Sei sulla pagina 1di 462

\Villiam Calvert Kneale e Martha Kneale

Storia della logica

Hacc aurcm cst dislcrtica,cui quidcm amnis vcrirarir rcu falritntii disrrriia ira rubicria
csc ut u m n philorophiac
~
principatum dur univerrae docrrinae aiquc rcgimcn pasridcat.
*BLL*RW

W i u s sliiq~cqui spcrnunr non inrelligunr.

A cura e con una premessa


di
Amedeo G. Conte

LEIBNIZ

Ncquc enim Irgcr


intdieciui aut rcbur damus ad arbitrium norrmm, x d rsnquam wribae Gdcler ab ipriu. naturie voce Irtas cc proiarar cxcipimur m dcrcribimur.
-0"

Inimicur Plaro. red magia inimica falrirar.

TAXSKI

G i d a Einaudi editore

Prclurr~nidi V'ilIiam Coiueri K n e i l c alli. rriirionr oiiginuii

Prr/~itoeaiio pnmi edtrrot~e,nglcre ( ~ 9 6 2 )


P,rlu:ro,,c i l o i r n a cd,2ra>ic ing1cie ( 1 9 6 6 )

PrlBzrotir olio qrrorro idiiionc iiigleic (1968)


Prctazrorir d i a rornio rdizionr inz!rir ( r y ; i )

Storia della logica


i.

Gli inizi
Ilconccrro d i vslidira

i.
2.

L a dimarrrazione i n gcomirris

La di.lcttica

ed ,lrapionrmentometafirico
q. Erirricae rofirrica
I. Platone e l e filorotia della lapim

3.

Ir.

L'Orgonan di Aristotele
Ilmntenuto dclr0,gonon
Ln dottrina dellc Co!rgariir c Ic r i i i conrcgucnzc lugirhc
3 . I Topica
I

2.

Q.esr& traduzione di Thr Derrlopnnrri o! I n n i i & pubblicata su ariorda


m" h Uucndon Prnr, Olford
O
iUlllliam
c
~
I hlirihl
~ al.
~
~
~
x
Cali>rirhi 01971 Giulia Eanruiii editore i p a.,Torino
Trailiilian d rlmrdeoG Cnnie(Pnfazioni. cr~icoli
i iii c u t rii, 1ndiri)cdi Liiir C.iS=ro
l i ~ p l i o liiv e v , con reutiione d i i l l h r r o C o n ~ l

q Li rcoria 8ris~atelirad r l
1

c drlla vcritii

Lr quairto furmc d'srrcrxogrneralc

Ln dottrina del rillogirmo


7 . Ln logicn modale d i Ariiiorelc
6

S. Logica non-iillogirricn negli Anoly,iru


g. L a scuola d i Arirroiele: Teofrarto

vrri

Indice
rrr.
p 3 1
142
114
166
189

I rnegarici e gli stoici


x. La filosofiarncgaricn E Ic origini dcila laaira stoica
Tcoric mcgarichee teorie rtoichc dciia modalit
3. I1 dibattiro sulla natura dci condizionali
q Ls teoria rloica dcl rigniUcato F dclll verit
1. Il risrcma sroim degli srhcmi d'infcrcnzl
2.

IX.Sviluppi fotmali d o p o Frcge


p. 189

234
263
186
]i,

Da Cicerone z Bocrio
Ds Alruino ad Abrlardo
3. La logica delle uniuersid
i.

2.

4. Le proprrddter rarnrznorum
1. Le <onrequrn,ire

3. Drduzionc naursiee sviluppo


4. La logici modalc

I.

L'Umantrimo e la narcire della xicnza naturale

r . Gli intercrri di icibnh


3. Il Colrulu~d z rontinenlibr<r LI conrrniir di LFibniz
4. Da Sacrhcri a Hemilton
1 Bohano e Mill

7'0

Gcomctria cd n,riornrtica
Numcri e funiioni
Boolc c I'nlgcbn dclla iogira
4 Ulreriori sviluppi doli'dgcbra di Baaie
1. Ls reoria ddle rcluioni: Dc Morgnn c Peircc
r.

q60

J.

478
486

1.

v ~ rNumeri,
.
insiemi, serie

i.
2.

Erpic~rionc,dcrignniionc, vcrir
Ln icoriadcllc dcrciioni c 1s varicti dcllc designaziani

3. I problemi deli'infcnrionolir
4. Idcnrit. furuioni,clriai

>. Necarite linguaggio


x i . La filosofia della matematica dopo Frepe

. ..
,A?

i.

:>i

77,
793

I asridoriideila rcoriadezli insiemi


Ls icor.i ni!<c'l.ane dc. ,.p&I..a.c:
L n,~.'ior.<ma 4oui:cr,nro

4 IIvro~cunmrI~i'b:~iinu~Ic!!~mrtan~~rmaci:~

xrr. La t e o r i a d e i sistemidsdurtivi

v,. L'astrazione matemirica


433
441

1.Proportc di logichealrernstiue

x. La filosofia della logica d o p o Frege


663
682
691
709

v. La logica d o p o i l Rinascimento
343
367
384
394
409

Varict di rimbalismi
di prescntaionc: ariomi c regole

1 . hlerodi

6.8
630
611

iv. Logica romana e logica medioevale


zii

I.

602

Lnmcrarmrir deils Iqkr primaria


La meretmriadclla logicr gcnualc

791
801
8.7

I.

830
a&

4. 11 pmblcma della decisione

1.

3. L'incomplerabiiiidcll'arirmcib~formdc

1. Ii porto della lagicn i r a I? rcieruc

s>r

Bibliagrajia rdetriun

497

1.

861

Indice onrli,iro

>oi

873

Indrcr dei nomi

107
12'
1)4

Frrsc cd i ruui contemporanei


La tcarincsnroriana degli insiemi
3. L'aitcggiarnen~o
di Fregi nei ronlronii dei suoi picdercsrori
4 LF deUniriani fregeanideinumcri nsrurali
1. La rcric dei numeri Dedekind r Peano

viir. La logica gcneraledi Frege


547
164
173
183

1.

L* Bc.2.,'7>s<hri/l

Senroc referenza:

oggrrri c fumiani

3. U logira dei Grundgirctze


q LF conquiste di Frrgc

Premessa del curatore

La presente traduzione di The Deuelopment of Logic, dei cniugi


inglesi WiUiam Calvert Kneale e Martha Kneale,' tempestiva per almeno due ragioni: una quantitativa,una nqualitativan.
I n primo luogo, per una ragione q u a n t i t a t i v a : l'ampiezza deUa
t r a t t a z i o n e e l'estensione della m a t e r i a t r a t t a t a . Anzi: The Deuclopment o/ Logic tra le massime storie della logica che vi siano, e
certo maggiore delle altre apparse tra l'anno (1855) nel quale apparve
il primo volume del PrantP e l'anno (1969) nel quale 6 cominciata la
stampa della presente traduzione italiana del Kneale.' (Quindi, la presente traduzione probabilmente la massima storia della logica che mai
sia apparsa in italiano.') Infatti, quantunque TheDeuelopment of Logic
non sia la piG grande storia della logica sotto alcuno di questidue aspetti (alunghazan della trattazione e ularghezzaa della materia trattata;
della terza dimensione: la a~rofondit*.non giudico poich sarebbe
un giudizio non pih di fatto,ka di valore), tutravia nessuna deUe moderne storie della logica anteriori al 1969 supera The Deuelopment o/
Logic rimultaneame~tesotto ambedue questi aspetti: non l'ormai centenaria Gerchichte der Logik im Abendhnde, di Carl von Prantl,' n6

riv

Prcmcssa del curatore

Premessa del curatore

la novissima Logik der Neuzeil, di Wilhelm Risse,>hc superano si The


Development o/ Logic per ampiezza della trattazione, ma sono da esso
superate per estensione della materia trattata; non Formale Logik di
Innocentius Maria Bocheiiski,' che, viceversa, supera The Decelopmento/ Logic per estensione della materia trattata, ma da esso superata per ampiezza dclla trattazione.
Per tanta quantit di The Detieloptnrnt o/ Logic la presente traduzione italiana. Storio dclla logico, appare tempestiva in un momento
nel quale l'interesse per la logica non soltanto s'approfondisce tra filosofi e matematici, m i si diffonde anche in altre cerchie di studiosi (ad
esempio. tra i linguisti).
I n secondo luogo, la presente traduzione appare tempestiva per una
ragione q u a l i r a t i v a : questa una storia scritta da filosofi.
Per tale qualit di The Develapmer~to/ Logic la presente traduzio.
ne ippsre tempestiva in un'et di rinascimento di ci che gli anglosassoni, con felice pregnanza, chiamano philorophical logirn, logica
filosofico (filosofia della logica, e , ad un tempo, logica della filosofia).
Di questa fioritura della logica tra i filosofi e della filosofia tra i logici

xv

sono testimonianza (per limitarci ad alcuni libri in inglese dell'ultimo


quadriennio) nel 1967 le due sillogi intitolate appunto Phdorophical
Logic (l'una curata da Peter Fredcrick Strawson', l'altra apparsa quale
volume );VI dei <Tulane Studies in Philosophy*'); nel 1968 la silloge
di studi di Nicholas Rescher sopra Topicr in Phtlosophical Logic'" nel
i969 le doc sillogi Pbiloropbicol Logic ( a cura di J. W . Davis, D. J.
Hockney, W . K. \Vilsan)" e The Logica/ Way o/ Doing Thingr ( a cura
di Karel Lambert)"; nel 1970 il volume Pbilosopby o/ Logic, di Wiilard
Van Ormsn Quine," e la silloge Phrlorophtcal Problemr rn Logic ( a
cura di Karel Lambert)"." Pcr la primavera del 1972, infine, l'editore
D. Reidel di Dardrecht annuncia addirittura una nuova rivista trimestrale: a Jaurnal of Philosophical Logic, diretta da B35 C. van Fraasscn.
Qucsta Pre,>eriodel cr<rnrorrconsta di due parti: 1s prima ( I . Il
Iihro /railot/o). dedicata a1 libro qui tradotto (1.1. Il libro) ed ai suoi
autori. i ctniiigi inglesi \Villiam Calvert Kneale e Martha Kneale ( I .z.
Gli autori); la seconda parte ( 2 . La ~radi<zione)
dedicata alla traduzioneed agli autori di essa.

:,";%:1.as:;&:::,';7.~;:;ELY;~BE~,?%,~~U:,Y.~:~:;I;$

,,,,,
,r:,irr u*aanca )
~ h ~ l ~ ~ ~Lozii
n h ~Xcw
r r Orlcdnc.
l
Tubne Cniucriity; Tlw Hrauc, hlnrtinui NiihoIl. 1967,
numercrlior ~Tiil.~neS~udicr
in Philoranhr. i6.l
I,I, [V,,
im
xrrciiiK. h p i r i
l'bllurophiiu1 ~ i , ~ ,~ ro r d r s h i~Hollrnd!.D Rcidrl. 1968.
i~
jhriro Hiaiirrr. rAsairr a u o i i i
np xir.lr7. [Synchrw I.ihr.ry. C<limrr. u i u ~ r o&vinrris.
\,h\l,WESl."

C. I * L \ < O I

Di qunto rrcsw anno is68 t rnihc un >!,n rllloac che prob#bilmrnie L r n i h b n l di loxici
rrrio ~ ~ i nnrora
h . io ignoro: i a r r i rnd Philo~onhv Sclstcd
:,iuriilirr,
il>* lo non cito
Ki8dingr Compilcd b i o r a r t s r \ % i ~ c r aKcr Yurir. Applclon-Ccnrury Crofis. i n 6 8 . p ~148.
1,
1.otr Eiiiic<l hy j. Y. oruir. n I iiocxurr. W r airiori Doriimhl lilollind!. D Re>iicl.1969. pn r i i t i:, 1Synrhc.i Lihnrv I
8, Thr laera! iV#y ui Duina Ii<irrar Ldited by x ~ r r i .L ~ M ~ L L NIY
I
H l v r n rnd Londnn.
IdeUniveniw Prns. 196s. PF Y i i i 3 i I
Di qiinio . i e w anno i Y 6 9 i anche un rltro iolumc che pmblhilmcnrc 5 rnrh'erro di Ivgicr
i,lncoiio, .hc
"on ciio
,.,to
poiille rnco.n 10
H u i i r ~ rLogir
.
und Phi!urophy
Rilmonx lGlilnrnial. Wddsiuorrh. ,969.DP xv-rlr.
o ~ \ i r rQiii\r. Philoionh> o1 lafli E o ~ l w C
d l i b INcw Jcrwv). Picnria
'3 Y r n A R o
llrll. i g p . DP. >v-rop ll'oundnioni of P h i l o ~ u p hrr>r<ei.rii
~
2nd xnhanb u r r ~ o r r r rEdilor.
.
l
~
r
~
,
~
,
~
i
~
~
i
~
n
Edircd
n
,
r
~
by
i
r
ir a r L I*>iaiar
8- ~ h ~ l ~ ~ ~
~ r ~o hh l io i~ i~ rl
Ihiiiirrdir(Ilollrndl,D. Rridcl. ,970, p> iii:i16,1SrnihncLibnw.l
Invem, i non di losrr hln\nhn. nlr di Inprr wr i hluiofi. il r ~ e n c i l r i m olibm di airiiAau
r ~ c a i i r L~o,8 , r I w Ph,loiaphrrr Ncs, York. Evanrion. and Londun. H i r ~ c rand Row. i v i ,
I ~ Pxx11.419. (SOYICCI i n bnreniporno Philowriliy. i w a i r r i ~ ~ \ l rGnruliins
r.
Wtior 1

sunir

rviir

Picmessa del curarore

Prcmerra del curatore

sia scritti non specialistici perch trattano n o n s o l o l a s t o r i a della


logica, ma anche e/o soprattutto la teoria della logica"), e generali".
Insieme con quesri scritti anteriori 3 The Deuelopment of Logic
( 1 9 6 2 ) n e citer occasionalrnenre altri a d esso posteriori. Purtroppo,
alcuni lavori che avrci dovuto citare non li citer poich ncppure di seconda mano sono riuscito a ricostruirne gli estrcmi bibliogrAci; altri
sono
lavori, che invece citer, li citer solo di seconda mano, ~ o i c h mi
tuttora inaccessibili (in particolare, quello del Houde, la cui metabibliodelle bibliogrsfie di logica mi sarebbe stata sommamente utile).
Quindi, i complementi bililiografici che seguono saranno fatalmente
incompleti.
ne
E divise in due parti: InfeLa seguente I i ~ t e ~ r ~ z i obr6liogroficr
grrzione dellr metobibliogrr,6li (ove integrerb la breve metnbibliogralia
dei Kneale limitandomi, ovviamente, a recenti bibliografie e mctabibliografie le quali siano e generali, e spsci3listiche") e Integrazione della

nin

INTEGRAZIONE BIBLIOGRAPICA

Inregrszioire dello meiobibliogrofio


I . BETH,EWRT WILLELI.
Sgn>boliicheLogik und

Grundlegu>rgdrr exohien Wirrenrchofrrn.


Bcrn. A Ranckc, 1948, pp. 28.
(Bibliographirchc Einfiihmngen in das Srudium der Philorophie.
Heraurgegcbenvon iHNOcENTrus M A R I A BOCHENSKI 3 )

1. CIIURCH, ALONIO.

Br~elBtbliogr~phy
of Formul L q i c
aPmccedings of the Amcrican Acadrmy of Anr 2nd Sciencer. (Bas.
I O ~ ) , L I X X ( ~ I>>-,>.
~J~),~~.

6ibliografia."

4. RISSE,WILHELM.

Bihlio rophi~logira.
~iidePheim.New York Gearg Olms 1965..
I n 4 volumi. Di erii shoraapparro il
rotto il titolo:
Bibliogrdphia logico Verierchnir drr Druckrchrilien zur Logik mii
Arirube~hrerFundorir. Bnnd
r 1471.i8oa. i967,pp. 293.
.
(~tud;en und Marcrialien xur Gcrchichte der Philorophie. Herausge.
gcbcn von iiriaz HEIMSOLTH, DIETCK HENRICH und c~orcioroNELLI. T.)

[In corro d'edizione o di redazione:


Band 2 : Verzeichnir der Druck~chrilren:ur Lagik mrr Atrgabe ihrer
Fundnrir
rlor-rp64,
.
.. ..
.... .
..
.

Band 3 : Zerrrcbri,lienoirfi~rr=
in rys:emil:irrhir Anordnung.
Bnnd 4 : ~ o g r k h o i ~ d r c h dlr e ~

I . nEiH>EYERTWILLFM,

De wiisbrgeerir der wrrkunde vuu Pirmcnider :o: Balra,~o.


Ancwerpcn, N. V. Standaard-Boekhrndcl;Niimegen. N. V. Dekker
=n uan de Vegr, 1944. pp. 2 0 8 .
(Philosaphirchebibliotheek.)

Premcrra del curatore

xx

Premessa del curatore


9.

~erchiedenirder logicn.
DcnIlaag. N.V. Servire, i944(1968'Iipp. 96.
(Servire's Encyclnpaedie Afdeling: Lagica. 37.)
3.

KOTARBI~~SKI,
TAOEVSZ.
Wyktody idziejou logiki. [Lincementi di

mi

rtoriode& logico l

Mi.
Ziklad narodowy h.Orioliriskich. 1967, pp. 27r.
(L3zkieTowarzysm.o Naukowe Prace wydziab I. 28.1
madiilione francese di -A
POSNER:

BLANCH, ROBERT.

Leconr riir l'hiiioire de la lonioiia

Le logique e1 ron hrrfoire, d'Arirrole d Rurrell


Paris,Armand Colin, r970,pp. 366.
(CoilectionU.)
4. cmruccro,erroer.

Moiemairco e logic* nelio siorio e nelpenriero conttmporoneo.


Torino, Ghcroni, i9j8, pp. 367.
[Trrduiione inglese di isiaeL Q U I ~ L Y :
Mnrhemoircr mid Logic in Hirtory ond in Coiticmporury Thorrght.
London, Fabcr and Pnbrr; Chicago, Aldine Publirhing G m p m y ,
1 9 6 4 , ~398.1
~.

,O.

NIDDITCR, PBTER HIROLD.

The Derielopmenr o/ Mdrhern~ticalLqic


Landon, Routledge 2nd Kcgan Paul; Ncw York, Dover Publicirionr,
1966. pp. vrir-88.
IMonagsphr in Modern Lagic. Edited by GEOPPREY BOURWN KEENC.)
rI. RISSE.WlLWELM.

I . COLBERT,IAMES Ci,il.

La eooluir6n

de la Idgrcd rimbdlica y sui tmpltmiioner filordficar.


Pamplona, Edicioncr Univerridad de Navarra, 1968, pp. 341.
6 DUMlTRIU.ANTON.
Irlorid logicii.
Bucurc$ri,Edirura didacricl $i pedagogici. 1969, pp. iojo.
7.

ENRIQUES, FEDERIGO.

Per lii irorra di.iili logicil I priacipii E l'ordine della iriema nel o n .
crtio dei penrororr motemoirci
Bologna,N. Zanirhrili, 1911, pp. 304.
[Traduzioni.
Traduzione Lrincere di =.-E.MONOD-HCRZEN:
Paris,Chiron, r926;ip.ro4.
Traduzione iedexa di ~ u o a i i csicacaics:
Zur Geschirhie der Lagrk Grui~dlogenund Au/bru dar Wirrrnrcha/l
im Urieil der mrihrmarirchrn Denker.
Leiprig. Berli", 1917, pp. v-240.
(Wisrenschaft und Hvwthere. 26 1
Tcaduzionc inglese EROME ME ROSENTH~L:
The HNlaric Deuriopmeni o/ Logic. The Prmcipler ond Strucrure o/
Srrencein lhe Coizreoiion ~IMnrham~iicaiThinkerr.
Nem York. 1925, pp. i7'; I\'& York, Rusrrll and Rusrrll, ,968, pp.
271.1

8 . FEYS, ROBERT.

De ontwdkdrrig v ~ hei
n logrrch detiketr
Antwerben, Srandnaid Backhandel; Nijmegen, Dekker en vnn de
Vcgt, 1949,PP. 2 2 0 .
(Philorophirche bibliorheek.)

Die h g r b der Neuieii.


Srurtgart.Bad Cannrratt, Friedrich Frommann Verlie (GGnther Holz.
boag), ,964..
(Gerdrichtcdcr Logik.1
Volume primo: DIELogrk der N~YIC~I.
I. Bond. 1100-7640.
1 9 6 4 , ~173.
~.
Volume secondo: Die Lopik der Neureil. 1. Bmd. 1640-1780.
'970.PP.749.
12. SCHOLZ.HE,NRICH

Gewhichieder Lagik.
Bcrlin. Junkcr und D"nnhaupt, r93i,pp. x.78.
(Gerchichte der Philosophie in Lingrrchnitren. 4.)
Ricdizione rotto il titolo:
Abrip der Gcrrhichrc der Lagrb. Zwcite, unverandertc Auflge.
Freiburg.Munchcn, Knrl Alber, 1959,pp. x.78.
RistamprdeUariedirione(-3,AuEageI:1566.
[Traduzioni:
Traduiioneiia~~aneredi
MASAOYAMISHLTA:
Takyo, RirGrha, 1960,pp. ~ 9 6 .
Tredurime inglnedi n i i m P. LE~DECYTR:
Coaciir Hiilorv a / Lorrc.
NewYork,~hfio&ph~calLibracy,
1961, pp. '40.
Traduzione itdisna di ENZO MELANORI:
Siorio delld logrca
Milnno, Silua, 1962 (~967'1,pp. 161.
Conuna Nota del iraduilore alle pp. 7-14.
(COUana Pasofic~.A curadi ENRICOMAAII FORNI.4.)
Traduzione franccrc di ERNEST COUMET, F W $ < > i S DE
BESTII:

LAUR.

,,h

SE.

xnii

Premessa delcuratore
Erquare #une hiiloire de lo logique.

Psns, Aubier Montaigne, i968,pp. i60


iAndyseer raison. lo.)l

14.

1.2.7.

STJII*IV.IN. NLKOLAJ IVANOVIS.


Slnnovlenie idei m~iern~iiicrkoj
logibi [Lgeneii dell'tdeo di logicd
moiemotica.l

Moskva, lzdatri'rrva uNaukax, i 9 6 4 pp. )oo


[Traduzione inglese di ANONIMO:
Hiriory o/ Aklhem~liralLagrr/rom Leibniz io Peono
Cambridgc (Mas~achusetrr).Lond~n,
M.I.T. Pror. 1969. pp. ix-)33.1
EdTted by AR+HUR

NonMnN Pnion.

In: TheEncyclopedia o/Philorophy.

PAUL EDWAKDS,
Ediror in Chief.

New York. Thc Micmillin Company and The Free Prcrr; London,
Callier-Macmillan. r967. In t volumi.
VolumeIV, pp. 5 1 ~ ~ ' :
Questa voce & rcrirra da dodici autori. YEHOIHVA DIR-HILLEL. ANGUS

1934.

r. The Oblerlr o/ Acgueiotance.


aProcccdings of rhc Arirrot~lian Society~.xxniv (iy))-~g)+), pp.
187-210.

,936.

2.

CHIRLES GRAHAM. PLTEP L. HEATH. CZESLAU' LFIEWSYI.


.
. STORRS
IiICCALL, ROGER UONTACUE, ERhLCT ADDISON X4CODY. AR'IHUR NORMAN PRIOR. NICIIOLIS RESCIILK. BFDF RUNDLL, JAN F STAIL, IYO

TIIOMA5
-..... .

in.+o.

[Traduzione croara di R R A N K O PETROYLC. a a r a C con un Po80t,or


IportiUn) di GAJo P E T R O V I ~e, con. in appendice ( d o d ~ t o k )la, iradu-

r i m e d i un saggia di M n r sracx:
NORMAN PRLOR.

,946.

MAX BLACK, Indukcija.

Z;ipreb.Naprijed, 1970, pp. 256.1


1947.
i948.

Agli autori di The Deraelopment o/ Logic, Williarn Calvert KnsaIe


e Martha Kneale, dedicher ora un breve cenno biobibliografico."

" I l rognamc droli aurori. 'Kneili',


'inginocchiarsi'):

6 1n1:11.

ri pronuncia mmr la vucrbalr 'knecil (Iro ksrri'


cno. dunque. i un ornofuno d ~ nome
i
'NIII'. L. inwinonc 1uncriiadi'Knrile'

Ir Exrx>dcncrd Predrc.ie)
.Proceedingr o1 thc Ariitotelian Societ~s,Supplcmenrary Volumc

XVlr936J.p~.134.74.
[Ricdiiione: ,949. Cfr. 8.1
3. The No!iono/ oSrtbri~nce
<~Proccedings
of rhe Arisrorelian Socieryu, xr (19)g.igqo). pp. roy
17"
,..

,945.

Hirtotrj~iogike.
Uredio A t T H U R
Dadatak:

IVillam C a l ~ e rKnede.
l

WiUiam Calvert Kneale nato a Liverpool nel 1906. H a studiato


alle universit di Orford, di Freiburg, di Parigi. Ha insegnato due anni
all'universit di Abcrdeen,un anno all'brmstrong College dih'ewcastle
e ad Onford dal 1932 al 1966, anno nel quale s' trasferito, con sua
iiioi?lieMnrtha Kneale, nel villaaio diBurnsall near Skipton, nel York~l...,~
D11 i j j o mr.m'>ro ilc:ll Hririsk <\L i<l<.my.T: rriito pr:s:ir.ti.r dcl' i
:\ria:utcli.iii Scxie:i*d: Londraed~-:IlR~iii,I~Sociery
for :te F:lo,ol>liy
of Science.
Oltre akitnc voci d'enciclopedia (Ceorge Booie, Goliioii Frege,
Brrtrarid Arthur Wtlliam Rusrell nell'Encydopaedia britannica; Eternity in The Encyclopedia of Ph~lorophydiretta da Paul Edwards) e
numerose recensioni, William Calvert Kneale ha pubblicato almeno i
sexuenti 43 scritti, che ara enumerer in ordine cronologico.

Verihobzlrly.

aPmceedingr of che Arirrorclian Socieiy*, Supplemenrary Vohme


xixlr94j),pp. 311.61.
I. Trrrthr o/ Logtc.
uProceedingr of che AririorclLn Sociei~a,XLVI (19.45-1946). pp. 107234.
6. Are Necerrnry Trulhr True by Conuennon.?
rProceedinyr of !hc Arirrorelian Socieryr>, Supplemenrary Volumc
XXi(19+7).PP. "8-3)
7. \Erbdt Con LogrcDolor Philoiaphy?
uProrecdingr of rhe Arisrodian Socieiyx, Supplcmenrsry Volume
xxirlror8l.oo.r<i
. , .. . ,66.
Ir Eriitenrr 6 Predteoie7
IRiedirione dcl rnerio omonimo del ro36

. . -

xrrv
1949
1910.

Premessa del curatore


9. Prob~bilrfy
anJIi~durfian.
Oxford, Clarendon Prerr, i949,pp. 272.
IO.

aPracecdingr of the AristotelionS~ieryn,L (r949-19~0),pp. 1-28


':i,rrri:I~~. - o r d i a n , r i r > tu Fa-iCorzt;onali
* i n i . ~ r ~ r . . \ l i p ; : i9jo.,pp i r : i i
I?i-dw o-? -53, Cc, . l ]
12. Objeciiuily in Morolr.
xPhilosophyn, aiv(19501,pp. i49-66.
13. Pvob~bilrfyo n d l d u a i o n .
rMindn,neivrerier,rx(1911),pp.310-17.
'4. Senrarion nnd the Phyircol iVorld.
~PiiilorophicalQuarrerlyn. i I1g5r1, pp. ro9 16.
13. NaiwriIawrrndCon~rory'1~~Fi1~iCondi~ional~.
[Riedizione del raggioomonirnodel 1950. Cfr. 11.1
Nclla sillogc: Ph~loraphyondAilolyrir.
Edited by MIRGARETMICWNALD
Oxiord,BarilBI~ckwell,1954, aiie pp. 226-31,
16. Rrood on Heniol Eurnrr nnd Epiphenomen~liim
Ncllr rillogr: The Phdaiaphy 4C.D. Eroad.
Edited by pnur ARTHUR SCHILPP.
NeurYork.Tudor, i955,allepp. 437.56.
x 7. Tbe Ideo of Invenfian. ,
aprocecdings of rhe Britirh Academy>, 1955, pp. 81.108.
i8. Boolerild fhr Algebra a/Log,r.
aNorei and Record. ot thc Rayal Sh-icry of Londanx, xii (19561, pp.
53-63.
19. Goi~lubFregc ond iviaihrmrric~lLog;<.
I\'ella sillogc. The Revolurron in Phiiorophy.
Introdurtion by GLLBERTRPLE.
London.Marmillan, 19>6,alle pp. 26.40.
[Tmduzioni casrigliana; svedese (1957, di HJALMAR U.FNNERBERG);
giapponese1 rg~8).1
ro. Thr Province of Logic.
Nella rilloge. Confimporary Brrfrrh Phrloiophy. Third Scrier
Edited bv HYWEL MVID LEWLS.
Londan,'Grorge Allcn and Unurin. i916 (i9j9') (Muirhead Library
of Philosophy].sllepp. 235.61.
21. Arinolleond rheconrcquentia rnirabilir.
l o u r n a l o f Hellenic Studierr, LLXVII,Parr ilz9>7),pp. 62 66.
2 1 . Some Arpecrr o/ Probilbrlrty anJ Induciion: A Rcply i o Mr. Benneli.
Brirish Journal for rhc Philorophy ai Scicnccn, vrii (r957). pp. 1763.
:i

rqrr.

1914.

1911.

1936.

1917.

ExpcrrencerndInrroipeciron.

.. .-. ..- . .- ..

Nella rillopc. 0brrri~:ionand ln,rrpre,~ticn. A S p l r Sism i/ Yb!


I?i.pb:ri .n*> rvh.,ih.rrfr P I C C C C n
~! . IJ ~~ ~NC~I P . : ~ ' S ~ I . of~ C
thi Culrxuii llelirih C u i c c y llild .n rlie Cnirrri:iy 01 Hr.*iol.
April isr-Aprilqth. '957,
Eited by S T E P H ~ NKOWER.
New York, Acadernic Presn; London, Butremarthr Scicntific Publicatimr, 19.~7, d e pp. 111-59.
. Time ond Eiernily in Theology.
xPraceedingr of thc Aristotelian Societya, LXI Ii960-196i), pp. 8711 Uniuerroliiy indNcrersUy.
rBriiish Journal for rhe Philosophy of Scienccn, xii (19611, pp. 8 9 ~
102.

1962. 26. The Developmeni o/ Logic. [Con MIRTHAKNEALE.~


Oxford, Clarendon Prerr, i962,pp.v111-76r.
[Riedhioni, con carrcnioni C variazioni: 1964, r966, 1968. 1972. Il
numero delle pagine& immutato nelle prime tre riedirioni: la quin.
la edizione, del 1971, . invece, di pp. virr-j8i, poiche ha, alle pp.
743.63, una AppenJrx. Trandrrionr /rom fhc h b n Quolalionr in
ChBpier lV.1 - [Riedirioncparziale: cfr. 12.1
iTraduzione italiana a cura e con una premessa di AMEDEO G. c o m :
Srorir della logica.
Tndunione di IMEDEOG. CONTE (Pre/azione. Indici, capitoli I. 11, irr,
vi, vii, viri, ix, x. xr. X i i ) C di LUCA CAFIERO (capitoli iv c v. con
la revisione di Arsrnro CONTE).Con una Prenicrra del crrrnore
alle pp.xi-xxxvii.
Torino. Giulio Einaudi, r972. pp. x~v.880
(Bibliotcn di~liurafilosofica.60.11
17. MoJaliIydcdicia~nddcre.
Nciln slUogc: Logic Merhodalogy rnd Philorophy o/ Sczenie. Ptoceediner of the 1960Inrernationel Cmercrr.
Edired b ~ e n i r z &GLI.,
s~
PATRICK SUPPES,end ALFRED TARSKI.
Sranford. StanfordUnivetiity Press. 1962,alle pp. 621.33.
28. On Houinir Mtnd.
l~ddingto~Memarial
Letture.)
Cambridge, CambridgeUniverri<yPress, ,962, pp 16.
1964 29 On Popper'r UreofrheNofion o/ AbraluleLogic~lProbi~bfl~fy.
Nella slllage: The Cnitcal Approdih loSctanirirndPhilorophy.
Eited by M m r o auNcE.
Landon.CoUicr-hlxmillan. . i *s 6 .d.. d e .
oo. i d.r,- $ 7 .
1965. 30. The Diirinciion berwrrn iha Empirrcol ond ihe A Priori.
Nella sillogc. The Foundorian a/ Y~femenfrond Dectrionr. Proceed.
iner of the Intemaiionel Gllwuium on Methodoioav of Sciencc

Premerra del curatore


\Varsiau.a, Prrirnuonc \Vydanmirtwo Naukanc - Polish Scicnritic
Publirhcrr; Oxford, Pcrgamon Prcrr, 1965, alle pp. 27-44.
1966. 31. Lribniinnd ihc Picl~reTheoryo/Longuaga
aRcvuc inrcrnarianalc dc philorophic m, numCm 76-77>1966, farriculc
I->.DD.
. .. 102. 15.
.
,967. 32. The Plncc o/Lagrcima,ig ihe Scietrcer. [Con hmn-rni KNEILE l
Nella sillage: Caii~e>nparoryReildrirgs in Loglrol Theary.
Ediied bv i w i n c h i copi s n d i ~ h i - - uu"L".
Neu. Y&k, The Macmillan Conipany; Landon, Callier-hlacmillan,
1967(i97o'l,allcpp. 2r-26.
[Riedizioncpanialclpp. 737-42 C j j r ) di 26.1
3). The Rcrponnbtitly a/Gzmi>idlr.
(Maretr Memorial Lccture.1
Oxford, ClarendonPrerr, 1967. pp. 32.
[Riedizionc: r96g.Cfr.40.1

31. SrienriFc Revo!rrtrosi forEuer9


uBritish Journal for tlie Philosophy of Sciencew, xir (rg67). pp. 2742.
1968. 35. Itile>iironoiiiy ond I!iierionulily.
r h o c e e d i n g r of the Ariitotelian Socieiyr. Supplementsry Volume
x ~ ~ r ( z 9 6 8 1 , p,990.
p.
36. Mcihads olDerignonon.
aPmceedingi of rhc Arirrorelian Sociery n, ~ x v i i (1967-rg68I.
i
pp.
249-70.
37. Paiiih Logic.
alnquiryr.xi(rg68),pp.346-48.
1969. 38. Le n o r m d e i i e nortnuiil.
nArchivcr dc philosophicx.xxxii (1969).pp. 548.76.
39 Lo norind y !o norin~truo
Traduzione caitigliana di s i m n s*rn e R&UL QUESADA.
u D i 4 n o i a n . ~ v.( i.9 6.g.) .193-zrr.
~.~.. .
40. The R~iponirbiliiyo/ Criinrnolr
[Riedizione del raggio anioniniodel i967.Cfr. 33.1
NeUa rilloee. Tlic Philorophv
. . o1. Punirhmerrl.
Ediied h Y H IURRO\VS
~ ~ I~ ~ ~Y .
London,Marmillan. 1969,allrpp. 171-96.

,971.

42. Prnporrllons andTi,>ie [Con ~.~ARTHI KNEALE l


Nella riiioge: G E Moore. Erieyr rn Reiroipect
Edired by ALICE AMnnosaand MORRIS LAZEROWITZ.
London, Grarge Allrn rnd Unnin, rg70, allcpp. 128-+I
43. Ruriell'i Porodo\- undSonre Otherr.
xBririrh Journal far ihc Philoiaphy of S c i e n r e ~u. i i ( 1 9 7 1 ) .pp. 3"338.

~wii

Nel momento in cui io compio questa bibliograiia di Wiiliarn Calvert Knealestannoper apparire almeno i seguenti altri tre saggi (numeti
44.. 45., 46.):
1972. 44. Numbcrrond hlumerolr.
Deve apparire in aBritirh Journal for the Philosophy of Science*,
u I i r (i97').
45. Propornionr ond Trulh in Nolirral Languager
Deve aooarire in Mindr. new ierier.. ~ x x n(1972).
.i .
46. Prarleplrc Proporriranr. [&n MARTHA MEALE.]
Deve apparire nella silloge: Iriomic Phdorophy ond rhe Cloriii~lTrodiiion. Errayr Preienied i o Richord Walier.
Edited bv rrhiurr STERN and ArBrnr HOURANI.
,London, 1972

,.

Martha Kneale, nata Hurst, nata a Skipton, Yorkshire, nel 1909.


Ha studiato alle universit di Oxford e della North Carolina ed al Bryn
Mawr College. H a insegnato ad Oxford dal 1936 al 1966, anno nel
qualc s' ritirata con il marito nel natio Yorkshire a Burnsall.
Quest'anno (1971.1972) presiede I'Arirtotelian Society di Londra.
Martha Kneale ha pubblicato almeno i seguenti nove scritti, che
oraenumerer inordinecronologico.
1931.
1938.

950.

,962.

Itnplirrrion in ihe Fourih Ceniury B C .


ncw serier, xriv ( r g ) ~ )pp.
, 484-95.
Logiculand ~ r i ~ p h y l i < ~ ! N e c e r i i i y .
xProccrdings of rhc Arirrorelian Socicryu, xxrviii (1937-1938).pp
rj3-68.
1. l r Plyrhridl Rerrdrch Rrbuoni lo Philorophy?
*Praceedingr of the Aristatelian Socierja, Supplcmeniary Volumc
u ~ v ( r g > o pp.
) , r7)-88.
4. Ufhiir l r ihe ilfind-BodyProhlem'
-Proceedinar of rhe Aristorelian Sociervi..
. r i rsds-rsrol.
. .. .. . .DD.
. I O .T - ~ ~ .
5. The Drt~elopmenioiLogic. [Con rnimiau urvenr MULE.~
0xford.Clarendon Prerr, ,961, pp. v~ir-76r.
CRiedizioni. con correzioni e variazioni: i964, ,966. ,968. ,972. I1
numero delle pagine immurrto nellc prime tre ricdiiiani; la quinta edizione. dcl 1972. . invece. di pp. i'iii-781, paichd ha, alle pp
743-63, una Apprndix. Tr~nrlotionrfrom the L i i n Quoiorionr rn
C h ~ p i s IV
r l
Ir\iedizione parziale: cfr. 6.1
I.

*Minda.

xxvlrI

Premessa del curatore


[Traduzione italiana a cura c con una premessa di IMEDEO C. CONTE:
Storia drllir loiico.
I ' i r J ~ ~ . ~ i i~
ed
\ jir c : - ~cco r r IPr..i,:cna. l,rlirl.rap .-li i . :i. t i : ,
:.i. i i i , v i i i i* h x i . \ i i I L i. LUCA C I T I L R O C>~>:CO!~I? C v, con
la rc\,~.i<,ncdiht L ~ R T . I I ~ ~ (:,>n
. T ~ una
I
? r c > * c ~ j ~ d i / i i v a ! v1?:er
pp. Xl-xxxvii.
Torino, Giulio Einaudi. ,972, pp. x ~ v . 8 8 0 .
(Bibliorecadimlturafiloso6ca. ao.11
6. Thc Plocc o/ Loga
. omonp. Ihe S'icncei. [Con wIllirM caLvanr
XNULE

238.

r97o.

8. Drcomrng.

4.

Nells silloge. Kttowledge ond Ncceriity.


Edired by GOOPREY N. A. VESEY
London, Macmillan nnd Company. i970 IRoyal Insritute of Philorophy Lccturer. 3. ~968-rg69)~sllepp.
236-48
Pronorrtionr ond Timc 1 6 " WILLIIM CALIZRT X N E A L B . ~
~ e l i rilloge:
a
G E. Moore. Errdyr in Retroiprrr
Edited by ILLCEIMIIROSE 2nd MonRir LirERowin.
London.Gmrge Allenand Unwin. 1970. alle pp. 128-41.

Nel momento in cui io compio questa bibliografia stanno per apparirei seguentialtriduesiggi(numeri io., 11.):
,971.

io. LerbnizdndSpinozeon Aniviry.

1i .

2.

Nella sillage: Contrmporory Rendingr in Logica1 Thcory.


Edited by invi~cM.copi and JAMES A wuio
New York, The Macmillan Compnny; London. Gllier.Macmillan.
i967 (1970'). rllepp. rr-r6
[Ristimpipnrzialc(pp.7~7-4ae541)di 5 l
7. Eterniry rndSempiternity.
~Proceedingroi the Arirrotclian Socieryv, ~ x t (1963.~9691,
x
pp. 223-

Dcve apparire nella sillogc: Anthofoyy o/ Critrral Writropi d n Lcrbno.


Edired by HARRY FRAIKURT.
New York,Doublcday and Gmpany. '971.
Plorleprrc Pioparirioilr [Con WiLLiAM CALVERT KNEALE 1
Dcve appariri nclia iillagc. Irliimic Pbriarophy md ihe Cioiric.1 Trodiiron Errdyr Prcretiied io Rirhiird IVoIrer.
Edired bv S A M U E L STBUN and AI.RERT HOURANI

2.1.

La traduzione
11rapporto tra originale inglese e trudurione italiana.

La presente traduzione italiana svolta sulla prima edizione (1962)


di The Development of Logic. Nel corso della stampa la ho successivamente adeguata alle variazioni apportate alle edizioni del 1964, del
1966, del 1968, del 1972.
Ecco le principali differenze tra Storia della logica e The Deuelopment of Logic.
Modific~zioninelle note
I n primo luogo, ho rinumerato le note (che nell'originale inglese
erano numerate pagina per pagina), numerandole progressivamente
entro ognuno dei dodici capitoli.
In secondo luogo, ho eccezionalmente aggiunto alcune note. Ma, di
principio, ho cercato di non scrivere invadenti note a s stanti, ma d'in.
serire la notanel corpo enelcorsod'una notapreesistente.
I n terzo luogo, ho modificato almeno una nota (la nota 2 della p.
630, concernente la traduzione inglese del Tractaiur logico-philorophicur di Ludwig Wittgenstein), poich essa interessava soltanto i lettori deii'originale inglese (cfr. p. 722, nota ZJ, della presente traduzione italiana).
dlodifcaziottinel testo.
Eccezionalmente, ho modificato alcuni esempi, trasformandoli in
altri che fossero pi6 perspicui per il lettore italiano.
H o adeguato all'italiano alcune lettere chc, essendo le iniziali di pa.
role inglesi, erano carnprensibili solo in riferimento alla lingua inglese.
Ad esempio, aile pp. 17.49-50,89-97 ho sostituitocon ie ettere'G'
(iniziale di 'grande') e 'P' (iniziale di 'piccolo') le lettere inglesi 'L' e

Prcmcrradel curatore

Premessa del cuiatorc

xxx

'S' (iniziali di 'large' e, rispettivamente, 'rmoli'), usate alle pp. r I. 37,


7 2 - 8 0 dell'originale inglese.
Analogamente. nel triangolo di p. 749 ho sostituito con 'N'(da 'numerabilmente infinito') la 'D' originaria (da 'denumerably iniin~re'),e
con 'D' (da 'dimostrabile') l'originaria 'P' ( d i 'prauehlr'). (Cfr. la p.
71 I dcll'originalc inglcsr, ove 'D' sta per 'uolid in o denu>ner~bly
infin.
ire doinorn' e 'P' sta per 'provalile hy inconr o} rhe rules o/ genera1
logic'.)
Eccezionalmente. ho corretto alcuni minuscoli errori. (La correzioce poi iilca.inti ;ille :>p 346 c 346, Ci: rcc.<riu 'K:i<i:f<i .Adricol<'.
rrcn:ie :'ori;tn.ilc :nele<e!p- ~ c eo303 I recava 'Rcdolphua i\zripp~',
nar.:fcst~rren.econ.~mir.icjo?ve I L I O T ~
H:iniich
:
Corneli~s. \ r"r i r i ~ i
von Nettesheim e Rudolph Agricola.)

..

unn ~ t o r 1 de!l:
3
loyicn. c:inticne esso sicsru t r ~ d ~ z i cfov\.ir7ien:e.
ci
in inAlecc).f.itrc<I~;'i2.irori s r c w i a

.1aci9i cic?ic
La Drcbcn,J \li .r $<li,ir>:ii in iin libro 8i.1 irl<liirr~.rime al :raduitorc
un non lieve dilemma, anzi un trilemma: da che cosa tradurre, quando
l'autore cita qualcosa o qualcuno in traduzione? Direttsmente dall'originalc, o dalla traduzione (citata a compiuta dall'autore), o da una preesistente traduzione nella lingua del traduttore di ci che l'autore cita
in traduzione (propria o altrui)?
Qito.0 ~>r~~l,lrni.i
CI! inrin;l.i, rli. P ~ ~ r r t ~ i o l i : r ngerni i c~ pc: i ] i i > I
siasi tr i<l.i,ii:rc '1't.r.a wiria d'cni <!i,cipI:na,6 ancor p i i erave nel csso
chi In stori.~d~ iri;iir:c si2 U T . ~siorin della Iogirn T:an:or pih jir~vcper
almeno quattro raeioni. In rimo luoco. ~ e r c h in una sLoriidellalo-

Infegrarioni.
Eccezionalmente, ho integrato l'originale inglese completando alcune indicazioni bibliografiche nelle note.

Ho inoltre triplicemcnte integrato l'Indice dei nomi (che ho scisso


dall'lndice onalrfrco, con il quale era confuso nell'Jridex originario): in
primo luogo, registrando tutti i nomi (tranne, ovviamente, quelli ricorrenti negli esempi, coinc'Socrate' in 'Socrate mortale', nei titoli d'opere citate, nclle citazioni,...); in secondo luogo, registrando ogni ricorrcnia d'essi nomi: in terzo Iiiogo, sviluppando, dove possibile, le iniziali dei prenomi. L'lndicc ~lnolitico,invece, segue con solo minime
vari,izioni I'Jndex inglese.
Non ho tradotto I'Appendix alla quinta edizione (19721, pp. 74)763, appendice che a sua volta traduce in inglese le citazioni latine dcl
capitolo iv.

2.2,

1criteri della ir<rdurionc.

La presente traduzione una traduzione. Questa avvertenza pu


sembrnre futile, ma non inutile. Infatti, il libroqui tradotto, in quinto

divari; in terzo luogo, perch d'uno stesso testo talvolta preeristono


(sia nella lingua dalla qunle si traduce, sia nella lingua nella quale si traduce) pih traduzioni differenti; in quarto luogo, perch la logica una
sccnrro sern~ocinolis,ilno scienza, cio, nella quale il linguaggio non
gi qualcosa in cui si parla. ma qualcosa dicui si parla.
Contro la risoluzione drastica di tradurre semDre e solo direttamente (immediatamente) dagli originali, - trascurando sia la traduzione inglese fatta o citata dai Kneale, sia le eventuali traduzioni italiane, -
valso iin decisivo argomento tilologico: tradurre direttamente dagli originali avrebbe potuto tradire la terminologia di The Deueiopmenf o/
Logic, e, analogamente, avrebbe potuto attentare alld fedelt di questa
traduzione usare altre e altrui traduzioni italiane.
Documenter questi due pericoli con due esempi.
Il primo pericolo (la possibilit che la traduzione direttn dagli originali violasse e tradisse la trama terminologica di Thc Deuclopmenr
o/ Logic) attestato dal seguente esempio. In The Developnrenr o/
Logic non v'i. corrispondenza biunivoca tra il greco 'ooia' e l'inglese
'rirbnaace': 'ooia' non reso con un unico e stesso termine inglese:
'rr~bsforice',n 'subsionce' rcnde un unica e stesso termine greco:
'ouia'.
E precisamente: 'ooia' reso dai Kneale non solo con 'subsf~lnce'
(cfr., ad esempio, le pp. 26 e 28 di The Developwient o/ Logrc), ma anche con 'natiire' (cfr. p. 2 8 dcll'originale inglese) ed anche con 'exietice'
(cfr.p. 147 dcll'originale, ove'ouciq' reso con 'rri essoire').
Viceversa, 'wbrtonce' non rende solo 'ooia' (come alle citate pp.

m i i

Prcmessa del curatore

26 e 28): al contrario, a p. 29 dell'originale inglese, 'in subrtance' rende il ereco 'Lv TG ~ i ' . "
O u a 3 i , per non traCirc I'uri;iiir,i~ i l a m l tcrniinologica, ho irndot.
to 'o,:o'a' :on 'so,t i r ~ r li
' dove i K:ie.lle irnil~ccsseto'rrbsto>ice', con

'catur3' I j d<i\.ei Kne~!eirrd~c<,.:ri>'>r.!ur,,', rcr. 'essenza' l i dove i


Kneale traducessero 'essence'.
I1 secondo dei due pericoli (la possibilit che la recerione d i un'altrui traduzione italiana di passi citati in traduzione inglese dai Kneale
violasse e tradisse l i tramn terminologica di The Development o/ Logic)
attestato dal seguente esempio. I n The Deuelopment of Logic, il fregeano 'Bedeiitung"Q reso con 'relerence'." Ora, 'Bedeutung' P tradotto con 'significato' non solo nell'uso comune, ma anche e soprattutto nella principale traduzione italiana del saggio Uber Sinn und Bedeutung: 13 traduzione di Ludovico Geymonat," recepita da Corrado
Mangione."
Se mi fossi attenuto alla traduzione canonica di Geymonat, avrei dovuto trndurre con 'significato' l'inglese 'reference' nei punti ove 'reference' traduceil fregeano'Bedeutung'.
Ma 'significato', nella presente Storia della logica, gih traduce un
altro termine tecnico: 'meaning'.
QuFdi, per non tradire i'originaria trama terminologica contaminando I due termini inglesi 'rneaning' e 'reference' in uno: 'significato',
non ho seguito Geymonat ( c Mangione), ma ho tradotto 'reference' (l
dove'reference' rendeva il fregeano'Bedeutung') con'referenza', e non
con'significato', terminecon il quale ho invece reso solo l'inglese 'meaning'. (Incidentalmente: uno scritto postumo di Frege, primamente pubblicato solo in traduzione italiana da CorradoMangione nel 1965, rivela che gi per lo stesso Frege il corrispettivo italiano del suo termine
tedesco 'Bedeutung' non 'significato': Frege, infatti, nel postumo Abbozzo dt uno lenera a Giitseppe Peano, propone per il suo 'Bedeutung'

un termine che 'signi6cato' non , quantunque di 'significato' sia un


paronimo: 'significazione'?)
Per evitare i due pericoli or ora documentati si 8 di principio tradotto dalla traduzione inglese dei Kneale, e non immediatamente dagli
originali o mediatamente da preesistenti traduzioni italiane nei casi in
cui i Kneale citassero qualcuno in traduzione inglese propria o altmi.
Naturalmente, molto spesso si collazionato e con gli originali, e
conpreesirtenti traduzioni italiane, ma la versionedeipassicheiKneale
citano in (propria o altrui) versione inglese , di massima, una traduzione d'una traduzione. Seguendo questa linea di condotta sono arrivato (per citare un caso-limite) a tradurre dalla traduzione inglese dei
Kneile persino passi di un'opeta che io stesso avevo tradotto in italiano: alludo al Trocrutnr logico-philorophicur di Ludwig Wittgenstein,
che ho citato non dalla mia traduzione italiana, ma traducendo dalla
versione inglese dei Kneale."
2.2.2.

Aucertenzu terminologica.

Per scrupolo filologico, la presente traduzione spesso indica, inscrivendoli tra parentesi quadre, i termini tecnici originari.
Tuttavia, non superfluo un commento sopra la traduzione di quattro termini particolarmente ardui: essi sono 'clause', 'phrure', 'reliobilitg', 'entnilment'.
'Clnure'.
'Clarrse' si generalmente reso con 'clausola'. I n realt, questa scelta non molto felice: la traduzione piii corrente e piii corretta sarebbe
dovutaesserenon'clausola', ma'proposizione'.
Ma aila scelta di 'dausola' da una parte mi ha obbligato il fatto che
U I . i o n i o a mrar. Lopirr ? u r i l r d i i a ci,. ills p 602, avc rara.. ncll'dbboao di una
GIWIPPLPUIO (~ncdlloprima di questa indiuione iirlinnrl. wriuc: r h mc wmbriche
.1 rrrduzione niii nnnmrir,.ir sin wr 11 cerminc 'Sinn' I'iidinno' r n s ' r rrr 'nrdrutunp' I'imliano
'rignifi"filonc'..Cfr mchc ,b,drm, p. 374, "0,. I.
Quaniwisur il riniawr 'wnmc rianiriraro' sin clurico [e non x>limia p r rrodue mn ozr
MOiiAT il frcgcano bina"".
'5,". ""d Brdru,""~' P,,,o r ,,gn,iiruro ,'>n,irolr, rd .,empi..
un.
rmniiuimr sillnsc di mrrco n r ~ r u a o Dmri.
.
Ailrincir? editrice, i w r . PP j u l l . ruicivir inihc
altri che me ha cera a l ~ i m e n i che
l mn 'sianiSciro' il fwuno ' B ~ d r u r u v g ' cfr.
.
Ir r l l l o l e m r a s
m..
Rirmrhr 10.-sricbr A m di u n r o u u l n i h , Bol08"a. muioni Caldcrini, ,979, .I>. .i,i g i LGllnni di I c t i u r c c r i t i r h r ~filmfiihc dirma d i i x ~ x c o
~ o r r i r) Con uns 1 n r r o b ; i u n r del
~ r s r o r cnllr DD i-xir. In qucrio volume. 'Bldrulunm' C ~mdniionon mn 'sianlhria', n6 mn 'rign~ficuione'.n& mn ' r r t c r c w ' , ma mn 'dcnotirions'. I U r . Ir mduiono di Ubcr Smn und 81dculunc: Srnio r drnormionc. dlc pp. x31.6o.l
Cc. PP. ~ i i - i rr 743. e ruuwic wiricrvirria. Tnriiiios ioairo piiiio~onhiiu~Q o u L r n ,
r?ir-igib Triduzlonc di ~ r i r o r oi. corrr Torino. Giulio Emsudi. 1964.OR xr-z69; ir6S2, PP.
<li iioi8iblioicrr di culililalafio 16).
irzl<r4

''

xxxiv

'Phrare'.
'Phrase' si generalmente reso con 'frase'. I n realt, questa scelta
non molto felice: la traduzione pih corrente e pih corretta sarebbe
dovuta essere non 'frase' ('frase'.. infatti.. a differenza del suo ~ a r o n i m o
inglese 'phrare', sinonimo di 'enunciato'), ma 'sinragma' (traduzione
ormai invalsa n e l h s o dei linguisti italiani)."
'Reliability'.
'Reliability' si talvolta reso con 'affidabiliti'; 'unreliobrlity' con
'inaffidabilit'. I n realt, questa scelta pu sembrare a qualcuno non
molto felice.
Ma alla scelta di 'affidabiliti' mi ha da unn parte obbligato il fatto
che questo, secondo me, il solo termine che renda adeguatamente l'inelese 'reliabditv' ed i suoi eauivnlenti (tedesco: 'Zuvcrlirsiekeit'.
" . olan.
dese: '~etrottL;bnorheid',
svedese: 'rillf~rliflighet',
russo: ' ~ a d ? ~ n o s f " l ,
e, dall'altra, mi ha autorizzato il fatto che 'afidabilit' non sia un neologismo, ma sii gi usato per i compsfers."
'Entailmcnl'.
'Entarbcnt' ed il verbo onde il sostantivo 'ot~toilnretit'deriva ('Io
entoii') sono due termini che, secondo me, n in italiano, n in francese,
n in tedesco ( e neppure, sospetto, nelle altre lingue romanze o germa>~
Cfr ~ o s r A~ R
r A ~ r .h irrurrlrii ddisrulirno Prcwntaiianr di m i c i M T I L ~ ~ A N Roma.
Armando Armsndu. trii. PP d j a , alla p 18. (Per questa indi<uionr rinanrio hi&xM i L 1 , r i E l i i

r\:~l

C:
"..,.,C,

,,a,

,:.:r<,,:,
P

,,:,,:

ccc.v,

-.<..,,,C
5-

8,

:,:

. & l ,H;.%<%,

,.L,O<
A

3...:<..

7 8,
<"'.Ci

I.,,

I.,?
1":,

,a"
b,,
I.,?
L.
l t ,.,.,...C,

~. , ., , ,m

8 ,

CI.

,n,,

*,m . 7 c , C I , >

2
C<.

t !

,.

8 .
?,,,C.

.n,,

,,,,

<, , .\<,.~l , ,

,.6b.,",

,,A,

8 ,

> \$ ,>A> . v 7
.m?::,nr,: . C , , T ,

S 1 h . , ,

C,,

>

.-.,.C,? ' > ?

>,

F~,,,%?

"

( 9 .

ri".,,

.C<

i.

'\.i

'

Questo termine 'jmplicanta' poco felice per tre ragioni: 'implicanza' e 'comportare' non sono paronimi; 'implicanza' non sinonimo di
'entoi1me"t' (cosi come 'coioortare'. . a sia volta. non sinonimo di
' / oenfad');'implicanza' nel senso di 'entailment' omonimo d n obsoleto 'implicanza'che sianihcava 'contradizione'."
Forit, coniiderii~13 frequenza con la quale 'cnrsiln~ent'e't,. unrrrl'
ricorr<irioncIIa I.nxu~ir. c u i o ~ ~si, pubjlicnnopii
i
;crirti di logica I'inclese. non sarebbe stato ino~iirtuinoconservare in italiano la ~ a r o n i mia che in inglese v' tra 'enreilment' e ' t o enfoil', ed anzi cercare per
questi due termini inalesi due termini italiani che avessero un corrispondente almeno nelle li;neue neolatine e10 eermaniche (se non addirihura
anche nelle lingue sla;e), come avviene per 'impli;azione' (cui corrispondono, nelle lingue neolatine, il francese 'implicrition'. il castigliuno
'implic~cid>r',
il portoghese 'tmplica~ao',...; nelle lingue germaniche, il
tedesco 'Implikafion', lo svedese cd il danese 'itnplik~iion',il notvege.
qe 'implikaslan', l'olandese 'implikiltie',l'inglese 'implicaiion', ; nelle
lingue slave, il russo 'itnplikacila', il polacco 'implikacja', il cco 'Nnplikace', ...; nelle lingueugrofinniche. il hnnico 'implikaatio'; ...1.

..

...

"

Per un rnuinaoii rrnrnrim dcll'~j~t~ri,arar


lupi<o un lina7~1st8inalsc hs P~OWICOil <=(min i 'h>nrro~~vnu'Il'inrrrxi
di 'h>po,8ir,iv') j o n i irohr.Sii~,~l~rulSemanrirr
,In r l n l ~ , x l so1 Far!
o1 lb? I'ur#bluir ul Fluiu Oxlard, BanI Blrckurll. 1 4 3 , DP. i x - l i ? (Puhli<rrloni o1 ihc P h i l r
Ikig~crllXxici> ml. c i s b r i , Iiiridwciiiiii ro Th~orrrrrolLiiibriiiiiii Crmhridsc, Onivrriity Prrss.
1968gD. x i r 9 . IAnchc Per Qucriiindireione r i n l i u i o M A R ~ A - E L ~ S A Bcaxre
E~
)
Nrl rcndcrc 'cn!uilinrni' roo 'impliniur' questa iraduziunc rcgue Av i s ~ u r a ~inclli
~ii

.-n2

, , .?>m , . t # n # " ' . < 3 L C.


,SL...
\
ancl
I l ,>,m
, > .\r3' *,,*..-ce
l,..,.L , , 9 " A . . r > " , - ' . ' A ?
,C

,..TC<,Y

..6?,,,;, 4.>

.<C

"i .i

"
.

niche e nelle lingue slave) hanno due adeguati corrispettivi, ossia due
termini che siano sinonimi I'uno di 'enfailment' e l'altro di 'to enfail'
eche, cosicome'entailment'e'to enfail',~ianodueparonimi.~
Nella presente traduzione s' reso il sostantivo 'entailment' con 'im~licanza'ed il verbo 'to entoil' con un verbo italiano che...ourtroooo.
...
non paranimo d i 'implicanza': 'comportare'. (Correlativamente, il
passivo di ' / o entorl': ' t o be entailed', stato reso con 'essere compor-

<h\,"%.,.'

4.1 "i.,
, t l i c i . i r i x i I -6.Cc'i.i:i
.h'.,
+ . e < e>., ' t , , ,
l:.2Jx<c.r.c2a,
,:,..a>,,\,",..
L :,"tkl
,C<'.. l
11, C"."?
i .l I ' e , .
. < i < i r . 1 - ',i ,,<l,,, , i :
i.'IiiiIi5tl.<.%ln I I
., ..,,r
*L. 2
.,!<,
P",,. t
.
,
FILT?~
't,
q,
,A
\i%,&
1"
'. tlV.>
i>...r:> . < i i . . J i > , < . r lI
i ,\,?
.I\.,
IIC" ' W Z ' , . . ' V
O.,'
.i. L . L i ,?<:-.I? ,.,in:
.L,.
Il.<.?,
.I r,.,
b < , . ,<.a pp i \ >h., >
1' , :
. 3.. %..L
<I..<^

xxxv

Premessa del curatore

Premessi del curatore

'proposizione' gid un termine tecnica che rende un termine tecnico


('proporition'),e, dall'sltra, mi ha autorizzato l'autoriti d'un linguista,
Robert A . Hall, jr, il quale proprio con 'clausola' ha tradotta l'inglese
'clause'. Dunque, questa mio uso di 'clausola' non un'innovazione
temeraria.'"

.,

.<. '

Tlrdulionr o ~ r r l r i i o n edi

ILDO VIIILBERBII

Tonno. Giu110 Einnudi. 196,. PD. r x i i - 3 2 4 IBi-

bliorccsdi culliira hlarofirr z ~ . i U r ,n ~rrricolumIcpp xix c z i noia I


'In!pl>cm,a' ncl rcn,u di 'run;niiiiiunc'
i d&urncnrsru. rn& rrcaismo, nrlls c i l i r s dirima
cdiiionc 119701 del Voirhoirria Jdla lsrigu,
di h i c o r ~risc~arrii.D. 819, rr<h unir P<>
daumenci di i~iicrr'rncin rirczlonr dl 'irn~licdnzi'rlr i1 irarubabrio driri r l r r r i d r r i i i diilu
C r l 8 x d Quinta irnpmiioiic Firr-nre.T~~marr6nG~lilcinna
di h1 G l l i n i C C , ,863 , uoiumr 8111,
2899. rllr D > > i 11th
.
uorc. ed L! Di:roariio JcIU Iriigi,. iirliu>rd di alccoiu N ! ~ > A S E O C D E R ~ . A R Do I r r L i V i Nuova rirtamlii dill'~diuanc
Torino, Uicr, ,929 In 6 rnlumi. Volumr 111

''

,~,ii>aiiu

P I,,. iub iurr Sull,oripinc d i .implicinzr, nel wnro dl ,roniradiiionc, o di ,imlos$ibilir*. Cf;
81 ~ r n c n t cIibmdri w r r r i LP >mdclllcdizionc ~nplewc P. i r i dclli imdu:ionc iraliansl.

m v r

Premerra del aratore

Premerrs del curatore

..

..

~
~~
~
~ .'intitolo
r uni
~~ wrionc
i curi
~ rcccmrc libro~
rio~air
~ wlra,min.r Stud.
in in .Ilriuph.,o,o>h"
Landon. Rniirl.dpc and Kes*n Prul: N- Y0.k. Th. Humrnilier prrri.
1934, DD. xii-164 ilnrcrnmianal L i h r q of Philoro~hyand Lirniilic Mrihaf Editoc. n L r m
I U i e s A i i n As3innnt Ediror: orar&ln wirriAriri.iIlc pii 45-76

rxxvri

pio, l'enunciato 'Nell'universit italiana nccessita un intervento drastico').


Escluse dunque queste cinque coppie di termini ('involgimento' ed
'involgere', 'inviluppo' ed 'inviluppare', 'inclusione' ed 'includere',
'coimplicadone' e 'coimplicare', 'nccessitazione' e 'necessitare') poich
nessuna di esse sadisfa i sumominati quattro requisiti, probabilmente
pet rendere 'entoilmen/' e '/o e n t d non rimane che il ricorso a nwlogismi.
Due neologismi mi sembrano sodisfsre i summenzionati quattro requisiti: 'implicitazione' (per 'eirtailment') ed 'implicitare' (per ' l o ent&). Essi sono forse i soli che possano conservare la pregnanza di
'entoiimenc'e 't0 enlaa'.

Purtroppo, delle parole oggi esistenti in italiano non ve ne sono due


le quali sadisfino congiuntamente questi quattro requisiti: paranimia
(le quali, cio, siano corradicali, paronime); rinonimia rispetto a 'ent~zlineni'e '[o entail' (le quali, cio, equivalgano rispettivamente alle
due parole inglesi); originalit (le quali, cio, gi non siano pregiudicate
e compromesse
gi usate come termini tecnici deila logica o d'altra disciplina affine); internuzionalith (le quali, cio, possano estendersi. con eli ovvl adattamenti, almeno alle altre lingue neolatine ed alle
linpueperrnaniche).
I n particolare, sono da escludere 'involgimento' e 'involgere', 'inviluooo' e 'inviluooare'. 'inclusione' e 'includere', 'coimplicazione' e
'coimplicare', 'necessitazione' e 'necessitare'.
'Involgimento' ed 'involgere' sono esclusi sijbito poich essi gi
rendono due termini tecnici "
cih usati -proprio
dai Kneale: 'inuolument'
e ' / involue'.
~
'Inoiluppo' ed 'inviluppare' sano anch'ersi esclusi subito poich
'inviluppo' gi un termine tecnico della matematica, e precisamente
della geometria differenziale (inglese 'envelope', francese 'enueloppe',
tedescoCEnveioppe').
'Inclusione' ed 'includere' sono analogamente esclusi subito poich
gi sono termini tecnici della teoria degli insiemi.
'Coimplicnzione' e 'coimplicare' parrebbero due termini molto felici, anche perch paronimi (corradicali) non solo i'uno dell'altro, ma
anche di 'implicazione' e 'implicare'. Ma anche questi due termini non
si prestano a rendere 'en,ailnient' e 'io entail', poich fanno pensare ad
una specie d'implicazione: l'implicazione reciproca (o equivalenza, o
doppia implicazione, o doppio condizionale).
'Necessitazionc' e 'necessitare', nel senso di 'rendere necessario',
parrebbero due termini abbastanza felici." L'inconveniente di queste
due parole duplice: in primo luogo, 'necessitare' (nel senso di 'rendere
necessario') e 'necessitazione' non rendono appieno 'to entoil' ed 'entailment'; in secondo luogo, 'necessitare' ha gi anche e soprattutto
un altro significato. 'Necessitare', infatti, significa non soltinto e non
tanto 'rendere necessario', ma anche e soprattutto 'avere necessit',
'abbisognare' (cfr., ad esempio, I'enuncisto 'L3universit. italiane necessita d'un intervento drastico'), e 'essere necessario' (cfr., ad esem-

La traduzione opera di Luca Cafiero (capitoli tv e v, con la revisione di Alberto Conte) e di Amedeo G. Conte (Prefazroni, indici, capitoli I , ti, 111, vr, vtr, vtir, rx, x, xt, XII). Ha curato la traduzione
AmedeoG. Conte.
Sono grato a Martha Kneale e William Calvert Kneale per le indicazioni biobibliografiche. ed a Maria-Elisabeth Contc per la vigile lettura
del manoscritto e delle bozze di stampa; sar grato a chi mi segnaler
gli eventuali errori.
AMEDEO G. CONTE
Torino, i963 - Pavia, 1971

Prefazionidi William Calvert Kneale


alle edizioni originali

Prefazione alla prima edizione inglese (1962)

Come indica il titolo originario, The Deueloplerii o/ Logic [Lo


rviluppo della logicul, questo libro espone lo svolgimento e la crescita della logica, e non cerca di passare in rassegna tutto ci che gli studiosi, buoni o cattivi, hanno detto su questa scienza. Per garantire la
continuit econferireunapmspettiva storica, mia moglieed io abbiamo
incluso alcuni riferimenti ad opere che di per s6 non avrebbero meritato
una menzione: ed occasionslmente ci siamo oermessi d'induleere ad une
curiositi nnriquntis 13 dove ci semhracse c h i il r : s ~ l t a nun
t ~ fos5c privo
d'inrere,,~anche per aliti M3 il nostro compito p r r ~ i p c o s:a:o quello
:li docunenrn:e le prime appiriz:<iiii di qiielle idee che ci semSr?no piii
~mporrnnrine!la Iup~cilr21ctns UP.<ilfatto prosrnmma si bira su piuh i di i'dlflre, e noi t i c o n < i ~ c i ~13
n oposslbil.tJ C& 18 noiirn stella dci
iiiirrr~sli,e. ar.cor pi6. i nostri conmcnti, tpcc:iinenre nofili iitiici
.api:oli, sembrino ecccntrici ad rlciin~1-ttoii. In nos:rn d.fca~Jire,n?
<o!oche noi ~ ~ ~ I J I seji.ito
I I O
11 pimo s:ggeriro:i 2 ~nobtri
i
iniercssi. e
che non avremmo saputo scrivere altrimenti.
L'idea di auestastoriadellaloeica mi vennenel 1 0 ~ 7auando
.
fui in.
\'l1310 3 LCICTC t ~ . ~ c c r <nClmh:idgc.
n,
in occ3rionr d:!ccni::iariodel
li
I>r> Thr .ll~:ht,>,,ot.v~/.40!;..li:r o/ Lopc di iuole. h i i r <liquel cor:o
sopra\,\,ivt nel CJPI:OIU
vi di <~u:.>Iu
11bc0IO\.'? rist3n)~scoda uLLiiidn,
L V I I ( 1 q q 8 ) ,con il conrrrsu Jrl Jirertore~.Se! decennio ~ u c c c ~ r i v
de.
o
:Ilrei a qucitii progLtio tU.13 11 Tempo Ilrci3iomi dnll'inscgnimcnto C da
altre attivit piii urgenti, e nel 1957 compii una prima stesura che coprivala maggior parte della materia, main maniera molto ineguale. Del
materiale cheora contenuto nelcapitolo ix,5 3 , una parte f u pubblicata, sottoil titolo The Province of Logic, nel volume Confemporury Briiiih Philusuphy, Third Series (George Allen and Unwin, 19561,dal
quale qui ristampata con il consenso degli editori, ma molto di ci che
avevo scritto mi sembrava insodisfacente. Com'cra da asperrsrsi, i precedenti capitoli. che avevo messo insieme rapidamente in stile impresS . ,

x~ii

Prcfazionc alla prima edizianc inglese (1962)

sionistico. erano quelli che pi6 postulavano una revisione, e ben presto
conclusi che essi andavano riscritti su oid amoia scala. A ouesto ounto.
lege. Sono moito grato per il loro generoso aiuto, che mi permise di
comoiere ouelli
che 013 sono i ca~itoliIV.. V.. VI. Ma. temo. mi sarei lo
,
ire%<->
pe-50 d'znimo re n:, rnopl:e ron .>,esse acmnrentito 3d inuriczrsi dell* p:rte 1tec3. ?ei:an?ule non solo un trimr.it.-c d'ciijncru ddl1'inseenammto.ka addirittura cran Darte del suo temoo libero oer due
anni e mezzo. Tranne la sezionc conclusivi, Il sistenia doico deglischemi d'inferenza,i primi tre capitoli sona opera di mia moglie. Inoltre, es.
sa mi ha validamente aiutato a trattare va11 temi dei capitoli successivi.

Prefazione alla terra edizione inglese ( 1 966)

" .

Siamo grati a John Lemmon, Brian F. McGuinness. Lorenzo MinioPaluello, Richard Walaer e Hao Wang, che hnnno letto porti del libro
e suggerito correzioni a revisioni. Arthur N. Prior, che ha letto tutto il
dattiloscritto, ha fatto moltissimi utili commenti, e noi gli siamo molto
riconoscenti per la generosit con cui ci ha permesso d'approfittaredella
sua ampia conoscenza della storia della logica. Pur avendo accettato gratamente la maggior parte dei consigli ricevuti, in alcuni casi abbiamo
tuttavia fatto di testa nostra, e nessuno dci nostri amici responsabile
d'eventuali superstiti errori.
\VlLLtAM CALVERT KNEALE
Aprite 1960.

I cambiamenti piu importanti fatti per la seconda e per la t e n a edizione (1964, 1966) sono nelle sezioni sopra Teofrasto e sopra Bolzano.
Ma abbiamo anche corretto numerosi piccoli errori e refusi (in particolare, due che forse hanno sconcertato alcuni lettori dell'ultimo capitolo)
e fatto alcune aggiunte alla bibliografia e ili'indice analitico. La scelta
delle citazioni stampate davanti al frontespizio vuole rivelare quali siano le nostre simpatie.
W. C. K.

Gennaio ,966.

Prefazione alla quarta edizione inglese (1968)

Prefuzione alla quinta edizione inglese (1972)

Desideriamo ringraziare tutti quei lettori che ci hanno aiutato nel


lavoro di correzione segnalandoci errori nelle precedenti edizioni.
Luglio 1968.

W.C. K.

Abbiamo qui corretto alcuni superstiti errori e refusi, riformulato


alcuni passi nella speranza d'ottenere maggior chiarezza, aggiunto almne indicazioni bibliogtafiche. Ma la maggior novitA 2 un'appendice nella quale traduciamo in inglese le citazioni latine del capitolo IV'. Molti
di questi miglioramenti, rosi come nelle edizioni precedenti, si devono
a suggerimenti di lettori, che ringraziamo per le loro gentili lettere.

Storia della logica

I.

Ilconcetto di validit

La logica tratta i principl dell'inferenza valida; ed 6 certo che gli


uomini abbiano fatto inferenze C criticato le inferenze altrui gi molto
prima del tempo #Aristotele. Non che ci&autorizzi a dire che-vi debba
essere stata un inizio della logica
gi orima del tempo d3Aristotele; in"
fatti, gli uomini possono eseguire correttamente molte attivit (ad esempio, parlar italiano) senza formularne esplicitamente le regole. Ma
da ci che troviamo in Platone. in Aristotele e in altri risulta chiaro che
i filosofi greci cominciarono a discutere i principl dell'inferenza valida
.ciA
, .prima che Aristotele scrivesse le opere che si sarebbero poi chiamate Organon. Proposito di questocapitolo & tracciare, nei limiti Li cui
le testimonianze lo consentano, lo sviluppo del pensiero logico prima
d'Aristotele. Questo non & facile se ci si basa sulle sole testimonianze,
ma possibile formulare congetiure ragionevoli sulle origini della riflessione logica e mostrare che, in una certa misura, queste congetture
sono suEragate dalle testimonianze.
Poich la logica non semplicemente ragionamento valido. ma la
riflessione intorno ai principl deUa validit, essa non potr non sorgere
che quando gi si disponga d'una buona quantit di inferenze, argomentarioni, ragionamenti. Non ogni tipo di discorso provoca un esame
logico. La narrativa o la letteratura, ad esempio, non offronoabbastanza
inferenze, argomcntazioni, ragionamenti. Ad originare la ricerca logica
i discorsa o di ricerca ove si cerca o si chiede la dimosono quei
. t i.~ di
c!r,:u.vr, l i p r o t , ~inixii.
,
dirrosrrare ~ n propsizio.ir.
i
c i?lcrirld
:. l~i:>ziir<.gli pri.n<.\C Lere. Lc cond~rioniCeLi dtnoiir.i,ii.~.c m i o
.Iiic. p:m~:c\\c ( O p ~ n u
J1 ~ 3 r i e n r n\) m e ,e r.ipon3rrcn.i L 11iri1 S 7 l l t
i.tc:le<ircqnnJuci si si2 priir~iiicr,iercr:co~ioicll'ir~dipendenznd~lI: due crindiziun:. iiia In loro di\iin,.tiric ~ r ~izrictian:en:c
3
chiara ~d
Aristotele quando egli distinse tra ragionamento apodittico e ragiona-

- -

mento dialettico nei Topico' e negli Analytica prioru'. Merita citare


per esteso quest'ultimo passo, poich esso illumina il contesto in cui la
distinzione fu primamente operata.

rncntrc la premessa dialettica la domanda, qualc di d~e'~roporirioni


knrndir
ioric sia vera Ma ci indifferente agli effetti della costruzione del sillogirma. Sia
chi dimostra, sia chi pone una domanda ragionano assumendo che quslchc predi.
raio appartiene, o non appuiriene. a qudcosa. Una premessa rillagirtica, dunque,
rempliccmcnrr I'afcrmazionc o Is negazione di qualche predicato rirpctto a qualche soggetto. come gi si disse; ma essa dimostrativa rc h vera e accettata poichf
dedotta dalle nssunzioni barilari. mentre una oremersa dialettica . oer chi interruga, la domanda, qualc di due proposirioni cantradittorie sia vera; per clii rrgio.
na, I'arsunrione di qualche pmporizione plausibile ogeneralmcnte sostenuta.'

La distinzione tra ragionamento dimostrativo e ragionamento dialettico qui introdotta riferendosi alle attiviti nelle quali, secondo Aristotele. assolve il oroorio officio la oosizione delle oremesse. La oremessa dimostrativa posta da un insegnante che vkne esponendL la
sua materia. la premessa di ci che Aristotele, in De rophiriicir e h chir. chiama raaionamento didattico.' La Dremessa dialetiica. invece.
la premessa adottaranella controversia tanto per discutere. Sotto il profilo logico, tuttavia, la distinzione rilevante che la premessa dimostrativa vera e necessaria, mentre la premessa dialettica pub non esserlo'. Nella dimosrrazione, noi partiamo da premesse vere ed arriviamo.
necessariamente, ad una conclusione vera. Nel ragionamento dialettico, invece. le premesse non sono note come vere, e non necessariamente la conclusione veri. Se attraverso la dialettica v' un accostamenro
alla verit, inevitabilmente esso pi6 indiretto.
Possiamo distinguere tre tipi di discorso in cui si cercano e si richiedono Drove. In mateniatica Dura. noi cerchiamo di orovare verit
i ;ri'r,
hsi..,tcc, in n i ~ ~ ~ i , ~ p; ir <,> ~ o i . ~ i ogcrct~lissirie
ni
intorno a113
rtru:tut i Ccl i:ion~!o,nei rigisnmienii d'ogni ~ i n r n 3 l i rycric,
r
ncII'~r.
gomentizione politica e ~ell'argomentazioneforense), pro~od2ionicontingenti. Di questi tre tipi di discorso, manifestamente solo uno: la inatematica, corrisponde alla descrizione aristotelica del ragionamento di-

. .

:- TA"o Dn,.? 1I~ ~ ,


' Delolh

r l~ai'i>ul.
I(24.22 24"ii).
(i6jb.I

drnrh.,

' h pori, 1. 1 9 1 8 ~ ~ x 8 1

mortrativo. ed soDrattutta alla matematica che Aristotele attinee e~ciiipiJi Jiri.urtrr/io.ic. P~icliCi. probabile che Ic prime ricerche logi
d i n o siate srimulati 2311~ri.l~>\i<>iic
,u i ilc ra,:tonnm; rito, c ~ n ; i .
dereremo per primo il ragionamento matematico.

ite

La dimostrazione in geometria
2.

La dimostrazione in geometria.

i oitaeorici
,
.. tiella oenisala ellenica. Secondo il Fedone olatonico. quando
,):mi S O C ~ ~nei
I C399
, a C,. ~ T c b vivti,ano:lci
c
pitqorici. r.3erino L<)n:ini che acc\.aru .:lil,irilonito >rari pcrte drll':n,cgnamcnt<~r r l ;oio
JcI
loii.latore. e. in pnrt:col3rc, la
tcvrin r!cll:t inr :ctr.asicosi,
oer concentrarsi oiuttosto sull'asoetto scientifico della tradizione
Analizziamo ora la consueta presentazione della geometria elementire quale scienza deduttiva. In primo luogo. certe proposizioni della
scicnia devono assumersi a vere senza dirnostrazioneLin secondo luoao,
tutte le altre proposizioni della scienza devono derivarsi da queste; in
terzo ed ultimo luogo, la derivazione deve farsi senza affidarsi ad altre
asserzioni geometri;lie che quelle assunte a primitive: essa deve essere
iorntale, o indipendente dalla materia specificodella geometria. Per noi.
il requisito piu importante il terzo: elaborare un sirtems logico involge che si consideri la relazione di conseguenza logica [Iogicul consequence1 o imolicanzs leniailmrnt. Nella oresente traduzione. il sostantivo
'eitoilrn;iit' reso con 'implicanza';;l verbo onde 'enioilmeni' deriva,
'to enluil', reso non con 'implicare', verbo che nid rende l'inglese 'io
i m ~ l v ' ma
. con 'comoortare'l:- Storicamente, la ieometria f u il primo
~ o ; ~
di oconoscenze 3J cs-rrc PIL.,CI:I,IIO
~ n ~ u e nindo,e,
sk
dri &ci in
poi. nelln gcomciria si 2 sempre ri\,i,is~toi: p3r~iigmad ' o ~ n~osr-u7ir,.
~
nc ai,rcn.at,ca dcd.itrii,a. DI cui, ad esempio. 11 titolo <Icll'o:>era<':Spidernonri;uia. Sarebbe turbvia errato
noza: Etbica more
supporre che tutto ci fossechiaro a Pitagora ed ai suoi seguaci piu vicini. Al contrario, dobbiamo supporre che, per i primi geometri greci,
fosse ammissibile aualriari orocedimento che li aiutasse a 'vedere' laverit d'un teorema. i>robabiimente, essi usavano metodi come quclli d'alcuni insegnanti moderni che trovano troppo accademica I'opera di Euclide; maavevano una scusa: essi stavano ancora cercando la luce, e
non era che occcassero contro essa. Consideriamo. ad esemoio. il teorema concernente il quadrato costruito sull'ipoten&a d'un t;iangolo rettangola, teorema solitamente attribuito a Pitagora e che prrsumibilmente era ben noto nella sua scuola. La dimostrazione che troviamo in
Euclide piuttosto complicata, poich richiede un certo numero di
lsmmi, o teoremi preliminari. Questi altri teoremi possono essere stati
noti ai primi pitagorici, ma diflicilmente si pu supporre che questi abbiano scoperta le cose nell'ordine in m i le presenta Euclide, e sembra
probabile che la prima 'dimostrazione' del teorema di Pitagora consi.
stesse nel costruire una figura daUa qualc potesse 'leggersi' il teorema.
L

Pareche il concetto didimostrazione abbia mimamente attratto l'at.


:cnz:on: in r;?porto aila peoncrrta. brn noro c i ? fi11 rp,~,in w v a n r i
rcu7:rtJ cinp:ri:rmcrte a l s y e veriti ~eomeiriche(ad eienipio. ' 2 !o:
i i :ala p ~ ~ri > ! ~ t l li: ~Y
r c< I ! ~J '~L c~ pirlmidc
I
t r o x l ' , cd t: n c n e 'geo
n:r:.:a', ;I:c in v::;ine d v : . \ ~ !l 51;111G.r>lc> da 'II::~UTJI:UIIC tI:!li
LCTTI',
nUitr3 C-ne queiio S : L ~ I Oera c~nsiJeraioquand7 fu intriiJotto in
Grccir. LI ,:r~ri<lcuycri dei prr.6 f u 11 rortiturione 3 ~ U D S I Ostud!ocm;iiti~ud'u~:d + L ~ C : I L I u c r i ~ r<i l i t r u > ~ r l c i,l!cunc.
v~
narr~ziunic,crivunu
aTrlcte ,'6.4.>.146 i. C.: il rnr-lto ~ 1 ' 3 ~imor:roro
.~r
il prtin:, :eorcmi in
geometria,' ma lo studio sistematico di questa scienza sembra sia iniziato nella scuola pitagorica.
Si dice che Pitagora sia nato a Samo nella prima met del vi secolo
a. C. e sia emigrato a Crotone, in Magna Grecia, ove fond un ordine
ascetico ed insegn la dottrina della metempricori. Troviamo qui I'origine della nozione di filosofia come modo di vita. E invcro possibile che
la parola 'filosofia', il cui timo amore della sapienza, sia stata coniata
alla scuola pitagorica per indicare il modo di vita che il maestro aveva
mostrato quando chiam se stesso m~X6aamoc.
.
. . Troviamo aui anche I'iniZIO dell'.iiellett~~i!~<i~i~
10cv.1 (!~lldd3t.cina prr l i q.i.ile In ~>r.n:ipa:e
facolti d4:'uon:o I':ntcl!cttr>, r n-r la q.is!e k vvriti d,r possono apprendersi ~ r n n dsclo
~ I'intel!etto'snr.o. in un c::to senso, p i i nubili c
piu !uiicl,mcnt;li J i elle ~pp:c,c c m I'os~cti~az.om)1'~trcmurrni.
rraricarci dei mali d'i.nn m<,r.C\ir.~<I prrqrr ~ r r ~ u lda
t i q11C113 do.trica.
ma dobbiamo riconoscere che questa dottrina acquist influenza perch
la scoperta della conoscenza a priori provoca naturalmente l'ammirazione degli uomini intelligenti. Per un certo tempo. I'ordine pitagorico fu
dominante a Crotone, ma presto vi fu una reazione, e Pitagora and a
vivere a Metaponto, ove mori alla fine del vi o al principio del v secolo

a . C. S' congetturato che la caduta di quest'ordine quale forza politica


si sia compiuta versa il q j o a. C,, e che sia stato questo crollo a portare

IO

Ladimorirazionein geometria

Gli iniri

Gli editori moderni di Euclide hanno suggerito tale figura; anzi, una
coppia di figure:"

Nella prima figura, quattro triangoli rettangoli eguali sono disposti in


modo che le loro ipotenuse circoscrivano un'area; nella seconda figura,
quattro triangoli delle stesse dimensioni sono disposti in modo da formare due rettangoli con i lati O Q e P Q perpendicolari. Appare allora
manifesto che l'area EFGH nelia prima figura il quadrato costruito
sull'ipotenusn ed eguale alla somma deUe aree PQOL e MJNQ della
seconda figura, che sono i quadrati costruiti sugli altri due lati d'uno
dei triangoli rettangoli. Ma, per una dimostrazione rigorosa, sarebbe
necessario mostrare che le tre aree ora menzionate sono davvero dei
quadrati. Al orincioio del III secolo a. C,.. auando scriveva Euclide. I'i~lealcde!ln~iimo~rrininr.cetailiveriiirorl~iiro
,i ge<in>err:iec,ui.o ~ i u t
l e ~ g e i cg'i C/e~r<>:/l
ci Ecclide senzr reridersi contn ciii inrecro d'E"clide era mettere al orincioio tutte le sue assunzioni aeometriche soec i ~ l F.
i cusiruiie c3::nc dim~sira.l\.eovc i teoremi regulsr:to dagli 3s
~ionil?e: nece.5i.i ;>ii1.,iii:iiic io~iii.~lcE vtru chc. ricll~diniu,traziu.
ce drlld .n::ni3 .vroposizione
Jcl st.0 iirimo 11b-i,.I'JCIIJC.isiui!sr CI e
.
due cerchi eguali, dei quali ognuno ha il centra culla circonferenza dell'altro. devono intersecarsi in due punti, quantunque egli non avesse
posto u n postulato esplicito onde ci segua; ma sembra chiaro che, se
qualcuno gli avesse fatta notare questo difetto, Euclide avrebbe cercato d'eliminarlo ponendo un nuovo postulato.
Purtroppo, non abbiamo alcuna opera completa di geometria anteriore agli Elementi di Euclide, e non possiamo tracciare particolareggiatamenre il processo con il quale i greci presero coscienza dei requisiti
della dimostrazione; ma sappiamo che "'erano libri di elementi, cio
trattati deduttivi. ~ r i m di
a auello di Euclide. Frammenti di antiche orove sono co:i\cr\ i i i i i i l i Lilurc .li Pl.~ii>nc
c i\risro.cl:.'e, rcl cunimcn.
i i r , < i di I'ruclo nd Euc:ie. si iroi.3 miizride ~ 1 Und
3 SI0116 ?e113 jeomeirin i11 ri.iI .liio. cJi,.~pul<tdii\rijtoicle B duiiqric 1:citodire che I'id.3-

rr

le del sistema deduttivo fosse gi noto nella S N O ~pitagorica


~
e nell'Accademin platonica, che della scuola pitagorica continu dcune tradizioni. Ma probabilmente c'era non poca confusione in chi leggeva i primi
libri di elementi. A quanto dice Aristotele, alcuni affermavano I'impossibilitdella dimostrazione; altri, la possibilitchels dimostrazione fossecircolare.'Per comprendere il
talistrane ideedobbiamo renderci conto che i primi libri di elementi probabilmente differivano nella
scelta degli assiomi, poich vi possono essere molti modi di presentare
le proposizioni geometriche in un sistema deduttivo. Se era cosi, le proposizioni che i n un sistema erano derivate potevano essere primitive in
un altro, ed il progetto della dimostrazione poteva facilmente divenir
sospetta ai profani.
Ora, se questo fu il contesto d'origine di quella riflessione che chiamiamo riflessione logica, quali saranno le parti della logica (come noi
13 conasciamol che si saranno ooste in rilievo nelle esposizioni pifi antiihe? I r coi? nii pioliihilme~iesi s3ri FlCS:3t0 S ~ C ~ J I ntten;lone
C
sono quairro: le proyc<i,:oni geccr~li;Ir oropu,i, o l i uni versa:^ necessn-iamente vero; Ic dcfiripiuni: 1.4 iuijunzione d: \,cr:eri specirichc so.ru
regolegenerali In p r i n o l u c p , lep-op;iiiorii genernli,oss:i le p:opo<iri?ni in:orno 3 X Z S ~ , di cose. (Infatti. in jirolnrrria noi non C: o : ~
pinmo i i in=ii.idui T ~ l i u l t pr>a,i:iiiio
r
!ia:lare di 'In retta hB' come JC
ci riferissimo nd ur.3 rctil p~rticulnre.mn I geometri com?renCuno d i r
questo t scilu un modo di p3r!mr C I ~ttticle rette che sodisllco ciil rpr12 rond:nonc: qiie!la, 3d ercmpiu, d'cssere ipu.citu,a in iin iriangolo
retraneola.l
universali (ossia tra le
n
. I n secondo luoeo.. &a le orooosizini
,
proposirioni g-nera11 inturnu ,ir>r/loun gcncrc), le proposizioni unii,cr.
sali che sunu ncrc.,?r. iiiieiitc.vere. (lnfiri~.cu~ndofncciamo
dc:Ii 620metria al modo dei greci, dobbiamo distinguere tra proposizioni universali che non possono non essere vere pcr la natura stessa di ci che concernono e proposizioni universali che sono vere solo di fatto [ad esempio, che ogni libra dell'lliode contiene meno di mille righe], e noi supponianio che le proposizioni universali della geometria siano tutte del
primo genere. Naturalmente non probabile che i greci fossero in grado di formulare chiaramente la distinzione non appena cominciarono a
fare della eeometria: come vedremo. solo a fatica Aristotele pervenne
3q u ~ t n
pkiiiunc. h1.i i i i i\riiito \!curo g ~ i . l i greci a ptest irs rl~rii'Ilc.
.iirerzicre alle prupdbir dni chc w1,o iic:?<%dri.,mci::e vere i In rcrzo
luuro, tra le pro;>osi?ioni rinivcr,rli :li<. 'ano nccesr~riarn:nte vrn., 12

.,

La dinlerricaed il ragionamentometafisico
metafisica, Zenone di Elea faceva dell'a~~omento
chiamato reductio od
imporribile. Nel Pormenide platonico, Zenone afferma d'avere scritto
un libro ave difende il monismo di Parmenide esplicitando le conseguenze assurde implicite n d a supposizione chevi sia pluralit." E forse
a questoche si riferiva Aristotele quando disse, come attestana sia Diogene Laenio." sia Sesto Empirico,"che Zenone fu l'inventore della dialcttica.
Ad ogni modo, ci che Aristotele attrihui a Zenone fu presumibilmente la scoperta dell'uso della reductio ad imporribile in metafisica.
ed possibile che a Zenone la abbia suggerita l'uso che di essa faceva
la matematica pitagorica. Infatti, sembra che i pitagorici abbiano scoperto I'incommensurabilit della diagonale con il lato d'un quadrato
(nella terminologia moderna, I'itrazionalit di d z ) , e la prova di questa
proposizione, conservata come interpolazione nel nostro tcsto di Euclidc, ha la forma d'una riduzione all'impossibile (tinaywyil &l<~b dSijva~ovI."Quandoha occasione di menzionare tale ragionamento, Aristotele cita questo teoremacome seesso ne fossel'esempio tipico."Nella pro^
va, prima si suppone in via d'ipotesi che d 2 sia razionale (cio, che vi
siino due numeri intieri, poniamo ,n ed n, i quali siano reciprocamente
primi e tali che n : / i l - d 2 o m'- zn'). Ne segue che m' dev'essere pari e
che pari dev'essere anche m, poich il quadrato d'un numero non pu
avere un fattore primo chenon sia un fettoreanchedel numero, del qualeesso il quadrato. Ma, sempari, n dev'errere dispari, secondola nostra supposizione iniziale che m ed n siano reciprocamente primi. Assumendo che m 2 k , possiamo inferire che rn*- qk' n n'- zk'; onde si
pu mosrrare, ripetendo il rsgionsrnento usato sopra, che n dev'essere
pari. La nostra ipotesi, dunque, comporta conseguenze incompatibili, e,
quindi, deve essere falsa.
Una volta che Zenone la ebbecostituita in metodo di ragionamento
fuosofico, la dialettica ebbe una lunga storia. Tra i cosiddetti snctatici
minori la pratic Euclide di Megara. Evidcntemente egli era vicino a
Socrate, perch Platone ed altri amici ateniesi andarono a stare con lui
a Megara subito dopo la morte di Socrate. Ma si dice che egli fu seguace
anche di Parmenide e di Zenone. 1membri della sua scuola furono chiamati dialettici, e leggiamo che Euclide stesso 'attacc dclle dimostrazioni non per le premesse, ma per le conclusioni', il che presumibilmente

11

signiiica che egli tent di confutare i suoi avversari traendo dalle loro
conclusioni conseguenze assurde. Manifestamente, Euclide di Megara
trovava tutto ci coerente con la sua ammirazione per Socrate; infatti.
egli cerc anche d'identificare il Bene socratico con l'Uno parmenideo."
Ma ci non stupisce: Socritestessoavevaadottatoaipropri finiil metod o di Zenone. E difficile arrivare a qualcosa di certo sulla dottrina del
Socrate storico, ma quei passi platonici che, per la loro drammaticit.
sembrano la testimonianza piG attendibile al riguardo, fanno pensare
che Socrare non fosse meramente un amatore della conversazione filosofica, ma un uomo che praticav. una ben d e h i t a tecnica di confutazion~
delle ~:
iootesi: mostrare che esse comportavano conseguenze incompatibx
i o inaccettabili.
Sembra, allora, che il primo significato preciso della parola 'dialettica' sia stato reductio ad imporsibile in metafisica. Ma si noti che I'eienrhur socratico differiscedallozenoniano in questo: nonv' bisogno che
leconscguenze trattedalle ipotesi siano autocontradittorie; in certi casi.
esse oossono anche essere semplicemente false. Cosi, nel Menone, Sor n t < a r p o r r c n t ~che, sr la \,ircu potc5,e insegnarsi, i buoti 13 inscptc-ejberu ni Ioru figl~.mentre r i s ~ y u t oche Pericle. Tcmistoclc r.J Ari.
\iidc non riuscirono .i rcrJerc virtuosi i propri figli.' Qui IA [est fi1080.
fica 'La virth si pu in~e~nare'hmnfutaradeducendo
daessauna conseguenza empirica della quale nota la falsit. Non chiaro se Platone
fosse consapevale di questa distinzione. I n un passo del Fedone ove
egli discute il metodo ipotetico Platone sembra suggerire che ogni confutazione delle ipotesi debba procedere per deduzione di conseguenze
autocontradittorie;" ma non tutti j ragionamenti che si trovano nei dialoghi presentano esattamente questa struttura. Farse si potr usare il
nome rediicrio od obsurdrrm per quei casi che non sono di reducfio ad
impossibile in senso stretta.
Nella Repirbblico,Platone sembra aver inteso per 'dialettica' qualpreciso: un metodo di ragionamento ove interviene la concosa di
futazione ma che alla fine porta a risultati positivi altamente generali.
Questo difficile a comprendersi, e I'interpretszione dei passi rilevanti
molto dubbia." Forse Platone stesso aveva idee confuse, si che impossibile descrivere sodisfacentcmente checosa egli intendesse pet'dialettica' in questo contesto. Ma egli elimina comunque questa nozione

Gli inizi

16

Ladialcrtica ed il ragionamento mctalrico

nelle sue opere posteriori e trasferisce il nome 'dialettica' al metodo di


divisione c riunione (gcaiprmg xai mvaywy;l) discusso nel Fcdro e nel
Filebo ed illustrato nel Sofirta e nel Politico." I l processo di riunione
non spiegato chiaramente e rimane oscuro, ma la divisione evidentemente il processo del cercare le definizioni per dicotomia di nozioni cominciando dalla piG generale. Nel Sofixtn, Socrate spiega ci definendo
il pescatore come un tecnico che pratica un'arte di sorta acquisitiva con
la forza mediante la caccia di cose viventi che nuotano nell'acqua prendendole di giaino con un amo. Qui, la successione delle determinazioni
ottenuta per selezione della prima alternativa ad ogni stadio nella seguente divisione:

k ~ n i c o ~ ' ; " " ~ tc<;rn


~

rcr~iiiriiiun
con I r I<)rir

pdunm

arrliiisiiiru ciin la <camliin

<:?<ti,,to,~

C"III/.~>I,C.IC

con t;i<lc",i

co;a,",

Questa metodo, che a noi pare banale e discutibile, ha una sua importerza nella storia dclla logica. 11 poeta comico Epicrate attesta che ncll'Accademia esso eta praticato per esercizio sino al punto da decadcrc a
gioco," ed indubbiamente la considerazione di esso influi su Aristotele
nella sua inveniionc del sillogismo."
A tutti gli usi che Platone fa del termine 'dialcttica' sembra essere
comune solo questo: 'dialctticii' significa u n metodo cooperativo di ri-

"': Fc,dio
i66n. Ftlrlio. i 6 c ir : Soiilld
kPICIITL, i l i m m < n l ~ in
l' <:(C

,,,l,", ", 8,

i1

riRn rs Poiri<ro, 118.

C U ~ ! ~ ~ ~#lll<Orlia
; " ,
IraBmlniil,

S.

id.

PNX,

11, p 287.

r7

ccrca Lilosofica,ave interviene la ricerca di definizioni, ed approvato da


Platone nel tempo in m i egli scriveva." Nel periodo intermedio. esso
il metodo ipotetico di confutaione con qualche misteriosa aggiunta positiva, mentre, nel periodo tardo, il metodo di divisione e riunione.
Ad Aristotele rimaneva da generalizzare ed indebolire il senso della
p r o l a 'dialettica'. Per lui, come abbiamo visto, 'dialettica' il nome
clclla scienza del ragionamento che parte da premesse non~evidenti.E
facile vedere come l'applicazione di questo termine potesse ultcriormente estendersi sino a coprire lo studio del ragionamento valido in
<enerale.
I l cantributa di Platone alla logica formale non circoscritto al tent ~ t i v ad'elaborare un metodo dialettica. Noi troviamo che, di tanto in
tmto, nel corso dei dialoghi egli enuncia principi logici. Ed naturale,
poich i suoi dialoghi consistono quasi interamente di ragionamenti su
questioni filosofiche e spesso conviene rinforzare psicologicamente un
r.,gionamenro aggiungendo una formulazionc esplicita del principio di
esso. Una persona che dubita del ragionamento pu nondimeno ricono.
scerne valido il principio e venire coii indotta ad ammettere la validiti
dcl ragionamento. Continuando cosi, finiremo con l'enunciare un principio logico. Consideriamo, ad esempio, il seguente dialogo:
A. Platone era un filosofo, pertanto era vago.
D. Non vedo perch.
A. Tutti i filosofi sona vaghi.
Nella sua seconda affermazione,A ha introdotto il principio del proprio
ragionamento originario. Ma esso non un principio di logica: esso
un asserto empirico. I1 ragionamento di A si svolgeora cosi: 'Tutti i filosofi sono vaghi, c Platone era un filosofo; dunque, Platone era vago.'
Se B si rifiuta ancora di ammettere questo ragionamento, il che in questo caso iiiiprobabile, A pu rinforzarlo adducendo il principiodSeogni
M G e P un Evl, allora P G'; e questo un principio di logica, un
principio formale h m i vcriti non dipende da alcuno speciale interpretazione data a 'W, 'G', 'P'.
Cosi Platone enuncia incidentalmente un certo numero di principi
logici. Un esempio famoso la sua formulazione del Principio di NonContradizionc, nella Repcrbblira, nel corso del ragionamento inteso a
provare che l'anima ha parti indipendenti." tuttavia interessante che
non rutti i principi generali citati daplatonesono validi. Cosi, nel primo

18

Gli i k l

libro della Repubblico egli adduce il principio che 'Un uomo ha Ia natura di coloro m i assomiglia'," e l'uso che egli ne fa mostra che quel ~ r i n cipio inteso nelsensoche, seunuomoassomiglia sotto qualcheaspetto
ai membri di qualche classe, egli deve assomigliare loro sotto tutti gli
aspetti, il che5 affatto falno. Non possiamo direcon certezza se Platone,
quando adduceva principi invalidi, fosse conscio di ci. Poich usa la
forma dialogica, egli non fa suoi gli asserti dei suoi personaggi, e pu
darsi che egli, pur facendone ragionare uno in maniera non valida, fosse
hsn consapevole dell'invalidit. D'altrn parte, la spiegazione dei suoi
ragionamenti erronei potrebbe essere semplicemente il fatto che cose,
oggi del tutto ovvie, non erano affatto ovvie quando furono primamente pensate. Ad esempio, pare che l'ambiguit del verbo 'essere' nbbia
messo in serie difficolt Platone ed i suoi contemporanei," quantunque
a noi oggi queste dificolt paiano puerili. E cosa che impossibile decidere."
Quantunque, nel corso del suo ragionamento, abbia indubbiamente
scoperto alcuni principi validi della logica, Platone non pu chiamarsi
un logico. Egli, infatti, enuncia i propri principi frammentariamente,
via via che gli servono, e non tenta di connetterli I'uno all'altro o di commetterli in un sistema, cosi come Aristotele avrebbe invece connesso e
commesso le varie figure ed i vari modi del sillogismo. N improbabile che Platone avrebbe addirittura disapprovato ricerche logiche che
fossero solo fine a se stessc.

;&<D.
ncp.'479s, S.i'>#. 243". 2,PEII.
:' Cfr R IOINSOV. Ploloi C Y ~ X C ~ ~ ~ ~ ~ ~ .hlind..
~ C I I ~nI ,F. L~I ~(T~,~),
~ # C S ,P7-ri4.

4.
Eristica e sofistica.

La connesrione del pensiero logico pifi antico con le argomentazioni


~ ) ~ faforensi e con ci che Aristotele chiama 'incontri' ( i v z r i j < r ~non
cile a determinarsi, ed P possibile che le nostre testimonianze siano in
qualche misura distone. Come dircmo nelle pagine che seguono, gi
prima d'Aristotele v' stato un pensiero logico, che aveva origine nella
critica dcll'ordinaria discussione sui fatti, e ci contribui al sorgere d'una tradizione indipendente da Aristotele: quella dei megarici e degli
stoici.
I primi passi verso il pensiero logico si fanno quando gli uomini
cercano di generalizzare intorno a ragionamenti validi e di estrarre, da
qualche particolare ragionamento valido, una forma o un principio cciniune a tutta una classe di ragionamenti validi. E naturale concepire
questa forma come espressa correttamente in una configurazione verbale che si pu discernere nel ragionamento. Aristotele, ad esempio,
riunisce Ntta unaclasse di ragionamenti validi sotto il principio'se nes.
sun B A, allora nessun A D'." Ma questo modo tanto naturale di
pensare pu per essere forviante. poich possibile trovare due ragio.
nimenti, in npparenza di forma verbale perfettamente simile, dei quali
I'uno valido; l'altro, invalido. Consideriamo, ad esempio, questi due
ragionamenti:
I . Questo un libro; questo azzurro; dunque, qucsto i. un libro
azzurro.
2. Quel c8ne padre; quel cnne suo; dunque, quel cane suo
padre.
valido, ma il secondo ( u n
Il primo ragionamento appare
adattamento dall'Eutidemo platonico) erroneo, poich, se applicato ad un cane particolare e ad un uomo particolare, le sue premesse
T

]YI'Lo. 1 1 1 1 0 1 ~ 2 1 1

A,, D,, I.,

<2,''31

lo

Gli inizi

possono benissimo essere vere mentre la conclusione manifestamente


falsa.
I ragionamenti chc siano simili al secondo neli'essere erronei e nell'avere tuttavia una forviante somiglianza con i ragionamenti validi, sono chiamati da Aristotele sofirmi," in allusione all'esistcnza di uomini.
chiamati sofisti, che si guadagnavano da vivere invenrnndo tali tagiondmenti ed esibendoli in pubblico." Questo sembra inattendibile, eppure
trava piena conferma in Platone. Infatti, nel dialogo chiamato Eufidenio, egli presenta due sofisti, Eutidemo e Dionisodoro, che fanno una
s ~ c c i d'esibizione
c
pubblicitaria ove provano. mediante sofismi, propo. .
sizioni paradossali: ad esempio, che nessuno pu dire una menzogna
(284c), che Socrate conosce ogni cosa (193~).che il padre di Ctesippo
un cane ( 2 9 8 ~ ) .
A prescindere dall'Eutidemo, la miglior testimonianza sui sofismi e
su1 loro uso l'aristotelico De rophistictr rlenchir, un'appendice ai Topica, che
si ritiene u n i delle primeoperc Iogiched'Aristotele. Nei Topica egli d principalmente regole per disputare con ragionamcnri validi; in De sophisticii eienchix, invece, regole per svelare e
scoprire ragionamenti iiivalidi. Quest'ultima opera assomiglia aU'Eutidemo [onde. in effetti. votrcbbe essere stato tratto un decimo dei suoi
c,ciiipi i .n qi:r\tu. IJ migcwr p ~ r t dc q l i e,rriipl scro non solo errocci,
m i ? n ; l i c C ' a t ~ m r n t oli3ti31ecil ini [:i 3:1 icpdnna:esii pcrepcr un mu.
mento un bambino intellinente. Non mancano, tuttavia, esempi seri,
tratti dalla matematica c ddla metafisica."
rc
L'I':.,~!,,I~,>
C D2 roril u:,r>< .'r,ici.i icstinioniaro c h i ~ r ~ r r e nche
li pro<c.li.r.i (!L.IIJ d i q x ; t ~pohJlicd ~econdor e ~ o l eFC'SIC c13 ben iclcrminata. In eenere. alia disouta ~ a r t e c i ~ n nsoio
o du oersone: una. che
p.rn<i!ari ii.~Ic;I ' ~ ' i r i , ~ lriyion<lc.
ir
.iclii r1spondeto:c35ostcnerc c n l
tesi. 3 chi p o x .locluncle I O : C ~ :o\e<:irre 11 tesi JICCTIIU
~mmcttccca
.li r : , ~ ~ n d:l-r.
c
[',i , C , ~ L I I J CUI.~CEU'IIIC t ~ l , : .i ~a . i n ~ r a ! ~ $13 per
'li: ,>CI:- d ~ tiiiC:.
i ~ ,i., ~ c ;5i
r riipordc, hri,iutclc d i r<i:ole c J inkci, i . in, iie:l'iilii.iio Ill>:o ,I-.
i'o;zza cd in DI.
ro,dtr'tns <,:<>ir/~>r
Cibchr
non tanto chiaro che cosa si proponessero queste dispute, o perch
mai della sente sia stata pasata oer istruire degli altri nell'arte della
disputa. Platone testimonia che questo metodoeta usato a due fini: per
la ricerca filosofici c pcr mcro divertimento. I dialoghi platonici sono

. .

