Sei sulla pagina 1di 46

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct

Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Autore:

Ing. Stefano Zucca


Dipartimento di Meccanica
Politecnico di Torino

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Indice
Introduzione ad Hypermesh e Optistruct Analisi statiche - Elementi 1D e 2D ................................... 1
Indice................................................................................................................................................ 2
1. Introduzione ................................................................................................................................. 4
2. Interfaccia grafica ........................................................................................................................ 6
2.1
HyperMesh Environment ................................................................................................. 7
2.2
Graphics Area .................................................................................................................. 9
2.3
Tab Area........................................................................................................................... 9
2.4
Toolbars ......................................................................................................................... 10
2.5
Menu Bar........................................................................................................................ 19
2.6
Status Bar ....................................................................................................................... 21
2.7
Panels ............................................................................................................................. 22
2.8
Model Browser............................................................................................................... 23
2.9
Selezione entit e scelta di opzioni ................................................................................ 24
2.10 Definizione di vettori ..................................................................................................... 25
3. Gestione dei file ......................................................................................................................... 26
3.1
Salvataggio e caricamento del database (file *.hm)....................................................... 26
3.2
Importazione di modello o di geometria ........................................................................ 26
3.3
Esportazione file *.fem di input per il solutore.............................................................. 26
3.4
Caricamento del file di risultati (*.res) .......................................................................... 26
4. Scelta del solutore ...................................................................................................................... 27
5. Collectors ................................................................................................................................... 28
5.1
Materials collectors........................................................................................................ 28
5.2
Properties collectors ....................................................................................................... 28
5.3
Components collectors ................................................................................................... 29
5.4
Loads collectors ............................................................................................................. 29
5.5
Spostamento di entit tra collectors ............................................................................... 31
5.6
Cancellare un collector................................................................................................... 31
5.7
Rendere attivo un collector ............................................................................................ 32
6. Geometria................................................................................................................................... 33
6.1
Nodi................................................................................................................................ 33
6.2
Linee............................................................................................................................... 34
6.3
Superfici......................................................................................................................... 34
6.4
Raccordi ......................................................................................................................... 34
6.5
Cerchi e archi ................................................................................................................. 35
6.6
Cancellazione entit geometriche .................................................................................. 35
7. Elementi 1D ............................................................................................................................... 36
7.1
Elemento asta (CROD) .................................................................................................. 36
7.2
Elemento trave (CBAR)................................................................................................. 36
7.3
Mesh automatica ............................................................................................................ 37
8. Elementi 2D ............................................................................................................................... 38
8.1
Mesh manuale ................................................................................................................ 38
8.2
Mesh automatica ............................................................................................................ 38
8.3
Normali degli elementi e delle superfici........................................................................ 39
8.4
Equivalenza dei nodi al contorno................................................................................... 39
2

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

9. Carichi e vincoli / load collectors .............................................................................................. 41


9.1
Forze e momenti............................................................................................................. 41
9.2
Pressioni ......................................................................................................................... 42
9.3
Vincoli............................................................................................................................ 42
9.4
Cancellazione di vincoli e carichi .................................................................................. 43
10. Load Step ................................................................................................................................. 44
11. Parametri dellanalisi e tipi di output ....................................................................................... 44
12. File di dati *.fem...................................................................................................................... 44
13. Esecuzione delle analisi ........................................................................................................... 45
14 .Visualizzazione dei risultati..................................................................................................... 45
APPENDICE A - Calcolatrice ....................................................................................................... 46

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

1. Introduzione
Questo documento si rivolge agli studenti che per la prima volta si trovano ad interagire con i
prodotti software Altair Hypermesh ed Optistruct e hanno come obiettivo la costruzione di modelli
composti da elementi 1D e 2D con i quali eseguire calcoli statici.
Ovviamente questo non pu essere un manuale utente esaustivo in grado di rispondere a qualsiasi
domanda relativa a Hypermesh o a Optistruct. Tale funzione infatti assolta (o dovrebbe esserlo)
dai manuali ufficiali e dagli help in linea, a cui si invita a fare riferimento per tutte le domande non
affrontate o lasciate senza risposta in questo documento.
Prima di entrare nel dettaglio dei comandi e delle istruzioni operative di Hypermesh, opportuno
descrivere brevemente larchitettura classica di un codice FEM, descrivendo i principali componenti
e le loro funzioni.
In generale, tre sono le fasi di un calcolo agli elementi finiti:
Costruzione del modello,
Risoluzione del sistema di equazioni derivanti dal modello
Visualizzazione dei risultati.
A ciascuna di queste fasi corrisponde un modulo del codice FEM. In particolare:
Costruzione del modello

Pre-processore
Risoluzione delle equazioni
Solutore
Visualizzazione dei risultati
Post-processore.
Anche HyperWorks strutturato secondo lo schema precedente. In particolare i moduli sono:
Pre-processore

Hypermesh
Solutore

Optistruct
Post-processore

Hypermesh.
Il fatto che Hypermesh abbia sia le funzioni di Pre-processore sia quelle di Post-processore non
deve sorprendere, in quanto la lettura dei risultati (post-processing) pu essere fatta solo avendo a
disposizione il modello utilizzato per lanalisi, realizzato con il pre-processore.
I diversi moduli interagiscono tra loro tramite file di input/output opportunamente formattati,
secondo lo schema rappresentato in Fig. 1. Nel dettaglio, al termine della fase di pre-processing
viene salvato dall'operatore un file di dati *.fem che rappresenta l'input per il solutore, il quale
genera a sua volta un file di risultati *.res, il cui contenuto pu essere visualizzato per mezzo del
post-processore.
Hypermesh / Pre-processore

File di dati *.fem

Optistruct / Solutore

File di risultati *.res

Hypermesh / Post-processore

Fig. 1 Moduli e file di interscambio.


4

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

In generale, per avere un modello FEM completo necessario definire nella fase di pre-processing:

Geometria
Materiali
Propriet
Elementi
Vincoli
Carichi

Prima di effettuare il calcolo necessario inoltre specificare:

Set di vincoli e carichi da utilizzare nellanalisi


Parametri per lanalisi
Tipi di output richiesti allanalisi.

Una volta eseguito il calcolo, infine, possibile importare il file di risultati nel post-processore e
visualizzarli mediante una delle modalit di visualizzazione consentite.

Si consideri, a titolo di esempio, il


modello di una trave rettilinea
incastrata ad unestremit e
caricata con un carico trasversale F
allestremit libera, come quella
mostrata a fianco.

y
A

B
F

l
La procedura di costruzione del
modello
nel
pre-processore
richiede:

La creazione della geometria, consistente in una linea che rappresenti la trave.


La definizione del materiale di cui la trave fatta.
La definizione delle propriet della sezione della trave: area e momenti di inerzia.
La creazione degli elementi in cui si vuole suddividere la trave.
L'applicazione del vincolo di incastro ad una estremit della trave.
L'applicazione del carico trasversale allaltra estremit.

Una volta costruito il modello necessario definire:

un set di condizioni al contorno che includa il vincolo e il carico;


il tipo di analisi da eseguire (statica, dinamica, termica o strutturale, ecc..)
i tipi di risultati desiderati (spostamenti, rotazioni, tensioni, reazioni vincolari, ecc..).

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2. Interfaccia grafica
In questo paragrafo sono descritti, mediante le pagine del manuale on-line di Hypermesh, i
principali elementi che costituiscono linterfaccia grafica del programma e le loro funzioni.
In particolare vengono descritti:
Hypermesch Environment
Graphics Area
Tab Area
Toolbars
Menu Bar
Status Bar
Panels
Model Browser

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.1

HyperMesh Environment

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.2

Graphics Area

2.3

Tab Area

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.4

Toolbars

The standard toolbar controls basic operations of HyperMesh, including starting a new session,
opening and saving .hm binary files, importing and exporting solver decks and geometry files,
setting the current user profile and results files, and working with command and tcl files and
utilities.

