilupparsi completamente; una parte del
legante resta inerte {FIG. 3.60}.
FIG. 3.60 EFFETTI DEL RAPPORTO a/c SULLA
RESISTENZA MECCANICA DELLA MALTA

Queste grandezze vanno progettate e controllate con prove di laboratorio. Poich i risultati variano con
la granulometria e, a parit di prodotto, da una partita allaltra, importantissimo eseguire le prove su
campioni prelevati in cantiere.
FUNZIONE
Accelerante

Ritardante

Riduzione di densit

Incremento di densit

Riduzione delle perdite di circolazione

Disperdenti

ADDITIVI
Cloruro di calcio
Cloruro di sodio
Silicato di sodio
Acqua di mare
Lignosulfonato calcico
Lignosulfonato e acidi organici
Cloruro di sodio
CMHEC
Bentonite
Attapulgite
Farina fossile
Silicato di sodio
Perlite espansa
Sabbia
Barite
Ilmenite
Ematite
Sale
Polimeri
Cellophane
Nylon
Polimeri
Lignosulfonato calcico
Cloruro di sodio

% IN PESO RISPETTO AL CEMENTO


28
3.5 18
2 18
0.2 2
0.2 5
15 20
0.2 3
4 28
1 10
20 30
2 18
10 40
12 50
24 250
15 250
12 250
12 38
13
0.3 4
0.3 0.6
13
13
3 30

TAB. 3.4 ADDITIVI PER CEMENTI

Le propriet di una malta possono essere modificate con laggiunta di additivi. Come nel caso dei
fluidi di perforazione, buona norma usare il meno possibile queste sostanze e ognuna per la sua

85

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


funzione principale, al fine di facilitare la gestione della malta, limitarne il costo e renderne pi
prevedibile il comportamento.
Gli additivi possono accelerare o ritardare la presa, modificarne la densit, variare il filtrato, ecc..
I sali possono avere, secondo la concentrazione e la temperatura, azione accelerante o ritardante.
Altri additivi possono essere usati come traccianti radioattivi, per vedere la risalita del cemento, come
antischiuma, anticorrosivi.
La diminuzione di densit e laumento del tempo di pompabilit si ottengono facilmente aumentando
il rapporto acqua/cemento.
Durante la presa, la malta diminuisce di volume formando delle crepe nel mantello. Il ritiro
direttamente proporzionale al rapporto acqua/cemento.
Quando la percentuale dacqua non pu essere ridotta oltre un certo valore, si pu aggiungere
bentonite che, oltre a diminuire la densit, la resistenza meccanica, il tempo di presa, diminuisce anche
il ritiro.
3.9.2 CEMENTAZIONE
La cementazione loperazione con la quale si sigilla lintercapedine tra il foro e la colonna di
rivestimento, per fissarla meccanicamente e isolare idraulicamente i vari strati. Questultima funzione
importantissima perch i fluidi di vari livelli potrebbero mescolarsi, essendo a diversa pressione o a
diversa densit, causando un inquinamento degli strati produttivi o lenergizzazione di punti critici.
Una cementazione atta a conseguire questi obiettivi viene definita primaria. Ogni altra operazione
eseguita successivamente e atta a rimediare a cementazioni primarie mal riuscite, fare tappi, chiudere
pozzi viene definita secondaria.
Il cemento, lacqua e gli eventuali additivi vengono mescolati in un miscelatore a getto (jet mixer) o
in una vasca munita di agitatori (batch mixer) e inviati in continuo nel pozzo. Il primo metodo
permette di confezionare maggiori quantit di malta (3000 kg di malta al minuto), mentre il secondo
permette un maggior controllo della composizione. Generalmente, queste attrezzature sono montate su
unit mobili che arrivano in cantiere quando necessarie.
La malta inviata nel pozzo attraverso una testa di cementazione
(cementing head) {FIG. 3.61}, montata sopra la colonna da
cementare e permettendole di essere manovrata. La malta spinta
verso il basso e, dopo aver attraversato la scarpa di cementazione,
viene fatta risalire attraverso lintercapedine.
Per la circolazione, si usano delle pompe alimentate da motori diesel
che, rispetto a quelle dimpianto, hanno maggiori prevalenze
(100 MPa), ma minori portate.
Allinizio delloperazione, il pozzo pieno di fango che deve essere
spiazzato dalla malta. Per facilitare questo spiazzamento, soprattutto
nellintercapedine dove ci sono detriti e pannello, si pompa,
attraverso la prima linea in basso, un volume di fluido tale da avere
un cuscino di una cinquantina di metri. Affinch un cuscino pulente
(spacer) sia efficace, occorre che sia poco viscoso e che abbia la
massima turbolenza affinch possa fluidificare il fango; si pu
utilizzare acqua e/o gasolio additivati.
Successivamente, si pompa il volume di malta voluto attraverso la
linea centrale e si spinge il primo tappo di gomma, preventivamente
posto nella testa di cementazione, con la funzione di separare i due
fluidi. Infine, si fa scendere il secondo tappo attraverso il pompaggio
di fango dalla linea in alto.
FIG. 3.61 TESTA DI CEMENTAZIONE

86

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Il primo tappo ha un diaframma, che si rompe quando raggiunge il collare per laumento della
pressione, e permette la fuoriuscita della malta.
Quando anche il secondo tappo arriva a fondo colonna, si ha un aumento di pressione che indica
alloperatore la fine della cementazione {FIG. 3.62}.
I tappi, il collare e la scarpa devono essere di materiali facilmente fresabili, per proseguire,
successivamente, la perforazione.
Una distribuzione uniforme della malta nellintercapedine favorita dalla rotazione e dal movimento
verticale della colonna di rivestimento; questoperazione, quindi, deve essere sempre eseguita, quando
possibile, per avere una buona cementazione.
Il metodo dei due tappi ha linconveniente che non si pu valutare a priori laltezza di risalita della
malta, dato che nel pozzo possono esserci scavernamenti che falsano i calcoli fatti.
Una valutazione pi precisa del volume di malta necessario per risalire ad una certa quota, pu essere
fatta se, prima del tubaggio, sesegue un controllo del diametro del foro a varie profondit con un
diametrometro, denominato caliper.

F L U ID O D I

M A LTA

S P IA Z Z A M E N T O

FANG O

FIG. 3.62 SEQUENZA DI UNA CEMENTAZIONE CON IL METODO DEI DUE TAPPI

La cementazione pu essere eseguita, anche, pompando la malta al fondo della colonna di rivestimento
attraverso le aste di perforazione e tubini pi piccoli al fondo (stinger), che si avvitano alla scarpa.
Cos facendo, si evita di pompare la malta direttamente nella colonna e di operare con sezioni grandi.

87

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Finita la cementazione, si sganciano le aste e si solleva la batteria di qualche metro. Si procede al
lavaggio delle aste circolando al loro interno con fango e facendolo risalire nellintercapedine astecolonna.
Quando si devono cementare lunghi tratti, che richiedono lunghi tempi di pompabilit o si hanno
problemi di fratturazione per le alte pressioni idrostatiche esercitate dalla malta, sesegue una
cementazione in due o pi stadi. Dopo aver cementato il tratto inferiore della colonna con il metodo
dei due tappi, si procede alla cementazione del tratto superiore, facendo passare la malta attraverso fori
realizzati in una valvola di circolazione (stage cementing collar o differential valve multiple stage
cementer), che possono essere aperti e ricoperti da due manicotti interni scorrevoli {FIG. 3.63}.
I fori sono coperti durante il primo stadio della cementazione, e, successivamente, vengono aperti con
un tappo speciale (opening bomb), lanciato allinterno della colonna, che si blocca sul manicotto
inferiore realizzando una tenuta idraulica verticale. Pressurizzando linterno della colonna, si provoca
il tranciamento delle spine di fermo e lo scorrimento del manicotto.
Poco prima deseguire la seconda cementazione, si circola per spiazzare leventuale malta che fosse
risalita al disopra dello stage cementing collar.
Dopo aver pompato la malta, si ha la chiusura dei fori della valvola di circolazione con il tappo di
separazione dal fango del secondo stadio di cementazione, che permette lo scorrimento del manicotto
superiore, a seguito del tranciamento delle spine di fermo. Il manicotto superiore sappoggia su quello
inferiore, rimanendo definitivamente in tale posizione, in modo da non potersi pi muovere nella
successiva fase di fresaggio dei tappi.
Sotto lo stage cementing collars e allesterno della colonna si monta un ombrello {FIG. 3.64},
formato da stecche metalliche e una tela molto resistente, che impedisce al cemento di scendere verso
il basso.
In sostituzione dellombrello, si pu utilizzare un packer esterno (external casing packer),
energizzato pressurizzando linterno della colonna di rivestimento dopo il lancio dellopening bomb.
In alcuni casi, lo stage cementing collar e lexternal casing packer possono essere riuniti in un unico
elemento {FIG. 3.65}.

FIG. 3.63 STAGE CEMENTING COLLAR

FIG. 3.64 OMBRELLO

FIG. 3.65 EXTERNAL CASING PACKER

Montando in colonna pi stage cementing collars e procedendo nella stessa maniera, si pu eseguire
una cementazione multipla; si usano tappi di diametro decrescente dallalto verso il basso.
Nella cementazione del liner casing, le procedure sono simili. Dopo aver fissato il liner hanger, si
pompa il primo cuscino pulente e, successivamente, la malta. Si fa partire dalla superficie il pump
down plug, il quale spiazza la malta allinterno delle aste utilizzate per la discesa del liner. Al contatto
tappi in prossimit dellhanger, cio al fondo del setting tool e nella parte superiore del liner, si ha un
aumento di pressione che permette il tranciamento delle spine, che bloccano il wiper plug.
88

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Questultimo, divenuto cieco per lunione con il pump down plug ed essendo di dimensioni maggiori,
inizia lo spiazzamento della malta nel liner casing fino al raggiungimento del landing collar, posto
vicino alla scarpa.
La malta risale nellintercapedine liner-foro e, successivamente, in quella liner-colonna precedente,
fino ad oltrepassare lhanger.
Si scarica il peso della batteria per permettere la fuoriuscita dei cunei e lenergizzazione del liner
packer, si svincola il setting tool dallhanger e si circola per eliminare la malta risalita sopra di esso.
Nelleventualit di un reintegro del liner fino a giorno, si discende il tieback, si fissa il relativo packer
nellinvito e sesegue la cementazione utilizzando uno stage cementing collar, posto poco sopra.
Un esempio di cementazione secondaria lesecuzione di un tappo di cemento per una chiusura
mineraria, per isolare degli strati, per risolvere problemi di perdite di circolazione o per realizzare una
deviazione del foro (sidetrack). In questultimo caso, lesecuzione del tappo ha la funzione di formare
una base dappoggio per impostare la curva di deviazione o per ricoprire eventuali attrezzi rimasti in
pozzo (per es. la perdita di uno scalpello).
I tappi di cemento seseguono sia in foro scoperto sia nella colonna di rivestimento, spiazzando,
attraverso le aste di perforazione con tubini nella parte inferiore, un volume di malta tale da chiudere il
tratto voluto {FIG. 3.66}. La batteria viene discesa in pozzo alla base del tappo da realizzare, si pompa
un cuscino pulente e, successivamente, la malta. Alla fine dello spiazzamento della malta con un altro
cuscino, si solleva la batteria affinch i tubini siano al di sopra del tappo e si circola per lavare le aste.
Successivamente, sestrae la batteria.
La realizzazione di tappi di cemento per la chiusura di un pozzo regolata da norme emanate dagli
Organi minerari. Tali norme prevedono di riempire completamente il pozzo eseguendo, a tratti, vari
tappi di cemento, dopo aver tagliato e recuperato una o pi colonne di rivestimento, al fine disolare
formazioni a diverso gradiente.
In superficie, alla colonna di rivestimento, si salda una piastra dacciaio munita di valvola per il
controllo delle pressioni.

FIG. 3.66 TAPPO DI CEMENTO

FIG. 3.67 SQUEEZE CEMENTING

La realizzazione di un tappo di cemento in foro tubato, per una chiusura mineraria, prevede lutilizzo,
oltre della malta, di tappi meccanici (bridge plugs) al fine di migliorare lisolamento. I tappi sono posti
in modo da isolare lultima colonna e il foro scoperto, i livelli sparati e la parte superiore di una
colonna tagliata o di un liner.
89

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


I bridge plugs sono tappi ciechi, costituiti principalmente da dei cunei per lancoraggio alla colonna
ed un packer per la tenuta idraulica {FIG. 3.68}.

FIG. 3.68 BRIDGE PLUG

I bridge plugs sono discesi in pozzo con un cavo (wireline) o con le aste, attraverso un elemento di
collegamento (setting tool), e sono fissati meccanicamente o idraulicamente.
I tappi possono essere usati, anche, per pompare sotto pressione la malta in una certa zona del pozzo
(squeeze cementing) {FIG. 3.67}, al fine di:
ricementare una colonna;
isolare uno strato;
riparare colonne danneggiate.
In questo caso, i tappi sono definiti con terminologia inglese cement retainer o retrievable
cementer o squeeze packer. Dispongono di una valvola di non ritorno a fungo per impedire la
risalita della malta dal basso verso lalto. Possono essere lasciati in pozzo o recuperati.
Nelle operazioni finalizzate a controllare lentrata in pozzo dacqua di formazione, consigliabile
utilizzare malte preparate con acque salate perch quelle dolci tendono a deteriorare le argille di strato,
distruggendo la tenuta realizzata dal cemento.
Quando si deve cementare un tratto di colonna di rivestimento con fori di comunicazione con la
formazione (spari), sutilizzano due packers (straddle packers) collegati tra loro da aste e distanziati
di una lunghezza poco superiore allo spessore del livello dinteresse. Le operazioni di squeezing
possono essere fatte ad alta o bassa pressione, a seconda se si supera o no quella di fratturazione.
Generalmente, si supera la pressione di fratturazione nel caso di terreni impermeabili, dove la
mancanza o lintasamento dei canalicoli impedisce lingresso o la completa presa del cemento.
Ogni qualvolta si deve discendere in pozzo un packer o un bridge plug, per eliminare eventuali
incrostazioni di cemento, ruggine o sbavature dovute agli spari che potrebbero impedirne la discesa o
comprometterne la tenuta, si scende un utensile raschiatore dinterni (scraper) {FIG. 3.69}.

FIG. 3.69 RASCHIATORE INTERNO COLONNA

Lattrezzo viene disceso in pozzo con le aste. Poich lattacco inferiore delle aste maschio, cos come
lattacco superiore del raschiatore, sutilizza una riduzione doppia femmina per la discesa.
Lattrezzo dispone di molle a spirale, che spingono le lame raschianti contro la superficie interna della
colonna, permettendone la pulizia sia in rotazione sia con movimento alternativo in senso verticale.
90

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

3.10 PROBLEMI DI PERFORAZIONE


Durante la perforazione di un pozzo, si possono avere gravi problemi, i quali possono mettere in
pericolo il proseguimento delle operazioni.
Pu accadere che la batteria rimanga bloccata nel pozzo (presa di batteria), a causa:
dellincollamento delle aste sulla parete del foro per pressione differenziale;
del franamento della formazione;
dellincastro della batteria in un restringimento.
Lincollamento delle aste sulla parete del foro avviene in presenza di
formazioni molto permeabili, quando esiste unelevata differenza tra
la pressione idrostatica del fango e quella di formazione e la batteria
poggia sulla parete.
In tal caso, infatti, si ha una spinta contro la parete del pozzo pari al
prodotto della differenza di pressione per la proiezione dellarea di
contatto batteria-parete.
La presa favorita da un pannello di grosso spessore e dal fatto che la
batteria rimanga ferma per molto tempo {FIG. 3.70}.
FIG. 3.70 PRESA DELLA BATTERIA

Per prevenire la presa di batteria , quindi, consigliabile:


usare fango con la minore densit ammissibile (in tal modo si abbassa la pressione differenziale);
ridurre al minimo larea di contatto (pannello di piccolo spessore, usare aste pesanti con
scanalature);
usare fanghi che mantengono basso il coefficiente dattrito (a base dolio);
non tenere ferma la batteria per molto tempo.
Per liberare, invece, la batteria, occorre servirsi del jar o del bumper e circolare un cuscino lubrificante
(gasolio), per diminuire lattrito, o un cuscino ossidante (acido), per eliminare il pannello. Poich
questi cuscini hanno, generalmente, una densit minore di quella del fango, ogni qualvolta che si
pompano in pozzo, occorre verificare la diminuzione del carico idrostatico.
La presa per frana si verifica quando la batteria rimane bloccata da materiale staccatosi dalla parete del
foro. Il problema non di facile soluzione in quanto la frana blocca, totalmente o parzialmente, la
circolazione del fango.
Occorre cercare di riattivarla con aumenti di pressione e inviando, in corrispondenza della presa, un
cuscino oleoso.
Le frane in pozzo avvengono, generalmente, in presenza di terreni incoerenti, quando la pressione
idrostatica esercitata dal fango non sufficiente a sostenere le pareti, per azione erosiva del fango, in
caso di vibrazione della batteria.
La presa per incastro della batteria pu aversi verso il basso quando si mettono nuovi stabilizzatori; in
tal caso, si cerca di liberarla dando strappi verso lalto, dopo aver immesso, eventualmente, un cuscino
lubrificante.
La presa verso lalto, pu verificarsi in presenza di una brusca deviazione del foro
(gomito), dove le aste, strisciando sulla parete, creano, con la rotazione, una cavit.
Quando si solleva la batteria, queste cavit bloccano i giunti delle aste che hanno un diametro
maggiore.
Nei pozzi dove si prevedono queste cavit, si pu montare in batteria un levigatore (key seat wiper)
per allargarle {FIG. 3.71}.

91

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.71 FORMAZIONE DI UNA CAVIT IN UN GOMITO

Si tratta di unasta con uno stabilizzatore libero di scorrere assialmente e di ruotare se non in una
posizione estrema, ad opera di un dente.
Nei casi estremi, in cui non si riesce a liberare la batteria, occorre recuperarne la parte non bloccata
(backoff). La batteria pu essere svitata a livello di un giunto di sicurezza, se presente e se posto al
di sopra del punto di presa, o a livello di un giunto dasta ricorrendo ad una carica esplosiva.
In questultimo caso, si mette in tensione la batteria libera in modo tale da portare il punto neutro a
livello del giunto da svitare, si scende allinterno delle aste una carica esplosiva per mezzo di cavo
elettrico e la si fa brillare.
Lesplosione provoca delle sollecitazioni meccaniche e termiche tali da allentare il giunto e renderne
possibile lo svitamento.
Quando non si riesce a svitare le aste, si ricorre al loro taglio con tagliatubi (pipe cutter) scesi con
cavo, aventi cariche esplosive o soluzioni chimiche. Le stesse tecniche di recupero possono essere
utilizzate per le colonne di rivestimento; in questo caso, la discesa pu avvenire, anche, con le aste e si
possono utilizzare, anche, tagliatubi meccanici.
Questultimi sono scesi con le aste ed hanno dei taglienti azionati dalla pressione del fango.
Pompando, si provoca il tranciamento di spine di fermo e lallargamento dei coltelli contro la colonna.
Ruotando, si taglia la colonna {FIG. 3.72}.

92

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.72 TAGLIATUBI MECCANICO

Esistono, anche, tagliatubi meccanici esterni utilizzati per recuperare tubing. Hanno la forma di una
campana e sono scesi con aste di diametro maggiore dei tubing.
Un altro grave inconveniente di perforazione la rottura della batteria, generalmente a livello di
unasta di perforazione. La causa pi frequente la rottura per fatica, dovuta a flessione rotante, nei
punti dove il pozzo inclinato.
I componenti ferrosi che restano nel pozzo, siano essi aste, scalpelli, strumenti di misura o altro,
ostacolano il proseguimento della perforazione. In questi casi, si pu valutare lopportunit:
di tentare di recuperarli con operazioni di pescaggio;
di ricoprirli con un tappo di cemento ed eseguire una deviazione sopra di esso;
di distruggerli con delle frese.
Generalmente, il pescaggio (fishing) sempre tentato, specialmente se in pozzo ci sono attrezzi
costosi, ma pu avere lunghi tempi operativi o, addirittura, fallire.
La scelta tra lesecuzione di un tappo di cemento o il fresaggio (milling) fatta in funzione dei tempi
desecuzione o deventuali impedimenti nella deviazione.
Il recupero di piccoli oggetti (rulli di scalpello, rulli di alesatore, pettini di chiavi, elementi di cunei,
ecc.) pu essere effettuato con pescatori a cestello (junk sub), a lame (hydraulic junk
retriever), a calice (boot basket), a scarpa dentata (globe junk basket), a circolazione inversa
(reverse circulation junk basket), magnetici (fishing magnet).
Il pescatore a cestello uno spezzone
di tubo avente, nella parte inferiore,
tante lamelle disposte a zampe di ragno.
Poggiando lattrezzo a fondo pozzo, il
peso della batteria incurva le lamelle
verso linterno formando un cestello che
ingloba in s loggetto da pescare.
Il pescatore a lame simile a quello a
cestello con la differenza che la chiusura
delle lame avviene tramite pressione
idraulica.
Il pescatore a calice pu essere usato in
combinazione di frese o sopra lo
scalpello; funziona da trappola e riceve i
frammenti metallici che, essendo pi
pesanti, ricadono verso il basso
{FIG. 3.73}.
Il pescatore a scarpa dentata
costituito da un robusto corpo cilindrico
e da una corona tagliente, che pu
perforare il terreno, permettendo
allattrezzo dinglobare i pezzi metallici
e di bloccarli con lamelle interne
{FIG. 3.73}.
FIG. 3.73 PESCATORI

93

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Il pescatore a circolazione inversa simile al precedente, ma presenta il vantaggio di permettere, in
prossimit della scarpa e dopo lancio di una biglia, al fluido di perforazione di passare dallesterno
allinterno trascinando nella trappola i frammenti da recuperare.
I pescatori magnetici sfruttano lazione di calamite sui frammenti metallici {FIG. 3.73}.
Prima delle operazioni di pescaggio, per individuare la posizione e la forma degli oggetti rimasti in
pozzo e scegliere il pescatore pi indicato, si pu scendere un utensile prendimpronta (impression
block); tale attrezzo ha nella parte inferiore una piastra di piombo che si plasticizza in compressione.
Per recuperare una batteria di perforazione rotta, si possono usare pescatori filettanti (maschi o
femmine) o lovershot.
I maschi filettanti (taper taps) hanno una filettatura conica che, penetrando allinterno dellasta
superiore rotta, la filettano e lagganciano. Per infilare lasta, sono discesi con campane di guida che
fungono da centralizzatori {FIG. 3.74}.
Le femmine filettanti (die collars) sono simili ai maschi, ma filettano le aste esternamente.
I pescatori filettanti hanno linconveniente di non poter essere usati se lattrezzo da recuperare pu
ruotare, di non essere facilmente svincolabili, nel caso in cui il recupero fosse reso impossibile da una
presa di batteria, e di essere poco idonei alla circolazione.

FIG. 3.74 PESCHATORI FILETTANTI

FIG. 3.75 OVERSHOT CON BASKET GRAPPLE (BOWEN)

Tali inconvenienti si superano con luso del pescatore overshot. Esso aggancia la batteria
esternamente attraverso un dispositivo a cunei (basket grapple) o a spirale (spiral grapple), che si
stringe sul corpo asta con la trazione; per svincolare lovershot, si ruota a destra scaricando peso.
I grapples sono tenuti in sede attraverso un dispositivo dentellato (mill control packer), che permette
dinfilare e fresare la testa del tubo. Dispone di una guarnizione interna (inner seal) per assicurare la
tenuta idraulica {FIG. 3.75}.
Nei fori molto scavernati, lasta rotta si adagia sulla parete in posizione molto disassata rispetto al
foro. In tal caso, si monta, sotto lovershot, ununghia di centraggio e, superiormente, un giunto
snodato (knuckle joint) ad azione idraulica. Aumentando progressivamente la pressione di
pompaggio, sincrementa linclinazione del giunto fino a raschiare la parete del pozzo. Quando
lunghia aggancia lasta, si ferma la circolazione e sabbassa la batteria per introdurre lovershot.
Per il recupero di batterie rotte, si possono utilizzare, anche, pescatori a ganasce dentate (releasing
spears). Esse sono infilate allinterno dellasta e fatte espandere meccanicamente, ruotando il
mandrino su cui sono montate, o idraulicamente, pressurizzando linterno della batteria per far scorrere
una camicia che le tiene chiuse {FIG. 3.76}.
94

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.76 CASING SPEARS

Pescatori simili possono essere utilizzati per il recupero delle colonne (casing spears).
Dopo aver recuperato la parte superficiale di una colonna danneggiata, la si pu reintegrare per
proseguire le operazioni. In tal caso, sutilizza un attrezzo di collegamento (casing patch) simile ad
un overshot. E disceso con la colonna di reintegro e permette il collegamento meccanico con la
colonna rimasta in pozzo, assicurando la tenuta idraulica {FIG. 3.79}.

FIG. 3.77 TAGLIACAVO

FIG. 3.78 ARPIONI PESCACAVO

FIG. 3.79 CASING PATCH

Gli attrezzi scesi con cavo possono rimanere in pozzo perch presi o per la rottura della fune.
Nel primo caso, si recupera lattrezzo con il pescatore pi appropriato, dopo aver tagliato il cavo con
un utensile a coltelli {FIG. 3.77}. Il tagliacavo lanciato lungo la fune da tagliare; quando arriva al
fondo, un percussore, battendo sulla testina, aziona un coltello che trancia il cavo.
Nel secondo caso, una parte di cavo tende a raggomitolarsi sopra lattrezzo da recuperare, ostacolando
il passaggio. Si deve cercare di agganciarlo con un arpione pescacavo (wireline spear o grab) avente
uno o due rami con ganci, che si attorcigliano alla fune {FIG. 3.78}.
Alcuni attrezzi scesi in pozzo con cavo, hanno un collarino daggancio per facilitare il loro eventuale
pescaggio. In tal caso, sutilizzano degli estrattori (pulling tools) che permettono facilmente di
agganciarsi o svincolarsi. Quando si raggiunge lutensile da pescare, il contatto permette lapertura di
una serie di ganci (cani) che, successivamente, si richiudono su un risalto del collarino.
Le frese, utilizzate per distruggere attrezzi metallici rimasti in pozzo, sono ricoperte o dotate dinserti
di materiale molto duro; possono avere forme diverse, secondo lelemento da fresare {FIG. 3.80}.
95

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.80 FRESE

Quelle cilindriche (junk mills) sono utilizzate per il fresaggio di scalpelli, tubi e aste. Hanno lame
stabilizzatrici e, generalmente, sono accoppiate ad un pescatore a calice per recuperare i detriti
prodotti.
Per il materiale tubolare, sono pi indicate le frese coniche (taper mills), che permettono anche di
rimuovere detriti ed incrostazioni sulle colonne di rivestimento.
Le frese bombate (watermelon mills) possono essere usate per allargare una colonna di rivestimento o
rimuovere ostruzioni al suo interno.
Le frese a lame assiali (pilot mills) sono indicate per materiale tubolare. Hanno un naso nella parte
inferiore che fresa linterno del tubo facendo da guida, mentre le lame fanno il resto. Possono essere
usate per rifilare un tubo che successivamente deve essere agganciato con un overshot.
Le frese a denti (packer mills) sono utilizzate per recuperare i packers e i bridge plugs, dopo parziale
fresaggio. Sono costituite da una corona di denti, per fresare e far rilasciare i cunei, ed un pescatore
interno, a vite o a ganci, per entrare nel tappo e fissarlo.
Esistono anche frese a lame apribili (section mills).
Una perdita di circolazione consiste nellassorbimento di fango da parte della formazione (si
considerano perdite sensibili quelle superiori a 0.2 m3/ora). Essa determina un aggravio economico per
la maggiore quantit di fluido di perforazione da confezionare, pu causare la contaminazione di strati
produttivi o falde acquifere, ma, soprattutto, pu innescare uneruzione per improvvisa diminuzione
della pressione idrostatica della colonna di fango. Per prevenire o rimediare a tale inconveniente si
pu:
diminuire la densit e aumentare la viscosit del fango;
circolare un cuscino di materiale tamponante in corrispondenza dello strato assorbente;
fare un tappo di cemento;
perforare a perdita di circolazione con un fango poco costoso e non inquinante.
La scelta del tipo di materiale intasante e la sua granulometria deve essere fatta in base alla porosit
della formazione da trattare {FIG. 3.81}.

96

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.81 MECCANISMO DINTASAMENTO DI UN MEZZO POROSO

Il materiale intasante deve essere costituito da particelle di varia granulometria aventi un diametro
medio tra 0.15 0.35 volte quello dei pori da tappare.
Poich questo materiale deve essere
pompato in pozzo, il diametro delle
particelle maggiori non deve essere
superiore ad un decimo della
minore luce di passaggio della
batteria.
Questi limiti fanno s che, nel caso
di grandi fratture, occorre ricorrere
a tappi di cemento.
Generalmente, la concentrazione
del materiale intasante compresa
tra 50 250 kg/m3.
FIG. 3.82 CAMPO DEFFICACIA DEGLI INTASANTI

Altro inconveniente di perforazione lallargamento del foro. In tal caso, pu essere difficoltoso
scendere attrezzature a fondo pozzo, si rende necessaria una maggiore quantit di malta per la
cementazione, pu essere problematico il recupero della batteria di perforazione, se essa si rompe
proprio in corrispondenza dellallargamento. In corrispondenza dellallargamento, la velocit di
risalita del fango diminuisce, con aumento della probabilit di formazione di tappi.
Lallargamento si ha, spesso, nei duomi salini, dove i sali si disciolgono nellacqua del fango, e in
corrispondenza di terreni incoerenti per erosione del fluido di perforazione.
Il problema pi grave in perforazione sicuramente leruzione del pozzo (blow-out). Linizio di
uneruzione pu essere previsto quando:
aumenta il livello di fango nelle vasche;
aumenta la velocit di perforazione (drilling break);
si alleggerisce il fango per contaminazione di gas, olio o acqua;
varia il contenuto salino del fango;
diminuisce la pressione alle pompe dovuta allingresso di fluidi di minor densit e/o viscosit;
i fluidi escono dal pozzo a pompe ferme.
Leruzione di un pozzo ha, spesso, conseguenze catastrofiche con possibilit di perdite di vite umane,
distruzione dimpianti e inquinamento ambientale. Gli idrocarburi, che fuoriescono dal pozzo a forte
pressione, possono incendiarsi o diffondersi nellambiente.
Le gravi perdite possono derivare dal calore generato dallincendio, da esplosioni, da getti
incontrollati, da bolle di gas che si sprigionano da fondo mare e destabilizzano limpianto di
perforazione.
97

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Nel caso in cui leruzione non cessi spontaneamente per franamento delle pareti del pozzo, per
riprendere il controllo della situazione, occorre, per prima cosa, liberare la testa pozzo da tutti i rottami
e spegnere le fiamme se si sviluppato un incendio.
Lo spegnimento dellincendio affidato a ditte specializzate, che soffocano le fiamme creando una
forte depressione nelle immediate vicinanze della testa pozzo, mediante limpiego di esplosivi o grosse
turbine.
Spento lincendio, sinterviene a rendere idonea la testa pozzo a ricevere una valvola per arrestare il
flusso eruttivo.
Il greggio versato in mare pu essere arginato, con barriere galleggianti, e raccolto, con recipienti
(skimmers), o trattato chimicamente con disperdenti ed assorbenti.
Il greggio versato sul suolo, invece, penetra nel terreno permeabile sino a raggiungere uno strato
impermeabile; si pu cercare di recuperarlo con lo scavo di un canale a valle della falda per
intercettarlo.

3.11 APPARECCHIATURE DI SICUREZZA


Quando la pressione del fluido di perforazione inferiore a quella dei pori, si ha lentrata in pozzo dei
fluidi di strato, con conseguente pericolo deruzione.
A parte tutti gli interventi dappesantimento del fango, per tenere la situazione sotto controllo e
proseguire nella perforazione, si devono prevedere apparecchiature di sicurezza, che chiudono il pozzo
evitando pericoli deruzione.
Funzione secondaria di queste apparecchiature di permettere prove di pressurizzazione del pozzo,
colonne di rivestimento e teste pozzo.
Queste apparecchiature (BOP Blow-Out Preventers) sono otturatori, montati sopra la testa pozzo.
Possono essere a ganasce, anulari o interni.
Nei primi la forma delle ganasce pu essere diversa:
le cieche (blind rams) chiudono tutta la sezione;
le trancianti (shear rams) possono tagliare le aste di
perforazione {FIG. 3.83};
le sagomate (pipe rams) chiudono su diametri
prestabiliti delle attrezzature in pozzo {FIG. 3.83};
SAGOMATE
TRANCIANTI
le variabili (variable rams) chiudono su diversi
diametri avendo una certa capacit dadattamento.
FIG. 3.83 GANASCE
I BOP anulari o a sacco chiudono su qualsiasi forma e diametro delle attrezzature in pozzo (possono
permettere anche la chiusura totale).
I BOP sono classificati (norme API) in base alla pressione desercizio, cui possono essere sottoposti,
ed un diametro nominale molto vicino al valore del diametro interno; per ogni tipologia, esistono vari
modelli adatti alle varie condizioni dimpiego.
Queste attrezzature sono azionate idraulicamente o manualmente. Lazionamento pu avvenire sul
piano sonda e in posizione di sicurezza dal pozzo.
Generalmente, i BOP sono individuati dal nome della Societ costruttrice.
I BOP a ganasce pi comunemente usati sono:
Hydril;
Shaffer;
Cameron;
Koomey.

98

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


La chiusura del BOP a ganasce tipo Hydril avviene inviando il fluido in pressione nelle camere
dalloggiamento dei pistoni, con conseguente avanzamento assiale delle ganasce, fino a produrre la
chiusura. Il piano, su cui scorrono le ganasce, scanalato ed inclinato per favorire il drenaggio del
fango e dei detriti e per realizzare il principio dellautotenuta in chiusura; permettono al fluido in
pozzo desercitare la pressione, anche, nella parte posteriore delle ganasce.

FIG. 3.84 BOP A GANASCE (CAMERON)

La chiusura manuale (manual lock) avviene con lo svitamento delle due viti esterne sporgenti da un
supporto chiamato bonnet; prima della riapertura delle ganasce, che pu essere fatta solo
idraulicamente, occorre riavvitare le viti.
Quelli per uso sottomarino sono dotati di un sistema automatico di bloccaggio delle ganasce in
posizione chiusa (MPL Multiple Position Locking), che sfrutta dei dischi di frizione fissi nel bonnet. Il
retrostelo del pistone operativo, quando spinto in avanti dal fluido di chiusura, determina la rotazione
dei dischi di frizione, che ne impediscono il movimento a ritroso.
Il BOP a ganasce tipo Shaffer simile al precedente, ma con il piano di tenuta ricavato di risalto nella
camera di scorrimento. In questo modo, le ganasce nel loro scorrimento non hanno alcun attrito e
vanno a contatto con il risalto per la tenuta solo a fine corsa.
Quelli per uso sottomarino sono dotati di un sistema automatico di bloccaggio delle ganasce in
posizione chiusa (poslock), che sfrutta dei nottolini di fermo alloggiati nel pistone e spinti da molle.
Il funzionamento del BOP tipo Cameron si differenzia dai precedenti per le procedure di cambio
ganasce e per il comando manuale, che seffettua avvitando le viti, invece che svitandole {FIG. 3.84}.
Per il cambio delle ganasce, si svitano le viti dei bonnets e si mette in pressione il circuito di chiusura.
Le ganasce iniziano a chiudersi e, quando si toccano, per reazione, i bonnets sallontanano per uno
spazio sufficiente da permetterne la sostituzione; per la chiusura, seffettua loperazione inversa.
Quelli per uso sottomarino sono dotati di un sistema automatico ed indipendente di bloccaggio delle
ganasce in posizione chiusa (wedge lock system), che sfrutta una spina che sincastra sullo stelo del
pistone operativo.
I BOP a ganasce tipo Koomey sono simili ai precedenti. Il tipo
PL hinged, al pari degli Shaffer, permette la sostituzione delle
ganasce aprendo i bonnets, tramite delle cerniere, come degli
sportelli {FIG. 3.85}. Il tipo PL o PB (Power Ram Change), al
pari dei Cameron, permette la sostituzione delle ganasce facendo
scorrere i bonnets.
I BOP a ganasce possono essere doppi, cio due fusi in un unico
blocco, per una maggiore compattezza {FIG. 3.86}.
FIG. 3.85 APERTURA DI UN BOP

99

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.86 BOP A GANASCE DOPPIO (CAMERON)

I BOP sono dotati di fori spia per la fuoriuscita dellolio, che informano sulla necessit di sostituzione
delle guarnizioni.
I BOP a sacco pi comunemente utilizzati sono:
Hydril;
Shaffer;
Cameron.
Nel tipo Hydril, inviando olio in
pressione, saziona un pistone conico che,
alzandosi, provoca il restringimento di una
gomma a forma toroidale, irrobustita con
inserti dacciaio {FIG. 3.87}.
I BOP a sacco Hydril sono di diverso tipo
e si differenziano, oltre che per la forma,
per il sistema di chiusura e per la
destinazione dimpiego. I tipi GX, GK,
MSP sono usati per i pozzi a terra e sono
provvisti di una camera di chiusura ed una
dapertura.
FIG. 3.87 BOP A SACCO (CAMERON)

Il tipo GL stato concepito, prevalentemente, per pozzi a mare ed dotato, in aggiunta ai precedenti,
di una camera di compensazione delle pressioni.
I BOP a sacco tipo Shaffer si differenziano dai precedenti per lelemento di tenuta, che esercita la
chiusura avvolgendo gli attrezzi in pozzo con la sola parte alta e permettendo una maggiore durata
della gomma.

100

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

BOP A SACCO

VALVOLA

TUBO GUIDA

I BOP a sacco tipo Cameron sono simili ai precedenti, ma la


chiusura della gomma, con relativi inserti dacciaio, intorno
al corpo asta avviene con un movimento simile al
restringimento di un diaframma di una macchina fotografica.
Nei BOP a sacco la pressione del pozzo aiuta la chiusura.
Nella fase iniziale di perforazione del pozzo, non si montano
i BOP a ganasce, ma un BOP a sacco con uscite laterali
(diverter), che ha lo scopo di deviare un eventuale flusso
eruttivo lontano dal piano di lavoro {FIG. 3.88}.
In caso deruzione, le valvole sulle linee di scarico devono
essere chiuse con cautela, perch la scarsa compattezza degli
strati superficiali indurrebbe ad una facile fratturazione della
formazione.

FIG. 3.88 DIVERTER

Un BOP a sacco chiuso consente il movimento assiale della batteria (stripping), con possibilit di
passaggio dei giunti nellelemento di chiusura, ma solo in fase di discesa della batteria.
Lenergia necessaria ad azionare queste attrezzature fornita da un sistema daccumulazione
(koomey) costituito da bombole, serbatoi, pompe, valvole di comando, valvole di regolazione, valvole
di sicurezza, manometri, dispositivi elettrici, sensori, elementi per lautoavviamento. Nelle bombole
compresso il fluido che, per mezzo di comandi elettroidraulici, pu azionare le attrezzature di
sicurezza e le valvole di superficie. Esse sono, generalmente, precaricate con azoto a 6.8 MPa (100
psi) e, successivamente, pressurizzate a 20 MPa (3000 psi) pompando olio.
Lassemblaggio di queste attrezzature (BOP stack) pu essere diverso a seconda del programma di
perforazione, delle attrezzature da utilizzare, dalle operazioni previste, dallo spazio disponibile sotto la
struttura.
Nel caso di spazi limitati si pu ricorrere ai BOP doppi e a quelli provvisti duscite laterali, in modo da
eliminare i rocchetti intermedi (drilling spools), aventi tale funzione o usati come distanzieri.
Un BOP stack pu essere costituito da un BOP a sacco e due a ganasce, separati da un drilling spool.
Le ganasce trancianti vanno montate superiormente e quelle sagomate inferiormente per permettere di
appoggiarvi il giunto (hang-off) che, essendo pi resistente, non deve trovarsi a livello del taglio (A)
{FIG. 3.89}.
Migliore della precedente la configurazione con un BOP a sacco, un BOP a ganasce doppio, un BOP
a ganasce singolo, due kill line e due choke line. Le ganasce trancianti sono disposte nel BOP singolo
sotto quello anulare, mentre quelle sagomate nel BOP doppio sottostante (B) {FIG. 3.89}.
In tale configurazione, si chiudono sempre la ganasce sagomate superiori, mentre quelle inferiori sono
di riserva. Nel caso di taglio delle aste, possibile circolare attraverso la kill line superiore, installata
sotto le trancianti, e far uscire il fluido di perforazione attraverso la choke line inferiore.
Se la pressione del pozzo spinge verso lalto la batteria, il taglio pu avvenire senza impedimenti da
parte del giunto, perch esso si blocca sotto le ganasce sagomate superiori chiuse; in tal caso, per, la
batteria cade in pozzo. possibile eseguire lo stripping con il BOP anulare e quello con ganasce
sagomate, utilizzando la kill line superiore per scaricare la pressione intermedia.
In caso di chiusura pozzo, con le sagomate superiori, la circolazione avviene tramite la linea choke
inferiore. In caso di rottura di tale linea, necessario montarne una supplementare sul casing spool.
Aggiungendo un BOP singolo con ganasce sagomate sopra quello con le trancianti, possibile
eseguire operazioni di controllo pozzo, dopo il taglio delle aste, e reintegrare la batteria (C)
{FIG. 3.89}.
Una configurazione pi semplice, con i vantaggi della precedente, pu essere quella di disporre il BOP
doppio superiormente con le ganasce trancianti in mezzo a quelle sagomate (D) {FIG. 3.89}.
Con tale configurazione, si pu procedere alla sostituzione delle ganasce superiori in sicurezza,
semplicemente chiudendo le trancianti sottostanti.
101

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

BOP A SACCO
BOP A SACCO
BOP A GANASCE
TRANCIANTI
BOP A GANASCE
TRANCIANTI

DRILLING
SPOOL
BOP A GANASCE
SAGOMATE SUPERIORI

DRILLING
SPOOL
BOP A GANASCE
SAGOMATE

BOP A GANASCE
SAGOMATE INFERIORI
CORPO
BASE

CORPO
BASE

BOP A SACCO

BOP A SACCO

BOP A GANASCE SAGOMATE


SUPERIORI

BOP A GANASCE SAGOMATE


SUPERIORI

BOP A GANASCE
TRANCIANTI

BOP A GANASCE
TRANCIANTI
DRILLING
SPOOL

BOP A GANASCE
SAGOMATE CENTRALI

BOP A GANASCE
SAGOMATE INFERIORI

BOP A GANASCE
SAGOMATE INFERIORI
CORPO
BASE

CORPO
BASE

FIG. 3.89 VARIE CONFIGURAZIONI DEL BOP STACK

In caso di chiusura pozzo, con le sagomate superiori, la circolazione avviene tramite la linea choke
superiore, lasciando quella inferiore come riserva.
La presenza di un BOP a ganasce sagomate sopra le trancianti risulta utile per effettuare operazioni di
controllo pozzo successive al taglio della batteria (reintegro e stripping).
Per contro, per:
nel caso di chiusura delle sagomate superiori e di spinta verso lalto della batteria, il taglio non
possibile perch il giunto viene a trovarsi di fronte alle trancianti;
non si ha un BOP di riserva;
102

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

non possibile eseguire lo stripping, per mancanza di spazio per il passaggio del giunto e di una
linea di scarico della pressione.
Il collaudo delle attrezzature di sicurezza eseguito chiudendo i BOP su unasta avente una gomma
toroidale esterna (cup tester), che sappoggia, sulla testa dellultima colonna discesa. Il peso
necessario per assicurare la tenuta della gomma fornito appoggiando lelevatore sullasta o
appendendo dei drill collars sotto di essa.
Pressurizzando lintercapedine tra lasta e i BOP attraverso la kill o la choke line, si verifica la tenuta
idraulica. Uneventuale mancata tenuta del cup tester verr evidenziata dal ritorno del fluido
dallinterno dellasta. In alcuni casi, sutilizza un plug tester, del tutto simile al precedente, ma
appoggiato nella sede dalloggiamento dei cunei, sopra le tenute dellultima colonna e
dellinflangiatura.
Sono denominati BOP interni, quelli che possono essere montati nella batteria di perforazione per
prevenire flussi eruttivi nelle aste.
Si tratta di valvole a sfera, a fungo o di altro tipo che impediscono il flusso dei fluidi dal basso verso
lalto. Possono essere montati nella parte alta dellasta motrice (upper kelly cock), nella parte bassa
dellasta motrice (lower kelly cock), tra le aste (float valve), nella prima asta di perforazione posta
sopra le aste pesanti (drop-in valve).

3.12 TESTA POZZO


La testa pozzo {FIG. 3.90} linsieme di quegli elementi che permettono lisolamento delle colonne
di rivestimento, il loro collegamento ai BOP ed allinsieme di valvole di controllo.
Il primo elemento della testa pozzo il corpo base (casing head) che pu essere avvitato, saldato o
incuneato alla colonna superficiale. Il montaggio pu avvenire prima della cementazione oppure dopo
la presa del cemento e taglio a misura della colonna superficiale {FIG. 3.92}.
Pu disporre di una piastra dappoggio per facilitarne il posizionamento e distribuire meglio il peso,
ma, in questo caso, ci possono essere dei problemi nel passaggio attraverso la tavola rotary.
Dopo aver montato, sopra il corpo base, il diverter e i rocchetti distanzieri (drilling spools) per
portare le attrezzature alla giusta altezza di collegamento con le linee, si perfora la fase successiva.
Segue la discesa della prima colonna intermedia e la sua cementazione (essa incuneata sul piano
tavola rotary o appesa al gancio).
Dopo la presa del cemento, con la certezza di avere il pozzo in sicurezza, si sflangia il drilling spool
dal corpo base e si sollevano i BOP con paranchi posti sotto la tavola rotary. Si rilasciano i cunei
dancoraggio della colonna di rivestimento sul piano tavola rotary e si posizionano quelli allinterno
del corpo base.
Si taglia la colonna sopra il corpo base, si recupera lo spezzone sovrastante e si rimontano le
apparecchiature di sicurezza, sostituendo il drilling spool con il corpo intermedio (casing spool)
{FIG. 3.92}.
Esso permette dincuneare la colonna successiva, di assicurare la tenuta idraulica nellintercapedine e
di fornire al fluido vie di comunicazione con lesterno. Ogni colonna di rivestimento ha un corpo
intermedio. Il corpo base e quelli intermedi sono corredati duscite laterali munite di valvole per il
controllo dei fluidi nellintercapedine.
Le sedi dalloggiamento dei cunei e delle tenute sono protette dalla rotazione della batteria, durante le
fasi di perforazione, con delle camicie antiusura (bore protectors) di diametro interno inferiore,
mentre la discesa dello scalpello guidata da un anello (bit guide).
Sopra lultimo casing spool, si trova il corpo superiore (tubing spool), che ha la funzione di
sorreggere la batteria di tubing di produzione e disolare lintercapedine colonna di produzione-tubing.
Gli elementi della testa pozzo sono normalizzati attraverso le flange daccoppiamento. Le norme API
classificano le flange in base ad una dimensione nominale ed alla pressione desercizio; per ogni classe
definita la sezione interna, il diametro e il numero dei fori, il diametro del cerchio passante per i loro

103

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


centri, laltezza. In alcune teste pozzo, il collegamento tra i vari elementi avviene per mezzo di clampe
o spine {FIG. 3.91}.
BONNET

USCITA CONTROL LINE

LAURENT CARRIER

SPINA

ANELLO SMUSSATO

GUARNIZIONE

TRANSFERT CARRIER

BPV
TUBING HANGER
CORPO SUPERIORE

CORPO INTERMEDIO

ANELLO GUIDA

FORO PER PROVA DI PRESSIONE


SISTEMA DI TENUTA

CUNEI

CORPO INTERMEDIO
ANELLO GUIDA

ANELLO
GUARNIZIONE
CORPO BASE
CASING HANGER

PIASTRA DAPPOGGIO
COLONNA SUPERFICIALE
COLONNA INTERMEDIA

TUBO GUIDA

COLONNA INTERMEDIA
COLONNA DI PRODUZIONE

TUBING
FIG. 3.90 TESTA POZZO

104

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.91 TESTA POZZO CON ELEMENTI SPINATI (BREDA)

105

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.92 PARTICOLARI DELLA TESTA POZZO (FMC)

Il corpo superiore internamente configurato in modo tale dalloggiare un elemento chiamato tubing
hanger.
Si tratta di un manicotto filettato internamente a tre tratti; quello inferiore serve per il collegamento
con la stringa di tubing quello superiore serve per avvitare lasta di manovra durante la discesa, quello
intermedio serve per alloggiare una valvola di contropressione (BPV Back Pressure Valve) per il
controllo del pozzo durante la rimozione dei BOP e il montaggio della croce {FIG. 3.92}.
Esternamente, configurato in modo tale
dalloggiarsi nel corpo superiore per sorreggere il
peso della stringa di tubing di produzione e
contenere delle guarnizioni per la tenuta idraulica.
Quella di tenuta con il corpo superiore
energizzata da un anello smussato, spinto verso il
basso da apposite spine (tie down).
Altre due guarnizioni assicurano la tenuta
idraulica tra il tubing hanger ed una riduzione
(tubing adapter o bonnet), montata sopra il
corpo superiore e con la funzione di collegare la
croce di produzione {FIG. 3.93}.
FIG. 3.93 COLLEGAMENTO TESTA POZZO-CROCE DI
PRODUZIONE (FMC)

Nel caso di completamenti doppi, il tubing hanger ha due fori, in quanto le stringhe di tubing di
produzione da collegare sono due, ed , generalmente, composto da pi pezzi.
Il tubing hanger dispone di uno o due fori, lateralmente a quelli di fissaggio delle stringhe di
produzione, per collegare, direttamente o tramite un cilindretto (transfer carrier), un tubino (control
line) avente la funzione di mantenere aperta una valvola di sicurezza a sportello.
La valvola di sicurezza posta tra i tubing, ad una cinquantina di metri dalla testa pozzo, mentre la
control line scorre parallelamente ad essi, si collega al foro del tubing hanger ed esce dal bonnet per
comunicare con lesterno.

106

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Esempi di teste pozzo a terra e a mare con completamento singolo o doppio
CASING HEAD
Flangia
super.
[in]
13 5/8
13 5/8
13 5/8
21 1/4
21 1/4
21 1/4
21 1/4
21 1/4
21 1/4
21 1/4
21 1/4
26 3/4

CASING SPOOL

Press. Casing Flangia


eserc. infer. infer.
[psi]
[in]
[in]
5000 13 3/8 13 5/8
9 5/8
5000 13 3/8 13 5/8
9 5/8
5000 13 3/8 13 5/8
9 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000
20
21 1/4
18 5/8
5000 24 1/2 26 3/4

CASING SPOOL

TUBING SPOOL

Press. Flangia Press. Flangia Press. Flangia Press. Flangia


eserc. super. eserc. infer. eserc. super. eserc. infer.
[psi]
[in]
[psi]
[in]
[psi]
[in]
[psi]
[in]
5000 13 5/8 5000
13 5/8

TUBING HANGER

Press. Flangia Press. Diamet Press. Diamet


eserc. super. eserc.
eserc. tubing
[psi]
[in]
[psi]
[in]
[psi]
[in]
5000
9
5000
9
5000 2 7/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

5000

5000

3 1/2

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

5000

5000

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

13 5/8

5000

5000

5000 2x2 3/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8 10000 13 5/8 10000

10000

10000 2x2 3/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

11

5000

11

5000 2x3 1/2

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

7 1/16

5000

7 1/16

5000

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

7 1/16

5000

7 1/16

5000 2x2 3/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8 10000 13 5/8 10000 7 1/16 10000 7 1/16 10000 2x2 3/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8

5000

13 5/8 10000 13 5/8 10000

5000

13 5/8 10000 13 5/8 10000 13 5/8 10000

5000

21 1/4

5000

21 1/4

5000

5000

10000

3 1/2

10000 2x2 3/8

3 casing spool
(per pozzi profondi)
13 5/8 10000 13 5/8 10000 13 5/8 10000

I tubing hangers sono classificati in base al diametro esterno, alle dimensioni dei fori interni e alla
pressione desercizio.
Il sistema di tenuta tra le colonne di rivestimento e i vari corpi composto da due anelli dacciaio,
con un anello di gomma a doppio labbro interposto (gruppo principale). Sopra di essi, sinstalla un
secondo gruppo di anelli e guarnizione con diametro esterno inferiore (gruppo secondario).
Unulteriore anello di tenuta (ring joint) inserito tra le due flange daccoppiamento {FIG. 3.90}.
Le guarnizioni sono energizzate dallaccoppiamento tra le flange, per assicurare la tenuta in ogni
condizione; sespandono ulteriormente con il peso della colonna sostenuta.
I ring joints possono essere di varie forme (a sezione circolare, ovale, ottagonale) ed ognuna ha una
propria sede. Per ogni tipologia, sono indicate varie classi con determinate caratteristiche geometriche.
I cunei dancoraggio (casing hanger) delle colonne nei
vari corpi sono costituiti da tre o quattro segmenti, per
facilitarne lalloggiamento. In alcuni casi, dispongono di
guarnizioni circonferenziali per assicurare anche la tenuta
idraulica {FIG. 3.92}.
Sul corpo superiore, tramite il bonnet, la testa pozzo
completata dalla croce di produzione (Christmas tree).
La tenuta idraulica tra la testa pozzo e la croce
assicurata da un manicotto (laurent carrier), con due
anelli di gomma esterni, compresso tra la parte interna
del tubing hanger ed il bonnet {FIG. 3.93}.
Sopra il bonnet, si hanno due valvole a saracinesca
(master valves) per la chiusura del pozzo.
Quellinferiore , generalmente, utilizzata quando si
vuole chiudere il pozzo per periodi prolungati.
Segue la croce (cross o flow fitting), cos chiamata
perch dotata, generalmente, di pi vie; le flange
sullasse verticale sono, di solito, pi grandi di quelle
orizzontali {FIG. 3.94}.
FIG. 3.94 CROCE DI PRODUZIONE

107

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Nei completamenti multipli, ogni stringa di produzione comunica con lesterno attraverso un canale.
Sopra la croce si trova una valvola a saracinesca (swab valve), utilizzata per lesecuzione delle
operazioni wireline {FIG. 3.94}.
In testa, si monta la flangia di coronamento (top connection), per chiudere superiormente la croce di
produzione; generalmente, accoppiata ad un manometro. Serve, anche, per il collegamento alla
riduzione delle attrezzature wireline.

FIG. 3.95 CROCE DI PRODUZIONE ORIZZONTALE (FMC)

Orizzontalmente alla croce e per ogni canale di comunicazione, si trovano altre due valvole a
saracinesca (wing valve) utilizzabili ambedue per intercettare la linea. Possono essere, anche, ad
azionamento pneumatico o idraulico.
Per limitare laltezza delle croci di produzione, alcune possono svilupparsi sul piano orizzontale
{FIG. 3.95}. In alcune croci di produzione, il collegamento tra i vari elementi avviene per mezzo di
spine {FIG. 3.96}.
Le croci di produzione sono classificate in base alla pressione desercizio e alle caratteristiche
dimensionali.
La sicurezza del controllo pozzo assicurata, in superficie, dalle valvole di chiusura, facenti parte
della testa pozzo.
Le valvole ad azionamento manuale sono sempre presenti e spesso integrate da altre ad azionamento
pneumatico o idraulico per assicurare la chiusura del pozzo in tempi inferiori o per asservire ad un
controllo remoto in automativo.
108

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Il sistema di controllo automatico pu essere comandato da un operatore tramite un pannello di
controllo o da un sistema di rilevazione (per esempio, sensori di rilievo gas o tappi fusibili) per
limmediata chiusura pozzo in caso di emergenza (Emergency Shut Down) {FIG. 3.97}.

FIG. 3.96 CROCE DI PRODUZIONE ORIZZONTALE CON ELEMENTI SPINATI (BREDA)

Il sistema di rilevazione comanda delle elettrovalvole la cui apertura permette ad un circuito in


pressione di alimentare gli attuatori delle valvole.
109

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.97 SISTEMA DI CONTROLLO POZZO 1

In alcuni casi, le master valves possono essere del tipo wire cutting, ovvero essere in grado di
tranciare il cavo wireline e dassicurare la tenuta in caso demergenza nelle operazioni {FIG. 3.98}.

FIG. 3.98 SISTEMA DI CONTROLLO POZZO 2

110

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Nel caso di danneggiamento importante di tutte queste attrezzature e del sistema di controllo
superficiale (per esempio, in caso di esplosione), la sicurezza affidata a valvole di fondo.

3.13 CONTROLLO DEL POZZO


La pressione dei fluidi nei pori bilanciata da quella idrostatica esercitata dalla colonna di fango
presente in pozzo. Nel caso in cui tale pressione fosse inferiore a quella di formazione, il fluido
(acqua, olio o gas), in esso presente, entrerebbe in pozzo (kick).
Tale situazione non sempre si verifica per uninsufficiente densit del fango, ma si pu avere:
durante una veloce manovra di sollevamento della batteria, per fenomeni di pistonaggio (la
depressione a fondo pozzo dipende dalla velocit di manovra, dal gioco esistente tra scalpello e
foro e dalla viscosit del fango);
per il mancato riempimento del pozzo durante la manovra destrazione;
a seguito di una perdita di circolazione, per labbassamento del livello del fango in pozzo.
In alcuni casi, lentrata di fluidi di formazione in pozzo pu non essere evidente in superficie. Se ci
sono strati a diversa pressione, non isolati, pu accadere che quello in sovrappressione scarichi fluidi
in pozzo, che sono assorbiti da quello in sottopressione (eruzione sotterranea).
Si pu immaginare un pozzo con la batteria al fondo come un tubo ad U aperto alla base, con un ramo
rappresentato dallinterno delle aste e laltro dallintercapedine.
In condizioni statiche, la pressione esercitata al fondo dai due rami uguale a quella di testa (shutin), pi quella esercitata dalla colonna idrostatica:
pfon = ptes + pidr = ptes + fan * g * H

(3.4)

La pressione di testa allinterno delle aste (SIDPP Shut-In Drill Pipe Pressure) e quella
nellintercapedine (SICP Shut-In Casing Pressure) non sono necessariamente nulle.
In condizioni dinamiche, occorre considerare le perdite di carico di circolazione.
Poich, normalmente, il fango circola dallinterno delle aste allintercapedine, per calcolare la
pressione esercitata al fondo, occorrer, rispetto al caso statico, sottrarre le perdite di carico allinterno
della batteria, se si considera il ramo di mandata, e aggiungere quelle nellintercapedine, se si
considera il ramo duscita.
La pressione agente in un qualsiasi punto allinterno del pozzo, pari a quella idrostatica esercitata
dalla colonna di fango, pi quella fornita dalle pompe; questa diminuisce progressivamente, allinterno
del circuito di circolazione, ad opera delle perdite di carico {FIG. 3.99}.
PERDITE DI CARICO
ALLO SCALPELLO
PERDITE DI CARICO
NELL'INTERCAPEDINE

PERDITE DI CARICO
ALL'INTERNO DELLE ASTE

PRESSIONE
IDROSTATICA

PRESSIONE
TOTALE

PRESSIONE
DINAMICA

FIG. 3.99 ANDAMENTO DELLE PRESSIONI IN FUNZIONE DELLA PROFONDIT

Nel caso dentrata di fluidi, occorre chiudere il pozzo, attraverso lazionamento dei BOP, per evitarne
un ulteriore ingresso, e registrare le pressioni di testa allinterno delle aste e nellintercapedine.
111

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Successivamente, sesegue unadeguata circolazione per espellere il fluido entrato e sostituire lintero
fango con uno a densit maggiore, in modo che il carico idrostatico superi la pressione di formazione.
Se il fluido entrato gas, occorre espellerlo attraverso unespansione controllata durante la sua risalita.
La risalita di un cuscino di gas pu indurre la fratturazione della formazione nel suo punto pi debole
(generalmente sotto la scarpa dellultima colonna di rivestimento), per aumento della pressione di testa
nellintercapedine oltre il massimo valore ammesso (MAASP Maximum Allowable Annular
Surface Pressure).
Questo valore pari alla pressione di fratturazione, ricavato con misure sperimentali, meno quella
idrostatica esercitata dal fango usato. Generalmente, a tale valore applicato un fattore riduttivo
(1 MPa), per avere un margine di sicurezza nelle operazioni di controllo pozzo.
Quando un cuscino di gas entra in pozzo, tende a risalire in superficie per la minore densit rispetto al
fluido di perforazione. La velocit di risalita del gas (vris), a circolazione ferma, dipende dalla
differenza di densit, dalla viscosit del fango e dalla grandezza delle bolle.
Una stima approssimata di tale velocit pu essere calcolata con la seguente formula:
v ris =

100(SICP2 SICP1 )
fan (t 2 t1 )

[m/min]

(3.5)

dove t2 e t1 = tempi di rilevamento in min;


SICP2 = pressione di testa nellintercapedine al tempo t2 in MPa;
SICP1 = pressione di testa nellintercapedine al tempo t1 in MPa;
fan = densit del fango in kg/dm3.
Esempio
La velocit di risalita del gas in un pozzo con densit del fango di 1.3 kg/dm3, una pressione di testa
nellintercapedine al tempo t1 di 2.12 MPa, una pressione di testa nellintercapedine dopo 30 min da t1
di 4.23 MPa, pari a:
v ris =

100(4.23 2.12)
m
m
= 5.41
= 325
1.3 * 30
min
h

Durante la risalita, il volume di gas, con pozzo aperto, soggetto a pressioni decrescenti per
diminuzione del carico idrostatico, con conseguente tendenza ad espandere:

g =

M
=
v

p
M
=
R
R
Z T Z
T
p
M

(3.6)

dove g, M, v, Z, p, T, R sono, rispettivamente, la densit [kg/m3], la massa molecolare [kg/kmol], il


volume specifico molare [m3/kmol], il fattore di comprimibilit, la pressione [MPa], la temperatura [K]
m 3 * MPa
.
del gas ed R la costante universale pari a 0.008314
kmol * K
Il fattore di comprimibilit tiene conto della differente espansione di un gas reale rispetto a quello
ideale; dipende dalla pressione e dalla temperatura ridotte, cio dai rapporti tra le condizioni
desercizio e quelle critiche del gas {FIG. 3.100}.

112

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


SOSTANZA

FORMULA

Acqua
Anidride carbonica
Azoto
Etano
Metano
Ossido di carbonio
Ossigeno
Propano

H2O
CO2
N2
C2H6
CH4
CO
O2
C3H8

M
[kg/kmol]
18.015
44.01
28.013
30.07
16.043
28.01
31.999
44.097

Tcritica
[K]
647.3
304.2
126.2
305.4
190.6
132.9
154.6
369.8

pcritica
[MPa]
22.05
7.38
3.39
4.88
4.60
3.5
5.05
4.25

TAB. 3.5 MASSE MOLECOLARI E PARAMETRI CRITICI DI ALCUNE SOSTANZE

Esempio
Determinare la pressione di testa di
una colonna di metano alta 1500 m,
essendo al fondo p = 24 MPa e
T = 324 K.
prid =

Trid =

p
24
=
= 5.22
p critica 4.6
T
Tcritica

324
= 1 .7
190.6

Ne deriva {FIG. 3.95}: Z = 0.88.

g =

p
24
kg
=
= 162 3
R
0.008314
m
Z T 0.88
324
M
16.043

La pressione di testa pari a quella di


fondo meno lidrostatica esercitata dal
gas:
ptes = 24

162 * 9.8 * 1500


= 21.6 MPa
10 6

FIG. 3.100 FATTORE DI COMPRIMIBILIT PER GAS NATURALE

Lespansione del gas determina lo spiazzamento di un altrettanto volume di fango, con conseguente
notevole diminuzione della pressione idrostatica al fondo e possibilit daltra entrata di fluidi.
Tenendo, invece, il pozzo chiuso, simpedisce lespansione del gas e si mantiene la sua pressione
costante durante la risalita, ma si pressurizza tutto il foro, con conseguente pericolo di fratturazione.
Per analizzare landamento delle pressioni, durante una risalita controllata del cuscino di gas, si
consideri un pozzo con le seguenti caratteristiche:

113

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Profondit
Pressione dei fluidi nei pori al fondo
Profondit scarpa della colonna di rivestimento
Densit gas
Altezza del cuscino di gas
Densit del fango
Pressione esercitata dalle pompe
Perdite di carico allinterno delle aste
Perdite di carico allo scalpello
Perdite di carico nellintercapedine
Lunghezza aste pesanti

4000 m
60 MPa
3000 m
0.3 kg/dm3
200 m
1.4 kg/dm3
23 MPa
7 MPa
13 MPa
3 MPa
200 m

Allentrata del cuscino, le pressioni rilevate in testa sono uguali a quella di fondo meno quella
esercitata dalla colonna idrostatica (ptes = pfon - * g * H):
SICP = 60

0.3 * 9.8 * 200 1.4 * 9.8 * 3800


1.4 * 9.8 * 4000

= 7.28 MPa ; SIDPP = 60


= 5.12 MPa
1000
1000
1000

Allinizio della circolazione, la pressione di testa allinterno delle aste (1) sar uguale a quella statica,
pi quella esercitata dalle pompe {FIG. 3.101}:
SIDPP = 5.12 + 23 = 28.12 MPa
La pressione allinterno delle aste, poco prima dello scalpello (2), sar uguale a quella di testa, pi
quella idrostatica del fango, meno le perdite di carico allinterno della batteria:
SIDPP = 28.12 +

1.4 * 9.8 * 4000


7 = 76 MPa
1000

Alluscita dallo scalpello (3), si avr: SICP = 76 13 = 63 MPa


La pressione nellintercapedine, nella parte superiore del cuscino (4), sar uguale a quella di fondo
meno quella idrostatica esercitata dal gas (le perdite di carico ad opera dellaeriforme si trascurano):
SICP = 63

0.3 * 9.8 * 200


= 62.41 MPa
1000

La pressione di testa nellintercapedine (5) sar uguale alla precedente meno quella idrostatica,
esercitata dal fango, e le relative perdite di carico:
SICP = 62.41

1.4 * 9.8 * 3800


3 = 7.27 MPa
1000

La pressione nellintercapedine alla profondit della scarpa sar (0.6 MPa la quota parte delle perdite
di carico nellintercapedine tra il fondo e la scarpa):
SICPs = 62.41

1.4 * 9.8 * 800


0.6 = 50.83 Mpa
1000

114

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.101 ANDAMENTO DELLE PRESSIONI DURANTE LA RISALITA DI UN CUSCINO DI GAS

Alla risalita del cuscino di gas, le pressioni calcolate si modificano progressivamente.


Supponendo che la sezione dellintercapedine foro-aste di perforazione sia doppia di quella foro-aste
pesanti, si ha che laltezza del cuscino si dimezza, quando risale oltre la parte di batteria pesante:
1) 28.12 MPa;
2) 76 MPa;
3) 63 MPa;
1.4 * 9.8 * 200
4) 63
0.15 = 60.11 MPa (0.15 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine tra il fondo e il cuscino);
0.3 * 9.8 * 100
5) 60.11
= 59.82 MPa;
1000
1.4 * 9.8 * 3700
6) 59.82
2.85 = 6.21 MPa (2.85 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine tra cuscino e superficie).

115

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


La pressione nellintercapedine alla profondit della scarpa sar (0.55 MPa la quota parte delle
perdite di carico nellintercapedine tra il cuscino e la scarpa):
SICPs = 59.82

1.4 * 9.8 * 700


0.55 = 49.67 MPa
1000

Quando il cuscino raggiunge la scarpa della colonna di rivestimento, supponendo che si sia espanso
per unaltezza totale di 300 m, si ha:
1) 28.12 MPa;
2) 76 MPa;
3) 63 MPa;
1.4 * 9.8 * 700
4) 63
0.55 = 52.85 MPa (0.55 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine tra il fondo e il cuscino);
0.3 * 9.8 * 300
5) 52.85
= 51.97 MPa;
1000
1.4 * 9.8 * 3000
6) 51.97
2.45 = 8.36 MPa (2.45 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine allinterno della colonna di rivestimento).
Dal momento in cui il cuscino di gas raggiunge la scarpa, fino alla risalita in superficie, la pressione di
testa nellintercapedine tende ad aumentare.
Appena il cuscino di gas entra completamente nella colonna di rivestimento, si ha:
1) 28.12 MPa;
2) 76 MPa;
3) 63 MPa;
1.4 * 9.8 * 1000
4) 63
0.8 = 48.48 MPa (0.8 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine tra il fondo e il cuscino);
0.3 * 9.8 * 300
5) 48.48
= 47.60 MPa;
1000
1.4 * 9.8 * 2700
6) 47.60
2.2 = 8.36 MPa (2.2 MPa la quota parte delle perdite di carico
1000
nellintercapedine allinterno della colonna di rivestimento).
Quando il cuscino raggiunge la superficie, supponendo che si sia espanso per unaltezza totale di
700 m, si ha:
1) 28.12 MPa;
2) 76 MPa;
3) 63 MPa;
1.4 * 9.8 * 3300
4) 63
3 = 14.72 MPa;
1000
0.3 * 9.8 * 700
5) 14.72
= 12.66 MPa.
1000
La pressione nellintercapedine alla profondit della scarpa sar (0.8 MPa la quota parte delle perdite
di carico nellintercapedine tra il fondo e la scarpa):
SICPs = 63

1.4 * 9.8 * 1000


0.8 = 48.48 MPa
1000

116

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


La massima pressione alla scarpa si ha quando essa raggiunta dalla parte superiore del cuscino di
gas.
Nella perforazione marina, la choke line, che va dalla testa pozzo a livello mare, molto pi lunga e
stretta. Ne consegue un aumento delle perdite di carico nellintercapedine e rapide variazioni di
pressione in testa, per il repentino incremento dellaltezza del cuscino di gas quando esso raggiunge i
tubi a sezione ridotta.
Durante la circolazione, queste maggiori perdite di carico agiscono come pressione aggiuntiva a fondo
pozzo, con aumento delle probabilit di fratturazione.
La chiusura del pozzo, per il controllo di un cuscino di fluidi di strato, permette di valutare la
pressione di formazione mediante la pressione di testa allinterno delle aste. La pressione dei fluidi nei
pori uguale a quella stabilizzata nelle aste pi il carico idrostatico esercitato dal fango.
Il tempo necessario per la stabilizzazione dipende dal tipo di fluido contaminante, dalla sua velocit di
risalita e dalle caratteristiche della formazione.
La pressione di testa nellintercapedine cresce
progressivamente, tendendo asintoticamente ad un valore
massimo (valore stabilizzato).
Invece di diagrammare landamento delle pressioni in
funzione del tempo, si possono utilizzare come
coordinate cartesiane la pressione e il rapporto pressionetempo {FIG. 3.102}.
FIG. 3.102 ESTRAPOLAZIONE DELLA PRESSIONE
STABILIZZATA

In tal modo, si ottiene una linearizzazione dellandamento delle pressioni nel tempo, con conseguente
possibilit di rappresentazione e destrapolazione del valore stabilizzato (P), avendo a disposizione
almeno due coppie di valori di P e T.
Esempio
Tempo trascorso dalla chiusura [min]
SIDPP [MPa]
P/T
Punto su grafico
2
1
0.5
1
5
1.5
0.3
2
La pressione stabilizzata P (intercetta con lasse delle ordinate) di 2.25 MPa
Lentrata in pozzo di un cuscino di fluido di strato pu avvenire durante le operazioni di perforazione
o di manovra.
Nel primo caso, la situazione la pi favorevole in quanto la batteria di perforazione al fondo,
permettendo di circolare il cuscino. Nel secondo caso, si deve cercare di raggiungere il fondo con la
batteria di perforazione, dopo aver chiuso il pozzo.
Le operazioni di discesa della batteria, attraverso i BOP chiusi e con il pozzo in pressione, vengono
denominate stripping, se il peso delle aste sufficiente a vincere la spinta esercitata dalla
formazione, o snubbing, se necessario forzare lo scorrimento verso il basso.
Lo stripping pu essere effettuato utilizzando solo il BOP anulare, il BOP anulare e quello a ganasce
sagomate, due BOP a ganasce sagomate.
La scelta va fatta in funzione della lunghezza delle aste da scendere in pozzo, che condiziona lusura
delle attrezzature, e in funzione della pressione del foro, che influenza la tenuta da esercitare.
Orientativamente, per basse pressioni (< 7 MPa) e limitate lunghezze di aste (< 300 m), si pu
utilizzare solo il BOP anulare, per alte pressioni (> 10 MPa) e grandi lunghezze di aste (> 400 m), si
possono utilizzare i due BOP a ganasce sagomate; nei casi intermedi, una combinazione dei due BOP.
Con lutilizzo del BOP anulare, si riduce la pressione di chiusura al minimo possibile per assicurare la
tenuta sul corpo dellasta.