L.

essi stessi e s e m ~dell'uso


l
di Questo metodo neUa ricerca hlosofica. ed
:ir.:crc,vinrc usscn.arc che spesso i: n~ion:ner.ro condo!to secondo
' t \trittiira s . > g j . u c .da Ariitoti!e NcUa K ~ ? z < b b ! i rtutt3vi3,
~,
I'laronc
ammonisce che nessuno ( e tantomeno i gio;ani) deve usare il metodo
dclla disputa per mero divertimento." Dalla sua descrizione appare che
rpli ateniesi la forra del ragionamento dava facilmente alla testa.
Aristotele, nei Topico, dice che quanto egli insegna utile a questi
due fini (se possiamo identificare i suoi 'incontri' con il 'divertimento'
di Platone)." Ma pu anche darsi che coloro che insegnavano i'arte della disputa avessero in mente altti fini. In ptimo luogo, possibile che
essi abbiano considerato l'uso del raeionamento a fini oratici. Un DO'
confutare un op~ositoreche abbia addotto un'areomen~azione sottil:>er.te fdllacc. fi i.cr rolifi>ridr:t uca gi.~ria?Or13 Li fronte ad un'arconcr.:szior.c \.alida Si potre!>l:e<Iircrcsi:'Vui potrr,tc d!irctiaritu bcnt
dire...' Supponiamoche un avvocato ar~omenticosi:'Vi sonoorove che
i~iriiniiuihcil mio cliente persona Gnercsa E ben no:" che c ~ li il
i icino di c m Jell'a:cre. E mai ?raba5ile che .,n vicino ger.:roro
facc . c~ ~
che il mio cliente r acciwto <Il '.~ie'' I! r2:ioiiiiiicii:u ,ul c3lic
potrebbe usarsi per gettare dubbio su ci. I l tra&zionale racconto di
Protagora ed Evatlo" mostra che ai greci non pareva assurda l'idea di
porre alle giurie problemi logici.
Mentre affattoprobabile che i sofismi pi6 antichi siano stati inven.
tati in siffatti contesti pratici" e che sia stata la possibilit di tale applicazione pratica, insieme con la sua capacit di divertire. a rendere cosi
popolare l'arte dei sofisti. anche oossibile (cosa ben oi6 interessante
- .kistri h n i l c h e a l ~ n i dcolorocl;~
i
inicjin~v~rior;uc,i'ar[e
tentassero
wri incntc di scoprire principi di logi:a L. di di<ii?:iierl: d 111.- foriiiulr
.r.rl>al~Un conicsio ovc n>kun?mo erfmpi ridicsli coinc qi.r.l:i del.
I'Lc<rtir.rnoi. i w corso 21 Icpica pcr prin:i?innti Snrcbbe facili~rimo
! r a n t e ~ d c r c ~dl+uta
x
f ~ t t a lini di r~ir.-CI
Icpica cd interp:ctsrla co.
me una disputa fatta per mero divertimento, specie se si concentrasse
l'attenzione sugli esempi ridicoli. B ci che forse fece Platone quando
scrisse I'Eucidemo; pu darsi che egli abbia falsamente rappresentato
una ricerca logica come un esercizio verbale fatto per divertire gli spet-

Gli inizi

21

i\.<L: tml>o~s~h:l:C',? tale trivisarnc>to fu,\c d~lihcrato.pni:li:


prribib::m:nrc I'l.!i<\l.c 5 irylibc b r n i ~avi.< ,,o 3 un; ricerca logira rnc. A
.L btr.s.l. i~iiii
iiit:,a
.il '!il.<:i<ir: fine C!. stnbilire la i.erit rr.or.11~u 11ii.torisici."'~an che eqli fosse avverso ad ogni ricerca logica come tale,
ed nU'uso d'esempi 'banali (lo vedinmo dalla sua teoria del processo di
divisione nel Soiirrn e nel Politico); ma. mentre i suoi dialoghi mntengvno iqu:i<,in iicri.,li Iii:,r.i, ? c c < ino .!:esii, yc:contenu.o, pLirJrrl..lce Irpiin C <irniRcxiioC!,: relln i r i d ~ r l m peri?i:ci!c~.
c
chc ;ic- '11113
13 <1:3 stor33reca trncce delli jua origine pl itiinici, l? locir. non iia nini
divenutn una parte della Glosofia, una materia autonoma, ma sis sempre stata trattata rame una capacit (BGvorp~glche poteva acquisirsi O
come un'arte ( T I x Y da
~ ) imparare.''
Contro l'idea che ricerche logiche di questo tipo fossero gi state
svolte al tempodi Platone o prima, si pu citare la testimonianza di Aristotele. Alla fine di De rophisticir elenchi^, Aristotele afferma che egli
sta dissodando un terreno affatto vergine. Contrapponendo il proprio
studio a quello della retorica, egli dice: 'Di qucsta ricerca non soltanto
non si pu direche in parte fosse gi stata compiutamente elaborata prima, e in parte no; di essa si deve addirittura direche prima non v'era assolutamentc nulla.'" Forse egli intende solo dire che non v'era alcun
trattato sistematico sul ragionamento; ma se vuole dire anche che nessuno aveva tentato di dare dei principl in quanto distinti dagli esempl.
egli contradetto dalle stesse sue parole. Infatti, in quella stessa opera,
egli dice che non v' vera distinzione, quale invece v' secondo altti, tra
ragionamenti diretti contro le espressioni e ragionamenti diretti contro
il pensiero," e inoltre dice che assurdo discutere la confutazione (Eh~y~ o < senza
)
discutere il ragionamento (uvhhoy~ulr6g),Yil che implica che
altri abbia invece fatto cosi.
Sembra dunque probabile che qualche discussione logica, suggerita
dalle difficolt insorgenti nel linguaggio comune, abbia avuto luogo gi
prima che Aristotele scrivesse. naturale supporre cheil centro di essa
fosse 1. scuola mgarica, il cui fondatore fu Euclide, discepolo di Socra-

e plh 3r.zi330 ~o~.tempOrPneo


i!' 'i.>tune. i\i megarici rin unirers~l.
c ii:siriosrii I A I'.<h~:itnel!l conrruverria icrh:lr C , .i,:oii.lo Dir.
Laer~io."e..) f i roi u i i 1:mpo c>j3m=ti 'crlstici' 'Eri,riri>' P il

1 ir:itt

" Cfr il suo

iacg#iarncnx~>
vcrm Ir miirmrrin nella Rrpribblira. oir qunir rrirn:n C trnmme unn pmpr<lriiiirr
alla mr~aUrir8.
Lo ncssa un io L rilcism molio chii.

irir,
rsrcnrnlmrnic,

i.ici.

. i

&mine spregiarivo con m i Platone-ed Aristotele qualificavano il ragioinsmeiito che ritenessero frivolo. Ma noi sappiamo che i megarici della
ecnerazione dopo Aristotele, Diodoro Crono e Filone, mostrarono una
genuina comprensione dei problemi logici, ed difficile vedere come
cssi possano essere andati cosi avanti senza previa preparazione.
dunque probabileche i primi megarici abbiano preso patte a, esiano stati stimolati alla ricerca logica da, dispute quali noi troviamo ratirsgiate nell'Eirridemo platonico. Su di loro deve aver anche influito la
riflessione sul ragionamento metafisica, poich provata laconnessione
tra i primi megarici e gli elcati. Comegi si disse, sembra che Euclide si
aia dedicato alle opere di Parmenide ed abbia criticato dei ragionamenti
.tttaccandone piuttosto le conclusioni clie le premesse:' il che fa pensarc che egli fosse appassionato dello zenoniano metodo diredac~iocdobrnrdrim. Una combinazioncdei due influssi sembro abbia operato su Euhulide, il successore di Euclidc, quando egli invent il paradosso del
mentitore e parecchi altri ben noti sofismi clie, come vedremo, prcscntana notevole interesse loeico.
del mentitorc una delle molte. Ouella
.
.nyi.ric. connesse con le norioni <li v ~ i i t . <
:frlriti Er:': r > r o di g r d e
ii'~pr,ttm~/dPCI In logicd. perchi: la no7ionc foii.liriicr.rale della !o,ica i.
!a \'a'i<li:i c.iiic,t.i Cdcfini5ilc in rerrrini di \,?riti :fil\ir
Clic i pcm3r~riprcari\~utr~l~ci
,i ci.r.iswro ser:~mcnreCeiconrc.rtirli
v r r i i i c fa!sirj conrcrm~lo srrslo fr.iiiiiticntu iniiiolito D,~icildgo, "
Seaii~riiticu.~,sotisaIe alldi ii:cdi l vonl i>r:iiciniu?cl tv se:olo a C,:
~

impossibile essere certi sul suo intento; ma sembra che l'autore affermi la possibilit non solo di fare assetti contradittori (v-irhtys~v),ma
anche di sostenere in una varict di contesti due tesi plausibili che si
mntradicono l'una l'altra. AiI'uo~oegli eswne una serie di antinomie.
L'pcunn ron re.1 C . i i ~ t i t ~ iDi
i . spcci~leinteress F la q i i r ! ~a ~ ~ u . c w ' ~
i.rl: i :ludr I'nutotc. nir.rtr.3 ~ h c F
)iurrib.le rosrencre a n j a i ierniiri d'u-.icuiiir.idiri:,ne irrorrio al <Ii<rorri,vLru C PI disco:^^ f11>0. Se:11 te51

. .

a'

'

D P ~ n p h .e i c c h .
Ibi.

l'l~"<,l 1

16

" IirL . io7


'' n DIFLS,F r e z n : ~ J?r
< ~ Vor~vkrdokr(~.
cc! 1, %o1 11,

3 4 1x63'31-361.

~ ~ ( I I Q 1~1I, Z

l'd,,d

,"c,d,,r",

4 0 1 sr

Cfr nncI>cA

T&YLOX,

14

Gli inizi

egli cerca di provare che discorso vero e discorso falso sono identici citando ad esempio una forma verbale, poniamo 'Io sono un iniziato',
che veraquando detta da A, ma falsa quando detta da B. E mttavia
possibile dedurre da questo ragionamento la conclusione che non i'espressione verbale (l'enunciato) ad esser vera o falsa: vero o falso
ci che espresso dall'enunciato, ossia, i'asserta o proposizione. E alI'asserto, alla praposizionc. che propriamente convengono i predicati
'vero' e 'falso'. forse qui che nasce la distinzione stoica tra q w v i e
hrxr6v." Questo ragionamento afferma, per le nozioni di verit e falsit, ci che il ragionamento nell'Eutidemo afferma per la validit: tali
nozioni non possono attribuirsi alle configurazioni verbali coms tali.
Da questa testimonianza possiamo dunque concludere che molto si
riflettuto in materia di logica formale prima che Aristotele scrivesse le
opere ora chiamate Orga~zon.Ci non significa sminuire quanto Aristotele ha fatto; infatti. gli Analytica priora sono indubbiamente il primo trattato sistematico d i logica formale.
s r h ~ oihir~n>co.
Arv n~ath.,V i I i . I , . , , .

5.
Platone e la filosofia della logica.

Quantunque, come s'b visto, Platone fosse forse avverso ad uno


midio fine a se stesso della logica formale, indubbiamente egli il primo
pensatore nel campo della filosofia dclla logica. Egli tratta alquanto a lungo tre importanti questioni che sorgono non appenacominciamo a riflettere sulla natura della logica, e precisamente:

i I ) Che ci che pu propriamente chiamarsi vero o falso?


Che legame quel legame che rende possibile l'inferenza valida? Che la connessione necessaria?
( 3 ) Qual la natura della definizionc? Che ci che noi deliniamo?

(2)

\'<,i~iicu:crcmoncll'ordinc cijche Pllton: li3 r:.cirto ; ~ l : stre quelriocsrcheremo di n u i t r l r c cumc O ~ I : L ISIO~T~; ~ <.che rel~zigneintertra c-c h l \i.
~ ben chi.m,clic PIirnnr non ilRto1r3 dircrramcntc
.-ue5rc qi!ert:oni. clie a noi sembrano cen.rali C irnrur.tiiri F,.c sono
Ilnene ~hinrnrn:nrc solu dono se:oli di rii.cssiuri. e , .I Icpg:.rc Plrione,
ci sembra che esse fossero a l u i ancora oscurate da quelle questioni
me.
li,irhc ed epir:cinologi:he, con c . ~rsie
i runu iiic,rric~liilii.rnrpinttcc:lite Ncdli scritti pl3ronici ?morii> scoyrirsi risposr: che anticipanu il
pensiero
ma, quando le estraiamo per discuterle separataniente, forse presentiamo il pensiero platonico in una guisa che ditlicilmentePlatone riconoscerebbc, Ai nostri Tini, i testipii- importanti sono
duc dialoghi del periodo pii- tarda: ilTrcteto e il Sofisla, e specialmente
il Sofista.
La questione 'Che ci che pu propriamente chiamarsi vero o falso?'sorge, nel Tecteto. quando si tenta didefinirelaconoscenza. Nelscrondo tentarivo di definizione, Teetero identifica la conoscenza con I'opiniane vera iihqiiiq 66~a)."Platoneallora considera l'opinione come
vera o falsa. Ma che iin'opinione? Un evento psicologico proprio d'u-

:.:, c
i.i:ra

Platone e la flosotia dclialogica

na persona singola, o qualcosa che pu essere condiviso dapi6 persone?


Sia 13 parola greca. sia la italiano sembrano affette dalla stessa ambiguiti. PiU avanti, ncllo stesso dialogo,Socratedunarpiegazionedi checosa form.arsi un'opiniune. Egli la tratta ( e non sembra notare la d S e rcnra) carne una spiegazione di che cosa pensare (SL(IYCELOSIL):
'sacn~rr: Cliiumi pcnsnre iib che io chiamo pensare?
TFFIFIO E ~ I I Ccos' che ru chiami pensare?

socanie Il discorso ( X i i o v ) che I'rnin~nfa f i a r e sC sopra ci che vede.


nie scnibia rhc, quando pensa, Erra non faccia altro chc convcrrore, ponendo
doniniidc c d.lndo iisportc. nlrmando r negando. Quando erra giunge ad uni de
ciliune e ncin i. in dubbio, noi chiamiamo rib opinione. Cari, ci clic io cliiamo formrrri i~n'opnii>nr1 discarrcre ( X ~ ~ E L YC) IIopii>ione
,
un diirurso che si la non
coi, .altri ii con la voce (pwvfi), ma in silenzio, rnanologando, fin s e s.i\

L'ideiitiTicazione del pensiero o opinione con il discorso suggerisce


di trasferire i piedicati 'vero' e'falso' al discorso stesso. Questo pensiero trasportato nel Sofirfa,ove Platone compie la stessa identilicazione
del pensiero con il discorso interiore, con il parlare fra s e s. Nel Sofi.sta In discussione ncl suo insieme diretta a risolvere il problema 'Conie vi pu esscrc la falsit?', C Platone sembra considerare la falsit
come qiialcosa che caratterizza primariamente il discorso o l'enunciato
(hayos)." e derivatamente il pensiero, l'opinione. la fantasia." Lo stesso. ovviaiiientc, vale per la verit. Possiamo da ci concludere che, per
Platone, ci che vera o falso sia la formulazione verbale. l'enunciato?
(.m,(<?r 4, LI*,1 <,?L:
i c y c . . =bhi:mo 6:i V I > I S > ~'c~llc
r . t ~ ~ o2,
r ~pi r t c tn
C! ikli., c1.c I ~ l r i. ~ s .I,i dcl tutto s~dis!3centc 313 non i. .ii?artn ccrto
cii r;ieril lii.,:l.: i i w di P l ~ i 1.
~3 cal:o!i nrecn i i v o c c j o m r m c n t e
ambigun.ln questo passo, talvolta essa pare ~ g n i f i c a ~ e , ~ o l t o s e m p l i c e .
nisntc, '~nunciato';infatti, Platone insiste sulla necessit che un h67og
completo consti almeno d'un nome e d'un verbo," e chiama XOyor gli
equivalenti grcci di 'Un uomo impara' e 'Teetero siede'." D'altra parte,
egli rrova naturale concepire ci che vero o falso come avente origine
~iell'<7trirt1o,"
ed t possibile che egli torni a credere che siano il pensiero,
i'opiiiioiie, la fantasia ci che vi6 vroorio chiamare vero o falso.
I n Platonc possiamo, dunque, scoprire almenodue possibili risposte
nlla nostra domanda. Talvolta si suggerisce che il soggetto proprio dei

. . .

27

,.t':~:ati 'vcro' e 'falso' sii un enur.cir:o o una con5gur~~ione


verh~lc
r j l i l t c ., i i i v ~ t e>,i r.ir!.cri>ic. c3c il r.>p.,;citi>proprio 'li qiic p:ctlirnri
i c r evento ?jicologico che ha luogo quando In contigirariole vcrille
, iorrnr.oi:\,ut<l.i iimpirx>nnnrldiscorso tacitoonon raiito. Q cste
I L < ?.,po<tc ricorrono cosi iiit~ircntccc1l.t s t o r i ~drlla Elo> CL.IIAI<>.
cicn La prima nei tempi moderni associata alla parola 'enunciato',
'rrilfence': la seconda. alla ,arol la 'eiudizia'. 'iudgment'. Per una formuI .,uni. d'iiris t<.t-,3 ? O < C ~~til)u<:a,
I ~ C qitclla assoi.idt.~ali. plru!, 'lira., ,,.on2', 'propori/ir'. dohhiamo ni.cndrrc sino geli rto v.
Sc. c.ms'Jeriamo I'infcrcr7~\ , i l i i l ~la dctc:ninr>t >nr .II r.a,nc<~imi
7 .. tr.trl:. 1:~11 I r i ~ p ~ . sr<lld
t d primi .Icllc tre d ~ n 3 n d scmbra
c
inylicita
I ::\:is,i~ alli r:;onJ.i
Iii $Iiri tcriiiiii!. \L ~d r\\cr rcri o i i s i roco gli
8
,.)ti, allora, q :an<Iof ~ r c i a r ~
infcrcnx
o
\.<l~Jc,
IIU! <l:icrmini~n~~,
i
i~iiiirc5<iani ~ e c e s ~ ~tra
r i cer . ~ n c ~ a tm*
i : ad e i i r r v x i o f i l ~ \W.O
:C
i p~xicri~
. l l o r anell'infcrerii vdl:d~ noi determiri3mc qLi31cli:
sarta di connessione necessaria tra pensieri. Ma la seconda concciione

..

iiio, mentre chiaro che non sempre noi inferiamo validamente. Storic.imente. l'aver riconosciuto questa confusione e quest'inadeguatezza
Iia spesso indotta a respingere la concezione che siano i giudizi a poter
cssere propriamente chiamati veri o falsi. La prima concezione caratrctistica dei convenzionalisri. cio di auei filosofi che sosteneono che la
inrrc<innc nr:csrdrid rorncpirr Iccsprcssioni linpuistlch<:tr3 Ic~;uili
. . ' J \ . I ~ < ~ < ~ in
c ,qc oI ~
, a l ~ hc~)~uartifi<iilecd
h~
>rb:tr>ria Pli:on;. t ~ . r l .
\.ii, non sembra accettare nl'una, n l'altra di questeduedottrine. Sccondo lui, la connessione necessaria sussiste tra le IdeeoForme [Fortns]

(~194).

Alla dottrina platonica delle Idee 2 dedicata tutta una letteratura.


Coniunque la interpretiamo, risultano chiari due punti negativi. Le
Idcc [Forir]non sono n cose nel rensoordinario del termine, n 'idee'
!'itiros']ncllo spirito, ma corrispondono, almeno in parte, a ci che filosofi posteriori avrebbero chiamato 'universali'. La teoria cosi introdotta. in due passi della Repribblico:
. C < I. 1.1..
L,; r , i u \ ~ I : ? r i 1 ~ i . # * ~ > < rsi
I . -i.pr-11
i:
>~.~L
iiiiI..i.p.ri
~.II
1,:wr.t:
#un,, 781
m.8 ;c-nbr, ~ ~ l t c ? l jm?o
~ : e l?
~ 1i.e A:[,> m>-$,ci><ci:r i .l Il. ,!.C
:" "-<L1 .<I I * 1.1- <.I I8 -86)"c. in Ir 1, .,i c i i iorp,
5"(:

..I><

i. . i > ?

Platone ela filosofiaddla logica

'Noi siamo s t a t i abituati ad assumere uni singola Idca per ogni gruppo di mse
mi appliciiiamo un nome rnrn~ne.'~

Questi passi fanno pensare che l'Idea sia u n carattere, a un insieme di


caratteri, comune (o, rispettivamente, cnmunil ad un certo numero di
casc, cio quel tratta nella realta che corrisponde ad una parola penerale. Ma Platone usa anche un lineuaeeio
che fa pensare non solo che
" ""
le Idee esistano separatamente (xwp~orb)da tuttele cose particolari, ma
anche che ogni Idea sia una cosa particolare peculiarmente buona del
proprio genire, cio sia la cosa pa~ticolareparadigmatica cd esemplare
di quel genere o il modcllo (iiap66c~ypa)cui Ic altre cose particolari
congeneri si approssimano. Cosi, egli chiama di frequente un'ldea 'il ...
stesso': ad esempio, 'l'uomo stesso', 'il letto stesso'(criid: b iiv8pwxo:,
aG~h
. ii. xXivni. Ouesto un errore. se si suopone che l'Idea sia anche
~~catnttere;cnernlcIntntti. i r3rntteri genernIt non ,o1ioci-~treri77iti
d i 5: a.c.,i I ' ~ I . I ~ Acon
I ~ Ii~.:In~n:.
.'~
1,':::orc
fl~.11t3toda: f l i t L~ ~ C .
in ereco la stessa frase ou sienificare
sia il concreto, sia l'astritto: ad
~
c&-nI-io, r3 ) c.il5.. (lctreral.~tentt:'i: b:.r.co8) pu signtii~3wi11
'la CO.
sd Sirnrl', sia'la j.anche~~~',~ichcdubbiosra:~+).rix6r 'Ic:ttrnl.~i:.itc 11 bi.inco ric'<.>')<~,:n.ichi':~
coca b u n c ~in sirrm.>prado'o'13
bianchcrza in astratto'. Alcuni ammiratori hanno negatoche Platone~ia
mai caduto nell'errore del 'phtonismo'; resta tuttavia certo che Aristo.
tele pensava che egli vi forrccaduto, eci che Aristotele penssulla filosofia dclla laeica fu in erande misura determinato dalle sueobiezioni all ~ ~ c o t i n . i c l~~~c e e ~ ! ~ : qo~r 3i CTJ
1c ~d~ I U I C O ~ C C P I ~ ~
riel:~Rz;:ik:>:>cn. sit ncl S /i.[>,
i. i.11 iwctivn .iomirnnte che il
>:rilci~:o::cito ,cgur J.S'c cuiiric,.ic,ii tr' le I d x . I1 rnokcllu i. il
pincicr., 1iircn.ttiru.us,ic 1.3 i l ~ r n n ~ t r ; ~ ~d111
o n e ,nel . ~ l e t ~ ~ ~ ~1rn "- , ~ l . c
1st ,:ci ~ L . ~ : ~ : ~ ~ o c oIU~!J
F ~ d~uuFIu~n ~o l ci. 11 '13111110 ci~.!l'rrCddel quadrato onrinario. Per Platone. Ic connessioni necessarie sussistono tra
le !:..e. e' I'IP:C.TL~LI
I. P ~ - < : ~ . n i b1,.~ l\.ali.lil
t > ~ ~~~ u ~ nni~ re;~iim.i
~ i o
rei p;r'ii.rd le cinn~,,t<>ni
1r.i Ir. I<<:, ii>niecsse sono. In che r:;>rurtJ
< i n :i ..ti r.i>ril cl: l';!tra. clie Arrc:ni 12 vcrir: c l3 f ~ l s ' r ir!
i tniincilti faiti di nomi e di verbi? Platone Gmbra sostenere che un enunciaro
sia vero se la disposizione delle sue parti riflette, o coirisponde a. una
connessione tra Idce. Il discorso possibile solo se si suppone che vi
sia una connessione tra le Idee (uupi;Xaxi TGVriEoiv)," ed il discorso

29

vero parla degli enti come essi sono (XL~EL


5b 8 v ~ Wa: E o - T L ) ? ' ~ tuttavia
< r n n o che Platone. mme e s e m ~ i odi discorso vero, dia un enunciato
: i i i ~ ~ l i t eI'r<.cio
.'
,ic.l:.': ~nfl:ti,p-r il ncstro mc<iodi I><.n,dre.in q l e .i t eiicniit.<. iioi. .iii<-rvrng.inoso1tin.o dcllc lc!i.~. \fa Plvore non
~..r i . m.ii
r ~ .h. ir,?m:.n:e l i .Iiitimione trl asjcrti \in;,oi;ri cd 25serti g:.
iterali. e neppure Aristotele, come vedxrno, prest abbastanza atten?ione a questa differenza.
Un'altra Darte del Sofirt~chc ~robabilmentefu feconda nella teoria
Iilpica la di;cussione che laton ne fa dell'officiodci termini'entex.'stesso', 'altro'." Secondo Platone, le Idce significate da queste parole poi.
sono 'comunicare' con sualsiasi altra Idea, compresi i contrari, quali il
movimento e il riposo, ;d anche con i p r o p ~ ?contrari. L'alterith, ad esempio, lo stesso che s, e l'essere lo stesso altro che I'alterit. Cosi
possiamo giustificare gli enunciati apparentemente contradittorl 'Lo
stesso i.altro' e'l'alrro lo stesso'. Questi termini sono in realt pcrvasivi [pervorive]e, a differenza dei nomi comuni e degli aggettivi ordinar i (quali 'canguro' o 'rosso'), non servono ad isolare classi d'oggetti.
Non vi sono classi d'oggetti esistenti. d'oggetti altri, d'oggetti stessi. I1
discorso di Platone un po' mnfuso in quanto egli chiama queste tre
idee[/ormrl, insieme con il movimento elaquiete, i'cinque massimi generi', 'i cinque sommi generi' (uiyru~rryivq). Ma egli non dice che movimentoe quiete abbiano gli stessicaratteri peculiari degli altri tregeneri. Movimento e quiete sono usati piuttosto per illustrare e mostrare la
peivasivit degli altri. Sarebbe sbagliato dire che $yru.rov yivo: significhi 'idea pervasiva', o che Platone abbia avuto una teoria delle idee perrarive; certo per che quanto egli ne scrisse ha attratto l'attenzione su
tali idce C ha forse ispirato la teoria aristotelica dei termini predicabili
in variecategorie.
La nostra terza questione concerne la natura delle definizioni. Molti
dei dialoghi platonici hanno la forma d'una ricerca di definizioni, e, secondo Aristotele, questo interesse per le definizioni derivato dal tentativo socratico di definire i termini etici."Ma probabile che Platone sia
stato colpito anche dall'importanza della definizione in matematica. fi
chiara chc Der lui. come rier i matematici anteriori, la definizione era sia
non arbitraria, sia informativa. Per lui, v' una risposta giusta ed una
erronea alla domanda 'Che la giustizia?', o 'Che il colore?', e la giusrezza e l'erroneit non determinata soltanto da come il greco ordina~

)a

Gli inizi

rio usava le parole S~xarccrivqo ~pWpa.Naturalmente, Platone sapeva


che l'imposizione di paraleero, in uncerto senso, arbitrariaeconvenzio
nale. cio che si ooteva usare ulie oarola dserente nronrio allo stcsso
che la definizione concerne non tanto la parola, quantola cosa, m i la p a ~
rula si tifcrisce. Ci che vicne d- e h i t o l'Idea. la natiira comune ore\cn.e ir rio!lci:,:
:n-li~oldr! L?. ji p2:bchi~m:rc. ia teJri2 'r:lli,.ic~'
i! ' l i i:Lni? "ne. e.1 essa I.cnri-iii :.-iircciiiiir .>3sun In f;nic 'd-tini~io,i.( t . 1':
.\r>tutcl?n: vth: ~nJ<.bl~i
m8:r.I: l'~nll<o*~o
IN.;It tc,.~r~,i~1:'I.i
~ i l a\,cr.c!>
o,
r~c:ii~to
L!.;.II,
. C C ( l 1, . - ~ > i ~wll
. r < >l ,!,C.L in p ~ ~ ~ v r p":
,i i i i i ~i\ri\.u
~,
' I I>. :ci,'c.i 'I'cvrl~d-lle TiI:c PLI:i .\,.I f < i r i i i l / . ,li<,
tclc si aspettava di trovare, rame oggetto ultima dell'intelletta e fondamento dell'inferenza valida, un sistema o una catena d'Idee le cui interrelazioni limitaaiero Ic possibilit d'esistenza attuale e determinassero
le correttezza o scorrettezla del pensiero scientifico. Inoltre, egli cerc
scniore d'ol~bcdircal vrecctto nlatoiiico di curarsi niiittosto della cosa
che della paiola. c molto piil tardi i suoi seguaci, i peripatetici, usatono
quest'anritcsi forviante nclle loro critiche a ~ lstoici.
i
da loro disprezzati
qiiali meii parolai.
Primn di lasciare Platone dovrei~imomenzionare il contributo che
egli airccii allo sviluppo della logica chiarendo due antiche aporie. Dal
tempo di Purmcnide, che difid dal suomireche il non.esscre sia. i prcci a&vu>o trovato qualcosa di misteti6;o nella negazione e, conseguentemente. nella falsit. Nel Teeteto e nel Sofisia'' Platone csamina qucstr
nozioni e ne i-isoloclc aporie: il discorso (hbuos), per essenza, ci che
pu essere veto o falso; vale a dire, nessuna asserzione significante se
nori 5 ~ i ~ n i f i c a nanche
t e la sua negazione. In quella stcsso passo egli risolve il problemii che sorge dalla confusione tta asserti d'identitl ed nsserti di predicazioiie.* Questa confusione ha indotto alcuni filosofi a ncgare la possibiliti di qualsiari altra predicazione clie la picdicazione irlcntira. Le idee che la predicazione non-identica e la negoziune fossero
insensati. sarebbero state di serio ostacolo allo sviluppo della teoria lo^
gica. Gli sforzi di Platone consentirono ad Aristotele di trattare tali idee
coime mere curiosit storiclie," o almcno di non preoccuparsene nei suoi
5critti logici.
~

Capitolo secondo
L'Orgaiion di Ari~toiele

Quando, dopo la morte d3Aristotele, nel 922 a. C,, raccolse~ogli


scritti del miestro, i discepoli raggrupparono alcuni suoi saggi sul ragionamento in una siiloge che si sarebbe poi chiamata Organon: lo stmmento della scienza. La parola 'logica' non ocquist il suo senso rnoderno che cinaue secoli dooo. auando fu usata da Alessandro di Afrodisia:
ina 1'mbi;o dello s t u d k &e fu poi chiamato logica fu determinato dal
contenuto dell'0raonon. Poich, tuttavia, questi scrittinon torrnano un
tutto ordinato, essendo chinramente staticomposti in tempi differenti e
senza un piano unitario, necessario dire qualcosa dei vad trattati di cui
I'orgononconsta.
In genere molto diflicile determinare la cronologia assoluta e persino lo stesso ordine relativo di successione delle opere d'Aristotele.
Molte sono in forma d'appunti per lezioni, e sembra che Aristotele
usasse rivederle castantcmenre ed inserirvi riferimenti ad opere poste.
riori. Ci vale anche Der le ooere che formano I'Oreanon. Gli studiosi.
tuttavia, consentono clic la piu antica sia il trattato chiamato Cotcgonae, o almeno la sua. piima stesura, comprendente i capitoli 1-8. La
dottrina dclle Coreccrioe.. .niu metafisica che laeica in senso stretto.
> ' n h r i p ~ r t c.i.tcc:.tnre dc:l'rrgomeniizion.i di tu:tr le ~ l t r eL>PS?L.
fJ~intur.quc ,il stato irolai t r i i iznre, cucaw libro di Jii'i:ilc intcr
p:etu.urit Fl;o si a717 c r r i:na clzsr.i:.~a,i<inedei tipi .li prea.criu
,z3,y:&:e:)
,I:~>idt<:~.
e",:~,~cr.!
Jt:<. p r ~ d , : ~ t .o, l,,., .l1 prcd.~aicb,
ipre-ni. Essi , i . . i ? rostmza d = : a j .quantiti l-ico6v:. qu.iliti I T O . ~ , .

colareggista di quest'opera sar dirnissa piU avanti.


Immediararnrnte successiva, o contemporanea, alle Caiegor~ueI'oDcra chiamata Tooico. con la sua aooendice De soohirticir elenchir. Es-

Il contenutodclYO~girnan

'ragionamento dialettico', d e h i t o il 'ragionamento che procede da opinioni che sono generalmente accettate' e contrapposto al ragionamento
dimostrativo, cio al ragionamento che procede da premesse che sono
vere e primarie.
Un'nltra opera antics Per hcrmeneioi. I l nome significa, allalettera, Deil'erporirione, e dal Rinascimento in poi il libro nota ratto il
nome latino De inierpretntione I n quest'opera Aristotele ai prefigge
soprattutto di determinare quali coppie di asserti siano opposte e d i n
quali modi. L'interesse d'Aristotele per l'opposizione f o n e determinato dai requisiti pratici del ragionamento dialettico qua1 descritto
nei Topicn. Prima di sviluppare il tema principale si discute il concetto
d'assetto: questo breve contributo alla filosofia della logica occupa i
primi quattro capitoli,
Rimangono due opere, chiamate Analyticd priora e A>ialy/icnporterrora, che contengono il pensiero logico pi6 maturo di Aristotele. Di
esse, la prima analizza i ragionamenti secondo le loro forme, cio recondo le varie figure e i vari modi del sillogismo, che il principale contributo di Aristotele alla logica; la seconda, tratta gli speciali requisiti
della dimostrazione. Aristotele apre gli Anolytica priora m n l'assetto
che ci che egli ivi studia la dimostrazione, ma subito si corregse dicendo che la contrap~osizionetra dimostrazione e dialettica irrile\.ir.c per 11 ,il:<>-irno. poich? rnr..e chi dimostra q u m t i i1 di~le!tico
ir,,on:entmo ,i!lt&tlcxnenrc
f rI>l<roallun che. seconu Ir. conce7iiloe 6na!e di Arijtoiclc. IJ teoria fo-mile JeI rilloiisi:iu ni>n rt>i,ri~linentr :,iii:c,sa co2 la dimosrrozicrc hiz!os1:~1.0 rcrso tra . ~ > I J ~ V ~ K J
p r w a C rl$~iv,.i pu.ver,or< c I'rssirtn rhc apre gli A~:~!i!,:a P ~ I O I J
!mno pen:lic i1.c ,\rirrorc!e sin pcmencto d'a do.trim del ,ill~cismo
indarando il raeionamento da lui chiamato dimostrativo (ad esekoio.
il ragionament0in matematica), e che egli stimasse .questa dottrinaso.
prattutro per la luce che, secondo lui, essa Rettsva sulla struttura della
dimostrazione. Si anche congetturato clieli Anol~~tica
Dorferiora siaro completi, cosi come li conosciamo noi, gi prima che fosse intrapresa
la redazione degli Anuiytico prioro; gli Anaiyi~caporteriora, infatti, contengono molti riferimenti alla dottrina del sillogisma come a qualcosa di
gi esposto. Ma non sembra del tutto improbabile che Aristotele abbia
a ,In D , , l

t [1<'2&28l.

n ro~uiirr.Dir Eo<wrrklrinz dir

Airi,o!dcrihcir Loaik u,id Rheiorii

gj

cominciato cercando di scrivere un libro o un corso di lezioni che facesse per la dimostrazione ci che i Topica gi avevano fatto per la dialettica (come l'intendeva lui), e che la dottrina del siUogismo sia stata elaborata nel corso di tale sua ricerca. Se egli averre gi compiuto gli Analyfrcri prioro nel tempo in cui intraprendeva la redazione degli Analyticaportcriora. avrebbe ordinato il o r o.~ r i omateriale un PO'diversaniente. Ma
i ii>wn.iii di drniidr inpurrania.
Le m3gd.ool scopcrtc di , i : i ~ t ~ t c l er^c
. cu,.t:ui\,uric i1 'sirrenii ari
r.ute:i:o', san, conrcncte in D:,,,.terprsla:ii.a,,, i.al,.r<ili5-8r. i o , I I ,
i ;, cd in Xno!iircr prror,. I i :
. Yrin:r <lid.icutcrc qii<.it~[ i ~ < <<l.iici,
. i ) > u i i qcidro dcl:e r p r r r pii: rn.irh: d .I:'Or~i>toti
nel loto probati!e
ordinestorico

Ldorrrinadellc Carqoriile elcsueconseguenie


2.

La dottrina delle Cntegoriac e le sue coiisebmenze logiche.

Quando I'Organon fu messo insieme, la linea di c o n h e tra studi logici e studi non.logici non era, n poteva esserc, nettamente tracciata.
I compilatori devono avcr trovato qualcosa di comune a tutte queste
opere, m3 del contenuto di quelle opere molto coincide can quello d'opere non incluse nell'Org~non(si confrontina, ad esempio, i Toprca e
a Rheforica; o ancora, le Cafegorioe e gli Anniytic~posterioru da una
parte, e 13 Netaphpsica dall'altra). Di tutte le decisioni dei compilatori,
tuttavia. quella d'includere nell'organon le Cuiegorioe la meno comrirensibile. Tutte le altre ooere si occuonno. direttamente o indircttaCa/eaorioe devono considerarsi in eran Darte metafisiche piJ che loaiche.'~'inclusione di quest'opera nell'0~gaitonha tuttavi; fatto si clic
sino a qualche tempo fa se ne sia discusso quasi in ogni testo di logica,
e basterebbe ci a renderne qui necessario l'esame. Inoltre, la teoria
stessa di quell'opers, quantunque non sia una teoria logica in senso
stretto, ha cscrcitato sulla logica una considerevole influenza. e non del
tutto buona.
Le Cateaoriue sono un'orieta estremamente ambigui e wer intento.

questi simbolizzano; le parole o, in senso latirsimo, le cose. Questo problema lia preoccupata i commentatori gi dall'antichit.' I n secondo
luogo, iion chiaro se Aristotele si occupi dei soli predicati o invece dei
termini in genere, compresi i soggetti. Prima di dirimere queste due
ambiguit esporremo le grandi linee dell'opera.
Tracciata una distinzione tra omonimi, sinonimi, paronimi, Aristoed.

'

! ? ~ A ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ Catetor#d'
~ ? ~ E# x ~~ o ~z ; ~~Dcr
! J~Z!I!~~~OEBZ~~O>~C~J
~ ~
C! r ~ ~ n o ~ J ~ 8 o ~ ~ ! n ,

aussr, C.1.A G IV (il. ~p 919.

logiche

37

tele affermache tutte le espressioni (X~ybinva)sono o semplici, o complesse.' Inoltre egli afferma che ogni espressione semplice significa
imilpaivar) o la sostanza. o la qualit, o una delle altre categorie.' Del
resto dell'ooera.. "eran oarte dedicata alla discussione delle sineole catcgorie: di esse,la sostanza. trattatanel capitolo >,elaqualitt, tratrata
nel capitolo 8, sono le pi6 studiite. Gli ultimi cinque capitoli trattano
non le categorie come tali, ma una collezione, piuttosto eterclita, di
termini generalissimi (opposizione, privazione, priorit, simultaneit,
movimento, possesso) e le loro ambieit. Questi capitoli vennero poi

. .

Yrl cipitlil<>j :\ri,t,>iLlc tra<cia un':mpcrrantc distirzicnc :rn so.


, i . i n i ~prima ,z:i-~i c i i i a I e sost~n7-sc~o-idi:5r:-r;z :Li:*)
So<rrrtne' .cncn piu lercr,:e c primlrio r :om..nc ' ! C ! .<rnin<: 1 q c ~ ' -1:.: ~
i i ~ i i c;,:e.aJrl i ' u n rccpciid. '6 cj.,re .n ~n ro2qex.o ad ric-np:o. sin < i n ~ o ' o
>no o un r n t u l u iii..llu 5uii.inrr r c s ! i i r si :1~1~-13t1~
I r :PC;II. c.! x i ~ ~ r i ~ n : ~
iii le cnie <liiamrt: <oiinnx pr.mc rd aii.:.r i g r n r w Ji cucile rp?:.e. Ad crerpi,.
ii r npolo .io70 zp?:r.iine alla cpr;ic .-o-13. cc1 il : P ~ ! . I ~ c : . Jsi...e 11 S C J J U I
ii ii .!e ~ : I . J11-CIIC.J - ~ ~ I c
:0:1~
, ail ~ s ~ m ~ i o u ~ rn: m
o ~~ l d
c , ~i:
/ -.hi~n.:
no sostanze sccondc."

n
i;

Possiamo ora tentare di dirimete le summenzionnte ambieuit. Che


c:~sriticaAtistotelc qci' Lc e5prcrsioni l i n ~ i r t i c h r .u. c.b ch; e,,: sin1
hcl.zzino? I n favore cella prima inrerpret3zionc ,i p . ~ ~.it.ire
b
I'iiso Jclla
p ~ t o l axa~qyapia,che ticoire talvoltain sensoatecnicocon il significato
di 'predicato'.' Ci, tuttavia, 6 lungi dall'essete decisiva, poiche nulla assicura che, per xwqyopla in senso tecnico, Aristotele intendesse un'espressionc linguistica piuttosto che un attributo. I n secondo luogo, il
modo incui Aristotele introduce la dottrina ('Le espressioni (X~ybpnva)
che non cono per nulli. composte significano ( q p a i v r ~ )la sostanza'
etc.') fa presumete che egli pensi primariamente ai simboli. D'altra parte,sCbitodopo aver introdottoladistinzione tra forme lingtiistichescmplicie forme linguistiche composte, egli dice: 'Delle cose stesse(~Wv8v~ w v alcune
)
sono predicabili d'un soggetto e non mai presenti inun sogeetto. Cod. uomo viene oredicato d'un soeeetto: il sineolo uomo. ma
non presente in alcun s;>ggetto."'
Quasi certamente Aristatele non avvertiva l'ambiguit che imbarai-

La dottrina dcllc Caf~gorioe


c le ruc conseguenze logiche

39

che ha fatto pensate che il resto dell'opera debba occuparsi dei differenza i suoi commentatori. Ouasi certamente. eeli non s' oosto la doman.
r i generi di cose che oossono dirsi intorno ad un individuo concreto.
.Id. 'Si.: 11 \cl,n<>i..Jiiu::;
incll'ori:inalr. 2r.l ;>SCI<> citato ic>p:~),p~r
13
~ I ' > ! Jgrec2 iir?;r::c:o
?trquiIrlir znritL ent:.ilir~cirtica;' A li:^ mint ar .~nc.diirespedienti clie lu;iii r 5luroti pcsrer:>r: hlnn:i :rov3tu indi~.icr.,ibilipci cl.:iriie!e propric rcsi le\ir~o!ciiee IJ libcrl it.icn2idri*.
. . tra parte, quest'interpretazione restringe la dottrina ad un'applicazioi11 iiiin: . t i r r ~ r - i.\
. r~ F p~,blbt'c ? ~ ~ r ~ n i . i t'D1.c
c > . A:I\~O.I.ICC I I C
nc piuttosto ristretta e lascia fuori molte proposizioni che interessano
" ~ o n i n "i.:ene 11rcJicaroJcll':ndii.iJuo o c'ie I'um.iniri viene predi:itn
:lristorele: ad esempio, 'I1 bianco un colore', 'La giustizia una virdell'individuoj'. ma Arisrotcle aveva un solo segno: av8owro;
. . oer
. rentii', 'La virrh una disposizione', etc. Inoltre, quella restrizione non
,l -:
I [-L, v - u i ~ t ~ l , . i'bumu',
r:
'la p a r ~ h' i~om>"',',.,m jrtit',' Q ~ x . 3
da tutti i suoi esempi. Infatti, egli cita ieri el'anno scorso sotc . t r ~ n . ~ ~ ~ I! ~. ~P ~, ?:.!C.. ~~ ' :#AI',
~ ~ I:.;
~ ~ I < , r , 3 ( ~ ? f i ~ n ~ t : ~ r ~ ~ ~ ~ ~ < ~ . ~ 5 o f i ~~uffragata
di
i" la categoria del tempo, mentre essi non si possono predicare d'un in.
l'l~:crc.t l- r i a i:~rc~ur:.~nt.ni.!l<
trdcri:ir.! Iit.ned'.Eiti,to:cl: s mhtiividuo
concreto.
: v > ti., una ditficclti pcr i filojofi rr.eJioc\.iIi che avrA'xro dir~ur,aIn
Ad ogni modo, il passo dei Topiru ove Aristotele riassume la protrnri i <l<.jl~
~i~iiicrs.il.l" vcru chc tnlio:ta .\ri:tutclc i i u l';~rticolil:irtilpria dottrina delle catefioric mostra che egli aveva in mente una dotlto 71 , z ~ > ~ . 1'i.1l oi i n l !..li 7ir. [icr <Ic'ignxc q ir'1.i p.ilo.i,' riin non .cmr l i n ~piJ ampia:
prr e;.!. 10 f 3 , c I>err.into1 ' ~ r s e rdi
i ~quejio cspcJients nel precente p l r
,a ni.r p.o\.>~Ic:i<ii.ir,.c-ri~:rli<.c,;li
II iui l>rit,trre rllr !il-clc
r1.111rq ?<>i r h : ~I ' S J ~ C ~j i. n. .~k r l'~'..\<<n?i<I
<I i.!' o < i * i ~ * i l i - i. ~ ' i - i l t ru n ?
Se, tuttavia, fosse srnto in grado di rispondere alla domanda. quasi
x ~ i - ~
cali.?
i . .\:n2 qi?l.ii I '>citi L - . J:lb;ilt:r~.,~:~o~.:.
li! I I I , c u ~ n h g , I .
certamente Aristotrle avrebbe risoosto clie lui trattava cose..non oatole.
>.<,.<.:eL I , -01, O LJc,:.. L l l . ' L l t ? L
iI>:"[>.I\.J?I,,, I,,, , U V LIIIdl. III.IC,
I: i :C l i ' 8 1 , c e * .n,, C. .i :n86 i i i n i v otri,,, m?. .; i i n ' ~ s g l <i i yr< p ine i:n<iilo.
La prova piU chiara di ci che egli associa xm s ~ v bXs l y r u S a ~('veniI>i.in.<..rI c;li < I i c r c : o r h c ~i prnpoi.,c h1.m-o >=..n -nlori~,r;l:d.:- l i
re predicato di qualcosa') e i v TLVL rtvar ('essere in qudcosa') casi come
I .u:n>, r i :,..li:i
..-o 7 .I i i F. ,nilscane-te, <c
.. 7:~?n-t un, ;rariegli fa nella siimmenzionata caratterizzazione della sostanza. Ouando ilI . J ' l i c ~ ! .I., i.1 ?alt .l .;cl>cc u .I.F;I. ~ I . ~ , ~ >UII.I
~ s - I: . OU. . 'Y
L.~I~'UIILL~lustrnva la propria nozione di 'essere in' dicendo che nello spirito v'?
..<.!IId i . c In .LA rr.rnltr. ,:n <iraitnic, i ini:i 1ilil.i.: in .nrc "?;li 11,-i c ,i
1 1 q t t i c&n,103.li c i . : p r c J . c ~ : ~ , ~ ~ i ~i:
~ ~:cs rterr:..arz.:
cr.:~
r-o ,.,::.r c.>,crtiu
una certa conoscenza della granimitica," dificilmente egli poteva capire
. c ,I.-itici ~ n ' c i r c n ~ lii,a , se 1ar;er.to<i ;~>!:or'rlirc, i.;:::~
:or. ~ n ' c ,
che stava parlando di un'cspressione linguistica. La vera risoluzione del. . i , : >i
u:ii quriicita.i> u t i <iirl.:i
~
i i iiw :l.llvr!r:c r i t r p i r l i . "
l'ambiguit sembra spetti a Porfirio l dove questi dice: 'Infatti, come
sono le cose, casi sono le espressioni che primariamenre le esprimoQui Aristotele sembra avere in mcnte due distinzioni: in primo luogo,
no."' Aristotele classifica tipi di ente (siD v ~ c r ) ma
, usa le differenze tra
<iucll;itra il dare la natura foiioiu d'una sostan7a nrima e il caratterirreeole oer esnressioni lineuistiche differenti come chiave uer le diffeiizrare altrimenti cssa sosta'nxa; in seconda luogo,'quells tra il dare, in
renzc tra tipi di ente.
rutto o in parte, I'essenis o la definizione (ri u r ~ d'una
)
cosa qualsiasi
La risoluzione della seconda ambiguit segue dalla risoluzione della
c il dire di essa qualcosa che non &essenziale.Egli pone unii r q o l a gerima. Se Aristotele si occuoa orimariamente dei tioi di ente. dovrebbe
inerale: quando predichiamo un termine di esso stesso o diamo il suo
essere chiaro che egli non si occupa molto della questione se, in un dato
:e>ir,r. noi diamo la sua essenza (ri ~ U T L ) quantunque
.
non possiamo
enunciato, le parole che esprimono quei tipi ricorrano in posizione di
significare la sostanzi (cUoia)ma una delle altre cntegorie. Cosi, non sosoggetto o in posizione di predicato. L'opinione che egli tratti primalo 'Questo un uomo', ma onche 'I1 bianco i. un colore' e 'Un cuhito
riamente i predicati sorge in parte dall'uso che egli fa della parola
una lunghezza' sono asscrti d'essenza (zii a r t ) , quantunque solo il prixusiiuopiu, in parte dal rilievo che egli d alla sostanza prima, rilievo
~ ~ . per usiamo un termine in una catcgo.
mo esprima 13 S O S T BQuando
ria d'un termine in un'altrs (ad esempio, quando diciamo 'L'uomo se^
\L

.:,

- . .

..

::

12rhx->l,

cfr.

lr6.x6).

~~,;;;,,~;,#;;;;;;6'~~1,

" &i
?h?

C.1

ti

G. I V

txn .ri ;lphva;a, ob;w< xal .i i a j r a &


;W
;

li),

P. 7'.

69hijsa%>.tic<(

Op r i l ,

La dottrina delle Cotegoride e Ic suc mnsepenze logiche

duto' o 'Il bianco piii chiaro del rosso'), noi non diamo l'essenza del
soggetto.
Un ultimo rilievo. Interpretare la dottrina nel suo significato piG
ampio d un senso migliore a quei passi d'altre opere d'Aristotele ove
egli dice che ccrti termini generalissimi sono 'in' o 'applicati in' tutte
le categorie. Cosi, nell'Erhica nicomnchco egli dice: '"Buono" usata
in altrettanti contesti differenti che "ente" ( ~ b i u 9 vloax6< lye+ar.
sQ ~ V T L ) , Esso, infatti, usato nella sostanza (v T@ si), ad esempio
di Dio e dell'intelletto; nella qualit deUe virtii; nella quantit del
m >.!CISI.!
crc.'. 12 io.o~:~l
~ : > n 4,
c < ur,to pa5,u C ,tr~r.a,n)., 1, 51 1v.t"
i~tcndc:enel srnrochr D13, ~ ' i ~ r e l l e ~let oiirtG.
,
11 n:oJerrtoe rutti pli
.il.ri c,.liip: .iri:t:iicl~ci I:< rsuno t i i t i : p~tiiner:iidi:si co,e b u ~ n c pur
,
non appartenendo tutti alla stessa categoria.
Possiamo dunque supporre che le Caregoriue si occupino della clissificazione delle cose significate da termini (siano i termini negli enunciati in posizione di soggetto, siano i termini negli enunciati in posizione di predicato). Movendo di qui possiamo procedere a considerate
perch Aristotele s'interessi tanto a questa dottrina. Perch egli ha voluto esporre la teoria delle categorie? E in che rapporto questa teoria
con le altre dottrine aristoteliche, ed in specie con quelle delle sue
ooere loeiche?
"
La t:spast pi6 rndicfd:rnte ~ l l n1.riin.aJoi:.ani!a Cclic qiiclla teori3
s mnniicstancr.re \,tra L'n uoi:ia \inLiilo ili.Ter..ce :I2 "11 ttlotnento
;s;l c % c I , > ! >
.lill:
~ ~ ,c!nque di 5tas:ra o A3 una vi116 altriincnri da cuin;
egli d:ilerii:c <!.i ii:i ~ l t r uui:,iu s i n d ~ 1u ~a c h c d~ un g . i t l ~S ~ I I ~ U IoU
da UT) i2r.e s:n,:ol<>Le dtrri.iriuiii i..icrcrtccuri.l: wiiu dia-iiliti clillc
dir:in7ioni in:r~:~ri.:.>riali, pcr qiianro difictle :>ossa errric fo,i~ulnre
pr:risancn:c questa fcndincntnle distinzione. i\tis.ctzI~si aeuiCc di
cib e lo ritenne degno di menzione.
Si pu tuttavia riconoscere che egli aveva forse un ulteriore mq_
tivo di formulare quella dottrina: indubbiamente, in quella dottrina
spesso egli trova una buona arma contro il platonismo. L'obierione di
Aristotele alla platonica Teoria delle Idee duplice. In primo luogo,
la Teoria dclle Idee gli sembra una teoria del simniiicato troppo semplificata. Platone evidentemente sostiene la tesi-che ogni termine ha
ossia la sua Idea aoorooriata. ed Aristatele
una singola sienificazione.
.
:CICI C::C O P I C I ~ ccn:e'n-I
~IO,
rl.,lto 1'3,w <~<,i::i:<i!~.,
,::,ror,i~..hd>,33.
dl;v.lJa tcrm:ni r t e poisono csssrc dp;>licatiin iu:tc le categorie e clie

41

perci non possono, secondo lui, avere un singolo signi6cato o una


singola definizione. In secondo luogo, il platonismo gli sembra comportare una grave confusione tra la sostanza e le altre categorie. Ci
che egli costantemente disapprova che Platone tratti le Idee come
sostanze. asrio le consideri caoaci d'esistenza indi~endente,mentre es~~m~
\:, ,i <iin rvvi\<,.noil ,ano n(i>t:o t311 C q u i n & ' i T T . C ~ r t d l l l ~ ~?er
Iiii vnienetc che solo 13 sostanz.3 prlrd 'in C ~ ~ <!'clistcr7a
C S
indipcndente e che l'esistenza di cose clie ricadono~sotroaltre categorie sia
dipendente. Cosi egli dice:
ogni casa o predicabile dellc sostanze primi. o
'Tranne le sostanze
presente in errc come soggettiCib risulta evidente in riferimento agli esemplari
particolari. L'animaleviene predicato dell'uomo, C pcrci del ringolo uomo; infatti, se non vi forse alcun ~ingolouomo di cui si possa predicare. non si potrebbe
)predicare neppure dcli'uamo. Inoltre, il colore prcrenre nel corpo, e pcrcib in
qualche ringolo corpo: infatti, re non fosse in qualche ringolo corpo, non potrebbe
ciscre prerente neppure nel mrpo. Cosi, ogni cosa, tranne le sosrinze prime, o viene predicata delle rorranzc prime. o in crre presente: e, rc Ir sostanze prime non
eiirrerrero. pcr qualsiasi altra cosa sarebbe imporsibik esistrre.'"
Se tosi Aristotele intende opporre la propria dottrina delle categu
rie alla platonica tcoria delle Idee, egli non fa che tendere giustizia
all'ultimo Platone; infatti, la teoria atistotelica dei predicati che sono
applicabili in tutte le categorie debitrice della dottrina platonica dei
massimi, o sommi, generi (viy~oscr?&q) del Sofirto." Forse Aristotele
andato oltre nel distinguere i termini pervasivi dai termini non-petvasivi: infatti, quei predicati che egli sceglie come predicati percorrenti
tutte le categoriex ('uno', 'ente', 'stesso', 'altro', 'opposto') sembrano
(ad eccezione forse di 'opposto') da considerarsi pervasivi nel senso gi
discusso." P i J tardi. i suoi secuaci hanno talvolta voluto includere 'buona'tr3 i P r ~ d i c tst t~r ~ t t ~ m v n t < ~ p e r ~l iol rttascend~.ntx:i
i\~~
[ ~ r i icsnd:t~n
I,!]!, ma, iiel citato parso <ItII'L~l.ic.iorois.t.ru, Ari<torclc d ~ c esol.>
-lic 'liiiono' pcb appli:arji a co,c in tutic Ic. c:iiep>rie, non g i i che : s o
ycssa appli:arii ad ogni cdsn , r . i > r ~eiri?ione. sia concreta. SI3 ditra.li,
I.: in rca:t cglc non e;ileen so;:rncre che c,.o ic~arc~>r:..licnl>ile
di 0pr.i
:,W$.
N.it,i:alncr.:e ovv:o, ma 2 iorse il r.<\o di J.112, che 1- cntryur:~
non sono esse stesse termini pervasivi. I n genere, esse sono considerate
reciprocamcnte esclusive, e pertanto sona essenzialmente classificato-

La dottrina deUe Cateqori<lee le sue conregurmc logiche

rie." Ma esse differiscono dal genere, pi6 semplice, dei termini classificatori in questo: esse non servono a classificare le sostanze prime. La tonnessionc tra cstecoric e termini pervasivi & questa: condizione necesssria, anche se nonsufficiente, affinch un termine sia pervasivo cheesso
possa predicarsi di oggetti che ricadono sotto tutte le categorie. E perci errato ipotizzare, come invece alcuni storici hanno ipotizzato, che
la teoria platonica dci massimi, o sommi, generi sia un'anticipazione
della teoria dcllc categorie. Essa piuttosto un'anticipazione della teoria dei termini pervasivi che i- connessa con la teoria delle categorie nel
modo s~ieeato
. or ora.
I r kvi:.r.giicnx pcr Io Icpi:a d e l 1 teorin delle car-goric r,no tre
Priini rrmsc; ii.nr.i I1 ? i l . r ~ uche Ariiru.rle dicie alla sosronro yri:
!l11 q.u x l i s-~ ~ ? ~uI:i:n(i
e : t ~ iIclla ri~i.~licnririi.c
1.1 i.iirtn.,> 3 i1.r r.c~ia.i\.i.
rilievo alla formn proposirioriale soggetto-predicato, sopravvalutazione
che avrebbe limitato lo sviluppo della logica ancora al tempo di Leibnii.
Se la sostanza prima il soggetto ultimo delli prcdicazione, tutte le
verit basilari sono della forma 'Questo (questa sostanza prima) ( o
non ) cosi', e le altre verit o derivano, o dipendono da queste. Le ve:
rit che piU manifestamente dipendono da queste sono quelle che presentano la stessa forma, cio le proposizioni universali della logica aristotelica, e perci non sorprende che Aristotele ritenesii che una delle
prime cose da fare negli Analyrica prioru fosse spiegare la proposizione
universale in termini di proposizione singolare: 'Noi diciamo che iiK
termine viene predicato di tutto u n altro quando non si pu trovare alcun esemplare di quest'ultimo di cui non si possa asserire il primo.'"
Sembr allora che le differenze importanti tra le proposizioni fosseindicatdal1i;icorrenza o dalla non-ricorrenza della particella
ro
negativa e dai quanrificatori 'tutti' e 'qualche'. I n altre parole, l'avere
concentrato I'attenzionc sulla forma soggetto-predicato port alla tetracotomia di De i,iterpre/atione. Una volta accettato ci, si tende a trattare lc altre differenze tra proposizioni. tranne occasionalmente quelle di modalit, come differenze tra predicnri, e perci non ahbastanzn
generali per interessare la t e ~ r i a ~ e n e r adel
l e ragionamento.Questa tendenza ulrcriormente incoraggiata dall'interprctaziane di rasqyopia

i'

I n Cdc.8nrirc. l

!ii'j;I,
Sii""

lili idrll* r?l#2,on. non


,182

p,,

AXI~TDTHI

iai!~!~i.ttc l

i poxz~bil~rs
i h c ICIYC ~tcaor8cdcIB

,,24"*R], rrrir.iurincnic erclulirc

43

posizioni &erali. 'Sacrate uomo' e ' l b o i n o un animale', pur essendo per Aristotelediilerenti, sotto un importintiaspetto sono simili,
perch ambo i termini fungenti da soggetto ricadono sotto la categoria
della sostanza." Ammettere quale sostanza 1.1 sostanza seconda, in realt i , una soprawivenza in Aristotele dcl platonismo, da cui egli non
~ o t mai
liberarsi com~letamentc.Poich uno predicazione sotto una
;>.i11123 scc>nda i:) l'e;jen.;d d'iina .ri,ta~i,.i priiii* iltrirxerti c i e ogci
- rrr p:cdicr?i.>ne. le proyc,irioni vcrc intorno alle curnr,r:orii ira so.t?rze secorde Iianno il ner:to <l'essere rir baril.rri. si? pciicra'i. Qiiesre sono i materiali dei sillogismi dimostrativi dtAristotcIe. Questa teoria aristotelica sottesa da quella stessa dottrina fondamentale della
teoria della divisione.
catena delle Idec la quale sottendc la
Terza conscguenza..Le Caiegoriae sembrano il primo tentativo di ci
che di recente si chiamato teoria della distinzione d i tipo,.ossia della
teoria per la quale le entit sono classificate secondo ci che pu significantemente dirsi di esse. Platone aveva gi osservato che, per poter
esprimere una verit, una formula linguistica dev'essere complessa, deve contenere almeno e nome everbo." Questa una condizione necessaria, manon sufficiente, affinchqualcosa iiimuniio di signiricato. Enunciati grommaticalmentecorretti possono mancare di sijinificato intclligibile: ad esempio, 'Socrate l'opposto di Tersitc','Le amebe sono oppo\te agli uomini', 'Essi sono ambedue uomini, ma uno lo molto di piu'.
Ouerti enunciati forse non coloiranno il lettore moderno come esemol
p ~ i < n tx.\~~~cIit..
c
173 11 si iono Jc:ilicrotorrentc srclii in quanto
.,tusi dalle rcgolc clii .\ti,t~tc!c pone uvc :r.itt.i I~.biii;:i,'rr l r r y r i c 111
~ , , i i i i ~ i o , I ~ i i . . \ idoiii~nil
r~li
rc I ~ r i n i n i c l i erica<lonosotrJ I ~ c ~ . c u : : ~
7 questimie aii:ine:iano oppos:i o ibbizno grici, e . ne: c3ro &!la so.
.r inlo, egli neg.i .inil>s3i:equeiir po,albi!i!.i S o n si ptibdirernn~crtr,z t , I, tr,wi", c l ,\rivut<.'c
~
ccrc.hi 'li fare cli~ttn~wut
LI:t:p.>,inf:dti. d11
1n~:li>':10 non risulta se e::, sicten;a che asscrti corrc ciicll: , l i t r i ,n,:xior~t: j i ~ ialsi,
i o o ~ t ~ o c t r ~ l i tui ~
~r~s::~b..ti
ri,
'l'rwl~~,r.?
I! riL
~ ~ , , \ t ldll.,
~ l cl ~ : i ~ r . q~; l ~, l~i c~ c ~~ ~~ q ~o ~l ~~~ ~~ t n .
'Alle rortinze appartiene anche U non ericn4 nulla d'opposta ad esse. Infatti,
che mrr mai dovrebbc crsere opporro aUa sostanza prima (ad esempio, nll'uorno

.-

e.

~~8.3-

Ci;c&",,>r,, ilY,,)
WLA7",L,

> O , " I # ~ , m 2 A ; <(C. cdte8tzr8de. 4

!f,I.

44

L'Organo di Aristotele

singola o sll'animale singolo)? Nulla opposto. N6 qualcosa opposto all'uomo o


all'anirnale in generale.'*

mento o di un'altra sostanza similc."

Queste osservazioni implicano certamente che un enunciato, che paia


qsserire che una data sostanza sia l'opposto di un'altra sostanza o che
essa ammetta un pifi e u n meno, noiisprime una proposizione vera.
Ma che resta da dire d'un tale enunciato? Non esprime esso proposizione alcuna? Esprime esso una proposizione impossibile? O invcce
esprime una proposizione che meramente falsa? La questione rocca
il fondimento della logica, poich solIeva il problema della formula;
zione corretta e del campo d'applicabilit del principio del terzo i.
scluso.

f;;;~~;;~!
l3'=41

I Topica, come gi si disse, sono un manuale per la guida di chi


partecipi a dispute pubbliche. L'ultimo libro (VIII) d direttive specifiche sia per colui che pone domande, sia per colui che risponde. I l contenuto, tuttavia, sembra in gran parte determinato dagli esercizl di dassificazioneedi definizione fatti nell'Accadcrnia, ed possibileche la teoria dei Predicabili, che d unit ai Topica, nei limiti in cui questo libro
unitario, fosse gi elaborata nell'Accademia, poich Aristotele introdurc cimc gii f.ii?il~.irii rt,rmi:ii-:li:ave 'proprieta. ~ < ~ i d < . rgrn:ir,
t e , rie. i , , i . d!firre,>!i,). I To-ira s0r.o il rro<!otrii dclld riflc<<.onesul metodo
1iilett:o aplicato rllc qi>c.iioni dc:h dcr;ni~ioncc della cl3<~il:.carionc. Essi si presentano come una massa non troppo ordinata d'osservazioni su questioni logiche, psicologiche, linguistiche. Si pu dire, tuttavia, che i Topica contengano insaluzioneuna teorialogica: la teoriachc
appare cristallizzata in De inlerprefatione ed in Anolylica prioro.
Lo sviluppodei Topica naturale. I n primo luogo,-u! interesse pratico a vincere nelle discussioni conduce ad un interesse teoretico per
l'inferenza valida; infatti, tra persone oneste il modo piu sicuro di
vincere in una discussione ragionsre validamente. P si vero che Aristotele indica esoedienti che DOssono anche aiutare a vincere non one,rniii,,iiic. (ad esenipio. quello di nis.<w~~t,rr
13 Jirc~ionedcii'~rpo!~~cn
.r,ione"l. m l c i j (3 psrte del s d . t ~ t c ~cIic
~ t osi sepnrctt drlla :ol.i71<)re.
[ n sccondo Iiiazo. n<ilrhGla ci.,cris,ione dc3:c wclr.r\t in (i:rmi iiillu..ira r m ir:vrl.,:utori che sotrngur." te\i op?oitc: h3 grnn.1~inrc.ese
l i Jcn:nndn ' 0 7 1 ! ~~ s ? c r t oC I 1 . i , i ~ r ~contr1~!1trurio
o
< I ' L li;<
I ~ ::C d:
to'' I:inir.ti crscr~..ilcdcicrmir.irc3 che F C ~ LP
~ U~ : ~ t ~ ~ r l c ~ c ~ ~ i ~ r e
confutato il suo aooositore. Ci oorta allidottrina del quadrato d'op-

- .

" Topil#, VIII. i, ( i b h , )

finire, gli asserti considerati sono delle forme 'X Y' e 'X non Y7.
Versioni piU precise di questi asserti e degli asserti contradittori sono
i materiali della sillogistica aristotelica. Delineato brevemente il contenuto dei Topica, analizzeremo alcuni passi, dei quali alcuni sono anticipazioni della sillogistica, mentre altri propongono tesi logiche che
esorbitano da quel sistcmu. Per insistere nella nostra metaforn, nella
soluzione dei Topica v' pih di quanto Aristotele abbia visto cristallizzarsi: v' non solo I'elnborsto fiore simmetrico della sillogistica, ma
anche le forti, semplici forme della logica proposizionale e 1s intricate
trame della logica delle relazioni.
Il nome Topico deriva dal greco ~iao:, che in origine signilicava
'luogo', ma che poi vcnne a significnre un 'luogo comune', ossia, unte:
ma. un modulo, ricorrente nel discorso. Nella Rhctorica Aristotele
spiega in che senso egli intenda il termine:
'Sillogirmi dialarici c rillogirmi retorici concernono i rosid<leiti iopoi. I r<ipor
sonr, mmuni i l l c quertioni concernenti il carnportamenro retto, alle qricstoni firiche e politiche ed n rnoltc altrc
differenti nel yenere I'uns dall'rltrn,

punto di partenza della discussione, ed una domanda posta dopo per


far andare avanti la discussione. Possiamo supporre che la domanda da
discutere sia 'E animale il genris delltorno?'. Questa la pr6toris, il
punto di partenza. Nel corso della discussione, colui &e interroga rivolge la seguente domanda: 'B o non una proprieti dcgli animali essere semownti?' Questo sarebbe un prciblerna. Negli Analytica priora,
d'altra parte, In parola pr6tasir significa sempre un asscrto, e! nei capitoli 26-28 del primo libro di quell'opera (ove Aristotele, tornando in
parte alla maniera dei Topira, d suggerimenti pratici per condurre le
discussioni), anche prdblema sembra significare un asserto. I1 punto di
vista d9Aristotele cambiato. Ci che egli ricerca come provare una
Jata proposizione, piuttosto che come rispondere, affermativamente o
ncgitivsmente, ad una data domanda. Nei Topica egli ha sempre in
mente i due disputanti. L'etimologia aiuter forse a seguire i cambiainenti di significato subiti da queste due parole. Prdtaris deriva da v a i r i v w ('~rotendere.orolierire od offrire'). ed oerci uualcosa che of-

Da questo passo risulta che il tdpos. qualcosaclie pu ricorrere in qualsiasi discussione, qualunque ne sia I'oggctto. Che cosa Aristotcle intenda, nei Topica, per topor, risulta da esempi:

auslcosa che si orooone &l mezzo dclla discussione. cio un sue~erikcnto. una propos;a. Ci chc profferito o proposto pu assumere la
forma sia d'un3 domanda, sia d'un asserto. Anche il latino praporitio
(da propotio) ha il significato essenziale comune sia a prdtasir, si3 a

canic, ad cacmpio, il idpar dcl pici C dcl nirno.'.'

'Un l i p o i guardare reun uomo abbia descritto come un aciidentc ci che apin un altro modo '"
'Un alrro rdpor & fare definirioni d'un accidentee del suo soggetto: a dell'iino

parrieiie

e dell'altro rcpiratamcntc, o d'uno solo d i e i i , e poi guardarc se nclle dcfinirioni


si rin arruiito quilroba d i non \,ero."'

Coine si vcdd. i tdpoi sono procedimenti rtnndard, procedure srereotipe ciie si possono esperire nella discussione su qualsiesi materia. I n effetti, ci che Aristotele fa nei Topica dare indicazioni tattiche generali per condurre una discussione polemica.
Al principio egli fa una distinzione tra prdtasis e prcibirnia. Ambedue sono domande: la differenza, dice Aristotelc, meramente di
formu, la differenza tra 'E animale il geiiur dell'uomo?' e 'Eanimale
il geitus dell'uomo o no?'." Ci non pare molto importante, ma la distinzione forse quella tra la tesi proposta per csscre discussa, cio il

::

t";'"

" Il>,d 11.


,l

1 6 d : 1.

"l.

I~m9~30).
~

pr6hlema.
Ogni protoris o prdblet!!a indica o la definizione, una propriet. il
e n n r ; o uniccidente del soggetto. L'assunzione L. che la prdtarir o prdIdetno concerno un assetto generale: ad esempio, 'l'uomo un animale bipcde', 'L'uomo bianco'. I titoli indicano in che rapporto il predicato possa stare al soggetto in tali proposizioni. I n primo luogo, il
predicato pu essere la definizione (Opog) del soggetto; cio, la frase funRrnte-da predicato del nostro asscrto pu dare l'essenza del soggcrto.
In secondo luogo, il predicata pu essere una proprietd ( i 6 ~ o vdel
) sbigetto, <io&qualcocn che non I'esrenra del soggetto, ma appartiene tutconvcrtibilmente d'essa
tavia soltiito a quella specie e viene
specie: 'Cosi una propriet dell'uomo essere capace d'apprendere la
srammatica: infatti. se egli uomo, capace
la qrammari. d'apprendere
..
..i. e, se eili C cjpace d';p?rendirr IJ ;raninni!cl, 2 tiun12' 111trir<l
!!:o::.>,
i l pr'tl.:.ito ;>~~;>cIIcI; I! ~ C , O I <((y i w : , del C >:getto, ci,: i l .:cric:
cc. ?iii g r a d e m i q p i r t i e n e 13 5per.c ir. quc,t.unc r<lc i i r . , :l , i l v i -,.I

I Topico
distinta mediante la sua differenza specifica (8~aqopd).I n quarto l ~ go, il predicato pu essere un accidcntc (oupBr!3nx6sl cio un carat-o
che pu appartenere agli esemplari della specie. ma c i e non nnccessnriamente appartiene ad essi: ad esempio, la bianchezza in relazione all'uo
mo. Mentre i primi due sono predicati convertibili (cio, sono tali che
d a S X Y' possiamo concludere a 'Y X'), il terzo e il quarto non lo sono. Come vedremo, la teoria dei predicabili si fonda su due importanti
distinzioni: quella tra predicazione necessariaepredicazionGonZecessaria, e quella tra predicazione convertibile e predicazione non-converti:
bile. Queste due distinzioni avranno notevoli conseguenze per il posreriore pensiero d'Aristotele.
Intro2oiis 1.1 r ~ u r i sdei predicnb:li, Aris:orcle <l:finirce piU rir,<itor l x c n t i In n.>tuin d ~ l l aquest1cr.e dinletrica e d i inJicai.i<>i.ige~icrnli
sulla sc::ta delle prolios.rioni 0L.r la 2:scussior.e e sril loto csnme Ir.
questa sede egli rica$tola la teoria delle categorie e traccia alcune distinzioni di notevole importanza logica. Ad esempio, egli distingue tre
sensi dell'identit (numerica. specifica, generica)," e, per la prima volta
nella letteratura tramandataci, divide le proposizioni in etiche, fisiche
(cio concernenti la scienza fisica),logiche;" ma la distinzione pifi interessante quella tra induzione (Lnuywyii) e ragionamento (mXXoy~orik)fatta nel capitolo i z . Dell'induzione egli dice: 'L'induzione il
passaggio dai particolari (TWVX U L!xaosa)
~
all'universale. Ad esempio.
se il nocchiero esperto il migliore, e cosi pure I'auriga, parlando in generale I'esperto il migliore in ogni caso.'" Quantunque egli usi la frase xa9' Eraoza. dai suoi esempi risulta chiaro che, per 'induzione', egli
intende non la semplice enumerazione di casi individuali attuali, ma
piuttosto la raccolta e il confronto d'un certo numero di casi differenti
specificamente.
Aristotele passa poi a discutere le questioni relative all'accidente:
quest'indagine termina alla fine del libro 111. I l libro IV tratta poi il genur; il V, la propriet; il VI, la definizione. I l libro VI1 contiene riflessioni sulla definizione, che naturalmente portano ad ulteriori rilievi sull'identit, mentre il libro VI11 si conclude con indicazioni pratiche per
chi pone domande e per chi risponde nel dibattito dialettica.
Nei Topica molti passi anticipano dei punti della rillogistica aristotelica. Noi ne discuteremo alcuni, rilevando la differenza tra le due suc-

49

cessive trattazioni dello stesso tema. I n quel contesto giover talvolta


nnricioare
la nostra es~osizionedella sillaaiatica menzionando tecnici.
- ~ ~ m non
i ancora spiegati.
Quando dice: 'Quando abbiamo provato che un attributo apparticne a tutti gli oggetti d'un gencte, abbiamo provato che esso appartiene a .qualche oggetto di quel genere,'!'Aristotele anticipa la teoria della
subnlternazione e fa una chiara distinzione tra arserti universali ed asserri t arti col ari. Ambo i punti caratterizzeranno la sua dottrina posteriore.
I l parso seguente mostra in che misura i Topica precorrano la sillogistica:
'Per mostrare chc gli apparti appartengono alla stessa cara, re ne consideri il
~ u r sd
; esempio, re vogliamo provare che in rela2one alla percezione wirgono e
~orrerrezzacderrorenoi diciamo che poiche la perccrione t giudizioed ilgiudizio
p u h ~ ~ s e roecorretti o sorretto co~recrerzae scorrettezza vi sar3 anche nel caro
della pcrceiiane. In questo caro ~ ~ ~ r o ~ a vgenui
a d aalla
l specie; infatti. il giudizio
e il genirr delle percezione, poiche in un certo senso chi percepisce giudica. Ma
possiamo procedere dalla specie al grriur; infatti, ci che appartiene alla spwie
appartiene anche al penur. Ad esempio re la conoscenza pu crrere buona r ratiiva, In dirposizionedelpanima buonnkcattiva: infaiti,la di~porizionc il grnur
ciclla conobcenna. Il primo to'por scorretto per stabilire una proposizione, il r c
ciindo coiretro. Infitti,non t necessario che ci che appartiene nl genur appar.
tenga nUx rpecic. infatti l'animale pu essere alato c quadmpcdc. ma I'uomo no.
hlr ci che npp&tiencaila specie devc appartenere al gtiur; infatti, ~c I'uomo
buono, allora anche I'animiile buono. Ma,per confutare, il primo tdpoi? valido;
il secondo, invalido. Inhrri, ci che non appartiene n1 genur non appartiene n e p
pure alla ipccie, ma ci che non appartiene alla specie non nccersarinmenre non
~pprrtirneal g e n ~ r . ' ~
La forma d'asserto indefinita (ad esempio, 'l'uomo buono') caratteristica dei Topico. Interpretare come esistenziale la forma indefinitn, come spesso fanno curatori e traduttori, riesce forviante al lettore moderno, perch fa inevitabilmente pensare ad un'equivalenza
con la forma 'Qualche uomo buono', equivalenza che Aristotele non
ha ancora rribilito. I n questo passo possiamo vedete l'accettazione di
due forme del sillogismo ed il rigetto di due altre. Le due forme accetrate sono 'Se qualche M G ed ogni M P, allori. qualche P G' (Dirami, nella tetza figura), e 'Se nessun M G ed ogni P M, allora nessun P G' (Celorent nella ~ r i m nfigura); le due forme rigettate sono
'Se qualche M G cd ogni P M. allora qualchs P G' (IAI nella pri-

ma figura), e 'Se nessun M G ed ogni M P, nuora nessun P G'


( E A E nella terza figura). Ma il confronto con i oassi rilevanti deeli
.~I*i,!,:i:, i r ~ o r m;>..rcri
i
quanti i I'upca rcrtinoloni:ni da1:3 fsrmali7i.a:tilils C O ~ I > I P I A '11 L I I I C ~ I?rlrirtni
~
In confronto agli A>tdl:.iio, 13
tri.ruione dei l'o;.:;
niinch>ia<Iio,n~r.il:ii.,:a<11n r c t ~ ~ i u nNun
c o'*
un sistcma farmaie dietro di essa, non v' uno di vaiiabili, e l'uso vaga
dei verbi E ~ U eCYzdpxrrv non distingue tra asserti universali ed asserti
particolari, n tra asserti di fatta ed asserti di possibilit. Ad esempio,
SQov wiv Iom TTSTIV~Y( ~ Ulettera:
B
'L'animale alato') potrebbe signifi.
care 'Ogni animale alato', 'Qualche animale alato', 'Ogni animale
pu essere alato', 'Qualche animale pu essere alato'.
Ma sotto altri aspetti la trattazione dei Topicapiu aperta chc quella
degli A~ialytica.Nei Topica si parla dei predicati disgiuntivi, come 'corretto o scorretto', che l'opera posteriore esclude; e si contemplano malti generi di ragionamento irriducibili alla forma siUoeistica. Ad esempio, i ragionamenti del seguentc passo non potrebbero formalizzarsi
come sillogismi:
'PaichC C necessario che qualcuna delle spccie sia predicava d'ogni coradi mi &
predicnro il genui. e che lecorechc pairiedono il genus ...debbano rncheparredrre
qualcuna deilc spccie...(ad esempio sc di qualcosa si predica 13 scienza allora re
ne devc predicare la musica, o la grimmatica,o una delle altre scienze, se qualcuno posricde 13 scienza .... allora egli dovil possedere b musica, o In grammatica,
o una delle altre scienze)..."'

e.

Di questi ragionamenti, un'analisi siliogistica potrebbe tutt'al piu


dare riformulazioni siUogistiche quali 'Se ogni scienza o grammati, e se questa una scienza, allora questa o grammaca, o musica, o
tica, o musica, o
', e 'Se ogni scienza o grammatica, o musica, o
, ed egli possiede la scienza, aliora egli possiede o la grammatica,
o la musica, o
'. Di queste due riformulazioni, la prima solo con
molta buona volont pu dirsi un sillogismo, poich il suo termine mag.
giore disgiuntivo t indefinito; la seconda, poi, non affatto un sillogismo, poich non v' un termine media, essendo il predicato nella premessa minore non 'scienza', ma 'possedere la scienza'. Questa seconda
riformulazione in realt simile ad un ragionamento che Aristotele
menriona negli Anaij'tica prioru," qualificandolo valido. ma non-sillo
eistico.
Due passi dei Topica anticipano la dottrina della riduzione indiret-

. ..

...
. ..
.. .

ta. I1 mimo suona: 'Se il buono stabilito come penur del oiacere.. si
c.>n*i<'crisr vi \ia iin pinrerr che ro, \ i 3 hii:,no; poichl:, se tino ve n'?,
C c:iiaro clic il 1:iiond non il geai<r Jc.1pi3cere. inf;t:i, il Xenrir viene
pred:ca!o J i I L I I O ci clic ricLc sorto una d ~ t aspccic.'" Ci si appella
qui a 1 Ln sJlogismo in B a r b ~ r ~'Se
: ogni ?incere b buono e X un pia(tre. alora K. i. buono' per \,alida:c il r3gionainento in F ~ l r p f o n .'Se
nesrcn X I-uono e2 o,:ni S un .~iscere.
. allora oiia:clie oiacere non i.
buono.' Un analogo appello nell'altto passo:
'Si mnsideri inoltre se la spccie indicata sia vera di qualcosa, ma non il genur.
come, ad esempio,nel caroche I'erirtcnreoil mnorcibilesiapariocome genur dell'opinabile. Infatti, l'opinabile pu venire predicato del non esistente (poichtmalte cose non-eiistenrisono gli oggetti dellbpinionc),ma chiaro che i'csistente o il
conorcibile non viene predicato del nanesistrnte. Pertanto, n6 l'esistente. n& il c*

Oui. il sillaeismo in Feriron: 'Se nessun non-esistente esistente e


alch che no? csiiten:c C opinabile, allora qual:ke opinabile non esi
,.cnre' C vnlidaio 2ppel:and~siad un sillogismo in Dsrii. 'Se ogni c o n
oninnbilc C esijten+ee aunlche non erirren:e i.oo:nnbile. allora acalche
non esistente esistente.' I n ambo i casi, came negli Analytica priora,
Aristotele s'appella alla prima figura, ma si esprime con esempi e non
usa variabili La eeneralith comoleta ottenuta usando la terminoloeia
dei prcdicabi!i, ccme ncll'rnur.cinto 'Il dexur dev'esserc prrdicnbile di
.i.~to<ii>
di <v:r'prdicz.bile IE spccic.'Qucsto. t~ttavia,nondh!1Recedi:: i o r ~ l a l rc<~m?leia,poich un ssserro della forma ' O p i X t i" po.
:rc5ke csreie UF. 3SSCT'O u definizione. di Eenrrr. di propr:et, o d i acri
<Ici.:r Piib d x r i che nei I'o?,ro le irfrrcnze non fosero formallzitc
pienlinriiic y r c i i . :nconiciamente Aristotclc esirava ancora tra due
poa.;~bilicl~ssinc:ziani degli asrcr:i nei qcali cn :ernine gencralc vie
prcdicaru d':in altro. E ~ l ereditt
i
dal metodo platonico d:lla divisione un modo d'esprimere tali asserti senza segni di quantificazione
('qualche' o 'ogni'). Assetti di questa forma, che Aristotele chiama 'indefiniti' (Ir&~bp~u.roc
Xbya~),a noi paiono estremamente ambigui. Li si
possono rendere precisi in uno di questi due modi: o aggiungendo al
termine fungente da soggetto uno dei quantiGcatori 'ogni< e 'qualche',
o rendendo piu esplicita la relazione espressa da '', ossia introducendo
differenti forme di copuls. Se concepiamo i termini generali came n o
mi di classi, troviamo che vi sono cinque possibili relazioni tra dueclas-

d i precisamente questa formula, ma d per un principio ancor pih generale applicabile ai ragionamenti con piU d'una premessa. B caratteristico dei Topica che rale principio si trovi incorporato in un consiglio
pratico:
'Il mielior moda oet esercitarsied imorarichirai in tali discussioni abituarsi a
rrasriarre: rapionarne'nti. Infatti. raremo;orf piu cs~acidi riattare la rnatrria pril.
li<;a
r ;om:,rc~..I::r.i> i a foi.do mciri 13*~31~rncc>t;
R I I ~IUCC do pilh. 1 3 ITI<!H+
~ i < i r v >n<\re nel cn:f.iirc i . .i ~'i!lcpia.m;:i,o:i Jirc con? Jein.l- .a ccinclu.
,.oiie inrii,or ion le iltrr -.ruiws,ior: in uil;rtt.izc. i i i f r i t i . >e 11 c>n.l.>i,n:
fnlsa, una delle prcmerie deve errerc abbandonata, rc vero che, nelVipotesi che
Ic prrmrisr siano tutte vere, allora la conclurione deve ruirirtex."

. .

In Atri t~riiiini.\e iin da.o niinero Ji praporizioni prese icsleme comporta m a conc:~iione.~ l l c r ase
, la c ~ n c l ~ s i o L.n ef31ra, almeno una <!CIle premerce dz\.'errere f ~ l s a La
. .cii sotterd: la tccri? d c l ! ~ridii~ione
indiretta dei sillogismi.
Nei Topica, tuttavia, vi sono alcuni passi strettamente logici che
Aristotele non svilupp
.. altrove. Uno d i essi si occupa deiie relazioni:
'Il caro dci tcrmini rdati\,i dovrebbe trattarsi ansioqnrnenrc n qucllo dello
r t i t . i c .irllr > i . r i m n c infaiii. mrht :a <-<l.icnli <li$.citi dirzi.a. Col(, re 11
:r pin+i!n m il.ip:n. t i ? lr-7o?iir?frn?tonr, :-f~ii:,il iri[>:oireI1t11~3d
In <<;i,.
c cc+ cn cul!lril~irelrr:vl a l una 1raz:one E rn:or~. <C 11 C O ~ . > , C ~ I I A I . i c . ~ e
ziane, allora anche l'ometto della conoscenza un oggetto di concaione: e, se la
virionp un gcncrc di percezione, alloir l'oggetto della visione un oggetto di
pcrcenione."'

Aristotele qui si occupa di due principi. Nel primo dei due enunciati
eeli considera le inverse delle relazioni e stabilisce che. se una relazione
n; comporta un'altra, come I'essere-triplo comporta I'essere-un-multiplo, l'inversa della prima deve comportare anche l'inversa della semnda. Nel secondo enunciato eeii sostieneche. se un carattere necommrta
un altro. 31:013 q ~ ~ I r i 3cosa
s I che sta in una tira rrl vioiic eil iin Psem.
:nl.xrc dc: ~priiixi
'tlrc i l ! ~ I I C I I A
itrqin rel~>ione
cd un e:emp!nre
del <ci<ir<lo0,:nt:ni di qiieitc te., k iin intcrerr.tnte conrriiuto 3!1i
teoria delie relGioni, ma n l'una, n l'altra presentata in forma pienamente astratta, e, dopo questi promettenti inizi, Aristotele lascia cadere I'argomento.
Un altro tema, cui nei Topica Aristotele apporta incidentalmente
contributi, C la teoria dell'identit. Qui lo stile piG astratto:
'Si consideri poi se, nell'ipotesiche l'uno sia lo stesso clic qurlmra, anche I'nlrro sia la rrcrra che essa msa; infami,rc essi non sono lo stesso che la stessa cosa,

;~2i1v;1;;17.r4>;~3'29

$3

I.

mnnifertamente essi non sono l'uno lo stcswi che L'altro. Inoltre, ai csarnininod i
~ ~ ~ alla
c t luce
t i dei lom accidenti e delle cose di nii essi sano acridenti; infatti.
ogni accidente che appartiene all'uno deve appartenere anche all'altra. e, se l'uno
armartiene come accidente a qualcors. anche l'altro deve appartcnerc come acci&re s quella cosa. Se sotto ;no qualsiasi di questi arpetG;'& una dircrcp-,
iiisniierrnmenre essi non sono lo s t e r ~ a . ~
'Sulo a coi" che sono indirringuibilie che nell'esrere sana nitr'uno si conrentc
~cnernlmente
che nppartenqano
tutti gli stessi attributi.'"
..
.
.\I I>i~tr.oqui, in primo luo;o, una v:.r,io:ie Jcl plinripio di tr~nsitivi.
r i dcll'idcntiii; in .secondo Iiio,p. i:??foimi,lmionc Cel principio dclI ~i.lircvriiibiii.ldcsli identici. in terzo cd u!tinio Icoro. cna versirrr
Jcl principio dell'identitl degii indisccrnibili. Come kerit intorno
.ille relazioni, menzionate nel paragrafo precedente, tutte queste verit
s.irebbero ooi state riformulate molto oid tardi da altri filosofi senza
riferimento all'opera #Aristotele. Nel testo aristotelico queste verit
non sono in rilievo, e perci non stupisce che generalmente non se ne
scriva il merito ad Aristotele.
Le cose stanno ben altrimenti per la teoria degli argomenti a fortiori, o, come dice Aristotcle, 'dal maggiore e dal minore'. un tema cui
egli si riferisce piu volte e sempre in un modo che fa pensare che egli
lo consideri ben noto." Era pertanto naturale che egli volesse incorporare le proprie vedute in niateria nella sua posteriore opera sulla logica,
cd era probabilmente questo che egli aveva in mente quando piu tardi
uarl della orooria intenzione di scrivere sui raeionamenti 'secondo la
iualit' ( x a ki o r l ~ q s a )Avremo
.
occasione ditornarci su quando ditemo della teoria dei ragionamenti 'da un'ipotesi' (L S n o S b ~ w gche
) fu
*viluppata alla scuola #Aristotele.
I1 lettore dei Topica vi trover molta roba oltre la logica formale,
sillogistica o non-rillogistica. La distinzione tra formale ed informale
)non ancora tracciata chiaramente. Gran parte del libro 111, ad esempio, si occupa dei ragionamenti intorno al preferibile ( ~ aipercbsrpov),
b
ed i2ristotele pone tesi quali 'Ci che piU permanente e duraturo
preferibile a ci che lo meno': e 'Ci che scelto per se stesso preferibile a ci che scelto per qualcos'altro'.* Abbiamo qui una 'logica
dcl linguaggio comune' pi6 che una logica formale, e lo stesso vale per
13 seguente tesi: '(quantunque la disposizione sia il genrrs della cono%,
ToD,<~,VII.~
t,,,2~,01.
" D c l o ~ hrii>ich .i,
(~79'3,)
" l'om<a, 11 ro ( r ~ + @ ~111.
l , 6 ! r r g b ~ , k IV J ( 1 ~ 7 ~ x 8 1V., 8 !137'r41, VI. 7 !~4>'3dl,
'11 i l i i i ' 6 l VI1 i I i ~ i 4 1 .
" Ibsd,IIt I 1116.r31
* Ibid.,111. I (.ld.lgl

sccnza) la conosccnza chiamata conoscenza dell'oggetto conosciuto.


ma lo stato o la disposizione si dice essere non dell'oggetto conosciuto,
ma dell'anima.'"
Aristotele cerca. tuttavia, di generalizrate quanto pih possibile le
proprie tesi, come quando generalizza, estendendole ai comparativi, alcune delle rceolc da lui elaborate a orooosito dcl orcfcribile."
Nell'ultimo capitolo di De sophisticir elenchis. che va considerato
anche la conclusione dei Topicn, Aristatele afferma chc, prima d'allora,
non v'cra ancora stata una dottrina sistematica della dialettica, in quanto distinta dalla retorica:
'Mcntrc sulla retorica v'b molto d i e b g i i stata dctto molto tempo fa, invece
sul rogionsmento (ouMo~i<r?rUrrr)non avevamo arsolunmcnte nulla da ricordaic, n>r per Iiingo tempo abbiamo continuato a lavorare i n ricerche sperimentali.
Se, allora, conridcrato ci, vi sembra che da una situazione qilalc io ho descritto lo
studio sia pervenuto ad una condirione sodisfacente a paragone delle alire riccr:' :L?IC \
u I \ I I ~ ~ ~ I -c:opm
IC
<ir!l>
i:a.l:, cric. iI!or<a ru, : i c t i ~ h :rvcie
..lio il'<.mi- Il- >n r i i i r i r a - c -'icdi ic<ivi:mi pi.r I..li:iini.<I~."i
mia r .<
rrd
e c ' r l 1 c r l 2 > : l i c~ldimcnlc1'1 1cr~cp.iieiiier.rracon'ienc."'

..

PoichC noi riconoscianlo ad Aristotele che egli fu il primo autorc d'un


trattato sul raeionamenta c ooichi- anclie noi voeliamo annoverarci tra
i suoi discepo<, dobbiamo tcattare la sua opera &me egli richiede. Ma,
a differenza dei suoi uditori. noi abbiamo la possibilit di studiare la
sua opera oosteriore. e oerci non ci soffermeremo oltre sul orimo
t:lit..ii,.i> d i 1 !i f?i:o li ~:i:itcr crdiiic nel c.>s Caii~eliirte ~Icll'Orga,:o,i, i TC,WCIcor~iniinnno2.1 rvriit irr i l loro inflii-o qii21i <tiiJiosi
dt iilosohr sino a: re:olo siJ:i. ,il. <e ya:diz.ro indietro. c o i poisia.
mo dire che essi i b b i r n ~n.o:to c o ~ t r i t > u i~t ~l : osi~i!uppodelli !oicl,
\C n >n iii.lirrii i.ii~i,tc i.tr~vcrir>I'icipul\u d i er\i dlio all'l-lahnrlzione della teoria medioevale delle c o > i ~ o ~ t e ~ ~ f i a e
Mentre. nei Topicu, la parola 'sillogismo' era usata. canformernente
all'timo, per qualsiasi ragionamento concludente a partite da pih d'nn3 premesia, &gli Airoly;ico essa usata, in senso $6 stretto, per un
ragionnmento clic collega due termini
mediante un termine
medio; e in molti passi degli Anolytica priora Aristorele afferma che
tale ragionnmento interviene in ogni prova clie possa propriamente dirsi tale." L'elaborazione delle tegole della sillogistica il massimo tito-

" roprru, 1v 4 (iilb,,I


l i i d . 111 I

" Dc iopb

ilrrr, h.. 34 liRi.81.


A?: nr , I . ~ + l ~ o h 1.29,
~ 6 ~ >ol+Y:>J,
,
11

2>(6R'Sl

I , .ielli f7in.t di cui iiri:ii>i21r Ai>~lr


qii~li.
'<lbiic>,rrn ,: ~1ci.criconorccrc

.I 4 ~ c l l uS : ~ I ! J P ~ YL ,U ~>'; ~ ( : L ~ ~ : J I c I or "13, t i p p r c r ~ n t LI,


. 4 miriicll'intcrcsjc i\tt>~otclcarxv; .I ~ . I L , . ~ ~ V C : I Ll" \ t t ~ . ! . ~ ~ !sil:o;!.
ci
mii (ncl senso stretto in cui egli usa questo termine) fosse la parte cenrialc dello studio del ragionamento, perch arriv a credere che, inogni
;isserra degno d'essere preso sul serio come tesi della scienza, un termine
ueneralc era asscrito o neeato d'un altra. o universalmente a in parte.
?usi, nel primo dei passrsummenzionati, ove egli cerca di spiegare
l'importanza centrale della sillogistica, egli inizia dicendo: ' necessaiio ihe oeni dimostrazione ed ieni sillo~ismoritovino o che qualcosa
i7?3u!cnc LI (h,. q t t ~ l i ~rsuin 3p;rtr:icrir. c ci u uii.i.rrr iItniiiie o ir.
rir " Sc :ivi ,i ~r\.imc'hc ):li x.acrti 3:111:11,111>.11 quali !,I-mcii: Jch!..i,,
~ r r r c r ; d ~ l l, it c , . ~ii>rxiJ ;cnrr.ilc, i: rciro <r,;ii<.<lasC.comc\*eJrc
iii. qum".ln cinm:nctrm., nri pntticoliri Is ?or:rini d'A::stotcle
.\:a 51
l,>ir:bbc d>manJare pcrchC, ncllc suc o;ic:c postcrior., egli stbia an.
;>essotanta importaii~iagli asserti generali come quelli menziondti qui.
IJnn soeciale attenzione oer tali asserti sis evidente nella dottrina dei
predicabili che Aristotele us nei Topica, ed implicita in quella dotriina platonica dell'interconnessione delle idee, onde dobbiamo s u v
,> rrr. .hc sia inimia In stia tn:rc> Q ~ i ~ r i d
~\r.stoiclc
o
a<cciiwc h . r ~ I .
: , I > . ~ < . v u n o < . C~Or~cI . C<I~nixirnlio.izo ?i.>vn rc non st:bil:\a uni pro
~~osizione
del genere menzionato, egli non faceva altro che enunciare
<logmaticamente ci che prima aveva assunto generalmente. Ma l'itrisidimento del dogma sembra si sia compiuto in relazione all'elaboraiione della teoria della scienza presentata nerli Anaiyiico porteriora.
Nel sguito ci occuperemo phncipaImente2eiia do;trinadegli Anol ~ f i c prioro.
a
put avendo occasione di considerare anche quel che Aristotele dice in De interprctotione.

..

"

,In p,, l.

2, (40'231.

La teoria iristorelica del signilicato e della verit8.

4.
La teoria aristotelica del significato e della verit

I capitoli introduttivi di De interpretotione paiono strettamente


connessi con la discussione deila veri13 e dclla falsit ncl Sofirto platonico; infatti,Arirtorele comincia dicendo che devono definirsi i termini
'nome' (evova), 'verbo' (Eriira), 'proposizione' o 'asserto' (hbyos). Come Platone, egli considera tanto le parole dette quanto quelle esperienre mentali (rai?+a~a) o pensieri ( v a i i p a ~ adelle
)
quali esse sono i simboli. Egli yugl direche ai pensieri che primariamente appartengono i
predicati~>eo'e 'falso', evidentementeperch, mentre le parole dette
variano col variar dei popoli, invece i pensieri e le cose, di cui le p%ole.
sono immagini (bvo~cbpara),sono eguaii per tuttj,La verit o faisith
delle parole dette 6 derivata."
Aristotele segue Platone anche in altre due tesi. In primo luogo, e g l i
dice che ogni pensiero o parte del discorso, che debba essere vero o falso, deveessere composto. Il nome,o il verbo,presoda solo ha significanza ( D ~ P C L TI),
~YE
ma
L non veroofalso."In secondoluogo, egli riconosce
che le parole dette sono significanti per convenzione (x& ouvi~iixiivj.'
Egli disting;e il nome dal verbo dicendo che il nome 'senza tempo'
(uvru xpbvov)," mentre il verbo 'significa in aggiunta il tempo' (xpoua q v a i v ~x~bvov).'
t
A Quanto Dite.. e.d i conce~iscei verbi semDre in un
tcrrrio deinito li! plr,nin, 11 pre*?ritc, i l fu:uruj, <io; nc,pinp- 16 i i o r i IIL.<II pre<lic3zm:e ~ n t c m p o r ~ lhla
e . CI;, non i. ccrio. i l l i finir di4 cnpito.
Iii r di Da i:<r.iri::r,ut~c
;.'. inll.ti. u r 3 ~l:st.nlioretra !'uso dcl i,rrbo 'essere' 'semplicemente' e 'secondo il tcmpo' (ij i;hW5 4 x a ~ xpb
vov) che si potrebbe forse inrerpretare come una contrapposizione tra
asserzione con determinazione del tempo [tenredl ed asserzione senza

59

rleterminazione del temno Iuntenredl." Pu darsi che Aristotele volesse ammettere ci che ;' diiamato Fuso onnitemporale del presente
(l'uso che copre il passato e il futuro cosi come il presente), ma volesse
p;edicazione strettamente intempotale poich questa
negare
e r i connessa con quella metafisica platonica del regno delle Idee intemporali da lui abbandonata. Se cosi, questo passo ha avuto serie consepuenze per la 6losofia della logica d'Aristotele, come vedremo poi.
Entro gli enunciati (hbyor) Aristotele distingue una classe speciale
cui soltanto appartiene l'essere vero o falso. Sono gli enunciati dichiarativi in quanto distinti daiie preghiere e da altie enunciazioni che non
sono viie o false, pur avendo significato completo. Il n6ineTcnico che
Aristotele usa per l'enunciato dichiarativo &?;b+aiG-X6YoS
gavr~xb~."
I logjci, al riguardo, hanno generalmente seguito Aristotele
C respiniole preghiere, i comandi, etc., come enunciati aventi mero interesse retorico. Vedremo che v' una confusione in questo tenrativo
di determinare la sfera della logica.
Ouantunaue le nozioni di verit e falsiti siano essenziali per la sua
q x f i m o n e J c 1 1 ' & : ~ ~ ~ ~ ~ l. oxr?o:< , ri-.stite!e non s'impegnl i dnrnr
:im di.fin:ri,nc nei sua! rcrir:i logici Sella .l!rrapi)rrrc. turt1v:a. tioilamo auanro s e ~ u e :'ELISO
dire. di rib che . CI e non . o , di ci che
non , ;he , ed"& vero dire, di ci che , che , o, di ci che non ,
che non .'" Anche qui Aristotele segue la dottrina del Sojrta platonico.
I primi quatrro capitoli di De interpretatione non vanno molto a
fondo. Aristotele sembra impaziente di procedere alla sua dismssione
delle coppie contradittorie ed alla classificazione fonnde cui essa conduce. Come altri autori di grandi scoperte logiche, egli un po' insofferente della filosofia della logica; troppo fastidioso arrivare a una vera
chiarezza sui preliminari. Purtroppo. a trascurarli si incorre in qualche
difficolr logica. Nel caso d'Aristotele, il risultato di quell'insofferenza
Z la tesi, molto strana ed imbarazzante, che egli fa propria nel capitola g di De interpretarione.
Prima parlare di questa tesi. giover dire qui che Aristotele accetta
in generale i principi che poi si sarebbero chiamati Principio di NonContradizione e Principio del Terzo Escluso. Essi sono formulati in
vari passi dclla Aleiophyrico (in particolare, in un passo contenente le
$unmenzionate definizioni di verit e falsit), e suonano cosi:
"

cc,. *.acA"

p,. I. i, (345).
Dr inr<ipr<rationr. 4 li?= u.1
, % l c r r p h ~ ~ ~r.7
r o , (iair'26.271.

L'Org~riotrdi Ariaorrlr

60

'I piinripi della dimostrazione.... conie, ad cscmpio. che P nccerrario in ogni


CTKI o affermareo negare, e che impossibile rimulianeamuite esscrc c non essete.'

'11 pi6 saldo di tutti i principi primi E che E impassibile per la srrrsa cosa appartencic e non appartenere ~llastessa corr neUo stesso tempo e sotto lo stesso
aspetto."'
'Non possibile chc vi sia qualcara tra Ic due parti #una contradirione; al
contrario, i. ncccrhario a affcrmzreo ncgare un'unica cosa d'una qualsiasi unica
COS~.'~

Di questi tre passi, il primo ed il terzo offrono formulazioni alternativc del Principio dcl Tcrzo Escluso, mentre il primo ed il secondo offrono formulazioni pi6 o meno elaborate del Principio di Non-Contradizione.
Nel capitolo 7 di De irrferpretafiotre,Aristatclc revoca in dubbio
l'assunzione che ogni enunciato dicliiarativo sia vero o falso. Potrebbe
v-i,l.i iir C ' I - .:,li c i i a1,hi.i fi1:t3 chizr~n:entesua q1cs:o tesi. ma con
b <"<i. :nfirii, l i iiii t i i i , c:ic 1'ess:rc veio o f d r o a?partcnp.i s~etanio
r i i encrciai: dliliinr:r.vt. ~ o i r < b b interdersl
e
ncl ,i.:i~ocli~r.~loiiiie,:!i
. eEunciati siano capaci d'&ere veri o falsi, non gi nel senso che t u f f i
essi siano necessariamente tali. Il principio che ogni asserto" vero O
falso chiamato Principio di Bivalcnza ed stato distinto dal Principio del Terzo Escluso," che generalmente formulato 50 P, o non-P',
ove 'P' indica una lacuna nella quale si pu inserire un enunciato dic h i a r a t i ~Datc
~ . le summenzionate delinizioni di verit e falsit, i due
~oiiiriljiviro. tiiti\.i i.in~n:icstdmcnreequlvnlenti; inf'tti. js 't vcro
slic P e.q~ivi:e 3 'P', c 'f: f~lso.h: l'' cquic~lea 'rtjii.P', cviJenrcmen.
te ' P s ncr-l" equisale 3 .l? \cr:i chc I'u E i.ilw rhc P'. f. iiiiiiorrante
f x c :l21 <1:~3tad!s:iviu~ep<>.ih<:
tn c.irl:<ic ~ ~ iAriiiatclc
t ~ l ~rcioca
i i i Ji.Lhi~il P ~ I I I C( >I C
; ,: .n~,,oIc,?..ir:icnrre~c:ettr :I Principisd:l'l'crro
Fi:l i ~ n
Ti~rr> < o m r n t ~20"
. wiprsiiJeche egli i.c:in cori. L,::, ~ n f ~ ! .
t:, si rc;otti o112 qtiestisne princ:?ir di De i>:izrprc~:~:c>:r
cu\ini<.niir)
il cun.<tru di ~ 3 p ~:untraditiuria
i3
~ i . . ~ l o m iIrJ) culrl>i.ir.~iitrnditror i 3 i. c ~ xdi ~ i i tri . iina Cop[>:3J'as.ert: nei qcnli :o sierrl cus3 i rirlici'm dl.iunb>ricd.

W. ~ I ~ ~ ~ o ' i b - ) ~ l .

" Ihiil.. L l liail"l9 il1


Ihrd , r, 7 1~nrr'11-111.

,' U ~ i ~ ~8.4r i o 11 ~ i l c ~ . 'lJ~U F ~ , ~ '[ i!,izi,r~rt>i'l come

plrola opnurruniniinrc smhixud criirinirnrc un ronrcilo intcrmw3m 3.t > I IOIIIII


dd dddddddddilililhhhhhhhhh~he h 1 u n 8111 CIIICIII chh h
r i sp,ea.,. .,i,*
'< Da I z u i ~ r i ~ u i c;i~rir.ndicc
r,
r Plirloropb,~rhr Rcs8:,~rki~iirrr;u n>rhirrrr>ltcii Siric#?:ril
drr ,li<irniukrlii,ir. eCorni.i,- rcni!ui dcr Gxilnrir dc lr S a i l i 6 del s c i r n c o a drr lirrrcr dr
\',3rmvt<", ,930, C A~,,,o,I?'' A , f l ~ t ? < ! P.
, < sz.
,

La tmria urirtotelica dclrigniticatoedellaverird

61

rivamente asserita e neeata deiia stcssa iosa." Non evidente che. nel
caro d'opti coppia cantradittoria, un asserto debba essere vero e I'nltro
lalsa. Aristotele trova un'eccezione a questa regola nel caso degli asserti
indefiniti; infatti, egli dice, 'L'uomo bianco' e 'L'uomo non bianco'
sono ambedue veri." In conseguenza, per lui drl tutto concepibile che
l i asserti intorno al futuro costititiscano un'altra eccezione, sia pure
d'altro genere.
Una dificolt in cui Aristotele s'imbatte un ragionamento che si
esporre nel modo seguente. Secondo il Principio del Terzo
Escluso, noi possiamo dire oggi:
..
( I ) O domani vi sar una battaglia nnvale, o domani non vi sar una
battaglia navale.
Quest'asser~ianesembra equivalere a quest'altra:
(1)O I'asserto 'Domani vi sar una battaglia navale' vera, e la sua
negazione falsa, o viceversa.

Xia sembra ragionevole anche dire:


( 3 ) Se . vcro ora che domani vi sari una battaglia navale, necessario, in relazione a questo fatto concernente il presente. che d*
mani vi sia una battaglia navale; e analogamente, se vero ora
che domani non vi sar una battaglia navale, necessorio, in re-

lazione a questo fatto concernente il presente, d i e domani non


vi sia una battaglia navale.

E. da ( 2 ) e ( 3 ) presi insieme, segue la conclusione:


(4) Ci che accadr domani gi determinato, comunque noi agiamo; dunque, ogni deliberazione inutile.

