Sei sulla pagina 1di 26

Le decisioni di consumo III

Scelta
Nadia Burani
Universit di Bologna

A.A. 2014/15

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

1 / 26

In sintesi

Statica comparata
come varia la scelta del consumatore a fronte di variazioni della
ricchezza
come varia la scelta del consumatore a fronte di variazioni dei prezzi
relativi

Equazione di Slutsky
propriet delle funzioni di domanda

Un approccio alternativo alle decisioni di consumo


le preferenze rivelate

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

2 / 26

Statica comparata: variazioni del reddito

Due soli beni K = 2, con k, l = 1, 2 e !k che denota laltro bene


rispetto a k.
Come cambia la domanda walrasiana dei due beni quando i prezzi
sono ssi e varia la ricchezza del consumatore?
Curva reddito-consumo CRC luogo geometrico dei panieri che risolvono il
PMU per diversi valori di w
Curva di Engel descrive la relazione tra la ricchezza w e la domanda
x (p, w ) a prezzi costanti

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

3 / 26

Statica comparata: variazioni del reddito


Elasticit della domanda del bene k rispetto al reddito w
hk =

xk (p, w )
w
w
xk (p, w )

Relazione tra CRC ed elasticit rispetto al reddito della domanda:


Se la CRC (cos come la curva di Engel) una retta che passa per
lorigine, la domanda di ciascun bene ha elasticit al reddito unitaria: si
consuma la stessa proporzione di ciascun bene per ogni livello di
reddito.
Se la CRC positivamente inclinata ma curvata verso un bene signica
che allaumentare del reddito aumenta la quantit consumata di
entrambi i beni ma proporzionalmente pi di uno (bene di lusso con
h k > 1) che dellaltro (bene necessario con 0 " h !k < 1)
Se la CRC curvata allindietro signica che un aumento del reddito
comporta la riduzione del consumo di un bene e si tratta di un bene
inferiore con h k < 0.
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

4 / 26

Statica comparata: variazioni dei prezzi relativi


Come cambia la domanda walrasiana quando varia pk con k = 1, 2 e
gli altri parametri sono ssi?
Curva prezzo-consumo CPC luogo geometrico dei panieri che risolvono il
PMU per diversi valori di pk
Elasticit incrociata della domanda del bene l rispetto al prezzo
dellaltro bene pk
#l ,k =

xl (p, w )
pk
pk
xl (p, w )

Relazione tra CPC (Oer curve) ed elasticit incrociata:


Se la CPC ha pendenza negativa, si tratta di beni sostituti lordi e
lelasticit incrociata positiva #l ,k > 0.
Se la CPC ha pendenza positiva, si tratta di beni complementi lordi e
#l ,k < 0.1
1 Le denizioni di beni sostituti o complementi netti fanno riferimento allelasticit
incrociata della domanda hicksiana anzich walrasiana.
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

5 / 26

Equazione di Slutsky
Una variazione nei prezzi ha un duplice eetto sul comportamento del
consumatore:
si altera il costo relativo dei diversi beni: ceteris paribus, i consumatori
saranno pi propensi ad acquistare i beni che diventano relativamente
meno cari (eetto di sostituzione)
cambia la ricchezza reale del consumatore: laumento del prezzo di un
bene impoverisce i consumatori di quel bene (eetto di reddito)

LEquazione di Slutsky permette di isolare i due eetti


ET = ES + ER
e stabilisce qual la pendenza della domanda walrasiana e qual la
relazione tra la pendenza della domanda walrasiana e quella della
domanda compensata.

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

6 / 26

Equazione di Slutsky

Equazione di Slutsky Sia u (#) una funzione di utilit continua che


rappresenta preferenze strettamente convesse, e localmente
nonsaziate. Allora per ogni (p, w ) e per u = v (p, w ) si ha
xl (p, w )
h (p, v (p, w )) xl (p, w )
= l
!
xk (p, w )
p
pk
w {z
}
{z
}|
| {zk } |
ET

ES

ER

per ogni k, l = 1, ...K , dove

%
hl (p, v (p, w ))
hl (p, u ) %%
=
pk
pk %u =v (p,w )
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

7 / 26

Equazione di Slutsky
Dimostrazione Sia u = v (p, w ) . Si consideri lidentit
hl (p, u ) $ xl (p, e (p, u )) . Dierenziando entrambi i lati
rispetto a pk
hl (p, u )
x (p, e (p, u )) xl (p, e (p, u )) (e (p, u ))
= l
+
.
pk
pk
e (p, u )
pk
Visto che u = v (p, w ) e e (p, v (p, w )) = w possiamo
riscrivere
x (p, w ) xl (p, w ) (e (p, u ))
hl (p, u )
= l
+
pk
pk
w
pk
(e (p,u ))

