Sei sulla pagina 1di 93

Appendice

Help allimplementazione di MM
(T030, vefa, metodi di
valorizzazione delle rimanenze ai
fini del bilancio)

Tipo Documento:
Revisione:

330003141.doc

Page 1 of 93

Linee Guida
0

17/09/16

Indice
1

INTRODUZIONE.............................................................................................................................................................7

PARAMETRI ORGANIZZATIVI..................................................................................................................................8
2.1
2.2
2.3
2.3.1
2.3.2
2.3.3
2.4
2.5

SOCIETA....................................................................................................................................................................8
DIVISIONE..................................................................................................................................................................9
MAGAZZINO.............................................................................................................................................................10
Generalit sullunit organizzativa...................................................................................................................10
Stock speciali......................................................................................................................................................12
Stock negativi.....................................................................................................................................................13
AREA DI VALORIZZAZIONE.......................................................................................................................................13
LIVELLI DI VALUTAZIONE PER LIFO/FIFO..................................................................................................................14

PARAMETRI GENERALI............................................................................................................................................15
3.1
GRUPPI MERCE.........................................................................................................................................................15
3.2
TIPI DOCUMENTO.....................................................................................................................................................15
3.2.1
Tipo documento contabile..................................................................................................................................15
3.2.2
Tipo documento inventario e materiale.............................................................................................................17
3.3
DETERMINAZIONE AUTOMATICA DEI CONTI (TABELLA T030).................................................................................18
3.3.1
Piano conti della societ....................................................................................................................................19
3.3.2
Costante di modifica dellarea di valorizzazione...............................................................................................20
3.3.3
Chiave di modifica conto...................................................................................................................................20
3.3.4
Classe di valorizzazione del materiale...............................................................................................................22
3.3.5
Chiave dell'operazione (procedimento contabile) e natura del conto associato nella tabella T030.................22
3.3.5.1
Lista delle chiavi operazione standard pi comunemente utilizzate.........................................................................23
3.3.5.1.1
Spesa/utile da trasferimento stock (AUM) - gestionale.......................................................................................23
3.3.5.1.2
Modifica stock (BSV), gestionale.......................................................................................................................24
3.3.5.1.3
Registrazione stock (BSX), gestionale................................................................................................................26
3.3.5.1.4
Differenza minima Gestione materiali (DIF) - civilistico....................................................................................26
3.3.5.1.5
Conto acquisti (EIN) - civilistico........................................................................................................................27
3.3.5.1.6
Conto di contropartita stock (EKG) - gestionale.................................................................................................29
3.3.5.1.7
Conto acquisti nolo (FRE) - civilistico................................................................................................................29
3.3.5.1.8
Compensazione nolo (FR1), Accantonamento nolo (FR2), Altri costi da nolo (FR3), Costi da nolo speciali (FR4)
-civilistici 30
3.3.5.1.9
Lavorazione esterna (FRL) - civilistico...............................................................................................................33
3.3.5.1.10 Costi accessori per lavorazione esterna (FRN) civilistico................................................................................35
3.3.5.1.11 Registrazione di contropartita per registrazione stock (GBB).............................................................................37
3.3.5.1.12 Ordine di acquisto contabilizzato (KBS) - civilistico..........................................................................................39
3.3.5.1.13 Differenze di cambio in partite aperte (KDM), civilistico...................................................................................41
3.3.5.1.14 Differenza di arrotondamento del cambio Gestione materiali (KDR) - civilistico...............................................42
3.3.5.1.15 Differenze di prezzo (PRD) - civilistico..............................................................................................................43
3.3.5.1.16 Spesa/Utile da rivalutazione (UMB) - gestionale................................................................................................46
3.3.5.1.17 Costi indiretti di acquisto non pianificati (UPF) - civilistico...............................................................................47
3.3.5.1.18 IVA acquisti (VST) - civilistico...........................................................................................................................48
3.3.5.1.19 EM-/EF-Compensazione (WRX) - civilistico.....................................................................................................49

3.3.6
Definire le contabilizzazioni rilevanti per il controlling....................................................................................49
3.4
TIPI MOVIMENTO / CONTABILIZZAZIONE.................................................................................................................50
3.4.1
Entrate merci......................................................................................................................................................50
3.4.1.1
3.4.1.2
3.4.1.3
3.4.1.4

Tolleranze in Entrata merce......................................................................................................................................50


Creare automaticamente la view immagazzinamento...............................................................................................52
Storno Entrata merce malgrado fattura per controllo fattura riferito allentrata merce.............................................53
Tipi movimento di Entrata merce.............................................................................................................................53

3.4.2
Tipi movimento di Uscita merce.........................................................................................................................53
3.4.3
Tipi movimento di Trasferimenti stock...............................................................................................................54
3.5
VERIFICA FATTURA..................................................................................................................................................54
3.5.1
Gestione dellImposta sul Valore Aggiunto........................................................................................................54
3.5.1.1
3.5.1.2
3.5.1.3
3.5.1.4
3.5.1.5

330003141.doc

Codici IVA............................................................................................................................................................... 54
Tipi condizione........................................................................................................................................................ 55
Schema calcolo IVA.................................................................................................................................................55
Conti imposta per codice IVA..................................................................................................................................60
Impostazione codici IVA di default..........................................................................................................................61

Page 2 of 93

17/09/16

3.5.2

Gestione della ritenuta di acconto.....................................................................................................................62

3.5.2.1
3.5.2.2

3.5.3

Gestione delle differenze....................................................................................................................................68

3.5.3.1
3.5.3.2

3.5.4

Ritenuta dacconto ampliata.....................................................................................................................................63


Oggetti di parametrazione........................................................................................................................................63
Differenze fra prezzo in ordine di acquisto e prezzo in fattura.................................................................................68
Differenze cambio tra controvalore EM e controvalore EF......................................................................................69

Impostazione delle tolleranze e blocco per il pagamento..................................................................................70

3.5.4.1
BD: Stornare automaticamente le differenze minime...............................................................................................70
3.5.4.2
BR: Scostamento in percentuale della quantit espressa nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto (EF
prima di EM)................................................................................................................................................................................. 70
3.5.4.3
BW: Scostamento in percentuale della quantit espressa nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto (EF
dopo EM) 71
3.5.4.4
DQ: Importo superato Scostamento di quantit........................................................................................................72
3.5.4.5
KW: Scostamento valore condizione........................................................................................................................73
3.5.4.6
PP: Scostamento di prezzo.......................................................................................................................................74
3.5.4.7
ST: Scostamento data...............................................................................................................................................75
3.5.4.8
VP: Scostamento prezzo VPV..................................................................................................................................76

3.5.5
Gestione dei costi non pianificati nei documenti di acquisto............................................................................76
3.5.6
Controllo fattura in background........................................................................................................................77
3.6
VALORIZZAZIONE DELLE GIACENZE AI FINI DEL BILANCIO.................................................................78
3.6.1
Valorizzazione al prezzo minimo........................................................................................................................78
3.6.1.1
Determinazione del prezzo minimo tramite prezzi di mercato.................................................................................78
3.6.1.1.1
Determinazione dei tipi documento contabili da utilizzare..................................................................................78
3.6.1.1.2
Tipi movimento da utilizzare..............................................................................................................................79
3.6.1.2
Determinazione del prezzo minimo per range di copertura stock............................................................................79
3.6.1.2.1
Definizione di una ponderazione per il calcolo dello stock medio......................................................................79
3.6.1.2.2
Definizione di una ponderazione per il calcolo del consumo medio....................................................................80
3.6.1.2.3
Svalutazione per codice societ...........................................................................................................................81
3.6.1.2.4
Svalutazione per area di valutazione...................................................................................................................82
3.6.1.3
Determinazione del prezzo minimo per lenta movimentazione................................................................................82
3.6.1.3.1
Impostare ponderazione per le quantit a stock...................................................................................................83
3.6.1.3.2
Impostare ponderazione sul periodo nel quale stato effettuato il movimento...................................................83
3.6.1.3.3
Impostare i movimenti di magazzino rilevanti....................................................................................................85
3.6.1.3.4
Definire svalutazione per codice societ.............................................................................................................86
3.6.1.3.5
Definire svalutazione per area di valutazione......................................................................................................87

3.6.2

Valorizzazione LIFO e FIFO..............................................................................................................................87

3.6.2.1
3.6.2.2
3.6.2.3
3.6.2.4
3.6.2.4.1
3.6.2.4.2
3.6.2.4.3
3.6.2.5
3.6.2.5.1

330003141.doc

Attivare la valorizzazione.........................................................................................................................................87
Definizione dei movimenti LIFO/FIFO rilevanti......................................................................................................88
Definire i metodi LIFO/FIFO...................................................................................................................................89
Valorizzazione LIFO................................................................................................................................................90
Impostazione delle aree di valutazioni LIFO e dell esercizio base.....................................................................90
Impostare pool LIFO...........................................................................................................................................91
Definire versioni LIFO.......................................................................................................................................91
Valorizzazione FIFO................................................................................................................................................93
Definire area di valutazione FIFO ed esercizio base..........................................................................................93

Page 3 of 93

17/09/16

Indice delle tabelle


TABELLA 2 DIVISIONI DEFINITE IN SAP.....................................................................................................................................10
TABELLA 3 MAGAZZINI DEFINITI IN SAP E RELATIVE DIVISIONI DI APPARTENENZA..................................................................11
TABELLA 4 STOCK SPECIALI.......................................................................................................................................................13
TABELLA 5 TIPI DOCUMENTO CONTABILI UTILIZZATI NELLE MOVIMENTAZIONI LOGISTICHE.....................................................16
TABELLA 6 TIPI DOCUMENTO CONTABILI...................................................................................................................................17
TABELLA 7 GRUPPI DOCUMENTI MATERIALE..............................................................................................................................18
TABELLA 8 COSTANTI DI MODIFICA DI VALORIZZAZIONE...........................................................................................................20
TABELLA 9 CHIAVI DI MODIFICA CONTO....................................................................................................................................21
TABELLA 10 TOLLERANZE NELLENTRATA MERCI......................................................................................................................52
TABELLA 11 ABILITAZIONE DELLA CREAZIONE DELLA VIDEATA DI MAGAZZINO PER LE DIVISIONI...........................................52
TABELLA 12 ABILITAZIONE DELLO STORNO AI TIPI MOVIMENTO...............................................................................................53
TABELLA 13 CODICI I.V.A..........................................................................................................................................................55
TABELLA 14 SCHEMA CALCOLO I.V.A.......................................................................................................................................56
TABELLA 15 CONTI CO.GE. PER CHIAVE OPERAZIONE...............................................................................................................61
TABELLA 16 CODICI I.V.A. DEFAULT..........................................................................................................................................62
TABELLA 17 CHIAVI UFFICIALI PER LE PRESTAZIONI..................................................................................................................63
TABELLA 18 TIPI DI RITENUTA DACCONTO IN FASE DI REGISTRAZIONE FATTURA.....................................................................64
TABELLA 19 TIPI DI RITENUTA DACCONTO IN FASE DI PAGAMENTO.........................................................................................64
TABELLA 20 CODICI DI RITENUTA DACCONTO..........................................................................................................................65
TABELLA 21 ASSOCIAZIONE TIPI DI RITENUTA DACCONTO CODICI DI RITENUTA DACCONTO...............................................66
TABELLA 22 CONTI PER LE RITENUTE DACCONTO....................................................................................................................67
TABELLA 23 CONTI DI COSTO PER RITENUTE PREVIDENZIALI E VERSO ENASARCO...............................................................68
TABELLA 24 IMPOSTAZIONE DELLA GESTIONE DIFFERENZE CAMBIO.........................................................................................69
TABELLA 25 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA BD...........................................................................................70
TABELLA 26 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA BR...........................................................................................71
TABELLA 27 VALORI PER LA CHIAVE TOLLERANZA BR PER TELECOM......................................................................................71
TABELLA 28 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA BW..........................................................................................71
TABELLA 29 VALORI PER LA CHIAVE TOLLERANZA BW PER TELECOM.....................................................................................72
TABELLA 30 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA DQ...........................................................................................73
TABELLA 31 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA KW..........................................................................................73
TABELLA 32 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA PP............................................................................................74
TABELLA 33 VALORI PER LA CHIAVE TOLLERANZA PP..............................................................................................................75
TABELLA 34 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA ST............................................................................................75
TABELLA 35 VALORI STANDARD PER LA CHIAVE TOLLERANZA VP...........................................................................................76
TABELLA 36 PONDERAZIONI PER IL CALCOLO DELLO STOCK MEDIO.........................................................................................80
TABELLA 37 PONDERAZIONI PER IL CALCOLO DEL CONSUMO MEDIO........................................................................................81
TABELLA 38 SVALUTAZIONE PER CODICE SOCIET....................................................................................................................81
TABELLA 39 SVALUTAZIONE PER AREA DI VALUTAZIONE...........................................................................................................82
TABELLA 40 PONDERAZIONI PER LE QUANTIT A STOCK...........................................................................................................83
TABELLA 41 PONDERAZIONI SULLE MOVIMENTAZIONI DE3LLE MERCI......................................................................................84
TABELLA 42 IMPOSTAZIONE RILEVANZA NEL CALCOLO DEL RANGE DI MOVIMENTAZIONE.......................................................85
TABELLA 43 INDICI DI SVALUTAZIONE PER SOCIET..................................................................................................................86
TABELLA 44 INDICI DI SVALUTAZIONE PER AREA DI VALUTAZIONE...........................................................................................87
TABELLA 45 TIPI MOVIMENTO STANDARD RILEVANTI PER LE VALORIZZAZIONI LIFO/FIFO.....................................................89
TABELLA 46 METODI DIVALORIZZAZIONE..................................................................................................................................90
TABELLA 47 ESERCIZIO DI BASE PER ARRE DI VALORIZZAZIONE LIFO.....................................................................................90
TABELLA 48 VERSIONI LIFO......................................................................................................................................................92
TABELLA 49 ESERCIZIO DI BASE PER ARRE DI VALORIZZAZIONE FIFO......................................................................................93

330003141.doc

Page 4 of 93

17/09/16

Indice delle figure


FIGURA 1 STRUTTURA LOGISTICA..............................................................................................................................................12
FIGURA 2 SCHEMA DI DETERMINAZIONE DEI CONTI...................................................................................................................19

330003141.doc

Page 5 of 93

17/09/16

I
STORIA DEL DOCUMENTO
Le informazioni contenute in questo documento aggiornano e sostituiscono quelle contenute nelle
versioni precedenti. Ogni modifica del documento sar controllata nella apposita procedura.
Versione

Data

Descrizione della Revisione

Modificato da

Cambiamenti dalla precedente versione:

330003141.doc

Page 6 of 93

17/09/16

INTRODUZIONE

Il presente documento ha l'obiettivo fornire dettagli su alcuni temi importanti di configurazione del
modulo MM.
Il documento non pretende essere esaustivo ma consente di velocizzare la configurazione del modulo.

330003141.doc

Page 7 of 93

17/09/16

PARAMETRI ORGANIZZATIVI

2.1 SOCIETA
La societ una unit di organizzazione della contabilit, che ordina l'impresa in base ai requisiti della
legislazione commerciale.
Nel sistema SAP, la societ rappresenta lunit contabile indipendente. E lentit organizzativa centrale
che integra i dati contabili di varie e diverse aree aziendali rappresentabili tramite i settori contabili.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Nellambito del progetto si deciso di creare ununica societ attribuita ad un piano dei conti, in quanto
si ritenuto che le attuali esigenze di reporting per Direzione/Centri di responsabilit sono coperte dalla
struttura della gerarchia dei profit center. La societ, come elemento della struttura organizzativa SAP,
coincide per il cliente con la controlling area (relazione 1:1); questa relazione valida quando non
devono essere gestite strutture multisocietarie e procedure di consolidamento tra pi societ.
Inoltre, verificato che a livello di Gruppo, attualmente, non c una normalizzazione di codifiche a
livello organizzativo, si deciso di codificare la societ in questo modo:
Codifica
XXXX

330003141.doc

Descrizione
Descrizione societ

Page 8 of 93

17/09/16

2.2 DIVISIONE
La divisione una delle entit organizzative di base per tutti i moduli logistici di SAP: MM, PP, PM, SD
etc..
Essa incorporata nella struttura organizzativa come segue:
- Ad ogni divisione viene attribuita un'unica societ mentre ad una societ possono essere
attribuite pi divisioni.
- Ad ogni divisione possono appartenere pi magazzini in cui vengono gestiti materiali a stock.
La divisione ha le seguenti caratteristiche:
- un indirizzo
- una lingua di riferimento
- appartiene ad un paese
- legata ad un calendario di fabbrica
- possiede propri dati anagrafici materiale. In particolare vi possono essere aggiornati i dati a
livello di divisione per le seguenti view
dei record anagrafici materiale: acquisti,
immagazzinamento, contabilit.
La divisione ha un ruolo fondamentale nelle seguenti aree:
- Valorizzazione materiale
Se la divisione viene definita come livello di valorizzazione, essa pu avere la propria determinazione
dei conti. I materiali hanno in questo caso un valore per ogni divisione
- Gestione stock
Gli stock di materiale vengono gestiti all'interno di una divisione.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
La gestione di pi divisioni consente di avere il valore degli stock per divisione e magazzini logici
specifici, il che permette, con gli strumenti di analisi standard SAP (es. Logistic Information System ),
di avere una reportistica dettagliata.
Sono state definite come divisione le funzioni che hanno necessit di gestire delle scorte.

