Sei sulla pagina 1di 14

Sandra Plastina

POLITICA AMOROSA
E 'GOVERNO DELLE DONNE3
NELLA RAFFAELLA
DI ALESSANDRO PICCOLOMINI
SUMMARY

Alessandro Piccolomini's dialogue La Raffaella ovvero della bella creanza delle donne
(1539) was an ditorial success which triggered polemics and curiosity because of
its desacrating and licenteous tenor. However, La Raffaella cannot be reduced to
a provocative game which focuses upon secret love and suggests to women the
masculine ideal of a life based upon simulation. Rather, the dialogue is a guide
in love affairs and prsents a dmystification of contemporary love rituals, both
courtly and Neoplatonic. Thus, the author stresses the relative value of honour,
because laws imposed by men establish that actions that are viewed as shameful
for females may be viewed as a ground of honour and magnanimity for males.

Intronati, nel 1539 pubblica a Venezia il dialogo dal titolo La

Alessandro
Piccolomini,
senese
- Raffaella ovvero
della bella creanzafilosofo
delle donne,1 destinato
a ri e accademico degli
scuotere un grande successo di pubblico e a suscitare polemiche e cu
riosit per il suo carattere dissacratorio e licenzioso. La fortunata ope
retta, ristampata negli anni successivi in edizioni integrali e parziali,

fu variamente imitata,2 tradotta in francese da una donna,3 e persi


no confutata, a distanza di due secoli dalla sua prima apparizione, da
padre Ubaldo Montelatici, fondatore dell'Accademia dei Georgofili
' Un'edizione moderna del dialogo in Trattati del Cinquecento sulla donna, a cura di
Giuseppe Zonta, Bari, Laterza, 1913; successive edizioni: a cura di D. Valeri, Firenze, Le
Monnier, 1944; Milano, Longanesi, 1949; nel 1974 l'editore Arnaldo Forni, Bologna, ha
riproposto in ristampa anastatica l'edizione apparsa nella collana Biblioteca rara di G.
Daelli, 1862. Il dialogo compreso anche nel volume Prose di G. Della Casa ed altri trattatisti
cinquecenteschi del comportamento, a cura di A. Di Benedetto, Torino, Utet, 1991; l'edizione
pi recente a cura di G. Alfano, Roma, Salerno Editrice, 200 (e a cui si far riferimento

nel presente saggio).


2 Nel 1583 usc a Parigi l'opera di F. d'Amboise, Dialogues et devis des damoiselles. pour
les rendre ventueuses et bien-heureuses, ad imitazione del Dialogo nel quale si ragiona della bella
creanza delle donne.

3 Marie de Romieu, Instruction pour les jeunes dames, Paris, 1597; trad. it. a cura di C.
Menna Scognamiglio, Fasano, Schena, 1992.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

82

SANDRA

PLASTINA

che, in risposta alla riedizione d


costumi, avvenuta a Lugano nel
di manuale pratico dell'adulterio
donimo di Speusippo Pletone una
creanza

delle

Donne

composto

da

maggior parte da' dialoghi d'un


Lo stesso Piccolomini aveva contribuito ad alimentare la fama di

grec

libretto irriverente che accompagnava la diffusione del dialogo, in


serendone una palinodia nella dedica dell'Istitutione di tutta la vita de
l'huomo nato nobile et in citt libera, un'operetta pedagogico-morale,
che riscosse un enorme successo, scritta qualche anno pi tardi, in
cui, adeguando il tono al tema morale che si accinge a trattare, coglie
l'occasione per ritrattare molte cose scritte per scherzo e per gioco
[...] per dare certo sollazzo a la mente, che sempre severa, e grave non
pu gi stare.2 Ma la smentita poco convinta , come appare chiaro,
dettata solo dalle circostanze.3 Per giustificare il carattere licenzioso
e scanzonato della Raffaella, Piccolomini si richiama esplicitamente a
Boccaccio e fra le righe ad Aretino, uno dei riferimenti sicuramente
pi presenti all'autore. Il filosofo senese aveva senz'altro una cono
scenza approfondita degli scritti di Aretino e negli anni della compo
sizione della Raffaella sembra anche condividerne l'atteggiamento di
denuncia nei confronti del conformismo intellettuale e morale della

sua epoca, se, nel 1540, scriveva di avergli mandato due sonetti non
peraltro se non acci che per quello potiate conoscere quanto sia il
mio desiderio di veder ritornarvi al gioco antico di flagellar con le vo
stre e prose e rime i vizii dei principi.4
1 Diego Valeri, nella sua prefazione alla Raffaella, p. 21, scriveva: in linea morale La
Raffaella non pu essere salvata; ed io, francamente, la sconsiglierei non solo alle minori
dei diciassett'anni, ma anche, e segnatamente, alle giovani maritate.
1 A. Piccolomini, Della institutione di tutta la vita dell'huomo nato nobile, et in citt libera,

