Sei sulla pagina 1di 99

DIRITTO

DELLE CRISI DI
IMPRESA
Anno accademico 2012-2013

Stefania Aiello

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Gli strumenti di composizione delle crisi e le procedure concorsuali in genere


Il diritto delle crisi dimpresa fa parte del diritto fallimentare.
Per quanto riguarda le sentenze si pu notare che esse sono composte dai seguenti
componenti:
massima: concentrato giuridico della sentenza;
sentenza: sentenza vera e propria;
nota esplicativa: nota relazionale. Pu essere una semplice nota senza titolo e
sintetica, ma nella maggior parte dei casi firmata e viene commentata la sentenza
ampiamente dallautore E opportuno leggerla prima di aver letto la sentenza e dopo
aver letto la massima, cos da evitare il linguaggio complicato contenuto allinterno della
sentenza medesima.

Come gi ricordato in precedenza il diritto fallimentare comprende il diritto delle crisi


dimpresa, in cui la parola chiave proprio crisi, la quale pu essere definita come una crisi a
livello giuridico, una situazione patologica in cui non viene raggiunto il risultato che ci si era
posti. Si pu trattare di una crisi patrimoniale e/o finanziaria in cui vige uno squilibrio
patrimoniale e/o finanziario. A volte tali squilibri sono presenti entrambi, ossia il patrimonio
netto negativo con in pi una mancanza di cassa (= liquidit). Altre volte il patrimonio netto
pu essere positivo, ma comunque presente una mancanza di cassa, la quale necessaria per
pagare i fornitori, ad es. nel caso di un patrimonio immobiliare consistente. In altri casi la crisi
potrebbe essere addirittura di natura non finanziaria e non patrimoniale: ad es. il caso della
chiusura di un mercato (intromettendo dazi di importazione di determinati prodotti)
fattore esogeno rispetto allimpresa.
La crisi pu essere reversibile o irreversibile: occorre stabilire ex ante se la crisi
superabile o meno tramite strumenti giuridici. Ci pu derivare da un problema di
organizzazione, ad es. per quanto riguarda linnovazione di impianti ormai obsoleti.

I sistemi giuridici di superamento della crisi


Tali sistemi:
prevedono il superamento della crisi con norme dedicate alle imprese commerciali
statuto dellimprenditore commerciale (ITALIA);
altri ordinamenti fanno fallire qualunque imprenditore anche quello non commerciale
(ITALIA, FRANCIA, BELGIO);
la crisi disciplinata (di qualunque soggetto legato al mondo economico) da norme che
tutelano non solo le imprese, ma anche i privati (anche il consumatore), ad es. le
persone fisiche che richiedono un mutuo (GERMANIA, AUSTRIA, OLANDA, GRAN
BRETAGNA, STATI UNITI, SPAGNA PORTOGALLO).

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

In questultimo caso la procedura seguita quella dellesecuzione individuale, in cui ciascun


creditore non pagato pu aggredire il patrimonio del debitore mediante pignoramento e
vendita allasta dei beni del debitore, il primo (creditore) che arriva si soddisfa di pi rispetto
quelli che arrivano dopo (lultimo si soddisfa meno o per niente). Mentre per quanto riguarda i
primi due sistemi (anche in Italia funziona cos) si applica la procedura concorsuale, la quale
una procedura collettiva in cui tutti i creditori, collettivamente, vanno ad aggredire il
patrimonio dellimprenditore in crisi (= insolvente), e sono tutti sullo stesso piano (non riscuote
di pi chi arriva per primo). Mediante tale procedura prevista dallordinamento il patrimonio
del debitore si suddivide equamente tramite una procedura giudiziaria, amministrativa e
meccanismi di natura privata, i quali:
procedura giudiziaria: interviene un giudice (= autorit terza tra venditore e
creditore) che amministra, controlla, dirige la procedura, regola i rapporti tra i due
soggetti e chi gestisce limpresa in crisi, ecc.. Nei tribunali vi sono delle sezioni
fallimentari opportunamente dedicate;
procedura amministrativa: coordinata dalla pubblica amministrazione (= uffici dello
Stato) che risolve la crisi dimpresa. E giustificata dallinteresse pubblico, il quale
superiore a quello dei privati (se ne occupa il Ministero delle Attivit Produttive);
meccanismi privatistici: in alcuni casi non si richiede nemmeno lintervento del giudice,
ma vi un accordo tra creditore e debitore. In altri casi lintervento del giudice ha una
funzione di controllo, di legalit, ossia si basa sullaccertamento del fatto che laccordo
rispecchi le regole legate alle norme.
In Italia questi ultimi tre tipi di procedura vi sono tutti.

L. fallimentare 1942 (Regio Decreto n. 216/42)


Limpianto normativo era incentrato sul fallimento (procedura per eccellenza), ossia sulla
procedura finanziaria nella quale il patrimonio dellimprenditore insolvente affidato a un
curatore che viene nominato dal tribunale. Egli ha il compito di venderlo e con il ricavato paga i
creditore in misura proporzionale tra di loro (o tutti nella stessa misura o per primi vengono
pagati i crediti privilegiati previsti dallordinamento). Invece le tre procedure minori sono le
seguenti:
1. liquidazione coatta amministrativa:essa viene eseguita sotto il controllo del Governo,
ed destinata a certe categorie di imprese in cui linteresse pubblico preveda
lintervento diretto dello Stato (banche, assicurazioni, cooperative);
2. concordato preventivo: si basa su una modalit di superamento della crisi attraverso
un accordo tra imprenditore in crisi e creditori sotto autorit giudiziaria;
3. amministrazione controllata: soppressa nel 2005, ma oggi prevista mediante una
clausola apposta del concordato preventivo. Veniva attuato in situazione di sola crisi
finanziaria, il creditore poneva in atto allimprenditore insolvente unazione detta
moratoria allesito, ossia metteva a disposizione del suo debitore un periodo di pausa
cos al termine del quale questultimo avrebbe ricominciato a pagare.

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Ai tempi era considerato un reato non pagare: i debitori andavano in galera e vi era la
privazione dei diritti civili. Questa per era una procedura troppo brutale, la quale andava a
uccidere lazienda (= i fattori produttivi coordinati tra di loro dallimprenditore per produrre).
Cos negli anni 70-80, grazie allo sviluppo delleconomia italiana (conclusasi la II guerra
mondiale), vi stato il boom economico e quindi si posto il problema della crisi dimpresa
prevista fino a quel momento: essa prevedeva la chiusura dellazienda, il licenziamento di tutti
i collaboratori allunico fine di pagare i creditori. Ma dopo questa valutazione ci si posti
lobiettivo di conservare limpresa, ipotizzando il fenomeno denominato risanamento di
unimpresa in crisi. I giudici hanno iniziato a eludere la norma del 42 al fine di recuperare
le imprese in crisi mediante luso alternativo delle procedure concorsuali in tal modo:
vendere lattivo = vendere lazienda
considerato il fatto che lazienda morta ha un valore minore rispetto lazienda in produttivit,
prevedendo lesercizio provvisorio dellazienda, in cui il curatore tiene aperta lattivit
durante il periodo del fallimento rischiando che i ricavi siano minori rispetto ai costi (= rischio
dimpresa). Per questo motivo i curatori non sono propensi a gestire in persona le aziende
fallite. Si trattato di un meccanismo inventato per cercare di recuperare lattivit senza
disgregarla.
L. Amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi (L. Prodi 1979)
Prima occorre definire le grandi imprese:
grandi imprese = imprese grandi con tanti debiti
Per la conservazione delle grandi imprese, il Ministero della Attivit Produttive valuta che le
stesse abbiano una prospettiva di prosecuzione dellattivit, a tal punto lattivit viene gestita
da commissari straordinari nominati ad hoc. E una legge che ha capovolto la logica del
fallimento perch si valuti dallottica della ristrutturazione. Tale legge ancora in vigore ma
stata modificata nel 1999 dalla l. 270/99.
L. 270/99 (L. Prodi bis)
La legge del 1979 stata modificata perch si prestava ad abusi a danno dei creditori, cio si
sostituiva una gestione in perdita con una gestione statale, la quale non si capiva che fine
facesse. Pi precisamente lo Stato erogava dei finanziamenti a tali imprese in crisi e cos
lattivit proseguiva, ma spesso accadeva che non venisse mai ristrutturata lazienda (celebre
il caso Flotta Lauro), ma ci nonostante si faceva concorrenza alle altre imprese che non
ricevevano alcun aiuto, penalizzandole. Si rovinava il mercato poich si mandavano in crisi gli
imprenditori che gestivano correttamente e senza aiuto la loro attivit. Mediante la modifica
del 1999 si rimettono si sul mercato le imprese in crisi, ma la ristrutturazione deve avvenire
in un determinato periodo (due anni). Comunque prima di tale processo necessaria la verifica
che consente di capire se limpresa possa essere salvata, e se entro due anni il recupero non
avvenisse, lazienda fallirebbe.

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Adeguamento normativo dellItalia ad altri ordinamenti


Negli anni 2000 con la globalizzazione delleconomia si reso necessario un adeguamento
normativo ad altri ordinamenti, come ad es. nel caso di uso di strumenti privatistici per la
risoluzione della crisi dimpresa. Spesso prima si distruggeva ricchezza perch si era propensi
a chiudere, specie se loperazione durava a lungo con il relativo rischio che limpresa morisse
(durante questo lasso di tempo).
Negli anni 70 negli Stati Uniti stato introdotto il cosiddetto capitolo XI (chapter 11) che
consiste in una procedura flessibile in cui il debitore (= imprenditore) fa una proposta ai
creditori divisi in classi (mediante trattamenti diversi rispetto alle priorit). Questa proposta
deve essere accettata dalla maggioranza dei creditori e delle classi, cos limpresa pu
ripartire (noto il caso Chrysler di chapter 11). Tutto ci previsto sotto il controllo di un
tribunale. Questo sistema ha influenzato anche quello italiano.
D.L. Competitivit delle imprese
Nel 2005, infatti, vi stata la prima modifica della legge fallimentare del 1942. La modifica
avvenuta tramite tale decreto legge, il quale ha modificato il concordato preventivo e quello
fallimentare introducendo norme del chapter 11 e ha quasi cancellato listituto della
revocatoria fallimentare. Il vantaggio stato quello di aver modificato il concordato
preventivo previsto da una legge vecchia (1942), ma lo svantaggio rappresentato dal fatto
che tali norme non siano concordate tra di loro a causa che la medesima modifica sia stata
approvata con molta fretta.

I presupposti del fallimento


Come gi precedentemente detto il fallimento la procedura concorsuale per eccellenza, il
quale definisce la disciplina-base (e completa), che serve per integrare (mediante molteplici
rinvii) la normativa riguardante le procedure concorsuali minori.
Gli artt. 1, 5 e 15 della L.f. sono da prendere in considerazione.
Art. 1 della L.f.
In particolare lart. 1 della L.f. contiene al suo interno dei presupposti soggettivi per i quali
viene applicata la disciplina del fallimento. Tale articola non comprende linsolvente civile (il
lavoratore dipendente, il professionista intellettuale). A proposito di insolvente civile
opportuno spendere due parole in particolare sul ruolo del professionista: per il principio
contenuto nellart. 2282 c.c., laccesso alle professioni limitato al superamento di un apposito
esame di Stato. La tendenza futura, per, sar quella della liberazione a tale accesso, facendo
s che si sviluppi una concorrenza pi ampia (nonostante linsistenza degli ordini dei
professionisti, i quali tendono alla conservazione per mantenere tali professioni di alto livello).
In merito a ci necessario ricordare che nel 2000 stata istituita una societ di avvocati,
ma comunque non rientra nella fattispecie di impresa commerciale, quindi sottratta al
fallimento. Chiudendo la parentesi delle professioni intellettuali opportuno sottolineare il
fatto che nellart. 1 della L.f. non si fa riferimento a illiceit dimpresa. Tale concetto
prevede due casi:

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

attivit illecita: svolta in assenza di autorizzazione, manca di presupposti burocratici;


attivit immorale: societ in regola e autorizzate ma che gestiscono attivit immorali.
Tali attivit si collocano nei confronti della disciplina fallimentare in questo modo: qualunque
impresa illecita, se immorale, in caso di insolvenza, pu fallire. Il motivo di questo che per
tali imprese non sono applicabili le norme a tutela dellimpresa, ma comunque rimangono
attuabili le norme a tutela dei soggetti terzi (= i creditori).
Lattivit pu essere svolta:
direttamente dallimprenditore;
indirettamente da soggetti che operano per nome e per conto dellimprenditore (=
institori).
A volte pu accadere che limprenditore sia occulto. In questo caso colui che soggetto al
fallimento il prestanome (o imprenditore palese), perch colui che appare, che lavora per
nome e per conto dellocculto. Di tale rapporto ne sono a conoscenza solo i due soggetti
interessati (imprenditore occulto e prestanome), i creditore di uno e dellaltro non sanno nulla.
Ora prendiamo in esame alcuni concetti contenuti nellart. 1 della L.f..
Imprenditore: lart. 2082 c.c. definisce imprenditore chi svolge unattivit economica
organizzata. Naturalmente limprenditore pu essere sia una persona fisica che una persona
giuridica. I soggetti che non sono imprenditori sono le associazioni, le quali svolgono unattivit
di natura ideale, come associazioni culturali, sportive, ARSSU, ecc.. Comunque tali
associazioni/ fondazioni gestiscono ugualmente delle attivit commerciali (come ad es. la
gestione di una piscina), le quali sono soggette a fallimento esattamente come unimpresa (o al
concordato preventivo). Quindi: gli enti non commerciali che svolgono attivit economica sia di
tipo strumentale che accessoria sono soggetti a fallimento.
_____________________________________________________________________
Generalizzando si pu dire che lattivit dimpresa pu essere o agricola o commerciale: una
volta esisteva limprenditore civile, come ad es. il consulente matrimoniale o il detective
privato, che oggi rientra nella categoria degli imprenditori commerciali.
Imprenditore commerciale: lart. 2195 c.c. definisce imprenditore commerciale chi esercita
unattivit commerciale. Tale definizione si evince da tale articolo mediante una serie di rinvii.
_____________________________________________________________________
Piccolo imprenditore: lart. 2083 c.c. definisce piccolo imprenditore i coltivatori diretto del
fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti, e pi in generale coloro che esercitano unattivit
professionale organizzata prevalentemente con il proprio lavoro e quello dei familiari. Lart. 1
della L.f. sostiene che il piccolo imprenditore non possa fallire, perch lammontare
dellinsolvenza non sarebbe mai pari al costo di apertura della procedura concorsuale. Unaltra
norma che chiarisce la posizione del piccolo imprenditore in caso di fallimento ed lart. 2221
c.c. (= definizione fallimentare di piccolo imprenditore, mentre lart. 2083 c.c. contiene la
definizione dello stesso a livello civilistico). Nellart. 1 della L.f. (II comma) non viene definito
piccolo imprenditore attualmente, ma nella legge originale del 1942 (in vigore fino al 2006) si
faceva riferimento a esso indirettamente mediante una soglia dellimposta sui redditi della
ricchezza mobile, ma oggi proprio non se ne parla, cos si fa riferimento allart. 2083 c.c..

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

_____________________________________________________________________
Imprenditore agricolo: lart. 2135 c.c. definisce limprenditore agricolo colui che coltiva il
fondo, che pratica la selvicoltura, lallevamento di animali e/o attivit connesse (come
lagriturismo). Tale imprenditore una volta non era soggetto a fallimento poich, rispetto agli
imprenditori commerciali, correva un rischio in pi a causa di elementi imponderabili (ad es. la
grandine e la siccit). Attualmente, dopo le norme del 1999 (le quali hanno ampliato le attivit
agricole, un valido esempio lallevamento dei cavalli da corsa), anche le imprese agricole sono
soggette a procedure concorsuali. Infatti tali attivit sono oggi pi vicine alle industrie e alle
attivit commerciali in gerene, e raramente corrono un reale rischio meteorologico (ad es. la
coltivazione in serra).
_____________________________________________________________________
Ente pubblico: innanzitutto occorre distinguere tra ente pubblico economico ed ente
pubblico non economico (autorit portuale). Quando lattivit dimpresa un ente pubblico non
pu essere assoggettabile a fallimento: lo Stato deve gestire la crisi senza che lattivit
stessa passi di competenza a unautorit giudiziaria.
Nel 2007 ci si posti il problema di limitare larea di fallibilit poich le procedure
concorsuali risultano costose. A tal proposito sono stati introdotti (sempre nellart. 1 della
L.f.) i cosiddetti requisiti dimensionali (i primi due riguardano limpresa, lultimo riguarda
linsolvenza):
1. lattivo patrimoniale, che si trova nel bilancio nello S/P art. 2424 c.c., non deve
superare lammontare di 300.000 in ciascuno dei tre esercizi precedenti al
fallimento;
2. i ricavi lordi, elencati nellart. 2425 c.c., sono composti da ricavi tipici, atipici, bianchi e
neri (= non risultanti dal bilancio) e non devono superare lammontare di 200.000 ;
3. i debiti non scaduti non devono superare lammontare di 500.000 (criterio ripreso
anche in altri articoli della L.f.).
Per dimostrare il possesso da parte della propria impresa di tali requisiti, lonere della prova
spetta allimprenditore.

Sentenze su presupposto soggettivo e oggettivo del fallimento

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Fallimento dellimprenditore durante lesercizio dellimpresa


Presupposto soggettivo: si basa sui requisiti dimensionali e dinsolvenza contenuti dallart. 1
della L.f..
Presupposto oggettivo: viene sancito dallart. 5 della L.f., il quale tratta lo stato dinsolvenza
del debitore.
Per fallire occorre rientrare in entrambi i presupposti: soggettivo e oggettivo.
Art. 5 della L.f. (comma 2)
Si basa sullimpossibilit del debitore ad adempiere regolarmente alle proprie obbligazioni,
tale impossibilit prescinde dalla volont del debitore: ad es. in caso di avvallo giudiziario da
parte del creditore al debitore a causa di un debito non pagato non per impossibilit
dellimprenditore, ma per sua volont, esso viene comunque dichiarato fallito.
Ma lart. 15 della L.f. (comma 9) enuncia che limporto di 30.000 rappresenti una soglia
minima al di sotto della quale non si possa fallire (= non ne vale la pena in proporzione ai costi
di apertura di una procedura concorsuale). Problema: se oggi limprenditore non risulta ancora
insolvente, ma mediante analisi specifiche, le quali permettono di stabilire se in futuro lo
diventer, si accerta che linsolvenza sia imminente (come ad es. accade per le societ
calcistiche nelle quali possibile predeterminare se e quando limpresa diviene insolvente),
esso non potr essere dichiarato fallito. Infatti linsolvenza deve essere attuale e di
conseguenza il fallimento non pu essere chiesto in un periodo precedente linsolvenza.
Allestero (in Italia non esiste), tuttal pi previsto per le imprese un meccanismo di
allerta: procedura giudiziaria a ombrello. Linsolvenza, inoltre, non deve solo essere attuale,
ma deve anche manifestarsi: gli elementi che manifestano linsolvenza sono:
procedure esecutive da parte dei creditori;
chiusura di un ramo dazienda;
notizie stampa;
cassa integrazione;
mobilit;
eventuali accordi con i creditori falliti o non accettati;
mezzi anormali di pagamento messi in atto dal debitore nei confronti del debitore
dazio insolutom = modo non regolare di soddisfazione delle obbligazioni, ad es.
pagando con la merce;
la perdita sia tale da azzerare il capitale (art. 2047 c.c.): ci comporta una vera e
propria crisi finanziaria.

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Fallimento senza impresa


Si parla di fallimento senza impresa quando limpresa non esiste pi, secondo lart. 10 della L.f.,
e in caso linsolvenza si sia manifestata anteriormente la cancellazione dal Registro delle
Imprese: tale procedura concorsuale pu essere richiesta entro lanno successivo a tale
operazione. Questo tipo di fallimento quando riguarda una societ pi facile che si attui:
infatti la cancellazione dal registro delle imprese una prova inconfutabile (iurus et de iure).
Mentre per le imprese individuali (e per le associazioni), secondo lart. 10 della L.f. comma 2, il
fatto che non esistano pi (= la cancellazione dal Registro delle Imprese per le societ) opera
come una presunzione relativa, ossia onere del creditore dimostrare che limpresa non sia
cessata in un determinato momento, quindi pu essere in grado di far fallire limprenditore
anche se la sua impresa chiusa per pi di un anno.
Fallimento senza imprenditore
Riguarda tre particolari casi:
1. limprenditore defunto: se si tratta di unimpresa individuale insolvente egli pu
comunque essere dichiarato fallito a condizione che la procedura concorsuale venga
chiesta entro un anno dalla morte cosicch possano essere tutelati i creditori. La
conseguenza patrimoniale descritta da due situazioni:
i beni del defunto andati allerede sono oggetto di riscossione da parte dei
creditori;
i beni dellerede sono oggetto non solo di riscossione da parte dei creditori
dellerede stesso, ma anche di quelli del defunto, qualora non siano rimasti
soddisfatti dei beni dello stesso (tale evenienza si manifesta solo se lerede
accetta leredit);
2. limprenditore defunto, ma solo dopo la dichiarazione di fallimento: la procedura
prosegue solo in caso di accettazione delleredit da parte dellerede il quale accetti
con beneficio di inventario, ossia i creditori possono rivalersi solo sui beni del de cuius;
3. per lart. 147 della L.f. previsto che il fallimento di una societ con soci
illimitatamente responsabili (societ di persone), comporti automaticamente il
fallimento anche i soci, solo per il fatto di essere soci di una societ a responsabilit
illimitata. Tale tipo di fallimento ha due caratteristiche:
prescinde dallinsolvenza a livello soggettivo del socio;
riguarda solamente le societ di persone (S.N.C., S.A.S.). Infatti per quanto
concerne le societ di capitali uni personali in cui non stata effettuata alcun
tipo di pubblicit legale (prevista per legge), e di conseguenza in cui il socio
diviene illimitatamente responsabile, non comunque previsto il fallimento dello
stesso.
In generale il fallimento senza imprenditore pu essere dichiarato entro un anno dallo
scioglimento sociale, o entro un anno dalla cessazione della responsabilit illimitata da parte
del socio, ad es. nel caso della trasformazione da S.N.C. a S.R.L. o nel caso di una fusione della
societ di persone a una societ di capitali.

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Il procedimento di apertura del fallimento


La procedura fallimentare regolamentata dagli artt. 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22 della
L.f., i quali rappresentano delle norme di natura processuale che permettono di individuare la
fallibilit o meno del soggetto in questione (norme che fanno parte del diritto processuale).
Per quanto riguarda il processo finalizzato allapertura dellistanza di fallimento, il giudice, a
fronte dei soggetti atti a chiedere la medesima procedura, verifica se vi sono i requisiti per
fallire. Quando il soggetto impresa risulta fallibile verr emessa dallo stesso una sentenza,
mentre se listanza non fattibile allora verr emesso un decreto. La differenza tra tali
concetti :
sentenza:provvedimento che ha una certa forma con leffetto di passare in giudicato e
quindi divenire incontrovertibile (= verit giudiziale);
decreto: provvedimento sempre modificabile, ossia in caso di negazione da parte del
giudice di fallimento, esso pu essere richiesto nuovamente.
Listanza del fallimento comporta, naturalmente, interessi contrapposti, quali:
interessi del debitore
dimostrare di non possedere i requisiti di
fallibilit o addirittura di non essere
insolvente difesa

interessi del creditore


chiedere la rapidit del giudizio cosicch
riscuotere nel minor tempo possibile
rapidit della procedura

Dopo la riforma del 2006 della L.f. il processo di fallimento stato velocizzato, infatti risulta
pi rapido di quello civile, ed stata prevista la salvaguardia del principio del contradditorio:
giusto processo in cui entrambe le parti in questione devono essere sentite. Nella L.f. del
1942 non era obbligatorio sentire il fallendo, ma si trattava di un processo ispirato al rito
camerale (= tutti i processi fallimentari si svolgono in Camera di Consiglio; secondo
questultima modalit utile specificare che funziona cos quando il tribunale si riunisce in
forma collegiale, ossia quando si riuniscono tre giudici che sono il Presidente, il giudice
relatore e il giudice a latere il quale concorre alla formazione del giudizio), in cui non sono
previste scansioni obbligatorie, come nel processo civile, ma solo la regola del contraddittorio,
come prima anticipato. Concerne un rito pi rapido e informale di quello civile.

10

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Ora occorre stabilire i soggetti legittimati a presentare istanza di fallimento. La medesima


domanda si presenta mediante ricorso (= atto depositato alla cancelleria del giudice in cui
viene chiesto formalmente qualcosa citazione, in cui il processo civile viene aperto mediante
la notifica alla controparte, e solo successivamente latto depositato in cancelleria del
giudice). Lart. 6 della L.f. (dopo la riforma del 2006) prevede che siano tre i soggetti a poter
chiedere il fallimento, i quali:
il medesimo debitore, che non ce la fa pi per la situazione pressante in cui si ritrova,
cosicch preferisce fallire;
il creditore, statisticamente il caso pi diffuso;
il PM (= pubblico ministero).
Ovviamente esiste un caso particolare, secondo il quale pu chiedere il fallimento anche il
curatore di una societ di persone, la quale, ai sensi dellart. 147 della L.f., prevede il
fallimento anche dei soci illimitatamente responsabili. Il caso particolare, per lappunto,
riguarda la scoperta da parte del curatore della presenza di altri soci, i quali sono detti
occulti: listanza di fallimento ricopre anche tali soci per effetto dellestensione citata dal
suddetto articolo.
Prima della riforma del 2006 veniva previsto dallart. 6 della L.f. anche la cosiddetta
dichiarazione dufficio. Essa veniva richiesta dal tribunale fallimentare (= non si tratta di un
tribunale ad hoc, ma di una particolare sezione del tribunale, infatti i tribunali di grosse
dimensioni sono divisi in settori come quello civile, che ricomprende il fallimentare, e penale) il
quale, venuto a conoscenza della situazione dinsolvenza di una determinata impresa, apriva
autonomamente listanza di fallimento per cui lonere della prova gravava sul imprenditore
debitore che doveva dimostrare la sua non insolvenza o la sua esclusione dai parametri
assoggettabili al fallimento.
Con la riforma del 2006 si lasciata lautonomia della crisi tra debitore e creditore: il
creditore libero di non ribellarsi allinsolvenza, il debitore libero di non dichiararla, in
entrambi i casi la situazione negativa procede. In realt rimasta la possibilit di un giudice
di aprire unistanza di fallimento, pi precisamente essa pu essere richiesta da un PM
(giudice accusatorio).
Il fallimento richiesto dal debitore
Il debitore in potere (non in dovere) di porre fine alla propria agonia mandando avanti
unimpresa in crisi, evitando cos anche la bancarotta semplice, e ha la possibilit di fruire
della cosiddetta esdebitazione (= istituto mediante il quale si ottiene la liberazione dei debiti
che non fossero pagati nonostante la chiusura della procedura fallimentare abbia previsto
lescussione del patrimonio aziendale, eventualmente di quello personale in caso di illimitatezza
della responsabilit, al fine di pagare i creditori insoddisfatti). Questo privilegio concesso
solo qualora il debitore non abbia tardato a presentare domanda di fallimento (di solito in caso
di imprenditore onesto, ma sfortunato). La domanda da parte del debitore comporta la
domanda di fallimento in proprio, prevista dallart. 14 della L.f., la quale comporta i seguenti
atti:
devono essere depositati presso la cancelleria del tribunale le scritture contabili e
fiscali obbligatorie;

11

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

deve essere depositato presso la cancelleria del tribunale uno stato particolareggiato
ed estimativo delle sue AP;
devono essere presentati lelenco dei nominativi dei creditori, nonch lindicazione dei
rispettivi crediti;
devono essere presentati i nominativi di coloro che godono di diritti reali e personali su
cose in possesso del debitore nonch lelenco delle stesse cose e del titolo del diritto.
Tutti questi atti devono essere depositati per ciascuno dei tre anni precedenti la
presentazione dellistanza, o per lintera esistenza dellimpresa se essa sopravvissuta per un
periodo inferiore.
Nel caso di imprenditore individuale, la procedura si rivela semplice, poich sar egli stesso a
presentare il tutto, sottoscrivendo i vari depositi al giudice.
Nel caso di una societ, prima della riforma del 2006, non vi era nessuna regolamentazione in
merito; dopo la riforma del 2006, ai sensi dellart. 152 della L.f., si prevede che gli atti siano
presentati dai soci di maggioranza per le societ di persone, e dagli amministratori per le
societ di capitali (per evincere tale concetto occorre applicare estensivamente la norma).
In entrambi i casi la decisione di presentazione di domanda di fallimento deve essere
formalizzata mediante un atto del notaio e deve essere iscritta nel Registro delle Imprese a
scopo di pubblicit commerciale.
Il fallimento richiesto dal creditore
Questo il caso pi diffuso. Colui che vanta un credito e che intraprende la procedura di
fallimento, in cui dimostra, a seguito di prove, il suo credito (scaduto, non scaduto, accertato
mediante sentenza o meno), ad es. per mezzo di fatture, sentenze, pignoramenti negativi,
permette che si apra listruttoria in merito da parte del tribunale. Lart. 15 della L.f. comma 9
stabilisce una soglia minima di 30.000 : tale soglia non vuol dire che il credito specifico di un
imprenditore che voglia chiedere il fallimento deve almeno essere pari a 30.000, ma tale
importo riguarda il credito totale di tutti i creditori di quellazienda,
Il fallimento richiesto dal PM
Questo caso riguarda il fatto che vi sia un particolare interesse pubblico allo svolgimento
dellattivit. Il PM pu agire nei casi predeterminati dallart. 7 della L.f., i quali:
quando linsolvenza risulta in una procedura penale;
quando nel procedimento penale limprenditore irreperibile (se latitante, in fuga, in
fuga con la cassa, ecc.);
quando dal procedimento penale emergono fatti gravi sullinsolvenza;
o ancora:
quando risulta da una procedura civile (ad es. uningiunzione di pagamento e da questa
se ne scatenano molte altre) e solo se la segnalazione fatta alla Procura della
Repubblica effettuata da un giudice civile (non vale se la segnalazione fatta dalla
CONSOB).
Il fallimento richiesto dal PM non pi un ricorso dufficio come accadeva per la L.f. prima
della riforma del 2006, la differenza sta nel fatto che in questo caso la Procura della

12

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Repubblica si comporta al medesimo modo in cui si comporterebbe il creditore alla richiesta


dellistanza: tale istanza pu anche non essere concessa dal tribunale (contrariamente a prima
della riforma, in cui il provvedimento era aperto in automatico).
Principio di competenza del tribunale
Lart. 9 della L.f. introduce il concetto di tribunale competente, il quale rappresentato dalla
sede principale dellimpresa principio territoriale inderogabile. La sede principale la
sede in cui si danno le direttive atte allo svolgimento dellimpresa, il luogo in cui risiede il
centro direttivo e amministrativo dellazienda e pu coincidere con la sede legale (= sede in cui
vengono fatte le comunicazioni, quella iscritta sul Registro delle Imprese). La sede principale
va individuata al momento della presentazione della domanda di fallimento; lart. 9 della L.f.
comma 2 prevede, per evitare di sottrarsi, da parte del richiedente, a un tribunale a lui poco
piacevole, che il trasferimento debba essere fatto almeno un anno prima rispetto la domanda
di fallimento. Lart. 9 comma 3 prevede che, in caso di trasferimento allestero della societ
durante il suo fallimento, si mantenga comunque la sede principale nella sede originaria
italiana, cosicch la causa di fallimento si svolga comunque in Italia. Inoltre vi un
regolamento comunitario che regola il fallimento di unimpresa avente la sede in Italia, e la
succursale in un paese dello Stato-membro, la quale insolvente: vi sono due fallimento, uno
principale, in Italia e uno secondario, che si dovr svolgere allinterno dello Stato-membro in
cui collocata lazienda in questione. Lart. 9 bis della L.f. regola il caso di fallimento previsto
da un tribunale incompetente: occorre integrarlo con un procedimento, il quale serve a
individuare la competenza, messo in atto dalla Corte di Cassazione. Lart. 9 ter della L.f.
disciplina il caso di una medesima istanza di fallimento messa in atto da due diversi tribunali:
semplicemente si dice che vince chi arriva prima, il tribunale che presenta successivamente
la domanda pu richiedere il regolamento di competenza alla Corte di Cassazione; in caso non
gli interessi richiedere tale provvedimento pu semplicemente inviare il fascicolo in questione
al tribunale arrivato per primo. Lart. 15 della. L.f. stabilisce quanto detto in precedenza, cio
che listanza di fallimento si svolga in Camera di Consiglio in forma collegiale. Inoltre prevede
lobbligo del contraddittorio, ossia il tribunale obbligato a convocare sia il creditore che il
debitore: tra la data di notifica e quella di udienza devono passare almeno 15 gg in modo tale
da consentire la difesa da parte del creditore (che poi sar eventualmente esplicata durante
la medesima udienza). In casi particolari tale termine pu essere abbreviato: nel caso di una
sollecita dichiarazione di fallimento, la quale, comunque, non farebbe cadere in prescrizione
unipoteca giudiziale ad es. Lart. 67 della L.f., a tal proposito, enuncia che si cancella
unipoteca, quando essa prescritta 6 mesi prima. Ci accade poich vi la necessit da parte
del tribunale di tutelare tutti i creditori, e non solo quello titolare del diritto dipoteca.
Udienza
Durante ludienza il Collegio pu delegare un giudice relatore per provvedere allammissione
dei documenti accertati delle due parti in questione, il quale pu istruire reciprocamente le
parti. Obbligatoriamente previsto solo il principio del contraddittorio: entrambe le parti
devono essere ascoltate per capire se sussista o meno linsolvenza. Il tribunale, durante
questo periodo di verifica, pu emettere un procedimento cautelativo dinsolvenza a tutela
del patrimonio dellimpresa (a livello temporaneo) affidandolo a un custode giudiziario: a esito
dellistruttoria il tribunale conclude mediante:

13

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

una sentenza, la quale dichiara il fallimento dellazienda in questione;


un decreto in cui si respinge il fallimento;
un provvedimento che ha la funzione di dichiarare la propria incompetenza, cos
facendo si trasferiscono gli atti acquisiti al tribunale di competenza.