V' cliiaramente qualcosa di errato in questa breve prova del fatalismo. ed Aristatele fa bene a respingerla; ma la sua risoluzione deiia difficolt non 6 del rutto chiara. A quanto sembra, egli ammette ( 1 ) e (3),
C che ( 4 ) segua da ( 2 )e ( 3 ) presi insieme, ma nega che ( 2 ) segua da ( r 1.
Infatti. mentre asserisce che 'ami cosadeve o essere o non essere, essere
csi-ic o ni-n csscte per cwxc',' tuttavia aggiiinge: 'Nor ncccs
iriorl-e.per oni 3tferrn3z:or.ee n c ~ 3 2 ~ o n c 2 ' ~ ~ sop?oit~,
c:ti
I'~ii~Ccl>:i:c r w c vcrn c I'oltr i falr:, In'.it.i. ncl r ~ , <.li
i ri:>chc c<is.s i ~ o t ~ . n ~ i a l .
mente ma non attualmente, non vale la regola che si applica a ci che

62

La teoria aristoreli4dd significatoedella verith

L'Orgrnotidi Aristatele

esiste attualmente."' Ci Dare sienificare chela diseiunzione


d'un
aser,,
-..
..
ra e dcllr ,ii i n:.da,ii,nc piin < \-cc:. \i.r.l rcma clie s i m vcii
~ n6 I'asscrto
i>rlgin.iri~,
n6 :I s J a rejia;.ionc. l:) .Irir I,rr:ilr,r\r~rt~te:e
cerca d'arreriie il IJrinr.pto del Terzo L s r l ~ s opar rcl-in<loi1 Pri:ictpiu di HiiJicnza.
Alil>:iiiiu ,:ti vi,ro ckc questo un eirore. accor pii' sot~~:cnJciirc.
t r i un
capi:ih ov: Ari,totcle kn Latu ,pieFmior.i d c h viriti r i! .[la f ~ l c i t i
c t c rii,:l~nola fonre dsll'errote." hla iiiiiliir chc rcl!'ant:c.iit torre teii diEii,a ckc \.i s i cna
~ connessione rra il Priia:piu di Hiealcnr~ed il
<Ivii.riiii,i,mo Gli s:oici, che erano detcrmini.ti, icncvdnu multo a
questa principio, mcntre Epicuro pensava di doverlo negare per sostenere la dottrina del libero arbitrio." Quantunque Aristotele non dica
rosi, pu darsi che, quando egli scriveva, gii fosse invalsa un'obiezione sofistica contro la deliberazione, affinea quella che i filosofi posteriori discussero sotto il nome di 'argomento della ragion pigra' ( 6 bpybg
hbyoc)."
Ci che errato nella summenzionata argomentazione a favore del
fatalismo non (l),ma ( 3 ) ed il passaggio da ( 3 ) a ( 4 ) . L'errore nasce
dalla confusione sulla natura della verit e della falsit. Come vedemmo
quando parlavamo di Platone, spontaneo supporre che i predicati
'vero' e 'falso' possano propriamente applicarsi ad enunciati o formulazioni verbali (ossia a ci che Platone chiama Xayo~), e anche Aristotele propende a ci. Ci nasce naturalmente dal linguaggio: noi, infatti. diciamo che ci che la gente dice vero o falso, e ci che la gente
dice (in un senso di 'dire') manifestamente un enunciato. Questo modo di pensare e di parlare ci induce talvolta a parlare di qualcosa 'che
diviene vero, si verifica, s'avvera', 'che resta vero per qualche tempo',
o 'che vero in un momento ma non in un altro'. Se, infatti, consideriamo un enunciato quale 'Io sto seduto presso una stufa', si tentati
di dire in un dato momento che quell'enunciato vero in quel momento, ma non era vero prima, n sar vero dopo. Altrove Aristotele stesso
mcnziona ed adotta esplicitamcnre quest'uso."
Una rapida riflessione mostra che questa dottrina del soggetto proprio per i predicati 'vero' e 'falso' insodisfacente. Due persone possono pronunciare l'enunciato di prima simultaneamente, dicendo l'una
d

63

il vero e l'altra il falso. Questo fatto ha gi imbarazzato l'autoredei 66s$ 2 ; Xbyor. Vero o falso non I'enunciato o la formulazione verbale, ma
ci6 che dall'enunciato espresso. La parola 'proposition', 'proposizione' stata spesso usata nei tempi moderni per comunicare questo conrer;o ed . tutto sommato. la ui6 conveniente a questo fine. Per evitare
r.4 .-vacicor.vcrt:i. tutta\,ir, distirfiicrc :ilcti:ii coni.ctii intcrrelnti.
ii . Uii r ~ : u ~ ~ r r . i l o - r ~ r o r[lo*C~.n-s?n!rnce]
r~~t~:a
cn eiiuncinto r.c
.cii.u in ciii poisirn~udirc'Qlieritb a m c t i d c l s ~ opriiiiu rniinciaio' o
L'cviinri%tosiilil Irvagni scritto male'.u Un enunciato in querto scn,d;-cn in<irmr?i seeni fonicioEr&ci chericu:ru:io in iin monientode.
finito o che e s i s t o n o ~ eun
r periodo definito
1 2 ) Ln t.ri,i;r~r~-irpo
[ryp~-rr,nreticc]
s n enunciata ncl acnso in
.,i pi dir,i chc lc >r.s<o eniinciaro ricorra-plii rolte I ~rarmrarici.
.li#~iidu[>ar'lino<I'rnt!ncinti, ecr.ernlmcric si riieriscui!u 3211 enunciatii81.d Un enunc.xio in qcesto scnco rinaccn'igun~iunccomplr.tndisrrni fcnici o grd:i neente sigc:ficaio. Flio non i segn: fonici o gtdfici
>:essi,ind:pcndcntemcnrt dal i s i t o c l i ~i sccni hanno signific2io; i:ifdt:i, noi non chi.micrciiio iiiii cniicciato cn insieme di segni fonict u grd:\.i
noli abbiinio ~ l i r c n ocre.iuto che quel:'insteme di scgrii ivcsse
sienificato. N. d'altra uarte. l'enunciato-tipo ha un significato o conte>;io indip:ndenremcn;c dn tutti i segni dcicrn~iiinti;infatti. inprax i o parlnre dello stesso ccuncinto i i ~1i:i~iicdicrenti: nel caso di piu
linmii differenti si uu uarlare solo d'enunciati corrispondenti
Un osrerto ;n senso grampoticole [rtoiemeni in the grammonon's sense] un enunciato indicativo ( o dichiarativo), ove 'enunciato'
significa 'enunciato-tipo'. I n questo senso, gli asserti sono distinti dalle
preghiere, dai comandi, etc., cosi come Aristotele distinsegli bnoqavrrxoi Myor da tutti gli altri Xdyor.
(.4) Fare un asserio [ l o make a statemeni] pronunciare unenunciato indicativo i l fine d'asserire qualcosa; il s i g n i f i c ~ & ~ e r t o ' iquen
sto contesto non lo stesso che il summenzionato senso grammaticale.
Infatti, come abbiamo visto, le persone che pronunciano lo stesso enunciaro indicativo non necessariamente fanno lo stesso asserto. ed una per*onn pu fnrc 3rrer.t diEererri prununcialdo lu .tc\ro ciiiinriato indica.
~ i v uinocc.tsi3ni diErrerri. ndcsen?pi<i,C:ccn<loin ?:orni Jitlercnti'Og;.I sio 5 ~ J u r o
d.iv.<i.iia LUIB 5t81f~'.
D<31tr3 purrc.. un uomo puL pruruii.
cinrc d . ~ cnuccinri
e
indicltixi di8c:enti ~ i nlolii~iiti
i
<Iiilr.ienttC con ciii
frrc lu ,te\ro 3-crt<> Ljuc V J ~ ~ C34 c<xr1>1:>.
G!:CL~JO
in giorn: succori.

'ij)

La teoria arirtorelica dclsignitcatocdellaverit


vi 'Oggi sto seduto presso una stufa'e'leri stavo seduto pressouna snifa'. Inoltre, dire o scrivere un enunciato indicativo non scmpre fare
un asserto. Il recitare, il narrare, il riferire asserti altmi sono manifeste
eccezioni. Ed ancora: quando facciamo un asserto complesso (ad esempio, un asserto condizionale), con ci noi non facciamo tutti gli asierti
che faremmo usando come enunciati completi le clausole [cluurer] (nel
nostro esempio, la protasi e I'apodosi) da sole. &si, chi dica 'Se Carlo
ha partecipato alla corsa, Mario non arrivato ultimo' non afferma che
Carlo abbia partecipato allacorsa e non nega che Mario sia arrivato ultimo, quantunquevi siacertoqualcosa cheespressa da ognuna delledue
clausole (ossia, dalla protasi e dall'apadasi).
I r Unrprcpor!:r<:s: I?ru,?i~iir~ii~~l
d .ur,(e
;ropori:iii>i.i!e [proi.cr~r;oadro>:fecr!,C ci6cl.r ;.nirrriio ii-I !.irr.un i::crtu bchc i. L , ~ T C S ro. senza ~sse;.ime. nel pro.liir:c i i r n r13 :iil.i cniiic qitcllr consii'rrsrr
or ora .laniie~tamcntc.C fodatxenr:liner~enl!e :>r~poi:,ioniclieconI en:~?no i prcdictti \,:TU'
C falso'. Infatti, iffincl; queste parol:. con\,en;lno. nr,n T ~ P C C Wio~ I
;C ~ 51C sia detto O scritto un cualche enunciato particolare, n che si sia previamente fatto un qualche asserto. Ci
che cspresso dalla protasi odall'apodosi d'un asserto condizionale pu
correttamente caratterizzarsi comc vero o falso. I1 concetto di proposizione ha generato alcune difficolt filosofiche che saranno menzionate
poi. ma non si pu seriamente dubitare di quanto s' detto qui sull'uso
di 'proposizione'. Sia gli enunciati, sia le clausole che esprimono proposizioni possono dirsi segni proposizionali. Nel latino medioevale, proposifio era usato nel senso di 'segno proposizionale'. (Questo stesso significatoebbe talvolta 'proposition' in inglese, m i nell'inglese moderno
propositio?~'equivale a 'proporilional content'.)
(61 Una designazione d'u~iaproposizione [designntion o/ e proporifionl una clausola introdotta dalla congiunzione 'che' o da un suo
equivalente linguistico. Siffattiespedienti linguistici devono essere permessi al logico se egli deve discutere di proposizioni, come necessario
per chiarite il concetto di validit. Nelle lingue europee moderne, I'espediente deUe virgolette a volte usato come un mezzo per designare
la proposizione che potrebbe venir espressa mediante l'uso dell'enunciato indicativo entro le virgolette. (Esempio: 'Egli disse: "Stavo scevendo,"il che era vero.') Quest'uso deUe virgolette va distinta dail'uso
che serve a formare la designazione d'un enuiiciato-tipo. (Esempio: 'Egli disse: "Eri dr a scriv," il che ella non comprese.') La distinzione
chiarita da quanto segue: traducendo il primo enunciato, noi possiamo
tradurre la parte tra virgolette senza alterare il senso o modificare il va-

65

lore del tutto, mentre non possiamo fare ci con la citazione indusa nel
secondoenunciato,
Fatte aueste distinzioni. ossib bile mostrare dove siano eli errori
in De infkpretatione. L'argot&ntazione nel capitolo g falsa poich
Aristotele concepisce i predicati 'vera' e 'falso' come predicati applicabili a oualcosa ~~robabilmente.
un enunciato) in un ceita momento.
Ci chi imbaraiia Aristotele i l fatto che noi possiamo dire 'E vero
ora clie vi sar una battaglia navale domani'. Ma questo 'ora' superfluo. A orima vista sem6ra la~alissionodire. come Aristotcle stesso
; l i i ~:ICli., !.lcl~ph,r:r~. <Diccil i.:o colui che dice, ?I cih rl-Ci.chc C,
< , J i ci che non ,chr non i.' hla f u proyrio q i i e m cirattc:e a r3ccrr
:-~nc'ore l? .rlini.,,nni: srirroirlics ai ! ~ ~ i pn<terio:i
ci
che vulcvann evi.Ire :nncc;$. iriz <li""icoltimet~fi,ichcconcernecri la naturl Jrlln veri
I. gi~ist:ii;~t~.
infatti. 12 dcf.niz:onc nrictote
t i IL Itiru .i!ili~oi~;izionc
1ic.i J j il f ~ : piU
o irnportwtc 1rtori.o 31 predicato 'vcro': sc '?' 2 un
.,;~lsinri seAno prcyos~ziorale.allora 13 propoiiliote chc.1'~ I; FIOl>Ocizhne che i. vrro clic-P SI cutxpurtdno Ito ec/r,il l'un2 l'altrd. Ci
vale anche quando il segno pro~oiiziona~e
un enunciato al futuro. Infatti, clie domani vi sa& una battaglia navale vero se, e solo se, domani vi sar una battaglia navale. Introducendo la frase ' vero che'
noi, intorno al determinismo, non facciamo alcuna assunzione che gi
non sia fatta con I'uso dell'enunciato semplice al futuro. Ma ci inganniamo per quando parliamo. come fa Aristotele, dell'essere vero ara
ihe domani vi sar una battaglia navale, poich, cosi facendo, noi ci
induciamo a supporre clie domani sera, quando la battaglia sar finita,
sar vero non questo, ma qu~lcor'altto:'Oggi v' stata una battaglia
inavale.' E vero che qui intervengono due d i h r e n t i enunciati, ma ambedue esprimono la stessa proposizione nel senso che accusare d'errore
colui che ne abbia pronunciato uno sarebbe anche accusare d'errore colui che ne abbia pronunciato I'altro al momento giusto.
Il sistema dei temoi erammaticali in una Iineua un esoediente mediante il quale noi iidi;hiamo la relazione temporale in cui nostro e~
nunciato detto o scritto (cio, il nostro enunciato-ricorrenza) sta agli
eventi dei quali parliamo o scriviamo. Un verbo con un tempo , perci, come i dimostrativi, una parola 'ricorrenza-riflessiva' ['foken-reflexiue' wordl; in altri termini, un verbo coniugato ad un certo tempo
indica (ogni volta che usato) l'oggetto del discorso riferendolo alla
propria ricorrenza che viene pronunciata o scritta in quel momento."

66

L'Organoti di Aristatele

La tcoria srirrotelica del significato e della verir

Dire 'Egli corse' indica che la sua corsa avvenne prima dell'enunciazione dcll'enunciato, prima che l'enunciato fosse pronunciato, mentre 'Egli corre' indica che la sua corsa contemporanea all'enunciazione dell'enunciato, e casi via. I tempi grammaticali o espedienti analoghi sono
pertanto indispensabili per esprimere completamente le proposizioni
singolari, cio intorno ad eventi unici; infatti, qualsiasi sistema di datazione che possa offrirsi come alternativa ad essi deve spiegarsi in riferimento al momento dell'enunciazione attraverso la quale esso introdotto.
La frase 'essere vero' usata in tutti i tempi grammaticali, e vi sono
regole alquanto complicate che reggono la sua combinazione con i tempi grammaticali della clausola subordinata. Esempio: 'Era vero che vi
vero che v' stata una battaglia
sarebbe stata una battaglia navale;'
navale;' 'E vcro che vi sar una battaglia navale.' Si noti che in tutti i
casi il verbo 'essere' con 'vero' pub eliminarsi in modo che resti un
enunciato esprimente una proposizione che comporta la, ed comportata dalla, proposizione espressa dall'enunciato originario. Cosi, il primo dei tre enunciati precedenti pub essere rimpiazzato sia da 'V'una
battaglia navale', sia da 'Vi fu una battaglia navale', secondo le circostanze: il secondo enunciato, a sua volta, pu essere rimpiazzato da6V'
stata una battaglia navale', ed il temo da 'Vi sar una battaglia navale'.
L'uso di ' vero'o 'fu vero' determinato da altre condizioni d'adeguatezza che la verit della proposizionc designata dalla clausola introdotta dalla congiunzione 'che'. Esso non aggiunge un'ulteriore infotmazione. I n conseguenza, 'E vero che vi ser una battaglia navale' non si riferisce al momento dell'enunciazione altrimenti che 'Vi sar una battnplia navale'. In breve: da questa forma d'espressione non si pu trarre
alcun argomento per il determinismo, ed Aristotele non obbligato a
trovare qui un'eccezione al Principio di Bivalenza.
Avendo distinto tra enunciati e proposizioni. possiamo anche vedere perch ad Aristatele non forse necessario escludere dallo studio
logico le preghiere, i comandi, etc. Le loro espressioni linguistiche non
sano asserti nel nostro primo senso del termine, n pronunciandoli noi
facciamo asserti nel secondo senso del termine. Ma noi non possiamo
formulare una preghiera, un comando, etc., senza esprimere una proposizione, e quella proposizione deve essere vera o falsa. Cosi, nel comando 'Chiudi la porta' espressa la proposizione che la porta verr
chiusn, e questa effettivamente vero o falso. Questa considerazione
spiega il fatto,,evidente se ci si riflette su, che i comandi o Ie preghiere
possano stare in relazioni logiche l'uno all'altro ed essere di varie for.

'e

67

me logiche. Se una persona dice 'Chiudi la porta' e un'altra dice 'Non


chiudere la porta' parlando tutt'e due d a stesso ascoltatore ed in successione immediata, esse si contradicono l'una l'altra. Analogamente,
possono esservi richieste condizionali (ad esempio: 'Per favore, vieni,
se fa bel tempo9), domande esistenziali (ad esempio: 'Vi sono uomini
su Matte?'), etc.
Assetti, comandi, richieste, etc., devono distinguersi secondo le loro M e r e n t i funzioni nella vita sociale. La funzione degli asserti b precipuamente, anche se non unicamente, trasmettere informazioni; la
funzione dei comandi e delle richieste, indurre qualcuno a far qualcosa, e casi via. Al fatto che un certo tipo d'enunciazione ha una cena
funzione connesso il fatto che un'enunciazione non soltanto esprime
una proposizione, ma anche manifesta o mostra un atteggiamento verso
li proposizione espressa. Quando facciamo un assetto, manifestiamo
credcnza nella proposizione espressa; quando impartiamo un ordine,
manifestiamo desiderio che la proposizione espressa sia vera. Possiamo
essere insinceri nel manifestare uno di questi atteggiamenti. Se simuliamo di credere, si dice che mentiamo, ma la nozione d i menzogna non
i. estesa ad altre forme d'enunciazionc (tranne forse le promesse). E
per laloro funzione precipua di trasmettereinformazioni (cio, d'indurre altri ad accettare come vere certe proposizioni) che gli asserti si valutano precipuamente veri o falsi, mentre i comandi si valutano saggi
o non saggi, e non solo in considerazione del fatto che essi siano o no
ademoiuti. Per auesta razione usa caratterizzare gli asserti in ambo i
sensi'come veri falsi. '
Giover enumerare qui var usi differenti di 'vero' e 'falso' e spieq r n e le relazioni:

( I ) k proposizioni sono vere o false nel senso basilare.


( 2 ) Gli enunciati-ricorrenza sono veri quando esprimono proposizioni vere.
( 3 ) Gli enunciati-tipo della variet degli asserti sono veri quando
esptimono proposizioni vere. Fu la possibilit che un dato enunciatotipo contenente un ricorrenza-rincssivo esprima una ptoposizione Vera in un certo momento e in un certa contesto, e, in un altro momento
e in un altro contesto, una proposizione falsa, che port all'aporia dei
6:moi b d y o ~ed anche a quella del capitolo g di De interpretafione. Se
'~iulsodal contesto, u n enunciato contenente un ricorrema-riflessivo
non esprime proposizione alcuna e non si dovrebbe chiamare vero O
falso. Ad esempio, I'enunciato 'Domani vi sar una battaglia navale'

qual usato in questo capitolo, essendo puramente illustrativo, non


esprime alcuna proposizione. Tali enunciati sono imbarazzanti perch
di essi possiamo dire che 'divengono veri', 'restano veri per qualche
tempo', 'cessano d'essere veri'. etc. Ad esempio, 'Il monarca che regna in Gran Bretagna una regina' f u storicamente veto in va*? m*
menti, vero ora e cesseri di nuovo d'esscre vero. Questo significa che
in certi momenti la situazione tale che l'enunciato esprime una prooosizione- vrra.
(.<l L l o ~pc,r.ond f., tu, o ~ . r t c >\,.--Pq t , * ~ l vn11nci8,
o
prnn mcia, un
.niiiiri.q.ii cl~rl.i::.it:~ 7 <'i: r<l,ti-neun2 propmizinne 1.erz Cm c' 61iopro cIie cssl sii sincera. i n f ~ t t ii., ;,ur,.bilc !?:C un i,,crto icro per
errore, credendo di mentire
(li) Credenze, pensieri, opinioni sono veri quando le loro espressioni sarebbero espressioni di proposizioni vere.

5.

Le quattro forme d'assetto generale.

Da tutto ci risulta che, in De interpretafioile, Aristotele ha comniesso due errori. In primo luogo. la con(usione tra enunciato ed asserto da una porte e proposizione dnll'altra lo ha indotto ad un fallace ragionamento sul determinismo e pertanto ad una innecessaria limitazione del Principio di Bivalenza. In secondo luogo, la sua limitazione agli
enunciati dichiarativi lo ha indotto alla falsa credenza che non vi possino essere relazioni logiche tra cnunciazioni d'altri tipi. Questi due
errori sono gravi in sede di filosofia, ma, per fortuna, meno gravi in
sede di logica. I1 primo errore non ha gravi conseguenze per Aristotele.
perch (come gi si vide a proposito dei Topica) egli tcnde a limitare
l'attenzione agli enunciati generali. Le difficolt concernenti i tempi
grammaticali cd i ricorrenza-riflessivi non sorgono a proposito degli enunciati gcnerali della scienza, che, se esprimono proposizioni vere,
sempre esprimono proposizioni vere, purch rimangano inalterati i significati dei simboli cosrituenti. Pertanto, l'errore d'Aristorele ne1 capitolo 9 di De inferprerotionr non ha gravi conseguenze per la sua lagica qual sviluppata in nltre parti di Dc i~itrrpretutionee negli Anolytica
piora N serie conseguenze ha il secondo errore, poich la logica si occupa dclle relazioni tra proposizioni, e, una volra che queste siano state
elaborate, i risultati possono applicarsi ad enunciati differentidagli sssetti.

I n DPinterpretarione Aristotele abbina gli asserti in coppie tali che


i1 secondo asserto sia la neeazione del orimo. I n -genere.. - ma. come
.,l>kinmov i r t ~noil
, ,<,rnl>rr.-dei 2ue r,jctti I'tirio < a r i anche ilcccttr.
t:orio ~ e i i ' l i t tnr
~ qcnso che urio dcvc c>wr \,?:o e l'altro f.ll\u r\
i r t i ie il clut>l>io
czso dceli 2iicr.i irtgirriti ,l futuro, 1'eriien.e rcccrio:ic
questa regola l'ass,to indefinito (ad esempio; 'l'uomo bianco').
L'unico modo di negarlo dire 'l'uomo non bianco', ma, come rileva
Aristotele, questi due assetti possono essere congiuntamente veri."
I.'asserto indefinito viene ora espunto dalla logica. Negli Analytica priora Aristotele dice che, ai fini della sillogistica, I'asserm indefinito equivale all'assetto particolare;" in altri temini egli. conformemente alla
dottrina gi adombrata nei Topica." considera i'asserto indefinito la
disgiunzione dell'asserto universale e dell'asserto particolare che per
forza inferenziale equivale a quest'ultimo. Cib giustifica in qualche misura che lo si tratti come asserto esiltenriale.
Espungendo l'assetto indefinito:Aristotele riconosce tre forme d'asserto ch affermano un predicato d'un soggetto: illngola;e, "universale, il particolare.ln un asserto singolare il termine fungente da soggetto &il nome d'un individuo che non pu a sua volta predicarsi di
qualcos'altro: ad esempio, 'Gallia'. I n un assetto generale, invece, il
termine fungente da soggetto il simbolo d'un genere: ad esempio,
'uamo'. e si pu predicare di molti individui. Gli assetti che cancernono generi possono poi distinguersi secondo che siano o non siano universali. Cosi,'Ogni uomo bianco' universale perch intorno a tutti
gli esernphri dcll'umaniti, e va distinto dall'asserto particolare 'Qualche uomo &bianco3. La parte preminente della teoria d'Aristotele si
occupa d e l.
l 'o p p ~ i - j z i ~ n egserti
~ r a universali ed ~ s e t tparticolari.
i

" D<i-ier~xrrianr, 7 l175o).

:;:D~:;l,:~x::!;,

r,,.

LE quattro forme d'asserto generale

Ilombinando la distinzione tra universale e particolare con la distinzione t13 dermativo e negativo s'ottiene una tetracotomia degli aslserti generali, secondo il senuente schema, ove nani tipo iUustrato d i
un esmpio dello stesso Aristotele:

Uniaersoie Affcrmariuo( A )
Universale Negarivo ( E )
Ogni uomo bianco
Nessun uomo bianco
Contrari

Porricolore Affermotiuo ( I )
Qualcheuomo bianco

Particolare Negativo ( O )
Qualche uomo non bianco

Per facilitare il riferimento. abbiamo aeeiunto le auattro vocali ( A .E.


I , 01 con le quali, dal medioevo in po["si sono dfstinti i quattro tipi;
ma esse, naturalmente, non fanno parte dell'opera aristotelica. Neppure la fimra, chiamata comunemente quadrato d'o~oosizione.si Gova
nel testa dtAristotele stesso, ma essa fornisce un'urile ginossi della
dottrina d'Aristotele. Secondo le spiegazioni da lui date, gli asserti sono opposti come contradittori ( d v ; r q & ~ x ~ < )quando noipqssono essere ambedue veti e non possono essere ambedue falsi; come qotrtra;i( I v a v ~ l o x ) "quando non possono essere ambedue veri ma possono'ey
sere ambedue falsi. Talvolta, per l'assetto particolare negativo egli usala forma 'Non ogni uomo bianco'," la quale mostra chiaramente che
questa deve considerarsi la negazione semplice deli'asserta universale
affermativo. I due asserti particolari, nela tcrminologia dei logici posteriori, sono chiamati rubalterni agii asserti universali sotto i quali
essi compaiono nella figura, e gbcontrari l'uno ali'altro. Pur non urando queste espressioni, AristoteieSiiEi~essaa tali relazioni, ed assume
che rli asserti subcontrafi non oossano essere ambedue falsi DUr ooten< < i c.<crc ~iiihiJur.
\,:.ri Lo Ji:nortta il f m o che egli li qunliiic3i i contradirtor? .lei continti Ino'i-i., cali a,,:iuic ilic uani j:,crto u n i i c r j i l C
<onimrii
il .
pr<iprii>
,iihnlternu. An3:irzcrem, srn la teoria arirtatelici
.
.
dell'opposizione

..

. .

7r

Il hisctno di d:s:inpc:e tra i contrari c<l i ~ontrxlittorldei:; 3sserri pcner.ili mostra che gli arscrri generali hanno una comple~riiilo,;,<a cliu niin <i ritrova negli nsrrrti slngol~riQuani ,nquc 'Ohni uomo
c biaiico' e'Qualche m m o bi.in.o' s:uiu, ,orio certi ;spetti. gtuinid.i:~lmente sim:li 2'Sucritc C Liancu'c'Pl..ionc C Iii3nco'. mttnri3 'ogni
uomo' e 'qualche uomo' non sono simboli dello stesso genere che 'Socrate'eCPlatone'.Vale a dire, seuna diqueste frasi sostituita a'Socrate' neli'enunciato 'Socrate bianco', il risultato della sostituzione dille.
risce dalla frase originaria altrimenti da mme ne differisce 'Platone
bianco'. Si ignora questa differenza quando si dice senza ulteriori precisazioni che gli asserti generali hanno la stessa forma soggetto-predicato
che gli asserti singolari. Perci recentemente si tentato di riformare
la dottrina &Aristotele esibendo meglio la complessit deUe proposizioni generali.
Questi tentativi generalmente muovono dall'ossemazione che gli
asserti particolari, sia affermativi sia negativi, sono asserxioni d'esistenza. Scriviamo, invece di 'Qualche uomo bianco', 'Esiste qualcosa che
? e uomo, e bianco', o, per brevitb, '!(U&B)', e invece di 'Qualche uomo non bianco', la formula corrispondente '!(u&B)', ove la sbarra
orizzontale urara per formare la negazione dell'espressione sopra la
quale la sbarra apposta. Allora, assumendo che l'asserto universale
affermativo sia il conttadittorio del particolare negativo, e che l'universale negativo sia il mntradittorio del particolare affermativo, noi otteniamo il seguente schema d'opposizione:

!(uaB)

Uniuersde Negativo
!(U&B)

Parficolare Affermativo
!(U&B)

Particolare Negativo
! ( U a

Uniuerrale Affermativo

Questo metodo di simbolizzazione ha il merito di mettereindievo due


punti di notevole interesse.
In primo luogo, gli asseni universali negativi e gli asserti particolari negativi sono raggruppati come asserti negativi solo perch contengono ambedue una qualche
negativa, ed errato trattarli
ambedue come negativi nello stesso senso che 'Socrate non bianco'.
In un enunciato quale8Qualcheuomo non bianco', la parola 'non' dev'essere presa insieme con la parola 'bianco'. Con l'espediente cbiamato
obversione noi, re vogliamo, possiamo scrivere l'enunciato nella forma

Le quattroforme d'asserto generale

'Qualche uomo non-bianco', per mettere in rilievo il fatto che nel suo
insieme queli'enunciato non meno affermativo che 'Qualche uomo
bianco'. Analoedmente. a 'Nessun uomo bianco' ou sostituirci. sema
alterarne il senso, 'Ogni uomo non-bianco'. che La lo stesso stotus di
'Ogni uomo bianco'. Aristotele consider l'uso dei termini privativi
ed ammise che 'Ogni uomo non-bianco' comportasse 'r\Tessun uomo
bianco'." ma rigett i'implicanza inversa, che richiesta per l'obversione, poich ' non-bianco' potrebbe interpretarsi in un senso pi6 stretto
che 'non bianco'." B vero che i termini privativi, come ad esempio 'ingiusto', tendono ad acquistare un senso oositiva a s che li rende con;rari, piuttosto che coniradittori, dei t e r k n i positivi a partire dai quali sono stati costruiti; ma non il caso di curarsi di ci in questa sede.
poich, in 'non-bianco', il trattino d'unione serve solo a m'strare la ri:
levanzd logica, e non a creare nuove espressioni per l'uso ordinario.
In secondo luogo, gli asserti particolari affermativi e gli asserti universali negativi sono convertibili, possono convertirsi senza alterazione di senso. Vale a dire, 'Qualche uomo bianco' l'esatto equivalente di 'Qualche cosa bianca un uomo'; 'Nessun uomo bianco', di 'Nessuna cosa bianca un uomo'. Nella nostra simbolizzazione delle due
forme d'asserto ci mostrato dal fatto che 'U' e 'B'assolvono offici
affatto simili, tranne che l'uno appare prima e l'altro dopo il segno di
congiunzione. Gli asserti universali affermativi e d i asserti oarticolati
neg3tii.i. !neecr. non ?sssono ccii,ertirai, pciih? i luto tcriniiii d,-ol\ano o t F ~ d
i i f i c r ~ n t icome
.
appare dalla d:rrr.>uzione dei segni di ned.tzion? n:! i i o i i r i ailn5al:rniu. Scl p ~ s s ou i c discutc l~ coni,c:,ione9
A:ijtote!e rora cl r v ' s uns diflir::u.i, n d scstirce chc I'a,,:rto c.,ivrr.
sale ;!crmitivo~~~n:~l~nr~it~coni~cri~bilc,cio!cl.e
noi pcrsismoconcli.dcrc A i ' O ~ n ?iacere
i
i.h ~ o n on' 'Qu3lclie cosa Lconl .>n~ : l c c r i ' .
Questa dottrina manifestamente connessa con l'assunzione aristotelica che gli ssserti universali comportino i propr? subalterni. Infatti, se
possiamo passare da 'Ogni piacere buono' a 'Qualche piacere buono', possiamo certo aggiungere 'Qualche cosa buona un piacete'. Ma
resta ancora da vedere se l'inferenza dagii asserti universali ai loro subalterni sia valida entro lo schema in esame.
Ma ecco una difficolt. Se gli asserti generali non comunicassero piJ
di quanto sia previsto nel nostro nuovo schema, sarebbe indubbinmente scorretto concludere da un asserto universale al corrispondente as-

73

serto particolare; infatti, l'esistenza d'una cosa d'un certo genere non
segue dau'inesistenza di case d'un altra genere. N la differenza del
nostro nuovo schema rispetto a quello di A r i s t o t e l e t t a
qusnto concerne la logica, sffattopossibile che '!(U&B)' e '!(U&BY
esprimano ambedue ptoposizioni vere, e, analogamente, che '!(U&BY
e '!(U&B)' esprimano ambedue proposizioni fdse. Se noi assumiamo
che gli asserti nella prima riga della nostra tavola siano nella relazione
in m i sono gli asserti contrar? aristotelici, e che gli asserti nella seconda riga siano nella relazione in cui sono i subcontrari aristotelici. soltanto perch noi assumiamo che vi siano uomini, il che un fatto concingente. Si quindi ipotizzato che per Aristotele, e forse anche per il
comune utente d'una lingua naturale. gli asserti universali abbiano smpre portatn, o senso, crirtenziale [exirtetrtial import], il che, nel nostro
nuovo simbolismo, pu esprimersi scrivendoU
(!'&~&
)U
!'
per quello
affermativo e '!(UorB)&!U2 per quello negativo. Sarebbe naturalmente
vano aggiungere '!V all'esprcssione d'un asserto particolare, poich
un'asserziane dell'esistenza d'un uomo che bianco, o. rispettivamen.
te. non-bianco, gi involgc un'asserzione dell'esistenza d'un uomo.
Q ~ e s t ' i ~ o r econcorda
si
indubbiamente con quanto Aristatele dice sulla
subalternazione e la contrariet, ma discorda da quanto egli-ll'opposizione contiadittoria. Infatti, la negazione stretta di '!(U&BW
!U' non '!(U&B)',ma la disgiunzione di '!(U&B)'? 'D: E, viceversa, dalla falsit della proposizione espressa d a ' ! ( U & u n o n possiamo inferire la vcriti della proposizioneespressa da '!lU&B)&!U'. Dobbiamo allora dire che la dottrina d'Aristotele sia inmcrente e respingerne auella Datte che sembra richiedere l'assunzione della portata esiitenziaic per.gli asserti universali?
Per malti secoli, tuttc le relazioni asserite da Aristotele furono pacificamente accettate dalle innumerevoli persone che studiarono la sua
opera. E quindi assoi verosimileche la sua opera aia un'immagine fedele
dell'uso normale degli enunciati che sono costruiti con parole come 'ogni' e 'qualche'. Ed anche sccondo l'analisi degli asserti generali in termini d'esistenza ed inesistenza, la dottrina aristotelica pu facilmente
giustificarsi nel suo insieme, se supponiamo che egli trattasse solo i termini che hanno applicazione. Quando limitiamo l'attenzione a ci che
esplicito ncl nostro simbolismo, non possiamo sostenere chela proposizione espressa da '!(U&B]' comporti quella espressa da '!(U&B)' ed
escluda quella espressa da '!(U&8)';ma non affatto improprio asserire queste relazioni rotto la condr:ione tacitamente assunta che vi sia al-

Le quattro forme d'arierro generale


meno un uomo. Se qualcuno. udita la conversazione della signora Rossi, dicesse che la signora Bianchi fu saggia ed un altro dicesse invece
che ella non lo fu, un terzo, che creda anch'egli neii'esistenza d'una
persona chiamata signora Bianchi, potrebbe legittimamente dire che i
due asserti erano in contradizione. Ma. una volta stabilito. .che.non
. "'e.
..
r a ~1ni:iisil:n<>rnH~anrhi.r o r ni~rcbjrpii, senso parlzre della tclzione
1.31 c u e a n t r t i , p o i c h ~ . ~ e scranonn:l.c<liir
ti
Lin: tti \ull'~s~iin~iunedi.lI'c,i>tima c'cl:3 signora B~nrchi,e sonodiiencti u n : :. iniiiili noti 21)pi.71 q:~:l:'~~rori,i<~nc
fu a b b ~ ~ d o n n rhln
x questo con VUOI d:re n ~ c i e
i d u aiwrii for,crt, cumpat:bili, nC che eiri includrsiem, come p x t e
CILI pru?rio rigrihrnto, un'asser/ione iell'e,isten~a#!ella sip.rior.4 niinchi. E, analogamente, un certo usa d'un termine generale pu basarsi
sull'assunzione che v' qualcosa rispondente a quel termine, quantunque con l'uso d'esso termine non si faccia un'asserzione d'esistenza. I l
pdrallelismo tra i due casi non perfetto, poich l'assumere l'applicazione d'un termine generale non pu propriamente identificarsi con
l'intenzione d i riferirsi ad uno o piu individui, ma l'analogia abbastanza stretta perch si possa usarla per spiegare il quadrato d'opposizione.
Quando si scoprirono le difficoltdella teoria atistotelica dell'oooo,izicr.e. ri mncen:rh I ' a r t c n ~ i n n e l > r r i i l i . i ~ n < n t\iiI
r pro5lemi. se i&
Icdittimo diye c t e g:i :,setti iinirrrsnli roxiiport3,acru i propri subaltcr.
,,i, c s'ir:troAcsse la no7ione di portar i rii<.ewi.ilc cu:ix cura ,pcci~l.
ner.te nzce<<i:in per zoiiiprc~Jcrerli arretti uni, e r i i i cn.ro lo schems
aristotel.co. N 3 Cfr310 ?i~[il>nr:e;he si OSSI si~temaretutto conridernii2u il mods in m i Aristorele ii< li nssr.rri di iiucrta f o r n i Sr non
assumiamo tacitamente che vi sia almeno un uomo. non siamo autariziati a i ~jserirecori A-'~toielcchedcvc r,srte veto I'mo o 1'al:ro degli
.i,,cr:i pxr:ii.olnri ' O u . d r h r ~ n m ~hi i. ~ n ~ o ' ~ ' Q ~ ~ J r h c ~ u r binnronon
co'. V i b.!.ta dire che, 31 fini di Arisro:ele. a?eer ncsiitierri CFVi trrrniiii
generali hanno applicazione quando fungono da soggetti degli asserti.
Invem, fa parte della dottrina di Aristotele la possibilit di convertire
semplicemente sia gli asserti particolari affermativi, sia gli asserti universali negativi, convertibilit la quale implica la necessit d'assumere,
in questi casi, che i termini fungenti da predicato abbiano applicazione
tanto quanto i termini fungenti da soggetto. Negli asserti particolari affermativi il requisito sodisfatto automaticamente: chi asserisca che
q r ~ l r h ucrro
r
I>inr.cos'irriir.,:rir r Q l i ci; ad .iiKrIre che \'C alneno un3
coqi I t i x c d \la. qiinndo rivendica il il:ri:t.idi I:ns<srcd.i.Ncsscri uomo
i. biarco' a .I\'rwi :i i cui? biinca i. un uomo' e Ei qui ~lreriormintea

75

'Qualche cosa bianca non un uomo', Aristotele rivela che egli assume
non soltanto l'esistenza d'almeno un uomo. ma anche l'esistenza d'almeno una cosa bianca, ove la seconda assunzione indipendente dalla
prima.
Per giustificare nel suo insieme la dottrina di Aristotele allora necessario supporre che egli abbia assunto l'applicazione per tutti i termini generali da lui trattati. Ad un logico moderno questa sembra una
restrizione piuttosto strana dell'mbito della logica. Invero, non affatto difficilecostruire un asserto ~eneraleove aimeno uno dei termini
manchi d'applicazione ind esempi: 'I\'c,suii iiiaicinatico haqundrnto 11
r ~ r . h i o ' ~L., 1.111 v o l t a ~ h ~ ilc tsi resi zurtodi cij, divirncOi~roclirvi
sono vantami in un sistema ove i Dostulafi d'esistenza compaiano solo
L.splicitamente Com- mai ~ r i s t o t d enon scnct. iicrorio Forie,!u pcrche egli gii t'interess~vaa1 prcizctru d'uii .i>icml s:llopistico otre ogni
termine possa occupare o la posizione di soggetto, o la posizione di predicato in un asserto. I termini eenerali che comuaiono nella oosizione
di sapceito devcro csrere n c n i ofrasinuniiriali. eJ i nomi e le frnii nominili hanno caturalmentc purt:,:a cri~teniiale(nel irnso che I'esistenza su~zeritaim~licitamenG.enon csolicitamenre asseritai.Secerchiarno di ; ~ n i , e r t i r e ' ~ c j s unitcrrntico
n
h 4 quadrat3 11c ~ ~ ~ I ~ ~ o ' , d o b b i a n a
cominciare rircrivendoci nel13 forma 'Ner,un nniclrntico un:, persona che ha quadrato il cerchio' C di Dassare a 'Nessuna Dersona che ha
quadrato iicerchio t un mitcmaric;. .\la : A scconda fcrkuluisne \,erhdlr, 2 cI~Berrn~:,dellaprima.
fagipcnsarecheqoalmnuabb!~qua:lt:,to 11 cerchio. Che i romi abjiano nDcl:c:,zionc o rcfrrcii/3 > silczerko
.i~ll'usodei nomi con tanta forza c i e noi, q ~ ~ r vo;:i:.mo
do
uclre un
none scnza portata eslstenzialc. d,)bt.i,iiio li-rmiin rci Ad eserrpio.
r>.>svanoimr>:ci:zre
il
cur:dirioiinlr,
come
cell'enuncinto
'Un
rlrai:o
51.
. ..
rc:ibe un animile pc.ricoloso': oppure pcssi:,rr.o i r r p i q ~ r ct n plrfisco
che mmb:ri lo nozione di condiiionnliti cun qucl'n Ji un,\~rrialit.come nell'enunciato 'Chiunque pensi di poter attraversare a nuoto I'Atlantico un pazzo'.
Merita forscnotare che, in alcune versioni moderne delh dottrina
d'Aristotele, le difficolt della sua teoria dell'opposizione sono inutilmente aggravate dall'uso d'esempl e di formule al plurale. Infatti, gli
enunciati 'Tutti gli uomini sono bianchi' e 'Qualche uomo bianco'
fanno pensare non solo che la parola 'uomo' abbia applicazione, ma anche che vi siano effettivamente piu uomini. Tali esempi non sona normali nell'opeta di Aristotele stesso.
11 rnetodod'csposizione degli Analyficd priofd differisce da quello

Le quattro forme d'airrrto gcnerale

di De interprctationc sotto due notevoli asoetti. La orima innovazione


&+li .,Ici!)r:i> prrora .i :'uru di Icttirc c u x c \..irin5i:i tcrrnii..tli, ciu
:<I~IIV \?;(>i
~~~,li:,dr>u
l.~<to:,!-C pu..:~~
u t.,,k,rc r i ~ t > p i r<la
e 40~1~i\o:'i: c : r C n ipcn<,ale. pi:lil.i Ir. laci:?? ~,.l~cate
<I~lln
<tf-;;a lettera
siano riempite in ogni assetto con lo stesso termine. Questo un espediente nuova ed innovatore nella tecnica logica. Esso usato pcr la
prima volta senza spiegazione nel secondo capitolo degli Analj~tica
priora," che tratta la conversione, e sembra sia invenzione d'Aristotele.
Zclle op:rc preccdtriii. 1; senrr.ltti i- i n i t i a . ~nediaiite ci: uso piu:.
i0s.u tnilcei::tc di ?r~no:nio ii:c?ian:c ejzmpi ove I O I C ~3: ILIII>TC t,:.
~le:.eI'i:rilc.vnxn dei contr.r.ii.i pvi~c~I*.:i
i i m k c d ~ ci metodi sono iirar: s:id3 Platon-, s.zd3 r\ri<iotelc l ' n e<cir.?ic del prinio me.iCo iri:
rud,dl3 K<,re!>:,.'><
i d: 1'1-tone
'Qi!,,r.Jo :C co,e s0r.u di n3t:tr.t i ~ l dc >
c:-^rci r~11.iic~ < I U J ' C < ~ ~ ~..:~c:Icch~
: . I I J ~ ~iunud'ur.., x r t l rari, sono
relative a qualcosi d'una certa sorta.'" Un esempio del secondo metodo
tratto da De in/rrpretatioire di Aristotele: 'La negazione propria alI'affermarione "Ogni uomo bianco" "Non ogni uomo bianco"; la
negazione propria all'affermalione "Qualche uomo bianco" "Nessun
uomo bimco"."' L'asserto di Platone sarebbe quasi inintelligibile senza I'illustrazione da lui aggiunta, ed Aristotele lascia che il lettore comprendi da solo I'irrilevanzn dei termini oarticolari 'uomo' e'bianco'. I n

Viene spontaneo domandarsi se la bande innovizione di Aristotele


sia stata ispirata da una pratica anteriore. U n espediente che pu averla
suggerita l'uso di due lettere per denominare una rctta in geometria.
Lo si rinviene nell'opera stessa d'hristotele," e fu forse derivato da
Budosso; infatti, lo si trova nel libro V degli Elenrci~tidi Euclide, che si
dice sia opero sua. Riusciva dificils ai greci usare come variabili numeriche le lettere dell'alfabcto, poich essi le usavano gi come numerali.
Diofanto, che
fiori nel 111 secolo dyc., introdusse un
segno speciale per l'incognita in algebra, e probabilinente fu questa la
prima volta che in matematica apparve qualcosa di simile ad una variabile numerica.
Invece d'una variabile semplice, ad esempio 'A', Aristotele scrive

77

talvolta la frase 'ci a m i A' ( i s ' B A) o 'ci di cui A' (19' 05 A). A noi,
questa appare una convenzione differente nella quale il simbolo 'A'
r~ienzionotoinvece d'essere usalo quale sostituto d'un nome o d'un agp t t i v o ordinar!. Ma Aristotele non sembra accorgersi di alcuna differenza; infatti passa direttamente dall'una all'altra."
La seconda innovazione degli AnaIytico priora rispetto a De inlerpreratione la quasi totale sostituzione alla semplice forma d'espressioa B' e 'A
ne 'B A' delle forme pi6 complicate 'A appartiene (X~PXEI)
viene predicato (xarqyop~t.ra~)
di B'. In De inferpretdione Aristotele
usa la semplice forma predicativa greca con o senza la copula 6s.;~.che 3
irolte egli usa anche negli Analytica priora, ma le altre forme sono molto piu comuni. Pare chiaro che siano considerate equivalenti queste
quattro forme:
( I ) A viene predicato di B.
( 2 ) A appartiene a B.
( 3 ) B A.
( 4 ) B in A come in unn totalit.

Negli Annlytico priora queste qusttro espressioni sono tutte usate


come intercombiabili, ma (L) prevale. Ci probabilmente connesso
all'introduzione delle variabili: infatti, il loro uso con la forma predicativa ordinaria ingenera oscuriti, o addirittura ambiguit, in greco,
ove l'ordine delle parole non fisso. Ad esempio, Aristotcle usa, quale
illustrazione della conversione semplice d'una proposizione universale
negativs, ci wqS~piafiBovfi &ya9bv, 066. &y.yabbv o6iv D T ~fi6ovti
L
('Se
nessun piacere u n bene, nessun bene sar un piacere')." Qui i'ambiguit esclusa. dalla differenza di genere
ma tutte le variabili sono trattate come neutri, e re egli avesse tentato di formulare
questa regola mediante variabili avrebbe ottenuto si vq6iv A B, o61
B oSiv E n a A.
~ il clie ambiguo. Quando egli usa brrkpxr~vo xarri:L;S?G., IUII,I\,H,
'L>(l<:c~to
e ;)redicl.o sono :n c l j i Ei:lrrc.~ti.\i clie a'c
vit.i 1'nrnhi:iii.j L.1 rzgc13 ~ o r ~ r rii .~.r?r,,iT<, U r j .\ I r a > x r , ,c;Ei
.i,: A :i?rvl L - i c.i i.
r 76 R Ollcit3 form3 d'~jpr~,qi:ine
uslti n:.'!$ prov i della regola."
Probabilmente l'uso di Unbp~rcvcon, per soggetto, un nome o un
aggettivo neutro una inconscia invenzione di Aristatele, fatta pcr fa-

Lc quattro tormed'arrerto generale


cilitare l'uso delle variabili. B infatti difficilecredere che iiv$wxq oh
rravrl L4v Unrip~n"('Uomo non appartiene ad ogni animale') fosse greco normale per 'Qualche animale non un uomo', ed degno di nota
che Aristotele, quando d esempi concreti, tende a tornare all'ordinaria forma predicativa d'espressione.'" V' un uso naturale di G X ~ P X E L V
con, per soggetto, un astratto, talvolta con un infinito. Questo awiene.
ad esempio, in un passo dei Topi=#ove si dice che domiire appartiene
all'uamo ed anche sd altre cose,'" ed possibile che Aristotele uando
usa 'uomo', 'animale', etc.. quali soggetti del verbo GXripXeLv: :tenda
'essere un uomo', 'essere un animale: etc? Ma auest'inter~retazione.
piit rcnlendo :hbart?nn i n c i l r c niiiira'c I'~.sudiizapy<r\.non pusc.
5icitcr.i currintemcnrc iino in fondo. Irfntii, comr alii>i.!iiiuvistu. al sisicria d'Aristivclc i. c;ren2ia!c che, rclnjiando i termini in iin acqetto
generale, si ottenga un altro asserto generale, il che non awiene se un
termine letto 'essere A' e l'altro semplicemente 'B'. Casi, il principio
di conversione semplice per le proposizioni particolari affermative 5
espresso nella forma: 'Se A appartiene a qualche B, allora B appartiene
a qualche A,"* Ma la semplice operazione di scambiare tra loro nominativo e dativo non pu eseguirsi se intendiamo la prima clausola come
abbreviazione di 'Se essere A aooartirne a auslche B'. Si ou davvero
dire che, per le peculiarit della iingua greca, il progresso'tecnico conseguito usando le variabili cost un'oscurita filosofica da m i In logica h
per molti secoli affetta.
Ad Aristotele serve una teoria degli asserti ed una mnniern d'esptimere gli asserti che sodisfino queste cinque condizioni: (I) Entro questa teoria, dev'cssere naruralc considerare gli asserti singolari e gli asserri generali come specie coordinnte d'un genur. La copula e il predicato devono avere la stessa funzione in ambo i casi, ed i generi differiscono solo nella natura del termine fungente da soggetto. Questa sembra la linea iniziale di pensiero in De i n t e r p r e f ~ t i ~ n e . ' ~ (Ogni
i r } termine deve poter ricorrere o quale soggetto o quale predicato senza cambiamento di significato. (111)La copula deve conservare lo stesso signifi)
deUe variacato in tutt'e quattro le forme d'asserto generale. ( ~ vL'uso
bili non deve ingenerare ambiguit o difficolt in greco. (v) Devono valere tutte le inferenze del sistema aristotelica. E tuttavia impossibile
'm
'n'

A"

pr,

2 [2,t>,

I b ~ dI , , O i , ~ ~ ~ l

' m To0,cu. I. I Iro>.l,).


" Cfr. li hrniii n v i kdrisiu n6sun dr&I r i r ~ rITopcin,

"
'O'

...

n,.. l. 2 ( . , . l i )
Uc 3nt6'r>r<za,rnnc,7 Ir7.38
A"

3s.).

79

che queste cinque condizioni possano essere sodisfatte tutte insieme,


come si vede considerando le varie interpretazioni possibili deUe quattro forme di Aristotele. Molte delle sette interpretazioni che seguono
sono ispirate dallo terminologia d'dristoteie o da suoi tilievi incidentdi
--~( I ) Prima interpretazione. I1 termine fungente da soggetto indica,
o si riferisce a. un certo numero d'individui distributivmente, esprimendo una propriet o un gtuppo di propriet che questi individui
hanno in comune. La copula allora esprime la nozione non ulteriorInente analizzabile di predicazione, ed il predicato esprime semplicemente la propriet che funzione deu'intiero enunciato ascrivere agli
individui indicati dal termine fungente da soggetto. Questa prima interpretazione si pu chiamare l'interpretazione predicativa, ed probabilmente la lettura piu ovvia sia dell'enunciato italiano'Qualche (ogni)
uomo bianco', sia del corrispondente enunciato greco &v9pwr;b<il<
(n&) ~ T Azvxb5.
L
I n questa prima interpretazione naturale quantificare il soggetto, cio aggiungere 'ogni' o 'qualche' per chiarire se l'asserto fatto valga per tutti o solo per alcuni degli individui indicati dai
termine fungente da soggctto. Invece, la quantificazione del predicato
produce un enunciato privo di significato. E forse questo che Aristotele vuol dire quando dice che gli asserti con predicati quantificati universalmente non sono mai veri,'* ma possibile che egli abbia in mente
i~n'altra interpretazione. Nell'interpretazione predicativa, soggetto e
predicato non possono intercambiarsi senza cambiamento dei loro significati.
f r )Seconda interoretarione. La copula esprime l'identit, mentre
I I ' C I I ~ I C C funecnkda sodgcttu, .i,i il tcrmike fcngcnrc da predicato
51 riferiscono ;ad iii<!i~i<liii
c<priniendo dellc prolirieij. In quisto c w t >
\i deve a ~ s i i m ~'te
r c i l tcrriine funren:e da prr,ltcrto d'un a>sr.rtoaf.
f:tn?:~iosi, ii-tlilicitimcntt p~cced~t~~d~'qiislclie',oi.cpcr'qualche'
iiui. i. ii\iio come qcnntihcltutc, ii:.i ~iiti:t?stoesprime 13 rtt\<i9noz1or.C
clie 'un certo'. 'itn qi:.ilche'. Quc.13 srconda interprptilione L. mclw
ovvia. nel casa d'un enunciato italiano avente Der predicato un nome
:?in I'.irticolo inleterminpto Acl cwinyic. 'O& A m o C iin acimaz'
&>ui,
f:cilr.,ente lceccrsi 'Oani iitimo C identico a qiiilc1,r animilr' 1'10babilmente ques?interpre;azione era altrettanto ovvia nel caso d'un
enunciato greco avente per predicato un nome. B possibile che nel pas~

111.6 [zzo.zi))
"

Dr

iii,crp,~,r,ro.c.,

""di (~?qr;.v

x.i.6iiwio"l.

I" A,,

,,,'i').

p,..

l. ' 7 (1>~i01181, ccmbrr dire &e

~ l lIO00
i SI.

Le quattro formed'orrertogenerale

so summenzionato Aristotele abbia in mente qucst'interpretazione.


'Ogni uomo identico ad ogni animale' pu sembrare falso piuttosto
che privo di signiEcato, poich sarebbe stato vero se vi fossero stati un
solo uomo e un solo animale.
( 3 ) Terza interpretazione. I1 termine fungente da soggetto interpretato come -rima.. ma il oredicato intervretato come denominazione piit che come cspressionc d'una propriet, ossia un termine astratto. Questa terza interpretazione quasi inevitabile se traduciamo d a
lettera la formulazionc aristotelica con YXU~XELV, e probabilmente essa
suggerita dalla stessa forma greca: ma, essendovi in greco frequente
ambiguit tra astratto e concreto,'" probabilmcnte Aristotele non vide
che la sua nuova foririulazione involecva l'uso d'un nuovo tivo di terr.iinc. Qiiesra ietrl int:tprct3i:one non ammetic l- libera :nrctcnmbia.
bili~hcc1 tc:mtne fungente da so;geti> e ce1 rerniire iun:ente d i p:e.
dicato.
(4) Quarta interpretazione. Sia il soggetto, sia il predicato sono
nomi di classi, e la copida signirica ' incluso in' nell'asscrto universale
affermativo. Questa quarta interpretazione ispirata dalla formulazione arirtotelica con Iv BXv E ~ W U LEssa
.
ha il vantaggio d'ammettere la
picna intercambiabilit dei termini, ma lo svantaggio che la copula deve
avere significati differenti in asserti di fornie differenti. 'Tutti gli uomini sono animali' interpretato nel senso di 'La classe degli uomini inclusa nella classe degli animali', ma 'Qualche uomo bianco' interpretato nel senso di 'La classe degli uomini si sovrappone alla classe delle
cose bianche'. Inoltre, gli enunciati cosi interpretati non possono avere
per soggetto termini singolari. Fu la sviluppo di questa quarta interpretazione delle formule aristotcliclie che fece riconosccre le cinque relazioni possibili tra classi. ei menzionate a orooosito dei To~ica.
( ~Quinta
j
interpretazione. Il termine fungente da siggstto interpretato comc in ( I ) - ( T ) , mentre il tcrmine fungente da predicato
interpretato comc il nome d'una parola che prop;inmente applicata
agli, o predicata degli, individui cui si riferisce il tcrmine fungente da
soggetto. Questi quinta interpretazione suggerita dalla fomdazione
aristotelica T& A x a s q y o p ~ i ~ a~t o i Bi e dalla sua traduzione itdliana 'A
viene predicato di B', quantunque forse m n meno forza in greco che in
italiano, per la comune indistinzione tra l'uso e la menzione d'una pa1013. In questa quinta interpretazione i termini manifestamente non
sono liberamente htercambiabili.

. .

81

(6) Sesta interpretazione. Sia il soggetto, sia il predicato sono interinretati come termini astratti. I n questo caso essi sono liberamente inrazione suona naturale per l'asserto universale, ma artificiosa per quello
particolare. Un termine singolare concreto non pu essere ii soggetto
d'un Zsserto di questa sorta.
(7)Settima inter~retazione.Gli asserti sono interotetati come esi<:enliili po?itii*smcntr.c ncj~tii.i~:irr.'e.Qiic\:a sct:ina intctpteti.
.,ione iissimr2 la libera intctr.amhl ibi'iii <lri icrmini ed un ripnilic~tu
genecostante deila copula, ma distingue nettamente tra
rali e proposizioni singolari. Queste ultime, invero, non sono esprimi.
bili nel simbolismo appropriato a questa interpretazione. Inoltre. essa
non consente quelle inferenzc aristoteliche che dipendono dal conferimento di portata esistenziale agli asserti universali. Questa settima interpretazione suggerita da una formulazione dell'asserto particolare
affermativo EUTL -CL< dvipwno< havxbg,'" che naturalmente letto esistenzialmente.
Scjjiinn di <lucs.e rcrtc Intzrprciniiuii sodisfn tutt'ecinque !C con.
.Ii,icri ,cl>r~r!ci~citc
Qi.ellecl:epiU n~turalrner.tesonorrpr~ric~I
111'~.
,i Jc1 ICTL.L. ciin? l.' c i i e t ~. 'sono
)
jn:ornn~~~l-~!i
con IO ~ C J I c~inilliicI ~
ne, poich questa formulazione ad inpenerare difficoli ed ambiguit
in greco. Si noti che l'uso di ' I O he' in inglese e di 'essere' in italiano con
u n ordine fisso delle parole non ingenera difficolt analoghe. Le interpretazioni suggerite da formulazioni intese ad ovviare a queste difiicolt non sodisfano la condizione della libera intercambiabilit dei termini, se non nel caso dell'interpretazione in termini di classi, che non sodisfa la orima e la tenacondizione: in altri termini, quest'interpretazioArisrotclc. naturalmnte. non e;a consaoevole di queste complica:icr.i. L'pli .cr.l?e le fotniuln~ionir~cibi:<i!i?n.rpiu utili, c Ia,cij i l oiii:T. 1'intctprc:nii~i.e:i!j,,ilic~ 31.i ~ i nf~
~ i(le: tutto c e c c alle Eificulii
;rict'nti aIl'ii>cid.i I3i fati., <1:1 v.11.0 L::lc>rrv
!o dirncstrn .in.. d $:L\. ..
sione in Analylicii prtard, I. 36, ove egli rileva che in molte occasioni
non possiamomnsiderare il soggetto di quel verbocome equivalente ad
un predicato ordinario, poich possiamo dire che un'unicn scienza a p ~

pi-ticnc a8:i oppxri i c h e ! ~aciynzn drpli oppust~ rinn) senza i~tcnderc


CIIL.
~ I uppo.ti
I
\ian:~ unica -:i< ,,a
I'cr furtun:. 1'as:uiitd 'ilosrTci nor. iin ostacol~insiiperabile al
pr..crc,,u :i>sicu In t , ~ r i clc puss.bili :nt<rprrtaziunl noi rrovi~moche
tuitc 11. I I I I C ~ L ~ Xdristut~.li:te ionu u.ili.lr, trnnnequillcc1:csi iundnno
q iIIi I,rltir I rrir~e.iiri.i'idille prupu,izirr: u r i i ~ r s ~ lFurmclarlc
i.
cor.
rettamente. mttavia. sarebbe DXI6omolicato di auanto Aristotele riconosca. Ad esempio, la regola cke
la conGerrione semplice degli
asserti universali negativi verrebbe formulata come semie, secondo le
sette di&renti interpretazioni:
ncssuni delle cose X Y, allora nessuna delle cose Y X.
( 2 ) Se nessuna cosa X identica ad una cosa Y, allora nessuna cosa
Y identica ad una cosa X.
( 3 ) Se nessuna delle cose X ha la propriet Y, allora nessuna delle
cose Y ha la propriet X.
(4) Se la classe delle cose X totalmente esclusa dalla classe delle
cose Y, allora laclasse delle cose Y totalmente esclusa dalla classedelle cose X.
( 5 ) Se nessuna delle cose X descrivibile mediante la parola 'Y',
allora nessuna delle cose Y descrivibile mediante la pamla 'X'.
(6! Sy la proprieta X incompatibile con la propriet i
', allora la
proprieta Y incompatibile con la proprieta X.
(7) Se nulla e X e Y, allora nulla e Y e X.
( I ) Se

6.
La dottrina del sillogismo

La dottrina delle proposizioni generali apre la strada alla dottrina


del sillogismo. Al principio degli Analyrica priorapristotele definisce il
sillogismo un discorso ove, da certe proposizioni poste, segue necessariamnte aualcos'altrochecib che ~osto.'"Questa formula abbastanza ampia per coprire qulri ogni rasiun~ni:ri:i> :,CI <~udlc
\,cn@ inferi:a
ur.3 con:Iusione d3 due o p i i premesrc, e ci3 nci Topli= 13 si era us'ta
con ~ U C scn,o
I
i~icliisivo ' \h.q ~ m n d nanalizz3 i sillogisrni. .Aristotelc
coiisi<lcrI q i l r i rcclii<icnrren.e i raeionirnerti nei quili sia !e pr:!tl.iac
iclilsrrite or3 r;:diri< i. sia la mnclcs.one :v.p~ipao,ia,*iliios:ml>!i.
ci nel senso aristotelico e generali; e, quando parla con p i i rigore, egli
dice che ogni conclusione sillogistica segue da due premesse che colle.
gano i termini (6poc: alla lettera, 'limiti') della conclusione ad un teno
termine, chiamato il medio."' Secondo l'uso pih ristretto che Aristotele
fa del nome 'sillogismo', 'sillogismo' non si pu applicare ad un ragionamento quale 'Se piove, il suolo sar bagnato; ma piover; dunque, il
suolo sar bagnato', n ad altro ragionamento con un asscrto composto
quale premessa. Si ancbe detto che egli non ammetta che un sillogismo abbia per premessa un asserto singolare, ma in realt, in un passo
successivo, egli fornisce un esempio di sillogismo avente per premessa
un asserto singolare."' Ci concorda con il suo crincicio che -gli asserti
singolari sono coordinati con gli asserti universali e gli asserti particolari. I termini singolari, tuttavia, hanno la peculiarit di porer ricorrere
salo quali soggetti, si che Aristotele guidato non solo da un robusto
irrinto logico, ma anche dal desiderio che tutti i proprl termini siano
intercambiabili per concentrare la propria attenzione sui ragionamenti
che constino interamente d'asserti generali.
L'interesse che egli ha per I'elabormione delle forme di ragionamen-

La dotrrinadel rillagirmo
to dipendenti dalle rclarioni tra termini gencrali , indubbiamente, dovuto al sua interesse per la scienza dimosrrativa. Ma molto probabilinente il modo in cui egli present la propria teoria fu determinato dalla riflessione sul platonica mctodo della divisione."' Egli lo menziona
aia ncgli Ai~ulllticapriora,"' sia ncgli A>ialyrica porterioro,"' e nel primo
passo rileva correttamenteche esso noti un metodo di dimostrazione.
Infdtti, per usare il suo stesso esempio, se partiamo con il g ~ n i animas
le, assumiamo che ogni animale marrale o iinmorrale, e poi poniamo
I'uomo nella divisione dsl mortale, allora noi presupponiamo proprio
quella parte della deliniziune finale che affcrma esserc l'uomo un animale rnurtale. ossia postulisrnu ci che invece dobbiamo dimostrare
(petizione di principio).
. . Oucl
- mctodo olatonico. dunque. semolicej n ~ ~ i\In
t . ~ C A CI ~J ' c ~ p L ~ > : w
o di
t ~ :l>~
; a r ~ ivi ~ , n -~ V ~ .l .!t
~ .(l: ~ a I ~ .~
T %<.!.tcc ( l I , ~ \ t r <p c ~ t < , 18,
t '.i., \tvrl>: $'hL, .l~t,,l
r ~ ~ ~d4>.1
n ~ s l>p$,:rito
~ >
i<l .l
.:nie'e
:
i l .Ii.clii., .
-:.
i
ei.,li-c:cl r u i u ii.>ei>t>iill<i,i\iic >.X.1 vas
so summenzionoto egli nota clic la divisionc , per cosi dire, u n sillogismo debole, il quale portula ci clic invece deve dimostrare, e formula
l'ipotesi che. nella dimostrurione. si mostri che il termine maggiore, o
pifi gcneralc, L. predicabilc del incdio. che a sua volta liredicabile del
minore. Manifcstaineiite, egli h2 in mcntc una catena di idee, - I'X-it,
I'Y-it, la 2-it, - disposte in modo che noi possiamo dire: 'Poich
I'X~itappdrtiene ad ogni Y e I'Y-ir appartiene ad ogni Z, I'XXt deve
appartenere ad ogni Z.' In realt qiierta configurazione peculiare ad
una delle forme sillogistiche da lui riconosciute, ma fornisce la rcrmiiiolugia per tutto il ~irtema.
Prima di nddcntr.~rainella tmrin del sillogismo, q l i spiega comegli
asserti lrporhurrsl delle fornie A, E, I possano convertirsi e perch gli
asserti della forma O non si possano convcrtire."Questa una considerazione preliminare che essenziale alla dottrina dclls riducionc. B
in questo passo ciie egli usa per la prima rolra le variabili terminali.
Sccondo Aristotele, vi sono tre figure ( q . i i i i a ~ a )di sillogismo, distinte mediante Ic differenti relazioni in cui il termine medio sta ai termini esrrerni. Nella prima fisuri, il terrninc mcdio soggctto dell'uno e
predicato dcll'altro; nella seconda, predicato di ambedue; nella terza,
soggctto di ambedue. Le tre figure di sillogismo possono rapprescntarsi con le tre seguenti configurazioni:

'', C ~ C . , , , D , , p,,:.
'" zlrr p r . I ' a i l4wii!
"' I i r
"' ,138

,."i,.

P,, I

l,

i , lghY1,5)

1127.1,

(1)

(2)

A-B

M-N
M-2
-N-2

B-T
-

A-r

85

(3)

n-r
P-X

n-P

Qui, ogni coppia di lettere greche maiuscole esibisce lo scheletro d'un


asserto generale (sia esso affcrmativo o negativo, universale o particolare); la prima lettcra inclica, in ogni caso, il posto per il piedicato nell'usuale formulazione aristatelicn. In ogni caso, il predicato della conclusione chiamato da Aristotele il termine maggiore (sb prqov); il
soggetto chiamato il termine minore (sb EAarrov); il terrninc medio
considerato un termine comune ad ambe le premesse. Questo rermi~nologia, sembra, fu originariamente suggerita dal fatto che, in un sillogismo nel primo modo della prima figura, il predicato della conclusione h3 eeneralmente l'estensione ~ i amoia.
6
ma facile mostrare

conda fimira: 'Nessun tritone un mammif&o:. ma suaiche oreonismo


un mammifero; dunque, qualche organismo non un tritone.' Secondo le spiegazioni di Aristotele, 'organismo' il termine minore e
'trirone' il termine maggiore, e 'mammifero', che il termine medio. li
precede ambedue in ordine di generalit; ma. in realt. 'organismo' i.
manifestamcntc pi6 generale degli altri. n& v' base di confronto tra
'mammitero' e 'tritone', poich i caratteri che essi connotano non appartengono ad un'unica iatenn di idee. N le difficolt della terminologia aristotelica sono circoscritte alla dottrina della seconda e della
terza figura; esse si presentano anche a proposito di tre dei quattro generi di sillogismo da lui distinti nello prima figura. Ad esempio, si deb.
Lis analizzare il seguente ragionamento: 'Le api non sono formiche; ma
ilcuni animali gregarl sono api; dunque, alcuni animali gregari non sono formiche.' Ouesto raeionarnenro aooarticne alla vrima
. fieura.
" e per.
tanto. secondoristotec, i termini<fo;mica','ape3e 'animale gregario'
dovrebbero cssere in ordine decrescente di generalit; tiia neppure stavolta i fatti corrispondono alla sua descrizione.
Ln fonte dclle difficolt sembra questa: Aristotele cerca di parlare
dri termini di tutti gli asserti generali in un moda che appropriata soltanto ai termini degli asserti univcisali affermativi. Gij. nell'nntichiti
i commentatori avvertirono lo di&ralti di trovare deiinizioni di 'map
.'iore' e 'minore' che fossero adeguate per tutti i contesti. Ma, in realti, Aristorele definisce 'maggiore' e 'minore' separatamente per ogni

86

LIOrgono>idi Aristotele

figura secondo la posizione che i termini occupano in una formulazione


o descrizione rtondard dei sillogismi in quella figura. Soltanto nelle
definizioni che Aristotele d per la prima figura v' qualche riferimento all'estensione comparativa dell'applicaiione dei termini. Egli dice:
'Chiamo termine maggiore il termine ncl qualc contenuto il medio;
termine minore, il termine il quale ricade sotto il medio."" Ma, studiando il termine medio in questa Cgura, egli introduce un'altra norione: 'Il medio il tennini: che incluso in un altro e che ne include a
sua volta un altro, e che medio anche per la posizione (SIVEL).'"'
Qui
l'ultima clausola si riferisce manifestamente alla posizione nell'una e
nell'altra fomulazione della configurazione generale dei sillogismi nella prima figura. In ambo i casi, data la disposizione corretta delle premesse, il termine medio menzionato dopo il maggiore e prima del
minore."'
Aristotele torna ad usare questa nozione di posizione per distinguere termini maggiori e termini minori nella seconda e nclla terza 8.
gura, rendendosi presumibilmente conto ddl'inapplicabilit deUa nozione d'estensione comparativa. Egli dice della seconda figura: 'Il maggiore il termine che piU vicino al medio; il minore il termine che
piU lontano dal m e d i o . ' " ~ u e i t o rilievo si riferisce al metodo generale della formulazione d'un sillogismo nella seconda fgura, ad esempio 'Si predichi M di nessun N ma di ogni E','" o ancora 'Se M appartiene ad ogni N ma a nessuno E'."I n ogni caso, il termine maggiore, N,
menzionato dopo il medio nell'esposizione. Descrivendo la terza figura Aristotele dice: 'Il termine maggiore il termine che 5 piu lontano dal mcdio. il minorc b il termine che pifi virino al medio,"" il che
si riferisce a sua volta ad una formulazione quale 'Qusndo n e P appartengono parimenti ad ogni X'."' Qui, in virt6 della sua posizione che
pifi lontana dal termine medio, ii chiamato il termine maggiore.
Aristotele segue sempre qucst'ordine quando indica come costruire le
coppie di premcsse per le differenti figure. Ad esempio, 'Termini: animale, sostanza, corvo','" che compare nella discussione della seconda
figura, significa che noi dobbiamo costruire una coppia di premesse

La dottrina del sillogisrno

87

iippropriate a quella figura con 'animale' quale termine medio, 'sostan,il' quale termine maggiore, 'corvo' quale termine minore. L'ordine daro per la prima figura maggiore-medio-minore;'" per la iena figura,
1~i3~~iore-minore-medio.'"
Ma, quantunque nella formulazione egli usi
la riozione di posizione come espediente esplicativo, premettendo sempre il tcrmine maggiore al minare, dinicile che egli avesse in mente
ci: ci, infatti, darebbe un'importanza affatto artificiale s quell'ordine
clelie premesse nel quale a ragione Aristotele non vedeva nulla di sacro
cd intangibile. Alessandro di Afrodisia ipotizzo che il termine maggiore aia. in rcalt, predicato del 'problema' la cui provabilit deve inda;arai costruendo il sillogismo.'" Molto milita a favore di quest'ipotesi;
infatti. gli ultimi capitoli degli A>ialyficapriora"' mostrano che Aristorele talvolta concepisce la sillogistica come un modo di risolvere proIilemi di tale sorta. Pu effettivamente darsi che Aristotele avesse sempre in mcntc il predicato della conclusione quando parlava del termine
~iinpgiore;ma non gli verrebbe mai in mente d'usare ci come definizioiie, pcrch egli affronta la questione della validit d'una data forma non
ciirtruendo un silloeismo completo, ma piuttosto offrendo una coppia
!i prerr.er,c c d<iiii.;.~iiri,laqcnle co?clr;lunc sr ne pcsai evc~t:ii'mcni. .lcii\,aiz. In conscgucnr i, q l i i i i n piib non siJcrc i i r , qri.icbe no<lo
.'
Irtermin31e a-ncno appirc.itrmcntc .I i e r a i ~ ll:3g
c : i ~ t ese1121 riie. ncr!o n'ln c-mclusiunc D'..![ti p x t c , nnn i. inipo,\.hile p r lui par.
' i l ? d',in s i l l o ~ : c movc
~ il IC.IIIIICCctinure v::nr. p-edici:o d l l tcrlntrr
n tzpiuic.'"
P..ri. iliinque chc il r:nificito A i te-mini 'mazgiore' e 'milore' c m
1.' .ori lu iiiluy- d-l pcnsicro ar~,ii,rilico L? ecto!z e,pril:ii-ro la reI.,ione che ecli c:eJcv.t , r i ~ i : r . ~ . stra
~ t le e,tcis:oni Jci icrmini nella
I.riin3 tlpiir~.'c ;a>i:l:i . r i un s i : I ~ ~ i s m:no R'rh~ri c i n p:emcsse rrrc.
.I.: 2 il nioJcllo .I'Atirtotcle, il tcrii..iic con 11 m~qsirrac,tci,sio?c C il
: ,..li.
<lr.l:.i ccrcl.i,ionc, qur.,ti e In rolicnc ch: i\r.<iorc:r: usa
i.cll'n<!itinre :i propria t<rr,i!,olrgia .i113 reiundl e ;iII.i trl>a tipu~n.
I' ,it.iiin egli defini\<-c'tcrl>iilicinilmt:iore' :n riierimc.ita 1:I2 posizione
.'.l [.:-ntn:
1.1 ~ 1 1 1I ~ . > r r r . ~ l ~ , ~
1123?i~r,l
onc
~ ' ' I cpremrisc, sc~o~nLc>
!a

La dottrina del rillogirmo

le oremesse della forma 'Oualche N M'. 'Nessuno 5 M' diano una

."

mo predicare il termine minore del massiore. I l termine maeeiori aui


semplicemente il termine menzionato per primo.
Tutta la questione, per, di mero interesse storico. Dal xvri semlo in poi si generalmente accolta la proposta di Giovanni Filopono: il
termine maggiore viene definito il predicato della conclusione. Filopono riconosce chiaramente che questa una decisione arbitraria; e dice:
't ?uir tilc dcfn rr qt~mt.,['I m m n c r n v p i o r r ] va ,n iin v . 1 0 cirriine z

In iin r<i
Iii p.ii~li?rc3.:. piinii Gi.-ra P:, ! n dr;i.:i.. . ~ i cih<:
.
2 primr Ld~:n, L t::.iiine icay.crc 1 q u c l l ~clic ".e":
pr<di:rto dc!
c.1 il i i ,ii;i.~
i qucllu .i>* > rJpciro di1 r n u u I.!r wirlii .n cerrdiia deUe
i'rrc I r ri; irc (1. ertrcm. hanno t i - i ;in~i?.onedifl:rc.,!c :i r.1 v i ti: 11 itie<l.o.
e c L ? > che 1.1 c.re ncn si ~pyl*:hcriq i c < r drbizione
~
I\ :&r-rc 5gi:c <l<ihl.la.
r o x r a o r m . c a r e 11 recolr mn ci chc 11I-mine r a c n o r e & 11 2rr.d ~JIL. delli
!i,rrr

' C L ~ i : i .s i i

;c.ul:lrc a:
rieJ:<.

..

conclusione.""

L'insistenza d'Aristotele sulla disposizione in ordine lineare dei tre


termini d'un sillogismo fa pcnsare che, per le sue tre figure, egli possa
avere usato, invece delle precedenti configurazioni di lettere e linee,
diagrammi come quelli che seguono (cfr. injro), che in effetti sono simili ad altri che si trovano nei manoscritti di antichi commentar!."' I n
tali diagrammi, ogni legamento superiore tra lettere rappresenta una relazione tra i termini espressa in una premessa, ed ogni legamento inferiore roppresenta una relazione espressa in una conciusione. Se il pensiero di Aristotele era guidato da tali diagrammi, facile vedere perch
egli abbia assunto clie vi potevano essere solo tre figure sillogistiche. Infatti, vi sono manifestamcntc solo tre modi d'ordinare il termine medio
rispetto ai due estremi, dato che il maggiore deve sempre precedere il
minore.
(1)
(2)
(3)

AX-T ~ 5 3 n=
I vari modi di costruzione dei siuogismi entro le figure furono pi6
tardi chiamati modi. Usando per comodit questa terminologia, ppssiamo dire che Aristotele distingue quattordici modi validi, a prescindere dalle configurazioni derivate delle quali parleremo tra poco. Per

89

ognuno di essi, egli formula un principio in forma d'asserto condizionale, usando come variabili le lettere rummenzionatc. Neila tnvola che
sco,ue noi abbiamo abbandonato le lettere originarie di Aristotele, e
sclto uno schema uniforme nel quale 'M' indica sempre il posto del
termine medio, 'P' indica il posto del termine minore (ossia, pi6 picco^
lo), 'G' indica il posto del termine maggiore (ossia, piu grande). Abbiamo inalrrr premesso ai principi di ogni figura l'indicazione deli'ordine
in cui Aristotele suppone che i termini ricorrano in quella figura (Aristotele stesso usa lettere consecutive). I numeri ed i nomi medioevali
dei modi. che si sono aggiunti per facilitare il riferimento, naturalmentc non fanno parte dcll'opera di Aristotele. Suo per I'ordine, e resta
inteso che ognuna delle seguenti formule fu da lui concepita come una
configurazione per assetti di connessione necessaria.
Prima figura: G, M, P.
I . I . Se ogni M G ed ogni P h M , ollora ogni P G (Barbara).
1 . 2 . S e ~ ~ e s s uM
n G e d o g n i P A l , alloranerrun P G(Ce1arent).
1.3. Se ogni M G e quolche P M, allora qualche P G (Datii).
1 . 4 . Se nessun M G e qualche P M . allora qualche P non I. G
(Ferio).
Scconda figura: "d, G, P.
2.1. Se ~tesss>i
G P M ed ogni P M , allora nessun P G (Cesare).
2.2. Se ogniG M e riessrrn P M , oliora neriun P G (Camestres).
2.3 Se ncssun G A l e qrrolche P M , nllora qualche P non G
(Festino).
2 . 4 . Se ogni G hl e qiralche P non M , allora qualche P non G
(Baroco).
Terza figura: G , P , M.
P G (Darapti).
3.1. Se ogni Al G ed ogni h1 P. allora
3 . 2 . Se riesrtin M G ed ogni M 1. P, alloro yzzalche P riori G [Felapton).
3.3. Se qualche iti G ed ogni ill P, a l l o r ~qualche P G (Disamis).
3.4. Se ogni A I 2 G e qi<olchenl P, ollora qualche P G (Datisi).
3 .>. Se qrrnlche dl non h G ed ogni h1 P, nllora q~ialcheP non G
(Bocardo).
3.6. Se nessun AI 2 G e qiialche Af P, ollora qualche P non G (Ferison).

\:<?t3 citare due esrmyi rlcll'ori,:tliarii formu!miuic prKJ Ji q..rrti


i~rinayi.Ckviir si \e.lib, in nccsunodct Juc i r , i Ari<r<.rrlc.
,.,:t
!a sem.
f ~ : npredicattvi
~
J'i\t.rcs.i<iiicchi q u i r' u w n in itdi3r.o. 1ii
corrispondetiza a 1.1 ( ~ a r b a i aegli
) ha ~i yhp r A x a ~ nav;b<
EI
%ais B nar ;rav~4<
TOU T, dlvbyxq 5b A %US& XUYT~C,TOG r X ~ S T Y O p ~ i a i i a(tradotto
~
alla lettera: 'Se A viene predicato di ogni B e B viene
predicato di ogni T, allora nccessaria che A venga predicato di ogni
T')."' E, in corrispondenza a 2.3 (Festino), egli ha CL yp ~b M sQ @v
N pqScvi T@ Sd 7 ~ c v iirbpxrr,
i
vbyxq T& N T L V ~T@ E
U~~PXELV
(tradotto alla Icrtera: 'Se M appartiene a nessun N ma a qualche 8 , allora necessario che N non appartenga a qualche T').'"
Chi ragioni nella prima figura prova la conclusione mostrando che
sodisfatta una condizione sufficiente.La orima fieura l'unica in cui
possano cssere provati ssserti generali di t;tt'e
i generi. Le regole speciali della prima figura sono: (I) la premessa maggiore (cio, la
premessa contenente il termine maggiore) deve cssere 'iirersale; (11)
la premessa minore deve essere affermativa. Per Aristotele, solo i sillogismi dclla prima figura sono perfetti o completi (TLAELO<), presumibilmente perchC solo nella prima figura, quando i termini sono disposti
nell'ordinc in cui egli usa disporli. risulta evidente 13 transitivit della
connessione tra i termini."' Questo carattere peculiare della prima figura nascosto quando il verbo 'essere' usato nelle premesse e nella
conclusione, come nei testi scritti in latino ed in molte lingue curopee.
(Questo fatto ha indatto a molte oziose speculazioni sul significato di
TLAELOSin Aristotelc.) Formulnndo la regola per la prima figura nei termini della frase iv EXv cbac, per chiarire questa distinzione Aristotele
inverte l'ordine usuale delle premesse. l? illuminante un confronto tra
due formulazioni del principio di Barbara:
'Qiianda i tcrmini nono tra lom in rcla,ione talechel'uliimo nel mediocome
in una totulird ed il mcdio nel prima come in una totalit, vi sai2 necersnrirmenle un sillogirmo perfettoche conncirc gli estremi.",.
'Sc A viene predicato di ogni B c B viene predicato d i ogni r, nccerrario clie
A vengo predicato di ogni i'.""
;I~ILL.

,aria per l'applicazione del predicato al soggetto. Le regole speciali della seconda figura sono: (I) la premessa maggiore deve essere universa1s; (11) una premessa deve essere negativa.
Chi ragioni nella terza figura prova la conclusione, che deve essere
Ipnticolare, mostrando che si possono addurre degli esempl. Ci es\cnriale poich, come si vide, un asserto particolare un'asserzione d'elistenza, e l'esistenza non si pu stabilire senza riferimento ad esempi.
,j parte il requisito che la conclusione sia particolare, l'unica regola speciale della tema figura : la premessa minore deve essere affermativa.
\In si dovrebbe notare che i primi due modi della terza figura secondo
l'ordine d'Aristotele (Doropti e Felapton) sono validi solo se s'sssume
la portaa esistenziale degli ssserti universali usati come premesse. Se.
in un sillogismo d'uno di questi due modi, una delle premesse universal i comporta l'asserto particolare che ne il subalterno, manifestamente
~p~ssiamo
costniire un sillogismo con gli stessi termini e la stessa conclusione in uno degli altri quattro modi della figura, cio il sillogismo
con due premesse universali forte piu di quanto sia necessario per il
suo c6mpito. D'altra parte, se nessuna delle due premesse comporta il
proprio subalterno, la conclusione non segue dalle premesse. I n una
reoria del sillogismo ove non si assuma la portata esistenziale, questi
due modi potrebbero essere esclusi mediante un'ulteriore regola specie
Ic prescrivente che una premessa in questa figura sia particolare.
Quantunque i primi due modi della terza figura siano, nella lista
ii'tristotele, le sole configurazioni ~illo~istiche
dipendenti dall'assuniione della portata esistenziale, chiaro che, assunta la portata esisten/i,ile, possono derivarsi conclusioni particolari da qualsiansi premesse
cile garantiscano conclusioni universali; in alrri termini, noi possiamo
;ipgiungere i seguenti principi:
Se ogni M G ed ogni P M, ullora quoiche P P G (Barbari).
Se serrrrn ht G ed ogni P hi,nllora quolcheP non G (Celaront).
2.11. Se nessun G M ed ogni P M, allora qualche P non P G (Cesaro).
2 . 2 1 . Se ogni G h1 e trersun P M, ollora qrrulche P non G (Camestros).
1.1 I.

1.21.

Chi ragioni nella seconda Ggura prova la conclusione, che deve essere negativa, mostrando che non sodisfatta una condizione neces-

c.ii ~ : i u i i,uh.ilicii L (co,: fi.r<iiii> L i i i r i i : ~


nel
~ ~m c J i ~ c i ariuii
~ iuru
i > iir.>n:><riiitlil>Arirtotc:c. 1: lotn in:e:erse prccipuo; ct.e <,,I L . ~ L I . X :l'=no i: nilniero dei nicdi nelle t:e liru:e da :ui riconosc::it<: Sc iiot. \ i
&sume l i portata esistenziale, in ogni figura vi sono quattro e solo

La dottrina drl sillqismo

quattro modi validi; ma, se invece si assume la portata esistenziale, in


ogni figura vi sono sei modi validi.
Nel corso dell'erposizione, Aristatele enuncia alcune regole generali Der tutti i silloeismi: ad esemoio. che almeno una oremessa deve
rs;c:e ur.ii.eri31~.ed almeno un1 yreress.i drte eser; nd~rmatii,a.'"
:<la r ~ l nnn
i reni3 di dcr:rzre :i.rrz 1% trt>:i3 da un il<iemr21rt,,rile grrrinli, r:iliic ai,rcY.it. f:i.o qi.nl-i.iio ilri cuoi si.:ce+oi:. Eg:i proccde
cod. p : ' m conii,:cri qii,li conpie di prc1:iesse dinnc sillogismi rllii.
c i ~ coriportino

conrl.~ricninella Tiaiira in esame, poi csc:~dc !e coppie di premesse che non diano una conclusione. In questo conresto egli
fornisce spesso materiale per mostrareche la coppia'di premesse in
stione non d una conclusione. Si chiamato il suo metodo proof by
contraded inrtances, prova mediante esempi contrari.'" Forse sarebbe
meglio chiamarlo rejection by controsted instonces, rigetto mediante
esempi contrari.'" Esso, infatti, consiste nell'addurre due triadi di termini tali che in ogni triade le relazioni degli estremi al medio siano dei
generi in esame, quantunque in una tdade il maggiore appartenga ad
ognuno dei minori e nell'altra a nessuno dei minori. Manifestamente,la
prima triade un esempio contrario, un controesempio, per mostrare
che le relazioni swecificate non ammettono ?inferenza ad una conclu' i o n e n g n t i o ~ ,sia zssa C ~ ~ Y C T OS parti:~:qr<,
J ~ ~
mcntrc IA rc:o:iJa viaI e uiiesempti cuntrrrio pcr mos:r3reche I: I C I A , I ~ ~ non
~ L ~ii-netrono
l'inferenza ad una conclusione affermativa. sia essa universale o articolare. Prese congiuntamente, le due triadi bastano a mostrare che le
relazioni specificate non ammettono conclusione alcuna. I1 primo esempio fatto da Aristotele lo chiarir
'Se il prima termine s e y e ogni medio, ma il inedio non appartiene a ncsrun
termine ulrimo, non vi sar sillogismo degli cstrcmi. Infatti, stando rosi le care,
nulle segue ncmssac;amnrc. Inbrti, il primo pu appartenere o ad ognuno o a
nerquna dell'ultim4 si che n6 la candurione particolare,n la universale & ncceissria. Nulla essendo necessaria qude conseycnza di questi asscrti, non vi sar
rillogirmo. Termini per I'apparrcncmr ad ogni oggetto: animale, uomo, cavallo;
termini per l'appartenenza a nessun oggciro: mimale, uomo, pietra.'"'
ristotele qui ci invita a considerare queste due coppie d'asserti veri:
?Ogni uomo un animale' e 'Nessun cavallo un uomo', e 'Ogni uomo
un animale' e 'Nessuna pietra un uomo', ed inoltre a considerare

gi

che ogni cavallo un animale e che nessuna oictra un animde. Da


. i c,tic r<-l.i,i<mi
<cdiic ilic uiir :sppii J i assetti ;elle forrrc. 'Orni hl i
i;'c ' S c i w n P hl' mmpnribilc con g I ~ .,s~rti <Il tiitt'e qulitro le
i ,riiic. 'Odni P C ' . '.Ursrun 1' i G', 'Qu>lclti P i C;', 'Qii3lche P r.on
, G'. <)ut.s:u metodo 3 prini., i,iain pdrri (orre t r o p p ~COTP?:C.IIO.
rri
.,r.i Z rrl?.ir:n~nic c.wiit..i,i<-o,lioi.ld ripct:a sim-lt3cc.arncn.e i ~ ic
ttro forme di ragionamento invalide.
Le regole speciali formulate da Aristarele nella sua discussione delle
varie figure hanno il fine di riassumere i risultati e di eliminare i modi
invalidi a gtuppi. Sarebbe tuttavia errato ipotizzare che l'esposizione
.iiistotelica sia asistematica; infatti, la dottrina delle riduzioni da una
figura all'altra, cui egli ricorre continuamsnte, rende unitario ci che altrimenti sarebbe un mero catalogo di principl separati. Dopo la formuI.izione d'ogni principio per un modo valido nella seconda o nella terza
figura, egli mostra come esso possa validarsi. direttamente o indirettamente, mediante un sillogismo nella prima figura.
In origine, la dottrina della riduzione connessa con l'idea che solo
i sillogismi della prima figura siano in s perfetti, ossia evidentemente
concludenti senza rngionamento supplementare.'" Per la maggior parte
dei modi nelle figure imperfette tale ragionamento supplementare pren<lela forma della conversione. Cosl, ad esempio, 2.2 (Camestrer) pub
validarsi nel modo seguente mediante 1.2 (Celarent) e due conversioni
degli asserti universali negativi:
Nessun P M
Nessun M P
Ogni G M
Nessun G P
Nessun P G.
Vi sono, tuttavia, due modi, e precisamente 2.4 (Baroro) e 3.j (Bocor!i.),
clii ri.i.i p05,o r a ; ~ c l ~inr ~questo
i
rr.ods, per ca\i iiriitnrcle usa
I pracc~litn<~rit<>
~ l u ~ r r riduztone
~to
per I,,, u:x>h,lc a r ~ . ~ i i oindin~
.t:3. Prc?dtaniu, aJ cs~m?iu,7 1 i/i~o;ri),il cui pr:n::pio i.
Se ogni G hf e

P non M, allora qualche P non G.

Per ndidnre questo modo, Aristotele prende l'asserto contradittorio


della conclusione (cio, 'Ogni P G') insieme con la prima deile preniesie ed argomenta, conformemente ad 1 . 1 (Barbara), che questa combinazione comporta l'asserro canrradittorio deil'altra premessa, cio
'W'An

or I

izr'i2), I r (26'281. 1. 1 i*R'll, 1 6 iz9'i41.

La duttrina del rillogirma

ii311iI I ~ I Y C ~ \ J I'I il IIUCILC~ J i ~ U C I I D?I01'3 ;1 CI)?i si!l<,,:i.mi ,I,'Ii ?il.


n+&:A
~ : m . l ~ t[ur~o.ularl
~ i < ~ ~ ~[ x ~ ~ : < m
ridt~csi
t > p', t ~ ~ t p o s ~ , ~ ~ ~ / ~
.i 51 I.ig..iiii <:cl13,.cond, G;ura. i ai:nll .I lnro voltn uniir: ri<:ii,ib:lt. i n ,
per conversione, a sillogismi della prima figura con conclusioni universali. Come egli stessa osserva, la riduzione completa d'un sillo~ismo
nella terza figura con una premessa particolare s'articola in tre stadi:
( t ) riduzione ad un sillogismo della prima figuta con una conclusione
particolare; (111riduzione dalla prima Ggurn alla seconda figura per impossibile; (1111 riduzione dalla seconda figura ad u n sillogismo nella priChi scrisse questo manifema figura con un3 conclusione univer~alc."~
stamcnte non si preoccupava della cogenza dei sillogismi nella seconda
o neiia terra figura. I l SUO interesse era come auello d'un geometra il
quale cerchi dicostruire un sistema dcduttivo ;on un piccdo numera
di assiomi: gli assiomi pi6 'naturali'.
La riduzione per impossibde di speciale interesse perch raggmppa i modi in triadi, uno da ogni figura. Cosi, ognuno dei seguenti modi
pu ridursi ad uno degli altri due menzionati nella stessa triade:"'

I.I,Z.+, 3.5
1 . 2 , z . j ~3.3
1 . 3 , z . z ~3.6
1.4,2.1,3.4

(Barbara,Baroco, Bocordo)
(CeIarent,Fertirio,Diromir)
(Darii, Ca~nrs~rei,
Ferison)
(Fcrio, Cesare, Dotisi).

Triadi analoghe possono costruirsi per i modi che involgono la portata


esistenziale. Facendo uso di questo procedimento, insieme con la conversione e I'obversione (che non era ammessa da Aristotele), possiamo
ridurre ognuno dei diciotto modi validi nelleire figure aristoteliche ad
ogni altro e perci ad 1 . 1 (Borbaru). Ammessa I'obversionc. la verit
che tutti i modi validi siano riducibili ad 1.1segue dal risultato di Ari.
stotele menzionato nel paragrafo precedente. Infatti, il principio di
1.2 (Celarenf)si pu riscrivcre nella forma:

Se ogni M non-G ed ogzi P iiiiora ogni P non-G,


che manifestamente un caso speciale di 1.1. Ma per la riduzione dei
modi che involgono la portata esistenziale si deve naturalmente ammettere l'inferenza dagli asserti universali ai loro subalterni. I n breve,
non necessario che chi accetta i vari principi logici usati nella riduzione consideri indipendenti i principi dei vari modi.

?;"prI;; i,;;;.i

eI

2 , (4nbt,1.

QucSmr,*"lra",~ c l s b ~ r s d2.,R,sT"n,.r
r~

i" AZ> p,, I1

8 ,o

97

Ncpll ultimi secoli \i > nio1.o diiciisso ,.tll'oscrzii <I,.I -apion>neri , ~ i l l . > : ~ i < . i ; c > . r<l i i i \ul1irgiodl roerro uqticll.i I!riiri.il!>,:.,ione ri sorti
i . ,ti ct..nni p ~ s , ic'.\ri>ro.~l;
clic nulla 1:innu d* i?rcci.i. ' i riia ,lottr:
I J J iil!ogirmo I r furltii,li zcietta13 ~ ipcn~:illn~vot:.~
i
il B;c/I<~c
L!?
i,:>i,
cr vtr!.<. 'I' il i Iic viene pr:dic.tro dl "!:i r;it ilir i i iere predic.~to
.li o:ni
t>.>rtcdi
q
i:.!'
,
,
tatil:ti
'
"
513
si?
~
n
c
i~arl?ti>
h
~
in
faic,rr
del
,I>r.
.. .
,,ira Noto >iorae.est noi8 rei ipsius: 'Ciche q d i f i c a un attributo qualifica una cosa che possiede quell'attributo.'"' Nessuno di questi dicra
\odisfaccnte neppure per il primo modo della prima lipura: ma inutile
inaliizarli. ooich tutto il dibattito nasce da un fraintendimento. Ati.iui .li. forniclj ur. rrixipio a ?, pcr nl:r mi>ilrt >U31 c ~ d : t i r J ~m,
~ :li
:p i , nella rua do.tr:na dr.ll:i rid~i,iore <Inc w l i ~ u r a:l'altri.
i
.iio<tr
7i.w
ultitr: d u J . ~ t:aiJi
i
I>oicr<r.rodcriii;irsidai primi 2 . i ~Clii igr:o1.1 li, ;a
dotiriii.4 d'lld r~ilii/ior.c.in2 insiste achiedcrc .!i.incolo prin;~~
dcl
i i rngionirnr.nto silloai>tico,crml.rl nvr. as;ir~rcliiaramcntcquc'
clie vuole
Pcr tiirti i s ~ )~.!tti
~ iI i ~ ~ ~Arisiotele
ri,
I L ~ UIJI rrpula (11cspr.mere
I priccipir, d ' o q i ,1>3i10
\~IIofiiitico>n 1-3airerto cond.71cnde (JJ?IC
Sc , ~ n hl
i i. G r.J C; i i P 2 l!. nllor~oqiii i' i.G' h',.:l~ I3r23 aiiiichiid
i i i .i,irsinli qti~l:<;llenoe Bouiu pii,c,tnrons I'npet~1u;ic~
J'r\rirro.
ri.Ic n m c una te043 2csli \ r h ~ : i ~i li' i c f e r c n ~ci>?
~ , CUTC ur 1 teoria In
cui le regole d'inferenzisono insegnate mediante ragionamenti scheletiici quale 'Ogni M G , cd ogni P M; dunque, ogni P G', e que\t'uso stata seguito da moltissimi espositori moderni. Non quindi
"rivo di'nteresse ritornare. come noi abbiamo farto, all'uso oridnado

7io.tinli segue da un altro secondo il principio genernle


Se (re P e Q , oliora R), ollora i r e P e san-R. allora non-Q)
l''li cerca piutto,ro di mu\iri.e rltr chi riyct.i un^ ccit, 1~11f;~:r37ioI.L d'infcrct:~~
T ~ L I N C - I ~ C C I I I"11 ceri3 2!tr1 c~nf.:~ir
i,z:in: p110e<rr.:C
- 3 d . i t t ~i'l'.. it<>.cntr~rli:,'oneC qurjto i l iir..4eod<Iiuo :.>nfron~i t:.
iwrto m<radu di r:du,i iitc cd I' I i,:'<innoe n t i clie ,i ib~listc,"in~<>illcc,~r.tLilit.'~
Jcll I LI, ti!o~~alrco?
11 l~..>d'ur':ui,lr~t., Yc l!'opc:~d'.\
'" Si ,"Dpu"C che qutiio diiii<.i 'icriii <k Ai, or.. I. i (r,*ril
''' S i i dcilo rlic qumro diifur derivi da Cdrrnmtiir,I Ir'ioi.

La dottrina del sillogismo

ristotele si trovano invero pochissime osservazioni intorno alla forma


condizionale d'asserto, quantunque di quella forma eali faccia frequentissimo uso per esprime& l'implicanza.Di recente tukasiewin ha cercato di presentare la sillogistica d'Aristotele come un sistema deduttivo (ossia alla maniera degli Elemetrti
d'Euclide) con quattro assiomi speciali, e precisamente due principi
sillogistici: 1.1 (Borboro)e 3.4 (Datisi), e due principi dell'idcntit:
'Ogni X X' e 'Qualche X X'.'* I1 risultato msa di grande interesse,
ma molto differente daila concezione che Aristotele aveva della propria
opera; e per comprendere la storia della logica importante registrare
le tre differenze.
Prima differenza. Quantunque Aristotele abbia proposto i suoi principi sillogistici in asserti di forma condizionale, sembra certo che I'uso
della forma condizionale fosse per lui solo uno degli espedienti per d u e
che certe premesse permettono d'inferire certe conclusioni. A differenza di tukasiewia, egli non pensava che la propria teoria sillogistica
presupponesse una parte pih fondamentale della logica concernente le
nozioni di condizionalit e di negazione. E quando parlava della riduzione di tutti i sillogismi a 1.1 (Barbaro) e 1.2 (Ceiarent), ci che egli
aveva in mente era un procedimento come quello da noi gi illustrato
con una derivazione complessa in forma d'albero, piuttosto che la deduzione d'una tesi condizionale da un'altra.
Sccunda d:ffercr,i Ari;tutclc, a dlifcrenza .li t.:i.asicu*ic7. non ri.
teccvn c:ie i l ~ y ~ p : ! cbrnpito
o
foccc iorni~:artnssiorni per d:limitarc il
-,.riso f r i se221 rclariurnl: come i rnc&iottrli ..
r<
lI l'er lui, in farma
iiiiivcrr~!~
aff:rniatien C !a ! 1 ~ prriicoLare
~ 3
alir.rliiati\,i non avcvaro
un.1 ipccia!e pricrii tra Ir siic i1113tt:o forme. e qunntucque indubiiamente egli assumesse I ' a ~ ~ l i c a z i a nper
e tutti i suoi termini generali.
n r ~ b ~ b i l r n e niirc!,bc
t~
,;&o sorpresb eii :nil>dr~rz~to
re gli ;\.esser0
c I L . ~che
~ !3 SJI teoria p-".tpponcva 11seconJo pttnril>io d.:l'itcntitb
di t u k a s i e u ~ i a .
Tema differenza. Da come Aristotele introducela conversione evidente che egli la considera una forma di rngionamento indipendente
dal sillogismo. Mentre Lukukasiewicz deriva i principi di conversione da
assiomi dei quali gi a prima vista risulta che non hanno nulla da fare
con la conversione, Aristotele, nel secondo capitolo degli Analytica
prioro, presenta questi principi come evidenti a chi conosca il procedimento dell'ctheris e la nozione di redrdctio od in~poridrie.E vero che

99

in questo capitolo l'ordine del suo ragio&nento non chiarissimo, e


cheilcommentatore Alessandrodi Afradisiapens che eglipotesseaver
inreso I'uso d'un sillogismo nella terza figura piuttosto che la semplice
icthesis. Ma il genere di prova che Lukasiewia d per i principi di conversione sembra risalga al medioevo (forse al logico inglese Kilwardbv), e la sua adozione incompatibile con il programma aristotelico di
considerare 1.1 (B~~rbora)
e 1.2 (Celarent) i principi hasilari della sillogistica. Infatti, tale prova involge I'uso d'un sillogismo nella seconda
n nella terza figura, il quale non pu ridursi ad una delle due configurarioni sillogistiche primarie d'Aristotde se non usando la conversione.

7.
La logica modnle di Aristorele.

Insieme con la tcoria degli asserti generali puri ( o assertori) e dei


sillogismi costruiti a partire da essi, Aristotelc elabor una teoria degli
asserti mndali e dei sillogismi modali. Un asserto madale un aesertocontenente la parola 'necessario'o In parola 'possibile'o un equivalente
d'una di esse; un sillogismo modnle u n sillogisma ove almeno una delle premesse un asserto modale. Gli asserti della forma 'E necessario
che-P' furono poi chiamati esserti apodittici; gli asserti della forma 'E
possibile che-P', asserti problematici; gli asscrti senza nessuna di queste due qualificazioni, asscrti assertorl. Per comodit, noi useremo questa terminologia.
La teoria degli asserti modali sviluppata in De intcrpretiitione,
capitoli 1 2 e 13,ed in A>iulglku priore, I. 3 c 13;la teoria dei sillogismi modali, in Analyiicu priora, I. 8 - 2 2 . Dapprima Aristotele non spiega perch egli tratti la modalit, o come essa pertenga al tema generale
della sua opera; ma al principio della discussione dei sillogismi modali
egli dice:
'Poich v'& una diffcrcnia tra apparrcnere, appnrrcnere ncccsrrri;irncnte poter appartenere (infrtii, molte mre appartengono, ma non necesrarinmcnrc: hrrc
non appartenpana n necessariamente nC rrmplirernente m i possono apparrenc.
re), 8 chiaro che v; saranno sillogiirni :i ognuno di querri;ari, e clie I rerrnini non
saranno nella rrcrrn relhiione, ma nel primo n s o le premesse arrcriianno la neccrsiri; nel secondii. I'atrualir8; ncl terzo, In pa~rib'dirh."~

Risulta di qui perch Aristotele pensi che la teoria della mod~litappartenga alla teoria formale del ragionamcnta. I concetti di possibilit
necessit hnnno quella completd generalir che, nella Rb~torico,
detta caratteristica dei rapai rctorici e dialettici.'" Qualsiasi asserto sii
qualsiasi tema pu essere quuii6cato da 'possibilmcnte' o da 'necessae

'-

'"

, W , 1 s i*?b29 3 ~ l
Cf? la riruianl i.#ru, D. 10

,l!,

modaledi
~
Aristatele
l
~

ror
~

riamente'. Inoltre, la distinzione tra predicirione necessaria e predicazione non necessaria basilare nella tcoria dei predicabili, ove un acci definito un carattere che pu ( V ~ ~ X E T U L )appartedente (cup@~@qntc)
liere o no ad una data cosa (ad esempio, l'essere seduto pu appartenere o no ad un uomo).'"
Prima di discutere se Aristotele avesse ragione quando pensava che
la teoria della modalit dovesse essere inclusa nella teoria del ragionamento. dobbiamo domandarci che cosa egli intendesse per necessit e
possibilit; e , primi ancora di tentar di rispondere a questa domanda,
rlobbiamo esporre in compendio il contenuto delle sezioni rilevanti.
Nel capitolo 12 di De infcrpretatione,Aristotele considera due queitioni: 'Qual propriamente l'asserto contradittorio d'un asserto modale?'; 'Che modifica la parola modale? il predicato d'un enunciato O
tutto l'enunciato?' La seconda domanda non posta con chiarezza, ma
una risposta ad essa cmerge incidentalmente nel corso della disciissiane della prima.
Alla prima domanda Aristotele risponde: l'asserto contradittorio di
'E possibile che-P' 'Non possibile che-P', e non 'E possibile chenon-P'. Analogamente per 'E necessario che-P' e per le altre asscr~ioni
iniodoli.'*Ci manifestamente corretto.
Nella lista delle sue coppie contradittorie egli include 'Vero : nonvero'. ,?l probabilmente la prima volta che la verit trattata da nozione quasi-modale.
Alla seconda domanda egli risponde: le parole modali modificano
tutto l'enunciato ne! quale ricorrono, non gi una singola parola o una
singola frase di esso. La formulazione di questa seconda tesi non chiarissima, ma sembra che, per Aristotcle, la clausola subordinata dovesse
ronsidcrarsi il soggetto dell'enunciato modale, che usato nel suo insieme, in toia, per affermare o negare la possibilit, o una delle altre
nozioni modali, di ci clic espresso dalla clausola subordinata. Un'erpressione modalc come 'i. possibile' deve considerarsi analoga al verho 'essere' usato esistenzialmente. Essa usata per fare un'asserzione
intorno a ci che espresso dalla clausola subordinata, e , al fine di neFare questa asserzione, dobbiamo apporre la particella negativa non alla clausola, ma all'c~~ressione
modale, casi come la negazione di 'V'
un uomo' 'Non v' un uomo', e non 'V' un non-uomo'."' Sin qui, 1'2nalogia con gli asscrti esisteniiali utile all'argomentazionc di Aristo1"

Topru l. 5 (~oa'61.

'v

De

"'

ini;rpr,.~,ianp. 12 ( 1 1 . r ~ ) .

Ibid

(11'26~1

L 2ii.S.I~).

tele, ma l'esame degli enunciati assertori contenenti il verbo 'essere' lo


induce a generalizzire: gli assetti contradittorl si formano sempre a p
poncndo 'non' al verbo 'essere3 quando esso ricorre. Frasi modali ed
nsserti modali tappresentana un'eccezione a questa regola. Infatti, il
contradittorio di 'la possibilit che X sia' 'l'impossibilir che X sia', e
non 'la ~ossibilitche X non sia'. Arisrotele quindi condotto a com.
prendere che in un asserta modale l'espressione modale forma il predicito principale dell'enunciato ed , per cosi dire, piuttosto esterna che
interna al resto. Lo stesso egli dice di '8contingente' negli Analyrica
priora,'" si che questa sembra essere la sua opinione pi6 matura, quantunque. come vedremo, talvolta egli ne devii.
Anche qui egli pare avere decisamente ragione, e perci noi "sere.
mo. per tutta la discussione della modalit, le forme, piuttosto artificiali, 'E possibile che-P' etc., ove 'P'indica una lacuna adatta ad un segno
proposizionale. In greco e nello stesso italiano vi sono molti modi idiomatici alternativi d'esprimere gli asserti modali: ad esempio, due espressioni alternative di ' necessario che X sia Y' sono 'X deve essere
Y' e 'X necessariamente Y'. Queste formule possono forviare, - specie l'ultima, che fa pensare che il termine modale modifichi il predicato.
Per chi usi il greco, quest'errore particolarmente possibile in relazione
agli nsserti apodittici, poich, in greco, questi sono spesso espressi usando la frase avverbiale t vdynq; l'di necessit'). Non altrettanto facile
leggere cosi le proposizioni problematiche, poich in greco non v'un
avverbio corrispondente all'italiano 'possibilmente', e, almeno in Aristotele, il modo piu comune d'esprimere un aseerto problematico hso del verbo i v 6 i x ~ o t a('ammettere',
~
'essere possibile').
Nel capitolo I3 di De inicrpre/a/ione. Aristotele indaga le relazioni
logiche tra '2possibile (Suvaz6v) che.P', 'Bcontingente (ivFs~6tirvov)
che-P', '2necessario (vayxaiov) che-P', le loro varie contraddittorie,
e le corrispondenti espressioni con clausole subordinate negative (ad
esempio, 'Epossibile che-non-P', ctc.). La discussione ardua, soprattutto perch Arisrotele cerca dapprima di combinare due tesi contradittorie, e precisamente: ( I ) 'E possibile che-P' e '8contingente che-P' si
comportano l'un l'altro;'" (11) 'E possibile che-P' equivale a 'Non necessaria che-non-P'.'" Ecco come sorge la contradizione. ' contingente
che-P'comporta 'E contingente che non-P', si che, se identifichiamo la
posoibilit con la contingenza, '8 possibile &=-P' comporta 'E possibile

che non-P'. Ora, '2necessario che-P' comporta manifestamente 'Non


necessario che-non-P'. ossia, per la seconda tesi,' possihileche-P'. Ma
'E
che-P' comporta, per In prima tesi, 'E possibile che-nonP'.
Abbiamo quindi la conclusione contradittoria che 'Enecessario che-P'
comporta '8 possibile che-non-P'. Aristotele risolve questa di5colti
[ponendola regola che 'possibile' (Euva~6v)
debba considerarsi comparibile con 'necessario'. Invero, ' possibile' segue da ' necessario', quantunquc, ovviamente, non tuttoci che passibile aia anche necessario."'
Aristotele avrebbe fatto bene ad usare parole differenti per espriinere Ic due nozioni di ci che non impossibile e di ci che n impossibile, n necessario. Ma non lo fece. Negli Analytica priara egli usa
prsvalcntemente ~ Y ~ E X ~ ~ EeY leD Yforme verbali ad esso relative, tratrandolo da siiionimo di Fuvadv, ed annettendogli due sensi: uno, pih
<metto, nel quale ivScX6pcvovsignifica 'n impossibile, n necessario';
uno, meno stretto, nel quale esso significa semplicemente 'non impossibile'. I seguenti passi parlano chiaro: 'Io chiamo l'essere possibile
i i.i6i~ro9a~)
ed il possibile (sbiv6sX6p~vov)ci che non necessario ma
<l3cui, se supponiamo che esista, nulla seguc d'impossibile. I l necessav
rio detto possibile omoniniicnmente."" Qui sb i i i F ~ ~ 6 p ~ vodefinito,
in effetti. ci che n necessario, n impossibile; infatti, l'impossibile
wgue solo dall'impossibile. Ma, nell'ultima clausola, Aristotele ammette (in scnro esteso nel quale anche il necessario pu dirsi possibile. I1
sccondo passo suona cosi: 'Si che A apparticne possibilmente a nessun
li. Questo sillogismo conclude al
non nel senso della nostra
ilefinizione, ma nel senso che A non appartiene necessariamente ad alcun B ( r o i i ~LT]OEYLi v d y x ~ ~ ~Qui
) . "Arisrotele
~
rileva che In conclusione del sillogismo in questione: 'E possibileche nessun B sia A,'significa
scmplicemente'Non necessario cheun B sia A', cio'Non impossibile che nessun B sia A', e non' n necessnrio, n impossibile che nessun
B sia A'. Egli tienedistinte le suedue nozioni, pur usando la stessa parola. I n genere noi seguiremo Sir David Ross: esprimeremo la nozione
nristotelica piu stretta con ' contingente che'; 'non impossibile che',
con ' possibile che'.
Negli Anolyiicii priora ivF~~6prvav,
quando ricorre in una premessa,
rignifica sempre ' contingente che', ma, quando ricorre in una conclusione, come r' appena visto, signilica a volte ' possibile che'; quando
i. cosi, per, Aristotele lo dichiara sempre. Talvolta, poi, quando usa-

'" DDIinlrprilu>ionr I i i ' i i l .


'* A" p,., I I, 01'iS-2,).
'" i h i i i , l i l O i b z > l .

Lr logica madalcdi Arirtode

to con oGErvi, iv6rxbowov signiiica ' possibile': ad esempio, av9pwrw


DBEV~ITTW
t d i x ~ ('Non
~ d possibile ad alcun cavallo essere uomo').
Generalmente, questi casi risultano chiari dal contesto.
Fu probabilmente per cansidcr~zionimetafisiche che Aristotele nella sua teoria dei sillogismi problematici, privilegi la contingenza :non
la possibilit: infatti, nella sua metafisica, fondamentale la dictinzione tra il necessario e l'impossibile da una parte e, doll'altra, il meramente fattuale. Ma la sua scelta, pur essendo comprensibile, infelice sotto
il proiilo logico, poich un asserto di contingema , come s' visto, un
assetto congiuntivo travestito, mentre tutti gli asserti che ricorrono nei
sillogismi dovrebbero essere semplici nel senso aristotelico.
.Sryli rl,r:!ir::.t
P ~ I O ~
:J(11 m, <,rt+ryrrt~rto>!e.
non si an~ii/,anori
1.3 nr:?..iti.
n; la p~asibiliti.n ii iiii>,trl chci dud trrrnini sono inter.
rlelir.:,il.. pc::uno dcfin:rci I ' L W i2 trrit~i.iiddl'nliro con l'liuto del:a
ncglr:ori? Cuii:c r:ii vcdcsrmo. ii porsi>ils I>J <lefin:rii i1 'iioii-ii-ccs...rirc?nte non' \'i:ci8..r,i, .l n.ccsr3:io pub ictin:r<i :I ' n ~ n - ~ , i j . s i i l .
ril:lirc-~on' Ii convin,:cr.rc ;itib allcra definirsi ci che cossibile
e- non
- ~ - -~
...
necessario. Cosi, tutte le nozioni modali possono de6nitsi partendo
dalla necessita o dalla possibilit e dalla negazione. Le relazioni tra le
nozioni modali possono semplicemente rappresentarsi in un quadrato
d'opposizione:

E n c c c s s n r ~ l che-p
e
h possibile clie P

Non 6 nccessario clie-P

Entro il quadrato, le relazioni di contradizione, contrariet, subalternazione sono mantenute come nel quadrato d'opposizione assertorio, e
'E contingente che.P' definito come la congiunzione dei due eubcantrar?.
l .t:urir
~ irirro~elic.i <il'*,,i~rnimodali gereralniente eiiiilicsta
conlii>rc J insoJ:sincenre. e sl ' . i u ~ i ~ : i t . ~ r ~ : o ccjri
h e s a cn'oyeri rat.
d~ e inconl,ii~d,inrcritl re2'i .I>:;::lr-~
r,r:or, mu:to i o o o :I comoimento del resto di quel libri. Ma &n necescarin
ciinnkrvrni n>;
---.
spiegare perch essa insodisfacente. Aristotele era ostscolato non sii;
da una definizione inutilmente diacile della possibilit, ma anche dal~

io5

l'assenza d'una logica delle proposizioni, quale gli stoici avrebbero sviluppato un secolo dopo, edalia mancanza d'un simbolicmoperspi~o.Il
suo metodo di lavoro di passare in rassegna i modi assertari validi.
controllando i nuovi sillogismi che risultano quando una, od ognuna.
delle due premesse assertorie siano rimpiazzate da proposizioni modali.
Il numero delle combinazioni possibili grande ( 8 x 14= I 12). e. quantunque molte possano associarsi (come quando Aristotelc accetta, sulla
basc d'un singolo ragionamento, sillogismi modali con due premesse
aliodittiche corrispondenti a tutti i modi assertati tranne Boroco c Bornrdo"), il discorso resta cosi denso e ritto che il lettore di questi capitol i ha inevitabilmente la scnsazionc che troppi siano gli alberi perch si
vcda la foresta. Inoltre, giB dal tempo dei suoi immediati successoti,
Eudemo e Teofrasto, si riconosciuto che alcuni dei ragionamenti sono
dubbi.
Prima di considernre la trattazione aristotelica dei sillogismi modali,
considereremo la teoria aristotelica della conversione degli assetti nioilali. Qui egli p i d a t o quasi interamente dall'intuinione. espressa in
Dc interprrtntionz, che la parola modale qualifichi tutta una
i o n e . N? risulta manifesto che, se una proposizione ne comporta un'al.
rra, la necessit, o la possibilit, della rima si estende anche alla seconda. Aristotelc aderisce a questa regola nella sua teoria della conversione
degli asserti apodittici, dicendo che essi si convertono esattamente nello stesso modo che i corrispondenti assetti sssertorl.'"
La sua teoria dellaconversione degli asserti problematici ha due pc.
culiarit. I n
luogo, egli ammette un nuovo genere di conversione,
che Sir David Ross chiama romplemciit~ry coriceriion. conversione
complementare."' E l'inferenza da 'Econtingente che-P' n 'E contingente che-non-P'.'" Passiamo anche infetire che, pasto che una propo.
sizione contingente, la sua contraria contingente. Alls luce della definizione della contingenza, questa tesi valida.
Ma Aristotele sostiene anche che I'asserto univsisnle negativo problematico non si converte semplicemente, se ritenuto asserto di continnenza; ed argomenta cosi:"" contingente che ogni P sia G' comporta,
per la regola di conversione complementare. 'Econtingente che nessun
P sia G'. Se si suppone che 'E contingente che nessun P sia G ' comporti
'E contingente che nessun G sia P', che a sua volta comporta, per con'"

p,,

Ibzd.

"I

I.,

I 8

(29'3,

1.,'27-,11.

?,

"' arsi ori^'^ Prrur oi;d Pairrrior .Aiiul,riii,


..lo. D,, I. r3 <,2'3,
S.I.
'" IbiJ ,l. i , (36511.

p m8

versione complementare, '2 contingente che ogni G sia P', allora 'E
contingente che ogni P sia G' comporterebbe '2contingente che ogni
G sia P'. Quest'implicanza per Aristotele manifestamente non sussiste
presumibilmentc perchZOgniP G' non comporta 'Ogni G P ' . Q ~ L 1
sta un'argomentanione debole; insero, dal fatto che 'E contingente
l
che-P'comporti 'E:contingente che-Q'non seguecerto chs'P'comporti
'Q'. Infatti, come abbiamo visto, 'E contingente che-P' comporta '&
contingente che-non P'. Aristotele. tuttavia, rafforza la propria arge
I
mentazione con un esempio: conrinecnte che nessun uomo sia- hi=n~m
"
1r3 non cont:np,-n,: chi ncjjunn~os3
I.iinca 511o r t ~ l ~ , mpcrch5inol~
o,
re cose bisiiche nr:vjsnriniiente riyi joiii, i: miri I'er'molrc co<e&an.
che' Alessandro dice che egli intende, ad esempio, la neve e i cigni.m
Se Alessandro ha ragione, la posizione di Aristotele molto strana; in.
fatti. se la proposizione convertita falsa perch esistono la neve ed i
cigni, la proposizione originaria sarebbe egualmente falsa perch esistono i negri. Ambe le proposizioni paiono in realt vere; infatti, 2
egualmente contingente che non esistano cigni e che non esistano negri.
Sarebbe ingrato, noioso e sterile criticare analiticamente tutta ladot.
trina aristotelica dei sillogismi modali. Ci limiteremo a due punti, perch essi sono le origini dello sviluppo logico ulteriore.
Primo punto. Il primo dei due punti questo. Aristotele, sembra,
ha errato quasi conipletamente nella sua teoria dei silloeismi con
~ nre- ~ .
messe problematich. Egli dice, ad esempio, che i sillogish nellapAia
figura corrispondenti n Bsrbara sono validi e dnno una conclusione
prcl>!~ni~tii~i
<ILJII!O
ni.>b: le prcnirvt. :oiw li?,~b!tn~r:cieo quando
la n l 2 3 i v ~
t.111>hl.:in,.t:c3 e 13 nvrorr. ;..i<<r.ririr'i Che, ini.e:r, le coi i non st:ano c.)<i<I p:i:, irusirxe con la scyii.,ntr c<.pp:~
di prciiiisse:

( I )

~~

contingente che ogni triangolo sia azzurro.

E contingente che ogni cosa rossa sia un triangolo.


(2)

E contingente che ogni animale sia un bipede.


Ogni uomo un animale.

I n amho i casi, la conclusione che trarremmo secondo le regole ariste


reliche sarebbe affatto falsa, quantunque le premesse siano vere.
I n qllesra sezione Aristotele d5 hen pochi esempi, si che diRiuIe
riiitracciarc la fonte del suo errore. Pu darsi che egli, nonostante la
sua opinione uGcisie, concepisca la contingenza come interna d a pro-

o sia forviato dalla considerazioni d'un ragionamento come


questo:
Per ogni mammifero contingentc essere fulvo.
Ogni uomo u n mammifero.
Dunque, per ogni uomo contingente essete fulvo.
Questo ragionamento valido e, in italiano, lo si comprenderebbe pih
Lacilmeote nella formulazione:
Ogni mammifero pu essere o non essere fulvo.
Ogni uomo un mammifera.
Dunque, ogni uomo pu essere o non essere fulvo.

Si deve tuttavia notare chela premessa maggiore non equivale alla proposizione' contingcnte che ogni mammifero sia fulvo', che pub essere
ancora vcra anche se alcuni mammiferi, ad esempio le volpi, necessariamente sono fulvi. Inoltre, anche con quert'analisi della proposiziotie
t>roblernatica,il sillogismo con due premesse problematiche invalida,
~ o m si
e vede considerando questa coppia di premesse:
o g n i triangolo pu essere o non essere u i r r o .
Ogni cosa rossa pu essere o non essere un triangolo.
Questa formulazione mostra chiaramente due errori che si commettono nel trarre una conclusione universale affermativa problematica da
iina coppia di prcmesse di questa forma. I l primo errore la qunternio
terniinorutn; infatti, 'poter essere un triangolo' un termine differente
<l,! 'essere un triangolo'. I l secondo errore l'assunzione che le premesse, se sono
disgiuntamente, debbano essere possibili congiuntaimente. Rettamente Aristotele osserva che ci che comportato dal pOssibile dev'ecsere esso stesso porribile," ma di qui non segue che ci che
i: comportato dalla congiunzione di. piJ
. premesse disgiuntamente pos\ibili debba essere esso stesso possibile.
Appare manifesto che Aristotele era consapevole della possibilit
tlclln gudiernio tcrmirrori~ni;infatti, sembra che egli cerchi d'evitarla
siiggsrendo che a volte, ma non sempre,'Ogni B possibilmente h' dtbh., intendersi ncl senso di 'Ogni cosa checonringentementeB contln;cntemenrc .q,"'
ed forse proprio in questo senso che egli intende Ic

La logica modale di Aristotele

premesse dei siiiogismi con due premesse problematiche. Seguendo questa indicazione, il nostro primo sillogismo verrebbe espansa cosi:
Ogni cosa che pu essere o non esserc un triangolo pu essere o non
CSSCIC azzurra.
Ogni cosa che pu essere o non essere rossi pu essere a non essere
u n triangolo.
Dunque. ogni cosa che pu cssere o non cssere rossa pu essere o
non csscre azzurra.
Si potrebbe dire che qui la conclusione sia vera ed il sillogismo sia valido, ma concinonsi supereranno tutteledifficoltd'Aristotele; infatti,
il sillogismo con una premessa minore asscrtoria rimane invalido anche
se la premessa maceiore intcroretata in auesto modo.
$e.-< i 4, ?mio. L':lira pun;o :hc r.oi hir.urcremo In rrit:azionc
~ilsi~ii!:cn
J:.i ,ill~&i,:iiiciiii iitir prcrnis,s ~p~J:r.i:icd iins ptL.r.essa
~ > s < r t : > rl!ss:.
~ a . 112 t x I ) ~ r ~ ~I ~1a>ic1
~ c rsin
, \:>i tcn~oi,!I 21.dccio. Pct
i.cil.~a:c il :.ferirncnrc, rcri\.etem:, A " ~ c iina
r proposizione uii:vcnalc
.iiIcr~.i.ti.v~
~lioditr.caed E. per ~ n propowiore
i
unlversLe negativa
.i.i~Jitt.c. ".\l'< n CILchc~ir.,to!clc aserisce in ~!.i!iric.. mior,. I. o.
-in pratica che un sillogismo dclla forma A"AA" nelia prima figura
valido. quantunque sia invalida un sillogiama dello forma fIn"A', e,
analoramente. clie un sillocismo della forma EAE" valido. auantunque sia invalido un sillogisko della forma EOE". Ci stupi;ce. Consideriamo questi due escmpi:

....

. ,.

(2)Nessun gatto femmina rosso

B n e c e r & - i o ~ l ~ c < ~ ~ n ~ g i i.:Ar a un:ilitof:ninilna.


.i~~Jr~
U ~ n q i i et, nesis.>ii:~Iir

ncr,iiii g i i i ~,ii<lre
~
i.3

rosso.

Sembrn che ( 2 ) sia valido come ( I ), o che ( I ) sia invalido come (2).In
realt, Aristorele li avrebbe rigcrtati ambedue; nia egli rigerta solo (21,
poich, combinando la conclusioiie con la preiiicssa minorc in un siiiogicmo m d i l e della tcrza figura corrispondente a Feiap/o>/, possibile
inferite 'E necessario che qualchc gatto femmina non sia rosso', il che
discutibile, perche ci porta oltre 13 connessione merainente fatruale di
qui la noruionc di Sir o h i i n xorr ncIla sul ~ d i i i o n cdt
Pusierror Aiiuhzrrr Cir i n rpciic :a irlrlla dl ir<iliir *llx P. ibo.
'ISceuirnio

ilri~toiiriPnur aiid

.posihile n<.!,.,.o

Io9

~ ~ . t ~ e r i ~ t i ~ l ~ ~ i unrlh
r r u lpat tcxm c s s ~ m ~ ; ~ i uQoc;t'mfcr:r.~~
r~~
ne<>

.li : i I, pcrc:iG 1.3 roilhi.ir,iotic &:In prrm:.+l nt.t2

1 >re r il..ll~:crclu<.orc. c:i: ,oli> :iiiil>eJiirneyltirc, vuii <liinfercnrd


'L liid.
tot~:~\.ia~ . u ~ ~ . l >~<>\iruire
.lc
un rapion~r< , ~ ~ i:>laus~bi:e,
.i
,LP-

T.

l>l.r(.njn :nrerain.nic ,iii<i,;isr.so, per m,,tr irr cic. <C nc:ctti:<lii:i 1%


conclusione di (I), non pos;iamo n& andare oltre la sua prcmessa miiiorrnellosresso modo in m i Aristotele trov discutibile andare oltre la
prcmessa maggiote in (2).Noi cominciamo con la praposi2ione plausibile 'Bnecessario che ogni gatto sia o maschio o femmina' e ne deriviamo
' E necessarioclieogni gatto non-femminasia maschio'. Ciche abbiamo
derivato, insieme con la forma obversa della conclusione di ( I ), 'P.necessario che oeni catto rosso sii non-femmina', d, secondo il sillogismo
nr~ramenrcd~c~~iir:C~corr~jpond~~ni~il
IlzrL~r~,'f:
nr:ersiriocl.<.op,ni
i t t o rosa"
i,ia<cltio' Se31:ota r c l ; c t i ~ ~ i m )poichi.
o(~
ai~ci..~n<lore
1 c<~iaIu,ionc,
icretrcremnio i ~ j ~,,:rio
i
i;o0~tiic3 non ~1)111J>c>rtDto
dalI I premciri mlC::nrr rli ( r 1, noi do\rcri-io 1.2crtsrc arche t i ) :~icl.G,
nc acxiileiiio l3 C O ~ C I I I ~ I O I I C , Ut>h(>ld~tlo
: I C C C ~ ICII
J Til~,~:t>
~
.IIIC<!.~i '3 a r ~ ~;!:.i
i r i o < i ~ c hcon
e b coiiipt,rr~ti<1.11:3premcssi r i n c r ; n i ( 2
\:i;iotil:. Jiinqiic, avrebbe d.i\.~toi~petii:e 311, atcrsu inc.li> aii.l>oI
~illoA.srni.comc d i l ,-<io <iipqer.rcc I'intiii, JI.r. QtiiI c dcn.lue I! t.><..m~rncnracrr1.u rlte Ic li2 i r u x t o 24 rcccii.iic il ~ i l l o g ~ ~: m
i , ;o E211
iice:
'Seri assume che A appartenga o non appartenga ncccsarian>enre114 d v h xns) a B c r l ~ cB appartenga rcmplicemenre a T; se le premesse sono assunte in
q ~ ~ e i rmodo
o
A apprrrcrr o non upp.rrerr2 necesrariamenw a r. Iniarii, poich
i npparrienc'di neccrriti ad ogni B e r tra i B, chiaro che l'una o I'I'I'ILIB
<Icllc
iclarioni ruriiricr ncieirrriumrnte per r.""
Sembro che qui, come nel caso dei sillogismi con premesse problema
ticlie, la formulazione avverbiale abbia indotto Aristotele a considcrare,
i.il?amente, la qualificazione modale come interna alla proposizione; in
.ilrri termini, sembra che egli avesse in mente un sillogismo di questa
[orma:
Ogni B necessariamente-A.
Ogni r B.
Dunque, ogni T necessariamente-A.
Questa linea di pensiero, tuttavia, non sviluppata coeientemente;
cssa, infatti, porta alla conclusione che premesse della formn'Ogni B

La logica modaledi Aristotde


A' e 'Ogni r necessariamente-E' non diano conclusione alcuna (e non
come dice Aristotele, una conclusione assertoria), poich esse conten:

gono qunttro termini (quaferni6 fermiliorunr).


Appare manifesto che. nella teoria della conversione degli asserti
modali, in genere Aristotele assume quella che si pu chiamare l'inter.
pretaaione esterna della modalit, mentre propende per I'interpretazia
ne interna quando tratta i sillogismi modali. V', dunque, una certa incoerenza tra le due parti della sua teoria,"'eI'ultima parteechiaramen.
te errati. Se le parole mod'~limodificano i predicati. non v' bisogna
d'una teoria speciale dei sillogismi niodali. Essi, infatti, altro non sono
che ordinari sillogismi assertori lc cui premesse hanno predicati peculiari. D'altra parte, se le pnrolc modali modiiicano tutto l'asserto m i go.
no aggiiinte, non v' bisogno d'una speciale rillogistica modale. poich
le regole che determinano le relazioni logiche tra asserti modali sono indipendenti dal carattere delle proposizioni rette dalle parole modali.
Per dirla altrimenti, tutti gli asserti niodali possono considerarsi non
solo. come vide Aristotcle, affermdtivi, ma anche singolari; o, per dirla
con piu rigore, ad essi non convengono distinzioni di quantit. Per que.
sta ragione Aristotcle era in errore quando, esaltato dalla scoperta del
sillogismo, cerc d'usarlo come guida nella sua indagine della logica
modale.
La base necessaria per una logica inodale una logica delle propa
sizioni inanalizzate quale fu sviluppata dagli stoici.lu I n mancanza di
essa, Arisrotclc non aveva un cliiaro filo condrrttom, ma interessante
vedere che in connessionecon la logica modale che egli usa primamen.
te le variabili proposizionali, cio lettere cui si possono sostituire segni
proposizionali, e non termini, quasi che le esigenze della materia lo
stessero portando ad adottare il simbolismo necessario. I1 passo suona:
'Noi dobbiamo in primo luogo dire chc sc quando A necerrnrio che sia B
allora. se A possibile. anche neccrrsrio ciie sia possibile B. Suppaninmo, in:
farti, che ci che chiorniamo A (rb iq'G A) sia possibile, e che sia impossibile ci
che ciitrrn!arnoB. Se a n il possibile poiche porribilr. venisic in essere e i'impas5ibiic, essendo impossibile, non Genisse in esscrc, dlori rarcbbe posstBi~eper
A vcnirc in e i w e senza E, e, venendo in esqere, essere...
Inolrre, quando dicismo rbe rc A > deve essere B noil dobbiamo intendere
che A sia una cosa singola, poicli nulla ;egue di n e c e i s h d i una corr singola, ma

IIr

da almeno due come ad erempia avviene quando lipremerre sono rosi come ab.
hiama srabilit~seconda il sillogismo. Infatti re r susiirte di A e A di Z allorz 'i
surrirter necessariamente di Z. E se ambe'due sono possibili, sar pokribiie la
conclusione. Se dunque una c h i m i le premerse A e lo conclusione B, cisulterzi
"on SOIO che B 2 n d ncccrrario se neccrrsrio A, ma anche che B sar porribile se
A l possibile.""

Aristotele enuncia qui due importanti tesi modali: cib che segue
dal necessario necessario; ci che segue dal possibile possibile. B
affidandosi alla verit deUa prima delle due tesi che egli sviluppa la
propria teoria dei sillogismi con due premesse apodittiche, l'unica parte indubbiamente corretta della sua sillogistica modale. La seconda tesi non altrettanto utile nello sviluppo della teoria dei sillogismi con
premesse problematiche; infatti, mentre la congiunzione d i due proposirioni necessarie essa stessa necessaria, la congiunzione di due proposizioni possibili non sempre essa stessa possibile.
I1 passo citato ora notevole non solo per l'uso delle variabili proposizionali, ma anche perch Aristotele riconosce esplicitamente che
due premesse si possono considerare come formanti un assetto singolo.
Nello stesso tempo questo passo mostra il punto debole di Aristotele.
Dalla sua cura per il sillogismo egli indotto a dire che nulla pu seguire da una premessa singola, ed assume che la congiunzione di due
sempre possibile. Ma tale passo un inizio prometpremesse
tcnte per la logica modale, e tesi modali annloghe si rinvengono anche
altrove che nell'Orgsno>i.Ad esempio, in De cucio, egli dice:
cnl

'Non I lo stesso fare un'i~oicrifalsa e fare un'iporesi imporribilc. L'imposslI I ~ ~ I IdC~ l l ' ~ m p l IC
s ~ Un
b u,mo ha ne'' B r . e i s ~irnpi, 11 pileie ci rlar ~ 2

JL:OZ .lp.tc:eA star


1

i, p:cii ~>:~.hL:.qui.Li
h i :'uno. :.? ancLr I'ali:i. 1.1 nnn
rido ,?le che rgl. pu..n r.e!:o r.:<vi iciilio r r ~ cc <-,I.!o,e .n di ' "

Abbiamo qui una tesi modale formalmente derivabile dalla seconda tesi
dell'ultimo passo citato. Essa si pu riformulare p i i correttamente nelIn forma 'Se " P comporta " Q ed impossibile che-Q, allorn impossibile che-P'. Aristotele, in questo passo, riconosce inoltre chiaramentc.che
che sono disaiuntamente possibili, non ncces. due orooosirioni.
,
..,ria.nc.nte suiio ,ro<\~l>:liconpi~nlii<,ire,e che, i18 conrepen71, tra
!>ri.iihiliti~,;<ilii~n
e poc\ibiliti r i itii~aC I pu o;ic..ireu n i di\tin/.ilne
n:rall~-I" JI! t c I ~ \ t i r ~ i mtr.3
c t , x t ;,,ti a s , o ' , ~ Ct ~r c e s s i t i r<l?.~t,ada
IL!
operata nei seguenti passi:

,'' A"

p , , I. r>l3+'7 2 4 1
Dc n r l u , I r 2 (*Yibil-rBI.

'Non lo stesso che ogni cosa sia di ncccsrita, quando , e che ogni cosa sia
scmplicemrnre di necessit.""

I1 riconoscimento della distinzione tra ~ossibilitassoluta e oossibilith


relativa implicito in un passo, storicimente importante, d i ' ~ sophi.
c
sticir elenchir, che spiega la fallacia dclla composizione [faiiocy o/ composifiori]:
'La lallacia della composizionesorge a proposito di arrerti quali "L'uomo chc
seduto pu camminare" e "L'uomo rhc non sta rcrircndo pu scrivere". Infatti
dire che parribiic per un uomo seduto camminare non significa I<i stesso se la
iiare presa in divisione ISrrAojv) o in composirione lm~i8ii<).
Analogamente
sc si prende in composizione "L'uomo che non rtn scrivendo pu scrivere";
fitti ci& significa che egli ha In capacit di scrivere mentre non scrive; ma, re non
preso in <-omporiiiiinc,
ri significa che quando non sta scrivendo cgli ha il p*
tcrc di r c r i ~ e r e . " ~

B chiaro che dovrebbe farsi una distinzione tra uso assoluto ed uso
relativo dei termini modali, perch ci che necessario in relazione ad
altro non necessariamente necessario in s, e ci che possibile in sC
non necessariamciitc possibile in relazione a tutti gli altri asserti. Sia
in greco, sia in italiano si usano le stesse parole per esprimere sia la necessit e la possibilit assolute, sia la necessit e la possibilit relative.
Ed naturale: infatti, ognicaso di necessit relativa o dipossibilirirelariva pu esprimersi come un caro di necessit assoluta o di possibilita
assoluta. Nella sillogistica. ad esempio, se una conclusione necessaria
in relazione a certe premesse, necessario assolutamente che, se l e p r e
messe sono vere, sia vera anche la conclusione. Analogamente, se la verit di 'P' possibile in relazione a 'Q', possibile assolutamente che
'P e Q'sia vera. hla quest'uso, seppure naturale, pu ingenerare confusione, perch gli asserti di necessit relativa o di possibilit relativa si
fanno spesso ellitticamente e perci possono venire fraintesi come asserri di necessit assoluta o di possibilit assoluta.
Aristotele in parte consapevole di tutto ci. Egli fa esplicitamente
la distinzione tra necessit assoluta e necessit relativa, e nulla attesta
che nella pratica egli le confonda. I1 passo di De iiitcrpref~tione:'Se
vero dire che ci bianco o non bianco, allora necessario che ci

'

sia bianco o non bianco,"" che si talvolta citato come esempio di conambiguo, e l'ambigui& risolta nel pnsfusione tra le due
so gi citato. [?altra parte, la distinzione tra
assoluta e porsibilit relativa, quantunque talvolta sia riconosciuta chiaramente, tuttavia in pratica, come si vide, ingenera difficolt per Aristotele. E d egli
non dice mai esplicitamente che La necessit e la possibilit relative in.
volgano la necessit e la possibilit assolute.
Costruire una teoria del sillogismo con premessc apoditticbe imimrrr3 V A i 5c rion S. P ~ .!t,tiu;uCrL.~n3

p r < ? $ ~ ; i 2"(.CC9<1r!J
1 ~ ~ ~ ~ d~ ur.1
T >:m%~ci,i,,~<
~ . ~ i v c r s ~ l ~ r c C,
~ ~a ~s pcc t i ~ . i :t X~.~I C~: ~~che ~\ri,t.>t~l<,
<;>..ihi l i di,[ n,i.>nc tra necc:,iii c i r r c i : ; ur:vcrsdc t ~ I !Ji spie-I
,liii!~:i.~p,iur.r>ora:la prcJir:,i.>ne Ce:r,iJ:iJ i. i ' . > l <o!o iint, rtsIIc 1,~r-i iar+;i, n3 m:hc i.cvn,ia!r. 1x13' a : ? ; ) . " L3 prc?:~.i.
..o! c x n : - n ~ ~ 6.<
viencqui
. 2cCiiii.n la ;>tediciri>ncrlic.siir<ist: inodii:
<.DO Iquriti dctirizionc c<>ri.urJ.icori l1a1tr3<hp. :lc!l~ btcjs3 tr:itnc.
data nuiii ,l>:;i)cr;i p r i r , r i " I . .\!i ,i rl.v<. nn,ie.tcrc c3c ;li e.cn.!?:
.hc cili d i di t,,, dic,v.one xa: rm-ts ('Oriil co-r.0 riii .in.nnle' e
linea contiene un punto') sono proposi;ioni necessarie. La prediiazionc xa8' 4b+6 dcfinita la prcdicazione che affermauna connessione necessaria,'" e gli escrnpi mostrano che Aristotele ha in mente asserti
che sono o definizioni. o basati su definizioni: infatti, 'punto' essenzialmente corinesso con 'linea', e analogamente 'dispari' e 'pari' sono
connessi con 'numero'. Ecli si attiene ancori. alla distinzione, proposta
nci Tonica.. tra definizionee oro~riet8.
. tra connessione essenziale e coninessione non-essenziale.
I n considerazione di questi f.ntti, un lettore che conosca la filosofia
essere tentato di concludere che per 'necessario' Aristooosteriorc
' r :nterj?,,. .ib,k: i ' c i i i i i lupir. niodcrni h.iiiiu iiitc>o per 'inil.[:. .'. T ~ l iput;,i
r
,.tr~.l>l>c
io:iiintz. r.r.1,: I:, pJr31i1 .:ni"~t::o'
VCTU
1.1~c.l~i5cn.l:~
u~ ' i,;ni-i~z:onczo, i l cc.irctro Ji c<invcnii<.ii: lin.~ijti
. I (h2 2 311.11t2 a:i.?~31 c<inc~ii.,.irlct.,r<.lic., delli n<cc.\ili. L:! tcJr.1
~riit:>tcl:;~
i.:l!d C ~ I I ~ ~ non
ZIU
:d.,I
I . ~tiir:o
~ c ' i i a r ~irJ
. i 2i.rtc c:>e cqli.
. ini: PI:ionr. a\iiini; ili; IJ dc6niz:on: :il .ii.ll:<ii.t C'abi~tr:vo,c c i i e
r:: lui qu?l,:~.t ,lcrinw~me pr,,p,t t ? >, -.orrct:3 o s:orr~i..,
Je11.
t i 7 . o cirrrti.i
~
2 cnJ propoi:,i ,ric i.cr.i C pu ci:c:c , . ~ , : I . Icome pre.

. .

<;

La logica modale di Arisrotdc

messa nella dimostrazione. La dimostrazione, egli dice, non implica le


Idee platoniche, ma implica un universale, una natura comune:
'La dirnortrazione non implica ncccsariamentc che vi siano o le Idee o un
Uno di lj dai Molti, perb, implica neceiranamente la possibiliti di predicare ve.
ramente un solo termine di molti individui. infatti se cori non forse non
trernmo salvare I'uniuerialc ( r b ra%bAaul se I'ukveriale viene meno vime
meno, mn erro, anche il termine medio, e ;ori la dirnoitrarionc divicne imporsi.
bile. Noi concludiamo, allora, che vi deve csscre un singolo temine identica pre.
dicabile non equivocamente di pi6 individui.""

e,

B questo universale, questa natura comune che, per Aristotele, l'og.


petto della definizione. Qui, come nellbpers di Plutone, v'; una catena
di universali connessi da definizioni, e sono le loro connessioni necessarie a rendere possibile il ragionamento dimostrativo, sillogistico, della

scienm
......-.

Abbiamo visto che Aristotele distingue tra premessa universale che


vera semplicemente e premessa unii7ersale che necessaria. Analogamente, quando egli usa la parola vkyxq per indicare la connessione
tra premesse e conclusione, egli non vuole semplicemente dire che,
ovunque le premesse dei generi indicaci siano vere, 8 parimenti vera
una conclusione del genere indicato. Nulla attesta che egli sostenesse
tale opinione. Probabilmente, egli ritenne correttamente che la parola
hviyxq abbia lo stesso significato sia che ricorra in una premessa, sia
che indichi la connessione tra premessa e conclusione. Ma, quantunque
ci sia corretto, tra i due usi di quella parola v' una differenza importrinteche Aristotele non rende esplicita.
Si consideri il sillogismo:
Ogni animale necessariamente mortale;
Ogni uomo necessariamente un animale;
Dunque, necessariamente ogni uomo C necessariamcnte mortale.
Per la teoria aristotelica, l'avverbio 'necessariamente' nelle premesse
indica le connessioni essenziali tra animslit, mortslit unianit ed
facile pensare che anche il 'necessariamente', clie introiucs la c:nclusione. sia solo un altro segno di ci. Se per rimpiazziamo i termini con
variabili, come fa Aristotele stesso, vediamo che non pu essere cosi:
Ogni M necessariamente G.
Ogni P 6 necessariamente M.
Dunque, necessariamente ogni P necessariamente G.

I r2

Infatti, il'necessariamente' che ora introduce una conclusione schematica non pu essere l'espressione d'una connessione tra i termini del
nostro speciale esempio di partenza. Esso sarebbe appropriato se fossero introdotti degli altri termini per rimpiazzare le variabili; e, se le
premesse modali fossero rimpiazzate da premesse metamente assertorie esso permarrebbe appropriato. Esso, allora, giustificato non da
una qualche connessione definizionale trai termini, ma dalla natura della connessione logica significata da 'ogni
' e , nel caso del sillogismo
modale dalle ricorrenze subordinate d i 'necessariamente'. I n altre parole, si ;[atta pi&d'una necessit formale che d'una necessit materiale.
Quantunque uri questa distinzione (essa implicita nell'uso che egli fa
delle variabili), Aristotele non sembra sia arrivato a formulada.
Da quanto r' derto, sembra chiaroche Aristotele ha introdotto nelle sue ricerche logiche lo studio della modalit per due ragioni. La prima ragione questi: poich possiamo fare una distinzione dauna parte
tra il vero meramente de facto ed il necessariamente vero e, dall'altra,
tra il meramente falso e l'impossibile, e poiche queste due distinzioni,
come quella tra il vero e il falso, convengono parimenti a tutte le pmposizioni, qualunque ne sia la materia, la teoria delle inferenze che di.
pendono dai caratteri modali delle proposizioni fa parte della teoria generale dell'inferenza valida, cioi: della logica. La seconda ragione questa: noi non possiamo considerare la logica stessa senza usare rermini
modali. Infatti, le connessioni formali che consideriamo in logica sono
naturalmente descritte come necessarie; e, quando cerchiamo di spiegare che s'intenda per validit d'un sillogismo, diciamo comunemente
che intporsibrlc che le premesse siano vere mentre la conclusione falsa. Anche se lo studio d i queste nozioni come sono usBte in logica fosse
assegnato ad una scienza differente, chiamata, ad esempio, metalonica,
questa sarebbe pur sempre un'estensione naturale della logica. Aristotele ha il merito d'avere iniziato t ~ l studio,
e
ed i ni della sua teoria non
stupiscono in un'opera che dissoda un terreno affatto vergine.

. ..

Logica non-rillagirricanegli Anolyrren

8.

1r7

( I ) Dato che.P, necessario che-Q

Logica non-sillogistica negli Analytica

e
(2)

Dato che-non-P, necessario che-Q.

tillora, da ( I ) , per
la conseguenza

il principio di contrapposizione,

possiamo ottenere

( 3 ) Datoche-non-Q, necessario che-non?.


E da ( j ) insieme con ( 2 )possiamo ottenere, per il principio di transitiComeabbiamo visto, Aristotele non fornisce una teoria degli assetti
condizionali come sortostruttura per la sua sillogisrica; ma negli Ana'ytira pnora vi sono due dichiarazioni che talvolta furono citate come tesi
intorno alla forma condizionale. E forse mcglio trattarle come verit
logiche intorno all'implicanza Ieitrailiireiztloneccssir relativa rre1nri.w
fiecessityl, comunquequesta possa essere cspressa. Nclla terminologia
moderna possiamo chiamarle principio di contrapposizione e principio
di transitivita. Il primo principio introdotto nel corso d'una
-.
.. disriis.
sione del diouni che premessvere non possono comportare una conclusione falsa, quantunque premesse false possano comportare una
conclusione vera. Si tratta d'uno dei pochi passi $Aristotele ove intervenga l'uso di variabili proposhionali, e lo si pu rendere cosi:
~~~