apud Hieronymum Scotum, Venetiis, 1542, f. 205: E se gi molti anni sono dissi alcune
cose in questo proposito, dalle quali pu parere che s'offoschi la virt della donna, in un
Dialogo che si domanda La Raffaella ower La Creanza delle donne, io al presente ritorno
indietro, e ritratto tutto quello, che io avessi detto quivi contro l'onest delle donne: po
scia che fu fatto da me tal dialogo quasi per ischerzo e per giuoco; siccome alcuna volta si
fingono delle novelle e de' casi verisimili pi che veri, come fece il Boccaccio, sol per dar
un certo sollazzo alla mente, che sempre serena e grave non pu stare.
3 Sull'insincerit della ritrattazione si sofferma il maggior biografo di Alessandro Pic
colomini: cfr. E. Cerreta, Alessandro Piccolomini, letterato e filosofo senese del Cinquecento,
Accademia Senese degli Intronati, i960; vedi anche C. Fahy, Love and Marriage in the "In
stitutione" of Alessandro Piccolomini, Three Early Renaissance Treatises on Women, Italian
Studies, xi, 1956, pp. 31-47.
4 Lettere scritte a Pietro Aretino, a cura di T. Landoni, Scelta di curiosit letterarie inedite

e rare dal sec. xiii al xvm, Bologna, voi. n, 1874, p. 230. Aretino e Piccolomini strinsero

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

un

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE 83

Non meraviglia, dunque, che proprio all'Aretino, legato a Picco


lomini da saldi vincoli di amicizia, sia stata attribuita la paternit
dialogo,1 dal momento che il rapporto fra la vecchia ed esperta m
zana Raffaella e la giovane ed ingenua Margherita, su cui incentr
l'intero dialogo, richiama molto da vicino i Ragionamenti. La Raff
la, infatti, si presenta come una lezione di seduzione, impartita c
quell'approccio realistico che, per un verso, l'avvicina ad uno dei ta
manuali d'istruzione, molto frequenti all'epoca, ad un galateo a
femminile ante-litteram, e per l'altro la distacca dall'idealismo pl
nico dell'Accademia degli Intronati di cui d'altra parte Alessandro
uno dei membri pi attivi, diventandone, in un determinato mom
to storico, il vero leader.2

Lo stesso Piccolomini affront negli anni successivi, in altre s


prove letterarie, un genere pi consono allo spirito degli Introna
scrivendo una Oratione in lode delle donne, che costituisce la prem

sa alla traduzione in italiano del De nobilitate et praeccellentia foemin

sexus declamatio di Cornelio Agrippa,3 nella quale l'eccellenza de


donna celebrata secondo il modello tipico del Cortegiano. Il prot
po di Castiglione che si andava affermando come canone contem
la necessit di affiancare al nobiluomo un analogo muliebre, a tut
di un assetto coerente e organico della pratica dialogica e del mode

delineato.4

rapporti di amicizia durante il soggiorno a Padova del filosofo senese, ma non si esclu
dono contatti anche all'epoca della stesura del dialogo, come suggerisce R. Scrivano,
Alessandro Piccolomini, in Cultura e letteratura nel Cinquecento, Roma, Edizioni dell'Ateneo,
1966, pp. 13-50.

1 Matteo Randello, Le Novelle, 1, 34: leggeva la Nanna sia Raffaella de l'Aretino.

2 Cfr. R. Scrivano, Alessandro Piccolomini, La rassegna della letteratura italiana,


lxviii, 1964, pp. 63-84. Sugli aspetti pi rilevanti dell'impegno culturale di Piccolomini,
promotore a Siena di una politica di ralliement nei confronti del potere mediceo dopo la
guerra del 1554-56, vincendo le resistenze presenti nell'Accademia degli Intronati, cfr. M.
Celse, Alessandro Piccolomini, l'homme du ralliement, in Les crivains et le pouvoir en Italie

l'poque de la Renaissance, a cura di A. Rochon, Paris, Universit de la Sorbonne Nouvelle,


1973, PP- 7-76.