Procedimento di fallimento
Lart. 16 della L.f., stabilisce che il tribunale, nelle sentenze di fallimento, accolga la
risoluzione, o respinga determinando il risarcimento.
La sentenza fallimentare quella sentenza in cui viene accertata linsolvenza, dalla quale
deriver lapertura di una procedura tributaria. Si tratta di una sentenza di natura
organizzativa, in cui si determinano varie fasi:
la nomina del giudice delegato, colui che sorveglia lesecuzione della procedura;
la nomina del curatore, il quale ha il compito principale di tutelare i creditori e gestisce
il fallimento;
la richiesta al fallito, qualora non lo avesse ancora fatto, del deposito dei documenti
probatori: tale deposito potrebbe anche non avvenire;
la conferma di stabilire un luogo, un giorno, e unora in cui si procede allesame dello
stato passivo, ossia la verifica dei crediti vantati dai terzi nello stesso stato passivo.
Tale data deve essere fissata entro 120 gg, e pu essere prorogata in 180 gg per i casi
pi complessi;
laffermazione di un termine ai creditori i quali vantano un diritto reale di 30 gg al fine
di presentare nella cancelleria del tribunale le domande per lammissione al passivo (=
secondo lart. 16 comma 2 della L.f.).
La sentenza del fallimento produce i suoi effetti dal momento del deposito in cancelleria (=
deposito della sentenza) nei confronti del debitore fallendo, mentre per quanto riguarda i
terzi essa efficace quando tale operazione iscritto nel Registro dellImpresa da parte
della medesima cancelleria. Di solito:
data di deposito della sentenza = data discrizione della sentenza nel Registro delle Imprese
La sentenza viene notificata al debitore entro il giorno successivo il suo deposito presso il
domicilio eletto, ossia quello fornito dallo stesso allo scopo delle notifiche dei provvedimenti
da parte del tribunale (ad es. quello del commercialista di fiducia). Per lart. 17 della L.f., la

14

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

sentenza deve essere comunicata anche al PM e al curatore (= organo della procedura che
deve sapere quando inizia il suo ruolo di gestore del fallimento stesso; ruolo svolto da un
commercialista o da un avvocato, solitamente).
Reclamo
Le notifiche del tribunale hanno lo scopo di comunicare il fallimento dellimprenditore, e per
consentire allo stesso di opporsi alla sentenza in casi in cui il debitore medesimo non abbia
richiesto, egli stesso, il fallimento (se lo avesse chiesto lui non potrebbe opporsi). Tale
opposizione pu essere posta anche da qualunque interessato, dove per qualunque interessato
sintende ad es. lerede del defunto che sta per fallire (caso difficile).
Reclamo contro la sentenza di fallimento
Il reclamo pu essere richiesto entro 30 gg dal deposito della sentenza dal fallito, entro 30
gg dalliscrizione del Registro delle Imprese dai terzi. Tale atto si fa mediante ricorso ( atto
citazione, il quale prevede la chiamata in causa delle controparti), atto in cui non viene
chiamata in causa la controparte, rappresentata dal curatore, depositato presso la cancelleria
della Corte di Appello. Durante il reclamo viene chiesta la cancellazione/revoca del fallimento
per ragioni sostanziali (la non insolvenza: causa pi diffusa) o per ragioni processuali
(riguardano i vizi del procedimento per la dichiarazione del fallimento. Lart. 18 della L.f.
prevede che il ricorsa contenga:
lindicazione della Corte dAppello competente;
lindicazione di chi impugna;
lesposizione dei fatti per i quali si impugna;
la fornitura da parte del ricorrente dei mezzi di prova di cui vuole avvalersi.
Gli effetti del reclamo sono:
la non sospensione del fallimento, almeno che il richiedente non domandi linterruzione
della vendita dellattivo o per motivi gravi derivanti dalla stessa vendita;
5 gg dopo il deposito del reclamo il Presidente della Corte dAppello stabilisce chi il
giudice che si occuper della causa, e fissa ludienza entro 60 gg;
la notificazione del reclamo deve essere fatta al curatore entro 15 gg: tra la data di
notifica e quella di udienza devono intercorrere 30 gg.
Il curatore si pu opporre al reclamo 10 gg prima delludienza, in cui costituir, depositando
una memoria in cancelleria, le ragioni per le quali il fallimento deve proseguire. Qualunque
interessato pu far valere le ragioni di entrambe le parti: pi diffuso il caso del creditore
che d ragione al curatore. Durante ludienza che si svolge collegialmente (da 3 giudici),
vengono sentiti lopponente, il quale chiede un termine ulteriore per la dimostrazione, o la
Corte dAppello stessa che chiede tale prolunga al fine di accertamenti. Finita tale fase
distruttoria si provvede al ricorso che pu terminare con:
sentenza: revoca del fallimento, non determina automaticamente la cessazione del
fallimento, occorre attendere che la sentenza passi in giudicato (= che siano scaduti i
termini per eventuali ricorsi in Cassazione). Lart. 18 comma 15 della L.f., per
stabilisce quello che il curatore ha comunque compiuto nel pieno rispetto delle regole
derivanti dalla procedura fallimentare, ormai valido. La revoca del fallimento va

15

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

distinta dalla chiusura del fallimento, la quale rappresenta la procedura conclusiva del
procedimento che si realizzato, mentre nella revoca venuto meno ab origine, salvo
gli atti gi compiuti dai curatori (che comunque ogniqualvolta vengono informati
dellistanza adottano un atteggiamento prudente per evitare le eventuali responsabilit
che inevitabilmente si troverebbero davanti in caso di reclamo);
sentenza; il fallimento prosegue;
sentenza: il tribunale dichiara lincompetenza.
Reclamo contro il decreto che respinge listanza di fallimento
Reclamo che viene chiesto alla Corte dAppello per far s che il debitore fallisca. Viene chiesto
entro 30 gg dalla pubblicazione del decreto presso la medesima Corte dAppello, la quale
sentite le parti in Camera di Consiglio decide con decreto motivato:
di respingere il reclamo (non vi fallimento);
di accogliere il reclamo: in pratica enuncia che il debitore pu fallire, senza per
emettere sentenza di fallimento, ma rimette tale possibilit al tribunale competente,
ossia fa in modo che questo produca la suddetta sentenza.
Se durante tutto questo iter, passa il termine di un anno, il debitore non pu pi fallire.
Organi del fallimento
Soggetti che a vario titolo hanno delle competenze nella procedura fallimentare:
tribunale;
giudice delegato;
curatore;
comitato dei creditori.
Prima della riforma del 2006/2007 il ruolo di comando della gestione di un fallimento era in
capo al giudice delegato, e solo in secondo piano il tribunale si occupava della gestione
indiretta sulla prosecuzione della procedura fallimentare medesima (ruolo forte del giudice).
Dopo la riforma del 2006/2007 il ruolo del giudice meno forte, ma viene potenziato quello
del curatore e quello del comitato dei creditori (= organo collegiale composto da 3 o 5
creditori), il quale ha un ruolo decisivo e autonomo nellambito del fallimento. Si riserva al
giudice delegato e al tribunale un ruolo il pi giudiziario possibile, per la risoluzione delle
controversie, e non pi un ruolo gestionale (da organo supremo di gestione, a organo decisorio).
In base allart. 23 della L.f. il tribunale nomina, revoca, sostituisce gli organi della procedura,
quando questo non sia compito del giudice delegato. Mentre lart. 24 della L.f. enuncia che il
tribunale fallimentare sia lorgano competente a conoscere tutte le operazioni della gestione
fallimentare. Per questo motivo nella sua posizione non pu avere al suo interno il giudice
delegato: si creerebbe unevidente contraddizione (principio introdotto di recente nel diritto
fallimentare). Gli artt. 23-24 della L.f. riguardano in particolare: lart. 24 della L.f. riguarda le
cause, le liti che possono insorgere durante il fallimento, mentre lart. 23 della L.f. riguarda la
giurisdizione non contenziosa relativa alla prosecuzione del fallimento medesimo, con
particolare interesse alle procedure, infatti si svolge in rito camerale (rito che non prevede
delle particolari regole). Lart. 26 della L.f. dice che pu essere fatto reclamo davanti alla
Corte dAppello entro 10 gg dalla notificazione del provvedimento fallimentare: non viene

16

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

detto nulla sul ricorso in Cassazione per i provvedimenti della Corte dAppello, allora si fa
riferimento sullart. 111 della Costituzione, per il quale prevista comunque la possibilit di
giudizio in Cassazione (solo per quanto riguarda i diritti soggettivi assoluti, per gli altri diritti
organizzativi non possibile ricorrervi). Sempre lart. 24 della L.f. prevede che derivino dal
fallimento (= azioni che derivano dal fallimento, azioni ancillari):
laccertamento passivo;
azioni revocatorie fallimentari.
Entrambe queste azioni sono di competenza del tribunale fallimentare. Mentre non sono di
competenza di tale tribunale le azioni eseguite al di fuori del procedimento fallimentare, come
ad es. le azioni di responsabilit contro gli amministratori della societ fallita per atti dolosi o
colposi (artt. 2292-2293-2294 c.c.)
Il giudice delegato
Viene nominato dal tribunale nella sentenza che dichiara il fallimento, ha un ruolo di controllo
generale sulla procedura (il curatore, invece, il gestore patrimoniale). Egli colui che
controlla il curatore per lart. 45 della L.f., infatti vigila e controlla sulla regolarit della
procedura, e ancora provvede entro 15 gg dal reclamo a ricorrere contro il curatore
medesimo, o autorizza lo stesso a intraprendere le cause. In pratica il giudice delegato ha le
seguenti funzioni:
funzione di controllo amministrativo: sulle procedure;
funzione giurisdizionale: contestuale allaccertamento sui contenziosi tra gli organi del
fallimento.
Questo ultimo ruolo giurisdizionale per la risoluzione dei contenziosi pu anche essere
considerata una funzione di controllo sulla procedura ruolo decisorio atipico per un giudice,
infatti questo ha anche il compito di amministrare il fallimento: per poterlo gestire bisogna
possedere competenze economico-gestionali. Il giudice delegato non superiore,
gerarchicamente, al curatore, ma pu controllare sui suoi atti. Lart. 25 comma 1 della L.f.
prevede un compito importante, quello di emettere e provocare (a fronte delle competenti
autorit) i provvedimenti urgenti per la conservazione del patrimonio, detti decreti di
acquisizione: il giudice delegato fa rientrare autoritativamente nella massa attiva, beni che
sono restati fuori rispetto allinventario dellattivo, o che sono sorti dopo la dichiarazione del
fallimento. Limite: non sono ammessi in tale categoria di beni quando essi coincidono con i
diritti di terzi, che quindi ne possono rivendicare il possesso.
Il potere del giudice delegato, che non indicato nellart. 25 della L.f., quello di nominare il
comitato dei creditori. I decreti del giudice delegato sono impugnabili (quando comunicati).
Il curatore
E il tecnico della procedura: amministra e gestisce la vendita patrimoniale fallimentare.
Organo centrale della gestione della medesima procedura: un terzo imparziale, un pubblico
ufficiale che ha un ruolo fiduciario nei confronti dei creditori (tutela i loro interessi).
Talvolta, per, una sorta di successore del fallito, poich si comporta esattamente come
farebbe questo, e ancora in altre situazioni si comporta esattamente come farebbero i
creditori, ad es. nel caso di verifica del passivo. Il curatore un organo uni personale, pu

17

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

essere una persona fisica o uno studio professionale associato con indicazione della persona
fisica responsabile delle procedure. Per essere curatore occorrono dei requisiti positivi, i
quali:
essere avvocato;
essere dottore commercialista: compito pi adatto a tale figura per le competenze
richieste, gestionali, tributarie, lavoristiche, previdenziali (comunque individuare il
curatore una scelta del tribunale);
essere ragioniere;
essere ragioniere commercialista;
essere un soggetto che ha svolto mansioni di amministrazione e di controllo allinterno
di una SPA; tale soggetto non deve essere dichiarato fallito; il pi delle volte si tratta
di un manager.
I requisiti negativi per essere curatore sono:
non deve essere il coniuge e/o un parente affine entro il IV grado del fallito;
non deve essere un creditore;
non deve essere chiunque abbia un conflitto di interessi nei confronti della procedura
fallimentare.
Il curatore entro 2 gg successivi alla sua nomina deve far pervenire la sua accettazione al
giudice delegato, per lart. 29 della L.f.. Solo dopo derivano gli obblighi della stessa. Mentre il
suo potere cessa solo mediante decreto motivato (revoca); vi sono altre ipotesi, oltre la
revoca che fanno cessare il potere del curatore, ma queste non sono previste dalla legge,
come ad es. in caso di morte o di dimissioni dello stesso. In questi casi non tutelati dalla L.f. si
provvede, mediante sostituzione fatta dal tribunale, in applicazione dellart. 37 bis della L.f..
Il curatore deve svolgere le operazioni personalmente, ma pu anche nominare un
coadiuvatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori. Il compenso del coadiuvatore
detratto direttamente da quello del curatore, il quale anche responsabile dello stesso.
Secondo lart. 32 della L.f. il curatore deve compiere personalmente le azioni del proprio
ufficio, rispetto il suo ruolo fiduciario, nei confronti del tribunale che lo ha nominato.
Compiti del curatore: sono i seguenti:
amministrare il patrimonio fallimentare, gestirlo sotto la vigilanza del giudice delegato
e del comitato dei creditori (art. 31 della L.f.);
mandare avanti la procedura fallimentare, fare in modo che il patrimonio venga
quantificato al meglio; portare avanti fino al completamento del fallimento;
rappresentare in giudizio (ruolo giudiziale) limpresa fallita;
dialogare costantemente con il giudice delegato per il rapporto fiduciario sorto.
Gestione del patrimonio: tale gestione effettuata dal curatore sempre sotto vigilanza: gli
atti di ordinaria amministrazione vengono compiuti dal curatore in massima libert, mentre
quelli di straordinaria amministrazione, ai sensi dellart. 35 della L.f., vengono eseguiti previa
autorizzazione del comitato dei creditori (prima della riforma: tale autorizzazione veniva dal
giudice delegato o dal tribunale). Questi ultimi atti sono rappresentati da:
transazioni;
rinuncia dei crediti;

18

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

rinuncia alle cause;


riconoscimento di un diritto di terzi;
riconoscimento di ipoteche;
ecc.;
e atti di straordinaria amministrazione in genere.
In caso di atti di straordinaria amministrazione superiori ai 50.000 , oltre allautorizzazione
del comitato dei creditori, necessario informare anche il giudice delegato, perch tali atti
sono anche quelli che possono portare alla revoca dello stesso curatore che li mette in atto.
Rappresentazione processuale del curatore: il curatore un organo esterno alla procedura,
che per, in sede sostanziale e processuale, rappresenta limpresa durante il procedimento
fallimentare. Infatti egli tiene tutti i rapporti economici del fallito (tale funzione viene
analizzata sotto diversi punti di vista: come successore del fallito, come terzo soggetto del
fallito; opinione prevalente che sia un terzo soggetto del passivo, ci dimostrato dal fatto
che in sede di apertura del fallimento, i giudizi pendenti in capo al fallito si interrompono, ai
sensi dellart. 43 della L.f., i quali possono essere ripresi in considerazione dopo 6 mesi dallo
stesso curatore, oppure possono si estinguono, in pratica il curatore medesimo a decidere se
continuare o meno i processi in capo al debitore fallito: in ogni caso non possono essere
continuati quei processi sorti prima del fallimento messi in atto dai creditori, e durante il suo
svolgimento, tali creditori siano compresi nella totalit dei crediti da accertare; visto che la
procedura fallimentare rappresenta anche la sede che accerta i vari crediti, il processo
aperto si interrompe perch non ha senso di esistere).
Il curatore ha anche delle funzioni pi amministrative, le quali sono previste da norme sparse
della L.f.:
redigere lelenco dei beni del fallimento, partendo dal libro degli inventari
dellimprenditore;
prendere in consegna tali beni, che entrano in possesso del curatore stesso;
prendere nota in un apposito registro di tutte le operazioni effettuate per i rapporti
di cui si fatto carico;
lart. 104 ter della L.f. predispone che il curatore rediga il programma della
liquidazione, il quale entro 60 gg dallinventario viene predisposto, che viene
sottoposto al controllo del comitato dei creditori (in esso sono tracciate le linee guida
riguardante la vendita delle attivit). E in questa sede che il curatore prevede, se
eventualmente, vendere lazienda tutta insieme (azienda che viva) o meno, stabilendo,
quindi di conseguenza lesercizio provvisorio dellattivit o meno (lesercizio
provvisorio dellattivit indispensabile qualora si voglia vendere limpresa nel suo
complesso). Tale esercizio comporta una sfida per il curatore poich uno di quei casi
in cui si manda avanti unimpresa senza limprenditore. Nel programma della
liquidazione, devono essere indicate le eventuali azioni risarcitorie e/o revocatorie,
come ad es. quelle sulla responsabilit.. In definitiva si pu dire che il programma della
liquidazione il programma gestorio del curatore;
deve accollarsi anche un compito informativo, previsto dallex art.33 della L.f., che ha
lo scopo appunto di informare il giudice delegato entro 60 gg dalla redazione del
programma della liquidazione: questa relazione finalizzata a fornire al giudice

19

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

delegato stesso, nonch al comitato dei creditori, informazioni su eventuali


responsabilit del debitore e che sono ricorribili in sede civile e/o penale (ad es. nel
caso di bancarotta fraudolenta).
Responsabilit del curatore, disciplinata dallart. 48 della L.f., qualora non abbia adempiuto ai
suoi doveri, egli rischia la revoca. In tal caso viene nominato un altro curatore che si assume la
responsabilit contrattuale, che si basa sulla diligenza di natura tecnico-professionale (da
diligenza del buon padre di famiglia) che assomiglia a quella prevista per gli amministratori di
una SPA.
Quando il curatore cessa dal suo incarico (in caso di rinuncia, di revoca o semplicemente di
conclusione della procedura concorsuale) deve rendere il conto (come previsto nel caso dei
mandatari, questo perch vengono gestiti dei beni per conto del creditore), ai sensi dellart.
116 della L.f. comma 3, ossia devono essere indicate in un documento apposito tutte le
operazioni contabili svoltesi durante la procedura di fallimento. I creditori ricevono tale
rendiconto dopo il giudice delegato, e dopo essere stato depositato in cancelleria del tribunale
dallo stesso (mediante tale procedura il rendiconto formalmente legalizzato), e vengono
invitati in unudienza dove esso viene approvato. Una volta approvato, viene meno qualunque
responsabilit in capo al curatore (momento importante).
Compenso del curatore: lart. 33 della L.f. prevede che il compenso e le spese in capo al
curatore debbano essere determinati dal tribunale dopo lapprovazione del rendiconto, il quale
necessita dellapprovazione del giudice delegato. Siccome accade spesso che la procedura
fallimentare duri anni, il tribunale prevede degli acconti rispetto a quello che sar il compenso
totale del curatore, i quali sono determinati sulla base di tariffe professionali e parametrati
in base alle attivit patrimoniali (in base alla bravura del curatore di liquidare al maggior
valore possibile le attivit) e in base alle passivit patrimoniali (in questo caso egli non ha alcun
merito/demerito che in capo allimprenditore, ma pi grande il passivo e pi complessa sar
la procedura, la quale appunto richiede elevata professionalit del curatore). Il compenso
viene pagato in prededuzione rispetto ai crediti dei creditori per lart. 111 comma 1 della L.f. e
per lart. 111 bis della L.f., per i quali le somme ricavate per la liquidazione dellattivo debbano
essere utilizzati alla copertura dei crediti prededucibili, quelli sorti nel corso della procedura
concorsuale, come appunto risulta il compenso del curatore. In caso il curatore contesti il suo
compenso pagatogli dal tribunale pu fare riferimento allart. 39 della L.f., il oggetto di
diverse interpretazioni: lopinione prevalente riguarda il fatto che tale norma rientri nel caso
del reclamo contro i provvedimenti del giudice delegato e del tribunale.
Comitato dei creditori
Tutelato dagli artt. 40-41 della L.f.. Organo completamente ridisegnato dopo la riforma del
2006 (prima di tale riforma, infatti, era completamente inutile: se i creditori esponevano un
parere negativo, non contava, poich la decisione finale era sempre in capo al giudice
delegato). Attualmente il ruolo del giudice meno centrale, mentre diventato pi importante
quello dei creditori. Tale comitato nominato dal giudice delegato entro 30 gg dal fallimento,
ed composto da 3 o 5 membri scelti tra tutti i creditori per rappresentare in maniera
calibrata la quantit e la qualit del credito totale, per lart. 40 della L.f.. Il comitato nomina
poi il suo presidente; se qualche membro si dimette viene sostituito dal giudice delegato. Il

20

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

comitato delibera collegialmente a maggioranza previa convocazione. Lart. 41 della L.f. elenca
i compiti del comitato:
vigila sugli atti del curatore;
autorizza gli atti del curatore;
esprime parere sugli atti del giudice delegato e del tribunale, motivandoli.
Il curatore, in alcuni atti (di straordinaria amministrazione), non pu agire se non previa
autorizzazione del comitato dei creditori. Esso ha il compito importante di approvare il
programma della liquidazione (cos facendo entra pesantemente nella gestione; la sua funzione
ricorda quella del Collegio sindacale della SPA). Se il comitato, in caso non esprima parere
entro i 15 gg previsti per latto che dovrebbe espletare il curatore, e questultimo lo svolge
comunque perch lo ritiene di particolare importanza vizio di legittimit del
provvedimento a livello interno, la responsabilit del curatore che lo ha posto in essere
comunque, e dei creditori che non hanno risposto entro il termine previsto. Tale vizio non
agisce nei confronti dei terzi, quindi latto rimane valido. Comunque in caso di inerzia del
comitato dei creditori, il curatore pu sostituire il loro parere con quello del giudice delegato,
manlevandosi cos di qualunque responsabilit per lart. 41 della L.f. comma 4 (provvedimento
sostitutivo del giudice delegato).
Il comitato dei creditori ha diritto a un rimborso spese, e se la maggioranza dei creditori
daccordo, si pu addirittura stabilire un compenso che non deve essere superiore a 1/10 di
quello del curatore (la prassi, solitamente, non prevede alcun compenso). Per similitudine:
comitato dei creditori
art. 41 della L.f. comma 7

Collegio sindacale
art. 2407 c.c.

rinvio

per le azioni di responsabilit contro il comitato dei creditori, promosse dal curatore
Effetti del fallimento

Tali effetti possono riguardare:


il fallito;
i creditori;
altri soggetti che hanno pregiudicato i creditori;
coloro che hanno degli atti pendenti a causa dellapertura del procedimento di
fallimento.
Ratio: attraverso la disciplina si vuole soddisfare al massimo i creditori nel rispetto della par
condicio di tutti i crediti.
Effetti del fallimento sul fallito
Gli organi del fallimento devono avere il controllo dei beni del fallito per soddisfare il pi
rapidamente possibile la ragione dei creditori. Tale processo denominato spossessamento
del fallito, dovuto dalla gestione del suo patrimonio, in base allart. 42 comma 1 della L.f.: il
fallito viene estromesso dalla gestione del proprio patrimonio; in caso di societ gli
amministratori rimangono in carica, ma non contano pi niente. Alla chiusura della procedura

21

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

fallimentare, gli eventuali beni rimanenti (non succede quasi mai che rimangano dei beni dopo il
fallimento) ritornano nel possesso degli amministratori, poich non vi un atto di
trasferimento della propriet da questi al curatore durante la procedura concorsuale, quindi
se non vengono venduti tornano nelle mani del legittimo proprietario. Si tratta di uno
spossessamento relativo, ossia riguarda solo una parte dei beni del fallito (beni = beni mobili,
beni immobili, crediti), i quali:
i beni dellimpresa;
i beni entrati a far parte di essa dopo lapertura del fallimento.
Lo spossessamento, quindi, riguarda tutti i beni che al momento della procedura concorsuale
sono in possesso del debitore, anche in riguardo a quelli che non sono suoi (acquistati mediante
finanziamento): vi , naturalmente, un procedimento per consentire al terzo effettivamente
proprietario di tale bene di riprenderselo procedimento di rivendica, previsto dallart. 103
della L.f.. Ancora rientrano nei beni dellimprenditore fallito, quelli dello stesso, ma che al
momento non sono in suo possesso al momento dello spossessamento, per lart. 5 della L.f.
comma 2. Infine tale azione di spossessamento non si estende ai beni appena citati, per lart.
42 comma 3 della L.f., nel caso essi siano di minor valore rispetto al costo che bisognerebbe
sostenere per il loro recupero (logica economica) in modo tale da evitare operazioni non
convenienti. Lart. 46 della L.f. elenca i beni che non possono essere assoggettati ai vincoli
fallimentari, i quali:
i beni/i diritti di natura strettamente personale;
i beni personalissimi, impignorabili per legge: ad es. per i professanti del culto le cose
sacre, la fede nuziale, i vestiti, la biancheria, il frigorifero, il fornello della cucina, le
sedie, il tavolo e tutta una serie di beni indispensabili alla sopravvivenza;
assegni aventi carattere di sussistenza, come pensioni, stipendi, lasciati stare in base a
quanto serve al fallito e alla sua famiglia per il mantenimento;
ancora vi un diritto del fallito, il quale pu richiedere un sussidio per gli alimenti (art.
47 della L.f.). Va sentito il parere del comitato dei creditori, perch tale
provvedimento va a scapito loro;
la casa del fallito viene lasciata stare fino al termine della liquidazione dellattiva: in
pratica viene liquidata per ultima, cos facendo si lascia limmobile a disposizione del
fallito e della propria famiglia fino a che non se ne pu fare a meno.

