Sei sulla pagina 1di 5

Gluoni

Ing. Silvano DOnofrio

Sommario
Gluoni ................................................................................................................................................................ 1
Gluoni ............................................................................................................................................................ 2
APPROFONDIMENTI (leggeri) ........................................................................................................................ 3
Plasma di quark e gluoni................................................................................................................................ 5

Da decenni i fisici sanno che particelle chiamate gluoni mantengono integri i protoni e neutroni e
di conseguenza luniverso.
Tuttavia i dettagli di come agiscono i gluoni sono ancora sorprendentemente misteriosi.
Ma cosa sono questi gluoni? E se in un certo senso tengono assieme lintero universo, come fanno?
La prima risposta ce la possiamo dare guardando in noi stessi.
Il nostro corpo materia ed comporto di molecole organiche ed inorganiche, che a loro volta sono
formati da atomi e gli atomi da altre particelle pi piccole che legate tra loro compongono il
contenuto del nucleo: i protoni e neutroni. Mentre i neutroni hanno carica nulla i protoni hanno
carica positiva. Le particelle che li compongono sono i quark.
Ogni protone e ogni neutrone di un atomo contengono tre quark che in qualche modo sono tenuti
insieme. C da dire che oltre a questi tre quark appaiono e scompaiono altre coppie di quark e ad
altre particelle fantasma che emergono e scompaiono misteriosamente.
In sostanza il nostro corpo si mantiene compatto perch in qualche modo i quark sono uniti da una
forza che i fisici chiamano interazione forte o forza nucleare forte. (La forza nucleare forte fu
originariamente ipotizzata da Ettore Majorana).
Ma questa forza resta comunque enigmatica.
Linterazione forte una delle quattro forze fondamentali della natura, insieme alla gravit,
elettromagnetismo e interazione debole.
Di queste quattro forze, linterazione forte di gran lunga la pi intensa ma agisce solo su scale
atomiche.
Se vi state domandando se ora vi faccio una lezione su questa forza vi sbagliate.
Quello che voglio dire per arrivare alla storia dei gluoni, che questa forza agisce in modo
sorprendente e al di fuori delle normali regole che governano lattrazione tra i corpi.
Secondo la meccanica classica la distanza cui pu estendersi leffetto di una forza inversamente
proporzionale alla distanza delle masse. Ovvero si indebolisce con laumentare della distanza, ma
ha una portata infinita. Un corpo sulla Terra risente di una lievissima attrazione da parte di un corpo
sulla Luna, tanto per fare un esempio.
Invece la portata dellinterazione forte non si estende al di fuori dei nuclei degli atomi. E come se
fosse una propriet dovuta a qualcosa altro che risiede nei neutroni e nei protoni e tiene incollati i
quark.
Quindi chi tiene assieme i quark?
Si capisce che linterazione forte non dovuta alla interazione tra le sole masse.
Per farla breve, la teoria corrente (Modello Standard) ci dice che in natura oltre alle particelle
elementari, i quark, elettroni e neutrini, esistono delle particelle speciali che sono i principali
responsabili delle quattro forze fondamentali. Vengono chiamate mediatori di forza.

Gluoni
I gluoni sono particelle, apparentemente prive di massa, che trasmettano la pi intensa forza di tutte
le forze e considerati i mediatori della forza nucleare forte.
La peculiarit dei gluoni e quindi delle interazioni forte dovuta al fatto che sembra che attraggano
i quark con tanta pi intensit quando pi si allontanano. I quark si attraggono in maniera anelastica
a vicenda. Debolmente quando sono vicini, ma su distanze maggiori si attraggono maggiormente in
quanto non si notano quark liberi.
2

