Sei sulla pagina 1di 32

Oggetto: Osservazioni e Proposte, da parte di Cittadini Militanti e Associazioni

Socioculturali, alla definizione del DPP per la redazione del PUG


Dott. Ippazio Stefano, sindaco di Taranto
E p.c.
Angela Barbanente Assessore Qualit del Territorio
Regione Puglia
Martino Tamburrano Presidente Provincia di
Taranto
Dino Borri - Coordinatore / Progettista del DPP / P.U.G.
di Taranto
Annarita Lemma - Consigliere Regionale Puglia
Fabrizio Nardoni Assessore regionale alle risorse
agroalimentari
Onofrio Introna Presidente Consiglio Regione Puglia
Pietro Bitetti- Presidente Consiglio Comunale
Giuseppe Mele - Direttore Generale Comune di
Taranto
Segretario Generale dott.ssa Anna Maria Franchitto
Dott. Vincenzo Baio Assessore allAmbiente del
Comune di Taranto
Vincenzo Di Gregorio - Assessore Patrimonio Comune
di Taranto
Arch.Cosima LorussoAssessore Urbanistica e Citt
Vecchia del Comune
Silvio Rufolo Dirigente Urbanistica Edilit Comune
di Taranto
Arch. Cosimo Netti - Dirigente Direzione Patrimonio
del Comune di Taranto
Dott. Alessandro De Roma - Dirigente Ambiente Salute
e Qualit della Vita
Arch. Mario Francesco Romandini Direzione
Urbanistica Comune di Taranto (*)
Prof. Felice Uricchio Rettore Uniba

Prof. Angelo Tursi Pro Rettore Uniba


Dott. Nicola Cardellicchio Presidente CNR Taranto
Dott. Vito Crisanti Progettista del Piano Programma
del Verde
Amat Spa
Ferrovie SudEst Spa
Sindaci e Consiglieri comunali dei Comuni del
Tarantino
Italia Nostra
LipuTa.
Legambiente
Fai Ta.
Endas Puglia
Garden Club
WWF Puglia
Officine Taranto
Teichos
Club Il RiformistaTa.
Assocasa Taranto
CGIL-CISL-UIL-Ta.
Prof. Gregorio Andria, Presidente del Centro
Interdipartimentale "Magna Grecia" e Preside della II
Facolt di Ingegneria di Taranto del Politecnico di Bari;
Presidente di Confindustria Taranto, Dott. Vincenzo
Cesareo;
Presidente della Camera di Commercio di Taranto,
Cav. Luigi Sportelli.
Salvatore Marzo Liceo Linguistico Aristosseno
Autorit Portuale Ta.
Organi di Stampa Regionali e Cittadini

Signor Sindaco,
se vero che il buon giorno si riconosce dal mattino, allora ci potrebbe essere qualche speranza che le
cose, le nostre offuscate cose, tornino ad essere chiare come la luce del giorno e si potr, con limpegno
di tutti, percorrere una strada sconnessa e tutta in salita per giungere alla redazione del nuovo Piano
Regolatore.
Un nuovo Piano Regolatore adeguato alle necessit sociali e alle potenzialit di sviluppo economico e
culturale del territorio, elaborato con lungimiranza cos come avvenne con quello redatto, subito dopo
lUnit Nazionale, dallarchitetto Davide Conversano e approvato dal Consiglio Comunale nel 1864.

Un piano che fu degno, per i tempi, di una classe dirigente cittadina attenta e capace di una visione
prospettica che, partendo dal trend demografico e dalle attivit economiche presenti nel territorio,
seppe pensare, con misura e con realismo, al proprio sviluppo urbanistico.
Ci avvenne nel rispetto delle risorse naturali, sapendo cogliere il valore paesaggistico e produttivo
dei Due Mari, comprese le prime balze che vi si affacciano, sapendo cogliere le opportunit offerte
dallUnit del Paese, a livello nazionale e geopolitico, prevedendo di:
1. Connettersi con la rete delle prevedibili strade ferrate, attraverso una moderna stazione ferroviaria,
per usufruire del nuovo rivoluzionario sistema di trasporto delle persone e delle merci;
2. Potenziare il porto mercantile, in previsione dellapertura del Canale di Suez (1869), un evento con
conseguenze geopolitiche che avrebbero messo il Mediterraneo nuovamente al centro del commercio
marittimo intercontinentale.

In questultima scelta c tutta lesperienza della presenza pluriennale a Taranto dellesercito francese
per la costruzione di un grande, strategico e sicuro porto commerciale.
Napoleone, uomo con visione globale, che conquist lEgitto per aprire un nuovo percorso e insidiare
i ricchi commerci inglesi con lIndia, pensava che lInghilterra tenesse testa alla Francia grazie ai proventi
economici dei grandi traffici intercontinentali, di allora e di sempre: quelli del Mediterraneo con
lEstremo Oriente, lAustralia e le Americhe.
La Francia, conquistato lEgitto, avrebbe accelerato la costruzione del canale di Suez e controllato cos
la rotta pi breve tra lAsia e lEuropa: verso quella sudorientale, tramite i porti del Pireo e di Istanbul
e, nel mezzo, il porto hub di Taranto da dove poter incanalare il traffico commerciale verso lEuropa sud
occidentale, verso i porti di Genova, Marsiglia e Barcellona, proseguendo, attraverso lo Stretto di
Gibilterra e il Canale della Manica, per toccare i porti del Nord Europa nel Mar Baltico.
Il disegno napoleonico fall, ma la sua visione geopolitica rimane valida ancora oggi.
Infatti leconomia globale e la prosperit europea dipendono in maniera crescente dai collegamenti
dellAsia con lEuropa, che avvengono attraverso il canale di Suez e il Mare Mediterraneo, assumendo
cos un nuovo ruolo, che si aggiunge a quello da sempre avuto: essere cerniera tra Europa e Africa,
condizione questa che oggi si ripropone con maggior forza ed evidenza.
I due continenti devono, con urgenza, ritrovare le ragioni per unintesa politica ed economica
necessaria per garantire ad entrambe, come al tempo dellImpero Romano, stabilit, sicurezza,
condivisione e prospettive pur nella diversit temporale di un orizzonte comune di prosperit.
In questo momento storico le aree pi in subbuglio sono:
lAfrica settentrionale con la Libia mentre, in Medio Oriente, la Siria e lIraq sono in piena guerra civile,
fomentata e foraggiata principalmente da Arabia Saudita ed Iran;
le tensioni tra Turchia, Libano, Palestina, Giordania, Cipro e Israele per lo sfruttamento del grande
bacino di gas naturale, collocato in un braccio di mare -denominato bacino del Levante o Levantinoche interessa pi paesi, con la complicazione che sono, in parte, uno contro laltro armato;
con le prospezioni gi effettuate sono stati individuati, perimetrati e stimati nel bacino del Levantedue giacimenti per lestrazione -il Tamar e il Leviatano (riprendendo il nome del mostro marino biblico)le cui capacit produttive garantirebbero migliaia di miliardi di metri cubi di gas.
lEuropa, suo malgrado, incastrata nella partita in corso per il controllo del mercato energetico petrolio e gas - tra la Russia e gli Stati Uniti, che vede lUcraina nel ruolo di capro espiatorio;
la sorda rivalit tra Cina da una parte (impegnata a realizzare la Collana delle Perle, una rete di grandi
porti, con lattracco per navi da 20000 containers, e piattaforme logistiche per il controllo delle rotte
marittime verso lIndia, la penisola Arabica, lAfrica, il Mar Rosso e il Mare Mediterraneo dove ha gi
2

inserito la grossa perla del porto del Pireo) e India e Stati Uniti dallaltra. Tale tensione causata dalla
costruzione in Nicaragua di un canale navigabile interoceanico -in concorrenza con quello di Panamascavato tra il Pacifico e l Atlantico con ingresso a Brito sullOceano Pacifico e uscita su 4 porti nel Mar
dei Caraibi: Cayman Rock, Isla deVenado, Porto Gordo, San Juan de Nicaragua.
A tutto ci si aggiunge la trasformazione dei conflitti da territoriali-nazionali in religioso- confessionali,
con assalti alle sinagoghe, alle chiese, alle moschee.
Un quadro di riferimento globale, tanto inedito quanto preoccupante, con cui occorre misurarsi,
anche quando affrontiamo le nostre cose, le cose della nostra Citt, di oggi e di domani.
Aldil di tutto questo, quello che ci fa ben sperare , per, il giudizio espresso a tutto tondo
dallingegnere Dino Borri in una sua recente intervista rilasciata alla Gazzetta del Mezzogiorno, al
giornalista Fabio Venere partendo proprio dalla: Taranto non una citt stremata dalla crisi.
Si tratta di unaffermazione di grande importanza perch proveniente da persona informata dei fatti
e dei misfatti dei volti e dei risvolti della nostra questione ambientale, consapevole che nel processo
di VAS (Valutazione Ambientale Strategica) vi sono aree in cui oltre la VIA occorre presentare il RIR
(Rischio Incidente Rilevante).
Ling. Dino Borri stato investito della massima responsabilit consentita alla Municipalit, nella sua
qualit di autorit procedente: ossia quello di essere Progettista e Coordinatore avvalendosi della
collaborazione della Direzione Urbanistica Comunale- della redazione del DPP per il nuovo Piano
Regolatore (PUG).
Ci induce a sperare nel diradamento dei cumulonembi che incombono, da anni, sulla citt e nell
inizio di un nuovo percorso virtuoso per farci uscire fuori dalla trincea in cui da tempo siamo impaludati.
Il giudizio ottimistico del professionista pieno di particolare valenza in quanto stata proferito dopo
un primo giro di consultazioni con le forze vive della Comunit, un sopralluogo scrupoloso in tutto il
territorio interessato valutandone e ponderandone tutte le potenzialit- ivi inclusa la constatata
voglia di fare delle nuove generazioni.
Ling. Borri, infatti, ritiene che sia ancora possibile redigere un Piano Regolatore allaltezza dei tempi,
in spirito glocal commisurato ai bisogni della comunit e rispondente alla necessit di superare la
monosettorialit siderurgica, orientandosi verso prospettive economiche alternative e a misura
duomo.
Lumanit sino alle soglie dellOttocento ha operato e vissuto secondo principi olistici: luomo, pur
considerandosi al centro del mondo, aveva tuttavia consapevolezza della limitatezza delle risorse
naturali. Egli non aveva ancora acquisito le tecnologie per luso delle fonti energetiche fossili e perci
era pi in sintonia con le ragioni della natura.
A partire dalla prima rivoluzione industriale, con linvenzione della macchina a vapore e dellenergia
elettrica, luomo si invece considerato padrone assoluto, prefigurando la propria esistenza al di sopra
e al di fuori di un rapporto rispettoso e fecondo con gli ecosistemi.
Oggi ci accorgiamo che il modello industriale lineare non pi in grado di fare i conti con la scarsezza
e la difficile reperibilit di alcuni beni - acqua, aria e paesaggio - in quantit e qualit adeguate al
fabbisogno.
Beni che, purtroppo, non vi sono nella medesima quantit e qualit per tutti, ma vengono percepiti
come beni comuni e un nuovo diritto civile da rivendicare per le attuali generazioni e garantire a quelle
future
Dalla met degli anni 70 lumanit abbandonava il paradigma meccanicistico-riduzionistico che aveva
sotteso lo sviluppo industriale lineare per oltre due secoli, e si andava prefigurando la necessit di
passare al modello circolare ecologico-olistico.
3

Alla fine dellOttocento, con la costruzione dellArsenale Militare nella nostra citt, dai mitilicoltori e
ostricoltori direttamente danneggiati, furono subito riscontrati gravi danni alla maricoltura.
Preoccupazioni condivise dalla parte pi illuminata della classe dirigente che cerc di porvi rimedio;
qualche parziale risultato si ebbe allorch lAmministrazione Comunale, retta dal sindaco Francesco
Troilo, istitu lIstituto di Biologia Marina, diretto da Attilio Cerruti.
Peccato che al momento dellintervento delle Partecipazioni Statali, non ci furono persone della
tempra e della sensibilit di quella classe dirigente. La scabrosa situazione si ripetette ahim, in
proporzione pi grande, con gli interventi coordinati delle Partecipazioni Statali. Anche in questa
circostanza, ben presto, la parte pi attenta e sensibile della popolazione prese consapevolezza che un
grande stabilimento industriale a ciclo integrale, quale quello dellItalsider, per come veniva collocato
e per le caratteristiche del suo ciclo produttivo, diventava una struttura incompatibile da subire e da
tollerare.
Si cominci con un gruppetto di pazzi malinconici ad alzare la testa prima, e la voce poi, per
denunciare che lo stabilimento siderurgico era nato in quel luogo e in quel modo seguendo solo la logica
del contenimento dei costi, della massimizzazione degli utili dimpresa e del minor tempo di
realizzazione, mentre poca attenzione fu posta nel migliorare la qualit della vita delle persone, sia
allinterno che allesterno della fabbrica.
Alla denuncia degli intellettuali seguirono le manifestazioni di protesta popolare e momenti di
pubblico dibattito con contributi di grande respiro come la partecipazione del geografo Pierre George
alla conferenza dibattito sul modello industriale imposto, con riferimenti alla nostra realt, organizzata
dallUniversit Popolare Jonica e dallAlliance Francaise negli anni 70 a Taranto.
Oppure, come non ricordare lintervento del Prof. Giorgio Nebbia, al convegno di studi sul tema
Inquinamento ambientale e salute pubblica, svoltosi il 27 e 28 aprile 1971 nel salone di
rappresentanza dellAmministrazione provinciale, con una lectio magistralis intitolata Progresso
merceologico e Progresso Umano, che cos cominciava: Da alcuni mesi a questa parte la denuncia
delluso irrazionale del territorio e delle risorse naturali, la scoperta dei guasti dellambiente e
congestione urbana, hanno dato vita ad un movimento di opinione pubblica, ad una collera collettiva,
come se la grande massa degli italiani si svegliasse dentro un incubo.
LAmministrazione Provinciale provvide alla pubblicazione della relazione e del dibattito.
Un appello corale, indice di presa di coscienza collettiva, si ebbe allorch, ad opera di un gruppo di
lavoro interdisciplinare, si procedette alla stesura del Manifesto sullambiente del 1985, - inserito nella
pubblicazione Taranto topografia e toponomastica. Il lavoro, che fu editato in 20.000 copie, si
ispirava ai principi della Carta Europea dei poteri locali per la salvaguardia ambientale e venne
corroborato dalla nostra sofferta esperienza, che iniziava con laffermazione: Abbiamo tutti il dirittodovere allAmbiente Migliore []. Il suolo, lacqua, laria sono beni preziosi che appartengono a tutti.
Contaminarli significa degradare non solo la natura, ma la nostra stessa vita. Significa: dilapidare un
patrimonio che non si potr ricostruire- mettere in pericolo la sopravvivenza di intere specie animali,
minacciare direttamente la salute degli uomini.
Oggi, le green city europee hanno gi metabolizzato il concetto secondo il quale il verde deve
costituire il tessuto connettivo della citt e che questo, tra le reti infrastrutturali, debba avere la stessa
importanza di quella energetica, idrica, elettrica, telefonica, della mobilit e della banda larga per la
connessione veloce con la rete digitale del Web 3.0.
Ora tocca a noi dimostrare di saper interpretare la circolare della Regione Puglia n.1/2014 Indirizzi e
note esplicative sul procedimento di formazione dei Piani Urbanistici generali(PUG), facendola diventare
lalfa e lomega per la lettura, ricucitura e riqualificazione del nostro straziato territorio.
4