The standard toolbar can be turned on and off from the menu bar, View > Toolbars.
The detailed behavior of each toolbar button is described in the table below. Note that some buttons
have different behavior depending on whether they are clicked with the left mouse button or the
right mouse button.
button

LEFT
Click

LEFT Behavior

RIGHTClick

New .hm Left Click tool button to close current Same


File
.hm file and open a new blank .hm file.
Open .hm Left Click tool button to open standard Same
File
Open Dialog; Browse for .hm file to
open.
Save .hm Left Click tool button to save current Same
File
.hm file.
Import

Left Click tool button to open Import Same


Tab; Enter information on Import Tab to
import
Connectors,
FE
Model,
Geometry, or HM Model.

Export

Left Click tool button to open Export Same


Tab; Enter information on Export Tab to
export
Connectors,
FE
Model,
Geometry, or H3D.

Load
User
Profile

Left Click tool button to open User Same


Profile Dialog; Select user profile to
load.

Load
Results
File

Left Click tool button to open Load Same


Results Dialog; Browser for .res file to
load.

Open
Current
Command
File

Left Click tool button to open Edit File Same


Text Editor loaded with current
command file. This simple text editor
can be used to generate new or open,
edit, and save text files. The simple text
editor also has standard cut, copy, and
10

RIGHT Behavior

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

paste functionality. Use the simple text


editor to quickly edit command and tcl
files.
Run Tcl Left Click button to open Run Tcl Script Run
Script
Dialog; Browse for .tcl file to run.
Command
File

Right Click button to


open Run Command
File Dialog; Browse
for .cmd file to run.

The collector toolbar controls basic operations of creating, editing, deleting, card editing,
organizing, and renumbering HyperMesh collectors; assemblies, components, materials, properties,
load collectors, system collectors, beam section collectors, and multibodies. The collectors toolbar
can be turned on and off from the menu bar, View > Toolbars.

The detailed behavior of each tool button is described in the table below.
Button LEFT Click
Assemblies

LEFT Behavior

RIGHT
Click

Left Click to open Assemblies Panel.

Same

RIGHT Behavior

Components Left Click to open Components Panel.

Same

Materials

Left Click to open Materials Panel.

Same

Properties

Left Click to open Properties Panel.

Same

Load
Collectors

Left Click to open Load Collectors

Same

System
Collectors

Left Click button (not on lower right Select


Right Click to expand
arrow) to open System, Vector, option from Options Menu; Left
BeamSection Collector, or MultiBodies Menu
Click an Icon to set
Panel.
new current icon and
Or
perform icons Left
Behavior.
Left Click
lower right
arrow

Vector
Collectors

BeamSection
Collectors

MultiBodies
Delete

Left Click to open Delete Panel.

11

Same

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Card Edit

Left Click to open Card Edit Panel.

Same

Organize

Left Click to open Organize Panel.

Same

Renumber

Left Click to open Renumber Panel.

Same

The standard views toolbar contains functionality for quickly changing the view of the model in
the graphics area to a standard view including fitting the model in the graphics area.

The standard views toolbar can be turned on and off from the View menu's Toolbars sub- menu.
The detailed behavior of each tool button is described in the table below.
ICON

LEFT
Click

LEFT Behavior

RIGHT
Click

Previous
View

Left Click tool button to Return to the Previous Same


View.

Fit Model

Left Click tool button to Fit the currently Same


displayed Model in the graphics area.

Refresh
Graphics
Area

Left Click tool button to Refresh the Graphics Same


Area

xy
Top Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the xy Top Plane View
View
xy Bottom Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the xy Bottom Plane
View
View
xz
Left Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the xz Left Plane View
View
xz Right Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the xz Right Plane View
View
yz
Rear Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the yz Rear Plane View
View
yz
Front Left Click tool button to put the currently Same
Plane
displayed model into the yz Front Plane View
View
Isometric
View

Left Click tool button to put the currently Same


displayed model into an Isometric View

12

RIGHT
Behavior

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Reverse
View

Left Click tool button to Reverse the Model Same


View about an Imaginary Vertical Axis in
the middle of the graphics area.

User
Views
Dialog

Left Click tool button to open up the User True View Left Click tool
Views Dialog. This dialog allows for user Panel
button to open
defined views to be saved and restored.
True
View
Panel.

The view controls toolbar contains functionality for dynamic manipulating of the model view in
the graphics area using standard mouse controls: Click, Hold, Drag, and Release.

The View Controls toolbar can be turned on and off from the View menu's Toolbars sub- menu.
The detailed behavior of each tool button is described in the table below.
ICON

LEFT
Click

LEFT Behavior

RIGHT
Click

Circle
Zoom

Left Click tool button; Left Dynamic


Click and Hold in graphics Zoom
area to Draw a circle around
the portion of the model to
zoom in on; Release to
perform the action. Circle
Zoom is a one time action,
however you can exit circle
zoom at any time by Right
Click or move mouse off
graphics area.

Right Click tool button; Right


Click and Hold in graphics area
to Drag mouse up (zoom out) or
Drag mouse down (zoom in);
Release to stop zooming. Above
steps can be repeated as long as
you do not exit the mode. Exit
the mode at any time by Left
Click or Move the mouse off the
graphics area.

Zoom In

Left Click tool button to Zoom Out


zoom in by zoom factor.
Zoom factor can be changed
from Options > Geometry
panel.

Right Click tool button to zoom


out by zoom factor. Zoom factor
can be changed from Options >
Geometry panel.

Dynamic
Rotate

Left Click tool button; Middle Dynamic


Click node/point in graphics Spin
area to define the center of
rotation (optional), Left Click
and Hold in graphics area to
dynamically rotate the model
about defined center or
rotation; Release to stop
rotating. Above steps can be
repeated as long as you do not
exit the mode. Exit the mode
at any time by Right Click or
Move the mouse off the

Right Click tool button; Middle


Click node/point in graphics area
to define the center of rotation
(optional), Right Click and Hold
in graphics area to dynamically
spin the model about defined
center or rotation; Release to
stop rotating. Above steps can
be repeated as long as you do not
exit the mode. Exit the mode at
any time by Right Click or Move
the mouse off the graphics area.

13

RIGHT Behavior

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

graphics area.
Pan

Left Click tool button; Left Center


Click and Hold in graphics Model
area to pan the model;
Release to stop panning.
Above steps can be repeated
as long as you do not exit the
mode. Exit the mode at any
time by Right Click or Move
the mouse off the graphics
area.

Right Click tool button; Right


Click node/point in graphics area
to center the model at that point.
Above steps can be repeated as
long as you do not exit the
mode. Exit the mode at any time
by Left Click or Move the mouse
off the graphics area.

Rotate
Left

Left Click tool button to Rotate Right


Rotate the model view Left
about an imaginary Vertical
axis in the middle of the
graphics area.

Right Click tool button to Rotate


the model view Right about an
imaginary Vertical axis in the
middle of the graphics area.

Rotate Up Left Click tool button to Rotate


Rotate the model view Up Down
about
an
imaginary
Horizontal axis in the middle
of the graphics area.

Right Click tool button to Rotate


the model view Down about an
imaginary Horizontal axis in the
middle of the graphics area.

Rotate
Left Click tool button to Rotate
Clockwise Rotate the model view Counter
Clockwise
about
an Clockwise
imaginary axis coming out of
the graphics area.

Right Click tool button to Rotate


the
model
view
Counter
Clockwise about an imaginary
axis coming out of the graphics
area.

The visualization toolbar controls how entities are visualized in the graphics area, including
control for setting the geometry and mesh color mode The visualization toolbar can be turned on
and off from the View menu, Toolbars sub- menu.