330003141.doc

Page 9 of 93

17/09/16

Le divisioni sono state identificate con un codice numerico con la seguente codifica:
Divisione

Definizione Divisione

1000
2000
3000
4000
6000
Tabella 1 Divisioni definite in SAP

2.3 MAGAZZINO
2.3.1 Generalit sullunit organizzativa
Un magazzino il luogo di conservazione logico dello stock all'interno di una divisione. Nel magazzino
il materiale pu essere gestito con normali stati logici (utilizzabile liberamente, in controllo qualit,
bloccato e non libero in caso gestione a partita con gestione dello stato), oppure in stati logici
particolari chiamati stock speciali (conto deposito fornitore, imballi del fornitore etc).
Un magazzino presenta le seguenti caratteristiche:
-

In una divisione, possono esistere uno o pi magazzini.


Un magazzino ha una definizione e almeno un indirizzo.
E possibile memorizzare dati relativi al materiale, specifici del magazzino.
A livello di magazzino, gli stock vengono gestiti solo in base alla quantit e non in base al valore
(il prezzo definito a livello di divisione). Si pu invece, tramite il LIS (Logistic Information
System), determinare il valore di un materiale in un determinato magazzino.
L'inventario fisico viene eseguito a livello magazzino definendo un unico documento inventario
per materiale e per magazzino. Se non si usa la procedura standard SAP per effettuare
linventario ma semplicemente dei movimenti di rettifica delle giacenze, risulta comunque
necessario effettuarli per singolo magazzino.

330003141.doc

Page 10 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Allinterno di ciascuna divisione sono state definiti 3 magazzini:
uno per identificare il centro di lavoro;
uno per identificare il centro di raccolta;
uno per identificare il magazzino acquisti.
I magazzini logici sono stati identificati con un codice numerico il cui primo carattere richiama il codice
della divisione di appartenenza. In questo modo sar pi facile introdurre eventuali future modifiche.
La codifica dei magazzini la seguente:
Definizione Magazzino

Impiego

Divisione

Magazzino

1000

1100

Centro di raccolta

1000

1200

Centro di lavoro

1000

1300

Acquisti

2000

2100

Centro di raccolta

2000

2200

Centro di lavoro

2000

2300

Acquisti

3000

3100

Centro di raccolta

3000

3200

Centro di lavoro

3000

3300

Acquisti

4000

4100

Centro di raccolta

4000

4200

Centro di lavoro

4000

4300

Acquisti

6000

6100

Centro di raccolta

6000

6200

Centro di lavoro

6000

6300

Acquisti

Tabella 2 Magazzini definiti in SAP e relative divisioni di appartenenza

330003141.doc

Page 11 of 93

17/09/16

La struttura logistica definita in SAP assume la seguente organizzazione:

Societ

Divisione

Magazzino
M.I.-Top Cdr
Magazzino
M.I.-Top Cdl
Magazzino
M.I.-Top Acq.

Divisione

Divisione

Magazzino
M.I.-Res. Cdr

Magazzino
. - Cdr

Magazzino
M.I.-Res. Cdl

Magazzino
. - Cdrll

Magazzino
M.I.-Res. Acq.

Magazzino
. - Acquisti

Figura 1 Struttura logistica


2.3.2 Stock speciali
Lo stock speciale permette di definire un particolare stato del materiale durante una movimentazione di
magazzino.
Esempio: il conto deposito fornitore consente di gestire un determinato materiale a quantit senza
valorizzarne lo stock, perch ancora di propriet del fornitore. La valorizzazione avviene al prelievo del
materiale.
Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia.
Conformemente allanalisi precedentemente effettuata, gli stock speciali, previsti da SAP standard, che
saranno utilizzati sono:

330003141.doc

Page 12 of 93

17/09/16

Stock Speciale

Descrizione

Merce fornita a fornitore

Conto deposito fornitore


Tabella 3 Stock speciali

2.3.3 Stock negativi


La gestione degli stock negativi pu essere impostata per ogni materiale (nella view
immagazzinamento) ed necessario autorizzarla per ogni singolo magazzino.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non essendoci particolari esigenze di processo (es:Backflush delle materie prime per la produzione), si
propone di non impostare la gestione degli stock negativi perch al momento delle chiusure dei periodi
il sistema pu rilevare delle inconsistenze (transazione MB5K).
In ogni caso la presenza di stock negativi in azienda dovrebbe essere un caso del tutto eccezionale.

2.4 AREA DI VALORIZZAZIONE


Le aree di valorizzazione definiscono il livello al quale vengono valorizzati gli stock del materiale
durante la continua movimentazione d'esercizio.
Gli stock del materiale possono essere valorizzati ai seguenti livelli:
- livello divisione
- livello societ
La scelta dellarea di valorizzazione praticamente (e necessario intervenire direttamente in tabella ed
effettuare pesanti conversioni anagrafiche) irreversibile e conviene impostarla a livello di divisione,
anche se per ogni societ stata definita ununica divisione. Questo difatti rende la struttura
organizzativa molto pi flessibile permettendo, una volta in produzione, la creazione di divisioni con
prezzi indipendenti.

330003141.doc

Page 13 of 93

17/09/16

La selezione del livello di valorizzazione si ripercuote:


- sulla gestione dei record anagrafici del materiale, in funzione del livello di valorizzazione
selezionato. Vengono aggiornati i dati relativi alla contabilit per ogni divisione o per ogni
societ.
- sui conti Co.Ge. utilizzati per le registrazioni automatiche perch tramite la costante modifica
valutazione attribuita allarea di valorizzazione il sistema determina un conto specifico
delloperazione utilizzata.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Larea di valorizzazione viene impostata a livello della divisione, come consiglia SAP stesso, per
mantenere una struttura pi flessibile ed avere la possibilit di una maggiore differenziazione dei conti
da utilizzare.

2.5 LIVELLI DI VALUTAZIONE PER LIFO/FIFO.


Ai fini della valutazione di fine periodo, a LIFO/FIFO per il bilancio d'esercizio, necessario definirne
il livello di esecuzione.
E' possibile definire se tale valutazione coincida con l'area di valorizzazione o debba essere unica a
livello di societ, indipendentemente dalla scelta effettuata del livello di valutazione nel continuo (vedi
3.4).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Dato che la valutazione LIFO/FIFO ai fini del bilancio non rilevante per le divisioni, il livello di
valutazione viene impostato a livello della societ.

330003141.doc

Page 14 of 93

17/09/16

PARAMETRI GENERALI

3.1 GRUPPI MERCE


Il gruppo merci una entit che consente di suddividere il completo assortimento di materiali in ottica
merceologica, raggruppando i materiali con le stesse caratteristiche o gli stessi tipi di impiego. Nel
sistema standard il gruppo merce un dato obbligatorio in sede di inserimento delle anagrafiche
materiali o direttamente nei documenti di acquisto nel caso loggetto dellacquisto non sia codificato.
I gruppi merce vengono utilizzati principalmente per attivit di reporting, analisi statistiche e di ricerca.
Dalla release 40A, esiste anche la possibilit di legare il gruppo merce ad una classe di valorizzazione
(inserire codice transazione)(chiavi numeriche di SAP cui sono attribuite differenti conti Co.Ge. da
movimentare).
Questa possibilit risulta molto utile per lacquisto del materiale non codificato perch consente di avere
una proposta per il conto di spesa da utilizzare in fase di compilazione dellordine.
Questo avviene prevedendo in customizing una costante di modifica conto (non standard) specifica per
il tipo di contabilizzazione indicato nella posizione dell'ordine (inserire codice transazione).. La costante
di modifica cos determinata insieme alla classe di valorizzazione (associata al gruppo merci in
customizing) permette tramite la tabella T030 l'identificazione del conto di spesa da assegnare alla
posizione.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Per i materiali non codificati, la determinazione del conto di spesa in base alla classe di valorizzazione
comporta il coinvolgimento delle funzioni aziendali nell'opera di costruzione della matrice di
riferimento.
Pertanto, per l'avvio del Ciclo Passivo, non si ritiene opportuna l'introduzione di tale impostazione,
avviando comunque l'attivit di definizione di una prima ipotesi da discutere/condividere con le altri
funzioni aziendali.

3.2 TIPI DOCUMENTO


Il tipo documento permette di classificare documenti contabili, materiale ed inventario generati in SAP.
Per ogni tipo documento vengono definite delle caratteristiche che ne controllano l'acquisizione o che
vengono memorizzate nel documento stesso. In particolare, per ogni tipo documento viene stabilito il
range di numerazione ammesso.

3.2.1 Tipo documento contabile


La definizione dei tipi documento contabili, con lassociazione dei relativi range, viene descritta dai
gruppi responsabili dellimplementaizone del modulo FI.
Un range di numerazione viene attribuito, a livello societ di SAP, ad ogni tipo documento contabile
con un intervallo di validit (esercizio).
Nellambito di ciclo passivo si differenziano documenti contabili generati dalle movimentazioni
logistiche da quelli generati in registrazione fattura (sia dal modulo MM che quello FI) od altre
operazioni che hanno impatti contabili (es: cambio del prezzo di un materiale, pagamento di un
fornitore). I tipi documento nelle movimentazioni logistiche vengono associati alle transazioni e
utilizzati automaticamente dal sistema.

330003141.doc

Page 15 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Movimentazioni logistiche
Nelle movimentazioni logistiche la transazione che determina quale tipo documento contabile viene
utilizzato. Viene utilizzata limpostazione standard del sistema, che prevede i seguenti tipi documento
contabili.
Tipo Documento

Definizione

WA

Per uscite merci, registrazioni di trasferimenti, altre entrate merci

WI

Per differenze inventario

WE

Per entrate merci con riferimento a ordini di acquisto

Tabella 4 Tipi documento contabili utilizzati nelle movimentazioni logistiche


Registrazione fattura/Altre operazioni
Per quel che riguarda i documenti contabili utilizzabili per la registrazione fattura ed altre operazioni, si
possono definire ed utilizzare liberamente tipi documenti contabili diversi. Questo possibile perch il
tipo documento contabile da utilizzare si inserisce direttamente nella transazione.
La lista dei tipi documento standard di SAP che interessano il ciclo passivo, per quanto attiene alla
registrazione fatture, dovr essere analizzata in considerazione degli adempimenti fiscali IVA e secondo
le soluzioni fornite dallo standard SAP (che potranno comportare una articolazione dei registri diversa
da quella attuale). Nel corso di tale attivit verranno puntualmente definiti i tipi documento necessari
per soddisfare gli obblighi di legge.

330003141.doc

Page 16 of 93

17/09/16

Tipo Documento

Definizione

KA

Documento fornitore

KG

Accred. Fornitore

KN

Fornitori al netto

KP

Agg. conti

KR

Fattura fornitori

RA

Accred. Netto liq.

RE

Entrata fattura logistica

PR

Modifica prezzo

RN

Incasso netto

RV

Rilevam. Fattura
Tabella 5 Tipi documento contabili

3.2.2 Tipo documento inventario e materiale


I documenti materiale ed inventario contengono i dati non contabili delle movimentazioni ed i relativi
tipi documento sono predefiniti dal sistema senza possibilit di aggiunte o modifiche a quelli standard.
Questi sono assegnati a dei gruppi associati a specifici range di numerazione.
Il sistema standard dispone dei seguenti tre gruppi:
- Gruppo 1: Documenti inventario.
- Gruppo 2: Documenti materiali per movimenti merci e per differenza inventariale.
- Gruppo 3: Documenti materiali per entrate merci.
I documenti inventario (gruppo 1) vengono utilizzati per la rilevazione delle esistenze inventariali e,
sottoposti successivamente al confronto con le giacenze a sistema, generano nel caso esistano differenze
un documento materiale per differenza inventariale (gruppo 2, a cui collegato il relativo documento
contabile).
I documenti materiale (gruppi 2 e 3) possono generare, a seconda della tipologia del movimento (a
quantit e a valore o solo a quantit), un documento materiale ed un documento contabile o solo uno
materiale.
I range di numerazione associati a questi gruppi devono essere inseriti annualmente.

330003141.doc

Page 17 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si propone di non modificare lassegnazione ai gruppi standard.
Gruppo

Range di numerazione

Definizione

0100000000-0199999999

Documenti inventario

4900000000-4999999999

Documenti materiali per movimenti


merci e per differenza inventariale

5000000000-5999999999

Documenti materiali per entrate


merci

Tabella 6 Gruppi documenti materiale

3.3 DETERMINAZIONE AUTOMATICA DEI CONTI (TABELLA T030)


Questa sezione, di fondamentale importanza per il ciclo passivo, consente di effettuare il corretto
legame fra eventi rilevanti per la contabilit e conti Co.Ge..
Questi legami contabili riguardano essenzialmente la gestione stock e la verifica fattura e vengono
effettuati tramite le seguenti entit:
- la struttura organizzativa aziendale (societ, divisioni);
- larea di valorizzazione;
- il raggruppamento delle aree di valorizzazione (eventualmente);
- loperazione (o procedimento) contabile effettuata;
- la classe di valorizzazione del materiale (eventualmente).
Nel successivo schema viene evidenziato come il sistema effettua la determinazione automatica dei
conti.

330003141.doc

Page 18 of 93

17/09/16

Determinazione
Determinazione
del
del piano
piano dei
dei
conti
conti

Determinazione,
Determinazione, se
se
necessario,
necessario, della
della costante
costante
di
di modifica
modifica di
di
valorizzazione
valorizzazione da
da utilizzare
utilizzare
(tramite
(tramite larea
larea di
di
valorizzazione)
valorizzazione)

Selezione
Selezione del
del
conto
conto da
da
utilizzare
utilizzare

Evento
Evento rilevante
rilevante per
per la
la
contabilit
contabilit del
del ciclo
ciclo
passivo
passivo

Determinazione
Determinazione delle
delle
operazioni
(procedimenti)
operazioni (procedimenti)
coinvolti
coinvolti tramite
tramite stringa
stringa
valori.
valori. Determinazione
Determinazione di
di
eventuali
chiavi
di
eventuali chiavi di
modifiche
modifiche conti
conti

Determinazione
Determinazione della
della
classe
classe di
di valorizzazione
valorizzazione da
da
utilizzare
utilizzare

Figura 2 Schema di determinazione dei conti


3.3.1 Piano conti della societ
Il piano dei conti costituito dallinsieme delle informazioni anagrafiche di tutti i conti di contabilit
generale.
La determinazione automatica dei conti per chiave operazione deve essere impostata per ogni piano dei
conti.

330003141.doc

Page 19 of 93

17/09/16

3.3.2 Costante di modifica dellarea di valorizzazione


La costante di modifica dellarea di valorizzazione una chiave alfanumerica di 4 digits che consente di
differenziare le registrazioni contabili per pi aree di valorizzazione che hanno lo stesso piano di conti.
In tal modo il sistema effettua una determinazione dei conti per ogni costante di modifica.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Se si desidera unificare le registrazioni contabili (sia civilistiche che gestionali) di tutte le divisioni,
allora si deve definire una costante di modifica unica.
Non essendo presente nel piano dei conti una differenziazione a livello direzionale si ritiene sufficiente
creare una sola costante di modifica valorizzazione da associare alle divisioni della societ XXXX di
SAP.
Costante di modifica
di valorizzazione

Area di
Valorizzazione

xxxx

1000

xxxx

2000

xxxx

3000

xxxx

4000

xxxx

6000

Tabella 7 Costanti di modifica di valorizzazione

3.3.3

Chiave di modifica conto


Poich il procedimento contabile "a.