117

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

FIG. 3.103 SNUBBING UNIT

118

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Si controlla il corretto funzionamento della valvola regolatrice di pressione, montata
sullaccumulatore, che permette al fluido di scaricarsi, quando il giunto entra attraverso la gomma, e di
essere pompato, quando il giunto fuoriesce.
Spesso, si monta, vicino al BOP, anche un serbatoio daccumulo, collegato alla linea di chiusura, che
funge da polmone durante il passaggio del giunto.
Per ridurre gli attriti e lusura della gomma, si lubrifica la tenuta con olio.
Durante la discesa, occorre scaricare un volume di fango pari al volume dingombro ferro, pi la
capacit interna delle aste, in quanto nella batteria montata una valvola di sicurezza.
Con lutilizzo del BOP anulare e di quello a ganasce sagomate, si riduce la pressione di chiusura fino
al minimo possibile per assicurare la tenuta sul corpo dellasta. Si lubrifica per ridurre gli attriti e
lusura.
Si scende lasta, fino a portare il giunto sopra la tenuta del BOP anulare, e si chiudono le ganasce
sagomate sottostanti. Si scarica la pressione nella camera tra i due BOP, attraverso lapertura della
choke line. Si apre il BOP anulare, si fa scendere il giunto e, successivamente, lo si richiude. Si
pressurizza la camera tra i due BOP alla stessa pressione dellintercapedine. Si aprono le ganasce
sagomate e si ripete loperazione.
La sequenza operativa nellutilizzo di due BOP a ganasce sagomate la stessa della precedente, con il
BOP anulare sostituito da uno a ganasce.
Durante le operazioni di stripping, la pressione nellintercapedine aumenta per lespansione del
cuscino di gas; essa deve essere mantenuta costante, regolando la valvola duscita (choke valve).
Quando il peso della batteria non sufficiente per la sua discesa, si ricorre ad attrezzature, montate
sopra i BOP, che la spingono al fondo (snubbing unit) {FIG. 3.103}.
Queste attrezzature possono essere meccaniche o idrauliche. Le prime spingono le aste in pozzo
attraverso il tiro di cavi o un sistema a cingoli, le seconde utilizzano dei pistoni idraulici.
Dopo la chiusura del pozzo, le procedure atte a riprenderne il controllo possono essere diverse.
I1 drillers method un metodo molto semplice da applicare, ma comporta maggiori rischi di
fratturare la formazione e lunghi tempi desecuzione. Consiste in due circolazioni successive.

PRIMA CIRCOLAZIONE

SECONDA CIRCOLAZIONE

DIMINUZIONE
CARICO
IDROSTATICO
PER GAS IN
COLONNA

AUMENTO
PERDITE DI
CARICO PER
FANGO PESANTE

INIZIO
CIRCOLAZIONE
RPSP+S

ICP

CIRCOLAZIONE
FERMA

AUMENTO DEL
CARICO IDROSTATICO
NELL'INTERCAPEDINE
PER FANGO PESANTE

CUSCINO IN
SUPERFICIE

FINE
CIRCOLAZIONE

FANGO PESANTE
ALLO SCALPELLO

CUSCINO
ALLA SCARPA
STABILIZZAZIONE DELLE
PRESSIONI DI TESTA

RPSP FINALI + MARGINE DI SICUREZZA

FINE
CIRCOLAZIONE

INIZIO
CIRCOLAZIONE

SIDPP

AUMENTO CARICO IDROSTATICO


PER FANGO PESANTE IN COLONNA

CUSCINO
FUORI POZZO

SIDPP

SICP

MAASP

FIG. 3.104 ANDAMENTO DELLE PRESSIONI CON IL DRILLERS METHOD

Con la prima circolazione, si pompa un fango della stessa densit di quello in pozzo per espellere il
cuscino di fluido contaminante.
119

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione


Dopo aver registrato le pressioni stabilizzate di testa allinterno delle aste e nellintercapedine, si:
azionano lentamente le pompe fango per iniziare la circolazione;
regola lapertura della choke valve, per mantenere costante la pressione nellintercapedine;
continua a circolare fino a completa espulsione dei fluidi entrati in pozzo;
fermano lentamente le pompe fango chiudendo progressivamente la choke valve.
Con la seconda circolazione, si pompa, con le stesse modalit operative della prima, un fango a densit
maggiore di quello in pozzo per impedire unulteriore entrata di fluidi di strato.
La densit del fango pesante da utilizzare (kill mud) sar pari a quella del fluido di perforazione
originario, pi quella di unipotetica colonna esercitante una pressione idrostatica pari a quella di testa:

k .m. = fan +

SIDPP
g*H

(3.7)

Il wait and weight method un metodo che richiede una sola circolazione, durante la quale:
il fango originario completamente sostituito dal fango pesante;
il fluido entrato in pozzo viene portato in superficie ed espulso.
Durante la circolazione, regolando la choke valve, si mantiene una pressione al fondo superiore a
quella di formazione, per evitare unulteriore entrata di fluido. Lapplicazione del metodo richiede
che:
lo scalpello sia a fondo pozzo;
la circolazione non sia impedita ad opera di dusi tappate o perdite della batteria;
la pressione di fratturazione sia elevata, in modo tale da permettere a quella di testa
nellintercapedine di aumentare, mentre il cuscino risale;
sia disponibile un volume adeguato di fango pesante.
Laltezza del cuscino di fluido di strato entrato in pozzo, quando al fondo, pu essere calcolato
dallaumento di volume del fango nelle vasche e dalla capacit dellintercapedine foro-aste:
Hi =

aumento del volume del fango nelle vasche


capacit dell' intercapedine foro - aste

(3.8)

La conoscenza della densit del fluido di formazione non essenziale per le operazioni di controllo del
pozzo, ma pu essere utile per capirne la tipologia. Poich la differenza tra le pressioni di chiusura in
testa (SICP SIDPP) dovuta alla presenza del fluido entrato in pozzo, la densit dellinflusso pu
essere calcolato dal bilanciamento delle pressioni nei due rami del tubo ad U:

i = fan

(SICP SIDPP )
Hi * g

(3.9)

Le operazioni di controllo pozzo sono, eseguite a portata ridotta rispetto a quelle usate nelle operazioni
di perforazione. In tal modo, si riduce la pressione esercitata sulla formazione, per diminuzione delle
perdite di carico, e si ha il tempo necessario per appesantire e condizionare il fango di circolazione.
La pressione iniziale di circolazione (ICP Initial Circulating Pressure), appena sinizia a pompare
il fango pesante, sar pari a quella di chiusura allinterno delle aste, pi le perdite di carico a portata
ridotta (RPSP), valutate con la densit del fango originario, e il margine di sicurezza (S):
ICP = SIDPP + RPSP + S

(3.10)

Con la circolazione del fango pesante, le perdite di carico aumentano per la maggiore densit del
fluido pompato. Quando esso raggiunge lo scalpello, la pressione di formazione sar eguagliata,
120

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


allinterno della batteria, dal nuovo carico idrostatico del fango appesantito, cosicch la SIDPP si
ridurr a zero.

CUSCINO IN
COLONNA

LA RAPIDA ESPANSIONE
DEL GAS IN PROSSIMITA'
DELLA SUPERFICIE
FA AUMENTARE LA
PRESSIONE PREVALENDO
SULLO SPIAZZAMENTO
DEL FANGO

FANGO PESANTE
ALLO SCALPELLO DECREMENTO
DOVUTO ALLO
SPIAZZAMENTO
DEL FANGO
ORIGINALE CON
QUELLO PESANTE

INCREMENTO DI PRESSIONE
DOVUTO ALL'ESPANSIONE DEL
GAS NELL'INTERCAPEDINE

ICP

FANGO PESANTE
IN COLONNA

DIMINUZIONE
CARICO
IDROSTATICO
PER GAS IN
COLONNA

CUSCINO
FUORI POZZO
FINE
CIRCOLAZIONE

RPSP FINALI + MARGINE DI SICUREZZA

SICP

CUSCINO IN
SUPERFICIE

SIDPP

AUMENTO CARICO
IDROSTATICO
PER FANGO PESANTE
IN COLONNA

SICP

AUMENTO DEL
CARICO IDROSTATICO
NELL'INTERCAPEDINE
PER FANGO PESANTE

MAASP

FIG. 3.105 ANDAMENTO DELLE PRESSIONI CON IN WAIT AND WEIGHT METHOD

In tale situazione, la pressione delle aste indicher il valore delle nuove perdite di carico, valutate con
portata ridotta, ma con fango a densit maggiore, pi il margine di sicurezza S. La pressione finale di
circolazione (FCP Final Circulating Pressure) finale sar:
FCP = RPSP

k . m.
+S
fan

(3.11)

A questo punto, la pressione di circolazione sar mantenuta costante, regolando opportunamente la


choke valve, finch il pozzo non sia stato completamente riempito di fango pesante.
Se il tempo richiesto per lappesantimento del fango troppo lungo per lapplicazione del metodo, si
pu iniziare la circolazione con un fluido a densit intermedia tra quella originaria e quella necessaria
per controllare il pozzo.
Il metodo low choke pressure usato solo quando i precedenti non possono essere applicati perch la
pressione nellintercapedine supera la MAASP.
Se tale situazione si verifica durante il periodo di stabilizzazione delle pressioni, il metodo prevede:
diniziare a circolare a portata ridotta regolando la choke valve, in modo da mantenere la pressione
di testa nellintercapedine costante e molto vicina alla MAASP;
destrapolare le pressioni di testa stabilizzate, utilizzando i valori registrati dopo la chiusura;
di leggere la pressione iniziale di circolazione;
di calcolare la pressione di chiusura virtuale alle aste come differenza tra quella iniziale di
circolazione e le perdite di carico a portata ridotta;
di calcolare la densit del fango pesante (3.7), utilizzando la pressione di chiusura virtuale;
di riportare la pressione di circolazione al valore iniziale, allentrata del cuscino di gas in colonna;
di fermare le pompe e chiudere il pozzo, quando il cuscino raggiunge la superficie;
di registrare le pressioni di testa stabilizzate.
Se la pressione di testa nellintercapedine tende a superare la MAASP, si ripetere la sequenza,
altrimenti si procedere con il wait and weight method.
Se la MAASP viene superata durante la circolazione, il metodo prevede:

121

Capitolo 3____________________________________________________ Perforazione a rotazione

di mantenere una pressione di testa nellintercapedine poco inferiore alla MAASP, regolando la
choke valve;
di procedere con il wait and weight method dopo aver stabilizzato le pressioni.
Se il cuscino di gas, entrato in pozzo, non pu essere circolato perch la batteria lontana dal fondo o
perch lo scalpello ha le dusi tappate, lo si lascia risalire spontaneamente in superficie (metodo
volumetrico). Questa operazione viene eseguita regolando opportunamente la choke valve per
permettere lespansione del cuscino di gas, ma senza fratturare la formazione.
Questo risultato non facile da ottenere per le difficolt di prevedere matematicamente lentit
dellespansione.
Il metodo applicato quando non ci sono altre alternative o luso di un altro metodo richiederebbe un
tempo troppo lungo, tale da rischiare di perdere il controllo del pozzo.
Il metodo volumetrico prevede le seguenti fasi:
dopo la stabilizzazione delle pressioni di testa, attendere laumento della SICP di un P = 1 MPa,
ad opera della risalita del gas;
si scarica un volume di fango pari a V = (P*Ci)/(fan*g), regolando lapertura della valvola, in
modo da mantenere la pressione di testa nellintercapedine costante (Ci il volume del foro o
dellintercapedine per unit di lunghezza);

ripetere loperazione fino alla risalita del cuscino di gas in superficie;


iniziare a pompare, molto lentamente, il fango
originario presente in pozzo attraverso la kill line,
fino a quando la pressione di testa
nellintercapedine raggiunge un valore uguale alla
MAASP meno il margine di sicurezza;
fermare le pompe e calcolare di quanto la SICP
possa essere abbassata, poich questa diminuzione
di pressione sar sostituita dal carico idrostatico
del fango pompato;
espellere lentamente il gas;
ripetere loperazione, finch tutto il gas sia stato
espulso (occorre fare attenzione a non superare il
valore della MAASP durante il pompaggio ed
evitare che la SICP diminuisca pi del valore P
prestabilito);
si discende la batteria a fondo pozzo e si pompa il
fango pesante.
Se i suddetti metodi di controllo pozzo dovessero
fallire per danneggiamento delle attrezzature o per
problemi di foro, generalmente, si ricorre alla
realizzazione di tappi di barite o di cemento.
FIG. 3.106 ANDAMENTO DELLE PRESSIONI CON IL
METODO VOLUMETRICO

3.14 PERSONALE DI PERFORAZIONE


La conduzione di tutte le operazioni in cantiere affidata ad un gruppo di persone, il cui numero pu
variare da impianto a impianto.
Generalmente, negli impianti a terra (on-shore), si ha un caposquadra, un perforatore (driller), un
pontista (derrickman), tre manovali di sonda (roughnecks) ed uno di piazzale (roustabout), gli
uomini che si occupano della manutenzione (elettricista, meccanico, motorista) e uno o pi
guardiani.

122

Capitolo 3 ___________________________________________________ Perforazione a rotazione


Nel caso di impianti a mare (off-shore), il personale pi numeroso e specializzato, essendo maggiore
la qualifica richiesta dalle operazioni.
La funzione pi importante quella di condurre e verificare i lavori di perforazione; questo ruolo
affidato al rappresentante della committente (assistente di perforazione o sorvegliante), il quale
responsabile di tutto ci che succede in cantiere (anche della sicurezza).
Egli ha anche il compito dinformare dellandamento delle operazioni la sede centrale di controllo.
Ogni contrattista ha una squadra con un rappresentante presente in cantiere; questa pu operare con
continuit o intervenire su chiamata.
Il perforatore si trova sul piano sonda e sotto il diretto controllo del sorvegliante, ha il controllo di tutti
i macchinari di perforazione ed esegue la sequenza delle operazioni previste.
Il pontista opera sulla piattaforma in cima alla torre, per movimentare le aste nella rastrelliera durante
le manovre di discesa o destrazione; egli opera anche in fase di tubaggio, provvedendo a mantenere in
efficienza le attrezzature di superficie, ed in perforazione sulle vasche fango.
I manovali, guidati dal perforatore, provvedono ad avvitare e svitare i giunti durante le manovre e a
mantenere pulito il piano sonda.
Tutto il personale di cantiere lavoro con continuit in turni, generalmente, di dodici ore, tenuto conto
dellimpossibilit di fermare le operazioni, se non in pochissime fasi, e gli alti costi di perforazione.

123

CAPITOLO 4

ALTRE TECNICHE DI PERFORAZIONE


La perforazione a rotazione, pur essendo la tecnica pi utilizzata, pu, in alcuni casi, essere integrata o
sostituita da altre metodologie, che, in particolari condizioni operative, sono pi efficaci.

4.1 PERFORAZIONE A PERCUSSIONE


Il metodo a percussione caratterizzato dallazione frantumatrice di un utensile di perforazione,
battuto ritmicamente sul terreno. Il movimento alternativo dellutensile di scavo conferito da un
argano o un bilanciere, e trasmesso tramite aste rigide o un cavo dacciaio.
Un impianto tradizionale per la perforazione a percussione composto da un traliccio di sostegno e
da un argano, azionato da un motore elettrico o a combustione interna.
Negli impianti pi grossi, ci pu essere il giracolonne, un attrezzo che serve per manovrare i tubi.
Esso dotato di una morsa per fissare e muovere i tubi e sfrutta lazione di martinetti oleodinamici.
Gli utensili di perforazione sono essenzialmente di tre tipi: la sonda, lo scalpello e la benna.

SONDA

BENNA

SCALPELLI

FIG. 4.1 ATTREZZI DI PERFORAZIONE

La sonda un tubo lungo alcuni metri con il bordo inferiore tagliente e munito di una valvola a
sportello, per evitare luscita dei detriti.

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione


Lo scalpello, che pu essere di tipo normale o a croce, usato in alternanza della sonda per frantumare
terreni particolarmente duri.
La benna, con le sue due o tre valve, battuta sul terreno in posizione aperta, in modo che i detriti
possano penetrare al suo interno. Sollevando lutensile, le valve si chiudono imprigionando i detriti; in
superficie levacuazione avviene appoggiando la benna su una campana, che permette la riapertura
delle valve.
I detriti prodotti dallutensile devono essere rimossi periodicamente perch, accumulandosi a fondo
pozzo, rallentano la corsa dellattrezzo impedendo la frantumazione daltro terreno.
Un aiuto nella perforazione dato dalla presenza dacqua, che fluidifica i detriti rallentando meno
lutensile di perforazione.
Nel caso in cui sutilizzano aste cave, i detriti possono essere trasportati in superficie in modo
continuo attraverso un sistema di circolazione di fluido, come nel metodo a rotazione.
Gli avanzamenti ottenibili con la perforazione a percussione dipendono dalla massa dellutensile,
dallenergia cinetica conferitagli, dalla frequenza delle battute.
Per terreni duri e compatti (rocce) preferibile operare con alte frequenze di battuta e piccole altezze
di caduta, per terreni plastici (argille) con maggiori altezze di caduta e minori frequenze, mentre per
terreni incoerenti (sabbie, ghiaia), il massimo avanzamento si ha con utensili pesanti.
Nella perforazione a percussione con bilanciere, il movimento alternativo dellutensile di perforazione
fornito da un bilanciere o glifo comandato
da eccentrico {FIG. 4.2}.
Rispetto al sistema normale di perforazione a
percussione ha il vantaggio dessere automatico
(non c loperatore che manovra la frizione
dellargano), ma non permette di variare
rapidamente frequenza e intensit dei colpi, in
funzione della natura del terreno.
Il sistema a percussione oltre ai limiti di
profondit
raggiungibili,
ha
il
grave
inconveniente di una maggiore difficolt nel
controllo dellentrata in pozzo dei fluidi di
strato.
caratterizzata da bassi costi dimpianto, facile
mobilit, bassi costi desercizio.
Operando a secco, non danneggia le falde e pu
essere adottata in zone impervie e desertiche.
FIG. 4.2 PERFORAZIONE A BILANCIERE

La perforazione a percussione, ma anche quella a rotazione, pu essere eseguita con la circolazione


inversa del fango, vale a dire pompandolo nellintercapedine aste-pozzo e facendolo risalire
allinterno delle aste.
Cos facendo si ha una maggiore pressione nellintercapedine e una maggiore velocit di risalita del
fluido, con conseguente maggiore pulizia del foro.
Occorre, per, unadeguata progettazione dei fori dello scalpello, per facilitare il passaggio dei detriti
dallesterno allinterno delle aste.
Per lo stesso motivo, i detriti devono essere di pi piccola pezzatura, altrimenti si accumulano sotto lo
scalpello, ostacolando lavanzamento.
La maggiore pressione nellintercapedine pu causare problemi di fratturazione e d maggiori valori
del filtrato.

125

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione

4.2 PERFORAZIONE AD ARIA


La perforazione ad aria, utilizzando come fluido un aeriforme disponibile in quantit illimitate, un
metodo molto economico.
Le attrezzature sono le stesse del sistema a rotazione, con lutilizzo di compressori al posto delle
pompe e separatori di particolato al posto dei separatori di detriti.
Essendo la densit dellaria pi bassa di quella del fango, la pressione idrostatica in sostanza nulla,
quindi si possono perforare solo terreni compatti e coerenti, che non hanno bisogno di essere sorretti e
non sono in pressione.
Laria, aspirata dallatmosfera, filtrata, compressa, eventualmente additivata e inviata allinterno
della batteria di perforazione. Uscita dallo scalpello, risale lungo lintercapedine ed convogliata in un
sistema di separatori di particolato per essere depurata dei detriti e scaricata in atmosfera.
Limpianto ad aria compressa pu essere anche a circuito chiuso; il fluido scaricato a pressione
ambiente ricondotto in aspirazione. Questo sistema richiede maggiori costi dinvestimento, ma
minori costi di filtraggio.
Le portate daria compressa, generalmente, sono espresse in Normal metri cubi per ora (Nm3/h), cio
alla temperatura di 0 C (TN) e a pressione atmosferica (pN); le condizioni Standard si riferiscono alla
temperatura di 15 C e alla pressione atmosferica (1 Nm3 = 1.056 Sm3). Questa portata pu essere
espressa in termini della portata aspirata dal compressore (Qa):

Q N = Qa

T N p a p a p v
Ta p N
pN

(4.1)

dove = umidit relativa;


pv = pressione parziale del vapore dacqua a Ta.
I due parametri fondamentali per la progettazione del servizio daria compressa sono la pressione
desercizio e la portata richiesta. Il primo parametro fondamentale per permettere la circolazione e
sopperire alle perdite di carico del circuito. Il secondo parametro scelto in funzione della quantit di
detriti da trasportare e della velocit di risalita desiderata.
Secondo la pressione desercizio, poich la pressione daspirazione di circa 0.1 MPa, si valuta il
numero di stati del compressore dividendola per un rapporto di compressione di stadio consigliato
= 5 7 (questi rapporti consigliati derivano da considerazioni sul ciclo di compressione, per cui, con
refrigerazioni intermedie tra uno stadio e laltro, si riesce ad ottenere un migliore rendimento
complessivo).
La portata daria si sceglie in modo tale da avere, per una data sezione dellintercapedine, una velocit
di risalita che assicuri un buon trasporto dei detriti in superficie.
La minore capacit di trasporto di un aeriforme rispetto al fango richiede una maggiore velocit di
risalita (10 30 m/s) e dimensioni dei detriti pi piccole.
A differenza del fango, laria un fluido comprimibile e, quindi, la velocit di risalita non solo
funzione della portata e della sezione di passaggio, ma anche della pressione e della temperatura.
Laria, aspirata dai compressori in superficie, compressa e immessa nelle aste a certi valori di
pressione e temperatura.
Durante la circolazione allinterno delle aste, la pressione diminuisce ad opera delle perdite di carico.
Alluscita dallo scalpello, laria subisce una rapida espansione, con conseguente diminuzione della
pressione e della temperatura; questi valori continuano a diminuire, durante la circolazione
nellintercapedine, fino a raggiungere i valori atmosferici.
La diminuzione della temperatura determina una diminuzione del volume daria, mentre una
diminuzione della pressione determina un suo incremento. Linfluenza della pressione maggiore di
quello della temperatura, cos che la velocit di risalita nellintercapedine aumenta, a sezione costante,
con lavvicinarsi in superficie.
126

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione


La scelta dei compressori determinata dalla pressione e dalla portata desercizio dellaria. Passando
nellordine dai compressori volumetrici alternativi, ai volumetrici rotativi, ai dinamici centrifughi, ai
dinamici assiali, si hanno maggiori portate daria, ma minori prevalenze. Generalmente, per le ingenti
portate richieste sutilizzano i compressori dinamici, collegati in parallelo per aumentare la portata o in
serie per aumentare la prevalenza.
Nel sistema di compressione dellaria, si prevede linstallazione di un serbatoio per smorzare eventuali
pulsazioni di pressione e per assicurare una certa elasticit di funzionamento tra produzione ed
utilizzazione.
Per facilitare il ritorno a giorno dei detriti, soprattutto in presenza dacqua che tende ad agglomerarli,
si possono aggiungere allaria degli schiumogeni (0.3 3 % in volume). Questi migliorano la capacit
di trasporto dei detriti rivestendo i grani con una pellicola protettiva, che ne impedisce laggregazione
(le portate necessarie possono essere ridotte ad un terzo).
Lo schiumogeno diluito in acqua e pompato nella condotta di mandata; un elemento di raccordo crea
una turbolenza per distribuire il prodotto e formare la schiuma.
Nel caso di terreni non molto compatti, si pu utilizzare uno schiumogeno indurente (stiff foam),
formato da tensioattivi (0.5 1 % in volume), polimeri organici (0.5 2.5 kg/m3 dacqua), bentonite
(25 30 kg/m3 dacqua), soda caustica (1 4 kg/m3 dacqua). Esso facilita la risalita dei detriti in
superficie e permette un maggiore controllo dei fluidi di strato, svolgendo una funzione simile al
pannello (le portate necessarie possono essere ridotte ad un ventesimo).
ASPIRAZIONE

ASPIRAZIONE

FILTRO

SISTEMA
PER
AGGIUNTA DI
ADDITIVI

SERBATOIO

FILTRO

COMPRESSORE COMPRESSORE

LINEA DI
MANDATA
VALVOLA

GENERATORE
DI SCHIUMA

TAVOLA
ROTARY

SCARICO IN ATMOSFERA

FILTRO
LINEA DI
RITORNO
BOP

SCARICO IN ATMOSFERA
SEPARATORE DI
PARTICOLATO
RACCOGLITORE
DI PARTICOLATO

FIG. 4.3 SCHEMA DIMPIANTO NELLA PERFORAZIONE AD ARIA

I separatori di particolato possono essere di vari tipi:


127

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione


A secco

Meccanici

Camere di sedimentazione
Separatori ad urto
Cicloni

Ad umido

A manica o a tessuto
Elettrostatici
Idrofiltri ad azione centrifuga
Filtri Venturi
Filtri elettrostatici ad umido

Le camere di sedimentazione sfruttano la forza di gravit per separare i detriti dalla corrente daria.
Dimensionando opportunamente la lunghezza della camera e regolando la velocit del flusso, si
ottiene un tempo di permanenza nel separatore tale da far precipitare il particolato.

CAMERA DI SEDIMENTAZIONE

CICLONE

AD URTO

ELETTROSTATICO

A MANICA

IDROCICLONE

FIG. 4.4 SEPARATORI DI PARTICOLATO

I separatori ad urto sfruttano la maggiore inerzia delle polluzioni rispetto alla corrente daria. Sono
costruiti in modo tale da imporre al flusso un percorso tortuoso con ostacoli, su cui le particelle urtano,
rallentano e precipitano.
Nei cicloni simpone al flusso un moto vorticoso in modo da far separare le particelle per attrito delle
stesse contro la parete del separatore.
I separatori a manica sono costituiti da una camera metallica, contenente il sistema filtrante formato da
una serie di sacche di tessuto, scelto in relazione alle caratteristiche del fluido da depurare (cotone,
lana, nylon, fibre di vetro).
Nei separatori elettrostatici, il flusso fatto passare tra due elettrodi (a piastre o a tubi), posti ad una
forte differenza di potenziale. Le particelle di particolato si caricano negativamente e sono attratte
dallelettrodo positivo.
Nei separatori ad umido, si abbina, al principio di funzionamento dei precedenti, lazione di lavaggio
dellacqua, che appesantisce le particelle e ne facilita la separazione.

128

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione


Nei pozzi di gran diametro, le portate daria richieste sono ingenti per laumento della sezione
dellintercapedine. In tal caso, si pu ricorrere alla circolazione inversa.
Per terreni particolarmente duri, si pu combinare lazione di rotazione della batteria con quella
battente della percussione (rotopercussione). Tale sistema di perforazione si ottiene montando, sopra
lo scalpello, un martello pneumatico che sfrutta lespansione dellaria compressa.

4.3 COILED TUBING


La tecnica del coiled tubing ha avuto negli ultimi anni un notevole sviluppo, in quanto risultata utile
non solo come tecnologia complementare del sistema a rotazione, ma anche molto economica, in
determinate condizioni, per la perforazione stessa.
La tecnica del coiled tubing consiste nellutilizzo di un tubino metallico di piccolo diametro, avvolto a
spirale (coiled) su un tamburo. La continuit del tubino permette di scenderlo o estrarlo dal pozzo
molto rapidamente, svolgendo o avvolgendo il tamburo.
Alla testa del tubino si trova lo scalpello, la cui rotazione affidata ad un motore di fondo che, al pari
del sistema a rotazione, sfrutta lenergia idraulica del fango.
Il fluido di perforazione pompato allinterno del tubino tramite un raccordo rotante (reel swivel) al
lato del tamburo, che ne permette il libero movimento. Circola allinterno della parte avvolta sul
tamburo e, successivamente, in quella presente in pozzo. Fuoriesce dallo scalpello e risale lungo
lintercapedine per giungere in superficie. Circola tra le attrezzature di rimozione solidi ed ripompato
nel tubino per ripetere il ciclo.
I vantaggi di questa metodologia sono legati alla compattezza dellimpianto, allelevato grado
dautomazione, al minor costo, alla velocit delle manovre.
Per contro, si hanno maggiori problemi nello scaricare peso sullo scalpello, con conseguente difficolt
di perforare terreni compatti. Il minore diametro del coiled tubing, rispetto a quello di una batteria di
aste, determina minori velocit di risalita nellintercapedine. Ne deriva una minore capacit di
trasporto dei detriti, accentuata dalla mancata rotazione del coiled tubing. Il numero di giri e la coppia
forniti allo scalpello sono minori rispetto al sistema a rotazione.
Questi fattori, insieme alla minore resistenza del coiled tubing rispetto ad una batteria di aste, limitano
le profondit raggiungibili.

FIG. 4.5 TECNICA DI PERFORAZIONE CON COILED TUBING

129

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione


Le attrezzature utilizzate da questa metodologia sono:
la testina diniezione;
il tamburo;
il coiled tubing;
lunit di potenza;
lunit di controllo;
le apparecchiature di sicurezza;
la batteria di fondo pozzo.
La testina diniezione (injector head), montata sopra i BOP, ha il compito di movimentare il coiled
tubing allinterno del pozzo.
formata da due cingoli (drive chains), dotati di tanti blocchetti a sella (gripper block) montati su una
catena e che si adattano perfettamente alla superficie esterna del tubino.
I due cingoli stringono esternamente e da parte opposta il coiled tubing, trascinandolo verso il basso o
verso lalto. Nel caso dutilizzo di un diverso diametro del coiled tubing, non si sostituiscono solo i
blocchetti a sella della catena, ma integralmente i cingoli per una maggiore rapidit.
I cingoli sono premuti contro il coiled tubing per mezzo di tensionatori e sono azionati per mezzo di
motori elettrici o idraulici; il loro movimento sincronizzato da una trasmissione ad ingranaggi
{FIG. 4.6}.

FIG. 4.6 TESTINA DINIEZIONE (DOWELL)

In alcune testine diniezione, i cingoli sono sostituiti da ganasce che si chiudono sul coiled tubing
passando attraverso una strettoia {FIG. 4.7}.

130

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione

FIG. 4.7 TESTINA DINIEZIONE CON GANASCE (DRECO)

Per impedire che il coiled tubing subisca notevoli deformazioni, la testina diniezione dotata di un
lungo collo doca (gooseneck o guide arch), che, con il suo gran raggio di curvatura, lo invita
dolcemente allinterno del pozzo.
DIAMETRO COILED TUBING
31.7 mm (1 1/4)
38.1 mm (1 1/2)
44.4 mm (1 3/4)
50.8 mm (2)
60.3 mm (2 3/8)
73.0 mm (2 7/8)
88.9 mm (3 1/2)

RAGGIO COLLO DOCA


1.22 1.83 m (48 72)
1.22 1.83 m (48 72)
1.83 2.43 m (72 96)
1.83 2.43 m (72 96)
2.28 3.04 m (90 120)
2.28 3.04 m (90 120)
2.43 3.04 m (96 120)

TAB. 4.1 RACCOMANDAZIONI API PER IL RAGGIO DEL COLLO DOCA IN FUNZIONE DEL DIAMETRO C.T.

I parametri progettuali pi importanti di una testina diniezione sono il minimo e massimo diametro
del coiled tubing che riesce a movimentare, la spinta esercitata in discesa ed estrazione (44 180 kN),
la massima velocit di manovra (50 60 m/min).

FIG. 4.8 SENSORI DI MISURA

131

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione


Nella testina diniezione montata una cella di carico, per valutare il peso scaricato sullo scalpello
attraverso la differenza tra quello del coiled tubing in pozzo e quello misurato {FIG. 4.8}.
Il tamburo (reel) ha il compito di contenere il coiled tubing e permetterne il trasporto e la
movimentazione {FIG. 4.9}. Poich per ragioni di trasporto non pu avere dimensioni eccessive (circa
3 m di diametro), la capacit daccumulo essenzialmente legata al diametro del coiled tubing
(3000 4000 m).

FIG. 4.9 TAMBURO

132

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione


Il tamburo collegato, tramite una trasmissione a catena, ad un motore che ne permette la rotazione in
entrambi i sensi. Dispone, anche, di un freno per impedire lo svolgimento del coiled tubing, ad opera
della sua elasticit, e per assicurare la giusta trazione al tratto libero, fino al collo doca.
Nella parte superiore del tamburo, per impedire che le spire del coiled tubing si accavallino, si trova un
carrello scorrevole orizzontalmente (levelwind assembly). Vicino al carrello, c un contagiri a rotella
per valutare la lunghezza del coiled tubing penetrata in pozzo {FIG. 4.8}.
In direzione assiale e da una parte del tamburo, montato il raccordo girevole (reel swivel), che
permette il collegamento del coiled tubing con le linee di superficie del fango.
Il coiled tubing ottenuto da una bobina di lamiera. Se ne taglia una parte per ottenere una lunga
striscia della larghezza della circonferenza del tubino voluto. La striscia modellata a tubo da un
laminatoio e si uniscono i due lembi con una saldatura continua.
Man mano che la lavorazione avanza, il tubino avvolto sul tamburo, per essere poi trasportato dove
richiesto.
costituito da acciai dolci, per meglio resistere alle deformazioni plastiche indotte dalle sollecitazioni
cui sottoposto, con tensioni di snervamento da 480 MPa (70000 psi) a 690 MPa (100000 psi).
normalizzato in base al diametro esterno ed interno e alla resistenza meccanica.
Lunit di potenza (power pack) ha il compito di fornire lenergia necessaria per il funzionamento
delle attrezzature e rendere indipendente lunit coiled tubing.
La potenza , generalmente, fornita da un motore diesel che aziona delle pompe idrauliche. Lenergia
fornita al fluido viene distribuita e utilizzata dalle varie utenze. Il circuito idraulico dotato di un
serbatoio, per laccumulo del fluido, e di valvole di regolazione e di sicurezza, per il controllo della
pressione e della portata. Sono presenti, inoltre, filtri per eliminare le impurit che potrebbero
danneggiare i motori e le pompe idrauliche.
Nel circuito inserito uno scambiatore di calore; utilizzato, generalmente, per raffreddare il fluido,
ma, a volte, anche per riscaldarlo e diminuirne la viscosit.
Lunit di controllo (control cabin) permette alloperatore di comandare il movimento delle
attrezzature e di verificare tutti i parametri registrati, affinch le operazioni procedano nel migliore dei
modi.
Il coiled tubing, dopo essere passato attraverso la testina diniezione, entra in pozzo scorrendo
allinterno di un attrezzo contenente un pacco di guarnizioni (stripper assembly) energizzate
idraulicamente. Esso montato nella parte inferiore della testina diniezione e permette la tenuta
idraulica intorno al coiled tubing {FIG. 4.10}.

FIG. 4.10 STRIPPER ASSEMBLIES

Sotto la testina diniezione e lo stripper assembly, si trovano i BOP (Blow-Out Preventers) per il
controllo delle pressioni in pozzo {FIG. 4.11}. Sono del tutto simili a quelli utilizzati nella
perforazione a rotazione, ma, generalmente, pi piccoli e compatti.

133

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione

FIG. 4.11 BOP

I BOP a ganasce, generalmente, sono raggruppati in un unico blocco di quattro elementi. Le ganasce
montate possono essere:
cieche (blind), per chiudere tutta la sezione;
trancianti (shear), per tagliare eventualmente il coiled tubing;
a cunei (slip), per ancorare esternamente le attrezzature tubolari;
sagomate (pipe), per chiudere la sezione su un diametro prestabilito di coiled tubing.
In alcuni casi, le ganasce cieche sono accoppiate con le trancianti e quelle a cunei con le sagomate
{FIG. 4.12}.

FIG. 4.12 GANASCE

134

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione


Il blocco di BOP a ganasce dispone di valvole equilibratrici, per scaricare la sovrappressione tra le
cieche e le sagomate prima della loro apertura, e di una luce (kill port), sopra quelle a cunei, per
circolare dopo il taglio del coiled tubing.
Le operazioni con il coiled tubing sono classificate in tre categorie, secondo la massima pressione
desercizio della testa pozzo:
0 24.15 MPa (0 3500 psi);
24.15 48.30 MPa (3500 7000 psi);
48.30 69.00 MPa (7000 10000 psi).
Per ogni categoria si prevedono attrezzature con adeguate pressioni desercizio e, per le diverse
applicazioni, varie configurazioni {FIG. 4.13}.

FIG. 4.13 VARIE CONFIGURAZIONI DI CONTROLLO PRESSIONE

Per i pozzi a terra, il collegamento della testina diniezione e dello stripper assembly con i BOP pu
avvenire attraverso una riduzione o un attacco rapido (quick latch), dotato di un invito conico che si
alloggia in unapposita sede.
Per i pozzi a mare, la testina diniezione e i BOP possono rimanere sopra il livello del mare,
collegandoli alle attrezzature sottomarine attraverso un lungo tubo (riser), oppure essere scese al fondo
con una connessione idraulica, che ne permette il rapido distacco in caso di cattive condizioni
meteorologiche.
Per facilitare la discesa di attrezzature wireline in condizioni particolari (pozzi deviati, registrazioni in
foro scoperto, perforazione), si pu ricorrere alla tecnica del coiled tubing {FIG. 4.14}, facendo
passare il cavo {FIG. 4.15} allinterno del tubino.

135

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione


Il cavo introdotto nel coiled tubing, prima del
raccordo girevole, attraverso una connessione a T e
lo si fa scorrere al suo interno pompando un fluido.
Nelle applicazioni wireline eseguite con lausilio
del coiled tubing, il collegamento della testina
diniezione ai BOP pu avvenire per mezzo di una
connessione finestrata (side door).
Essa permette dinserire in pozzo la stringa di
attrezzature dopo la connessione della testina
diniezione, con conseguente maggiore sicurezza
nelle operazioni.
FIG. 4.14 WIRELINE CON COILED TUBING

Al di sotto del coiled tubing, si monta una batteria di attrezzature simile a quelle utilizzate nella
perforazione a rotazione.

FIG. 4.15 CAVI

Il collegamento del coiled tubing con le attrezzature di fondo pozzo avviene per mezzo di connettori
(coiled tubing connectors). Il coiled tubing viene infilato internamente al connettore e bloccato con
dei grani filettati oppure viene infilato esternamente e bloccato con delle ricalcature. La tenuta
idraulica assicurata da una guarnizione ad anello (O-ring).
Dalla parte opposta, si connette lattrezzatura voluta tramite una filettatura ricavata esternamente e due
guarnizioni ad anello per la tenuta {FIG. 4.16}.
Sotto il connettore, generalmente, si trova una valvola di non ritorno, per impedire al flusso di andare
dal basso verso lalto. Possono essere a sfera (ball) o a sportello (flapper) {FIG. 4.16}.
Nel caso di presa della batteria di fondo, si pu recuperare il coiled tubing mettendo un giunto di
sicurezza (safety joint). Esso permette si svincolare il tubino dalla batteria di fondo e di provare ad
eseguire un pescaggio della parte rimasta in pozzo con aste pi resistenti.

136

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione

FIG. 4.16 ALCUNE ATTREZZATURE DI FONDO POZZO

Il coiled tubing svincolato esercitando un sovrattiro, per tranciare dei perni, o pressurizzando il suo
interno, dopo aver lanciato una biglia. Questultima viene inserita nel raccordo girevole del tamburo e,
al pari del fango, circola allinterno delle spire avvolte e, successivamente, nel tratto di coiled tubing
in pozzo.
Per liberare la batteria di perforazione in caso di presa, sutilizza il jar che fornisce una spinta in
direzione assiale verso lalto; pu essere meccanico o idraulico {FIG. 4.16}.
Quando la tecnica del coiled tubing utilizzata per circolare un fluido in pozzo, al posto dello
scalpello viene montato un ugello (jetting sub) {FIG. 4.16}.
Si tratta di unogiva con dei fori, che facilita la discesa del coiled tubing e permette di distribuire
uniformemente il fluido. Nesistono alcuni che sono messi in rotazione dallenergia cinetica del fluido
(rotojet spinner).
Nella batteria di fondo pozzo, sopra lo scalpello e il motore, si trovano le aste pesanti per fornire un
adeguato peso (WOB Weight On Bit) allutensile di scavo {FIG. 4.17}.
Con la tecnica del coiled tubing si possono pompare in pozzo diversi fluidi (cuscino pulente, azoto,
malta, acido) per operazioni di lavaggio, spurgo, cementazione, stimolazioni.
Questa possibilit si rilevata molto utile non solo per la rapidit desecuzione, ma anche per la
possibilit di muovere il tubino durante il pompaggio, con conseguente migliore distribuzione del
fluido e migliore spiazzamento del fango.
Nel caso di una cementazione sotto pressione (squeezing), con il tubino a fondo pozzo, si circola per
un tempo sufficiente a pulire il pozzo.

137

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione

FIG. 4.17 ATTREZZATURE PER LA PERFORAZIONE CON COILED TUBING

In seguito, si pompa la malta preceduta da un cuscino pulente (spacer), per facilitare la sostituzione del
fango con la malta.
Si chiude la valvola duscita dallintercapedine (choke) e si continua a pompare sotto pressione, per
permettere lingresso della malta nella formazione.
Dopo aver pompato il volume di malta voluto, si solleva la batteria sopra il tappo di cemento e si
circola, direttamente o inversamente, un altro cuscino pulente, per rimuovere eventuali residui
allinterno del coiled tubing {FIG. 4.18}.

138

Capitolo 4 _______________________________________________Altre tecniche di perforazione

FIG. 4.18 SEQUENZA DELLE OPERAZIONI DI CEMENTAZIONE CON COILED TUBING

4.4 PERFORAZIONE UNDERBALANCED


La perforazione sottopressione (underbalanced) consiste nel perforare il terreno utilizzando le tecniche
tradizionali, ma facendo uso di un fluido con una densit tale da esercitare una pressione idrostatica
inferiore a quella di formazione.
In tal caso, si riescono ad avere maggiori velocit davanzamento, in
quanto il terreno tende a rompersi pi facilmente sotto i denti dello
scalpello {FIG. 4.19}.
Si ha un limitato danneggiamento della formazione, in quanto minore
linvasione del filtrato intorno al pozzo.
Si hanno, inoltre, minori probabilit di prese di batteria per presa
differenziale.
Con la perforazione in underbalanced, aumenta il rischio dingresso
di fluidi di strato in pozzo e il pericolo di eruzioni.
FIG. 4.19 PERFORAZIONE

139

Capitolo 4_______________________________________________ Altre tecniche di perforazione


La tecnica pu essere applicata in zone ben conosciute, con formazioni ben compatte, che non hanno
bisogno di essere sorrette, e sufficientemente impermeabili da non causare un repentino ingresso di
fluidi di strato in pozzo.
Una pressione idrostatica di fondo inferiore a quella di formazione pu essere ottenuta abbassando la
densit del fango oppure insufflando del gas (generalmente azoto) in pozzo.
Le funzioni richieste ad un fluido di perforazione, usato nella tecnica underbalanced, sono diverse da
quelle richieste ad uno usato nei metodi tradizionali. Per le finalit stessa della metodologia, il fluido
di perforazione non deve bilanciare la pressione di formazione, ne sostenere le pareti del pozzo, ma
deve avere ottime caratteristiche di trasporto dei detriti in superficie, lubrificare e raffreddare lo
scalpello, limitare la corrosione delle attrezzature.
In condizioni di sottopressione, il fluido di perforazione in uscita dal pozzo, contiene una maggiore
quantit di gas.
Gli aeriformi vengono liberati da un separatore trifase, il cui principio di funzionamento si basa sulla
differenza di densit dei fluidi, e convogliati alla fiaccola per essere bruciati {FIG. 4.20}.
La perforazione in underbalanced particolarmente efficace se abbinata alla tecnica del coiled tubing.
In queste condizioni, infatti, si riesce a sopperire ai limiti del coiled tubing creando condizioni di
perforazione pi favorevoli, e a gestire pi facilmente le operazioni con ingresso di fluidi di strato in
pozzo.
Inoltre, con il pozzo in pressione, si possono avere problemi per scendere le attrezzature a fondo; in tal
caso, si pu utilizzare la testina diniezione per spingerle (snubbing).

FIG. 4.20 TIPICA CONFIGURAZIONE DELLA TECNICA COILED TUBING IN CONDIZIONI DI UNDERBALANCED

140

CAPITOLO 5

COMPLETAMENTO DEI POZZI


Il completamento linsieme di tutte le operazioni effettuate nel pozzo dopo la perforazione, al fine di
predisporlo alla produzione didrocarburi nel tempo.
La progettazione di un completamento richiede la scelta e la disposizione delle attrezzature da
utilizzare, la selezione dei materiali, il dimensionamento dei tubing di produzione, la valutazione degli
intervalli da sfruttare e le modalit destrazione del fluido. Questattivit influenzata da molti fattori.
La capacit produttiva di un pozzo dipende dalla permeabilit e dallo spessore dello strato
mineralizzato, dalla pressione e viscosit dei fluidi erogati. Essa determina le condizioni desercizio
degli idrocarburi erogati, in base alle quali si sceglie il diametro e lo spessore dei tubing di produzione.
Nel caso di presenza in pozzo di H2S o di CO2, occorre adottare unopportuna scelta dei materiali
metallici e degli elastomeri, allo scopo di minimizzare i fenomeni corrosivi associati.
I livelli produttivi del pozzo possono essere molteplici. Possono essere sfruttati con un completamento
singolo, che drena ciascuno strato in tempi successivi, con un completamento multiplo, che drena pi
strati contemporaneamente e separatamente, o con un completamento a produzione mista, che drena
pi strati contemporaneamente mischiando i fluidi.
Dopo anni derogazione, possono essere necessarie delle operazioni secondarie atte a migliorare
lefficienza produttiva. Il completamento deve essere scelto in modo da rendere tali operazioni
semplici e poco costose.
Nei pozzi che attraversano sabbie non consolidate, il completamento deve diminuire la velocit dei
fluidi erogati, responsabili del trasporto dei granelli, filtrare e stabilizzare le formazioni.
Nel caso di pozzi sottomarini, dove i costi dintervento sono elevati, si possono prevedere
completamenti tali da permettere certe operazioni mediante controllo da terra o da una piattaforma.
Nei pozzi in cui si prevede un successivo sollevamento artificiale dei fluidi erogati, il completamento
deve prevedere uneconomica installazione delle attrezzature atte a tale scopo.

5.1 TIPI DI COMPLETAMENTO


Dopo aver realizzato il pozzo, il livello produttivo pu o no essere rivestito dalla colonna.
Nel caso derogazione in foro scoperto, si riduce al minimo il danneggiamento dello strato
mineralizzato, si massimizza la superficie drenante e si possono eseguire, facilmente, successive
operazioni di miglioramento produttivo.
Nel caso di completamento in foro tubato, si mette in comunicazione il livello produttivo con linterno
della colonna di rivestimento, perforandola con speciali attrezzature. In questo modo, si ha un migliore
controllo della produzione dacqua e sabbia e la possibilit deseguire stimolazioni selettive.
A partire dal livello produttivo, gli idrocarburi raggiungono la superficie passando in una stringa di
tubing allinterno della colonna di rivestimento ed isolata, poco sopra la scarpa cementata o la zona
finestrata, con un packer. Questa soluzione permette di migliorare lidraulica di produzione, di
selezionare fluidi diversi, di circolare a fondo pozzo, di proteggere la colonna di rivestimento dalla
pressione e corrosione degli idrocarburi.
Nel completamento singolo si ha una sola stringa ed un solo packer, in modo tale da sfruttare un
unico livello produttivo {FIG. 5.1}.
Nel completamento singolo selettivo si ha una sola tubazione e diversi packers, in modo da
permettere lo sfruttamento dei vari livelli produttivi attraverso la stessa stringa, in tempi successivi.
Il completamento multiplo permette la produzione contemporanea e separata di diversi strati
mineralizzati al fine di sfruttare pi rapidamente il giacimento; si hanno due tubazioni e pi packers.

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.1 SCHEMI DI COMPLETAMENTO

A fronte di maggiori spese dinvestimento, si possono: erogare pi livelli produttivi


contemporaneamente, mettere in sollevamento artificiale diverse zone contemporaneamente, eseguire
interventi in un livello senza influenzarne un altro.
Nei completamenti multipli selettivi, si pu produrre da pi livelli produttivi, selettivamente in tempi
successivi o contemporaneamente {FIG. 5.1}.
Quando si completano pozzi che, oltre al foro principale, ne hanno altri orizzontali realizzati negli
strati mineralizzati, si parla di completamenti multipli laterali {FIG. 5.1}.
I completamenti per pozzi produttivi sono quelli normalmente utilizzati per permettere il recupero
degli idrocarburi dal sottosuolo. Possono assumere numerosissime configurazioni a seconda delle
condizioni e caratteristiche del pozzo, con la finalit di recuperare la maggior parte degli idrocarburi
disponibili nel minor tempo possibile.
I completamenti per pozzi iniettivi sono progettati con la finalit di spingere alcuni fluidi nel
sottosuolo piuttosto che recuperarli da esso. Generalmente, la necessit di iniettare fluidi in giacimento
nasce dallesigenza di aumentare la produttivit di altri pozzi (produttori), di ridurre lo smaltimento
(acqua di strato separata dagli idrocarburi) o entrambe. Usualmente, in giacimento si inietta acqua o un
gas non miscibile con lolio (azoto, anidride carbonica). Cos facendo, si mantiene elevata la
pressione, durante lerogazione dei pozzi, e si permette allolio, di essere spiazzato dai fluidi iniettati.
142

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

5.2 ATTREZZATURE PER I COMPLETAMENTI


Le attrezzature utilizzate sono molteplici e ognuna con diverse varianti, per i pi disparati impieghi.
Il packer di produzione un attrezzo dotato di cunei e di una gomma.
Una camicia a facce inclinate, fatta scorrere movimentando la stringa o
pressurizzando i tubing, fa espandere la gomma e i cunei di fissaggio
contro la colonna di rivestimento, assicurando la tenuta idraulica e
meccanica del packer; alcuni sono fissati con wireline elettrica {FIG. 5.2}.
Il packer di produzione serve:
per proteggere la colonna di rivestimento dalla pressione e corrosione
dei fluidi;
per isolare o escludere livelli;
per contenere i fluidi di colmataggio o di trattamento.
Possono essere di due tipologie:
rimovibili (retrievable);
permanenti (permanent).
FIG. 5.2 TENUTA PACKER

FIG. 5.3 PACKER RIMOVIBILI (BAKER)

143

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


I packers rimovibili possono, dopo il fissaggio, essere svincolati ed estratti anche a distanza di tempo
e possono essere riutilizzati {FIG. 5.3}.
Possono essere classificati in base alle modalit di fissaggio in:
packers a trazione (tension packer), se messi in presa ruotando a sinistra di un quarto di giro la
stringa e, successivamente, tirandola;
packers a compressione (compression packer), se messi in presa ruotando a destra di un quarto di
giro la stringa e, successivamente, scaricandone il peso;
packers meccanici (mechanical packer), se messi in presa ruotando e, successivamente, tirando o
rilasciando la stringa;
packers idraulici (hydraulic packer), se messi in presa pressurizzando linterno della stringa;
packers wireline, se messi in presa utilizzando un cavo.
Nei packers di tipo non idraulico, la rotazione della stringa determina lo scorrimento di una camicia
conica che permette lespansione dei cunei contro la colonna di rivestimento. Tirando o scaricando il
peso della stringa di tubing, si ha lenegizzazione della gomma, essendo una parte del packer vincolata
contro la colonna di rivestimento, ed il fissaggio dei cunei antagonisti.
Per la rimozione di questi packers seseguono procedure inverse al fissaggio.
Nei packers di tipo idraulico, si lancia una biglia allinterno della stringa. Essa va ad alloggiarsi in
unapposita sede sotto il packer permettendo di pressurizzare linterno dei tubing. La pressurizzazione
permette lo scorrimento di una camicia conica, dopo il tranciamento delle spine di fermo, e la
fuoriuscita dei cunei. Tirando o scaricando il peso della stringa di tubing, si ha lenegizzazione della
gomma e il fissaggio del packer.
Per la rimozione di questi packers, generalmente, si applica un sovrattiro per tranciare delle spine di
fermo pi resistenti e permettere lo scorrimento di un manicotto, che fa rilasciare i cunei.
Nei completamenti multipli sutilizzano packers con due stringahe. Sono solo di tipo idraulico, in
quanto essendo discesi, generalmente, con entrambe le stringahe, non permessa la rotazione.

FIG. 5.4 PACKER PERMANENTI (BAKER)

FIG. 5.5 FISSAGGIO DI UN PACKER MECCANICO (BAKER)

144

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


I packers permanenti non possono essere recuperati, ma offrono maggiori garanzie di tenuta e di
resistenza. Di solito, sono costruiti con materiali facilmente fresabili (ghisa o leghe dalluminio).
I packers permanenti sono pi economici di quelli rimovibili e possono essere impiegati come tappi
(bridge plug). Come quelli rimovibili, possono essere meccanici o idraulici {FIG. 5.4}.

FIG. 5.6 INFLATABLE PACKER (BAKER)

I packers energizzati in foro scoperto (inflatable packers) sono caratterizzati da uneccezionale


capacit espansiva, tale da permettere la tenuta idraulica anche su una superficie irregolare {FIG. 5.6}.

FIG. 5.7 WIRELINE PACKER (BAKER)

I packers wireline sono messi in presa utilizzando un cavo {FIG. 5.7}.


Per ogni colonna di rivestimento, i
cataloghi forniscono le dimensioni del
packer da utilizzare. I parametri
progettuali pi importanti per la scelta di
un packer sono rappresentati dalla
massima
pressione
differenziale
sopportabile, dalla temperatura di
esercizio e dalla natura dei fluidi a
contatto.
Le stringahe di tubing sono collegate ai
packers mediante un attrezzo di
collegamento, che assicura, anche, la
tenuta idraulica (seal assembly o sealing
connector) {FIG. 5.8}.
Possono essere semplicemente infilati a
pressione nel foro del packer (locator),
possono avere una filettatura per essere
fissati con la rotazione (anchor), possono
incastrarsi per mezzo di balestre flessibili
(latch) o per mezzo di una connessione a
FIG. 5.8 SEAL ASSEMBLIES (BAKER)
baionetta (J-slot).
In questo caso, il maschio della connessione a baionetta (J sealing receptacle) solidale con il packer.
Per facilitare il fissaggio dei tubing e per sopperire alle variazioni di lunghezza delle stringahe,
sutilizzano dei giunti estensibili (expansion o telescopic joints) {FIG. 5.9}.

FIG. 5.9 GIUNTO ESTENSIBILE (BAKER)

145

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Per facilitare la discesa della stringa di tubing di produzione nel packer, specialmente nei pozzi deviati,
si utilizza una testina a molla (muleshoe). Si tratta di un dispositivo costituito da due spezzoni
coassiali, uno dei quali solidale con la stringa. Muovendo assialmente la stringa di tubing di
produzione, si ha la rotazione relativa dellaltra estremit con conseguente maggiore facilit di
centrare il bersaglio {FIG. 5.10}.
Il seal bore extension uno spezzone di tubo di maggior diametro interno rispetto alla stringa, messo
subito sotto il packer per permettere lalloggiamento, al suo interno, di un locator seal assembly
adeguatamente lungo {FIG. 5.10}.
Il millout extension uno spezzone di tubo di maggior diametro interno rispetto alla stringa, messo
subito sotto il packer. A differenza del seal bore extension non serve per alloggiare un locator seal
assembly e per garantirne la tenuta, ma solo per fornire maggior spazio sotto il packer (per esempio,
per permetterne il fresaggio) {FIG. 5.10}.
Il polished bore receptable uno spezzone di tubo posto sopra un packer di diametro interno
maggiore dei tubing con la funzione di invito.
Le superfici interne sono levigate in modo da ricevere un locator seal assembly al fondo di una stringa
di reintegro e garantirne la tenuta {FIG. 5.10}.

MUSESHOE

SEAL BORE
EXTENSION

MILLOUT
EXTENSION

POLISHED BORE
RECEPTABLE

FIG. 5.10 ALTRE ATTREZZATURE DI COMPLETAMENTO

Nella stringa (tubing retrievable) sono montate delle attrezzature per il controllo del flusso
{FIG. 5.11}.
Le valvole di sicurezza (Tubing Retrievable Safety Valves o Surface Controlled Sub-Surface
Safety Valves) permettono la chiusura dellinterno dei tubing nel caso di danneggiamento della testa
pozzo; generalmente, sono a ciabatta e sono tenute aperte pressurizzandole (100 MPa oltre la pressione
desercizio) dalla superficie tramite un tubicino esterno (control line), che fuoriesce dalla testa pozzo.
146

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.11 ATTREZZI PER CONTROLLO FLUSSO (BAKER)

Sono, generalmente, del tipo non equilibrante (non equalizing), cio la riapertura della valvola, in
condizioni di elevate pressioni differenziali a monte e a valle della ciabatta, non pu avvenire con la
sola pressurizzazione della control line.
Le valvole di circolazione (circulating valves), montate sopra i packers, permettono di circolare il
fluido a fondo pozzo prima di svincolarsi e di aprire, nei completamenti selettivi, eventuali livelli
lasciati chiusi. Generalmente, sono dotate di fori, coperti da un manicotto (sliding sleeve), che
permettono di mettere in comunicazione, quando si desidera, linterno dei tubing con lintercapedine.
I regolatori di flusso (flow-pressure regulators) riducono la portata o la pressione a fondo pozzo.
Le valvole di non ritorno (check valves) permettono di avere un flusso unidirezionale nella stringa.
Gli elementi dalloggiamento (seating o landing nipples) sono elementi dalloggiamento, ovvero
spezzoni di tubo configurati internamente, in modo da ricevere eventuali attrezzi (valvole di sicurezza,
tappi di chiusura, ecc.) scesi con cavo (wireline) {FIG. 5.12}. Hanno scanalature per il bloccaggio
meccanico delle attrezzature da ancorare e una superficie rettificata per alloggiare le guarnizioni della
tenuta idraulica. Alcuni nipples possono avere delle luci di passaggio laterali (ported).

147

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.12 NIPPLE

Gli accoppiatori di flusso (flow couplings) sono spezzoni delevata durezza interna, montati sopra i
landing nipples, per resistere allazione erosiva dei fluidi in moto turbolento a valle di strozzature.
I giunti antigetto (blast joints) sono spezzoni delevata durezza esterna. Sono montati a livello dei
fori della colonna di rivestimento (spari), per resistere allazione erosiva dei fluidi di strato che entrano
in moto turbolento nel pozzo.
Gli inviti (wireline entry guides) sono montati a fondo della stringa per facilitare il rientro, allinterno
dei tubing, dattrezzi scesi con cavo.
Generalmente, per permettere di svincolare parte di un completamento in caso di problemi durante un
workover sinstalla nella stringa, per esempio sopra un packer, uno spezzone (shear-out safety joint)
con un punto di minor resistenza meccanica in modo che la parte sovrastante possa essere recuperata
applicando un sovrattiro {FIG. 5.13}.

148

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.13 SHEAR-OUT SAFETY JOINT

Le injection valve sono valvole di circolazione progettate specificatamente per iniettare fluidi in
pozzo {FIG. 5.14}.

FIG. 5.14 INJECTION VALVE

Le gas lift valve sono le valvole che permettono diniettare gas nei pozzi per il sollevamento dei fluidi
{FIG. 5.15}.

FIG. 5.15 GAS LIFT VALVE

Alcune valvole per gas lift (wireline gas lift valve) non sono parte integrante della stringa di tubing di
produzione, ma sono alloggiate con wireline allinterno di mandrini a tasca laterale {FIG. 5.16}.

FIG. 5.16 WIRELINE GAS LIFT VALVE

Questi mandrini a tasca laterale (side pocket mandrel) sono spezzoni di tubo non completamente
cilindrici, in quanto dispongono di unappendice laterale per alloggiare, generalmente, valvole di gas
lift.
Questa particolare conformazione conferisce loro maggiori dimensioni diametrali, ma anche il
vantaggio di non causare restringaimenti nel tubing {FIG. 5.17}.
La comunicazione idraulica del mandrino con lesterno assicurata da fori nella tasca laterale.

149

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.17 INSERIMENTO DI UNA VALVOLA IN UNA SIDE POCKET MANDREL

I tubing utilizzati nei completamenti sono del tipo non saldato e sono collegati tramite filettatura,
direttamente o con giunti {FIG. 5.18}. Si tratta di filettature coniche con profilo triangolare,
trapezoidale o quadro, che assicurano la tenuta meccanica e idraulica. Sono classificati in base al
diametro esterno, lo spessore ed il materiale.

150

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.18 GIUNTI PER TUBI

151

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Come materiale tubolare, per i completamenti, si pu utilizzare anche il coiled tubing. Ha il vantaggio
di permettere una rapida installazione, dessere pi economico e di permettere un facile
scompletamento.
In condizioni di pozzo difficili per problemi erosivi e corrosivi, si possono usare tubing rivestiti
internamente con materiali compositi a base di fibre di vetro, molto pi economici di quelli in acciaio
speciale.

FIG. 5.20 PARTICOLARI DELLA CONNESSIONE

FIG. 5.19 TUBING RIVESTITI IN FIBRA DI VETRO

I tubing possono essere forniti con una lunghezza inferiore a quella standard (pup joint) per
contribuire a costituire una stringa delle dimensioni volute.
I perforating tubing sono del tutto simili a quelli della stringa di produzione, ma forati per permettere
lingresso degli idrocarburi nel completamento.

5.3 FLUIDI DI COMPLETAMENTO


Un buon fluido di completamento deve:
avere una densit tale da assicurare una pressione idrostatica superiore a quella della formazione;
non contenere solidi, che potrebbero tappare i fori della colonna di rivestimento o diminuire la
permeabilit della formazione;
avere un filtrato tale da non danneggiare gli strati mineralizzati e non interagire con i fluidi di
strato, per evitare la formazione demulsioni o far precipitare sali organici o paraffine e asfalteni;
non essere corrosivo per i packers e la colonna di rivestimento;
avere una buona capacit di trasporto per la rimozione dei detriti durante le circolazioni;
assicurare la stabilit di foro nei tratti scoperti;
non essere tossico o inquinante;
essere economico.
Generalmente, sutilizzano:
oli;
acqua salata;
fanghi di perforazione;
fanghi a schiuma.
Lolio, degassato e decantato, un fluido costoso, ma ottimo per mantenere lefficienza dei packers
nel tempo e per il consolidamento delle sabbie.
Lacqua salata (brine) un ottimo fluido di completamento.
La solubilizzazione del sale nellacqua permette di non avere solidi in sospensione e di evitare il
rigonfiamento delle argille. Per migliorare la compatibilit del fluido con la formazione, si pu
utilizzare la stessa acqua di strato con eventuale aggiunta di altro sale. I sali, solitamente usati, sono il
cloruro di calcio e il cloruro di sodio, ma si pu utilizzare anche il cloruro di zinco, se si necessit di
unelevata densit {FIG. 5.21}.

152

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


I fanghi di perforazione, a base dacqua o dolio, poich disponibili, sono economici e permettono di
sopperire a difficolt di reperimento daltri fluidi.
La presenza dei solidi in sospensione pu, per, causare problemi dintasamento, mentre il filtrato pu
danneggiare la formazione.

FIG. 5.21 DENSIT RAGGIUNGIBILI CON VARIE SOLUZIONI SALINE

In presenza di formazioni fratturate e a bassa pressione, se non si possono utilizzare i fluidi anzidetti,
si ricorre ai fanghi a schiuma (foam). Tali fluidi si realizzano iniettando acqua e schiumogeni in una
corrente daria. Si ottiene, cos, una schiuma stabile che, con laggiunta di bentonite e polimeri, forma
un fango molto leggero, ma con sufficiente viscosit da permettere il trasporto dei detriti a giorno.
In generale, definita la densit del fluido di completamento per assicurare il controllo delle pressioni
durante le operazioni, se ne sceglie il tipo in funzione della natura della formazione.
Il filtrato di un fluido di completamento a base dacqua lo stesso brine, mentre i fluidi a base olio
presentano un filtrato di natura organica. Questi filtrati hanno comportamenti completamente diversi.
Il brine, filtrato in formazione, pu incontrare lacqua di strato, gli idrocarburi o, eventualmente, il
filtrato del fango di perforazione.
Al contatto brine-acqua di strato si possono avere precipitazioni di sali se i due fluidi non sono
compatibili. Con soluzioni saline contenenti solo cationi monovalenti (K+, NH4+, Na+) non sono da
attendersi particolari fenomeni dinterazione, mentre con ioni bivalenti (Ca++) possibile avere la
precipitazione di solfati (BaSO4, CaSO4), difficili da rimuovere.
Brine a pH elevato possono portare alla precipitazione di molti cationi contenuti nelle acque di
strato; tra questi, gli ioni Ca++ e Mg++ che precipitano come idrossidi e carbonati.

153

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Al contatto brine- petrolio si possono avere emulsioni che tendono ad intasare i pori e, quindi, a
compromettere la produttivit. Anche il pH del brine pu giocare un ruolo importante
nellincompatibilit con lolio di formazione influenzando la ionizzazione e la reattivit delle sue
macromolecole. Il fenomeno complesso e di difficile previsione, ma leventuale incompatibilit pu
essere valutata con prove di laboratorio.
Non si hanno problemi nel caso di contatto brine-gas, a meno che sia presente anidride carbonica
(CO2) in formazione ed il fluido di completamento contenga ioni di calcio o zinco; in questi casi, si
pu avere precipitazione di carbonati.
Analogamente, in caso di presenza di solfuro didrogeno (H2S), si pu avere precipitazione di solfuri.
Al contatto brine-filtrato di fango di perforazione non si hanno molti problemi se esso a base
dacqua, ma si possono formare emulsioni se a base olio.
Se il fluido di completamento a base olio, il suo filtrato pu interagire con lacqua di strato con
formazioni di emulsioni.
Al contatto con il petrolio, soprattutto se il filtrato di natura paraffinica, si pu avere precipitazione
di asfalteni.
Non c interazione tra il filtrato di un fluido di completamento a base olio e il gas, ma lintroduzione
di unulteriore fase in formazione ne potrebbe diminuire la permeabilit.
I fluidi di completamento devono essere privi di solidi, ma questa caratteristica ottenibile soltanto a
seguito di un filtraggio con apposite attrezzature.
Il filtraggio un processo complesso e larresto delle particelle solide pu avvenire secondo diversi
meccanismi.
Le particelle pi grossolane si fermano sulla superficie del filtro e tendono a formare un pannello che
diventa sempre pi selettivo, ma a discapito delle perdite di carico del circuito.
Le particelle pi piccole superano la superficie del filtro, ma tendono a collidere con il materiale stesso
del filtro e a rimanere intrappolate.
Considerato il meccanismo di autoregolazione per la formazione del pannello davanti al filtro, per
aumentare la capacit filtrante e assicurare una maggiore protezione, si pu aggiungere, allinizio, al
fluido da trattare del materiale inerte.
Esso si va a depositare sui filtri proteggendoli e migliorandone le caratteristiche; nella prima fase di
assestamento, il fluido in uscita riportato in ingresso per un secondo trattamento.
I filtri sono montati in appositi contenitori, in serie per aumentarne la capacit filtrante, in parallelo per
aumentare la capacit di trattamento.
Generalmente, un cartuccia permette di filtrare ad una portata media di 5 m3/h e, nel caso di
trattamento di acqua abbastanza pulita, per circa 20 min; tempo per il raggiungimento del differenziale
massimo di lavoro (0.3 MPa).
Per non interrompere il trattamento, i moduli di filtrazione sono due, in modo da averne uno in
funzionamento ed uno in rigenerazione {FIG. 5.22}.
Lefficienza del processo di filtraggio in funzione della grandezza dei pori del filtro e di un fattore ,
definito come il rapporto tra il peso delle particelle per unit di volume di fluido trattato in uscita e
quello in ingresso (deve essere maggiore di 5000).
La filtrazione dovrebbe essere spinta fino ad avere nel fluido di completamento soltanto particelle in
grado di passare liberamente attraverso i pori della formazione. In altre parole, sono consentite
particelle con un diametro medio pari a un decimo dei pori della formazione (questa grandezza pu
essere ricavata con misure sperimentali di permeabilit e porosit).
In realt, raramente sutilizzano cartucce con potere filtrante superiore ai 10 m per non aumentare
eccessivamente i tempi del processo e avere portate accettabili per la circolazione.
Il controllo del processo di filtraggio sesegue, generalmente, facendo attraversare un campione di
fluido trattato da un raggio di luce. Maggiore la quantit di solidi contenuti nel fluido e maggiore
sar la quantit di luce diffratta e, quindi, ricevuta da una fotocellula disposta a 90 rispetto al raggio
incidente.

154

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.22 MODULO DI FILTRAGGIO A CARTUCCE

La grandezza in uscita dallo strumento d una misura della torbidit del campione ed definita NTU
(Nephelometric Turbidity Units). Orientativamente, un buon brine deve avere valori di NTU inferiore
a 10 unit, o in alternativa si possono diagrammare i valori progressivamente misurati in funzione del
tempo; quando il decremento della torbidit con laumentare del tempo di filtraggio non pi
significativo (curva quasi piatta) non ha pi senso procedere con il trattamento.
Se per il completamento sutilizza un fluido, a base acqua o olio, ma che forma emulsioni, esso deve
essere trattato filtrando separatamente le due fasi, per poi unirle a formare il prodotto finale. Infatti, le
emulsioni, per la loro natura, tendono ad intasare i filtri e, quindi, a rendere difficoltoso il trattamento.

5.4 PERFORAZIONE DELLA COLONNA DI RIVESTIMENTO


Quando gli strati mineralizzati sono ricoperti dalla colonna, per metterli in comunicazione con
linterno del pozzo, occorre perforare il tubo. I fori sono realizzati utilizzando un fucile dotato di una
serie di cariche esplosive {FIG. 5.23}.

FIG. 5.23 FUCILE

Le cariche sono distribuite radialmente in modo uniforme o concentrate da una parte. Possono essere
in fila su piani assiali o essere sfalsati. Generalmente, la loro densit espressa come numero di spari
per piede (304 mm) di lunghezza del fucile (SPF Shots Per Foot) ed inclinazione assiale {FIG. 5.24}.
155

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

360
45

12 SPF 45
FIG. 5.24 DENSIT DI CARICA

FIG. 5.25 SUCCESSIONE DI SCOPPIO DI UNA CARICA

I fucili (guns) sono costituiti da spezzoni di tubo di qualche metro di lunghezza, collegabili in serie,
con fori lungo la superficie periferica.
Allinterno di questi fori, vengono disposte le cariche esplosive e sigillate con tappi, per evitarne la
contaminazione con i fluidi e creare una camera daria, che permetta liniziale espansione della
sostanza detonante.
La camera di scoppio, generalmente conica, configurata in modo tale da avere, a parit di carica, la
massima capacit di penetrazione e la massima focalizzazione del fronte di fuoco.
Lo scoppio dellesplosivo disintegra parte della camera in particelle pi o meno grosse. Quelle pi fini
e veloci fondono la colonna e il cemento, penetrando nella formazione per una decina di centimetri.
Quelle pi grosse e lente hanno la tendenza ad allargare il foro {FIG. 5.25}.
De FUCILE
[mm]
35 (1 3/8)
43 (1 11/16)
43 (1 11/16)
43 (1 11/16)
43 (1 11/16)
54 (2 1/8)
54 (2 1/8)
54 (2 1/8)
54 (2 1/8)
54 (2 1/8)
73 (2 7/8)
85.7 (3 3/8)
85.7 (3 3/8)
102 (4)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
127 (5)
127 (5)
127 (5)
127 (5)
152.4 (6)
152.4 (6)
177.8 (7)

DENSIT
CARICHE [SPF-]
4-0
4-0
4-180
6-0
6-45
4-0
4-60
4-180
6-0
6-45
6-60
4-90
6-60
4-90
5-60
10-60
12-45
4-90
5-60
10-60
12-45
12-45
12-120
12-45

De COLONNA PERFORABILE
[mm]
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
139.7 (5 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
139.7 (5 1/2)
139.7 (5 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
114.3 (4 1/2)
139.7 (5 1/2)
177.8 (7)
177.8 (7)
177.8 (7)
177.8 (7)
177.8 (7)
193.6 (7 5/8)
177.8 (7) 193.6 (7 5/8)
244.4 (9 5/8)
244.4 (9 5/8)
244.4 (9 5/8)

TIPO DI
ESPLOSIVO
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX-HNS
RDX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX
RDX-HMX-HNS
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX
RDX-HMX-HNS
RDX
RDX-HMX
RDX

CARATTERISTICHE
ESPLOSIVI
RDX
(C3H6N6O6)
Pdetonazione = 34.4 GPa
Vdetonazione = 8725 m/s

TAB. 5.1 CARATTERISTICHE DIMENSIONALI E DIMPIEGO DEI FUCILI

156

XMX
(C4H8N8O8)
Pdetonazione = 39.3 GPa
Vdetonazione = 9120 m/s

HNS
(C14H6N6O12)
Pdetonazione = 24.1 GPa
Vdetonazione = 7387 m/s

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


La perforazione della colonna di rivestimento pu avvenire prima della discesa del completamento
(casing o high shot density gun perforating) o successivamente, facendo passare i fucili allinterno
della stringa di produzione (through tubing perforating).
Nel primo caso, si possono utilizzare dei fucili di diametro maggiore con un notevole potere
penetrante, nel secondo caso, si ha un maggiore controllo delle pressioni in pozzo.
I fucili sono scesi in pozzo con un cavo (wireline conveyed perforating) ed azionati tramite un contatto
elettrico (le operazioni di armamento delle cariche richiedono il silenzio radio). Se ci sono pi fucili
collegati in serie, possibile farli detonare in fasi successive con un sistema selettivo.
I fucili possono essere discesi, anche, attraverso un coiled tubing o una stringa di tubing (tubing
conveyed perforating) e operare con una pressione in pozzo inferiore a quella di formazione, in modo
tale che limmediata erogazione dei livelli pulisca i fori.
In questo caso, il detonatore posizionato sopra le cariche e pu essere attivato meccanicamente,
lanciando allinterno delle aste una barra, o idraulicamente, aumentando la pressione. Nel primo caso,
si protegge il detonatore da ricadute di detriti con un disco {FIG. 5.26}. Per una maggiore precisione
del posizionamento degli spari, sinserisce in batteria una sorgente radioattiva, che permette un
controllo della profondit (correlazione), prima della perforazione della colonna.