The detailed behavior of each tool button is described in the table below.

ICON

LEFT Click

LEFT Behavior

Geometry
Color Mode

Left Click Text or Arrow to expend drop-down selector; Select


desired option (auto shown in this example).

Auto Color

Auto Color: automatically selects the color mode from list below
based on the current panel.

14

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Color
by Color by Component: All surfaces and solid faces colored by the
Component color assigned to component in which that geometry resides. All
surface edges and solid face edges colored black (edges (comp)). A
components color can be changed us ing the Model Browser >
Component View.

Color
by Color by Topology: Surfaces colored gray (2d faces (topo) with
Topology
surfaces edges colored by topology; red (free edges), green (shared
edges), yellow (t-junctions), blue (suppressed edges). Solid faces
and face edges colored transparent green (bounding faces) with
internal faces colored yellow (full partition faces) defining solid
topology.

Color by 2D Color by 2D Topology: Surfaces colored gray (2d faces (topo) with
Topology
surfaces edges colored by topology; red (free edges), green (shared
edges), yellow (t-junctions), blue (suppressed edges). Solid faces
and face edges colored blue (ignore (topo).

Color by 3D Color by 3D Topology: Surfaces and surface edges colored blue


Topology
(ignore (topo). Solid faces and face edges colored transparent green
(bounding faces) with internal faces colored yellow (full partition
faces) defining solid topology.

Mixed Color

Mixed Color: Surfaces colored by component with surfaces edges


colored by topology. Solid faces colored by compone nt with solid
face edges colored by topology.

Mappable
Color

Mappable Color: Surfaces in wireframe with surface edges colored


blue (ignore topo). Solid faces colored by mappability; red (not
mappable), yellow (1d mappable), green (3d mappable), and solid
face edges colored by topology.
All colors can be changed from the Options > Colors Panel. This
panel can be accessed from the Menu bar via Preferences > Colors
or by pressing the <o> key.

ICON

default

LEFT Click

LEFT Behavior

RIGHT
Click

Wireframe
Geometry

Button: set geometry to wireframe Select


mode.
option
from
Arrow (lower-right): Select option Menu
15

Right Behavior
Right Click tool
button to expand
Options Menu; Left
Click an Icon to set

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

from Menu

default

ICON

new current icon


and perform icons
Left Behavior.

Wireframe
Button: set geometry to wireframe
Geometry
with surface lines.
with Surfaces
Lines
Arrow (lo wer-right): Select option
from Menu

Select
option
from
Menu

Right Click tool


button to expand
Options Menu; Left
Click an Icon to set
new current icon
and perform icons
Left Behavior.

Shaded
Button: set geometry mode to
Geometry
shaded with surface edges.
with Surface
Edges
Arrow (lower-right): Select option
from Menu

Select
option
from
Menu

Right Click tool


button to expand
Options Menu; Left
Click an Icon to set
new current icon
and perform icons
Left Behavior.

Shaded
Geometry

Button: set geometry mode to Select


shaded.
option
from
Arrow (lower-right): Select option Menu
from Menu

Right Click tool


button to expand
Options Menu; Left
Click an Icon to set
new current icon
and perform icons
Left Behavior.

LEFT Click

LEFT Behavior

Element
Color Mode

Left Click Text or Arrow to expend drop-down selector; Select


desired option.

Color
by Color by Component : All elements colored by the color assigned to
Component component in which that element resides. A components color can
be changed using the Model Browser > Component View.
Color
Property

by Color by Property: All elements are colored by the property color


for which that element is assigned. Properties are assigned to
elements directly or indirectly. Direct element property assignment
is accomplished by assigning the property directly to the element
using the Property > Assign Panel. Indirect element property
assignment is accomplished by assigning the property to the
component in which the element resides using the Component >
Assign Panel. Direct element property assignment always wins if
an element has both direct and indirect element property
assignments. Solvers in group #1 (RADIOSS (Bulk Data),
OptiStruct, Abaqus, Nastran) can have both direct and indirect
element property assignment. Solver in group #2 (RADIOSS
(Block), LS-Dyna, PamCrash, Permas) can have indirectly element
property assignment only. Any element which does not have a
property assigned to it, directly or indirectly, will be colored gray
16

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

(elems no prop/mat). A properties color can be changed using the


Model Browser > Property View.
Color
Material

by Color by Material: All elements are colored by the material color


for which that element is assigned. Materials are assigned to
elements differently for solver group #1 and solver group #2.
Solver Group #1 (RADIOSS (Bulk Data), OptiStruct, Abaqus,
Nastran) assign materials to properties, and then properties to
elements (either directly or indirectly as discussed in Color by
Property). The material assigned to the direct element property
assignment always wins if an element has both direct and indirect
element property assignments. Solver group #2 (RADIOSS
(Block), LS-Dyna, PamCrash, Permas) assigns materials to
elements indirect by assigning materials to the component in which
the element resides using the Component > Assign Panel. Any
element which does not have a material assigned to it, directly or
indirectly, will be colored gray (elems no prop/mat). A materials
color can be changed using the Model Browser > Material View.

Color
by Color by 1D/2D/3D: All elements are colored by their topology,
1D/2D/3D
green (1D), blue (2D), and red (3D).
Color
by Color by Ele ment Configuration: All elements are colored by their
Element
element configuration (mass, reb2, spring, bar, rod, gap tria3,
Configuration quad4, tetra4, etc). An elements configuration color can be
changed from the Element Types Panel.
ICON

default

default

LEFT Click

LEFT Behavior

RIGHT
Click

Wireframe
Elements
(skin only)

set current element wireframe Select


mode to wireframe (skin only).
option
from
Left Click lower right arrow to Menu
expand the options menu.

Right Click
to
expand
Options
Menu; Left Click
an Icon to set new
current icon and
perform icons Left
Behavior.

Wireframe
Elements

set current element wireframe Select


mode to wireframe.
option
from
Left Click lower right arrow to Menu
expand the options menu.

Right Click to
expand
Options
Menu; Left Click
an Icon to set new
current icon and
perform icons Left
Behavior.

Shaded
set current element wireframe
Elements
mode to shaded with mesh lines.
with
Mesh
Lines
Left Click lower right arrow to
expand the options menu.

17

Select
option
from
Menu

RIGHT Behavior

Right Click to
expand
Options
Menu; Left Click
an Icon to set new
current icon and
perform icons Left
Behavior

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Shaded
set current element wireframe
Elements
mode to shaded with feature lines.
with Feature
Lines
Left Click lower right arrow to
expand the options menu.

ICON

Select
option
from
Menu

Right Click to
expand
Options
Menu; Left Click
an Icon to set new
current icon and
perform icons Left
Behavior

Shaded
Elements

set current element wireframe Select


mode to shaded.
option
from
Left Click lower right arrow to Menu
expand the options menu.

Right Click to
expand
Options
Menu; Left Click
an Icon to set new
current icon and
perform icons Left
Behavior

LEFT Click

LEFT Behavior

Transparency Left Click tool button to open the Transparency Panel.


Geom/Mesh
Styles

Left Click tool button to open the Visual Attributes Panel.

Shrink
Elements

Left Click tool button to toggle on/off shrink elements by shrink


factor. Shrink factor can be set from the Options > Graphics Panel.
The Options Panel can be accessed from the menu bar; Preferences
> Graphics.

Visualization Left Click tool button to open Visualization Options Dialog. This
Options
Dialog changes Visualization options for Topology, Connectors,
and Morphing.