22

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Lart. 43 della L.f. tratta la perdita della legittimazione processuale del fallito sia attiva che
passiva, ossia la capacit dello stesso di essere parte in causa in un processo. Per le cause che
sono cominciate in un periodo anteriore al fallimento e che continuano, tale capacit viene
trasferita al curatore: questa una conseguenza dello spossessamento. Tale condizione di
subentro del curatore segue per delle regole:
il subentro riguarda solo le cause di diritti patrimoniali relativi al fallito, la perdita
della legittimazione processuale non riguarda le cause con oggetto beni o rapporti
personali;
il subentro del curatore comunque non automatico: non detto che il curatore abbia
lo stesso punto di vista del fallito, ossia la causa pu non essere condivisa dal curatore
art. 43 della L.f. comma 3: dice che lapertura del fallimento determina
linterruzione del processo. In tale sede deve essere comunicato che il soggetto in
giudizio fallito al tribunale in questione, e quando il processo si interrompe pu
essere riassunto entro 6 mesi dallinterruzione stessa, cosicch il giudizio prosegua
davanti allo stesso giudice, alla medesima fase processuale in cui si interrotto. Tutti i
giudizi possono proseguire, tranne quelli inerenti allaccertamento dei crediti nei
confronti del fallito e quelli riguardanti la restituzione di beni. Questo perch tali
argomenti devono essere trattati in un foro (= luogo) speciali di giudizio ( giudizio
accertamento passivo) nellambito del processo fallimentare.
Lart. 41 della L.f., sempre in conseguenza dello spossessamento dei beni in capo al debitore
fallito, enuncia che tutti gli atti compiuti dal fallito, in seguito allapertura della procedura
fallimentare, siano inefficaci rispetto ai creditori. Ancora inefficaci risultano gli atti riferiti

23

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

a dei pagamenti di somme di denaro al fallito (il fallito non pu vendere un bene e non pu
ricevere alcun pagamento). In qual caso deve restituire quanto ricavato agli organi della
procedura. Sempre per tale articolo conta solo la situazione di fatto e non lo stato psicologico
della parte che in buona fede ha eseguito loperazione non consentita (ad es. non sapeva che il
debitore fosse effettivamente fallito).
Sempre in conseguenza allo spossessamento, lart. 45 della L.f., parla di formalit necessarie
(= le trascrizioni che bisognano per rendere visibile e/o opponibile ai terzi qualcosa, come ad
es. la trascrizione dei Registri immobiliari della vendita di un immobile) per determinate azioni
eseguite successivamente alla dichiarazione di fallimento, con effetti post fallimento: tali
formalit rendono inefficace lazione intrapresa poich essa pubblicata in pubblici registri,
in pratica nei confronti di tale azione ci si comporta come se essa non fosse mai avvenuta.
Unaltra formalit prevista dallart. sopracitato quella della data certa di scritture private
non autenticate dal notaio: in pratica riguarda quelle scritture private fatte su un pezzo di
carta sottoscritte dal debitore fallito e da un terzo in bonis, nelle quali il debitore riconosce
dei diritti al terzo. E importante per il terzo in bonis che il fallito riconosca il suo diritto il
quale viene preso in considerazione nella procedura fallimentare (ad es. per il caso
delliscrizione al passivo fallimentare del debito dovuto al terzo in bonis medesimo) solo se la
data certa per evitare abusi. Le scritture aventi data certa hanno le seguenti
caratteristiche:
sono atti pubblici;
sono scritture private autenticate;
sono scritture private non autenticate sottoscritte da un soggetto deceduto in un
periodo anteriore al fallimento;
sono scritture private non autenticate sottoscritte da un soggetto per cui
sopravvenuta lincapacit fisica dopo la dichiarazione di fallimento;
sono scritture private non autenticate le quali hanno contenuti uguali a un atto pubblico
sottoscritto prima del fallimento;
si tratta di qualunque atto o fatto che stabilisca lanteriorit allapertura del
fallimento, che abbia prodotto una qualche conseguenza anteriore alla procedura
concorsuale.
La data certa non pu essere provata da testimoni.
Effetti personali del fallimento verso il fallito
Prima della riforma del 2006 tali effetti erano drammatici, infatti:
la corrispondenza (tutta) era consegnata al curatore, che ne controllava la natura e poi
consegnava al fallito lettere e/o cartoline personali;
lex art. 49 della L.f. prevedeva che il fallito non si allontanasse dalla sua residenza, se
non previa comunicazione al giudice delegato, che poteva accordare o meno il fatto;
lex art. 50 della L.f. prevedeva il pubblico registro dei falliti, finch una persona vi era
iscritta essa veniva privata dei diritti civili, quali lelettorato sia attivo che passivo.
Per fortuna dopo la riforma del 2006 la situazione invalidante stata nettamente migliorata:
la corrispondenza resta al fallito persona fisica che tenuto solo a consegnare la
corrispondenza (anche quella elettronica) al curatore che riguardi i rapporti

24

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

patrimoniali. Il fallito non persona fisica (societ) deve consegnare in ogni caso tutta la
posta al curatore, poich questa riguarda senza dubbio rapporti patrimoniali della
stessa e non pu essere di natura personale;
lart. 49 della L.f. riguarda i rapporti con gli organi del fallimento, quindi il debitore
tenuto a comunicare lo spostamento della residenza e/o del domicilio, e dovr
presentarsi in tribunale quando convenuto;
il pubblico registro dei falliti stato abrogato poich era troppo infamante e perch si
veniva cancellati solo dopo la cosiddetta riabilitazione (ex art. 147 della L.f.), la quale
veniva concessa solo al fallito che aveva pagato tutti i creditori, o almeno il 25% dei
crediti chirografari o ancora se aveva tenuto una buona condotta per almeno 5 anni:
in pratica il fallito persona fisica aveva la vita pressoch rovinata.
Nonostante labrogazione del pubblico registro dei falliti non sono venute meno tutte le
limitazioni riguardo le incapacit del fallito, le quali sono ancora previste dal c.c.:
non pu essere tutore (perch essere tutore prevede di possedere la capacit
gestionale del patrimonio del minore);
non pu essere amministratore di SPA e SRL;
non pu essere sindaco di SPA;
non pu essere membro di organi gestori delle SPA (non pu avere incarichi societari di
contenuto economico);
non pu fare lavvocato, il commercialista, il notaio poich si tratta di professioni
aventi contenuto economico: questo provvedimento contestato da alcuni che lo
vedono esagerato.
Comunque il fallito persona fisica pu svolgere un lavoro dipendente senza problemi, a parte il
fatto che il giudice delegato pu stabilire una decurtazione del suo stipendio a scopo
dellassolvimento dei crediti.
Effetti del fallimento per i creditori
Il fallimento rappresenta per i creditori una forma di esecuzione collettiva ai beni del fallito.
Da una parte vi il fatto che il patrimonio del debitore sia gestito da un curatore, dallaltra
parte vi sono delle norme necessarie per tutelare la parit di trattamento dei creditori, detta
par condicio. Si tratta di crediti sorti anteriormente alla dichiarazione di fallimento e
rappresentanti la massa passiva. La L.f. regola la massa passiva da norme ad hoc, come appena
visto, che determinano la par condicio, ma che dettano regole in base alle quali:
la scadenza dei debiti pecuniari che devono essere sorti prima del fallimento non deve
ancora essere avvenuta (in pratica si tratta di debiti non scaduti);
la corresponsione degli interessi che decorre dalla data del fallimento;
i debiti anche non liquidi non ancora determinati nel loro ammontare o in moneta
straniera devono essere commisurati alla data del fallimento.
Per trattare tutti i crediti al medesimo modo bisogna prendere in considerazione la regola
contenuta nellart. 51 della L.f., in base alla quale ciascun creditore non pu iniziare o
proseguire qualunque azione esecutiva o cautelare (sequestro o pignoramento) individuale: i
creditori o non iniziano nemmeno o interrompono la procedura poich lintero patrimonio deve

25

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

essere a disposizione di tutti i creditori per la par condicio. Quindi il fallimento segna la fine
di tutte le azioni di tutela individuale creditoria.
Le azioni che i curatori intraprendono contro i possibili responsabili del fallimento, a tutela
dei creditori, sono previste contro gli amministratori, i sindaci di societ, per lart. 2394 c.c.
(= soggetti non falliti). Spettano altres al curatore tutte quelle azioni che possono aumentare
la massa attiva del patrimonio fallimentare per lart. 2394 bis c.c. e per lart. 143 della L.f..
Lart. 51 della L.f. dice salvo altre disposizioni: questo significa che in alcuni casi la vendita di
beni pignorati o sequestrati espressamente prevista da altre leggi (ad es. il TUB prevede
che la banca possa far vendere il bene pignorato, ma non detto che gli convenga
farlo,dipende dal valore economico del bene in questione).
Lart. 52 della L.f. regola i comportamenti dei creditori, ossia si prevede che lapertura del
fallimento apra il concorso collettivo tra gli stessi in modo tale che si soddisfino sui beni
patrimoniali del fallito, mediante lintervento del curatore. La gerarchia rispettata per il
soddisfacimento dei crediti :
1. crediti prededucibili: quelli sorti dopo lapertura di istanza di fallimento;
2. crediti privilegiati: stabiliti per legge;
3. crediti chirografari: stabiliti per legge per deduzione rispetto a quelli privilegiati;
4. crediti subordinati o postergati: possono essere soddisfatti solo se sono pagati per
intero i chirografari, e sono ad es. i finanziamenti dei soci alla societ (art. 2467
comma 2 c.c. per le SRL, art. 2497 quinques c.c. per le SPA): tali soci hanno
rifinanziato la societ, quindi sono creditori rispetto la medesima, da non confondere
con il conferimento del capitale di rischio, in tal caso, infatti i soci non sono creditori
della societ.
In linea generale il fallimento sospende il corso degli interessi, ai sensi dellart. 55 comma 1
della L.f., almeno che i creditori non siano garantiti da ipoteca, pegno o privilegio nei limiti
dellart. 54 comma 3 della L.f., in cui si rinvia al c.c., pi precisamente allart. 2855 c.c., in cui
si stabilisce che i crediti ipotecari valgono per lannata in corso e per le due annate
precedenti. Lart. 54 comma 1 della L.f. si rivolge ai crediti privilegiati a carattere generale,
per i quali gli interessi decorrono fino alla data del primo pagamento effettuato (ad es. nel
caso del pagamento degli stipendi).

26

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Come gi detto in precedenza tutti i crediti si considerano scaduti dopo lapertura del
fallimento, non decorrono pi gli interessi degli stessi (eccezione fanno i crediti privilegiati), il
fallito non pu pi effettuare pagamenti e se ricevesse una somma di denaro, e non la
rimettesse allinterno della procedura di fallimento, colui che ha pagato (il debitore del
fallito) deve ripagare la somma per rimetterla a disposizione del patrimonio fallimentare.
Lart. 56 della L.f. regola la compensazione in sede di fallimento in favore dei soggetti che da
una parte si ritrovano a essere creditori verso il fallito e dallaltra debitori verso lo stesso. In
tal caso possibile compensare il credito con il debito che si ha nei confronti del fallito,
anche se il credito non sia scaduto prima del fallimento. In pratica:
soggetto A = imprenditore fallito
debito (1)
credito (1)
soggetto B = creditore del fallito
ma al medesimo tempo:
soggetto A = imprenditore fallito = creditore di soggetto B
credito (2)

27

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

debito (2)
soggetto B = creditore del fallito = debitore di soggetto A
quindi:
debito (2) credito (1) anche se non scaduto prima del fallimento

compensazione
Si tratta di un obbligazione simile rispetto alla compensazione prevista dal c.c., ma in pi in
sede fallimentare consentita quando il credito in bonis non sia scaduto prima del fallimento
estensione del c.c., si vuole evitare il fatto di non far riscuotere al creditore in bonis il suo
credito, per la salvaguardia del patrimonio, ma pretendendo dal medesimo la riscossione del
debito.
Lart. 56 comma 2 della L.f. prevede che il debitore dellimprenditore fallito di un debito non
ancora scaduto non possa acquistare da un terzo soggetto creditore del fallito medesimo un
credito al fine della compensazione (senza dover assolvere il suo debito, quindi): per evitare
tale forma di speculazione, la compensazione non vale per lacquisto di crediti non scaduti dopo
il fallimento o lanno precedente allo stesso. Tale divieto riguarda solo i crediti non scaduti, ma
consentito (anche se avviene dopo il fallimento) per i crediti gi scaduti, ossia la
compensazione consentita. Anche in sede fallimentare, come in quello civile, la
compensazione prevede dei requisiti (per essere consentita), i quali:
omogeneit dei due crediti i quali devono essere pecuniari o avere per oggetto beni
della stessa specie. Ulteriore elemento di omogeneit che entrambi devono essere
maturati prima o entrambi devono essere maturati dopo la dichiarazione del fallimento
(ad es. debiti verso la massa; debiti derivanti da revocatoria fallimentare);
i crediti devono essere liquidati, ossia occorre che ne sia accertata lesistenza;
autonomia dei due crediti: le rispettive pretese devono essere generate da due distinti
rapporti giuridici, perch se le due pretese sorgessero da un unico contratto ci si
ritroverebbe di fronte a un saldo che potrebbe essere attivo o passivo, come avviene
nel caso del c/c bancario e quindi non si potrebbe estinguere per revocatoria.
Sempre nellambito degli effetti del fallimento sui creditori, occorre menzionare gli artt. 6162-63 della L.f.. Lart. 61 della L.f. riguarda i creditori coobbligati in solido falliti. In pratica il
creditore di pi soggetti, i quali abbiano assunto in solido i loro debiti e che siano falliti,
concorre in tutti i fallimenti, e in caso uno dei debitori falliti paghi di pi rispetto agli altri,
pu richiedere la cosiddetta azione di regressione verso gli altri debitori, la quale si pu fare
solo dopo che il creditore sia stato completamente soddisfatto. Lart. 62 della L.f. riguarda il
fatto che il creditore il quale abbia ricevuto prima della dichiarazione di fallimento solo una
parte del credito da parte del fideiussore coobbligato, possa concorrere nel passivo
fallimentare solamente per la parte di credito non riscossa; al medesimo modo anche il
fideiussore coobbligato ammesso al passivo per la parte che ha pagato al creditore. Lart. 63
della L.f. riguarda il coobbligato fideiussore, il quale abbia chiesto in cambio al debitore un
pegno/unipoteca, che pu insinuarsi comunque nel passivo fallimentare, indipendentemente al
fatto che abbia o meno adempiuto, per lintera somma equivalente al valore del

28

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

pegno/dellipoteca ma tale ricavato spetta al creditore, se non avesse ancora adempiuto a


soddisfarlo.

Effetto del fallimento sugli atti pregiudizievoli ai creditori


Il fallimento consente di reintegrare il patrimonio del fallito entro un certo termine, al fine di
rispettare il principio della parit di trattamento tra tutti i creditori. Questo principio deve
essere rispettato sempre, quindi occorre porre particolare attenzione soprattutto agli ultimi
tempi della vita dellimpresa (che poi fallita), infatti, essa, in tale periodo molto
probabilmente era gi insolvente. Il problema quanto si pu andare indietro? 6 mesi, un anno,
due anni, i quali sono rispettivamente i periodi di sospetto. Il curatore ha la funzione delicata
di cercare un equilibrio tra il creditore che non ancora stato soddisfatto e quello che
stato pagato, e se il caso chiedere a questultimo la restituzione dello stesso al fine della
ricostituzione del patrimonio dellimpresa fallita, qualora questatto risultasse sospetto. Tali
atti sono denominati revocatorie. La revocatoria ordinaria disciplinata, a livello civilistico,
nellart. 2901 del c.c. e ai sensi dellart. 66 della L.f. si disciplina che essa debba essere
effettuata dal curatore. Altri tipi di revocatoria sono:
revocatoria straordinaria;
revocatoria a titolo gratuito;
revocatoria di crediti non scaduti dopo la dichiarazione di fallimento, pagati prima
della stessa;
revocatoria a titolo oneroso;
revocatoria degli atti tra coniugi, secondo lex art. 70 della L.f. era denominata
preannunciazione muciaria e faceva presumere che il coniuge del fallito comprava beni
col denaro dello stesso, se tali beni fossero stati acquistati entro i 5 anni precedenti al
fallimento. Lonere della prova era a carico del coniuge. Oggi la norma stata abrogata
perch ritenuta eccessiva, ed stata sostituita con lart. 69 della L.f..
Lart. 2901 del c.c. tratta la revocatoria ordinaria, la quale per lart. 66 della L.f., pu essere
sostenuta dal curatore che vuole conservare il patrimonio del debitore fallito, a tutela di tutti
i creditori. Tramite tale norma civilistica si rendono inefficaci gli atti patrimoniali posti in
essere dal fallito che mettono in pericolo il credito totale (atto pregiudizievole = atto
patrimoniale che mette in pericolo la somma di tutti i crediti di tutti i creditori), quando
concorrano le seguenti condizioni (art. 2901 c.c.):
il debitore conosce leffetto pregiudizievole dellatto posto in essere prima del
fallimento, in pratica ha fatto finta di nulla, se latto stesso avviene prima del sorgere
del credito;
se latto a titolo gratuito la conoscenza delleffetto pregiudizievole da parte
(solamente) del debitore;
se latto a titolo oneroso, per lart. 2901 c.c., la conoscenza delleffetto
pregiudizievole deve essere a capo non solo del debitore fallito, ma anche del terzo
protagonista anchesso dellazione stessa.
Quindi: in tutti i casi appena visti latto revocato. In ambito civilistico:

29

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

consapevolezza del pregiudizio (= effetto pregiudizievole)


+
dannosit dellatto nei confronti del creditore
deve essere provato dal creditore che agisce in revocatoria, solo a questo punto latto risulta
inefficace solo nei suoi confronti. In sede fallimentare tale azione pu essere promossa
esclusivamente dal curatore. Il terzo soggetto della revocatoria (colui che si ritrova a dover
restituire qualcosa oggetto dellatto pregiudizievole), comunque si insinuer nel passivo per la
parit dei diritti di tutti i creditori, i quali, diversamente dalla norma civilistica,
beneficeranno tutti dalla medesima revocatoria.
Sempre per lart. 2901 c.c. comma 3 non pu essere revocato il caso di un pagamento da parte
del fallito di un debito scaduto.
Revocatoria fallimentare
E prevista dallart. 66 della L.f. e si distingue in:
revocatoria ordinaria a titolo gratuito: occorre, come nellambito civilistico, la
consapevolezza solo da parte del debitore del pregiudizio;
revocatoria ordinaria a titolo oneroso: prevista dallart. 67 della L.f.. Tale
revocatoria pu essere classificata ancora in:
revocatoria ordinaria a titolo oneroso per gli atti anormali: art. 67 comma 1
della L.f.;
revocatoria ordinaria a titolo oneroso per gli atti normali: art. 67 comma 2
della L.f..
La domanda gi posta precedentemente : quanto andare prima rispetto alla dichiarazione di
fallimento (retrodatazione)? Certi ordinamenti lo stabiliscono per legge (quello italiano ad es.)
altri stabiliscono tale termine in maniera mobile (ad es. il caso francese). In Francia, infatti,
il termine precedente al fallimento stabilito dal giudice a seconda dei casi, in ogni caso non
pu superare i 18 mesi. Determinato il periodo di sospetto tutti gli atti a titolo gratuito (o
sospetti) sono inefficaci. Mentre per quanto riguarda gli atti normali (per cui si prevede un
corrispettivo economico) sono inefficaci solo se anche la controparte era a conoscenza del
pregiudizio.
In Italia la retrodatazione stabilita per legge. La revocatoria stato oggetto di riforma nel
2005, nel quale stato emanato un d.l. che, rispetto alla normativa precedente, ha dimezzato
il periodo sospetto. Infatti: prima della riforma:
due anni per gli atti anormali;
un anno per gli atti normali.
Dopo la riforma:
un anno per gli atti anormali;
6 mesi per gli atti normali.
Tale riforma del 2005 ha anche introdotto nuovi termini per lesenzione della revocatoria,
previsto dallart. 67 comma 3 della L.f.. Infatti: prima della riforma: la revocatoria poteva
essere effettuata fino a 5 anni dopo la dichiarazione di fallimento. Dopo la riforma: la

30

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

revocatoria pu essere effettuata fino a 3 anni dopo la dichiarazione di fallimento e non oltre
i 5 anni in cui avvenuto latto pregiudizievole. La ratio del d.l. del 2005 quella di proporre
una revocatoria meno severa rispetto a quella precedente, cos facendo si tutelata meglio la
parit dei creditori in ottica (obiettivo finale) della continuazione dellimpresa. Infatti la
revocatoria pi severa prevista in precedenza accelerava la morte dellazienda, e i creditori
non si fidavano a finanziare per paura di perdere quanto prestato (cosa che si voluta evitare
dopo il 2005).
Lart. 65 della L.f. regola gli atti a titolo gratuito i quali sono privi di effetto se compiuti due
anni prima del fallimento dallo stesso fallito (a parte il fatto del regalo duso) inefficacia
ex lege: la donazione a titolo gratuito nei due anni precedenti listanza di fallimento. In
pratica rappresentano quegli atti nei quali manca un corrispettivo, nei quali la
controprestazione contrattuale riguarda:
una donazione;
una rinuncia (di un diritto);
una remissione di un debito (rinuncia di un credito);
delle prestazioni di garanzia a favore di terzi.
Tutti gli atti appena nominati sono inefficaci ex lege se compiuti due anni precedentemente la
dichiarazione di fallimento.

31

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Immagine

Linefficacia dellatto comporta la restituzione di quanto dovuto, sempre ai sensi dellart. 65


della L.f. Ai sensi dellart. 44 della L.f. il fallito che continua a pagare debiti anche dopo la
dichiarazione del fallimento, in posizione non corretta: questa azione non si pu fare perch
tutti i crediti passano in consegna al curatore, il quale provveder a gestirli. Tuttavia tale
inconveniente accade spesso soprattutto nei primi giorni del fallimento.
La revocatoria disciplinata dallart. 67 comma 1 della L.f. riguarda gli atti anormali e gli atti
sproporzionati; mentre lart. 67 comma 2 della L.f. prevede gli atti normali e lart. 67 comma
3 della L.f. le esenzioni da revocatoria. In particolare lart. 67 comma 1 della L.f.:
atti sproporzionati: in cui vi una prestazione pi elevata di quanto effettivamente si
ricavi da essa (ad es. nel caso di un pagamento di un bene molto pi rispetto al suo
valore); per tale norma gli atti che superano del 25% il valore della prestazione
effettivo sono revocabili, il prezzo giusto va verificato alla data in cui il medesimo atto
posto in essere. Problema: la vendita in nero; essa riguarda il caso in cui il prezzo

32

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

vero non quello risultante dallatto medesimo: infatti questo pi alto. Nonostante
questo pu capitare che la sproporzione sia gi evincibile dallatto ufficiale: in norma di
legge vale questultimo a scopi fallimentari, eventualmente latto non ufficiale in cui
stato pattuito il prezzo realmente stabilito sar importante s, ma solo ai fini fiscali;
atti estintivi di debiti pecuniari scaduti non pagati in denaro: sono previsti dalla
legge solo in caso siano diffusi in un determinato settore, come ad es. la cessione di
crediti nel settore bancario e navale in cui la prassi prevede tali forme di pagamento
gi nel contratto. La norma, invece, si riferisce a fenomeni diversi in cui vengono
previsti pagamenti in denaro, ma per un motivo si paga in un altro modo (caso dubbio:
pagare la merce rimasta in magazzino invenduta mediante la restituzione della stessa);
garanzie per debiti preesistenti non scaduti: nel caso in cui limpresa fallita abbia un
debito verso un soggetto chirografario che a un certo punto misteriosamente diventa
un credito garantito da pegno/ipoteca, ossia il creditore chiede al fallendo una
garanzia prima della scadenza del debito. Tali atti sono revocabili se sono effettuati
entro lanno precedente al fallimento. La garanzia pu essere rappresentata da pegno,
ipoteca, anticresi: fattispecie volutamente elencate dal legislatore nella L.f.: ci, in
linea di massima, non vuol dire che al di fuori di queste elencate, le altre garanzie siano
escluse dalle fattispecie, come ad es. la cessione del credito: in tal caso il periodo
sospetto sempre lanno precedente al fallimento;
garanzie per debiti preesistenti e scaduti: e non pagati: il creditore chiede una
garanzia o comunque cerca di procurarsela. In tal caso il periodo sospetto non pi un
anno come nei casi visti precedentemente, ma 6 mesi precedentemente al fallimento,
poich alla scadenza del debito esso non viene pagato, ma in cambio viene prestata una
garanzia. Tale atto rientra comunque nellart. 67 comma 1 della L.f. (che appunto
prevede che il periodo sospetto sia di un anno, mentre lart. 67 comma 2 della L.f.
prevede che lo stesso sia di 6 mesi) perch rientra sempre nello stesso caso per
quanto concerne lonere della prova (lart. 67 comma 2 della L.f. prevede che lonere
della prova sia a carico del creditore, il quale deve dimostrare di non aver conosciuto lo
stato dinsolvenza in cui versava il debitore fallito (prova difficilissima).
Lart. 67 comma 2 riguarda gli atti normali come il pagamento di crediti esigibili, gli atti a
titolo oneroso (= i contratti) e gli atti costitutivi di un diritto di prelazione. Tali atti sono
revocabili se vengono compiuti 6 mesi prima rispetto al fallimento e se si prova la conoscenza
dellinsolvenza da parte della controparte, la quale deve essere provata dal curatore (lonere
della prova a carico del curatore).
Funzioni della revocatoria: la funzione principale dellazione di revocatoria quella di
ripristinare la parit di trattamento tra i creditori per quello che non stato pagato in
moneta concorsuale, ossia nella maggior parte dei fallimenti non si giunge mai allintera
soddisfazione di tutti i creditori, quindi la parit consiste proprio di soddisfare tutti in parte,
ma in maniera equa. Essa si giustifica anche in quanto il soddisfacimento di un determinato
credito provoca un danno agli altri creditori dellimpresa fallita (ad es. il creditore A ha
riscosso il 100% del credito, mentre i creditori B, C e D solo il 40%).
In pratica gli atti normali sono fallibili se vengono compiuti 6 mesi prima al fallimento e se il
creditore sia a conoscenza dellinsolvenza in capo al fallendo, eventualmente anche se latto
abbia provocato un danno agli altri creditori. Eventualmente, e non necessariamente, perch

33

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

non sempre viene provocata la dannosit, nel senso che comunque si prevede lordine del
privilegio del credito, come ad es. nel caso del pagamento dei dipendenti.
Lart. 67 comma 3 della L.f. prevede lesenzione da revocazione, ossia riguarda gli atti
normali che in via eccezionale non vengono revocati pur sussistendo il requisito di essere stati
effettuati 6 mesi prima dal fallimento e la conoscenza da parte dei creditori. Attenzione! Tali
eccezioni riguardano solo gli atti normali.

Lart. 67 comma 3 della L.f. inserisce uneccezione alla regola della revocatoria fallimentare
(tale eccezione non si applica nel caso della revocatoria ordinaria). Si riferisce agli atti
normali, quindi rappresenta una deroga allart. 67 comma 3 della L.f.. Ratio: favorire la normale
attivit di impresa. Le esenzioni sono le seguenti:
1. pagamento di beni e/o servizi effettuati nellesercizio nei termini duso per consentire
la normale attivit dimpresa, in pratica rappresenta il pagamento dei fornitori (ove non
sussistesse lesenzione, tutti questi pagamenti sarebbero revocabili). In tale norma
sono esclusi i servizi finanziari perch essi sono disciplinati da altre esenzioni.
Lesercizio dellattivit dimpresa spiegato poco chiaramente dalla norma. Alcuni
interpreti intendono tale esercizio quando limpresa in normale svolgimento della sua
attivit (non in fase di liquidazione). Altri interpreti intendono, invece, la fornitura
finalizzata allattivit dimpresa di beni funzionali allobiettivo aziendale medesimo.

34

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Questultima uninterpretazione poco convincente perch non tutti gli acquisti


evidenziano per forza una patologia nellattivit e perch comunque viene sempre data
importanza alla tutela del terzo. Nei termini duso vuol dire considerare i tempi, la
modalit e la regolarit degli stessi pagamenti. Naturalmente anche in questo caso la
norma non chiara, poich bisogna specificare cosa sintende per termini temporali: vi
sono anche in tal caso due orientamenti, uno secondo il quale i tempi normali sono quelli
previsti dal settore economico in cui si opera, laltro orientamento, invece, che anche
quello pi convincente, riguarda i tempi pattuiti tra impresa e fornitore;
2. rimesse (= versamenti) fatte sul c/c bancario purch (eccezione delleccezione) non
abbiano ridotto in maniera consistente e durevole la posizione debitoria verso la banca
da parte del fallito. La norma in questo caso addirittura quasi folle: scritta in
maniera confusa, ma vuole ribadire il concetto secondo il quale il versamento sul c/c
che abbia ridotto di poco o solo in modo temporaneo il debito verso la banca, allora
esente da revocatoria. Mentre i versamenti consistenti e durevoli sono revocabili.
Attenzione! Bisogna tenere in considerazione lart. 70 della L.f., il quale enuncia che nei
contratti bancari, la banca deve restituire al curatore (in ambito di revocatoria) un
importo tale, che comunque non superi la differenza tra il suo massimo credito e il
saldo al momento del fallimento. Perci:
art. 67 comma 3 della L.f.
art. 70 della L.f.
il pagamento comporta un debito verso la in ambito revocatorio la restituzione della
banca consistente e durevole azione somma pagata dal fallito al curatore pu
revocabile
essere al massimo il risultato tra:
massimo credito saldo al fallimento
Le norme si riferiscono a situazioni diverse!!!
3. vendite e preliminari di vendita trascritti stipulati al giusto prezzo, aventi per oggetto
immobili abitativi; in pratica chi ha acquistato un immobile a uso abitativo (o chi ha gi
stipulato il preliminare) non paga le conseguenze revocatorie: questo vale solo se
lacquisto effettuato al giusto prezzo (= entro termini di sproporzione che non
superino il 25% del valore di mercato dello stesso immobile). Tale esenzione ha la
funzione di tutelare la stabilit del mercato immobiliare inerente alla prima casa;
4. 5. pagamento di atti esecutivi di istituti previsti dalla L.f., i quali possono essere o
meno giudiziari, e volti al pagamento dellinsolvenza mediante un piano di risanamento,
un accordo di ristrutturazione del debito e un concordato preventivo. Il piano di
risanamento previsto dallart. 67 comma 3 della L.f. e riguarda un programma di
risanamento pensato dallimprenditore insolvente (programma unilaterale) coadiuvato e
consigliato da un tecnico (come ad es. un commercialista), avente il fine di risanare per
lappunto limpresa; se il piano non andasse a buon fine, gli atti non sarebbero
revocabili. Laccordo di ristrutturazione regolato nellart. 182 bis della L.f., mentre il
concordato preventivo disciplinato nellart. 160 della L.f.;
5. i pagamenti per corrispettivi a lavoratori dipendenti e altri collaboratori sono crediti
privilegiati di primo grado; normalmente anche durante il fallimento tali soggetti
vengono pagati. Anche in questo caso la norma risulta poco chiara, infatti non specifica

35

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

dei casi particolari di pagamento come ad es. il rimborso spese e il pagamento delle
ferie non ancora retribuito, ecc..
Revocatorie speciali
Lart. 67 bis della L.f. regola i patrimoni destinati a uno specifico affare: gli atti che incidono
su di essi sono revocabili quando pregiudicano il patrimonio complessivo della societ. I
patrimoni destinati risultano assai rari.
Il pagamento di una cambiale in cui il possessore della stessa cambiale al momento del
fallimento doveva accertare tale pagamento per non perdere il regresso. In pratica si tratta
non di unesenzione totale, ma la revocatoria colpisce lultimo possessore, per lart. 68 della
L.f..
Lart. 69 della L.f. regola gli atti tra coniugi: quando uno dei due imprenditore, gli atti
compiuti nei due anni precedenti al fallimento sono revocabili se il coniuge beneficiario
dellatto medesimo non prova la non conoscenza dello stato dinsolvenza del coniuge (prova
complicata da dimostrare).
La revocatoria speciale ha un termine di 3 anni, ossia si pu notificare latto giudiziario non
prima di 3 anni dal fallimento e non oltre 5 anni dal compimento dellatto stesso (una volta il
termine era uno solo: 5 anni dal fallimento).
Effetti della revocatoria
Chi subisce la revocatoria obbligato a restituire la prestazione ricevuta dal fallito al
curatore e poi ha il diritto di insinuarsi nel passivo per il controvalore della prestazione,
cosicch da rimetterlo nella medesima posizione degli altri creditori.
La revocatoria va notificata al revocando, e cos si incarna una causa (a 3 anni dal fallimento
entro 5 anni dal compimento dellatto), infatti la notifica rappresenta unazione costitutiva
per la quale a seguito di una sentenza si modifica una situazione, e si conclude con unaltra
sentenza di condanna a un fatto nuovo. Ci comporta due conseguenze:
il termine interruttivo della prestazione deve essere una prestazione giudiziale;
gli interessi sulla somma da restituire decorrono dalla data della domanda giudiziale.

Effetti del fallimento sui rapporti giuridici preesistenti


I rapporti giuridici preesistenti sono i cosiddetti contratti pendenti,non ancora eseguiti e/o
non completamente eseguiti da entrambe le parti. In pratica si tratta di un contratto in corso
di esecuzione. Questo un concetto importante poich individua una fattispecie la quale
appunto esclude i contratti eseguiti solo da una delle parti il caso pi frequente quello, ad
es., del fornitore che ha gi consegnato la merce, ma non ha ancora ricevuto compenso dalla
controparte. In questo caso non si parla di contratto pendente. Un es. tipi di contratto
pendente la cessione dazienda, la quale disciplinata nellart. 2558 c.c. e di conseguenza
nellart. 72 della L.f..

