Sei sulla pagina 1di 25

NORMA TECNICA

DATA

UNI EN 834:1997
31/12/1997

AUTORI CTI
TITOLO

Ripartitori dei costi di riscaldamento per la determinazione del consumo dei radiatori.
Apparecchiature ad a alimentazione elettrica.
Heat cost allocators for the determination of the consumption of room heating radiators.
Appliances with electrical energy supply.

SOMMARIO

Versione ufficiale in lingua italiana della norma europea EN 834 (edizione ottobre
1994). Riguarda la definizione dei ripartitori dei costi di riscaldamento, atti a misurare il
calore emesso dai radiatori all'interno delle unita' di consumo. La norma specifica
anche i requisiti minimi per la costruzione, il funzionamento, l'installazione e la
valutazione delle letture di tali dispositivi.

TESTO DELLA NORMA


CLASSIFICAZIONE ICS
CLASSIFICAZIONE ARGOMENTO

17.200.10, 91.140.10
AA10C0701

PARZIALMENTE SOSTITUITA
GRADO DI COGENZA
VARIANTI
STATO DI VALIDITA'

NESSUN BLOCCO

RIFERIMENTI NAZIONALI
RIFERIMENTI INTERNAZIONALI
LINGUA

Italiano

PAGINE

19

PREZZO EURO

Non Soci 41,50 Euro - Soci 20,75 Euro

NORMA ITALIANA

Ripartitori dei costi di riscaldamento per la


determinazione del consumo dei radiatori

UNI EN 834

Apparecchiature ad alimentazione elettrica

DICEMBRE 1997

Heat cost allocators for the determination of the consumption of room


heating radiators

DESCRITTORI

Metrologia, edicio, riscaldamento, consumo di energia, strumento di


misura, strumento di misura della temperatura, apparecchiatura di registrazione, alimentazione elettrica, valutazione delle prestazioni, misurazione, installazione, utilizzo, controllo

CLASSIFICAZIONE ICS

91.140.10; 17.200.10

SOMMARIO

La norma riguarda la denizione dei ripartitori dei costi di riscaldamento,


atti a misurare il calore emesso dai radiatori allinterno delle unit di consumo. La norma specica anche i requisiti minimi per la costruzione, il funzionamento, linstallazione e la valutazione delle letture di tali dispositivi.

RELAZIONI NAZIONALI
RELAZIONI INTERNAZIONALI

= EN 834:1994
La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma
europea EN 834 (edizione ottobre 1994).

ORGANO COMPETENTE

CTI - Comitato Termotecnico Italiano

RATIFICA

Presidente dellUNI, delibera del 20 novembre 1997

NORMA EUROPEA

Appliances with electrical energy supply

RICONFERMA

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia
Gr. 7

UNI - Milano 1997


Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento
pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza
il consenso scritto dellUNI.

N di riferimento UNI EN 834:1997

Pagina I di IV

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 834 (edizione ottobre 1994), che assume cos
lo status di norma nazionale italiana.
La traduzione stata curata dallUNI.
Il CTI (Comitato Termotecnico Italiano - via G. Pascoli 41, 20129 Milano), ente federato allUNI, che segue i lavori europei sullargomento, per delega della Commissione Centrale Tecnica, ha approvato il progetto europeo l8 giugno 1994 e la versione in lingua italiana della norma il 18 settembre 1996.

Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni
o di aggiornamenti.
importante pertanto che gli utenti delle stesse si accertino di essere in possesso
dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

UNI EN 834:1997

Pagina II di IV

INDICE
PREMESSA

INTRODUZIONE

SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALIT

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E METODO DI MISURAZIONE

4
4.1
4.2
4.3
4.4
4.5

DEFINIZIONI
4
Condizione di riferimento ...................................................................................................................... 4
Frequenza di riferimento del conteggio ........................................................................................ 5
Sensori di temperatura........................................................................................................................... 5
Campo di misura dei sensori di temperatura ............................................................................. 5
Temperatura di progetto di mandata, temperatura di progetto di ritorno,
temperatura di progetto media del fluido termovettore ........................................................ 5
Temperatura limite superiore ............................................................................................................. 5
Temperatura limite inferiore ................................................................................................................. 5
Temperatura inizio conteggio ............................................................................................................. 6
Lettura del conteggio visualizzato.................................................................................................... 6
Conteggio del consumo......................................................................................................................... 6
Frequenza di conteggio ......................................................................................................................... 6
Caratteristica nominale del visualizzatore ................................................................................... 6
Scarto relativo del conteggio .............................................................................................................. 6
Frequenza di conteggio a carico nullo........................................................................................... 6
Periodo di conteggio ............................................................................................................................... 6
Indice c ........................................................................................................................................................... 6
Periodo di utilizzo complessivo ......................................................................................................... 7
Fattori di valutazione ............................................................................................................................... 7
Sistemi di teletrasmissione .................................................................................................................. 8
Fabbricante .................................................................................................................................................. 8

4.6
4.7
4.8
4.9
4.10
4.11
4.12
4.13
4.14
4.15
4.16
4.17
4.18
4.19
4.20
5
5.1
5.2
5.3
5.4
5.5
5.6
5.7
5.8
5.9
5.10
5.11
5.12
5.13
5.14
5.15
5.16
5.17
5.18

REQUISITI DEI RIPARTITORI DEI COSTI DI RISCALDAMENTO


8
Requisiti di resistenza alle sollecitazioni termiche .................................................................. 8
Temperatura di immagazzinamento ............................................................................................... 8
Temperatura inizio di conteggio........................................................................................................ 8
Frequenza di conteggio a carico nullo........................................................................................... 9
Sensori di temperatura........................................................................................................................... 9
Modulo di calcolo / Unit centrale .................................................................................................... 9
Alimentazione con energia ausiliaria.............................................................................................. 9
Superamento della capacit di conteggio del visualizzatore ............................................ 9
Risoluzione del visualizzatore ............................................................................................................ 9
Controllo del funzionamento ............................................................................................................... 9
Massimi errori ammissibili ................................................................................................................. 10
Invecchiamento ....................................................................................................................................... 10
Influsso esterno causato da campi elettromagnetici, elettrostatici e magnetici ... 10
Influenza termica su ripartitori dei costi di riscaldamento a sensore unico ............ 10
Influenza termica su ripartitori dei costi di riscaldamento muniti di sensore
di temperatura ambiente per inizio conteggio ......................................................................... 10
Influenza termica su altri apparecchi e componenti............................................................ 11
Influenza sui sistemi di trasmissione ........................................................................................... 11
Sigillatura .................................................................................................................................................... 11

UNI EN 834:1997

Pagina III di IV

6
6.1
6.2
6.3
6.4
6.5

REQUISITI PER L'IMPIEGO E L'INSTALLAZIONE


Limiti di temperatura ............................................................................................................................
Installazione dei sensori ....................................................................................................................
Posizione di installazione dei sensori .........................................................................................
Posa dei cavi di collegamento ........................................................................................................
Uniformit dei ripartitori dei costi di riscaldamento .............................................................

11
11
11
11
11
12

7
7.1
7.2
7.3
7.4
7.5

REQUISITI PER LA VALUTAZIONE


Fattore di valutazione globale K ....................................................................................................
Fattore di valutazione KQ ..................................................................................................................
Fattore di valutazione KC...................................................................................................................
Indice c ........................................................................................................................................................
Fattore di valutazione KT...................................................................................................................

12
12
12
12
12
13

REQUISITI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE ED ALLA LETTURA DEL


CONTEGGIO

13

9
9.1
9.2
9.3
9.4

PROVE
Generalit ..................................................................................................................................................
Documenti di prova ..............................................................................................................................
Resoconto di prova ..............................................................................................................................
Protocolli di prova ..................................................................................................................................

13
13
13
13
13

10
10.1
10.2
10.3
10.4
10.5
10.6
10.7
10.8
10.9
10.10

PROCEDIMENTO DI PROVA
Costruzione...............................................................................................................................................
Sigillatura ...................................................................................................................................................
Resistenza alla temperatura............................................................................................................
Massimo errore ammissibile............................................................................................................
Invecchiamento ......................................................................................................................................
Influenze esterne ...................................................................................................................................
Indici c, procedimento di prova ......................................................................................................
Indici c, ambito di prova .....................................................................................................................
Fattore di valutazione KQ ..................................................................................................................
Fattore di valutazione KC...................................................................................................................