18

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.5

Menu Bar

19

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

20

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.6

Status Bar

21

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.7

Panels

Il criterio utilizzato per la disposizione dei tasti dei comandi in ciascuna pagina no n chiaro (e forse
non esiste) con consegue nte difficolt per l'operatore a cercare e trovare il comando desiderato,
almeno nella fase iniziale di utilizzo del software.
Una volta scelta la pagina desiderata (ad esempio Geom), si accede al pannello del comando
desiderato premendo il tasto corrispondente (ad esempio nodes). Al posto della pagina comandi
compare il pannello relativo al comando scelto (vedere Figura sottostante). Per uscire dal pannello e
tornare a visualizzare la pagina comandi necessario premere il tasto rosso return in basso a
destra.

22

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.8

Model Browser

Uno strumento molto utile per avere sempre sottocchio il modello in costruzione il model
browser. E possibile attivare questa funzione premendo il tasto Model Browser nel Pull-Down
Menu denominato View.
A seguito della pressione di tale tasto, il
model browser compare nella Tab Area a
sinistra dello schermo (Figura a fianco).
Allinterno del model browser viene
visualizzata la struttura del modello in corso
di costruzione in Hypermesh.
Attraverso il Model Browser possibile
selezionare parti del modello affinch non
compaiano pi sul video, modificarne i
colori o le propriet o al limite cancellarle.

23

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.9

Selezione entit e scelta di opzioni

Nel corso della costruzione di un modello pu essere necessario utilizzare alcune entit che
costituiscono il modello (nodi, linee, superfici, elementi, carichi, vincoli, collector) per apportare
delle modifiche o per compiere una certa operazione. In questi casi necessario selezionare tali
entit in modo da identificarle come le destinatarie di una certa operazione. In dettaglio
necessario:
Selezionare il tipo di entit (ad esempio le superfici)
Selezionare le entit del tipo prescelto (una superficie in particolare o tutte le superfici).
Dal punto di vista grafico, la selezione pu essere fatta attraverso tasti di colore giallo posizionati
allinterno del pannello del comando selezionato, come mostrato nella prima figura della pagina
seguente relativa al comando delete del men Tool. Il bordo azzurro attorno al tasto giallo indica
che Hypermesh in attesa che l'utente compia la selezione. Se il bordo nero, necessario cliccare
una volta sul tasto giallo per attivarlo, facendo diventare il bordo azzurro.

Con riferimento allimmagine qui sopra, la prima selezione (tipologia dellentit) si effettua
premendo il tasto
, facendo comparire una maschera simile a quella sottostante, da cui
possibile compiere la selezione.

La seconda selezione, invece, si pu fare premendo il tasto giallo a facendo comparire la maschera
mostrata sotto. Questa maschera consente di selezionare il criterio di scelta delle entit che
interessano.

In particolare:
by window:
displayed:
all:
reverse:
by collector:
by surface:
by id:

costruzione di una e selezione degli elementi allinterno o allesterno


selezione di tutte le entit visualizzate al momento
selezione di tutte le entit
invertire una selezione appena fatta scegliendo linsieme complementare
selezionare tutte le entit appartenenti ad un collector
selezionare tutte le entit che giacciono su una superficie
selezionare le entit in base al loro numero identificativo
24

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

2.10 Definizione di vettori


Nel corso della costruzione di un modello ad elementi finiti si rende necessario la definizione di
vettori nello spazio. Un esempio tipico la creazione di forze (vedere cap. 9.1) o momenti (vedere
cap. 9.2) esterni agenti sul modello stesso.
Un vettore in Hypermesh pu essere definito in due modi diversi
1. attraverso le sue componenti in un dato sistema di riferimento.
2. attraverso il modulo e il versore (vettore di modulo unitario)
Quando allinterno di un pannello necessario definire un vettore, si ha a disposizione uno dei due
set di comandi mostrati sotto. Il primo set rappresenta i comandi disponibili qualora si intenda
definire il vettore per componenti, il secondo serve per la definizione del vettore tramite modulo e
versore.
E possibile switchare da un set allaltro selezionando il tasto
posizionato al di sotto del tasto
e scegliere tra le opzioni constant components e constant vector.
Se si adotta il primo modo (constant
components) necessario introdurre nelle
apposite caselle il valore delle componenti del
vettore lungo i tre assi del sistema di
riferimento adottato.
E possibile selezionare il sistema di
riferimento mediante il tasto
, scegliendo
tra il sistema globale iniziale di Hypermesh e
eventuali sistemi locali creati successivamente
dallutente. Per la creazione di questi sistemi
locali si faccia riferimento al manuale di
Hypermesh.
Se si adotta il secondo modo
(constant vector) necessario
introdurre innanzi tutto il valore del
modulo (magnitude ) del vettore
nellapposita casella e quindi
definire il versore.

La pressione del tasto


posizionato sulla terza riga del set di
comandi fa comparire il sottopannello mostrato a fianco.
Mediante tale pannello possibile:
1. definire lasse x come asse del versore
2. definire lasse y come asse del versore
3. definire lasse z come asse del versore
4. utilizzare un vettore gi esistente per definire il versore
5. definire ex novo un versore selezionando un set di nodi
N1, N2 e eventualmente N3.
Per quanto riguarda lopzione 5 bene sottolineare che:
- se si seleziona no due nodi N1 e N2 il versore risultante sar parallelo alla congiungente N1
con N2
- se si selezionano tre nodi N1, N2 e N3 il versore risultante sar normale al piano su cui
giacciono i tre nodi selezionati.
25

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

3. Gestione dei file


Una funzione essenziale durante la costruzione del modello, il calcolo e la visualizzazione dei
risultati la gestione dei file di dati e di risultati generati nel corso del procedimento. In particolare
importante essere in grado di:
Salvare il modello su hard disk e essere in grado di caricare un modello salvato
precedentemente
Importare la geometria del modello, se creata con software di disegno assistito quali
AUTOCAD o CATIA
Importare allinterno del modello in costruzione modelli generati precedentemente
Esportare il file di input per il calcolo con il solutore
Selezionare il file di risultati per la successiva visualizzazione.
Tutte le operazioni sopra elencate possono essere compiute premendo attraverso il pull.down menu
File nella Menu Bar.
3.1
Salvataggio e caricamento del database (file *.hm)
Per creare, aprire o salvare un database sono a disposizione
New/Open/Save/Save as.

classici

comandi

3.2
Importazione di modello o di geometria
Il tasto import permette di compiere tale operazione.
Nella maschera che compare nella Tab Area di sinistra bisogna selezionare lImport Type
desiderato: Geometry o HM Model e quindi selezionare il file desiderato, filtrando eventualmente
la scelta mediante la selezione del File Type .
3.3
Esportazione file *.fem di input per il solutore
Questa operazione deve essere compiuta solo dopo aver completato il modello. Il file *.fem infatti
il file di input per il solutore.
Nel menu file necessario selezionare l'opzione export. Nella maschera che compare nella Tab
Area di sinistra bisogna sele zionare Export Type: FE Model quindi scegliere Template:
\Altair\hw9.0\templates\feoutput\optistruct\optistruct e inserire il nome del file *.fem da
esportare.
Le export options consentono di scegliere se esportare tutto il modello (all) o solo la parte
visualizzata a video (displayed).
ATTENZIONE: E' necessario definire l'estensione .fem del file, altrimenti potrebbero nascere
problemi nella successiva fase di soluzione.
3.4
Caricamento del file di risultati (*.res)
Una volta eseguito il calcolo con il solutore Optistruct necessario indicare ad Hypermesh in quale
file di risultati si trovano i risultati dell'analisi.
Nel menu file necessario selezionare load results file e quindi scegliere il file *.res di risultati.