36

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Regola generale: il contratto non completamente eseguito o non ancora eseguito da


entrambe le parti un contratto pendente art. 72 della L.f.. Lart. 75 della L.f., invece,
contiene uneccezione: nel caso di cosa spedita dal fornitore, se essa viene inviata al
compratore prima dellistanza di fallimento, ma non ancora giunta a destinazione nel
momento in cui esso viene dichiarato, chi spedisce tale cosa se la pu riprendere, evitando
cos linsinuazione al passivo, almeno che il compratore non la paghi integralmente.
Lart. 72 della L.f. rappresenta una deroga, rispetto alle norme civilistiche, in cui enunciato
che il contratto deve essere eseguito dalle parti; tale articolo sostituisce tale regola con delle
deroghe a essa al fine di tutelare linteresse della procedura (= linteresse dei creditori). In
merito ai contratti pendenti questo articolo mirato alla facolt della non esecuzione degli
stessi; infatti il fallimento attribuisce al curatore tale potere di scelta sulla sorte del
contratto: pu sciogliersi dallo stesso senza nessuna richiesta di diritto risarcimento danni
dalla controparte, o pu proseguire il medesimo contratto. Questa una regola che si applica
nellambito del fallimento in ordine ai contratti pendenti, ma come tutte le regole vi sono delle
eccezioni espressamente previste da norme le quali prevedono che singoli e determinati
contratti derooghino ai suddetti principi (quelli appunto contenuti nellart. 72 della L.f.). In
sostanza vi sono determinati articoli dedicati ai contratti che rappresentano uneccezione a
quelli pendenti. Ancora lart. 72 della L.f. vuole rappresentare un punto di equilibrio tra le
norme civilistiche (in cui viene detto che i patti vanno rispettati da entrambe le parti) e la
par condicio creditorum prevista dalla L.f.. In pratica lesecuzione del contratto, al momento
del fallimento, rimane sospesa finch il curatore non decide se scioglierlo o proseguirlo con
lautorizzazione del comitato dei creditori (tale autorizzazione deve esserci sia in caso di
scioglimento, sia in caso di continuazione del contratto pendente) salvo che (inciso aggiunto
dal decreto correttivo del 2007) nei contratti a effetti reali (i quali si concludono con la
consegna materiale di un bene, es. tipico il contratto di mutuo), se sia gi avvenuto il
trasferimento del diritto (in realt si tratta di un inciso inutile aggiunto dal decreto
correttivo in quanto se il trasferimento gi avvenuto non si nel caso di un contratto
pendente). La sospensione del contratto avvantaggia la massa dei creditori, infatti gli effetti
di esso aggraverebbero le spese in prededuzione. Nonostante lautorizzazione del comitato dei
creditori, il curatore rimane responsabile rispetto allo scioglimento/al subentro del contratto,
poich comunque la decisione finale sempre in capo a tale soggetto.
Il contraente in bonis, per lart. 72 comma 2 L.f., ha la possibilit di mettere in mora il
curatore tramite il giudice delegato, e non oltre 60 giorni, termine decorso il quale il
contratto si intende sciolto finch il curatore non agisce il contratto rimane paralizzato
(in caso il curatore non si pronunci in merito).
Se il curatore decide di subentrare al contratto pendente, autorizzato dal comitato dei
creditori, tutte le azioni, per lart. 101 della L.f., sono in predilezione. Mentre se egli decide di
sciogliere il contratto, esso non considerato risolto (come sarebbe previsto dal c.c.), ma si
tratta di un caso diverso, il quale per lappunto disciplinato dallart. 72 della L.f.: resiliazione
del contratto.
Problema: se prima del fallimento il soggetto poi dichiarato fallito era inadempiente, cos
facendo ha violato pure il patto contrattuale non si capisce se si debba o meno applicare la
regola dellart. 72 della L.f. complicato: il soggetto, in seguito fallito, inadempiente gi
prima della dichiarazione di fallimento, allora il curatore ha comunque diritto di sciogliere il
contratto, mentre la controparte ha il diritto di insinuarsi nel passivo del fallito senza poter

37

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

chiedere il risarcimento del danno (art. 72 comma 4 della L.f.). Tutto ci vale per quanto
riguarda i contratti a esecuzione istantanea (i quali non sono contratti pendenti). La
situazione diventa pi difficile per quanto concerne i contratti a esecuzione continua
(periodica): per le prestazioni gi eseguite prima del momento del fallimento, ci si riferisce
alla normativa dettata dal c.c., quindi ci si pu insinuare nel passivo, mentre per le prestazioni
che non sono ancora avvenute si fa riferimento alla normativa contenuta nella L.f. riguardante
il contratto pendente.
Sempre nei riguardi dei contratti a esecuzione continua, caso diverso quello del soggetto,
che in seguito fallito, inadempiente gi al momento del fallimento (caso pi frequente).
Problema: nel mandato in rem propriam si applica lart. 1723 comma 2 c.c., nel quale
previsto che anche il mandatario abbia un interesse proprio nello svolgere lattivit di
mandato. La norma della L.f. d la regola che deroga il principio generale contenuto, come si
gi visto in precedenza, nellart. 72 della L.f..
Contratto di locazione di immobili
Anche in questo caso occorre distinguere tra fallimento del locatario e fallimento del padrone
di caso. Nel fallimento del locatore (= padrone di casa) il contratto non si scioglie, quindi il
locatore subentra nel contratto, come nel caso del leasing, ma la prosecuzione finalizzata
solo a fare stare linquilino allinterno dellimmobile in questione, per lart. 80 della L.f.: il
curatore (del padrone di casa) entro un anno dal fallimento, se decorsi 4 anni, pu recedere
corrispondendo al conduttore un adeguato indennizzo per lanticipata conclusione del
contratto. La finalit quella di consentire al curatore di vendere il bene a chi sa che dopo 4
anni limmobile si libera. Invece nel fallimento del conduttore (= inquilino) il curatore del
padrone di casa pu in qualunque momento recedere, e in pi dovr ricevere un indennizzo.
Tale credito per equo indennizzo, previsto nellart.80 comma 4 della L.f., in prededuzione e
gode del privilegio menzionato dallart. 2764 c.c..

38

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Per quanto riguarda la posizione del fallendo, se questo non adempiente, il contraente in
bonis deve pazientare e aspettare la scelta del curatore in merito al contratto pendente. Se
egli decide di proseguire allora la controparte deve ricevere il pagamento integrale. Invece, se
a essere inadempiente il contraente prima del fallimento, qualora sia stata richiesta dal
fallendo la risoluzione del contratto: per risolvere un contratto la parte adempiente, in caso
di inadempimento grave della controparte, ha la facolt di rivolgersi a un giudice per la
risoluzione di diritto, la quale avviene per:
1. clausola risolutoria espressa: art. 1456 c.c.,quando tale clausola si verifica allora il
contratto risolto;
2. termine essenziale ad adempiere: art. 1457 c.c., se non si adempie entro il termine
previsto nel contratto, allora risolto;
3. diffida ad adempiere: art. 1454 c.c, il termine non previsto dal contratto, ma se
entro 15 giorni non si adempie, allora il contratto risolto.
In pratica la risoluzione di diritto un meccanismo secondo il quale al verificarsi di una certa
causa il contratto si scioglie. In tal modo pu essere previsto un contenzioso, in cui il giudice
accerti o meno lavvenuta risoluzione. Mentre per risoluzione giudiziale sintende il fatto che
essa venga pronunciata da un giudice, e quindi essa a parte da quel momento in avanti. Se la
parte in bonis ha cominciato per prima una causa di risoluzione giudiziale, per lart. 72 comma
5 della L.f., lesito di tale causa far stato anche nei confronti del curatore e dar luogo a una
sentenza costitutiva, la quale costituisce la nuova azione dal momento in cui essa
pronunziata; in caso di inadempimento grave da parte del curatore non si tratta pi di un
contratto pendente, ma di un contratto da cui si scaturisce anche il risarcimento del danno
che ne deriva. Quindi il procedimento di accertamento del passivo di una societ fallita si fa
davanti al curatore e al tribunale fallimentare. Il contraente in bonis pu richiedere la
condanna di risarcimento del danno davanti al giudice delegato. Se la controparte
inadempiente, e di seguito fallisce, in caso di assoluto mancato interesse del contraente in
bonis, questultimo non pu pi richiedere dopo il fallimento tale risarcimento danni. Allinterno
della procedura concorsuale il contratto risolto solo nel contenzioso (previsto nel contratto
di clausola risolutoria espressa) e nella diffida ad adempiere, se in essa il termine fissato
prima del fallimento, in pratica il contratto si deve considerare completamente assolto prima
dellapertura della procedura concorsuale. Mentre per quanto riguarda il contratto di termine
essenziale ad adempiere, il contratto automaticamente risolto. Dalla riforma stato
introdotto lart. 72 comma 6 della L.f., il quale enuncia che siano inefficaci le clausole negoziali
li quali fanno dipendere la risoluzione del contratto dal fallimento. Il recesso la facolt
convenzionale di sciogliersi dal contratto in qualunque situazione; esso non dipende da un

39

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

inadempimento come la risoluzione. Lopinione giurisprudenziale prevalente quella in cui fa


assimilare il recesso alla risoluzione in caso di fallimento.
Una fattispecie particolare di contratto pendente il contratto preliminare pendente, il
quale prevede che le parti si obblighino di stipulare un contratto definitivo in un secondo
momento, al verificarsi di determinate condizioni. E un contratto pendente particolare ed
previsto nellart. 72 comma 3 della L.f.. Tale articolo prevede che lesecuzione del contratto
preliminare sia sospesa finch il curatore non abbia deciso. Esso si applica a tutti i contratti
preliminari salvo al preliminare per immobili da costruire, previsto dallart. 72 bis della L.f. e
al preliminare per immobili a uso abitativo destinato ad abitazione principale per
lacquirente, previsto dallart. 72 comma 8 della L.f.. Quindi salvo questi due casi ai
preliminari si applicano le disposizioni dei contratti definitivi.
Preliminare per immobili da costruire
Lart. 72 bis della L.f. prevede che un soggetto il quale stipuli un contratto preliminare con
unimpresa di costruzioni, che vuole in cambio degli anticipi in corso dopera. Se poi la suddetta
impresa di costruzione non porta a fine la costruzione dellimmobile in questione, dal 2005,
essa deve rilasciare una fideiussione per tutte le somme a titolo di anticipo. I contratti si
sciolgono se, prima che il curatore comunichi la sua scelta, il cliente abbia escusso la
fideiussione (il contratto si scioglie da parte della controparte in bonis). Lart. 72 comma 7
della L.f. regola sul contratto preliminare di vendita immobiliare trascritto: le norme
civilistiche consentono la trascrizione del preliminare, ossia di scriverlo alla conservatoria dei
registri immobiliari. Tale situazione, per, a volte permette la cosiddetta trascrizione
ingannevole:in tal caso vince chi trascrive per primo. Invece, nel caso di scioglimento del
contratto preliminare trascritto, lacquirente che ha pagato lanticipo (come si fa durante il
preliminare di frequente) ha diritto di insinuarsi nel passivo, senza chiedere alcun
risarcimento del danno (rammentando che il fallimento diverso dallinadempimento), ma gode
di un credito il quale ha un privilegio speciale per lart. 2775 bis c.c..
Per quanto riguarda il leasing,bisogna fare riferimento allart. 72 quater della L.f., il quale lo
associa alla locazione finanziaria. Esso ancora distingue tra fallimento dellutilizzatore (caso
pi frequente) e fallimento del concedente (= societ di leasing). In caso di fallimento
dellutilizzatore,si applica la regola generale contenuta nellart. 72 della L.f.: nel periodo in cui
il contratto sospeso, non dovuto il pagamento dei canoni. In caso di subentro del curatore,
dovranno essere pagati i canoni per intero e in prededuzione (non solo devono essere pagati
per intero i canoni in corso, ma anche quelli gi scaduti prima del fallimento alla societ di
leasing). Il problema concernente i canoni riguarda il fatto che i medesimi sono composti di
due parti: canone di godimento + parte del prezzo di acquisto. Quindi, in caso il curatore
decida di sciogliersi dal contratto, per lart. 72 quater della L.f., il concedente non solo ha
diritto alla restituzione del bene, ma ha anche il dovere di versare alla curatela la maggior
somma ricavata dalla vendita dello stesso o da un altro contratto di leasing stipulato. Questo
diritto dovuto al curatore richiesto poich, come gi precedentemente ricordato, limpresa
fallita con il pagamento del canone ha anche pagato una parte del prezzo di acquisto
(situazione consentita, ma quasi mai applicata dalle societ di leasing). Le rate di leasing
pagate dallimprenditore poi fallito sono esentate da revocatoria, quindi la societ di leasing si
tiene tali somme, senza doverle restituire. Nel caso pi raro del fallimento del concedente,

40

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

per lart. 72 comma 8 della L.f., il contratto prosegue regolarmente, e lutilizzatore consegue
la facolt di acquisire il bene in questione previo pagamento dei canoni a un prezzo pattuito.
Contratti a esecuzione continuata (o periodica)
Sono quelli in cui vi sono delle prestazioni ripetitive, che sono gi fornite anche prima
dellapertura della procedura fallimentare, ma anche di quelle che dovranno ancora essere
fornite. Se il curatore decide di proseguire il contratto, allora deve pagare anche quelle non
ancora pagate, oltre che quelle in corso, in prededuzione. In tal modo, per, si avr un alto
incremento dei crediti prededucibili, e di conseguenza uningiustificata disparit di
trattamento: un credito che sarebbe stato chirografario diventa prededucibile, passando
avanti a tutti. Quindi, a tal proposito, questa norma viene interpretata come uninscindibilit
della prestazione,ossia quando, in base al contratto, non possa essere scissa a coppia di
fornitura, ad es. nel caso del leasing, poich, come gi detto, allinterno dei canoni di
locazione, dato anche parte del prezzo di acquisto del bene.
Singoli contratti
Lart. 78 della L.f. tratta il contratto di c/c, mandato e commissioni, e si tratta di una
disciplina articolata: i contratti di c/c, in caso di fallimento, si sciolgono anche per il
fallimento del commissionario di vendita (ad es. un concessionario di auto). Mentre per quanto
riguarda il mandato, il contratto si scioglie per il fallimento del mandatario (= colui che ha
ricevuto lincarico, mandante = colui che ha dato lincarico). Invece, in caso di fallimento del
mandante, il contratto rimane sospeso nellinteresse della procedura: se subentra il creditore
del mandatario, per lattivit compiuta, solo dopo il fallimento, allora in prededuzione.
Deroga: alla regola generale detta dallart. 72 della L.f..

41

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Freccia dx

Le custodie delle attivit fallimentari e laccertamento del passivo


Gli atti della custodia e amministrazione delle attivit fallimentari, e dellaccertamento del
passivo hanno una scansione cronologica. Il curatore ha i compiti:

42

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

custodisce lattivo;
accerta il passivo;
liquida lattivo;
soddisfa i creditori.
Tali operazioni devono essere svolte, anchesse, secondo un ordine cronologico, che per non
rigido (ad es. si pu liquidare lattivo senza che sia accertato il passivo). Con il fallimento il
fallito perde il possesso dei beni dellimpresa, tutti salvo quelli strettamente personali (viene
comunque lasciata a esso un minimo di beni per la sopravvivenza sua e della sua famiglia). La
fase materiale che avviene subito dopo lapertura della procedura concorsuale quella del
bloccaggio dei beni mediante lapposizione dei sigilli, al fine di mettere un vincolo reale sui
beni del fallito per lart. 84 della L.f. i quali si trovano nella sede principale dellimpresa, e altri
beni dellimprenditore. I sigilli hanno la funzione di indicare che quei beni sono della procedura
e che quindi spettano al curatore. Per prenderne possesso il curatore pu anche richiedere
lintervento della forza pubblica, e pu anche essere coadiuvato da altre persone per
spossessare il fallito dei suoi beni, il quale non li pu toccare. I sigilli vengono apposti a beni
che si trovano allinterno della sede principale dellimpresa, indipendentemente dal fatto che
sia del fallito o di terzi (questi ultimi potranno comunque richiederne la restituzione). Ma a
causa della lunghezza della procedura, ai sensi dellart. 87 bis della L.f.), nei confronti della
rivendica di beni mobili su cui il terzo vanta diritti reali (che chiaramente devono essere
riconoscibili), il curatore d il suo consenso, se gi nominato anche il comitato dei creditori
partecipa a tale consenso, alla restituzione immediata con corretta comunicazione al giudice
delegato. Lunica esclusione dai sigilli rappresentata dai beni personali del fallito: infatti vi
sono beni in cui non si pu mettere il sigillo, i quali:
denaro contante (depositato in c/c apposito aperto in ragione della procedura
fallimentare);
cambiali;
scritture contabili che non siano state depositate in cancelleria (tenute a disposizione
del fallito il quale ha il diritto/dovere di collaborare con la curatela, o che pu
utilizzare per difendersi in caso di eventuali accuse infondate), quelle che sono
previste a livello civilistico;
assegni;
ogni altra documentazione richiesta dal curatore depositata in cancelleria che non sono
scritture contabili obbligatorie previste dal c.c. (come ad es. il libro soci e il libro del
collegio sindacale).
Tale documentazione viene assegnata personalmente al curatore, per lart. 86 della L.f.. Una
volta posti i sigilli (tale comunque una misura temporanea, che blocca laccesso a tali beni
patrimoniali), ai sensi dellart. 87 della L.f., il curatore redige linventario, presenti o avvisati
il fallito, il giudice delegato e se gi presente il comitato dei creditori (tutte queste
operazioni sono effettuata nelle primissime fasi del fallimento, cosicch tale comitato
potrebbe ancora non essere stato nominato). Tale inventario ha la funzione di comprendere
fisicamente al composizione dellattivo fallimentare: questa unattivit molto delicata da
parte del curatore. Con linventario il curatore prende fisicamente il possesso dei beni e se ne
piglia fisicamente la responsabilit. Sono inventariati:

43

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

beni sigillati che si trovano allinterno della sede dellimpresa;


beni di propriet del fallito che si trovano altrove (ad es. nel caso di un macchinario in
riparazione): ai sensi dellart. 87 bis della L.f. il detentore ha diritto a rimanere nel
godimento dello stesso bene in base a un contratto.
Si fa un verbale dellinventario che viene sottoscritto da tutti i partecipanti a esso. Viene
redatto in doppio, una copia del curatore e una va depositata in cancelleria fallimentare. Il
curatore man mano che redige linventario, prende anche in consegna i beni mobili, mentre per
quanto riguarda gli immobili e i mobili registrati si deve tenere in considerazione lart. 87 bis
comma 2 della L.f., sullo spossessamento dei beni del fallito, il quale agisce erga omnes, ossia
verso tutti, anche nei confronti del terzo che acquista in buona fede (il quale non conosce la
situazione dinsolvenza in capo al venditore fallito). In pratica tale articolo tende a tutelare
comunque la procedura concorsuale:questa non unipotesi convincente, perch non giusto
che il terzo in bonis acquisti un bene dal fallito senza che conosca la situazione di fallimento,
rischiando cos di dover restituire il medesimo bene.
Sempre in merito alla custodia e amministrazione delle attivit fallimentari, si pu ora parlare
della specifica amministrazione (fino adesso si parlato solo della custodia), come della
gestione concreta dei beni inventariati. Essa non trattata nello specifico della L.f.. Unaltra
interpretazione del termine amministrazione quella di intenderla come mera organizzazione
aziendale per lart. 89 della L.f. e per lart. 90 della L.f.. Lamministrazione intesa quale
attivit organizzativa ricompresa nellart. 89 della L.f.: in particolare tale disposizione parla
della compilazione degli elenchi dei creditori,nei quali saranno indicati in modo specifico
quanti sono i debiti, dando cos un quadro generale del passivo (in caso di imprenditore poi
fallito diligente, tale elenco esiste gi) risultante dalle scritture contabili e da altre notizie.
Lelenco dei creditori, ancora contiene, oltre lelenco dei crediti, anche il nominativo di terzi
che vantano eventuali diritti reali sulle cose del fallito. Ancora tali elenchi devono essere
depositati in cancelleria, e comunque rappresenteranno degli elenchi provvisori,poich per
essere riconosciuti ufficialmente creditori occorre farlo mediante una domanda formale di
insinuazione nel passivo. Adesso opportuno esplicare perch comunque si redige un elenco
provvisorio di creditori:
serve al curatore per conoscere i creditori (per lart. 92 della L.f.) cosicch egli possa
far pervenire loro la data di verifica dello stato del passivo;
serve per cominciare a pensare ai membri che faranno parte del comitato dei creditori
(il quale deve essere nominato entro 30 giorni dal fallimento, dal giudice delegato su
consiglio del curatore);
serve in funzione del fatto che qualunque terzo possa presentare una proposta di
concordato fallimentare, al fine di chiudere anticipatamente il fallimento, mediante il
soddisfacimento pi alto possibile dei crediti chirografari (iscritti appunto nellelenco
provvisorio dei creditori).
Lart. 89 della L.f. dice anche che il curatore deve redigere il bilancio dellultimo esercizio, in
caso non fosse stato gi redatto dal fallito al termine stabilito, apportando le rettifiche
necessarie. Successivamente, sempre durante il fallimento, il curatore non tenuto alla
redazione del bilancio in corso del concorso, infatti esso ha solo la funzione di verificare lo
stato di salute dellimpresa nei confronti dei terzi. Infatti, in corso fallimentare, lattivo

44

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

risulta dallinventario, il passivo dalla fase di accertamento del passivo. Ai fini tributari
lintera procedura fallimentare considerata come unico periodo dimposta, quindi solo alla
fine della stessa obbligatoria la redazione del bilancio. Il cancelliere fallimentare, a questo
punto, deve aprire un fascicolo della procedura, il quale deve avere un indice cronologico
contenente tutti gli atti suddivisi in sezione: il comitato dei creditori e il fallito possono
prendere visione di tale documentazione. Per quanto riguarda la consultazione da parte del
fallito dei documenti inerenti al fallimento, occorre precisare che egli ha diritto a tale atto al
fine di difendersi a eventuali accuse, ma non tutta la documentazione consultabile: un
esempio di ci la relazione che viene redatta dal curatore al fine di ricercare eventuali
responsabilit dello stesso imprenditore che poi fallito (ex art. 33 della L.f.), infatti essa
pu divenire lorigine di procedimenti penali a carico del fallito in riguardo a un determinato
atto che contenuto in tale relazione, per questo non pu essere visionata. Chiaramente il
fascicolo della procedura pu essere visionato anche dai creditori, ma solo in merito a un
determinato atto di loro interesse.
Accertamento del passivo e diritti di terzi su beni inventariati
E necessario laccertamento di ciascun credito e delleventuale diritto di prelazione. La
finalit di ci quella di determinare la totalit dei debiti per la successiva liquidazione
dellattivo. Per assurdo se in tale fase non si presentasse nessun creditore, allora la procedura
sarebbe chiusa. La funziona di essa la cristallizzazione della massa attiva. Lart. 52 della
L.f. enuncia che ogni credito debba essere accertato secondo lart. 91 della L.f. e lart. 92
della L.f.. Tali disposizioni valgono anche per coloro che vantano crediti, i quali sono sorti dopo
la procedura fallimentare. Lo svolgimento dellaccertamento del passivo avviene secondo la
logica che i crediti concorsuali sorti prima del fallimento debbano inderogabilmente essere
accertati. Cosa diversa per quelli prededucibili (sorti nel corso del fallimento): non vengono
accertati quelli che derivano da un decreto del giudice delegato, come ad es. il compenso del
curatore. I crediti concorsuali sono accertati tutti alla medesima data, ossia quella del
fallimento medesimo. Ci naturalmente non vale per i crediti prededucibili, i quali sono sorti
dopo lapertura del concorso. Il procedimento di accertamento e di verifica dei crediti
prevede due fasi:
di fronte al giudice delegato fase necessaria di domanda di ammissione al passivo,
per lart. 93 della L.f. (detta anche domanda di insinuazione al passivo, art. 93 della
L.f.);
fase eventuale di impugnazione dei decreti del giudice delegato, la quale riguarda
lopposizione da parte dei creditori i quali hanno fatto domanda di insinuazione al
passivo.
La fase necessaria comincia ai sensi dellart. 92 della L.f.. Essa potrebbe anche non aprirsi mai
(caso pi teorico che pratico) in forza dellart. 102 della L.f., norma che con la riforma ha
cambiato oggetto: il tribunale con decreto motivato su istanza del curatore e col parere del
comitato dei creditori, pu non dare corso allaccertamento passivo, se risulta che non vi siano
attivit da liquidare ai creditori (se non ci fosse niente). Ci viene fatto per ragioni di
economia processuale. I creditori possono presentare reclamo, quindi il provvedimento pu
anche essere solamente temporaneo: qualora risultasse dallattivo si pu procedere
allaccertamento del passivo. In base a tale procedimento questo regolato da norme

45

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

giurisdizionali, vi un vero e proprio processo, in cui si presenter da un lato il fallito e


dallaltra il curatore con i creditori. Il curatore ha il compito di vigilare sui creditori: vi
inoltre una parte terza che decide, il quale il giudice delegato giudizio di natura
contenziosa, la quale ha forma processuale semplificata rispetto al giudizio civile, ma al
contrario di questo, non si chiude con una sentenza, ma con un decreto (provvedimento diverso
dalla sentenza, perch non passa in giudicato, ma produce effetti soltanto ai fini del concorso
e della gestione della procedura fallimentare efficacia endofallimentare). Quando il
fallimento sar chiuso, limpresa, o si estingue o ricomincia lattivit: tutti gli attori della
procedura sono liberati. Ci spiega perch il fallito, per lart. 98 della L.f., impedito dal fare
impugnazioni, ma eventualmente pu esprimere delle osservazioni (egli considerato estraneo
alla gestione fallimentare). La sentenza di fallimento d inizio alla procedura e indica la data,
il giorno, lora e il luogo in cui si svolger laccertamento del passivo, la quale non pu essere
fissata oltre 120 giorni dallinizio della procedura. Ancora la legge fallimentare impone che le
domande giudiziali di insinuazione al passivo debbano pervenire almeno 30 giorni prima
dallinizio dellaccertamento del passivo. Il curatore (art. 92 della L.f.) deve comunicare ai
creditori e agli eventuali titolari di diritti reali sui beni del fallito tale data. La funzione della
comunicazione risiede nel fatto di sollecitare i soggetti interessati: comunque ci non esclude
che vi siano altri creditori, oltre a quelli avvisati. Inoltre la comunicazione ha anche la
funzione di mettere in mora il debitore che presenta domande tardive di insinuazione (con un
termine pi o meno lungo che dipende dal fatto di essere stato informato o meno). Il termine
di presentazione di tale domanda comunque breve, perch oltre ai 18 mesi (termine pi lungo
consentito) non possono essere presentate pi domande, nemmeno quelle tardive.