FIG. 5.26 SEQUENZA DELLE FASI OPERATIVE DESECUZIONE SPARI

157

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


In questi casi, generalmente, hanno un rivestimento protettivo di ceramica o alluminio che si disintegra
al momento dello scoppio. Possono disporre, inoltre, di un magnete, posizionato in modo tale da
avvicinare il pi possibile le cariche alla parete della colonna di rivestimento.
Per velocizzare le operazioni, si possono discendere i fucili con un completamento e mettere in
erogazione il pozzo subito dopo lesecuzione degli spari. In questo caso, il fucile o i suoi resti cadono
a fondo pozzo {FIG. 5.26}.
Nel caso di formazioni non consolidate o che danno problemi di perdite di circolazione, la discesa dei
fucili pu essere eseguita con una batteria che permette, contemporaneamente, di realizzare un dreno,
cio riempire lintercapedine pozzo-tubazione con del materiale granulare inerte (ghiaia o sabbia)
{FIG. 5.27}.

FIG. 5.27 ESECUZIONE SPARI IN PRESENZA DI FORMAZIONI NON CONSOLIDATE

158

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Esempio

RUPTURE DISC OR EDGE SET PACKER


SAFETY VALVE

Questo tipo di completamento viene posizionato


HYDRAULIC PACKER

con una sola discesa. Il packer di fissa


idraulicamente dopo aver posizionato un tappo

FLOW COUPLING
SEATING NIPPLE

nel seating nipple sotto il packer.


Il detonatore posizionato sopra le cariche ed
attivato lanciando allinterno delle aste una

PERFORATING JOINT

barra.
Per proteggere il detonatore da ricadute di

PERFORATING GUNS

detriti, il detonatore coperto da un disco.

5.5 ACIDIFICAZIONE
La naturale capacit erogativa di un pozzo (inflow) pu diminuire ad opera del danneggiamento della
formazione (skin effect) indotto dalle operazioni di perforazione.
Al fine di avere la massima produttivit, si cerca di aumentare la permeabilit degli strati mineralizzati
con delle stimolazioni.
Le operazioni di acidificazione consistono nel pompare in pozzo, in una o pi fasi, un certo
quantitativo di acido per rimuovere il pannello del fango, depositi didrocarburi e tutti i detriti che
ostacolano lerogazione.
Nel caso di produzione in formazioni carbonatiche, la cui permeabilit essenzialmente legata alla
presenza di fratture, lacidificazione permette di pulirle ed allargarle.
Secondo la pressione di pompaggio, le acidificazioni sono denominate ad alta o bassa pressione.
Quelle a bassa pressione (matrix acidizing) non fratturano la formazione e sono utilizzate per
eliminare il danneggiamento causato dal pannello del fango, dal filtrato delle cementazioni e dai
detriti. Il trattamento interessa una limitata zona intorno al pozzo (circa 1 m), ma richiede minimi
tempi di reazione e limita anche il rischio di aprire indesiderate zone ad acqua o a gas.
Lacidificazione ad alta pressione (fracture acidizing) causa la fratturazione della formazione, in
modo da permettere allacido di penetrare negli strati.
In tal caso, la zona interessata molto pi vasta, ma diventa difficile prevedere la quantit di acido
necessario per trattare un certo livello.
Le fratture della formazione, allargate dallacidificazione e dalla fratturazione, tendono a richiudersi
nel tempo, per azione della pressione geostatica.

159

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Per contrastare tale fenomeno, si pu realizzare, dopo lacidificazione, un dreno riempiendo le cavit
con materiale inerte.
Lacidificazione , generalmente, eseguita in pozzi completati, pompando il fluido di trattamento
attraverso un coiled tubing infilato allinterno della stringa di tubing. Al fondo del coiled tubing,
sinstalla una testina di raccordo e distribuzione per facilitarne la discesa e permettere la fuoriuscita
dellacido.
Esistono delle testine che ruotano (rotojet spinner) con il pompaggio, per azione della velocit del
fluido, permettendo una migliore distribuzione dellacido.
Quando il cuscino di acido raggiunge la zona da trattare, si pompa allinterno del coiled tubing e
nellintercapedine per spingere il fluido dentro la formazione (bull heading) e lasciargli il tempo
dagire; successivamente, si riprende la circolazione per lavare i composti di reazione.
I fluidi, generalmente utilizzati, sono lacido cloridrico (HCl), lacido fluoridrico (HF) lacido
sulfammico (NH2SO3H), lacido acetico (CH3COOH) e lacido formico (HCOOH).
Una soluzione acquosa di acido cloridrico (15 35 % in volume) permette di sciogliere calcari e
dolomie.
Un metro cubo di acido puro permette di trattare 1466 kg di calcare a porosit nulla (corrispondenti a
0.54 m3 di roccia considerando che la densit del carbonato di calcio CaCO3
2.7 kg/dm3) o 1362 kg di dolomia, dando come prodotti di reazione 1626 kg di cloruro di calcio,
264 kg dacqua e 645 kg di anidride carbonica.
Lacido fluoridrico utilizzato insieme con quello cloridrico in percentuale di volume del 3 4 %, in
formazioni di arenarie, per rimuovere le particelle argillose che riducono la permeabilit della sabbia
(1 m3 di acido fluoridrico puro permette di trattare circa 2000 kg di argilla). Tale acido non
consigliabile in formazioni contenenti calcari, in quanto la reazione con il carbonato di calcio genera il
fluoruro di calcio che, essendo insolubile, precipita e tende ad intasare.
Lacido sulfammico viene preparato mescolando in acqua un prodotto solido (15 20 % in volume).
Reagisce con i carbonati di calcio e magnesio, originando sulfammati molto solubili in acqua e,
quindi, facilmente eliminabili.
Lacido acetico e quello formico, essendo acidi deboli, hanno tempi di reazione pi lenti, ma limitano
la corrosione dei tubi (1 m3 di acido puro permette di trattare circa 842 kg di calcare a porosit nulla);
sono, usualmente, utilizzati nei pozzi completati con pompe in lega di alluminio.
Lacido pu essere pompato aggiungendo degli additivi per migliorarne le caratteristiche.
I tensioattivi (surfactants), in percentuale di 0.1 1 % in volume, servono a ridurre la tensione
superficiale per prevenire lemulsione dellacido spento nellolio e ridurre i tempi di spurgo.
Gli agenti di sospensione (suspending agents) impediscono la decantazione di detriti prevenendo la
formazione di tappi.
I sequestranti (sequestering agents) ostacolano la precipitazione degli ossidi di ferro, che si formano
per reazione dellacido con i materiali metallici.
Altre sostanze (anti-sludge agents) prevengono la formazione dintasamenti, ad opera di fanghiglia,
dovute alla decantazione di paraffine ed asfalti.
Gli inibitori di corrosione (corrosion inhibitors) permettono di proteggere le attrezzature di pozzo
dallazione dellacido.
Alcune acidificazioni, richiedono un trattamento prima (preflush) e dopo (overflush) il pompaggio
dellacido, per prevenire avverse reazioni chimiche secondarie e la formazioni di precipitati.
I tempi di reazione degli acidi dipendono da molti fattori:
tipologia usata;
concentrazione della soluzione;
superficie reagente;
temperatura e pressione;
tipo di formazione.

160

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

120 93

66

24

CONCENTRAZIONE
INIZIALE
DELL'ACIDO (%)

Gli acidi forti agiscono pi


rapidamente di quelli deboli, ma la
velocit di reazione diminuisce, a
parit di sostanza, con laumentare
della loro concentrazione, poich si
ha un rapido sviluppo di cloruro di
calcio e anidride carbonica, che
tendono ad isolare il reagente.
I
tempi
di
reazione
sono
inversamente proporzionali alla
superficie
reagente
e
alla
temperatura, mentre si allungano con
un aumento della pressione.
Gli effetti degli acidi sono molto pi
rapidi sui calcari piuttosto che sulle
dolomie.

TEMPO DI REAZIONE (min)

FIG. 5.28 EFFETTI DELLA CONCENTRAZIONE DELLACIDO SUL TEMPO


DI REAZIONE A VARIE TEMPERATURE

Se i tempi di reazione dellacido utilizzato sono troppo veloci, i suoi effetti possono essere ritardati
con laggiunta di additivi (cloruro di calcio, anidride carbonica, acidi deboli).
Esempi

FRACTURING - STIMULATION COMPLETION


Un completamento per pozzi, dove sono previsti fratturazioni
e stimolazioni, deve disporre di packer di elevate prestazioni.
Le elevate pressioni e sovrattiri dovuti al raffreddamento
durante liniezione non devono determinare il rilascio dei
cunei o la mancata tenuta idraulica.
Generalmente, si accoppia alla stringa tramite un connettore
PACKER

di elevata resistenza che permette anche di svincolarsi, con il


packer sempre fissato.

161

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FRACTURING REQUIRING ZONE


ISOLATION COMPLETION
BLANKING PLUG

Simile al precedente, ma con un connettore


esterno e setting nipple pi alto al fine di

CONNECTOR

prevenire problemi di imbocco o recupero tappi


per presenza di detriti.

WIRELINE
PACKER

5.6 CONTROLLO SABBIA


La colonna di rivestimento permette di sorreggere le pareti del foro, ma non impedisce lingresso della
sabbia in pozzo.
I granelli di sabbia, trascinati dal flusso, ostacolano lerogazione degli idrocarburi e causano gravi
problemi derosione; il problema aumenta con la velocit e viscosit del fluido.
Per permettere il passaggio degli idrocarburi ed impedire quello di materiale solido, occorre unazione
di filtraggio.
I metodi meccanici che permettono il controllo della sabbia sono rappresentati dallinstallazione di
filtri o dalla realizzazione di un dreno (gravel packing), cio di una barriera di materiale inerte a
granulometria controllata, che svolge unazione filtrante.
I filtri, metallici o di materiale inerte, modificano la naturale permeabilit della formazione e, quindi,
devono avere caratteristiche tali da massimizzare la capacit produttiva del pozzo.
Le migliori condizioni di filtraggio si hanno:
con granelli di materiale inerte di varie dimensioni;
con granulometria decrescente dal pozzo verso la periferia;
con grani di forma il pi possibile sferica;
con dreni di materiale siliceo che resistono a trattamenti di acidificazioni.
Leffetto filtrante di un dreno non migliora con laumentare del suo spessore. I granelli di sabbia
vengono bloccati da uno strato molto sottile che, per successiva deposizione delle particelle pi
piccole, diventa un filtro con una certa capacit di autoregolazione.
Tuttavia, per motivi di messa in opera, gli spessori minimi, generalmente realizzati, sono di 3 cm.

162

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


La granulometria del dreno (d) deve essere scelta in funzione delle dimensioni dei granelli di sabbia
della formazione (f); si ricorda che per definirla, nei paesi anglosassoni, si usa il mesh, cio il numero
di maglie per pollice (25.4 mm), mentre, in quelli europei, sutilizza il numero di maglie per cm2.
Caratteristiche del dreno (secondo il metodo U.S. Bureau of Reclamation)
Coeff. duniformit della sabbia
di formazione (Uf)
Se Uf < 2.5
D50 < 6 d50 con 1 < Ud < 2.5 oppure D50 < 9 d50 con 2.5 < Ud < 5
Se 2.5 < Uf < 5
D50 < 9 d50 con 1 < Ud < 2.5 oppure D50 < 12 d50 con 2.5 < Ud < 5
Se Uf > 5
Si sceglie un dreno con una curva granulometrica compresa tra due rette parallele passanti
per i punti 6 d30 e 9 d30 e tali che per esse si abbia U < 2.5
U = rapporto tra il diametro delle particelle che ha una percentuale di setacciatura del 60 % e quello che ha una percentuale
del 10 %.
Dx = minima lunghezza del lato delle maglie di un setaccio che lascia passare lx % dei grani del materiale inerte.
dx = minima lunghezza del lato delle maglie di un setaccio che lascia passare lx % dei grani della sabbia di formazione.
Classificazione ASTM
mesh

3 3.5 4
5
6
7
8 10 12 14 16 18 20 25 30 35 40 45 50 60 70 80 100 120 140 170 200 230 270 325
mm 6.35 5.66 4.76 4.00 3.36 2.83 2.38 2.00 1.68 1.41 1.19 1.00 0.84 0.71 0.59 0.50 0.40 0.35 0.29 0.25 0.21 0.17 0.14 0.12 0.10 0.08 0.07 0.06 0.05 0.04

Classificazione UNI
n
mm

3
4.00

4
3.35

5
3.15

6
2.80

8
2.50

9
2.36

11
2.00

14
1.70

15
1.60

19
1.40

24
1.25

26
1.18

35
1.00

50
0.85

55
0.80

65
0.75

75
0.71

95
0.63

100
0.60

140
0.50

n
mm

200
0.42

220
0.40

270
0.35

380
0.31

400
0.30

590
0.25

810
0.21

870
0.20

1100
0.18

1350
0.16

1600
0.15

2400
0.12

2900
0.11

3900
0.10

4450
0.09

5900
0.08

6400
0.07

9450 15600 23700


0.06 0.05 0.04

I filtri metallici (screens) devono


possedere le seguenti caratteristiche:
avere delle luci di dimensioni e forma
tali da non permettere il passaggio
della sabbia e lintasamento delle
aperture {TAB. 5.2};
avere una buona resistenza meccanica
allo schiacciamento e allazione
erosiva della sabbia;
avere delle finestrature tali da limitare
le perdite di carico idrauliche.
Le luci di passaggio dei filtri possono
avere forma circolare o rettangolare,
essere a lembi rialzati, a lamelle sporgenti
o spiralati.
Questultimi sono formati da un nastro
metallico avvolto a spirale su un telaio
formato da tondini metallici disposti
assialmente.
Per aumentarne la resistenza meccanica,
al loro interno si ha un tubo base con
grossi fori.
FIG. 5.29 FILTRI

Sopra la spira si pu avere una finestratura assiale per aumentare lazione filtrante, eventualmente
ricoperta con un rivestimento di materiale resistente allabrasione {FIG. 5.29}.
La lunghezza dei filtri metallici dipende da quella dellintervallo sparato; generalmente, coprono
2 3 m in pi la parte inferiore e 3 4 m quella superiore, al fine di massimizzare il potere filtrante e
rimediare a possibili errori di perforazione della colonna.

163

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Diametro della sabbia di formazione (d50) [mm] Dimensioni grani del materiale inerte [mesh] Spaziatura luci filtro metallico [mm]
0.13
0 0.32
50 70
0.15
0.32 0.43
40 60
0.20
0.43 0.58
30 50
0.30
0.58 0.76
20 40
0.41
0.76 1.16
16 30
0.63
1.16 1.51
12 20
1.00
1.51 1.82
10 16
> 1.82
1.27
8 12
TAB. 5.2 CARATTERISTICHE RACCOMANDATE DEI FILTRI
DIAMETRO ESTERNO COLONNA [mm]
DIAMETRO TUBO BASE [mm]
DIAMETRO ESTERNO FILTRI [mm]
114.3 (4 1/2)
33.4 42.2
49.3 57.4
127 (5)
42.2 48.3
57.4 64.8
139.7 (5 1/2)
48.3 60.3
64.8 75.4
152.4 (6)
60.3 73.0
75.4 88.4
168.3 (6 5/8)
73.0 88.9
88.4 104.9
177.8 (7)
88.9 101.4
104.9 114.3
193.7 (7 5/8)
101.6 114.3
114.3 130.0
219.1 (8 5/8)
127.0 139.7
143.3 157.2
244.5 (9 5/8)
139.7 168.3
157.2 183.6
TAB. 5.3 DIAMETRI RACCOMANDATI DEI FILTRI IN FUNZIONE DELLE DIMENSIONI DELLE COLONNE

Per ogni tipologia di filtro, i cataloghi forniscono i diametri ed il potere filtrante.

FIG. 5.30 SEQUENZA DELLE FASI OPERATIVE DESECUZIONE DI UN DRENO (BAKER)

164

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


La messa in opera di un dreno si effettua facendo circolare il materiale inerte attraverso una batteria di
completamento. Dopo aver isolato con un tappo la zona sotto gli spari, si discende la batteria in pozzo
e si fissa idraulicamente, dopo il lancio di una biglia, il packer sovrastante. Si pompa il materiale per il
dreno, con il fluido di circolazione, allinterno della batteria. Il fluido esce dai tubi al di sotto del
packer superiore attraverso un deviatore di flusso (change-over flow) e circola nellintercapedine del
livello isolato, per poi rientrare allinterno della batteria attraverso i filtri.
Il materiale inerte saccumula nellintercapedine formando il dreno, mentre il fluido di trasporto risale
allinterno della batteria per un primo tratto, e lungo lintercapedine colonna di rivestimento-tubi sopra
il packer superiore {FIG. 5.30}. Questultimo passaggio, in un primo momento, mantenuto chiuso
per permettere lavanzamento del materiale inerte nella formazione (frac pack) o la sua
compattazione. Successivamente, si riapre la comunicazione e si ristabilisce il moto del fluido; la
condizione di circolazione diretta, inversa, squeezing del deviatore di flusso regolata attraverso la
posizione relativa della batteria rispetto al packer.

FIG. 5.31 ESECUZIONE DI UN DRENO CON LUTILIZZO DI FILTRI A TRIVELLA (BAKER)

165

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Sollevando ulteriormente la batteria, si porta la comunicazione sopra il packer superiore e sesegue
una circolazione inversa per pulire eventuali granelli di materiale inerte rimasti allinterno dei tubi.
Successivamente, si rimuove il setting tool e la batteria di discesa e si scende la stringa di produzione
con un seal assembly per terminare il completamento.
Utilizzando una batteria con pi packers e camere di comunicazione, possibile realizzare dreni
multipli, inghiaiando successivamente i vari livelli dal basso verso lalto.
Per diminuire il danneggiamento della formazione e ridurre i costi di completamento, la realizzazione
di un dreno pu essere eseguita, subito dopo la perforazione della colonna di rivestimento, spingendo
il materiale inerte nella formazione attraverso filtri a trivella (auger gravel pack system).
Il materiale inerte pompato nellintervallo perforato prima destrarre i fucili dal pozzo. I filtri a
trivella sono infissi nel dreno attraverso la rotazione della batteria, permettendo una riduzione dei
tempi operativi e una compattazione del materiale filtrante. Dopo il posizionamento dei filtri, si ha la
chiusura delle valvole a sportello per impedire perdite di circolazione.
Successivamente, si discende la stringa di produzione e si mette in erogazione il pozzo {FIG. 5.31}.
Dopo aver realizzato un dreno, lo si pu consolidare attraverso lutilizzo di resine fenoliche o
epossidiche. Tali resine permettono di aumentare la resistenza meccanica del dreno, collegando tra
loro i granelli di sabbia. Sono pompate in pozzo insieme o successivamente alla deposizione del
materiale inerte e sono consolidate dalla temperatura di fondo pozzo con laiuto di un catalizzatore.
Dopo tale trattamento la permeabilit del dreno diminuisce in quanto la resina occupa parte dello
spazio intergranulare; in tal caso, preferibile aumentare la granulometria del materiale inerte.
Esempi

PACKER

MILLOUT EXTENSION
CROSSOVER SUB

OPEN HOLE GRAVEL PACK COMPLETION


In certe applicazioni, lutilizzo di filtri metallici
in foro scoperto permette un semplice ed

BLANK PIPE

economico sistema per il controllo sabbia.


Generalmente, si utilizza un packer a fissaggio

FILTER

meccanico con rotazione per trasferire questo


movimento

ai

filtri

facilitare

inserimento nel foro scoperto.

SEAL SUB
PUP JOINT
SHOE

166

il

loro

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

SETTING TOOL

OPEN HOLE GRAVEL PACK COMPLETION


PACKER

La realizzazione di un dreno pu essere fatta per


un corto o lungo tratto, per pozzi verticali,
deviati o orizzontali.

CROSSOVER PORT
SLIDING SLEEVE
SEAL BORE SUB

In questultimo caso, diventa importantissima la


modalit di pompaggio del dreno per ottenere

F.A.S TOOL

delle ben precise onde di pressione e permettere


il riempimento del foro.
SHIFTING TOOL
INDICATING COUPLING

COLLET

SETTING TOOL

FRAC PACK COMPLETION


PACKER

BLAST LINER
FRAQ PORT
FRAQ SLEEVE
EVACUATION PORT

Nel caso di realizzazione di frac pack,


sutilizzano attrezzature progettate per lavorare
con elevate pressioni, velocit limite dei fludi e
volumi notevoli.

SEAL BORE SUB

F.A.S TOOL

SHIFTING TOOL

UPPER INDICATING COUPLING

INDICATING COUPLING
COLLET
COLLET

167

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

SINGLE SELECTIVE GRAVEL PACK COMPLETION


Questo schema di completamento permette di

LONG STRING SEALS

produrre

pi

livelli

contemporaneamente

(commingling) o separatamente.
Permette

LONG STRING SEALS

di

isolare,

testare

stimolare

selettivamente ciascun strato.


DOUBLE PIN SUB
FILTRI
ISOLATION STRING
FILTRI
SEALS

DOUBLE PIN SUB


FILTRI
ISOLATION STRING
FILTRI
SEALS

EXTENDED REACH GRAVEL


PACK COMPLETION
SAFETY VALVE

Questo

schema

prevede

il

completamento del tratto deviato e,


successivamente, il reintegro della
POLISHED BORE RECEPTABLE

stringa utilizzando il polished bore


receptable.

PACKER

La presenza della fluid loss control


valve al fondo, azionata da un ciclo

SEATING NIPPLE
SEAL ANCHOR

di pressurizzazione in superficie,

ASSEMBLY
SEAL

BORE GRAVEL

PACKER

permette di proteggere la formazione


dai fluidi.

FLUID LOSS
CONTROL VALVE

168

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

5.7 SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE


Con la realizzazione di un pozzo si mette in comunicazione il giacimento con la superficie. Se la
pressione di formazione maggiore della somma del carico idrostatico nel pozzo e delle perdite di
carico nei condotti, la risalita degli idrocarburi in superficie avviene spontaneamente.
In caso contrario o per depletamento delle pressioni durante lo sfruttamento del giacimento, occorre
estrarre gli idrocarburi mediante lutilizzo dimpianti di sollevamento artificiale (artificial lifts).

FIG. 5.32 IMPIANTI DI SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE

169

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Gli impianti di sollevamento artificiale possono far uso di pompe per energizzare i fluidi o insufflare
un aeriforme in pozzo per diminuire il carico idrostatico.
Le pompe sono macchine idrauliche operatrici che forniscono energia ad un liquido sotto forma
potenziale, pressoria e cinetica.
Si distinguono in volumetriche, dinamiche o ad eiettore a seconda che lenergizzazione del fluido
avviene ad opera di una diminuzione di volume (pompe a stantuffo, a palette su rotore eccentrico, ad
ingranaggi, a vite elicoidale), ad opera di un brusco rallentamento del liquido (pompe centrifughe) o
per effetto Venturi. Oltre al principio di funzionamento, possono essere classificate secondo la
direzione del flusso in radiali, assiali o miste.
Gli impianti di sollevamento artificiale con pompe a stantuffo (sucker rod pumping) sono
costituiti da un cilindro (barrel), un pistone (plunger), una valvola daspirazione (standing valve) e una
di scarico (travelling valve). Il pistone collegato alla superficie attraverso una batteria di aste ed
movimentato da un sistema ad eccentrico o da un glifo oscillante, che trasformano il movimento
rotatorio di un motore in moto rettilineo alternato.
Questi impianti di sollevamento si definiscono:
di classe I, se formano una leva di primo grado, con il riduttore posto posteriormente alla struttura
ed il fulcro al centro della trave di rinvio;
di classe III, se formano una leva di terzo grado, con il riduttore posto centralmente alla struttura
ed il fulcro allestremit posteriore della trave di rinvio.
Quelli di classe III possono avere contrappeso meccanico (Lufkin Mark II) o pneumatico (air balance).
Durante la fase di discesa, si ha lapertura della valvola nel pistone e la chiusura di quella del cilindro.
In tal modo, si ha il passaggio dellolio dal cilindro alla tubazione di mandata, sopra il pistone.
Durante la fase ascensionale, si ha la chiusura della valvola presente nel pistone e lapertura di quella
del cilindro. In tal modo, il pistone spinge il liquido presente nella tubazione di mandata in superficie e
permette di aspirare altro olio per il riempimento del cilindro.
Lazionamento della pompa avviene, generalmente, per mezzo di un motore elettrico o diesel,
collegato al sistema a manovella attraverso un riduttore di velocit.
Questo tipo dimpianto di sollevamento molto affidabile e resistente, permette di sollevare olio con
elevate percentuali di sabbia. Ha bassi costi dinstallazione e di manutenzione, caratterizzato da
elevate prevalenze, ma permette di trattare limitate portate (6 m3/h) e presenta problemi nellutilizzo in
pozzi deviati.
Le pompe a stantuffo sono designate con un codice di nove sigle, formate da lettere e numeri.
La prima sigla composta da un numero, che indica il diametro nominale dei tubing di produzione a
cui la pompa collegata:
15 = tubing con diametro nominale di 48.3 mm (1.9);
20 = tubing con diametro nominale di 60.3 mm (2.375);
25 = tubing con diametro nominale di 73.0 mm (2.875);
30 = tubing con diametro nominale di 88.9 mm (3.5).
Segue un altro numero indicante il diametro della camicia della pompa:
125 = 31.7 mm (1.25);
150 = 38.1 mm (1.5);
175 = 44.5 mm (1.75);
178 = 48.1 mm (1.89);
200 = 50.8 mm (2);
225 = 57.1 mm (2.25);
250 = 63.5 mm (2.5);
275 = 69.8 mm (2.75);
La terza sigla una lettera indicante il tipo di pompa:
R = pompa con camicia interna ai tubing (rod pump);
T = pompa con camicia integrale ai tubing (tubing pump).
170

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.33 VARIE TIPOLOGIE DI POMPE A STANTUFFO (TRICO INDUSTRIES)

171

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


La quarta lettera indica lo spessore della camicia:
H o P = spesso (heavy wall);
W o S = sottile (thin wall).
Segue lindicazione della posizione dellancoraggio della camicia:
A = superiormente (top);
B = inferiormente (bottom);
T = scorrevole (travelling).
La sesta sigla indica il tipo di ancoraggio della camicia:
C = a coppa (cup);
M = meccanico (mechanical).
Seguono tre numeri indicanti in piedi (0,304 m), rispettivamente, la lunghezza della camicia, la
lunghezza del pistone e la corsa della pompa.
In aggiunta delle suddette sigle, si pu dare indicazione dei materiali utilizzati.
Esempio
20125RHAM1042
indica una pompa a stantuffo inserita in tubing da 60.3 mm (2.375), con un diametro interno della
camicia di 31.7 mm (1.25) e a parete spessa, con ancoraggio superiore di tipo meccanico, della
lunghezza di 10 piedi, con un pistone lungo 4 piedi e una corsa di 2 piedi.
Le pompe a stantuffo integrali ai tubing sono caratterizzate dal fatto che il blocco cilindro avvitato e
disceso in pozzo con la stringa di produzione {FIG. 5.33}.
Il pistone posizionato, successivamente, allinterno del cilindro, discendendolo con lasta motrice.
In alcuni casi, sia il pistone sia il blocco cilindro possono essere discesi con la stringa di tubing e,
successivamente, si aggancia lasta motrice allo stantuffo attraverso un attacco rapido.
Una pompa di questo tipo caratterizzata da un grande diametro del cilindro, in quanto pu sfruttare
tutto lo spazio disponibile allinterno dei tubing; ne deriva la possibilit di fornire una maggiore
portata.
Sono, generalmente, costituite da un numero minore di componenti e, quindi, sono meno costose, ma
presentano maggiori problemi di smontaggio per le operazioni di manutenzione.
Le pompe con cilindro ancorato (rod pumps) sono installate allinterno dei tubing, discendendole con
lasta motrice. Il pistone, il cilindro e le valvole sono discese contemporaneamente ed alloggiate in
opportuni seating nipples della stringa di tubing.
Non forniscono elevate portate, in quanto sono caratterizzate da minori diametri, ma permettono un
pi facile smontaggio per essere revisionate.
In quelle con ancoraggio superiore (top seating hold-down) si realizza una tenuta nella parte alta della
pompa, tale da impedire alla sabbia o ad altri detriti di decantare nellintercapedine tra il cilindro e i
tubing {FIG. 5.33}.
In quelle con ancoraggio inferiore (bottom seating hold-down) si ha una minore sollecitazione
dellasta motrice, dovuta al carico idrostatico esercitato dal fluido erogato {FIG. 5.33}.
Nelle pompe con camicia scorrevole (travelling barrel rod pumps) il pistone fisso, ancorato al fondo.
La camicia, invece, collegata allasta motrice e scorre con essa. Il movimento della camicia
impedisce la decantazione di particelle solide alle sue spalle {FIG. 5.33}.

172

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.34 ESEMPIO DI SISTEMA DI SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE CON POMPA A STANTUFFO

173

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


Le unit di superficie di un sistema di sollevamento a stantuffo sono classificate dalle norme API con
un codice di lettere e numeri.
Esempio
C 228 D 200 74
Tipologia:
A = Air Balance
C = Conventional
M = Mark II

Corsa
massima
[in]

Massima torsione
applicabile
[1000 lb*in]

Massimo carico
applicabile
[100 lb]

Riduttore a doppi
ingranaggi

Gli impianti di sollevamento artificiale con motori sommersi di tipo idraulico (hydraulic
reciprocating pumping) sono costituiti, in superficie, da una pompa dalimentazione, azionata da un
motore elettrico, e un serbatoio di stoccaggio del fluido motore.
Il fluido motore aspirato dal serbatoio, pressurizzato dalla pompa di superficie e mandato in pozzo.
Esso aziona il motore idraulico di fondo, il quale a sua volta mette in movimento la pompa per
permettere la risalita degli idrocarburi in superficie.
Generalmente, per limitare le dimensioni diametrali, il motore idraulico e la pompa sono del tipo a
pistone a doppio effetto, riuniti in un unico blocco.
Il fluido motore {FIG. 5.35}, ad alta pressione, entra nella camera sopra il pistone e lo spinge verso il
basso. Il fluido esausto esce dallorifizio sotto il pistone.
Il diametro ridotto allestremit dellalbero permette il passaggio del fluido motore nella condotta che
lo porta sotto il pistone. Il pistone inizia, cos, la corsa verso lalto.
A fine corsa verso lalto, il diametro ridotto dellalbero mette in scarico il fluido sotto il pistone e apre
il flusso del fluido motore verso la parte superiore del pistone. Il ciclo completato.
Il movimento assiale del motore idraulico conferito alla pompa a pistone a doppio effetto, che con
lausilio di valvole unidirezionali spingono il fluido in entranbe le fasi di salita e discesa dello
stantuffo.
Il fluido motore recuperato con gli idrocarburi prodotti, separato e rimandato al serbatoio, oppure, se
risulta corrosivo, pompato in un circuito autonomo.
Gli impianti di sollevamento artificiale con motori sommersi di tipo idraulico hanno costi dimpianto
paragonabili a quelli con pompe a stantuffi, ma maggiori costi desercizio. Questultimi possono
essere ridotti con una gestione centralizzata delle attrezzature di superficie, utilizzate per alimentare
pi pozzi contemporaneamente.
Permettono una facile regolazione della pressione richiesta, hanno ottime caratteristiche dimpiego in
pozzi deviati e per elevate profondit dinstallazione, riescono ad estrarre buone portate didrocarburi
(18 m3/h a 1000 m e 6 m3/h a 3000 m), ma possono essere poco affidabili se nel circuito di
alimentazione presente della sabbia.

174

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.35 ESEMPIO DI SISTEMA DI SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE CON MOTORE SOMMERSO DI TIPO IDRAULICO

Le pompe centrifughe sono costituite da un rotore e da uno statore palettati. Il liquido viene
accelerato dalla rotazione del rotore e, successivamente, frenato dalle pale dello statore. In tal modo, si
ha la trasformazione dellenergia cinetica del liquido in un aumento di pressione, che permette la
risalita degli idrocarburi in superficie.
Generalmente, per limitare laltezza daspirazione, sono installate in pozzo e sono formate da pi stadi
collegati su uno stesso albero di rotazione.
Le pale di ogni stadio sono configurate in modo tale da avere, per la portata trattata, il massimo
rendimento. Aumentando il numero degli stadi, aumenta la prevalenza della pompa e la potenza
richiesta al motore dalimentazione.
Considerato che il diametro del pozzo limita le dimensioni delle giranti, le portate pompabili possono
essere aumentate solo con un aumento della velocit di rotazione.
Lazionamento delle pompe centrifughe in pozzo avviene sia con motore a piano terra e con albero
verticale di trasmissione, sia, pi frequentemente, con motori sommersi.

175

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.36 ATTREZZATURE PER IMPIANTO SOMMERSO


(CENTRILIFT)

176

Gli impianti di sollevamento artificiale con


motori sommersi di tipo elettrico (electric
submersible pumping) sono caratterizzati da
una pompa centrifuga multistadio, azionata da
un motore asincrono isolato {FIG. 5.36}.
Il suo rotore ha una forma piuttosto allungata
per limitare, a parit di potenza fornita,
lingombro diametrale.
Il motore riempito dolio per assicurare il
raffreddamento e la lubrificazione e per
impedire linfiltrazione di fluidi esterni.
Generalmente, si tratta di motori bipolari con
velocit di rotazione fissa, funzione della
frequenza di alimentazione (3600 giri/min a
60 Hz).
Tra il motore e la pompa sinstalla un giunto
(protector o seal section), che serve ad
equilibrare la pressione interna dello statore
con quellesterna del pozzo e a sopperire agli
spostamenti assiali, per contrazione ed
espansione dellolio durante le fasi di
funzionamento e di fermata {FIG. 5.36}.
Generalmente, tra il giunto e la pompa, si
monta un separatore di gas (gas separator).
Esso evita laspirazione di aeriformi, che
potrebbero danneggiare la pompa e
diminuirne il rendimento {FIG. 5.36}.
Quando la pompa aspira, il gas misto allolio
si libera risalendo lungo le alette sagomate del
separatore e viene scaricato allinterno
dellintercapedine tra la colonna di
rivestimento e la tubazione di mandata.
Lolio, invece, si accumula verso il basso in
un serbatoio di fondo, per essere convogliato
allaspirazione della pompa.
Lalimentazione del motore dalla superficie
avviene per mezzo di un cavo collegato
esternamente alla tubazione di mandata per
mezzo di fascette.
Si tratta di un cavo con vari isolamenti di
plastica e gomma per assicurare la perfetta
tenuta in condizioni di elevate pressioni,
temperature e in presenza di fluidi corrosivi.
Infine, unarmatura metallica esterna aumenta
la resistenza meccanica del cavo.
Lenergia elettrica pu essere fornita da
generatori o mediante collegamento alla rete
pubblica, e viene distribuita alle utenze dopo
essere stata portata alla giusta tensione per
mezzo di un trasformatore.

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


In superficie, ci sono quadri di controllo (switch boards) con interruttori automatici o fusibili per la
protezione dai sovraccarichi, interruttori manuali, strumenti di misura e temporizzatori per pompaggi
intermittenti.
Gli impianti di sollevamento artificiale con motori sommersi di tipo elettrico sono caratterizzati da
bassi costi dimpianto e permettono di pompare elevate portate (22 m3/h a 1000 m).
Per contro, sono caratterizzati da pi elevati costi desercizio e manutenzione e il loro utilizzo
limitato a profondit inferiori a 3000 m per laumento della temperatura desercizio e della potenza
richiesta.
Gli impianti di sollevamento artificiale con pompe ad eiettore sfruttano lincremento di pressione
conseguente al rallentamento di un fluido per passaggio in un divergente.
Una pompa centrifuga di superficie spinge un fluido motore in pozzo attraverso una tubazione al cui
fondo situato un eiettore. La parte iniziale delleiettore costituita da un ugello, che accelera il fluido
motore e, di conseguenza, ne diminuisce la pressione.
A valle dellugello e trasversalmente ad esso, si ha uno spezzone di tubo immerso nel fluido di
formazione. La depressione creata a valle dellugello permette di aspirare lolio. Il fluido motore e
lolio aspirato passano in un divergente dove subiscono una diminuzione di energia cinetica ed un
aumento di pressione, che ne permette la risalita in superficie.
Del fluido arrivato in superficie, una parte viene ripompata in pozzo.
Gli impianti di sollevamento artificiale con pompe ad eiettore sono caratterizzati da bassi costi
dimpianto e di manutenzione, ma maggiori costi desercizio. Hanno ottime caratteristiche dimpiego
in pozzi deviati e profondi (6000 m). Permettono di produrre elevate portate dolio (80 m3/h).
Gli impianti di sollevamento artificiale con insufflazione di gas (gas lift pumping) permettono la
risalita degli idrocarburi in superficie tramite la diminuzione del carico idrostatico esistente al fondo.
Il gas, generalmente recuperato attraverso il separatore dagli stessi fluidi prodotti, viene compresso in
superficie da compressori e insufflato in pozzo attraverso lintercapedine o apposite linee. Entra
allinterno dei tubing attraverso delle valvole distribuite nel completamento, permettendo di diminuire
la densit del fluido e di far erogare il pozzo.
Linsufflazione pu essere continua o intermittente. Il primo sistema permette di avere pi alte portate
producibili ed applicato in pozzi con buone pressioni di fondo. Il secondo sistema utilizzato in
pozzi molto depletati, che richiedono un elevato volume del cuscino di gas per la risalita degli
idrocarburi e che necessitano dellintermittanza diniezione per permettere la risalita delle pressioni di
fondo pozzo.
In alcuni casi, oltre allinsufflazione di gas per il sollevamento artificiale, si possono iniettare
contemporaneamente altri fluidi per problemi di corrosione o formazione di asfalteni {FIG. 5.32}.
Le valvole per il passaggio del gas (gas lift valves) possono essere gestite tramite la tubazione
derogazione (tubing retrievable) oppure tramite cavo (wireline retrievable).
Le prime presentano il vantaggio di avere maggiori luci di passaggio del gas permettendo alte portate,
mentre le seconde hanno passaggi limitati, ma permettono di sostituirle facilmente con la wireline.
Possono essere concentriche o eccentriche.
Le prime necessitano della rimozione di tutte le valvole superiori per intervenire su quelle inferiori,
mentre le seconde hanno un maggiore ingombro esterno.
Lapertura delle valvole per gas lift pu essere gestita tramite variazione di pressione del casing
(casing pressure operated valves) o quella del tubing (fluid operated valves).
Gli impianti di sollevamento artificiale con insufflazione di gas hanno bassissimi costi dimpianto e
desercizio.
Questultimi possono essere ulteriormente ridotti con lutilizzo di un compressore centralizzato, per
alimentare pi pozzi contemporaneamente.
Sono affidabili e di facile manutenzione, ma permettono di produrre limitate portate (2 m3/h a
3000 m).
Esempi
177

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

SINGLE ZONE ESP COMPLETION


Nei completamenti ESP convenzionali, il packer
GAS VENT

di tipo idraulico e, generalmente, incorpora

DUAL PACKER

una valvola di ventilazione per smaltire parte del


gas prodotto ed aumentare lefficienza della
pompa.

SEATING NIPPLE

ELECTRIC
SUBMERSIBLE PUMP

SAFETY VALVE

SINGLE ZONE ESP COMPLETION


WITH WL ACCESS
In questo schema di completamento, la parte di

DUAL PACKER

sollevamento disassata rispetto alla stringa di

SEATING NIPPLE

produzione in modo da permettere il passaggio


delle attrezzature wireline.

Y BLOCK
SEATING NIPPLE
ELECTRIC SUBMERSIBLE PUMP
SLIDING SLEEVE

SEATING NIPPLE
LOCATOR SEAL ASSEMBLY
SEAL BORE PACKER
MILLOUT EXTENSION
SEATING NIPPLE
SEATING NIPPLE
WIRELINE ENTRY GUIDE

178

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

CONTROL LINE
GAS BYPASS TUBE

COILED TUBING
GAS VENTS UP C.T.
CONNECTOR SUB
OIL FLOWS UP CASING
ESP

CONTROL LINE

C.T. DEPLOYED ESPCP SYSTEM


FOR HIGH-GOP APPLICATIONS

SLIMLINE

Questo

FOR GAS VENTED

GAS VENT PORT

schema

di

completamento

permette di far fluire il gas liberato,

GAS VENT VALVE


ADAPTER

attraverso la gas vent valve, allinterno

SEAL BORE

del coiled tubing e allolio di risalire

PACKER

attraverso lintercapedine.

TUBING MANDREL
SLIDING SLEEVE
GAS FLOW INTO S.L.

SEATING NIPPLE

OIL FLOW FROM PERFS


OIL GAS SEPARATOR
OIL FLOWS UP TUBE
NIPPLE AND CHECK VALVE

GAS LIFT COMPLETION


SAFETY VALVE

Il side pocket mandrel del completamento


iniziale pu essere equipaggiato con una dammy
valve in modo che, quando lenergia naturale

SIDE POCKET MANDREL

SEATING NIPPLE

dellolio

non

pi

sufficiente

fluire

spontaneamente in sufficiente, la si possa


sostituire per procedere al gas lift.

GAUGE CARRIER

PACKER

WIRELINE ENTRY GUIDE


CON SHEAR OUT BALL SEAT

179

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


In alcuni casi, un sistema di sollevamento artificiale pu essere accoppiato ad un separatore acqua
olio in pozzo (Downhole Oil Water Separator) {FIG. 5.37}.

POMPA DI PRODUZIONE

USCITA OLIO E ACQUA

INGRESSO DELLACQUA
DI STRATO

PROTETTORE
MOTORE
PROTETTORE

LINEA DI TRASFERIMENTO
POMPA DINIEZIONE

SEPARATORE

PACKER
USCITA ACQUA

FIG. 5.37 SEPARATORE ACQUA OLIO IN POZZO

Con questo sistema si ottengono maggiori percentuali di olio nel fluido erogato e,
contemporaneamente, si riesce a reiniettare la stessa acqua di strato in una zona specifica del pozzo,
con conseguenti minori problemi dimpatto ambientale e minore depressurizzazione della falda.
Generalmente, la tecnica si applica:
in pozzi con grosse produzioni di acqua;
in pozzi che producono olio leggero;
con portate di produzione interessanti;
in giacimenti con alte temperature;
in giacimenti con minime quantit di gas presenti.
La zona di reiniezione dellacqua di strato pu essere:
un livello pi basso di quello produttivo;
un livello specifico per acqua, sopra quello di produzione.
Il separatore acqua olio pu essere ad uno o due stadi.
La scelta va fatta in funzione della densit dellolio e della percentuale di acqua presente.

5.8 COMPLETAMENTI INTELLIGENTI


In campo petrolifero, con il termine completamenti intelligenti (intelligent o smart completions)
sintende levoluzione, subita dallapproccio tradizionale, del processo di controllo e regolazione dei
pozzi. Si tratta di completamenti composti da:
downhole tools intelligenti, provvisti di sensori per la rilevazione dei dati;
valvole a controllo interno;
packer con pi linee di attraversamento;
linee di potenza (attuazione);
180

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


teste pozzo con pi linee di attraversamento;
sistemi di comunicazione e trasferimento dati;
dispositivi superficiali di acquisizione dati.
Generalmente, sono indicati:
dove lincremento di costo del completamento ricompensato da un migliore e pi rapido
recupero degli idrocarburi;
dove il maggiore costo iniziale ricompensato da minori costi per interventi futuri.
Nei completamenti intelligenti lattuazione delle valvole in pozzo affidata a linee idrauliche in
pressione che permettono di alimentare apposite camere e di movimentare dei canotti {FIG. 5.38}.
Lapertura dei circuiti in pressione affidata, invece, ad elettrovalvole che sono movimentate da
solenoidi, eccitati dalla superficie attraverso un cavo elettrico.
Le valvole di controllo della produzione sono regolabili in apertura con continuit (infinite variable
choke) {FIG. 5.39}.
Le teste pozzo di un completamento intelligente sono simili a quelle tradizionali, ma sono predisposte
per il passaggio di tutte le linee (control line, hydraulic line, electrical line) necessarie per il controllo
delle attrezzature {FIG. 5.40}. Queste ultime sono collegate ai tubing tramite delle clampe
{FIG. 5.41} e raggiungono le valvole, anche nelle posizioni pi in basso, attraverso analoghi passaggi
realizzati nei packer {FIG. 5.42}.

FIG. 5.38 SMART GAS LIFT VALVE

FIG. 5.39 INFINITE VARIABLE CHOKE

FIG. 5.40 PARTICOLARE DI TESTA POZZO INTELLIGENTE

FIG. 5.41 CLAMPA

181

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

FIG. 5.42 ESEMPIO DI COMPLETAMENTO INTELLIGENTE

182

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi


I completamenti intelligenti sono integrati in superficie da attrezzature in grado di:
controllare i tools di pozzo;
fare autodiagnostica;
rilevare i dati (pressioni, temperature, portate, ecc.).
Queste attrezzature possono far parte di un sistema integrato di gestione della produzione che permette
di ottimizzare lerogazione, attraverso un processo iterativo, in funzione dei dati raccolti e la loro
evoluzione nel tempo (Surface Controlled Reservoir Analysis & Management System).

FIG. 5.43 SURFACE CONTROLLED RESERVOIR ANALYSIS & MANAGEMENT SYSTEM

Esempi

INTELLIGENT COMPLETION (1)


In questo tipo di completamento, il
controllo dei downhole equipment
affidato a uninterfaccia digitale, mentre
lattuazione compiuta da un fluido
SURFACE DATA
ACQUISITION SYSTEM
INTERFACE
LINE

idraulico trasportato da control line da

PC

1/4.
HYDRAULIC
CONTROL PANEL

LEVEL 1
LEVEL 2
LEVEL 3

183

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

INTELLIGENT COMPLETION (2)


In questo tipo di sistema, il software di
gestione controlla pi pozzi.

PC

SURFACE
CONTROLSYSTEM

WELL 1

HYDRAULIC
CONTROL PANEL

LEVEL 1

LEVEL 1

LEVEL 2

LEVEL 2

SAFETY VALVE

WELL 2

I.C. 3 - ZONE ESP PRODUCER COMPLETION

ESP PACKER

Per

sfruttare

tre

livelli

produttivi

con

un

ESP PUMP

completamento intelligente, generalmente, si ricorre a

EXPANSION JOINT

scrams valve e valvole tradizionali di back-up discesi

WET DISCONNECT

insieme.

ISOLATION PACKER

La presenza di una wet disconnect permette di

SCRAMS VALVE
MECHANICAL VALVE
ISOLATION PACKER

rimuovere la parte di sollevamento indipendentemente


da quella del completamento intelligente.

ISOLATION PACKER

SEATING NIPPLE WITH


BLANKING PLUG

184

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

ESP

ESP
GAUGE

SDV

I.C. 2 - ZONE ESP PRODUCERS WITHOUT


FEED-THROUGH PACKERS COMPLETION

PERFORATED JOINT
SEAL NIPPLE

GAUGE

Questi schemi di completamento sono utilizzati

PACKER

quando la presenza di linee idrauliche di

PUP JOINT

attuazione non sono gradite.

SDV
TUBING

SCRAMS VALVE

PACKER

PUP JOINT
SEAL NIPPLE

SEAL
ASSEMBLYU

INNER
STRING
PACKER
SEAL
ASSEMBLYU

PACKER
PUP JOINT

SCRAMS VALVE
BULL PLUG

EXPANSION JOINT
SUB SEA HANGER

SAFETY VALVE

I.C. 3 - ZONE PRODUCER COMPLETION


Questo schema di completamento permette la
chiusura selettiva dei due livelli produttivi per

SIDE POCKET MANDREL


PACKER

presenza di acqua senza i rischi ed i costi delle


operazioni wireline o coiled tubing.

SMART SLIDING SLEEVE


MECHANICAL SLIDING SLEEVE

Sliding sleeve meccaniche sono da back-up a


quelle idrauliche.

GAUGE

SMART SLIDING SLEEVE


MECHANICAL SLIDING SLEEVE
MC-FLCV
SEAL ASSEMBLY
LINER TOP

185

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

I.C. 2 - ZONE GRAVEL PACK


PRODUCER COMPLETION

SAFETY VALVE
DUAL HCL
PACKER
HCM

In questo schema di completamento, il livello

SHROUDED HCM

inferiore eroga allinterno della stringa, per poi

DUAL GAUGE CARRIER

passare nellintercapedine dello shrouded hcm.

PACKER

Il

SCREEN

lintercapedine tra filtri e stringa, per poi passare

livello

superiore

eroga

attraverso

in quella tra casing e stringa.


SNAP LATCH SEAL ASSEMBLY

Sopra la shrouded hcm, rientra nella stringa per


erogare da sola o in commingling.

PACKER

I.C. MULTIZONE COMPLETION (1)


SAFETY VALVE
FEED THROUGH PACKER

Schema classico di completamento intelligente


con pi livelli con valvole a controllo idraulico e
sensori di misurazione.

SMART SLIDING SLEEVE

SENSOR PACKAGE

PACKER

186

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

PACKER
CABLE

I.C. MULTIZONE COMPLETION (2)

SCREEN
BY-PASS SUB
MECHANICAL SLEEVE
SMARTS VALVE

Schema classico di completamento intelligente


con pi livelli con applicazioni gravel pack.

PACKER
CABLE
SCREEN
BY-PASS SUB
MECHANICAL SLEEVE
SMARTS VALVE
PACKER
CABLE
SCREEN
BY-PASS SUB
MECHANICAL SLEEVE
SMARTS VALVE
PACKER

I.C. ESP INJECTOR COMPLETION


In questo schema di completamento, una pompa
sommersa di tipo elettrico convertita per
ESP

trasformare il pozzo da produttore a iniettore.

GAUGE

SHROUDED IPR

PACKER
INJECTION ZONE

187

Capitolo 5 __________________________________________________ Completamento dei pozzi

I.C. ELECTRIC SUBMERSIBLE PUMP COMPLETION


Questo tipo di completamento permette di
ESP

massimizzare la produzione di olio in quei pozzi


dove il livello inferiore necessita di periodi di
chiusura per allontanare lacqua di strato.

HYDRAULIC SLIDING SLEEVE

La chiusura del livello avviene attraverso


lattuazione della sliding sleeve idraulica.

GAUGE

PACKER

SAFETY VALVE
CONTROL LINE
PACKER
HYDRAULIC SLIDING SLEEVE

I.C. MULTILATERAL COMPLETION


Schema classico di completamento multilaterale
con utilizzo di smart downhole equipment.

SMART VARIABLE VALVE


GAUGE
LATERAL ENTRY NIPPLE

LOCATOR SEAL ASSEMBLY


PACKER

GRAVEL
GRAVEL
PACK PACKER PACK SCREEN

188

CAPITOLO 6

PERFORAZIONE A MARE
La perforazione a mare, pur essendo simile a quella a terra nel principio di funzionamento,
caratterizzata da impianti ed attrezzature che permettono di operare in condizioni pi difficili.
Nonostante lostilit e la pericolosit dellambiente marino e i maggiori costi di perforazione, la
ricerca degli idrocarburi a mare ha avuto un notevole sviluppo negli ultimi anni.
Infatti, a differenza della terra ferma, il mare offre zone mai esplorate, con possibilit di scoprire nuovi
e grandi giacimenti didrocarburi.

6.1 IMPIANTI DI PERFORAZIONE


Un impianto di perforazione a mare deve, per quanto possibile, ricreare le condizioni operative che si
hanno a terra. Questo pu essere ottenuto con una struttura che, appoggiando sul fondo, si elevi sopra
il livello del mare, oppure con una galleggiante, tenuta fissa sopra la posizione voluta.
Gli impianti appoggiati sul fondo possono essere di vari tipi:
su piattaforma fissa (fixed platforms);
autosollevante (jack-ups);
con chiatta (posted barges);
sommergibili (submersibles).
Gli impianti su piattaforma fissa sono simili a quelli a terra, ma poggiano su strutture molto alte;
questultime possono essere di cemento o metalliche {FIG. 6.1}.
Le piattaforme sono trasportate a pezzi sopra una nave o integre in galleggiamento e trainata da
rimorchiatori. Quelle metalliche a traliccio sono posizionate e cementate sul fondo, generalmente,
attraverso pali di fondazione. Quelle di cemento vengono fatte sprofondare zavorrandole.
Gli impianti su piattaforma di cemento sono molto stabili poggiando su un basamento molto rigido,
ma sono pi costose di quelle metalliche e difficili da smaltire.
Questi impianti sutilizzano per pozzi di sviluppo e per profondit, generalmente, non superiori ai
200 m. Possono essere indipendenti con tutto ci che serve sulla piattaforma, oppure assistite da una
nave appoggio (tender).
Gli impianti autosollevanti sono scafi galleggianti di varie forme con delle gambe (generalmente tre
o quattro) scorrevoli verticalmente tramite un sistema a cremagliera {FIG. 6.2}.
Esse sono sollevate durante il trasporto e, una volta in postazione, sono abbassate fino a raggiungere il
fondo marino. Continuando la discesa delle gambe, si ha la penetrazione nel terreno per un tratto
sufficiente a sopportare il peso della struttura e il sollevamento dello scafo fino ad una quota di
sicurezza dal livello del mare (20 30 m). Generalmente, le gambe sono indipendenti tra loro, per
sopperire ad eventuali assestamenti del fondale.
In alcuni impianti, la torre si pu spostare allinterno dello scafo sia longitudinalmente sia
trasversalmente. Questi impianti sutilizzano per profondit dacqua inferiori ai 120 m.
Gli impianti con chiatta sono caratterizzati da uno scafo a forma di zattera, che ne permette la
navigazione. Raggiunta la postazione, vengono zavorrate per farle appoggiare sul fondo.
Sono utilizzati solo sui fiumi e nelle zone paludose con acque molto basse e tranquille.
Gli impianti sommergibili sono costituiti da due scafi disposti su due livelli sovrastanti e collegati tra
loro da colonne. Sono trainati da rimorchi in galleggiamento e, una volta giunti in postazione,
sallagano dei compartimenti per far poggiare lo scafo inferiore sul fondo.
Sono impiegati in fondali di 20 30 m dacqua, perch la distanza fissa degli scafi deve garantire il
sollevamento di quello superiore sopra il livello del mare.

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.1 IMPIANTI DI PERFORAZIONE A MARE

190

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

FIG. 6.2 IMPIANTO AUTOSOLLEVANTE (JACK-UP)

Gli impianti galleggianti permettono di operare in fondali pi profondi. Di questo tipo sono:
le navi di perforazione (drilling ships);
i natanti ad effetto pendolo (tension legs);
i semisommergibili (semisubmersibles).
191

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare


Le navi di perforazione sono veri e propri barconi, dotati di propulsione propria e di unapertura
nello scafo per il passaggio delle attrezzature {FIG. 6.1}. Sono tenute ferme in postazione tramite un
sistema tradizionale dancoraggio, con linee dalla prua e dalla poppa, oppure tramite un sistema
dancoraggio a torretta, cio con linee che partono da un dispositivo girevole, che permette
allimbarcazione di ruotare ed affrontare le onde nella posizione migliore. Permettono di operare fino a
1000 m di profondit.
Alcune navi di perforazione sono dotate di posizionamento dinamico, cio di un sistema costituito da
un insieme deliche opportunamente azionate da ununit di controllo, per tenere in postazione il
natante e permetterne la rotazione. Queste ultime permettono di operare fino a 3000 m di profondit.
I tension legs sono dei natanti adibiti alla perforazione con o senza un sistema di propulsione propria.
Per evitare le lunghe catene di un sistema dancoraggio tradizionale, sono tenute in postazione da
tiranti verticali che, insieme alla forza di galleggiamento, conferiscono al natante un effetto pendolo.
I semisommergibili sono grossi scafi di varie forme collegati, tramite colonne, a scafi pi piccoli
immersi in acqua {FIG. 6.1}. Le strutture sottostanti lo scafo principale abbassano il baricentro
dellimbarcazione, migliorandone la stabilit.
Convenzionalmente, vengono suddivisi in quattro classi secondo lanno di costruzione:
la prima generazione quella costruita nel decennio 1960 1970;
la seconda generazione quella costruita nel decennio 1970 1980;
la terza generazione quella costruita nel decennio 1980 1990;
la quarta generazione quella costruita dopo il 1990.
Possono essere ancorate con il sistema tradizionale o con posizionamento dinamico.
Gli impianti di perforazione galleggianti, non essendo vincolati rigidamente al fondo marino, si
muovono sotto lazione del vento, delle onde e delle correnti.
Sono caratterizzati da sei gradi di libert, potendo muoversi e ruotare lungo tre assi principali XYZ.
Il moto di rotazione intorno allasse trasversale X si definisce beccheggio (pitch).
Il moto di rotazione intorno allasse longitudinale Y si definisce rollio (roll).
Il moto di rotazione intorno allasse verticale Z si definisce imbardata (yaw).
Il moto di traslazione lungo lasse trasversale X si definisce ghindata (sway).
Il moto di traslazione lungo lasse longitudinale Y si definisce avanzamento (surge).
Il moto di traslazione lungo lasse verticale Z si definisce alzata (heave).
Il rollio, il beccheggio e lalzata sono influenzati, principalmente, dalla distribuzione delle masse della
struttura e di quelle caricate a bordo.
Lavanzamento, la ghindata e limbardata sono influenzati, principalmente, dal periodo naturale
doscillazione del sistema dancoraggio.
I movimenti del natante devono essere contenuti entro limiti compatibili con le operazioni da svolgere,
con unadeguata scelta del tipo dimpianto e del sistema dancoraggio.
Occorre, altres considerare la capacit di carico, la mobilit ed il costo di noleggio.
Scegliendo dutilizzare una nave di perforazione, si sacrifica la stabilit, ma si hanno elevate velocit
di navigazione ed elevata capacit di carico.
Scegliendo dutilizzare un impianto semisommergibile, si pu operare in difficili condizioni
ambientali, ma si hanno limitate velocit di navigazione e limitate capacit di carico.
Il sistema dancoraggio tradizionale utilizza cavi o catene (6 12 linee) che, partendo dal natante,
vanno a fissarsi a fondo mare. Affinch il tiro esercitato sia adeguato, occorre che la lunghezza della
catena sia tale che langolo tra lorizzontale e la tangente alla catenaria a fondo mare sia minore di 6.
Il fissaggio delle linee a fondo mare avviene per mezzo dancore. Sono costituite da una o pi marre
(flukes), collegate al corpo daggancio linea (shank) tramite una cerniera (stock).
Le ancore vengono, generalmente, posizionate da un rimorchiatore (supply vessel) tramite una grippia.
Il rimorchiatore trascina lancora per mettere la linea in tensione. Raggiunta la posizione voluta, si
poggia sul fondo in modo che le marre, tramite il peso dellancora e il tiro della linea, penetrino nel
terreno {FIG. 6.3}. Sopra le ancore, generalmente, si montano delle boe per segnalarne la posizione e
facilitarne il recupero.
192

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

IMPIANTO GALLEGGIANTE

RIMORCHIATORE
BOA

LINEA DI ANCORAGGIO

GRIPPIA

ANCORA

FIG. 6.3 ANCORAGGIO DI UN IMPIANTO

Nel caso di fondali molto profondi (oltre i 1000 m), il sistema dancoraggio tradizionale richiede linee
pi lunghe e pesanti, supply vessels pi potenti, con notevole aggravio dei costi.
Inoltre, le operazioni di posizionamento e recupero degli ormeggi diventano pi lunghe, difficili e
costose.
Il posizionamento dinamico permette di superare questi problemi ed assicura una maggiore flessibilit
nelle operazioni, ma richiede un consumo continuo di combustibile per azionare le eliche.

6.2 ATTREZZATURE PARTICOLARI DELLIMPIANTO


In un impianto di perforazione a mare, si trovano delle attrezzature particolari che permettono di
operare con lo scafo in movimento.
La taglia mobile di un impianto galleggiante scorre su due binari fissati alla torre, per impedirne lo
spostamento orizzontale. I vincoli sono rappresentati da slitte o carrellini che permettono lo
scorrimento verticale della taglia.
Il movimento verticale di un impianto galleggiante, causato dalle onde e dalle maree, induce
pericolose sollecitazioni alla batteria e allo scalpello.
Durante il sollevamento del natante, lo scalpello si stacca dal fondo rendendo impossibile la
perforazione, mentre durante la fase di discesa sbatte contro il terreno, causando la rottura dei denti o
delle attrezzature di batteria.
Per sopperire a questi inconvenienti, sutilizza un compensatore di movimento (motion
compensator).
Si tratta di un sistema con due attuatori oleodinamici o pneumatici, alimentati da un serbatoio e da
ununit di potenza tramite tubi flessibili.
montato tra la taglia mobile e il gancio e permette di bilanciare le escursioni verticali dellimpianto
attraverso la corsa dei pistoni, mantenendo costante il peso scaricato sullo scalpello. Gli attuatori
possono funzionare in trazione o compressione.
In alcuni casi, il collegamento tra steli e gancio non diretto, ma avviene tramite catene (tre per stelo)
scorrevoli su apposite taglie fissate allestremit superiore degli steli stessi {FIG. 6.4}.
Alcuni compensatori sono montati in cima alla torre. La taglia fissa sostituita da una mobile che
scorre su un telaio per mezzo di uno o pi attuatori.

193

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare


Il funzionamento del compensatore e del posizionamento
dinamico richiede la conoscenza degli spostamenti del natante.
Il rilevamento della posizione avviene per mezzo di un
trasmettitore acustico, montato sulla testa pozzo o fissato sul
fondo marino nelle sue immediate vicinanze, e di ricevitori posti
sotto lo scafo.
Conoscendo la velocit di propagazione delle onde sonore in
acqua e rilevando i tempi di transito, si valutano gli spostamenti
del natante rispetto al punto fisso (trasmettitore).
Spesso si prevedono, contemporaneamente, altri sistemi di
rilevazione, in quanto la presenza di bolle di gas in acqua o
linterferenza dei rumori delle eliche possono falsare le misure
dei sensori acustici.
Si pu misurare langolo dinclinazione di un cavo (taut wire),
collegato ad un punto fisso sul fondo e mantenuto a tensione
costante, tramite un potenziometro a doppio pendolo.
Analogamente, si pu misurare linclinazione rispetto alla
verticale di una stringa di tubi compresa tra la testa pozzo e il
natante (riser angle indicator).
Sistemi pi raffinati utilizzano le trasmissioni satellitari (GPS
Global Positioning System).
I parchi tubi automatici sono dei dispositivi semiautomatici,
che consentono di stivare le lunghezze di aste di perforazione in
orizzontale anzich verticalmente in torre, e permettono di
meccanizzare le manovre.
La disposizione orizzontale delle aste migliora la stabilit
dellimpianto, mentre lautomazione delle operazioni diminuisce
i tempi di manovra.
Sono costituiti da una rastrelliera automatica per
lalloggiamento delle aste e da un braccio elevatore o retrattile
incernierato al piano sonda.
FIG. 6.4 MOTION COMPENSATOR

6.3 TESTE POZZO SOTTOMARINE


Le teste pozzo sottomarine si differenziano da quelle terrestri per il maggior numero di funzioni cui
devono assolvere e per le pi difficili condizioni ambientali in cui operano. Esse devono:
permettere lisolamento delle colonne di rivestimento;
consentire linstallazione delle apparecchiature di sicurezza;
consentire linstallazione della croce di produzione;
fungere da solido basamento sul fondo del mare;
assicurare un sistema di guida per linizio della perforazione e per il montaggio delle attrezzature
sovrastanti.
Dopo aver posizionato limpianto, si discende sul fondo del mare un basamento temporaneo (TGB
Temporary Guide Base), per avere una base dappoggio cui ancorare dei cavi (2 4) che guidano nel
pozzo le prime attrezzature di perforazione.
Il basamento temporaneo una struttura metallica di varie forme con un cilindro centrale dotato,
superiormente, dinvito conico. Pu disporre di quattro o pi puntazze, che penetrano nel terreno e ne
impediscono lo spostamento, e di prese esterne per laggancio dei cavi guida (guide line).

194

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare


costruito in modo tale da poter essere disceso sul fondo con le aste di perforazione, tramite un
utensile di collegamento (running tool), generalmente con aggancio a baionetta (J type) e poter
essere appesantito prima dellinstallazione.
Sopra di esso, si monta il basamento permanente (PGB Permanent Guide Base) di forma quadrata,
con quattro piantoni (posts) tubolari ai vertici lunghi 3 6 m; al loro interno passano i cavi guida.
I piantoni servono per il posizionamento delle apparecchiature di sicurezza (BOP stack), infilandosi
allinterno dappositi alloggiamenti.
Nella parte superiore del piantone, c un sistema di connessione (guide line connector), che
permette il facile riaggancio del cavo. Il tensionamento dei cavi guida avviene, in superficie, mediante
arganelli pneumatici o idraulici ed regolato da appositi compensatori.
Per velocizzare le operazioni, si pu fare a meno del basamento temporaneo, collegando i cavi guida
direttamente ai piantoni del basamento permanente.
Sempre pi spesso, i basamenti permanenti sono sostituiti da basamenti recuperabili (retrievable
guide base), che sono sganciati a fine pozzo.
Alcuni basamenti permettono di realizzare pi pozzi vicini (subsea template) {FIG. 6.5}.

FIG. 6.5 BASAMENTO MULTIPLO

Il basamento permanente disceso insieme al tubo guida tramite un giunto di collegamento


(conductor housing).
Al suo interno, alloggia un altro corpo (wellhead housing), che sostiene le colonne di rivestimento
successive, assicurando la tenuta nellintercapedine; ha la stessa funzione svolta, nei pozzi a terra, dai
vari corpi intermedi (casing spools) {FIG. 6.6}.
Allinterno del wellhead housing, sinfilano, luno dentro laltro, i casing hangers, cio i corpi
dappoggio con guarnizioni che permettono la sospensione delle colonne successive {FIG. 6.6}.
Le tenute (seal assemblies) sono costituite da due parti scorrevoli in senso verticale luna rispetto
allaltra con una guarnizione intermedia. La compressione delle due parti e la conseguente
energizzazione della guarnizione si pu avere mediante filettatura o scaricando semplicemente peso.
195

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.6 HOUSING E CASING HANGERS

Le prove di tenuta dei seal assemblies seseguono mediante unapposita batteria avente alla base
unasta con una guarnizione toroidale esterna (testing tool), che appoggia sulla testa dellultima
colonna discesa. Con la chiusura dellinterno della colonna e con i BOP chiusi sulla batteria, si
pressurizza lintercapedine, pompando acqua di mare attraverso la kill line, fino alla pressione
desercizio delle attrezzature installate.
Le sedi dalloggiamento delle tenute sono protette dalla rotazione della batteria, durante le fasi di
perforazione, con delle camicie antiusura (wear bushings), che sono lasciate in sede fino alla discesa
della colonna successiva e prima di eseguire le prove di tenuta della testa pozzo.
In formazioni tenere, per discendere il basamento permanente e il tubo guida, sutilizza il peso stesso
della colonna e la perforazione a getto.
Allinterno del basamento permanente e del tubo guida, sinfila una batteria di aste, avente al fondo
una scarpa con tanti ugelli disposti radialmente (jetting head). Pompando allinterno della batteria, si
ha linfissione della colonna {FIG. 6.8}.
Per favorire la penetrazione, lestremit inferiore del tubo guida tagliente;
inoltre, si ricavano due aperture al di sotto del conductor housing per favorire la
fuoriuscita dei detriti, che restano a fondo mare.
In formazioni dure, la discesa del basamento permanente e del tubo guida
avviene dopo aver perforato un foro di adeguato diametro. Lo scalpello sceso
tramite una guida (bit guide frame) collegata ai cavi, che viene recuperata
appena si imboccato linvito {FIG. 6.8}.
In alcuni casi, la realizzazione del foro e la discesa del tubo guida avviene
contemporaneamente, collegando la colonna alla batteria di perforazione tramite
una testa rotante (marine swivel). Essa dispone esternamente di perni che
entrano nelle scanalature di un aggancio a baionetta nel tubo guida, permettendo
di ruotare la batteria e tenere ferma la colonna {FIG. 6.7}.

FIG. 6.7 MARINE SWIVEL

Il basamento permanente , in questo caso, di tipo particolare in quanto deve essere appesantito con
calcestruzzo, deve scorrere sul tubo guida e restare fermo anche se la colonna ruota; sostenuto dai
cavi guida ed appoggiato sul fondo solo dopo aver perforato alcuni metri.
196

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare


Poco sotto lestremit superiore del tubo guida, si salda una piastra dappoggio che, ad operazioni
completate, si blocca sul basamento permanente e sostiene il peso della colonna {FIG. 6.8}.
Dopo linfissione del tubo guida e larresto della piastra dappoggio sul basamento permanente, si
circola per pulire il foro e si svincolano con rotazione sinistra i perni del marine swivel dalle
scanalature dellaggancio a baionetta.
La batteria di perforazione, svincolata dalla colonna, sollevata fino a che un sistema di bloccaggio
sottostante (spacer latch) con tenuta (packoff) sarresti nellhousing; in tale posizione, lo scalpello
rientra nel tubo guida.
Sesegue la cementazione della colonna e, prima che la malta abbia fatto presa, si recupera lintera
batteria lasciando il tubo guida ed il basamento permanente al fondo.

FIG. 6.8 MODALIT DINIZIO PERFORAZIONE

Le teste pozzo sottomarine possono utilizzare un solo wellhead housing (single stack type) o due
(double stack type).
Lutilizzo di due wellhead housings comporta il raddoppio delle attrezzature (BOP stack e riser)
montate sopra la testa pozzo, con notevole aggravio dei costi, maggiori ingombri di materiale e perdite
di tempo nei montaggi.
Per queste ragioni attualmente il sistema pi comune quello dutilizzo di un solo wellhead housing
da 476 mm (18 3/4), che permette il passaggio dello scalpello da 444 mm (17 1/2).
Il posizionamento dei casing hangers nel wellhead housing possibile se la colonna scende alla
profondit prevista. Nel caso di problemi nella fase di discesa, occorre ricorrere a procedure
demergenza.
Si pu cementare la colonna alla profondit raggiunta e tagliarla sotto il wellhead housing.
Successivamente, la si ripristina, nella parte inferiore, mediante uno spezzone di colonna con casing
patch e, nella parte superiore, con un casing hanger.
Si pu cementare la colonna alla profondit raggiunta e tagliarla a misura sotto il wellhead housing,
per installare un casing hanger demergenza a cunei interni.
In entrambi i casi, la colonna viene messa in trazione tramite un pescatore per interni inserito al di
sotto del taglio, in modo che sia incuneata in tensione.

197

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

6.4 APPARECCHIATURE DI SICUREZZA


I BOP (Blow-Out Preventer) hanno la stessa funzione svolta da quelli utilizzati nei pozzi a terra, ma
sono posizionati sulla testa pozzo gi collegati in un unico complesso (BOP stack), in modo da ridurre
i tempi di montaggio a fondo mare {FIG. 6.11}. Sono alloggiati in una struttura a gabbia a sezione
quadrata con piantoni femmina ai vertici, che sinfilano in quelli maschi del basamento permanente.
Il BOP stack disceso e collegato allhousing mediante una particolare connessione a clampa
(wellhead connector), comandata idraulicamente e tale da assicurare la tenuta {FIG. 6.9}.

FIG. 6.9 COLLET CONNECTORS (CAMERON)

Nella parte superiore del complesso, si ha il BOP a sacco che, rispetto a quelli utilizzati a terra,
provvisto di una camera di bilanciamento, collegata ad un accumulatore precaricato, per compensare la
differenza tra il carico idrostatico del fango e quello dellacqua.
Seguono tre o quattro BOP a ganasce, dotati di un sistema automatico di bloccaggio in chiusura.
Sulla choke line e sulla kill line sono montate almeno due valvole a comando idraulico, che si aprono,
per sicurezza, solo applicando una determinata pressione.
Le linee idrauliche di comando delle varie funzioni confluiscono in una scatola di derivazione (pod),
a cui si collega il fascio di tubi flessibili per il controllo di superficie.
Utilizzando tre BOP a ganasce (le trancianti posizionate centralmente), la kill line , generalmente,
posizionata sotto di quello inferiore, mentre la choke line collegata tra quello inferiore e quello
intermedio.
Con una disposizione a quattro BOP (le trancianti in seconda posizione dallalto), la kill line ,
generalmente, posizionata sotto di quello inferiore, mentre la choke line immediatamente sopra o tra il
secondo e il terzo dallalto.
Collegando la kill line sotto i BOP, possibile collaudare tutte le attrezzature ed operare con
sicurezza. Infatti, in caso di abbandono temporaneo del pozzo, si sospendono le aste sulle ganasce del
BOP inferiore. Nella successiva fase di riaggancio, prima di aprire le ganasce, possibile circolare
dalla choke e avere il ritorno dalla kill line, potendo controllare la presenza di gas o condizionare il
fango.
Per contro, ha lo svantaggio di non avere alcuna possibile chiusura del pozzo in caso di rottura della
kill line.
Lazionamento dei BOP pu avvenire in modo del tutto simile a quello utilizzato nei pozzi a terra
(sistema diretto). Tutte le apparecchiature (koomey) sono installate in superficie e sono collegate ai
BOP tramite tubi flessibili.
198

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare


Il sistema diretto ha il vantaggio di essere semplice, poco costoso e di facile manutenzione, ma diventa
inutilizzabile con laumentare della profondit dacqua (oltre 100 m), per lallungamento dei tempi di
azionamento.
Nel sistema indiretto, il fluido operativo proveniente dagli accumulatori di superficie portato al
fondo mediante un solo flessibile ad alta pressione. Si collega in ununica guaina (hose bundle) agli
altri flessibili di controllo (control lines), che servono per azionare le valvole di distribuzione e di
regolazione. In tal caso, la risposta del sistema pi veloce, in quanto il fluido in pressione gi a
fondo mare (una parte degli accumulatori montata sul BOP stack) ed occorre solo distribuirlo per
comandare le apparecchiature.
A differenza del sistema diretto, il fluido operativo non viene recuperato, ma scaricato a mare.
La scatola di derivazione (pod) pu essere recuperata, per manutenzione, tramite i cavi di sostegno del
tubo flessibile. Generalmente, negli impianti galleggianti, questo sistema di comando viene
raddoppiato (due flessibili e due scatole di derivazione), per una maggiore sicurezza di funzionamento.
Nel sistema elettroidraulico, gli accumulatori sono situati a fondo mare e ripressurizzati dalla
superficie tramite un flessibile. Questultimo dotato anche di cavi elettrici (due per ogni funzione)
per il comando delle elettrovalvole di fondo. La disponibilit del fluido operativo vicino i BOP e
listantanea trasmissione della corrente elettrica determinano elevate velocit di risposta.
Generalmente, anche questo sistema di comando viene raddoppiato.
Nel sistema a multiplazione (multiplex), il flessibile, che collega le apparecchiature di sicurezza con la
superficie, costituito da un tubo idraulico per il trasporto del fluido operativo e da due cavi elettrici.
Luno serve per inviare gli impulsi elettrici di comando, laltro per ricevere quelli di risposta del
sistema. Con un solo cavo e con impulsi a diversa frequenza, quindi, si riesce a comandare,
contemporaneamente, pi funzioni. Lelettronica richiesta pi costosa del sistema elettroidraulico,
ma, in fondali profondi, si risparmia sulla lunghezza del cavo.
Un sistema analogo al precedente, utilizzato con esso al fine di aumentarne laffidabilit, sfrutta al
posto degli impulsi elettrici onde acustiche codificate trasmesse in acqua e capaci di comandare le
funzioni pi importanti.