26

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

4. Scelta del solutore


Hypermesh consente di costruire modelli
FEM per la risoluzione mediante diversi
solutori. A causa di questa versatilit,
necessario selezionare il solutore che si
intende utilizzare per lanalisi prima di
iniziare la costruzione del modello.
Questa selezione consente ad Hypermesh di
attivare tutte le opzioni che corrispondono al
solutore prescelto, disattivando tutte le altre.
In mancanza di tale selezione o in caso di
selezione errata, il file di dati *.fem generato
dal pre-processore al termine della
costruzione del modello e utilizzato come
input dal solutore non verrebbe generato
correttamente e il calcolo non potrebbe essere
eseguito.
La selezione del solutore pu essere fatta gi
al momento dellapertura di Hypermesh,
mediante il pannello denominato User
Profiles, mostrato a fianco.
Nel nostro caso il solutore da selezionare
Optistruct.
Qualora il pannello User Profiles non comparisse allavvio di Hypermesh, possibile farlo
comparire entrando nel menu Preferences e selezionando User Profiles.

27

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

5. Collectors
Quando si crea una qualsiasi entit in Hypermesh (geometria, elementi, materiali, set di propriet,
carichi o vincoli), questa deve essere inserita allinterno di un contenitore, definito collector.
La procedura corretta consiste nel definire prima il collector e quindi riempirlo creando le entit che
devono appartenergli.
Se lutente si dimentica di definire preventivamente il collector, Hypermesh utilizza un eventuale
collector gi esistente per contenere le entit create o ne definisce automaticamente uno nuovo
dandogli un nome generico.
Per creare un collector necessario premere uno dei seguenti tasti presenti
nella
Toolbar.corrispondenti alle 4 tipologie di collector pi comunemente utilizzate:
Components:
collectors per la geometria e per gli elementi finiti
Materials:
collectors per i materiali
Properties:
collectors per le propriet degli elementi unidimensionali come aste e travi
Load collectors: collectors per i carichi e i vincoli
5.1

Materials collectors

Una volta premuto il tasto nella Toolbar comparir il pannello sottostante

La procedura la seguente:
Selezionare l'opzione create sulla sinistra del men,
Scrivere un nome (name) per il collector
Premere il tasto Type e selezionare il tipo di materiale (Anisotropic. Hortotropic, Isotropic,
etc..)
Premere il tasto create/edit.
Nella maschera che compare inserire i valori di modulo di Young (E), coefficiente di Poisson
(Nu) e densit (Rho) del materiale e premere il tasto return.
Per modificare le propriet di materials collectors gi creati, necessario invece:
Selezionare l'opzione update sulla sinistra del men,
Premere sul tasto giallo e selezionare il collector da aggiornare
Premere il tasto update/edit, modificare i parametri del collector e poi return.
5.2

Properties collectors

Una volta premuto il tasto nella Toolbar comparir il pannello sottostante

La procedura la seguente:
Selezionare l'opzione create sulla sinistra del men,
28

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Scrivere un nome (prop name) per il collector


Scegliere il type (1D,2D,3D) degli elementi che avranno tale propriet.
Premere il tasto card image per scegliere una tipologia di elemento. La tipologia PROD
corrisponde agli elementi asta, la tipologia PBAR agli elementi trave nello spazio, PSHELL
agli elementi piastra. Per le altre tipologie fare riferimento all'help di Hypermesh.
Premere il tasto material per definire il materiale, abbinando al collector uno dei materials
collector precedentemente creati.
Premere il tasto create/edit per introdurre le propriet che caratterizzano il props collector
creato (e.g.: area, momenti di inerzia, ecc.. nel caso di sezioni di travi) all'interno della maschera
grafica che apparir. In particolare per la tipologia PROD (elementi asta) sufficiente inserire
larea A della sezione. Per la tipologia PBAR (elementi travi) necessario inserire larea A
della sezione il momento di interzia I1 rispetto allasse verticale centrale della sezione e il
momento di inerzia I2 rispetto allasse orizzontale centrale della sezione. Se gli assi centrali
orizzontale e verticale della sezione non sono principali, necessario introdurre anche il
momento centrifugo I12.
ATTENZIONE
Per convenzione le sezioni delle travi in Hypermesh sono riferite ad un
sistema di assi locali (y,z), come quelli mostrati in figura. Pertanto il
momento di inerzia I1 corrisponde al momento Izz, mentre il momento di
inerzia I2 al momento Iyy
La procedura per orientare nello spazio lasse y della sezione descritta
nella sezione 7.2.

Per modificare il materiale o il nome abbinati a properties collectors gi creati, necessario:


selezionare l'opzione update sulla sinistra del men,
selezionare il collector premendo il tasto giallo props.
modificare i campi desiderati e premere il tasto verde update/edit,
modificare i parametri e premere il tasto return.
5.3

Components collectors

Una volta premuto il tasto nella Toolbar comparir il pannello sottostante

A questo punto necessario:


Selezionare l'opzione create sulla sinistra del men,
Scrivere un nome (name) per il collector
Scegliere un colore (color)
Scegliere la Property corrispondente agli elementi che saranno contenuti nel collector,
precedenemente creata con il pannello Property Collector.
5.4

Loads collectors

Una volta premuto il tasto nella Toolbar comparir il pannello sottostante

29

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

La procedura la seguente:
Selezionare l'opzione create sulla sinistra del men,
Scrivere un nome (name) per il collector
Scegliere un colore (color)
Premere il tasto create.
Per modificare il il nome o il colore abbinati a load colectors gi creati, necessario:
selezionare l'opzione update sulla sinistra del men,
premere il tasto giallo e selezionare il collector da modificare
modificare i campi desiderati e premere il tasto verde update,
confermare l'aggiornamento spuntando i campi che si vogliono aggiornare nell'elenco che
comparir e premere nuovamente il tasto verde update.
ATTENZIONE: E' necessario definire un collector per ogni tipologia di vincolo o di carico che si
vuole inserire., in quanto il solutore Optistruct non accetta loadcols che contengano al loro interno
carichi di diversa tipologia.
Ad esempio, in un collector contenente i vincoli non possono essere inserite forze concentrate,
momenti concentrati, pressioni o quant'altro, in quanto essi non verrebbero salvati nel file di input
*.fem del solutore e il modello risulterebbe vincolato ma non caricato.

30

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

5.5
Spostamento di entit tra collectors
Durante la costruzione del modello pu succedere di creare alcune entit (geometria, elementi,
carichi o vincoli) all' interno del collector sbagliato, oppure pu essere necessario riorganizzare le
entit in un modo diverso da quello impostato inizialmente.
Hypermesh consente di muovere o copiare entit da un collector ad un altro mediante il tasto
presente nella Toolbar che fa comparire il pannello sottostante.

La procedura la seguente:
Premere il tasto
e selezionare la tipologia di entit che si vuole muovere/copiare (elems,
nodes, lines, surfs, loads, etc..).
Selezionare le entit interessate all'operazione direttamente a video o aiutandosi con il tasto
giallo (Sezione 2.4 di questo documento)
Premere il tasto dest e selezionare il collector di destinazione nell'elenco che comparir
Premere move o copy a seconda che si voglia muovere o copiare le entit selezionate
5.6
Cancellare un collector
Per cancellare un collector necessario utilizzare il comando delete nel men comandi Tool.
Bisogna selezionare la tipologia dellentit che si vuole cancellare, quindi selezionare i nomi dei
collector da cancellare, premere select e confermare con il tasto delete entity.

31

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

5.7
Rendere attivo un collector
Durante la costruzione di un modello pu essere necessario definire pi di un collector dello stesso
tipo. In tal caso si presenta la necessit di selezionare uno di questi collector, per modificarne
contenuto o caratteristiche. Il collector selezionato diventa il current collector.
Per selezionare il current collector si deve selezionare il collector allinterno del Model Browser,
premere il tasto destro del mouse e selezionare la voce Make current.
I collector per i quali pi frequentemente necessario compiere l'operazione di
selezione/deselezione sono i comps (Sezione 5.3) e i loadcols (Sezione 5.4). I primi contengono la
geometria e gli elementi del modello, i secondi carichi e vincoli.
Il collector attivo facilmente individuabile anche nel model browser (Sezione 2.8) in quanto il
suo nome appare scritto in neretto.
E opportuno sottolineare che ogni volta in cui si crea unentit geometrica o un elemento, essi
vengono inseriti nel component collector corrente.
Analogamente ogni volta in cui si definisce un carico o un vincolo, essi vengono inseriti nel load
collector corrente.
E bene, quindi, prestare attenzione a quale sia il collector corrente prima di compiere qualsiasi
operazione, in modo da non dover spostare in seguito le entit create nel collector di destinazione
giusto, come descritto nel paragrafo 5.5.

