Sei sulla pagina 1di 2

IL DNA E LE SUE FUNZIONI

Lacido DESOSSIRIBONUCLEICO (DNA) un acido nucleico che contiene le informazioni genetiche


necessarie alla biosintesi di RNA e proteine, molecole indispensabili per lo sviluppo ed il corretto
funzionamento della maggior parte degli organismi viventi. Dal punto di vista chimico, il DNA
un polimero organico costituito da monomeri chiamati nucleotidi (deossiribonucleotidi). Tutti i nucleotidi sono
costituiti da tre componenti fondamentali: un gruppo fosfato, il deossiribosio (zucchero pentoso) e una base
azotata che si lega al deossiribosio con legame N-glicosidico. Le basi azotate che possono essere utilizzate
nella formazione dei nucleotidi da incorporare nella molecola di DNA sono
quattro: adenina, guanina, citosina e timina. Il DNA pu essere pi correttamente definito come una doppia
catena polinucleotidica (A,T,C,G), antiparallela, orientata, complementare, spiralizzata, informazionale.
L'ordine nella disposizione sequenziale dei nucleotidi costituisce l'informazione genetica, la quale tradotta
con il codice genetico negli amminoacidi corrispondenti. La sequenza amminoacidica prodotta,
detta polipeptide, forma le proteine. Il processo di traduzione genetica (comunemente chiamata sintesi
proteica) possibile solo in presenza di una molecola intermedia di RNA, che generata per
complementarit con le quattro basi dei nucleotidi del DNA in un processo noto come trascrizione. Tale
processo non genera solo filamenti di RNA destinati alla traduzione, ma anche frammenti gi in grado di
svolgere svariate funzioni biologiche (ad esempio all'interno dei ribosomi, dove l'RNA ha una funzione
strutturale). L'informazione genetica duplicata prima della divisione cellulare, attraverso un processo noto
come replicazione del DNA, che evita la perdita di informazione nel passaggio tra diverse generazioni
cellulari. Negli eucarioti, il DNA si complessa all'interno del nucleo in strutture chiamate cromosomi. Negli
altri organismi, privi di nucleo, esso pu essere organizzato in cromosomi o meno (nei batteri presente
un'unica molecola di DNA circolare a doppia catena, mentre i virus possono avere genomi a DNA oppure
ad RNA. Queste strutture guidano l'interazione tra il codice genetico e le proteine responsabili della
trascrizione, contribuendo al controllo della trascrizione genica

La Struttura del DNA


La molecola del DNA costituita da due catene polinucleotidiche avvolte intorno allo stesso asse, in modo
da formare una La molecola presenta tre caratteristiche importanti.
1) Le due catene sono complementari e antiparallele;
2) I legami tra i nucleotidi allinterno di ciascuna catena sono legami covalenti, mentre quelli che uniscono i
due filamenti appaiati sono legami e idrogeno;
3) lelica ha diametro costante e avvolgimento destrogiro
Ogni catena o filamento del DNA formata da una sequanza di nucleotidi uniti mediante legami covalenti tra
il gruppo fosfato di un neoclotide e il carbonio. I legami covalenti si formano tra consendazione tra un gruppo
ossidrile del desossiribosio e un gruppo fosforico. Infatti ogni nucleotide della catena forma legami con altri
due nucleotidi. Pertanto le due catene sono identiche, parallele e antiparallele.

La Doppia Elica
La molecola del DNA ha la forma di una doppia elica: possiamo immaginarla come una scala a pioli, in cui i
montanti sono formati da gruppi fosfato e zuccheri alternati e ogni scalino corrisponde a una coppia di basi.

La Duplicazione del DNA


La Duplicazione il meccanismo molecolare attraverso cui viene prodotta una copia del DNA cellulare. Ogni
volta che una cellula si divide, infatti, l'intero genoma deve essere duplicato per poter essere trasmesso alla
progenie (tramite mitosi o meiosi). Il meccanismo della replicazione complesso e richiede l'intervento di
numerosi enzimi e di proteine iniziatrici. Il processo di replicazione del DNA si definisce semiconservativo: il
doppio filamento di DNA parentale funge da stampo per la sintesi di due filamenti figli complementari.

La Trascrizione del DNA


LA TRASCRIZIONE il processo mediante il quale le informazioni contenute nel DNA vengono
trascritte enzimaticamente in una molecola complementare diRNA. Concettualmente, si tratta del
trasferimento dell'informazione genetica dal DNA all'RNA. Nel caso in cui il DNA codifichi una proteina, la
trascrizione l'inizio del processo che porta, attraverso la produzione intermedia di un mRNA,
alla sintesi di peptidi o proteine funzioni
La trascrizione presenta un meccanismo di controllo della fedelt (o proofreading), ma esso molto meno
efficace di quelli legati alla replicazione del DNA; lo stesso meccanismo di sintesi dell'RNA, nel quale
l'enzima RNA polimerasi ha un ruolo centrale, comporta un numero di errori decisamente maggiore