6.5 IL MARINE RISER


Il marine riser collega la testa pozzo con limpianto di perforazione. Ha lo scopo di guidare gli
attrezzi in pozzo e permettere il ritorno a giorno del fango; usualmente montato sopra il BOP stack.
composto da una connessione (riser connector) per il collegamento con il BOP stack {FIG. 6.9}.
Nel caso di collegamento con la testa pozzo, sutilizza una speciale connessione riser-housing.
Lazionamento delle connessioni di tipo idraulico ed effettuato
dalla superficie per permettere un facile distacco (in caso di cattive
condizioni meteorologiche) e riaggancio del riser.
Segue un giunto sferico (ball joint o flex joint), che permette la
rotazione ( 10) dellasse del marine riser su qualsiasi piano
verticale, al fine di poter sopperire agli spostamenti orizzontali
dellimpianto. In alcuni giunti, la rotazione avviene per mezzo di
lamine dacciaio a forma di segmenti sferici, alternati con
elastomeri {FIG. 6.10}.
Durante la perforazione, per aumentare la velocit di risalita dei
detriti, si pompa separatamente del fango attraverso una linea
(booster line) che si immette nel riser, sopra il giunto sferico, con
una connessione a T.
FIG. 6.10 GIUNTO SFERICO

Nella maggior parte dei casi, tra la connessione e il giunto, si monta un BOP a sacco del tutto simile a
quello del BOP stack.
199

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.11 ATTREZZATURE SOTTOMARINE (CAMERON)

200

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

FIG. 6.12 ELEMENTI DEL MARINE RISER

201

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare


Il collegamento del giunto con la superficie avviene per mezzo di tubi senza saldatura (riser pipes),
collegati da giunti rapidi (riser joint). Parallelamente e solidalmente a questa tubazione, corrono la
choke e la kill line e le linee di servizio, suddivise in spezzoni della stessa lunghezza per facilitarne il
montaggio.
Tra due spezzoni del marine riser, si pu montare una valvola equilibratrice (riser fill up
valve) che previene il collasso dei tubi in caso di abbassamento del livello del fango.
Nel caso di eccessiva lunghezza e peso della tubazione, si muniscono gli spezzoni di galleggianti per
limitare le tensioni al marine riser.
Lestremit superiore del marine riser collegato al mezzo galleggiante tramite un giunto telescopico
(telescopic joint), al fine di compensare le variazioni di lunghezza della tubazione con lo spostamento
dellimpianto.
La tenuta idraulica tra le due parti in moto relativo assicurata da guarnizioni energizzate
pneumaticamente.
Alla parte di giunto, solidale con la lunga tubazione, sono collegati dei golfari per laggancio dei cavi
di tensionamento del marine riser, saldati su anello girevole, per permettere la rotazione di 360 del
natante.
Per un corretto funzionamento del marine riser e per limitare le tensioni agenti nei suoi punti pi
sollecitati, occorre mettere in trazione la tubazione.
La tensione necessaria viene fornita e mantenuta costante da tensionatori pneumatici o oleodinamici
montati sullimpianto.
Collegato tramite un giunto snodato (gimbal), segue il diverter, che ha la funzione di deviare
uneventuale flusso di gas proveniente dal marine riser in posizione di sicurezza per limpianto.
Sopra la tavola rotary, si ha unarmatura (riser spider) che serve per discendere le sezioni del riser.
dotata di attuatori idraulici che muovono sei cunei per bloccare gli spezzoni durante la connessione.
La discesa del riser permette linstallazione del BOP stack; loperazione facilitata dai cavi guida.
Nel caso dutilizzo di un impianto a posizionamento dinamico, che ruota intorno allasse del pozzo per
offrire sempre la minore resistenza al vento e alle onde, si preferisce non impiegare i cavi guida, in
quanto si attorciglierebbero diventando inservibili.
Inoltre, nel caso di allontanamento dal pozzo per cattive condizioni meteorologiche, i cavi si
romperebbero e, data la profondit dacqua, il reintegro sarebbe molto difficile.
In questi casi, linstallazione del BOP stack sulla testa pozzo avviene manovrando limpianto guidati
da sonar e telecamera.
Il sonar permette di valutare la distanza dal centro pozzo attraverso i tempi di propagazione di onde
sonore.
Esse sono prodotte da trasmettitori montati sotto lo scafo dellimpianto o allestremit inferiore della
batteria e sono riflesse da ripetitori montati sul basamento permanente.
La telecamera, che permette una valutazione visiva delle distanze, montata sullintelaiatura del BOP
stack o su una guida incernierata, che pu essere discesa lungo la batteria, fino a pochi metri dal
fondo, per, poi, essere recuperata con un cavo.
Sempre pi spesso, queste apparecchiature sono montate su ununit sommergibile comandata in
superficie.
Come si vedr meglio in seguito (vedi PROGETTAZIONE DEI POZZI), un pozzo a mare ha, in
superficie, gradienti di pressione dei sedimenti inferiori a quelli di un pozzo a terra, con conseguente
facilit di fratturazione durante la perforazione (occorre posizionare pi colonne di rivestimento).
Tale situazione peggiora con laumentare della profondit del fondale, cio nel caso di perforazioni in
deepwater.
Una possibilit di migliorare la situazione quella dalleggerire la colonna di fango.
Questo possibile:
impiegando pompe sommerse per inviare il fango carico di detriti in superficie;
alleggerendo il fango in risalita nel riser mediante iniezione di gas (per esempio azoto);

202

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

alleggerendo il fango in risalita nel riser mediante materiale a bassa densit (per esempio
microsfere cave di vetro) {FIG. 6.13}.

In questultimo caso, le microsfere cave di vetro (glass bubbles) hanno una densit di 0.3 0.4

kg
e
dm 3

sono separate dal fango per mezzo di separatori centrifughi (idrocicloni).

FIG. 6.13 SISTEMI PER ALLEGGERIRE IL FANGO ALLINTERNO DEL RISER

6.6 COMPLETAMENTI SOTTOMARINI


I completamenti sottomarini sono simili a quelli utilizzati a terra per quanto riguarda le attrezzature
discese in pozzo, ma si differenziano per quelle sopra il fondo del mare.
Nel caso di piattaforma fissa, si possono ricreare le condizioni esistenti a terra prolungando le colonne
di rivestimento dal fondo marino a sopra il livello del mare. In tal caso, sutilizzano teste pozzo e croci
di produzione del tutto simili a quelle di terra.
Nel caso di alti fondali, si ricorre ad attrezzature sottomarine.
Le stringhe di produzione con tutte le relative attrezzature di completamento sono discese in pozzo
attraverso il marine riser e il BOP stack, mentre il tubing hanger si alloggia nellapposita sede del
casing hanger; in questo caso, la batteria di manovra molto pi lunga dellanaloga terrestre.
Linterno della stringa e lintercapedine possono comunicare con lesterno attraverso aperture laterali
realizzate nel tubing hanger e nel tubing spool, come nel caso delle teste pozzo terrestri {FIG. 6.14}.

203

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.14 CROCE DI PRODUZIONE SOTTOMARINA (CAMERON)

In altri casi, la comunicazione si sviluppa verticalmente attraverso un doppio foro nella croce di
produzione e nel tubing hanger; luno per la produzione, laltro per lintercapedine {FIG. 6.15}.
Il tubing hanger orientato nella giusta posizione da un apposito profilo scanalato e, successivamente,
bloccato in sede con un sistema di ancoraggio.
Dopo aver testato la tenuta idraulica e tappato i due fori, si recuperano il marine riser e il BOP stack.
Segue la discesa della croce di produzione tramite un attrezzo di aggancio (tree running tool) ed una
batteria di manovra. Questultima pu essere costituita da stringhe di tubing, che si collegano ai fori
del tubing hanger, se la produzione viene portata in superficie.
204

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

FIG. 6.15 CROCE DI PRODUZIONE SOTTOMARINA (FMC)

Parallelamente alla batteria di manovra montato un ombelicale, contenente le linee di controllo


idrauliche per il comando a distanza delle varie funzioni.
La croce di produzione alloggiata sulla testa pozzo tramite i piantoni del basamento permanente,
mentre apposite guarnizioni (seal sub), poste nella parte inferiore, premono contro lhanger
assicurando la tenuta. Dopo il posizionamento, la croce di produzione viene bloccata allhousing
tramite una connessione (tree connector), comandato idraulicamente dalla superficie.
Nel caso di completamenti con sistemi di sollevamento artificiale, le croci di produzione sono
predisposte al passaggio dei tubi e cavi di alimentazione delle pompe {FIG. 6.16}.
Per il ritrovamento del pozzo, si monta sul basamento permanente un trasmettitore (pinger), che emette
segnali acustici, o una boa autoaffiorante che si libera se eccitata con speciali segnali acustici.
Nel caso di pericoli per la testa pozzo sottomarina ad opera di icebergs o di reti per la pesca a
strascico, sinterrano le apparecchiature o vengono protette da speciali cupole.
In alcuni casi, queste cupole possono essere a pressione atmosferica (dry chamber) per permettere agli
operatori dintervenire direttamente a fondo mare.
Gli idrocarburi prodotti da pozzi isolati (satellite wells) e o raggruppati (subsea template) sono
convogliati in un complesso di valvole (manifold system) e, successivamente, introdotti in un riser di
produzione o una sea-line. Il manifold system progettato per gestire fluidi diversi, provenienti da
pozzi produttivi, o destinati a pozzi iniettivi. Come per alcune teste pozzo sottomarine, pu essere
ricoperto da una cupola tenute a pressione atmosferica.
205

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.16 CROCE DI PRODUZIONE SOTTOMARINA PER SISTEMA DI SOLLEVAMENTO ARTIFICIALE (FMC)

In un sistema produttivo con riser (free-standing production riser), questultimo trasporta gli
idrocarburi dal manifold system ad una struttura in superficie, rappresentata da una piattaforma fissa,
un impianto semisommergibile o un nave, modificati per accumulare fluidi a bordo {FIG. 6.17}.
In alcuni casi, questi idrocarburi subiscono dei trattamenti sullimpianto in superficie e,
successivamente, sono trasferiti in navi cisterna, per essere trasportati a terra, o ritornano al fondo
marino, per essere immessi in una sea line.
I completamenti sottomarini possono essere del tipo through flow line, cio permettere deseguire
tipiche operazioni di manutenzione (workover) senza limpiego di un impianto. Le attrezzature non
sono discese in pozzo con un cavo, ma pompate da terra o da una piattaforma vicina attraverso le
condotte; invertendo la circolazione, si provvede al loro recupero.

206

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

FIG. 6.17 SISTEMI DI PRODUZIONE SOTTOMARINI (CAMERON)

207

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

6.7 ALTI FONDALI


La perforazione in alti fondali (deepwater) rappresenta una delle sfide tecnologiche pi difficili ed
interessanti nel campo petrolifero.
Con il miglioramento delle tecniche e con laumentare dellesperienza si susseguono i record nel
limite dei fondali raggiungibili e si estendono le aree promettenti esplorabili.
Per fissare le idee, si pu considerare deepwater fondali superiori ai 300 m.
I sistemi produttivi utilizzati nel caso di alti fondali sono definiti, con terminologia anglosassone,
come:
FPSO, Floating Production Storage & Off-loading;
TLP, Tension Leg Platform;
FPS, Floating Production System;
SPAR.
Il sistema FPSO consiste nel collegare pi teste pozzo sottomarine ad un sistema produttivo
galleggiante dedicato, attraverso linee ed ombelicali {FIG. 6.18}.
Lunit galleggiante , generalmente, una nave convertita per lo stoccaggio ed il trattamento degli
idrocarburi ed il carico delle navi cisterna (se il petrolio non deve essere trattato, il sistema si definisce
FSO, Floating Storage & Off-loading).
I principali vantaggi di questo sistema sono:
i bassi costi dinvestimento;
i limitati tempi di allestimento;
la possibilit di utilizzo in diversi campi;
la possibilit di riconversione.
Il TLP permette di mettere in produzione piccole aree, generalmente in acque tranquille, in modo
molto economico. Il sistema si avvale di ununit galleggiante tenuta in postazione da tiranti ancorati
al fondo e dalleffetto pendolo {FIG. 6.19}.
Lunit galleggiante , generalmente, piccola e leggera senza capacit di stoccaggio degli idrocarburi,
che sono convogliati direttamente a destinazione.
I principali vantaggi di questo sistema sono:
leconomicit;
la possibit di completare i pozzi in superficie.
LFPS un sistema produttivo simile a quello FPSO, ma che impiega, in superficie, ununit
semisommergibile al posto della tradizionale nave {FIG. 6.20}.
Tale sistema permette di operare in condizioni ambientali molto pi severe, che non sono,
generalmente, accettabili per un FPSO.
Il natante semisommergibile pu essere tenuto in postazione con un sistema tradizionale di ancoraggio
oppure con il posizionamento dinamico.
Lunit gallaggiante il punto di raccolta di pi pozzi sottomarini, ma data la limitata capacit di
stoccaggio in superficie, gli idrocarburi devono essere convogliati direttamente a destinazione.
Lo SPAR consta di una struttura galleggiante a forma cilindrica che sorregge, in superficie, dei moduli
tipici di una piattaforma {FIG. 6.21}.
La struttura cilindrica non si estende fino a fondo mare, ma tenuta in postazione da un sistema
tradizionale dancoraggio.
Il grosso cilindro serve a stabilizzare la struttura in mare e permettere di assorbire i movimenti durante
le tempeste.
Permette di stoccare gli idrocarburi disponendo di una buona capacit di carico (da 5 a 10 volte la
produzione giornaliera) ed in termini assolutamente economici.

208

Capitolo 6 _______________________________________________________Perforazione a mare

FIG. 6.18 FPSO

209

Capitolo 6_______________________________________________________ Perforazione a mare

FIG. 6.19 TLP

FIG. 6.20 FPS

210

FIG. 6.21 SPAR

CAPITOLO 7

MANUTENZIONE DEI POZZI


Durante la vita produttiva di un pozzo, possono essere necessarie delle operazioni di manutenzione
(workover) atte a ripristinare e migliorare lerogazione degli idrocarburi o a rimediare a
danneggiamenti e malfunzionamenti delle attrezzature.
Con il passare degli anni, si pu avere un abbassamento della pressione di strato, una diminuzione
della permeabilit del livello mineralizzato o un danneggiamento della formazione, tali da determinare
una scarsa produttivit.
Si possono formare tappi costituiti da sabbia, detriti, paraffine, asfalti, pezzi di gomma o scaglie di
ferro. Si pu avere una produzione eccessiva dacqua, sabbia o gas, tale da indurre a valutare la
necessit di un intervento.
I tubing di produzione, le colonne di rivestimento, i packers, le valvole e tutte le attrezzature di
superficie possono essere corrosi, schiacciati, tappati oppure non assicurare la perfetta tenuta idraulica.
Si pu pensare di fare una chiusura mineraria, di chiudere alcuni livelli produttivi o aprirne altri,
oppure di trasformare un pozzo da erogativo ad accumulativo.
Si pu avere la necessit dinstallare un sistema di sollevamento artificiale o intervenire su quello
esistente perch danneggiato o mal funzionante, a causa del cambiamento delle condizioni operative.
Generalmente, lesecuzione delle operazioni di workover richiede la ripresa del controllo delle
pressioni in pozzo (killing), lo smontaggio della croce di produzione, il montaggio delle
apparecchiature di sicurezza e lestrazione di quelle di completamento.
Secondo la natura dellintervento, si pu valutare lopportunit di non utilizzare nessun impianto o
noleggiarne uno; questultimo pu essere quello di perforazione o altro, pi piccolo, adibito alle sole
operazioni di workover.

7.1 INTERVENTI PER MIGLIORARE LEROGAZIONE DEL POZZO


Lefficienza idraulica di un pozzo pu essere migliorata aumentando la permeabilit della formazione
ed eliminando gli ostacoli, che gli idrocarburi possono incontrare durante la risalita.
Si possono effettuare degli spurghi, facendo erogare il pozzo con elevate portate per cercare di
rimuovere tappi ed intasamenti.
In alcuni casi, per ridisporre adeguatamente i grani del dreno o per pulire i filtri, si pu pensare di
generare una movimentazione alternata dei fluidi in pozzo attraverso la successione di periodi
derogazione con periodi diniezione.
La tecnica delliniezione pu essere adottata, anche, nei pozzi che producono molta acqua, per cercare
di respingerla in formazione.
La pulizia dei filtri pu essere fatta, anche, attraverso un lavaggio in pressione, per sgretolare le
ostruzioni delle luci di passaggio. Sinietta in pozzo un fluido sotto pressione (acqua con additivi,
acidi) attraverso un coiled tubing, munito di apposito distributore. Si tratta di un attrezzo con una
serie di ugelli distribuiti radialmente, che consentono elevate velocit duscita del fluido (50 m/s).
La tecnica del coiled tubing permette rapide manovre e la movimentazione assiale del distributore
durante liniezione, per trattare tutta la parte filtrante.
A fine lavaggio o ad intervalli regolari di tempo, si fa erogare il pozzo per impedire la decantazione
dei detriti; essa pu essere facilitata insufflando un aeriforme in pozzo.
Se il lavaggio non sufficiente a ripristinare unadeguata erogazione, si pu effettuare
unacidificazione per aumentare la permeabilit della formazione (vedi COMPLETAMENTO DEI
POZZI).

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi


Nel caso in cui il danneggiamento della formazione o il depletamento del livello mineralizzato sono
tali da rendere non economico lo sfruttamento del pozzo, si pu valutare lopportunit di riperforarlo,
al fine di aprire altri strati o effettuare un foro orizzontale in quello esistente.
La riperforazione del foro richiede la sostituzione del fluido in pozzo con il fango, per riprendere il
controllo delle pressioni, linstallazione delle attrezzature di sicurezza e lo smontaggio di quelle di
completamento.

7.2 INTERVENTI DI RIPRISTINO DELLE ATTREZZATURE


Generalmente, gli interventi di manutenzione sono eseguiti su pozzi vecchi con attrezzature corrose,
incrostate o rotte, con fluidi di completamento deteriorati, con tubing, packers e colonne che non
assicurano una perfetta tenuta idraulica. Spesso, non si conosce la causa del problema e, quindi,
difficile la previsione del tipo dintervento da effettuare.
Una diminuzione dellefficacia del potere filtrante di un dreno o di un filtro metallico pu comportare
leccessiva produzione di sabbia con, conseguente, rapida erosione delle attrezzature.
I granelli di sabbia allargano le luci di passaggio dei filtri e il fenomeno evolve molto velocemente.
In questi casi, si pu ridurre la portata erogata, al fine di diminuire la velocit defflusso degli
idrocarburi e la forza di trascinamento dei granelli di sabbia.
Un intervento pi efficace e costoso consiste nel rimuovere il completamento e sostituire i filtri.
Generalmente, lo scompletamento di un pozzo richiede lunghi tempi desecuzione, in quanto i
problemi verificabili sono molti.
possibile che la decantazione sopra i packers dei solidi in sospensione nel fluido di completamento
(negli anni passati si usava fango) ostacoli lestrazione delle stringhe di produzione.
In questi casi, occorre provvedere a recuperi parziali dei tubing, bucando la stringa con un perforatore
ad una certa profondit (vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE), per cercare di ristabilire la
circolazione e rimuovere i detriti dalla zona interessata, e tagliandola alcuni metri sopra con un
tagliatubi disceso con cavo. Dopo il recupero della parte superficiale della stringa, segue quello degli
altri spezzoni che, generalmente, sono pescati di volta in volta con lovershot.
Se in pozzo c sufficiente spazio, possibile rimuovere i detriti, che ostacolano il recupero delle
attrezzature, pulendoli con astine di lavaggio che passano di fianco alla stringa di produzione.
Per sedimenti pi resistenti, si possono utilizzare i tubi di lavaggio che imboccano la stringa e vi
scorrono esternamente. I tubi di lavaggio, scesi con le aste di perforazione, sono muniti nella parte
inferiore di una scarpetta fresante, che permette, con la rotazione, una pi facile rimozione dei detriti.
I tubi di lavaggio possono essere muniti di un tagliatubi per esterni al fine di recidere e recuperare
direttamente uno spezzone di stringa dopo la rimozione dei detriti.
In alcuni casi, gli intasamenti delle stringhe, la decantazione dei detriti, i danneggiamenti o i
restringimenti delle colonne possono ostacolare la discesa delle attrezzature necessarie per i recuperi e
costringere a fresaggi molto lunghi (vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE).
Se la venuta di sabbia avviene in un livello mineralizzato, in cui si produce a foro scoperto, si pu
realizzare un dreno filtrante.
Il danneggiamento di un packer pu causare la perdita della tenuta idraulica e la pressurizzazione
dellintercapedine. Ne deriva una sollecitazione anomala delle attrezzature di superficie, con
possibilit di rotture e di conseguenze ben pi gravi. Il ripristino dellefficienza di un packer richiede
lo scompletamento del pozzo e la sua sostituzione.
La rottura di una colonna di rivestimento determina linfiltrazione dei fluidi di strato in pozzo o la
fuoriuscita di quelli di completamento con pressurizzazione o depressurizzazione dellintercapedine.
In questi casi, si discende in pozzo una colonna di rivestimento di diametro inferiore e si procede alla
sua cementazione oppure, se possibile, si ripara il tratto danneggiato installando un manicotto interno,
con guarnizioni alle due estremit per assicurare la tenuta idraulica (scab liner). In altri casi, si pu
tagliare la colonna sotto il tratto danneggiato e recuperarne la parte alta per procedere,
successivamente, ad un reintegro con casing patch (vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE).
212

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi


La perdita idraulica di un tubing pu comportare la comunicazione del livello mineralizzato con
lintercapedine o di due strati a diversa pressione.
La riparazione del tratto danneggiato pu avvenire con lo scompletamento del pozzo o con
linstallazione di un manicotto interno al tubing, con guarnizioni per assicurare la tenuta idraulica.
Negli ultimi anni, con il miglioramento delle tecnologie, si ha uno strumento in pi per intervenire
sulle problematiche descritte, ovvero luso dei tubi espandibili.
Si tratta di tubi che, tramite lazione meccanica di un cuneo,
possono essere espansi permettendo di avere una struttura rigida di
diametro maggiore {FIG. 7.1}.
Con opportuni rivestimenti o tenute esterne, possono essere
utilizzati come manicotti:
per riparare un casing bucato;
per isolare un livello che ha perso interesse o che da dei
problemi (venuta di acqua o sabbia);
per riparare dei filtri metallici danneggiati {FIG. 7.2}.
Queste operazioni possono essere eseguite rispetto alle tradizionali,
con il grande vantaggio di poter passare attraverso spazi limitati o
senza avere una riduzione consistente dei diametri operativi per le
esigenze successive.
FIG. 7.1 TUBI ESPANDIBILI

RIPARAZIONE

ISOLAMENTO

RIPARAZIONE

CASING

LIVELLO

FILTRI

FIG. 7.2 ESEMPI DUTILIZZO DEI TUBI ESPANDIBILI NEL CASO DI DANNEGGIAMENTI POZZO

Questa tecnologia pu essere applicata in varie modalit operative:

213

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi

Discesa del manicotto attraverso un cono


collegato alla batteria con un elemento
gonfiabile.
Ancoraggio dellelemento gonfiabile alla
colonna.
Espansione del manicotto tramite
pistanaggio del cono.
Estrazione batteria.
Discesa del manicotto attraverso un cono
collegato alla batteria con un elemento
gonfiabile.
Ancoraggio dellelemento gonfiabile al
foro scoperto.
Espansione del manicotto tramite
pistanaggio del cono.
Energizzazione tenuta esterna manicotto
con interno colonna.
Estrazione batteria.
Discesa del manicotto provvisto di cunei
esterni attraverso un cono collegato alla
batteria.
Ancoraggio dei cunei alla colonna.
Espansione del manicotto tramite
pistanaggio del cono.
Estrazione batteria.

FIG. 7.3 MODALIT OPERATIVE DAPPLICAZIONE DELLA TECNOLOGIA DEI TUBI ESPANDIBILI

Al di l delle applicazioni viste per il ripristino delle attrezzature, la suddetta tecnologia pu essere
utilizzata in luogo dei tradizionali casings e liner per avere, in pozzo, i maggiori diametri possibili.

7.3 INTERVENTI EFFETTUATI CON CAVO (WIRELINE)


Prima deseguire lo scompletamento di un pozzo, si deve valutare la possibilit che il problema possa
essere risolto con unoperazione wireline. Lutilizzo del cavo permette un notevole risparmio di tempo
e di soldi. La tecnica wireline cos flessibile da poter essere utilizzata, anche, nelle fasi di
perforazione, di completamento e per fare misurazioni in pozzo.
Questa metodologia utilizza attrezzature, trasportabili in ununit mobile, che possono essere divise in:
attrezzi di superficie;
attrezzi di batteria;
attrezzi ausiliari;
attrezzi di manovra;
attrezzi estrattori;
attrezzi di pescaggio;
attrezzi di discesa;
attrezzi di controllo flusso.
214

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi


Gli attrezzi di superficie permettono di manovrare gli utensili discesi in pozzo {FIG. 7.4}.
Lelemento pi importante di questa metodologia il cavo (wireline). Si tratta di un filo in unico
elemento metallico o a trefoli, che permette di scendere le attrezzature nel pozzo e di comandarle dalla
superficie tramite movimenti longitudinali ben definiti o impulsi elettrici.
Il cavo avvolto su un arganello (wireline unit), disponendo le spire luna vicino allaltra senza
accavallamenti. Il tamburo e il motore (elettrico o diesel) per lazionamento possono essere montati
sullo stesso telaio, oppure possono essere separati per facilitarne il trasporto. La trasmissione della
potenza , generalmente, di tipo idraulica.
Il primo elemento, che si monta sopra la croce di produzione, un BOP di sicurezza (wireline
valve); esso permette di chiudere rapidamente il pozzo con o senza il taglio del cavo e di fare la
manutenzione delle attrezzature sovrastanti.
Le sue ganasce sono costituite da guarnizioni semicilindriche contenute in unintelaiatura metallica e
sono azionate meccanicamente, avvitando due viti contrapposte, o idraulicamente. La pressione del
pozzo migliora la tenuta, esercitando una spinta aggiuntiva sulle ganasce.
Il collegamento della wireline valve con la croce di produzione avviene, generalmente, per mezzo di
una riduzione (adapter).
Nel caso di operazioni wireline durante la perforazione o il completamento, le attrezzature sopracitate
sono montate sopra il BOP anulare, attraverso un tubo flangiato inferiormente (shooting nipple).
Lintroduzione degli attrezzi in pozzo avviene attraverso una camera pressurizzata (lubricator),
costituita da sezioni di tubo di diverso diametro, collegati tramite giunti.

FIG. 7.4 ATTREZZATURE WIRELINE DI SUPERFICIE

215

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi


Il collegamento al BOP wireline avviene, anchesso, tramite un giunto, che costituisce la porta
dingresso delle attrezzature da discendere. Il lubricator provvisto di una valvola per scaricare la
pressione dopo la chiusura del pozzo, per lestrazione delle attrezzature wireline.
Il premistoppa (stuffing box) montato sul lubricator. dotato di un piccolo BOP interno, che
assicura la chiusura automatica dello spazio lasciato dal cavo, in caso di rottura accidentale. Una
carrucola, ad esso solidale, permette lingresso del cavo nel pozzo in posizione verticale, per eliminare
lazione di forze orizzontali, e lo riporta, parallelamente allasse del lubricator, in basso, alla
carrucola di rinvio, per il collegamento al tamburo.
La tensione agente sul cavo misurata attraverso una cella di carico (weight indicator) di tipo
idraulico, montata sullancoraggio della carrucola di rinvio.
La posizione delle attrezzature in pozzo controllata attraverso un misuratore di lunghezza del cavo
(measuring device). Si tratta di una carrucolina che ruota con lo scorrimento del filo; valutando il
numero di giri si risale alla posizione delle attrezzature in pozzo.
Nel caso di necessit di bloccaggio del cavo durante le operazioni, sutilizza una clampa (wireline
clamp) che lo fissa senza danneggiarlo.
Gli attrezzi di batteria sono collegati al cavo per fornire la forza necessaria alla discesa in pozzo delle
attrezzature.
Il collegamento del cavo alla batteria scesa in pozzo avviene tramite una testina (rope socket). In
quella per cavo a trefoli, il filo bloccato da una morsa avente lasse spostato rispetto a quello della
testina, in modo da piegarlo {FIG. 7.5}.

FIG. 7.5 TESTINA

FIG. 7.6 BARRA DAPPESANTIMENTO

FIG. 7.7 JAR

La piega del filo permette di avere un punto di rottura, al fine di tranciare il cavo in caso di bloccaggio
della batteria in pozzo e di recuperarla con un pescaggio. La testina per cavo in unico pezzo
costituita da un cilindro, su cui si avvolge il filo e da una molla, che serve ad ammortizzare gli strappi.

216

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi

FIG. 7.8 GIUNTO SNODATO

La parte superiore delle testine ha una superficie conica dinvito (fishing


neck) per facilitarne il pescaggio.
Le aste di appesantimento (sinker bars o stems) servono per aumentare il
peso della batteria, per mantenere il cavo in tensione e per rendere efficace
lazione del jar {FIG. 7.6}.
Il jar permette di avere unazione di martellamento, per facilitare eventuali
sbloccaggi di una batteria presa in pozzo {FIG. 7.7}. Pu essere formato da
due maglie, simili a quelle di una catena (stroke jar), o da due tubi telescopici
(tubular jar), che scorrono luno dentro laltro; pu essere ad azione idraulica
(hydraulic jar) o meccanica (mechanical jar).
Per facilitare la discesa in una stringa di tubing o in colonne piegate, si
montano, tra gli elementi che la compongono, dei giunti snodati (knuckle
joint) {FIG. 7.8}.

Gli attrezzi ausiliari sono quelli che, pur permettendo normali operazioni, non fanno parte del
normale corredo della batteria wireline. Prima di scendere qualsiasi utensile in pozzo, si controllano le
sezioni di passaggio manovrando nei tubing un calibro (tubing gauge) o unogiva (tubing swage);
questultima permette di allargare eventuali restringimenti dovuti a schiacciamento {FIG. 7.9}.

FIG. 7.9 CALIBRO

FIG. 7.10 MARTELLO

FIG. 7.11 SCALPELLO

Per rimuovere intasamenti di materiale solido, sutilizza un martello {FIG. 7.10} o uno scalpello a
stella (star bit) {FIG. 7.11}.
Se allinterno dei tubing ci sono intasamenti di paraffina, si pu usare un raschiatore (paraffin
scratcher), costituito da uno spezzone dacciaio con tondini trasversali per rimuovere i depositi
{FIG. 7.12}.

217

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi

FIG. 7.12 RASCHIATORE

FIG. 7.13 LOCATOR TOOL CON SAND BAILE

FIG. 7.14 HYDROSTATIC BAILER

La rilevazione della posizione della scarpa di un tubing, di un nipple dalloggiamento o del fondo del
pozzo avviene per mezzo di un utensile chiamato locator tool. Si tratta di un attrezzo dotato di un
dente incernierato (dog), che spinto verso il basso dallazione di una molla. Il dente tenuto fermo
dalla presenza di una spina di tranciamento.
Durante la discesa il dente sfrega contro la parete del tubing e quando lattrezzo esce dal tubing il
dente si dispone in posizione orizzontale. Verificatane lapertura tirando il cavo, si misura la
profondit raggiunta in quel momento; il recupero avviene tranciando unapposita spina con un
sovrattiro {FIG. 7.13}.
La parte inferiore pu essere dotata di un campionatore sand bailer. Esso dispone di una valvola a
sfera con la funzione dintrappolare un campione {FIG. 7.13}.
Lhydrostatic bailer un contenitore a tenuta stagna, mantenuto alla pressione atmosferica
{FIG. 7.14}. Sceso in pozzo, si rompe un dischetto dottone di tenuta tramite tensionamento e rilascio
del cavo. La differenza di pressione tra lesterno e linterno dellutensile crea un forte risucchio, che
permette daspirare i detriti circostanti.
Una valvola di non ritorno permette dimprigionare i detriti, mentre una di bilanciamento permette
deguagliare la pressione durante la risalita.
Il dump bailer permette diniettare dei liquidi in pozzo. simile al sand bailer, ma con il cilindro
riempito del fluido voluto (alcool, soda caustica, acido, ecc.) e con un funzionamento inverso.
Volendo circolare, sopra un packer, tra linterno della stringa e lintercapedine non disponendo di una
valvola, occorre forare il tubing con un perforatore (tubing perforator). Alcuni sono dotati di una
carica esplosiva attivata con cavo elettrico, altri di un punzone. Esso spinto contro il tubing tramite
dei cunei, che scorrono assialmente per azione del jar.
Lattrezzatura ausiliare comprende, anche, quei dispositivi atti a misurare la pressione e la temperatura
di fondo pozzo, a controllare lo stato della superficie interna delle colonne o dei tubi, a rilevare la
portata del fluido o a prelevarne dei campioni (vedi MISURAZIONI ED ANALISI).
Gli attrezzi di manovra sutilizzano per gestire le valvole di fondo pozzo.

218

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi

FIG. 7.15 KICKOVER TOOL

FIG. 7.16 SHIFTING TOOL

FIG. 7.17 PULLING TOOL

Il kickover tool serve a fissare od estrarre le valvole dalle tasche laterali dei mandrini eccentrici.
costituito da bracci o balestre caricati da una molla, che restano chiusi durante la discesa nei tubing.
Appena lutensile arriva nella zona allargata del mandrino, i bracci si aprono facendo piegare la parte
inferiore e permettendone linserimento nella tasca laterale {FIG. 7.15}.
Lo shifting tool o positioning tool serve per localizzare ed aprire le valvole di circolazione tramite dei
ganci, che ne fanno scorrere il manicotto.
Il passaggio dei ganci nel manicotto dopo lattivazione, permette di controllare lavvenuta apertura
della valvola {FIG. 7.16}.
Gli attrezzi estrattori (pulling tools) sono impiegati per recuperare dal pozzo le apparecchiature
wireline dotate dapposito collarino daggancio esterno o interno {FIG. 7.17}. Linvito dellutensile da
recuperare permette dagganciarlo facilmente, mentre la conformazione di quello di pescaggio
permette di manovrarlo, sollevarlo o rilasciarlo.
I pulling tools sono dotati di una serie di ganci spinti verso il basso da una molla. Quando lattrezzo
raggiunge lutensile da recuperare, per effetto del peso della batteria o azioni di martellamento, la
molla si comprime, i ganci si aprono sullinvito e si bloccano in apposite sedi.
Nel caso in cui non si riuscisse a recuperare lutensile e si decidesse di liberare il pulling tool, si
applica un sovrattiro, per tranciare delle spine e far scorrere il cilindro esterno per effetto di una molla
pi rigida di quella dei ganci.
Lo scorrimento del cilindro determina la ricompressione della molla dei ganci con, conseguente, loro
apertura.
Nella parte inferiore del pulling tool, si pu avere una filettatura interna per avvitare una barra
equilibratrice (equalizing prong). Si tratta di un tubo che serve ad aprire una valvola equilibratrice
posta sotto il mandrino.

219

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi

FIG. 7.18 RUNNING TOOLS

Gli attrezzi di pescaggio sono utilizzati, per il recupero dutensili, non dotati di collarino dinvito, e
rimasti in pozzo ad opera di rotture accidentali (vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE).
Gli attrezzi di discesa (running tools) sono impiegati per discendere, posizionare e fissare nella
propria sede le apparecchiature wireline {FIG. 7.18}. Il collegamento del running tool con lattrezzo
da discendere avviene per mezzo di spine trasversali o tangenziali, oppure con ganci rivolti verso
220

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi


linterno o lesterno. Le attrezzature discese e che alloggiano in apposite sedi o nella parete interna dei
tubing sono fissate mediante azione di martellamento verso il basso e verso lalto.
Per svincolare il running tool e recuperare la batteria, generalmente, si applica un sovrattiro per
tranciare delle spine di bloccaggio.
Gli attrezzi di controllo flusso (flow control equipment) sono impiegati per aumentare la sicurezza
del pozzo, migliorare lerogazione e facilitare le operazioni di manutenzione.
Sono denominate tubing retrievable se sono parte integrante dei tubing, cio sono avvitate su di essi
e richiedono lo scompletamento del pozzo per un intervento. Appartengono a questa categoria gli
elementi dalloggiamento, le valvole di circolazione, alcune valvole di sicurezza o di controllo gas.
Sono denominate wireline retrievable se possono essere revisionate, estraendole con il cavo. In tal
caso, le operazioni di manutenzione sono facilitate, ma si ha un diametro interno di passaggio inferiore
a quello del tubing.

FIG. 7.19 NIPPLES E LOCK MANDRELS (BAKER)

Gli elementi dalloggiamento (landing nipples o seating nipples) rappresentano i componenti del
completamento allinterno dei quali sono posizionati, con la wireline, gli elementi di controllo flusso.

221

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi


Quindi, sono conformati internamente per ricevere tali attrezzi, assicurarne la tenuta ed il bloccaggio
ed, eventualmente, assicurare una comunicazione con lesterno (ported) {FIG. 7.19}.
I nipples possono essere selettivi nei confronti del profilo dellattrezzo disceso o nei confronti delle
manovre effettuate al passaggio del running tool dentro di essi.
Quelli che adottano il principio del non passa (no-go) sono caratterizzati da interferenza tra maschio e
femmina (non selective nipples). Dovendo installare pi elementi di questo tipo a diverse profondit,
occorre montarle con sezioni di passaggio crescenti dal basso verso lalto.
Nel tipo selettivo (selective nipples), la localizzazione non avviene per interferenza, ma con un
bloccaggio meccanico. Le chiavette localizzatrici dellattrezzo che vi deve alloggiare sono spinte
esternamente da molle e sincastrano, selettivamente, nel nipple prescelto attraverso una diversa
lunghezza del profilo.
Come supporto delle attrezzature di controllo flusso, generalmente, sutilizzano dei mandrini (lock
mandrel) che alloggiano nei nipples. Nella parte superiore sono dotati di collarino dinvito per la
presa del running tool, nella parte inferiore si ha un corpo cilindrico portatenute, mentre nella parte
centrale si hanno le chiavette selettive per la localizzazione della sede {FIG. 7.19}.
Quando nel tubing non esiste nessun nipple per alloggiare i mandrini, essi si fissano nella scanalatura
di un giunto della stringa di tubing tramite ganci (collar lock mandrel) o alla parete interna del tubing
tramite cunei (slip lock mandrel).

FIG. 7.20 COLLARE DARRESTO

FIG. 7.21 DUSE DI FONDO

FIG. 7.22 REGOLATORE DI PRESSIONE

Per prevenire la caduta in pozzo dalcuni attrezzi, quali i mandrini con cunei unidirezionali incastrati
verso lalto, si fissano pi in basso dei collari darresto (collar stops o slip stops) {FIG. 7.20}. I
collar stops possono avere due baffi elastici, tenuti in posizione chiusa con due molle durante la
discesa, o ganci, tenuti in posizione retratta ad opera di una camicia. Arrivati alla profondit
desiderata, si manovra verso lalto liberando le molle o la camicia e determinando lallargamento dei
baffi o dei ganci, che si fissano nella scanalatura di un giunto della stringa di tubing. Gli slip stops
hanno cunei che si fissano alla parete interna della stringa di tubing.

222

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi


Le dusi di fondo (bottom hole chokes) sono montate tra i tubing e servono per ridurre la portata e
limitare le infiltrazioni dacqua e di gas {FIG. 7.21}.
I regolatori di pressione di fondo (pressure regulator) sono simili a dusi regolabili. Hanno un
otturatore interno azionato da una molla, che regola la luce di passaggio in funzione della pressione
differenziale tra monte e valle {FIG. 7.22}.
Le valvole equilibratrici (equalizing subs) permettono di bilanciare la pressione differenziale tra
monte e valle di attrezzature ancorate in pozzo, prima della loro estrazione. Quando il pulling tool
arriva sopra di esse, la barra equilibratrice sottostante spinge lo stelo della valvola permettendone
lapertura.
I tappi di chiusura wireline retrievable (tubing plugs) possono far tenuta verso lalto (plug bean),
verso il basso (circulating plugs o standing valves) o in entrambi i sensi (blanking plugs) {FIG. 7.23}.

FIG. 7.23 BLANKING PLUG

Le valvole di sicurezza (safety valves) permettono la chiusura del pozzo in caso deccessiva
erogazione, per danneggiamento della attrezzature di superficie. Alcune hanno uno stelo con una molla
(storm choke) e sono azionate in chiusura da un aumento della pressione differenziale tra monte e
valle. Altre sono a ciabatta (flapper valve) e sono comandate dalla superficie tramite una control line
esterna e parallela ai tubing. Pressurizzando la control line, si agisce su un pistone contrastato da una
molla e si mantiene la ciabatta in condizioni di apertura. Nel caso di malfunzionamenti, si ha la
depressurizzazione della control line e la chiusura della valvola {FIG. 7.24}.

FIG. 7.24 VALVOLA DI SICUREZZA

FIG. 7.25 VALVOLA DI CIRCOLAZIONE

223

FIG. 7.26 SIDE POCKET MANDREL

Capitolo 7 ____________________________________________________Manutenzione dei pozzi


Le valvole di circolazione (sliding side door o sliding sleeve) permettono la comunicazione tra
linterno del tubing e lintercapedine. Sono dotati di luci apribili attraverso lo scorrimento di una
camicia interna {FIG. 7.25}.
I mandrini a tasca laterale (side pocket mandrel) sono nipples con una o due sacche laterali per
alloggiare valvole di gas lift. Avendo luci di comunicazione laterale e profili interni per alloggiare
attrezzi di controllo flusso, sono impiegati, anche, come valvole di circolazione. Hanno maggiori
dimensioni diametrali, ma non determinano restringimenti nel tubing {FIG. 7.26}.
Il dual flow choke permette, attraverso valvole di non ritorno, di far erogare due livelli produttivi a
diversa pressione allinterno dei tubing, mantenendoli isolati idraulicamente. Questo sistema permette
il sollevamento di una zona sfruttando leventuale sovrappressione dellaltra.
Nei completamenti singoli selettivi, sutilizza lo straight flow choke per far erogare il livello inferiore
allinterno dei tubing e quello superiore nellintercapedine. Il crossover choke sutilizza per far
erogare il livello superiore allinterno del tubing e quello inferiore nellintercapedine.
Il separation tool alloggiato in un ported nipple per tappare linterno del tubing e lasciare aperte le
luci laterali permettendo lerogazione nellintercapedine.
Le valvole diniezione o di gas lift servono a chiudere o controllare una comunicazione esistente tra
tubing ed intercapedine. La comunicazione pu essere rappresentata dalle luci di un nipple o da quelle
di un side pocket mandrel.
Sono costituite da uno spillo o da un cassetto, spinti da una molla, per chiudere la luce di passaggio.
Quando la spinta esercitata dalla pressione esterna supera quella della molla, si ha lapertura della
valvola ed il passaggio del gas.

7.4 EARLY PRODUCTION


Nel caso dintervento in pozzi molto vicini tra loro, al fine devitare larresto totale dellerogazione, le
operazioni di workover possono essere eseguite in contemporanea della produzione (early
production). Tipico il caso di pozzi produttivi su piattaforma fissa. In queste situazioni, si disattiva
lunit di trattamento in loco degli idrocarburi, chiamata modulo di processo (vedi TRASPORTO E
TRATTAMENTO DEGLI IDROCARBURI), per la rimozione delle sostanze (acqua, sabbia, idrati)
deleterie al trasporto, si monta limpianto di workover e, mentre si opera su un pozzo, si fa erogare
normalmente gli altri {FIG. 7.27}, sfruttando attrezzature di produzione ausiliarie.

FIG. 7.27 SCHEMA DI PRODUZIONE (HALLIBURTON)

La contemporaneit delle operazioni di workover e di produzione aumenta il rischio dincidenti e,


quindi, si richiede un miglioramento dei sistemi di controllo atti a garantire la sicurezza.
Le attivit del modulo di processo sono sostituite da un sistema di trattamento in loco centralizzato.
224

Capitolo 7 ____________________________________________________ Manutenzione dei pozzi


Gli idrocarburi prodotti, prima di essere immessi nelle condotte di raccolta, devono essere liberati
dalle sostanze che potrebbero intasare e danneggiare le linee, diminuire lefficienza del trasporto ed
ostacolare le misurazioni di portata.
Alluscita dai pozzi, sono convogliati in un bruciatore che ne aumenta la temperatura, al fine
dimpedire la formazione didrati nelle tubazioni.
Successivamente, arrivano in un separatore per essere liberati dalleventuale acqua e sabbia trascinata.
Prima dellimmissione nella condotta di raccolta per il trasferimento in un centro di trattamento a terra,
seffettuano misure di portata tramite sensori installati su una linea doppia.
Ai normali generatori denergia della piattaforma, che generalmente utilizzano gli idrocarburi prodotti
in loco, saffiancano quelli dellimpianto adibito alle operazioni di workover.
Learly production prevede lutilizzo di un sistema di valvole manuali ed automatiche per la chiusura
delle linee, di dusi e di manometri per il controllo delle pressioni.
Una rete di tappi fusibili o di cavo termosensibile estesa su tutto il perimetro delle teste pozzo, del
bruciatore, del separatore e dellunit di filtraggio e depressurizzazione del gas dalimentazione (fuel
gas), per la rilevazione deventuali incendi.
Sensori di fumo, di fiamme e di miscele esplosive sono installati negli alloggi, nei generatori,
nellimpianto e in prossimit di apparecchiature elettriche.
La depressurizzazione della rete di tappi fusibili, il tranciamento del cavo termosensibile o
lazionamento di un qualsiasi sensore determina larresto automatico della produzione, tramite la
chiusura delle valvole pneumatiche sulle croci e quelle di sicurezza in pozzo, il blocco del bruciatore e
dei generatori di piattaforma e lattivazione di segnali acustici ed ottici dallarme.
Quadri di monitoraggio e di controllo, installati in posizioni strategiche, permettono la rilevazione dei
mal funzionamenti e larresto volontario della produzione in qualsiasi momento.
Un adeguato sistema antincendio (a pioggia, a manichetta, ad estintori manuali o con carrello)
installato sulla piattaforma al fine di reprimere linsorgere di eventuali focolai.

FIG. 7.28 SCHEMA DELLEARLY PRODUCTION

225

CAPITOLO 8

MISURAZIONI ED ANALISI
Durante la perforazione o in fase di sfruttamento del pozzo, si rende necessario conoscere una gran
serie di dati. Tale conoscenza fondamentale per intervenire in fase di realizzazione del pozzo, per
migliorare i successivi programmi di perforazione e per conoscere le potenzialit produttive.
Le registrazione in pozzo hanno un peso non trascurabile sul suo costo totale. necessario conoscere
gli strumenti disponibili sul mercato, le loro caratteristiche, il principio di funzionamento, per gestire
con competenza il programma di misure da fare e le Compagnie di servizio che le effettuano.
Molte delle misurazioni fatte nel pozzo sono effettuate con la tecnica MWD (Measuring While
Drilling); si tratta di una tecnologia che permette la raccolta di dati nel pozzo in tempo reale, durante
la perforazione, attraverso sensori posti poco sopra lo scalpello. Vengono misurati:
dati di direzione (azimut e inclinazione del pozzo);
dati di controllo (peso, velocit di rotazione e coppia applicati allo scalpello, temperatura di fondo);
dati per correlazioni (resistivit e radioattivit della formazione).
Queste misure permettono il controllo del pozzo, unottimizzazione dei parametri di perforazione,
unanalisi delle pressioni e la possibilit di fare correlazioni tra pozzi limitrofi.
Nellambito della tecnologia MWD, vengono definite misure LWD (Logging While Drilling) quelle
che possono essere utilizzate per eseguire valutazioni quantitative dei parametri petrofisici
fondamentali per la caratterizzazione della formazione (formation evaluation). Il sistema LWD lavora
accoppiato con lMWD, di cui sfrutta la componentistica di trasmissioni dati e linvolucro.
Le misurazioni di tutte quelle grandezze necessarie per la caratterizzazione petrofisica della
formazione (resistivit, densit, radioattivit, porosit) possono essere fatte, anche, quando non si
perfora sia a pozzo aperto, sia a pozzo tubato, scendendo i sensori tramite un cavo; in questo caso si
parla di WLL (WireLine Logging).
In genere, i dati ottenuti con la tecnica MWD e LWD vengono immagazzinate in memorie a fondo
pozzo e, in parte, trasmessi in superficie. I segnali elettrici dei sensori sono trasformati in segnali
digitali e trasmessi nel fango, come impulsi di pressione, da una valvola {FIG. 8.1} a controllo
elettronico (mud pulse system) oppure trasmessi, mediante onde elettromagnetiche a bassa frequenza
(5 25 Hz), attraverso le colonne di rivestimento e gli strati fino a giungere in superficie.
Il primo metodo permette, rispetto al secondo,
trasmissioni a pi grandi profondit, ma risente della
presenza di solidi nel fluido di perforazione ed
caratterizzato da una pi bassa intensit di
trasmissione dati.
FIG. 8.1 MUD PULSE SYSTEM

La fonte denergia necessaria per alimentare il sistema di trasmissione dati rappresentata da una
batteria o da un alternatore con turbina, azionata dalla circolazione del fango.
Le batterie sono molto compatte e non hanno parti in movimento, ma non possono essere impiegate a
grandi profondit per le temperature eccessive. Le turbine hanno minori limiti dimpiego, ma sono
meno affidabili.
La tecnologia LWD, essendo pi recente, meno avanzata di quella WLL ed , sicuramente, pi
difficile da realizzare, ma importantissima per la tempestivit dei dati forniti. In alcuni casi, i dati
ottenuti con LWD sono migliori di quelli ottenuti con il WLL perch, essendo questultima fatta dopo
alcune ore, si registra una situazione tardiva e non veritiera (il fluido di perforazione potrebbe aver
invaso la periferia del foro, modificandolo).

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Ricordando che i dati sono immagazzinati in memorie a fondo pozzo, si capisce come sia importante
prevedere un ciclo di lavoro dello scalpello minore della capacit di registrazione degli strumenti.
Anche il numero delle misure deve essere regolato in funzione della formazione da studiare, per avere
tutte le informazioni necessarie con il minimo dei dati da elaborare.
Le misurazioni nel pozzo possono essere effettuate, anche, quando vi si devono recuperare degli
attrezzi. Si montano i sensori di misura insieme allo strumento di pescaggio, al fine di rendere proficuo
un tempo di per s non produttivo; in questo caso si parla di LWF (Logging While Fishing).
In alcuni casi, le misurazioni vengono effettuate in condizioni operative difficili, quali pozzi deviati od
orizzontali, forti differenze di pressione, fori scavernati o con tecniche coiled tubing; in questo caso si
parla di TLC (Tough Logging Condition).
Altri dati sono ottenuti attraverso lanalisi, in cantiere e in laboratorio, di campioni di strato. Questi
campioni sono rappresentati sia dai detriti di perforazione riportati in superficie dal fango, sia dalle
carote prelevate a fondo pozzo. In questultimo caso, il prelievo incide pesantemente sul costo della
perforazione e, quindi, occorre una particolare attenzione nella pianificazione del carotaggio.

8.1 MISURE DI DIREZIONE E DI PARAMETRI DI PERFORAZIONE


Per misurare linclinazione del pozzo, generalmente, sutilizza un semplice pendolo. Questultimo,
lasciato libero di oscillare, tende a disporsi verticalmente ad
opera della forza di gravit. Il pendolo lascia una traccia su
un disco solidale con lo strumento, avente cerchi
concentrici ed equidistanziati tra loro per indicare langolo
dinclinazione {FIG. 8.2}. Se il disco, pur essendo solidale
con lo strumento, libero di ruotare per indicare sempre
una stessa direzione, la traccia fornir anche lorientazione
del pozzo. Questa condizione si pu avere montando il
disco su una bussola o un giroscopio (gli strumenti che
sfruttano questultimo principio vengono chiamati gyro).
La bussola risente della presenza danomalie locali del
campo magnetico terrestre e necessita di essere schermata
dal materiale ferromagnetico circostante (si montano aste
pesanti di materiale amagnetico).
FIG. 8.2 DISCO

Il giroscopio meccanicamente molto delicato, in quanto basta un piccolissimo spostamento del


baricentro per causare imprecisioni (moti di precessione).
Nei primi strumenti (totco), si registrava la sola inclinazione del pozzo, lanciandoli allinterno delle
aste, in modo che il pendolo perforasse meccanicamente il disco.
Ricoprendo il disco di una pellicola fotografica e dotando il pendolo di un raggio luminoso, si pu
scattare una fotografia dopo il tempo necessario per discendere in pozzo, allinterno delle aste e con un
cavo, lo strumento (single shot). La lettura della misura si effettua recuperando lo strumento in
superficie (laccuratezza di 0.3 per linclinazione e 2 per la direzione) {FIG. 8.3}.
In manovra destrazione, si possono realizzare tutta una serie di rilevazioni dinclinazione e direzione
del foro (survey), facendo incidere un fascio di luce su un disco fotosensibile; sensibilizzando il disco
ad intervalli regolari, si pu ottenere una registrazione ad ogni profondit (multi shot) (laccuratezza
di 0.2 per linclinazione e 1 per la direzione) {FIG. 8.3}.
Nella tecnica di misurazione MWD {FIG. 8.4}, sutilizzano degli accelerometri che permettono
maggiori precisioni.
Gli accelerometri, generalmente di tipo piezoelettrico, misurano laccelerazione di una massa nota e,
quindi, la forza cui sottoposta. Rilevando tre componenti mutuamente perpendicolari della forza di
gravit, si pu individuare la sua direzione e, quindi, linclinazione del pozzo.

227

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.3 STRUMENTI PER LA RILEVAZIONE DELLA DIREZIONE ED INCLINAZIONE

Questa tecnica permette un controllo implicito della funzionalit dello strumento, in quanto, la somma
vettoriale delle tre componenti deve dare laccelerazione di gravit, di cui si conosce il modulo.
Analogamente, valutando con tre magnetometri lintensit del campo magnetico lungo tre direzioni
mutuamente perpendicolari, si pu risalire allorientamento del foro.
Altri strumenti utilizzano gli accelerometri per la misurazione dellinclinazione e dei sensori di
prossimit per rilevare lo spostamento di un giroscopio interno e, quindi, risalire alla direzione del
pozzo (GCT Guidance Continuous Tool).
possibile avere unidea del peso scaricato sullo scalpello attraverso la differenza tra il peso della
batteria e quello sostenuto dallargano. Si avvolge il capo morto del cavo ad una chiocciola e si misura
la forza di trazione cui sottoposto con un sensore idraulico a pistone, attraverso la rilevazione delle
variazioni di pressione su un quadrante (Martin Decker).
Una misura pi precisa, che esuli dagli attriti e dallinclinazione della batteria, pu essere ottenuta con
lMWD attraverso estensimetri posti vicino lo scalpello, misurando la deformazione di un corpo cui
sia nota la rigidezza (cella di carico).
Analogamente, misurando con degli estensimetri la deformazione angolare dellMWD, possibile
determinare la reale coppia applicata allo scalpello e, quindi, per differenza con quella applicata alla
batteria dal top drive o dalla tavola rotary, la coppia persa ad opera degli attriti in pozzo.

FIG. 8.4 MWD

8.2 CARATTERIZZAZIONE DELLA FORMAZIONE


I principali parametri petrofisici per la caratterizzazione della formazione sono determinati,
indirettamente, attraverso la valutazione di molte grandezze.
Il potenziale spontaneo (SP) la registrazione, in funzione della profondit, della differenza di
potenziale esistente tra un elettrodo di superficie e uno immerso nel fluido di perforazione.

228

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


In corrispondenza delle superfici di separazione tra formazioni di dissimile tipologia o con differenti
fluidi di strato o con diverso contenuto delettroliti, e nei punti di contatto del fango con i terreni, si
generano forze elettromotrici dorigine elettrochimica.
Ad esse, in corrispondenza di strati permeabili, se ne aggiungono altre di natura elettrocinetica, per
infiltrazione del filtrato in formazione.
Le argille sono costituite da atomi di diverso tipo, organizzati in una struttura tale da presentare piani
carichi negativamente sulla superficie per la presenza datomi dossigeno. Questa disposizione
permette il passaggio di ioni positivi ed ostacola quello degli ioni negativi (membrana selettiva).
Quando uno strato dargilla separa, per esempio, due soluzioni di cloruro di sodio a diversa
concentrazione, si verifica un passaggio di ioni per ristabilire lequilibrio.
Ma per la particolarit sopracitata della struttura dellargilla, il passaggio di ioni sodio maggiore di
quello degli ioni cloro. Ne risulta uno squilibrio di cariche e la formazione di una differenza di
potenziale ai lati dello strato dargilla, in quanto la soluzione a minore concentrazione tende ad
acquistare carica positiva, mentre quella pi concentrata tende ad acquistare carica negativa.
Altri squilibri di carica si possono avere tra soluzioni a diversa concentrazione e senza la presenza di
una membrana selettiva per la maggiore o minore affinit dei vari ioni nei confronti del solvente.
Termodinamicamente si dimostra che il potenziale in gioco (SP) funzione della concentrazione
salina nellacqua di formazione (Cac) e nel filtrato del fango (Cf.fan), del tipo di ioni (coefficienti
dattivit chimica a1 e a2) e della temperatura (K = 65 + 0.24 * T [C]).
Inoltre, i coefficienti dattivit chimiche e le concentrazioni di soluzione sono inversamente
proporzionali alle resistivit della formazione, tale da permettere lo scambio:
SP = K * log

R f . fan
a1 * C ac
= K 1 * log
a 2 * C f . fan
Rac

FANGO

ARGILLA

SP

SABBIA

LINEE DI CORRENTE

FIG. 8.5 LINEE DI CORRENTE

(8.1)

Le
sopracitate
forze
elettromotrici
generano correnti diffuse in pozzo
{FIG. 8.5}, che modificano il circuito
potenziometrico tra lelettrodo di superficie
e quello disceso nel foro sommandosi a
quella
dalimentazione;
alle
varie
profondit, si registrano potenziali diversi.
Introducendo progressivamente lelettrodo
in pozzo, la differenza di potenziale
rilevata nei terreni impermeabili si
mantiene sufficientemente costante e,
quindi, si ha una traccia del potenziale
spontaneo piuttosto regolare (linea delle
argille).

In terreni permeabili, contenenti acqua a forte salinit, la traccia del potenziale spontaneo presenta dei
picchi negativi; se la salinit delle formazioni inferiore a quella del fango, i picchi sinvertono.
Gli spostamenti della traccia del potenziale spontaneo permettono dindividuare lalternarsi di strati di
diversa tipologia o differente salinit.
Il gamma ray log (GR) la registrazione delle radiazioni di raggi gamma emessi naturalmente dalle
formazioni, ad opera degli elementi radioattivi (uranio, potassio, torio) in esse contenute. Questi sono,
generalmente, pi abbondanti nelle argille e nelle marne, cos che in essi il numero dimpulsi, ricevuti
nellunit di tempo dallo strumento, maggiore.
La presenza dacqua salata in formazioni permeabili pu fornire valori di raggi gamma superiori ad
unargilla, se contiene sali di potassio radioattivo.
229

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Alcune registrazioni (natural gamma ray spectrometry) permettono di rilevare le concentrazioni dei
vari elementi radioattivi per mezzo di conteggi in ristrette finestre di energia. Il gamma ray log ,
quindi, una registrazione correlabile al potenziale spontaneo per lindividuazione dellalternanza degli
strati; pu essere effettuata, anche, in un pozzo gi tubato con unopportuna taratura dello strumento.
Le misure di resistivit della formazione permettono, utilizzando relazioni empiriche, di valutarne la
tipologia, la porosit, il grado di saturazione, la permeabilit, essendo funzione non solo del tipo di
terreno attraversato, ma soprattutto dei fluidi in esso contenuto.
Essa inversamente proporzionale al grado di salinit dei fluidi di strato ed alla temperatura; aumenta
con il diminuire della quantit dacqua presente nel terreno e, quindi, con il diminuire della porosit.
In misura minore, influiscono il tipo, la dimensione e la forma dei granuli dei terreni.
Le curve di resistivit dipendono dalla posizione, distanza e numero degli elettrodi posti sullo
strumento disceso in pozzo, in funzione dei quali si possono investigare diverse zone intorno al foro.
La piccola normale (SN Short Normal) permette dindagare nelle immediate vicinanze del foro,
nelle zone generalmente invase dal fluido di perforazione.
La grande normale (LN Long Normal) caratterizzata da una maggiore distanza tra gli elettrodi,
permettendo dindagare una zona pi estesa.
La normale inversa (IN Inversal Normal) permette dindagare in una zona ancora pi estesa.
Per individuare la presenza di un pannello di fango, si sono realizzate disposizioni delettrodi tali da
poter migliorare il potere risolutivo dellindagine (microlog o minilog) {FIG. 8.6}.

FIG. 8.6 MICROLOG

Si hanno, quindi, la micronormale (MN) e la microinversa (MI), caratterizzate da valori puntuali.


Se le resistivit misurate sono basse e la differenza tra i valori misurati dalla micronormale e quelli
misurati dalla microinversa positiva, si in presenza di uno strato permeabile. Pu accadere che, se il
pannello molto sottile e si ha una limitata invasione del filtrato, le due curve si possono invertire.
Gli elettrodi sono montati su un pattino spinto sulla parete del pozzo tramite un braccio. Poich il
contatto con il foro si ha in risalita, non si effettuano le letture in discesa se non per valutare la
resistivit del fango per misure comparative.

230

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Il laterolog (LL) fornisce dei valori di resistivit degli strati pi precisi. Lo strumento caratterizzato
da una disposizione degli elettrodi tale da generare linee di corrente dintensit costante perpendicolari
alla parete del pozzo, per limitare il pi possibile linfluenza del fluido di perforazione.
Il microlaterolog (MLL) simile al laterolog, ma con dimensioni pi piccole; caratterizzato da una
maggiore risoluzione, ma maggiormente influenzato dallo spessore del pannello.
Il proximity log (PML) simile al microlaterolog, ma caratterizzato da una maggiore profondit
dindagine.
Lo spherically focused log (SFL) permette una pi facile individuazione degli strati invasi dal fango
e valori reali di resistivit.
Il microspherically focused log (MSFL) simile allo SFL, ma con una maggiore risoluzione.
Aumentando il numero degli elettrodi, possibile realizzare misure differenziali con conseguenti
maggiori precisioni e risoluzioni; in questo caso si parla di dual log (DLL Dual LateroLog,
DL MicroSFL).
I valori di resistivit registrati sono funzione, anche, dello spessore dello strato, del diametro del pozzo
e della profondit dellinvasione.
A parit di condizioni, lampiezza dellescursione maggiore per strati spessi che per strati sottili. Un
aumento del diametro del foro tende a ridurre lampiezza dei picchi, cos come una penetrazione del
filtrato in profondit.
Gli strumenti che misurano la resistivit della formazione possono essere di tipo resistivo o induttivo.
I primi sfruttano la caduta di potenziale tra due elettrodi, in funzione della resistivit del mezzo
interposto.
Nei secondi, un trasmettitore genera un segnale (generalmente a 2 MHz), che si propaga nel fango e
nella formazione, per poi essere rilevato da due ricevitori.
Poich i ricevitori sono diversamente distanziati dal trasmettitore, capteranno ciascuno un segnale con
differente ampiezza e fase di quello di partenza, in funzione della resistivit della formazione.
I sensori induttivi furono introdotti per le
registrazioni in fango ad olio non conduttivi, ma,
attualmente, forniscono migliori prestazioni rispetto a
quelli resistivi anche con luso nei fanghi a base
dacqua.
Gli strumenti induttivi registrano tracce (IRT
Induction Resistivity Tool, IEL Induction Electro
Log, PIT Phasor Induction Tool, DIFL Dual
Induction Focused Log, DIL Dual Induction
Resistivity Log, DIS Dual Induction Spherical
Log) che permettono di caratterizzare strati pi
sottili, essendo dotati di una maggiore risoluzione
verticale e di un maggiore raggio dazione.
Per limitare linfluenza del diametro del foro,
sempre bene interpretare le varie registrazioni
tenendo conto deventuali scavernamenti o
restringimenti del pozzo.
La registrazione del diametro del pozzo alle varie
profondit (caliper) viene effettuata con uno
strumento a bracci, aperti dopo la discesa {FIG. 8.7}.
Le variazioni del diametro del foro determinano
lallargamento o la chiusura dei bracci.
Allapertura dei bracci corrisponde lo spostamento
assiale di uno stelo, misurato con un sensore
induttivo o resistivo di posizione.
FIG. 8.7 CALIPER

231

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


SP

DEEP INDUCTION RESISTIVITY (ILD)

Caliper

MEDIUM INDUCTION RESISTIVITY (ILM)

DEEP LATEROLOG (LLD)


Caliper

SFL RESISTIVITY (SFLU)

LINEA
DELLE
ARGILLE

SHALLOW LATEROLOG (LLS)


MSFL (MSFL)

ARGILLA

SABBIA

ARGILLA

SABBIA
ARGILLOSA

ARGILLA

SPOSTAMENTO
PER
MIGRAZIONE
CATIONICA

CALCARE
COMPATTO
ARGILLA

SABBIA

ARGILLA

SABBIA

CALCARE

ARENARIA
MOLTO
POROSA

ARGILLA

CALCARE
FRATTURATO

ARGILLA

SCAVERNAMENTO

SABBIA

ARGILLA

CALCARE
FRATTURATO

FIG. 8.8 ESEMPIO DINTERPRETAZIONE LITOSTRATIGRAFICA DI ALCUNE REGISTRAZIONI IN POZZO

Le misure di resistivit possono essere utilizzate anche per determinare linclinazione degli strati
attraversati (DP Dipmeter Log). Si tratta di una sonda con quattro elettrodi posti a 90 luno
dallaltro, che misurano una resistivit simile a quella del microlog.
Se la sonda si trova in posizione verticale e i quattro elettrodi misurano resistivit differenti, si in
presenza di uno strato inclinato. Da un confronto tra le differenze rilevate e la posizione della sonda,
possibile risalire allinclinazione degli strati attraversati (la direzione delle frecce indica lazimut)
{FIG. 8.9}.

232

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.9 DIPMETER LOG

Per limitare linfluenza del fango, dello spessore degli strati e della rugosit delle pareti, si compensa il
segnale mettendo un trasmettitore centrale, due ricevitori da una parte e due dallaltra e si fanno
misure differenziali. Strumenti LWD di questo tipo sono il CDR Compensated Dual Resistivity, che
realizza anche una misurazione di raggi gamma {FIG. 8.12} o il DPR Dual Propagation Resistivity.
Campo di misura della resistivit
Campo di misura dei raggi gamma
Precisione della resistivit
Precisione dei raggi gamma
Risoluzione verticale della resistivit
Profondit dindagine della resistivit
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massimo carico dinamico applicabile
Massima torsione applicabile

0.15 200 *m
0 250 API
3%
2 API
304 mm (12)
< 1.65 m (65)
172 - 204 - 210 - 242 mm (6.75 - 8 - 8.25 - 8.5)
6.5 - 6.2 - 6.5 - 6.8 m (21.3 - 20.4 - 21.3 - 22.6 ft)
140 - 124 - 124 - 124 MPa (20000 - 18000 - 18000 - 18000 psi)
150 C
1.9*108 6.7*109 7.8*109 14.4*109 N / L2
1.465*106 2.841*106 2.264*106 3.285*106 N
21.6*103 31.1*103 31.1*103 44.7*103 N*m
L = distanza tra gli stabilizzatori [m]

TAB. 8.1 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DEL CDR

Strumenti pi evoluti sono costituiti da una matrice di trasmettitori e ricevitori (per esempio lARC5
Array Resistivity Compensated con tecnica LWD o lAIT Array Induction Imager Tool con
tecnica WLL) o lavorano con diverse frequenze secondo la formazione (per esempio lMPR Multiple
Propagation Resistivity, che emette da 400 kHz a 2 MHz).
Campo di misura della resistivit
Campo di misura dei raggi gamma
Precisione della resistivit
Precisione dei raggi gamma
Risoluzione verticale della resistivit
Profondit dindagine della resistivit
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massima torsione applicabile

0.2 200 *m
0 250 API
3%
3 API
608 mm (2 ft)
< 1.5 m (58)
133 mm (5.25)
6.4 m (21 ft)
140 MPa (20000 psi)
150 C
133200 N (30000 lb)
116000 N*m

TAB. 8.2 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DELLARC5

233

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.10 ARRAY INDUCTION IMAGER TOOL

Alcuni strumenti LWD misurano la resistivit attraverso la caduta di tensione tra un elettrodo molto
vicino allo scalpello (circa 1 m) e uno o pi elettrodi, a forma di anello, posti superiormente ad esso
(per esempio, il RAB Resistivity At Bit) {FIG. 8.11}.

FIG. 8.11 RESISTIVITY AT BIT

234

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Effettua anche misure di raggi gamma, vibrazioni, inclinazione e temperatura e permette dindagare la
formazione ancora prima della sua perforazione.
Campo di misura della resistivit
Campo di misura dei raggi gamma
Precisione della resistivit
Precisione dei raggi gamma
Risoluzione verticale della resistivit
Profondit dindagine della resistivit
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massima torsione applicabile

0.2 200 *m
0 250 API
7%
3 API
50.8 mm (2)
< 813 mm (32)
211 mm (8.31)
3.8 m (12.7 ft)
103 MPa (15000 psi)
150 C
7.8*108 N/L2
48500 N*m
L = distanza tra gli stabilizzatori [m]

TAB. 8.3 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DEL RAB

Uno strumento simile al RAB il GST (GeoSteering Tool); provvisto di sensori di resistivit e di
trasduttori a raggi gamma, che permettono di rilevare linclinazione e la direzione dello scalpello (vedi
PERFORAZIONE DIREZIONATA).
Altri sensori LWD misurano la densit neutronica (per esempio il CDN Compensated Density
Neutron, CNL Compensated Neutron Log, lADN Azimuthal Density Neutron, lMNP Modular
Neutron Porosity o lMDL Modular Density Lithology).
Si tratta di sensori che hanno una sorgente chimica radioattiva che produce neutroni; questi urtano gli
atomi della formazione, perdendo progressivamente energia, fino ad essere assorbiti.
La perdita di energia dei neutroni negli urti pi rapida se i bersagli sono atomi di massa simile, come
lidrogeno contenuto nellacqua e negli idrocarburi di strato. Questi urti generano raggi gamma, che
sono rilevati da un ricevitore. Il segnale ricevuto inversamente proporzionale alla porosit della
formazione.
Campo di misura della densit
Precisione sulla densit
Precisione sulla porosit
Risoluzione verticale della densit
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massima torsione applicabile

1 3.1 kg/dm3
0.02 kg/dm3
5%
610 mm (24)
152.4 203.2 mm (6 - 8)
8.4 m (31 ft)
124 MPa (18000 psi)
150 C
2.8*108 - 12.8*108 N/L2
63400 N*m
L = distanza tra gli stabilizzatori [m]

TAB. 8.4 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DEL CDN

Alcuni sensori pi evoluti hanno, al posto della sorgente radioattiva di tipo chimico, un acceleratore di
elettroni (APS Accelerator Porosity Sonde), che non solo produce particelle a pi alta energia, ma
molto pi sicuro, interrompendo la sua emissione in caso di perdita dellattrezzo in pozzo (IPL
Integreted Porosity Lithology).
Altri, ancora, emettono fotoni e rilevano la densit della formazione attraverso misure
sullassorbimento degli stessi (Density log, FDC Formation Density Compensated).