46

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Lart. 92 della L.f. enuncia che la data di udienza della verifica dello stato passivo deve essere
fissata 30 giorni prima rispetto al termine in cui i creditori presentano le domande di
insinuazione al passivo. Il curatore, dal canto suo, deve inviare ai creditori conosciuti (quelli
che risultano dallelenco dei creditori provvisori) una comunicazione avente contenuto in
merito alla sentenza di fallimento, sempre ai sensi dellart. 92 della L.f.. Tale comunicazione ha
la funzione di sollecitare gli stessi a partecipare al fallimento. Anche se questi non hanno
ricevuto alcuna comunicazione, possono comunque presentare domanda dinsinuazione al
passivo, infatti il fallito durante il suo periodo dinsolvenza potrebbe non aver tenuto, o tenuto
non correttamente le scritture contabili. Lart. 93 comma 3 della L.f. prevede che la domanda
di insinuazione venga presentata mediante un ricorso alla cancelleria del tribunale
fallimentare, anche eventualmente con laiuto di un assistente legale (il quale non necessario,
essendo il fallimento un processo contenzioso). In tale domanda dovr essere indicato:
la procedura alla quale sintende partecipare;
la determinazione della somma che sintende insinuare al passivo (o la restituzione del
bene e la relativa descrizione di esso);
la succinta esposizione dei fatti per le quali viene qualificato come creditore;
lindicazione eventuale della natura privilegiata del credito, indicando la norma cui fa
riferimento, o leventuale privilegio speciale (come ad es. lipoteca);
numero di telefono, e-mail e la casella di domicilio a cui possono essere ricevute le
successive comunicazioni;
documenti in allegato giustificativi del credito ( un onere del creditore).
in caso tale domanda riguardasse non un credito ma la restituzione di un bene, il
creditore pu chiedere la sospensione della liquidazione dellattivo.
Si tratta di un ricorso giurisdizionale che pu divenire in seguito contenzioso, nel caso di
impugnazione da parte del creditore. Lart. 94 della L.f. conferma che tale domanda sia
giudiziale, e quindi che si ha a che fare con unattivit giurisdizionale. Tale articolo richiama
la norma civilistica, in particolare lart. 2943 comma 2 c.c.. Quindi le prescrizioni si bloccano
alla domanda giudiziale, non maturano. Tali domande vengono consegnate al curatore dalla
cancelleria, il quale avr il modo di esaminarle ed eccepirle, ai sensi dellart. 95 comma 1 della
L.f., infatti egli pu contestarle e concepire per esse la prescrizione. Lart. 95 comma 2 della
L.f., inoltre enuncia che il curatore debba almeno 15 giorni prima delludienza, depositare il
progetto di stato passivo, il quale pu essere visionato ai creditori, che possono depositare a
loro volta in cancelleria lintegrazione documentale della domanda richiesta dal curatore.
Udienza di stato passivo
Tutti i creditori hanno titolo a partecipare alludienza. Il giudice delegato, anche in assenza
delle parti interessate, decide relativamente su ciascuna domanda senza poterla eccedere.
Tutti gli interessati possono fare delle osservazioni in merito. A tal punto il giudice delegato
pu procedere ad atti di istruzione, ossia pu richiedere lesibizione di ulteriori prove
documentali o addirittura richiedere testimonianze (compatibilmente col sistema di
speditezza che deve caratterizzare la procedura) per un accertamento sommario. Ludienza di
conclude con decreto succintamente esplicato del giudice delegato, il quale pu ammettere in
tutto o in parte il credito relativo alle domande giudiziali. Quando egli procede ad atti di
istruzione, la verifica del passivo, generalmente, non si conclude lo stesso giorno, cos sar

47

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

necessario rinviare ludienza. Lart. 96 comma 3 della L.f. prevede espressamente che
comunque essa non possa essere prorogata per oltre gli 8 giorni (termine che per non
perentorio, specie nei fallimenti complessi). Alla fine il giudice delegato forma lo stato
passivo e lo rende efficace tramite un uno procedimento in cui si approva un elenco di
creditori, e in cui viene fornita una spiegazione succinta obbligatoria. Dopodich tale decreto
viene depositato in cancelleria, tale deposito risulta molto importante per lo scattare dei
diritti dei creditori. Gli elementi accidentali sono inerenti al fatto di:
dichiarare che vi sia un vizio;
vedere se il creditore si trova in una situazione particolare (in caso di credito
condizionato) la prova del creditore non pu dipendere da una prova che non
riguarda il debitore;
quantificare il credito, ossia esso deve ancora essere quantificato (come ad es.
succede per i crediti tributari).
In tutti questi casi lart. 96 comma 2 della L.f. ha istituito lammissione al passivo con riserva
per laccertamento ulteriore. Queste riserve sono le uniche possibili. Finch essa pendente
la riserva deve accantonare, considerandole, una parte della somma. Il curatore deve
verificare la riserva e comunicare al giudice delegato la decisione. In caso essa non fosse
presentata dal creditore, la legge non specifica, ma qualcuno ritiene che possa essere escluso
dalla massa fallimentare.
Contro il decreto espresso dal giudice delegato, lart. 98 della L.f. prevede le seguenti azioni:
opposizione allo stato passivo: proposta fatta dal creditore che vuole impugnare il
decreto di rigetto del proprio credito al passivo;
impugnazione dei crediti ammessi: pu essere effettuata dal curatore e pu essere
proposta da un altro creditore (contro un altro ammesso), escluso il fatto che
questultimo abbia un interesse (ipotesi piuttosto rara perch nella maggior parte dei
casi il giudice delegato ha fiducia nei confronti del curatore che quindi non avr
necessit di impugnare contro di esso);
revocazione: mezzo dimpugnazione straordinario proponibile anche quando sono
decorsi i termini per impugnare (30 gg), infatti viene fatta in caso lammissione del
credito sia stata prevista sulla base di documenti falsi a seguito di dolo, errori vari, e
in caso i documenti non siano mai stati presentati (caso assai raro).
Procedimento di impugnazione (art. 99 della L.f.)
Tale procedimento deve essere presentato entro 30 gg dalla comunicazione fatta dal curatore
nei riguardi di ciascun creditore, per quanto concerne la sorte dei propri crediti, informandolo
dei diritti di impugnazione previsti. Tale comunicazione effettuata:
via raccomandata con ricevuta di ricevimento;
via telefax;
via e-mail.
Limpugnazione fatta mediante ricorso al tribunale fallimentare, in cui verranno indicati i
fatti e i mezzi di prova. Il presidente del tribunale fallimentare, entro 5 giorni dal ricorso,
designa il giudice relatore, che naturalmente sar diverso del giudice delegato. Questo entro
60 gg fissa ludienza. La parte che resiste (= il curatore) deve a esso, 10 gg prima delludienza

48

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

le ragioni. Tale contenzioso non rientra nella normale disciplina del procedimento civile, ma a
forma libera e comunque le due parti devono essere messe in condizione di sviluppare le
proprie ragioni. La decisione viene presa collegialmente (anche in questo caso il giudice non pu
fare parte del collegio) con decreto motivato, il quale comunicato in cancelleria, ed entro
30 gg la parte soccombente pu ricorrere in cassazione (contro la decisione del collegio).
Ancora prevista la presentazione di domande tardive di insinuazione al passivo, ai sensi
dellart. 101 della L.f., per cui chi non presenta la domanda di ammissione al passivo entro 30
gg prima delludienza, tardivo. Il tempo a disposizione, comunque, per presentare domanda
quello di 12 mesi dal deposito dal decreto, termine che in casi particolari potrebbe addirittura
divenire 18 mesi (in caso di fallimento particolarmente complesso). Non possono essere
presentate domande oltre ai 12/18 mesi: chiaramente ci non vale per i crediti prededucibili in
modo tale che finalmente si cristallizzi in modo definitivo la massa attiva. Il creditore tardivo
non ha comunque perso il proprio credito: egli ha la possibilit di richiederlo in caso la societ
tornasse in bonis (si tratta di unipotesi alquanto rara), infatti linsolvenza non sempre porta a
un passivo pi consistente dellattivo. Per quanto riguarda la verifica della tardiva, vengono
utilizzate le stesse tecniche dei crediti non tardivi (art. 95 della L.f., art. 96 della L.f.); il
giudice delegato fissa ogni 4 mesi udienza per le tardive. Vi sono due precisazioni da fare:
la tardiva deve riguardare crediti e/o diritti diversi da quelli non tardivi;
vi comunque un potenziale svantaggio a insinuarsi nel passivo tardivamente, poich il
creditore in questione concorre solamente alle ripartizioni successive rispetto alla sua
ammissione, in pratica perde il diritto di quelli precedenti. Per lart. 101 della L.f., per
se il titolare del diritto/credito provi che il ritardo dipenda da causa a non esso
imputabile, allora pu anche recuperare la quota a lui spettante della massa gi
ripartita, ad es. nel caso di un credito in prededuzione debba ancora essere accertato.
Lart. 103 della L.f. riguarda la domanda di rivendica/restituzione del bene: questa una
domanda complessa perch lavente diritto ha una serie di problemi relativi alla prova.

49

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Lesercizio provvisorio dellimpresa e laffitto dellazienda


Lesercizio provvisorio dellimpresa un fenomeno eventuale. Di solito non si verifica a
seguito dellaccertamento del passivo, ma in contemporanea a esso, e riguarda la continuazione
dellattivit dimpresa in corso di fallimento. Il problema che con la procedura concorsuale i
contratti rimangono sospesi, o si sciolgono, quindi tale esercizio provvisorio giustificato dalla
conservazione dellattivit imprenditoriale ai fini di una migliore liquidit (= vendita
dellattivo; lobiettivo della procedura fallimentare). In pratica ha la funzione essere
venduta meglio, essendo in continuit, infatti non si esce dal mercato per evitare che lazienda
perda di valore. La prosecuzione dellattivit pu essere svolta in due modi:
esercizio provvisorio dellimpresa
la gestione dellimpresa effettuata dalla
procedura;
il rischio dimpresa a capo del curatore.

affitto dazienda
la gestione dellimpresa viene affidata a un
terzo da parte degli organi della procedura;
il rischio dimpresa a carico del terzo, e non
del curatore.

Evidentemente il curatore preferirebbe lipotesi dellaffitto aziendale, perch se prosegue lui


lattivit, vero che lavorerebbe in una situazione in cui il debito pregresso non deve essere
assolto, ma anche vero che non potrebbe contare sul finanziamento bancario e in particolare
sullapertura di credito in c/c, fondamentale per lacquisto dei fattori produttivi. In pratica
gli organi della procedura si ritroverebbero a operare in una situazione con problemi di
liquidit. Ancora lazienda fallita ha la necessit impellente di produrre reddito per pagare i
crediti prededucibili: questo provocherebbe un danno alla massa dei creditori concorsuali.
Purtroppo anche vero che gestendo temporaneamente lazienda si pu vendere meglio: per
effettuare questa scelta complicata il curatore deve basarsi su previsioni gestionali
complesse. Il curatore evita tale situazione, anche perch in genere essi sono professionisti
(commercialisti o avvocati), i quali non hanno le competenze dei manager.
Esercizio provvisorio dellimpresa (art. 104 della L.f.)
Lesercizio provvisorio dellimpresa conseguente con la sentenza che dichiara il fallimento
disposto dallart. 104 comma 1 L.f.. Esso pu essere richiesto espressamente dallimprenditore
fallendo in caso di un avvenimento eccezionale, in pratica in caso di fallimento
improprio:bisognerebbe provare che tale esercizio provvisorio produrrebbe dei benefici. A
questa decisione non influiscono n il curatore, n il comitato dei creditori perch non sono
ancora stati nominati ( comunque un caso raro). Se non si arreca danno ai creditori, con tale
esercizio provvisorio hanno la possibilit di essere pagati di pi. Non vi un limite massimo di
durata dellesercizio provvisorio, ma vi un monitoraggio continuo degli effetti.
Altra situazione: dopo la nomina del curatore, e quindi relativamente del comitato dei
creditori, egli prende visione della situazione generale dimpresa. Eventualmente pu chiedere
lesercizio provvisorio fissandone la durata, in qualunque momento, qualora i creditori avessero
la possibilit di guadagnare di pi da essa. Chiaramente necessario il parere del comitato dei

50

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

creditori: se positivo, si fa richiesta al giudice delegato, il quale decide se concederlo o


meno. Qualora venga concesso, sono necessarie delle cautele, ai sensi dellart. 104 della L.f.:
monitoraggio obbligatorio: il comitato dei creditori viene convocato ogni 3 mesi per la
verifica e la relativa decisione di continuare o meno (art. 104 comma 3 della L.f.)
lesercizio provvisorio. Se esso risulta antieconomico si pu interrompere
immediatamente;
ogni 6 mesi il curatore deve presentare il rendiconto, il quale fotografa come sta
andando limpresa e comunque con la funzione di informare, in caso di circostanza
sopravvenuta negativa, il tribunale.
Vi comunque solitamente una diffidenza del legislatore allesercizio provvisorio, ma per
quanto riguarda lamministrazione straordinaria: un tipo di fallimento particolare in cui, in
alcuni casi lesercizio dellimpresa obbligatoria per legge (es. caso Alitalia).
Gestione dellesercizio provvisorio
Il curatore deve tenere una contabilit diversa rispetto a quella del fallimento. Serve per
capire quanta prededuzione si crea e di conseguenza quanti ricavi (art. 104 comma 9 L.f.): i
crediti prodotti sono in prededuzione, i quali potrebbero derivare da contratti in corso
desecuzione. Per quanto riguarda i contratti pendenti (normalmente disciplinati dallart. 72
della L.f.): lart. 104 comma 7 della L.f. fornisce la regola opposta allart. 72 della L.f. in cui si
dice che i contratti proseguono finch il curatore non voglia sciogliersi. Cos, per, nasce un
problema: i debiti generati vanno in prededuzione. Quando lesercizio provvisorio si conclude i
contratti tornano in sospensione (art. 104 comma 9 della L.f.): normalmente la finalit
dellesercizio provvisorio comunque la prosecuzione dellattivit aziendale con il
trasferimento a terzi dei contratti pendenti.
Affitto dazienda
La prosecuzione dellattivit viene concessa in capo a un terzo. Situazione conveniente per il
curatore, ma non sempre risulta facile trovare chi sia disposto a farlo, perch comunque
limpresa fallita comporta spesso dei problemi. Laffitto dazienda risulta meno pericoloso per
la massa fallimentare perch:
si utilizzano i beni dellimpresa, cos non perdono valore e non sono deprezzati come se
rimanessero non in funzione;
il rischio dimpresa in capo allaffittuario;
la curatela percepisce i canoni daffitto.
Ma al contempo i rischi sono:
laffittuario inadempiente ai propri obblighi arreca dei danni alla massa fallimentare;
lattivit, per il fatto di essere affittata, gli acquirenti saranno meno propensi ad
acquistarla.
Laffitto dazienda stato uno strumento molto usato dai fallimenti per tenere le aziende
vive, ma prima della riforma del 2006 non era disciplinata n dal c.c. n dalla L.f.. Con la
riforma del 2006 stato introdotto lart. 104 bis della L.f. il quale prevede che subito, anche
prima del programma di distribuzione, della liquidazione ai sensi dellart. 104 ter della L.f., il

51

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

giudice delegato, su proposta del curatore e parere favorevole del comitato dei creditori,
possa affittare a terzi, anche per quanto riguarda singoli e specifici rami dazienda ( anche
possibile affittare diversi rami dazienda in concomitanza a differenti locatari). Comunque
lart. 104 comma 4 della L.f. enuncia che la durata di tale affitto deve essere compatibile con
lesigenza della liquidazione dei beni (deve essere tarata a essa) e il suo contratto deve
consentire il recesso del curatore in qualunque momento previo equo indennizzo, il quale in
prededuzione (clausola contrattuale), cosicch da contemperare anche alle esigenze
dellaffittuario. Il contratto daffitto anche un contratto pendente, compreso nellart. 79
della L.f., il quale se viene stipulato prima del fallimento dallimprenditore che poi fallito: in
questo caso vi la possibilit di recedere anche da parte dellaffittuario.
La scelta dellaffittuario, ai sensi dellart. 104 bis comma 2 della L.f. effettuata in base a:
delle stime le quali indichino quanto vale laffitto dazienda procedura trasparente
e competitiva: il curatore riceve unofferta da parte di un interessato e negozia il
contratto. Dopodich si fa un avviso pubblico in cui si d la possibilit ad altri soggetti
di fare offerte e che siano in grado di fornire condizioni analoghe o migliori.
Attenzione: agli speculatori sugli interessi del creditori;
dellammontare dei canoni, garanzie prestate e attuabilit del piano di
prosecuzione dellattivit, avuto riguardo alla conservazione dei livelli occupazionali.
Ora bisogna prendere in considerazione due leggi: lex art. 63 comma 3 della L.f. e lart. 104
bis comma 2 della L.f.. Sono due disposizioni molto simili, ma mentre la prima parla di vendita,
la seconda parla di affitto.
Problema: quale canone privilegiare per classificare unofferta migliore: bisogna privilegiare
comunque linteresse dei creditori e la considerazione occupazionale viene valutata solo dopo,
eventualmente a parit di condizioni rispetto allinteresse creditizio della massa situazione
drammatica. La salvaguardia dei livelli occupazionali, in questo momento di crisi, viene
comunque premiata anche a scapito dei creditori. Di solito, mediante una clausola
contrattuale, il curatore controlla loperato dellaffittuario. Unaltra clausola eventuale
potrebbe collegare laffitto alla vendita, cos facendo si affiderebbe allaffittuario la
prelazione, ma essa avverrebbe sempre a parit di condizioni di altri soggetti interessati:
durante la gara per la vendita dellazienda un soggetto interessato propone una somma a cui
sarebbe disposto ad acquistare, e prima di cedergli limpresa si chiede, da parte della
curatela, allaffittuario, che non ha partecipato alla gara, se interessato allacquisto egli
stesso a tale somma (= a parit di condizioni); egli avr 5 gg per accettare o meno, se non
accetta lazienda viene ceduta al terzo soggetto che ha fatto la proposta. In genere, per,
linteresse dellaffittuario quello di comprare, quindi pu stipulare il contratto solo a
condizione che in esso sia prevista la prelazione. In ogni caso essa deve risultare conveniente
ai fini della procedura. Laffittuario pu solo fissare la base dasta, ma se tale somma aumenta,
egli avr la prelazione s, ma al prezzo rialzato. Tale prelazione prevista dallart.104 della
L.f., ed essa va unita a unaltra prelazione prevista dalla legge ordinaria, la quale una
prelazione legale non solo dedicata alle aziende in fallimento, ma anche alle altre procedure
concorsuali. Fine favorire il trasferimento dellazienda, privilegiando laffittuario, senza
danneggiare i creditori.
Affitto dazienda per i contratti in corso di esecuzione

52

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Laffittuario deve proseguire alcuni contratti perch espressamente la legge lo impone. Se alla
fine del contratto di affitto, lazienda torna indietro agli organi della procedura, i debiti
aziendali rimangono solo in capo allaffittuario (deroga allart.2560 c.c.). Regola
fondamentale: per non danneggiare i creditori.

Liquidazione dellattivo
Opposizione della sentenza di fallimento:chi oppone pu chiedere la sospensione della
liquidazione.
Programma di liquidazione: redatto nelle prime fasi della procedura il curatore pu
presentare dei supplementi al programma, il quale a sua volta presentato al comitato dei
creditori che ha il potere di modificarlo.
Pu anche accadere che la liquidazione venga effettuata prima dellapprovazione dello stesso
programma di liquidazione per motivi di urgenza (art. 104 ter L.f.) previa autorizzazione del
giudice delegato, sentito il comitato dei creditori (se gi nominato), solo quando dal ritardo
possa derivare un giudizio per i creditori. Il curatore potrebbe rinunciare di mettere allattivo
i beni se non ha interesse, ma per fare ci deve comunicarlo al comitato dei creditori. Magari
sembrerebbe opportuno non ammettere allattivo singoli beni, i quali restano in mano
allimprenditore, poich possono aggredire quel determinato patrimonio (norme di rarissima
applicazione, infatti in genere viene ammesso tutto allattivo). Il programma viene approvato e
comunicato al giudice delegato, il quale autorizza lesecuzione degli atti a esso conformi.
Logica interpretativa: art. 104 ter comma 8 della L.f., il giudice delegato d
unautorizzazione generale, per eseguire il programma di liquidazione che approvato dal
comitato dei creditori. Limiti: del controllo da parte del giudice delegato rispetto alla
normativa antecedente la riforma, in cui aveva anche un controllo sulla convenienza e sul
merito, ora in capo al comitato dei creditori. Ruolo: del giudice delegato attualmente di
controllo di mera legittimit del contenuto del programma di liquidazione. Questo un
controllo una tantum e successivamente non deve pi intervenire.
Lart. 105 della L.f. le vendite sono espletate secondo il principio di trasparenza. Mentre
lart. 104 ter della L.f. indica cosa vendere e con quale modalit vendere. Ancora lart. 105
della L.f. rappresenta la disciplina generale della vendita di tutti gli atti della procedura, la
quale riguarda tutti i beni che il fallimento pu detenere. Tale articolo integrato dallart.
108 ter della L.f., il quale detta la disciplina, in merito ad alcuni beni, quali:
i diritti dautore;
i brevetti;
i marchi;
gli archivi.
Tali beni sono beni particolari che sono trasferiti a norma delle relative leggi speciali. La
vendita dellattivo, contenuta nellart. 105 della L.f., effettuata con modalit indicata
nellart. 107 della L.f.: procedure trasparenti, competitive mediante soggetti specializzati
(= case dasta), sulla base di stime fatte da esperti. E normale che il curatore nomini uno
stimatore del bene, il quale va venduto assicurando con adeguata pubblicit (giornali,
pubblicit on line, ecc.) la massima informazione e partecipazione degli interessati la

53

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

procedura aperta. Obiettivo: ai sensi dellart. 107 della L.f., realizzare il massimo nel pi
breve tempo possibile. Ancora, il curatore (art. 107 comma 2 della L.f.) prepara delle
forme di aste, le quali vengono affidate a soggetti specializzati che si attrezzano per
eseguirle. Si tratta di metodi di vendita rigidamente disciplinate dal codice di procedura civile
(forme meno flessibili) scelta conveniente in caso vi siano delle procedure esecutive in
corso, nelle quali il curatore vuole subentrare. Lart. 107 della L.f. integra lart. 105 della
L.f. per quanto riguarda:
i beni immobili: il curatore deve dare notizia (notifica) ai creditori che abbiano un
privilegio su tali beni (art.107 comma 3 della L.f.);
il curatore in ogni caso pu sospendere la vendita quando vi sia unofferta migliorativa,
per un importo minimo del 10% (almeno pi del 10%) art. 107 comma 4 della L.f..

54

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Ai sensi dellart. 108 della L.f. il giudice delegato, su istanza del fallito, pu sospendere con
decreto motivato la vendita del bene in questione qualora vi siano:
dei giustificati e gravi motivi;
il prezzo di vendita fissato sia rovinosamente basso rispetto al valore di mercato.
Su istanza dei creditori tali vendite sono dette vendite giudiziali, le quali sono effettuate a
opera del tribunale; chi controlla la procedura il giudice delegato. Effetto purgativo delle
trascrizioni pregiudizievoli: chi compra un bene lo fa senza che tali trascrizioni limitino
lutilizzo dello stesso; infatti chi compra un bene vuole che lo stesso sia libero di diritti altrui
(di terzi). Per questo motivo, ai sensi dellart. 108 comma 2 della L.f., una volta effettuata la
vendita di beni immobiliari, il giudice delegato ha il compito di pulire da eventuali prelazioni,
ipoteche, a prescindere dalla volont del titolare di tale diritto.
Lart. 105 comma 5 della L.f. riguarda le cessioni di rapporti giuridici in blocco, i quali sono
quei contratti attivi e passivi dellimpresa che possono essere venduti, ma che sono diversi
rispetto alla cessione di rami di azienda.
Trasferimento dazienda
Il trasferimento dazienda, previsto dallart. 105 comma 2 della L.f. e dallart. 2556 c.c.,
rappresenta quella forma di contratto scritto ab probazionem, iscritto nel Registro delle
imprese (al fine di essere opponibile ai terzi), salvo per quei beni in cui espressamente
prevista una forma particolare (ad es. per i beni immobili e per i mobili registrati
obbligatorio latto pubblico). Il contenuto trasferito quel complesso di beni che consente di
svolgere lattivit dimpresa (art. 2558 c.c., art. 2559 c.c., art. 2560 c.c.). Problema: si
applicano tali articoli del c.c.? Non del tutto, esse devono comunque essere integrate dalla
L.f., ossia il c.c. deve essere ottemperato alla L.f..
La cessione dei crediti delle aziende cedute ha effetto nei confronti dei terzi dalliscrizione
nel Registro delle imprese. Tuttavia il debito ceduto liberato, se si paga il cedente (art. 105
comma 6 della L.f.) non occorre nessuna comunicazione al debitore ceduto.
Lart. 105 comma 7 della L.f. riguarda le garanzie e i privilegi sui crediti: queste sono valide
nei confronti del cessionario, infatti trasferendo il credito, viene trasferita anche la garanzia
ai sensi dellart. 2560 c.c..
Per quanto riguarda i debiti vi una diversa disciplina rispetto lart. 2560 comma 2 c.c.,
infatti tale articolo enuncia che, durante la vendita di unazienda, viene automaticamente
trasferito anche il passivo che si trova nei registri contabili. Mentre per lart. 105 della L.f.
escluso il trasferimento dei debiti salvo diversa convenzione: lacquirente potrebbe comunque
accollarsi delle passivit pagando meno lazienda, ma ci possibile, ai sensi dellart. 105

55

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

comma 9 della L.f., solo se non viene alterata la par condicio creditorum. Un es. sono i debiti
privilegiati, i debiti verso i dipendenti e i debiti per TFR.
Laccollo, civilisticamente, pu essere di due tipi:
accollo cumulativo: fa parte della normalit, non si libera loriginario debito;
accollo liberatorio: il creditore libera il debito originario.
Per quanto riguarda laccollo in senso fallimentare ci si pone il problema del creditore
accollato per la liberazione del suo credito in ambito di fallimento: prudente ottenere il
consenso dello stesso.
Lart. 105 comma 3 della L.f. prende in considerazione la consultazione sindacale in ambito di
trasferimento dellazienda. Infatti, ai sensi dellart. 2112 c.c., bisognerebbe consultare i
sindacati, come nel caso di fallimento con regole troppo rigide agevolazione: nella L.f.
previsto che il fallimento di un imprenditore comporta, mediante accordo con i sindacati, il
trasferimento anche solo parziale (con eventuali modifiche nei contratti di lavoro) dei
lavoratori, nei limiti previsti dalla legge e dalla consultazione sindacale. La prassi, per, pu
prevedere:
che tutti i lavoratori non siano iscritti ai sindacati;
vi siano delle sentenze che classificano lart. 2112 c.c. come imperativo.
Nel trasferimento dazienda quindi si pu non assumere tutti i dipendenti, e tale operazione si
effettua individuando degli appositi criteri oggettivi, o addirittura si pu rinunciare
totalmente agli stessi. In questultimo caso si fa ricorso ai cosiddetti ammortizzatori sociali,
quali la cassa integrazione straordinaria, la mobilit, gli incentivi allesodo, ecc.

56

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Per lart. 105 comma 5 della L.f. e per lart. 105 comma 6 della L.f., altri beni che possono
essere venduti sono:
cessione di attivit e passivit dellazienda individuabili in blocco: segmentazione
dellazienda in lotti, che non hanno funzionalit autonoma. Ci vale anche per i beni in
leasing: si tratta di un accollo del debito da pagare in prededuzione per lart. 72 della
L.f., ossia nel subentro del contratto pendente, il debito che si venuto a creare in
prededuzione (considerando il fatto che pi la prededuzione si estende e pi si
danneggiano i creditori concorsuali). Cos nellart. 111 della L.f. viene stabilito lordine
in cui devono essere soddisfatti i crediti;
cessione dei rami dazienda: il ramo dazienda un pezzo di essa che ha una sua
funzione economica (identificazione economica), quindi ha una sua funzionalit
autonoma.
Per i contratti a esecuzione continuata/periodica si applica la regola per la quale, in caso di
subentro, tutti i debitori vanno in prededuzione? Considerando che se si subentra, dovrebbe
essere pagato anche tutto il debito creato prima del fallimento, si rischia di alterare la par
condicio creditorum, quindi la risposta alla domanda NO (almeno secondo alcune
interpretazioni). Allora a questo punto occorre distinguere:
le prestazioni a coppie per cui si pagano solo quelle avvenute dopo il fallimento, un es.
il canone di locazione;
le prestazioni che portano dei vantaggi a tutti i creditori per cui si pagano anche quelle
avvenute in precedenza della procedura concorsuale, un es. il canone di leasing
(infatti il canone di leasing = quota di locazione + quota di acquisto).
Comunque la maggior parte degli interpreti sostiene che chi subentra deve pagare tutti i
debiti, anche quelli precedenti la dichiarazione di fallimento.
Lart. 106 della L.f. riguarda i crediti/diritti su azioni/quote che possono essere cedute al fine
di monetizzare pezzi dellattivo.
Vengono anche cedute le revocazioni concorsuali, se sono gi in corso di giudizio pendente,
ossia la causa deve essere gi iniziata dal curatore: lacquirente, quando le acquista, si
sostituisce in tale causa al curatore.
Anche tutti gli altri contenziosi del fallimento sono cedibili, come le azioni di responsabilit, di
nullit e di annullamento.

57

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Infine possono essere cedute le quote delle SRL, per le quali si applica lart. 2471 c.c., per cui
vige lespropriazione individuale sulla quota.
Ripartizione dellattivo
Si tratta di elencare i criteri e le procedure utilizzati per ripartire la cassa.
Possono essere previsti dei riparti parziali gi in fase di liquidazione dellattivo.
Lart. 111 comma 1 della L.f. stabilisce lordine di distribuzione delle somme liquidate, il quale
il seguente:
1. pagamento dei debiti e rimborso dei crediti prededucibili;
2. rimborso dei crediti privilegiati, i quali hanno la prelazione sulle cose vendute: lordine,
in tal caso stabilito dalla legge (potrebbe esservi un privilegio che viene prima
dellaltro); categoria che al suo interno molto articolata;
3. rimborso dei crediti chirografari in proporzione del loro ammontare (rispetto al
proprio credito). Rientrano tra questi anche i privilegiati che fossero rimasti
insoddisfatti (che sono divenuti chirografari per eventi sfortunati privilegiati
incapienti).
Tale articolo della L.f. rappresenta lestrinsecazione della par condicio creditorum, infatti
detta lordine cronologico e logico della ripartizione della massa attiva. Lart. 111 della L.f.
quindi una legge di liquidazione concorsuale di fondamentale importanza. Prima della riforma vi
era un unico punto di riferimento, il quale era il c.c. secondo il quale il curatore era obbligato a
redigere un piano di riparto, nel quale venivano elencate tutte le operazioni di gestione.
Attualmente stato introdotto lart. 111 ter della L.f., e il curatore deve scindere due masse
attive liquide: una immobiliare e una mobiliare, per quanto riguarda la vendita di beni, su cui
vanno versati gli interessi passivi e i frutti da esso prodotti. Successivamente lo stesso
curatore deve tenere un conto autonomo, con analitica indicazione delle operazioni specifiche
attive e passive relative ai beni e anche indicazione delle operazioni di carattere generale.
Funzione: per attribuire lattivo e il passivo dei beni del fallimento ai rispettivi creditori si
creano dei costi speciali, per i quali il curatore obbligato verso un certo ordine. Tale
rilevazione avviene tramite:
c/c speciali;
conti ragioneristici inerenti a una contabilit speciale.
Crediti prededucibili
Lart. 111 comma 2 della L.f. d una definizione di crediti prededucibili. Essi sono quelle cos
classificati dalla legge e quelli sorti in occasione o in funzione della procedura, come ad es. le
spese di procedura, il compenso del curatore, i debiti contratti pendenti nei quali il curatore
subentrato, ecc.
Tutti i creditori devono essere verificati nelle fasi riguardanti linsinuazione al passivo, per
lart. 111 bis della L.f.. Esclusione: i creditori non contestati per la collocazione e per
lammontare di crediti sorti in merito allattivit di liquidazione, come i compensi effettuati
dallo stesso giudice delegato, i quali quindi non hanno bisogno di essere accertati. Lart. 111 bis
comma 3 della L.f. riguarda, in particolare, i crediti prededucibili che non devono essere
accertati e che possono essere soddisfatti mediante i criteri della proporzionalit, secondo

58

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

lordine dei crediti. Il curatore, quindi, paga tali crediti solo se sa che in grado di pagarli
tutti; se non fosse in grado, la somma va ripartita in base alla proporzionalit verso tutti i
creditori menzionati dallart. 111 comma 1 della L.f..

Lart. 111 della L.f. si riferisce ai crediti maturati in corso di procedura che vanno pagati prima
di tutti (crediti prededucibili) e i crediti privilegiati, come ad es. i crediti ammessi con
prelazione secondo i beni venduti. Limportanza assunta dalla legge, infatti i crediti
privilegiati, per legge, sono pagati subito dopo i prededucibili. Le graduazioni sono anche
indicate nellart. 2777 c.c. e nellart. 2778 c.c.: nel fare il piano di riparto il curatore deve
esaminare lordine dei crediti privilegiati ai sensi dellart. 111 quater, infatti i crediti con
privilegio generale hanno il privilegio su tutto il patrimonio del debitore fallito. Chi ha un
privilegio speciale sui singoli beni, vengono posti sul medesimo piano dei creditori generali, ma
vi sono anche creditori garantiti da ipoteca o pegno, i quali vengono pagati prima dei
privilegiati generali (= il creditore ipotecario solo sulla vendita del bene ipotecato ha il
privilegio, mentre il lavoratore ha un credito generale). In questa graduazione i crediti
chirografari sono gli ultimi a essere soddisfatti per lart. 111 comma 1 della L.f., perch sono
sprovvisti di qualunque privilegio (di solito trattasi di crediti dei fornitori, e di crediti
commerciali). Sono assimilati ai crediti chirografari quelli privilegiati speciali, ma solo
successivamente alla liberazione dello stesso privilegio.
Per quanto riguarda i riparti parziali, la situazione la medesima: in corso di liquidazione in
tempi antecedenti la vendita del bene su cui grava lipoteca, il curatore deve comunque
distribuire la quota di riparto, anche a quel creditore privilegiato speciale; quando il bene
viene venduto, per, la quota gi data viene computata al valore totale del privilegio (quindi al
totale che gli spetta). Nellart. 111 della L.f. non viene detto nulla sui crediti subordinati, i
quali vanno rimborsati solo dopo che tutti i chirografari siano integralmente pagati. Esempi di
crediti subordinati sono: finanziamenti dei soci, crediti i quali vengono volontariamente
accettati come subordinati, ecc.: essi hanno come unica prospettiva (quasi sempre) quella di
rinascere in periodi successivi alla chiusura del fallimento per essere richiesti alla societ
tornata in bonis (non accade quasi mai).
Ripartizione dellattivo fallimentare
Si basa sui seguenti principi:
il pagamento, il pi rapido possibile, dei creditori;
la salvaguardia del pagamento dellamministrazione fallimentare (curatore, coadiutori,
ecc.);
la rapida chiusura della procedura concorsuale.