14
14
14
14
14
14
15
15
15
16
16

11

MARCATURA

16

INFORMAZIONI E RACCOMANDAZIONI

17

APPENDICE
(informativa)
A.1
A.2
A.3
A.4

prospetto A.1

APPENDICE
(informativa)

Impianti di riscaldamento .................................................................................................................. 17


Campo di applicazione raccomandato........................................................................................ 17
Emissione di calore non controllabile da parte del consumatore ................................. 17
Correzioni supplementari ................................................................................................................... 17
Campi di applicazione raccomandati per i ripartitori dei costi di riscaldamento
ad evaporazione (HKVV) e per i ripartitori alimentati elettricamente (HKVE) ....... 18
BIBLIOGRAFIA

UNI EN 834:1997

19

Pagina IV di IV

NORMA EUROPEA

Ripartitori dei costi di riscaldamento per la


determinazione del consumo dei radiatori

EN 834

Apparecchiature ad alimentazione elettrica

OTTOBRE 1994
EUROPEAN STANDARD

Heat cost allocators for the determination of the consumption of room


heating radiators
Appliances with electrical energy supply

NORME EUROPENNE

Rpartiteurs de frais de chauffage pour enregistrer les valeurs de


consommation de surfaces de corps de chauffe

Appareils avec une alimentation en nergie lectrique


EUROPISCHE NORM

Heizkostenverteiler fr die Verbrauchswerterfassung von


Raumheizchen

Gerte mit elektrischer Energieversorgung

DESCRITTORI

Metrologia, edicio, riscaldamento, consumo di energia, strumento di misura,


strumento di misura della temperatura, apparecchiatura di registrazione, alimentazione elettrica, valutazione delle prestazioni, misurazione, installazione, utilizzo,
controllo

ICS

91.140.10

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 14 ottobre 1994.


I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC
che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di
norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche.
Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali
corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai membri del CEN.
Le norme europee sono emanate in tre versioni ufciali (inglese, francese e tedesca). Traduzioni nella lingua nazionale, fatte sotto la propria responsabilit
da membri del CEN e noticate alla Segreteria Centrale, hanno il medesimo
status delle versioni ufciali.
I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria,
Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda,
Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN
COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE
European Committee for Standardization
Comit Europen de Normalisation
Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

CEN 1994
I diritti di riproduzione sono riservati ai membri del CEN.
UNI EN 834:1997

Pagina 1 di 20

PREMESSA
La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 171 "Ripartizione dei costi di riscaldamento", la cui segreteria afdata al DIN.
La presente norma comprende due appendici informative, A e B, che non sono vincolanti.
Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro aprile
1995, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro aprile 1995.
In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, i seguenti Paesi sono tenuti ad adottare la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 834:1997

Pagina 2 di 20

INTRODUZIONE
La presente norma riguarda la denizione dei ripartitori dei costi di riscaldamento alimentati elettricamente, che servono per stabilire il consumo di un radiatore. La norma inoltre
specica i requisiti minimi di costruzione, dei materiali, di produzione, di installazione, di
funzionamento e di valutazione delle letture del visualizzatore di tali dispositivi di misura.
La presente norma specica i procedimenti di prova per stabilire la conformit con i requisiti richiesti e fornisce istruzioni riguardanti le modalit e l'ampiezza della loro esecuzione.

SCOPO, CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALIT


I ripartitori dei costi di riscaldamento, secondo la presente norma, sono strumenti per conteggiare il calore emesso dai radiatori all'interno delle unit di consumo.
Le unit di consumo sono le abitazioni, i palazzi adibiti ad ufci, i fabbricati commerciali o
gli stabilimenti industriali, in cui il calore viene fornito da un unico impianto di riscaldamento centralizzato o da un unico impianto urbano.
L'insieme di pi unit di consumo denominato unit di calcolo dei costi.
Pu essere necessario dividere una unit di calcolo dei costi in gruppi di utilizzo, se l'unit
di calcolo dei costi stessa comprende unit di consumo di tipologie differenti (per esempio
impianti di riscaldamento differenti tecnicamente oppure diversi dal punto di vista del comportamento del consumatore, quali stabilimenti industriali rispetto ad appartamenti privati).
I ripartitori dei costi di riscaldamento consentono solo la determinazione del consumo di
calore di ogni radiatore all'interno di un'unit di consumo come percentuale del consumo
di calore totale della unit di calcolo dei costi o del gruppo di utilizzatori (vedere 3). Risulta
quindi necessario, per la determinazione del consumo di calore totale, misurare la quantit di combustibile consumato oppure la quantit di calore emesso (per esempio mediante un contatore di calore).
La condizione per un uso corretto dei ripartitori dei costi di riscaldamento, secondo la presente norma, che essi vengano utilizzati all'interno di un impianto di riscaldamento che:
- al momento dell'installazione dei ripartitori dei costi di riscaldamento sia conforme allo
stato dellarte;
- venga utilizzato secondo lo stato dellarte (vedere appendice A, A.1).
I ripartitori dei costi di riscaldamento, secondo la presente norma, non devono essere installati in impianti di riscaldamento nei quali vengano superati i limiti di temperatura ammessi, in cui il fattore di correlazione della potenza termica KQ non sia chiaramente specicato, oppure in cui la supercie di emissione del calore non sia accessibile. Ci si applica per esempio ai seguenti impianti di riscaldamento:
- riscaldamento con pannelli a pavimento;
- riscaldamento con pannelli a softto;
- convettori regolati con serranda;
-

ventilconvettori;
generatori ad aria calda;
impianti di riscaldamento i cui radiatori siano alimentati a vapore.

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO E METODO DI MISURAZIONE


I ripartitori dei costi di riscaldamento, secondo la presente norma, sono dispositivi di misura per registrare la temperatura integrata su un dato intervallo di tempo. La determinazione dell'emissione di calore si basa sulla temperatura dei corpi scaldanti sui quali i
ripartitori dei costi di riscaldamento sono installati. I ripartitori dei costi di riscaldamento
(di seguito denominati ripartitori) oggetto della presente norma, alimentati da energia
elettrica, conteggiano secondo un procedimento di calcolo (vedere nel seguito), tutte o
soltanto alcune delle temperature caratteristiche determinanti per calcolare l'emissione
di calore della supercie del radiatore. La visualizzazione del conteggio rappresenta il