Dal Lemma di Shephard pk = hk (p, u ) e inoltre


hk (p, v (p, w )) = xk (p, w ) , quindi
hl (p, u )
x (p, w ) xl (p, w )
= l
+
xk (p, w ) .
pk
pk
w
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

8 / 26

Equazione di Slutsky

La quantit
xl (p, w ) xl (p, w )
+
xk (p, w )
pk
w
rappresenta il termine lk della matrice di sostituzione di Slutsky.
La matrice di sostituzione di Slutsky una matrice di dimensioni
K % K che si denota con
2
3
s11 (p, w ) # # # s1K (p, w )
6
7
..
..
..
S (p, w ) = 4
5.
.
.
.
sK 1 (p, w ) # # # sKK (p, w )
I suoi termini rappresentano gli eetti di sostituzione.

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

9 / 26

Equazione di Slutsky
Esempio Funzione di utilit CES. Si consideri la variazione della
domanda del bene 1 rispetto alla variazione del suo prezzo.
La domanda walrasiana
del bene 1 data da
wp r !1
x1 (p, w ) = p r +1 p r .
1

Derivando rispetto a p1 si ha
wp1r !2 ((r ! 1) p2r ! p1r )
x1 (p, w )
=
p1
(p1r + p2r )2
mentre derivando rispetto a w e moltiplicando per x1 (p, w )
si ottiene
2 (r !1 )

wp1
x1 (p, w )
x1 (p, w ) =
w
(p1r + p2r )2
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

10 / 26

Equazione di Slutsky
Esempio Funzione di utilit CES. La funzione di domanda hicksiana
up r !1
del bene 1 data da h1 (p, u ) = r 1r r !1 che derivata
(p 1 +p 2 )

rispetto a p1 d

u (r ! 1) p1r !2 p2r
h1 (p, u )
=
2r !1
p1
(p1r + p2r ) r
Sostituendo al posto di u la funzione di utilit indiretta
1
v (p, w ) = w (p1r + p2r )! r si ha
w (r ! 1) p1r !2 p2r
h1 (p, v (p, w ))
=
p1
(p1r + p2r )2

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

11 / 26

Equazione di Slutsky
Esempio Funzione di utilit CES. Dunque
w (r ! 1) p1r !2 p2r
h1 (p, v (p, w ))
=
p1
(p1r + p2r )2
e
x1 (p, w ) x1 (p, w )
+
x1 (p, w )
p1
w

wp1r !2 ((r ! 1) p2r ! p1r )

2 (r !1 )

wp1

(p1r + p2r )2
(p1r + p2r )2
w (r ! 1) p1r !2 p2r
h1 (p, v (p, w ))
=
=
2
r
r
p1
(p1 + p2 )

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

12 / 26

Equazione di Slutsky
Nel caso di una variazione del prezzo dello stesso bene, lequazione di
Slutsky si scrive come
xk (p, w )
h (p, u ) xk (p, w )
= k
!
xk (p, w )
pk
pk
w
Quando varia un prezzo, la domanda compensata h (p, u ) stabilisce
come varia la quantit domandata quando la ricchezza del
consumatore si aggiusta in modo fargli raggiungere la stessa utilit u
Partendo da una situazione iniziale (p, w ) se i prezzi diventano p 0 , la
compensazione della ricchezza di Hicks data da
DwHicks = e (p 0 , u ) ! w
x (p,w )

Cosa possiamo dire sul segno di kpk ovvero sulla pendenza della
domanda walrasiana del bene k?
h (p,u )
Dobbiamo sapere qualcosa sul segno di kpk ovvero sulla pendenza
della domanda compensata del bene k
ma la domanda compensata non osservabile perch dipende da u
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

13 / 26

Propriet delle funzioni di domanda compensata


Propriet delle funzioni di domanda compensata: discendono dal
Lemma di Shephard e dalle propriet della funzione di spesa e (p, u )

(i ) Vale la legge della domanda compensata: leetto della


variazione del prezzo di un bene sulla domanda
compensata di quel bene non-positivo, ovvero
hk (p, u )
2 e (p, u )
=
"0
pk
pk2
essendo e (p, u ) concava in p ed essendo la matrice
delle derivate seconde (hessiana) di e (p, u ) semidenita
negativa.2
2 Condizione necessaria anch una matrice sia semidenita negativa che gli
elementi lungo la diagonale principale siano non positivi.
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

14 / 26

Propriet delle funzioni di domanda compensata


Propriet delle funzioni di domanda compensata:
)
semidenita
(ii ) La matrice dei termini di sostituzione hlp(p,u
k
negativa perch lhessiana di e (p, u ) semidenita negativa.