59

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Secondo lart. 110 della L.f. il curatore, a partire da 4 mesi dalla chiusura dello stato passivo
deve presentare:
il prospetto delle somme disponibili;
il piano di riparto.
Il termine di 4 mesi ordinatorio perch si fa solo se si hanno somme a disposizione da
distribuire. Il problema che i curatori non sono cos solleciti nella redazione dei piani di
riparto parziali, contrariamente alle regole, e per questo motivo vengono spesso sollecitati dal
giudice delegato. Infatti egli dovrebbe compilarlo e consegnarlo allo stesso giudice delegato, il
quale provvede a portarlo a conoscenza di tutti i creditori (art. 110 comma 3 della L.f.), i quali
hanno la possibilit di produrre reclamo entro 15 giorni su:
il quantum, la soma da restituire;
lerrore nella graduazione rispetto allordine dei privilegi: risulta complicato ordinare i
privilegi, facilmente durante questa fase si originano errori non consapevoli).
Decorso tale termine il piano di riparto esecutivo.
Ai sensi dellart. 105 della L.f. il curatore deve provvedere al pagamento su controllo del
giudice delegato, e deve essere anche fornita la prova del pagamento, ad es. tramite
bonifico, assegni circolari o contanti verso ricevuta. Comunque la curatela i piani di riparto
parziali (di solito quadrimestrali):
non possono superare l80% delle somme da ripartire (art. 113 della L.f.);
devono essere trattenute e depositate le quote di una serie di crediti che non possono
essere pagate nellimmediato, come ad es. le ammissioni con riserva, le opposizioni non
ancora accolte: tali somme devono comunque essere accantonate (accantonamenti ad
hoc verso tali creditori).
La natura degli accantonamenti una sorta di prudenza, utilizzata al fine di evitare disparit
di trattamento e cos facendo creando un vero e proprio danno a essi, infatti le somme non
possono essere richieste indietro salvo nei casi di rivendica.
I crediti tardivi vengono trattati in modo diverso, infatti per essi non previsto alcun
accantonamento preventivo, poich tali creditori devono risentire del fatto di non essersi
insinuati nel passivo con tempestivit. Eccezione: se il ritardo dipende da cause non imputabili
a essi, laccantonamento va fatto anche in questo caso, ma solo dopo che questo si sia
manifestato (quello che gi stato ripartito andato perduto).
A questo punto finita la fase di liquidazione dellattivo ed effettuati i riparti parziali (prima di
quello finale) il curatore deve fare un rendiconto su come sono state impiegate le somme
ricavate, presentando lintera situazione contabile della procedura, la quale va depositata
presso il giudice delegato e che pu essere visionata dai creditori. Tale rendiconto un
documento propedeutico al riparto finale perch in esso si indica la somma dovuta al curatore
(= in prededuzione).
Il riparto finale rappresenta latto finale della procedura, in cui, seguendo lordine dei
privilegi in caso ancora non siano stati liberati (nella prassi essi sono gi liberati) , vengono
soddisfatti i chirografari e i crediti cui sono stati previsti nei riparti parziali (se la condizione
stata verificata; in caso essa non sia ancora verificata la somma stabilita dal giudice
delegato). Ai sensi dellart. 117 comma 4 della L.f. vengono versate delle somme per i creditori

60

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

irreperibili fino a 5 anni. Trascorso tale termine le somme diventano propriet del Ministro
della giustizia (statale). La chiusura della procedura fallimentare, oltre alla modalit formale
di liquidazione degli atti ( caso normale), prevede i seguenti casi (art. 118 comma 1 della
L.f.):
in caso non siano proposte domande di ammissione al passivo, ad es. quando i crediti
vengono acquistati da terzi;
in caso in cui, prima del riparto finale, in occasione dei riparti parziali nei quali viene
pagato il 100% del passivo (= caso fortunato, in cui potrebbe accadere che avanzi
dellattivo nei confronti del passivo;
in caso, in corso di procedura, non si in grado di pagare parte dei creditori
concorsuali (non vi pi attivo) al fine di evitare ulteriori spese inutili.
In questi casi nei quali non tutti i creditori siano soddisfatti viene chiesta la cancellazione dal
Registro delle imprese della societ in questione, e quindi la conseguente chiusura del
fallimento, la quale a sua volta determina la fine della responsabilit illimitata dei soci.
Chiusura del fallimento
Effetti della chiusura sul fallito
Vengono meno gli effetti tipici del fallimento patrimoniali e personali. In caso vi sia ancora
dellattivo, esso deve essere a lui restituito, cos riprende anche i giudizi in corso e tutte le
incapacit del caso vengono meno.
Effetti della chiusura sul creditore non pagato
Tali creditori riacquistano il potere di chiedere allex fallito il proprio credito, salvo il caso
particolare dellesdebitazione (comunque il credito insoddisfatto non si estinto).
Effetti della chiusura sugli organi della procedura
Gli organi dopo la chiusura vengono meno. Per il curatore, in caso di esdebitazione, deve
comunque esprimere il proprio parere (e di conseguenza anche il comitato dei creditori). In
generale le sue azioni diventano improseguibili, anche se non sono state concluse (caso raro, di
solito le azioni vengono sempre concluse).
Riapertura del fallimento (art. 121 della L.f.)
Quando il fallimento viene chiuso senza che venga soddisfatto il 100% dei crediti, si pu
riaprire in caso entro 5 anni viene scoperto e/o reperito un patrimonio in capo allex fallito, ad
es. nel caso di uneredit. In tal caso verr emanata una nuova sentenza di fallimento in cui il
giudice delegato richiama il curatore e il comitato dei curatori (se possibile), e rifissa un
termine per gli accertamenti del passivo, a partire dalla nuova sentenza, in cui partecipano:
i vecchi creditori non soddisfatti;
i nuovi creditori, che non sono quelli prededucibili riguardanti la seconda sentenza, ma
sono quelli che hanno fatto parte ad atti a titolo gratuito, per i quali si applica una
disciplina che va anche a ritroso rispetto alla riapertura della procedura (caso raro).
Esdebitazione

61

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Lesdebitazione rappresenta il beneficio della liberazione del debito residuo nei confronti dei
creditori concorsuali non pagati, che per possono agire sul fallito nel caso di entrata in
possesso di beni da parte dello stesso. Il fallito, in pratica, dopo il fallimento torna a essere
liberato per lart. 142 della L.f.. E unazione che risponde alla filosofia secondo la quale il
fallimento non rappresenta una sanzione, ma semplicemente una procedura amministrativa al
fine del regolamento tra creditori e debitore. Tale azione limitata al fallito persona fisica,
e non applicabile al fallimento delle societ (mentre tale opzione prevista in altri
ordinamenti giuridici, in Italia non prevista poich i crediti sono considerati inesigibili, ossia
estinti e non possono essere pi richiesti al fallito, ma la massimo nei confronti di coobbligati
o garanti). Il fallito, in generale, ha diritto alle sole condizioni dettate dallart. 118 comma 1
della L.f. e dallart. 118 comma 2 della L.f., ma non pu richiederle:
qualora non siano stati soddisfatti nemmeno in parte i crediti concorsuali (art. 118
comma 1 della L.f.);
non possono essere cancellati gli obblighi di mantenimento, gli alimenti e i danni per
risarcimento causati da fatto illecito extraconcorsuale (art. 2043 c.c.);
non possono essere eliminati i crediti non concorsuali, i quali si sono verificati al di
fuori della procedura.
Le condizioni positive per godere dellesdebitazione sono:
il fallito si comportato bene (art. 142 comma 1 della L.f.), collaborando con gli organi
della procedura;
il fallito ha pagato almeno in parte i crediti concorsuali.
Le condizioni negative in base alle quali non possibile godere dellesdebitazione sono:
il fallito ha ritardato la richiesta e/o lo svolgimento della procedura;
il fallito ha occultato la corrispondenza commerciale;
il fallito ha beneficiato di una precedente esdebitazione (nel corso dei 10 anni
precedenti);
il fallito ha tenuto un comportamento perseguibile penalmente, come ad es. sottrarre
dellattivo fallimentare.
Esdebitazione: procedura
Lart. 143 della L.f. enuncia che tale atto sia esecutivo quando viene emanato il decreto di
chiusura del fallimento mediante apprezzamento discrezionale del tribunale, sentiti il
curatore e il comitato dei creditori, cos dichiarando inesigibili, verso lex fallito, i crediti
concorsuali. Contro tale decreto i creditori concorsuali possono produrre reclamo.

62

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Concordato fallimentare
Chiusura del fallimento a seguito di un accordo tra i creditori concorsuali e un soggetto che fa
una proposta di sistemazione del passivo, di soddisfazione del credito. Tale proposta viene
fatta agli organi della procedura e votata dalla maggioranza dei creditori, i quali, mediante
tale votazione, danno il consenso. La particolarit di tale votazione quella che i creditori, se
non votano, accettano il concordato (quindi se votano, per accettare la procedura non devono
rifiutarla) silenzio assenso. Il concordato fallimentare stato modificato nel 2005 dal d.l
sulla competitivit delle imprese (modificato insieme alla revocatoria e al concordato
preventivo) perch ci si voluti avvicinare a forme di privatizzazione della composizione
dellinsolvenza per agevolare gli accordi tra debitore e creditori. Rispetto alloriginale
concordato fallimentare, che era fortemente ostacolato (infatti si poteva fare solo se
venivano pagati per il 100% i creditori privilegiati) per evitare che venisse presentato. In
seguito viene copiata la disciplina sul concordato della L. Marzano (denominata L. Parmalat,
poich stata emanata in concomitanza del crack Parmalat) che riguarda lamministrazione
straordinaria di imprese di grandissime dimensioni (infatti oltre a essere applicata alla
Parmalat, stata applicata anche allAlitalia) la quale prevede il concordato che poi stato
trasfuso nel concordato fallimentare previsto dallart. 124 della L.f. (e non nel concordato
preventivo, previsto dallart. 160 della L.f.). A tal riguardo opportuno distinguere tra:
Concordato fallimentare
Concordato preventivo
E un modo per concludere la procedura Il concordato preventivo si apre prima che il
fallimentare.
fallimento inizi, in pratica a esso
alternativo.
La natura contrattualistica del concordato (a oggi, fine del 2011) la tesi prevalente, infatti
esso rappresenta una proposta contrattuale poich definita con laccettazione dei creditori.
Chiaramente la proposta non pu violare i privilegi del credito e la privatizzazione dello stesso
richiede comunque una verifica da parte del tribunale verifica di legalit della proposta,
e non di convenienza (la verifica di convenienza spetta solo ai creditori orientamento

63

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

prevalente): prima della riforma del 2005 il tribunale aveva anche un ruolo nella verifica di
convenienza.
Il contenuto
Il contenuto di duplice natura:
contenuto necessario:
riguarda la ristrutturazione del debito e la soddisfazione dei
crediti insinuati al passivo:
ristrutturazione del debito: soddisfazione del credito
riduzione del debito;
(art. 124 comma 2 della L.f.):
dilazione del debito;
pu avvenire in qualsiasi
soluzione mista tra forma.
La
parola
riduzione e dilazione;
soddisfazione
ha
un
viene richiesta una contenuto pi ampio del
garanzia.
concetto di pagamento:
cessione di beni;
accolli
o
altre
operazioni
straordinarie,
ivi
compresa
lattribuzione
ai
creditori di azioni
della
societ
o
emissione
delle
obbligazioni
(convertibili o meno) o
altre
operazioni
finanziarie
(come
titoli di debito), o
ancora
altre
operazioni
straordinarie
(come
fusioni o scissioni);
moratorie.

64

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

contenuto eventuale:
possibilit che lobbligo di
avvenimento del concordato
viene assunto da un terzo
soggetto che si presenta
come assuntore, e si obbliga
di sanare i debiti mediante
limpossessamento di tutto
lattivo (di solito lassuntore
un concorrente). Lart. 124
della L.f. non utilizza il
termine
assuntore,
ma
semplicemente menziona un
terzo soggetto. La proposta
pu,
inoltre,
essere
presentata:
dal fallito e soggetti
vicini al fallito, ma
solo dopo un anno dalla
dichiarazione
di
fallimento, e non oltre
2
anni
dallaccettazione del
passivo. Tali termini
sono imposti al fine di
evitare
fallimenti
strumentali;
lart. 124 comma 4
della L.f. prevede la
scissione
dellattivo
fallimentare, purch
autorizzata
dal
giudice delegato; ma
se si tratta di atti o
cause previste dal
fallimento (ad es. nel
caso
della
revocatoria), non solo

necessaria

lautorizzazione
del
giudice delegato, ma
anche indispensabile
che
lazione
in
questione
sia
cominciata
dal
curatore;
sempre per lart. 124
comma 4 il proponente
pu
limitare
la
proposta
solo
ai
creditori noti (quelli
ammessi al passivo o
quelli
che
hanno
presentato domanda
dinsinuazione opposta
o tardiva). In tal caso
verso
gli
altri
creditori continua a
rispondere il fallito
(considerato il fatto
che
lattivo
venga
trasferito al soggetto
che
impone
la
limitazione). Sempre
tale disciplina prevede
la
possibilit
di
inserire
anche
il
credito revocato;
possibilit
di
suddividere il credito
in classi (art. 124
comma 2 della L.f.);
possibilit
di
prevedere
trattamenti diversi ai
creditori appartenenti
a classi diverse;
possibilit
di
pagamento
parziale
dei
creditori
privilegiati, ai sensi
dellart. 124 comma 3
della L.f. (tale incipit
vale anche per il

65

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

concordato preventivo
e
rappresenta
la
novit della riforma
del 2005).
Possibilit di suddividere il credito in classi
Non un obbligo, ma una scelta discrezionale del debitore (in altri ordinamenti le classi sono
obbligatorie). Lopinione giurisprudenziale, a volte, punta sullintervento anche in ambito di
convenienza (e non solo di legalit) quando: i creditori possono essere suddivisi in base a
interessi economici omogenei (creditori finanziari banche, creditori industriali fornitori
di materie prime (strategici e non strategici, creditori commerciali agenti/rappresentanti)
e allentit del credito, a basi miste.
Trattamento diverso dei creditori appartenenti a classe diverse
Per lart. 124 comma 3 della L.f. tale trattamento diverso non pu alterare comunque lordine
dei privilegi, ma pu derogare alla parit di trattamento nellambito dei creditori dello stesso
rango (di solito ci avviene allinterno della categoria dei creditori chirografari).
Possibilit di non pagare i creditori privilegiati per intero
I creditori muniti di privilegio possono non venire soddisfatti integralmente, purch il piano
(che secondo la legge non previsto dal concordato fallimentare, ma dal concordato
preventivo) lo preveda interpretazione non letterale delle parole. Per piano dintende la
proposta la quale preveda un ammontare in misura non inferiore a quella realizzabile rispetto
al valore del bene su cui insito il privilegio. Solo se il valore del bene minore rispetto al
valore del credito garantito pu non essere pagato integralmente il credito privilegiato. Tale
valore del bene deve derivare tramite una dichiarazione giurata da un professionista che
abbia i requisiti da curatore e che sia una terza persona. Cos il privilegiato, per la parte non
pagata, diventa chirografario. Attenzione: nel caso in cui non vengono pagati per intero i
privilegiati, vengono comunque pagati i chirografari mediante risorse aggiuntive. I subordinati,
normalmente, non vengono pagati, o come nel caso dei chirografari, pagati con risorse esterne
non previste dal concordato cos non vi alcuna violazione della par condicio creditorum.
La proposta di concordato il frutto della fantasia del proponente (con delle regole), infatti
sono previste forme di concordato alternative tenendo in considerazione che pi complicato
favorirlo visto che il voto negativo (il voto vale no, il non-voto vale si).

66

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Lautonomia nel determinare il contenuto del concordato fallimentare a discrezionalit del


proponente, ma essa deve seguire un limite: non si pu modificare lordine dei privilegi, lattivo
fallimentare deve essere distribuito secondo tale ordine.
Procedura
Lart. 124 comma 1 della L.f. enuncia che il proponente pu essere:
uno o pi creditori;
un terzo;
lo stesso debitore: per la proposta pu essere fatta solo dopo che trascorso un anno
dalla dichiarazione di fallimento.
In caso il proponente voglia proporre a una societ:
societ di capitali: la proposta viene accettata dal Consiglio damministrazione e deve
essere redatta dal notaio ai sensi dellart. 152 comma 2 della L.f.;
societ di persone: la proposta viene accettata dalla maggioranza di capitale, ai sensi
dellart. 125 della L.f. (nel caso delle societ di persone il curatore pu fare un elenco
provvisorio dei creditori per capire chi pu votare).
La proposta presentata che chiede un parere al curatore sulla fattibilit/convenienza di
questa perch questultimo in grado di esprimere un parere su quanto si ricaverebbe
dalleventuale ripartizione dellattivo, in ipotesi di normale prosecuzione del fallimento, nei
confronti di prospettive di fattibilit del concordato,oltre che essere conveniente
(compito del curatore di verifica preliminare). Il suo parere obbligatorio, ma non vincolante
e pu essere:
positivo;
dubbio;

67

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

negativo.
Dopodich viene chiesto il parere da parte del giudice delegato al comitato dei creditori: solo
se tale organo favorevole si pu andare oltre (parere obbligatorio e vincolante).
Successivamente il giudice delegato si avvale del controllo formale, in cui si ordina che la
proposta venga comunicata ai creditori. Questo se il parere del comitato dei creditori
positivo; se fosse negativo il giudice delegato lo comunica al proponente ed eventualmente lo
consiglia su modifiche migliorative della proposta. In caso venisse accettata la proposta, sulla
domanda di comunicazione dei creditori (fatta anche tramite internet, nei grandi fallimenti)
il curatore deve indicare:
dove si recuperano gli atti;
la mancata risposta viene considerata come un voto favorevole silenzio assenso;
fissa un termine entro il quale i creditori devono far pervenire il dissenso.
Entro 20 gg/1 mese si viene a conoscenza del fatto se i creditori abbiano o meno accettato la
proposta di concordato.
Ai sensi dellart. 127 della L.f. i soggetti legittimati al voto sono i seguenti:
i creditori che risultano nellelenco provvisorio redatto dal curatore, in caso non sia
ancora stato effettuato lo stato passivo;
tutti i creditori indicati nello stato passivo, sia gli esecutivi, sia quelli ammessi
provvisoriamente e con riserva.
I creditori privilegiati non possono votare, se la proposta di concordato, a loro neutra (= se
sono indifferenti allesito del concordato), poich si potrebbe snaturare il voto che serve
invece a coloro i quali hanno la consapevolezza di non venire pagati per il 100% del loro credito
durante la procedura concorsuale, e quindi devono valutare in tale situazione di accordo la loro
effettiva convenienza. Ma i privilegiati possono votare se rinunciano alla prelazione (la rinuncia
non deve superare 1/3 del loro credito), cos viene paragonato a un chirografario (per
ignoranza diffusa i privilegiati piuttosto che votare, perdono la prelazione). Ci vale per i
privilegiati generali e speciali, ma nel caso di creditori i quali hanno il diritto di prelazione, che
ha un valore maggiore rispetto al valore del bene, allora viene fatta una perizia sul bene in
questione e cos tale creditore diviene privilegiato solo nominalmente rispetto la somma
eccedente (ossia su tale eccedenza viene considerato un chirografario).
Ad es.:
valore dellipoteca = 1000
valore del bene = 750
Il creditore vota per i 250 (1000 750), perch per tale somma egli chirografario.
La proposta di concordato prevede la suddivisione in classi di creditori, tra loro suddividibili
ulteriormente in sottoclassi omogenee problema: in caso in cui un creditore privilegiato si
spogli del suo privilegio, si pone il problema di dove collocarlo: dovrebbe ricadere nella classe
merceologica indicata secondo buon senso (possono comunque sorgere situazioni incerte). I
chirografari, come gi accennato, hanno diritto al voto, ma nella rara situazione in cui essi
vengano pagati al 100%, rientrerebbero anchessi nella categoria dei neutri nei confronti del

68

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

concordato, cosicch perderebbero anche il diritto al voto solo in questo caso entrano in
gioco i creditori subordinati (con conseguente diritto al voto). E escluso dal diritto al voto:
il coniuge del debitore;
i parenti e gli affini entro il IV grado del debitore, comprese le societ controllanti e
pi in generale i creditori infragruppo (norma prevista solo per il concordato
fallimentare);
coloro che hanno acquistato crediti dai soggetti appena nominati entro un anno dalla
dichiarazione di fallimento.
Dopo la dichiarazione di fallimento la norma vieta che qualcuno abbia acquistato il credito
(appunto dopo tale data), per evitare che tale soggetto possa acquisire il diritto al voto,
almeno che non si tratti di una banca, infatti essa un soggetto autonomo che pu votare
senza alterare le maggioranze.
Ai sensi dellart. 128 comma 1 della L.f. lapprovazione del concordato avviene con la
maggioranza dei crediti ammessi al voto (regola uguale a quella del concordato preventivo).
Prima della riforma del 2006, il concordato veniva approvato mediante un doppia maggioranza,
ma era troppo complicato. Considerando il fatto che il concordato sia dotato di classi di
creditori per lart. 128 comma 2 della L.f., considerate anche la maggioranza dei crediti
(assoluta), ma anche la maggioranza delle classi, la duplice maggioranza viene oggi calcolata in
base al valore dei crediti, ricordandosi che le classi sono e rimangono comunque una libera
scelta del debitore.
Lart. 128 comma 3 della L.f. enuncia il caso di una sopravvenuta variazione in merito a un
credito riconosciuto successivamente come tale: tale creditore non vota. Se il concordato
presenta delle classi, il tribunale, durante la verifica formale dello stesso, deve anche
verificare formalmente che le classi abbiano un senso secondo principi economici e giuridici
omogenei, le quali devono prevedere trattamenti differenziati anche allinterno delle classi
(ossia trattare in modo diverso anche crediti identici).
Possono essere presentate pi proposte di concordato (anche se non esattamente in
contemporanea) art. 125 comma 2 della L.f.: se sono presentate pi proposte o nel caso se
ne aggiunga una nuova, il comitato dei creditori sceglie quale portare in votazione, e il giudice
delegato pu ordinare la comunicazione a tutti i creditori delle altre proposte scartate, in
caso le ritenesse parimenti convenienti. Per quanto riguarda il voto in questa particolare
situazione: vince la proposta che ha conseguito il maggior numero di consensi (o, in caso di
parit, quella sottoposta per prima). Problema: il voto negativo, ossia vota chi non
daccordo al concordato, per un parere positivo vige il silenzio-assenso la soluzione
potrebbe essere modificare la votazione da silenzio-assenso a espressione del voto, cosicch
si possa meglio comprendere la scelta del concordato pi adatto.
Lart. 129 della L.f. disciplina la situazione in cui la votazione terminata e il curatore
comunica al giudice delegato il risultato. Se positivo bisogna darne comunicazione a:
il proponente;
il fallito;
i creditori dissenzienti.

69

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Successivamente viene fissato un termine per le eventuali opposizioni; sempre entro questo
termine il comitato dei creditori deve esplicare il motivo per il quale il concordato valido.
Dopodich viene fissata ludienza, e cos si possono verificare due situazioni:
1. la proposta di concordato non ha opposizioni, si procede allomologa del concordato, il
tribunale verifica la regolarit della procedura nel caso dirregolarit degli aspetti
formali, la normativa in merito non dice nulla: comunque opportuno che il tribunale
possa acconsentire di sanare i vizi degli aspetti formali, per poi procedere allomologa;
2. la proposta di concordato contiene delle opposizioni, ossia qualche creditore vuole che
lo stesso venga respinto.

I creditori contrari possono proporre opposizione al concordato. In generale se non vi sono


opposizioni, il giudice delegato procede allomologa, ma in caso vi siano opposizione,
interessante capire cosa esse possono riguardare:
fatti procedurali (ad es. la maggioranza calcolata in modo errato);
inattendibilit della proposta di concordato;
non convenienza del concordato la minoranza pu eccepire la non convenienza? Lart.
129 comma 5 della L.f. enuncia che lopposizione sia fondata sulla convenienza del
concordato.
Lopposizione pu essere effettuata da un creditore appartenente a una delle classi
dissenzienti, cio una classe contraria. Il tribunale pu omologare il concordato qualora il
credito soddisfatto dal medesimo sia in misura soddisfacente, comparando il concordato
rispetto alla prosecuzione del concorso fallimentare. Lart. 129 comma 5 limita la valutazione
del tribunale rispetto al concordato e alla presenza delle classi. Molto semplicemente quando
si tratta di concordato senza la previsione di classi, la maggioranza dei creditori vince. In
giurisprudenza alcuni sostengono che la valutazione del concordato in base alla convenienza da
parte del creditore sia prevista da esso, sia nel caso vi sia una suddivisione in classe o meno.
Se limpugnazione venisse fatta dal debitore, si creerebbe una disparit di trattamento tra i
creditori (interpretazione riproposta nel concordato preventivo). Il tribunale in caso di
opposizione, assume i mezzi istruttori richiesti dalle parti (ad es. la raccomandata), anche
eventualmente delegando uno dei componenti del collegio. Listruttoria composta delle
seguenti fasi:
sentire le parti;

70

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

sentire il commissario dellistruttoria ed emettere un decreto motivato in cui si


ammette o si rifiuta lomologa del concordato. A questo punto il tribunale non pu
modificare laccordo tra i creditori e il debitore. Contro tale decreto previsto un
reclamo alla Corte dAppello entro 30 giorni. Ai sensi dellart. 130 della L.f. e dellart.
131 della L.f. il decreto diventa efficace dopo 30 giorni dalla sua pubblicazione, e
quando il concordato fallimentare diventa definitivo il giudice delegato chiude il
fallimento.
Effetto del concordato
Nei confronti del debitore il concordato fa venire meno tutte le incapacit a lui imputate. Nei
confronti dei creditori concorrenti (ante fallimento) leffetto quello di accettare la falcidia
concorsuale ai sensi dellart. 135 della L.f.: i suoi effetti valgono anche per i creditori che non
si sono insinuati al passivo (nei limiti della prescrizione del proprio credito) obbligatoriet
del concordato, nel senso che leccedenza sia inesigibile nei confronti del debitore. E
possibile per il proponente limitare la proposta di concordato ai soli creditori conosciuti a
scapito di quelli che non si sono presentati (questi non vengono pagati in sostanza) per lart.
124 della L.f.. In che modo collegare i due articoli?
Art. 124 della L.f. Art. 135 della L.f.
Il creditore insoddisfatto non insinuato pu agire solo verso lex fallito tornado in bonis, che
comunque pu rivalersi della falcidia concorsuale.
Nellesecuzione del concordato il curatore e il comitato dei creditori verificano le modalit di
esecuzione del concordato secondo quanto previsto nel decreto di omologa. Quando i crediti
sono stati pagati il giudice delegato ordina la cancellazione delle ipoteche e il fallimento si
chiude. Patologia:
le garanzie promesse in realt non esistono;
il proponente non adempie regolarmente alle obbligazioni del concordato.
Ciascun creditore pu chiedere la risoluzione del concordato (e non il curatore, il comitato dei
creditori e il giudice delegato concordato = rapporto tra proponente e creditori). La
violazione della proposta d luogo alla risoluzione della stessa, infatti le possibilit sono:
adempimento regolare: qualunque ritardo pu dare luogo o meno alla risoluzione? NO!
Infatti nei confronti dei contratti, per lart. 1455 c.c. la risoluzione non si pu fare se
linadempimento di scarsa importanza. Allora il concetto ripreso anche nellart. 186
della L.f. in cui si dice che il concordato non si pu interrompere se linadempimento non
rilevante, che per si riferisce al concordato preventivo;
quindi: non sarebbe di buon senso che nel concordato fallimentare vi fosse una regola
diversa rispetto al concordato preventivo.
I limiti per il ricorso sono i seguenti:
non deve essere proposto oltre un anno per lultimo termine fissato per ladempimento
ultimo;
non si applica lart. 137 della L.f. in caso si abbia a che fare con soggetti che si vogliono
prendere tutte le responsabilit (= lassuntore) dei debiti, perch il fallimento chiuso

71

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

annullamento per errore, violenza e dolo, su istanza del curatore e su quella di


qualunque creditore (forma dinvalidit del concordato che adotta il principio civilistico
dei contratti).
Se il contratto di concordato annullato allora si riapre il fallimento; in tal caso vengono
applicati le seguenti disposizioni legislative: lart. 122 della L.f., lart. 123 della L.f.. Ancora
lart. 141 della L.f. riguarda la ripresentazione di una proposta di concordato (anche dallo
stesso proponente), la quale pu essere omologata solo se sono state depositate presso il
giudice delegato tutte le somme che servono per ladempimento.

Fallimento delle societ


Finora si parlato di fallimento dellimprenditore commerciale non piccolo, ora opportuno
parlare di fallimenti sociali, anche perch sono maggiori i casi in cui a fallire sia una societ
rispetto allimprenditore individuale. Le norme sono integrate dallart. 146 della L.f. e dallart.
156 della L.f., le quali riguardano tutte le societ, sia quelle di persone che quelle di capitali.
Art. 146 della L.f.
Art. 156 della L.f.
Riguarda gli amministratori delle societ, Tale norma si applica al concordato
infatti in caso di una societ i responsabili fallimentare e al concordato preventivo, e
sono:
stabilisce che la proposta nelle societ di
gli amministratori;
persone accettata se confermata dalla
i liquidatori.
maggioranza dei soci (per capitale posseduto)
e nelle societ di capitali la maggioranza deve
Tali soggetti sono responsabili seppur non riguarda il Consiglio di amministrazione. La
falliti personalmente e devono essere sentiti decisione deve risultare da un verbale
ogniqualvolta che lo stabilisce la legge, redatto dal notaio (in atto pubblico) e deve
soprattutto quando essa stabilisce che debba essere iscritta nel Registro delle imprese.
essere sentito il fallito, ancorch non fallito.
Effetti del fallimento sulle societ
Il fallimento non pi causa di scioglimento della societ di capitali, come avveniva in passato,
perch lart. 2484 c.c. non la prevede pi nellelenco delle cause di scioglimento. La societ
fallita ha delle limitazioni nel suo operare, ma non si scioglie. Problema: caso della
conservazione del capitale sociale minimo, in caso di prosecuzione della societ (nei casi
normali in cui la societ sia in bonis) essa si dovrebbe sciogliere: ci non necessario.
Situazione diversa riguarda le societ di persone; esse prevedono un elenco di cause di
scioglimento, tra cui la dichiarazione di fallimento, perch il Governo, durante la riforma del
2003, non ha riformato nello specifico tali societ, ma solo quelle di capitali. Problema: lart.
2308 c.c. non chiaro in merito alla nomina dei liquidatori in caso di fallimento delle societ di
persone. Lorientamento prevalente comunque del parere negativo, perch di solito non vi
nulla da liquidare: comunque le soluzioni applicate sono differenti.
Gli effetti del fallimento sono i seguenti:
gli amministratori rimangono in carica;

72

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

permane lassemblea;
i sindaci rimangono in carica.
Gli organi rimangono in carica ma con compiti limitati per quanto riguarda:
lapprovazione del concordato;
le modifiche dellatto costitutivo;
le operazioni straordinarie: la trasformazione, ai sensi dellart. 2498 c.c. il quale
prevede che sia sempre possibile anche in corso di fallimento; la fusione, ai sensi
dellart. 2501 comma 2 c.c., il quale prevede che essa non sia consentita alle societ in
liquidazione, che per, non abbiamo iniziato la liquidazione dellattivo; laumento del
capitale sociale, operazione prevista anche durante il fallimento, meno improbabile
delle due precedenti.
In questi casi gli amministratori conservano tale potere.
Lart. 147 della L.f. prevede che la sentenza dichiarativa di fallimento di SNC e SAS produca
anche il fallimento dei soci, pur se non persone fisiche, illimitatamente responsabili (nel caso
di SAS, tale responsabilit riguarda solo gli accomandatari). Si tratta di un fallimento senza
insolvenza del socio, perch avviene automaticamente in conseguenza a quello della societ.
Falliscono come soci illimitatamente responsabili anche coloro che dopo la dichiarazione di
fallimento delle societ risultano essere soci illimitatamente responsabili (non in via ufficiale),
come:
soci di fatto;
soci occulti;
soci apparenti;
in generale coloro che abbiano generato nei creditori lidea di essere
effettivamente soci responsabili illimitatamente
soci accomandanti che gestiscono e amministrano la SAS (anchessi rispondono di tutto
il passivo, come una sorta di sanzione).
Lart. 147 comma 2 della L.f. riguarda il fallimento del socio receduto o cessato dalla
responsabilit illimitata, decorso un anno dallo scioglimento del rapporto sociale (stessa cosa
accomandatari nel caso degli ultimi due tipi sociali menzionati). Mentre non si applicano a soci
di societ in cui gli stessi siano a responsabilit limitata come nel caso delle SPA, delle SRL,
delle SAS e delle SAPA (solo per i soci accomandanti nel caso degli ultimi due tipi sociali
menzionati).
Gli effetti del fallimento societario e dei soci sono previsti dallart. 148 della L.f.. Comunque
previsto un solo giudice delegato e un solo curatore, pur se le due procedure rimangono
distinte (il fallimento della societ e il fallimento dei soci), ma possono essere nominati pi
comitati dei creditori. Proprio per questo motivo lart. 148 comma 3 della L.f. rappresenta il
collegamento tra i due debiti. Nei confronti della societ, chi si insinua al passivo della
societ, si insinua automaticamente anche al passivo dei soci. Lart. 148 comma 4 della L.f.
prende in considerazione i creditori particolari del socio, i quali si insinuano solo al passivo dei
soci, al contrario il creditore sociale ha diritto a partecipare a tutte le ripartizioni, finch non
sia soddisfatto integralmente.

