Sei sulla pagina 1di 1

Catullo, Carme VIII Esercizio di comprensione e analisi del testo

Miser Catulle, desinas ineptire,


et quod vides perisse perditum ducas.
fulsere quondam candidi tibi soles,
cum ventitabas quo puella ducebat
amata nobis quantum amabitur nulla.
ibi illa multa cum iocosa fiebant,
quae tu volebas nec puella nolebat,
fulsere vere candidi tibi soles.
nunc iam illa non vult: tu quoque impotens noli,
nec quae fugit sectare, nec miser vive,
sed obstinata mente perfer, obdura.
vale puella, iam Catullus obdurat,
nec te requiret nec rogabit invitam.
at tu dolebis, cum rogaberis nulla.
scelesta, vae te, quae tibi manet vita?
quis nunc te adibit? cui videberis bella?
quem nunc amabis? cuius esse diceris?
quem basiabis? cui labella mordebis?
at tu, Catulle, destinatus obdura.
1) Cosa intende il poeta per ineptire, con laiuto del dizionario analizza etimologicamente il
termine ricostruendo la mappa semantica dei termini ad esso legati.
2) Che figura retorica candidi soles? Prova a darne una traduzione che utilizzi la stessa figura
retorica.
3) Che funzione ha ventitabas rispetto al semplice veniebas?
4) Chi prende liniziativa nella dinamica amorosa secondo il carme?
5) Come spieghi limperativo: noli; cosa intende il poeta?
6) Cosa grammaticalmente sectare e da dove viene?
7) Quale illusoria vendetta si prende il poeta contro la sua donna?
8) Cuius esse diceris? Prova a tradurre il costrutto personale di dicor.
9) Quali gesti e atteggiamenti amorosi che rimandano ai giorni felici del poeta vengono citati
nel testo?