Tale circolare prevede lintegrazione del processo di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) nel
procedimento di pianificazione urbanistica. Il principale elaborato tecnico in materia di VAS il
Rapporto Ambientale, il quale costituisce parte integrante del piano o del programma e ne
accompagna lintero processo di elaborazione ed approvazione. Il Rapporto Ambientale deve essere
elaborato sin dai momenti preliminari dellattivit di formazione del piano e deve essere coerente con
i contenuti del piano stesso in ogni fase della sua elaborazione. Sembra utile ricordare qui che gli stadi
di avanzamento del Rapporto Ambientale sono quattro:
1) Rapporto preliminare di Orientamento, nel quale vengono definiti il livello di dettaglio delle
informazioni da includere nel Rapporto Ambientale, e programmate le modalit di svolgimento
del processo di VAS (L.R. 44/2012, art.9);
2) Rapporto Ambientale, corredato della proposta di programma per il monitoraggio e di una Sintesi
Non Tecnica, il cui compito quello di individuare, descrivere e valutare gli impatti significativi
che lattuazione del PUG potrebbe avere sullambiente e sul patrimonio culturale, offrendo altres
una valutazione comparativa delle ragionevoli alternative di piano considerate. Tale Rapporto
Ambientale costituisce parte integrante del PUG da adottare in Consiglio Comunale;
3) Documentazione che accompagna latto di approvazione definitiva del PUG da parte del Consiglio
Comunale, a valle del procedimento di verifica di compatibilit regionale e provinciale, che deve
comprendere la versione definitiva del Rapporto Ambientale, del Parere Motivato espresso
dallAutorit competente per la VAS, il Programma di Monitoraggio Ambientale del PUG e la
Dichiarazione di Sintesi;
4) I Rapporti di monitoraggio degli impatti significativi sullambiente e sul patrimonio culturale
derivanti dallattuazione del PUG, contenenti le indicazioni delle misure correttive necessarie.
Grazie al supporto del processo di VAS, i piani dovrebbero essere sostanzialmente orientati a favorire
le condizioni per uno sviluppo sostenibile, nel rispetto della capacit rigenerativa degli ecosistemi e
delle risorse, della salvaguardia della biodiversit e di una equa distribuzione degli effetti connessi
allattivit economica [assicurando] che il soddisfacimento dei bisogni delle generazioni attuali non
comprometta la qualit della vita e le opportunit delle generazioni future1.
Perci per avviare un processo di rigenerazione urbana integrale e diffuso, indispensabile iniziare
dalla riqualificazione del cospicuo patrimonio edilizio esistente concentrato nella Citt Vecchia, Borgo,
Arsenale Militare, (individuato come ambito prioritario di rigenerazione urbana dal Comune nel
DPRU).
Per quello che concerne il Rione Tamburi e i comprensori di edilizia economica e popolare costruiti ai
sensi della legge 167 nei rioni Salinella, Talsano e Paolo VI occorrerebbe procedere tenendo conto della
necessit di operare un rammendo con le sfilacciate aree contigue destinate sulla carta a standars
urbanistici per i comprensori di edilizia economica e popolare.
Inoltre, sarebbe importante effettuare un intervento esteso di forestazione urbana, finalizzato a
colmare il diradamento edilizio e a sostenere il restauro paesaggistico dellaffaccio sul Mar Piccolo.
Un piano del verde adeguato e funzionale, per avere senso di compiutezza ed efficacia, deve
interconnettere tra di loro i vari interventi attentamente programmati, con i corridoi in una visione
organica ed articolata.
Per la gestione di questo complesso processo occorre individuare nuove forme dingegneria sociale,
che siano capaci di assicurare una piena fruibilit dei luoghi e degli spazi.
1

L.R. 44/2012

Il verde come le piazze, i percorsi per la mobilit a misura duomo incentrati sulluso della bicicletta
e sulle passeggiate a cavallo e, primariamente, per gite a piedi, vanno pensati, gestiti e fruiti come
spazio e bene comune.
Per procedere in questa direzione bisogna incominciare dalle perle ambientali sopravvissute lungo le
sponde del primo seno del Mar Piccolo: il bioparco del fiume Galeso e le aree contigue, senza
dimenticare lagognato Lungomare pedonale terrazzato da via Delle Fornaci al bioparco omonimo.
Il parco stato progettato da Vito Crisanti su incarico dellAmministrazione Provinciale (Presidente
Mario Luciano DAlconzo, Assessore allAmbiente Vito Tommaso Donvito), con la deliberazione n. 1327
del 14 giugno 1994 dal titolo: Incarico per la realizzazione del progetto esecutivo per la bonifica, il
recupero idrogeologico, paesaggistico, naturalistico del fiume e del suo bacino topografico nel primo
seno del Mar Piccolo. Il lavoro di Crisanti ha saputo leggere ed interpretare al meglio i valori storicoculturali, paesaggistico-naturalistici di un biotopo unico al mondo.
LAmministrazione Provinciale ha gi provveduto ad espropriare i primi 45 ettari e il Presidente in
carica ha la ferma intenzione, in uno con lAmministrazione Comunale di Taranto , di portare lopera,
entro il tempo del suo mandato, a compimento.
Lintesa necessaria in quanto i 45 ettari del demanio provinciale confinano con:
- il compendio del vecchio macello comunale gi oggetto di un progetto di riuso;
- il vivaio del Corpo forestale dello Stato;
- lex Batteria Galeso ristrutturata dallAmministrazione Comunale come centro di educazione
ambientale.
E di per s evidente che tutte queste strutture vanno comprese in una visione unitaria nel
perimetro del parco.
Nel secondo seno del Mar Piccolo occorre puntare a salvaguardare e valorizzare la zona umida
protetta, denominata RORP Palude La Vela, gestita dal WWF dal 1992.
La salvaguardia del biotopo, la sua valorizzazione e la sua fruibilit, costituiscono potenti strumenti di
educazione ambientale, indispensabili per comprendere il contesto geologico, idrogeologico,
paesaggistico dellintero ecosistema del Mar Piccolo e del Mar Grande, Salina Grande e Salina Piccola.
Sarebbe opportuno estendere sin da subito larea della Riserva allarea della Sorgente Battendieri, un
sito straordinario da mettere in sicurezza e da rendere fruibile, dove ancora oggi vegeta rigoglioso il
saccione2 (nasturzio), ottimo per uninsalata piccantina per palati raffinati da accompagnare con piatti
di pesce e di carne.
La Palude La Vela viciniora al bene architettonico e storico-culturale della gualchiera dei Battendieri
connessa con una sorgente perenne dacqua dolce che, per secoli ha alimentato lattivit di tessitura e
follatura dei panni per confezionare il saio dei monaci dellOrdine dei Cappuccini.
In tale area vanno anche incluse le aree contigue alla foce del Canale Leverano dAquino, ossia il vero
fiume Galeso come ipotizzato, attraverso lo studio dei toponimi Greci della Chora tarantina, da Giorgio
Sonnante nella sua recente opera Gravine e Tratturi, pascoli e campi di Crispiano, letteratura,
economia, storia di Giorgio Sonnante- Antonio Dellisanti Editore S.r.l.- 2013.
Nel progetto fatto redigere dallAmministrazione Comunale, la perimetrazione della Riserva stata
opportunamente estesa allarea degli impianti dismessi di maricoltura dellAjvam Spa, in regime
fallimentare da anni.
Con il recente passaggio delle aree della Riserva dallo Stato al Demanio Comunale comincia a prendere
concretezza e slancio lipotesi di un grande Parco Territoriale che, partendo dalla Riserva Palude La Vela,

Crescione dacqua, perenne, col quale si accompagnavano le fettine di Tarantello, salame di tonno.

si estenda ad alcune aree contigue dinteresse naturalistico, paesaggistico e storico-culturale


appartenenti alle Istituzioni pubbliche o ai privati, tutte di rilevante interesse pubblico.
Allinterno di questo percorso, come messo in evidenza nel libro Il Castello Aragonese di Taranto
nellevoluzione del paesaggio naturale dal Prof. Giuseppe Mastronuzzi, Maurizio Milella, Cosimo
Pignatelli, Arcangelo Piscitelli e Paolo Sans, la falesia in localit Il Fronte, sul secondo seno del Mar
Piccolo, allinterno della perimetrazione dellarea regionale protetta, ha le caratteristiche per assurgere
a identificare un geosito definito Tarantiano.
Una pagina geologica importante per la lettura e linterpretazione di fenomeni su scala regionale e
mondiale della stratigrafia del Pleistocene Superiore.
Grazie allintenso lavoro di educazione ambientale praticato dal Wwf Taranto nel Parco Regionale, va
aumentando, di mese in mese, la presenza di visitatori, dei residenti e di turisti ambientalisti, tendenza
che non va scoraggiata visto che non sono pochi gli studenti, anche stranieri, che vengono a visitare e
studiare la Palude grazie alla presenza della numerosa e rara avifauna della riserva, frequentata da
specie protette, come Aironi, Garzette, Cavalieri dItalia, Falco Pescatore, Cormorano e Anatre
Volpoche, e di specie botaniche soggette a tutela quali le Orchidee e la Salicornia, per citarne soltanto
qualcuna.
I manufatti dismessi dellAjvam S.p.a. hanno inoltre tutte le caratteristiche -se bonificati, ristrutturati
e attrezzati- per essere sede di un ecomuseo dinteresse regionale facendo perno sulla maricoltura, ai
sensi della Legge Regionale 6 Luglio 2011, n15 Istituzione degli eco-musei della Puglia, che allarticolo
1 del capitolo oggetto e finalit cos recita:
La Regione Puglia, di concerto con le comunit locali, le parti sociali e gli enti locali e di ricerca
riconosce, promuove e disciplina sul proprio territorio gli ecomusei allo scopo di recuperare,
testimoniare, valorizzare e accompagnare nel loro sviluppo la memoria storica, la vita, le figure e i fatti,
la cultura materiale, immateriale, le relazioni fra ambiente naturale e ambiente antropizzato, le
tradizioni, le attivit e il modo in cui linsediamento tradizionale ha caratterizzato la formazione e
levoluzione del paesaggio e del territorio regionale, nella prospettiva di orientare lo sviluppo futuro del
territorio in una logica di sostenibilit ambientale, economica e sociale, di responsabilit e di
partecipazione dei soggetti pubblici e privati.
Gli ecomusei sono un presidio per svolgere azioni di sensibilizzazione collettiva al fine di considerare
lambiente e i beni storico-culturali come beni comuni e diritti inalienabili per noi e per le future
generazioni. Per la realizzazione del grande Parco Territoriale necessario avere un approccio olistico:
coniugare il sapere scientifico con quelli umanistico, le attivit colturali agricole, silvicole e la
maricoltura con le presenze geologiche, archeologiche ed architettoniche.
Questipotesi farebbe il paio con quanto realizzato in Umbria, alle fonti del Clitumno, dove allinterno
di un bioparco stata allestita una struttura eco-museale di grande valenza culturale e di forte richiamo
turistico.
Per quanto riguarda la sostenibilit energetica dellintera struttura, considerato il protocollo dIntesa
stipulato dal Comune di Taranto con lUniversit dellIdrogeno H2U di Monopoli, sarebbe opportuno
realizzare un progetto pilota per trasformare in idrogeno lenergia riveniente dai pannelli sistemati sul
tetto dell Ajvam, da usare nelle ore notturne. Sarebbe altres auspicabile il riuso come studentato del
compendio militare dismesso denominato Manganecchia, situato tra il confine orientale della pineta
Cimino e larea dellAereonautica Militare, confinante con la Riserva. Questo manufatto, se ristrutturato
e attrezzato, potrebbe essere destinato a campus universitario per gli studenti di geologia e biologia.
Anche allinterno della citt costruita, c la possibilit di salvare, in extremis, una piccola perla: il
relitto della antica palude della Salinella e delle sue aree limitrofe.
7

A tal fine, sufficiente procedere come prescritto nelle norme di attuazione della variante, in
perequazione urbanistica, della Salinella e delle aree contigue, variante che contempla anche la
salvaguardia e la tenuta in produzione del rigoglioso oliveto ivi presente.
In questa area sarebbe altres auspicabile reperire e reimpiantare cultivar autoctone di alberi da frutto
come riportato nella preziosa mappa disegnata dal regio tavolario Aniello Boccarelli o carta geodetica
della masseria del Trullo.
La mappa, disegnata in passi napoletani, riguarda il fondo rustico confinante con un tratto della riva
della palude Salinella e risale al 1765: il prezioso documento allegato ad un rogito del Notaio
Francesco Antonio Mannarini ed conservato nellArchivio di Stato di Taranto.
Nel documento cartografico sono riportati con puntigliosa precisione i limiti delle propriet, i tipi di
coltura, il bacino della Salinella, facendoci immaginare come poteva apparire agli occhi di un viaggiatore
del Grand Tour del livello del Barone tedesco Von Riedesel. Il Barone, giunto a Taranto nel 1771, oltre
a posare il suo sguardo sulla pesca delle alici a Capo San Vito e sullallevamento dei mitili e delle ostriche
nel Mar Piccolo, sicuramente pos il suo sguardo sui luoghi pittoreschi della Salinella, della Salina
Grande e del Galeso.
Questo miracolo ancora possibile in quanto il relitto della Salina Piccola, in contrada Pilone,
inserito nel Piano Particolareggiato Salinella ed aree contermini, accessibile dallantica via del Trullo.
Una strada che scorre tra il relitto della Salinella e le sedi della Questura, dei Vigili del Fuoco e del
Comando della Guardia di Finanza: tuttoggi, in questa area residuale sono ancora presenti salicornie,
cannucce palustri, tamerici e numerose specie rare di avifauna, nonch anfibi, rettili e insetti.
La via del Trullo e via Abateresta, sono vocate per costituire una rete di piste ciclabili che ci
permetterebbero di raggiungere la contrada Manganecchia, la Palude La Vela e le aree contigue la
pineta di Cimino. Le piste, per esigenze paesaggistiche, andrebbero corredate di siepi pluri-specifiche,
arbusti e alberi a ceppaia che, cos definite, funzionerebbero da piste ciclabili e da corridoi ecologici.
Le piste ciclabili unirebbero, come il filo di Arianna, fisicamente ed idealmente il previsto Parco urbano
del relitto della Salina Piccola con il Parco Cimiteriale Letterario Leonida di Taranto e i parchi
extraurbani collocati intorno al Mar Piccolo: larea protetta della Palude la Vela, il bioparco del Galeso,
la Pineta di Cimino, il parco della Rimembranza.
Il Parco della Salinella, in contrada Pilone, ha tutte le caratteristiche per costituire un banco di prova
per come si dovrebbe procedere per recuperare un relitto ambientale prezioso: sarebbe una ghiotta
occasione per sviluppare forme avanzate di agricoltura urbana e sociale, un esempio, tanto virtuoso
quanto inedito, di nuova centralit e protagonismo di un quartiere periferico.
Questa circostanza ci permetterebbe di avviare il recupero prima e la propagazione poi delle cultivar
autoctone ancora salvabili di frutta e verdura, come a suo tempo auspicato dal Consiglio di Quartiere
ed in linea con quanto prescritto dalla Regione.
Suscita malinconia constatare che mentre in Europa, in citt come Vitoria Gasteiz nei Paesi Baschi,
capitale europea del verde 2012, si vanno affermando modelli di eco-city ed eliopolis (vedi il grande
anello verde esterno di Vitoria di circa 1500 ettari), a Taranto, ci attardiamo persino a sistemare il tanto
auspicato relitto della palude Salinella il quale -comprendendo anche le aree circostanti- si estende per
appena 60 ettari. In particolare, trattasi di unarea destinata, dal Piano Regolatore vigente, a servizi che
collocata allinterno della citt consolidata, in unarea salva per miracolo dallavanzare delledilizia,
non regolamentata e facente parte di un piano attuativo diniziativa comunale in perequazione
urbanistica.
Il destino della Salina Grande, invece, merita unattenzione particolare: un area di circa mille ettari,
di cui in passato il 70% apparteneva al Demanio, ma che recentemente passata in mano a privati per
una somma risibile, perch gli enti pubblici locali non hanno inteso esercitare il diritto di prelazione.
8