3 Della nobilt ed eccellenza delle donne, dalla lingua francese nella italiana tradotto. Con una
oratione di M. Alessandro Piccolomini in lode delle medesime, Vinegia, G. Giolito de' Ferra
ri, 1545. Come rileva M.-F. Pijus, L'orazione in lode delle donne di Alessandro Piccolomini,

Giornale storico della letteratura italiana, clxx, 1993, pp. 524-545: 529, l'imprecisione
del titolo e l'associazione delle due opere in un volume fece talvolta attribuire al gentiluo
mo senese la traduzione del testo di Agrippa che, in realt, sarebbe dovuta a Francesco
Coccio; cfr. inoltre la Postilla di A. Di Benedetto, ivi, pp. 545-551. Per il testo di Agrippa si
rinvia al contributo di Vittoria Perrone Compagni in questo stesso fascicolo.
4 A. Baldi, Tradizione e parodia in Alessandro Piccolomini, Lucca, Pacini Fazzi, 2001, p. 72,
a cui si fa riferimento per quanto riguarda i rapporti tra Piccolomini e il modello proposto
dal Cortegiano. Come efficacemente sottolinea l'autore, p. 87: si ravvisa infatti nel Cor

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

84 SANDRA PLASTINA

La bella creanza delle donne si caratteriz

sante struttura compositiva. Il dialogo


commedia, in cui con ironia e leggerezza

morali. Estendendo la definizione che S


d'amore, anche nella Raffaella si proc
die [...] in cui si imitano i nostri alterni
n interrotti dallo scrittore. La forma
come la pi adatta per la divulgazione f

rale. Il filosofo senese fu, infatti, un con

di divulgare la filosofia in italiano, pub


gica, fisica, astronomia e morale per so
che io conosco d'intelletto buonissimo,
sapendo altra lingua che la Italiana lor
in tor lingue stranie, quel che gli avanza
vivano nell'ignorantia.1
Come scrive nella lettera di dedica al Cardinale di Mendoza de L'in

strumente della filosofia, mi lasciai cader in animo alquanti anni sono,

di trattare scrivendo le cose di filosofia non solo con ordine pieno


d'agevolezza (il che altri forse e latinamente e grecamente han cerca
to di far ancora), ma con lingua pura Italiana nostra nella qual cosa
sar forse il primo, dico il primo.2 Lo scopo, infatti, di questo suo
manuale di logica in volgare proprio quello di esporre in italiano i
fondamenti della filosofia e i suoi strumenti, svolgendo con la lingua
propria nostra ogni importante parte della filosofia, incominciando a

scriverne con ordinato concatenamento delle cose, fin dai loro prin
cipi, in modo che tutti possano ben godere dei benefici della perfe
zione della filosofia, non escluse neppure le donne, che conoscendo
solo la lingua italiana restan per questo prive e ignude senza lor colpa
di quegli abiti che far le potrien felici, n posson leggendo imparare di

quanta forza sieno le virt che lor convengono.3


Il forte interesse nutrito da Piccolomini per la diffusione del sape
re e per gli aspetti educativi legati alla divulgazione certamente da
collegare con la frequentazione, durante gli anni padovani, di quel
l'ambiente filosofico pi direttamente influenzato dalle idee di Pom
tegiano la matrice prima, e contrario, della Raffaella, dita nel 1539 e pervasa da un acuto
spirito di parodia, sotteso da fermenti eterodossi.

1 Cos Piccolomini scriveva nel 1550, accingendosi a pubblicare un corso completo di


filosofia in italiano, come leggiamo in E. Garin, Umanisti, Artisti, Scienziati. Studi sul Ri
nascimento italiano, Roma, Editori Riuniti, 1989, pp. 232-233, nota.
2 A. Piccolomini, L'instrumente della filosofia, Venezia, 1560, f. 2 r.
3 Ivi, ff. 2r-v, 4r.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE 85

ponazzi sulla realt mobile della lingua e dalle successive elaboraz


ni di Sperone Speroni, soprattutto riguardo alla validit dell'uso d
volgare. L'idea centrale della riflessione di Piccolomini ruota, infat
tutta intorno al rapporto tra lingua e cultura cos come era stato

luppato nel Dialogo delle lingue, composto da Speroni tra il 1530 e 154

e il nucleo del programma culturale del filosofo senese si richia


esplicitamente alla previsione speroniana secondo cui tempo for
pochi anni appresso verr, che alcuna buona persona, non meno
dita che ingegnosa, porr mano a cos fatta mercanzia: e per giova
alla gente, non curando dell'odio e dell'invidia de' letterati, condur
d'altrui lingua alla nostra le gioie e i frutti delle scienze: le quali o
perfettamente non gustiamo n conosciamo.1 Ma sotto alcuni asp
ti il progetto culturale di Piccolomini si arricchisce anche di nuo
implicazioni che gli consentono di approfondire le posizioni riguar
alla divulgazione della cultura presenti nell'ambiente padovano le
to all'Accademia degli Infiammati.
Le scelte filosofiche dell'autore e le sue convinzioni riguardo all'i
portanza della divulgazione ci inducono a credere che il dialogo su
bella creanza non sia un'opera esclusivamente letteraria. La ripresa