330003141.doc

Page 20 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Dallanalisi effettuata risulta necessario definire nuove chiavi di modifiche conto per gestire su conti di
contropartita diversi (risulta necessario in questo caso definire altrettanti nuovi tipi movimento) i
consumi per:
1. Formazione
2. Manutenzione prodotti in garanzia
3. Manutenzione prodotti non in garanzia
4. Manutenzione impianti
5. Spese generali
6. Vendita
7. Spostamento impianti - Mantenimento
8. Spese per installazione prodotti
Sono state identificate le seguenti chiave di modifica conto:
Chiave di modifica conto

Descrizione

Z01

Formazione

Z03

Manutenzione prodotti in
garanzia

Z05

Manutenzione prodotti
non in garanzia

Z07

Manutenzione impianti

Z09

Spese generali

Z11

Vendita

Z13

Spostamento impianti Mantenimento

Z15

Spese per installazione


prodotti

Tabella 8 Chiavi di modifica conto

330003141.doc

Page 21 of 93

17/09/16

Osservazione: per gestire quei consumi il cui trattamento contabile, come da requisiti utente, non
previsto dallo standard SAP (prelievi su impianti, prelievi su WBS di investimento), sono necessarie
specifiche personalizzazioni in base alle quali risulter necessario introdurre ulteriori chiavi di
modifica conto.

3.3.4 Classe di valorizzazione del materiale


La classe di valorizzazione consente di contabilizzare con un ulteriore dettaglio le varie operazioni del
ciclo passivo.
E un dato molto importante anche perch permette di avere una reportistica pi precisa.
La classe di valorizzazione determina:
1. un legame fra anagrafica materiale e il conto.
2. dalla release 40A per i materiali non codificati, una proposta di un conto in sede di inserimento
dellordine di acquisto (legato al gruppo merce, vedere a questo proposito il 4.1 Gruppi merce).

3.3.5

Chiave dell'operazione (procedimento contabile) e natura del conto associato nella tabella
T030
Per le movimentazioni della gestione dello stock e le registrazioni del controllo fattura sono predefiniti i
relativi procedimenti contabili. Ad ogni tipo di movimento della gestione stock e ad ogni registrazione
del controllo fatture sono attribuiti in una stringa di valori (definita nella tabella T156W) record di
registrazione generalizzati.
Questa stringa, invece di conti Co.Ge., contiene le chiavi dei procedimenti contabili corrispondenti (ad
esempio registrazione di stock e di consumo). I conti Co.Ge. sono determinati successivamente
attribuendoli ai procedimenti contabili tramite la tabella T030.

330003141.doc

Page 22 of 93

17/09/16

3.3.5.1

Lista delle chiavi operazione standard pi comunemente utilizzate

3.3.5.1.1 Spesa/utile da trasferimento stock (AUM) - gestionale


Questa operazione viene utilizzata nelle registrazioni di trasferimento stock se il materiale target
gestito a prezzo standard e se il valore del materiale ceduto non corrisponde al valore del materiale
ricevuto; in particolare questo procedimento viene utilizzato in caso di cambio di stato d'uso del
materiale ( a causa dell'adozione della valorizzazione separata) o in caso di passaggio da una matricola
ad un'altra nell'ambito della stessa divisione o di divisioni diverse.
La spesa/utile viene calcolata sul materiale ricevuto.
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

0001

COSTANTE DI MODIFICA (AREA DI VALORIZZAZIONE)

YYYY

DIVISIONE

ZIMP

TIPO MATERIALE

7900

CLASSE DI VALORIZZAZIONE SORGENTE

S/V

CONTROLLO DEL PREZZO SORGENTE

1000

PREZZO DI ANAGRAFICA SORGENTE

7900

CLASSE DI VALORIZZAZIONE DI DESTINAZIONE

CONTROLLO DEL PREZZO DI DESTINAZIONE

500

PREZZO DI ANAGRAFICA DI DESTINAZIONE

Posizione
1
2

Qt
10

Materiale
Medio1

10

Standard1

Documento materiale
Div.
Mag.
XXXX
XXXX
XXXX

Psz Conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (del materiale cedente)

002 Gxxxxx
003 Gxxxxx

330003141.doc

S
-

309

XXXX

Tipo movim. SAP


309

Operazione
Importo in

lire
10000-

BSX

Conto stock (del materiale di dest.)

5000+

BSX

S/U per trasferimenti

5000+

AUM

Page 23 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si prevedono due differenti conti, indipendentemente dalla classe di valorizzazione.
Dare
G------Spese per cambio stato

Avere
G------Utile per cambio stato

3.3.5.1.2 Modifica stock (BSV), gestionale


Le modifiche stock vengono registrate nella gestione stock in fase di entrate merci (oppure per
imputazione successiva), relative ad ordini di acquisto per lavorazione esterna (tipo posizione L ).
E unoperazione legata ad un conto di contropartita utilizzato solamente per poter registrare in partita
doppia (procedimento analogo allEKG).
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

0001

COSTANTE DI MODIFICA (AREA DI VALORIZZAZIONE)

XXXX

DIVISIONE

PADRE

CODICE MATERIALE INSERITO NELLORDINE (RIENTRO DA


LAVORAZIONE ESTERNA)

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE "PADRE"

1000

PREZZO IN ORDINE PER IL TIPO POSIZIONE L (PER LA SOLA


LAVORAZIONE ESTERNA)

FIGLIO

CODICE MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

15000

PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione

Documento materiale
Div. Mag.

Qt

Materiale

Tipo movim. SAP

Padre

XXXX

XXXX

101

Figlio

XXXX

XXXX

543

Psz Conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di PADRE)

330003141.doc

Page 24 of 93

Operazione
Importo in

lire
16000

BSX

17/09/16

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

1000-

WRX

003 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

16000-

BSV

004 xxxxxx

Lavorazione esterna

1000

FRL

005 Gxxxxx

Conto stock (per cl. di val. di Figlio)

15000-

BSX

006 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

15000

GBB
(VBO)

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Tale procedimento identifica la contropartita al carico dello stock (che avviene a valore diverso dallo
scarico a causa del valore aggiunto della lavorazione esterna). Tale conto di contropartita lo stesso
utilizzato dal procedimento/chiave modifica conto GBB/VBO che identifica la contropartita allo
scarico; accoglier quindi le differenze valore per lavorazione esterna. E' necessario definirlo come
conto economico gestionale, unico conto valido in dare ed avere indipendentemente dalla classe di
valorizzazione.
Dare
Avere
G------G------Differenze valore per lavorazione esterna
Nota:
La differenza valore registrata da ciascun movimento di entrata merce da lavorazione esterna data:
dal valore della lavorazione esterna nel caso in cui il controllo prezzo del materiale di carico sia a
media mobile;
dalla differenza dei prezzi dei due materiali (scaricato e caricato) nel caso in cui il controllo prezzo
del materiale di carico sia a standard.

330003141.doc

Page 25 of 93

17/09/16

3.3.5.1.3 Registrazione stock (BSX), gestionale.


Questa operazione viene utilizzata per tutte le registrazioni sui conti stock.
Queste registrazioni vengono effettuate ad esempio:
- in fase di entrate merci e di uscite merci;
- nella verifica fattura, se sorgono differenze prezzo fra fattura e ordine per materiali con prezzo a
media mobile.
Attenzione:
Bisogna tenere conto che:
- un conto stock viene utilizzato solamente per loperazione BSX;
- il conto non pu essere utilizzato per registrazioni manuali dirette.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si propone di definire tre conti (validi in dare ed in avere) utilizzando le classi di valorizzazione
definite:
Classe Valorizzazione
Classe di valorizzazione 1

Dare
G-------

Avere
G-------

Descrizione
1

Classe di valorizzazione 2

G-------

G-------

Classe di valorizzazione 3

G-------

G-------

3.3.5.1.4 Differenza minima Gestione materiali (DIF) - civilistico


Questa operazione viene utilizzata nel controllo fattura se viene definita una tolleranza per differenze
minime, il saldo di una fattura non supera la tolleranza (tolleranza BD.) e se non si intende registrare
tale differenza come modifica del valore del magazzino (civilisticamente il conto acquisti,
gestionalmente il conto stock).
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE

10020

IMPORTO PRESENTE IN FATTURA

3%

TOLLERANZA AMMESSA PER LIMITE SUPERIORE

Al momento della registrazione della fattura il documento contabile riporta i seguenti dati:

pzn conto
001 cod forn

330003141.doc

Documento contabile
Descrizione
Fornitore

Operazione

Importo in

lire
10000+

Page 26 of 93

fornitore

17/09/16

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

003 xxxxxx

Differenze minime

10020-

WRX

20+

DIF

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Questo procedimento non viene gestito.
3.3.5.1.5 Conto acquisti (EIN) - civilistico
La gestione del conto acquisti (sistema del reddito) deve essere attivato a livello della societ e viene
movimentato al momento dellentrata merce a magazzino o dellentrata fattura.
Nella registrazione dellentrata merce a magazzino il conto utilizzato come un normale conto acquisti.
Nella registrazione di una fattura, se esiste una differenza fra prezzo dellordine e prezzo della fattura, si
rettifica il valore dellentrata merce modificando il valore del materiale; il conto utilizzato per
registrare tale differenza.
Vedere a questo proposito la sezione gestione delle differenze.
Esempio della registrazione effettuata:
1. Entrata merce per un materiale gestito a magazzino
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:
Posizione
1

Qt

Materiale

Matmag

Documento materiale
Div. Mag.
XXXX

XXXX

Tipo movim. SAP


101

S
+

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

10000+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000-

WRX

003 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

10000+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

10000-

EKG

330003141.doc

Page 27 of 93

Operazione

Importo in

lire

17/09/16

2. Entrata fattura con differenza rispetto allordine di acquisto e questa differenza distribuita sul
materiale
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

11000

IMPORTO TOTALE IN FATTURA

10

QUANTIT FATTURATA

10000

QUANTIT FATTURATA * PREZZO DI ORDINE DI ACQUISTO

10

GIACENZA DEL MATERIALE NELLAREA DI VALORIZZAZIONE

Al momento della registrazione della fattura si modifica limporto della riga relativa alla posizione e la
giacenza nellarea di valorizzazione superiore o uguale alla quantit fatturata:
Operazione

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 cod forn

Fornitore

11000-

fornitore

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000

WRX

003 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

1000

BSX

004 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

1000

EIN

005 Gxxxxx

Contropartita stock

1000-

EKG

330003141.doc

Page 28 of 93

Importo in

lire

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.

Il conto acquisti stato attivato per la societ XXXX ed unico per i materiali gestiti a magazzino e per
tutte le classi di valorizzazione.
Dare
Avere
---------------Conto acquisti a magazzino
3.3.5.1.6 Conto di contropartita stock (EKG) - gestionale
Questo procedimento viene utilizzato dal sistema per definire il conto di contropartita al conto di stock
in caso di entrata merce a magazzino o per rettifica di una scrittura di entrata merce in sede di
registrazione fattura.
Molti esempi sono riportati nelle descrizione di altri procedimenti (vedere per esempio il procedimento
EIN).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Dato che si utilizza un conto di contropartita di nessun valore, si utilizza questo procedimento inserendo
un unico conto valido in dare ed avere indipendentemente dalla classe di valorizzazione.
Dare
Avere
G------G------Contropartita stock
3.3.5.1.7 Conto acquisti nolo (FRE) - civilistico
Questo procedimento utilizzato dal sistema se per la societ impostato luso del conto acquisti.
E un procedimento analogo al procedimento EIN ma per i costi indiretti di acquisto pianificati.
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE (SENZA COSTI INDIRETTI DI ACQUISTO)

2000

IMPORTO DEL COSTO INDIRETTO PREVISTO NELL'ORDINE


D'ACQUISTO PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA MERCE

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Documento materiale

330003141.doc

Page 29 of 93

17/09/16

Posizione
1

Qt

Materiale

Div.

Mag.

Matmag

XXXX

XXXX

Tipo movim. SAP


101

S
+
Operazione

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

12000+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000-

WRX

003 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

10000+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

12000-

EKG

005 xxxxxx

Conto di compensazione nolo

2000-

FR1

006 xxxxxx

Conto acquisti nolo

2000+

FRE

Importo in

lire

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si utilizza lo stesso conto impostato per il procedimento EIN.
Dare
Avere
--------------Conto acquisti a magazzino
3.3.5.1.8 Compensazione nolo (FR1), Accantonamento nolo (FR2), Altri costi da nolo (FR3),
Costi da nolo speciali (FR4) -civilistici
Questi procedimenti sono analoghi al procedimento WRX, ma riguardano i costi indiretti di acquisto
pianificati.
Le chiavi FR1, FR2, FR3, FR4 vengono associate, nello schema di calcolo costo utilizzato negli ordini
d'acquisto, alle condizioni di prezzo per cui si gestiscono i costi indiretti su conti Co.Ge. separati.
Durante l'acquisizione dell'entrata merci il sistema controlla che siano state utilizzate nell'ordine
d'acquisto condizioni di prezzo per costi indiretti, ed automaticamente registra gli importi sui conti
Co.Ge. definiti per le chiavi associate alle condizioni.

330003141.doc

Page 30 of 93

17/09/16

Esempio della registrazione effettuata:


1. Primo caso: Acquisto di materiale a magazzino (stesso esempio del procedimento FRE).
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DEL MATRIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE (SENZA COSTI INDIRETTI DI ACQUISTO)

2000

IMPORTO DEL COSTO INDIRETTO DI ACQUISTO PER IL QUALE SI


EFFETTUA LENTRATA MERCE

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione
1

Qt

Materiale

Matmag

Documento materiale
Div. Mag.
XXXX

XXXX

Tipo movim. SAP

101

Pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

12000+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000-

WRX

003 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

10000+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

12000-

EKG

005 xxxxxx

Conto di compensazione nolo

2000-

FR1

006 xxxxxx

Conto acquisti nolo

2000+

FRE

Operazione

Importo in

lire

2. Secondo caso: Acquisto con ordine contabilizzato (per esempio su centro di costo).
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

TIPO CONTABILIZZAZIONE

FRA1

(LEGATA
AL
PROCEDIMENTO
FR1)

TIPO CONDIZIONE UTILIZZATO A LIVELLO DI POSIZIONE

10000

IMPORTO DELLACQUISTO A CENTRO DI COSTO PER IL QUALE SI


EFFETTUA LENTRATA MERCE

330003141.doc

Page 31 of 93

17/09/16

2000

IMPORTO DELLA CONDIZIONE PER LA QUALE SI EFFETTUA


LENTRATA MERCE.

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione
1

Documento materiale
Div.

Qt

Materiale

acquisto a centro di costo

pzn conto

XXXX

Mag.

Tipo movim. SAP

XXXX

Documento contabile di Entrata merce


Descrizione

101

S
+

Operazione

Importo in

lire

001 xxxxxx

Conto di spesa previsto nellordine

12000+

KBS

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000-

WRX

003 xxxxxx

Compensazione EM/EF costi accessori

2000-

FR1

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Lutilizzo di queste operazioni previsto nei casi in cui si gestiscano condizioni di prezzo legate negli
schemi di calcolo (vedere la configurazione specifica degli acquisti).
Si utilizza lo stesso conto utilizzato nel procedimento WRX.
Operazione
FR1
FR2
FR3
FR4

330003141.doc

Dare

Avere

Page 32 of 93

Descrizione
Compensazione EM/EF costi accessori
Compensazione EM/EF costi accessori
Compensazione EM/EF costi accessori
Compensazione EM/EF costi accessori

17/09/16

3.3.5.1.9 Lavorazione esterna (FRL) - civilistico


L'operazione viene utilizzata durante le entrate merci ed entrate fatture per gli ordini di acquisto di
lavorazione esterna.
Esempi delle registrazioni effettuate:
Per materiale acquistato gestito a prezzo medio mobile.
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

0001

COSTANTE DI MODIFICA (AREA DI VALORIZZAZIONE)

XXXX

DIVISIONE

PADRE

CODICE MATERIALE INSERITO NELLORDINE (RIENTRO DA


LAVORAZIONE ESTERNA)

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE "PADRE"

1000

PREZZO IN ORDINE PER IL TIPO POSIZIONE L (PER LA SOLA


LAVORAZIONE ESTERNA)

FIGLIO

CODICE MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

15000

PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO

Al momento dellentrata merce a magazzino il documento materiale e il documento contabile riportano


i seguenti dati:

Posizione

Documento materiale
Div.
Mag.

Qt.

Materiale

Tipo movim. SAP

Padre

XXXX

XXXX

101

Figlio

XXXX

XXXX

543

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di PADRE)

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

003 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

004 xxxxxx

Lavorazione materiali

005 Gxxxxx
006 Gxxxxx

330003141.doc

Operazione

Importo in

lire
16000+

BSX

1000-

WRX

16000-

BSV

1000+

FRL

Conto stock (per cl. di val. di Figlio)

15000-

BSX

Differenze valore per lavorazione esterna

15000+

GBB
(VBO)

Page 33 of 93

17/09/16

Per materiale acquistato gestito a prezzo standard.


Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

0001

CHIAVE DI MODIFICA (AREA DI VALORIZZAZIONE)

XXXX

DIVISIONE

PADRE

CODICE MATERIALE INSERITO NELLORDINE (RIENTRO DA


LAVORAZIONE ESTERNA)

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE "PADRE"

17000

PREZZO STANDARD DEL MATERIALE "PADRE"

1000

PREZZO IN ORDINE PER IL TIPO POSIZIONE L (PER LA SOLA


LAVORAZIONE ESTERNA)

FIGLIO

CODICE MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

15000

PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO

Al momento dellentrata merce a magazzino il documento materiale e il documento contabile riportano


i seguenti dati:

Posizione

Documento materiale
Div. Mag.

Qt.

Materiale

Tipo movim. SAP

Padre

XXXX

XXXX

101

Figlio

XXXX

XXXX

543

Operazione

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di PADRE)

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

003 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

004 xxxxxx

Lavorazione materiali

005 Gxxxxx
006 Gxxxxx

330003141.doc

Importo in

lire
17000+

BSX

1000-

WRX

17000-

BSV

1000+

FRL

Conto stock (per cl. di val. di Figlio)

15000-

BSX

Differenze valore per lavorazione esterna

15000+

GBB
(VBO)

Page 34 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si prevede un unico conto valido in dare ed avere indipendentemente dalla classe di valorizzazione.
Tale conto da considerare come normale conto di spesa e va definito come voce di costo primaria in
SAP.

Lavorazione materiali
3.3.5.1.10 Costi accessori per lavorazione esterna (FRN) civilistico
Loperazione viene utilizzata per costi indiretti di acquisto per ordini di lavorazione esterna (equivalente
delloperazione FRE per ordini in conto lavorazione).
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

0001

CHIAVE DI MODIFICA (AREA DI VALORIZZAZIONE)

XXXX

DIVISIONE

PADRE

CODICE MATERIALE INSERITO NELLA POSIZIONE DELLORDINE


RIENTRO DA LAVORAZIONE ESTERNA

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE PADRE

1000

PREZZO IN ORDINE PER IL TIPO POSIZIONE L DELLA SOLA


LAVORAZIONE ESTERNA

200

PREZZO IN ORDINE DEI COSTI ACCESSORI

FIGLIO

CODICE MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

150

PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE SPEDITO AL FORNITORE

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione

Documento materiale
Div. Mag.

Qt.

Materiale

Padre

XXXX

XXXX

101

Figlio

XXXX

XXXX

543

pzn conto

330003141.doc

Documento contabile
Descrizione

Page 35 of 93

Tipo movim. SAP

Operazione

Importo in

lire

17/09/16

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di PADRE)

1350+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

1000-

WRX

003 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

1350-

BSV

004 xxxxxx

Lavorazione materiali

1000+

FRL

005 xxxxxx

Compensazione EM/EF costi accessori

200-

FR1

006 xxxxxx

Costi accessori per lavorazione esterna

200+

FRN

007 Gxxxxx

Conto stock (per cl. di val. di Figlio)

150-

BSX

008 Gxxxxx

Differenze valore per lavorazione esterna

150+

GBB
(VBO)

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Dato che nelloperazione FRE viene utilizzato lo stesso conto impostato nelloperazione EIN, per
analogia si utilizza per questa operazione lo stesso conto previsto per il procedimento FRL.
Dare

Avere

Lavorazione materiali

330003141.doc

Page 36 of 93

17/09/16

3.3.5.1.11 Registrazione di contropartita per registrazione stock (GBB)


La registrazione di contropartita per registrazione stock viene utilizzata nella gestione stock
(movimentazioni interne ed uscite) e dipende dalla modifica conto che attribuita al corrispondente tipo
movimento. Queste chiavi di modifiche conto consentono di creare una differenziazione delle
contabilizzazioni in base al tipo movimento utilizzato.
Nella versione standard vengono gi definite le seguenti modifiche conto:

BSA:
INV:
VBR:
VKP:
VNG:
VQP:
VQY:
ZOB:
VBO:

per inventari
per spesa/utile da differenze inventario
per uscite merci interne (ad esempio per centro di costo)
per contabilizzazione progetto (ad esempio per commessa)
per rottamazione/distruzione
per prelievo campione senza contabilizzazione
per prelievo campione con contabilizzazione
per entrate merci senza ordini di acquisto (Tipo movimento 501)
per consumo da conto lavorazione

Esempio di registrazione effettuata:


Se si desidera registrare una differenza inventariale, i dati utilizzati sono i seguenti:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

DIVISIONE

XXXX

MAGAZZINO

MEDIO1

CODICE MATERIALE

10

QUANTIT CONTABILE A STOCK

15000

PREZZO MEDIO MOBILE

QUANTIT CONTATA

Con un movimento di rettifica inventariale (702) si ha:

Posizione
1

Qt.
2

Materiale
MEDIO1

Documento materiale
Div.
Mag.
XXXX

Tipo movim. SAP

XXXX

702

S
-

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di PADRE)

30000-

BSX

002 Gxxxxx

Contropartita stock *
Rettifica inventariale

30000+

GBB
(INV)

330003141.doc

Page 37 of 93

Operazione

Importo in

lire

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Le registrazioni di contropartita stock vengono differenziate in base alle tipologie di prelievo (vedere a
questo proposito la sezione dedicata alla chiave di modifica conto) secondo la seguente tabella.
Chiave di
modifica conto
Z01

Classe
Valorizzazione
1000

Dare

Avere

Descrizione

G-------

G-------

Z01

2000

G-------

G-------

Z03

1000

G-------

G-------

Z03

2000

G-------

G-------

Z05

1000

G-------

G-------

Z05

2000

G-------

G-------

Z07

1000

G-------

G-------

Z07

2000

G-------

G-------

Z09

1000

G-------

G-------

Z09

2000

G-------

G-------

Z11

1000

G-------

G-------

Z11

2000

G-------

G-------

Z13

1000

G-------

G-------

Z13

2000

G-------

G-------

Z15

1000

G-------

G-------

Z15

2000

G-------

G-------

INV

1000

G-------

G-------

INV

2000

G-------

G-------

Materiali nomenclati per


formazione
Materiali nomenclati per
formazione
Materiali nomenclati per
manutenzioni in garanzia
Materiali nomenclati per
manutenzioni in garanzia
Materiali nomenclati per
manutenzioni non in garanzia
Materiali nomenclati per
manutenzioni non in garanzia
Materiali nomenclati per
manutenzione impianti
Materiali nomenclati per
manutenzione impianti
Materiali nomenclati per
spese generali
Materiali nomenclati per
spese generali
Materiali nomenclati per
vendita
Materiali nomenclati per
vendita
Materiali nomenclati per
spostamento impianti mantenimento
Materiali nomenclati per
spostamento impianti mantenimento
Materiali nomenclati per
installazione prodotti
Materiali nomenclati per
installazione prodotti
Perdite per
Utile per
differenze
differenze
inventariali
inventariale
Perdite per
Utile per
differenze
differenze
inventariali
inventariale

330003141.doc

Page 38 of 93

17/09/16

Chiave di
modifica conto
INV

Classe
Valorizzazione
2100

Dare

Avere

Descrizione

G-------

G-------

VBO

1000

G-------

G-------

VBO

2000

G-------

G-------

VBO

2100

G-------

G-------

Perdite per
Utile per
differenze
differenze
inventariali
inventariale
Differenze valore per
lavorazione esterna
Differenze valore per
lavorazione esterna
Differenze valore per
lavorazione esterna

BSA
BSA
VBR
VBR
VKP
VKP
VQP
VQP
VQY
VQY
ZOB
ZOB

1000
2000
1000
2000
1000
2000
1000
2000
1000
2000
1000
2000

G------G------G------G------G------G------G------G------G------G------G------G-------

G------G------G------G------G------G------G------G------G------G------G------G-------

Rimane da verificare l'utilizzo delle chiavi di modifica conto standard BSA, VBR, VKP, VNG, VQP,
VQY, ZOB.
3.3.5.1.12 Ordine di acquisto contabilizzato (KBS) - civilistico
L'operazione KBS determina le chiavi contabili da utilizzare in fase di registrazione dell'entrata merce
per materiali non gestiti a magazzino per i conti di spesa indicati nell'ordine d'acquisto.
Esempio di registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

TIPO CONTABILIZZAZIONE

63100000

CONTO INSERITO NELLORDINE

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:
330003141.doc

Page 39 of 93

17/09/16

Posizione
1

Qt
1

Materiale

Documento materiale
Div.
Mag.

Non codificato

XXXX

Tipo movim. SAP

XXXX

Documento contabile di Entrata merce


Descrizione

101

+
Operazione

Pzn CC

conto

Importo in

lire

001 81

63100000

Conto inserito nellordine

12000+

KBS

002 86

xxxxxx

Compensazione EM/EF

12000-

WRX

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si utilizza limpostazione standard.
Chiave contabile Dare
81

330003141.doc

Chiave contabile Avere


91

Page 40 of 93

17/09/16

3.3.5.1.13 Differenze di cambio in partite aperte (KDM), civilistico


Le differenze di cambio in partite aperte si verificano se una fattura per un ordine di acquisto viene
registrata con un altro tasso di conversione rispetto a quello dell'entrata merci.
E possibile definire se gestire questi delta come differenze di cambio o differenze di prezzo (per
maggior dettagli riferirsi alla sezione Gestione delle differenze par 4.5.3.2.).
Esempio di registrazione:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

GBP

DIVISA DEL DOCUMENTO DACQUISTO ED ENTRATA FATTURA

ITL

DIVISA INTERNA

1000

IMPORTO FATTURA IN DIVISA DOC DI ACQUISTO

1 GBP
=
2750 LIRE
1 GBP
=
3000 LIRE

CAMBIO ALLA DATA DI ENTRATA MERCE


CAMBIO ALLA DATA DI ENTRATA FATTURA

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione
1

Qt

Materiale

Matmag

Documento materiale
Div.
Mag.
XXXX

Tipo movim. SAP

XXXX

101

+
Operazione

Documento contabile relativo al documento di entrata merce


Descrizione
Importo in

pzn conto

lire

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag) 2750000+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

2750000-

WRX

003 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag) 2750000+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

EKG

pzn conto

2750000-

Operazione

Documento contabile relativo al documento di entrata fattura in divisa interna


Descrizione
Importo in

lire

001

cod forn

Fornitore

3000000-

fornitore

002

xxxxxx

Compensazione EM/EF

2750000+

WRX

003

xxxxxx

Differenza cambio

250000+

KDM

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.

330003141.doc

Page 41 of 93

17/09/16

Non si utilizza questa operazione, considerando queste differenze cambio come differenze prezzo, e
quindi attribuendole al conto di spesa utilizzato nella registrazione di entrata merce.
3.3.5.1.14 Differenza di arrotondamento del cambio Gestione materiali (KDR) - civilistico
Una differenza di arrotondamento del cambio pu verificarsi in caso di una fattura in divisa estera. Se in
fase di conversione delle righe di registrazione in divisa estera, un saldo diverso da zero ha origine
tramite l'arrotondamento, il sistema crea automaticamente una riga di registrazione per le differenze di
arrotondamento del cambio. Questo procedimento serve dunque a chiudere una scrittura non pareggiata
per arrotondamenti di sistema.
Esempio di registrazione:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

GBP

DIVISA DEL DOCUMENTO DACQUISTO ED ENTRATA FATTURA

ITL

DIVISA INTERNA

IMPORTO FATTURA IN DIVISA DOC DI ACQUISTO

10 GBP
=
27500 LIRE
10 GBP
=
29999 LIRE

CAMBIO ALLA DATA DI ENTRATA MERCE


CAMBIO ALLA DATA DI ENTRATA FATTURA

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione

Materiale

Matmag

Qt

pzn conto

Documento materiale
Div.
Mag.
XXXX

Tipo movim. SAP

XXXX

Documento contabile relativo al documento di entrata merce


Descrizione
Importo in

101

S
+

Operazione

lire

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

2750+

BSX

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

2750-

WRX

003 xxxxxx

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

2750+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

2750-

EKG

Documento contabile relativo al documento di entrata fattura in divisa documento in divisa interna
pzn conto
Descrizione
Importo in
lire

Operazione

001

cto forn.

Fornitore

3000-

fornitore

002

xxxxxx

Compensazione EM/EF

2750+

WRX

003

xxxxxx

Differenza cambio

240+

KDM

330003141.doc

Page 42 of 93

17/09/16

004

xxxxxx

Arrodondamento sulla dif. cambio

10-

pzn

Documento contabile relativo al documento di entrata fattura in divisa documento di acquisto


conto
Descrizione
Importo in sterline GBP

001

cto forn.

Fornitore

002

xxxxxx

Compensazione EM/EF

0,92+

WRX

003

xxxxxx

Differenza cambio

0,08+

KDM

004

xxxxxx

Arrodondamento sulla dif. cambio

1-

KDR
Operazione

fornitore

KDR

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


In coerenza con quanto stabilito per il procedimento KDM non si utilizza questa operazione,
considerando queste differenze di arrotondamento come differenze prezzo, e quindi attribuendole al
conto di spesa utilizzato nella registrazione di entrata merce.
3.3.5.1.15 Differenze di prezzo (PRD) - civilistico
Le differenze di prezzo avvengono nei seguenti casi:
materiali con prezzo standard:
in fase di entrata merci se il prezzo dellO.d.A. diverso dallo standard;
in fase di controllo fattura se il prezzo in fattura diverso da quello dellordine e viene
modificato il valore dellentrata merci;
materiale con prezzo medio mobile:
in fase di entrata merci in nessun caso
in fase di controllo fattura se:
il prezzo in fattura diverso da quello nellO.d.A. e viene modificato il valore dellentrata
merci;
la giacenza nellarea di valorizzazione inferiore alla quantit in fattura;
Esempi di registrazione:
Entrata a magazzino di un materiale gestito a prezzo standard.
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DELLORDINE DI ACQUISTO

5000

PREZZO DI ANAGRAFICA DEL MATERIALE MATMAG

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE MATMAG

330003141.doc

Page 43 of 93

17/09/16

Al momento dellentrata merce il documento materiale e il documento contabile riportano i seguenti


dati:

Posizione
1

Qt

Materiale

Matmag

Documento materiale
Div.
Mag.

Tipo movim. SAP

XXXX

101

XXXX

pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

003 xxxxxx

Operazione

Importo in

lire
5000+

BSX

10000-

WRX

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

5000+

EIN

004 Gxxxxx

Contropartita stock

5000-

EKG

005 xxxxxx

Differenza prezzo

5000+

PRD

Entrata fattura di un materiale gestito a prezzo standard


Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

10000

IMPORTO DELLORDINE DI ACQUISTO

5000

PREZZO DI ANAGRAFICA DEL MATERIALE MATMAG

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE MATMAG

12000

PREZZO DEL MATERIALE IN FATTURA

Viene effettuata la registrazione della fattura relativa allentrata merci dellesempio precedente.
Al momento dellentrata fattura il documento contabile dentrata fattura riporta i seguenti dati:
pzn conto

Documento contabile di entrata fattura


Descrizione

Operazione

Importo in

lire

001 cto forn

Fornitore

12000-

fornitore

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000+

WRX

003 xxxxxx

Differenza prezzo

2000+

PRD

Entrata a magazzino di un materiale gestito a prezzo medio mobile.