Il Piano Regolatore vigente prevede per la Salina Grande- o la forestazione integrale o il suo rinvaso
attraverso lutilizzo, dopo averle trattate, delle acque reflue dellimpianto di Gennarini: certo non di
sversarle in mare come avviene ancor oggi- con una condotta sottomarina piena di falle.
Attuando questa seconda opzione prevista dal PRG, si creerebbe la naturalizzazione del bacino per
resilienza: una fonte preziosa per la produzione di ossigeno e di abbattimento di CO2, utile alla
mitigazione climatica.
Questa destinazione andrebbe confermata e sostenuta in quanto la Salina Grande, oltre a essere un
sito dinteresse naturalistico da recuperare, ha anche un significativo valore storico. Per secoli, infatti,
prima della sua bonifica a scolo naturale, stata fonte di un cospicuo reddito con la pratica della
coltivazione del sale e con la relativa esazione della gabella. Tale esazione, a partire dal Medio Evo, ha
costituito lentrata principale per labbazia di San Vito del Pizzo prima e poi per Universit di Taranto e
la Camera della Sommaria del Regno di Napoli.
Di altrettanto valore naturalistico e storico-culturale il bioparco del Tratturello Tarantino.
Trattasi di un buon progetto redatto dal compianto architetto Vito Boccuzzi che interessa unarea a
cavallo tra il Piano Produttivo Comunale allo svincolo autostradale Taccone e le Case Bianche a Paolo
Sesto, compreso nella perimetrazione della Zona Franca Urbana.
Questo comprende un tratto del Tratturello Tarantino ed aree contigue, in parte afferenti al demanio
comunale ed in parte ai privati. Nel suo dispiegarsi costeggia il C.I.S.I. (Centro Integrato per lo Sviluppo
della Imprenditorialit), scavalca la strada Taranto-Martina Franca, per giungere in un ampio spiazzo relitto di un Riposo della Transumanza di fronte alle Case Bianche del quartiere Paolo VI- come
testimoniato dalla presenza di un antica foggia per l'abbeveraggio e la sosta delle greggi di transito.
Secondo quanto previsto dal progetto, nelle aree del parco vanno salvaguardate le piante secolari di
olivo e le numerose secolari aggregazioni arbustive della macchia mediterranea: il tutto deve essere
preservato e strutturato per essere fruibile tramite camminamenti e aree di sosta. Per la sua originalit
e modernit il progetto stato di recente oggetto della Tesi di Laurea in Geografia della Comunicazione
discussa da Stefano Ripoli alla Facolt di Scienze della Comunicazione dellUniversit degli Studi di Bari
Aldo Moro intitolata LAgricoltura in Puglia come fattore di equilibrio ambientale, con relatore il
Prof. Guido Luisi.
In tale contesto, un gruppo di giovani soci del WWF Taranto e di altre associazioni ambientaliste si
stanno organizzando in societ di scopo per collaborare con lAmministrazione comunale ad un primo
intervento di forestazione e a dare inizio al bioparco del Tratturello Tarantino.
Percorso, questo, che va salvaguardato sia per gli aspetti botanici sia per quelli faunistici.
Il Parco comprende un uliveto secolare, all'interno del quale insiste un palmento ipogeo del 1700 di
circa 500 mq per il quale se ne consiglia il riuso come centro di primo ristoro per i frequentatori mentre,
nella parte restante, si potrebbe allestire una mostra permanente sulla civilt della transumanza nella
Provincia di Taranto.
La proposta quanto mai attuale visto il rinnovato interesse sulla Transumanza, come dimostrato dal
percorso di ricerca, recentemente realizzato, della Dogana della Mena delle Pecore di Foggia: Tratturi,
Tratturelli, Bracci, Riposi, Locazioni; pratiche di allevamento e produzione su scala industriale di carne,
lana e formaggi praticata per secoli in un area molto estesa tra gli Abbruzzi, le Puglie, la Basilicata che,
per mezzo dei tratturelli Tarantino e Martinese, si ricomponeva in un unico tragitto che dallagro di
Grottaglie conduceva sino alla Locazione dellArneo nel Salento.
La circostanza che larea dal bioparco comprenda anche una parte della lussureggiante macchia
mediterranea della gravina Mazzaracchio - un camminamento naturalistico che sbocca sul bioparco del
Galeso- ne accentua ancor pi limportanza.
9

Il progettista lo ha redatto pensando ad un Tratturo fruito da persone, usato anche per


interconnettere, con puntuali e mirati interventi di risanamento ambientale e rimboschimento,
quartieri contigui sorti in periodi e con logiche e spinte sociali diverse, ma che oggi sono affetti dal
medesimo disagio socio-economico e degrado ambientale.
In tal modo, a fronte di un tessuto urbano e periurbano sfilacciato comprendente i quartieri di Citt
Vecchia-Porta Napoli, Tamburi-Croce, Piano Produttivo Comunale Taccone e Case Bianche-Paolo VI,
avremmo un cordone verde di ricucitura che partirebbe da via Delle Fornaci a Porta Napoli,
proseguirebbe per via Mar Piccolo nel Rione Tamburi, giungerebbe sino al bioparco del Galeso e, da
qui, attraverso il camminamento pedonale nella gravina Mazzaracchio, si collegherebbe con il bioparco
del Tratturello Tarantino, sviluppato a cerniera tra il Piano Produttivo Comunale in contrada Taccone e
le Case Bianche al quartiere Paolo VI.
Un altro intervento di grande respiro storico-culturale, ambientale, paesaggistico e dingegneria
sociale per la sua gestione, il nuovo Parco Cimiteriale-Letterario Leonida di Taranto.
Questo stato proposto in progetto di finanza da una societ di scopo composta da alcune Societ di
Mutuo Soccorso e altri soggetti qualificati. Il progetto stato gi inserito nel piano comunale triennale
delle opere dinteresse pubblico per la prima annualit.
Esso collocato nellamena contrada Massarotti e vi si accede percorrendo, per un tratto, lantica
strada panoramica Abateresta collegata con la tangenziale Sud da due svincoli: uno a Nord allincrocio
con via Lago di Levico e la strada provinciale 164; laltro a Sud, allaltezza della masseria Abateresta, con
un affaccio panoramico sulla Salina Grande da valorizzare.
Ci stato ben evidenziato da Pasquale Ricci, presidente della societ di mutuo soccorso Ferrovieri
nella sua relazione in occasione dellAssemblea dei soci del 6 giugno 2012: Il progetto del Parco, cos
come proposto, oltre ad andare incontro alle esigenze di culto dei morti di una societ sempre pi
multietnica e plurireligiosa3, prevede, per poter meglio vivere la sua matrice ambientalista, percorsi
pedonali e ciclabili con attrezzati punti di sosta nel verde, collegati con il Parco attraverso il sovrappasso
della Tangenziale Sud, allaltezza della Masseria Massarotti.
Larredo nel campo prevede cippi funerari per la tumulazione e urne cinerarie per la cremazione in
ceramica artistica; per Puglia, Calabria, Campania e Lucania v un solo impianto crematorio, quello di
Bari, nonostante Taranto, sia da Polis greca sia da Municipio romano, abbia contestualmente praticato
il sistema della tumulazione quanto quello della cremazione.
Ci dimostrato dalla grande quantit di oggetti di culto rivenienti dagli scavi archeologici quali
immagini di Di, oggetti appartenuti al defunto per la tumulazione, raffinati servizi per il simposio
nellaldil, artistiche coppe cinerarie in argento o in argilla. Oggetti esposti, oltre che nella nostra citt,
nei pi grandi musei del mondo.
3

LItalia da paese di emigranti gi diventato paese di immigrazione, ed con questa realt che bisogna fare i conti.
Venerd primo febbraio 2013 sono entrate in vigore le leggi che regolano i rapporti tra lo Stato italiano , lUnione induista italiana e lUnione buddista italiana
(Ubi), sulla base delle intese approvate l11 dicembre 2012 dalla Commissione Affari Costituzionali della Camera. Sono due intese molto importanti e di grande
rilievo simbolico che lo Stato italiano approva per la prima volta con delle confessioni non cristiane, ad eccezione degli accordi con le Comunit ebraiche nel 1989.
Si prevede che induisti e buddisti possano ricevere i contributi dellOtto per mille annessi alle dichiarazioni dei redditi. Sar possibile celebrare funerali in linea con
le loro tradizioni e sar possibile creare aree e strutture apposite nei parchi cimiteriali.
In Italia ci sono circa 230mila buddisti tra praticanti buddisti italiani, adepti della Soka Gakkai (movimento religioso giapponese, che per non fa parte dellUbi) e
immigrati dai paesi asiatici e 10mila induisti. Il beneficio pi importante per le due confessioni dallentrata in vigore della legge sar quello di poter ricevere i
contributi dellOtto per mille, come succede per gli altri gruppi religiosi che hanno gi concluso gli accordi. Gli induisti e buddisti potranno poi usufruire di
assistenza spirituale, di un riconoscimento degli effetti civili del matrimonio religioso, di una tutela migliore degli edifici di culto, e potranno avvalersi di erogazioni
liberali deducibli dallIrpef.
Sul tema delle intese con le altre confessioni rimangono ancora alcune questioni aperte. La prima riguarda le difficolt ad approvare una legge riguardante i
rapporti tra Stato italiano e testimoni di Geova (unintesa stata trovata una prima volta nel 2000, ma non tradotta in legge): superate le perplessit di alcuni
senatori, che riferivano le preoccupazioni soprattutto di ex-aderenti alla confessione, la questione si nuovamente bloccata alla Camera e ci sar da attendere la
prossima legislatura per uneventuale conclusione dellaccordo.
Per I musulmani, la comunit di gran lunga pi numerosa, non si potuti addivenire ad alcuna intesa, in quanto essi pagano la mancanza di un unico interlocutore
che possa rappresentare lintera comunit di fronte allo Stato italiano.

10

Sarebbe opportuno nella fase costruttiva sussumere gli aspetti ecologico-paesaggistici e storicoculturali (a mezzo del Parco Letterario dedicato a Leonida) al fine di agevolarne la fruibilit, non solo in
relazione ai riti funebri secondo le diverse religioni ma anche in relazione alla ridefinizione e godimento
del verde e del diverso rapporto fra rumore e silenzio, tra parola e meditazione, alla ricerca di risposte
rassicuranti alle numerose domande del mondo contemporaneo, sempre pi multietnico e alla ricerca
di una nuova dimensione dello spazio-tempo, nello spirito dellimperituro messaggio poetico di
Leonida, il quale stil per il proprio epitaffio il seguente epigramma, qui riportato nella magistrale
traduzione di Salvatore Quasimodo:
Riposo molto lontano dalla terra dItalia
Di Taranto mia Patria E ci m pi amaro della morte.
Tale destino hanno i nomadi
A conclusione della loro inutile vita!
Le Muse per mi hanno caro!
Ed a compenso delle mie afflizioni
Mi offrono una dolcezza di miele.
Il nome di Leonida non tramonta per Esse:
I loro doni lo testimoniano sino allultimo sole.
A maggiore significanza del messaggio universale di particolare attenzione verso gli umili e la natura
del nostro Leonida, stata una scelta felice che lampia fascia di rispetto del Parco Cimiteriale - in
ottemperanza alla legge n.10 del14 Gennaio 2013 che obbliga i comuni a piantare un albero per ogni
nuovo nato o bambino adottato dandone il nome venga boscata con piante sempreverdi della
macchia mediterranea: ulivo, alloro, leccio e carrubo. Tutte cultivar di alberi longevi sino a mille anni e
oltre! In tal modo, si fortifica lantica alleanza tra Natura e Uomo, che rimane anche dopo la fine di
questultimo e che continuerebbe, intatta, con la sua discendenza.
Questo sarebbe lindicazione di un radicamento per coltivare il senso di appartenenza, anche per
quanti, per motivi di lavoro o per esigenze di vita, si allontaneranno dalla citt. Lalbero, messo a dimora
in coincidenza con la nascita, assumerebbe il nome ed il cognome del nuovo nato e, attraverso la geolocalizzazione ed il web, questi potr visionare in ogni momento e da luoghi distanti.
Questo legame sarebbe goduto nel significato per s e come ancoraggio di certezza di origine per i
discendenti. Un bel modo di fidelizzarsi con la citt!
Altrettanto opportuno stata la risposta alle attese degli amici degli animali da compagnia al
momento della morte del proprio caro amico animale. Per questo, in un aria separata, stato previsto
un apposito impianto di cremazione adiacente ad un boschetto piantumato con un albero a lunga vita
vegetativa per ogni animale morto prendendone il nome e perpetrando il caro ricordo per lamico
padrone.
Il recupero del senso della memoria, della solidariet quanto mai utile per traguardare lagognata
meta di una citt a misura duomo, dove il senso civico la base dellimpegno sociale ed amministrativo
indispensabili per a far lievitare letica pubblica e cos risalire nella graduatoria nazionale delle citt a
migliore qualit della vita.
Certo, per risalire la china, non ci aiuta la presenza, a ridosso della citt, di una vastissima area
industriale che comprende:
- lacciaieria a ciclo integrale pi grande di Europa definita, con decreto legge, impresa di interesse
strategico nazionale, la quale continua ad usare il carbon fossile, la fonte energetica pi inquinante;
- una grande raffineria;
- un cementificio che ricicla la loppa dello stabilimento siderurgico - uno scarto della lavorazione
dellacciaio che, unito allargilla di cava, d un ottimo cemento
11

- la presenza di numerosi compendi industriali, civili e militari dismessi, disseminati in punti nevralgici
allinterno della Citt Consolidata, abbandonati da decenni, per conclusione del loro ciclo produttivo o
per fallimento della propriet o per sospensione dei lavori da parte della magistratura, per vizi
amministrativi.

Il nuovo Piano Regolatore, per rispondere alle necessit e alle aspettative degli abitanti e costituire un
nodo della rete infrastrutturale del Mezzogiorno dItalia - avamposto dellEuropa nel centro del
Mediterraneo - per essere propulsivo deve poggiare sulla:
Tutela attiva della biodiversit e del suo complesso ecosistema;
Cura nel salvare quanto rimasto del paesaggio sapientemente antropizzato, nel corso della sua storia
millenaria;
Attenta lettura della valenza identitaria del patrimonio storico-culturale;
Riflessione scrupolosa sulle sofferte esperienze di 150 anni di sviluppo industriale lineare in
contrapposizione con un modello circolare praticato, nella citt dei Due Mari, per secoli come codificato
nel Libro Rosso del Principato di Taranto degli Orsini.
Il Mar Grande e il Mar Piccolo, gi a partire dal diciottesimo secolo, sono siti dove si speriment e
attu, su larga scala, la maricoltura moderna, su base industriale, con la coltivazione di ostriche e di
mitili; con lallevamento di murici (u cuccele gendile eu cuccele vellane) per lestrazione della
porpora e per la colorazione dei tessuti, merce pregiata che veniva utilizzata negli scambi commerciali
con la Cina tramite La Via della Seta; con la lavorazione della Pinna nobilis (a parecedde) per il filo di
bisso con il quale si otteneva un tessuto diafano e trasparente per confezionare le Tarentinidie: il sogno
di ogni fanciulla del ceto gentilizio al tempo della Magna Grecia e dellImpero Romano. Inoltre, dalla
superficie interna delle valve della Pinna Nobilis si otteneva la madreperla usata per gli intarsi e per i
bottoni dei capi di lusso.
Le tecniche di allevamento e di trasformazione, sperimentate nella citt dei Due Mari, si diffusero in
tutto il Mediterraneo perch innovavano senza depauperare il territorio e senza arrecare danno alla
vita.
In questa logica va recuperata unidea di economia comunitaria e circolare, un nuovo stile di vita
ispirato alla nostra ricca tradizione del nostro vissuto quotidiano. Una traccia, tanto inedita quanto
sorprendente, potrebbe essere lo studio della nostra toponomastica, utile per rintracciare i numerosi
lueche srve 4 porzioni di mare e di terra dove per poter pescare e cacciare bisognava essere
autorizzati ed usare attrezzi regolamentati e nelle stagioni opportune -.
Dipende tutto dalla nostra volont, perspicacia, dalla lungimiranza della classe dirigente, dallapporto
della ricerca applicata, dalla capacit di sapersi relazionare con il Governo Regionale, Nazionale,
Europeo ed inserirsi in rete, con le citt del Mezzogiorno dItalia e oltre, che sono impegnate ad
affrontare le medesime problematiche.
Per raggiungere questa meta, bisogna sventare il pericolo, sempre latente a casa nostra, che dopo
molti patimenti, tanti tramestii, strepiti, mobilitazione sociale, promesse di soccorso da padreterni di
passaggio non mantenute, la citt finisca, ancora una volta, per assumere un atteggiamento nichilista
allinsegna dellignavia e della rinuncia a prenderne il destino nelle proprie mani.
A ben guardare ci aiuta molto la fortunata posizione baricentrica di Taranto nel Mediterraneo.
La Citt, nel corso della sua storia millenaria, stata da sempre punto di approdo privilegiato per le
genti giunte da terre lontane che, con la loro cultura, unita alla feracit del territorio ed al sapiente uso
4

Luoghi dove era possibile la pesca o la cacciagione da esercitare previa autorizzazione nelle stagioni consentite e con gli strumenti
adeguati.