73

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Ai sensi dellart. 67 della L.f. sono revocabili gli atti che ledono la par condicio nel periodo
sospetto. In caso di socio illimitatamente responsabile problema: gli atti posti al di fuori
dellattivit economica compiuti nel periodo sospetto: le norme non specificano nulla, ma per il
buon senso, occorre distinguere tra:
atti tra privati, in cui lacquirente non conosce la situazione del socio illimitatamente
responsabile a rischio di fallimento;
atti compiuti dalla persona-socio illimitatamente responsabile che hanno un
collegamento evidente per i terzi con linsolvenza della societ.
Societ di capitali e soci limitatamente responsabili
Importanti sono gli artt. 146, 150, 151 della L.f.. In particolare lart. 150 della L.f. riguarda il
versamento del capitale ancora non effettuato da parte dei soci al momento del fallimento. La
societ, in caso di versamento non integrale del capitale, secondo lart. 150 comma 1 della L.f.,
il giudice delegato, su proposta del curatore, ha un potere particolare, secondo il quale pu
emettere uningiunzione di pagamento, per fare versare le quote ancora dovute, anche se non
stabilito il pagamento: lunico ordine di pagamento che il giudice delegato pu emettere; il
socio pu opporsi entro 40 giorni, ai sensi dellart. 645 c.p.c.:
il socio ha gi versato, ma non risulta dagli atti;
il socio ha il diritto di compensarlo con un credito;
vi stato un errore.

74

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Per lemissione del decreto ingiuntivo, vi sono dei requisiti il creditore deve risultare da
prova scritta. Gli amministratori/liquidatori richiedono il versamento di capitali in caso di
necessit previa valutazione economica (non prevista, per, ma data per scontata dallart. 150
della L.f.).
Finanziamento dei soci
Lart. 2467 c.c. vale solo per le SRL; introdotta dalla riforma societaria del 2003, tale norma
integra lart. 150 della L.f. per quanto riguarda:
la postergazione dei crediti subordinati;
se il finanziamento anteriore un anno dal fallimento, inefficace ex lege, quindi deve
essere restituito.
Lart. 150 comma 2 della L.f. enuncia che devono essere restituiti i finanziamenti quando essi
provocano lo squilibrio economico nel capitale netto. Mentre lart. 2497 quinques si estende
non solo nei confronti dei gruppi, ma anche verso le SPA, al fine di individuare un principio
generale da applicare a tutte le societ di capitali (= uninterpretazione). Lart. 146 comma 2
della L.f. riguarda le azioni di responsabilit contro gli amministratori, i sindaci e i liquidatori
nelle SPA e contro i soci delle SRL. Si tratta di azioni fatte dal curatore previa
autorizzazione del giudice delegato ammesso che il socio coincide con lamministratore
delle societ di persone (in tali societ non ammesso che lamministratore sia estraneo), in
caso di fallimento della societ, fallisce anche questo automaticamente. Fine dellazione:
ottenere danni dallamministratore per la mala-gestione. Gli artt. 2393-2393 bis- 2394 c.c.
menzionano le azioni di responsabilit verso la societ e verso i soci. In particolare lart. 2394
bis c.c. prevede che in caso di fallimento, le azioni di responsabilit vengano effettuate dal
curatore in via esclusiva. Mentre lart. 2395 c.c. concerne le azioni a diretta responsabilit
non possano essere effettuate dal curatore, ma dai creditori societari e/o dalla societ. Le
azioni fatte dal curatore riguardano gli:
amministratori di diritto;
amministratori di fatto: coloro che hanno generato nei terzi lidea che essi potessero
avere potere gestorio, e che nella pratica gestivano la societ.
Il ricavato dallazione di responsabilit va a vantaggio della massa attiva (art. 2393 c.c.) o a
vantaggio dei singoli creditori (art. 2394 c.c.). Si tratta comunque di azioni che possono
essere esercitate, anche prima del fallimento, ma vengono adattate in funzione dello stesso.
Quindi esse sono di competenza del tribunale ordinario.
Nel caso delle SRL, si pu dire che esse siano sempre state considerate come delle piccole
SPA, prima della riforma del 2003. Dopo tale riforma, invece, le SRL diventano pi simili a una
societ di persone, per, con la caratteristica della responsabilit limitata stata
introdotta una normativa autonoma statutaria che permette alle stesse di adottare una
disciplina interna presa dalle societ di persone o dalle societ di capitali. Quindi: la
responsabilit degli amministratori, per quanto riguarda lamministrazione della societ
prevista dallart. 2476 c.c., norma specifica, appunto, sulla responsabilit degli amministratori
delle SRL, norma analoga allart. 2492 c.c. riguardante le SPA. Nel dettaglio lart. 2476 comma
7 c.c. considera responsabili solidalmente anche i soci, nonostante la responsabilit limitata,

75

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

che non abbiano alcun potere gestorio (anche se non vi una distinzione tra socio e
amministratore come accade nelle SPA) nel caso abbiano intenzionalmente deciso o
autorizzato atti dannosi nei confronti dei creditori (della societ e dei soci). Cos per lart.
146 comma 2 della L.f. il curatore pu anche compiere azioni di responsabilit contro i soci di
SRL. Mentre lart. 2497 comma 4 c.c. concerne il fallimento di societ che esercitano attivit
di direzione e coordinamento.

Procedura concorsuale minore: il concordato preventivo, lamministrazione controllata e la


liquidazione coatta amministrativa
Si tratta di procedure concorsuali alternative al fallimento. Con la riforma del 2005 e del
2006 il legislatore ha profondamente riformato il concordato preventivo, abrogando la
liquidazione amministrativa e ha introdotto una nuova figura: laccordo di ristrutturazione dei
debiti (art. 182 bis della L.f.), che una modalit di composizione crisi volontaria e che non
costituisce una vera e propria procedura concorsuale.

Concordato preventivo
Il concordato preventivo una procedura concorsuale minore (quella maggiore il fallimento)
di carattere volontario, cio si pu aprire solo su richiesta del debitore ( dal fallimento). Il
concordato preventivo si dice preventivo ( dal concordato fallimentare) perch tende a
prevenire e scongiurare lapertura del fallimento: se pendente una causa di fallimento, da
parte di un creditore o del PM, il tribunale deve prima esaminare il concordato preventivo,
cosicch le altre cause di fallimento siano improcedibili. Se lesito del concordato preventivo

76

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

positivo viene accantonata la domanda di fallimento; ma se il concordato preventivo non


procede il tribunale esamina la domanda di fallimento nuovamente. In base allart. 160 della
L.f., limprenditore che si trova in stato di crisi ( stato dinsolvenza, non in grado di
affrontare le proprie obbligazioni) pu proporre il concordato preventivo ai creditori. Cosa
vuol dire stato di crisi? Dalle riforme, dal 2005 al 2007, stato un dilemma, cos si sono
delineate due opzioni:
1. nozione pi ampia di stato dinsolvenza;
2. qualcosa di meno dellinsolvenza.
Nel 2007 stato introdotto lart. 160 comma 3 della L.f., in cui si specifica che per stato di
crisi sintende anche lo stato dinsolvenza oltre che di pericolo/difficolt dinsolvenza
cosicch limpresa possa rimettersi in carreggiata.
Incipit sullamministrazione controllata: lamministrazione controllata era una moratoria, un
termine spostato in avanti, in cui il debitore pagava tutti i debiti aumentati degli interessi
oggi stata abrogata.
Il concordato preventivo un accordo tra il debitore e i creditori che rappresentano la
maggioranza dei debiti. Il debitore fa una proposta che i creditori a maggioranza la votano e
la accordano. E un intervento giurisdizionale volto a garantire la regolarit del percorso che
ha una particolarit, la volont della maggioranza dei creditori. Si tratta di un accordo di
natura contrattuale oppure di un accordo svincolato dal contratto? In realt nessuna delle due
affermazioni risulta convincente perch:
non vi un contratto, infatti il concordato preventivo si chiude se viene accettato dalla
maggioranza dei creditori (non tutti i creditori);
il tribunale interviene solo per quanto riguarda la legalit, non pu modificarlo e non
interviene sul merito.
Allora il concordato preventivo ha una natura mista pubblica (= regolata dal tribunale) e
privata (= interviene tra soggetti privati).
Tra il 2005-2007 avvenuta una privatizzazione del concordato preventivo, quindi si
accentuata la natura contrattualistica, infatti il debitore pu presentare qualunque proposta
purch rispetti lordine dei privilegi, e il tribunale non pu intervenire, al massimo pu essere
richiesto il parere di un esperto nominato dal tribunale, ma non vincolante. Fino al 2005 il
concordato preventivo era una figura destinata allimprenditore onesto, ma sfortunato, infatti
si poteva ammettere al concordato preventivo:
colui che aveva tenuto la contabilit molto bene;
non doveva essere stato in precedenza assoggettato a concordato preventivo.
Inoltre i creditori privilegiati dovevano essere pagati al 100% (reali o personali), a
prescindere dalla capienza del bene, e i chirografari dovevano essere pagati almeno al 40%.
Entro 6 mesi bisognava riconoscere gli interessi, e lo stesso concordato era accordato
mediante a una duplice maggioranza, la quale riguardava:
il numero dei creditori;
i 2/3 del valore dei crediti.

77

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Infine il tribunale doveva anche accertare la convenienza del concordato preventivo, rispetto
al fallimento. Con la riforma 2005-2007 il debitore pu formulare qualunque proposta ai
creditori, basta che rispetti lordine dei privilegi (comunque la % non deve essere
insignificante). Attualmente non pi obbligatorio il pagamento integrale dei privilegiati (art.
160 della L.f.).
Finalit del concordato preventivo
Le finalit del concordato preventivo sono le seguenti:
conservare gli organismi/le strutture produttivi che meritano di essere salvate:
in capo allo stesso debitore;
in capo a un altro imprenditore che compra lazienda;
prevedere anche la liquidazione dei beni dellimprenditore.

La proposta di concordato preventivo deve anche predisporre le garanzie per ladempimento


del medesimo concordato preventivo = proposta contrattuale particolare perch per essere
accettato basta la maggioranza dei creditori. Lart. 160 della L.f. evidenzia la seguente
differenza tra il concordato preventivo e quello fallimentare:
concordato preventivo
concordato fallimentare
previsto un piano di liquidazione fatto dal non si parla di piano, perch esso gi stato
debitore.
fatto dal curatore.
Lart. 161 della L.f. prevede un piano accompagnato dalla relazione di un professionista che
attesti la veridicit e la fattibilit del concordato preventivo. Si tratta di un piano finanziario
che indichi le risorse per adempiere a tale provvedimento, e di un piano industriale. Il
concordato pu prevedere la prosecuzione dellimpresa in capo al medesimo imprenditore. Esso
si pu concludere in determinati modi:
cedere lazienda o rami dazienda a terzi concordato liquidatorio;
chiudere lazienda o rami dazienda;

78

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

razionalizzare la struttura.
In relazione alle azioni precedenti possibile giungere alle stesse mediante la previsione del
pagamento ai chirografari solo rispetto a una percentuale.
In caso di aumento di capitale, sorge un problema: le perdite rilevanti assunte prima
dellomologa del concordato preventivo, che abbiano azzerato il capitale, devono essere
eliminate e dopodich occorre ricostituire il capitale. In pi nel concordato preventivo
normalmente il debitore non paga integralmente i propri debiti (che paga in percentuale) la
societ ha una sopravvenienza attiva (= bonus da concordato), in sostanza per i debiti non
pagati essa viene liberata. Le sopravvenienze sono esenti da tasse e possono essere utilizzate
per contribuire allazzeramento delle perdite. Lefficacia della delibera assembleare rispetto
allaumento di capitale, condizionata sospensivamente dallomologa di concordato. E
fondamentale lasseverazione di un soggetto commercialista, aziendalista, consulente
societario, sindaco della societ, deve attestare la veridicit dei dati aziendali (la contabilit
deve essere in ordine e non vi devono essere fondi neri). La giurisprudenza, per, dice che il
soggetto deve essere un terzo indipendente (estraneo alla societ). In caso tale esperto abbia
attestato delle falsit, e il commissario giudiziale (nominato dal tribunale) se ne accorgesse,
questultimo obbligato a comunicarlo ai creditori. Allora le responsabilit dellasseveratore
sono:
il risarcimento del danno responsabilit civile;
per quanto riguarda la responsabilit penale, sorge un dubbio perch se tale figura
avesse un ruolo pubblico (visto che nominato dal tribunale), sarebbe anche munito di
responsabilit penale in merito al falso (punito col carcere, con linterdizione dai
pubblici uffici).
La finalit di tale attestazione quella di dare attendibilit rispetto al piano che il debitore
fa e che deve essere presentato con ricorso al tribunale fallimentare al fine di consentire di
far valutare al medesimo positivamente il contenuto del concordato preventivo. A proposito di
contenuti, il contenuto necessario del concordato preventivo la
ristrutturazione dei debiti + soddisfazione dei crediti.
Queste due operazioni possono essere espletate in qualunque modo. Il contenuto eventuale,
invece :
pu esservi un assuntore terzo che si assume lonere del concordato, paga i debiti e si
rende proprietario dellattivo;
fare una proposta di concordato preventivo con contenuto alternativo rispetto al
pagamento dei chirografari (alcuni tribunali non accettano tale clausola perch possono
sorgere dei problemi sul voto, in particolare sulla maggioranza);
proposta di concordato preventivo nei confronti dei privilegiati: a seguito di un decreto
ingiuntivo, questi possono essere considerati dei semplici chirografari, oppure possono
rinunciare volontariamente al privilegiato viene trattato un po meglio dei chirografari;
suddivisione dei creditori in classi, le quali non sono obbligatorie, ma una scelta
discrezionale del debitore, che se la attua deve suddividere le classi tra debitori
omogenei, senza ledere lordine dei privilegi;

79

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

non previsto il pagamento integrale dei chirografari se risulta che il privilegio sia
incapiente, situazione attestata dallasseveratore. Per la parte incapiente, il creditore
diventa chirografario.
Nel concordato preventivo pu essere prevista la transazione fiscale (art. 182 ter della L.f.),
che il pi delle volte riguarda i debiti fiscali e i debiti previdenziali, i quali sono privilegiati
(normalmente, eccetto i tributi) e che sono imposti da norme della UE. La transazione non pu
riguardare lIVA perch derivante dalla UE, infatti per tali debiti al massimo prevista una
dilazione. Questa transazione pu fare parte del piano del concordato preventivo, in cui si pu
non pagare per intero i debitori privilegiati e i debitori chirografari, ma la stessa transazione
impone comunque lordine dei privilegi. Le fasi della procedura sono le seguenti:
fase di apertura: quella della presentazione del ricorso e dellammissione alla
procedura;
fase negoziale: la proposta del debitore accettata dai creditori;
fase di omologa;
fase di esecuzione: viene eseguito il concordato preventivo, la fase attuativa
dellomologa.
Presentazione con ricorso e ammissione: lart. 160 della L.f. (letto insieme allart.1 comma 1
della L.f.) parla di imprenditore, solo come colui che pu fallire (cio solo limprenditore che
pu fallire pu accedere al concordato preventivo). Lart. 146 della L.f. riguarda lestensione
del fallimento ai soci illimitatamente responsabili e non viene applicata a tale concordato
art. 184 della L.f. enuncia che il concordato una volta omologato, obbligatorio per tutti i
creditori e ha efficacia nei confronti dei soci illimitatamente responsabili. Ci sono delle
societ che non fanno ricorso al fallimento, ma alla liquidazione coatta amministrativa: esse
possono comunque essere ammesse al concordato preventivo se insolventi. La domanda
proposta con ricorso al tribunale sito nel luogo della sede principale dellazienda (quella in cui
vengono prese le decisioni). Se tale domanda viene presentata da parte di societ di capitali,
ai sensi dellart. 152 della L.f., deve essere approvata dal consiglio di amministrazione e
iscritta nel Registro delle imprese, mentre per le societ di persone essa deve essere
approvata dalla maggioranza del capitale. Per cambiare la competenza del tribunale
necessario il trasferimento della sede oltre un anno prima dalla richiesta di concordato.
Problema: limprenditore straniero con sede allestero, ma con una sede secondaria in Italia
pu presentare domanda di concordato preventivo, ma trattandosi di unimpresa unica, sar a
essa applicato il regolamento comunitario relativo allinsolvenza (infatti tale impresa risulter
insolvente non solo in Italia, ma anche allestero), il quale detta regole su cosa fare
(Regolamento 1336 del 2000).
Contenuto del concordato preventivo
I contenuti sono:
deve
essere
aggiornata
la
relazione
sulla
situazione
contabile
economica/finanziaria/patrimoniale redatta apportando gli adattamenti alla
compilazione contabile prevista dal bilancio per avere cos una situazione effettiva;
elenco e relativo valore delle attivit e delle passivit;
nomi dei creditori, importo del credito ed eventuali cause di prelazione.

80

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Tali documenti sono indispensabili per il deposito corretto del concordato preventivo, in modo
da far s che possa essere ammesso dal tribunale. La domanda di concordato va comunicato al
PM, che partecipa alla fase di apertura e di omologazione. Il tribunale, secondo lart. 162 della
L.f., pu chiedere:
chiarimenti;
modifiche;
integrazioni.

Votazione dellaccordo
Per votare il concordato, i creditori devono essere convocati. Nel decreto di apertura della
procedura si indica la data di svolgimento del procedimento di ammissione al passivo. Vi un
elenco di creditori, il quale viene verificato sulla sorta di scritture contabili. Tale
comunicazione inviata a ciascuno dei creditori, ai sensi dellart. 171 comma 2 della L.f.. Se il
numero di creditori grande, la comunicazione pu essere effettuata in modo differente
(come ad es. la pubblicazione in un giornale, nel sito della procedura, ecc.). Il commissario
giudiziale redige il bilancio art. 174 della L.f.. Poi il commissario redige una relazione sulla
fattibilit del piano depositato entro 3 giorni dalla verifica dello stato passivo in cancelleria.
Alladunanza partecipano i creditori i quali vantano un credito anteriore al ricorso (anche per
quanto riguarda i crediti contestati) che possono partecipare direttamente. Inoltre possono
anche partecipare i garanti del debitore, rammentando che il concordato preventivo non ha
effetto esdebitatorio nei confronti degli stessi. Alladunanza deve anche intervenire il

81

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

debitore personalmente funzione: fornire risposte e chiarimenti, si costituisce ladunanza e


si apre la discussione sulla proposta finale che pu essere modificata finch si aprono le
votazioni. Secondo lart. 175 comma 3 della L.f. ciascun creditore pu esporre contestazioni
contro il concordato preventivo, mentre nellart. 175 comma 4 della L.f., viene detto che il
debitore abbia comunque il dovere di fornire al giudice gli opportuni chiarimenti. Si aprono le
votazioni e la proposta non pu pi essere modificata si vota; in base allart. 176 della L.f.,
riguarda il fatto in caso di contestazioni: possono essere ammessi provvisoriamente, in tutto o
in parte, i crediti contestati ai soli fini del voto, senza che ci pregiudichi la pronunzia
definitiva sulleffettiva sussistenza dei crediti.
Lart. 177 della L.f. enuncia che il concordato preventivo approvato dai creditori, i quali
rappresentano la maggioranza dei crediti ammessi al voto, e ove sia prevista la suddivisione in
classi, necessaria una duplice maggioranza:
la maggioranza dei creditori;
la maggioranza delle classi.
A differenza del concordato fallimentare, per votare necessario dire di s, mentre il nonvoto vuol dire no silenzio rifiuto, in pratica risulta pi difficile (rispetto al concordato
fallimentare) che il concordato preventivo venga votato.
Limitazioni al voto:
sono esclusi il coniuge, i parenti affini fino al IV grado, e coloro che hanno comprato qualcosa
dal debitore o da tali soggetti, meno di un anno

sono gli unici soggetti esclusi dal voto.


Nel concordato fallimentare (art. 127 della L.f.) si escludono dal voto anche i cessionari dei
crediti del fallito avvenuti dopo la dichiarazione di fallimento, e le societ controllanti e
controllate, quindi vi un maggior controllo nella votazione, infatti, in tal caso, il legislatore ha
voluto restringere il campo dei soggetti che possono votare per convenienza.
Mentre nel concordato preventivo, ci non accade, quindi i cessionari e le societ
controllate/controllanti possono votare senza problemi. Infatti sono legittimati al voto:
i chirografari, anche quelli non compresi nellelenco che comunque dimostrano di essere
creditori;
i creditori contestati, secondo quello che stabilisce il giudice delegato;
i creditori privilegiati, in generale, non votano, perch vengono pagati al 100%. Al
massimo votano solo coloro che hanno un pregiudizio nei confronti del concordato
preventivo (ai sensi dellart. 177 comma 2 della L.f.), e se rinunciano al privilegio in
tutto o in parte (senza il limite di 1/3, come accade nel concordato fallimentare).
Anche in caso di privilegio incapiente, il creditore privilegiato, per la parte incapiente
per lappunto, pu votare. Comunque la rinuncia del privilegio, comunque, ha effetto solo
nellambito della votazione.
Questa maggioranza di creditori pu essere raggiunta:
durante ludienza;

82

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

secondo lart. 178 della L.f., nei 20 giorni successivi alla chiusura delludienza,
frequentemente, le banche prima di votare, leggono la relazione (depositata 3 giorni
prima delludienza medesima) per farsi autorizzare dai suoi organi interni serve
qualche giorno in pi.
Problema: qualche creditore pu votare anche prima delladunanza. Nella comunicazione
trasmessa oltre la convocazione, mediante lapposito modulo di voto, in caso di impossibilit a
intervenire alladunanza voto considerato valido. Ma se la maggioranza non raggiunta, il
giudice delegato lo riferisce al tribunale che:
respinge lomologa del concordato preventivo;
(pi di frequente) dichiara il fallimento della societ che non automatica, ma
probabile.
Lart. 180 della L.f. enuncia che se la maggioranza viene raggiunta, il giudice delegato lo dice al
tribunale che fissa unudienza con convocazione delle parti in camera di consiglio per lomologa
del concordato preventivo. Tale provvedimento viene comunicato anche a:
il commissario giudiziale;
i creditori dissenzienti;
eventuali altri interessanti.
Essi devono costituirsi in cancelleria almeno 10 giorni prima dellomologa.
Il commissario giudiziale almeno 10 giorni prima dellomologa deve dare il proprio parere
conclusivo (art. 180 della L.f. art. 172 della L.f.). A questo punto vi sono due scenari:
i creditori dissenzienti non propongono opposizione allomologa e il tribunale deve fare
solo un controllo formale della procedura;
i creditori dissenzienti chiedono che il concordato preventivo non venga omologato:
nel caso del concordato preventivo senza classi, qualunque creditore pu opporsi
allomologa per motivi di natura formale (per la regolarit/legalit della
procedura;
nel caso del concordato preventivo con classi, pu opporsi un creditore
contrario appartenente a una classe dissenziente, cio esso pu contestare la
convenienza della proposta.
Caso dubbio: il creditore, nel concordato
preventivo senza classi, pu votare o
meno sulla convenienza della proposta

prevalentemente NO!

Il tribunale decide con decreto motivato che comunica a:


il debitore;
il commissario giudiziale;

83

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

eventuali creditori opponenti.


E provvisoriamente esecutivo ed pubblicato ai sensi dellart. 17 della L.f.. Per lart. 181 della
L.f. la procedura si deve concludere in 6 mesi e pu essere prorogata per una sola volta per 60
giorni, termine ordinatorio, il quale sarebbe buona norma da seguire da parte dei giudici.
Contro il decreto di omologa (art. 183 della L.f.) pu essere proposto reclamo alla Corte
dAppello a 30 giorni dalla pubblicazione del decreto di omologa (come nel concordato
fallimentare, anche se non previsto espressamente dalla norma).
Effetti dellomologa
Se il concordato liquidatorio si nomina un liquidatore giudiziale che prende in possesso il
patrimonio, per la liquidazione dellattivo (art. 185 della L.f.): il commissario giudiziale ne
sorveglia ladempimento secondo le modalit previste dal decreto di omologa.
Il concordato una proposta contrattuale particolare (proposta, accettazione): vi lipotesi
di risoluzione e annullamento.
Risoluzione per inadempimento del debitore agli obblighi concordatari, art. 186 della L.f.
linadempimento deve essere importante (come nel caso del concordato fallimentare art.
186 comma 3 della L.f. per cui il ricorso per risoluzione deve proporsi entro un anno dalla
scadenza del termine fissato per lultimo adempimento del concordato preventivo; la stessa
disciplina del concordato fallimentare).
Annullamento, art. 186 della L.f. il quale rinvia allart. 138 della L.f. in merito al concordato
fallimentare, il quale parla di annullamento come un adattamento alla norma civilistica in sede
fallimentaristica (in caso di dolo, colpa, violenza) dolo: sopravvalutazione del passivo,
dolosamente sottratto dallattivo.
Quando dal concordato preventivo non omologato, si passa al fallimento della societ, si dice
che si passa da una procedura allaltra:
prima della riforma del 2006: le due procedure erano in realt due casi della stessa
procedura. Cos i termini per le revocatorie procedevano gi dalla prima procedura
(appunto il concordato preventivo):
la sospensione degli interessi sospesi dalla domanda di concordato preventivo;
secondo lart. 56 della L.f., la compensazione partiva sempre dalla domanda di
concordato preventivo;
fenomeno di retrodatazione degli effetti fallimentari: consecuzione delle procedure
concorsuali
dopo la riforma del 2006: oggi, in prevalenza, la consecuzione della procedura
concorsuale non si usa pi, perch il concordato preventivo e il fallimento sono
considerate due procedure completamente distinte, slegate luna dallaltra lesito
patologico del concordato preventivo non per forza il fallimento, quindi il fallimento e
i suoi effetti decorrono dalla dichiarazione di fallimento.

84

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Accordi di ristrutturazione e piani di risanamento


Accordo di ristrutturazione
Il blocco delle azioni esecutive, ai sensi dellart. 182 bis comma 6 della L.f., previsto dalla
comunicazione dellaccordo, cos si apre la fase di omologa dello stesso: il tribunale si deve
pronunciare. Se vi sono opposizioni, esso le respinger. Il tribunale si pronuncia in
composizione collegiale emanando un decreto di emissione/respinta dellaccordo. Gli atti
dellaccordo sono sottratti alla revocatoria perch si tratta di atti compiuti da un soggetto in
bonis. In pratica lart. 182 bis della L.f. (= accordo di ristrutturazione) e il concordato

85

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

preventivo che il primo un accordo, in cui chi in disaccordo deve essere pagato
integralmente, mentre nel concordato preventivo occorre prestare fede alla par condicio
creditorum, infatti questultimo una procedura concorsuale a tutti gli effetti (al contrario
dellaccordo di ristrutturazione). Lart. 182 bis della L.f. si basa su un semplice accordo
volontario in cui si possono, magari, prevedere dei pagamenti senza che venga rispettato
lordine dei privilegi. Anche la prededuzione rappresenta una diversit rispetto al concordato
preventivo (infatti in questultimo i crediti prededucibili devono essere pagati prima rispetto
ai creditori antecedenti, anche se privilegiati, sempre rispettando lordine dei privilegi). Ai
sensi dellart. 182 quater della L.f., si prevede la prededuzione, per, a favore dei
finanziamenti bancari per meglio consentire lesecuzione del piano (art. 182 bis della L.f.),
purch espressamente prevista dallo stesso, e che questo sia stato omologato. Sono molto
pochi nella prassi i finanziamenti erogati prima dellart. 182 bis della L.f. (prima che questo
venga omologato). Problema di interpretazione: ai sensi dellart. 182 quater comma 2 della L.f.,
i finanziamenti gi effettuati in funzione dellart. 182 bis della L.f., e i finanziamenti ancora
da effettuare (in esecuzione), sono prededucibili o no? Se laccordo (ex post) non ha risanato
limpresa, la quale fallita risposte:
art. 182 quater comma 1 della L.f.: i finanziamenti in esecuzione (post accordo
omologato) sono prededucibili;
art. 182 quater comma 2 della L.f.: i finanziamenti gi effettuati in funzione dellart.
182 bis della L.f. sono prededucibili solo se laccordo omologato.
La banca conosce solo dopo se il suo credito sia o meno prededucibile.
Piano di risanamento
Il piano di risanamento trattato nellart. 67 comma 3 della L.f., nellambito delle esenzioni da
revocatoria (una volta denominati accordi stragiudiziali). Non vi quindi una norma ad hoc.
Definizione: piano idoneo a consentire il risanamento dellimpresa, piano la cui attestazione
fatta da un esponente con i requisiti da curatore. Di tale piano non si descrive il contenuto, ma
si dice solo che esentato da revocatoria. Ci trae origine dalla disciplina
dellamministrazione straordinaria,la quale enuncia che pu atteggiarsi in due modi:
1. la ristrutturazione dei debiti: finalit: consentire la prosecuzione dellimpresa;
2. la liquidazione dellimpresa.
Tali piani unilaterali (del debitore) di risanamento, sono asseverati da esperti che ne
attestano la fattibilit e la ragionevolezza. Il piano non sottoposto a pubblicit, e non viene
pubblicato nel registro delle imprese, ma per un principio di buon senso, si deve trattare di un
piano scritto, attribuendo allo stesso data certa. Bisogna considerare il fatto che il piano
venga effettuato da imprese in crisi o imprese insolventi (= che non riescono ad adempiere
alle proprie obbligazioni): quando esso prevede dei sacrifici per i creditori (in realt ci
avviene sempre) ha probabilit di riuscita? La prassi prevede che vi sia un piano unilaterale, il
quale preveda accordi con i singoli creditori (di moratoria, di dilazione, ecc.). Lesperto che
deve accertare la ragionevolezza del piano (prevista ai sensi dellart. 182 bis della L.f.
lattuabilit dellaccordo e ai sensi dellart. 161 della L.f. lattuabilit e la fattibilit del piano).
E fondamentale che i dati siano veri (lo stesso asseveratore verifica la veridicit degli
stessi). Il piano pu avere qualunque contenuto: pu anche avere contenuto liquidatorio come

86

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

avviene nel caso del concordato e nellart. 182 bis della L.f.? No, si deve prevedere
obbligatoriamente la continuazione dellimpresa, infatti un piano destinato alla
ristrutturazione dei debiti e al riequilibrio dellazienda. La finalit per il concordato
preventivo, per laccordo di ristrutturazione e per il piano di risanamento (tutti esenti da
revocatoria) non la stessa, quindi ognuna di queste fattispecie sar adottate da imprese in
situazioni differenti:
a seconda della natura del credito e al numero dei creditori;
a seconda della gravit della crisi (da notare, che il concordato preventivo approvato
a maggioranza, mentre laccordo di ristrutturazione e il piano di risanamento devono
essere approvati dal 100% dei creditori. Pi grave la crisi e pi adatto sar lo
strumento pi strutturato, il quale prevede lintervento del tribunale (= laccordo di
ristrutturazione dellart. 182 bis della L.f.). Rischio del piano di risanamento: ai sensi
dellart. 67 della L.f., la tenuta allesenzione rispetto allaccordo di ristrutturazione.