330003141.doc

Page 44 of 93

17/09/16

Le differenze di prezzo possono verificarsi nelle fatture per i materiali gestiti a prezzo medio mobile, se
esiste una differenza di prezzo fra ordine e fattura e se non esiste la copertura stock per la quantit
calcolata.
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

MATMAG

MATERIALE UTILIZZATO

CONTROLLO DEL PREZZO DEL MATERIALE MATMAG

10000

IMPORTO DELLORDINE DI ACQUISTO

10

QUANTIT ORDINATA/FATTURA

11000

IMPORTO IN FATTURA

QUANTIT A STOCK

Al momento dellentrata fattura il documento contabile dentrata fattura (registrato successivamente


allentrata merce) riporta i seguenti dati:

pzn conto

Documento contabile di entrata fattura


Descrizione

Operazione

Importo in

001 cto forn

Fornitore

002 Gxxxxx

Conto stock (per classe di val.di Matmag)

003 xxxxxx

Compensazione EM/EF

004 xxxxxx

lire
11000-

fornitore

500+

BSX

10000+

WRX

Conto acquisti (per cl. di val.di Matmag)

500+

EIN

005 Gxxxxx

Contropartita stock

500-

EKG

006 xxxxxx

Differenza prezzo

500+

PRD

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Non verificandosi il caso di acquisto di materiali gestiti a prezzo standard, si definisce un conto unico in
dare ed avere, indipendentemente dalla classe di valorizzazione, con riferimento al solo caso di acquisto
di materiale gestito a media mobile.
Tale conto da considerare come un normale conto di spesa e va definita come voce di costo primaria
in SAP.
Dare
-------Differenze prezzo per non
capienza stock

330003141.doc

Avere
-------Differenze prezzo per non
capienza stock

Page 45 of 93

17/09/16

3.3.5.1.16 Spesa/Utile da rivalutazione (UMB) - gestionale


Questa chiave operazione viene utilizzata nella gestione stock se il prezzo di un materiale viene
modificato.
Esempio della registrazione effettuata:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

PR

TIPO DOCUMENTO CONTABILE UTILIZZATO

15000

PREZZO DI ANAGRAFICA

10000

NUOVO PREZZO

QT A STOCK (PZ)
Operazione

Pzn conto

Documento contabile
Descrizione

001 Gxxxxx

Conto stock

5000-

BSX

002 Gxxxxx

Spesa/utile da conversione

5000+

UMB

Importo in

lire

Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia


Si definiscono due conti, uno in dare e uno in avere, indipendentemente dalle classi di valorizzazione:
Dare
G------Svalutazione di magazzino
per modifica prezzo

330003141.doc

Avere
G------Rivalutazione di magazzino
per modifica prezzo

Page 46 of 93

17/09/16

3.3.5.1.17 Costi indiretti di acquisto non pianificati (UPF) - civilistico


I costi indiretti dacquisto non pianificati, registrati con il controllo fattura logistica, possono essere
contabilizzati su un conto di spesa specifico oppure distribuiti sulle contabilizzazioni delle posizioni
dellO.d.A. fatturato. La scelta tra queste due alternative effettuata in customizing e vale sia nel caso
di acquisto a magazzino sia nel caso di altri tipi di contabilizzazione (centro di costo, progetto, etc.).
Nel caso in cui si scelga di contabilizzare su un conto specifico, il controllo fattura logistica lo
determina tramite il procedimento in oggetto.
Esempio di registrazione:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

TIPO CONTABILIZZAZIONE

63100000

CONTO UTILIZZATO NELLORDINE

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE

10000

IMPORTO DEI COSTI INDIRETTI DI ACQUISTO NON PIANIFICATI

20%

IVA SU ACQUISTI

Al momento della registrazione della fattura il documento contabile riporta i seguenti dati:

Posizione
1

Qt

Materiale

servizio

pzn conto

Documento materiale
Div.
Mag.
XXXX

Tipo movim. SAP

XXXX

Documento contabile di Entrata fattura


Descrizione

101

S
+
Operazione

Importo in

lire

Fornitore

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000+

WRX

003 xxxxxx

Costi indiretti di acq. non pian.

10000+

UPF

003 xxxxxx

IVA su Acquisti

4000+

VST

330003141.doc

24000-

fornitore

001 cto forn

Page 47 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si registrano i costi indiretti di acquisto non pianificati su un conto separato, perch si considera che un
costo non pianificato in ordine di acquisto sicuramente oggetto di verifica ed eventuale contestazione.
Tale evidenza contabile comunque non comporta il blocco automatico delle fatture al pagamento.
Questo blocco pu essere gestito tramite lopportuna definizione dei valori limite per lo scostamento del
prezzo.
Dare
Avere
--------------Costi indiretti dacquisto non previsti
3.3.5.1.18 IVA acquisti (VST) - civilistico
Questo procedimento viene utilizzato in entrata fattura per registrare lIVA.
E necessario definire per ogni codice IVA il rispettivo conto da movimentare.
Esempio di registrazione:
Valore / Codice

Descrizione delloggetto

XXXX

CODICE SOCIETA

TIPO CONTABILIZZAZIONE

63100000

CONTO INSERITO NELLORDINE

10000

IMPORTO DEL MATERIALE PER IL QUALE SI EFFETTUA LENTRATA


MERCE

10000

IMPORTO DEI COSTI INDIRETTI DI ACQUISTO NON PIANIFICATI

20%

IVA

Al momento della registrazione della fattura il documento contabile riporta i seguenti dati:

Posizione
1

Documento materiale
Div.

Qt

Materiale

non codificato

XXXX

Mag.

TMOVS S

XXXX

101

Documento contabile di Entrata fattura

+
Operazione

pzn conto

Descrizione

Importo in

lire

001 cto forn

Fornitore

002 xxxxxx

Compensazione EM/EF

10000+

WRX

003 xxxxxx

Costi indiretti di acq. non pian.

10000+

UPF

003 xxxxxx

IVA

4000+

VST

24000-

KBS

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.

330003141.doc

Page 48 of 93

17/09/16

Limpostazione di questo procedimento e i criteri di scelta vengono descritti nel paragrafo 4.5.1.4
(Conti imposta per codici IVA).
3.3.5.1.19 EM-/EF-Compensazione (WRX) - civilistico
Le registrazioni dal conto compensazione EM/EF (contropartita acquisti a magazzino o del conto di
spesa indicato nellordine), di norma corrispondente al conto "Fatture da ricevere", si verificano in fase
di entrate merci ed entrate fatture relative agli ordini di acquisto, ma anche in caso di reso al fornitore e
di nota di credito.
Molti esempi sullimpiego del procedimento WRX sono stati precedentemente esposti.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
La spaccatura delloperazione WRX in base alla classe di valorizzazione non fornisce informazione
rilevante per la societ XXXX; si definisce un conto unico.
Conto Co.Ge.
Compensazione EM/EF

3.3.6 Definire le contabilizzazioni rilevanti per il controlling


Per alcuni conti legati ai procedimenti contabili descritti nei paragrafi precedenti e definiti a sistema
come voci di costo primari, risulta necessario definire una contabilizzazione di default rilevante per il
controlling (transazione OKB9).
Questa contabilizzazione di default legata ad una societ e ad un conto e pu essere un centro di costo,
un ordine CO o un profit center.

330003141.doc

Page 49 of 93

17/09/16

3.4 TIPI MOVIMENTO / CONTABILIZZAZIONE


Il tipo movimento in SAP da intendere come una operazione sui materiali (codificati o non) a quantit,
a valore o a quantit e valore.
I tipi movimento sono suddivisi in tre grandi categorie:
I movimenti di Entrata merce
I movimenti di Uscita merce
Le Modifiche stock (trasferimenti, spedizione dei materiali per conto lavorazione)
3.4.1 Entrate merci
Il Tipo movimento di entrata merce una chiave di SAP che permette di gestire l'evento logistico e
quello contabile associato, in maniera automatica.
Le entrate merci possono essere utilizzate sia per le movimentazioni di materiali nomenclati, che
incrementano lo stock in magazzino (nel caso di storni avviene un decremento), sia per la
consuntivazione del consegnato dei materiali non nomenclati direttamente spesati sulla base delle voci
indicate sull'ordine d'acquisto.
3.4.1.1 Tolleranze in Entrata merce
Nell'elaborazione di una entrata merci il sistema controlla per ogni posizione se gli scostamenti di
entrata merci variano dall'ordine di acquisto (chiave B1 e B2) o dai dati anagrafico materiale (chiave VP
utilizzata anche nel controllo fattura). Le chiavi B1, B2, VP sono codici interni di SAP utilizzati per
definire i valori delle tolleranze nei tre differenti casi.
Chiavi B1 e B2 (valide sia per i materiali codificati che non, e sia per entrate merci a magazzino che
non)
Se nel corso di un'entrata merci (nel caso in cui lunit di misura con cui viene ordinato il materiale e
lunit di misura riferita al prezzo di acquisto siano differenti) viene inserita una quantit espressa
nellunit di misura riferita al prezzo di acquisto che non coincide con la relativa quantit pianificata
nell'ordine d'acquisto, il sistema controlla se lo scostamento che ne risulta incluso nei margini di
tolleranza definiti:
La tolleranza B1 genera un messaggio di errore bloccante se lo scostamento massimo impostato
nella tolleranza viene superato.
La tolleranza B2 genera un messaggio di avvertimento se lo scostamento massimo impostato nella
tolleranza viene superato.
Esempio
Ordine di acquisto
Materiale A 100 Pezzi (lunit di misura con cui viene ordinato il materiale) a 10.000 ITL al Pacco
(lunit di misura riferita al prezzo di acquisto); fattore di conversione 20 Pezzi 1 Pacco

330003141.doc

Page 50 of 93

17/09/16

Entrata merci
Materiale A Entrata merci secondo lunit di misura con cui viene ordinato il materiale: 100 Pezzi.
Entrata merci secondo lunit di misura riferita al prezzo di acquisto: 6 Pacchi (anzich i 5 che
sarebbero dovuti arrivare).
definita la tolleranza B1 come limite superiore del 10%.
Il sistema controlla che il pacco in pi rispetto alla quantit pianificata nellordine (5 pacchi) superiore
al 10% di questultima e cos invia un messaggio di errore.
Chiave VP (valida solo per entrate merci a magazzino per materiali codificati)
Se nel corso di un'entrata merci il prezzo medio mobile viene ricalcolato e se la differenza percentuale
fra vecchio prezzo e nuovo prezzo supera la tolleranza stabilita per la chiave VP, il sistema genera un
messaggio di errore.
Esempio
Entrata merci
Materiale A 1 Pezzo a 1200 ITL al Pezzo
Anagrafica materiale A
Stock presente 1 Pezzo a 1000 ITL
E definita la tolleranza VP come limite superiore del 15%.
Il nuovo prezzo a media mobile 1100 ITL. Il sistema controlla che la differenza percentuale tra 1100
(prezzo nuovo) e 1000 (prezzo vecchio) del 10% e cos non invia alcun messaggio di errore essendo
minore del limite massimo di del 15%.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Le tolleranze sono state impostate nel seguente modo:
Valori per la chiave tolleranza B1
Limite inferiore
Limite superiore

330003141.doc

Page 51 of 93

Percentuale
Non controllato
0%

17/09/16

Valori per la chiave tolleranza B2


Limite inferiore
Limite superiore

Percentuale
Non controllato
0%

Valori per la chiave tolleranza VP


Limite inferiore
Limite superiore

Percentuale
Non controllato
Non controllato

Tabella 9 Tolleranze nellentrata merci


3.4.1.2 Creare automaticamente la view immagazzinamento
Questa funzionalit consente di effettuare dei movimenti di magazzino senza aver in precedenza creato
il materiale per quel magazzino (definizione della view immagazzinamento del materiale non
applicabile per gli stock speciali).
Bisogna impostare la creazione automatica del magazzino per:
- la divisione;
- il magazzino;
- il tipo movimento.
Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia
Si imposta il sistema in modo che possa creare ogni qualvolta ci sia la necessit la view
immagazzinamento nellanagrafica dei materiali.
In questo modo, in fase di creazione dellanagrafica del materiale, linterfaccia con CMP non deve
caricare i dati di magazzino.
Divisione
1000
2000
3000
4000
6000

Creazione videata immagazzinamento per il


materiale
S
S
S
S
S

Tabella 10 Abilitazione della creazione della videata di magazzino per le divisioni

330003141.doc

Page 52 of 93

17/09/16

3.4.1.3 Storno Entrata merce malgrado fattura per controllo fattura riferito allentrata merce
Se si decide di effettuare un controllo fattura riferito allentrata merce, esiste la possibilit di effettuare
lo storno di un entrata merce relativa ad un documento di acquisto malgrado la fattura sia gi stata
registrata.
Se lo storno ammesso il sistema consente di effettuare la riconsegna al fornitore o lo storno dovuto ad
un entrata non corretta a magazzino anche se la fattura del fornitore gi stata inserita.
Se questo storno non ammesso necessario stornare la fattura prima di acquisire lo storno dellentrata
merci o la riconsegna al fornitore (movimento 122).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
In caso di controllo fattura riferita allentrata merce si ammette lo storno dellentrata merce malgrado la
presenza della fattura per i seguenti movimenti:
Tipo movimento
102 (storno EM)
122 (Reso a fornitore)

Storno ammesso malgrado fattura


S
S

Tabella 11 Abilitazione dello storno ai tipi movimento


3.4.1.4 Tipi movimento di Entrata merce
Il Tipo movimento di entrata merce una chiave di SAP che permette di gestire l'evento logistico e
quello contabile associato, in maniera automatica e viene utilizzato sia per per le movimentazioni di
materiali nomenclati, che incrementano lo stock in magazzino (nel caso di storni avviene un
decremento), sia per la consuntivazione del consegnato dei materiali non nomenclati direttamente
spesati sulla base delle voci indicate sull'ordine d'acquisto.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si utilizzano i tipi movimento standard previsti da SAP senza apportare alcuna modifica alla
parametrazione.
3.4.2 Tipi movimento di Uscita merce
Le uscite merci rappresentano le movimentazioni di materiali gestiti a magazzino che decrementano il
relativo stock (nel caso di storni avviene un incremento).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
I tipi movimento di uscita rappresentano la maggior parte dei tipi movimento da configurare in quanto
quelli presenti su SAP standard non coprono le esigenze informative del Cliente.
In particolare la gestione dei prelievi con destinazione diretta a impianti o a WBS di investimento,
conformemente ai nuovi schemi contabili, implica la creazione di nuovi tipi movimento con
procedimenti contabili associati diversi dallo standard previsto in tabella T156.
E ancora in corso la determinazione dei nuovi tipi movimento da creare in SAP.

330003141.doc

Page 53 of 93

17/09/16

3.4.3 Tipi movimento di Trasferimenti stock


I trasferimenti stock rappresentano tutte le movimentazioni di magazzino che riguardano:

trasferimenti tra divisioni;

trasferimenti tra magazzini;

cambio di tipologia di stock;

trasferimento di stock da materiale a materiale (compreso il cambio di stato duso di uno stesso
materiale).

3.5 VERIFICA FATTURA


La verifica fattura identifica le operazioni di registrazione fattura effettuate nel modulo MM di SAP che
permette di effettuare alcuni controlli sui dati presenti sui documenti logistici.

3.5.1 Gestione dellImposta sul Valore Aggiunto


In questo paragrafo vengono esposti, relativamente alla gestione dellI.V.A., gli oggetti di
parametrazione ed i relativi criteri di scelta proposti per Telecom.
3.5.1.1 Codici IVA
I codici IVA vengono definiti in SAP per ogni paese in cui le societ hanno sede.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Per le esigenze di Telecom sono stati definiti i seguenti codici IVA:
Codice I.V.A.

Descrizione

01

Operazione esente art.10 D.P.R. 633/1972

02

4% detraibile

03

10% Detraibile

04

20% Detraibile

05

Operazione fuori campo IVA

06

20% Parz. Detr.

07

Operaz. Fuori Territ. dello Stato ART.7 D.P.R. 633/1972

08

20% Indetraibile

09

10% Indetraibile

10

4% Indetraibile

330003141.doc

Page 54 of 93

17/09/16

Codice I.V.A.

Descrizione

12

Operazione non imponibile art.8, 1 comma lettera a,b D.P.R 633/1972

18

Operazione non imponibile art. 8 bis, 1 comma D.P.R 633/1972

23

Operazione non imponibile art.9 1 comma D.P.R 633/1972

26

Acquisti Intracomunitari

58

Operazione non imponibile art.58 L.427/1993


Tabella 12 Codici I.V.A.

3.5.1.2 Tipi condizione


I tipi condizione devono essere legati ai vari tipi di imposte che possono essere applicate nelle
elaborazioni contabili: tutti i tipi condizione che verranno utilizzati per il calcolo dellIVA devono far
parte dello schema di calcolo attribuito alla societ XXXX.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Vengono utilizzati i tipi condizione definiti in SAP standard: tali condizioni sono legate allo schema di
calcolo TAXIT (vedi paragrafo successivo) utilizzato dal cliente.
3.5.1.3 Schema calcolo IVA
Lapplicazione dellIVA in SAP (calcolo e controllo nelle registrazioni contabili) avviene attraverso
lutilizzo di un apposito schema di calcolo. Essendo la materia in questione comune a livello di paese in
SAP esistono gi degli schemi di calcolo standard ed in particolare per lItalia previsto lo schema
TAXIT.
Lo schema di calcolo IVA TAXIT dettagliato nella seguente tabella:

330003141.doc

Page 55 of 93

17/09/16

Livello

Tipo
condizione

Descrizione del tipo condizione

100
110
120
140
150
200
210

BASB
MWAI
MWVI
MWNI
MWZI
NLAI
NLVI

Importo base
IVA vendite
IVA acquisti detraibile
IVA acq. non detr. conto separato
IVA acq. non detr. conto costo
IVA acq. Intrac.
IVA su autofatt. acq. intrac.

