Sei sulla pagina 1di 1

Larte etrusca

La pittura in Etruria fu destinata generalmente al mondo dei morti ed ebbe sempre un legame con la vita
quotidiana, una finalit pratica pi che estetica, tanto che riferito ad essa si spesso parlato di artigianato
artistico.
Dallarte greca gli Etruschi trassero la maggior parte dei temi rielaborandoli per in forme espressive pi
immediate e decorative.
Gli artisti etruschi con le loro opere, cercavano di ricreare unatmosfera familiare e di fissare con forme
dinamiche e colori brillanti la vitalit della vita terrena.
Si tratt quindi di unarte spontanea, che mirava allintensit dellespressione anche a costo di deformare la
realt naturale.
La tecnica pittorica era inizialmente molto elementare; nel corso del VII secolo, infatti, gli artisti stendevano
direttamente sulla roccia, precedentemente lisciata, il colore.
Con il passare del tempo essi affinarono le modalit di lavoro e presero a coprire la parete da affrescare con
un sottile strato di calce, sul quale incidevano con uno stilo il disegno preparatorio che veniva, subito dopo,
colorato.
Successivamente giunsero a fissare fino a tre diversi strati dintonaco e a realizzare affreschi veri e propri.
Inizialmente gli affreschi erano molto semplici e spontanei, mentre a partire dalla met del IV secolo
divennero pi ricchi, con effetti di chiaroscuro determinati da un sapiente uso delle linee oppure dei colori.
Anche i temi trattati subirono nel corso del tempo delle variazioni.
Nel VI e nel V secolo, infatti, il motivo dominante quello del banchetto, cui si affiancano i giochi, le danze,
la caccia, le attivit di lavoro e cos via.
A partire dal IV secolo invece i temi cambiano: demoni infernali, eroi mitici, viaggi nellaldil mostrano un
mondo pi cupo, quasi ossessionato dalla morte.
Indipendentemente dai soggetti, legati al motivo conviviale oppure al mondo mitologico o ancora a quello
religioso, gli affreschi giunti fino a noi sono comunque quasi sempre lo specchio di una civilt raffinata,
attaccata alla vita e ai suoi riti quotidiani.

Le tombe
In relazione all'importanza che gli Etruschi attribuiscono al mondo dell'al di l, l'architettura funeraria ha un
ruolo fondamentale. Dalla convinzione religiosa che la vita delle anime dovesse continuare oltre la morte,
in eterno, le tombe sono state realizzate con materiali e caratteristiche adatte a una lunga durata. Infatti si
sono conservate molto bene, fino ad oggi. Sono costruite in pietra, o scavate nella roccia o sotto terra.
Sempre per rispecchiare un'idea di vita nell'al di l, le tombe non sono mai isolate, ma sempre raggruppate
in necropoli (citt dei morti) fuori delle mura cittadine, ma con una disposizione ordinata, con strade,
piazzali, incroci, come una citt. Spesso gli incroci sono segnati con stele o obelischi in pietra, che
presentano incisioni o decorazioni.