UNI EN 834:1997

Pagina 3 di 20

valore approssimato dell'integrale rispetto al tempo della temperatura caratteristica rilevata della supercie del radiatore o almeno della differenza di temperatura esistente tra
la supercie del radiatore e l'ambiente.
Il valore del consumo ottenuto a partire dalla lettura del conteggio visualizzato moltiplicato per i fattori di valutazione, in particolare con quelli caratterizzanti la potenza termica
nominale del radiatore e quelli caratterizzanti il contatto termico tra le sonde e le temperature da rilevare (vedere 4.18).
Il valore del consumo un valore approssimato del calore emesso dalla supercie del radiatore e consumato dall'utente nel periodo di conteggio. Il valore del consumo (vedere
4.10) pu essere letto sia direttamente sul ripartitore, sia essere ottenuto per mezzo di
una successiva conversione della lettura del conteggio (vedere 4.9).
Il valore del consumo di conseguenza un risultato di misura che implica certe caratteristiche dei dispositivi di misura (ripartitori), della supercie dei radiatori, di altre condizioni
secondarie, ivi comprese le incertezze circa i fattori di valutazione ed il montaggio. Gli
scarti di misura (errori di misura) rispetto al calore emesso non dipendono unicamente dal
ripartitore. Infatti i ripartitori dei costi di riscaldamento non possono essere vericati come
si f con i contatori di calore.
A causa delle particolarit sopra descritte, il risultato delle misurazioni non pu essere
espresso in unit siche di energia. Il valore del consumo quindi adimensionale. Esso si
utilizza solamente come valore relativo in rapporto alla somma dei valori di consumo per
il calcolo del costo per unit o per gruppo di utenti. Un valore relativo cos determinato
partendo da un valore di consumo misurato pu essere interpretato come parte del consumo di calore per il calcolo del costo per unit o di un gruppo di utenti. Al termine del periodo di misurazione, questa aliquota di consumo determinata separatamente per ogni
radiatore. A partire dalla somma di tutti i consumi dei radiatori di una unit di consumo, la
suddetta aliquota determina la parte del consumo di calore della rispettiva unit di consumo rapportata al consumo totale della unit o del gruppo di utenti.
I ripartitori dei costi di riscaldamento sono costituiti, almeno, da un contenitore, da sonde,
da un modulo di calcolo, da un visualizzatore del conteggio, da un alimentatore dell'energia occorrente, da componenti ausiliari per linstallazione e da un elemento per sigillare (o
piombo). La sigillatura ha la funzione di proteggere da manipolazioni non autorizzate.
Ogni ripartitore dei costi di riscaldamento un'unit funzionale, ogni sua singola parte deve essere fabbricata in conformit a determinate tolleranze. Ci permette di ottenere un
funzionamento uniforme di ciascun esemplare di ripartitore (modello, marca) in caso di
identico utilizzo.
I ripartitori dei costi di riscaldamento, conformi alla presente norma, funzionano secondo
uno dei seguenti procedimenti di misurazione:
- a sensore unico che utilizza un solo sensore di temperatura. Il sensore registra la temperatura della supercie del radiatore o, eventualmente, del uido termovettore;
- a due sensori che utilizzano due sensori di temperatura. Un sensore misura la temperatura della supercie del radiatore o, eventualmente, del uido termovettore, mentre
il secondo sensore misura la temperatura ambiente, oppure una temperatura avente
con essa un rapporto ben denito;
- in base al logaritmo della sovratemperatura che, utilizzando tre sensori, misura la
temperatura di mandata e quella di ritorno del uido termovettore, e la temperatura
ambiente.

DEFINIZIONI
Ai ni della presente norma si applicano le denizioni seguenti.

4.1

Condizioni di riferimento
Al ne di determinare i fattori di valutazione ed il valore di c, occorre stabilire le condizioni
di riferimento. Le condizioni di riferimento possono essere scelte liberamente entro certi limiti.

UNI EN 834:1997

Pagina 4 di 20

Le condizioni di riferimento per un radiatore sono le seguenti:


-

ingresso del uido termovettore dall'alto;

temperatura media del uido termovettore tm = 40 C a 60 C;


temperatura di riferimento dell'aria tL = (20 2) C. Essa deve essere misurata a 0,75 m
dal suolo e a 1,5 m dalla supercie riscaldante in una camera di prova con clima stabile;
portata del uido termovettore (portata di acqua nel radiatore) a tV / tR / tL = 90 C / 70 C /20 C;
dove:
tV
la temperatura di mandata;
tR
la temperatura di ritorno.

4.2

Frequenza di riferimento del conteggio


La frequenza di riferimento del conteggio il valore della frequenza di conteggio, che risulta dalla caratteristica nominale del visualizzatore (vedere 4.12) alla temperatura o differenza di temperatura di riferimento (valore di c uguale a zero). Esso serve per determinare il fattore di valutazione KC (vedere 4.18.2).

4.3

Sensori di temperatura
I sensori di temperatura sono costituiti dall'elemento sensibile e dal contenitore del sensore, che ha la funzione sia di proteggere l'elemento sensibile dalle sollecitazioni meccaniche sia di condurre calore.

4.4

Campo di misura dei sensori di temperatura


Il campo di misura quello entro il quale i sensori di temperatura possono essere utilizzati
ai ni della misurazione. Quando vengono usate coppie di sensori per la misurazione di
differenze di temperatura, il campo di misura deve essere completato con quello della differenza di temperatura.

4.5

Temperatura di progetto di mandata, temperatura di progetto di ritorno, temperatura


di progetto media del uido termovettore
Le temperature di progetto di mandata e di ritorno sono le temperature, del uido termovettore nei radiatori, necessarie per raggiungere la temperatura interna di progetto negli
ambienti riscaldati, in condizioni stazionarie, ad un carico termico corrispondente alla temperatura esterna specicata dalle norme, in base alla localit, ed assunta come quella di
riferimento di progetto.
Il valore medio della temperatura di mandata di progetto tV,A e di quella di ritorno di progetto tR,A la temperatura media di progetto del uido termovettore tm,A. Questa temperatura deve essere determinata a partire dal valore medio logaritmico della sovratemperatura in rapporto a quella di riferimento dell'aria ambiente di 20 C.

4.6

Temperatura limite superiore


La temperatura limite superiore tmax la massima temperatura media di progetto del uido
termovettore nei radiatori dell'impianto di riscaldamento dove pu essere usato il ripartitore dei costi di riscaldamento. Essa viene determinata sulla base dei materiali e degli elementi costruttivi utilizzati.

4.7

Temperatura limite inferiore


La temperatura limite inferiore tmin la pi bassa temperatura media di progetto del uido
termovettore nei radiatori dell'impianto di riscaldamento dove sia consentito usare il ripartitore dei costi di riscaldamento. Per impianti di riscaldamento monotubo, questa la temperatura media di progetto del uido termovettore dell'ultimo radiatore del circuito o, altrimenti, la temperatura di ritorno di progetto del circuito. Il limite della temperatura inferiore
dipende dal principio di misura.

UNI EN 834:1997

Pagina 5 di 20

4.8

Temperatura inizio conteggio


La temperatura inizio del conteggio tZ la temperatura media del uido termovettore nel
radiatore, al carico parziale con portata massica corrispondente alla condizione di riferimento, alla quale il ripartitore dei costi di riscaldamento inizia a conteggiare.

4.9

Lettura del conteggio visualizzato


La lettura del conteggio visualizzato in genere il valore conteggiato dal ripartitore dei costi di riscaldamento, leggibile come valore numerico sul dispositivo di visualizzazione. Se
questo valore non uguale a zero all'inizio del periodo di misurazione (vedere 4.15), la
lettura per il calcolo del costo del riscaldamento viene determinata a partire dalla differenza tra i valori numerici alla ne e all'inizio del periodo di conteggio.
Il valore visualizzato pu essere non valutato o gi rappresentare il conteggio del consumo (vedere 4.10).

4.10

Conteggio del consumo


Il conteggio del consumo la lettura visualizzata e valutata tramite i fattori di valutazione
secondo 4.18.

4.11

Frequenza di conteggio
La frequenza di conteggio R corrisponde alla progressione del conteggio nell'unit di tempo.

4.12

Caratteristica nominale del visualizzatore


La caratteristica del visualizzatore di conteggio nominale il legame previsto esistente tra
la frequenza di conteggio e la temperatura o la differenza di temperatura, secondo il principio di misura utilizzato.

4.13

Scarto relativo del conteggio


Lo scarto relativo del conteggio la differenza tra la frequenza di conteggio reale e la frequenza di conteggio nominale; la frequenza di conteggio nominale serve come punto di riferimento.

4.14

Frequenza di conteggio a carico nullo


La frequenza di conteggio a carico nullo quella di conteggio a temperatura ambiente, in
assenza di emissione di calore da parte del radiatore.

4.15

Periodo di conteggio
Il periodo di conteggio il periodo di tempo durante il quale il consumo di calore viene
conteggiato senza interruzioni.