Cosa significa che si attraggono in maniera


anelastica?
Possiamo immaginare i quark come collegati da un
elastico o da una molla. Quando i quark sono
vicini lelastico non esercita alcuna interazione e
sui quark non agisce alcuna forza; ma quando si
allontanano la tensione dellelastico li trattiene.
Le cose in realt sono pi complicate.
Lazione elastica, ossia la interazione forte,
esercitata dai gluoni descritta dalla teoria cromodinamica quantistica dal punto di vista
matematico (che tratteremo in altra occasione). Si ritiene che linterazione forte collegata ad una
propriet nota come carica di colore.
Sintetizzando al massimo possiamo dire che sia i quark che i gluoni sono dotati di una carica di
colore (che non altro il cambiamento di aspetto) ogni qual volta quark e gluoni interagiscono.
Non solo i quark si passano i gluoni tra loro per legarsi cambiando colore, ma anche gli stessi
gluoni se ne scambiano.
I fisici pensano che proprio queste interazioni tra gluoni siano alla base del motivo per cui
linterazione forte diventa pi debole da vicino, pi intensa da lontano e essere assente al difuori dei
neutroni e protoni come se fossero confinati nel loro interno.
I fisici pensano che proprio queste interazioni impediscano che i quark dei protoni caricati
positivamente e che tenderebbero a respingersi, vengono tenuti assieme.

APPROFONDIMENTI (leggeri)

Per quelli che sono arrivati fin qui e non sono scappati via aggiungiamo qualcosaltro di molto
interessante, da leggere per capire meglio come funzionano le cose alle dimensioni sub-atomiche.
Nellimaginario classico di un atomo gli elettroni orbitano attorno a un nucleo di protoni e neutroni
formati da tre quark ciascuno ed un numero imprecisato di gluoni.
E fin qui tutto va bene.
La Cromodinamica Quantistica (QCD) ci dice che il numero di quark e gluoni allinterno del
protone pu cambiare notevolmente in quantit variabile svolazzando in giro come farfalle,
comparendo e scomparendo. Si formano anche coppie di quark e antiquark chiamati pioni ed altre
3

particelle chiamate mesoni, anchesse mediatrici della interazione forte, composti da un quark e
antiquark.
Alcune simulazioni fanno ritenere che possano formarsi nuovi adroni esotici (particelle
normalmente formate da quark) chiamate glueball (palle di colla) che contengono esclusivamente
gluoni oppure particelle ibride composte da legami quark-antiquark-gluone. Ultimamente sono state
scoperti tetraquark e pentaqurk, particelle con quattro e cinque quark. Le glueball non sono ancora
state osservate.
Il risultato una schiuma quantica di particelle che appaiono e scompaiono.

Ed ora attenzione perch state per scoprire il bello su questa storia dei misteriosi gluoni.
Succede che quando protoni e neutroni raggiungono velocit estreme i gluoni allinterno dei protoni
si scindono in coppie di nuovi gluoni, ognuno con energia inferiore al genitore. I gluoni figli, a loro
volta, ne generano altri, con energia ancora minore.
Secondo la QCD questo fenomeno potrebbe durare allinfinito, ma sappiamo che non cos.

Se i gluoni continuassero a procreare altri gluoni come una macchinetta di popcorn i protoni
scoppierebbero. In altre parole il protone diventerebbe instabile e collasserebbe. Di conseguenza
lintero universo.
Ed ecco che la natura ci mette una pezza.
Sembra che la natura imponga una specie di soglia massima quando i gluoni diventano molto
numerosi allinterno dei protoni e cominciano a sovrapporsi.
E come se quando il numero dei gluoni aumenta qualcosa li faccia diminuire raggiungendo uno
4

stato stazionario di scissione e ricombinazioni detto saturazione dei gluoni, il che riporta sotto
controllo la macchina per il popcorn.

Plasma di quark e gluoni.


Fin qui abbiamo descritto il contenuto dei neutroni e protoni, cosa succede se i nuclei atomici
collidono a velocit prossime a quella della luce?
Il contenitore dei neutroni e protoni va in frantumi. I quark e gluoni in essi confinati si liberano
creando uno sciame di quark e gluoni che liberano a loro volta lenergia di legame sotto forma di un
plasma.
Questo plasma lo stato esotico della materia pi calda mai creata sulla Terra simile alle condizioni
dellorigine delluniverso.
Ok, io ho finito. Non tutto, ma quasi.
Ora ne sapete abbastanza per avere una buona idea di ci che avviene allinterno dei neutroni e
protoni.
Il mio cane che ha letto tutto mi sembra compiaciuto quasi che mi voglia dire che stavolta anche la
casalinga di Verona abbia capito.
Uhm!