32

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

6. Geometria
La struttura alla base di qualsiasi modello agli elementi finiti la geometria, in qua nto rappresenta
lo scheletro sul quale vengono successivamente applicati gli elementi, i carichi e i vincoli. Come
descritto nella sezione 3.2 possibile importare la geometria direttamente da software di disegno
quali AUTOCAD e CATIA. Tuttavia pu essere utile e necessario essere in grado di creare semplici
entit geometriche o apportare modifiche a geometrie esistenti direttamente in Hypermesh. Nei
paragrafi successivi sono descritte alcune delle entit che possono essere create o modificate in
Hypermesh.
La creazione di entit geometriche avviene mediante comandi posizionati nel pannello Geom
mostrato sotto.

6.1
Nodi
Le entit alla base della geometria di un modello agli elementi finiti sono i nodi e i punti. E'
possibile generare un nodo mediante il tasto nodes nel men Geom (oppure tasto funzione F8). La
schermata che appare mostrata nella figura sottostante.

Esistono diversi modi per creare i nodi. Ad ogni modo corrisponde una delle opzioni contenute
nella colonna di sinistra della figura soprastante.
I modi pi comuni sono:
Type in:
digitazione diretta delle coordinate nodali (x,y,z) in un dato sistema di riferimento
(system = 0 indica il sistema di riferimento cartesiano di default).
On line :
creazione di uno o pi nodi equidistanti su una linea. Se il numero di nodi uguale a
2, vengono creati agli estremi della linea.
At point:
creazione di un nodo in corrispondenza di un punto gi esistente.
Per le altre opzioni fare riferimento all'help di Hypermesh.
ATTENZIONE: Una volta ultimata la fase di costruzione della geometria, potrebbe essere
opportuno cancellare tutti i nodi utilizzati per tale costruzione, onde evitare sovrapposizioni con i
nodi generati nella fase di creazione degli elementi. Per dettagli su come cancellare tali nodi si
faccia riferimento alla Sezione 6.6.

33

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

6.2
Linee
Le entit gerarchicamente superiori ai nodi e ai punti sono le linee (comando lines nel pannello
Geom).

Il modo pi diretto per creare una linea scegliendo l'opzione from nodes, selezionando i due nodi
di estremit e premendo il tasto create.
E' possibile selezionare un numero di nodi maggiore di due. In questo caso la linea viene fatta
passare per tutti nodi selezionati nell'ordine con cui sono stati selezionati. Usando l'opzione linear la
linea composta di segmenti rettilinei. Per le altre opzioni si faccia rifeirimento all'help di
Hypermesh.
L'opzione create midline (al posto di from nodes) consente, invece, di disegnare una linea tra due
linee gi esistenti.
6.3
Superfici
Le entit gerarchicamente superiori alle linee sono le superfici (comando surfaces nel pannello
Geom).

Le superfici possono essere create selezionando le linee che ne definiscono il perimetro oppure i
nodi (o i punti) che ne rappresentano gli spigoli,. Selezionando lopzione spline /filler e quindi
selezionando linee o nodi di contorno.
Per il significato delle altre opzioni fare riferimento alla documentazione di Help in linea di
Hipermesh.
6.4
Raccordi
Per raccordare automaticamente due linee che formano un vertice in corrispondenza di un nodo
esiste il sotto-pannello fillet (mostrato sotto) nel pannello lines nella pagina Geom.

Per compiere loperazione necessario inserire il valore del raggio del raccordo nella casella radius
e selezionare con il mouse a video le due linee incidenti nello stesso nodo. Lopzione trim original
lines consente di cancellare il tratto non pi valido delle linee raccordate.

34

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

6.5
Cerchi e archi
Per disegnare un cerchio necessario premere il tasto circles nel pannello Geom. Il pannello che
compare mostrato sotto.

Per definire un cerchio possibile selezionare diverse metodologie. Per quanto riguarda la prima
(center & radius ) necessario selezionare il nodo corrispondente al centro del cerchio, definire il
raggio del cerchio (radius) e infine definire il vettore (Sez. 2.4) normale al piano di giacitura del
cerchio nello spazio.
Mediante il tasto
posizionato nella parte superiore del pannello possibile scegliere se tracciare
un cerchio (circle) o soltanto un arco (arc). Se si seleziona lopzio ne arc, possibile inerire
lampiezza dellarco in gradi (deg). Di default larco viene tracciato in senso antiorario partendo dal
punto posizionato a sinistra del centro. E possibile definire un diverso punto di inizio di
tracciamento dellarco (opzione offset) inserendo un angolo (in gradi) di offset.
6.6
Cancellazione entit geometriche
Per cancellare le entit geometriche create esiste il comando delete nella pagina comandi Tools.
Mediante tale comando possibile cancellare punti, linee e superfici. La procedura la seguente:
- selezione del tipo di entit da cancellare
- selezione delle entit da cancellare
- pressione del tasto delete entity.
Dopo aver cancellato qualsiasi entit, possibile annullare loperazione premendo il tasto reject.
Al limite possibile cancellare tutto il modello, premendo il tasto delete model.

La cancellazione dei nodi, creati nel corso della costruzione del modello, invece possibile
mediante il comando temp nodes nel pannello comandi Geom.

La procedura richiede la selezione dei nodi che si voglio cancellare e quindi la pressione del tasto
clear.
E opportuno sottolineare che solo i nodi non appartenenti ad alcun elemento possono essere
cancellati.
E possibile cancellare tutti i nodi non appartenenti ad alcun elemento premendo il tasto clear all.

35

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

7. Elementi 1D
Per inserire nel modello elementi finiti uni-dimensionali (aste e travi) necessario entrare nel
pannello comandi 1D, mostrato nella Figura sottostante.

Prima di iniziare la creazione degli elementi bene verificare, premendo il tasto elem types quale
sia il modello di elemento associato a ciascun tipo di elemento. Per esempio nel caso di elementi
unidimensionali con 1 grado di libert nodale in direzione assiale (rods), potrebbero essere associati
sia il modello dellelemento asta (CROD) sia il modello dellelemento saldatura (CWELD).
Se ci si dimenticasse di selezionare il tipo di elemento corretto prima di creare gli elementi sempre
possibile modificare il tipo dellelemento creato mediante il comando config edit presente sempre
nel pannello 1D.
Per cancellare elementi 1D si usa sempre il comando delete nel men comandi Tools. Per la
procedura si faccia riferimento al Par. 6.6, relativo alla cancellazione di entit geometriche.
7.1
Elemento asta (CROD)
Gli elementi asta(CROD) possono essere creati mediante il comando rods nel pannello 1D. Nella
figura sottostante mostrato il pannello del comando rods e le varie opzioni a disposizione
dellutente.

Per creare un elemento asta necessario attivare lopzione create, quindi associare allelemento una
property, cio un properties collector precedentemente creato (Par. 5.2)e infine selezionare i due
nodi di estremit con i tasti gialli node, presenti nel pannello.
E possibile modificare un elemento gi esistente mediante lopzione update.
7.2
Elemento trave (CBAR)
Gli elementi trave (CBAR) possono essere creati mediante il comando bars nel pannello 1D. Nella
figura sottostante mostrato il pannello del comando bars e le varie opzioni a disposizione
dellutente.