numerosi topoi attinti alla letteratura didattica e soprattutto al teatr

in linea con altri testi dell'epoca, non giustifica, a nostro parere,


convinzione espressa da alcuni interpreti, secondo cui la scelta dia
gica da parte di Piccolomini rappresenti solo un utile espediente n
rativo. L'impianto dell'operetta, letto in quest'ottica, consentirebb

filosofo di fare un passo indietro rispetto alle idee espresse dalla prot
gonista, la maliziosa e scaltra Raffaella, e le abili precauzioni narrativ

che la finzione dialogica permette, fornirebbero a Piccolomini la p


sibilit di declinare parzialmente dalle sue responsabilit per quan
riguarda il tono amorale e irriverente della conversazione.
Su questi temi si soffermata Marie-Franoise Pijus,2 in una de
letture pi interessanti e complete che siano state dedicate al dialo
A giudizio della studiosa francese, Piccolomini accoglie nella sua o

1 S. Speroni, Opere, vol. , Venezia 1740, p. 195. Sull'influenza esercitata da Speron


dall'aristotelismo rinascimentale sull'opera di Piccolomini cfr. H. Mikkeli, The cultu

programmes of Alessandro Piccolomini and Sperone Speroni at the Paduan "Accademia degl

fiammati" in the 17405, in Philosophy in the Sixteenth and Seventeenth Centuries. Conversat

with Aristotle, ed. by C. Blackwell and S. Kusukawa, Aldershot, Ashagate, 1999.


1 M.-F. Pijus, Venus Bifrons: le double idal fminin dans La Raffaella d'Alessandro Pi

lomini, in Images de la femme dans la littrature italienne de la Renaissance. Prjugs misogynes

aspirationes nouvelles: Castiglione, Piccolomini, Bandelle, Etudes runies par Andr Roch

Centre de recherche sur la Renaissance italienne, Paris, Universit de la Sorbonne N

velle, 1980, pp. 81-167.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

86 SANDRA PLASTINA

ra tutti gli stereotipi sulle donne


sostanzialmente conformi all'ideo
a creare l'illusione di essere dalla p
cipio di una solidariet femminile
il pubblico femminile, spacciando

discorso da donna. E l'illusione risulta talmente efficace da indurre a

credere che il dialogo sia un capolavoro di psicologia femminile,1


mentre la Pijus lo inserisce di diritto nella tradizione misogina del
l'epoca. La studiosa francese rileva, infatti, la persistenza degli schemi
antifemministi tradizionali: l'opera un catalogo dei difetti femmini
li, e come manuale educativo tende a perpetuarli: i differenti ruoli im
posti ad una gentildonna e attraverso di lei a tutte quelle che leggeran

no indurranno ad adottare comportamenti conformi all'immagine


della duplicit e dell'astuzia, che sono classicamente tratti attribuiti

alle donne.

Ma la Raffaella non solo un gioco provocatorio che mette al cen


tro della lezione sulla bella creanza l'amore clandestino e suggerisce
alle donne l'ideale maschile di vita basato sulla simulazione. Il dialogo
si presenta soprattutto come una guida per acquisire le doti neces
sarie alla politica amorosa, e come un'opera di demistificazione dei
rituali amorosi contemporanei d'ispirazione cortese e neoplatonica.
Per questo motivo la lettura della Pijus, da cui prendiamo le mosse,
pur approfondita e ricca di suggestioni, risulta eccessivamente unila

terale.

Per il filosofo Piccolomini, la sfera morale non appartiene n agli


uomini n alle donne: il vero governo, che innanzi tutto governo di
se stessi, esercitato solo da quegli uomini e da quelle donne che sul
piano morale sanno di cosa si parla quando si parla di virt, e non un
caso che, nel dialogo, l'interesse si concentri sulla demistificazione del
concetto di virt, in un senso che ci richiama molto da vicino quanto
aveva scritto in proposito Machiavelli. Piccolomini prescrive, infatti,
norme di comportamento per guidare un amore [...] con pruden
za ed accortezza e temperanza,2 come leggiamo nella dedica che lo
Stordito Intronato rivolge A quelle donne che leggeranno. Tutte le
donne, premette l'autore, con lo scudo delle loro virt sono capaci di
difendersi dagli attacchi dei loro detrattori, ed a questo punto l'opera
dello scrittore perderebbe di significato se egli non aggiungesse pron
tamente che fra le molte virt delle donne s'annida qualche particel
quanto afferma N. Borsellino, teatro del Cinquecento, Bari, Laterza, 1973, p. 34.
La Raffaella, p. 31.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE 87

la che non sia proprio da lodar, e proprio su queste mancanze e

vuole intervenire, per riprenderle e riformarle, accioch ne nasca di

questo, che voi donne, scacciato via quel che non cos buono, rim
niate in quella perfezione nella quale la natura v'ha create.1 L'auto

si rivolge a tutte le nobilissime donne che possono discorrere e giudi

care, consigliare e provvedere in qualsivoglia caso d'importanza co


bene come gli uomini, e se vantaggio ci , in esse. E questo diteg
lo arditamente.2 Alle donne il filosofo consiglia di leggere il dialo
in presenza di quegli uomini pessimi, maligni, scandalosi; i quali,
le altre bugie che dican di voi donne, sogliano affermar che nell'a
mo delle donne non si posson crear mai gran concetti e sentenze p
fonde e di giudicio, ma solamente discorsi frivoli e snervati.3
Il dibattuto tema dell'educazione delle donne sta molto a cuore a