235

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


1 3.05 kg/dm3
0.02 kg/dm3
5%
5%
152 mm (6)
50 mm (2)
120.6 171.4 mm (4.75 6.75)
7.3 m (24 ft)
140 MPa (20000 psi)
150 C
222000 N
31000 N*m

Campo di misura della densit


Precisione sulla densit
Precisione sulla porosit
Precisione sulleffetto fotoelettrico
Risoluzione verticale della densit
Risoluzione verticale delleffetto fotoelettrico
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massima torsione applicabile

TAB. 8.5 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DELLADN

FIG. 8.12 COMBINAZIONE DI REGISTRAZIONI CDR E CDN

Una registrazione WLL che raggruppa tutte le misurazioni neutroniche fatta dallNPLT (Nuclear
Porosity Lithology Tool) {FIG. 8.13}.

236

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.13 NUCLEAR POROSITY LITHOLOGY TOOL

Il sonic log la registrazione, in funzione della profondit, dei tempi di transito t (in s/ft) di onde
sonore (1 20 kHz) nelle formazioni
attraversate {FIG. 8.14}. Questi tempi
sono funzione delle propriet
elastiche dei terreni, della porosit,
dei fluidi in essi contenuti e della loro
pressione.
Permette didentificare litologia,
t t mat
) e densit
porosit ( =
t f t mat
( = f + (1 ) mat ) degli strati,

con una maggiore precisione e


risoluzione del neutron log.
Come per le misure di resistivit, per
limitare linfluenza del fluido di
perforazione, seffettuano misure
differenziali con due trasmettitori e
due ricevitori (SBHC Sonic Bore
Hole Compensated).
Per
limitare
linfluenza
dellallargamento del foro, si aumenta
la distanza degli elettrodi (LSS Long
Spaced Sonic Tool).
Per aumentare la risoluzione,
sutilizza una matrice di elettrodi
(AST Array Sonic Tool).
FIG. 8.14 SONIC LOG

237

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Uno strumento LWD di tipo sonico lIsonic.
Campo di misura dei tempi di transito
Precisione dello strumento
Apertura acustica
Diametro esterno
Lunghezza dello strumento
Massima pressione desercizio
Massima temperatura desercizio
Massimo peso applicabile
Massima torsione applicabile

40 160 s/ft
2 s/ft
608 mm (2 ft)
208.5 mm (8.25)
6.8 m (22.6 ft)
124 MPa (18000 psi)
150 C
16.3*108 N/L2
55300 N*m
L = distanza tra gli stabilizzatori [m]

TAB. 8.6 CARATTERISTICHE METROLOGICHE E DIMPIEGO DELLISONIC

FIG. 8.15 ISONIC

238

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Per diminuire linfluenza delle vibrazioni prodotte nella perforazione, necessario metterli il pi
lontano possibile dagli stabilizzatori; la posizione migliore sopra lMWD.
Le onde sonore possono essere utilizzate, anche, per valutare le propriet meccaniche delle formazioni
(DSI Dipole Shear Sonic Imager).
La saturazione dacqua di una formazione viene valutata attraverso misure di resistivit. Questo tipo di
misura , per, fortemente influenzata dalla salinit. Unalternativa quella di valutare la saturazione
dacqua attraverso misure della costante dielettrica della formazione. Questultima pu essere
misurata attraverso le leggi di Maxwell sulla propagazione delle onde elettromagnetiche.
I sensori di questo tipo hanno uno o pi trasmettitori di onde elettromagnetiche (generalmente
0.2 GHz e 1.1 GHz o 25 MHz e 47 MHz per maggiori profondit dindagine) e due o pi ricevitori,
che rilevano lattenuazione e lo sfasamento delle onde emesse nellattraversamento della formazione
(lEPT Electromagnetic Propagation Tool, il
DPT Deep Propagation Tool e il DL Dielectric
Log con tecnica WLL).
Misure di permeabilit, porosit e saturazione
possono essere realizzate sfruttando il principio
della risonanza magnetica, applicata ai protoni
didrogeno dei fluidi di formazione, nel loro
movimento di precessione. Mediante due campi
magnetici ortogonali, luno permanente e laltro
pulsato con una frequenza di 1 2 MHz, vengono
energizzati i protoni didrogeno, che restituiscono
energia al sistema mediante impulsi ad ampiezza
decrescente nel tempo (rilassamento magnetico
nucleare) {FIG. 8.16}.
FIG. 8.16 ELEMENTI DEL CMR

Dalla valutazione delle ampiezze delle onde sono ricavati valori di porosit, mentre dai tempi di
rilassamento sono ricavati valori di saturazione in acqua irriducibile, stime di permeabilit e di
distribuzione della grandezza dei pori della matrice rocciosa (NMRL Nuclear Magnetism Resonant
Log, CMR Combinable Magnetic Resonance) {FIG. 8.17}.

FIG. 8.17 COMBINABLE MAGNETIC RESONANCE

239

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.18 FULLBORE FORMATION MICROIMAGER

FIG. 8.19 ULTRASONIC BOREHOLE IMAGER

240

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Esistono sul mercato degli strumenti che riescono a fornire delle immagini del pozzo. Esse permettono
di valutare lo stato della parete, di fare unanalisi delle strutture, dindividuare le fratture, di valutare la
bont di un cemento, di vedere lo stato di una colonna di rivestimento.
In fanghi conduttivi, si pu utilizzare lFMI Fullbore Formation MicroImager. Esso fornisce
immagini ricavate da rilevazioni elettriche, che possono essere utilizzate anche per misure quantitative,
in particolare per lanalisi delle fratture {FIG. 8.18}.
Altri strumenti utilizzano gli ultrasuoni per
fornire delle immagini. Essi costituiscono
una valida alternativa allFMI nei fanghi
non conduttivi (a base dolio), dove le
immagini elaborate da misure resistive non
possono essere registrate.
LUSI UltraSonic Imager costituito da
una testa rotante su cui montato un
trasduttore, che funge da trasmettitore, e da
un ricevitore di onde ultrasoniche tra
185 650 kHz; caratterizzato da una
risoluzione verticale di 35 mm.
L'UBI Ultrasonic Borehole Imager
simile allUSI, ma trasmettendo a 250 kHz
o 500 kHz ha una maggiore risoluzione
verticale (10 mm a 250 kHz e 5 mm a
500 kHz) {FIG. 8.20}.
FIG. 8.20 COMPONENTI DELLUBI

Se le registrazioni con la tecnica WLL sono problematiche per la difficolt di scendere i sensori in
pozzo, si pu ricorrere al coiled tubing o alle aste di perforazione {FIG. 8.21}.
In
questultimo
caso,
si
discendono i sensori con le aste
fino al punto critico.
Successivamente, si fa scorrere
il cavo allinterno delle aste con
una speciale connessione, che si
aggancia agli strumenti di
fondo.
Segue il montaggio di uno
spezzone di raccordo (cable
side entry sub), che fa passare
il cavo dallinterno allesterno
delle aste permettendo la tenuta
idraulica.
Si procede, quindi, alla discesa
contemporanea delle aste e del
cavo e alla registrazione delle
misure.
Lutilizzo delle aste nella
discesa degli strumenti di
registrazione caratterizzato da
tempi pi lunghi, ma permette
di operare in condizioni pi
difficili.
FIG. 8.21 REGISTRAZIONI IN POZZI DEVIATI

241

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


LOG
AIT
AST
Caliper

CBT
CET

CDN

CDR

CMR
CNL
DIFL
DIL
DL
DLL
DL-MicroSFL
DPT
DSI
EPT
FDC
FMI
FPIT
GCT
GR
IEL
Induction RT
Induction SFL
IPL
LDS
MDT
MicroSFL
ML
MLL
NML
NPLT
PLT
PML
RFT
SBHC

Tracerlog
USI - UBI

DIAMETRO
88. 4 mm (3.785)
82.1 mm (3.625)
34.8 mm (1.375)
68.8 mm (2.75)
101.6 mm (4)
68.8 mm (2.75)
42.8 mm (1.687)
85.7 mm (3.375)
82.1 mm (3.625)
101.6 mm (4)
68.8 mm (2.75)
82.1 mm (3.625)
165.1 mm (6.5)
203.2 mm (8)
165.1 mm (6.5)
171.4 mm (6.75)
203.2 mm (8)
241.3 mm (8.5)
148.2 mm (5.875)
68.8 mm (2.75)
82.1 mm (3.625)
82.1 mm (3.625)
85.7 mm (3.375)
104.7 mm (4.125)
82.1 mm (3.625)
114.3 mm (4.5)
133.4 mm (5.25)
117.4 mm (4.625)
82.1 mm (3.625)
120.6 mm (4.75)
68.8 mm (2.75)
127 mm (5)
34.8 mm (1.375)
85.7 mm (3.375)
82.1 mm (3.625)
68.8 mm (2.75)
82.1 mm (3.625)
50.8 mm (2)
82.1 mm (3.625)
68.8 mm (2.75)
82.1 mm (3.625)
85.7 mm (3.375)
114.3 mm (4.5)
127 mm (5)
101.6 mm (4)
133.4 mm (5.25)
120.6 mm (4.75)
133.4 mm (5.25)
120.6 mm (4.75)
150.8 mm (5.837)
85.7 mm (3.375)
114.3 mm (4.5)
42.8 mm (1.687)
107.8 mm (4.25)
138.7 mm (5.5)
82.1 mm (3.625)
132 mm (5.2)
42.8 mm (1.687)
68.8 mm (2.75)
85.7 mm (3.375)
88.4 mm (3.875)
38.1 mm (1.5)
42.8 mm (1.687)
127 mm (5)
177.8 mm (7)
242.8 mm (8.625)
268.8 mm (10.75)

LUNGHEZZA
10.3 m (33.8 ft)
6.86 m (22.8 ft)
1.71 m (5.6 ft)
3 m (8.1 ft)
3.05 m (10 ft)
5.8 m (18 ft)
4.11 m (13.6 ft)
5.23 m (17.2 ft)
2.82 m (8.3 ft)
6 m (18.7 ft)
2.84 m (8.4 ft)
2.01 m (6.7 ft)
8.37 m (30.8 ft)
8.37 m (30.8 ft)
6.7 m (22 ft)
6.7 m (22 ft)
6.7 m (22 ft)
6.8 m (22.3 ft)
4.3 m (14 ft)
3.88 m (12.7 ft)
7.32 m (24 ft)
8.81 m (28 ft)
4.38 m (14.4 ft)
3.65 m (12 ft)
8.8 m (28 ft)
8.8 m (28 ft)
8.37 m (30.8 ft)
11.43 m (37.6 ft)
15.54 m (51.1 ft)
6.8 m (22.7 ft)
3.12 m (10.2 ft)
8.28 m (27.2 ft)
4.21 m (13.8 ft)
13.68 m (45 ft)
13.68 m (45 ft)
5.41 m (17.8 ft)
3.78 m (12.5 ft)
6.05 m (18 ft)
5.18 m (17 ft)
8.5 m (27.8 ft)
8.85 m (31.4 ft)
2.43 m (8 ft)
3.34 m (11 ft)
6 m (18.7 ft)
5.13 m (16.8 ft)
6 m (18.7 ft)
2.46 m (8 ft)
2.13 m (7 ft)
4.67 m (15.3 ft)
8.27 m (30.5 ft)
12.27 m (40.3 ft)
12.27 m (40.3 ft)
4.62 m (15.2 ft)
3.66 m (12 ft)
3.66 m (12 ft)
6.22 m (20.4 ft)
5.53 m (18.1 ft)
4.42 m (14.5 ft)
7.67 m (25.2 ft)
5.84 m (18.6 ft)
7.32 m (24 ft)
3.43 m (11.3 ft)
2.8 m (8.6 ft)
0.6 m (2 ft)
0.6 m (2 ft)
0.6 m (2 ft)
0.6 m (2 ft)

PRESSIONE MASSIMA
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
70 MPa (10 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
70 MPa (10 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
161 MPa (23 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
115 MPa (16.5 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
172 MPa (25 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
124 MPa (18 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)
140 MPa (20 kpsi)

TEMPERATURA MASSIMA
177 C
177 C
177 C
180 C
180 C
177 C
204 C
177 C
204 C
177 C
148 C
148 C
148 C
148 C
204 C
148 C
148 C
148 C
177 C
260 C
177 C
177 C
204 C
204 C
177 C
260 C
177 C
177 C
177 C
177 C
260 C
177 C
177 C
148 C
177 C
148 C
148 C
148 C
177 C
204 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
148 C
148 C
177 C
177 C
177 C
204 C
204 C
177 C
148 C
148 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C
177 C

TAB. 8.7 DIMENSIONI E PARAMETRI OPERATIVI DI ALCUNI ATTREZZI WIRELINE

Quando si programma deffettuare queste registrazioni con la tecnica WLL, occorre tenere presente
che con laumentare delle informazioni richieste, aumenta la lunghezza della stringa da scendere nel
foro e, quindi, la probabilit di perdere gli strumenti in pozzo, soprattutto se deviato. Si possono
242

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


effettuare le registrazioni in due o pi riprese, ma con conseguente aumento dei costi per fermo
impianto. Occorre adottare la soluzione che d il maggior numero dinformazioni con il minimo costo.

FIG. 8.22 ALCUNE REGISTRAZIONI FATTE CON MWD

Specifiche
Alimentazione
Trasmissione dati
Max temperatura
Max pressione
Diametro esterno
delle aste pesanti
Precisione
sullinclinazione
Precisione sulla
direzione

PowerPulse
Turbina
Onde
elettromagnetiche
150 C
140 MPa (20 kpsi)
172 242 mm
(6.75 8.5 )
0.2

IMPulse
Turbina
Onde
elettromagnetiche
150 C
140 MPa (20 kpsi)
121 mm
(4.75)
0.2

SHARP
Batteria
Pulsazioni fango
150 C
140 MPa (20 kpsi)
73 242 mm
(2.875 8.5 )
0.2

MWD M3
Slim-1
Turbina
Batteria
Onde
Pulsazioni fango
elettromagnetiche
150 C
150 C
140 MPa (20 kpsi) 140 MPa (20 kpsi)
178 242 mm
73 242 mm
(7 8.5 )
(2.875 8.5 )
0.2
0.2

TAB. 8.8 CARATTERISTICHE DI ALCUNI MWD

243

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

8.3 SISMICA IN POZZO


La sismica di superficie la prima rilevazione da cui si parte per la progettazione del pozzo. In
perforazione, le cose possono essere diverse da quelle previste, sia per i limiti risolutivi della sismica
stessa, sia per le difficolt dinterpretazione.
Dopo aver realizzato i primi pozzi esplorativi, si registra la sismica in pozzo (VSP Vertical Sismic
Profile) con la quale si pu tarare quella di superficie, cio si ridispongono i vari strati alle profondit
effettive cui si trovano.
Il metodo consiste nel mettere un geofono in pozzo e registrare in risalita, ad intervalli regolari
(15 20 m), onde sismiche (5 100 Hz) prodotte in superficie. Poich le onde sismiche devono
percorrere un minore tratto, si possono usare pi alte frequenze rispetto alla sismica superficiale e,
quindi, avere informazioni con un maggior grado di dettaglio.
Le registrazioni sismiche in pozzo si possono fare anche durante la perforazione, mettendo dei
ricevitori vicino la torre e sfruttando le vibrazioni prodotte dallo scalpello; in questo caso si parla di
Sismica While Drilling (SWD).
Questa tecnica non solo permette deseguire le registrazioni senza fermare limpianto, ma fornisce
informazioni in tempo reale permettendo danalizzare gli strati, che si trovano davanti lo scalpello,
prima che siano perforate.
Sul mercato esistono dei sistemi dacquisizione ed elaborazione dati (Seisbit) per linterpretazione
delle vibrazioni prodotte dallo scalpello.

FIG. 8.23 POSSIBILI CONFIGURAZIONI PER REALIZZARE LA SISMICA IN POZZO

244

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.24 CONFRONTO TRA SISMICA SUPERFICIALE E SISMICA IN POZZO

Allo stato attuale di sviluppo della tecnica, lSWD trova dei limiti nellimpossibilit di usare scalpelli
diamantati, nella perforazione direzionata e con lutilizzo dei motori di fondo.

8.4 ANALISI GEOLOGICA


In tutti i cantieri esiste una contrattista dassistenza geologica, che espleta il servizio danalisi dei
detriti di perforazione (mud logging) e dacquisizione, memorizzazione e visualizzazione dei
parametri di perforazione in tempo reale.
Molte utili informazioni possono essere desunte dallanalisi dei detriti di perforazione, che sono
riportati a giorno dal fango.
Il geologo di cantiere, ad intervalli regolari di 1 5 m di terreno perforato, preleva dal vibrovaglio i
detriti, li lava e li analizza per conoscere la litologia degli strati attraversati e per vedere se ci sono
tracce di mineralizzazione. A tale proposito, si ricorda che le informazioni desunte non si riferiscono
alla profondit di fondo pozzo al momento del prelievo, ma ad una minore perch bisogna considerare
il tempo di risalita dei detriti (lag time).
Questo tempo pu essere calcolato dividendo la profondit del pozzo per la velocit di risalita dei
detriti. Questultima pari alla differenza tra la velocit di flusso del fluido di perforazione e quella di
ricaduta dei detriti.
Dividendo la portata del fango uscente dal foro per larea dellintercapedine aste-pozzo (se le sezioni
attraversate sono diverse, si calcola un valore medio per i vari tratti) si trova la velocit di flusso del
fluido di perforazione.
La velocit di ricaduta dei detriti dipende dalla loro dimensione, dalle caratteristiche fisiche del fango
e dalla temperatura; pu essere calcolata con la legge di Stokes.
I detriti di perforazione hanno dimensioni diverse secondo la litologia della formazione e il tipo di
scalpello usato; in linea di massima, preferibile avere detriti grossolani perch pi facilmente
analizzabili.
245

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Per quanto riguarda il tipo di campioni prelevati, essi possono essere classificati in:
campioni lavati ed asciugati;
campioni non lavati e non asciugati;
campioni conservati in soluzione salina.
I campioni lavati ed asciugati sono presi al vibrovaglio in quantit pari a 200 g; sono passati in una
serie di setacci con meshiatura decrescente e lavati con acqua corrente.
I detriti che rimangono sul primo setaccio, a pezzatura pi grossolana, sono scartati in quanto
potrebbero provenire da ricadute della parete. I detriti prelevati sui rimanenti setacci sono sottoposti ad
un esame preliminare al microscopio dove, in alcuni casi, possibile classificare il tipo di roccia.
Successivamente, sono essiccati e lavati con acqua per eliminare il fango e largilla.
La quantit di residuo secco ottenuto posto in un cilindro graduato per essere quantizzato. La
differenza fra il volume del cilindro graduato ed il volume di residuo secco rappresenta la quantit
dargilla lavabile presente nei detriti.
Difficolt deliminazione delle argille dai detriti, mediante la semplice operazione di lavaggio, si
hanno in presenza dargille plastiche. In questo caso il campione frullato e successivamente lavato.
Nella maggior parte dei casi, leventuale presenza di fossili nel campione soggetto a disgregamento
e, pertanto, il loro riconoscimento risulta difficile.
Per ovviare a tale inconveniente, i detriti, dopo essere stati lavati ed asciugati, sono trattati con H2O2, il
quale riesce a disgregare le argille ed evidenziare leventuale presenza di fossili.
I detriti non lavati, prelevati al vibrovaglio, sono sottoposti ad analisi chimiche per determinare la
percentuale di carbonato (calcimetria).
In presenza di detriti di differenti colori sono eseguite calcimetrie selettive.
La calcimetria espressa in percentuale di peso di CaCO3 ed in base ai seguenti valori si possono avere:
argille con 0 35% di CaCO3
marna con 35 65% di CaCO3;
calcari con 65 100% di CaCO3.
Come ultima analisi, i campioni sono ridotti a sezioni sottili e sottoposti ad esame microscopico al fine
didentificare i tipi di calcari, in funzione della percentuale dei litotipi presenti.
Da uno studio dei microfossili presenti, si pu avere unidea sul processo di sedimentazione avvenuto
nel passato nellintera area.
La mineralizzazione dei campioni valutata con un fluorimetro (QFT Quantitative Fluorescence
Technique), che permette di misurare quantitativamente la fluorescenza degli idrocarburi liquidi
contenuti nei detriti. Lanalisi eseguita attraverso lestrazione, con solvente (eptano), delleventuale
idrocarburo presente in una quantit prestabilita di detriti asciugati allaria e triturati in un mortaio.
La soluzione cos ottenuta, opportunamente filtrata, introdotta nella cella danalisi dove sottoposta
alleccitazione di radiazioni ultraviolette, che rendono gli idrocarburi fluorescenti. Lentit della
fluorescenza, direttamente proporzionali alla concentrazione degli idrocarburi, valutata con un
sensore fotoelettrico.
Unanalisi qualitativa degli idrocarburi presenti nei detriti eseguita illuminandoli con la lampada di
Wood, che produce radiazioni ultraviolette.
Secondo la densit dellidrocarburo si avranno tonalit di colore che vanno dal giallo al marrone.
I campioni non lavati e non asciugati sono prelevati direttamente ai vibrovagli, imballati, etichettati ed
inviati ai laboratori petrografici e stratigrafici per analisi pi accurate; una parte messa in contenitori
con una soluzione salina, per una migliore conservazione.
Il monitoraggio dei parametri di perforazione comprende:
la pressione dingresso e duscita;
la torsione applicata alla batteria;
la densit in ingresso e in uscita dal fango;
la temperatura del fango in ingresso e in uscita;
la portata in ingresso e in uscita del fango;

246

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


il volume del fango in circolazione;
il numero di colpi pompe;
il numero di giri della batteria e dello scalpello;
il peso al gancio;
il peso sullo scalpello;
lavanzamento;
la profondit;
la presenza di gas.
La pressione di mandata del fango rilevata con un sensore montato, tramite inflangiatura, sullo stand
pipe. Si tratta, generalmente, di un trasduttore piezoelettrico costituito da una membrana metallica.
Essa ha, da una parte, quattro cristalli di quarzo, collegati fra loro da un ponte di Wheatstone e
dallaltra a diretto contatto con il fango. Pertanto, la deformazione della membrana, causata dalla
pressione, provoca lo schiacciamento dei cristalli che generano una d.d.p. proporzionale ad essa
(accuratezza di 1 %).
La pressione duscita del fango rilevata con un sensore simile al precedente installato, mediante
inflangiatura, come previsto dalle norme di sicurezza, su una valvola dintercettazione, la quale, a sua
volta, inflangiata sul quadrone dingresso del choke manifold.
La portata duscita dal pozzo misurata con un sensore ubicato sulla linea di ritorno, immediatamente
prima della vaschetta del vibrovaglio, mentre quella dingresso misurata attraverso il numero dei
colpi pompa o con un sensore posto sulla linea di mandata fissa.
Generalmente, sono sensori ad induzione che misurano la variazione del campo elettromagnetico,
generato da avvolgimenti elettrici, al passaggio del fango.
La variazione del campo elettrico proporzionale alla velocit del fluido e, quindi, conoscendo la
sezione dattraversamento, si risale alla portata.
Questi sensori hanno unaccuratezza di 1 %, sono idonei, anche, per fanghi poco conduttivi, danno
bassissime perdite di carico e non necessitano di particolare manutenzione; sono sensibili alla presenza
di gas e vanno posizionati verticalmente per evitare che depositi di detriti causino una deriva dello
zero.
I sensori per la misura della densit del fango in ingresso e in uscita hanno la funzione di assicurare un
monitoraggio continuo del fluido, per rilevare leventuale ingresso di gas in pozzo.
Sono costituiti da un tubino contenente fango mantenuto ad un livello costante da un rilevatore di
livello elettromagnetico; si misura la pressione idrostatica esercitata funzione della densit.
I sensori di livello hanno la funzione di misurare il volume del fango contenuto nelle vasche del
sistema attivo di circolazione e della trip tank durante le manovre. Generalmente, sono del tipo ad
ultrasuoni perch hanno il vantaggio di non richiedere manutenzione e dessere precisi ed affidabili.
Il principio di funzionamento si basa sullemissione dultrasuoni da parte di una sorgente posizionata
sopra la vasca, in zona priva dinterferenze, il suono emesso riflesso dalla superficie del fango e
captato da un ricevitore.
Laltezza della superficie del fango calcolata in base al tempo dandata e ritorno degli ultrasuoni.
In fase dinstallazione dei sensori ad ultrasuoni, molto importante la scelta del punto di
posizionamento nella vasca. Devono essere posizionati lontano dagli agitatori e dalle condotte, in
quanto il loro funzionamento pu essere soggetto ad interferenze dovute a presenza di schiuma sulla
superficie del fango, che pu disturbare la riflessione delle onde, falsandone la lettura.
Per la misura dei colpi della pompa sutilizza un sensore di prossimit induttivo. Esso costituito da
una bobina elettrica montata lateralmente alla testa croce delle pompe e da un riferimento installato
direttamente sul pistone. Ogni volta che il riferimento passa vicino al sensore (a circa 3 mm), varia il
campo magnetico indotto, determinando sul segnale duscita degli impulsi che sono conteggiati.
I sensori di prossimit induttivi sono utilizzati, anche, per misurare il numero di giri della batteria
montandoli su gli elementi rotanti della tavola rotary o del top drive (accuratezza di 1 giro/min).

247

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.25 MASTER LOG (1)

248

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.26 MASTER LOG (2)

249

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Lo spostamento verticale della batteria rilevato con un sensore montato ad unestremit dellasse del
tamburo principale dellargano. costituito da una ruota dentata, i cui denti fungono da elementi
induttivi, e da due sensori di prossimit che inviano i segnali. Ogni volta che un riferimento passa
davanti ad un sensore si ha una variazione del campo dinduzione, provocando un impulso elettrico.
Valutando il numero di giri del tamburo e conoscendo la sezione del cavo, il numero di spire avvolte e
il rapporto di trasmissione della taglia, si risale allo spostamento verticale della batteria.
Monitorando gli spostamenti nel tempo, si risale alla posizione dello scalpello e alla velocit
davanzamento (ROP Rate Of Penetration). Per la valutazione del peso che grava sul gancio, si misura
lallungamento di un tratto del capo morto del cavo utilizzando un sensore ad esso solidale.
La coppia applicata alla batteria misurata con un sensore montato sul cavo elettrico dalimentazione
del top drive, che misura lassorbimento elettrico del motore (pinza amperometrica).
Il controllo dellentrata dei gas nel sistema di circolazione realizzato con unapparecchiatura
chiamata gas trap, posizionata nelle vaschette dei vibrovagli. costituita da un cilindrico immerso
parzialmente nel fango, allinterno del quale il fango meccanicamente agitato da un mescolatore.
Cos facendo, si favorisce la liberazione del gas che si raccoglie nella parte superiore del sistema. Il
gas trasportato nella cabina mud logging per lanalisi. Sulla linea di trasporto del gas installato un
sistema di filtraggio, costituito da filtri per la condensa, per contaminanti liquidi e per polveri.
Si analizza la concentrazione degli idrocarburi presenti nella miscela gas-aria ad intervalli di 15 s.
Per la questa determinazione utilizzato un rilevatore ad ionizzazione di fiamma. Si basa sulla misura
della corrente elettrica che si genera per effetto della combustione dei gas al contatto con la fiamma,
alimentata da idrogeno ed aria. Lintensit della corrente direttamente proporzionale agli atomi di
carbonio che costituiscono le molecole del gas.
Lunit dassistenza geologica provvista di un gas cromatografo, che esegue unanalisi continua sul
miscuglio gassoso ad intervalli di 150 s. Il principio danalisi consiste nella separazione dei
componenti del miscuglio di gas attraverso delle colonne riempite con sostanze adsorbenti e la
successiva determinazione dei singoli componenti attraverso i loro spettri demissione. Lanalisi
orientata alla separazione degli idrocarburi gassosi dal metano al pentano. Il gas comatografo un
valido supporto per lindividuazione delle zone mineralizzate.
La rilevazione della presenza di H2S di estrema importanza per la sicurezza del personale e delle
attrezzature a causa della sua tossicit e corrosivit. Ci sono almeno cinque sensori con intervallo di
misura di 0 50 ppm e accuratezza di 1 ppm del tipo a cella elettrochimica, ubicati rispettivamente
ai vibrovagli, choke manifold, cantina, piano sonda, vasche.
I sensori sfruttano le reazioni di ossido-riduzione di due elettrodi immersi in un elettrolita.
LH2S viene adsorbita da una membrana e reagisce in forma ionica nella soluzione elettrolita,
generando una corrente fra gli elettrodi. Il segnale elettrico in uscita direttamente proporzionale alla
concentrazione del gas. In cabina di assistenza geologica viene fissata la soglia di preallarme a 5 ppm
di H2S in aria e quella di allarme a 10 ppm. La condizione di allerta e quella di pericolo sono segnalate
da allarmi acustici e visivi. Per differenziarli, si usano tonalit diverse, lintermittenza, colori dei
lampeggianti differenti.
Tutti i dati rilevati vengono registrati dallunit di assistenza geologica in funzione della profondit
(master log) e, in parte, trasmessi, in tempo reale, su video nellufficio della Societ petrolifera per
tenere sotto controllo i parametri di perforazione {FIG. 8.25 8.26}.

8.5 ANALISI DELLE CAROTE


Le informazioni ricavate dallanalisi dei detriti di perforazione possono essere completate esaminando
le carote, in quanto essendo di dimensioni maggiori e assicurando una continuit stratigrafica
permettono indagini pi accurate.
Arrivate in laboratorio, le carote vengono sottoposte ad una serie di analisi petrografiche e
petrofisiche. Per prima cosa, i campioni vengono riordinati secondo la sequenza di perforazione per
avere a mente la giusta collocazione in termini di profondit e orientamento della carota.
250

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Sesegue unanalisi con i raggi gamma per comparare i dati ottenuti con il gamma ray log ed,
eventualmente, ritarare le registrazioni in pozzo con quelle sulla carota, di cui si conosce con esattezza
la profondit di prelievo.
Successivamente, si preleva un campione cilindrico del
diametro di 20 30 mm trasversalmente alla carota per
analisi stratigrafiche.
La carota viene fotografata lungo tutto il perimetro per avere
unimmagine rappresentante lo sviluppo su piano della sua
superficie. Sesegue una fotografia normale ed una con
illuminazione con la lampada di Wood, per vedere la
fluorescenza di eventuali tratti mineralizzati.
Le immagini sono stampate su supporto cartaceo e
memorizzate in formato elettronico per poterle analizzare al
computer. Esistono software che permettono di ricostruire
dallimmagine la rappresentazione tridimensionale della
carota, dindividuarne lorientazione, danalizzarla nel
dettaglio aumentando il contrasto e la scala, di vedere la
disposizione delle fratture e delle microfratture {FIG. 8.27}.
Il campione tagliato longitudinalmente per meglio valutare
la stratigrafia e per vedere se ci sono tracce di fossili.
Il campione cilindrico, tagliato trasversalmente in
precedenza, viene suddiviso in dischetti per essere sottoposto
ad indagini con ultrasuoni, radiazioni, ad analisi chimiche,
meccaniche e idrauliche al fine di poter ricavare il maggiore
FIG. 8.27 ELABORAZIONE DELLIMMAGINE
numero di informazioni.
DELLA CAROTA AL COMPUTER

8.6 PROVA DI PRESSURIZZAZIONE DEL POZZO


La prova di pressurizzazione del pozzo (LOT Leak-Off Test) pu essere considerata come una
limitata operazione di fratturazione, per determinare la resistenza meccanica della formazione.
Consiste nel chiudere i BOP con la batteria discesa in pozzo fino a pochi metri sopra la scarpa
dellultima colonna di rivestimento, nel pompare (generalmente, con la cementatrice) piccole quantit
di fango allinterno delle aste e nel rilevare landamento delle pressioni di superficie nel tempo o del
volume iniettato. Il monitoraggio delle pressioni pu avvenire pompando continuamente o ad intervalli
regolari per permetterne la stabilizzazione.
Durante il primo ciclo, la pressione aumenta progressivamente fino ad un valore massimo di
fratturazione della formazione pfrat (breakdown pressure); in questa fase, le fratture indotte sulla parete
del foro passano da una condizione di propagazione stabile (per allargarle occorre aumentare la
pressione) ad una instabile per cui la propagazione avviene per valori di pressione inferiori.
Fermando le pompe, si osserva una diminuzione della pressione pprop (shut in pressure), dapprima
molto rapida per lannullamento delle perdite di carico e, successivamente, pi lenta in funzione della
tipologia e permeabilit della formazione {FIG. 8.28}. Con laccrescersi delle dimensioni delle
fratture, aumenta il volume a disposizione del fango e, conseguentemente, diminuisce la pressione.
Quando la pressione di fondo raggiunge un valore pari alla minima tensione principale in loco (h
nellipotesi di pozzo verticale con formazione isotropa e poroelastica), la propagazione delle fratture si
arresta. Il fluido si scarica attraverso la formazione in funzione della permeabilit del terreno e la
pressione continua a diminuire.
La caduta di pressione , generalmente, dapprima rapida e successivamente lenta, in quanto la chiusura
delle fratture determina una minore area di filtrazione, che diminuisce la permeabilit del mezzo.
La pressione caratterizzante la seconda coda denominata pressione di chiusura pch (closure pressure),
ed teoricamente uguale a h.
251

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Nelle formazioni permeabili, la diminuzione della pressione pi continua e, quindi, pu essere
difficile lindividuazione di h. Per facilitare lindividuazione della pressione di chiusura, si pu tenere
presente che, in corrispondenza di essa, con la ricompattazione delle fratture, la curva subisce un
cambio di pendenza (punto di flesso) per passaggio da un regime di filtrazione lineare a radiale.
Ripressurizzando il pozzo, si ottiene una curva simile alla precedente, ma con un picco di rottura
diminuita della resistenza a trazione del terreno.
PRESSIONE

pfrat
pfrat

ROTTURA

PROPAGAZIONE

pprop
CHIUSURA

pch= h

TEMPO
FIG. 8.28 TIPICO ANDAMENTO DELLE PRESSIONI IN UNA PROVA DI FRATTURAZIONE

8.7 CONTROLLO DELLE CEMENTAZIONI


Affinch la cementazione di una colonna permetta disolare idraulicamente gli strati, occorre che la
malta risalga fino alla profondit voluta e che nel suo interno non si siano formate delle canalizzazioni.
Il controllo di una cementazione avviene ad opera di strumenti che sfruttano onde acustiche.
La registrazione del CBL (Cement Bond Log) consiste nellirradiare, con un trasmettitore, onde
acustiche (20 kHz) attraverso la colonna, il cemento e la formazione e misurarne, con un ricevitore,
lattenuazione e il tempo dattraversamento. La distanza fra trasmettitore e ricevitore di 0.8 m (3 ft).
Lampiezza dellonda, misurata in mV, dipende dalla bont della cementazione; il suo minimo valore,
che corrisponde alla sua massima attenuazione, direttamente proporzionale alla quantit,
compattezza ed aderenza del cemento alle spalle della colonna di rivestimento {FIG. 8.29}. Se la
registrazione del CBL in funzione della profondit caratterizzata da bassi valori dellampiezza
dellonda (pochi mV), si ha una buona cementazione, mentre se sono alti, non si ha presenza di
cemento intorno alla colonna.
Se per un certo tratto di un intervallo ben cementato si hanno alti valori del segnale, probabile che ci
sia una microintercapedine tra colonna e cemento o si sia avuta una canalizzazione della malta.
Un modo semplice per distinguere le due situazioni consiste nel ripetere la registrazione
pressurizzando la colonna; nel caso di microintercapedine si ha una diminuzione dellampiezza
dellonda per un migliore contatto tra metallo e cemento, mentre nel caso di canalizzazioni non si ha
nessuna variazione.
In alcuni casi, le registrazioni riportano un indice per indicare la bont della cementazione (BI Bond
Index) definito come il rapporto tra lattenuazione dellonda misurata e quella massima.
Il tempo dattraversamento delle onde molto utile per individuare il posizionamento dei giunti della
colonna di rivestimento, che riflettendo i segnali provocano caratteristici profili a zigzag.
Sullo stesso strumento montato un altro ricevitore a 1.5 m (5 ft) dal trasmettitore. Le sue
registrazioni si definiscono VDL (Variable Density Log) e sono fornite insieme a quelle del CBL.
Le registrazioni VDL, misurate in s, consistono di bande scure e chiare che rappresentano,
rispettivamente, la parte positiva e negativa dellonda stessa.
252

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.29 CBL - VDL

253

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Le onde acustiche, che giungono al ricevitore pi lontano attraverso la colonna, sono caratterizzate da
strisce regolari, mentre quelle che transitano attraverso la formazione, hanno forti distorsioni.
Quando una colonna ben cementata, nella registrazione del VDL, la quota parte del segnale
proveniente dalla colonna sar limitata rispetto a quella proveniente dalla formazione; nel complesso,
essa risulter molto distorta {FIG. 8.29}.
Lo strumento di misura dispone, superiormente ed inferiormente al trasmettitore e ai ricevitori, di
balestre per centrarlo allinterno della colonna. Uneventuale eccentricit riduce la sensibilit dello
strumento creando un abbassamento e un allargamento dellampiezza dellonda in funzione del tempo.
Per limitare linfluenza delleccentricit, alcuni strumenti elaborano il segnale in modo da misurare
larea sottesa dalla curva (integrale) in quanto, avendosi un abbassamento e un allargamento dellonda,
essi tendono a bilanciarsi. Altri pi evoluti sono caratterizzati da due trasmettitori e tre ricevitori in
modo da realizzare misure differenziali (BAL Bond Attenuation Log).
Uno strumento pi evoluto (CET Cement Evaluation Tool) utilizza una serie di trasmettitori e
ricevitori distribuiti longitudinalmente e radialmente. Il maggiore numero di trasmettitori e ricevitori,
la loro distribuzione e la maggiore frequenza delle onde acustiche prodotte (500 kHz) permettono una
maggiore risoluzione e di valutare la bont della cementazione anche radialmente.
Le registrazioni per il monitoraggio delle cementazioni possono essere utilizzate per valutare la
profondit di risalita della malta, ma un controllo pi accurato pu essere ottenuto aggiungendo ad
essa un tracciante radioattivo, e rilevandone il segnale con un sensore simile al gamma ray (tracerlog).

FIG. 8.30 TRACERLOG

8.8 PROVE DI STRATO


Le prove di strato consistono nellaccertamento della natura, delle caratteristiche e dello stato dei
fluidi di un determinato livello, al fine di valutarne le capacit produttive. Le prove di strato effettuate
facendo erogare il pozzo, al fine di permettere la risalita degli idrocarburi in superficie, sono chiamate
prove di produzione (production test).
La formazione da studiare si pu trovare a livello di un foro scoperto oppure a livello di una colonna
di rivestimento, preventivamente forata per mettere in comunicazione lo strato con il pozzo.
Le prove in colonna sono da preferirsi perch pi sicure ed attendibili (maggiore garanzia di tenuta del
packer e problemi di collasso del foro nulli). Le prove di strato possono essere eseguite:
con la wireline;
con la batteria di aste;
con un completamento permanente o temporaneo.
Per quanto riguarda le misurazioni con cavo, si possono realizzare prove selettive di formazione (FIT
Formation Interval Test) o prove selettive ripetute (RFT Repeat Formation Test).

254

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.31 PROVE DI STRATO

I dati ottenibili con queste registrazioni sono economici, in quanto non richiedono lunghe fermate
dellimpianto, sicure, in quanto si pu contare sulla pressione idrostatica del fango, tempestive, perch
permettono valutazioni anche durante la perforazione.
Lattrezzatura per la prova FIT costituita da due packers, da ununit idraulica ed una di
campionamento. I packers servono per isolare lintervallo di prova; inferiormente ad essi, ci possono
essere cariche esplosive per forare la formazione, al fine di migliorarne la permeabilit.
Lenergizzazione dei packers, comandata in superficie, avviene per mezzo della pressione del fango,
opportunamente moltiplicata con ununit munita di pistoni che funziona come un martinetto
idraulico.
Al termine della prova, per richiudere i pattini, si riabbassa la pressione entro il circuito idraulico,
mediante lapertura di due valvole comandate dalla superficie.
Lunit di campionamento munita di un manometro per la misura della pressione, di una valvola per
lingresso del fluido (la sua chiusura si ottiene mediante lesplosione di una carica comandata dalla
superficie con linvio di un impulso elettrico) e di una camera per il suo recupero.
La prova RFT non necessita, a differenza di quella FIT, di riarmare lattrezzo dopo ogni
campionamento, permette di verificare lefficacia della tenuta del packer e di prelevare due campioni
di fluidi di strato (10 30 dm3) in uno stesso intervallo o intervalli diversi.
Nella prova RFT, lunit idraulica del FIT sostituita da ununit motrice, costituita da un motore
comandato da impulsi elettrici inviati dalla superficie.
255

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.32 REPEAT FORMATION TEST

Il sistema di tenuta munito di un cilindro con pistone (probe), che viene spinto dentro la formazione.
Serve a mettere in comunicazione diretta la formazione con lattrezzatura di campionamento, senza
linterferenza del pannello o dintasanti.
Il fluido di strato viene aspirato con due siringhe (pistone-cilindro), che operano in sequenza per
eseguire due campionamenti con rapporto di portata 1:5. Durante le aspirazioni, si rilevano le pressioni
fino alla risalita (termine dellerogazione) e sono trasmesse in superficie mediante il cavo.
Lanalisi del carbonio e dellossigeno contenuto nei campioni permette di valutare la natura e le
quantit dellacqua e degli idrocarburi presenti in formazione {FIG. 8.32}.
Le prove di produzione eseguite con le aste consistono nel far erogare il pozzo allinterno della
batteria (DST Drilling Stem Test).
Lattrezzatura necessaria consta di un packer, di una valvola di fondo (tester), di due valvole di
circolazione, di due sistemi di registrazione, di un jar, di un giunto di sicurezza, di una valvola
equilibratrice, di un sistema di filtraggio e di un invito {FIG. 8.31}.
Essa viene portata a fondo con le aste e raggiunta la profondit voluta si mette in presa il packer. In
discesa e in risalita, la valvola di fondo, comandata dalla superficie sollevando e abbassando la batteria
o pressurizzando lintercapedine, chiusa per impedire lentrata del fango nelle aste.
Aprendo la valvola di fondo, essendo la pressione idrostatica dentro la batteria inferiore a quella di
strato, il fluido di formazione inizia a risalire nelle aste.
Dopo un certo periodo, si chiude la valvola per far risalire la pressione e procedere, successivamente,
ad una nuova erogazione. Durante queste fasi vengono rilevate le pressioni e le temperature, e
registrate in memorie a fondo pozzo o trasmesse in tempo reale in superficie scendendo i sensori con
un cavo allinterno delle aste.
Se la prova procede regolarmente, le pressioni registrate dal manometro superiore ed inferiore al
packer devono essere uguali; valori diversi indicherebbero possibili intasamenti dei fori di passaggio.
Alla fine delle prove, si apre la valvola di circolazione sopra di quella di fondo per recuperare il fluido
di strato allinterno delle aste con circolazione inversa. Le valvole di circolazione sono due per
256

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


aumentarne la sicurezza di funzionamento; generalmente, luna azionata lanciando una biglia
allinterno delle aste, laltra pressurizzando lintercapedine.
La valvola equilibratrice consente di scaricare la sovrappressione, che si genera sotto il packer. Essa
rimane aperta durante le manovre di discesa e destrazione, mentre si chiude automaticamente prima
che avvenga lapertura della valvola di fondo.

FIG. 8.33 RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DI UNA PROVA DI PRODUZIONE

Con la discesa delle attrezzature in pozzo (1) e con la valvola di fondo chiusa, si ha un aumento
graduale della pressione rilevata (A - B), in quanto aumenta la spinta idrostatica esercitata dal fango
contro le aste {FIG. 8.33}.

FIG. 8.34 PROVE DI PRODUZIONE MAL RIUSCITE

257

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Arrivati a fondo pozzo, la registrazione della pressione (2) permette di rilevare lidrostatica iniziale
(C). Dopo il fissaggio del packer (3), si rileva un aumento di pressione (E) ad opera della tenuta
idraulica realizzata.
Con lapertura della valvola di fondo, la pressione scende immediatamente al valore presente
allinterno delle aste (F). Con linizio della prima erogazione (4), si ha un leggero aumento della
pressione (F - G) per lentrata dei fluidi di strato allinterno della batteria.
Segue la chiusura della valvola di fondo (5) che determina una prima risalita della pressione (G - H).
Con la riapertura della valvola di fondo, la pressione ridiscende istantaneamente (H I) e si ha linizio
di una seconda erogazione (6), tale da avere una nuova risalita (L).
La chiusura della valvola di fondo (7) determina una seconda risalita della pressione (L - M).
Successivamente, si libera il packer e la pressione sale al suo valore finale corrispondente
allidrostatica del fango (O). Durante lestrazione della batteria, la pressione scende lentamente al
valore atmosferico.
I diagrammi di pressione permettono, oltre ad uninterpretazione quantitativa, di capire possibili
malfunzionamenti delle attrezzature e dintuire alcune caratteristiche della formazione {FIG. 8.34}.
Le prove di produzione effettuate con un completamento richiedono lutilizzo di alcune attrezzature di
superficie, per trattare ed accumulare gli idrocarburi erogati {FIG. 8.35}.

FIG. 8.35 ATTREZZATURE DI SUPERFICIE PER PROVE DI PRODUZIONE

Per ridurre e regolare la pressione duscita del fluido dalla croce di produzione, si utilizza il choke
manifold composto da tre linee. Il passaggio nella linea centrale avviene durante lo spurgo quando
quelle esterne, caratterizzate da una duse fissa (positive choke) ed una regolabile (adjustable choke),
sono chiuse. Generalmente, durante la prova, sutilizza la duse fissa, mentre quella regolabile solo
durante la sua sostituzione.
258

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


A monte e a valle del choke manifold ci sono attacchi con rubinetto per la rilevazione della
temperatura e della pressione, per il prelievo di campioni di fluido o per liniezione di additivi.
Per sopperire al raffreddamento del fluido erogato, a causa della riduzione di pressione al choke
manifold, ed alla conseguente tendenza alla formazione didrati o tappi di paraffina nel circuito, lo si
convoglia in un bruciatore (heater) per aumentarne la temperatura.
Il calore necessario per il riscaldamento del
fluido generato da gas contenuto in bombole
o da quello ottenuto al separatore.
Successivamente, il fluido attraversa un
separatore (separator) per liberare, attraverso
la diversa densit, i suoi componenti. La
diminuzione della velocit del fluido permette
di avere un tempo di transito sufficientemente
lungo per la separazione dellacqua, dellolio e
del gas e per la decantazione della sabbia. La
sabbia e lacqua sono scartati, il gas
convogliato ad una fiaccola e bruciato, mentre
lolio accumulato in serbatoi.
I separatori sono equipaggiati con misuratori
di pressione, temperatura e portata, di sensori e
spie di livello per lolio e lacqua. Dispongono
di valvole di sicurezza a molla o a membrana e
di attuatori automatici di pressione e livello
{FIG. 8.36}.
FIG. 8.36 ATTUATORE
Generalmente in mare, dove si hanno limitate capacit di stoccaggio dellolio, si utilizzano dei
bruciatori (burner), che permettono di consumare notevoli quantitativi di greggio senza produrre
fumi neri o gocciolamenti in mare. Hanno una fiamma pilota alimentata da gas o gasolio, accesa per
mezzo di un dispositivo a scintilla. I bruciatori sono montati su tralicci che sporgono dalla piattaforma,
per evitare che il calore della fiamma danneggi limpianto.
I serbatoi (tanks) per lo stoccaggio dellolio sono recipienti calibrati per valutare rapidamente il
volume del fluido. Sono collegati in parallelo allo scarico del separatore e riempiti in sequenza.
Quando sono pieni, sono svuotati per mezzo di autobotti che trasportano lolio nei centri di raccolta.
A mare, una linea idraulica permette di pompare lolio al bruciatore per consumarlo durante
lerogazione del pozzo o svuotare i serbatoi.
Le attrezzature di superficie sono completate da linee di controllo, valvole di sicurezza, attuatori per la
regolazione delle pressioni del circuito.
Un laboratorio di cantiere permette di analizzare i campioni, prelevati al separatore e a monte della
duse, per valutare il contenuto dacqua e sabbia, la densit dellolio e la salinit.
Le prove eseguite con un completamento hanno lobiettivo di determinare una serie di parametri atti
ad individuare le capacit produttive del pozzo. Si valutano, direttamente o attraverso correlazioni
matematiche, i seguenti parametri:
pressione di giacimento (SBHP Static Bottom Hole Pressure);
pressione dinamica a testa pozzo (FTHP Flow Top Hole Pressure) alla portata derogazione;
massima portata teorica didrocarburi producibile (AOF Absolute Open Flow);
portata e composizione del fluido prodotto alle condizioni di serbatoio;
quantit di gas disciolta nellolio (G. O. R. Gas Oil Ratio);
quantit di condensati rispetto al gas prodotto (C. G. R. Condensate Gas Ratio);
quantit dacqua presente nellolio (W. O. R. Water Oil Ratio);
quantit dacqua rispetto al totale di liquidi prodotti (W. C. Water Cut);
259

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


lindice di produttivit del pozzo (portata erogata per caduta di pressione unitaria);
permeabilit della formazione;
raggio di drenaggio del pozzo.
Le prove di produzione possono essere effettuate, anche, quando i pozzi sono gi in sfruttamento; in
questi casi, non impegnando un impianto di perforazione, non si hanno problemi di tempo nelle
registrazioni e, quindi, si possono raggiungere stabilizzazioni complete.
La prima fase della prova consiste nelleffettuare uno spurgo del pozzo della durata di alcune ore, per
cercare di riportare lo strato nelle condizioni originarie, scaricando la sovrappressione indotta dalla
presa del packer ed eliminando il filtrato del fango dalla formazione.
La portata di spurgo deve essere maggiore di quella massima prevista per la prova e sufficientemente
alta per assicurare una buona pulizia del foro; non deve essere superiore a certi limiti che
determinerebbero la comparsa dacqua e sabbia. Durante lo spurgo consigliabile escludere il
separatore per evitare di sporcarlo con fango e comprometterne lefficienza in prova.
La seconda erogazione ha lo scopo di rilevare landamento nel tempo delle pressioni, dei volumi e
delle temperature (PVT). Se la stabilizzazione non avviene in tempi contenuti, sinterrompe la prova e
si ricavano i dati di capacit produttiva dallanalisi della pendenza della curva di risalita.
La risalita finale che pu avvenire in un tempo pari a 1 3 volte quella della prima risalita in funzione
della permeabilit della formazione la pi importante ai fini quantitativi.
Per ben valutare la capacit produttiva del pozzo, consigliabile effettuare la prova con pi erogazioni
per rilevare landamento delle pressioni con diverse portate (dusi). Si pu procedere in diversi modi:
portate crescenti con risalita finale;
portate decrescenti con risalita finale;
portate crescenti con risalita finale dopo ogni portata;
portate decrescenti con risalita finale dopo ogni portata.

8.9 PLT
Le prove di produzione forniscono informazioni molto importanti sulle capacit erogative di un pozzo,
ma non permettono di avere informazioni dettagliate sulle caratteristiche dei singoli livelli.
Esse possono fare riscontrare una diminuzione della pressione del giacimento, un aumento della
quantit dacqua o gas, ma non permettono di sapere con esattezza le ragioni di queste manifestazioni.
Per sopperire ai limiti risolutivi di queste prove, sono stati sviluppati degli strumenti per effettuare
misure di produzione in pozzo (PLT Production Logging Tools). Essi permettono la rilevazione della
pressione, della temperatura, del contenuto di acqua, delle velocit e delle densit dei fluidi.
Queste registrazioni possono essere fatte durante la perforazione per determinare zone a bassa
pressione, per trovare eruzioni sotterranee e, a pozzo completato ed in erogazione, per valutare
quantitativamente e qualitativamente il fluido che entra nel pozzo in ogni suo punto.

FIG. 8.37 POSSIBILI APPLICAZIONI DEL PLT

260

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Si possono, cos, individuare i tratti danneggiati di una colonna di rivestimento, i punti dingresso in
pozzo dacqua, gas o sabbia, le zone ad alta permeabilit (thief zones), si pu verificare lefficienza di
un packer, di un completamento, di un tratto cementato o studiare le ragioni di una prematura venuta
dacqua {FIG. 8.37}.
La rilevazione della densit dei fluidi in pozzo si pu effettuare con un gradiomanometro, attraverso
la differenza di pressione idrostatica tra due punti a distanza verticale nota, oppure con un densimetro
nucleare (NFD Nuclear Fluid Densimeter, FDL Fluid Density Log), sfruttando lassorbimento di
raggi gamma.
Il gradiomanometro consiste di un misuratore di pressione differenziale costituito da due sensori a
membrana distanziati di 0.6 m (2 ft). La limitata distanza tra i sensori permette di trascurare le perdite
di carico nel caso di fluido in movimento (accuratezza di 3 %, risoluzione di 0.005 kg/dm3).
Il densimetro nucleare costituito da una sorgente radioattiva che produce raggi gamma e da un
contatore a scintillazione. Con laumentare della densit del fluido circondante lo strumento, aumenta
lattenuazione dei raggi gamma e diminuisce il segnale rilevato dal contatore (accuratezza di 2 %,
risoluzione di 0.01 kg/dm3).
Rispetto al gradiomanometro non risente delle perdite di carico per attrito, ma influenzato dalla
radioattivit naturale delle formazioni e necessita di una buona centralizzazione per non essere
disturbato dalla colonna di rivestimento.
Nel caso di una miscela acqua-olio o di un fluido bifase (liquido-gas), la conoscenza della densit
media rilevata in pozzo e di quelle specifiche misurate in superficie permette di valutarne la

o
). In questi casi, generalmente, si utilizza un densimetro a raggi X
composizione ( Y = m
a

a

(XFT X Ray Fluid Analyzer), simile allNFD, ma con un contatore a scintillazione in pi per
effettuare unanalisi spettrale dellenergia ricevuta.
Gli strumenti utilizzati per le misure di velocit di flusso sono, generalmente, ad elica o a turbina (FBS
FullBore Spinner Flowmeter, CFS Continuous
Flowmeter) {FIG. 8.38}.
La velocit di rotazione dellelica proporzionale
a quella di risalita del fluido, secondo due
costanti; luna funzione del profilo e
dellinclinazione delle palette dello strumento e
laltra del regime di flusso esistente.
La curva di graduazione dello strumento
(relazione tra grandezza misurante e grandezza
misurata) non perfettamente lineare ad opera
degli attriti meccanici degli elementi rotanti e di
quelli viscosi del fluido; si considera una retta
spostata dallorigine di un valore Vx
{FIG. 8.39}.
La velocit di rotazione dellelica rilevata
collegandole un magnete permanente, che gira
dentro una bobina; si genera una d.d.p.
proporzionale al numero di giri (accuratezza di
2 %).
FIG. 8.38 FLUSSOMETRO

Poich le registrazioni vengono eseguite muovendo lo strumento in pozzo (generalmente in risalita),


occorre tenere conto della velocit relativa togliendo o aggiungendo al valore misurato quello di
movimento del flussometro. Generalmente, si effettua una taratura in discesa ed in salita a diverse
velocit.
261

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.39 REGIME DI FLUSSO E CURVA DI GRADUAZIONE

Se si effettuano le registrazioni muovendo lo strumento nella direzione del flusso, il segnale rilevato
sar positivo, nullo o negativo secondo la maggiore, uguale o minore velocit di risalita del fluido
rispetto a quella del cavo. Variando la velocit di movimentazione dello strumento, si possono ottenere
segnali positivi e negativi e, quindi, si possono quantificare gli effetti legati agli attriti {FIG. 8.40}.

FIG. 8.40 TARATURA DEL FLUSSIMETRO

262

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi

FIG. 8.41 AUTOMATIC DIVERTER FLOWMETER

Quando la velocit di risalita del


fluido troppo bassa per essere
rilevata
dal
flussometro,
per
aumentarla, si crea un restringimento
della sezione di passaggio (PFS Petal
Basket Flowmeter, PF Packer
Flowmeter) oppure si genera una
soprappressione con una pompa
incorporata nello strumento (ADF
Automatic Diverter Flowmeter)
{FIG. 8.41}.
Le registrazioni sono effettuate per
punti bloccando gli strumenti alla
colonna mediante lespansione del
packer.

Per basse velocit e oli molto viscosi che rendono difficile la rotazione dellelica, simpiegano sonde
con un erogatore di tracciante radioattivo, comandato dalla superficie, e due rilevatori a diversa
distanza dal punto diniezione (TET Tracer Ejector Tool).
I due sensori rilevano il passaggio del tracciante radioattivo, che si muove con la stessa velocit del
fluido in pozzo. Misurando il tempo intercorrente per coprire la distanza tra i due sensori, si risale alla
velocit del fluido.
Lutilizzo di un tracciante radioattivo pu, in una successiva registrazione nucleare, mettere in
evidenza una cattiva cementazione per infiltrazione del fluido alle spalle di una colonna di
rivestimento.
Nel caso di miscele o fluidi multifase, la determinazione della velocit di flusso influenzata dalla non
omogeneit del mezzo. Secondo la natura, la quantit e il tipo di flusso dei fluidi, si ha una velocit
relativa tra i vari componenti non direttamente rilevabile con i flussometri {FIG. 8.42}.

FIG. 8.42 POSSIBILI FLUSSI DI MISCELE

263

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


In questi casi, per facilitare linterpretazione delle registrazioni si utilizzano i densimetri per
valutazione la composizione del mezzo e delle correlazioni sperimentali.

FIG. 8.43 FLOW VIEW

Per valutare la presenza dacqua negli idrocarburi in pozzo, si pu utilizzare un sensore elettrico per
misurare la conducibilit del mezzo e creare immagini resistive (FL Flow View). Poich gli
idrocarburi non sono conduttivi, rilevando il tempo di conducibilit, si risale alla composizione del
mezzo {FIG. 8.43}.
La rilevazione della pressione e della temperatura si effettua attraverso un solo strumento (PTS
Pressure Temperature Sonde). I manometri utilizzati sono, generalmente, di tipo piezoelettrico
(accuratezza di 0.025 %) o con estensimetri (accuratezza di 0.1 %), mentre per la temperatura si
utilizzano le termocoppie (accuratezza di 0.5 C).
La termometria pu essere, anche, utilizzata per determinare i punti dingresso di gas in pozzo
attraverso le variazioni di temperatura susseguenti allespansione.
Le registrazioni di misure di produzione sono realizzate utilizzando pi strumenti
contemporaneamente (CPLT Combinable Production Logging Tool) {FIG. 8.44}.
Oltre ai sensori precedentemente descritti, si pu discendere in pozzo un rilevatore per i giunti della
colonna di rivestimento (CCL Casing Collar Locator, Magnelog), che sfrutta le variazioni di flusso
magnetico, un caliper ed un campionatore di fluidi (PST Production Fluid Sample Taker).

FIG. 8.44 COMBINABLE PRODUCTION LOGGING TOOL

264

Capitolo 8 _____________________________________________________ Misurazioni ed analisi


Le registrazioni di produzione comprendono, anche, le misure nucleari fatte per valutare lintegrit di
un dreno (GPL Gravel Pack Lock) o la presenza di cloro e, quindi, di acqua salata in formazione
(TDT Thermal Decay Time Log).
Levoluzione pi recente delle registrazioni di misure di produzione
rappresentata dallMDT Modular Formation Dynamics Tester {FIG. 8.45}. Si
tratta di uno strumento che permette di prelevare diversi campioni di fluido di
strato e di farne misure dinamiche di pressione, attraverso sensori piezoelettrici
(accuratezza di 0.01 %), per determinarne il gradiente.
I campioni prelevati sono accumulati in serbatoi singoli per, poi, essere analizzati
in laboratorio. Alcuni sono prelevati direttamente in formazione attraverso due
pistoni opposti che sono spinti allinterno del terreno.
Lo strumento dispone di due packers per isolare, dallazione del fango, zone
particolari, quali strati fratturati o ad alta permeabilit.
Un campione, prelevato nella zona isolata, analizzato direttamente dallo
strumento per mezzo di un sensore ottico, che sfrutta lassorbimento di luce
visibile o infrarossa da parte dei fluidi (OFA Optical Fluid Analyzer), e di uno
resistivo, che ne misura la conducibilit.
Un circuito idraulico permette di azionare i pistoni, di energizzare i packers, di
movimentare i campioni e di espellere i fluidi contaminati dallo strumento.
Lalimentazione del circuito idraulico e della parte elettronica dello strumento
rappresentata da una batteria.
La registrazione del gradiente di pressione pu essere utilizzata per valutare la
permeabilit della formazione e avere unidea sulle capacit erogative del pozzo.
FIG. 8.45 MDT

265

CAPITOLO 9

PERFORAZIONE DIREZIONATA
La perforazione direzionata consiste nella realizzazione di un pozzo con asse non verticale, in modo da
raggiungere un obiettivo sotterraneo che si trova ad una certa distanza orizzontale dalla postazione in
superficie. La possibilit di realizzare un profilo del pozzo, che possa spaziare in tutte le direzioni,
permette dincrementare il raggio dazione dellimpianto.
Si possono, cos, minimizzare i costi di perforazione a mare, realizzando pi pozzi da una stessa
piattaforma fissa, senza necessit di spostare limpianto e con la possibilit di sfruttare la stessa
condotta di trasporto degli idrocarburi (sea line).
Un pozzo deviato permette di raggiungere un obiettivo situato sotto aree edificate, montagne, zone
protette, che sarebbero inaccessibili direttamente sulla sua verticale. Permette, inoltre, desplorare gli
strati sottostanti un fiume, un lago o un mare dalla vicina riva o costa.
Con la perforazione direzionata si possono raggiungere obiettivi posti sotto formazioni problematiche
da attraversare (duomi salini, argille instabili, faglie), potendo aggirarle.
Si pu, altres, recuperare una parte di foro di un pozzo in cui si sono avuti problemi di prosecuzione,
realizzando una deviazione sopra il punto incidentato, per poi proseguire parallelamente al tratto
abbandonato.
La realizzazione di un pozzo deviato pu servire ad intercettarne uno in eruzione e provvedere al suo
soffocamento.
Una tipologia particolare di perforazione direzionata, quellorizzontale atta ad aumentare la
produttivit di un pozzo attraverso lincremento della superficie di drenaggio.
Questa tecnica rende economico lo sfruttamento di strati molto sottili o di formazioni carbonatiche,
fratturate in direzione quasi verticale, e riduce la possibilit di venuta dacqua o gas.
Per minimizzare il numero di pozzi necessari allo sfruttamento di un giacimento, si possono realizzare
dei fori secondari (multilateral well) a partire da uno principale (main bore).
Con questa tecnica aumentano i rischi e le problematiche di perforazione, ma diminuiscono i costi
dinvestimento, si riduce limpatto ambientale e si migliora il recupero degli idrocarburi.

FIG. 9.1 TIPICHE APPLICAZIONI DELLA PERFORAZIONE DIREZIONATA

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

9.1 DEVIAZIONE SPONTANEA DEL POZZO


Nella perforazione di un pozzo verticale o di uno direzionato sempre problematico fargli seguire il
profilo programmato. Infatti, linterazione meccanica dello scalpello con la formazione genera delle
forze normali allasse della batteria, che tendono a deviarla.
I fattori che influenzano la tendenza di una batteria a deviare dal profilo programmato sono:
linclinazione e la tipologia degli strati attraversati;
la rigidezza della batteria;
la posizione degli stabilizzatori;
il gioco tra batteria e foro;
il peso scaricato sullo scalpello.
Quando sincontra uno strato inclinato rispetto allavanzamento dello scalpello, si determina
unanisotropia del mezzo che provoca una deviazione spontanea. Essa dovuta alla maggiore facilit
di perforazione di una formazione tenera rispetto ad una dura, che tende a far avanzare lo scalpello
lungo la strada pi facile. Passando da una formazione tenera ad una dura, si ha una deviazione verso
monte dello strato, in quanto la parte dello scalpello con maggiori difficolt di perforazione funge da
fulcro e tende a farlo avanzare perpendicolarmente alla discontinuit. Se, per, la formazione dura
molto inclinata, la discontinuit si comporta come un cuneo spingendo lo scalpello nello strato tenero
{FIG. 9.2}. Passando da una formazione dura ad una tenera, si ha una deviazione verso valle dello
strato, in quanto la parte dello scalpello che incontra per prima la discontinuit tende ad avanzare pi
rapidamente.

TENERA
DURA
DURA

DURA

TENERA

TENERA

FIG. 9.2 EFFETTO DELLINCLINAZIONE DEGLI STRATI SULLA DEVIAZIONE DEL POZZO

Il fenomeno della deviazione spontanea di un pozzo si pu analizzare, anche, in termini di forze.


Considerando il passaggio da una formazione tenera ad una dura con piano di separazione inclinato, il
peso sullo scalpello non si distribuisce uniformemente a fondo pozzo, ma la maggior parte del carico
equilibrata dalla formazione pi resistente e rigida. La reazione asimmetrica del terreno rispetto
allasse della batteria genera una coppia in corrispondenza dello scalpello, che tende a farlo deviare.
Se non sutilizzano stabilizzatori ed il pozzo inclinato, la batteria centrata al fondo dallo scalpello
ed appoggiata superiormente alla parete, per effetto del peso proprio. Ne risulta uninflessione delle
aste, che determina uninclinazione dellasse della batteria maggiore di quella del pozzo. In assenza
dellinfluenza del terreno, il peso applicato allo scalpello tende a deviare il foro avendo una
componente normale allasse del pozzo {FIG. 9.3}.
Il punto dappoggio della batteria alla parete del foro funge da fulcro per il tratto sottostante. Esso pu
essere considerato un pendolo che, per azione del proprio peso applicato nel suo baricentro, tende a
riportarsi in posizione verticale, contrariamente agli effetti dovuti allinflessione della batteria.
267

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Gli effetti delle coppie generate dallinflessione della batteria e dallinclinazione del pozzo dipendono
dal peso applicato allo scalpello, dalla rigidezza della batteria e dal gioco tra aste e foro.
Se si montano degli stabilizzatori in batteria, diminuisce la tendenza a deviare per linflessione delle
aste e si hanno nuovi fulcri per gli effetti pendolari.
In funzione della distanza tra lo scalpello e gli stabilizzatori, del gioco tra aste e foro, della rigidezza e
del peso scaricato, la batteria pu appoggiarsi o no alla parete.

EFFETTO
PENDOLO

DEVIAZIONE PER
INFLESSIONE DELLA
BATTERIA
FIG. 9.3 DINAMICA DELLE FORZE DI DEVIAZIONE SPONTANEA

Partendo dalle sopracitate considerazioni, si possono individuare le metodologie atte a controllare la


deviazione del pozzo.
ASTA
PESANTE

ASTA
PESANTE
ASTA
PESANTE

ASTA
PESANTE

ASTA
PESANTE

ASTA
PESANTE

STABILIZZATORE

ASTA
PESANTE

STABILIZZATORE
ASTA
PESANTE

STABILIZZATORE

ASTA
PESANTE

STABILIZZATORE

ASTA
PESANTE

ASTA
PESANTE
CORTA

STABILIZZATORE

STABILIZZATORE

STABILIZZATORE

STABILIZZATORE

SCALPELLO

SCALPELLO

SCALPELLO

PER FORMAZIONI TENERE


E POCO INCLINATE

PER FORMAZIONI DURE


E POCO INCLINATE

FIG. 9.4 ESEMPI DI BATTERIE STABILIZZATE

268

PER FORMAZIONI DURE


E MOLTO INCLINATE

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


La diminuzione del peso sullo scalpello limita gli effetti dellinflessione della batteria ed aumenta
quelli pendolari per allontanamento del punto di contatto ed incremento della massa del tratto libero.
Utilizzando aste pi rigide, diminuisce linflessione e si ha un allontanamento del punto di contatto.
Il numero e la posizione degli stabilizzatori influenzano linflessione della batteria e gli effetti
pendolari. La zona particolarmente critica per il controllo della deviazione quella vicina allo
scalpello, in quanto, in corrispondenza di essa, si hanno le interazioni con la formazione che
maggiormente influenzano la batteria.
Quando la realizzazione di pozzi verticali, con la sola
stabilizzazione della batteria, resa problematica
TRASMETTITORE
dallalternanza di formazioni a diversa inclinazione, si
D'IMPULSI
pu utilizzare un sistema automatico chiamato SDD
Straight hole Drilling Device {FIG. 9.5}.
TURBINA CON
Si tratta di un dispositivo avente un motore di fondo,
ALTERNATORE
quattro bracci apribili comandati oleodinamicamente, un
ELETTRONICA
sistema MWD ed unelettronica di comando per il
DI COMANDO
funzionamento in automatico. Se durante la perforazione
SENSORI
la traiettoria si discosta dalla verticale, lelettronica di
D'INCLINAZIONE
comando, tramite la registrazione dei sensori
COMANDI
OLEODINAMICI
dinclinazione, ritrae uno o due bracci in modo da
generare la forza necessaria a rientrare in traiettoria.
In posizione verticale, i bracci sono normalmente aperti
MOTORE
funzionando come uno stabilizzatore, mentre per
inclinazioni superiori al mezzo grado, iniziano le
correzioni.
I dati dinclinazione del pozzo e quelli di funzionamento
BRACCI
APRIBILI
dello strumento sono continuamente comunicati in
superficie, tramite il sistema di trasmissione dellMWD.
La potenza necessaria per la trasmissione dei dati e per
lazionamento dei comandi oleodinamici generata
tramite un alternatore accoppiato ad una turbina, che
ALLOGGIAMENTO
sfrutta lenergia cinetica del fluido di perforazione.
PER CUSCINETTI
Lo scalpello montato immediatamente sotto lSDD e il
suo azionamento unicamente affidato al motore di
fondo, in quanto la rotazione della batteria renderebbe
SCALPELLO
impossibile la correzione della traiettoria e provocherebbe
una rapida usura dei bracci (steering mode).
FIG. 9.5 STRAIGHTHOLE DRILLING DEVICE

Tuttavia, lutilizzo dellSSD non preclude la possibilit di perforare con la rotazione di tutta la batteria
(rotary mode), in quanto con opportuni impulsi di pressione del fango, possibile dalla superficie
disattivarne il funzionamento e mantenere i bracci in posizione di chiusura.
Il sistema SDD permette di ottenere pozzi perfettamente verticali con inferiori perdite di potenza per
attrito, minori sollecitazioni della batteria e migliore stabilit del foro. Facilita, inoltre, la discesa delle
colonne di rivestimento e rende possibile limitare il gioco esistente tra esse (slim hole).
Permette di perforare pi pozzi da una stessa postazione (clasterizzazione) senza pericolo di collisione.

9.2 ATTREZZATURE E TECNICHE DI DEVIAZIONE


Il profilo di un pozzo deviato costituito da tratti rettilinei e curvi. Quando un tratto curvo ha
linclinazione crescente con la verticale, si definisce build-up, mentre se decrescente si definisce

269

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


drop-off. Lincremento angolare dellinclinazione (rate) , generalmente, misurato attraverso la
variazione di pendenza ogni 30 m di foro perforato.
Il punto iniziale della deviazione dal tratto verticale denominato con terminologia inglese kick-off
point.
Generalmente, un pozzo deviato inizia con un tratto superficiale verticale, ma si pu, anche, utilizzare
un tubo guida curvo (curved conductor) o partire con un tratto rettilineo, ma inclinato, realizzato per
mezzo di un impianto con torre pendente (tilted rig).
Le tre configurazioni geometriche che assumono i pozzi orientati sono:
senza rientro in verticale (slant hole o inclined hole);
con rientro in verticale (s-shaped hole);
con deviazione in profondit (deep slant hole).

TU B O G U ID A
CURVO

CON TOR RE
IN C LIN A T A

CON
B U ILD U P

C O N B U IL D -U P
E D R O P -O F F

O R IZZ O N T A LI

FIG. 9.6 ESEMPI DI PROFILI DI POZZI DIREZIONATI

Linizio della deviazione del foro avviene mediante speciali utensili o tecniche, si ricordano:
il cuneo deviatore (whipstock);
lo scalpello a getto asimmetrico (jetting);
i motori di fondo accoppiati con un giunto angolato;
i sistemi di guida intelligenti (autotrak o rotary closed loop system).
Il cuneo deviatore disceso in pozzo collegandolo allo scalpello mediante un manicotto ed un perno.
Quando prossimo a raggiungere il fondo del pozzo, orientato nel modo che si desidera e se ne
controlla la direzione con un single shot, disceso allinterno delle aste con un cavo.
Successivamente, caricando lo scalpello, il cuneo si pianta e, conseguentemente, si ha la rottura del
perno che permette diniziare la perforazione.
Con la rotazione della batteria, lo scalpello spinto dal cuneo verso la parete del foro e, quindi,
penetra nella formazione per un tratto inclinato rispetto alla verticale.
Risollevando lo scalpello, esso non pu passare attraverso il manicotto e quindi trascina con se, in
superficie, il cuneo, che viene recuperato.
I cunei possono essere utilizzati, anche, per realizzare una deviazione allinterno di una colonna di
rivestimento (sidetrack).
In questo caso, si scende in pozzo, con le aste, un packer permanente, lo si orienta e lo si fissa nella
posizione voluta {FIG. 9.7}.
Solidale con il packer c un manicotto con un incastro a chiave (orienting sub), per rendere univoco
lorientamento.
Allinterno del packer sinstalla un cuneo disceso con la batteria; il suo orientamento avviene nella
direzione voluta attraverso una scarpa opportunamente conformata (muleshoe stinger), che sincastra
nellorienting sub.
La batteria dispone di una fresa (mill), che spinta lateralmente dal cuneo fora la colonna di
rivestimento e penetra nel terreno per qualche metro.
270

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

FIG. 9.7 MODALIT DI REALIZZAZIONE DI UNA DEVIAZIONE

Successivamente, la batteria viene ritratta per sostituire la fresa con uno scalpello maggiormente
indicato per la perforazione, mentre il cuneo e il packer restano ancorati alla colonna.
La deviazione del foro si pu ottenere sfruttando lenergia cinetica del fango (jetting). Sutilizza una
batteria di perforazione con uno scalpello a rulli, avente due dusi tappate ed una di gran sezione.
Dopo aver disceso lo scalpello a fondo pozzo, sinizia a pompare il
fluido di perforazione con la batteria ferma. In presenza di terreni
facilmente perforabili, il getto uscente dalla duse determina uno
scavernamento asimmetrico del foro {FIG. 9.8}.
Scaricando peso sullo scalpello e mettendo uno stabilizzatore, che
funge da fulcro, immediatamente sopra di esso (near bit), si riesce
ad incrementare linclinazione del pozzo.
La curva del build-up si costruisce alternando lazione sgretolante
del getto con la perforazione tradizionale in rotazione.
FIG. 9.8 JETTING

271

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Utilizzando nella batteria un giunto angolato (bent sub), regolato in superficie, e altri stabilizzatori, si
riesce a mantenere linclinazione del pozzo.
La deviazione di un pozzo si pu realizzare montando, sotto un orienting sub e un giunto angolato, un
motore di fondo. Generalmente, sutilizza un motore a lobi, in quanto, essendo pi corto di una
turbina, permette di controllare pi facilmente la deviazione.
Discesa la batteria a fondo pozzo e rilevata la direzione con un single shot, sinizia la perforazione
della formazione utilizzando il solo motore di fondo.
La realizzazione di un pozzo direzionato con questo sistema richiede molta esperienza da parte
delloperatore, che deve impostare il motore di fondo in una direzione diversa da quella voluta per
tenere conto della sua reazione torsionale. Essa dipende dal tipo di motore, dalla natura della
formazione, dalla rigidezza della batteria, dal peso scaricato sullo scalpello.
Accoppiando al motore di fondo un sistema MWD, possibile controllare in continuo la direzione e
linclinazione del pozzo e, quindi, apportare delle correzioni ruotando di un certo angolo la batteria o
variando il peso scaricato sullo scalpello.
Montando il giunto angolato al di sotto del motore di fondo, possibile realizzare sia il tratto curvo sia
quello rettilineo con la stessa batteria. Infatti, avvicinando il giunto allo scalpello, si diminuisce il suo
spostamento dallasse della batteria in maniera tale da rendere possibile la rotazione di tutte le aste
(steerable mode).