Indice c

4.16

Lindice c esprime il grado di accoppiamento termico tra sensori di temperature e temperature da rilevare sulla supercie del radiatore. Esso denito come rapporto tra le differenze di temperatura, secondo la seguente relazione:
formula

t
c 1 S
t
dove:
la differenza di temperatura dei sensori, per esempio: tHS - tRS oppure tlnS;
tS
t
la differenza tra la temperatura media del uido termovettore e la temperatura di
riferimento dell'aria:
tm - tL oppure tln
dove:
tHS la temperatura del sensore sul radiatore;
UNI EN 834:1997

Pagina 6 di 20

tRS
tm
tL
tV
tR
tln
formula

la temperatura del sensore di temperatura ambiente (per i ripartitori dei


costi di riscaldamento privi di sensore di temperatura ambiente: tRS = tL);
la temperatura media del uido termovettore;
la temperatura di riferimento dell'aria (vedere 4.1);
la temperatura di mandata del radiatore;
la temperatura di ritorno del radiatore;
la media logaritmica della sovratemperatura del uido termovettore secondo la relazione:

tV tR

t In
tV tL
In
tR tL
tlnS la media logaritmica della sovratemperatura dei sensori di temperatura.
Se sono note le caratteristiche di temperatura dei sensori o delle coppie di sensori utilizzati, in questo caso si pu fare uso dei segnali di misura o delle frequenze di conteggio loro attribuite per misurare le temperature o le differenze di temperatura.

4.17

Periodo di utilizzo complessivo


Il periodo di utilizzo complessivo della potenza termica del radiatore il quoziente del calore emesso dal radiatore in un anno solare e la sua potenza termica nominale (vedere
4.18.1). Si esprime in ore/anno.

4.18

Fattori di valutazione
I seguenti fattori di valutazione convertono le letture del visualizzatore dei singoli ripartitori
dei costi di riscaldamento in conteggio del consumo in forma idonea per il calcolo del costo del riscaldamento in funzione dei consumi.

Fattore di valutazione KQ della potenza termica del radiatore

4.18.1

Il fattore di valutazione KQ il valore numerico (adimensionale) della potenza termica nominale (in watt) del radiatore.
La potenza termica nominale la potenza termica di un radiatore funzionante ad una temperatura di mandata di 90 C, ad una temperatura di ritorno di 70 C e ad una temperatura
dell'aria di 20 C in una camera di prova a temperatura costante. La temperatura dell'aria
deve essere misurata a 0,75 m dal suolo e a 1,5 m dalla sorgente di calore. Se la potenza
termica nominale del radiatore stata stabilita in altre condizioni di temperatura, essa deve essere convertita in quella calcolata nelle condizioni citate1).

Fattore di valutazione KC del contatto termico dei sensori di temperatura

4.18.2

Il fattore KC tiene conto del fatto che il contatto termico, tra la temperatura del uido termovettore e quella rilevata dei sensori, varia secondo i differenti tipi di supercie del
radiatore1).
KC il quoziente della velocit di conteggio di riferimento e la velocit di conteggio alle
temperature dei sensori posti sul radiatore operante nella condizione di riferimento:
formula

KC = RRiferimento/RValutazione

1)

Nel caso di collegamento del radiatore che non rientri nelle condizioni di riferimento descritte in 4.1, oppure se i contenitori sono collegati al radiatore in modo da non poter essere modicati dallutilizzatore, i fattori di valutazione KQ e KC
devono essere determinati tenendo conto di queste condizioni.
UNI EN 834:1997

Pagina 7 di 20

Fattore di valutazione KT per i locali con temperature interne minori di quella di progetto rispetto alla temperatura nominale dell'aria di riferimento

4.18.3

Il fattore di valutazione KT tiene conto della variazione di emissione termica e della variazione di temperatura dei sensori dove i ripartitori dei costi di riscaldamento conformi al
principio di misura a sensore unico vengono usati a temperature interne di progetto minori
di quella dell'aria di riferimento.

Fattore di valutazione K risultante

4.18.4

Il fattore di valutazione K risultante eguale al prodotto dei singoli fattori di valutazione:


formula

K = KQ KC KT

4.19

Sistemi di teletrasmissione
I sistemi di teletrasmissione sono deniti come dispositivi usati per trasmettere segnali tra
componenti separati del ripartitore dei costi di riscaldamento.

4.20

Fabbricante
Il fabbricante, secondo la presente norma, la persona o la ditta responsabile della fornitura e dell'installazione del ripartitore dei costi di riscaldamento.

REQUISITI DEI RIPARTITORI DEI COSTI DI RISCALDAMENTO

5.1

Requisiti di resistenza alle sollecitazioni termiche


Un breve evento che causa il raggiungimento della temperatura tmax media del uido termovettore, non deve causare alcuna inuenza negativa sul buon funzionamento di un ripartitore dei costi di riscaldamento o dei suoi componenti, installati sul radiatore e predisposti per il funzionamento.
Ci vale analogamente per ripartitori montati su altre superci, per esempio sui tubi.
Per componenti non montati su superci scaldanti, temperature ambiente tra 0 C e 50 C
non devono causare anomalie di funzionamento.

5.2

Temperatura di immagazzinamento
La costruzione di tutti i componenti deve essere tale che temperature di immagazzinamento comprese tra - 25 C e + 60 C non causino anomalie di funzionamento.

5.3

Temperatura inizio di conteggio


I ripartitori dei costi di riscaldamento con principio di misura a sensore unico, privi di sensore della temperatura ambiente di inizio conteggio, posti su un radiatore con c 0,10 con
una portata del usso termovettore corrispondente alla condizione di riferimento (vedere
4.1) e ad una temperatura ambiente di 20 C, devono iniziare a conteggiare alla temperatura tZ, secondo [5] e [6]:
formula

per tmin 60 C : tZ 0,3 (tmin - 20 C) + 20 C


formula

per 55 C tmin < 60 C : tZ 28 C


Per i ripartitori muniti di sensore di temperatura ambiente, per linizio conteggio dellunit,
valido, per tutti i procedimenti basilari di misurazione, (vedere 3) il criterio per la temperatura di inizio conteggio dell'equazione [7]:
formula

tZ - tL 5 K

UNI EN 834:1997

Pagina 8 di 20

Nel caso di radiatori di modelli diversi all'interno della stessa unit per il calcolo dei costi
del consumo per riscaldamento, tZ per ciascuno dei ripartitori dei costi di riscaldamento,
linizio del conteggio pu variare dall'uno all'altro del 10% di (tmin - 20 C). La differenza
non deve essere maggiore di 5 K.

5.4

Frequenza di conteggio a carico nullo


La frequenza di conteggio a carico nullo non deve essere maggiore, con temperature ambiente no a 27 C, l'1% della frequenza di conteggio nominale per una temperatura maggiore di quella normale del uido termovettore di t = 60 K nel caso di uido termovettore
corrispondente alla condizione di riferimento e con c 0,1.

5.5

Sensori di temperatura
La resistenza meccanica e termica del contenitore del sensore deve essere tale da evitare deformazioni durante l'installazione, il funzionamento e lo smontaggio a scopo di ispezione, che possano compromettere il regolare funzionamento dell'elemento sensibile.
In caso di ispezione, gli strumenti o i loro componenti devono poter essere smontati in modo che sia possibile la verica dei requisiti specicati in 5.12.
I sensori di temperatura devono soddisfare le condizioni ambientali specicate, che comprendono una temperatura limite inferiore di + 5 C, una temperatura limite superiore di almeno tmax (vedere 4.6), ed un valore medio annuale di umidit dell'aria UR 65%.

5.6

Modulo di calcolo / Unit centrale


La progettazione meccanica deve assicurare la protezione contro lintroduzione di corpi
estranei solidi e contro gli utensili, cavi e oggetti analoghi. Essa deve anche garantire che
lo sgocciolamento diretto dell'acqua sull'apparecchio non abbia effetti clamorosi.
Come requisito di prova della resistenza meccanica si applica un carico oscillante ad una
frequenza da 10 Hz a 55 Hz, con un'accelerazione di 20 m/s2.
Il modulo di calcolo/unit centrale deve soddisfare le condizioni ambientali specicate,
che comprendono una temperatura limite inferiore di 0 C, una temperatura limite superiore di 50 C, ed un valore medio annuale dell'umidit relativa dell'aria UR 65%.

5.7

Alimentazione con energia ausiliaria


Nel caso di alimentazione a batteria, la capacit della batteria deve essere tale da assicurare un funzionamento senza problemi per un tempo di almeno tre mesi oltre l'intervallo richiesto dal costruttore per la sostituzione della batteria. Deve essere in ogni caso assicurata una capacit minima della batteria di 15 mesi. Se la batteria ha una caduta di tensione durante tale periodo, non devono essere superati i limiti di errore deniti in 5.11.