Piccolomini, che offre in poche battute un compendio delle proprie


convinzioni sull'argomento. Sulla stessa tematica ritorner, con gran
de incisivit, anche nella sua opera di divulgazione filosofica, dal mo

mento che

le donne parimenti, nelle virt delle quali vuole Aristotele, che il mezo del felice
stato delle Citt risegga; non essendo costume in Italia di far loro apprendere
altra lingua, che quella, che delle nutrici imparano; restano per questo prive e
ignude senza lor colpa di quegli habiti, che far le potrien felici: n possan leg
gendo imparare di quanta forza sieno le virt, che lor convengono, e con quali
operationi, esercitationi, e ufficii si possin perfette rendere essendo ogni buona

notizia nel ventre chiusa della filosofia.4

Le donne, dunque, devono imparare quanta forza risiede nelle virt


che a loro convengono, cos come agli uomini, e trarre dalla filosofia
quegli insegnamenti che permettano di perfezionare la loro natura,
di aspirare a quella perfezione che portano le scientie e le discipline
[...] e la filosofia, che la vera madre della felice vita nostra.5 Picco
lomini, dunque, va oltre le posizioni sostenute da Juan Luis Vives nel
De institutione foeminae Christianae, una delle opere pi importanti e
1 Ivi, p. 28. 2 Ivi, pp. 29-30. 3 Ivi, pp. 17-18.

4 A. Piccolomini, L'instrumento della filosofia, Venezia, 1560, fi a


espresse dal filosofo sul sapere a cui le donne devono accedere cf
cit., p. 233, nota 29, che richiama l'attenzione sul femminismo di P
era soffermato L. Olschki, Bildung und Wissenschaft im Zeitalter der
zig-Firenze, Olschki, 1922, in part. pp. 222-238.

5 Al contrario imperfetto si pu domandar quell'uomo, che n

latte della filosofia, che la vera madre della felice vita nostra, non
tamente vivere gli anni suoi, ne conoscere in faccia, non solo le cagi
cose, che ne stan d'intorno, ma ne ancor la vaghezza della virt s
nostro bene riposto.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

88 SANDRA PLASTINA

diffuse dedicate alla questione del

stitutione si sostiene, infatti, che n

difetti congeniti che possono imp


za; ma, nonostante questo riconos
lo le donne devono essere comunq
dall'assumere atteggiamenti impro

loro educazione restano l'onest e la castit.

Come Vives, anche Erasmo da Rotterdam si rallegra, in un famoso


colloquio dal titolo L'abate e la donna erudita (che Piccolomini pot
aver letto nell'edizione pubblicata a Firenze presso Giunta nel 1531),
di vedere le donne che beneficiano della pi ampia istruzione. Ma
Erasmo non si limita a spezzare una lancia in favore dell'uguaglianza
dei sessi.2 Come Erasmo, anche Piccolomini crede che il matrimonio
sia la condizione generale degli uomini e delle donne, ma se alle mal
maritate il primo consiglia solo la diplomazia, ispirandosi al principio
della concordia, l'autore della Raffaella va ben al di l. Come si det
to, per il filosofo senese le donne devono innanzitutto imparare di
quanta forza sieno le virt, associando sapere e diletto. Se l'obiettivo
della filosofia consiste nell'acquisizione di quegli abiti che possono
condurre alla felicit etica, ed con questo preciso intento che Picco
lomini ne propone lo studio alle donne nella sua opera di divulgazio
ne filosofica, l'atteggiamento non muta nel dialogo sulla bella creanza.
E se nella Raffaella il consiglio che l'autore rivolge alle donne riguarda

i modi per conseguire la felicit amorosa, anche cos, trasposto sul


piano della politica amorosa, il discorso sulle virt non cambia:
Ma se d'altro canto, donne mie, voi sarete piene di tanta prudenza ed accortezza
e temperanza, che voi sappiate mantenervi e godervi l'amante vostro, eletto che
l'avete, fin che duran gli anni vostri, cos nascostamente, che n l'aria, n il cielo
ne possa suspiciar mai, in questo caso dico e vi giuro che non potete fare cosa di
maggior contenuto e pi degna di una gentildonna che questa.3
1 Sul De institutione di Vives, rinvio al contributo di Valerio Del Nero in questo stesso

fascicolo.