(iii ) La matrice dei termini di sostituzione

h l (p,u )
p k

simmetrica

hl (p, u )
2 e (p, u )
2 e (p, u )
h (p, u )
=
=
= k
pk
pk pl
pl pk
pl
essendo la matrice delle derivate seconde (hessiana) di
e (p, u ) simmetrica.
(iv ) Quindi la matrice di sostituzione di Slutsky i cui termini sono
slk (p, w ) =

xl (p, w ) xl (p, w )
+
xk (p, w )
pk
w

simmetrica e semidenita negativa.


Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

15 / 26

Propriet delle funzioni di domanda compensata


Propriet delle funzioni di domanda compensata:
(v ) Visto che h (p, u ) omogenea di grado zero nei prezzi, dalla
formula di Eulero3 discende che
K

l =1

hk (p, u )
pl = 0
pl

Due beni k ed l si dicono sostituti netti (complementi netti)


h (p,u )
h (p,u )
in corrispondenza di (p, u ) se kpl ' 0 (se kpl " 0).
h k (p,u )
p k
h k (p,u )
'
0:
p l

Dato che
che
netto.

" 0, ci deve essere almeno un bene l tale

ogni bene deve avere almeno un sostituto

3 Sia f (x , ..x ) una funzione dierenziabile e omogenea di grado r , ovvero


1
K
f (ax1 , .., axK ) = ar f (x1 , ..xK ) per ogni a > 0. La formula di Eulero stabilisce che
K

f (x1 , ..xK )
xk = rf (x1 , ..xK )
xk
k =1
in corrispondenza di qualsiasi vettore x .

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

16 / 26

Propriet delle funzioni di domanda walrasiana


Come cambia la domanda walrasiana di un bene quando varia il
prezzo di quel bene?
Legge della domanda Si supponga che u (#) sia una funzione di utilit
continua che rappresenta delle preferenze % razionali,
localmente nonsaziate e strettamente convesse denite
sullinsieme di consumo X = RK+ . Se un bene normale
allora una diminuzione del suo prezzo causer un aumento
della domanda walrasiana. Se una diminuzione del prezzo
causa una diminuzione della domanda walrasiana allora il
bene inferiore.
Se un bene k normale in corrispondenza di (p, w ) allora la domanda
walrasiana (inversa) del bene k meno negativamente inclinata al
prezzo pk rispetto alla domanda hicksiana (inversa).
Se un bene k inferiore in corrispondenza di (p, w ) allora la domanda
walrasiana (inversa) del bene k pi negativamente inclinata al
prezzo pk rispetto alla domanda hicksiana (inversa).
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

17 / 26

Un approccio alternativo: le preferenze rivelate

La teoria classica della domanda ha un approccio alle decisioni di


consumo basato sulle preferenze
Lapproccio alternativo basato direttamente sulle scelte del
consumatore, ovvero sul suo comportamento
si impongono delle restrizioni di coerenza sulle scelte eettuate dal
consumatore

Dato linsieme di consumo X = RK+ e linsieme di bilancio walrasiano


Bp,w , il problema del consumatore quello di scegliere un paniere di
consumo x allinterno di Bp,w
la scelta x (p, w ) la funzione di domanda walrasiana

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

18 / 26

Un approccio alternativo: le preferenze rivelate

Si assume che la funzione di domanda walrasiana soddis due


propriet:

(i ) omogeneit di grado zero in p e w , ovvero


x (ap, aw ) = x (p, w ) per a > 0
(ii ) Legge di Walras p # x (p, w ) = w

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

19 / 26

Un approccio alternativo: il WARP

WARP La funzione di domanda walrasiana x (p, w ) soddisfa


lassioma debole delle preferenze rivelate (WARP) quando,
per ogni coppia di vettori di prezzi e reddito (p, w ) e
(p 0 , w 0 ) :
,
,
p # x p 0 , w 0 " w e x p 0 , w 0 6= x (p, w ) ) p 0 # x (p, w ) > w 0

Di fronte a (p, w ) il consumatore sceglie x (p, w ) quando anche


x (p 0 , w 0 ) ammissibile.

Allora, se il consumatore sceglie x (p 0 , w 0 ) quando fronteggia


(p 0 , w 0 ) , signica che non pu permettersi di acquistare x (p, w ) .