Se, duto che-P, nccessorio che-Q, allaro, do/a che-,loil-Q, necessario che-non-P,"'
I1 secondo principio presentato mediante un esempio, ma andi'esso
pu formularsi con variabili proposi2ionali come segue:

Se, doto che-P, necessario che-Q, e, dato che-Q, ,lecerrgrio che^^,


uiiora, dato che-P, ~tecerrarioche.R."'
Con I'siuto di questi due principi, considerati come regole d'inferenza, Aristotele ccrca di mostrare che una proposizione e la sua contradittoria non possono comportare arnbcdue la stessa conclusione.'*
I1 suo ragionamento sembra fuori luogo nel passo ove compare. Inoltre
esso alquanto oscuro, poich formulato mediante un crempio; ma lo
si pu formaliizare come segue. Supponiamo

vit, l'ulteriore canseyenza


( 4 ) Dato che-nonQ, necessario che-Q.
consecucnza . per Aristotele, assurda; pertanto egfi
.\L
."oiie<r'ultima
x...
.
~~

,lice che (I) e ( 2 )non possono essere ambedue vere. La derivazione di


( A I da (I) e ( 2 ), naturalmente, perfettamente valida, ma Aristo!-e
=;;a a iensare che (4) sia assurda. Al contrario, stabilire (q) sarebbe
un risultato di grande interesse, poich equivarrebbe a dimostrare la
~iccessitassoluta che~Q.Tale dimostrazione stata importante non soIn
- .in.. .filosofia.
~ ~
ma anche
- ~
in matematica. e, come vedremo nel prossimo
capitolo, fu skudiata con g a n d e cura dai logici della scuola stoica. Nel
citato passo di Aristotele nulla mostra che tale dimostrazione sia stata
dirciissa da nualcuno ~ r i m di
a Aristotele stesso, ma scduce l'ipotesi che
i;rilevanr2 da
lui fatto fosse diretto contro una dottrina
.I',v~.,~.c
"
.
..
ilci megarici. Infatti, ci che egli attacca in realt il correlato positivo
della reductio ed im~orsibiledi Zcnone, e al tempo di Aristotele la traI.,i.>ne della dii'rrtica di Zc1icr.e cr: ccn,crcati d l quc,io g r ~ p p u4::
isi opp.>riruri in filo,ori1. D'altri par:c, l'esempio ~iiLnoto di tnlc
i i~ior.lrr~.ir<)
orma dcJi ,lt~dyticn
priom l>:o\.ien: non da c n i f m t c
.
i i i i - . i ~ i cm
~ ,i i.<
<Iiiell'ant~ca
0pcr.i rl'r\ri,rotilc chiamati Pr?trrp:iit.r
'<VI Prq,rcpi(~.uxq l i <cri\,e, ~ n o s t r ~l'~8teluttkiliti
tc
~ l ~ - lfilo
l l su?^,
r iinto rriitr. O dobbiomi, filceoi~rc,
o i o ? dobji.,n~onlosoi;rr. Sc
dobbiamo, lo dobbiamo. Se non lo dobbiamo, anclie allora lo dobbiamo [e precisamente, per giustificare che non la dobbiamo]. Quindi. in
ogni cisa dobbiamo filosofare.""
-~~~
Aristotele non abbia riconosciuto come oggetto di studio logico
Che
lparagonabile al sillogismo la forma condizional'dasserto ed il ragionzmcnto che 511 essa si basa, pu legittimamente inferirsi dalla discus-

10

Logica non-sillogirtica negli Analylrca

siane che egli fa dei ragionamenti chiamati 'da un'i~otesi' (&E. GnoBb
i:u:l. L cdtcria <cii.l>rapo,tiil.<rc una dincussi~incesp:icita delle va.
ri<.ti <I! r <gi<inan:enio:on una prcmeri: condiri^nalc, li13 11r:iiot~-lcfa
iricce .I~<iin/iutii :il.re Lasi I.? iorm- b i r i l r i 2el riri2nzn1er.toovc
interviene una premessa condizionale sono quelle che sLarebhero chiamate rnodur ponendo ponenr e modus follendo tollenr, cio i ragionamenti delle forme: 'Se P , allora Q; ma P; dunque, Q,' e 'Se P, allora
Q; nia non-Q; dunque, non-P'. La seconda forma di raeionamento
maniir>t:ncnte eic:iipI:fi:3:~ d i iics n4ttrr1o J I rmpo\;ri.ilr xone la
.li~nurtr~ricr.c
dcll'in:oi~m:r.s~rabiliii iiclla iIia,ynalc c c ~ !Ii I ~ i ud'un
,IJLJT.V<. I n tre p inri Arir.otrle J ~ c che
e : ~ l cr.~iocl?o uii yci:cre di
r:p,ioninienio J 3 ~tn'ip.>tci.,P 11il PTIIIIU e nkl t ~ 1 2 0di q ~ e s t punti
l
rpieKi 13 differen~atra 13 rilo:r:n c l'altro ri,:ior.arcntu da un'i2otesi.
Se non reductio, egli dice, il ragionamento da un'iuotesi cominha con
la convenzione cherse una c e r t i proposizione veia, segue la mndusione desiderata. La proposizione cosi introdotta come sostituto ( w ~ ~ a hrrl*bavbl*~vov)
della conclusione poi dimostrata sillogisticamente, e
la conclusione 6 percib stabilita i5 GrroStr~i,c. Si conviene, ad esempio,
che, se non v' sempre un'unica cnpacit degli opposti, non v' sempre
un'unica scienza degli opposti, e poi si dimostra sillogisticainente che
non "' sempre un'unica capacit degli opposti.'" Manifestamente, I'ipotesi I'asscrto condizionale stsbilito per convenzione preliminare. A
ci egli contrappone la reducfio ad inipor~ibile.'"dicendo che in aue~

.I:

lit della Jiagonale con il lato d'un quadrato.


Ci strano e confuso. I ragionamenti aventi per premessa un
assetto condizionale possono indubbiamente distinguersi in p i l d'un
modo. La distinzione logica importante la distinzione tra la forma
nella quale la seconda premessa l'affermazione dell'anreccdente della
premessa condizionale, e la forma nella quale la seconda premessa la
n?:;iiion<. <Irlcun,rpli:nrc ( o m z > i J o p,.!; tir e I ~ ! ! < , Il<>l?>!il
IIL
113 11.
tre dirt n z i o ~ ie.>
, ,i:irulugjch: p:i che lor,ichc. ~iiii<oi.ofir'i ,ortu il
?ro(ilo del:e iugionl <l'.arti:. rc :e premesse 11qiirnto s c ~ l i rAiic:o~,
tele ignora la distinzione purarnen;e logica e contrappone un caso, nel
quale la premessa condizionale deve essere concessa in anticipo. ad un

i rg

caso, nel quale la seconda premessa (cio, che un numera dispari non
q y l e ad uno pari) una verit evidente.
La fonte della confusione che Atistotele ricerca costantemente
quanti stadi d'un dato ragionamento possano ridursi alla forma sillm
,giaiica Altrove egli aveva detto che tutti i ragionamenti validi involgono il ragionamento sillogistico, anche se non sono interamente riducibili ad esso,'" ed 'ipotesi' sembra cssere qui il nome generale che egli
d i ad un asserto il quale assolva un officio essenziale in un ragionamento senza essere n una parte d'un sillogismo, n la formulazione condirionile d'un sillogismo. Cosi abbiamo, ad esempio:
( i

1 Se non v' sempre un'unica capacit degli opposti, non v' sem-

pre un'unica scienza degli opposti. (Ipotesi che si suppone ria


concersu m aniicipo.)
Non v? sempre un'unica capacit degli opposti. (Dimortrabile
riilogislicome~tte.)
Dunque, non v' sempre un'unica scicnza degli opposti. (Condurione trr/tu non-rrliogisticnmer~re.)
( 2 )CC la diagonale commensurabile con il lato, un numero dispari sar egualc ad una pari. (Formiilazione ubbreuinta d'un rillogirmo iri /orma coiidirio>iole.)
Non 6 che un iiumeto dispari si2 cguole ad uno pari. (Ipoteri
occettaio come aritoeuidente.)
Dunque, In diagonale non commensurabile con il Iato. (Co7iclririorrs trntla n o n - i i l l ~ ~ ~ r r i c o m e n l e . ~
Pur essendo consapevole dell'esistenza di vari generi di ragionamenvalido irriducibili alla forma sillogistica, a quanto sappiamo Aristotele non riusci a dare un'analisi formale d'alcuno di quei generi di ragionamento. Egli promette di descrivere p i i ampiamente le variet di
ragionamento da un'ipotesi (nel sensolatodi'ipotesi' spiegato or oral?'
cd in un punto distingue due forme: ragionamenti x a ~ prsbiq$~ve
mgionamenti x a ~ n o ~ b ~ s a ;ma
" ' non li discute oltre nelle opere superstiti, e nulla assicura che queste frasi avessero per lui10 stesso signilicaro che esse hanno per il suo discepolo Tcofrasto. Aristotele non ha
una parola per I'asscrto condizionale. Egli non usa la parola Grek~rxb;,
n6 contrappone asserti o sillogismi ipotetici ed asrerti o sillogismi cateto

..l~D , , 1 2 , (40'231
lai.181.
Ihid. I . W 15o.lp).

" Ibd
a

Ibrd..I. 23 IIZL~).

120

L'Orgo8ion di Aristotele

gorici. La teoria di quei ragionamenti la cui validit dipende dal significato d'enunciati condizionali o d'altri enunciati complessi, fu nell'anticliiti opera degli stoici. Aristotele ed i suoi discepoli, affascinati dalla sillogistica, fecero pochi progressi in quella direzione, anche se. come vedremo nell'ultima sezione di questo capitolo, fecero qualcosa per
compiere ci che Aristotele aveva promesso.

9.

La scuola d i Aristotele: Teofrasto.

Dopo In morte di Aristutclc, le sue opere furono raccolte e curate


dai suoi discepoli. I1 curatore principale fu presumibilmcnte Teofrasto,
clie successe ad Aristotele nclla direzione del Liceo. Questo filosofo
scrisse anche opere logiche originali, dcllc quali non timasta alcuna,
m:, che, da riferimenti in commentatori posteriori, sembra fossero soprattutto intese a sviluppare la dottrina d'rlristotele ed a presentarls
in forma migliorata. Dci contributi di Tcofrasto alcuni sono srati incoroorati nella tradizione clie deriva da Aristotele. e meritano d'essere
nictizionati qui.
In primo luogo, si ascrive a Teofrssta l'aggiunta di cinque modi intlitetti alla ~ r i m afieura del sillonismo." Si tratta di modi nei suali il
termine medio s 4 g e t t o d'una premessa c predicato dell'alira: ma il
tcrmine maggiore appare conic soggetto ed il minore come predicato
nclla conclusione. I loro principi sono:
r .S. Se oyiii M G ed ogni P b M , ollora ytiulche G P (Baralipton).
i .6. Se ,;erriin M G ed ogni P M, ollora nesrrm G I P (Cclantes).
1.7. Se ogsii M r: G e qiiol<;Sc P hl, allora qualche G P (Dabitis).
1.8. Se ogiii M G e nerrii>tP I AI, aliora qr~olcheG noli P (Fapesmo).
1 . 9 . Se qrralche Al i. G c nerriol P *\l,allora qiidche G iioi: ' P
(Frisesornorum).

Come diisc il commentatore Alessandro di Afradisia. queste sono solunto elaborazioni di alcuni rilievi incidentali fatti dn Aristotele negli
l>ild,,tica priorn," C non si deve supporre che Teofrasto pensasse di
inrc ;rialcora piu che sistemarizziire I'iniegnsmento del maestro. PiG
tardi, i cinque modi di Teofrasto furono asscgnati ad una quarta figura,

nella quale il termine medio il predicato della premessa contenente il


predicato della conclusione cd il soggetto dell'altra premessa. Per presentare i principi di Teofrasto nella forma richiesta da quest'innova.
nione, basta trasporre le premesse e cambiare coerentemente le variabili 'G' e 'P':
4.1. Se ogni G M ed ogni M P, allora qualche P G (Bramantip).
4.2. Se ogwi G M e nerriln M P, ollora nesrutl P G (Camenes).
4.3. Se qualcheG M ed ogniMP. alloraqualche P G (Dimaris).
4.4. Se nessun G M e ogni M P, allora qualche P non G (Fesapo).
4.5. Se nesrun G M r qrralche M P, allora qualche P non G
(Fresison).
Se aggiungiamo il moda subalterno con il principio:
4.21. Se ogni G M e itesrutz M
, P, allora qualche P non G (Camcnos),
otteniamo sei modi validi in questa quarta figura, come in ognuna delle
tre figure riconosciute da Aristotele, ma il numero dei modi che richiedono l'assunzione della portata esistenziale (4.1, 4.21, 4.4) qui tre,
invcce clie due.
Si molto dibattuta l'esistenza d'una quarta fieura scoarata. ma non
L. rlcl riittd c ~ : J T < :Iie
>
cor3- i.x,l..ino diii i.;ir.irL [/i;
rrci i] D d i m ~ r i t a r e
filso !io .!r,p.t.?]
:o!orti c!ie in[ericnriclo 1.21Jtli~ti:to i\ vultc essi
y~rl-:,.>caiti: \C 13- qi:rt:or.e coxrrncrsc il moJ.i ~iitur.,lcJi ripiun3tc
&:!i iioni~ri S r i: pr~lileiiia qcesto. 11 inodo Ci !sto di r~,olverlot
iic'in? 2:neeiiipi:.ci
I.rI:.t \~11a,n-rne:tenJ? pcro l i pu<;.;ll~tiche
l qo.irr4 I B ~ reslita
l
?er alcuni v i r i n pcr ~ l r r iChe i rngion?menti,
>\~i.c~i.iti
JJ al:c::i lcgici ~d un: q c 1 ~ r 1 figt~crl.
3
C I ? ~ J ~3-li2i.
fu a5crm3lo ~ y > i ? ,11.. ~ 1 . 2.1
1 ~i l t l ) . ~ t ~ IstcsCO.
e
r I i I I S ~ ~ O > . J dutmr.l>, se csci -q\>irt:ii;a~>o
U ! I ~t,duril sepativil, :erm noi, ~ >
iiun
: ) dip:nicre
t
<Ii!I rusir? Cecn:~ici.i:il'ur i T i ~ u v i Se le liyre &ar>ro dtstin;uersi
\ < . i . >i J t I'dcio '?i.
i1 so3ge:i.i <-.I
i 1 ~iriJic.itud:lL cor.clurioiie nssolvano nelle premesse, allora vi sono indubbiamente quattro figure. Ma
non era cosi clie Aristotele concepiva la loro distinzione. Per lui, il soggetto della conclusione era minore ed il predicato della conclusione
maggiore in ordine di generalit. Come abbiamo visto, il suo modo di
descrizione insodisfacente per tutti i sillogisnii. tranne che per i sillagismi nel primo nioda della prima figura; ma esso evidentemente

i~icompatibilecon il riconoscimento d'una quarta figura ove il predi,-mdella conclusione amare come soeeetto
-- nella sua Dremessa ed il
,~inuettodella conclusione appare come predicato nell'altra premessa.
E &,sta la caratteristica che spiega la'innaturalit'della quarta figura;
infatti, noi non usiamo presentare le nostre premesse in modo tale che
,;mio i termioi della conclusione vi appaiano con offic? invertiti. Se,
~iondirncno,sccettismo questa figura come forma distinguibile di ragio,i.imcnto, troviamo che per la stessa ragione essa alquanto eterogenea
rispetto alle altre, poich la riduzione dei suoi modi per impossibile
rmin porta fuori della figura.
I n secondo luogo, Teofrasto ricordato per un interessante tentariva di semplificare la teoria della modalit. Da numerosi passi nel cominicntario di Alessandro agli Analytica priora, risulta che Teofrasto vide
li. difiicolt della trattazione arirtotelica ed offri una definizione per la
'2possibile che-P' non comporterebbe 'Non necessario che-P'.
ikrtanto, egli rigett come invalida la conversione complementare.'
Sc: poteva essere altrimenti, perch egli si occupava degli asserti di pos\ihilitA, non degli asserti di contingenza. Egli sostenne inoltre, contro
;lristotcle, che la proposizione universale negativa problematica con<c.rtibilc semplicemente. Anche qui ha ragione, e la sua argomentazioinc, qual riportata da Alessandro, degna d'interesse:

..

per B non
' S e norribile per A non appzrtcnere ad slciin B, rllora &
ad slcun A Infnii,p:ich6 w,rih !C perA nsn ~ ; ~ i a r i r n ~ ar cI.,'C n
I:, .l, q ~ . < ~ .
~i
<iioii
l u ap2a:i c-r &l alcii: B 1 prrihi'c yr.r A crieir re)?rl,o
i, t N N . IJ,TG> T>; al IO . J ~ : S L O:,SO, HSA,= ~ t ~ C*~ .I : ~
-C:C.~,)O

Qiie~t'ar~ornentazione
sembra sia stata suggerita da una specie di dia.
cranima soazirle. e forse riflcttc il orimo usa che si fatto di tali dia: iinmi pcr aiusire 13 riflessione logira.
Iiiol[re l i tridizione a:iril>:iiscr a Teo!rh:o i i r a iirrlililic:.7 <)n: <Ik,I' .I trin idei sillsrirmi rrudrli. SecoiJn Alcsr~ndro.
. cpli ~ostcnncchc
1'1qualsiasi sillogismo modale la conclusione ha lo stesso carattere che
1.1 piu debole delle due premessc:" Qui un asserto di attualiva deve con.iderarsi p i i debole d'un asserto di necessit, ed un dsserto di possibilideve considerarsi pi6 debole d'un assetto di attualit. Alessandro pdirgona ci cari il fatto che un sillogismo con una premessa particolare
deve avere une conclusione particolare e che un sillogismo con una prc-

1" Ar2jiosla An
Ihid p =.o.
I b f d ,D 1 2 4

~ r 11b
.

l Con,me,,,#,;,mr, rd

w & t l r i s .C

I A G I 1 (il, P

119

LI scuola di Aristotele: Teofrarro

messa negativa deve avere una conduiiane negativa. la prima volta


che appare la regola Sectetur porteni coidr,rio deteriorem La riforma
di Teofrasto elimina dalla logica modale aristatelica quelle tesi che
sembrino insodisfacenti e la seinplifica molto.
Purtroppo, Ic modificaziani da lui introdotte rendono incoerente il
suo sistema;" infatti impossibile che la regola Sectetur partem corislrrsio deteriorem sussista sempre, che il principio aristotelico di ridurione indiretta sia universalmente applicalile, che certi modi riconosciuti da Tcofrasta siano validi. Secondo Alessandro, Teofrasto applic
la riduzione indiretta almcno ad alcuni sillogismi modali7e ci sarebbe
stato davvero strano se egli non avesse riconosciuto I'applicabilit generale di quel principio. Ma egli riconobbe anche la v~lidirdi certi modi con una premessa asserioria ed una problematicn, la cui conclusionc
deteriorent, pro.
sarebbe, secondo la regola Sectetf~rportein co>~clurio
blematica.
Noi usiamo lo stesso simbolismo di prima per rappresentare le due
forme della prima figura specificamente menzionate da Alessandro.""
'Pa"G' sta per una proposizione univcrsalc affermativa apodittica;
'Pot'G', per una proposizione pnrticolare negativa problematica; e cosi
via. Abbiamo allora le seguenti formc di sillogismo:
( ~ aManG
)

PaM
PanG

( I O )MaG

Pa"M
PsPG.

Ed ecco come nasce l'incoerenza. Poich la contradittoria d'una proposizione della forma 'PaPG' della forma 'Po"G', per la regola di riduzione indiretta i summenzionati sillogismi dovrebbero dare quanto
segue:
(,I>) Po"G
(26)MaG
Pahl
Po"G
Mo"G
Po"M.
Ognuna di queste forme di rillogisrno, tuttavia, viola la regola che la
piG debole. dunque chiaro che non
conclusione segue
. la premessa
.
ors siamo conservare insieme sia Questa resala. si3 il princi~io
. di riduzianc indiretta, sia la validit dei sillogismi originari. Manifestamente,
la via d'uscita da qucsta difficolt consiste nel rigetta dei sillogiami ori-

721

ginari, ed facile costmire escmpl contrari che mostrino che quei sillogismi in realt non sano forme valide. Cari abbiamo:
(IO) Tutti

i cani possono essere neri.


Tutti i barboncini sono cani.
Dunque, tutti i barboncini possono essere neri.
(lo)Tutti i membri del consiglio dei ministri sono sopra i quaranta.
Tutti i membri dcl parlamento sotto i quaranta possono essere
membri del consiglio dei ministri.
Dunque, tutti i membri del parlamento sotto i quaranta passono essere sopra i quaranta.
Questa risoluzione solleva il problema dell'interpretazione della regola Sectetur onrtem ronclurro deteriorenr. I n rimo luopo. la si pu inicri<!eii.!n ;enio coi ce. con:c un3 tc2oli ct.e l 3 L? m & :~JJI:>
per L]-rivnre a:l!o;i,rni nioddi da sillogiani piic.imi,~ir.i<\crrri,cio nel scr:
so c t c , 'Da:o cn jillcyj*mu a,si.rior,., \ ~ l i < i oi.,iiIi?o iin corr1s~on2cr.ic silludi,iliu con .na q ~ ; i l < i ~qualiE:azione
si
nedale dcllc pr;n.>>c,
purcliL:1.1 cnnclii>icrr.concsidi in n:oddlitb con 11 ?temess? p i i dctole'
&,i la re;ola ren>liiica :ninitnslmcn:c 13 t ~ o i i (l l r ~<:ll<.p~rmi
IIIOJIII,
ma porta:come abbianio visto, ad incoerenza. I n second; luogo, la si
pu intendere ( a somiglianza della corrispondente regola Secretur par.
rcrrr coridurio drteriorim per i sillogisiniassertor?) come una condizione necessaria. ma pcr nulh sufficiente, di validit dei sillogismi modali.
Fu farse cosi che Teofrasto la concepi e divis nel corso della sua critica
della eih discussa forma aristotelica A"AA". Intesa in questo secondo
s~n,u:~ucrr.i T C ~ I U I> ~C : I I ~ I I ~ C I 1.1 1c0ri.l <o10 in q22210 1:niita 2lte:ioiii~-.iielc ;in,ril>ili fririiic v311d~C ns>n&!i
tiri redola chi:rn p-r rrovatle
Era necessario comprendere d 6 recisam mente le nazioni modali prima
di poter risolvere iiproblema diirovarc tale regola.
Resta da domandarsi ~ e r c h Tcofrasto abbia accettato i dubbi sillo~
gismi summenzionati, se non intendeva in senso forte la regola Sectetur
partem conrbrio deteriorem. Si pu rispondere che egli fu tratto in inganno da esempi plausibili e dalla confusione tra possibilit assoluta e
possibilit relativa. Per mostrare come questi due fattori possano essere forvianti, consideriamo il seguente sillogismo, che della stessa
forma che il precedente esempio invalida (IO):
Tutti i microorganismi sono possibilmente nocivi agli esseri umani.
Tutte le muffe sano microorganismi.
Dunque, tutte le muffe sono possibilmenre nocive agli esseri umani.

. , ~ < ~ ' ~ ; ~ ~ : , ~ ~ ;;;


~ : : ; ~ q ; ~ ~ : : ~ ~ ; ~ ~ ~
3s

.do <y1111

3.y I 3

, S ~ T V P .P>

.wnrlaiua~ira03I

q!,

26

'&C
d P!VI
'*C . d . ,041
UV ~~i>o,ri,yul

,,,

::;

.goda~s!p !ons !ep o a[aiois!iv ep !iiopoiiu! ouoxnj !ssa


aqs aie~g!ua!s uou qnd uou q!3 ,,;!>!ois 98s !ro!laiue !~!bl! ari ?O!J
'qs3aA nrd !s!Bo[ ! s i i !iuaiios ousra p!ois-uou !u!uiiai ! aqJ a q p oua[
-i3 7 .;;OLI ?!d assol as awos 'os!ois ollanb opuauodsod 'p!u,ai !u!w

aiuauii!~suo~u!
?qs!od '3uvzcinSy epuoJas c j p p auiG jGIe auo!zciIai
u! o n a p ossais 01 a293 'ass!p !s
amo3 'a[aiois!iV .api eachoid 81~1s
?u '9s u! e!~essauu uou essa .op![en ouis!'oll!s !se!sl~nb !p auo!s

- o q n b o i i ~oue!qqe
j
!ssa ' p a d '>q3 ,,;oduie~ oisanb u! oilom o r a q
uou Issa aqs aiuauiei!?1dsa as!p o!zaog a es!oir auo!zanouu!,un oiclap!s
-110s n j e>!Bo[ oljap !lied ~ i s ~ !pn o!pnis
b
01 :i!q~!iuc s p i ~e[pu
i
?q~!od
'ouoiuo~!icpue iassa ouossod uou !sia e m .(L) '(2) ' ( I ) qnr oiciic~i
ous~qqs![odass!p !ons ! pa ajaiois!ay aiuauiciiwsa eso2 aq2 ouic!iou8~
IUX

.Om>arlo
, . . lwx
. aon4
"oyypil coi P%? po UL~S?IOII
~ D X ~i!genb
)
cun,p !p018 iad ( C )
!(5upLoywfiy al) !Uo!ze[ai !p ezue![8!wos o e!Bo[eus iad (t)
:15lruouu

W 3X 1 $ 0 ~ ? ~ 3 1 1 = COL
? 9 719) en!iun!8s!p essauia~deun t.p ( r )
!(5?0xlripou? hn<ji.yoolu 5- lwx 'lwi3L)y
ho~:rlrlhano ?nx '5pX3hno 719) ajeuo!z!puos sssauaid cun ep ( I )
:!~aua'anb
- u p !iuan%as !ap ouos 'ascq eisanb ern oiseijoaL !N U! osuas [au 'p!]
-aiod! !iuamC~0@~1
I .,ersa[dmo~cssauia~deun ouawle aiuane, '!iu~w
-euo!Sei !e eics![dde 'a ',ossalduio~,'assawaid a[lc e i e q d d c 'aanu! e3
-ypB!s eloicd eisanb !(,a[euo!npuo>, 'r!sso) ,os!iaiod!, e>g!uZ!s !ou rad
aq, q!s !n1 ad e>y!u8!s uou 'e!neiini '5yxllipO%A,~5?x1do.4lrlwxe auod
- d c r i u o ~e1 a 'riuameuo!8er !iad c!s z,;arramaid a[ iad BIS ~ ~ X I L ~ C O X ?
eloixl e[ ecn%p;poessaw .Issa rp oiass!ix 'omapna osaiduio, 'alai
-oispy.p ![odass!p !ri[a a{<, ' o ~ p X , n r <gSau
~ o~!iaiod! oiuauisuo!8
-si lap yiapen a1 quo!zuaui o i s a q o a ~aqs as!p oipurssaw '!~aiod!~un
ap !iuameuo!4er !ns aJTp alaiois!iv aqs q p apmiuamwo3 'e3!laiois!ie
eloms e p p !sopnis !i118 pc O ouiapna p= asioj ouonap !s a i i ~ ea ~ ~ u a u i
'aieqqqnd uou em 'ossais alaiois!iy ep a i i r j asro3 o u o i y aurule '01
-o]!] oisanb oiios alCUO!ZUJui alladoss a l p a ' ! s y u o ~a !SIB~S OUOS O!Z!p

...

..

. .

. .

..

-saJao, [! ozuas auo!snpuos a? 'auo!snpuo> e[[au ,aiuaua!icssa3au, !p


ei!nY!quie,[lc ei![!q!snr[d c!rdord 81ahap rui 'al!q!snc[d ? oisanb a q m v
,!ris!u!w !ap o![8!ruos [ap !iqwaui ouos uou ciuci
-cnb! oiios oiirauii[icd gap Frquiaui !uns[eaiuauiepessasau'anbuna
.ciusrenb 1 eidos uou 2 BIUFI
-enb ! oiios ouos oiuawclied p p !iquiaui !unslc aiuawe!icssasaN
,ciueienb! a ~ d o ouos
s
!iis!u!ui !ap o!~S!suo~[ap !iqiuaui ! !iinL
:(or) Op![BAU! OWS!~O[[!S
) OUS@
oiirou le aiua[cn!nba (eiiaJ!pu! auo!znp!i !p elo8ai B[ I J ~ 273
-oll!s un owc!iap!suo> as ei[es!i ouin!lalpied [I .cn!ie[ai :i!ssa3au a ui
-nlosse ei!ssasau o11 elansicd auo!zu!is!p eun OIEIOU owc!qqc e!3

-Lni>aig~

.
..
.... ..
-uawciiaa aiio!nnprros e[ eiolp 'assa uo2 (al!q!iedmo~)aiuaiaos !p os
-uas Tau ?o!> "assawaid sl[c auo!zcIar u! a~!q!ssod, !p osuas [au c!sso '!s

c!s
,al!qjssad, <p osuas olos I! oisanb 'aindda .aiuaJamu! auo!snp
-"o, eun'eio8ar essais PI U03 ' O U I ~ F A I I ~ D' ~ I I I ~ J ~ O ~ O I5I cunuSo
IC
ircnb
a[[ap 'assakard anp s p a p n b Iau 'o!ieziuo~o!dwass,[ uo2 o ~ ~ ~ . ~ i s o w
amo3 'asnawaid allnp aiuaui[emiol a]!qch!iap uou FUI 'BIJA au
-;IS~IJUOJer 'osuas o6rid aisanb UT . i i u i l a o ~ o i ".~a>oqru8is
.
ond .oid
.
-&asa PE 'a&xd aiuam~iclor!arro!sn[suos e1 e,g![cnb ,al!q!reod, 'asuar
omad TaN .!suas anp u! alapuaiu! ond !E <a~q!ssod,
'~uiaiu!auo!z~sy![

-.

r18

/I

L'Orgonoii di Aristotele

La scuola di Aristotele: Teofrasto

Nclla sua descrizione di (.I ).. Alessandro usa la oarola irohchriilirc


Per
.
la premessa non-condizionale di ci che noi ora chiamiamo ragionamento nel nrodas ponendo ponenr. Commentnndo un passo ove Aristotele
menzioni di bassaggio i ragionamenti xar ~ E T & ~ T &come
L Y una varieti di ragionamenti da un'ipatesi, Alcssandro identifica la ~p6oXq+~g
con la v i ~ & h r i + rdicendo
~,
che gli aristotelici chiamavano wa.r&).>.rlf~s
ci
clie i moderni (cio gli stoici) chiamano iip6rAqil/r~,"'quontunquealtrove egli dica che, per gli aristotelici, la w ~ i h q + ~implicava
g
minore noAmbe le parole possono avere il significato di
vit che la rpCcXlj+~~.~"
'qualcosa prcso in aggiunta, in addizione', e, per gli stoici, la rpds.qJir~
era la premessa addizionale in un ragionamento con una premessa dominante complessa: ad esempio, in un ragionamento della forma 'Se il
primo, allora il secondo; ma il primo: dunque, il secondo', I'asserto indicato da 'il primo' sarebbe la npboX~~+~g.
Nel passo ove identifica i significati delle due parole, Alessandro ha in mente un ragionamento di
questa forma, come mostra il suo esempio:
Se l'anima si muove sempre, l'anima immortale.
L'anima si muove sempre.
Dunque, l'anima immortale.
I n conformith alla generale pratica aristotelica di accentuare l'importanza del sillorismo. Alessandro rileva che la zphsX~+~g
provata siilogisticsment;med&nte il termine medio 'semovente', manel suo insieme questa spiegazione fa pensare che egli concepisse l'aristotclico
ragionamento xar ~ . r & h q + ~come
v
del tipo ( I ) . I n questo
,oasso.. tuttavia. Alessandru iiuii iiiriiiiana Teoirasto. e in un altro passu, uv: ir.cnziuna ,Fr.ciiicmncnrr Tcoirrrro in cuxxsiiiiric con le prenicsse ed i ripionamenti xz-a -;!i).r$r\.
i! r ~ ~ ~ o n a ~ >
che
c nCtZo' . 11
tende sembra-essere di un'altra sorta
Scccrdo .ilejsandro, lr. preiiicsv r1.t Tcoirairo chiamiri x ~ i z
:,:ci; :<:v 3 0 ~ E
3 c l l ~t.iriwi 'I\ \, rii? p:cdica:o di u p i cura dc!13 q81.alc
n
c :>rcJ~ca:ou ~ ~ i v ~ i s ~ l i n e nI:cli
t c ' " spicca
' . - ch< tali i>rcii:c.,e contengano potenzialmente un terw termine, quantunque questo non sia
presumibilreso definito e chiaro. Esse sono chinmate x a ~ nphwh>.rl+~v
mente perch il terzo termine aggiunto nell'altra premessa. Egli dice
anche clie, seconda Teofrasto, le premesse rar irp6nXq$rv differivano
soltanto nell'espressione (T@ XISEL~ 6 ~dalle
0 ~ordinarie
)
premesse ca-

129

tegoriche. Analogamente un anonimo smliaste: Teofrasto considerava


tali oremesse ootenziaimentc eauivalenti aile oremesse cateeoriche."'
()iir;i.> v c l i\'te ,:i<c :n:tc cliz: 3 p3ri:re da tali prrnesse, ''~oir.i\iu
c:l>rrui sil:oi.$nii nelle tre f:?ure, mr e;ii d i rou la f o r n i <Icll~prc
messa dominante in orni casi. Solo in u n luoeo abbiamo un silloeismo
completo di questo genere. Esso si trova in uno scolio su Aristotele attribuito alla scuola di Animonio, commentatore alessandrino del VI secolo d.C. Questo scoli0 reca l'interessante titolo S o p t ~tutte le forme
di rillogirmo.'" I l sillogismo x a ~ i;pdchq+~vnella prima figura :
La sostanza predicabile universalmente di qualsiasi cosa che 6

E u:i rJ;.u:ilvi~i:i<i LIC:II fatnta cllc i IVgici p3jtcr:ori ai,re3bero ch'ii : i ~ wr ~ onimenio
q
per 5osiiim:one c rcparnziocc. t > s u i. irtidii<ih.lc
alla furml ri.logirrka, pu: axendo q u a l ~ h rruiiiie,s:on: ciin i: sillupismo:
Ogni animale una sostanza.
Ogni uomo & u n animale.
Dunque, ogni uomo una sostanza.
$1 pu dcrivarc d.,l ~ i l l n ~ l < m
rendcndo
o
inhtcrti.~nsroil rerntine
~iicJioC conibinando l i dice prcirec:c in i i n ~~iuosnpicmcssa d o r r i n * ~
reintroduce allora il termine medio sote. La nuova seconda
stituendolo all'indeterminato'qualunque cosa che' della nuova premessa dominante, e h conclusione equivalente alla prcmessa maggiore
del sillogismo originario. Gli scoliasti, a quanto sembra, hanno pensato
clie Teofrasto abbia derivato le altre due figure eseguendo analoghe operazioni sui sillogismi categorici nella seconda e nella terra Ggura: si dice
infatti che, in ogni caso, il termine medio ad essere indetsrminato, e
Ir forme date per le nuove premesse dominanti sono:
Fig. z. Ci, che viene predicato di A, viene predicato anche diB.
Fig. 3. Di ci, di cui viene predicato A, viene predicato anche B."

Cso

Le peculiarit delle premesse proilettiche che esse involgono una


generali~zazionesopra generi, mentre le premesse categoriche dei sil>''

AM\#O%~LS,
"

cd BerNois. 1 8 9 ~ 4 %
izb l C o r n m ~ 9 M ~ r ~ red
z n . W A L L ~ E ~C,
I n Ar8~!nzcl,x An

l r h n l r d ~ i Irr i x r u r r l c n i ,

P~J<I,,,,",
P T,,
J<iol,i,n

.Ir,i,ordr~!,,!"i.
rir

I A G. IV (W).

La scuola di Aristotele: Tcofrasro

logirmi ordinari invalgono una generaliuazione solo sopra individui.


In alcuni passi degli Analytica priora, sui quali sembra che Teofrasto
abbia basato la propriadiscussione, Aristotele avvertila necessit d'una
generaliuazione sopra generi entro Ie p r ~ r n e s s e ma
, ~ n Aristotele, n
Teofrasto tentarono d'esprimerla medimte variabili, probabilmente
poich essi gi usavano le lettere per i termini al fine di mostrare le farme dei rugionarnenti. Essi, quindi, sono dovuti ricorrere ai pronomi relativi greci. Invece di dire 'Se A non appartiene a nessun 6, B appartiene
ad ogni F', usando uno speciale carattere tipogra6co per il nuovo 0 6 cio della variabile, Aristotele scrive Q sb A ~q1i6cvlnkpxci, .r B navi1
bnbpx~r(aila lettera: 'A ci a nessuno di cui appartiene A, B appartiene
a ciascuno di esso,' ossia: 'A tutto ci6 che tale che a nessun oggetto di
esso appartenga A, appartiene B,<ossia: 'Bappartiene a ciascuno dcgli
oggetti, a nessuno dei quali appartiene A')." I1 suo greco b inevitabilmente oscuro, ma in un passo sembra che egli cerchi di chiarire che tali
formule involgono una generalizzazione a due livelli, poich il pronome da noi reso nella prima traduzione con 'ci'ed'esso' deve intendersi
noricorre riferenrerfcd un siny.>loIirntrr. m i I> iir.i><.r>.-orne riropren.
re r i r t l I gc,cri che rod:\f*n~uni certi cor.diz!one, esprimibile a sua
volta ~ c . I i ~ n r c ' t i i i r i'qi:ilchcl
',
o'nc\\uno'."
Quando le premesse~proslettichesono espresse, come s' fatto sopra, mediante variabili, diviene chiaro che esse debbono differire secondo la distribuzione delle quattro forme categoriche tra i loro antecedenti e i loro conseguenti. Aristotele ricanosce almeno due variet
che possono venire espresse dalle formule 'Se ogni 6 B, allora ogni 6
A', e 'Se y a l c h e 6 B, allora qualche 6 A'. Ma le tre figure gi distinte involgono 48 differenti configurazioni per le premesse proslettichc, che salgono a 64 se ammettiamo una quarta figura esemplificata
da 'Se ogni I B, allora o ~ nAi 6'.= Solo poche ricorrono nedi scritti
intichi, n d sopr.ii.v~ciii~o
(.i,r,riiliio dclia qi:.lrt.i fipi:r.a."'
'
Teofrnqro, si dice, liffc.imnclie ' A .i[il>nrttci,e3 ~ 1O ~ P CO'A
I
ct:i B ai>r.irrlrnz ,nivrrsalmenre'sin c q ~ i v i l s r r z aO ~ nBi A8ec!>e'.i non ~ I D partiene a nessuna cosi cui B appartiene universalmente' sia equivalente a 'Nessun B A'?" Ma Aristotele conosceva almeno la -prima equi-

" Ad n . ,in pr I. 1 7 141'21): I l . r I j S ' i o . 59's)


=' Il.rd, 11. I(18.2~1 S ~ l l s n u r a i i u n c d ~~l l~~ ~ ~ rfr
~ i i i l P~
i 190 9i
"' I b i d . I 4 i la~'ial
" Cfr c rvlzrrxt. 0" Prorlr#lir hltolomr. .Nutri IhmcJrnirnrl of rumal b ~ i c . . 11

1,965 DD
l'l

P- 378

11867.
irromra. L diiiioidr~d a nr Carmcri,ai~r.4. ~ A L L ~ E SC. I A G. XIII liil. p 4 2 2
LYrs*xolo. 121 A i ~ ~ t o t t l An
i r nr Irh. i Commrruiium. rd. u*l.riir, C 1.A G 11 [il.

131

valenza; infatti, egli sostiene che da 'A appartiene ad ogni cosa cui B
appartiene' insieme con 'B appartiene a qualche r' si possa inferire 'A
appartiene a qualche r', ove il ragionamento equivalente ad un sillogismo in D ~ r i i . Non
~ ' risulta che Teofrasto sostenesse che mtte le premesse proslettiche fossero equivalenti a premesse categoriche; ma, se
egli lo sostenne, errava. Delle 64 forme, 28 sono equivalenti a forme
categoriche riconosciure da Aristotelc, ed 8 sono equivalenti alla forma
'Ogni non-X Y', che categorica, quantunque Aristotele non la abbia
riconosciuta tale, m i 2.4 forme richiedono che almeno uno dei termini
definiti sia onnicomprensivo o nullo, e cosi non sono equivalenti ad alcuna delle forme categoriche considerate da Aristorele. Cosi, nell'esempio dato per la figura 2 , la premessa equivalente a 'Ogni B A', e, in
quello per la figura j.a 'Ogni A b B', ma, in quella per la figura I , la premessa dominante non equivalente ad un'ordinaria premessa catcgorica poich richiede che il termine, il quale occupa la posizione di'sostanza'. sia annicomprensivo. Non dunque fortuito che 'sostanza' ricorra
l dove ricorre nel nostro unico esempio di questa forma. possibile
che alcuni di questi fatti fossero gi3 noti nella tarda antichit: infatti,
Galeno afferma che i rillogismi prodettici sono superflui.'~iLla improbabile che egli abbia ottenuto questa conclusione mediante un metodo
rigoroso, poich, senza il necessario sviluppo delle variabili terminali,
egli non pu non essersi affidato, ed in gran misura, all'intuizione.
un'altra forma di premessa proslettica nella
E in teoria
quale o l'antecedente, o il conseguente, o sia l'antecedente, sia il conseguente sono congiunzioni di clausole articolari affermative e di clausole particolari negative. a questa formache, a quanto sembra, debbono
essersi talvolta riferiu gli autori antichi. Essa 5 l'interpretazione piu naturale della clausola dipendente in Q T A o a a v ~iahpxrr,
i
~ a C - r o.t0
f T L Y ~OX&P~EL
('Ci, a ciascuno di cui A non appartiene, appartiene a
qualche r,' ossia: 'Ci che tale che A non appartiene a tutto esso (a
tutti i suoi oggetti), appartiene a qualche T,' ossia: 'Se qualche m i non
ogni 6 A, qualche f 6').'" Ma premesse di quesra forma sembrino
portare in tutti i casi a paradossi o addirittura a contradizioni.
Se si considera che sia Aristotele, sia Teofrasto erano consapevoli
delle equivalenze tra almeno alcune forme di premessa proslettici e le
,ordinarie proposirioni categoriche, appare strano che Galeno atiermi
C'

4" W , 1 . 4 ,

" Inirv(io

[,9b,l>.

lopicu. D 47.

FrmmYo,t e .

<i<.

1
zione, cspressa o tacita, sulin sostituzione dcl termine indefinito che
evitava conseguenze paradossali.
Un'altrs voce interessante nella lista dei sillogismi ipotetici di Alessandio S(4). e su cssa egli ci informa ulteriormente altrove."'Talvolta
i ragionamenti sotto questo titolo erano chiamati sillagismi totaImente
ipotetici (6,' BXwv ~ n o f i r r ~ z o oi ) ,sillogismi con tre proposizioni ipotetiche (61 +prWvl. Si dice che Teofrasto li abbia disposti in tre figure ed
abbia dato qucsti cinque esempi di ragionamenti appartenenti alle sue
figure:
1.1.Se A, allora B; se B,ollorur; dunque, se A, ollorar.
1.2. Se A, allora B; re B.allora r ; dunque, re noil r , alloro non A.
2 . I . Se A, allora B; se non h, ollora r; dunqiie, se noi* B, allora r.
2 . 2 . Se A. a1loruB; re non A, alloraT; dunque, re non r , ollora B.
3 . 1 . Se A, allora r;re B,alloru non r; duitqae, re A, allora non B.
Ad illustrazione di 1.1, Alessandro cita il ragionamento 'Se un uomo
esiste. esiste un animale; seun animaleesiste, esiste una sostanza: dunque, se un uomo esiste, esistc una sostanza'. Lo stesso ragionamento era
stato addotto da Aristotele stesso come esempio di ragionamento che
.~
dunque ragionevole
non era nell'ordinatia forma s i l l ~ g i s t i c aSembra
dire che, anche qui, Teofrasto stesse solo elaborando I'opera del maestro, se non addirittura clie egli stesse ordinando l'insegnamento non
scritto degli ultimi anni d'Aristotele. Quest'impressione confermata
da un esame p i i particolareggiato delle formule. Sembra infatti chiaro
chc esse siano state ispirate dalla riflessione sulle figure del sillogismo
categorico descritte da Arisrotcle. La prima formula corrisponde manifestamente 3d un sillogismo nel primo modo della prima figura, e la formula assegnata da Teofrasto alla sua terza figura corrispande, non meno
manifestamente, ad un sillopismo categorico nel primo modo della seconda figura. Lascia davvero stupiti che Teofrasto non abbia cercato di
rlcrtere in :.li<~~oq.icrt':iliima
c r r ~ < ~ o n d c nniinir:tl.>
ri
Ic propric fi.
2u.c co1r.c le t:crc :]<.I,.llc,..rmi ci:cporici
i i i c r c r r iiur noir-c chi,
i.ell~.fs r~iic!: J i l'cirrncro, le aAri ~liilisulo mariir;jramc~te <I~-.in~ t r .
ad indicare posti che possono esser riempiti da termini generali, con sot-

La scuola di Aristotele: Teafrrsto

133

tointesa, se non espressa, una parola quale'esiste'. Alessandro dice che


Tcofrasto chiamava tutti quei ragionamenti 'suogismi per andlogia', o
per la somiglianza di farma tra le tre proposizioni di ciascuno di essi, o
perch essi davano solo conclusioni condizionali e non erano, dunque.
aillogismi nello stesso senso in citi, secondo Arirtotele, un sillogismo deve provare che qualcosa o che qualcosa non .'" N l'una, n l'altra rap i ~ sono
" ~ molto plausibili; ma Teofrasto, sc aveva in mente la prima,
deve aver riconosciuto ci che i logici moderni chiamano la transitivit
dell'implicazione. Ad ogni moda, chiaro che egli non si riferiva ai raoionamcnti per analogia nel senso moderno del termine.
Secondo Alessandro,Teofrasto us schemi d'inferenza nella sua dottrina dei sillogismi totalmente ipotetici. Parlando dei sillogismi categorici, Aristotele aveva formulato un principio per ogni modo in un asserto condizionale. Malti espositori moderni scrivono 'Ogni M G ; e
ogni P M; dunque, ogni P G'. Ma Aristotele non si esprime cosi;
questo modo d'esprimersi sembra risalga a Tcofrasto, poich anche qui
Aristotele si attenne al proprio metodo, almeno a giudicare dal singolo
esempio summenzionato. I n pratica, naturalmente, i due metodi s'equivalgono, poich gli asserti condizionsli d3Aristotele devono interpret x ~come
i
principi necessariamente veri per ragioni logiche, mentre gli
achemi d'inferenza di Teofrasto devono interpretarsi come se fossero
preceduti dal preambolo 'Qualsiasi inferenza di una delle seguenti forine valida'. Qualunque sia quello che noi usiamo, noi facciamo un asserto del secondo ordine, ossia un asrerto intorno ad altri asserti. Ma
la differenza importante per certi ulteriori sviluppi della logica.
Dalla spiegazione di Alessandro appare che un ragionamento del tipo ( 5 ) . ossia xar sorbrq-ra, un argomento a /orliori con una premesga condizionale generale. "' L'esempio di Alessandro :
Se ci che pare piu che suficientc per la felicit non in realt su6
Gciente, non sufficiente neppure ci che pare meno sufficiente.
La salute pare p i i sufficienteper la felicit che la ricchezza, eppure
non sufficiente.
Dunque, la ricchezza non sufficiente per la felicit.

Lo teoria dei ragionamenti x a ~ norbrqra fu probabilmente un tenrarivo di sistematizzare ci che Aristotele scrive degli argomenti o fortiori in vari passi dei Topica.

134

L'Ortot~ondi Aristotele

Tutti i contributi di Teofrasto menzionati sin qui paiono elaborazioni dell'in~e~namento


d'Aristotele, ma uno scoliaste dice che Teofrasto dissentiva dal maestro sopra un piccolo Dunto non rivo d'interesse."%istotele aveva sostenito c h e una paiola quale'ogniP non pub
propriamente apporsi al predicato d'una proposizione."'Commentando
questa tesi, lo scoliaste dice che Teofrasto argoment cosf: se nel Dredicato non si ammettesse mai alcuna distinzione addizionale ( r r o o ~ 8 ~ o ~ . r y i ; , :une
.
qiii.lli chc nsi oggi rliiiiiii.:iiri qunnrifica:ore, tnlvulra
14 nrn pstrsnnio rlii~rirecibchcii::en.li~nisdirc (Ad csernpio.scJu.
\.c<<ii.iodirc ' F e m noi, p<thhicir.1s coroi~vnl3'I ~ I ~ C Cdi
I 'Feni3 n3n
(xi>,iedornr:, In :OII:Y:<PZ~' 1 ?i CI iarort.e (ijche e:li ptopt:nrevarra
ro-i quel!^ qc~ii:iric,iri<>ne
drl p r e d ~ c ~ ::l:ci > Sir \?'il:inn lllnilton ama la tesi. ben ~ i inte6
vrebbe sostenuto verso la met-del secolo x ~ x .
reisantc. rlic ,n qJmtincarori. ,i pub npparre n.1 iind p-irols. o od una
frlsc, girerdc 'tr: t ni rcreetto. n6 picilt:.itu ne:l'a<rerto ove ricorre.
A i ~ i t ~ i cal ve r e b ~ epor.iio h > ~ o n d c r CI:?
e I. .
rirupo,izionc
dl 'l'r.ofrnsto
.
poteva essere espressa con I'asserto 'Qualche conoscenza non posseduta da Fenia', ove il quantiiicatore apposto al soggetto: ma questo
espediente non si pub usare dove sono richiesti due distinti quantificatori, come nell'asserro 'Qualche uomo non possiede tutta la conoscenza', e gli asserti moltepliremente generali sono comunissimi nella
scienza e nella filosofia: ad esempio, 'Ogni evento ha unacausa'. In breve. la teoria aristotelica degli asserti generali si occupa solo di quegli
asserti generali che hanno una supcrhciale somiglianza con la configurazione soggetto-predicato degli asserti singolari come 'Socrate bianco',
quantunque potessero esservi molte forme differenti. Ma questa morale
non fu tratta che malti secoli dopo.'"
ilrlxlotds Orarnaza sraic. E ~
mIh i n . I. P. 40.
'l'

D~>",<rDrc,rlionF.7 ( i j ' 1 6 ) .

:"Pn ulicnori psri8rnl~riiniornn ntlc prnpoikioni proilcicichc dr i l noaro ron!rBuco Prar


lrp98r I'mp0~if!nnr. >nIrlr.iir Pl%iluioph<i,id ibc Clurrirrl l r r d 8 r l o i ~ l i i r > iPirici:l<d io Rirbrd

IVdIii,

Capitolo terzo

I rnegarici e gli stoici

I.

La filosofia megarica e le origini della logica stoica

Per tuttala tarda antichit sidistinsero due erandi scuole di loeica:

I: pcr:p,-i:,c~ <Iicieriv~s.i
'11 ~liisio:Cs,r. 1.1 s.ricn. che Cr;<i]po s\:I :?p> m<ivcii.lodll":nsc~731iento dci mcg.>riri Dlspl.icc eli? la trndi.
i.<inr.lihii ronscn,xo t2ii.r p.ico dcll'opcra di q ~ r . > iuliini
i
5losuli:
i i i f irti.<hchc rit:i-u.r fn pet><arechccr*i
fu,ie:oJirrardc in:e!ligrn7ac
ir.c!:rorrero ~ i i :i. Iiiar.irntomi:l.ori di ouello ricriiito dnz:isrotici
Mentre la tcoria loeica d'rirtotele~sembra sia stataoromossa sopr~ttutrodallariflessione sopra la dimostrazione quale ricorre, ad escrnpio, in geometria, sembra invece che i mcgarici abbiano concentrata
l'attenzione siilla di~letticndi Zcnone e su auellc d i s ~ n t edi ogni aiorno

ci possano essere nate dall'aver essi conccntrdto l'attenzione su ci, ed


attestira un'asccndenza eleatica. Euclide, fondatore della scuola megiirica, sembra abbia studiato le opere di Parrnenide.' e Diodoro Crono,
uno dei membri piJ eminenti della scuola, sembra abbia costtuito argomenti contro la possibilit dcl movimento.' Ed significativo che la logica stoica fosse chiamata dialettica.'
Euclide fu un contemporaneo, un po' piG anziano, di Platone. Tra i
suoi discepoli "'erano Eubulide, inventore di molti paradossi,' e Stilpone lo il maestro di Stilpone).'Stilpone fu il maestro di Zenone, fondatore della scuola stoica." Uno dei discepoli di Eubulide fu Apollonio
Crono,' niaestro di Diodoro Crono, che insegn alla fine dcl IV secolo
o. C. Secondo un'inattendibile tradizione conservata da Diogene Laer-

' oia;.si

Lhra7tn.

11. ro6.

' srsm c\niarro. Mii niurh, X. 81.


' oioLLai u i a z r o , VI1.41.
l l , : d , Il

108

::i;::,:::: :t:

' I b i d . 11. zrr.

Ln hlosolia rncgarica e leorigini deUn logica stoica

1 rnegrrici egli stoici

138

zio, Diodoro si uccise poich non seppe risolvere immediatamente un


problema logico propostogli da Stilpone alla presenza di Tolomeo S a
tere.'Manifestamente, non che un aneddoto, ma serve pur sempre a
datare le attivit di Diodoro, poich Tolomeo conquist Megara nel
207
,
, a. C
I megarici apportarono tre contributi importanti allo sviluppo della
logica: l'invenzione di numerosi interessanti paradossi, il riesame delle
nozioni modali, l'inizio d'un importante dibattito sulla natura degli as.
serti condizionali. Altrove analizzeremo il secondo e il terzo di questi
contributi; qui analizzeremo il primo.
Dalle spiegazioni date da var? autori della tarda antichita, appare
che, dei sette paradossi specificamente attribuiti ad Eubulide,' alcuni
erano mere varianti degli altri e che la loro lista pu probabilmente ridursi a questi quattro paradossi:

i l Mentitore. 'Un uomo dice di mentire. Com' ci che egli di.


ce? 2 vero, o invece falso?""
Ii~cappucciato,l'Uomo Ignoto, o I'Eiettrn. 'Tu dici di
conoscere tuo fratello. Ma quell'uomo, che entrato or ora a capo coperto, tuo fratello, c tu non lo hai riconosciuto."'
( 3 ) L'Uomo Calvo, o il Alucchio. 'Diresti che sia calvo un uomoche
abbia solo un capello? Si. Diresti calvo uno che abbia solo due
capelli? Si. Diresti ..., etc. Ove trdcceresti il confine?'"
( 4 ) L'Uomo Cornulo. 'Ci che non hai perduto lo hai ancora. Ma
tu non hai perduto le corna. Dunque, tu Iiai ancora le corna.'"
(I)

( 2 )L'Uomo

I paradossi del primo tipo presentano l'assurdit che cercano di fare


dire ad un asserto qualcosa intorno alla propria verit o falsit. I paradossi del secondo tipo suscitano questioni intorno ai di&renti usi della
parola 'conoscere' ed intorno alla liceit di assumere che, se X identico ad Y , qualunque cosa che si possa dire veramente di X si possa dire
veramente anche di Y. I paradossi del t e n o tipo rivelano la vaghezza
che inerisce essenzialmente ad alcune nostre espressioni comuni. I paradossi del quarto ed ultimo tipo mostrano che un asserto (ad esempio,
'Tu hai perduto le corna'), che involga una presupposizione (ad esempio, che una volta tu avessi le corna), pu essere negato o in modo ri-

'

DiOiwr

ulairo. 11. I,, r i

: o I b i d . I l ro8
"

~iic&,o. Virarun uriiiio,

;:;E;:

.:

'O

crcexonr, Dc dit~bdia,ir. 11.

ii;,l~addrn;~c~.
Il.

96

22.

;;;,c~craoa~, dradcdrnica, I l . 49; o u i i o , Eoinulrc, Il.

i (47).

139

stretto (accettando la stessa assunzione), o in modo non ristretto (non


nccettanda quella presupposiziane). Tutti sano interessanti, ed incrc&bile che Eubulide li abbia formulati senza uno scopo preciso, come
riferisce la tradizione. Sicuramente egli deve aver tentato d'illustrare
alcune tesi della filosofia megarica, quantunque ci sia forse impossibile
ricostruire i dibattiti nei quali egli li introdusse. Come vedremo, anche
nella forma corrotta in cui fu trasmessa, questa parte della dottrina mecarica non fu senza importanza per la logica posteriore.
Sembra tuttavia probabile che l'opera di Eubulide abbia avuto un
altro e pi6 infausto effetto sulla storiadells logica. DiogeneLaerzio dice
che Eubulide era fortemente ostile ad Aristotele e che lo attacc a lungo." Ignoriamo se questo sia stato il principio dell'ostilith tra i peripatetici e i megarici; ma certo che la querelle, trasmessa in eredita dai
megarici agli stoici, continu per molti secoli ed ebbe un effetto negativo sullo sviluppo deila logica. Infatti, la teoria aristotelica e la teoria
stoica, nonostante la loro complementarit, furono trattate come alternative. Allorch risult chiara la possibilita d'amalgamarle, era ormai
esaurito l'impeto intellettuale del mondo antico, n v'era chi fosse alI'altczza del cbmpito.
Gli stoici furono i primi ad elaborare nei particolari una teoria dei
ragionamenti contenenti asserti condizionali ed altre forme di proposizioni complesse. Per ragioni che vedremo tra poco, era naturale che
l'interesse per gli asserti condizionali fosse diffuso tra i filosofi che praticavano l i dialettica nella tradizione di Zenone di Elea, e gli stoici s'interessarono a tali asserti per la loro connessione con i megarici.
Zenone di Cirio, fondatore dello stoicismo, morto nel 264 a.C.,
studi presso Stilponene forse anche pressoDiodoro,"e non vano ravvisare tracce del monirmo eleatico nella metafisica panteistica, ma nondimeno materialistica, della scuola stoica. Secondo Diogene Laerzio,
Zenone ebbe per condisccpolo Filane, con il quale usava disputare attentamente e che rispettiva tanto quanto Diodoro." E vero che Zenone
di Cirio non era tanto interessato alla dialettica quanto era stiro il suo
omonimo Zenone di Elea. ma si racconrnche egli abbia detto che lo dial e i t . ~cri irrport~i:.~
r~l:'~.liirii.iine poich(.consert:v~ d . i ?:lldilil dl
.soleerc i P ~ C ~ J , \C111
I \~011>:3confcrnnr~I't.l~nC!I: 10 S I C ~ I Jm?,:iriw dci p.tri<:o<.i fsrse u n i inccenJ.t
i, e non un mero pct\.r.i-

oiocur u u z i o . 11. log.

" ICid VII.


" lbid . V I I . r6.
'"> pL~au r ~ a c oD., ~toir.rrpugn
2.

i,,.

8(xo~cl.

r4o

I rnegaricr egli rtolci

Lifiloiofia mcgarkae lcoriginidelln logica sroica

mento. L'influenza della logica megnrica fu fortissima con Crisippo


(280-zoj),il quale successe a Cleante, a sua volta successore di Zenane
nclla direzione della scuola stoica. I suoi voluminosi scritti fissarono 1;
dottrine della scuola, e si arriv a dire: 'Se non vi fosse stato un Crisippo. non vi sarebbe stata una Stoa.'" I l suo contributo alla dialettica fu
grandemente ammirato dagli stoici postetiori ed ampiamente discusso
dagli altri autori della tarda antichita. Diogciie Laerzio ricorda un detto. 'Se tra gli di vi fosse la dialettica, non sarebbe altra da quella di
Crisippo','Yetto il quale tra altro prova che il sistema di Crisippo era
considcrato distinto dnll'aristotelico. Quando Clemente Alessandrlno
vuole inenzionare uno che sia principe dei logici, cosi come Omero
principe dei poeti, nomina non gi Aristotele, ma Crisippo. Egli considern Aristotele principe degli scienziati; Platone, dei filosofi." Cicerone
connette Crisippo a Filone e Diodoro in un cenno al dibattito sui condizionali:

r;t ccttu clic L.).:cc?i<in: C:.\irpu <li!ciiJcrw in qiicrta


cuiitru\.etril. mn G .liiaro c t e 11 teo:ir Jcllc yrspo<iziont condijiomli
v i a i: .'iit:c,
clcll~& , t i lugicr, ed zncheche qcesto sictenir crd d-rivsto
J ~ l l C!l i I r . t t i : ~ J i Zcliulic 2 : Ecx pir 0 3 linea ii rcccesrione indipen.
.!cc:\: J I Ari~ro.ele.Cc'\r'~iidi~:rnilm, miicir.ii3 <Iil"ii<o$'Iiin'riitonoma tcrminoloaia anche ~ e r i o n c e t tei
i trattati d3 Aristotele
1' ir:icp->>. I U : : ~ ci> chd sip?i;n.o sulla Isiic- stoica si trova in
frani.: cori ;un,crr.iti d~ Jctori d'nlcresciicle dei ciii:talcunl sonoo>:ili ...1 .<.i-,
m i , VJ ii~oltir>un:i.. :tuerri
fialnrrilnri si :onfermnno l'cn 1'11.
tro, e noi possiamo ricostruite i lineamenti principali, pur essendo costretti ad avanzare alcune congerture intorno alle connessioni e relazioni tra quei testi. Nel ssguito, parleremo spesso degli stoici piuttosto
che di Crisippo, poich non facile distinguere con certezza tra le idee
<liCrisippo e quelle dei suoi successori. Quantunque sia chiaro che egli
abbia stabilito le linee acnerali che tutti loro avrebbero semira. soDra
<I ~c;ilo.~i
p .r::~.4.,-1; 1.t;it:rJ <;u:.I:h:2ire::s~zn
tra i suoi iccccssuri.
L ,i,c.,pi,..<.,l : o ~ . l t cI i '.r,ul~ ,i.ii: i crx .>n.ord fi ircnic :.l rcnyi. <li.\lrrc 1 .,,,t?'!0 ',no:! > "CI S? d C , , C , ! .,,vc,,I.,,,,I~c
:l,: t.,: ,,;,,rconSo.) j-pi3mo

rqr

patto ed unitario di dottrine si fosse conservato integro per tutta la sua


storia.
Le fonti principali per la logica stoica sono tarde. Nel 11 secolo d. C.
Apulcio e Galcno incorporarono materiale stoico nei loro manuali di
logica, e nel secolo seguente Sesto Empinco e Diogene Laerzio conservarono alcune parti interessanti della tradizione. Sesto, che erauno scettico, scrisse di questa dottrina solo pcr confutarla, ma nondimeno la
riport intelligentemente, anche se, forse, non sempre in modo del tutto oggettivo. Diogene, che scrisse una serie di vite sneddatiche dei filosofi illustri. tracci un panorama della filosofia stoica, compresa la logica, nel corso della sua biografia di Zenone. PoichC, come espositore,
Diogcne Laerzio non dL in genere molto affidamento, una fortuna che
in questa sezione egli abbia ampiamente nttinto ad un manuale sullo
stoicismo redatto da Diocle di Magnesia, studioso del r secolo a.C. Sesto e Diopene si confermano spesso l'un l'altro. Per altre notizie sulla
logica stoica dobbiamo attingere a sparse fonti della tarda antichit.

Tcoric megarirhceteorie stoiche deUa modalit


2.

Teorie megariche e teorie stoiche della modalit.

Secondo Aristotele, i megarici del suo tempo sostenevano non doversi distinguere tra potenzialit ed attualith." Nonostante la sua stranezza, questa tesi abbastanza namrsie tra gli eleati, poich, come aggiunge Aristotele, essa in pratica equivale a negare qualsiasi movimento o cambiamento. Ma, se essa fosse corretta, le parole modali 'possibile' e 'necessario' sarebbero parimenti superflue. Quindi, stupisce
non poco trovare che i megarici della generazione dopo Aristotele discussero molto seriamente questioni di logica modale. possibile che
ci che essi cercavano di fare fosse trovare un porto per le nozioni modali pur negando la teoria aristotelica della potenzialit reale. Tale, almeno, sembra sia stato lo scopo di Diodoro Crono in un'altra generazione. Ad Aristotele ci parrcbbe una negazione della distinzione tra
il possibile e l'attuale. I n questa sezione. noi considereremo congiuntamente le definizioni delle nozioni modali che furono proposte da Diodoro e da Filone, e le varianti di esse che furono attribuite agli stoici.
infatti certo che la discussione degli stoici continu quella dei megarici,
e spesso le nostre fonti antiche le menzionano congiuntamente.
La teoria piU originale quella di Diadoro Crono. L'unica fonte che
la descriva completamente Boezio, ma ci che questi dice concorda
con anteriori descrizioni incomplete, - in particolare, con quello di Cicerone, - si che Boezio si pu considerare degno di fede. Egli dice:
'Semnda la definnione di Diodoro, il porribilc ci che o o rari (qirod nuf
<,,t oai r r i i ) ; i'imposaibile ci che. essendo falso, non sar vcio (quod cum /#l.
ruw rif. norz eril r'eruml; il nmessnrio ci che, errendo vcro, non sar falso (quod
cutli verior> rir. noti ciil lo1ium)- il non-neccsraria ci che o gi i. falsa. o srd
falso (sui imn en oril erif folru~)."

Poich le ultime tre definizioni contengano tutte riferimenti alla verit


e alla falsit, sembra probabile che la verit forse menzionata anche nel
'' >Il~U~b>~fica,
9.3 1 ~ 0 ~ 6 ~ ~
'< cuninicntrri~
,n iibrum n r i ~ i o t nipt
~ ~ ~I ,

u reiun&
~ r~d , r i ~~. .d. ~h

~ r. l b p,
~ .i,4.

143

testo originario del primo, ed infatti Cicerone dice: 'Placet igitur Diodora id solum fieri posie quod aut verum sit aut v e m futurum sit.'"
La forma di queste definizioni palesa che ci, che Diodoro considera
possibile, impossibile, necessario, non-necessario, non sono gli eventi,
poich egli assume che gli aggettivi modali convengano agli stessi sogqetti cui convengano i predicati 'vero' e 'falso'. E difficile, nondimeno,
caratterizzare esattamente questi soggetti. Non sappiamo dire con certczza se, per Diodoro, ci che d3iamato vero o falso, necessario o impossibile, sia un enunciato indicativo, o una proposizione in senso moderno, o un tertium quid distinto dall'uno e dall'altra. I l greco e il latino, con la loro libert d'usare come nome il neutro degli aggettivi (ag:ettivo neutro sostantivato), si prestano eminentirrimamente a mantenere tale ambiguitL. Nella nostra esposizione della teoria di Diodoro,
noi useremo la parola neutra 'asserto', per lasciare aperta ia questione.
Dalln forma delle definizioni segue anche che Diodoro definisce non
la necessita ritnpiiciter, ma piuttosto la necessita-in-un-momento, ed
analogamente gli altri termini. Se gli asserti cambiano i loro valori di
\,eriti., allora.. secondo le definizioni di Diodoro, essi devono cambiare
~ncliele loro modjliti. Considtrisnio, irfrrti, un csserto < l u l l 'Vi
~ fu
ur.3 r i v o l u ~ i o ~
f re3 ~ e < e 'E. ~ CeJnecrjsa:io 0-3, secondo la dtfinizionc
2 : Diudcru, iiin non I ~ e r nprimn del 1789.
Noli t i i t t i i camhirmenti di nodrlit3, t ~ t t a v i asono
,
ammissibili nel
.i,:r.inl di DiuJoro. Un assetto pub easerc pcsribile in un momcnto e
nrccri~rioin c~ moxento posteriurc (coinr abbiamo visto or ora!. Op.
p.irc pu fsscre p3rribi:c in un n>uliicnioe in un momentu ?ortericre
.mr>oss:jile (ndeserr>:o,'Il iihtcma colare si disintrgrcii'!. F. pcb esse
re non-ncccssario in un momento e necessario in un momento posterio.i. ad c<emr>ii,.'Son vi ,iranno piu rorrini',. o pu esrcre non-re:~\ui3 in.m momenw ed im;io,,ibllr. i:) iin altro momento (3d crcmpio.
Sinora
stato essttrmcnte i aooo<iocnndi uomini') h!3, cna v0113
-ne 2 nccer,i::o o irp<>,,il>ile.iin a<<ertonon pii3 p:u c~ii.b.aieil suo
v ilorr <li\,eri15i > !sci
~ innlnlith. Infdtti. poich il ncco,li.o in :in momento dato definito come ci che in tutti i momenti che seguiranno
sar vero, esso. di conseguenza, sar necessario in tutti i momenti che
seguiranno. Analogamente per l'impossibile.
Altre due cose sono certe sulle concezioni di Diadoro: in primo luogo, le concezioni di Diodoro sono connesse con il famoso 'Argomento
Dominante', o argomento vittorioso (xup~ruwvhbyog); in secondo luo-

I mcgrrici e g l i stoici

144

Teorie mcgrriche e rmrie stoiche della moddiri

po, esse furono considerate nell'antichit dattrinc che involgevano il


determinisma o il fatalismo."
Secondo Alessandro, Diodoro costrui l'Argomento Dominante per
stabilire la propria definizione della possibilit," ma uno studioso m*
derno ha avanzato l'ipotesi che il titolo si riferisca al predominio del
fato." Epittcto ce ne d l'unica descrizione completa:
'L'Argomento Dnminantc sembra sia stato fnirnulato movendo da premesse

come qi~elleche seguono. V' un'inompatibiliil tra le tre seguenti proparirioni:


"Ogni cosa. che pasiata e vera, necessaria." "L'impossibile non rcguc dal poc
sibile," 'Ci6 che n . n rari, possibile." In canridcrizionc di questa incompa.
ribilir. Diodom us I'attendibilit delle prime due proposizioni per rtsbiiie Ir
resi che porribile rolo d dir o & vem, a rara vero.""