36

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Prima di tutto bisogna selezionare lopzione bar2 o bar3 a seconda che si voglia creare un
elemento a 2 o a 3 nodi.
Quindi necessario selezionare a video con il mouse i nodi per i quali si vuole far passare
lelemento (node A, node B e eventuale node C). E necessario, inoltre selezionare nella casella
property, il properties collector (Sez. 5.2) precedentemente definito e contenente le informazioni
sulla geometria della sezione (Area e momenti di interzia) e sul materiale.
Lultimo parametro da definire un vettore (Par. 2.4), che indichi lorientamento nello spazio
dellasse orizzontale della sezione della trave. Senza tale informazione, infatti, non possibile
orientare nello spazio la sezione della trave e quindi i momenti di inerzia I1 e I2 definiti nel
properties collector (Par. 5.2).
7.3
Mesh automatica
E possibile generare una mesh con pi di un elemento per linea usando il comando line mesh nel
pannello 1D.

Le operazioni da compiere sono le seguenti:


- selezionare a video le lines su cui si vuole eseguire la mesh
- scegliere la dimensione degli elementi (element size )
- scegliere il tripo di elemento (element config)
- associare agli elementi un set di propriet creato precedentemente (property)
- premere il tasto mesh.
A questo punto si apre un secondo pannello mediante il quale loperatore ha la possibilit di
modificare la densit della mesh (density) rendendola se necessario non uniforme (biasing).
Una volta apportate le eventuali modifiche si conferma loperazione premendo il tasto return.

37

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

8. Elementi 2D
8.1
Mesh manuale
In Hypermesh possibile generare gli elementi 2D uno per volta, purch esistano gi nel modello i
nodi di spigolo, mediante il pannello 2D.

E necessario selezionare il comando edit element nel pannello 2D. Il men comandi mostrato qui
sotto.

Per creare lelemento desiderato, bisogna selezionare lopzione create a sinistra, scegliere la
tipologia di elemento 2D da generare: tria per elemento triangolare, quad per elemento
quadrangolare, e quindi selezionare a video con il mouse i nodi (node list) di vertice dellelemento.
Una volta ultimata la selezione dei nodi, lelemento viene creato automaticamente senza bisogno di
conferme da parte delloperatore.
8.2
Mesh automatica
Quando le superfici da meshare sono estese e per ogni superficie necessario utilizzare un elevato
numero di elementi, la meshatura manuale non conveniente in quanto richiede lunghi tempi di
esecuzione.
In Hypermesh possibile eseguire la meshatura automatica delle superfici, mediante il comando
automesh (vedere immagine sotto) nel pannello 2D.

E necessario selezionare lopzione size and bias a sinistra, quindi definire le dimensioni (element
size) degli elementi e la loro forma (mesh type ). Una volta definiti i parametri della mesh
necessario selezionare a video le superfici (surfs) da meshare e premere il tasto verde mesh.
A seguito della pressione del tasto, comparir la maschera rappresentata qui sotto, mediante la quale
possibile correggere alcuni parametri della mesh, impostati precedentemente. Se nessuna modifica
dei parametri necessaria, sufficiente premere di nuovo il tasto verde mesh e quindi il tasto
return.
38

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

8.3
Normali degli elementi e delle superfici
Ogni elemento bidimensionale piano ed definito da una normale. Il verso della normale
allelemento 2D molto importante, in quanto definisce il verso di applicazione di una pressione
positiva agente sullelemento. Per esempio, nel caso di un elemento shell nel piano (x,y) avente
normale parallela e concorda con lasse z. Se su tale elemento agisce una pressione (riferimento Par.
9.2 Pressioni) positiva, significa che essa agisce nel verso concorde alla normale e quindi allasse z.

Al momento della generazione degli elementi 2D non si ha il controllo sullorientazione delle


normali. Pertanto necessario controllarne lorientazione dopo la creazione della mesh. Per farlo si
pu utilizzare il comando normals (mostrato sopra) nel pannello Tool.
A seconda che si voglia verificare la normale di elementi o superfici si deve:
- selezionare lopzione elements o surfs in alto a sinistra.
- selezionare il metodo di visualizzazione delle normali: un vettore (vector display normals) o un
colore (color display normals). Nel primo caso comparir sul video una freccia orientata come la
normale, nel secondo caso le due facce dellelemento si coloreranno di blu e di nero. Secondo la
convenzione scelta da Hypermesh, la normale uscente dalla faccia nera e entrante dalla faccia blu.
- scegliere a video i comps o gli elementi (elems) o le superfici (surfs) per i quali visualizzare la
normale e premere display normals.
Una volta visualizzate le normali degli elementi, possibile orientare tutti gli elementi secondo un
elemento guida. Per farlo sufficiente attivare il tasto giallo elem posto sotto la scritta orientation,
selezionare un elemento di riferimento a video e infine premere il tasto adjust normals. Solo gli
elementi connessi allelemento di riferimento saranno modificati. Gli altri resteranno invariati.
8.4
Equivalenza dei nodi al contorno.
Durante la meshatura di superfici (o linee) in fasi successive pu accadere che sullo spigolo di due
superfici adiacenti vengano disposte due file di nodi sovrapposti. Se le due file di nodi non vengono
modificate, come se in corrispondenza di tale spigolo ci sia una cricca superficiale di lunghezza
pari alla lunghezza dello spigolo.
Per ristabilire la continuit strutturale degli elementi, possibile utilizzare il comando edges,
mostrato sotto, nel pannello Tool.

39

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

Mediante tale comando possibile innanzi tutto visualizzare gli spigoli (edges) liberi del modello,
selezionando a video i componenti (comps ) o gli elementi (elems ) su cui eseguire il controllo e
quindi premere il tasto verde find edges. Gli spigoli liberi saranno inclusi in un collector generato
automaticamente da Hypermesh di nome ^edges e saranno visualizzati a video come segmenti di
colore rosso.
Se risultano spigoli liberi laddove dovrebbe esserci continuit strutturale, necessario eseguire
loperazione di equiva lenza. Bisogna selezionare la tolleranza (tolerance) al di sotto della quale due
nodi vicini devono essere considerati coincidenti da Hypermesh e quindi eseguire loperazione
premendo il tasto verde equivalence.

40

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

9. Carichi e vincoli / load collectors


9.1
Forze e momenti
In Hypermesh possibile creare le forze esterne agenti su un modello ad elementi finiti mediante il
pannello forces nella pagina comandi Analysis.
E anche possibile introdurre coppie concentrare mediante il comando moments nella pagina
comand i Analysis.
In entrambi i casi, la procedura da seguire la seguente:
- selezionare lopzione create in alto a sinistra del pannello.
- Selezionare il load type FORCE per le forze e MOMENT per i momenti.
- Selezionare il nodo o i nodi in corrispondenza dei quali si vuole applicare la forza
(coppia).
- Definire modulo, direzione e verso del vettore forza (coppia) che si intende creare
(per i dettagli andare sotto)
- Scegliere le dimensioni (uniform size , magnitude %) del vettore che rappresenter
graficamente sul modello la forza (coppia) creata..
Il vettore forza pu essere definito in due modi alternativi:
1. definendo il vettore (vector) in termini di modulo (constant vector) e di versore.
2. definendo direttamente le componenti (constant components) della forza lungo i tre assi
x,y e z del sistema di riferimento (il sistema globale di default).
Nelle due immagini sottostanti mostrato laspetto del pannello del comando forces (il pannello
moments identico) per ciascuno dei due modi:

La selezione di uno dei due modi sopra descritti pu essere fatta premendo il tasto

posizionato

al di sotto del tasto


sul pannello del comando.
Per aggiornare forze (coppie) gi create precedentemente sufficiente selezionare lopzione update
in alto a sinistra nel pannello e poi seguire la procedura descritta per la creazione.