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

20 / 26

Un approccio alternativo: il WARP

Conseguenze di una variazione nei prezzi sul comportamento del


consumatore:
isoliamo leetto di una variazione nel prezzo relativo dei beni
supponiamo che la variazione nei prezzi sia accompagnata da una
variazione nella ricchezza che consente al consumatore di acquistare il
paniere iniziale ai nuovi prezzi

Il consumatore che fronteggia (p, w ) acquista x (p, w ) . Se i prezzi


diventano p 0 immaginiamo che la ricchezza del consumatore si
aggiusti a w 0 = p 0 # x (p, w ) .

Laggiustamento di reddito Dw = (p 0 ! p ) # x (p, w ) = Dp # x (p, w )


si chiama compensazione della ricchezza di Slutsky.

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

21 / 26

Un approccio alternativo: il WARP


Lassioma WARP equivalente alla legge della domanda compensata
Legge della domanda compensata Se la funzione di domanda walrasiana
x (p, w ) omogenea di grado zero e soddisfa la legge di
Walras, allora x (p, w ) soddifa il WARP se e solo se, per ogni
variazione compensata nei prezzi da una situazione iniziale
(p, w ) a una nuova situazione (p 0 , w 0 ) = (p 0 , p 0 # x (p, w ))
vale:
, 0
- . ,
/
p ! p # x p 0 , w 0 ! x (p, w ) " 0
(LDC)
con diseguaglianza stretta se x (p 0 , w 0 ) 6= x (p, w ) .

Legge della domanda compensata: le quantit domandate e i prezzi si


muovono in direzioni opposte (per variazioni compensate dei prezzi),
ovvero Dp # Dx " 0.
Quando cambia solo il prezzo del bene k, allora se Dpk > 0 deve
essere che Dxk < 0.
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

22 / 26

Un approccio alternativo: il WARP


Se la funzione di domanda walrasiana x (p, w ) dierenziabile, la
LDC pu essere scritta come
dp # dx " 0
dove dp una variazione compensata dei prezzi con
dw = x (p, w ) # dp.
La variazione nella domanda si trova calcolando il dierenziale totale
ed data da
dx
dove

= Dp x (p, w ) dp + Dw x (p, w ) dw
2

6
Dp x (p, w ) = 6
4

Nadia Burani (Universit di Bologna)

x1 (p,w )
p 1

..
.

xK (p,w )
p 1

Le decisioni di consumo III

###
..
.
###

x1 (p,w )
p K

..
.

xK (p,w )
p K

3
7
7
5

A.A. 2014/15

23 / 26

Un approccio alternativo: il WARP

e dove

6
Dw x (p, w ) = 4

x1 (p,w )
w

..
.

xK (p,w )
w

3
7
5

Visto che dw = x (p, w ) # dp, possiamo sostituire e ottenere


h
i
dx = Dp x (p, w ) + Dw x (p, w ) x (p, w )T dp
Quindi dp # dx " 0 diventa
h
i
dp # Dp x (p, w ) + Dw x (p, w ) x (p, w )T dp " 0

Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

24 / 26

Un approccio alternativo: il WARP


Dentro la parentesi quadra c una matrice di dimensioni K % K che
la matrice di sostituzione di Slutsky S (p, w ).
Se la funzione di domanda walrasiana x (p, w ) dierenziabile,
omogenea di grado zero, soddisfa la legge di Walras e il WARP allora
questa matrice semidenita negativa perch soddisfa
v # S (p, w ) v " 0
per ogni vettore v 2 RK .

Un generico elemento della matrice S (p, w ) dato da


slk (p, w ) =

xl (p, w ) xl (p, w )
+
xk (p, w )
pk
w

e descrive leetto di sostituzione.


Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

25 / 26

Un approccio alternativo: il WARP


In particolare, se S (p, w ) semidenita negativa, lungo la diagonale
principale di S (p, w ) vale
xk (p, w ) xk (p, w )
+
xk (p, w ) " 0
pk
w
Leetto di sostituzione per il bene k quando varia il prezzo del bene
stesso sempre negativo.
Un bene pu essere di Gien solo se inferiore:
xk (p, w )
x (p, w )
> 0 =) k
<0
pk
w
Tuttavia, a dierenza dellapproccio classico, la matrice di Slutsky
non necessariamente simmetrica per K > 2.
Lassioma WARP non implica la legge della domanda tout court.
Nadia Burani (Universit di Bologna)

Le decisioni di consumo III

A.A. 2014/15

26 / 26