5.8

Superamento della capacit di conteggio del visualizzatore


Durante due periodi di misurazione consecutivi (un periodo di misurazione solitamente
comprende 12 mesi), non deve vericarsi alcun superamento della capacit di conteggio
del visualizzatore non segnalato. Si deve presumere un periodo completo di utilizzo (vedere 4.17) dell'ordine di 1 500 h all'anno alla potenza termica massima del radiatore, entro
i limiti consentiti dal costruttore. Questo requisito si applica anche alle temperature di progetto maggiori di tV /tR = 90 C/70 C.

5.9

Risoluzione del visualizzatore


Allo scopo di facilitare la lettura, richiesto un radiatore da 1 kW di potenza termica nominale (vedere 4.18.1), al carico parziale che corrisponda ad una elevazione della temperatura logaritmica dell'ordine di 35 K ed alla portata del uido termovettore nelle condizioni
di riferimento (vedere 4.1), deve avere un valore visualizzato almeno di 10, dopo un funzionamento di 24 h.

5.10

Controllo del funzionamento


Un controllo del funzionamento deve essere effettuato durante lo svolgimento della manutenzione annuale del ripartitore oppure mediante l'auto-verica continua del modulo
durante l'intero periodo di funzionamento.

UNI EN 834:1997

Pagina 9 di 20

Il controllo deve accertare il buon funzionamento delle seguenti parti del ripartitore dei costi di riscaldamento:

5.11

alimentazione elettrica;
visualizzatore del conteggio;

modulo di calcolo;
sensori;
sistemi esterni di trasmissione dei segnali.

Massimi errori ammissibili


Lo scostamento relativo del visualizzatore (vedere 4.13), non deve superare i margini di
errore ammissibile specicati di seguito, funzione dello scostamento della temperatura
del uido termovettore t alla portata del uido termovettore nelle condizioni di riferimento
(vedere 4.1) e con c 0,1:
per 5 K t < 10 K: 12%
8%
per 10 K t < 15 K:
5%
per 15 K t < 40 K:
per 40 K t
:
3%
Nel caso di sistemi aventi componenti sostituibili, tale requisito deve essere soddisfatto
anche quando essi vengono sostituiti.

5.12

Invecchiamento
Nel lungo periodo gli errori, inclusi gli effetti causati dalla diminuzione di carica della batteria, non devono superare il doppio dei limiti di errore ssati in 5.11.

5.13

Inusso esterno causato da campi elettromagnetici, elettrostatici e magnetici


La frequenza di conteggio, nelle condizioni di riferimento alla minima tensione di alimentazione ammissibile di funzionamento, non deve modicarsi di oltre il 5% a causa di uno
dei seguenti inussi esterni, sul modulo di calcolo, sui sensori o sui cavi di collegamento:
a) campo magnetico alternato alla frequenza di 50 Hz con un'intensit di 60 A/m. L'intensit di campo si applica prima di collocare il campione in prova all'interno del campo
stesso;
b) radiazioni elettromagnetiche con un'intensit di campo di 10 V/m a frequenze comprese tra 100 kHz e 160 Mhz. L'intensit di campo si applica prima di collocare il campione in prova all'interno del campo stesso;
c) campi magnetici continui, che possono essere generati da un magnete permanente
con un'intensit di campo di 60 kA/m ad una distanza di 0,5 cm dalla supercie frontale;
d) scariche elettrostatiche di 8 kV da un condensatore di 150 pF mediante l'inserimento
di una resistenza di scarica di 330 sullo strumento pronto per funzionare.

5.14

Inuenza termica su ripartitori dei costi di riscaldamento a sensore unico


La frequenza di conteggio non deve ridursi di oltre il 2% nel caso di aumento della temperatura sulla supercie frontale di 15 K, misurata su un radiatore con c 0,1 funzionante a
tmax (vedere 4.6) e con una portata del fluido termovettore alle condizioni di riferimento
(vedere 4.1).

5.15

Inuenza termica su ripartitori dei costi di riscaldamento muniti di sensore di temperatura ambiente per inizio conteggio
Mediante misurazione su un radiatore similare nelle medesime condizioni operative specicate in 5.14, ad una temperatura ambiente di 20 C, un aumento di temperatura del ripartitore dei costi di riscaldamento o dei suoi componenti non deve provocare una riduzione della frequenza di conteggio maggiore di quella che potrebbe essere provocata da
un aumento della temperatura ambiente da tL = 20 C a tL = 25 C.

UNI EN 834:1997

Pagina 10 di 20

5.16

Inuenza termica su altri apparecchi e componenti


Se degli altri apparecchi e componenti si trovano nel campo di temperature compreso tra
0 C e 50 C, la frequenza di conteggio non deve modicarsi di oltre il 2%, da quella che
si ha a 20 C nelle condizioni di riferimento dei sensori di temperatura (c = 0).

5.17

Inuenza sui sistemi di trasmissione


I sistemi di trasmissione devono essere progettati in modo che, nelle misurazioni effettuate su radiatori simili nelle analoghe condizioni di funzionamento come denito in 5.14, le
inuenze esterne non modichino la frequenza di conteggio di oltre l'1% rispetto alla frequenza nominale di conteggio.
Le inuenze esterne possono essere: temperatura ambiente, variazioni di temperatura,
umidit dell'aria, campi elettromagnetici, scariche elettrostatiche e tensioni parassite sui
cavi della rete elettrica o sui circuiti di conduzione dei segnali.

5.18

Sigillatura
Tutti i componenti che possono avere inuenza sui risultati delle misurazioni, devono essere muniti di una sigillatura o avere altri dispositivi di sicurezza realizzati in modo che una
manipolazione del ripartitore non possa vericarsi senza lasciare tracce palesi del danno
causato.

REQUISITI PER L'IMPIEGO E L'INSTALLAZIONE

6.1

Limiti di temperatura
I ripartitori dei costi di riscaldamento conformi alla presente norma possono essere utilizzati negli impianti di riscaldamento dove la temperatura media di progetto del uido termovettore tm,A (vedere 4.5) sia compresa tra la temperatura limite superiore tmax (vedere
4.6) e la temperatura limite inferiore tmin (vedere 4.7):

tmin tm,A tmax


Per ripartitori dei costi di riscaldamento funzionanti secondo il principio a sensore unico
deve essere: tmin 55 C.

6.2

Installazione dei sensori


Linstallazione dei sensori deve essere stabile e resistente alle manipolazioni. Linstallazione con adesivo ammessa se non venga solo nel caso che non possa essere asportato il sensore senza che si danneggi in modo evidente ed unicamente compromessa
l'uniformit dei valori di c.

6.3

Posizione di installazione dei sensori


La posizione di installazione dei sensori deve essere scelta in modo da assicurare una
sufciente rispondenza tra il conteggio visualizzato e lemissione di calore del radiatore e
ci per un campo di funzionamento il pi esteso possibile.
Il costruttore deve fornirne la prova.

6.4

Posa dei cavi di collegamento


La posa dei cavi di collegamento e trasmissione dati deve rispettare le regolamentazioni
vigenti riguardanti la sicurezza e linterferenza con installazioni elettriche, radiofoniche e
di trasmissione.

UNI EN 834:1997

Pagina 11 di 20

6.5

Uniformit dei ripartitori dei costi di riscaldamento


All'interno di una unit di calcolo dei costi (oppure, nel caso sia preesistente un dispositivo
di ripartizione del consumo di calore, all'interno di un gruppo di utenti) consentito usare
solo ripartitori dei costi dello stesso costruttore e dello stesso tipo2) dotati di un sistema di
valutazione uniforme. Ciascun tipo di ripartitore deve poter essere riconoscibile come tale.

REQUISITI PER LA VALUTAZIONE


I fattori di valutazione KC e KT devono essere determinati con almeno due cifre decimali.