12

delle risorse, hanno creato un modello socio-economico di successo che, ancor oggi, pu essere
riproposto per guidare Taranto verso un modello industriale circolare, foriero di una societ
diversamente ricca.
E giunto il momento di filare la lana, la nostra antica buona lana, selezionarne il filo per cominciare
a tessere il panno, nella qualit e ampiezza necessaria, perch lurbanista Dino Borri, novello maestro
sartore, possa cucire un mantello su misura per affrontare la rigidit della cattiva stagione che la citt
si trova a vivere: forse la peggiore a memoria duomo.
Per affrontare di petto linquinamento, occorre risalire dagli effetti alle cause e, non solo per additarne
la pericolosit e le responsabilit, ma precipuamente per rimuoverle.
A cominciare dalla presenza sul territorio di alcune grandi realt industriali che, esaurita la fase
propulsiva per cui erano state realizzate, sono ora anche mal percepite dalla popolazione. Queste realt
industriali, invece, se ben osservate, comprese ed elaborate potrebbero promuovere linee di ricerca
applicata alle nuove tecnologie, al fine di trovare nuovi sistemi produttivi sostenibili, che possono
essere assicurati solo con la nascita di un grande ed efficiente Centro di studi scientifico-tecnologico
caratterizzato da attivit di ricerca di base, laboratoriale ed applicata, che sia allaltezza del compito e
capace di attrarre risorse umane e finanziarie provenienti da ogni parte del mondo: un Centro di studi
internazionale che potrebbe trovare adeguata destinazione nellArsenale Militare di Taranto.
Cos cogliendo, al volo e al meglio, le opportunit del decreto-legge 5 gennaio 2015 n. 1: Disposizioni
urgenti per lesercizio di imprese di interesse strategico nazionale in crisi e per lo sviluppo della citt e
dellarea di Taranto che prevede, allart. 8 c. 3, che sia affidata a due Ministeri, MiBAC e Difesa, la
predisposizione, entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del decreto, di
un progetto di valorizzazione culturale e turistica dell'Arsenale Militare di Taranto, "ferme restando la
prioritaria destinazione ad arsenale del complesso, e le prioritarie esigenze operative e logistiche della
Marina Militare".
Le prioritarie esigenze operative e logistiche della Marina Militare, che devono conciliarsi con una
razionale ed equilibratrice pianificazione del territorio cittadino, andrebbero tutte verificate
mediante una intelligente valutazione delle reali, attuali e future, esigenze di difesa e procedere, previa
una obiettiva valutazione dei costi-benefici, al loro trasferimento nella nuova base navale a Mar Grande.
Va tenuto certamente presente il grande valore storico-culturale dell'Arsenale di Taranto che, con le
mutate esigenze militari di difesa, oggi pu essere convertito come Centro di studi scientificotecnologico internazionale.
Nel mentre si avvia la conversione delle strutture ed infrastrutture dell'Arsenale di Taranto,
potrebbero, per il momento, coesistere ancora in loco- le residue attivit manutentive del
naviglio militare.
L'attivit di ricerca scientifico-tecnologica potrebbe fornire impulsi con esiti ora inimmaginabili:
Procedere per l'innovazione dei sistemi di difesa e per la progettazione di innovative unit navali, civili
e militari;
Puntare su temi quali i materiali innovativi avanzati, il calcolo parallelo e le reti ad alte prestazioni,
ormai indispensabili nelle ricerche di aerodinamica e di fluidodinamica, di chimica e fisica
computazionale, nei progetti di reti neurali, nei modelli di meteorologia e di climatologia, nelle ricerche
di biologia e di medicina -con interessanti ricadute nella la linguistica computazionale- senza
dimenticare ambiti relativi alla geologia e ai processi geologici, allingegneria ambientale ed
aerospaziale e allampio settore del telerilevamento.
Insomma, esistono tutte le condizioni logistico-organizzative per struttura unampia di Area della
Ricerca Scientifico-Tecnologica del Mezzogiorno, localizzata nell'attuale Arsenale M.M. di Taranto,
patrimonio immobiliare di tutto rispetto e ben infrastrutturato.
13

1)

2)

3)

4)

Alla predisposizione del progetto di valorizzazione culturale e scientifica, del complesso costituito
dall'Arsenale di Taranto, dovrebbero essere coinvolti partner nazionali quali: il MIUR, il CNR, INFN,
ENEA, con coinvolgimento di partners internazionali.
Lintegrazione dei due Ministeri, MiBAC e Difesa, con il MIUR, dovrebbe essere prevista in sede di
conversione in legge del decreto.
La predisposizione progettuale sar facilitata se si terranno in considerazione le migliori pratiche gi
utilizzate dal Consorzio per l'Area di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste, che gestisce e
promuove l'Ente Parco della Regione Friuli-Venezia Giulia, riconosciuto dal MIUR come Ente Pubblico
Nazionale di Ricerca.
Nei suoi due campus di Padriciano e Basovizza (Trieste) sono ospitati 87 centri, societ ed istituti con
oltre 2200 addetti impegnati in attivit di ricerca e sviluppo, trasferimento tecnologico, formazione e
servizi qualificati. Adottando modalit operative originali, AREA Science Park ha sperimentato sul
campo un percorso innovativo per trasferire competenze e tecnologie alle piccole e medie imprese,
valorizzare i risultati della ricerca e sostenere la nascita di nuove imprese ad alto contenuto di
conoscenza.
In sintesi, la mission di AREA Science Park di Trieste si pu suddividere in quattro filoni:
INNOVATION NETWORK - Per far fronte alla crescente domanda di innovazione in ambito regionale,
la prima rete italiana per il trasferimento tecnologico citata come best practice europea. una struttura
articolata in Centri di Competenza specializzati, attiva su tutto il territorio in collaborazione con le realt
imprenditoriali, che opera su tematiche di interesse trasversale (energia, efficienza produttiva, nuovi
materiali) o su specifici settori produttivi (legno-arredo, agroindustria, cantieristica e nautica).
INNOVATION FACTORY una iniziativa che mette a disposizione strumenti, risorse e competenze per
affiancare i futuri imprenditori nella fase critica compresa tra la nascita dellidea imprenditoriale e la
costituzione dellimpresa. Offre il supporto necessario per lanalisi di scenario tecnologico, mercato
potenziale e possibilit di successo, i servizi di base per la gestione dellimpresa, nonch possibili apporti
di capitali di rischio, selezionando le iniziative con la maggiore possibilit di successo.
INNOVATION CAMPUS Nata dallesigenza di formare una nuova figura professionale, il broker
tecnologico, Innovation Campus la prima scuola italiana di trasferimento tecnologico. Agli operatori
di enti e istituzioni nazionali offre corsi di formazione continua, approfondimenti in singole aree
specialistiche e un laboratorio di supporto per laffiancamento e la consulenza su temi legati al
trasferimento tecnologico.
DOMOTICA FVG Indirizza lo sviluppo della tecnologia verso applicazioni che rendano pi facile, sicura,
piacevole la vita delle persone negli ambienti in cui vivono. Il progetto intende rendere la regione FriuliVenezia Giulia il riferimento internazionale per la ricerca, lo sviluppo, la produzione e la diffusione dei
sistemi domotici, favorendo il trasferimento di tecnologie tra contesti industriali diversi con lobiettivo
di sviluppare nuove applicazioni a costi competitivi.
Aziende innovative e centri di ricerca, pubblici e privati, trovano in AREA Science Park lambiente
ideale dove sviluppare e far crescere le proposte di ricerca e di sviluppo tecnologico a scala globale.
Si avviato un processo in cui la fatica fisica delluomo sar sostituita dalla robotica, potenziando una
crescente attitudine da parte delluomo: immaginare, inventare, programmare e gestire.
Lesperienza di AREA Science Park potrebbe oggi essere replicata nel Mezzogiorno dItalia, a Taranto,
traendo occasione dalla favorevole disponibilit proprio delle strutture e delle infrastrutture del
pregevole complesso costituito dallArsenale M.M.
Ad oggi la questione pi complessa, ma anche pi stimolante e, con buone probabilit di successo,
quella del riuso creativo per la produttivit dellARSENALE MILITARE, croce e vanto della citt, oggi
percepito ormai dai pi- solo come un intralcio, un bubbone - e quando va bene, un carciofo da
14

sfogliare , che potrebbe, con un colpo dala, trasformarsi nel cuore pulsante della citt, in un futuro
prossimo allaltezza dei tempi e delle nostre attese, che consentirebbe larresto dello scivolamento del
Borgo sul piano inclinato dellabbandono, verso la sua catalessi.
Infatti, a ben considerare, potrebbe essere questa la sede ideale per il Parco Scientifico Tecnologico
Magna Grecia. Questo, se cos pensato e collocato, potrebbe divenire il contenitore adeguato, vista
la consistenza dellArsenale Militare, di un Polo deccellenza di ricerca applicata per ambiente, salute e
nuove tecnologie a respiro globale, capace di contribuire in maniera determinante a strutturare un
modello industriale circolare non pi rimandabile. Una preziosa occasione per superare la monocultura
dellindustria di base a ciclo integrale che nel prossimo futuro, oltre a dover funzionare per mezzo di
energia rinnovabile, vedr limpiego diffuso della robotica: loccupazione, la buona e copiosa
occupazione, dovr orientarsi sempre pi nelle attivit di programmazione e verso i settori terziario e
quaternario, ambiti questi- obbligati per la costruzione dei progetti del nostro futuro.
Lambizione del Parco Scientifico Tecnologico di far s che larea industriale di Taranto sia
allavanguardia nella corsa allinnovazione tecnologica, lunica strategia che ci possa garantire una
presenza industriale di tipo circolare: sostenibile, competitiva in qualit e decisamente- molto meno
impattante sullambiente.
Questo percorso praticabile in quanto, per esigenze sopravvenute, la base navale stata trasferita
dal Mar Piccolo al Mar Grande, per continuare a garantire la pace nellarea del Mare Mediterraneo,
oggi epicentro delle maggiori turbolenze politico-sociali con scontri religiosi su posizioni radicali. Nel
contempo, diventa possibile assegnare un nuovo ruolo al grande Arsenale Militare del Mar Piccolo,
depositario di oltre un secolo di esperienza tecnologica di successo, esperienza che ha permesso lepico
evento del recupero della corazzata Leonardo da Vinci affondata in Mar Piccolo, nel corso della prima
guerra mondiale, il 2 agosto 1916.
Il compendio dellArsenale Militare comprende il canale navigabile, la Stazione Torpediniere, il Circolo
sottufficiali, il Circolo ufficiali, lOspedale Militare a Santa Lucia, la Direzione, le officine, i bacini di
carenaggio, le strutture di logistica e, senza soluzione di continuit, sino a Punta Penna, si affaccia sul
Primo Seno del Mar Piccolo.
Si tratta di un quadrante urbano del Borgo di alto valore paesaggistico, di buona qualit edilizia ed
architettonica, sia degli impianti industriali che degli uffici: un grande patrimonio immobiliare da
mettere a valore sia come Parco Scientifico-Tecnologico, sia come Grande Officina Culturale per la
valorizzazione dellingente e prezioso patrimonio archeologico proveniente dal nostro territorio e
conservato, nei pi prestigiosi musei pubblici e nelle maggiori collezioni private, in tutto il Mondo. Una
grande realt che se convertita potrebbe costituire un grande attrattore turistico, per le Terre Joniche,
la Valle DItria ed il Salento, sino ad Otranto.
Tanto pi che il compendio militare servito da una propria ferrovia di servizio: la Circumarpiccolo,
che se convertita in Metropolitana di superficie, gi connessa, tramite la stazione Galeso al rione
Tamburi e con le Ferrovie Regionali Sud Est, a Gagliano Capo di Leuca.5 Un collegamento, quindi, con i
poli turistici regionali pi promettenti: la Valle dItria, sito Unesco, e la Penisola Salentina, che
attraverserebbe il cuore della Chora tarantina. In tal modo, lintera cittadinanza, e non solo, avrebbe la
possibilit di muoversi meglio e di godere, per la parte salvata, di quanto ameno potesse apparire il
paesaggio agli occhi incantati di Virgilio, Orazio, Mecenate e Columella.
Lantica ferrovia militare convertita in metropolitana di superficie congiungerebbe, inoltre, la
stazione centrale con il Borgo.
5

Proprio per consentire di riappropriarsi di un itinerario, quello percorso dalle Ferrovie Sud Est, che non solo un itinerario fisico ma un
riammagliamento con la propria storia e le proprie radici, i firmatari del documento saranno invitati ad una giornata che si snoder proprio
su questo percorso, a bordo di carrozze che da Taranto raggiungeranno Gagliano del Capo di Leuca per poi fare ritorno nel Capoluogo.

15

Essa utilizzerebbe per il primo tratto il tracciato poco frequentato della tratta Taranto-Brindisi, - con
affaccio sul primo seno del Mar Piccolo; da qui passerebbe a monte di Buffoluto sul secondo Seno, alle
spalle della sorgente dei Battendieri; a valle dellex masseria S. Pietro attuale Relais Hist
scavalcherebbe il canale dAiedda Leverano dAquino e toccherebbe la struttura agroturistica San
Giovanni in agro di San Giorgio; poi passerebbe a monte della Palude La Vela e proseguirebbe per la
contrada Manganecchia, la Pineta Cimino sino allinterno dellArsenale nel centro del Borgo.
Circostanza, questa, di grande rilevanza in quanto in corso la rivalutazione e ladeguamento
tecnologico di tutta la linea ferroviara, sia come TPL che per fini turistici e per le merci.
In questa ottica ci si propone:
- di rivitalizzare la direttrice Lecce-Manduria-Sava (gi finanziata per la elettrificazione) con scambio
in questo scalo e linserimento della linea TA- BR, da Francavilla Fontana verso Grottaglie-MonteiasiTaranto con traffici pendolari, turistici e di trasporto merci;
- la linea Sud Est da Francavilla a Martina Franca pi vocata alla mobilit turistica;
-la linea Martina Franca- Crispiano-Statte-Taranto, da destinare sia al traffico passeggeri, che turistico.
Lammodernamento delle Ferrovie Sud-Est comporterebbe tra laltro, finalmente, leliminazione del
passaggio a livello di via Galeso nel rione Tamburi, che costituisce una strozzatura per il collegamento
della citt capoluogo con la popolosa Martina Franca e con la Valle dItria, ossia un polo turistico di
eccellenza che comprende i Trulli di Alberobello tutelati dall Unesco.
Un treno da non perdere ed perci il caso di prevederlo nel progetto Piano Pluriennale Economico
e Sociale Art. 21 Legge Regione Puglia n.19 del 24 luglio 2007.
La linea ferroviaria connessa con la rete dellantica viabilit minore idonea, oggi, per strutturare
una moderna rete di percorsi escursionistici tra il Mar Piccolo di Levante e i Comuni dellArco Jonico che
gli fanno da corona. Per dare una risposta in alterit alla mobilit urbana ci viene in aiuto il possibile
riuso, come metropolitana di superficie, del tracciato della Ferrovia Circumarpiccolo, passata di
recente al Demanio comunale. Questa metropolitana potrebbe essere la struttura di connessione delle
aree di pregio ambientale e paesaggistico, urbane e preurbane, affacciantesi sul primo e secondo seno
del Mar Piccolo e darebbe respiro, forza e funzionalit al nuovo Pug per la mobilit delle persone.
Lungo il tracciato i caselli di servizio sarebbero tutti da riattivare: uno di questi vicino lex Masseria
S. Pietro una struttura agrituristica 5 stelle con accluso un relitto di un giardino etnobotanico
settecentesco con alberi plurisecolari di cultivar autoctone fico, mandorlo e giuggiolo, limone, carrubo
e intere pareti coperte di edera per il nettare necessario alle api per la produzione del miele. 6
E ora che ci si renda conto che lavanzamento della civilt umana non determinata esclusivamente
dalla produzione di beni materiali, ma soprattutto dallelaborazione e fruizione dei beni immateriali e
dal sapersi rinnovare. Sono queste ultime attitudini a far progredire la conoscenza, la ricerca applicata.
Le strutture per le attivit culturali e per la ricerca scientifica ed i grandi centri direzionali sono
necessari per la produzione e la fruibilit dei beni immateriali, gli unici di cui lumanit dispone in modo
6

