Sei sulla pagina 1di 1

DIOSSINE - FATTI

Il 10 luglio 1976 da un camino dello stabilimento chimico dellICMESA di Meda (MI), che produceva
triclorofenolo (un defoliante, lo stesso usato nella guerra del Vietnam), fuoriesce una nube di gas contenente
diossina, che in breve tempo, trasportata dal vento, si deposita su unampia zona interessante i comuni
circostanti: Seveso ne il pi colpito, ma anche Cesano Maderno, Desio e lo stesso Meda. Nelle ore e giorni
successivi si verifica una moria di pollame e conigli, mentre 250 persone manifestano sul viso una forma di
acne pustolosa grave, la cloracne.
Gli effetti sulla salute generale sono ancora oggi oggetto di studi.
Negli anni tra il 1961 e il 1970, durante la guerra del Vietnam, laviazione americana utilizza enormi
quantitativi di un defoliante chiamato Agente Arancio per disboscare le foreste del Vietnam. Questo
defoliante per combustione sviluppa diossina e inoltre la contiene come impurit. Milioni di vietnamiti (e
anche migliaia di soldati americani), vengono cos contaminati dalla diossina, che provoca la nascita di
migliaia di bambini malformati, e, negli anni successivi, la comparsa di numerose malattie nella popolazione,
tra cui anche tumori.
Durante la cosiddetta Emergenza rifiuti del 2007 in Campania sono state rilevati elevati livelli di diossina
negli animali, nei prodotti lattiero-caseari e nelluomo. E stato inoltre riscontrato un aumento delle nascite di
bambini malformati e del numero di alcuni tumori.
DIOSSINE - PATOLOGIE
- Cloracne (eruzioni cutanee, pu portare anche a cicatrici permanenti)
- Endometriosi (infiammazione e danneggiamento interno dellutero)
- Disturbi della funzione riproduttiva (abbassamento dei livelli di testosterone, pu causare aborti spontanei)
- Diabete mellito (forma di diabete che colpisce soprattutto le donne)
- Alterazioni del sistema endocrino (gestisce il funzionamento del corpo animale e umano, si occupa degli
ormoni ed collegato al sistema nervoso)
- Teratogenicit (malformazione infantile)
- Effetti neurologici (danneggiamento della psiche e del sistema nervoso)
- Cancerogenicit (tumori e noduli)
RIFIUTI NELLO SPAZIO
Oggi la spazio stato talmente esplorato e viaggiato, al punto da essere invaso dai nostri rifiuti e gi ridotto
a pattumiera. Questi rifiuti spaziali sono detti space debrins e sono perlopi oggetti di uso quotidiano come
spazzolini o attrezzi da lavoro lasciati a loro stessi dagli astronauti. Le stime parlano di decine di migliaia di
oggetti dorigine umana, di varie dimensioni e nazionalit, che orbitano attorno alla Terra in zone diverse e a
una velocit non inferiore ai 28.000 Km lora, e ci vuol dire che gli oggetti che sul nostro pianeta possono
sembrare innocui, nello spazio diventano armi pericolose. Ne sanno qualcosa, ad esempio, i sei astronauti
che, durante una spedizione dello spazio, nel marzo scorso sono stati costretti a trasferirsi in fretta e furia
nelle capsule di salvataggio per evitare una collisione con dei detriti di un missile russo. Oltre alla velocit
con cui viaggiano, desta preoccupazione il numero degli oggetti potenzialmente pericolosi che luomo ha
abbandonato nello spazio. Il problema pi grande infatti rappresentato dalle centinaia di migliaia di piccoli
pezzi che non possono essere individuati dalle associazioni che, come la NASA, si occupano del
monitoraggio di tali oggetti sparsi dello spazio. Sono state emanate di conseguenza delle norme a scopo di
tenere il pi possibile controllato il sistema, e anche lEuropa a proposito sta dando un contributo
sostanzioso. Sorprendentemente lItalia ha avuto uniniziativa piuttosto interessate che consiste in una
schiuma capace di espandersi e solidificarsi nello spazio, in modo che questa sostanza catturi gli oggetti
orbitanti. In seguito a questa proposta saranno effettuati degli esperimenti. Anche la Svizzera ha deciso di
proporre qualcosa, e ha inventato una sorta di satellite-spazzino capace di catturare i rottami in volo e
spedirli verso latmosfera terrestre.