2 Nel colloquio erasmiano, Magdalia, che una borghese intelligente, fine e colta, ha
facilmente il sopravvento sul rozzo Padre Abate, ed inoltre capace di associare sapere
e diletto: E se a queste cose Dio aggiungesse anche la sapienza non crederebbe lei di
vivere pi felice?; l'abate all'educazione completa per le donne obietta: D'altronde, an
che la gente la pensa cosi, tanto vero che una donna che conosca il latino rarissima e
guardata con sospetto. Ma Magdalia replica: Non mi parli della gente! E cosi ostile a far
bene! E la consuetudine, poi! Maestra di ogni male. Bisogna invece assuefarsi al meglio,
cos finir per diventare abituale ci che prima era insolito, agevole ci che era duro, bello

quello che non sembrava tale. Cfr. Erasmo da Rotterdam, I colloqui, a cura di Gian Pie
ro Brega, Milano, Garzanti, 2000, pp. 144-149: 147. Su Erasmo e le donne cfr. E. V. Telle,

Erasme et le septime sacrement, Genve, Droz, 1954. 3 La Raffaella, p. 31.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE

infatti nella scelta, nella capacit di elezione (e ne


che la ha a avere in eleggersi un che sia come esser
siede la vera felicit amorosa, la divinissima union d
momento che nel matrimonio preclusa ogni possibi
perch le mogli e i mariti si pigliono alla cieca, sen
duti; e spesso si debbono congiungere in matrimon

di contraria natura e di diversi costumi.1

Non c' da scandalizzarsi, pertanto, che il filosofo, fra le buone cose

che convengono ad una gentildonna, reputi convenevolissimo ch'el


la con grande destrezza si elegga un amante unico in questo mondo
e insieme con esso goda segretissimamente il fin dell'amor suo. Pic
colomini pu permettersi di elargire i suoi preziosi consigli dal mo
mento che si presenta al suo pubblico come pi avvezzo alle cose del
mondo rispetto alle donne stesse, fra le quali possono essercene di
sicuro molte ancora inesperte riguardo ai comportamenti da adotta
re, in quanto pi use ad occuparsi di gomiccioli e matasse. D'altra
parte, come ammetter la stessa Margherita a fine dialogo, or m'ac
corgo ch'egli pur bene il parlar con chi sa e ha pratica delle cose, se

si vuole diventare savi, ch mi pare aver pi guadagnato in giudizio


in questo poco di tempo oggi ch'io son stata con voi, che in tutto il

resto ch'io son vissuta.2

Ma ci che pi sta a cuore a questo amico del sesso femminile il


fine, ed uno dei pi nobili, a cui questi suggerimenti tendono: il per

fezionamento della natura femminile. Neil'esprimere il suo apprezza


mento nei confronti delle capacit intellettuali delle donne, Alessan
dro Piccolomini rovescia lo schema caro a Vives,3 proponendo una
rottura con le credenze morali tradizionali. Ispirato dalla lettura di
Machiavelli, egli costruisce il suo dialogo di politica amorosa con mol
ta abilit ed acutezza. Il vero discorso, che al filosofo preme, verte sul
la virt che appartiene nella visione machiavelliana, fatta propria dal
filosofo senese, alla classe delle cose utili. Resa desiderabile per calco
lo, essa contiene necessariamente un qualche elemento di costrizione.
L'utile infatti non in s piacevole ma conduce al piacere, produce co
1

Ivi,

p.

108.

Ivi,

p.

109.

3 Per la questione dell'educazione del


bibliografia citata nella nota 13 del con
La donna nel Rinascimento, in L'uomo
1995,

PP

273-327;

independence

Press,

1992

in

F.

P.

the

Benson,

The

literature

Sberlati,

Dalla

inventi

and

thoug

di p
minile tra Rinascimento e Controriform
lian Renaissance Studies, 1997 (I Tatti

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

donna

90 SANDRA PLASTINA

munque piacere. Al contrario l'on


nello schema di Vivs, uno degli
sono nella Raffaella piacevoli solo
gna, buoni, in conclusione, per co
za, la temperanza l'accortezza, c
filosofo, procurano piacere come
l'onore e l'onest lo procurano so
fanno parte di ci che buono so

