Sei sulla pagina 1di 2

EQUAZIONI COSTITUTIVE DEI BIPOLI



  









    





    






CIRCUITO EQUIVALENTE DI THEVENIN E NORTON

     

    




TEOREMA DI MILLMAN

 

     
 

 





  


CONNESSIONI DI RESISTENZE


 

 

 



TRIANGOLO




 


TRASFORMAZIONE STELLA TRIANGOLO

 

       



 

       



 

       




STELLA

TRASFORMAZIONE TRIANGOLO STELLA

 

 

    

 

 

    

 


 


  


  


MONOFASE - POTENZE

RIFASAMENTO MONOFASE a cos

 

  
  
  
   

      

TRIFASE SIMMETRICO ED EQUILIBRATO



    





CALCOLO POTENZE COMPLESSE


     


INSERZIONE ARON
(sistema simmetrico ed equilibrato)






      








1a legge
      
    


     
     
2a legge



 

    

    
    
         

   


Relazione tra tensioni


concatenate e tensioni di
fase sistema di generatori
simmetrico

Relazione tra corrente di


linea e corrente di fase
(per carico equilibrato a
triangolo)

   

 




PN = CNN (se motore)

Motore CC

Motore CC
Eccitazione separata

Re

Ra

Ia

PN = VaNIaN (se dinamo)

Motore eccitazione serie


Caso lineare:

Iec

u I a M I a

Vecc Recc I ecc


u M I ecc

Va

Ea k M I a

Vec

Ea=ku(Iecc)

Rt

Ia

Va Rt I a k M I a

Va

Ea=ku(Ia)

Ea k u

C k M

Va Ra I a Ea Ra I a k u

Rt = Ra+Recc

C k u I a

Se la macchina non lineare dal punto di vista


magnetico si DEVE usare la tabella coppia-corrente

I a2

Se motore: Pu

Pu = Cu

Pi Pja Pje Pfe Pmecc Pu Perdite Pu


Pi
Se P0 = 0 I0 = 0 , C0 = 0

Se P0 >0 P0 E 0 I a 0 k u '0 I a 0

C0 k u I a0

P0 = Pmecc+PFe = C00

Cu C m C0 k u I a I a 0

P0

0'
Nel funzionamento da dinamo il flusso di potenza sullarmatura si inverte di segno (coppia e corrente di armatura cambiano di segno). Prestare
attenzione al calcolo dei bilanci di potenza e dei rendimenti.
Xcc
Rcc
I2
I1
I2
t :1
Trasformatore trifase
I0
S N 3 V1N I1N 3 V20 I 2 N
n N1 N 2 (rapporto spire)

V1

t V1N V20 (rapporto di trasformazione)

''
''
Vindustrial e V20 V2 3 I 2 Rcc
cos 2 X cc
sin 2

V20

I 2cc

(corrente di guasto di cortocircuito al secondario)

''
3 Z cc

Perogata
Perogata Perdite

3 V2 I 2 cos 2

''
I 22 PFe
3 V2 I 2 cos 2 3 Rcc

Rfe

Xm

Ife

Im

convenzionale

E1

V20

V2

S N cos 2

S N cos 2 2 Pcc P0

( = I2 / I2N)

Condizioni di parallelo perfetto V1N A= V1N B, tA = tB, GruppoA = GruppoB, vcc% A = vcc% B, cc A = cc B

Prova in cortocircuito (parametri riferiti al secondario)

Prova a vuoto (parametri riferiti al primario)


R Fe

V12N

I0

P0

''
''
X cc
Rcc
tg cc

V1N
3

Rfe

Xm

vcc %

P0

P0
100
SN

Ife

Im

Vcc lato prova


V N lato prova

Es2fase

p
60 f
ns
p

RFe

Pt Ps Pjs PFe
Pt 3

R'r ' 2
Ir
s

Pjr 3 R'r I 'r

Pconvertita Pt Pjr 3

Perditemeccaniche= C0S
p R'
2
C m 3 r Veq
s

1 s ' ' 2
Rr I r
s

Rcc

I2N

3 I 22N

Qcc

Vcc

3 I 22N

100

Pcc

Xds= Lds

Rs

Ps 3 Vs fase I s cos s 3 Vs I s cos s

PFe 3

Xcc

Pcc

P
Pcc % cc 100
SN

Motore asincrono (PN = CNN )

Pjs 3 Rs I s2

''
Rcc

I0

V2
X m 1N
Q0
I 0 lato prova
100
I0 %
I N lato prova

P0 %

''
V2cc 3 Z cc
I 2N

I2=0

I0

Is
2 f 2 ns

p
60

nr 1 s ns

Vs fase

RFe
IFe

Pconvertita 1 s Pt Putile Perditemeccaniche


Pjr s Pt

Xdr=Ldr

Rr/s

Ir
Xm

Es

Im

traferro

Pt Cm s

Fissato lo scorrimento ed i parametri, i valori di coppia sono proporzionali al quadrato della tensione.
2

'
R R r X X ' 2
eq
dr
eq
s

NB: Equazione valida solo per il circuito indicato, facendo


Thevenin del circuito a monte della sezione di traferro.

ATTENZIONE: Se non diversamente specificato nel testo dellesercizio,


nellelaborazione della prova a rotore bloccato si possono trascurare i
paramentri trasversali (RFe ed Xm), mentre nelleleborazione della prova a
vuoto NON si possono trascurare i parametri di statore (RS e XdS) e le
perdite meccaniche dal bilancio di potenza a vuoto.
MODELLO TERMICO SEMPLIFICATO: regime = Rtermica Pdissipata