Chiave
conto

Descrizione della chiave


conto

MWS
VST
NAV
NVV
ESA
ESE

I.V.A. vendite
I.V.A. acquisti detr.
IVA acq. non detr. conto sep.
IVA acq. non detr. conto costo
IVA acq. Intrac.
IVA su autofatt. acq. intrac

Tabella 13 Schema calcolo I.V.A.


Per singolo codice IVA necessario indicare in customizing per paese e tipo di imposta (IVA acquisti o
vendite), quale/quali chiavi conto, di quelle proposte dallo schema calcolo associato al paese (TAXIT
per lItalia), devono essere utilizzate e le relative aliquote da applicare nella registrazione contabile.
La chiave conto, tramite apposita tabella, definisce le caratteristiche dei codici IVA per i quali viene
utilizzata e, nel dettaglio, specifica:

il tipo di imposta (acquisti, vendite o non rilevante).

se limporto dellimposta detraibile o meno;

se limporto dellimposta deve essere registrato separatamente su conto IVA o, nel caso di
indetraibilit, debba essere distribuito sulle posizioni in fase di elaborazione della fattura oppure
registrato su un apposito conto predeterminato.
Questultima informazione essenziale poich offre lopportunit di registrare limposta su una riga
contabile separata dalle righe di costo (utile nel caso in cui la spesa sia anche non deducibile ai fini
IRPEG; esempio IVA su spese di telefonia mobile non ad uso sociale) o, alternativamente, di
suddividere limposta stessa sulle varie posizioni che compongono la fattura (questo il caso, ad
esempio, dellI.V.A. indetraibile se la spesa deducibile ai fini IRPEG che viene quindi contabilizzata
nel medesimo conto di costo cui si riferisce la posizione).
Ad ogni chiave conto indicata per specifico codice IVA, possibile attribuire il conto di contabilit
generale su cui imputare limposta; tale operazione consente di differenziare su pi conti la
registrazione dellIVA, a seconda del tipo di imposta e della rilevanza contabile che a questi si vuole
dare.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Viene utilizzato lo schema di calcolo standard di SAP TAXIT-IVA Italia per parametrare le regole di
calcolo e registrazione IVA per i singoli codici utilizzati dal Cliente.

330003141.doc

Page 56 of 93

17/09/16

Codice IVA 01- Operazione esente art.10 D.P.R. 633/1972


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

10

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

20

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Codice IVA 02- 4% detraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Codice IVA 03- 10% Detraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Codice IVA 04- 20% Detraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Codice IVA 05- Operazione fuori campo IVA


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

330003141.doc

Page 57 of 93

17/09/16

Codice IVA 06- 20% Parz. Detr.


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

Chiave conto

100
120
150

BASB
MWVI
MWZI

Importo base
IVA acquisti detraibile
IVA acq. non detr. conto
costo

VST
NVV

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

I.V.A. acquisti detr.


IVA acq. non detr.
conto costo

10
10

Codice IVA 07- Operaz. Fuori Territ. dello Stato ART.7 D.P.R. 633/1972
Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

IVA acq. non detr.


conto costo

20

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

IVA acq. non detr.


conto costo

10

Codice IVA 08- 20% Indetraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

Chiave conto

100
150

BASB
MWZI

Importo base
IVA acq. non detr. conto
costo

NVV

Codice IVA 09- 10% Indetraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

Chiave conto

100
150

BASB
MWZI

Importo base
IVA acq. non detr. conto
costo

NVV

330003141.doc

Page 58 of 93

17/09/16

Codice IVA 10- 4% Indetraibile


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

Chiave conto

100
150

BASB
MWZI

Importo base
IVA acq. non detr. conto
costo

NVV

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

IVA acq. non detr.


conto costo

Codice IVA 12- Operazione non imponibile art.8, 1 comma lettera a,b D.P.R 633/1972
Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Codice IVA 18- Operazione non imponibile art. 8 bis, 1 comma D.P.R 633/1972
Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Codice IVA 23- Operazione non imponibile art.9 1 comma D.P.R 633/1972
Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

330003141.doc

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Page 59 of 93

17/09/16

Codice IVA 26- Acquisti Intracomunitari


Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

IVA acq. Intrac.


IVA su autofatt. acq.
intrac

2020

Chiave conto

Descrizione della
chiave conto

Aliquota IVA

VST

I.V.A. acquisti detr.

Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

Chiave conto

100
200
210

BASB
NLAI
NLVI

Importo base
IVA acq. Intrac.
IVA su autofatt. acq.
intrac.

ESA
ESE

Codice IVA 58- Operazione non imponibile art.58 L.427/1993


Liv.

Tipo
condizione

Descrizione del tipo


condizione

100
120

BASB
MWVI

Importo base
IVA acquisti detraibile

3.5.1.4 Conti imposta per codice IVA


E necessario memorizzare i conti sui quali devono essere registrati i diversi tipi di imposta in modo tale
che il sistema possa utilizzarli nelle registrazioni automatiche. Le chiavi conto consentono di creare il
legame tra codice I.V.A. e conto di contabilit generale1.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Per le esigenze , nella tabella seguente, vengono indicati i conti di contabilit generale per ogni chiave
operazione e per ogni codice I.V.A.: tali conti vengono, quindi, movimentati in modo automatico
quando si eseguono registrazioni contabili che coinvolgono imposte sul valore aggiunto.

Il sistema, per poter effettuare la registrazione del documento contabile, necessita di una attribuzione
di un conto anche per quei codici che sono fuori ambito applicazione IVA.
330003141.doc

Page 60 of 93

17/09/16

Conto CoGe per chiave operazione


NAV
NVV2
ESA
ESE

MWS

Codice I.V.A.

VST

01

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

02

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

03

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

04

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

05

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

06

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

07

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

08

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

09

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

10

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

12

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

18

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

23

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

26

N.A.

N.A.

N.A.

45200100

45200100

N.A.

58

45010000

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

N.A.

Tabella 14 Conti Co.Ge. per chiave operazione


Conto 45010000: IVA su fatture di acquisto
Conto 45200100: IVA su acquisti intracomunitari
Le chiavi operazione utilizzano in automatico le seguenti chiavi contabili:
Dare: 40 Registrazione dare
Avere: 50 Registrazione avere
3.5.1.5 Impostazione codici IVA di default
Limpostazione dei codici IVA di default si effettua a livello della societ; questi default saranno
proposti dal sistema al momento dellentrata fattura. Per SAP essenziale la creazione di questo legame
in quanto rende possibile la registrazione di fatture.
Questi codici IVA di default si impostano per:
- fatture nazionali;
- fatture estere;
2

per la chiave conto NVV stata definita la contabilizzazione dellIVA sul conto di spesa previsto per la riga
dellordine dacquisto

330003141.doc

Page 61 of 93

17/09/16

costi indiretti di acquisto non pianificati.

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


I codici IVA di default impostati sono i seguenti:
Impiego

Codice IVA

Fatture nazionali

04

Fatture estere

Blank

Costi indiretti di acquisto non pianificati

04

Tabella 15 Codici I.V.A. default


3.5.2 Gestione della ritenuta di acconto
La ritenuta di acconto presa in considerazione, per quel che riguarda il modulo MM, solo quando si
effettua il controllo fattura logistico e solo se, nellanagrafica del fornitore stata impostata come
obbligatoria la gestione della ritenuta dacconto.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Viene utilizzata la gestione ampliata della ritenuta dacconto.

330003141.doc

Page 62 of 93

17/09/16

3.5.2.1 Ritenuta dacconto ampliata


Le principali caratteristiche della ritenuta dacconto ampliata che si identificano tra laltro con i suoi
vantaggi sono evidenziate di seguito:

gestione di pi tipi di ritenuta assimilabili per trattamento contabile e procedura di elaborazione


(ritenuta dacconto, trattamento INPS, ecc.);

gestione della ritenuta dacconto in fase di controllo fattura logistica in MM;

attribuzione di pi codici di ritenuta ad un medesimo tipo di ritenuta in modo tale da poter gestire le
diverse imposizioni cui i fornitori sono sottoposti sulla base delle tipologia di prestazione
professionali e delle disposizioni di legge in materia;

possibilit di gestire eventuali periodi di esenzione, totale o parziale, dalle ritenute indicate in
anagrafica.
3.5.2.2 Oggetti di parametrazione
Per utilizzare la ritenuta dacconto ampliata si devono effettuare le seguenti parametrazioni:
Chiave ufficiale delle ritenute di acconto: le chiavi ufficiali di ritenuta d'acconto identificano i
codici prestazione attribuiti dal Ministero delle Finanze per le tipologie di prestazione i cui
compensi sono soggetti a tale adempimento fiscale.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Le chiavi ufficiale utilizzate sono riportate nella seguente tabella.
Chiave ufficiale
1038
1040
1041
1042
1043
ENAS
INPS

Definizione
Provvigioni rapporti commissioni ed agenzia
Compensi per l'esercizio di arti e professioni
Redditi derivanti da collaborazione coordinata
e continuativa
Indennit per la cessazione rapp. agenzia
Comp. Corrisp. a soggetti non resid.
Enasarco
Inps

Tabella 16 Chiavi ufficiali per le prestazioni

330003141.doc

Page 63 of 93

17/09/16

Tipi di ritenuta dacconto: i tipi di ritenuta possono essere raggruppati a seconda che la ritenuta sia
calcolata in fase di registrazione fattura o in fase di pagamento. I tipi di ritenuta definiti consentono a
loro volta di raggruppare in categorie (ritenuta dacconto, INPS, ecc.) i diversi codici di ritenuta stabiliti
dalla legge. Nellanagrafica del fornitore e, successivamente, in controllo fattura logistica possono
essere inseriti uno o pi tipi di ritenuta: levidenza contabile in fase di pagamento sar conseguenza di
tali inserimenti.
Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia
I tipi di ritenuta dacconto che operano in fase di registrazione fattura previsti sono riportati nella
seguente tabella.
Tipo di ritenuta dacconto
E1
E2
E3
FR

Definizione
ENASARCO 1 (5,75% a carico Telecom)
ENASARCO 2 (5,75% a carico agente)
ENASARCO 3 (2% contr. Fondo ass. TLC)
FIRR (scaglioni di provvigioni)

Tabella 17 Tipi di ritenuta dacconto in fase di registrazione fattura


I tipi di ritenuta dacconto che operano in fase di pagamento previsti sono riportati nella seguente
tabella.
Tipo di ritenuta dacconto
RA
I1
I2

Definizione
Ritenuta dacconto
Contributo INPS a carico professionisti
Contributo INPS a carico societ

Tabella 18 Tipi di ritenuta dacconto in fase di pagamento


Codici di ritenuta: sono quelli previsti dalla vigente normativa e devono essere legati ai vari tipi di
ritenuta precedentemente definiti tenendo in considerazione il fatto che non comunque possibile
attribuire ad uno stesso fornitore diversi codici appartenenti al medesimo tipo di ritenuta.

330003141.doc

Page 64 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


I codici attivi sono riportati nella seguente tabella.
Codici di ritenuta dacconto
E1
E2
E3
F1
F2
IA
IB
IC
ID
38
39
40
41
42
43
44
45
47
50
51
53
60
61
62
63
64
73
75
99

Definizione
ENASARCO 1 (5,75% a carico XXX)
ENASARCO 2 (5,75% a carico agente)
ENASARCO 3 (2% contr. Fondo ass. XXX)
FIRR (ag. monomandatari)
FIRR (ag. plurimandatari)
Contributi INPS 10% (a carico prof. 1/3)
Contributi INPS 12% (a carico prof. 1/3)
Contributi INPS 10% (a carico xxx 2/3)
Contributi INPS 12% (a carico xxx 2/3)
Provv. Intermediari senza dipendenti
Provv. Intermediari con dipendenti
Esercizio arti e professioni
Collaboratori
Ind. Fine rapporto di agenzia
Professionisti esteri
Lav. Aut. Estero (10%)
Lav. Aut. Estero (5%)
Lav. Aut. Estero (18%)
Lavoratore autonomo occasionale
Compensi legali distrattari
Marchio d'impresa (res. esteri)
Esercizio arti e professioni (medici)
Amministratore e sindaci
Diritti d'autore
Medici esteri
Diritti autore occasionali
Prestazioni estere
Royalties
Esclusione RA per affiliato

Tabella 19 Codici di ritenuta dacconto

330003141.doc

Page 65 of 93

17/09/16

Attribuzione dei codici di ritenuta ai tipi di ritenuta: necessario legare i codici di ritenuta ai diversi
tipi di ritenuta dacconto cui fanno riferimento.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
La tabella seguente riporta i legami tra i tipi di ritenuta ed i codici.
Tipi di ritenuta dacconto
E1
E2
E3
FR
FR
I1
I1
I2
I2
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA
RA

Codici di ritenuta dacconto


E1
E2
E3
F1
F2
IA
IB
IC
ID
38
39
40
41
42
43
44
45
47
50
51
53
60
61
62
63
64
73
75
99

Tabella 20 Associazione tipi di ritenuta dacconto codici di ritenuta dacconto


Modalit di calcolo: possibile definire, per ogni codice di ritenuta, quale sia la percentuale da
applicare sullimponibile e in quale percentuale tale imponibile sia calcolato a partire dallimporto
presente in fattura. La parametrazione che viene effettuate a tale proposito deve essere, evidentemente,
conforme alla vigente normativa.
330003141.doc

Page 66 of 93

17/09/16

Attribuzione alla Societ dei Tipi di Ritenuta: necessario attribuire alla societ configurata i tipi di
ritenuta che sono stati parametrati in modo tali che possano essere utilizzati nelle varie transazioni.
Determinazione dei Conti: in fase di pagamento delle fatture, il sistema esegue tutte le registrazioni
contabili relative alla ritenuta dacconto e alle ritenute previdenziali sui conti che vengono definiti in
fase di customizzazione. E pertanto necessario stabilire quali siano i conti su cui imputare gli importi
calcolati sulla base dei diversi codici, tenendo presente che possibile definire un conto specifico per
ogni singolo codice, per ogni tipo di ritenuta o per ogni loro combinazione: le scelte che verranno prese
devono considerare quale livello di dettaglio si voglia avere in riferimento a tali importi, diversi per
natura e gestione.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si utilizzano i conti di contabilit generale indicati in tabella definiti per singolo tipo di ritenuta
d'acconto.
Tipo di ritenuta
dacconto
E1
E2
E3
FR

Conto

Descrizione
Debiti verso ENASARCO
Debiti verso ENASARCO
Debiti verso ENASARCO
Fondo indennit risoluzione
rapporti di lavoro
Ritenute previdenziali su
compensi da lavoro autonomo
Debiti verso INPS
Ritenuta d'acconto

I1
I2
RA

Tabella 21 Conti per le ritenute dacconto

330003141.doc

Page 67 of 93

17/09/16

Conti di costo per ritenuta: per i tipi di ritenuta dacconto che implicano un costo per lazienda,
necessario indicare i conti Co.Ge. di relativa imputazione che vengono movimentati, per lEnasarco in
fase di registrazione fattura, e per lINPS in fase di pagamento.
Tipi di ritenuta dacconto
E1
E2
FR
I2

Conto

Descrizione
Contributi ENASARCO agenti
ENASARCO contributo fondo assistenza
Fondo indennit risoluzione rapporti di lavoro
Contributi INPS collaboratori coordinati

Tabella 22 Conti di costo per ritenute previdenziali e verso ENASARCO

3.5.3

Gestione delle differenze

3.5.3.1 Differenze fra prezzo in ordine di acquisto e prezzo in fattura


La contabilizzazione delle differenze di prezzo in entrata fattura legata allimpostazione della
tolleranza BD (Stornare automaticamente le differenze minime).
Se si gestisce la tolleranza BD e se la differenza rientra nella tolleranza, la differenza tra prezzo in
fattura e prezzo sullordine di acquisto viene contabilizzata sul conto definito per il procedimento DIF.
Se non si gestisce la tolleranza BD, per registrare la fattura risulta necessario correggere la riga relativa
allentrata merce in modo tale che il documento contabile riporti la differenza rispetto alla registrazione
effettuata al momento dellentrata merce.
Nel caso di un materiale gestito con prezzo a media mobile, si possono verificare i seguenti casi:
- se la giacenza nellarea di valorizzazione superiore alla quantit fatturata, il sistema effettua una
scrittura di rettifica usando i procedimenti BSX, EIN e EKG e quindi gli stessi conti usati in fase di
contabilizzazione dellentrata merci. In questo modo il prezzo medio mobile viene aggiornato;
- se la giacenza nellarea di valorizzazione pari a zero, il sistema contabilizza la differenza su un
conto differenza legato al procedimento PRD;
- se la giacenza nellarea di valorizzazione diversa da zero e comunque inferiore alla quantit
fatturata, il sistema usa - come per le differenze prezzo - un sistema misto, cio distribuisce la
differenza, proporzionalmente alla quantit, sul materiale (quindi utilizzando i procedimenti BSX,
EIN e EKG ) e sul conto di differenza prezzo (utilizzando quindi il procedimento PRD).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non viene gestita la tolleranza BD.