Il giardino etnobotanico in fase di arricchimento introducendo le cultivar nostrani pi interessanti degli alberi da frutto del Golfo di
Taranto e far parte della catena dei GIARDINI ETNOBOTANICI DEL VECCHIO DI CRICO. Un ipotesi di lavoro avviata dal liceo
Classico Aristosseno di Taranto in uno con WWF Taranto, coop. Punto Zero, il Garden Club Taranto insieme allIstituto Professionale
di Stato Mauro Perrone di Castellaneta (Ta), allIstituto Tecnico Agrario Statale C. Mondelli di Massafra (Ta), allIstituto Alberghiero
Mediterraneo di Pulsano (Ta), allIstituto Professionale per lEnogastronomia e lOspitalit Alberghiera Giustino Fortunato di Pisticci
(Mt), allIstituto di Istruzione Superiore Tecnico Agrario Statale di Marconia di Pisticci (Mt), il collegio dei geometri di Taranto,
associazione G.R.I.N.T.A, Jo tv S.r.l., Logica Sistemi S.r.l., Garden Club, Endas, Alliance Franaise, F.A.R.E. Sud Formazione,
Ambiente, Ricerca, Energia, Circolo Fotografico Il Castello, Vivere Solidale S.r.l., Societ di Mutuo Soccorso fra Pensionati e Ferrovieri,
Cooperativa Le Cheradi, Associazione "Ni hao Puliya, Associazione Turistica Pro Loco di Lama, Associazione di Promozione Sociale
Kerameion Onlus, Associazione Tarenti Cives, Universit Popolare Zeus, Il Faro S.r.l. , Relais Hist sul Mar Piccolo,, Archeoclub
Taranto, Pro Loco Taranto, Villaggio San Giovanni, Masseria Quis Ut Deus, Centro Culturale Kalliope, Cantine dei Siriti S.r.l., Marinagri
S.p.A. e Ittica Val DAgri S.p.A

16

illimitato e costituiscono gli elementi fondanti di una societ diversamente ricca, inclusiva, solidale e di
respiro glocal.
Pertanto necessario verificare da subito, la disponibilit dellA.N.V.R, coinvolgere il CNR, le facolt
scientifiche ed i centri di ricerca pubblici e privati della Regione, in connessione con i centri di ricerca di
altre citt siderurgiche del Mondo afflitte dalle nostre stesse problematiche e alla spasmodica ricerca
per un modello di sviluppo industriale circolare.
Perci i tarantini, allunisono, dovrebbero recuperare il senso di s, attraverso una rivisitazione delle
nostre radici storico-culturali e della sofferta esperienza dindustrializzazione di quasi 150 anni.
Lidea del Parco scientifico tecnologico nata con limitata ambizione e differenti orizzonti, nellambito
della Programmazione Strategica di Area Vasta Tarantina, con la sottoscrizione di un protocollo dintesa
per un tavolo tra il Comune di Taranto, la Provincia di Taranto, il Politecnico di Bari, lUniversit degli
studi di Bari, lArpa Puglia, il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Confindustria, lAsl Taranto e
lAsi, salvo poi, questultimo, a issare per primo la bandiera al momento degli appalti.
Peccato che il protocollo non sia stato sottoscritto dai soliti retepete del calibro di Ilva, Eni, Cementir,
Marina Militare, Alenia, Vestas, Marcegaglia.
Quando ci si accinge a concepire un Parco Tecnologico a Taranto, va considerato che oltre alla grande
industria a ciclo integrale, vi sono tre interessanti realt industriali innovative per la filiera dellenergia
rinnovabile e per luso di nuovi materiali per laeronautica che potrebbero trovare linfa ed impulso
dallattivit di ricerca del Parco Scientifico Tecnologico:
a) una fabbrica della Vestas, societ danese che d lavoro a circa 700 addetti, si occupa dei sistemi eolici,
producendo pale W90 e W52, rispettivamente con eliche di 44 metri e di 25 metri, con un ritmo di
produzione di 5 grandi e 12 piccole ogni settimana;
b) una fabbrica del Gruppo Marcegaglia, che ha installato una nuova linea produttiva destinata alla
produzione di laminati flessibili a film sottile in silicio amorfo, per pannelli fotovoltaici atti a catturare
lenergia solare;
c) lo stabilimento dellAlenia, collocato al confine del comune di Monteiasi connesso con laeroporto
Arlotta, per la produzione di grandi fusoliere in fibra di carbonio per aerei di grande dimensione.
II Parco tecnologico scientifico unipotesi di lavoro di ampia e profonda portata culturale, industriale
e sociale, unopportunit per lapparato industriale pugliese e non solo.
La Municipalit di Taranto, la Regione Puglia, il Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio e
del Mare ed i prossimi commissari - nominati dal Governo per la gestione temporanea dellIlva -, per
rendere sostenibile la produzione dellacciaio ed affinch il tutto non si riduca nel mettere la solita
pezza a colore, devono prendere atto che si necessita di un panno adeguato per un vestito cucito su
misura e da un maestro sartore cime dartiere.
Per le prospettive dellarea industriale ed, in particolare dello stabilimento siderurgico, per uscire dalla
provvisoriet e dalle scorciatoie, sarebbe opportuno coordinare e concentrare gli sforzi per strutturare
il territorio, per sostenere e sviluppare un nuovo modello produttivo per il futuro.
Sarebbe opportuno, in questa fase, adoperare i migliori sistemi esistenti: Corex, Finex e Meros
(Maximized Emission Reduction of Sintering), come hanno fatto le acciaierie coreane Posco, in
collaborazione con la Siemens Vai, che hanno realizzato un impianto Finex.
17

Per trarre il massimo beneficio dalla promulgazione del decreto governativo sullILVA, sarebbe stato
prezioso disporre del nuovo P.U.G. affinch, si potessero cogliere le opportunit del passaggio dellIlVA
spa - considerandola un bene di interesse strategico nazionale -, allamministrazione straordinaria dello
Stato, per le necessarie bonifiche e ammodernamenti strutturali da realizzarsi entro 36 mesi.
Vogliamo sperare che questa volta non si cada nello stesso errore che si comp con il Piano Regolatore
vigente redatto secondo ladagio doppe vippete bona salute!.
Invece, questo il momento per definire quale indirizzo dare, per quali obbiettivi, con quali priorit,
con quali risorse umane e finanziarie, come procedere, in che tempi traguardare migliori condizioni di
vita e di lavoro, senza ricorrere ai soliti provvedimenti tampone.
Il nuovo Piano Urbanistico Comunale, per il futuro, deve lasciare posto solo a modelli dindustria
circolare - i soli sostenibili- ed agire per tempo.
Continuare la produzione dellacciaio unimpresa asperrima ma non impossibile a patto di avere il
coraggio di provarci percorrendo la strada giusta e con mezzi adeguati; non il caso di buttare la spugna,
perch ci dovr pure essere un motivo se le Direttive Europee producono comportamenti ed effetti
differenti in Germania, Francia, Belgio e Italia. questione di perspicacia, volont, coerenza,
responsabilit, coordinamento e tempismo.
Lacciaio sar ancora necessario, per costruire le programmate nuove reti ferroviarie intercontinentali
per il trasporto merci come quella che, partendo da Seul congiunger Pyongyang, Pechino, Mosca prima
e proseguire per Berlino e da qui a Parigi, quella che dal porto del Pireo giunger a Belgrado e quella
che dalla costa sullOceano Indiano dellAfrica giunger sulla costa atlantica. Per lo sviluppo delle
megalopoli occorre lacciaio, non solo per gli edifici, ma anche per le metropolitane e la costruzione di
acquedotti lunghi migliaia di chilometri.
Con uno scatto di reni collettivo potremmo disporre di uno strumento operativo idoneo per avviare
un processo rigenerativo, non solo edilizio ed urbanistico della citt; si darebbe una concreta risposta
alla questione ambientale che grava sul nostro territorio e alleviare le inquietudini esistenziali che
assillano la popolazione.
Antonio Rizzo soleva ammonire in simile ambascia che: lacque saccogghie quanne chiove ma le
rezzole se preparene apprime!
Il recente decreto presidenziale potrebbe costituire una pioggia benefica se, ancora una volta, non
ci trovassimo con poche, vecchie e incapienti giare!
Nellapprontare Il Decreto, il Governo, nel preambolo, ha ritenuto la straordinaria necessit e
urgenza di emanare disposizioni per lattuazione di interventi di bonifica, nonch di riqualificazione e
rilancio della citt e dellarea di Taranto, anche mediante la realizzazione di progetti infrastrutturali
e di valorizzazione culturale e turistica.
Pi avanti prosegue: Il Comune di Taranto adotta ad integrazione del progetto presentato per il
Piano nazionale delle citt un Piano di interventi per il recupero, la riqualificazione e la valorizzazione
della citt vecchia di Taranto e lo trasmette al Ministero dei beni e delle attivit culturali e del turismo
al fine dellacquisizione degli atti di assenso, comunque denominati, di competenza. Il Ministero,
entro sessanta giorni dalla ricezione degli atti, valuta la compatibilit degli interventi con le esigenze
di tutela del patrimonio culturale.
18

Pertanto, sar necessario procedere, con perspicacia, discernimento, piena cognizione di causa, senso
della misura, gradualit e basandosi precipuamente su se stessi.
Visto come sono andate le cose sino ad oggi, con ritardi culturali, la perniciosa presenza di
portastendardo del circolo delle certezze assolute per effettuare la palingenesi universale, mancanza
di senso civico, inconcepibili distrazioni foriere di guasti indicibili, si deve mettere mano ad una
rigenerazione urbana integrale e diffusa.
La citt deve smettere di crescere, ora per affastellamento ora per irraggiamento stellare, perch
cos non aumenta la ricchezza pubblica (e non si asseconda nemmeno la privata), n si determina la sua
funzionalit, sostenibilit e attrattivit.
Il diritto allambiente, alla salute e alle condizioni di lavoro sempre migliori, ormai una conquista
antropologica ed destinata ad affermarsi nel mondo: basta considerare laccordo Cina-America
sullemissione dei gas serra del Novembre 2014 e lagenda della prossima conferenza sul clima a Parigi.
La diffusione delle buone pratiche non avverr negli stessi modi, nel medesimo tempo nei vari contesti
geografici per ragioni socio-economiche e tecnico-industriali.
Lessenziale, per noi, non segnare il passo ma mettercela tutta per non essere gli ultimi della classe!

Inoltre, va incentivata la vita di relazione, per vivere la citt come Bene Comune, farla divenire nel
suo insieme fonte di creativit individuale e collettiva; per realizzare uno stile di vita attrattivo si deve
adottare un metodo di lavoro e di governo partecipato, tra il Comune ed i cittadini, per arrivare ad
interventi concreti, mirati e coordinati sul territorio.
In questo contesto si potranno prendere le giuste e tempestive decisioni per:
tutelare e rendere fruibili i biotopi di interesse regionale;
il riuso creativo e rigenerativo dei compendi civili e militari dismessi;
garantire la produttivit dimpresa con linnovazione radicale di processo e di prodotto dellintero
apparato industriale della citt;
riempire i vuoti urbani con interventi di piantumazione di aree boscate da mettere, con corridoi
ecologici, in connessione con la cintura di verde sviluppata intorno al Mar Piccolo;
intervenire con progetti di valenza urbanistica ed edilizia-architettonica per spazi e strutture dinteresse
pubblico, per creare nuova centralit nei quadranti urbani periferici costruiti ai sensi della legge 167 nei
quartieri di Paolo VI e Salinella;
collocare il nuovo ospedale allinterno della citt costruita, in prossimit dello svincolo autostradale
della Tangenziale Sud Abateresta;
sperimentare forme di gestione partecipata delle strutture culturali, dello sport di base e del verde
pubblico e infrastrutture di servizio di interesse pubblico, realizzate e gestite dal privato sociale
organizzato, a servizio di un Area Vasta.
Per questa ultima esigenza, nel tempo stata proposta al Comune, da societ di scopo qualificate,
una richiesta per colmare una lacuna di Area Vasta.
La richiesta veniva avanzata allAmministrazione per realizzare - su area del Demanio comunale,
facente parte del Piano particolareggiato attuativo della Variante generale al Piano regolatore CEPSalinella ed aree contermini, destinata a Parchi, giochi e sport- una pista per la guida sicura, difensiva,
ecologica e per i diversamente abili, basata su standard europei con annessa stazione di rifornimento di
veicoli elettrici e a metano. La struttura -di evidente interesse pubblico- nel mentre migliorerebbe la
preparazione dei conducenti, perseguirebbe anche lobiettivo economico di ridurre il costo delle polizze
assicurative e gli oneri sanitari della incidentalit stradale.
19

Tale struttura capace di soddisfare le esigenze non solo della provincia di Taranto ma anche di parte
delle provincie di Brindisi e Matera, dovrebbe essere predisposta per:
a)
migliorare gli assetti e le competenze professionali dei patentati;
b)
realizzare corsi di formazione professionale per conducenti di macchine operatrici industriali;
c)
allestire percorsi e mezzi idonei per le esigenze dei diversamente abili.
Altra proposta significativa in quadrante urbano diverso nel PIRP di Paolo VI affianco alla Casa di riposo
delle Opere Pie Riunite V. De Cesare sarebbe la realizzazione di un impianto di tiro a segno proposto
dalla societ Vivere Solidale 2000 Srl, opera gi inserita nel PIRP ed approvata dallAmministrazione
Comunale.
Il progetto, fortemente sostenuto dal Consiglio di Quartiere, anche se stato redatto dintesa con il
Comune, il CONI e lUITS, si perso nelle nebbie di un infinito quanto specioso contenzioso
amministrativo.
una enormit il fatto che Taranto, citt con una forte presenza militare, non abbia una struttura
adeguata alle necessit di migliaia di operatori, visto che perfino i Vigili Urbani della nostra citt devono
recarsi a Brindisi per le esercitazioni di tiro stabilite dalla legge.
auspicabile che lAmministrazione provinciale, alleggerita di molti compiti dufficio, collabori
attivamente con lAmministrazione comunale per la realizzazione di strutture di interesse pubblico a
spettro comprensoriale, colmando una grave lacuna.
Taranto dovrebbe diventare un Eco-City, in cui dovranno allignare modelli di vita post-consumistici
orientati, da un lato allaccesso ai beni materiali, ma con un uso parsimonioso, e, dallaltro, al recupero
della pratica dellotium romano, per meglio fruire degli spazi e dei beni comuni, comprendenti beni
naturali, paesaggistici e contenitori per le attivit culturali.
Per imboccare questa strada si deve stabilire con chiarezza quello che non si deve pi fare e pensare
e poi passare a quello che si pu e si deve fare, specificando tempi e modi degli interventi ed il tutto
codificato nel nuovo Piano Regolatore.
Non concepibile che la citt di punta per lintervento delle Partecipazioni Statali del Mezzogiorno,
capitale dellacciaio, da oltre mezzo secolo, non abbia ancora provveduto a dotarsi di:
- una sezione della Biblioteca Nazionale;
- una sede propria per lArchivio di Stato;
- un Teatro di innovazione.
Purtroppo, negli ultimi decenni, se si escludono la Scuola sindacale della Cisl a Paolo Sesto, la nuova
direzione dello stabilimento siderurgico dellILVA, la nuova Cattedrale di Gi Ponti in viale Magna
Grecia, di grande valore funzionale e di segno architettonico, si visto ben poco.
Per giunta, non sono stati sufficientemente apprezzate e rispettate in quanto:
la prima stata venduta e ora vi si svolge unattivit diversa dallo scopo per cui era stata costruita;
la seconda ha subito un destino peggiore perch, al momento del passaggio dello stabilimento dalle
Partecipazioni Statali ad Emilio Riva, questi, non capendone la valenza, non intese acquisirlo ed oggi
rimasto in capo alla Fintecna Immobiliare srl e, separata dallo stabilimento, ricade negletta nel territorio
di Statte;
la terza stata soffocata dalla costruzione, a poca distanza, di enormi edifici e, con una parte delle aree
alle sue spalle, ancora libere che - per il Piano Regolatore vigente risultano edificabili; andrebbero
acquisite dal Comune, in compensazione urbanistica, riconoscendo la volumetria di piano allattuale
propriet, ma spostandola in un altro quadrante urbano su aree del Demanio Comunale, consentendo
la loro sistemazione in funzione della chiesa. Cos scongiureremmo, una volta per sempre, il pericolo,
sempre incombente, delledificazione di un nuovo grattacielo, per completare lopera.
20