Le vere virt, invece, hanno un ef

dal fatto che gli altri sappiano de


non cos per l'onest che, come l'o
relativit del contesto sociale. L'au

ve intendere la virt dell'onore, e la

partendo dal presupposto che le le


uomini, stabiliscono che una mede
'vituperosissima' sia per loro moti
L'elemento forse pi interessante
vo della Raffaella, risulta, a mio p
le idee espresse nel capitolo xvm d
riferimento alle qualit che nece
del peso che esse hanno nella con

logo la parola chiave 'fingere': la g


rossore mostrare altro finto s

coniugali almeno fingere d'amare


prire', 'coperto' non sono meno f
altri strettamente vincolato all'a
Virt quali l'onore e l'onest so
parenza, giungendo, in questo rov
appare, ad esiti paradossalmente c
il segretario fiorentino, gli uom

* La storia dell'adulterio , ad esempio, la st


Thomas, The Double Standard, Journal of th
individua una spiegazione di questa dicotom

in una societ patriarcale fondata sulla logi


un arbitrio e denunciando le ingiurie recat

argomenti nel difendere le virt femminili nel

uomini hanno usato quelle forze [...] facend

quella libert che non men che a gli uomini f


2 N. Machiavelli, Il principe, Milano, Rizzoli
bino a mantenere la fede, in part. pp. 157-158

occhi che alle mani; perch tocca a vedere


quello che tu pari, pochi sentono quello ch
alla opinione di molti.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE 91

mani, perch tocca a vedere a ognuno, a sentire a pochi. O


quello che tu pari, pochi sentono quello che tu se'. Picc
spera, quasi senza farsene awedere, queste considerazion
tano le virt del significato ad esse tradizionalmente attribu

Hai da sapere che l'onore il biasimo non consiste principalmente


una cosa non la fare, ma nel credersi che la faccia non credersi;
re non riposto in altro, se non ne la stimazione appresso agli uom
se sera alcun segretissimamente ladro omicida simili, e ser
simo e giusto, tanto a punto, quanto a l'onore, come se non aves
cos per il contrario, essendo uomo dabbene e tenuto scelerato, le
sono poco men che vane e superflue.1

La gentildonna proposta dal dialogo, abituata a governare


r un controllo costante su se stessa, e anche in materia
ne d'amore riconoscer l'opportunit di governarsi con
perch gran giudicio e gran discorso e molt'arte e gover
avere, a governarsi e reggersi intorno a questa parte, e m
te a una donna, per essere a lei pi d'importanza il peric
segue.3 La perfetta gentildonna sapr cos mascherarsi, p
la propria indipendenza senza dare adito a critiche. La be
le buone maniere e la 'dissimulazione onesta' servono a c
scosissimamente [...] la verit de' pensieri suoi, ed i trava
zion dell'animo, nella consapevolezza che la segretezza
dell'amore, preludio alla scoperta pi profonda della solit
coscienza e della serenit degli abissi del cuore.
Ma la virt chiave, di cui il senese tesse l'elogio con gra
zione,4 sicuramente la prudenza, che insieme al buon g

stituisce la sola vera virt. Se la saggezza , infatti, scienza u

la prudenza tattica particolare che, nel suo percorso dal

fino al Della dissimulazione onesta di Torquato Accetto, trov


cativo momento di considerazione, in vista di una rimodulaz
1 La Raffaella, pp. 84-85.

2 Nel periodo della composizione della Raffaella Piccolomini traduceva gli


Senofonte, dedicandoli a Madonna Frasia Venturi: La economica di Xenofon
lingua greca in lingua toscana dal S. Alessandro Piccolomini, altrimenti lo S
nato, Al Segno del Pozzo, in Vinegia, 1540. Cfr. La Raffaella, p. 74: Il gove
Margherita, se ben condotto, apporta grande lustro ad una dama e la fa m

da quelli che la conoscono. Ma la perfezione domestica qui messa al se


bera iniziativa amorosa e dell'intraprendenza; il governo della casa non pr
le tentazioni dell'adulterio. Ai tranelli che la societ tende alle donne (for
responsabilit, castit e amore platonico, devozione familiare) non si pu ri

con la dissimulazione. 3 Ivi, p. 77.

4 Cfr. l'elogio della prudenza tessuto da Piccolomini ne

U Petrucci nel 1542, Firenze, Domenico Marzi, 1771, p. 2

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

92

SANDRA

sue

PLASTINA

regole,

proprio

nel

dialogo

oggetto privilegiato della riflessio


cui fortuna aveva contribuito in
pagnata da vari commenti dell'Eti

della

vita

civile

intesa

come

'civ

politica e retorica in cui l'ordin


nare, ben persuadere e bene ope
zione della prudenza - non pi
comunque

fondata

su

un

livello

con l'esperienza, il legame con i


dei saggi, potr d'ora innanzi p
ni.2 Piccolomini aveva gi dedic
pitoli

della

sua

opera

morale

scrit

Dopo una scontata e dovuta con


le prime cause sopra la natura
za che l'autore guarda come alla
che essendo la prudenza quella
tito regge e governa, necessar
alcuna altra virt morale, ma ch
La prudenza si configura dunqu

di adeguarsi e contrastare la fortu


na si dispiega. Chi, infatti, consid

conquista e di ogni successo pol


dentro mescolate con la fortuna

dal

momento

l'ordinatore

che,

come

d'una

detto

republica

in

[...]