Fattore di valutazione globale K

7.1

KQ deve sempre essere incluso nel fattore di valutazione globale K. KC e KT devono essere invece inclusi secondo casi particolari. Ogni ripartitore dei costi di riscaldamento deve avere impresso in modo visibile il fattore di valutazione globale o un fattore ad esso
proporzionale, oppure deve essere consegnata allutente una nota contenente tale informazione.
Ogni ripartitore deve essere munito di un numero di serie o di una cifra proporzionale al
fattore di valutazione globale.
Per ogni ripartitore, necessario procedere ad una valutazione globale con il fattore K
che possa conteggiare la resa termica valutata del radiatore con una graduazione con intervalli massimi di 60 W, oppure del 5% nel campo di potenza termica no a 3 000 W compresi, e del 3% nel campo di potenza termica maggiore di 3 000 W.

Fattore di valutazione KQ

7.2

La valutazione che utilizza il fattore KQ deve essere condotta in base al radiatore realmente installato.

Fattore di valutazione KC

7.3

Il fattore di valutazione KC deve essere utilizzato nel caso che questo fattore provochi differenze maggiori del 3% allinterno di una unit di calcolo dei costi.

Indice c

7.4

Lindice c deve essere calcolato secondo le denizioni di cui in 4.16. Generalmente


non sono consentite combinazioni di radiatori e ripartitori dei costi di riscaldamento con
c > 0,67 (procedimento di misurazione a doppio sensore) o c > 0,3 (procedimento di
misurazione a sensore unico e procedimenti di misurazione con sensori della temperatura ambiente che sono posizionati separatamente), misurati nella condizione di riferimento. In casi eccezionali, sono consentiti valori di c no a 0,72 (procedimento di misurazione a doppio sensore) o c > 0,4 (procedimento di misurazione a sensore unico e
quelli di misurazione con sensori della temperatura ambiente posizionati separatamente) all'interno di una unit di calcolo dei costi, purch la supercie interessata non sia
maggiore del 25% dell'intera supercie riscaldata, oppure se la temperatura media di
progetto del uido termovettore maggiore di 80 C.
L'installazione consentita solo su radiatori il cui indice c sia noto al momento della fatturazione del costo del riscaldamento.
Se la determinazione dellindice c si basa su denizioni diverse da quelle di cui in 4.16, si
devono denire le condizioni nei loro dettagli e garantire allo stesso tempo che il modo di
procedere sia uniforme per i ripartitori di tipo similare; si deve inoltre garantire la possibilit di una riconversione dei risultati al valore di c in relazione alla denizione di cui in 4.16.

2)

I ripartitori dei costi di riscaldamento con disuguali contenitori (piastre posteriori) per la conduzione del calore e ladattamento a diversi tipi di radiatori, non sono considerati apparecchi differenti. Analogamente, varianti dello stesso tipo di
dispositivi, per esempio modelli compatti e modelli con sensori di temperatura separati, non sono considerati dispositivi
di tipo diverso.
UNI EN 834:1997

Pagina 12 di 20

7.5

Fattore di valutazione KT
L'utilizzo del fattore di valutazione KT necessario nel caso la temperatura ambiente di
progetto sia minore di 16 C.

REQUISITI RELATIVI ALLA MANUTENZIONE ED ALLA LETTURA DEL CONTEGGIO


Quando si effettua la lettura, i ripartitori dei costi di riscaldamento devono essere vericati
in relazione alle loro condizioni generali, alla stabilit del loro ssaggio al radiatore, all'integrit del sigillo (se intatto o manomesso) e ad eventuali altri danni.
Nellesecuzione della lettura annuale, si deve procedere ad un controllo del funzionamento in conformit a 5.10. Il risultato del controllo deve essere redatto in un verbale. Se sono
utilizzate delle pile, occorre munirle di un marchio distintivo, che indichi la data di fabbricazione o quella della loro installazione. Nel caso la durata della pila tale che si debba
sostituirla a degli intervalli di tempo maggiori di 1 anno, si deve indicare inoltre la data della successiva sostituzione.
Prima di ogni sostituzione delle pile, si devono esaminare i morsetti o gli altri elementi di
contatto, per controllare un eventuale incremento della resistenza di contatto dovuto alla
presenza di ossidazioni, formazione di cristalli o sporcizia.
Dopo la sostituzione delle pile, il loro alloggiamento deve essere sigillato.
Il fattore di valutazione globale o la cifra ad esso proporzionale, secondo 7.1, deve essere
riportata nel verbale di cui sopra per ciascun ripartitore dei costi di riscaldamento. Se i valori di conteggio non sono stati valutati, si deve indicare il numero di serie del ripartitore.
Se i valori di conteggio sono stati valutati, si pu indicare il numero di serie del ripartitore
al posto del fattore di valutazione globale.

PROVE

9.1

Generalit
Le prove devono essere condotte conformemente a quanto prescritto in 10, vericando
che siano soddisfatti anche i requisiti di cui in 5, 6, 7 e 8 che non siano gi considerati in
10. Le prove seguenti devono essere condotte da un laboratorio autorizzato.

9.2

Documenti di prova
I documenti richiesti per le prove, quali i certicati di prova, la documentazione tecnica, i
calcoli, i disegni costruttivi, le istruzioni di installazione, ecc., devono essere esibiti dal richiedente.

9.3

Resoconto di prova
Deve essere redatto un resoconto di prova, che deve comprendere le seguenti indicazioni
con riferimento a quanto indicato in 10:
a) laboratorio di prova;
b) richiedente;
c) costruttore;
d) descrizione dell'apparecchio, indicazioni dei modelli di apparecchio che devono essere associati al tipo sottoposto a prova;
e)
f)
g)
h)

9.4

campo di applicazione;
risultati di prove;
data;
rma del responsabile della prova.

Protocolli di prova
I protocolli di prova devono descrivere le singole prove e presentarne i risultati. Essi devono essere allegati al resoconto di prova.

UNI EN 834:1997

Pagina 13 di 20

10

PROCEDIMENTO DI PROVA

10.1

Costruzione
La conformit dell'apparecchio ai disegni costruttivi deve essere controllata a vista o, se
necessario, con la verica delle misure.

10.2

Sigillatura
La funzionalit e la realizzazione della sigillatura, o di altro tipo di protezione prevista a tale scopo, devono essere controllate mediante esame visivo.

10.3

Resistenza alla temperatura


Un lotto di 5 ripartitori dei costi di riscaldamento completi, di ciascun tipo, deve essere sottoposto a prova per 24 h in una camera termostatica ad una temperatura maggiore di 5 K
rispetto alla temperatura limite superiore tmax (vedere 4.6). La conformit ai requisiti di cui
in 5.1 deve essere vericata esaminando i limiti di errore in uno dei punti di prova, in accordo a quanto specicato in 10.4, prima e dopo la prova stessa.

10.4

Massimo errore ammissibile


Un lotto di 5 apparecchi deve essere utilizzato per vericare i procedimenti di misurazione
indicati dal costruttore, oltre alla caratteristica nominale del visualizzatore di conteggio.
Questa prova deve essere condotta su un radiatore con c 0,1 e con una portata del uido termovettore corrispondente alla condizione di riferimento (vedere 4.1) e per una sovratemperatura del uido termovettore (t) di 60 K, 30 K, 12 K e 8 K, 1,5 K basata su
una temperatura ambiente di 20 C, ma maggiore di almeno 1 K, rispetto alla temperatura
inizio conteggio (tZ - tL). La riproducibilit dellinstallazione dellapparecchio deve essere
garantita. Ci pu essere vericato misurando la temperatura superciale esterna del
contenitore del ripartitore dei costi di riscaldamento nei punti che stabiliscono il contatto
termico tra il sensore di temperatura ed il radiatore oppure con la temperatura ambiente.
Il costruttore deve indicare le temperature prevedibili in tali posizioni.
La prova sopracitata deve essere condotta con tre diversi fattori di valutazione globali risultanti nel rapporto 1: 2: 4, con la temperatura del uido termovettore in eccesso di 30 K.
Cinque ripartitori dei costi di riscaldamento devono essere sottoposti a prova con ciascun
fattore di valutazione.
I limiti di errore devono essere vericati utilizzando le letture visualizzate rapportate al valore pi basso dei fattori di valutazione globale, come controllo dei fattori di valutazione
globale utilizzati.
Per i ripartitori dei costi di riscaldamento con sensori di temperatura montati all'esterno del
contenitore, la prova sul radiatore di riferimento pu essere sostituita da una prova con i
sensori di temperatura immersi in bagni termostatici.
I limiti ammissibili di errore di cui in 5.11 non devono essere superati da nessuno dei campioni di prova.