330003141.doc

Page 68 of 93

17/09/16

3.5.3.2 Differenze cambio tra controvalore EM e controvalore EF


In entrata fattura possono essere rilevate differenze di cambio per diversit tra il valore del cambio al
momento dell'entrata merci ed al momento dell'entrata fattura.
Qualora si intenda rilevare separatamente tali differenze di cambio, il sistema usa i procedimenti KDM
(differenze cambio) e KDR (arrotondamento sulla differenza cambio) per la loro contabilizzazioni su
conti appositi.
Vedere esempio di registrazione nella sezione Differenze di cambio in partite aperte (KDM).
In alternativa le differenze dalle oscillazioni del cambio utilizzato in sede di registrazione dellentrata
merce e quello utilizzato in sede di entrata fattura possono essere registrate come differenze di prezzo.
In questo caso, si avranno i seguenti possibili trattamenti contabili:
Materiali gestiti a magazzino:
se la giacenza nellarea di valorizzazione almeno uguale alla quantit in fattura per la quale
esiste la differenza di cambio si utilizzano i procedimenti BSX, EIN e EKG e quindi gli stessi
conti utilizzati in fase di contabilizzazione dellentrata merci;
se la giacenza nellarea di valorizzazione diversa da zero e comunque inferiore alla quantit
fatturata, il sistema usa - come per le differenze prezzo - un sistema misto cio distribuisce la
differenza, proporzionalmente alla quantit, sul materiale (quindi utilizzando i procedimenti
BSX, EIN e EKG ) e sul conto di differenza prezzo (utilizzando quindi il procedimento PRD).
Materiali non gestiti a magazzino e prestazioni di servizio:
il sistema registra la differenza di cambio sul conto di spesa utilizzato nellordine di acquisto.
Vedere gli esempi precedenti.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si gestisce tale differenza cambio come una differenza prezzo del materiale; le uniche differenze di
cambio contabilmente riconosciute come tali sono quelle tra il cambio utilizzato in sede di registrazione
dellentrata fattura e quello utilizzato in sede di registrazione del pagamento.
Societ
XXXX

Codice gestione differenze cambio


N

Significato
Nessuna differenza cambio solo
differenze prezzo

Tabella 23 Impostazione della gestione differenze cambio

330003141.doc

Page 69 of 93

17/09/16

3.5.4 Impostazione delle tolleranze e blocco per il pagamento


I limiti di tolleranza sono gestiti a livello di societ. Durante la fase di elaborazione di una fattura in
entrata, il sistema SAP controlla per ogni posizione se la fattura presenta degli scostamenti rispetto
all'ordine di acquisto e/o all'entrata merci. I diversi tipi di scostamento vengono definiti tramite chiavi di
tolleranza: proprio dai controlli su queste tolleranze che traggono origine i blocchi al pagamento per le
fatture.
3.5.4.1 BD: Stornare automaticamente le differenze minime
Il sistema confronta il saldo della fattura con il limite massimo assoluto che stato definito a sistema.
Se il limite massimo non viene superato, il sistema crea automaticamente una riga di registrazione
spesa/utile utilizzando il conto legato al procedimento DIF, in modo che il saldo delloperazione
contabile sia annullato ed il documento possa essere registrato.
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave
tolleranza BD
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale
Non controllato
Non controllato

Tabella 24 Valori standard per la chiave tolleranza BD


Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non viene gestita la tolleranza BD.
3.5.4.2 BR: Scostamento in percentuale della quantit espressa nellunit di misura del prezzo
dell'ordine d'acquisto (EF prima di EM)
Questa tolleranza viene utilizzata nel caso in cui la verifica fattura non sia riferita allentrata merce. Il
sistema calcola lo scostamento percentuale ricavato dalla seguente operazione:

(quantit fatturata nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto/quantit fatturata


nellunit di misura delle quantit dell'ordine d'acquisto) /
(quantit ordinata nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto/quantit ordinata
nellunit di misura delle quantit dell'ordine d'acquisto)
Il sistema confronta questo scostamento con il limite massimo/inferiore in percentuale che stato
inserito.

330003141.doc

Page 70 of 93

17/09/16

Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).


Valori per la chiave tolleranza
BR
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non controllato
Non controllato

25%
25%

Tabella 25 Valori standard per la chiave tolleranza BR


Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
E' stata impostata la tolleranza BR nel seguente modo:
Valori per la chiave tolleranza
BR
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non controllato
10.000

Non controllato
5

Tabella 26 Valori per la chiave tolleranza BR per Telecom


3.5.4.3 BW: Scostamento in percentuale della quantit espressa nellunit di misura del prezzo
dell'ordine d'acquisto (EF dopo EM)
Il sistema calcola lo scostamento in percentuale dei rapporti quantit fatturata nell'unit di misura del
prezzo dell'ordine di acquisto:

(quantit fatturata nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto/quantit fatturata


nellunit di misura delle quantit dell'ordine d'acquisto) /
(quantit consegnata nellunit di misura del prezzo dell'ordine d'acquisto/quantit
consegnata nellunit di misura delle quantit dell'ordine d'acquisto)
Il sistema confronta questo scostamento con il limite massimo/inferiore (in percentuale).
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave tolleranza
BW
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non controllato
Non controllato

5%
2%

Tabella 27 Valori standard per la chiave tolleranza BW

330003141.doc

Page 71 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


E' stata impostata la tolleranza BW nel seguente modo:
Valori per la chiave tolleranza
BW
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non controllato
10.000

Non controllato
5

Tabella 28 Valori per la chiave tolleranza BW per Telecom


3.5.4.4 DQ: Importo superato Scostamento di quantit
Se per una posizione ordine di acquisto prevista lentrata merci ed gi avvenuta, il sistema crea
il prodotto seguente:

prezzo netto ordine di acquisto X (quantit fatturata - (quantit totale consegnata quantit totale fatturata))
Esempio:
Totale fatturata: 100 pezzi
Totale consegnata: 80 pezzi
Quantit fatturata: se > 20 pezzi (100-80) controlla che il prodotto tra il prezzo d'acquisto e la
quantit eccedente i 20 pezzi sia nei limiti.
Se non prevista lentrata merci, il sistema crea il prodotto:

prezzo netto ordine di acquisto X (quantit fatturata - (quantit ordinata - quantit


totale fatturata)).
Il sistema confronta, per entrambi i casi, il prodotto calcolato con il limite massimo assoluto che stato
definito. In questo modo viene garantito alle posizioni fattura con un piccolo importo uno scostamento
relativamente alto, mentre alle posizioni con un grosso importo ne viene garantito uno minimo. Il
controllo dello scostamento quantit viene effettuato con i costi indiretti di acquisto pianificati.

330003141.doc

Page 72 of 93

17/09/16

Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).


Valori per la chiave tolleranza
Assoluto
Percentuale
DQ
Limite inferiore
Non controllato
Non controllato
Limite superiore
10000000
Non controllato
Tabella 29 Valori standard per la chiave tolleranza DQ
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non viene gestita la tolleranza DQ.
3.5.4.5 KW: Scostamento valore condizione
Il sistema determina per ogni posizione di costi indiretti pianificati di acquisto lo scostamento fra le
seguenti quantit:

costo indiretto pianificato inserito in fattura


e

costo indiretto pianificato inserito nellordine


e confronta questo scostamento con il limite massimo/inferiore (il pi piccolo/il pi grande fra assoluto
e percentuale) che stato definito.
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave tolleranza
Assoluto
Percentuale
KW
Limite inferiore
20000
20%
Limite superiore
10000
5%
Tabella 30 Valori standard per la chiave tolleranza KW

330003141.doc

Page 73 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Non viene gestita la tolleranza KW:
3.5.4.6

PP: Scostamento di prezzo

Il sistema determina per ogni posizione la differenza:

(valore fattura -quantit fatturata X prezzo ordine di acquisto)


e confronta questo scostamento con il limite massimo/inferiore percentuale definito.
Esempio:
prezzo in ordine di acquisto: 1000
quantit ordinata: 10 pezzi
prezzo in Entrata fattura: 1200
quantit fatturata: 10 pezzi
tolleranza percentuale superiore: 5%
la differenza 12000-10000 si discosta del 20% dal limite superiore e la fattura viene bloccata per il
pagamento.
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave tolleranza
Assoluto
Percentuale
PP
Limite inferiore
10000000
20%
Limite superiore
10000000
5%
Tabella 31 Valori standard per la chiave tolleranza PP

330003141.doc

Page 74 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


E' stata impostata la tolleranza PP nel seguente modo:
Valori per la chiave tolleranza
PP
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non controllato
10.000

Non controllato
5

Tabella 32 Valori per la chiave tolleranza PP


3.5.4.7 ST: Scostamento data
Per ogni posizione il sistema calcola:

(importo fattura) X (data di consegna pianificata - data dell'acquisizione fattura)


Confronta questo prodotto con il limite massimo assoluto che stato definito.
In questo modo per le posizioni fattura con un piccolo importo viene garantito uno scostamento data
relativamente alto, al contrario per le posizioni fattura con un importo grosso ne viene garantito uno
minimo.
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave tolleranza
Assoluto
Percentuale
ST
Limite inferiore
Non Controllato
Non Controllato
Limite superiore
100000
Non Controllato
Tabella 33 Valori standard per la chiave tolleranza ST
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non viene gestita la tolleranza ST:

330003141.doc

Page 75 of 93

17/09/16

3.5.4.8 VP: Scostamento prezzo VPV


Tale tolleranza viene utilizzata dal sistema soltanto nel caso di acquisti di materiale a magazzino gestito
a PMP (prezzo medio ponderato), in sede di EM ed EF qualora contestualmente venga effettuato un
aggiornamento del valore dello stock; il sistema determina il nuovo prezzo a media mobile che ne
risulta e lo confronta con il vecchio prezzo a medio mobile. Se la differenza rientra nei margini di
tolleranza (definiti in percentuale) il sistema non invia nessun messaggio. Se la differenza non rientra
nei margini di tolleranza il sistema invia un messaggio di avvertimento o un messaggio di errore
bloccante.
Esempio di impostazione della tolleranza (impostazione per la societ standard 0001).
Valori per la chiave tolleranza
VP
Limite inferiore
Limite superiore

Assoluto

Percentuale

Non Controllato
Non Controllato

Non Controllato
25%

Tabella 34 Valori standard per la chiave tolleranza VP


Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Non viene gestita la tolleranza VP.

3.5.5

Gestione dei costi non pianificati nei documenti di acquisto

Per il controllo fattura logistico, il sistema SAP consente di scegliere, tramite customizing, tra due
alternative modalit di registrazione dei costi non pianificati nei documenti di acquisto.
Una prima possibilit di distribuire fra le singole posizioni limporto del costo non pianificato in
rapporto agli importi posizione calcolati finora e a quelli calcolati nella fattura corrente.
Un altro modo di procedere quello di registrare limporto di questi costi accessori su una riga separata
(in questo caso risulta necessario specificare un codice IVA per la registrazione). Il sistema consente di
definire un codice IVA di default per i costi indiretti dacquisto non pianificati.
Nel caso in cui si scelga di contabilizzare su un conto specifico, il controllo fattura logistica lo
determina tramite il procedimento UPF descritto nel paragrafo.

330003141.doc

Page 76 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


I costi indiretti di acquisto non pianificati vengono registrati su un conto separato, in quanto oggetto di
successive verifiche ed eventuali contestazioni.

3.5.6 Controllo fattura in background


Il controllo fattura in background, nella release 4.6B, eseguibile solo per il controllo fattura logistico.
Consente di inserire on line solo i dati essenziali per il controllo fattura (importo documento di
riferimento, divisa, informazioni sullIVA) e solo successivamente il sistema in background effettua il
controllo effettivo.
E consigliato utilizzare questa funzionalit quando:
1. bisogna registrare fatture con una grande quantit di dati e per le quali non necessario un controllo
per le singole posizioni.
2. per registrare le fatture che si riferiscono ad operazioni non ancora registrate a sistema.
Le fatture controllate e registrate dal sistema assumono automaticamente lo stato corrette, per poi
passare allo stato concluse quando lutente provvede manualmente al cambio di stato.
In customizing possibile definire che il sistema assegni direttamente lo stato concluse senza quindi
passare per lo stato corrette.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Viene impostato il codice in modo da impostare automaticamente lo stato "concluse" sulle fatture
"corrette"

330003141.doc

Page 77 of 93

17/09/16

3.6 VALORIZZAZIONE DELLE GIACENZE AI FINI DEL BILANCIO


SAP MM offre vari metodi di valorizzazione delle rimanenze, destinati alla valorizzazione ai fini del
bilancio.
Questi metodi sono:
la valorizzazione a prezzo minimo.
la valorizzazione LIFO (Last In First Out).
La valorizzazione FIFO (First In First Out).
Osservazione: E possibile valorizzare le rimanenze con il prezzo medio mobile, questa opportunit non
necessit configurazione e quindi non descritta in questa sezione.
3.6.1 Valorizzazione al prezzo minimo
La valorizzazione al prezzo minimo un metodo di valorizzazione basato sul principio della prudenza.
Questa valorizzazione la pi complessa offerta dal sistema SAP perch offre un ampia scelta di
possibilit, ottenuti con una combinazione di criteri di valorizzazione primari.
I criteri di valorizzazione primari sono i seguenti:
Determinazione del valore minimo tramite i prezzi di mercato.
Determinazione del valore minimo tramite il range di copertura stock.
Determinazione del valore minimo per lenta movimentazione.
3.6.1.1

Determinazione del prezzo minimo tramite prezzi di mercato

Per determinare i prezzi di mercato il sistema pu utilizzare le seguenti fonti:


Il valore delle entrate merci per ordini di acquisto effettuate nel sistema SAP.
Questo possibile se le seguenti condizioni sono verificate:
- Esistenza di entrate merce o fatture nel periodo considerato.
- Esistenza di entrate merce o fatture con tipo documento rilevante per la valorizzazione al prezzo
minimo (vedere impostazioni nel paragrafo successivo).
- Movimenti rilevanti per la determinazione del prezzo minimo
Gli ordini di acquisto.
Gli ordini di acquisto sono presi in considerazione se le seguenti condizioni sono verificate:
- Risultano effettuate entrate merci per gli ordini di acquisto.
- Risultano registrate fatture con variazioni di prezzo rispetto allordine di acquisto
I contratti
Se i contratti hanno validit nel periodo preso in considerazione.
3.6.1.1.1 Determinazione dei tipi documento contabili da utilizzare
Il tipo documento contabile utilizzato come criterio di selezione per determinare le entrate merci e le
fatture rilevanti per la determinazione del prezzo minimo
Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia

330003141.doc

Page 78 of 93

17/09/16

Si considerano rilevanti per la determinazione del prezzo minimo di mercato tutti i documenti contabili
logistici cio legati ad un tipo movimento e tutti i documenti definiti per lentrata fattura.
3.6.1.1.2 Tipi movimento da utilizzare
In caso si decida di utilizzare nella determinazione del prezzo minimo di mercato importi relativi a
movimenti di magazzino, si devono impostare i movimenti rilevanti.
Nel sistema standard sono considerati rilevanti i seguenti tipi movimento di magazzino:

Entrate per ordine di acquisto. (movimento 101)


Storno entrata per ordine di acquisto (movimento 102)
Uscita per centro si costo (movimento 201)
Reso da centro di costo (movimento 202)
Entrata senza ordine di acquisto (movimento 501)
Entrata senza ordine di acquisto Storno (movimento 502)

Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia


A seguito della definizione dei nuovi tipi movimento sar opportuno verificare quali considerare
rilevanti per la determinazione del prezzo minimo in aggiunta a quelli standard.
3.6.1.2 Determinazione del prezzo minimo per range di copertura stock
Questa procedura consente di svalutare lo stock in base al range di copertura stock ovvero al numero di
periodi di copertura con lo stock a disposizione.
Lidea di svalutare un materiale che ha un range di copertura alto perch poco utilizzato in azienda
(rispetto alla giacenza media di questo materiale)
Il range di copertura stock definito dal seguente rapporto:
range di copertura = stock medio (nel periodo considerato) / consumo medio (nel periodo considerato)
Lo stock medio pu prendere in considerazione anche le quantit ordinate ma non ancora arrivate.
Il consumo medio determinato utilizzando i dati storici per il periodo esaminato considerando i
movimenti di uscita stock.
Sia nella determinazione dello stock medio che nella determinazione del consumo medio possibile
ponderare il contributo dei periodi presi in considerazione. E quindi possibile calcolare un range di
copertura stock attribuendo pi attendibilit a periodi pi vicini allesecuzione della valorizzazione.
.
3.6.1.2.1 Definizione di una ponderazione per il calcolo dello stock medio
Le ponderazioni si impostano per periodo e concettualmente corretto considerare che i periodi pi
vicini alla valorizzazione abbiano pi peso nel determinare landamento dello stock.