Per raggiungere queste mete devono cambiare le coordinate dellimmaginario collettivo, limpegno
della classe dirigente e la collaborazione della cittadinanza tutta, passaggio questo, quanto mai stretto,
ma necessario.
Per come, nel passato, si siano svolti gli accadimenti, su quali strategie nazionali e quali necessit e
spinte local,i ora militari, ora di sviluppo industriale, ora di necessit occupozionale - e quanto sia da
attribuire a merito o a demerito delle scelte operative Statali o dagli Enti Locali atterrate sul territorio
e come si siano affastellate, Le sono state gi ampiamente evidenziate nella lettera documento
inviataLe, il 25 Marzo 2012, da Carlo Marchese, presidente del Club il Riformista. Perci, per il passato,
come consigliava Diego Marturano: cfn stt e cfn ss!7
Oggi, spetta alla nostra generazione decidere su quale livello di partecipazione, condivisione,
concertazione si dovr redigere il nuovo Piano Regolatore, idoneo a superare lattuale modello di
sviluppo industriale lineare, non pi sostenibile, ed avviarsi, sullette sullette, verso quello circolare.
Per bene cominciare, il nuovo Piano Regolatore non deve essere sovradimensionato, asimmetrico e
sfilacciato come quello vigente, che risulta superato per il suo approccio culturale, disatteso in gran
parte, compromesso da interventi non regolamentati, tra loro contraddittori e incongrui, fuori posto e
fuori scala, punteggiato dalla presenza di infrastrutture lasciate incompiute, e non solo, per mancanza
di fondi.
Per questi motivi, necessario lavorare su previsioni demografiche attendibili, valutazione attenta dei
dati statistici, per quantit e qualit, procedere con le analisi geopolitiche globali, al fine di posizionare
la citt in modo da coglierne le opportunit. E necessario, altres, riflettere sulle ragioni dellinstabilit
politica, generata dai conflitti religiosi -su posizioni radicali- che investono tutta la sponda sud del
Mediterraneo e lattiguo Medio Oriente, tra le tre religioni monoteistiche - le religioni del libro - e le
loro varie ramificazioni. Analoghe dinamiche si registrano in Asia, tra Sikhismo, Induismo e Buddismo,
generatori di ondate di profughi che si riversano sulle nostre coste, per poi espandersi in tutta Europa
- unarea di maggiore stabilit politica, di prosperit e in forte calo demografico. Quindi, il nuovo Piano
Regolatore deve rispondere anche alle esigenze di una citt multietnica e multiculturale.
Per la nostra amara realt una grande montagna da scalare! E quindi M te vgghie, cicce mie, a
sta nghianate! una sfida per tutti! e, speriamo, una fatica comune da compiere secondo
linsegnamento che non esistono situazioni del tutto vantaggiose o svantaggiose: tutto dipende da
come le si osservano e con quali tensioni e forze si affrontano (Sunzi).
Dopo aver preliminarmente separato il grano dal loglio e individuato i punti di forza per attirare
interessi culturali e investimenti di capitale umano ed economici, superata la pars destruens con analisi
serrate, impietose e puntuali che valutino lo stato dellarte dellinquinamento del suolo, sottosuolo,
acqua ed aria per individuarne le cause, scegliere i rimedi pi opportuni e praticabili per rimuoverle o
almeno attenuarle, preferibilmente per resilienza, si programmi come separare la commistione tra aree
residenziali e aree industriali.
In tal modo, diviene pi agevole passare alla pars construens, puntando a progetti di futuro a livello
micro e macro, che siano replicabili. A livello micro: cominciando la catena dei giardini etnobotanici del
Vecchio di Crico; a livello macro: la conversione del grande arsenale militare in centro di ricerca
applicata, cercando di inglobare nel nuovo Piano Regolatore la cospicua eredit storicoculturale, le
risorse naturali, le bellezze paesaggistiche ed il consistente patrimonio etnobotanico ed etnozoologico
nella catena di valore del territorio.

Cfn era il recipiente di argilla forato per fare il bucato. I panni venivano impilati nel recipiente, coperti da un panno di canapa su cui
era versato il ranno (cenere e acqua bollente). Fatto due volte il procedimento, sopra e sotto, la biancheria risultava pulitissima. Il
proverbio equivale a dire Chiudiamo il discorso, perch meglio per tutti!
7

21

Questo ci permetterebbe di intercettare e appagare lanelito al cambiamento della gran parte della
popolazione, desiderosa di vivere in una citt green partecipata, inclusiva, con il culto del senso civico,
necessario per il radicamento del senso del bene comune e delletica pubblica.
Vanno rimosse le cause materiali ed immateriali di tutto quello che sconcerta, scoraggia, indigna la
cittadinanza e genera ora ribellismo ora nichilismo, ma quasi mai decisioni ponderate e risolutive.
Se si continuer, more solito, nonostante le geremiadi, le grida, gli strepiti e le millantate soluzioni
miracolistiche, non riusciremo a cavare il ragno dal buco: invece, occorre cambiare spartito, orchestra
e direttore, pensare a comportamenti e soluzioni in alterit.

1.
2.

3.
4.

In questa logica dobbiamo individuare le ragioni del perch:


la stazione merci di Nasisi, di propriet di Treni Cargo Italia S.p.a., sia poco utilizzata;
la ferrovia della Circummarpiccolo, un tracciato di grande pregio panoramico, non venga ripristinata
come metropolitana di superficie, per una migliore mobilit della citt di Taranto e San Giorgio, unidea
vecchia quanto il cucco che stenta a materializzarsi;
il bioparco del Galeso, un ameno polmone di verde di 50 ettari, debba essere tanto propagandato e
agognato, ma restare leterno incompiuto;
il Parco delle Rimembranze sulla riva del Primo Seno del Mar Piccolo debba languire in semi-abbandono;

il Parco del Tratturello Tarantino, una volta progettato e viene lasciato dormiente nellarchivio
edilziocomunale, parte integrante del Piano Produttivo Comunale allo svincolo Taccone;
5. la ex batteria Militare del Galeso, passata dal Demanio Militare a quello comunale, ristrutturata come
centro di educazione ambientale, or sono un decennio, non mai entrata in funzione, nonostante le
sollecitazioni del WWF Taranto e di Italia Nostra;
6. non debba trovare collocazione la nuova struttura ospedaliera nel compendio di logistica militare
dismesso, di 12 ettari di estensione, posizionato in un quadrante urbano della citt consolidata e ben
collegato con lo svincolo autostradale abbate Resta, invece di posizionarla in piena campagna in
contrada La Cicoria.

1.
2.
3.

4.

Allo stesso modo, non ci possiamo capacitare della presenza di veri e propri ascessi edilizi, edifici
iniziati e non finiti, spesso collocati o nelle strade dingresso alla citt o adiacenti a luoghi di intensa
frequentazione, che non proprio un bel guardare quali:
loleificio Costa e il cementificio dello Jonio ammantati damianto, sulla litoranea 106 Taranto-Reggio
Calabria;
nel quartiere Salinella, a fianco allo stadio Jacovone, in via Lago di Como, da oltre un trentennio, fa bella
mostra di s lo spiccato in cemento armato delledificio per la nuova sede del liceo artistico8;
allo svincolo Abate Resta della Tangenziale Sud, in costruzione, spicca una struttura di logistica militare
in disuso, un vuoto urbano di dodici ettari, prospiciente Taranto Due gi servita da tutte le reti dei
servizi urbani -, inserita nell elenco dei beni demaniali della marina militare alienabili, che, per lo spazio
di un mattino, fu indicato come sito idoneo per collocare la nuova struttura ospedaliera al servizio
della citt e della vicina base navale ma che invece, per luzzolo di qualche scapestrato, si pensato
di sbatterlo in piena campagna, nella ubertosa contrada La Cicoria;
sulla strada Taranto-Martina lex macello comunale allingresso del rione Tamburi, edificio da anni
dismesso nonostante sia stato oggetto di un ottimo progetto di restauro conservativo e riuso gi nel
1996, con sigla P.P.U. 96-Ta2 (Urban Pilot Projects 1994-1999), intitolato Affaccio costiero sul Mar
8

Di recente, un padre trentenne, interpellato dal figlio cinquenne sulla destinazione dello spiccato, avrebbe risposto Me lo sono scordato,
dobbiamo chiedere al nonno.

22

Piccolo - redatto dallarch. Vincenzo De Palma, dallarch. Mario Romandini, dallarch. Angelo Catapano,
dal Perito Industriale Gianfranco Sperti, con la consulenza di esperti esterni: larch. Claudio Adamo e
larch. Francesco DElia. Il progetto di ristrutturazione e riuso era finalizzato alla creazione di un Polo
Informatico Urbano per la programmazione, pianificazione e gestione degli interventi di riqualificazione
territoriale: un vero peccato che non sia andato a compimento visto la utilit per la citt.
Quello che del tutto incomprensibile, quanto intollerabile per la sua assurdit e oscenit
amministrativa, perch nel contempo, ci sconforta, angoscia e umilia, larcano del come, perch e
per chi, da oltre un trentennio, si siano fermati i lavori pur essendoci, al tempo, i finanziamenti dalla
Cassa per il Mezzogiorno - del tronco della Tangenziale Nord di Taranto con tracciato dallo svincolo
Taccone, sulla strada statale Taranto Martina Franca, comune di Statte, aggiramento dellarea
industriale ed uscita sulla S.S. 100 Taranto- Bari, allaltezza della masseria Gravinola Vecchia, al confine
tra il territorio di Massafra e quello di Statte.
Tronco autostradale necessario per il completamento della grande e tanto propagandata arteria
interregionale la Bradanico- Salentina da Nard a Candela, indispensabile per laffrancamento dei
cittadini di Taranto e della zona orientale della Provincia dallattraversamento dellarea industriale, per
tutta la sua lunghezza, per raggiungere il capoluogo regionale - una vera enormit, una sorta di forche
caudine tarantine - che non sono riusciti ad eliminare sia il Comune di Taranto sia lAmministrazione
Provinciale e che, oggi, si trova scaricata sulle gracili spalle del Comune di Statte, che il primo ad
esserne danneggiato, lasciandolo imbottigliato.
Per questo motivo, opportunamente, il tracciato stato confermato dal Comune di Statte nel proprio
Piano Regolatore ed attualmente allesame della Regione.
Per procedere nella fatica di separare il grano dal loglio e cambiare verso, occorre, visto il magro
risultato delloperato di organismi consortili di scopo, provvedere alla trasformazione dellASI
organismo che sin dalla sua costituzione, ininterrottamente, ha svolto un ruolo meramente ancillare a
sostegno delle strategie e del comodo della grande industria pubblica e privata, nonch provvedere all
apertura del capitale azionario delle societ Distripark spa ed Agromed spa, con allargamento ad
operatori con interessi nella filiera della logistica e ruolo globale: una strada, questa, obbligata per
rilanciare le due societ..
Questa scabrose ma necessaria operazioni sono di ausilio nel ricomporre un quadro sociale di
riferimento coeso, alleggerito e motivato, indispensabile alla citt per ritrovare tutto il senso di s.
Frugando nelle nostre radici storico-culturali e attingendo allesperienza di cento anni di
industrializzazione, potremmo meglio individuare gli obiettivi prioritari da traguardare in un orizzonte
comunemente condiviso.
Unaltra difficolt da considerare la presenza di edilizia non regolamentata di ogni tipo e sparsa per
ogni dove, facendo di Taranto, in proporzione agli abitanti residenti, la citt con la percentuale di edilizia
spontanea pi alta dItalia.
Per superare fatti urbanistici tanto incongruenti quanto disturbanti si dovr adottare un diverso
approccio con lambiente, in considerazione del risparmio del suolo agricolo e dellacqua, del risparmio
energetico, dellabbattimento dei gas serra per far fronte al riscaldamento climatico. La salvaguardia
della biodiversit una vera e propria emergenza: in un secolo il 50% delle specie marine si sono estinte,
causa lantropizzazione sfrenata e luso sconsiderato delle risorse ittiche -.
Un segno di vitalit, di cambiamento di passo e di ritrovata sensibilit ambientale e volont sociale
liniziativa avviata dalla rete aperta di scuole statali dellarco Jonico denominata: La Nuova Magna
23

Grecia,, costituita al fine di recepire le sollecitazione del Protocollo dIntesa sottoscritto tra il Ministero
dellIstruzione, dellUniversit e della Ricerca (MIUR) ed EXPO 2015 S.p.A. in accordo con il Padiglione
Italia.
*************
Se vogliamo fare un buon lavoro, non pi tempo per le chiange chiange, le zizzanuse ma solo il
tempo p luemmne mbarate, de cocchere, de ciappe e, apprmapprme, luemmene de core!
La fruizione deve essere tanto appagante quanto esperienziale! Cos i Parchi Naturali Nazionali e
Regionali, le nostre aree agricole ubertose, la cui messa a colture risale alla riforma agraria di Archita o
alle centuriazioni romane, i nostri giardini etnobotanici della catena del Vecchio di Crico arricchiscono
la catena di valore del territorio e perci dovranno essere percepite come le cose pi preziose da
difendere, con le unghie e con i denti, se necessario contro tutti e tutto, per noi e le future generazioni.
Loccasione propizia per leggere e raccontare la memoria in uno con il nostro tempo e con le sue ombre
e le sue luci!
Perci, sarebbe duopo:
evitare lo sciupio del suolo agricolo e ridurre, il pi possibile, inutili quanto dispendiosi interventi
smisurati di superfici impermeabilizzate con stradoni fuori scala una viabilit faraonica gi censurata
dalla Regione in occasione dellapprovazione della vigente variante generale al Piano Regolatore;
considerare meglio gli aspetti strutturali geologici e idrogeologici, prevedere precise misure per la
mitigazione e gestione dei rischi naturali ed antropici e mettere in essere strategie adattive e di
resilienza, incoraggiati da quanto accade nel secondo seno del Mar Piccolo con la ricomparsa massiva
dei cavallucci marini animali di riferimento per la qualit delle acque -, grazie anche allazione feconda
della zona protetta gestita dal WWF Taranto;
pianificare la sistemazione dei compendi industriali civili e militari dismessi, con prescrizioni cogenti nei
modi e nei tempi, per un uso razionale e contenuto del suolo, con diverse ipotesi di recupero, con il
riuso dellimmobile e rinaturalizzazione delle aree libere, con inserimento nel sistema urbano, a
completamento di standard urbanistici per strutture di nuova centralit o di ampliamento della rete
infrastrutturale del verde e dellimpiantistica sportiva di base;
ricucire, attraverso il potenziamento e il raccordo con corridoi ecologici del verde, delle aree sfilacciate
destinate a servizi -ma che risultano essere solo disegnate sulla carta- intorno ai comprensori di edilizia
economica e popolare.