10.5

Invecchiamento
Il procedimento di prova di invecchiamento deve essere condotto su cinque ripartitori dei
costi di riscaldamento operativi, con caratteristica nota del visualizzatore, sottoponendoli
a 300 cicli di temperatura con periodo massimo di 100 min ciascuno. La prova di invecchiamento pu essere effettuata:
a) in una camera termostatica
Un ciclo di temperatura viene generato riscaldando lentamente i ripartitori dei costi di riscaldamento per un tempo massimo di 45 min, no alla temperatura pari a
[0,7 (tmax - 20 C) + 20 C] 2 K e successivamente lasciandoli raffreddare no
a (25 2) C;
b) ponendoli sopra un radiatore elettrico ad olio
In questo caso, i ripartitori dei costi di riscaldamento devono essere montati nella posizione di installazione specicata dal richiedente. Un ciclo di temperatura deve essere generato riscaldando lentamente il radiatore, per un tempo massimo di 45 min, no
alla temperatura della supercie nella posizione di installazione, corrispondente alla
UNI EN 834:1997

Pagina 14 di 20

temperatura limite superiore tmax (vedere 4.6) 2 K e poi lasciati raffreddare no alla
temperatura di (25 2) C.
Per ripartitori dei costi di riscaldamento con sensori montati separatamente dal modulo di calcolo, i sensori di temperatura devono essere riscaldati, durante i cicli di temperatura, no alla temperatura tmax 2 K.
I componenti (unit centrale, modulo di calcolo, ecc.) non montati sul radiatore devono essere riscaldati nella camera termostatica no a (50 2) C e poi lasciati raffreddare no a (25 2) C.
Una prova successiva, secondo 10.4, deve essere effettuata in uno dei punti di temperatura ivi menzionati. In questa prova il valore dei limiti di errore non deve essere
superato di oltre il doppio, secondo 5.11, dopo il completamento dellinvecchiamento.
Se gli errori dovuti al processo di invecchiamento non sono sistematici (per esempio
deriva nello stesso senso), i campioni di prova devono essere sottoposti ad una ulteriore prova di 300 cicli di temperatura, dopodich la suddetta prova deve essere ripetuta.

10.6

Inuenze esterne
I ripartitori dei costi di riscaldamento devono essere sottoposti a prova per la conformit ai
requisiti stabiliti in 5.13, 5.14, 5.15, 5.16 e 5.17. La prova specicata in 5.15 deve essere
condotta per i ripartitori aventi sensori di temperatura ambiente montati separatamente, riscaldando i sensori di temperatura ambiente con 25 W max. e ad una temperatura massima di 50 C.
La prova specicata in 5.16 deve essere condotta alle temperature ambiente di 0 C e 50 C.

10.7

Indici c, procedimento di prova


La prova dei valori di c deve essere condotta nelle condizioni di riferimento.
Un lotto di 3 ripartitori dei costi di riscaldamento di ciascun tipo deve essere esaminato
nelle identiche condizioni di prova. Le posizioni di installazione e le istruzioni fornite dal richiedente devono essere rispettate. In questa prova, le temperature o i segnali di misura
corrispondenti alle denizioni di cui in 4.16 devono essere misurati, ed i valori di c calcolati
in conformit ad essi.
La prova deve essere condotta come segue:
Gli strumenti di misura del laboratorio devono essere utilizzati per misurare le temperature dei sensori, oppure, se sono note le curve caratteristiche dei sensori, i segnali dei sensori devono essere rilevati direttamente dal ripartitore dei costi di riscaldamento.
La differenza tra i valori di c dei singoli ripartitori dei costi di riscaldamento installati non
deve essere maggiore di 0,02.

10.8

Indici c, ambito di prova


Gli indici c, devono essere determinati mediante misurazioni sui seguenti sette tipi basilari
di radiatori:
a) radiatore a colonna di ghisa;
b) radiatore a colonna di acciaio;
c) radiatore a pannello con prolo verticale;
d) radiatore a pannello piano;
e) radiatore a colonne tubolari;
f) radiatore tubolare con registro;
g) radiatore a pannello con usso dell'acqua orizzontale.
Se il richiedente fornisce i valori di c per questi radiatori, il laboratorio di prova deve confrontare questi valori con i risultati delle proprie misurazioni.
Per l'installazione su altri tipi di radiatori, i cui valori di c non sono stati determinati mediante le misurazioni condotte sui sette radiatori basilari, i valori devono essere forniti dal richiedente al laboratorio di prova per la conferma. Il laboratorio di prova deve accertare
l'accuratezza dei valori di c forniti mediante nuove misurazioni su un campione pari al 3%
dei valori di c forniti.

UNI EN 834:1997

Pagina 15 di 20

I valori di c forniti dal richiedente possono scostarsi, in modo non sistematico, di non oltre 0,02 dai valori rilevati dalle misurazioni del laboratorio di prova. Inoltre, sono ammessi, scostamenti sistematici purch non modichino il fattore di valutazione KC di oltre 3%.

10.9

Fattore di valutazione KQ
La prova deve essere eseguita facendo riferimento ad una tabella, fornita dal richiedente,
contenente i fattori di valutazione disponibili. I valori della tabella devono essere usati per
calcolare se ogni valore della resa termica dei radiatori viene conteggiato con l'accuratezza richiesta in 7.1.
Losservazione dell'accuratezza e dell'applicazione dei fattori di valutazione KQ deve essere vericata in base alla opportuna documentazione fornita dal richiedente.

10.10

Fattore di valutazione KC
Il richiedente deve fornire la dimostrazione concernente la conoscenza e l'applicazione
dei fattori di valutazione KC.

11

MARCATURA
Il ripartitore dei costi di riscaldamento deve essere marcato in modo visibile con i seguenti
dati:
- tipo di ripartitore dei costi di riscaldamento;
- numero di serie o fattore di valutazione globale od un valore ad esso proporzionale
(vedere 7.1);
- tmin, tmax.

UNI EN 834:1997

Pagina 16 di 20

APPENDICE
(informativa)

A INFORMAZIONI E RACCOMANDAZIONI
Questa appendice include informazioni e raccomandazioni sulle condizioni dell'impianto
di riscaldamento (A.1), per il campo di applicazione dei vari procedimenti di ripartizione
dei costi di riscaldamento (A.2), esso include raccomandazioni su come comportarsi con
la dispersione di calore che non pu essere controllata dal consumatore (A.3) e riferimenti
a correzioni aggiuntive (A.4).

A.1

Impianti di riscaldamento
Si raccomanda che gli impianti di riscaldamento che devono essere equipaggiati con ripartitori dei costi di riscaldamento, abbiano le seguenti caratteristiche:
a) i radiatori siano equipaggiati con dispositivi di regolazione che possano essere manovrati dall'utente (per esempio valvole termostatiche);
b) venga utilizzato un dispositivo centrale di regolazione della temperatura di mandata,
debitamente tarato in funzione della temperatura esterna;
c) l'impianto di riscaldamento sia bilanciato idraulicamente in modo che le portate del
uido termovettore siano conformi ai parametri di progetto;
d) le dimensioni dei radiatori siano state calcolate tenendo conto del riscaldamento temporaneamente ridotto nei locali adiacenti o delle unit di consumo.
La raccomandazione di cui in a) dovrebbe essere sempre rispettata, poich deve essere
considerata come un necessario complemento per il conteggio del consumo del calore.
Le raccomandazioni di cui in b) e c) sono destinate a minimizzare gli errori di ripartizione
dei costi e la raccomandazione di cui in d) serve a garantire un riscaldamento sufciente.

A.2

Campo di applicazione raccomandato


Il prospetto A.1 fornisce informazioni sul campo di applicazione raccomandato per i vari
procedimenti di ripartizione dei costi di riscaldamento. Il prospetto riduce il campo di applicazione pi di questa stessa norma, al ne di ottenere una riduzione del livello degli errori nella ripartizione. Si basa su ricerche del tipo [1]3) e tiene conto delle condizioni di riferimento che sono state scelte.