1 Per quanto riguarda la fortuna dell'etic


Le traduzioni umanistiche di Aristotele nel
tina

di

inoltre

scienze
C.

B.

morali

Schmitt,

"La

Colombaria",

Aristotle's

Ethics

in

tions, in Ethik im Humanismus, hrsg. von


nismus Forschung, iv), Boppard, Boldt, 19

2 Cfr. V. Dini, La prudenza, da virt a rego


ed osservazione empirica, in V. Dini, G. Sta
ne di un'antropologia in prima Et modern
storico del primato della prudenza cfr. R.
della prudenza nel dottrinarismo politico ita
sofia italiana, lvii, 1976, pp. 116-127.
3

x,
4

A.

Piccolomini,

Venetiis,
Ivi,

cap.

De

1543,1.

16,

p.

la

vii,

istitutione

cap.

15,

De

di

la

tutta

la

Pruden

179.

5 . Machiavelli, Discorsi sopra la prima


cap. 1, p. 215: Quale fu pi cagione dello

la fortuna.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

POLITICA AMOROSA E GOVERNO DELLE DONNE 93

virtuoso. La coppia di queste doti ritorna ripetutamen


li, sempre per indicare capacit e lungimiranza politica
pe, 3, prudenza e virt sono attribuite ai Romani, ai qu
mai quello che tutte di in bocca de' savii de' nostri te
beneficio del tempo, ma si bene quello della virt e pr

interessante notare, che, come in Machiavelli,


ne del filosofo senese la prudenza appare una vari
oppure una vera e propria sostituzione della virt,
venta condizione necessaria e sufficiente affinch g
seguir lor bene ed evitar lor danno, come nel III l
dove la prudenza considerata sinonimo di 'saviezza
della stessa sapienza. Prudenza e sapienza congiunte
esempio, in alcune circostanze, la simulazione, come
to: non fu mai alcuno tanto prudente, n tanto es
alcuna sua egregia operazione, quanto merita d'esse
Bruto nella sua simulazione della stultitia, e signi
so titolo del capitolo: Come simulare in tempo la
abbastanza facilmente dunque alla conclusione a cu
filosofo senese nel suo dialogo : la simulazione un
pu essere suggerito dalla prudenza.1
Ancora una volta l'approccio di Piccolomini richiam
no gli insegnamenti morali di Machiavelli. Il filosofo
toccando i punti cruciali del discorso morale, sul pia
ta osservazione dei comportamenti. In veste di cons
Raffaella si rivolge alla gentildonna Margherita, ma
politica amorosa si rivolge a tutte le donne. In quan
da al comportamento l'opera espone una dottrina ge

dialogo letterario contiene un consiglio particolare, e f


rale e quella particolare ci pu essere un legame pi int
compatibilit: la dottrina generale pu rendere nece
particolare, date le circostanze speciali in cui la dest

1 A. Piccolomini, De la istitutione, cit., p. 177: Per la qual cosa l'u


di saper ben consultare et leggere tutte quelle cose, che son ragionev

e alla felice vita dell'huomo; regolando in ciascheduna virt le ope


chiamar si debbano, e determinando il mezzo de gli affetti, intorno
truovino, di maniera che color che prudenti saranno, che consulta
quelle cose, che a se stessi e alle famiglie loro, e finalmente alle l
mente stimar potransi.
1 La Raffaella, p. 47: Raffaella: Vuoi, Margherita, ch'io discorra n
dir oggi, secondo l'esser tuo, e che s'appartiene a te solamente, ow
tre, secondo le diverse qualit loro? e continua: Il mio primo pr
mostrarti le cose secondo l'esser tuo particolare.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms

94

SANDRA

PLASTINA

Un insegnamento di ordine gene


sembrare redento se conduce a u
le quello di perfezionare la natur
in apertura. Piccolomini suggeri
tollerabile della dottrina 'sconven
l'opera

la

quale,

come

si

tradizionale e con le credenze accreditate. Anche se alcune delle af

detto

fermazioni pi eccessive del dialogo non sono dette con tono serio,
ma sono ironiche e intese a far divertire, nel rispetto dei veri intenti

pedagogici, esse comunque porteranno alla rivelazione di un nuovo

codice in accordo con la verit effettuale e con la 'vera natura' dei

comportamenti degli uomini e delle donne.

This content downloaded from 189.248.135.29 on Mon, 19 Sep 2016 03:51:09 UTC
All use subject to http://about.jstor.org/terms