In questa logica opportuna la valorizzazione, attraverso ristrutturazione e riuso, delle antiche


masserie collocate in area urbana e preurbana adibendole ad attrattive strutture agrituristiche, con
annessi giardini etnobotanici fruttiferi a gestione partecipata - da ampliare ed arricchire con variet
colturali autoctone -, espressione di autenticit, socialit e riconoscibilit, fruibili dalla cittadinanza ed
elemento di richiamo per il turismo esperienziale, quali:
1) la Masseria La Mutata, allingresso della citt nel rione Tamburi sulla strada Taranto-Martina Franca,
vicinioria alla stazione ferroviaria di testa delle ferrovie regionali Sud-Est, inserita in un uliveto secolare
di due ettari affacciato sul Mar Piccolo allaltezza della presa dacqua dellidrovora Ilva, di propriet
delle Opere Pie Riunite S. Zuccaretti e V. De Cesare, un tratto indubbiamente suggestivo dellipotizzato
Lungomare pedonale terrazzato;
2) la Masseria Massarotti, sulla Vicinale della Salinella, casa padronale, cappella, trappeto, ampie stalle
voltate e giardino con esemplari di cultivar autoctoni di alberi di pero, albicocco e susino;
3) la Masseria Il Pilone, sulla strada vicinale del Trullo allinterno del Piano attuativo in perequazione
urbanistica La Salinella ed aree contigue, per la quale il restauro conservativo e il riuso devono
considerare i riferimenti storico-culturali collegati allantica struttura che ha preso il nome dallantico
24

abbeveratoio pubblico posto allesterno , al limite di via del Trullo. Questa Masseria per secoli stata
percorsa da carovane di bestie da soma per il trasporto del sale dalla Salina Grande al Porto di Taranto:
attivit lucrosa assegnata ai tempi di Re Manfredi al potente Monastero Italo-Greco di San Vito del
Pizzo, e successivamente trasferita direttamente allUniversit di Taranto, e da questa mantenuta per
secoli;
4) la Masseria Torre Rossa, antica masseria armentizia, ristrutturata per un moderno agriturismo
esperienziale sulla enogastronomia della civilt della transumanza e con maneggio con cavalli. Un luogo
prezioso per godere del paesaggio del territorio, percorrendo gli antichi tracciati stradali che
consentono di visitare la rete delle grandi masserie, in parte recuperate, intorno al Mar Piccolo, con
tappa fondamentale al Parco Regionale Palude La Vela. La Masseria, posizionata sulla parte finale della
Gravina Torre Rossa, sul secondo seno del Mar Piccolo, dotata di una piccola sala ricevimento ed
impegnata nella produzione di uova, formaggio,
5) la Masseria Il Mucchio collocata lungo la via Appia di fronte alla vecchia direzione dello stabilimento
ILVA spa;
6) la Masseria San Pietro;
7) la Masseria San Giovanni;
8) la Gualchiera dei Battendieri;
9) la Masseria Le Lamie, antica masseria armentizia, ubicata intorno al secondo seno del Mar Piccolo
composta da casa padronale, stalle, trappeto, jazzo completo di camino per la lavorazione del latte e di
locale per la stagionatura del formaggio e con un oliveto attiguo di 12 ettari con patriarchi vegetali di
500 anni, nonch numerosi siti di interesse archeologico a datare dal Neolitico e poi dal periodo greco,
romano, bizantino, interessata da un tratto della via Appia che conduceva a Carosino passando a nord
del Mar Piccolo,
10)
il Casino Colella in contrada San Donato,9 nellagro orientale di Taranto. Collocato sull'asse
stradale Talsano-Faggiano, contornata da una piantata di ulivi secolari, la Masseria si presenta con
l'abitazione padronale palazzata, a corte chiusa, con impianto per la lavorazione delle uve e per la
conservazione del vino. La cappella con una graziosa facciata barocca inserita nel corpo di fabbrica
padronale ed accessibile anche dall'esterno -. La parte meno vistosa ma pi interessante sono le ampie
e complesse strutture ipogee (locali per la raccolta delle acque meteoriche, cisterne per la
conservazione del vino, pozzi interconnessi con camminamenti ipogei). Nellannesso giardino insistono
patriarchi vegetali di cultivar di albicocco, di arancio, di limone, di mirto tarantino, di olivo, di susino, di
pero, di melo, di albicocco, di fico, di bergamotto, di corbezzolo, di giuggiolo e di alloro.
E di per s evidente che debba essere quanto meno doveroso tutelare e valorizzare questi beni, in
ossequio alle indicazioni del decreto-legge sul Piano nazionale della citt del 22/06/2012.

Lagro di San Donato verso Faggiano stato oggetto di un interessante intervento dedicato alla chora tarantina nel Convegno di Studi
sulla Magna Grecia sul tema La Vigna di Dioniso. Infatti proprio nella contrada di San Donato stata rinvenuta una rara kylix attica a
vernice nera databile al 530-510 a.C. con dipinte le parole Gioisci e Bevi Questa (sottinteso coppa): la coppa parlante documenta il rito
del simposio in questo territorio sin dallet arcaica nella chora tarantina di Levante. Un altro recipiente da simposio con formula potoria
stato rinvenuto nel territorio del Comune di Faggiano. A fronte di una documentazione letteraria che attraverso le fonti delinea la citt di
Taranto antica come amante del vino, ebbra alle feste di Dionysos, capace di allestire pi feste dei giorni dellanno innaffiati dal buon vino,
la citt non ha dato altrettanti abbondanti documenti di vasi potori iscritti, ad eccezione dei sette skyphoi della met del IV sec. a. C. con
dediche a Dionysos dai pressi del Borgo di Taranto e due da Contrada Montedoro. Perci mi sembra molto rara la kylix da San Donato, cio
dallantica chora ad Oriente della polis. G. BONIVENTO PUPINO, Su due kyliches, una con epigramma simposiale, laltra con
phallagoghia, dalla chora ad Est di Taranto (Contrada S. Donato e Faggiano), in 49 Convegno di Studi Sulla Magna Grecia, pp.255-264.
Cfr anche nota 80 sulledificio da banchetto recentemente rinvenuto a sauro al c.d. Santuario della Sorgente.

25

Il nuovo Piano Regolatore dovr essere costituito da una parte strutturale ed una operativa, per tutto
il territorio, che normi in modo differenziato, per poter intervenire nei diversi quadranti urbani:
- la Citt Vecchia, il Borgo e lArsenale;
- la citt consolidata, con conformazione gi avvenuta come comprensori di edilizia economica e
popolare e piani di lottizzazione convenzionata;
- le are sfilacciate interessate dalla edilizia non regolamentata.

Nella citt consolidata si deve tendere ad un piano per la realizzazione di una Smart city: parcheggi
interrati, stazioni di ricarica per le batterie per i mezzi di trasporto elettrici o per lerogazione
dellidrogeno, necessari per abbattere lemissione CO2 e gli altri gas serra .
Per lintroduzione delle merci, invece, diventa necessario realizzare due piattaforme logistiche minori,
una ad Occidente e laltra ad Oriente della citt, in prossimit degli svincoli di accesso alle Tangenziali
Sud e Nord, per il trasbordo delle merci da e per il centro urbano.
Oggi per avviare un concreto ed efficace processo di riordino e di corretto uso del territorio ci viene
in aiuto la perequazione/compensazione urbanistica che rimette al centro del governo del territorio
lAmministrazione Comunale: si tratta di uno strumento efficace da applicare a tutte le aree oggetto di
trasformazione urbanistica.
Per gli interventi nei complessi dismessi, gli indici perequativi territoriali, le compensazioni ed
eventuali premialit incentivanti da riconoscere ai proprietari, devono essere proporzionati alle opere
da realizzare e alla bonifica e naturalizzazione della intera area di pertinenza ed allinteresse sociale.
Se ci andasse in porto senza ulteriori tentennamenti e ripensamenti, si potrebbe mettere la citt
nelle condizioni di poter ripensare, tonificare e gestire il gi costruito, collegandolo, in sinergia, alla
nuova, limitata, mirata e controllata espansione urbanistica.
Ci significherebbe, per i tarantini, alzare la testa tutti insieme, rimboccarsi le maniche, concorrendo
in prima persona al bene comune, tenendo a mente il proverbio chi fa da s fa per tre, che
solitamente- vale quando si tratta di interessi individuali ma non quando si tratta di quelli collettivi e,
soprattutto, quando trattasi della fruizione dello spazio pubblico sia nel Centro Storico che nei quartieri
periferici. Oggi, il principio perequativo\compensativo permetterebbe allAmministrazione Comunale
di promuovere e accompagnare liniziativa privata e, nel contempo, salvaguardare gli interessi generali
e diffusi.
Infatti, partendo dalle situazioni di fatto e di diritto degli immobili e delle aree di pertinenza,
sollecitando il coinvolgimento degli attori interessati, conciliando e regolando gli interessi plurimi
coinvolti si pu intervenire per:
regolare e contenere la rendita fondiaria, in una logica di equit;
evitare che nelle procedure di esproprio per pubblica utilit si ricorra alla Giustizia Amministrativa che,
in alcuni casi, ha tempi pi lunghi dello stesso mandato amministrativo della Giunta in carica e, spesso,
con esito imprevedibile;
procedere con uno strumento giuridico adatto per definire alcuni rapporti sia con listituto di diritto
pubblico dellaccordo e della convenzione, sia con listituto di diritto privato del contratto;
spostare la volumetria di edifici per civili abitazioni, attivit produttive e per servizi, da un quadrante
urbano allaltro in una logica di riequilibrio complessivo della citt per motivi ambientali, paesaggistici
e storico-culturali e di mobilit.
Con queste procedure pi agevole cogliere le interconnessioni e le sinergie tra i quadranti urbani
oggetto di riqualificazione - centri storici e periferie - dove le volumetrie dei fabbricati degradati da
demolire per la pubblica e privata incolumit, da anni dismessi, previa cessione dellarea di sedime degli
immobili demoliti al Comune, potrebbero essere trasferite su aree gi nella disponibilit
26

dellAmministrazione Comunale nei piani particolareggiati di frangia, comprese quelle dei privati cedute
in perequazione urbanistica.
Alcune aree delle citt consolidata, nella disponibilit del nostro Comune , in altre citt, sono state
cedute -in base alla legge Tognoli-bis- ai gruppi di residenti dei centri storici, organizzatisi in societ
cooperative di scopo per la realizzazione di parcheggi interrati di pertinenza agli alloggi, destinando la
superficie di calpestio a parcheggi a rotazione duso pubblico.
Mal si concilia limpegno corale, a parole, di salvaguardare e rivitalizzare la Citt Vecchia con lo stato
di abbandono in cui versano i moli galleggianti collocati lungo il fronte della Marina di via Garibaldi,
dove molte tavole sono sconnesse e/o divelte e molti bracci snodati di ancoraggio della banchina,
risultano, inopinatamente, sganciati correndo il rischio che, alla prima mareggiata, il tutto si sfasci.
Se si vuole invertire la rotta bisogna agire con sollecitudine, altrimenti tutto potrebbe andare in
malora, nonostante il vociare delle solite anime belle che, a parole, indicano come obiettivo
prioritario la riqualificazione del Borgo e della Citt Vecchia senza domandarsi sulle ragioni per cui circa
il 50% dei locali del centro commerciale e direzionale della citt dei Due Mari (il Borgo), un tempo
orgoglio e vanto della citt, quando affluiva una clientela da un ampio bacino, sono serrati. Tantomeno
ci indicano da dove partire, in che modo, con quali progetti praticabili, con quale organicit e
sostenibilit.
Nel caso della cessione al Comune di edifici compresi nel centro storico o in area oggetto di recupero
dovrebbe essere riconosciuta lintera volumetria da spostare nei piani esecutivi di Nuova Centralit
Urbana del nuovo piano urbanistico attuativo in aree che sono nella disponibilit del demanio comunale
ai quartieri di Paolo Sesto e Salinella.
Uno dei problemi annosi quello di arrestare il degrado e labbandono della Citt Vecchia.
Nonostante gli sforzi i tentativi di venirne a capo, ad oggi, nel suo perimetro, se si esclude Piazza
Castello, pochi sono i casi di restauro da parte dei privati e gli interventi pubblici risultano spesso
incoerenti con il Piano di Restauro Conservativo ed inefficaci per linclusione sociale.
Nellinsieme si salvano lex Caserma Rossarol, gi Convento S. Francesco, ora destinata a sede
universitaria che, pur comportando unintensa frequentazione di giovani non ha risolto il problema
della sosta, il palazzo Pantaleo, il palazzo Latagliata, il palazzo Amati, la torre dellorologio, il Palazzo di
Citt.
Altri edifici purtroppo sono stati lasciati a met dellopera, come nei casi eclatanti:
- del convento San Michele, di propriet dellAmministrazione provinciale, restaurato a piano terra e
primo piano e adibito a sede del Liceo musicale Giovanni Paisiello, mentre il secondo piano a
disposizione di colonie di piccioni e caccole. Tuttavia, sembra che lAmministrazione Provinciale, dopo
la sua ristrutturazione, abbia messo in agenda un radicale ed organico intervento per proseguire
nellopera di restauro e di uso a favore del liceo intestato ad uno dei tarantini pi illustri e compositore
pi rappresentativo del Secolo dei Lumi;
- del Tartarugaio, appartenente al demanio comunale: una palazzina destinata a baluardo per la difesa
di una specie marina in pericolo di estinzione, la tartaruga Caretta Caretta. Da tempo, per, sono stati
sospesi i lavori dallAutorit Giudiziaria per vizi delle procedure amministrative e per sottovalutazione,
da parte di tutti i soggetti coinvolti, dellimpatto paesaggistico-urbanistico. Considerato che lattore
principe in questo caso il Comune, cio tutta la cittadinanza, e che , nel punto in cui collocato,
giornalmente sotto gli occhi di tutti, buon senso vorrebbe che, riconosciuto lerrore per svista grave
di pi attori, si completasse lopera con un intervento creativo, quale azione riparatrice collettiva. In
tal modo, ledificio - inopinatamente progettato e costruito di fianco al porto turistico sul Lungomare
Vittorio Emanuele- potrebbe essere dissequestrato, completato e ricucito col tessuto urbano e
27

ricongiungersi con lanima profonda della Citt Vecchia. Si genererebbe cos un fecondo rapporto
biunivoco tra il nuovo edificio e lIsola, tramite un ponticello, non solo fisico ma anche ideale, tra il
marciapiede della ringhiera con il terrazzo belvedere della palazzina: un affaccio per osservare la forza
della natura che si sprigiona dallAnello di San Cataldo lunico citro del Mar Grande.
Per dare spessore allintervento, il WWF in uno con la Coop. Culturale Punto Zero, propone di
avvalersi dellopera feconda di due maestri dellarte contemporanea Raffaele Bova e Aldo Pupino.
Lipotesi progettuale prevederebbe la sistemazione di sei opere progettate da Raffaele Bova
Omaggio ai citri del Mar Piccolo e del Mar Grande in formato 2,40 x 2.40 mt da realizzarsi o in marmo
mischio o in ceramica serigrafata, policroma e cotta al terzo fuoco.
Le opere restituiscono in modo efficace i citri del Mar Piccolo: il citr du jum du Gales, citr
braccfort, citr d ciamb, citr cascion, citr du curnlecchi, citr ajedd, e lAnello di San Cataldo
a Mar Grande, ipotesi avanzata da Cosimo Dellisanti, socio del WWF Taranto, di recente laureatosi a
pieni voti con la tesi Il Galesus Piscator di Tommaso Niccolo DAquino.
Il Maestro Raffaele Bova ha approfondito il fenomeno naturale nel 1987 durante un suo soggiorno a
Taranto, che ha dato i suoi frutti con la riproduzione in tutta la loro potenza e bellezza del fenomeno
dei citri. Le opere colgono in modo magistrale leffetto del mescolamento dellacqua dolce sgorgata dal
citro con quella salata, determinando nei gorghi diverse tonalit dellazzurro dellacqua.
Operazione che, sussumendo lanima segreta dei mari di Taranto, attraverso lopera del Maestro, in
visione permanente sul terrazzo, potrebbe sanare la dicotomia tra lopera realizzata e la Citt Vecchia.
Le opere, che erano state progettate per la collana di multipli ceramici al terzo fuoco Gli Ori di
Taranto edita dalla cooperativa Punto Zero e diretta da Franco Sossi ed Arturo Tuzzi e oggi, messi a
disposizione dalla Cooperativa culturale Punto Zero, ci vengono in soccorso per riparare ad un errore
urbanistico. Questo possibile poich le opere sono state progettate per essere realizzate in ceramica
al terzo fuoco o in marmo mischio e perci idonee per essere inserite nel pavimento del terrazzo
belvedere del tartarugaio.
Le sei opere riferite ai citri verrebbero sistemate, come in un libro aperto, nel pavimento del terrazzo
del Tartarugaio.
Qui le opere di Raffaele Bova sprigionerebbero tutta la loro valenza culturale e potrebbero aiutarci a
riconciliarci con la natura e il paesaggio, la storia e lanima segreta della Citt Vecchia con una moderna
opera darte riparatrice. Un omaggio doveroso al citro di Mar Grande: lAnello di San Cataldo, il nome
del nostro Patrono.
Il terrazzo belvedere cos sistemato e completato verrebbe congiunto alla Citt vecchia attraverso un
ponticello fisico e ideale con il Mar Grande.
Sarebbero cos ricomposte le maglie di un vissuto storico che nei millenni, spesso per necessit di
difesa, ha visto realizzate delle opere incongrue, poi demolite, di cui oggi non si sente alcun bisogno.
A coronamento delle opere di Bova, la ringhiera-balaustra in acciaio inossidabile sagomato e traforato
da uno dei pi fecondi e versatili artisti tarantini, Aldo Pupino.
Lopera sarebbe ispirata dalla fauna e flora marina, le sagome ritagliate dalle lastre di acciaio INOX
della ringhiera, sarebbero sistemate sulle pareti in carparo della palazzina, creando un gioco di ombre
e luci tra la leggerezza dei vuoti delle lastre della ringhiera del terrazzo belvedere con il pieno delle
sagome ritagliate dalle lastre dacciaio sistemate sulle pareti in carparo delledificio.
Inoltre, per dare forza e coerenza alla rivitalizzazione della Citt Vecchia non ci possiamo prendere il
lusso di lasciare ancora non fruibili dalla collettivit gli ampi locali collocati sula sponda orientale del
Canale Navigabile appartenenti al demanio militare, con comodo accesso dalla rampa Leonardo da
Vinci.
28