330003141.doc

Page 79 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si suggerisce di impostare le ponderazioni uguli per tutti i periodi perch si ritiene che XXXX non
abbia un andamento degli stock stagionale.
Periodo (dalla data base
inserita nel
programma)

Ponderazione

10

11

12

1
Tabella 35 Ponderazioni per il calcolo dello stock medio

3.6.1.2.2 Definizione di una ponderazione per il calcolo del consumo medio.


Le ponderazioni si impostano per periodo e concettualmente corretto considerare che i periodi pi
vicini alla valorizzazione abbiano pi peso nel determinare landamento del consumo.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di impostare le ponderazioni uguali per tutti i periodi perch si ritiene che il cliente non
abbia un andamento degli stock stagionale.
Periodo (dalla data base
inserita nel
programma)

Ponderazione

330003141.doc

Page 80 of 93

17/09/16

Periodo (dalla data base


inserita nel
programma)

Ponderazione

10

11

12

1
Tabella 36 Ponderazioni per il calcolo del consumo medio

3.6.1.2.3 Svalutazione per codice societ


Per la selezione dei materiali effettuata, il sistema esegue, per la societ specificata, una svalutazione
percentuale.
Per effettuare questa svalutazione, il sistema considera il tipo materiale, il range di copertura e la
svalutazione percentuale associata.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
La definizione della soluzione per il Cliente consentir di impostare la seguente tabella di customizing.
Si suggerisce di impostare una svalutazione lineare rispetto al range di copertura stock.
Codice societ

Tipo materiale

Range di
copertura stock

Svalutazione

XXXX
Tabella 37 Svalutazione per codice societ

330003141.doc

Page 81 of 93

17/09/16

3.6.1.2.4 Svalutazione per area di valutazione


Per la selezione dei materiali effettuata, il sistema esegue per le varie aree di valutazione una
svalutazione percentuale.
Per effettuare questa svalutazione, il sistema considera il tipo materiale, il range di copertura e la
svalutazione percentuale associata.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
La definizione della soluzione del Cliente di impostare la seguente tabella di customizing.
Si suggerisce di impostare una svalutazione lineare rispetto al range di copertura stock.
Area di valutazione

Tipo materiale

Range di
copertura stock

Svalutazione

1000
2000
3000
4000
6000
Tabella 38 Svalutazione per area di valutazione
3.6.1.3 Determinazione del prezzo minimo per lenta movimentazione
Questa procedura consente di svalutare i materiali che risultano avere una lenta movimentazione. Per
valutare se un materiale a lenta movimentazione, il sistema SAP calcola il range di movimentazione e
lo confronta con un valore soglia impostato dallutente.
Il range di movimentazione dato da:
Range di movimentazione = ((Qt entrata e/o qt uscita) / stock materiale) * 100
Il Range di movimentazione pu essere calcolato in due modi:
Tramite i documenti materiali: in questo caso il sistema prende in considerazione le entrate e le
uscite rilevanti (vedere pi avanti) e calcola quindi un range di movimentazione per le entrate e uno
per le uscite eseguendo la svalutazione se necessario.
Tramite lanagrafica materiale: in questo caso il sistema considera solo i movimenti di uscita.
In entrambi i casi i dati presi in considerazione sono quelli del periodo specificato dallutente.
Se per il materiale, il valore ottenuto inferiore al valore soglia impostato, il materiale considerato a
lenta movimentazione e quindi soggetto a svalutazione.
Come per la determinazione del prezzo minimo e del range di copertura stock, possibile definire delle
ponderazioni sulle quantit a stock per i vari periodi presi in considerazione.
330003141.doc

Page 82 of 93

17/09/16

3.6.1.3.1 Impostare ponderazione per le quantit a stock


E possibile come abbiamo gi detto in precedenza impostare delle ponderazioni sulle quantit a stock
per i periodi che rientrino nellintervallo di tempo inserito al momento della svalutazione.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di impostare le ponderazioni uguli per tutti i periodi perch si ritiene il cliente non che
abbia un andamento degli stock stagionale.
Periodo (dalla data base
inserita nel
programma)

Ponderazione

10

11

12

1
Tabella 39 Ponderazioni per le quantit a stock

3.6.1.3.2 Impostare ponderazione sul periodo nel quale stato effettuato il movimento
E possibile impostare delle ponderazioni sulle quantit entrate e le quantit uscite nei singoli periodi
presi in considerazione nellintervallo di analisi.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di impostare le ponderazioni uguli per tutti i periodi perch si ritiene che il cliente non
abbia un andamento degli stock stagionale.

330003141.doc

Page 83 of 93

17/09/16

Periodo

Fattore di
ponderazione per i
movimenti di
entrata

Fattore di
ponderazione
per i movimenti
in uscita

10

11

12

Tabella 40 Ponderazioni sulle movimentazioni de3lle merci

330003141.doc

Page 84 of 93

17/09/16

3.6.1.3.3 Impostare i movimenti di magazzino rilevanti


Per il calcolo del range di movimentazione necessario stabilire quali siano i tipi movimento rilevanti.
Ognuno dei tipi movimento rilevanti deve essere classificato in una delle seguenti quattro voci:
- Entrate
- Storno di unentrata
- Uscita
- Storno di unuscita
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di definire i movimenti rilevanti nel seguente modo (i movimenti di consumo non
standard che saranno rilevanti dovranno essere inseriti nella tabella):
Tipo movimento

Descrizione

101

Entrata merce per


ordine di acquisto

102

Entrata merce per


ordine di acquistostorno

122

Riconsegna a
fornitore

543

Consumo per conto


lavoro

544

Consumo per conto


lavoro-Storno

Entrata

Storno
entrata

Uscita

Storno
uscita

x
x
x
x
x

Tabella 41 Impostazione rilevanza nel calcolo del range di movimentazione

330003141.doc

Page 85 of 93

17/09/16

3.6.1.3.4 Definire svalutazione per codice societ


Per i materiali specificati, il sistema effettua una svalutazione percentuale.
Per effettuare questa svalutazione, il sistema considera il tipo materiale, lindice di svalutazione
(inserito in anagrafica materiali) e la svalutazione percentuale associata.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di impostare una svalutazione in modo inversamente proporzionale lineare rispetto
allindice di svalutazione.
Indice di
svalutazione

Svalutazione

XXXX

13

XXXX

10

XXXX

XXXX

XXXX

XXXX

XXXX

XXXX

XXXX

XXXX

10

XXXX

11

XXXX

12

Codice societ

Tipo materiale

Tabella 42 Indici di svalutazione per societ

330003141.doc

Page 86 of 93

17/09/16

3.6.1.3.5 Definire svalutazione per area di valutazione


Per i materiali specificati, il sistema effettua per le divisioni della societ configurata una valutazione
percentuale.
Per effettuare questa svalutazione, il sistema considera il tipo materiale, lindice di svalutazione (dato
inserito in anagrafica materiali e aggiornato con il programma di svalutazione) ed effettua la
svalutazione per la percentuale legata allindice.
Criteri di scelta della soluzione Telecom Italia
La definizione della soluzione Telecom Italia consentir di impostare la seguente tabella di customizing.
Si suggerisce di impostare una svalutazione lineare rispetto agli indici di svalutazione.
Area di valutazione

Tipo materiale

Indice di
svalutazione

Svalutazione

1000
2000
3000
4000
6000
Tabella 43 Indici di svalutazione per area di valutazione

3.6.2 Valorizzazione LIFO e FIFO


La configurazione in SAP di questi due metodi, molto simile; nella prima parte di questo paragrafo
viene esposta la parte comune della parametrazione.
3.6.2.1 Attivare la valorizzazione
Per poter eseguire la valorizzazione LIFO o FIFO necessario attivare la valorizzazione nel sistema
SAP. Lattivazione possibile per singolo criterio.

330003141.doc

Page 87 of 93

17/09/16

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si suggerisce di attivare i due criteri anche se non verranno utilizzati in principio. Questo eviterebbe, in
caso di impiego successivo, unattivit di recupero dei dati rilevanti per la valorizzazione.
Criterio di valutazione

Stato

LIFO
FIFO

ATTIVO
ATTIVO

3.6.2.2 Definizione dei movimenti LIFO/FIFO rilevanti


Un movimento LIFO/FIFO rilevante un movimento di magazzino che viene preso in considerazione
per la determinazione del valore di uno strato3 (LIFO/FIFO) del materiale.
Il sistema standard dispone di una serie di movimenti materiali LIFO/FIFO rilevanti.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggeriscee di considerare rilevanti per il calcolo del LIFO/FIFO i movimenti standard riportati in
tabella.
Va verificato quali tra i nuovi tipi movimento dovranno essere definiti come rilevanti.
Tipo
movimento
101

Descrizione
Entrata merce per ordine di acquisto

102

Entrata merce per ordine di acquisto-storno

301

Trasferimento da Divisione a Divisione

302

Trasferimento da Divisione a Divisione storno

309
501

Trasferimento da Materiale a Materiale (Utilizzato per


cambiamento di stati)
Entrata merce senza ordine di acquisto

502

Reso merce senza ordine di acquisto

561

Entrata per inventario (entrata per caricamento


giacenza iniziale)
Entrata per inventario (entrata per caricamento
giacenza iniziale) Storno
Entrata per inventario magazzino

562
701

Lo strato una aggregazione di dati per un codice materiale (o gruppi di materiali), indispensabile per la
valorizzazione delle scorte. In uno strato viene riportato per un determinato periodo di tempo le quantit ed il
prezzo delle giacenze.

330003141.doc

Page 88 of 93

17/09/16

Tipo
movimento
702

Descrizione
Uscita merce per inventario

Tabella 44 Tipi movimento standard rilevanti per le valorizzazioni LIFO/FIFO


3.6.2.3 Definire i metodi LIFO/FIFO
I metodi LIFO/FIFO sono delle chiavi alfanumeriche di sei digits che contengono i parametri di
esecuzione della valorizzazione LIFO e FIFO.
Permettono essenzialmente di selezionare la base confronto da utilizzare ed il livello di valorizzazione
(a livello del singolo materiale o di gruppi di materiali detti anche pool). La base confronto una chiave
non configurabile che permette di effettuare la creazione degli strati prendendo come riferimento per la
quantit gli stock in un determinato momento. SAP consente di utilizzare le seguenti chiavi:
VOM: Confronto del totale degli strati con le quantit a stock alla fine del mese precedente.
VVM: Confronto del totale degli strati con le quantit a stock alla fine del mese precedente al mese
trascorso.
GJE: Confronto del totale degli strati con le quantit a stock alla fine dellanno precedente.
CUR: Confronto del totale degli strati con lo stock attuale.
La possibilit di definire metodi di valorizzazione esiste dalla release 40B, e consente di effettuare delle
valorizzazioni LIFO/FIFO con metodi di confronto diversi senza modificare il customizing.
I metodi di valorizzazione possono essere definiti tramite i modelli SAP
Esempi di modelli SAP disponibili:
1.
2.
3.
4.

Layer annuale per materiali singoli.


Layer mensili per materiali singoli.
Layer annuali per pool.
Layer mensili per pool.

Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.


Si suggerisce di creare almeno un metodo di valorizzazione per ogni chiave base confronto con le
seguenti caratteristiche:

330003141.doc

Page 89 of 93

17/09/16

Metodo di
valorizzazione

Chiavi di base
confronto

001

Entrate singole
o pool
Singole

002

Singole

VVM

003

Singole

GJE

004

Singole

CUR

VOM

Tabella 45 Metodi divalorizzazione


3.6.2.4 Valorizzazione LIFO
Il sistema SAP offre varie modalit di esecuzione della valorizzazione LIFO. Permette per esempio di
eseguire una valorizzazione LIFO per gruppi di materiali dello stesso tipo con la stessa unit di misura.
In questa sezione vengono esposte le parametrazioni relative a queste tipologie.
3.6.2.4.1 Impostazione delle aree di valutazioni LIFO e dell esercizio base
Nella parametrazione del sistema risulta necessario definire le aree di valutazione LIFO e attribuirle ad
un esercizio base ovvero lesercizio pi vecchio rilevante per la valorizzazione LIFO.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Nel caso si decida di utilizzare la valorizzazione LIFO per le aree di valorizzazione definite per per il
cliente, si suggerisce di definire come esercizio base lanno di partenza in produzione YYYY).
Area di valorizzazione

Esercizio Base

1000

YYYY

2000

YYYY

3000

YYYY

4000

YYYY

6000

YYYY

Tabella 46 Esercizio di base per arre di valorizzazione LIFO

330003141.doc

Page 90 of 93

17/09/16

3.6.2.4.2 Impostare pool LIFO


Materiali con caratteristiche simili possono essere raggruppati e valutati insieme per la valorizzazione
LIFO. Questi raggruppamenti si chiamano pool.
La valutazione usando i pool LIFO consente di assorbire eventuali fluttuazioni nella valorizzazione di
alcuni materiali da altri.
Un pool si definisce con un codice alfanumerico, ed ha associata una unit di misura.
Il sistema consente di creare in automatico dei pool utilizzando i seguenti criteri di raggruppamento:
- la classe di valorizzazione;
- il tipo materiale;
- lunit di misura.
Osservazione: Lassegnazione di un materiale ad un pool (anche se fatta in automatico) modificabile
dall anagrafica del materiale (videata contabilit).
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di non utilizzare la valorizzazione LIFO a pool. In effetti la valorizzazione LIFO per
singolo materiale consente di avere risultati pi precisi.
3.6.2.4.3 Definire versioni LIFO
Una versione di valorizzazione una copia degli strati LIFO, si definisce con un digit e consente di
effettuare valorizzazioni test o valorizzazioni con metodi diversi.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Si suggerisce di creare almeno dieci versioni di valorizzazione:
- una per ogni trimestre;
- una per il bilancio effettivo;
- una copia di sicurezza per ogni versione precedentemente creata.
Le versioni sono associate ai metodi di valorizzazione come indicato in tabella.

330003141.doc

Page 91 of 93

17/09/16

Versione

Testo

Versione primo
trimestre
Versione di sicurezza
primo trimestre
Versione secondo
trimestre
Versione di sicurezza
secondo trimestre
Versione terzo
trimestre
Versione di sicurezza
terzo trimestre
Versione quarto
trimestre
Versione di sicurezza
quarto trimestre
Versione per il bilancio
effettivo
Versione di sicurezza
per il bilancio effettivo

a
2
b
3
c
4
d
5
e

Metodo di
valorizzazione
001
001
001
001
001
001
001
001
003
003

Tabella 47 Versioni LIFO

330003141.doc

Page 92 of 93

17/09/16

3.6.2.5 Valorizzazione FIFO


Le attivit di parametrazione specifiche alle valorizzazione FIFO riguardano solo la definizione delle
aree di valorizzazione rilevanti per lesercizio base.
3.6.2.5.1 Definire area di valutazione FIFO ed esercizio base
Nella parametrazione del sistema risulta necessario definire le aree di valutazione FIFO e un esercizio
base avvero lesercizio pi vecchio rilevante per la valorizzazione FIFO.
Esempio di chiarimento sui criteri di scelta del Cliente.
Nel caso si decida di utilizzare la valorizzazione FIFO per le aree di valorizzazione definite per il
cliente, si suggerisce di definire come esercizio base lanno di partenza in produzione (il 2001).
Area di valorizzazione

Esercizio Base

1000

YYYY

2000

YYYY

3000

YYYY

4000

YYYY

6000

YYYY

Tabella 48 Esercizio di base per arre di valorizzazione FIFO

330003141.doc

Page 93 of 93

17/09/16