A.3

Emissione di calore non controllabile da parte del consumatore


L'emissione di calore dei tubi che attraversano l'unit del consumatore, che non possa essere controllata dal consumatore, dovrebbe essere calcolata quando si computa la ripartizione dei costi, specie se la quantit di calore dissipata in questo modo inuenza in modo determinante l'accuratezza della ripartizione4). indispensabile che siano rispettate le
raccomandazioni di cui in A.1.

A.4

Correzioni supplementari

A.4.1

Nel contesto della fatturazione dei costi di riscaldamento sono consentiti fattori di correzione supplementari secondo le regolamentazioni nazionali, specialmente se tali fattori
non sono di tipo metrologico.

A.4.2

Se la temperatura di mandata, in un impianto di riscaldamento monotubolare, maggiore


di 95 C oppure se la differenza di progetto tra le temperature di mandata e di ritorno
dell'intero anello maggiore di 20 K, si pu applicare il seguente fattore supplementare di
valutazione KE per ripartitori dei costi di riscaldamento del tipo ad evaporazione, per ogni
radiatore, purch sia consentito dalle regolamentazioni nazionali.

3)
4)

Vedere appendice B [1].


Vedere per esempio appendice B [2].
UNI EN 834:1997

Pagina 17 di 20

formula

KE = (KE,AL - 1) 0,35 + 1
formula

KE,AL = (vAN/vHK) (tHK/tAN)n


dove:
vHK
la velocit di evaporazione in condizioni di progetto per il radiatore in questione
ad un livello del liquido di misurazione pari a zero sulla scala;
vAN
la velocit di evaporazione come sopra, calcolata su un radiatore dello stesso tipo, con le temperature di progetto di mandata e di ritorno dell'impianto di riscaldamento;
la sovratemperatura di progetto del uido termoconvettore per il radiatore in
tHK
questione;
la sovratemperatura del uido termoconvettore, calcolata sulla base delle temtAN
perature di progetto di mandata e di ritorno dell'impianto di riscaldamento;
n
l'esponente della caratteristica del radiatore a carico parziale.
Per impianti monotubolari, qualora i radiatori di un anello siano dimensionati per un fabbisogno di calore e non differiscano tra loro di oltre il 50% circa, consentito vericare i limiti
di temperatura secondo 6.1 e determinare i valori vHK e tHK assumendo una distribuzione
lineare di temperatura tra i radiatori dell'intero anello (vedere appendice B [3]).
prospetto A.1

1)

Impianto di
riscaldamento

Campi di applicazione raccomandati per i ripartitori dei costi di riscaldamento ad evaporazione


(HKVV) e per i ripartitori alimentati elettricamente (HKVE)
Utenti per ogni
circuito

Installazione
delle tubazioni

zona di progetto
a bassa temperatura
a

zona di progetto
al di sopra della
bassa temperatura

Temperatura di
progetto2)

Komp

FF

Komp

FF4)

tm,A < 55

+5)

+5)

55 tm,A < 60

60 tm,A < 85

85 tm,A

>1

a due tubi
+
1)
2)
3)
4)
5)
6)
7)
8)

verticale

sensore multiplo

6)

tV,A 95
e tA 20
tV,A > 95
o tA > 20

orizzontale
monotubolare

sensore unico

HKVE

HKVV
classe3)

6)

6)

+7)

+7)

+8)

+8)

= adatto
= non adatto
Devono essere soddisfatti i requisiti a e b.
tm,A la temperatura media di progetto del fluido termovettore del radiatore.
tA la caduta di temperatura di progetto della linea monotubolare.
tV,A la temperatura di mandata di progetto dellimpianto di riscaldamento.
HKVV - classe A: rapporto di conteggio < 12 o evaporazione nominale < 60 mm.
HKVV - classe B: rapporto di conteggio 12 e percentuale di acqua nel liquido di misurazione 4% ed evaporazione nominale 60 mm.
Komp = ripartitori dei costi di riscaldamento compatti FF = ripartitori dei costi di riscaldamento a sensori separati.
Deve essere rispettata la temperatura limite inferiore a seconda dellapparecchio.
Deve essere rispettata la temperatura limite superiore a seconda dellapparecchio.
KE pu essere utilizzato.
KE deve essere utilizzato.

UNI EN 834:1997

Pagina 18 di 20

APPENDICE
(informativa)

B BIBLIOGRAFIA
[1]

[2]
[3]

UNI EN 834:1997

Zllner, G. und Rmer, U.: Eine verbesserte Anwendung des Verdunstungsprinzips bei der Neuentwicklung von Heizkostenverteilern ohne Hilfsenergie. FWI 18 (1989), H 1, pagine 65-71
Projektierung und Realisierung der verbrauchsabhngigen Heizkostenabrechnung (VHKA), BEW Bern, Oktober 1989, EDMZ N 805.151
Zllner, G. e Bindler, J.-E.: Grundsatzuntersuchung fr Heizkostenverteiler
nach dem Verdunstungsprinzip zur oberen metechnischen TemperaturEinsatzgrenze und zur Anwendbarkeit in Einrohrheizanlagen. HLH 42
(1991) H.10, pagine 547 - 553

Pagina 19 di 20

PUNTI DI INFORMAZIONE E DIFFUSIONE UNI


Milano (sede)

Via Battistotti Sassi, 11B - 20133 Milano - Tel. (02) 70024200 - Fax (02) 70105992
Internet: www.unicei.it - Email: diffusione@uni.unicei.it

Roma

Piazza Capranica, 95 - 00186 Roma - Tel. (06) 69923074 - Fax (06) 6991604
Email: uni.roma@uni1.inet.it

Bari

c/o Tecnopolis CSATA Novus Ortus


Strada Provinciale Casamassima - 70010 Valenzano (BA) - Tel. (080) 8770301 - Fax (080) 8770553

Bologna

c/o CERMET
Via A. Moro, 22 - 40068 San Lazzaro di Savena (BO) - Tel. (051) 6257511 - Fax (051) 6257650

Brescia

c/o AQM
Via Lithos, 53 - 25086 Rezzato (BS) - Tel. (030) 2590656 - Fax (030) 2590659

Cagliari

c/o Centro Servizi Promozionali per le Imprese


Viale Diaz, 221 - 09126 Cagliari - Tel. (070) 306877 - Fax (070) 340328

Catania

c/o C.F.T. SICILIA


Piazza Buonarroti, 22 - 95126 Catania - Tel. (095) 445977 - Fax (095) 446707

Firenze

c/o Associazione Industriali Provincia di Firenze


Via Valfonda, 9 - 50123 Firenze - Tel. (055) 2707268 - Fax (055) 281616

La Spezia

c/o La Spezia Euroinformazione, Promozione e Sviluppo


Piazza Europa, 16 - 19124 La Spezia - Tel. (0187) 728225 - Fax (0187) 777961

Napoli

c/o Consorzio Napoli Ricerche


Corso Meridionale, 58 - 80143 Napoli - Tel. (081) 5537106 - Fax (081) 5537112

Torino

c/o Centro Estero Camere Commercio Piemontesi


Via Ventimiglia, 165 - 10127 Torino - Tel. (011) 6700511 - Fax (011) 6965456

Treviso

c/o Treviso Tecnologia


Via Roma, 4/D - 31020 Lancenigo di Villorba (TV) - Tel. (0422) 608858 - Fax (0422) 608866

Udine

c/o CATAS
Via Antica, 14 - 33048 S. Giovanni al Natisone (UD) - Tel. (0432) 756289 - Fax (0432) 756914

Vicenza

c/o Associazione Industriali Provincia di Vicenza


Piazza Castello, 3 - 36100 Vicenza - Tel. (0444) 545573 - Fax (0444) 547318

UNI
Ente Nazionale Italiano
di Unicazione
Via Battistotti Sassi, 11B
20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci,
dellIndustria e dei Ministeri.
Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.

UNI EN 834:1997

Pagina 20 di 20