Al le-lire n:oils:no. ;<,lo .ir. ~ . \ C I>II L C ~ :nci::l~.>tle


L ~
in questo 1 3 g b
iiiiiicnro E IA ~ e c ~ n proposizione,
dn
cn3 >:n no.. .eri di logico nodale,
.I:<. :cii:e ~ b b i i n o\ , i > - o , c r ~ a no12
: i sdArii!o.rle. E ditlicilec~mprendere pcrcli il primo asserto s'ia stato troizato generalmente accettabile,
o perch si sia sostenuto che i primi due asserti comportasseio la negazione del terzo.
Per stabilire il primo punto, Diodoro probabilmente si appell al.
l'ovviet che il passato inalterabile. Cosi Aristotele esprime ci nelI'Ethica nicoriiochea: 'Ncssuno delibera intorno al passato, ma intorno
a ci che futuro ed ~ossibilc.mentre il oassato non ou non essere
a!, inut.>; C J P C . ~ ,I:3 ra;i011: .4ra:nnc 3 dire " S ' u n ~sol2 ~ICOIIP
p11(.3
. ~wr,i10 D:(, ~ : i . i \ w li1 f.r:o:iA dt ~ J T C,i &C. r u r t IVY;:.UIO ci
C.le . 3>,,,:?iiri."' S:iiii>r, r>l3i.<il.ilcd r c 'Clb c'i2 C i,?oiiro lr c<scre.
necessariamente cosl cam', poich ora non pu essere altrimenti'.
Come Aristotele ride in De interpretatione, questa una necessit relativa, m a sembra plausibile attrihuire una qualche necessit assoluta al
passato quando la nozione di ncccssit non esaminata con cura. E importante. tuttavis, notare che la tesi, com' formulata nell'Argomento
Dominante. presenta un'ambiguiti, che abbiamo cercato di conservare
con una traduzione inelegante. Essa pu significare o 'Ogni asserto vero sul passato [obout tbc part] necessario' o 'Ogni asscrto al passato

A d e,. crcraom. Dri.7ro. 17;soina. or i,,. o. zir.


p,. Lib. 1 Co,!>,:o?,rnr,u>!: C I A.G. Il li).I. i 8 4 .
P
5 r , , , , , t , ,l < l>"!!.,,:~>:~,>.",!?,~",,,hl<;
Dirirrlriioriri, ci1 s c i i r i u . 11. 19. i . Ecco I'ori~inrlc.
'O xupi~ijwv>.iy:i 67,

:' l,, A r ~ s ? n , ~ lA, "~


3

,,

;r:iY.wu
arY211,~V s:.r;ii7br
x..v~; I" P
G I J ~L ~ ::i<
~' ~ ~
XG!:
.aiqaa.
rir zir ?ajr>.qiuno: 6 i q i . i ~dv.yx~7:"
xoi 7,; I.."<i?iu d&u.,.rw p,) .x:i.;iOiir
x a i Ti*
t.ivm-ru rrvai 8 CL;' is,rv .i.r.iir< FI,:'
imm~,~ W L F Y Y -;h" I I ~ X I I ~ TLLU*IIY L AUIYC:~ Tn TGV
TL.,:v

Z;~~..>V

~,."Pc<

si.,.,

s.,i,

3:'

x.~.v.;,,T.

mvix~hrm;o

.;h;

P
I.T
.LV

1 ~ ~ 6.tuai
i v siva;iu 8

CC:'

i4r

[in the parr tenrel vero, ogni asserto vero i l passato, necessario'. Se
tnterpretiamo l'asserzione in questo secondo senso, essa non vera Secondo l'interpretazione di 'necessario' data da Diodoro; infatti. vi sona
molti asserti al passato d i e sono veri in un momento e falsi in un altro:
ad erempio,'Ieri faceva bel tempo'. e, ingenere, tutti gli assertinei qual i l'identificazione del soggetto, o dei soggetti, si compie in riferimento.
esplicito o implicito, al momento in cui pronunciato i'asserto.
D'altra parte, noi possiamo addurre un argomento convincente per
V
il secondo punto intorno all'implicanza solo se interpretiamo Z ~ rrape
i.qhv9q bXq9iq come'ogni asserto al passato vero'. B vero che noi possiamo cominciare senza distinguere i sensi. Dalla prima proposizione
segue, infatti, che ogni proposizione al passato falsa (o, nell'interpretai o n e alternativa, ogni asserto falso sul passato) impossibile, poich
I'asserto contradittorio d'un asserto necessario impossibile. Sc. quindi, possiamo mostrare che ogni asserto al presente o al futuro falso (O
uyni asserto falso sul presente o sul futuro)comporta qualche asserto al
Gssdto falso ( o qualclie aiserto falso sul passato), avremo mostrato,
conformemente alla secondo proposizione del13Argomento Dominanre, che siiiatti asserti sono tutti impossibili. Qui per l'ambiguit diviene molto importante. Consideriamo prima l'asserto 'Io ho una cicatrice sulla mano sinistra', pronunciato da un parlante che n ha, n mai
avr. una cicatrice sulla mano sinistra. L'asscrto 'Io avevo una ferita
rulla mdno sinistra', pronunciato da questo stesso parlante, pu dirsi
impossibile secondo una interpretazione della prima proposizione dell'Argomento Dominante,
esso un asserto falso sul passato; e
pu dirsi ragionevolmente che s q u a dall'asscrto 'Io ho una cicatrice
sulla mano sinistra'. che quindi impassibile anch'csso." In questo caso particolare il ragionamento plausibile, ma lo si pu generalizzale
~erfettamente
solo postulando ci che invece & da dimostrare. Conside-

;
ialla tentazione'. Solo u n dcterminisrno dogmatico pu far supporre
che tale arserro comporti u n asserro falso sul passnto; infatti noi non
siamo. in realth. in gmdo di riempire la lacuno ncll'enunciato 'Se egli
resister alla tentazione, allora dcve essere accaduta che...'. Ma noi porsiamo costruire un ragionamento perfettamente generale per mostrare

L;:VI

E#7%,

h,
rioni

Per l'~ll~fistr~~ionc
clr n 5 1 0 ~ ~ ~ P ~ R,ldc
K x . r ~ w ~VITI,
b.
~ h l'us.>
c
#n
del an~tsirv rroicn, rimr rirciiani~nicrorrrlrtu i l irms dcl 'leguiri'.

d85wS

I megarici c gli stoici

r+6

Teorie megarichec teorie stoiche della rnodalirh

che qualsiasi assetto al presente o al h m r o falso comporta un asserto


al passato falso. Ad esempio, dall'asserto che una data conchiglia ora
sul fonda deu'aceano o sar veduta, si riterrebbe generalmente che
segua che un corrispondenre assetto al futuro ('La conchiglia sar veduta') fu vero nel passato. Se l'asserto 'La conchiglia sar vrduta' , in
realt, falso, l'asserto al passato che ne segue ('Era vero che la conchiglia sarebbe stata veduta') anch'esso falso, e pertanto (conformemente alla prima proposizione dell'Argomenta Dominante) impossibile."
Se us questo secondo ragionamento, Diodoro. sembra. fece un passo falso; infatti esso, essendo perfettamente generale, mostra che ogni
asserto al presente o al futum falso impossibile, e che ogni asserto
vero necessario. Ne consegue che il possibile, il vero, il necessario
coincidono, cosi come coincidono il non-necessario, il falso, l'impossibile. Quindi, non vi pu essere cambiamento dei valori di veriti. Ma
le definizioni che Diodoro d delle nozioni modali sono basate sull'arsumione che i valori di verit cambino. L'ambiguit che ingenera quests confusione gi stata messa in rilievo. Solo se intendiamo nav rape
htihu96s drXqS1s nel senso di 'ogni asserto (cio. proposizione) vero sul
passato' la prima proposizione dell'ArgomentoDominante plausibile.
Ci che vero sul passato resta vero e non pu essere alterato. Ma un
ssserto. che sul passato in questo senso, non necessariamente esoressc i r un cniincia!o :?J:c:tivoal plcsats. Losi p,lheiprin,eiein u n k u n .
cii.o,iI N: verjo yrincipale 31 futuro, ad escnipio . S ~ rsempre
i
vero
c!ic In rrpirl ,!ni..i Z .iinrt i'. Anl!a;.,mcntc, u i Jj5c:'o
31 ?i$,lto DU
essere sul futuro, ad esempio 'B sempre stato vero che io ;ar ad 0 x ford domani, cio il 18 aprile 1960'. Diodoro sostiene che simili assetti
sono necessar? perch vuole poter dire che cssi trasmettono la loro necessit alle proposizioni espresse dalle loro clausole subordinate al futuro. L'Argomento Dominante si fonda cosi su un'ambiguit. Ci che
detto necessaria nella prima proposizione non omogeneo a ci che 5
detto impossibile nella seconda ~rooosizione.Oeni asserto vero s u l ~ a s senso clie esso segua d3 un assetto falso sul futuro: esso semplicementeun asserto al passato. Non v' ragione d'attribuire impossibilit a tale
asserto, cosi come non v' ragione d'nttribuire impossibilit all'nrserto
al futuro onde esso f u derivato. Come argomento per il dctcrminismo,

" Clr.
-3

Qulnerlyli

N P R ~ O B .Diodorcd~~
,llndil<ili, .Tbc P h i l w ~ t > i ~ i I
V 119151, PP. 101macm da ~ L O P O Y O ,In A r ! i l ~ l d i xAn p r Co!8,rnriirrria, ed. .r*rrirr.

L'illunnrionc S

C.1.A G. Xlll 1iil.p 169.

,'
i

147

dunque, l'Argomento Dominante fallisce. N esso consegue ci che, seconda Alessandro, mediante esso si perseguiva; infatti, lungi dal rendere plausibile la definizione del possibile come 'Ci che o , o sar vero', esso demolisce le alternative che d i r n o senso a questa de6nizione.
Le confusioni dell'Argomento Dominante nascono dalla indistinzione (da noi gi notata in Aristotele) tra un enunciato indicativo e la proposizione che esso esprime. Diodoro probabilmente cominci notando
la differenza tta enunciati come '8 giorno' (un esempio comune tra i
mcgarici), i quali, come usa dire, sono talvolta veri, e talvolta falsi, ed
enunciati al passato, ad esempio 'Platone fond l'Accademia', i quali
non cambiano il loro valore di verit. Egli poi assunse erroneamente
che l'ovviet intorno all'inalterabiit del passato equivalesse all'aiserto falso che gli enunciati al passato veri non cambiano il loro valore di
verit. Egli pensava d'avere cosi trovato un modo di confutare la teoria
aristotelica della potenzialit sulla base d'una tesi riconosciuta dallo
sresso Aristotele. E infatti verosimile che I'Argomento Dominante sia
Comunque si interdiretto contro il capitolo 9 di De interpret~~tio>ie.
preti questo capitolo, Diodoro lo contradice, ma condivide con Ariste
tele l'errore di assumere che sia sensato parlare di verit-in-un-momento. E verosimile che questa disputa abbia spinto gli stoici a distinguere
tra gli enunciati e ci che gli enunciati esprimono ed a considerare scriamente il
dei cambiamenti del valore di verit.
Contro la dottrina di Diodoro, Filone sembra abbia sostenuto che
uno stato di cose si possa chiamare possibile 'in virt6 della mera attituT U~ ~ ~ O X E L Pan~YOU)
dine del soggetto' (xesb $~j;?v T+ I x L ~ I J S E C ~ ~703
che se la sua realizzazione sia impedita da una forza esterna (ad esempio, la combustione d'un pezzo di legno impedita dalle circostanze
quando esso giace in fondo all'oceano)." Boeiio espone le sue quattro
definizioni dei termini modali nel modo seguente:
'Filone dice &e il possibile cib che per la natura intrinseca ddl'nrre~ione,t
ruicetribile di veriri (quod natura prAprio e,iunrialio>tir surriprnt ueriiolcm).
come quando nd esempio io dico chc oggi rileggo le Bucaliche di Teocriio. Se non
11 impedirmio circosta& esterne diora conriderara in s iquonlum in re eri),
ia 'ora pu errcre affermata veram;nrc ~ L l l orrerro modo, Filane definisce il ne.
ceiraiio comc ci che, essendo vero, non mai, conriderata in s, rurceitib~lcdi
frlriri Il non-necessario da lui spiegara come cib che, con,idcraro in 56, ruhccttibile di fnlsirh; I'imporribile, come ci che, per sua propria natura irecundnm
proprroti nnluiirrn). non mai ruicetrihile di veriti.'"

148

I rnegarici e

stoici

Purtroppo, noi non abbiamo inforniazioni piu particolareggiate sulle


sue idee, ma sembra chiaro che Filone abbia assunto la possibilit a no.
zione inodale basilare c la abbia identilicata con I'autocoerenza.
La concezione attribuita agli stoici un po' piu complicata, ed possibile che sia stata riferita imperfettamente. Boerio':la distingue espressamente da quella di Filone, quantunque esso avesse manifestamente
qualcosa in comune con la dottrina anteriore. Della concezione stoica
della modalit abbiamo una descriziane sostanzialmente eguale in due
fonti ben distanti l'una dali'altra: Diogene Laerzio e Severino Boezio.
Diogene Laerzio d le definizioni stoichc nel modo seguente:
'Il poriibilc ci clic ruicciribile d'essere vero (T&l i ; r 8 r n ; ~ x kTG; bAqUs
rlva61 purch le ci~ortnnieesterne non gli irnpcdisrana d'carere vero ITWVIx.ibg

rrpbg T& 6A?bg dvarl lad esempio, "Dioclc vivo"). L'irnporribilc ci che non P surce~ribilcd'csscre vero (ad esempio. 'Li terra vala").
Il necessario 5 ci che vrra c a non surcettibile d'esbrre frlso, o i. ruicctiibile
d'essere falio, ma arcorranrc errirnc gli impcdircono 'csserc frlso (ad esempio
"La viriu bcncric~").l i non.ncccsiario 6 ci6 che vero c otih P C * P I < - f l l ~ nI+ nnn'

IL+ ivav-rrouuivwv

E Boezio riferisce, sulle prime tre modalit:


'Gli stoici hsnna dichiarato che possibile ci rlic iurccttibile d'affermazione vcrn (gidod i u r ~ ~ ~ p I eiirt
J i / e ucroc praa,dic<~ionir)
quando nun lo irnpcdisrano
in nulla cose clie, quantunque siano esterne piirc avvengano con erro (tiihtl hir
proli~beritrburqaae. runr cxir,! rint, cu, ipi; ronicn /ieri coiihirgird). L'imporrihilc ci che non t mni rurcettibile di verird, poich lo impcilircono altre cose,
erterni rl sua avvcnirc (uiiii exlii rmvfuiti ipiiur pro/>ibcirlibr<r).
Ii necessario &
ci chc, quando vero, non prr nulla suicerribiled'a&rmnione falsa (quodcunr
airum ril lalsatir prdcdicofionet~t i~rillaraiione rewipi811.'"

La discussione fatta da Boezio simile ad un'altra, fatta da Cicerone,


De lato, ove le idee di Crisippo sono confrontate con quelle di DiodoIO." Forse Boezio attinse n Cicerone, ma anche possibile che Cicerone
c Boezio abbiano u n i fonte comune in qualche manuale stoico: infatti.
Circr<.ilcscriiJc ciiiiic ,c li.<
,,: i.>lr<imn?oirr ri.iar.c> ranit-l: Ad ogni
m:<:~. 1.1 cc,r:::ivn?
chi or no:^ 'sroic~'d2Bceiic si pu ir~nquill3menre
~ . i r ' L >i rc .a L . r ~ : ~ p i ) oc:I:~..c
,
>C .pclti. prcb ibilnr.nte, iior. fc l'urim
.
a sostenerli.
Si noter che la definizione di 'necessario', quale d Diogene Laer-

Teorie rncgnrichc e reorie stoiche della rnodalirb

149

zio. copre due alternative. I l necessario a'cib die non suscettibile


di falsiti rinrplicirer, o ci che vero ma, nondimeno, sarebbe potuto
essere falso, se circostanze esterne non gliela avessero impedito. Di
questa alternativa, il prima termine l'unico illustrato; infatti, difficilmente uno stoico avrebbe potuto concepire che. in certe circostanze,
'La virtu benefica' potesse essere falso. Ma sembra chiaro che v?
un'intenzione di distinguere tra necessit assoluta e necessit relativa
nel modo suggerito sopra." Ed abbiamo qualche altra prova che Crisippo fece questa distinzione. Cicerone gli aimive una canttapposizione
tra fatti semplici(rimpiicia) e fatti compessi(copuiata)."Crisippo,sembra. sostenne che certi fatti semrilici (ad esempio, che Socrate sarebbe
nisiro in i n certo Cioriin)eranoprc<lciermin:;I in<'.iprndentemrntcil?
iI:ri f irii, riirntrea1:ri ~ J ~ l1
I II esempiu.chr 3 Laiosarcblic ncto il figlio
I.tipo) LrJno p t e r l ~ i e r m i n ~solo
i in u1ip.iiin7ior.c mii fitti ?.ss~.i:li
3.1 r c c m ~ i oche
. I .io 51 slrObe a.roppiuio ccr. <cn rni,dlic l. Gli zvc:iti
~,.,onc5<i,
dtcc C~ccione,erano c h ~ m a t da
i Cr~,ip?o co~f=t?.Ii'( C C ! J ! J
/ , ! ~ J I .Ovvirmrriic, i:r..~ pru>o,i,iunr intorro 311'3v\ cnire di .,no .li es.
.i ,ctr.libc r.ecebsJria in reliziccc ~d iina ?:opojizii,lr intorno il'avicn r e d.!l'altro n<l scur.J> s i n di
~ 'iicceswti<>'dato nel:a dc:in.r.one
\toica. Cosi, vero che Edipo nacque, ma sarebbe stato falso se circosranze estcrne (ossia, l'accoppiamento di Laio e Giocasta) non gli avessero impedito d'essere falso.
Se la definizione di necessario complessa in questo modo, la definizione delle altre nozioni modali dovrebbe presentare una corrispondente complessid. Pu darsi che essa sia s;omparsa nell'esposizione
fatta da Diogcne Laerzio, che estremamenteconcisa, e pu anche darsi
clie alcune apparenti ridondanze siano state espunte o d omesse dai COpirti. Se tutte le definizioni avessero questa complessit interna, esse sarebbero cosi:
I l possibile ci che suscettibile di verit o ci che, mentre surccttibile di verit, non impedito dall'eisere vero da circostanze
esterne.
[In altri termini: Il possibile ci che suscettibile di verit o ci
che i- suscettibile di verit ed a cui nessuna circoitanza esterna im.
pedisce d'esscre vero.]
L'impossibile d che non suscettibile di verit o ci che, mentre

'*

Cfr CnDr", DD. ,,T

' D* into, io

12

rga

Tcarie rncgrricheermric atoidicdcllamodalir

I megniici egli stoici

suscettibile di verit, impedito dall'essere vero da circostanze


esterne.
[In altri termini: L'impossibile ci che non suscettibile di verit
o ci che suscettibile di verit ed a cui circostanze esterne impediscono d'essere vero.]
Il necessario ci che vero e non suscettibile di falsit o ci che,
mentre suscettibile di falsit, impedito dall'essere falso da circp
stanze esterne.
[In altri termini: Il necessario ci che vero e non suscettibile
di falsit, o ciche suscettibile di falsit ed acui circostsnre esterne
impediscono d'essere falso.]
I1 non-necessario ci che suscettibile di falsit o ci che, mentre
suscettibile di falsit, non impedito dall'essere falso da circostanze esterne,
[In altri termini: I l non-necessario ci che suscsttibile di falsit
o ci che suscettibile di falsit ed a m i circostanze esterne non impediscono d'essere falso.]

Come si noter, nella versione di Diogene la definizione del non-necessaria richiede che questo sia vero. Se questo requisita faceva parte della
definizione stoica, era un errore. Ci che essenziale ad una proposizione non-necessaria che essa possa essere falsa. Questa condizione
sodisfatta se la proposizione effettivamente falsa, ma aliora la prova
della sua non-necessit meno interessante.
Considerate come spiegazioni deUe nozioni modali, le d e h k i o n i
date da Filone e dagli stoici sono circolari, poich le parole.chiave 'suscettibile di' ( Z L ~ E X T L'impedire'
X ~ F ) ~ (ivavsroCoitcrr) involgono ambedue nozioni modali, cio la nozione di essere otto a ricevere e la nozione
di essere reso inetto. Questa circolarit appare manifesta nella formulazione data da Boezio deila definizione iiioniana: 'Impossibile vero,
quod secundum propriam naturam nunquam possit suscipere ventatem."' Tale circolarit non necessariamente un difetto. Se le nozioni
modali sono, in qualche senso, fondamentali, pu ben essere che noi
non possiamo spiegarle senza gi clandestinamente usarle. Dei tre insiemi di definizioni menzionati daDoezio,solo quello di Diodoro noncircolare, ed abbiamo visto che esso ha le sue dificolt.
Tutt'e tre gli insiemi di definizioni sodisfano i requisiti logici per la
relazione tra i concetti modali, ossia rendono possibile formare un quadrato d'opposizione. Nel caso di Diodoro, il quadrato :

B vero e non sar


falsa che-P

I ~ J

falso e non sar


vero che-P

>(

B vero o sar

E falso O sar

vero che-P

falso che-P

i>~icli;Ic asssrzioni di possibiliti c di non-necessit sono contraclittorie.


isl'citiraiiiente, alle asserzioni di impossibilit e di necessit, e poich
~ ~ u c ldue
t c ultime asserzioni sono ambeducproposizioni caiigiuntive, le
11, une due sono proposizioni disgiuntive. Inoltre, la coiitradittoria d'ilin,^ proposizione impossibile una proposizione necessaria, e viccvcrsa.
Infatti, se falso e non sar vero che-P, vero e non sar falso che
iir~n-P,il che rende necessario, per derinizionc, che-non-P. Per le dcfiiiizioni di Filone il quadrato comc segue:
L'nsscrto clie-P
L'asscrto che-P
non suscettibiledi veriti
noi, roscettibiledi falsiti

L'asscrto che-P
susccttibilediverit

L'asserto che-P

i:suscettibile di falsit

Xcl caso delle definizioni stoiclir, se noi le abbiamo interpretate cortetiiiniente, la faccenda pih complicata. Poich ognuno dei tcrmini
ticfinito mediante una disgiunzione, impossibilc che due dei termini
<Iclinientisiano in relazione di contradizione. Ma le definizioni gcnerrino diic quadrati d'opposizione distinti: uno, per i termini m o d ~ lprcsi
i
.isiolritamente, che identico al quadrato di Filone; l'altro, pcr i termiiii riiodali prcsi relativaniente, che come segue:
L'osserto che-P impccliro
L'.issrrto che-P i m ~ e d i t o
da circostanie esterne
dn circostanze esterne
dnll'essere falsa
dall'cssere vero

L'.isserto che Pnon impedito


da citcost~nzeesterne
d~~ll'essere
vero

L'fisserto che-P non t iiiipedito


da circostanze cstetne
dall'essere falso

I megn~icie gli stoici

1i2

Tcorie megariche e ieoric stoiche dclla modalit

Secondo l'uno e l'altro dei due auadrati stoici. la contradittoria d'u-

I53

e poteva facilmente dare dito a fraintendimenti. Infatti, la conclusione

d'un arzumentum ad hominem talvolta erroneamente considerata la


concez6ne ddi'inventote d i quel ragionamento
.
Una icro!:rld C liil? interesr~nreipotesi i qiirarn Crisipyoopcr un1
dstinrionc. rri ,:C. irti <li necesiiti, o C in;ts<il,ilitj. dilfcrcnre rl tlla
summcnzionatn~&stinzionetra necessit. o impossibilit. relativa e neccssir, ~impossibilit,assoluta. Secondo cicerone, egli neg la validit universale della regola per la quale ci che segue dal necessario esso stesso necessario: ? h r i r i ~ ~;io>i
o videtur valere in omnrbui." QueSI3 neg2z.uI.C c ~ n c o t d i &e'ahhisno
.
visto, c m I'nsrerzione che I ' i r i l plssibile pu sequirc d ~ Tossiliile,
l
e !a sua d i i o n e !a crcclcic
Ciisippo penstrre d'aicr trovato casi speciali & nnccc,,it.i r di impossibil i t i che f x c v i r u crrr,:nne alle rcAo!cordiiiaric Ora, eli stcici r i s ~ t ~ ~ a i..inv il :ione iycai:e del:.nirc'Ixarzyo:.:-.xkI
per le a::enioni ii,cnii
per soggetti pronomi dimostrativi." e queste assenioni possono, sembta, essere necessarie e impossibili in maniera piuttosto peculiare. Un
esempio famoso: 'Io esisto' stato detto necessario, e 'Io non esisto'
stato detto impossibile in questo modo. Da 'Io esisto', detto da Descarte?
seme
-----,
- ~ - che Descartcs esiste. ma 'Descartes esiste' non necessa~ i oAnalogamente,
.
da 'Descartes non esiste', detto da Descartes, segue
'lo non esisto', che valutato impossibile in questo senso peculiare,
ailanrunaue
'Descartes non esiste' non sia im~ossibilein alcun senso.
-~
Era forse' qucsta la distinzione che aveva in mente Crisippo quando
disse che I'impossibile pu seeuire dal possibile. Se cosi, egli avrebbe
modificato come reguelc regile di Ariitotele:

visto, la contradittoria d'una proposizione impossibile deve essere necessaria. Infatti, se la proposizione che~P,la quale impossibile, segue
dalla proposizione che-Q, la quale possibile, allora, per il principio d i
contrapposizione, ben noto agli stoici, la proposizione che-non Q segue
dalla proposizione che-non-P. Ma la proposizione che~non-P necessaria; quindi, per un principio generalmente ammesso, dovrebbe essere
necessaria anche la orooosizione che-non-O. il che affatto incoerente
:,n I..t.sun>ione ini;ink ~ c I pos\.biliti
I ~
>er 11 propuiizt.,:)c ~ h e . 0 .
Cr:.i?pu diicndi 11 sii1 atrnnl coiicc.iionc ii<nr.iloI'e,rmpio'Se Dior c i. curto, <lucst'cumo ? :cuiro' FgIi ssiiienz che questo enu1cin.o.
<!etto alla prescnra <li Dinne, esprire c n condizionale v31:do (iy:t<
P . L I ~ . : ; ~ ( ~ $ Y ) ma c!ie 13an:cce<leniepossibile. poich Dione e morr~le,
mentre il conseeuente inioossibile. ioich.. aundo Dione vivo. esso
autocontradiGorio, e uando Dione C morto, non v' piu nulla'mi il
pronome dimostrativo8;applichi e la proposizione (BEiwpct) conseguentemente distrutta." I l ;agionamen;o itrano quanto la concezione
che esso intende suffragare, ma si possono ipotizzare due spiegazioni
che lo rendono meno sorprendente.
La prima ipotesi questa. Questo ragionamento pu essere stato
semplicemente un urgumenium ad hominem contro Diodoro. Crisippo
stesso sostenne quasi certamente, come vedremo, che le parole 'vero',
'falso', 'necessario', etc., convengano alle proposizioni ( h ~ x s k )e, non
agli enunciati. Ma egli pu aver cercato di confutare Diodoro rilevando
che, se questi parla di enunciati (come sembra fare nella prima premessa del suo Argomento Dominante). allora la sua seconda eremessn non
sc<<ic:e,poiclicd'~netlt<r.*;:o. c:ie si pco p:iiisihilrnen.c c h . ? n ~ r ci-.
pcasi~ile,s: pu p l a . ~ s l b ~ l i i edire
~ t e che esso segui da un cnul<i.l:o,
che propriahenk chiamato ~ossibie.confutare-traendo conseguenze
sgradevoii era una tecnica chigli stoici avevano ereditato dai megarici,

..

'*

rrerrraoao. In A~itorcl;, An pr icb I Comn~nlunu~a,


ed. nunrs.C.1 A

P-

D. r,:,

P D L m r o Dur
q w r l a fnic:
* r s f d y n l o . IO(.

I1

19. l.

dr.la dimiione
C,.

tnirr,

l u i o n e 3.

G. I1 li).

.--

Und proposizione impossibilr. noil p ~ seguire

d i una propt,si7i.u1e
?oiiihile, 3 mcr.0 ch' In corisqiienri: .i& u r J propu,iziucic < l e f i ~ i t l
in>u,ril.i!c ,:il ,<.ii\n~:cculiqrcalle propusizi~iiiIcl;i:itc
Ci che segue da una~roposizioneie&ssaria esso stesso necessirio, a mcno che l'antecedente sia una proposizione definita necessaria nel modo peculiare alle proposizioni definite.
so2pei.o un TrJnulnc i.moh qiic;in si pii5 o h i c t t ~ r cc:ic '.i\*ciitc
$t:~ti\3'&
UVJ canttcrisrica dr;li riiti.>iia.i. c nnndclle?rspo,ir.onl
I.
iin punt, import.inic. chc w r r iIl<.i.\io [>:hmxnti, m3
A-OILI mini
ic:snincr.i: pcin w l r o LIIC I'csscre dcliniio nel r ~ i . : u\[>:<.i..ir.>
siprn fosa.r un3 c n r ~ t t e r i r t . .sia
~ <IcIIc ?r01>~>~1~.10n1,
si3 degl: enunciiii"

Il dibsttitosulla namra deicondizionali


3.

155

carninera con una verit e Gnir con una falsit. Mn il seguente aarerto semh r i crrere vero: "Se non crirrano gli elementi aromiri delle cose, d o r a crirtono
,ii clcmcnti atomici deUe carc." Infatti, egli sostiene che quell'aiserro candicio:.,le comincer scmpre con i'sntecedcnre ( ~ y o l j ~ vUlso
~ v )"Non esistono glieleatomici deUe cose" e finir&sempre con il conseguente [hfiyov) vero "Esisto,.,>"li elementi aromici deUe cose". [?l Ecoloro che introducono Io nozione di mn-,ir:lone (ouvdpsqo~q)dicono che un condizionale valido quando rl contradirto-,n del suo conreguenrc t incompatibile con il suo antecedente. Secondo loro, i
,.indizionali summenrionatisono invalidi, ma il seguente vero: "Se giorno, C
..ii>riio " (41 E coloro che giudicano per implicezione (Ffilacy) dicono che un
,,in<lizionalevero & un condizionale, il cui conseguente C contenuto in poreriia nci
,co antccedcnte. Secondo loro I'asrerco "Se & giorno giorno", e, rnalogstnen,C ogni condiionile che sia ri~ti~ivo(6r~opoljpvov):sar manifestamentefnlbo;
, m f i i i i , l impossibile per una cosa crrere contenuta in re sterra.'"
,,io

Il dibattito sulla natura dei condizionali

A quanto consta, i primi logici che discussero la natura degli asserti condizionali furono Diodoro Crono e il suo discepolo Filone. Queqto sviluppo si deve forse alla connessione dei mcgarici con Zenone di
Elea. Come abbiamo gi notato, Aristotele s'interessava soprattutto
al ragianamcnto quale troviamo in geometria. Era dunque naturale per
lui concentrare l'attenzione sulle proposizioni generali c sulle definizioni. Nei suoi esempi di dimostrazione preferiti, nulla lo spingeva a con.
siderare il significato di 'se . . . allora .'. E, come abbiamo visto, in
effetti nella sua classificazione delle proposizioni egli ignorava la f o r m
condizionale d'asserto, quantunque la usasse negli Analylica priora
per presentare i principi dei vari modi sillogistici. Ma i ragionamenti
dialettici usati da Zenone erano della formi 'Se P, allora Q , e, se P, allora non-Q; dunque, impossibile che-P', e da un logico, il quale partiva dall'erame di tali ragionamenti, ci si potrebbe aspettare una speciale
attenzione per gli assetti condizionali. Sesto Empirico si riferisce tre
volte ad un dibattito sul tema tra Diodoro e il suo discepolo Filone. Altri logici dissero la loro, e ncll'antichit la disputa divenne cosi celebre
clie Callimaco scrisse, in un epigramma, 'Persino i corvi sui tetti graccliiano intorno alla natura dei condizionaIi'."
Sesto Empirico, l dove menziona Questa disouta. enumera in orimo luogo q ~ u i t t concezioni
r~
che erinostate sos;enute intorno allanatura dei condizionali. Nella traduzione che segue, esse sono distinte mediante numeri.

..

'[il Filane dice che un condiiionsle valido i r r i c mvriuuLvovl &uncondizioq t , , 1 2 I uii :u:i.ili..r ~ v inm r v r r . . > r non :in.r:c io:. un1 l 3 l r i . i . :I( cicinI,.", (IL .,1.1< e *.i.r.>or iu <io mni.err:n:o. 1'2,r:r.r )L ig a r ~ i 3 si<, iii.i<cr8
J, ' 2 1 '.l2 3 ,iiroi!i.c -'i: i i o c t . . . Y Z ~ I : . J ~11~ ! C n; i..>
e i nC
~ nub
cominciare con una vciit e Gnire con una hlrit. ~ecoiddlui l'is;iri c&d;zioiirlr rurnmcnzionarosembra essere falso; poich, quando giainoed io Iio taciuto,
i..li.. I

Purtroppo, non sappiamo altro dei ragionamenti che furono usati in


questo dibattito. E (pur potendo supporre che le obiezioni, menzionate
Sesto, siano state effettivamente proposte in qualche momento). non
iiussiamo assumere con certezza che l'ordine, nel quale le quattro conroioni npparvero, sia stato proprio quello della lista di Sesto Empirico.
Qucsti, infatti, pu benissimo averle disposte secondo il rigore dei loro
icquisiti, nella speranza di renderne piu intelligibili le relazioni. Anche
i inomi degli autori della terzi concezionee della quatta sono andati percliiti. quantunque forse se ne possa congetturare l'identit. Un passo di
(:irerone fa pensare che la terza concezione possa essere quella di Cririppo."Vi si dice, infatti, che Crisippo, se ammette la verit dell'ssserto
coiidizionale'Se Fabio nacque al sorgere della stella Sirio, allora Fabio
iioii morr in mare', deve anche ammettere che 'Fabio nacque al sorgere
<Irllastella Sirio' e 'Fabio morri in mare' sono incompatibili (pugnont).
Questa concezione , da Diogene Laerzio, attribuita nnchc agli stoici."
La quarta concezione, poi, probabilmente peripatetica. Lo fa pensare
5ia l'uso della parola 'potenzialmente', 'in potenza' ( S v v b p ~ ~sia
) , il rigetto della forma 'Se P, allora P', considerata dai peripatctici un inutile
veibdlismo stoico."
Chiunque sia stato l'autore d'oanuna di esse, interessante esamitr. 1: :onrr.rimi c ~ jc,itii;
i
~ L . O L >s . ~ t tr,~m:inJatc,
r
e forrru:~rc i~ut.-i
.i. i i,ii.vi dc.1:~lo-J ~iriii:i!>lli ~sriit:et.iliclic.
fil.>ni., cIu3n:!o dicevo c!ie iin n:aerto run.ii,iiiii.ilc, e r i vali~lsse. e
" raim, P>rrbunr,rr br~ol).po'rr.Il. i i r . 2 .
Dr Q,o.

11.

%'l'j,ae VII. 7,.


', A~eh&xnRo.i n Ar,sorci.
20.

An p,. (,h. I Coinnirnturj8,n,cd wrusir, C

A.G I1 (11,

1>6

..

'Cosi rcconda lui vi sona tre modi in m i un condizionale pu essere vero, ed


una rolo'in cui un condizionale pu essere falso. Infarti, un mndiionale vero
quando comincia con una veriti e Iinisce con una verifi (ad erempia, "Se giorno,
"' luce"). vera anche quando comincia con una falsit E finisce m n una falsith
(ad ercmGo '3; la tzrra vola la terra ha le ali"); analogamente. vero un condizionale, che;ernincia con una falrirb c finisce m n una vcrit (ad esempio, '"Se la
terra vala la terra esiste"). Un condizionale falsa salo quando esso comincia con
una vcriti e finisce con una falsitl (ad crcmpio, '"Se giorno, n ~ t r c " ) . ' ~

Scrivendo 'P' per indicare il posto delYantecedente e 'Q' per indicare

te ma l'idea della dipendenza vero-funzionale


era manifestamente bcn chiara a Filone. Per-

posto da Filone, di avere o un antecedente falso, o un conseguente vero. L'esempio che Sesto attribuisce 3 Filone, mostra la stranezza della
concezione filoniana: a nessuno, infatti, vcrrebbe da dire 'Se giorno,
io sto conversando' solo perch giorno ed egli sta conversando. Parrebbe quasi che Filone avesse deliberatamente scelto di insistere suUa
correttezza di questo strano asserto, perch egli era impegnato ad estendere I'uso linguistico ordinario. Ma perch?
Se, come noi supponiamo, Filone cominci considerando l'uso di
'se
, allora . . .' nei ragionamenti, possibile che egli abbia voluto
attirare i'attenzione sul fatto che si sostiene sempre che la congiunzione
d'un asserto condizionale con il suo antecedente comporta sempre il
conseguente. Ci davvero essenziale al significato deUa frase. Qual-

.. .

Il dibartiro rulla natura dei mndizianali

I mcgarici egli stoici

solo se, non cominciava con una verit e non 6niva con una f l i t , offriva ci che oggi si chiamerebbe una definizione vero-funzionale di
'se . . . , allora
.', ossia una definizione secondo la quale la verit o
falsit d'un asserta condizionale determinata dalla verit o falsit delI'antecedente e del conseguente d'esso asserto condizionale. I n un secondo riferimento alle concezioni di Filone, Sesto Empirico dice:

157

sinsi altra cosa noi possiamo dirne nei varl contesti, dobbiamo ammetiere la validit dello schema d'inferenzaCSeP, allora Q ; ma P; dunque,
Q'. Ora, l'interpretazione proposta da Filone la pi6 debole che sodisfi
qitcsto requisito. Vale a dire, qualsiasi altra interpretazione, la quale
tosse plausibile, poteva differire da quella proposta da Filone solo perch imponeva alcuni requisiti addizionali o perch non ammetteva la
verit d'un condizionale in uno o pik d'uno dei casi, nei quali invece
Filone la ammette. Se d e h i a m o un condizionale come un qualsiasi asserto complesso contenente due segni proposizionali e tale che la sua
csnyiunzione con il primo comporta il secondo, noi facciamo nostra la
cuncezione di Filone. Ed egli voleva manifestamente insistere su questa
definizione, ancbc quando essa lo portava a dire veri degli asserti con
i111 aspettopiuttosto strano.
Ai filosofi della scuola megarica, la definizione del condizionale data
ild Filone pu essere sembrata ancor piJ strana di quanto essa sembri
.,ilettori moderni. I megarici, infatti, erano soliti usare gli asserti coniliaionali nella formulazione degli argomenti od absurdum. Quando un
seguace di Zenone vuole confutare una comune assunzione che-P, adduce un ragionamento dellaforma'CeP, allora Q ; e, se P, al10ranon.Q;
dunque, impossibile che-P'. I n questo contesto egli non pub asserire i
woi condizionali basandosi solo sul fatto che essi sodisfano il requisito
posto da Filone. Incontestabilmente egli crede che il loro comune antecedente sia falso, il che basta a garantire la verit di ambedue, secondo
il criterio di Filone; ma egli li propone come premesse in un ragionamento per dimosfr~re
la falsit dell'antecedente, e quindi deve aspettarsi d x i l suoavversarioli ammetra per qualche ragione che C% indipendente dalla verit o falsiti dell'antccedente o dei conseguenti. Sembra
che egli, quando dice 'Se P, allora Q', non intenda meramente 'Non
che-P-e-non-Q',ma piuttosto ' impossibile che-P-e.non-Q'. Forse Diodoro cercava di tener conto di questo quando propose la sua dottrina
dcl signi6cato di 'se . , allora .'. Ma abbiamo visto che egli aveva
idee curiose in tema di modalit, e noi dobbiamo vedere quali effetti
esse abbiano avuto sulla sua teoria degli asserti condizionali.
L'obiezione che Diodoro fece all'esempio di Filone e la frase 'n potcva, n pu cominciare con una verit e finire con una falsit', da lui
risati nel formulare la propria concezione, mostrano che qui, cosicome
rielYArgomento Dominante, Diodoro lavorava con una nozione degli
asserti (o formulazioni verbdi) per la quale gli asserti possono essere
veri in un momento ma non esserlo in un altro. Quando diceva che un
Condizionale valido n poteva, n pu cominciare con una verit e &i-

..

..

i58

I1 dibattito rulla natura dei condizionali

1 rnegarici e gli stoici

te con una falsit, evidentemente Diodoro sottointendeva che una formulazione verbale condizionale come 'Se giorno, io sto conversando'
potrebbe sodisfare il reqiiisito di Filone in un momento ma non in un
aIt1.0, ed intendeva che essa non sarebbe valida, secondo la teoria di
Diodoro stesso, qualora mancasse di sodisfare il requisito di Filone in
un qualsiasi mamento ( o passato, o presente, o fumro). In breve. Diodoro deliniva 'se . . . , allora . . .' non riferendosi alla necessit, quale
noi intendiamo di solito. ma duttostodicbiarando che eeli non avrebbe
I i.,nua:i.iro va11do un niierto conJ,zion:le sc nor. f.>,,ero srati va'idi
1 IC!
dclln Ccfinirici:~di I:t:<int.) s i i n salo qcell'asserro. m= ~ncl:c
I . L Iq11
~ Acri v . e : t ~ fn.11 : x c x . r r t ~ , ~l,,< : < ~ .'o,# t~I.w~unc
tcrbde
in nii nienri ~Iltiercnti.Pcr iin i l,,:, .i.lr,i<mc ierlid<., 1.4 c.ii i:fercrizii
nii: d:pcr d: ~ i i ~ t dall'occdsirii:
ru
in cu. i prcr.Jnc:ita. .I r r i : e r i ~di
I).ctloro :oinc.icr~bj-curi qcello 31 ?ilo,c. inf3:tt. o i j cnii~cixioni
trario, la sua costruzione dell'Argamcnto Dominante fa pensare che
egli non valutasse appieno ci che stava facendo quando parlava d'una
lorinulazione verbale come vera in un momento e falsn in u n altro.
Nella iorinulazione che Diodoro d (se lui a darla) della propria
concezione curiosa I'introduzionc della frase 'non possibile' in BR
giunta a 'non era possibile'. Questa aggiunta ridondante, poich, secondo la definizione di Diodoro della possibilit, se non era possibile
per I'anteccdentc essere vero e per la conclusione essere falsa, allora ci
non possibile neppure adesso. Se accadde che'P e n0n.Q' non sarebbe
stato vera nel futuro, allora accade ora che'P enon-Q'non 5313 veronel
fiituro. Ci sarebbe pi6 intelligibile se l'ordine dei verbi nella formulaione data da Diodoro fosse stato invertito eDiodoro avesse detto'non
2 e non rrn possibile', poich la seconda clausola ('e non era possibile')
verrehbe a restringere la condizione importa dalla prima ('non porsiIiile'). Se Diodoro avcsse detto semplicementc'Non possibileche I'mtecedenic sis vero e 13 conrlusionc sia falsa', allora, secondo la concezione diodorea della possibiliti, qualsiasi coppia di asserti al passato veri avrebbe formato un condizionale valido nell'uno e nell'altro ordine;
infatti Iicn vero ora, e non S B T ~mai vcro, che l'uno vero e l'altro
falso. Questo paradosso evitato dall'aeeiunta di 'non era oossibile'.
poichd, per Is maggior parte degli a s s e r & l passato veri, vi ku un momento nel quale l'uno fu vero e l'altro falso.
La conceriane di Diodoro, tuttavia, involge ancora i seguenti Unque paradossi:

i59

(a) Qualsiasi coppia di asserti al passato veri, i quali divengano veri

simultaneamente, forma un condizionale valido nell'uno e nelI'altro ordine.


( b ) Apartite da qualsiasi coppiadi asserti al passatoveri,i qualinon
siano divenuti veri simultaneamente. noi possiamo costruire un
condizionale valido prendendo, per antece'dente, I'asserto che divenne vero dopo, e, per conseguente, l'assetto che divenne vero
prima, poichnon pu mai essere stato vero che il primo fosse
vcro ed il secondo falso.
(C) Qualsiasi coppia di asserti al futuro veri, i qunli diverranno falsi
simultaneamente, forma un condizionale valido nell'uno e nell'altro ardine.
( d )A partire da qualsiasi coppia di asserti al futuro veri, i quali non
diveneano falsi simultaneamente. noi passiamo costruire un cond i z i o h e valido prendendo, per antecedente, l'asserto che diviene falso per primo, e, per conseguente, l'altro asserto.
(e) Qualsiasi condizionale con un asserto generale vero per conseg u e n t e ~un asserto generale falso per antecedente valido.
Diadoro avrebbe potuto evitare due di questi paradossi, ( b )e ( d ) ,agciuneendo In-~~frase 'era vero' alle sue strane definizioni delle nozioni
~"
r o d i l i , cio; definenilo il necessxio ccme ci clie \ ~ r cd
o rr1 vzrn e
.i,,\;i
~ r falso, e il possibilc come ri chc era. , o ,ir:i \.e:o. Questo
: i ~ l i i = n e n t o tiittn\.ia,
,
non ~111-iinerebbcgl:
nliri par~dor<i.
po:ch r e 9
\ inii ridefinizionc dclk r:uricni mcdali pu clintnlrc I p~rrdossi
(11 e
:t
Se Ccsarc d ~ , , cEr rir Brrrc ne: momrnru iii coi BNIO 13 pugr41.
non vi fu e non vi sar mai nu momento in cui sia vero che Cesare disse
fi fri, Brute, ma falso che Brutolo pugnal, o viceversa.
L'ultimo dei cinque paradossi, (e), disturba meno, ma solo perch
6 verosimile che oualsiaii otooosizione cenerale rettamente vera sar
i ~ c , i ~ r111
! ~ y k o p i 6 rort;&qu,nr;
Dioiloroammttreckcqiinl.
i c i proyosizione Rener~lc
rcrtamcnts fiilrn rari impojilb:le in un sen\o oi6 forte di a u k t o egli
., ammetta. Infatti. quando pensiamo alla ne~;.r:ie311'imp<>,.i~iliti in questi jcnro pi.2 forre, nin sembra o,,iiri!i>
di-,. .ht. 3: .ina [>r.ipos!zianeq ~ ~ l , , iis \,era.
i
~ i i o r ni. veri u l i r [iropo
.
ne:csjai'a. c , \,icevi.rii. c'ic. se una protioiili<ine : n p i i i b i l r
~ . i r \ : i.ct.i. ~1:,1rd
s,rrl>1liP~;J un3 P:O~U<WI:I.C qi:al<.asi.
uii'iltri inre consc<>enza dcllz conct.,:on. 'li Diodoro l'inilior$i1,iliti c!ic i condilionnli validi, cubi cuiiie ?li 3sser:i scmpl:ci,caiiilriro 13