41

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

9.2
Pressioni
In Hypermesh possibile applicare carichi di pressione sulle superfici dei corpi mediante il
pannello pressures presente nella pagina comandi Analisys.
E possibile creare la pressione su superfici (surfs) o su elementi (elems ). E necessario definire il
modulo della pressione usando la casella magnitude . Se la pressione non agisce normalmente alla
superficie o allelemento necessario definire il vettore (Par. 2.4) lungo il quale essa agisce.

9.3
Vincoli
Affinch il modello creato non sia labile, necessario vincolare alcuni dei suoi gradi di libert
imponendo degli spostamenti o delle rotazioni assegnate. In Hypermesh possibile eseguire questo
tipo di operazioni nella pagina comandi Analysis mediante il pannello constraints, mostrato nella
figura sottostante.

Per creare un vincolo la procedura la seguente:


- scegliere lopzione create in alto a sinistra.
- scegliere il load type SPC
- selezionare i nodi (nodes) in corrispondenza dei quali si vuole creare il vincolo
- selezionare i gradi di libert (dof) che si vogliono bloccare assegnando il valore che
si vuole imporre (solitamente zero, come appare di default nel men del comando).
- Scegliere le dimensioni (size ) del simbolo triangolare che comparir nel modello in
corrispondenza dei nodi vincolati
- Premere il tasto create.
In un riferimento cartesiano lordine dei gradi di libert (dof) il seguente:
dof1: spostamento lungo x,
dof2: spostamento lungo y,
dof3: spostamento lungo z,
dof4: rotazione attorno a x,
dof5: rotazione attorno a y,
dof6: rotazione attorno a z.
Per modificare un vincolo gi creato sufficiente scegliere lopzione update in alto a sinistra e
eseguire la stessa procedura indicata per la creazione.

42

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

9.4
Cancellazione di vincoli e carichi
Per cancellare vincoli e carichi si usa sempre il pannello delete nella pagina comandi Tools.
La procedura la seguente:
- selezione del tipo di entit da cancellare
- selezione delle entit da cancellare
- pressione del tasto delete entity.
Dopo aver cancellato qualsiasi entit, possibile annullare loperazione premendo il tasto reject.
Al limite possibile cancellare tutto il modello, premendo il tasto delete model.

43

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

10. Load Step


I load collectors di carichi e di vincoli definiti nel database non sono automaticamente usati per
lanalisi. Affinch vengano inclusi nel file di input del solutore, i load collectors devono essere
inseriti nei cosiddetti load steps . Un load step una combinazione di vincoli e di carichi per i quali
il solutore determiner il comportamento del sistema.
La definizione del subcase possibile con il comando loadsteps presente nel men comandi
Analysis.

Se il solutore utilizzato Optisctruct, ogni load step deve essere formato da un load collector di
carichi (LOAD) e da un load collector di vincoli (SPC).
E necessario innanzi tutto assegnare un nome (name) al load step, quindi, inserire i load collector
di vincoli e carichi premendo
i tasti a destra delle scritte SPC e LOAD.
E possibile definire pi di un load step. Il solutore eseguir il calcolo per tutti i load step definiti.

11. Parametri dellanalisi e tipi di output


Affinch il solutore possa eseguire lanalisi necessario definire alcune opzioni dellanalisi stessa.
Tale operazione si compie nel pannello control cards presente nella pagina comandi Analysis.
In particolare necessario selezionare il tasto ANALYSIS per dire al solutore di eseguire unanalisi
del modello. Quindi necessario premere i tasti corrispondenti agli output desiderati per lanalisi.
Per le analisi statiche gli output pi comuni sono:
spostamenti:
DISPLACEMENTS
rotazioni:
ROTATIONS
reazioni vincolari:
SPCF
tensioni:
STRESS
deformazioni:
STRAIN
Dal momento che non tutti i tasti riescono ad essere visualizzati contemporaneamente nel pannello,
possibile scorrere lelenco alla ricerca di quelli desiderati, mediante i tasti next e prev.

12. File di dati *.fem


Di particolare interesse il file di dati *.fem nel quale sono contenute tutte le informazioni
necessarie al solutore per assemblare il modello scrivere il sistema di equazioni di equilibrio da
risolvere. Tale file di dati, infatti, scritto in formato ASCII ed quindi accessibile alloperatore
mediante apertura con un word processor (MS Word o Blocco Note). Ogni riga del file contiene
uninformazione del modello inserita in Hypermesh attraverso linterfaccia grafica.
Il file *.fem pu essere creato a parte dalloperatore seguendo la procedura descritta nella Sez. 3.3
di questo manuale, oppure si pu lasciare che venga creato automaticamente da Hypermesh prima
dellesecuzione dellanalisi come descritto nella Sez. 13 di questo report.
44

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

13. Esecuzione delle analisi


Per eseguire le analisi con il solutore necessario il comando Optistruct nel Pull-Down Menu
denominato Applications oppure premendo il tasto Optistruct nella pagina Analysis.

Innanzi tutto necessario assegnare nome e percorso al file di dati *.fem, che rappresenta linput
per il solutore Optistruct. Questa operazio ne si compie mediante il tasto save as.
Quindi si definiscono le export options , selezionando all per vuole eseguire lanalisi di tutto il
modellom quindi le run options analysis per eseguire una singola analisi.
A questo punto si pu premere il tasto verde Optistruct per iniziare il calcolo.
NB: Se un file *.fem esiste gi nella cartella di destinazione il codice chiede conferma alloperatore
prima di sovrascrivere il file vecchio con quello nuovo.

14 .Visualizzazione dei risultati


Per visualizzare il risultato del calcolo necessario, prima di tutto, selezionare il file di risultati
(Par. 3.4) quindi entrare nel pannello Post, mostrato qui sotto.

La tecnica di visualizzazione pi comune nel FEM luso di una scala graduata di colori per
rappresentare sul modello la variazione di una certa variabile selezionata. Tale tecnica di
visualizzazione attivabile premendo il tasto contour nel pannello Post.

Il modo pi semplice per visualizzare il risultato necessario selezionare il load step (simulation) e
la variabile da visualizzare (data type ), quindi premere il tasto verde contour. Sul modello
compariranno delle frange colorate e in alto a sinistra dello schermo comparir una tabella con una
scala graduata che indica la corrispondenza tra il colore visualizzato e il corrispondente valore della
variabile.
Se si desidera conoscere con precisione un valore in corrispondenza di un nodo sufficiente
posizionare il prompt del mouse sul nodo e premere il tasto sinistro.

45

Introduzione ad Hypermesh e Optistruct - Analisi statiche - Elementi 1D e 2D

APPENDICE A - Calcolatrice
Nel corso della costruzione di un modello ad elementi finiti con Hypermesh necessario introdurre
diversi parametri allinterno di apposite celle destinate ad accoglierli. Selezionando la cella con un
clic del mouse possibile inserire direttamente da tastiera il dato richiesto.
Hypermesh inoltre dotata di una calcolatrice per il calcolo di parametri il cui valore non sia noto.
Per accedere alla calcolatrice, mostrata qui a fianco, sufficiente fare un doppio clic con il mouse in
corrispondenza della cella dove il dato dovr essere inserito.

Per eseguire unoperazione di somma/sottrazione/moltiplicazione/divisione bisogna prima scrivere


il primo numero, quindi premere enter, scrivere il secondo numero e premere il tasto delloperatore
che si vuole utilizzare.
Per eseguire operazioni complesse con i tasti a sinistra del pannello bisogna prima scrivere il
numero su cui si vuole compiere tale operazione e poi il tasto delloperatore.
Una volta eseguito il calcolo, sufficiente premere il tasto enter e quindi il tasto exit per chiudere
la calcolatrice e inserire automaticamente nella cella il risultato del calcolo presente sul display
della calcolatrice stessa.

46