FIG. 9.9 ROTARY CLOSED LOOP DRILLING SYSTEM

272

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


In tal caso, il giunto angolato deve permettere, anche, la trasmissione della rotazione del motore allo
scalpello secondo un asse inclinato (kick-off sub).
In alcuni giunti angolati, possibile regolarne, in superficie, linclinazione attraverso la rotazione
relativa delle due sue parti (adjustable kick-off sub).
Altri giunti, ancora, hanno una doppia angolazione, luna opposta allaltra, per ridurre ulteriormente lo
spostamento dello scalpello dallasse del motore (double tilted U-joint).
I sistemi di guida intelligenti permettono un controllo continuo ed automatico della traiettoria e della
direzione del pozzo, senza interrompere la perforazione. Sono caratterizzati da un motore di fondo, da
uno stabilizzatore, un sistema MWD e da un dispositivo di guida automatico non rotante, che permette
di seguire una traiettoria prestabilita per mezzo dellazione di tre bracci apribili {FIG. 9.9}.
Il sistema consente dimpostare una traiettoria prestabilita prima di essere disceso in pozzo e di
mantenerla automaticamente durante la perforazione o modificarla attraverso la modulazione in
superficie della portata del fango in ingresso (downlink).
Lenergia necessaria per azionare i bracci, le valvole, lelettronica e il sistema di trasmissione dati
fornita da una turbina accoppiata ad un alternatore.
Il sistema pu essere utilizzato con il solo motore di fondo e con la rotazione di tutta la batteria
permettendo gran flessibilit dintervento.

9.3 CRITERI DI PROGETTAZIONE DI UN POZZO DIREZIONATO


La progettazione di un foro direzionato, oltre a definire la tipologia e le caratteristiche delle
attrezzature e dei materiali, tipica di tutti i pozzi, consiste nella scelta dellubicazione della postazione
di superficie, nel definire la posizione dellobiettivo da raggiungere e nellindicare il profilo.
La posizione dellobiettivo da raggiungere determinata dallubicazione del giacimento, dai limiti
delle concessioni e dalla possibile interferenza tra i vari pozzi. Essa realmente non rappresentata da
un valore puntuale, ma da una certa area, in quanto lincertezza degli strumenti nella registrazione del
profilo del pozzo individua un cono allinterno del quale ogni traiettoria possibile.
Tenendo conto deventuali limitazioni presenti in superficie, il posizionamento dellimpianto di
perforazione deve essere fatto minimizzando i costi totali.
Si ricerca una postazione non molto distante da strade gi esistenti e dalla verticale dellobiettivo, per
non aumentare il costo di costruzione delle infrastrutture e la lunghezza del tratto da perforare.
Nel caso di perforazione di pi pozzi direzionati da ununica postazione, lubicazione dellimpianto
deve essere fatta minimizzando la distanza totale dai vari obiettivi (posizione baricentrica).
Fissati lubicazione della postazione e lobiettivo da raggiungere, si sceglie il profilo del pozzo,
definendo la profondit dinizio deviazione, lincremento angolare di curvatura, langolo di massima
inclinazione e leventuale rientro in verticale, in modo da rendere pi agevole la perforazione.
Il posizionamento del kick-off point a bassa profondit facilita la realizzazione della deviazione, per la
minore compattezza dei terreni, velocizza le manovre, permette, a parit dinclinazione, maggiori
scostamenti dalla verticale, ma aumenta il tratto deviato da perforare.
Il build-up rate (B. U. R.) pu assumere i valori pi diversi, potendo passare dalla direzione verticale
allorizzontale in poche decine di metri. preferibile, per, utilizzare incrementi angolari di 1.5 4
ogni 30 m; valori inferiori rendono difficile il controllo della deviazione, mentre valori superiori
sollecitano eccessivamente la batteria a fatica e aumentano il rischio di presa delle aste.
consigliabile utilizzare valori di drop-off rate (D. O. R.) tra 1.5 2 ogni 30 m, in quanto, essendo
il rientro in verticale susseguente ad un tratto inclinato, si hanno maggiori difficolt a scaricare peso
sullo scalpello. Nel caso di tratti rettilinei, preferibile adottare inclinazioni inferiori a 50 per evitare
di avere basse velocit davanzamento, susseguenti alle difficolt di scaricare peso sullo scalpello.
Il profilo di un pozzo direzionato rappresentato attraverso le sue proiezioni su un piano verticale ed
orizzontale {FIG. 9.10}. Le due proiezioni rappresentano in scala il profilo teorico del pozzo e
permettono, riportando i dati di deviazione delle registrazioni, di evidenziarne lo scostamento da
quello reale, per apportare opportune correzioni.
273

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


POSTAZIONE
DI PARTENZA

NORD
KICK-OFF POINT
m

BUILD-UP

OBIETTIVO

SCOSTAMENTO
DIREZIONE

SLANT
POSTAZIONE
DI PARTENZA

EST

SEZIONE ORIZZONTALE
OBIETTIVO

SEZIONE VERTICALE
FIG. 9.10 SEZIONE VERTICALE ED ORIZZONTALE DEL PROFILO DEL POZZO

Il sistema di riferimento utilizzato per rappresentare la proiezione orizzontale del profilo del pozzo ha
origine nel centro del piano tavola rotary e fa uso degli assi cardinali.
Generalmente, la posizione dellimpianto e dellobiettivo indicata attraverso la latitudine, la
longitudine e laltitudine. Esse possono essere riferite alla Terra considerata come una sfera o come un
ellissoide. Poich si definisce latitudine di un punto langolo che la normale nel punto alla superficie
terrestre forma col piano dellequatore, nel primo caso langolo ha sempre il vertice al centro della
Terra, nel secondo in un punto variabile dellasse equatoriale, poich la normale allellissoide passa
per il suo centro solo in corrispondenza dei poli. I paralleli sono numerati da 0 allequatore, a 90 ai
poli, con valori positivi nellemisfero settentrionale e negativi nellemisfero meridionale.
In entrambi i casi, si definisce longitudine langolo formato dal meridiano del punto ed uno preso
come origine. I meridiani sono divisi in un emisfero Est ed in uno Ovest e numerati da 0, sul
meridiano fondamentale di Greenwich, a 180. Il meridiano di riferimento per lItalia quello di
Monte Mario, che alla longitudine di 12 27 8.4 Est da Greenwich.
Laltitudine esprime la distanza verticale, misurata in metri, del punto preso in esame rispetto al
livello medio del mare. Pu essere positiva o negativa a seconda che il punto si trovi al di sopra o al di
sotto del livello medio del mare.
In altri casi, la posizione dellimpianto e dellobiettivo indicata in coordinate chilometriche UTM
(Universale Trasversa di Mercatore), proiettando la superficie terrestre su un cilindro con asse sul
piano equatoriale e sviluppandola, successivamente, sul piano {FIG. 9.11}.
274

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

FIG. 9.11 COORDINATE GEOGRAFICHE E PROIEZIONE UTM

Per limitare gli errori di proiezione, si limita larea rappresentata su una sola carta per un valore di
longitudine di 6 e si adotta un raggio del cilindro inferiore a quello terrestre, affinch intersechi
lellisse in due punti.
La superficie terrestre suddivisa in 60 fusi di 6 di ampiezza, centrati sui meridiani intermedi per
consentire la sovrapposizione e la continuit di quelli adiacenti.
Le ordinate sono contate con valore positivo dallequatore verso il polo Nord, le ascisse con valore
positivo dal meridiano centrale del fuso rappresentato verso Est. Per evitare numeri negativi vengono
sovente assegnati allorigine vera delle coordinate, cos definita, dei valori convenzionali positivi
rispetto ad una falsa origine (traslazione).
La proiezione UTM induce una distorsione angolare, in quanto la direzione del Nord geografico non
coincide con la verticale geometrica passante per il punto sulla mappa, se non nel caso del meridiano
centrale. La distorsione nulla allequatore e varia con la distanza dal meridiano centrale e con la
latitudine (i valori di correzione sono riportati sulle mappe in funzione della posizione).
Nota la posizione dellimpianto e dellobiettivo da raggiungere, si calcola lo scostamento orizzontale
tra il punto di partenza e quello darrivo e la direzione del pozzo.
Dalla latitudine e longitudine delle posizioni possibile intuire la direzione della proiezione
orizzontale del profilo del pozzo.
Se la latitudine e la longitudine del punto di arrivo sono maggiori di quelli del punto di partenza ed
entrambi sono nellemisfero settentrionale, sintuisce che il pozzo diretto in direzione Nord-Est.
Per disegnare i punti dinteresse sulla carta, occorre effettuare le differenze tra le coordinate
geografiche darrivo e di partenza e trasformarle in distanze attraverso dei tabulati {TAB. 9.1}. Essi,
per ogni latitudine, riportano le distanze in latitudine e longitudine per ogni secondo di grado.
Latitudine
42 00
42 01
42 02
42 03
42 04
42 05
42 06
42 07
42 08

Distanza in metri per secondo di latitudine


30.8547
30.8548
30.8549
30.8550
30.8551
30.8552
30.8552
30.8553
30.8554

Distanza in metri per secondo di longitudine


23.0152
23.0092
23.0032
22.9971
22.9911
22.9851
22.9791
22.9731
22.9670

TAB. 9.1 DISTANZE IN METRI PER SECONDO DI LATITUDINE E LONGITUDINE

Per calcolare lordinata dellobiettivo dalla testa pozzo, occorre moltiplicare la differenza in latitudine
trovata, per il valore unitario (per secondo di grado) della tabella, in corrispondenza della latitudine
pi prossima a quella del punto di partenza.

275

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Per calcolare lascissa dellobiettivo dalla testa pozzo, occorre moltiplicare la differenza in longitudine
trovata, per il valore unitario (per secondo di grado) della tabella, in corrispondenza della latitudine
pi prossima a quella del punto di partenza.
Note le coordinate cardinali del punto darrivo rispetto alla testa pozzo, possibile trasformarle in
coordinate polari ( = spostamento, = direzione oraria rispetto al Nord) {FIG. 9.10}:

= x2 + y2 ;

(9.1)

= arctg

x
y

(9.2)

A volte, in luogo delle coordinate polari, susano quelle di campo; anchesse sono definite da uno
spostamento e una direzione, ma questultima riferita a Nord, quando ci si trova nei quadranti NordEst e Nord-Ovest, e a Sud, quando ci si trova nei quadranti Sud-Est e Sud-Ovest (esempio Sud30 Ovest).
Noti lo spostamento orizzontale e la direzione del pozzo, si passa alla rappresentazione della sezione
verticale, definendo il kick-off point, il profilo del pozzo e le variazioni angolari.
In base alla profondit verticale da raggiungere e allo spostamento orizzontale, si fissano un kick-off
point e una variazione angolare di prova o di primo tentativo (YK, B. U. R.).
Se il profilo previsto caratterizzato da un build-up e da un tratto rettilineo ad inclinazione costante, si
calcola la lunghezza verticale effettivamente disponibile per la deviazione (YB + YS) come differenza
tra quella totale e quella dinizio deviazione (YK) {FIG. 9.12}.

FIG. 9.12 PROGETTAZIONE DEL PROFILO

Impostata la variazione angolare, possibile calcolare il raggio di curvatura del build-up con la
seguente relazione:
R=

180
1
*
B.U .R.

276

(9.3)

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Se il raggio di curvatura del build-up minore dello spostamento, {FIG. 9.12}, si ha:

= +

(9.4)

Dallanalisi del triangolo CDG, si ha:

= arcsen

R
= arcsen
DG

(YB + YS )2 + ( R )2

(9.5)

Dallanalisi del triangolo DGH, si ha:

= arctg

Ne consegue che = arcsen

( R )
(YB + YS )

(YB + YS )

+ arctg

+ ( R )

(9.6)

( R )

(YB + YS )

Se il raggio di curvatura del build-up maggiore dello spostamento, {FIG. 9.12}, si ha:

(9.7)

Dallanalisi del triangolo CDG, si ha:

= arcsen

R
= arcsen
DG

(YB

+ YS ) + (R )
2

(9.8)

Dallanalisi del triangolo DGH, si ha:

= arctg

Ne consegue che = arcsen

(YB + YS )

(9.9)

(YB + YS )

R
2

(R )

+ (R )

arctg

(R )

(YB + YS )

Calcolato langolo , si determinano le componenti orizzontali e verticali del tratto di build-up e del
tratto rettilineo (slant):

X B = R * sen

(9.10)

Y B= R * (1 cos )

(9.11)

XS = XB

(9.12)

YS =

XS
tg

La lunghezza del pozzo dal punto dinizio deviazione allobiettivo data da:
277

(9.13)

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

LB D = B C + C D =

XS

+
B.U .R. sen

(9.14)

Nota la profondit verticale dellobiettivo e quella del tratto B D , si ricalcola la misura esatta del
punto dinizio deviazione:

YK = YO YB YS

(9.15)

Se il profilo previsto caratterizzato da un rientro in verticale, si calcola la lunghezza verticale


effettivamente disponibile per la deviazione (YB + YS) come differenza tra quella totale e quella
dinizio deviazione (YK) {FIG. 9.13}.
In base alla profondit verticale da raggiungere e allo spostamento orizzontale, si fissano un kick-off
point (YK), un build-up rate (B. U. R.) ed un drop-off rate (D. O. R.) di prova o di primo tentativo.

FIG. 9.13 PROGETTAZIONE DEL PROFILO CON RIENTRO IN VERTICALE

Stabilite la variazione angolari, possibile calcolare il raggio di curvatura del build-up e del drop-off:
R1 =

180
1
*

B.U .R.

(9.16)

R2 =

180
1
*
D.O.R.

(9.17)

Con delle considerazioni del tutto simile alle precedenti, si determina langolo dinclinazione del tratto
rettilineo {FIG. 9.13}.
Se la somma dei raggi di curvatura di build-up e drop-off maggiore dello spostamento orizzontale, si
ha:

278

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

FIG. 9.14 DIAGRAMMA DI EASTMAN-WHIPSTOCK

279

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

= arctg

R B + R D

Y B + YS + Y D
Y + YS + YD
arccos
* sen arctg B

RB + RD
R B + R D
YB + YS + YD

(9.18)

Se la somma dei raggi di curvatura di build-up e drop-off minore dello spostamento orizzontale, si
ha:

= 180 arctg

R B + R D

Y B + YS + Y D
Y + YS + YD
arccos
* sen arctg B

RB RD
R B R D
YB + YS + YD

(9.18)

La definizione della sezione verticale pu essere realizzata, anche, attraverso un metodo grafico con
lutilizzo dei diagrammi di Eastman-Whipstock {FIG. 9.14}. Si tratta di un metodo approssimato
per la difficolt di rilevazione dei punti sui diagrammi e per il fatto che questultimi sono realizzati
considerando gli archi come segmenti di retta (metodo dellangolo medio).
I diagrammi di Eastman-Whipstock sono grafici nei quali, per un fissato incremento angolare, in
funzione dello spostamento orizzontale e della lunghezza verticale utile, si ricava linclinazione del
tratto slant.
Se, per esempio, si vuole raggiungere un obiettivo alla profondit di 2500 m, con un kick-off point di
350 m e con uno spostamento di 1430 m, realizzando un pozzo slant con un incremento angolare di 3
ogni 30 m, sindividua linclinazione del tratto rettilineo sul diagramma di Eastman-Whipstock,
relativo al B. U. R. fissato, entrando in ordinate con la lunghezza verticale utile (2150 = 2500 350)
ed in ascissa con lo spostamento {FIG. 9.14}. Dallanalisi del diagramma, si vede che per raggiungere
lobiettivo bisogna adottare un angolo dinclinazione di 36.
In commercio esistono numerosi software che facilitano la progettazione di un pozzo direzionato. Essi
sono molto flessibili, permettendo di definire vari profili con la sola impostazione delle coordinate di
partenza e darrivo o, anche, attraverso la scelta di un kick-off point e di un incremento angolare.
Questi software permettono di rappresentare le sezioni del profilo teorico del pozzo e di quello reale
attraverso le registrazioni dei dati di deviazione (survey).

SURVEY DATA
C o o r d in a te m e tr ic h e

P r o fo n d it
m is u r a ta

In te r va llo
m is u r a to

In c lin a z io n e

A z im u t

P r o fo n d it
ve r tic a le

S c o s ta m e n to

[ m ]

[ m ]

[ ]

[ ]

[ m ]

[ m ]

N o r d (+ )
S u d (-)

E s t(+ )
O ve s t(-)

0 ,0 0

1 2 2 ,7 0

1 3 0 0 ,0

0 ,0 0

0 ,0 0

0 ,0 0

1300
1320

2 0 ,0 0

2 ,1 0

2 3 8 ,2 0

1 3 2 0 ,0

0 ,3 7

-0 ,3 1

0 ,0 0

1343

2 3 ,0 0

6 ,2 0

2 5 0 ,8 0

1 3 4 2 ,9

2 ,0 3

-1 ,0 4

-1 ,5 0

1362

1 9 ,0 0

7 ,3 0

2 5 0 ,3 0

1 3 6 1 ,8

4 ,2 6

-1 ,8 1

-3 ,6 0

1387

2 5 ,0 0

9 ,7 0

2 7 4 ,2 0

1 3 8 6 ,5

7 ,9 5

-2 ,3 5

-7 ,2 3

1402

1 5 ,0 0

9 ,4 0

2 7 5 ,3 0

1 4 0 1 ,3

1 0 ,4 4

-2 ,1 8

-9 ,7 1

1430

2 8 ,0 0

9 ,0 0

2 7 6 ,3 0

1 4 2 9 ,0

1 4 ,9 2

-1 ,8 0

-1 4 ,1 6

1451

2 1 ,0 0

9 ,1 0

2 7 9 ,8 0

1 4 4 9 ,7

1 8 ,2 2

-1 ,3 8

-1 7 ,4 3

1474

2 3 ,0 0

9 ,2 0

2 7 9 ,9 0

1 4 7 2 ,4

2 1 ,8 7

-0 ,8 1

-2 1 ,0 4

1496

2 2 ,0 0

9 ,1 0

2 7 4 ,9 0

1 4 9 4 ,1

2 5 ,3 7

-0 ,4 2

-2 4 ,5 0

1519

2 3 ,0 0

9 ,2 0

2 7 5 ,6 0

1 5 1 6 ,8

2 9 ,0 3

-0 ,1 4

-2 8 ,1 4

1543

2 4 ,0 0

9 ,4 0

2 7 6 ,5 0

1 5 4 0 ,5

3 2 ,9 0

0 ,2 1

-3 2 ,0 0

1565

2 2 ,0 0

9 ,5 0

2 7 5 ,3 0

1 5 6 2 ,2

3 6 ,5 1

0 ,5 3

-3 5 ,5 9

1582

1 7 ,0 0

9 ,0 0

2 7 7 ,4 0

1 5 7 9 ,0

3 9 ,2 4

0 ,7 9

-3 8 ,3 1

2 3 ,0 0

8 ,6 0

2 7 7 ,5 0

1 6 0 1 ,7

4 2 ,7 6

1 ,2 0

-4 1 ,7 9

1605

TAB. 9.2 DATI DI DEVIAZIONE CALCOLATI CON IL METODO DEL RAGGIO DI CURVATURA

280

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


I survey {TAB. 9.2} forniscono linclinazione e lazimut del foro a varie profondit (measured
depth); attraverso delle relazioni matematiche e partendo da questi valori, si calcolano la profondit
verticale (true vertical depth), lo spostamento orizzontale (course length), e le coordinate metriche.
In alcuni casi, forniscono anche la sezione verticale (vertical section), cio la proiezione dello
spostamento orizzontale nella direzione di progetto, e linclinazione angolare massima ammissibile
(dog leg severity), per non avere difficolt nella discesa delle colonne di rivestimento e sollecitare
eccessivamente le aste a fatica.
Esistono diversi modelli geometrici per la rappresentazione del profilo del pozzo a partire dai dati di
deviazione.
Il sopraccennato metodo dellangolo medio approssima il tratto di foro tra due punti di misura con un
segmento di retta. Linclinazione e la direzione del segmento sono assunti pari al valore medio degli
angoli misurati ai suoi estremi. Il metodo poco preciso, ma sufficientemente semplice da permettere
calcoli manuali.
Il metodo del raggio di curvatura approssima il tratto di foro tra due punti di misura con un arco di
cerchio {FIG. 9.15}. La curva caratterizzata da un raggio di curvatura costante sia sul piano verticale
che orizzontale. Il metodo preciso, ma richiede un sistema di calcolo e non pu essere applicato
quando due registrazioni consecutive dinclinazione o di direzione forniscono lo stesso valore perch
ci comporterebbe un raggio di curvatura infinito. In tal caso, per il suddetto intervallo, si pu
utilizzare il metodo dellangolo medio.

FIG. 9.15 METODO DEL RAGGIO DI CURVATURA

Il raggio di curvatura sul piano verticale, calcolato con il metodo del raggio di curvatura, pari a:
RV =

L 180

2 1

(9.19)

La variazione nella profondit verticale pari a:

V = RV (sen 2 sen 1 )

(9.20)

La variazione nello spostamento orizzontale pari a:

H = RV (cos 1 cos 2 )
Il raggio di curvatura sul piano orizzontale pari a:
281

(9.21)

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

RO =

H 180

2 1

(9.22)

Lo spostamento orizzontale in direzione Nord (+) / Sud () pari a:

N = RO (sen 2 sen 1 )

(9.23)

Lo spostamento orizzontale in direzione Est (+) / Ovest () pari a:

E = RO (cos 1 cos 2 )

(9.24)

Il metodo del minimo raggio di curvatura approssima il tratto di foro tra due punti di misura con un
particolare arco di cerchio {FIG. 9.16}. Questo il metodo che fornisce la maggiore precisione nello
sviluppo del profilo del pozzo.

FIG. 9.16 METODO DEL MINIMO RAGGIO DI CURVATURA

Langolo si calcola con la formula:

= arccos[cos 1 cos 2 + sen 1 sen 2 cos( 2 1 )]

(9.25)

La conoscenza di permette di calcolare un fattore di rapporto F (ratio factor):


F=

2 180

tg
2

(9.26)

La variazione nella profondit verticale pari a:


V = F

L
(cos 1 + cos 2 )
2

(9.27)

Lo spostamento orizzontale in direzione Nord (+) / Sud () pari a:


N = F

L
(sen 1 cos 1 + sen 2 cos 2 )
2
282

(9.28)

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Lo spostamento orizzontale in direzione Est (+) / Ovest () pari a:
E = F

L
(sen 1 sen 1 + sen 2 sen 2 )
2

(9.29)

La massima variazione angolare ammissibile (dog leg severity) pari a:


D.L.S . = 100

arccos[cos 1 cos 2 + sen 1 sen 2 cos( 2 1 )]


L

(9.30)

Come accennato in precedenza, lincertezza del metodo utilizzato e quella degli strumenti di misura
fanno s che ogni punto di registrazione possa essere compreso in una certa area. Poich a parit
dincertezze angolari larea di possibile posizione aumenta con laumentare della profondit, si
determina un cono allinterno del quale contenuto il profilo del pozzo.
Nel caso di pozzi vicini, occorre valutare il cono dincertezza di ognuno di essi per evitare possibili
interferenze.

9.4 PERFORAZIONE ORIZZONTALE


La perforazione orizzontale permette daumentare la produttivit di un pozzo ed il recupero degli
idrocarburi grazie ad un aumento della superficie di drenaggio.
Questa tecnica particolarmente indicata nelle formazioni carbonatiche per la compattezza del terreno
e per la possibilit dintercettare diverse fratture.
Un pozzo orizzontale pu essere realizzato con diverse tecniche di perforazione.
Il metodo con piccolo raggio di curvatura (short radius method) permette di passare dalla posizione
verticale a quella orizzontale in 10 50 m allontanandosi di 300 m. Esso richiede lutilizzo di giunti
snodati e di un motore di fondo in batteria, non permette la rotazione delle aste e linstallazione di una
colonna di rivestimento.
Il metodo con raggio di curvatura medio (medium radius method) permette di realizzare un angolo
dinclinazione di 90 in 150 300 m con fori orizzontali lunghi 1500 m.
Il metodo con raggio di curvatura lungo (long radius method) permette di realizzare un angolo
dinclinazione di 90 in 300 1000 m con fori orizzontali di lunghezza superiore ai 2000 m.
La realizzazione di un foro orizzontale comporta maggiori problemi di perforazione e completamento.
Gli ingenti attriti tra foro ed aste rendono difficile scaricare peso sullo scalpello, riducono le velocit
davanzamento, aumentano la potenza richiesta per lazionamento della batteria.
Gli incrementi angolari del profilo aumentano le sollecitazioni meccaniche sulla batteria e ne
accentuano lusura.
Il breve tratto di ricaduta dei detriti di perforazione sulla parete di un foro orizzontale, richiede un
fango con eccellenti caratteristiche tixotropiche e di trasporto.
Lesecuzione di cementazioni o gravel packing orizzontali spesso determina canalizzazioni per la
tendenza della malta o del materiale del dreno di decantare sul fondo.
Lesecuzione di registrazioni in pozzi orizzontali, richiede tecniche particolari per riuscire a portare i
sensori a fondo foro.

9.5 INTERFERENZE TRA POZZI


Lincertezza sulla traiettoria di un pozzo dipende dallincertezza degli strumenti di misura atti a
rilevarla. Tale fenomeno pu avere unimportanza marginale nel caso in cui si commettono piccoli
errori nel raggiungimento dellobiettivo sotterraneo, ma anche rilevanza sostanziale nel caso di pi
pozzi, realizzati dalla stessa postazione (cluster), che possono interferire tra loro.
283

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Tale problematica , generalmente, affrontata attraverso il concetto di ellisse dincertezza, ovvero un
ellisse con assi sul piano orizzontale uguali fra loro (incertezza orizzontale costante sul piano) e con
asse verticale nullo (incertezza verticale trascurabile).
Tale ellisse aumenta di dimensioni con laumentare della profondit in quanto, a parit dincertezza,
cresce lo scartamento; in altre parole, la traiettoria del pozzo non pi considerata una linea, ma una
specie di cono.
Nella valutazione dellincertezza della traiettoria di un pozzo si considerano i seguenti parametri:
tipo di strumenti utilizzati nella rilevazione dei survey (single shot, multi shot, MWD, gyro) sia
per il pozzo in perforazione sia per quello esistente;
valori dinclinazione del foro.
Usando le seguenti abbreviazioni per i vari strumenti:
MSS
magnetic single shot;
MMS
magnetic multi shot;
EMS
electronic magnetic multi shot;
MWD
measuremente while drilling;
HDT
high resolution deep meter;
GSS
gyro single shot;
GMS
gyro multi shot;
SRG
surface reading gyro;
NSG
north seeking gyro (FINDER);
GCT
guidance continuous tool;
FINDS
Ferranti inertial navigation system;
si riportano i coefficienti dincertezza orizzontale, in funzione dellinclinazione del foro e degli
strumenti utilizzati.
Tali coefficenti sono definiti come incremento dellerrore sulla posizione orizzontale (rispetto alla
traiettoria calcolata) per un tratto di 1000 m di profondit misurata (Measured Depth).
INCLINAZIONE
0 10
10 20
20 30
30 45
45 60
60 80
80 90

MWD
2.6
3.3
4.3
6.3
8.5
10.5
10.5

GSS-SRG-GMS
4
7
11
18
30

NSG-GCT
2
2
3.5
7.5
15.6

MSS-MMS
9
13
20
45
55
60

EMS
2
2.2
2.6
3.5
4.4
5.2
5.2

FINDS
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5

TAB. 9.3 INCERTEZZA ORIZZONALE IN m PER OGNI 1000 m DI PROFONDIT MISURATA

INCLINAZIONE
0 10
10 20
20 30
30 45
45 60
60 80
80 90

Strumenti magnetici
2.5
3.7
5.5
10
15.3
17.3

GSS-SRG-GMS
2.2
2.7
3.5
5.7
7.8

FINDS
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5

TAB. 9.4 INCERTEZZA VERTICALE IN m PER OGNI 1000 m DI PROFONDIT MISURATA

Note le incertezze alle varie profondit, si valuta, a vari intervalli, il valore degli scostamenti dalla
linea teorica.
284

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata

FIG. 9.17 DIAGRAMMA DINTERFERENZA TRA POZZI

285

Capitolo 9 ___________________________________________________ Perforazione direzionata


Sommando le incertezze dei due pozzi si ottiene il valore della distanza minima di separazione; tale
parametro rappresenta la distanza fra i pozzi alla quale gli ellissi dincertezza sono tangenti.
Si definisce {FIG. 9.17}:
Curva A: Soglia di separazione
Tale curva rappresenta la distanza minima di separazione fra due pozzi ed pari alla somma delle
incertezze dei due pozzi.
Dal punto di vista statistico rappresenta la distanza di potenziale collisione.
Curva B: Soglia di allarme
ottenuta considerarando la distanza minima di separazione con un coefficente di sicurezza generale
pari a 1,5.
Curva B = Curva A x 1,5
Curva C: Soglia di pericolosit
ottenuta considerando la distanza minima di separazione con un coefficente di sicurezza
generalmente pari a 2.
Curva C = Curva A x 2
Zona X: Campo di pericolosit
Zona compresa fra Curva C e la Curva B
Zona Y: Campo di allarme
Zona compresa fra curva B e la curva A
Zona Z: Campo di potenziale collisione statistica
Zona delimitata dalla Curva A

286

CAPITOLO 10

PROGETTAZIONE DEI POZZI


Lessenza dellingegneria di perforazione la comprensione dei fenomeni fisici connessi con la
realizzazione di un foro nel terreno, e lutilizzo di creativit ed ingegno per il raggiungimento di
determinati obiettivi con il minimo costo.
Come tutte le scienze applicate, la progettazione di un pozzo e il superamento delle problematiche
connesse non ha una soluzione univoca, ma tante possibili. La ricerca del miglioramento e
laffinamento della tecnologia relativa sono la sfida e lo stimolo del lavoro del progettista.
Tutta questattivit si articola e si conclude nella compilazione di un progetto chiamato programma
di perforazione, contenente tutte le informazioni e le procedure da attuare per realizzare un pozzo.
Oltre a tutte le considerazioni tecniche ed economiche da valutare per fare un buon progetto, occorre
essere sensibili agli aspetti legati alla sicurezza delle persone e delle cose e ai problemi ambientali.
Occorre chiedersi e immaginare quali situazioni potrebbero crearsi durante la realizzazione e lo
sfruttamento del pozzo, e quali potrebbero subentrare in caso dinconvenienti nellesecuzione di ci
che si programmato, al fine di prevenire eventuali pericoli.
Occorre utilizzare prodotti non pericolosi per gli esseri viventi e per quanto possibile riciclabili.

10.1 GRADIENTI DI PRESSIONE NEI POZZI


La conoscenza del gradiente di pressione riveste un ruolo di principale importanza nella
programmazione e progettazione di un pozzo petrolifero, avendo esso la stessa funzione dei carichi per
il dimensionamento di un componente meccanico. Noto il gradiente di pressione, si possono indicare:
le profondit, i profili, gli spessori e i materiali delle colonne di rivestimento;
le potenzialit dellimpianto di perforazione;
la tipologia e le caratteristiche reologiche del fango di perforazione;
la tipologia e le caratteristiche reologiche delle malte cementizie;
i programmi idraulici;
le attrezzature di sicurezza e le teste pozzo.
La pressione esercitata ad una certa profondit dalla crosta terrestre da una colonna di terreni si
definisce pressione geostatica o dei sedimenti psed (overburden pressure). In analogia con la
pressione idrostatica e considerando che gli strati di terreno attraversati possono avere densit diversa,
si ha che:
p sed =

n
1
1 n
g i H i
i H i [MPa]
1000 i =1
100 i =1

(10.1)

dove i la densit [kg/dm3] del generico strato i di spessore Hi [m], g laccelerazione di gravit
1
il coefficiente di conversione delle unit di misura.
(g = 9.8 m/s2) e
1000
Esempio
La pressione geostatica esercitata da 200 m di una colonna di terreno uniforme ed omogeneo con una
1
* 2 * 200 = 4 MPa.
densit di 2 kg/dm3 : p sed =
100

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Si definisce gradiente geostatico o dei sedimenti Gsed (overburden gradient) lincremento di
pressione geostatica con laumentare della profondit. Sebbene dal punto di vista matematico, il
gradiente definito in termini infinitesimali, lo si considera costante per un tratto finito (incremento
lineare della pressione con la profondit), affinch possa rappresentare la densit equivalente di una
colonna idrostatica di fluido. Anche lunit di misura scelta in modo tale che il gradiente sia
numericamente uguale alla densit espressa in kg/dm3:
n

H
i

G sed =

i =1
n

i =1

100 p sed
n

MPa
]
100m

(10.2)

i =1

Esempio
Il gradiente geostatico di una colonna di terreno uniforme ed omogeneo esercitante una pressione di
MPa
100 * 3
= 1.5
equivalente alla densit di un fluido in kg/dm3
3 MPa a 200 m : G sed =
100m
200
esercitante unuguale pressione idrostatica.
Come detto, un terreno un mezzo polifase, costituito da una parte solida e da una fluida, che riempie
le sue porosit. Entrambe contribuiscono a determinare la pressione agente ad una certa profondit:
psed = pc + pf

(10.3)

dove pc la pressione esercitata dalla sola matrice solida (pressione di compattazione) e pf la


pressione dei fluidi nei pori.
Analogamente al caso dei sedimenti, queste pressioni possono essere viste in termini di gradienti:

Gc =

100 pc
n

(10.4) ; G f =

i =1

100 p f
n

(10.5)

i =1

Con il procedere del processo di sedimentazione, gli strati di terreno penetrano sempre pi in
profondit e sono sottoposti ad un carico sempre maggiore.
Il progressivo incremento di pressione determina una riduzione della porosit e, quindi, strati sempre
pi compatti. Se al diminuire della profondit segue lespulsione del fluido contenuto nei terreni ed
esiste una comunicazione idraulica verticale, la pressione dei fluidi nei pori sar quella esercitata da
una normale colonna dacqua.
I valori di densit o di gradiente dei fluidi pi comunemente incontrati oscillano tra 1 e 1.07 kg/dm3
MPa
(
) e dipendono dalla salinit delle acque; nel caso di valori inferiori si in sottopressione e per
100m
valori superiori in sovrappressione. Pressioni anomale si possono incontrare in ogni parte del mondo
e possono interessare sia formazioni giovani (Pleistocene) che formazioni antiche (Cambriano).
Affinch ci sia sovrappressione, occorre la presenza di strati a bassa permeabilit, che fungano da
barriera di pressione e ostacolino la completa espulsione dei fluidi da parte degli strati.
Questo fenomeno pu essere dovuto a vari fattori:
pressioni artesiane dovute al fatto che il livello statico del fluido viene a trovarsi ad una quota pi
alta (altezza piezometrica) di quella di ritrovamento {FIG. 10.1};
288

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


una velocit di sedimentazione troppo elevata tale da impedire la normale espulsione di fluido dalle
formazioni (questa situazione si verifica, generalmente, in bacini a rapida subsidenza con
sedimentazione abbondante dargille);
fenomeni di diagenesi di minerali argillosi, di ceneri vulcaniche, di solfati, sottoposti ad elevate
pressioni, che comportano un cambiamento strutturale con variazione del potere idrofilo;
decomposizione di sostanze organiche con conseguente produzione di gas;
giacimenti con forme molto allungate in senso verticale con fluidi a diversa densit, poich la
pressione di strato normale in corrispondenza del livello dacqua, ma in sovrappressione nello
strato con gli idrocarburi che pesano meno;
spinte tettoniche per la presenza di una faglia, di un duomo salino o di una piega;
fenomeni osmotici legati a differenze di concentrazioni di sali;
precipitazione di sali disciolti;
rapide variazioni di pressione e temperatura nel sottosuolo.
Le sottopressioni possono derivare da:
un prolungato sfruttamento di un giacimento;
un abbassamento anormale del livello della falda freatica;
decompressioni tettoniche per la presenza di una faglia, di un duomo salino o di una piega.
DISLIVELLO
FALDA ACQUIFERA

FIG. 10.1 SOVRAPPRESSIONE DA FALDA ARTESIANA

I dati di partenza che il progettista ha a disposizione per definire lo sviluppo dei gradienti di pressione
sono le informazioni fornite dalle registrazioni effettuate in pozzo, dalle indagini sismiche o dai
parametri di perforazione.
I metodi danalisi dei gradienti si basano sul fenomeno di compattazione delle argille. Le argille, che
durante il processo di sedimentazione non hanno espulso completamente i fluidi contenuti, sono
sottocompattate rispetto al valore normale della profondit a cui si trovano. Esse contengono una
maggiore quantit di fluidi del dovuto e, quindi, si trovano in sovrappressione.
I metodi basati sulle misure effettuate in pozzo sono sufficientemente precisi, quelli basati sulla
sismica lo sono meno, ma gli unici disponibili per pozzi esplorativi.
I metodi basati sui parametri di perforazione hanno il gran vantaggio di fornire valori in tempo reale,
ma possono dare difficolt dinterpretazione.
Con le misure LWD, possibile utilizzare i metodi migliori ed avere informazioni in tempo reale.
10.1.1 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI
Il gradiente dei sedimenti pu essere valutato misurando i tempi che le onde sonore impiegano
nellattraversare un piede (0.304 mm) di formazione a varie profondit. Questi tempi sono
inversamente proporzionali alla densit dei terreni e dei fluidi in essi contenuti, e funzione della
pressione e della temperatura.
289

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

SONIC
LOG
s/ft

CALIPER
in

Profondita'

FIG. 10.2 SONIC LOG

Il sonic log rappresenta, in funzione della profondit, i tempi di transito t in s/ft e il tempo di
transito integrato, cio una serie dimpulsi (pip) non equidistanziati, il cui numero fornisce il tempo
medio in ms necessario allonda per attraversare un certo intervallo della formazione (per facilitarne il
conteggio, ogni 10 impulsi ne viene tracciato uno pi alto) {FIG. 10.2}.
Generalmente, si affianca al sonic log la traccia del caliper perch permette di definire il diametro del
foro e, quindi, di valutare se eventuali scavernamenti abbiano falsato i risultati.
Attraverso misure sperimentali, si sono individuati algoritmi di calcolo che permettono di risalire alla
densit delle formazioni attraverso i tempi di transito (gli algoritmi riportati di seguito sono stati
sviluppati dallAGIP). Nel caso di formazioni non compatte (sabbie, argille, marne, ecc.), si ha:

= mat 2.11

t t mat
t + t

(10.6)

fl

Nel caso di formazioni compatte (arenarie, dolomie, calcari, ecc.), si ha:

= 3.28

t
88.95

(10.7)

Nelle formule precedenti: = densit della formazione [kg/dm3];


mat =densit della matrice, assumendo un valore medio di 2.75 kg/dm3;
t = tempo dintervallo [s/ft];
tmat = tempo di transito della matrice [s/ft] (argilla 47 s/ft, calcari 43.5 47 s/ft, dolomia
43.5 s/ft, anidrite 50 s/ft, gesso 66.7 s/ft);
tfl = tempo di transito del fluido presente nella roccia (189 s/ft per acqua con 20 % di NaCl,
200 s/ft per acqua con 15 % di NaCl, 208 s/ft per acqua con 10 % di NaCl, 238 s/ft per olio,
626 s/ft per metano).
Da un punto di vista pratico, non sempre le informazioni geologiche e stratigrafiche, disponibili prima
diniziare la perforazione, sono tali da consentire la distinzione tra formazioni compatte e quelle non
compatte. Le piccole differenze di densit riscontrate nel calcolo, giustificano, per, limpiego delle
formule valide per le formazioni non compatte in entrambi i casi.
Note le densit delle varie formazioni, possibile risalire alle pressioni e ai gradienti geostatici.
Per calcolare dei tempi di transito pi indicativi, occorre trovare un valore medio tmi per un certo
tratto Hi; a tal fine, si contano gli impulsi tracciati (n) sul sonic log (si moltiplica per 1000 per
passare dai ms ai s e per 0.304 per passare dai m ai ft):
t mi =

1000 * 0.304 * n
H i
290

(10.8)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Generalmente, le misure in pozzo non sono registrate per un certo tratto superficiale; in tal caso,
occorre estrapolare i tempi di transito medi utilizzando quelli dei primi metri disponibili.
fondamentale ricordare che il calcolo dei gradienti deve essere riferito al piano della tavola rotary e,
quindi, occorre tenere conto della sopraelevazione dal piano campagna, che non d un contributo alla
pressione dei sedimenti.
Esempio
C alco lo d el g rad iente d ei sed im enti
D ensit m edia
t m edio
Profondit Intervallo Im pulsi
( i )
(H i - H i-1 )
(n)
(H i)
(1000*0.3 04*n/H i) (2.75-2.11( t-45)/( t+200))
[ s/ft]
[m ]
[m ]
[m s]
[kg/dm 3]
0
10
10
40
50
24
182,4
1,99
50
100
45
273,60
1,73
100
200
62
188,48
1,97
100
300
60
182,40
1,99
100
400
56
170,24
2,04
100
500
53
161,12
2,07
100
600
50
152,00
2,11
100
700
51
155,04
2,10
100
800
48
145,92
2,13
100
900
46
139,84
2,16
100
1000
45
136,80
2,17
100
1100
44
133,76
2,19
100
1200
42
127,68
2,22
100
1300
40
121,60
2,25
100
1400
39
118,56
2,26
100
1500
38
115,52
2,28
100
1600
37
112,48
2,29
100
1700
36
109,44
2,31
100
1800
39
118,56
2,26
100
1900
39
118,56
2,26
100
2000
37
112,48
2,29
100
2100
36
109,44
2,31
100
2200
34
103,36
2,34
100
2300
34
103,36
2,34
100
2400
31
94,24
2,40
100
2500
32
97,28
2,38
100
2600
30
91,20
2,42
100
2700
27
82,08
2,47
100
2800
26
79,04
2,49
100
2900
25
76,00
2,51
100
3000
26
79,04
2,49
100
3100
28
85,12
2,45
100
3200
27
82,08
2,47
100
3300
28
85,12
2,45
100
3400
28
85,12
2,45
100
3500
29
88,16
2,43
100
3600
29
88,16
2,43
100
3700
29
88,16
2,43
100
3800
30
91,20
2,42
100
3900
30
91,20
2,42
100
4000
28
85,12
2,45
100
4100
29
88,16
2,43
100
4200
29
88,16
2,43
100
4300
29
88,16
2,43
100
4400
28
85,12
2,45
100
4500
29
88,16
2,43
100
4600
30
91,20
2,42
100
4700
27
82,08
2,47
100
4800
28
85,12
2,45
100
4900
28
85,12
2,45
100
5000
26
79,04
2,49
100
5100
27
82,08
2,47
100
5200
26
79,04
2,49
100
5300
26
79,04
2,49
100
5400
30
91,20
2,42

Pressione
parziale
( i i /100)
[M P a]

Pressione de i
sedim enti
( i *H i /100)
[M P a]

G radiente dei
sedim enti
(100*p sed /H i )
[M P a/100m ]

0,797
0,866
1,971
1,992
2,036
2,072
2,109
2,096
2,134
2,161
2,175
2,189
2,218
2,247
2,263
2,278
2,294
2,311
2,263
2,263
2,294
2,311
2,344
2,344
2,397
2,379
2,415
2,473
2,493
2,513
2,493
2,453
2,473
2,453
2,453
2,434
2,434
2,434
2,415
2,415
2,453
2,434
2,434
2,434
2,453
2,434
2,415
2,473
2,453
2,453
2,493
2,473
2,493
2,493
2,415

0,797
1,663
3,633
5,625
7,661
9,733
11,841
13,937
16,072
18,233
20,408
22,597
24,814
27,062
29,325
31,603
33,897
36,208
38,471
40,734
43,028
45,338
47,683
50,027
52,424
54,802
57,218
59,690
62,183
64,696
67,189
69,642
72,114
74,567
77,020
79,454
81,888
84,322
86,738
89,153
91,606
94,040
96,474
98,908
101,361
103,795
106,210
108,683
111,136
113,589
116,082
118,554
121,047
123,539
125,955

1,59
1,66
1,82
1,88
1,92
1,95
1,97
1,99
2,01
2,03
2,04
2,05
2,07
2,08
2,09
2,11
2,12
2,13
2,14
2,14
2,15
2,16
2,17
2,18
2,18
2,19
2,20
2,21
2,22
2,23
2,24
2,25
2,25
2,26
2,27
2,27
2,27
2,28
2,28
2,29
2,29
2,29
2,30
2,30
2,30
2,31
2,31
2,31
2,32
2,32
2,32
2,32
2,33
2,33
2,33

DIAG. 10.1 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI PER UN POZZO A TERRA

291

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

Andamento del gradiente dei sedimenti


Profondit Gradiente dei Inter
Impulsi
(Hi)
sedimenti
vallo 0
n
[m]
[MPa/100m] [ m ] 0
[ ms ]
0
10
10
40
50
1,59
24
50
100
1,66
45
100
200
1,82
62
100
300
1,88
60
100
400
1,92
56
100
500
1,95
53
100
600
1,97
50
1000
100
700
1,99
51
100
800
2,01
48
100
900
2,03
46
100
1000
2,04
45
100
1100
2,05
44
100
1200
2,07
42
100
1300
2,08
40
100
1400
2,09
39
100
1500
2,11
38
2000
100
1600
2,12
37
100
1700
2,13
36
100
1800
2,14
39
100
1900
2,14
39
100
2000
2,15
37
100
2100
2,16
36
100
2200
2,17
34
100
2300
2,18
34
100
2400
2,18
31
3000
100
2500
2,19
32
100
2600
2,20
30
100
2700
2,21
27
100
2800
2,22
26
100
2900
2,23
25
100
3000
2,24
26
100
3100
2,25
28
100
3200
2,25
27
100
3300
2,26
28
100
3400
2,27
28
4000
100
3500
2,27
29
100
3600
2,27
29
100
3700
2,28
29
100
3800
2,28
30
100
3900
2,29
30
100
4000
2,29
28
100
4100
2,29
29
100
4200
2,30
29
100
4300
2,30
29
5000
100
4400
2,30
28
100
4500
2,31
29
100
4600
2,31
30
100
4700
2,31
27
100
4800
2,32
28
100
4900
2,32
28
100
5000
2,32
26
100
5100
2,32
27
100
5200
2,33
26
6000
100
5300
2,33
26
100
5400
2,33
30

Delta t
0,5
(1000*0.304*n/H)
[ us/ft ]

[ kg/dm3 ]

182,4
273,60
188,48
182,40
170,24
161,12
152,00
155,04
145,92
139,84
136,80
133,76
127,68
121,60
118,56
115,52
112,48
109,44
118,56
118,56
112,48
109,44
103,36
103,36
94,24
97,28
91,20
82,08
79,04
76,00
79,04
85,12
82,08
85,12
85,12
88,16
88,16
88,16
91,20
91,20
85,12
88,16
88,16
88,16
85,12
88,16
91,20
82,08
85,12
85,12
79,04
82,08
79,04
79,04
91,20

1,99
1,73
1,97
1,99
2,04
2,07
2,11
2,10
2,13
2,16
2,17
2,19
2,22
2,25
2,26
2,28
2,29
2,31
2,26
2,26
2,29
2,31
2,34
2,34
2,40
2,38
2,42
2,47
2,49
2,51
2,49
2,45
2,47
2,45
2,45
2,43
2,43
2,43
2,42
2,42
2,45
2,43
2,43
2,43
2,45
2,43
2,42
2,47
2,45
2,45
2,49
2,47
2,49
2,49
2,42

Gradiente di pressione [MPa/100m]


1
1,5
Densit
Pressione Pressione

2,5

[ MPa ] dei [ MPa ]

0,797
0,866
1,971
1,992
2,036
2,072
2,109
2,096
2,134
2,161
2,175
2,189
2,218
2,247
2,263
2,278
2,294
2,311
2,263
2,263
2,294
2,311
2,344
2,344
2,397
2,379
2,415
2,473
2,493
2,513
2,493
2,453
2,473
2,453
2,453
2,434
2,434
2,434
2,415
2,415
2,453
2,434
2,434
2,434
2,453
2,434
2,415
2,473
2,453
2,453
2,493
2,473
2,493
2,493
2,415

0,797
1,663
3,633
5,625
7,661
9,733
11,841
13,937
16,072
18,233
20,408
22,597
24,814
27,062
29,325
31,603
33,897
36,208
38,471
40,734
43,028
45,338
47,683
50,027
52,424
54,802
57,218
59,690
62,183
64,696
67,189
69,642
72,114
74,567
77,020
79,454
81,888
84,322
86,738
89,153
91,606
94,040
96,474
98,908
101,361
103,795
106,210
108,683
111,136
113,589
116,082
118,554
121,047
123,539
125,955

DIAG. 10.2 ANDAMENTO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI PER UN POZZO A TERRA

Nel caso di un pozzo a mare, bisogna tener presente che si ha una certa colonna dacqua, che
contribuisce al calcolo della pressione dei sedimenti. Poich la densit dellacqua inferiore a quella
dei terreni, sesercita una minore pressione e, quindi, si ha un gradiente dei sedimenti pi basso.
292

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Per fare un confronto, si riprendono i dati del caso precedente, considerando una profondit di mare di
80 m e unaltezza della tavola rotary dal livello del mare di 30 m:
Calcolo del gradiente dei sedimenti
Densit media
Pressione Pressione dei Gradiente dei
t medio
Profondit Intervallo Impulsi
parziale
sedimenti
( i)
(H i)
sedimenti
(H i - H i-1 )
(n)
(1000*0.304*n/H i) (2.75-2.11(t-45)/(t+200)) ( i i/100) ( i*H i/100)
(100*p sed /H i)
[kg/dm3]
[MPa]
[MPa]
[MPa/100m]
[s/ft]
[m]
[m]
[ms]
0
30
30
80
110
1,03
0,824
0,824
40
150
24
182,4
1,99
0,797
1,621
1,08
50
200
45
273,60
1,73
0,866
2,487
1,24
100
300
62
188,48
1,97
1,971
4,457
1,49
100
400
60
182,40
1,99
1,992
6,449
1,61
100
500
56
170,24
2,04
2,036
8,485
1,70
100
600
53
161,12
2,07
2,072
10,557
1,76
100
700
50
152,00
2,11
2,109
12,665
1,81
100
800
51
155,04
2,10
2,096
14,761
1,85
100
900
48
145,92
2,13
2,134
16,896
1,88
100
1000
46
139,84
2,16
2,161
19,057
1,91
100
1100
45
136,80
2,17
2,175
21,232
1,93
100
1200
44
133,76
2,19
2,189
23,421
1,95
100
1300
42
127,68
2,22
2,218
25,638
1,97
100
1400
40
121,60
2,25
2,247
27,886
1,99
100
1500
39
118,56
2,26
2,263
30,149
2,01
100
1600
38
115,52
2,28
2,278
32,427
2,03
100
1700
37
112,48
2,29
2,294
34,721
2,04
100
1800
36
109,44
2,31
2,311
37,032
2,06
100
1900
39
118,56
2,26
2,263
39,295
2,07
100
2000
39
118,56
2,26
2,263
41,558
2,08
100
2100
37
112,48
2,29
2,294
43,852
2,09
100
2200
36
109,44
2,31
2,311
46,162
2,10
100
2300
34
103,36
2,34
2,344
48,507
2,11
100
2400
34
103,36
2,34
2,344
50,851
2,12
100
2500
31
94,24
2,40
2,397
53,248
2,13
100
2600
32
97,28
2,38
2,379
55,626
2,14
100
2700
30
91,20
2,42
2,415
58,042
2,15
100
2800
27
82,08
2,47
2,473
60,514
2,16
100
2900
26
79,04
2,49
2,493
63,007
2,17
100
3000
25
76,00
2,51
2,513
65,520
2,18
100
3100
26
79,04
2,49
2,493
68,013
2,19
100
3200
28
85,12
2,45
2,453
70,466
2,20
100
3300
27
82,08
2,47
2,473
72,938
2,21
100
3400
28
85,12
2,45
2,453
75,391
2,22
100
3500
28
85,12
2,45
2,453
77,844
2,22
100
3600
29
88,16
2,43
2,434
80,278
2,23
100
3700
29
88,16
2,43
2,434
82,712
2,24
100
3800
29
88,16
2,43
2,434
85,146
2,24
100
3900
30
91,20
2,42
2,415
87,562
2,25
100
4000
30
91,20
2,42
2,415
89,977
2,25
100
4100
28
85,12
2,45
2,453
92,430
2,25
100
4200
29
88,16
2,43
2,434
94,864
2,26
100
4300
29
88,16
2,43
2,434
97,298
2,26
100
4400
29
88,16
2,43
2,434
99,732
2,27
100
4500
28
85,12
2,45
2,453
102,185
2,27
100
4600
29
88,16
2,43
2,434
104,619
2,27
100
4700
30
91,20
2,42
2,415
107,034
2,28
100
4800
27
82,08
2,47
2,473
109,507
2,28
100
4900
28
85,12
2,45
2,453
111,960
2,28
100
5000
28
85,12
2,45
2,453
114,413
2,29
100
5100
26
79,04
2,49
2,493
116,906
2,29
100
5200
27
82,08
2,47
2,473
119,378
2,30
100
5300
26
79,04
2,49
2,493
121,871
2,30
100
5400
26
79,04
2,49
2,493
124,363
2,30
100
5500
30
91,20
2,42
2,415
126,779
2,31
DIAG. 10.3 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI PER UN POZZO A MARE

293

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

2,5

Profondit [m]

A nd a m e nto d e l g ra d ie nte d e i s e d im e nti


radiente
di pressione [M P a/100m ]
P ro fo n d it
G ra d ie n te
I Im p D e lta D e n sit P r P reGssio
n
1,5
2
(H i )
d e i se d im e n ti n u lsi 0 t
[ kg /d m0,5
3 es e dei [ 1
[m ]
[M P a /1 0 0 m ] t n0 (1 0 0 0
]
sio M P a ]
0
#
30
#
110
1 ,0 3
##
0 ,8 2 4
# 2 4 1 8 2 ,4
150
1 ,0 8
1 ,9 9
##
1 ,6 2 1
# 45 #####
200
1 ,2 4
1 ,7 3
##
2 ,4 8 7
# 62 #####
300
1 ,4 9
1 ,9 7
##
4 ,4 5 7
# 60 #####
400
1 ,6 1
1 ,9 9
##
6 ,4 4 9
# 56 #####
500
1 ,7 0
2 ,0 4
##
8 ,4 8 5
# 53 #####
600
1 ,7 6
2
,0
7
#
#
1
0 ,5 5 7
1000
# 50 #####
700
1 ,8 1
2 ,1 1
# # 1 2 ,6 6 5
# 51 #####
800
1 ,8 5
2 ,1 0
# # 1 4 ,7 6 1
# 48 #####
900
1 ,8 8
2 ,1 3
# # 1 6 ,8 9 6
# 46 #####
1000
1 ,9 1
2 ,1 6
# # 1 9 ,0 5 7
# 45 #####
1100
1 ,9 3
2 ,1 7
# # 2 1 ,2 3 2
# 44 #####
1200
1 ,9 5
2 ,1 9
# # 2 3 ,4 2 1
# 42 #####
1300
1 ,9 7
2 ,2 2
# # 2 5 ,6 3 8
# 40 #####
1400
1 ,9 9
2 ,2 5
# # 2 7 ,8 8 6
# 39 #####
1500
2 ,0 1
2 ,2 6
# # 3 0 ,1 4 9
# 2000
1600
2 ,0 3
38 #####
2 ,2 8
# # 3 2 ,4 2 7
# 37 #####
1700
2 ,0 4
2 ,2 9
# # 3 4 ,7 2 1
# 36 #####
1800
2 ,0 6
2 ,3 1
# # 3 7 ,0 3 2
# 39 #####
1900
2 ,0 7
2 ,2 6
# # 3 9 ,2 9 5
# 39 #####
2000
2 ,0 8
2 ,2 6
# # 4 1 ,5 5 8
# 37 #####
2100
2 ,0 9
2 ,2 9
# # 4 3 ,8 5 2
# 36 #####
2200
2 ,1 0
2 ,3 1
# # 4 6 ,1 6 2
# 34 #####
2300
2 ,1 1
2 ,3 4
# # 4 8 ,5 0 7
# 34 #####
2400
2 ,1 2
2 ,3 4
# # 5 0 ,8 5 1
# 3 1 9 4 ,2 4
2500
2 ,1 3
2 ,4 0
# # 5 3 ,2 4 8
# 3000
2600
2 ,1 4
3 2 9 7 ,2 8
2 ,3 8
# # 5 5 ,6 2 6
# 3 0 9 1 ,2 0
2700
2 ,1 5
2 ,4 2
# # 5 8 ,0 4 2
# 2 7 8 2 ,0 8
2800
2 ,1 6
2 ,4 7
# # 6 0 ,5 1 4
# 2 6 7 9 ,0 4
2900
2 ,1 7
2 ,4 9
# # 6 3 ,0 0 7
# 2 5 7 6 ,0 0
3000
2 ,1 8
2 ,5 1
# # 6 5 ,5 2 0
# 2 6 7 9 ,0 4
3100
2 ,1 9
2 ,4 9
# # 6 8 ,0 1 3
# 2 8 8 5 ,1 2
3200
2 ,2 0
2 ,4 5
# # 7 0 ,4 6 6
# 2 7 8 2 ,0 8
3300
2 ,2 1
2 ,4 7
# # 7 2 ,9 3 8
# 2 8 8 5 ,1 2
3400
2 ,2 2
2 ,4 5
# # 7 5 ,3 9 1
# 4000
3500
2 ,2 2
2 8 8 5 ,1 2
2 ,4 5
# # 7 7 ,8 4 4
# 2 9 8 8 ,1 6
3600
2 ,2 3
2 ,4 3
# # 8 0 ,2 7 8
# 2 9 8 8 ,1 6
3700
2 ,2 4
2 ,4 3
# # 8 2 ,7 1 2
# 2 9 8 8 ,1 6
3800
2 ,2 4
2 ,4 3
# # 8 5 ,1 4 6
# 3 0 9 1 ,2 0
3900
2 ,2 5
2 ,4 2
# # 8 7 ,5 6 2
# 3 0 9 1 ,2 0
4000
2 ,2 5
2 ,4 2
# # 8 9 ,9 7 7
# 2 8 8 5 ,1 2
4100
2 ,2 5
2 ,4 5
# # 9 2 ,4 3 0
# 2 9 8 8 ,1 6
4200
2 ,2 6
2 ,4 3
# # 9 4 ,8 6 4
# 2 9 8 8 ,1 6
4300
2 ,2 6
2 ,4 3
# # 9 7 ,2 9 8
# 2 9 8 8 ,1 6
4400
2 ,2 7
2 ,4 3
# # 9 9 ,7 3 2
# 5000
4500
2 ,2 7
2 8 8 5 ,1 2
2 ,4 5
# # 1 0 2 ,1 8 5
# 2 9 8 8 ,1 6
4600
2 ,2 7
2 ,4 3
# # 1 0 4 ,6 1 9
# 3 0 9 1 ,2 0
4700
2 ,2 8
2 ,4 2
# # 1 0 7 ,0 3 4
# 2 7 8 2 ,0 8
4800
2 ,2 8
2 ,4 7
# # 1 0 9 ,5 0 7
# 2 8 8 5 ,1 2
4900
2 ,2 8
2 ,4 5
# # 1 1 1 ,9 6 0
# 2 8 8 5 ,1 2
5000
2 ,2 9
2 ,4 5
# # 1 1 4 ,4 1 3
# 2 6 7 9 ,0 4
5100
2 ,2 9
2 ,4 9
# # 1 1 6 ,9 0 6
# 2 7 8 2 ,0 8
5200
2 ,3 0
2 ,4 7
# # 1 1 9 ,3 7 8
# 2 6 7 9 ,0 4
5300
2 ,3 0
2 ,4 9
# # 1 2 1 ,8 7 1
# 2 6 7 9 ,0 4
5400
2 ,3 0
2 ,4 9
# # 1 2 4 ,3 6 3
# 6000
3 0 9 1 ,2 0
2 ,4 2
# # 1 2 6 ,7 7 9
5500
2 ,3 1
DIAG. 10.4 ANDAMENTO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI PER UN POZZO A MARE

Come si pu notare dallanalisi dei gradienti nei due casi {DIAG. 10.2 e DIAG. 10.4}, a parit di
condizioni, un pozzo a mare ha gradienti di pressione dei sedimenti inferiori a quelli di un pozzo a
294

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


terra, soprattutto nelle fasi superficiali; con laumentare della profondit, il contributo della colonna
dacqua ha sempre meno importanza. Poich la resistenza meccanica dei terreni direttamente legata
al gradiente dei sedimenti, una delle problematiche della perforazione in alti fondali la facilit di
fratturarli (occorre posizionare pi colonne di rivestimento).
Nel caso di pozzi deviati, sesegue la stessa procedura di calcolo, dopo aver proiettato la profondit
misurata del pozzo e il numero dimpulsi (pip) registrati lungo il suo profilo sul piano verticale (vedi
PERFORAZIONE DIREZIONATA).
Il calcolo dei gradienti dei sedimenti pu essere effettuato utilizzando, se disponibile, i dati del
Formation Density Compensated Log. Questindagine si basa sulla retrodiffusione di raggi gamma
riemessi dalla formazione in funzione della sua densit. La registrazione fornisce, in funzione della
profondit, i raggi gamma rilevati e, attraverso una correlazione, trovata sperimentalmente e fatta
dallelaboratore, direttamente la densit in kg/dm3 {FIG. 10.3}. Valutando per tratti la densit media di
formazione (50 m) e procedendo come nel caso precedente, si calcola il gradiente dei sedimenti.

DENSIT A'

G AM M A
RAY

Profondita'

CALIPER

FIG. 10.3 FORMATION DENSITY COMPENSATED LOG

Come accennato, quando non si hanno a disposizione registrazioni in pozzo, occorre ricorrere alla
sismica. I dati forniti dai geofisici possono essere in forma tabulare {DIAG. 10.5} o grafica
{FIG. 10.4} e rappresentano le velocit medie in funzione del tempo di riflessione.
Calcolo del gradiente dei sedimenti con i dati sismici
Tempi Velocit Velocit d'intervallo Intervallo Profondit
(Hi-Hi-1)
(Hi)
doppi
media
(Vint,i)
[m/s]
[m]
[m]
[s]
[m/s]
171
0,2
1713
1713
181
184
0,4
1780
1845
366
196
0,6
1841
1957
561
210
0,8
1908
2096
771
221
1,0
1973
2214
993
236
1,2
2042
2357
1228
254
1,4
2121
2544
1483
268
1,6
2198
2676
1750
269
1,8
2258
2690
2019
291
2,0
2332
2915
2311
303
2,2
2404
3031
2614
317
2,4
2477
3171
2931
320
2,6
2540
3201
3251
324
2,8
2596
3237
3575
331
3,0
2650
3315
3906
339
3,2
2702
3388
4245
351
3,4
2756
3509
4596
361
3,6
2810
3606
4956
369
3,8
2863
3689
5325

t medio
[s/ft]
177
165
155
145
137
129
119
114
113
104
100
96
95
94
92
90
87
84
82

Densit media
(i)
[kg/dm3]
2,01
2,06
2,09
2,14
2,17
2,21
2,26
2,29
2,29
2,34
2,36
2,39
2,39
2,40
2,41
2,42
2,44
2,46
2,47

Pressione Pressione dei Gradiente dei


parziale
sedimenti
sedimenti
[MPa]
[ MPa ]
[MPa/100m]
3,442
3,442
1,90
3,794
7,237
1,98
4,100
11,337
2,02
4,482
15,819
2,05
4,810
20,629
2,08
5,212
25,841
2,10
5,744
31,586
2,13
6,123
37,709
2,15
6,165
43,873
2,17
6,817
50,690
2,19
7,159
57,849
2,21
7,570
65,419
2,23
7,658
73,076
2,25
7,765
80,841
2,26
7,996
88,837
2,27
8,212
97,049
2,29
8,574
105,623
2,30
8,866
114,489
2,31
9,114
123,602
2,32

DIAG. 10.5 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI SEDIMENTI CON I DATI SISMICI

295

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


VELO C ITA ' MEDIA m /s

TEM PO D I
RIFLESSIO N E
s

Noti i tempi doppi e le velocit


medie, si calcolano le velocit di
transito delle onde nei vari intervalli,
facendo la media quadratica piuttosto
che quella aritmetica per limitare
lincertezza; infatti, data la pendenza
della curva {FIG. 10.4}, eventuali
errori nella determinazione dei tempi
di riflessione incidono pesantemente
sulla determinazione della velocit
media:
Vi =

Vi 2 t i Vi 1 2 t i 1
t i t i 1

(10.9)

Una volta definita la velocit


dintervallo, si ricava lo spessore del
medesimo con la relazione:
H i H i 1 =
FIG. 10.4 DATI SISMICI IN FORMA GRAFICA

Vint,i (t i t i 1 )
2

(10.10)

Si passa alla valutazione della profondit di posizione dei vari intervalli, riferiti alla tavola rotary,
(10 m dal piano campagna) sommando i vari spessori.
Successivamente, si calcolano i tempi di transito in s/ft facendo linverso delle velocit dintervallo;
questi sono equivalenti a quelli ottenuti con il sonic log:
t =

0.304 * 10 6
Vint,i

(10.11)

Noti i tempi di transito, si calcolano le densit medie dei vari intervalli e il gradiente dei sedimenti,
esattamente come nel caso del sonic log.
10.1.2 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DEI PORI
I tempi di transito registrati in pozzo dipendono dal tipo di terreno, dalla porosit e dal tipo di fluido di
formazione. Restringendo le indagini alle argille, possono essere utilizzati per individuare il loro grado
di compattazione.
Infatti, in unargilla sottocompattata, essendoci pi fluidi, si avranno tempi di transito pi lunghi.
indispensabile individuare strati dargilla pura, perch la presenza di sabbia o fluidi di strato gassosi
possono falsare completamente linterpretazione.
In condizioni di normale compattazione, si ha un normale gradiente dei fluidi nei pori, mentre i
tempi di transito diminuiscono con la profondit per una minore porosit degli strati.
In condizioni di sottocompattazione e, quindi, di sovrappressione, i tempi di transito rimangono
costanti o aumentano.

296

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

SONIC
LOG

CALIPER

Profondita'

RESISTIVITA'

POTENZIALE
SPONTANEO

FIG. 10.5 LOGS RESISTIVI E SONICI

Per meglio individuare gli strati di pura argilla, si affiancano al sonic log le registrazioni del potenziale
spontaneo e della resistivit {FIG. 10.5}.
Si ricercano i punti della traccia del potenziale con i pi alti valori, perch tipici delle argille. Le
indicazioni ottenute vanno confrontate e confermate dalle tracce della resistivit; quella
dellinvestigazione profonda e quella dellinvestigazione vicina devono essere circa uguali perch
nelle argille il fango non invade la formazione (vedere i punti tracciati in FIG. 10.5).
Alle stesse profondit di questi strati, si leggono i tempi di transito e si controlla il caliper per vedere
se ci sono scavernamenti, che avrebbero potuto falsare i dati.
Si riportano i dati in un diagramma semilogaritmico e sindividua la retta di normale compattazione
(luso del diagramma semilogaritmico richiesto per linearizzare landamento dei dati).
Dallanalisi dei tempi di transito dellesempio preso in considerazione {DIAG. 10.6}, si osserva che il
gradiente dei fluidi nei pori normale fino alla profondit di 3200 m. A profondit maggiori, ci sono
delle sovrappressioni poich nelle argille si hanno maggiori valori dei tempi di transito.
Per valutare lentit delle sovrappressioni, si pu fare il seguente ragionamento: se unargilla a 4000 m
fosse caratterizzata da un gradiente normale dei fluidi nei pori, si troverebbe ad una profondit
equivalente di 3000 m (linea tratteggiata blu). A tale profondit, la pressione di compattazione pari a:
pc = psed - pf =

(G

sed

Gf H
100

(2.24 1.03)3000 = 36.3 MPa


100

(vedi DIAG. 10.1)

e questa la stessa esistente a 4000 m.