760

Il dibatriro rullinatura dei candizionnli

I megarici c gli stoici

loro modalit. Secondo la definizione della necessit, non solo essi sa.
ranno sempre necessari: essi devono ersere stati sempre nccessar?. Se
non vi fu alcun momento, in cui era vcro dire che 'P e non-Q' sia vero,
allora era vero in tutti i momenti dire che 'O P e Q, o non-P e Q, o
n o n P e non-Q' sia sempre vero. I n altri termini, ci che affermato in
un condizionale valido necessario in tutti i momenti.
Nella mente di Diodoro, le sue concezioni logiche sulla modalit e
sui condizionali erano probabilmente connesse con una tesi metafisica
&ne ail'eleatismo: la negazione della contingenza reale. Questa sembra sia stato il nucleo deli'Argomento Dominante, ed possibile che
l'opera di Diodoro sia specialmente diretta contro la tesi aristotelica di
Dc intcrpretatione, capitolo 9 . Comunque si interpreti questa tesi aristotelica, Diodoro la contradice. Egli, infatti, sostiene che tutti gli asserri veri intorno a1 futuro sono necessari, e cerca di rendere cib una
conseguenza di ci che Aristotcle ammette: la necessit del passato.
Scopo del suo programma , probabilmente, provarechegli asserti veri
sono tutti, senza eccezione, necessar?, ma Diodoro frustrnto sia dalla
sua appassionata determinazione di prendere sul serio i tempi grammaticali, sia dalle sue incertezzeintorno alla natura dei soggetti cui egli a p
plica i predicati 'vero' e 'necessario'.
I n Filone molto pi6 difficile scoprire nessi tra teorie della modalith
e teorie del condizionale valido, o nessi tra teorie della modalirl o del
condizionale valido da una parte ed una qualche posizione metafisica
dall'altra. Pu darsi che la definizione filoniana del condizionale valido
fosse una reh~ctioad abrrrrdun~deUe concezioni di Diodoro, cio che
Filone in pratica abbia detto: 'Con la tuaconcezione della nccessit,non
v 2 distinzione tra necessit e verit, tra impossibilit e falsit, cori che,
invece di dire clic un condizionale valido se esso non ou cominciare
c.m L:II vcrttj C linire con Lna fi!sttl, iu poircrti dltrciiiii.~Iiice Clre
cli2 csiu i. v:.llo ,r eirs r.0: cuminria c m una vcrit:i c i151
con
iin: 'ilcili Per <Ilffcrc~iriare
u i i col.di,iciiale vili.lodn tino invalido. tu
hi: t>isn.!na d'iir.2 r..vi<inc rc.ilc <!clls r.eccssitl, nozione chr i> o : ~e.;icbrrG ' 113 qccat.1 con C chc una cinpcrtur?. A quanto ilpp131-IO,pu
~111,.cltc I:~'OIIC
?!.Iux ~ v ~.l.t ~ ~lcp.U.C~ tv o. ~ r ~coocc,
c
oni :~cI~pcnclentemente.
La terza e la qusrta delle concezioni enumerate da Sesto Empirico
sono, manifestamente, tentativi di presentare i condizionali come asserri di annessione necessaria. ed C orobabile che esse siano state formulate da Uasofi che avevano in mente I'uro dei condizionali in luogo
degli asserti d'implicanza. Dicendo un asserto che cominciava con 'Se

~~~~~e

161

*i5 incontrato nella formulazione aristotelica dei principi del rigionaLicnto sillogistico, e lo incontreremo di nuovo. Ma un errore supporre
.he'se . .. ,allora . .'sia sempre usato cosi, ed in logica si fatta molta
ct>nturianecon il tentativo di identificare gli asserti condizionali con
le espressioni d'implicanza. Se un asserto ne comporta un altro, noi
possiamo sempre fare un condizionsle vero con il primo assetto per an~ccedenteed il secondo aer consecuente.
. ma non oossiamo oropriamen.
. ~ j , i i r r r r c che l3mt::;lcnre di ogni ranrliz:onale i r . r t , nr ronip2rti il
.i \i.gucnte A q,er:l
crr,,iiii ronceziorie i :ilu,ufi :hc p-rlivan~di in. .;zicne~Iiuar.c,cr~t:o.s~.rnhra,~ : l l I e ~ acile
c . I hl3sofi i ~ ~ 3 II:icce
1 1
1 .irlxano d: cu~if:c"i~rc
(c.-.vii;qo.:, : m i I . dificrrnza tra gli uri e
.I A:ri cr.1 pi:i.oli I.'ohiericr.e, rnos,d dii partigiani d::l'iinplica7ionc
smjl1tr-t 13 teoria della curiiier:ionc. non un'ubi:ricne
di iur.do
i i ::tilnio i cnni2iunili ripcririvi come casi-'imitc della conii?%\ionc
iic:ess3ri3, porsiania !i-::meni. pernetieni ili Aiii che un nr\r:to si2
...~:rcnutoP<rt.ii,ia'r~rrre in se ,.ciio. Tnli esten5icr.i d ~ l l ' u i olir:~i\tim. fatte per semplicit, non sono inconsuete in matematica.
Supposto che le concezioni in contrasto fossero cosi come noi le abIhiamo rappresentate, che dite della questione in esame, cio del significato di 'se . ,allora. . .'? Di recente, cosl come nell'antichitz. s' spes\o suggerito che noi dobbiamo scegliere tra la teoria di Filone ed una
teoria della connessione necessaria. Ma, delle due teorie, nessuna sodirfa come dottrins eenerale di rutti eli asserti condizionali: si oossono,
'
infatti, distinguereparecchi usi di qEesta forma linguistica.
Cominciamo dalla ricorrenza di 'se' in altri enunciati che gli asserti.
Ouando un uomo oromette di far aualcosa se sodisfatta una certa coniirione, con ques;o suo atto egli nAn istituisce, ovviamente, alcuna connessione necessaria, ed altrettanto ovvio che la sua enunciazione non
s i un sualche adattamento della teoria di Filone. Noi di.pu s ~ i e ~ a rcon
ciarno cheegli mantiene la sua promessa se la condizione sodisfatta ed
egli f a ci che disse che avrebbe fatto in quel caso. Ma noi non diciamo
clie egli mantiene la sua promessa sela condizione non sodisfatta. Analogamente, noi non diciamo che un soldato obbedisce ad un ordine
condizionale impartitogli dal suo comandante quando la condizione
contenuta nell'ordine non sodisfatta. In tutti questi casi noi diciama,
piuttosto, che l'enunciazionc condizionale non ha applicazione. Poich
questi sono manifestamente usi primitivi della forma linguistica condi-

..

.-

Ildibatiitosullanamra dci condizionali


zionale, sembra lecito dire quanto segue: lo scopo primario d'una clau.
iola che comincia con 'se.(la protasi) scegliere come oggetto d'atten.
zione una possibilit, della cui realizzazione chi parla incerto; ci che
detto nell'altra clausola (I'apodosi) detto solo relativamente alla
possibilit scelta.
Questa interpretazione pu applicarsi anche ad alcuni asserti in forma condizionale. Supponiamo, ad esempio, che il corrispondente sportivo d'un giornale predica che Oxford vincer la gara di canottaggio
se l'acqua sar calma, ma che poi al giorno fissato tiri un forte vento:
nessuno dir che la previsione si sia verificata solo perch non sodisfatta la condizione. D'altra parte, se noi apprendiamo che l'acqua era
calma e che Oxford vinse la gara, troviamo naturale dire che la predizione del giornalista sia risultata vera. Indubbiamente, noi ora non posi
siamo usare l'enunciato condizionale 'Onford vinse se l'acqua fu calma', poich ci implicherebbe incertezza da parte nostra intorno alle
condizioni atmosferiche, ma possiamo dire propriamente che la predizione del giornalista risultata vera. In breve, Filone non aveva torto
a sostenere che la verit di tale asserto condizionale possa stabilirsi scoprendo che antecedente e conseguente sono ambedue veri, ma aveva
torto quando cercava d'assicurare 11 verit degli asserti condizionali i
cui antecedenti sono fslsi. Forse possiamo descrivere la situazione dicendo che un asserto condizionale del genere primitivopare una funzio.
ne di verir difettosa del proprio antecedente e del proprio conseguen.
te. Questa nostra ipotesi si comprende siibito se si considera una tavola
di verit. nella quale al condizionale non assegnato alcun valore di verit per quei due casi nei quali l'antecedente falso.
Si deve ammettere, tuttavia, che questa interpretazione involge due conseguenze che discordano con le comuni assunzioni dei logici.
I n primo luogo, gli asserti condizionali, cosi
interpretati, non sono soggetti al principio di
bivalenza, principio vigorosamente difeso dagli stoici. Questo non significa che gli asserti condizionili, cosi interpretnti, possano avere qualche misterioso terza valore intermedio tra
verit e Llsir, m3 seniplicemenre che rnlvolra possiamo dover dire che
essi non sono n6 veri, n falsi, poich non hanno applicazione. Posriamo dire ci altrimenti, cosi: secondo questa concezione, un condizionale non ha un negativo vero e proprio. L'asserto condizionale 'Se P,
allora non-Q' vero quando 'Se P, allora Q' falso, e falso quando 'Se

i63

P. allora Q' vero; ma 'Se P , d o r a non-Q' non il contradittorio dell'altro: infatti, pu risultare che, dei due asserti condizionali, nessuno
sia vero e nessuno falso. E se cerchiamo dlidentiiicare il negativo di 'Se
P. allora Q'con quel segno propasitionale il quale falso quando vero
'Se P, allora Q' ma altrimenti vero, noi non riconosciamo alcuna differenza tra 'Se P. d o r a Q' e la congiunzione'P e Q'. I n secondo k g o ,
per l'interpretazione data sopra, i condizionali non sono soggetti al principio di contrapposizione; in altri termini.'Se P, allora Q ' n o n equivale
n 'Se non-0. allora non-P'. Infatti, questi due condizionali oncordano
p ~ l ' e-~~ i ifalsi
r e nello stesso caso: quando uno vero, i'altro nqn
"-..n -~~
ha applicazione. Cosi, nell'esempio di prima, difficilmente possiamo dire che la predizione del
sportivo sia verificabile dall'insucrrwo
..... di Oxford in un eiorno di vento, quantunque l'insuccesso basti
della forma 'Si Oxford non vincer&,ci sani
verificare una
in un giorno in cui l'acqua non calma'.
Se davvero vi sono asserti condizionali che non sodisfano n il principio di bivalenza, n il principio di contrapposizione, perch mai i logici hanno trascurato questa singolarit? Si pu rispondere che anche
gli asserti condizionali del genere primitivo considerati or ora suggeriw
Ai niianta noi abbiamo sin qui ammesso nella nostra analisi.
..-r-.n.n- nii>
r - - -- x - - ~ ~ ~ ~
Quantunque un asserto di questo gene;e sidica verificato quando si trOva che sia il suo antecedente, sia il suo conseguente sono veri, si presume sempre che chi parla abbia, per dire ciche dice, qualche altra ragioneche la conoscenza dei fatti i quali bastano averihcate tale asserto.Infatti. auando si sa che sono veri sia l'antecedente, sia il conseguente, la
fnrma;onilizinnale non sembra Di6 a~prapriata.Se chi ~ a r l a costretto
egli pu dire che E imp&ibile che L'antecedente sia vero
a
mentre il conseguente & falso. Qui la parola 'impossibile' non va presa
nrl
... wnso
.
di 'imoossibile assolutamente'; infatti, l'~srerzioneoriginaria
giustificata se'si pu mostrare che la congiunzione dell'antecedente
con la negazione del conseguente impossibile in relazione a qualche
fatto che pu conoscersi prima che siano scoperti i valori di verit dell'antecedente e del conseguente. Ma la connessione cosi espressa pu esprimersi anche mediante la forma condizianale stessa con l'aggiunta al
conseguente di qualche parola modale. &si, se al giornalista sportivo
del nostro esempio si domanda~se~erchegli
abbia scritto ci che scrisse, cgli potrebbe rispondere, seccamente, 'Oxford non pu non vincere,
se l'acqua calma'. Egli fornirebbe pi6 informazioni se parlasse di ci
che comprova questo suo asserto, ma il nuovo asserto, cosi com', non
una mera ripetizione della sua asserzione originaria. Dicendolo, infat~

11dibattito sulla natiira dei condizionali


ti. i1 gi~rrial.stori:cnoice q.ia'cos~di pii: c i e tira ftiiiitnnr <livcrir3 di.
fc 11.s3 4c.1 vccch:~artecederte e dr: i.e:ciio conscduenrc. C:b clrc teli
dice comporta la sua prima osservazione, ma non p& venire esso stesso
verificato dalla vittoria di Oxford quando l'acqua calma, n si considera privo d'ogni applicazione se il giorno della gara risulta ventoso.
Infatti, in qucsteultimecircostanze,cicastringeilgiornalista ad asserire che Oxford avrebbe vinto se l'acqua fosse stata calma. Tale condizionnlc controfattuale equivale, in realt, ad una ripetizione del condizionale modale con l'ammissione che l'antecedente di esso falso.
T.Iv.>!r.i !3 ccnnesrione necescztin . ey>reiu t1nll.i ioriiin coridnio.
n.lc . C , I L ~ I'appin.n.s <:I I > ~ C U I Cmudili. 1.0 si fa spccialmcnte in asserti
csmc +!c!Ii s::erriiici. 20 cirmliio 'Sc :ci prcr.d: niult;? vitamina C ai
nrirxi sintom: ?! un'inCxnza, ei.:teini l i <Iioq,.lti.,lr clic ipc,su segue
q u i l l ~malatt:~'.Qui !e cliusole, che un gtamml.ico :I ~aliien,L>Lirrispettivamente protasi ed apodosi, non sono segni proposizionali completi: infatti, la parola 'tu' in questo contesto manifestamente destinata a fungere da variabile, ed il tutto ni potrebbe parafrasare con l'asserto 'Chiunque prenda molta vitamina C ai primi sintomi di un'influenza. eviter la soosratezza che soesso seme auella malattia'. Si dovrebh: nncie nctdre c:ie. in i;tic.to c,eiiip:u, 1) r:cx,,it:z:un: asrrrita
<lichi ?nrla n o i :i nece<<itr,ivri<Ji pcii:rc furiiiili chr ;, . c J i i r ~ iii
logica. Ma noi oossiamo usare la form8condizionale oer asserire la n e
ci.s,.t.i .op.ca, C for,c non srupisce che i logici. <latu il Icro intetese
53:cific3. ab.h:aro t111,oI.a ,critiu ~ < 5 1 1 1 ~ qcest, fusse In sola f ~ n s i o n c
di tali asserti
Q c d o ii,iimo 'se . al!ori .' i2 SCII,:) ~ ~ ~ o c l ai lncstri
c,
~s,crti
ro.iJizi,~ni!i sonosopperti a1 prin,irindi l . i v ~ ! c i i z i c ~pr.niip:udi
I
coni r i i ~ r > o ~ i r : ~prri,.nro
n~.
ccn scl~J:lizrino i I ~ Z . CD'~:tl.,
I
I.JTCC essi.
noi-essendo funiioni di verit; dci loro antecedenti e dei liro conseguenti, non si possono veriKcare mediante la conoscenza dei valori di
verit di quei segni proposizionali. anche nel caso in m i ambedue siano
veri. Ma la possibilit di tale verificazione essenziale agli asserti condizionali del genere pi6 primitiva. quindi impossibile ricondurre tutti
gli usi di 're . . , allora . . .' ad un'unica regola semplice. Ma ci non
vuol dire che I'esorerrione'se . .allora . . .'sia ambicua:
, . infatti..di soIiio 11 c~iiitcsturrojtrr jc un awcr:o ccrdi7:oni:e w a prc<o come u n i
titrzione d~*,eriijd i i c t r o i ~o rninc tin'n,,cr,io~i~di c<>rnic<ii>nc
neccsaaria. Ed il fatto che. se uno uronuncia un asserto del orimo oenere. si
assume che egli creda una p~oposirionedel secondo genere,-spiega il
passaggio doll'uno all'altra uso. Se l'acqua non calma il giorno della

..

..

- .

161

S x a di canottaggio, si considera naturalirri&o che il giornalista del nostro esempio dica 'Beh, avrebbe vinto Oxford, se l'acqua fosse stata
calma'.
Se a qualcuno d fastidio dover ammettere asserti condizionali non
~oseettial orincioio di bivalenza ed al principio di contrapposizione,
questo fasLdia vrr forse alleviato dalia ritisssione che queste enun.
iiazioni differiscono dagli asserti ordinar1 sotto un altro aspetto importonte. Quando ammettiamo che un asserto in forma condizionale pu
cssere verificato dalla scoperta che ne sono veri sia l'antecedente, sia il
conseguente, noi pensiamo che esso, pi6 che informare, avverta, avvert3 cio che cosa aspettarci in certe circostanze. Ed in questo contesto
per 'verificazione2 noi intendiamo solo la giustificazione da parte delle
circostanze dell'avvertenza di chi parla, giustificazione che dunque pre.
scinde dalla ragione (se una ragione "') che chi parla ha avuto di dare
iiticll'avvertenza. Alcuni logici moderni hanno sostenuto che tutti gli
;i~~~rric~n<lirionili,
piSchc~nform~rc,sv~crt~na,
ma, dicc:i~loci,ess!
-r>scutnnri1.1 <li<:ixisne,rull:~tlurlc noi abbinno ccrrdto di ric!>iml:c
I'nttcnzione.
Un asserto condizionale, il quale si proponga d'esprimere
.
... co:inesrione recessvia, con puh esscie vcrii~.donpl sens-, s?ecia!e
,i,.ee?to ora, w:chi- r s o non ncpputc c n l fun7ionc di vrrit; di!et:oP.
E ,re~ -intradotto in un contesto ove un'avvertenza sarebbe appropriata, tale aiserto condizionale i. considerato un tentativo di formulare la ragione di dare tale avvertenza, pi6 che l'avvertenza stessa.
ir.11

La teoria rroirn dei significare e della veriti

4.

La teoria stoica dei significato e della verit.

Nel loro studio della logica, gli stoici furono piu consapevoli che i
lom predecessori. Essi, infatti, assegnarono a questa scienza un posto
definito nel loro schema della conoscenza umana, e sostennero una teoria definita intorno alla natura dell'oggetto di quella scienza. Secondo
Diogcne, Zcnone, fondatore della scuoln stoica, fu il primo a dividere
la dottrina filosofica in tre parti: fisica, etica, logica.' Questa divisione
corrisponde letteralmente ad unaclassificazione delle proposizioni e dei
problemi fatta da Aristotele nei Topica," ma l'esplicito riconoscimento
di cssa ed il suo USO nell'insegnamento sembra sia una novit degli stoici. Nclls tarda antichit era un luogo comune dire che essi trattavanola
logica come una pari? della filosofia, mentre i peripatetici la consideravnno piuttosto come uno rirumcnra (Bpyavov).*
Gli stoici elaborarono la loro divisionedella filosofia usando pittoresche metafore:

Essi discordavano sulle suddivisioni della logica:

...

.\. -1 1-3" ><h<l ? pir": Irria di1 r iicn>., c .I.! 13 in J l c .<icrzc !a ICID
r : ! ~ I . I L . . : T ..Ir~l~.,~iu<..:
I~c~
i I . I I J ~ ~ - C. C
' . c I - J I . ~ ~2 ) cai~rJ
c ~2nd~ ?,-te
.t c br- :J t ..:\.,:l.
e . ~ r n . ~ : , .: tnmr.1 .m-wcn,> 3.1 p7.w >n;r-rcncc :e &"i.
, .n. '',

..

'Di~:sir:ci'il tcrrr:nesr.vroi;ir t.i~p.lincoi rislisnJc 11 i.oiiri>'logica',


~~u-nixnque
1 1 1 diilcttic3
~
611 itoici ~ ~ c r i \ r . s , i rm
, >l . r ri>si.rlie :ni,cce

i67

noi arcriveremmo all'e~istcrnolociada una parte o, dall'altra, alla


irammatica e alla linguistica.
"
Secondo Diogene, gli stoici suddivisero la dialettica in due parti:
iiiia, concernente le cosc significate ( r uqyntvdyma); una,concetnente
le cose significanti (iq&
p n l v o v ~ ~o)elementi
,
del linguaggio."
Manifestamente, gli stoici rifletterono malto sulle cose significanti.
,\<Iercmoio. distinsero la voce [ipwvii), che pu essere mero tumore,
. ~ ~ T L . ~ I ; IC lin,.~ist~ca
, j . i E . ~ )rhc
, t ncie&,~rti.i><nreirt:col .in n3
I.? ~..i;>csi.rcpriva di ripn!fi;iio, i! dis.orro 0 -:re:!, clie i. cnr.i:cia/ii
.inuiiit i .li sionihriro."I>irlin~cro:nultri. r:in[>plicazioni<Ic!ld ~ i a r o l ~
'Irrrera': ad un"suono. al simbolo grafico d'un suono: al nome d'un suoiio (ad csenipio, 'alphaS)." La parte piJ originaledella loro teoria, per,
concerne le case significate o espresse, dn loro chiamate comunemente
:&/i (Xrxsci). La clottrina dei [ekik un3 novitd importante nella filodella logica e merita grande attenzione. Purtroppo, le testimoniani c che restano non ci consentonodi mostrare esattamente come gli stoici ri.ino arrivati alle loro concezioni o come essi avrebbero risposto a
icrtc importanti domande sulla natura dei iekih.
In primo luogo, citctemo i passi piii importanti ove si discutono i
!t+/<i. Le parole vi saranno translittcrate, e non tradotte, per non pregiudicare le questioni in esame; ma giover ricordare che il verbo greco
~ . J ~ E L Yonde
,
derivato hrx~bv,significa sia 'intendere', sia 'dire'. e che
'ci che s'intende', 'iuhor is meanr', la traduzione p i i letterale di lekt i j u . In secondo luogo, esporremo la classificazione stoico dei ickrl e la
confronteremo con la classificarione stoica delle parti del discorso. I n
icrzo luogo, esamineremo la dottrina 5toica della verit e della falsiti.
[:atte queste tre cose, saremo in grado di tentarc un'interpretazione e
una valutazione della teoria stoica del significato e della verit.
Sesto Empirico fornisce la descrizione piii completa:
'Gli stoici dimno che trc core sono intercennerre: ci che viene significato,
i i b clic significa, I'oggerro. Di esse, ci che signi6u I'csprerrione ilnguislica (od
nrnipio, "Dione"); ci che viene significnto is mia srcssr che I'erprerrianr linL I ! I > I ~ C ci\lcl~
~
e chc noi ipprendirmocome rusrirtenre con il nostro pensiero, ma
i h c i b.trbrri non comprendono pur urlcnilo I. parola detta; I'oggctro ci che
ii,,rc fuori (od esempio, ~ian:rtesPo). Di questc tre core. duc sono corporee:
I'e\prcrrianc linguiitica e i'oggriro; una, incorparca: la cosa che vicnr rib"ficata,
cioh il lektu'a, che vero o falso.'"

r70

La tcoria rtoics dcl rignificarocdellaveriti

1rncgsrici egli stoici

gnificanti. impossibile che un segno naturale (qpriov) sia una propo.


~ -~
i z i o-n e . ~
Gli ultimi due punti mostrano come Sesto fosse avventato nelle sue
critiche. Alla prima critica gli stoici (pur ammettendo che ogni cosa
attiva sia un corpo") potrebbero facilmente replicare che rivelare non
agire in senso proprio. Alla seconda critica si pu poi replicare che
Sesto, quando cerca di mostrare una contradizione tra epistemologia
stoica e teoria semantica stoica, ignora disinvoltamente il fatto che in
queste due teorie si usano terminoloeie differenti.. auantunaue
simili.
.
:a :cl.~/inrlc 1 - 4 cq :a'\:.. e rql.a:v!l~cw,,C la reldiionc 1.3 11 Iicgiinggio
cc: ch* il Iirgu~p;ioc.l>;:rn<~.
mcnrir. 1 2 r i l > , ~ < >1r.1
n ~q:i=v CUTJTLUrt.. i in :?!a/: inr trl :icli-I con<i.iii:,s.ic:
. ,vr.iii.iec~Oihc2cu1osciui ? tirr:t\erjJ c s ~ o
" N c n v' coritrli<!.zioni.ai! n\siim<,rc~ I i citi:a prupoi17 nnc l>uir3 \.cT:I< si:rih:3.3
d3 un c n u r c i ~ t oi n . l ~ r ~ t Ci ~inqicme
n
funga dn segiii, che r ~ v i l sii~'nlrraproyrwionc 7 ckl ccno:ce 13 prim3
propo,iiione Or3. Seiw 11 jo1.r~ p.i ZLIIUTCVCIC prt IJ logica stoica.
l'<,n stii?ice. dcrqcc., clic i . 5 5 ~<i.i % t f i t < IPCSIU
~
frmntc>a c :ia tcttora
o~:L-J. L i tcuri' dei le.(.:>,in specie, scmlra rl r ;il>liisb:ii r>rc,to inrcncrato non poca confusione. Ad esempio, uno dei tardi cohmentat~ri
aristotelici,
.
.
Simplicio, dice che i lehri sono pensieri," mentre Filopono
dice che essi sono suoni."
Quantunque i Icktk debbano distinguersi dai suoni fonici, dalle parole, dagli enunciati, tuttavia chiaro che un lrk16n pu identificarsi
solo mediante l'uso d'una parola o d'un enunciato che lo esprima, e non
stupisce che le divisioni dei lekfi siano in corrispondenza abbastanza
stretta con le divisioni delle parti del discorso. Ecco come Diogene
Lnenio parla della divisione del h 6 r s (enunciazione articolata, intelligibile). Egli afferma che un certo Diogene di Babilonia e Crisippo distinguono cinque parti del discorso: nome (8vopa), nome comune o
appcllazione (i;pomropia), verbo (biwa), connettivo o congiunzione
(dv6rapo<), articolo (ap8pov). A queste cinque arti del discorso AntiIXWO I;~LL>I.C
!in., \c.,rl. cliinma.3 il r c d i o (uic5:11;! ' Il i:o:i>ecomune ~ r i c . r ? r c & i r' c.ii pirte i i l di.curio In q ~ a l esigc.l;:a u n i qualiti
rtimurr. 33 rccrij>!o, 'com 'ravn'l~'.L'II ,l:im:. i. 11"3 p?ttc d.1 Li-

. .

>I,

". ,".
" riraPouo. In h i r i o i r l i i An
I'

Oi0crr.E LArsria.

V I I . 3r->s.

r7r

scarso la auale significa


una aualit individuale (1Sia n o d s i i ~ ) ad
: esem"
pia. 'Diogene'. 'Socrate'. unaverbo una parte del discorso la quale sinon
composto
(boiiv8rsov
xarqybpqpa)
o,
secondo
gnifica un predicato
:dtri.. una arte del discorsa non declinata la auale
. significa
" qualcosache
.
pub essere connesro(cuv;ax+bv)ad una o piu cose: ad esempio,'Ioscrivo', 'Io parlo'. Una congiunzione una parte del discorso non declinata
I2 quale congiunge le parti del discorso. L'tipSpov semplicemente I'articolo. Diogene non ci d altri lumi intorno alla WEU~TTIS,
ma essa probabilmente ci che, nel suo libro sulla grammatica. Dianisio Trace (100
3 . C. circa) chiama la prroxfi, cio il participio, che si chiamatosi poich
p m t e c i p a ( w ~ i X ~ t )dellanatura
sia
del nome,sia dellanatura del verbo."
interessante notare che gli stoici, a quanto sembra, furono i primi
;i fare uno studio sistematico di ci che noi oegi chiamiamo grammatica.
Ln terminologia di Dionisio Trace manif~~tamente
deri;ata da font i stoiche. Egli definisce il Xbros'una combinazione linguistica, in prosa
n in versi, rivelante un pensiero completo', e distingue otto parti del
> ,
wrcs: nome, verbo, participio, articolo, pronome (bv~wvupia),pre:
posizione ( ~ T P ~ U Eavverbio
S L ~ ) , (irippqpa), congiunzione. Che qui egli
inodifichi una fonte stoica mostrato dal fatto che e ~ l si
i scusi per la
niancata inclusione della iTpoqropia dicendo che essi una specie di
6voua. Anche la parola 'completo' (crbrar~X$~l,
usata nella definizione,
i.t i ~ i c della
a
terminologia stoica
La listi delle p x t i dcl dirmrso dqti d~ Doqcne L ~ c r r i oci s.uliiirr
l5r.r le sue liir-nri omissioni. non sembra r.s\crvi :iio:o per :a preposi,ii.i>c 11 proconie. l'nv\.erbio Ala ckc gli stoiri nun nbhiano trnscurxo
.t .cstc p ~ t t del
i (l.!i~xso m;,tr~to da "11 pair.>(!CIg r i n r n ~ t i c oIniiiio
I'risciuio.chc s:ris<e a Co\t~ritiiio;><lli
nel \'I se col^ d.C.:
'Secundum Srormi vero iiuiniiue runi cius Darirr: nome", nppellatio, verbum,

..\e ~rtlriil.s. c<>n'l.n~u~


N ~ z np:;ai,~un> con?iin:.r>n.c, i..rl.i, +i
Ic v i r ' . i i ii iirabinr vcl c.<iiilr. n .c n,',
i,,, i & r r b i ~nom nih v i.4
iiiiir. b ~ i rii q u ~ l i ~ ~ ~ e ~ ~ ~ ~ ~ ~ e ~ ni.riiii>.iit,
b o n b o b o bariic,l.r
o.~
acrcm
0 m m wna < o - q u ~ c . ~ n
t i.n~w . CL art.:-::;
a.yv:ah.~v, cpv>, , u t r n arr..ulus,
, #h,:\no5<,trsm S. 8n60,tuj ~rti.111 J ~ r h , , t ,,CI
~ t uc t1 8 <3~r-nc
3rt.:~lub .cc>:u
im.in,ni:.~

>
:

1,

ii <con-

,;

CI 3 - C tn,i*r..i

p:on..tn,-1~u5
.. m~ln.:!
quc
. ~ ~ l i
8

Stc..,

pcoc~cc~tn~
\o<.i>mt

p t a : p ~ : tt

~ t c
7

wcrliii'irtc<
~ ~ ~ ~p r in.p,>.
~ r:.ri.: nntuii:>.>rini voci >:.n[

"

Pri:c.lrn c%cr:i: gr3nd:riirr.a in!lii:li,~ n:l mcdicero. c 11 p..rulr ~ p ~ z ! : ~ l r ocor


, 13 ,lu
:i?pp3rc ncllrl 1cirr:nJ. i l c . rgli
. ir.i<lu.,r. ;;:rqlo:Ia.
logia logica medioevale.
pr C o n i ~ # ~ ~ nl.
~r~
r hi r~i iur r, , C.1.A

G. XIII Iizl.

P. 4 3 .

172

I megariciegii stoici

Veniamo ora alla classificaaione dei 1cLtd fatta da Diogcne. Essa


sviluppata pi6 o meno sistematicamente in un lungo passo" e ripetuta
quasi alla lettera da Sesto." La divisione principale dei lekti in lcktd
completi (aiirosi).ii)e lektd difettivi (iXlririi): 'Difettivi sono i lekrd,
la cui espressione incompiuta (T& kvaxaprrn-rw I ~ o v s an j v ixpopiv):
ad esempio, 'scrive"; infatti, noi domandiamo "Chi?". Completi sono
i lektd, la cui espressione compiuta: ad esempio, "Socratc scrive"!* I
l~kradilettiviscmbra siano stati suddivisi in predicati (xasqyopfipara)
e soggetti ( ~ T & C E L'casi3).
F , Dei xa-rqydpql~aDiogene d due definizioni. Per la prima definizione,il predicato qualcosa detto di qualcosa, o
una cosa combinabile con una o piii cose (npaypa uuvsaxdv rcpl s ~ v o g
iis ~ v G v ) ;per la secondi definizione, il xarqybpqpa un lekton difettivo combinabile con un caso nominativo per produrre una proposizione." La suddivisione dei xa-rqyapiipara alquanto oscura. Le distinzioni di Diogcne sembrano corrispondere a quelle tra verbi transitivi.
vcrbi passivi, verbi intransitivi. verbi riflessivi, e sono interamente espresse in termini grammaticali. Cosi. un predicato diretto definito
un predicato il quilc, combinato con un caso obliquo, forma un predicato completo (ad esempio. 'teme', 'vede', 'conversa'). E Diogene poi
dice che i casi obliqui sono il gcnitivo, il dativo, I'accusativo."
Iiekticompleti si suddividono,secondoDiogene,inaxi~~nata(bE~8irasa), domande (ipwriilrasa), quesiti (rbupasa), comandi (xpouraxTLY.~),giuramenti ( ~ P X L X
preghiere
~),
(bpasrxi), supposizioni (noitrmi),allocuzioni i n p o ~ a ~ o p i u n x el lrnse
,
simili agli axidr~~atu
(npbruaTa S U O~Ln~ i Bt~CSpao~~)."Sesto
s
Empirico d una lista analoga, tranne chenell'uso dell'rspressione riix~rxuin luogo di hpa~cxk,e nel nome
dato alle cosc simili agli axi6niiiro: 'pih che oxi6nioto'." Questi ultimi
sono di speciale intcrcssc. Sesto ne d i la spiegazione migliore. Egli dice
che essi sono pi; che axidnioro. enon u x r i ~ ~ ~ Se,
u t aad esempio. diciamo
'Il vaccaro simile ai figli di Priamo'. il Iektan iin axio~niled vero o
falso: ma l'aggiunta d'una singola parola nell'enunciato 'Come simile
ai figli di Priamo il vaccaro!' fa esprimere all'enunciaro qualcosa che
non un uxionla e non vera o falso, poich queste propriet appartengono ai soli ari6tnafr.

La teorii rtoica dcl rignifiratoe della verit

ti,

Nell'uso stoico, il nome kEiwl~a(derivato dal verbo drt~ouv,che si?nitica 'avanzare una pretesa') non aveva, come in Aristotelc," il senso
torre dcl moderno 'assioma'. Lo si reso con 'giudizio' e con 'proposiione'. Per ara noi ci limiteremo a translitterarlo per evitare forvianti
associazioni di idee. Diogene Lacrzio d a la seguente definizione:
'Un adorno ci6 che vero a falso. o una cosa complcn dichirrativa in s
~:p"pa
aairrosrllg d i i o p a v ~ b vooov ip' tirv~@).'*
( , l ~ e ~defini7:unc
t3
i. ripctuin qii;,: alli let.cr3 d.3 Sc.to Einp r cn' c d r
\hln G<llio,clic cit~1.o031 rniniiclr: stuico 'C cl.i.iriid:c, pcr li stui:i,
<,i ~ r i l i.t o>\.r.ruo fal\o.e Ciccrore <li;e chc Cri,ii>uo
. diede pr?n.lc
iilievo a questo punto."
Gli oxidmoto sana classificati in semplici e non-semplici. L'axioma
scmolice consta d'un IOIOcxiomru: I'BX~OIII~~
non-semplice, di piu uxid-

..

plcssi constino di axi6mata semplici fa pensare che gli stoici non distinsiicssero tra un'assrrzione ( o assrrto) e la proposizione ( o contenuto
tnmnosizionalel che noi es~rimiamoauando facciamo un'assetzione. Sia
;I narne, sia la definizionedell'auiom;? fanno pensare che esso sia un'as,crrione, ma non vero clic noi facciamo piu di una asserzione quando
~ibiamoun enunciato condizionale. Noi non asseriamo n ci che erprcsso nella protasi, n ci che espresso nell'apodosi.
La suddivisione che Diogene fa degli axi6mata semplici segue due
differenti. anche se celi non lo riconosce esoressamente. Per il
,urinci~i
, r i n o prin.ipiu di riidJivisioi,e. v'c L 12 :ri:o:uri~ intct:oiico (xarr:
- :C , c v l . L!L:IIIIII
I Y T ~ O Y Z ~ ~ L ~ L I ~ ~ I indnfirito
,
( h i ~ : u t c i i Per 11 secon.
i10 orincioio.
. . v' una dicatomia: affermativo ed i vari ceneri di neaa- : i L" IlsrnJo i1 p::iro principio, ~ n r l i c
Setto. casi c o k c Dis-rnc. f i
i.., ttico~nmid:ma crl: U ~ lil
J t<~r1ntnaIo~i3
'defin:~.'. 'indcfi.i~t~',
'inirrr.Ji'lW:ropirz. d i i : r n . I:;oo)." I.'ixirt,~a d~tinltoh ~ iI>rn
i
q ~ corrii

La teoria stoica del rignifintoe della verith

I nicgnrici egli stoici

spondere al ra-rayoptu~~xiv
di Diogene: gli esempi di Sesto sono'Quest'uomo cammina' e 'Quest'uomo siede'. Analogamente. gli axi6maio
indefiniti sono gli stessi per ambo gli autori. Gli esempi di Sesto per
gli axrinintn intermedi sono 'L'uomo siede' a 'Un uomo siede' e 'Socra.
te cammina'. Egli spirga che l'indefinito si dice vero quando si trova
vero il definito, e dice che nessuna proposizione pu essere vera se non
6 vero il definito;" resi, questa, la quale fa pensare che gli stoici considerassero basilare I'orioma definito.
In questa classificazione che Diogene fa degli oxid>no~o
semplici si
notano due peniliariti. Prima oeculiatitb: non v' distinzione tra miA.

il i
i csnr, .,i .la cnunci.itt nvccti per ,d~;ctto n ~ . n priipri
i
cd , n i ~ m a l o
c q : r ~ , ~dj .i vnui L : iii A V ' . ) . ~ p ~ <r . ) ~ I c I :111>171
u
c<tmu:11 CI;. ~ o n ~ u r d i
con l'i Ica cioirl rl r lr 1,nrolc <li c,i:ciri .I:~I
~~,;t.ifirnno
rni irgliir &:le
quclit, e pcr:into ditf?.iaino iolo in r l n i r r a inrc~cn7inlc.Secondi
ner2li:r:r.i non "'5 l u o ~ <.!i,
o -13i i<Gl; scn:pli:i, per In ;>roprsi~ionc
.iniicra~lr.iri*iotcl'c.<. Sur. i forniso ilciin csrnaio con ld n..rola n i c
o nnr-L:. I n :io [iarru, .i 'ldl'i.4, S::tu i l t t r l b ~ : ,agli
~ ~ s o i r ~I'I<!cA CILC
:in3 deinirione dificri\rl solo i ~ e l l ' c r ~ . r ~ i i ~<I.,c ri111
r u x t o m ~univer531~i x ~ J : A . x 5:.e
~ ~pie~rcii>~licer.~l?:lie
di stcici n ? n i a ~ d n ~ c h e ' l ' u o . .
:,io P un cim mi le morra:c raztnnalc' equivolcsse 3 'Se C:UI!CUBI i. un
.ioiiio. i L n aninide murr~craziordlc'(ri 71 1x. l;r?c..,nig ixr:uo <0+5v
t~:i Xcy.xLb & i l - c i ) " Cri-lppii i 3 i I l Y l l O l l d l U ~ 0 1 ~1U~I < I T 21
C un'ana!oga analisi di 'Le cose sono obuone, o cattive, o indifferenti'; e cosi possiamo assumere di avere qui la SUP analisi della proposizione universale.
Questo passo getta lucc anche sopra una singolarit deli'erposizione di
Diogene: Diogene d 'Egli si muove' (ix~ivogX L Y E ~come
T ~ L esempio
)
d'axioma indefinito, e non d'axiorna definito, come invece ci aspetteremmo. Se gli stoici solessero usare ixavog in enunciati quale 'Se qualcuno un uomo, allora egli mortale', essi potrebbero concepirlo in
questo uso, piuttosto che nel suo uso dimostrativo.
Per il secondo principio di classificazione degli axi6mata semplici,
Diogcne Laerzio distingue tre generi di o.~idnial~,
oltre l'affermativo:
il negativo Inrgotiucl, la negazione [drnidll, il privativa.
v ) dB l'esempio 'Non aiorno' lobxi
Del negativo ( a o q a ~ ~ x bceli
i.:.?:" ?,:i\ .,r .crt\,: ccvc se tur!i t n-jirivi io,s?ro ~ v , i > o l ?,ci:ipii.
ci, ma 1 ~ ~ ~ 1~ >1 ~~ m ~c S.~,..c) h fc2 'Li :<>nr:~Ji!tt>ri'+>rcxc'~~.\mj
!nIesa
ch- VI: rtuici s?ei,nno che qu3l~:miix!o,:~, per q i i a ~ t oconiplesqo, pu.

171

teva esser negato. Essi affermavanoche il contradittorio d'un oxioma si


forma prefiggendo al tutto la particella negativa o ~ i :
'Essi dicono che i contradittorl sono tali che l'uno eccede l'altro per la negaad esempio "E giorno", "Non giorno" ( 0 6 f~t ~ t p faa
eiorn2 eccede Ixiomr? "E liorno" per la negazio;iopr2a particella "non"(oiiyi), e perci ne il caniraditrario. Ma re que.
rrA ciche un mntradirrorio, &ara saranno conaaditrori anche axidm~l~
quali "E giorno c v' luce" e "E giorno e non v' lucc". Ma, seconda lora. questi non
contradittati.Quindi. il fsito che l'uno ccccda l'altro per la negazione non li
rende due contraditiarl. Si, essi dimno, ma erri sono due rontradittorl a questa
condizione. che la negaiione sia preparta alla iotaliti di uno dci due oxiim~ra.
Infatti,li negazione regge (xup~r6rc)
allora Ritto l'axiomi?,ma, in "E giorno e non
V P luce" l i negazione essendo una parte del rurto, non lo regge in modo da rcn.
Jcre ncgitivo il tutro.'~raallora necessario diremo aggiungere alla nozionc dei
ciintradirtoriquesta determinaiione: duc o;idmalo &no i mntradittori l'uno dclI'drrn
oliando l'uno eccede I'alrro ner la nceazionc. ma quando
.....r.. ..
. .....non
..-..~rrnnlirement~
Ir negazione preporla a tutto I L ~ i o t n a . ~

ione ( & ~ < P ~ G E Lcome,


).
r~~~
Infrtii l'oxioma "Non

ne

Ocesto passo degnoi nota per I'idead'uni pcrticella che rcggc!a to12:it ti iotanio un3 pirtc d'un3 propos:~.onc.Appare qci FCt !a ~ r i n n
\o:i.i 1.3 noione di dmbitolr<o,orld'unoperiturr. Gli voici ricuiicl>lieio anche il doppio negativi (X~pairoqcr;~x5v),e dissero che esso equivaleva all'affermativo originario."
La negazione (&pv~.rtx5v)
differisce dal negativo in quanto non contiene un affermativo negato. Essaconstad'una particella negante e d'un
predicato (ad esempio, 'Nessuno cammina'). Dalla definizione, sembra
che le negazioni debbano avere per soggetto 'nessuno' o 'nulla'. Ignoriamo come gli stoici avrebbero classificato le proposizioni espresse da
enunciati contenenti le parole 'in nessun tempo' e 'in nessun luogo'. 11
~xivativo(csrp~srx5v)
ci che si potrebbe chiamare un predicato privativo (ad esempio, 'Egli inc6lto')."
Gli axidrnata non-semplici sono da Diogene distinti in sette generi:
(I) I l

condizionale Imvriuuivov).
formato mediante il connettivo
.
...
'se3 ( d ) ;
o condizionale modificato (~apamvrivritvov),for.
mato mediante il connettivo 'poich' ( b r ~ i l ;
( 3 ) il congiuntivo ( m p x ~ x h r y ~ l v o vformato
),
mediante il connetti.
vo 'e' (xal);

( 2 ) L'inferenziale

n
"

Ad" > r l h WI1. 8990


DZ-XE
~ ; ~ z i oVIL
. 69.

Ibid.

70.

i76

I megaricie gli stoici

La rcoria stoica delsignificato e dellaverit

(4) il disgiuntivo (EtrLru~rriivov).formato mediante il connettivo


(ij, i j ~ o ~ ) ;
( 5 ) il causale (ai.rtG6~<),
formato mcdiontc il connettivo 'perche
(6~07~);
( 6 )L'axiot>raformato mediante il connettivo 'piuttosto che' (p&
Xov ... j);
( 7 ) l'axiamo formato mediante il connettivo 'meno che' (5srov ...
i\)."

L'esatto significato d'alcune di queste forme composte sari discusso


piU avanti. Qui osserveremo ci che segue.
A giudicare da questa lista. non sembra che gli stoici fossero consapevoli d'una netta e importante distinzione tra nrserti cornposti v e r e
funzionali ed assetti composti non vero-funzionali. Un asserto compcsto vero-funzionale. come s' visto. un asserto composto, la cui verith o fnlsit determinata solo dalla vei-it o falsitd delle sue proposizioni costituenti; nella prospettiva di Filone, il condizionale un asserto composto vcro.funzionalc. Diogcne sembra dare una definizione
vero-funzionale d'una delle forme della sua lista, e precisamente del
disgiuntivo, quando dice:
'Quelio connelrivo ["o"] mostra che uno degli axdi>,oto falso.""

Ma dificilmente questa sua frase si pu prendere per un1 definizione,


poich la lunzione piu importante del connettivo da lui menzionato
indicare clie una delle proposizioni disgiunte vera. La sua osservazione, probabilmente, vuole solo chiarire clie ci che s'intende la
disgiiinzione forte o escli~rivi.Diopene Laerzio fornisce una dcscrizicne parzialmente vero-funzionale dclla forma inferenziale guando dice:
'Qucrto connettivo rpoirhf"1 dice che il semndo mcnibro rcgue dal primo

che il primo &vero.""

Sesto, a sua volti, d una definizione vera-funzionale dclla congiumione,'" definizione rielaborata da Aula Gellio, che cita un manuale stoico:
'In omni aurem cuniiincrione si ununi cst nicndiciurn, erirmri ccteir vera runt,
taruni csie mendactum dicir~r."~'

i77

Quest'idea, manifestamente, postulava una'giustificazione; infatti gli


avversari, i quali non comprendevano clie un asserto congiuntivo si do\.esse trattare come un unico asserto, dicevano che un asserto congiunrivodovessedirsi'non
veroche falso' se, dei suoi costituenti. alcuni
eranoveri ed altri falsi, pur ammettendo la possibilit di chiamarlo vero
'se la maggior parte dei suoi componenti era vera'.'" Pet il condizionale,
Diogene d una definizione concordante con la terza concezione enu.
merata da Sesto nella sua descrizione della controversia sulle proposizioni condizionali:
'Vero un condizionale, nel quale il conrrndirroriodel conseguente incompatibile con l'antecedente."*
Secondo la teoria generale della reluione tra linguaggio e lekri, ci aspetteremmo che In divisione delle parti del discorso e la divisione dei
icktl corrispondano pi6 strettamente di quanto corrispondono. Si dice
che un verbo significa un
(aarqy6pr)prr) che un lekrdn; ma
si dice che sia i nomi comuni, sia i nomi propri significano propriet
(rgdqirs),le qudi non ricorrono in alcun punto della lista dei iekti.
Il loro posto preso, semmai, dai 'casi'. La congiunzione o connettivo
( G V Y O ~ U ~ ~ OZmenzionata
)
sia come parte del discorso, sia come parte
essenziale del lektdn composto. I n mancanza d'ulteriori testimonianze
barebbe vano congetturare come gli stoici avrebbero trattato queste divcgenze. Una possibile spiegazione questa: gli stoici, nella loro teoria dei lekid, s'interessavano soprartutto ai lekti completi (axi61nat0,
<loinandc, etc.), mentre, nella teoria grammaticale, pensavano alle univi di significato minime, ossia alle parole. Quando consideravano le parole in connessione con la teoria dei lekth, gli stoici pensavano alle funzioni ddle parole negli enunciati e dicevano che esse significavano sognctti. predicati. e cose consimili. Nella teoria grammaticale, invece, essi
tendevanoa conceoire la sienilicazioned'una parola irrelativamentr, coIN: q t?!corj d'er:;Jiic,> e<l';rccrnu ~l1.itelxi;n;
:rirer~o.c>rrcr.:c
tra 1. $1
: *.iti:a,.iori: d: .iiiclln p a r ~ l ac 1 ,..:.,iiiciiion: delle dlire p.irol;.. Il no: c co~iii.nc.:d escmmo.
zramrrnrknliiiriirc ~ > o . r e b b ~ ~ r si2
s ~ e,.i;+tre
,
nere :hc ~ a . 0SIW:
.n. <:i
prc.iiciro, C .n nniho I t3ji 5 , pi>:rcbbe
r.:iii u n i qual:c:a, mn 11 leirL;>i i~i.oinyleto,~i~iii'icstc
dnl mnic ii~niiir.:.
. i > a.ir~libr I > qtes<<>
in ar!,<i
i c ~ < ipo.ch:.
.
in un :cBL,i r.)ii:!>letu. 11
nome comune assolvcrcbbe un altro officio.
'* S,STO, l& C,,.
'" o,orr\>. rr-i".

V11. 7,.

180

I mcgaricic gli rroti

La teoriastolca del significato e deUs verit

siasi cosa, che possa chiamarsi vera o falsa, deve avere un contraditto.
ri.. Pcr C. :iii ~ u ~ i ~ , cpesi
l , e <:rji i.cr3.2 p~jsiLi:einJi.irr.q~ilcoiach~
falco. Ecco 13 f inaionc del11 p3rticclla 'ncr' nel lirgu.ig2iii hla i sen.
sibili come riii c o i hmnu coitr3d.tr~iri.c I ,ira:l-i!, 1ii11~dori:i.nani.
ralmente, le presentazioni ed anche le cose che Sesto, nella sua disnis.
sione delle tre concezioni, chiam 'movimenti di pensiero'; infatti. per
gli stoici, pensare un'attivit fisica e pertanto perccpibile.
Abbiamo allora trovato una ragione sia della concezione stoica, che
la verit delle ~rcsentazionisia un tino di verit derivato. sia del tieertn

~..

ia falsit non si devono trovare nel linguaggio? Sesto discute la questione ed adduce due argomentazioni, probabilmente attinte a fonti
stoiche. La loro orieine indicata daeli
" esemai
. usati.. e in soecie
. dalla
iormr !l) in;: come esempio di sucno nrtirulaiu, m, ~ii:i~tclligil>ilc;
in.
f < t i . . q1 ~ a t o
j i o > ocrcmpiu ri~orrencl Tld>*:1111<1<IcI'I ICAIC<I ~ I : I I Cfatto
~
iIr D 7g01c I a.r,.o
I r p r i ~ ~dc'le
i r 'I IC ~r~onirnrd,mni
di Secro C la
scgce7re. Se la rerl:i nell'esl>.eccione lir;ci;ricl (uu.if.1.IJ vcriri o
n~.!l'e~prcstioniI~nyuisiicisipntGc~r.:r..u nc:l'c~prciiiuri: Ilngi~isirca
non-significante. La seconda cosa . manifestameite.. im~ossibile.ma
tale inr1.e 1s 1iriiii.i: iiifstii. iie,,iiiia c>l>res,ioncl i ' > < . l l ~carne
~ ~ ~ IIIC
d
rtdriiic~itr.(o?iiii:<rybp ~ ^ i . , fL:
i yuvfi q ~ a ~ i x: sf zir ~ i Se iin'c.
rprtjiion: 1:nguistico fosit come tale siqniicante, cliiun<luc ~ p p i r n d a
I :,pros:un: linguistica, - s:a egli grc;o o b:rjnru, - dp3r;nil~rrbbe
i:; ~ k \i.cc
c
sip,nifc?.o d j ca5.1. Qu<,ta pi.1 .ibizvc. ar,:ome~itlzione
va al cuore del problema. Molto meno sodisfacente. invece. la seconCn arqonert3zicne di Sssio Delle piri: del d riorru. dc.:le csprc,sioni
iii~gu:~i~chc
(:i,,yi>,G. .alcun: sui.> scinliltci; altrc, cumplLise (ad C.
ceiiil-l.o,'Dione' C '1)ioric c~mnina':. L.I ier.r.i run r>nOrascre ncllc
espressioni linguistiche semplici, poich veri sono gli axrdniata, ed essi
sono complessi. Ma la verit non pu neppure essere nelle espressioni
linguistiche complesse, poich I'erpressione linguistica complessa (XB
S L ~ come
)
tale. 3d esemnio 'Dione cammina'. non nu esistere: infat-

"' DiOCr\T i."s.llO. \,Il I.,


"'Adi m u i h ,Vili. i), si.

181

predicazione di una cosa che pu esistere iolo per un certo periodo di


icmpo. La stessa argomcntaziane ci renderebbe impossibile dire qualcosa di Dione stesso; egli, infatti, non pu esistere in un momento indivisibile. Eppure qui quesr'argomentazione pu avere un suo valore. Come ha mostrato un passo gi citato, gli stoici volevano insistere sul fatto che un uxiomn, che si debba qualificare vero o falso, deve in qualche
modo essere prcsente quando qualificato vero o falso."' E l'uso comune conforta alquanto questa idea. Infatti, noi talvolta diciamo 'Ci che
egli disse vero', con un presente che sarebbe strano se stessimo parlando dell'enunciaiione, di quella determinata emissione di suoni che
ebbe luogo in un determinato momento. Se, in tali contesti, ci riferissiiiio soltanto aile enunciazioni o enunciati-ricorrenza, noi dovremmo diie remprc 'Ci che egli disse fu vero', cosi come diciamo sempre 'La
*rande guerra fir una catastrofe', e non ' una catastrofe'.
La prima delle due argomentazioni di Sesta Empirico va ad ogni
iiiodo presa sul serio, e ci una valida obiezione contro l'idea, che l'espressione linguistica possa essere vera o falsa in s e per s: obiezione valida sia che per noi l'espressione linguistica consti di enunciatiricorrenza, sia che per noi essa consti di enunciati-tipo. Se i barbari
non oossono comorendere un enunciato-ricorrenza areco, non comprenc r o neppure l'cA~.iciaio-tipo grcco; le ricorrciirc infarti, son sfgnh.
~ a n i solo
i C O ~ CC , C I I ~ )O~esempl~ridi tipi usai: in certe circostanze.
Pcr eln stoici. d u ~ a u eI. ' ~ x t o t > veroo
~ ~ falso nel senso basilcc. cd
iin o x i h r d e h i t o semplice si dice vero 'quando il predicato appartiene alla cosa che ricade sotto il dimostrativo' (bsav TQ iixd n v BELSLV
a i ~ r o v z iouupr8ixn
.
.rd xrr-rilyhpqpa)."' Diogene Laerzio d una spiegazione piu semplice per mezzo d'un esempio. L'uxiomu significato da '2
giorno' vero, re giorno; se non giorno, esso falso."'Questa teoria
molto a h e alla aristotelica,"' tranne che nel procedere in via d'esempi. Ma la definizione data da Sesto piG complicata e fa pensare che
l'uxioma vero abbia una strutmra corrispondente ad una struttura simile nell'oggetto descritto. E, a differenta della definizione aristatelica.
la definizione di Sesto Empirico conviene direttamente solo agli axi6ri~otosemplici. La verit degli altri uxidmata andrebbe d e h i t a in terinini deUa verit degli uxidmatu semplici.
Siamo ora in grado di tentare un'interpretazione della teoria stoica

i82

I m e ~ s r i cei gli stoici

. .

La teoria rioicndelsignificatocdclla verit

dei lekfi e. oi6 ~articolarmcnte.dceli axidmeta. Abbiamo .&a detto'"


t e 2 i.e:err:irio <~iiin~riicrr.
pri:pi>\irii,needcr.t.nciat<i.di~rin~ui:recio
IJ p r c q > 1 ~>"C,
1 :3 < . J I : ~2 ver- O fdlid nel icnso primario, doli'enunrioio, rcl qiillc 11 propoitrione e<pressa.Semhrn prohlh:le che gli stoici
re?iitni<cro, nnalo~nmrnte,che i lei>; dovessero d t , t i n g ~ c s idagli eniin:izti che l i e,prirnono NOF.cgni ti,w<li!ebr~~r.
tu.t~vi.t.\i p ~ i i i d r n tificare serndice&ente con la .~ r o.~ o s i z i o nPrimariamente
e.
vero o falso
s.oici, I'axict>:3,ma I'axi?>~.comc 3hh131ro V:S:C, 2 I2prop0. per
s:zicr.c 2sreri.n picitocto che l i prapxiz:ane in s. E lo chiarisce ultc.
r.ormen:e il tnodo i l cu: Seiro discute :a 'COI*pilj-che-un~iix~o.maii,
Egli
non sembra scoarire alcunelemento che sia comune ad essa e all'rxiomn
- ~.
e che sia vero o falso. Anche domande, comandi, etc., sono, per li stoici, specie di IcktB coordinati con axidmata. In realt essi, nel &mare
il c'ncetto del lektdri, fecero astrazione non dall'atteggiamento di chi
parla o di chi scrive, ma meramente dall'espressione linguistica. Per
questa ragione i lektii hanno modi grammaticali.
Gli axidmata differiscono, inoltre, dalle proposizioni poiche hanno
tempi grammaticali. E una sfortuna che non sopravviva alcuna opera
degli stoici sui tempi grammaticali. Gli stoici s'interessarono al tema;
infatti Crisippo, secondo Diogene Laerzio, scrisse un'opera Sulle crpresrioni IemporaL e un'altraSugli axiomata ai perfetto,"' e Prisciano ascrive agli stoici la distinzione d'un uso del Dresente. nel quale il presente
stesi0 esprime ci che in inglese espres;o dal pr~sent~progre;sivo(to
be+participio presente)."'Il passo, ove Sesto dice che gli stoici consideravano prese& gli stessi axi&ma/asul passato e sul futuro, sottointende
chiaramente che gli oxidmar~abbiano tempi grammaticali. 'Egli stato
ferito' e 'Egli morr' esprimono, per gli stoici, axiomata differenti da
quelli espressi in qualche momento da 'Egli viene ferito' e 'Egli muore'."Toich gli sxid,nata hanno tempi grammaticali, ci aspetteremmo
che il loro valore di verit possa cambiare, e sembra che gli stoici tenesseroconto di questo nel caso di certiaxi6maroda loro chiamatipasaxirrTov7a (cangianti). Li menziona Sesto. che mostra comc eli stoici li usas'ero per risoivcre iin npprenrc plra601~0,'e D : o ~ ~d;~licatnnsso
QI
alfrrma che C'riblpy~scrisse SU t & ~XIOP:BM 1~ un'~pr.raSu!li1 covhi>laz w n e ir~!lc/>;r:i del t i c o r r o :-i::T?; mv-dEi,~; rUv:o; 1orcu pip~=r).
L

"' Cfr pp. 63 rr


"' VII. i 9 0

183

la quale era 'intorno alla combinazione di oxidrnora,veri e falsi, possibi11 c impossibili, contingenti e cangianti'.'"Appare da questoche la capaL.ii3 di cambiare era considerata una propriera degli axidmata, cosi C*
me la verit, la falsit, la possibilit, l'impossibilit. Come esempio di
,trioma cangiante, Alessandro di Afrodisia cita il condizionale 'Se Dione vivo, Dione rari v i ~ o ' . ' ~ G stoici,
li
dice Alessandro, avvertono che
V I rari un momento, nel quale questo condizionale sar falso, perch
l'antecedente del condizionale sar vero mentre il conseguente sar
falso.
L'ultimo, e forse piG sorprendente, degli aspetti sotto i quali gli
,i\r6tiinta stoici diffefiscono dalle proposizioni, che gli axi6mata passono cessare di esistere e anche, presumibilmente (anche se non affer.
rnl:~to),possono cominciare ad esistere in momenti definiti. Crisippo,
come riferisce Alessandro, ammette che gli oxidmaia possano essere dit).
nel ragionamentocon il quale Crisippo,
strutti ( ~ 9 ~ L p r r 9 aCiemerge
controDiodoro, tent di mostrarecheI'impossibile puseguire dal pos.ibile.'" Crisippo sosteneva che 'Quest'uomo morto' impossibile,
nicntre 'Dione morto' possibile, quantunque, nel caso che 'questo'
\ i riferisca a Dione. 'Ouest'uomo morto' rema da 'Dione morto'. I1
r.'qion~mentoe conplicato ed orttcu, ina Alcsiandro :iis ripemrnmente
l i i1o.ricr.e che I'ixiot>la Q.~r,t'uunu2 rrorto' 6 Bictrutto ( T ~ : ! P L T D L ~ ~
i:.:po IJ morte di Uione,"' d i r t r j z i u ~ ec t c <rml>rsdiserire talla ftlritr
,' J.ill'impoisibiliti di q u c l l ' j x i u n ~ ~Cristppo. evidentementc. irgo
-'?nrdia. i.it,o Dione, 1'~x;onra 'Qurs. uomo i. morru' inpoisijilc.
poich autocontradittorio: morto Dione. tale axioma non esiite. si che
nan sorge la
della sua verit o falsit. Ne seguirebbe che 'Dio.
ne morto' non possa mai essere vero mentre 'Quest'uomo morto'
falso, si che il condizionale, avente 'Dione morto' per antecedente e
'Uuest'uomo vivo' per conseguente, sarebbe valido secondo la defini/ione di Diodoro ed anche secondo la definizione dello stesso CrisipW. Si noter che l'oxiomo 'Dione morto' manifestamente non di5truggibile. La parola 'Diane' significa una qualit individuale, che
sempre esprimibile, mentre ci che espresso dalla parola 'questo' in
Llr13 qualche occasione particolare non pu pi6 esser espresso in circostanze alterate. La distruzione d'un axiomo consiste nel suo cessare
t

'= D? ro,nDo,ilio"r

,wrboru,n. cd xr,aie. ,I 3 1 .
&~;~;~",~;;~rn~.In Aririoirla Pbyjir libro5 giiurrrlor Poi1 Camnlrnlrrium, =<l
oiELr.

':<

nmsnmno. In

drrii0,~lrr
I np, 1,b I Co~,:,?~<nliiriiirn.ed

vrrribs,

C.1 A.G.

I1 Iil.

184

La reoria stoica del sigoi6cato c dcUa verirj

I rnegarici e gli stoici

d'essere esprimibile. AvuIsa dalla sua pittoresca formulazione origina.


ria, la concezione di Crisippo non stupisce; per noi infatti consueta la
nozione che una forma verbale, la quale pu esser usata per esprimete
una proposizione in una certa occasione, non possa pih essere usata a
quello stesso modo in un'altra occasione. Ad esemuio. le varole
'Mi fa
.
m.11: :l c?n.na sinis.ro'. dette d i ..in:, (1311 pt-r,ona in ,in ?ai<,ntimmto,
i ~ p i o r n . - w:III~
~ ~ pr~vl~>\i,io.>~
~
L C I B O (il.,, n], in iin rrcrrenta postrr ~ : i i r . i:. pr<m1n:11w i13 q,iell i ..e.<3 pcrccns p o < ~ o nnon
o esprimere
p:h pro:>os1710n:a1~11n3.N r l l ~pru,periit,~stoica. [>ci In'l~.~lci mcui
di rirc:lner:orl r i i p x . r o ? i ~ 1nclu>1
~o
n c l / < $ : d > ! . ~ i > s ~ .~l nc ~h ir I J ~ i o ma precedentemente espresso da quelle parole non pih erprimibile,
ossia distrurto, mentre i hiosori posteriori hanno per la piu sostenuto
che una proposizione sempre sia esprimibile in un qualche modo, quantunque in certi momenti essa possa non essere esprimibile in certi modi
(ad esemoio. mediante un oranomc dimostrativo).
c Jitlercn,~tra I .'<C!; conplcti dcpli s:oici e le nos:re
Ecco d ~ n q i Ic
propojizioni Cili u:timi due c i r ~ t t e r Cillsrcnziali
i
(il cimbiimento dd
vrlsre ci vrr.tj. e ci cl:c si oo:rcibc ciiiimars la 'morraliti' dci!ekfBl
sorgono dsl fatto che i ricorrenza-riflessivi sono assegnati tanto ai lektd
stessi, quanro ai mezzi d'espressione. I n generale si pu dire: quando
si distinguono gli enunciati da ci clie essi esprimono, si possono assumere due posizioni estreme. La prima posizione estrema questa: gli
enunciati esprimono la stessa proposizione quando sono verificati o fdsiiicati dalla stessa situazione o dallo stesso stato di cose. Ci certo un
p,'oi-i.rn, po~;h:!.i riwicn; LI, ,tccri riti.i>:oiie o d \ t e s o ~ i ~ t o d i c o .
se \ a cli.rji.n; mr i.cvi,lei>i: clic, i i i .luz,tr I I - J ' I > P I I I V
noi~ ,yrtrrmmo,
3d cscn.uio, ~r:lreitcreclie ei.iincidii 11) t ~ n r i ~.
,~ramn:itkcli
i
differenti
ecprin in:) l i ,reiin >roposizianc. E cir~rreris:i:o di qccsio primo pun.
~ J I ! Iv i i : ~
I'd,>c<4n~r~:
r~;orren:~i-r:flcssii~
~i merzid'rspr~~,,io~ic,ecclu<?cni!~Ii<liIl.i ~,rol>u,iziu.icc13r:.\\i. il L ~ r3
C dl p~cac'lo>,o.
scn:hra, inf:r:i. strani;-tino 1.iiiiiriie-,. rlii '\'i \ i r i O # ) A l,.nta!:I~~
nivale' e 'Vi fu
i.11b>t..i;:i.!
ni~~!c'si;n1fic1.~.~0,
t c g . ' t ~ > ~!lri.,
? I? s : e s ~ ~ c r <Noi
a . propi.iiiliiiiiio i 1x.nr.ire chc 13 I ~ I J . , I < tcn..~i>r,~!e
>~C
in rlll IJ ~ I I ~ C sIt iI d.
~
I'enunciazione faccia parte di ci che s'ktende o s3esprims,enon sia
meramenre qualcosa d'implicito nei mezzi d'espressione. I n reazione a
questo paradosso possiamo assumere l'altra posizione. La seconda posizione esrrema questa: i significati decli enunciati irentence-meo~ifii:rl. iigr.:ii:gti :he no: :liiirr.~no p:o~oiizioni pro.ifcrrno, sino a
r.1 d i - Ci~iip.>,iihilcche I., <:cjii proposi~~onc
rirgo!lrc vcn;i .\prc<si
due v< lic. O<,I: t W > L I I J CILItcn,:,~ p:~m~:lur~.ali~nv,sl,:c. ~ I I U C ~ I Oun 13-

18i

,,ro 'ora', 'adesso'. e pertanto 'Adesso mi fa male il canina sinistro' non


CoG, :L piu;><isizisnirinjo...i.ti.c.th IJ i t c p::ipo,lionc
~
JLC
I ,.. .liieii;ona fueRiti\.e crl ciiiii.crcrrimc p l i cnuncl?r:-ricorr;n/~ E\'<:
, r :i.ii>innoil Icro v,lun. d: ~rrit'i.inJ hati?:, v113estrcm 1111c:iicbre,i. Trd le due oosiziani estreme ora descritte, gli stoici sembra abbiano
. t 7 iir.i v:, <li~ i i :i. D3 #:n3pirte, C S S ~i n t r o d ~ s ~ IrI CuI Iv*.!j: ricor
m:ml<cro che (2Imer.o p.r 1111
,: t , ~ . ~ ~ i l e wma,
i r ~dall'.~ltra
.
p x C,
ccrru tempo) le ripetizioni d'una data formulazione verbsle esprimesseiri lo stesso lekidn, poich, secondo loro, I'axiorno espresso da 'Se
cio~no, giorno' consta non di due axid>nafa,ma d'un unico e stesso
.i\;oma rioetuto."'
~i.~n;un?Je.per It. r~pionichc~bji.tn:ui,is.o.glt u~:<i~>:<ir~non
por. ,icicntificerii rrmpiicement: con Ic ~irqiosi,iini, I C I I Z V I Pc n i iSSUniieliano aaueste sottouih asuetti
rilevanti.Essi
sonoespressi
daenun.
i i in.licati\l ~ < > ~ ~ ~SCPO
p l c veri
t i . o f.ilri in rcnw hasilnic; ~ n g d,t:~i
i
i
~i<~~iiied.cono,
piurtostoinlelicemcnrc,;:i >.cici) in;orpor:i: ejisr2iio in qualche senso, pensiamo noi o no ad essi. Quest'ultimo punto va
iliscusso. La definizione di iekron come 'ci che esiste secondo una prescnrazione raiionale' fa pcnsare che non vi sia alcun lekr6n se non v'
i ~ c i . i corrispondenrepresentazione razionale, cio che tutti ilckrddebbano essere oggetti di ~ e n r i e r oe,
, in un passo, Sesto assume conchiarena
che i Ickrd esistono solo quando sono espressi o intesi." Ma questo, tutia\,in, potrebbe essere un mero argirrnenrr/m ad ho~ninrs.V',infatti,
iin'imoartante dottrina stoica la ausle certamente i m ~ l i c ache i lekid
:.i<t 7 n i i anche q u n d o noi non ~cnsiamo
ad <,si Secondo la pii :ur.si'.rata teori3 Cei sepni nitur~li.':'un <iri~ri.d.CI C i. un scgno. rit,eh un
i I i r 3 i ~ i w nche
~ . r' il r i i ~
si~r:c:c~iii
O.l:\t'~~ltimo# i ; o ld~ c i quindi
~
csistcre per venire rivclato.'~noltre, ll&rervazionedi Sesto, -che;mentre la verit necessariamente connessa con la conoscenLa, il vero non
lo . -'" imolica che oossano esistere axi6moia veri. anche se non sono
ci>nosciuri.'~embrn,dunque, coercntc con la maggior parte della teoria
m i c a la tesi, che passano esistere Ickrd n espressi, n pensati.
V' dunque molto in comune rr3 ci che gli stoici espressero con la
parola bE,iwpa e ci che noi esprimiamo con la parola 'proposizione', e,
quando consideriamo gli enunciati generali, le due nozioni coincidono.
Per enunciato 'generale' noi qui intendiamo un enunciato esprimente

.,,

..,

La reorii stoica delsignilicatocdcllavcritl

I megarici c gli stoici

i86

universi.ir3 non rijtreir o un tnunciiio ciisiinridc con il iecrbo 31 p r ~ .


,cnt:. irlci > in.c~:ip:irdliiiciire Si..chC il ,igiiiTicsro delle p ~ r u l ecnstituenti rimane la stesso, tali enunciati non
cambiaie il loro valore di ~ r r i t i o c e s ~ ~ : c d ' a ~ c\:n>,
r n cr2 il luri. \ifiilifiriiuoiI loro v-lore
<li \.eriti c ~ n b i ~ r<<in
~ i 11
> ~ . I I U : I ~'h: P I U ~ I U I I :o11
~ ~ L . ~ I I ~ C ~ I >tessi
III
O
con le circostanze in cui essi sono pronunciati.
Nel caso degli enunciati contenenti dei ricorrenza.riflcssivi, tuttavia,
l'axiomo stoico differisce dalla proposizione. La ragione di questa U e renza sembra questa: gli stoici pervennero alla loro teoria esaminando
la nazione di significato [meaniizg]. mentre noi abbiamo impostato il
problema del concetto di proposizione domandandoci che cosa sia cib
che pu essere chiamato vero o falso. Ora, il verbo inglese onde deriva
'meaning' (in italiana: 'significato'), 'io meon', qui reso, di principio,
con 'intendere', ha, casi come l'italiana 'voler dire', due usi, che giova
distinguere. Noi possiamo domanddre che cosa intenda [meat~rluna
persona, e possiamo domandare che cosa significhi [meai:rl un cnunciato. Gli stoici hanno due parole differenti ove l'inglese ne ha una: il greco, infatti, usa A a y ~ ~per
v le persone, q p a i v e ~ vper gli enunciati. Ma gli
stoici idenrificarono deliberatamente i semoindmeia con i lektd. Nel
passo ove piu ampiamente discute i lekfa, Sesto dice: 'Ma una cosa
incorporea: la cosa significata [rignified] (T& q ~ a r v b ~ r v o ev )intesa
[mcilnt] ( X ~ x s b v )la
, quale vera o falsa."" Ci che un enunciato significa irnennrl
nella concezione stoica. : ci che una oersona intende
.
[meairsl quando pronuncia quell'enunciato. E ci che una persona intende [meanrl quando pronuncia un enunciato, include ci che la persona esprime 'ediante ii modo gramniaticale ed il tempo gtamma&ale.
Non si dirrbbe che essa intenda [meonr] la stessa cosa quando fa un
asserto e quando pronuncia il corrispondente comando: ad esempio,
quando dice 'La Dorta chiusa' e auando dice 'Chiudi la oorta'. N si
direbbe che essa intenda [meanr] la stessa cosa quando pronuncia, con
a d e p a t o intervallo tra i momenti delle due enunciazioni, 'Io sar a
Lon-dra domani' e 'Io ero a Londra ieri'.

osson no

. -

parte, essi vanno contro I'uso linguistico comune nel non ammettere
che una persona passa intendere la stessa cosa quando dice 'Dione
morto' e 'Egli morto', quando 'Egli' si riferisce a Dione. Nel fare qui
" Ad"

"",h.. VIII.

1.

187

distinzione dei lektd.. eli stoici erano Drobabilrnente influenzati dal


i , . t . > ct.c ncrruno d!rrbbe r h:. i r!iw criinci~ii,
aviilci <In1r<intcsio. rbi.::na lo ,it,so <ignlfiraio [rvz<i>jrndl '.\leaniag rhe vome', coii come I'tr % l .ioo 'volri Ji:r la <:e<>acosa', h, Ln uso diflcrcnte secondo c:ie sia
..~:~Ii~nroallepcrsnneo,
invece, :a~lienci.ci~:i
U m o ?i6 pcrroncpo.'oi..
u w e cnuncinri ditiercnri p-: intcndxc (ntrecl la s:esFa cari. u lo
stesso enunciato rier intenderermeanlcose differenti: maun dato enun, r ~ I >s-nipre
a
1; ;tecio~i~niitcato[mc~o~~~],c,qu~ndo
sidice:hedue
ii lni:n:i signikcnno [meatll :3 srcrra cosa. ci non comporta ckc duc
percone differenti possano usarli per intendere [meanl la stessa cosa. Ad
cscmpio, gli enunciati 'Io ho freddo' e J'oi froid significano [meanl la
\ressa cosa, ma non potrebbero csser usati da due persone per intendere
[meon] la stessa cosa. Gli enunciati'Io ho freddo' e'Tu hai freddo' possono essere usati cosi, ma non si direbbe mai che essi abbiano lo stesso
5ignificato[meoningl. Gli stoici, sembra, ammisero ambedue le nozioni
<li 'io meun' (intendere, significare) come principi di differenziazione
tra i IcktB. In altri termini..oer
. "eli stoici..~oani voltache si oossadire che
ii>.io p:u peryone i~rcndono
[miun] co<ekffercnri, vi sono alncru Cite
t .!I,,
cpni vo!tn che si porsa l i r e che due erun:iati signi6.-no [ m z ~ n l
... d16.rcnti. v i sono dliiicno duc 1zkr.i Kelln loro teoria. eli s:oiIV\.IC:I.A~O~.O
C C i l~i i d 1m1\<11111 m o l r ~ p l ~ c ~
Pcr
t i . loto. :n diicreni i l icimn verl>alr nrlln <iei.ia l i r ~ i : se r i , quisi sempre, indizis d'u.
i i d~?crcnzldi rirniiicaio
I,,e~>.otr'.
23
a
u
e
s
~
o
fitto.
orob~bilmeiiic.
,,
.
".
,
>.iip3rctici furono indortl 3 dire che gli s:oici ?:cSt3VJIIO tro:ilia 11.
i. i ,ioncsllr furmulnziunc \ , c r b ~ l c dnvrnu
e
pcrri iioiiii ~Iiii-rrntia r3;ionamenti che, invece, nella prospettiva peripatetica, erano identici
Questa critica svolta in due passi di Alessandro di Afrodisia. Nel priIno passo, egli dice che gli stoici, pur ammettendo che fossero equivalenti (LmoSuvapoGv~a)le due forme 'Qualche P non G' e 'Non ogni P
C G', tuttaviadistinguevano questi due ragionamenti:
(11 O g n i G h l
(2) OgniGM
Non ogni P M
Qualche P non M
Dunque, non ogni P G
Dunque, qualche P non G
chinniandoli, nell'ordine, riUogisrno ed iposillogismo."' Pih avanti, nel
secondo passo, Alessandro dice:
'I moderni, i q u i i seguono le espressioni ( r a i ~
XiErav) e non ci che erie
nna

\ISniticrno (r.ii< m)parvqrfuorg). dicono chc non si ha lo sressu risiilraro sosti.

"

6,

"

a~~ssx.m~o,
In dr;xlotelii An p, Iib

I Cornnte~~ld~;!~m,
id. r~rrirs,C.1.A.G Il (il,

i88

1 mcgarici e gli stoici

tuendo a dei termini le loro erprerrioni equivalenti (i&<


lvo6vvaiioijscr~AJEEICI
Infarti, mrnrie "Se A , allora 8" significa lo .reiso che "B segue da A , csri dko&
chc v' un ragionamento sillagirtica rc arrumirmo I'e>prerrionc"Se A allora B.
ma A . dunque. B". ma chc "B irzur d i A: ma A: dunsue. B" non r~lloeirriri

5.
11 sistema stoico degli schemi d'inferenza.

Da questi parsi possiamo inferire che. tra identiti di signilicatoed equi.


valenza, gli stoici facevano una distinzione, la quale sembrava priva
d'importanza ai peripatetici. Purtroppo. ignoriamo quale fosse criterio d'equivalenza degli stoici.
Ove gli stoici direbbero che due enunciati-ricorrenza o due enuncia.
ti-tipoesprimonolostessoleklin
comoleto. noi diremmo cheessi esoriXella loro teoria del taeionamento. Cririooo e eli
.
.
. stoici concentra^
n1cr.o IJ qicsra :):Op3:13:2 le, :'in\cr<o pcro ncn vlic u n !r.+~rjn ii ri.
nc IP rli:erc I'a.t:.:,iL~cc sugli schemi d'inferin, i Iii.\nxr:xi uxt,tas.111313di .~n'ajrta7ioncdz ~ I T I I C C ~i o~i ~n eI d'r.sprea,.one lindcijtico.
5, IiJi hlcntrc hristnte:e a v c r a us3:o la for.iia rondizion~:ed'3s.
:,A
LCP!L>I
C ci5 'h: rimane co5tac.c "?:la tr~dcr.oncdr i n 3 I:nrn rll'dw t o nel oreaentarc i orinciol dei vari modi del silloaismo categorico,
tra. A!? (.:M ~ : < > ~ . > % . ,>L11. >r~\t.!t
I I C ~ m d ~i . : ~ ' u l ~ ~ : . ~ . r ~ a ~ t r ~ ~ i o ~ ~ ~ ~ l ~ l .I.
t ~\coici
~ o . esporcro raponomcnti <'h~!~tr:Li
CJIIIC. 'Ce il primo, 3l'orl il
nitnto c Jallt ci:coitanr;. Je!l'c.iunciizionc Propcsir~on: ci> che ri.
.... cdo. T J 11 yrin.,; c!~in<~iir,
il qccondo'. Q ~ c s : o m c ~ u c l u rp.ii<tcro
ri
mane costante attraverso la trasformazione dei mezzi d'espressione
i-.i.od: Tculr4rro ncllq st:adc~c:kionedei si.lacismi tota!m~rtc~pnre(ossia, dei ricorrenra~riflessivi)nella StCSSd lingua.
r :r c f:ir\c gI. rtarl !a ad~traronocome meto.'o a c n ~ % l poiche
e
i olei 1 . i r,ritqle I coml:lcssi ew~n:i%ti
che ri\ii!i.uio qiidndo ce::hiimo iii
'' *u-,s*hoan, I,, Aii,rnrc!lrAn p, Iil, l con,n,rii,rri.in. p. 37)
: cniiildrc proprizioni condl?:c~t~:liilturno di13 relazione Ccllc plopocondirionali. Es,i bcns iIiri.iroc2eC \,erache I! pttnciliio<i'cno
'iciii~d'inf:.rcwzl i,diJu l,.ijec;?re prcsentiro inun JSrl'rlO condizlo.Ic y r ilc .SL<,:-11-pr1 n > - ~ I o t a - rc:orJo
il
ed il priiiio. 311utd i: SCCOII
.:> ' I:iri. in\.ero, 3 vo!tc d i s s ~ r o c hla~\,>!~dlti
d'uno schem1d':nfcreni .l.pcrij~,w
d a l l ~ve:iih .lrl iurriq>orilentcc s n i l r i ~ n a l eVi ,uno i i t i nicrisi assi ove Sesto E m ~ i r i c osi riferisce a ci. quantunque, come c'
I., ~ , p c i t ~ r . i ,cu~iiitine a h b i x o corroiri alcuni c k iii\.ol~c\,anoun3
.<inCiz.one entro un'dltrn ' Il f.ittu CI:? eli \:iii:r noi1 ji rimo curati di
li rlrrc della acctritij i o i i i J't.ni rtopcsinione conJiziun~lccorri$nondente ad uno schemad'inferenza vdido fa decisamente ocnsare
:'i.. ia,tlido Inro. t i i r t i gli asssrri condizicnali io<r~ro~ss.--lioni
di con, cs.i.me nc.ic.iswia Chi 3bh.n aiottlro 11 <icliiii,ioqz liloriina di 'se
.allora3difficilniente non noter che una formula come quella succii .(.ic r l un c.-\o q,~~i.i'i*<iii>o
t:3 i con3iionn:i
f:<lcpr~oiI'ir.tcressec>rgli stoici ncn ibbian<i\sgi.iti, Ari.tcitcle r.ell'uso ,li Icrrcr: come \,arizbili ct,~:n.lii iisrll\nnsi c!tl:c fornc delle DIOposizioni, ma, in luogo di lettere, abb:ano introdotto numeri ordinali.

..

. .

~ g o

I1 sistema sroim degli schemi d'inferenza

I megaiiciegli stoici

Nel paragrafo precedente abbiamo dato un esempio di questa uso. Esso


seguita costantemente in tutti i frammenti stoici e, se ricorre sema
riferimento ad autore o scuola, ci un probabile segno di origine stoica. Infatti. gi nell'antichit Questo uso deinumeri ordinali era canside.
rato una peculiarit stoica. Apuleio dice: Stoici porro pro liferir nume.
ros iisurpairt.'" Ma importante rendersi conto che un numerale, ricorrente come variabile in-un testo stoico, indica una lacuna da riempire
non con un termine, ma con un segno proposizionale. I l disconoscimento di questa differenza tra sistema stoico e sistema aristotelico ha ingenerato sino a poco tempo fa frequenti equivoci nella storia della logica.
Prima d'analizzare eli schemi d'inferenza validi. riessmineremo i vn.ri generi di proposizioni complesse che ricorrono in quegli schemi.
Gli stoici formularono la loro definizione delle pro~osizionicomplesse in modo tale che essa non copriva le praposihonl negative, ma,
sembra, si resero conto che una proposizione negativa non poteva propriamente trattarsi come coordinata con la proposizione della quale essa era appunto il negativo. Secondo Apuleio, solum abdicnfiuum vocont
cui negoriva particu[a praeponitur."' In altri termini, essi sostennero
che, per ottenere il negativo d'un asserto dato, dobbiamo premettere alI'isscrtu dato ~ n p~iti:ella
3
ne,l;tiia la q.ia!: ol.cri SL: iii.ta Aaiunge
.'Lpulc.:o che gli stai:! sostennero cl:e I'd9rc110 Vo!i<p!iir C?" c'I bonun~
i rd I I I C ~ I I I ~ Ipoi'h~
! V V eqlii,ilelte a Ci,rti:( CA:JJLIiolrpr~rrbofrum
non esse. Ci non C facili a comprendersi, ma forse il succo 6 questo:
'Qualche piacere non buono' non va trattato da asserto negativo. Se
questa l'interpretazione giusta, sembra che essi protestassero contro
la classificazione aristarelica delle vrouosizioni eenerali. e per raeioni
rlic iuronu ,picyate nel crpiro:o prrcederrc ~ J e s t intetprct~z:one

6
, ~ i i r a g ~ t21
z "11
21 1131~10.C I ? r;l~ ,!i:? C ~ ~C I btol:i
I
volr~~ano
porre segni di negazione sopra alcuni nomi.'" I n effetti, questo pu ben
essere un modo di descrivere l'analisi che risolve 'Qualche uomo non
Lianco' in 'Qualche uomo non-bianco'.
Suila congiunzione gli stoici non hanno molto da dire. Essi definirono una ~rooosizioneconeiuntiva icvunrr)iriuivovl
. .
.,
. come una orooosizione vera se ambe Ic proposizioni congiunte erano vere, e, altrimenti,
falsa. Essi riconobbero che le proposizioni
congiunte
potevano
essere a
.
.
loro volta complesse."'
~

. .

..

. .

D<~ h r i o ~ o pr#r>onrir.
h~
zlg.

jZrn:::ir,#

Ariilor<l,r
nlpi Lpunvli.i.

inihrurn

i i i m rhsirica. Adu. ruulh. V I I I . >il.

unrEl,

.6i4i

Igr

Una propsirione disgiuntiva (6r~<~uy12vov),cio una proposizione


quale noi esprimiamo con I'uso di 'o', involge per gli stoici un'opposizione completa ( ~ l h p~ h~ a~dei
~ suoi
)
disgiunri.'" Ma gli stoici posteriori riconobbero anche la possibilith d'una 'quasi-disgiunzione3 (sapa;~c<suy~~ivov),
vera se erano veri l'uno e l'altro dei suoi disgiunti: falsa,
5010 se questi erano ambedue falsi."' E interessante notare qui l'inizio
d'una sterile disputa che ha impegnato l'attenzione di molti logici po~teriori.Nel linguaggio comune, talvolta n6i usiamo 'o' e parole simili
in senso non-awersativo (ad esempio, quando diciamo che la grandine
o l'acquazzone ha abbatmto le messi, non volendo escludere la possibilit che ambedue abbiano abbattuto le messi). Altre volte, invece, noi
iiitendiamo comunicare che una e solo una delle alternative vera (ad
L.ssmpio,quando diciamo, accentuando il primo 'o', che una fortifica/ione fu costruita o dagli antichi britanni, o dai romani). A volte, infine. noi voeliamo mettere bene in chiaro che due alternative non porsoessere ;.ere insieme ! ~ r>cinpio,
d
q i i ~ n d odiciamo che la ric2:;ina O
ii~.i.lcri, ogur!ril. Cna volta ricoi:osci iti questi tre diiietcnti . ~ j iov.
i. incnte non possimo piu
d'un 5inCoinSigniicd:~Fer la ?aroI., 'o'. quintunque, n certi fini, p<ijsii:no iroi,ire coni,enicnre c0r::r.i:[rare I'nrtrn~ionesul ~riiiir,senso. in qianto il pili s ~ n ~ l i ed
c cC pre,.apcsto digli altri du:. M3 ~ r i s t ~i ~suoi
- es & ~ i scnibr~abbiano
r;ui:toche l'unico scnso prrprios,a il tcrzo. 11 p16 forte. L'<,p-c<<ior.r.
.'.i r.01 tradcttr con 'opp,i;irior.c romplc:a' deve simromenv inicii<icr.
~i n;l ,r.n,u Jcll'iiic~m~:,ribiliti.orsia di qualcu,a di p16 rlic .in:,merl
~ . ~ : , r ~ z i uJ?
n c~ i i i osc ;i :iene ptcsen? ci cd il loro intereire mcti
fis.ico per il dctrminismo, non stupisce trovare che gli stoici sono stati
~ppassionatifautori del principio del terzo escluso e anche del principio di bivalenza. Fu per aver egli negato quest'ultimo principio che, secondo Boezio, Aristotele fu criticato dagli stoici.'"
Stuoisce abbastanza, tuttavia, che Crisippo abbia riconosciuto in
non. i . .. . e .' u l : ~for4n.i .irtini:, per le jiupu,ili<iii: c<>mplr.sse.1:
,ic,u,cciiir I'indcrce I .tili:,n~,ncn conticn; uud pa::ic~iaslngolaP~r
I I iiuriure di sci,.ira~iorie.e si dcoe pcrr3n:o J,,uiiiere che C?:si~po~ b .
bia ammesso questa forma poich la riteneva necessaria nel ragiona.
iniento. Parleremo piti avanti d'una considerazione che pu averlo ind6tto a questa conclusione. Pare che egli usasse quella forma come eV,,

"' srrm rriri~rco,Ad". maih ,V l I l . 3 6 2 .


'" c ~ m a~, , ~ s i ~ t ~loptra,
, i a rd. rrraruiro,. P. i?.
'* cominrnrmr1
in l,brunz

Ariitoirlil 1 1 ~ ~irpnvsiai.
1
I

~ Ci d .

cd

hiiirra.

o. zo8

C92

I megarici c gli stoici

sprimente la separazione de tacto pifi che l'incompatibilit, e forse egli


l'ha usata oer suoolite indirettamente alla carenza di un
~~-'o'
. dpholo
-.-.
.
-n
non-avversativo. nel suo sistema. Infatti, 'Le messi sono state abbattute dalla grandine o dall'acquazzone' equivale a 'Non che le messi non
soro st3.2 ahliattiite 'I~113fi-nn.lhrcc'~cIC r l r r i i non \ci.o ,t.irc .ibbat.
ture d ~ l l ' o c ~ u v 7 a n ef:' .anche poss~bileclic celi ab:,il ri,:to quecta fur~ i . iprrdcfiriirc i ron<liliunali filoniani "
Secondo un passo, gi citato, di Cicerone, Crisippo partecip, con
Diodoto e Filone, alla famosa controversia sui condizionali, e 1s fraseologia implica che egli avesse idee proprie differenti da ambedue le concezioni megariche. Sappiamo anche da Diogene Laenio che Crisippo
scrisse contro Filone sui significati e sui modi di ragionamento."'Si
quindi tentati di supporreche Crisippo sia stato l'autore della terza dottrina menzionata da Sesto: la dottrina che la negazione delconseguente
incompatibile con l'antecedente in qualsiasi condizionale valido. DiGcilmente Crisippo pu aver sostenuto la quarta concezione, almeno
con il corollario dato da Sesto, poich si suppone che egli abbia usato
condizionali ripetitivi in alcuni suoi ragionamenti. I n suffragio di questa congettura possiamo citare passi di Sesto"' e d i DiogeneZ"i quali
sembrano implicare che gli stoici postulassero l'incompatibilit tra l'antecedente e la negazione del conseguente in un condizionale. D'altra
parte, Sesto afferma che essi adottarono la definizione filoniana.'" Possiamo forsc trarne la conclusione chein certi momenti gli stoici abbiano
difeso la definizione filoniana: in altri, la definizione piu stretta in riferimento all'incompatibilit.
In una rassegna delle variet di proposizioni, Galeno dice che I'asserto disgiuntivo 'O giorno, o notte' equivale a 'Se non giorno,
notte'.'" L'esempio ed il contesto fanno pensare che Galeno attinga a
fonti stoiche, ma, cosi com', la sua asserzione non prevede quell'oppo.
sizione completa dei disgiunti che, come sappiamo, era usualmente so.
stenuta dagli stoici. Forse l'espressione di Galeno irrigorosa, ed egli
intende dire che I'asserto disgiuntivo equivalente al bicondirionale
'Non giorno se, e solo se, notte'. Infatti. l'asserzione di tale equivalenza sarebbe invero in armonia con la dottrina stoica della disgiunzio-

..

i1
,

Il sistema stoico degli schemi d'inferenza

i93

ne, purch s'intenda che il condizionale comunichi una connessione ne.


ceriaria. Carne vedremo, "' tuttavia ragione di credete che gli stoici
non fossero molto interessati alla riduzione del numero d d e costanti

logiche.
D'altra parte, risulta che Crisippo e i suoi seguaci s'interessavano
sl calmlo del numero di proposizioni complesse costruibili a partire
da un dato numero di proposizioni semplici. Secondo Plutarco, Crisippo afferm che, a pattire da dieci proposizioni semplici, si poteva fare
pifi d'un milione di congiunzioni ( ~ u ~ n h o x ama
i ) ,tutti i matematici gli
rrano contro, ed uno di essi, Ipparco, sostenne che, mentre l'afferma/ione dava t o j oqg proposizioni congiuntive ( w p x z n L c ( w i v a ) . la nepazione ne dava j r a 952."' E di5cile dare qualche senso sodisfacente
a questo passo, ma esso almeno mostra che, in quel tempo, v'era qualche interessp per I'ars co>nbinatoria.
Degli schemi d'inferenza validi, per Crisippo sono basilari cinque.
Sumcrose fonti antiche"' li novetano sotto il nome di modi indimo.
srrabili (drvandlrrxra~rp6nor). Essi sono:

Se il primo, allora il secondo; ma il primo; dunque, il secondo.


Se il .Primo.. allora il recondo; nia noi* il recondo; dunque, non il
primo.
3. Non: e il Primo, e il secondo; ma il primo; dungue:non il se.
condo.
4. O il p r i m i o il recondo; ma ilprirno; dunque. non ilsecorido.
5. O il primo, o il secorido; ma non il recondo; dunque, il primo.
I.

I
i

2.

Cmne si vede, in ognuno di questi modi un ragionamento deve aver i due premere. Secondo Ciirippo ed i suoi seguaci piii vicini. ci6 era
~ssenaialeper la sorta di tagionamento pi6 semplice. Quando Antipa.
[io. che fu a capo della scuola tra il i 5 9 ed il 130 a. C,, riconobbe l'inferenza a partire da un'unica premessa (povoX.i1ppa~o<nrqop&l, il suo
USO fu considerato un'innorazione."' Inoltre, delle due premesse richieste per un ragionamento in uno dei modi indimostrabili di Crisippo.
una deve essere complessa. Questa premessa era usualmente esposta
per prima in un'erposizione formale, ed era chiamata la premessa dominante (iiyeuov~xbvlijpprr). Presumibilmente, essa aveva il posto d'onore poich determinava il carattere distintivo di tutto il ragionamenro. Di contro, la seconda premessa era chiamata l'assunzione addizio
'*I

ZLUTAIITO

D l iloic

'" Ad e..r;rro. Pirih


"' risro. AI"

rcpl<l".. ioilC

h i i i l1

motb .VILI. 111.

t>;

rr

iA J i

nuih.

\,l11

1;>4

'94

1 megarici egli stoici

naie ( ~ t p b u I ? b ~ ~I n) . un'applicazione
'~
particolare d'un modo indirno.
strabile, indubbiamente la seconda premessa poteva avere una certa
complessit interna; ma una sua eventuale complessit (che non fosse
il possesso d'un segno di negazione) era irrilevante per la natura del
ragionamento.
Poich distinguevano i ragionamenti secondo le forme delle loro
premesse dominanti, gli stoici non poterono non trattare i ragionamenti ove intervenissero tutti i differenti generi di proposizioni complesse
da loro riconosciuti. Ma non facile comprendere perch essi supponessero che la loro lista di cinque modi indimostrabili fosse a un tempo
esaustiva ed irriducibile. I n primo luogo, la lista non contiene alcun
modo per un ragionamento con una premessa dominante congiuntiva.
Probabilmente la ragione di questa omissione fu che un tale modo, se
esistesse, non richiederebbe una seconda premessa. Nelia terminologia
stoica. esso avrebbe la forma 'E il primo, e il secondo; dunque, il primo', e CNsippo, come abbiamo visto, non pensava che tale StNtnira
linguistica potesse propriamente esprimere un'inferenza. D'altra parte, egli riconobbe un modo speciale per i ragionamenti con premesse
dominanti della forma 'Non: e il primo, e il secondo', quantunque, a
prima vista, la distinzione tra questo modo ed il modo dirgiuntivo che
lo segue nella lista di Crisippo sembri meramente verbale. Come abbiamo suggerito altrove, forse Crisippo ha considerato 'Non: C il primo,
e il secondo' una forma speciale d'una premcssa complessa perch non
ammetteva un'interpretazione vero-funzionale per ' O il primo, o il s e
condo'. Se fu cosi, certamente egli aveva bisogno d'un modo speciaie
per i ragionamenti ove non risultassero sodisfatti i requisiti della disgiunzione quale era da lui intesa. Ma quel bisogno non tanto manifesta da essere stato riconosciuto da tutti i logici che respingono l'interpretazione vero-funzionale della disgiunzione, e noi possiamo legittimamente domandarci che cosa abbia attirato la sua attenzione su ci.
Alla domandn non si pu rispondere che considerando il fine che Crisippo si prefiggeva quando compil la sua lista. Inoltre. strano che
egli abbia considerato necessario trattare separatamente i ragionamenpoteva
ti conizionali ed i ragionamenti disgiuntivi. Infatti, non
sfuggire che 'o' poteva definirsi in temini di 'se' e 'non', o 'se' in termini di 'o' e 'non' f a meno che egli sostenesse che, di questi connettivi,
uno dovesse intendersi nell'interpretazione vero.funzionale e gli altri
no, il che molta improbabile). Anche qui sembra che, per spiegare la
I*

0ia;EhT UWi4

VII. 76.

Il sistema rtoim dcgli $chemid'inferenza

'91

lista dei modi indimostrabili, noi dobbiamo considerare per quali usi
Crisippo la compil.
Senza dubbio, Ctisippo intendeva anzitutto fornire una lista dei
modi che sono richiesti per il ragionamento ordinario nella storia e nella scienza, ossia per il ragionamentoche parteda premesse del primo ordine che non sono a loto volta verit della logica. Ma, quando chiama
indirnostrabili
i suoi cinoue modi. Crisippo sembra avesse in mente un
~- -..~
altro progetto: costruire un sistema deduttivo entro il quale numerosissimi modi dimostrabili si potessero derivare da poche configu~azioni
nrimitive. A aiudicare dalle osservazioni di autori antichi come Cicero.
1~------~
ne"' e dai t i t d i delle opere attribuitegli da Diogene Laerrio,"' Crisippo
elabor, a partite dai suoi cinque modi indimostrabili, un gran numero
di teoremi, o modi derivati. Talvolta, nella tarda antichit questi modi
derivati furono chiamati, piuttosto oscuramente, indimostrabili nonsemplici, ma, secondo Sesto Empirico, nell'opera di Crisippo kvudS r ~ x ~ ohas il significato di 'autoevidente'."' Crisippo esegui il proprio
programma in stile tigorosamente formale, dimostrando anche teoremi che ogni altro avrebbe considerato pacifici. Quando, nel secolo XIX,
lo storico della loeica Prantl parl del bliidrinriiger Formalirmus deglis&ici, egli n o n faceva cheriecheggiare le vecchie critiche dei seguaci d'Aristotele. Alessandro, ad esempio. dice in vari luoghi che gli
stoici si preoccupavano troppo della forma e che essi, nell'analisi dei
ragionamenti, spingevano il rigore altre la misura in cui esso era utile
per la vita quotidiana.'" E Galeno si duole che essi abbiano atteso piU
nll'espressione (AL&) che alle cose."' Ai logici moderni, che dalla matematica hanno appreso l'importanza della forma e del rigore, queste
critiche possono sembrare elogl; ma nella tarda antichit, quando la
teologia e la retorica godevano di P ~stima
J che la matematica, queste
critiche furono purtroppo di tanto danno che le opere di Crisippo sono
tutte scomparse. Di tutti i teoremi da lui dimostrati, sinora solo sei sono stati scoperti nclle opere d'altri autori antichi: quattro negli scritti
di Sesto Empirico; uno nel Commentario rugli Analytica priora, di AIcssindro; uno nel Conrro Celro, di Origene. Di questi sei teoremi, due
(entrambi negli scritti di Sesto) sono accompagnati da dimostrazioni

:r

194.96.
Adv 'rn#,h.. V111 1 2 ) . .rs..p. 11 tcrminc L m mrdiasc indcmonstruliila nel latino di
Dr ~ b i l o r o ~ briiionrb.
ir
277.
A L E ~ S A ~ ~I n
~ OArirrairl,i
,
iln. p,. lib I Comnicn!~riiim. ni. wrrrsr. C.I.A.G. 11 li).

.u,iirkio.

281.

"> I",,iiu,iologira,

cd. wrsnrisoi,p i r .

Il >irtema stoico degli schemi drnfercnna


particolareggiate, e due altri sono tanto semplici che facile costruire
per essi analoghe dimostrazioni, ma gli altri due, che sono di gran lun.
g3 i piU interessanti, non possano dimostrarsi mediante i procedimenti dei quali abbiamo esempi, ed un problema affascinante scoprire
che cos'altro noi dobbiamo assumere nel metodo di dimostrazione in.
trodotto da Ctisippo.
Oltre i fatti gi menzionati in questo capitolo, la sola testimonianza
che
rilevante si trova in alcuni antichi riferimenti ai thmoto (%fucrral
,
---erano usati dagli stoici neu'analisi dei ragionamenti complicati. Se la
ricostruzione che suggetircnio sar sodisfacente, essa non solo fornir
dimostrazioni deeli Seressanti tcatemi summenzionari. ma ci consen~~tiri anche d'inserire la nostra frammentaria descrizione dei thmata in
uno schema coerente, insieme con le altre informazioni frammentarie,
rendendo cosi intellieibili dei oarticolari che altrimenti nattebbero ath.r:lri R r f irzlltric'il rifcriiziintu, tutii i tcorrnt rl:an~oesprcssinclla fraie.,locii j:.,:j;d ceeli s:oici e nuncrdti consec~iii.~rr.entr
dopo
eli indimostrabili per indicare che essi teoremi hanno lo stesso carattere
generale che gli indimostrabili. I teoremi non documentati in una fonte antica saranno contrassegnati con un asterisco.
Naturalmente, cominceremo con i teoremi conservati da Serto Empirico con le loro dimostrazioni.
6. Se il primo. allora, se il primo, allora il secondo; ma il primo;

dunque, il secondo."'

Qui le due Drernesse danno 'Se il orimo.. allora il secondo' in conformit all'indimostrabile I . E questo, insieme con la seconda premessa, d
'Il secondo', ancora in conformit all'indimostrabile I .
7 . Se il primo e il secondo, allora i1 terzo; ,fa no,, il terzo; d'eltra

parte il primo; dunque, tion il secondo.'"


Qui le prime due premesse dnno 'Non: e il primo, e il secondo'in conformit all'indimostrabile 2. E questo, insieme con la terza premessa.
d 'Non il secondo', in conformit all'indimostrabile j.
Si vedr che ognuno di questi teoremi dimostrato in due passi. Nel
primo csso. i due passi sono dello stesso gencre; ncl secondo, di gcnere
differente. Ma, come osserva Sesta, ambedue le dimostrazioni illustrano un principia tradizionale per l'analisi dei ragionamenti, e precisamente:

'"

Ad" milth. VI11 23-33.


l b i d . VI11 131-36

rg7

Ounndo abbinrno oremerse che compoitano uno certa conclusione.


obbiamo anche eotenziolmrnte la~onrli~sio>ie
che erse involgono,
la coriclurione implicita in esse, quontunqae rio porribile che lo
condusione non sin espl~c~tamenteformulala
1, l1111 t c r r [li, c l > i h c t u i v o nlcu7c dcllc pr<i. <,\ied'un r3p.onam~n.
~ i i i i i p u r m n aP L ~~ s ~ 3r sua
v volta q-=le pienicrsa per i: rJ;i:,iiai.~.ni:,iilte;.orc Sin <&iI.JIIU ci1111 1 o . .\la ntl p r ~ ~ c d ~tun11.
c qtieste
,~
iioitrar.<?ni $,'i.<]>di,isriiii ?iJtrosto sirnno ci!: \ ~ r i ' i l ncl:erc s h g
storici di,lli lopica. si: antichi. sia rnu.br~ii.
fio
QII.nJoci ~r:iyi.imo 3 derivare un rr.xlo di rngiun~nicr.:~
da liti,
, 11 .I proponiimc di ii:ostrJrc c l i k . ii.rti i5s2r1: gencr311 JcI r:<o.wln or.I ,.L. icto:no nll'impl.cpnz~ ,:piinon i11 issetti pih rcmpl.ci dcllu \.cwo
8r.ltne. InIatti. dire chc un muJo C v.3!1~11e u u t ~ ~ aal ed:re chc ii~alr~:.<i
insieme di proposizioni, chc presenti certe determinate forme. Comporta una pro~osizionela quale presenta una certa altra forma correlata
in maniera daerminata. Ora noi possiamo, se vogliamo, dealla
livare asserti d'implicanza da altri asserti d'implicanza direttamente,
;illidandoci a principi quale la transitivit dell'implicanza. Ma Crisippo
procede altrimenti. Egli tenti di derivare i modi complicati dai modi
bcinplici mediante ragionamenti entro i modi semplici stessi, e, a questo fine. tratta es~ressioniouale'Se il ~ r i r n oe il secondo, nllora il terzo'
-:ii.e <e foiiero'dclle pTeiesse, q.lliitc.iqiie. a rigsr d: termiri, c<\e
i. s : ~ i i ud 4 3 t t o ~ c g : i a ~ < ~ma
r t i~oluco:iGurazioiii
,
per orcerti. Qu3n.
~ d i c e ' S e i p:imueiI
l
wronAsi, allora il terzo. manui: il t?l70: & ~ n q ~ e ,
l o n e il primo, e :l ircunctu', in re3lr3 e:i fa un3 ~ p ~ r(l:
i c'leduzione
'it.iri~con r>rcmc,.c i:oaric<e. Non ciir il suo rrctoJ., si^ Ini.~l:do,al
contrario, eiso un metodo valido che usato una volta o l'altra da
ogni insegnante di logica. Ma esso efficace solo perch ci mette in una
situazione nella quale possiamo dire che qualsiasi genuina insieme di
premesse di certe forme comporterebbe una conclusione d'una certi
altra forma. Come l'uso di esempl in logica, quel metodo una tecnica
per aiutare gli uomini a fare induzioni inmitive intorno au'impiicanza.
Probabilmente. Crisippo lo adott come metodo ufficiale poich lo interessava l'applicazione pratica della logica e riteneva che derivare un
modo complesso fosse essenzialmente lo stessa cosa che persuadere un
dubbioso ad accettate una conclusione stabilita in quel modo mediante
premesse vere.
E ara facile trovare le dimostrazioni per due altri teoremi attribuiti
i Crisippo.

.,i

rg8

I1 rirterna sroico degli schemid'inferema

I mrgirici e gli rtoici

8. Se il primo, alloro il prima; ma il primo; dunque,


. il .primo.'

Qui la conclusione segue direttamente dalle prcmcsse in conformit alI'indimostrabile I . Come disse Alessandro, questa teorema una mera
banalit; ma vedremo piu avanti che forse Ctisippo aveva una buona
ragione d'includerlo nelle sue opere.

~~

9 . O il primo, o il secondo, o il rerzo; n10 no>!il primo; e non il ,e-

condo; dunque, il terzo."'


Qci. s q x n r o simbra. lr ~ 3 1 3 '11
1 ~SCCJD;O,O 11 1~122'd~vclnoconsidcrar<: cliiosv r i i plrvnrrsi nclli prcnci\i <Iir[,iuriiiva: i i i f a . ~ ~
allotd,
,
la
ioriliiriurc p:;) O : I C > C :ir.cd:dn!e
~~
2ue app:icari:ini dc:l'tndimo~tinbiIc j Sc q(icst2 proccdimewo corretto, la disgiun:isnc pco ripcreni
;d I>.j,iiix,p:iicli In curclu,ione p ~ isemp:e
'
dimoainrri nicdi~iitcpiu
3 3 p l l c ~ z i ~LIIi IO rrisjo :nditroatnbilc Cri,.j-p.i ,.C>,> ,c:iilirs abbia
d ~ , t r ;I.c
o 11 pr<,pri>ril,;:,>naxen:o il parure da una j:sd:cnzione con tre
rrcinbri sid L S J t 0 J a un cane .l qcale. ?er\.enUto ad un q7idrivio.dopo
aver annusato l'inizio di due delle tre nuove vie, rendal la teria via senza piu annusare, poich sa che la selvaggina no; pu non esser li.
Applicando i procedimenti da noi descritti, si possono dimostrare
molti altri teoremi, compresi &uni di grande complessit, ma non quei
teoremi che piU sono interessanti tra i pochi che sono conservati. Questi teoremi di Crisippo sono due: 'Se il primo, allora il secondo; e, se il
primo, allora non il secondo; dunque, non il primo' e 'Se i1 primo, allora il primo; se non il primo, allora il primo; ma o il primo, o non il primo: dunque, il primo'. Infatti, dei due teoremi nessuno contiene il materiale richiesto per l'applicazione d'un indimoatrabile. Sc, dunque, vogliamo ripetere l'impresa di Crisippo, dobbiamo guardarci attorno e
tentare d'intcgrare quel poco di cui disponiamo attingendo a fonti deUe
quali sappiamo che erano a lui accessibili. E , poich nulla attesta che i
primi stoici abbiano introdotto altre configurazioni d'inferenza basilari
che i cinque indimostrabili, naturale considcrarc se vi siano verit logicamente necessarie che Cririppo possa avere usato come premesse
su~nlcmcntari.Infatti. truisrni di ciuesta sorta Dossono invocarsi per
co~:tpcusar: una c,tccnz~,li ccvig.tr:vioni ~1'1nf:'.cr7a: C .C (:risip;> li
ii<i,rori.\arrl>h .Fiiiiiifirr.i., <:i: t.li r.on li niswioni s;>:irl.3mrntr tra
Ic prc:n:sse d'~l:uii> dei inJ. di Jcr.\iti d3 lu: J i m ~ ~ i r n m<
r i diinic essi.

199

ooich cib che logicamente vero non dovrebbe trattarsi come se fosse
;in'asrunziane
somalc suscettibile di falsit.
-~~
I n questo cintesto interessante notare che, a quanto si riferisce,
rli stoici dissero che l'introduzione di materiale superfluo tra le preinesse d'un raeionamento era un vizio di ranionameito. Ma ci m i essi
pensavano erasolo il dirc 'Egiorno e ione passeggia' quando basterebbe dire ' 8 giorno'."E pifi tardi gli stoici stessi hirono accusati d'in
quale
trodurre comdicazioni innecessarieI ~ o i c h davano
. .premessa l'asj ~ r . con<li,iAnale
~.
'Se eio:no, v.2 luce' iiwece di orgoment3re d i r ~ i i z ii.ciiii iIill.in:cc:Jentc al censcgiici.ic, mediante i1 rao:onamcriro 't
.iorno: 2iinque, r'i. li.rr'.' Dul>l>ianoquinh amnrrtrrc che rion vi sono reriirrun:ati,c rliinrc sopra ~ l che
b gli sto.ci ;>cn\ni,anasu!l'uso dei
ir~ia:iiilodiri come premesse, x 3 sapp~ao~ucI.c
si ~ i . n t . i e \ , a ng~r ~ n 2 c
iiiuurisn,a 31 ~ r i n c i ~ t o i et-el r z o c , : I ~ r o ~ . c lforma'O
l~
il primo.^ non
il primo', ed (facile'vedere come essi possano averlo usGo per dimostrare due importanti teoremi.
*IO. O il
primo.
primo, o non il primo, ma il primo; dunque, no,, non il
Qui la conclusione segue direttamente dalle premesse in virt6 deii'indimostrabileq.
*.I I.

O il prrmo, o non il primo; ma non non il primo; dunque, il


primo.

Qui la conclusione segue direttamente dalle premesse in virt6 dell'indi-

nostrab bile 5 .

Presi insieme, questi due teoremi ci permettono di asserire I'equivalenza tra qualsiasi proposizione e la negazione della sua negazione,
p~rchaccettirmoil tiuismo D il primo, o non il p ~ m o ' N,
. si dovreh.
he notare che il teorema 1 0 dipende dall'uso di 'o' in senso esclusivo.
Proprio perch gli rtoici pi6 antichi insistevano su questa interpreta~ i o n cil, principio 'O il primo, o non il primo' poteva assolvete l'officio
chi comunemente i logici assegnano "1principio di non-contirdiiione.
Inoltre, noi possiamo trovare qui una ragione del fatto che Crisippo
"
"1

szsm, P,rrh. h,> [I. 14,. Ad" ""h. VI11 I , . +,P.


rcsm, ~ ~ bni ~ b11.
:
~ d rnYib.
u
VIII.i r a $5.

iiP'sr.:

loo

I megarici c gli stoici

Il riitcrna rtaico&gli acherni d'inferenza

abbia voluta includere nella sua lista gli indimostrabili 4 e 5 cori co.
me I e 2. Se li neesse omessi, con i metodi da lui riconosciuti egli non
avrebbe potuto ottenere le due regole della doppia negazione. Naturalmente, egli avrebbe potuto aggiungere queste due regole come con6gurazioni d'inferenza indipendenti; ma ci sarebbe stato contrario allasua
dottrina, per la quale ogni conligurazione d'inferenza semplice deve
involgere due premesse. Comunque sia, v' un passo di Diogene Laerzio il quale documcnta che gli stoici discussero il doppio negativo, o
super-negativo (Srrpaxcpa~ixbv),
come loro lo chiamavano, e formularono le regole appropriate.'"'
Vi sono altre verith logicamente necessarie che Crisippo avrebbe
potuto usare come premesse supplementari? Secondo Ga1eno"'ed Alessandro,'" gli stoici avevano quattro thmoto (Sil*a~a)
da usare nell'analisi dei ragionamenti complessi. Di essi, sono stati conservati solo il primo ed il terzo, ma da questi si pu intuire quale fosse la teoria cui essi
appartenevano. I1 primo thma il principio assunto da Aristotele nella sua riduzione indiretta dei sillogismi;

Se due proposizioni ne comportano una terza, allora iina di quelle


due insieme con la negazione dello terra comporlo io riegorione
deila proponzione ri,nnnenre "'
I1 terzo ihima L. il principio:

conc~usioneoriginaria."

- . .

posizione che era stato tramandato nella scuola peripatetica. Il principio menzionato da Sesto Empirico nella sua descrizione del teorema 6
forse il secondo tbmn Ad ogni modo una cosa sembra chiara: a differenza del principio del terzo escluso. thnido furono concepiti non
come premesse supplementari da inserire nei ragionamenti in uno dei

201

modi indimostrabili, n>a piuttosto come regole del secondo ordine che
reggevano i procedimenti seguiti da Crisippo nella sua derivazione dei
modi complicati. Ncl Intino di Apuleio, Sipa tradotto con conrtiluiio
vel ewpoiiium, termine che suona come una frase dell'amministrazione
imperialc romana; forse, il miglior equivalente italiano 'principio-guida' o 'direttiva'.
Ma come pu dirsi che il primo rhma esprima un principio-guida
del metodo seguito da Crisippo? Sembra che egli debba avere avuto un
procedimento che gli consentiva di passare da un modo con lo schema
'Il primo; e il secondo; dunque, il terzo' ad un modo con lo
scliema gencriie '11 primo; ma non il terzo; dunquc, non il secondo'. E
per fortuna il teorema 7, conservato con la sua dimostrazione da Sesto
Empirico, niostra come fare ci. Secondo quel teorema, noi possiamo
scrnpre ragionare secondo Iaconfigurnrione'Se il primo e il secondo, allora il terzo, ma non il tcrzo; d'altra parte il primo; dunque, non il secondo'. Ora supponiamo che, applicando questo modo, In premessa
condizionale si sia ottenuta mediante l'espediente di esprimere il principio d'un modo valido in un asscrta condizionale: manifestamente, la
premessa condizionale pu omettersi sen7a alcun effetto sulla validit
del nuovo rsgionnmento. Iiifntti, essa C una verit Iogicamcnte necessaiia, e non un'assunzione suscettibile di falsitj. Ma questa scrnplificazio.
ne ci lascia con un modo che correlato alla fonte della premessa condizionals nel modo descritto dal primo rhi>iio.Sciiibra dunquc molto probabile che in tali contesti Crisippo si sia permesso d'usare premesse
supplementari che erano state derivate da modi gi accettati mediante
il principio di oondiziooilimrione~
Se davvero egli argoment cosi quando costrui le dimostrazioni in
conformit al primo thmo, nulla esclude che egli abbia seguito lo stessa procedimento ogni volta che esso gli fosse utile per dimostrare modi
complicati mediante ragionamenti inquadrati nei modi indimostrabili.
ed possibile che questo fosse il ncciolo del qusrto thnra. B indubbio
che il principio di condizionalizzazione era noto agli stoici, ed il suo uso
(nel tiiado da noi descritta spiegherebbe lo speciale interesse che gli
stoici avevano per proposizioni complesse dclla forma 'Non: e il primo,
c il secondo'. Infatti, l'asserto condirionalc, carrispondente ad un mo-

'12.

Il sihterna stoico degli schemi d'inferenza


14. Se

( a ) Se a , allora non

I).

Non p.
( d )Se (se a , allora P) e a , allora p.
( e ) Non [(se a , allora p ) e m].
(1) Non (se a , allora P).
(C)

1
l

Premessa
Premessa

Non non a .
( d S e ( s e a , allora P) e non p, allora non a .
( e ) Non [(se a, allora p ) e non p].
(1) Non (se a, allora p).

( 4( b ) ,2

( 6 )Non p.

2,

cond.

( d ) ( C ) ,2
( e ) ( b ) ,3

Premessa
P.
Premessa
16) Se a , allora non p.
12, cond.
(C) Se (se a, allora non p) e a ,
allora non (se a, allora P).
( a ) , 10
i d ) Non non (se a , allora p).
(C) (d). 2
i c ) Non [(se a , allora non p) e al.
i)) Nona.
(e1 ( b ) , 3
*IT. Sed primo, allora il secondo; re non il primo, allora il secondo;
dunque, ii secondo.
Premessa
( a ) Se a , allora P.
Premessa
( 6 )Se non a , allora p.
(0 Se (se non a , allora P ) e non P,
13, cond.
allora non (se a , allora P).
( a ) , 10
( d )Non non (se a , allora '3).
(
C )(dl, 2
t e ) Non [(se non a, allora P ) e non 81.
( e )(b),3
( f ) Nonnonp.

(11, 11

Nessun autore antico menziona i teoremi 12e 13,ma il teorema 14,


che noi abbiamo appena dimostrato per c~ndizionali~zazione
del teorema I 2 , uno dei due teoremi stoici dei quali prima non eravamo in grado di trovaci una dimos~razione.La sua sopravvivenza presenta speciale interesse per noi, poich esso la configurazione della reductio ad
dbrurdum usata dagli eleati e dai loro successoti megarici. Manifestamente gli stoici lo tenevano in grande stima; infatti, gli autori antichi lo
menzionano pifi volte sitto il nome speciale di 'il teorema con due
premesse complesse' (sb Fr 660 rponrufiv StWp~pa).'~ lecito supporre che gli stoici possedessero anche il teorema 15, poich questo pudimostrarsi mediante pasil analoghi; ma sinora non lo si trovato come
regola derivata in alcund delle nostre fonti per la logica stoica. ed improbabile che esso fosse famoso: se infatti lo fosse stato, il nome speciale'teorema con due p~messecomplesse'nonsarebbe spettato al teorema i+.'*

( d i ( C ) ,2
( e ) ( b ) ,3

p.

( a ) Se non a , allora

la,

allora non il seco~do;

(SI P.

Premessa
Premessa
(al (61, 1
I , cond.

*13. Se non il pnnlo, allora il secondo; nra non il recando; dunque.


norr: .re il prinfo. allora il secondo.

il primo, 01l0,~il secondo; ,e il &o,


dunque, non il primo.

( a ) Se a , allora

.Te il primo, allora non il secondo, Irta il primo; dunque, non:


xe il primo, allora rl secondo.

( b ) a.

(C)

I rnegarici e gli stoici

201

do con due premesse, ha una congiunzione nel suo antecedente, e quando esso introdotto perch serva da premessa dominante in un ragiona.
mento in conformit all'indimostrabile 2, la conclusione di questo passo inevitsbilmente la negazione d'una congiunzione. Se esso deve usarsi come premessa dominante per un altro ragionamento, essenziale che
tra ali indimostrabili sia incluso un modo come 3.
Consideriamo ora alcuni teoremi che mostrano almeno ci che Cri.
sippo avrebbe potuto realizzare con questo metodo. Poich le dimostrazioni sono pi6 complicate di quelle da noi considerate sinora, converr
esporle in tavole, con alcune abbreviazioni. Useremo le lettere greche
a e P, cosi come forse fece Crisippo stesso, in luogo di 'il primo' e, rispettivamente, 'il secondo'. Le note alla fine delle righe indicano i'articolazione del ragionamento. Cosi, ' ( a ) (61, I ' significa che ci che precede attenibile a partire da ( a )e ( b )mediante il modo I ; ' I , cond.'significa che ci6 che precede una condizionalitrarione del modo I . Per
semplicit, assumiamo che i riferimenti ai teoremi 10 e I I sisno sufficicnti a giustihcate l'introduzione e l'eliminazione dei doppi negativi,
ma, se si pensa che Crisippo avrebbe trovato a ridire su questa mane
vra, poich essa assomiglia all'inferenza a partire da un'unica premessa,
le dimostrazioni dei teoremi 14 e 15 possono amplificarsi mediante citazioni del principio del terzo escluso in forma adeguata.

Per sostituzione di 'il primo' a 'il secondo' nei teoremi 14e I>, pos.
sono ottenersi questi due teoremi:
'16. Se d primo, allora il prii>io; re il primo, allora noir il primo;
dunque, non il primo.
17. Se il primu, allora il primo; re noi: il primo, rilloro il primo;

dunque, il primo.
Ma Crisippo scmbra abbia ottenuto qiiesri due teoremi per la via piii
lunga, cio scnza usare lcinini ove ricorresse 'il secondo'. Infarti, se
avesse adottato quel procedimento nella dimostrazione del teorema 16,
egli avrebbe dovuto diniostrnre un modo prcliminarc simile al teorema 12,cioC 'Se il primo, allora non il primo; ma il primo; dunque, non:
se il primo, allora il primo', al quale scopo avrebbe avuto bisogno d'una condiiioiialiioazioiie di quel teorema 8 clic i peripatetici irrisero come unn onna hanalitu.
Parr forse strano che il teorema 17sia stato conservato da Serto in
iina versione che include il principio 'O il primo, o non il primo'.'" Infatti, sc la nostra ricostroziane della logica stoica carrctta, quel principio solo una prcmessa supplemenrare clie pu omettersi scnza che il
rigore venga meno. Da cib che Sesto scrive quando menziona per la
prinia volta qucl tcorcma, sembra tuttavia chc alcuni stoici non meglio
spccilicati piustificassero qucl tcorcma mcdiante un ragionamento che
in pratica equivale all'assunzionc del nostro teorema 12,ed i- facile vedere clie chiunque desideri ragionare in questo modo senza ritornare ai
cinque indimostrabili di Crisippo possa trovare naturale introdurre la
preiiicssa disgiuntiva. Cosi ~Iristotele,quando nel Protrcpticus us la
conligurazione dcl tcorcma 1 7 , disse esplicitamcntc '0dobbiamo iilosofore, o non dobbiamo filosofare'. Nondimeno, nella sua seconda menzione del teorema. Scsto dice clic alciini
rroici
in
nrPnwii.
. .~.
-.ereno .
.. r e s i t i r.."--pari pcrch la loro formulazione appariva ridondante. E nr avevano
ben ragione. infa~ti,quando esamininmo attentamente questo teorema,
noi troviamo che esso I I O nrhiede
~
alcntia prernerra ordinarin. Se omettidmo 'O il primo, o non il primo', possiamo parimenti omettcre 'Se il
primo, allora il primo', nel qual caso restiamo con 'Sc non il primo,
allora il primo'
qualc
sola Drcrncssa. Ccrtarncnte aussr.~nrpmcssa
cosi
.
.
r - - ~
-~
com', non un truicmo, ;per quelli ragione essa essenziale al ragianamcnto in un modo in cui non lo sono le altrs due premesse. Ma in
realti essa una configurazione per le proposizioni, c non una propoii~~

''' Ad?, t>irrh. VI11

2Sr

P( c

292

96.

-.

Lione; ed facile vedere che una proposizione genuina di questa forma


non si pu mai asserire se non come la condizionalizznzione di quakhe
tmolicanza. Il teorema equivale dunque a questo: ogni proposizione
chi comportata dalla prkpria negaziine ;era. Considerato come un
mododi ragionamento, esso un espedienre per stabilire le proposizioini necessariamenre vere. ossia le proposizioni che seguono da assunzio.. , -Agli ,toi:i tUtt.I$lIA.I: .corcn.1il 17 srrli:a inte:essa,\i. ~irccipuimr:i.C per l'uso :Jtycrr. 1 ',l13 c o n f ~ t i r i o n<c : c i i qi-ettiii Al-une grncr~ri:~.
n, 1 . r i m Platone avctm ucq.o un2 v<.r<!oned-l tc.ircna i 6 Te: 13 confu.
.~:iuiii J<,Iccl~tivirmo..~i.,~n<lo
Lece dire a Eiicraie clic I., rror.i dclla
:.:.ti rir<iPostad l IJrois,:or~non ~ o t ~ : . .non
i erscre i i k l poich ru1:il a propria contr~dittoiia!" Analogamente, gli stoici argamenwrono, contro lo scetticismo del loro tempo, che una dimostrazione
non poteva non esservi.
il tentativo di dirnostrarc che non vi
fosse alcuna dimostrazione mostrava appunto che una dimostrazione
"'era.'" Dei paralleli a questo ragionamento degli stoici si rintracciano
In varie oDere di sant'Agostino."' e, quantunque manchino testimon : i i i / , ~ ilccir:i.c. L IIIUII<> p:oblbi:c che 11 loto S C O P ~ . T Udcl I C ~ I C
1 7~ ~
.!ibi~ .i\,iito qii~lzheinrlucn,.i 5.1 :\go,tinu, C ittrai.erso lui, ;io f i s cirtei !.l,, c intcrers~riterut.iro clie turtl <p:aii opposi-o:. Jc'!i>~c:tri
ri,i:i<i c>r,:erano 3 P:CI-.II;C.~C
che :1 pr":ws ,ione che li intrrrisa scdul
<'.i11.1
propr..~contr~ditt~ii:i.
in rca!ti. l i ~>ro~osizior.s
i. v r r i t c ~ bolo
t~
l
rt.orrc9::z (!'t8># /~,n:.zi!~o
211!~1.i!trc!.1
riw ~ o ~ ~ i r a . i , : ,E,c~:~pi
~r~.i
<li rneionsmcnto che corrisoondano esattamente allo schema stoico. tuttavia, non mancano. ~ell'antichit, questa configurazione di ragionamento fu usata dai matematici Euclide"'e Teodosio"'; nel Rinascimen[a. essa ebbe una reviviscenza sotto il nome di conrequen/ia mrrabilis.
I'cdremo in un altro capitala che essa ispir un notevole sviluppo della marematica.
Secondo numerosi passi di autori antichi, gli stoici credevano che
la loro lista dci cinque indimostrabili fosse completa nel senso che contenesse turto ci che richiesto per il ragionamento. Ad esempio, in un
pnsso si dicc che, sccondo Crisippo, ogni ragionamento costruito a
partire da essi,"' e in un altro p a s o si dice che tutti gli altri ragionamen-

--

'

"'
:
l
'

ienno.

i,.*

srrini, Pwrh h>p

hd

C<.,

Dr

riilrle

tlcinri,,i. IX

.Dcr,
I l 186.
XI

r Ad"
26.

.i

'" Sphanicu. I i > .


' * noimiri u r a Z i o . V l 1

79.

n!srih, V I I I .

I R r . 466

1 megsrici egli stoici

i06

Il sistema sioim degli schemi d'inferenza

ti si considerano validati in riferimento ad essi.'" Manifestamente, gli


stoici pretendevano la completezza, ma sembri molto improbabile che
qualche membro di quella scuola abbia inai dato una deiiniziane precisa
deUa coinpletezza o abbia considerato come potesse provarsi che quella
propriet appartenesse ad un sistema di regole di deduzione come il lo.
ro. Si pu mostrare che il sistema stoico, quale abbiamo presentato no;
(ossia, con il principio d'analisi menzionato da Sesto come secondo th6.
ma, e il principio di condizionalizzazione come quarto Ihmo), siacompleto nel senso moderno rispetto aUa congiunzione e alla negazione.'"
Ma, pcr conseguire questo risultato, necessario ammettere surrettiziamente ragionamenti che partono da un'unica premessa, ossia rqionamenti che, come abbiamo visto, erano esplicitamente esclusi da Crisip
po; e, ad ogni modo, il risultato non molto importante se, come abbiamo detto, i primi stoici non pensavano che gli asserti condizionali e
gli asserti disgiuntivi fossero definibili in riferimento a congiunzioni e
negazioni.
Sia la nostra ricostruzione corretta o no nei particolari, chiaro che
gli stoici avevano un elaboratissimo corpus di dottrine logiche. Ed 2
anche chiaro che ad alcuni aristotelici, come Alessandro, le dottrine logiche degli stoici sembravano ostili a quelle del loro maestro. Ma d a cilrnente ci6 fu perch gli stoici negavano la validit della sillogistica
aristotelica. Infatti, nella dotrrina positiva degli stoici nulla v' che
possa averli indotti a rigettare i modi &Aristotele e nulla attesta che
essi li abbiano rigettati. La testimonianza di ~ a l c n ek di Alessandro'"
fa piuttosto pensare che gli stoici rivendicassero contro i peripatetici la
priorit della propria dialettica indicando l'uso non riconosciuto che
dci principi di essa Aristotclc fece in certe parti della sua sillogistica(ad
esempio, nella teoria della riduzione). Qual in realt la relazione tra
i due sistemi?
I n un altro paragrafo attirammo l'attenzione sul fatto che, nella 10gica stoica, le variabili indicavano lacune da riempire con segni proposizionali. E questa la chiave per comprendere I'opera stoica. Mentre
Aristotele aveva concentrato l'attenzione sopra inferenze che involgono
relazioni tra termini generali, gli stoici tentarono di trattare inferenze
che dipendessero solo dalle nozioni espresse' dai connettivi negli asser-

'" rrrm. Pynh


li'

'"

h y p . 11. 136.~7,r66 67. 19.1.


%rciia.OD ci, . p . 46.
i"'iiroiia lolirr. id. x*LanL<ra,. p
aL=r*vo~o..1 A r i l l r l i ~T o ~ r i o r u nI8bio< orto C o n ~ i n c n l ~ed.
~ ~ ru, ~ r r i r r C.1.A
,

OSI*~

I I ( T T I , P218

G.

207

ti complessi. Come not per primo tukasiewin,"' questo l'inizio di


ci che oggi chiamiamo calcolo delle proposizioni, cio della parte pifi
fondamentale della logica, indispensabile per elaborare sistematicamente il calcolo delle funzioni proposizionali o dei termini generali. Purtroppo, la scoperta di questo fatto ha di recente condotto a vari tentativi d'esprimere nel simbolismo moderno i teoremi stoici. Tali tentativi