Trattasi di locali voltati di pregio, estesi per circa 800 mq e, per la loro ubicazione, per la qualit
costruttiva, per la disponibilit della attigua area- parcheggi di pertinenza (4 autobus granturismo), se
opportunamente ristrutturati e modernamente attrezzati, sarebbero quanto mai preziosi per lo
svolgimento delle attivit culturali che contribuirebbero a rivitalizzare la Citt Vecchia ed il Borgo.
Altres la struttura sarebbe idonea ad ospitare mostre, attivit culturali e convegni aventi ad oggetto
anche le esperienze virtuose di rigenerazione urbana e rivitalizzazione sociale realizzate da altre citt
europee e della sponda nord dellAfrica.
Questi, se resi fruibili, permetterebbero ai frequentatori di godere dello spettacolo naturalistico del
flusso di marea nel Canale: di Chioma e di Serra. Va considerato, inoltre, che gli ampi locali sono
prospicienti una sponda del Canale Navigabile, dove, insieme a tanta acqua, passata una parte
importante della storia urbanistica e militare e civile e religiosa della citt dei Due Mari.
Invero, sul sito, storicamente fu eretto dai greci il primo baluardo di difesa, successivamente
rimodellato a Castello Svevo ed ampliato e ristrutturato dagli Aragonesi sul progetto del senese Di
Giorgio Martino. La fortificazione, volta per volta, cambi carattere ed aspetto in base allevoluzione
dellarchitettura militare, allo sviluppo delle armi da fuoco, alle tecniche di difesa ed alle vicende
geopolitiche, che man mano coinvolsero la citt.
Tutto questo stato oggetto del recente saggio scritto a pi mani Il Castello Aragonese di Taranto
in 3 D nellevoluzione del paesaggio naturale.
Il lavoro corredato dallelaborazione tridimensionale del Castello, che facilita la lettura e la
comprensione delle fasi storiche succedutesi, dalla seconda met del diciannovesimo secolo, dopo
lUnit dItalia, alla istituzione della base navale, dallallargamento e approfondimento del fosso alla
creazione del canale navigabile, sino alla costruzione del ponte girevole tra le due sponde del canale,
progettato e costruito in ferro con la medesima tecnica costruttiva della torre Eiffel, in sostituzione dei
due ponti in muratura preesistenti.
Lapertura del ponte avveniva dividendolo in due bracci, per mezzo di uningegnosa macchina
idraulica. Una manovra spettacolare che da subito costitu una grande attrazione che, con il tempo,
divenuto il simbolo moderno della citt.
Quando sar definito il nuovo Piano Regolatore a nessuno deve pi essere consentito,
disinvoltamente e impunemente di calpestare il campo di grano comune per raccogliere nu paparine
sule pjdde (un rosolaccio solo per s);
Il rispetto dellambiente, il sapiente uso delle risorse naturali, la creazione e la degustazione del buon
cibo avvenuto nel passato e ci aiuter a ripercorrere la nostra memoria storica e a ritrovare lorgoglio
di appartenenza al nostro territorio: la Magna Grecia, dove si diffusa ed fiorita la cultura della buona
tavola e le regole per un vitto salutifero.
La Cina un grande mercato di sbocco dei nostri prodotti, e la Puglia ha tutte le carte in regola, per
la qualit e la quantit dei prodotti, per cogliere le opportunit offerte dal mercato Cinese: nei prossimi
anni si stima che vi sar una propensione sempre maggiore da parte dei consumatori cinesi a importare
beni italiani di qualit appartenenti a diversi settori (agroalimentare, tessile, calzaturiero,
abbigliamento, automobilistico, architettura, meccanica).
Il riordino della nostra citt deve essere strettamente correlato con la messa a valore del suo
territorio, posizionato nel Golfo di Taranto, che da millenni individua una delle aree della Terra in cui,
ininterrottamente e in modo straordinario e diffuso, si sviluppata la civilt del vino e dellolio, alla
base della cultura del simposio.
Ancora oggi in molte contrade si pratica lagricoltura biologica con produzioni agroalimentari di qualit
che rendono lofferta turistica attrattiva e competitiva. .
Perci i tarantini, allunisono, dovrebbero sollecitare lAmministrazione Comunale a:
29

- stare col fiato addosso agli apparati della Pubblica Amministrazione al fine di stimolarne la
rivisitazione, con adeguate e specifiche competenze tecniche;
- istituire corsi di Lingua e Letteratura Araba, Russa e Cinese Mandarino, di durata triennale o
quadriennale, aperti alla frequentazione degli studenti iscritti alle Facolt presenti sul territorio e da
inserire nei vari corsi come materie complementari, per un nuovo modello razionale ed efficiente oltre
alla redazione di un Piano sostenibile per rientrare nellagone globale e recuperare il tempo perduto.
Questa necessit stata colta dal progetto Nihao Puliya, proposto da Laura Anania e Tommaso
Portacci, vincitori del concorso Principi Attivi 2012 della Regione Puglia. Lidea progettuale fa
riferimento alla realizzazione del primo portale web creato da pugliesi in lingua Cinese e pensato per
avvicinare la Puglia alla Cina, che offrir informazioni turistiche, culturali ed economiche sulla Puglia (al
fine di rafforzare lattrattivit del brand Puglia per potenziali turisti/imprenditori/studenti asiatici. ).
Le nuove generazioni cinesi hanno preso piena consapevolezza del ruolo guida della Cina negli assetti
socio-economici mondiali e sono pertanto desiderosi di conoscere in modo approfondito e diretto la
vita e la cultura degli altri popoli, tra cui lItalia. La Puglia e il Golfo di Taranto hanno al loro interno beni
storico-culturali (concentrati nei Centri Storici), paessaggistico-ambientali (rappresentati da campagne
ubertose, sapientemente antropizzate, masserie, trulli, gualchiere, grancie, trappeti ipogei) ed
enogastronomici, gi in parte ristrutturati ed attrezzati per una agriturismo di qualit.
Ci comporta la necessit della presenza organica di funzionari con una buona conoscenza di cultura
e lingua mandarino allinterno di alcune postazioni amministrative quali Autorit Portuale, Camera di
Commercio, Amministrazione Comunale.
Circostanza emersa in occasione della conferenza Taranto area industriale: risorsa nazionale ed
europea per la competizione globale-Radiografia di un territorio: ombre e luci, tenutasi in data 1
dicembre 2012 alle ore 09.30 presso la Sala Resta della Camera di Commercio di Taranto.
Alla conferenza, organizzata dal Club Il Riformista, presieduto da Carlo Marchese, hanno partecipato:
Francesco Sisci, editorialista del Sole 24 ore ed esperto di politiche orientali, Fabrizio Marotta, capo
redattore della rivista di geopolitica Limes, Carlo Marroni, gi direttore dellagenzia Sole 24 ore
Radiocor, Sergio Prete, Presidente dellAutorit Portuale di Taranto, Luigi Sportelli,
Il porto di Taranto e laeroporto di Grottaglie potrebbero essere il fulcro della piattaforma territoriale
e logistica collegata, per via autostradale e ferroviaria, al Tirreno, allo Jonio e allAdriatico e caposaldo
italiano del sistema delle Autostrade del Mare, a supporto del corridoio intereuropeo 5, costituendo
una grande piattaforma logistica protesa nel Mediterraneo.
Il destino del grande Aeroporto di Grottaglie legato sia allo sviluppo del Porto, che alle
interconnessioni che questo sapr realizzare con i vicini porti dellAdriatico (Bari e Brindisi) e con i porti
del Tirreno (Gioia Tauro e Salerno).
Laeroporto M..Arlotta di Grottaglie classificato nella categoria 3 ICAO per il servizio antincendio,
vanta la pista datterraggio pi lunga del Sud Italia con i suoi 3.200 metri di lunghezza e 45 metri di
larghezza, ed anche ben collegato alla grande viabilit interregionale: una struttura di tutto rispetto
per dimensioni e funzionalit a servizio della filiera della logistica del Mezzogiorno.
Nellevoluzione naturale delle specie, spesso, a sopravvivere non sono quelle pi grandi o pi forti,
ma quelle che hanno maggior capacit di adattamento e sono in grado di modificare a proprio vantaggio
lhabitat che le circonda; mentre per le Nazioni, invece, vincono quelle che hanno maggiore, creativit,
pensiero lungimirante e capacit di valutazioni geopolitiche.
Perci va incoraggiata la Cina ad inserire, oltre al porto del Pireo, anche il porto di Taranto nella
Collana delle Perle.
Giusta e propizia lattenzione del Governo che nel recente decreto cos recita:
30

Il CIS Taranto sottoscritto dai soggetti che compongono il Tavolo istituzionale permanente per lArea
di Taranto, istituito e disciplinato con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri presso la struttura
di missione Aquila-Taranto-POIN Attrattori della Presidenza del Consiglio dei Ministri, entro trenta
giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Il Tavolo
istituzionale ha il compito di coordinare e concertare tutte le azioni in essere nonch definire strategie
comuni utili allo sviluppo compatibile e sostenibile del territorio ed presieduto da un rappresentante
della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed composto da un rappresentante per ciascuno dei Ministeri
dello sviluppo economico, dellambiente e della tutela del territorio e del mare, delle infrastrutture e dei
trasporti, della difesa, dei beni e delle attivit culturali e del turismo, nonch da un rappresentante della
Regione Puglia, della Provincia di Taranto, del Comune di Taranto e dei Comuni ricadenti nella predetta
area, dellAutorit Portuale di Taranto, del Commissario straordinario per la bonifica,
ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto e del Commissario straordinario del Porto di Taranto,
dellAgenzia nazionale per lattrazione degli investimenti e lo sviluppo dimpresa. Il Tavolo istituzionale
assorbe le funzioni di tutti i tavoli tecnici comunque denominati su Taranto istituiti presso la Presidenza
del Consiglio dei Ministri e di quelli costituiti presso le amministrazioni centrali, regionali e locali.
dovere della Municipalit, in sintonia con gli obiettivi nazionali ed europei, coagulare le realt
produttive, promuovere le opportune alleanze internazionali per ammodernare e rilanciare la grande
industria e per fare della piattaforma logistica interregionale Jonio-Adriatico-Tirreno il nodo principale
della rete logistica del Mezzogiorno e prima porta dellAsia in Europa e, con la conversione dellArsenale
Militare in Parco Scentifico Tecnologico e Fabbrica Culturale, contribuire alla rinascita della Citt
Vecchia e alla rivitalizzazione del Borgo come Nodo Turistico di eccellenza a servizio del Distretto
Turistico del Golfo di Taranto (Puglia, Lucania e Calabria).
Tutti gli interventi sul territorio devono essere inseriti, in tempi certi e ordinati per una facile lettura
e comprensione, nellAgenda Digitale del sistema Citt.
Sarebbe opportuno procedere tenendo in debito conto tutti gli Studi pi recenti relativi alla nostra
Citt ed allintero territorio jonico.
In questa sede, si segnala, a livello emblematico, la recentissima Tesi discussa dalla Laureanda Rossella
Ranito presso il Corso di Laurea in Ingneria Edile - Architettura del Politecnico di Bari, Dipartimento di
Scienze dellIngegneria Civile e dellArchitettura (DICAR).
La Tesi ha il titolo particolarmente significativo- di seguito riportato:
Taranto: dal territorio della Magna Grecia alla Citt dellIlva.
Dalla Citt Ottocentesca al Mare attraverso i Giardini del Peripato
Al fine di non vanificare il tutto occorre il potenziamento degli apparati della Pubblica
Amministrazione con specifiche competenze tecniche con biologi, geologi e sociologi inseriti per
pubblico concorso nella pianta organica - in sinergia con il progetto di organizzazione approntato dal
Governo per un nuovo modello razionale ed efficiente, a partire dal riordino delle Province e dal
necessario disboscamento di quelle, tanto dispendiose quanto inefficienti, partecipate con solo capitale
pubblico. Taranto, ancora una volta, con un nuovo Piano Regolatore adeguato, si trova nelle condizioni
di svolgere un ruolo importante per fare uscire lintero Mezzogiorno dItalia dal sottosviluppo e
dallarretratezza e permettergli di convergere, sul piano economico e sociale, con il resto del Paese
mettendosi al passo con il Mondo che cambia vorticosamente.
Signor Sindaco, gli autori della presente, nella convinzione di contribuire alla stesura del Documento
Preliminare, avrebbero piacere di incontrarLa, in uno con i Vs. tecnici esterni ed interni incaricati, per
un confronto.
In attesa di riscontro Le inviamo distinti saluti.
31

Taranto 09/01/2015
Fabio Millarte, Arturo Tuzzi, Giuseppe Conte, Armando Palma, Cosimo Dellisanti, Adriano Fonzino, Giuseppe
Albenzio, Cosimo Orlando, Giorgio Sonnante, Michele Pastore, Giuseppe Benedetto, Vincenzo De Palma, Giorgio
Vitale, Stefano De Paola, Sabrina Del Piano, Aldo Pupino, Giovanna Bonivento, Franco De Feis, Pino Cosmai, Mario
Giorgio, Domenico Di Cuia, Walter Guarino, Benedetto Lazzaro, Guglielmo De Feis, Luigi Costantini, Claudia
Pacifico, Barbara Patrizia Mori, Salvatore De Luca, Maria Scala De Palma, Michele Tommaselli ,Vincenzo Attolino,
Ilaria Margherita, Paola Ettorre Boccuzzi, Annamaria Gallo, Lina Sorrentino, Gabriella Perrone, Roberto Perrone,
Filippo Di Lorenzo, Angelo Candelli, Enzo Ferrari, Mino Colomba, Raffaele Rochira, Pasquale Ricci, Paolo
Castronovi, Stefano Ripoli, Giovanni Cristofaro, Angelo Palomba, Carlo Boschetti, Biagio Capriulo. Orazio Carbotti,
Francesca Carucci, Vittorio Pletto, Stefania Catucci, Roberto Millarte, Sara Galizia, Francesco Mele, Marcella
DAddato, Emanuela Carucci, Daniele Aresta, Mario Boschetti, Candida Fasano, Marco Derrico, Simona Mele,
Erminio Biandolino, Bruno Di Castri, Vittorio Labriola, Patrizia Russo, Lilia Candida, Loredana Gatto, Ida Gatto,
Emilio Stola, Lucia Stola, Annamaria Panessa, Simona Soloperto, Teresa DAssisi, Elena Tocci, Nicola Palagiano,
Rossana Sangineto, Mimma Dora Stola, Ugo Leo, Maria Zaccaria, Salvatore Lippo, Claudio Leo, Massimiliano
Millarte, Vanda Ananias Dias, Hully De Fatima.

32