Procedure concorsuali amministrative


Si tratta di procedure gestite dalla pubblica amministrazione, a partire dai ministeri
competenti (in caso di cooperative: Ministero del Lavoro; in caso di imprese: Ministero dello
Sviluppo Economico; in caso di banche: Ministero dello Sviluppo Economico + Banca dItalia).
Nella specialit dei casi vi sono 3 procedure concorsuali amministrative, le quali:
1. liquidazione coatta amministrativa;

87

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

2. amministrazione straordinaria (Legge Prodi bis);


3. amministrazione straordinaria (Legge Marzano).
Liquidazione coatta amministrativa
E una procedura di tipo liquidatorio, come il fallimento, per si tratta di una procedura
amministrativa, in cui vi un forte ruolo dellautonomia di vigilanza (= pubblica
amministrazione). Non tutte le imprese possono essere sottoposte a liquidazione coatta
amministrativa; essa nata a fine 800 a seguito della crisi della Cassa di Risparmio (=
cooperativa di risparmiatori, con azioni da questi possedute della stessa banca. Diversa dalla
Cassa di Risparmio attuale, la quale una SPA L. bancaria del 1938 che disciplina sulle crisi
delle banche).
Le imprese, di cui allart. 2 comma 1 della L.f., in caso di crisi vengono sottoposta a LCA e non a
fallimento se si tratta di:
banche;
assicurazioni;
presupposto
societ fiduciarie;
soggettivo
intermediari finanziari;
imprese sociali.
Per quanto riguarda le cooperative, occorre fare una precisazione: quelle che non svolgono
attivit commerciale, ma solo attivit mutualistiche senza ricevere profitti, sono
assoggettabili sia a LCA che a fallimento (la prima procedura applicata quella che vince).
La LCA una procedura in cui lorgano di controllo la pubblica amministrazione. I presupposti
oggettivi sono 3:
1. violazioni delle leggi/dei regolamenti, o gravi irregolarit gestionali;
2. valutazione da parte delle autorit di vigilanza della non conformit dellattivit
esercitata rispetto allo scopo previsto dalla legge;
3. presenza di perdite patrimoniali.
Perdite patrimoniali crisi o insolvenza. Infatti non sempre le perdite coincidono con lo stato
dinsolvenza. Lart. 202 della L.f. disciplina il caso in cui alla LCA si somma laccertamento dello
stato dinsolvenza (caso previsto anche dallart. 195 della L.f.): il tribunale dichiara tale stato
su richiesta, mediante sentenza, sintetizzando la normativa fallimentare, infatti in molti casi
rinvia a tali norme. La sentenza che accerta linsolvenza dellimpresa sottoposta a LCA,
provoca lapertura della medesima procedura: gli organi della procedura (commissari) vengono
nominati dallautorit di vigilanza; viceversa nel caso di dichiarazione di LCA,
precedentemente allaccertamento dello stato dinsolvenza, il tribunale, su ricorso del
commissario liquidatore, accerta tale stato successivamente. Effetto dellaccertamento di
tale stato quello di rendere applicabile la disciplina sulla revocatoria.
La LCA un intervento intrapreso dal giudice con le seguenti caratteristiche:
eventuale, la dichiarazione giudiziale dello stato dinsolvenza non detto che venga
fatta da un giudice;

88

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

laccertamento del passivo viene effettuato dal commissario senza intervento alcuno
del giudice intervento eventuale, in caso il creditore si opponga alle decisioni dello
stesso commissario;
provvista di una particolare forma di chiusura: il concordato: in tal caso vi sono due
tipi di intervento, un intervento eventuale da parte del tribunale, e un intervento
obbligatorio, da parte del giudice;
il deposito dello stato passivo fatto dal commissario;
occorre depositare il bilancio finale nella cancelleria del tribunale.
Gli organi della procedura sono:
lautorit di vigilanza della LCA, organo parallelo al giudice delegato;
i commissari liquidatori (o 1 o 3), che vengono nominati dallautorit di vigilanza, organo
parallelo al curatore;
i commissari di sorveglianza (3 o 5) non necessariamente nominati tra i creditori, e
comunque nominati dallautorit di vigilanza, organo parallelo al comitato dei creditori;
il tribunale, il quale ha un ruolo marginale, intervento eventuale.
In generale, comunque, vi sono differenze tra gli organi del fallimento e della LCA in merito
alle funzioni.
Lautorit amministrativa della LCA varia a seconda del tipo di impresa e pu coincidere o
meno con lautorit di vigilanza della LCA (coincide nel caso delle cooperative, non coincide nel
caso di banche). I poteri dellautorit di vigilanza sono i seguenti:
nomina/sostituzione e controllo del commissario di liquidazione;
controllo della LCA;
autorizzazione degli atti importanti della procedura (prevista dallart. 35 della L.f.):
esercizio provvisorio dellimpresa; vendita beni immobili e mobili in blocco,
effettuazione di pagamenti parziali ai creditori, autorizzazione di proporre il
concordato.
Commissario liquidatore
E 1 o 3, si tratta di un pubblico ufficiale per il quale la norma sulla LCA (art. 199 della L.f.) non
richiama le norme previste per il curatore (come accade nellart. 38 della L.f.). Dubbio: pu
essere comunque prevista lapplicazione analogica delle norme del fallimento, riguardo alla
professionalit, inapplicabilit? Si, per un principio di buon senso.
I compiti del commissario liquidatore:
amministrazione e gestione del patrimonio dellimpresa insolvente;
accertamento del credito;
liquidazione dellattivo;
distribuzione delle somme ricevute al creditore.
Il commissario liquidatore assume le stesse responsabilit del curatore (art. 199 della L.f.), e
il pagamento del suo compenso liquidato dallautorit di vigilanza.
Comitato di sorveglianza

89

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Composto di 3 o 5 membri, anche non creditori (ad es. funzionari), un organo collegiale che
ha funzioni meramente consultive ed esprime pareri non vincolanti, diversamente dal comitato
dei creditori nel fallimento, che integra i poteri gestori del curatore.
Tribunale
Ha un ruolo eventuale.
Effetti della LCA
Nei confronti dellimprenditore, ai sensi dellart. 200 della L.f., il quale rinvia alle norme che
prevedono lo spossessamento dei beni e il passaggio della gestione, con riferimento ai giudizi
pendenti; la norma non menziona lart. 43 della L.f. riferito al fallimento, ma comunque viene
richiamato nella prassi anche nella LCA. Non si applicano le incapacit personali del fallito
(perch cambia la dimensione dellimpresa, che per legge una SPA). Cessano le assemblee
degli organi di amministrazione e controllo (gli amministratori e i sindaci non decadono dalla
carica, ma perdono i loro poteri, tranne che per limpugnazione della sentenza dichiarativa di
LCA, per limpugnazione del decreto per quanto riguarda la respinta del concordato).
Nei confronti dei rapporti giuridici preesistenti si rinvia completamente alle norme
fallimentari.
Nei confronti di atti pregiudizievoli ai creditori (revocatorie), solo se limpresa insolvente,
per rispettare la par condicio creditorum. Viceversa la revocatoria ordinaria (art. 2901 c.c)
pu essere fatta dal commissario liquidatore, anche se limpresa non insolvente. La
revocatoria fallimentare, per lart. 67 della L.f., viene effettuata solo dal commissario
liquidatore (art. 203 della L.f.), anche se la legge non dice nulla, competente il tribunale del
luogo, in cui stata accertata linsolvenza. I termini per lazione revocatoria sono quelli
utilizzati nel fallimento: entro 3 anni dalla dichiarazione di fallimento, nel caso specifico della
LCA entro 3 anni dallaccertamento dellinsolvenza.
Nei confronti dei soci illimitatamente responsabili, lart. 203 della L.f. dice che quando una
societ sottoposta a LCA ha dei soci a responsabilit illimitata, i soci non vengono
assoggettati a fallimento o a LCA, ma si liquida il loro patrimonio. Problema: nei confronti dei
loro atti pu essere applicata la revocatoria sul patrimonio personale usato per pagare un
debito della societ.
Accertamento del passivo
I liquidatori devono comunicare ai creditori lavvenuto della LCA entro un mese e devono
indicare le somme che risultano a ognuno di essi, derivanti dalle scritture contabili. Il
commissario liquidatore forma lelenco dei crediti ammessi e non ammessi e lo deposita in
cancelleria, comunica il deposito e a quel punto si d inizio alle opposizioni.
Liquidazione dellattivo
Ci si riferisce alle norme della L.f..
Concordato
E un modo di chiusura della LCA diverso dal concordato fallimentare, e gli art. 214-215 della
L.f. sono richiamati anche per il concordato in caso di amministrazione straordinaria.

90

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Si pu proporre il concordato solo dopo lautorizzazione del commissario su parere del


comitato di vigilanza. Non prevista nessuna votazione da parte dei creditori, i quali hanno
solo la facolt di opporsi. In ogni caso, se scaduto il termine, se vi fosse lopposizione, il
tribunale o omologa il concordato, o accetta lopposizione.
Caratteristiche del concordato nella LCA
Il concordato munito delle seguenti caratteristiche:
difficile parlare di accordo;
il tribunale ha il potere pieno nella valutazione della proposta di concordato, sia in caso
di opposizioni, sia in caso non ve ne siano;
non vi il voto dei creditori a causa di un problema di coordinamento nella stesura
delle leggi.

Amministrazione straordinaria

91

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Vi sono due tipi di amministrazione straordinaria:


1. amministrazione straordinaria comune, D.lgs. 8 Luglio 1999, n. 270, detto L. Prodi bis;
2. amministrazione straordinaria speciale, D.l. 23 Dicembre 2003, n.347, detto L.
Marzano.
Si tratta di procedure che coniugano lintervento amministrativo con quello giudiziario, in
modo non omogeneo tra le due diverse procedure, entrambe differenti dalla LCA. Vengono
controllate da unautorit di vigilanza.
Amministrazione straordinaria comune
Tale procedura regolamentata dalla cosiddetta L. Prodi bis, la quale fa seguito alla L. Prodi
del 1979. Questultima prevedeva di conservare lattivit produttiva delle grandi imprese,
sottraendole cos al fallimento (ai tempi il fallimento era una procedura liquidatoria),
conservando lattivit produttiva, e di conseguenza dei posti di lavoro. Questa legge stata
sostituita nel 1999 dalla L. Prodi bis perch quella precedente era considerata un indebito
aiuto statale, e veniva effettuata accantonando del tutti i debiti dellimpresa e ricevendo dallo
stesso Stato aiuti in denaro (anche da banche). Era una procedura distorsiva, soprattutto nei
confronti della concorrenza per questo motivo: la CEE intervenuta, e nel 1999 la L. Prodi
viene trasformata in L. Prodi bis, della quale le nuove norme sono condivise con la UE. Infatti
la garanzia dello Stato, deve essere coordinata con la normativa comunitaria in tema di
ristrutturazione delle grandi imprese.
Nel 2003 viene emanata la L. Marzano (amministrazione straordinaria speciale), normativa
specifica delle imprese di grandissime dimensioni, cos da accelerare lingresso alla procedura
da parte di imprese come la Parmalat e nel 2008 lAlitalia.
Ritornando allamministrazione straordinaria comune, lart. 1 della L. Prodi bis individua la
finalit: procedura della grande impresa commerciale insolvente con fini conservativi del
patrimonio per la prosecuzione/riattivazione/riconversione, solo se vi sono concrete
prospettive di recupero dellattivit produttiva. Condizioni:
limpresa in questione deve essere una grande impresa;
limpresa in questione deve avere delle probabilit di sopravvivenza (= concrete
prospettive di recupero, art. 27 comma 2 L. Prodi bis).
A proposito dellart. 27 comma 2 della Prodi bis:
a. tramite la cessione dei complessi aziendali, mediante la prosecuzione dellimpresa che
pu durare al massimo un anno (una sorta di esercizio provvisorio obbligatorio);
lazienda sopravvive, ma passa di mano a un terzo;
b. la ristrutturazione economica/finanziaria deve avere una durata non superiore ai due
anni impresa che ristruttura sia la propria attivit che la propria posizione debitoria
(come gi detto, al massimo in due anni), e trascorsi i due anni, riprende il proprio
operare (senza cessione dei beni aziendali). Tramite una semplice moratoria, o un
aumento di capitale (con la sottoscrizione di terzi), si effettua un taglio dei debiti
accordato con i creditori. Tale possibilit praticamente non viene utilizzata in Italia;

92

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

c. (b. bis) clausola inserita in occasione della L. Marzano, la quale residuale: riferita a

imprese che operano nei servizi pubblici essenziali (come Alitalia). La procedura pu
atteggiarsi non solo tramite cessione aziendale, ma anche tramite cessione
complessiva di beni e contratti, che ricorda la cessione di beni giuridici, identificabili
in blocco, nellambito del fallimento. Ci qualcosa di pi rispetto la cessione singola, e
qualcosa di meno della cessione aziendale. Il legislatore, inserendo tale clausola, ha
pensato ad Alitalia, senza tenere in considerazione tutte le altre imprese, ma solo
quella del servizio pubblico essenziale.

Solo quando limprenditore rientra in una di queste 3 possibilit, allora rientra


nellamministrazione straordinaria. Le revocatorie possono essere fatte solo nel I e nel II
caso (non possono essere fatte in caso di ristrutturazione del debito, perch non vi alcuna
lesione della par condicio creditorum, infatti il fine quello di pagare tutti i creditori,
mettendosi daccordo sul quantum con gli stessi). Lamministrazione straordinaria delle grandi
imprese le quali presentano prospettive di recupero, sono fornite di due soggetti:
1. la parte della pubblica amministrazione: il Ministero dello Sviluppo Economico, il
comitato di rappresentanza;
2. lautorit di vigilanza: il giudice delegato.
Questi due soggetti intrecciano le loro competenze, ad es. nel caso dellaccertamento del
passivo, il quale deve essere effettuato dallautorit giudiziaria: in pratica vi un mix tra
competenze giurisdizionali e amministrative contemporaneamente. Le imprese ammesse sono
quelle che abbiano un numero di lavoratori (compresi anche quelli gi in cassa integrazione)
pari a 200, e che da almeno un anno abbiano i seguenti requisiti dimensionali:
debiti complessivi anche non scaduti pari ai 2/3 sia dellattivo dello S/P, sia dei ricavi
di vendita nellultimo esercizio requisito sullinsolvenza;
ulteriore requisito: le imprese confiscate (procedimento di apprensione penale) che si
rivelano insolventi a prescindere dalla dimensione (anche per quanto riguarda la
dimensione dellinsolvenza).
Lart. 4 della L. Prodi bis enuncia che anche le imprese individuali possano essere ammesse alla
procedura di amministrazione straordinaria, ma solo se vengono rispettati gli artt. 10-11 della
L.f. (in cui sono contenuti i principi di portata generale che si applicano a tutte le imprese
anche quelle in amministrazione straordinaria). Lart. 3 della L. Prodi bis dice che nel caso di
unimpresa, la quale abbia i precedenti requisiti, sia insolvente, allora il tribunale competente
sar quello del luogo in cui vi la sede principale dellimpresa. In pratica la dichiarazione
dinsolvenza pu essere richiesta su istanza del debitore, di uno pi creditori, del PM, ovvero
dufficio ( lo stesso tribunale che pu dichiarare tale stato). Tale stato dinsolvenza deve
essere accertato con sentenza.
Discrasia tra la L.f. (che ha eliminato il fallimento dufficio) e lamministrazione
straordinaria: le norme non sono coordinate.
Se lo stesso imprenditore a chiedere laccertamento dello stato dinsolvenza,ai sensi
dellart. 5 della L. Prodi bis, deve fornire i documenti necessari al fine della procedura (come
le scritture contabili, ecc.). La domanda pu essere fatta anche da parte dei creditori, ai sensi
dellart. 6 della L. Prodi bis.

93

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Il tribunale convoca in camera di consiglio il debitore per sentirlo, ma convoca anche il


Ministro delle attivit produttive, dandogli un preavviso di almeno 15 giorni, in modo da far
conoscere ai terzi la sua opinione. Questultimo invitato a indicare (entro la data
delladunanza) il nome di uno o 3 commissari giudiziali, qualora venga accertato lo stato
dinsolvenza, il numero stabilito dal tribunale (uno o 3 a seconda della grandezza dellimpresa
insolvente). Il tribunale, durante ludienza fissata, sente la parte e pu decidere cos:
a) emettere una sentenza che accerti lo stato dinsolvenza, nominare il giudice delegato e
uno o 3 commissari giudiziali, ordinare il deposito delle scritture contabili, dare un
termine ai creditori per presentare domanda dinsinuazione al passivo. Sempre in
questa fase potr decidere se la gestione dellimpresa (che deve proseguire) resti in
capo allimprenditore insolvente o passi ai commissari giudiziali. Per quanto riguarda le
opposizioni di fronte al tribunale in questione, occorre agire ai sensi dellart. 9 della L.
Prodi bis, infatti contro la sentenza di accertamento dellinsolvenza si pu ricorrere
davanti al tribunale;
b) rigettare la domanda dinsolvenza, emettendo un decreto motivato (opponibile per lart.
12 della L. Prodi bis reclamo alla corte dappello);
c) dichiarare il fallimento, limpresa non ha i requisiti per accedere allamministrazione
straordinaria. Contro la sentenza di fallimento si pu reclamare alla corte dappello.
Questi sono tutti provvedimenti impugnabili, ma in modo differente rispetto alla sentenza di
fallimento.
Quando viene accertato lo stato dinsolvenza, la gestione pu essere affidata al commissario
(il quale gestisce esattamente come nel caso del curatori nella procedura fallimentare: caso
pi comune), oppure pu rimanere in capo allimprenditore insolvente (come avviene nel
concordato preventivo). Durante la fase intermedia di osservazione,non si ancora
formalmente in amministrazione straordinaria, ma gi in una procedura concorsuale in cui gli
organi hanno le stesse funzioni della L.f. non ancora rettificata dalla riforma del 2006. Quindi
tale procedura caratterizzata dalla prevalenza del tribunale, e dal fatto che i creditori
contino poco o nulla. Il commissario giudiziale ha un ruolo simile a quello del curatore nel
fallimento: anchesso un pubblico ufficiale, il quale deve avere i requisiti di onorabilit e
professionalit (art. 39 della L. Prodi bis). Lart. 8 comma 2 della L. Prodi bis, in caso la
procedura risulti particolarmente complicata, prevede che vengano nominati 3 commissari che
decidono a maggioranza, e la rappresentanza sia determinata da due su 3. La fase intermedia
di osservazione, in cui ancora non si sa con certezza se lamministrazione straordinaria sia
accettata, necessaria, poich deve essere presentata la relazione motivata prevista dallart.
27 della L. Prodi bis al fine di una concreta prospettiva di recupero, depositata entro 30
giorni al tribunale e fatta visionare al ministro, il quale entro 30 giorni esprime il proprio
parere (art. 29 L. Prodi bis). Anche i creditori possono esprimere il proprio parere. A questo
punto il tribunale, sulla base delle indicazioni ricevute dai soggetti nominati, pu:
dichiarare lamministrazione straordinaria (caso pi normale) con decreto;
dichiarare fallimento con decreto motivato: cessano tutti gli organi
dellamministrazione straordinaria.
La fase intermedia dura due mesi. Dopo di essa si svolge la vera e propria amministrazione
straordinaria, entro 5 giorni il Ministero nominati i commissari (che di solito sono gli stessi

94

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

della fase intermedia) e iniziano a prodursi degli effetti, i quali sono quelli tipici anche del
fallimento, come lo spossessamento del debitore, gli effetti sugli atti pregiudizievoli
(revocatorie) i quali si applicano solo se viene programmata la cessione aziendale. Per quanto
riguarda i contratti pendenti, leffetto tipico quello che questi proseguono
obbligatoriamente, al contrario della procedura fallimentare, il commissario, pu scioglierli, ma
solo fino a quando non espleta il contratto. In pratica il contratto prosegue finch il
commissario non ha predisposto il programma di liquidazione/ristrutturazione, il quale deve
essere fatto entro 60 giorni dalla sua nomina, e il ministro entro 30 giorni lo deve rendere
definitivo: in tale programma si prevede, infatti, una prosecuzione del medesimo contratto o
temporanea o definitiva.
Quindi tutti i contratti proseguono, ma vi sono dei particolari contratti che, comunque, non
possono essere sciolti dal commissario e sono:
contratti di lavoro subordinato;
contratti di locazione, nel caso limpresa sia il locatore.
In ogni caso, sia che tali contratti vengano sciolti, o sia che vengano proseguiti, i diritti
dellaltro contraente sono quelli contenuti nella L.f., in pratica essi sono caratterizzati da
prededuzione.

95

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

Organi
Gli organi della procedura hanno competenze tra di loro parallele: competenze amministrative
e competenze giudiziarie.
Per quanto riguarda le competenze amministrative, il Ministero allo sviluppo economico ha il
potere di controllo sullesecuzione del programma, e deve esprimere un parere sulla
trasformazione (conversione) della procedura, da amministrazione straordinaria a fallimento,
in caso il programma non venga rispettato. Il commissario straordinario redige il programma e
lo attua: egli ha responsabilit simili a quelle del curatore. Il comitato di sorveglianza viene
nominato dal ministro, pu essere composto da uno o 3 membri tra i creditori o esperti nel
settore in cui opera limpresa. Ha funzioni solo consultive (diversamente a quanto concerne al
comitato dei creditori nella procedura fallimentare: ci possibile poich la L. Prodi bis
stata emanata nel 1999 similmente sulla L.f. del periodo, la quale stata successivamente
riformata; questo non avvenuto alla L. Prodi bis).
Per quanto riguarda le competenze giudiziarie, il giudice del tribunale sorveglia e controlla il
passivo, la ripartizione dellattivo (anzi la ordina la ripartizione dellattivo), dichiara lapertura
della procedura, e approva la sua eventuale conclusione mediante lutilizzo del concordato.
Programma
Lart. 55 comma 2 della L. Prodi bis riguarda la redazione del programma. Questa in capo al
commissario straordinario, il quale deve redigerla entro 60 giorni dalla sua nomina con
lobiettivo di salvaguardare lunit dei complessi aziendali, tenuto conto degli interessi dei
creditori problema: incompatibilit: se il programma si avvale di ricorso al tesoro, o altre
agevolazioni pubbliche non rientranti nelle misure previste dalla Commissione Europea, esse
devono essere adeguate alla normativa comunitaria.
Il comitato di sorveglianza deve esprimersi sul programma il quale viene inviato al Ministero
dello sviluppo economico e al tribunale.
Il programma deve essere approvato dal Ministero, e vige il principio del silenzio assenso: se
per 90 giorni il Ministero non si pronuncia, allora approvato. Se entro un anno non stata
ceduta lazienda, pu essere concessa una proroga, ma solo per una volta, per un periodo non
superiore a 3 mesi (predisposta dal tribunale). Alternativamente lamministrazione
straordinaria revocata e viene convertita in fallimento. In particolare gli artt. 61-62-63
della L. Prodi bis riguardano:
la vendita autorizzata dal ministro, previo parere del comitato;
vi sono due esigenze: la rapidit e la trasparenza (art. 62 della L. Prodi bis), per quanto
riguarda la vendita dei beni singoli che compongono lazienda, effettuata mediante le
forme adeguate rispetto alla natura dei medesimi beni e finalizzata al miglior realizzo.
Nella prassi il ministro chiede unadeguata forma di pubblicit, suggerendo una
procedura pubblicizzata. Infatti, ai sensi dellart. 62 comma 2 della L. Prodi bis, per i
beni, i quali abbiano un valore superiore a 51.000 , la vendita deve essere effettuata
previo espletamento di idonee forme di pubblicit.
Durante la vendita aziendale in esercizio, la valorizzazione (della medesima azienda) deve
tener conto anche della redditivit della stessa, anche qualora sia negativa, nel momento in cui

96

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

viene venduta o nei due esercizi successivi elemento imposto dalla legge che permette
labbattimento dei valori dellazienda durante lamministrazione straordinaria. Chi acquista
lazienda deve comunicare il fatto di mantenerne i dipendenti (tutti o in parte) per almeno due
anni: lart. 63 della L. Prodi bis prevede che il venditore e lacquirente convengano
sullassunzione anche solo di una parte dei lavoratori fenomeno piuttosto frequente.
Rischio: lacquirente pu non mantenere le promesse fatte in merito al livello occupazionale o
riguardo ai tempi. Per porre rimedio a tale rischio viene introdotta una penale, al fine di
disincentivare tali iniziative selvagge (ad es. i licenziamenti).
Scelta dellacquirente
Lart. 63 comma 3 della L. Prodi bis riguarda la scelta dellacquirente, basata sui seguenti
elementi:
lammontare del prezzo offerto;
laffidabilit.
Conclusione dellamministrazione straordinaria
La conclusione, ai sensi dellart. 69 della L. Prodi bis, pu avvenire mediante la conversione in
fallimento: in qualunque momento, in caso non si riesca a procedere, lamministrazione
straordinaria pu essere convertita in fallimento. Gli elementi che motivano tale conversione
sono i seguenti: deve essere sentito il commissario straordinario e/o chiunque possa
intervenire che sia legittimato a impugnare. In caso avvenga la trasformazione in fallimento, la
procedura diventa una normale procedura concorsuale fallimentare.
Ancora la conclusione della procedura pu avvenire tramite la chiusura della procedura, la
quale costituita di due fasi:
quando lazienda viene ceduta, ai sensi dellart. 73 della L. Prodi bis, il tribunale
dichiara la cessazione dellesercizio dimpresa;
quando nella liquidazione necessario incassare i crediti, le revocatorie, le azioni di
responsabilit, occorre presentare il rendiconto finale effettuato dal commissario e
successivamente il riparto dellattivo.
Un altro modo di conclusione della procedura il concordato, previsto dallart. 88 della L.
Prodi bis, che pu essere richiesto da un creditore, da un terzo e ricalca la disciplina in merito
alla LCA, quindi non vi il voto dei creditori.
Lamministrazione straordinaria lunica procedura di gruppo, quindi valida per i gruppi di
imprese, ai sensi degli artt. 80-91 della L. Prodi bis. Infatti le imprese sono ammesse
allamministrazione straordinario se:
vengono agevolate prospettive di recupero, mediante il coordinamento nella gestione
delle insolvenze tra le varie aziende in capo al gruppo (gestione unitaria
dellinsolvenza);
lestensione alla procedura si pu fare sulle aziende che controllano o che sono
controllate o ancora su quelle che risultano sotto una direzione comune.
In caso di una procedura di gruppo, ai sensi dellart. 91 Prodi bis, la procedura aggravata per
le attivit eseguite infragruppo, infatti per quanto riguarda le revocatorie:
periodo sospetto: 5 anni; per gli atti anormali di gestione;

97

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

periodo sospetto: 3 anni; per gli atti normali di gestione.


Considerando il fatto che per il fallimento tali termini sono:
Amministrazione
straordinaria speciale
prima della
riforma
dopo la riforma
1 anno, 6 mesi
2 anni, 1 anno
Tale procedura si riferisce alla Legge Marzano del 2003, la quale detta i seguenti requisiti:
i lavoratori devono essere non meno di 100;
i debiti devono essere non inferiori a 1 miliardo di &.
La Legge Marzano stata emanata su misura a seguito della crisi della Parmalat, e dopodich
riformata ben 5 volte, adattandola a veri fallimenti come quello di Volare. Attualmente i
requisiti per usufruire di tale procedura sono:
lazienda deve avere almeno 500 dipendenti;
i debiti devono ammontare ad almeno 300 milioni di .
Inizialmente la procedura prevedeva un programma solo attinente alla crisi finanziaria, come
accaduto per la Parmalat (non si trattava infatti di una vera e propria crisi industriale), quindi
si parlava solo di ristrutturazione dei debiti. Non era previsto allinterno dellamministrazione
straordinaria speciale un programma di liquidazione, il quale stato introdotto
successivamente nel caso delle crisi di Alitalia (con il D.l. 28 agosto 2008 si estende la Legge
Marzano anche alla cessione dei beni aziendali). Le differenze tra la procedura comune e
quella speciale non riguardano solo criteri dimensionali, ma anche (soprattutto) per quanto
riguarda la soppressione della fase intermedia: su istanza solo del debitore, il ministro
ammette immediatamente limpresa in amministrazione straordinaria (speciale) con la
conseguente nomina immediata del commissario straordinario, che viene fatta ancora prima
dellaccertamento dellinsolvenza e contestualmente viene domandato al tribunale la stessa
(accertamento insolvenza) quando richiesta lammissione alla Legge Marzano.
Caratteristiche
Viene nominato un solo commissario straordinario (ai sensi dellart. 2 del D.l Luglio 2011) al
fine di contenere i tempi dellamministrazione straordinaria nelle imprese impiegate nei
servizi pubblici essenziali, ma queste se sono state cedute, il commissario coadiuvato da
altri due commissari (come nel caso Alitalia, in cui gli altri due commissari hanno avuto la
funzione di contrastare il primo commissario straordinario).
La procedura pu concludersi con il concordato,il quale il prototipo del concordato
preventivo (art. 4 bis della L. Marzano), e che deve essere approvato dai creditori.

98

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it

- FINE -

99

Stefania Aiello Diritto delle Crisi di impresa


http://www.sharenotes.it