La pressione dei sedimenti a 4000 m pari a: psed =

G sed H 2.29 * 4000


=
= 91.6 MPa (vedi
100
100

DIAG. 10.1).
Ne consegue che la pressione del fluido nei pori a 4000 m pari a:
pf = psed - pc = 91.6 -36.3 = 55.3 MPa.
Sapendo che fino alla profondit di 3200 m si ha una normale compattazione e procedendo nel modo
appena esposto ad intervalli regolari interpolando i dati sperimentali, si calcolano le pressioni dei
fluidi nei pori e, di conseguenza, il gradiente.
297

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

Analisi dei gradienti di pressione con i tem pi di transito


t [
s/ft]
Profondit
t
1
10
[m]
[s/ft]
0
800
137
1000
137
1100
145
1240
124
1390
136
1450
128
1500
126
1600
125
1000
1670
120
1750
131
1820
127
1900
121
2050
116
2180
124
2300
115
2380
105
2000
2500
98
2600
100
2700
92
2860
85
2990
90
3100
85
3200
82
3000
3320
90
3400
93
3460
87
3550
90
3600
91
3700
90
3800
96
3930
95
4000
4000
91
4110
85
4200
87
4300
89
4380
90
4450
92
4500
93
4620
91
5000
4700
92
4800
108
4880
109
5000
106
5100
112
5180
114
5270
108
5300
119
6000
5400
118

DIAG. 10.6 TEMPI DI TRANSITO NELLE ARGILLE

298

100

1000

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Calcolo del gradiente dei fluidi nei pori
Profondit Gradiente dei Pressione dei
sedimenti
sedimenti
[m]
[MPa/100m]
[MPa]
3200
2,25
72,114
3300
2,26
74,567
3400
2,27
77,020
3500
2,27
79,454
3600
2,27
81,888
3700
2,28
84,322
3800
2,28
86,738
3900
2,29
89,153
4000
2,29
91,606
4100
2,29
94,040
4200
2,30
96,474
4300
2,30
98,908
4400
2,30
101,361
4500
2,31
103,795
4600
2,31
106,210
4700
2,31
108,683
4800
2,32
111,136
4900
2,32
113,589
5000
2,32
116,082
5100
2,32
118,554
5200
2,33
121,047
5300
2,33
123,539
5400
2,33
125,955

Profondit
equivalente
[m]
3200
3000
2940
3000
2960
3000
2800
2800
3000
3260
3220
3050
3000
2950
3000
2970
2450
2400
2480
2300
2280
2200
2200

Gradiente dei sedimenti


alla prof. equivalente
[MPa/100m]
2,25
2,24
2,23
2,24
2,24
2,24
2,22
2,22
2,24
2,26
2,25
2,25
2,24
2,24
2,24
2,24
2,19
2,18
2,19
2,18
2,18
2,17
2,17

Pres. di compattazione
((G sed,He-1.03)*H e/100)
[MPa]
39,040
36,300
35,280
36,300
35,816
36,300
33,320
33,320
36,300
40,098
39,284
37,210
36,300
35,695
36,300
35,937
28,420
27,600
28,768
26,450
26,220
25,080
25,080

Pressione
dei pori
[MPa]
32,960
37,620
40,540
42,100
44,824
46,580
51,040
53,260
53,300
52,562
55,216
59,540
62,260
65,105
66,740
69,343
76,700
79,220
80,732
84,730
87,140
89,930
92,100

Gradiente
dei pori
[MPa/100m]
1,03
1,14
1,19
1,20
1,25
1,26
1,34
1,37
1,33
1,28
1,31
1,38
1,42
1,45
1,45
1,48
1,60
1,62
1,61
1,66
1,68
1,70
1,71

DIAG. 10.7 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI FLUIDI NEI PORI

Profondit [m]

Andamento del gradiente dei fluidi nei pori


Profondit Gradiente
Gradiente di pressione [MPa/100m]
(Hi)
dei pori
0
0,5
1
1,5
[m]
[MPa/100m]
0
0
1,03
3200
1,03
3300
1,14
1000
3400
1,19
3500
1,20
3600
1,25
3700
1,26
2000
3800
1,34
3900
1,37
4000
1,33
4100
1,28
3000
4200
1,31
4300
1,38
4400
1,42
4500
1,45
4000
4600
1,45
4700
1,48
4800
1,60
4900
1,62
5000
5000
1,61
5100
1,66
5200
1,68
5300
1,70
6000
5400
1,71
DIAG. 10.8 ANDAMENTO DEL GRADIENTE DEI FLUIDI NEI PORI

299

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Nel caso delaborazioni di dati sismici, talvolta, linterpretazione dei tempi di transito pu risultare
non facile e, di conseguenza, problematica lapplicazione del metodo della profondit equivalente.
In tali casi, per la valutazione del gradiente di pressione dei fluidi nei pori, si pu provare ad utilizzare
un altro metodo sviluppato dallAGIP, che tiene conto del rapporto R tra la velocit dintervallo del
caso in esame e la velocit delle onde sonore.
Questo metodo valido solo per formazioni clastiche (argille e sabbie), perch in esse, non essendoci
fratture, la velocit dintervallo legata alla porosit, che a sua volta legata alla pressione di
compattazione.
Si visto come attraverso i dati sismici sia possibile calcolare lo spessore degli strati e le velocit
dintervallo. Sostituendo lespressione dei tempi di transito in funzione della velocit
t = 0.304*106/Vi (10.11) alla formula della densit, si ha:

= max 2.11

304000
t max
V
i

304000
+ t fl
V

(10.6)

Utilizzando i dati disponibili su una certa area, si valutano le velocit delle onde nelle formazioni a
normale compattazione e le si estrapola in profondit. La valutazione deve essere fatta a tratti in
quanto con laumentare della compattazione, anche se normale, le velocit aumentano.
Utilizzando queste velocit, possibile calcolare le densit e, quindi, la pressione dei sedimenti.
Considerando una normale pressione dei pori, per differenza, si pu calcolare la pressione di normale
compattazione.
Con un qualsiasi foglio di calcolo elettronico, si pu valutare il legame tra velocit delle onde e
pressione di normale compattazione ( sufficiente una curva polinomiale interpolante di secondo
grado) {DIAG 10.9}:
LEGAME TRA LA VELOCITA' DELLE ONDE E LA PRESSIONE

Tempi Velocit Velocit DI


di COMPATTAZIONE
doppi
intervallo
5000 media

Velocit delle onde [m/s]

Calcolo del gradiente dei fluidi nei pori


Intervallo Profondit
Velocit delle onde nelle formazioni a
Pressione di
normale compattazione in funzione della
normale
profondit
compattazione
(Hi)
(Vi)
(P)
[m]
[m]
[m/s]
[MPa]
170
170
1600
1,588
188
357
1750
3,451
202
559
1900
5,561
214
773
2050
7,904
228
1001
2200
10,497
248
1249
2350
13,427
219
1468
2500
16,090
273
1741
2650
19,510
263
2004
2800
22,889
297
2301
2950
26,797
303
2604
3100
30,872
317
2921
3250
35,220
320
3241
3400
39,689
324
3565
3550
44,285
331
3896
3700
49,065
339
4235
3850
54,022
351
4586
4000
59,225
361
4947
4150
64,641
369
5316
4300
70,248

[ 4500
s]
[ m/s ]
0,2
1697
4000
0,4
1789
0,6
1868
3500
0,8
1940
1,0
2012
3000
1,2
2098
1,4
2111
2500
1,6
2198
2000
1,8
2250
2,0
2332
1500
2,2
2404
2,4
2477
1000
2,6
2540
2,8
2596
500
3,0
2650
3,2 0 2702
10,000
3,4 0,0002756
3,6
2810
3,8
2863

[ m/s ]
1697
1876
2017
2142
2277
2484
V = -0,2819P2 + 57,585P + 1592,5
2187
2730
2629
2970
3031
3171
3201
3237
3315
3388
20,000 30,000 40,000 50,000 60,000 70,000
3509
3606Pressione di compattazione [MPa]
3689

80,000

DIAG. 10.9 RELAZIONE TRA VELOCIT DELLE ONDE E PRESSIONE DI COMPATTAZIONE

Utilizzando le velocit dintervallo effettivamente misurate e procedendo come sopra, si diagrammano


i valori di pressione di compattazione reale rispetto a quelli normali {DIAG. 10.10}:

300

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Pressione di
compattazione
[MPa]
1,681
3,570
5,662
7,981
10,504
13,296
16,414
19,787
23,180
26,990
31,028
35,333
39,694
44,122
48,708
53,429
58,387
63,545
68,858

V= -0,2819P + 57,585xP+ 1592,5


4500
4000
3500
3000
Velocit d'intervallo [m/s]

Calcolo del gradiente dei fluidi nei pori


Profondit Velocit Pressione dei Pressione normale
d'intervallo sedimenti
dei pori
(Hi)
(Vint,i)
(1.03*(Hi-10)/100)
[m]
[m/s]
[MPa]
[MPa]
181
1713
3,442
1,761
366
1845
7,237
3,667
561
1957
11,337
5,675
771
2096
15,819
7,838
993
2214
20,629
10,125
1228
2357
25,841
12,545
1483
2544
31,586
15,172
1750
2676
37,709
17,922
2019
2690
43,873
20,693
2311
2915
50,690
23,700
2614
3031
57,849
26,821
2931
3171
65,419
30,086
3251
3201
73,076
33,382
3575
3237
80,841
36,720
3906
3315
88,837
40,129
4245
3388
97,049
43,621
4596
3509
105,623
47,236
4956
3606
114,489
50,944
5325
3689
123,602
54,745

2500
2000
1500
1000
500
0
0,00

1688
1794
1909
2034
2166
2308
2462
2622
2776
2941
3108
3275
3434
3584
3729
3864
3994
40,00
60,00
411320,00
4221 Pressione di compattazione [MPa]

80,00

DIAG. 10.10 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI FLUIDI NEI PORI

Per individuare la profondit alla quale iniziano le sovrappressioni, basta diagrammare il rapporto R in
funzione della profondit {DIAG. 10.11}:
Pressione di
compattazione
(P)
[MPa]
1,681
3,570
5,662
7,981
10,504
13,296
16,414
19,787
23,180
26,990
31,028
35,333
39,694
44,122
48,708
53,429
58,387
63,545
68,858

Velocit delle onde in formazioni


normalmente compattate
V=-0.2819P^2+57.585P+1592.5
[m/s]
1688
1794
1909
2034
2166
2308
2462
2622
2776
2941
3108
3275
3434
3584
3729
3864
3994
4113
4221

Rapporto
"R"

1,015
1,028
1,025
1,030
1,022
1,021
1,033
1,021
0,969
0,991
0,975
0,968
0,932
0,903
0,889
0,877
0,879
0,877
0,874

0,850
0

0,900

R
0,950

1,000

1,050

1000

2000
Profondit [m]

Calcolo del gradiente dei pori con il metodo " R "


Profondit
Velocit
Pressione dei
Pressione
d'intervallo
sedimenti
normale dei pori
(Hi)
(Vint,i)
[m]
[m/s]
[MPa]
[MPa]
181
1713
3,442
1,761
366
1845
7,237
3,667
561
1957
11,337
5,675
771
2096
15,819
7,838
993
2214
20,629
10,125
1228
2357
25,841
12,545
1483
2544
31,586
15,172
1750
2676
37,709
17,922
2019
2690
43,873
20,693
2311
2915
50,690
23,700
2614
3031
57,849
26,821
2931
3171
65,419
30,086
3251
3201
73,076
33,382
3575
3237
80,841
36,720
3906
3315
88,837
40,129
4245
3388
97,049
43,621
4596
3509
105,623
47,236
4956
3606
114,489
50,944
5325
3689
123,602
54,745

3000

4000

5000

6000

DIAG. 10.11 RAPPORTO R

Se R 1 le velocit dintervallo coincidono con quelle caratteristiche di formazioni a normale


compattazione e, quindi, si in presenza di un gradiente normale.
Se R > 1 le velocit dintervallo sono maggiori di quelle caratteristiche di formazioni a normale
compattazione e, quindi, si in presenza di terreni sovracompattati.
Se R < 1 le velocit dintervallo sono minori di quelle caratteristiche di formazioni a normale
compattazione e, quindi, si in presenza di terreni molto porosi (sabbie) o argille in sovrappressione.
Nel caso in esame {DIAG. 10.11}, si osserva che fino alla profondit di 1800 m R 1 e, quindi, si ha
un gradiente normale dei pori.
A profondit superiori, R < 1 e, quindi, se dalle conoscenze geologiche dellarea si pu escludere la
presenza di grossi banchi di sabbia, si in sovrappressione.
Per la valutazione quantitativa della pressione dei pori ad una certa profondit, si traccia nel
DIAG. 10.10 una retta orizzontale in corrispondenza del punto interessato fino ad intersecare la curva
301

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


di riferimento. Sindividua la pressione di compattazione in corrispondenza dellintersezione, cio
quella che la formazione avrebbe avuto se fosse stata a normale compattazione.
La differenza tra la pressione dei sedimenti a tale profondit e la suddetta pressione di compattazione
rappresenta la pressione dei pori in sito: pf = psed - pc = 97,049 - 36,300 = 60,749 (4245 m).

Gradiente di pressione
[MPa/100m]
0,5
1
1,5

0
1000

Profondit [m]

Calcolo del gradiente dei pori con il metodo " R "


Profondit Pressione dei Pressione di Pressione Gradiente
(Hi)
sedimenti
compattazione dei pori
dei pori
[m]
[MPa]
[MPa]
[MPa]
[MPa/100m]
0
1,03
1900
1,03
2019
43,873
21,000
22,873
1,13
2311
50,690
26,000
24,690
1,07
2614
57,849
28,000
29,849
1,14
2931
65,419
33,000
32,419
1,11
3251
73,076
33,000
40,076
1,23
3575
80,841
34,000
46,841
1,31
3906
88,837
37,000
51,837
1,33
4245
97,049
38,000
59,049
1,39
4596
105,623
42,000
63,623
1,38
4956
114,489
44,000
70,489
1,42
5325
123,602
47,000
76,602
1,44

2000
3000
4000
5000

6000
DIAG. 10.12 CALCOLO DEL GRADIENTE DEI FLUIDI NEI PORI CON IL METODO R

Il gradiente dei fluidi nei pori pu essere valutato, anche, attraverso misure di resistivit delle argille.
La resistivit di un terreno dipende dai minerali costituenti, dalla loro tessitura, dai fluidi contenuti,
dalla temperatura e dalla pressione. Nel caso delle argille, si definisce un fattore di formazione (shale
formation factor), dato dal rapporto tra la resistivit della matrice e quella dellacqua in essa contenuta:
Far =

Rar
Rac

(10.12)

In condizioni di saturazione dei pori con acqua, il fattore di formazione funzione inversa della
a
porosit dellargilla (F = m , formula di Archie con a e m due costanti) e, quindi, della pressione di

compattazione raggiunta ad una data profondit. Nel caso di normale compattazione, si ha una
diminuzione della porosit e di conseguenza un aumento della resistivit della formazione. Nel caso di
sottocompattazione e, quindi, di porosit superiore al normale, il valore della resistivit diminuisce.
La procedura di calcolo del fattore di formazione prevede la determinazione della resistivit dellacqua
di formazione e di quella della matrice argillosa.
Come noto (vedi MISURAZIONI ED ANALISI), dai valori del potenziale spontaneo possibile
ricavare il rapporto tra la resistivit del filtrato del fango e quella dellacqua di formazione (8.1). A tale
scopo, si possono utilizzare, anche, dei diagrammi della Schlumberger nei quali, entrando in ascissa
con il valore del potenziale spontaneo ed intersecando nel grafico la linea relativa alla temperatura
dinteresse (quella del punto in pozzo considerato), si trova in ordinata il rapporto tra la resistivit del
filtrato del fango e quella dellacqua di formazione.
Come visto in precedenza, i punti della traccia del potenziale spontaneo da ricercare sono quelli con i
pi alti valori, perch tipici delle argille, che vanno confrontati e confermati dalla sovrapposizione
della resistivit profonda con quella vicina (vedere i punti tracciati in FIG. 10.5).
Alle stesse profondit dei punti scelti sulla traccia del potenziale spontaneo, si leggono le resistivit
dellargilla e si controlla il caliper per vedere se ci sono scavernamenti, che potrebbero falsare i dati.
302

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Noto il rapporto tra la resistivit del filtrato del fango e quella dellacqua di formazione, si misura
sperimentalmente in laboratorio la resistivit del filtrato del fango alle temperature corrispondenti alle
varie profondit, e si valuta quella dellacqua di formazione.
Facendo il rapporto tra la resistivit dellargilla e quella dellacqua di formazione, si calcola il fattore
di formazione Far, che viene rappresentato in un diagramma semilogaritmico in funzione della
profondit.
Calcolo del gradiente dei sedimenti con il fattore di formazione F delle argille
Profondit Temperatura Potenziale Resistivit Rapporto tra la resistivit Resistivit Resistivit
Fattore di
del filtrato dell'acqua di formazione
(H i)
spontaneo dell'argilla
del filtrato del fango e
del fango formazione dell'argilla
quella dell'acqua di
[m]
[C]
[mV]
[m]
formazione
[*m]
[*m]
F
43
800
-38
2,278
3,19
0,328
0,1028
22,2
48
1000
-39
2,137
3,23
0,321
0,0993
21,5
50
1100
-40
2,646
3,30
0,318
0,0963
27,5
54
1240
-42
3,085
3,46
0,315
0,0909
33,9
57
1390
-41
3,191
3,32
0,310
0,0934
34,2
58
1450
-43
3,789
3,50
0,306
0,0874
43,4
60
1500
-44
3,275
3,59
0,301
0,0839
39,1
62
1600
-44
4,009
3,56
0,297
0,0835
48,0
63
1670
-46
3,921
3,74
0,295
0,0788
49,8
65
1750
-47
3,590
3,83
0,291
0,0761
47,2
67
1820
-45
4,468
3,59
0,288
0,0802
55,7
69
1900
-49
4,530
3,99
0,286
0,0716
63,2
72
2050
-50
5,126
4,05
0,284
0,0701
73,1
75
2180
-51
5,212
4,11
0,281
0,0683
76,3
78
2300
-52
5,407
4,18
0,279
0,0667
81,0
80
2380
-53
5,417
4,27
0,277
0,0649
83,4
83
2500
-52
4,870
4,10
0,275
0,0670
72,7
85
2600
-55
5,576
4,41
0,271
0,0615
90,7
87
2700
-56
4,609
4,49
0,268
0,0597
77,2
91
2860
-54
5,180
4,19
0,265
0,0632
81,9
94
2990
-58
6,142
4,60
0,263
0,0572
107,4
96
3100
-60
5,987
4,80
0,261
0,0544
110,0
99
3200
-60
6,869
4,75
0,260
0,0547
125,5
101
3320
-61
7,281
4,82
0,258
0,0535
136,0
103
3400
-63
6,786
5,03
0,257
0,0511
132,9
105
3460
-63
7,161
5,00
0,255
0,0510
140,5
107
3550
-62
8,015
4,83
0,253
0,0523
153,2
108
3600
-64
7,121
5,06
0,252
0,0498
143,0
110
3700
-66
6,500
5,27
0,250
0,0474
137,1
112
3800
-67
6,983
5,35
0,247
0,0462
151,3
115
3930
-69
7,619
5,55
0,245
0,0441
172,6
117
4000
-69
6,829
5,51
0,243
0,0441
154,9
120
4110
-70
7,159
5,59
0,242
0,0433
165,3
122
4200
-72
5,969
5,81
0,241
0,0415
144,0
124
4300
-72
7,168
5,75
0,239
0,0415
172,6
126
4380
-73
6,648
5,85
0,237
0,0405
164,0
127
4450
-74
6,671
5,95
0,236
0,0397
168,1
129
4500
-74
7,240
5,92
0,235
0,0397
182,3
131
4620
-77
7,422
6,28
0,233
0,0371
200,0
133
4700
-77
7,228
6,23
0,232
0,0373
194,0
135
4800
-78
8,134
6,31
0,230
0,0364
223,2
137
4880
-77
7,440
6,11
0,228
0,0373
199,5
140
5000
-80
6,907
6,48
0,226
0,0349
197,9
142
5100
-81
7,670
6,56
0,225
0,0343
223,6
144
5180
-81
7,952
6,51
0,224
0,0344
231,0
146
5270
-83
8,195
6,75
0,223
0,0330
248,0
147
5300
-84
7,848
6,88
0,222
0,0322
243,4
149
5400
-83
8,003
6,66
0,221
0,0332
241,1
DIAG. 10.13 CALCOLO DEL FATTORE DI FORMAZIONE DELLE ARGILLE

303

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Fattore di formazione F
1

10

100

1000

1000

Profondit [m]

2000

3000

4000

5000

6000
DIAG. 10.14 ANDAMENTO DEL FATTORE F IN FUNZIONE DELLA PROFONDIT

Dallanalisi del fattore di formazione delle argille nellesempio preso in considerazione


{DIAG. 10.14}, si osserva che il gradiente dei fluidi nei pori normale fino alla profondit di 3500 m.
A profondit maggiori, ci sono delle sovrappressioni poich la resistivit della formazione inferiore a
quella di normale compattazione.

304

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Per la valutazione quantitativa delle sovrappressioni, si applica il concetto precedentemente esposto
della profondit equivalente.
La valutazione del gradiente dei fluidi nei pori con il metodo del fattore di formazione non molto
preciso, basandosi sulle registrazioni del potenziale spontaneo, mentre d buoni risultati in formazioni
clastiche con frequenti alternanze di sabbia e argille.
10.1.3 METODI DI CALCOLO DEL GRADIENTE DI FRATTURAZIONE
Come noto, la spinta orizzontale effettivamente agente sulla matrice solida correlabile a quella
verticale attraverso il coefficiente di spinta laterale. Nellipotesi che la costante di Biot sia unitaria, si
ha:
h = K0 * v (h - pf) = K0 * (v - pf) =

(v - pf) h = pf +
(v - pf)
1
1

(2.69)

dove il coefficiente di Poisson.


Essendo la pressione di fratturazione pari a pfrat = 2h - pf (2.73), si ha:
pfrat = 2

(v - pf) + pf = (v - pf) + pf
1

(10.13)

dove varia da 0.5 a 1 (in terreni plastici = 1, in terreni elastici poco permeabili = 0.67, in
terreni elastici molto permeabili = 0.5).
Dal punto di vista pratico, sempre difficile individuare leffettivo valore della pressione di
fratturazione, cos che nel calcolo sutilizza la seguente relazione conservativa:
pfrat =

2
(v - pf) + pf
3

o in termini di gradienti:
Gfrat =

2
(Gsed - Gf) + Gf
3

(10.14)

lasciando spazio ad unindagine pi accurata l dove la pressione di fratturazione possa risultare


troppo limitante.

305

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


C alcolo del gradiente di fratturazione
G ra d ie n te d e i G ra d ie n te d e i
G ra d ie n te d i fra ttu ra z io n e
P ro fo n d it
s e d im e n ti
p o ri
(G f+ 2(G s ed -G f)/3)
(H i )
[m ]
[M P a /1 0 0 m ]
[M P a /1 0 0 m ]
[M P a /1 0 0 m ]
0
10
50
1 ,5 9
1 ,0 3
1 ,4 0
100
1 ,6 6
1 ,0 3
1 ,4 5
200
1 ,8 2
1 ,0 3
1 ,5 6
300
1 ,8 8
1 ,0 3
1 ,6 0
400
1 ,9 2
1 ,0 3
1 ,6 2
500
1 ,9 5
1 ,0 3
1 ,6 4
600
1 ,9 7
1 ,0 3
1 ,6 6
700
1 ,9 9
1 ,0 3
1 ,6 7
800
2 ,0 1
1 ,0 3
1 ,6 8
900
2 ,0 3
1 ,0 3
1 ,7 0
1000
2 ,0 4
1 ,0 3
1 ,7 0
1100
2 ,0 5
1 ,0 3
1 ,7 1
1200
2 ,0 7
1 ,0 3
1 ,7 2
1300
2 ,0 8
1 ,0 3
1 ,7 3
1400
2 ,0 9
1 ,0 3
1 ,7 4
1500
2 ,1 1
1 ,0 3
1 ,7 5
1600
2 ,1 2
1 ,0 3
1 ,7 6
1700
2 ,1 3
1 ,0 3
1 ,7 6
1800
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
1900
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
2000
2 ,1 5
1 ,0 3
1 ,7 8
2100
2 ,1 6
1 ,0 3
1 ,7 8
2200
2 ,1 7
1 ,0 3
1 ,7 9
2300
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
2400
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
2500
2 ,1 9
1 ,0 3
1 ,8 0
2600
2 ,2 0
1 ,0 3
1 ,8 1
2700
2 ,2 1
1 ,0 3
1 ,8 2
2800
2 ,2 2
1 ,0 3
1 ,8 2
2900
2 ,2 3
1 ,0 3
1 ,8 3
3000
2 ,2 4
1 ,0 3
1 ,8 4
3100
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
3200
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
3300
2 ,2 6
1 ,1 4
1 ,8 9
3400
2 ,2 7
1 ,1 9
1 ,9 1
3500
2 ,2 7
1 ,2 0
1 ,9 1
3600
2 ,2 7
1 ,2 5
1 ,9 3
3700
2 ,2 8
1 ,2 6
1 ,9 4
3800
2 ,2 8
1 ,3 4
1 ,9 7
3900
2 ,2 9
1 ,3 7
1 ,9 8
4000
2 ,2 9
1 ,3 3
1 ,9 7
4100
2 ,2 9
1 ,2 8
1 ,9 5
4200
2 ,3 0
1 ,3 1
1 ,9 7
4300
2 ,3 0
1 ,3 8
1 ,9 9
4400
2 ,3 0
1 ,4 2
2 ,0 1
4500
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
4600
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
4700
2 ,3 1
1 ,4 8
2 ,0 3
4800
2 ,3 2
1 ,6 0
2 ,0 8
4900
2 ,3 2
1 ,6 2
2 ,0 9
5000
2 ,3 2
1 ,6 1
2 ,0 8
5100
2 ,3 2
1 ,6 6
2 ,1 0
5200
2 ,3 3
1 ,6 8
2 ,1 1
5300
2 ,3 3
1 ,7 0
2 ,1 2
5400
2 ,3 3
1 ,7 1
2 ,1 2
DIAG. 10.15 CALCOLO DEL GRADIENTE DI FRATTURAZIONE

306

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


d el g rad iente
G radiente di
fratturazione
[M Pa/100m]

1,40
1,45
1,56
1,60
1,62
1,64
1,66
1,67
1,68
1,70
1,70
1,71
1,72
1,73
1,74
1,75
1,76
1,76
1,77
1,77
1,78
1,78
1,79
1,80
1,80
1,80
1,81
1,82
1,82
1,83
1,84
1,84
1,84
1,89
1,91
1,91
1,93
1,94
1,97
1,98
1,97
1,95
1,97
1,99
2,01
2,02
2,02
2,03
2,08
2,09
2,08
2,10
2,11
2,12
2,12

di fratturazio ne
G radiente di pressione [M P a/100m ]
n pul a t
D ensit es Pression
0
1
1,5
[ kg/dm30,5si e dei [
t si (100
e n 0 0*0.3
]
on M Pa ]

24 182
1,99
## 0,797
45 ####
1,73
## 1,663
62 ####
1,97
## 3,633
60 ####
1,99
## 5,625
56 ####
2,04
## 7,661
53 ####
2,07
## 9,733
50 ####
2,11
## 11,841
1000
51 ####
2,10
## 13,937
48 ####
2,13
## 16,072
46 ####
2,16
## 18,233
45 ####
2,17
## 20,408
44 ####
2,19
## 22,597
42 ####
2,22
## 24,814
40 ####
2,25
## 27,062
39 ####
2,26
## 29,325
38 ####
2,28
## 31,603
2000
37 ####
2,29
## 33,897
36 ####
2,31
## 36,208
39 ####
2,26
## 38,471
39 ####
2,26
## 40,734
37 ####
2,29
## 43,028
36 ####
2,31
## 45,338
34 ####
2,34
## 47,683
34 ####
2,34
## 50,027
31 ####
2,40
## 52,424
3000
32 ####
2,38
## 54,802
30 ####
2,42
## 57,218
27 ####
2,47
## 59,690
26 ####
2,49
## 62,183
25 ####
2,51
## 64,696
26 ####
2,49
## 67,189
28 ####
2,45
## 69,642
27 ####
2,47
## 72,114
28 ####
2,45
## 74,567
28
####
2,45
## 77,020
4000
29 ####
2,43
## 79,454
29 ####
2,43
## 81,888
29 ####
2,43
## 84,322
30 ####
2,42
## 86,738
30 ####
2,42
## 89,153
28 ####
2,45
## 91,606
29 ####
2,43
## 94,040
29 ####
2,43
## 96,474
29 ####
2,43
## 98,908
5000
28 ####
2,45
## 101,361
29 ####
2,43
## 103,795
30 ####
2,42
## 106,210
27 ####
2,47
## 108,683
28 ####
2,45
## 111,136
28 ####
2,45
## 113,589
26 ####
2,49
## 116,082
27 ####
2,47
## 118,554
26 ####
2,49
## 121,047
6000
26 ####
2,49
## 123,539
30 ####
2,42
## 125,955
DIAG. 10.16 ANDAMENTO DEL GRADIENTE DI FRATTURAZIONE
Profondit [m]

Andam ento
Profondit
(H i)
[m]
0
10
50
100
200
300
400
500
600
700
800
900
1000
1100
1200
1300
1400
1500
1600
1700
1800
1900
2000
2100
2200
2300
2400
2500
2600
2700
2800
2900
3000
3100
3200
3300
3400
3500
3600
3700
3800
3900
4000
4100
4200
4300
4400
4500
4600
4700
4800
4900
5000
5100
5200
5300
5400

Riassumendo i dati calcolati, si ha {DIAG. 10.17}:


307

2,5

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

Calcolo del gradiente dei sedimenti


ondit e dei
nte di
Gradienti di pressione [MPa/100m]
sediment
Gradient frattur
0
0,5
1
1,5
2
[m]
e dei pori azione
0i
0
10
50
1,59
1,03
1,40
100
1,66
1,03
1,45
200
1,82
1,03
1,56
300
1,88
1,03
1,60
400
1,92
1,03
1,62
500
1,95
1,03
1,64
600 1000
1,97
1,03
1,66
700
1,99
1,03
1,67
800
2,01
1,03
1,68
900
2,03
1,03
1,70
1000 2,04
1,03
1,70
1100 2,05
1,03
1,71
1200 2,07
1,03
1,72
1300 2,08
1,03
1,73
1400 2,09
1,03
1,74
1500 2,11
1,03
1,75
1600 2000
2,12
1,03
1,76
1700 2,13
1,03
1,76
1800 2,14
1,03
1,77
1900 2,14
1,03
1,77
2000 2,15
1,03
1,78
2100 2,16
1,03
1,78
2200 2,17
1,03
1,79
2300 2,18
1,03
1,80
2400 2,18
1,03
1,80
2500 3000
2,19
1,03
1,80
2600 2,20
1,03
1,81
2700 2,21
1,03
1,82
2800 2,22
1,03
1,82
2900 2,23
1,03
1,83
3000 2,24
1,03
1,84
3100 2,25
1,03
1,84
3200 2,25
1,03
1,84
3300 2,26
1,14
1,89
3400 4000
2,27
1,19
1,91
3500 2,27
1,20
1,91
3600 2,27
1,25
1,93
3700 2,28
1,26
1,94
3800 2,28
1,34
1,97
3900 2,29
1,37
1,98
4000 2,29
1,33
1,97
4100 2,29
1,28
1,95
4200 2,30
1,31
1,97
4300 2,30
1,38
1,99
5000
4400 2,30
1,42
2,01
4500 2,31
1,45
2,02
4600 2,31
1,45
2,02
4700 2,31
1,48
2,03
4800 2,32
1,60
2,08
4900 2,32
1,62
2,09
5000 2,32
1,61
2,08
5100 2,32
1,66
2,10
5200 2,33
1,68
2,11
5300 6000
2,33
1,70
2,12
5400 2 33
1 71
2 12
DIAG. 10.17 ANDAMENTO DEI GRADIENTI DI PRESSIONE

308

2,5

Gradiente dei
sedimenti

Gradiente dei
pori

Gradiente di
fratturazione

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


10.1.4 VALUTAZIONE DELLE SOVRAPPRESSIONI CON I PARAMETRI DI
PERFORAZIONE
Con i metodi esaminati, possibile calcolare le pressioni agenti in pozzo e, quindi, programmare la
perforazione. In fase di realizzazione, per, fondamentale controllare le previsioni fatte, tenendo
sotto controllo i parametri di perforazione forniti in tempo reale.
Questanalisi considera vari fattori. In caso di sovrappressione:
aumenta la velocit davanzamento perch i terreni si sgretolano pi facilmente;
il volume del fango uscente maggiore di quello entrante per lingresso di fluidi di strato in pozzo;
aumenta la resistenza alla rotazione e al sollevamento della batteria di perforazione, per possibili
restringimenti del foro e per ricadute di frammenti dalle pareti del pozzo;
diminuisce la pressione necessaria per la circolazione del fango, per lentrata in pozzo di un fluido
di strato a pi bassa densit;
aumenta la quantit di detriti prodotti;
per lentrata in pozzo di acque salate di formazione, aumenta il contenuto di sali disciolti nel fluido
di perforazione e diminuiscono il pH e la resistivit;
aumentano le manifestazioni di gas;
aumenta la temperatura del fango in corrispondenza di formazioni con fluidi fortemente compressi.
I sopracitati parametri non dipendono solo da eventuali sovrappressioni, ma anche da molti altri fattori
(caratteristiche fisiche e chimiche degli strati attraversati, tipo e condizioni degli scalpelli usati,
caratteristiche del fluido di perforazione, parametri idraulici, ecc.). Occorre, quindi, il monitoraggio
continuo di tutti i parametri e una certa sensibilit per lindividuazione di una zona in sovrappressione.
Il controllo dei parametri di perforazione non solo permette di capire che si entrati in una formazione
in sovrappressione, ma anche di fare una valutazione quantitativa.
A tale proposito sono stati sviluppati dei metodi (sigmalog, drilling exponent, corrected drilling
exponent), che permettono di ricavare, utilizzando formule empiriche e alcuni parametri di
perforazione, una velocit davanzamento normale. Confrontandola con quella reale, si possono
valutare eventuali sovrappressioni.
Jorden e Shirley, rimaneggiando una relazione empirica proposta da Bingham, definirono una
grandezza chiamata drilling exponent:
Va
18.69Vr
=
Pscal
log
371.21D scal
log

d exp

(10.15)

dove Va = velocit davanzamento [m/h];


Vr = velocit di rotazione [giri/min];
Pscal = peso sullo scalpello [kN];
Dscal = diametro dello scalpello [in = 25.4 mm].
Il drilling exponent aumenta al diminuire della velocit davanzamento (entrambi i logaritmi sono
negativi), cio, a parit di condizioni, allaumentare della profondit per una maggiore compattazione
delle formazioni. Per tenere conto dellinfluenza della pressione differenziale sulla velocit
davanzamento, si pu considerare il corrected drilling exponent:
Va
G f ,n
18.69Vr
=
*
Pscal
fan,e
log
371.21D scal
log

dc exp

309

(10.16)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


dove Gf,n = gradiente normale dei fluidi nei pori [MPa/100m];
fan,e = densit equivalente del fango di circolazione [kg/dm3] (densit di un ipotetico fluido di
perforazione che eserciti al fondo una pressione idrostatica pari a quella esercitata dal fango in
circolazione).
In realt, la correzione utilizzata implica una diminuzione del corrected drilling exponent
allaumentare della densit del fango e non in funzione dello sbilanciamento delle pressioni a fondo
pozzo.
Calcolando queste grandezze ad intervalli regolari (1 m) e diagrammandole in un grafico
semilogaritmico in funzione della profondit, si hanno tracce che permettono devidenziare andamenti
anomali.
Gli esponenti hanno un andamento crescente con la profondit, mentre restano costanti o diminuiscono
in formazioni con sovrappressione.
Poich il metodo sopracitato non tiene conto di tutti i parametri che influenzano la velocit
davanzamento, la valutazione delle sovrappressioni deve essere fatta interpretando opportunamente
landamento degli esponenti, facendo particolare attenzione alle profondit caratterizzate da argille. Ci
possono essere delle traslazioni della traccia di riferimento, che indica la normale compattazione, ad
opera di cambiamenti dellidraulica, della natura dei terreni, dello stato e tipologia degli scalpelli,
ecc.).
La valutazione quantitativa della sovrappressione si pu fare ritenendo direttamente proporzionali le
variazioni di pressioni dei fluidi nei pori con quelle del corrected drilling exponent:
p f = p f ,n

( dc exp ) n
(dc exp ) i

(10.17)

dove pf = pressione dei fluidi nei pori alla profondit considerata;


pf,n = pressione dei fluidi nei pori che si avrebbe alla profondit considerata se il gradiente fosse
normale;
(dcexp)i = corrected drilling exponent alla profondit considerata;
(dcexp)n = corrected drilling exponent che si avrebbe alla profondit considerata se il gradiente fosse
normale.
In alternativa o in combinazione del drilling exponent, si pu utilizzare unaltra grandezza chiamata
sigmalog e definita nel seguente modo:
0.5

Pscal

* (Vr ) 0.25
9.8
H

sigma log =
+ 0.028 * 7

0.25
1000
D scal * (Va )

(10.18)

dove Va = velocit davanzamento [m/min];


Vr = velocit di rotazione [giri/min];
Pscal = peso sullo scalpello [kN];
Dscal = diametro dello scalpello [in = 25.4 mm];
H = profondit [m].
A parit dei vari parametri, il sigmalog diminuisce allaumentare della velocit davanzamento e della
profondit.
Per tenere conto dellinfluenza della pressione differenziale sulla velocit davanzamento, si pu
considerare il sigmalog corretto:

310

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

(sigma log )c

1 1 + n 2 * fan 1.03 2 * H

100
= sigma log* 1 +
H

n * fan 1.03 *

100

(10.19)

dove
n=

1
se sigmalog 1,
200 * sigma log

n=

1
0.75
se sigmalog > 1.
4
sigma log
640

Calcolando il sigmalog corretto ad intervalli regolari (1 m) e diagrammandolo in un grafico lineare in


funzione della profondit, si ha una traccia che permette devidenziare andamenti anomali. La
grandezza ha un andamento crescente con la profondit, mentre resta costante o diminuisce in
formazioni con sovrappressione.
Poich il metodo sopracitato non tiene conto di tutti i parametri che influenzano la velocit
davanzamento, la valutazione delle sovrappressioni deve essere fatta interpretando opportunamente le
frequenti traslazioni della traccia.
In formazioni caratterizzate da normale compattazione, la traccia di riferimento viene spostata della
stessa entit della traslazione subita dal sigmalog corretto, mantenendone costante linclinazione.
Come per il corrected drilling exponent, la valutazione quantitativa della sovrappressione si pu fare
ritenendo direttamente proporzionali le variazioni di pressioni dei fluidi nei pori con quelle del
sigmalog corretto.

10.2 DIMENSIONAMENTO DELLA COLONNA DI RIVESTIMENTO


Generalmente, il diametro dei tubi di rivestimento di un pozzo viene scelto in base:
alla profondit del giacimento;
al tipo di completamento previsto (semplice o multiplo);
al metodo di produzione (eventuali pompe discese in pozzo);
al profilo del pozzo;
ai costi di perforazione, tubaggio, cementazione, completamento, manutenzione;
al tipo di pozzo (esplorativo, produttivo);
alle colonne disponibili.
Risulta chiaro che le variabili in gioco sono tali che non possibile seguire una progettazione mirata
alla minimizzazione dei costi totali; bisogna affidarsi alla sensibilit del progettista, ottimizzando le
voci pi importanti (per esempio il completamento) e tenendo conto dei limiti imposti dagli altri
fattori.
In linea di massima, si cerca dutilizzare i diametri pi piccoli possibili per minimizzare i tempi di
perforazione, avere minori quantit di reflui da smaltire, diminuire il costo delle colonne e delle
attrezzature.
Partendo dalla colonna di produzione avente un diametro tale da permettere il passaggio delle
attrezzature di completamento previste, si fissano le dimensioni delle altre colonne tenendo conto che
il gioco tra esse deve essere tale da permetterne il passaggio luna dentro laltra.
Pur non conoscendo la rigidezza delle colonne perch non si sono ancora definiti gli spessori e i
materiali dei casings, si pu avere unidea dei giochi occorrenti, in funzione dei raggi di curvatura del
profilo previsto, verificando con programmi agli elementi finiti la possibilit di discesa di una colonna
dentro laltra.

311

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Il progettista pu essere agevolato nella scelta facendo riferimento a delle combinazioni, generalmente,
usate {FIG. 10.6}.

Foro da 36 per tubo guida da 30

Foro da 17 1/2 per tubo guida da 13 3/8

Foro da 12 1/4 per casing 9 5/8

Foro da 26 per casing 20

Foro da 17 1/2 o 16 per casing 13 3/8

Foro da 8 1/2 per casing da 7

Foro da 12 1/4 per casing 9 5/8

Foro da 6 1/2 per casing da 5

Foro da 8 1/2 per casing da 7

Foro da 4 1/2 per casing da 4

CON 4 COLONNE

SNELLO CON 4 COLONNE

Foro da 36 per tubo guida da 30

Foro da 28 per tubo guida da 24 1/2

Foro da 28 per casing 24 1/2

Foro da 22 per casing 18 5/8

Foro da 22 per casing 18 5/8

Foro da 17 1/2 per casing 16

Foro da 17 1/2 per casing 13 3/8

Foro da 14 3/4 per casing 13 3/8

Foro da 12 1/4 per casing 9 5/8

Foro da 12 1/4 per casing 9 5/8

Foro da 8 1/2 per casing da 7

Foro da 8 1/2 per casing da 7

CON 5 COLONNE

SNELLO CON 5 COLONNE

FIG. 10.6 POSSIBILI COMBINAZIONI DELLE COLONNE DI RIVESTIMENTO

buona norma prevedere per i pozzi esplorativi, diametri maggiori per mettere una o due colonne in
pi di quelle previste in caso di fortuiti, senza ridurre il diametro della colonna di produzione.
Definiti i possibili diametri delle colonne di rivestimento, si passa alla scelta delle profondit alle
quali posizionare le varie scarpe.
Questa scelta essenzialmente legata allanalisi del gradiente di fratturazione e quello dei fluidi nei
pori, ma deve tener conto anche daltri fattori quali:
312

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


profilo del pozzo;
presenza di gas negli strati superficiali;
limite temporale di stabilit del foro.
Un discorso a parte merita la profondit della scarpa del tubo guida, che ha una funzione diversa dalle
altre colonne. Generalmente, si fissa a 40 50 m per un pozzo a terra e si calcola con la seguente
formula, per un pozzo a mare:
H=

fan (H a + H t .r . ) 1.03H a
2
1.03 fan + (G sed 1.03)
3

(10.20)

dove H = profondit dinfissione al di sotto del fondo marino [m];


fan = densit del fango nella fase successiva [kg/dm3];
Ha = profondit dacqua (Ha = 0 per pozzi a terra) [m];
Ht..r. = elevazione della tavola rotary dal livello mare [m];
Gsed = gradiente dei sedimenti a fondo mare [MPa/100 m].
Esempio
Se la profondit dacqua di 80 m, lelevazione della tavola rotary dal livello mare di 30 m, la
densit del fango nella fase successiva di 1.1 kg/dm3, il gradiente dei sedimenti a fondo mare di
2.1 MPa/100 m, la profondit dinfissione del tubo guida dal fondo marino :
H=

1.1(80 + 30 ) 1.03 * 80
= 31 m
2
1.03 1.1 + (2.1 1.03)
3

La profondit della scarpa della colonna superficiale deve essere programmata in modo tale da isolare
le falde acquifere.
Le profondit delle scarpe delle colonne intermedie devono essere programmate in modo tale da poter
perforare il pozzo con diverse densit del fango, permettendo alla pressione idrostatica esercitata
dessere maggiore di quella dei fluidi nei pori e minore di quella di fratturazione.
Si deve considerare, inoltre, che la risalita di un cuscino di gas pu indurre la fratturazione della
formazione sotto la scarpa dellultima colonna di rivestimento, per aumento della pressione di testa
nellintercapedine oltre il massimo valore ammesso. Si deve, quindi, prevedere un certo margine
operativo (MAASP Maximum Allowable Annular Surface Pressure = pressione di fratturazione
meno quella idrostatica esercitata dal fango in uso al momento, alla profondit della scarpa), per
applicare efficacemente le procedure di controllo pozzo (vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE).
Indicativamente, si pu considerare un margine di 1 MPa per la scarpa della colonna superficiale e
4 MPa per quella di una colonna intermedia.
Per lo stesso motivo, si pu considerare unaltra grandezza, chiamata kick tolerance. Essa definita
come il massimo volume del cuscino di gas, che pu entrare in pozzo ed essere gestito con un qualsiasi
metodo di controllo pozzo, senza che si fratturi la formazione sotto la scarpa della colonna di
rivestimento.
Poich la situazione pi critica per la fratturazione si ha quando il cuscino di gas raggiunge la scarpa
(vedi PERFORAZIONE A ROTAZIONE), dallequilibrio idrostatico si ha:
ptes, gas = pf pfan pi = pf - fan * g * (H Hs Hi) - i * g * Hi
dove
313

(10.21)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


ptes, gas = pressione del gas nella parte alta del cuscino (alla profondit della scarpa);
pf = pressione dei fluidi nei pori alla profondit H;
pfan = pressione idrostatica esercitata dal fango sottostante il cuscino di gas;
pi = pressione idrostatica esercitata dal cuscino di gas;
H = profondit verticale di fondo pozzo;
Hs = profondit verticale della scarpa della colonna di rivestimento;
Hi = altezza del cuscino di gas entrato;
fan = densit del fango;
i = densit del gas;
g = accelerazione di gravit.
La condizione limite si ha quando la sopracitata pressione raggiunge quella di fratturazione alla
scarpa:
pf - fan * g * (H Hs Hi) - i * g * Hi = Gfrat * g * Hs

(10.22)

Risolvendo lequazione (10.22) rispetto a Hi, si ha:


Hi =

(
)

H s G frat fan H f fan

fan

(10.23)

Hi rappresenta la massima altezza del cuscino di gas che pu entrare in pozzo senza fratturare la
formazione sotto scarpa.
Un altro fattore da tenere sotto controllo nella definizione della profondit della scarpa di una colonna
di rivestimento la massima pressione differenziale tra quella esercitata dal fango e quella dei fluidi
nei pori che, come noto, tende a favorire le prese di batteria, nel caso in cui le aste poggino sulla parete
del pozzo.
La massima pressione differenziale permessa dipende dal tipo di fluido di perforazione utilizzato, che,
essendo interposto tra le aste e la parete, influenza il coefficiente dattrito.
Indicativamente, si pu considerare una pressione differenziale di 20 MPa per fanghi a base dacqua e
40 MPa per quelli a base dolio.
La profondit della scarpa della colonna di produzione stabilita in funzione della posizione
dellobiettivo da raggiungere.
Riprendendo lo sviluppo dei gradienti di pressione del pozzo a terra analizzato, si programma la
densit del fango, che deve impedire lingresso dei fluidi di strato in pozzo.
Generalmente, si adotta una densit del fango di 0.05 kg/dm3 maggiore di quella corrispondente al
gradiente dei fluidi nei pori, cercando di linearizzare i tratti che prevedono incrementi, per facilitare le
operazioni dappesantimento.
Poich il massimo valore di densit del fango, utilizzato in una certa fase di perforazione, deve essere
tale da non fratturare la formazione nella parte pi alta del foro scoperto, un metodo di scelta delle
scarpe delle colonne di rivestimento quello di disegnare un percorso a gradini tra la traccia del
gradiente di fratturazione (con un certo margine di sicurezza) e quella della densit del fango.
Alla profondit dellobiettivo da raggiungere, si fissa la scarpa della colonna di produzione.
Alla profondit dellobiettivo da raggiungere e in corrispondenza della densit del fango occorrente, si
disegna una linea verticale fino ad intersecare il gradiente di fratturazione; alla profondit
corrispondente allintersezione si dovrebbe fissare la scarpa dellultima colonna superficiale.
Successivamente, si disegna una linea orizzontale fino ad intersecare la traccia della densit del fango
e si procede come descritto in precedenza {DIAG. 10.18}.
In base al suddetto metodo, applicato al caso in esame, si potrebbe realizzare il pozzo senza colonne
intermedie, fissando la scarpa del tubo guida a 50 m di profondit, quella della colonna superficiale a
3150 m e quella della colonna di produzione a 5400 m {DIAG. 10.18}.
314

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

Calcolo del gradiente dei sedimenti


Gradienti diGradiente
pressione [MPa/100m]
Profondit Densit Gradiente dei Gradiente
di
0,5
[ m ] 0 del fango
sedimenti
dei pori1 fratturazione 1,5
0 0
1,09
10
1,09
50
1,09
1,59
1,03
1,40
100
1,09
1,66
1,03
1,45
200
1,09
1,82
1,03
1,56
300
1,09
1,88
1,03
1,60
400
1,09
1,92
1,03
1,62
500
1,09
1,95
1,03
1,64
600
1,09
1,97
1,03
1,66
700
1,09
1,99
1,03
1,67
1000
800
1,09
2,01
1,03
1,68
900
1,09
2,03
1,03
1,70
1000
1,09
2,04
1,03
1,70
1100
1,09
2,05
1,03
1,71
1200
1,09
2,07
1,03
1,72
1300
1,09
2,08
1,03
1,73
1400
1,09
2,09
1,03
1,74
1500
1,09
2,11
1,03
1,75
1600
1,09
2,12
1,03
1,76
2000
1700
1,09
2,13
1,03
1,76
1800
1,09
2,14
1,03
1,77
1900
1,09
2,14
1,03
1,77
2000
1,09
2,15
1,03
1,78
2100
1,09
2,16
1,03
1,78
2200
1,09
2,17
1,03
1,79
2300
1,09
2,18
1,03
1,80
2400
1,09
2,18
1,03
1,80
2500
1,09
2,19
1,03
1,80
3000
2600
1,09
2,20
1,03
1,81
2700
1,09
2,21
1,03
1,82
2800
1,09
2,22
1,03
1,82
2900
1,09
2,23
1,03
1,83
3000
1,09
2,24
1,03
1,84
3100
1,09
2,25
1,03
1,84
3200
1,09
2,25
1,03
1,84
3300
1,21
2,26
1,14
1,89
3400
1,26
2,27
1,19
1,91
4000
3500
1,30
2,27
1,20
1,91
3600
1,33
2,27
1,25
1,93
3700
1,37
2,28
1,26
1,94
3800
1,40
2,28
1,34
1,97
3900
1,44
2,29
1,37
1,98
4000
1,44
2,29
1,33
1,97
4100
1,44
2,29
1,28
1,95
4200
1,44
2,30
1,31
1,97
4300
1,48
2,30
1,38
1,99
5000
4400
1,52
2,30
1,42
2,01
4500
1,55
2,31
1,45
2,02
4600
1,59
2,31
1,45
2,02
4700
1,63
2,31
1,48
2,03
4800
1,67
2,32
1,60
2,08
4900
1,69
2,32
1,62
2,09
5000
1,72
2,32
1,61
2,08
5100
1,74
2,32
1,66
2,10
5200
1,76
2,33
1,68
2,11
6000
5300
1,78
2,33
1,70
2,12
5400
1 81
2 33
1 71
2 12

2,5

Gradiente dei
sedimenti
Gradiente dei
pori
Gradiente di
fratturazione
Densit del
fango

DIAG. 10.18 METODO DI SCELTA DELLE PROFONDIT DELLE SCARPE DELLE COLONNE DI RIVESTIMENTO

315

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

g
Gradienti diGradiente
pressione [MPa/100m]
Profondit Densit Gradiente dei Gradiente
di
0,5
2
2,5
[ m ] 0 del fango
sedimenti
dei pori1 fratturazione 1,5
0 0
1,09
10
1,09
50
1,09
1,59
1,03
1,40
100
1,09
1,66
1,03
1,45
200
1,09
1,82
1,03
1,56
300
1,09
1,88
1,03
1,60
400
1,09
1,92
1,03
1,62
500
1,09
1,95
1,03
1,64
600
1,09
1,97
1,03
1,66
1000
700
1,09
1,99
1,03
1,67
800
1,09
2,01
1,03
1,68
900
1,09
2,03
1,03
1,70
1000
1,09
2,04
1,03
1,70
1100
1,09
2,05
1,03
1,71
1200
1,09
2,07
1,03
1,72
1300
1,09
2,08
1,03
1,73
1400
1,09
2,09
1,03
1,74
1500
1,09
2,11
1,03
1,75
1600
1,09
2,12
1,03
1,76
2000
1700
1,09
2,13
1,03
1,76
1800
1,09
2,14
1,03
1,77
1900
1,09
2,14
1,03
1,77
2000
1,09
2,15
1,03
1,78
2100
1,09
2,16
1,03
1,78
2200
1,09
2,17
1,03
1,79
Gradiente dei
sedimenti
2300
1,09
2,18
1,03
1,80
2400
1,09
2,18
1,03
1,80
Gradiente dei
2500
1,09
2,19
1,03
1,80
pori
3000
2600
1,09
2,20
1,03
1,81
Gradiente di
2700
1,09
2,21
1,03
1,82
fratturazione
2800
1,09
2,22
1,03
1,82
Densit del
2900
1,09
2,23
1,03
1,83
fango
3000
1,09
2,24
1,03
1,84
3100
1,09
2,25
1,03
1,84
3200
1,09
2,25
1,03
1,84
3300
1,21
2,26
1,14
1,89
3400
1,26
2,27
1,19
1,91
4000
3500
1,30
2,27
1,20
1,91
3600
1,33
2,27
1,25
1,93
3700
1,37
2,28
1,26
1,94
3800
1,40
2,28
1,34
1,97
3900
1,44
2,29
1,37
1,98
4000
1,44
2,29
1,33
1,97
4100
1,44
2,29
1,28
1,95
4200
1,44
2,30
1,31
1,97
4300
1,48
2,30
1,38
1,99
5000
4400
1,52
2,30
1,42
2,01
4500
1,55
2,31
1,45
2,02
4600
1,59
2,31
1,45
2,02
4700
1,63
2,31
1,48
2,03
4800
1,67
2,32
1,60
2,08
4900
1,69
2,32
1,62
2,09
5000
1,72
2,32
1,61
2,08
5100
1,74
2,32
1,66
2,10
5200
1,76
2,33
1,68
2,11
6000
5300
1 78
2 33
1 70
2 12
DIAG. 10.19 1 TENTATIVO DI SCELTA DELLE PROFONDIT DELLE SCARPE DELLE COLONNE DI RIVESTIMENTO

In realt ci non possibile per varie ragioni:


colonne cos lunghe sono sottoposte a sollecitazioni tali (vedi di seguito) da non poter resistere
meccanicamente;
316

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

si dovrebbero perforare tratti cos lunghi da richiedere tempi desecuzione tali da compromettere
la stabilit del foro;
si dovrebbero perforare i primi 3150 m senza apparecchiature di sicurezza adatti a contrastare
lingresso di fluidi in pozzo.
In base a queste considerazioni, come primo tentativo, si fissa la profondit della scarpa della colonna
superficiale a 600 m, quella della prima colonna intermedia a 3200 m, quella della seconda colonna
intermedia a 4200 m e quella della colonna di produzione a 5400 m {DIAG. 10.19} e si controllano le
possibili limitazioni dovute al margine di pressione e a quella differenziale {DIAG. 10.20}.
S c e lt a d e lle p r o f o n d it d e lle s c a rp e d e lle c o lo n n e d i riv e s t im e n t o ( p rim a s o lu z io n e )
P r o fo n d it
D e n s it
G r a d ie n te d e i
G r a d ie n te
G r a d ie n te d i M a r g in e d i p r e s s io n e
P r e s s io n e
d e l fa n g o
s e d im e n ti
d e i p o ri
fr a ttu r a z io n e
(M A A S P )
d iffe r e n z ia le
[m ]
[k g /d m 3 ]
[M P a /1 0 0 m ] [M P a /1 0 0 m ] [M P a /1 0 0 m ]
[M P a ]
[M P a ]
0
1 ,0 8
10
1 ,0 8
50
1 ,0 8
1 ,5 9
1 ,0 3
1 ,4 0
100
1 ,0 8
1 ,6 6
1 ,0 3
1 ,4 5
0 ,1 6 0
0 ,0 5 0
200
1 ,0 8
1 ,8 2
1 ,0 3
1 ,5 6
0 ,1 6 0
0 ,1 0 0
300
1 ,0 8
1 ,8 8
1 ,0 3
1 ,6 0
0 ,1 6 0
0 ,1 5 0
400
1 ,0 8
1 ,9 2
1 ,0 3
1 ,6 2
0 ,1 6 0
0 ,2 0 0
500
1 ,0 8
1 ,9 5
1 ,0 3
1 ,6 4
0 ,1 6 0
0 ,2 5 0
600
1 ,0 8
1 ,9 7
1 ,0 3
1 ,6 6
0 ,1 6 0
0 ,3 0 0
700
1 ,0 8
1 ,9 9
1 ,0 3
1 ,6 7
3 ,4 8 0
0 ,3 5 0
800
1 ,0 8
2 ,0 1
1 ,0 3
1 ,6 8
3 ,4 8 0
0 ,4 0 0
900
1 ,0 8
2 ,0 3
1 ,0 3
1 ,7 0
3 ,4 8 0
0 ,4 5 0
1000
1 ,0 8
2 ,0 4
1 ,0 3
1 ,7 0
3 ,4 8 0
0 ,5 0 0
1100
1 ,0 8
2 ,0 5
1 ,0 3
1 ,7 1
3 ,4 8 0
0 ,5 5 0
1200
1 ,0 8
2 ,0 7
1 ,0 3
1 ,7 2
3 ,4 8 0
0 ,6 0 0
1300
1 ,0 8
2 ,0 8
1 ,0 3
1 ,7 3
3 ,4 8 0
0 ,6 5 0
1400
1 ,0 8
2 ,0 9
1 ,0 3
1 ,7 4
3 ,4 8 0
0 ,7 0 0
1500
1 ,0 8
2 ,1 1
1 ,0 3
1 ,7 5
3 ,4 8 0
0 ,7 5 0
1600
1 ,0 8
2 ,1 2
1 ,0 3
1 ,7 6
3 ,4 8 0
0 ,8 0 0
1700
1 ,0 8
2 ,1 3
1 ,0 3
1 ,7 6
3 ,4 8 0
0 ,8 5 0
1800
1 ,0 8
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
3 ,4 8 0
0 ,9 0 0
1900
1 ,0 8
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
3 ,4 8 0
0 ,9 5 0
2000
1 ,0 8
2 ,1 5
1 ,0 3
1 ,7 8
3 ,4 8 0
1 ,0 0 0
2100
1 ,0 8
2 ,1 6
1 ,0 3
1 ,7 8
3 ,4 8 0
1 ,0 5 0
2200
1 ,0 8
2 ,1 7
1 ,0 3
1 ,7 9
3 ,4 8 0
1 ,1 0 0
2300
1 ,0 8
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
3 ,4 8 0
1 ,1 5 0
2400
1 ,0 8
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
3 ,4 8 0
1 ,2 0 0
2500
1 ,0 8
2 ,1 9
1 ,0 3
1 ,8 0
3 ,4 8 0
1 ,2 5 0
2600
1 ,0 8
2 ,2 0
1 ,0 3
1 ,8 1
3 ,4 8 0
1 ,3 0 0
2700
1 ,0 8
2 ,2 1
1 ,0 3
1 ,8 2
3 ,4 8 0
1 ,3 5 0
2800
1 ,0 8
2 ,2 2
1 ,0 3
1 ,8 2
3 ,4 8 0
1 ,4 0 0
2900
1 ,0 8
2 ,2 3
1 ,0 3
1 ,8 3
3 ,4 8 0
1 ,4 5 0
3000
1 ,0 8
2 ,2 4
1 ,0 3
1 ,8 4
3 ,4 8 0
1 ,5 0 0
3100
1 ,0 8
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
3 ,4 8 0
1 ,5 5 0
3200
1 ,0 8
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
3 ,4 8 0
1 ,6 0 0
3300
1 ,2 1
2 ,2 6
1 ,1 4
1 ,8 9
2 0 ,1 6 0
2 ,3 1 0
3400
1 ,2 6
2 ,2 7
1 ,1 9
1 ,9 1
1 8 ,5 6 0
2 ,3 8 0
3500
1 ,3 0
2 ,2 7
1 ,2 0
1 ,9 1
1 7 ,2 8 0
3 ,5 0 0
3600
1 ,3 3
2 ,2 7
1 ,2 5
1 ,9 3
1 6 ,3 2 0
2 ,8 8 0
3700
1 ,3 7
2 ,2 8
1 ,2 6
1 ,9 4
1 5 ,0 4 0
4 ,0 7 0
3800
1 ,4 0
2 ,2 8
1 ,3 4
1 ,9 7
1 4 ,0 8 0
2 ,2 8 0
3900
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,3 7
1 ,9 8
1 2 ,8 0 0
2 ,7 3 0
4000
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,3 3
1 ,9 7
1 2 ,8 0 0
4 ,4 0 0
4100
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,2 8
1 ,9 5
1 2 ,8 0 0
6 ,5 6 0
4200
1 ,4 4
2 ,3 0
1 ,3 1
1 ,9 7
1 2 ,8 0 0
5 ,4 6 0
4300
1 ,4 8
2 ,3 0
1 ,3 8
1 ,9 9
2 0 ,5 8 0
4 ,3 0 0
4400
1 ,5 2
2 ,3 0
1 ,4 2
2 ,0 1
1 8 ,9 0 0
4 ,4 0 0
4500
1 ,5 5
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
1 7 ,6 4 0
4 ,5 0 0
4600
1 ,5 9
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
1 5 ,9 6 0
6 ,4 4 0
4700
1 ,6 3
2 ,3 1
1 ,4 8
2 ,0 3
1 4 ,2 8 0
7 ,0 5 0
4800
1 ,6 7
2 ,3 2
1 ,6 0
2 ,0 8
1 2 ,6 0 0
3 ,3 6 0
4900
1 ,6 9
2 ,3 2
1 ,6 2
2 ,0 9
1 1 ,7 6 0
3 ,4 3 0
5000
1 ,7 2
2 ,3 2
1 ,6 1
2 ,0 8
1 0 ,5 0 0
5 ,5 0 0
5100
1 ,7 4
2 ,3 2
1 ,6 6
2 ,1 0
9 ,6 6 0
4 ,0 8 0
5200
1 ,7 6
2 ,3 3
1 ,6 8
2 ,1 1
8 ,8 2 0
4 ,1 6 0
5300
1 ,7 8
2 ,3 3
1 ,7 0
2 ,1 2
7 ,9 8 0
4 ,2 4 0
5400
1 ,8 1
2 ,3 3
1 ,7 1
2 ,1 2
6 ,7 2 0
5 ,4 0 0

DIAG. 10.20 VERIFICA DELLA MAASP E DELLA PRESSIONE DIFFERENZIALE DEL 1 TENTATIVO DI SCELTA

317

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Profondit [m]

Calcolo del gradiente dei sedimenti


Gradienti di pressione [MPa/100m]
Profondit Densit Gradiente dei Gradiente Gradiente di
0
0,5
1
1,5
2
2,5
[m]
del fango
sedimenti
dei pori fratturazione
0
0
1,09
10
1,09
50
1,09
1,59
1,03
1,40
100
1,09
1,66
1,03
1,45
200
1,09
1,82
1,03
1,56
300
1,09
1,88
1,03
1,60
400
1,09
1,92
1,03
1,62
500
1,09
1,95
1,03
1,64
600
1,09
1,97
1,03
1,66
1000
700
1,09
1,99
1,03
1,67
800
1,09
2,01
1,03
1,68
900
1,09
2,03
1,03
1,70
1000
1,09
2,04
1,03
1,70
1100
1,09
2,05
1,03
1,71
1200
1,09
2,07
1,03
1,72
1300
1,09
2,08
1,03
1,73
1400
1,09
2,09
1,03
1,74
1500
1,09
2,11
1,03
1,75
1600 2000 1,09
2,12
1,03
1,76
1700
1,09
2,13
1,03
1,76
Gradiente dei
1800
1,09
2,14
1,03
1,77
sedimenti
1900
1,09
2,14
1,03
1,77
Gradiente dei
2000
1,09
2,15
1,03
1,78
pori
2100
1,09
2,16
1,03
1,78
Gradiente di
2200
1,09
2,17
1,03
1,79
fratturazione
2300
1,09
2,18
1,03
1,80
2400
1,09
2,18
1,03
1,80
Densit del
fango
2500 3000 1,09
2,19
1,03
1,80
2600
1,09
2,20
1,03
1,81
2700
1,09
2,21
1,03
1,82
2800
1,09
2,22
1,03
1,82
2900
1,09
2,23
1,03
1,83
3000
1,09
2,24
1,03
1,84
3100
1,09
2,25
1,03
1,84
3200
1,09
2,25
1,03
1,84
3300
1,21
2,26
1,14
1,89
3400 4000 1,26
2,27
1,19
1,91
3500
1,30
2,27
1,20
1,91
3600
1,33
2,27
1,25
1,93
3700
1,37
2,28
1,26
1,94
3800
1,40
2,28
1,34
1,97
3900
1,44
2,29
1,37
1,98
4000
1,44
2,29
1,33
1,97
4100
1,44
2,29
1,28
1,95
4200
1,44
2,30
1,31
1,97
4300 5000 1,48
2,30
1,38
1,99
4400
1,52
2,30
1,42
2,01
4500
1,55
2,31
1,45
2,02
4600
1,59
2,31
1,45
2,02
4700
1,63
2,31
1,48
2,03
4800
1,67
2,32
1,60
2,08
4900
1,69
2,32
1,62
2,09
5000
1,72
2,32
1,61
2,08
5100
1,74
2,32
1,66
2,10
5200 6000 1,76
2,33
1,68
2,11
5300
1,78
2,33
1,70
2,12
5400
1 81
2 33
1 71
2 12
DIAG. 10.21 2 TENTATIVO DI SCELTA DELLE PROFONDIT DELLE SCARPE DELLE COLONNE DI RIVESTIMENTO

Questa soluzione comporta la perforazione dei primi 600 m senza apparecchiature di sicurezza per
contrastare leventuale entrata di gas in pozzo; se larea in oggetto ben conosciuta, per, la soluzione
pu essere realizzata senza molti problemi.
318

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


La fase relativa alla prima colonna intermedia prevede la perforazione di 2600 m (3200-600). Si tratta
di una fase molto lunga che, specie in formazioni di difficile perforazione, pu richiedere tempi di
realizzazione pericolosi per la stabilit del foro (vedi MECCANICA DEI TERRENI).
Inoltre, essendo la fine della fase al limite dellinizio delle sovrappressioni, possibile incorrere in
pericoli deruzione se il cambiamento litologico avviene prima del previsto.
In base a queste considerazioni, come secondo tentativo, si fissa la profondit della scarpa della
colonna superficiale a 600 m, quella della prima colonna intermedia a 2400 m, quella della seconda
colonna intermedia a 4000 m e quella della colonna di produzione a 5400 m {DIAG. 10.21}.
S c e lt a d e lle p ro f o n d it d e lle s c a rp e d e lle c o lo n n e d i riv e s t im e n t o ( s e c o n d a s o lu z io n e )
P r o fo n d it
D e n s it
G r a d ie n te d e i
G r a d ie n te
G r a d ie n te d i M a rg in e d i p re s s io n e
P r e s s io n e
d e l fa n g o
s e d im e n ti
d e i p o ri
fr a ttu r a z io n e
(M A A S P )
d iffe re n z ia le
[m ]
[k g /d m 3 ]
[M P a /1 0 0 m ] [M P a /1 0 0 m ] [M P a /1 0 0 m ]
[M P a ]
[M P a ]
0
1 ,0 8
10
1 ,0 8
50
1 ,0 8
1 ,5 9
1 ,0 3
1 ,4 0
100
1 ,0 8
1 ,6 6
1 ,0 3
1 ,4 5
0 ,1 6 0
0 ,0 5 0
200
1 ,0 8
1 ,8 2
1 ,0 3
1 ,5 6
0 ,1 6 0
0 ,1 0 0
300
1 ,0 8
1 ,8 8
1 ,0 3
1 ,6 0
0 ,1 6 0
0 ,1 5 0
400
1 ,0 8
1 ,9 2
1 ,0 3
1 ,6 2
0 ,1 6 0
0 ,2 0 0
500
1 ,0 8
1 ,9 5
1 ,0 3
1 ,6 4
0 ,1 6 0
0 ,2 5 0
600
1 ,0 8
1 ,9 7
1 ,0 3
1 ,6 6
0 ,1 6 0
0 ,3 0 0
700
1 ,0 8
1 ,9 9
1 ,0 3
1 ,6 7
3 ,4 8 0
0 ,3 5 0
800
1 ,0 8
2 ,0 1
1 ,0 3
1 ,6 8
3 ,4 8 0
0 ,4 0 0
900
1 ,0 8
2 ,0 3
1 ,0 3
1 ,7 0
3 ,4 8 0
0 ,4 5 0
1000
1 ,0 8
2 ,0 4
1 ,0 3
1 ,7 0
3 ,4 8 0
0 ,5 0 0
1100
1 ,0 8
2 ,0 5
1 ,0 3
1 ,7 1
3 ,4 8 0
0 ,5 5 0
1200
1 ,0 8
2 ,0 7
1 ,0 3
1 ,7 2
3 ,4 8 0
0 ,6 0 0
1300
1 ,0 8
2 ,0 8
1 ,0 3
1 ,7 3
3 ,4 8 0
0 ,6 5 0
1400
1 ,0 8
2 ,0 9
1 ,0 3
1 ,7 4
3 ,4 8 0
0 ,7 0 0
1500
1 ,0 8
2 ,1 1
1 ,0 3
1 ,7 5
3 ,4 8 0
0 ,7 5 0
1600
1 ,0 8
2 ,1 2
1 ,0 3
1 ,7 6
3 ,4 8 0
0 ,8 0 0
1700
1 ,0 8
2 ,1 3
1 ,0 3
1 ,7 6
3 ,4 8 0
0 ,8 5 0
1800
1 ,0 8
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
3 ,4 8 0
0 ,9 0 0
1900
1 ,0 8
2 ,1 4
1 ,0 3
1 ,7 7
3 ,4 8 0
0 ,9 5 0
2000
1 ,0 8
2 ,1 5
1 ,0 3
1 ,7 8
3 ,4 8 0
1 ,0 0 0
2100
1 ,0 8
2 ,1 6
1 ,0 3
1 ,7 8
3 ,4 8 0
1 ,0 5 0
2200
1 ,0 8
2 ,1 7
1 ,0 3
1 ,7 9
3 ,4 8 0
1 ,1 0 0
2300
1 ,0 8
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
3 ,4 8 0
1 ,1 5 0
2400
1 ,0 8
2 ,1 8
1 ,0 3
1 ,8 0
3 ,4 8 0
1 ,2 0 0
2500
1 ,0 8
2 ,1 9
1 ,0 3
1 ,8 0
1 7 ,2 8 0
1 ,2 5 0
2600
1 ,0 8
2 ,2 0
1 ,0 3
1 ,8 1
1 7 ,2 8 0
1 ,3 0 0
2700
1 ,0 8
2 ,2 1
1 ,0 3
1 ,8 2
1 7 ,2 8 0
1 ,3 5 0
2800
1 ,0 8
2 ,2 2
1 ,0 3
1 ,8 2
1 7 ,2 8 0
1 ,4 0 0
2900
1 ,0 8
2 ,2 3
1 ,0 3
1 ,8 3
1 7 ,2 8 0
1 ,4 5 0
3000
1 ,0 8
2 ,2 4
1 ,0 3
1 ,8 4
1 7 ,2 8 0
1 ,5 0 0
3100
1 ,0 8
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
1 7 ,2 8 0
1 ,5 5 0
3200
1 ,0 8
2 ,2 5
1 ,0 3
1 ,8 4
1 7 ,2 8 0
1 ,6 0 0
3300
1 ,2 1
2 ,2 6
1 ,1 4
1 ,8 9
1 4 ,1 6 0
2 ,3 1 0
3400
1 ,2 6
2 ,2 7
1 ,1 9
1 ,9 1
1 2 ,9 6 0
2 ,3 8 0
3500
1 ,3 0
2 ,2 7
1 ,2 0
1 ,9 1
1 2 ,0 9 6
3 ,3 6 0
3600
1 ,3 3
2 ,2 7
1 ,2 5
1 ,9 3
1 1 ,2 3 2
2 ,9 5 2
3700
1 ,3 7
2 ,2 8
1 ,2 6
1 ,9 4
1 0 ,3 6 8
3 ,9 9 6
3800
1 ,4 0
2 ,2 8
1 ,3 4
1 ,9 7
9 ,5 0 4
2 ,4 3 2
3900
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,3 7
1 ,9 8
8 ,6 4 0
2 ,7 3 0
4000
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,3 3
1 ,9 7
8 ,6 4 0
4 ,4 0 0
4100
1 ,4 4
2 ,2 9
1 ,2 8
1 ,9 5
2 1 ,2 0 0
6 ,5 6 0
4200
1 ,4 4
2 ,3 0
1 ,3 1
1 ,9 7
2 1 ,2 0 0
5 ,4 6 0
4300
1 ,4 8
2 ,3 0
1 ,3 8
1 ,9 9
1 9 ,6 6 7
4 ,2 2 8
4400
1 ,5 2
2 ,3 0
1 ,4 2
2 ,0 1
1 8 ,1 3 3
4 ,2 5 3
4500
1 ,5 5
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
1 6 ,6 0 0
4 ,7 2 5
4600
1 ,5 9
2 ,3 1
1 ,4 5
2 ,0 2
1 5 ,0 6 7
6 ,5 9 3
4700
1 ,6 3
2 ,3 1
1 ,4 8
2 ,0 3
1 3 ,5 3 3
7 ,1 2 8
4800
1 ,6 7
2 ,3 2
1 ,6 0
2 ,0 8
1 2 ,0 0 0
3 ,3 6 0
4900
1 ,6 9
2 ,3 2
1 ,6 2
2 ,0 9
1 1 ,0 8 0
3 ,5 7 7
5000
1 ,7 2
2 ,3 2
1 ,6 1
2 ,0 8
1 0 ,1 6 0
5 ,3 0 0
5100
1 ,7 4
2 ,3 2
1 ,6 6
2 ,1 0
9 ,2 4 0
4 ,0 2 9
5200
1 ,7 6
2 ,3 3
1 ,6 8
2 ,1 1
8 ,3 2 0
4 ,2 6 4
5300
1 ,7 8
2 ,3 3
1 ,7 0
2 ,1 2
7 ,4 0 0
4 ,5 0 5
5400
1 ,8 1
2 ,3 3
1 ,7 1
2 ,1 2
6 ,4 8 0
5 ,2 9 2

DIAG. 10.22 VERIFICA DELLA MAASP E DELLA PRESSIONE DIFFERENZIALE DEL 2 TENTATIVO DI SCELTA

319

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Nel caso in cui si abbiano variazioni pi rapide dei gradienti, pu esserci la necessit dutilizzare un
profilo a pi colonne {DIAG. 10.23}.
Calcolo del gradiente dei sedimenti
Gradienti di pressione [MPa/100m]

Profondit [m]

0,5 Gradiente dei


1
Profondit0 Gradiente dei
[ m ]0
sedimenti
pori
0
10
50
1,49
1,03
100
1,58
1,03
500
200
1,68
1,03
300
1,74
1,03
400
1,76
1,03
500
1,79
1,03
600
1,81
1,03
1000
700
1,84
1,03
800
1,85
1,03
900
1,87
1,03
1000
1,88
1,03
1100
1,89
1,03
1500
1200
1,91
1,03
1300
1,92
1,03
1400
1,93
1,03
1500
1,94
1,03
2000
1600
1,95
1,03
1700
1,96
1,03
1800
1,97
1,03
1900
2,00
1,03
2000
2,05
1,03
2500
2100
2,06
1,03
2200
2,07
1,03
2300
2,14
1,03
2400
2,18
1,22
2500
2,19
1,34
3000
2600
2,20
1,36
2700
2,21
1,38
2800
2,22
1,42
2900
2,23
1,56
3000
2,24
1,68
3500
3100
2,25
1,79
3200
2,25
1,84
3300
2,26
1,85
3400
2,27
1,78
3500
2,28
1,65
4000
3600
2,29
1,64
3700
2 30
1 65

1,5di
Gradiente
fratturazione

1,34
1,40
1,46
1,50
1,52
1,54
1,55
1,57
1,58
1,59
1,60
1,60
1,62
1,62
1,63
1,64
1,64
1,65
1,66
1,68
1,71
1,72
1,72
1,77
1,86
1,91
1,92
1,93
1,95
2,01
2,05
2,10
2,11
2,12
2,11
2,07
2,07
2 08

2,5

Gradiente dei
sedimenti
Gradiente dei
pori
Gradiente di
fratturazione

DIAG. 10.23 ALTRO ESEMPIO DI SCELTA DELLE PROFONDIT DELLE SCARPE DELLE COLONNE

Dopo aver definito il diametro e la profondit della scarpa delle varie colonne di rivestimento, occorre
definirne lo spessore ed il materiale. Questattivit di progettazione implica la conoscenza dei carichi
applicati alle colonne di rivestimento ed il calcolo delle tensioni risultanti.