sono forvianti per due ragioni: in primo luogo, perch essi fanno falsamente pensare che gli stoici accettassero un'interpretazione verofunzionale di tutti i connettivi proposizionali; in secondo luogo, perch
essi oscurano il carattere peculiare del ragionamento mediante il q~iale
Crisippo deriv dai suoi indimostrabili i modi di ragionamento complessi Ma l'intenzione buona, ed giusto rcndere agli stoici l'onore
di un'importante scoperta sulla struttura della logica.
La logica delle proposizioni, studiata dagli stoici, pid fondamentale che la logica dei termini generali, studiata da Aristotele, non nel senso che quella includa qiiests. ma piuttosto nel senso che questa presuppone quella. Talvolta, la speciale importanza della logica delle proposizioni stoica fu messa in rilievo chiamando quella logica teoria della de.
ilurione."' Ma meglio chiamarla logica primaria, poich essa deve stare
nll'inizio d'ogni sviluppo sistematico. Coai facendo, possiamo riservare
il nomc 'logica generale' a quello studio nel quale trattiamo non solo le
nozioni di negazione, congiunzione, disgiunzione, etc.. ma anche le no.
iioni di generalit espresse da 'ogni' e 'qualche'. Cosi definita, la logica
generale include la logica primaria, o non-generale. e non pu svilupparsi senza essa, mentre la logica primaria pu presentarsi come teoria
indipendente. Entro questo schema, la sillogistica d'Aristotele si colloca
come un frammento della logica generale ove i teoremi della logica primaria sono assunti senza formulazione esplicita, mentre la dialettica di
Crisippo appare la prima versione della logica primaria.

l
l

Dopo che la logica stoica era stata formulata da Crisippo, per alcuni
\ecoli troviamo discussioni sui meriti del sistema di Crisippo e di quello
ili Aiisrotclc, poi assistiamo a una graduale fusione ( o forse dovremmo
diic confusione) che fu portata a compimento alla fine dell'et classica
<lall'operd di Boezio. Quando, dopo i secoli oscuri, lo studio della looicn fu ripreso, gli scritti di Boezio erano malto meglio conosciuti di
~ u c i l di
i Aristotele e lasua fama altrrttanto grande. Cosi, parte delconikibiito stoica rimase in quella che chiamiamo logica tradizionale, anche se pih terdi indebolito da un risveglio d'interesse per lo stagirita,
~ I i cporr talvolta a una specie di purismo aristotelico. In questa sezione noi cercheremo di tracciare il processo di trnsniissione del saperc logico dnll'antichit8 greca al medioevo, dando i nomi e le date dove ci
,eiiibreranno utili. Ma non tenteremo neppure di esaminare nei particolari i filosofi anche famosi di questo lungo periodo, poich il nostro
~ o p t.o soltanto quella di dare una prospettiva alle nostre vedute sulI'.~ntichit:ie il medioevo.
Durante i due ultimi secoli a. C. e il orimo secolo d. C. le scuole 6105oTiclic in Atene vissero l'una accanto all'altra, contendendosigli allievi
con dotrrine che seguivano piG o meno fedelmente quelle dei loro fondatori: m i eli stoici e eli eoicurei erano i oiG influenti. L'Accademia di
~lnran'eclivent ben Gesto una scuola di Scetticismo, con Csrneade co,ne membro pi& Lamoso, e l'influsso di Aristotele non era molto forte.
Se possiamo giudicare dagli scritti di Cicerone, la scuola stoica era
qiiclla dominonre n1 suo tempo. Senza dubbio in essa dovevano esservi
irati degli sviluppi dali'epoca di Crisippo, ma oggi non & possibile distinguerli dnll'opern personale d i Crisippo, non essendo la tradizione
m i c a abbastanza completa. Pi6 t ~ r d iautori
,
come Galeno, Alessandro
e Boerio parleranno sempre degli stoici o 'moderni' (oi Y I ~ S E P O L ) in g e ~
nerale, senza preoccuparsi di distinguere gli individui.

Logica rnniana e logica meiliocrilc

211

Cicerone non dicde alcun contributo originale allo sviluppo della l a


gica, n i i i suoi scritti conservano informazioni frammentarie sulla dottrina stoica, e in qucsro come in altri campi della filosofia egli rese un
utile servizio inventando gli equivalenti latini dei termini tecnici greci.
Propnritio, ad esempio. fu inrrodotra da lui, anche se non proprio con
IO stesso senso che ebbe poi cornuncmcnte ncl latino posreriote. Nella
sua terminologia, difatti, significa la prcmessa dominante di un tagio.
namento (-rb fiya~rovrabv ).i)jr~*a),ed usata in cantrapposilione ad aii t t ~ ~ i p t iche
o , indica la premessa addizionale (4 npbv~.q+i~I.'Questo
speciale senso si rirruocri pi6 tardi negli scritti logici attribuiti ad Apuleio cd a Marriano Ctipclla, ma gii prima della fine del I secolo d.C.
il tci-niinc fu iisiito cial retore Qriintiliano ncl senso piU generale di
'asserto' o 'cniinciato in<Iicativo', che mantenne poi per tutto il medioevo.
I l tcrmine ciccroniano indicante una condusiane. nel passo summeniionato, coii?plcxio, ii quale significa letteralmente 'un contessere', ma interessante notnrc che la stessa parola compare altrove nei
testo col senso di 'dilenimn': 'Complcsio cst in qua, utrum concesseris. reprehendiiur ad hunc modum: Si i>trp~.obiis
eri, cur uteris? Siprobiis, crtr occrurii?" Senza dubbio questo tipo di ragionamento era molto in uso fra i retori ellenistici, da cui Cicerone traeva il suo materiale. e pii essere stato coltivato da essi pi6 che dni logici stoici, che per
priiiii studiarono i ragionamenti condizionali e disgiunrivi. Il 'teorema
con due premesse cornplcssc', che abbianio veduto studiando il sistema di Crisippo, naturalmente un caso speciale di quel tipo di ragionamento chiamato dai logici posteriori dilemma costruttivo semplice
(cio nella terniinolopia stoica 'Se il primo, allora il terzo; se il secondo,
allora il teno; ma o il primo, o il secondo; dunque. in ogni caso il terzo'), e il paradosso del coccodrillo e del bambino, che Luciano attribuisce a Crisippo,' involge un ragionamento di configurazione simile. Non
possono quindi esservi dubbi che gli stoici avessero familiariti con questo sviluppo della loro dottrina. Per Crisippo, d'altro canto, ~ t ti iragionamenti buoni sono GrXiipprrsa nel senso originario di 'r.igionamenti con due prcmesse'; n vi prova dell'uso della parola F~Xijppasovnel
senso moderno di 'dilemma' prima del 11 secolo d. C,, quando appare
nell'opera del retore Ermogciie con una spieganione simile a quella data

: D1I b , J ,

;i:rriioi2<.
4,.
vitrriini ,i,,<,,".

I.>, ar.
12.

da Cicerone Der la arol la corn~lexio.vale a dire riferendola a due doi . 1 ~ 1 . . LUI 516 eg~:Irn~ntc
~I;L~COriipondcre'
1'12 Ic cperc hlosofich:. di C~cer<,nc
v i i i i ~iroti~icllo
i
:ntito!.iro l o . ,. i l <~uJie'bjcur irafli:\v :oi>,iJrr.v.ilc sill'iniepr.amenta della lo
' , . I . :sxn<lc pr~iidciiiznict.[>~lidt<.nel: I tardi inticbiii, q u ~ n d o 10.
!~
~ , t o e, r sttct-3mt~te
~
uni:3 31:3 rcturr:, Il
:L;,, :m ~ ?;rl(
I . i i s i .l ctli:ra d'cssctc un ii,i~.tiii~:~tu
dei l cop>rJ di Atirrorele ad uso
<li un amico di nome Trcbazio, ma non vi si trovano che esigue traccc di diretta derivazione aristotelica. Esso concepito come manuale
Ipcr l'ammaestramento dell'oratore romano, e contiene perci illustra/ioni attinte alla giurispmdenza romana. I l piano dell'opera deriva proii.abilmente dn qualche manuale ellenistico; infatti. i rdpoi ivi discussi
\uno menzionati neUo stesso ordine nel Dc orntore,' come se fossero
Inochi comuni dell'cooca. Alcuni to'aoi.. dice Cicerone. sono intrinse' i icn:c LU:IIIC,,~ 211'~pget~o
Le113 disccssionc I,*> PO i p r o j ~qt.0 ngtitir
; : t , r e o ~come
.
ad eseripio qiielli ri;i:.,rJln~i la dcfir171one.il ~ C I I I ~ S .
I , ipccic (11. nella tcrminolcpia c:rr:onl.iii.i. I? lormd 2irierts , n'enrrc
.I.ii sono int:odutti d~ii'esterno[ic>,,r>:z.,>:t,r
+x/r:arecsr).:"ne nd
ecenpio rlijrllo che inv<i',:c iin iipvcllii ~II'~ittor.i.'('on alcure elabo

dinlettica concentrarono la loro attenzione sulle questioni riguardanti


1.1 validit del ragionamento, trasnirando il problema del reperimento
dei ragionamenti, comunemente studiato sotto il titolo di 'topoi'; e
v16 innanzi dice che le reeole d'inferenzn date dai dialettici non sono
~icccrsarieal tipo di istruzione che a lui interessa. Ci nondimeno, elenC:Ialcune di tali resole. affermando che sono sufficientialla derivazione
d'innumerei~olialtre, e questa la parte pill interessante dell'opera.'
Dopo aver spiegato i cinque indimostrabili nell'ordinc usuale, ma
<enzn menzionare Crisippo, Cicerone proscgue: 'Deinde addunt coniulictionum negantiam sic: Non e! hoc et illud; hoc nritem; non igitur
~~111d.
IIic modus est seitus. Septimus autem: Non et hoc et illi<& non
.iJifrtnhor; illltd igiiur.' Dove il sesto non che una riformula~ionedel
icrzo, mentre il settimo non chiaramente valido casi com'. Possiamo
torse supporre che Cicerone si sia ctinfuso. dato che il soggetto non di
quelli in cui ci si aspetta che brilli maggiormente, e che i suoi esempi

zri

Lopica romana c logica medioe\,ale

sull'uso del terzo indimostrabile ci fanno pcnsare che non l'avesse per.
fettamente compreso; tuttavia, la fraseologia del brano mostra chiara.
mente che egli stava seguendo dei manuali in cui si davano alla di&.
t r a setrc rc.23:~b ~ i dell'.niercmn.
e
ne nirc.iroproise indipendenti pr
d~rro,tr;rcchc t i c doirrir.;iti :L.rrictc ne.la t3ra antlchlti. hl3rzianl0
('..p. Ir. :hc .iri,rr :I vi<.i>:>zr.. ?ll'lr~/i<i
<IrIv i .culo <I C'. uszndo !a
terminologia stoica di prrmum e iecundum (che non si trova in quel
punto nel testo di Cicerone), e l'autore dello scolio Sopra tutte le forme
dr:illogii~no,'probabilmente composto nel v i secolo d. C.. iiportonoin.
fatti entrambi sette tipi di sillogismo ipotetico. Inoltre. entrambi questi
autori dnno un elenco che concorda con qtrcllo di Ciccrone per la primo, seconda, quarta, quinta e sesta rcgola, ed entrambi espongono la
settima in modo chiaramente difettoso. Marziano Capella commette
nella sua formula lo stesso errore di Cicerone, mentre lo scoliaste s'interrompe senza presentare uno schema completo d'inferenza. ma entrambi dicono abbastanza nel commento per indicare che la settima regola era qualcosn di siniile alla quinta. Nel testo dello scolio chiamata
sapafi~rLruy~iivc~,
o quasi disgiuntiva. D'altro canto, sia lo scoliaste sia
Marziano Capclh dnno una terza regola un poco differente dalla sesta,
e quindi diversa anche dalla terza di Cicerone. Nel latino di hlarziano
Capella, la terza regola ha la forma ssruente: 'Non et orimum et non
secundum; primi~m-autem;igitur et s e k d u m . ' ~a nel freco dello scoliaste la terza rcgola chiamata xapauuvq~qrivo:. o quasi.condizionale,
e risulta essere quel dilemma costruttivo semplice che abbiamo provato
come tcorema nel nostro tentativo di ricostruire parte del sistema di
Crisippo.
Questi fatti suggeriscono che gi prima del tempo di Cicerone qualche filosofo. prohabilmcnte membro della scuola stoica, aveva presentato un insieme di sette regole base dci sillogismi ipotetici (diversi da
quellidi tipo totalmente ipotetico stu<liatidaTeofrasto)eche taleelenco contenetu j cinque indimostrabili di Crisippo come prima, seconda,
quarta, quinta esestavoce, ma con in piu al terzo e al settimo postodue
nuove regole, abbastanza simili alla terra di Crisiooo. ora oresentata
,
ccr. i! ,iimern \ei, , l i po.ci c.'crc confii.c con
m i t irr~viaa i b l >riir7.t2ijsin~l~
i?: m ~ x m r ed'esiere n.en,ionate ierlr>.nnen.r Inoltre
possiamo supporre che le prime tre regole fo5sero tutte in senso lato regole d'infetenza condizionale, e le ultime quattro tutte in senso la-

I
I
I

.. .

: Dc ,,~#n,,,r P h ~ l o ! , ~ ~.sl?rf:,r,c,
,~~
TV.
?<

A ~ T ~ I O Y1"~ A~ZI!O,LI,J
~ ,

P~>~?I",,o,D, > k

A,,

D,

lrh I r , > n . r n ~ . z ~ ~ r > cd


, ~ ~ :W
,

V L ~
3,

C 1A G

1V (vrl,

Da Cicerone a Boezio

zrj

regole d'inferenza disgiuntiva. Infatti, ognuna delle nostre tre fon(i dice quakosa che implica una divisione di questo tipo. Forse lo schcma oririnario delle sette repole aveva la seguente forma:
....

(2)ic

Se il primo, uilorn il secondo; ma il primo; dunque, il secondo.


i/ primo, allora iL,ecoedo; md nin il secondo; dunque, aon
il prinio.
( 3 ) Non: il primo e non il secondo; muil primo; dunque, il xecondo.
(4) O il primo, o il secondo; ma il primo; dunque, non il secondo.
(>
O ii1 primo, o il rcco>~do;
ma non il pri~no;dunque, il secondo.
( 6 ) Non. il prima e ilsecondo; msil primo; dunque, uon il secondo.
( 7 )Non: non il prin~oe non il secondo; rno non il primo; dunque,
il recondo.
Q,,i la 13) presa direttamente da Marziano Capella, mentre la ( 7 ) dif(C)

fcriscc dalla sua ( e da quella di Cicerone) soltanto per I'intraduzione


iIi diic negativi che
facilmente essere stati omessi da un
cupista. Dai manoscritti, infatti, risulta chiaro che qualche amanuense
.<i-eisdificolt a porre i negativi anche nella ( x ) , bench in quel caso
1.3 spiegazione precedente di Marziano Capella fosse abbastanza chiara
cln non lasciare dubbi sulla lezione corretta.
Se la nostra congettura esatta, il logico che compil lo schema oriein3rio delle sctte regole aveva probabilmente intenzione di mostrare,
con le regole (3), ( 6 ) C (7). tutto ci che si poteva fare con le due noi o n i di coneiunzione e negazione. Come abbiamo veduto, c' motivo
: sr:,icrc cze Crisippu inrkiidL:\c i i-reiini grs:i p.r re c.1 c in c ? <?nii t < ~ r i che
e si pu ~n.ilirra-C
\oltnnto ri*valenduiid: parole m c d ~ lcu.
i
11.
nc;c\<nrio8 od .imi>ossib~le'.C :l:e riuerta fu htrcc ,172 delle ragioni
lpcr ciii egli stimava carretto considera.re anche premesse della forma
'Non: il primo e il seconda'. Una volta riconosciuta la distinzione fra
conncttivi forti Imodalil e deboli (non-modali). era naturale vedere
t o . . ~ 1mo:hile f i r e qu.il:o\a di ( v i , e che cosa, con I >O!I conne:.
> .Icboli. C opycn:o .Iiii.iin \ci:i:>r~r5wr :'idea che s1.1d ciro loschem . I ~ t osopra Ccsi, ' 8 prer7csja d,mnieixc 2vIIa rcgo!a I 3 ' ? n ~,Tctti
I I ~ I..e~J.,iun>lcJk,liilecctre quello tra:i~to<InFllsne di hleg.ir~,i.-<.n.
i f e l i i>r:rncs3 d,ininmte d~113i;) i. : A c<rti,p3ndente(l~*;.un~innc
.I.!> ,l .,<..si. !i iiiri.2nrione il.' v.ilc s,.mi,l.:em.n:c 2;rch; l'tino o l'altro dci termini d&a disgiunzione vcro:Ncl suo cl.&co delle sette rerolc Ciccionc sembra esser stato indotta in errore da una reminiscenza
dcl sistema di Crisippo, ma la deviazione che lo scoliaste fa in quel punto dal sistema relativamente semplice riportato da Marziano CapeUa

216

DaCicrroneaBoezio

Logica romana e logica medioevale

non ou essere s ~ i e e a t acome una svista. Dobbiamo oerci suowirw


---che fa regala pre;e<ata con il nome di aapaauvqp&oc fosse al suo
tempo presa in seria considerazione conle regola basilare al posta della
terzi d l nci r u c ~ c : : ~bench
~,
i l ncmc <emhri piu a?propriato a <:ue.
<r'tililr i k CrliLppo ~roi,viCe3110 sviluppo del suo s.stemn come abbiamo visto nel precedente cnpitolo, nessuna di queste regale
sup~le.
.mentiri era necessaria, perch-tutte potemno essere dcrivatc dai suoi
indimostrabili. Ma in ogni caso chiaro che si deve supporre qualche
tentativo di perfezionare la sua opera.
Dal secolo 11 d.C. ci oervenuto un manualetto che tratta insieme
A

. .

verso il 140 d.C. La reale origine dell'opera ignota, essendo poco


probabile che appartenga davvero al De dogmate Plotonis, di cui forma
la terza parte nel nostro manoscritta di Apuleio. Tuttavia non vi sono
ragioni di dubitare che risalga al secolo 11 d. C,, ed una preziosa fonte
d'informnzioni sulla logica stoica.
Un autore di logica dello stesso secolo e assai meglio conosciuto il
medico Galeno, che visse dal 129 circa al 199.Seconda il catalogo deiie
sue opere, da lui sresso compilato, si occup moltissimo di logica da un
ounto di vista aristotelico. Ma a oatre un trattatello suile fallacie. i'uniso ~ r r l i t nIn*i:c rim.i,toci 1unr [>!trc<i'ir:,oe
://.E , i : z / e t t t i i ? ( E f , a y ~ ~
?izXrx-rxii c,i nier,tiii.sil nel riiu cqtnl~coFii p~hl,!ica:a p-: :a prima volta nel 1844, pochi anni dopo la sua scoperta in un monastera-sul
Monte Athos, e Prantl, che si occupb di storia della logica nella seconda
met del xrx secolo, riteneva che non fosse di Galeno. Oggi per6 la sua
opinione non pih accettata. E in ogni modo l'opera di grande interesse per la storia dclla logica, perch mostra la confluenza deiie due
correnti.
Galeno usa i termini tecnici di entrambe le scuole, a volte con una
spiegazione, a volte senza. &si parla dei modi della prima figura di
Aristotele come di indimostrabili.'E quando commenta i due insiemi di
termini tecnici, suggerisce che non ha importanza quale dei due si usi.
Sulla questione se nell'ordine della natura venga prima il sillogismo categorico o quello ipotetica, nota che Boeto, undicesimo capo della scuola peripatetica dopo Aristotclc, dava la priorit al sillogismo ipotetico.
ma dice di non stimare importante la disputa, perch dobbiamo in ogni

117

ciso impararli entrambi. I l suo pensiero sembra essere che ciascuna looica ha il proprio campo di applicazione. I sillogismi categorici, massimamente della prima rigura, sono necessari per controllare il ragiona,n?nto dci geometri, per esempio i calcoli di Eratostene suila grandezza
della rerra,"mentre i sillogismiipotetici sano necessari per l'indagine di
q ~ ~ e l t i oquali
n i 'Esiste il Fata?', 'Esistono gli Di?', 'Esiste la Prowi,kiiia?'." Distinzione interessante, perch fa pensare che 1ii logica ari.rSitcllcafosse a quel tempo ancora associata alla dimostrazione geometrica, e la logica stoica all'uso della dialettica per chiarire questioni met.~Ische.
Altri punti interessanti dell'opera sono i seguenti.
In primo luogo, troviamo il termine 'ipotetico' fermamente stabilito come nome generico degli asserti complessi, vuoi condizionali, disi~iintivio congiuntivi. Galeno afferma che gli assetti disgiuntivi do.
iehhcro, a rigore, involgere la completa opposizione dei termini della
~li:~iu~iiione,
ma dice che talvoltn si trovano asserti disgiuntivi in cui
I I ~ ~ N Itale
C ~ opposizione, e c'informa che vengono chiamati quasi-disiiintivi (xaya6~r<ruypiva)."
Egli suggerisce anche che un assetto disiiinrivo sia equivalente ad un condizionale con antecedente negativo
iciu clie'P o Q' sia equivalente a 'Se non-P, allora Q')." I n effetti, tale
c~iuii~alenza
valc soltanto se la disaiunzione presa in senso non-separa. i . r l'risa in ,cnro ,r.lur.itli,o, \ ~ r r b j inveci
r
e q u i v ~ l ~ iailtl~congicri~
i .>; li <IIY c<iiidi,ion:.li (?:o> 'Se ncn-P. allora Q' c 'Se P. al:orl non.
'2
Ir. secondo luogo, do?> w c r espo<ir>Ic I i p r c drl sillosiimo LI Ari. ( >:<loe mtirtrcto c3me i r,~;:ui~.iii~riiri
n c l l ~sssonJ.t e rc1l.t trr72 hpup > i . ~ n ?,,ere
o
riconCuiri .,l'i prir~n.Cialero prc,c:u:
<!,cerdo che
'1 . i $ 1 ,.>i>" 1.L: pqssono ewervi lrre tir1re, com. h d~mosrr?.dI elle
:C .\',.r.. rt.!l~ d.rci:ri:,o* (Or3 pci.l::ie,.' Ci* intcrerj.!n.c rrrrh6
"' :r
c o n s IJ t r ~ d i z i x echc itirihiiiii A C;::eno 1~dutiriii* di un?
CIIiarra figura dovesse essere falsa. Resta per il problema di sapere
qi,;,ndo tale dottrina f u introdotta per la prima volta e da chi. LO stuclio~orinacrimentale Zabarelld, all'inizio del suo scritto De quorto iyl!opirtorum figuro, nor ch'era stata attribuita a Galeno dal filosofo
J i ~ b Averro
o
nel suo commento agli Anaiytica priorn I. 8 , di Aristo[c!~,e presunseche Avsrrog I'avesse trovara in qualche opera di Galeno
I",,,:,,,,"ln~,<d.

0.26.

2x8

Da Cicerone a Banio

Ingica romana clogica medioevale

andata perduta nei secoli successivi." Noi oggi sappiamo che questa
suvposizione era errata; e dal modo in cui Galeno dichiara d'aver n m
iai; 'LC 11ci11 j u , x i r u ~ b , ~ . r plti
i i ci, ITC OBUTC,
p o ~ s i ~IUIS:
m ~ c0ic1.I<I<re <I.- q ~ a l l c o. ~<invcvn
~
*li eri, .ii,cr *~.l:eiartu1.3 ilui.>tiuii-primadel
,iio :LT,:>o Tuttavia e c i i r < ~c1.c
o n.>i51 s:,l.~sn.i trarre
c!:fcnsori
di tale dottrina sino alla fine del medioevo
D'altro canto, abbiamo alcune testimonianze esterne intorno all'e
pera di Galeno che spiegano come paresse venirgli accreditata ( o addeNello scolio Soora tutte le
bitata) I'introduzione di una auarta fimira.
"
forme di ~tliogismo,cui ci siamo gi riferiti, le frasi iniziali suonano
cosi:
'Vi sono tre tipi di sillogirmo: quello categorico, quella ipotetico e quello che
involge un assunto addizionale (narrpbvLqh~v).Del categorico vi rono due tipi: quello rcmplicc c quello comporto. Dcl sillogirmo semplice vi sono tre tipi:
la prima, la seconda c la terza 6gura. Del iillogirmo comporto vi rono quattro tipi: la piima,ia semnda,la retzaela quaria figura.Arirratrle diccrhr Ir 6gurcmno
tre perche mnsiders i rillogisnii scmplid costruiti con tre termini. Galena. invece,
nella sua Apodiiirca, dice che le figure rono quattro perch mnridera i sillogisrni
composti costruiti con quatrm termini, avendone trovari molti nei dialoghi di
Platone."'

:Ic

Dalla spiegazione che segue risulta che Galeno numerava le sue figure secondo il seguente schema:
Fipre

del rrllogirmo compado


zn Golrno
I
che combina

I1
111
IV

Ftgure del nllogn,ilo renrplice


rn Aririoieie
I eI

Icl1,o I I e I
I c 111.0 111e I
I I c I I I , a IIIeII.

Si potrebbe naturalmente pensare che ogni sillogismo composto fosse


considerato come un tipo
. di ragionamento in cui la conclusione di un
sillo:isrr~ sLr.plire ~ r i ~ t o t c l i c(contccent:.
o
~III:. ilelle tr<. p:iinctic 2el
~illo~i~ri.~inm
s:r\:i.~
~ ~ . ~d.~ prcmrrri
toi
3 un jczundu sillosisno ,cmplice aristotelico (contenente la terza premessa del siUogisio compo.
sto). hla questa iporesi non si accorda con I'affcrmazione dello scoliaste, secondo il quale lo schema di Galeno non permetteva di combinare

" ~ v & ~ arirorns


ai
rull'nryominia nel riio inmi>icntirio irti An p i . I 1 3 , e rnrnziona di
C*LLXO. ma Y",. IIIIcC,"~
PIIIIIIYIU,
" ~hinrouio,I n rir~r,o!rl<i A i ~r iih i Cnnini~~nuriuni.
cd u ~ r r i r s C
. I AG. 1V (vi).
Pracla<ro. p i i I rui~rir.riczdiicurc sucsro piiro in hz~riiioilr'r8 i i o ~ i l i r 5. 11.

2x9

I l o 111 cun 111. Comc rnotiv~per l'esclusione di rlliccrrhi~ia,,,n,I i\ri>!i~siccitale rcjo!cgcncralidell i ?:llofli<ci~~,scioti<lo
Ic quali nessuna conclusione segue da due premesse negative o particolari.
Questa spiegazione quasi certamente erronea, poich implica che i sillopismi semplici aristotelici, in ognuna delle coppie ruccitate, debbano
...zere cansidcrati come presillogismi adun t e n o e finale sillogismo atiii:l:.o. mentre iin in,;em- d<<ui:tro tcriilini non ci~r.ifestimrntc
,:.i \ i i r i : ~ cmpio pri un, simde struttura. hla noi <lobl>iomopensorc
. I c I., ,citerra di C;a!cnu ricu:iusccsjc dl fntro 5oltrnto le conbtnmiuni
riiciirionate nella tavola precedente, e I'unico modo rimasto6 per dare
tiri rcnso alla relazione dello scoliaste di supporre che Galeno inten,lesse orni silloeismo comvosto come una combinazione dei due sillogiiiiii sciiplici che potevano essere costruiti prendendo la premessa media (cio quella che non contiene n il soggetto, n il predicato della
cunrlusiun-e)orima con la Dremessa minore, c poi con la premessa mag.,.e dell'intcro rjgiu:iiinciiti,, o vicevcrsn pr:ml ccn 11 maggiore, C poi
..ci 13 ininore E quc\to ,in rnu.10 piuttosto strano di anllizz3rc urd s:ic. . , r . ~ n i :~mnloa.i di ra.~.iinincnti. C da n i n riccomnnd~r,~
iill'imira.
.>i<. 'I'ii:ii\.> 2 f ~ c i l wJerecumc
c
11frlin.cnclinr.nro <!i ilsa dd 11attc
.tu ilcl~eklosofo crabo che ebbe 3cccs,u .~li':lpdirrtc~porcsse Care
o~ii?iiiealla tradizione che attribuiva a Galeno l'aeaiunta di una quarta
figura alla teoria sillogistica di Aristotele.
In trrro luopo, alla fine dell'li~troduzioncallo dialettica, Galena
clicvi sono rigLnamenti che nons'adartano n nlloschema aristotelico,
nC s quello stoico: ad esempio, 'Teone ha il doppio di quanto ha Dione. c Filane il doppio d i quanto ha Teone; dunque, Filone ha il quadruplo di quanto ha Dione',oppure 'Sofronisco padre di Socrate; dunque, Socrate figlio d i Sofronisco'." Egli li chiama sillogismi relazionali
iraitr r rrpbg TL) e suggerisce la possibilit di dare principl generali con
cui esaminarne la validit. ma non tenta di realizzare auesro Drogram>ii

v-

generale delle relazioni.


Fra gli autori dell'inizio del III secolo, Sesta Ernpirico ed Alessandro di Afrodiria meritano una speciale menzione, come due delle piu
preziose fonti d'informazione sulla loeica ereca. Essendo uno scettico,

""0-

'' I n l l > u l i i i logiiri,

cd.

ULOFLnIM.

P. 38

220

Logica romoni elogica medioevale

ni ragionamenti delle due scuole, allorch tentava di provare la futilit


di tutte le sistematizzazioni. Alessandro, invece, era un seyace di Ari.
stotele e il migliore dei suoi commentatori antichi, ma anche un critim
acuto ed onesto delle dottrine stoiche, che stimava necessario discuterp
-...in maniera particolareggiati alcune tesi dei suoi avversari. L'importan.
za delle informazioni sull'antichit lasciateci da questi due autori si nu
vedere diille note al precedente capitolo. possi!bile, ma non certo,'die
Sesto abbia esercitato anche un influsso diretto sullo sviluppo della logica mcdiowale, poicli4 la sua operetta Schizzi pirrottioni, che contiene
alcune informazioni sulla logica stoica e su quella megarica, fu tradotta
in latino in un periodo culturalmrnte formativo e pu essere stataletta
da alcuni dei gandi pensatoti, anche sc non elibe mai una larga &.
sionc. L'influsso d'Alessandro di Afrodisia, insecc, certo, ma indiretsii studiosi oorteriori.
to. I suoi commcntari furono una miniera ocr
,
~ e,
~ I C L I d:~ :L S A , , ~ : ~ \ C L , >tnvrr: r <cqk,ry<rol'Oc.<i<l<
nt: ?tt::~tctcoBcczio
ori .iIiri i r r c r i i i <.1!3r' V I C\L.!I~,W %:t~;r>lac~,
2ni;ic \r ncr mn'in ilipor.
t.in:c. il .;UJccn-ninw :Fli ilnil:irr~ ,?rrori, 1 1 8 . di .iri\13tele.
SCIc .olt,il: i11 . l u i ~ . ~ < tl<>
~ csi, rclriir ,ii::c?i.cc
' ~ n rc.liicr
i
pcr tV31C <:lln? mi CI,< x > , . i v >< C T C ! I I ~ :lei
~ C qoattro
~I!
dilersi tipi Quzn.
< ! c i \<)-lilmr>pr ,i.or:
,in, ci,?:lii?i.inr I nii,rrvli iTetmitiv~con due
r t i n i i n i <'?ti, ~loit-i~ i : . i >
~ i . c d c r ~ir., ~ o i i < . ~ l c - i , ~ c;~ritt:ri
ri.
&e coni.
portino il predicato della conclusione proposta, e caratteri che siano
comportali dal soggetto di detta conclusione. Quando vagliamo prov3rc una conclusioiic particolare affermativa, dobbiamo prendete in
considerniione caratteri che coniportino il predicato, e caratteri che
comportino il soggetto.
Quando vozliamo
provare
una conclusione uni-.
~ e r s d knegativa, dobbianio
in considerazione cnrattcri che siano incompatibili con
A
il predicata e caratteri che siano iomportati
dal soggetto, o inversamente caratteri che daAA
n comportati dal predicato e caratteri che
siano incompatibili m n il soggetto. E infine,
quando vogliamo provare una conclusione parm
ticohre neentiva. dobbiamo rendere in mnsi-

r.t\ i ad oRnunoc1c.i \ci ~:nippidi ca:artzrl, e questo suggcri 3.1 Al:sIru !o n qiiilchL $tulioso prcrL<ir.rii:l I'iJc:. di fare <in dirgranima
in cui il Irgimc dcridirxo f r i due gruppi 2. raratieri p~:,

.Il,

.: n-.:xliiia)

iiiJtc.it<i con un ,egm<ritu CI ;. iin:rcr due puiiti ronrriisepnnti


Is I:ticrc di Artitutele ' Il d,ipriimna de,critro d~ Alrsandro non
nostro tebto dc.!li ,i#a ,?pera, mn pcb irciliii:nie e99erc ti.
costruito come si vede a lato. secondo la scritkra di Aristotele, A il
iiredicsto della conclusione, B il gruppo dei caratteri comportati da A,
i..l ..ritypo dei caritreti chr comportino A , A il prnl>po<lcica:attcti in.
,,.n(>,ii'>:li con A , E il jogq~rt~ii!rllnc~ncloione,
e Z , I I , 61:grup?id:i
. ii.it.eri che ji r,l>i,orta?s ad t: nello stesrt, tvoilo in cui i crrittcri oripusti si rapportav~noad A. Abbiamoinserito cinque linee continue per
i cinque casi indicati (due per la prova delle mnclusioni
rappresentare
..
universali negative) ed una linea tratteggiata .per rappresentare
il caso
..
i 1>1,;,',,110~1)in ciii pos<inrroprovare uiia con~luaionepotti:o~iire afirr.
.iiii.i.i 1,s-lire da premesse chc potrcb5eio prc\,nre anchc 1'~111i\cri3.
le affcrmativacoi teimini trasoosti. Ildiapramma, m m ~ l e t odeeli esempi di Alessandro, ricorre nel Commentazo dello srudi'oso cristiano del
\,i secolo Giovanni Filopono,"e si trova non solo nei pi6 antichi manoscritti ereci deeli ~ n a l v l i c aoriora giunti fino a noi.ma anche in uno
&colioad una vecchia t;aduzione lazna degii stessi. Il manoscritto latino contenente lo smlio risale alla seconda met d e l x i ~secolo, ma sia la
ti.iduzione sia lo scolio potrebbero bcnissimo essere opera di Boezio, il
quale visse nel VI secolo.' Nel tardo medioevo questo diagramma (con
.i>comoaonamentodi versi mnemonici oer distinmiere le buone connes,!o:,i h l l e cn:rive, iu 1argdiiien:c usato neii'inr:~namcntu delld ,il!o~i.
.-i;~
:Jivecne iamojo ccmc il ,loci c:rnorum C possibile che anr1.c le
'.crr. rti~nulirioaric. inei n3norc:ir:i rnedioivdi r i:elk prime e3ir.oi I ., 5tamp3 p'r r p i ~ ~ i i riillogismi
c
e 13 loro ridczione ,?r.t itxporrib~le
ii:o di origine antica. Dif t r i i si troi,ano g i i nel suddctto manos:ritro
I.: 1 1 1 s c c ~ l oe in qu;I1: del commcntario di Giovanr.1 Filolinrr>.'
.\l13 fine dcl i:i s : ilo
~ ilobbiima r0:i:e Purfuiu. ncn solo Fer 13 pit.
te che ebbe nella trasmissione del sapere antico, di cui avremo occasio;....re

, ,,I

i.ni,:~
nr

.-

,l,,iioid>r An ni bb. I C ~ m n , ~ ~ i a r ~ rd.


u mw
, r ~ ~ i n C.1.A
r.
G I1 (il,
,l.,,,,n e,',, .I., <, '-n, ,,,r,,
v > , , , , , ct.,c
Y I I I ##I.:.>,,
. ni\i,t.i~iiiii.
I I. . . n < , n m i r < . i r ' i i r n s ' . . .. b , Il
>i:-,
' r r l':cc h.,.
,,, <,.C,<, ..G.., .,.li~J~..",lQ!
kl*l.." \ < , . ' ? , . , . X \ V , #
p>,,,.,u,,t,
>>
- <t. I'",, --I, J \ i \ i " i . i i i i , , , $ 8 . i e . r r i . > o r ' o
i , , iW\>.t.'i"C..i

"

. ..

caratteri considerati per omuno di questi ci; troviamo un membro comune, allora passiaia coitruire un.sillogismo in una delle rre figure.
Per qualche ragione poco c h i ~ r a Aristotele
,
assegnava una lettera di-

r i r r r ~ s o ~ I,,
o.

'

n,>.?\., l,.

>,'i< i .

I>.PP

I,,?
i < \ I.

.,

221

Da Cicerone a Boeiio

Logica romana e logica medioevale

ne di parlare pi6 avanti, quando esamineremo l'opera di Boezio ma an.


che perch l'origine di una falsa interpretazione della dottrinadei ore.
dicahili di Aristotele, che produsse in sguito qualche c o n f u s i o r i - i
parte certi passi delle Categoriac e del De intrrpretotione. la logica
aristotelica concerneva le proposizioni generali. Quando formul la
dottrina dei predicabili, Aristotele tentava di esoorre le differenti rela.
-.ZIO~.! i11 LIII 1.11p r c d ~ c ~ p
t o~ ciare
b con (1.1,oyicttu in un ai,etto gcnc.
:*li.,ci3? U I I 3\ii'llJ r!;u.,rdnfe un &c,:t.s :,tini ,[i.cir Il p r c J i r ~ tdi~.
CC1'3. p3trebbc ~ q i . - r 11~ d:linirio:ic del soee-tio o iinn ratti J i o s a -il
genur, oppure una propriet o un accidente. Noi possiamo stimare queste distinzioni mcno importanti di quanto le ritenesse Aristotele, ma
possiamo almeno comprenderle, rammentando che il filosofo parlava
delle relazioni di un predicato con un altro termine generale. Nella sua
opera intitolata Irogoge (ovvero 1,itrodrrzione: alle Categoriae e alla logica in generale) Porfirio aggiunse la rpecier come uno dci capi di clarsificazione richiedenti I'esplicazione. Sc con questa innovazione si intende che la distinzione dei prcdicabili pub essere usata in relazione a un
soggetto individuale, poco felice, perch niente essenziale od accidentale per un individuo in quanto tale. Qui, comunque, abbiamo l'origine della dottrina medioevale delle quinque voces (specie,genur, differenza, proprieti, accidente).
Nel i v secolo, le Cutegoriae e il De interpretationc di Aristotele e
I'lsagoge di Porfirio furono tradotti in latino da Mario Vittorino, il
retore, che compil anche dei commenti ai Topica e al De inuentione di
Ciceronee scrisse opere originali intitolate De definitionibuse Desyllogismir hypotheticir. Di tutto ci, soltanto il trattato De definirionibur
e il commcnto al De inuentione sono giunti h o a noi. Mario Vittorino
h maestro di san Gerolamo e autoreche influenz sant3Agostino.Inoltre si converti egli stesso al cristianesimo e compose alcuni trattiti teologici. Questi fatti fecero si che fosse accettato in tempi successivi come un'autorit sul sapere antico, e ad essi, pid che all'originalita della
propria dottrina, deve il suo posto nella storia della logica.
Fra le opere attribuite a sant'Agastino, vi sono il saggio Principia
dialecticae e il trnttatello Cotegorrae decrm ex Ariitotele decerptae.
Quest'ultimo un'esposizione della dottrina aristotelica fatta da qualche autore latino seguendo il commento di Temisrio, e merita che se ne
dia notizia soltantoperch il suoinserimento fra le opere del santo mntribui ad assicurare un grande influsso a questa parte della filosofia aristotelica nel primo medioevo, quando le opere del mondo pagano erano
ancora pochissimo conosciute. La prima, invece, sembra davvero opera

223

'4, Agostino, poich contiene un passo in N i l'autore usa il proprio no!ne conle esempio, ma piuttosto insigni6cante, nient'altro che un'inrroduzione aila rcientir bene disputnndi con poche riflessioni sulle pa-

role. i pensieri e le cose, e sulla necessit di evitare l'equivocazione. La


- ~ t r ~ r i ~ piu
t i < !nerca,aiirc
a
,c>iiliri esserc I'uro chc s i s: ( A <:c.IIA p3
..!J ! I < h!%,
Questi rpicgni, .I~ll'<r~scri~zione.
'Quud &si, d:cih:?.
.iI,uin est. ncc tnl:>i.n vcrbcn scd criud in ui.rl><iir.tcll:girur cr in d l i i .ai:rinr;ur \ii;nificat." id pcr:a in c ~ n i i a ~ - ~ o s i z 3i oJ~~ec t i in
~,
i.
I modo rt.c ci (a psnsare chc I'n~iure\:c,ir .entindo di rcqdcrc i .er..n, rrrci ) . r x ~ 6 rr )iii:
. . In 0nr.i ..iwi, i. uii!,r;no che pub 3rcr siinoIato iliogici medioevali a sviluppare ulteriormente per propria conto la
tcoria stoica dei contenuti proposizionali.
Durante il rv secolo la civilt antica era ei in declino, e all'inizio del
:. % c n i nqi:nndo
,
Al;u,iiiio siclsc I4 sua arrivi.., ~ r 3 npdrrc. drll'iiii~crs
.crrinu d'O:ci<lciltc era stato in\nro <1.~i harhlri, Ncllo sicria prrioJo
'.I ir,i.ino C3p~113scrisbe L:suo DC 1,2tii1 P::I.~!og:ir L:, .l!crcunr, 2
trrro libro s'intitolr De ori? d t j ! r ~ , i ~Si
s t r a t r ~d: un nianuilr tci i
I.:ic, scr:r.o in uno siile ,v~rdlil><>nJar.te.
T u t t a v : ~in.crcrsc la nortrd
ricerca ~ e r c h mostra come qualcosa della tradizione stoica fosse ancoI i iivu'r q.ic!l'cpn:a
Nci ve;:i chc iprciio il quario lijru. .Arirrotc.le e
('rl,i?po sino menlionlri ins:err.c r;iiic le marrirne acrur:.i d ~ l l alo
:I. i . c nel corpo del:'opera vi i iin c l o c o di sillcgismi iycterici senza
. '>I..., .lrtiii~io.d.rc:t..mrn.c 3 indirci:umente, da bliiii r.ciciic. poi.li. si si 13 .J,Udei izrmini prin;!r> e r r c u > , l u n ~ccrre vari &.li propohi.i.iii.tIi
In~,!i:c al>lii3moe l i seAuro chc !i Iic: i7 un PIPIO OILJIO Cc1
Tapira di Cicerone.
Boezio l'ultimo filosofo dell'antichith latina da ricordare qui, ma
il piii im~ortanteoer il sua influsso sul medioevo. Di religione cristiani; vissGa dal 470 al 524, ~crissecopiosamentenon solo& logica, ma
anchedi aritmetica, musica e teologia. Per lo piusi accontentava di compilare il materiale tratto da manudi e commentar? greci. ma era quanto
1ir.110 11- Iii,izrrc <ridioso,c pcrc:" lc ,iic opere Civennero r i i ~liiezicso
,'.poc.rodi d t u r a ~ e ~r 'iinrniciche,dopoi
i
s-ro:i oicuri, ienr3iJnnu .l.
r .ustruirc 13 clwl.i io O:ci,lente Le rile r r d w i o n i Iirine delle Citz
corire e del De interpretatiotie erano in effetti gli unici testi di Aristolelegeneralmente accessibili ai filosofidel primo mediocvo. I n sguito a
recenti ricerche, stata avanzata l'ipotesi che anche le traduzioni degli
iliiolyrica priora, dei Toprca e del De rophirtrcir eienchir, attribuitegli

" Pri>ircbmJirlenizrr. I.

Logica ramnna e logica medioevale

214

nella prima edizione a stampa dei suoi scritti, siano effettivamente ape.
ra sua; ma non sembra comunque che abbiano avuto un'ampia diEusio.
ne fino ad un periodo pib tardo." A parte le traduzioni, gli scritti di logica rimastici sono due commentari all'lrogoge di Potfirio (uno basato
sulla traduzione di Mario Vittarino. l'altro suUa propria), un commento aile Categorioe di Aristotele. due redazioni di un commento al De
interpret*tione di Aristotele, un trattato Dc qliogirmo categorico con
una Introdi~ctioad svilogismos cotqoricor, un trattato Dc syllogismo
hypoihrtico, un trattato De divisione, un commento ai Topira di Cicemne ed infine un trattato De diffrrentiir iopicir.
L'operetta Introductio ad syiiogismos cotegoricor interessante
perch contiene quella clie sembra essere la prima notizia della distinzione fra cinque possibili relazioni di termini generali, che notammo
nella discussione sui Topira di Aristotele. Come si vede dal titolo, Boezio, in questo trattatcllo, si occupa dei preliminari alla sillogistica, e
sembra aver triitto il suo materiale principalmente dagli scritti di Aristotele, anche se pu avcr derivato qualcosa da qualche altra compilazione. Circa all'inizio, qiiando spiega la distinzione fra la prcdicazione
conoertibile (reciproce)e quella clie non lo . Boezio dice che imoossibilc pct il termine in pos&ione di soggctto di qualunque proposiz~one
avcre un'applicazionc piG anipia del prcdicato: 'Ut vero id quod subicctum est inaius possit esse praedica& nulla prorsus enuntiotionecontingit: ipsa enim natura prnedicata minoraessenon patitur.'"Ed questa assunzione che port Aristotele a parlare di termini maggiori e minori come si vede negli Atiulytico priora. Ma piu innanzi, quando disciite i risult.iri dcll'inserrionc di scgni negativi davanti ai termini delle
proposizioni, Roczio abbandona taciramente il vecchio, equivoco dogma, e si avvale della seguente classificazione dei predicati:
( I ) qaodde rubiecto nequeat regregari, nt ab homiire rationobilitar;

subiecto quidern recedere queat sed subiecti tioturam


non porsit aequore, ut hoinini grainnioiiciir;

( 5 ) q m d et remper[sabiecto]copuleturneque tamen subiecfurnpor-

rit excedere, ut riribile hon~ini.?


Gli esempi sono tutti aristotelici, ed evidente che tale dassificazione
(11 ispirata da riflessioni sulla dottrina dci predicabili di Aristotele; ma
nueiio non discute la sua origine, e non vi nulla nel testo che indichi
chi Lu il primo a formularla. Tutto quinto possiamo dire che le spiec:ilioni di Baezio e l'uso ripetuto degli stessi cinque esempi mostrano
Lbbastanza chiaramente come egli forse consapevole del principio da
rtsa implicato. Riguardo al quatto caso, per csempio, dice: 'Item propositiio Omriis homo iturur est falsa est, cuiuc sequitur falsitatem Omi.,?>,orr homo no~ziurtur est. Nam divinis substantiis adcst scmper iustitici,cum non sit Iiumanitas.'^
Quando esamina Ic controversie fra aristotelici e stoici, Boezio parrccgin per gli aristotelici. Cosi, nel commento al De inierpretaiione,
zge~mache gli stoici sbagliavano nei loro attacchi aile osservazioni di
:\risiotcle intorno ai futuri contingenti, e sostiene che di una praposiaionc riguardante il futuro e della sua contradittoria nessuna definitaincnte (definite)vera, bcnch sia vera la loro disgiunzione." E piii inn a ~ i ~nella
i.
stessa opera, difendendo l'identificazione aristotclica di
posibilit e contingenza, si sparicntiscc contro gli stoici, i quali affermai-ano che il necessario pu essere considerato possibile.YQuanto alla
rcoria della modalit, si prolessa seguace diTeoLrasto, per il quale aveva
una grande ammirazione," ma nel De ryllogi.smo categorico non tenta
nlcuna elcncazionc di sillogismi modali, n6 aristotelici, n teofrastici.
Lc principali idee del De ryilogi~mohypothrtico sano ancli'esse
tratte da Teofrnsto, mcnrionato all'inizio insieme ad Eudemo, ed anchc
la loro tediosa claboraaione, che a prima vista sembrerebbe opera di
lioezio. ou essere derivata da Porfirio." I1 trattato si occupn principalniente dei sillogismi ipotetici complessi, della forma:

( 2 ) qi~oria

( 3 )quod natnquam sirbiecto voieai conueitire, ut lapis homiiii;


(4) quod conueniens n [ri<biecio]possii abrccdere cuni rit rn~iuse f

Si eri A, esi 8; si est D, ert C; ergo si ert A, eri C.


E riconosce tre figure, simili a quelle attribuite a Tcofrasto da Alessandro di Afrodisia. La distinzione e I'enumerszionc dei modi, di cui Boe-

unioerralius rubiecto, ut iurtitia bomini;


~i~!l..i~rr,oirl~
i,,,,inn

r,rdiciilt. VI. iRirirn di fiiaufis "m.


i YI.L~
~ ~ 11wa.
c ~ PD
c a396.,~,1
~
C h r rrdd,fctso81$ ?t le' C O ~ , J ~ ~ ~ C ~ J ~ ~ ~ ~ C Jde
B.~.:. .S;:I,~
priri.li'is.
,Ilo5
#J iiilui!~,,ia~:iil,,>r,rur, i68n Tuiti i rilcrimcnri prnicolsrcgpisii rimanda
0 0 alle mluniir di ni<.\i,
lairno, V,!.
I'L

~ ~ ~ r a s r r i t r Soir
ro.

InnoIcIz,

Rliolozii

Luv.

.d,>.lI.
:I#>,,
Ibid
I n lrh. DI

Cdl..7,9C,811

'. Ihid . V 1878


'' Ibrd 16rc.
o, <;il brp . l

-'

dr,~zo!;I,<~e~,
'C*,

11 11915).

8x1 ~d rrc.

B>I".

BP. 1 8 1 U.

III.19Sx
niaEz. noirr n Fornhirr.~ R F I ~ I~EC I E Ede P ~ I I O I ~ E I TC I d'hizlui

226

Log~caromrnrc logica medioevale

zio si gloria, fatta esaurendo tutte le variazioni positive e negative


delle varie clausole delle varie premesse, ma mtto ci senza un esempio, e non chiaro come Boezio pensasse che il lettore capisse uno schema quale Si ert A est B . Supponendo che la teoria convenga alle proposizioni condizionali di tutti i ..
ecncri.. le lettere dovrebbero allora ran.
prc.<n:il;. .qr: prol>csir.una!i c 13 p i r u l ~+ I / d:~.lr.bbc i n t c s code
'.,:cnd: ci'' .\:3 pcich~:dr.ri\w d l u n i fonte perpi.ct.ci, qernbra p i i
irr.ili .'>:l: c l ~ ele I< ttcre v ~ J i r oint.sc come dci r r ~ o r c j c n t r ~dit inonii
comuni, quali homo o nnimol, e che est significhi 'esso ', o 'vi '.
Chiare tracce d'influenza stoica si trovano all'inizio del De syllogi.
imo hypothettco, quando Boerio esamina i ragionamenti non totalmente ipotetici (come quello citato sopra). E vi troviamo un esempio quasi
certamente antico quanto quelli megarici:

..

Si dies est, lucet; otqui dies est; lucer igicur."

Ma assai poca probabile che Boczio seguisse un originale stoico quando diceva che il ne~ativodi Si est A. est B era Si est A, non est B," o
quando presentavaiome schema di ragionamento valido: Si ert A, cum
si! B est C; atqui cum sit R non est C; non est igilur A," Se, come pare
probabile, il rum non altro che una variante stilistica di si, abbiamo
nel secondo uassaeeio un errore che consegue naturalmente dall'errore
del primo. Ma q&to meno possibile chFi1 ragionamento del secondo
passaggio sia parso accettabile perch la clausola curn sit B non era
completaniente eguaglista a ri est B. Difatti, se tale clausola viene presa nel senso piu comune di 'poich vi una cosa B', il ragionamento 6
effettivamente valido, anche se piuttosto innaturale.
Nel commento ai Tooica di Cicerone. Boezio mantiene eli indimos!rcl>ili stoici rivrr.ncll'hr g:iiil~.n i i Ic riic oi\rriwin,i S I I ~ C L-~ '"~1 O
qci.lliai d<eIi sch-r'i di rlglcrnmenio elencati d:. Ci:cronc n>n soro di
rri.i<l: ~itiliti.'Ncl rco icjto. :l tsrro riiionlmento i ~ c l u i cira le due
pwme,cc i:iia i r i * c 't.: hij i>!,> >:rp,ci,orrrrus .ziii,>il,iarl che nel cciiie<:o risu:t~irintell.gil~~'r,
~ i i zhc.
a ~ L I'Icr
O
'11 iiii.i ci:u,,~ryyortan.
I L t i r i r u o h vrlrinnlc pict.c?ru similr a c,:s:~J del testo di hIarzi3no
Capelln. h una G r t e di1 suo commento Boezio tenta infatti di ricavare
dalle psrols di Cicerone una regola simile a quella di Capclla, bench abbia difficolth a farla quadrare con gli esempi dell'oratore romano. Qunn-

to alla settima regola, la sua versione e il commento aggiuntovi mostrano che al suo tempo il testo della medesima era gi difettoso, come nel
nianoscritto di Marziano Capella.
Quantunque Boezio sia soprattutto importante come agente di tra~mi<<inne
tra la cultura classica e il medioevo. nel suo trattato sui sillo..
: ni ipotetici i,i i. un r i . n ~ < > ~
pus
h . css:rc rnii<>vo,c :ert~tnentt.dcpno
I ;tti~.~iorir,r~<cniln
u n l y c i i i i l e funtedi nod dei pii i:ilc.rc<<nntisvi
liirpi 11clli l o z i a mcJioevole E ci riirriimu a (:.n <Il.:i: /ione fi3 as
i . 1 1 .t in.l>ion~li<c:ondo il Genere di :.ctrr?i/,6r./>i
i~ivolta" TI rerm:ne
!. :i:iai 8 . ~ u i e ~ i < e > presumi5ilr?.cntc
~!~o
r i i l ~tr;duinnc .li dx.i).)l
aqs~: e rohov8?a, usati rGpettivamentcda Aristatele e dagli stoici nel
icnin di 'seguire da'." Secondo Boezio, la verit di un assetto condi,ionaie uu non involgere alcuna connessione nccesraria, ma esscre solr.iiiro ie>undirm occtd~ns.La qual cosa si nota specialmente negli ssserti condizionali costruiti con cunt invece che con si, ad cscmpio 'Cum
innis calidus sit, coelum rotundum est'.
D'altro canto, vi sono assetti condizionali che involgono una conseqr<entianaturoe, e questi sono a loro volta suddivisi da Boezio nel passo
clic segue:
'll.irum quoque duplen modur crt. unur cum nccerre cri consequi e i ramen
8 1 ) s ~sonseaiienlia non r r r tcrminarum mritimem fit. 31iias vero cum fit Conseiiiirniir
ierminorum'posirionem.Ac priorir quidcm modi euemplum crr, ut ita
~lirimur:Crttn hotno S I Ionimrl
.
<$t.Hacc enim conicqurntir inconcuria veritare
i 5r subnixa,red non idciro nnimal est quia homo err. Non enim idcirm genur est
itui.~r~>ccier
crr. rcd portasse a genere prtncipium ducitur, mzgisque erscnriac rsura CY iinirersiibus trihi potest. tic idrirco rit Iiomo quin animal err. causa enim
y>ecirigenus est. Ar qui dirir Cum homo rii, nninol eii, rectam et necesririam
ronicouentiim facit: ocr terminorum vero aoriiioncrn tilia mnscquentia non DW-

.-:.

i.,

r r p

L..IIT

:l

I J , ~ U< .\J I I > C ~ ~ C P I <I ~J ~. I J C

cctn>in~nm
p~1.1o f a - i l hnc
rnin ronrcq. cn-

7; r.rrn< i:.,rit ob;.,r!iir. i i ~ i i r , <:..>i~c


o
r..>i<<q<it,r.r Hic.

Iilwc i o - s - ~.i i i i i i r ouia


. ::rix it>tcx.iiit c L > . c ~ . L ~
I\rat igirur runr proporitionercerrae atcpe utiler nd demonsrrationem.'
r

ii

eri. ei ,dc.ico nc!i:tici

Nella sua traduione degli AnaI)%icopriora, Baerio usa la locuzione porifio fer,ninorrirx aer sienificare ci che noi cliiameremmo 'posizione
dci termini', vale a' direyordinc in cui essi ricorrono nelle
di
un sillogismo," e pare che i'inrendessc in un senso molto simile, pens ~ n d oche una con>equerztia noturae stabilita per terminomm positio-

premesse

.' D,.',il h," , I 811.

'

$
,;:?,>
;,

6760

rr8

Logicaromana e logicamedioevale

Da Cicerone a Bacrio

nem se, e soltanto se, l'antecedente d la causa, o ragion d'essere, di ~a


che espressa dal conseguente. L'esempio usato per illustrarla ari.
stotelico," ed probabile che egli si avvalga qui del linguaggio della
consequr~ftiasoltanto per riassumere la vecchia dottrina aristotelica
che la vera scienza conoscenza delle cose attraverso le loro cause. Ma
bisogna confessare che l'espressione conrequeifiia per terminorum po.
ritianem piuttosto strana. Forse Boezio aveva in mente I'apparato sii.
logistico degli Analytice porteriora, bench non sia molto pertinente
all'csetnpio dato.
Assetti condizionali asserenti connessioni necessarie, anche se non
sempre per ternrinorum positionem, si possono ottenere, secondo Boezio, dai [ori trattati da Aristotele e Cicerone. Un iocur, per Cicerone,
una seder argurnenti. Formulando il principio in termini generali, il
risultato una maxiina .nroDositio:
.
'Ideo e t univcrrrlcs er manimac proporitioner loii sunr dictac, quoniam ipsae
runt quae continenr crtcrar proparirioncret per eas fit mnseouenr et rara conclu.
-.
L:, .-ic s:riii lo . i i in re zoricri; ccnt.oit .uaniii.u-m, , t i ha; prnpo!ii:onc. 4usc
inr T13Y17.e I~'CI ,i01:11 e::, v. n ~ . I \ C C Y I C Ci x~ ?~ ~ e~
p C O I~K
,?.irnl:rr: m e : : : , C: uno ~ i i i im
. ro:o IXA, i J rst rcd., ar.iiirinr

rimn principilirque piaporitio fidcm ceteris subrninirrranr."'

I U .i ~ ~ ~C~ ?~

~ S C

d ?in.. n a
-'

""

L'interesse che Boezio mostra per i loci ed anche il contenuto della


sua dottrina gli vengono dalla tradizione aristotelica e dall'insegnamento delle scuole di retorica, piuttosto che da qualche eredit stoica. Tuttavia possiamo forse rintracciare un'influenza stoica nel fatto che il termine conrequentia sia usato in modo da comprendere sia la relazione di
una conclusione alle sue premesse, sia la relazione del conseguente ali'antecedente in un asserto condizionale. E vero che Aristotele aveva
usato la forma condizionale d'enunciato per esprimere i suoi principi
del ragionamento sillogirtico, ma sembra averlo fatto senza riflettere
sulla natura degli assetti condizionali. Gli stoici, invece, esplicitamente
eguagliavano la nozione di implicanza con quella della correttezza d'un
asserto condizionale, e tale assunto sembra stare alla base del modo in
cui Boezio parla della conrequentia. B inoltre possibile che quanto dice
della conseque?itiu sccundrdiri>naccideris derivi da qualche reminiscenza
stoica della controversia fra Diodoro e Filone d i Megata, bench rerundrori uccidens abbia un suono aristotelico.
Come abbiamo visto, gli stoici. diversamente dai peripatetici, ponevano la dialettica fra lc principali branche della 6iosofia, ma la tratta.

" a , ~O..I Ir I
'' De dzff.io#., 11, 1 1 8 , ~ .

229

,ano in stretta connessione con la loro teoria del linguaggio, e nella


t.iidn antichit tale studio era comunemente associato alla retorica. Non
deve perci sorprenderci che Boezio parli della logica come se fosse ge,~criilmenteammesso che essa concernesse il linguaggio. Ma, per comprendere le teorie cui la sua opera diede origine nei secali posteriori,
Iiene esaminare a fondo le sue vedute in proposito.
Nel commento alle Categoriae, Boezio scrive che Omnis ari logica
,!<,oratiorie est, al fine di chiarire perch quell'opera sia giustamente
Iprcsa come punto di partenza per lo studio della logica e in generale di
tiitta la filosofia.' La logica concerne i sillogismi; ma i rillogismi sono
riiiuporti di proposizioni, e le proposizioni di segni semplici. Cosl le
tl,ircgoriae, essendo una classificazione delle cose che possono venire
<icnificateda segni semplici, hanno diritto al primo posto nella logica,
e.Dpoichseguono un ordine nella loro considerazionedei generi di cose,
sono un testo prezioso anche per chi poi si volger alla filosofia natur,iie di Aristotele od alla sua filosofia morale. Difatti, trattando dei sen i , inevitabilmente trattiamo in certo modo anche delle cose da essi
significate, per opportuno cominciare dai segni: 'Res enim et rerum
significstio iuncta est, sed principalior erit illa disputati0 quae de seriiionibus est, secundo vero loro illa quae de rerum ratione formatur.'
Tuttavia, quando Boezio affermache la logica ha a che fate con il discor.
so (orotio),non vuol dire che sia partc della grammatica o di ci che oggi
cliinmeremrno filologia. Infatti, dal secondo commento al De interprei.irrone appare chiaro che egli usa il termine oratio per rendere il greco
,.so< e comprende in esso non solo il dire o lo scrivere parole, ma anclie quel discorso che composto di pensieri (intellectus)."
All'inizio del De interpretarione, Aristotele aveva affermato che le
parole scritte sono segni delle parole dette, e queste a loro volta segni
di modificazioni mentali (sahjfiasas i < J i u ~ i i comuni
~)
a tutti gli uomini, perch immagini delle cose. Secondo Boezio, questa tesi era poi
stata sviluppata dai peripatetici in una teoria dei tre generi di discorso:
scritto, parlato, mentale. Come un'nutorit per tale dottrina, egli cita
iti particolare Porfiria; e difatti, nel commento di questi alleCategoriae
(di cui ci rimane un unico manoscritto greco) si trova un riferimento a
quel discorso nell'intelletto (6 iv -cc S~avaig.6yog) che ha luogo anche
quando noi taciamo." Presa in se stessa, la frase di Porfirio potrebbe
anche significare soltanto discorso-in-immagine (vale a dire, quello che

~.

"

1s C#,.h u t , I. 1 6 1
In iib Dr ,n, rd ,hI. ilr,dolci,;

<'Po.Fr..

I. q o j s

C0Lii0"" ?ipoii,i., ed.

BYSIE,

C.1 A G. IV (O.D. 1.1.

230

Logicn romane eiagin medioevale

a volte si chiama pensare-in-greco o pensare-in-italiano,secondo i casi)


ma d i quanto dice Boezio risulta chiaro che il discorso mentale era su&
posto esser lo stesso per uomini di differenti paesi, poich constava di
modificazioni mentali che in ceno modo erano copie delle cose non.
mentali, e quindi segni naturali di quest'ultime. La teoria dell'esistenza
di tali segni pu molto facilmente essere derivata da quello che Atisto.
tcle dice nel De unima, circa la capacit di un'anima intellettiva di ricevere in s forme. Ma ha anche una plausibilit namrale, e in secoli recenti stata mantenuta da molti, che pure irridevano la psicologia di
Aristotele.
Poich scrive in latino, Boezio di salito prende come esempidi segni
parole di questa lingua, ma s q u e Aristotele nell'nsserire che tali semi
m sono significanti soltanto percL connessi
convenzione ai concetti,
i quali sono i segni naturnli:
'Sicut nummu5 quaque non solum aer imprerrum quadam figura est ut nummur vocetur red etiam ut ilrcrius rci sit pretium eadem quoquc modo verba et
nomina non solum vwes sunt srd poritre ad qua'ndarn intellectuum rignifiratim
nrm. Vox cnim quae nihil designar. ur est gargulur. licet ram grammatici figuram
vocir intuente5 nomcn crre contendmr tamen e i m nome" philosophia non putarir
niri rit posira ur dcsignaict aliquam ahmi conccprionem. eaquc modo significare
aliquid rerum parrit.'"
Quando analizza la nozione di convenzione linguistica, egli desume da
Porfirio" (che a sua volta l'aveva probabilmente tratta da qualche predecessore) una distinzione tra nomi di prima imposizione e nomi di seconda imposizione (9Lm;), vale a dire tra nomi che designano entith
extrnlinguistiche e nomi che designano altri nomi: 'Est prima positio
ut nomina rebus imponerentur, secunda vero ut aliis nominibus ipsa
nomina designarentur."' Ma evidentemente pensa che la seconda imposizione sia qualcosa di csratteristico degli scritti dei grammatici; infatti
dice che l'uso di nomi di seconda imposizione cpccialmente connesso
all'esanie delle forme dei nomi di prima imposizione, e prosegue sostenendo (anche qui in accordo con Porfirio) che le Cofrgori~c(che stava
commentando in quel momento) si proponevano di trattare i nomi di
prima imposizione sotto I'aspetto del loro officiodi segni ('de vocibus
res significantibus in eo quod significantes sunt pertractare'). Manifestamente, lo scopo di questa asscrvazione di distinguere la logica, come egli l'intendeva, dalla grammatica.

" In lib D', ziir

rd

irr

. l ialc

rlrindrlii Colraunrx rrpoirno,

l'

m ~ n x t o Iii
.
I n Crr A r i i l ,

l. rrpc

rd 9issa. C.1

A.G I V li). p

17.

La Filosofia della logica di Aristotele sarebbe stata p i i chiara di

, I , l a n t ~sia, se egli si tosse sforzato di esaminare p16 attentamente ci


.Ilc voleva dire sulle parole, e ci che voleva dire sulle cose. Quando,
escmpio, affermaclie 'Il singolo uomo esiste nella specie uomo, e il
<cnere della specie animale' ( d si< iiv8pwaa; iv EISEL@v bxdpy.~~
T@
3~Rib
yfvc;
~ ~6i, ~ 0 L~SOUC
0
i n ~ ~bi <@m),sembra intendere che i sini uomini esemplificano la specie umanit, l'appartenenza come memibru alla quale indicata dall'timo stesso della parola, e similmente il
:iiii,r nnimaliri, l'appartenenza come membro al quale indicata dali'cii~nodella parola. M3 il SUO linguaggio suggerisce ch'egli pensi esi.t., una specie chiamata 'uomo' e un genur chiamato 'animale', e difatti
,prosegue dicendo che uomo e animile si chiamano sostanze seconde
I iii:cpat o h a i i ~ XLyovsa~
a~
O ~ C ~ E L , P ~6
O 2v%pwzegxal
Y
T& <@ov).* Que,to biz~arromodo di parlare fu corrente per tutta la tarda antichit, ed
.ittrauerso gli scritti di Boezio produsse qucll'intricata questione degli
iiiii\~rrsali,su cui si esercitarono le menti dei filosofi del medioevo.
Il passo di Boczio che esercit il maggiore influsso al proposito si
iiiivn all'initio del commento alla sua traduzione dell'lsagoge di Porfi,io. Questi aveva scritto in apcrtura della sua opera:
'Quanta al getiur ed alla spcrie, mi ris concesso di non discutere qui la que\~ii>ncse ge>rirr e
e5irrsno in realti o ii trovino rempliccrncnte e aoltanro nel
?r.lir!ero. e, ncl caso che erirtnno, re essi siano corporci od incorporei, c se siano
~riur~bili
oppure esistano soltanto nelle cose rcnsibili e dipcndcntemcnre da esse.
T.,lc riiidio inf~tti
niolto profondoc ridiiedr un'aliru e piu ampi., indagine.'"

,\la Baezio si senti chiamato a trattare questi problemi in un modo che


ii.rcbbe, pensivi, d i s p o s t ~la ni~iiredeilcrto;; AI rr<to s e r r i iriro.i~ri c iiii.1 ttur>po 1iiid.1 digressluue " (:osi, wcondo 13 i J n 6ott:ini. pii cnii c ~ , . ~ l sussi<rono
i
n;:!c ro..:corDorc; c <o,ili.ii, mi essi >rdriisono indalle cose corporee; difatti una rpecorporei e sepxabili, nel
w r . o un gsnur, una somiglianza che l'intelletto coglie tra i diversi
iiidi\~idui.come ad esern~iola similirrido humai:utis che pu essere

gli universali iian solo sono pensabili separatarone, seiondo il


mcnte dai corpi, ma possono anche esistere separatamente da essi.

Logica romana elogicn medioevale

132

E degno di nota che in questa trattazione sugli universali Boezio


giustamente adoperi humoniias piuttosto che homo come nome di spe.
cie. Ma l'influsso dell'alrro uso, che Boezio segui in molti punti della
sua opera, fu corigrande, che Honio ert rpecies continu ad essere usa.
to come un luogo comune finch ci si servi del latino per discutere di
filosofia. Non perci sorprendente che alcuni filosofi moderni. intolleranti di ogni discorso sugli universali, abbiano tentato di eliminare
I'intiera dottrina come un'illusione creata dall'assunto che i termini gc.
nerali siano significanti allo stesso modo dei nomi propri. Anche qum.
do tenta serianiente di spiegare la differenza, Aristotele, come abbiamo
visto, usa talvolta un linguaggio che favorisce l'equivoco. Nel Dc inte?.
pretatione, ad esempio, scrive: 'Alcune cose sono universali, altre indi.
viduali. Chiamo universale ci che per natura atto a venire predicato
di molte cose, e individuale ci che non lo . Cosi, uomo universale
((iv9pwiiogphi rWv xa96Xov); Callia, individuale."'Se cominciasse con
un riferimento alle parole invece che alle cose, questo passo sarebbe
un'utilc e sodisfacente spirgazionc della differenza sussistente tra la
parola Bvtpwiro5 e la parola KaXXiag, ma presentato come un'esposizione di due generi di cose ( r p & y p a ~ ae)si presta facilmente alPequivoco. Nel suo commento, Boezio tenta di dargli un senso supponendo
che, allo stesso modo in cui, nella sua traduzione latina, la parola homo
pu essere intesa in un linguaggio filosofico come facente funzione della parola humanitas, cori la parola Plato (che egli sostituisce al meno
usato Collior) pu essere intesa come facente funzione della parola Pluto~titur,cio del nome di una qualit che si pub correttamente predicare
di Platone, ma di nient'altro." Non probabile che fosse questa i'idea
di Aristotele, tuttavia si vede facilmente come le sue parole potessero
suggerire tale interprctazione. I n ogni caso, abbiamo qui l'inizio di
un'altra confusione che afflissela teoria degli universali e degli individuali. Invece di cadere nell'assurdit di trattate la parola homo come
se differisse da un nome proprio soltanto perch significa qualcosa di
generale, Boezio imbocc la strada, altrettanto bizzarra, di trattare la
parola Plato come se differisse da un nome comune soltanto perch limitata nella sua applicazione, e in ci fu seguito da alcuni filosofi posteriori.
Nella storia del pensiero occidentale l'opera di Boezio importantissima perch si colloca proprio alla fine dell'antichit classica, prima

'' De inrrrprelorznne. 7 ( ~ 7 . S.I.


1 ~
" 1" I b D? m> cd ,e,.. Il. 461k. Qucsta sirnbrn crxre un%rrminirccnu

stoin

dclln 16ia rmdmi

clie la sua raffinata cultura fosse sopraffatta dal vigore barbarico. Se ci


,i dispone alla mclanconin, possiamo pensare che il tempo che ci separa
Boezio pressapoco eguale a quello che separava il medesimo dalla
,w?lcrradi Troia e dalla distruzione della civilt minoica. Nella stoiia
'&l pensiero greco e delltAsia minore gli scritti dci suoi contemporalici. come Ammonio e l'autore dello scolia Sopru trtfie le forme di rillo:irio, non hanno un'imporrnnza pa~a~onabile.
Infatti, la rielaborazioine dei vecchi temi, cui si dedicarono, fu proseguita in Orienre, per mol.i>iltri ...
crcnli. da un'ininterrotta serie di studiosi. Anche in quella parte
.l.'l'iii:.iC.o I>:,:.ntino i l C t u conqiii>iii~li a r ~ b I'micrrc:,i<,n<
!
non
Jj !;ngJ d c r ~ r q .Infniii, b ~ prcriu
n
ili ir:h~ ,i dic.lero alli studio
4 Il,, ~ ~ I ~ ~ . ~e ~ c~I.,IO
r~ tramii*:
l , ~ ~l'd<-:idcnle
j i c ~ ,r, t.qu:si p1;l llr.

,,

Da Alminoad Abelardo
2.

D a Alcuino ad Abelardo

Quando, alla fine del secolo viri. la cultura cominci a rivivere, i te.
sti usati nello studio della logica erano gli scritti pih facilmente accessibili degli autori latini da noi menzionati nel precedente paragrafo.
Alcuino, che insegn a York verso il 778, c'informa che quella biblioteca conteneva al suo tempo Aristotele, Vittarino e Boezio," ma non
sappiamo con certezza quanto di Aristotele fosse compreso in quella
traduzioiic. Fino al XII secolo le sole opere d'Aristotele generalmente
accessibili in Occidente erano IeCategoriaee il Deii~tcrprelolione.Q u e
ste, con I'Iregoge di Porlirio e i trattoti di Boezio, erano i migliori testi
di srudio, ma senia dubbio dovevano essere completate con matedale
di altre fonti. ed aiichc Marziano Capella rese a quel icinpo qualche servizio. Infatti, i monaci irlandesi, che furono allora i massimi esponenti
della cultura, ne possedcvana delle copic C lo introdussero nelle scuole.
I l primo trattato medioevale di logica fu la Dialedica di Almino.
Presumiliilmente composti per l'uso nel triuirmz (grammatica, dialetticn, retorica), che egli ristabili ponendolo alla base dell'insegnamento
quando divenne maestro nella scuola di palazzo di Carlo Magn0,l'opera
ha la curiosa forma d'un dialogo fra lo stesso Alcuina e l'imperatore, il
quale vi si trova per fare domande, tal quale un bravo bambino di The
Sudrr Family Robi~iron.Alle categorie di Arisrotele (come sono esposte
nelle Cotegoriae dccein pscudo-agostiniane) i- riservati unn quantiti
d'attenzione spropoaionamminte grande, mentre lo spazio lasciato all'esame dei ragionamenti dnovcro esiguo. Non vi sono particolari sui
sillogismi. Per qualche tempo I'opera fu largamente usata nell'insegnamento, ma quando le conoscenie aumentarono fu del tutto dimenticata.
Si ritiene che Giovanni Scato Eriugena, il quale visse da11'8ro circa
a11'877, sia stato il primo filosofo rncdiocvsle ad usare le serie aillogistiche di ragionamento, ma dovette passare molto tempo prima che i'inte-

'35

divenisse generale. Per molti studiosi la logica non era altro che
, ~ n acurioiith, trovata nei resti letterari della Roma cristiana. Comunque, nel secolo x,le traduzioni boeziane delle Cntegorine e del De inierpreratione e I'Iragoge di Porfirio cominciarono a circolare piu largamente, e Gerberto, che dal 972 insegn a Reirns, divenne papa Silveitro I1 e mori nel 1003, pare abbia lavorato anche sui Topico di Ciceione e sugli scritti di Vittorino e Boezio. Altri influenti maestri del
rcinpo furono Abbone di Fleury e Notkero Labeone di San Gallo.
I l nuovo interesse pcr la logica fiori insieme ad una vivace ripresa
,legli studi di grammatica, e non si pu dire che i risultati di questa
iinione siano sempre stati felici. Nella Dloiectica di Garlando Compuiista (cosi chiamato perch aurore di un compuiur, o trattato sul calcolo degli almanacchi), forse composta a Liegi poco prima del 1040. i
ricdicabili erano esaminati sotto I'intestazionc De vocibus incomplerir, e venivano chiamati vocer perch potevano essere predicati nelle
I.>roposizioni."I l lettore potrebbe a rima vista pensare che Garlando
\i rifcrisse ai termini genirs. rpecier, differeniia,proprium ed accidenr,
clle furono sooentec~iiamareleguinqircuoccr, ma la confusione va mallo pih a fondo. Nella parte sugli accidenti, ad esempio, si dice: 'Accirlcns est quod adest et abest praeter subiccti corruptionem ... Quod toiitm est dicere: illa vox appellarur accidens quae consignificar adventir i o modo substantivae izoci."'
che una fonte di tale pasticcio
,ir Aristotele, quando ~ a r l adi uomo come specie e di afiimale come
ci>iia.Infatti Garlando dice in un punto della sua opera: Ista Animo1
~ r geilur
t
de hac sola voce quae est rriimd agir." E pi6 innanzi si pro'irice nella notevole asserzione:
'Videndum est itaquc quod in omni propuririone categorica vera affirmativa
.iiii pinedicsturcr subi~rui
~onsi~nificani
(ut hic. Otnnir bonto r i i on~rnaOaut
>isiiificarunisubiecri canrignificit rignificaro praedicari (ur hic, Specier eii grnus,
iii eri ila.io ti, o ~ ~ ~3ut
z B ~i~nificnrum
I)
subiccti coniignificnr praedicato (ur Spe<.!cr crt d,ittnol. id est ilorno rrr oiiinriil) aut rignifirorum pnedical! consignilicrt
iuhiciio (ur H o r m rii genrrr, id err atitnirl) nur alrerum rignificst alterum, id est
pr.icdicrius rubiccrum lur hic, Anirirol est g e i i i i ~ ve1
) subiectur pr*i.dicatum (ur in
,esse

'

'

l
I

ihir Genur est

oni,n<ili."'

Qui c o ~ ~ ~vuoi
i dire
~ ~'significa
~ i ~ la~stessa
t cosa', specier viene apparentemente preso come un nome per la parola hotno, e gcnur Come
iin nome per la pnroh otiimal.
l

.: D,dc<!~ca.ed, L
"

[*,I.

.i

llsrd, C.,'L

PP

" Ibrd , P

' O '1.

I,

>t

ne RTJX, Asstn

,979, P 3

236

D i Ncuino ad Abelsrdo

Lagicr iomana e logica medioev.ile

I1 modo pacato in cui Garlanda espone la sua dottrina e la mancan.


za di qualsiasi particolare riferimento all'iniio del commento di Boezio
all'lsagoge di Porfirio fanno pensare che a quel tempo i hiosofi non
avessero ancora dato inizio a quella grande disputa sugli universali
avrebbe diviso le scuole per ben quattro secoli. Tuttavia possiamo ;tan.
quillamentc assumere che i moderni, i quali respingevano la dottrina
aristotelica degli universali, svilupparono le loro tesi in discussioni li,.
guistiche, del tipo di quelle che si trovano nell'opera di Garlando. Poi.
ch insistevano che homo non pu essere altro che una rer discreta o
individuale, pare di6dassero deil'asserta IToomo est rpecies e desiderassero in primo luogo liberarsi dalla forviante suggestione di platonismo
trasmessa dal linguaggio degli utttiqui. Pietro Abelardo (10791142)
centrava il problema molto chiaramente quando diceva: 'Singuli homines discreti ab invicem ... in eo.. . canveniunt quod homines sunt; non
dico in homine, cum res nulla sit homo nisi discreta, sed in erre hominctn. Esse autem hominem non est homo nec res aliqua.'" Ma questa
giustiiicabilc irritaiione contro un linguaggio poco felice della filosofia
antica Ii port talvolta a sostenere le assurde tesi del nominalismo, ci&
che le ~peciese i genera, e con essi tutti gli uiiiversaiio, non sono che
parole o flacas vocir. come si dice aLhia a&rmato Roscellino. Poiche
alcuni dogmi dellachicsa, e in particolare la dottrina dellaTrinit, erano stati esposti nel linguaggio del realismo filosofico, questa teoria positiva fu stimata teologicamente pericolosa e nel 1092 Roscellino, per
istanza di Anselmo, f u condannato per triteismo. Nel r r z r e di nuovo
nel 1140 anche Abelardo fu colpito di censura per le sue vedute teologiche, bench il suo modernismo fosse piii soitilc d i quello di Roscellino. Scriveiido su queste questioni nel 1139, Giovanni di Salisbury
notava che tutte le difficolt erano cominciate con la disputa intorno
all'inizio d c l l ' l s u g ~ ~die Porfirio:
'N?tvram ramen univerralium hic omner erpediunt. et alrirrimum ncgotium
er mriaiir inqiiisitionir contra nientem aurtoris c~plicircniruntur. Aliur ergo
consist~ttn vocibur, licet hrec apinio cum Rorelino suo fere iam evanucrir.Aliur
rcrnianes inruetur et ad illos derorquct quirquid alicuhi de unisersalibus memini1
scriprum. In hac autcm opinione deprrhrnrus cst Pciipnrctirur Palarinur Abaelardui norter. qui niultos rrliquir cr adhuc quidem aliquas hober profesrionir huiui
secrarores .. Rrm de re praedicnri monrtrum ducunt. licet Arirrotclcr nionrtmosirari%huiur iucror si[.'-

,
N

237

Lungi dallo sparire, come Giovanni di Salisbury sembrava aspettar.i, il partito dei modernidivcnnefortissimonei secoli successivi ad AbeI.irda. e piG innanzi avremo occasione di notarlo. Ma per il momento
ci che c'intcressa il nuovo spinto di fiducia in se stessi che anima i
iiloroii. Giovanni di Salisbury ci dice, ad esempio, che un certo Gugliclmo di Soissons, al quale egli aveva insegnato gli elementi deUa loIi~a'produssepi6 tardi una macchina per espugnare, come dicono i
mai amici, la fortezza della vecchia logica, costruire impensate conseriienze e demolire le opinioni degli antirhi'('ad expugnandam, ut aiunt
bui. logicae vetustatem e t consequentias inopinabiles construendas et
.intiouorum sententias diruendas machinam pastmodum fecit'!." Ren i i r e n t e si 6 ;>:.11'2.0
cl~equertoGu~lic!i,io
abbia anti~.p~tc.
I'ln3,cnd i Ici~u:~.
,l! iina mac-hin:, logira, ti1.1 quasi ccrt3n>entC9: t r ~ I t 3 ~ J
ili un nuovo schema di ragionamento che i suoi amici paragonavano a
iina macchina d'assedio, cosi come oggi un metodo generale di attacco
intellettuale si potrebbe chiamare un biilldozrr. Cosa egli dicesse con
~xccisionenon ci noto; sembra abbia provato (certo con scarsa sodi.
\fazione di Giovanni di Salisbury) che da un impossibile seguono tutti
"li altri, e pare anche abbia sostenuto, contro Aristotele, che la stcssa
conseguenza pu seguire da ipotesi contradittorie ('idem esse er contrarlictione, m m Aristoteles obloquatur'). La prima tesi, come vedremo,
l u sostenuta dal suo piu anziano contemporaneo Abelardo, mentre la
seconda sar in sriuito universalmente accettata.
Csii grante, iaU\,crii!, e-n li>.piii:o iI'avrcnrora in:~llcrt~nls
Ali 6
~r:d.:l'si r c c o l ~c nll'iiivi.> ,le: ~ i i 2hc
.
p:rlino Anselnis. il q u ~ l c~,iiic
$11-VA ;si > L < / ~ COKC i i eretici dC:l i r!in:ptri:3 s dicevi ~k:anrebhcro dovuti essere cacciati a fischl (exsufindi) da ogni discussione su
questioni spirituali,"introdussenclla sua teologiauna delle pi6 notevoli
ercsic dialettiche. Nel Prorlogion, infatti, Anselmo tent di provare
I'esistcnza di Dio con un argomento (piu tardi chiamato 'ontologico'!
in cui l'esistenza assunta come un attributo clie si aggiunge alla perfe>ioneddlecose che la possiedono. Dio, ci dice, pu essere definito come
ci6 di cui non si pu concepire nulla di piu grande, e, per questa defiiiizione, Dio esiste tanto sicuramente che non pu neppure esser pensato non esistere:

.' -S i m

.,

~ ~ r < t c o : i r a - i ~ ~ , c a l iqqi u
i di ~l o - y w i i c . . : t i ~ . i n ~ eirr
i

i r r r;iio,i nor c i s <1>:.1311 po'?;.

L'*L.

,3:,

ro,,e.<..

icl p,

.I.c i I t i i

v5

0 1 1 1d~LO CIIUG ne.) I . c ~ ) . I I . sp~


~~

, " ~ " d ~ : . ~ . " $ c o ; , t >"r. .~. L t ! l

~tLc>~L.qt~"~~~~8-~

238

Logica romana elagicamedioevale

&ari ncquir; quod convenire non potert. Sic ergo vere est aliquid quo maiurmgirar, non porerr ur nec cogitari possit non esse.''"
A quanto sappiamo, questo tentativo di provare l'esistenza di Dio
mcdiante la scoperta di una contradizione neu'ipotesi che Dio non esi.
sta, fu un'inoenzione originale di Anselmo. Ma un altro ragionamenro
ch'egli ci da nel Alonologron, fa molto pensare a un intlusso della logica
~toica,esercitata forse per il tramite di sant'Agostino:
'Denique si vcritas habuit principium ve1 habetit iinem, antequam ipra inci.
pere1 uerum errr runc quia nan crat ueriras, et postquarn finitaerit vcrum erit tunc
qi~ianon eri1 serimi. Atqui vcnirn non poresr esse sinc vcrirrrc. Erar igirur veri.
ras anrequam erret veritas. er erit veritas postquani linita crii veiitar, quod inmn.
venienrissimuni crr. Sive igtur d m t u r ~eritarhabcre sive inrelligarornon habcie
principium vcl finern, nulla cloudi polest veiirnr principio ve1 Iinc. Quarc idcm
scquirur de iummn natura, quia ipin rumma vcrirar est."'

I- I cra ?rnh,l-ilncrtc C ):si2 argor.cn.? il cui r:heiii~ f u piu titdi


rhidr..r<i ro~~ri.~szritii
nrrobt'f, i ch: san lmmaro nies8npresente al.
Irrclil:, cc:ivcr..lo 11 5i.o 11,. v..r:rgr... siiplicrc che ti oppos:tore potesse
dire.
'Ornnc illud criiur erre requitur ad dertnictionem sui ei<e esr zcrernum qui8
qive ponntur cbae sive paniiui non esse sequirur quod crii er oportet secukdurn
iinumquodque tempus ponerc de unoquoque quod rtt wl'quod non rit. Sed ad
dcrrrucrioncm vcriratir rcquirui veriratcm care. quia, si vcriinr non est, veritatem
non erre est uerum, et niiiil ~ioicstveriirn niri vrrirrrr. Ergo vcrirar est neicrna.'"

La prima met del secolo xir fu il pcriodo in cui la filosofia medioevale prese quella forma che avrebbe poi mantenuta fino al Rinascimen.
to. ed uno degli influssi piij potenti sul formarsi di tale tradizione fu
esercitato dal Sic ef non di Abelardo. In qucst'opera, il filosofo mostra
i conflitti chc dividono le fonti sulle questioni di teologia. non, come
un razionalista d'oggi potrebbe pensare, pcr screditarne lo studio, ma
piuttosto pcrchsi gloriava di scoprire problemi di alta importanza, per
l'esercizio delltmana ragione. Negli scritti di autori pi6 tardi e stimati
fra i piij ortadossi, come ssn Tommaso d'Aquino, questo metodo persisono
ste. Tutta la fuosofia, la teologia e cori pure la gi~iris~riidenza
studiate per r/tiaestioires All'iniiio di noni qz'aer:io si mettono in fila
IC fonti che sono,o sembraiio, in c o n t r a k fra loro, quindi il maestro
d prova della propria abilit facendo distinzioni di significato che bastano a risolvete il problemi e ad appianare ogni difficolt. Nelle uni-

D* Alcuino ad Abelatdo

239

vcrsit, che furono fondate nel xii secolo, anche gli studenti dovevano
i.ir praticadidiscussione, non essendo difatti gli esami altro che dispute
lielle quali i candidati mostravano la loro capacit di pmseguirel'oper3
dci IOIOmaestri, Poich gli scolastici medioevali dovevano giungere a
conclusioni in armonia con la rivelazione, la loro attivit non era la diaIcttica come la conoscevano i greci. Tuttavia, l'uso del termine era giurriiicato, dato che tentavano di giungere alla verit attraverso la discusrione, la quale doveva rivelare le conseguenze inaccettabili di cetti pre<iipposti.NE possono esservi dubbi sul loro entusiasmo per tale meto,lo. Abelardo parlava della dialettica come del dux uttiverrae doctrinae>'
C fu la sua fiducia nella ragione, pi6 di qualunque particolare eresia,
clic si mmonic a coloro che correvano in folla ad ascoltarlo. Vi erano
<i alcuni critici, secondo i quali i cristiani non dovevano aver nulla a
rlie fare con la cultura secolare, ed altri che attaccarono in particolare
la logica, ma queste vedute illiberali non prevalsero. Al contrario, di\crine un assunto delle istituzioni universitarie cib che disse Abelardo:
i

crrtas verilati noil esr odversa."

Abelardo scrisse quattro opere di logica: ( I ) Inrruductiones paruu'orion," che consta di brevi glosse all'lrogoge di Porfirio, alle Calegoi-rse e al De intrrpretarione di Aristotele; ( 2 ) Logica ingredientibus*
Icoci chiamata perch ingredienribur la prima parola del testo), che
runsts di glosse piU ampie alle opere gi esaminate nello scritto preicdente, cui si aggiunge il De differentiir topicix di Boezio, e fu probaliilmente composta y a t t d o Abelardo insegnava a Parigi prima del
i 120: (3) Logicd nortrorion petitioni (cosi chiamata perch nortrorum
petitmni sono le prime parole dcl testo), che consta di ampie glosse
.ill'lrqlgogr di Porfirio e pu dotare dal tempo del suo insegnamento nel
roiiiitorio di Paracleto; (41 Dinlectica," che ha la forma di un'opera indipendente sulle questioni trattate dagli scritti logici di Boezio e dal
Dc drfini:ioiribsr di Vittorino; bench sembri contenere materiali di
diversi periodi della vita di Abelardo, non raggiunse probabilmenre la
>ua forma definitiva che assai tardi, forse durante il breve soggiorno

'41

Logica romana e logica rncdioeualc

sussistere senza l'altro: 'Cum enim dicimus Si ert homo eri onimal
ad intellectus propositionum consecutionem referamus, ut videlicei>~~
ipsis intellectibus againus, nulla est consequenriae veritas. cum scilicet
nlrer intellectuum sine altero omnino subsistat.'" E chiaro perci die
nella definizione di proposirione, 'uerum et folsrrm nomina sunt eam&
cxistentiarum rerum quas ipsae ptopositiones loquunmr'." Ed que.
st'uso che abbiamo presente quando costruiamo enunciati come Socta.
!cm curiere uerum est. Qui, infatti, I'accusativo e l'infinito supplisce
a qualcosa di simile a1 nome che sarebbe espresso dai corrispondenti
nominativo e indicativo (quasi namen iliiur quod proporiiione e*pri.
mitur)." Nel linguaggio della Logica ingredieittibus, stanno per i1 dk.
fuin della proposizione corrispondente."
Queste riflessioni portano Abelardo al problema 'utrum illae existentiae remm quas propositiones loquuntur sint aliquae de rebus existentibus'; egli conclude che ci che una proposizione esprime non pu
essere una cosa esistcnte, precisamente perch l'esistenza di una cosa,
o in ogni caso un modo in cui le cose possono essere poste in relazione
tra loro:
'Errc aiitcm rem sliquam ve1 non esse nulla est omnino rerum csenria. Non
itnque propoririones res nliquar dcsignant rirnplicircr quemadrnodum nomina,immo qualiter sere ad vicem habent. urrum scilicet sibi convcnianr annan, prapanunt; nc iunc quidem verac sunr cum itd in re est ricut enunrinnc runc autcm fal%e cum non crr in re itd. Er eri piofecro ira in re ricut dicit vera praporitio, rcd
non est rer aliqiia qiiod dicir. Unde quasi quidam remm modui habcndi re per
prapoririancr exprimitur. non rer aliquac dcrignantur.'"
Coine c'cra da aspettarsi, vi una stretta somiglianza fra questa teoria
dei contenuti delle proposizioni e la dottrina di Abelardo sugli universali precedentemente citata. Ci che tutti eliuomini hanno in.. romune .
I'rsser-un-uomo, e qucsto non una cosa Come quelle indicate dalle pa~ o l Socrafes
e
e honio. Similmente ci che significhiamo con Socrates erf
borno, C I'esser~uii-uomodi Socrate, ed anche questa non t una cosa
Ires) per Abelardo, benche! presumibilmenre sia qualcosa (oliquid) nel
senso in cui questa parola, secondo il filosofo. pu essere applicata anche a oggetti del pciisiero nan.csistenti." In ciascun casa l'entit astratta in questione portata all'attenrione ddll'uso del vcrbo 'essere', per-

ci questo verbirm rubrtantivunz, come lo chiamavano i grammatici latini (ttaduccndo dai loro
greci), merita speciale interesse.
Aristotele dice che un acserto si compone
,. * . =. - . ....
'i\l-l n, ;n,rrnr~iatione~
di un nome e di un verbo, ma incidentalmente osserva che un verbo
come 'cammina' pu essere sostituito da una locuzione quale 'sta camminando', ed chiam, per la sua teoria dei sillogismi, che per ogni proposizione generale egli prende due termini dello stesso genere, vale a
(lire ciascuno atto ad essere soggetto, e ciascuno atto ad essere un ptedicato. Seguendo questi suggerimenti, Abelardo tratta il verbo 'essere'
come la copula, o legame. che unisce il soggetto al ~redicatoin una proposizione categorica." Naturalmente ammette che si possono costmire
asserti anche senza usare qucsto verbo, ma dice che gli altri verbi possono essere sostituiti da locuzioni nel modo indicato da Aristotele, e
sostiene che ci che distingue i verbi in generale dai nomi, non h, come
affermava lo stagirita, il fatto che i primi contengano un'indicazione di
tempo, ma piuttosto che possono effettuate la congiunzione icopulafio
richiesta per la costituzione di una proposizione." Quando il verbo
ricorre rertium adiacenr, come nella proposizione Socrafes est homo,
soltanto un Icgame tra due termini esplicitamente formulati. Ma pu
anche ricorrete apposifum subiccfo e senza alcun predicato esplicito,
come in Socrater est, e allora deve esscre inteso come un'abbreviazione
di est enr."
Da questa teoria dei due usi del vcrbo esf discende, naturalmente,
che esl quando ricorre come mera copula, non involge una predicazione d'eiistenza. Se casi fosse, dicc Abelardo, Socrafes eri enr dovrcbbe
allora espandersi in Socrutcr est eris enr, e cosi via od injinifum,mentre
iina proposizione come Chimaera ex! opiilrbiljs (dove opinabilir significa 'immaginaria') sarebbs del tutto falsa.' Ma in origine quel verbo
veniva applicato soltanto alle cose esistenti,"di modo che non c'era nessuna difficolt. Quando ricorre in una proposizione come Chimaera
opinabiiir, abbiamo una locitrio che impropria allo stesso modo di una
frase contenente una oppo~irioin adiecto. Infatti, come la frase 'uoiiio morto' pu erroneamente far pensare che si stia parlando di Un UOm" di un certo genere, cosi la proposizione Chi>naeraest opinabiiis pu
erroneamente suggerire che si affermi la verit della proposizione Chi.

.-.-.. .

Da Alcuino ad Abelardo

Logica romana e logica medioepale

244

ert. I n entrambi i casi, In confusione deriva dal voler prendere


separatamente parole che non devano e ~ r e r l oSeconda
.~
Abelardo,
pinione di uno dei suoi maestri [forse Guglielmo di Champeaux) era
che Chimiiero est opinabilix fosse una jigurativn atqve impropria lor..
tro, perch la sua costruzione suggeriva l'attribuzione di una propriet
a un'inesictente chimera, mentre il senso esatto sarebbe stato espresso
dalla pi6 complessa proposizione Airima abcuiur opinionem habet de
chWacra." Abelardo non respinge interamente questo punto di vista
ma dice che il problema pu essere risolto molto p i i semplicemente
mettendo in chiaro che la copula non deve mai essere intesa come segno
se quantum ed pracdicationcm hominrr, quod cxistentis rei tantum nomen est."'
Ad Abclardo si attribuiscecomuneniente il merito d'aver introdotto
la parola ropula come termine tecnico della logica, ma risulta chiaro, da
quanto dicc, chc aiichc prima del suo tempo vi erano state discussioni
sull'officio dcl vcrbo 'essere'nelle vrooosizioni cate~oriche.e che alcuni
il.,ii>liw c v i - n cc:rcnltrn ci<. .i;r.;.?i. I :mi reli-icrc d'inrrcnm tra
I! I>.: Ii-.i." e .I ,n.o,ti> F\~i?viiie.i.ciit:, qucit i i.0r.a ,i rc:~:i,[iagnn.
i.]l i i i i i i i tmii 4 &ci. ul,:\~rr.,.ric.:\i.~l .rJ,,.tvvL:,.n
..c.1 <.li<covrnie
espressa con un baybaro usodei tcrmini generali, come se fosscro nomi
propri degli universali. Infatti. chi diceva Hoii~oest rpecier, era anche
Socruti invece di Hu~nanitarinhaeret (o
pronto a dire Ho~iioi>~hacre/
i~zert)Soctati. Abclardo non respinse in blocco il discorso dell'inerenza; ma sottoline che non Doteva servire come svierazione del sianiJicata del verbo 'essere', e prov che preso seriame'iite"aorebbe con$otto
3 un assurdo, in particolare all'assurdo di un regresso infinito:

. .

'Si per esse inhrcmntiim n c c c i r ~sir ntrribui,et cum dicitur Inhaerentia eri
rirheerrntia inhncrentiarn quoque in inhzcicntia per vtchum copularnus, in adisientir b ~ i l i i c ts i ~ in
" ~aliil praposifionibur. Si rnim in errenrir nttribuercrur per
vciburn inhacrentia inlircrrnriie. superflue suhdrrctur ~ o r rerbum
t
nomen bh<rr-

,;,.O, mie a dire un legame per cui qualcosa viene posto in relaione sol..mrm - con
se stesso: 'Ooortet autem oraedicatum subiecto intransitive
-,nl,ulnii, ut videlicet in eadem re ipsius impositio in subiecto inveniariir: \.eluri cuni dicitur Homo est anirnnl... et homo et animal... eiusdem
nomina esse oportet." In breve, egli considera la copula un segno d'idcntitb.
Questa analisi degli usi del verbo 'esserc' non contribuisce quanto
#rceamo sperato a chiarire la dottrina degli universali e dei contenuti
Ilropo~izionalidi Abelardo, e non neppure facile da conciliare con
quanto il filosofo dice pib avanti riguardo alia portata esistenziale delle
pruposirioiii categoriche. Con tutta la sua sottigliezza e la sua perspicac i ~Abelardo
,
sembra aver sotravalutato la differenza che vi tra il riferirsi ad un individuo mediante un nome proprio od un segno dimostratiro. e il caratterizzarlo mediante un terminc generale od una frase deiiiin. bciirhC f n i v ~ : ~ r i i r i I n i c n t e c a ~ i c i r s i ~..Ari
~ C raIcciistin2ione
'i
rcl ,:.i.~rroo-<linnr:o,ed anchedi parlarne con intclltgco,.a qu3ndc ncn
smno in ballo auei ~roblemicon&ovcrsi Der la cui soluzione essa era
indispensabile. ?i nonostante, il suo insegnamento esercit un grande
iliflusso e molti dei suoi successori, pur non essendo d'accorda con lui
wlla questione desli universali, accettarono l'idea che una ~roposinio. .
i r c:r,:.,rirA
.tllcriii.itiia i r s e vcr3 sc. e solra>to se, il retminc lungcn
:<!> ~i,,:gcitu s .I trtti,lriz I~n2enrcd i ?rediciti stavano c n t r ~ i r b pcr
i
la stessicosa o le stesse cose. Da questa dottrina si svilupp nei cento
anni successivi la teoria della rupporitio tertninorurn, cio delle differenti maniere in cui i termini possono stare per le cose.
Poich o i i innanzi dovremo esaminare i trattati De .vro~rre~ntihur
I iJ,vii,.,rt<n>,
in cui 6 . q i ; > i r t <
p~rrei:i31a
~
la :eoria Ccl'a YUD;~O.>I~O,
m a
.I.vi,..iwic p.tri.ci~lnrc,:p,inr~sarcbbcqui
fcoti luunu. in?puersereu.i.
' C ~ , : t i i < ' . r ~.,I;iiicc.
,
tc<t i i A!,elnrdc. c i e ir sCc~i.ri>.i ri?resrntironu
~.<l!,&>tti nn p.cr.2menre svtlup?113 Ip. pr:mo 'i.o,.o, iLb.nrno In >i13
t~~.ii.ii.o.ie
c i e I wrb., d i v t - r i l n e r . ~ iiimi. poisino legarr. direrrnniente ai soeeetti. PiU tardi la c o ~ u ~ a t i che
o . eeli menzioia a questo
' ~ r ~ ~ i 2 l i$,-.i
i o . cnumcri:n tra le ,7r0,91!~lui.-1t ~ r v > > > . r r ~ r. nn ,\ i ~ nCon
l~
I I -i<>::l;c<lrio,11 rtlppor?/iu, l .z;;$/.>/r~~ In e:Ircii. n: la pxcla ri,pp.. .
8 , iii In r>wa!a ~ n o i l l ~ r : o c ~ m : > i :rrlli
u
i
i
~
sii
i
D
r
~
l
e
r
t
i
.on
i
~
il
:cii,i>
..
:.cii:c LI,? A:L;ll\lctmno in <,uito,mi l i I<~.i,ioic pro;iic/l:ir
tPr.
1 't':< r!. .>I r c i r i a i i ~
molto 3prrp*1?:llrr > I , . O ~ ? > , U 1: 2 x 1 rt~0l$c~r!~>l~,??!,
~
C;-

:IIhidb ~ d D.: n,.

. e Dihr,,ra. 0 R,

116.

P.

I h d , DD v 8 >9

241

In opposizione a ci, Abelardo ripete che ert un legame intransi-

maero

246

Logica romana c logica medioevale

di cui egli si avvale in una discussione sulle peculiarit grammaticafi


dei nomi." In secondo luoro, Abelardo osserva che i termini funeenti
per cose esistenti al tempo in &is:
da soggetto stanno
parla, e che perci le proposizioni al passato o al futuro non possono
essere convertite con altrettanta facilit di quelle al presente. Quando
Sacrate vecchio, si pu veridicamente dire'socrate era un fanciullo'
ma non 'Un fanciullo era Socrate'. Per convertire detta proposizione'
dobbiamo porre il segno del tempo passato nel predicato, prima di
vesciare l'ordine dei termini, in modo da ottenere 'Qualcosa che era un
i questo tipo a diventareprefanciullo Socrate'." E furono ~ r o b l e mdi
minenti nelle discussioni rulla iupposifio. I n terzo luogo, spiegando la
sua nozione di covu[u come legame intransitivo, Abelardo si Opwne
..
alle osservazioni di alcuni grammatici, i quali sostenevano che una pro.
posizione quale Homo est nomcn involge una costruzione transitiva
(~ransitivaigrommafica~n),
perch si riferisce a un segno ed insieme a
ci che esso sienilica. Abelardo ammette che il soeeetto homo sia un
r~uircdi 'e jtcs,o. n a sc.on?o lui tale amml>s.onr non foiiiporta alcun
?l'ciiir.,ii.riii:iii~
J 111 I siia v i l . i i iL.one ,l:ll'otTi.o <li:la cn[>ula Infatti,
soggetto e predicato stanno sempre per la stessa cosa, cio per il temine fungente da soggetto: 'Quodsi vox subiecta se ipsam nominat ac
Nrsus praedicata ipsa nominatur, profecto praedicata vox et subiecta
in eadem re conveniunt atoue hac moda consirnificant."' Questa semizo
bra esser I'origine della dottrina della s i ~ ~ ~ o rmateriolis~
Dopo aver parlato dei termini e della copuli, Abelardo si esime dallo scri;ere sul Luadrato d ' o ~ ~ o s i z i o neesuile regale della conversione.
di.ciicoiir. qii t;.ii..m drttyliat3nr.nte nel!e lcrrulrni~nerparrulo.
riarn, C dicc <li vrilcr ~irrndcrei i i c a i c :Lune .~iir.,tinii: 1p1U profondea
crovssiro d::lc r.ecmioiie. Il ~ c n t oclir )n suezinl inoJi>l'interessa la
diffirenza di scns0che pu risultare da un'cambiamento di posizione
dcl segno di ncgazionc, ad esempio la differenza tra Non quidum homo
est iustus c Ouidotn homo non est iurtus. e la tesi ch'cali vuole in
~>,ariicol.~rr.
d?ui~t.rc i rhr. la COT~:IIJ ~lip.:/.i>ncJ1 < ~ g n pt ~ o ~ m ~ i z i o .
ne, sii cite:oric3. si3 : P S I C ~ L : ~T.CUII~
.
d?l p o ~ r e11 segno di ne&ariune
(l i i , ~ n tal
i r.ltro '.\!inifcstum est nuicm cx supr~ps,itisumri n!lirm*
ii.>ii:eini ti: ci~i:r.td~ci:kii:crr rrcrc inyur.: n~,c.iii<>ncrr
tmquam prop t : m ilivi Iriii .n> <:.t?? n v ~ a t : < > r ~r > ~ , t c ~ >xaa"
o , !rlii\
t ~ < : . i t < . n < i?+
~m

&

-.

~ " e s t o stoicismo bell'e buono, ma Abelardo sembra averci pen,nro dn s, c ne trieuna conclusione piuttosto sorprendente, in disaccor<lo con i'esposizionc ordinaria del quadrato d'opposizione che egli stesso
,,.,re apparentemente accettato nell'opera precedente gi mcnzionata.
hlentre ammette che Nuiius homo ex/ olbur pu csscre considerata la
contr~ditroriadi Qriidam homo est ~ilbzts,dato che nulius non altro
<hc un'abbreviazione di non ullus," adesso non concede che Qiridum
hriiiio rrori ei/ aibus sia la contradittoria di Om~rrshomoest oibrir,come
, , e i . i >,,,rr.nuio Boelio. r dlie che r\ristotelc tt3ttav.i IA quc\t,one con
,.:jli., >i6 s o t : i p l i ~ rqcandodava
~~
per cuntri2ittiirin N m nmtr:r h i m n
:.. ,'.:.C 'Srtiirnliii.:itc. 6 veroclie Atistotele 293 l e p r o : e p,:e:liec>ry.pn<:~c~u
a S o omnir horao I.:! dht,;, n:n scmbra certn checon esse
. : i v.>lc,a~
inic~.lrrcnii:ll <li'libersn dil:i dortr:nn nttribuita~li;)i6
i-.'
.li n o c i o A:,clirdo invece pensa che .Vm o,,.titrbosco ejt dlnar
sia qualcosa di distinto nel significato dalla proposizione particolare neO , I ~ ~ V JOuidom
.
homo non est ulbus, e percib fuori dello schema conk e t o d h e quattro forme categorichc." La ragione d'introdurre una siniilc complicazione sta nel fatto che egli assume che Omnis homo est
oihiir abbia portata esistenziale, ma non, a quanto pare, Nullus hoixo est aibirr. L'assunto sembra strano, dopo l'esplicita affermazione
che la narola est.. ouando
si Dresenta come meta cooula. non im~licaal,
in? i;.:r,i<.iied'e.ir:i.ii?n;
n1.a no., Iio<<r>no
esrcrvt d ~ i hSUI
i SUO pcni r s . pei:l)k inci\re clie 1n:l.e I'aypnrente ra~roloei3Om>ir;.homo rr!
,',
jisb$e falsi sc non vi fosse13 ucmini 'Cum aut-?i (?zaidit h?.
t
>:.,i eri :>o>to5zmp:r falsi sit 3rtluc Otrvir hqni" rrr bot>.o homire
ti,n :,*isi:iirc, p ~ i c tstnul eabdeir I.ilrts r c w . iin?c ncc rcc:e di\.idrci i:!,
I > >tc.rt~nt
"' rX,l>l>~,t~nc
I,L'I:I~r*:pporre :lie per ribclnrdu si4 1.1
' ) i .-I I c>c>::rad introdurre. I 2 pOIt3tJ ej!s1en7ial<.
l 1:)cii.i mediocvnli p,>rtericri con icpu:ronu A b . ! ~ d oncl siiu r;nt.i.
rivo didistinouere fra non omnir e ~ u i d a mnon: ma un recente storico
I. I l I tgfc, J': mc.Iwcv> 1.a ,.~,tLo,:nuchccb,i . o s ~ ~ r ~ > c a , c:Jr nportnt?
..i.--,,lL!c jnlt;ntu p r IC ~ I ~ : C , I Z IaEcrma:i\~<
O ~ ~
mintenesscrccoii
1' 9' 1.17310 j~:it0d<0~~0bili00~,d.l0d~
<T i i ! < l i ~fII1I1
' > ~11 S C ~ V I C ~I\&C

Logica romana e logica mcdiocvalc

i48

'O non vi sono uomini, o vi un uomo che non bianco'. Ma se anche


fosse, non sarcbbc che un'ulteriore conferma dcll'importanza dell'in.
flusso esercitato da Abelardo sulla formazione della logica medioevale.
l i , <>#iil
.A\O c911 a\rcl.l>ei l mr. t.><l'r..ctc ,iato 11 primc nFrcoccu1,iirsi
iI<,I iri I:/( >~i.~l:
<~iir<lt..i<>
d'o~[>oci,i.~nc.
benrlie p>i non eb$icltasse
ic::c 1- cci:rcgucrrc Jcl i:,ni%i.inicnru d i lui sii.r,.iiiir>
Dopo la negazione, Abelardo passa ad esaminare i signa quanfitolis:
omnis. auidam. it~<linr.Ouest'ultimo. come abbiamo visto.. ,oer --.
liii
cquival;nte a non quidom; cosi il suo problema era cosa dire degli altri
due. Quanto ad omi7is, chiaro che non si tratta di ci che il grammatico Prisciano chiama i~omciio ~ n r ~ l ~ l i r vale
~ n ~andire
: che suindo ab
1>:11i ., .'i, :,.i
C J I ~ .:!>.i
f.nv; 'CII-C Ovi>?trl , o ~ ~non
~ n ,~oss:3motrait i-c ,.v:*>r.rum:.,; !iir.e ;>l>lt:31>ili3 2 o:runodrg': inct\iJui com?reci .ic: t2;rninc >oeir. 11:ccnrrlrio. 11 sur t i i o di r i c ~ ~ i : i : r iii>*:cme
i vari individui in una maniera in qualclie modo analoga a quella in cui
potrebbero esrsrlo dai loro nomi propri, ma significando inoltre che
nessuno escluso: '...in omvir non solum singula colliguntur, verum
etinm innuitur quod nullum e ~ c i ~ i a t u r . "Perci
"
possiamo forse dire
che la frase omnis liomo un nome composto che stn per ogni singolo
uomo senza eccezione, mentre la frase quidam homo anch'essa un no.
me composto che sta indeterminatimcnte per un uomo o un altro!" E
siccome questa frase pu ricorrere in una proposizione sia in posizione
di sometto. sia in oosiiione di oredicato. dobbiamo ammettere due een:i .li iinii.cnilit: r t < l xiciicr'l ,li ~>;ri:colitlri delle
;n
le c.~rirpondcnt:relx ani <l'cpp,si,icrs 'Pwcrt qulquc in prolnsi.
tionil>sdnnlc\ .iniicr<ilitar ~ u t>~i.iculiritlr
t
:c.ioi ,i.iits cuantiiatis
tnm subiecto quam praedicaio appositis."" Si vedr che in tutto questo
<liscorso Abclardo pcnsa ai tcrmini come se fosscro nomi di cose, vale
a dire che assume quella che piu tardi sar chiamata considerazione estensionale dellc proposilioni categoriche.
Iti molti punti la maniera di argomentare mostra che Abelardo sta
attaccando teorie di oredecessori o di conremooranci. . e talvolta dice
I .t.. t.irnei,r< ch:. tiri rr\i ( l i liti cri:ir~r.>rr.4 rtz.i Isor>o,rl d3 L> 3111.) li,~:,-o Pwpr 2 q~.'..ro ".VIV~I.- ":l'i
,iii i!. ii,5ionc;ulld
rrod~iir?.
Di!iiti <,-I.c'informi c:ic un s ~ mics.to
o
iforce C;ur,lielmo di CliampciilY soclerei,.i ch: oqn! ylopoci~irncrroddc e r l ivo-n<i i' wnso <ii
i:n'.?lii i ~>r:qx)\
/!<to:, \.<.I: i rl.r<.cl i'i><r:;~i:r ,. I S x c r r , , v ct<rrcr<sera
L

n,, predicare la possibilit del seiisur d e l l ~proposizione Socrates cur,i!:"Abelardo non nega che espressioni contenenti la parola porribile

ed altre simili possano essere interpretate in questo modo. Al contra,io, sottolinea che tale interpretazione concorda benissimo con quanto

celi nreva detto in precedenza a proposito della verit come propriet

'ti contenuti proposizionali.'" E sembra aver presente questa interpre-

raiiuiie qulndo dice. '... veram. . anrecedit quidcm ad possibile, sequir i i i vero ad necesiariuni; /oliu>il autem ad ~mpossibiletantum sequi.iiir. "" Ma sostiene che una oronosizione che ammette tale interorctai o n e Inun , strettamente parlando, modale, perch non involge alcuna
ii><iilificnrione
del lcnamc proposizionale tra cose, ma soltanto la sem-

..

j,i<i.'" OuEsta
ou essere;osttuita
.

mediante un avvetbio come oossibi-

li~ci..ma d'altro lato pu anche esserlo mcdiinte un aggettivo modale

I'accusativo e I'infinito. Infatti, bench Nulluin honiincm possrbilc


crre album possa venir intesa come una proposizione singolare affsi.rnatira vera col signiiicato di 'E possibile clie nessun uomo sia bianm', piiii anche venir presa comc una proposizione universale negativa
i.il\a col sienificato di 'Nessun uomo o i ~ bessere bianco' o 'E impossi'. I . CI>. r,~~lc:,ciioriio 5i.i Li ~ n n 'e.. ?er Rbcllrda, una riol.o<,7icne5
\li-ciiic ii-uJ11csul[ vit.i .C illl~idnel se:t,nds scr\<).qii?ndo 13 paro1.1 modole qualifica il leeame e si ou dire clie esiliime un modo o manicr.3 d'unione.
Iii qucsto contrasto fra exposifio desensii ed exposifiorie rebie (che
appare anche nel commento di Abelardo a1 De inler~relalionc.comc
iiificrenza tra exporilio perconiposiiionem ed exporitio per diuisiorie~n,
cori un rifcrimcnto al De sophirHcis elenchis'") abbiamo un tcntitivo di
[tacciare quella disiimionefra qualificazione interna ed cstcrna. che. in
una dei piecedenti capitoli, prc~demmoin considerazione come passilhile spiegazione di alcuni strani aspetti della teoria di Aristotele sui sillurismi modali. Alcuni logici medioevali posteriori parlaronodi una moilali13de dic/o e di unn modalit de re. sastencndo con ci che le propo~
+inni dc dicto potevano giustamente considerarsi modali, mentre altri
iuii

>''D , d l < < , # ~ dD,


'"

,9>

Ikrd. p 20,.
'm Ih?d, 0.m,.
Ib,d, P 2 6 .

'm

uiva

P*L'.ILLO.

AhliI',rdi",i"

i>l<dl"Tu'i!I,b Cc,,,,,,,

LI,<T l ~ l ""d
i
Sllidlci. I!,

Logica romana e logica medioevale

250

Da Almino ad Abelardo

seguirono Abelardo nel dire che le proposizioni genuinamente modali


non involgono mai l'applicazione di un aggettivo modale a contenuti
proposizionali. Questo particolare aspetto della dottrina di Abelardo
poca felice. Infatti, sembra ora evidente che l'uso di termini modali de
dicfo fondamentale, e che, se i termini modali sono talvolta usati in
modo da esprimere una qualificazione inestricabilmente interna, questo
non deve esser preso per i'uso semplice e basilare, ma piuttosto come
una prova della complesrit del discorro in cui si presenta. Sotto alcuni
rispetti, i termini modali sono simili alle particelle negative. Come Abelardo dice ~iustamente.eer ottenere la negativa di una orooosizioneda.

sentarsi entro una proposizione complicata, in una posizione in cui non


ogisce su tutto il resto e da cui non pu essere estratta con alcuna ingeenosa
earafrasi.
Ora, in questo caso sarebbe evidentemente sciocco dire
.
.
chc s~>:.:ntulc propuii? oni cr,rxplicoie d:I sccol.d~gcccre liano genuin m c n t e negatire. Al conrr2rlo. pifi
. ri;i~nc\o:edi:c,c<~ineir.c&t:iii
Abelardo, c i e una proposi7ione del secondo genere non necesrariamente negativa r,r foto. Cosi, anche una proposizione che involga la modalit de re non neccrsariamentc modnlc in toto, e ncgare che una
che nessun uomo sia bianca'posproposizione della forma 'B
53 chiilmarsi modale. sembra non esser altro che una eedanresca adercnza a forvianti suggcsrioni della parola nlodur. ~ l c u i scolastici
i
posteriori si avvicinarono a un'esatta comprensione del problema, ma in
-ceilerale l'influsso della tradizione era ODDO DO forte oe; loro.
Quasi all'inizio della sua trattazione 2 1 s modaiit, Abelardo dice
che pussibile e confingenr sono equivalenti." Questa osservazione deriva naturalmente da Aristotele, ma sembra chiaro che Abelardo la usi
pifi come una nuova definizione di conti>rgenr.che come restrizione di
poisibile a ci che non necessario. Infatti. sebbene consideri necessnr>i.,t, ;e:.-*;:/e c J it>:ye;;.!,.!e x r n c Ir. p ~ r ~ lmudxli
r.
b ~ r : l ~ rdii , cui Li.
sn:u \it:.l(arc l? (:'.w!.>r~t,
3 7 , , r n ~ . 1 ? ~YC;,,$I? ?{tSocr:!,v>: c ~ s ~ , , : / h ~ , n ~
comporta che Possibile est Socratem erre olbutn, la qual cosa non sarebbe vera se possibile fosse inteso nel senso che di solito ha contin-

genr.'"
Dalla modnlit Abelnrdo passa al problema dei iumri contingenti. E
D i a I ~ ! i < aD, 793.

'" Ibrd , m 198-99.

zjr

qi,i. come ci si poteva aspettare, usa la parola confingenfia in un senso


,,nile a quello ordinario. Dice infatti che il contingente ci che pu
,ccrdcre o non accadere, e lo contrappone al nerersarium e al naturale,
,\<n40 come e s e m ~ i odi ~uest'ultimala orooosizione che un uomo mo,:i 'P:,\tioc prcrcntr, il c:!\i>c!ni<!n, sono determina:^. inrctri.ben.
-,i ,i tcriiiri ,C i. numcro delle stelle ria pari o dispwi,ceril?irnr:.i. I'u.
, i :'ll.ro." Ccsi, le propvsiziurii vcrc r i ~ : i n r <n1l ~[>t'b,ar<> C 3! presen.. .in> dctcrrrinrr~cicr:tekcrc, lirrcliC la I<>ro\,zii:i [>:i>, d r e n o per
... ::pio, < . < L T C ,cccriaia dilla r.,nci.cen,n dei fa:ii c!ie esse a.aerirco~ i s s u n a~ r o ~ o s i z i o ndee contingenti futuro eu invece essere dererniiiiatamente ;era o determinatamente'falsa nello stesso senso delle
prcccdenti, ma questo non vual dire che nessuna d i tali proposizioni
r>cissa essere veri o falsa. Al contrario, oenuna di tali oroposizioni

. .
e
ci noi c :e il rirul:3io sar ccirn:. cm.* ssrerirce. ~ n c h scquejtonsn
: \ i f i a i i i r im sir iit propcsiiio dicit, etii ipnoratuni rul>i>iii'i. 'Qu-1li, rlic Aristotele voleva &tenere nel De inferorerarione era che, mentic una proposizione vera necessariamente veri quando vera. non
pei questo lo sempre ed assolutamente."'Circa la questione del libero
ai.bir&io.un ooeositare eotrebbe forse sostenere. cime sii stoici, che i
ciiidiri e Ic azioni umane sianoessi stessi eventi necessari, e perci non
tscliisi dalla dottrina della necessit universale. Ma & possibile che queva obiezione non fosse una di quelle che Aristotele desiderava discutere."'
Questo passo apparentemente un tentativo di difendere Aristotele
J'~ll'accusadi aver neaato la validit universale del orincioio di bivalenra. e, Iino a un certo punta, una spiegazione plaus(bile di un testo molto oscuro. Ma con ci si tenta di prendere sul serio la nazione che una
~ i a ~ o s i z i o nou
e esser vera in un temeo e non in un altro. Abelardo
- r r illlinirce ;rpctj,.mcntc 12 prolioririnne neicsldrid come que113 che
: , :,A 1.1 ogni ternpc.. e 1.1 li-olio<i~iiinrrcn:ini,en:e ccme q u r l l ~che
i :i
<oln i i i i1.14;I.r trrii;>o, iiil ~ e m b qui
r ~ ideniifi:arc la neccrsi::t 2 % 1 8 . 1 i .C,:!I I vcriti ir. o,:.ii icnoo. e i n ,-'-=:chi
nlrri piinit r i r par1.t co
.L .!I .!ne r,ccisle irsn;dcllc
i h r \ iicrcsr?- e . ir parr:cnlarcdr:lcr~rrrqrir,tae del eenereSi est homo, est anima!, che sono vere a6 aeterrio.
I i .:orii~lir. l < ' i . c r i i i i v c r 1il:rnii Imssonoesie:ei.ere ir. un tcx?ocnu:i
11 c r 31113, IIPII v 1 1.1ci1t0 c18.~cc3rJo
con l i dottrina che :3 rcrii; alqiir-

A.

..

. .

254

Da Almino ad Abelardo

Logica romana e logica medtoevale

Ora, un locus stato definito da Cicerone una seder argumenti e


tcnendo conto della distinzione appena fatta, possiamo anche dire :
b.i
la vis inferentiae di un ragionamento imperfetto."' Cosi, quando p m e .
diamo dalla premessa Socraier ert homo alla conclusione Socrater est
anima!, usiamo il locus a rpene la cui maxilna DroDoritio De auocumqse proedicotur species, ei getrus. Se, comunque. icntiamo di mostrare
quale sia il contributo del locus in questo particolarecaso, troviamouna
conrequentia che vera ex rerum naturalvale a dire Si Socrates est hoio, e:[ nnim9! (:osi, 13 I B Y I ~ ? I J ,~ropcjll~o
del locrrr pun e w r e lefiniia
11princpiu :).e contiene in ar. il :r.nlo di tutte 131; r ~ a ~ r e < ~ f <"Boe.
e~~ltle
zio aveva espresso l'opinione che vi siano maximae ~ r o b s i t i o n eanche
s
per I s Ilogi,iiii.' eJ-C v i i c * clic ~iu:kiu:ii.~ripur:~rsopiii sillogisn:o a
quiche r e p l n pcncrnlc, cumr 'Si n:iquid priedi:nt~t de 3110 univetra.
iiter cr a:iui pr3edi:ctut dc pr3c1,c~i1 ilniierj?liter, i!liid i<'em r>rd:dicaturet desubiecto univers;iliter.""Ma reeoledi
ouesto ,renere ionde..
~ w . ~ c ~ ~ . r c ~ . c~ m
t :lr! u: I~I :cI \ ~ > CIr!.ttt~,I > ! l l ~ ~ t , rst o> ~ o ~ i p e t f e i .
'i ?rr 11 : x o s:iuttiiri 1 i 0 e v ~ ~ e .ein~ x~ ~necer$itn-io
.
d: ~ l c u n a~iusti.
iicszicne esrrrni ' L vero che i sil!o:iimi della re'ondl C dclh ierm fi.
2urd s o n ~rrlti &.i imperfetti 515 pcr .2b:lnrdo ci(, ai rifcrilce alla
' )t<>ct.i.ireiza i r ; r J r i t n ~e ncr. 3113 Ijru ~unclu~!\.irj
(tnl<>r~r.lta)
che t
perfetta, anchc se non si pu scoprire tanto presto come quandoi termini sono nell'ordine giusto.
Non contento di sostenere che la fornia condizionale deve esprimere
una connessione necessaria. Abelardo orosegue
dicendo che anche la
~
!t.iic<r. 1: .;r<l:on,i1::,.-,.iii!ii r :niiiin: iri::c conle forincl3rione di tali
r.ilzc.n,t. p-rchC si 1.i O in.srJeie IF u i seni,] irr?rt-ciru ckc in\.olee
qiidi1.e d,l'ico:ti (,:o>.!.. n,i~:t!d;:lI:uni diioro .hc uca ruarcrr><tr/r~
i. ni.:eisiriamcnrc wr3. se t inpi>sibi:: che 1 ' ~ n r c c c J ~ ns13
t c vcrn <en71 che ' > ,i i i l c<int:-:~!cnrc, A pr!rrl r l \ r . i ~ . i . \ i iinicrprrrrrione seri.
brerebbe rn,oionevole, invece ci porta ad accerrare come conseosentia
vcra l'sssert; paradossale: Si So>rates est lupis, eit oiiiiur infatti, essendo impossibile che Socrate sia una pietra, anche impossibileche sia

. .

275

,,"a pietra senza essere un asino. La conreiuiionrr necessitar deve per& essere intesa nel senso pi6 stretto che I'antecedente di un asserto
coiidiiionalevero richiede il conseguente in modo intrinseco ( e x se ipro
,,iyrr)."Questd interessantissima critica di Abelarda sembra esserel'idi una lunga disputa medioevale sui paradossi dell'implicazione.
Iliiatti, diflicilmente pu essere un caso che i logici che piG tardi vi preparte citassero comunemente come esempio di impossibile l'uomo
'lic un arino, chiamando poi questo sovente Brunellur,'" proprio corni. Abelardo. Comunque, l'applicazione che Abelardo fa della sua defiiiiriiine stretta di connessione necessaria ci sembra poco felice. Egli afiirrna che la conrequentia. da lui tanto spesso citata come esempio, Si
,,,i hamo est onimal, sodisfacente in quanto un caso del procedirneni v che va dal meno gencrale (inferiur)al pi6 generale ( r u p e ~ i u ril) ,quaIc . come diceva Prisciano, compreso nel primo. D'altro lato, egli pen,.I ciieci si allontani dall'ootimunr del rigore non amena
una
.. si .propone
.
coiirequeniia che involga l'assunzione di due diverse sostanze, ad esemilio Si homo est, lopis non est, o Si po/ernitas est, filiaiio est. Sostiene,
inf~tti.che in tal caso il senso del consementenon contenuto in quello
.lt Il'.:nir.cedente,e che In ~crit;dcl t~!r~.$tlb!li!isultanto ~ J . . J I I <p?~
.,dlc c.inoucn7.1 i'rlln nitiira :'portericr c* ndturdr. d:irrer:one e1 pro~pi-ictatisnaturae cognitione').'"~
E difIicile trovare un'interprerazione sodisfacentc di questo passo.
il iin primo esame, il lettore moderno sarebbe portato a credere che si
trditi di un tentativo di distinzione tra verit a priori, accertabili esamiinaiido il significato delle parale in cui ai esprimono, e verit a pos~eriori
ivI cmpiriche. che si possono scoprire soltanto esaminando l'esperienza.
Al.{ quasi certamente ci saiebbe un anacronismo. infatti. niente mo.hc .4hel~rJoavesse qualch: iJ:l d<,lm r t < i < ~l ~h cpei
e cl:ilmiirro
~~i:cj:aiinon mncordanu c u : ~tal:.
i .I~rt:va; e. ol:rc J CI", ;li c,ci
1cori.1. Il punto sembra piuttosto essere che parlando di relazioni di
qualunque gcnere (inclusa quclla di incompatibilit fra caratteri scoper.
t i in cose differenti), non ci si pu affidare soltanto alla familiarit con
<lefinizionipcr genus e/ difiereiitiom, perch sono del mtto inadeguate
risolvere le questioni che potrebbero sollevarsi. Noi possiamo sapere,
dd esempio, che un uomo per definizione un animale razionale, e cosl
pure che una pietra per definizione un minerale solido, ma queste informazioni non ci pongano per se stesse in grsdo di affermareche se
J

Da Alcuino nd Abelnrdo

Logiciromana c logica medioevale

256

qualche cosa un uomo, allora non una pietra. E ancora, siccome 8


impassibile introdurre la nozione di paternit con una definizione in
termini non-relazionali, evidente che nessuna definizione simile pu
essere citata a prova del secondo escmpio di Abelardo. Sembrerebbe
che, per un momento, Abelardo riconosca quiuna limitazione della con.
cerione aristotelica della scienza, che aveva ereditata da Eoezio, ma che
non sappia propriamente come superarla. Invece di tentare: ( a ) di far
posto nella logicx formale alla tcoria delle relazioni, e (6) di tracciare
una linea di dcmarcazione tra l'a priori e gli studi empirici. egli mantiene lo schema aristotelico, suggerendo per di sviluppare una nuova
logica non-formale, la quale :iguardcrcbbe tutte le conrequentiae vere
graiia ferminorum, cio in virtu dei loro termini comedirtinti dallaloto
struttura.
Tale visione ampliata della logica viene da lui esposta nel seguente
brano:
'Hoc aurcm lagirie dirciplinnc ptoprium relinquitur. uc scilicrr v m m imw-

(I)
e

rr.*ip,.r.ii.r~i.n

..,-,v,,,

-"

P r e ~ e:n r;, le prilnc duc cnuccivioni pcrrib!,$to es-eie ii,trsero:ne inv~lp~::iiin.1 ~listiviuncdi tipo mcderni ir3 la logica come ctudio dci
>isniiicatie 13 %::il cuxc >tudioil?: (9t.i Ab:I>:<Ii> di:? infatti che
compito della scienza della logica riflettere sulle convenzioni che dnno
alle parole i loro significati, e cosi esaminare quanto proposto dalle varie espressioni,mentre compito della fisica inquisire se le coseabbiano
i caratteri loro ascritti dille proposizioni. Ma subito aggiunge che lo
studioso di logica deve investigate la natura delle cose, per scoprire cib
che bisogna intendere con le varie parole, e sostiene che tale attivit
serve a stabilire le convenzioni circa l'uso delle parole stesse (pro uorum impositione). La sua tesi sembra dunque essere che possibile migliornre e regolare il linguaggio, in modo che il suo apprendimento ci
renda padroni di Ntta la scienza. Se Abelardo sostenne davvero questa

Poriio antecedente ponitur consequens,

in secondo luogo la regola per il n~udustolle>idatollens:


( 2 ) Pcrcmpto

consequente perimitur ontecedenr.

I..ntrlliil>; <"no 131~0113


cit.11~~ 0 1 1,altre p r o l e , ma q c c s t ~iersidne
r I i pii'. I>r,.ie.' P:c~er.rin<:~ccle,Ahzlrrdo dicc chc l'tira p u j csrcr:
.: i .i<'~ll'il:tr.oercit c r i ~ ~ i h i l e c o n c l d edr en L zit ? o i osr!ri~t,.CI /.oso L3 pro\.d dn :31e ~ C U : \ . ~ C I I ~ ~ ;
8. .I-<
7, >irtirr: ;,.i,ni!
,.:t
r.r,;'<<rit'.
i.i i,n,oo,c,:,,lr Ir!atti. .C.
SI ,~mne:reI? p::m;
d2'lc sud
!:.te :ocrr,i>i,,i~i m d si con- in d i ~ b ho 1s secondx, ximc ?.ire :he
lpotrcbbe non esservi alcun animale bench vi sia un uomo. Ma per In
1prim:i ronrequwtia, che stata ammessa, se vi un uomo deve esservi
un animale. Si perci costretti a dire che potrebbe non esservi alcun
a~iimalc,bench ve ne sia uno. Una contradizione analoga risulta dall'accettare la seconda conseqr<oitrorifiuiando la prima.
Iinmediatamente dopo, Abclardo presenta un insieme di regole
nc:ative: per esse non possono esservi ragionamenti formalmente ealidi (.i)dall'affcrmazione dell'antecedente alla negazione del conseguenic. ( L I dolla ncgaziane dell'antecsdente alla negazione del conseguente,
( c i dalla negazione deli'antecedsnte all'affermaziane del mnseguente,
(fi)d.~llanegazione dcl conseguente all'affcrmarione dell'antecedente,
le1 dall'affermazione del consemiente all'affermazione dell'antecedenre, l!)dzll'affermazionedel conseguente alla negazione dell'antecedente.
Ed erroneamente tenta di derivare la prima di queste regole ncgative
d ~ l l asuccitata regola (2), mediante ii r.ogionamcnto aristotelico che
\uoi provare che una
e la sua negazione non possono comPortare la stessa conclusione.
.i11.

......
..
rius mnsiderario alteri necerssrir. Ut eiirn'lo~icaediscivulis iDvrrcat auid in sincii!is .i:c!li;rnd,n
si[ iu.l>.!.s. p.iiir -cnim yrip:i;~nc cri;ii\c,tii~njo Sed
v'
:m :h l>:r ~ r . 8n ~~ ~ t non
~ v ?3,"
$ ) m ,,n[>ec\u>~>c
~:+iritur, tcm
~ a r u . 1n r c v o reirrcnd~err cJ I,ai:~i.i C-iii > u r r n rercm nati r~ v r c o r n r a tue.
r < . > - ~ n5 igo.far.c re;-iidurn ;L: iri p.lyricmtc< di<[ -g.:cnJ. 'est. pr..:io qui!e i ,., r t . i l , J..ti~r.!.ii,. ?<"?L :n <>r>ilor.kui
q ~ a ccx Clir.ci-ibur idn~untw

257

rcdutn, fu il primo di una distinta ma piuttosto sconclusionata compaciii;i. Dispraziatamente, il passo troppa breve perch possiamo farci
;lil'idc, chiara dellc sue opinioni in proposito.
1.3 maecior
> ~ .nartedelle massime che Abelardo enunci* per i suoi varl
,,jpo, pub essere qui tralasciata, ma nella discussione sulle conseqnen;i.ie hn, come ovvio, occasione d'usare varie regole di logica formale, e
,,,ib interessante esporne quacuna. Occasionalmente, anch'csse venga,I,, chiamai? massime.
Iii primo luogo, v' la regola per quello che, piu tardi, sar chiamato
il ,.iu.Iris poiterido ponens:

z6a

DaNmino ad Abelardo

Logica romana elogica rncdioevale

rone. Forse I'esposizione di quest'ultimo era troppo oscura per essere


di qualche aiuta ai logici medioevali, anche a quelli pi6 intluenzati d a
corpus boeziano.
Come abbiamo notato in precedenza, Abelardo pensa che la corretta
negazione di ogni proposizione si ottengo ponendo la particella nega.
tiva davanti al tutto. I n oscicnte opposizione a Boezio, dichiara die
se i1 segno di negazioiie inserito ncll'una o nell'altra delle clausole
una proposizione condizionale, il risultato non la negazione dell'on.
ginnle, ma una nuova proposizione." Cosi Si tioir est A est B ha lo ster.
50 signiricato di ilut est A aul est B. E similmente Aut noil est A aur
est B significa lo stesso di Si est il est B. Per Abelardo un errore dire
come alcuni hanno fatto, che per la verit di una disgiunzione su5:
cientc che uno dci termini della disgiunzione sia vero, e cosi pure dire,
coine hanno fatto altri, che sufficiente sia vero uno, ma soltanto uno,
dci termini della disgiunzione. Per il senso reale di una disgiunzione
dobbiamo sempre rifarci. come faceva Boezio. alla relativa condizionale
che ini.ol<c 11 nsliorc di rcccss.ii. Iln.secsnio Lloczio. i ?tic rncmbri
<I'..P.Idi\d~.:nzi~nc
suro nr.~c,s.iri~nicnte
in:wr:~>,ii!>ili, il :tic i come
J.rc ci: Ar.r rrt . l 2t<t e + a r.iii > ~<iu~i.~l:iit:
a S! t i ~ r !,.<t.4 est B. ma
piuttosto alla congiunzione di detta proposizione con Siesr Anon
Abelardo respinge questa pi6 rtrctta condizione per la verit di una
proposizione disgiuntiva, e con essa il ragionaniento che dall'afiermazione di un membro di una disgiiinzione passava alla negazione deli'altro. cio qucllo che f u piu tardi chiamato inodur pofrendo toiicns.'"Poich considera una disgiunzione equiualcntc ad una condizionale con
antecedente negativo, il moJus tollendo poriens del ragionaniento disgiuntivo naturnlmente per lui un caso speciale del modur ponendo
poweni del ragionsinento condizionale.
Abbandonando la condizione dcll'incomoatibilit dei
-~ rnembrid'una
dic;iu-rioni, iihel.r=o cominci] un2 r.rir?:a 2.1 qucll'int~r~irctazione
'f~>rii-'d::la pir~iccllndiriiin:ii..i ~ k tcr, ,t., i.iinxl:iii i,cicdiimo,ds
( ' 1 .ppi> t qw.:o non > I'iir ir.i ? . \ , s i .li liit fai." \.,,l ..iiix serrplifi.
CI-icre Acl'.? losic? propo~ri,nllz. RexiliC insisti :hc u r i d~,~iiinrionc
di 2uc mcnil-ri ~ c . \ . L .C,,-TC i n i : ~C U C ~~ VI I .I ~ I I I : ,III.ASFCI~O
c t e la
neoazione dell'uno coinmrt.1 l'altro. riconoice che aucsta interoretazioi~.. ~ i u r
pr 5 c,.crc <s:c,a a .Ii,siiir,liiiii <.>npii1 <liLILC mtmbti Come
e6 i I: p?rc, 13 ?ro?n,izione icrn .,lr8tr.rt ci:.!t,n> rrir !ri:i iiir: dut IL'P~.
Aut
dimr nonpupropriimente supporsi cquivalentc alla
~

"'
''I

Diulinirr. pp. 481 rr.


l b i l i . PP. <189,4sx. *)P.

13,

Clr

DCs>!l. h i p , Il. 6761

I~OCZIO~.

261

cero haecdisiuncro 'Ert calidum ari! frigidum'aut est tepidum e nep,,"re alla proposizione Aut est colidum aut vera est illa disiuncto 'Est
ji.,siJum aut tepidrrm', poich queste ultime sono entrambe manifeSc~rnente
false, se interpretiamo aut, sia dentro, sia fuori delle virgoILtte in riferimento a una connessione necessaria. L'unico modo di
,iugiire alla di5colt di dare un senso pid debole alli disgiunzione,
proprio questo fa Abelardo, dicendo che si trova gi nell'uro di aut o
e1 per fare predicati complessi di proposizioni categoriche. Secondo la
,,la nuova interpretazione, l'originaria disgiiinaione di tre membri iil.
lava equivalente alla proposizione Si non est calidum est frigidum velte,piiii>ri(dove ve1 ha un senso debole) e, naturalmente, alle altre due proro~izioniche possiamo fare sullo stesso schema permutando i tre tertniiii."' C. un seeno deil'acutezza di Abelardo ch'enli abbia notato la
I :x,,lti c ccrcrii di risolverln ir. m a n i ~ r icoji p:omettente. Irifaiti,
!.tu~ycren una comp:e:a solii/ione del p:ol,lcni~, basterebbe cver.
i ,I .che quel senso dcbcle <Icl:a d:;2tunr:one. che A'~:.liidotrovn sol."io in certi prrrli~aticompless~,pu rsserc !IIYL'CS prcro come quello
:.rj.~menralc. d'io rlic il sinso r o d l l c farte porrchl~esempre cssere
rrpresso premettendo la frase ' necessario che', la quale agirebbe de
ieiiiit dell'intiera disgiunzione debole.
Secondo Abelardo, le proposizioni temporali e disgiuntive possono
cssere convertite oer meta modificazione della disoosizione delle loro
r ~ i t ~ o lrr.entre
e,
per le proporilioni cocdizionali ci' E pxribilr solrari .,:i conir.ipo<:~tone,
in accordo con 13 I C ~ V I ~'SiI :aliquid antecedit
itr iiliud conseauatur. si id auod conseciiiitu; non fuerit.nec illud aui1.n) ~ U O L !antecedit e::[.' Sembra cSc alr..ini 1ogi:i fdcsrrero obiezioni
Il .i:" della plro!a 'csni*e:sionc' a q:ier.c rroposito. e Abclard~si1r.d
perci necesiari0 raccogliere tutte le fonti;hiriesce a trovare, per sosrencre il suo uso pi6 ampio.'* Comunque, il punto interessante solranto perch mostra ancora una volta come nelle scuole di logica vi
fn?sero state disoute minuziose anche orima del temoo d i Abelardo.
L'ul:ino t r n ~ t ~ t Ur
o , d!t.iriG>:;bl,,'odefi>:to>.i'br,r.nun ka niulta
-?olr.ili,.i per lo sv~!cJpodella!og:ca. p-i ejsrndodi grorde intrresse
i r l i \ioiil generale dell.i liloro51 V i si di-ecke Riice1:ino sostencvl
1',u,ia; rr,11et1:>ilchenien:e ?u(,c<iiirta-C$11pztii, in quanto ogni liirte
! per nntsrn pr:orc 11 ru:ta, C un ioito rlie coinci.ic<se con Ic auc parti
dovrebbe perci essere priore a se stesso. Questa tesi paradossale pu
aver avuto qualcosa a che fare con la controversia sugli universali. In.
,,I

D;olc<,,<d, pp 49z.9,

'* Ibid , P. 196.

fatti Abelardo dice di Roscellino a questo proposito: 'Simt solir v p


cibus spccies, itaet partes adacribebat."" Immediatamente dopo questo
pdsso, c' una presentazione della dottrina dcll'anrma inundi e una spie.
gazione delle ragioni per cui Abelardo, in quel momento, la stimava in.
compatibile con la fede cattolica.
'
M

D,afe<,,<a,

3.
Ln logica delle universit.

*. >>,.

'

Non impossibile che in quslche manoscritto medioevnle esista ancori un'opera di Guglielrno di Champeaux o di un altro predecessore
di Abclardo, ma, qualunque cosa possiamo sperare di scoprire, ci sem.
hi.i improbabile che altcrer di molto le linee generali da noi individuare nello sviluppo della logica prima di Abelardo, o possa indurci a
iivcdere la nostra valutazione della sua importanza. Ora. quando ci volsiamo a considerare la storia della logica nel tardo medioevo, troviamo
~iii:i
situazione molto diversa. Dopo secoli di disprezzo o noncuranza
I comeci mostra il Prantl nei volumi terzo e quarto della sua Geschichte
<lei- Logik), le conquiste dei logici medioevali accessibili nei libri stampiti fra la fine del xv secolo e l'inizio del xvr furono riprese in considerniiunc alla lucc delle scoperte dei logici moderni, ed opere che un tempo erano state condannate come noiose od insignificanti, vengono ora
di'prczzate come brillanti anticipazioni delle recenti innovazioni. Queate iniprovvise rivalutaiioni portano quasi inevitabilmente all'esageram n c ed alla rierdita di prospettiva. Cosi, autori del xiv secolo furono
miniirati per.osservaziini che Abelardo aveva gi fatto duecento anni
prinia, c passi tratti da Boezio o da qualche commentatore arabo di Aribtorele vennero talvolta citati come eemme della sapienza cristiana mediticvale. ~a nella storia della culturi, diversamenre da quinto avviene
nell'ircbe~lo~ia,
le scorrerie degli entusiasti non distruggono le prove.
.il contraria. possono servire da stimolo a quelle ricerche, da cui i loro
reasi errori verrannocorretti. Ecosi avvenutoin ouestocaso. Infatti.
s i oggi stabilito che, oltre ai testi a stampa, esistano molti manoscritti
di logica del xrr secolo e senuenti. Sincb non saranno stati editi tutti,
0 dlmeno esaminati edescritti da esperti in studi medioevali, non si pu
spcrrre di determinare con esattezza i vari strati di quell'enorme sedimento.'& Perci, in questo sezione noi non tenteremo di dare che un
'* m m ~ n
w d'a a l a n i infurmuioni ru iinibci rntichi uarrari nel rum rriimlo Re#rlri
""fiCn

?md Iiirfrsungrn dcr ,lriiroirlirrhrn

L o g d nui drr Lei! san Pa.7 Abarlurd and Yilrui

164

Logica romana e logica mrdioevale

grossolano abbozzo della storia dclla logica nell'alto medioevo, riferendoci nd alcune delle personalit piG intrreisanri che allora se ne
cuparono. Mi, al fine di dare qualche indicazione suli'enorme riccheaa
del materiale che ancora attende d'essere vagliato, cercheremo poi, nel.
le prossime sezioni, di raccogliere informazioni su due delle novit piu
interessanti che apparvero nella storia dclla logica nei 2 5 0 anni dopo
morte di Abelardo.
Poco dopo la met del xir secolo tutto I'Organon era in circolazione,
sia nella vecchia versione di Boe~io,sia in nuove traduzioni, e prima
della fine del secolo la maggior parte dei rimanenti scritti di Aristatele
divenne accessibile in latino. Alcune traduzioni furono fatte in Spagna
dille versioni arabe, ed altre in Italia,dastudiosi in contatto conlamltura di Bisanzio. I1 fatto che in entrambi i paesi si procedesse con fervore a questo lavoro, si spiega con L rinascita intellettuale del mondo
occidentale, piU che con qualche accidente storico. Uomini che avevano
udito parlare del sapere degli arabi fecero lunghi viaggi per trovare ci
che andavano cercando. Nel I 126, ad esempio, Adelardo di Bath port
in Occidente le tavole trigonometriche di al-Khuwarizmi, il cui nome,
nella forma di 'algurismo', divenne pifi tardi sinonimo di 'calcolo'cosi
comc 'Euclide' era sinonimo di 'geometria'. Le parti dell'orgunon che
fecero a quel tempo il loro ingresso nelle scuole per la prima volta, o in
nuove traduzioni o nelle versioni di Boeiio, vale a dire tutte tranne
le Cutexoriae e il De interpretotioite, furono poi a lungo conosciute mme o r i nozia Da quel momento, i testi usati per lo studio della logica a
Parigi, Oxford, e nelle altre universit, furono I'Organon, l'lsogoge di
Porfirio, il Dc diuisionibus e il De differeniiir topicis di Boezio, e il Liber de ser principiir attribuito a GilbertoPorietano. Quest'uliimo trattato, composto verso la met del XII secolo, integrava le Cotegoriae, occupandosi di quelle quesrioni che Arirtotcle non aveva discusso in maniera particolareggiata.
La prima opera medioevale che tien conto di rutto 1'0rgunon il
ilfrtalogicon di Giovanni di Salisbury, scritto nel 1159.L'autore dichiara di voler con essa difendere la logica (concepita come loquendi
ve1 disserendi roti01 dagli attacchi di un critico ignorante, ma il suo
maggior pregio consiste nelle informazioni che ci d sulla situazione della cultura nel XII secolo. Nel I r 36, quando cra ancora u n ragazzo. Gio-

Ln logica dclle u n i v e r r i t i z 6 j
,.s~,nistudi logica a Parigi, e rimase molto impressionato dalla bravura
dei ~iiacstridi cui frequentava le lezioni. Abelirdo era tornato per quali\ie tempo ad insegnarvi, ma non mancavano altri la cui dinlrttica dcli7,,n.~
gli a ~ c o l t ~ t o rTuttavia,
i.
tornatovi dopo molti anni, trov che
,,,ulti di essi stavano ancora dibatrendo 1s stesse questioni, come se non
a\-eiscro imparato nulla, e disimparato la moderazionc. 'Cosi, - cgli
.cricse, - I'esperienza m'insegn questa manifesta conclusione: mentre
la dialettica favorisce gli altri studi, lasciata a sc stessa rimane csangue
,-qrcrile. n stimola l'anima a produrre il frutto della filosofia, a meno
.-l>,.?,M 10 cancenisca
altrove.""
~-~
Qiiando fu sckitto ci, la Physicoe IaMetuphyxicridi Aristotele non
rl-.>niiancora state incorporate nel crrrricrilun universitario, come avXeniic mezzo sccolo dopo, e I'istruzione filosofica poteva benissimo appdnre esile. hla nei duecento anni successivi, l'entusiasmo dei dialetti< i port a un notevole sviluppa dclla filosofia. Noi non cerchetemo
qui di decidere se il risultato giustifichi l'enorme sfono intellettuale
1,- 1"." r.--ni-nA,lrsp
Fnrw
i ..
di san Tommaso d'Aquino e di Gio.
.... .
ianni Diins Scoto meritano soltanto la riluttante ammirazione che ri$erriamo nllc Piramidi o al Palazzo di Versaillcs. E pu darsi che le mirlini~di giovani che spesero Ic loro forre lottando con sottili astrazioni
ncllc ~inivcrsirmedioevali si sarebbero ~ u t u t iimpiegare meglio negli
\toiii letterari, allora stimati adatti solranto alle scuole di grammatica.
D'altro canto. si pu pensare che gli esercizi delle universit mcdiocval i abbiano preparato la strada alla scienza moderna, aguzzando le menti
ilcgli uomini ed inducendoli a riflettere sui metodi per acquisire la co~ .n .
~-.
>..<
Infatti
~.....
~ .~
g certamente
un errore s u ~ ~ o rche
r e tutti i filosofi del
. r. .
..~,.
- -rnedioei.~credessero ai sistemi di metafisica deduttiva, e che la scienza
>ixriiiientaleinizi dal nulla qusndo Galileo, o qualche altra personalit
&l Rinascimento, fece un'&rerimiione tendente a confutare una geiicralizzn~ianedi Arisrotcle o di Galeno. proprio comc errato credere
clic Lutrru sia stato il primo a proporre la riforma della Chiesa.
Quando le opere di Aristatele e dci suoi commentatori arabi furono
ti:~dottcin latino. i filosofi dcll'Occidcnte si misero ad assimilare il n u o ~
vo materiale,
essi stessi allo scopo non solo cnmmentsri.
m.! [,izciofar su quearioni pariicolari e srinrrn~~luc,
ovvero compendi si\tcmatici. Nella logica formale l'opera di Aristotele che fece maggiore
impressione non fu, come ci si potrebbe aspcttnre, gli Aonl?lica prroru.
inn il De iophiriicrr eleiichir. Ci accaddc perch quest'npcra veniva i

..

"' dln.i!ogiroii.

Il,

m lcd r i i ~ h r 869s).
,

266

Lalogica delle univerrita

Logica romana e logica medioevale

colmare una lacuna nella loro caliezione di testi. Essi infatti conoscma.
nogi sui topo; e sui sillogismi quclla che aveva scritto Boezio, ma non
avevano ancara potuto leggere un testo sui sofismi, e quanto vi trova.
tono era molto di loro gusto. Nella teoria sillogistica avevano dalottare
con la dottrina dei sillogismi modali, che era nuova edificile, ma dI'ini.
zio parve ci fosse poca o nulla da aggiungere a quanto aveva detto &.
stotele. Invece, proprio come al tempo di Abelardo la teoria dei cdpoi
csscndo mena perfetta di quelladei sillogismi, lasciavacampo alle inno:
vazioni, cosi ora la sofistica, ovvero lo studio dei sofismi, stimolava i 6.
losofi ad esercitare la loro ingegnosit ponendo e risolvendo questioni
spinose. Anche prima dell'espinsione dell'arr noua, questo interesse
appare nell'Ars disserendi, scritta nel I 132 daii'ingiese Adamo di Bds.
hsm (chiamato anche Parvipontano perch insegnava al Pe:ic Pont di
Parigi). Secondo questo autore, che deliberatamente evit la tetminologia tradizionale gloriandosi della propria originalit, uno dei principali scopi dello studio della logica era di giungere alla padronanza del
linguaggio, cosi da non poter essere ingannati dai sofismi.'" Naniralmente, tale impresa involge un esame dei vari modi in cui i sofismi possono sorgere, e porta gli uomini a spendere molto tempo e fatica per
chiarire le sottigliezze dell'uso ordinario. Uno dei piu interessanti paradossi che Adamo di Balsham incidentalmente nota, quello dellapossibilit di un insieme di cose avente un sottoinsieme proprio di eguale
grandezza.'" Piu tardi, quando l'appetito era stato stimolato dalla letnira del Dc rophir:icir eienchir, il gusto per i sofismi divenne cosi grande che li si infilava in ogni sorta di contesti. Walter Borleigh, ad esempio, che scrisse il suo De puritute a r m logrcue tructotrri ioiifior nel xiv
secolo, ne condisce con tanta abbondanza l'ultima oarte della sua opera. che in alcunc sezioni essi occupano pi6 della m i t i dello spazio. N&
mancavano raccolte di aurea rophismeta per l'insegnamento. Ma gli
aromi piccanti stuccano facilmente, ed alla fine ci che era parso affascinante comincib a sembrare stolto e tedioso. Per gli uomini del &ascimento, le minuziose discussioni sofistiche furono forse la parte pi6
spregevole dell'educaziane medioevale.
Tra i sophismata, un gruppo che attrasse speciale attenzione furono
le varianti del paradosso del Mcntitore, allora chiamate iorolubilio.

267

;\darno di Balsham cita come cosa ben noti I'enigma dcll'uomo qui re
,,,i.ntrri dicit,'- 5u cui si scrissero in sguito molti trattati, ma, dato il
poco lavoro &ora fatto sui testi timartici, non possiamo nemmeno sapere quando e come sia cominciato lo studio degli insolubilia. I1 para,dosso del Mentitore non si trova formulato negli scritti di Aristotele;
\ebbene un passo del Dc sophisticir elrnchir, in cui si parla della 'storia
ilcll'uomo che mentiva e diceva il vero nello stesso tempo', passa forse
iitcrirsi 3 quell'aporia, non basta a metter qualcuno in grado di rico5truiih senza una notevole dose di ingegnosit."'San Paolo, in effetti,
ii riferisce invece alla versione di Epirncnide, ma apparentemente senza
.,,pire che si tratta di un paradosso, poich scrive 'Uno di essi stessi ...
~ h h ae dire "I crete4 sono tutti mentitori ..."Questa testimonianza ve.
ta'.'':Dunque, pu derei che il
fosse riscoperto nel xri secolo.
lii ogni caso, i logici medioevali non erano sodisfatti di versioni semplici quali Ega dico folrurn, ed escogirarono complicate varianti, come
'Socrate dice "Ci che dice Platone falso", e Platone dice "Ci6 che dice
Socratc vero", ed entrambi non dicono altro. Ci che dice Socrate
vero o falso?'. Si comprese che In difficolt sorgeva dal tentativo di proilurrc una sorta di autoriferimcnto, e un inso!ubile fu definitocome una
'propositio hsbens super se rcflexionem suae falsitatis aut se non esse
vcrim tatalirer ve1 oartialiter illativa'."' Ma i logici medioevali non si
, . i Jnlirono su al:<ni singola corrrin. ci.;,
il r ~ p p s t i uJ .)iicsri pr.rJ.
I
:n" IP teori? <Icl:~gr.ihcnroed~II~
v i ~ t t ir\I~l'nrr1::0.
.
rUIOnJ5L::.rii; d:\irrr maniere di trlirare la didiclilil In uli m3nrscrt:io a r o
znuno che risale all'inizio del xrv secolo, sidice:

ponere pro hac oraiione cuius :e

pais, ncc rimiliter purs pro toro!'Y

La carratio, o dottrina della nullita, sembra esscre il punto di vista


etatto, bench presentata qui (cio nella citazione stampata) senza spiegaioni. La reitrictio, che espressa nel linguaggio della suppositio ter'' dri diiir-r.li. d
'I'

Dc raph

i ui\io ~ ~ i u i ~p r io?.
o .
rlriiih 11 ti8$i 71

"'ED<,,O/'~ T,,o.
''> ?,O",

VEYET".

12 i,.

L a g i c r mr&".r,P

,e,.

l,
',"'O

i" p3rrr da

".ALTI,

Gl,<hl<hl. d"

Lilzzii,

268

La logicadelleuniucrrir

ragica romana e logica m~diaevale

tninoranr, pare invece troppo restrittiva, in quanto esclude erroneamcn.


te anchc riflcssiani di tipo innocuo, come l'enunciata 'Ci che sto dicen.
do un enunciato in i t a l i a n o x a terza dottrina, hsoisfscentc, cstrat.
ta dal passo di Aristotele menzionato sopra. All'inizio del xv secolo
Paolo Veneto, autore fccondirsiiiio, elenc quindici differenti tenta:
tivi che sarebbero stati fatti per risolvere tale aporia, alcuni dei quali
piuttosto insignificanti, cd aitti mere varianti di proposte assai note
come quella di Aristotelc. Delle quindici, dicci non sono state rintracl
cinte da Prantl in nessun nutore; c di qucstc dicci:una (la quinta nelI'elcnco di Paoloi sembra essere la suinmcnzionata teoria della cassazione, mcntreun'altra (l'ottavanell'elencodi Paolo) l'opinionc aLbastanza simile 'che ncssun ~nsolubiie vero o falso, perch nulla di simile
una proposizione'."' Dato che Prantl cra quanto mcno un attivissimo
c , darsi che ci chc gli non
compilatore di indica~ionib i b l i ~ ~ r a h c hpuh
i.iiiiicito 3 tcovare non si tra\-er moi. D'nltro canto, noli si pu escludere che esista un'esposizione analitica della cassazione ancora in attesa d'essere pubblicata. Allo stato attuale degli studi sul medioevo
impossibilc dire con cerrczza che cosa rimanga e che cosa invece sia andato perduto.
Quando le opere non logiche di Ai.istotclc furono tradotte, in un
primo tempo parvero sospcttc. pcrcli circolavano insieme all'interpretazionc rnonoprichicn clic ne aveva dato il tilosofu aralo Averrok [Ibn
RuSd, I i 26.98). che visse e lavor in Sp:igns. Ma, nel corso del xrri
iccolo, Albcrto i l l ~ g n o( I 193-1280) e san Tommaso d'Aquino (122512741 le libcrsroiio da ogni ombra conciliandole con il cristianesimo.
Ncllc controversie di quel periodo la dottrina dell'anima intellettiva,
contenuta nel De atiit~iudi Aristotelc, ebbe un'impoitanra centrale, e si
diresse pcrcih I'atten7iane siilla tesi arirtotrlica. secondo la quale i'anima diviene consapesolc delle cose riccvendunc in s IC forme (speteoria della vita mentale fu naturalmente presa comeun'ec i e ~ )Quesra
.
lalorazione della domina, a loro familiare, contenuta nel primo capitolo del De interpretotio~ie,do\ze si attribuiscono al1'rnim.i dcgli stati o
moditicazioni che sono in un certo senso copie clclle cosc csterne; e cosi
la vecchia tcoria dei tre tipi di diacorso: scritto, parlato e mentale, ricevette nuova vita. I l pensieio, fu gencrslmrnte ritenuto, procede per
mezzo di propoiifio>ies t,len/aler formate dai segni naturali che si trovino nell'anima. ed anche iiell'claborarione particolareggiata di questa
tcoria l'inllusso arabo fu di notevole iniportaliz~.Nella lingua di Avi-

''' Losin !uosirr.. P

r g i r x. r.3, ciiiiu in

rniurr. Gcrrhrrb,~dei Loxrb. l\', DD. i18 39.

269

cenna (Ibn Sina, 979-1037), una forma nell'anima era chiamata mo'na,
,io? significato a nazione, e quando le sue opere furono tradotte in la.
,inc,, mu'nu f u reso in ogni contesto con la parola intentio, che fini cosi
aacre nell'epistemoIogia medioevale il senso tecnico di 'segno natur,31cnell'anima'. Inoltre, come Porfirio aveva distinto parale di prima
p r o l e di seconda imposizione, cosi Avicenna distinse segni naturali
di prima e segni naturali di seconda intellerione, dicendo che questi ulrjmi sono Ic nozioni astratte, come quelle di geniir e rpecier, che gli uo.
iiiini applicano ai primi. Egli pensava inoltre che la logica avesse a che
i,ire aoltanto con mu'ani di seconda intellezione, poich sona quelli che
si iisnno nel ragionamento dal noto all'ignoto:
'Subiecrum vero logicae,ricur scirri, runt intcntiones intellcctne sccundo, qua"
.iplx~t~u"tur
htcnrianibus primo intellectir, ssundum quod per ear pervenitur de
ci,gn!to ad incogniriim, non in quantum iprae sunr inrellectec et habcnr esse inirlligibile.quod csrc nullo modo pendei ex mareria, vcl pcndec ex miteris rcd
"<i"

c~~DoP~s.''"

C I'originc &l!, J..c,~isiores o x l Ic iiitczii~.ni?rime C 1s inseconde, :hc san:l.iiib lino al t:rk:n~ <Iclln: o ~ i c arnedi<i:\.~le.
i:,.in;:~lncnic, r.11~<Il<tiriior.: non ckc iino coiluppc del13 acr'li:i
tcoria dei tre tipi di discorso, che era sempre stata pri&nte al pensiero
Jci logici del medioevo, come assunro che sta alla base della loro d e h
nizione della logica quale rcienlia rermoci>ioli.~,Avicenna stesso parlava delle forme-nel-pensiero come aventi caratteri logici che non potevano possedere n come forme-in-s,n come forme-negli-individui:
'In eir nurem quie runt extra non eii errenrinliras nec acridrntnlirar omnino,
~ i c cchi rliquod compleriim ncc incomplerurn nec prapoiirio nec argumentatio nec
icrcru Iiuiu~madi.Cum aurrm volurnur considerare ad huc ur sciamur eai. ne.
L C , ~cst eai coliigere in inrellecrri, et runc necessario accident illir diiporirionn
iiiine sunr propriae tsntum inrcllectui.""
(Ii.e513

..:i , i t s i , i

l
i

1
'

In tempi posteriori, l'analogia fra pensiero e linguaggio f u presa a


volte cosi seriamente che si credette che le proposizioni mentali aves.
<ero u n i grammatico Simile a quella delle proposizioni scritte O parlate.
Pietro d'Ailly [ I ~ ~ O - per
I ~ esempio,
~ ~ ) , sostiene che i termini mentali
~ ~ ~ p ~ i a mdetti
e n tpeo s a n o essere distinti in nomi C verbi, e che i nomi
lianno dei casi:
'Terminorum nienraiiurn piopric dicramm aliqui niturnlirrr rignibm~namiiialitcr er taler nrruralirer sunr rnornina, aliqui naruralirer rignihcant verbalitcr et
'* .AM~#NVJC opern. ed \'cnnia i n 8 . P h i f o ~ ~ ~ bpi>iu.J.
8r
2 D lo" A. citala da rararr.
C r i i " i i h l drr Lnplk, 11, D. 328. m?. con ramil$ioncdel non piima di 2 8 4 U " l " Y "
e, citala rld rrmrr. Le1~bbb666~ C I L D
"'rl~i~riinur
opcri. cd Vcnnis ,508, Loniiu, p.
iih. 11. P 318.

Logica romana E logica medioevale

270

talrr runt naturalirer %erba.et ric de aliis partibur orationir... Itcm aliquir
rrliter est nominativi easus, alrer genitivi, et ric de ali^.''^
Ognuno dei termini mentali di cui egli parla in questo sede supposto
essere un ronrepfiis noturn/i/er signifcan~oIiguid ire1 oliqur, e viene
chiainato termine mentalc proprie dicfur, per distinguedo dall'imma.
gine di una parola scritta o parlata. Tale immagine pu essere d e h i t a
segno naturale della parola di cui l'immagine, ma, proprio perch
una copia della parola, pu anche essere definita come segno convenzia
nalc di ci che convenzionalmente significato dalla parola stessa:
'Terminui meiitalis improprie dicnir est mnceptur vacis ve1 rcripnirae... et
licct rignificetnaturalitcr Diovrie vocem ve1 sciioturam. cuius est narurslir sim;:
~-

-.

tiooe illi ranceptui qui naiuralirer csr rapraesentarlvus omnmm hominum?U--Pietro d'Ailly dichiara poi che gli aggettivi 'vero' e 'falso', nel loro
senso basilare, sono applicabili alle proposizioni mentali propriamente
dette: ma questo non era universalmente accettato. Infatti, alcuni dei
3 5 8 ).
suoi contemporanei seguirono Gregorio da Rimini (morto nel 1 ..
nel riten:rc che rc::ti C ia!sitj a ~ ? ~ r t e n e ~ s propri3mente
ero
ai contenuti pr3posiziorili da essi clii1rni:i ron>plr,rcr~&~:~ii<id?lri.'"
Coxe ve~Iismo.c.~c>:ioniscl:cinrc d3 Abelard~erano sncurr in ballo rrcccnto
anni dopo. Se Giovanni di Salirbury avesse vissuto per dieci generazioni, anzich per due, avrebbe trovato che i problemi discussi dai logici
erano ancora quelli della sua giovinezza.
Dei manuali di logica scritti dopo 13 diffusione dell'ors novu, il piJ
antico stampato sinora s'intitola Introducriones in lagicnrn o Summnlae, di Guglielmo di Shyresivood."' L'operetta, che si comgone di sole
7 > pagine nell'odierno tcsto a stampa, fu scritta da un inglese della prima met del x r r i secolo, probabilmente a Parigi, e si divide in sei parti,
rispettivamente dedicate alle proposizioni, ai predicabili, ai sillogismi,
ai to'poi dialettici, alle proprietaier terminorum. alle fallacie.
Nella parte sulle p;opisizioni si dice che, perch una proposizione
congiuntiva (copulotioo) sia vera. necessario che siano vere entrambe
conirpi>.r, ciilio dr vauirr, Grirbabrr Je, Loiii.
rroicn dri rau p a n i dei irxrd

I'ri cibuiione

"' Ibid.

,..<.P.
t:.

.'-,

8";

Rr

..

."

prrticol8ri cfr

r:,< \: iara.i.....
,,-.t ,.,, > l % ,

,'.,,T

8 , 3 < ,j,\

PAOLO ~TYETD.

.n
#,l.

..

Loairn nrarnr,

L\'. D.
I.

iap

'

Non l= ,,sum che

i o IDr oinid;rio iirororriloniil.

.-I<
<>-.-..
, .,,.,,! ..
,rll ,,,,

. I . W . ~ ~ < + . ~li. , 11
$

><r;",,,",,,

,v,-,,

C"
,C,,..

C 3,.

t,

V,, !I,<, i b
.e

\.,,",.l,

C9I

le sue parti, mentre per la verit di una propbsiziane disgiuntiva. basta


clie sia vera una delle parti; quanto d a verit di una proposizione condizionale, bisogna che quod si, onrecedenr rit conrequenr. Le relazioni
tre i qunnti6catori omnir, quidam, nullur, e i modi in cui questi posso1",
combinarsi con non, sono anch'essi discussi, e i risultati riassunti nei
icrsi mnemonici:
Acouivalent omnir. nullur-non. nondliquii-non.
~ r i r c von
.
~1,qt.i;.cnnii: LO" ~ C ~ U . P I I . I ~ I ~ J I
(,aill>r,COn >irlli,.nCn Lmnii->>C" .<hll!lllT.

C),.idlnr.c~>l, non tr~llurn<n, n r n onnir

I'

ncihderriit."

l:nd~ i'iciir. n p r l s r r 2i.II.i rll,i,!,altt3, I'3.~toreSPSUC Abel~rdor,:l ZII.

. c j x ~ i i ~ r113
c p ~ n ~ ~ s ~ zdi o~ nat:rihuircono
ci
mo./r Inecessiti, yo<<i!>i
1 .'a. . m ~ < ~ ~ ~ l >a iI'ti:o,
l i t h )L picpnrizioni che ~ ~ r i i b u i < c orro.lalxen
no
. i. ilc 3 d:~ein m3nicr:i qii.ilihcartc) or.i.tc-l 3 s~pzettichcnon s:ar.o
..-!.t
11.1 prosrGiie di:endo che una propciizicrc ?el prirno genere
,.o!fi.n ~,,t~r~ritaio>:<~ni
lquirdi n i n niodile in >rn<ostretto, ma piuti r d Yr rnu!r.) pu tuttnl,i.i, in certi ccr.tes.i. miere con:idcrztn mo.
tIc IC,-UJ:L'~U~ c , > I ~
, e ~r, c m p i onel conrcrro ili un rrgiun;rcn:o siiI uiiii:o.
con\irlc.ata uni\.er~.ilco prt!colnre ris:ictto 3 un
,,
. culndo
.
soggetto che non sia un didum.
Nella parte sulla dottrina dei predicabili, compare lo schema di divisione comunemente chiamato 'albero di PorFirio', vale a dire una tai . > .i i l : i i i si scende, per dlvi,:oni Jico:ornicic, ddla rr<hr:inrij, stira.
Lrio rcrpsr, ruryrrr ~t:,rtiori,i.?,!:ti z!. gn<n:a: rirtoolz, 111':nimcl r.1
,:;le v:lrr.i!r.. u hotvo, ct-c rnr>ptc,eii..i 13 rpenpr infimi cmteneotc
Socrate, Platone e gli altri singoii;omini. Esso era suggerito da un pnsio i l e l l ' l r ~ g o ~
dic Porfirio."' e fu pi-ohabilmcnte usato nel commento di
Raeiio. Infarti. nell'edizione delle opere di questo filosofo stampata a
Barilea nel 1370, troxriamo un albero che ha alla base non solo Plato,
comc nome d'un singolo uomo, ma anche, piuttosto inopportunamente,
lirirnellr~r,come nome d'un singola asino.
Nella parte sui sillogismi, fanno la loro prima apparizione i famosi
versi mnemonici Borbord celorent, nella seguente forma:
Barbara celarenr darii ferio baralipton
Celantes dabitir fape~rnafrisesomomm,
Cesare campestrer ferlinobaroco: daiapri
Fclapran dirnmis dariri bocardo feriron.

272

Logica romand e logica mediaeuale

Qui ogni parola deve essere intesa come la formula di un modo valido
r interpretata secondo le seguenti regale: le prime tre vocali indican;
la quantit e la qualiti delle tre proposizioni che concorrono a costmire
il cillogismo, a stando per l'universale affermativa, e per i'universale ne.
gativa, i pcr la particolare affermativa, o per la particolare negativa; la
consonante iniziale d i ogni formula dopo le prime quattro indica che
il modo deve essere ridotto a quello tra i primi quattro che ha la stessa
iniziale; r, presenrandori dopo una vomlc, indica che la proposizione
corrispondente deve cssere convertita semplicemente durante la ridu.
zione, mentrc p, nella stessa posizione, indica che la proposizione deve
essere convertita parzialmente o per occidcnr; m tra le prime due vocali
di una formula vuol dire che le premesse debbono essere trasposte;
mentrc C , presenrandosi dopo una delle prime due vocali, indica che la
premessa corrispondente deve essere sostituita dalla negazione della
conclusione, a scopo di riduzione per iinpoiiibile. I versi, come vengo.
no qui presentati. hanno il difetto che la divisione dclle righe non corrisponde esattamente a quella delle figure, e molti autori successivi s'ingegnarono di suggerire miglioramenti. Malgrado il suo interesse per la
modalit e la sua conoscenza degli Atiaiytica priora, Guglielmo non
tenta nemmeno di trattare i sillogismi madali.
I /r:pr,i <":o -<.iniixri wr.>,d:> 1s diii<ir>niconitiere, e le massime
7023 esposte ncl so:itc. ::t:c. m3.d.vcrs:m~ntc Jill'oper3 di Abelardu,
nsn vi si fa nicn7ionc delle ccreji,e>ti~izSi suppone che :'aoolicuione
di una massima a un caso produca sempre u n riiionamento'di una forma come: 'Socrates est homo, ergo Socrates est animal.' E quando si
pensa che il ragionamento richieda una premessa supplementare, cib si
fa in forma tale da render possibilc un sillogismo categorico.
Nella parte DPproprjefffiibaii iernlinorum abbiamo una di qudle
novit medioevali che prenderemo in esame separatamente, e nella parte De /allociir troviamo la silloeistica di Aristotele orcsentats con nuovi
csempi cile mostrano il vivaciinteresse suscitato'dalla questione. Per
illustrare l'cquivocaziane, abbiamo il divertente silloeismo: 'Quimmque sunt episcopi sunt saceidorer; irti asini sunt cpiscopi; ergo kti asini
sunt sacerdotcs.' Gli asini, e in particolare Bru>ielirir, furono sempre
uno dei soggetti preferiti dei logici niedioevali.
Nel manoscritto che contiene l'unico tcsto medioevnle noto delle
I~itroduciio>ies
si trovano altre opere di logica che furono anch'esse at.
tribuite a Guglielmo di Sh\,rcs\voad,vnle a dirc trattiti sii iyncdtegoreniala, iniolubdri c ~bii~oiioticr,
tutte questioni su cui csistono numerosi scritti di autori medioevali. Syn~ore~orernoio
sano le parale come

La logica delle universit

273

. - ,

,,,,. ;ett,irr. C.,III~ ~ . : . ~ :(,a~ ~il ani.^


~ ~ iun-l
: p~.:icoi~ri.I I : . I I I . ~ ~n<L'1.1~ L ~
I:; r.i*idcrijiii.>le or in^ <l..t;!i 3,)::t~ (\I>l-i:m~ (11:. ci1313U P
i,i~tr>d.i<o,
,:ej it. ci i G ~ ~ : i - l r r.li o <I ).re,u,i~<Ic<::nilll .
<l.
",,>mcm~btn~r.i" i ~~utni~.c:~c.~r,
,un il
~;~,i.>ne.
11 f ~ t i n c : ~t rIL,^.: ~ x J m e v a : t :te CLLII~. -vrc in :[.I L I / . ?
,i lirrii~.,lar, mo,tra cuii:~a?pt:,,
!:.ero I'iinpiirr~n7adi q.ic..te p;:o!c
.iII.i It$r:~<.a
t ~ r n i a..l nI!. (>-o.,?b.:iii:nrc :.n crr:itc stipurrc il C ei,e
., 1l11iv~rs.tI1.1
I li ~ ~ : J T I , C I ~ I I Cf~ir:iiii
~ O ~ ~ in rena, :tr.iio CiI c i . 3n:l.c ,,>:i,,rl vdr,ri,ilt lrlic .i;i:iriranu 'ium.n:i..' C 'iiii.cc'1 et.
ralrolta incluse'tra le dictioties ry>i.oregorernnticae,bencbt concernano
ilirrinzioni temporali.'" Degli inroiubiiia abbiamo gi parlato. Lo scritti) attribuito a Guglielmo d i Shyiowaod quello che espone le [re dottrine: casrntio, restrictio e sol~liiosect<,zdumquid ci sitnpliciier. Obliq,iiio>iessi chiamavano invece gli obblighi assunti da ciascuni delle part i in una disputa, ovvero le condizioni enrrocui la disputa doveva essere
r<iiidotta. I logici di quel tempo esaoiinavano infatti minuziosamente
.i;> r i ~ e ,ai lini dell'ar80mcntazione, involgeva il fare questa o quella
ionccssione, ad esempio che una certa proposizione fosre dubbia, ed
iii.istevan s u l l ~cocrenra dei principi assunti in ogni discussione. Pinoi-;,,si i. fntto poco a nulla per chiarire questa parte della logica mecliocvale. ma ci si
forse riferire a ci che Aristorcle dice sulln diy>iiia nci Topica e ncl Dc sophiiiicis elenchis.
Sembra che Gugliclmo di Sliyres\vood abbia avuro a1 suo tempo
iiialto successo. Ncl r267 Ruggero Baconc, scirenda di lui come se
ir>rscancora in vita, lo delini un filosofo pi6 grande di Alberto Magno.
I: bcncli tale opinionc possa essergli stata dettata da un pregiudizio,
crscndo R u g ~ e r oun francescsno ed Alberto un domenicano, dobbiamo
consentire che Guglielmo crn scnza dubbio un buon logico. Pochi anni
ilapo, pcr, Pietro Ispano, che divenne papa Giovanni XXT e nioii nel
i ' 7 7 , scrisse un maniialc, intitalrito Stoii~~~t~llir
iogicnles, il cui influsso
vi1 oenricro succersivo fu molto r>iugronde. Esso divenne infarti il reI't~>:c~n~
i.>m.i;lln'lo;i~~
.~
l i i i.,tru i' i i chi m.xl~ .<i o .
:c l i s : c j
'craIn<<iriii. ~t,>nll'inl,,o<:cl
\!,lisi, ,I<i.qu.in:!~~i.ccrnnoFt.II.flltL'
i t i i ~ : n < ii l i ,i26 c J i . ~ : ml <:~ic;>.j" Q.i:<to n..ii;
.i: <ii:ct-c, r,:nLYtr dovuto al f ~ t che
o conticne versi mnemonici piu mmerosi e pi6
,,.,'a

,,$,

p:r

;!, s l r , i i

:IIC $i u1.c

I.)

l u ~ s ~r ~~ ~~ ~l u ,f~ ~~f i nici1


r , i P~ CL~UC\FI
r
<,Trrn<irim

'* U - I I ~ BL~IIICII.
~
D< i>,,n,ite

t-i.i;iirc Pulilicriionr..
I r

'di-.,

nr. 9 i19,<1, P

l I U L L A ~ t ~ il

Vili

,li.

i r ,s,,,,inri<lri~

iisril, PI 133-58.

~01 plwr
~ <01 Snlrii,
~ l ~ P~u h tr~ i i i n o,nb hlirliariit

La logica deUe univeriit

L o g i c ~romana c logica rncdioevale

'74

riusciti che l'opera di Guglielmo di Shyreswood. Nel xv secolo fu tra.


dotto anche in grcco, versi compresi, con il curioso risultato che Prantl
quattrocento anni dopo, presc la traduzione per un originale bizantini
ed elabor una teoria complet~mentcgratuitacirca I'influssodcll'Orien.
te sull'Occidente nel xrri secolo.'*LeSui>imulaeconstano di dodici trat.
tatelli, sei intorno ai temi aristotelici (proposizioni, predicabili, catego.
rie, sillogismi, 16pui. failarie) e sei intorno a temi specificamente me.
dioevali (supposizione. relativi, ampliaiione, appellazione, restrizione
distribuzione). In alcune edizioni questi ultimi sono raggruppati insie:
me sotto il titolo Dr tcrmit~oruwpropnetatibur o Parva logicafio. In
generale, la tr'~ttazione molto simile a quella di Guglielmo di Shyres
wood, da cui pu essere derivota. Vi si ignoranogli Analyticaposteriora
di Aristotele e il sistema puramente formale, nel senso che non contiene alcuna considerazione epistemolagica intorno alla dimostrazione
come 13 concepiva Aristotele. Tra i due manuali, per, vi sono alcune
interessanti differenze. Pietro. come Abelardo, intende gli assetti condizionsli come asserzioni di connessione necessaria; perch un condizionalc sia vero. egli dice. bisogna quod otiiecedens non possit esse verum sine coilseqncnte, e cosi ontnii cu,rditio,iolir orra crr riecersari~."'
Al contrario, non segue Abelardo, come invece fa Gugliclmo, nella teoria delle proposizioni modali.
Un altro logica interessante della stessa generazione fu Robert Kilwardby, un domenicano che divenne arcivescovo di Canterbury. Non
scrisse un manuale di grande influsso, ma ci che finora stato pubblicato del suo comniento agli Anaiylrca priora mostra clie fu un pensatore acuto. In particolare, egli d la prima prova a noi nota di un principio di convenione per mezzo di un sillogismo con due termini. Per
difendere la teoria aristotelica dall'accusa di circolarit, che le era gi
stata rivolta dagli antichi, prima spiga l'uso nristotelico dell'ectesi, poi
aggiunge:
'Alia modo porert idem deilarari per ryllogismum in quarto primae ct per hoe
primum principium No>,di.eodem rimvl vero eir dfirt>iarroci ,i~gofiosic. Si nul.
lum B eri A ct aliquid B eir A ex h ~ p r h e r ici80 iliquid A non ert A quod crt
contrr primuni prinripium Hyporhrir ereo'non notcrt stare cum o r i k ouia ex

E possibile che questo modo di rsoionare fosse suggerito dalla giustap


posizione. nel ragionamento di ~:iatotsle, delle due proposizioni che
'"

Gl',hiih,? dcr Loeri.

111,p. >I

'" fumniirfur tnair#lrr.ed.

'"

iriia7nr. i:2lu,oJbi

nociir3sii. 5 i . a.
o,! Co~ivernon..Dvmiiiiian Studins. < l
i

'ERcirur r)rllogismur per sdditionem minorir propasitianir ric: Nullum B A;


,l A - ergo aulliim A B...et est irte syllagismur prirnus secundre Gguiae ...
5iniilitrr c;r dc enrhymemare quod est conversi0 univerralis nffirmativae. .. t i fit
i. l l r ~ ~ i ~ orimur
r n ~ i ~rerriae fieurae per addiriancm maiorir ric: Omne B A; omne
3 ;j:"erpo-oii;4itid
. A B!'"
.,,,:ve

Iisr)), o.
16-76

. .

',lhcir > non i?ptuv*i.a qcecto procedircr.nio, i,iuJic~ndolurirrol~re.


1 .L\= che cori la ro:i\ersione tovrr:i c,,:.ir pcrieziunati d~ r~llo?smi

ilella seconda e della tcrza figura, e questi siliogismi a lom volta perfc~ioiiaticon una riduzione alla prima Ggura mediante l'espediente della
coiivcrsione. Come abbiamo visto, in effetti la convenione non neceswiia per ridurre sillogismi della seconda e della terza figura alla prima,
Aristotele stesso mostra che tale riduzione si pu sempre fare
Loil il metodo indiretto. Ma, per eseguire l'intiero programma di Ari.rotcle bisogna ridurrc ogni sillogismo a Barbara o Celarent.
idee sulla modalit simili a quelle di Abelardo e Guglielmo di Shyrowood si possono ritrovare nel rommcnto di Albcrto Magno agli
/I>inhlicr priora e nelle opere di san Tommaso d'Aquino. Poich queit'ultimo fini con l'essere considerato da molti come il principe dei hlosofi cristiani le cui opere sono seconde per importanza soltanto alla
Hibbia inkressinte vedere come tratt questa questione di logica
iorinae e l'uso che fece in sguito dei suoi risultati, applicandoli alla
tsulogi;. Nel trattatello De modd,bur.l" san Tommaso dice che le proposizioni modali possono essere de dicto oppure de re. Per proposizioni
tiiodali de dicto intende, naturalmente, un asserto del secondo ordine
qiiale potremmo esprimere nella forma 'B possibile che Socrate stia correndo', e la terminologia probabilmente ricavata da Guglielmo di Shyrcru~oododaPietro Ispano. I logici medioevali,disgraziatamente,di rado ammettono di dover quslcosa ai loro contemporanei, bench siano

'"
I 11

hi

271

,,lvono qui da premesse per una reducrio nd impassibile siUogistica.


hla. una volta riconosciuta la possibilit di tale ragionamento, non era
dlficile vedere che un principio di conversione poteva esser provato di.
in un sillogismo che avesse per una delle premesse il famiiidie principio d'identit. Scrivendo pi6 innanzi nel secolo, Alberto
\Iigno ci informa che alcuni logici del suo tempo tentavano di spiegare
In conversione come un entimema, o sillogismo abbreviato, e dice del
!,i inio caso esaminato da Aristotele:

. n a n o hwcso. Ltbe Ilriorumanlyiiiorum,'iiaiarui

uliiIoprra,

d aolrurr.

,701.

'rJ Wiro dr

..-.i A

srnnriru in Santi; Thamrr doxriiuiir d~ .Moduftbur~ P Y S < YI~ Y


dodri.
?~
~ x u ~ r ~I I P ~ I~ PP.
! , ~.$W.R ~ cattribmionc
~
~
~del uarrrco
.
,rn rorini*ro non i w -

i M

~ ~ h . ~ l !8mc,r*!,.
!~~",~

276

Logica raiiinnn e logica medioevale

La lagira delle universit

felici di citare a sostegno delle loro opinioni Aristotele e i Padri della


Chiesa. Per proposizione modale de re. invece, san Tommaso intende
quella in cui il scgno modale erren~iilmenteinterno. Questo segno
pu essere un avverbio, come in 'Socrate possibilmente corre', ma, almeno in latino, pu anche essere una frase predicativa spostata verso i]
ccntro. come in Socratem posiibile ert currere. Diversamente da Abelardo e da Guglielmo di Shyresu~aod.san Tammaso non dice che una
delle due forme sia piU propriamente modale dell'altra, ma segue Guglielmo nel porre in rilievo cheuna proposizione modale dediclo sempre singolare, avendo u n <iicti,lil come soggetto, mentre una proposizione rnodale de re pub csscre unive~saleo particolare secondo il segno
di quantit.
Gli esempi con cui san Tommaso d'Aquino illustra la suadistinzione
nel De rnodal~burnon sono molta illuminanti, ma possiamo impararne
di piii da un passo della Summo contra Gentiles, dove se ne awale per
dcmolire un'obiczione contro la conoscenza chc Dio ha dei futuri contingenti:
'Si unurnquodquc a Dco cagnorcitur ricut pracrcntialiier visum. sic nererrarium erit cric quod Deur coposrit, ricur necesrariurn est Sxratem sedere cx hoc
quod sedere videiur. liocrutem non necessarium est absolute.vcl,uta quiburdam
dicirur, ncccrrirarc conrcqucntis,icd sub candirione,velneccrrirateconrequcniiae.
Hacc enim condirion.~lirest neccrrnria: SI uidciirr redere, rzdet. Unde et, si mnditionaiia in crtcgoricrm rranrfcrurur ut dicatur Quod vidcti,r icderc tiecerre erl
iedert, pillct csm de dicto intrllectam r i comporirrm esse vrram. de rc vcm ct
ilivisam e i i e falsam. Et sic in his er in omnibus similibur qua Dei rcienti~mcirca
conrinpeniia oppugninrer argumenrdntur secundum comporirionem er divirianem
fdlluntui.""

. .

I1 senso generale del pnrao diiaro. Se Dio ha la previsione di una pro necessaria in relazioposizione intorno al futuro, quella
proposizione
.
. .
i.c, .il f <t!<> del .,.:o
r j r - r previrt~ rrs r o n ?er quc,ro . ~jrolt~..inientc
i. I inrci.i1i,;<i.i:>nclite ric<\.;.iri.i IrC~ri:,qtiindo :>n pr~Jicntoap
pntticrc 3 i:? s o . : c ~ l cr0.i :i r.riiCi,iu~i i, i i i c i . .-i.;. i l f i tucilesi possa
dire appirrenereal soggetto nccessariamente non dipende dal modo in
cui 11 soggetto descritto, per esempio come un uomo di cui Dio previde che in un certo momento si sarebbe seduto. E soltanto allora I'asserto modale pu qualificarsi de re. Ogni ssserto di necessiti che vero
inteso de re, sar anche vero, pare, intero de dicto, ma non viceversa.
Ln puntuslizzazione fatta qui da san Tommaso una buona risposta alI'ohierione considerata, ma a noi lecito dubitare clie un qualsiasi ca-

"'

Szinan roiriru CcnriCr. I. 6; Cfr anrhc Dr i,i~ii#ir,


<iu

2,

rn. 12. ad r

277

rarterc (che non sia una banalit come l'esser-quadrato-o-nan.quadrsto)


,,"sia
mai apeartenere
a qualche cosa con necessit del tutto inmn..
t',I,~ionata,se con ci s'inteide 'indipendente da ogni altro carattere o
i~isiemedi caratteri da cui la cosa in questione potrebbe essere identilic.~t~'.
Avremo occasione di tornare s i questo problema in un altro cariiolo, quando esamineremo lo sviluppo della logica modale nel xx se~ n l o Comunque,
.
interessante notate chc Tommaso, spiegando que.la distinzione. usa il termine conreqi~en/ianello stesso senso di Abelardo.
dei futuri contingenti e della prercienza divina, clie san
Il
Titmmaso esamina nel succitato pdsso della Sunzrna contro Gentiler, in> d p cnon soltanto la teoria della modalit, ma anche quelle questioni
intorno alla verit e al principio del terzo cscluso, su cui si esercitt Arirtotele quando scrisse. nel De intcrpretatione, il famoso capitolo della
haitarlii navalc. Perci non sorirendente che sia stato oeeerto di
:;ir.l. Jirc iw.oni fra i Idgici nteJiucvdli Nrl periodo d'intensa nrtia:ci
iwli-s che ri 9rorraj.c per circa C ? qcrolo dopo 13 nurte 2 : a..i,Toir.i i i i 5 . i .I'.4scino. tutti i cr;inJi srul.iirici nortaron, 11 rroblc:iin 11 c<,ilr:i-

;\ri;rotele. e suesto oerch mantennero il suo assunto. secondo il quale


i..i,.cn senjatrnerte p j r l ~ r cd ' ~ i i i:iiopcr:,ione cdtnr. w r a *o!.
iii1.i iii iin certo tempo. 5 d C u n c-rori dire. comc li1 f3ttu :In0 rri>r.:c.
.:i. I i d c ~ Lur.nlocic..
i
a trc v..Io:: s ~ a ~ t ~ t i l dI l1cro~ott~dOilih.11~
l~r.~
\ i Lr.iro si 3lcuni li:o<oli che ncccrta>on<.l'al.li.i>nc d~ Arisrurc'c, .e.i..h, In <ILIL!*: unn t>ropxi,iane intoriiu ' f i i t Aro n1.c 1. ne d,rcriiin.?i.imcnie vera, n deierminatamente falsa, bench sia vera la diigiunzioiie di detta proposizione e della stia negazione. Ma Ockham non era fra
quelli; e il massimo contributo che si pu dire egli abbia dato allo sviluppa di una logica a tre valori I'elaboraiione di ci che Aristotele po[C dire delle propsizioni condizionali 'Se Dio sa che A avverr, allora
A ;ivt,err', c 'Sc A awerr, allora Dio sa che A avverr', sotto varie
ipotesi intorno alla verit, falsit od indeterminatezza dell'anrecedcnte
e dcl conseguente."'
t i I .i

\'
. . l r , ,,<-...riki
I r p i i.i.rr2.i.
. L ' i 1 ., .,.P,.<.,.
. .<I <.I,,>lIripn:,. i:
I
c.-tii
>.,,,~
>
1, !T.., ',
" e: "y
,., i.,.,....,, , . . ,< .,,, .. * ,. ", , l ,
.trii
In,
I'
,,
..: ;,;;i1,i~n,;;:;,;c~,;~8:~~iii:~:::;~::~c,~,,~!,
:..:., :,;. .r..ccl: ;,-,i:
..i~.>

il<.l.,.

'.

,i,

< i , > - i , iii. i % . \ * <

193-

i,,',,.

:- ~ .

,..,P,,

:',i

.!.I>.

1, I . .

I...&,

."

.r,ir.r.,i

,..:,<#.S..

. , " , 7 ! . <

'...V.

:n.

.i,

<>,:

i*,,

I..<

. . : , i

.t

i,.

.C

i,,,.

;?i,..,>.

La logica delle universita

Logica romana e logica mcdiocvalc

i78

no a dissensi riguardo alla questione se ci che f u vero una volta debba


esser vero sempre. Quasi d a met del xrx secolo, Pietro Lombardo
nclle sue Senienze (che divennero il principale testo teologico del m;
dioevo) ai chiedeva 'An ea quae semel scit Deus ve1 praescir semper
sciat et praesciat et semper scierit et praescierit', e risponde che ci che
Dio sa vera intern~oralmente.sebbene noi. ~arlandone.dobbiamousa.
rc r::i:p:
Etsinmaiiia~Idivcrii a xconda de:l'e nostrc posizioni nel tcmlpd. I rrofrri rreti<iiro 11 nasc:ta di Criiro. C quelln 51CSS3 reriti che
essi annunciaGano al futuro, doi cristiani oggi enunciata al passato:
'Nam quod fuiunim runc crat nunc praeteritum est, ideoque verba commu
tanda sunt ad ipium derignandum, sicur diverris rcmporibur loqucnter eandun
dicm modo per hoc adverbium c r ~ rdum
,
adhuc futura cit. derignamur. modo per
hodw, dum pracscnr est, mode per heri, dum praeterita est... Tempora a i m , ut
air A~puriinui,variata runt et idco "erba murata sunt, non fides.""
Questa tesi era probabilmente suggerita dalla dottrina di Agostino e
Boezio, secondo la quale Dio, non essendo nel tempo, conosce tutti i
fatti storici con enuale immediatezza. ~ r o ~ r come
i o un essere umano
\*cierecose clie g:i si srcnion:, davmti imiemr nello spazio." ma
s e n l - r ~essere 51113 suffr3ga13-da cun,!dc:i~iuni Ctatnma.i:alt. Secondo
G:ownr.i di S.III,~I:N.un2 d ~ r t t i ~amrncssa
a
d.illa < c ~ o ldi
s Bernardo
di Chartres, contemio;aneo di Abelardo, era che parole come albur, dbam, albedo ed aibet, le quali differiscono solo nelle derinenze, significhino tutte la medesima forma."' e da questo
Dare
.
. si concludesse che
il tempo che si diceva conrip,nificatnm da un verbo, non facesse parte
di ci che veniva affermato da un enunciato ed era suscettibile diveri12
o falsit. Filosofi posteriori ci informano, nei loro commenti ae Sentenze.
. che i sostenitori di auesta dottrina erano chiamati nominales.
1'o:ch Bercardo di C.irrrrzs era un pIatuni;u, noni ~iocqisirncuppcrte
che i1 r.ome .lato ai s w i SCQU-ci
dbbu <!L~J!COD
a clie fare con il ~ o i n i n h . m >,e i.if,tri ,.nl30.1 w.i.tur2 CI dice. 'Di:[[ sunt nonin3lcs qui3
!~:>da!uiii pasitinn~.msuim super nominij unirarem ' '
Que:li ci: rifiutl\aro 11 Eot:rina di P..rro I oii.Lilrilo non intendev.inu, n a i u r i r n c ~ . p
~ ,u : ~. i > <lci,riioiir1.4 iloitiina tridizionalc dcll'im-

. .

279

murabileonniscienia di Dio, ma piuttosto separarle dalla tesi 'Quod


scmelcit verum semper est verum'. San Tommasa,per esempio, scrive:
,,\,tiqui nominales dixemt idem esse enuntiabilc Chrisnim nasci et esse ns.
,,,,,,rk,mrr ersc natum, quia eadem res signihcaru per haec riia, rciiicet nstiviras
chrisri,ct secundum hoc sequirur quod Deus quidquid scivit sciat, quiz mado rcit
~ l , ~ , . i ~nstum
r n quod rignilicar idem ei quod est Chrisnim crre nairitunim. Sed
h
mio falsa esr, tum quia diuemitas partium orationis diversirarern enuntiabi)iuii,
causat, torn etiam quia requeretor quod propositio quae seme1 est vera eriemper vera, quod est mnira Phiiowiphum,qui dicit quod haecoratioSacr~ier
,,,ir,, ,,era est co redente et eadem falsa est ea surgente. Er idco concedendum est
,Iiluiilirec non est vera. Qutdqud Deur rciuri rcii, si sd enunriabiliareferurur. Scd
,,linc non requitur quod rcirntia Dei sii variabilir. Sicut enim abrque vsriatione
,ii,,nrc siicntiac est quod rcint unam er cnndcm rem qwndoquc esse et quinde
non esse. ita absque vaiiatione divina" rcientia est quod scir nliquad enuntiabile qunndoque esse vemm et quandaque esse falsum. Errcr aurem ex hoc rcien~
,,.i Dci variabili. si cnuntisbiiia rognoscerer pcr rnodum enuntiabilium, componcii<ia ~r dividendo. sicut accidit in intdlecto nostro.""

Nello stesso periodo, le discussioni sull'onniscienza divina portaro.

Conie spesso accade in flosofia, le parti di questa controversia non


facsizanoche fraintendersi. Per liquidarla. & necessario richiamare alla
tind <li?rir;.icr.edi CUI ci CCNpammO trattand3 dc113 lo2:ra m i .
,,i
i .le I dire qoellr fra ci chegli uomini asseriscono. e cinche le fur.
:ii.~i.~,loiii vcrb.,li ,:ziiilic:~no. Ocrllo clie i non>ina!er chiamano v u o
ncl senco basilare, ci che uno parlando asserisce, o potrebbe asserire,
pronunciando u n enunciato indicativo, e
=he vi
? u n uso secondo il quale si pu dire che gli uomini asseriscono in mo..C i t <liC:rcnti unS&ica e a;rs*i C<~SI,
pron~n~~.~
innquel
d o diferenri
11 i , i i r n i i eiiunc~atiir:dicativi con tempi grammaticali dillerenti. Cori,
li1.o l i nnrcltn di Cristo tin cri.rinni> puh iI:lenCere 12 vcribciii d.ll:
.in;iche oroferie dicendo: 'Cristo iato. come i orofeti orsdisseto.'
Tuttavia, u n po' strano affermare, come sembra facessero i nominaler,
che Cbrirtur narcifi<rurert e Chrirrur notur err hanno lo stesso sinnificato. Infatti. se le ricorrenze dei due enunciati-tioo si riferiscono allo
:...r; evento. chin:o clie lo fanno in 'liverce maniere. c vi i. un csu
- . t i f ~ > r d ~ ~ o . s c c oilqurlcCro:ietrod.rcche
ndo
qiicl'i che l i pronuiiria.
'.. rdiino duc <IitIercnti lr>:T,13111 Q t a ~ . d oTI<CII:~PTLI r i i che a4ermai..
3 i pir>:rti, ilol>L>:iiiio
iicirr i:nn loriivi,ne comc'c:qc Crisro a3rebt.e
'?li,' ?iiirios:o di 'clie Cristo C nlto' I1'alr:o carro, san l'urrni'u C
quel11 d'accordo con lui sembrano ritenere che la veriti appartenga in

1
I

Logica romana c logica medioevale

180

La logica delle univerrith

mente a dire, come Aristotele, che ciche vero in un momento pua.


sere falsa in un altro. L'uso che san Tommaso fa della parola enuniiob;le
oscuro ed incerto, ma sembra chiaro che talvolta intenda m n essouna
formulazione verbale od altri segni, perch parla d i enuniiabilin in
ce o in intellectu,"'ed degno di nota che nel passo da noi citato egli
dalla verit di un enuntinbile, scivoli a parlare della verit di una
poritio od oraiio. Dato che, comunque, quello che Dio sa della storia
non pu essere una formulazione verbale e neppure ci che da essa
significato, san Tommasa costretto a dire che quello che Dio sa che
certi enuniiabilia sono veri in un tempo e falsi in un altro. Nel contesto, questo ovviamente involge che il possesso della verit da parte di
un e~~uniilibilc
in un momento, esso stesso un fatto immutabile, e cosi
siamo riportati a una posizione simile a quella da noi delineata neUa disamina dei nominales. Infatti, dire che la frase'cristo nascer' era vera
al tempo dei piafcti, soltanto affermare indirettamente, medianteriferimento a una formulazione verbale. ci che i orofeti stessi asserivano
direttamente, vale a dire che Cristo sarebbe nato dopo il loro tempo, e
questa intemporalmente vero, bench noi parlandone ora dobbiamo
usare, come abbiamo fatto. la costruzione 'sarebbe nata'.
Rupgci.~Riconc (1214 9 2 ) C Rainondo Lrlln I 1 2 3 > - 1 3 t >stanno
)
fuori della linca gc~icr~:e
d. sailupp~,m1 non 9: po,<onu trasnirare in
~ ~ ' c r p o r i z i della
~ n e loricn di uucl o-riodo
R&ero Bacone p r i n c i ~ a l m ~ n tricordato
e
come precursore di
Francesco Bacone nella difesa del metodo empirico, e per questa ragione stato spesso menzionato con onore, affinch fossero condamati
i suoi contemporanei. E vero che i suoi scritti sul magnete e suil'arcobaleno non fecero molta sensazione, e che la grande opera con cui sperava d'interessare il papa ad un piano di ricerche sperimentali non ottenne alcun risultato; ma egli non fu il solo ad interessarsi della natura.
Lo studio del yuadriviunr (aritmetica, geometria, astronomia, musical
e della Phyrico di Aristotele, per quanto potesse essere elementare e
privo di originalit, tenne viva la nozione di scienza scoperta dai greci,
e vi furono alcuni filosofi, specialmente tra i francescani inglesi, che
cercarono di perfezionare tale retaggio. Anteriore a Bacone fu Roberto
Grossatesta, che insegn aila scuola francescana di Onford intorno al
1224 e divenne poi vescovo di Lincoln. I1 principale ostacolo ad un
costante progresso scientifico non fu l'influsso della logica di Aristotele, n alcun'altta cosa derivata dalla Grecia, ma la mancanza di una sta-

[.ili

ur ''" ~aiiirnlar~Summ.

brologlr.,

I m. 7 .

"1

281

tutto ciu chd iioii era ri:crizioiiatu darli miori ~iirlclti,


. ,C pir.,. ncn poter contribuire in nulla 31:1 salv~zicre.Era p i i fa,,l: r.:~<i?;e I'dp~og~.i2
del ?dpd e dcll'imper-iture per un2 rltq,<ir:li~
h,irr.crrcaeprauiiuiis che per una inquisifio naturae.
~aiiiiondoLullo fu un catalano che, dalla carriera militare, si wlse
$11 i icli..i.n;. e ino:i tctiiando Li colicriii: I mori Jcll'Afric~.Lr sua
i :?iI>.I;,~,.A
p:.n:i?alrren:e ,cll'invcnrionc di Ln iiitem? per cotnbll~h,e i concetti in maniera meccanica, cosi da esaurire tutre le alternative.
I>.iie abbia avuto la strana idea che esso sarebbe servito a confutare i
iii:lomertani ed a diffondere la veriti della religione cristiana. I segni
dei concetti piu importanti in certi gruppi dovevano essere disposti in.icirno
. a cerchi come le ounte del comoasso.. e le varie combinazioni si
ottenevano facendo ru;>tare i cerchi intorno a un centro comune. La
scclte dci concetti fondamentali non mostra una nrande abilit filosofialcun risultato, n
ca: e il sua metodo di combinarli non ha
nclla conversione dei mori, n nel progresso della scienza. Tuttavia,
tale sistema, che i suoi seguaci chiamarono orr rnagnu, ha avuto qualche
inilusso sullo s v i l u u ~ odella loeica. Nel medioevo non fu mai interain::^: Ji xenticito nel xvii secolo trp 16d i v e r i tcn:at~eidi ol.en?rc
i ii 11r.r ,.i;pio filosufico incui tutte le ilec cdrrplcssc ,i poicsreto crpriin: r ;,>I. 11 combimziur.e di certi scgni!ond>menrali. In ~iirri:ol~re,

I :c>'.~'>~l<.che
a b i n rupgrr1tu a LCL~I.YI,
d i r c t ~ r . ~ n eo nindirettamente,
~~
.I <ito p.mo CC uva rlurirrcrrr~rar<n,ir,rii!i< h i w a sui pr1:ic.p: di
iiii'iirr coibinatoria.'"
Tra i commentari ai testi classici ve ne uno di particolare interesse,
intitolato In univerram logicarn qnaeriioner. Un tempo era attribuito a
Giovanni Duns Scoto (1266-1308) e lo si pu trovare nel primo voluinc dell'edizione delle sueoperepuhblicata nel 1639 da Luke Waddiig,
insieme ad un altro interessante trattato dal titolo De rnodisrignilicondi
ni.c grerniriaiicarpecuiativa. Oggi per quest'ultimo viene attribuito a
Tomniaso di Erfurt. che visse nella rima met del xrv secolo. e le
Q~i.resiio>rer,
piuttosto bizzarramente, a uno Pseudo-Scoto. Anche se
non si tratta del docior rubiilir, l'autore fu un sottilissimo logico. e la
aiid ODcra non affatto una mera uarafrasi dei testi antichi. ma una serie
. ~ t ~ w per
t i

bro degli ~ & l ~ prioro


t i ~ ~ davvero tutte leproposizioni siano per
'ilmni pariimlrri sull'Arrnngnr si passano imipre in .\r*aiir i r a o l r n . b a s i A%s'rihincr
.'"..Dliirimi.
iiiiicmr C"" ut,criori informl,ioni iiill0 vita di Li.LL0
li'

184

Lagica romana e logica medioevale

latino Hentisberus o Tisberus). assistente al Merton College nel rjTo.


Ralph Strode, un altro merroniana; Richard Frrrybridge (in latino:F
rabrich o Ferebtich o Feribrigus). Costoro non furona seguaci di Ock.
ham. Burlcigh, per esempio, era un difensore della vecchia dottrina de.
gli universali. Tuttdvia ne subirono egualmente l'influsso, e questo p.
riodo, in cui la logica fu studiata piG intensamente, fu ancbe quello in
cui la metafisica scolastica cominci a declinare, perch Ockharn aveva
convinto molti filosofi dell'impossibilit di provare rdzionalmente le
dottrine teologiche, o anche soltanto di fornire loro un sostegno. Ma h
la teoria della conoscenza di Ockham che port gli uomini allo scetticismo nei riguardi della metafisica da un lato, e all'interesse per la necersith formale dall'altro. Disgraziatamente. la oarte costruttiva delsua
~ - inllucs~sembri c s c r stata 2:brri.e durato.'~upcil i 18" ~ i r ~ a cpoco
'i
d'ir..eresslrtc nel:a logici medioe\aIr. I l i l o ~ ~ E c ~ n t ~ ni ~scriver^
~ror~u
intorno agli i~irolubiiia,alle coizrequentioe, etc., ma senza produrre nulla di realmente nuovo, bench la logica fosse studiata in quel periodo
da un numero maggiore di grandi pensatorie piu intensamente diquanto lo fosse stata sia prima, sia dopo. hfa questo ristagno non & sarprendente. Il passo che si doveva fare era lungo, c anche quando Leibniz
ebbe reso noti i suoi progetti, nel xvlr secolo, dovevano passnre altri
dile secoli prima di arrivare alleconquiste di Frege.
Per tutto il periodo successivo ad Abelardo, in cui fiorirono e si
moltiplicarono le universit, continub la disputa sugli universali. Nei
secoli XII e XIII non tocc molto l'insegnamento della logica formale,
ma nella prossima sezione vedremo che la divisione fra nntiaui e mo.?r>!r si maniie,ti, pro?rio ti::!~ ,\,ilopl>~
d: 'la Jniirini dclle prcprisla.
tzr tar>ctioru.,r Ni.1 xiv c \v i ~ c o l oi s i o f c r r : ~,o n ~ t n i z r ~ termrni.
rr
rroe, come erano talvolta chiamati) furono i pi6 attivi nell'elaborare
sottigliezze logiche, e per reazione gli antrqui ( o reoles in metophvrica
divennero un partito che voleva basare 1'iriscgn.namentosull'ors uetus
I i n pdrririilirc!c C,ti.p'rt;, ) e .iiII.t p i > t / o r o p ~ re~!rr
> i (clu I2 licica ela
~~ieii'iiica.
ioir.i<r~o<;.>:i,:a . piut.osrorhe sui I > ~r~ieiiri
J
<i.iluppidel~.
la logica, da essi stimati tediosi e senza profitto. In campo teologico,
i moder~iidi quel periodo si facevano un vanto della loro ortodossia, ed
interessante notare che alcuni tra i piu famosi prcnirsari della Riforma, in parricolsre \Vyclifie e Savonarola, erano degli ontiqui. In effetti
vi erano due programmi educativi per la prima laurea, la uia onriquo e
la via moderna, e alla fine del xo secolo alcune delle universit tedesche
di recente fondazione tentarono di prendere il meglio da entrambe man-

La logica nelle universit

185

tcncndo due facolt di arti rivali, ciascuna con il proprio decano ed i


insegnanti."'
Un secolo dopo i loro rrion6 ad Oxford, i logici di Mcrton erano
..,-,,ra
studiati
in Italia. Nel 1486
eli
statuti dell'universit di Padova
. .
,
~
,.-, lL~v.ir.o:exioni sulle opct: <'i Sirni1c.c i11 H c y t c ; h ~ n .ndnc!C su.l. - i:i dei du:cnii ir-limi l'.io10 \'rnc.o e I > ~ o l di
o Pcrgulz, <l:r
m
.e?,,ti,t, r.iininenrric a11 inizio del .?i.
s:wl<l " Una pcn:rn.,ione pi6
. .I.. .I ,'i.,i lerin d'i~formnzioneintorno 3 L I L C S ~ Otipo <I. I o p ~ i era
i
.i.. >r, .,l:l.lstinzi sentito da giitjrific~rc
11 .>ttl>hl~cdi.i~r.e
3 \ ' c x ~ i a nel
i 5 ri di un volume omnibur. intitolato Conseauentioe Strodicum com.*o.
l't i;?:/r$ 5 , rtoc?il/le.l > e ~ / o n i i c a e Gocrar:.
r
i,: E ~ I , / (%: cocsc
,,>I,;,. DnLii rw.,irrr P:u:r P,-rp!o:r<r OBlrh>r:,mc.r r:trr!:\a .S!ro
:CL <ii.<.nt~:<.
Rzc~rdrdc Fr,r3drrrh kx,%,trro C ; . ~ r r ~ nrtiPer
t
CJr
.' ,.,. (;.nreqrisnr,ae itrh:tirr iie>i:i;brri Q u ~ , - i i r w c r i71 crt:rr<t<e>,tlar
,> .'. ;<,rr~ri/csexrn>ii artrr 4cr:orrr !en>ini /It:!cnit Fr.tch>>!ti~>i>
l'i.
, >.i,.,hln I, ii~rciiadc'l Umnnerim:, C dei nrioi,i in:crcrsi filo~rliri
. i~nis,i ciin 1.3 Srirn,? na:i:raicpnrrnronogrndu3imenre ~i!'ibhnn?ono
J.1 i Ic-irl formale, C r.cl x v i i secolo si plrl poco dclle ro>:requ:vrIrtie. bench, come vedremo in seeuito.
" . non fosiero s a t e del tutio dinienticate quando Leibniz diede inizio al nuovo, grande progresso.

1:

"'ivnnhri.. b i b o ' , ~ drr


r b r i k IV pp. 38. i d 8 , 187.yi. 230.
" ,i u ~ r i i o ~ rTbc
r , unirrrriir<; ol',#iopr881 tbc iY,J<(lr Agcr, cd. roricitr a rnioiri. I,
I' *,i.

288

Logica romana e logira mcdiocvale

minc Iia I',~>p:.'li:> , sc iicc t nppiic~i>ile


a qullctisd ili i.siv,.iirr ntl tiio.
:i.ri.ii~
111 2 " :
IIVIJ. ci i : . ~ h r ?p l ~ i l t n l t ~ ~ t - s n1nt:t.i.
o:
nenticpi:ei.
\ere icpJrtln*e in IO?:CIJ I ~ ~ I I I , : II It C
c t~mL ~ OIC
i ~ SI a;,plicino a qull.
.lic corn, piaa3ti. prcicpre o t u t ~ r l d~
. qi.clli <I.c ni:n I.a.,iio applica.
,i..:.t.
d: ror:,i non i. .sl:rr.t..;itu inport1n.e t~icci,treuna I I I I ~ di
A ,le.
m ir I, i :li d . ti,idl.elm>Ji
~
Shg:-sivood ed nliri Iccici nctlioerrali
misero la lato tra termini che hanno e termini che non hanno appellutio. Per comprendere questo aspetto della teoria dobbiamo esaminare
il resto in maniera pifi particolareggiata. ma possiamo supporre che i
logici medioevali pensassero che l'uppeli~tiofosse primariamente involta da asserti come 'Questo un uomo', dove chiumiunro un indivi.
duo presente con un termine generale.
La parola copz~laiioderiva dalle discussioni di Abelardo sui termini; e poich Guglielmo di Shyreswood dice che la proprieti da essa indicata pu appartenere soltanto ad aggettivi, participi e verbi, sembra
chiaro che il termine suggeriva ancora a lui, come ad Abelardo. la nozione di dipendenza grammaticale. Ma nella definizione che abbiamo citato dall'inizio della trattazione di Guglielmo, vi 6 una metafora diversa; infatti, vi si dice che la rupporiiio e la co~ulatiosono risoettivamenre 13 uhor.l~t.I, t l n ~C la s~v'r~ordin3ztone
2; un pcniicro i~n1~~1:cir~s)
3 un 1:1r3 G I : ~ ' I P I I Inun
. O allcrrra ciplicirirrenre che I'cw tecnico di
sir?~or:rio fosse ~Icrivstod i q c c . i d merlicra. m3 s e r h r a a5cumcre che
fosse stato introdotto con il Senso di 'porre sotto'. I n ogni caso. pare
che i nomi e tutte le dictiones rubstan~ivuesi dicano avere la supporiiio
perch si ritiene che stiano per le sostanze che sopportano gli accidenti
espressi da aggettivi, participi e verbi.'" Ma la distinzione filosofica tra
sostanza e accidente storicamente derivata da quella tra soggetto e
predicato, cosi la nozione di rupposiiio in special modo associata al
ri:nri.rc di ,o,tmriifi r3mr sojjerti in prcl,niliinni Qiiixic'o iin sosiinrivo npl,arc iicl 1.~010d prcdicnro. come :J e<cml,<> nelli proposi.
iicce 0trr.11 /io,*!o (.I .~I:IHJ.'.si di:e c.ic un'innocu~ed inri~nihcinte
duplicaiione della referenza alla sostsnza, o sostanze, fattadal sog.
getto:
O.i.ic<riiii ii >T n ;niC.>r . t i l i - i tJ:n,i-: r t n:.. ~ ' > . i i ' u i c.'l :iipmr.m
10. V 7 1 1 < . h ~ . l n l l ?<leforcr.ci:z
r~
..,\,:i
r.t \i: ,'i,iio
m0d.i dit i-irlli,:cre iubi n irrr '&i#:,:.
ci-. iii i>.~c<l;.,i%> <li, i ri.ll <i .ri. iorlilm ,l ro i i r ci, fnrna
subsrontiac subiecti.'t idho cum illa substan~iaintelli~atur
in rubiecro. non inrelligcrur irenim in praedicito. Undc prncdicarum solam formam dictt:'"

.:

'* Iniroduilioiirr. p. 8 2 .
"' Ibid . p . 78

p,ich, tuttavia, i logici talvolta desiderano convertire le pioposizioni


careguriche,trovano interessante esaminare proprio quale impegno sia
,rivolto dsll'uso di un sostantivo come predicata, e perci discutono
della iappo~itiodei termini predicati nei vari generi di proposizioni.
con ogni probabiliti questo che Guglielma di Shyreswood ha in men.
te, quando parla di iupporiiio tendenziale (cio disposizionale)in quanopposta a quella attuale. Dice infarti in sguito. discutendo dell'upp,~liutio:
,Dicunt igituc q~idamquod tcrminus cr parte rubiecti supponit et cx parte
pl,acdicari appcllat. Er sciendum qiiod ex parrc subiecti rupponir smndum u.
inique dcrinltioncm supporitionis,ex parte aurcm praedicari rupponir secundum
1% ibirurlcm suam derinitianem.""
Questo abbastanza chiaro, ma non facile determinare la forza
jpccira del verbo supposcre in passi come quello appena citato. A volte
i l prticipio passato ruppoii~tim usato per un individuo che Iia la for1113 significata da un termine, come quando Guglielmo scrive, poche ri~ i i dopo,
e
Supporiium er uppcllurum riint quurtdoqueidcm; e una volta
i l presente passivo stipponitur usato per una res dcfereris /ormonz siqrti/iciz/nin per tionzen." hla questo non il suo unico uso, e non sembra
;cplxire quello basilare. Guglielmo dice spessa che un certo termine
uq~pruzitpro il tal individuo, e quando pone maggior cura nello scrivere. d come oggetto al verbo formu>iro rignificoium. Probabilmente la
cliiare di tuttd la sua ter~ninolo~is
da cercarsi nel passo in cui defini.cc il tipo riti comune di rizpposi~io,vale a dire quella chiamata perso.
i!,iiis: 'Personalir autcm [est suppositio] quando [dictiol supponit signifii..irum sed pro re quae suhest, ut Honio currii. Cursus eiiim incst homini oratia alicuius s i n c ~ l a r i s . "I n~ questa contesto, sembra chiaro che
(1
,, iLmo ~ttrthc:rcei rr<il,,,:,i..a un none cunrinc, O a un scsti'nt:.
.>qiniile, clie rkorra . i ~ . i c . r->,;cr.ttoin U P pro;>><~/inne.
~
p ~ r c h :pCll<z
( i . si<o s~hgrdinii l ,iio %iLciillcnta
:;iu> Ir f ~ r m che
a r,,o sip!ii.icii 3
; i ' I del p r ~ d i10
i ~ Scr.21 diil>liiu.1uib.~..po~i,ione del12 prt,<i.c:ziol . non 5 <c;isf~centcchc pLr I*,
p o s / ~ o n itnivcrsil!
i
1:1crn3::i'e C@tic. O,v,rir hotvo r ~ / ~ , > ~ ih!.,
, i ! il f:r.<ici,: un !o,,<<,.lclpr.mi>iii~<'it'i.
\.o parlasse a volte come se fosse uniecrsalrncnte valida non dovrebbe
sorprenderci; infatti, abbiamo visto che un'assunzione dello stesso genere sta sottoil discorso di Aristotelesui termini maggiori C minori nel-

".

I.lrnr'"d,o,iri.

* 16:d. n. 7 6 .

'

I b i d , P. 7,.

p Bl

Le proprietoier terminorum

Logica romana e logica medioevale

rgo

l i irorin <~llo:~crirn.T, nrl I,ar\ol:~iriia.o, i ~ c d t a m ~ , c h e C ; c g l i e l i n ~ ~ ~ ~ .


viene ir. cc::o i ~ o J ale a!~iezioiii.diccndn clie la farina ewrcssa d d rer.
mine in posizione di soggetto pu essere subordinata soltanto per o
spetta a ( p r o ) , l'individua o gli individui che la possiedono. 1nolt;e da
quest'uso b facile passare a discorrere degli individui che hanno la
ma come supposttn, poich si pu dire metaforicamente che ognuno 5
sotto la sua forma. Cosi abbiamo i due usi: I r t e terminur commrinir
'homo' supponit humanitatem pro Socrate ( o piG brevemente rupponit

z.

far.

pro Socrote) e Socrates rupponitnr per istum terminum.

Contro tutto cib, dobbiamo porre il fatto che i successori di Gugliel.


mo di Shyreswood definiscono la ruppositio semplicemente come Pac.
reptio termini rubrtantiui pro aliquo, ed usano costantemente rupponere pro senza accusativo. come se Der loro suuuonere fosse un verho
inrran<itii.o, i!el ti1.o <:i <!"re iiclln lu:~,ioiie eqiiii,alcnic riore pro.'"
Non inpossibile clie c ~ e , t ' u s ode:i\,iisro d l q.~eUod i e troviamo nel.
I'o?cra di G:~glitlmo d. Shytr.su~ood;n 3 se cosi, frasi com: ruppontt
rzgxi6;tuni pr,>rt y u w rubr,rt duvrianu auunare anriiliiatcgi al tcnpo 'n cui < a i i e \ oG iglielriio Fili sic<coi:~f.~t.i
oinct.e <over.:e I'accusrtiro rfgnijci!i't>i do;>o ILpDO>.r.r? C 'ICPO di lui qemlira ve ne s i a n ~
puch: o pun:e tracce, bcnchf alcuni riierimenti di altri autori alla rrrp.
, ? ~ , ~ r itprr
c r .empio di Pietro I a ? ~ n ~nun
. i passano c,,crc che i patii
anni successivi ai suoi. D'altro canto, I'uso assoluto di supponere pro
~ o t r e b b eessere stato in origine un vol~arismo.coine in inrlese ' l o rubha il senso di 'sostituire qualcosa a qualcosa'; e il passaggio
da quest'uso a quello tecnico notato sopra non sarebbe piG sorprendente di tanti altri sviluppi che senza dubbio si sono avuti nella storia
della lingua. Comunque, se le cose fossero andate cori, le spiegazioni
di Guglielmo di Shyreswood non sarebbero che fantasie personali, suggeritegli da false etimologie. i? forse un punto a favore di questa ipotesi
il fatto che Guelielmo trovi difficolta ad aoolicare la sua esoosizione a
tutte le vorieti'd: rr.p~c;tr,oche non sii,A'ld ~U.O:CMIO p;rronilir di
t:rnini gc-i-rnli. \ l si pu riq-ondere che t ~ l edi6colri s3rc5bc nani.
r.J: .c 12 r t r n i n ~ I ~ . g tc:nici
ia
f a s e rtitndipprima cl~5oratncoiil scnSI i ' i c Gi!:!ic:i~io l i <li in qilc,tockso, c pui ertcsd in~pprol,riita.nciite
.l''i nkri i'er di pi.3, <;iigllclrnc <crive come se Ic dt<ht~trotierclie egli
pro aliquo

'P'

Pirrao

logirar. I

6)

irr*r;o, Susmr~hrtoziru!n. ed smirflrri. j 6.03. Cfr. mwr. Sun*. ioliul

193

di risolvere non fossero state sollevate da lui, ma da altri logici;


,.'iquaxo meno pos<ihile c i e ~ i a clnno
c
s:ntc I'ccc~,ioncper 3ioirarc
.I jill'c<o scrr.r>li&3.o, pcr cu: rtrppunere i. trArlnru cone un vcrbu in.
.rr....t.vo. Indiicsadcll'sutoritidi Giii!icll.iocome fonte stori:l,tlnh.
...
hiamo dire che non mostra altrove nessuna disposizione alle teorizza'ioni fantastiche.
La verit della auestione sembra essere ancor piG complicata delle
>.itcsid i r abbiamo ronsidcrdio 1.2 pdr013 ~ u p p o ~ i l urrr?tplre
m
pii ir.
:n ?i:w < l i Piisci310. do\e scnibra aver- lo stcssu sip,iiiricnro di indi. l i . ,'."e
in tU113 iafilo,o'ia i~i:..lioevalcricorre \t>ciroconqJrsto scn,
50. Probabilmente fu introdotta come traduzione del greco x~uriprvov,
ci& per significate un'entit del genere che sta sotto a tutte le altre ent ~ t ed
, , come potremmo dire in linguaggio moderno, presupposta dal
<liscorsodelle qualith, posizioni, relazioni, etc. Ancora nel 1710 Leibnia usava con questo senso il derivato francese rupp6t, quando tentava
di spiegare come si era potuto dire che il corpo e la mente costituiscono
iin'unica persona."' Ma nel passo di Prisciano cui ci siamo riferiti rup.
poritum pu anche essere tradotto con 'soggetto', e non vi sono dubbi
rlie la parola fini con l'avere questo senso negli scritti medioevali di
grammatica, dove comunemente opposta ad opporitum, ossia pretiicato. In questo contesto, wpporitum 6 definito come id de quo si1
irrnio, e opporitum come illud quod dicitur de rupposito; e sebbene i
grammatici a volte dicano che un nome al caso nominativo supponilur
r.i.rho, in generale tendono adusare il verbo attivo suppotrrre nel senso
di 'agire come soggetto grammaticale'.'" Originariamente il verho pu
essere stato usato in voce attiva con un accusativo sottinteso, cio COnie re sienificasse'riorre ouesto o quello'. ma col tempo fini con l'essere
C - >.'dr ;.aro ictranritiuo. Prrrii> qiinn<iu i logici dicow C ~ un
L 1e:nlne
.,i'p,>2irp r o qt~dlcosain di jcujsio~ic,Iirobabilmcntc ~ J ~ t t d iq. 0~ e l l ' ~ ~ ~
l i :oro $:ori oar:ico!ari Tctrai~in.seii,brn c h i ~ r o
C ~ [)CI
C Guglielmo J I
~ h ~ r e s w oia
i dparola rupporitio non aveva ancora perduto la sua forIn metsforica, e i vari usi che egli ne fa rivelano le differenti nozioni che
i l ivcabolo poteva suggerire a-un uomo del suo tempo.
All'inizio di una delle parti delle sue Summulae dialecticer, il piu
giovane contemporaneo di Guglielmo e suo ammiratore Ruggero Bac*
rrnta

rgz

-.a

Logica romana c logica medioevale

m
m

'Sumirur autem rupporitia multipliciter.Dicitur in uno modo peritio alicuiui


ve1 arccptio sinc probatione im indigcar probari ve1 posrir. Alio moda dicitw
suppositio subrrantiva rei designati~,sicut dirlnur quod rubstantiva nomina sup
panunt reni ruam, id est, rubrtmtive d~rignant.Teriio modo dicinir proprirtss
rcrmini communir per cornparationcm ad individuo quse runr eiirs supporira re.
ciindurn quod dicimur quod nomen mmmune, ur hoino, significai qualitatcm &m
substanrin, sive humaniratrm, et rupponir individua, scilimr Socratem ct Plate
nrm cr dia. Quarro moda diciiur rupporitio proprietar termini subjecri,sive tu.
mini in quantum slii supponit er subicitur in orarione.""
Nessuno di questi significati corrisponde esattamente alla definizione
data da Guglielmo nel lungo brano succitato, ma noi abbiamo veduto
che il secondo, il terzo e il quarto debbono trovarsi tutti nella sua apera, e noteremo fra breve un passo in cui Guglielmo scrive della portata
esistenziale come se pensasse che la riippori/io persoizolir di termini generali involga necessariamente una ptesupposizione od assunzione dell'esistenza di esempi di una forma. Sembra impossibile trovare una traduzione di rupponere che esprima insieme tutti questi significati, ma
non v' ragione di dubitare che la parola latina li esprimesse tutti all'inizio del XIII secolo. e l'opera di Guglielmo particolarmente interessanre proprio perch li contiene tutti.
A parte uni. coppia che vedremo pi6 avanti, le variet di suppositio
distinte da Guglielmo di Shgrerwaod si trovano tutre nella tavola di
accompagnamento, insieme agli esempl da cui sono illustrate. In ognuno di questi abbiamo usato lo stampatello per distinguere il sostantivo
che ha il genere di rripporitio in questione, ma bisogna capire che la patola ha quel genere di rupporitio soltanto nel contesto di una proposizione simile all'escmpio dato. Le definizioni dclle diverse varieti sono
tutte prese dal testo di Guglielmo, ma le parale iisobilis ed immobilis
compaiono per la prima volta in [al e [gl. Noi le abbiamo introdotte
nelle definizioni di 141e [51 per brevit.
Se prendiamo si~ppoiierepro col significato di 'stare per', facile,
con l'aiuto degli esempi di Guglielmo, dare un senso alle varie disthrioni, ma non appena cominciamo a porci domande piu approfondite
sul rapporto che egli intende indicate con l i parola rrtppositio e sull'appropriatezza dclic sue classificazioni, incontriamo qualche diflicolt. Cosi i. chiaro che in [rl e l 2 1 abbismo da fare con la ricorrenza d'una parala come segno di se stessa o del proprio suono, cio in quel modo che

"' oprra h ~ r r n uiixdro


~
~ o i r , z~ r r a , i t ,fmr xv.iii

rrirlr. ~ r ori . 26s

>

$ 3 :

Vi

.C

.;?,

2*

%
%

.g

2 :S
I :

&

.S z
2 2
- , 4e %
2 e .9
?
2 % "
2

7>

:$

4
.F-

::
.%

---a

--

,$

-.

.-

9.

Vi

6
.

3
>

.s

-2

2
.-.

2
-i_-

.-

I:

a.. :

.a

.-"

s o
..

$-

O
.-

- E

.$m

- .I
'

.-

-r:

0
i.

s::
$3.4
- -2

ne distingue quattro significati di supporitio, che possiamo forse &ia.


mare epistemalogico, onomastico, metafisica, grammaticale:

Logica romina e logica medioevale

~ p q

nella scrittura e nella stampa moderne viene comunemente indicato dal.


le virgolette. Guglielmo spiega la differenza di questa da tutte le altre
variet di rtipporitio, dicendo:
i;

. p r o~qc.ae~l,t::~s..,t?r..l:s,qu~.J, n ~ > : L A . A ' , * Et <lic~:a


41:' .i ru.JJi,iiii r:l pru
V:XI
rh <il.ie \ < I pio ipriidicrionc
i rli<irnur. llowo C;,
L,<e!!;bbm,
I.rr .JI:,:>I , ~ : i J < ~:i#d 8 .L-? .!I r . i i i . ~
iignih;ir.,m '.'

r.ili< ; .n!-

il).^

: :ii:u,it4 i x \":ce: ,~c,~li-vionr.iir

:, u ,

.L;

Probabilmente il nome materiali1 vuole indicare che questo genere di


s i i p p o s j ~ j oconcerne la materia di una parola (cio il suo suono) e non la
subordinaiione di una forma a un'altra, ma in tal caso non pub .&?ente
dalla rupporitio .iorn>olirin un modo simile a quello in cui due variet
di quest'ultima si dicono differire I'una dall'altra. Nel passo citato, Gu.
glielmo sembra ammettere la stessa cosa, facendo uso del verbo ruppo.
nere prima come intransitivo e poi come transitivo. Pi6 avanti dice a
splicitamenteche per questo motivoerano stati avanzati dei dubbi:
'Dubitatur dc primn divisione supporirionir. Videtur enim quod non rit di.

iio riwp!e> pro rignificolo rine c&nparorrone od res, o riipporilio rrml,!izx irbroluto, come fu chiamata da alcuni logici posteriori. Lisempio
cliiaiisce che si tratta di quel vanto discusso uso filosofico per cui un
reriliine generale come 'uomo' trattato come un nome di specie; e la
,lircossione che viene dopo mostra che anche f t i logici disposti a talleraic questo modo di parlare ve ne erano alcuni i quali pensavano che
, l u ~ ~della
t ' ~parola
~ ~ non potesse propriamente dirsi differire dagli
n l 1 , i per uno speciale genere di rupporitio. Infatti Guglielmo scrive:

'Similitei diibitntur de hac divisione: Alia $,mp!ex, olia pcrrairalii. Videriir


criiiii quod hacc divcrritar facit equivacationcm, quin cum rupponit simplicitei
lpr:ercnrat ad inrellectum formam rignificarampernomen.curn autem perronalitcr
.r.ic.cnirt rrm delerentem formam.Ad hac patcst responderi sicur ad prirnum,
j i l ipoicir dici quad rcrnpcr ideni rupponir, rciliccr rigniticntum ruum. sed hoc
tiiii~l>ciicr,
aut pro rignificnto,er tiinc sirnplicitcr,aut pro re significata,er runc

verrur madus rupponendi rcd potiur rignificandi.quia significariocst prncsentatio

:'CIs~~~~I~~~ri'"'

aliruiur formle ad intcllccrum. Ergo diversa prarsenrutio divcrsa significario.Sed


cum dictio rupponii mntcrialirrr, pracrenrar aur re aut suam uorem; nim autcm
form.ilirri, piaescntnt suum signifiratum...Hoc tamcn non venim est. quia diciioncr rempcr suum significarum praesentsnt quanrum de re est, et si pracruirsnt
siiam voiem, hoc non est sccundum sc scd ex adiuncrione rum praedicaio.""

r)

L i cr:ii:a i. brii ~.eii~.iia


c la ribpostn di Guplielmo non sodirfaccnte.
lnfatt:, qunnio noi, ~arlar.doo scrivcr<l.i,~ltci~iiio
~ h h;mv
c
i. un nom,:, non cr:ino irin!ro l i parola horn.1 ncl ~ n \ orrl:qa-.o,
o
m i 13 men~I.Y',,IIPU e r e ii>corrir~no
con Jn esp:dic>tc I rnr.ii<ticoctie i i ~ v o l gla
[xc.!~i,i<~nc
dcl iuo s u n o o h p i ~I r ~ e c (li
e <cri;,ere,
esernp!~. mmi. Fcrremno. ':a p ~ t . i I irlic i i 13rt1>.t
con una h e una o C una m e una
o', noi poniamo queste lettere nel giusto ordine e poi (come Guglieho
di Shyreswood giustamente osserva) ci aflidiamo al resto dell'enunciato
per mostrare che intendiamo riferirci alla parola che potrebbe essere
indicata dalla lunga dcscrizione data sopra. Allo stesso modo, quando
discorriamo oralmente della parola, produciamo i suoni che la costiniiscono, e lasciamo che si intenda dal contesto che facciamo cosi per rifetitci aila parola che essi costituiscono. In ciascun casa noi oroduciamo
-~
uno specimen di uno schema al quale la convenzione ha &segnato un
significato in certi contesti, ma in questa contesto il nostro rpecimen
>-

~i.0i.o: ~ c r i r i i l>r,>iondle
~
la ris?ojt~,iiGiipliclmo inaicqara. ln\
:
ii\:nmo la parola h ~ : :oi..e
v
un sosiituro pcr :i pnrsla i.!<nia. . , I- Jian-o un sensi nu:ii,u \!:i Gca1ielrr.o si r i 6 ~ t d21:.mr.ietierlo
e i>re<enrninvece un'incoerente esoosizione di due divcrsi seneri di
nncr,~!o Qu3ndo dice clii 1.1 rr,pposztzo pvrruvlri p r l r r :~gt~ii:;:.z
i :'ii.l;i L ~ N re
I ~c!~.t.i~a
FC.I
t ~t n t ~ n d ~
q o: ~ l c o dl
s ~C U I ~ ? ~ C I ~ I2.III:~~C
. ,I .I i r?rrlic~/o. oroj.;bilc ,i trarti i o l t ~ n t oci ur disct171a:o scivolonc; maariche sevi;ostituiamo ci che il suo ragionam&to sembra
ticliiedere, vale a dire la frase pro re deicrentenr fortnam rigrtificatam
pir iiotten, il risultato confuso. Infatti, il senso in cui la nozione di
uinanit pu forse dirsi subordinata per sua natura alla nozione di una
hpecic dall'asserto Honto est rpecies, sembra del tutto differente da
qusllo in cui la nozione di umanit ou dirsi subordinata rispetto a un
.,#:.a ird.~ilualc al13 i~o,ionc del'corrcrc drl!'~,~i.rioII<.;,>O cr.rrrt
I iii .I ,l.all.i .ii>i?.gxc4 ~ 3 1 ~ o s I, ,' u ~ o.Irll'ur:co rrr:nine :.<,?:C .:!;o per
L.ie icla;.toni fonte di inncceirnri: per~lr.,siti.Sc I i I.i<iirio?e ~t.r>'
,!:rc. pro ,i chi s u l t ~ n i uIiri 5il.niti:~rc u jic,,u .li<. srzre per'. >L.
I...
fur,r. dir&c l i ~il t<.rmine fungenrc .l, ,rl;l;clt:, ri,;?~>:;l p r 9 /or.
t ,i
rzll'eriur.ci~r.~!Irm~
< . t ,;i<.:ir.r, n:enire il re:ri:ii: iitn,:enic d.<so%
gclro riippo>iil pro re de/crzrite forr>iai,i ncii'enunciito Hoiiio crirril,
I iiii

I",~od,~,-,ro"~~~,
D 7,.
76 Ncl qunriocnunriicoi~~sss~w
h.rulc,>i creur iunn, racFm

'*'ll.iJ. P

I"'

Inir"d,,iii"i,rr.

P. TI

i96

Logira romana e logica medioevile

ma Guglielmo coniondr ci tentando di fornire in entrambi i casi un


accusativo a rupporiere, e cosi ottiene lo strano risultato da noi gia
notato.
In una nota successiva Guglielmo osserva che al termine homo del.
l'esempio Homo est species viene talvolta attribuita la suppo~iti,,
tleria~zr,quia ruppoilif pro rpso nzanerie speriei.'" La parola monerier
Io piuttosto rnaneria) appare in Abelnrdo con il senso di 'variet' o'sor.
ta'.'" e la frase ipsa manerre sprciei deve qui supporsi significare 'il
rattere specifico in s'. I due tipi di suppontio simplex pro significato
comparato ad rer, numeri [41 e L51 nella nostra tavola, sono apparente.
mente casi intermcdi. Quando dicianio Homo est dignissimo creatura.
rum, parliamo, sembra, primariamente della specie, ma non dellaspecie
per astrazione da tutti gli individui, e la supposiiio della parola homo
mobilrr, perch ci che diciamo pu essere ripetutodegli individui della
specie, sempre a condizione che sia applicato ad essi soltanto in virtii
della loro natura specifica. Cosi possiamo dire di un uomo individuale
Irte homo. tn quantunz homo, est dignissima creaturarum. D'altro canto. y a n d o diciamo Piper uendirrlr hic e! Romae, la srrppositio della pa.
rola piper immobilis, perch il nosuo asscrto non implica che ogni
singolo granello di pepe sia venduto insieme qui e a Roma, e la ruppositio viene chiamata vago, perch abbiamo a che fare con la specie soltanto rispetto alla sua relazione 3d uno.o.un-altro-individuo. Poich
non possono esservi dubbi che noi usiaino effettivamente le parole m
me ricorrono in questi due esempi, interessante avere tali usi notati
ed elencati, bench ci sia lecito dubitare dell'affermazione che entrambi
involgono la rrrpposilio pro signikato.
L'uso della parola pcrso>iolis come titolo per le rimanenti varieti
di supposifio curioso, perch non tutte concernono persone e la spiegazione pi6 plausibile che questa consuetudine abbia avuto inizio in
un contesto teologico, quale lo studio dell'opera di Boezio De persona
et d u ~ b u rnaturis contrd Eutycheri et Nestoriim. Quando un cristiano
dice Deus fuctus erf homo, con ci non intende che la forma della divinit stata identificata con la forma dell'umsnit, ma che una persona
che aveva gi la prima venne in un certo tempo 3d avere anche la semnda; e questa distinzione cosi importante nel pensiero cristiano che
pu benissimo aver data il nome alla seconda grande distinzione deUa
siipporitio forrnalir, e noi possiamo ragioncvalmente supporre che I'oP-

l ~ o ~ i z i ofra
n e suppositio siniplex e rupporitio perronaltr sia stata una
,Islle prime ad essere tracciata dai logici medioevali."'
Presentando tale opposizione, Guglielmo osserva che anche pos.il.ile dividere I'intieio campo della suppositio formaiis in ruppositto
,iii>iiirunire sapporitio dircreto," ma non spiega in modo particolareg
.-iato come l'una distinzione stia in rapporto all'altra. Se,come egli dice,
i . sspporttio comrnunis fatta da u n termine generale e la supposiiia
,iirireta da un termine singolare, sarebbe allora possibile trovare esemdi quest'ultima che illustrino anche la rupporitio miiterialir come
crli la intende, vedi quella di Socrates in Socrotes est nomrn proprium.
(;oglielmo non discute questo punto, ma esplicitamente rifiuta che Hai,m ert rpecies possa essere definita una proposizione singolare perch
il suo soggetto da intendersi come il nome proprio di u n i specie,"' e
111 un punto scrive come se pensasse cheun termine singolare, non meno
ili uno generale, pu essere usato con la rupporifio perronaiis o con la
riippositio rinipiex:
'Valunt cnim quidnrn quad haec divido Aiia rimplex d i o perroaalii si[ divi.
.in communir ~~ppositi~nir,
quia non cadit haec divemirar in discreta ritppositioiic Non enim est ibi niii personulis. Scmper enim supponitur individuurn in tali,
iiiliccr in discreta. ruppo~itione.Dicendum quod hoc non facit pcrranalem suppouriutiern solicct quud ~iipponirurindividixum,scd y o d siipponirur rcs drfeieni
iurniam ;cgnilicirarn per nomm, ct hoc pocrr sccidcre in nomine proprio rum
.ii.niTicar iubstanrism rum qualirate ur cum dico Socroler citrrrl, respicitur pro
iiir rc. mm dim Sooo~crerr prndr&bie de uso roio, rcspicitur pio forma signi.
t i n t a pcr n ~ n i r n . " ~

3iii rrobiimo

D ~ C C I Iil

1101110 3ut3re ct.c tc:>tn 'li c s ~ c n d c ~l'al>:>l:cd


c

., CTL. dl noliozi, ihc scii,l>rl,o app:opri~t~


:cliin~oin cor.n.riiore a:Ii
r mr),riPjo rzr<,i>ii!li <li tcrn:.ni gencr~l:. PLTO cke egli ci . l non u12

li'fi.ase ruinonif
formam. ma molta stranamente insiste che un nome
-r'propria si pu di& che significhi una forma, eche ci t eisenrialc affin~.hesso abbia la sttppositio. Come Aristotele giustamente osservava
inclli sua dottrina dilla sostanza prima, Socrnte non predicabile di
qualcosa. Se l'ultimo esempio di Guglielmo significa qualcosa, deve sipiificarc a che l'essere-chiamato-Socrate predicnbile di un'unica co.
sa, o che l'esscre~identico-a-Socrate predicabile di un'unica cosa, e in
nessuna dei due casi interviene una forma di socraticitb. Valtro lato,
~

:\'clrr

l'nlrni~oncrull'uru rhc =n

h.8
I . u . ~ , ~ I . ioni*
) >i
I
iio,iii,rrc rirhiirinl
io\l\<rro lsdella rli+iiniionr in Suiir#!.o rirnloaiiii, 111 xri 7
ln!rod.rrl,,,,ir. P 71.
lbrd p. ,B
'* Ibld p, 76 Kcl icno cnunciaro rRAarrAhN hi \?":D?? r>r<rii r"#Pi>Z,ti

"'
'"

298

Logca rornnnr e logica mcdiocvalc

quelli contro cui discute eguagliano apparentemente rupporitio


'stante per', e perci suggeriscono che la rupporitio discreta non dovreb.
he essere considerata una suddivisione della ruppoiitio perro>ialir, ma
presa prima a s.
Se il modo d'intendere la rupporitio che Guglielmo tenta di applicare a tutte le variet della sua lista non una sua propria innovazione
ma il scnso originale della terminologid, allora tale dottrina deve ave;
a w t o inizio con i casi da [61 a [91, che dobbiamo ancora esaminare. In.
farti, essa non si attaglia a quelli da [I] a [>l,ed poco credibile che
pu.sl cjs?re 5.3t3 elahorst~d1 q u a l c ~ 3 oC ~ I Cl i ai,f\te in tiiciite hdal
priii:.?:<i. I)'diiro C3ntu. frrilc c-iilrc c d n L qucrri pot;ssero poi vcrii.
re incl~siqiando 1.1 n .,ii>::
ilrl tliurdiiiurc uiia ftirmd 3 cn'altra non
era quella su cui si poneva l'accento, e la locuzione rupponere pro ve.
niva intesa soltanto come 'stare per'. I n ogni caso, la dottrina deila suppositio perronalir, cui dobbiamo volgerci adesso, la parte meglio sviluppata dell'intiera teoria qual conservata nei documenti rimasti.
In Homo currit (che bisogna intendere nel senso dell'enunciato'Un
uomo sta correndo') si dice che la parola homo hn la ruppositio determinata, perch potrebbe essere spiegata con referenza a un individuo
(poiest iocutro exponi pro alruuod ununi):" Ma. conie osserva Guelieli o , da un altro pinro di ~ i s t a ' ~ a t r e m mchiamirla
o
inde~ernrinufa~~erch l i proposizione non indica determinatamentc quale uomo stia correndo. Per contrasto, la rupporitio confuso cosi chianiata perch involge o molti individui, o un individuo preso molte volte in un contesto in cui potrebbero esserc considerati molti individui diversi. La seconda parte di questa spiegszioiie vicne inserita per permettere alla parola homiricm di aver la rupposiiio confiisa nella proposizione Omnir
hotno r'idet honiiirem, anche se vi soltanto un uomo, per esempio Se
crate, che tutti vedono." Inoltre, se un sostantivo sta per tuttoci che
h3 I? formo da esso rigniiic3r1. la ,ii.i .appari!,<. non i 301, con/r<ro.ma
~ r c h ctlirir~b:<t:i
i
qce<to il c ~ s oilcl q::,ctro di iina proposizione
iiii:ic,r,::c
..dcrnintivi. ma ncr del predicato I ~ t i n ese
. 13 pro~oji2iune
contenente un termine con runboritio
coniuso e/ dirfribu(;.uooermette
.'
1'irkr:nz.t n!lr prop~ri2iinico.iccc~cnri; , i r t i I i,zli in.1 vi{; coperti
.I: I icrmirc. la ra;:ui:r?g di queitn rsrininc anrlie io/,:!tr Si poirch.
'>- f.1r.c. i.<
o. !rr t i c 1.1cundiriinc drbbl ..d'n>icr~i jcmoic. n, non
cosi. ~ n f a t t ibench
,
si possa correttamenteco~cludercda'0mnir homo
In,rod<irrionrr,
Rn

" Ibrd. p

71.

,-,,rnt a Sorrutes currit, non possiamo da Tantum omnis homo currii


(.Ogni uomo, ma niente altro, sta correndo') derivare Tontunr Sacrrfer
:.iir.ri/(cio 'Socrate, ma niente altro, sta correndo').
La ruppositio confurn sempre dovuta a una precedente distribu,ione, vale a dire alla ricorrenza di un segno d'universalit o di qualcosa della stessa forza. Ma la supporitio confurr tontum differisce dalla
~irpporiiioconfuso et dirtributiva in maniera importantissima. e per
chisiire ci Guglielmo stabilisce le cinque sepenti regole circa le relazioni in cui stanno fra loro e con la supporifio determinota. Alcuni
deeli esempi sano scelti per mostrare l'importanza che ha l'ordine delle
pxole negli enunciati Istini, e sono perci dinicili da tradurre. ma
jpossibilerenderne il senso usando talvolta il passivo dove I'autore usa
I',,ttiv~.'~
( I ) Ogni segno distributivo (cio un segno con il senso di 'tutti' O
.ni,ssuno')
. . ~ ,d3 la riro~orrtioconfurr e / dirtributiva n1 tcrmine c u i diicttamcnte congiun;o, c un segno negativo fa lo stesso anche per il teriiiinc discosto, mentre un segno affermativo d al termine discosto la
ii,ppo~irioconfusa tantum. Questa la ragione per cui possiamo corictramente concludere'Nessun uomo un asino; dunque, nessun uomo
questo asino', ma non 'Ogni uomo un animale; dunque, ogni uo.
iiio questo animale'.
(11) Non v' inferenza valida dalla ruppositio confura tanfain alla
iiipporitto con(usu ei disiribrriivo. Infatri, quando ciascun uomo vede
vilo se stcsso, non corretto concludere 'Da ogni uomo non visto un
iinrnn.
non ~ e d un
e uomo' (Omnir homo horninern
......- , - -..>-.
,noni
.m
i>onvidet; ergo omiiir homo non uidet homi~rcm).
Irril Non v' inferenza valida da molti casi di supporilio deiermrnu14
xunonsirio
determinatu. ma soltanto a uno di rrrppositio con.9
- 71,"-..- Ai
-..
..
bsn. ~nfatti,&;ndoogni uomo vede solo se stesso, non corretto coni Iiidere'Un uomo visto da Socrate, e un uomo vistoda Platone, oc.:
diinoiie
- . - - , iin
visto da ogni uomo', sebbene si possa concludere
.
..iiomo
.
.
'Dunque, ogni uomovede un uomo'.
iiv) Non v' inferenza valida dalla ruppositio deterniitruto alla rupnorztio~.
~.ontiiraet dirrribrrtiva, ma soltnnto alla ruppositio confusa tani,tm. ~ n f a t knon
, corretto chcludere 'Un uomo non vista da Somatc: dunque, Sacrate non vede un uomo', mentre corretta concludere
'lJn uomo visto da ogni uomo; dunque, ogni uomo vede un uomo'.
(VIV' inferenza G l i d dalla rupporitio confusa et disiribr<iivaalla
~

joo

Logica romana C logici medioevale

ruppositro determinata, ma non dalla rupporiiro confura tantum. Infat.


ti, corretto concludere 'Soctate non vede un uomo; dunque, un uomo
non 6 visto da Socrdte',"'na non 'Ogni uomo vede un uomo; dunque,
un uomo visto da ogni uomo'.
In questa dottrina vi sono due aspetti probemdtici. I n primo luogo
a parte la supporitio cor~fusa
ei dirtributivu ied ininiobilir, che qui poa:
siamo trascurare, lo schema di classificazione involge tre possibili ge.
neri di ruppositio communu, bench nella logica tradizionale non vi
siano che due generi di quantificazione per i termini generali, cio uni.
versale e particolare iod esistenziale). I n secondo luogo, i generi di rup.
poritio che Guglielmo chiama dererminata e confusa tantum sembrano
essere entrambi associati alla quantificazione esistenziale, ma la secon.
[la chiamata. confusa come 13 tcrza, la quale invece associata alla
quantificazione universale. La spiegazione di queste due stranezze torna in patte altamente ad onore dei logici che escogitirono lo schema. Essi avevano gi capito la necessit di una. teoria dellaquantificazione multipla, e avevano cominciato a svilupparne alcuni particolari, non soltanto per il caso relativan~enteinsignificante che fu piG tardi chiamato
quantificazione del predicato, ma anche per l'assai piu interessante teoria delle relazioni. Infatti, la quarta regola da noi riprodotta stabilisce
che una proposizione doppiamente
con un quantificatore esistenziale davanti s un quantificatore universale implica 1s corrispondente proposizione doppiamente genetale con i quantiiicatori trasposti,
mentre la quinta giustamente rigetta l'implicazione inversa. D'altro lato, i logici che fecero la classificazione dei generi di suppositio si lasciarono eccessivamente impressionare da considerazioni sul numero degli
individui per cui si pu dire che un termine srii; e cosi assegnarono la
supporitio confiira non soltanto ad ogni termine con ouantificazione
- ~ --~
- ~
universale, ma anche a ciascun termineche ricorreva con quantificazione csistenziale dopo la quantificazionc universale di un altro. Di contro, u n termine con quantificizione esistenziale. ma non oreceduto
~ da
~
un altro con qusntificaziane universale, era deito avere il ruppositio
detertiiinota, perch si poteva descrivere come stante per un singolo
i"iii"irli,"
.-..-- -- .
Questo modo di vedere le case legato all'assunto fondamentale
che un termine gsncrale, come un nome propria od una descrizione unica, deve stare per uno o pi6 individui. Alla Tine della sezione suiie proprietater terrniiioru~r,Gugliclmo ci dice chc, quando ricorre senza speA

'" Dilli rnnrliiri~inr nel ieri" iii ,;~~s&irss


iicne o n i c w l i nrrrrioiic

1
1

/
1
'
N

'

sta psr i suoi appellala. vale


cisle precisazione, ogni termine
a dire per quegli individui che sono esempi presenti della forma da esso
>i;nificata; e giustifica questa assunto nel modo seguente: 'Et dico
q o d ille terminus homo supponit pro praesentibus de se, quia signiiicat formam in comparatione ad suas res. Haec autem comparatio tan.,>msalvatur in existentibus. Solum enim est suum significatum fotma
p..role, IJ su?.iircl:ii~in~
ct proprie pio hlr a~pi>iinit
dr ,e."" In
. i:,:,, si liara in prims Iuo<o , 1 1 1 ~rrztti/kc:to, e ci> <. lir il 1errn:ne j c ,i~.,l:bom9 sirniiic,~ un2 fii-ms CI-."drve rrscrc ri.a!t,>~ta in col< c,i,rcnri; cosi, a i e n o che si prenda qualche speciale provvedimento in
contrario, si deve assumere che homo stia per uomini esistcnri al moiiiento in cui si parla. Ma qualche speciale provvedimento pu essere
1prcs0, come Guglielmo riconosce scrivendo: 'Terminus communis non
ic\trictus habenr sufficientiam appellatorum et supponens verbo de
ipc~esentinon habcnti vim amplisndi supponit tantum pro his quae
siint.':'" Sar interessante esaminare una dopo l'altra. come fa lui, le
varie qualificazioni qui notate.
In rimo luogo. un termine ~eneralecome homo pu cssere ristretto
da uni frase chelo precisi, come qui firif, e casi esser fatto stare per il
rnon~esistente.Questo un caso semplicc che non sembra richiedere [ilicriori commenti
li, sccon<loI ~ o ~pu
o . 3:cJdirc clic (in termire grncrolc nan a b b ! ~
Ibh.~,r 1tv.2 ; p f c / / 8 / ~per sodt,f.ir: i rcqcir:ti di:l'cnunci~.o ir. cui ri
noii-r<i\te,te. comc Giigl.cl.
i r e . ed anche LII ~ ~ I C F c3i2
I O 113ri per
~ i i otenta di mostr&e con il seguente bizzarro ragionamento:
'IIoc memhmm iiilbetlr ruficienlrrni irppdlaioruin apponirur qui*, si non hahcr porta rupponcrr pro non.enti. Er intclligc quud suiiiricntia appcllatamm in
rrihur consistit ad minus. Undc si non sint tot appellara. porert tcrminus suppovicrc pro non-enti ur si sinr tanium duo hominer. haec crr ialsa, Omnii honia eri
I>iobario:Hoc
onnii imponiturad dirrrihuendumpro summn multitudiIIC er hoc signumirreiyue pro minima. Cum ergo minima muiiirudn si! in binrrio,
lho; rignum iifrrqiir diirrih~itpro duobur ranium. Mzior iuiem multitudo rsr in
rcinrric cr su<crioribur
numeri$.Linde hoc rignum oi>,~iediirribuit pro rribus ad
iriinur Cum igiwr in hoc raru rinr diiosuppositaexirtenria et vulr iirc rermo quod
prreriicatum iniit rcrrio, vult quad inrtt non-exirtcnti,er ric haec falsa est, Omnir
r~oi>in
est, er sua con~rudicroriavera, Al~qnishomo non eli. Ere0 homo non est.
5cd non cssr non diritur de ~~irrenti.
Ergo ly hoio supponitpro nan-exirtcnti.'"'

302

Logica romana c logica medioevale

L'esempio poco felice perch Otnnir homo est e Aliquir homo no,
est sono enrrambe egualmente prive di senso. E, a parte ci, molto
fantasioso suggerire.chc chiunque pronunci una proposizione univer.
sale cosrmira con ontnir si impegni a credere nell'esistenza di tre esempi
della forma significata dal temine fungente da soggetto. Ma almeno
non possono esservi dubbi che Guglielmo tenga alla dottrina della por.
rata esistenziale per le proposizioni universali, e che sia pronto a de.
finire falsa una proposizione universale se il termine fungente da soggetro non conviene a nulla.
In terzo luogo, un termine che ricorre insieme ad un verbo al passato od al futuro, pu avere ruppositio per qualcosa di non esistente d
momento in cui si parla. Come dice Guglielmo:
'Hoc membmm ruppotrrnr ceiba dr ptaerrrtti apponitur quia si terminus
cammunir verbo dc pracrerito er futuro supponerer, porrct supponere pro non.
enti. ut hoc Honm rscnrrif vemm est pro Caerare. Et ralct asrignnri talir rcgula:
Tcrrninus communis rupponeni verbo de pracrerito ruppunit tam pro praesenri.
bur quam pro praercritir, et similiter suppanenr verbo de futurosupponir tampm
pracscnribus quam pro fururir.""

I n quarto luogo, vi sono alcuni verbi che possono essere usati anclie al presente per cose che non esistono nel momenro in cui si parla,
e che, secondo Guglielmo, esercirano un potere di umpliutio sui loro
soggetti: 'Hoc autem membrum 110shabenti vim ompiiandi apponirur
quia, si sir verbum amplians, potest subiecrum supponere pro non-enti,
ur Homo laudotur hnec est veri pro Cacsarc. Er est verbum amplians
cuius res potcsr inessc non-enti.'"' Altri verbi passivi con porere di amplratio sono 'menzionato', 'considerato', 'remuto', 'desiderato'. Ci che
rutti i verbi di questo gruppo hanno in comune come elemento del loro
significato la nozione di 'csscr-pensato-di'. Infatti, chiaramente non
necessario che qualcosa a cui pensiamo debba esistere quando lo pensiamo, n, in verit, in qualunque altro momento. Un altro gnippo di
verbi cui Guglielmo attribuisce il potere di o,npliatio quello formato
da potcsf e simili segni di possibilit. Quando diciamo 'Un giorno un
uomo porri sbarcare sulla luna', non intendiamo necessariamente riferirci ad uno degli uomini atrualmcnre viventi.
Quando Guglielmo di Shyreswoad dice Porrrt rubiecium supponere pro jion-e~ti,i suoi esempi mostrano che nl momento ha in mente

'"1,iirodiimaiiii. D. Sa
lbtd, n. e,.

'
'

1
I

i
l
i
I

LE propliehter ierminorum

discreta
comrnrinir

rimplrx
perroriilhr

necririflifr rigm
nereriitdlr

cnAaywIi ha l l o , ~ r oiurrii.

il unso ririiicilc il crmw OnUaro.

303

la possibilit di un termine che stia per qualcosa di non esisrente


momento in cui si
Ma la sua teoria sembra obbligarlo anche
,,llsasserzione che i termini possono stare per cose che non esistono,
non sono esisrire e non esisteranno. Infarti, egli assume che i1 soggetto
di una proposizione categorica abbia sempre la rupporitio per qualcosa, e tosi deve dire che la parola 'chimera' rupponit pro non-enti nella
'Una chimera menzionata da Omero'. E sostenibile ci?
se dchniama la locuzione 'stare per' in modo che, per qualunque cosa
i i n rermine stia, questa deve esistere in qualche momento, manifestamente assurdo asserire piJ avanti che alcuni termini stanno per cose che
non esistono mai. Nella conversazione ordinaria, un uomo che dica che
In parola 'chimera' sta per un mostro in parte leone, in parte capra e in
pnrre serpente, non lo si ritiene obbligato a credere nell'esistenza di un
tale mosrro in qualche momento. Ma se annunciamo che la locuzione
'stare per' da noi intesa in questo modo, non possiamo piti usarla per
far contrasto con 'significare'. Infarti, dire che la parola 'chimera' sta
per un mostro del genere descritto, P dire in e&tri che la parola significa la stessa cosa della nostra pih lunga descrizione. Guglielmo di Shyrcs\\.ood, tuttavia. insiste con molta f o n a sul fatto che la rupporitio
non riducibile alla significafio, cosi non pu avvalersi di questa linea
di difesa. Alcuni filosofi di epoca recente, in particolare Alexius Meiiioiig,sBerrrandRussell in un determinato periodo della sua vita,"' hani10 detto che rermini come 'chimera' o 'montagna d'oro' possiedono una
sorta di essere, bench non l'esistenza. Un'opini