320

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Profondit

D ensit
G radiente dei G radiente dei G radiente di
M argine di pressione
Pressione
del fango
sedimenti
pori
fratturazione
(M AASP)
differenziale
[m]
[kg/dm3]
[M Pa/100m]
[M Pa/100m]
[M Pa/100m]
[M Pa]
[M Pa]
0
1,08
10
1,08
50
1,08
1,49
1,03
1,34
100
1,08
1,58
1,03
1,40
0,128
0,050
200
1,08
1,68
1,03
1,46
0,128
0,100
300
1,08
1,74
1,03
1,50
0,128
0,150
400
1,08
1,76
1,03
1,52
0,128
0,200
500
1,08
1,79
1,03
1,54
1,747
0,250
600
1,08
1,81
1,03
1,55
1,747
0,300
700
1,08
1,84
1,03
1,57
1,747
0,350
800
1,08
1,85
1,03
1,58
1,747
0,400
900
1,08
1,87
1,03
1,59
1,747
0,450
1000
1,08
1,88
1,03
1,60
1,747
0,500
1100
1,08
1,89
1,03
1,60
1,747
0,550
1200
1,08
1,91
1,03
1,62
1,747
0,600
1300
1,08
1,92
1,03
1,62
1,747
0,650
1400
1,08
1,93
1,03
1,63
1,747
0,700
1500
1,08
1,94
1,03
1,64
1,747
0,750
1600
1,08
1,95
1,03
1,64
8,350
0,800
1700
1,08
1,96
1,03
1,65
8,350
0,850
1800
1,08
1,97
1,03
1,66
8,350
0,900
1900
1,08
2,00
1,03
1,68
8,350
0,950
2000
1,08
2,05
1,03
1,71
8,350
1,000
2100
1,08
2,06
1,03
1,72
8,350
1,050
2200
1,08
2,07
1,03
1,72
8,350
1,100
2300
1,08
2,14
1,03
1,77
8,350
1,150
2400
1,25
2,18
1,22
1,86
5,800
0,720
2500
1,40
2,19
1,34
1,91
3,550
1,500
2600
1,43
2,20
1,36
1,92
11,917
1,820
2700
1,46
2,21
1,38
1,93
11,167
2,160
2800
1,49
2,22
1,42
1,95
10,417
1,960
2900
1,62
2,23
1,56
2,01
7,167
1,740
3000
1,75
2,24
1,68
2,05
3,917
2,100
3100
1,88
2,25
1,79
2,10
5,200
2,790
3200
1,88
2,25
1,84
2,11
5,200
1,280
3300
1,88
2,26
1,85
2,12
5,200
0,990
3400
1,88
2,27
1,78
2,11
5,200
3,400
3500
1,88
2,28
1,65
2,07
5,200
8,050
3600
1,70
2,29
1,64
2,07
12,950
2,160
3700
1,70
2,30
1,65
2,08
12,950
1,850
DIAG. 10.24 VERIFICA DELLA MAASP E DELLA PRESSIONE DIFFERENZIALE DELLESEMPIO PRECEDENTE

Una colonna di rivestimento soggetta a pressioni di squarciamento (burst) per la presenza di fluidi
(fango, malta) al suo interno. Ad esse, si possono aggiungere pressioni interne localizzate, per
linstallazione di packers e cunei, o distribuite, per il ritiro della malta in fase di presa, che, essendo
allesterno della colonna tende ad allargarla.
Analogamente, la presenza di fluidi (di strato, fango, malta), di packers e di cunei allesterno della
colonna di rivestimento determina pressioni di schiacciamento (collapse).
Sollecitazioni assiali derivano dalla trazione o compressione della colonna di rivestimento, ad opera
dellazione del proprio peso e dei vincoli imposti dal pozzo.
Sollecitazioni flessionali si possono avere per un profilo deviato del pozzo e altre di natura torsionali
se, in fase di cementazione, si ha la rotazione della colonna di rivestimento (in realt, come gi detto,
questa procedura consigliabile, ma raramente eseguita).
Una colonna di rivestimento pu essere soggetta ad instabilit elastica della sezione trasversale, per
azione della pressione esterna. Linstabilit elastica longitudinale di tutta la colonna di rivestimento si
pu trascurare per il limitato gioco esistente tra tubi e foro (piccole flessioni).
321

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Ci sono sollecitazioni termiche dovute alla cementazione e alle variazioni di temperature in pozzo nel
tempo, per limpossibilit della colonna di dilatarsi o restringersi, allungarsi o accorciarsi liberamente.
Si devono, infine, considerare lusura e la corrosione, dovute alla rotazione della batteria di
perforazione e allaggressivit delle sostanze che vengono a contatto con i tubi.
Per il dimensionamento delle colonne di rivestimento, occorre vedere quali di queste condizioni risulta
la pi pericolosa e quali possono avvenire contemporaneamente.
Tutte le sollecitazioni analizzate possono essere considerate di tipo statico.
Quando una colonna, con scarpa chiusa da una valvola e completamente piena di fango, sospesa in
superficie attraverso i cunei, soggetta, al vincolo superiore, da una forza di trazione (F), pari
allazione del peso proprio (F1) e del fluido interno (F2) meno la spinta di galleggiamento (F3):
F = F1 + F2 F3 = L * As * a * g + L * Ai * fan * g L * Ae * fan * g = L * As * a * g +
+ L * Ai * fan * g L(Ai + As ) fan * g = L * As * a * g L * As * fan * g =

fan

= L * As * a * g 1
a

(10.24)

dove L = lunghezza della colonna di rivestimento;


g = accelerazione di gravit (9.8 m/s2);
a = densit dellacciaio (7.85 kg/dm3);
fan = densit del fango;
As = sezione ferro;
Ai = sezione interna;
Ae = sezione esterna.
In definitiva, la forza di trazione F pari al peso della colonna in aria per il fattore di galleggiamento
fan

. Ad opera del proprio peso, la colonna sottoposta a tensioni di


(Buoyancy Factor) 1

trazione che aumentano dal basso verso lalto. Ad opera della pressione idrostatica che agisce sulla
superficie di fondo della colonna, si generano tensioni di compressione costanti per tutta la lunghezza.
Ne risulta un andamento lineare delle tensioni con valori negativi in basso (compressione) e positivi in
alto (trazione); il valore massimo si ha al vincolo superiore {FIG. 10.7}.
La forza normale (Nz) alla generica sezione z

pari al peso della parte sottostante ad essa


meno la spinta idrostatica di fondo:
N z = As * z * a * g As * L * fan * g (10.25)

Ne deriva una tensione assiale nella sezione z


pari a:

z = z * a * g L * fan * g

(10.26)

Per trovare la sezione neutra, si pone z = 0


allequazione precedente (10.26) e si ricava z.

FIG. 10.7 SCHEMA DI COLONNA SOSPESA

Nel calcolo della tensione assiale, si considerata una sezione del tubo uniforme. In realt, la presenza
dei giunti determina una riduzione di resistenza, per la diminuzione della sezione e per
lintensificazione delle tensioni in prossimit del filetto. Si tiene conto di questa riduzione di resistenza
attraverso un coefficiente defficienza funzione del tipo di giunto utilizzato.
322

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Lo spostamento s della sezione z pari allallungamento della parte sovrastante ad essa:
L

s=

d z
d =
E

* g * fan * g * L d
E

fan * g * L(L z )
a * g L2 z 2

2* E
E

(10.27)

Lo spostamento dellestremit inferiore (z = 0) pari allallungamento della colonna {FIG. 10.7}:


s MAX =

2
L2 * a * g L * fan * g

2* E
E

(10.28)

In realt, lallungamento della colonna un po inferiore per lazione degli attriti in pozzo.
Esempio
Determinare lallungamento di una colonna di rivestimento sospesa allestremit superiore ed immersa
in un fango a densit di 1.3 kg/dm3 con le seguenti caratteristiche:
Lunghezza colonna (L)
Densit dellacciaio (a)
Modulo di Young (E)

4000 m
7.85*103 kg/m3
206*109 Pa

s MAX =

4000 2 * 7850 * 9.8 4000 2 * 1300 * 9.8


=2m

2 * 206 * 10 9
206 * 10 9

Durante la cementazione della colonna, con il metodo dei due tappi, si ha un carico assiale addizionale
(F4) pari alla pressione (pr, t) di rottura del tappo ( 15 MPa) per la sezione interna del tubo:
F4 = pr, t * Ai

(10.29)

Ne deriva una tensione assiale ed un allungamento aggiuntivo pari a:

z =

p r ,t * Ai
As

(10.30)

s=

F4 * L p r ,t * Ai * L
=
E * As
E * As

(10.31)

Esempio
Determinare lallungamento aggiuntivo dovuto al contatto tappi di una colonna di rivestimento con le
seguenti caratteristiche:
Diametro nominale
Spessore
Lunghezza colonna (L)
Sezione interna (Ai)
Sezione ferro (As)
Modulo di Young (E)

240 mm (9 5/8)
12 mm (47 lb/ft)
4000 m
38013 mm2
8757 mm2
206000 MPa

323

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

s=

15 * 38013 * 4000
= 1.26 m
206000 * 8757

In realt, durante la cementazione, lallungamento dovuto al contatto tappi non determina una vera e
propria variazione di lunghezza della colonna, in quanto le condizioni del foro la vincolano anche al
fondo. La pressurizzazione della colonna, quindi, ne determina una diminuzione di peso al gancio in
quanto lipotetico allungamento verso lalto diminuisce il preesistente stato di trazione.
Il peso della colonna (F) sostenuto dai cunei, che
esercitano una compressione sul tubo.

Considerando un coefficiente dattrito unitario tra i cunei


e la colonna di rivestimento, ad opera delle deformazioni
plastiche allesterno del tubo, la compressione (pc)
funzione dellentit della reazione (F), dellangolo del

piano inclinato e dallarea di contatto {FIG. 10.8}:


Fr =

FIG. 10.8 AZIONE DEI CUNEI SULLA COLONNA

F
tg

(10.32)

pc =

Fr
* De * h

(10.33)

Considerate, per, le dimensioni (altezza ed angolo) dei


cunei che si trovano in commercio e che essi tendono a
formare un tuttuno con il corpo tubo (aumento fittizio
dello spessore), generalmente, le sollecitazioni possono
essere trascurate.

Quando una colonna di rivestimento discesa in pozzo, soggetta ad un aumento di temperatura (T),
funzione del gradiente termico della formazione (). Indicando con il coefficiente di dilatazione
termico dellacciaio, ne deriva un allungamento pari a:
L = L * * T =

L2 * *
2

(10.34)

Esempio
Determinare lallungamento di una colonna di rivestimento lunga 4000 m con un coefficiente di
dilatazione termico di 12*10-6 C-1 discesa in un terreno con un gradiente termico di 0.03 C/m:
L =

4000 2 * 12 * 10 6 * 0.03
= 2.88 m
2

Generalmente, la presa del cemento una reazione esotermica, cio avviene con produzione di
calore, determinando un aumento della temperatura della colonna di rivestimento e, quindi, della sua
lunghezza. Laumento di temperatura della colonna di rivestimento dipende dallo spessore del
cemento e da quello del tubo. Per semplicit, si pu trascurare la dipendenza dallo spessore del tubo e
si pu considerare un aumento di temperatura della colonna di rivestimento di 2 C ogni 10 mm di
spessore di cemento. Con laumento di temperatura, essa tende a dilatarsi, ma tale fenomeno
contrastato dai vincoli imposti dal pozzo e dalla progressiva presa del cemento. A presa avvenuta, la
temperatura tende a diminuire, uniformandosi con quella dellambiente circostante, ma le dilatazioni
della colonna di rivestimento non possono pi scomparire. Ne risulta una tensione assiale pari a:

324

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

z = * E * T

(10.35)

Analoghe sollecitazioni derivano dalle variazioni del gradiente termico della formazione nel corso del
tempo, in relazione allo sfruttamento del giacimento.
Considerando gli allungamenti previsti, si discende la colonna di rivestimento portando la scarpa ad un
paio di metri dal fondo pozzo, per avere il minore tratto possibile di cemento (pu dare problemi di
prese di batteria nella perforazione della fase successiva). In tale situazione, giustificata la
schematizzazione di trave sospesa superiormente.
In realt, durante la discesa possibile che la colonna di rivestimento si blocchi in qualche punto ed
necessario scaricare peso per favorirne lavanzamento.

FIG. 10.10 SCHEMA DI COLONNA APPOGGIATA

FIG. 10.9 SCHEMA DI COLONNA SOSPESA AL GANCIO

Finch la colonna di rivestimento non tocca il fondo del pozzo, il peso sostenuto dal gancio pari alla
forza F. Vincolando la colonna di rivestimento al fondo, il peso sostenuto dal gancio diminuisce al
valore F, in quanto F F sopportato dal vincolo inferiore {FIG. 10.9}. Ne risulta che nella parte
bassa della colonna aumenta il tratto soggetto a compressione. Le tensioni agenti saranno:

z = z * a * g L * fan * g

F F'
As

(10.36)

Per trovare la sezione neutra, si pone z = 0 allequazione precedente (10.36) e si ricava z.


In alcuni casi (colonne rotte), possibile che esse siano completamente compresse {FIG. 10.10}.
Per valutare le tensioni derivanti dallazione delle pressioni esercitate sulle colonne, si consideri un
tubo di raggio interno Ri, di raggio esterno Re, chiuso allestremit e soggetto a pressione interna pi.
Per lequilibrio in direzione assiale, la spinta esercitata su un fondo del cilindro pari alla risultante
delle tensioni assiali ripartite sulla sezione anulare {FIG. 10.11}:
2

p i * * Ri = z * * R e Ri

z = pi *

325

Ri
2

R e Ri

pi
2

a 1

R
a = e
Ri

(10.37)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

FIG. 10.11 ANALISI DELLE TENSIONI DERIVANTI DALLAZIONE DI PRESSIONI

) ed una strizione ( z ) del tubo.


E
E
Poich ogni diametro del tubo un asse di simmetria, gli sforzi di taglio () sono nulli e le tensioni
assiali, radiali e tangenziali sono quelle principali.
Per lequilibrio in direzione radiale (r) del generico elementino del tubo, si ha:
La sollecitazione assiale determina un allungamento (

[ r * r + d ( r * r )]d r * r * d 2 * * dr * d = 0
2

d ( r * r )
dr

(10.38)

Indicando con e r rispettivamente la deformazione tangenziale e radiale, si ha:

2 * * (r + u ) 2 * * r u
=
r
2 * * r

(10.39)

r =

du
dr

(10.40)

dove u lo spostamento radiale.


Ricordando il legame elastico lineare (vedi MECCANICA DEI TERRENI), si ha:

E
*E
*E
( r + + z ) ; r = E r +
( + + ) (2.71)
+
(1 2 * )(1 + )
(1 2 * )(1 + ) r z
1 +
1 +

Sostituendo le relazioni precedenti (2.71) nellequazione (10.38), si ha:


d
E
*E
( r + + z ) = r + r r =
+
(1 2 * )(1 + )
dr
1 +
E
*E
( r + + z )
d
r +
(1 2 * )(1 + )
1 +
E
*E

( r + + z ) + r *
r +
=
(1 2 * )(1 + )
dr
1 +

326

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Sostituendo le equazioni (10.39 - 10.40) nella relazione precedente e ricordando che la deformazione
d
assiale z indipendente da r ( z = 0 ), si ha:
dr
E u
E du
*E
*E
du u

du u

+
+ +z =
+
+ +z +

1 + r (1 2 * )(1 + ) dr r
1 + dr (1 2 * )(1 + ) dr r

E d 2u
d 2 u 1 du u
*E

+ r
+
+

1 + d 2 r (1 2 * )(1 + ) d 2 r r dr r 2

E
r*
1 +

d 2 u 1 du u
d 2 u 1 du u
*E

+
= 0
+
+
2

2
2
(
)(
)
r
dr
r
dr

1
2
*
1

+
r
r 2
d r
d r

La precedente relazione verificata solo se

d 2u
d 2r

1 du u

=0
r dr r 2

(10.41)

Si tratta di unequazione differenziale del 2 ordine, che ammette una soluzione del tipo
B
u = A*r + .
r
Sostituendo le espressioni di u nellequazione differenziale (10.41) ed imponendo le condizioni al
contorno (r = - pi per r = Ri; r = 0 per r = Re), si trovano i valori delle costanti A e B:
2 1 + pi
Re

E a2 1
1 pi

u =
*r +
2
r
E a 1

(10.42)

Noto lo spostamento radiale, si possono calcolare le deformazioni e, quindi, le tensioni principali:

Re 2
2
(10.43) ; r = p i Re 1 (10.44) ; z = p i

(10.37)
+
1
2
2
2
2

a2 1
a 1 r
a 1 r

pi

(formule di Lam).
Le tensioni assiali e tangenziali sono positive (trazione), mentre quella radiale negativa
(compressione). La tensione assiale costante lungo tutta la lunghezza del tubo, quella tangenziale
p
massima allinterno ( = 2 i a 2 + 1 ) e diminuisce andando verso lesterno, quella radiale
a 1
massima allinterno (-pi) e si annulla allesterno {FIG. 10.11}.
Le tensioni maggiori si hanno in corrispondenza delle fibre interne:

I =

pi
2

a 1

(a

+1

(10.45)

III = p i

(10.46)

Utilizzando il criterio della massima tensione tangenziale, si ha che la tensione ideale (id) pari a:

id = I III =
327

2 * a 2 * pi
a2 1

(10.47)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Per non avere rotture, la tensione ideale (id) deve essere inferiore a quella ammissibile del materiale
(am). Imponendo luguaglianza della tensione ideale (10.47) con quella ammissibile del materiale, si
ricava il minimo spessore t del tubo (Re Ri) per non avere rotture:

p
t = R e 1 1 2 i

am

(10.48)

Le variazioni dimensionali sono:


Re = (Re ) * Re =

p i * Re 2
p i * Ri a 2 (1 + ) + (1 2 * )
R
R
(10.49)
;
(10.50)
*

=
=

(Ri )
i
i
E a2 1
E
a2 1
L = z * L =

p i * L (1 2 * )
(10.51)
E
a2 1

Nel caso di tensione assiale nulla (tubo aperto alle estremit), le variazioni dimensionali sono:
Re =

p i * Re 2
p * Ri
2
(10.52) ; Ri = i
E a 1
E

a2 +1

p i * L 2

a 2 1 + (10.53) ; L = E a 2 1 (10.54)

Analogamente, si dimostra che nel caso di tubo sottoposto a pressione esterna, si ha:

2
2

p e * a 2 Ri
(10.55) ; r = p e * a
+
1

a 2 1 r 2
a2 1

Ri 2
(10.56) ; z = p e * a (10.57)

r2
a2 1

Le tensioni tangenziali, radiali ed assiali sono negative (compressione).


La tensione assiale costante lungo tutta la lunghezza del tubo, quella tangenziale massima
2 * a 2 * pe
) e diminuisce andando verso lesterno, quella radiale nulla allinterno
allinterno ( =
a2 1
e massima allesterno ( p e ) {FIG. 10.11}.
Le tensioni maggiori si hanno in corrispondenza delle fibre interne:

I =0

(10.58)

III =

2 * a 2 * pe
a2 1

(10.59)

Utilizzando il criterio della massima tensione tangenziale, si ha che la tensione ideale (id) pari a:

id = I III =

2 * a 2 * pe
a2 1

(10.60)

Imponendo luguaglianza della tensione ideale (10.58) con quella ammissibile del materiale, si ricava
il minimo spessore t del tubo (Re Ri) per non avere rotture:

p
t = R e 1 1 2 e

am

328

(10.61)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Le variazioni dimensionali sono:
Re =

p e * Re a 2 (1 2 * ) + 1 +
E
a2 1
L =

(10.62)

Ri =

p e * L (1 2 * ) * a 2
E
a2 1

p e * Ri a 2 (2 )
E
a2 1

(10.63)

(10.64)

Nel caso di tensione assiale nulla (tubo aperto alle estremit), le variazioni dimensionali sono:
Re =

p e * Re
E

a2 +1
p e * Ri

a 2 1 (10.65) ; Ri = E

2* a2
p * L 2 * a 2 *
(10.66); L = e

(10.67)
a2 1
E
a2 1

Nel caso di tubi sottili, cio in quelli con uno spessore sufficientemente piccolo rispetto al diametro
D
), si possono utilizzare formule semplificate ipotizzando che la tensione tangenziale sia
(t <
10
costante lungo la parete. Considerando lequilibrio di un semicilindro di raggio R soggetto a pressione
interna pi, si ha:

2 * * t * 1 = pi * D * 1 =

pi * D
(10.68)
2*t

(formule di Mariotte).
Alla stessa conclusione si giunge ponendo
Re = Ri + t nelle equazioni della teoria dei tubi
spessi e considerando t molto piccolo.
La tensione radiale nulla sul bordo esterno,
mentre su quello interno vale r = p i (10.69).

t
FIG. 10.12 CILINDRO A PARETE SOTTILE

Se esiste anche leffetto di pressione sui fondi che chiudono il tubo, si ha una tensione assiale:

z =

pi * D
4*t

(10.70)

Le variazioni dimensionali sono:


pi * R 2
R =
1
E *t
2

(10.71)

L =

pi * R * L 1


E *t 2

(10.72)

Nel caso di pressione esterna, si possono utilizzare le stesse formule di Mariotte sostituendo pi con pe
(le tensioni risultanti sono di compressione).
I casings, generalmente usati, si possono considerare sottili e, quindi, per il loro dimensionamento si
possono adottare le formule di Mariotte.
La discesa di una colonna in un pozzo deviato implica delle sollecitazioni di natura flessionali, con
conseguenti tensioni assiali di trazione, in corrispondenza delle fibre tese, e di compressione, in
corrispondenza di quelle compresse {FIG. 10.13}.

329

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


La deformazione elastica di una colonna di rivestimento in un pozzo deviato, atta a far assumere alla
stessa un angolo dinclinazione , equivale allapplicazione di un momento flettente Mf.

FIG. 10.13 SOLLECITAZIONI FLESSIONALI NELLE COLONNE DI RIVESTIMENTO

Dallequazione della linea elastica, si ha:


d2y M f
=
dz 2 E * I

(10.73)

4
4
Re Ri il momento dinerzia della sezione circolare {FIG. 10.13}.
4
Lintegrale primo, rispetto a z, dellequazione precedente (10.73), fornisce linclinazione del profilo,
mentre lintegrale secondo individua la deformata della colonna:

dove I =

dy M f
*z
=
dz E * I

M f =E*I *

(10.74)

lincremento angolare in radianti dellinclinazione del pozzo per unit di lunghezza).


z
Lapplicazione di un momento flettente su una colonna di rivestimento determina le seguenti tensioni:

z =

Mf
I

(10.75)

Le tensioni massime si hanno in corrispondenza delle fibre esterne:

MAX =

Mf
I

Re = E *

* Re
z

Le colonne possono essere soggette a problemi dinstabilit elastica.


330

(10.76)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Linstabilit elastica lincapacit di una struttura di recuperare il suo stato originario al cessare
dellazione delle forze esterne.
Una struttura che perde la stabilit caratterizzata dal passaggio ad una nuova posizione dequilibrio
con notevoli spostamenti, deformazioni nel campo plastico e possibilit di rotture.
Questa condizione , quindi, da evitare in quanto anche se non seguita da rotture, le ingenti
deformazioni impediscono di assolvere alle funzioni di progetto (una colonna integra, ma ovalizzata
non permette il passaggio delle attrezzature).
Come detto in precedenza, linstabilit elastica longitudinale di una colonna di rivestimento soggetta a
compressione pu essere trascurata per il limitato gioco esistente tra tubi e foro.
Per un certo valore della pressione esterna, la sezione circolare di un cilindro si schiaccia assumendo la
forma approssimativamente ellittica.
Risolvendo lequazione differenziale dellequilibrio, si dimostra che linstabilit perviene quando la
pressione esterna supera un valore critico (pcr) pari a:
p cr =

E *t3

4 1 2 Re

(10.77)

Per un certo valore del momento flettente, la sezione circolare di un cilindro si ovalizza.
Linstabilit della parete del cilindro si ha quando il momento flettente supera un valore critico (Mcr):
M cr = 1.219

E * Re * t 2
1 2

(10.78)

FIG. 10.14 INSTABILIT DI PARETE PER AZIONE DELLA PRESSIONE ESTERNA E DI UN MOMENTO FLETTENTE

Il bollettino API 5C3 non segue il suddetto calcolo puntuale delle tensioni, dovute alle varie
sollecitazioni, n li mette poi insieme secondo uno dei tradizionali criteri di resistenza, per trovare una
tensione ideale (o equivalente) da confrontare con la resistenza del materiale. Il bollettino indica delle
formule (simili a quelle gi menzionate) che permettono, in base alle caratteristiche del tubo, di
calcolare la massima sollecitazione applicabile (per lo squarciamento, schiacciamento, trazione).
Per esempio, prescrive, per il calcolo della resistenza a squarciamento, la seguente formula:

331

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


2 * s * t
Pi (max) = 0.875

(10.79)

La formula API si differenzia dalla formula di Mariotte unicamente per il fattore 0,875. Il motivo della
presenza di questo coefficiente sta nel fatto che, nel processo di fabbricazione dei tubi, lo spessore
effettivo sar certamente diverso dal suo valore nominale.
In altre parole, il calcolo si esegue tenendo conto di uno spessore del tubo pari al 87,5 % del valore
nominale.
Per la resistenza allo schiacciamento, le norme API riportano vari comportamenti del tubo alla
sollecitazione, definendo, per ognuno di essi, lespressione della massima pressione ammissibile ed il
rispettivo campo di validit:
schiacciamento a carico di snervamento

Pe (max)

D
1
t

= 2 s
D 2

t

Grado

D/t max

H 40
H 50
J, K 55
J, K 60
J, K 70
C, 75
L, N 80
C 90
C, T 95
C, T 100
P 105
P 110
P 120
Q 125
Q 130
V 150

16.4
15.24
14.81
14.44
13.85
13.60
13.38
13.01
12.85
12.70
12.57
12.44
12.21
12.11
12.02
11.67

(10.80)

N. B.
vedi oltre per i gradi di acciaio API

schiacciamento plastico

Pe (max)

= s B C
D

332

(10.81)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Grado

D/t min

D/t max

H 40
H 50
J, K 55
J, K 60
J, K 70
C 75
L, N 80
C 90
C, T 95
C, T 100
P 105
P 110
P 120
Q 125
Q 130
V 150

2.950
2.976
2.991
3.005
3.037
3.054
3.071
3.106
3.124
3.143
3.162
3.181
3.219
3.239
3.258
3.336

0.0465
0.0515
0.0541
0.0556
0.0617
0.0642
0.0667
0.0718
0.0743
0.0768
0.0794
0.0819
0.0870
0.0895
0.0920
0.1021

754
1056
1206
1356
1656
1806
1955
2254
2404
2553
2702
2852
3151
3301
3451
4053

16.4
15.24
14.81
14.44
13.85
13.60
13.38
13.01
12.85
12.70
12.57
12.44
12.21
12.11
12.02
11.67

27.01
25.63
25.01
24.42
23.38
22.91
22.47
21.69
21.33
21.00
20.70
20.41
19.88
19.63
19.40
18.57

schiacciamento di transizione

Pe (max)

= s G
D

(10.82)

Grado

D/t min

D/t max

H 40
H 50
J, K 55
J, K 60
J, K 70
C 75
L, N 80
C 90
C, T 95
C, T 100
P 105
P 110
P 120
Q 125
Q 130
V 150

2.063
2.003
1.989
1.983
1.984
1.990
1.998
2.017
2.029
2.040
2.053
2.066
2.092
2.106
2.119
2.174

0.0325
0.0347
0.0360
0.0373
0.0403
0.0418
0.0434
0.0466
0.0482
0.0499
0.0515
0.0532
0.0565
0.0582
0.0599
0.0666

27.01
25.63
25.01
24.42
23.38
22.91
22.47
21.69
21.33
21.00
20.70
20.41
19.88
19.63
19.40
18.57

42.64
38.83
37.21
35.73
35.17
32.05
31.02
29.18
28..36
27.60
26.89
26.22
25.01
24.46
23.94
22.11

schiacciamento elastico
Pe (max)

46.95 10 6
D D
1
t t

333

(10.83)

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Grado

D/t min

H 40
H 50
J, K 55
J, K 60
J, K 70
C 75
L, N 80
C 90
C, T 95
C, T 100
P 105
P 110
P 120
Q 125
Q 130
V 150

42.64
38.83
37.21
35.73
35.17
32.05
31.02
29.18
28..36
27.60
26.89
26.22
25.01
24.46
23.94
22.11

Per la resistenza a trazione, le norme API riportano la massima forza applicabile al corpo tubo,
secondo la relazione:
Ft (max) =

D22 D12 s
4

(10.84)

In base, quindi, alle suddette formule, definite dal bollettino API 5C2, sono state calcolate, per ogni
tubo normalizzato, le massime sollecitazioni applicabili per lo squarciamento, schiacciamento,
trazione (vedi APPENDICE C).
Le stesse norme API indicano di tener conto delle sollecitazioni composte (biassiale), partendo dalla
considerazione che tensioni assiali di trazione (z,tr) producono una riduzione nella resistenza allo
schiacciamento. Tale considerazione applicata tenendo conto di un fattore riduttivo di resistenza
2

z ,tr
z ,tr

1
0
.
75
0
.
5
(S = tensione di snervamento del materiale), derivato dalla formula

di Von Mises.
Una colonna di rivestimento soggetta a squarciamento quando la pressione interna maggiore di
quella esterna. Questa situazione si pu verificare:
per lentrata di un cuscino di gas allinterno della colonna di rivestimento;
per la rottura di un tubing di produzione;
per una prova di pressurizzazione (leak-off test);
per un pompaggio in pressione (squeezing).
Nel dimensionamento a squarciamento delle colonne, si considerano andamenti lineari della pressione
interna e di quella esterna; il carico risultante dato dalla differenza delle due pressioni.
Per quanto riguarda la pressione interna della colonna superficiale, si considera:
alla scarpa la pressione di fratturazione alla stessa profondit (un valore superiore non possibile
perch si avrebbe la fratturazione della formazione);
in testa, la pressione di fratturazione alla scarpa meno il carico idrostatico di una colonna di gas
(quando non si conosce la densit reale, si pu prendere un valore di 0.3 kg/dm3 ed in ogni caso,
buona norma considerare una pressione di testa pozzo non inferiore a 14 MPa).
Per la pressione esterna della colonna superficiale, si considera il carico idrostatico di una colonna
dacqua o del fango, se si perfora con circolazione a giorno.
Per quanto riguarda la pressione interna delle colonne intermedie, si considera:
alla scarpa la pressione di fratturazione alla stessa profondit;
334

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

in testa, il 60 % della pressione di fratturazione alla scarpa (la riduzione del 40 % applicata per
non avere sollecitazioni tanto severe quanto raramente verificabili) meno il carico idrostatico di
una colonna di gas (quando non si conosce la densit reale, si pu prendere un valore di
0.3 kg/dm3).
Per la pressione esterna delle colonne intermedie, si considera quella dei fluidi nei pori.
Per quanto riguarda la pressione interna della colonna di produzione, si considera:
in testa, il maggiore valore tra la differenza della pressione dei fluidi di giacimento ed il carico
idrostatico da essi esercitato (lassunzione deriva dallipotesi di rottura di un tubing sotto la testa
pozzo) o la pressione di fratturazione alla profondit degli spari, meno il carico idrostatico
esercitato dal fluido utilizzato, pi un margine di sicurezza di 8 MPa (lassunzione deriva
dallipotesi desecuzione di unacidificazione);
alla scarpa la pressione di testa pi quella idrostatica esercitata dal fluido di completamento.
Per la pressione esterna della colonna di produzione, si considera quella dei fluidi nei pori.
Una colonna di rivestimento soggetta a schiacciamento quando la pressione esterna maggiore di
quella interna. Questa situazione si pu verificare:
per inadeguato riempimento della colonna durante le operazioni di discesa;
per assorbimenti e conseguente abbassamento del livello del fluido di perforazione in pozzo;
per la presenza di formazioni saline, a causa del loro comportamento plastico;
per un pompaggio in pressione (squeezing).
Nel dimensionamento a schiacciamento delle colonne, si considerano andamenti lineari della pressione
esterna e di quella interna; il carico risultante dato dalla differenza delle due pressioni.
La pressione interna della colonna superficiale si considera nulla (lassunzione deriva dallipotesi di
completa perdita di circolazione durante la perforazione della fase successiva).
Per la pressione esterna della colonna superficiale, si considera il carico idrostatico di una colonna
dacqua o del fango, se si perfora con circolazione a giorno.
Per quanto riguarda la pressione interna delle colonne intermedie, si considera quella esercitata
dallabbassamento del fango in pozzo per assorbimenti durante la perforazione della fase successiva;
essa sar nulla sopra il pelo libero e pari allidrostatica nella parte inferiore. La profondit del livello
del fango allinterno della colonna si calcola imponendo lequilibrio tra la pressione dei pori in
prossimit dello strato in assorbimento e quella del fango:

Gf
H fan = H ass 1

fan

(10.85)

dove
Hfan = profondit del fango allinterno della colonna;
Hass = profondit alla quale si verificano gli assorbimenti;
Gf = gradiente dei fluidi nei pori alla profondit degli assorbimenti;
fan = densit del fango.
Nellimpossibilit di determinazione della zona in assorbimento, si considera la colonna piena a met.
Per la pressione esterna delle colonne intermedie, si considera quella idrostatica del fango in cui stata
discesa (fine fase precedente) o quella dei sedimenti se si attraversano duomi salini.
Per quanto riguarda la pressione interna della colonna di produzione, si considera nulla (lassunzione
deriva dallipotesi che la colonna sia completamente vuota).
Per la pressione esterna delle colonne di produzione, si considera quella idrostatica del fango in cui
stata discesa. Nel caso dutilizzo di un liner casing, la colonna a cui esso sospeso deve essere
riverificato come se fosse una colonna di produzione.

335

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Riprendendo lesempio considerato in precedenza con un profilo a quattro colonne {DIAG. 10.21}, si
individuano, per ognuna di esse, le sollecitazioni di squarciamento e di schiacciamento agenti
{DIAG. 10.25 10.28}:

Sollecitazioni di squarciamento e schiacciamento sulla colonna superficiale da 20"

Profondit [m]

SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO
Pressione Pressione
[MPa] Risultante
esterna
Profondit interna Pressioni
00
5
10
15
14
0
14 14
0 600
Pressione
9,96
6,48
3,48
100
200
300
400
500
600
700

interna

Pressione
esterna
Risultante

3,48

Pressione interna di testa


Gradiente di fratturazione alla scarpa (600 m)
Pressione di fratturazione alla scarpa (600 m)
Pressione interna alla scarpa (600 m)
Densit del fango
Pressione idrostatica del fango alla scarpa (600 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (600 m)

14 MPa
1,66 MPa/100m
9,96 MPa
9,96 MPa
1,08 kg/dm3
6,48 MPa
0 MPa
6,48 MPa

Profondit [m]

SOLLECITAZIONI DI SCHIACCIAMENTO
Pressione Pressione
esterna Risultante
Profondit interna
Pressioni [MPa]
0
0
0
0
0
2 0
4 6,48
6 6,48 8
600
0

Pressione
interna

200

Pressione
esterna

400
600

6,48

800

Pressione interna di testa


Pressione interna alla scarpa (600 m)
Densit del fango
Pressione idrostatica del fango alla scarpa (600 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (600 m)

Risultante

0 MPa
0 MPa
1,08 kg/dm3
6,48 MPa
0 MPa
6,48 MPa

DIAG. 10.25 SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO E SCHIACCIAMENTO NELLA COLONNA DA 20 (508 mm)

336

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Sollecitazioni di squarciamento e schiacciamento sulla colonna intermedia da 13 3/8"


SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO

Profondit [m]

Pressione Pressione
[MPa] Risultante
esterna
Profondit interna Pressioni
00
1018,7220
30 0 40 18,72
50
0
2400
43,2
24,72
18,48
500

Pressione
interna

18,72

1500

Pressione
esterna

2000

Risultante

1000

2500
3000

18,48

Gradiente di fratturazione alla scarpa (2400 m)


Pressione di fratturazione alla scarpa (2400 m)
Pressione interna alla scarpa (2400 m)
Pressione interna di testa
Gradiente dei pori alla scarpa (2400 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (2400 m)

1,80 MPa/100m
43,20 MPa
43,20 MPa
18,72 MPa
1,03 MPa/100m
0 MPa
24,72 MPa

SOLLECITAZIONI DI SCHIACCIAMENTO

Profondit [m]

Pressione Pressione
[MPa] Risultante
esterna
Profondit interna Pressioni
00
10
20
0
0
030
0
1200
0
12,6
12,6
500
2400
13,08
25,2
12,12
1000
1500
2000
2500
3000

12,6
12,12

Pressione interna di testa


Pressione interna a met colonna (1200 m)
Pressione interna alla scarpa (2400 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (2400 m)

Pressione
interna
Pressione
esterna
Risultante

0 MPa
0 MPa
13,08 MPa
0 MPa
25,20 MPa

DIAG. 10.26 SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO E SCHIACCIAMENTO NELLA COLONNA DA 13 3/8 (339.7 mm)

337

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Sollecitazioni di squarciamento e schiacciamento sulla colonna intermedia da 9 5/8"


SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO

Profondit [m]

Pressione Pressione
Pressioni [MPa]
esterna Risultante
Profondit interna
0
20
40
60
80
100
0
35,28
0
35,28
35,28
0
3200
70,09
32,96
37,13
1000
4000
78,8
53,2
25,6

Pressione
interna

2000
3000
4000
5000

Pressione
esterna

37,13

Risultante

25,6

Gradiente di fratturazione alla scarpa (4000 m)


Pressione di fratturazione alla scarpa (4000 m)
Pressione interna alla scarpa (4000 m)
Pressione interna di testa
Gradiente dei pori a 3200 m
Gradiente dei pori alla scarpa (4000 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna a 3200 m
Pressione esterna alla scarpa (4000 m)

1,97 MPa/100m
78,80 MPa
78,80 MPa
35,28 MPa
1,03 MPa/100m
1,33 MPa/100m
0 MPa
32,96 MPa
53,20 MPa

SOLLECITAZIONI DI SCHIACCIAMENTO

Profondit [m]

Pressione Pressione
Pressioni [MPa]
esterna Risultante
Profondit interna
00
10 0 20
30 0 40
050
0
2000
0
21,8
21,8
1000
4000
28,8
43,6
14,8

21,8

2000

Pressione
esterna

3000
4000
5000

Pressione
interna

Risultante

14,8

Pressione interna di testa


Pressione interna a met colonna (2000 m)
Pressione interna alla scarpa (4000 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (4000 m)

0 MPa
0 MPa
28,80 MPa
0 MPa
43,60 MPa

DIAG. 10.27 SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO E SCHIACCIAMENTO NELLA COLONNA DA 9 5/8 (244.5 mm)

338

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Sollecitazioni di squarciamento e schiacciamento sulla colonna di produzione da 7"


SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO

Profondit [m]

Pressione Pressione
Pressioni [MPa]
esterna Risultante
Profondit interna
0
50
100
150
200
76,14
0
76,14
0
76,14
0
5400
173,88
92,34
81,54
1000

Pressione
interna

2000
3000

Pressione
esterna

4000

Risultante

5000
6000

81,54

Gradiente dei fluidi nei pori alla scarpa (5400 m)


Pressione dei fluidi nei pori alla scarpa (5400 m)
Pressione interna di testa
Densit del fluido di completamento
Pressione interna alla scarpa (5400 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (5400 m)

1,71 MPa/100m
92,34 MPa
76,14 MPa
1,81 kg/dm3
173,88 MPa
0 MPa
92,34 MPa

Profondit [m]

SOLLECITAZIONI DI SCHIACCIAMENTO
Pressione
Pressione
esterna[MPa] Risultante
Profondit interna Pressioni
0
40
60
100
0 20
0
0 80
0 120
0
5400
0
97,74
97,74
1000
2000

Pressione
interna
Pressione
esterna

3000
4000
5000

97,74

6000

Pressione interna di testa


Pressione interna alla scarpa (5400 m)
Densit del fango
Pressione idrostatica del fango alla scarpa (5400 m)
Pressione esterna di testa
Pressione esterna alla scarpa (5400 m)

Risultante

0 MPa
0 MPa
1,81 kg/dm3
97,74 MPa
0 MPa
97,74 MPa

DIAG. 10.28 SOLLECITAZIONI DI SQUARCIAMENTO E SCHIACCIAMENTO NELLA COLONNA DA 7 (177.8 mm)

Dopo aver individuato le sollecitazioni agenti sulle colonne di rivestimento, si calcolano le tensioni
derivanti e si scelgono gli spessori ed i materiali.

339

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


NOMINALE ESTERNO SPESSORE PESO LINEARE
[in]
[mm]
[mm]
[lb/ft]
H40
4 1/2

5 1/2

6 5/8

7 5/8

7 3/4

114.3

127

139.7

152.4

168.3

177.8

193.7

196.8

5.21
5.69
6.35
6.88
7.37
8.56
9.47
10.92
12.7
14.22
5.59
6.43
7.52
9.19
10.36
11.10
12.14
12.7
14.27
15.87
17.45
19.05
6.2
6.98
7.72
9.17
10.54
11.1
12.01
12.7
14.27
15.86
17.45
17.91
19.05
20.62
22.23
7.32
8.23
9.65
11.02
7.32
8.38
8.94
10.59
12.06
12.7
13.34
14.27
15.87
17.45
19.05
20.62
22.22
5.87
6.91
8.05
9.19
10.36
11.51
12.65
13.72
14.98
15.86
16.25
17.02
17.45
18.54
19.05
20.62
22.23
23.8
25.4
26.97
28.57
31.75
7.62
8.33
9.52
10.92
12.7
14.27
15.11
15.87
17.45
18.08
19.05
20.62
22.22
23.8
25.4
15.11
16.26

9.5
10.5
11.6
12.6
13.5
15.1
16.6
18.8
21.6
24.6
11.5
13
15
18
20.3
21.4
23.2
24.1
26.7
29.2
31.6
34
14
15.5
17
20
23
23.8
26
28.6
29.7
32.6
35.3
36.4
38
40.5
43.1
18
20
23
26
20
23.2
24
28
32
33
34.5
36.7
40.2
43.7
47.1
50.4
53.7
17
20
23
26
29
32
35
38
41
42.7
44
45.4
46.4
49.5
50.1
53.6
57.1
60.5
63.9
67.1
70.3
76.3
24
26.4
29.7
33.7
39
42.8
45.3
47.1
51.2
52.8
55.3
59.2
63.2
66.9
70.7
46.1
48.6

J55

MATERIALE
K55 C75 L80 N80 C90 C95 T95 P110 Q125 V150

340

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


NOMINALE ESTERNO SPESSORE PESO LINEARE
[in]
[mm]
[mm]
[lb/ft]
H40
8 5/8

9 5/8

10 3/4

11 3/4

13 3/8

219.1

244.5

273

298.5

339.7

14

355.6

16

406.4

18 5/8

473.1

20

508

6.71
7.72
8.94
10.16
11.43
12.7
14.15
15.11
15.87
17.45
19.05
20.62
22.22
23.8
7.92
8.94
10.03
11.05
11.99
13.84
15.11
15.47
15.87
17.07
18.64
19.05
20.24
21.82
23.42
24.99
25.4
7.09
8.89
10.16
11.43
12.57
13.84
15.11
16.51
17.07
18.64
20.24
21.82
23.42
24.99
26.59
8.46
9.52
11.05
12.42
13.56
13.89
14.78
15.47
15.7
16.66
17.07
17.55
18.64
8.38
9.65
10.92
12.19
13.06
13.97
15.44
17.07
18.26
18.64
16.51
17.78
19.05
20.32
21.59
9.52
11.13
12.57
16.6
19.84
23.01
11.05
11.89
12.34
13.49
15.06
11.13
12.7
16.13
19.84
20.62
21.41
23.01

24
28
32
36
40
44
49
52
54
58.7
63.5
68.1
72.7
77.1
32.3
36
40
43.5
47
53.5
58.4
59.4
61.1
64.9
70.3
71.8
75.6
80.8
86
91
92.7
32.75
40.5
45.5
51
55.5
60.7
65.7
71.1
73.2
79.2
85.3
91.2
97.1
102.9
108.7
42
47
54
60
65
66.7
71
73.6
75
79
80.5
83
87.2
48
54.5
61
68
72
77
85
92
98
100.3
92.6
99.4
106.1
112.7
119.38
65
75
84
109
128
146
87.5
94.5
97.7
106
117.5
94
106.5
133
163
169
175
187

J55

MATERIALE
K55 C75 L80 N80 C90 C95 T95 P110 Q125 V150

TAB. 10.1 LISTA CASINGS

341

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


In linea di massima, si pu affermare che la scelta dei materiali deve essere fatta secondo
considerazioni economiche, tenendo presente la loro influenza sulla resistenza meccanica e su quella
alla corrosione.
Se i fluidi di strato sono aggressivi, si pu pensare dutilizzare un materiale resistente alla corrosione
(acciaio inossidabile), piuttosto che aumentare lo spessore dei tubi.
Analogamente, a parit di sollecitazioni, si pu pensare dutilizzare un materiale meccanicamente pi
resistente, piuttosto che impiegare tubi pi spessi.
Se le condizioni ambientali sono molto aggressive (elevate percentuali di solfuro didrogeno, anidride
carbonica, forte salinit, alta temperatura) non ha senso aumentare lo spessore dei tubi, ma occorre
necessariamente ricorrere a materiali resistenti alla corrosione (vedi PROGETTAZIONE DEI
COMPLETAMENTI).
Poich il costo dei tubi aumenta sia con la scelta di materiali pregiati sia con laumentare dello
spessore e del peso, occorre un dimensionamento che minimizzi il costo totale.
Essendo la resistenza meccanica di un acciaio al carbonio funzione del grado dincrudimento in fase di
lavorazione, il rapporto di prezzo, per unit di peso, tra un tubo a bassa resistenza ed uno ad alta
circa due.
Viceversa, a parit di resistenza meccanica, lo stesso rapporto pu salire a dieci se si considera un
acciaio al carbonio ed un materiale resistente alla corrosione per la presenza di elementi quali cromo,
nickel, molibdeno, ecc..
Se le sollecitazioni sono molto diverse lungo la colonna di rivestimento, per risparmiare, si possono
utilizzare spessori diversi nei vari tratti.
Lutilizzo, in uno stesso pozzo petrolifero, di metalli diversi per una medesima tubazione di
rivestimento, in generale, non consigliabile per non facilitare la corrosione elettrochimica del
materiale pi elettronegativo.
Gli acciai designati dalle norme API sono indicati da una lettera (H, J, K, L, N, C, T, P, Q, V) e da un
numero; in commercio, sul tubo le lettere possono essere rappresentate con bande colorate.
La lettera indica il grado dellacciaio, cio la composizione chimica.
Il numero esprime il carico di snervamento minimo garantito (yield strength) in kpsi.
Il carico di snervamento definito come la tensione necessaria per produrre un determinato
allungamento:
ACCIAIO

CARICO DI
SNERVAMENTO
[kpsi]

CARICO DI
SNERVAMENTO
[MPa]

ALLUNGAMENTO
%

BANDE
COLORATE

H40
J55
K55
C75
L80
N80
C90
C95
T95
P105
P110
Q125
V150

40
55
55
75
80
80
90
95
95
105
110
125
150

276
379
379
517
552
552
620
655
655
724
758
862
1034

0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0.5
0,6
0,65
0,65

1 nera
1 verde
2 verdi
1 blu
1 rossa, 1 marrone
1 rossa
1 porpora
1 marrone
1 marrone, 1 porpora
1 bianca
1 bianca
1 arancione
-

TAB. 10.2 CARATTERISTICHE MECCANICHE DI ALCUNI ACCIAI USATI IN CAMPO PETROLIFERO

342

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Grado

Tipo

C
min

H40
J55
K55
N80
L80
L80
L80
C90
C90
C95
T95
T95
P110
Q125
Q125
Q125
Q125

max

1
0.43a
9Cr
0.15
13Cr 0.15 0.22
1
0.35
2
0.50

0 45c
1
0.35
2
0.50

1
0.35
2
0.35
3
0.50
4
0.50

Mn
Mo
min max min max

1.90

0.30 0.60 0.90 1.10


0.25 1.00

1.00 0.25b 0.75


1.90
NL
1.90

1.20 0.25d 0.85


1.90

1.00 0.75
1.00
NL
1.90
NL
1.90
NL

Cr
min max

8.00 10.0
12.0 14.0
1.20
NL

0.40 1.50

1.20
NL
NL
NL

Ni
max

0.25
0.50
0.50
0.99
0.99

0.99
0 99

0.99
0.99
0.99
0.99

Cu
P
max max
0.030
0.030
0.030
0.030
0.35 0.030
0.25 0.020
0.25 0.020
0.020
0.030
0 030
0.020
0.030
0 030e
0.020
0.020
0.030
0.030

S
max
0 030
0.030
0.030
0.030
0.030
0.010
0.010
0.010
0.010
0.030
0.010
0.010
0.030e
0.010
0.020
0.010
0.020

TAB. 10.3 CARATTERISTICHE CHIMICHE DEGLI ACCIAI (PERCENTUALE DEGLI ELEMENTI IN PESO)

Legenda:
NL
a

b
c
d

nessun limite (lelemento indicato nellanalisi chimica);


pu essere aumentato fino a 0,50 % se temprato in olio;
non esiste limite minimo se lo spessore < 17,78 mm;
pu essere aumentato fino a 0,50 % se temprato in olio;
pu essere ridotto 0,15 se lo spessore < 17,78 mm.

Grado

Tipo

Lavorazione

Trattamento termico

H40
JS5
K55
N80
L80
L80
L80
C90
C90
C95
T95
T95
P110
Q125
Q125
Q125
Q125

Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro
Integro
Integro
Integro
Integro o saldato
Integro
Integro
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato
Integro o saldato

Nessuno
Nessunoa
Nessunoa

1
9Cr
13Cr
1
2

1
2

1
2
3
4

Temperatura min di
rinvenimento [C]

Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento b
Tempra e rinvenimento b
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento
Tempra e rinvenimento

566
593
593
621
621
538
649
649

TAB. 10.4 PROCESSO PRODUTTIVO E TRATTAMENTI TERMICI DEGLI ACCIAI

Legenda:
a
b

Tempra o normalizzazione e rinvenimento a richiesta;


9Cr e 13Cr possono essere temprati in aria.
343

Si
max

0.45
1.00
1.00

0.45

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Per il dimensionamento delle colonne di rivestimento, si deve considerare la tensione ammissibile
am, pari al rapporto tra il carico di snervamento del materiale ed un coefficiente di sicurezza S,
maggiore di uno. Esso tiene conto:
delle incertezze nella determinazione delle sollecitazioni;
delle incertezze sulleffettiva resistenza dei materiali;
delle incertezze sui modelli di calcolo delle tensioni;
delle incertezze sui criteri di resistenza;
delle incertezze sui vincoli;
delle incertezze sullintegrit del manufatto (danneggiamenti, usure, imperfezioni localizzate).
In questo testo, per il dimensionamento e la progettazione delle colonne di rivestimento, si preferisce
seguire lanalisi tensionale puntuale, in luogo di quanto previsto dalle norme API, per fornire al
lettore gli strumenti basilari della teoria tensionale. Nelle verifiche secondo le norme API, non si
adotta un solo coefficiente di sicurezza puntuale, ma tanti diversi, ognuno per le diverse sollecitazioni.
Dallanalisi delle sollecitazioni di squarciamento sulla colonna da 20 (508 mm) {DIAG. 10.25}, si
vede che il massimo valore si ha in testa (14 MPa). Usando le formule di Mariotte (10.68 10.69), si
calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre interne {FIG. 10.15}:

r = p i = 14 MPa ;

p i * D 14 * 508 3556
MPa (t in mm)
=
=
t
2*t
2*t

In testa si hanno, anche, le massime tensioni assiali per azione del peso proprio e per il contatto tappi
(si considera unefficienza della connessione del 70 %):

'z =

fan

1
* L * a * g 1
a
0.7

1
1.08
=
0.7 * 600 * 7850 * 9.81 7.85 = 56.9 MPa

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D
15 * 508 2721.5
4
''z =
=
=
=
=
MPa (ipotesi di tubo sottile)
t
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * t
p r ,t *

Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


2

2721.5 3556
2721.5 3556 3556
2721.5

2
= 56.9 +
+
+ 14 56.9 +

( 14) ( 14) 56.9 +

t t
t t t
t

Poich la tensione ideale deve essere minore di quella


ammissibile, si pu calcolare per tentativi, il minimo
spessore necessario per la colonna.
Per una colonna di diametro cos grande, si sceglie un
materiale duttile (J55 o K55) con un coefficiente di
sicurezza S pari a 1.25:

am =
FIG. 10.15 TENSIONI SULLE FIBRE INTERNE

344

s 379
=
= 303 MPa
S 1.25

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Ipotizzando uno spessore della colonna di 12.3 mm (nei tentativi si pu fare riferimento agli spessori
normalizzati delle colonne), si calcola una tensione ideale pari a:
id = 298 MPa < am = 303 MPa
Dallanalisi dellequazione della tensione ideale con il criterio di Von Mises, si osserva che, a parit
di tensione ammissibile e pressione agente, la resistenza a trazione maggiore se la pressione agente
di squarciamento, piuttosto che di schiacciamento.
Al valore trovato occorre aggiungere un sovraspessore per tener conto delle tolleranze di lavorazione,
della corrosione e dellusura. Considerando una tolleranza di lavorazione del 12,5 % e un sovrametallo
di 2 mm per fenomeni di corrosione ed usura, si ha:

t v = T (t + C ) = 1.125(12.3 + 2 ) = 16.09 mm
Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 20 (508 mm) con spessore di 16.13 mm (133 lb/ft).
D
dei tubi sottili e, quindi, giustificato lutilizzo
Con tali dimensioni, verificata la condizione t <
10
delle formule di Mariotte per il dimensionamento.
Dallanalisi delle sollecitazioni di schiacciamento sulla
colonna da 20 (508 mm) {DIAG. 10.25}, si vede che il
massimo valore si ha al fondo (6.48 MPa). Utilizzando le
formule di Mariotte (10.68 10.69), si verifica se la

colonna scelta soddisfa le condizioni di resistenza allo


schiacciamento. Le massime tensioni agenti si hanno
sulle fibre esterne {FIG. 10.16}:

r = p e = 6.48 MPa
FIG. 10.16 TENSIONI SULLE FIBRE ESTERNE

pe * D
6.48 * 508
=
= 102.1 MPa
2*t
2 * 16.13

id = 2 + r 2 r = 102.12 + 6.48 2 102.1 * 6.48 = 99 MPa < am


Per verificare la colonna allinstabilit elastica di parete per lazione della pressione esterna, si calcola
la pressione critica:
p cr =

E *t3

4 1 2 Re

206000 * 16.133
= 14.5 MPa
4 1 0.3 2 254 3

Le massime pressioni esterne agenti sulla colonna sono inferiori a quella critica.
Dallanalisi delle sollecitazioni di squarciamento sulla colonna da 13 3/8 (339.7 mm) {DIAG. 10.26},
si vede che il massimo valore si ha in testa (18.72 MPa). Utilizzando le formule di Mariotte, si
calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre interne dovute alla pressione di
squarciamento {FIG. 10.15}:

345

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

r = p i = 18.72 MPa ;

p i * D 18.72 * 339.7 3179.6


=
=
MPa (t in mm)
t
2*t
2*t

In testa si hanno, anche, le massime tensioni assiali per azione del peso proprio e per il contatto tappi
(si considera unefficienza della connessione del 70 %):

'z =

fan

1
* L * a * g 1
a
0.7

1
1.08
=
0.7 * 2400 * 7850 * 9.81 7.85 = 227.5 MPa

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D 15 * 339.7 1819.9
4
''z =
=
=
=
=
MPa
t
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * t
p r ,t *

Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


2

1819.9 3179.6
1819.9 3179.6 3179.6
1819.9

2
= 227.5 +

+
(18.72) + (18.72) 227.5 +

+
+18.72 227.5 +
t t
t t t
t

Per il dimensionamento della colonna, si sceglie un materiale che minimizza i costi totali.
Si supponga che il costruttore fornisca i tubi ai seguenti prezzi:
MATERIALE
N80
C95
P110

COSTO [$/kg]
1,00
1,20
1,55

Per tentativi, si ricercano nei tre casi i minimi spessori necessari per la colonna.
Con laumentare della resistenza del materiale, esso diventa sempre pi fragile. Si adottano, quindi, i
seguenti coefficienti di sicurezza:
MATERIALE
N80
C95
P110

S
1.45
1.50
1.55

Ne derivano le seguenti tensioni ammissibili:

am =

552
655
758
= 380 MPa per N80; am =
= 436 MPa per C95; am =
= 489 MPa per P110
1.45
1.50
1.55

Nel caso dutilizzo di un acciaio N80, ipotizzando uno spessore della colonna di 11.5 mm, si calcola
una tensione ideale pari a:
id = 363 MPa < am = 380 MPa

346

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(11.5 + 2) = 15.19 mm
Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 13 3/8 (339.7 mm) con spessore di 15.44 mm (85 lb/ft).
Nel caso dutilizzo di un acciaio C95, ipotizzando uno spessore della colonna di 8.8 mm, si calcola
una tensione ideale pari a:
id = 422 MPa < am = 436 MPa
Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(8.8 + 2) = 12.15 mm
Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 13 3/8 (339.7 mm) con spessore di 12.19 mm (68 lb/ft).
Nel caso dutilizzo di un acciaio P110, ipotizzando uno spessore della colonna di 7.05 mm, si calcola
una tensione ideale pari a:
id = 488 MPa < am = 489 MPa
Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(7.05 + 1.5) = 9.62 mm


Poich lacciaio P110 pi resistente allusura, si preferito utilizzare un sovrametallo di 1.5 mm.
Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 13 3/8 (339.7 mm) con spessore di 9.65 mm (54.5 lb/ft).
D
dei tubi sottili e, quindi, giustificato lutilizzo delle
In tutti i casi, verificata la condizione t <
10
formule di Mariotte per il dimensionamento.
Il costo della colonna pari al peso per il costo unitario Cu al chilogrammo:

C = L * As * a * C u

(10.86)

Nei tre casi si ha:


MATERIALE
N80
C95
P110

COSTO [$]
C = 2400 * 0.015728 * 7850 *1 = 296316
C = 2400 * 0.012543 * 7850 *1.2 = 283573
C = 2400 * 0.010007 * 7850 * 1.55 = 292225

Come si pu notare, la colonna di rivestimento che costa meno quella costituita da acciaio C95.
Dallanalisi delle sollecitazioni di schiacciamento sulla colonna da 13 3/8 (339.7 mm)
{DIAG. 10.26}, si vede che il massimo valore si ha a 1200 m di profondit (12.6 MPa). Utilizzando le
formule di Mariotte, si verifica se la colonna scelta soddisfa le condizioni di resistenza allo
schiacciamento.

347

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

Le massime tensioni agenti si hanno sulle fibre esterne


{FIG. 10.17}:

r = p e = 12.6 MPa

pe * D
12.6 * 339.7
=
= 175.6 MPa
2*t
2 * 12.19

FIG. 10.17 TENSIONI DA


TRAZIONE - SCHIACCIAMENTO

z =

1
1
[1200 * 7859 * 9.8 2400 * 1080 * 9.8] = 95.6 MPa
L z * a * g L f . p. * fan * g =
0 .7
0.7

Ne deriva una tensione ideale pari a:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


= 95.6 2 + 12.6 2 + 175.6 2 + 95.6 * 12.6 12.6 * 175.6 + 175.6 * 95.6 = 236.6 MPa < am
Per verificare la colonna allinstabilit elastica di parete per lazione della pressione esterna, si calcola
la pressione critica:
p cr =

E *t3

4 1 2 Re

206000 * 12.19 3
= 20.9 MPa
4 1 0.3 2 169.85 3

Le massime pressioni esterne agenti sulla colonna sono inferiori a quella critica.
Dallanalisi delle sollecitazioni di squarciamento sulla colonna da 9 5/8 (244.5 mm) {DIAG. 10.27},
si vede che il massimo valore si ha a 3200 m di profondit (37.13 MPa), ma le condizioni pi gravose
si hanno in testa (35.28 MPa), dove sono massime le tensioni di trazione. Utilizzando le formule di
Mariotte, si calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre interne dovute alla pressione
di squarciamento {FIG. 10.15}:

r = p i = 35.28 MPa ;

p i * D 35.28 * 244.5 4313


MPa (t in mm)
=
=
t
2*t
2*t

In testa si hanno, anche, le massime tensioni assiali per azione del peso proprio e per il contatto tappi
(si considera unefficienza della connessione del 70 %):

'z =

fan

1
* L * a * g 1
0.7
a

1
1200
1.44
=
0.7 * 2800 + cos 30 * 7850 * 9.81 7.85 = 376 MPa

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D 15 * 244.5 1309.9
4
MPa
''z =
=
=
=
=
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * t
t
p r ,t *

348

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


(nel calcolo della lunghezza, si ipotizzato che il pozzo sia deviato con un tratto inclinato di 30 e un
build-up di 3/30 m a partire da 2800 m).
Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


2

1309.9 4313
1309.9 4313 4313
1309.9

2
= 376 +

(35.28) + (35.28) 376 +

+
+ 35.28 376 +
+
t t
t t t
t

Per il dimensionamento, si prendono in considerazione i seguenti materiali:


MATERIALE
P110
Q125
V150

COSTO [$/kg]
1,55
1,70
2,20

S
1.55
1.60
1.65

Per tentativi, si ricercano nei tre casi i minimi spessori necessari per la colonna.
Ne derivano le seguenti tensioni ammissibili:

am =

758
862
1034
= 489 MPa per P110; am =
= 538 MPa per Q125; am =
= 626 MPa per V150
1.55
1.60
1.65

Nel caso dutilizzo di un acciaio P110, ipotizzando uno spessore della colonna di 11.8 mm, si calcola
una tensione ideale pari a:
id = 474 MPa < am = 489 MPa
Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(11.8 + 1.5) = 15 mm
Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 9 5/8 (244.5 mm) con spessore di 15.11 mm (58.4 lb/ft).
Nel caso dutilizzo di un acciaio Q125, ipotizzando uno spessore della colonna di 9.1 mm, si calcola
una tensione ideale pari a:
id = 534 MPa < am = 538 MPa
Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(9.1 + 1.5) = 11.93 mm


Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 9 5/8 (244.5 mm) con spessore di 11.99 mm (47 lb/ft).
Nel caso dutilizzo di un acciaio V150, ipotizzando uno spessore della colonna di 8 mm, si calcola una
tensione ideale pari a:
id = 575 MPa < am = 626 MPa
349

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi


Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(8 + 1.5) = 10.69 mm


Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 9 5/8 (244.5 mm) con spessore di 11.05 mm (43.5 lb/ft).
D
dei tubi sottili e, quindi, giustificato lutilizzo delle
In tutti i casi, verificata la condizione t <
10
formule di Mariotte per il dimensionamento.
I costi nei tre casi sono:
MATERIALE
P110
Q125
V150

COSTO [$]
C = 4186 * 0.010888 * 7850 * 1.55 = 554560
C = 4186 * 0.008757 * 7850 * 1.7 = 489185
C = 4186 * 0.008103 * 7850 * 2.2 = 585784

Come si pu notare, la colonna di rivestimento che costa meno quella costituita da acciaio Q125.
Essendo il pozzo deviato a 2800 m, occorre verificare la sezione a tale profondit, ad opera delle
sollecitazioni dovute alla trazione, flessione e squarciamento.
La pressione di squarciamento a 2800 m pari a:
p i = 35.28 +

37.13 35.28
2800 = 36.9 MPa
3200

Utilizzando le formule di Mariotte, si calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre
interne dovute alla pressione di squarciamento {FIG. 10.15}:

r = p i = 36.9 MPa ;

p i * D 36.9 * 244.5
=
= 376.3 MPa
2*t
2 * 11.99

Le tensioni assiali per azione del peso proprio, alla profondit di 2800 m, sono pari a (si considera
unefficienza della connessione del 70 %):
4000 2800

* 7850*9.8 4000*1440*9.8* cos30

Lz * a * g L f . p. * fan * g * cos30 cos30

'z =
= 82.5 MPa
=
0.7
0.7

Essendo il pozzo deviato, la lunghezza di colonna che grava sulla sezione a 2800 m di profondit
4000 2800
pi lunga
, mentre la pressione idrostatica a fondo pozzo sempre quella
cos 30
corrispondente a 4000 m. Inoltre, si moltiplicato il secondo termine per cos30 per avere la
componente verticale della forza agente sulla sezione z dovuta alla pressione idrostatica.
Le tensioni assiali per il contatto tappi sono pari a:

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D
15 * 244.5
4
''z =
=
=
=
= 109.3 MPa
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * 11.99
p r ,t *

Le tensioni assiali sulle fibre interne della colonna per azione delle sollecitazioni di flessione sono,
nellipotesi che il raggio interno sia uguale a quello nominale, pari a:

350

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

1
1
'''z =
*E* *R=
* 206000 *
0.7
0.7
z

180 * 0.12225 = 62.8 MPa


30

3*

Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =

(254.6)2 + 376.3 2 + 36.9 2 (254.6)(376.3) + (376.3)(36.9) + (36.9)(254.6) = 367.8 < am

Si verifica la resistenza della colonna a squarciamento alla profondit di 3200 m:

r = p i = 37.13 MPa ;

'z =

[L *
z

a * g L f . p. * fan * g * cos30

0.7

p i * D 37.13 * 244.5
=
= 378.6 MPa
2*t
2 * 11.99

4000 3200

cos30 * 7850*9.8 4000*1440*9.8* cos30

= 31.7 MPa
=
0.7

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D
15 * 244.5
4
''z =
=
=
=
= 109.3 MPa
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * 11.99
p r ,t *

La tensione ideale vale:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


=

(141)2 + (378.6)2 + 37.13 2 (141)(378.6) + (378.6)(37.13) + (37.13)(141) = 361.3 MPa < am

Dallanalisi delle sollecitazioni di schiacciamento sulla colonna da 9 5/8 (244.5 mm) {DIAG. 10.27},
si vede che il massimo valore si ha a 2000 m di profondit (21.8 MPa). Utilizzando le formule di
Mariotte, si verifica se la colonna scelta soddisfa le condizioni di resistenza allo schiacciamento. Le
massime tensioni agenti si hanno sulle fibre esterne {FIG. 10.17}:

r = p e = 21.8 MPa;

'z =

[L *
z

pe * D
21.8 * 244.5
=
= 222.3 MPa
2*t
2 * 11.99

] = [(4186 2000)* 7850*9.8 4000*1440*9.8 * cos30] =170.5 MPa

* g L f . p. * fan * g * cos30
0.7

0.7

Ne deriva una tensione ideale pari a:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


= 170.5 2 + 21.8 2 + 222.3 2 + 170.5 * 21.8 21.8 * 222.3 + 222.3 * 170.5 = 340.2 MPa < am
Per verificare la colonna allinstabilit elastica di parete per lazione della pressione esterna, si calcola
la pressione critica:

351

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

p cr =

E *t3

3
4 1 2 Re

206000 * 11.99 3
= 53.4 MPa
4 1 0.3 2 122.25 3

Le massime pressioni esterne agenti sulla colonna sono inferiori a quella critica.
Dallanalisi delle sollecitazioni di squarciamento sulla colonna da 7 (177.8 mm) {DIAG. 10.28}, si
vede che il massimo valore si ha a 5400 m di profondit (81.54 MPa), ma le condizioni pi gravose si
hanno in testa (76.14 MPa), dove sono massime le tensioni di trazione. Utilizzando le formule di
Mariotte, si calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre interne dovute alla pressione
di squarciamento {FIG. 10.15}:

r = p i = 76.14 MPa ;

p i * D 76.14 * 177.8 6768.9


MPa (t in mm)
=
=
t
2*t
2*t

In testa si hanno, anche, le massime tensioni assiali per azione del peso proprio e per il contatto tappi
(si considera unefficienza della connessione del 70 %):

'z =

fan

1
* L * a * g 1
0.7
a

1
5400 2800
1.81
=
0.7 * 2800 + cos 30 * 7850 * 9.81 7.85 = 490.7 MPa

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D 15 * 177.8 952.5
4
''z =
=
=
=
=
MPa
t
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * t
p r ,t *

Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


2

952.5 6768.9
952.5 6768.9 6768.9
952.5

2
= 490.7 +

+
(76.14) + (76.14) 490.7 +

+
+ 76.14 490.7 +
t t
t t t
t

Considerate le elevate sollecitazioni cui sottoposta la colonna da 7 (177.8 mm), si decide di


utilizzare un acciaio V150.
Ipotizzando uno spessore della colonna di 12.9 mm, si calcola una tensione ideale pari a:
id = 622 MPa < am = 626 MPa
Lo spessore vero :

t v = T (t + C ) = 1.125(12.9 + 1.5) = 16.2 mm


Dalle tabelle delle norme API o dei costruttori, si sceglie lo spessore disponibile immediatamente
superiore a quello trovato: casing 7 (177.8 mm) con spessore di 16.25 mm (44 lb/ft).
D
dei tubi sottili e, quindi, giustificato lutilizzo delle formule di
verificata la condizione t <
10
Mariotte per il dimensionamento. La pressione di squarciamento a 2800 m pari a:

352

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

p i = 76.14 +

81.54 76.14
2800 = 78.94 MPa
5400

Utilizzando le formule di Mariotte, si calcolano le tensioni radiali e tangenziali in testa e sulle fibre
interne dovute alla pressione di squarciamento {FIG. 10.15}:

r = p i = 78.94 MPa ;

p i * D 78.94 * 177.8
=
= 431.9 MPa
2*t
2 * 16.25

Le tensioni assiali per azione del peso proprio, per il contatto tappi e per sollecitazioni flessionali sono
pari a (si considera unefficienza della connessione del 70 %):

'z

[L *
=
z

* g L f . p. * fan
0.7

5400 2800

* 7850* 9.8 5400*1810* 9.8 * cos30


cos30
=
211.5 MPa
0.7

* g * cos30]
=

* D2
p r ,t * Ai
p r ,t * D
15 * 177.8
4
''z =
=
=
=
= 58.7 MPa
0.7 * As 0.7 * * D * t 0.7 * 4 * t 0.7 * 4 * 16.25
p r ,t *

'''z =

1
1
*E* *R=
* 206000 *
z
0.7
0.7

180 * 0.0889 = 45.7 MPa


30

3*

Note le tensioni principali (I = z, II = , III = r), si calcola la tensione ideale con il criterio di
Von Mises:

id = I 2 + II 2 + III 2 I II II III III I =


=

(315.9)2 + 431.9 2 + 78.94 2 (315.9)(431.9) + (431.9)(78.94) + (78.94)(315.9) = 463.9 < am

Si verifica la resistenza della colonna a squarciamento alla profondit di 5400 m:

r = p i = 81.54 MPa ;

p i * D 81.54 * 177.8
=
= 446.1 MPa
2*t
2 * 16.25

id = 2 + r 2 r = 446.12 + 81.54 2 + 446.1 * 81.54 = 492 MPa < am


Dallanalisi delle sollecitazioni di schiacciamento sulla colonna da 7 (177.8 mm) {DIAG. 10.28}, si
vede che il massimo valore si ha a 5400 m di profondit (97.74 MPa).
Utilizzando le formule di Mariotte, si verifica se la colonna scelta soddisfa le condizioni di resistenza
allo schiacciamento.
Le massime tensioni agenti si hanno sulle fibre esterne {FIG. 10.17}:

r = p e = 97.74 MPa ; =

pe * D
97.74 * 177.8
=
= 534.4 MPa
2*t
2 * 16.25

353

Capitolo 10 ___________________________________________________ Progettazione dei pozzi

id = 2 + r 2 r = 534.4 2 + 97.74 2 534.4 * 97.74 = 492.4 MPa < am


Per verificare la colonna allinstabilit elastica di parete per lazione della pressione esterna, si calcola
la pressione critica:
p cr =

E *t3

4 1 2 Re

206000 * 16.25 3
= 345.6 MPa
4 1 0.3 2 88.9 3

Le massime pressioni esterne agenti sulla colonna sono inferiori a quella critica.
A volte le tensioni agenti sulle colonne sono tali da non riuscire a trovare casings sufficientemente
resistenti; in tali situazioni, occorre valutare se possibile considerare sollecitazioni meno gravose con
un maggiore controllo in fase di perforazione.
Nel dimensionamento del tubo, a volte, si trova un valore di spessore vero superiore ad uno
normalizzato solo per pochi decimi di millimetro ed , quindi, necessario scegliere una colonna con un
peso maggiore.
In questi casi, per evitare un maggiore costo, si pu vedere se il costruttore fornisce il casing allo
stesso prezzo, ma con una minore tolleranza, in modo da diminuire il fattore moltiplicativo 1.125 dello
spessore vero, oppure valutare se le condizioni di corrosione ed usura sono tali da poter considerare
sovrametalli minori.
Sebbene il considerare un certo sovrametallo da contrapporre ai fenomeni dusura mantenga
principalmente un approccio di tipo empirico, oggi sono disponibili anche modelli analitici.
Uno dei modelli analitici pi diffusi fa uso della seguente relazione dusura:

K
= pv
t H

(10.87)